Il Natale di Ferrovecchio


Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 8

Notice: Trying to get property 'slug' of non-object in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 8

Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 9

Notice: Trying to get property 'slug' of non-object in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 9
Stampa questo copione

Caro amico/a,

che ti accingi a leggere queste mie divagazioni teatrali, ti ringrazio.

        Se non ti è di molestia vorrei darti dei consigli al fine di una migliore

comprensione e auspicabile rappresentazione. (leggere e “vedere” non è facile). Lo può fare chi ha doti magiche di regia, e chi ama veramente il

vero Teatro!

       Questa commedia natalizia, prettamente scolastica è in vernacolo pugliese, adattabile in tutto il meridione d’Italia e ovunque si trovi un pugliese che la traduca. Lavoro non difficile ma stuzzicante, divertente. e quindi rappresentabile ovunque. Senza travisarla, ma adeguandola intelligentemente all’ambiente in cui si vive. Magari sfruttandone altri lati stimolanti che ogni ambiente o dialetto locale nasconde.

Ho parlato di “scolastica” in quanto si possono inserire molti alunni  di più classi e varie materie in amalgama interdisciplinari.

       Due delle mie commedie sono state tradotte e rappresentate in Spagna con eccellenti risultati.

   Questa e altre 10 commedie sono tutelate e già collaudate, alcune con centinaia di repliche in Italia, Belgio, Germania, Svizzera, Lussemburgo.

         Qualora vorreste rappresentarla ne sarei onorato e felice.

        E’ di facile messa in scena.

        Se  avrai bisogno di chiarimenti o altro, puoi rivolgerti senza alcuna remora (tanto sto in pensione) a:

Donato Bitetti – Via Montefreddo, 14 – 70029 SANTERAMO – Bari

Tel e fax 080 3038237 – cell. 330 85 04 01  -

E.Mail: teatromurgia@hotmail.it

Grazie per la paziente disponibilità.

              Ti auguro ogni bene, e una buona rappresentazione

        il Natale di Ferrovecchio

                 ‘u Natele de Firrevicchie (titolo dialettale)

                                           di Donato Bitetti

           commedia brillante scolastica  - atto unico in dialetto pugliese

Personaggi:

Mastro Vito

La moglie Lucia - Consorella di Santa Lucia

Cecchella - la vecchietta

Mimmo - il ragazzo

Sisina - la ragazza

Ferrovecchio – Rigattiere ambulante

Ronzella – (Vecchia fiamma di Ferrovecchio)

Il contadino del coniglio

La donna del galluccio

Peppino -  Confratello di San Giuseppe

Ciccillo - Confratello del Convento

Donato - Confratello del Santissimo

Nunzio - Confratello dell’Annunziata

Lucia - Consorella di Santa Lucia

Don Ciccio il parroco

Il nipotino di Mastro Vito

Comparse (facoltative a volontà): postino, confratelli, musicanti, chierichetti

Trama:

   Un’officina di riparazione gomme (ma potrebbe essere benissimo una falegnameria artigianale, una sala da barba, una panetteria…), diventa  rifugio e incontro dei componenti di un corteo funebre interrotto da un temporale.

   C’è atmosfera di Natale. Dopo quattro anni ritorna Ferrovecchio rigattiere ambulante girovago, vecchio amico e compare di Mastro Vito. Esce dalla galera e vuol passare il Natale a Santeramo, paese del barese, dove spera di ritrovare una sua vecchia fiamma: Ronzella.

   Personaggi tipici e folkloristici (congreghe), dai quali emergono pregi e difetti. Gioviali e prorompenti (mastro), sfottenti, saggi e arguti (vecchietta), che incassano e rilanciano  con disinvoltura. Coinvolti nel gioco semplice e gustoso della Vita.

Sinossi:

   Esistono ancora in quasi tutti i paesi della murgia barese dei personaggi, delle “maschere”, che diventano fulcro di morboso richiamo; che inevitabilmente si ritrovano al centro e che si infarinano di tutto, caratterizzando un  tipico, gioioso modo di vivere. Se poi si immerge il tutto nel clima natalizio…, il racconto diventa una fiaba.

   1                                      Atto unico

   La scena si apre in una officina di gommista. Sui muri posters di calciatori, ragazze sexy, pugili. Qualche misero addobbo natalizio. E’ mattino. Mimmo il ragazzo, accovacciato in un pneumatico legge un fumetto. Rumore del compressore come sottofondo.

Mastro Vito– (dalle quinte) Uagliò (pausa) uagliooò! (fischia, entra in scena)  Uagliò, ve ma pigghie ‘u giurnele! (fa il gesto di dare una moneta, Mimmo non si muove). No, non si venenne fucenne! Ancore te spizze de jamme!

Mimmo – (scocciato) Ce uè!?

Mastro – Innanzi tutto, e tu so ditte arrete; ‘o meste non se responne: - Ce uè! -.

Ancore te pinze ca sti a parle che fratte! Maleducato e screanzato!

Mimmo – U’ mè, u’ se ca ma chijne!?

Mastro – Chesse sarebbe l’educazione di uagnune moderne. Ji tu so ditte sembe:

- Tu si sbagliate mestire! -. Tu, due cose soltanto potevi fare: - ‘O e pechere ‘o a callaredde! -. Pe te cusse je ‘nu mestire troppo impegnativo!

 (gli toglie il fumetto) Ecche ce se lesce sembe; i romanze suzze e sc’cuscelinte! (lo sfoglia con apparente noncuranza). Non te permette cchiù d’annusce sti porcarì! Te l’egghia strazzè ‘ndutte! (fa il gesto di buttarlo e se lo mette in tasca). Dai Ragazzo, non dormire! (accenna al misero addobbo natalizio) Cusse mo sarebbe l’addobbo di Natale, u presebbie!?  Povere a nu! (esce sconsolato)

Mimmo – E miche! No me de me nu centeseme! (lo guarda, poi con una scrollatina di spalle riprende a leggere con un altro fumetto)

Sisina la ragazza – (entra) Buongiorno.

Mimmo – Buongiorno! (sorpreso la squadra, porge la mano) Permettete signorina!

Sisina – Tu sei il maestro?

Mimmo – No, fungo! (si atteggia)

Sisina – E ce si nu fongie puperazze?

Mimmo – Ah, uè spotte!

Sisina – Vuleve parlè cu’ meste.

Mimmo – Di a me ca è la stessa cose.

Sisina – Perciè tu, ci si?

Mimmo – Ji so’ ‘u chepe operaio. (verso le quinte) “Dai ragazzo, non dormire!”.

Sisina – Vuleve sapè ci è pronte la bececlette.

Mimmo – (stesso tono) Perciè tu vi ancore sop’a bececlette?

Sisina – Uagliò, no me fe perde timbe!

Mimmo – E’ passete cude di firrevicchie e ‘nge la s’ho dete!

Sisina – Permittete!

Mimmo – (la imita) Permittete, permittete… (rapido)  permettete signorina. Come ti chiami?

Sisina – Fatte i fattaccie tu!

Mimmo – Belle nome, jè la prima volte ca ‘u sentie. Permettete signorina, abiti lontano?

2

Sisina – S’ho fatte i mì!

Mimmo – Ti accompagno col Kawasacki, uuaauuhh, uuaauuhh! (cerca di prenderla per  mano) Vine a vide ja mostre!

Sisina – (gli tira un calcio) Quanta confidenza, ‘stu cafone!

Mimmo – (cade a terra, si lamenta, cerca di impietosirla) Aaahh, ‘nu gire, june sta more….

Sisina – Jer’abbuene sc’cattive!

Mimmo – Aaah, si senza core.

Sisina – Sé, mo ci vechie ‘o uagnone mi ‘nge‘gghia disce, ca tutte i volte ca passie me sputte sembe!

Mimmo – June te salute…. Tu na sé ce te pirde, nu uagnone come a mè!

Sisina – ‘Nge l’egghia disce!

Mimmo – Dincille! Tanto io non sono geloso! (sfottente)

Sisina – Ci vene do, cude motorine com’a nu stutafueche, tu pigghie e tu ‘ndruzzelesce ‘nganne!

Mimmo – (con sfida) Fall’u venì do, falle… (abbassa la testa, accenna a tirar di boxe, entra il Mastro che viene colpito nella pancia)

Mastro – Aih! Che cè signorina? Aaahhh, la bicicletta. Ci dovete scusare. Abbiamo avuto da fare. Se venite fra mezz’ora, magari un’ora…, una mezza giornata…, ‘nge vole timbe. ‘Nge l’ere ditte ‘o uagnone, ma se sarè scurd… ha avuto da fare…, “Dai ragazzo, non dormire!”.

Sisina – Maestro, a questo cafone gli devi “imbarare” l’educazione! (smorfia a

Mimmo)

Mimmo – ‘U me. A sta uagnedde, mo’ ‘ng’egghia allesciè la pedde!

Sisina – Me spotte sembe!

Mimmo – Uagnedde, ma tu sti a parle o sti a mueve i recchie? (la minaccia)

Mastro – (interviene)  Uagliò ferniscele, pure che na uagnedde te ue mette?

Mimmo – (sottovoce) Se, mo me mette che nu maschele!

Mastro – (enfatico) Ma non sai che le donne non si picchiano nemmeno con un  fiore?

Sisina – (annuisce con smorfia a Mimmo) Mmhh!

Mimmo – Ma che ‘na mazze de firre… mo ca t’auuantie… (sottovoce) sta cacacicere…

Sisina – (esce e saluta volutamente solo il Maestro) Ciao Maestro! (poi a Mimmo) “Dai ragazzo non dormire!”. (esce)

Mastro – ‘U si acchiete ‘u cugne du  stesse legneme!

Mimmo – (mimando la boxe) A mè, sé. Fall’u venì do, falle…

Mastro – (disgustato) Na pote venì na uagnedde ca subete l’ha spotte.  (uscendo) Me fesce perde pure i cliente. Japre l’occhiere uagliò. Dai ragazzo non dormire!  (Mimmo continua a mimare di boxe)

3

Ciccillo confratello del Convento – (entra con i paramenti, osserva  Mimmo sempre mimando lo colpisce al ventre e scappa)  Ouh, sinte nu’ picche uagliò…

Mah, sarè scemunite. …E siccie, sarè passete ‘u muerte?  ‘U mè, è passete ‘u muerte?

Mastro – (entrando) ‘U muerte, ci è muerte?

Ciccillo – Come no se? ‘U tataranne de Scappamorte!

 

Cecchella la Vecchietta – (entra con circospezione, stringe al petto una borsa per l’acqua calda) Buongiorno.

Mastro – ‘Mbeeehh, mo ma fe solde!

Cecchella – Tenghie na borze pe’ l’acqua calle e vuleve jesse pueste ‘na pezze.

Mastro – Uagliò, pigghie ‘sta fetentarì e falle arrevè ‘o larie che tutte la patrone. (Mimmo strappa la borsa dalle mani della vecchietta e fa il gesto di buttarla)

Cecchella – Iiiihhh, nooo, sape l’amore de Dì.

Mastro – Sinte a me, la nonne. Ma tu si venute a buene a buene ‘o t’onde mannete?

Cecchella – La veretè m’onde mannete e m’onde ditte pure ca sc’chitte tu me puete fe ‘u merachele.

Mastro – Se, si acchiete a sant’Appizzeche. Ma putime sci chiatanne che ‘sti porcarì. Tì, chisse so’ desce eure e ve t’ha pigghie juna nove!

Cecchella – Iiihhh, ma chesse jè na borze de chide bone. Come a chide ca faciavene ‘na volte!

Mastro – Si, mo l’ima sci a mette ‘o musè! E’ inutile, i proverbie antiche no

spalliscene: - Quanne la vecchie è vecchie, pigghie ‘u fuste e cichenge l’ecchie!-.

Cecchella – Se, ma tu non se l’alte detterie. Come disse ‘u chelombre a fiche: - A

mene me vine! -. Mene ‘u meste fammille ‘stu piacere ca ‘u Segnore t’ha dè tanta benedeziune! Nonn’è pe nudde, ca la notte perde e me jecchie tutt’u litte bagnete!

Mastro – Uè la nonne… ancore nann’è la borze ca perde e sceme mettenne i pezze a qualche alta vanne! (pausa) Uagliò, fangie ‘u servizie alla nonne, acchessì ne la lueme da nante all’occhiere! (esce)

Mimmo – (prende la borsa con due dita, come se gli facesse schifo. La strapazza, gli scappa dalle mani. La riprende  – per la vecchietta ogni movimento è un colpo al cuore – finalmente la gonfia con la bocca e ne prende visione). ‘U mè, chesse me pére ‘na grattachese, perde da tutte vanne!

