Il palazzo di vetro

Stampa questo copione

Giambattista Spampinato

“IL PALAZZO DI VETRO”

Commedia in tre atti


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

P E R S O N A G G I :

Cav. Salvatore Occhipinti

Ninetta, legittima moglie

Rosa, ex prima moglie

Nunziatina, ex seconda moglie

Mirella, figlia di 1° letto

Fabrizio, figlio di 2° letto

Michele Fàllica

Alfredo, parrucchiere

Geraldina, cameriera

A Catania, oggi.


1


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ATTO PRIMO

Soggiorno-studio nella Villa Occhipinti, dove coabitano pacificamente e in piena libertà ben tre famiglie: quella del cav. Occhipinti, nell’appartamento centrale, e quelle delle due ex mogli, negli appartamenti periferici. Al centro della parete fondale un’ampia vetrata che dà sul giardino; in fondo a destra e a sinistra corridoi che conducono rispettivamente negli appartamenti di Rosa e Nunziatina.

La famiglia è riunita in attesa del capo famiglia che torna dal viaggio di nozze con la terza moglie. Discutono animatamente.

SCENA PRIMA

Rosa, Nunziatina, Mirella e Fabrizio.

ROSA – ( Si appresta a sedersi sulla poltrona, mentre Nunziatina è già seduta suldivano) Ju non capisciu chi bisognu aveva, alla so’ età, di maritarisi n’autra vota!

NUNZIATINA – E ccu ‘na picciotta di trent’anni ca s’u spulpa vivu!

FABRIZIO –(E’ in piedi davanti alla scrivania)Esigenze fisiologiche, mammà…

NUNZIATINA – Mutu tu, ca non su’ discursi di carusi!

MIRELLA – (E’ accanto a Fabrizio)Scusa, zia Nunziatina, tu e la mamma avetefatto due domande alle quali Fabrizio ha dato la giusta risposta.

ROSA – Ammittemu ca è comu dici Fabrizio, ma non c’erumu nuatri ccà?

MIRELLA – Ma non è la stessa cosa. Tu e la zia Nunziatina siete le sue ex moglicon le quali papà ha chiuso ogni rapporto.

ROSA – Però, quannu havi bisognu di piangere sulla mia spalla, il rapporto lo riapre!

NUNZIATINA – Macari ‘nti mia veni a chianciri e non sulu a chianciri!…

MIRELLA – Certamente, siete state le sue donne; non può dimenticare che vi haamate e che è stato riamato.

NUNZIATINA – E quant’è romantico quannu veni ‘nti mia. Dici ca ccu mia si trovamegghiu pirchì ju, prima di essiri la legittima moglie, sono stata la sua amante.

ROSA – E comu ‘u dici cuntenta!? Non t’affrunti a cunfissallu davanti a to’ figghiu?Sei stata l’amante di un uomo sposato e patri di ‘na figghia!


2


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – A vint’anni, quannu ci s’innamura, non si ragiuna. Si ama e basta!

ROSA – Intantu, mi rubasti ‘u maritu!

NUNZIATINA – Ju non ti rubai propriu nenti, pirchì Salvatore ‘nti mia ci vineva disua volontà e nel tempo libero.

ROSA – Vineva a fari ‘a ricreazioni!

NUNZIATINA – Si distraeva. Fusti tu ca non ‘u sapisti tratteniri ccu ‘ddi scenati digelosia ca ci facevi continuamenti.

ROSA – Ora ci batteva i manu!

NUNZIATINA – La goccia ha fatto traboccare il vaso quannu vinisti a’ me’ casa e nifacisti una macari a mia in sua presenza.

ROSA – V’aveva a dari ‘a midagghia al merito?

NUNZIATINA – Dovevi dargli più amore, più passione; dovevi avere piùcomprensione; l’avevi a capiri ca tu cuminciavi ad invecchiare e Salvatore aveva bisogno di una donna più giovane e più fresca.

ROSA – Ma quantu si’ sfacciata! Quannu Salvatore s’inciammau di tia, ju non avevamancu trent’anni!

NUNZIATINA – Ma ju nn’aveva vinti!

ROSA – ‘U sangu mi vugghieva ‘nte vini comu ‘u focu di l’Etna e la mia carne erafresca comu ‘na rosa di maggiu!

NUNZIATINA – ‘A mia, ‘nveci, era tennira comu l’acqua e squagghiava sula sula!

ROSA – Ma non eri “donna” comu a mia; non avevi l’esperienza c’aveva ju.

NUNZIATINA – Aveva la gioventù e all’omu ci piaci ‘u tinnirumi!

ROSA – Si’ sconza famigghi!

NUNZIATINA – Tu mi scunzasti ‘a mia, prujnchennulu e ‘ncucchiannucci cosi canon erunu veri!

ROSA – Ju ‘u misi sulu in guardia ca si cuntinuava a dariti larga manu, ci criscevunu‘n bellu paru di corna ramificati!


3


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – ‘U mali chiffari fu e ‘a mangiasciumi d’i to’ corna, pirchì ju hajustatu sempri illibata ed onesta!

ROSA – (Con una risata)Illibata ed onesta! E la relazioni cc’u ragiuneri Fisichella?

NUNZIATINA – Quello è stato un amore platonico, senza conseguenze.

ROSA – E la scappatella di tre giorni a Pompei, chi fu un pellegrinaggio?

NUNZIATINA – Propriu accussì. Ppi ringraziari ‘a Madonna per la guarigione dimio figlio! Veru, Fabrizio, ca ‘u ragiuneri ‘u ‘ncuntramu ppi casu supra ‘u trenu e ni vosi accumpagnari ppi forza ppi non lassarini suli? (Fabrizio, preso dalla chiacchiera con Mirella, non la sente) Fabrizio, ccu tia staju parrannu!

FABRIZIO – Che cosa, mamma?

NUNZIATINA – Che l’abbiamo incontrato per caso al ragioniere Fisichella.

FABBRIZIO – Sì, proprio per caso.

ROSA – Durmennu ‘nto stissu albergu e mangiannu ‘nto stissu ristoranti? Fici ‘upellegrinaggiu macari iddu?!

FABRIZIO – Zia Rosa, che vuoi insinuare? Perché non ci dici, piuttosto, della tuatresca col commendatore Pannofino?

ROSA – Non c’è stata nessuna tresca! E poi, ju era già divorziata.

MIRELLA – Ora basta! Mi pare che questi discorsi sono già stati superati con lapianificazione della famiglia.

NUNZIATINA – Si sautanu n’autra vota a galla, voli diri ca si nn’ha parrari ancora.

MIRELLA – No, si devono seppellire!

FABRIZIO – Mirella ha ragione. Quando, dopo il divorzio di papà da mia madre,siamo stati invitati tutti ad abitare in questa villa, abbiamo accettato di seppellire l’ascia di guerra e di vivere in pace e in armonia; le madri vicine ai figli; i figli vicini alle madri e al padre; il padre vicino a tutti!

MIRELLA – E’ stata un’idea geniale quella di papà nel tenerci vicini e nello stessotempo divisi e indipendenti.


4


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

FABRIZIO – Per l’appunto, i nostri rispettivi appartamenti, anche se attigui, sonoseparati da quello neutrale di papà.

MIRELLA – Così, per andare da un appartamento all’altro o da una famigliaall’altra, bisogna passare attraverso quella di papà, dove si deve lasciare la nostra acredine, imparando a rispettarci e a volerci bene. Io, ad esempio, prima, odiavo Fabrizio, che era il figlio di “colei” che aveva usurpato il posto di mia madre; e lo stesso Fabrizio era “quello” che mi aveva soppiantato nell’affetto di mio padre.

FABRIZIO – Lo stesso era per me, sentendomi inferiore a Mirella, che era la figlialegittima e, quindi, più in regola per aspirare all’amore di papà.

MIRELLA – Dopo la pianificazione, Fabrizio è diventato mio fratello, tu seidivenuta la zia Nunziatina , mia madre la zia Rosa, papà è stato tanto mio quanto di Fabrizio ed ex marito di tutte e due le madri. Si è ristabilito l’equilibrio e abbiamo imparato a volerci bene e a vivere in armonia. I piatti della bilancia, insomma, non pendono più da nessuna parte.

FABRIZIO – E così dev’essere. L’equilibrio e l’armonia devono durare per sempre.

ROSA – E no, miei cari, l’equilibrio e l’armonia si ponu aviri finu a quannu ‘avilanza havi du’ piatti, ma ora i piatti divintaru tri. Perciò, non ci po’ essiri cchiù equilibriu.

NUNZIATINA – A parti ‘u fattu ca ju non haju mai vistu vilanzi a tri piatti.

ROSA – E poi, ammessu ca esistunu, ‘u terzu piattu havi tuttu l’interessi di farisganciari l’autri dui ppi ristari iddu sulu a pisari d’u so’ latu.

MIRELLA – E, allora, che si fa?

ROSA – Si farà di tuttu ppi sganciari ‘u terzu piattu ca è chiddu ca non ci vulevanella bilancia di famiglia.

FABRIZIO – E come faremo?

NUNZIATINA – Aspittamu ‘a prima occasioni. L’importanti ca tra di nuatri semud’accordu e sapemu in tempu chiddu ca avemu a fari.

SCENA SECONDA

Geraldina, poi Salvatore e Ninetta.

GERALDINA –(Arrivando)Signura Rosa, signura Nunziatina, citofonau ‘ucavaleri; sta acchianannu i scali.


5


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Com’è?

GERALDINA –  Più ringiovanito, beddu, colorito…

NUNZIATINA – No, ‘a sposina, com’è, ‘a vidisti?

GERALDINA – (Facendo una smorfia)‘N manicu di scupa misu additta!

ROSA – Quannu arriva, ci dici ca semu ccà ‘nto soggiornu.

GERALDINA – Sissignura.(Via)

ROSA – Mi raccumannu, carusi, facciamo buon viso a cattiva sorte.

NUNZIATINA – Sì, sì, come se fosse la cosa più naturale di questo mondo.

MIRELLA – A mia, intantu, non mi piaci d’aviri ‘na matrigna quasi coetanea.

FABRIZIO – Ma non sarà una matrigna pirchì nuatri ‘a matri l’avemu!

MIRELLA – A propositu, chi nni veni, allura?

ROSA – Senti, Mirella, non circari ‘u ‘pilu ‘nta l’ovu!

MIRELLA – Ma in qualchi modu l’avemu a cunsidirari?!

FABRIZIO – Cunsidiramula “l’usurpatrice”!

NUNZIATINA – Fabrizio, ti staju dannu ‘na scoppula!

ROSA – (A Mirella)E n’autra ti nni dugnu a tia si non vi stati muti!

GERALDINA – (Introducendo Salvatore e Ninetta)Prego, cavaleri, s’accumudassi.

SALVATORE – Grazie, Geraldina. Buongiorno a tutti! State bene?…(Li bacia)Ninetta, ti presento la mia famiglia: Rosa, la mia ex prima moglie e Mirella, la nostra figlia; Nunziatina, la mia ex seconda moglie e Fabrizio, il nostro figlio. Questa è Ninetta, la mia dolcissima e carissima mogliettina.

NINETTA – (Andando loro incontro)Piacere di conoscervi. Salvatore mi ha tantoparlato di voi e come vivete tutti insieme d’amore e d’accordo. (Si baciano)

ROSA – Il piacere è tutto nostro.


6


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Sii la benvenuta in questa casa.

MIRELLA – Ciao. Posso chiamarti zia, come la zia Nunziatina?

NINETTA –  Chiamami come vuoi. E, se ti fa piacere, puoi chiamarmi Ninetta.

Siamo quasi coetanee.

MIRELLA – (Inghiottendo una boccata di veleno)Già!…

FABRIZIO – Anch’io voglio chiamarti Ninetta, perché mi piaci. E, se posso farti uncomplimento, ti dico: le mogli di mio padre, sono anche le mie mogli!

SALVATORE –(Dandogli uno scappellotto)Quantu ci l’haju spiritusu ‘stu figghiu!

NINETTA – Ma no, Fabrizio ha voluto scherzare…

SALVATORE – Iddu ha schirzari ccu so’ soru!

ROSA – (Per cambiare discorso)Avete fatto buon viaggio? Vi siete divertiti?

NUNZIATINA – Avete trascorso una bella luna di miele?

NINETTA – Veramente splendida.

NUNZIATINA – Salvatore si è comportato bene?

NINETTA – E’ stato dolcissimo.

NUNZIATINA – Volevo dire: ha fatto il suo dovere fino n fondo?

SALVATORE – Ahu, Nunziatina, ppi cu’ mi pigghiasti? Ti pari ca sugnu ‘u vecchiud’u cacau? Ancora dugnu punti e’ picciotti!

FABRIZIO –(Sfottendolo)Cala!…(Ancora scappellotto di Salvatore) MIRELLA – Basta con le volgarità chè ci sono signore!

SALVATORE – Quannu ‘sti discursi i faciti vuatri carusi, è normale, pirchì è ilvostro linguaggio; s’i facemu nuatri, sono volgarità!

MIRELLA – Ma certo, un discorso lascivo non sta bene in bocca ad un vecchio!

SALVATORE – E dagli ccu ‘stu vecchiu!


7


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

MIRELLA – Pretendi di essere considerato ragazzo?

SALVATORE – Ragazzo, no…

MIRELLA – Giovane?

SALVATORE – Giovane, nemmeno…

FABRIZIO – (Deciso)Anziano!

SALVATORE –(Altro scappellotto)Maturo!… Vi fa schifo si diciti ca sugnumaturu?

MIRELLA –(Con sufficienza)Se a te fa piacere…

SALVATORE – Ahu, e senza sfuttiri! Ju non sugnu vecchiu e mancu anzianu!

MIRELLA – Va bene, va bene… Come piace a te!

SALVATORE –(Percependo ancora lo sfottò)Ancora!?

ROSA – Mirella, basta! Non ‘u sai ca a ‘na certa età acchianunu l’arterii?

SALVATORE – Sintiti a ‘st’autra! A ‘na certa età!… A ‘na certa età!… ‘A vulemufiniri? Mancu si fussi Matusalemmi!

NINETTA – Ma caro, non vedi che scherzano?

SALVATORE – No, ca non scherzunu!

NINETTA – Lascia perdere…. Piuttosto, io mi sento imbarazzata: non so come

trattare i tuoi congiunti.

SALVATORE – E comu i vo’ trattari? A Rosa e a Nunziatina cunsidirali ‘na speci dicugnati, tantu ppi mia su’ comu i soru; a Mirella e a Fabrizio, comu niputi. Va bene?

NINETTA – Come vuoi tu, mio caro.(Agli altri)Dovete scusarmi, ma dovròabituarmi al vostro menage. Ho bisogno di un po’ di tempo.

SALVATORE – Sì, cara, tuttu ‘u tempu ca voi, basta ca a mia mi cunsidiri comelegittimo marito.

NINETTA – Ti ho sposato per questo. Ora, se mi permettete, ho bisogno di darmiuna rinfrescatina.


8


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Il bagno è in fondo al corridoio, di fronte la camera da letto. Tiaccompagno?

NINETTA – Grazie, non occorre.

SALVATORE – Ti mando Geraldina, che si metterà a tua disposizione.

NINETTA – Non ho bisogno di assistenza.

SALVATORE – Ma…

NINETTA – (Brusca)Che sia chiaro una volta per tutte: io non intendo rinunciarealla mia privacy! Scusate, con permesso. (Via )

ROSA – (Dopo un po’ di silenzio durante il quale tutti si guardano negli occhi)Nonvulisti ‘a muggheri picciotta alla tua età? Assuppatilla!

SALVATORE – Non c’è problema!… ‘Na para di jorna ancora e poi s’ammanza!

NUNZIATINA – Ca era mula!

SALVATORE – La novella sposa, mia cara, è proprio come una mula, testarda erecalcitrante. D’apprima fa i capricci, jetta cauci, chianta muzzicuni, ma quannu ci tiri i brigghia, diventa un agnidduzzu. E cchiù tiri e cchiù s’ammanza e rena appresso a tia comu un cagnulinu.

ROSA – Sta’ attentu ca chista è mulacciuna e i mulacciuni su’ cchiù fausi e cchiùdifficili d’ammanzari!

NUNZIATINA – E’ troppu carusa ppi tia!

SALVATORE – E’ la regola della vita, mie care. Una donna nei confronti dell’uomodev’essere inversamente proporzionale: aumintannu l’anni di l’omu, è giustu ca diminuisciunu chiddi d’a fimmina! E ora vi lascio in libertà. Ci vediamo a cena.

ROSA – Unni sta’ jennu?

SALVATORE – Ju, a nudda banna. Vi nn’aviti a jri vuatri.

ROSA – Ah!…

NUNZIATINA – Ci sta licenziando. Non l’ha’ caputu ancora?

SALVATORE – Niente affatto. Vi sto sollecitando a prepararvi per la cena.


9


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ROSA – Abbiamo capito. Carusi, jemuninni. Ciao.(Via tutti)

SALVATORE – Ca ciao, e non facemu cumplotti arredi i spaddi, m’arriccumannu!

Oh, chi famigghia!… E quantu mi volunu beni… Dio ne scampi e liberi!

SCENA TERZA

Geraldina e detto, poi Alfredo.

GERALDINA – (Apparendo sulla soglia della comune)Cavaleri, c’è Alfredo.

SALVATORE – Arriva a propositu. Fallu trasiri ca haju bisognu di farimi ‘a varva.

GERALDINA – L’haju a fari trasiri ppi forza?

SALVATORE – ‘U vo’ lassari fora?

GERALDINA – Non è megghiu ca ci dicu ca vossia non c’è?

SALVATORE – Ma, pirchì? Non ti piaci Alfredo?

GERALDINA – Non ‘u pozzu suppurtari!

SALVATORE – Ad Alfredo? E’ così simpatico! Ora ca ti lassasti cc’u zitu, Alfredoarriva propriu a fagiolo. E’ ‘n bellu picciottu, simpatico, lavoratore, havi ‘ddu bellu negozio di parrucchiere… Chi voi di cchiù?

GERALDINA – Cavaleri, a mia mi piaciunu i masculuni!

SALVATORE – E va bene, non sarà masculuni, sarà masculinu, ma è ‘n bellupartitu ppi tia.

GERALDINA – Cavaleri, chi ci havi ‘u sbaddu ‘sta sira? E va beni, ‘u fazzu trasiri enon si nni parra cchiù! (Via per introdurre Alfredo)

ALFREDO – (E’ un tipo effiminato)Cavaliere esimio, i miei più devoti omaggi eauguri, auguri, auguri!

SALVATORE – Grazie, Alfredo, novello figaro unisex.

ALFREDO – Cavaleri, chi fa, insinua o sfotte?

SALVATORE – Me ne guardo bene: non insinuo e neanche sfotto. Scusa, non seiparrucchiere per uomo e per donna?… Dunque!


10


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ALFREDO – Come no, pour dames et messieurs. Ci haju magari l’insegna sullaporta del negozio.

SALVATORE – Allora, sei unisex.

ALFREDO – E ci torna!… Io maschione sono! Cavaliere, distinguiamo! SALVATORE – E cu’ sta dicennu ‘u cuntrariu?

ALFREDO – Va’, in che cosa posso essergli utile? Barba, capelli, champoo,frizione…

SALVATORE – (Inserendosi nell’elencazione di Alfredo)…acceleratore…

ALFREDO – (Continuando imperterrito)…messa in piega…

SALVATORE – (C.s.)…messa in moto…

ALFREDO – Avaja, cavaleri, non mi facissi cunfunniri!

SALVATORE – …permanente, tintura, cachet… Alfredo, macari tu cerca didistinguere.

ALFREDO – Scusi, cavaliere, mi sono confuso. Con la scusa ca servu a lei e allegentili signore…

SALVATORE – Sì, va bene. Fammi ‘a varva.

ALFREDO – Pelo e contropelo?

SALVATORE – Sulu ‘na passata, ca pp’u contrapilu ci pensunu i miei familiari.

ALFREDO – Sarà servito come merita.

SALVATORE – E spicciti ca haju chiffari.

ALFREDO – Cavaleri, vossia m’ha scusari, ma si non s’assetta, comu mi pozzuspicciari? (Salvatore siede. Alfredo gli mette davanti una tovaglia, tira fuori da una borsa l’occorrente e poi…) Cavaleri, acqua.

SALVATORE – A fari acqua? Giustu ora? ALFREDO – No, cavaleri, chi capìu? L’acqua.


11


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Geraldina, porticci ‘n bicchieri d’acqua ad Alfredo! ALFREDO – Cavaleri, comu ‘u ‘nsapunu senz’acqua? Chi fa, ci sputu ‘nta facci?

SALVATORE – Ha’ scusari, Alfredo, non l’aveva caputu.(Chiamando)Geraldina,porta ‘na bacinella ccu l’acqua! (Geraldina esegue. Alfredo comincia ad insaponare)

ALFREDO – Cavaleri, scusi se oso, ci ‘a pozzu dumannari ‘na cosa? SALVATORE – Osa, Alfredo, osa!

ALFREDO – (Timidamente)M’a fa vidiri?

SALVATORE –(Sorpreso, equivocando)Chi si’ ‘nto sonnu?

ALFREDO – Avaja, cavaleri, un momentino!…

SALVATORE – Ma chi dici?!… Non mi fari affruntari!… Non po’ essiri!

ALFREDO – Vossignuria a mia non mi deve fare negativa…

SALVATORE – E, inveci, propriu a tia fazzu negativa!

ALFREDO – Chi fa, si scanta di mia? Chi putissi fari?

SALVATORE – Chi nni sacciu ju! Ma è megghiu di non ci attaccari ‘a ciancianeddaa’ jatta!

ALFREDO – Cavaleri, ci dugnu ‘na sbirciatina e poi basta.

SALVATORE – Ti dissi di no.

ALFREDO – Cu’ l’ha vistu dici ca è bellissima.

SALVATORE – (Sempre equivocando)Insomma…

ALFREDO – Longa, bionda…

SALVATORE – Diciamo…

ALFREDO – Giovane, fresca…

SALVATORE – Giovane… della mia età!


12


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ALFREDO – No, no… Dici ca non havi mancu trent’anni. Si vossia m’a fa vidiri, cifazzu tuttu ‘u serviziu gratis.

SALVATORE – A cui, pezzu di vastasi?! A mia non fai propriu nenti!

ALFREDO – Chi c’entra vossia? A vossia ci staju facennu ‘a varva.

SALVATORE – Allura, a cui?

ALFREDO – Ma a sua moglie… la sua giovane moglie ca purtau dal continente.

SALVATORE – Ah, tu ad idda vulevi vidiri?!

ALFREDO – Allura, a cui, a me’ soru ‘a monica?!

SALVATORE – E pirchì non parravi chiaru?

ALFREDO – Cchiù chiaru di comu ci l’haju dittu!(Pausa)Perciò, m’a fa vidiri?

SALVATORE – Ora non po’ essiri, si sta facennu ‘u bagnu.

ALFREDO – Allura, tornu cchiù tardu ppi faricci ‘u serviziu?

SALVATORE – Alfredo, ma chi è ‘stu serviziu ca ci vo’ fari a me’ muggheri?

ALFREDO – Ca champoo, frizione, messa in piega, cachet, pettinatura…

SALVATORE – Ah, mi pareva… Va beni, cchiù tardu ti mannu a chiamari e t’afazzu vidiri. Ora, stai attentu ca mi sta’ fricannu tutta ‘a schiuma facci facci!

ALFREDO – Vossia mi scusa.(Pausa)Cavaleri, pozzu osare n’autra vota?

SALVATORE – Chi c’è, ancora?

ALFREDO – Cavaleri, non ho capito una cosa: ‘a signura Rosa e ‘a signuraNunziatina, chiddi ca stannu ccà, ‘nta so’ stissa villa, cu’ su’?

SALVATORE – ‘U vidi, Alfredo, hai toccato un tasto delicato. E’ difficile daspiegare. Nunca, devi sapere ca ju non sugnu comu a tutti l’autri: sugnu diversu, ma non comu a tia…

ALFREDO – Avaja, cavaleri, a vossia ci piaci ‘u scherzu!


13


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Diversu, nel senso ca non mi piaciunu le cose semplici e facili,pirchì diventunu lisci e monotoni. ‘A carni ‘ntricciata, mintemu, non è cchiù sapurita di l’autra? Eccu, a mia mi piaciunu i cosi ‘ntricciati. E così, mi sono formato una famiglia che non è una normale famiglia, come non lo è la mia casa che è adatta alle nostre esigenze familiari. Ce l’hai presente tu il Palazzo di Vetro, a New YorK, dove ha sede l’O.N.U., l’Organizzazione delle Nazioni Unite? Ecco, la mia casa è il Palazzo di Vetro e la mia famiglia è l’O.N.U. ‘U capisti?

ALFREDO – (Acconsente col capo, ma senza aver capito, poi…)Nonsignura.

SALVATORE – Non ci spirava. Comunqui, tu dumanna ca ju ti rispunnu.

ALFREDO – Ha scusari la mia curiosità, ma m’interessa sapiri ‘na cosa.

SALVATORE – Parra e non mi tagghiari ‘a facci ccu ‘stu rasolu.

ALFREDO – Vossia è frischeri, giustu?

SALVATORE – Chi sugnu ju?!

ALFREDO – Frischeri… maritatu friscu, va’!

SALVATORE – Ah, sì, da vinti jorna.

ALFREDO – Cc’a signura bedda cuntinentali. Giustu?

SALVATORE – Giustu.

ALFREDO – Però havi du’ figghi: ‘a signurina Mirella e ‘u signurinu Fabrizio.

SALVATORE – Giustu.

ALFREDO – Pirchì ‘u signurinu Fabrizio a’ signura Nunziatina ‘a chiama mamma?

SALVATORE – Pirchì ci desi ‘u latti.

ALFREDO – Allura, è ‘a balia?!

SALVATORE – No, ‘a matri.

ALFREDO – Si è ‘a matri di so’ figghiu, allura, a vossia chi ci veni?

SALVATORE – Non mi veni cchiù nenti.


14


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ALFREDO – Ah!…(Ma fa intendere che, invece, non ha capito)E’ viduva?

SALVATORE – No, signurina.

ALFREDO – Signurina ca duna latti?!

SALVATORE – Non ci nni duna cchiù: ‘u smammau!

ALFREDO – Non staju capennu nenti.

SALVATORE – Non t’u dissi ca chista è ‘na casa speciali, unni si parrunu tantilingui?!… Nunca, le signore Rosa e Nunziatina sono le mie ex mogli dalle quali ho avuto due figli. Stanno qui con me, in appartamenti separati, ma comunicanti, e viviamo tutti insieme d’amore e d’accordo. ‘U capisti, ora?

ALFREDO – Sissignuri, chiaru comu l’acqua di fonti!… Perciò, ora è libera?

SALVATORE – ‘A casa? Non ‘u sintisti ca è occupata da tre famiglie?

ALFREDO – No, ‘a signurina Nunziatina!

SALVATORE – Libera come l’aria. Pirchì, t’interessa?

ALFREDO – Insomma… A mia mi piaci e forsi ci piaciu macari ju.

SALVATORE – Bravu! Accussì avrò un cognato unisex… No, cugnatu non mi po’veniri… Chi è me’ soru?… Jenniru!… Mancu, non è me’ figghia… Maritu!… Non pari ca m’u staju maritannu ju?! Chi mi po’ veniri, allura, Alfredo?… Mi cassariai!

ALFREDO – Ah, cavaleri… ‘U sapi ca ‘a signurina leggi i carti?

SALVATORE – Ah, allura, è idda ca mi ‘rapi ‘a posta?!

ALFREDO – Chi capìu, cavaleri? I carti… i tarocchi, va’! L’autru jornu m’insittautanti cosi. Dici ca si ci vaju a’ casa, mi dirà cose più intime. Vossia ci pensa?

SALVATORE – (Con un grido)Ahi, Alfredo, mi tagghiasti ‘a facci!

ALFREDO – Mi scusi, cavaliere, è l’emozione del primo vero incontro. Non vedol’ora di andare a trovare la signorina Nunziatina!

SALVATORE – E ju non vidu l’ura ca tu finisci ccu ‘stu rasolu pirchì non nni pozzucchiù. Anzi, ‘u sai chi ti dicu? Stujmi ‘a facci ca, poi, i rifinituri m’i fazzi ju!


15


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ALFREDO – Sissignuri, comu voli lei.(Lo asciuga e conserva in borsa gli utensili)

GERALDINA – (Entrando)Cavaleri, scusassi… ‘A signura Ninetta dici ca si finìuccu Alfredo, ci avissi a parrari.

SALVATORE – Sì, ho finito. Ci dici di passari ccà ca sugnu disponibili.

GERALDINA – Sissignuri.(Via)

ALFREDO – Cavaleri, chista è l’occasione bona: m’a fa vidiri?

SALVATORE – E ci torna?!… Cchiù tardu ti mannu a chiamari.

ALFREDO – Chi ci fa? ‘N mumentu sulu. M’ammucciu arredi ‘u divanu e ‘a talìu diddà.

SALVATORE – Chi si’ lesu? Non ‘u sintisti ca m’ha parrari? Si m’ha diri cosiintimi, l’ha’ sentiri tu?

ALFREDO – Havi ragiuni… Però, cchiù tardu mi manna a chiamari pp’u serviziu?

SALVATORE – Va beni… Prima, però, fattillu fari tu ‘u serviziu! Avanti, bedduvalenti, vatinni!

ALFREDO – Sissignuri. Ci baciu i manu e tanti scusi.(Via)

SALVATORE – Ti salutu.

SCENA QUARTA

Salvatore e Ninetta, e poi Geraldina.

NINETTA – (Arriva indossando una vestaglia trasparente che lascia intravedere lesue forme) Caro, ti prego di scusarmi per poco fa: sono stata brusca; ero nervosa.

SALVATORE – Non ti preoccupare, gioia mia. Mi dispiace solo che è successo inpresenza delle mie ex mogli: Sai, ad iddi non ci vogghiu dari saziu.

NINETTA – Sazio?

SALVATORE – Sì, insomma, non ci voglio dare soddisfazione.

NINETTA – Hai ragione, ma ero stanca del viaggio e, poi, vedermele compariredavanti a scrutarmi con quegli occhi penetranti che sembrava volessero denudarmi, mi ha fatto senso.


16


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Ma io t’avevo messo al corrente…

NINETTA – Mais oui, mon chery!

SALVATORE – Tesoro, mi devi fare un favore: non mi devi più chiamare “monchery”.

NINETTA – Pourquoi?

SALVATORE – Ca porcu va’ e porcu veni, non sugnu un cioccolattinu! Poi le mieex mi sbentono!

NINETTA – Ti sbentono? Ma come parli?

SALVATORE – Scusa, volevo dire: mi prendono in giro. Però, io ti avevo avvisato.

NINETTA – Sì, tu mi hai detto tutto… mi hai persino spiegato il carattere di ognuno,ma, vedendo quegli sguardi puntati su di me, mi sono sconvolta.

SALVATORE – Ora, non ci pensare più. E per non fartici pensare, ti voglio dare unacosuccia che fu di mia madre la quale, prima di morire, la destinò alla mia futura moglie.

NINETTA – Quand’è morta tua madre?

SALVATORE – Sono passati tanti anni.

NINETTA – Ma tu eri scapolo o divorziato?

SALVATORE – Ero scapolo. Perché mi fai queste domande?

NINETTA – Per sapere se questa cosuccia è stata data prima anche alle tue ex mogli.

SALVATORE –(Imbarazzato)Beh, sì… Però, me la sono fatta restituire.

NINETTA – E, allora, non posso accettarla.

SALVATORE – Ti prometto che da te non la vorrò restituita, perché tu resterai miamoglie per tutta la vita.

NINETTA – Prima voglio vederla, se sarà il caso…

SALVATORE – (Apre una piccola cassaforte nascosta dietro un quadro alle spalledella scrivania e tira fuori una parure di smeraldi, preziosissima) Ecco, è tua!


17


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NINETTA – Oh, è bellissima, splendida, meravigliosa! Grazie, amore!

SALVATORE – L’accetti?

NINETTA – Come si può rifiutare un regalo così bello e prezioso?! E poi, tua madrel’ha destinata alla tua futura moglie! Non sono forse io la moglie più futura?

SALVATORE – La mia dolcissima moglie! Bene, voglio vedertela addosso.(Ninetta indossa la parure) Sembrano fatti apposta per te!

NINETTA – (Baciandolo)Grazie, tu sei il mio coccolone!

SALVATORE – Ed ora, vatti a vestire che ceniamo tutti insieme.

NINETTA – Ecco, veramente… ero venuta anche per questo… ‘Sta sera non mi vadi stare insieme a loro…

SALVATORE – Ma qui, da noi, si cena tutti insieme… E’ una consuetudine… E’ laprima volta e non possiamo cambiare le usanze proprio questa sera.

NINETTA – Ti prego, sono molto stanca e ancora scossa… Rovinerei la cena anchea voi. Io bevo una tazza di consommè e me ne vado a letto.

SALVATORE – Come vuoi, cara. Farò io le tue scuse alla famiglia.

NINETTA – Grazie. Un’altra cortesia ti chiedo…

SALVATORE – Tutto quello che vuoi. Dimmi, piccioncino mio!

NINETTA – Questa notte…

SALVATORE – (Interrompendola)‘Sta notti n’addivirtemu! Faremo scintille!

NINETTA – Questa notte voglio dormire sola!

SALVATORE – (Sorpreso)Sola?! E non ti scanti, sula?

NINETTA – Sola!… Non sto molto bene.

SALVATORE – Appunto per questo!…

NINETTA – Ti prego… E, poi, ho bisogno di riflettere… per trovare il modo diabituarmi a questa nuova vita… Ricordati che io fino a vent’anni sono vissuta in collegio e, poi, in casa di mia zia che mi teneva nella bambagia… Trovarmi, così


18


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

repentinamente, a vivere col marito, scusa se lo dico, che può essere mio padre, con le sue ex mogli che devo considerare cognate e con i figliastri, quasi miei coetanei, mi fa senso!

SALVATORE – Ma io voglio starti vicino… ho bisogno di fare… sì, insomma, hobisogno di te, ecco!

NINETTA – Per questa sera ne farai a meno!

SALVATORE – Ma…

NINETTA – (Categorica)Non ne ho voglia, va bene?

SALVATORE – Ah, sì? Ridammi, allora, la parure che la rimetto a posto!

NINETTA – Avevi detto che era destinata a me!

SALVATORE – A mia moglie!

NINETTA – Ed io non sono tua moglie?

SALVATORE – Di nome! Quando lo sarai di fatto e mi dimostrerai di meritarla, tela ridò! Intanto, ridammela!

NINETTA – (Togliendosela e ridandogliela)Cattivo!

GERALDINA –(Entrando)Cavaliere, la cena è servita!

SALVATORE – (Brusco)Questa sera non si mangia: tutti a letto senza cena!

S I P A R I O


19


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto. Qualche tempo dopo dell’azione del primo atto.

SCENA PRIMA

Salvatore solo, poi Mirella e Fabrizio.

SALVATORE – (E’alla scrivania ed esamina un telegramma appena arrivato)Chista non ci vuleva! Giustu ora aveva a capitari? Mi dispiaci veramenti ppi iddu, ca era una persona in gamba, e ppi mia ca non sacciu comu haju a fari!

MIRELLA – (Arrivando insieme a Fabrizio)Papy, ci hai fatto chiamare?

FABRIZIO – Ci vuoi anticipare il pagamento del mensile che ci passi?

SALVATORE – Sì, ora ‘u portunu! Assittativi e statimi a sentiri ca v’haju a parraridi cosi seri.

FABRIZIO – Non ho l’età…

SALVATORE –(Tirandogli un orecchio)Ppi fari ‘u mandrillu, però, l’età ci l’hai!

A vintun’anni s’ha pinsari a cosi cchiù seri!

FABRIZIO – Vinti, papà.

SALVATORE – Fra du’ misi sarannu vintunu.

MIRELLA – Zitto, Fabrizio, lascialo parlare! Sentiamo cos’ha da dirci. Se non ciconviene, contesteremo.

SALVATORE – E, inveci, vi cunveni di cunvinirini, si non vuliti ristari ccu ‘namanu davanti e n’autra d’arredi!

MIRELLA – Di che si tratta? Sentiamo!

SALVATORE – La nostra Ditta di Export-import sta attravirsannu ‘n mumentudifficili… Ju, purtroppu, ‘nta ‘st’ultimi tempi, l’haju trascurata tanticchia…

FABRIZIO – Per dedicare il tuo tempo a cose più piacevoli: la giovane sposina!

MIRELLA – Zitto, Fabrizio!

SALVATORE – No, no, lassulu parrari!… In una famiglia democratica come lanostra, è giusto che ognuno possa dire la sua. Parra, Fabrizio, chi vulevi diri?


20


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

MIRELLA – (Subito)Ma nenti, papà… Fabrizio non voleva dire proprio niente!

SALVATORE – No, ha fatto un’osservazione a chiddu ca stava dicennu ju. E’ veru?

FABRIZIO – Ebbene, sì, papà! Per quanto riguarda la vita sentimentale tu sei lapersona più irresponsabile che io conosca, e il bello è che te ne compiaci!

SALVATORE – ‘U vidi ca ‘aricchia ti l’haju a tirari ppi forza? Chi c’entra ‘studiscursu?

MIRELLA – Lassulu parrari e poi decidi s’u discursu c’entra oppuri no!

SALVATORE – E cu’ ‘u tratteni? Pirchì non parra?

FABRIZIO – La tua vita è un romanzo! Un romanzo che conoscono tutti perché tu,per fartene un vanto, lo racconti a tutti, senza riserve mentali e senza pudore.

SALVATORE – E non è megghiu, accussì tutti mi ponu giudicari?

FABRIZIO – ‘U guaju è ca ti giudicano uno senza scrupoli, mentre sei unincosciente spregiudicato.

SALVATORE – Ju non haju fattu mai mali a nessuno!

MIRELLA – (Con intenzione)Proprio a nessuno? Ne sei convinto?

SALVATORE – Alludi a to’ matri e a Nunziatina? Scusa, si lassava i cosicom’erunu, non avrebbero sofferto di più?

MIRELLA – Certo, al peggio non c’è fine!

SALVATORE – Purtroppu haju ‘sta natura: mi piace la varietà!

MIRELLA – Appunto la tua vita è un romanzo, di cui manca soltanto la fine che,spero, sia lieta, almeno per te che la scriverai.

FABRIZIO – Sei stato come un libro aperto: a 40 anni, stanco della vita disordinata

di scapolo, decidi di prendere moglie e metti al mondo una figlia: Mirella; dopo cinque anni di menage coniugale tranquillo e sereno, per rompere la monotonia, ti fai l’amante e metti al mondo un altro figlio: me; a 50 anni, per provare una sensazione nuova, divorzi dalla prima moglie e sposi l’amante; ma questo nuovo legame ti pesa alquanto ed, allora, decidi di divorziare anche dalla seconda moglie per tornare a correre la cavallina; a 55, rimasto solo, ti accorgi d’aver bisogno d’affetto; hai le tue famiglie; ma a quale delle due puoi tornare senza offendere l’altra? E’ un problema!


21


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

MIRELLA – Ma tu sei uno specialista per risolvere i problemi. Pensi a Maometto ealla Montagna e il giuoco è fatto: “Se Maometto non va alla Montagna, la Montagna va a Maometto!”.

FABRIZIO – Per l’appunto, per non offendere la suscettibilità di nessuno, pensi difar venire le tue famiglie da te. Ma è possibile convivere in un’unica casa? Come risolvere quest’altro problema?

MIRELLA – Col Palazzo delle Nazioni Unite!

FABRIZIO – Proprio! Progetti questa villa con tre appartamenti e occupi quellocentrale per fare da cuscinetto alle beghe degli altri occupanti.

MIRELLA – Stranamente tutto fila liscio, anzi si stabilisce un menage ideale. Le dueex mogli si fanno alleate, i figli si ritrovano e diventano, più che fratelli, amici, tu gongoli di gioia in mezzo a mille attenzioni e affettuosità e la Confederazione delle famiglie funziona più armonica di quella dell’O.N.U.

FABRIZIO – Fino a quando non ti torna la fregola di riprendere moglie!

MIRELLA – E già, il lupo perde il pelo, ma non il vizio!

SALVATORE – Che volete farci, ragazzi? E’ una legge di natura; e chi va contronatura è un anormale, un “diverso”! Voi sapete che l’uomo non fu creato solo, ebbe per compagna ad Eva, cioè la donna. Questo sta a significare ca l’omu non po’ viviri sulu, specialmente ad una certa età… Havi bisognu di cumpagnia!

MIRELLA – Tu non sei mai stato solo; l’hai avuta sempre la compagnia!

FABRIZIO – (Prontamente)Due figli e due mogli!

SALVATORE – Ex mogli, precisiamo!

MIRELLA – Che convivono nella stessa casa e sono ancora innamorate di te!

SALVATORE – Ho i miei dubbii! E poi, si ci pirmetti, non sugnu ju ‘nnamuratud’iddi, tantu è veru ca divorziai. Comunque, non alludevo a questo genere di compagnia… Un uomo, alla mia età, havi bisognu di tenerezza, comprensione, gentilezza, amore, tanto amore… Cosi ca i vostri matri non mi putevunu dari cchiù.

FABRIZIO – Ci siamo noi figli!

SALVATORE – Basaloccu ca non si’ autru, a Ninetta ‘a putevi sostituiri tu oannunca to’ soru?! Statti mutu ca è megghiu!


22


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

MIRELLA – Ti facevi un’amante, evitando di portare a casa un’altra donna.

SALVATORE – Quantu mi spugghiava vivu!

MIRELLA – Pirchì, chista, secunnu tia, non ti spogghia?

SALVATORE – Questa è mia moglie.

FABRIZIO – Havi l’autorizzazione a spugghiallu!

SALVATORE – Vuatri non putiti capiri… Comunqui, non è chistu ‘u puntu.

MIRELLA – Qual è, allura?

SALVATORE – Si mi faciti parrari, ci arrivu… Stava dicennu che la nostra Ditta staattravirsannu ‘n mumentu difficili. La concorrenza è agguerrita, i mercati difficili da conquistare e ancora più difficili da mantenere. ‘Sta matina, poi, m’arrivau ‘na mazzata a ciel sereno: è morto improvvisamente ‘u diritturi dell’Agenzia di Amburgo, che era una persona fidatissima e dirigeva tuttu ‘u mercatu d’a Germania.

FABRIZIO – E allura?

SALVATORE – Allura, ju sulu non pozzu agguantari a tuttu. Haju bisognu d’ajutu;v’aviti a rimboccari i manichi e darimi ‘na manu in Ditta. Tu, Fabrizio, hai ‘u diploma di ragiuneri e, perciò, ha sapiri fari di cunti. Tu, Mirella, sei laureata e, quindi, più qualificata.

MIRELLA – Ma non abbiamo mai lavorato.

SALVATORE – E m’u diciti a mia? Aviti mangiatu sempri a sbafu! Finu ad ora, jumi l’haju sunatu e ju mi l’haju cantatu! Di ‘stu mumentu in poi, facemu o’ cuntrariu!

MIRELLA – Se io devo sgobbare e la tua dolce Ninetta, invece, deve spassarsela, midispiace, ma io mi rifiuto!

SALVATORE – Ed io vi taglio i viveri! Siti maggiurenni e non haju cchiù l’obbligudi mantinirivi!

FABRIZIO – Ci ricatti?

SALVATORE – Non vi ricattu, ma desidero ca collaborati. La Ditta è della famigliae, perciò, macari vostra; c’è bisognu d’ajutu e v’aviti a sbrazzari macari vuatri!

FABRIZIO – Pirchì non fai sbrazzari macari a Ninetta, a’ zia Rosa e a’ mamma?


23


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Ppi quantu facissiru falliri ‘a Ditta tempu tri jorna? No, miei cari,non è cosa. La Ditta ha bisogno di linfa nuova e di nuovi impulsi e ju haju fiducia in voi pirchì ne’ vostri vini scurri ‘u stissu sangu del cavaliere Salvatore Occhipinti!

MIRELLA – (Guardando l’orologio)Senti, papy, non ne possiamo parlare un altrogiorno chè ora ho un appuntamento col mio ragazzo?

SALVATORE – No, ora ne dobbiamo parlare!

MIRELLA – Mi dispiace… Scusa… Ciao!(via di corsa)

SALVATORE – Aspetta, Mirella!…

FABRIZIO – Anch’io ho qualcosa da sbrigare. Ciao!(Via anche lui) SALVATORE – Evviva ‘sta gran coppola di… panno!

SCENA SECONDA

Geraldina, Michele Fàllica e detto.

GERALDINA – E’ permesso?(Entra senza attendere il permesso. Reca la posta)

SALVATORE – O’ solutu: è permesso? E ‘nfunnuca! Unni semu ‘nta ‘na putìa, ‘nta‘na lucanna? Quanti voti ti l’haju a diri che devi aspettare l’avanti!

GERALDINA – (Porgendogli la posta)‘U pusteri purtau sulu ‘u giurnali di Sicilia.

SALVATORE – Ccu tia è tempu persu! Ci manca ca mi mittissi a leggiri l’Avanti ol’Unità! (Geraldina resta immobile) Chi c’è ancora? Pirchì ristasti pircantata?

GERALDINA – Cavaleri, c’è so’ cuginu.

SALVATORE – Quali cuginu?

GERALDINA – So’ cuginu Michele.

SALVATORE – Ju non nn’haju cugini Micheli!

GERALDINA – Accussì mi dissi. Matri, ch’è beddu, pari un San Sebastianu!

SALVATORE – Cui?

GERALDINA – Ca so’ cuginu Michele. Cavaleri, vossia mi l’ha prisintari.


24


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Ma chi ci ‘ncucchi? Ju unu sulu nn’haju cuginu: si chiama Pippinue ‘nta facci pari un rospu. Fallu trasiri, videmu cu’ è.

GERALDINA – Sissignuri.(Via per introdurre Michele Fàllica)Prego, s’accomodi.(E resta immobile a mangiarsi con gli occhi il nuovo arrivato)

MICHELE – (Entrando)E’ permesso?… Mi scuso, non avrei dovuto dire di essereil cugino Michele, ma pensavo che ci fosse Ninetta che avrebbe spiegato.

SALVATORE – Geraldina, puoi andare.(Geraldina via malvolentieri. Poi, aMichele) Ah, lei è il cugino di Ninetta?

MICHELE – Per l’appunto… Piacere tanto… Diamoci pure del tu… capirai, nellaparentela.

SALVATORE – Con piacere. Accomodati… Veramente, Ninetta non mi aveva maiparlato di te.

MICHELE – (Siede sul divano e Salvatore sulla poltrona)Ninetta è molto riservata. SALVATORE – Già… Affari qui, a Catania, o sei venuto apposta per trovarci?

MICHELE –Sono di passaggio. Tornavo a casa e mi son detto: andiamo a vederecome se la passa la cara cuginetta..

SALVATORE – Tornavi a casa? Non sei di Milano anche tu’? MICHELE – Ma che! Sono siculo come te, di Agrigento. SALVATORE – E la parentela con Ninetta?

MICHELE – Anche lei è di origine sicula. Non te l’ha detto?

SALVATORE – Veramente, no.

MICHELE – La nonna di Ninetta era cugina di primo grado con mia madre. SALVATORE – ‘Nsumma, ‘na parintela ‘n fora ‘n fora!

MICHELE – Ma ci vogliamo bene come primi cugini.

SALVATORE – Ora t’a chiamu: sarà cuntenta di vidiriti.(Fa per alzarsi) MICHELE – (Bloccandolo)Non c’è fretta; prima vogghiu parrari ‘n pocu ccu’ tia.


25


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE –  Va bene, a disposizione. Intanto, bevi qualcosa?

MICHELE – Sì, grazie. Whisky, se non ti dispiace.

SALVATORE – Figurati. Ti servo subito.(Versa un solo bicchiere e lo porge)

MICHELE – Tu non mi fai compagnia?

SALVATORE – Veramenti, ju non tantu ci fazzu festa al liquore, ma, per onorare laparentela, bevo anch’io. (Versa il liquore e bevono brindando)

MICHELE – Alla salute e alla vostra felicità!

SALVATORE – Alla tua!

MICHELE – (Dopo aver bevuto)– Nunca, come avrai capito, sono venuto peraccertarmi della felicità di mia cugina. Quannu vi maritastiru, ju non c’era a Milano e mancu ad Agrigento; era all’estero… affari…

SALVATORE – A fari chi?

MICHELE – No, dicevo: ero all’estero per affari; io tengo affari con industrie estere.Perciò, la notizia del vostro matrimonio m’arrivau come un fulmine a ciel sereno! Scusa se sono sincero, ma tra tia e Ninetta passano parecchi anni di differenza, e non so se mia cugina ha avuto tutte le garanzie d’obbligo prima di convolare a nozze.

SALVATORE – Scusa, non capisciu… Quali garanzie, se l’ho sposata?!

MICHELE – Ma, andiamo, non fare l’ingenuo!… Ci basta Ninetta ca ppi ingenuità ècomu ‘a fici so’ matri!

SALVATORE – No, no, ti giuru ca non capisciu ppi daveru!

MICHELE – E, allora, sarò più chiaro.

SALVATORE – Sì, se non ti dispiace.

MICHELE – Nient’affatto. Prima di tutto: quantu ci dasti per l’integrità fisica? ‘Adoti ci ‘a facisti? La comunione dei beni l’avete stipulata?

SALVATORE – Aspetta, Michele, frena!… Chi t’interessa a tia di tuttu chistu?

MICHELE – Ju a Ninetta ‘a vogghiu beni comu ‘na soru pirchì criscemu ‘nsemi.


26


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Tu ad Agrigento e idda a Milano?!

MICHELE – N’incuntravumu a Roma.

SALVATORE – A mità strata, in terrenu neutrali?

MICHELE – Non schirzari!

SALVATORE – Non scherzu affattu… Si’ parenti di me’ muggheri e ti rispettu, mami facissi ‘u favuri si t’interessassi di l’affari to’! Ninetta non è ‘na picciridda, havi trent’anni, e t’assicuru ca l’interessi so’ s’i sapi fari senza bisognu di l’avvucatu difinsuri!

MICHELE – Scusa se insisto, ma il vostro non è stato un matrimonio normale…

SALVATORE – Normalissimo!… Cch’i pubblicazioni, con l’Ufficiale di StatoCivile ca ni liggìu ‘dda pappardella dei diritti e dei doveri dei coniugi, con lo scambio degli anelli, con la firma sul registro e, dulcis in fundo, col bacio finale e la consumazione. Perciò, tutto in piena regola!

MICHELE – Non volevo dire questo. Mi riferivo alle famiglie che tu già avevi edhai ancora.

NINETTA – Ninetta è stata messa subito al corrente delle mie famiglie e le haaccettate di buon grado. In quanto alla nostra differenza d’età, è una questione tra me e mia moglie!

MICHELE – Scusa, Salvatore, ma credo che tu mi abbia frainteso… Io sonocontento del vostro matrimonio. Ninetta, che non ha conosciuto il padre, l’ha trovato in te…

SALVATORE – Ora stai esagerannu e mi stai facennu siddiari ppi daveru!… To’cugina, ‘nti mia, truvau ‘n maritu, non ‘n patri!… ‘N maritu ch’i… baffi ! E, ora, aspetta ca ti chiamu a to’ cugina ca ju non haju autru tempu di perdiri! (Via)

SCENA TERZA

Michele, Rosa e Nunziatina.

ROSA E NUNZIATINA – (Come se fossero dietro la porta ad origliare, arrivanosubito col sorriso sulle labbra e con un tono mellifluo)

ROSA – Buongiorno!… Un parente di Ninetta, immagino?

MICHELE – Il cugino, per servirla… Con chi ho l’onore?


27


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Siamo le ex mogli di Salvatore. Ninetta gliene avrà parlato…

MICHELE – Non proprio, ma so… Mi chiamo Michele Fàllica, molto piacere!

ROSA – Ed io Rosa Grasso, l’ex prima moglie, piacere mio!

NUNZIATINA – Io Nunziatina Sava, l’ex seconda moglie, incantata!

MICHELE – So tutto di voi…

ROSA – Ma guarda un po’!

NUNZIATINA – Proprio tutto?

MICHELE – Beh, tutto… quasi tutto. Insomma, so della vostra convivenza pacificaed armoniosa.

ROSA – Già, il Palazzo di Vetro!

MICHELE – Come dice?

NUNZIATINA – Niente, la scusi. Non può capire… ROSA – (Dopo una pausa)Aspetta Ninetta? MICHELE – Sì.

ROSA – Allora, deve avere pazienza.

MICHELE – Forse non è in casa?

NUNZIATINA – Oh, sì, è in casa, ma prima di apparire in pubblico, passa un po’ ditempo per il restauro.

MICHELE – Prego?

NUNZIATINA – Per il trucco.

MICHELE – Ah!… Beh, sono in buona compagnia, no?

ROSA – Grazie, lei è molto galante.

MICHELE – Come non lo si può essere di fronte a due belle signore che mi onoranodella loro compagnia!


28


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Peccato che l’oggetto della sua attenzione non è una di noi! MICHELE – Ma… non ha bisogno di molto tempo, Ninetta?

ROSA – Però, quando arriverà, noi passeremo in second’ordine. MICHELE – Capiranno, l’affetto che ci lega… Ma noi possiamo rivederci. ROSA – Si fermerà a lungo a Catania?

MICHELE – Proprio a lungo, no, ma un po’. NUNZIATINA – Perché non si fa ospitare da Salvatore? ROSA – No, non credo che Salvatore lo farebbe. MICHELE – Non lo credo neanch’io.

ROSA – (Come per giustificarsi della gaffe)Per via della luna di miele che continua. MICHELE – Ancora?

NUNZIATINA – Già, come il primo giorno. Sembrano due piccioncini.

ROSA – Ma qui, a due passi, c’è un ottimo albergo.

MICHELE – Grazie dell’informazione.(Pausa ed imbarazzo)

NUNZIATINA – Se vorrà venirmi a trovare, io abito nello stesso piano,nell’appartamento di destra.

ROSA – Ed io in quello di sinistra.

MICHELE – Non è meglio incontrarci in terreno neutrale?

ROSA – Non tema. Noi godiamo della massima libertà e indipendenza.

NUNZIATINA – Però, non dica a Ninetta che ci viene a trovare.

ROSA – Per stare più tranquilli, naturalmente.

MICHELE – Temono un’invasione di campo?

ROSA – Non temiamo niente, ma non si sa mai.


29


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio!

MICHELE – Già, hanno proprio ragione. Le troverò insieme ad aspettarmi? ROSA – Se lei lo preferisce.

NUNZIATINA – Se no, saremo ciascuna nel proprio appartamento.

ROSA – Purchè lei ci avverta.

MICHELE – Lasciamo fare al caso.

ROSA – Come sarebbe?

MICHELE – Verrò all’improvviso e suonerò un campanello a caso. NUNZIATINA – E se suona quello di Ninetta? MICHELE – Lo escluderò in partenza.

ROSA – Ma, può darsi che saremo insieme.

MICHELE – Se vi trovo insieme, bene. Se no, meglio.

NUNZIATINA – Verrà prima da me?

ROSA – No, da me.

NUNZIATINA – Io l’ho invitato per prima.

ROSA – Io ne ho più diritto: sono la numero uno.

NUNZIATINA – Questo non c’entra.

MICHELE – Non litigate, vi prego. Ho detto che lascerò fare al caso. NUNZIATINA – Zitti, sta arrivando Ninetta!(Si alzano)

SCENA QUARTA

Ninetta e detti.

NINETTA – (Entra)Oh, Michele, ciao! Che bella sorpresa! Buon giorno, mie care.

MICHELE – (Abbracciandola)Cara cuginetta, ti trovo molto bene.


30


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ROSA – Perché non ci hai detto di avere un cugino così simpatico?

NUNZIATINA – E’ stato molto gentile e galante con noi.

MICHELE – Bontà loro!

ROSA – Beh, Nunziatina, leviamo le tende. Ninetta avrà tante cose da raccontare alsignor Michele.

NUNZIATINA – Hai ragione. Lasciamoli in libertà.

NINETTA – Restate pure. Andiamo via noi. Ho qualcosa da far vedere in cameramia a mio cugino. Vieni, Michele. Scusate…

MICHELE – Con permesso.

NUNZIATINA – Prego…

ROSA – Arrivederci a presto.(Michele e Ninetta via)

NUNZIATINA – (Facendo il verso a Ninetta)“Ho qualcosa da far vedere in cameramia”… ‘A sintisti? Ju staju sintennu fetu di bruciatu.

ROSA – Macari tu?

NUNZIATINA – Specialmenti ca nuatri ni nni stavumu jennu.

ROSA – Chi ci po’ fari vidiri ‘nta so’ cammira?

NUNZIATINA – E chi sacciu?! Qualcosa di intimo.

ROSA – E s’i trova Salvatore in camera da letto, chi po’ pinsari?. Stiamo all’erta caforsi arrivau ‘u mumentu di sganciari ‘u terzu piattu. ‘Stu cuginu, spuntatu fora comu ‘n funciu, a mia non m’a cunta ‘ritta!

NUNZIATINA – Staju pinsannu, a propositu di ‘stu cuginu sbarcatu chissà di unni,ca Salvatore, da qualchi tempu, è intrattabili e si siddìa ppi nenti. Ci ha’ fattu casu?

ROSA – Annunca!… Quannu turnau d’u viaggiu di nozze, invece, pareva n’autru:

chinu di vita, allegru, gentili… All’improvvisu, cangiau completamenti.

NUNZIATINA – Di ‘dda stissa sira quannu ristamu diuni. Sì,insomma, quannu ‘acena fu annullata.


31


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ROSA – E fu ‘a prima sira c’arrivaru d’u viaggiu di nozzi.

NUNZIATINA – Veru è. Ed è di tannu ca divintau insopportabili.

ROSA – Allura, è veru chiddu ca mi dissi Geraldina!?

NUNZIATINA – Ti cuntau qualchi cosa?

ROSA – Dici ca Ninetta a Salvatore ‘u jttau fora d’a so’ cammira. ‘U fa dormiri ‘ntospogliatoiu.

NUNZIATINA – Non po’ essiri…. Non ci pozzu cridiri.

ROSA – Dici ca ogni matina trova strammatu ‘u lettu d’u stanzinu. Dumannaccilu aGeraldina, varda ca t’u cunta macari a tia.

NUNZIATINA – Si è veru, mi mangiu ‘na jaddina!

ROSA – E ju ‘na nuzza!

NUNZIATINA – Di ‘stu mumentu in poi: occhio alla coppia!

ROSA – E, appena n’accurgemu di qualchi cosa di trubulu, approfittamini!

SCENA QUINTA

Geraldina, dette, e poi Alfredo.

GERALDINA –(Arrivando dalla comune)Signura Nunziatina, c’è Alfredo ca havi‘n pezzu ca sono alla sua porta.

NUNZIATINA – Matri, chi po’ vuliri ‘dda cardacìa?!

ROSA – Forsi ti voli pettinari.

NUNZIATINA – Malidittu ‘u mumentu di quannu mi ci misi a schirzari ppi farimifari ‘na bella pettinatura. Cu’ s’u leva ora d’incoddu? Rosa, fammi ‘u favuri: ricivilu tu e cunvincilu di non mittirisi pulici in testa!

ROSA – Ad Alfredo?! No, no, mi dispiaci. Chiddu è accussì pirmalusu. Pensici tu.Ju, anzi, mi nni vaju ddà banna c’haju a fari ‘na telefonata. Ciao. (Via)

GERALDINA – Signura, ci ‘u dicu ju? ‘U sapi, di mia Alfredu si scanta pirchì i cosiju c’i sparu ‘nta facci, accussì: ppah!… ppah!… ppah!


32


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA Lassa perdiri, Geraldina. Fallu trasiri e quannu ju dicu ca sta ppisunari ‘u campanellu d’a porta, tu ‘u soni e poi mi veni a diri ca c’è ‘n’amica mia ca mi cerca.

GERALDINA – E unni ci ‘a piscu ju l’amica so’?

NUNZIATINA – Geraldina, ppi finta!

GERALDINA – Va beni, comu vossia cumanna.(Via per introdurre Alfredo)

ALFREDO –(Entrando)E’ permesso? Buon giorno, bella signora. Come sta? Stabene? Io, non c’è male, ma ora sto benissimo. Pirchì? Pirchì staju vidennu a lei. A mia mi fa sempri piaciri di vidilla… A lei, no?… Ci ‘u pozzu cunfidari ‘n sigretu? Quannu vidu a lei, mi venunu i brividi pirchì m’affruntu. Chi voli? Sugnu tanticchia timidu… E quannu m’affruntu, prima diventu russu, poi mi tremunu i jammi, comu mi stannu trimannu ora, e poi mi venunu i brividi!… Unni? Ca ‘nta carina, cumu si un esercitu di frummiculi mi rusicassi tuttu. Chi ci pozzu fari? Haju ‘stu debuli: in presenza di una bella donna, m’affruntu e non sacciu cchiù spiccicari mancu ‘na parola. Ch’i masculi, inveci, è n’autra cosa: ‘u curaggiu mi torna, anzi diventu sfacciatu e dicu cosi ca non avissi a diri e fazzu pinsari mali di mia. Lei di mia pensa mali, veru? Havi ragiuni… E’ ca mi piaci di teniri sveglia la conversazione e, perciò, parru sempri, ma i giovanotti mi fraintendono. Con le donne, invece, non ci sacciu parrari. Ma ora cercherò di iniziare un discorso più serio…

NUNZIATINA – (Interrompendolo)  Senta, circassi di concluderlo ca haju chiffari.

ALFREDO – Scusi… Facciamo, allora, a domanda e risposta? Comincio io ocomincia lei?… Comincio io…

NUNZIATINA – Ca cuminciassi lei, vistu ca fa manichi e quartari!

ALFREDO – Prima domanda: è cuntenta di vidirimi?

NUNZIATINA – Eh, comu no!

ALFREDO – Disturbo, forse?

NUNZIATINA – Un po’…

ALFREDO – Veramenti, lei mi dissi di veniri ‘sta sira, ma io non ho saputo resisteree vinni ‘sta matina.

NUNZIATINA – E ju ‘sta matina haju un appuntamentu con una amica.


33


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ALFREDO – Ci ha fari i carti macari ad idda?

NUNZIATINA – No, dobbiamo uscire per delle compere. Non è meglio se torna unaltro giorno?

ALFREDO – Ora non po’ essiri propriu?

NUNZIATINA – Un altro giorno avremo più tempo.

ALFREDO – Ma, almenu, si non mi po’ fari i carti, mi dassi ‘na taliata ‘nta l’occhi emi dicissi qualchi cosa. Poi, quannu arriva l’amica so’, ju mi nni vaju subitu.

NUNZIATINA – E va beni. S’accomodi.(Lo fa sedere su una poltrona, mentre leisiede sul divano)

ALFREDO – Non facciamo l’atmosfera? Cc’a luci m’affruntu.

NUNZIATINA – Ccà c’è l’atmosfera, comu voli lei.(Accende un faretto cheproietta la luce su Alfredo e spegne la luce centrale)

ALFREDO – Matri, chi sensazioni elettrizzante!… Mi venunu i brividi ‘nta carina!

NUNZIATINA – (Tornamdo a sedere)Chi fa, s’impressiona? L’ha voluta leil’atmosfera!

ALFREDO – Sì, mi fa ‘n pocu d’imprissioni.

NUNZIATINA – Non si preoccupi… Ora, si rilassi, così!… Ancora un po’ piùrilassato… Bravo, così! Mi dia una mano; io gliela stringo e gli trasmetto il mio fluido. (Alfredo le dà la mano che Nunziatina accarezza lievemente)

ALFREDO – Matri, mi cartigghiu!

NUNZIATINA – Silenzio!… Non si distragga, non pensi ad altro!… Si rilassiancora, così!… Ed ora a me gli occhi!… Mi guardi, concentri il suo sguardo nelle mie pupille…Obbedisca!… Bravo!… Ecco, comincio a leggere nel suo pensiero…

ALFREDO – Che legge?

NUNZIATINA – Per ora cose confuse, ma la nebbia comincia a diradarsi… Ecco,ora vedo più chiaro… Ora sto leggendo… Leggo il suo nome: lei si chiama Alfredo e fa il parrucchiere per uomo e per donna…

ALFREDO – (Ingenuamente)Mih, ‘u ‘nzittau!


34


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Io non indovino: leggo in una lavagna luminosa… Lei ha ilnegozio al viale Vittorio Veneto, al numero…

ALFREDO – (Suggerendo)… 625.

NUNZIATINA - … al numero 625.

ALFREDO – Mih, ‘nsittau macari ‘u nummiru!

NUNZIATINA – E’ un negozio elegante…

ALFREDO – Modestamente…

NUNZIATINA – Accanto al negozio vedo un fioraio, con tante piante e fiori espostiin vetrina…

ALFREDO – Impressionante!… Comu po’ leggiri accussì precisu di ccà intra?

NUNZIATINA – I miei poteri di chiaroveggenza!

ALFREDO – E, accanto al fioraio, di l’autru latu, che vede?

NUNZIATINA – Un cancello con tre campanelli.

ALFREDO – ‘Nzittau macari chistu!… E’ ‘u canceddu d’a villa Occhipinti, unni cista macari lei!

NUNZIATINA – Ho detto che sto leggendo nella lavagna luminosa!

ALFREDO – Mi scusi, sbagghiai n’autra vota.(Pausa)Sta liggennu ancora?

NUNZIATINA – Sì.(A questo punto, alza il volume della voce per farsi sentire daGeraldina) Leggo che uno dei campanelli del cancello viene premuto e fattosuonare… (Si sente squillare il campanello)

ALFREDO – Impressionante!… Macari i  jammi mi stannu trimannu!

NUNZIATINA – Poi, vedo una giovane signora che entra nella villa, attraversa ilgiardino, fa le scale e si presenta dietro la porta d’ingresso, suona ancora… (Altro squillo di campanello) e aspetta che qualcuno vada ad aprire: è la mia amica con laquale dobbiamo uscire.

ALFREDO – E di me che cosa vede?


35


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – Che si alza, saluta e se ne va, buono buono, per tornare quando iosarò più libera. Non vedo più niente. La lavagna luminosa si è spenta.

GERALDINA –( Entra ed accende le luci)Signora, c’è la sua amica.

NUNZIATINA – Falla passare nel mio appartamento.(Ad Alfredo)Arrivederci.

ALFREDO – Quando ci vediamo?

NUNZIATINA – Quando lo vorrà il fato!(Alfredo via, seguito da Geraldina)

SCENA SESTA

Nunziatina, poi Salvatore e Rosa, e poi Ninetta con Michele.

SALVATORE – (Irrompe come una furia, gridando, seguito da Rosa che cerca dicalmarlo) Si chiusuru a chiavi ‘nta cammira da lettu e non dununu cuntu!

ROSA – Non ti avranno sentito. Calmati, Salvatore, ppi carità!

NUNZIATINA – Chi fu? Chi successi?

ROSA – Ma nenti… Ninetta ccu so’ cuginu si chiusuru in camera da letto ppi parrariin più libertà; e Salvatore pensa chissà che cosa!

SALVATORE – Cu’ l’ha dittu ca stavunu parrannu?! Ju dissi ca si sintevabisbigliare.

NUNZIATINA – Parravunu alleggiu. Quannu una si cunfida con una persona cara,po’ parrari a vuci di testa ca ‘u sentunu tutti? Bisbiglia!

SALVATORE – Nunziatina, chi fai, sfutti? Ti ci metti macari tu?

NUNZIATINA – Me ne guardo bene!

ROSA – Forsi Ninetta si stava cunfidannu veramenti ccu so’ cuginu.

SALVATORE – Ci ‘a dugnu ju ‘a cunfidenza a ‘sta culumbrina, anzi ci nn’haju datuabbastanza!… Ma ora ci vaju, ccu ‘na spaddata jettu ‘a porta ‘n terra e s’i trovu comu pensu ju, fazzu ‘n macellu!

ROSA – Scusa, Salvatore, ma non vulisti ‘a muggheri picciotta e cuntinentali? Unuca si pigghia a ‘na furastera, ha essiri coscienti di chiddu ca va incontru.

NUNZIATINA – Certo, si deve adattare al suo modo di vivere.


36


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ROSA – Pirchì fai l’Otello, ora? Devi essere un uomo di spirito e cuntentu ca to’muggheri havi un confidente.

SALVATORE – Rosa, ci fai ‘a ripassata macari tu? Ju spiritu ci nn’haju inabbunnanza, ma quannu vidu ca me’ muggheri è chiusa a chiavi in camera da letto con un estraneo, ca non sacciu cu’ schifìu è e di unni sbarcau, m’acchianunu l’irri!

NUNZIATINA – Ma è il cugino pre-di-letto!

ROSA – Il cugino bene-amato!

SALVATORE – Ohè, dicu, ci ciusciati macari vuatri ‘nto focu?!

ROSA – (Con molta calma)  Assolutamente, noi constatiamo!

NUNZIATINA – (C.s.)Noi prendiamo atto!

SALVATORE –(Alzando ancora di più la voce)E finitila di constatari e dipigghiari jatti, prima ca sciurru ccu vuatri!

NINETTA – (Arrivando all’improvviso insieme a Michele)Ma che sono queste urla?

SALVATORE – (Aumentando le grida)Quali urla?… Chi sta urlando?

NINETTA – Ma tu, mio caro! Ti sentivo dalla mia camera!

SALVATORE – Chista è casa mia ed urlo quando mi pare e piace!

NINETTA – Non quando ci sono estranei!

SALVATORE – Cu’ su’ ‘sti estranei? Ccà, tutti parenti semu, compresu to’ cuginu!

NINETTA – Mio cugino per te è un estraneo! E, poi, non voglio che si gridi in miapresenza!

ROSA – Assuppa, viddanu!

NINETTA – Senti, mio caro, desidero chiarire, una volta per tutte, la mia posizionecon te in questa casa!

SALVATORE – Ni parramu dopu…

NINETTA – No, subito!


37


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – In presenza delle mie ex e di tuo cugino?

NINETTA – In presenza loro. Saranno testimoni di quanto devo dirti. Così, nonpotrai negare di averlo sentito. Io ti ho sposato, malgrado la differenza d’età, per essere tua moglie, cioè la compagna della tua vita; colei che deve dividere con te gioie e dolori, ricchezza e povertà, e non un soprammobile grazioso da mostrare a tutti per vantartene. Io sono tua moglie!…

SALVATORE – Lo sei stata per venti giorni soltanto; poi, camere separate!

NINETTA – E lo saranno ancora fin quando non riconoscerai i miei diritti di moglie!

SALVATORE – Qual diritti?

NINETTA – Sono la tua metà? Bene, voglio esserlo in tutto!

SALVATORE – Come sarebbe a dire, in tutto?

NINETTA – Voglio entrare a metà nella proprietà di questa villa, a metà nella villaal mare, a metà nel Fondo e a metà nella Ditta!

ROSA – Assuppa, viddanu!

NUNZIATINA – Ben ti sta!

SALVATORE – (Alle ex)Muti, vuatri!(Poi, a Ninetta)Non voi cchiù nenti?

NINETTA – Ah, sì…

SALVATORE – Ci nn’è ancora?

NINETTA – Voglio avere anche l’intestazione nel conto in banca. Voglio disporre diliquido in qualsiasi momento; non voglio dipendere da nessuno.

SALVATORE – E, basta?

NINETTA – Possiedi altro?

SALVATORE – No, nient’altro.

NINETTA – Ed, allora, basta così.

SALVATORE – Va bene, ci penserò.


38


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NINETTA – Bene, quando ci avrai pensato, fammelo sapere ed io ti sarò mogliecompletamente. Intanto, oggi pranzerò fuori: sono stata invitata da mio cugino. Ciao a tutti! (Via)

SALVATORE – (Guardando le ex mogli, pronte a parlare, prevenendole)Assuppa,viddanu!… Aviti ragiuni!… Ju haju assuppari sempri!

ROSA – Ci dovevi pensare prima!

SCENA SETTIMA

Mirella, Fabrizio e detti.

MIRELLA – (Arrivando insieme a Fabrizio, ignari di tutto)Eccoci puntuali per ilpranzo. Gente, si mangia?

FABRIZIO – Che si mangia?

SALVATORE – Vilenu tossicu!

S I P A R I O


39


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ATTO TERZO

Stessa scena degli atti precedenti. All’apertura del sipario Alfredo, con una forbice in mano, irrompe in scena rincorrendo Geraldina che si rifuggia, ora attorno alla scrivania, ora dietro il divano.

SCENA PRIMA

Geraldina, Alfredo, poi Michele e poi Ninetta.

GERALDINA – Alfredo, ci ‘a vo’ finiri?! Ahu, chi ti mittisti in testa?! Chiuttostu,vatinni ca ‘u cavaleri non c’è: quannu veni, ti manna a chiamari iddu.

ALFREDO – No, non mi nni vaju si non prima mi duni un vasuni, annunca titagghiu la lunga chioma di Berenice!

GERALDINA – Ma chi si’ pazzu?!

ALFREDO – Ah, sparti sugnu pazzu! Prima mi sconcichi e poi mi dici ca sugnupazzu!

GERALDINA – Certu ca si’ pazzu! Pazzu furiusu! A tia ju dava un vasuni? Mancusi tu fussi l’ultimu omu d’a terra!

ALFREDO – Non sugnu l’ultimu e mancu ‘u primu, ma si non mi vasi, ju tagghiu!

GERALDINA – Senti, ci ‘a vo’ finiri? Varda ch’è lesu!

ALFREDO – Ah, sì? Mi lusinghi, mi fai ‘a jatta e poi mi dici ca sugnu lesu? E,allura, vistu ca sugnu lesu, ju tagghiu!

GERALDINA – Fermu unni si’ annunca ti ‘rattu tuttu!… Vidi ca ju non t’hajulusingatu e mancu scuncicatu, anzi t’haju maltrattatu sempri!

ALFREDO – I to’ su’ maltrattamenti d’amuri!… Avanti, veni ccà, facemu ‘a paci!

GERALDINA – Ma dicu, ora ti fissasti ccu mia? Ti passau ‘a cotta pp’a signuraNunziatina?

ALFREDO – M’a fici passari idda. Ju aveva ‘ntinzioni seri e idda, inveci, si vulevapassari ‘u tempu.

GERALDINA – E s’u vuleva passari ccu tia? Ni mancavunu scecchi a’ fera!

ALFREDO – E propriu chistu mi dissi, quannu ju ci dichiarai il mio amore.


40


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

GERALDINA – Ti dissi ca vuleva aviri un’avventura ccu tia?

ALFREDO – No, chi capisti? Si vuleva divertiri, si vuleva fari quattru risati, va’!

Certu, ju chi pozzu essiri alla sua altezza?!

GERALDINA – Ah, mi pareva!

ALFREDO – Mentri tu sei alla mia portata; sei una lavoratrice come me.

GERALDINA – ‘U sai ca si’ ‘na bannera di ventu?

ALFREDO – E pirchì?

GERALDINA – Comu, pirchì? Finu a chinnici jorna arredi spasimavi pp’ a signuraNunziatina, squagghiavi sulu sulu comu si fussi un gelatu alla fragola, e ora ti vo’ mettiri ccu mia?

ALFREDO – E’ veru, forsi sugnu ‘n pocu volubili, ma ti promettu ca ccu tia saròfedele nei secoli!

GERALDINA – Come l’Arma dei carabinieri!

ALFREDO – Non schirzari! Si ti metti ccu mia, non ti nni fazzu pentiri. Ni mittemuin società: tu fai shampoo e tinture e ju pirmanenti e pittinaturi. Accussì risparmiamu e guadagnamu cchiù assai!

GERALDINA – Hai bisognu di ‘na commessa senza paga?

ALFREDO – Ma tu non sarai una commessa: sarai la regina della mia casa!

GERALDINA – Ma, siccomu ju sugnu repubblicana, non m’interessa la tuaproposta! (Si sente suonare il campanello della porta) E ora vatinni ca sta arrivannu genti.

ALFREDO – Va beni, mi nni vaju, ma ‘u sai chi ti dicu? Non ti dugnu un pugnoperché è da uomini, non ti graffio perché è da donne, ma ti odio, ti odio, ti odio!

GERALDINA – Va beni, ma ora vatinni!

ALFREDO – Sì, mi nni vaju, ma tornerò!

GERALDINA – ‘U cchiù tardu possibili!(Alfredo via, mentre arriva Michele.Geraldina lo introduce) Oh, buon giorno, signor Michele! Come sta?… Prego,s’accomodi… Chiamo subito la signora Ninetta.


41


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

MICHELE – No, aspetti. Mi dica: il cavaliere Occhipinti è in casa?

GERALDINA – No, è in Ditta. Non è ancora tornato.

MICHELE – Di solito, a che ora rincasa?

GERALDINA – Non havi orariu. Po’ turnari prestu comu po’ turnari tardu; po’turnari tardu comu po’ turnari prestu.

MICHELE – ‘A signura Rosa e ‘a signura Nunziatina sunu fora macari iddi?

GERALDINA – No, su’ a’ so’ casa. Voli ca c’i vaju a chiamari?

MICHELE – No, no, non i disturbassi.

GERALDINA – Preferisce la mia compagnia?

MICHELE – Beh, non mi dispiace. Mi dica un’altra cosa: le signore possono venirequi a loro piacimento? Voglio dire, non hanno un orario ben preciso per venire?

GERALDINA – No, gli appartamenti sono comunicanti e le porte aperte.

MICHELE – E i figghi fannu ‘u stissu?

GERALDINA – Certu, anzi sunu cchiù assidui.

MICHELE – Ora, sunu intra?

GERALDINA – Non l’haju vistu ‘stu pomeriggiu. Voli sapiri autru?

MICHELE – No, grazie.

GERALDINA – Gli posso offrire qualcosa? Non so, caffè, te, me…

MICHELE – Grazie, a quest’ora non prendo niente.(Le dà una banconota)E’ statamolto esauriente.

GERALDINA – Grazie a lei. Si accomodi ca ci vaju a chiamari ‘a signura.(Via)

MICHELE – (Prima passeggia nervosamente, poi accende una sigaretta e si mette asedere, indi si rialza e torna a passeggiare. Finalmente arriva Ninetta; le va incontro e la bacia) Buona sera, mia cara…

NINETTA – (Bruscamente)Ti avevo detto di non venire più qui.


42


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

MICHELE – Dovevi, allora, venire tu in albergo. Avevo bisogno di vederti.

NINETTA – Non mi è stato possibile. Sono controllata a vista da quelle arpie delleex mogli. Oggi non sono venute qui non so più quante volte con mille pretesti.

MICHELE – Sospettano?

NINETTA Credo di sì. E, poi, tu non fai che peggiorare la situazione. Eravamod’accordo che tu non dovevi comparire per niente. Non solo non hai rispettato i nostri accordi, ma ti sei presentato in casa come sedicente cugino.

MICHELE – Che c’è di male? Tuo marito l’ha bevuta.

NINETTA – Ma siamo pratici, Michele. Simili parentele potevano andar bene unsecolo fa, a teatro. Siamo nel duemila, l’era dei computer e dei robots!

MICHELE – Desideravo accertarmi che tutto procedesse secondo i nostri piani.

NINETTA – Ti avrei informato io.

MICHELE – Volevo darti una mano per abbreviare i tempi.

NINETTA – So cavarmela benissimo da me. Non bisogna aver fretta. Non è comeprelevare della roba e andar via. Devo entrare in possesso dei beni di Salvatore, compreso il suo conto in banca, legalmente, per poi dargli un calcio nel sedere e mandarlo a quel paese, a lui e alla sua balorda famiglia. Solo così noi possiamo essere felici. Senza soldi non c’è felicità.

MICHELE – Hai ragione, ma ci stai riuscendo?

NINETTA – Se tu non mi ostacoli e non mi solleciti, ci riuscirò.

MICHELE – Non verrò più qui. Ma come farai?

NINETTA – Ho un mio piano. Andiamo in giardino chè ti metterò al corrente. Qui,anche i muri hanno orecchie.

MICHELE – Andiamo meglio in camera tua, così…

NINETTA – Niente camera da letto! L’altro giorno stava succedendo il finimondo.

Meno male che avevo chiuso la porta a chiave. Verrò io a trovarti in albergo.

MICHELE – Come vuoi, cara, ma cerca di fare più in fretta che puoi. A proposito,sono rimasto all’asciutto. Ho bisogno di soldi.


43


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NINETTA – Soldi, sempre soldi!… Va bene, ti darò l’ assegno che lui mi ha firmato.

MICHELE – Per quale importo?

NINETTA – Un milione.

MICHELE – Pochino…

NINETTA – Bisogna fare economia, per ora… Su, vieni, andiamo in giardino.(Via)

SCENA SECONDA

Rosa e Nunziatina, e poi Mirella e Fabrizio.

ROSA E NUNZIATINA –(Arrivano, facendo intendere che stavano  origliando)

ROSA – ‘A sintisti comu parrava? Niscìu ‘u naturali, autru ca francisa!… E poi, isoldi, ca ci passa Salvatore, c’i duna al… cugino.

NUNZIATINA    –   Ca   quali   cuginu   e   niputi!…  Chiamulu  ccu   so’     nomu:

l’amanti!…Su’ d’accordu ppi spugghiari a ‘ddu babbeu!

ROSA – Sfacciata!… Unni si nni jeru, ora?

NUNZIATINA – In giardino, non ‘u sintisti? Chiuttostu, circamu di essiri prudentipirchì si nn’accurgìu ca ‘a stamu cuntrullannu.

ROSA – Menu mali ca mi vinni in menti di daricci ‘ammuccu a Geraldina ppifarannilla alleata. Infatti, dopu ca chiamau a Ninetta, vinni a chiamari macari a nuatri.

NUNZIATINA – Ora ci dugnu qualchi cosa macari ju, accussì n’a facemu amica.

ROSA – Sì, megghiu è. Chi facemu, scinnemu in giardinu ppi cuntrullalli?

NUNZIATINA – No, i cuntrullamu di ccà. Sarannu ‘nto gazebu; di ccà si vidi beni.

ROSA – Ma iddi ponu vidiri a nuatri!

NUNZIATINA – Ni pusiziunamu di latu.

ROSA – Ma tu pensi ca è veramenti l’amanti?

NUNZIATINA – Certu!… Non ‘u sintisti ca s’a vuleva purtari n’autra vota incamera da letto? Pirchì si va in camera da letto, chiudennu ‘a porta a chiavi? Ppi dormiri, no di certu, pirchì iddu alloggia in albergo.


44


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ROSA – Hai ragiuni!… E poi, ‘u sintisti chi ci dissi idda? “Meno male che avevochiuso la porta a chiave, altrimenti succedeva il finimondo!”.

NUNZIATINA – Chi facevunu cc’a porta chiusa a chiavi?

ROSA – Sfogliavano le margherite!

NUNZIATINA – Già!… Comunqui, a parte la relazione, diciamo, di… parentela caesisteva già prima ca Salvatore s’a maritassi, chiddu ca cunta è l’intenzioni ca havi ‘sta sciòllira nei confronti di Salvatore. Chidda si voli impossessari dei beni della famiglia, facennusi nominare erede universale e jttarini fora a tutti pari. Ed è capaci di fallu.

ROSA – A ‘ddu babbeu, oramai, s’u misi ‘nta sacchetta. Salvatore farà tuttu chidduca ci fa fari idda.

NUNZIATINA – Almenu che non veni a sapiri della tresca di so’ muggheri ccul’amanti.

ROSA – Ora ci telefunu e ci cuntu pani pani e vinu vinu!

NUNZIATINA – No, la tresca la deve scoprire da solo, annunca ci pari ca semunuatri ca ‘u facemu pp’invidia e gelosia.

ROSA – Allura, ci telefunu ccu ‘na scusa qualsiasi e ‘u fazzu veniri.

NUNZIATINA – Basta ca non nomini a Ninetta e mancu a Michele.

ROSA – Ti pari ca nascii aeri?… Ci dicu ca telefonaru da Amburgo e dissiru caavissiru richiamatu tra menz’ura.

NUNZIATINA – Non quadra!

ROSA – Che cosa non quadra?

NUNZIATINA – ‘U discursu. Da Amburgo, prima di circallu in casa, l’avissiruchiamatu in Ditta.

ROSA – Giustu dici; non è verosimile. Chi scusa putemu circari?… Aspetta, houn’idea: Salvatore jeri diceva c’aveva a chiamari all’onorevoli Mozzicato pp’aviri notizii d’u contributu d’a regioni. Ci dicu ca telefonau l’onorevoli ca richiama fra menz’ura?

NUNZIATINA – Macari l’onorevoli ‘u po’ chiamari in Ditta.


45


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

ROSA – Ahu, Nunziatina, tutti ‘u ponu chiamari in Ditta! A’ casa, allura, non ‘uchiama nuddu?… Facemu finta ca l’onorevoli persi ‘u nummiru d’a Ditta e chiamau a’ casa!

NUNZIATINA – Va beni. Menu mali ca l’omini politici su’ tutti imprevedibili: nonsi sapi mai chiddu ca ponu fari di ‘n mumentu a n’autru. Ora su’ d’accordu, dopu cincu minuti su’ cuntrarii!

ROSA – Pirchissu, su’ cuntrarii macari quannu avissiru a essiri d’accordu!

NUNZIATINA – Lassamu perdiri ‘a politica, ca a nuatri non nni nni trasi nenti, e vaa telefonari a Salvatore, prima ca i du’ piccioncini rientrunu.

ROSA – Ci vaju subitu.(Dalla comune arrivano Mirella e Fabrizio)

MIRELLA – Dove vai, mamma?

ROSA – A telefonari a to’ patri.

MIRELLA – Perché mai?

ROSA – Ora v’u spiega ‘a zia Nunziatina.(Via a destra)

FABRIZIO – Che sta succedendo?

MIRELLA – Cos’è quest’aria di mistero?

NUNZIATINA – Ninetta ha un amante!

FABRIZIO – Il cugino Michele.

NUNZIATINA – E tu comu ‘u sai?

FABRIZIO – Infatti non lo sapevo. L’ho intuito.

MIRELLA – Anch’io ne avevo il sospetto. Un cugino, e per giunta alla lontana, chesbuca fuori all’improvviso, e si presenta per perorare la causa della cara cuginetta…

FABRIZIO – Che, appena lo vede, se lo porta in camera da letto, chiudendo la portaa chiave… Tira le somme e vedrai che due più due fa quattro!

NUNZIATINA – E  c’è di più.

MIRELLA – Ah, sì? Un amante, giovane ed aitante, non basta?


46


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NUNZIATINA – No, non basta! La signora sta ricattannu a vostru patri per entrare ilpossesso di tutti i beni della famiglia, compresi i soldi del conto in banca.

MIRELLA – Per poi salutarlo e prendere la fuga con l’innamorato?

NUNZIATINA – Propriu accussì. Ma tu comu ‘u sai?

FABRIZIO – Cara genitrice, sei ritardata! Sono cose che s’intuiscono: il famosotriangolo! Il marito vecchio e ricco, la moglie giovane e bella, l’amante maschio e povero! Che cosa ne verrà fuori?

MIRELLA – Un romanzo d’appendice!

FABRIZIO – Se fossimo vissuti nell’Ottocento, senz’altro. Lei tradisce Lui conl’Altro. L’Altro che non vuole dividere l’amante col marito. Si mettono d’accordo per sopprimere il terzo incomodo, ereditare i beni e vivere felici e contenti per l’eternità! Ma siamo nel Duemila, perciò ne verrà fuori una volgare pagina di cronaca nera!

MIRELLA – Mi pare di sentire lo strillone: “Giovane moglie abbandona l’anzianomarito, dopo essersi impossessata dei suoi beni, per goderseli insieme al giovane amante!”.

FABRIZIO – Oppure: “Vecchio bacucco si lascia irretire dalla giovane e furbamoglie e le cede i suoi averi che saranno scialacquati dall’avvenente amante!”.

ROSA – (Rientrando, ha sentito le parole di Fabrizio)Unni successi?

NUNZIATINA – ‘Nto Bogotà!

ROSA – Ah, mi pareva ccà!

MIRELLA – E succederà ccà si non tinemu l’occhi aperti! ‘A zia Nunziatina ci hamesso al corrente di tutto, per quanto noi ne avevamo il sospetto o, comunque, ne avvertivamo la sensazione.

FABRIZIO – Bisogna intervenire e subito, prima che sia troppo tardi.

NUNZIATINA – ‘A zia Rosa jvu a telefonari a to’ patri ppi fallu veniri subitu.(ARosa) A propositu, ‘u truvasti a Salvatore?

ROSA – No, ma ‘a segretaria mi dissi ca era nisciutu da menz’ura ppi veniri a’ casa.

NUNZIATINA – Spiramu ca non perdi tempu ppi strata.


47


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

FABRIZIO – Questo non è orario di traffico. Dovrebbe essere in arrivo.

ROSA – Mi raccumannu, carusi, n’avemu a cumpurtari comu si nenti fussi.

NUNZIATINA – Sì, sì… Avemu a essiri naturali.

MIRELLA – Ma, scusate, come lo verrà a sapere del tradimento della moglie?

ROSA – Lo deve scoprire da solo.

FABRIZIO – E se non lo scopre?

NUNZIATINA – Basta ca s’affaccia d’a vitrata ppi gudirisi ‘u spittaculu.

ROSA – (Che, intanto, ha guardato fuori)Taliati, taliati… Havi ragiuni Nunziatina:

sunu allippati comu du’ sagnetti!

FABRIZIO – (Guardando a sua volta)E che ardore ci mettono!

MIRELLA – (Guardando anche lei)E che tecnica!

NUNZIATINA – Non i scannaliamu, annunca ‘u spittaculu finisci.

MIRELLA – Scusate, vogliamo ricapitolare? I due colombi sono nel gazebo atubare, noi siamo a conoscenza della loro relazione e li stiamo controllando, ma papà non sospetta nulla. Come farà ad accorgersene?

ROSA – Allura nuatri pirchì semu ccà?

FABRIZIO – Ma non dovevamo comportarci come se nulla fosse?

ROSA – Sì, ma putemu fari in modu di fallu affacciari d’a vitrata…

NUNZIATINA – Cc’a scusa ca c’è caudu.

MIRELLA – Ma giustu oggi si sta beni cc’a vitrata chiusa!

ROSA – Mirella, tu si’ sempri chidda ca cerca ‘u pilu ‘nta l’ovu!… Dicu, ci volitantu, dicennu e non dicennu, d’inculcarici ‘u sospettu che la mogliettina ‘u sta ‘ncorniciannu ddà sutta, ‘nto giardinu?

FABRIZIO – E si non ‘u capisci ancora?

ROSA – Voli diri ca ci ‘u dicemu bellu, chiaru e tunnu!(Arriva Geraldina)


48


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

GERALDINA – Signura Rosa, signura Nunziatina, arrivau ‘u cavaleri! ROSA – Ci dici ca nuatri semu ccà.

GERALDINA – Va beni.(Via per introdurre Salvatore)

SCENA TERZA

Salvatore e detti.

SALVATORE – (Entrando)Oh, quale onore, le mie retrodatate famiglie in casamia!. Chi c’è riunioni di condominiu?

ROSA – Tu hai sempri ‘u sbaddu di schirzari. SALVATORE – Non mi diciti che stavate aspettando a mia!

NUNZIATINA – Ci vuleumu fari ‘na visita a Ninetta, ma non l’abbiamo trovata. SALVATORE – Macari i carusi vinniru in visita?

MIRELLA – Anche noi! Che c’è di straordinario? Non è una nostra congiunta?

SALVATORE – Veramenti, tantu congiunta a vuatri non è.

MIRELLA – Oh, bella… la sposa di nostro padre!

NUNZIATINA – La moglie di nostro marito!

ROSA – La madre dei nostri fi… No, chistu non c’entra! Comunque, più congiuntadi così?!

SALVATORE – Pirchì, allura, l’aviti tinuta distanti?

ROSA – Quannu mai!… Nuatri l’avemu circata sempri, idda non s’ha fattu truvari!

NUNZIATINA – Comu ora, per esempiu.

SALVATORE – A propositu, unn’è?

NUNZIATINA – Chi sacciu?! Geraldina ni dissi ca era intra, ma non c’è.

ROSA – (Con intenzione)Staju murennu d’u caudu! Non v’accupa ‘u cori ccu ‘stavitrata chiusa?… Salvatore, ti dispiaci di ‘rapilla?


49


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

SALVATORE – Unn’è tuttu ‘stu caudu? ‘U tempu, anzi, si rinfriscau.

ROSA – Ju staju accupannu!

NUNZIATINA – Effettivamente, macari ju!

SALVATORE – Fabrizio, ‘rapici ‘a vitrata a to’ matri e a to’ zia!

FABRIZIO –(Impacciato)Ju?!… Non è megghiu ca ‘a ‘rapi…

SALVATORE – Cui, Mirella? A tia ti cascunu i manu?

ROSA – Lassili perdiri! Non ‘u vidi ca sunu unu cchiù vili di l’autra? Ppi favuri,Salvatore, ‘rapila tu!

NUNZIATINA – Accussì ti pigghi ‘na bella boccata d’aria pura!

SALVATORE – Ju staju vinennu di fora e aria mi nn’haju pigghiatu abbastanza!

ROSA – Quannu mai?!… Nesci dall’ufficiu, unni non si respira e t’infili intra ‘amachina, unni respiri aria viziata!

SALVATORE – Ahu, tantu ppi sapillu, all’ufficiu e ‘nta machina haju l’ariacondizionata!

NUNZIATINA – Ma chi è ‘a stissa dell’aria ossigenata d’u giardinu?

MIRELLA – E’ vero. E  poi, qui in collina, è ancora più pura.

FABRIZIO – Anch’io la sera sento il bisogno di respirare aria incontaminata!

SALVATORE – Ahu, mi stati parennu tanti puddicini ammenzu ‘a stuppa! Si avitituttu ‘stu desideriu e ‘stu bisognu di aria frisca ca spalancati ‘sta vitrata e affacciativi cc’a vucca aperta, accussì aria vi nni trasi cchiù assai; e si non vi basta, vi nni scinniti ‘nto giardinu, ca è tuttu ciurutu, e v’imbriacati di clorofilla!

NUNZIATINA – Chi c’entra!… Nuatri ‘u dicevumu ppi tia.

SALVATORE – Ju staju beni accussì.

ROSA – A propositu di giardinu, Salvatore, ‘u vidisti ca ‘u giardineri strafunciau ‘asiepi d’u viali ca porta ‘nto gazebu? Affacciti ca di ccà si vidi.

SALVATORE – Dumani, cc’u jornu, ‘a vidu megghiu.


50


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

FABRIZIO – A mia, inveci, non mi piacìu comu tingìu ‘u gazebu.

MIRELLA – Mancu a mia. Chi è ‘ddu culuri tuttu baddiatu?

SALVATORE – Havi se’ misi ca ‘u tingìu e vi nni stati addunannu ora?

ROSA – Ma tu ti nn’ha’addunatu?

SALVATORE – Ju? No.

NUNZIATINA – E pirchì non cuntrolli?

SALVATORE –O’ scuru?

NUNZIATINA – T’addumi ‘a luci.

SALVATORE – E va beni… Fabrizio, vammi ad addumari ‘a luci d’u gazebu.

FABRIZIO – (Prontamente)Subito, papà!(Via di corsa)

SALVATORE – Mah!… ‘A vitrata, ca era a du’ passi, non ‘a vosi ‘rapiri, pp’a lucid’u gazebu, ca s’adduma di ddà ‘n funnu ‘u corridoiu, partìu di cursa ca parsi ‘n saittuni! (Si avvicina alla vetrata, seguito dalle ex mogli e da Mirella e, appena si accende la luce nel gazebo, emette un grido disumano) Oh, tappinara!… Intra ‘a me’casa e sutta l’occhi mei?!… Tappinara duppia!

ROSA – Ben ti sta! Non ti piacìu ‘a muggheri carusa?

NUNZIATINA – E cuntinentali, ppi giunta?

ROSA – Peggiu ppi tia!

NUNZIATINA – E pp’a to’ frunti!

SALVATORE – Muti, vuatri, ca siti peggiu d’idda!

MIRELLA – Coraggio, papà!

FABRIZIO –(Che, intanto, è rientrato)Te ne libererai e tutto tornerà come prima!

SALVATORE – Ah, ora capisciu qual’era ‘u vostru discursu!(Rifacendo le voci diciascuno) “Non v’accupa ‘u cori ccu ‘dda vitrata chiusa?”… “Pirchì non ti pigghi ‘naboccata d’aria pura?”… “’A siepi d’u viali ‘u giardineri ‘a strafungiau!”… Assuppa, viddanu!… E ju ca pinsava: ma quantu è interessativa ‘a me’ famigghia e quanta


51


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

attinzioni havi per la mia persona e per la mia casa!… Assuppa, viddanu ! (Continuando a rifare le voci) “Ci vuleumu fari ‘na visita a Ninetta, ma nonc’era !”… “Ninetta è la sposa di nostro padre!”… “La moglie di nostro marito!”… Giuda!… Vuatri Giuda e idda: tappinara! Ma ve ne pentirete! Ve ne pentirete tutti!

ROSA – Ma non ‘u capisci ca non era cosa ppi tia e, finalmenti, ti nni po’ libirari?

NUNZIATINA – Pirchì, prima di fari ‘ddu passu, non ti consultavi ccu nautri?

SALVATORE – Pp’aviri ‘u vostru consensu?

NUNZIATINA – No, i nostri cunsigghi, ca non putevunu essiri malvagi pirchìnuatri, malgrado tutto, ti vulemu beni e t’avissimu cunsigghiatu disinteressatamenti.

ROSA – E t’avissimu ricurdatu ‘u proverbiu anticu: “Moglie e buoi, dai paesi tuoi!”.

NUNZIATINA – Oramai è fatta, e cosa fatta capu ha! E’ inutili, perciò, chianciri sullatte versato, ma curriri ai ripari! ‘A chiami, ci nni dici quattru e l’abbij fora!

ROSA – Nuatri ni nni jemu ddà banna e ti lassamu sulu ccu idda.

SALVATORE – No, troppu comudu fussi ppi ‘dda tappinara! La voglio sorprenderein flagrante cc’u so’ jarzu!

FABRIZIO – In giardino?

SALVATORE – No, ccà. Caminati ccu mia, ammucciamini ddà banna e vedrete.(Via tutti dalla destra. Subito dopo, appare Geraldina, che attraversa la scena, apre la vetrata, s’affaccia e chiama)

SCENA QUARTA

Geraldina, poi Ninetta e Michele, e poi gli altri.

GERALDINA – Signora, la desidera al telefono il cavaliere.

NINETTA –(Da fuori)L’hai accesa tu la luce del gazebo?

GERALDINA – Sì, signora. Il cavaliere mi ha ordinato che, quando si fa buio, devoaccendere tutte le luci del giardino.

NINETTA – (Rassicurata)Va bene, Geraldina. Di’ a mio marito che arrivo subito.

GERALDINA – Senz’altro, signora.(Riattraversa la scena e scompare a destra)


52


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NINETTA –(Arrivando insieme a Michele)Ti raccomando, Michele, non venire piùqui. Ti farò avere mie notizie al più presto.

MICHELE – Tesoro, vedi che non mi accontento della sola telefonata. Devi veniredi persona in albergo. Ho bisogno di stare con te.

NINETTA – Devi fare pazienza!

MICHELE – Lo sai che non mi sazio mai di te!

NINETTA – Lo so, ma ora vattene che devo rispondere al telefono a quell’impiastrodi mio marito.

MICHELE – Prima dammi un bacio.

NINETTA – Ci può vedere qualcuno…

MICHELE – Non c’è nessuno.(La tira a sé e la bacia appassionatamente)

SALVATORE –(Apparendo all’improvviso)E bravi daveru!… Bravi i colombi daldesìo chiamati!

NINETTA –(Svincolandosi dall’abbraccio e cercando di scusarsi)Salvatore, non ècome pensi!… Mio cugino è un po’ impetuoso, ma non facciamo niente di male.

MICHELE – Già… Ci vogliamo bene e ci baciamo come fratello e sorella.

NINETTA – Salvatore, ti giuro…

SALVATORE – Stativi muti, almenu! Abbiate il pudore e la responsabilità dellevostre azioni! (Agli altri) Viniti fora, vuatri!… Macari tu, Geraldina!… L’aviti vistu tutti, no? Il colombo con la colombella che si baciavano innocentemente!… Rosa, Nunziatina, a mia vuatri mi baciate così teneramente, da sorelle a fratello? Vi è sembrato un bacio innocente e senza conseguenze, quello?

NINETTA – Ti prego, Salvatore, fammi spiegare…

SALVATORE – Ma fai silenzio! Non c’è niente da spiegare: so tutto!(Agli altri)Vifa meravigghia? Vi pari ca era ‘n basaloccu ppi daveru? Sono informato e documentato di tutto! Sissignore!… Dopo l’arrivo del caro cugino Michele, ca mi fici ciauru di bergamottu ppi comu si prisintau, ho indagato. Macari ju haju i miei informatori ca mi tenunu al corrente del mercato e della concorrenza. ‘Sta vota, mi hanno informato sul passato della mia illibata ed ingenua consorte. Chidda ca finu a


53


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

vint’anni fu o’ culleggiu in Francia… ‘U riformatoriu, ppi dillu cchiù chiaru ed intenderci meglio! E mi cuntaru vita e miracoli!

ROSA – T’u dissiru ca aveva l’intenzioni d’impossessarisi di tuttu ppi lassariti poiccu ‘n palmu di nasu?

SALVATORE – Chistu non m’u dissiru, ma avissi ristatu ‘a signura ccu ‘n palmu dinasu, pirchì ju sugnu nullatenenti… o quasi!

NINETTA – Che vuoi dire?

MICHELE – Come sarebbe?

SALVATORE – Proprio come avete sentito: nul-la-te-nen-te! Non ho più niente!

NUNZIATINA – E questa villa?

ROSA – E quella al mare?

MIRELLA – E il Fondo?

FABRIZIO – E la Ditta?

SALVATORE – Non possiedo più niente!

ROSA – Ti vinnisti tutti cosi?

NUNZIATINA – Facisti fallimentu?

MIRELLA – Gli affari ti sono andati male?

FABRIZIO – Forse qualcuno ti ha ricattato?

SALVATORE – State calmi, niente di tutto questo. Ho voluto soltanto sistemare lecose in vita, prima ca, dopu mortu, mi faceuru rivutari intra ‘a tomba!… Ju pozzu essiri ‘n tipu strammu, ma alla mia famiglia ci tengo. Haju du’ figghi ca vogghiu beni e, speru, ca macari iddi mi nni volunu; ho fatto, perciò, una regolare donazione a loro degli immobili, dividendo l’usufrutto tra me, Rosa e Nunziatina, mentre la proprietà della Ditta l’ho divisa in cinque parti uguali: una a me, una a Rosa, una a Nunziatina, una a Mirella e una a Fabrizio.

NINETTA – E a me?

SALVATORE – A te, un biglietto d’aereo di sola andata per Milano!


54


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

NINETTA – Io sono ancora la tua legittima moglie!

SALVATORE – E no, mia cara!… C’è stata la flagranza; hai dimenticato? E poi, ioero già nullatenente da prima del matrimonio con te. Possedevo solo un quinto della Ditta che potevo dividere con te, si tu non eri ‘na colombrina e ‘na zucculara di prima qualità! Perciò, ti po’ accampari i pupi e jratinni, prima ca m’a misuru e fazzu ‘u maritu sicilianu comu ‘nta “L’aria del Continente”!

NINETTA – Poi la vedremo, non finirà così! Avrai notizie dal mio avvocato!Michele, andiamo: non voglio restare un minuto di più in questa casa! (Via insieme a Michele)

SALVATORE – ‘U Signuri t’accumpagna ccu ‘na virga e ccu ‘na canna!

ROSA – Acqua d’avanti e ventu d’arredi!

NUNZIATINA – E sapuni sutta i pedi!

ROSA – Oh, finalmenti ti nni libirasti!

NUNZIATINA – Era ura!

ROSA – Ora putemu turnari a viviri in paci n’autra vota!

SALVATORE – Mi dispiace, care mie, ma l’armonia è finita, non può più tornare.L’equilibrio si è spezzato. Il Palazzo di Vetro si è frantumato!

MIRELLA – Ma, papà…

FABRIZIO – Ora che Ninetta non c’è più, possiamo tornare come prima!

SALVATORE – No, ragazzi, non si può. Ora ca tutto è sistemato e vuatridivintastiru i proprietari degli immobili e i compropretari della Ditta, non vi potete più tirare indietro. Dovete assumervi le vostre responsabilità e lavorare, se volete vivere agiatamente e fare andare avanti la baracca!

ROSA – E tu?

SALVATORE – Ju mi mettu in pensione e me la spasso. Comincio a viaggiare perconoscere il mondo e per godermi la vita.

NUNZIATINA – Solo?

SALVATORE – Suli non si sta beni mancu in Paradisu! Mi portu…


55


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato

TUTTI – A mia!… A mia!… A mia!…A mia!

SALVATORE   –   Vuatri  vi  putiti  stujari  ‘u  mussu!  Mi  portu…  a    Geraldina!

Geraldina, ci vo’ veniri ccu mia? Ti raddoppio lo stipendio!

GERALDINA – E pirchì no? L’haju sempri disidiratu di viaggiari!

SALVATORE – Benissimo! Dimmi ‘na cosa: quanti anni hai?

GERALDINA – Vinti!

SALVATORE – ‘U viditi? E ci guadagnu macari ‘nto cambiu!

S I P A R I O

Catania, 14 settembre 1988.

Giambattista Spampinato

Via Orto Limoni n° 60 – 95125 – CATANIA

Tel. 095-436657 – Cell. 338.6374574


56


“IL PALAZZO DI VETRO” – 3  atti di Giambattista Spampinato


57

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno