Il non plus ultra della disperazione

Stampa questo copione

IL NON PLUS ULTRA DELLA DISPERAZIONE

Il non plus ultra della disperazione

OVVERO

LA BOTTIGLIERIA DEL RIGOLETTO

Scherzo comico in un atto

Personaggi

Ciccio

Errico

Michele

Vicienzo

Carluccio

Cornelio

Felice

Anselmo

Gennanino

Pasquale

Una Guardia

Laura

Manianna

Amalia

Rosina

Peppina

Gemma

Due Guardie, comparse

La scena è in Napoli.

ATTO UNICO

La scena rappresenta la stanza di una bottiglieria. In fondo porta comune con due porticine che si chiudono. Una porta a prima quinta a dritta dello spettatore. N. 4 tavolini all’intorno con sediolini da caffè. In fondo della porta comune si vede la strada. Due sospensioni di garselle e quattro quadri attaccati nelle pareti. All’alzarsi della tela si vedranno due tavolini occupati uno da Errico e Michele che bevono gassosa, ed un altro da Pasquale, Vincenzo e Carluccio che giuocano a carte. Rosina, Amalia, Peppina e Gemma che vanno e vengono. Cornelio che scrive ad un altro tavolino.

SCENA PRIMA

Errico, Michele, Pasquale, Vincenzo, Rosina, Amalia, Peppina, Gemma e Cornelio.

ERRICO: Bottega.

AMALIA: Comandate.

ERRICO: Oh! Noi preghiamo sempre.

AMALIA: Nun pazziate, facite priesto, dicite che vulite.

MICHELE: Errì, lassala; che chesta fa ammore cu D. Ciccio lo scuonceco, nce avevamo da ncuità.

AMALIA: Vi prego di credere che io non faccio ammore cu nisciuno, e ccà dinto mme faccio li fatte mieje e nun dongo confidenza a nisciuno.

PASQUALE (starnuta).

AMALIA: Neh. D. Pascalì, vuje justo mò avite da sternutà?

PASQUALE: Statte a vedè che nun pozzo manco sternutà quanno voglio io.

CORNELIO: Amà, famme lo piacere, damme na piccola tazza.

AMALIA (a Rosina che esce): Rosì, na piccola tazza a D. Cornelio.

ROSINA (a Peppina che esce): Peppì, na piccola tazza a lo signore.

PEPPINA (a Gemma che esce): Neh, porta na piccola tazza a D. Cornelio.

GEMMA: E che d’è, afforza io nc’aggia j vance tu.

ROSINA: Che d’è, te facesse male de nce j tu?

GEMMA: Nce stanno tanta gente, io nc’aggia j.

CORNELIO: Piccerè, vulite che mme la vaco a piglià io?

AMALIA: Nonsignore, mò vaco io, vedite che se passa dinto a sta poteca. (Via.)

VINCENZO: Rosì, meza bottiglia de gassosa, paga l’amico.

ERRICO: Neh, Rosì, dimme la verità, Amalia cu chi fa ammore?

ROSINA: Io saccio chesto, pozzo sapè l’affare suoie.

MICHELE: Ma è overo che se zezèa cu D. Ciccio.

ROSINA: No, io saccio che D. Ciccio se vommechèa cu essa, ma a essa nun lle passa manco pe la capo.

ERRICO: Tu po’, sapimmo tutto... tu faje ammore cu Gennarino... lo può negà?

ROSINA: No, io pe me nun lo nego... nce faccio ammore, anze quanno lo vvolite sapè, a Maggio spusammo.

MICHELE: Vattè Rosì, tu te faje mbruglià da li cchiacchiere de chillo. Chillo sta soggetto a la zia, e nun voglia maje lo Cielo de appurà na cosa de chesta, sarrìa capace de ne lo caccià da la casa.

ERRICO: No a ne lo caccià de la casa, ma è capace che a morta soja nun lle lassa niente.

MICHELE: La zia dice che sta bona.

ERRICO: Ha da stà bona pe forza, sinò Gennarino li denare da dò li ppigliarria? Vì ca chillo spenne buono. Nun nce so’ ghiurnate che nun spenne tre o quattro lire ccà dinto, a fore de chello che spenne la sera. L’ata sera a lo zecchinetto perdette duieciento lire.

ROSINA: Si mme lo fanno spusà è meglio, accussì se leva paricchie vizie che tene.

SCENA SECONDA

Amalia con caffè, Carluccio e detti.

AMALIA: Ecco servito a D. Cornelio.

MICHELE: Rosì, portece nu mazzo de carte.

ROSINA: Mò ve servo. (Via poi torna con carte.)

CORNELIO: Amà, stu ccafè è amaro.

AMALIA: Avutate co lo cucchiarino che lo zuccaro sta sotto, vuje quanto site guaio neh!

CORNELIO: Ma comme, io pago.

AMALIA: Pago! Che pagate, cu dduje solde de cafè, state lloco da la matina a la sera e screvite sempe, de duie solde ne struite li gnostra.

TUTTI (ridono).

CORNELIO: Neh, ve prego de nun ridere, che m’avite pigliato pe D. Nicola? Io sono n’avvocato conosciutissimo. A me mme conosce tutto Napoli.

ERRICO: Tu sì na bestia.

CORNELIO: Come!

ERRICO: Ll’asso è meglio de lo cinche, ll’asso è sidece, lo cinche è quinnece.

CORNELIO: Ah! Chille stanno jucanno, mme credeva che l’avevano cu me. E tu Amà, bade comme parle, io spengo duje solde, pecché duie solde voglio spennere, ma si mme vene ncapo de spennere ciente lire, pure le spengo.

ERRICO: Vattenne va fà lo zeppelaiuolo. (Cornelio si volta.) Tu li ccarte nun li ssaje tenere manco mmanno.

MICHELE: Ma pecché, che aggio fatto?

ERRICO: Comme, donne nun erano asciute ancora, e tu lasse scopa de donna nterra.

CORNELIO: Dunque pare che ci siamo capiti.

AMALIA Uh! D. Cornè, vuje mò nun la fernite cchiù, io una parola aggio ditto.

CORNELIO: E cu chella parola, haje fatto ridere a questi signori, che ne potevano fa ammeno, e n’ata vota che ridono...

CARLUCCIO: Nce faje na zumpata ncapo.

VINCENZO: Vulimmo ridere, avimma da dà cunto a te?

PASQUALE: Tu pecché sì accusìcuriuso.

CORNELIO: è curiosa mammeta!

PASQUALE: D. Cornè, parla buono, si no te faccio trasì lo cappiello dinto a li rrecchie.

CORNELIO: Io mò risponno a buje, avarria essere pazzo.

SCENA TERZA

Gennarino e detti.

GENNARINO: Signori, buona sera.

TUTTI: Bonasera.

GENNARINO (siede ad un tavolino): Rosì, damme na presa de Vermout. (Rosina via poi torna.)

CARLUCCIO: Nce aggio quatto.

PASQUALE: E io niente.

ERRICO: (Michè, è venuto l’amico.)

MICHELE: (Mò accomminciammo a smiccià la primma cannela).

AMALIA: (Lassemenne j, che nun mme fido de vedè vuommeche!). (Via.)

ROSINA (uscendo con Vermout): Che d’è neh, Gennarì, nun saccio comme te veco?

GENNARINO: E che ha da essere Rosina mia, nu juorno de chisto, mme vaco a menà da coppa a la banchina abbascio. Stammatina mme songo appiccecato n’ata vota cu zi Marianna, ha appurato che io faccio ammore cu ttico, e s’è fatto afferrà chello de li cane. E io a priarla, ma io la voglio bene, facitemmella spusà... ch’ella è na bona figliola... niente.., niente... tosta comme a na preta de mulino. Ma nun te n’incarricà, essa have voglia de fà, have voglia che dì, che io a tte m’aggia spusà, a rischio de qualunque cosa.

ROSINA: Gennarì, bada a chello che ffaje, io te voglio bene... ma rovinarte pe me pò, chesto nun lo vvoglio, si chella te ne caccia de la casa, si nun te dà nu soldo de la rroba che te spetta... tu comme faje?

GENNARINO: Oh, pe chesto nun nce penzà, in ultimi casi, io aggio fatta la penzata. Haje da sapè che quanno morette la bonarma de patemo, lo frate carnale de ziema, lassaje nu cassettino chino le Napoliune d’oro... Chillo cascettino nun l’aggio visto, e nun saccio addò cancaro sta... ma si la sciorta mme fa appurà addò lo tene, appena lo veco mme lo piglio!

ROSINA: E che ntienne de fà pò?

GENNARINO: Quanno m’aggio pigliato lo cascettino, nce ne scappammo in America.

ROSINA: No, Gennarì, levete sti penziere da capo. Sperammo a lo Cielo che zieta se persuadesse e facimmo le ccose cu tutte li rregole.

SCENA QUARTA

Laura, e detti, poi una Guarlia travestita.

LAURA:Rosì, che faje lloco, và dinto che nce so’ paricchie cose da fà.

ROSINA: So’ lesta. (Gennarì, io mò vengo.) (Via poi torna.)

LAURA: D. Gennarì, io v’aggia dicere na cosa, vedimmo de spezzà st’amoretto, pecché io nun pozzo permettere sti ghiacovelle dinto a la bottiglieria.

GENNARINO: Che ghiacovelle. Io cu Rosina nce faccio ammore, la voglio bene cu tutto lo core, e mme la voglio spusà.

LAURA: Allora, figlio mio, fallo priesto e bonanotte.

GENNARINO: Nun passa n’ato mese, e Rosina sarrà de la mia.

GUARDIA (uscendo da/fondo):Perdonate, la padrona de sta Bottiglieria chi è?

LAURA: Songh’io, che comandate?

GUARDIA: V’aggia dicere doje parole, ma nisciuno ha da sentì niente.

LAURA: Parlate, de che se tratta?

GUARDIA (piano):Avite da sapè che io songo na guardia sicurezza travestita.

LAURA: Na guardia sicurezza?

GUARDIA: Siccome s’è venuto a sapè che da le Montagne de Sorriento, è scappato a Napole nu capo brigante, nu cierto Pasquale Peluso, accussì lo Questore ha mannato na quantità de guardie travestute pe tutte li locale de Napole, e specialmente a li cafè, a li bottiglierie, e a li ttrattonie, pe vvedè si se pò arrivà a ncuccià, perciò, nun appena vedite a quaccheduno che ve desse sospetto, datene subeto parte a la Questura, pecché si no ve ncuitate.

LAURA: Ma scusate, pò io mmiezo a tanta gente comme lo pozzo conoscere?

GUARDIA: Li connotate so’ chiste (legge:),«Statura media, robusto, occhi neri, capelli grigi, naso giusto, bocca larga, senza alcun pelo in faccia, e se ne ha sono finti, età fra i 55 ai 60 anni».

LAURA: Va bene, io ve servo, sperammo che ccà nun nce venesse. Mme potite dà sta carta?

GUARDIA: Sissignore, ve spetta, tutte quante l’anno avuta. Vuje comme vedite a quaccheduno che ve pare isso, mannate subito a la Questura, io vengo cu n’ati dduje compagne e l’arrestammo.

LAURA: Nun dubitate, che sarete servito.

GUARDIA: Io chiù tarde vengo a m’addonà n’ata vota.., chi sà lo potesse piglià ncastagna.

LAURA: Sarria buono, mme levarria stu pensiero.

GUARDIA: Dunque a rivederci, grazie tanto.

LAURA: Niente, vuje site lo padrone.

GUARDIA: Signori, buonanotte.

TUTTI: Buonanotte. (Guardia via pel fondo e Laura via a destra.)

CARLUCCIO: Vuò jucà chiù?

PASQUALE: Vattenne, t’haje pigliata na lira lesto lesto. Viciè m’accompagne fino a Toledo, quanto vaco a fà nu servizio e tornammo.

VINCENZO Iammo, abbasta che venimmo priesto. (Viano.)

CARLUCCIO: Gennarì, te vuò fa nu pizzeco?

GENNARINO: Tengo diece franche, una partita.

CARLUCCIO: Comme vuò tu. (Giuocano.)

SCENA QUINTA

Felice dal fondo, e detti.

FELICE: Vota, gira e martella, eppure ccà so’ venuto. Addò vaco? Nun aggio proprio addò j. Mme veco talmente disperato, che si mme votano li ccervelle, mme chiavo nu cortiello nganna e more! Sto diuno dall’autriere, mme sento tale languidezza de stommaco, che si nun mangio pe n’ata mez’ora cado nterra. Nun aggio cchiù che mme vennere. L’autriere mme vennette l’urdema cammisa che teneva. La settimana passata mme vennette lo gilè, n’avette seje solde. Si nun piglio na puntura mò, quanno la piglio. La locandera mme n’ha cacciato, e stanotte aggio dormuto mmiezo a lo ll’ario de lo Castiello ncoppa a nu sedile de marmo. Intanto io aggio bisogno de mangià, si no comme faccio. (Guarda intorno.) Fra l’ati cose, nun fumo da quatto juorne, io quanno nun fumo so’ muorto! Nun aggio potuto ncuntrà n’amico che m’avesse potuto dà nu sicarro. Almeno trovasse qualche mozzone nterra, ncoppa a quacche tavolino, io nun mme metto scuorno, appena lo veco mme lo pizzeco! (Guardando.)

ERRICO: Facimmo la pace.

MICHELE: E po’ nce ne jammo.

ERRICO (bussa al piattino esce Gemma).

GEMMA: Comandate?

ERRICO: Due sigari buoni.

GEMMA: Subito. (Via poi torna.)

FELICE (siede vicino al tavolino di Cornelio, prende il sigaro che questi ha lasciato e si mette a fumare).

CARLUCCIO: Nce aggio 8.

GENNARINO: E io 3.

CARLUCCIO: Chi è fortunato in amore non gioca a carte.

GENNARINO: Haje ragione.

GEMMA (con sigari):Ecco servito.

CORNELIO (va cercando per terra il sigaro): Cheste so’ cose proprio de diavolo, io mò teneva lo sicarro, l’aggio puosto ccà ncoppa, e addò è ghiuto?

FELICE: Che andate trovando?

CORNELIO: Lo sigaro mio, mò l’aggio mise ccà, mme pare che è chisto che state fumanno.

FELICE: Starai co lo scherzo, mio caro, io mme pigliava lo sigaro tuo, bada comme parla.

CORNELIO: Abbiate pazienza, lo ccerto è che io mò lo teneva, e mo nun lo tengo chiù.

FELICE: Te l’avraie fumato, bello mio, ricordati bene.

CORNELIO: Che mm’aggia rcordà, se io mo steva fumanno.

FELICE: Nun nce vò niente. (Bussa sul tavolino, esce Gemma.)

GEMMA: Comandate.

FELICE: Na porzione de sigari pe stu signore.

GEMMA: Subito. (Via poi torna.)

FELICE: Se permetti, te voglio fàli complimente de li sigari.

CORNELIO: Ve ringrazio tanto. (Chisto mme parle co lo tu, ma io nun lo conosco.) Scusate, voi chi siete, io non ho il bene...

FELICE (piano):Io te lo dico, ma tu non voglia maje lo Cielo e parle, sei rovinato.

CORNELIO: Nonsignore, io non arapo manco la vocca.

FELICE (c.s.):Io appartengo alla setta dei pugnalatoni. Vaco accussìvestuto pe nun mme fàconoscere. Sì chesto che t’aggio ditto tu lo ddice a qualcheduno, doppo n’ora sì acciso.

CORNELIO: Misericordia, e chi parla.

GEMMA (con sigari):Ecco servito. (Via.)

FELICE: Fumate... nun parlammo cchiù che nun voglio dà sospetto. Servo suo. (Si prende tutti i sigari dal piattino e si allontana.)

CORNELIO: Fumate, e s’ha pigliato tutti li sigare, fatte lo fatto tujo, e truove chi te lo fa fà (Scrive.)

SCENA SESTA

Marianna, Anselo, e detti; poi Amalia, Rosina, Peppina, Gemma e Laura.

MARIANNA (vedendo Gennarino):Ah! L’aveva ditto, t’aggio ncastagnato finalmente.

GENNARINO (lasciando di giocare):Ziema!

MARIANNA: Chesta è la vita che staje facenno, malandrino, birbante!

ANSELMO: Ccà dinto viene a posà li denare che arruobbe da la casa.

MARIANNA: Mariunciello! Mariunciello! (I due giuocatori si alzano. Escono le donne.)

LAURA: Che è succieso?

MARIANNA: è succieso, si sguinzia mia, che io vaco a ricorrere, e te faccio chiudere lo locale!

LAURA: Pecche, che è stato?

MARIANNA: Nepoteme se vene a fruscià tutti li denare mieje ccà dinto, io aggio appurato tutte cose... isso ccà fà ammore, ccà joca, e ccà perde.

LAURA: Neh, D. Gennarì, che dice la Zia vosta?

GENNARINO: Che ha da dì... dice che è na vecchia pazza! Io si gioco, gioco denare mieje, so’ denare de pateme, vuje primme de murì pateme, ve muriveve de famma! Si faccio ammore nun aggia dà cunto a buje. La voglio bene, e mme la voglio spusà... Ve credite che cu stu scuorno che m’avita fatto nn’avite ricavato quacche cosa? No, anze avite fatto peggio! Io ccà aggia venì a dispietto vuosto. Signori miei, ha ditto che m’aggio arrubbato li denare suoje. E chello che fa essa nun o ddice. Dà li denare a lo 50pe ciento, fa firmà li cambiale in bianco. N’ha fatto chiagnere gente... mò se nne vene che io arrobbo! Arrobbate vuje no io. Mme ne vaco pe mò, ma ccà torno, ccà turnarraggio sempe! (Via; dietro di lui viano Errico, Michele e Carluccio.)

MARIANNA: Bravo. E da stasera in poi, nun te ritirà che nun t’arapo la porta. A me chelli parole. (Ad Anselmo:) E tu comme a nu ntontero non te sì muoppete. Currele appriesso, avessa da j a casa e mme scassa la porta. Avvisa a lo guardaporta che non lo facesse saglì, curre, io t’aspetto ccà. (Anselmo via correndo.)

LAURA: Signora mia, s’arriva cchiù co lo buono ca co lo ttristo.

MARIANNA: Vuje qua tristo, vuje qua buono mme jate dicenno, chillo è nu chiappo de mpiso. Ccà dinto s’è guastato, ccà dinto.

LAURA: Mò tumate a dì chesto, lo nepote vuosto, vene ogni tanto na vota ccà.

MARIANNA: Ogni tanto na vota? Vene, ogni ghiuorno, ogne momento. M’hanno ditto che fa ammore cu na vajassa.

ROSINA: Chi è sta vajassa neh, mò overo me faje fà la pazza.

MARIANNA: Pe risponnere tu, e segno ca tu si la nnammurata.

ROSINA: Sì, io songo la nnammurata, e bade comme parle, si no te scippo sti quatte brasciolette che tiene nfronte.

MARIANNA: A me mme scippe le brasciolette. Vattenne che io nce perdo de condizione a metterme cu bujo a te.

AMALIA: Pecché neh, D. Cola pantò, tu fusse meglio de nuje.

MARIANNA: Io so’ na signora, mio marito era capo de ripartimento.

PEPPINA: E vattenne pecché si no mò te facimmo da capo doje parte.

MARIANNA: A me! Cevettola faccia tosta, te faccio stà io a dovere.

PEPPINA: Vattenne, a chi faje stà a dovere!

MARIANNA: A tte, e a tutte quante l’ate, ve ne faccio caccià da ccà dinto.

AMALIA: A chi nne faje caccià? Lassateme.

ROSINA: Vattenne cuccavaja de Puorto.

MARIANNA: Cuccuvaja de Puorto! Nun mme tenite. (Felice nel trattenere Marianna ruba dalla sua tasca il fazzoletto e la tabacchiera.)

SCENA SETTIMA

Ciccio e detti.

CICCIO: Eh! Là, fermateve.

MARIANNA: Mò vaco a ricorrere!

AMALIA: è meglio che vaje a ricorrere mò, primme che nce vaje sciaccata.

ROSINA: Brutta mmalora de Chiaia!

CICCIO: Zitto, basta, ca songo arrivato io.

CORNELIO: (è arnivato Marco Sciarra).

CICCIO: Che è stato, che è succieso, parla, angioletto del mio cuore. (Ad Amalia.)

LAURA: Nun è stato niente, a buje, piccerè cammenate dinto.

AMALIA: Ma chella...

LAURA: Cammenate dinto v’aggio ditto. (Le 4 donne viano.) Signò, io chello che ve pozzo dicere, ccà nun ce venite chiù, pecché io nun mme pozzo ncuità pe causa vosta. Lo nepote vuosto quanno lo vulite striulà, strillatelo a casa, ma ccà dinto nun v’azzardate de fa chiù chello che avite fatto. Avite capito! (Via.)

MARIANNA: E chesta è n’ata scoglietta. Nun ve n’incarricate, vaco io a parlà cu chi si deve e ve faccio lo piattino. Mò vedimmo si nun ve faccio chiudere la poteca.

CICCIO: Perdonate, pecché chiudere, comme facite chiudere.

MARIANNA: Vuje chi site? Io nun ve conosco.

CICCIO: Io songo Ciccio Mbruoglio, songo lo protettore de sta poteca, perciò D. Colombì, parla cu me.

MARIANNA: Chiste quanta nomme mm’hanno mise, Colombina Mmalora de Chiaia, Cola Pantola. Vuje capite che io songo na signora? Mio marito era capo de ripartimento, e si nun moreva chill’ommo, a chest’ora nun sarrìa trattata de chesta manera, sarrìa rispettata e stimata da tutte!... quanno penso a la morte de chill’ommo, aggia chiagnere pe forza. (Nel piangere vuol prendere il fazzoletto e non lo trova.) Aggio perzo pure lo moccatoro.

CICCIO: Ma nsomma se pò appurà ch’è stato?

MARIANNA: è stato che nu birbante de nepote mme vò mannà a la lemmosena, fa ammore, fruscia denare a mmeglio a mmeglio, poco primme l’aggio trovato ccà dinto che steva jucanno, e pe farle na strillata, chillo m’ha ditto cierti parole che nun sarriano ditte nemmeno a na serva.

CICCIO: E chi è lo nepote vuosto?

MARIANNA: No certo Gennanino Carcassa.

CICCIO: Gennarino Carcassa!... Ah! Io lo conosco... vò fà pure nu poco lo scuonceco. L’autriere io nc’avette che dicere. (Ridendo:) Ah, ah, ah!

MARIANNA: Ve nc’appiccecasteve?

CICCIO: Appiccecà, nonsignore, eh, e si no a chest’ora lo nepote vuosto sarrìa muorto.

MARIANNA: E meglio sarrìa stato. Vuje avarrisseve da fà lo ppossibile de nun lo fa venì cchiù ccà dinto.

CICCIO: No, nun nce penzate, chillo ccà nun ce vene chiù, se pigliaie na brutta semmentella.

MARIANNA: Benfatto. Accussì vularria tenè n’ommo vicino. Nisciuno mme diciarria cchiù na parola. Mme dispiace che facite ammore, se no ve diciarria na cosa.

CICCIO: Che cosa?

MARIANNA: Che mme piacite... e si mme volarnrisseve spusa.

CICCIO: Spusà! Levete da lloco, chella parla ancora de spusà... Primme de tutto io sono impegnato, e po’ mme jeva a piglià sta balla de baccalà sicco... Ah, ah, nun se ne mette manco scuorno... nfaccia a Ciccio Mbruoglio... se dice mme vularrisseve sposà. Vattenne, va te cocca. (Via nel caffè.)

MARIANNA: Vì che lazzarone! Nun nce l’avesse maje ditto. (Per prendere la tabacchiera.) Uh! Bene mio, aggio perzo la tabaccara d’argiento! E comme l’aggio perza. Vedite quanta collera, aggio perzo lo moccaturo e la tabacchera, e tutto chesto, pe causa de chillo sforcato! Aggio fatto la vocca amara manco lo ffele, mme vularria piglià nu poco de cafè, e a chi lo ddico... a chelle facce toste nun de vvolarrie chiammà, comme faccio? (A Felice:) Neh, scusate, io vorrei nu poco de cafè ma siccome mme so’ appicecato cu chelli figliole nun lo vvolarria ordinà io... fateme lo piacere, ordinatemelle vuje, scusate, po’ pago io.

FELICE: Sissignore, ehi bottega. (Bussando.)

AMALIA: Comandate.

FELICE: Una tazza di caffè con delle paste.

MARIANNA: (No, io paste nun nne voglio).

FELICE: (Nun facimme vedè li pirchie). (Amalia via poi torna con caffè e paste.)

MARIANNA: Ve ringrazio. (Siede.)

FELICE: Ninte affatto. (Siede all’istesso tavolo.) Vi avete preso molto collera.

MARIANNA: Che ne volite sapè, caro signore, chill’assassino m’ha rovinata.

FELICE: Eh, lo sò... qua dentro la sera perde sempre, giuoca al zecchinetto, io e lui siamo i due sfortunati. Io quattro cinque sere fa perdette mille lire.

MARIANNA: Vuje!

FELICE: Io sì — Eh, cara signora io gioco infame assai. Na sera sopra a una carta da gioco, aveva perduto tutto, non avendo più che puntare, all’ultimo sopra a na carta puntai la stanza da letto.

MARIANNA: E la perdisteve?

FELICE: Tutto. Il letto, due comò de palasandro; una dormosa, due poltrone e na toletta. (Lazzi. Felice ruba l’anello dal dito di Mar., questa lo cerca. Cornelio ride — esce Amalia.)

AMALIA: Ecco servito. (Felice beve il caffè e mangia le paste, poi ordina una gassosa - lazzi con Marianna.)

FELICE: Eh, il gioco è un brutto vizio. Mò mme l’ho levato nu poco.

MARIANNA: Dunque qua si gioca il zecchinetto?

FELICE: Già, ad un altro poco vengono i componenti, si chiudono le porte e si fa lo scorciglio.

MARIANNA: E comme, la polizia lo permette?

FELICE: La polizia non lo sa.

MARIANNA: Ma si lo ssaparria se ncuitarriene?

FELICE: Se sape.

MARIANNA: Ah, si io potesse farle mettere na paura!

FELICE: E che vorreste fà?

MARIANNA: Io volarria che nu guardia arrestasse a nepoteme mentre sta giocanno.

FELICE: Oh, e pecché lle faciarrisseve nu male.

MARIANNA: E già, lle faciarria caccià na brutta annommenata... ma si lle potesse fà mettere na paura... si potarria combinà... per esempio na finzione.

FELICE: Come finzione?

MARIANNA: Vedite... si vuje potarrisseve travestirve de quacche manera, facenno vedè che site nu guardia, e mentre sta jucanno, trasì e arrestarlo, io v’aspettarria fore.

FELICE: Voi scherzate... mme volete fà mettere a chillo rischio... la penzata sarrìa bona, ma io mme pozzo ncuità...

MARIANNA: Nonsignore, nun ve ncuitate... e pò de denare mieie acconciano tutto. Vuje sapite l’ora precisa che ghiocano?

FELICE: Sissignore... ma vedite... io sulo manco abbasta, nce vularria quacchedun’ato, de gguardie nun vanno maje sole.

MARIANNA: Embè comme faccio, a chi lo ddico?

FELICE: Eh, si nun vene n’ato cu me, io nun lo ffaccio. (Almeno simme due ad abbuscà.)

MARIANNA: N’ato, e chi trovo a chest’ora... Va bene l’aggio trovate... (cu nu mustaccio, lo vestito) va bene.

FELICE: Chi è chist’ato?

MARIANNA: Chist’ato... nun ve n’incarricate, jammoncenne, nun perdimmo chiù tiempo, l’aggia fa fà la trezza de li vierme. (Si alza.)

FELICE (alzandosi):Ma mò addò jammo?

MARIANNA: A la casa mia, ve dongo io lo vestito, ve dongo io tutto, e doppo ve faccio pure nu bello complimente. Vuje però lo piacere che m’avita da fà, appena trasite e lo vedite, l’avita da arrestà.

FELICE: De chesto nun ve n’incarricate; pensate a preparà nu buono complimento. Lo nepote vuosto appena lo veco mme lo pizzeco! (Viano - Cornelio si è addormentato con la testa sul tavolino.)

SCENA OTTAVA

Ciccio e Amalia.

AMALIA: D. Cì, lasseteme stà, D. Cì, nun mme ncuitate, ma comme ve l’aggia dicere, io nun me voglio mmarità ancora, e pò vuje cu sti sbafantarie voste mme site antipatico.

CICCIO: Donna, tu sei troppo sciasciona, donna se tu non corrispondi all’amor mio, io mme vaco a menà da coppa a lo ponte de la Sanità abbascio, si li gguardie mme lo permettono. Io ti amo troppo.

AMALIA: E io nun te pozzo vedè.

CICCIO: Tu overo dice?

AMALIA: Sì, overo dico, sì.

CICCIO: Quacche ato ncappato haje da tenè, ma si appuro chi è, io mme lo magno, io mme lo sorchio, io mme lo zuco.

AMALIA: Comme fosse n’uovo frisco. Ah! Ah!

CICCIO: Nun ridere che mme faje sparà na revolverata dinto a na recchia!

AMALIA: Aspetta, mò mme ne vaco primme io, mm’avissa a fà passà nu guaio. (Via ridendo.)

CICCIO: Sangue di Bacco, chella mme tene pe nu picchipacchio, chella tanno lo ccrede, quanno io abbruscio lo cafè. (Al tavolino dove sta Cornelio:) Mio signò scetateve.

CORNELIO (svegliandosi di soprassalto):Che d’è!

CICCIO: Quanno vulite dormì, jate a casa, ccà nun se dorme.

CORNELIO: Che site lo patrone de lo cafè?

CICCIO: Songo quacche cosa de cchiù. Songo tutte cose io, e statte zitto, si no te tozzo co lo musso ncoppa a lo tavolino.

CORNELIO: Vuje vedite, uno nun pò manco dormì.

SCENA NONA

Pasquale, Vincenzo, Carluccio e detti poi Enrico, Michele e Gennarino.

PASQUALE: Bonasera D. Cì.

VINCENZO: D. Ciccio rispettabile.

CICCIO: Signori miei.

PASQUALE: D. Cì, simme juste quatto, nce volimmo fa nu tressettiello?

CICCIO: No stasera tengo ato pe la capo, e pò vuje lo ssapite, io a lo tressette nun nce joco.

VINCENZO: D. Ciccio la penza comme a me, o nu poco de panza ncielo, o niente.

PASQUALE: Lo zecchinetto... lo ssaccio, a me pure mme piace... ma stasera simme poche.

VINCENZO: Si aspiette n’ato quarto d’ora, haje voglia de concorrenti (Escono gli altri tre.)

ERRICO: Signori.

MICHELE: Felicenotte.

GENNARINO: Felicesera a tutti.

VINCENZO: Tèh, tèh, nun aggio apierto manco la vocca, e nne songo assummate tre.

ERRICO: De che se tratta?

PASQUALE: D. Ciccio, vularria pazzià nu poco a lo solito juoco.

CICCIO: Cioè, vuje l’avite ditto.

VINCENZO: Ccà sta nu mazzo de carte nuovo. (Lo prende.)

CORNELIO: Giuvinò, stateve attiento, na sera de chesta vuje ve ncuitate. (Si mettono intorno al tavolino tranne Gennarino.)

ERRICO: Serrate chella porta.

VINCENZO (esegue): Gennanì, tu nun ghiuoche?

GENNARINO: No, stasera nun tengo genio.

VINCENZO: D. Cornè, e buje?

CORNELIO: Accomminciate, io songo stracollo. (Ciccio butta le carte d’intorno, dopo due giri, si finge che l’asso vada a Ciccio.)

CICCIO: Iammoncenne comme stongo stasera, aggio appaura che perdo nu migliaro de franche.

VINCENZO: Seh, tu sà comme pierde.

ERRICO: Na lira a chill’asso.

CARLUCCIO: Meza lira pe me.

VINCENZO: Na lira a cinche.

MICHELE: Doie lire a st’asso.

CICCIO (incomincia a tirare le carte).

CORNELIO: Se non ve dispiace quatte solde a chillo seie.

CICCIO: Puntate (Cornelio punta. Tira le carte.) Asso è fatto. Nce sta lo donna.

ERRICO: La pace. (Punta.)

CARLUCCIO: Doie lire pe me.

CICCIO (tira le carte):Cinche è fatto, puntate, nce sta lo cavallo (Ciccio vince sempre, mentre stanno giocando si sente bussare.) Chi sarrà. (Si allontanano.)

CORNELIO: Neh, li quatte solde mieie.

CICCIO: Statte zitto, mò te dongo mmocca... chi è?

SCENA DECIMA

Felice, Marianna e detti.

FELICE: Aprite sta porta, e subito.

CICCIO (guardando attraverso la serratura): So’ doje guardie. Sparpagliateve. (Apre, entrano Felice e Marianna vestiti da guardie con baffi finti.)

FELICE (alterando la voce): Che stiveve facenno ccà dinto? (Entrando chiude la porta di fondo.)

CICCIO: Niente.

FELICE: Niente, comme niente, stiveve giocando. (A Gennarino:) Ah! A proposito, justo a te jeveme trovanno. Che faje ccà dinto a chest’ora?

GENNARINO: Io? Sti signure ve lo pponno dicere, steva ccà assettato.

FELICE: Stive lloco assettato, stive tiranno la recchia a Marco. Cammina cu nuje.

GENNARINO: E ma pecché?

FELICE: Nun nce stanno spiegazioni.

MARIANNA (con voce grossa):L’ordene nuosto, è de portarve ncoppa a la Questura.

CICCIO: Nuje t’accompagnammo.

ERRICO: Venimmo tutte cu ttico.

FELICE: Cammina. (Mentre tutti si avviano si sente bussare.)

SCENA UNDICESIMA

Una Guardia travestita, due Guardie in divisa, e detti.

GUARDIA: In nome della legge aprite.

FELICE: Chi sarrà?

ERRICO: L’altra forza.

FELICE: (E mò comme facimmo).

MARIANNA: (Io mò moro!).

GUARDIA: Aprite. (Felice si nasconde nel Caffè.)

GENNARINO (apre. Entra la Guardia e le altre due restano accanto alla porta).

GUARDIA: S’è visto trasì n’ommo ccà dinto che... (Vedendo Marianna:) Ah! Eccolo qua. Chi siete voi?

GENNARINO: è nu compagno vuosto.

GUARDIA: Che compagno... Chi siete?

MARIANNA: Io sono... perché... vedete...

GUARDIA: Ah! Te mbruoglie (gli tira i baffi) non c’è chiù dubbio. Pasquale Peluso, in nome della legge siete in arresto! (Le guardie si fanno avanti e arrestano Marianna.)

TUTTI: Comme!

MARIANNA (gridando):Ah! Nonsignore, che dicite... pe ccarità... io nun songo ommo, so’ femmena!

TUTTI: Femmena!

GENNARINO: Ziema!

MARIANNA: Nepote mio, dincello tu.

SCENA ULTIMA

Anselmo, tutte le donne, e detti.

ANSELMO: La voce de sorema. Addò stà.

MARIANNA: Frato mio, m’hanno pigliato pe Pascale Peluso.

ANSELMO: Che Peluso, questa è mia sorella.

LAURA: Che è stato?

GUARDIA: Sta persona conoscite chi è?

LAURA: è la zia de chillo giovene. E ma pecché vestuta da guardia?

MARIANNA: Pe cogliere a nepoteme mentre steva giocando pe farle mettere na paura.

GUARDIA: Dunque tutti mi assicurate che è na femmena?

CICCIO: Nun la vedite.

CORNELIO: (lazzo).

GUARDIA: Scusate allora. Signò, jateve a spuglià e nun facite chiù sti pazzie. Ah! mme credeva, che aveva avuto dinto a li mmane a chillo galeota, ma l’aggia ncuccià. Signori buonanotte. (Via con le guardie.)

TUTTI: Felicenotte.

MARIANNA: Ah! Io mò moro!

ROSINA: Ma pecché vuje avita da essere accussì tosta? Faciteme spusà Gennanino, e io ve prometto che lo faccio cagnà de carattere, e lo faccio addeventà buono, e amoruso, io ve vularaggio bene comme a na mamma. (Le bacia la mano.)

MARIANNA: Sì, accussì voglio fà, accussì mme levo tanta pensiere da la capo. Gennarì?

GENNARINO: Zi zi.

MARIANNA: Tu te la vuò sposà a sta figliola?

GENNARINO: Sì, zia mia.

MARIANNA: Embè, spusate, e lo Cielo ve benedice.

TUTTI: Bravo!

GENNARINO: Finalmente!

CICCIO: Ma aspettate, chillo che è venuto cu buje addò sta? è ghiuto da chella parte. (Esce Felice con volto cadaverico.)

TUTTI: Uh! Lo vi ccà. (Ridono.) Ah, ah, ah!

FELICE: Aiutateme... sta signora m’ha fatto fingere guardia, quanno so’ venute li gguardie veramente, n’ato poco moreva da la paura.

TUTTI (ridono): Ah, ah, ah!

FELICE: Vuje mm’aviveve prommiso nu complimento.

MARIANNA: Sicuro, e qualche cosa di più. Volete nu complimento? Signori vi presento mio marito. Accettate?

FELICE: Sicuro che accetto. Signori, io m’imbarco per Civitavecchia.

(Cala la tela.)

FINE DELLO SCHERZO COMICO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno