Il medico dei pazzi

Stampa questo copione

ALDO LO CASTRO

ALDO LO CASTRO

IL MEDICO DEI PAZZI

da E. Scarpetta

LIBERO ADATTAMENTO IN DUE ATTI

                             PERSONAGGI (in ordine d’entrata):

ONOFRIO, il pompiere

PEPPINO, il cameriere del Bar “Tazza d’oro”

MICHELINO, amico di Nicolino

VITTORIO, l’attore

ONORATA, la padrona della Pensione

AGATELLA, sua figlia

GIOVANNI, il direttore della Pensione

MIMI’, la vedova

NICOLINO, studente squattrinato e imbroglione

LUIGI, lo scrittore

ALFIO PENNISI, lo zio di Nicolino

CONCETTINA, la zia di Nicolino

FIFI’       le sorelle siamesi

LULU’

CARMELA, cameriera della Pensione

L’azione si svolge a Catania, ai primi albori del ‘900

ATTO PRIMO

La sala da the del bar “Tazza d’oro”, in via Etnea, a Catania. Sul fondo, un’ampia “vetrata” che dà all’esterno. A destra, ingresso comune. Arredamento non ricercato ma sobrio e accogliente.

All’aprirsi del sipario alcuni clienti sono seduti ai tavolini.

1 –

ONOFRIO – (chiama) Peppino!

PEPPINO – (entra da destra) Comandi.

ONOFRIO – Portami ‘n cafè!

PEPPINO – (Si rivolge verosimilmente a qualcuno che sta al bancone, naturalmente non visto) Un caffè caldo, grazie! (Al pubblico) Sì, sono Peppino, il cameriere del bar “Tazza d’oro”. E questi signori che vedete, sono clienti abituali. Di solito, sono gli stessi clienti della Pensione “S.Agata” ca sta  ccà ‘rreri, a due passi. Persone simpatiche, tutto sommato ma ‘npocu particolari. Si può dire che vengono ogni giorno. Si pigliano ncafè o ‘na bibita e stanu iurnati sani. ‘Stu signore, per esempio, si piazza ccà di capu matina. E scrivi, scrivi sempri. Si chiama Luigi e dici che fa lo scrittore… Mah!

ONOFRIO – Peppino! Il caffè!

PEPPINO – Arrivo! (Esce e rientra col caffè) Servito. (Al pubblico) E questo è Onofrio, ex pompiere. Pare che sia stato esonerato dal servizio per motivi di salute: esaurimento nervoso.

MICHELINO – Peppino, un cognac, per cortesia!

PEPPINO – (urla, sempre rivolto al banconista) Un cognac! (Esce e rientra con l’ordinazione) A lei. (Al pubblico) Michelino. Uno che, nonostante sia beddu sviluppatu, vive ancora alle spalle di so patri. Unu senz’arte né parte, insomma.

VITTORIO – Peppino!

PEPPINO – Comandi.

VITTORIO – Portami ‘n’autru cafè.

PEPPINO – Signor Vittorio, mi scusi… ‘sta matina si n’ha pigghiatu quattru cafè…

VITTORIO – I caffè mi aiutano a restare bello pimpante e a farimi ‘mparari a memoria il copione… Ma poi, chi t’haiu a dari cuntu a ttia?!

PEPPINO – Ha perfettamente ragione. (Solito urlo) Quinto caffè per il signor Vittorio! (Esce ancora e rientra col caffè) Quannu dici lei, ci ni portu ‘n’autru.

VITTORIO – Chi fai, ‘u spiritusu?

PEPPINO – No, io veramente…

VITTORIO – Stai al tuo posto, hai capito?

PEPPINO – Sissignore. (Al pubblico) Chissu, invece, è Vittorio e fa l’attore. Insomma… “attore”… La settimana prossima deve partecipare a uno spettacolo in una  parrocchia… e iddu non ci dormi ‘a notti. E pì forza: cù tutti i cafè ca si pigghia!

(Entra Onorata con la figlia Agatella)

ONORATA – Buon giorno! (Alla figlia) Saluta, cretina!

AGATELLA – Buon giorno.

(I presenti rispondono a soggetto. Le due donne siedono ad uno dei tavoli)

PEPPINO – (Al pubblico) La signora Onorata, la padrona della Pensione “S.Agata”, e sua figlia Agatella. Lei, la madre, non si può suppurtari… ‘A figghia, inveci, è completamente scema.

(Entra, trafelato, Giovanni, il direttore della Pensione)

GIOVANNI – Signora Onorata…! Dico… dico a lei stavo cercando!

ONORATA – Ma com’è ca non si può stare un minuto in santa pace?! Che c’è? Chi successi?

(Giovanni confabula con Onorata)

PEPPINO – (al pubblico) Giovanni, il direttore della Pensione “S.Agata”, una vittima della signora Onorata.

(Dopo aver ricevuto istruzioni, Giovanni esce rapidamente)

VITTORIO – (raccoglie il suo copione e si alza) I miei ossequi a tutti. (Via)

MICHELINO – Peppino, fammi ‘na cortesia. Se viene il signor Nicolino, fallo aspettare chè sto tornando. Il tempo di comprare le sigarette.

PEPPINO – Sissignore.

MICHELINO – (mentre si allontana, incontra, davanti alla vetrata del bar, la vedova Mimì) Oh, signora cara, come sta?

MIMI’ – (piagnucola) E come vuole che stia…

(Entrambi, via).

PEPPINO – (al pubblico) Quella che avete visto passare è la signora Mimì. Da quando è rimasta vedova, vive anche lei nella Pensione “S.Agata”. No, nel bar non entra mai, figuriamoci, ma tutti ‘a canuscemu, ‘nto quarteri.

NICOLINO – (entra) Peppino, si è fatto vedere il signor Nicolino?

PEPPINO – Sissignore. Mi ha raccomandato di farlu aspittari ca sta turnannu. (Al pubblico) Ed ecco il signor Nicolino, studente in medicina. Lo zio - che deve essere abbastanza denaroso - ci manna sempri, regolarmente un saccu di soldi ca iddu sperpera sempre, regolarmente al gioco e ch’e fimmini. Insomma, un simpaticunazzu!

LUIGI – Peppino, un caffè!

PEPPINO – La servo subito! (Al pubblico) Scusate, vi debbo lasciare. Come vedete, non ci haiu abbentu: si travagghia in sichitanza, per mia disgrazia! Ma vuautri, si non aviti nenti chi fari,non vi ni jti, accussì vi faciti quattru risati pirchì, in tutta confidenza, ccà ni succedunu di tutti i culuri…

LUIGI – E il caffè?

PEPPINO – Sta arrivannu. (Al pubblico) Con permesso. (Via)

ONOFRIO – (a Peppino che continua a scrivere) Amico mio, col fuoco non si scherza. Chi facemu, schirzamu? (Urla) Peppino, ci ‘u vo’ portari ‘stu schifiu di cafè al signor Luigi?

PEPPINO – (rientra e serve il caffè) Sì, sì…!

ONOFRIO – Chi ci pari, egregio amico, che è un mestiere ca ponu fari tutti? Uno ci deve nascere pompiere! (Pausa. Sbircia tra i fogli di Luigi)  Ma sempri ca scrivi, lei?

LUIGI – Perché, le do fastidio?

ONOFRIO – No, che c’entra il fastidio… Io per lei, lo dico: poi si stanca e finisci ca ci vunchiunu l’occhi…

LUIGI – (interrompe per un momento il lavoro) No, non su’ locchi ca mi vunvhiunu a mmia!

ONOFRIO – Si pigghiassi ‘u cafè ca s’arrifridda. Come le stavo dicendo, unu ci ha nasciri pumperi! Lo sa che cosa mi diceva sempri il maresciallo Risicato? “Caro Onofrio, in questo mondo, c’è cu’ nasci parrinu, cu’ nasci medicu…

LUIGI - … e cu’ nasci bestia.

ONOFRIO – Bravo! E comu ‘u sapi? Chi canusci ‘u maresciallo Risicato?

LUIGI – No.

ONOFRIO – Accussì mi diceva: “C’è cu’ nasci bestia e c’è cu’ nasci pumperi. Tu, Onofrio, non c’è nenti da fare: nascisti c’a pompa ‘nte manu!”

LUIGI - … e mori c’a pompa ‘nte manu!

ONOFRIO – E poco c’è mancato! Ci ‘a cuntai di dda vota quannu s’abbruciò ‘a fabbrica, vicinu a’ piscaria…?

LUIGI – Quali fabbrica?

ONOFRIO – Chidda d’o cavaleri Calanna… ‘A fabbrica d’o ghiacciu…

LUIGI – (ride) S’incendiò ‘u ghiacciu?!

ONOFRIO – E’ inutili ca ridi… Vuleva vidiri a lei, al mio posto! Fuoco e ghiaccio, caro mio… Ghiaccio e fuoco! Cascavanu certi balati di ghiacciu di ‘sta purtata! Una scena apoplettica! E una di queste balate, caro amico, mi si chiantò ccà, ‘nto battisimu! Un dolore formidabile!

LUIGI – Deve avere un bellu battisimu resistenti, lei. Complimenti.

ONOFRIO – Cui, iù? Iù ‘a testa dura ci l’haiu!

LUIGI – Me ne sono accorto.

ONOFRIO – Comunque, per farla breve, mi si formò un bitorzolo ca pareva ‘na mulinciana turca! Ma curiosamenti, amico bello, il ghiaccio mi colpì, il ghiaccio mi salvò. Lassu ‘a pompa e alzo l’ingegno: acchiappu ‘mpezzu di ghiacciu – ‘u cchiù friddu ca potti truvari – e m’u ‘ncuppulai nella parte vunchiata, a usu di cappata… che lei sa che è miracolosa per ogni genere di ematomba.

LUIGI – A proposito di cappati… c’ha fari assai, lei? Perché dovrei continuare a scrivere…

ONOFRIO – E pirchì non scrivi…? (Pausa) Scusi se sono troppo discreto… chi è ca sta scrivennu?

LUIGI – La mia centocinquantesiama novella. La sto scrivendo per un giornale del nord…

ONOFRIO – Capezzoli! Ci hanno pubblicato 149 novelli?

LUIGI – No, mancu una. Ma io sono tenace e insisto: continuo a scrivere. Videmu cu’ si stanca prima!

ONOFRIO – Scusi sempri la discrezione… ma lei chi è ca scrivi?

LUIGI – E quantu voti…? Novelle!

ONOFRIO – Ho capito. Ma chi generi di novelli?

LUIGI – D’amore. Ma lei che cosa ne può capire? L’amore, egregio signore, è al centro dei miei scritti. Anzi, ne è il motore.

ONOFRIO – Cangiassi muturi.

LUIGI – Non ho afferrato.

ONOFRIO – Cangiassi argomento. Se l’amore a chissi del nord con c’interessa, si jttassi su altre cose… Chi sacciu… per esempio…Ci ni dicu una: Le avventure di un pompiere coraggioso… Ce ne potessi raccontare, caro mio…

LUIGI – L’incendio della fabbrica d’o ghiacciu, per esempio…

ONOFRIO – Per esempio.

LUIGI – Ca ci pari. Chi lo sa? Può essiri ca cuntannu minchiati, haiu cchiù furtuna.

ONOFRIO – Minchiati?! Storie pazzesche e incredibili!

LUIGI – Appunto: minchiati.

PEPPINO – (si avvicina al tavolo) Servo qualche altra cosa?

LUIGI – No, grazie.

ONOFRIO – Nemmeno per me, grazie.

PEPPINO – Prego. E allora, porto il conto?

LUIGI – Sì, porta il conto.

(Peppino s’allontana)

ONOFRIO – LUIGI – Naturalmente, il conto lo pago io.

ONOFRIO – LUIGI – Ci mancherebbe, non lo permetto!

ONOFRIO – LUIGI – Lo vuole pagare lei?  Come vuole, grazie. (A Peppino che sopraggiunge col conto) Peppino, sul conto del signore, grazie.

(I due si alzano)

PEPPINO – Prego. (Si allontana, stordito)

LUIGI – Mi tolga ‘na curiosità: come mai ha lasciato il servizio?

ONOFRIO – Non è che l’ho lasciato io… Una bestia di medico, ‘na matina, mi fici quattru dumanni e si ni jvu. ‘U jornu dopu: dimesso per motivi di salute! Ha capito? Ora, dicu, chi ci paru unu malatu, iù?

LUIGI – Completamente. (Lo prende sottobraccio) Havi chi fari?

ONOFRIO – No.

LUIGI – E allora, facemini du’ passi  e nel frattempo, mi cunta qualche altra minchia… qualche altra bella avventura…

ONOFRIO – A disposizione. Ci ‘a cuntai di dda vota…

(I due escono per la comune).

2 –

(Rientra Michelino)

NICOLINO – Finalmenti! Ma unni schifiu t’a fai?

MICHELINO – Calma… calma… Che è successo?

NICOLINO – La catastrofe! L’apocalisse!

MICHELINO – Cioè?

NICOLINO – Addiu fimmini, addiu divertimenti…! La catastrofe!

MICHELINO – E pirchì?

NICOLINO – Mio zio è arrivato a Catania.

MICHELINO – Tò ziu Alfio?

NICOLINO – Sì.

MICHELINO – No?!

NICOLINO – Si ti dicu di sì, pirchì m’ha fari ripetiri i cosi deci voti?

MICHELINO – Era un “no” di meraviglia…

NICOLINO – E il mio era un “sì” di preoccupazione! E’ arrivato con moglie e figlie al seguito!

MICHELINO – No?!

NICOLINO – ‘N’autra vota…?

MICHELINO – Era un altro “no”…

NICOLINO - … di meraviglia, ho capito!

MICHELINO – Scusa.

NICOLINO – Varda, varda comu staiu trimannu…!

MICHELINO – E ora unni su’?

NICOLINO – In albergo. Li ho accompagnati all’albergo Dei Fiori.

MICHELINO – Bravo. Hai fatto bene.

NICOLINO – In che senso?

MICHELINO – Nel senso che è un albergo comodo e finicchiu.

NICOLINO – Ma chi si’ scemu?

MICHELINO – Pirchì, non è bonu l’albergu?

NICOLINO – Ma chi caddu m’interessa dell’albergo. Il problema è ca ora mè ziu scopri l’altarini!

MICHELINO – Veru. Quali altarini?

NICOLINO – Pirchì t’ha fari dari ‘na jangata?! Comu, iù cercu a ttia per un aiuto, un consiglio… e tu, inveci, ci hai ‘u sbaddu?!

MICHELINO – Avaja! No’ capisci ca scherzu per sdrammatizzare…?

NICOLINO – Tu non devi sdrammatizzare! Tu mi devi aiutare, hai capito?

MICHELINO – Ho capito, non t’incazzari.

NICOLINO – Chiddu havi cinque anni ca mi manna soldi… Più di centomila lire!

MICHELINO – Iù t’u diceva: Nicolino, stai attento… Nicolino, non esagerare…! Ora, lassamu stari i fimmini e tuttu chiddu ca t’hannu custatu… ma tu, figghiu miu, ti fissasti macari c’o jocu…!

NICOLINO – Hai ragione.

MICHELINO – Ma poi, si perdi sempri, pirchì continui a ghiucari?

NICOLINO – Ti sto dicendo che hai ragione. Fammi ‘n favuri: ammazzami!

MICHELINO – Iù non c’entru. L’unica persona aitorizzata è tò ziu. Fatti ammazzari di iddu.

NICOLINO – E chiddu pì daveru m’ammazza! Nelle lettere ca ci haiu mannatu, in tutti questi anni, ci su’ cchiù minchiati ca virgoli! ‘U sai chi ci arrivai a scriviri? Che mi sono laureato, da sei mesi!

MICHELINO – E ddocu ‘a scafazzasti fracita!

NICOLINO – E non contento, ci mannai a diri che mi giovavano altri soldi perché dovevo aprire una clinica psichiatrica. E ddu mischinu mi mannau ancora soldi… per la caparra, l’acquisto dei mobili…

MICHELINO – Congratulazioni veramente. Sei un artista, propriu! Ma di unni ti venunu…? Scusa, una curiosità: pirchì giustu ‘na clinica psichiatrica?

NICOLINO – Pirchì lo zio Alfio ci havi un debole per queste cose. Pensa che ha deciso di costruire, al paese, un ospedale.

MICHELINO – Un ospedale?!

NICOLINO – P’è pazzi.

MICHELINO – De gustibus…

NICOLINO – E io lo dovrei dirigere.

MICHELINO – E va be’, macari senza laurea, ‘u po’ dirigiri ‘u stissu. Tantu, i pazzi chi ni sannu di laurea, non laurea…

NICOLINO – Iù staiu friennu e tu ci hai ‘u sbaddu…!

MICHELINO – Non ti preoccupari, c’a testa ca ti ritrovi… No, dicu, con la tua testa artistica e vulcanica, sempri ti veni qualche bella idea.

NICOLINO – Non sai l’ultima… Ieri sira, persi milli liri cù don Calogero!

MICHELINO – Appostu!

NICOLINO – E tu ‘u sai comu arraggiuna chiddu! Si non ci dugnu i soldi in giornata… non sacciu comu mi finisci!

MICHELINO – E tu, in giornata, di unni i pigghi ‘sti milli liri?

NICOLINO – A mmia m0u dumanni…? Michelino, mi sentu mali! Ccà, si non ni veni qualche pinsata…

(Ad un altro tavolino)

ONORATA – Peppino, arrivano i ciccolatti?

PEPPINO – Eccomi. (Serve le due cioccolatte)

ONORATA – Chi fa, ‘a isti a pigghiari ‘nta l’Africa, ‘sta ciccolatta?

PEPPINO – Le chiedo scusa.

ONORATA – Le chiedo scusa, le chiedo scusa… e intanto, io e la mia figliola havi ‘na menzurata che aspettiamo come due citrole!

PEPPINO – Non succederà più.

ONORATA – E i briosci? Ti hai scordato i briosci, nevvero?

PEPPINO – Provvedo subito, signora. (Si allontana)

ONORATA – Ora, fammi aspittari un’altra bella menzorata!

AGATELLA – Mamà… iù, ccà, m’affruntu!

ONORATA – Ma di cu’ t’affrunti, scunchiuruta?! Senti, Agatella, sugnu tò matri e t’ u pozzu diri: si’ antipatica, gioia. Cù ‘stu carattiri bestia ca hai, finisci ca resti zitella!

AGATELLA – E a mmia, non m’interessa nenti!

ONORATA – E a mmia, m’interessa, inveci! Iù sugnu stanca di cummattiri cù tutti! Appena ti mariti, iù, ‘nta pinsioni, ci lassu a Giovanni e mi ni vegnu a stari cù ttia. Vogghiu fari ‘a patruna ‘nta tò casa, ci permetti?

AGATELLA – Ma si non si presenta nuddu, chi ci pozzu fari, iù, mamà?

ONORATA – Ci po’ fari, ci po’ fari! Intantu, ha cangiari carattiri. L’ha finiri d’affruntariti sempri. E poi, cerca di fari ‘na facci cchiù allegra, figghia mia! Cù ‘sta facci di martoriu, cu’ voi ca s’avvicina? Devi essere cchiù vispa, cchiù spiritusa…! E ridi, gioia, arriri ca non costa nenti!

PEPPINO – Ecco le brioches, signora. Ancora calde, signora!

AGATELLA – (ride) Bih, vero, sono calde calde…! Come sono contenta!

ONORATA – (la guarda severamente) Macari iù sugnu contenta.

PEPPINO – Sono contento che le signore siano contente.

ONORATA – “Io” sono una signora. La mia figlia ancora è signorina.

AGATELLA – (ride) Sì, sono ancora signorina, io!

PEPPINO – Certamente. Una signorina. Una bella signorina.

AGATELLA – (c.s.) Sono signorina e mi chiamo Agatella… abberu mamà?

ONORATA – Peppino, i ciccolatti i purtasti, i briosci macari e dunque ti ni po’ jri.

PEPPINO – Sì, signora. (Si allontana)

ONORATA – Ma chi è c’arridi? Chi c’è da ridiri, scimunita?

AGATELLA – Non m’u dicisti tu che debbo ridere, mamà…?

ONORATA – Ma si non c’è motivo, c’arridi a fari, cretina? E poi, ti metti a darici cunfidenza o’ cammareri?! Chi figghia bestia!

AGATELLA – Mamà… varda cu c’è ddà…?

ONORATA – Cu’ c’è?

AGATELLA – Lo studente di medicina ca sta nella nostra Pensione. Il signor Nicolino.

ONORATA – Il signor Nicolino. E allura?

AGATELLA – Chistu va pazzu pì mmia, mamà! A ieri ni ha fermato e mi fa: signorina, lei è troppo simpatica, troppo bella…

ONORATA – Ma chi mi sta’ dicennu? E… tu?

AGATELLA – E iù ci dissi: nonsignore, semmai lei è troppo simpatico!

ONORATA – Brava! Chissu è un partitu bonu! Ddocu, i soldi non mancanu di sicuru!

AGATELLA – Mamà, no’ taliari, no’ taliari ca m’affruntu!

ONORATA – Non ricuminciari, ah? Mu8ta, muta ca ci pensu iù. (Chiama in modo ostentato per attirare l’attenzione) Cameriere!

PEPPINO – Comandi, signora.

ONORATA – (c.s.) Pì cortesia, portami quantu du’ zoddiri di zucchero!

PEPPINO – Subito.

ONORATA – (c.s.) Cameriere! Du’ zoddiri per me e du’ zoddiri per la mia figlia Aagatella, hai capito? (Alla figlia) Ma ‘stu Nicolinu chi è surdu? (Lo chiama) Dottore! Dottore!

NICOLINO – Oh, signora carissima…! Mi scusi… ero distratto. Stavo discutendo con il mio amico e dunque…

ONORATA – Abbiamo fatto una scommessa, io e la mia figlia qua presente. Essa diceva di no e io dicevo di sì…

NICOLINO – Non ho capito.

ONORATA – Essa diceva che lei non era lei. Io invece dicevo che lei era lei. (Alla figlia) Hai visto che è il dottore Nicolino, sciocchetta? (A Nicolino) E come sta, come sta?

NICOLINO – (distrattamente) Chi?

ONORATA – Come, chi? Ca lei, dottore!

NICOLINO – Ah, bene, grazie.

(Peppino porta lo zucchero alle due)

ONORATA – Me ne congratulo. E… come si trova, come si trova nella nostra Pensione?

NICOLINO – (c.s.) Chi?

ONORATA – Ca lei dottore! Come si trova?

NICOLINO – Ah, bene, grazie.

ONORATA – Chi bella Pensione, nevvero? Cameri comodi, cucina familiare… nevvero?

NICOLINO – (c.s.) Chi?

ONORATA – La pensione, dottore…

NICOLINO – Ah, bene, grazie.

ONORATA – (confusa) Prego. (Ma non demorde…) Deve sapere che la mia figlia qua presente, no pirchì è qua… ma è veramente terribile, per la pulizia! Controlla uno di tutto! Non può sombortare nemmeno una filinia o s’annunca una scaglia di provola…! Nenti, proprio! (Alla figlia) Sì, a mmia sta scutannu, chissu! Ma chi è ca ‘ncucchi? E’ pazzu pì ttia, sì, mi ni staiu addunannu! Senti, susemini ca mi siddiai, ora. Cammareri!

PEPPINO – Dica, signora.

ONORATA – Quanto vengono i du’ cicculatti e i du’ briosci?

PEPPINO – Come “quando vengono…” Perché, non l’ho già servita…? Ah, sì, 70 centesimi.

ONORATA – (gli dà il denaro) Ecco qua. Il resto ti serve da mancia. Arrivederci. (Alla figlia) Ancora assittata, si’? Ca susiti! (A Nicolino) Dottori, arrivederlo!

AGATELLA – (ride) Arrivederlo!

ONORATA -  Minchiuni, quant’è maladucatu! E ‘st’autra ca ridi comu ‘na scema!

NICOLINO – (distrattamente) Arrivederci.

ONORATA – Sì, sì, arrivederci! (Via, con Agatella)

3 –

NICOLINO – Ahu, ma su’ curiusi, matri e figghia! Unu ci havi i so’ pinseri… Allura, che te ne pare della mia idea?

MICHELINO – Quali idea?

NICOLINO – Ma tu, quannu iù parru, mi senti o no?

MICHELINO – Certu ca ti sentu.

NICOLINO – E allura si vidi ca senti ma non capisci. Ripeto: se a mio zio dico che devo comprare un apparecchio che serve per il cranio e il cervello umano… secondo te, iddu non m’i duna i milli liri?

MICHELINO – Secunnu mia, no.

NICOLINO – E se ti aggiungo ca mè ziu è scemu?

MICHELINO – Allura, t’i duna.

NICOLINO – Chiddu ammucca la qualsiasi. Havi anni c’ammucca! Giusto ora, improvvisamente, dovrebbe avere un attacco d’intelligenza?

MICHELINO – Speriamo di no.

NICOLINO – Il problema… il vero problema, invece, è un altro. E se, putacaso, vuole visitare la clinica?

MICHELINO – Quale clinica?

NICOLINO – Michelino, la clinica che io avrei aperto, la clinica dei pazzi!

MICHELINO – Ah, veru.

NICOLINO – Unni ‘a pigghiu ‘a clinica?

MICHELINO – E unni i pigghi i pazzi!

NICOLINO – E certu. Ammesso ca trovu ‘a clinica, mi mancanu sempri i pazzi…

MICHELINO – Oddio, pazzi ci n’è tanti, peri peri…!

NICOLINO – (sorride, illuminato, lo bacia)  Mi vinni! ‘A pinsata mi vinni! Sono un genio!

MICHELINO . Parola d’onore, tu mi fai paura…

NICOLINO – Se ‘u ziu insiste ca voli vidiri ‘sta clinica, ‘u portu alla Pensione “S.Agata”!

MICHELINO – Alla Pensione… E i pazzi?

NICOLINO – Ma pirchì i clienti d’a Pensione “S.Agata” ti parunu normali?

MICHELINO – E tu ne sei un esempio!

NICOLINO – In ogni caso, ci dicu ca ‘a clinica la può visitare ma senza parrari, senza diri nenti… Anche perché – si sa – al pazzo, unu non è ca ci po’ diri ca è pazzu! Giustu?

MICHELINO – Ma chi ni sacciu…? Mi facisti ‘mbriacari, bedda matri…!

NICOLINO – E accussì, una volta ca ‘u ziu vede “la clinica” e vede “i pazzi”, si ni torna o’ paisi e tutto è a posto.

MICHELINO – E tutto è a posto.

NICOLINO – Mi vinni n’autra pinsata!

MICHELINO – Madonna d’o Carminu!

NICOLINO – Ora, tu veni cù mmia, in albergo, dallo zio e ci facemu cridiri che sei uno dei pazzi della clinica… sotto la mia cura personale.

MICHELINO – Tu si’ pazzu!

NICOLINO – No, ‘u pazzu si’ tu. Ma, intendiamoci, un pazzo calmo, innocuo… La follia… La follia artistica… musicale. Tu sei fissato di essere un grande tenore!

MICHELINO – Ma quannu mai?!

NICOLINO – Dimmi che sono un genio!

MICHELINO – No, tu si’ strunzu!

NICOLINO – Varda… varda… i brividi, i brividi mi venunu…!

MICHELINO – Macari a mmia!

NICOLINO – E l’opera ca ti fici perdiri ‘a testa è… Il Rigoletto!

MICHELINO – Ma quali Rigoletto d’Egitto?!

NICOLINO – No, chidda è l’Aida… ti sta’ cunfunnennu…

MICHELINO – Nicolino, basta! Levaci ‘a farsa!

NICOLINO – Seguimi, bestia! Se mio zio vidi a ttia ca fai ‘u pazzu, ca sgaddarozzi l’occhi… può essiri ca s’imprissiona e ci passa ‘u pitittu di vidiri ‘a clinica. Hai capito?

MICHELINO – No.

NICOLINO – T’u spiegu n’autra vota…

MICHELINO – No, no… di capirlo, l’ho capito ma t’u po’ livari d’a testa!

NICOLINO – Ti sto chiedendo ‘na piccola cortesia e tu fai ‘u difficili! Appoi dici ca mi vo’ beni!

MICHELINO – Cu’ ti l’ha dittu mai?!

NICOLINO – Finemula con le chiacchiere e veni cù mmia! (Lo trascina)

MICHELINO – Te lo ripeto: tu mi fai paura!

4 –

(Al di là della vetrata, appare la zia Concettina, poi zio Alfio e, infine, le due sorelle siamesi Fifì e Lulù)

CONCETTINA – (urla inviperita a qualcuno…) Sdisonesti e facchini!

ALFIO – (idem) Vi dugnu ‘ncolpu di ‘stu vastuni ca vi spaccu ‘u chicchimiddu, vastasi!

(Si sente una sonora pernacchia)

NICOLINO – E chi vinniru ccà?! (A Michelino) Ritocchiamo il piano: torna fra deci minuti. Tu sei un pazzo scappato dalla clinica… Mi basta c’arrivi di cursa e cù l’occhi di fora… al resto penso io! Vatinni!

MICHELINO – Ma cu’ mi ci purtò a mmia, stamatina…? (Via, di corsa)

ALFIO – (ancora piuttosto agitato, si rivolge verosimilmente agli energumeni di prima) Ringraziati o’ Signuri ca ci su’ fimmini! (Altra pernacchia) Ah, sì? Lassatimi ca ci rumpu i corna!

(Viene trattenuto dalla moglie e da Nicolino che interviene, nel frattempo)

NICOLINO – Zio, basta, ora, calmati! Ma chi successi? Viniti ccà, assittativi…

ALFIO – Grandissimi cosi fitusi! (Si calma a fatica. Siede, imitato dalle altre)

NICOLINO – Ma si può sapere che cosa…

ALFIO – Ma comu si stila a Catania? Perciò, un galantuomo camina per la strata, assieme alla sua rispettiva famiglia, e veni preso a pernacche e maleparoli?!

CONCETTINA – E chi sorti di pernacche!

FIFI’-LULU’ – E chi maliparoli!

NICOLINO – Ma a vuatri cu’ vi ci purtò a nesciri dall’albergo? Non vi dissi ca vineva iù, a pigghiarivi?

ALFIO – Abbiamo pensato di fariti un’improvvisata. ‘U purteri di l’albergo ni dissi ca t’a fai spissu in questo bar e…

NICOLINO – Vuatri, improvvisati non mi n’hata a fari! ‘U viditi, poi, chi vi succedi?

ALFIO – Sdisonesti e maladucati!

NICOLINO – Ma su’ carusazzi, ziu…

ALFIO – Carusazzi?! Su’ delinquenti!

CONCETTINA – ‘U sai chi ci dissiru a ‘sti figghiuzzi mei? Matri, mi veni di chianciri…

ALFIO – Ci dissiru: o i scucchiati o i purtati o’ circulu equestri! Hai capito?

CONCETTINA – E iù ci rispunnii: Cosa fitusi, sono siamesi!

ALFIO – “Allura su’ du’ jatti! Ma chi fa, rattunu?”

FIFI’ – Mi dissiru ca sugnu ‘na jatta!

LULU’ – Macari a mmia!

CONCETTINA – Disgraziati e farabutti!

ALFIO – Selvaggi! Poi, non contenti, si misiru a ‘nsurtari a tò zia!

CONCETTINA – Beddamatri, ci stava dannu ‘ncolpu di scarpa!

ALFIO – Però, tu ‘n’autra, di unni ti vinni a mittiriti ‘sta sorta di cappeddu?

CONCETTINA – Pirchì, chi havi ‘stu cappeddu?

ALFIO – Ma si pari ‘na nassa cù du’ mazzi di lattuchi! Pì forza, t’hanu a sbintari i cristiani!

CONCETTINA – Zaurdu tu e iddi! Chissu è all’ultima moda!

NICOLINO – E va beni, non vi sciarriati, ora!

ALFIO – Cridimi, Nicolino, iù non m’i vuleva purtari ma tutti tri si misiru a camurria: zuchiti, zuchiti, zuchiti, zuchiti! Ci dissi: viditi ca ‘u viaggiu è longu. Ci su’ la bellezza di trenta chilometri… e poi, non sapemu chi truvamu a Catania…! Stativi intra! No! Pì forza, vosiru veniri!

CONCETTINA – Si tu eri ‘n’autru, inveci, i mittevi a postu a ddi quattru sciamuniti cchio’ssai di tia! E non permettevi ca ‘nsurtavano a tò muggheri e i to’ figghi!

ALFIO – Ma comu… si ci stava dannu ‘ncolpu di vastuni…

FIFI’ – Se eri un altro padre, quannu a tò figghia ci dissiru ca era ‘na jatta, tu ci hava scafazzari ‘a testa!

LULU’ – Ca muta, cretina!

FIFI’ – Cu’ è  cretina, bestia?!

LULU’ – Tu!

FIFI’ – Lulù, finiscila se no, cù ‘na pidata, ti fazzu furriari pì tutta Catania!

LULU’ – Provaci ca ti fazzu satari comu ‘na signa!

CONCETTINA – Lulù!

ALFIO – Fifì!

FIFI’ – E’ idda!

LULU’ – No, si’ tu!

FIFI’ – Cretina!

LULU’ – Sciamunita!

ALFIO – Ora, basta! Se no, beddamatri, vi pirìu cu’ ‘sti manu!

CONCETTINA – Semmai, cù ‘sti peri!

ALFIO – Ch’e’ manu, ch’e’ peri…! I pirìu comu mi piaci! E poi, i scucchiu in dui!

FIFI’-LULU’ – Macari Diu!

PEPPINO – Che posso servire ai signori?

ALFIO – A mmia, nenti! A ‘sti tri, ‘na badda di vilenu all’unu!

CONCETTINA – Chi si’ finu!

PEPPINO – Al momento siamo sprovvisti di baddi…

NICOLINO – Peppino, porta tre limonate e… Tu, ziu, chi ti pigghi?

ALFIO – Nenti!

NICOLINO – Per lo zio, un vermouth.

PEPPINO – Sissignore. (Si allontana)

ALFIO – Peppino! Mezzo vermouth!

NICOLINO – Ma pirchì mezzo?

ALFIO – Non n’haiu fami. Chissi, a mmia, mi fanu tagghiari ccà, mi fanu tagghiari!

NICOLINO – Avaja, ziu, non c’è motivo…

ALFIO – Cangiamu discursu. Come va la tua attività?

NICOLINO – Cangiamu discursu.

ALFIO – E infatti, cangiai discursu. T’addumannai: comu ti vanu i cosi?

NICOLINO – Bene. Bene.

ALFIO – E ‘a clinica?

NICOLINO – Benissimo.

ALFIO – Ah, tu non sai chi successi o’ paisi quannu seppiru ca ti pigghiasti la laurea…!

NICOLINO – Chi successi?

CONCETTINA – Ah, una soddisfazione troppo bella, niputi miu!

ALFIO – Tutti ca ni vinevanu a fari l’auguri…

CONCETTINA – I congratulazioni…

ALFIO – Macari ‘u sinnacu, vinni!

CONCETTINA – E per Natale, c’è priparata ‘na cosa!

NICOLINO – ‘A scacciata?

CONCETTINA – Quali scacciata?! ‘Na festa!

FIFI’-LULU’ – Una festa grandiosa!

NICOLINO – Sì?

ALFIO – Intantu, ti vinemu a pigghiari a’ stazioni, c’a banna! Hamu a fari ‘na festa indimenticabile!

CONCETTINA – Luminarie!

FIFI’-LULU’ – Tric-trac!

ALFIO – Una cosa mondiale! Tu mancu te la immagini!

NICOLINO – No, no… m’a staiu accuminciannu a immaginari…

ALFIO – Resti c’a vucca aperta!

NICOLINO – Iù sulu? Tutti restanu c’a vucca aperta.

FIFI’-LULU’ – Sei contento?

NICOLINO – Contento? M’arrizzunu i carni!

PEPPINO – (porta le bevande) Serviti.

ALFIO – Tu ti meriti chissu e autru!

CONCETTINA – Certu ca s’u merita, mè niputi… ci mancassi!

ALFIO – Tu hai studiato, ti sei comportato bene… Oggi, ringraziannu ‘u Signuri, sei un dottore laureato… Chi ti pari nenti? Ma tu ‘u sai, ca ora, o’ paisi, ni trattanu in un’altra maniera? Ti po’ pariri ‘na fissaria, ma t’assicuru che anche noi della famiglia ci abbiamo guadagnato in prestigio… Abberu, Cuncittina?

CONCETTINA – E comu! A mmia, ora, mi sanu sentiri: ‘a zia d’o dutturi E quannu qualcunu si senti mali, venunu ‘ntia mia, pì qualche cunsigghiu… Una bella soddisfazione, veramente…! (Si commuove)

ALFIO – Avaja, babba… chi fai, ti metti a chianciri?!

NICOLINO – Ca veramenti, ci fussi di chianciri…

ALFIO – Quali chianciri?! Chi dici?

NICOLINO – No, dico… Se un soggetto ha voglia di piangere, bisogna lascialro fare. Ve lo dice un medico.

ALFIO – Va be’, un “suggittu”. Ma tò zia che è un suggittu? No’ vidi ca pari ‘na papira, quant’è bedda sciacquatunazza?!

FIFI’ – Sono troppo conenta perché mio cugino è beddu, simpatico e pure medico!

LULU’ – Si non ti dispiaci è macari mio cugino!

CONCETTINA – Senti, Nicolino, a zia, tu ca oramai sei medico, dimmi ‘na cosa: nenti si po’ fari pì du’ siamesi?

ALFIO – E chi ni sapi, iddu…? Che è veterinariu?

FIFI’ – (piagnucola) Papà…!

LULU’ – Ma chi ci chianci, bestia… no’ vidi ca scherza?

CONCETTINA – Lassalu jri a tò ziu e rispunni ammia: chi si po’ fari p’e’ to’ cucineddi? Si si putissiru scucchiari, i mittissi una a livanti e l’autra a punenti! ‘Nsemi non ponnu stari: su’ sempri cani e ghiatta!

ALFIO – Ha’ vistu ca ci voli ‘u veterinariu?

CONCETTINA – Ma quantu si’ matelicu!

ALFIO – E tu sei ignorante! Tò niputi è medicu pissichiatrico! Non havi nenti chi spartiri cù l’animali… cioè, cù ‘stu generi di cose…

NICOLINO – Questo è vero: io curo i malati di mente.

ALFIO – ‘U senti? Al massimo, po’ curari a ttia.

NICOLINO – Comunque, posso interessarmene… Conosco qualche bravo collega chirurgo…

ALFIO – A proposito di malati di mente! Vidi ca già accattai ‘u terrenu dove deve nascere il nostro manicomio!

NICOLINO – Bravo.

ALFIO – Poi, naturalmenti, t’a vidi tu… Disegno, costruzione, come si debbono dividere le stanze…

NICOLINO – Certu… a tutto io penso… si sapi.

ALFIO – ‘A clinica ca ci hai ccà, a Catania, quanti stanzi havi?

NICOLINO – ‘Na vintina. Ma, vedi, zio… non è proprio una clinica… Io l’ho organizzata comu si fussi quasi una Pensione. Difatti, l’ho chiamata “Pensione S.Agata”.

ALFIO – Bravu. Giustu. ‘Na bella pinsata. Accussì i pazzi si cridunu di stari in vacanza e su’ cuntenti, no?

NICOLINO – Esatto. Ci sunu ‘na chinnicina di pazienti… Ah, ma signori, chi ti pari? Tutte persone distinte.

ALFIO – Ma sunu propriu… pazzi scatenati?

NICOLINO – Oddio… qualcunu piriculusu c’è ma l’autri su’ tranquilli… Certo, si devono saper prendere…

ALFIO – Naturale.

NICOLINO –Non si devono stuzzicare… Che vuoi, sempre pazzi sono. Si unu i sconcica…!

ALFIO – Ma ‘u sai ca sugnu curiusu di vidirli?

CONCETTINA – Di unni ti spercia?! ‘Stu sbaddu, iù non ci l’haiu!

ALFIO – E pari ca tu ci ha’ veniri!  Nicolino, unu di ‘sti jorna, mi ci porti.

NICOLINO – Comu… unu di ‘sti jorna? Che intenzione hai, ziu? Quantu tempu pensi di stari a Catania?

ALFIO – Veramenti, iù pinsava ‘na vintina di jorna… Chi è, non pozzu stari?

CONCETTINA – Ca quali vinti jorna?! Iù vinni sulu pì vidiri a mè niputi e dopudumani, ch’e’ me’ figghi, mi ni tornu o’ paisi. Tu, si voi, po’ ristari macari du’ misi!

NICOLINO – No, no… non schirzamu ch’e cosi serii! Quali du’ misi?!

ALFIO – Ma ‘u sai ca non ti staiu capennu?! ‘A’mprisa ca ti dispiaci ca ti vinni a truvari…

NICOLINO – Ziu, come puoi pensare ‘na cosa comu a chista? Chi c’entra? Iù, pì mmia, ti tinissi macari per un anno… sulu ca stari a Catania, in questo momento, è piriculusu…

ALFIO – Mi n’addunai. Però, ‘na vota ca i fimmini si ni vanu… A mmia, i carusazzi non mi sbentanu di sicuru.

NICOLINO – Sì ca è p’e carusazzi ca mi staiu preoccupanni!

ALFIO – E allura?

BICOLINO – Ziu, dumani, a Catania, comincia la campagna elettorale. Ci sunu le elezioni.

ALFIO – E a mmia chi caddu m’interessa?

NICOLINO – Pare che… in giro si vocifera… insomma, si prevedono tafferugli, scerre… C’è un poco di maretta e non si sapi comu va a finiri. Pensa ca stasira arrivano di rinforzu cinquecento carabinieri e tri reggimenti di surdati!

FIFI’-LULU’ – A cavaddu?

ALFIO – (alle figlie) Muti! (A Nicolino) Tri reggimenti… cinquecento… Ma chi scoppiau ‘a verra?

NICOLINO – Hai capito perché non è prudente starisinni a Catania ‘nta ‘stu mumentu? Non ci voli nenti ca un poviru disgraziatu ci lassa i pinni…!

ALFIO – Minchiuni!

CONCETTINA – Bih, beddamatri! E pirchì non ni ni stamu jennu? E sta’ attentu macari tu, a zia!

FIFI’ – Sì, amuninni, mamà… Iù mi scantu!

LULU’ – E iù, inveci, vogghiu ristari! A mmia, ‘a confusione mi piaci!

ALFIO – Calma! Dopudumani, ni ni jemu tutti!

NICOLINO – Megghiu dumani, ziu…

ALFIO – Ca dumani, dopudumani… Non ha importanza.

NICOLINO – Comu non ha importanza?! Allura cù cui haiu parratu, c’o muru?!

ALFIO – Va beni, va beni, però, prima vogghiu visitari ‘a clinica.

NICOLINO – Insisti?

ALFIO – Insisto.

NICOLINO – Sei deciso?

ALFIO – Deciso.

NICOLINO – Senti, zio… io ti ci porto ma ti raccumannu… non parrari cù nuddu, non diri nenti! Non t’arrisicari a farici capiri ca vinisti pì vidiri a iddi!

ALFIO – A cui?

NICOLINO – I pazzi, no?

ALFIO – Ca certu! E chi era pazzu?!

NICOLINO – Sai com’è… ci vuole delicatezza… Io, per esempio, ho in cura un giovanotto di buonissima famiglia… figlio unico. Cridimi, quannu m’u purtai nella Pensione, era in uno stato pazzesco!

ALFIO – Pì forza: si era pazzu!

NICOLINO – Non si puteva teniri! S’arruzzuliava ‘nterra, dava pugna ‘nto muru, ci dava jangati a cu’ ‘ncuntrava ‘ncuntrava…!

ALFIO – Cosi de’ pazzi!

NICOLINO – Insomma, era terribile. Ora, invece, con la mia terapia, sta molto meglio, si è calmato… però ci vinni ‘na fissazione: l’opera lirica. E’ convinto di essere un grande tenore e che Verdi, “Il Rigoletto”, ‘u scrissi pì iddu!

CONCETTINA – Oh, lu bestia!

ALFIO – Invece, Verdi pì cu’ ‘u scrissi ‘u Rigoletto?

NICOLINO – E chi ni sacciu, ziu?

ALFIO – Comunque, pì iddu non ‘u scrissi di sicuru, abberu?

NICOLINO – E ‘u puteva scriviri pì iddu?!

FIFI’ – Certo che deve essere una tragedia la sua vita!

LULU’ – Sì, ca ‘a nostra è 0na farsa!

NICOLINO – Se riesco a guarirlo, caro zio, la famiglia mi cummogghia di soldi! Ah, a proposito di soldi… mi giuvassiru milli liri.

ALFIO – T’aggiuvassiru o t’aggiuvanu?

NICOLINO – M’aggiuvanu. Devo comprare un apparecchio per un esperimento… sul cervello umano. Si tratta di un apparecchio eccezionale, un apparecchio sensazionale, un’invenzione incredibile… Ziu, mi servi.

ALFIO – (a Concettina) Ci servi.

CONCETTINA – E si ci servi… si è ‘na cosa necessaria…

NICOLINO – Indispensabile. E’ questione di vita o di morte!

ALFIO – Nenti di menu! Va beni, cchiù tardu t’i dugnu ‘sti cinqucentu liri.

NICOLINO – Milli.

ALFIO – Milli liri, va beni.  Dimmi ‘na cosa: ‘a clinica chi è luntana di ccà?

NICOLINO – “Pensione”, zio… non t’u scurdari: pensione!

ALFIO – Ho capito: Pensione.

NICOLINO – No, è ccà vicinu, appena si gira l’angolo.

(Dietro la vetrata, appare Michelino)

Mutu! ‘U sai cu’ è chiddu? “ Lupus in fabula”!

ALFIO – Cui?

NICOLINO – ‘U tenori… ‘U pazzu p’o Rigoletto!

CONCETTINA – Non cridu ca è piriculusu?!

NICOLINO – Ci sugnu iù, non vi preoccupati! Però… non capisciu com’è ca è ccà… Chi fici, scappò, d’a Pensione? Veni ccà, ziu, dammi ‘na manu, acchiappamulu!

ALFIO – A cui?

NICOLINO – Non ti scantari: chiddu, appena mi vidi, diventa ‘na pecura!

CONCETTINA – Stai attentu, ‘a zia!

ALFIO – Ma com’è ca ‘u ficiru scappari?

NICOLINO – Ca forsi, lassaru ‘a porta aperta… Muti, ora e non lo contraddite, mi raccumannu!

5 –

MICHELINO – (capelli in disordine, occhi stralunati, entra) Io vorrei sapere chi è stato quel vile carogna ca mi fici trasiri in questo posto! (Si guarda attorno) Ma chi schifiu è, un bar? No, chissa non è ‘a me’ casa e si non è ‘a me’ casa, altro non può essere che un bar! E io che ci faccio in un bar? (Piange) Havi tri uri ca vaiu caminannu! Quattr’uri! Quasi sei uri! Haiu caminatu senza sapiri pirchì, senza sapiri comu e senza sapiri unni! Senza sapiri nenti! (Ride)

NICOLINO – Fermati!

ALFIO – (lo afferra) ‘U ‘cchiappai!

MICHELINO – (ad Alfio) Papà, abbracciami!

NICOLINO – Lassalu stari o’ papà! Talìa a mmia… mi canusci?

MICHELINO – Tu? Tu sei il medico. Ho indovinato? Ho indovinato. E ora, dammi il ciccolattino. Voglio il ciccolattino! (Piange disperatamente) Dammi il ciccolattino o ci dugnu ‘n muzzicuni o’ papà!

ALFIO – Daccillu ‘stu ciccolattino ca chissu muzzica!

NICOLINO – No, non muzzica. Abberu ca non muzzichi?

MICHELINO – No’ sacciu. Anzi, ‘u sacciu: muzzicu! (Ride)

ALFIO – Nicolino!

NICOLINO – (a Michelino) Avanti, basta, ora, amuninni!

MICHELINO – No.

NICOLINO – Ti dicu, amuninni!

MICHELINO – No, prima ‘u ciccolattino.

NICOLINO – Ma non ne ho ciccolattini, sdisonestu!

MICHELINO – E allura, ci dugnu un muzzicuni!

ALFIO – (a Michelino) Aspetta, aspetta ca t’u dugnu iù!

MICHELINO – Chi mi duni, un muzzicuni?

ALFIO – Quali muzzicuni! ‘Na caramella ti dugnu. ‘A voi ‘na caramella?

MICHELINO – Non n’hai ciccolattini?

ALFIO – Non n’haiu.

MICHELINO – Dammi ‘sta caramella.

ALFIO – (gli dà la caramella) Teni. Si’ cuntentu?

MICHELINO – (piange) Mi desi ‘a caramella! Papà, pirchì mi dasti ‘a caramella?

ALFIO – Pirchì cicculattini non n’haiu.

MICHELINO – (c.s.) Pirchì, pirchì mi tratti sempre come un fanciullo, papà? Pirchì t’ha fari dari pì forza un muzzicuni?

ALFIO – Tenilu, Nicolino!

NICOLINO – Non ti preoccupari, ora ci passa!

MICHELINO – Lo so perché sei venuto in questa festa, papà! Per maledirmi, non è vero? (Lo afferra per il bavero) Parla, diamine!

ALFIO – (con un filo di voce) Ma no… chi sta’ dicennu…?

MICHELINO – Ha confessato!  Ma io me ne frego! Non li voglio i tuoi palazzi, le tue ville, non voglio il tuo denaro, papà! Non vogghiu mancu ‘sta caramella. Teni, t’a tornu. Tu non sei mio padre.

ALFIO – No. Cioè, sì…

MICHELINO – Non sei mio padre?

ALFIO – No.

MICHELINO – Sei mio padre. (Canta improvvisamente un’aria del “Rigoletto”

SIPARIO). 

 

 

 

 

       

 

 

ATTO SECONDO

Sala d’ingresso della Pensione “S.Agata”. Uscite, sul fondo, a destra e a sinistra. La comune, in prima, a destra. Due porte centrali, sul fondo .Altra porta a sinistra. Mobili vari: un divano, delle poltrone…

All’apertura del sipario, la scena è vuota. Si sente suonare un campanello. Dalla porta di destra, entra Giovanni, il direttore.

GIOVANNI – Carmela! Dico, Carmela! Ma dov’è? Dico, dico, il campanello!

CARMELA – (sopraggiunge da sinistra) Qua, qua, sono, signor Giovanni! Iù du’ jammi e du’ vrazza ci haiu!

GIOVANNI – Dico, l’hai sentito, dico, il campanello?

CARMELA – ‘U sintii, ‘u sintii. E’ ddu pazzu d’o pumperi! Non fa autru ca sunari, d’a matina finu a’ sira! ‘Ncolpu voli ‘na cosa, ‘ncolpu voli ‘n’autra cosa… Non si ci po’ cummattiri! Dici sempri ca si n’ha ghiri e non si ni va mai, chissu!

GIOVANNI – I clienti hanno sempre ragione, dico! E vanno, dico dico, sempre serviti bene!

CARMELA – Ma poi, pari sempri attaccatu ch’e spimmuli!

GIOVANNI – Chi?

CARMELA – Ca ‘u pumperi, il signor Onofrio. Pì mmia, è esauritu. Non ci ponnu diri nenti ca s’affenni… Si sciarria cù tutti… Voli fari un duello a’ simana…! E chi è, D’Artagnan?

(Si sente la voce di Vittorio che recita)

            ‘U senti a ‘st’autru? Chssu è ‘n’autru fissatu! L’attore!

2 –

ONORATA – (entra come una furia) Chistu si n’ha ghiri! E’ pazzu completu! ‘U sapiti chi mi cumminò?

GIOVANNI – No, dico, che cosa?

ONORATA – Trasìu ‘nta mè stanza vistutu di guerriero antico… ca pareva ‘ndiavuluni, ‘u bestia!

CARMELA – Aieri ci ‘u purtaru ‘stu schifiu di costumi e si fissò ca s’ha fari vidiri di tutti!

ONORATA – Mi trasìu ‘ntrasatta, ‘stu sciamunitu! E perciò a mmia p’o scantu, mi s’arrizzanu tutti i capiddi ca ci haiu ‘nta testa e Agatella, povera figghia , ci pigghiò ‘na lisioni e mi cascò longa longa ‘nterra!

GIOVANNI – Insomma, dico dico… è un pazzo furioso!

CARMELA – Iddu sulu?

(si risente il campanello)

ONORATA –  Cu’ è ca sta sunannu?

CARMELA – ‘U pumperi!

ONORATA – E vacci, vidi chi voli.

CARMELA – ‘U sacciu chi voli. Nella sua camera, c’è il signor Luigi, ‘u scrittore… Dici ca iù, cù ‘na scua, l’haiu a fari nesciri pirchì pari ca no’ sumborta cchiù. Ma iù ci ‘u pozzu diri o’ signor Luigi “niscissi ca il signor Onofrio si siddiò a vidiri la sua sagoma”?

(Ancora e più insistente, il campanello)

            Arrivo! (Via)

ONORATA – ‘Sta Pinsioni mi fa cascari malata! Si vulissi maritari prestu Agatella, accussì mi ni vaiu cùidda e cu’ si visti, si visti!

(Si risente la voce di Vittorio che “prova” la sua recita)

            Ci ha diri a chissu di finiriccilla! E comu si ci po’ cummattiri?! Chi vita! Chi vita! (Via, seguita da Giovanni)

3 –

NICOLINO – Trasi, ziu, non ti preoccupari ca ci sugnu iù.

ALFIO – Semu sicuri?

NICOLINO – Ca certu.

ALFIO – I pazzi chi su’ intra?

NICOLINO – E pì forza!

ALFIO – Liberi?

NICOLINO – Naturale. Si ti dissi ca non su’ piriculusi…!  Ma com’è… ti finìu ‘a smania di vidilli?

ALFIO – Comunque… sono innoqui, abberu?

NICOLINO – In questo piano, sì. Al secondo, ci n’è qualcunu cchiù selvaggiu.

ALFIO – E cu’ ci va o’ secunnu pianu?!

NICOLINO – Bravu. Ora, stamu deci munuti e poi ni ni jemu…

ALFIO – Ca deci minuti, menzura… Iù non n’haiu chi fari.

NICOLINO – Ma io sì. Haiu tanti di ddi visiti, oggi…!

(Rientra Onorata)

ONORATA – Buon giorno.

NICOLINO – Signora carissima…

ALFIO  - (a Nicolino, a parte) Cu’ è chissa?

NICOLINO – ‘U maritu ‘a lassau e idda nisciu pazza… Va dicennu a tutti ca idda è la padrona di ‘sta Pensione.

ALFIO – Mischinedda!

NICOLINO – Assecondala sempre, mi raccomando.

ALFIO – Si capisce.

NICOLINO – (a Onorata) E come stiamo, come stiamo?

ONORATA – Mi pare che voi state bene, no? Sono io, invece, che mi sento un poco nervosa!

ALFIO – Naturale…

ONORATA – Il signore che è un amico suo?

NICOLINO – No, è mio zio, Alfio Pennisi… A Roccacannuccia, è una persona importante, lui!

ONORATA – Si vede, si vede…! E chi fa, chi fa a Roccacannuccia?

NICOLINO – Cura le sue proprietà. Lo zio è un possidente.

ONORATA – Daveru? Tanto, tanto piacere. Onorata.

ALFIO – Altrettanto onorato.

ONORATA – (ride) No, io sono Onorata di nome!

ALFIO – (ride) E io onorato di fatto!

ONORATA – Che simpatico! Come ha detto che è il suo “riferito” nome?

ALFIO – Alfio Pennisi di Roccacannuccia.

ONORATA – Lo sa che lei è quasi quasi più simpaticu di suo nipote?

ALFIO – Ah, sì?

ONORATA – Sì, sì, mi deve credere, signor Roccacannuccia!

ALFIO – Pennisi. Roccacannuccia è il paese.

ONORATA – Bih, che sono bestia! Mi scusi. Il fatto è che da un po’ di tempo, io non ragiono più, vero, dottore Nicolino?

NICOLINO – Ma che va dicendo, signora…?

ONORATA – Lo sa che cos’è, caro signore? Che a combattere con tutti i pazzi che ci sono qua dentro, non ce lo auguro a nessuno! Altro che Pensione… Questo qui è un vero manicomio! E io sono la padrona del manicomio!

ALFIO – Pensione… no’ manicomio!

ONORATA – Manicomio, manicomio, mi deve credere!

ALFIO – Non insisto.

ONORATA – Questa è una vita che non si può simbortare! Troppo pinseri, troppe camurrie! Io, invece, voglio vivere, bella, senza seccagioni! Ci faccio una confidenza: non appena mia figlia Agatella si marita, io di qua me ne scappo!

ALFIO – Eh, eh, eh! Non si dicono queste cose. Ma, scusi, non ci sta bene qua dentro?

ONORATA – No. Ci sto perché ci sono obbligata. Ma ci soffro. Bih, come ci soffro! Comnattere con certa genti streusa, con certi pazzi… non è facile!

ALFIO – (tra sé) Menu mali ca su’ l’autri i pazzi!

NICOLINO – (sta sulle spine) La signora ha una bella figlia, sai?

ALFIO – Mi fa piacere.

ONORATA – Ah, non è per vantamento ma è daveru una perla! E suo nipote la conosce, abberu? E, mi dica… lei s’intrattiene troppo a Catania?

ALFIO – No, qualche giorno…

ONORATA – Che fa, vuole alloggiare qua?

ALFIO – No, grazie, non c’è bisogno. Sono già abbastanza alloggiato.

ONORATA – Bravo, bravo. Permetti un secondino? Vado a prendere la mia figlia Agatella e ce la porto qua. Accussì idda sfantasia e le me la conosce. Ah, dottori, dottori… Stamatina, al caff+, ci fece prendere una bella collera alla mia Agatella! Birbante! Comunqui... con permesso. (Via)

ALFIO – Facci, facci. (A Nicolino) ‘A figghia chi è pazza comu a idda?

NICOLINO – Veramente, prima era normale ma poi, facennici cumpagnia a so matri… partìu macari idda.

ALFIO – Ma pirchì ti dissi ca stamatina, al caffè, ci facisti pigghiari di colira?

NICOLINO – Ah… sì… perché devi sapere ca ‘sta carusa havi un difetto antipatico: ogni matina, durante la colazione, si mette a sputare dentro le tazze del caffè!

ALFIO – Ci sputa?

NICOLINO – Eh! Sputasse sulla sua tazza, amen ma idda sputa anche nelle tazze degli altri pazienti…! E questo non mi pari bellu!

ALFIO – E certu!

NICOLINO – E allura, stamatina, appena mi n’accurgii, ci desi ‘na bella scoppula e ‘a fici chianciri pì menzura!

ALFIO – E pirchì, povera figghia…? Chi ci po’ fari, idda? E’ la malattia…

4 –

LUIGI – (entra.Ha degli appunti in mano.  Tra sé) Lo devo spremere per bene a ‘stu pumperi! E’ veramente un bel personaggio!

NICOLINO – Buon giorno. Come va?

LUIGI – Molto bene, grazie. Sono stato con Onofrio, il pompiere. (Ride di gusto) Un pazzo, parola d’onore! Sentirlo parlare è uno spasso! E io ho unito l’utile al dilettevole… Sì, pirchì, cù tuttu chiddu ca m’ha cuntatu, pozzu scriviri almenu tri novelli!

ALFIO – (a parte, a Nicolino) Chi è ca dissi… “Tri noveni”?

NICOLINO – (tra il serio e il faceto) Sì, sona ‘a ciaramedda!

ALFIO – Ci l’havi ‘a facci d’o ciaramiddaru!

LUIGI – Confesso ca quannu ‘ncontru un tipo curiusu, mi ci allippu appressu! E il signor Onofrio è un soggetto interessantissimo!

GIOVANNI – (entra) Oh, buon giorno, dico dico!

NICOLINO – Signor Giovanni illustrissimo! (Ad Alfio) Il signor Giovanni è il direttore della Pensione. Venga, le presento mio zio.

GIOVANNI – Ah, il signore, dico, è suo zio?  (Gli stringe la mano) Giovanni Di Pasquali, dico dico!

ALFIO – E io dico: Alfio Pennisi!

LUIGI – Permette? Mi presento anch’io: Luigi Di Natale. (Gli stringe la mano)

ALFIO –E pì forza. Se lui è Di Pasquali, lei non può che essere Di Natale!

LUIGI – Non capisco…

ALFIO – No… è pì via d’a ciaramedda… Comunque… Alfio Pennisi. Piacere

LUIGI – Servo suo.

ALFIO – Padrone suo.

NICOLINO – (sempre più sulle spine) Ho portato lo zio a vedere la Pensione

GIOVANNI – Oh, bene, dico dico. E che gliene pare?

ALFIO – Bella, dico… Un bel palazzo… dico…

GIOVANNI – Deve vederla tutta, dico dico! Qua, sono stati spesi un sacco di soldi, dico!

ALFIO – Lo dico anch’io!

GIOVANNI – Non ci manca nulla, dico! C’è la camera della ginnastica, dico, la sauna, dico… C’è tutto, dico!

ALFIO – Dice?

NICOLINO – E il signor Giovanni bada a tutto con grande diligenza!

ALFIO – Dici?

GIOVANNI – Si fa, dico dico, quel che si può! Con certi pazzi, poi… vero, dottore? (Ride)

NICOLINO – Vuole che non lo sappia, proprio io?!

GIOVANNI – Suo nipote, dico, lo sa.

LUIGI – Ah, direttore, a proposito di pazzi, faccia portare due cognac nella camera del signor Onofrio…

GIOVANNI – Immediatamente, dico dico!

LUIGI – Grazie mille. Con permesso. (Via)

ALFIO – (a Nicolino, in disparte) Ma… non ci fa mali ‘u cognac e’ pazzi?

NICOLINO – E’ un esperimento… una nuova terapia…

GIOVANNI – (ad Alfio) Le voglio far visitare la sauna, dico! Favorisca!

ALFIO – Semu sicuri ca non c’è nuddu, nella sauna?

GIOVANNI – No, a quest’ora, nessuno. Poi, le faccio vedere la camera della ginnastica, dico, al secondo piano…

ALFIO – Al secondo piano, dice? No, grazie. Nicolino, che fai, vieni pure tu, no? Dico dico… (Via, con Giovanni)

NICOLINO – (scorge Michelino, appena arrivato) Ti raggiungo subito, zio!

5 –

MICHELINO – (visibilmente agitato) Scinni ccà sutta cù mmia ca c’è don Calogero!

NICOLINO – Sì, ‘stu sbaddu haiu! E poi, chi lassu a mè ziu, sulu… ccà?

MICHELINO – Si non scinni tu, acchiana iddu… ed è peggio! Non senti ragiuni: voli i milli,liri ca ti vincìu!

NICOLINO – ‘U sacciu chiddu ca voli!

MICHELINO – E si ‘u sai, pirchì non ti sta’ muvennu?! Vidi ca è malintenzionato!

NICOLINO – E comu fazzu? ‘U ziu non mi l’ha datu ancora i soldi!

MICHELINO – E don Calogero seppi macari ca c’è tò ziu e voli parrari cù iddu…

NICOLINO – Sì, chissu sulu ci manca!

MICHELINO – Insomma, scinni, dicci qualche fesseria… Ci dici ca ci duni stasira…

NICOLINO – E ‘u ziu resta sulu?

MICHELINO – E chi ci fa, pì deci minuti?!

NICOLINO – Madonna d’o Carmelo, pensaci tu! (Via, con Michelino)

(Rientra Giovanni con Alfio)

GIOVANNI – Che gliene pare, dico dico? Dica!

ALFIO – Bella, bella…

GIOVANNI – E moderna, dico!

ALFIO – Sì, moderna, dico… Ma mio nipote unn’è?

GIOVANNI – Si sarà allontanato, dico…

ALFIO – Ma chi è ca dici dici…? E mi lassò ccà, sulu?!

GIOVANNI – Non si preoccupi, dico… starà tornando, dico dico… Nel frattempo, si accomodico dico dico!

ALFIO – E io che le dico?

GIOVANNI – (non capisce) Prego?

ALFIO – Grazie. (Si siede) E lei, dico, non si siede?

GIOVANNI – Io?! Magari, dico! Ma non posso. Ho troppe cose da fare… Le posso offrire, dico, dico, un caffè?

ALFIO – Tante grazie.

GIOVANNI – (chiama) Carmela!

CARMELA – (entra) Dica, dica.

GIOVANNI – Porta una bella tazza dico di caffè al signore.

CARMELA – Sissignore. (Via)

(Si sente suonare il campanello)

GIOVANNI – Ha visto? Che le dicevo? Posso starmene seduto, dico? Le chiedo scusa… Con permesso, dico… (Via)

ALFIO – (da solo) E ora, chi ci fazzu iù ccà, sulu?! Ma unni schifiu si ni jvu ddu disonestu…?

6 –

(Entra Onorata con Agatella)

ONORATA – Ca camina ddocu, non t’affruntari! Senti, non fari ‘a scema ca ti staiu dannu ‘na jangata! (Ad Alfio) Ecco qua la mia dilettevole figlia che ci ho parlato prima!

ALFIO – (alquanto preoccupato…) Tanto… piacere… veramente.

AGATELLA – Tanto piacere anch’io.

ONORATA – Questo signore qua è il zio del dottore Nicolino…

(Alfio si alza, agitato)

            Ma perché si alzò? Si accomoda, no?

ALFIO – Sì, grazie… ma siccome ho premura…

ONORATA – Bih, premura! Ca un secondino, no? Non possiamo aver l’onore di fare quattro chiacchiere con lei?

ALFIO – No, l’onore è tutto mio.

ONORATA – No, è mio… anzi, è nostro, abberu Agatella?

AGATELLA – (si rosicchia tranquillamente le unghia…) Sì, è nostro. (riflette) Che cosa, mamà?

ONORATA – (lancia uno sguardo di fuoco alla figlia poi, ad Alfio) E… suo nipoti?

ALFIO – E chi ni sacciu? Cioè… è uscito un momentino ma torna, torna subito!

ONORATA – Vede, caro signor Roccacannuccia…

ALFIO – Pennisi.

ONORATA – Sì, va bene… Vede, quando noi incontriamo personi simpatici, ci fa troppo piacere discuterci… Abberu Agatella?

AGATELLA – Certo, mamà.

ONORATA – Qua, in questa pensione, non si può parlare con nessuno… Ce l’ho detto, no? Su’ tutti pazzi! Che parlo con i pazzi? (Ride) E la mia figlia, poverina, sta sempre da sola… Abberu, Agatella?

AGATELLA – Certo, mamà.

ONORATA – Non parla mai cù nuddu… Leggi sempri… Abberu ca leggi sempri, Agatella?

AGATELLA – Certo, mamà.

ONORATA – (alla figlia, a parte) Ca parra, bestia! Spiccicala qualche parola!

AGATELLA – Ca parra tu… Chi ci dicu, iù?

ONORATA – E chi parru sempri iù?

AGATELLA – Ahu, iù m’affruntu!

ONORATA – Si’ cretina! (Le dà un pizzicotto sul braccio)

AGATELLA –Ahi! Mamà?! (Piange)

ONORATA –Mi scua, vero, signor Roccacannuccia…

ALFIO – Penni… (rassegnato) Va bene, va!

ONORATA – Il fatto è che questa qui si deve insegnare! Non voli mai parlare! Si vergogna di uno di tutto: Mi viene un corrivo…! Certi momenti ‘a’ffucassi!

(Alfio, spaventato da quell’aggressività, si rialza e fa per andarsene…)

            Unni va, lei?

ALFIO – No… siccome mio nipote…

ONORATA – Ca ora veni so niputi, s’assittassi! Ha capito? Così bella e così carina, ci havi questo difetto disonesto! E ora basta di piangere, va bene, altrimenti ti sminnu!

AGATELLA – (indica alla madre il livodo sul braccio) E ora, quando mi metto la veste scollata, si vede la mulinciana!

ONORATA – E che ci fa? E’ una mulinciana ca ti fici tò matri! Nessuno po’ diri nenti pirchì è una mulinciana onesta!

AGATELLA – (scoppia a ridere) Una mulinciana onesta!

ONORATA – L’ho fatta ridere, ha visto? Anche se mi fa scatasciare, io la voglio troppo bene a questa qui! Che poi, pensandoci bene, parlare poco, avere vergogna… non è propriamente un difetto… In questa ebbica, ci sono certe scavallate piedi piedi… nevvero?

ALFIO – Oh, tante… tante!

ONORATA – (ad Agatella che continua a ridere di cuore) Ora finiscila, prima ca ti votu un muffittuni, cretina!

(Entra Carmela col caffè)

CARMELA – Ecco qua il caffè.

ALFIO – Ah, il caffè, grazie.

CARMELA – (a bassa voce, ad Alfio, mentre gli versa il caffè nella tazza)  Non ci dessi cuntu a matri e figghia… Su’ du’ pazzi!

ALFIO – Lo so, lo so…

CARMELA – Permesso. (Via)

ONORATA – (alla figlia, a parte) Chissu è riccuni… Bonu fussi pì ttia!

ALFIO – (a Onorata) Lei non lo prende il caffè?

ONORATA – Grazie, l’ho preso ora ora.

ALFIO – (ad Agatella) E lei?

AGATELLA – Non ni vogghiu.

ONORATA – (le dà uno scappellotto) Dice così per cerimonia… Il caffè ci piace troppo assai. Ne piglia sette, otto al giorno! (Alla figlia) Non si dice “non ni vogghiu”! Si accetta un sorsetto. (Ad Alfio) Da’ a me. (Afferra la tazza e la porge ad Agatella che la guarda schifata)    

ALFIO – (tra sé) Vo’ vidiri ca ci sputa ddà intra…?

(Agatella beve un sorso di caffè)

ONORATA – Ha visto?

ALFIO – Brava, brava… (Riprende la tazzina e sorseggia il suo caffè)

ONORATA – E… mi dica… A lei ci piacciono le donne?

ALFIO – Ogni tantu.

ONORATA – E come ci piacciono, come ci piacciono?

ALFIO – Come? Ah, come sono sono…

ONORATA – No, dico, ci piacciono, mintemu, serie e pusitive o s’annunca civetti e scavallati?

 ALFIO – Serie e pusitive.

ONORATA – Bravo. Comi a mia figlia, insomma. No’ perché è mia figlia ma io lo dico sempre: beato cu’ s’a pigghia! (Ad Agatella) E’ vero che lo dico sempre?

AGATELLA – Sì, sempre sempre lo dice.

ALFIO – Effettivamente si vede che è una ragazza bella e brava…

ONORATA – Nevvero che si vede? (Alla figlia) Dicci grazie.

AGATELLA – Grazie.

ONORATA – Poi, non disprizzannu, ci ha un pregio troppo importante: non va appressu a questi giovanotti stubbidi e lisci… ca quali! Essa dice sempre: mamà, io mi voglio maritare con una persona matura… di una quaranti… Quanti anni havi lei, scusi?

ALFIO – Cinquantadue.

ONORATA – Ecco. Di una cinquantina d’anni… che so che mi vuole bene e che non mi fa piniari. (Alla figlia) Non è vero? Come mi dici sempre?

AGATELLA – (come se ripetesse la lezione) Dunque: mamà io mi voglio maritare con una persona matura… di una quaranti… no, di una cinquantina d’anni che so che mi vuole bene…

ONORATA – (la interrompe, contrariata) Basta, cretina! (Ad Alfio) Per esempio, fosse una fortuna troppo bella se essa troverebbe uno come a lei! Io ce la darei subito subito!

ALFIO – Grazie ma non mi pare il caso… Troppo onore…!

ONORATA – No, l’onore è mio. Anzi, l’onore è nostro. Abberu, Agatella?

AGATELLA – Certo, è nostro. Che cosa, mamà?

ONORATA – (non le dà retta) Senti, Agatella, gioia… mi vinni una bella pinsata: che fa, lo volessi come marito a questo signore simpatico?

AGATELLA – Oh, certo, mamà… E’ un signore simpatico!

ONORATA – Ha visto? Quando si dice la combinazione! Essa a lei ci piace, lei a essa ci piace… io lei mi piace… Questo sposalizio ‘u putemu cumminari. Che ci ha difficoltà, lei?

ALFIO – (intontito) No.

ONORATA – Non è che è maritato?

ALFIO – No.

ONORATA – Allora, è contento?

ALFIO – Contentissimo.

ONORATA – Acconsente?

ALFIO – Acconsento.

7 –

VITTORIO – (sbuca, nel suo costume teatrale, dalla sua camera) Carmela! Carmela, per cortesia, mi porti un bicchiere d’acqua, c’appilai?

ONORATA – (tra sé, contrariata) Giustu ora, hava spuntari chissu?! (Ad Alfio) Come vede, dobbiamo togliere l’incomodo perché non si può più parlare! Comunqui, più tardu ni combiniamo uno di tutto e organizziamo il matrimonio. Va bene?

ALFIO – Va bene.

ONORATA – Allora, arrivederci.

ALFIO – Arrivederci.

AGATELLA – Arrivederci a più tardi.

ALFIO – A più tardi.

(Le due donne, via. Alfio osserva, alquanto preoccupato, Vittorio)

            E ‘st’autru, ora…?  E cu’ m’u fici fari?

VITTORIO – (recita) Che sia dannata quella volgare puttana! Dannata! Vieni con me, via di qui! Voglio procurarmi un rapido mezzo per eliminare quell’affascinante demonio! Ti nomino mio luotenente! (Ad Alfio) Buon giorno.

ALFIO – (balbetta) Buon giorno.

VITTORIO – Mi scusi se mi trova vestito in questo modo…

ALFIO – No, che dice? Anzi… è troppo bello.

VITTORIO – Le piace?

ALFIO – Da morire! E’ che io non ci ho il fisico come a lei… se no me lo metterei tutti i giorni!

VITTORIO – Lei si metterebbe tutti i giorni… questo costume?! Mi vuole pigliare in giro, per caso?

ALFIO – Iù? E cù quali curaggiu?!

VITTORIO – Ah, be’, perché se così fosse, vidissi che sono buono e caro ma se m’incazzo…!

ALFIO – No, non s’incazzi… Stassi calmu…

VITTORIO – (ride) Ma io scherzo! Recito! E questo costume me lo sto provando pì vidiri comu mi sta. Comu mi sta?

ALFIO – A pennello.

VITTORIO – Grazie.

ALFIO – Prego.

VITTORIO – Io sono Otello!

ALFIO – Alfio. Tanto piacere.

VITTORIO – Otello è il personaggio che interpreto! Ma chi è, lei non capisci nenti?

ALFIO – Mi capita, certi voti…

VITTORIO – Io sono un attore, amico mio, e domenica prossima debutto.

ALFIO – Debutta?

VITTORIO – Sì, faccio “Otello”! A lei ci piaci “Otello”?

ALFIO – (teme di contrariarlo) A lei?

VITTORIO – A me? Io sono pazzo di “Otello”! Mi piaci troppu!

ALFIO – E allura, mi piaci macari a mmia.

VITTORIO – Le voglio parlare francamente.

ALFIO – Si sfuvassi.

VITTORIO – Io non avrei bisogno di fare l’artista perché, ringraziannu o’ Signuri, sto fin troppo bene. ‘A mamà…

ALFIO – ‘A mamà di cui?

VITTORIO – Mè mamà!

ALFIO – Ah, so mamà.

VITTORIO – ‘A mamà, dunque, non disprizzannu, prende una bella pensione e non mi fa macari nenti… Ma chi ci pozzu fari? Il teatro mi piace, mi fici perdiri ‘a testa, mi fici nesciri pazzu…!

ALFIO – E chi ci voli fari…?

VITTORIO – Che bella cosa, il teatro! Che soddisfazione quando uno fa, mintemu, una scena forte, appassionata… con un finale a effetto! E ‘ddocu ‘u pubblicu ti batti i manu, ti chiama in scena quattru, cinque, sei volte! Che sensazione inebriante e sublime! No, ma iù duminica, di chiamati mi ni pigghiu almenu setti!

ALFIO – Ottu!

VITTORIO – Novi!

ALFIO – Deci!

VITTORIO – Non esageriamo.

ALFIO – Comu voli lei.

VITTORIO – (lo osserva come se lo vedesse solo ora) Senta, scusi… havi menzura ca parru cù lei… ma lei cu’ è?

ALFIO – Alfio Pennisi. A servirla.

VITTORIO – Che abita qua?

ALFIO – No, ci mancassi… Sono di passaggio…

VITTORIO – Bravo. Lo sa qual è il mio nome?

ALFIO – Otello.

VITTORIO – Quali Otello?! Il mio nome d’arte, intendo!

ALFIO – No, quello non lo so… Sono mortificato…

VITTORIO – Non si preoccupi, è naturale che non lo conosce. Non l’ho ancora usato! (Gli stringe la mano calorosamente) Pippuccio Ardore!

ALFIO – Sempri… Alfio Pennisi!

VITTORIO – Piacere.

ALFIO – Piacere.

VITTORIO – La parte ce l’ho tutta qua, in testa! Però, chi sacciu, mi sento emozionato… Senta, senta… videmu si ci piaci. (Recita) “Illustre… che io tolsi la figlia a quel vecchio, è vero ma è pur vero che la sposai! E in ciò, sta tutta la mia offesa!” Chi ci ni pari?

ALFIO – Magnifico!

VITTORIO – Che temperamento, che voce, vero?

ALFIO – Da impazzire! (tra sé) Chissu di ccà intra, non nesci cchiù!

VITTORIO – E ‘ddocu du’ chiamati non m’i leva nuddu! Chi dici lei?

ALFIO – Chiddu ca dici lei.

VITTORIO – Il finale del quarto atto, poi, la voce cambia… (Recita) “Vi chiedo perdono, io vi avevo creduta quell’artista divenuta cortigiana…” eccetra eccetra. Poi, trasi Emilia… “Eccovi dell’oro, prendete! Sì, è il vostro compenso!” Meh! Arrizzanu i carni! Poi, si chiudi ‘u sipariu e ‘ddocu ‘u pubblico…! Eh? Chi dici lei?

ALFIO – Sempri chiddu ca dici lei.

VITTORIO – Lei, domenica, che fa, non viene a vedermi?

ALFIO – Dove?

VITTORIO – Come, dove?! A teatro!

ALFIO – Ah, logico!

VITTORIO – Le do una poltrona?

ALFIO – Non si disturbi… m’a portu d’a casa.

VITTORIO – Ma vuole scherzare? Si porta la poltrona in teatro?

ALFIO – Mi portu ‘na seggia…

VITTORIO – (ride) Simpaticunazzu! Lei mi piaci!

ALFIO – Macari lei.

VITTORIO – Torni più tardi e le faccio avere una poltrona, d’accordo?

ALFIO – D’accordo. Cchiù tardu tornu ccà, mi pigghiu ‘a pultruna e m’a portu o’ tiatru!

VITTORIO – Domenica la voglio vedere!

ALFIO – Senza meno!

VITTORIO – Non manchi!

ALFIO – Non mancherò!

VITTORIO – Vado a provare il costume dell’ultimo atto.

ALFIO – Si ni va?

VITTORIO – Sì.

ALFIO – Si ni jssi!

VITTORIO – Arrivederla.

ALFIO – Arrivederla.

(Vittorio esce con una gran risata)

            Iù ccà non ci hava a veniri! Ma unni si ni jvu  ddu disgraziatu di mè niputi…?

8 –

(Bianca in volto e compunta, entra la vedova Mimì)

MIMI’ – Mi perdoni, ha visto il direttore?

ALFIO – Sì, era qua… poi è andato di là,,, ma prima o poi deve tornare di qua…

MIMI’ – (lo osserva, sgrana gli occhi poi lancia un urlo) Oddio! Non è possibile!

ALFIO – E pirchì, signuruzza…? Prima o poi, torna di qua… Non è che può stare sempre di là…

MIMI’ – (continua ad osservarlo) Gli stessi occhi, lo stesso naso, i capelli… tutto!

ALFIO – (terrorizzato, con un filo di voce) Stia tranquilla… ora il direttore veni e ci duna versu… stassi calma…

MIMI’ – Si stassi fermu! Si facissi taliari tuttu paru!

ALFIO – Va bene, va bene… Si accomodi…

MIMI’ – Ma lo sa che lei gli assomiglia in modo impressionante?

ALFIO – A cui… o’ diritturi?

MIMI’ – Quali diritturi…? Lei assumigghia tuttu, spiccicatu… al mio povero marito!

ALFIO – Ah, ecco. Quando si dice la combinazione!

MIMI’ – Cosi de’ pazzi!

ALFIO – ‘U po’ diri forti!

MIMI’ – ‘A stissa facci… i stissi gesti… ‘u stissu modu di fari di Attanasio!

ALFIO – Cu’ è Attanasio?

MIMI’ – (scoppia in un pianto dirotto) Ci’u dissi, no? Il mio povero marito defunto!

ALFIO – (si unisce nel pianto) E quando è defungiuto?

MIMI’ – Duminica prossima fa due anni precisi… (disperatamente) Attanasio, pirchì mi lassasti sula e pazza?

ALFIO – Pirchì, Attanasio, l’hai lasciata? Pirchì non t’a purtavi cù ttia?

(I due continuano a piangere ininterrottamente)

MIMI’ – Era beddu, Attanasio, comu ‘u suli!

ALFIO – E certu! S’assimigghiava a mmia…!

MIMI’ – Era buono…

ALFIO – Bonu era…!

MIMI’ – Gentile…

ALFIO – Una persona fina, proprio…

MIMI’ – Fina, sì, la parola giusta… ma nell’intimitù era fucusu, era un leone…!

ALFIO – Una bestia…!

MIMI’ – Era… un ciclone!

ALFIO – Un ciclope, sì! Un occhiu sulu aveva, ccà, ‘nta frunti, ma a iddu ci bastava!

MIMI’ – E un bel giorno… anzi un brutto giorno, se ne andò…

ALFIO – Se ne vanno sempre i migliori, abberu?

MIMI’ – Parole sante. Non me lo posso scordare… Mi pigghià ‘a manu e mi dissi:”Mimì…” Io mi chiamu Domenica ma iddu mi chiamava sempri “Mimì”.

ALFIO – Macari nei giorni feriali, veru?

MIMI’ – Sempre, sempre “Mimì”!

ALFIO – Chi omu dilicatu…!

MIMI’ – Mi dissi; “Mimì… fra un minuto… muoio”!

ALFIO – E mantenne la promessa.

MIMI’ – E chiusi l’occhi!

ALFIO – Che dolore!

9 –

(Entra Onofrio, seguito da Luigi)

ONOFRIO – (urla) Carmela! Arriva ‘stu schifiu di cognac, sì o no? Havi un’ura c’aspettu!  E ‘dd’autru bestia d’o diritturi, chi fici, morsi? Carmela!

CARMELA – (arriva col cognac) Ccà c’è ‘u cognac, non facissi vuci!

ONOFRIO – Finalmente! E chi ci volunu, i cannunati?!

CARMELA – Mi scusi… Io stavo…

ONOFRIO – Non m’interessa unni stava! E sappi, sappiate tutti pari ca ora mi staiu siddiannu pì daveru, va bene?

MIMI’ – (ad Alfio) Mi perdoni, io mi ritiro a piangere nella mia camera.

ALFIO – Si ni jssi… si ni jssi a piangere tranquillamente.

MIMI’ – La vedrò ancora?

ALFIO – Sì, il 2 novembre, o’ campusantu!

MIMI’ – Ci vuol venire domenica, al cimitero, con me?

ALFIO – No, duminica ho un altro impegno: haiu a ghiri o’ tiatru.

(Mimì esce piangendo)

LUIGI – Che ci vuole fare, caro Onofrio? In questa Pensione, non sono bene organizzati, chista è ‘a virità, caro Onofrio…

ONOFRIO – Caro Onofrio, caro Onofrio…! Senta, egregio amico, lei mi ha scocciato in maniera veramente esuberante!

LUIGI – Che dice?

ONOFRIO – Sissignore! Mi ha frantumato ogni tipo di sfera! Financo i palli di l’occhi!

LUIGI – Stento a capirla, ‘u sapi?

ONOFRIO – Lei stenta perché non ci ha i meccanismi cervellari in ordine!

LUIGI – Prego?

ONOFRIO – E sì! Uno vuole fare la persona educata, la persona civile e lei se ne approfitta? Signori miei, havi un giorno ca mi veni d’appressu!

LUIGI – Ma… scusi… Fino a prova contraria, fu lei a invitarmi…

ONOFRIO – Sì, è veru ma lei si pigghiò ‘u jtu, ‘a manu, ‘u pedi e ora, macari ‘u figatu!

LUIGI – Le faccio presente ca era lei a dirmi “ora ci cuntu chissa, ora ci cuntu ‘st’autra!

ONOFRIO – E ora, mi siddiai!

LUIGI – E pirchì non m’u diceva bellu chiaru?

ONOFRIO – Era lei che doveva capirlo! Ma siccomu lei, comu ci dissi prima, tantu intelligenti non mi pari…!

LUIGI – Allora, sarei un cretino?!

ONOFRIO – Non lo so, può essiri! Ahu, si è trasferito macari ‘nta mè stanza! Chi ci pari educazione, chissa?

LUIGI – Senta, signor pompiere, vidissi ca iù l’educazione a lei ci’a pozzu ‘nsignari!

ONOFRIO – Chi è ca m’insigna, lei?

LUIGI – L’educazione! E si ricordi ca cretinu c’è lei!

ONOFRIO – No, ‘u cretinu è lei!

LUIGI – Cretinu e bestia!

ONOFRIO – Lei o iù?

LUIGI – Lei!

ONOFRIO – E allora, la debbo sfidare a duello, pì forza.

LUIGI – Ma ci livassi ‘a farsa!

ONOFRIO – Come vuole morire? Cù ‘n’colpu di pistola ‘nta frunti, cù ‘na cutiddata ‘nta panza o con un colpo di accetta ‘nto battisimu? Accetta?

LUIGI – Accetto. Ci vediamo! (Via)

ONOFRIO – Mi dissi cretinu a mmia! Scemunitu e incapaci! Disonestu! Dda testa di sceccu ca havi ci’a spaccu in dui, beddamatri!

ALFIO – (è terrorizzato ma si fa coraggio) Calma… calma… Vidissi ca stanu vivennu du’ ‘nfirmeri! Si ni jssi nella sua camera, megghiu… Avanti, beddu valenti…

ONOFRIO – Du’ ‘nfirmeri?! E chi mi pigghiò pì pazzu, lei ?! Comu si permette? Chi sugnu pazzu, iù?

ALFIO – No, quali pazzu…

ONOFRIO – E’ inutili ca cerca di ricupigghiarisi! Lei mi dissi ca sugnu pazzu!

ALFIO – Calma, calma… Non ha successu nenti!

ONOFRIO – Lei mi ha insultato e non ha successu nenti? Ma chi fa scherza? Ma vardati chi c’è ccà! Vardati chi bella jurnata!

ALFIO – A cu’ ci’u dici?!

ONOFRIO – Insomma, accuzzamula. Cu’ è lei? Comu caddu si chiama?

ALFIO – Alfio… Pennisi. Piacere.

ONOFRIO – Ma quali piacere e piacere?! Dunque… E lei, lei come vuole morire?

ALFIO – Di morti naturali.

ONOFRIO – Non può essiri. Pistola, coltello o accetta? Accetta?

ALFIO – Accetto.

ONOFRIO – Accetta. Benissimo. Appena levu manu c’o scribacchinu, attaccu cù lei. Arrivederlo! (Via)

10 –

ALFIO – Sì, “arrivederlo”!… E pari ca iù restu ccà…

(Sul fondo, da sinistra,entra Carmela che percorre in larghezza il palcoscenico ed esce a destra)

            Senta, scusi, che ha visto a mè niputi? Cameriera! (Via, all’inseguimento di Carmela)

(Dalla comune, entra, visibilmente agitato, Michelino)

MICHELINO – Che giornata! Ma com’è ca Nicolino si mette sempre ‘nte vai?! Non è ca ‘u pigghiava c’o bonu a don Calogero, no! Iddu partìu avanti! « I milli liri ci dugnu quannu sugnu comudu e per ora non sugnu comudu !” ‘Ddu servaggiu s’incazzò e ‘u pigghiò a vastunati! Risultato: don Calogero in Questura, Nicolino o’ ‘spitali! Mi dissi di curriri ccà e stari attentu o’ ziu… ma comu ci staiu attentu…? Chi fazzu?

(Rientra Alfio che, verosimilmente, si rivolge a Carmela, in direzione della quinta di destra).

ALFIO – ‘U circassi… mi facissi ‘st’opira di carità! Ci dicissi che lo zio si sta sintennu mali!

            (Scorge Michelino che, intanto, capelli in disordine e sorriso ebete, lo guarda. In preda a totale panico, urla disperato) Direttore!

MICHELINO – Ti ho ritrovato, padre mio diletto!

ALFIO – Ma quali lettu e divanu…! Direttore! Infermieri!

(Michelino scappa per la comune)

ONOFRIO – (entra con un’accetta in mano) Unn’è dda bestia ca scrivi novelli? Unn’è, ca ci spaccu ‘a testa comu un muluni! (Ad Alfio, impietrito) Cù lei, ni videmu cchiù tardu! (Via)

ALFIO – Direttore! (Via per l’uscita di sinistra)

ONORATA – (entra dalla porta di sinistra) Chi su’ ‘sti vuci? Chi sta succidennu? Giovanni! (Via)

GIOVANNI – (entra da destra) Signora Onorata, sono qui, dico dico! Che succede? (Via)

LUIGI – (sbuca per un istante dalla propria camera) Pompiere Onofrio! Stavota ‘u fazzu moriri pì daveru e senza pompa ‘nte’ manu! (Via)

ALFIO – (rientra) Matri, matri, matri! Si scatenaru tutti i pazzi! (Si siede, sfinito)

VITTORIO – (entra recitando) “Oh, tu che convincesti la giustizia a spezzare la sua spada… Ancora un bacio! Un altro! Rimani così… e quando ti avrò ucciso, potrò ancora amarti! Io piango! Ma son lacrime crudeli! (Via)

ALFIO – Ma cu’ mi ci purtò a mmia, ccà?! Era ‘nta mè paci…

VITTORIO – (sbuca, per un momento, dalla sua porta) “La tua colpevolezza mi fa delirare come un folle! Tu devi morire”! (Via)

ALFIO – Mamma ! (Sviene)

Rientra Giovanni, seguito da Mimì, Carmela, Onorata, Agatella, Luigi)

GIOVANNI – Signore! Dico dico dico… che gli è successo?

CARMELA – E chi ci acchiappò?

MIMI’ – Ditemi solo se è morto! E’ morto?

ONORATA – Giovanni, chi fici, morsi?

AGATELLA – Speriamo di no, abberu mamà?

LUIGI – Che ha?

GIOVANNI – Non saprei, dico… Era qui, svenuto, dico dico… Portiamolo al secondo piano: c’è una stanza libera…

ALFIO – (con un fil di voce) No, o’ secunnu piani, no… dico dico…!

GIOVANNI – Stia buono, dico… Ora si mette disteso, dico dico, e vedrà che starà meglio…

ALFIO – (c.s.) O’ secunnu pianu, no…

(Viene trasportato a braccia, via. Per qualche istante, la scena è vuota).

11 –

(Dalla comune, entrano Concettina, Fifì e Lulù)

CONCETTINA – C’è permesso?

FIFI’- Ma chi è, non c’è nuddu?

LULU’ – Sì, non c’è nuddu! Perciò, in una clinica non c’è nuddu, sciamunita?!

FIFI’ – Sta’ vidennu a qualcunu, cretina?

CONCETTINA – Finitila, tutti dui! (Continua a chiamare) Di casa! Di clinica!

ONORATA – (entra) Buon giorno, signora. Ci deve scusare… E’ che abbiamo avuto un poco di maretta… Che desidera?

CONCETTINA – Sono la zia del dottor Nicolino Pennisi.

FIFI’ – Io sono la cugina preferita del dottor Nicolino…

LULU’ – E io sono l’unica cugina intelligente!

ONORATA – (tende la mano a Concettina) Onorata.

CONCETTINA – (le stringe la mano) Anch’io.

ONORATA – Bih, che si chiama pure lei Onorata?

CONCETTINA – Veramente io mi chiamo Concettina e sono la zia…

FIFI’ – E io la cugina…

LULU’ – Muta, bestia, chè l’ha capito!

ONORATA – (risata di circostanza) No, c’è stato un “quo quo quo”! Io ci dicevo “Onorata”, nel senso logico che mi chiamo Onorata! Ha capito?

CONCETTINA – Non tanto. Comunque… io sono la zia…

ONORATA – Sì, ho inteso, ho inteso…! Che ci pare che sono intontira? Dunque, il dottore Nicolino, momentaneamente, non so dove si trova… Ma suo fratello è qui, invece.

CONCETTINA – Il fratello di Nicolino? Ma Nicolino non n’havi frati!

ONORATA – Chi ci trasi?! Dico, “suo” fratello! “Suo” di lei! In signor Alfio!

CONCETTINA – Il signor Alfio… è mio fratello? Senta… ma di quale Alfio sta parrannu?

ONORATA – Ma perché, scusi, Alfio… Roccacannuccia… no, Pennisi, non è suo fratello?

CONCETTINA – (vuole andare fino in fondo alla questione) Ah, sì, certo… mè frati è.

ONORATA – Il signor Alfio si è sentito un pochettino male… ma non si preoccupa, signora, cosa di poco… Ha avuto una piccola “lisioni” ma ora è beddu tranquillu che si sta riposando…

CONCETTINA – Ha avuto una lisioni e ora… si sta riposando… qua?

ONORATA – Sissignora ma se ci dico che non deve preoccuparsi…! Che fa, si preoccupa?

CONCETTINA – Ca un pochetto…

ONORATA – Non c’è ragione.

CONCETTINA – Speriamo.

ONORATA – E lei, cara signora, casca come il famigerato cacchio sui maccheroni! E lo sa perché?

CONCETTINA – No, non sacciu nenti.

ONORATA – Ecco qua. Si tratta di un matrimonio.

CONCETTINA – Un matrimonio?

ONORATA – Un matrimonio così, additta additta, comu si dici… arrustennu e mangiannu… lestu lestu, insomma! Il signor Alfio, il suo fratello, ha conosciuto alla mia figlia Agatella… Essa a esso ci piacìu, esso ci piacìu a essa, a mmia esso mi piacìu… e abbiamo combinato questa pasta rattata!

CONCETTINA – (a parte, alle figlie) A’mprisa ca chista è ‘na pazza, ricoverata ccà? (A Onorata) Scusi la domanda, signora… Lei che è una cliente di questa cli… di questa Pensione?

ONORATA – Quali clienti! Io sono la padrona! E mi trova qua perché debbo curare i miei interessi… lei capisce, no? Comunque, ora ‘u sapi chi fazzu? Ci faccio conoscere Agatella anche a lei. Mi pari giustu che ce la presento alla famiglia, no?

CONCETTINA – Oh, ca certu.

ONORATA – Un secondino d’impazienza e ce la porto qua, va bene? Mi aspetta.

CONCETTINA – Non mi movu.

ONORATA – Brava. Con permesso. (Via)

CONCETTINA – Mah! A mmia tantu pazza non mi pari chissa… ‘U veru pazzu ‘u sacciu iù cu’ è! Pazzu e sdisonestu!

FIFI’ – Mamà, ma tu chi hai un frati ca si chiama Alfio, comu ‘u papà?

LULU’ – Certu non si po’ diri ca tu i cosi ‘i capisci a volu!

CONCETTINA – No. Iù ci haiu sulu ‘na speci di maritu ca si chiama Alfio…! Anzi, si chiamava! Pirchì fra pocu sugnu viduva!

FIFI’ – Ma allura, pirchì va dicennu ca è tò frati? Iù diventu scema, parola d’onore!

LULU’ – Tu scema ci nascisti, non c’è bisogno ca ti sforzi!

FIFI’ – Mamà, ci’a fa’ finiri a chissa? ‘U vo’ vidiri ca ci dugnu ‘na timpulata?

LULU’ – ‘U vo’ vidiri ca ‘a pirìu e t’a fazzu truvari menza morta?

CONCETTINA – Ahu, finitila o vi dugnu ‘ncorpu di scarpa all’unu!

FIFI’ – Idda è!

LULU’ – Tu si’, scunchiuruta!

CONCETTINA – Basta, figghi disgraziati! (Pausa) E maritu facchinu! Cosa fitusa! Ci dici a’ genti ca sugnu so soru, accussì è libiru di farci ‘u purcidduzzu! Ma iddu, d’e’ me’ manu nesci, chi n’ha fari!

12 –

(Rientra Onorata con Agatella)

ONORATA – E questa è la mia figlia Agatella. (Alla figlia) Saluta.

AGATELLA – Buon giorno! Bih, varda chi su’ finicchi, mamà… su’ ‘ncucchiati!

FIFI’ – Ma chi è scema, chissa?

LULU’ – Unni ‘a truvaru, ‘nta l’ovu di Pasqua?

ONORATA – (imbarazzata) No, Agatella… non è ca su’ ‘ncucchiati…

LULU’ – No, no, semu ‘ncucchiati, purtroppo!

FIFI’ – Siamo siamesi.

AGATELLA – (ride) Ha’ visto, mamà, ca su’ ‘ncucchiati?

ONORATA – (a parte, alla figlia) Finiscila d’arridiri, bestia!

AGATELLA – (a parte, alla madre) Non m’u dicisti tu di essiri vivaci, spronta…

ONORATA – (le dà una gomitata, poi alle tre donne) Come vi pare? Non è bedda, mè figghia?

CONCETTINA – Sì, sì… Havi macari ‘na bella risata!

ONORATA – ‘A figghia, è cuntenta. Arridi pirchì si fici zita!

CONCETTINA – Brava. E cù cui?

ONORATA – Comu “ cù cui”? Ca cù so frati, no?

CONCETTINA – Ah, già… cù mè frati…!

FIFI’ – (a Lulù) Chissa s’ha maritari co’ papà?

LULU’ – Si sunu ziti…!

FIFI’ – A mmia non mi piaci: è cretina!

CONCETTINA – E quann’è… quann’è ca si fa ‘stu matrimoniu?

AGATELLA – (china la testa pudicamente) Boh?

ONORATA – S’affrunta. Ma pirchì t’affrunti, babba?

AGATELLA – Questa domanda ci l’ha fari a’ mamà. Chi ni sacciu, iù?

CONCETTINA – E allura ci’u dumannamu a’ mamà…

ONORATA – Ancora non l’abbiamo stabilito, signuruzza ma ora ca c’è macari lei, tutti insieme putemu decidiri la data. Dico bene?

CONCETTINA – Benissimo. E allura, spicciamini… Andiamo da… mio fratello… accussì fissiamo la data delle nozze di mio fratello! (Si alza decisa) Unn’è? Di unni si ci va di ccà… da mio fratello?

ONORATA – Aspittassi, signora… pirchì tutta ‘sta primura? Ddu mischinu s’ha sintutu mali… Lassamulu ripusari ‘n’autru pocu…

CONCETTINA – Non si preoccupi, appena mi vidi, si senti megghiu di sicuru! Avanti, mi facissi jri ‘nti mè frati! Voglio vedere subito a mè frati!

ONORATA – No, ci dico. Ora, invece, lei s’accomoda nel salotto buono ca ci fazzu purtari ‘na bella tazza di thè coi viscotta. Poi, c’a paci…

FIFI’ – (a Lulù) A mmia ‘u thè non mi piaci e i viscotta mancu!

LULU’ – E a mmia ‘u thè mi piaci e i viscotta macari!

ONORATA – Avanti, per di qua… Mi si accomodano… (Alla figlia)  E parra macari tu…!

AGATELLA – Mi si accomodano per di qua… che ci portiamo il thè coi viscotta… poi, c’a paci…

ONORATA – (alla figlia) Hai ‘na fantasia, figghia!

(Concettina, Fifì e Lulù, via)

            (alla figlia) Camina cù mmia… videmu comu si senti il signor Alfio.

AGATELLA – Mamà, non sta bene.

ONORATA – No, a ‘st’ura si ricupigghiau.

AGATELLA – No, dico, non sta bene che vengo nella camera d’un uomo curcatu ‘nto lettu!

ONORATA – E unni ‘u vulevi fari curcari, ‘nta ‘mmuarri? Ca camina, ddocu! Tu, cù ‘sta testa e ‘stu carattiri, non ti mariti mai! Menu mali ca ci sugnu iù! (Via entrambe)

13 –

(Entra Nicolino con la testa vistosamente fasciata. Lo segue Michelino)

NICOLINO – Ca trasi, cretino!

MICHELINO – Chi c’è tò ziu?

NICOLINO – Ccà nuddu c’è.

MICHELINO – Menu mali. Allura, si ni potti jri.

NICOLINO – E unni? Se in albergo non c’è…

GIOVANNI – (entra) Ah, dottor Nicolino… che le è successo, dico?

NICOLINO – No, niente, una brutta scivolata… E… mio zio?

GIOVANNI – Suo zio, dico, ha avuto un piccolo malore, dico ma ora sta già meglio, dico dico.

NICOLINO – Oh, Madonna…! E dov’è, ora?

GIOVANNI – L’accompagno subito ma stia tranquillo, dico, non è successo niente di serio dico,… L’abbiamo messo disteso, dico dico e ora…

NICOLINO – Ho capito, dico! Mi vuole accompagnare da lui, dico?

GIOVANNI – Certamente, dico dico!

NICOLINO – (a Michelino) Tu torna cchiù tardu accussì ti dugnu i milli liri e ci porti a ddu strunzu!

MICHELINO – Mi raccumannu! Se no don Calogero s’a pigghia cù mmia!

NICOLINO – Stai tranquillo.

MICHELINO – Direttore, ossequi… (Via)

GIOVANNI – I miei rispetti, dico!

NICOLINO – Dico… vogliamo andare? (Via con Giovanni)

14 –

ONORATA – (rientra con Agatella) Senti, Agatella, m’ha fari ‘n favuri.

AGATELLA – ‘U sacciu: m’haiu a mettiri a ridiri!

ONORATA – Ti fissasti! Tu ha0 ridiri quannu t’u dicu iù!

AGATELLA – Va bene, mamà.

ONORATA – Ti vuleva diri… ‘u thè portacillu tu a’ soru di Alfio… accussì, in segno di rispetto…

AGATELLA – Sì, mamà. Ci portu ‘u thè coi viscotta e poi, c’a paci…

ONORATA – Sì, sì… moviti, ora! (Via con la figlia)

15 –

(Rientra Nicolino con Alfio)

NICOLINO – Alleggiu… alleggiu… E ora, comu ti senti, ziu?

ALFIO – Megghiu, megghiu… Tannicchedda sguazzariatu, forsi… Ma si pò sapiri chi ti successi ? Chi facisti, ti spaccasti ‘a testa?

NICOLINO – Non mi ni parrari…! Ho avuto una chiamata urgente, un consulto e sono dovuto scappare! E al ritorno, mentri ca stava turnannu ccà, sciddicai supra ‘na scorcia di limoni e sbattii ‘a frunti terra! E… ccà, successi cosa?

ALFIO – Ma ti nisciu ‘u sangu, ti nisciu?

NICOLINO – No, mi niscìu ‘na limonata! Comunque, qua… tutto a posto?

ALFIO – Tutto a posto?!  Ma dicu, comu t’arrisichi a lassarimi sulu cù ‘sta maniata di pazzi?! Sugnu vivu pì miraculu!

NICOLINO – E… pirchì?

ALFIO – Te l’ho detto! Ccà è successo l’inferno! La rivolta dei pazzi! Forsi scinneru chiddi d’o secunnu piani, no’ sacciu…!

NICOLINO – Senti, ziu, prima ca m’u scordu, chi fai m’i duni ddi milli liri?

ALFIO – Quali milli liri?

NICOLINO – T’u scurdasti?! Mi servono per l’apparecchio…

ALFIO – Ah, sì… Teni. (Gli consegna il denaro)

(Rientra, come una furia,Concettina, seguita da Fifì e Lulù)

CONCETTINA – Senta, signora, comu finìu…? (Scorge Alfio) Ah, tu ccà si’?

ALFIO – Oh, Cuncittina…

NICOLINO – Zia, chi ci faciti tutti ccà?

FIFI’ – Papà, ma pirchì ti facisti zitu?

ALFIO – Ni fici zitu?!

LULU’ – E i cunfetti quannu ni mangiamu?

ALFIO – (alla moglie) Ma chi è, ‘u cauru di Catania i fici sciamuniri a chissi?

CONCETTINA – L’unicu sciamunitu si’ tu! Ma comu non t’affrunti, uomo riddicolo?!

ALFIO – Ho capito. Cu’ trasi ccà intra diventa pazzu…!

CONCETTINA – Lo sai che ci hanno presentato la tua fidanzata?

ALFIO – Daveru?

FIFI’-LULU’ – Agatella!

ALFIO – Calma! Manteniamo la calma!

NICOLINO – Zio, calmati…

ALFIO – Calmu sugnu! A cu’ ci’a presentaru ‘sta… Agatinella?

CONCETTINA – A tò soru!

ALFIO – A mè soru?!

CONCETTINA – Tu non vai dicennu ca sugnu tò soru? Disgraziatu!

NICOLINO – Zia, calmati…

CONCETTINA – Calma sugnu! Appena turnamu o’ paisi, ni spartemu, ‘u senti?

ALFIO – Concettina, c’è un equivoco… Chi ci duni cuntu e’ pazzi?!

CONCETTINA – Tu, tu si’ pazzu! Pazzu e porco sessuale!

NICOLINO – Per favore, zia, basta! Amuninni in salotto e mi spieghi ‘sta storia! (Spinge le tre donne fuori) Non facemu scandali ca ccà mi canusciunu! Ziu, tu assettiti ddocu e non ti moviri (Anch’egli via)

16 –

ALFIO – (si siede) E cu’ si movi?

LUIGI – (entra) Si sente meglio, ora?

ALFIO – Insomma…

LUIGI – Me ne compiaccio. Che ha visto, per caso, il pompiere nevrastenico?

ALFIO – No.

LUIGI – Ho l’impressione che oggi finisce male! Mi fazzu du’ passi accussì svarìu! (Via per la comune)

ALFIO – (tra sé) E chi fici… niscìu?

VITTORIO – (entra) Oh, amico mio carissimo!

ALFIO – (terrorizzato, tra sè) Otello! (Chiama disperatamente) Nicolino!

VITTORIO – (ride) Ma chi è, si scanta ancora di mia?

ALFIO – Io? No.

VITTORIO – Comu si senti? Si senti megghiu? Parrannu cù lei, a mmia mi fici piaciri ca si sintìu mali…perché ciò vuol dire che la mia parte l’ho fatta troppo bene!

ALFIO – Ah, benissimo…

VITTORIO – Ero naturale, veru?

ALFIO – Naturalissimo…

VITTORIO – Sono contento. (Si avvia verso la comune poi lancia un grido) Ah!

ALFIO – (sobbalza) Che c’è?

VITTORIO – E si scanta. Ma pirchì si scanta, babbu? No, mi riurdai ca ci avevo conservato due biglietti di platea ma mi scurdai di purtaraccilli. E’ contento?

ALFIO – Da morire.

VITTORIO – Cchiù tardu c’i dugnu.

ALFIO – Grazie.

VITTORIO – Prego. (Recita) “Mio buon amico, pallido come un morto dall’angoscia, dimmi: chi ha incominciato? Se mi vuoi bene, parla!” Ni videmu duminica. (Via, per la comune)

ALFIO – E si ni jvu macari chissu…?! Minchiuni! Ma ccà trasunu e nesciunu comu si fussiru in albergo! (Chiama a gran voce) Direttore!  (Tra sé) Ma vardati chi sorti di diritturi! “Dico dico, dico dico” e fa scappari i pazzi?!

ONOFRIO – (entra) Scusi…

ALFIO – (sempre più spaventato) Prego…

ONOFRIO – Non si preoccupa… Non svinissi pirchì non ci fazzu nenti.

ALFIO – Grazie.

ONOFRIO – Ho capito che lei è una carogna. Chi mi battu con una carogna?

ALFIO – Non c’è piaciri…

ONOFRIO – Esatto: non c’è piaciri. Io, invece, ci volevo domandare se ha visto a quell’animale che mi voleva imparare l’educazione a me! Ca quannu ci pensu…! Unn’è?

ALFIO – ‘U visti nesciri…

ONOFRIO – Scappau?

ALFIO – Allura. Ora, chi fa, scappa macari lei?

ONOFRIO – Scappu?! Iù assicutu a iddu! (Via, per la comune)

ALFIO – E si ni jvu macari ‘st’autru! Fra pocu mè niputi resta senza clienti! (Continua a chiamare) Direttore!

17 –

GIOVANNI – (entra) Dico, che ha? Perché grida? Sta di nuovo male, dico?

ALFIO – Bene, non mi sentu di sicuru! Ma lassassi stari a mmia… Pinsassi alla Clinica… Tutti i pazzi nisceru… scappanu!

GIOVANNI – I pazzi?! La clinica?! Che dice, dico?

ALFIO – Scappanu tutti: ‘u pumperi, ‘u ciaramiddaru, Otello…!

GIOVANNI – Ma… dico… Sta delirando?

ALFIO – ‘U vuliti vidiri ca ‘u pazzu sugnu iù, ora? Lei è il direttore, sì o no?

GIOVANNI – Sì, dico ma…

ALFIO – E allura ‘i jssi a’cchiappari di cursa!

GIOVANNI – Lei vuole scherzare…?! Dico, qui non ci sono pazzi! Questa è una Pensione mica una clinica!

ALFIO – Lo so, mio nipote l’ha chiamata “Pensione” ma sempre ‘na clinica p’e pazzi è!

GIOVANNI – (ride) Ma, dico dico, chi gliele ha raccontate queste sciocchezze?

ALFIO – Nicolino, mè niputi!

GIOVANNI – Avrà scherzato… E lei, dico dico, ci ha creduto?

ALFIO – Ma comu, dico dico… ci mannai i soldi p’a caparra, l’affitto, i mobili…

GIOVANNI – (continua a ridere) Ah, ora dico, ho capito…!

ALFIO – Lei dice dice che ha capito e io dico dico che non ho capito nenti!

18 –

(Entra Concettina con le due figlie)

CONCETTINA – E io, invece, ho capito tutto!

ALFIO – Sì?

ONORATA – (entra) Ah, tutti qua siete?

CONCETTINA – Sì, semu tutti ccà, i parenti d’a zita!

ONORATA – Semmai i parenti d’o zitu! (Ride) Sono contenta, così possiamo fissare la data…

CONCETTINA – Sì, sì, va bene… (Ad Alfio) Baccalaru! ‘U capisti chi ti cumminò tò niputi?

ALFIO – No.

FIFI’ – Nicolino ti fici ‘u scherzu, papà!

LULU’ – Finalmenti capìu ‘na cosa, chissa!

ALFIO – Allura… questa non è una clinica…?

ONORATA – ‘Na clinica?! Ma chi sta dicennu, scusi?

ALFIO – Ccà pazzi non ci ni sunu…?

GIOVANNI – E’ da un’ora che glielo dico, dico dico!

CONCETTINA – (chiama) Nicolino!

(A testa bassa, entra Nicolino)

            ‘Stu bellu spicchiu mi ha confessato tutto. Inveci, tu, m’u spieghi ‘stu discursu ca ti facisti zitu c’a figghia di ‘sta signora?

ALFIO – Ma quali zitu?! Tutti cosi idda fici! E iù, pinsaccu ca era pazza, ci calava sempri ‘a testa!

ONORATA – Comu, comu? Ah, perciò, lei mi pigghiò pì ‘na pazza?

ALFIO – Scatenata, signuruzza mia!

ONORATA – Ma cosi de’ pazzi! E mi fici perdiri tuttu ddu tempu pì nenti…?

ALFIO – E chi è curpa mia? Iù, ‘a muggheri ci l’haiu. Cuncittina, presentati.

CONCETTINA – Purtroppo, sono io la moglie.

ONORATA – Matri, che “graffa”! E iù ‘a scangiai pì so soru!

ALFIO – Lo so io cu’ ci l’havi ‘a curpa di tuttu ‘stu macellu! (A Nicolino) Birbanti! Incosciente e latru!

NICOLINO – Hai ragione, ziu, sugnu ‘na cosa fitusa… Il fatto è che avevo un sacco di debiti e ti’ncucchiai  ‘mpocu di fissarii… Poi, tu, pì forza, vulevi vidiri ‘a clinica…! 

(Entra Michelino)

ALFIO – Oh, vardati cu’ c’è? ‘U tenore! Chi fa, non canta cchiù, lei?

MICHELINO – (non capisce e continua la sua finzione) Veramente, ho avuto un abbassamento alle corde vocali…

ALFIO – Si ci affucassi cù ‘sti cordi!

(Nicolino gli fa segno che sono stati scoperti…)

MICHELINO – Signor Pennisi, chi voli di mia? Iddu mi custrinciu a fari ‘u pazzu!

ONOFRIO – (entra) Scusate… quannu viditi o’ scribacchinu, avvisatimi: iù mi siddiai ad assicutarlu Catania Catania! (Via, nella sua camera)

MIMI’ – (piangendo ad Alfio) Sto andando al cimitero. Vuole accompagnarmi?

ALFIO – Magari un’alyta volta, grazie. E mi salutassi Attanasiu!

MIMI’ – Sarà servito. (Via, per la comune)

LUIGI – (entra con una pistola in mano) Se qualcuno vede il pompiere pazzo, mi avverta. Grazie. (Via, nella sua camera)

VITTORIO – (entra recitando) “Qual è la ragione di tanto scompiglio? Siamo tutti diventati turchi?” Siete tutti invitati al mio debutto! Ni videmu duminica. (Via, in camera)

ALFIO – (ai presenti) Ma siti propriu sicuri ca chissi non su’ pazzi?

AGATELLA – (entra con un vassoio) Mamà, purtai ‘u thè ch’e viscotta. Poi c’a paci…

(SIPARIO)

Testo finito di revisionare nel gennaio 2005   

 

   

 

     

  

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 67 volte nell' arco di un'anno