Il matrimonio del podestà

Stampa questo copione

Primo atto

SALVATORE NASTRO

(autore iscritto SIAE 188079 del 14.10.09)

IL MATRIMONIO DEL PODESTA’

PERSONAGGI in ordine di apparizione:

·ROMANO GARGIULO

·DONNA SOFIA

·PERICLE

·MARCELLO

·PINA

·ELENA

·DON CARLUCCIO

·COLONNELLO

·DONNA FILOMENA

·PEPPINO

·CINZIANO

·TERESA

Primo atto

E' l'interno di un municipio.

Alla sinistra del pubblico una porta apre alle stanze interne, la porta a destra, invece, è quella d'entrata.

Un' imponente scrivania in legno troneggia al centro con su tutto in disordine e tra la macchina da scrivere e il telefono si scorge il capo reclino di Romano che dorme avvolto tra le sue braccia.

Dietro di lui sorge un enorme libreria ben fornita che reca anche materiale fascista. Nell'angolo sinistro è presente un divanetto tipico da sale d'attesa.

Le prime luci dell'alba irradiano l'interno di questo studio fascista.

Il canto ripetuto di un gallo e una leggera e tranquilla musica accompagnano l'apertura del sipario.

     

scena  1

(ROMANO – DONNA SOFIA)

(Da sinistra entra Donna Sofia con in mano una tazza di caffe).

DONNA SOFIA: Buongiorno signor Podestà, sig. Podestà ma dormite ancora?

(Poggia la tazza sulla scrivania, si rende conto che Romano dorme e fa un monotono cenno col capo come per dire - questo dorme sempre!!, apre 1° porta  per far cambiare l'aria della notte appena trascorsa).  Signor podestà sono le 8, svegliatevi, vi ho portato pure il caffè... è ancora caldo. (cerca di svegliarlo ma invano, intanto si mette a ordinare l'arredamento fuoriposto) (con tono monocorde cercando di svegliarlo) Signor Podestà...sig. Podestà...sig. podestà ... sig. podestà…..

ROMANO: (svegliandosi di brutto) Eh!!!! mò mi alzo ... un momento… e che modi sono di svegliare la gente, me facite’ venì male 'e capa a primma matina, ah!! (sgranchendosi e ossa e sbadigliando) Che stanchezza che tengo! (ancora sbadiglio)

DONNA SOFIA: E pure stanotte avete fatto tardi, eh! Siete rientrato alle tre e trentacinque e per paura di svegliarmi vi siete tolto gli stivali per non far rumore, ma non avete considerato che invece di sentire il rumore degli stivali, ho "sentito" l'odore dei vostri piedi e me sò svegliata ò stesso. Ma sig. podestà me dicite 'na bbona vota dove andate di notte così di nascosto da tutti?     

ROMANO: Donna Sofì, non sono affari vostri ... me vaco a àffá 'na Passeggiata.. po’ bbosco... Va bbene?!??

DONNA SOFIA: (con l'aria di una che la sa lunga) Ma che dicite!!! Nun è overo per 2 motivi: Primo, voi avete paura dell'ombra vostra, mò figuratevi se andate a passeggiare solo voi, alle 2 di notte in un bosco; secondo (prende gli stivali di Romano) avete la suola degli stivali puliti e... considerando che ha piovuto assai in questi tre giorni, se davvero fusseve juto dint’o bbosco, comme dicite vuie, dovevate avere gli stivali sporchi di fango... eh!eh!

ROMANO: Ma chi è arrivato Sherlok Holmes! Donna Sofi ma che gghiate pensando!!

DONNA SOFIA: Ma io lo dico per il vostro bene. Qui in paese lo dicono tutti quanti che il podestà Romano Gargiulo di notte si tiene 'na femmina!!!

ROMANO: (allarmato) Ma per piacere Donna Sofi, un poco di contegno!

DONNA SOFIA: Ma quà contegno, in giro si è spasa la voce che VOI ve la intendete con la signorina Elena, l'ebrea, la figlia della terribile Teresa Bardotti la sarta di via Littoria. ROMANO: Ma vi state letteralmente sbagliando.... (cercando le parole per giustificarsi) Elena .... è....è un'amica, una mia cara amica, va bene!

DONNA SOFIA: Eh un'amica... (con tono scherzoso)

ROMANO: Si un'amica! (si sta facendo il nodo alla cravatta) va bbene! E basta chiacchiere, e cumme site esagerati in questo paesi, non si può fare niente che subito pensate male...

DONNA SOFIA: Su questo avete ragione, ma io ve lo dico perchè addirittura Donna Filomena penzava che vuie v’a faciveve cù Zì N'tunettella à zoppa!

ROMANO: Ma chella tene 70 anne, è scartellata, zoppa e senza dienti...vide nu poco che te fà vedè o Patatern!

DONNA SOFIA: E io ce l'aggio ditto…(Romano s’infila la giacca e si ordina anche i capelli) Comunque prendetevi il caffè, mò l'ho levato dal fuoco, è bello caldo caldo, cumme ve piace a vvuie...

ROMANO: (guarda con sospetto la tazza) Onna Sofi... ma chisto è cafè!

DONNA SOFIA: Signor podestà che volete? E' surrogato è fatto cu la cicoria... in giro nun se ne trova cafè bbuono, il caffè non si trova più da nessuna parte, stiamo m un momento critico, però con rispetto parlando, noi stiamo alquanto bene signor podestà perchè teniamo a voi! In paese lo dicono tutti quanti, il signor Podestà Romano Gargiulo è proprio una brava persona, da quando ci sta lui, non si fucila più nessuno, nun se voltano 'e mazzate e se uno tiene un problema sa a chi si deve rivolgere! Pure il farmacista, il Dott. Moriano, dice che lo vuole gridare a tutti quanti che il signor podestà è proprio un bravo giovine e sta dalla parte di tutti, fascisti e antifascisti compresi!

ROMANO: ... e ditegli al Dottore Moriano che non gridasse troppo forte che i tedeschi stanno vicini e se ci sentono vengono qua e succer 'a guerra mondiale.

DONNA SOFIA: A proposito di tedeschi, mo me scordavo, stamattina il postino mi ha dato un telegramma per voi dicendo che era urgente. (estrae il telegramma dalla tasca, e glielo porge ma nel momento che Romano lo prende Donna Sofia se lo ritira) Non per farmi gli affari vostri ma sapete il mio occhio è caduto nella busta e così ho "guardato"cosa c'era scritto!

ROMANO: Ma guardate 'nu poco addò và a cadè l'uocchie vuoste! (con toni da scherzo) Il vostro occhio è scivolato dritto, dritto nella busta….         Donna Sofi, io vi conosco troppo bbene! La prossima volta mantenetevelo stretto il vostro occhio!!eh!eh!

DONNA SOFIA: (cerca di giustificarsi) Ma sig. podestà io… io...lo faccio per la vostra sicurezza... e si ce steva una bomba? Sapete i nemici, i servizi segreti sono capaci di tutto! (porge la busta a Romano e mentre Romano estrae dalla busta il telegramma) Comunque c'è scritto che il presidio tedesco formato da 50 sceltissimi soldati e comandato dal colonnello Rudolf Von ...eccetera eccetera... anticiperà di 2 mesi la sua visita qui a Fontesecca. Il presidio sarà qui per il giorno 10 dicembre 1938... eccetera eccetera ... Heil Hiler ...firmato nu nomme streveze, ...comunque leggete, leggete!!

ROMANO: (intanto ROMANO è rimasto col telegramma in mano e allibito dalla preparazione di Donna Sofia) ... e che leggo a ffál Mi avete detto tutto cosa voi! la prossima volta fatevi fare direttamente una telefonata dal presidio e così facciamo prima!!! Ma come devo fare con voi? ... e quando sarebbe il 10 dicembre?

DONNA SOFIA: Ma è oggi!

ROMANO: (allarmandosi e sobbalzando dalla sedia) Oggi! Come oggi?!?? I tedeschi oggi qua!!! E Elena addò a metto?

DONNA SOFIA: Che avete detto?

ROMANO: No, dicevo ... (cercando di riparare l'errore) dicevo e i soldati dove li metto?

DONNA SOFIA: Se permettete sign. podestà i 50 soldati li possiamo mettere nell'albergo che sta giù al ponte!

ROMANO: Quà albergo!?!!

DONNA SOFIA: Uh Gesù quello uno ce ne sta!

ROMANO: Si, ma è pieno di topi, è in rovina

DONNA SOFIA E che ve n'importa a voi! e poi l'ammiraglio... (riferendosi al colonnello)

ROMANO (correggendo) colonnello!!

DONNA SOFIA: Eh si... e poi il capitano (c.s.)...

ROMANO: (c.s.) ...colonnello! ! !

DONNA SOFIA: Eh si!... e poi il sergente ... (c.s.)

ROMANO: Colonnello!! (insistendo) è un co..lo..nne…llo!!!!

DONNA SOFIA: E scusate sig. Podestà ma io di gradi non ne capisco niente!

ROMANO: Ma d'accordo, ma voi a’ natu ppoco a stu colonnello o faciveve addiventà soldato semplice,eh!!

DONNA SOFIA: Comunque stevo dicenno: a stu colonnello o putimmo fa addurmi nella stanza vostra al piano di sopra e voi...voi... vi adattate sul divanetto, tanto si tratterà di qualche giorno. E adesso se permettete io devo andare a fare la spesa e poi vorrei arrivare da Donna Filomena perchè c'aggia parlà'e certi ccosè - (Passa dal’altra parte con tono di capera) -  Maria, la figlia di Tore 'o masterasce s'adda spusà, però nun sape che'a sora. d’a cummarella N’tunettella nun ce va a chiesa perchè a mamma'e Maria a ‘o battesimo d'o figlio da nora'e Ntunettella nun ce ghiute e soprattutto pecchè ce facette nu regaluccio e tre centesimi, e allora ce l'aggio dicere o no, signor Podestà? che dicite vuie?

ROMANO:      Ma Donna Sofi faciteve nu poco 'e fatte vuoste (saggio) Chi se fa 'e fatte suoie campa cient’anne.

DONNA SOFIA: Nun è 'o vero!! E allora io avess'avut'a muri primm'e nascere??

ROMANO: E pure è vero! Comunque Donna Sofi devo lavorare, scusatemi ma ho tanto lavoro oggi, soprattutto adesso che aspetto stu colonnello...

DONNA SOFIA: A proposito del colonnello ... sapite che si dice nel suo paese? Che quand'era cchiù giovane si teneva 'na guagliuncella napoletana e poi….   

ROMANO: E mò accumminciammo cò 'o colonnello!! E cumme site esagerata! E che sapite puree fatte d’a Germania...

DONNA SOFIA: (disinvolta) Ma sapite m'è arrivata "na palummella" !!

ROMANO: Ma vaie 'a casa state n’guaiata e’ palummelle, tenite n’allevamento'e palummelle. Voi non dovevate fare sto lavoro ma l'agente segreto.

DONNA SOFIA: E modestamente, grazie signor Podestà, io vado con permesso... (VIA a destra)

ROMANO: Prego 'Onna Sofi!!! Ih che caga fresca ca tene Donna Sofia. (Prende a scrivere ma Si accorge del caffe) O' ccafe, s'è fatto pure friddo... per parlà con Donna Sofia .... (guarda con disgusto la tazza) il caffe fatto con la cicoria, ih che schifo... (beve un sorso ma sputa in maniera disgustevole) Io non mi faccio capace ma quante volte glielo devo dire a Donna Sofia che 'e foglie da cicoria….se levano!!!! (riprende a scrivere disgustato, poi si appoggia alla spalliera e pensa) Stu fatto dell'arrivo del colonnello non ci voleva proprio adesso. Da quando anche il cavaliere Mussolini ha fatto applicare con i decreti del 17 novembre le leggi razziali in Italia, la vita per me è un inferno! Voi dite: "Ma a te che te ne frega? sei fascista, sei di razza pura!! Non hai nulla da temere" E invece no, perchè Elena la mia fidanzata è ... ebrea. Ebrea purosangue, ebrea figlia di genitori ebrei da 10 generazioni; e con l'aria che tira contro di loro è meglio non farsi vedere insieme, insomma siamo costretti a frequentarci di nascosto, a vederci di notte. Stiamo insieme da due anni e il nostro rapporto è stato sempre nu calvario; prima la mamma che non voleva sto rapporto e ci ostacolava in tutti i modi e appena mi vedeva, nonostante fossi il podestà, mi correva appresso per tutto il paese. Poi quando mi decido di sposarla per portarla via da "mammina sua" arrivano i decreti razziali. (declamando)" Il matrimonio del cittadino italiano di razza ariana con persone appartenenti ad altre razze è PRO.. I.. BI.. TO" Il colpo finale!!! E’ destino che non me la devo sposare!! E' destino che devo continuare per tutta la vita mia a vederla di nascosto, fuorilegge (si siede). Però purtroppo il paese è piccolo, parla, non si fai fatti suoi e se va a finire nelle orecchie del colonnello tedesco a me mi mandano a pulirei cessi nel Reichstag e a lei... e meglio non parlare...non ci voglio neanche pensare a quello che le potrebbe succedere. Non bastavano i grattacapi che già tenevo, mò pure sto fatto; ma dico (parlando col quadro del DUCE) noi stavamo così bene ... e invece dobbiamo fare quello che dicono i tedeschi e chissà , chissà...(riprende a scrivere).

scena 2

(ROMANO – PERICLE)

(entra trafelato da sinistra PERICLE, la guardia fascista)

PERICLE: A noi signor Podestà.

ROMANO: Saluti al Duce

PERICLE: Saluti, ci sono nuovi comandi oggi? (fiero dei suoi toni militari, tra se e sè) Io so troppo bbravo!

ROMANO: Oh, oh!! Tu stai qua?!? Anche ieri chillu scemo 'e Marcello ha cumbinato altri guai! Dove stavi tu? Numero uno: Qui si lavora e numero due: lo sai che devi sempre vigilare su di lui giorno e notte; è un tipo scalmanato, è ... strano e pericoloso e ufficialmente dovrebbe stare in cella ed è già assai che lo teniamo invece libero come una pecora al pascolo...

PERICLE: Signor Podestà, io in verità con tutto il rispetto non lo vedo, poi, (sminuendo Marcello) un tipo tanto pericoloso, da "tenere isolato" e poi diciamoci la verità sig. Podestà: Marcello è la schifezza dei sovversivi, vi ricordate lo pigliarono due mesi fa a Napoli mentre cercava di mettere una bomba sotto il palazzo del Fascio cantando a scuarciagola "Bandiera Rossa”, verite vuie si nun è scemo ... almeno statte zitto!

ROMANO: Hai ragione e poi ... me l'hanno mandato qui perchè si dice nell'ambiente che io, Romano Gargiulo sono il terrore dei sovversivi... quelli secondo me se l'hanno vulut levà'a nan’z 'e pier!

PERICLE: Comunque signor Podestà, (c.s.) Io sò troppo bravo....

ROMANO: Certo, certo! Ascoltami, piuttosto, mi è arrivato un telegramma stamattina dal presidio tedesco di "Snaufmicthliebereich"e..

PERICLE: (non capendo) Addò?

ROMANO: " Snaufmicthliebereich " ... embè, ch'è? è 'na città tedesca!

PERICLE: Ma che razza'e nomme che c'hanno dato. Ma ch'è nu codice fiscale (LAZZI.- Tenta grottescamente di ripetere invano il nome della città) ... ma non à potevano chiammá ... che ne saccio... (pensa)...S. Gennaro Alemanno, Castellammare sul Reno ... era molto più semplice.

ROMANO: ... E non mi interrompere, comunque il presidio tedesco comandato dal colonnello Rudolf Von Reichtbittegrussen

PERICLE: (interrompendo) E chisto fosse nu cugnomme? .... nun era meglio, che ne saccio: Rudolf Esposito... anzi Rudolf...

ROMANO: (Innervosendosi) Ma te stai zitto! Ognuno tene o' nomme ca se merita ... (riflette) e poi parli soprattutto tu che ti chiami Pericle Dematostene ... nun me pare manc’o nomme 'e na malatia ... ma addò te l'hanno pigliato stu nomme…da dint'a cocche scav'e Pumpei,

PERICLE: Comunque sign. Podestà ... io sò troppo bravo...

ROMANO: A vote me fai pena! ... (alterandosi) e stavo dicendo che stu presidio tedesco anticipa a aggi la sua visita anziché a Febbraio, quindi raduna tutta la guardia civica al più presto prima che ce li troviamo in paese, fai mettere a tutti i camerati la divisa importante, chiama la banda musicale, fai tirare fuori i fuochi per la festa del patrono, pigliali tutti quanti i fuochi... piglia pure le bombe a mano, i tric-trac, i mortai di Marcello e prepara a’sti signori un bel benvenuto e tienili occupati un pò giù al ponte!

PERICLE: E come?

ROMANO: Parla! Fai un discorso!

PERICLE: Ma io non li so farei discorsi, non so parlare!

ROMANO: E miettiti a ballà allora!

PERICLE: Non vi preoccupate sign. Podestà, abbiate fiducia in me! Sapete... io sò troppo bravo (fa per uscire a destra, quando ricorda una cosa) ma a proposito ditemi una cosa: e per quanto riguarda Elena?...

ROMANO: (lo zittisce con tenace tempismo) Zitto! Non pronunciare il suo nome! (circospetto)Il nemico ci ascolta!!

PERICLE: Vi site appiccicati?.... aggio capito tutte cose...Io sò troppo bravo!!!

ROMANO: (con grande circospezione e abbassando la voce) No, lo sai che sei tedeschi scoprono che io, fedele servitore del fascismo e loro alleato di sangue, sono fidanzato con una ragazza ebrea mi sbattono al confine o addirittura peggio ... e per fortuna che quasi nessuno sa della nostra relazione!

PERICLE: E come fate? Il fatto è davvero pericoloso. La gente non si fai fatti suoi, il paese è piccolo e se qualcuno vi ha visto insieme a Elena e lo denuncia al colonnello,(racconterà l'esecuzione con stupido sarcasmo e indifferente crudezza mimando e recitando visibilmente le parole) dopo vi mettono contro un muro e vi dicono: "(con marcato accento tedesco) Qual'è il tuo ultimo desiderio, traditore?" e poi (con una crescente recitazione sarcastica e fintamente drammatica) al plotone di esecuzione viene dato l'ordine di sparare e voi vi accasciate a terra esanime allo scoppiare dei tanti colpi inferti sul vostro corpo, con la bava calda che vi esce dalla bocca e il sangue che zampilla dai fori delle pallottole sul petto (mimando il corpo di un uomo che viene ripetutamente sparato, si getta tra le braccia di Romano) Oh no!!! (recitando con esagerato dolore teatrale) Oh ... oh... aiuto... sto morendo...aìutatemi...ho tanto freddo ... ho tanto freddo in fondo al cuore, ah! (muore. Tutt'a un tratto si rianima con aria soddisfatta e lo guarda in faccia), Sono un bravo attore vero! Io sò troppo bravo!

ROMANO: (Di fronte a questa interpretazione macabra, la quale Romano ha seguito con volto indifferente e allibito, lascia cadere a terra Pericle) E smettila scemo! Ma tu nun stai propt’ bbuon cu 'a capa ... io tengo problemi seri e tu te miett'a fare la morte del cigno. Se la gente parla e dice al tedesco che sto con un'ebrea per me è finita! ! (si siede così davanti alla scrivania e sbuffa)        

PERICLE: (con tonta indifferenza) E fatela stare zitta alla gente, no?

ROMANO: E come faccio?

PERICLE: (c.s.) Fatevi vedere per il paese insieme ad un'altra ragazza, che so io ... la signorina Pina, l'infermiera, così si placano i sospetti delle persone e non rischiate che loro pensino che stiate con un'ebrea ... Io so troppo bravo!!

ROMANO: (pausa di riflessione lunga, fatta di tentennamenti continui, finchè alla fine convinto

dell'idea di Pericle scatta all'improvviso per congratularsi con lui, GAG di Totò facendo cadere Pericle dalla sedia,che impaurito va a nascondersi dietro il divanetto) Grande!! Sì grande Pericle, ti terrò presente per una promozione (Contentissimo) Effettivamente, fingendo che la mia fidanzata sia l'infermiera Pina ( si alza in piedi e va verso il proscenio), la gente non parla più e preservo Elena da qualsiasi situazione. Sei veramente bravo ... anzi sei un genio ... In questo modo salviamo capre e cavoli

PERICLE: (Tonto e Zoppicando) Quà capre?

ROMANO: E’ un modo di dire!! Fai una cosa: vammi a chiamare la signorina Pina che le parlo e poi va' subito a radunare la guardia civica che non c'è tempo da perdere..

PERICLE: Ai suoi ordini, sign. podestà. A noi!! (fa per andare claudicante, si volta volta e dice a Romano) Io sò troppo bravo!

ROMANO: (lo asseconda e con tono di chi risponde per l'ennesima volta) Hai ragione, e adesso muoviti! (va verso la scrivania e si siede al suo posto).

PERICLE: (uscendo, tra sè e sè) Io sò troppo bravo! (VIA a destra)

ROMANO: No, tu si troppo scemo!! (riprende a scrivere con volto visibilmente illuminato dalla "genialata" di Pericle)

scena 3

(ROMANO – MARCELLO)

(Entra MARCELLO da sinistra con passo felpato facendo attenzione a non farsi sentire da Romano, fa un giro GAG attorno al tavolo)

MARCELLO: (gridando nelle orecchie di Romano e facendolo sobbalzare dalla paura) Buongiorno Romano! Già al lavoro?

ROMANO: Mamma d'o Carmine, ih che spavento, ma può essere che qui non ci sta mai un minuto di quiete, può essere che non si può fare mai una cosa in pace qua dentro, ma dico io ci dobbiamo a forza farci sentire da tutto il paese... questo non è un municipio è un manicomio...

MARCELLO: Ma ch'è stato!!!! Dici la verità...come sto? Nu bijou, è o'vero? C'avraggio miro buono buono tre ore per fare tutto sto lavoro!

ROMANO: Nun tien proprio niente che fá'a matina tu!

MARCELLO: Io comunque esco, vado a fare una passeggiata, sai se la gente non mi vede comincia ad avere i sospetti, a murmuliare: (imita le diverse voci della gente) "Non vedo più Marcello, secondo me il podestà l'ha ucciso" "No, secondo me ffianno dato un'overdose di olio di ricino", “Ma che dite? L'hanno preso a manganellate" e per evitare ccciò mi faccio vedere un poco in giro, appunto per non destare sospetti ... sai com'è... purtroppo la gente parla ... ha i sospetti...

ROMANO: Però il sospetto che tu sei sano di mente non lo tiene nessuno

MARCELLO: Eh, fai lo spiritoso tu ... (declamando) Per amore della sua Patria e per fedeltà versoi suoi compagni (saluto comunista) ha sopportato con eroico coraggio le torture del nemico, e per tali suoi meriti siamo onoratissimi di conferire a Marcello Colazizza la medaglia d'oro al valore...

ROMANO: Amen! E' fernuta'a messa? Mi vuoi far faticare, o no?

MARCELLO:Mi daranno la medaglia al valore...

ROMANO: Voglio vedere quando la daranno a me per la tua sopportazione...

MARCELLO: (avvicinandosi al quadro ufficiale di Mussolini e cominciando a scuoterlo veementemente) ... la medaglia al valore, quando uccidono stu fetente...

ROMANO: (cercando di fare resistenza e di allontanare Marcello) Marcè, statti fermo col quadro....

MARCELLO: (scuotendo e inveendo contro il quadro, facendo dura opposizione a Romano) Sto cornuto... disgraziato... assassino... traditore...

ROMANO: Marcè, t’aggio detto statti fermo vicino a Mussolini, (sialza e vanno verso il proscenio) E vediamo se la finiamo oggi! Ascoltami... oggi arriverà dalla città di Snaufmichtliebereich....

MARCELLO: (interrompendo perchè non capisce la parola) Addò?

ROMANO: Mò accumienci pure tu! In pratica oggi anriverà il presidio tedesco.....

MARCELLO: (con ghigno) Ah bene!! H presidio tedesco!! (si sfrega le mani avendo per la testa una nuova idea)

ROMANO: e te lo dico da mò: comportati bene, non parlare e soprattutto togliti ste pezze rosse da dosso! Perchè se se ne accorgono che sei comunista e che ti faccio andare in giro invece di tenerti dentro, come minimo mi mandano di corsa da Mussolini a rapporto a Roma.

MARCELLO: E ti lamenti pure? Ti vai a fare la vacanza a Roma gratis !!!!!!! A proposito, me lo posso prendere un pò di caffè?

ROMANO: E si t’ho riesci a bere!

MARCELLO: (beve, sputa e guarda nella tazza) Maronna Santa, e ch’d’è'sta schifezza? ROMANO: E surrogato'e cafè! E’ fatto cu'à cicoria...

MARCELLO: E cu tutt'e foglie dinto?

ROMANO: E diglielo a Donna Sofia...

MARCELLO: Noo! io ve lo devo dire, questo è un fatto di coscienza, con tutto il rispetto di quella santa donna Sofia, ma qua il caffè non lo sapete proprio fare! Fare il caffè è un'arte, una scienza esatta, come la matematica: non un opinione... quando stavo a Napoli...

ROMANO: Mò accumminciammo n’ata vota!

MARCELLO: Quando stavo a Napoli....

ROMANO: Marcè, ma levami una curiosità .. ma perchè non te ne stivi a Napoli? E mò lievate nu poco a nanz'e piedi che io, io non sono uno sfaticato perdigiorno come te ... io devo lavorare...

MARCELLO: Cumme si ce volesse n’arte pè fá quatto scartoffie...

ROMANO: Vavattenne primma che ti tiro na cosa appriesso, scemo!

MARCELLO: Ma la vuoi finire di offendere?(mette il broncio) e ricordati che più mi trattate male e più grande sarà la medaglia che mi daranno! Una medaglia tutta d'oro, con tanti brillanti ...mi daranno una medaglia grande come il mondo...

ROMANO: (si alza di scatto come per assalirlo imbracciando un manganello preso dalla scrivania) Te la daranno alla memoria si non à femisci!!!(Marcello scappa via a destra) Questo non è un municipio è un manicomio, lo dico! Uno cchiù scemo 'e nato e non se ne salva uno.

scena 4

(ROMANO – PINA)

(Bussano alla porta di destra, Romano intanto continua a scrivere e chiama in direzione delle stanze a sinistra)

ROMANO: La porta! La porta! La porta! Ce stesse na vota qualcuno ad aprire la porta (si alza e va verso la porta tenendo in mano il manganello) Chi è?

PINA: Sono la signorina Pina, l'infermiera!!

ROMANO: Eccola qua! Un momento! (apre la porta)

PINA: Buongiorno, mi ha mandato a chiamare il signor Podestà; mi cercava, me lo potrebbe chiamare... Ditegli che sono la signorina Pina Labriola (parla in direzione del pubblico)

ROMANO: (prende una pausa lunghissima cercando un'intesa comica col pubblico, agita la mano davanti ai suoi occhi, la quale non risponde al gesto e Romano si accorge così del grave difetto visivo di Pina) Sono... ehm... sono... io!

PINA: Ah scusate! Siete voi signor Podestà? Non vi avevo visto! (tenta di stringergli la mano ma stringe il manganello credendo che fosse il braccio di Romano) Ma   ma ... che braccio secco secco

che tenete e com’è freddo!!!!(oppure Ma che mi avete messo in mano podestà?!?)

ROMANO: No, questo è il manganello! (le prende la mano e la guida al giusto saluto) comunque, prego accomodatevi (intanto Romano si è seduto e Pina armeggia a proscenio per sedersi) Prego, accomodatevi, (c.s.) sedetevi...

PINA: Non trovo la sedia!

ROMANO: Ma che state dicenno! S’hanno arrubbato 'a seggia! Sta vicino a voi! (Romano l’aiuta a sedersi e Pina si siede a tentoni) Scusate la mia invadenza ma avete problemi di vista?!

PINA: (imbarazzata quasi ad arrossire) Noooo! Vedo "leggermente" sfocato, per dirvi, io, nonostante mi state lontano ad una decina di metri vi vedo benissimo: siete snello, biondo, occhi azzurri...

ROMANO: Ah, state propt n’guaiata!

PINA: Che cosa?

ROMANO: No, niente! dicevo... io l’ho fatta chiamare ... (si va a sedere dietro la scrivania)

PINA: (interrompendo) Ma che postura che ha signor Podestà in quel suo ritratto, quel suo mento prominente...

ROMANO: Ma che sta dicenno! (poi capisce che si riferisce al ritratto di Mussolini) ma nun sò io , è Sua eccellenza il cavaliere Benito Mussolini

PINA: Ah scusate! Vi confondo sempre!!! Siete proprio uguali !! Tenite a’ stessa zella lucida lucida!!!

ROMANO: (sospirando) Dicevo... io l’ho fatta chiamare poichè devo farle una proposta....

PINA: (interrompendo)? Na’ supposta???!?!?

ROMANO: Chesta è cecata e pure sorda!! No supposta ma pro-po-sta. (Mette ordine nei pensieri) Io, so che avete un debole per Marcello,. il prigioniero politico e delle voci' paese mi hanno riferito che lo amate a tal punto da volerlo sposare...

PINA: (imbarazzatissima) Sign. Podestà e nun dicite sti ccose annanz'a ggente!

ROMANO: (si guarda attorno) Ma chi ci sta! Chi è trasuto! Ma non c'è nessuno! (poi si accorge che Pina si riferisce all'attaccapanni) Ma quello è l'uomo morto!

PINA: Uh Gesù! Tenite 'o muort dint'o municipio

ROMANO: Chesta è cecata e pure gnurante. L'uomo morto è l'attaccapanni!

PINA: Ah, scusate!

ROMANO: E dicevo.... (iniziando a perdere la pazienza) a voi piace Marcello ma essendo prigioniero politico lui non ha nessun diritto!... neanche quello di potervi amare e quindi...sposare. Però io ... posso fare tanto, potrei liberarlo per buona condotta e far sparire tutti gli incartamenti con le sue accuse se voi ... mi fareste un piccolo piacere!

PINA: (con foga) Vi devo fare un lavaggio a titolo gratuito?

ROMANO: No, no!

PINA: (con crescente contentezza) ... un salasso...

ROMANO: (iniziando ad adirarsi) ...no,no...

PINA: ... una puntura al mattino e una sera?

ROMANO: (arrabbiato)E me facite parlà? E che miseria!...e poi la puntura da voi? Quello è un lavoro di precisione; ce vonno dduie uocchie tanti!! Pammore 'e Ddio!

PINA: (insistendo) Ma io sò brava a fare le punture! Sono io che le faccio a tutto il paese!

ROMANO: (al pubblico) Ecco perchè stanno tutti sti muorti ultimamente!!!

PINA: E che piacere dovrei farvi?

ROMANO: (inspira e poi con foga) V'avite mettere a ffà a' ammore cu'mme!! (Consapevole della reazione Romano si chiude in se stesso e Pina va’ verso l’attacapanni)

PINA: (Si alza adirata, volendolo attaccare) Ma vuie site scemo, e io avessa fà'e come a Marcello primma ancora 'e me mettere cu' isso.

ROMANO: Fatemi finire, non mi aggredite, sarà solo per poco tempo! 

PINA: Ma che state dicenno, !! Vuie vi dovete far curare 'a capa!

ROMANO: Io dico "per finta"!!

PINA: (subito si placa) Come "per finta"? Sign. Podestà ma dove volete arrivare con questo discorso?

ROMANO: (per sedare l'attacco) Signorina Pina io già sono fidanzato, Calmatevi!! Sedetevi! Ho già un’altra donna, anche se in segreto! Non vi preoccupate! E poi voi non siete neanche il mio tipo.. .a me piacciono le ragazze di larghe...... vedute..

PINA: E allora che volete da me?

ROMANO: Dovete solo fingere e nient'altro... mica ci dobbiamo sposare?

PINA: Ah! (con disgusto) Me penzav`io!

ROMANO: E che vulisse dicere? Comunque sarà solo per qualche giorno, giusto il tempo che soggiornerà qui un colonnello tedesco con i suoi soldati e non appena partiranno vi prometto su ... su ... sul cavaliere Mussolini che libererò Marcello e farò l'impossibile per farlo venire tra le vostre braccia.

PINA: (quasi ad arrossire) E se è così... ehm ... ehm va bene! Sarà un grande sacrificio per me! (con senso di ribrezzo) ma ne vale la pena.

ROMANO: Ma vide mi poco a cchesta!! Mò fate'na cosa tornatevene a casa e ritornate tra una oretta (si alza per salutare Pina e anche lei si alza) efarete finta di essere il mio tesoruccio!! (le tocca fanciullescamente la guancia ma Pina risponde con un sonoro schiaffo).

PINA: Però non ci allarghiamo signor Podestà!

ROMANO: (al pubblico) E si le devo'nu bacio che faceva? Me scavava 'a fossa!

PINA: Io comunque vado, poi ci vediamo dopo. Vado a mangiare signor Podestà, non ci VEDO dalla fame....

ROMANO: E grazie cù sti Ilente che bbuò vedè! Ci vediamo dopo allora! (Romano intanto va a sedersi ma nota che Pina è rimasta immobile) Signorina Pina ho detto che può andare!

PINA: Si, si! signor Podestà ora vado!!!

ROMANO: (c.s.) Ma cosa aspettate? Avete dimenticato qualcosa?

PINA: Sig. Podestà ma ... ma ... addò stà 'a porta?

ROMANO: (prendendola in giro) Nun ce sta!!! At’a passà pà finestra!!

PINA: (credendo vera l'affermazione) Veramente!

ROMANO: Andate, andate! Sta diritto diritto avanti a voi! (la guida a distanza e Pina esce a tentoni) Acqua, acqua, fuocherello, fuochino, fuoco, fuoco!!! (Pina via a destra) Ih che confusione! E mò chi glielo dice a Elena 'e tutto sto casino!

scena 5

(ROMANO – ELENA)

(Entra ELENA)

ELENA: Romano si può?

ROMANO: (con grande piacere misto a circospezione) Elena! Tesoro mio! Come mai da queste parti?

ELENA:. Mammina è andata un momento dalla signora a fianco e io, con la scusa di imbucare certe lettere, sono potuta venire da te...

ROMANO: Elenuccia, amore mio (Romano abbraccia Elena e le bacia le mani e le braccia) vieni, sediamoci sul divanetto, mettiamoci comodi (si siedono sul dìvano, lei verso il sipario lui verso l’interno).

ELENA: Ho visto scendere Pina l'infermiera dal tuo ufficio, come mai è venuta?

ROMANO: (alla pronuncia del nome di Pina Romano cambia subito espressione, diventando tutt'un tratto freddo. Pausa lunga per cambiare argomento) Bella giornata oggi, vero?

ELENA: Bella giornata veramente, ci sta un sole fuori... e finalmente, dopo tutta quella pioggia dei giorni scorsi...

ROMANO: E' vero ... quello la settimana scorsa pioveva solo... pioveva acqua..

ELENA: E che doveva piovere vino!

ROMANO: E’ vero tieni ragione ... (agitato) Bella giornata eh, oggi!

ELENA: E sò 2 ...si! bella giornata, ma Romano ma ti senti bene?

ROMANO: Ma perchè ti pare che non mi sento bene?

ELENA: Noo, è che tieni una faccia così strana...

ROMANO: noo, add'à essere un’impressione ... comunque, bella giornata, vero?...

ELENA: Sissignore, e so tre ... Romà ma che tieni?

ROMANO: Niente Elena ... e che devo tenere (a parte) sto sudando freddo...

ELENA: Che hai detto?

ROMANO: Niente... c'è un bel sole, è o'vero?

ELENA: Roma, ma sì scemo! Ma tu veramente non ci stai con la testa? Ma si può sapere che hai oggi? C’ è qualcosa che non va, vero?

ROMANO: Non so da dove devo iniziare ... Elenuccia, tesoro, è una cosa importante quella che devo dirti, direi addirittura vitale...tu mi vuoi bene?

ELENA: Ma se me lo hai chiesto già ieri sera!!

ROMANO: (l'agitazione cresce a dismisura) Si lo so, ma per chiederti quello che devo chiederti devo saperlo assolutamente ... mi vuoi bene?

ELENA: Romano, io non lo so, tu o non ti fidi di me o non capisci niente quando uno parla...mi fai sempre ripetere le cose un milione di volte, tu mi manderai al manicomio!

ROMANO: Ti prego rispondimi...

ELENA: Va bene, si ti voglio bene... contento adesso?

ROMANO: Tanto, tanto!! Quello che devo dirti è una cosa che deciderà del nostro futuro...

ELENA: (con ansia anche lei) Uh Roma’ ... mi stai facendo sudare freddo….vieni al sodo (Elena crede improvvisamente di avere trovato la soluzione dell'agitazione di Romano) Romano, dici la verità…ma tu mi volessi chiedere se ti voglio sposare?

ROMANO: (Trasalendo) Noo! E poi non ci possiamo sposare, è pure contro la legge! Ci sta il decreto del mese scorso!

ELENA: E noi non ce lo mettiamo sul certificato che sono ebrea e abbiamo fatto, chi se ne accorgerebbe!! (ad un tratto diventa dolce e carezzevole) Lo sapevo che prima o poi me l'avresti chiesto!

ROMANO: (cercando un diversivo) E a mammina tua come la imbrogli? Un bel giorno tomi a casa e le dici: "Lo sai mi sono sposata con Romano" Come minimo le viene una cosa!

ELENA: Ma io non lo so! (c. s.) Noi due non possiamo andare avanti cosi ... una soluzione la dobbiamo trovare, non possiamo continuare a vederci di nascosto.... (isteria fulminante) Cà ce njammo o'manicomio!! (ritorna dolce e carezzevole di nuovo, coccolando di nuovo Romano) E dai, ci vogliamo sposare? E dài, dài! Tesoruccio! Fascistello mio!! (si abbracciano)

scena 6

(ROMANO – ELENA – DONNA SOFIA)

(Entra improvvisamenente Donna Sofia da destra con una sporta della spesa in mano, i due fidanzati non se ne accorgono della sua presenza e continuano nel loro abbraccio affettuoso)

DONNA SOFIA: Ah!

ROMANO: Ih che bell n’guacchio!!!

DONNA SOFIA: Buongiorno signorina Elena! (I due amanti si ricompongono all'istante e si alzano all’in piedi) E voi che ci fate sola sola col signor podestà?

ELENA: (imbarazzata) Buongiorno Donna Sofia... no ... sono venuta per.. per... (trova un metro da sarto nelle sue tasche e ha un'idea) ah, si! Sono venuta a prendere le misure per un pantalone che dobbiamo confezionare al nostro podestà.. E’ vero, signor podestà?

DONNA SOFIA: E che stavate misurando attorno al collo? (fa il gesto dell'abbraccio) Mò per fare nu pantalone si misura pure il collo!

ROMANO: Fatevi i fatti vostri!

DONNA SOFIA: Ah, ah (facendo il pappagallo)

ROMANO: E’ una sarta precisa!

DONNA SOFIA: Nientemeno!! E se vi doveva fare 'na camicia vi prendeva il numero delle scarpe??

ROMANO: (si adira e parla con fare dittatoriale e autoritario per difendersi) Donna Sofi e smettetela! Ognuno fa il suo lavoro! Lei è una sarta...e fa la sarta a modo suo, voi siete una serva e servite a vostro modo ... anche se ogni tanto...non servite     proprio. E adesso andate di sopra e iniziate a cucinare. Avanti march!!!

DONNA SOFIA: Gne gne gne gne!! (facendo il pappagallo, ed indispettita Donna Sofia VIA a sinistra, mentre i due si risiedono)

ROMANO: Allora vediamo se riusciamo a concludere. Di che stavamo parlando?

ELENA: Stavamo parlando del matrimonio!

ROMANO: Uè, ma ti sei fissata con sto matrimonio. Tu non tieni proprio il senso della realtà, per te basta che si imbrogliano un poco quattro scartoffie fetenti e... ma che ti pensi che i fascisti e i tedeschi, poi, sò tanto scemi? (Elena fa cenno di si con la testa) Ma tu, poi che ti credi, che tua madre non sarebbe capace di venire al Municipio e di dire: "Questi due non si possono sposare perchè lei è ebrea?

ELENA: E buono, buono, sei tu il podestà di questo municipio, voglio vedere poi a chi lo dìce!!!

ROMANO: Tua madre è capace di andare pure a Roma...

ELENA: Eh, si: Milano, Brescia, Torino, Napoli...

ROMANO: Si fa il giro d'Italia...

ELENA: Eh .... è arrivato Fausto Coppi. Ma fammi il piacere!!

scena 7

(ROMANO – ELENA - DON CARLUCCIO)

(Bussano alla porta di destra)

ROMANO: E mò chi è!

DON CARLUCCIO: (F.C.) Romano, figliuolo, sono io Don Carluccio…sono venuto a "scavarti” ... (corregendosi) ... a trovarti!!

ROMANO: Ma nun tane mai niente che fà chisto! Da un pò di tempo ha preso il vizio di venire ogni poco qua.. e poi quando parla azziccasse mai na’parola ... è nu libro stracciato... parla proprio a vienetenne. (Apre la porta a Don Carluccio che entra).

DON CARLUCCIO: Buongiorno "mariuolo"... figliuolo, buongiorno…oh Elena, ci sei anche tu ... ih che "cachera" ... che piacere!

ELENA: Buongiorno Don Carluccio eccellentissimo, la vedo in forma oggi!!

DON CARLUCCIO: Oh mia piccola Elena....ma tu sì proprio "'na munnezza"...'na finezza! ROMANO: Don Carluccio e voi state un'altra volta qua?

DON CARLUCCIO: Ma perché, ho disturbato forse?

ROMANO: Nooo! figuratevi, voi non disturbate mai... è solo che non vi aspettavo... visto che siete venuto appena ieri (incazzato) Nun avita dicere 'a Messa, nun'avita confessa a nisciuno?

DON CARLUCCIO: Noooo si .... (cerca di dire siccome ma tartaglia su "SI") nooo si..., nooo si...

ROMANO: Si o no? (arrabbiandosi)

DON CARLUCCIO: Nooo si ... ccome tra poco è Natale aggio girato 'e ccase pè l'offe... ROMANO: Ma che state dicenno!

DON CARLUCCIO: Eh! Aggio girato 'e case pè l'offe ... rte ... e quando tutti "s'hanno fatto 'a soreta" e ... quando tutti 'hanno dato 'e sorde, aggio ditto: è ampresso, mò vaco "a sputà n’ faccia a Romano" .... mò vaco'a casa'e Romano ed è...ed è...ed è ... (tartaglia a ritmo musicale) ed eccomi qua!

ROMANO: Ih che impresa pe’ dì quatto parole fetenti! Comunque Don Carluccio, vi volete accomodare? (gli porge la sedia della scrivania e l'avvicina al divanetto)

DON CARLUCCIO: (sedendosi) "Marzo è pazzo"!!!!

ROMANO: (non trovando alcun nesso logico con l'aforisma) E che c’azzecca stammo a Dicembre!

DON CARLUCCIO: No, dicevo: grazie, grazie!

ELENA: Comunque Don Carlù, voi capitate proprio a pennello...

DON CARLUCCIO: (ridendo) Ah, come il ”bacio nei pantaloni” ... il cacio sui maccheroni..

ROMANO: (A Elena) Non gli dire niente, dài!

ELENA: (prende foga a parlare) Don Carluccio, visto che voi state qua e visto che siete un caro amico, voglio che voi siate il primo a sentire il nostro grande annuncio... (prende la mano a Romano e lo guarda con un sorriso negli occhi) questo è un annuncio che vi farà molto piacere! Io e Romano... abbiamo.... abbiamo.... abbiamo  (attesa estenuante)

DON CARLUCCIO: (impaziente) E vai, và!

ELENA: ... abbiamo...(emozionatissima) deciso di sposarci!!!!

ROMANO: (allarmato) Ma nun è o'vero Don Carlù, n’à pensate!

ELENA:... sempre si riuscimmo a'mbruglià e carte!

DON CARLUCCIO: (compiaciuto) Ah ... bravi... allora ve site ”ncrapettate" ... ve site fidanzate. (Emozionato anche lui) Io 'o dicevo "Chisti magliuni 'e fanno a Siena"....

ELENA: Qua maglioni!

DON CARLUCCIO:Noo! Chisti guaglioni stanno assieme ... (cercando di giustificarsi) Scusate, ma tengo 'a lengua ca "se squaglia"!

ROMANO: E ch'è nu gelato!

DON CARLUCCIO: Tengo'a lengua ca n'cacaglia! Ma mò torniamo al "manicomio"...

ROMANO: Ma iatece vuie! Nuie stammo buono qua!

DON CARLUCCIO: Ma mò torniamo al matrimonio...

ROMANO: (sfinito) Ma lasciate stare, non possiamo! Non è il momento!

DON CARLUCCIO: Ma allora vuie site "'e Frascati"?

ELENA: (guarda sbigottita Romano) No, io sono di Napoli

ROMANO: (come Elena) e manch'io! Io sono di Fontesecca,

DON CARLUCCIO: Ma nun capite!!!!! ... vuie site fidanzati?

ROMANO: (con aria teatralmente circospetta, dopo accertatosi che nessuno li ascolti) Si! Ebbene si! Siamo di Frascati... ehm... siamo fidanzati! me fate sbaglià a parlà pure a mme!!

DON CARLUCCIO: Ah! Be....be...be... (cerca di dire BENE)...be... (come belar di pecora)

ROMANO: Ma ch'è trasuta cocche pecora!

DON CARLUCCIO: Be ... be... be...ne!

ROMANO: E invece bene un corno! Don Carluccio lei si vuole sposare ma non possiamo!

DON CARLUCCIO: E’ vero Elena, non si può tu sei "pigmea"... sei ebrea!

ELENA: (stufa) Ma Don Carluccio, io mi sono scocciata di aspettare ... il tempo passa ed io ho paura di perderlo ... (tenera) non sopporterei vederlo tra le braccia di un'altra...

ROMANO: (impaurito e lento) E se succedesse?

ELENA: (con un gesto tamarro e accento marcatamente napoletano e secco) 'A girass'a smerza!

DON CARLUCCIO: (A Romano, ripetendo) A mannasse a Svezia!

ROMANO: (al pubblico) E mò chi glielo dice 'e tutto sto casino!

scena 7 b

(ROMANO - ELENA - DON CARLUCCIO - PERICLE)

(Entra da destra Pericle)

PERICLE: A noi! Buongiorno Don Carluccio eccellentissimo, buongiorno sign. Elena, come si va tutto bene? Vi ha parlato il signor podestà? (Romano fa cenno a Pericle di stare zitto) ELENA: (Insospettita, rivolta a Romano) Che cosa avresti dovuto dirmi?

ROMANO: No, ehm niente di particolare....

ELENA: (adirandosi e sempre più insistente) Cosa mi dovevi dire?

ROMANO: (Nervoso, cercando di cambiare argomento) Allora, Pericle, hai fatto ciò che ti ho detto?

PERICLE: Tutt'a posto signor Podestà!!! Io so troppo bravo!!!

ELENA: (A Romano) Eppure, secondo me tu mi nascondi qualcosa!

DON CARLUCCIO: E pure secondo me nascondi "'o ccaso pè mosche"!!... coccosa di assai losco!

ROMANO: (inspira profondamente e poi con foga) Elena…oggi.. devo ricevere in città il presidio tedesco!

ELENA: (con un drammatico, terrore) Oddio! Il presidio tedesco, qui a Fontesecca?...E perchè?

ROMANO: Per delle cose diplomatiche. Io non posso rischiare di tenerti qui ... (drammatico) ... lo sai cosa pensano i tedeschi di voi ebrei!

PERICLE: (tonto) Ma signor Podestà non le avete detto la cosa più importante....

ELENA: E qual'è?

ROMANO: (A Pericle) Ma tu'e fatti tuoi manco te ffaie? .... (Romano vorrebbe iniziare il discorso ma si accorge che Pericle e Don Carluccio sono visibilmente accorti a ciò che dirà a Elena allora si volta verso di loro ed essi si girano facendo finta di parlare e guardarsi le unghia per due volte, e lui dice risoluto) Vieni, te lo dico di là ... solo io e te! (VIA Romano e Elena a sinistra; appena via).

DON CARLUCCIO: E' proprio !nu "mappino" .... è proprio nu. casino!!!

PERICLE: Don Carluccio, io già di natura non capisco niente, poi ci si mette pure il podestà a fare tutte 'ste storie….

DON CARLUCCIO: (si alza e va’ verso Pericle) E’ ''o vero "stu cazone e cuotto 'int à tiella!" .... sta situazione e proprio 'nu burdello!

(Improvvisamente si sentono da sinistra rumori, grida strozzate, rumori di stoviglie che si rompono)

ROMANO: (F.C.) Nooo 'o piatto no, 'o piatto no! (Rumore di piatto in frantumi)....noo, a zuppiera no, 'a zuppiera no! (rumore di oggetto in frantumi)

ELENA: (F.C.) Te faccio vedè io!!!

PERICLE: (si affaccia e riporta a Don Carluccio) E’ il signor Podestà .... e sta abbuscando dalla signorina Elena, andiamogli a dare una mano ... venite Don Carluccio! (continui rumori mentre Pericle e Don Carluccio escono di scena per accorrere a Romano, mentre i rumori continuano)

scena 8

(MARCELLO – ROMANO – ELENA - DON CARLUCCIO – PERICLE)

(Entra contentissimo Marcello lasciando la porta aperta a destra)

MARCELLO: Romano.. tengo una notizia che è una bomba...ma nel vero senso della parola ... Ma Romano dove sei? Donna Sofia, Pericle! !!!Ma dove siete finiti?

(Si apre la porta di sinistra ed entra inviperita Elena che con passi veloci incrociando le braccia si mette a guardare dalla porta di destra lo spettacolo che seguiterà: Entra Donna  Sofia e Pericle che sorreggono Romano tramortito con uno straccio bagnato sulla fronte, Romano si siede, Donna Sofia lo affianca sedendosi e cercando di rinvenirlo, idem Pericle e Don Carluccio che cerca anch'esso di rinvenirlo ma con... dei sonori schiaffi sulle guance)

MARCELLO: Ma ch'è succieso?

DONNA SOFIA: Signor Podestà come vi sentite? Non risponde più!!

MARCELLO: Ma è grave?

ELENA: (indifferente a tutto questo spettacolo, nient'affatto pentita) E' stata colpa mia, l'ho aggredito e lui per divincolarsi è scivolato ed ha battuto la testa contro la scansina ... (guarda Donna Sofia che si dispera) ... e non piangete Donna Sofi che adesso questo si riprende!

DONNA SOFIA: No io piango perchè s'è scassato tutto'o servizio'e tè di Capodimonte da 12; s'è fatto in mille pezzi…

MARCELLO: E’ meglio così, avete fatto il servizio da tè da 36….

PERICLE: (A Marcello) sua signoria potrebbe almeno venirci a dare una mano…

MARCELLO: Ma guardate 'nu poco .... chi Romano e smettila di fare sta sceneggiata... me faie 'na cosa' e stommaco….

ROMANO: (Rinvenendo) Chi siete? ... Dove sono?...

DONNA SOFIA: Signor Podestà, come vi sentite?

ROMANO: (Delirando) Addio miei cari, ci rivedremo in paradiso…ben presto ... non piangete per me ... vi guarderò da lassù con tanti angioletti e stelline...

PERICLE: Don Carlù il forte colpo l'ha fatto diventare scemo!

MARCELLO: Ma perchè prima che era?

ELENA: Bravo Marcello, hai detto bene!

DONNA SOFIA: Ma signorina Elena ma non capisco perchè l'avete fatto male....

ELENA: (risoluta e con foga) E fatevelo dire da lui perchè l'ho ridotto cosi! Dovrei starlo a guardare mentre lui, (urlando per farsi sentire) se la intende con l'infermiera Pina. No, questo no! Questo sarà giammai! Addio Romano!! (collerica VIA)

DONNA SOFIA: Ma questo è uno scoop! E' un'edizione straordinaria. ..(cerca una scusa)... Scusate io vado un attimo! (uscendo a sinistra) E mo senti! (chiamando tutta contenta) Donna Filomena, Donna Filomena!!!! (VIA)

MARCELLO: Uè Romà adesso ti devo dire una cosa importante! Il presidio tedesco con a capo il colonnello Rudolf sta per arrivare, li ho visti dalle parti del ponte e staranno a cinque minuti da qui oramai! e poi ... (con foga, senza interruzione e declamando) il comitato ha deciso di utilizzare questo municipio come luogo dell'attentato ai tedeschi: quando il colonnello sarà qui con tutti i suoi scagnozzi. Peppino, il mio compagno preparerà un attentato dinamitardo facendo saltare l'intero municipio. Muoia Sansone e tutti i filistei!!! A morte i tedeschi, a morte il colonnello e viva i comunisti... (inizia a cantare e estrae una bandieruola rossa dalla tasca e la sventola) Avanti popolo, alla riscossa, bandiera rossa, bandiera rossa .... L'ora della nostra vendetta è giunta inesorabile!

ROMANO: Uh Gesù e chesta è ‘na ‘tragedia...è na catastrofe! Ddoie notizie, una peggio 'e n'ata! Cà o me fanno fuori i tedeschi o i compagni tuoi! (nervoso al massimo) Ma come dico io, io invece di tenerti prigioniero ti tengo libero e tu per dispetto me faie stu ppoco!

MARCELLO: (indifferente alle suppliche di Romano e con tono solenne) Mi spiace Romano ma il colonnello capitolerà e “tu” ti sacrificherai per la Patria.

ROMANO: M'accirete tu p'à Patria, io non voglio mica morire!

MARCELLO: (impassibile) Il comitato così ha deciso ... l'udienza è tolta!!!

ROMANO: Ah si! L'udienza è tolta; e anche io ti tolgo ... ma dalla faccia della terra! Pericle arrestalo e portalo in cella e fa che rimanga lì fino alla fine dei suoi giorni!

PERICLE: (obbedendo si avvicina a Marcello) Si signor Podestà!

MARCELLO: E provateci a prendermi! (scappa via facendo prima una gimkana nella stanza fin uscirea sinistra. Lo rincorre nell'ordine: Pericle, il quale, scappando spintona Don Carluccio; quest'ultimo a tale colpo cade all'indietro ma Romano tempestivamente lo sorregge e così escono via a rincorrerlo).

scena 9
(
DONNA SOFIA – COLONNELLO – ROMANO – MARCELLO)

(Appena la scena è totalmente abbandonata bussa forte e insistentemente il COLONNELLO alla porta di destra)

DONNA SOFIA: (va ad aprire la porta) Ih che manicomio qua dentro! Chi è? Un momento! Un momento! Ih, quanta fretta!

(La porta si apre improvvisamente ed entra il colonnello in divisa con tanto di frustino in mano)

COLONNELLO: Heil Hitler! Colonnello Rudolf  Von Reichtbittegrussen.

DONNA SOFIA: (gridando e spaventata) Uh Maronna! Aiuto signor Podestà, aiuto! (VIA a sinistra) (Il colonnello comincia a passeggiare per la stanza fin mettersi di spalle al pubblico mirando il quadro di Mussolini dietro la scrivania; entra precipitosamente Romano da sinistra tutto sudato e scarmigliato)

ROMANO: Onna Sofì ma che è stato?

MARCELLO: (anch'esso entra e non vede come Romano il colonnello) Romà, Romano ma che è stato! Vieni di là ad acchiapparmi! Sei rimasto solo tu! Gli altri l'ho chiusi nello sgabuzzino! (pregandolo di andare dentro, voltandosi si accorge del colonnello) Uh Romano!Madonna santissima e chisto mò chi è!

ROMANO: E’ arrivato il colonnello! (pieno di ammirazione) Guarda quanto è bello! Alto alto, secco e  alto! Guarda ... tiene due cosce...due spalle .... bello prestante, guarda che profilo, perfettamente diritto, lineare, marcato ... pura razza tedesca!...

MARCELLO: Ma ch'è nu cane? Ma secondo te lo parlerà l'italiano?

ROMANO: E io che ne so! Comunque non c'è problema, io con il tedesco me la cavo! MARCELLO: 'O vero! Non lo sapevo!

ROMANO:Eh modestamente ... tu piuttosto, mi raccomando statti zitto e fammi parlare a me ... se no qua facciamo qualche guaio, hai capito? Colonnello! (al colpo di tosse del colonnello, i due scappano impauriti)

COLONNELLO: (Voltandosi di scatto) Colonnello Ralf Von Reichtbittegrussen, Heil Hitler! (saluta)

ROMANO: (trasalendo) Madonna! accumminciammo bbuono!...(imbranato nel parlare) Guten. ... guten ... Tag! Io essere podestaten di Fontesecchen .... io Romano Gargiulo! Ja! Tu capish!

COLONNELLO: Ah ja! io poco parlare italienisch ma niente capire! Io volere parlare con signor Podestaten!

ROMANO: Sono io! Al suo comando!

COLONNELLO: (meravigliato) Voi essere podestaten? Voi essere come si dice in Germania “Purpo”!!

MARCELLO: (ridendo alle spalle) Anche qui lo dicono ch'è nu’ purpo! (continua a ridere fino al grido di allerta del colonnello)

COLONNELLO: Mio comandante ha me qui mandato per aiutare Podestaten a catturare, eliminare, distruggere comunisti e sovvertenti...alles nemici di Terzo Reich! (saluta) Heil Hitler!

ROMANO: (idem) A noi!

MARCELLO: (Trasalendo improvvisamente) A' soreta!

COLONNELLO: Cosa essere "a soreta"?

ROMANO: (cercando di giustificarsi) E' ... è ... ah si! E’ un saluto fascista ... più provinciale!

COLONNELLO: Ah, ja! (compiaciuto) Guten, guten! (Saluta) A     soreta!

ROMANO: (indifferente e sfinito) A mammeta!   

MARCELLO: (imitando) A ziteta! Mò facimmo tutt'a discendenza. (va verso Romano)  Io nun sto capenn chiu niente! Ma nunn'aescono 'e sottotitoli?

ROMANO: Ma ch'è nu cinema! Colonnello…voi nienten italianen… decenten parlare?

COLONNELLO: Italiani tutti comunisti pisciasotto ... alles-kaputt!!!

MARCELLO: Ahò chisto parla male dei comunisti! (vuole aggredirlo frontalmente)

ROMANO: Marcè statti zitto!

COLONNELLO: (avvicinandosi minacciosamente a Marcello) Tutti lavorare in Germania ... raus; lei essere tutto rosso ... lei comunista! (arrabbiandosi come una belva) Kaputt!Kaputt!

MARCELLO: Chi sto m'ha sgamato subito! (lo prende in giro facendo la parte di un effeminato) Uh Gesù e se pure fosse così cosa ci sarebbe di male?      

COLONNELLO: Comunisti ... alles Kaputt! Kaputt!

MARCELLO: (C. s.) Uh Romano aiutami tu! M'avess'a zumpà n'cuollo stu .... lazzariello! (si nasconde dietro a Romano)

ROMANO: No! Colonnello, questo essere Marcello Colazizza!

COLONNELLO: Marcello Cola ... zizza! (riflettendo sul cognome)

MARCELLO: Eh si! Cola…..zizza! (fa il mimo dei seni al petto del colonnello)

COLONNELLO: Tu volere prenderti gioco di me! Ja! Tu essere comunista! Kaputt! Kaputt!

MARCELLO: E s'encantat'o disco! Dice semp'o stesso!

ROMANO: (per acquietare la situazione) No questo... questo ... è scemo, non lo date retta! MARCELLO: (con voce e movenze femminili) Io songo nu povero scemo! io songo nu povero scemo!

ROMANO: La vuoi finire o mi vuoi far passare un guaio, ti ho detto di non parlare se non sei interrogato! (al colonnello) Signor Colonnello, io sono pronto a collaborare con voi, ma vi assicuro che in questo paese di comunisti non ce ne stanno, sono tutti fedeli al Duce ... io stesso ho provveduto sapientemente a far rinchiudere e confinare tutti e dico tutti i sovversivi. Vi assicuro che qui di comunisti non ce ne stanno più! (a Marcello) Qua comunisti non ce ne stanno più, vero Marcello?

MARCELLO: (Imitando una voce fintamente forte e virile) E’ vero, è vero! Anche io sono fascista e sono fedele al Duce e al Fuer.... (saluta) Heil Hitler!        

COLONNELLO: (Risponde) Heil Hitler!

MARCELLO: Tiè! (va verso il pubblico seguito da Romano)

ROMANO: Ma la vuoi smettere di fare lo scemo, se se ne accorge finiamo tutti e due contro un muro!

MARCELLO: Ma Romà che vuò l'aggià sfottere nu poco! (intanto si voltano e vedono il colonnello che da solo cerca di ripetere il gesto ultimo fatto da Marcello credendo che fosse gesto lecito) Ma è tutto scemo proprio!

COLONNELLO: (rivenendo in se) Ma a proposito ... di ebrei come essere situazione qui in città?

ROMANO: Essere tutti schedati e sistemati, non si vedere un ebreo in città manco ... se lo bruci vivo!

COLONNELLO: Tutti ebrei in Germania ... alles Kaputt! Alles Kaputt!

ROMANO: (terrorizzato dalle durissime parole del colonnello) Bravo, bravo! (al pubblico) E meno male che ho allontanato Elena., e l’ho messa fuori da questa storia sennò (all'apice del terrore)...kaputt...Capitt? (volendo cambiare discorso) Comunque signor colonnello... tornando a noi ... ho provveduto personalmente a sistemare i suoi soldaten (mimando le parole) in una casa fuori paese ... essere 'nu poco scassatene con qualche topino...

COLONNELLO: Was?!!

ROMANO: (cerca di spiegare a gesti) Topino...sorcio ... squitt, squitt!!!

COLONNELLO: Io non capisce!

MARCELLO: (risoluto) A' casa è chiena'e zoccole!

COLONNELLO: Ah ja! Ora capisce

ROMANO: Voi potere dormire qui in municipio, vi ho ceduto la mia stanza al piano di sopra se vi volete...

scena 10

(ROMANO – MARCELLO – COLONNELLO – DONNA SOFIA – DON CARLUCCIO – PINA)

(Entrano Donna Sofia con un vassoio in mano e tre tazzine del caffè accompagnata da Don Carluccio)

DONNA SOFIA: Guten tag! Guten tag sign. Colonnello, scusate per prima se vi ho spaventata con i miei strilli ma...vi ho visto all'improvviso e mi avete fatto paura...e cosi per farmi perdonare vi ho portato un bel caffè come solo io lo so fare!

MARCELLO: E meno male che solo voi lo fate così….

COLONNELLO: Caffè napoletano essere sempre ottimo! (Il colonnello prende la tazza e beve, seguito da Marcello disgustato al solo atto di guardare nella tazzina)

MARCELLO: E beato lui che si riesce a bere sta zozia!

DONNA SOFIA: E prendetelo anche voi signor Podestà!

ROMANO: (terrorizzato) P'ammore e' Dio! Già l’ho presa stamattina... la purga!

DONNA SOFIA: Don Carluccio e voi non lo prendete?

DON CARLUCCIO: A' verità volesse "na scarpa c'ù e'lacci” .... n'arangiata cò gghiaccio!

DONNA SOFIA: E che vi credete ch'è nu bar? Pigliatevi il caffè, c'è solo questo!

DON CARLUCCIO: (Prende la tazzina suo malgrado e l'avvicina alla bocca) Ma però io voglio a "Rafele cù 'e llente"!

DONNA SOFIA: E chi è stu. Rafele cù 'e lente?

DON CARLUCCIO: Io voglio ò cafè bollente! ...non mi piace accussi’ ”fritto”!

DONNA SOFIA: E che faccio'o cafè cù l'uoglio?

DON CARLUCCIO: (innervosendosi che nessuno lo capisce) Friddo!!Friddo!! Ma pò essere ca

non me capite quando "abballo" .... quando parlo!

COLONNELLO: (riferendosi al prete) Ma cosa essere questo coso piccolo e nero? Scarrafone?!

DON CARLUCCIO: Uè scarrafone a me! Mò te faccio vedè io! (fa per alzare il bastone

rischiando di cadere all'indietro per il peso del tale)

(Entra PINA)

PINA: (recitando visibilmente) E' permesso? Oh Romano tesoro mio come stai? da quanto tempo? (corre per abbracciarlo ma abbraccia il colonnello)

COLONNELLO: (adirato cercando di spostarla) Chi essere lei! Fraulein!

PINA: (non accortasi ancora dell'errore) Ma che voce roca che hai?

ROMANO: Eh, mò facimmo Cappuccetto Rosso! Pina, io sto qua! Questo è il colonnello Rudolf Von .... !na cosa’ e chesta!

PINA: Ah veramente! Che emozione! Un colonnello nazista ... (lo tasta) ma è vero?

ROMANO: No! E' di plastica! Ma certo ch'è vero!

PINA: Ma quant'è bello! Non vedevo l'ora di conoscervi!

ROMANO: (innervosendosi sempre di più) Ma che staie dicenno?

PINA: (C.s.) Guarda com'è serio... pare n'a statua!

ROMANO: Eh, nu soprammobile! Statte zitta!

COLONNELLO: Cosa essere lei?

ROMANO: Questa essere la mia Fraulein, la mia fidanzata Pina, è infermiera!

COLONNELLO: Essere molto schon! Bella! E da quanti anni essere fidanzati?

PINA: 2 mesi...

ROMANO: (Contemporaneamente a Pina) 2 anni… fa parlare a me; 2 mesi e 2 anni… ehm… (si corregge) 2 anni e ...2 mesi!

COLONNELLO: Ah ja! ja! Guten! Guten!

MARCELLO: E bravo ò podestà! S'a faceva cù a signorina Pina. E quando vi volete sposare, oramai è tempo di mangiare i vostri confetti!

ROMANO: (sussurrando a Marcello) Ma fatti 'e fatti tuoi! (a tutti) Stiamo aspettando l'occasione giusta per sposarci! Sapete...

MARCELLO: E quale occasione giusta sennò la presenza di un colonnello alleato .... (tra sè e sè) vostro... s'intende, in gentil visita da noi!

ROMANO: (A Marcello c. s.) Statte zitt!...

COLONNELLO: (Urlo disumano) Jaaaaaa! Buona idea! Signor Podestà voi sapere che la famiglien essere la base della società e, una famiglien composta da podestaten di pura razza ariana e fraulein che per lavoro aiuta le persone essere ottimo modello di famiglia che tutti dovrebbero prendere ad esempio, (Con tono di comando e con foga) Sign. Podestaten!! Domani mattina il prete presente celebrerà vostro matrimoníen con la Fraulein ' sotto benedizione di Fuhrer!E' un ordine! Heil Hitler! (sviene Pina e Don Carluccio si avvicina per rianimarla)Cosa le essere successo?

ROMANO: (sfinito e allibito) Niente... ehm ... è... l'emozione! Non se l’aspettava!

COLONNELLO: (A Romano) Mi accompagni in mia stanza! (Romano gli fa strada uscendo a sinistra; prima di uscire) Heil Hitler! (VIA a sinistra)

ROMANO: (sfinito e stremai dall'imposizione) A…no....i (ed esce)

DONNA SOFIA: Io o’ dico stu colonnello fa rutto o’ cazzo! Cioè stu colonnello è tutto pazzo!!!!

(CHIUSURA SIPARIO)

FINE PRIMO ATTO

Secondo atto

i apre il sipario.

Si apre il sipario. La scenografia è simile a quella del primo atto, unico cambiamento è la scrivania che ora è sgombra. Sulle due sedie poste davanti alla scrivania sono sedute Donna Filomena e Donna Sofia nell’atto di parlare tra di loro.

SCENA 1

(DONNA SOFIA – DONNA FILOMENA)

DONNA SOFIA: Ma come, veramente dite?

DONNA FILOMENA: E’ vero e ve lo giuro! Donna Carmela ha detto pure On Antonio se la intende anche con Annina la Ballerina e …(maliziosa) con la scusa del balletto!!!! Eh! Eh!!

DONNA SOFIA: Ma come facitea sapè tutte sti cose Donna Filomè?

DONNA FILOMENA: Io, modestamente mi faccio i fatti miei, sto chiusa in casa, non vedo e non sento, però poi la gente viene da me per uno sfogo e mi racconta tutti i fatti suoi… e io che faccio? Mi appilo le orecchie?? Ascolto e registro, eh!!! (inizia a sorridere) Ma voi nun’a sapite l’ultima? A figlia piccerella di Cuncettella ‘a Pimmece, chella e’ duie anni, non se vuleva ‘maprà a parlà e allora Cuncettella e ‘o marito s’hanno preoccupato: - Ch’è? – Che nnun è!!.. se decidono d’a purtà d’ò dottore Foriano. Isso à visita, à gira sott’en coppe, a’ gurda ‘nganna e nun trova niente e’ anormale, l’unica cosa che sape dicere ‘o dottore è d’aspettà ch’a criaturella s’empara a parlà! Cuncettella e o’ marito a portano a casa a’ criaturella e chella accummencia a movere a’vocca: ‘a primma parola che dice è “nonna”… aroppo a dduie juorni n’attacc’è core e more à nonna…a’ mamma ‘e Cuncettella. Passa ‘na summana e a piccerella dice: “nonno”… madonna liberange… schiatta pure ‘o nonno. Mò tutt’a famiglia se preoccupa… Fa che a’ creature ammarca a pesta? E, Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria passa ‘a nata summana e a criaturella dice: “zia”… n’à tragedia: l’unica zia ca teneva va a’ fernì a vascio e mmoe. Mò tutt’a famiglia ‘e Cuncettella sta c’a paura n’cuorpo, quand’abbell’e buono, a’ copp’a mano a picciottella dice: “papà”!!!

DONNA SOFIA: (interrompendo) E’ muort’o padre? E’ muort Mastu Francisco?

DONNA FILOMENA: (risoluta) No dduie juorni a’dopp è muort ‘o portalettere che jeva tutt’e matine impresse a ce purtà ‘a posta!

DONNA SOFIA: Ma doce andremo a finire? Ma dico io, se non vi volete bene, ma che vi sposatea fare!! A proposito di sposalizi….

DONNA FILOMENA: Diciteme ‘na cosa ma comme maie ‘o podestà ha deciso ‘e se spusà accussì all’improvviso? E po’ figuratevi ca io me penzavo ca jera nu poco… (si avvicina con la sedia).

DONNA SOFIA: (non capisce) nu poco…

DONNA FILOMENA: (Dà strattoni di intesa a Donna Sofia) nu poco…

DONNA SOFIA: (c.s.) Nu poco…??

DONNA FILOMENA: Eh.. nu poco fru fru!!

DONNA SOFIA: Ma Onna Filumè ma che diciate, chillo’o podesta è tutto d’un pezzo!!!

DONNA FILOMENA: E uno proprio di questa gente si deve mettere paura. E ve stevo dicenno come mai questo matrimonio all’improvviso cu Pina l’infermeria? (spintona Donna Sofia in cerca d’intesa)

DONNA SOFIA: (non capisce) Ma che tenite nu tic!

DONNA FILOMENA: (c.s.) E capitemi!!!

DONNA SOFIA: Ma che volete dire non vi capisco???

DONNA FILOMENA: (risoluta) Forse hanno fatto ‘o guaio?

DONNA SOFIA: E io che ne so!!!

DONNA FILOMENA: E fateci caso, ultimamente Pina si sta vestendo sempre di nero!!!

DONNA SOFIA: Embè che c’entra!

DONNA FILOMENA: Il nero “sfina”… nun fa nutà ‘a panza…. Avite capito mò?

DONNA SOFIA: Avite ragione… allora sarrà accussì!! Sarrà senza meno incinta…

DONNA FILOMENA (alzandosi) Ma che l’accattate affa! Io tengo dint’a cucina nu pacco ‘e risi ‘e cchiu. Venite ca ve ddongo! (VIA in cucina) 

SCENA 2

(PEPPINO – MARCELLO – DONNA SOFIA – DONNA FILOMENA)

Appena escono fuori, le luci diventano man mano rosse fuoco e si crea un leggero sfondo di nebbia infernale. Un canto gregoriano segue tale trasformazione….

Entra furtivamente a un dato punto del canto gregoriano e con teatrale circospezione Peppino comunista gibbuto e claudicante con una pistola….

Dopo pochi secondi di scena si fa avanti Marcello con divisa esageratamente comunista, il suo portamento è fiero e distaccato, dai lineamenti gravi e indissolubili. Non un sorriso gli illumina il volto ma solo sete di vittoria sul nemico…

PEPPINO: (Dopo che ha spiato, a porta di destra per vedere se c'è qualcuno) Non c'è nessuno…. Siamo soli (entra Marcello), è il momento di agire (ride diabolicamente esagerando e intanto continua a gironzolare per la stanza con aria esageratamente poliziesca)

MARCELLO: Finiscila! (Peppino continua) Finìscila (c.s.) A vuò férnì, me fai ggirà'e pall’e ll'uocchie!!! Dammi sta pistola (gli suona il calcio della pistola dietro la testa fin stordirlo) E ogni tanto facciamo i seri! E che miseria!

PEPPINO: Io sono serio! Sto perlustrando l'area. Non vedo nessuno all'orizzonte.

MARCELLO: (Scocciato) Lo vedo! (con toni da comando) E dopo aver perlustrato la zona X passiamo al secondo piano…..

PEPPINO: Amma jre n'copp??

MARCELLO: Stupido! Lascia stare! Piazza la bomba!

PEPPINO: Ah! (esce e subito rientra con un pacco regalo in mano) Ecco! Questo è il regalo per il presidio tedesco! (ride diabolicamente ma esagerando un pò col volume).

MARCELLO: (gli suona un ceffone dietro la testa per farlo smettere) E ti pare questo il momento di fare i regali? Prendi la dinamite, sistemiamola e scappiamo subito prima che tornano!

PEPPINO: E' questa compagno Marcello! (ride diabolicamente) Qui, in questo pacco ho sistemato della dinamite collegata ad un congegno meccanico e, il colonnello, quando lo vedrà….credendo che sia un pacco regalo l'aprirà e allora .... boum!!! (ride diabolicamente) del colonnello non ne rimarrà che il nome! (ride)...

MARCELLO: Geniale veramente!

PEPPINO: ...Di questo municipio non ne rimarrà che un'enorme voragine! Non appena toglieranno il coperchio.... succederà il finimondo,... una carneficina!!!! (ride)

MARCELLO: (all'improvviso sente dei rumori dalla cucina, Donna Sofia e Filomena stanno rientrando) Il nemico! Sta arrivando il nemico!! Via , via, scappiamo!

(Marcello scappa incurante della sorte di Peppino e chiude la porta d'uscita)

PEPPINO: (disorientato col pacco in mano, cerca di scappare ma la porta è chiusa) (Entrano Donna Sofia seguita da Donna Filomena con un sacchetto di riso in mano) Aiuto, Aiuto!!!

DONNA SOFIA: (entra) E ch’è!! S'è spenta la luce? (va verso l'interruttore e spingendo il tasto le luci - diventano come prima sparendo così l'effetto inferno, appena si accendono vede Peppino ancora che cerca di aprire la porta e si spaventa,idem per Donna Filomena).Uh.,Maronna! O'gobbo,'e.Notre-Dame!

DONNA FILOMENA: Peppino, e tu che ci fai qui?

PEPPINO: (disorientato e impaurito) Buongiorno Donna Filomena, buongiorno Donna Sofia...non vi preoccupate .... non vi spaventate... sono un compagno...

DONNA SOFIA: E compagno a chi??

PEPPINO: Compagno comunista

D/FILOMENA: (capendo cerca di far capire anche a Donna Sofia) Ahh! è'o compagno a chillu scem'è Marcello! Hai capito!!

PEPPINO-(c-s.) E se quello, è proprio lui che mi manda…dobbiamo fare un’attentato!!!

DONNA FILOMENA e DONNA SOFIA: (contemporaneamente) Cosa????

PEPPINO: (rendendosi conto di ciò che ha detto) Nooo!!! L’atten…l’atten…..l’attenzione al podestà (porge il regalo forzatamente a Donna Filomena) E' una piccola attenzione per il suo matrimonio da parte del comitato. Auguri! Auguri! (scappa via)

DONNA FILOMENA: E com'è strana sta gente! E poi la notizia d'o matrimonio d’o podestà subbito è girata, eh! In questo paese non si può dire niente che subito parlano!!! Ih che capere!!!

SCENA 3

(DONNA SOFIA – DONNA FILOMENA – ROMANO – COLONELLO)

ROMANO: (parlando col colonnello) Ma è proprio necessario che mi sposi colonnello, iaaaa!!! E non si può rimandare...oggi non posso!!

COLONNELLO: Nein! Nein! jeden denke, dass ein colonel sagt, ist gesetz, du musst ès inaclicii und nichts sagen!! Ja??

ROMANO: (spaventato da quelle parole incomprensibili rimane allibito)

COLONNELLO: Quello che dice colonnello nazista è legge e tutti dovere rispettare. Ja? Io dovere telefonaren!!

ROMANO: (indicando il telefono sulla scrivania) Preghe il telefonen sta là...

COLONNELLO Telefonen?

ROMANO: Eh! Telefonen! ... voi non usare in Germany??

COLONNELLO: Noi non conoscere!!

ROMANO: Chisti seconno me stanno ancora ai segnali di fumo come gli indiani! Voi non conoscere telefonen? Drin....drin! Pronto chi è?

COLONNELLO- Ah ja ! Telefonen!!!

ROMANO: E io c'aggio ditto! comunque il telefonen sta là. ..è chillu coso níro!

COLONNELLO, Danke! Danke,!

ROMANO: Preghe preghe!! (il colonnello sta girando e rivoltando il telefono) Ma 'o

sapite usa stu    coso? (si accorge della presenza di Donna Sofia e Donna Filomena) Buongiorno Donna Sofía e buongiorno a voi Donna Filomena!

DONNA SOFIA: Buongiorno! Ahm...scusate signor podestà, ma prima vi hanno portato sto regalo per le vostre nozze (lo va a prendere e gli lo porge)

ROMANO: (esausto) Mò anche i regali !!Regali non ne voglio!!! E' un ordine Donna Sofia: chi viene a portare regali cacciatelo fuori!

DISOFIA: Ma signor Podestà e di questo regalo che me ne faccio adesso?

ROMANO: E c’aggia fa io? Fatene quello che volete. Buttatelo, bruciatelo, anzi è meglio datelo a Donna Filomena, portatelo in chiesa, datelo ai poveri, fatene beneficenza. Io sto regalo non lo voglio!

DONNA FILOMENA: E va bene, allora mo'piglìo io, 'o porto a Don Carluccio, accussi si è coccosa è utile ne fa opera ‘e bbene. (prende il pacco) Allora io vado Donna Sofia, me vaco a preparà A dopo signor Podestà!!! (VIA)

ROMANO: Ma che venite  a ffá! Stateve a casa vostra! (Voltandosi verso il colonnello, vede che quest'ultimo sta ancora componendo il numero telefonico) E chisto stà ancora facenn!o nummero!!! Ma che state tiranno à tombola!!

COLONNELLO: (Al telefono) 'General Von Trappen...? Hèil Hìtler! Ja…ja….ja….sehr…gut...gut ... gut ... (gridando improvvisamente cambiando umore) Nein ... nein…! Alles Kaputt! Alles, Kaputt...

ROMANO: (in controscena) Colonnè, pure se non attaccate verite ca se sente'o stesso!

COLONNELLO: (continuando la chiamata)...Nein...nein! Kaputt! (riattacca sbattendo il ricevitore), Tutto benissimo! (come per spiegare) Io chiamato Berlino!

ROMANO: Comme, Berlino!!???!!!

COLONNELLO Ja! Capitále di Terzo Reich!!!

ROMANO: Uh Maronna...'a bolletta!

COLONNELLO: Io dovere chiamare Berlino tre volte al giorno e una volta a notte...

ROMANO E lei mi vuole far andare al fallimenten?!!

COLONNELLO: Was?

ROMANO: Fallimenten!!! E mo comme ce ‘ò spiego? Fallimenten! Quann'e sord nun ce stanno chiù! ... (il colonnello ancora non capisce) Bancarotta!

DONNA SOFIA: Quann’uno và a finnì ch’è pacc dint’all’acqua! Mò avite capito?? E che ce vò po’ fa capì! (VIA a cambiarsi velocemente)

COLONNELLO:Ah Ja! Nìcht preoccupare... pagare tutto Hitler!!!

ROMANO: Eh Hitler!! Chillo già sta chino 'e debiti, con tutta la roba che tiene da pagare mò se mette a pagare le chiamate vostre! Lasciate stare ci pensa Mussolini!!

COLONNELLO: Mussolini essere, vecchio melone!!

ROMANO: Uè titò! Ma che state dicenno?? E allora Hitler tiene i baffi a scopettino! Tiè!!

COLONNELLO: Come lei osare????

ROMANO: Come osare lei?? Lei insultare grande Ducen!!!

COLONNELUO: (risolutivo) Duce essere grande stronzo!! Heil Hitler (VIA)

ROMANO: Mi fa piacere, ih che bella considerazione! E meno male che sò alleati ... li dovrebbe sentire Mussolini: I tedeschi ... i germanici... gli alemanni: Zulù ... questo sono! Primma fanno tutta 'a parte e poi te mormoleano dietro (entra Elena con una sporta in mano e un abito incartato nel cellophan nell'altra mano, ma Romano non se ne accorge) embè tiene ragione mio padre quando dice che non bisogna fidarsi di nessuno soprattutto degli amici!

scena 4

(Romano – Elena)

ELENA: (Lo desta dal discorso sui tedeschi) Romano?

ROMANO: (sorpreso) Elena! Sei qui! (con istinto corre verso di lei per abbracciarla ma Elena respinge prontamente il suo gesto affettuoso in modo che Romano capisca l'azione fuoriluogo) Scusami non volevo!

ELENA: Mi sono trovata a passare di qui perchè devo consegnare questo vestito da sposa ad una persona che tu conosci molto bene. (riferendosi al vestito avvolto in carta) E' molto bello, sai! Peccato però che non puoi vederlo ... sai, porta male per lo sposo vedere l'abito da sposa prima del tempo!!!

ROMANO: E così ancora non vuoi credermi?

ELENA: (indifferente dell'obiezione di Romano).. Oggi ti sposi! Sarà una bella esperienza sposarsi, vero?

ROMANO: (Incassa e non risponde)

ELENA: (infierendo ancor più) Certo che non hai perso tempo con Pina, tu! Dovrà esistere un amore talmente forte tra di voi per arrivarvi a sposare da un giorno all'altro, non trovi?

ROMANO: Elena ... non è come pensi! Te l'ho già spiegato! Guarda in faccia la realtà…….        

ELENA: (con foga ma con rabbia contenuta) Io la sto guardando la realtà! E cosa vedo? Non vedo altro che l'uomo che affermava fino a pochi attimi prima di amarmi alla follia e che pregavo invano di sposarmi, adesso, tra poche ore si unirà per tutta la vita con un'altra che neanche consideravo!

ROMANO: Ma ascoltami.. fatti spiegare almeno!!

ELENA: (arrabbiata interrompe Romano) E cosa rai vuoi spiegare? Vorresti spiegarmi forse come mi hai raggirata , come ti sei preso gioco di me? Come mi hai presa in giro durante questi 2 interminabili anni? Questo vorresti spiegarmi? Mi hai sempre fatto credere che tu mi amassi, che tu eri lo scopo della mia esistenza (con rabbia e collera crescente) e invece alla fine hai gettato la maschera che indossavi e ho scoperto un Romano che non conoscevo; un uomo falso e bugiardo come tutti gli altri e che si nascondeva dietro un'apparenza di alta moralità e rispettabilità facendo sforzi enormi pur di sembrare quello che non era. Ma di tutto questo, la cosa che mi fa star più male è che non è mai esistito il Romano che amavo: amavo una persona che non esisteva o che forse me la dipingevo così come volevo che fosse. (All'apice della collera si avvicina a Romano)  Io…. ti odio per quello che mi hai fatto! ti odio, ti odio! Ti odio! (e con  tanta rabbia, iniziando a piangere batte dei pugni sul petto di Romano)

ROMANO: Elena! Elena! E dai smettila! Controllati!! (cerca di sedare la sua rabbia scuotendole le braccia, Elena calma la sua rabbila che si trasforma in un pianto e china la sua testa sulla sua spalla. Romani è silente e no sa che dire)

ELENA: (singhiozzando e gradualmente smettendo ch piangere) Io, Romano, mi sento confusa ... Mi sento ripudiata dal mondo intero. Prima le invettive tedesche contro noi ebrei, poi Mussolini che approva questi odiosi decreti razziali che ci fanno fuori da ogni cosa e poi alla fine ... ripudiata dall'unica persona che veramente sentivo come mio sostegno e che mi dava forza.

ROMANO: Ascoltami ti prego! Fatti spiegare, che ieri non mi hai dato modo, mi hai subito assalito, mi hai anche ferito sul serio, lo sai?

ELENA: (mesta e con un fil di voce) E le ferite che mi hai procurato tu ... in fondo al cuore non le consideri?

ROMANO: lo voglio soltanto dirti che questo matrimonio non è affatto frutto della mia volontà e giorno dopo poi ... Pina fino a ieri la conoscevo appena. ( le prende la mano) Io e te che amo, lo capisci..? E giorno dopo giorno te ne voglio sempre di più!

ELENA: (togliendo la sua mano da quella di Romano e allontanandosi) Parole già dette...Parole già ascoltate, parole già scritte sui romanzi d’amore ... ma che per me non hanno più alcun valore…

ROMANO: Ma perchè non apri gli occhi. Io se lo sto facendo è solo per il tuo bene e non voglio che tu...che tu...che tu...

ELENA: Che io?? Ma lo vedi? Hai finito anche le parole per giustificarti; proprio tu che avevi sempre parole da dire. Mi dispiace ma... d'ora in avanti le nostre vite si separano per percorrere strade diverse.

ROMANO: Ma non è così come dici!! Eppure hai visto che nonostante le dure opposizioni di tua madre e i decreti ho continuato ad amarti e a volerti bene più di me stesso. Ho messo a repentaglio la mia vita, la mia carriere di gerarca pur di starti vicino, ma adesso la situazione sta precipitando e devo allontanarti ... per il tuo béne!

FLENA: Ma cosa stai cercando di dirmi? Ma cosa sono questi lunghi giri di parole incomprensibili. Sii Chiaro: vuoi che mi allontani!? E non preoccuparti: l'ebrea impura, il mostro se ne va!! (abbassa lo sguardo e fa per andare).

ROMANO: Ma Elena perchè sei così cieca, così fredda e ostile e 'invece non cerchi di comprendere la situazione del momento? Te l’ho spiegato ieri, devi soltanto... aspettare!!

ELENA: E aspettare cosa? Che tu ti sposi e metti su famiglia con quella ... (con disprézzo) con quella Pina, lì?

ROMANO: E lasciala stare, lei non c'entra niente!

ELENA: Ecco! Anche la gelosia adesso! E quando c è gelosia ... c'è amore….!!!

ROMANO: Non voglio più ascoltarti! Sono stanco delle tue illazioni. Sò quello che sto facendo (tra sè e sè) almeno spero!... Ti sto chiedendo solo qualche giorno ... e dopo tornerà tutto com'era prima per me ... e per te! Credimi!

ELENA: Non ci crede! Non "posso" crederci!! Per me oramai è tutto cambiato e.... irrimediabilmente. Romano... anzi signor Podestà...addio (fa per andare poi si volta) e non cerchi di fermarmi! ah dimenticavo! Quella borsa è per lei. Dentro c'è il MIO regalo per il Suo matrimonio. Le faccio i miei migliori auguri sperando che con lei, almeno sarà più contento. (Elena va via)

ROMANO: Addio Elena. (Si siede). Io non lo so, ma perché è così difficile fare tutto, è così difficile amare!!! Sono stanco, sfinito e qui… c’è un regalo per me! per la mia felicità!!! (lo osserva, fa per aprirlo ma poi repentinamente lo mette via, e si alza) Ma cosa me ne faccio dei regali, della ricchezza, della dignità, della carriera se…se…quello che mi manca è il semplice amore di una donna…. “Elena” l’amore della mia vita!!!

SCENA 5

(DONNA SOFIA – CINZIANO – PERICLE)

Entra Donna Sofia da destra trafelata e ben vestita.

DONNA SOFIA: (preoccupata) Si è fatto proprio tardi! Devo andare a prendere la sposa e… (nota il pacco sulla scrivania) E stu pacco sta n’ata vota ccà! E’ meglio che ò levo a miezo chi ò sente il podestà. A detto che regali non ne vuole vedere. E mò add’ò ò metto! Ah si…mò ò metto dint’a stu mobile accussi ‘o podestà nun o vede. (pone il pacco nel mobile) E mò è meglio che scappo!! (apre la porta per andare via e si scontra con Pericle e il suo amico Cinziano con una chitarra) Uè Pericle e tu che ci fai qui, ancora ti devi andare a cambiare per la cerimonia?

PERICLE: Buongiorno Donna Sofia, ho fatto anch'io tardi, ma sapete sono andato alla stazione a prendere questo mio amico di Castellammare di Stabia. Si chiama Cinziano Farriciello ed è un bravo musicista! (presenta) Cinziano, lei è Donna Sofia Vanacore, la governante del nostro municipio.

DONNA SOFIA: Onorata!!! (baciamano) E come avete detto che vi chiamate Farriciello Cinziano? Ma che razza 'è nomme tenite?

CINZIANO: Tengo questo nome perchè nel 1911 quando mia mamma era incinta a me desiderava una bambina e perciò la voleva chiamare Cinzia come la buonanima della madre, però il destino, la fatal provvidenza ha voluto che io nascessi maschio e così….

DONNA SOFIA: (interrompendolo, mostrando vistosissimi segni di ansia) Va bene, va bene! Ma adesso devo andare, devo andare da Pina. Arrivederci a dopo!! (VIA)

PERICLE: (A Cinziano) Allora hai capito? Dobbiamo fare una bella sorpresa al podestà: quando Don Carluccio starà per sposarli, prima che loro pronunciano il fatidico "SI", noi due entriamo e cantiamo una bella canzone d'amore dedicata ai due sposi.

CINZIANO: Sarà divertente! Già me lo immagino!!!! Ma che canzone vogliamo fare?

PERICLE: Che ne diresti 'e cantà "'na sera 'e Maggio"?

CINZIANO: Ma 'o podestà nun se sposa oggi? E che cantammo a Maggio?

PERICLE: Ma è il titolo della canzone, stupido! (Trova repentinamente una soluzione) "Comme facette Mammeta” !!!

CINZIANO: (Inveendo contro Pericle credendo che lo stesse offendendo e posa la chitarra sulla sedia) Soreta e tutta a razza toia! Nun mettimmo 'a famiglia mmiezo che c'appiccicammo!

PERICLE: (Si guarda attorno circospeto e poi con aria sensuale) Io te vurria vasà!!"

CINZIANO: (spaventato e disgustato) Uhè, vattenne 'a vicino a mme! A me piacciono è fémmene, tu, me fai schifo!... e pure camme ommo me faie schifo!

PERICLE: Ma ch'aíe capito? Dicevo 'a canzone!!!

CINZIANO: AhhI Me pensavo io!

PERICLE: E poi io me vasavo a te! Ma fammi ò piacere (come se chiamasse qualcuno) “Marì…Marì”!

CINZTANO: (guardandosi attorno) E addò sta!! Falla trasi!

PERICLE: A chi aggia fà frasi?

CINZIANO: Maria!!!

PERICLE: E addò sta sta Maria?

CINZIANO: E io che ne saccio, tu l’aie chiammata; hai ditto "Marì… Marì"!

PERICLE: Ma tu si proprio scemo! Cinzià tu sei musicista? E che caspita,dico io, non riconosci i titoli delle canzoni? (colto da un'improvvisa ispirazione) Ciatame m'pietto!"

CINZIANO: Ma 'a vuò fernì?? Ma fussi nu poco...poco…..!!!????!!!!! 

PERICLE: "Ciatame m'pietto" T’arricuordi? A' canzone che cantavamo sempre!! (canta il ritornello) “Si me vuò bbene che pienze 'a ffà, ciatame m'pietto senza parlà!" Ed è proprio azziccata pò' podestà. (come per organizzarsi) Allora proviamo nu poco che è meglio accessi evitiamo figure 'e mmerda. Accumminciammo!!! Io canto e tu mi accompagni…

CINZIANO: E addò iamme!!

PERICLE: (lo guarda allibito) A' casa toia!! Scemo!!

CINZIANO: E che ce jammo a fare! Nun ce sta nisciuno!

PERICLE: Stronzo! Dicevo: accompagnami ... ma con la chitarra

CINZIANO: Ah (ora capisce, e corre a prendere la chitarra e fa per uscire) E mò addò iamme!

PERICLE: Ta scasso n'capa sta chitarra si non a finisci .... Devi suonare; io canto e tu suoni…

CINZIANO: Ah!!! E lo potevi dire subito!

PERICLE: Allora suona in LA…

CINZIANO:  (Si sposta più in lá)

PERICLE: Dicevo: Suona in LA!!!!

CINZIANO: (C .S.)

PERICLE: Bestia lascia stare e vieni qua! Cambiamo accordo tocca il MI, t’ho detto subito "Tocca il MI"! (Cinziano titubante pensa di sfiorargli la zona inguinale ma Pericle subito evita Patto osceno, allontanandolo di brutto) Maniaco ma che stai facendo! io ti chiudo nella cella dí sicurezza e butto via, la chiave, hai capito?!

CINZIANO: Ma tu l'hai detto. "Tocca il mio, tocca il mio"

PERICLE: Ma Cinziano ma comme si diventato maestro di musica, Cinziano?

CINZIANO: E nun mi chiama Cinziano, stu nomme nun me piace!

PERICLE: E comete t'avess'a chiamma Cicciobello!

CINZIANO: (offeso) E fà'o scemo tu! Cinziano camme nomme nun me piace!! Chiammame cu nu diminutivo....

PERICLE: (pensa) T'avess'a chiammà cu nu diminutivo? Allora t'avess'a chiamma. Cinzia!!

CINZIANO: Ma “Cinzia” è nu nomme'e femmene!

PERICLE: E allora t'avess'a chiammà ... ANO! Ma fammi il piacere! Và a zappà'a, terra che è meglio!

scena 6

(CINZIANO – PERICLE – DON CARLUCCIO)

(Bussano alla porta)

PERICLE: Chi è?

DON CARLUCCIO: (F.C.) Sò "Tarallucci e Vino Santo” (correggendosi) Sò Don Carluccio Colasanti!!

PERICLE: Eccomi, un momento! (va ad aprire la porta ed entra Don Carluccio con una valigia di cartone in una mano e non chiude la porta) Don Carluccio reverendissimo (gli bacia la mano), servo vostro!

DON CARLUCCIO: Cacace Maria non c’è?

PERICLE: E chi è!!! No, qua non ci sta nisciuna Cacace Maria!!

DON CARLUCCIO: Ma qua Cacace Maria?? “La pace sia con te”!!  Dio sia lavato!

PERICLE: E pecche è sporco! Ma che diciate?

DON CARLUCCIO: Mò accumminciate a nun me capì!! (Correggendosi) Dio sia lodato!

PERICLE: Sempre, sempre!! Comunque Don Carlù vi presento il mio amico Cinzíano Farriciello da Castellammare.

DON CARLUCCIO: (allarmato improvvisamente) E' fuiuto l’áuciello! E’ fuiuto l'auciello!

PERICLE: Chiurite 'e porte, nun 'o facite fujre! (chiude subito le porte e credendo che sia vero) Ma addo sta l’auciello!!!

DON CARLUCCIO: Qua, auciello!!!

PERICLE: E vuie avite ditto: è fuiuto l’auciello!

DON CARLUCCIO: Noo! Ma ch'è capito!! Stevo dicenno: “Cinziano Farriciello” mica "è scappato l'auciello”, e allora vuie vi chiamate Cinziano??? E come mai?

CINZIANO: Nel 1911 quando mia mamma era incinta a me voleva una bambina e perciò la voleva chiamare, Cinzia come la buonanima della madre, però il destino, la fatal provvidenza ha voluto che io….

DON CARLUCCIO: Uèèè! Basta! N t’aggio chiesto ‘a storia toia!

PERICLE: (per sedare) Don Carlù, questo amico mio è un bravo chitarrista e l'ho chiamato pè ffà na Bella canzone al podestà...

DON CARLUCCIO: Ah bravo! E tu si elettricista?

CINZIANO: Musicista, padre! Musicista!

DON CARLUCCIO: E io c’aggio ditto? M'a cagni n'a lampadina?

CINZIANO: Padre sono musicista non elettricista! Io non le cambio le lampadine!!

DON CARLUCCIO: Ma qua lampadine!Aggio ditto: me canti na canzoncina?

CINZIANO: E vuie dicite "me cagni'na lampadina!"

DON CARLUCCIO: E allora sì musicista? O' ssaie ca a mme me piace la canzone ca se chiamma. A’nzalata 'ncappucciata"!

CINZIANO: E chi 'a canta l'ortolano?

DON CARLUCCIO: (correggendosi) O'surdato nnammurato!

scena 7

(Cinziano – Pericle – DON CARLUCCIO – Marcello)

(Entra Marcello guardandosi attorno e con grande stupore)

MARCELLO: E qui è ancora tutto sano? Ma com'è possibile!! La bomba ha fatto fetecchia! Non è ancora scoppiata?

PERICLE: Quà bomba! (assale Marcello)

MARCELLO: Ah...no...niente! Dicevo:ehm... Per il matrimonio del podestà… ehm…_ho sistemato... in giardino dei fuochi. Non sono ancora scoppiati? Questo dicevo!!!! (impaurito) e perchè tu che avevi capito!

PERICLE: Bah! Tu sei sempre imprevedibile! Vedi, questo è il mio amico Cinziano Farriciello, e viene da Castellammare, sai, è un bravo musicista. Cinziano, lui è Marcello!

CINZIANO: (stringe la mano a Marcello) Cinziano Farriciello!

MARCELLO: Cinziano?!! (medita su questo nome) Ma che strano norne .... e come mai, vi chiamate così?

DON CARLUCCIO: Mò accumminciammo n'ata vota

CINZIANO: No, è una storia difficile e complicata....

MARCELLO: E dimmi qualcosa, sò curioso!

CINZIANO: Nel 1911 quando……

MARCELLO: Ahèèèèèèèè!!!!! Nel 1911?!?!?!?! E ccà'ò fatto è a luongo!! Accorcia cà vaco 'è pressa!!

CINZIANO: Dicevo! Quando mia mamma era incinta a me, voleva una bambina ma...

DON CARLUCCIO: (Urlando, a squarciagola) .Statte zitto! - Ma mettitelo 'na zizza mmocca!!!

MARCELLO: Ma Don Carluccio sulla scrivania stamattina stava un pacco... l'avete toccato voi? L'avessi toccato tu, Pericle?

PERICLE: No! Non ho visto nessun pacco…Ma com'era fatto?

MARCELLO: Era grande cosi (indica a gesti), avvolto nella carta blu con un grosso fiocco rosso. L'hai visto allora?

DON CARLUCCIO: Ah, si! L'ho visto io stamattina.L’hanno portato a "Pisa"!

MARCELLO: A Pisa?!!!??!

DON CARLUCCIO: No, vulevo dicere 'a cchiesa!

MARCELLO: Ma site sicura? E’ come ci è andato a finire?

DON CARLUCCIO: Stammattina è venuta Donna Filomena e me l'ha dato pè ne fà "ova e pepe”  .... pe ne fa opere 'e bbene! Pò è passata Elena "chella cà sotto à tene appesa" ... Elena 'a sarta, 'a flglia e Teresa e ce l'aggio dato! Nun sapevo che me n’'avev'a fa!

MARCELLO: (preoccupato) E mò, addò starà stu pacco?

PERICLE: (minimizzando) E vabbuò! Comunque Cinzià, noi dobbiamo andare a provare sennò si fa tardi e nun ce la facciamo (fa per andare con Cinziano verso la porta della cucina)

DON CARLUCCIO: (urlando come un venditore) Ginz...!! Ginz…!!

MARCELLO: (urlando anche lui). Magliette, cazrttini!!! Ma che state vendendo??!!?

DON CARLUCCIO: Ginz ... iano, te vulevo ricere na cosa! Pecchè 'a doppo nun puorti pure “a Luisa e a Monica" accussi ce facimmo 'na bella abballata!

CINZIANO: Ma che ricito padre! Che so sti ccose! Voi avete fatto il voto! Ahi,áhi,ahì! Luisa e Monica! Vecchio marpione!

DON CARLUCCIO: (Arrabbiandosi) Uè! Vecchio scarrafone ò ridici a soreta! Ma quà Luisa e Monica? Io aggio ditto "puorte pure 'a fisarmonica"

CINZIANO: E mi dispiace, nun 'a saccio sunà!

PERICLE: Jammo a pruvà che è neglio! Con permesso e a dopo (via in cucina con Cinziano).

MARCELLO: Don Carlù, che mi dite di bello?

DON CARLUCCIO: Niente! "Teng'alici sott'ombrello"!

MARCELLO: E perchè chiove! Non vi capisco quando parlate!

DON CARLUCCIO: Ho detto: Non dico niente di bello! (correggendosi) Me vulisse aiuta a mettere a posto ò banco? Tengo tutte cose a "Pariggi”!

MARCELLO: A Parigi?

D/CARLUCCIO: Tengo tutte cose dint’a valigia! Pigliami "'a tenaglia e 'o giravite fisso”!

MARCELLO: (apre la valigetta e cerca il richiesto) ma nun ce sta nisciuna tenaglia!!!

DON CARLUCCIO: Aggio ditto! Pigliami 'a tovaglia e 'o crocifísso!!

MARCELLO: (prende la tovaglia e la stende sul tavolo e poi lo stesso col crocifisso)"A tenaglia e o’ giravite fisso"!! Ma vide nu poco a cchisto!

DON CARLUCCIO: E mò pigliami “a tibia" !

MARCELLO: E che tenite l’osse dint’a sta 'valiggia? ... Vulisseve ricere `a Bibbia!"?

DON CARLUCCIO: E io, c’aggio ditto? E mò pigliami "alicia ca se `n tosta???!

MARCELLO: Ma che state dicenno? "Alicia ca se ‘n tosta!

DON CARLUCCIO: (arrabbiandosi) Pigliami ’o calice e l'ostia!

MARCELLO: (sistemando il richiesto) ma che lengua sgarrupata che tenite!

scena 8

(Don Carluccio – Marcello – Colonnello – Romano)

COLONNELLO: (FC) Nein, nein! Nicht da fare! (Entra seguito da Romano che lo implora. spudoratamente, quest'ultimo è vestito con l'alta uniforme) Io avere detto di no. Tu dovere sposare fidanzata, altrimenti kaputt! (abbaia)

ROMANO: Colonnè, vi prego!

COLONNELLO (insistendo) Nein, nein! Quello che essere detto, essere detto! Ja?!! (Tutt'ad un tratto diventa serio e malinconico) Wisst ihr, Vor vielen jahren, hatte ich eine sehr schone Freundin in Berlin, bevor der kríeg begann ... sie war italienerin, aus Neapel ... und sie war mit einem jungem judischem arbeiter von einer textilindustrie geheiratet. Ich liebte sie sehr, aber dann musste sie mit seinem mane unerlaubt in Italie zuruckkommen ... und ich habe sie nicht mehr gesehen...fur alle. Tu adesso capish?

ROMANO: (Trovatosi in difficoltà dalla prima parola) Ehm ...se se non era per le ultime tre o quattro parole... mi era tutto chiaro!

DON CARLUCCIO: Chisto parla peggio ‘e me!

MARCELLO: (A Romano) Ma che ha detto, n'aggio capito niente! Parlava camme nu giradischi scassato!

COLONNELLO: (Cs) Sapete, io aveva una volta fidanzata in Berlino prima che scoppiasse guerra. Era molto bella,era italiana, di Napoli… e era sposata con giovane operaio di industria tessile; un operaio ebreo. Io questa donna l'amava molto, ma poi misteriosamente lei essere partita col marito per l'italia e io l'ho persa di vista per sempre.

ROMANO:Che storia commuovente! Mi viene quasi da piangere!

MARCELLO: (A caricatura) Pure a me! Mi sta uscendo una lacrima!

ROMANO: E che c'entra questa vostra storia .. col mio matrimonio!

COLONNELLO: Tu e tua Freuindin Pina ricordare molto me e mia fraulein fuggita via, perciò io volere assolutamente che almeno voi essere felici, non come essere me successo.

ROMANO: Voi avreste pure ragione…ma mettiamo il caso che Pina non viene oggi.

scena 9
(
Romano – Colonnello – Don carluccio – marcello – Donna Sofia – Donna Filomena – Pina – Cinziano – Pericle)

(Entra Donna Sofia)

DONNA SOFIA: Ecco qua la sposa!

COLONNELLO: Che dicevate?

ROMANO: Niente! Dicevo che sono un uomo molto fortunato!

(Entra Pina vestita da sposa col velo bianco che le copre il viso, un bouquet di fiori in mano e lo strascico retto da Donna Filomena elegantemente vestita. Questa entrata avviene sulla base della marcia funebre)

MARCELLO: E come sta bella Pina! (A Donna Sofia) Però è proprio una bella ragazza, no!

DONNA SOFIA: E' vero! E’ proprio na bella ragazza!

MARCELLO: E dài Romano... scopri il velo della tua sposa!

ROMANO: (con estremo imbarazzo alza il velo dal viso di Pina)

PINA: (Appena Romano le scopre il viso) E così era solo uno scherzo. Mica ci dobbiamo sposare!! Era solo una finzione, eh!!?? Puh! (gli sputa in faccia)

ROMANO: (Rimasto impassibile a tutto ciò, con ulteriore imbarazzo riabbassa lentamente il velo) Ehm...ehm..è meglio che sta coperta, potrebbe prendere freddo!!

DONNA SOFIA: Donna Filomè, l’avete portato gli anelli?

DONNA FILOMENA: Si, non vi preoccupate, stanno qui, possiamo anche cominciare, se volete!!

ROMANO: Ma che cominciamo (allarmato)Aspettiamo ancora un pò!

COLONNELLO: Cos'altro dovere aspettare?

CINZIANO: (irrompendo entra presentando) Dedicata al podestà Romano Gargiulo e la sua neosposa...

ROMANO: Ma chi è mò chisto?!!

DON CARLUCCIO: E’ turnato nata vota ò scemo!!

CINZIANO: Signori, e signore, io, Cinziano Farriciello e Pericle Dematostene vi dedichiamo “Ciatame ‘mpietto”!

(Inizia la base musicale di CIATAME ‘NPIETTO, e durante, l'introduzione entra Pericle vestito superficialmente da contadina con una lunga veste e con un fazzoletto in testa, Cinziano intanto fa finta di suonare la chitarra, alla fine della canzone)

ROMANO: Ma Pericle cos'è sta pagliacciata?

DONNA FILOMENIA: (A Donna Sofia) Pericle 'a guardia!!!?????!!! S'è vestuto 'a femmena! Ma io l'avevo sempre

capito che era nu farinella!!

PERICLE: (denudandosi delle mentite spoglie) Ma signon Podestà, io vi volevo fare una gradita sorpresa!

DONNA SOFIA: Eh, si! Signor Podestà, in fondo che c'è di male, è una canzone che parla d'amore...come quello che c'è tra voi e Pina.

CINZIANO: (A Pericle) Mò aggio cantato, me vuò pavà!

PERICLE: (Facendo attenzione a non far sentire gli altri) Statti zitto Aropp, aropp! Sign. Podestà comunque lui è un mio amico e si chiama Cinziano Farriciello e viene da Castellammare di Stabia.

ROMANO: Ah, Cinziano??

PERICLE: (Capendo già la domanda di Romano) Nooo, signor Podestà, noooo!!

ROMANO: E come mai questo nome?

CINZIANO: Nel 1911... quando mia mamma era incinta a me desiderava una bambina e perciò la voleva chiamare Cinzia come la buonanima della madre, però il destino, la fatal provvidenza ha voluto che io nascessi maschio e così….

PERICLE: (durante la spiegazione di Cinziano, spiega a Romano) E che glielo avete chiesto a fare, mò non 'a fernesce cchiù!

CINZIANO: ………….e la voleva chiamare Cinzia come la buonanima della mamma...

DON CARLUCCIO: (minaccioso) Uè titò! Statte zitto che c’aie fatto na chiocca tanta!

CINZIANO: (Zittisce, pausa lunga e poi riprende) Ma mò chi m'adda pavà!

PFRICLE: Te vuò stà zitto! Te pav'io aroppa! Nun me fa fà figure è merda! Qui stiamo in un luogo serio ed è un momento solenne questo!

COLONNELLO: Silent, per favore!

(Un leggero vocio di polemica si alza man mano tra i presenti, ed intanto Don Carluccio cerca di zittirli dapprima in maniera blanda ma poi con decisione)

DON CARLUCCIO: Signori... Signori... signori! (Adirato) Uèèèèèèèèè Gente ‘e merd!

TUTTI: (Zittiscono)

ROMANO: E come vi permettete!

DON CARLUCCIO: (correggendosi) Uèè! Gentil ... mente, io vuless'accummincià!!!

COLONNELLO: Preghe, preghe! E il primo che interrompe...

MARCELLO: (facendo il verso) ... lo mando a casa, ah!!

COLONNELLO: Adesso il primo che disturbare: alles kaputt! Ja??

CINZIANO: ma a me chi me pava?

MARCELLO: Mò stu scemo accummencia cu chest'ata storia!

DON CARLUCCIO: (Si schiarisce la voce) E allora signor qui ' “fetenti” …..signor qui presenti, io inizierei cu "'na colazione 'e provola qffummicata" !... cu n'orazione 'e parole cò significato, Signori! (urlando come un venditore ambulante) “O’ pere e o’ muss”!!! “O’ pere e o’ muss”!!!

DONNA FILOMENA: A me me piace 'o pere e o' muss!!! Me date nu bello cartoccio!

DON CARLUCCIO: E che veng' o' pere e’o muss, io? (Correggendo) O' bene è 'o luss'e...ll'uommene, cumme diceve nu vecchio ”che fete”.. nu viecchio profeta. E io aggiungo alla sua "provola"...

MARCELLO:... Anche nu pruvuluncino 'e Lettere e nu quarto e mozzarella 'e bufala!

DON CARLUCCIO: E io aggiungo alla sua parola che "e monache stanno a casa d’e sette a ghi all'otto"!!

ROMANO: Quà monache??

DON CARLUCCIO: (Correggendosi) Che è ... l'amore. che sta'a bbase'e certi rapporti! Soprattutto in quello che adesso andiamo a ufficializzare…  (si sposta da dietro la scrivania e si interpone tra i due sposi portando con sé la Bibbia)  Tu, Romano Piscìaturo...

ROMAINO:(correggendo) Uè Gargiulo, Gargiulo, quà Písciaturo!

DON CARLUCCIO: Si, si! Tu Romano ... Gargiulo vuoi prendere 'a signurina "tutta 'n’fosa” …..

ROMANO: (stranito) S'è n’fosa? Ma è asciutta?

DON CARLUCCIO: Come tua ... sposa la signorina..(guarda ora Pina) pigliate la brioscia….

PINA: No, grazie, grazie!!! Figuratevi se proprio mò mi metto a mangiare la brioscia!!

DON CARLUCCIO: Ce stanno 'e briosce? E addò stanno?

PINA: E io che ne saccio. voi avete detto: Pigliati la brioscìa!!

DON CARLUCCIO: No! Ma ch’ai capito! Dicevo: Pina Labriola!!! (A Romano) Allora Romà vuoi rispondere: Si?

ROMANO: (Si guarda attorno e vede che tutti lo incitano a dire SI e lui titubante) éhm… Sì!

CINZIANO: (Interrompendo) Un momento, un momento! Ma primma che finisce sta storia, che voi vi sposate e ve ne andate; chi mi paga il lavoro che ho fatto?

PERICLE: Te scasso 'a chitarra 'ncapa si parli nata vota! Ma ti sembra questo il momento! Scusate andate. avanti!      

CINZIANO: (LAZZI: Continua ad insistere e Pericle cerca di zittirlo)

DON CARLUCCIO: Guagliò ... Si nun à fernisci te mengo' na seggia appriesso!

COLONNELLO: Io adesso essere veramente stufo di voi altri!! Prete andate avanti che serve solo SI di fraulein Pina e essere tutto finito!

PINA: Adesso tocca a me! Managgia, mannaggia! Romano, ringraziate Dio che non riesco a vedervi in faccia, senno avrei fatto il bis!!!

DON CARLUCCIO: E allora, tu, Pina Labriola vuoi prendere come tuo legittimo sposo il qui "presepe", il qui presente... Romano... Vafangulo!!!!

ROMANO: Gargiulo!! Gargiulo!!

scena 10

(tutti + PEPPIno – Teresa – ELENA)

 

(Entra improvvisamente Peppino tutto di corsa)

PEPPINO: Aiuto, aiuto! Sta venendo la signora Teresa, la sarta!

ROMANO: Uh, Gesù, la mamma di Elena! E da qua che vuole?!!??

PEPPINO: E che ne so, sta correndo qui con un fucile in mano!!!!

(Entra furiosa Teresa imbracciando un fucile, seguita da Elena, tutta piangente)

MARCELLO: (Romano intanto si nasconde dietro a Peppino) Mò, succede ò 48!!!

TERESA: Brutto delinquente di un podestà, dove sei? Fatti vedere! Fetente! Brutto farabutto! Esci fuori se ne hai il coraggio, vigliacco. Esci fuori che ti faccio sentire l'odore della mia scoppetta (Intanto Marcello fa segno a Teresa che Romano è nascosto dietro Peppino) Ah, stai là! esci fuori, fascistello da 2 soldi. Ti faccio vedere io che significa sedurre e poi abbandonare una povera bambina! ! ma nun te mietti scuorno?

MARCELLO: (Facendo il verso a Teresa) E' chello che dico pur’ío!!!

TERESA: Nun te mietti scuorno di illudere una povera  ragazza !!! (accarezza Elena) So due giorni che sta piangendo! Ma mò te faccio vedè io' !!!! (Inizia a rincorrere Romano per tutta la stanza).

COLONNELLO: (Stufo di ascoltare) Ein moment! Ein moment! Non schiamazzare! (guarda attentamente Teresa) Tuuuuuuuuuuuuuu!!!!!  Io... conoscere tu ... (A Teresa) Io conoscere questi occhi.... questi capelli...io ricorda'. Ma, siiii, Teresa!

TERESA: Oh, Rudolf???? Ma si, sei tu!!! (Calmandosi all'improvviso dalla sua isteria) Rudolf, come sei cambiato!!! Quasi non ti riconoscevo! Sei ancora più bello di prima!!!!

MARCELLO: (Al pubblico) E se mò è bello, figuratevi prima che cesso che era!!!!

ROMANO: Hai visto?

ELENA: Eh, come che ho visto!!! Ho visto che papà teneva 'e corna!

TERESA: Oh, figlia mia, che pensi ... è soltanto una vecchia storia di gioventù….io e Rudolf ci siamo conosciuti quando tuo padre lavorava a Berlino ... io mi annoiavo tanto a stare sola tutto il giorno in una città così grande... e allora....

DONNA FILOMENA: Allora semp corna si chiamano!!!!!

TERESA: State zitta voi!

COLONNELLO: Oh, Teresa, ora che io ti ho ritrovata, non ti volere più lasciare (preoccupato e circospetto) Ma essere ancora vivo tuo marito?

TERESA: Noooo! E’ morto da tre anni, poveretto…..

COLONNELLO: Allora noi avere tutta vita per stare insieme ... io non avere dimenticato tuo sguardo ... tue labbra...

TERESA: Oh, Rudolf!

MARCELLO: Ih che vutamiento 'e stommaco!!!

ELENA: Eh, le persone non le conosci mai abbastanza….

ROMANO: E questa era quella che gli facevano schifo i fascisti?? E certo ... quelli i tedeschi, poi, sò più belli!

TERESA: Zitto tu! Dopo quello che hai fatto alla mia povera Elena! Tu sei un mascalzone che non si merita niente! Tu sei un fascistello da due soldi che tiene addosso la divisa soltanto per fare lo spaventapasseri!

MARCELLO: E cumme mi piace sta signora Teresa!!!

PERICLE: Statte zitto!

ROMANO: (stufo) E mò basta, mò, eh!

TERESA: Niente basta! lo dovrei andarvi a denunciare ma non voglio rovinare l'onore di mia figlia che ha perso due anni dietro un miserabile come te!

ROMANO: Ah! E adesso sarei anche un miserabile?

TERESA: Statti zitto! Taci! Che non hai fatto altro che rovinare mia figlia!!! Non parlare!

ROMANO: E basta! Io parlo quando voglio! Sono sempre il podestà!!!!!

TERESA: E invece se parli io...

ROMANO: Che fate? Che fate!!!??

PERICLE: E basta!!! Adesso parlo io!

CINZIANO: (interrompendo) E io quando parlo? Quando mi pagate?

PERICLE: Ma che guaio c'aggio passato cu 'tte! Fate parlare a me!! In fondo, di tutta questa storia non ha colpa il podestà: lui ama ancora vostra figlia Elena, però quando ha saputo che sarebbe venuto qui un colonnello tedesco, conoscendo i rapporti tra i tedeschi e gli ebrei, il podestà ha soltanto cercato di allontanarla... ma solo per il bene di Elena! (A Elena) io ti assicuro che Romano ti ama davvero e solo per nasconderti e far tacere le voci del paese sulla vostra relazione segreta, ha fatto credere al colonnello e a tutti che fosse fidanzata con Pina.

PINA: (A Elena, togliendosi il velo da testa) E. poi io, mi fidanzavo veramente cu isso! !! P’ammore 'e Ddio!

ROMANO: Ma guarda nu poco a chesta!

PERICLE: Poi la situazione è precipitata...e per fortuna che tutto è andato per il meglio!!

ROMANO: Elena ho cercato di spiegartelo, ma non me ne hai dato modo!!

TERESA: E se la storia è andata così ... per il bene di mia figlia, a malincuore io ... io... ingiungo di sposarla!!!!

DON CARLUCCIO: Ingiunge! Ingiunge! Ingiunge!!

ROMANO: E col fatto che è ebrea come si fa?

COLONELLO: (Guardando Teresa con tenerezza) Provvederà io, non ti preoccupare!

ROMANO: (Contentissimo abbraccia Elena) e allora me la sposo subito!!!

TERESA: Vigliacchi come al solito! Elena, almeno il tuo onore è salvo! Grazie a tua madre!

ELENA: Grazie assai! (Corre a baciare la madre)

COLONNELLO: Ora noi potere pensare a noi due finalmente... dopo tanti anni!

TERESA: Mio adorato!!!

PERICLE: Eh bè, tutto è bene quel che finisce bene!

PINA: (Al podestà) Un momento!! Un momento! La signora Teresa ha ritrovato il suo colonnello, voi avete riconquistato Elena e la promessa che mi avete fatto?

ROMANO: Quale promessa?! (Adesso ricorda) Ah! Marcello vieni qua! Oramai tieni un'età ed è tempo di trovarti una donna bella e intelligente…

MARCELLO: (Puntualizza) Purchè comunista!!

ROMANO: Certo (Indicando Pina) Lì vedi c'è Pina…(gli parla all’orecchio)

MARCELLO: Ma....ehm ... è vero Pina?

PINA: (Timidissima) Si!!!!

MARCELLO: Ma tu non sei comunista!!!!

PINA: Ehm…. Io…. (apre il suo camice da infermiera mostrando un enorme falce e martello disegnata su)

MARCELLO: Si, sì Ti voglio bene Pina! Vieni da me!!!!! (pina sbaglia mira) Uè Pina io sto qua! (Pina lo abbraccia e lo bacia) E allora festeggiamo! (Baldoria dei presenti) Un momento che vado di là a prendere una bella bottiglia di anice per festeggiare tutti insieme. Peppino, compagno aiutami a portare i bicchieri! (VIA in cucina con Peppino).

CINZIANO: ma ccà ve state apparando tutti quanti!! Pè mmè n'aesce cocche femmina!

DONNA SOFIA: E che te pienzi ch'è n'agenzia matrimoniale?

DONNA FILOMENA: Ma che storie, che scoop eccezionali; mò Onna Sofi ammo voglia'e parlà dint’o quartiere!!!!

CINZIANO: Uè, ma mò che state tutti pace me vulite pavà???

DONNA SOFIA: Aspetta cacacacchio! Ccà soldi nun ce ne stanno, ma tengo nu regalo 'e lusso che m’hanno purtato. (va nel mobile ed estrae il pacco-bomba) Pigliatello e statte buono!

CINZIANO: Nu pacco-regalo? (lo prende) Sempre meglio di niente è!! io allora me ne vaco. Io, il mio l’ho fatto, grazie, grazie assai! Ce vedimmo à prossima canzone ... nun ve scuradte 'e me, si me vulite io stongo....

DON CARLUCCIO: Vatecocche!!! (gli lancia una scarpa mettendolo cosi in fuga. VIA Cinziano) Ass'a fa Ddio! Se n'è ghiuto! E allora ..alici, alici amici, amici. Mò me ne vaco pè l'utima votà a Amereca...ve faccio l'utima prereca! Ciò che trionfa, come dicono gli inglesi è Riso e ove!!!!

TUTTI: Come?

DON CARLUCCIO: E' Peace & love .... pace e amore!

Scena 11

(TUTTI)

MARCELLO: (Rientra con una bottiglia di anice, seguito da Peppino con tanto di bicchieri incolonnati) ecco qua l'anice! Auguri!!! (Si sente un forte boato all'esterno, come di una bomba) Ma che sta succedendo? I bombardamenti??

DONNA SOFIA: (spaventata) Uh, Gesù, ò terremoto!

(Si spalanca la porta ed entra Cinziano, tutto incenerito, vestito di brandelli con capelli. stizzati e la chitarra in mano rotta).

PERICLE: (Allarmato) Cinziano, che t'è successo?

CINZIANO: Che m'è successo? All'anema e chi v'ha muorto! Ma che c'avite miso dint'a pacco 'a nitroglicerina!!!!!!!!!!!!!!!

PEPPINO: Marcello, ma sta parlando del pacco nostro!!! Allora ha preso lui la bomba preparata per il colonnello!

CINZIANO: La bomba? M'avete dato una bomba? ma mò te faccio vedè io! (Rincorre Peppino per tutta la stanza fin uscire a sinistra)

PERICLE: Ma Cinziano, fermati cosa fai? (segue anche lui la corsa dei due fin uscire)

COLONNELLO: (Pensando) Bomba? Tu avere preparato attentato a me. Allora io avere ragione .... tu essere comunista (Pian piano gli si avvicina minaccioso) E sai tu che fine fanno i comunisti?

MARCELLO: (intimorito) Ehm...ehm...alles kaputt?

COLONNELLO: Nein!!! (Con accento marcatamente napoletano) E’ metto appiso tutti quanti! (A questo punto, il colonnello rincorre Marcello fin uscire a destra)

TERESA: Rudolf, dove vai? Torna qui! (segue anche lei i due a destra)

CINZIANO: (Rientra tutto sudato) E allora mò me vulite pavà si o no?

DON CARLUCCTO: Ma allora tu vuò ò male mio!! Vieni ccà! (Don Carluccio rincorre Cinziano minacciandolo col bastone fin uscire a destra).

(Marcello rientra correndo a gambe levate seguito dal Colonnello fin uscire di nuovo a destra)

ROMANO: Ma la volete smettere tutti quanti! Io l'ho detto questo è un manicomio altro che municipio

ELENA: E tu di questo manicomio, sei il re!!..... il mio re!!! (I DUE SI BACIANO)

! (La marcia musicale aumenta fin cancellare ogni rumore scenico).

Piano coreografico delle fughe finali

(Si accenderà il controscena creando un effetto silhouettes agli attori che corrono)

·Entra Cinziano che rincorre inveendo con la chitarra Don Carluccio, dopo due giri attorno alla coppia Romano Elena che stanno abbracciati a baciarsi è il prete ad avere la meglio e lo rincorre, ora, spaventandolo col bastone. Escono a destra

·Rientra da destra Marcello e spintona Romano, il quale adirato lo rincorre fin uscire a sinistra.

·Elena rimasta sola si impaurisce all'entrata del Colonnello da destra e scappa cosi verso sinistra seguita dal Colonnello.

·Rientra da sinistra Marcello e Peppino inseguiti dal colonnello. Il Colonnello entrerà col braccio proteso, e al centro scena il saluto tedesco diventa un invito da vigile urbano a fare entrare due soldati tedeschi imbraccianti fucili che rincorrono i due. Peppino e Marcello seguiti dal colonnello escono via a destra mai due soldati vengono distratti dalla bellezza di Pina e Donna Sofia.

·Le due donne spaventate scappano via facendo una gimkana per la stanza fin uscire a sinistra.

·Donna Filomena gelosa, corre lei dietro i due soldati fin uscire anche lei a sinistra.

·Entra Cinziano da destra rincorso da Don Carluccio. Dopo un giro Don Carluccio inciampa e cade, Cinziano fa per alzarlo ma da destra entra Teresa e lo spaventa facendogli ricadere Don Carluccio a terra. Teresa rincorre Cinziano fin uscire insieme a destra.

·Entra Donna Sofia minacciando con una scopa un soldato, seguiti da Donna Filomena con un battipanni che rincorre minacciosamente l'altro soldato che impaurito si dà alla fuga a destra. Via tutti i quattro personaggi a destra.

·Entra Pina a tentoni da sinistra ma non vedendo Don Carluccio a terra che cerca di alzarsi invano gli va a sbattere contro cadendo anch'essa su di lui!

·Entra Pericle, solleva Pina e rientrando da destra Marcello, quest'ultimo preso dalla gelosia rincorre Pericle fin uscire a sinistra seguiti da Pina.

·Don Carluccio si rialza, ma passando il colonnello seguito dai suoi 2 soldati lo rifanno cadere. Don Carluccio si rialza e rincorre con forza giovanile il piccolo esercito fin metterli in fuga a destra

·Romano insegue da sinistra Marcello col manganello seguito da Elena. Rientra però improvvisamente da destra Teresa col fucile che mette in fuga Romano, il quale tirando per il braccio Elena si mettono in fuga scappando a sinistra. Marcello approfitta della distrazione e scappa a destra.

·Entrano da destra stavolta i due soldati con i fucili puntati contro Marcello e Peppino correndo dopo un comico giro a sinistra.

·Da sinistra rientra Romano e Elena inseguito da Teresa. Teresa gli spara un colpo al sedere fin colpirlo. Romano dolorante si muove per la stanza mentre Elena cerca di calmarlo. Intanto Teresa come una matta gioisce come fanno le ragazze americane pon-pon.

·Mentre Teresa gioisce rientra da sinistra Pericle e i due soldati che rincorrono Marcello e Peppino. Marcello fa fare un doppio giro ai soldati fin che si scontrano cadendo a terra. Lui con Peppino si mette in fuga a destra. Pericle solleva le due guardie e lo rincorrono a destra

·Entra il colonnello da destra rincorrendo Donna Sofia e Donna Filomena scappando a sinistra, ma lo vede Teresa che si infuria e adesso minaccia il colonnello col suo fucile fin uscire a sinistra.

·Entra da destra Don Carluccio con un enorme martello rincorrendo Cinziano, fanno una gimkana attorno alla scrivania e riescono a destra.

·Romano fa per rialzarsi ma entra di nuovo Teresa da sinistra che gli lancia una palla fin colpirlo al centroscena. Teresa gioisce di nuovo e Romano cade di nuovo sostenuto da Elena.

·Rientra da destra il colonnello che stavolta corre dietro Pina, ma facendo per uscire a sinistra trovano di faccia Teresa che adirata rincorre i due per la stanza.

·A questo punto il gruppo si rincorre a vicenda.

·Intanto Romano e Elena osservano impassibili tale spettacolo di fughe finchè al crescendo rossiniano della marcia musicale lentamente si chiude il sipario.

(CHIUSURA SIPARIO)

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno