Il mio dottore

Stampa questo copione

Il mio dottore - Ol me dutur di Giuseppina Cattaneo

AUTRICE

GIUSEPPINA CATTANEO

POSIZIONE S.I.A.E. N° 193077

http://copioni.dnsalias.org

TITOLO

IL MIO DOTTORE

SKETCH

Personaggi

GINA

PINA

RINA

SCENA I

Rina, Pina e Gina

RINA. (A Pina) Pina, non ricordo il dottore che hai.

PINA. Indovina.

GINA. Pina, è questo il momento di scherzare? Su, dimmi che dottore hai.

PINA. Indovina.

GINA. (Al pubblico) o che sta impazzendo proprio in questo momento.

PINA. Oggi sembrate che state dormendo profondamente, il dottore “Indovina” è il mio medico. Per l’esattezza Giovanni Indovina. Ci voleva tanto a capirlo. Che dottore hai tu Gina, invece?

GINA. Io ho il Romano.

PINA. Romano? Mamma mia quanta strada che devi fare poverina anche tu! Fai in tempo anche a morire!

GINA. Che stai dicendo Pina, attraverso la strada e sono già al suo ambulatorio.

PINA. Ne sei proprio sicura? No perché, proprio tu pochi secondi fa mi hai appena detto che è Romano. E io so che i Romani tengono l’ambulatorio a Roma.

GINA. Fa “Romano” di cognome! (Al pubblico) ora che ci penso, non è impazzita in questo momento, è nata così.

RINA. (Al pubblico) poveretti quei dottori della mutua che hanno sempre a che fare con questi tipi di persone. Pina, io ti ho chiesto chi fosse il tuo dottore perché ho saputo che il dottor Indovina lascia indietro tutto.

PINA. Cosa? Il mio dottore, l’Indovina, si era fatto prete?

RINA. Ma no! Che cosa hai capito!

PINA. E no è! Appena lo vedo mi sente! (Al pubblico) non farmi nemmeno sapere che era diventato prete!

GINA. Pina, sai che nemmeno io lo sapevo?

PINA. Per forza che tu non lo sapevi, tu hai il Romano!

GINA. Vedo, che tu con l’Indovina lo sapevi!

PINA. Possa anche passare che sia diventato un prete, ma che non l'abbia saputo questo no assolutamente!

RINA. Sentimi bene Pina. Non è diventato un prete, lascia indietro di fare il dottore.

PINA. Dici sul serio?

RINA. Certo che dico sul serio.

GINA. Di che ti preoccupi, morto un Papa, se ne fa subito un altro.

PINA. Cosa? È morto il Papa?

GINA. Davvero? E quando è successo?

RINA. (Al pubblico) una peggio dell'altra. (Alle due) ma si può sapere quello che state dicendo voi due? Guardate che il Papa non è morto e sta bene per il momento.

PINA. Ne sei proprio sicura? No perché, io sono sempre l'ultima a venire a sapere le cose.

GINA. Penultima, lo sai che io ho il Romano.

RINA. (Al pubblico) sono proprio forte tutte e due assieme, vero? (Alle due) ascoltate bene quello che vi voglio dire e che lo sto cercando di fare dall'inizio, il dottor Indovina va in pensione! (Al pubblico) ora spero che abbiano capito, non saranno così straritardate!

PINA. Davvero va in pensione? Non è che per caso sia la Pensione Olga quella di Bordighera? Nò perché, se è proprio quella è veramente una bella pensione. Io ci vado tutti gli anni in primavera.

GINA. Anche tu vai alla Pensione Olga di Bordighera? Pensa che invece io ci vado d'inverno.

RINA. (Al pubblico) se proprio volete andare anche voi alla Pensione Olga, quella di Bordighera, io vi consiglierei di andarci in estate così non correte il rischio di trovarle là.

GINA. Sulla Pensione Olga di Bordighera non c'è proprio nulla da dire. Si troverà bene il tuo dottore, vedrai.

RINA. (Al pubblico) ora vi rendete conto la vita dura che fanno i nostri dottori con persone come loro? (Alle due) guardatemi e ascoltatemi bene quello che vi dico: (scandendo piano piano) il dottore Indovina smette la professione di dottore, va in pensione.

GINA. Era ora!

PINA. Gina, non permetterti di dire certe cose sul mio dottore sai? (A Rina) davvero tu mi stai dicendo che il mio dottore Indovina non sarà più il mio dottore? Ho capito, ma come faccio io ora!

GINA. Quanto la fai lunga! Ne arriverà un altro!

PINA. Lo so, ma non sarà mai come il mio dottore. Tu non sai Gina che lui conosce ogni pezzettino del mio corpo?!

RINA. (Al pubblico con una mano che copre il viso) chissà che belvedere!

GINA. Vorrà dire che gli farai rivedere ogni pezzettino del tuo corpo anche al dottore nuovo.

PINA. Ma io dico che non tu capisci nulla! Ora io vado a mostrare a tutti, proprio a tutti, le mie grazie e per di più a uno che non conosco nemmeno?! Non se ne parla proprio! (A Rina) che dispiacere mi hai dato Rina. Io che ero così orgogliosa del mio dottor Indovina. Tu lo sai che io l’ho dal primo giorno in cui lui è venuto qui a Brusatorto? E io sono stata la sua prima cliente! (Alle due) pensate voi che mi sono sempre fatta trovare nel suo ambulatorio tutti i santi giorni.

GINA. (Meravigliata) tutti i giorni?

PINA. Sì, proprio tutti giorni. Cosa volete che vi dica, intorno alle quattro del pomeriggio incominciavano sempre a sentire dei dolorini. Si ma, mai nello stesso punto però.

RINA. (Al pubblico) l'avete sentita? Si dovrebbe far Santo quel dottore Indovina! Avete presente ad avere tutti i giorni in ambulatorio un elemento del genere?

PINA. Gina, non vorrei essere proprio nei tuoi panni.

GINA. Tu non cantare tanto di galletto, perché anche per il tuo Romano passano gli anni.

PINA. (Preoccupata) ne sei sicura? È meglio che non ci pensi altrimenti mi viene un infarto.

GINA. Una coltellata, non è nulla in confronto a questa notizia. Certo che avresti potuto avere un po' più di tatto, Rina. Cosa faccio io ora? Devo trovare una soluzione, non possono rimanere senza il mio dottore … Indovina.

PINA. Cosa pensi di fare allora?

GINA. Un attimo che sto pensando! Hai sempre una fretta! (Pensando) ho trovato! Lo sai cosa farò? Andrò in pensione anch'io, come il mio dottor  Indovina!

FINE

AUTRICE

GIUSEPPINA CATTANEO

POSIZIONE S.I.A.E. N° 193077

http://copioni.dnsalias.org

TITOLO

OL ME DUTUR

SKETCH

Personaggi

GINA

PINA

RINA

SCENA I

Rina, Pina e Gina

RINA. (A Pina) Pina, a ma sa regorde piö, che dutur che a ta ghe.

PINA. Indüina.

GINA. Ma dai Pina, el chèsto ol momènt de fa i schèrs? Dai, dimèl anche a me che dutur a ta ghe.

PINA. Indüina.

GINA. (Al pubblico) o che alè dientada stüpidèla töt in dü momènt.

PINA. E ma, come a si indre né, ol dutur “Indovina” alè ol me dutur. A ga ölia tat a capìl? Che dutur ghet te invece Gina?

GINA. Me a go ol Romano.

PINA. Romano? Madonname poarina a te che a ta ghe de fa isse tata strada! A ta fet in tep a mör!

GINA. Ma cosa cöntèssö a te Pina, a treèrse la strada e a so zamò le in dèl sò ambulatòre.

PINA. Ma set sigüra? A te me apena dicc che alè Romano. E me al so che i Romani ai ga ol’ambulatòre a Roma.

GINA. Al sa ciama Romano de cognòm! (Al pubblico) adès che a ga pènse, alè mia dientada bambosèla in dü momènt, alè nasida isse.

RINA. (Al pubblico) poarì chi dutur dèla mutua che ai ga de fa con chèla zet che! Pina, a to domandàt chi calera ol tò dutur perché o saìt che ol dutur Indovina al lasa indre töt.

PINA. Cos’è? Ol me dutur, ol’Indovina, al sera facc pret?

RINA. Ma no! Coset capìt!

PINA. E no è! Adès apena al vède al ma sènt! (Al pubblico) fam gniac saì che alera dientat pret.

GINA. Te Pina, al set che anche me al sere mia.

PINA. Per forsa che te al tal serèt mia, a ta ghet ol Romano!

GINA. Ède che te col’Indovina a ta gal serèt!

PINA. Chèl pase che al sabe dientat pret, ma che me alabe mia saìt po’ chèsta nò è!

RINA. Scoltèm doca Pina. Alè mia dientat ü pret, al lasa indre de fa ol dutur!

PINA. Ma dighèt delbù?

RINA. Cèrto che a dighe delbù.

GINA. Madonname a te, cosa al siès, mort ü Papa, innà fasö ün’otèr.

PINA. Cos’è? A ghè mort ol Papa?

GINA. Delbù? E quando el söcedìt?

RINA. (Al pubblico) öna pègio dèl’otra. (Alle due) al sa pöl saì cosa a sindre a cöntasò otre dò? Ardì che ol Papa alè mia mort e al’istabe intat.

PINA. Ma set pròpe sigüra? Nò perché, che, me a so sèmpèr l’öltima a saii i laur.

GINA. Penöltima, a talse che me a go ol Romano.

RINA. (Al pubblico) però aiè tròp forte, né? (Alle due) scoltim docà, chèl che a va öle dì dèl prensepe, alè che ol dutur Indovina al va in pensiù! (Al pubblico) me spere che adès ai abe capìt, i sarà mia isse intèrdète.

PINA. Ma delbù al va in pensiü? Ela mia pèr caso la Pensiù Olga chèla de Bordighera? Nò perché, se alè pròpe chèla le, alè öna bèla pensiù nè. Pensì che me ando là töcc i agn in primaera.

GINA. Anche te a tande ala Pensiù Olga de Bordighera? Pènsa che me invece ando d’inverno.

RINA. (Al pubblico) se pròpe ölì andà anche otèr ala Pensiù Olga chèla de Bordighera, me a va consiglierès dendà in estat, chesse a corì mia ol rescio de troale là.

GINA. Söla Pensiù Olga de Bordighera a ghè pròpe negot de dì. Al sa troerà be ol tò dutur, a ta èdere.

RINA. (Al pubblico) ma a sa rendì cönt che eta ai fa i nòscc dutur con chèle persune compagn de chèste (indicando le due) … interdète?! (Alle due) ardim doca e scoltì be chèl che a va dighe: (scandendo piano piano) ol dutur Indovina, al desmèt de fa ol dutur, al va in pensiù.

GINA. Alera po’ a ura!

PINA. Te, permètèt mìa de dì isse dèl me dutur né? (A Rina) ma delbù ol dutur Indovina al sarà piö ol me dutur? Pota ma, come foi me adès!

GINA. Madonname a te! Annà egnera che ün’otèr de dutur!

PINA. E ma, al sarà mai compagn dèl me dutur. Ma al set mia Gina, che lü al conòs ògni tochelì dèl me còrp?!

RINA. (Al pubblico con una mano che copre il viso) che bèl vèt!

GINA. Al völerà dì che a ta ga fare èt, ògni tocheli dèl tò còrp anche al dutur nöf.

PINA. Ma capeseret vergot a te? Adès me ando a faga èt töte, ma töte, i me grasie a ü che al conòse gniac?! An san parla gniac! (A Rina) che dispiaser che a ta me dacc Rina. Me che a sere isse orgugliusa dèl me dutur Indovina. Ma al set mia che agglo it dal prim de che alè egnìt che a Brüsa? E a so stacia la sò prima cliènta! (Alle due) pensì, a ma so sèmpèr facia troà in dèl sò ambulatòre, tutti i santi giorni.

GINA. (Meravigliata) töcc i de?

PINA. Se, pròpe töcc i de. Indasaì che manera, ma inturèm ai quatèr a ma egnìa sèmpèr di dulurì. Se ma, mia sèmpèr in chèl pòst né!

RINA. (Al pubblico) al’isentìda? Mèerès fal Sant chèl dutur Indovina! Ma a ghif presènt a iga in ambulatòre ü elemènt dèl gènèr?

PINA. Gina, al set che a ölerès mia ès in di tò pagn.

GINA. Te canta mia tat de galèt né, che anche pèr ol tò Romano ai pasa i agn.

PINA. (Preoccupata) ma set sigüra? Mè che a ga pènse mia se de nò a ma e ü colp.

GINA. Adà öna scortelada alè negot al confront de chèsta notisia. Cèrto che a ta pödìèt dovrà ün po de tatto né Rina?! Cosa foi me adès? A ma toca troà pèr forsa öna solusiù, a pöde mia sta sènsa ol me dutur … Indovina.

PINA. E cosa pènsèt de fa, alura?

GINA. A sondre a pensasö a te. Spèta ü momènt! A ta ghe sèmpèr adòs ön frèsa! (Pensando) o troat! Al set cosa fo? Andaro in pensiù a me, compagn del me dutur Indovina!

 

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 30 volte nell' ultimo mese
  • 251 volte nell' arco di un'anno