Il merlo non canta più

Stampa questo copione

L’UCCELLO NON SI ALZA PIU’

IL MERLO NON CANTA PIU’

Scheda copione

Titolo

Eventuale Sottotitolo

IL MERLO NON CANTA PIU’

IL MERLO NON VOLA PIU’

Autore ed aventi diritto

Giuliano Angeletti 

poetangeletti@gmail.com

tel. 3317115597

Genere

Commedia brillante

Atti

1 o 2 ( a discrezione della regia)

Durata (min)

70

Lingua

italiano

Personaggi maschili

5

Personaggi femminili

6

Minimo attori maschili

4

Minimo attrici femminili

6

Premi e riconoscimenti

Depositato S.i.a.e.

Sezione DOR numero posizione SIAE 198563

Reparto proventi : concordato tra gli Aventi Diritto

Da effettuarsi dalla SIAE

100%

100%

IL MERLO NON CANTA PIU’

eventuale sottotitolo ( il merlo non vola più)

COMMEDIA BRILLANTE

DI   GIULIANO ANGELETTI

Atto unico ( o due atti ) a discrezione della regia

Personaggi:

LIVIO CACCIATORE (il Comandante)

LELLA MOZZACHIODI (sua moglie)

VIRGILIO SEMENTA ( Vigile Urbano)

EMILIO LAPUCCI ( Vigile Urbano))

CARLETTO PERRONI ( Vigile Urbano)

LORENA CAVALLINI (sua moglie)

CINZIA BARALDI ( Brigadiere)

MONICA PASSERONA (amante del Comandante)

GAIA GALLINA ( dottoressa)

MAURO GRATTI (dottore)

BETTY (escott )

SCENA 1

(IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI – IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI)

(Caserma,  il Vigile Urbano ha un cane al  guinzaglio )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

(alterato entra di corsa)

Ma dove siamo ! Ma dove siamo!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:

(sull’attenti)

Non capisco comandante…

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI:

(sull’attenti)

Comandi!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

(alterato)

Ho detto dove siamo appuntato!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:

(Si guarda intorno per avere conferma)

In una caserma …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

(alterato)

E cosa ci fa questo animale… siamo in uno zoo forse!

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI:

No!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

e allora questo cane!

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI:

Era davanti alla porta Comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:
e allora … se era davanti alla porta voi lo avete fatto entrare  questo non è un canile !

(tutti e due)

Si signor Comandante!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

(alterato)

Questa è un comando di vigili urbani non una fattoria

Via e fuori …

Vigile Perroni porta il cane alla protezione animali e tu brigadiere rimani al telefono per le emergenze, sono stato chiaro …

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:

( il Vigile Urbano risponde con voce sommessa)

allora prendo il cane e lo porto alla Protezione Animali

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

ed è ancora qui ! Scattare … ho detto scattare …. Chiaro e d’ora in poi in questo comune non voglio vedere più nessun animale … chiaro mi sono fatto capire e questo, vale per tutti: io compreso

(silenzio)

Non sento nessuna parola

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI:

si comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

 (gira nervoso nella stanza mentre il brigadiere legge il giornale)

Brigadiere chi le ha dato l’ordine di leggere il giornale … le ho detto di stare al telefono … non ha sentito quando le ho ordinato … brigadiere al telefono

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI:

(tranquilla, continua a sfogliare il giornale)

Va bene, va bene ma non si alteri

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:

(feroce)

E allora Brigadiere al telefono

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI:
Comandi!

(tra se e se)

Il comandante ormai è da ricovero

(il comandante esce di scena)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:

(si guarda intorno)

Macchè telefono me ne vado a prendere un caffè

(esce di scena)

SCENA 2

( IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – LELLA MOZZACHIODI)

(casa del Comandante la moglie sta preparando le valigie)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma devi proprio partire! Tesoro trova una scusa

LELLA MOZZACHIODI: non posso passerottino , non posso devo per forza andare qualche giorno da mia madre a Genova

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: e io come faccio?

LELLA MOZZACHIODI: amorino, sono solo pochi giorni, solo tre giorni

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma tre giorni sono un’eternità

LELLA MOZZACHIODI: anche per me, mi mancherai tanto

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non andare ti prego, telefono io a quella strega, gli dico che ti senti male

LELLA MOZZACHIODI: no, non puoi… non è corretto, mia madre mi aspetta

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ed io rimango solo

LELLA MOZZACHIODI: mi mancherai tanto

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ti voglio troppo bene

LELLA MOZZACHIODI: cosa farai in questi giorni

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ti penserò sempre, ogni ora ogni momento

LELLA MOZZACHIODI: mi telefonerai

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ogni minuto … sempre

LELLA MOZZACHIODI: (abbraccia il marito) ti amo tanto!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: anch’io

LELLA MOZZACHIODI: vieni ad aiutarmi a fare le valigie

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: no non vengo, altrimenti io pur di trattenerti, le sfarei le tue valigie (si baciano)

LELLA MOZZACHIODI: mi raccomando a Pisellino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non preoccuparti, amore mio

LELLA MOZZACHIODI: io allora vado in camera, a prepararmi la valigia

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non portare via troppa roba, mi mette tristezza

LELLA MOZZACHIODI: ma sono solo tre giorni

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: tre giorni di agonia, tre giorni di tormento

(si baciano)

LELLA MOZZACHIODI: amore mi mancherai

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: si

LELLA MOZZACHIODI: mi faresti un favorino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: chiedimi il mondo amore e lo metterò ai tuoi piedi

LELLA MOZZACHIODI: sei sempre il solito esagerato, piuttosto quel ragazzetto che hai in caserma, visto che anche lui va a Genova … potrebbe accompagnarmi

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: chi Virgilio!

LELLA MOZZACHIODI: si Giglietto

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (ride e mormora tra se e se) Virgilio è imbranato, con le donne non ci sa proprio fare

LELLA MOZZACHIODI: (ride) poverino è così ingenuo, potrebbe accompagnarmi lui

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma certamente

LELLA MOZZACHIODI: con quel ragazzino mi sento sicura, è così calmo, così tranquillo e guida così bene … lo manderesti …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: no a Genova con la macchina di servizio no ! Amore sai che non si può!

LELLA MOZZACHIODI: no! Io partirei con la sua auto privata, basta solo che gli firmi la licenza

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: si gli firmerò la licenza

LELLA MOZZACHIODI: adesso vado, in camera a prepararmi, ma mi posso fidare di te per Pisellino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: fidati amore, ma adesso vai a prepararti. Io scendo giù in stazione

(Lella esce di scena, rimane in scena il Comandante)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (euforico salta ) va via, va via … finalmente mi aspettano tre giorni di fuoco, e poi se l’accompagna Virgilio, sono in una botte di ferro

SCENA 3

( IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – IL VIGILE URBANO  – IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI)

(il Comandante entra in comune e vede tutto in ordine e soprattutto senza nessun animale)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (rivolto al Vigile Urbano) finalmente  ha fatto sparire quel cane ed ora finalmente siamo una caserma, e si ricordi che noi siamo i tutori del buon ordine

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (sull’attenti) si signore

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ci sono novità? Posta … fax … fonogrammi

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: niente signor Comandante !

IL COMADANTE LIVIO CACCIATORE:Meno male,  mi chiami il Vigile Urbano Virgilio Semenza ( ride tra se e se) anche il cognome ha da imbranato

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: non ho capito Comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: appuntato, lei non deve capire  mi chiami il vigile Sementa, lo aspetto in ufficio

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: comandi ( il  Vigile Urbano esce di scena)

( IL COMANDANTE si siede, entra il Vigile Urbano Sementa)

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: mi ha chiamato comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: si segga Virgilio

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: comandi, signor comandante! Comandi!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io sono orgoglioso di lei Vigile Virgilio Semenza

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: il mio nome è  Sementa signor comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Sementa o Semenza io sono orgoglioso di lei: lei è un Vigile sempre fedele, ligio al dovere e leale verso i suoi superiori.

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: grazie ma non capisco …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: come non capisce, io le  ho detto che lei è un duro (bussa sulla scrivania) un esempio da imitare

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: Comandante hanno bussato, posso andare ad aprire

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io non ho sentito niente, dicevo insomma che lei Sementa è (bussa di nuovo sulla scrivania)

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: mi scusi, posso andare ad aprire

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non si stia a scomodare, questa volta ho sentito, vado io

(si alza e va ad aprire la porta, non trova nessuno e torna)

Non c’è nessuno! ( torna a sedersi)

 Io in qualità di Comandante  insomma per premiare la sua condotta morale la voglio premiare

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: premiare me: grazie signor comandante grazie!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non mi stia a ringraziare, giovanotto mi porti la licenza che le metto una firmetta

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: ma io non ho fatto nessuna licenza signor comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: forse ha capito male, mi porti il foglio di licenza che la mando tre giorni a casa

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: non capisco?

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io la mando tre giorni a casa, in ferie, in licenza, tre giorni dalla sua ragazza ha capito tre giorni di premio

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: io comandante non ho la ragazza

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: allora voli a casa, e ritorni lunedì.

E intanto dia un passaggio a mia moglie, visto che fate la solita strada e arrivati sul posto con discrezione la tenga d’occhio

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: ho capito … ho capito grazie, è come se fossi in servizio

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ha capito…. Bravo … bravo Semenza

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: Sementa comandante ?

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: vada a compilare la licenza e me la porti

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: si comandante

( Virgilio esce di scena )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: meno male che c’è questo tamburo, così prendo due piccioni con una fava

(torna Giglio con il foglio di licenza)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso voli da mia moglie e vada che siete in ritardo

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: agli ordini!

( Virgilio esce di corsa e si sente cadere dalle scale, il Comandante si avvicina alla porta)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:  Vigile ha bisogno di qualcosa?

IL VIGILE URBANO VIRGILIO SEMENTA: comandante purtroppo dovrò prendere l’auto, non riesco a volare

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ok  … prenda l’auto

(tra se e se) non ci sono più i vigili di una volta

(il Comandante esce di scena)

SCENA 4

( IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – MONICA PASSERONA )

( casa del Comandante.  Livio è contento per essersi liberato della moglie e telefona all’amante)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:(compone il numero, occupato)

(ricompone il numero, occupato)

Ma cosa starà facendo!

(ricompone il numero, dall’altro capo del filo risponde Monica)

MONICA PASSERONA: ahhh ! pronto io sono Monichaa , ahhh

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Monichaa tesoro mio sono solo, pensa solo per tre giorni

MONICA PASSERONA: ahhh … mi sei mancato topino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:  Monichaa …ahhh … vieni da me tesoruccio

MONICA PASSERONA: ahhh  io ci verrei con tutto il cuore, ma sai che non posso

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Monica

MONICA PASSERONA: chiamami Monichaa !

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Monichaa , perché non puoi, tuo marito ti sorveglia

MONICA PASSERONA: ahhh … ui no! Mio marito è a lavorare a Londra ed anche se ci fosse non  importa

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: bisognerebbe condannarlo, all’ergastolo, trascurare una donna come te

MONICA PASSERONA: ahhh io sono sempre calda

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ed io sono tutto per te Monichaa

MONICA PASSERONA: ahhh Livio spegnimi il fuoco che ho dentro

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: sarò il tuo pompiere Monichaa!

MONICA PASSERONA: ahhh ma quella bisbetica di tua moglie

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:  (ride) Lella l’ho spedita tre giorni da sua madre quella bertuccia

MONICA PASSERONA: ahhh …  dovrebbe prenderne un po’ gli farebbe bene, a pensare che non è neppure brutta

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma ha un caratteraccio

MONICA PASSERONA: ahhh la scimmiotta è ambiziosa ma ingenua

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma io tesoruccio ti ho telefonato perché voglio stare con te e non parlare di Lella, mia cara Monichaa.

MONICA PASSERONA: Ahhh !

 IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: vieni a casa mia! Vieni … Monichaa

MONICA PASSERONA : Ahhh ! Sai che non posso … sai Pisellino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Pisellino ormai è diventato un pisellone Monichaa

MONICA PASSERONA: ahhh … non mi dire, non mi dire

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: allora vieni a casa mia Monichaa

MONICA PASSERONA: ahhh ! sai che ho un problemino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE : non ti preoccupare Monichaa , lo risolvo io il tuo problemino, sai che sono un Vigile con  un colpo sempre in canna

MONICA PASSERONA: ahhh ! io ho bisogno di più di un colpo, appena sei pronto chiamami

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: si Monichaa

MONICA PASSERONA: ahhh ! se risolvi la situazione per tre giorni vengo a casa tua

(si stacca la comunicazione)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (euforico si sfrega le mani ) adesso lo risolvo io il problemino

SCENA 5

( IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE )

(buio)

(caserma)

(il Comandante con una torcia a pile e un pacco in mano entra in scena, inciampa ma non cade, cerca un posto dove collocare il pacco)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: dove lo metto!

(cerca più soluzioni infine pensa di metterlo nel suo bagno privato)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ecco finalmente … questo mi sembra un posto adeguato  …

(chiude la porta del bagno e se la mette in tasca)

Ecco così è al sicuro!

(visibilmente soddisfatto esce di scena)

SCENA 6

( IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI- IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI –  IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI )

(il Brigadiere e Il  Vigile Urbano sono in ufficio)

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: (sta sfogliando una rivista)  Appuntato …

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: dimmi Cinzia

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: ho deciso di finire di laurearmi, così appena esce un concorso interno … magari ….

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:  ho capito, vuoi toglierti da questo comune  e fare carriera, diciamo diventare comandante

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: si : visto che ne ho la possibilità

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: a che cosa eri iscritta

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: ad anatomia

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: bene … bene vai ad informarti

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: (grida) Vigile Urbano Emilio Lapucci

(si presenta il Vigile Urbano)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI : comandi Brigadiere

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: è lei di comandata

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI : si signor Brigadiere

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: allora resti di servizio in comune

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI : si signor Brigadiere

(si mette sull’attenti)

IL BRIGADIERE CINZIA BARALDI: riposo! E lei … buona guardia!

(adesso io devo andare)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: grazie Cinzia anzi  buona giornata signor Brigadiere

(il brigadiere esce di scena)

(entra in scena il Comandante)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI E IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI

Buon giorno signor Comandante

(il Comandante non li degna di uno sguardo e va di corsa in bagno)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ma che educazione

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: è scappato di corsa in bagno

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: avrà la diarrea

(entrambi ridono)

(dal bagno si sente parlare il Comandante)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (a voce alta)

Passerottino … pisellino cos’hai, alzati … alzati … per favore … come sei ridotto sembri un fagottino, dai coraggio, fino a ieri saltavi, volavi ed eri sempre a caccia di passere, mentre ora, cosa ti sta prendendo … canta … canta … merletto canta …

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI E IL VIGILE URBANO: (origliano)

Capito anche il signor Comandante ha dei problemi e che problemi

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (a voce alta ironico)

Passerottino , non mi fare scherzi proprio adesso, che non c’è mia moglie, per favore rianimati … aspetta cercherò di venirti incontro, canta un pochino

(si sente il rumore dello sciacquone del Water)

(il Comandante apre di botto la porta del WC e vede i due origliare e ridere)

Cosa fate qua?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI E IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI : (cercano di discolparsi)

Niente signor Comandante, sentivamo dei rumori …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ( chiude la porta del WC a chiave e a voce alta)

Va tutto bene … tornate al vostro posto

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI E IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI : (tornano al loro posto, si siedono alla scrivania)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso devo andare, se succede qualcosa tenetemi informato sui fatti , ma ricordate ( a voce alta) non è successo niente

(il Comandante esce di scena, ripetendo ad alta voce “ non è successo niente”)

SCENA 7

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI- IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI – LORENA CAVALLINI (solo voce)

(i due carabinieri rimasti soli) confidenzialmente si danno del tu)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ma hai sentito!

(ridono)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: ma hai sentito, lui dice che tromba di qua, tromba di là

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: e racconta che  tutte le donne,  lo cercano …

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI:  e si vanta che tutte lo vogliono

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:  e addirittura se lo litigano

(insieme ridono ironici) e invece il suo coso non canta più !

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) ci rimane fisso alle 6,30

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (ride) al comandante non si ci alza più!

( si alzano dalla scrivania e poi si risiedono ironici)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ( ironico) adesso lo voglio dire a mia moglie, che lei stravede per il Comandante ( beffardo) si le voglio telefonare

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) è caduto un mito

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (beffardo) ora la chiamo! (compone il numero)

( dall’atro capo del filo risponde sua moglie Lorena)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ( al telefono) Ciao Lorena come stai

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo) Bene Cornetto e tu

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) io mi chiamo Carletto e non Cornetto

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo) ma amore io ho detto Carletto non Cornetto

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) si  ha detto Carletto

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo) perché hai chiamato, hai bisogno di qualcosa!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) no volevo dirti (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) diglielo, dai diglielo

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo) cosa avete da ridere

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) ma lo sai (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) dai … dai …

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo) cosa è successo, fatemi ridere anche me?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) ma lo sai  che al Comandante (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) dai … dai … dillo … dillo …

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, preoccupata) cosa è successo, al Comandante ?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) ma lo sai  che al Comandante non ci si alza più (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) si non si ci alza più!

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, preoccupata) che cosa non si ci alza più ?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) ma Lorena, non fare l’ingenua il coso non ci alza più (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) non si ci alza più!

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, preoccupata) ma sei sicuro ?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) sicurissimo lo abbiamo sentito noi,  cercava di farselo alzare nel suo bagno privato (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) ma non ce la faceva ! (ride) lui altro che gallo … sembra un cappone

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, preoccupata) ma siete sicuri ?

(IL VIGILE URBANO e il Vigile Urbano in unisono) sicurissimi!

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, preoccupata) ma quando è successo?

(i Vigili Urbani in unisono) due ore fa !

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, sorridente) due ore fa, ma siete sicuri?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) sicurissimo, parola di vigile

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, sorridente) hai capito male fringuellino , perché il Comandante Cacciatore è venuto a trovarmi un’ora fa, e ti posso assicurare che aveva un coso come quello di  un toro , e ti dirò di pià  è andato via adesso, ti manda i saluti e ti lascia pagato un Cornetto al bar

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) Carletto, mi chiamo Carletto ( cercando di non farsi sentire) Amore ti ha detto per caso qualcosa per la mia promozione

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, sorridente) No! Cosa vuoi per cena!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) cosa c’è!

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, sorridente) fagiolini

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) di nuovo cornetti! Ma li abbiamo mangiati ieri sera!

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, sorridente) o quelli, o niente!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (al telefono) va bene cornetti! Ciao amore

LORENA CAVALLINI: (dall’ altro capo del filo, sorridente) ciao tesoro

(stacca il telefono)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (rivolto al vigile) Caro Emilio, se non ci fosse mia moglie io sarei rovinato, lei è la vera donna di casa

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (ride) si cornetto!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: Carletto … Carletto

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: comunque sia Lorena, si sbaglia: io ho sentito bene: al Comandante !

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: non si ci alza più!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: ma tua moglie!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: non si fare caso, lei ha sempre voglia di scherzare!

(compone il numero per telefonare a casa)

Devo richiamare Lorena, mi sono dimenticato di comprare il vino per stasera

(finisce di comporre il numero)

SCENA 8

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI- IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI – IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE

(entra il Comandante con delle riviste di ornitologia e con delle riviste con modelle seminude)

(il Comandante è nervoso e nel vedere il  Vigile Urbano telefonare: fuori di se strappa la cornetta dalle mani del sott’ordine)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Perrone  la deve finire, lei è sempre attaccato a quel telefono, ma cosa ci fa l’amore con quel telefono, lei è sempre a telefonare ma a chi telefonerà mai, ma lei lo ama quel telefono

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (colto in fragrante) no … signor Comandante no … non lo amo … non ha neppure la vibrazione

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso basta! ( rimette la cornetta al suo posto)

( vede il Vigile Urbano che guarda le sue riviste)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: vigile cosa hanno di strano le mie riviste!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: niente! niente!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: perché ho visto che le guardava con insistenza!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: niente! niente! io non guardavo niente!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso tutti via! Andatevene a prendere un caffé al bar e per dieci minuti non voglio essere disturbato  chiaro!

(tutti e due dicono) si

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io voglio sentire un forte signor si !

(tutti e due a voce alta ) signor sì !

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso via che ho da fare!

( i vigili escono di scena, il Comandante prende le riviste una cade per terra, entra nel suo bagno privato. I vigili a sua insaputa rientrano in scena raccolgono la rivista porno,  la sfogliano meravigliati. la mettono sulla scrivania ed in silenzio fuori dalla porta di entrata origliano)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (dentro il bagno, si sente solo la voce)

Ma di queste riviste, ne manca una … ne manca una: dove l’ho lasciata … dove l’ho lasciata!

(esce di corsa dal bagno, entra in scena vede la rivista sul tavolo)

Eccola! Devo averla dimenticata …

(prende la rivista e di corsa entra dentro il suo bagno e si chiude a chiave, nel frattempo i due vigili rientrano di soppiatto nella stanza per origliare meglio)

(si sente fuori scena la voce del Comandante, i due:  ironici in scena mimano la voce del loro superiore)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: pisellino, tesoruccio mio, coraggio animati, mi sembri un fagottino

(in scena i due  mimano ironici e ripetono “ Fagottino” )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: pisellino dai una volta non eri così, eri pimpante brioso cantavi sempre e tutte le passerotte ti cercavano, ora invece sembri perfino depresso, non ti alzi più … non canti più …

(in scena i due  mimano ironici e ripetono “ non ti alzi più … non canti più” )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io non so cosa dirti, guarda questa passera ( sfoglia la rivista) guarda come è bella, preferisci le bionde, guarda questa come è bella scommetto che muore dalla voglia di conoscerti … invece tu … sembri indifferente, canta, alzati ti prego, non mi dire che non sei più in grado di alzarti

(in scena i due carabinieri mimano ironici e ripetono “ non sei più in grado di alzarti” )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso ti prendo in mano e ti coccolo un pochino, ma mi raccomando, fai il bravo… così … così …

(in scena i due  mimano ironici e ripetono “ così … così …” )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma sei moscio, sempre moscio, non ti capisco … neppure le passere ti piacciono più! E adesso come faccio … come faccio … ho bisogno di un medico … devo trovare un medico … telefono … si … telefono … qualcuno troverò!

(apre la porta )

( nel frattempo che apre la porta del WC, i due carabinieri scappano dalla porta di ingresso)

(il Comandante in scena  si avvicina nervoso al telefono, prende l’elenco, lo sfoglia)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ecco il numero (compone il numero) Dottore

(dall’altro capo del filo) Lo studio medico del dottor Valentini è chiuso per ferie

(riprende l’elenco, lo sfoglia e compone il numero)

(dall’altro capo del filo, fuori scena) Lo studio medico del dottor Giannini è chiuso per ferie

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (perplesso) e allora … come faccio … ho anche Monichaa in casa, devo risolvere il problema, (pensa) e se telefonassi a … ma sarà in grado (pensa) si medico è medico …

(telefona)

(dall’altro capo del filo, una voce femminile ) studio del dottor Gratti … desidera

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (eccitato) dovrei parlare con il dottore, è urgente …

(dall’altro capo del filo, una voce femminile ) attenda in linea

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) ma quanto ci mette …

(dall’altro capo del filo, fuori scena il dottor Gratti ) sono il dottor Gratti in che cosa posso esserle utile

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) guardi, posso parlare liberamente, lei è vincolato da segreto professionale

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) certamente parli liberamente

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) il mio nome è Livio Cacciatore, e sono il comandante dei vigili urbani ed  ho un problema serio

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) ed io sono qua per risolvere il suo problema

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) vede io ho la moglie in vacanza da sua madre ( voce sussurrata) l’amante in casa e un uccello in gabbia

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) beato a lei, ha la moglie in vacanza, l’amante in casa ed un uccello che finalmente può spiccare il volo

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) dottore il mio problema è l’uccello

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) ho capito le fa male perché lo ha usato troppo, beato lei …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) no il problema è che non si alza più, sembra uno straccetto, un fagottino

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) non si preoccupi, le faccio la ricetta per una scatola di viagra , e vedrà che in un batter d’occhio il suo fagottino diventerà un pistone

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (cerca di spiegarsi) no io volevo dire che non si tratta del mio uccello, ma …

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) ho capito, lei è preoccupato non per il suo uccello … ma per quello  … del suo amante … capisco sono meravigliato anch’io … non pensavo lei fosse …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (cerca di spiegarsi) no! Io non sono gay

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) ma per quello, ognuno della sua sessualità può fare quello che vuole: per me i pazienti sono tutti uguali

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non sono gay, e poi l’uccello è il mio

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) non si preoccupi, io non glielo porto via di certo , e poi io le ho dato il mio umile parere: ma se il suo membro ha altri problemi si rivolga ad uno specialista

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (nervoso) dottore, deve capire … l’uccello è il mio ma non è il mio, è di mia moglie e insomma l’uccello di mia moglie non si alza più

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) non si alza più, ma allora sua moglie è ? no mi scappa da ridere ( ride) fate strani giochetti in casa voi? Ed io che ho sempre pensato che Lella fosse una donna

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma Lella è una donna?

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) io non ci capisco più niente! ma lei è sicuro di stare bene, sarà meglio che oltre al viagra le prescrivo una visita specialistica, io ho un amico che cura le malattie nervose

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io non sono pazzo, ad ogni modo grazie dottore, mi prepari la ricetta per il viagra passo più tardi a prenderla dalla sua segretaria

IL DOTTOR MAURO GRATTI: (dall’altro capo del filo) sempre a sua disposizione comandante, e non si preoccupi io sono un medico e ho il segreto professionale, e per quanto riguarda le sue deviazioni, si rivolga ad uno specialista

(stacca la comunicazione)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma dottore per chi mi ha preso io non ho bisogno di uno specialista:

IL DOTTOR MAURO GRATTI: dicono tutti così!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Dottore ci deve essere un disguido, deve capire si tratta di un uccello

IL DOTTOR MAURO GRATTI: il suo uccello, capisco … capisco … le lascio la ricetta

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non capisce si tratta dell’uccello

IL DOTTOR MAURO GRATTI: ho capito, ho capito … ma adesso non ho tempo ho pazienti che aspettano, mi scusi ma devo staccare

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non ha capito, ma …

il viagra lo prendo non si sa mai, ma il problema di  Pisellino resta

… e adesso come lo risolvo ….

(si guarda intorno per vedere se qualcuno ascolta) ma forse si c’è una veterinaria amica di mia moglie, insegna all’università, quasi … quasi … la faccio venire, e se viene lei di sicuro il problema si risolve …

Adesso devo andare a fare una commissione

(grida) piantone

(entrano i due carabinieri)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: carabinieri, io adesso mi devo assentare per pochi minuti.

Appuntato lei rimane il più altro in grado in questa stazione ( a voce alta)

Ne sia degno

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: comandi

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI : signor si comandante

(IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE esce di scena

SCENA 9

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI- IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI  

( i due si siedono alla scrivania)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (parlando del Comandante) è andato via!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: ( si alza e controlla) si è andato via

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: certo che è in una situazione (ride)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: certo che il suo uccello è un problema

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: lui è ancora giovane, è sposato: ha una bella moglie

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: mi dispiace, certo che adesso rientra sua moglie … e cosa gli racconta

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: dovremmo fare qualcosa per aiutarlo …

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: io avrei una soluzione

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: dimmi

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: io avrei un’amica da portare

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: lei è veramente esperta?

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: è una professionista

L’ APPUNTATO: ma sei pazzo! Non si può, noi siamo tutori del buon ordine

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: ma non percepisce mercede

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: cosa c’entra la Mercedes , io con la paga che prendo non me la posso permettere … io ho una vecchia Ford Fiesta , comunque il reato resta!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: non c’è nessun reato

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: perché!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: lo fa solo per diletto

L’ APPUNTATO: allora falla venire … falla venire …

(gira sfregandosi le mani per la stanza)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: calma … non so se può venire

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: adesso, vai … pensaci tu e mi raccomando, prendi pure la macchina di servizio

(insieme) noi lo facciamo solo per il bene del nostro Comandante

(ridono)

( il Vigile Urbano esce di scena)

( rimane in scena il  Vigile Urbano)

SCENA 10

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI – IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – LELLA MOZZACHIODI(fuori scena)

(il  Vigile Urbano rimasto solo prende il telefono e chiama la moglie)

IL VIGILE URBANO : ciao tesoro

(dall’altro capo del filo sua moglie)

Ciao … perché mi telefoni ogni momento, non sarai per caso geloso

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: io no! Ti telefono … così …

Sai che il Comandante, è uscito a cercare un dottore urgente, sempre per il suo solito problema …

(dall’altro capo del filo sua moglie)

Quale problema!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ma il problema (si guarda intorno se nessuno sente) il problema dell’uccello …

(dall’altro capo del filo sua moglie)

Avrà altri problemi, non certamente quello dell’uccello! (ride)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ma scherziamo, ha perfino preso la macchina

(entra il Comandante e vede il suo sott’ordine al telefono)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (con un cerotto in testa)

(strappa la cornetta dalle mani del Vigile Urbano e riattacca la comunicazione)

Ma si può sapere a chi stava telefonando, ogni volta che entro in questa stanza, lei è sempre al telefono, attaccato a quel apparecchio,  come una ventosa … magari qualcuno o un cittadino telefona perché ha bisogno e non trova nessuno, che fiducia diamo alla gente … mi dica che fiducia!

 Chi ha telefonato oggi!  Chi ha telefonato! Mi dica !

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ha telefonato un signore che voleva delle delucidazioni in merito ad un auto che l’ha tamponata

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: e lei cosa ci ha detto!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: si rivolga alla Polizia Stradale

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: e lei ha detto questo, ma lei è pazzo … ma lo sa cosa ha fatto

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: e cosa ho fatto!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (grida) cosa ha fatto! Sta lavorando per la concorrenza!

Lei la Polizia Stradale, la deve lasciare stare … questa parola lei se la deve dimenticare

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ai suoi ordini Comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Vigile …

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: si …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: cosa mi è successo

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: cosa le è successo, ha un cerotto: ha battuto la testa!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: non mi dica, ma lo sa che ho preso la macchina del comando e appena imboccato la discesa non frenava più, una Ford bianca per sfinarmi ha tamponato tre macchine ferme … ero talmente senza freni che non sono riuscito a fermarmi

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: e dove si è fermato

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: contro il cancello di casa mia: che botta! Che botta!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: l’importante è non farsi male ….

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: a proposito, io giorni fa le avevo detto di dare una guardata ai freni

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: si mi ricordo, e mi ricordo che io le avevo detto, Comandante da chi vado a fare vedere i freni … e lei mi ha risposto … vada da sua sorella

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma ha visto se il meccanico ha sostituito le pastiglie

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: non mi aveva detto di andare dal meccanico

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: come non è andato dal meccanico e allora dove è andato?

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: io ho portato la macchina da mia sorella, anzi siamo stati anche un po’ a parlare, mi sono preso un caffé e poi con il cricco ho alzato la macchina e ho smontato le gomme

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: bravo appuntato, ha prima preso visione del danno, dopo è andato dal meccanico

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ho smontato le gomme, ho visto le pastiglie da cambiare

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE. E allora !

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ho visto i freni usurati per quasi dieci minuti e l’ho fatto vedere anche a mia sorella ( ride ) l’abbiamo visto in due

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: dopo!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: dopo con santa pazienza, ho rimontato le gomme e sono tornato in caserma

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: e i freni…

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: i freni sono rimasti come sono

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: allora non è andato dal meccanico!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: signor comandante, lei non mi ha detto di andare dal meccanico, ma di andare da mia sorella, era un ordine e io l’ho eseguito …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma i freni

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: i freni li abbiamo visti … altro che !

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ( feroce) lei è un incompetente … io l’ammazzo …

Levatemelo di torno

( il Comandante inferocito insegue il Vigile Urbano intorno al tavolino)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: io non capisco, ho solo eseguito gli ordini … gli ordini

Io non ho fatto niente …

(squilla il telefono, il Vigile Urbano fa l’atto di rispondere, ma il Comandante glielo impedisce)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: hello!

MONICA PASSERONA: (ad alta voce) Livio amore mio sono Monichaa, sono due ore che aspetto, vieni tesoro sono tutta un fuoco, hai risolto il problema dell’uccello

( il Vigile Urbano ride)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (cercando di non farsi sentire) amore mio … non ancora ma lo risolvo … aspettami tesoro

MONICA PASSERONA: si pisellino!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (riattacca il telefono, e guarda il Vigile Urbano che mima e ripete: pisellino) allora, cosa ha da ridere … adesso silenzio e dimentichi ciò che ha o non ha sentito, chiaro!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (sull’attenti) si comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso devo andare, si ricordi che io le lascio l’autorità dell’ ufficio

(il Comandante fa per uscire, ma squilla il telefono)

(il Comandante risponde, è sua moglie Lella)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: pronto Comando Vigili Urbani

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): sono io amore

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Lella come stai

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo ) : io bene e tu!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: benissimo! E tu come ti trovi

 LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo):

bene, sai cosa sto facendo

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: no!

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): sto facendo scuola guida

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: con chi!

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): ma con il tuo Vigile (si sentono dei gridolini) dimmi e Pisellino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (grida) il Pisellino soffre di solitudine, ma ormai rientri

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): è senza compagnia, poverino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso è giù, ma vedrai

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): e smettila, così non entra … aspetta (gridolini)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma cosa sta succedendo

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): niente ( si sente la voce del giovane vigile urbano) Signor Comandante, niente non si preoccupi era solo una marcia che non entrava ( ridono)

LELLA MOZZACHIODI(dall’altro capo del filo): non preoccuparti Livio, sono in buone mani e tu  pensa a pisellino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: si amore … baci  ( riattacca il telefono)

(rivolto al Vigile Urbano)

Lella mi ama sentito Perroni

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: Si ma pisellino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (Alterato) cosa le interessa a lei di pisellino, adesso devo andare

(suonano alla porta)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (alterato) ma cosa vogliono a quest’ora

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ma siamo in orario d’ufficio Comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: cosa aspetta,  vada ad aprire …

(l’ appuntato va ad aprire entra la dottoressa Gaia Gallina)

SCENA 11

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI – IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE – LA DOTTORESSA GAIA GALLINA

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: dottoressa buon giorno in che cosa posso esserle utile

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: io devo denunciare un omicidio

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI E IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (in coro) un omicidio

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Vigile  presto prenda appunti e lei

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mio marito (piange) il mio povero marito (piange)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE E IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (in unisono) è stato ucciso!  Mi spiace  gli omicidi non sono di nostra competenza

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: no! Mio marito è morto un anno fa

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: assassinato

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: no per cause naturali

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: mi dispiace, ma anche  per questo, lei ha sbagliato ufficio

 

( si alza e fa l’atto di andarsene)

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: aspetti … comandante io non ho finito

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (si risiede) cerchi di essere sintetica ma concreta, veniamo ai fatti

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mio marito, il povero Carlino prima di morire , mi ha lasciato in affido …. Un uccello

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: sembra che gli uccelli ora vadano  di moda

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: (piange) un uccello, nero … arzillo era talmente abituato alle persone che volava per la casa ed anche in giardino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: e allora!

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: in giardino un cacciatore gli ha sparato, io gli ammazzerei tutti questi cacciatori …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: stia attenta signora, moderi i termini altrimenti io la denunzio

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: ma cosa fa lei difende i cacciatori, lei difende coloro che hanno assassinato il mio Bernardino

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io non difendo nessuno, ma le posso assicurare che ne io ne uno della mia famiglia è implicato in questo omicidio

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: vuole dire che non sono stati i cacciatori

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: no! I cacciatori no! Facciamo una denunzia contro ignoti

E adesso devo andare (si alza) prenda  appunti Vigile …

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: ( mostra una scatola di cartone)

Vuole vedere il cadaverino …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: nooo! Nooo! Se lo porti via, le faremo sapere qualcosa ad indagini in corso

(il Comandante esce di scena seguito da Gaia, e dal Vigile Urbano che cerca di fermare Gaia)

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: allora posso portarlo a far vedere ai miei allievi all’università

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE : (fuori scena) lei è libera di portarlo dove vuole dottoressa !

SCENA 12

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI – IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: in questa caserma ne succedono di tutti i colori, anche il Comandante non capisco come mai si sia alterato con me: dopo tutto mi ha detto “ Appuntato dia o faccia dare una guardata ai freni” e io lo fatto, ormai anche gli ordini non sono più quelli di una volta

( entra il Vigile Urbano)

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (soddisfatto) sono riuscito a contattare le mie amiche

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: vengono!

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: vengono … due mie amiche

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: due porcelline

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: due porcellone, e vengono per l’uccello del nostro Comandante

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: e se il Comandante non collabora

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: ci pensiamo noi!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: adesso andiamo a farci un caffé

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: si andiamo

(escono di scena)

SCENA 13

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA – CINZIA BARALDI

(aula di anatomia, aula di veterinaria)

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:

(tra se e se, rivolta verso il pubblico)

Mi hanno spostato l’aula, nell’aula di Veterinaria sono caduti dei calcinacci ed ora la lezione, spero solo per oggi la tengo nell’aula di anatomia … ho portato, anzi ho nella scatola il povero uccello di mio marito, il merlo Bernardino morto per cause misteriose … da fare vedere agli allievi …

(entra Cinzia )

( la dottoressa è intenta a sfogliare delle pratiche, visibilmente commossa … sta piangendo)

CINZIA BARALDI: (vede la professoressa in quello stato) Signora cos’ha ?

Posso aiutarla …

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: (con un singulto) non mi può aiutare nessuno

CINZIA BARALDI:  cosa le è successo

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: lei non può  capire … non può capire

CINZIA BARALDI: mi dica si confidi

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mi posso fidare

CINZIA BARALDI: si … non si preoccupi

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: è morto … (piange) … è morto (piange)

CINZIA BARALDI: Chi è morto …

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: (a voce alta) è morto l’uccello di mio marito

CINZIA BARALDI: (ride) Se è per quello, non sarà ne il primo, ne l’ultimo

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: ma io c’ero affezionata

CINZIA BARALDI:  signora non sia tragica, ce ne sono tanti altri in giro

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:così no!

CINZIA BARALDI: ma cosa avrà quell’ uccello di tanto diverso dagli altri

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:

Bernardino era un amore, era affettuoso e quando alzava il becco sembrava che parlasse

CINZIA BARALDI: signora sono tutti così!

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: e poi con mio marito ci andava d’accordo: dovevi vedere come gli saltava da una mano all’altra

CINZIA BARALDI:  tutti saltano da una mano all’altra

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: ma come era bravo, ma lo sa che tutte le mie amiche, venivano a casa per vederlo

CINZIA BARALDI: addirittura

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: e allora mia marito apriva la sua gabbia e lui volava per la casa

CINZIA BARALDI: volava per la casa

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: e saltava addosso alle mie amiche e gli faceva … zip … zip …

CINZIA BARALDI: e loro!

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: e anche loro, sapessi come se lo prendevano in mano

CINZIA BARALDI: e lui

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: E lui ci stava a farsi accarezzare, e ad ogni carezza allungava il becco … pero!

CINZIA BARALDI:  però!

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: io non ero contenta che volasse  per casa, e venisse preso in mano da estranee:  così un bel giorno ho detto basta! E lo ho di nuovo chiuso in gabbia

CINZIA BARALDI: brava … gli uccelli devono stare in gabbia

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mio marito, però lo ha preso male

CINZIA BARALDI:  capisco

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: ma io non ho voluto sentire ragioni

CINZIA BARALDI: bisogna sapersi imporre

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: però … mio povero Carlino mi teneva il muso e  poi quell ’uccellino triste chiuso in una gabbia, mi faceva tenerezza, insomma, mio marito, mi ha convinto di liberarlo, capisce lo ho fatto per il quieto vivere

CINZIA BARALDI: ha fatto bene … è arrivata ad un compromesso

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: però da quel momento, l’uccello è cambiato, capisce … ogni volta che usciva non solo saltellava e volava nelle mani delle mie amiche ma si infilava anche nei buchi… io lo chiamavo, ma lui non mi ascoltava, infine ho dovuto dire basta per forza

CINZIA BARALDI: brava

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: allora ho mandato via tutte le mie amiche e mi sono ripreso quello che è mio

CINZIA BARALDI: brava … così si fa!

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mio marito !

CINZIA BARALDI: suo marito?

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mio marito, poveretto è diventato malinconico, quasi non mi parlava più

CINZIA BARALDI:  per forza, lo aveva abituato ad essere un libertino, io con gli uomini non sono così accondiscendente

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: poverino mi faceva pena, però

CINZIA BARALDI: o mangi questa minestra, o salti dalla finestra

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: poverino, il mio Carlino dopo questo fatto si è sentito male, non si è più ripreso ed è morto

CINZIA BARALDI: condoglianze signora… io non sapevo

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: però prima di morire, mi ha raccomandato di dedicarmi al suo uccello, ed io gli ho detto di si!

CINZIA BARALDI: perché si può anche scorporare

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: si signorina, l’ho messo dentro questa scatola

CINZIA BARALDI: l’ha messo dentro questa scatola …

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:

(prende la scatola) lo vuole vedere …

CINZIA BARALDI: non ci tengo proprio …

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: ma lo guardi, lo guardi …. Sapesse come è grosso

CINZIA BARALDI: ognuno ha i calibri che si merita

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA: mi di questa soddisfazione, lo guardi della sua razza grossi così non ne ha mai visti

CINZIA BARALDI:  ma come il suo era più grosso di quello di Rocco Siffredi

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:

(sempre con la scatola in mano)

Lo guardi … perché domani lo farò imbalsamare

CINZIA BARALDI: lo fa anche imbalsamare adesso, me ne vado altrimenti la denunzio, lo sa che io sono un agente di polizia municipale

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:

(con la scatola in mano segue Cinzia) Ancora meglio, guardi il mio Pisello … lo guardi

CINZIA BARALDI: lo guardo: ma scherziamo, io ero venuta per iscrivermi alla sua facoltà, ma non si fa più niente … ora me ne vado …

LA DOTTORESSA GAIA GALLINA:

(con la scatola in mano segue Cinzia)guardi il mio Pisello … lo guardi

 

(insegue Cinzia, entrambe escono di scena)

SCENA 14

( IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI – IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI – BETTY – IL MERESCIALLO LIVIO CACCIATORE- LORENA CAVALLINI)

(i due carabinieri sono seduti alla scrivania)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI e IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI:  buon giorno signor Comandante

(il Comandante non li degna neppure di uno sguardo ed entra in bagno)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:  almeno salutasse …

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: è intrattabile, tutta colpa dell’uccello, meno male che vengono le esperte

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI:  ormai dovrebbero venire

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: me lo hanno assicurato

(guadano l’orologio)

(squilla il campanello)

L’ APPUNTATO:  sono loro

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: sono loro, vado ad aprire

(apre la porta e compare Betty )

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: (sorpreso) ma non dovevate essere in due

BETTY: la mia amica, ha un appuntamento importante, ma per risolvere il caso basto solo io

L’ APPUNTATO: signorina ha capito il problema

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: la signorina se ne intende

BETTY: si di uccelli me ne intendo, ma solo di quelli senza piume

(ridono)

(si sente fuori scena la voce del  Comandante)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (voce fuori campo) dai Bernardino, merlino, passerottino dai alzati, canta … canta … fammi questo favore

(in scena)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: pensaci tu Betty

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: siamo nelle tue mani

BETTY: lo faccio cantare io il suo uccellino

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: tu puoi tutto Betty

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: lei si che è in grado

BETTY: mi bastano pochi minuti e il passerottino del Comandante, volerà e canterà come un merlo in amore

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: lo chiamo

BETTY: si tesoro … chiamalo

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: signor Comandante

Signor Comandante …

(fuori scena )

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: topino alzati e canta … dai fai il bravo … guarda che belle passerine ti ho portato … ma tu sembra che non le guardi neppure …

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: signor Comandante

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (fuori scena) chi mi vuole!

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: Signor Comandante, c’è una signora che la cerca

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (fuori scena) adesso ti lascio Pisellino, ora purtroppo devo rimetterti in gabbia

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (fuori scena) vengo!

(il Comandante entra in scena)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: buona sera … complimenti  vedo che ha fatto una retata

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: Comandante non è una retata

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: allora cosa ci fa questa in caserma

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: questa signora è una specialista in uccelli

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: in uccelli!

BETTY: e sono anche a buon mercato

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma che cos’ha un negozio di animali

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: animali a due zampe

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: gli uccellini hanno due zampe

BETTY: cerchiamo di non perdere tempo, guardi che più passa il tempo e più costo

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ed è venuta solo per lei, per curare il suo uccello

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: lei cura anche gli uccellini che depressi non si alzano più

BETTY: io sono qua, per questo …

IL VIGILE URBANO EMILIO LAPUCCI: Comandante il suo uccello tornerà come nuovo

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: lei è venuta  per il mio uccello … bene, lasciatemi solo con lei

( i due fanno l’atto di uscire dalla porta, ma entra Lorena la moglie dell’ appuntato e i vigili escono di scena)

( il Comandante e Betty nel vedere entrare Lorena rimangono stupiti  il Vigile Urbano Perrone rientra in scena)

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: (rivolto alla moglie) Concettina cosa fai qua! E come sei vestita

LORENA CAVALLINI: (vestita in modo sexy ) sono venuta

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: a trovarmi, però la spesa non l’ho ancora fatta, non sono ancora passato  al supermercato

(Lorena si fa largo e si avvicina al Comandante)

LORENA CAVALLINI: non mi interessa la spesa io sono venuta per il comandante

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: come per il Comandante?

LORENA CAVALLINI: solo io posso risolvere il problema dell’uccello

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma Lorena

LORENA CAVALLINI: tu con me non hai mai fatto cilecca, ed io te lo rifarò volare come un aquilone

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: Cosa … cosa dici … Lorena SEI PAZZA …cosa vuoi fare volare un aquilone !

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: un aquilone

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: un aquilone!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: si l’aquilone !

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: ho capito … ho capito

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: appuntato ora vada, a svolgere il suo servizio

IL VIGILE URBANO CARLETTO PERRONI: vado, vado ( esce ) l’aquilone, l’aquilone ed io che credevo

( il Vigile Urbano esce di scena)

SCENA 15

( MONICA PASSERONA -BETTY – IL MERESCIALLO LIVIO CACCIATORE – LORENA CAVALLINI – LELLA MOZZACHIODI)

(entra Monica)

MONICA PASSERONA: Livio sono tre ore che ti aspetto a casa, hai risolto il problema

(vede l’ufficio pieno di donne)

MONICA PASSERONA: e lei cosa ci fa  qua?

(tutte le donne)

Noi siamo qua?

MONICA PASSERONA: anche voi per …

(tutte le donne)

Siii ….

MONICA PASSERONA: (rivolta a Betty) tu te ne intendi …

(Betty ride)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: meno male che doveva essere un segreto

BETTY: Comandante ci penso io al suo coso, io sono pagata per questo

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma chi la paga

BETTY: lei …

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: io?

BETTY: si lei, io sono pagata a tempo

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma lei è matta, se ne vada

BETTY: io vado ma chi mi paga!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: quanto le devo

BETTY: (pensa) 100 Euro

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (tira fuori il borsellino) potreste farmi uno sconto

BETTY: (strappa i soldi dalla mano del Comandante) ma scherziamo!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: (ci ripensa) ma lo sa che io posso arrestarla

BETTY: ma non abbiamo consumato?

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma io ho pagato!

BETTY: lei ha donato, mio bel fustone! (ed esce di scena)

LORENA CAVALLINI: brutto farabutto, tradirmi con una di quelle

MONICA PASSERONA: invece di pensare a me e al tuo uccello!

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: Monichaa scusami ero impegnato

MONICA PASSERONA: così io non conto proprio niente … adesso me ne vado … e poi per te non sono più Monichaa …

(esce di scena, rimangono in scena Lorena e il Comandante)

LORENA CAVALLINI: ci rimango solo io, io sono il tuo vero amore , altro che tutte quelle fraschette, fai un cenno ed io ti seguirò

(entra la moglie del Comandante, ascolta e replica)

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma Lella sei

LELLA: arrivata in anticipo per sentire tutto, ed in quanto a te vattene … io non ti permetterò in nessun modo di sfiorare il mio uccello

IL MERASCIALLO: ma

LORENA CAVALLINI: tienitelo pure  il tuo uccello, come tieniti caro il tuo maritino e tutti i suoi problemi ormai lo sa tutto il paese che gli si alza un po’ si è un po’ … tante volte no… portalo da un urologo

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: ma Lorena

LORENA CAVALLINI: e adesso me ne vado … torno da mio marito che lo avrà più piccolo ma gli funziona sempre, non come quello del tuo Comandante che sarà grosso ma e tanto pelandrone.

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE:  cerca di non offendere …  il mio Pisellino non è un pelandrone

LORENA MOZZACHIODI:  semelone  non meriti nessuna risposta,

LELLA MOZZACHIODI: vattene via brutta strega…

(Lorena esce di scena)

SCENA 16

( LELLA MOZZACHIODI – IL MERESCIALLO LIVIO CACCIATORE)

(rimasti soli)

LELLA MOZZACHIODI: e adesso veniamo a noi

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: posso spiegarti

LELLA MOZZACHIODI: non ci sono spiegazioni, voglio sapere dell’uccello, come stà !

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: bene … ma

LELLA MOZZACHIODI: cosa vuole dire … ma … ma

(ad alta voce) voglio sapere come stà !

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: bene … insomma … quasi

LELLA MOZZACHIODI: Voglio vederlo, toccarlo … adesso

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso, insomma facciamo più tardi

LELLA MOZZACHIODI: (furiosa)  adesso! Adesso

IL COMANDANTE LIVIO  CACCIATORE: ma proprio ora

LELLA MOZZACHIODI: adesso …

IL COMANDANTE LIVIO  CACCIATORE: va bene … andiamo

LELLA MOZZACHIODI: andiamo

(i due vanno nel WC del Comandante)

(fuori scena)

IL COMANDANTE LIVIO  CACCIATORE: hai visto!

LELLA MOZZACHIODI: Pisellino, come stai … bello … bello, vieni che ti do un bacio

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: basta amore … basta

LELLA MOZZACHIODI: vuoi le coccole topino, vuoi le coccole

IL COMANDANTE LIVIO CACCIATORE: adesso basta andiamo a casa

LELLA MOZZACHIODI: si andiamo a casa … a casa …

( i due escono di scena mostrando al pubblico una gabbietta con un Merlo)

SIPARIO



    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno