Il mistero dell’invenzione della croce

Stampa questo copione

VIA CRUCIS

Quattordici stazioni

da « Le mystère de l’invention de la Croix »

di Henri Gheon

Titolo originale dell’opera: Le chemin de la Croix

Traduzione di Guido Guarda

(Il dramma, n. 270 – Marzo 1959, pp. 9-19)*

IL CORO

IL PRIMO UOMO

IL SECONDO UOMO

LA PRIMA DONNA

LA SECONDA DONNA

* Tutti i diritti sono riservati


Su un fondo neutro, una serie di elementi variamente disposti, che dal palcoscenico conducono, per ripiani successivi, alla sommità, rappresenta il cammino che Gesù di Nazareth percorre per raggiungere il Golgotha. Al termine, nel punto più alto, non la croce — che potrà semmai essere proiettata sul fondo neutro da un fascio di luce attraverso uno schermo sagomato — ma i simboli del sacrificio supremo: la lancia che trafigge il costato, la spugna intrisa di fiele, la tunica rossa della flagella­zione e del dileggio. Null'altro. Lo «spettacolo» è affidato all'azione — suggerita dal testo — che si sviluppa lungo quella strada non soltanto simbolica, e agli effetti di luce.

I. GESÙ È CONDANNATO A MORTE

Il Coro                       - Iddio è sottoposto a giudizio.

- Il Giusto pagherà per me.

- Berrà l'acqua del torrente.

- Sarà crocifisso (Pausa).

Il Primo Uomo          Da Anna a Caifa.

La Prima Donna       Da Caifa a Pilato.

La Seconda Donna   Da Pilato a Erode.

Il Secondo Uomo     E da Pilato a Erode, nuovamente (Pausa).

Il Primo Uomo          Trascinato.

La Prima Donna       Deriso.

La Seconda Donna  Insozzato.

Il Secondo Uomo     Percosso

(Pausa).

Il Primo Uomo          Non vi basta? - domanda Pilato prima di lavarsi le mani. - Che altro volete?

Gli Altri Tre            Che muoia!

Il Primo Uomo          Ma che male ha fatto, costui? Perché?

La Prima Donna       Ha guarito uno ch'era cieco dalla nascita.

La Seconda Donna   Ha perdonato a Maddalena.

Il Secondo Uomo     Ha resuscitato Lazzaro

(Pausa).

Il Primo Uomo          E' delitto vincere la Morte.

Gli Altri Tre            Crucifige!

(Lunga pausa).

Il Primo Uomo          Non c'è nessuno che lo difenda? I suoi amici, i suoi discepoli...

Gli Altri Tre            Nessuno.

La Prima Donna       Né Giacomo.

La Seconda Donna   Né Filippo.

Il Secondo Uomo     Né Pietro.

Il Primo Uomo          Nemmeno Pietro.  L'ha rinnegato  tre  volte.

(Pausa).

La Prima Donna       Ieri, ha offerto loro la sua Carne, affinché la mangiassero.

La Seconda Donna   Ieri, ha offerto loro il suo Sangue, affinché lo  bevessero.

Il  Primo Uomo         I più ferventi, i più fedeli si sono addormentati nell'orto degli olivi. Avevano già  dimenticato. (Pausa).

Il Secondo Uomo     E Giovanni?

La Seconda Donna   Giovanni?

La Prima Donna       Giovanni?

Il Primo Uomo          Lo vedo in gran pena, seguire a distanza l'amaro maestro: da Anna, da Caifa, da Pilato, da Erode... Ma egli non pensa di dire : «Crocifiggetemi con il mio Signore!».

(Lunga pausa)

Perché il Giusto deve morire? Proprio perché è giusto. E perché noi, giusti non siamo.

Gli Altri Tre            E perché noi, giusti non siamo.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Iddio è sottoposto a giudizio.

Là Prima Donna       Il Giusto pagherà per me.

La Seconda Donna   Berrà l'acqua del torrente.

Il Secondo Uomo      Sarà crocifisso.

(Pausa).

II. GESÙ VIENE CARICATO DELLA CROCE

Il Coro                       Vedete: s'accascia sotto il peso dei nostri peccati. Egli ci ha redenti tutti, e sarà redento.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Il fardello l'ha inchiodato.

Il Secondo Uomo     La Croce ha addentato la spalla.

La Prima Donna       Hanno preso il tronco più pesante.

La  Seconda Donna Hanno preso il tronco più duro.

Il Secondo Uomo     Ed Egli lo ha gravato dello spergiuro di Adamo.

La Prima Donna       Del fratricidio di Caino.

La Seconda Donna  Dell'adulterio del Re-Profeta.

Il Primo Uomo          L'ha gravato di tutti gli spergiuri, di tutti i delitti, di tutti gli adulteri di cui, sin dall'alba dei tempi, è pervasa l'onda dell'umanità; quell'onda che il giorno estremo si infrangerà contro la roccia del giudizio.

Gli Altri Tre           Anche i nostri?

Il Primo Uomo          Tutti. Anche se una volta soltanto avremo percosso...

Il Secondo Uomo     La nostra violenza è su di Lui.

Il Primo Uomo          Anche se una volta soltanto avremo ingannata..

La Prima Donna       Il nostro tradimento è su di Lui.

Il Primo Uomo          Anche se una volta soltanto avremo odiato...

La Seconda Donna   Egli reca su di sé il nostro odio.

Il Primo Uomo          Siamo noi, che graviamo sulla Sua croce.

Gli Altri Tre            Siamo noi.

Il Primo Uomo          Siamo noi, che la rendiamo tanto pesante.

Gli Altri Tre            Siamo noi.

Il Primo Uomo          Siamo noi, che la rendiamo cosi dura.

Gli Altri Tre            Siamo noi.

Il Primo Uomo          Siamo noi, che la facciamo continuare.

Gli Altri Tre            Siamo noi.

Il Primo Uomo          E' per causa nostra che penetra il legno nella Sua carne, fa crosciare le Sue ossa, fa stridere i  Suoi muscoli. Noi graviamo su di Lui con tutte le nostre forze e gli gridiamo: «Avanti!».

Il Secondo Uomo     Avanti!

Il Primo Uomo          Avanti!

Il Secondo Uomo     Avanti!

Le  Due  Donne          (gridando) Fermatevi!

(Pausa).

Il Primo Uomo          No. E' necessario andare fino in fondo. E' l'amore che così vuole.

(Pausa tenuta).

La Prima Donna       (a bassa voce) Come il bue sotto il pungolo.

La Seconda Donna   Sotto lo staffile, come lo schiavo.

La Prima Donna       Sudare.

La Seconda Donna   Ansimare.

La Prima Donna       Soffrire.

La Seconda Donna   Tacere.

La Prima Donna       Sin ch'Egli cade.

La Seconda Donna  Cade!

(Pausa).

La Prima Donna        Povero agnello.

La Seconda Donna   Povera umanità...

(Pausa tenuta).

Il Primo Uomo          Vedete: s'accascia...

Il Secondo Uomo     Sotto il peso dei nostri peccati.

La Prima Donna       Egli ci ha redenti tutti.

La Seconda Donna   E sarà redento.

III. GESÙ CADE PER LA PRIMA VOLTA

Il Coro                      Egli cade: è il mio orgoglio

- che gli stronca i ginocchi?

- I miei si logoreranno

- sulla soglia della camera nuziale.

La Prima Donna       Signore!

La Seconda Donna   E' caduto!

La Prima Donna       Su tutt'e due i ginocchi.

La Seconda Donna   La palma d'una mano graffiata dal pietrisco.

La Prima Donna       Chi l'ha urtato?

Il Secondo Uomo     Ha inciampato in una zolla di terra.

La Seconda Donna   Non potevano toglierla di mezzo?

Il Primo Uomo          Qualcuno ce l'ha messa.

Gli Altri Tre            Chi?

(Pausa).

Il Primo Uomo          Perdonami, Signore.

(Si inginocchia)

S'io non avessi camminato a testa alta, consapevole di mia scienza e di mia sufficienza, del mio piacere e della mia vanità, con gli occhi fissi su me stesso, mirabile creatura, a somiglianza del mio Creatore - vergognoso della mia condizione, invidioso verso il prossimo, - avrei scorto quella zolla, avrei imparato a conoscere e a sperimentare ch'io nulla sono più di quella: una zolla della Tua terra, che Tu hai tratto dall'inerte sua oscurità e che si disfacerà così come Tu l'hai creata. Perdonami, Signore.

Gli Altri Tre            Perdonaci.

(Si inginocchiano).

Il Primo Uomo          Allorché si approssimerà il tempo delle tue nozze, noi saremo fuori della porta, come servi infedeli.

La Prima Donna       E come quelle Vergini folli delle loro vaghezze, che hanno reputato indegno di sé preparare le lampade del convito.

Il Secondo Uomo     In ginocchio, così.

La Seconda Donna   Accovacciati, come bestie.

La Prima Donna       Incatenati alla nostra miseria.

Il Primo Uomo          A mordere la terra da cui siamo usciti.

(Pausa; poi, con voce soffocata)

Egli cade!

La Prima Donna       E' il mio orgoglio che gli stronca i ginocchi?

Il Secondo Uomo     I miei si logoreranno sulla soglia -

La Seconda Donna   Della camera nuziale.

IV. GESÙ INCONTRA SUA MADRE

             

Il Coro                       Inesprimibile dolore!

- E vi si aggiunge il tuo, Madre.

- Donagli tu le lacrime

- che i nostri occhi non riescono a versare.

Il Primo Uomo          Eccola.

Gli Altri Tre            E' lei.

Il Primo Uomo          E' lei che si avvicina, sostenuta dalle pie donne: esala l'anima ad ogni passo.

La Prima Donna       Com'è pallida.

La Seconda Donna   Gli occhi sono consunti dalle lacrime.

La Prima Donna       Le labbra tremano.

La Seconda Donna   Il capo s'abbandona.

Il Primo Uomo          Non ha nemmeno la forza di tendere le braccia.

Il Secondo Uomo     Scostatevi, carnefici, che lo possa vedere.

La Prima Donna       No, copritelo. Il suo cuore non reggerebbe.

La Seconda Donna   Copritelo.

La Prima Donna       Copritelo.

La Seconda Donna   Risparmiatelo, almeno davanti a lei.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Donne, lasciate che si compia, anche a prezzo della morte, la volontà di Dio e di suo figlio.

Le Due Donne           E' necessario che lo veda.

Il Primo Uomo          E' necessario che lo veda.

- E' venuta per vederlo, e per vederlo soffrire.

(Pausa).

Son più di trent'anni che attende, questo momento, dal giorno in cui - al Tempio - il santo vegliardo Simeone prese tra le braccia il Bambino già gaio e luminoso, e profetizzò per lui e per lei: «E a te, Maria,» disse...

Gli Altri Tre            Una spada trafiggerà il cuore».

Il Primo Uomo          Son più di trent'anni che attende la spada. Son più di trent'anni che si prepara e che brama di soffrire, quanto e più di suo figlio. Pure, soffrirà di meno.

La Prima Donna       Tu non sai ciò che significhi per una madre.

Il Primo Uomo          Ma so ciò che significa per un Dio, che s'è preso su di sé tutta la sofferenza, quella di tutti i figli e di tutte le madri.

- Pure, soffrirà meno di Lui. Ed è il suo più profondo cordoglio non poter   quanto Lui penetrare nel dolore.

- Ma per quanto lontana sia la mèta, vuole arrivare fino in fondo. Esige che Dio le conceda il massimo della misura, umanamente; e Dio non vorrà mancare.

Gli Altri Tre            E' giunta l'ora della spada.

Il Primo Uomo          L'ora della spada è giunta.

- Maria l'ha veduta balenare tra i rami d'olivo, il giorno del trionfo sull'asina di Balaam; l'ha veduta affilare sotto il mantello di Giuda, stanotte. E mentre Gesù sudava d'angoscia e d'abbandono, la spada s'è piantata dentro il suo corpo.

-  La madre è sola. Si fa giorno. Strèpito d'armi. Grida.

-  La notizia si diffonde.

-  Suo figlio è arrestato.

-  Suo figlio è flagellato.

-  Suo figlio è condannato.

-  Ad ogni colpo la spada s'affonda.

   E' lei stessa che la affonda, la mano sull'elsa che ha forma di croce.

- La mano sull'elsa, lei si solleva. E' necessario che lo veda: che lo veda    soffrire, che lo veda morire. Il suo posto sul Calvario è fissato: la madre va incontro a  suo figlio. -

(Pausa).

Egli l'ha sentita venire, e si ferma.

La Prima Donna       La madre lo vede.

La Seconda Donna   Il figlio la vede.

La Prima Donna       La madre tace.

La Seconda Donna   Tace il figlio.

Il Secondo Uomo     Un solo sguardo si scambiano, che trapassa il mondo.

Il Primo Uomo          Come un raggio d'amore teso fra cielo e terra.

La Prima Donna       Come l'unica corda di un liuto eterno...

La Seconda Donna   Che mai cesserà di vibrare sotto l'arco degli Angeli.

(Pausa).

Il Primo Uomo          In quale stato, madre mia!

La Prima Donna       Figlio, in quale stato!

Il Primo Uomo          Tutto qui. Egli prosegue, curvo sotto la croce sempre più pesante. Ma un dilu­vio di lacrime è sgorgato dagli occhi di sua madre; gli occhi, il cuore, l'anima traboccano. La madre cade.

Gli Altri Tre            Cade.

(Pausa).

La Prima Donna       Carnefici, non avete pietà?

La Seconda Donna   Carnefici, non avete una madre, voi?

La Prima Donna       Non avete mai veduto vostra madre piangere? (Pausa).

Il Primo Uomo          Se con queste lacrime avesse potuto commuoverli, la madre avrebbe soffocato le lacrime. Perché non è venuta per salvare suo figlio, ma per offrirlo. Ciò è avvenuto. Che egli prosegua, verso il suo destino.

(Pausa).

La Seconda DonnaAllora, laabbandoniamo?

Il Secondo Uomo    Abbandoniamo la madre, poiché è necessario seguire il figlio.

La Prima Donna      I nostri occhi sono aridi.

Il Primo Uomo          Impariamo a compatire. (Pausa) Inesprimibile dolore.

La Prima Donna       E vi si aggiunge il tuo, madre.

La Seconda Donna   Donagli tu le lacrime...

Il Secondo Uomo     Che i nostri occhi non riescono a versare.

V. SIMONE AIUTA GESÙ A PORTARE LA CROCE

Il Coro                       Come! Gli è rimasto un amico,

- e quell'amico non sono io: è Simone.

- Io nulla sento per lui;

- forse, appena una fragile fede.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Un passo.

Il Secondo Uomo     Un passo.

La Prima Donna       Non ne può più.

La Seconda Donna   Non c'è nessuno che lo aiuti?

Il Primo Uomo          No. Il mondo non è mutato. Molti dicono: «Pover'uomo! Quale sventura! Quanta pietà!» Ma non uno che gli tenda la mano. Nessuno osa.

Il Secondo Uomo     Uomini di poco coraggio.

Il Primo Uomo          Uomini di poca fede. Come noi.

Gli Altri Tre            Come noi.

Il Primo Uomo          Un passo.

Il Secondo Uomo     Un passo.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Ora i carnefici sono stufi. Quand'è che finirà? Ehi, tu!

Il Secondo Uomo     Che c'è?

Il Primo Uomo          Come ti chiami?

Il Secondo Uomo     Simone.

Il Primo Uomo          E di dove sei?

Il Secondo Uomo     Di Cirene.

Il Primo Uomo          Beh, dagli una mano.

Il Secondo Uomo     Io?

Il Primo Uomo          Tu. E spicciati.

Il Secondo Uomo     Va bene... Va bene...

Il Primo Uomo          Obbedisce, ma borbotta. Non si sarebbe offerto. Non si rende conto dell'onore che gli tocca in sorte. S'è trovato lì; hanno scelto lui. Porterà la croce imprecando, contro voglia; ma la croce gli renderà ciò ch'egli le offre. Simone diverrà l'amico del Salvatore.

Gli Altri                   Diverrà l'amico del Salvatore,

II Primo Uomo          Egli rappresenta tutti gli uomini.

Gli Altri                   Tutti gli uomini.

Il Primo Uomo          E il Salvatore lo  salverà.

Gli Altri                   E il Salvatore ci salverà.

Il  Primo Uomo         Suo malgrado.

Gli Altri                   Nostro malgrado.

Il Primo Uomo          Forza!  Più svelti!

Il Secondo Uomo     Un passo.

Il Primo Uomo          Un passo.

(Pausa).

Come! Gli è rimasto un amico.

Il Secondo Uomo     E quell'amico non sono io: è Simone.

La Prima Donna       Io nulla sento per lui.

La Seconda Donna   Forse, appena una fragile fede.

VI. UNA PIA DONNA DETERGE IL VOLTO DI GESÙ

Il Coro                       S'io, Veronica, detergessi la sua fronte

- i peccati miei sul velo

- imprimersi vedrei

- minutamente.

(Pausa).

La Prima Donna       Poiché una donna - Veronica - vedendo sangue e polvere raggrumati sulle sue palpebre, e una maschera di muco e di sudore devastare il suo volto, s'è tolta il più candido dei veli, s'è mossa verso di lui, e, inginocchiatasi, l'ha posato sulla fronte divina.

La Seconda Donna   Il velo ha recato sollievo un istante al volto bruciante e martoriato.

La Prima Donna       Ma ancora teneva ella il velo spiegato fra le mani, e già i carnefici la scacciavano.

(Pausa).

La Seconda Donna   Sorella!

La Prima Donna       Sorella!

La Seconda Donna   Guardate!

La Prima Donna       Vi ha lasciato la propria immagine.

La Seconda Donna   L'immagine della sua sofferenza.

La Prima Donna       L'immagine della sua bontà.

La Seconda Donna   Non un tratto, marcato dal sangue, che non dica : «Sono buono».

La Prima Donna       Non uno che non dica: «Io soffro per te, Veronica».

Le Due Donne           Non uno che non dica :  «Io soffro per voi e a causa di voi».

(Pausa).

La Prima Donna       Gli occhi lacrimano.

La Seconda Donna   Le labbra sanguinano.

Il Primo Uomo          Nulla ha egli dimenticato del suo doloroso splendore.

La Prima Donna       Del dolce suo rimprovero.

Il Secondo Uomo     Dell'eterna sua agonia.

La Seconda Donna   Del suo insegnamento.

Il Primo Uomo          Del suo perdono.

La Prima Donna       E Veronica può baciare l'immagine di lui, senza distruggerne la memoria.

Il Primo Uomo          Possa il volto della sua Passione imprimersi in noi, come su questo velo.

LA Prima Donna      Indelebile.

Il Secondo Uomo e

La Seconda Donna   Essenziale.

Le Due Donne           (insieme, lentamente)S'io, Veronica, detergessi la sua fronte,

- i peccati miei sul velo

- imprimersi vedrei

- minutamente.

(Pausa).

VII. GESÙ CADE PER LA SECONDA VOLTA

Il Coro                       Seconda caduta.

- Sì, mio Dio, il mio cuore è più duro

- delle pietre

- su cui stilla il tuo sudore.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Più piano.

Il Secondo Uomo     (altro tono) Va troppo piano!

La Prima Donna       Quanto s'affatica.

La Seconda Donna   E' aspra l'ascesa.

Il Primo Uomo          Ehi, muoviti!

- I carnefici bestemmiano, percuotono, spingono.

- L'uomo è caduto.

La Prima Donna       (con un grido) Sui ginocchi!

La Seconda Donna   Sulle mani!

Il  Secondo Uomo     Ha battuto il capo.

Il Primo Uomo          Il capo incoronato di spine.

(Pausa).

La Prima Donna       Un lungo lamento gli sale dal petto.

Il Secondo Uomo     Lo fanno rialzare a colpi di staffile.

(Pausa).

Il Primo Uomo          I tuoi ginocchi, le palme delle tue mani, la tua fronte hanno provato la crudezza della terra, Signore.

Il Secondo Uomo     Anche colui che si crede buono, venti volte al giorno viene meno alla carità fraterna.

(Pausa).

La Prima Donna       Troppi poveri.

La Seconda Donna   Troppi malati.

La Prima Donna       Troppi deboli.

La Seconda Donna   Troppi afflitti.

Il Primo Uomo          Che mai sarà degli eroi e dei forti, dei ricchi e dei sani, se costoro non s'occupano che della miseria altrui?

Il Secondo Uomo     Come utilizzeranno la loro fortuna, la loro gioia, la loro forza, la loro salute?

La Prima Donna       Troppi poveri.

La Seconda Donna   Troppi malati.

La Prima Donna       Troppi afflitti.

Il Primo Uomo          Non fanno che lamentarsi.

Il Secondo Uomo     Non fanno che chiedere.

Il Primo Uomo          Basta! Basta! Fateli tacere.

(Pausa).

La Prima Donna       Ma la miseria del mondo non tacerà, perché tu, o Signore, hai gridato, vivendola, facendola tua di caduta in caduta. E non è possibile reprimere il tuo grido.

Il Primo Uomo          Grida, Signore, noi sappiamo resistere. (Sottovoce) Seconda caduta. Sì, mio Dio...

La Prima Donna       Il mio cuore è più duro...

Il Secondo Uomo     Delle pietre...

La Seconda Donna   Su cui stilla il tuo sudore.

(Pausa).

VIII. GESÙ CONFORTA LE FIGLIE D'ISRAELE

Il Coro                       Gesù dice: «Piangete su voi stessi».

- E noi piangiamo:

- ma sui nostri desideri delusi,

- non sui nostri errori.

La Prima Donna       A questo punto dell'ascesa le donne d'Israele che avevano seguito il corteo, tanto forte si percuotono il petto e levano i loro lamenti, che il Salvatore le ode ed esclama:

Il Primo Uomo          «Oh, figlie di Gerusalemme, non versate lacrime su di me — egli dice — ma su voi stesse e sui vostri figli. Poiché verrà giorno in cui si dirà : “Felici le sterili! Felice il grembo che non ha generato e il seno che non ha allattato”». Allora gli uomini cominceranno a dire alle montagne: «Cadete sopra di noi», e alle colline:  «Travolgeteci». Poiché, se vengono trattati a questo modo i germogli, che sarà mai dei rami secchi?

La Seconda Donna   Ne faranno fascine.

Il Secondo Uomo     Li getteranno nel fuoco.

La Seconda Donna   Spezzateli, bruciateli, Signore!

Il Secondo Uomo     Avranno ciò che si meritano.

La Prima Donna       Ma non è forse affinché i rami secchi rinverdiscano, che i germogli accettano tutto questo?

La Seconda Donna   Un po' della vostra linfa.

Il Secondo Uomo     Un po' del vostro vigore.

La Seconda Donna   E tutta la foresta delle anime rinverdirà.

La Prima Donna       Allorché Gerusalemme e tutte le città del mondo cadranno sulle nostre gioie, sui nostri beni, sui nostri focolari, sui nostri figli, nulla andrà perduto, Signore, se tu ci strapperai dal cuore e dalle palpebre una lacrima, una sola lacrima degna di cadere sulle tue mani.

(Pausa).

Il Primo Uomo          (a voce bassa) Gesù dice : «Piangete su voi stessi».

La Prima Donna       E noi piangiamo.

Il Secondo Uomo     Ma sui nostri desideri delusi...

La Seconda Donna   Non sui nostri errori.

IX. GESÙ CADE PER LA TERZA VOLTA

Il Coro                       Le nostre colpe simoltiplicano

- fra la terra e la croce

- ed opprimono l'Agnelloindifeso.

-Concupiscenza, sei tu?

Le Due Donne           Signore!

Il Primo Uomo         E' cadutotutto d'un pezzo, faccia avanti.

Il Secondo Uomo     Sotto il tronco, e come un tronco che viene abbattuto.

Il Primo Uomo          Sulla terra dei nastri peccati.

Il Secondo Uomo     Sulla terra delle nostre delizie.

Il Primo Uomo          Contro la terza.premuto dall'albero di cui abbiamo assaporato tutti i frutti.

(Pausa).

Il Secondo Uomo     Abbiamo abusato di tutto.

Il Primo Uomo          Abbiamo sciupato tutto.

Il Secondo Uomo     Il buono e il cattivo, purché ci piacesse.

Il Primo Uomo          Abbiamo attinto miele e manna finanche dal veleno.

Il Secondo Uomo     Miele nuziale e manna del riposo.

(Pausa).

La Prima Donna       Agnello di Dio. Agnello senza macchia, chi ti ha posto tanto in basso?

La Seconda Donna   Non sapranno risollevarti?

(Pausa).

Il Primo Uomo          Non abbiamo occhi, che per ciò che diletta gli occhi.

Il Secondo Uomo     Bocca, che per ciò che diletta la bocca.

Il Primo Uomo          Mani, che per afferrare i beni del mondo.

Il Secondo Uomo     Piedi, che per volare verso il piacere.

Il Primo Uomo          Se noi non abbiamo tutto posseduto, nell'intimo della  nostra  anima abbiamo tutto bramato.

Il Secondo Uomo     Senza scrupolo.

Il Primo Uomo          Senza vergogna.

Il Secondo Uomo     Il denaro dei nostri cari.

Il Primo Uomo          E la donna del nostro amico.

Il Secondo Uomo     Avremmo rubato.

Il Primo Uomo          Avremmo ucciso.

Il Secondo Uomo     Per saziare la nostra avidità e soddisfare le nostre aspirazioni.

Il Primo Uomo          Ecco dunque l'Agnello senza macchia, piegato sotto il peso dei nostri desideri impuri.

(Pausa).

La Prima Donna       Dell'albero del piacere abbiamo fatto l'albero del dolore.

La Seconda Donna   Che cosa potremo cogliervi, ormai?

I Due Uomini             Il dolore.

Il Primo Uomo          Le nostre colpe si moltiplicano...

La Prima Donna       Fra laterra e la croce.

La Seconda Donna   Ed opprimono l'agnello indifeso.

Il Secondo Uomo     Concupiscenza...

Tutti                           Sei tu?

X. GESÙ VIENE SPOGLIATO DELLE SUE VESTI

Il Coro                       Allora, Gesù sarà esposto all'oltraggio dei nostri sguardi.

I nostri piaceri gli hanno lacerato le vesti.

Ecco l'uomo. Toccatelo.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Lo liberano della croce.

Il Secondo Uomo     Egli si solleva. Ha gli occhi chiusi.

La Prima Donna       Un velo di sangue è sceso sui suoi occhi.

La Seconda Donna   Un velo, che Egli toglie con mano stanca.

Il Primo Uomo          Gli offrono da bere.

Il Secondo Uomo     Mischiato col fiele.

La Prima Donna       Vi immerge le labbra...

La Seconda Donna   E lo rifiuta.

Il Primo Uomo          Vede innanzi a sé soldati, sacerdoti, fannulloni, ragazzi, monelli, la feccia del popolo

- e, più discosto,

- alcune donne. Fra queste, sua madre.

(Pausa).

-  Lo afferrano e lo mettono

-  nudo

-  davanti a tutti. (Pausa)

-  Nudo.

-  Come si è creato, e come ha creato noi.

- Nudo come Adamo dopo il peccato, quando vede sul proprio corpo la  vergogna e cerca delle foglie per coprirla.

-  Nudo come Abele assassinato.

-  Nudo come Noè nell'ebbrezza.

-  Ma non c'è nessuno che lo copra.

Gli Altri                   Nessuno che lo copra.

(Pausa).

Il Primo Uomo          La colpa senza il piacere.

- La vergogna senza la colpa.

- La nostra vergogna.

- Le nostre colpe.

- Su di un corpo senza vergogna e senza colpa.

- Sull'Uomo senza peccati, tutte le tare del peccatore.

La Prima Donna       Segnate col suo sangue.

La Seconda Donna   Impresse sulla sua pelle.

Il Secondo Uomo     Confitte nella sua carne.

Il Primo Uomo         Ecco l'Uomo, capolavoro degli uomini. Poiché tutti gli uomini ci si son messi insieme. Ciascuno aggiungendovi un tratto di orrore per comporre questa maschera della derisione al perfetto capolavoro della creazione di Dio.

(Pausa).

La Prima Donna       Ecco l'Uomo.

Il Secondo Uomo e

La Seconda Donna   Egli è noi.

Il Primo Uomo          Ecco ciò che noi abbiamo fatto dell'uomo.

La Prima Donna       Copritelo! Si vergogna.

Il Primo Uomo          E' lui che più non  ardisce  guardar  noi.  

(Tutti chinano   il  capo. Pausa)

Allora, Gesù sarà esposto...

Il Secondo Uomo     All'oltraggio dei nostri sguardi.

La Prima Donna       I nostri piaceri gli hanno lacerato le vesti.

La Seconda Donna   Ecco l'uomo.

Tutti                           Copritelo.

XI. GESÙ È CROCIFISSO

Il Coro                       Chiodi alle mani.

- Chiodi ai piedi.

- Chi inchioderà il mio destino

- alla Croce del Crocifisso?

La Prima Donna       L'Angelo ha velato le sue vergogne: di Lui, ora, più non si vede che il dolore.

La Seconda Donna   La croce che Egli tanto in alto ha portato, lo  porterà ancor più in alto.

La Prima Donna       Lo coricano sopra.

La Seconda Donna   Lo inchiodano.

Il Primo Uomo          Il martello sul chiodo.

Il Secondo Uomo     Il chiodo dentro la carne e dentro l'osso.

Il Primo Uomo          E dentro il legno.

Il Secondo Uomo     E dentro il legno, la carne e l'osso.

Il Primo Uomo          La mano sanguina.

La Prima Donna       La mano destra, che benediceva.

La Seconda Donna   Che guariva

(Pausa).

Il Primo Uomo          L'altra mano.

Il Secondo Uomo     E' già pronta.

Il Primo Uomo          Il martello, il chiodo.

Il Secondo Uomo     La carne e il legno.

La Prima Donna       La mano sinistra, che non sapeva...

La Seconda Donna   Ciò che donasse la destra.

(Pausa).

Il Primo Uomo          I piedi, uno sopra l'altro.

Il Secondo Uomo     Da parte a parte.

Il Primo Uomo          I piedi, che l'un per l'altro soffrono.

La Prima Donna       Più non li laverà, la peccatrice.

La Seconda Donna   Più non calpesteranno  questa  terra  maledetta. (Pausa).

Il Primo Uomo          Fatto. E drizzano la croce. E le ossa scrosciano.

Il Secondo Uomo     E il capo s'abbatte.

Le Due Donne           Signore!

Il Primo Uomo          E piantano la croce sopra il cranio di Adamo. (Pausa).

Il Secondo Uomo     Si spartiscono le sue vesti.

Il Primo Uomo          Si giocano ai dadi la sua tunica.

Il Secondo Uomo     Lo deridono.

Il Primo Uomo          E lo provocano.

- Tu che distruggi il Tempio e che in tre giorni lo riedifichi, scendi giù dalla croce e salva te stesso!

Il Secondo Uomo     Tu che salvi gli altri, perché non ti salvi?

Il Primo Uomo          Poiché sei il Figlio di Dio, chiedi a tuo padre che ti liberi.

(Pausa).

Il  Secondo  Uomo    Ridono. Osano ridere. Il re dei Giudei fra due ladroni.

(Pausa).

La Prima Donna       Ma Gesù non pensa ad altro, che a condurre sino in fondo il suo martirio.

La Seconda Donna   Grava con tutto il proprio e con tutto il nostro peso sui suoi piedi, sulle sue mani, sulle sue piaghe, sulle sue ferite  per  accontentare  il  Padre Celeste.

La Seconda Donna   E il Padre distende sopra il cielo una nube opaca e scura, attraverso la quale non potrà filtrare nemmeno uno squarcio d'azzurro.

(Pausa).

La Prima Donna       Devi scegliere fra noi e te.

La Seconda Donna   O salvar noi, o salvare te stesso.

La Prima Donna       Signore, tu, che non hai potuto salvare te stesso, salvaci.

Il Primo Uomo          Inchiodaci sulla croce.

Il Secondo Uomo     Inchioda la croce su di noi.

Il Primo Uomo          Per i piedi.

Il Secondo Uomo     Per le mani.

Il Primo Uomo          Quando le mani e i piedi smarriscono la dritta via.

(Pausa).

La Prima Donna       Chiodi alle mani.

La Seconda Donna   Chiodi ai piedi.

Il Primo Uomo          Chi inchioderà il mio destino...

Il Secondo Uomo     Alla Croce del Crocifisso?

(Pausa).

XII. GESÙ MUORE SULLA CROCE

Il Coro                       Il calice è ricolmo di sangue.

- Un grido trafigge il nostro amore,

- come la lancia il Suo costato.

- Egli è morto: ora, tocca a noi.

Il Primo Uomo          Hanno lasciato che s'accostassero alla croce, per vederlo morire.

La Prima Donna       Maria, sua madre, e la sorella di sua madre.

Il Secondo Uomo     Giovanni.

La Prima Donna       Maria Maddalena.

Il Primo Uomo          Ed egli le riconosce.

(Pausa)

Donna, ecco tuo figlio. Ecco la madre tua.

La Prima Donna       Maria si china.

Il Secondo Uomo     Giovanni singhiozza.

La Seconda Donna   Maddalena gli bacia i piedi.

Il Primo Uomo          Così, coloro che Egli lascia avranno una madre, una famiglia, un focolare.

La Prima Donna       Egli lascia tutti noi.

La Seconda Donna E ci salvatutti.

Il Secondo Uomo     Ora, può entrare in agonia.

(Pausa).

Il Primo Uomo         Lanube s'addensa.

Il Secondo Uomo     La folla s'allarma e fugge.

Il Primo Uomo          Il cattivo ladrone bestemmia.

Il Secondo Uomo     Quello buono, prega.

Il Primo Uomo          Non è ancora l'ora sesta, ed è già notte.

(Pausa).

Il Secondo Uomo     Iddio ha mutato il corso degli astri.

Il Primo Uomo          Affinché essi non lo vedano morire.

Il Secondo Uomo     E i morti già fremono nell'ombra.

(Pausa).

Il Primo Uomo          Ora, Gesù più non vede gli uomini,

non vede più il Creato.

- E' il Caos primitivo,

avanti che lo Spirito Santo levitasse la forma e la vita sul mondo.

- Il mondo ritorna al nulla.

- Cristo è solo, ed è senza potere sul mondo.

- Signore! Signore!

- grida.

La Prima Donna       (sottovoce)      Invoca il Padre.

Il Secondo Uomo e

la Seconda Donna   (sottovoce)      Invoca il Padre.

Il Primo Uomo          Perché m'hai tu abbandonato?

(Pausa).

La lingua è riarsa: ho sete...

Tutti gli Altri         Ho sete.

Il Primo Uomo          Un soldato gli dà, in cima a una canna, la spugna imbevuta d'aceto.

Tutti gli Altri         Ma di nuovo Gesù lancia un grido straziante...

Il Primo Uomo          E rende lo spirito.

(Lunga pausa. Tutti sono prosternati)

Quando gli trapasseranno il costato, ne sgorgheranno sangue ed acqua. Tutti gli uomini vi  si  potranno  dissetare. (Sottovoce) Il calice è ricolmo di sangue.

La Prima Donna       Un grido trafigge il nostro amore.

Il Secondo Uomo     Come la lancia il suo costato.

La Seconda Donna   Egli è morto.

Tutti                           Ora, tocca a noi.

XIII. GESÙ È DEPOSTO DALLA CROCE

Il Coro                       Accoglici fra le braccia,

- come hai accolto Lui, madre. - Saremmo meno affaticati

- se avessimo vissuto meglio.

Il Primo Uomo          Il frutto cade dall'albero.

Il Secondo Uomo     Noi cadiamo con esso.

Il Primo Uomo          Precipitati dai rimorsi e dalla vergogna.

Il Secondo Uomo     Dall'alto del nostro orgoglio.

Il Primo Uomo          Della nostra indifferenza.

Il Secondo Uomo     Della nostra sazietà.

Il Primo Uomo          Della nostra crudeltà.

Il Secondo Uomo     Macchiati da un sangue che non è il nostro.

Il Primo Uomo          Abbiamo devastato il Giusto.

(Pausa).

Il Secondo Uomo     Quell'uomo era veramente il Figlio di Dio.

(Pausa tenuta).

La Prima Donna       Se avessimo vissuto meglio.

La Seconda Donna   Se avessimo amato di più.

La Prima Donna       Egli non sarebbe morto.               

La Seconda Donna   Non sarebbe morto, madre.

(Pausa).

La Prima Donna       Tu non saresti là, nella tenebra, ai piedi dell'albero della salvezza.

La Seconda Donna  E non dovresti riaprire le braccia e i ginocchi al frutto che il tuo grembo ha portato e che è dovuto morire due volte: per la tua gioia e per il tuo dolore.

La Prima Donna        Una volta nel tuo amore.

La Seconda Donna   Una volta per il nostri oltraggi.

(Pausa).

La Prima Donna       Giovanni, sostienigli il capo.

- Il tuo, ha così soavemente riposato sul suo cuore, nell'ultima cena.

La Seconda Donna   Maddalena, sostienigli i piedi.

- Essi non hanno dimenticato gli aromi dell'urna di alabastro.

Il Secondo Uomo     Madre, non cedere sotto il fardello del Figlio tuo.

Il Primo Uomo          Dovete sostenere anche i suoi carnefici, con tutti i loro peccati in terra.

(Pausa).

La Prima Donna       Accoglici fra le braccia...

La Seconda Donna   Come hai accolto Lui...

Tutti                           Madre!

Il Primo Uomo          Saremmo meno affaticati...

Il Secondo Uomo     Se avessimo vissuto meglio.

XIV. GESÙ È DEPOSTO NEL SEPOLCRO

Il Coro                       Poi, nel loculo del Santo Sepolcro

- sia deposto l'uomo trapassato.

- E l'uomo nuovo risorga

- lasciando dietro di sé  i propri peccati

La Prima Donna       Il mattino del terzo giorno, allorché le donne giunsero al Sepolcro per imbalsamare il corpo, la terra tremò e la pietra rotolò. Un Angelo stava seduto sopra la pietra, candido come neve, fulgido come bagliore.

Il Primo Uomo          Perché, donne, cercate fra i morti Colui che vive? Cristo è risorto.

(Pausa).

-E Gesù apparve loro dinnanzi, e disse: Vi saluto. Ed esse gli abbracciarono i piedi.

Tutti                           Cristo è risorto.

Il Coro                       E l'uomo, risorgendo dalla tomba, segue, dietro di Lui, l'affannosa via che   conduce   al Padre.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno