Il marchese del Grillo

Stampa questo copione

IL MARCHESE DEL GRILLO

IL MARCHESE DEL GRILLO

PERSONAGGI

Ordine di Apparizione:


Popolo: -

Valerio- Federico- Giuseppe- Gianni- Francesca B. Tiziana- Stefania- Sara;

1)Ricciotto: Alessandro;

2)Serva: Sara;

3)Marchese: Daniele;

4)Popolano a) Valerio; Popolana b) Francesca B.;

5)Camilla: Roberta;

6)Rambaldo: Valerio

7)Aronne Piperno : Enrico;

8)Mamma: Francesca R.;

9)Genuflessa: Alessandra R;

10)Servitore: Gabriele;

11)Zio; Giuseppe;

12)Papa: Giuseppe;

13)Portatori Papa: Gianni; Gabriele; Valerio e Daniele; - Popolo – Ragazze-

14)Francese: Federico;

15)Bastiano: Enrico; (Popolo);

16) Bullo: Valerio;

17) Avventrici Osteria: Tiziana, Francesca-B;

18) Oste; Gianni;

19)Baro: Giuseppe;

20)Capo Guardia: Enrico;

21)Commissario: Gabriele

22)Operaio: Valerio;

23)Bottegaio: Gianni;

24)Amministratore: Gabriele;

25)Popolo: Tutte le ragazze e i ragazzi liberi;

26)Parroco: Valerio

27)Cardinale: Federico

28)Annita:

29)Faustina: Sara

30)Giudice: Enrico

31)Duca Saverio Lanciani di Ninfa: Gabriele;

32)Principe Marcello di Valmontone: Valerio;

33)Principe Gaspare della Quercia: Gianni;

34)Moretto: Enrico; Soldato – Federico;

35)Marcuccio- Valerio-

36)Castrato: Gabriele-Valerio-

37)Olimpia: Stefania;

38)Moglie di Gasperino;

39)Figlia di Gasperino: Tiziana;

40) Guardia Svizzera: Enrico;

41)Amici di Gasperino: Valerio e Gianni


 

Roma Papalina – Pio VII

SCENA 1

Popolo intento a fare vari lavori, in silenzio assoluto (serve, maniscalco, fabbro ecc...) nel cortile del palazzo, si apre il sipario con il Marchese che è a letto.

Ricciotto: “ Buon Giorno signor Marchese”

Marchese: “Buongiorno”

Ricciotto: (Affacciandosi)” S’è svejato!

Il popolo finalmente riprende a vociferare e a far rumore....Serva Mariuccia che lo aiuta a vestire...

Marchese: “ mamma andò sta?”

Ricciotto: “E’ uscita mo da messa sor Marchè’”

Il marchese và sul balcone ed inizia a tirare la frutta agli accattoni che sono sotto al suo palazzo.

Marchese: “ Tenete gente, pjateve ste primizie, (il popolo s’accalca) boni...boni... c’e n’ho per tutti! tenete! hanno ‘mparato a venì tutte e mattine, ma che vonno?”

Ricciotto: “ come che vonno!....sor marche’ se lei continua a buttaje frutta, quelli quanno se ne vanno!!!.”

Marchese: “ Dici Ricciò.....Ricciò c’è frutta e frutta, e questa non è frutta? (prendendo delle pigne)”

Ricciotto: “ e Come no......(ridendo)”

Marchese: “ Pjateve ‘ste pigne”

Il popolo fuggendo dice.

Popolano: “ ce spacca ‘a testa”

Popolana: “ sto disgrazziato”....

Marchese:  “ Hai visto Ricciò che se ne so’ andati- ecco come so’ sti straccioni, prima vonno ‘a frutta , poi protestano, certo che na’ pignata ‘n testa fa male....”

Incontrano la sorella Camilla che alita in faccia al Marchese.....

Camilla: “ De che sa’”

Marchese: “ De gnente”

Camilla : « ma, come non è possibile. »

Marchese: “ Camì, perchè me lo domandi, t’ho detto gnente!....Ricciò, senti ‘n po’ er fiato de mi sorella!”

Ricciotto si avvicina e dopo aver sentito l’alito di Camilla, fa l’atto di svenire.....

Camilla: “Ricciotto de che sa’?”

Ricciotto: “ De Gnente....de gnente....”

Camilla: “A più tardi Ono’”

Marchese: “ Sta’ su Cami’,sveja Ricciò, che te sei intontito?” (dandogli uno schiaffo)

Ricciotto: “ No Signor Marchese, è che su’ sorella c’aveva ‘n sorcio morto ‘n bocca, possibile che lei non sente gnente?”

Marchese: “ lo sento sì, non je vojo da’ soddisfazione.”

Rambaldo: “ Ben alzato Onofrio...”

Marchese: “ Come va, Rambaldo, hai visto mamma?”

Rambaldo:” E’ con Genuflessa...Onofrio posso chiederti un grande piacere... solo tu mi puoi aiutare....”

Marchese: “ di pure, che c’è..”

Rambaldo: “Per ordine del Comandante Generale Francesce, i funzionari Pontifici non Romani dovrebbero ritornare nella loro città d’origine, insomma....dovrei tornare a Macerata con tutta la famiglia. “

Marchese: “pure mia sorella?”

Rambaldo: “ Certo! e con tutti quei problemi di stomaco....povera donna, qualche volta ha l’alito un po’ pesante...”

Marchese: “ A chi lò dici ...stamattina, Ramba’, c’ aveva una chiavica in bocca! Ricciò che c’aveva ‘n bocca....”

Ricciotto: “ un sorcio morto Signor conte!”

Marchese: “ va bè, li sorci ‘ndo stanno ....ma....che te serve?”

Rambaldo: “ Tu che frequenti questi occupanti francesi non potresti, evitarmi il trasferimento?

Marchese: “ Certo, ve sistemo io! come no!......”

Rambaldo:”Davvero, Posso contarci!...”

Marchese: “ Contaci.....siete la mia famiglia carissima, stai tranquillo Rambà!”

Rambaldo: “ Grazie Onofrio....”

Marchese: “ De che figurati...”

SCENA 2

Aronne Piperno......Il Marchese va da Aronne Piperno, falegname giudio che sta facendo lavori di restauro nel palazzo di sua proprietà. La mamma e Genuflessa

Marchese: “ Ola, il nostro Aronne Piperno! Come andiamo co’l lavoro”

Piperno:” Eccellenza, Questo è l’ultimo pannello poi ho finito”.

Marchese: “ Bene, fa un po’ vede...”

Piperno: “ Ecco!” (Porgendogli un pezzo di pannello)

Marchese:” Bello, me piace, lavori proprio bene, Pipè, guarda che ritocco, non se vede gnente, complimenti, e bravo Piperno.”

Piperno: “ Grazie eccellenza, se lei è contento, questo è il miglior consenso per il mio lavoro.”

Marchese: “ Grazie Piperno, il lavoro è lavoro, buon giorno mamma....(entrano la madre e Genuflessa ed esce Piperno)

Mamma: “ hai sentito che hanno fatto sti sporcaccioni dei Francesi?”

Marchese: “ No che hanno fatto?”

Mamma: “ Dice che vogliono far arrivare delle compagnie di teatro, dove le parti da donna le recitano addirittura le donne vere”

Marchese: “ Si ......al posto dei castrati?”

Mamma: “ Si, so’ tutti ‘na razza, sti senza Dio, (Marchese ride) a proposito Onofrio, di un pò com’è che non ti si vede ‘a messa la mattina?”

Marchese: “ E come faccio a venirci mamma, voi alla messa ci andate quando io dormo!”

Mamma: “Ma di, cosa pretendi! che il Padreterno aspetti i tuoi porci comodi, che te ne vai sempre tutta la notte in giro coi peggiori birbaccioni...!

Marchese: “mamma perchè se non dormissi, c’avrei qualcosa da fare? come la nostra Genuflessa qua, sempre co’ l’ago e il centrino tutto il giorno, ma che stai a fa?”

Genuflessa: “ Il corredo....”

Marchese: “ Si sempre il corredo, c’hai qualcuno in vista?....”

Genuflessa: “ No”

Marchese: “ Bè, non ti sposerai mai, se stai sempre a cucì, tu il corredo te lo devi mette addosso, mettiti in mostra sei cugina mia, che c’hai qua sotto? (Tira fuori dalle culotte trasparenti) ecco.....mettete queste, co’ queste... si che te sposi!!!! bellissime ste mutande (intanto la mamma osserva la scena con gli occhiali e con aria bellicosa e scandalizzata) guarda ma’..... Genuflessa se le riprende).

Mamma: “Dammele, dammele! (Genuflessa da le mutande alla mamma che le rimira).

Marchese: “So’ piene de fiocchi, tutte trasparenti......e brava Genuflessa!”

Mamma: E brava....Genuflessa....!(e le molla uno schiaffone) sicchè te metti ste mutande da....disonorata....che fanno vedè perfino i polpacci....via adesso vai in camera tua.....via sporcacciona ..(Genuflessa se ne va indignata) e pensare che a vederla.....”

Marchese: “ Già a vederla nun se direbbe e invece sotto, sotto, me’ sa che è piena de robba altro che....”

Arrivo del Servitore

Servitore: “ Sor Marchese, c’è un ufficiale francese, dice di essere il capitano....”

Mrchese: “ Il Capitano Blanchard, fallo aspettare, me n’ero scordato...”

Mamma: “Un ufficiale Francese in casa nostra? “

Marchese: “ Bona, mamma, stai bona...un bravo ragazzo, m’ha chiesto di assistere ad una cerimonia del Santo padre, io so’ de servizio, poi me lo porto co’ me....”

Mamma: “Tu te devi esse’ ‘mpazzito, mo te la fai pure co’ li Francesi, i nemici di Dio! quelli che hanno tagliato la testa al re!”.

Marchese: “ Al re, si, ma vent’anni fa, e poi hai visto mai, che vedendo il papa, riacquisti la fede, vado a cambiarmi ....( nel dire ciò ci congeda dalla mamma baciandole la mano) ho fatto tardi, se faccio tardi io! al Papa glie tocca hannà a piedi! Arrivederci mamma....”

Il Marchese ode un vociare di gente e si affaccia....

Marchese: “Ah! ce rifanno....Riccio’ Ricciotto! (arrivo di Ricciotto) Ricciò, adesso questi che vonno...”

Ricciotto: “ So’ quelli che prima hanno preso e pigne ‘n testa, è rimasto vonno esse risarciti”

Marchese: “ Ah! li possino ammazzalli! nun se meritano gnente! tutte ‘e volte gl’ho buttato quatrini, e robba bona! pe’ ‘na volta che uno fa ‘no scherzo, vonno i soldi, e quelli avranno, va a pija ‘n po’ de Paoli, va....’ndiamo svelti c’ho fatto tardi.....va accende er foco....(lo dice rivolgendosi al servo)

Servitore: “Er foco! Sor Marchese di questa stagione?”

Marchese: “ Ma che t’impicci tu, t’ho detto accendi er foco.....accendi er foco.....”

Servitore: “ Va bene Sor Marchese!

IL servitore lo veste(o Ricciotto) e arriva lo zio Abate

Zio: “ Onofrio, Onofrio questa volta ci siamo, ho trovato la testimonianza di altri due miracoli, adesso la nostra Quartina la potranno beatificare!”

Marchese:”Senti zio....tu te sei fissato co’ sta Quartina....va bè che è nostra antenata, perchè la dovrebbero fà santa?”

Zio: “tutto quello che lei prediceva, tempo 12 ore .....si avverava....”

Marchese: “ma che s’avverava!?”

Zio: “Leggi qua....c’hò passato una notte......”

Marchese: “va be’, ma che è....”

Arrivo di Ricciotto

Ricciotto: “Ecco i sordi sor Marchese...”

Marchese: “ Si portami ‘n bel vassoio, ‘nsomma c’ha fatto ‘sta Quartina....?”

Zio: “Una volta una rosa la punse mentre lei la coglieva , per offrirla sull’altare....disse: “ tu non hai voluto offrirti alla Santa Vergine e prima di notte morirai....!”

Marchese: “ Embè”.

Zio: “Il giorno dopo quella rosa era secca!”

Marchese: “ ‘mbè ha seccato ‘a rosa, le rose se seccano! Zio!”

Zio: E il gatto?”

Marchese: “Che è...!

Zio: “ La graffiò, e lei disse “che tu possa morire prima che si corichi il sole, e quello al tramonto, mentre si mangiava una lisca di pesce......e rimase stecchito...”

Marchese: “ non sarà che ‘sta beata Quartina portava jella? Riccio damme sto’ vassoio ...va ecco tiè Riccio’ questa è pronta...”

Prende il vassoio con i Paoli infuocati e si appresta a buttarli agli accattoni che ancora vociferano sotto la sua finestra.Esce lo zio, brontolando...

Popolano:” Eccoce Sor Marchese, fateve vede.”

Il marchese si affaccia insieme a Ricciotto

Marchese: “ Brava gente, mi dispiace, non sapevo di farvi del male, v’ho portato i Paoli, vi risarcisco tutti, tenete!”

Butta le monete bollenti sulla gente .....”.

Popolo: “Li mortacci tua! aio, sto disgrazziato!...ecc” (Balletto)

SCENA 3

*Il Marchese porta il papa a spalla insieme ad altre persone, il suo amico Blanchard, assiste alla scena.....il popolo inneggia al papa e dice: “ Viva la Chiesa” “Viva Pio VII°” Marchese scivola e per poco non fa cadere il Santo Padre...

Pio VII°: “ Ah!Ah! che c’è il Marchese del Grillo qui sotto?”

Marchese : “Scusate Santità , non ho visto ‘o scalino”

Pio VII°: “ ma che no’ sai che il mondo è fatto a scale?”

Marchese: “ C’è chi scende e chi e sale, Santità!”

Pio VII°: “ Sta attento, che te faccio scende quelle de’ Castel Sant’Angelo!”

Marchese: “Sant’Angelo! Si! Si!....”

Escono tutti, rientra il Marchese del Grillo con il francese Blanchard....incontro con fra Bastiano e i suoi briganti.....

Marchese: “ Bè che ne dici Blanchard, devi ammettere che t’ha fatto impressione....il papa! non è uno spettacolo unico al mondo?”

Blanchard: “la cosa che mi ha impressionato,mon amì, e vedere degli uomini che portano sulle spalle altri uomini come dei somari”

Marchese:” Ma quali somari! intanto il papa non è un uomo ma il rappresentante di Dio in terra!ma se Napoleone ti chiedesse de portallo a cava cecio, che ‘n cio porti?”

Blanchard: “Napoleone, non chiederebbe ne a me, ne a nessun altro una cosa simile....”

Marchese: “ Eh! .....tu lo conosci bene sto Napoleone?” E’ vero che è piccolo così?”

Blanchard: “E’ piccolo così, ma è pieno di fascino e per lui faresti 1000 cariche....Intonano la Marsigliese....

 Marchese: “ Certo che, con un inno come questo poi pure annà a morì, che te frega! noi che c’avemo “Noi vogliam Dio Vergin Maria, ‘ndo c’annamo? a’ Madonna del Divino Amore! ( Blanchard ride).”

Blanchard: “ Però per avere un inno così, prima bisogna tagliare la testa ai Marchesi del Grillo come te...”

Marchese: “ AH! Si! allora me tengo “ Noi vogliam Dio”

Blanchard: “ Meglio”!

SCENA 4

Si Ode uno sparo.....Bastiano e la sua gente

Marchese:” (All’atto del francese di tirar fuori una pistola)Che fai sta bono, ma che sei matto? sta zitto, lascia fare a me”

Bastiano: “ Sior Marchese sei te?”

Marchese: “ Ma chi è Don Bastiano?”

Bastiano: “ Sì, sior Marchese sono io vieni, vieni avanti...te sei messo paura eh...!

Marchese: “ paura si! Spari!....”

 Bastiano: “ Eh!EH! mo te la fai con un franzoso?”

Marchese: “ No! Bastiano, per me lui è un uomo! Non un francese, io so’ amico dell’omo, no del francese.”

Bastiano: “ AH! ho capito, com’io co’ Napolione, te possino accire, quello bisognerebbe ammazzallo cento vorte, ma, però.....madonna......tiene due coglioni così...come uomo....e poi si è fatto da solo! come me! che prima ero un povero prete, mo sono un capo banda.”

Marchese: “ Blanchard, sai che prima era parroco Don Bastiano?”

Bastiano: “ Hei! Franzoso,eh! Be’ sei stato fortunato, che ti ho trovato che stavi in compagnia del Signor Marchese, perchè senno io a te, se ti pijavo da solo ti sistemavo.....ti schiaffavo 4 chiodi e ti mettevo in croce, così t’imparavi a rispettare Dio la Madonna e i Santi, fatevi il nome del padre, porca puttana.....”

Marchese:  “ fatte il nome del padre,..... Bastià, raccontaglie ‘ a storia tua ....che i francesi pe’ a giustizia...!.”

Bastiano: “ va bè......insomma....io ci tenevo due sorelle....”

Marchese:”Si, una bella e una brutta......”

Bastiano:”Ao! a racconti te! o a racconto io?....”

Marchese: “ No, no, racconta tu Bastià”

Bastiano: “ Ci tenevo due sorelle una bella, bella....Madonna, e insomma , una brutta, ma brutta, però ci teneva il fidanzato, e si doveva sposare, succede che quella bella si fà ingravidare da un barone e getta il disonore su tutta la famija, si così il fidanzato di quella brutta non se la voleva più sposare e io cosa dovevo fare? io ero prete, e non ci stavo che io a lavare l’onta, ero l’unico maschio in famija, allora ho passato una notte di dubbi....ch’inferno .....Madonna ....ma poi, poi l’ho lavato....”

Marchese: “ Ha ammazzato il cugino del barone!”

Blanchard: “ Il Cugino?”

Marchese: “ Si, un parente...”

Bastiano:”Per forza, quello, il barone, il colpevole, se n’era andato a Napoli, va buo lo stesso, va bene uguale, insomma l’ho fatto a fin di bene a gloria del Signore Ah! Ah!....allora? Segnatevi!...

Marchese: “Blanchard fatte il segno della Croce!”

Bastiano:” Diglielo al papa che mi dia st’assoluzione no!”

Marchese:” A Bastià me dispiace, ma il papa non può!”

Bastiano: E Perche’!”

Marchese: “ Ma, perchè è stato proprio lui a dire che un prete non deve ammazzare....deve perdonare...”

Basiano: AH! Il prete deve perdonare e il papa no, allora sai che ti dico Marchese mio, che mi perdono da solo.........mi dò io l’assoluzione, è chiaro o no, prete sono e prete rimango.....sacerdote in eterno io dico! messa, comunico, e vero o no?”

Bandito:” Si”

Basiano: “ Eh! battezzo, consacro, confesso, EH! Sposo, ti vuoi sposare Marchese mio?ti sposa Bastiano tuo!”

Marchese: “ No Grazie, adesso no, Bastià, ma se mi sposo contaci, , invece, se tu permetti ce ne dobbiamo andà...possiamo Bastià?”

Bastiano: “ Si vai pure, ti benedico, Hei Franzoso, prendi i tuoi soldi tiè....”

Blanchard: “ tienteli”

Bastiano: “ Come sarebbe a dire non li vuoi?”

Marchese: “Si certo che li vole.....pija a borsa, imbecille....pijala, si si li vole arrivederci Bastiano”

Bastiano: “ Statti bene, stammi bene.”

Marchese: “ Anche tu Bastià”

Bastiano:” Signor Marchese, senti un pò se lo vedi il Papa, degli che se a me un giorno o l’altro mi gira la capoccia, sai che faccio? mi faccio anche vescovo è chiaro o no!”

Marchese: “ E’ chiaro si, jelo dico al Papa sta tranquillo Bastià”

Bastiano: “Ti saluto:”

uscita di tutti

SCENA 5

Il Marchese insieme a Blanchard

Marchese: “Senti, mio cognato è de Macerata, è nella lista dei funzionari che devono partire da Roma per ordine del generale Miollì..”

Blanchard: “ E tu vorresti farlo rimanere qui, non ti preoccupare ci parlerò io con Miolli....”

Marchese: “ No è tutto il contrario io ‘o vojio fa partì subito invece.”

Blanchard: “ Che è un dramma di famiglia!”

Marchese: “ Un dramma, ‘na tragedia, Blanchard, penza che mi sorella c’ha un fiato....c’ammazza e mosche al volo, Macerata sarebbe la distanza giusta pe nun sentilla più, come vedi anche noi nobili abbiamo i nostri problemi, dimme a verità Blanchard, ma se tu fossi nato al posto mio l’avresti fatta la rivoluzione?”

Blanchard:  “No però l’avrei almeno combattuta, un ideale, un uomo deve pure averlo, nella vita, anche se sbagliato”

Marchese: “Blanchard te credi che è facile nascere da ‘na famiglia come la mia, aho a Roma, col Papa i Cardinali. Da bambino sognavo  de fa lo scienziato, l’esploratore, ma a chi le dicevo ‘ste cose? mi padre era un omo zitto, non me diceva mai gnente, studia e prega, mi madre me diceva: prega! così quanno è morto mi padre, mamma m’ha messo un precettore che m’ensegnava il catechismo, me dava certe bacchettate sul culo c’avevo due chiappe rosse come ‘n cocomero. Adesso faccio solo scherzi!.....perchè.... a Roma che voi fa? Che c’è? Chiese, Cupole, tetti, gatti mendicanti e...streghe.....”

Si sente sottofondo strega: “ se te piglio, se t’acchiappo te secco li cojoni.”

Blanchard: “Streghe! ma che dici!”

Marchese: “ Viè, viè,Blanchard, viè te faccio vede, vedi quella... brutta! malefica! stregaccia, zozza ‘nfame...tiè vedi come gira ‘ntorno ce sta a fa er malocchio....brutta vecchiaccia...”

Blanchard: “ ma è una bambina!”

Marchese: “ Ma che bambina, dovrebbe ave’ ducent’anni!”

Strega: “ Dammi li sordi! Senno te faccio la fattura, te faccio secca li cojoni!”

Marchese:”Si aspetta, mo te li butto subito, lì sordi, vie Blanchard, t’ha faccio fa’ io ‘a fattura!”

Blanchard: “lasciagliela fare voglio proprio vedere un incantesimo...ma che fai?”

Maarcherse : «  E ‘ mo to faccio vedè, cara mia vedrai i zompi che fai ! ce cocio le mani a quella...viè vie...Blanchard, brutta vecchiaccia zozza!”

Blanchard: “ Ma no poverina...”

Marchese: “ Ma che poverina ‘a voglio brucià, viè pijala al volo!”

La strega raccoglie la moneta bollente la mette in bocca per vedere se è buona poi la mette in seno.

Marchese: “ Hiii! li mortacci sua hai visto tu non ci credevi alle streghe, sta attento che quella te li fa secca devvero i cojoni famo i scongiuri.....”

Streghe –( balletto)

SCENA 6

Il Marchese, soleva travestirsi da popolano ed andare nelle osterie.....Il Marchese gioca a care ma si aggorge che qualcuno bara; tira fuori la carta con il piede e......

Marchese: “ AH! che te possino.....a birbaccione ma che fai bari?”

Bullo: “ ma quale bari, qui nun ce so bari!”

Marchese: “ AH! Nun ce so bari ....e sta carta che è guarda!....(Nel dire ciò prende il baro per il piede e lo tiene stretto.....

Bullo: “ Io nun la vedo (tira fuori il coltello)

Oste: “ Vado a chiamà le guardie.”

Baro: “ Aho! me voi lascia?”

Marchese: “ E voi vedete qualcosa?”

Avventore 1: “Bo’, io nun me impiccio”

Avventore 2: “e a me, nun me importa”

Marchese: “ Bravi!”

Bullo: “ Che t’avevo detto, qua, nessuo vede gnente!”

Marchese: “ No è....”

Ricciotto: “ E invece la vedo io....”

Bullo: “ E tu chi sei, c’hai l’occhi boni assai, pe’ vede quello che nun c’è.....famme vede se c’hai er fegato.”

Ricciotto: “ Eccolo qua...”(Tirando fuori il coltello anche lui e preparandosi al duello).

Arrivano le guardie

Capo Guardia: “che succede che state a fa, e bravo Gaetano, mescita fuori orario, gioco d’azzardo, rissa con cortello, so cazzi tuoi! in Galera!”

Gaetano: “ ma si t’ho chiamato io!”

Guardia: “ Statte zitto, e voi co’ quer cortello che fate?”

Marchese: “ Per lui si tratta di legittima difesa...”

Guardia: “E tu che stai a fa co’ quer piede in mano? di chi è?”

Baro: “e che nu’ o vedi”

Marchese: “Questo è il corpo del reato, sto ladrone, stava a barà col piede, je passava e carte o vedi?”

Guardia: “ E bravo!... dentro anche voialtri via.”

Marchese: “ No, no, aspetta alt.....io non posso essere arrestato che per ordine del Cardinal Vicario, sono il Marchese Onofrio del Grillo , Duca di Bracciano, guardia nobile e cameriere segreto di sua Santita Pio VII.”

Guardia: “ Me cojoni, io so’ comandante del III rione, amico intimo di Napoleone e perciò ti schiaffo dentro per resistenza alla ronda pontificia, false generalità, nobiltà abusiva, cazzi tuoi!....in galera”

Arrivo del Commissario

Commissario: “ Che succede qua?”

Guardia: “Tutto fatto, tutto a posto, Sig. Commissario, gioco d’azzardo, rissa, false generalità...”

Commissario: “ Bravi! (Accorgendosi della presenza del Marchese) Sig.R Marchese che ce fate in mezzo e questa canaja?”

Marchese: “ E che ce faccio ...hai visto, mo so cazzi tua, me c’ha messo sto cojone qua.”

Commissario: “ ma davvero, che te sei ‘mbriagato-de arrestà er Marchese Der Grillo?”

Guardia: “ ma, stava in mezzo a tutti sti ladroni.”

Commissario: “ E tu non sai distinguere un nobile da un plebeo? pe’ questo te farai 2 mesi di galera così t’empari...”

Marchese: “ e che impara! e no scemo! nu o vedi, javevo pure detto chi ero!”

Commisario: “ Ah! te l’aveva detto, e allora so’ 4 mesi....lo perdoni eccellenza....l’antri tutti in galera...”

Marchese: “ No! meno quello, quello è il servitore mio, mi viene sempre appresso. Annamo Ricciò, vai a vedè come vanno i lavori a Via de li banchi vecchi, Ah! (rivolgendosi ai frequentatori dell’osteria) mi dispiace ma... io so’ io.... e voi nun siete un cazzo..”

Avventori: “ ce pija puro in giro.”

SCENA 7

Scherzo del vespasiano ai danni di un povero commerciante

Marchese: “ Aho avete finito?”

Ricciotto: “ Stanno a finì, vado a vedè se arriva”

Marchese: “ No, No, ancora tutto bagnato, quello se ne accorge.”

Operaio: “ Jeri sera qui ce stava ‘na bottega! il muro è fresco...”

Marchese: “ E nun se deve vedè, il padrone se ne accorge, e poi quanno se scherza bisogna esse’ seri, senno che scherzo è!....via fa sparì l’insegna!....’namo sbrigateve,...fate presto...Ricciò.”

Ricciotto: “ sbrigateve! sta arrivà”

Marchese: “ O’ vedi che nun facciamo a tempo...sta arrivà.........via ...mettete er pisciatore....”

Si mette ad urinare...

Bottegaio: “ Ma.....Aho!....ma che fate?.....”

Marchese: “Ma che stai a guardà?”

Bottegaio: “ ma questa è ‘a bottega mia...!!”

Marchese: “ e questa è ‘a bottega mia, che guardi zozzo! te faccio arrestà! chiamo a guardia puzza via...”

Bottegaio: “ Ma nu’ è via de li banchi vecchi Questa?”

Marchese: “ ‘mbè che a Via de li banchi Vecchi nun se po’ piscià ‘n pace?”

Bottegaio: “ E piscia ‘ndo te pare ma no addosso ar negozio mio!”

Marchese: “ Ah! Ah! aridaje, a ‘mbriaco! qui c’è ‘n vespasiano! Che negozio tuo!"

Bottegaio: “ ma è tutto bagnato?”

Marchese: “ Eh certo c’ho pisciato!”

Bottegaio: “ Ma che...come po’ esse...ieri sera c’era....

SCENA 8

il Marchese sta per entrare nel suo palazzo....e parla con il suo fido servitore.....

Marchese: “ Hai visto che faccia c’ha fatto? quello va ar manicomio, zitto Ricciò, qualcuno sta scendendo vedi chi è ih!”(nel dire ciò si nasconde)

Ricciotto: “ c’è la signora Marchesa”

Marchese: “ Zitto! mi madre! quella me porta a messa se me vede....

Ed assistono alla scena che si svolge tra la mamma del marchese e Genuflessa....alla quale arriva un sonoro schiaffone da parte della signora.

Genuflessa: “ Perchè che ho fatto?”

Mamma: “ Hai sognato di fornicare!”

Genuflessa: “ Io”

Mamma: “ Si, e con mio figlio...”

Genuflessa: “ Ma chi ve lo ha detto?”

Mamma: “ Lo so e basta vergogna! dammi il braccio.....”

Genuflessa: “ ma che ci posso fare, certi sogno ce li manda il diavolo.”

Mamma: “ e allora fatteli mandare senza mio figlio, i sogni da mignotta te li fai con un altro....”

il Marchese con Ricciotto, l’ amm.re e Aronne Piperno

Marchese: “’Namo Ricciò, tiè Ricciò, Buon giorno zio!”

Zio:  “ Non vieni in chiesa Onofrio?”

Marchese: “ Andate avanti adesso....ve raggiungo....figurati. (Arriva Faustina)”Chi è quella è nuova?”

Ricciotto: “ E’ Faustina, è stata assunta ieri “!

Marchese: “ Licenziela”

Ricciotto: “ Perchè, poverella”

Marchese: “Non me sembra seria, na voglio qui...”

Vengono interrotti dall’Amministratore di casa Grillo

Amministratore: “ Signor Marchese mi scusi se prima di andare a dormire mi sigla, questi due conticini...”

Marchese: “ Si, quanno me svejio...”

Amm.re:” Sono improrogabili”

marchese: “ Si, improrogabili vattela appia ‘nder culo....dammele va ste cose ‘mprorogabili “,li conti, me li devi dà quando me svejio, no quando vado a dormi tiè....tiè...paga pure questo.....e chi se ne frega...”

Amm.re: “ No questo è il calendario....”

Marchese: “ Non c’è altro vero...?

Amm.re: “ Si, ci sarebbe di là Aronne Piperno l’ebanista, ha finito il suo lavoro e sarebbe giusto pagarlo:”

Marchese: “ Allora facciamo giustizia fallo venì.. mo o pago, Aronne Piperno vieni avanti”

PIPERNO: “ Riverisco Eccellenza”

Marchese: “Aronne, tu lavori bene, bello l’armadio, bella ‘a cassapanca, bello tutto, bravo! grazie, adesso te ne poi annà!”

Aronne: “ non ho capito eccellenza....”

Marchese: “ A non hai capito, adesso te ne po annà”

Aronne: “ Me ne devo annà? ....ma c’avrei ...

Marchese: “ che c’avresti?”

Aronne: “ Il conticino!”

Marchese: “ e dammelo sto conticino....ecco il conticino (lo dice mentre strappa” il conticino”)

Aronne: “ E perchè l’ha strappato?”

Marchese: “ E che ce faccio...!”

Aronne: “ e Come che ce faccio! e i sordi miei!”

Marchese: “ e non ti dò”

Aronne: “ e...come non mi dà...”

Marchese: “ e come non ti dò, voi sape’ a procedura? io non li caccio e tu non li becchi!”

Aronne: “ AH! ho capito me vo fà ‘no scherzo!”

Marchese: “ Ecco bravo chiamalo scherzo!”

Aronne: “ Lei è famoso per gli scherzi....ne raccontano tante!

Marchese: “ racconta pure questa Piperno!”

Aronne: “ Ho capito...forse sua eccellenza vuole un po di sconto”

Marchese: “ No, il Marchese del Grillo non chiede mai i sconti, paga, o non paga, e io non ti pago!....buttalo fori!”

Amm.re: “Andiamo via...”

Aronne: “ c’è qualcosa che non và eccellenza?”

Marchese:” Ma tutto Aronne mio...tanto pe’ comincià nell’armadio che tu hai costruito ce sò battuto ‘n  ginocchio...e me so’ fatto pure male...”

Aronne: “ Ma io che c’entro?”

Marchese: “ Non è una buona regione questa!”

Amm.re: “ Si, signor Marchese”

Marchese: “ E in più tu sei giudeo, ed i tuoi antenati falegnami, hanno fabbricato la croce dove hanno inchiodato nostro Signore Gesù Cristo, posso esse’ ancora  ‘n po’ incazzato! comunque se sai d’ave ragione famme causa ”

Aronne: “ ma io c’ho ragione!”

Marchese: “ E Va bè se i giudici te danno ragione io te pago adesso famme annà a dormì, che so’ stato ‘n piedi tutta ‘a notte..”

Aronne: “ ce ripenzi eccellenza, vengo domani...”

Marchese: “ no, no,..”

Aronne: “ Io c’ho famija...”

Marchese: “ e io pure.....”

Aronne: “ ma che devo fà......”

Marchese: “ te ne devi annà, che ora è?”

Esce Aronne sconsolato, il marchese si mette a dormire.....

Servitore:” E’ la terza messa”

Marchese:”Allora chiudete...tutto al buio...e tu amministratore....”

Amm.re: “ si...”

Marchese:” Chiama i miei avvocati, dagli carta bianca per corrompere: Giudici, uditori, funzionari, testimoni...”

Amm.re: “ Signor marchese, vi costerà molto di più che pagarlo!”

Marchese: “ ma che t’impicci tu, io Aronne Piperno, nu’ lo voglio pagà! voglio vedè se le ragioni di un plebeo morto de fame, valgono di più dei soprusi di un marchese, ricco e potente come me!”

Amm.re: “ si eccellenza ai suoi ordini...”

Marchese: “ Bravo! adesso andatevene tutti, nun me rompete più i cojoni che voglio dormì...ecco.....”

Questo lo dice mentre si spoglia.... Ricciotto si affaccia e....

Ricciotto: “ S’è addormito....”

Popolano: “ fate piano co’ quella zappa...che ve possino ammazzavve...”

SCENA 9

Processo ad Aronne Piperno

Giudice: “Addì 18.02.1809 Accertato dai periti che il lavoro in discussione non è stato eseguito dall’Aronne Piperno a regola d’arte, che un antico portale è stato rovinato e diminuito sensibilmente nel suo valore originario, e provato che il Piperno è di religione ebraica e che per portare a termine quel lavoro è rimasto fuori dal ghetto oltre la chiusura serale dei cancelli! Il tribunale respinge le richieste di Piperno Aronne ebanista, nei confronti dell’ Ecc.mo Marchese Onofrio del Grillo e lo condanna alle spese di questo giudizio e per lite temeraria e reato contro la disposizione del coprifuoco ed essere esposto alla pubblica gogna...”

Aronne: “ Pure!”

Gogna di Aronne Piperno- popolo che inveisce ecc...Aronne si fà il giro della Piazza deriso da tutti

Campane a morto.......

1)Popolana: “ Ma che succede?”

2)Popolana: “Deve esse’ ‘n fatto grosso, Nina”

3)Popolana: “ ma che è straripato er tevere?”

4)Popolana: “Boh!”

5)Popolano: “ Aspetta ‘n po’, ma che è ‘a guera?”

6)Popolana: “ ma che guera, ‘no senti! so’ campane a morto!”

7)Popolana: “ ma che è successo?”

8)Popolana: “ Il papa?”

9)Popolana: “ E’ morto er papa!”

(balletto)

Sua Santità sente le campane e commenta il fatto con il Cardinale........manda a chiamare i vari parroci di Roma

Papa: “ Ma insomma! qualcuno ha dato un ordine! non è possibile che tutti i curati di Roma sono diventati improvvisamenti matti, e tutti insieme......che sia un’idea del generale Miollì?”

Cardinale: “ No! Non penso che i Francesi si prendano questa libertà e poi a che scopo Santità? uno scampanio come questo si fà soltanto quando nuore un Papa.”

Papa: “ e questo ai francesi gli piacerebbe tanto!”

Arrivo dei sacerdoti

Sacerdote: “ Ecco, Santità questi sono i parroci di San Franceso a Ripa di Santa Maria, di San Camillo i primi che abbiamo trovato.”

cardinale: “ ma per quale ragione vi siete messi a suonare a morte in questo modo?”

1)Parroco: “ Scusate eminenza io ho avuto incarico dietro pagamento, una messa funebre solenne.”

2)Parroci tutti insieme: “Pure io...”

Cardinale: “ Non è possibile che tutte le chiese di Roma abbiano ricevuto contemporaneamente lo stesso incarico, qui c’è un intento che non esito a definire sovversivo...”

Papa: “ Ma chi vi ha dato questo incarico?”

Parroco: “ Un inviato del Marchese del Grillo, Santità, io pensavo che si trattasse dell’anima di uno dei suoi congiunti, e mi hanno pagato pure bene 5 Paoli.”

Altro Parroco: “ E pure a me , noi non abbiamo colpa Santità”

Bussano

Cardinale: “ Ebbene , sentiamo, cosa hanno da dire gli altri”

Papa: “ No, No basta così Cardinale, questa volta il Marchese ha passato proprio il limite, siamo stanchi di lui e dei suoi scherzi inopportuni!”

Cardinale: “Sopratutto, oserei dire Santità, in questo momento con i francesi che occupano la città eterna.”

Papa: “ Eminenza, l’ho definiti inopportuni proprio per questo, sarebbe bene quindi che il Marchese vada per qualche tempo a meditare in Castel Sant’Angelo, per riflettere sul fatto che la vita non è solo una burla come lui vorrebbe far credere.”

SCENA 10

Il Marchese è insieme a Faustina.....

Annita: “ Sor Marchese....”

Marchese: “ Chi è avanti.....!

 Annita: “ Sor Marchese è pronto! Venite senno se fredda tutto...”

Marchese: “andiamo Faustì, mamma ha preparato!”

 Marchese: “Eccome sora Annita. Che ha cucinato de bono?”

Annita: “ So’ costolette d’abbacchio!”

Marchese: “ AH! Bone!ma so tutte bruciacchiate!”

Annita: “Se so’ bruciate sì, ste campane a morto é da stamatina che me stanno a rintronà, e pure quella povera creatura è tutta spaurita!”

Marchese: “ Spaurita! Perchè? ma che c’hai, sei tutta ‘ngrugnata, nu’ parli, ma che ce l’hai co’ me?”

Annita: “ E c’ha pure raggione, ce l’ha co’ voi perchè st’inverno sete venuto si e no tre o quattro vorte, e sta fja mia stà sempre triste, sor Marche’, Faustina mia ve vo’ tanto bene!”

MArchese: “ e me deve volè bene!”

Annita: “Lei dice proprio questo, il Marchese, nun viene mai a trovacce,e perciò che è triste porella!”

Marchese: “ me sà che tua madre, dice un sacco de bucie, almeno tu stai zitta, sei più onesta de lei!”

Arriva Ricciotto

Ricciotto: “ Signor Marchese ci stanno i sbirri del papa, ve stanno a cercà, dice che ve vonno parlà subito...”

Marchese: “ ‘O sapevo!”

Annita: “ Madonna mia! Er Papa!”

Marchese: “ E che sarà mai Er Papa...me vo....”

Annita: “ E ste belle costolette?”

Marchese: “ Sarà pe’ un’altra volta, sarà contenta Faustina, sei contenta? Ciao Annamo Ricciò!”

Annita: “ Tornate presto sor Marchese m’ariccomanno.”

SCENA11 *

Il Marchese dal Papa

Marchese: “ M’inchino Santità e sono pronto a passare, il resto dei miei giorni a Castel S’Angelo a meditare, soltanto vorrei sapè su cosa devo meditare Santità?”

Cardinale: “ Sulla mancanza d’opportunita di uno scherzo del genere in un momento come questo!”

Marchese: “ Non non è stato uno scherzo, Eminenza”

Papa: “ Come? fà suonare tutte le campane di Roma, come se fosse morto il Papa, non è uno scherzo? Sono forse morto io?”

Marchese: “ No Santità è morto qualcuno forse più importante della Santità vostra!”

Papa: “ Ah! e chi sarebbe.....”

Marchese: “ E’ morta la giustizia!”

Cardinale: “ Marchese! Non ricominciate con le vostre amenità”

Marchese: “Santità, io avevo fatto un torto a ‘n povero falegname giudio, ma, corrompendo, giudici, testimoni, militari, guardie, avvocati, cardinali, abbati, funzionari, periti, amministratori a far condannare quel poveraccio, solo perchè lui, povero giudio, e io ricco e Cristiano, comunque sono disposto  ad andare in galera, purchè  in compagnia dei Monsignori: Rolla, Fanti e Bellarmino, dei cardinali Fioravanti e Bucci; ........

Papa: “ E basta, HO!”

Marchese: “ Troppi ce ne so...”

Papa: “ Tu me stai decimando tutto il Sacro Collegio e bona parte della Guardia Nobile, ricordati figliolo, che la giustizia non è di questo mondo, ma dell’altro.”

Marchese: “ lo so, Santità, Giustizia dell’altro mondo.”

Papa: “ Proprio così figliolo, e poichè noi siamo di questo mondo, ti condanniamo a 30 giorni di fortezza, 10 giorni per aver mancato di rispetto al Pontefice, dandolo per morto, facciamo i dovuti scongiuri ,altri 10 giorni per esserti preso gioco della nostra giustizia facendo condannare un povero innocente...”

Marchese: “quello l’ho risarcito Santità, gli ho pagato 3 volte il suo credito, in più gli ho regalato 1 terreno fuori porta, Avesse visto la faccia di Aronne Piperno, era così contento.”

Papa: “ e va bè, quelli te li togliamo, e ti diamo 1 solo giorno, per ogni principe, funzionario, da te corrotto quanti so’?”

Marchese: “Venti”

Papa: “I conti tornano, 30 giorni!.... questo è il verdetto emesso dal Pontefice Pio VII in qualità di capo del Governo pontificio!..... ma Come Papa e capo della chiesa! commuto i 30 giorni di fortezza,  in 30 pater ave e gloria  detti 30 volte per 30 giorni consecutivi....a patto che tu prometta di smetterla con queste carnevalate...”

Marchese: “ Allora era meglio anna’ in fortezza....Stia tranquillo Santità”

Papa: “ Si tranquillo!”

Uscita del Papa cambio scena

Il Marchese, assiste alla partenza per Macerata del cognato Rambaldo e sua sorella Camilla....arriva il suo fido servitore Ricciotto

Marchese:  Rambaldo mio che vuoi che ti dica ho fatto tutto il possibile, per farti restare a Roma...ma, non c’è stato gnente da fà!”

Rambaldo: “ E vabbe!”

Marchese: “ e... vabbè vai a Macerata, aho! è ‘n capoluogo pieno de vita....... c’hai Camilla! Starete bene!”

(arriva Camilla)

Camilla: “ Che tragedia! Oh No!”

Marchese: “ Camilla mia!”

Camilla: “ Guarda come sono gonfia!

Marchese: “ Lo vedo! (Arrivo di Ricciotto)

Camilla: “ A me i dispiaceri!! Senti......!”

 (Alita in faccia al Marchese ma è Ricciotto che è investito in pieno dal fetore che quasi sviene)

Marchese: “ Cambia aria.....vedrai!....cambia’ aria fa bene a tutti!”

(Marchese e Camilla Si abbracciano)

Ricciotto: “ Pure a noi!”

Camilla: “Speriamo almeno in quello!”

Marchese: “ E lo so, lo so, che vo’ fà Cami’...!!! So imprevisti questi che capitano ai funzionari!

Rambaldo: “ Dici Bene tu!”

Marchese: “ non avvilitevi eh! Capito?  e dateci notizie”

Rambaldo: “ Anche voi!”

Marchese: “ Fate buon viaggio....divertitevi Che c’è Riccio’?”

Faustina è incinta, la mamma vuol far credere al Marchese che il figlio è il suo....

Ricciotto: “ Ce stanno faustina e la madre.”

Marchese: “Che? A Palazzo so’ venute? Ma che so’ matte! T’hanno detto che vonno!

Ricciotto: “dice che le devono parlà immediatamente....ma Non se proeccupi l’ho niscoste!”

Annita: “ Sor Marchese!”

Marchese: “ che c’è? che cazzo sete venute a fa?”

Annita: “ E’ una cosa delicata Sor Marchese, Faustina deglielo tu! e diglielo!”

Faustina: “ No! non glielo dico!”

Annita: “ve la sete prese che era ancora ‘na creatura porella, mo’ se vergogna!”

Marchese: “ Ma perchè che è successo....che hai fatto?”

Annita: “ Lei gnente! Voi che gl’avete fatto!”

Marchese: “ Io? che ho Fatto?”

Annita: “ Non fate finta de non capì .....è incinta!”

Marchese: “ Ah! e de chi?”

Annita: “ A Sor Marchè!”

Marchese: “ Che è Aho! de me?guardami negli occhi....Sei incinta de me?!”

Faustina: “ Si!”

Annita: “ E de chi sennò, nun esce mai! non conosce nessuno,....non vede mai nessuno, solo voi ha visto, e voi l’avete....(fa il gesto)

Marchese: “ma che l’avete oh!oh! oh! (rivolgendosi a Ricciotto)da quanto tempo non vado a trovarla?

Ricciotto: “ Più di due mesi!”

Annita: “ e so’ due mesi che c’ha le mancanze!”...(Suonano le Campane)

Marchese: “ Giusto, Giusto...zitta un po’ ...che ore so!

Ricciotto: “ So’ le sei!”

Marchese: “ Già e sei! perche ha sonato 3 volte dev’esse’ l’appello segreto del Papa! convoca a’ guardia nobile d’urgenza dev’esse’ ‘na cosa grossa.....e voialtre, co sto coso che deve nascere....... se deve nascere, ne riparleremo un’altra volta, adesso c’ho cose più importanti da fare! Aho! a megera non non ce venite più qui, e non lo dite a nessuno....me faccio vivo io .....’namo Riccio’ “

Annita: “ Tu hai capito si che roba!”

SCENA 12*

I nobili sono al cospetto del Papa.......giurano di difenderlo......

Cardinale: “ Dopo lo scioglimento del Sacro Collegio, dopo l’infame decreto che usurpa il potere Temporale dei Papi e annette gli stati pontifici all’Impero di Francia....il sommo pontefice ha deciso di scomunicare Napoleone, tutti i suoi sudditi e chi collabora alle loro infamie!(battito di mani) Ci saranno rappresaglie non ci illudiamo Santità, persino contro di voi!”

Papa: “ Lo sappiamo, amici carissimi e fedelissimi, tra arresti, ed esilii, siete rimasti in pochi, e a voi pochi inermi, e inadeguati, devo affidare, non la mia persona a cui non tengo, ma l’onore della Chiesa di Cristo, che io rappresento.”

Cardinale: “Per questo motivo, istituiremo dei turni di guardia ininterrotta del Quirinale, ognuno di voi, ne avrà il comando e la responsabilità, siete voi disposti?”

Tutti: “ Si”

Cardinale: “ principe Marcello di Valmontone, sei tu pronto a difendere la Santa Romana Chiesa? e il sommo Pontefice, fino all’estremo Sacrificio?”

Principe: “Lo sono”

Cardinale: “ Duca Saverio Lanciani di Ninfa, sei tu pronto a difendere la Santa Romana Chiesa ed il sommo Pontefice, se necessario fino all’estremo sacrificio?”

Duca: “ Lo sono”

Cardinale: “ Principe Gaspare della Quercia, sei tu pronto a difendere la Santa Romana Chiesa ed il sommo Pontefice, se necessario fino all’estremo sacrificio?”

Principe: “ Si”

Cardinale: “ Marchese Onofrio del Grillo, sei tu....”

(viene interrotto dal Papa)

Papa: “ Anche tu sei disposto a difendere la Santa Romana Chiesa ed il sommo Pontefice, se necessario fino all’estremo sacrificio.”

Marchese: “Santità, se necessario!”

SCENA 13

Soldati giocano a far saltare rane...anche il Marchese.....ma Ricciotto arriva con una notizia.....

Marchese: “ Ma che fate? Io non mi fido di voi, facciamo misurà lo svizzero che è di precisione, svizzero misura tu! tanto non c’è speranza pe’ nessuno quanno zompa a ranocchia mia! Oh! Moretto che fai quì?”

Moretto: “ sto a controllà!”

Marchese: “ A controllà che? Be non stavi de guardia sulle ripe?”

Moretto: “ Si, ma c’ho messo 3 paoli su sta ranocchia gialla, controllo che nun fanno ‘mpicci!”

Marchese: “ AH! Così fai tu invece de stà a controllà i francesi, stai a controllà ‘e ranocchie!”

Moretto: “ Ma quali francesi Marchè, qui da ‘na settimana non succede più gnente!”

Marchese: “ N’ se po’ mai sape’, vabbè che domani finiamo il turno.....”

Soldato: “ Tocca a Lei Marchè”

Marchese: “ Dai che me bussano alla porta.”

Soldato: “ Aho! Non je mette prescia che se stà a concentrà.”

Moretto va ad aprire e lo prendono in giro come cammina, in mezzo alla confusione si sente dire.” Aho! Vedete come cammina...”

Moretto: “ chi va là.....dimme la parola d’ordine.....”

Ricciotto: “ Il grillo del Marchese sempre zompa....”

Moretto: “ Chi zompa allegramente bene campa.”

Ricciotto: “ ‘ndo stà er Marchese?

Moretto: “ sta a fa zompà e ranocchie.”

Ricciotto: “ Sor Marchese!”

Marchese: “ non me delude che dopo te do’ ‘n bacio e te faccio diventà ‘na principessa....tutta nuda co’ i capelli biondi.....ranocchietta mia...”

Ricciotto: “ Sor Marchese lasci stà che a via dei Panico sta a zompà n’antra ranocchia.....!”

(rivolgendosi alla svizzero)

marchese: “ svizzero misura bene achtung!”

Ricciotto: “ Ce l’ho beccata!...con un riccietto moro.... s’è infilato dentro casa de Faustina!”

Marchese: “ S’è ‘nfilato è?”

Ricciotto: “ Daje, daje, c’è cascato, però, se lo vuole beccà, sul fatto bisogna che partimo subito...”

Marchese: “ porca mignotta, li vorrei beccà sul fatto, ma come faccio non posso lascià la guarniggione, annamoce n’altra volta tanto come c’è annato, ce ritorna!!!Mannaggia che ne dici!” (Si gratta la testa)

Ricciotto: “ e no....quando finisce il turno quello non ci viene più... dico, chi se gratta la fronte c’ha le corna pronte...... Sor Marchese!”

Marchese: “ Che è sto proverbio, te lo sei inventato adesso!..... Capo posto vieni a rapporto!”

Moretto: “ Si Marchese, sempre in testa la ranocchia gialla!”

Marchese: “ Bene! Ma che stai a dì!.....mi devo asssentare una mezz’ora state all’erta ..... namo Ricciò.”

         SCENA 14

Onofrio del Grillo scopre tutto.....l’amante di Faustina: Marcuccio!

Ricciotto: “ Secondo me non è neanche la prima volta! E’ entrato sicuro.”

Marchese: “No e”! sorveja l’uscita fà che non scappi!!!”

(Bussa alla porta di Faustina)

Annita: “ Chi è?Chi è?”

Marchese: “ Sono io Onofrio del Grillo!”

Annita: “ AH! il Marchese, che è st’improvvisata? Come mai a quest’ora”

Marchese: “Tutte le ore so’ bone pe’ me. Che è nun me voi fà entrà”

Annita: “ Ma... Faustina dorme! voi non eravate de guardia al quirinale?”

Marchese: “ Lo sapevate eH! , e siccome er comandante so io... de guardia c’ho messo un soldato! ed io so’ venuto a dormì co’ Faustina”

Annita” Lo Sapevate che dormì co’ ‘na donna ‘ncinta è peccato mortale?!”

Marchese: “c’ho a dispensa papale, ma te ne voi anna e famme entrà.....eccola...Fausti! com’è che stai mezza svestita! tutta arruffata!

 ( vede i pantaloni da uomo e li tira fuori)che so’ questi? Sò’ pantaloni da omo che ce fanno qui?”

Faustina: “Non lo so! “

Marchese: “ E non lo sai! di chi sono?”

Annita: “ So’ quelli de mi fijo, sta a fa il militare in Francia !”

Marchese: “Me pareva, e questo? Ammazza che scarpone! e di chi è sto scarpone?”

Faustina: “ E mio!”

Marchese: “guarda che te lo faccio provà come cenerentola!”

Faustina: “ Vabbe! Si c’è ‘n omo!”

Marchese: “ AH!AH! confessi finalmente, cè ‘n omo!”

Annita:”E’ l’omo mio!”

Marchese: “ De chi?”

Annita: “ è ,mio....si Signor Marchese, so’ vecchia lo so, ma c’ho ancora er sangue nelle vene!”

Marchese: “ Tu c’avrai er sangue nelle vene, ma lui ammazza che stomaco!!ma chi è sto fenomeno, andò stà, o voglio conosce!”

Faustina: “ No Eccellenza!”

Marchese: “ Ma che c’entri tu è de tua madre l’omo no! Allora! so’ curioso Come se chiama?”

Annita: “ Se Chiama Marcuccio”

Marchese: “ Marcuccio! ‘ndo stai ? ( Lo scova, lo tira fuori dalle quinte dentro una tinozza) Marcuccio, in tinozza t’ hanno messo? Viè fora Marcu’, nun te nasconde.(Marcuccio esce fuori)... che bel ragazzetto te sei rimediata!...”

Annita: “ non gli fate male, Sor Marchè, E’ l’amore mio......e fatte bacia....”

Marchese: “così Marcu tu saresti l’amante de sta vecchia!!Fausti’ lo sapevi de mamma e de Marcuccio?”

Faustina: “’nsomma!”

Marchese:”’nsomma, pensa che io non ce riesco a crede’, non credo neanche a te , però se è vero che questo è l’amante tuo famme vede come fai l’amore...”

Marcuccio: “Ma come faccio?”

Marchese:” e che me lo domandi a me? So affari tua, fai come facevi prima che arrivassi,  come è nato questo grande amore Marcu?”

Marcuccio non risponde....rimane inebedito il Marchese fa abbracciare Marcuccio e Anita...

Faustina: Mamma, no, me fà schifo, me fà schifo!”

Annita:” Lo faccio pe’ te, perchè questo non ce crede”

Marchese: “ Te credo che te fa schifo, che fai qua, che stai a guardà, è tua madre un po’ de rispetto! vai in camera tua, ce sto io qua, va,va.....(faustina viene cacciata via dal Marchese)

Marcuccio: “ Basta! Sor Marchè! mannateme in galera, fateme quello che ve pare, ma io non ce la faccio!”

Faustina bussa alla porta

Faustina: “Apritemi! Basta famola finita, Marcuccio è l’omo mio, (Lo dice entrando in scena)se volemo bene da quanno eravamo regazzini...e se ve volete vendicà fate pure Eccellenza”

Marchese: “ (ride)E’ robba da matti, tutta sta commedia che avete fatto!  io me so’ già vendicato! me sò divertito! Faustì , non era meglio che me dicevi subito: “Signor Marchese, so’ venuta co’lei  perchè è ricco, simpatico, ma io ciò un ragazzo, m’ha messo incinta, se volemo sposa’, fateme un pò de dote, ‘n t’avrei fatta! e ‘nvece, volevate fà passà vostro fijo da bastardo, e a me da cojone...”

Marcuccio: “e adesso non ce la fate più la dote?”

Marchese: “ AH! a dote? in galera ve mando a tutte e due brutti ‘mbrojoni altro che dote! Ah .....dote.....e va be va, quando battezzate vostro fijo chiamateme ve faccio da compare.”

Faustina: “ Grazie Eccellenza, lo chiameremo Onofrio”

Marcuccio: “ Grazie!” (Gli bacia le mani)

Suonano le campane-

Marchese: “ che c’e Aho!”

Popolana: “ Madonna mia che è successo!!!”

Processione ...........

Marchese: “ Ma che c’è AHO!”

frate o Passante: “ Hanno rubato il Papa!”

Marchese: “ Er Papa! O Madonna mia, Ricciò ma che è“

Ricciotto: “Si, l’hanno portato via i Francesi”

Marchese: “ Porcaccia miseria, e come faccio? io ero de guardia, avete visto che pe’ colpa vostra hanno rubato il Papa?”

Marcuccio: “ Nostra?”

Marchese: “ No, allora de chi! se io sto qui, mo’ so’ pure traditore, Ricciò dà ‘n cazzotto sul naso a questo!”

Ricciotto da un pugno sul naso a Marcuccio..

Faustina: “ Marcuccio, ma perchè che ha fatto!”

Marcuccio: “ Ajo, ajo.”

Marchese: “....Sta bono!”..... Si sporca di sangue il viso”

Ricciotto: “ Ma che fa, sor Marchese?”

Marchese: “ Guardame! sembro ferito?” (Ricciotto annuisce) Porteme a casa adesso! Mamma ho fatto il mio dovere, ho dato il sangue per il Santo Padre!”

FINE I PARTE

SCENA 1

Roma diventa un presidio Francese

Banditore: “ OGGI 17 MAGGIO 1809 , NOI NAPOLEONE IMPERATORE DEI FRANCESI E RE D’ITALIA, PRENDIAMO POSSESSO DEGLI STATI DEL PAPA,  E DIAMO INCARICO ALLA CONSULTA STRAORDINARI DI PROVVEDERE AL PASSAGGIO DEI POTERI DALL’ATTUALE GOVERNO PONTIFICIO A QUELLO IMPERIALE DI FRANCIA”

Castrato: “Allora è vero so’ proprio donne,le Fanno cantà sti matti, che sanno cantà meglio de noi?”

Castrato: “ Le femmine non sò così bianche, solo noi lo semo, oh,oh! jo famo vedè noi! ‘namo a teatro!”

Arriva Olimpia

Marchese: “ Ma che è ‘n castrato?”

Francese: “Castrato!!?Ma questa è donna e che donna!”

Popolo tira verdure, e lancia improperi verso Olimpia..

Marchese: “A vedo, Ah vedo, namo gù ‘’n platea, a vojo vedè da vicino....”

Popolo: “Vattene, zozza..... via......”

Popolana: “ Hai visto che schifo! ce se vedono tutte le zinne!”

Castrato interviene nella canzone di Olimpia

Balletto

Marchese: “ Mi piacerebbe molto invitalla a pranzo a casa mia, co’ te naturalmente!”

Canzone duetto castrato, olimpia dà schiaffone a castrato, rissa ul palco.......

SCENA 2

Il Marchese invita Olimpia a pranzo a casa sua ma......ci sono tutti lo zio, Don Sabino, Genuflessa......

Mamma: “ Per chi sono questi piatti in più?”

Servitore: “ Il signor Marchese, sta arrivando con due ospiti!”

Mamma: “ E chi sono?”

Servitore: “Ricciotto mi ha detto che sono 2 Francesi!”

Mamma: “ Francesi!?”

Uscita di Tutti

 Marchese: “ Questa è Roma mia cara Olimpià ,  ma non siamo tutti ‘gnoranti e incivili come quei 4 scalmanati lì a teatro, bene accomodatevi, be’ non c’è nessuno? la famiglia dov’è?”

Servitore: “ La Signora Marchesa ha chiesto di essere servita nelle sue stanze, perchè indisposta; la signorina Genuflessa è al suo fianco, il conte zio si è recato al divino amore, co’ l’immagine della vergine Quartina;

Marchese: “ Indisposta..... Quartina.... va bè, va bè, ho capito, aspettate un momento....ci deve essere un contrattempo, vengo subito”

francese: “ Ho capito anch’io... e ti assicuro non importa!”

Il Marchese va a colloquio con la mamma

Marchese: “ Mamma, chi vi consente di disertare un pranzo con i miei amici? dove è finita la tradizionale ospitalità della famiglia del Grillo? Mamma: “ Prima di tutto i Francesi non sono ospiti, ma degli invasori, e tu dovresti sapello mejo de tutti, perchè quella notte in cui il nostro papa fu rapito, Sei rientrato in fin di vita, e coperto de sangue, per averlo difeso..”

Marchese: “ A ma’ ho fatto quello che ho potuto!”

Mamma: “ Secondo, i Del Grillo, non se mettono allo stesso tavolo coi plebei, terzo, statte attento Onofrio, perchè quei miscredenti che tu consideri amici hanno osato alzare le mano sul Pontefice, e perciò so’ tutti scomunicati!”

Marchese: “ Mamma, il medioevo è finito ! La chiesa, il Papato e noi siamo finitii! e so’ proprio ‘sti francesi che tu disprezzi che hanno portato  ‘n’aria nova!”

Mamma: “ Noi non abbiamo bisogno d’aria nova, e le finestre di questo palazzo resteranno chiuse finchè il Papa non sarà tornato!”

Marchese: “ E allora passerai il resto della tua vita al buio mamma! perchè ricordati che il futuro è nelle mani di Napoleone!”

Mamma: “ No, il nostro futuro è nelle mani del Signore e quel Napoleone finirà presto o tardi col culo per terra, e ricordati tu invece, che morto un papa se ne fà sempre un altro!”

Marchese: “ Il Papa! ma io un’altra francese ‘ndò ‘a trovo , me tengo bona questa...”

Ed Esce.....la mamma si rivolge adesso a Genuflessa, che è stata per tutto il tempo a guardare.....

Mamma: “E sbuccia ‘sta mela!”

il Marchese ritorna da Olimpia

Marchese: “ Olimpià e il mio amico? Perchè se n’è andato? Che s’offeso?”

Olimpia: “Forse ‘n poco Ti ha visto a disagio....e...”

Marchese: “ E toi ....te se offesa?”

Olimpia: “ Moi, io ormai ho fatto l’abitudine a essere maltrattata dai romani!”

Marchese ride, entra servitore

Servitore: “ posso servire?”

Marchese: “ No, non servi gnente! Olimpià te vojo portà io in giro pe’ Roma, in un localino caratteristico, vedrai come mangi bene...Ricciò! Ricciotto....viè qua....”

Ricciotto: “ Comandi Sor Marchese!”

Marchese: “faccio ‘n giretto co’ Olimpia, pe’ Roma, ma non vestiti così, trovace qualcosa, vieni ti faccio divertì....io stasera! (Si rivolge alservitore)....me dispiace magnatevela voi ‘sta merda!”

Servitore:” Grazie, Signor Marchese!”

SCENA 3*

Trattoriola.....avventori giocano a morra.....Olimpia e il Marchese e la moglie di Gasperino...

Olimpia: “ Questo è un gioco da bambini!”

Marchese: “ Si, da bambini! Guarda sotto al tavolo, Guarda che cortelli Sembra ‘n gioco da bambini, ma se s’arrabbiano, se danno certe cortellate!”

oste: “ Gasperino, c’è tu’ moje de fori che te stà a cercà!”

Marchese: “ Ma, che dici, Ao! mi moje! ma chi è Gasperino! Ao! m’ha chiamato Gasperino! (arriva cameriera con piatti)porta qua...”

Olimpia: “ Che sono?”

Marchese: “ E...questi sono, rigatoni con la pajata...”

Olimpia: “ E la pajata cos’è?”

Marchese: “ Che è.....e mejo che nun to dico....mangia Olimpià! è un piatto tipico della cucina Romana...com’è”

olimpia: “ Uhmmmm!”

Arriva la moglie di Gasperino inviperita e la figlia che la chiama: “mamma, mamma”..Al marchese gli mette il viso nel piatto.

Moglie Gasp.: “ Lazzarone.... No’, t’abbastava beve! mo pure co’ le mignotte!”

Marchese: “Li mortacci tua! Ma chi è? Aho! ma che voi? Che voi da me? Aho....”

Moglie Gasp.: “ ‘nvece che ‘a tu fija, dai da magnà alle mignotte.....”

Si prendono a botto sotto gli occi di Olimpia e alla figlia del Carbonaro...”

Marchese: “ Ma v’ammoriammazzata! chi te conosce! ma che voi da me”

Moglie Casp.: “( prende il coltello)Dateme ‘n cortello....”

Si avventa sul Marchese, ma viene fermata dalla figlia e dall’Oste....

Figlia Gasp.: “ No! Mamma no!”

Oste: “ Ma, che sei matta!’ na bottega mia (e la trasporta verso l’uscita)

Moglie Gasp.: “Mo torno, Trovo mi fratello e mi padre e te faccio magnà vivo....a te e a ‘sta mignotta!”

 Marchese:” Ma chi la conosce quella!....ma te dico io! Uno sta a magnà in trattoria, in compagnia di una signora, arriva la matta....ecco questa è Roma...!”

Marchese: “ Manicomio! Hai stentito che razza di gente, che canaja...”

oste: “ Vattene fori pure te, io non vojo storie...!”

Marchese: “ Ma, manco io, ma che sei matto! me ne vado subito, andiamo Olimpia, prima che torni ‘a matta...andiamo!”

Olimpia:” e questo?” (indicando il piatto)

Marchese:” E questo è merda!”

Olimpia: “ Vorrai dire che è cattiva?”

Marchese: “ No, No, è proprio merda, merda de vitella so’ budella, tu volevi sapè che era! Ecco è merda!”

Escono dall’osteria e si recano in una piazza........

SCENA 4

Bastiano ghigliottinato.....

Olimpia: “ Ma che vole dire “Mignotta”!

Marchese: “ Mignotta, vole dire Putain”

Olimpia: “ Ma, quella donna mi ha detto “mignotta”!

Marchese: “ ‘n bè tu non sei putain?”

Olimpia: “n po’”

Sulla piazza montano la ghigliottina

Marchese: “ Certo, quella se n’è accorta subito...pe’ chi sarà sta Ghijottina? C’è un condannato a morte! Te piacerebbe vedere uno che gli tajano la testa?”

Olimpia: “ Oui! Oui! non ho mai visto questo !  anche voi avete la ghigliottina?”

Marchese: “ Questo ‘ ‘n regaluccio che c’avete portato voi dalla Francia, prima noi ‘sti lavoretti li facevamo a mano con ‘accetata zacchete!”

Olimpia: “ Oddio! Che cosa Orribile, è barbaro!”

Marchese: “ E’ barbaro si, e questo è più moderno, il condannato sta’...... Arrivo del Condannato a morte....tra le urla e gli improperi della folla....

Popolano: “ Eccolo, Eccolo!”

Popolano: “ a disgraziato!”

Popolano: “ a morte, a morte!

Bastiano: “ Levateme il cappuccio!Ridateme il cappello!”

Popolo: “ Er Prete matto!”

Marchese: “ Ma, quello è Don Bastiano! l’hanno beccato!”

Olimpia: “ Lo Conosci, chi è?”

Marchese: “ N’amico mio!” (Questo lo dice tristemente)

Frate: “ Per l’ultima volta, sei ancora in tempo fijo!”

Bastiano: “ Ma vattenne, cammina...”

Frate: “ Il condannato rifiuta i sacramenti!”

Popolo: “ a Fijo de ‘na mignotta”

Bastiano: “ io non rifiuto proprio gnente, i sacramenti me li dò da solo è chiaro o no! io sono stato consacrato prete, e prete rimango fino alla morte, e voi massa di pecoroni invijacchiti! Sempre pronti a chinare la testa davanti ai potenti! Adesso inginocchiatevi! Chinate la testa davanti a chi la testa non l’ha chinata mai, se no davanti a questo strumbolo qua! Inginocchiatevi forza! e fatevi il segno della croce! (il popolo si inginocchia)AHO! e ricordatevi che puro nostro Signore Gesù Cristo è morto da ‘nfame, sul patibolo, che è diventato poi il simbolo della redenzione, inginocchiatevi tutti quanti.....E adesso pure io posso perdonare chi mi a fatto male! In primis: Al Papa che si crede il padrone del cielo, in secundis: A Napolione che si crede il padrone della terra......e per ultimo a boia qua.....che si crede il padrone della morte..., ma soprattutto posso perdonare a voi, fiji miei che non sete padroni d’ un cazzo!”

Popolo: “ Bravo!”....(battono le mani)

Bastiano: “ Adesso Boia, mandami pure all’altro mondo, da quel Dio Onnipotente lui si Padrone del cielo e della terra, al quale apposto dell’altra guancia, io porgo tutta la capoccia....te lo dò io il segnale....( mentre dice ciò, si inginocchia e mentre infila la testa sotto la ghigliottina, gli cade il cappello)Aho ridatemi il cappello! deve cadere con la mia capoccia...ma non da solo...avanti il cappello (Gli ridanno il cappello)Sei Pronto? Vai....”

Balletto

..il Marchese dà uno schiaffo ad Olimpia...

Olimpia: “ Ma perchè che ho fatto!”

Marchese: “ Scusami, volevo insegnarti una delle usanze più antiche del popolo Romano, vedi in occasione come queste i padri danno uno schiaffone ai fiji, perchè si ricordino quale è la fine di un brigante! annamosene va.....andiamo a dimenticare.....”

SCENA 5*

Olimpia ed il Marchese.....Gasperino il Carbonaro....

olimpia:”Cosa ci facevano qua, i Romani antichi?”

Marchese:” E Che facevano,....affari, mercato, cultura, Tribunale, indovini, senatori, sacerdoti, mignotte....a proposito dove ti piacerebbe fare all’amore? Nell’ala di Cesare? nel Tempio di Castore e Polluce?o sotto l’arco di Costantino?

Olimpia: “ Castore e Polluce.”

Marchese: “ Castore e Polluce ti piace.... ecco....deve stare da ‘sta parte...viè...viè...ringhio di un cane....chi è che ringhia...bono..... su...Olimpia s’impaurisce e scappa...Olimpià dove sei.....Hai avuto paura?”

Olimpia: “ Oui! Molto!”

Marchese: “ E va bè è passata, annamocene, togliamoce de qua!”

Olimpia: “ Onofrio....pipì.”

Marchese: “ Pipì, e questa è ‘a paura! Falla ‘ndo te pare, qui è tutto ‘n vespasiano...

Olimpia vede il sosia del Marchese: Gasperino, che giace addormentato....ubriaco

Olimpia: “ Onofrio, Onofrio, che fai Onofrio?”

Marchese: “ Stò qui Olimpià, non aver Paura”

olimpia: “ Onofrio vieni qua, corri!”

Marchese: “che hai fatto? Olimpià un’altro cane? IH! ma chi è questo!”

Olimpia: “ Ma sei tu!”

Marchese: “ Non so’ io, ma potrei pure essere io! Ah questo ‘o so chi è ... è Gasperino ...quello che lo cercava la moje all’osteria, che l’ha scambiato pe’ me, e a te pe’ ‘na mignotta!”ù

Olimpia. “ A si, ora ricordo...”

Marchese: “ E’ ‘mbriaco fracico...AH!Ah! Aho a Gasperì se te becca tu moje!.......a casa......io questo mo porto a casa!”

Olimpia: “ Come a Casa?”

Marchese: “ Lasciame fa, Ricciò, vie qua...”Si, Si, rigiratelo, tiratelo su.”

Olimpia: “ piano che si sveglia.”

Marchese: “ E quanno se sveja, c’ha ‘na sbornia... il naso, non vedi come è rosso sbiancalo...è un po di profumo, ‘namo mettetelo sotto, so’ io so’! Quello che me dispiace, che domattina, non ce so’ quanno se sveja e quando lo vedrà mi madre...Aho a Ricciò me racconti tutto domani EH!, me raccomando non me rovinà sto capolavoro!”

Ricciotto: “Si, Sor Marchese, non si preoccupi, vada, vada tranquillo, me lo giostro come se fosse lei...”

Marchese: “ Con delicatezza, comunque, se hai bisogno di me, sai dove trovarmi...’namo Olimpià......... te saluto Marchese!”

SCENA 6

Solita Scena.....fermo immagina..... Gasperino si risveglia Marchese........

Ricciotto: “ S’é svejato!”

Mariuccia: “ Buongiorno Signor Marchese, buona giornata Eccellenza.”

Ricciotto: “ Dormito bene, Sor Marchese!”

Gasperino: “ Aho! ma che è qui, andò sto aho!”

Ricciotto: “ Signor marchese nel suo Palazzo!”

Gasperino: “ Nel mio palazzo...ma che cazzo stai a di’......nel palazzo?....Signor Marchese?.....Io so’ Gasperino il carbonaro...”

Ricciotto: “ Ma signor Marchese ci vuole fare uno dei suoi soliti scherzi! Li penza la notte!”

Gasperino: “ ma che è successo! Stanotte lo scherzo m’avete fatto voi, fateme scenne, m’andò cazzo sto! chi è che sei ‘n pupazzo? So’ tutto profumato! ma andò so’ finito? non ciò più la testa!” (dice ciò guardando il servitore) E quello chi è? E che so’ io?”

Ricciotto: “ Signor Marchese, lo scherzo è bello quando dura poco, lo dice sempre pure lei!”

Gasperino: “ Chi sei Tu?”

Ricciotto: “ Come chi so’? So’ Ricciotto!  questi so’ Mariuccia e Augusto a suo servizio da tanti anni”

Gasperino:”A Servizio! ma chi ve conosce, chi va visto mai, ma che volete da me!”

Ricciotto: “ ma Signor Marchese!”

Gasperino: “ Basta co’ ‘sto Marchese, mo m’avete rotto li cojoni, mo ve meno a tutti.....(e prende una sedia per darla in testa a Ricciotto)

Ricciotto: “Mariuccia annate a chiamà lo zio prete, voi dateme ‘na mano tenetele le braccia......”(Lo tengono fermo) Le gambe....le gambe...”

Arriva lo zio Prete

Zio: “ Ma che je fate?”

Ricciotto: “ je da de volta er cervello, se crede d’esse’ ‘n carbonaro:”

Zio: “ Sarà una burla!”

Ricciotto: “ Se non se calma, bisogna chiamà quelli della longara..!”

Gasperino: “ No, aspetta! ma che....”

Ricciotto: “ E si quelli co’ ‘a camicia de forza!”

Gasperino: “ No, no, che camicia de forza, ma che cazzo state a di, io mica so’ matto, io stavo a strillà perchè volevo sapè quello che m’è successo, senti pupazzo, ma che un matto se calma così tutto d’un botto!”

Servitore: “ Non saprei!”

Gasperino: “ Non saprei! Dice io potrei esse’ ‘n po’ ‘mbriaco eccellenza”

Zio: “ Mi chiami eccellenza?, ma sono tuo zio Terenzio!”

Gasperino: “ Chi sei mi zio? ma chi t’ha visto mai!” (Arrivo di Genuflessa)

Genuflessa: “ Abbiamo sentito strillare!ma che succede?”

Zio: “ Andate a prendere l’acqua benedetta!”

Gasperino: “mmmm.... Bona questa Aho!” Io no’ ‘o so’ quello che è successo, ma che sei pure tu ‘na parente mia?”

Genuflessa: “ ma che dici?”

Gasperino :”E che ne so’, so sapessi, qui tutti me chiamano Marchese, Monsignore dice che è mi zio....e tu devi esse pure bona.....(e le tocca il seno) cerca d’aiutamme, in senso bono! Ricciotto ride)non ce sto più co’ ‘a testa, l’unica cosa che me ricordo che so’ uscito dall’osteria pè piscià, me so’ appoggiato a ‘na colonna e poi....me so’ svejato qua, che ce sto a fà, mica ‘o so! chi me c’ha portato se po’ sape’?”

Zio: “ Tu non sei pazzo, sei posseduto!”

Gasperino: “ So’ posseduto?”

Zio:”Certo t’ è entrata nel corpo l’anima d’ un carbonaro morto!”

Gasperino: “ Aho! mo  basta cos’ sto’ morto! io me gratto li cojoni!”

Zio: “ Volgare! (il “marchese” viene bagnato con l’acqua santa)Bisogna esorcizzare co’ l’aiuto dell Beata Quartina!...esci fora anima dannata, esci, lascia stare mio mipote, tanto semo più forti di te, contro la croce della beata Quartina non ce poi fa niente, sciò vade retro....”

Gasperino: “ Pussa via, carbonà, li mortacci, te ne voi annà, lascia ‘n pace il corpo del marchese, brutto carbonaro....va...”

Zio: “ Te ne sei annato Carbonaro? Te ne sei tornato in purgatorio?........ Onofrio come te senti, sei tornato marchese?”

Gasperino: “ Come me sento? ‘mbè so ritornato Marchese!”

Zio: “ Laude Deo! Grazie beata Quartina!”

Gasperino:” Si però Vojo annà da mi moje da mi fja, fateme ‘sci.”

Ricciotto: “ Ma ‘ndò vai un Marchese non pò usci così in camicia, a piedi”

Gasperino: “ Non po’ usciì così ‘n Marchese!”

Riicciotto: “ EH! mo je vado a fà attaccà la carrozza, che cavalli vole?”

Gasperino: “ EH! Che cavalli.....dammene uno bianco e uno nero come il vino...ma ando vai.....’in carrozza...”

SCENA 7

Marchese con Olimpia....Ricciotto gli riferisce come si sono svolti i fatti......

Marchese: “ Peccato che devi andà a Parigi....te portavo a mangià in una trattoriola...”

Olimpia: “ ma lo sai che non è possibile Onofrio, mi aspettano in teatro!”

Marchese: “ Aho! a te te piace pure da mangia, te lo saresti ricordato per tutta la vita, ma quando partite?”

Olimpia: “Molto presto......faremo un riunione per decidere, io spero di partire subito, anche oggi...!”

Marchese: “ Grazie e.....merci boucoup, me dici sempre io te vojo bien, sei magnific, sei simpatic, io vorrei vivere co te tutta la vi’ e poi che fai mi lasci e parti....”

olimpia: “ E perchè tu non vieni con me a Parigi? Tu Non sai cosa è Parigi! è la vita! è l’avvenire! Il Marchese del Grillo è sprecato ici!!”

 Marchese: “ A Parigi!........ Il Marchese del Grillo è sprecato ici, è sprecato a Parigi, è sprecato dappertutto!”

Ricciotto:”Sor Marchese...”

Marchese: “ Eccolo tiè, come è andata Ricciò?”

Ricciotto: “ A Marchè, tutto da ride, da schiattà da le risate, ma c’ è un ‘ntoppo, quello c’ha ‘ndubbio, vole andà  a vedè la bottega sua!”

Marchese: “ Andò sta ‘a bottega?”

Ricciotto: “ ‘nvia delle Coppelle al 12.”

Marchese: “ Portacelo tra ‘na mezz’ora! Olimpia fatte da un ultimo bacio.”

Olimpia: “ Ho ancora tempo, perchè l’ultimo?”

Marchese: “ Mo to faccio vedè io perchè l’ultimo, me devo sporcà!”

Il marchese va alla bottega del Carbonaro e si mette a spalare carbone......arriva Ricciotto con Gasperino.....

Ricciotto: “Sor Marchese eccola là la bottega.”

Moglie Gasp.: “ Aho te sei ‘ncantato?”

Ricciotto: “ Ecco là er carbonaro con la mojie e la fija al posto suo lo vede?”

gasperino: “ E come nu’ lo vedo co mi moje e mi fija...!”

Ricciotto: “ Eallora se quello è il carbonaro lei chi è?”

Gasperino: “ chi so’? Chi so? il marchese! boh! sa’ che te dico, annamo se la va a pijà ‘nder culo il Carbonaro....”

SCENA 8

Gasperino a Palazzo entra Ricciotto......ci sono tutti, mamma servitore Genuflessa, Zio Prete.....sono a pranzo.....amm.re viene cacciato....Gasperino....beve e dice il rosario.....riappare il verso Marchese.....

Ricciotto: “ Sor Marchese! Ao! Sor Marchese!”

Gasperino: “ Eh! Che succede!”

Ricciotto: “E’ sonata la campanella del pranzo, non famo aspetta su’ madre, già è di cattivissimo umore...”

Gasperino: “ Pronti, Ecchime, non spigne, Aho! E qual’è mi madre?”

Ricciotto: “ Eccola là Sor Marchese.”

Gasperino: “ Ammazza! Ecchime ma’ ! e chi te riconosceva! (Va e l’abbraccia sembri ‘n tizzo de carbone, nera, nera!”

Mamma: “ Cosa sono queste confidenze? “

Gasperino: “ A’ ma te stavo a salutà, mica te stavo a dà ‘ncarcio......”

Mamma: “ Onofrio! mi hanno riferito, di questa tuo nuova buffonata del carbonaio, ma co me è mejo che la pianti e subito!”

Gasperino: “ Si, Si, a ma’ l’ho già piantata, m’ero messo ‘n testa d’esse ‘n carbonaro invece der Marchese, se vede ch’ero ‘mbriaco che.....”

I personaggi che sono a tavolino lo guardano sorpresi perchè mette un dito nella pietanza e lo lecca...si fanno tutti il segno della croce”

Gasperino: “ Che è, è bono, ‘mazza che bono, me piace, butta giù......(si prende il cibo poi)tiè ripjatelo...rutta”

Zio: “ Queste manifestazioni plebee, sono uno strascico della possessione, la beata Quartina ha già fatto molto, ma bisogna dar tempo al tempo.”

Il Sevitore sta mescendo nel frattempo il vino....e sta portando via la carafa quando Gasperino lo tira per la giacca...”

Gasperino: “Bono, aspetta, che te ne vai, lascia ‘a brocca (arriva Mariuccia con un contenitore) Aho che è sa’ cacarella?”

Mariuccia: “ Salsa di tartufi! Signor Marchese!”

Gasperino: “puzza de piedi, puzza, pussa via, magnetela tu...”

Zio: “ Domani riprenderemo l’esorcismo, è ancora mezzo e mezzo, per metà marchese e metà carbonaro.”

Escono tutti lasciano Gasperino con la brocca.....al tavolo...entra l’amministratore, che gli conta i soldi...

Amm.re: “E 50 Paoli, ecco eccellenza.”

Gasperino: “ Che so’ tutti mii..”

Amm.re: “ Certo Eccellenza!”

Gasperino: “ Mi posso mette dentro ‘a sacca e facce quello che me pare?”

Amm.re: “ Lei è il padrone è la rendita della tenuta dei Parioli, purtroppo il grano quest’anno è andato così, così...!”

Gasperino: “ (Lo guarda da capo a piedi con ari scettica...)che li tieni tu li conti?”

Amm.re: “ E sono il suo umilissimo amministratore..”

Gasperino: “ E fammeli vedè sti conti, quanto spennemo dentro ‘ a sta casa?”

Amm.RE: “ Ma, perchè non si fida di me? Sono generazione che amministriamo la sua famiglia, prima mio nonno, poi mio padre, adesso io..”

Gasperino: “ Ma che t’offendi, per esempio quanto o pagamo er carbone? famme sapè!”

Amm.re: “ Il carbone, che possiamo pagarlo.....”

Gasperino: “ e che possiamo pagare....quanto costa!”!

Amm.re: “ 7 Paoli al ql.”

Gasperino:” e a carbonella?”

Amm.re: “ 4”

Gasperino: “ E le fascine pe’ accenne il foco?”

Amm.re: “ 5 a dozzina”

Gasperino: “E a legna?”

Amm.re: “ Quella non la compriamo viene dai nostri boschi, la vendiamo!”

Gasperino: “ E quanto la famo?”

Amm.re: “ 10 al ql.”

Gasperino: “ Lo vedi che semo cojoni? ma come compramo tutto e tre vorte del prezzo corente, e solo a legna vendemo a metà, dice “nun me fido” ho fatto bene a vedè i conti, altro che, se tu me freghi qui, me freghi su tutto, perciò sei un ladro! sei ladro tu, tu padre e tu nonno e io ve licenzio a tutt’e tre....aspetta ‘n pò prima de fa fagotto dimme ‘na cosa, ma quel vinello che se semo bevuti oggi a tavola, ma che o famo noi?”

Amm.re: “Si Signore, viene dalla vigna del mascherone!”

Gasperino: “ si, e quanto ce ne avemo?”

Amm.re: “ Parecchie botti....di quello nuovo, più quello vecchio imbottigliato!”

Gasperino: “ Si indove statto tutte ‘ste botti e ‘ste bottije, oltre a casa tua?

Amm.re: “ Giù in cantina!”

La famiglia si appresta a dire il Rosario ( Genuflessa, con i mutandoni....Gasperino le corre dietro ........ci sono tutti Genuflessa, Ricciotto, Lo Zio, la mamma ecc....

Mamma: “ naturalmente mio figlio è uscito pure stasera...”

Ricciotto: “ No se vuole jo chiamo subito Signora Marchesa!”

Mamma: “ provaci, ma tanto non verrà!”

Zio: “ Io credo che stasera verrà, chiamiamolo, crisi animistica, mi sà che lo sta cambiando in meglio!”

Genuflessa: “ Molto in meglio!”

Zio: “ E’ più attaccato alla casa, si interessa di più al suo spirito, ringraziamo la Beata Quartina....(intanto Ricciotto trovaGasperino, attaccato ad una botte!”

Ricciotto: “ Namo!”

Gasperino: “ Ma che fai Aho!? e lassame perde, porca mignotta, devo finì er Genzanese del ’91...”

Ricciotto: “ (Trascinandolo)Namo!”

Gasperino: “ Ma chi sei Aho! Io so’ il Marchese, il padrone de tutte e botti! me le scolo! a faccia de tu padre e de tu nonno! io ve licenzio a tutti! ma che fai spigni.... ma vaffanculo...”

Ricciotto: “ Ma vaffanculo te’ ‘mbriacone...”

Marchese: “(Ricciotto continua a spingerlo)....eccoli tiè .. .che è...io stavo tanto bene, micio, micio.....me scolàvo ‘n vinello del 91 quanno dice”viè che c’è tutta a famija, che ve sete riuniti, che state a discute.....”

Ricciotto: “ Tenga..(Gli porge un rosario)..

Gasperino: “ Che è ‘na collanina” (se la stà per mettere al collo)

Ricciotto: “ma, che fà deve pregare.”

Gasperino: “ Ma che preghi, che state a pregà, ma che c’è il morto...?

E si tocca i testicoli.....Inizia il Rosario e Gasperino, siccome è ubriaco fradicio, dice solo le ultime frasi, fino a che non si addormente......”

Zio: “Nomi de Patris et fili et spirito Santo..kirieleison.”

Gasperino : « kirieleison ! »

Zio:“Cristieeleison“

Gasperino:“Cristieleison“

Zio: „ Santa Madre“

Gasperino: “ Santa Madre”

Zio: “ Santa Maria Mater Dei”

Gasperino: “ Santa Maria Mater Dei”

Zio:” Mater Veneranda!”

Gasperino:”Mater vener.....da”

Zio: “Mater Castissima...ora pronobis...!”

Gasperino: “ora pronobis....ora pronobis.....”

E si addormenta pesantemente e tutti fanno silenzio Gasperino russa sonoramente.......e cade a terra....

Mamma: “ Vojaltri tutti via....è ubriaco fadicio...”

Genuflessa: “ Ma sta male, bisogna portarlo in camera sua!”(A questo punto fa l’ingresso il vero Marchese del Grillo)

Marchese: “In camera mia volete dire, perchè la camera sua sta su’ la bottega del carbonaio, quando non dorme nei fossi, ‘sto poveraccio!”

Mamma: “ Che ti credi di aver fatto!”

Marchese: “ ‘no schiribizzo, mi sono voluto levare ‘na soddisfazione, t’ho voluto dimostrare che hanno ragione i Francesi siamo tutti uguali....egalitè.... tanto è vero che vi siete tenuti a casa, il carbonaro, solo perchè io l’avevo vestito da Marchese.....Mamma se tu avessi partorito il carbonaro era la Stessa cosa....”

Zio: “ Onofrio!”

Marchese: “ Anzi, tu lo preferivi zio! t’ho sentito poco fa, forse v’annava mejo a tutti, perciò tenteteve er carbonaro, perchè io me ne vado A Parigi, un uomo come me è sprecato a Roma....”

Mamma: “ ma se non sai fare gnente! tu non hai mai fatto gnente in vita tua!”

Marchese: “ Queste so’ qualità che a Parigi l’apprezzano “Savoir Fair” l’ha inventato chi non ha mai fatto gnente come tutti noi!”

Gasperino viene riportato davanti alla sua bottega dorme....la moglie lo sveglia con un secchio d’acqua....

SCENA 9*

Gasperino: “ Aho! che è, chi sei? ‘ndo’ sto’?....Brutta fija de ‘na mignotta, stavo tanto bene! Stavo dentro ‘n letto tutto d’oro, in un servito e riverito!”

Moglie Gasp.:” Ma che stai a di? ‘mbriacone!

Gasperino: “ Brutta strega malefica che m’hai rotto l’incanto, stavo tanto bene! magnavo, bevevo, tutti i servi come te s’inchinaveno davanti a me, fammi l’inchino brutta....strega....!”( Va per strangolare la moglie)

Figlia: “ Lasciala! Papà!”

Gasperino: “ Ma che lasciala ‘a vojo strozza, poi te strozzo pure a te così a finite de rompeme li cojoni....state zitti quanno parla il Marchese perchè io so’ il Padrone... ( La figlia gli dà una palata in testa)....che stamo a casa? che è a bottega mia questa? .....(.e piagnucola esce un vicino di casa)

Cecco: “ Bon giorno Gasperì, se vedemo stasera all’osteria è.....”

Gasperino: “ va be se vedemo stasera all’osteria.......”

SCENA 10

Il Papa rientra a Roma......Campane a festa.......Popolo si riversa per la piazza.....dicendo  “ Viva il Papa” Bentornato Santità” .....la mamma del marchese mette i festoni al Palazzo....

Balletto

Mamma: “Silenzio....Rendiamo grazie al Signore che c’ha ridato il papa nostro...e c’ha ricacciato i Francesi a Casa loro, avete visto avevo ragione, Napoleone alla fine c’è andato cor culo pe’ terra, c’ha penzato la Russia, me dispiace solo pe’ quei poveri sordati nostri! Adesso andamo in Cappella...”

Zio: “Canteremo un te deo...In nome del padre.....”

Bussano soldati

Mamma: “ Che cosa fate qui, dove vi credete di essere?”

Svizzero: “Il Signor Marchese Onofrio del Grillo!”

Mamma: “ Il Signor Marchese, non c’è e fuori Roma....che cosa volete? che cosa significa questa irruzione in casa mia?”

Svizzero: “ Molto spiacente cara Marchesa Ordini di arresto!”

Mamma: “ Mio figlio? Cosa ha detto? Non ci credo è impossibile.”

Svizzero: “ Ordine del Cardinale vicario sua Eminenza Albani, sia preso e condotto in Castello il Marchese Onofrio del Grillo, per rispondere alla Giustizia di abbandono di posto e tradimento in complicità con l’occupante Francese.”

Zio:” Ma che succede, che ha fatto Onofrio?”

Mamma:” Lo soio che ha fatto, c’ha insozzato a tutti....ritirate i drappi e richiudete tutte le finestre....”

Uscita di tutti.....

SCENA 11

Osteria.... Gasperino è a bere con gli amici,....

Gasperino: “ Bona sera, bona sera a tutti...”

Amico: “ A Gasperì viè co noi, raccontace de quanno eri Marchese....”

Gasperino: “ Ma che me state a pija per culo?

Amico: “ No, a Gasperì che scherzi! racconta che te svejaveno a mattina co’ a cioccolata, che te serviveno.....robba da matti!”

Gasperino: “ O vedi che me stai a pija per culo! Finche se scherza se scherza...mica so’ matto io t’ho visto che stavi a fa’ così”

Entra la Guardia di sempre

Guardia: “ Il Signor Marchese del Grillo!questa volta l’ho riconosciuta subito Signor Marchese!”

Gasperino: “ Che dichi a me?”

Guardia: “Si Signor Marchese, vi devo accompagnare dal Cardinal Vicario...!

Gasperino: “A me! Aridillo ‘n po’ chi so io!”

Guardia: “Si, Stavolta non mi sbaglio siete l’ill.mo Marchese del Grillo!”

Gasperino: “Avete sentito tutti.....tiè....’ndo’ sta a carrozza....”

Guardia: “Fuori”

escono tutti

SCENA 12

Il Papa ed il Cardinal Vicario...stanno vagliando le pene da dare alle persone che hanno callaborato con i Francesi...

Papa: “Che è?”

Cardinale:” Gli elenchi Santità, contumaci e gli arrestati.....vicono ad ogni nome c’è una proposta di pena a secondo i criteri di clemenza che abbiamo deciso di  adottare                                     un mese di clausura..”

Papa. “ No! è vecchio poverello...”

Cardinale: “ Donna Lucrezia Aldobrandini e sua zia Gerundia, 2 mesi di clausura..!”

Papa: “ Benissimo, e con l’aggiunta del silenzio e della preghiera!”

Cardinale: “ Marchese Onofrio Del Grillo 1 anno di confino!”

Papa: “ ma è poco!, ha bisogno di una lezione molto più severa, condanniamolo a morte!”

Cardinale: “ Ma è da papa Sisto che non si condanna a morte un Nobile e poi non è uno dei Vostri figli prediletti...!”

Papa: “ Ma che figlio prediletto!”

Cardinale: “ Fucilazione!”

Papa: “ No, No tagliamogli la testa, voleva la giustizia.....l’avrà!

SCENA 14

A Palazzo del Marchese del Grillo....si discute la sorte di Gasperino il Carbonaro.....sono tutti presenti, anche Rambaldo e Camilla....

Rambaldo:” Resta il fatto che lasciamo condannare un innocente!”

Mamma: “ No, no, quello non paga per i misfatti di Onofrio! Ma per i suoi!”

Genuflessa: “Come? Quali?!

Mamma: “ Zitta tu, ha fatto da padrone in casa nostra!”

Genuflessa: “ Per me la morte è troppo poco!”

Mamma: “ E poi chi muore un carbonaio in più un carbonaio in meno!”

Camilla: “ Scusate, voglio dire è utile?  Onofrio risulta morto e quando torna che fa?”

Mamma: “ Il tempo cancella tutto Camilla e dopo si vedrà”

Camilla: “ Va bè non fiato più....”

Mamma: “ Ecco è meglio...!”

Rambaldo: “ Pensiamoci ancora, dormiamoci su!”

Mamma: “ No, no io voglio dormire tranquilla facciamo come Nerone, ( Giudizio con i  pollici, per i nobili il povero Gasperino, potrà morire ghigliottinato pure se innocente)

SCENA 14

Piazza con ghigliottina pronta......rientra il Marchese.....Gasperino si prepara a morire......popolo assiste

Marchese: “Padre chi stanno a fà fori?”

Frate: “ Il Marchese del Grillo, scherza, scherza, mo so’ cazzi suoi”

Marchese: “ Ma che sta a dì sto frate...”

Il Marchese e Ricciotto si dirigono verso le quinte......escono tutte e due......entra gasperino

Popolo: “ Eccolo!”

Frate: “ Sor Marchese è ora!”

Gasperino: “ Aio cor Marchese, io so Gasperino ‘l carbonaro, c’ho moje e fija, vojo bene a tutta a famija.....chi sei tu pulcinella? lascia che vado da solo.....lavoro tutto il giorno a spala’ carbone e ‘a sera me piace resta coll’amici a beve ‘n goccetto, comincio con goccetto e poi me bevo tutta ‘na botte...”(Il Popolo ride)Quanno so ‘mbriaco non capisco più ‘ncazzo m’alzo da tera, vado su, su, e vedo a voi come formiche e dal cielo ve piscio ‘ntesta a tutti......”

Frate: “ E l’ora!”

Gasperino: “ e Sta bono... stò a parlà coll’amici! è da ‘n po’ de tempo che me ‘n sogno d’esse’ diventato marchese, tutti me se inchinano me se mettono a columbrina, Marchè’ de qua’, Marchese de là.”

Cardinale: “ Ha sempre scherzato nella vita, adesso scherza anche nella morte, beato lui!”

Frate: “ Signor Marchese è l’ora”

Gasperino: “ E’ l’ora dice....è l’ora de manna’ a’fanculo,sto frate..... stamattina so’ venuti e dice: Signor Marchese qual’è il vostro ultimo desiderio? e che mo domandate! Portateme ‘n secchio de vino che m’embriaco, dice che adesso me vojono taja a capoccia è vero?”

Popolo: “ Si!”

Frate: “ Signor Marchese è l’ora!” Popolo Ride

Gasperino:”Che cazzo ve ridete ,tanto siamo tutti in un sogno

Frate:” E l’ora...”

Gasperino:” A rieccolo è l’ora! è l’ora de andà a dormì!.....boia ‘ndò sta....  prima che m’arriva st’accettata, se m’addormento, svejame perchè vojo vedè come sto senza capoccia.......(S’addormenta di colpo...arriva la Grazia....)

Cardinale: “ Fermi........Sospendete l’esecuzione! Sua Santità PioVII, nella sua clemenza, concede la Grazia al condannato Marchese Onofrio del Grillo, commuta la pena di morte in 6 mesi di fortezza.”

Popolo fa confusione si mette intorno alla Ghigliottina........Gasperino viene trasportato davanti al suo negozio da Ricciotto.....e dal servitore.

Dorme ancora quando la moje apre la porta....

Gasperino: “ Ora pronobis, è l’ora ‘ndò sto’ ....ma che è ‘a bottega mia?

Bella! Benedetta! che m’hai svejato (e la bacia)viè quà fija mia bella! che sogno che stavo a fà che bello esse’ carbonario io ero Marchese...

La moglie e la figlia sbuffano...’me volevano taja a capoccia, dico aHo ma come a capoccia...c’era ‘n frate, ‘n fijo de ‘na mignotta , che me diceva è l’ora......!”

Esce con la moglie e la figlia sottobraccio...il popolo e gli amici gli fanno da corona e dicono: Evviva Gasperino il carbonaro-

Balletto

Ultima scena

Marchese: “ Santità perdonateme!”

Papa: “ T’ho già perdonato, sono sicuro che lo scherzo che t’ho fatto t’avrà levato la voglia di fare scherzi per sempre...”

Marchese: “ Mai più santità”

Papa: “ Hai avuto ‘na grande paura!”

Marchese: “ Mica tanto! La testa che stavate pe fà taja non era mica mia!”

Papa: “ Ma come non eri tu?e di chi era?”

Marchese: “ D’un povero carbonaro preciso a me!”

Lo portano a spalla e di nuovo il Marchese lo sta per far cadere...

Papa: “ AH! Ricominciamo!”

Marchese: “ Santità il mondo è fatto a scale!”

Papa: “ Me farai rompe l’osso del collo tu!”

Marchese: “ Morto ‘n papa se ne’ fa sempre  ‘n altro.....”

Il Papa benedice con le corna......

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 16 volte nell' ultimo mese
  • 254 volte nell' arco di un'anno