Mastro – (dalle quinte) Vide ciò ca puete fe. Ci se no dincille ca se la faciasse a brode!

Mimmo – (si mette ad armeggiare – la vecchietta guarda le foto sul muro) La nò,

na putive mannè a nepotte!?

Cecchella – Na la sinte, vastasidde!?

Mimmo – Ji la vogghie bene a nononna me; me de sembe i solde.

Cecchella – Ji t’era dè na mazzete de bastone!

4

Mimmo – Mo stochie a studiescie ‘na poesì, ca mo ci vochie minime m’allendè ‘na “vinte”. Sinte, sinte quant’è belle, te la fazzie sente prima a te:

         - E ji a nononne, la vogghie bene com’a na mamme,

           perciè ‘mo ‘mbreste a stenne i jamme! -.

Cecchella – (accenna ad una botta col bastone) Stu chernutone!

          (si sente la banda. E’ in arrivo il funerale).

Mastro – (rientra) Citte, citte, mo passe ‘u muerte. (osservano dalle quinte)

Cecchella – (stridula) Ci è muerte, ci è muerte!?

Mastro – ‘U tataranne de Scappamorte.

Cecchella – Quant’anne teneve?

Mastro – Siccie…, novantotte, novantanov’anne.

Cecchella – Jere giovene!! Rechie all’anema so. …Non tante me l’arrecordie.                                        

Mimmo – Non te si preoccupanne la nonne, tante mo ‘mbreste la sci a canoscie tutte personalmente!

Cecchella – Stu’ sc’cattatidde e chernutone! (lo minaccia col bastone).

Donato Confratello del Santissimo – (entra di corsa con Ciccillo Confratello del Convento- lampi. Tuoni e rumore di pioggia) E’ permesso? Mocche ci ammene!

Ciccillo –A timbe a timbe. Mu descieve ‘u penzire de pegghiè ‘u ‘mbrelle.

Suonatore di trombone – (entra proteggendo il trombone con la giacca) Se pote trasì!? Uè, un fruscione!

Mastro – Uagliò, strazze i beglitte! Mo tu, pe salvè ‘u trembone te si abbagnete tutte.

Suonatore - Mastro Vito, io con questo strumento mi guadagno il pane! (ci batte sopra le nocche) e non dimentichi che lei sta parlando col famoso Maestro Semibiscroma, primo trombone della banda comunale! (con enfasi)

Mimmo – Prrrrrrrr!! (sonoro pernacchio dalle quinte)

Suonatore – Vastaso e maleducato, fallo di nuovo!?

Mimmo – Prrrrrrr!!! (dalle quinte ancor più sonoro e rabbioso)

Mastro – Noo, jè ‘u uagnone ca sta reparesce ‘na camera d’arie….

Tutti – (Risate e commenti a soggetto).

Nunzio, Confratello dell’Annunziata – (dopo lampi e tuoni entra cantando)

                    Chiove e chiove,

                   i privete vonne fore.

                   Vonne cu’ panere,

vonne accogghie i pere.

Appiccene i cannele…

manghe discene bonasére.

Buonasera a segnerì,

mitte la tavele ca vene zizì.

Zizì e ze Necole,

5

‘ndruzzelete jind’o renzole.

 ‘U renzole s’è strazzete…

e zizì è jastemete.

Eeee zinna naaa!!! 

 (tira un pizzicotto alla vecchietta)        

Cecchella – E cuss’alte “’ngappauadde” da do è jassute!? (accenna col bastone)

Don Ciccio -Prete –( entra zoppicante) Fatemi sedere, fatemi sedere! Aaaahh, la gamba, non posso camminare più. Aaahh!!

Cecchella – Disce ‘u detterie: - L’ecchie vole ‘u vinde e la jamme vole l’abbinde! -.

Don Ciccio – Superstizioni, piuttosto diciamo una prece per quel poveretto, solo soletto, abbandonato sotto la pioggia.  

Mastro – Don Cicce, a cude o chiove o neveche non ge ne freche cchiù nudde! 

Tutti - ridono

Consorelle  di Santa Lucia – (entrano con gli ombrelli, col vestito della Congrega, cantano e accennano un ballo).

                    Chiove e chiove,

                   i privete vonne fore.

                   Vonne cu’ panere,

vonne accogghie i pere.

Appiccene i cannele…

manghe discene bonasére.

Buonasera a segnerì,

mitte la tavele ca vene zizì.

Zizì e ze Necole,

‘ndruzzelete jind’o renzole.

 ‘U renzole s’è strazzete…

e zizì è jastemete.

Eeee zinna naaa!!! 

Consorella Santa Lucia  e moglie di Vito con nipotino – (alla vecchietta, Iiiihhh, la vi ci ste do!? Cuma Cecchelle. (l’abbraccia e la bacia)  Da quanta timbe. E ce sti a fi do?

Mastro – N’è venute a coscie l’ossere.

Consorella SL– Ce te ne fi, come sti?

Cecchella – Passene l’anne figghia me, facime vicchie! (l’accarezza) E tu, quante te si fatte belle. Sapibbe ca t’accasiste…, me descerne ca faciste ‘nu belle matremonie.

Ci è cudd’ommene affurtenete?

Consorella SL – ‘U vi, stu rebbusciete! (con un certo orgoglio)

Tutti - ridono

Lucia Consorella e moglie di Vito - A proposete, ce ne sima mangè josce? (a Vito)

Mastro Vito – Ne, mo proprie steve a discie: Sembe ca Lucietta belle qualche cose

6

la deve ste a fe.

Lucia – Vide ca ci na me di na cose de solde josce ta mangè calecchie!

Mastro Vito – Maledetta la crisi!

Lucia – E… damme pure na cose de solde ca ‘ngegghie accattè i scarpe o creiature!

            Si merete. Ca scechitte quant’è brave. A scole sè ‘mbarete la poesì.

            Fangie sente a nonne quante si brave!  Fangie sente a nonne quante si belle!  

Nipotino -

NATALE

Quanne arrivene a Betlemme

San Geseppe e la Madonne,

pe’ n’allogge, pe’ n’arcueve

pe’ putè passè la notte,

vonne alanne i poveridde

a cavadd’o ciucciaridde.

Gire da do, gire da dè,

ma nu buche na’ se jecchie.

Fin’a quanne na capanne

fore mene do’ paise,

jè na cose pure almene

pe’ la Madonne ca ste prene.

Sott’a neve e sott’o fridde,

San Geseppe u vecchiaridde,

pe’ nu fueche sci aggeranne

e jind’o mantelle s’u mettì.

Quanne a grotte se retrò

nu Bambine belle acchiò.

S’allumò pure na stelle,

e i pasture dè venerne,

e annuscerne tanta cose:

nu fescidde de recotte,

nu palumme, na pecheredde,

ci chiacune e mustazzedde.

Pure ji te vogghie annusce

mille cose, ma no’ seccie.

Mo t’annuchie u core mi.

Bambenidde berefatte,

jind’a chessa Notta Sante,

fe ste buene a tutte quante!

7

Tutti – (battono le mani con frasi di elogio a soggetto)

Mastro Vito - Brave a Nonne. Brave a Nonne. Ce uè, ce uè pu’ Natele, ‘u pallone!?

Nipotino – No! Voggie cinquanta eure!

Mastro Vito – Nee, ma ce jite acchiete la Banca d’Italia! Chisse tenene tutte u stesse vizie!

Nipotino – No, nonno, ha detto don Ciccio che a Natale bisogna essere buoni e dare i 

         soldi ai poveri!

Mastro Vito – E cchiù poveridde de me addò l’ita ’iecchie?

Postino –  (dalle quinte) Postaaa!                                                     

Mimmo – Vochie ji! (va e ritorna rapido, la porge al Maestro)

Mastro Vito (sfoglia la posta) …Cambiale, cambiale, cambiale…, (la apre)Auguri diNatale, … ‘nu ‘nvite de zite! (si siede sconsolato) N’ime fernute d’aggiustè! Ah, ce chiù a succede josce?

Ferrovecchio Jelino – (accento barese - dalle quinte si sente il rumore di un motociclo e il grido di un  ambulante) Firrevicchieee, ramevecchia da venneeeee! (entra spavaldo a voler fare una sorpresa, urla) Firreviecchieee, remavecchie da venneeeee! E ‘mba Vite addo ste. Cambe ancore o jè sceccatate!

Mastro Vito – (sorpreso) Uè, Firrevicchie!? Ma si tu o nu fantasme!? …Da quanta timbe…, quatt’anni, …quattro anni. Ma addò si stete?

Ferrovecchio – Eeeeh, ci sapisse…

Mastro Vito -  (ancora incredulo lo abbraccia,gli tira due buffetti) …Ma si, si proprie tu! Sembe cchiù brutte.

Ferrovecchio – Si belle tu.

Mastro Vito – Ma tutte stu timbe addo si stete?

Ferrovecchio – (si riprende, si mette a suo agio, misura le parole, piange, ride) Se sapessi… (se la tira) …la verità, ho fatto una vita ritirata…

Mastro Vito – Sei stato in “collegio”! (accenna con una mano sul viso)

Ferrovecchio - …Beh, come si dice… a domicilio coatto…, quando nel mondo ci

         sono le ingiustizie. (vorrebbe piangere) Ma non ne parliamo più, acqua passata.

 (con nostalgia) Quando stavo …”ricoverato”, …mi ricordavo sempre de te, de….

A proposete a  mezzadì vi farò l’onore di venire a mangiare a casa vostra! 

        Le tenghie a desederie, du maccarune che le brasciole!                                                                                  

Lucia – (scuote la testa e fa un gesto con le mani))

Ferrovecchio – Le tenghie a desederie…, ero stanco, jind’o gaggione: brodo… (mima rumoroso) brodo (mima) brodo…, lunga pausa pensierosa)   Però, la cosa che sentivo di più, …era la mancanza…

Mastro Vito -…de Ronzelle.

Ferrovecchio - Esatto: Ronzella di Santeramo!

Mastro Vito – Noooo!!!

Ferrovecchio – Siiii!!!!  Uè, ce s’è spesate?

8

Mastro Vito – Eh, si…no…insomma è come se lo fosse. Insomma è promessa!!!

Ferrovecchio – Ueee! E ce so I Promessi Sposi?! (con indifferenza)  Ma ssi stonne tanta femene!

Ronzella – (ragazza madre, molto bella, entra) Maestro Vito?... (vede Ferrovecchio,

         rimane pietrificata) …Jeline!?... (diminuitivo di Raffaele)

Ferrovecchio – (si commuove un pò, poi si riprende con accento milanese) Jelino,

       Jelino!?... “Scussi siorrina, abbiamo mangiato qualche volta assiemo ambodue?”.

Ronzella – (sorpresa, poi si riprende in un crescendo rabbioso) …Ji a mangè ‘nzime a te, ma ji m’era fe schife stu sorte de chernutone. Tin edu gemelle e fesce pure u sceme!

Ferrovecchio – “Siorrina mi scosi! Devo andare…, la mia ragassa mi aspetta!”.

         (esce posando già intimorito dalla feroce reazione di Ronzella che si abbatte

          come una furia sotto forma di  calci e borsettate. Ferrovecchio esce malconcio)

Ronzella – (con gioia mista a commozione) Firrevicchie…!

Ferrovecchio – (dalle quinte)  Firrevicchieeee, rema vecchie da venneeeeee.

Ronzella – (pensosa)  …Jeline è venute arrete. Firrevicchie è venute arrete…

          (esce commossa)

Mimmo – ‘U mè ji no so capite nudde!

Mastro Vito – Tu!?  A vedè ji!

Ferrevicchie – (rientra)  Meste Vetuccie famme nu piacere. Jind’a stu sacche ste nu melone, mo ci me ne vochie a Carevenare mu venghie a pegghiè. (pausa) Ma famm’accapì ma a te come ve la vite?

Mastro Vito – Male, male. S’avvecine nu brutte Natele.

Ferrovecchio –  Addò sti a pinze! (canta con un po’ d’ironia))

Mo vene u Natele e ternise none stonne,

sceme alla chiazze e facime a cheppone

Mo vene u Natele e s’acchiete a Ronzelle,

e de tutt’i Natale cuss’a jesse u cchiù belle! (esce)

                   

Cecchella – Criste i fesce e u diavele l’accocchie!

Contadino del coniglio – (entra piangendo) Aaaah, ce destine brutte, brutte!

Mastro Vito – Ce succisse, ce succisse?

Contadino – (racconta mimando) Jere allentete i cunigghie pe nu picche d’arie…quanne passe nu frastire che nu trerote. Fesce: “Scuse combà, pe sci a Sanderme?” E ji: “Ve sembe dritte, aggire a destre, aggire a senistre… eeehh, quante scustibbe l’ecchie, jere sparite u megghie cunigghie…. Gire da nu quarte e gire da l’alte… ci t’la dè!

Mastro Vito – (nascondendo il sacco) Sarè stete la volpe.

Contadino – Ma ce volpe e volpe. Ca de è stete cude vulpone cu trerote. E stu fatte me succedì arrete quatt’anne ‘ndrete! Ci u vide dingille ca me annunciasse u cunigghie. Me raccomande meste Vetuccie tu u canuscie buene! (esce piangendo) Ahhh ce brutte Natele ca s’avvecine! Ahhh ce brutte Natele ca s’avvecine!

9

Ferrovecchio – (entra furtivo con un altro sacco)  Auuante mitte stu sacche ‘nzime all’alte!

Mastro Vito – N’alte melone!?

Ferrovecchio – Si, me piascene le melune! Famme sci a fe n’alte gire. Oh, ca ne ste de rrobbe! (esce col solito richiamo) Firrevicchie, rema vecchie da venne!

Donna del galluccio – Meste Vetuccie, na pozzie jecchie cchiù u jardidde!!!

Mastro Vito – E uè vedè ca se ne sciute drete a qualche peddastre?

Donna del galluccio – Nonn’è come la pinze tu, u iardidde è stete frechete!

Mastro Vito – E u vine a jecchie do!?

Donna del galluccio – Si perciè sarè state cude ca ve accattanne i firre vicchie. Ca m’è fatte pegghiè pure la joccie: “Firrevicchieeee! (lo imita) U timbe d’e  chiude u cangedduzze ca u jardidde jere sparite!

Mastro Vito – A jassì statte tranquille!

Donna del galluccio – Mu disce l’aneme: “non ge jesse cchiù! Ca sc’kitte quant’ere belle, che chide penne de tutt’i chelure… (esce afflitta) Ah ce brutte Natele ca s’avvecine! Ce brutte Natele ca s’avvecine!

Lucietta, moglie di Vito –Vide ci me di na cose de solde ca ma fe la spese pu Natele.

Mastro Vito – Lucietta bella stamme a sente: “Pu Natele, jè arrevete la Befane e so avute nu belle cunigghie, e pu chepe de l’anne ste pure nu belle jardidde.

Lucietta – Iiiihhh, Allore è vere ca u Natele succedene i merachele!!!

Mastro  Vito – Donna di poca fede. Pigghie i du sacche e puertele a chese!

Lucietta – (fa il gesto ma viene sorpresa con i sacchi in mano)

Ferrevicchie – (rientra a sorpresa con Ronzella)  Cari amici, voi sapete che io vi voglio un “sacco”  di bene, anzi due “sacchi!” …Mo ci venghie da Mole v’egghie annusce nu “sacche” de capetone… e da Palasciane nu “sacche” de marange e manderine… Voglio passare il Natale con voi. Voi siete i miei migliori amici… e mi farete il grande onore  tu e tua moglie Lucietta, di fare  i combari alle nozze mie e di Ronzella! Ci sposeremo a Capodanno!

Mastro Vito – None avaste u Natele, ne uastete pure u Chepe de l’Anne!

Sisina – (entra, resta sorpresa nel vedere la vecchietta, si arrabbia) E do sti tu? E nu a sci facenne i paccie, a sci aggeranne. Chesse na fe murì, na fe murì!

Cecchella – “La carna triste, na vole ne ‘u diavele e manghe Criste!”.

Sisina – Mò a venì a chese! E nu a disperarne…

Cecchella - …Sti a chese… e livete da ‘nante. Te ne vi: - E addò si sciute! -. S’ho

stete che sti belle uagnune! (cerca di alzarsi) Ah, i rine, na me pozzie arriazzè!

Donna del galluccio

Cecchella – Aspitte, ca m’ha dè la borze.

Mimmo- (va e ritorna rapido) Ti, la nonne!

Cecchella – La si fatte bone?

Mimmo – Di lusso!

Cecchella – Pozzie stè tranquille

10

Mastro – (prendendo la borsa e la dà alla vecchietta) Non te si preoccupanne. Che chesse a ste calla calle, pure jind’o tavute!

Cecchella – Ti! (gli fa le corna)

Mastro – Tine la borze la nonne, e sparisce! (fa il gesto di dargliela in testa)

Cecchella – Quante vene?

Mastro – Mo jè u Natele, vattinne e na te fe vedè ‘cchiù!

Cecchella – Quant’a ditte!?

Mastro – Nudde! (forte)

Cecchella – Eeeh ‘u meste, me la luè ‘na cose!!!

Peppino – (guarda fuori) Neveche, oh neveche!!

Tutti – (attaccano il canto. Con allegro girotondo coinvolgono nonna e ragazza)

                     Chiove e neveche,

                   vonne fore i moneche.

                   Vonne cu’ cestine

Accogghiene i manderine.

Appiccene i cannele…

manghe discene buonasére.

Buonasera a segnerì,

mitte la tavele ca vene zizì.

Zizì e ze Necole,

‘ndruzzelete jind’o renzole.

‘U renzole s’è strazzete…

e zizì è jastemete.

Jè appeccete la cannele

Ca mo vene u Sante Natele, (a scemare)

ca mo vene u Sante Natele,

ca mo vene u Sante Natele…

(con sottofondo riprende il canto di Ferrovecchio

Sull’aria di Capriccio Italiano di Chaikovskij)

Mo ve… mo ve… mo vene ‘u  Natele.

Ch’la ne… ch’la ne… ch’la neve e cu fridde…

Mo vene u Natele e ternise none stonne,

sceme alla chiazze e facime a cheppone

Mo vene u Natele e ternise none stonne,

sperieme a penzione e n’aiute nononne!

Mo vene u Natele e ternise none stonne,

sperieme a penzione e n’aiute nononne!

Mo ve… mo ve… mo vene u Natele.

Ch’la ne… ch’la ne… ch’la neve e cu fridde…

11

Mo vene u Natele che la neve e cu fridde

me vennie la giacche e m’accattie ‘u cappidde.

                    Mo vene u Natele cu fridde e la neve,

                    m’abbrazzie a fracere e ‘o pegnatidde di feve.

Mo vene u Natele cu fridde e che la neve,

m’abbrazzie a fracere e ‘o pegnatidde di feve.

                    Coro muto  (parole omesse)

………………………………………

                   (soave)

Nasce ind’a stadde Gesù Bambenidde,

che la Madonne  e  Geseppe u poveridde

Nasce ind’a stadde Gesù Bambenidde,

sop’a pagghie cu vo’ e cu’ ciucciaridde!

Nasce ind’a stadde Gesù Bambenidde,

sop’a pagghie cu vo’ e cu’ ciucciaridde!

Mo ve… mo ve… mo vene u Natele.

Ch’la ne… ch’la ne… ch’la neve e cu fridde…

Mo vene u Natele pe’ tutte quante,

facime l’augurie all’amicie e parinte!

(forte e gioioso)

Mo vene u Natele pe’ granne e menunne,

facime l’augurie a tutt’u munne!

Mo vene u Natele pe’ granne e menunne,

facime l’augurie a tutt’u munne!!!!

                                               FINE

Al proscenio finale possibilmente il canto: La Santa Allegrezza

Musiche: Marcia funebre di banda. Cenno Capriccio Italiano di Čajkovskij

Rumori: pioggia, lampi e tuoni – compressore – treruote-motore

Materiale: - fumetto –bombardino (trombone) – bastone per la vecchietta – borsa di gomma vecchia – uno spruzzatore di acqua per la pioggia (dietro le quinte) - tuta il ragazzo - tre lettere con cambiali, una con invito sposa – vestiti attinenti per ogni personaggio (in particolare quelli delle confraternite) – alcuni pneumatici per la scena –  luce strobo per i lampi - manifesti sexy, di pugili e di calciatori per i muri – qualche addobbo di Natale, …un po’ di buona volontà.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno