Il paracadute (ovvero, come intrappolare un taccagno)

Stampa questo copione

IL  PARACADUTE

(ovvero, come intrappolare un taccagno)

Commedia brillante in 3 atti di

RENATO FIDONE

Personaggi

Antonio Cirasa/ricco possidente

Mara/sua moglie

Lidia/sua figlia

Trombetta/notaio

Emma/domestica

Mario/figlio di Emma

Michilinu/piccolo brigante

Saro Lentini/operaio

Nitto Pennisi/attore disoccupato

Tommaso Vinciguerra/attore disoccupato

___________________

La  vicenda si svolge nell’immediato dopoguerra in Sicilia

Ogni riferimento a fatti o a persone è puramente casuale e dettato dalla fantasia dell’autore.

Scicli, febbraio 1996  (aggiornata al maggio 2015)

RENATO FIDONE – VIA LIDO 47  97018 -SCICLI (Rg)

0932.937912-333.6016300-fidoner@tiscali.it -  fb 

I Diritti d’Autore della commedia“Il Paracadute, ovvero, come intrappolare un taccagno”di Renato Fidone  sono tutelati dalla SIAE - Si diffida chiunque apporti modifiche all’opera senza l’autorizzazione dell’Autore

ATTO PRIMO

La scena descrive un ambiente dignitoso, molto al di sotto delle possibilità del protagonista, povero di oggetti di valore e di suppellettili vari. La comune è ad arco sul fondo, a sinistra per chi guarda, conduce in cucina, bagno e servizi vari e stanze da letto a destra conduce verso l’entrata. Sulla destra della scena, vi è una finestra abbastanza bassa.  Sempre a sinistra una piccola scrivania con due poltroncine logore, un portacenere, un fermacarte a pugnale ecc.

A destra, vicino al proscenio, un divano e una poltrona logora anch’essa dove siede solitamente Antonio Cirasa. La scena è leggermente illuminata e un filo di fumo di sigaro si alza dal portacenere, mentre Antonio in camicia da notte e una cuffia in testa con i paraorecchi sta armeggiando con una cassetta metallica che ha preso da una cassapanca posta sotto la finestra e che non vuole sentirne di aprirsi….

E’ pallido in viso….Ogni tanto si guarda in giro per controllare se per caso qualcuno lo stesse osservando. Oltre ad essere esageratamente tirchio ha paura delle malattie.

ANTONIO     :   (alla cassetta)  Maledetta…maledetta….! E rapiti!  (si fa male a un dito)  Ahi…ahi…Matri Santa  cchi duluri!  (succhiandosi il dito) Di sicuru ca mi veni ‘u tetanu! Matri Santa e comu fazzu?  (Fa ancora la prova e finalmente si apre con grande gioia di Antonio) Si rapìu…si rapìu…bedda…bedda…ti piaciunu ‘i maneri dolci…tappinara…( lo apre e prende dei biglietti grandissimi da 100 lire e con ingordigia li annusa come fosse un profumo inebriante; dalla sinistra intanto sopraggiunge Emma, la domestica, sulla 50na, avendo cura di non farsi scoprire, osserva la scena per qualche secondo, divertita)  Una bestia quatrupete un giorno disse…(alterandosi la voce) “ Nella vita i soldi non sono tutto…! “ Appoi dici ca morsi sulu comu ‘ncani! Sulu, poviru e pazzu! Bestia, bestia arridiculu e senza prospettivi!   (all’improvviso interviene Emma che spaventa Antonio)

EMMA           :   (con sfrontatezza)  E chi forsi aveva tortu? 

ANTONIO     :   (spaventato)  Bedda Matri, cuè ddocu?

EMMA           :   Iu sugnu, nun vi scantati!

ANTONIO     :   E tu chi ci fai ccà. Spiuna, mi devo guardare da tutti! Ora puru la mia criata osa spiarmi!!

EMMA           :   Cameriera, prego!

ANTONIO     :  (marcando la parola)  Criata!  Cuè tò figghiu Mariu ca ti fa lezioni di politica?  (canzonatorio)

EMMA           :  E chi c’entra ‘a politica. ‘U fascismu finiu, ora semu libbiri di pinsari chiddu ca vulimu e nun ci sunu cchiù servi e patruna ma sulamenti dipendenti e datori di lavoru, mi haiu spiegatu?

ANTONIO     : (masticando nervosamente il sigaro) E brava! Sei una comizianti nata. Ora ‘u sai chi fazzu?

EMMA           :   (con sfottò)  Chi faciti, sintimu?

ANTONIO     :  (con lo stesso tono)  Siccomu ccà ancora ci sunu criati e patruna, ti licenziu a tia  e a tò figghiu Mariu e simu  a postu! Ti piaci?  Accussì ti cerchi ‘ntravagghiu unni patruni nun ci nnè.

EMMA           :   (accattivante, mentre gli massaggia da dietro, le spalle)  E vui fussivu capaci di fari ‘na cosa di chissi?

ANTONIO     :   Nun m’allisciari can un sugnu iattu, tantu nun ci nesci nenti! (Emma continua)  No…no…ti dissi di no…Avaia ca m’attugghiu….Oh….ah…ah….Matri….mi fai moriri….finiscila….(ride a crepapelle) 

EMMA           :   Chi mi licinziati ancora?

ANTONIO     :   Vattinni….vattinni….pezzu di strafalaria.  (Emma uscendo intona….”Avanti popolo alla riscossa bandiera rossa…Antonio le tira una ciabatta che non la colpisce…)  Tappinara. Dunchi,’o nostru. (ricomincia  a contare i soldi)  Deci…vinti…trenta…sittanta…centu…tricentu…cincucentu….( avvicina i soldi all’orecchio sollevando il paraorecchio….dalla destra suona il campanello…entra Emma dalla sinistra per andare ad aprire…) 

EMMA           :   Viriti ca ‘nterra c’è  ‘na carta di centu liri…(poi scappa ad aprire)

ANTONIO     :   (allarmato)  ‘Nterra?  Nun po’ essiri!  ( affannosamente cerca, si alza dalla sedia e si china per cercare, volgendo il fondoschiena verso la comune, assumendo la posizione di preghiera dei musulmani)

EMMA           :   (ritorna seguita dal notaio Trombetta, sordo come una campana, sulla 60/na, allampanato, è amico di famiglia, entrambi guardano stupiti Antonio in quella posizione)  Nutaru, nun ci faciti casu. Arrivatu a ‘st’ura, don Antoniu si rivolgi a Maumettu….(prende il bastone e cappello del notaio, prima di uscire gli manda un bel sorriso e uno sguardo con intenzione, gli fa l’inchino poi via  a sinistra) 

ANTONIO     :   Tappina…..(accorgendosi della presenza del notaio, si rialza a stento..)  Bongiornu nutaru! Ma ‘ngnornu di chisti ‘a licenziu a idda e ‘a so figghiu. Mi ‘nsurta di continuu…! Sugnu o nun sugnu ‘u so’ patruni?

TROMBETTA :   ‘U purtuni?  Certu ca ‘u chiusi…

ANTONIO     :   Ah, già, m’avìa scurdatu. Ccù vui ci vonnu ‘i cannunati! (all’orecchio del notaio, gridando)  ‘Ngnornu di chisti…(il notaio si distrae…)   Si, buonanotti. (prende la scatola e la rimette dentro la cassapancaposta sotto la finestra, a destra della scena, per chi guarda)

TROMBETTA :   (a mò di rimprovero)  Poco fa vi ho visto in quella strana posizione, non vorrei che alla vostra età abbiate tradito la nostra fede  cristiana per quella musulmana? 

ANTONIO     :   Ma quali musulmanu e marocchinu….! Nutaru, che cosa avete capito?  Mi trovavo in quella posizione per un alto motivo….Non dubitate, ca ppì camciari iu, ci nni vonnu sordi can un nn’aviti mancu idea.

TROMBETTA :   Megghiu accussì, anche se ‘nta ‘stu casu nun nn’è qustioni di sordi, ma di fede. Ma siccome voi avete la testa sempre in un punto, vi perdono.

ANTONIO     :   Un punto fermo, nutaru, fermissimo. Assittativi, ca vi fazzu assaggiari ‘na cosa…Appoi mi diciti comu vi pari!  (col campanello chiama Emma che in un attimo si presenta, sorridente verso il notaio…) 

EMMA           :   Cumannati.  ( guardando il notaio che ricambia ) 

ANTONIO     :   (girandole la testa)  Sentimi, a mia ‘a taliari, strafallaria!

EMMA           :  ‘U sacciu…’u sacciu…

ANTONIO     :  Chi sai, bestia, sintemu? 

EMMA           :  Vaiu ‘nta cucina, ci sunu quattru buttigghi ccu qualchi sculatura di vinu, ‘i pigghiu e ‘i sbacantu ‘nta ‘na buttigghia vacanti , ‘a pigghiu e ‘a portu ccà ccu dui bicchieri…(sospirando prima di uscire sulla sinistra quasi in faccia al notaio)

ANTONIO     :  Portini sulu unu ppò nutaru, accussì risparmiamo ca è megghiu! (Emma via a sin.)

TROMBETTA:  Cchi brava e bona giuvini ca è Emma. Mischina, veduva alla sua età, e ppì giunta ccù ‘nfigghiu supra ‘e spaddi!

ANTONIO     :  Nutaru, non esagerate.  Supra ‘o fattu ca è viduva vi dugnu ragiuni, ma ‘i spaddi ca portunu a so figghiu sunnu i mei…a matri e figghiu. Nutaru, iu haiu ‘mparu di spaddi di ‘sta manera….(classico gesto)  Anzi, vistu ca simu ‘nti l’argomentu…viditi chiddu c’aviti a fari…

TROMBETTA:  ‘A mari?

ANTONIO     :  No, ‘nto ciumi!  (all’orecchio del notaio )  A fari….! Capistuvu?  

TROMBETTA:  Ma in che senso? 

ANTONIO     :  Ma comu?  Non vi siete accorto ca quannu ci siti vuoi e comu ‘na speci di iatta….tutta si strica….tutta vi ridi….vi talìa…’somma vi fa ‘i fusi….comu si dici…’i  musi….’i  cusi….

TROMBETTA:  Volete dire le fusa….ma che cosa dite?

ANTONIO     : Esatto…chissi ddocu…Ittavi a panza sutta, comu ‘o pisci palamutu e cu ‘sa visti s’a vistu…e accussì ci guadagnamu tutti e dui….

TROMBETTA:  Ma chi diciti? 

ANTONIO     :  Ma si capisci, vui v’a spusati e iu m’a levu davanti l’occhi e di supra ‘e spaddi, no? 

TROMBETTA:  Ma non ditemi che per voi è un peso?  Non siate cinico finico a questo punto. Il Signore una volta che avrete compiuto il trapasso vi renderà il merito…Non preoccupatevi don Antonio…

ANTONIO     :  Quali trapassu?

TROMBETTA:  A spassu…? 

ANTONIO     :   Si, ccò cani! (all’orecchio del notaio)  Trapasso…trapasso..

TROMBETTA:  Esatto, trapasso! Il momento estremo, il distacco da questa vita terrena….(Antonio  è preoccupato) 

ANTONIO     :  ‘Nsostanza, quannu attrantunu ‘i palitti….

TROMBETTA:  Precisamente, proprio in quel momento, il Signore vi chiama a rapporto  e vi fa una specie di processo…

ANTONIO     :  E a vui quannu vi chiama?

TROMBETTA:  A mia? 

ANTONIO     :  A vui…a vui…

TROMBETTA:  E iu cchi c’entru?  Voi mi avete chiesto che significa trapasso e io ve lo stavo spiegando!

ANTONIO     :  Mi pariti ‘npreti, nutaru!  Basta ccu ‘stu trapassu e parramu di cosi seri…ca mi mintistuvu ‘na malinconia ca m’aggrizzarru tutti ‘i pila..taliati…(gli mostra un braccio)  ‘U sa iddu cchi mi pigghia…mi sentu accussì stranu…(si tocca la fronte)  Malirittu vui e ‘stu trapassatu….prossimu…(dalla sinistra appare Emma con un bicchiere in mano, lo porge al notaio, poi scruta Antonio preoccupata)  Cchi hai di taliari? 

EMMA           :  (allarmata)  Don Antoniu?

ANTONIO     :  (preoccupato)  Chi c’è? 

EMMA           :  (c.s.) Nutaru ? 

TROMBETTA:  (galante)  Sono qui, a vostra completa disposizione….(distratto dalla vicinanza di Emma)

ANTONIO     :  Ma ‘nsumma, cchi c’è…, m’u vuliti diri?  Cchi haiu?

EMMA           :  Maronna mia, siti ggiarnu comu ‘nlinzuolu…!

ANTONIO     :  Ggiarnu…e pirchì? 

EMMA           :  Megghiu di vui, iu cchi nni sacciu?

TROMBETTA:  In effetti siete ceruleo…

ANTONIO     :  Comu sugnu? 

TROMBETTA:  Si, insomma avete un colore cadaverico…color mortis…

ANTONIO     :  Maronna mia, chi mi sta pigghiannu…

EMMA           :  ‘U sapiti cchi faciti? 

ANTONIO     :  Chi fazzu, Emma….aiutimi tu…

EMMA           :  Stirativi longu longo….a panza all’aria, ‘nto divanu….

ANTONIO     :  Tu dici di fari accussì…?  Poi chi dici….mi passa?  Emmuzza mia…

TROMBETTA:  E chi lo sa?

ANTONIO     :  (risentito)  Ma vui chi nni sapiti, uciddazzu del malaugurio…tutta ‘a curpa vostra è..

EMMA           :  Avanti…avanti…forza, stirativi e stativi mutu, ca tuttu scantu è, nni sugnu sicura!

TROMBETTA:  E se chiamassumu ‘o dutturi Cardarella?

EMMA           :  ‘Ssu pezzu di sceccu…

ANTONIO     :  Brava…brava Emmuzza….comu  i capisci…Nun sulu è sceccu, ma quantu sordi mi futissi, megghiu ‘a morti!

EMMA           :  Ora vi fazzu ‘nu bellu passaggiu ‘nta panza! ( mentre massaggia, Emma e il notaio si scambiano occhiate languide, sorrisini, ammiccamenti….)  E dopu ‘u masaggiu ‘nu bellu infusu di marava, scorci d’ova di palumma, ficutu di iaddu, sculu di ficurini natalisi, ossa di nespuli chiappuna…..’na bella cura di surci d campagna beddu rinisciutu….e ogghiu piricò a vuluntà. Il tutto riminato ccu gran forza e vi lu pigghiati sira e matina…

ANTONIO     :  (supplichevole)  Emmuzza, ma nun ci putissutu livari a cura do surci e ci mintemu ‘na bella curidda di porcu…

TROMBETTA:  E non si può…

ANTONO      :  E vui chi nni sapiti?  Voi siete stato la causa di tutto…

EMMA           :  ‘O nutaru ‘sti paroli?

ANTONIO     :  (come un bimbo)  Si…si….iddu mi sbavintau ccu tutta ‘ssa storia di trapassu, estremo saluto…i palitti  (Emma continua  a massaggiare pesantemente)  Pianu…pianu…Emma, mi scurciannu vivu vivu comu ‘ncunigghiu…(supplichevole) Chi dici ca mi passa ccu ‘ssa mistura?

EMMA           :  Sicurisima, mè matri ‘a faceva a me patri sempri….Tuttu scantu è….aviti ‘nu gghiommuru ‘nta ucca di l’arma, di ‘sta manera, una speci di palla! Una palla gghiummarina, va! Matri Santa, impressionanti. Nutaru tuccati!  (il notaio tocca la mano di Emma, avvicinandosi al viso di Emma…poi distrattamente mentre è in estasi…)

TROMBETTA:  E chi sorti di palla?

ANTONIO     :  Ma di quali palla parrati, nutaru?

TROMBETTA:  Ma di chidda ca aviti ‘nta panza, ‘a palla ‘gghiummarina, no?

ANTONIO     :  Basta! ( al pubblico )  A palla gghiummarina…!!! Ma livativi di ccà…..ppi tuccaricci ‘a manu nun sà comu fari….E dimmi ‘na cosa Emma…Tutti ssi cosi ca dicisti ppi fari l’intruglio….il sortilegio và….unni ‘i truvamu…..e poi, quantu costunu? Quantu sordi ci vonnu?

TROMBETTA:  Se permettete, don Antonio, io mi offro di accompagnare donna Emma, haiu l’automibbili cca sutta e per quanto riguarda ‘i sordi…

ANTONIO     :  Grazi, Nutaru, anticipatili vui ca ppoi vi dugnu…

TROMBETTA:  Addiu beddi sordi…

ANTONIO     :  Comu dicistuvu? 

TROMBETTA:  Quali Viscuvu?

ANTONIO     :  Chiddu ‘i Catania! Dissi di fari prestu, ca mi fa piaciri ca ccumpagnati a Emma…

EMMA           :  (risentita)  Devo essere io a dire di si…devo tutelare la mia onorabilità….

TROMBETTA:  Io sono un galantuomo, signora.

ANTONIO     :  (urtato)  E viriti cc’aviti a fari!  Quanti sofosticarii! Onorabilità, sono un galantuomo….devo dire si…devo dire no….Ma se avi deci anni ca aspittati ‘stu mumentu…forza…forza ca staiu murennu!  (i due via dal fondo a destra)  Matri mia chi mi sentu lariu!  E di unni mi vinni ‘stu focu ranni?  (dolorante si piega in avanti, poi guarda una vecchia sveglia che è sulla scrivania…)  Stranu, ‘i figghi di Alfiu ‘u cravunaru stamatima nun s’hannu fattu sentiri…sti figghi di jarrusa…(si affaccia alla finestra e guarda attentamente, poi chiama un ragazzino…)  Michilinu….Michilinu…a tia…a tia vogghiu…acchiana ca t’haiu a dari ‘ncumannu…

VOCE DI M.  :  Nossignura, prima ‘i sordi….a vui vi canusciu….

ANTONIO     :  Ti dugnu, Michilinu…ti dissi ca ti dugnu….acchiana…

VOCE DI M.  :  Quantu mi dati? 

ca ti dicu. Vidi ca sunu assai?ANTONIO          :  Deci liri se fai chiddu

VOCE DI M.  :  Cinqu liri ‘i vogghiu subbitu e l’autri cinqu appena vi fazzu ‘u piaciri. Prendere o lasciare!   

ANTONIO     :  (mordendosi le mani)  ‘Nfami e latru!  Va beni…va beni…aspetta ddocu…( apre il cassetto della scrivania e prende 5 lire e gliele butta..)  Acchiana. (fra se) ‘Stu misi m’a futtutu 50 liri. E’ cchiù birbanti di sò patri, bonarma!  (dalla comune entra Michelino, sui 10 anni, mingherlino, pantaloni corti, scarpe più grandi di due misure con i lacci slacciati, cappello sulle 23…, è il terrore dei negozianti, ogni tanto tira su col naso…) 

MICHILINU   :  Ccà sugnu, cumannati!

ANTONIO     :  Bravu, Michilinu! Hai siti? 

MICHILINU   :  (schioccando la lingua tra i denti)  Nossignura!

ANTONIO     :  Hai fami?

MICHILINU   :  (c.s.)  Nossignura! 

ANTONIO     :  E comu mai?

MICHILINU   :  Tantu vui semprri pani duru ccà muffa mi dati!

ANTONIO     :  Ma bagnatu ‘nta l’acqua arritorna….E poi ‘u pani è grazia di Diu, nun si etta…eh…eh….Michilinu…

MICHILINU   :   E manciativillu vui! (senza scomporsi)

ANTONIO     :  (non sapendo che dire)  Già!!!

MICHILINU   :  Don Antoniu, spicciativi ca haiu cchi fari…

ANTONIO     :  Dimmi ‘na cosa, Michilinu! Stamatina ‘i figghi di Alfiu ‘u cravunaru s’hannu fattu sentiri, chi sai qualcosa? Dico…se ppi casu sunnu malati….iddi e so patri, se hanno avuto qualche disgrazia…

MICHILINU   :  E iu chi nni sacciu? ‘I sordi….v’u scurdastuvu…? (Antonio a malincuore gli da le 5 lire,  dalla finestra proviene la voce di alcuni bambini che cantano una filastrocca..che Antonio conosce bene…

                        “Malirittu Antoniu Cirasa

                        ‘u patruni d’a nostra casa

                        Avi li corna comu ‘i lampiuna

                        Comu ci l’hannu tutti ‘i patruna”    (due volte)

ANTONIO     :  (affacciandosi alla finestra, agitatissimo, tira loro una ciabatta, mentre Michilinu si sbellica dalle risate….) Vi vitti…vi vitti…cosi fitusi…figghi di….Cornuti….Nun mi ponnu vidiri…Diciticcillu a ssù curnutu di vostru patri…gli aumento l’affitto di 100 lire al mese…e ogni vota ca passati ccù stu ritornellu…autri 100 liri…in più ‘o misi…accussì ridimu tutti….Ah, comu haiu a ridiri….Carogne. (poi si  gira e vede Michilinu…) E tu cchi fai, ridi? 

MICHILINU   :  Quannu mai? 

ANTONIO     :  L’autri 5 liri chiffa ti vuoi guadagnari? 

MICHILINU   :  E cc’haiu a fari?  (Antonio lo tira a se e gli mostra qualcosa alla finiestra)

ANTONIO     :  ‘U vidi ‘u negoziu di Alfiu ‘u cravunaru, dda sutta?  (Michilinu annuisce)  ‘U vidi chi sta sistimannu ‘nta banchitta?  (Michilinu c.s.) Supra ‘a banchitta chi ci sta mintennu? 

MICHILINU   :  Mi parunu luma  a pitroliu…

ANTONIO     :  Bravu…tu si bravu…birbanti…sunu esattamenti luma a pitroliu. 50 luma a pitroliu! Tu ‘u sai chi cosa ‘a fari? 

MICHILINU   :  No! 

ANTONIO     :  Vai dda sutta ‘nto magazzinu e ci dici a don Pietru ‘u sciancatu di dariti a bicicletta nivara…chiadda senza frena….Ti fai ‘nu bellu giru…finu ‘a cchianata da chiesa ‘a Matrici…a vidi… dda supra…(la indica al ragazzo della finestra)  Appoi appena pigghi velocità…..e si arrivatu ‘nfacci ‘o negoziu di Alfiu ‘u cravunaru….fai finta di sbandari e ti vai a ‘ncuppulari supra ‘e luma….Li devi distruggere tutti…mancu unu ‘nna ristari sanu…tutti..( e mentre gode nel descrivere la scena) 

MICHILINU   :  E iddu distruggi a mia! 

ANTONIO     :  Nenti ti fa, bestia. Ci dici ca erutu senza frena…!

MICHILINU   :  Troppu pericoloso è. Ci vonnu 10 liri subbitu e in contanti!

ANTONIO     :  (volendogli dare un calcio nel sedere, Michilinu si sposta e Antonio sta per cadere)  Pezzu di Cainu! E se se nun t’i vulissi dari? 

MICHILINU   :  Ci cuntu tuttu a don Alfiu e vi fazzu ‘ttaccari.

ANTONIO     : ( su tutte le furie) ‘A bestia sugnu iu ca m’antrigu ccu tia!  E va beni, ormai sugnu ‘nto ballu e haiu a ballari. ( va alla scrivania e prende dei soldi) Fai chiddu ca a fari ca ppoi t’i dugnu.

MICHILINU   :  Nun po’ essiri. ‘I sordi ‘i vogghiu prima, ora e subitu, a vui vi canusciu!

ANTONIO     :  Assassinu e delinquenti e puru mariuolu…Ma nun nn’hai pietà di ‘stu vecchiu poviru e malatu…’u cori, duluri di panza in sechitanza…no? 

MICHILINU   :  No!!!

ANTONIO     :  E va beni, tè! (mentre il ragazzo sta per andare)  Ah, Michilinu, m’aveva scurdatu. Se t’addummannunu di cu era ‘a bicicletta, ci dici ca ‘a rrubasti a don Petru….mi raccumannu, nun ci fari troppu dannu!

MICHILINU   :  ‘Nte luma?

ANTONIO     :  ‘Nta bicicletta, bestia!  Va e fai chiddu c’a fari, vidi ca iu ti talìu di ccà…Curra…(Michilinu via dal fondo a destra, mentre Antonio è assorto a guardare dalla finestra…poi fra se ) Accussì s’impara a sfuttirimi tutti ‘i jorna, tintu cravunaru…! Ora puru ‘i luma si misi a vinniri, bestia e sarvaggiu. (guardando attentamente col binocolo)  E comu ‘i sistema…unu ppi unu…varda…varda…varda…ci controlla puru ‘u meccu…ora t’u dugnu iu ‘nu bellu meccu….beccu ca si!  Ti fazzu vidiri di cosa sugnu capaci iu!  ( va alla scrivania e accende un pezzo di sigaro che ha avuto sempre in bocca spento, poi ritorna alla finestra…)  E Michilinu quannu veni?  Vuoi vidiri ca mi futtìu ‘i sordi? Chiddu capaci è.  Ddà è…ddà è….partìu…maronna quantu curra…ahù pari Coppi…matri si sfacela…s’ammazza…( si copre il viso col braccio, poi si ode un rumore di vetri rotti…Antonio dalla gioia incomincia  a saltellare goffamente ) Matri mia, tutti cosi ci rumpìu, puru ‘a vitrata ci ruppi…chi bellezza, e iddu mancu ‘nu llanzuni…quant’è birbanti…!!! (toccandosi la pancia)  Maronna chi duluri ca mi sta vinennu…(contorcendosi, via  sinistra dal fondo, dalla destra appare Lidia, sua figlia che alla finestra fa il segno di salire al figlio di Emma, va al fondo scompare un attimo e poi ritorna seguita da Mario…) 

LIDIA              :  ( si abbracciano teneramente) Mariu, finiscila, po’ veniri mè patri, sarà dda banna di sicuru…

MARIU          :  Nun m’interessa, Lidia, mi po’ macari ammazzari, ma nun ti lassu!

LIDIA              :  Nun mi lassi…nun  mi lassi…Ma ‘u vuoi capiri ca di quannu ti mintisti ‘nta politica mè patri nun ti po’ vidiri mancu scritu ‘nto muru…’U sai chi dici?

MARIU          :  Sintimu chi dici!

LIDIA              :  Che sobilli gli uomini, gli operai! Che gli metti zizzanie. Con i tutoi discorsi di straordinario, ferie, sciopero, tredicesima…E certu ca chiddu si siddìa…(cambiando tono…triste…) E se ti licenzia, quannu ‘ni videmu? Mai!

MARIU          :  E tu ci duni ragiuni?  Ma ‘u sai tò patri comu tratta l’operai? ‘U vuoi sapiri?  (Lidia ha la testa abbassata) Te lo dico io. Come le bestie. Si, come le bestie! Nun ci sunnu festivi, riposi…’na paia di quattru sordi. E se qualcunu cadi malatu, ha spirari d’aviri ‘a forza di stari ‘a dritta e fari finta di nenti…Chistu è tò patri!!

LIDIA              :  E chistu ‘u dici tu ca si ‘u capu?  Tu forsi t’a passi mali?  Ti poi lamintari di mè patri?  Tu e tò matri! Ppì quantu riguarda l’autri operai, se nun ci avissi statu mè patri, avissunu fattu ‘a fami! (dolcemente verso Mario)  Mariu, ‘u sacciu ca mè patri nun nn’è ‘nsantu, ma è sempri mè patri. Certi voti mi veni ‘a fantasia di scappari, iramminni di ‘sta casa e poi pensu a tia….’U sacciu quant’è prucchiusu, tuti ‘i fissazioni ca avi, ma nun nn’è cattivu… ( nel frattempo era entrata Mara, con la borsa della spesa…)

MARA            :  E inveci ti sbagghi, Lidia!  Tò patri è cattivo, perverso, pezzente, malvagio….( entra dalla sinistra contento come una Pasqua entra Antonio, vestito per uscire) 

ANTONIO     :  Oh…oh…oh…tutti ccà!  C’aviti riunioni generali ?  E tu, mugghiricchia mia, cu ccù ci l’hai….cuè chissà ca è cattivo, malvaggio, pizzenti? (accarezzando la moglie ma questa lo scaccia) Cu fu ‘a picciridda ca ‘a fici siddiari…?

MARA            :  Leviti di ccà, mostro! 

ANTONIO     :  Iu mostru?  E cc’haiu fattu ppì essiri un mostru?Haiu ‘mmazzatu a qualcunu?  Mi manciu ‘i picciriddi?  (ironico) E tò figghia Lidia, cosa pensa di so patri!  Chi sugnu un mostru puru ppì tia? 

LIDIA              :  (imbarazzata)  Papà….

MARA            :  senza ca ti nni veni ccù ‘stu spiritu di patati!  A Alfiu ‘u cravunaru, chi cci cumminasti….?

ANTONIO     :  Iu? E cu’ ‘u canusci a ssù rigattieri ‘i quattru sordi! E poi sunu argomenti can un vogghiu fari in presenza dei miei dipendenti, speci se sunu comu a iddu, un  capopopolo. (indicando Mario)

MARIO          :  Iu pozzu livari subitu ‘u ‘ncomutu e, anzi, se pirmittiti vi vorrei pregare di concedermi cinqu minuti pirchì v’haiu a parrari…

ANTONIO     :  Quannu sugnu a comutu t’u fazzu sapiri…(duramente)  Chiuttostu vai a controllari l’operai ‘a Marina, poi vidi se ‘rrivau ‘a machina ppò frummentu e poi porti ‘u tratturi ‘nto meccanicu…Curri, ca nun ti paiu ppì parrarimi….ti paiu ppì travagghiari…(ironico) Mi voli parrari…Uh!!

MARIO          :  (a malincuore sta per andare, poi…)  E quannu vi pozzu parrari?

ANTONIO     :  Ancora!! (urtato) Ti dissi quannu sugnu a comutu!

LIDIA              :  Vaiu ‘nto parrucu ppì cunfissarimi. (sgraziata, poi assieme a Mario escono dal fondo a destra)

ANTONIO     :  ‘A vidisti a tò figghia?  O forsi forsi ci fai ‘i cummogghi puru tu? Vidi ca ‘a chissà t’u e idda v’u putiti livari d’a testa…Ssù picciottu nun mi piaci e a mè figghia nun ci ‘a dugnu, né ora e né mai, puntu!!

MARA            :  Lassa perdiri ‘a picciridda, appoi nni parramu. Chiuttostu parramu di tia!

ANTONIO     :  Di mia?  E chi cosa vuoi parrari di mia, sintemu?

MARA            :  Di tanti cosi. Per esempiu di Alfiu ‘u cravunaru, di chiddu ca cumminasti ccu Michilinu Pulicicchiu, e a Marianu Spata, ca cci mannasti l’ufficilai giudiziariu, ccu ‘na mugghieri e quattru figghi…Ma nun ti vergogni, chi cori hai?

ANTONIO     :  E brava! Haiu ‘na casa china di serpenti, autru ca parenti…alla larga dai parenti!  (aggressivo)  Ma cchi nni sai tu de fatti miei, di chiddu ca mi fannu cummattiri…di cosa devo escogitare ppi nun mifari rubari macari ‘i pili….(convincente)  Ma ‘u capisci ca se nun rapu l’occhi, ‘nto giru di ‘nmisi ristamu comu ‘a chiddu …ccu ‘na manu davanti e l’autra dietru….’U vuoi capiri, si o no?

MARA            :  (inflessibile)  Megghiu poviri  e no  comu semu ora? 

ANTONIO     :  E comu semu ora, parra!

MARA            :  Facimu ‘na vita di pezzenti, eccu chiddu ca semu. Sugnu stanca di fari certi figuri, di mintiri macari ‘u peri fora da porta…

ANTONIO     :  Mischina…continua…

MARA            :  ‘U vuoi sapiri comu ti chiamunu? (incomincia un dialogo molto serrato, come due galletti, che per poco non se le suonano)

ANTONIO     :  Cui? 

MARA            :  ‘A genti! 

ANTONIO     :  Quali genti? Quei quattru don sucasimula, debosciati, scansafatichi mafanienti?

MARA            :  Si, propriu chissi ca chiami accussì, e ca si rumpunu ‘i rini ppi tia..

ANTONIO     :  E ca iu fazzu manciari…

MARA            :  Favi….

ANTONIO     :  Contengono ferro…

MARA            :  E ‘i pai ccù quattru sordi…

ANTONIO     :  Comunista….

MARA            :  Facchinu…rinnuvatu tintu…

ANTONIO     :  Baronissa stocchimi in tre…

MARA            :  Sarvaggiu…

ANTONIO     :  Arridicola…

MARA            :  Strozzino

ANTONIO     :  Majara…

MARA            :  Nun mi chiamari majara…

ANTONIO     :  T’haiu a chiamari ….tesoru?

MARA            :  Nun mi chiamari ca è megghiu!

ANTONIO     :  Comunchi ti vogghiu dari un avvertimento per il futuro!  Ti ordino di non intrigariti ‘nta l’affari miei! Iu ‘u sacciu comu haiu a fari e nun vogghiu cunsigghi di nuddu, speci di tia…(fa per uscire, poi girandosi…)  Staiu ennu ‘a farmacia, dici ca oggi arriva ‘u Sali ‘Nglisi, accussì ni dugnu ‘na stuppata, ca avi 15 jorna can un nni voli sentiri….

MARA            :  (cattiva)  Picca sunnu!

ANTONIO     :  Forsi si nun ti vidissi ppi ‘na para di jorna mi sbloccassi…Taliannu ‘a tò facci mi bloccu, chi ci pozzu fari…

MARA            :  E iu ppi chissà nun mi nni vaiu!

ANTONIO     :   Se veni ‘u nutaru fallu aspittari, addiu bella zammaratana…!

MARA            : Sparìti!!  (Antonio via dal  fondo, Mara si avvicina alla cassapanca sotto la finestra e la apre, prende il piccolo forziere e cerca di aprirlo, poi ode delle voci e lo ripone dentro la cassapanca; entrano il notaio ed Emma che ha in mano una boccia di vetro con del liquido dentro, il notaio sempre galante, le cede il passo)

TROMBETTA: Prima le belle donne. (si accorge di Mara)  Domma Mara carissima.

MARA            :  (visibilmente abbattuta)  Buongiornu, nutaru!

TROMBETTA:  Donna Mara, cc’aviti? Mi sembrate giù di corda?

MARA            :  ‘Na bella corda ‘a vulissi ppi ffucarimi…

EMMA           :  Cci vi cumminau ‘sta vota?

MARA            :  ‘A mia nenti, ppi furtuna, tantu ci sugnu abituata!  Mi lassau 50 liri ppi fari ‘a spisa…Dicitimi vuatri cchi spisa putissi fari ccu 50 liri…

EMMA           :  Ma pirchì nun ci mannau a mia?

MARA            :  Ci pari ca tu si misa d’accordu ccò putiaru!  Ma chistu nun nn’è nenti. ‘U sapiti chi cumminau ‘u pazzu? Ci detti 15 liri a Michilinu Pulicicchiu dicennici  ca cca bicicletta di don Petru ‘u sciancatu, s’avissi dovutu abbiari supra ‘a banchitta cche luma di Alfiu ‘u cravunaru…

TROMBETTA:  ….cche puma…?

EMMA           :  (all’orecchio) …..luma…luma.., nutaru!

TROMBETTA:  ‘A propositu di luma, appoi vi nni cuntu una…continuati…donna Mara…

MARA            :  ‘Nzumma, a ddu poviri cristianu ci distrugg’u tutti ‘i luma nuovi di zecca. E nun nn’ha finutu!  ‘A Marianu Spata, ‘u figghiu di don Angilu ‘u sinsali, un suo dipendente, ci mannau l’ufficiali giudiziariu, mischinu, ccù ‘na muggheri e 4 figghi…(piangendo)

EMMA           :  (consolandola)  Dai, signura Mara, nun v’a pigghiati…

MARA            :  E ora ‘u sapiti chi voli fari?  Voli licinziari a tò figghiu Mariu!

EMMA           :  (senza scomporsi)  Ma quali! E’ tuttu bau bau…, nun licenzia a nuddu..E’ veru nutaru?

TROMBETTA:  Veramente, a dire la verità, in questi ultimi mi sembra peggiorato…E’ di una tirchieria impressionante…ma non solo tirchieria, anche ingordigia, sete di ricchezza…e tutto ciò lo ha reso cinico e spregiudicato al punto di commettere qualche illegalità…

MARA            :  (preoccupata)  E quali? 

TROMBETTA:  Io vi confesso il segreto, però mi raccomando, acqua in bocca! Allora….voi sapete che in paese una ditta ha fatto il sopralluogo per ripristinare l’impianto elettrico pubblico…vi siete mai chiesti perch da sei mesi il fili della luce arrivano fino a questa casa e nel resto della città mano se ne parla?

MARA  E EMMA:  NO!!

TROMBETTA:  Semplice. Donna Mara, vostro marito deve vendersi 1.000 lumi e  10 fusti di petrolio da 200 litri  ciascuno…E se la luce arriva in tutte le case, quando li venderà? Mai!!

MARA            :  E comu sapeva ca ‘a luci si firmava ‘nta ‘sta casa? 

TROMBETTA:  Ha corrotto l’ingegnere della ditta…il quale ha sostenuto che i soldi dell’appalto non bastano per continuare i lavori fino in paese…facile, no? 

MARA            :  Ma è un pazzo pericoloso! Ma ccà c’è di finiri tutti in galera? 

TROMBETTA: ‘A Matera?

MARA            :  Si, ‘a Milanu!  Haiu dittu galera…finemu tutti ‘ngalera (all’orecchio del notaio)!

TROMBETTA: Ah, in galera? E noi che c’entriamo…. Dobbiamo farlo per lui, in fondo dobbiamo capire che è malato….non è una persona normale, donna Mara? (Mara è con la testa bassa) Dobbiamo  cercare di farlo ragionare, dobbiamo studiare un piano…qualcosa…( si ode dal fondo a destra il portone che viene rinchiuso e dei passi…Appare Antonio co un pacchetto in mano, è raggiante)

ANTONIO     :  (entrando come un fulmine)  Ah, nutaru…v’haiu a cuntari chiasta ca è bella!  Vaiu ‘nta ‘ssa cosa fitusa do farmacista…ca ‘ngornu di chisti au manciunu ‘i vermi, tantu è prucchiusu….ppi ‘ccattarimi ‘u Sali ‘nglisi. Ppi mia vui ‘u sapiti è un toccasana e costa puru pocu, grazie  a Diu! Ebbeni, ‘ssù ‘nfami cchi cosa mi duna? 

TROMBETTA:  All’una?

ANTONIO     :  ‘Nca quali, nutaru….chi cosa mi duna?

TROMBETTA:  ‘Ah, chi cosa vi duna…  ‘U Sali ‘nglisi?

ANTONIO     :  Bella chista, chi mi putissi dari?  Nutaru. Chiddu francisi? Giustamenti mi detti ‘u Sali ‘nglisi!

TROMBETTA:  Ma allura pirchì ‘u vuliti sapiri di mia?

ANTONIO     :  Iu ‘u vuleva sapiri di vui?

TROMBETTA:  Testimini ‘i fimmini! Voi mi avete detto “E chi cosa mi duna?”   E io vi ho risposto “ ‘U Sali ‘nglisi”

ANTONIO     :  Ma voi non dovevate rispondermi…perché non era una domanda…

TROMBETTA:  (alterato)  Chi mi comanda?

ANTONIO     :  Ma quali comanda…quà non comanda nessuno…avete capito?  Non era una domanda!  Era…come dite sempre voi…una…inter…intercalata…ecco, si, una intercalata…’Nsostanza, Nutaru, vui aviti il dono di natura di farimi nesciri ‘i sintimenti…ma pirchì siti accussì!  Lassamu peridi!  Mi duna ‘stu binirittu Sali ‘nglisi fattu a catania, cosi di l’autru munnu! Allura iu ci dissi “ Se ìu Sali si chiama ‘nglisi, deve essiri fattu almenu ‘a Londra, annunca ‘u putissimu chiamari ‘u Sali d’a Playa di Catania? M’haiu spiegatu?  (il notaio annuisce senza convinzione) Insomma, iu ci dissi ‘o farmacista ca niuru ccu niuru nun tingi e che era una truffa bella e buona e un’appropriazione indebita e quindi perciò il prezzo andava diminuito almeno del 50%! Nutaru, mancu pipitau! Si pigghiò ‘i picciuli e mi dissi ca un nn’era giustu. Iu subitamente ci rispusi… e chi m’a tineva?  “Caro signor Sbiziali, ci dico pure un’altra cosa, ca se non funziona, ossia se non mi stuppo, vi denunzio ai danni del consumatore. E ora scusatimi, ca ccò sulu parrarini  si stanu smuvennu tutti l’apparati superiori e inferiori!  (di corsa sul fondo a sinistra scompare di corsa tenendosi la pancia..Emma gli porge la boccia che aveva portato…)

EMMA           :  Tutta ‘nta ‘nciatu, don Antonio! (Antonio la prende)

TROMBETTA:  (sono tutti sgomenti) Ma è proprio un pazzo. Povera donna Mara!

MARA            :  (sconfortata) Ma cc’haiu a fari?

EMMA           :  Iu avissi una bella idea…

TROMBETTA:  E io pure….

MARA            :  Parrati!  (tutti e tre sul divano  mimano una accesa discussione, poi si ode lo scroscio della cassetta del bagno e un grido di sollievo di Antonio “Ahhhhhhhhh”, i tre si fermano di botto e cosi pure le luci che stavano scemando, poi ricominciano a parlottare e le luci scemano del tutto al suono di un trombone…)

                                               FINE DEL PRIMO ATTO

                                               ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto, è trascorsa una settimana.

La scena è vuota, la luce è fioca. Dopo un attimo dall’apertura del sipario, con una carpetta in mano, entra dal fondo Mario. E’ molto nervoso , si siede e comincia a sfogliare delle carte contenute nella carpetta. Dopo qualche attimo dalla sinistra entra Mara.

MARA            :  Buongiorno Mariu!

MARIO          :  Bongiornu, signura, truvai apertu e ‘cchianai!

MARA            :  Bonu facisti. ‘A parrari ccu iddu?

MARIO          :  Iu veramenti vulissi parrari ccu tutti, ma se nun parru ccu iddi è inutili ca parru ccu vui…

MARA            :  Mariuzzu, iu ‘u sacciu chiddu ca m’a diri e sugnu cuntenta ca vuoi beni a Lidia, ma tutti ‘nsiemi ci dobbiamo sforzare di trovare una soluzione per convincere mio marito. Quindi ti cunsigghiu di stare calmo e di avere pazienza.

MARIO          :  Signura, avi cinq’anni ca haiu pacienza…di quannu accuminciai a travagghiari ppì  iddu e se cuntassi ‘i colliri ca m’a fattu pigghiari..megghiu canun  nni parramu!

MARA            :  Bravu!

MARIO          :  Ma chista v’haiu ‘a diri! ‘U sapiti cchi cosa ‘ccattau?

MARA            :  Milli luma e deci fusti di pitroliu!

MARIO          :  (meravigliato)  E comu ‘u sapiti? 

MARA            :  ‘U sacciu e basta!

MARIO          :  Ma vi pari ‘na cosa ca po’ gghiri?  A giorni finalmente avremo la luce elettrica e iddu spenni tutti ‘sti sordi ppè luma e ppò pitroliu?

MARA            :  E ‘a tia cu t’u dissi ca arriva ‘a luci? 

MARIO          :  Ma pirchì, ‘nta ‘sta casa cc’avemu? 

MARA            :  ‘Nta ‘sta casa! ‘Nto restu do paisi scuru è scuru arresta. Ma poi dicu, a tia chi cosa t’interessa? ‘I sordi nun sunu ‘i suoi? Macari a Diu fallissi!

MARIO          :  Certu ca sunu ‘i suoi, ma siccumu iu fazzu ‘u contabili, qualchi parola ‘a pozzu spenniri puru iu, o no?   (Mara annuisce)  Ma vui comu ‘i sapiti tutti ‘sti cosi, donna Mara?  (dalla sinistra entra Lidia)

LIDIA              :  Tu ccà?

MARIO          :  T’u scurdasti ca tò patri è il mio datori di lavoro?  Anzi, unnè?

LIDIA              :  E unni putissi essiri?  ‘O bagnu!  Ci ‘ccumincia di matina prestu a fari viaggi, s’a pigghiatu quasi tuttu ‘u paccu ‘i Sali ‘nglisi…Ma tu chi ci ‘a  diri? 

MARIO          :  Nenti, cosi di travagghiu. Ni chiamau a mia e a Saru Lentini ca sta vinennu…

LIDIA              :  Mi raccumannu, Mariu, nun fari ‘o solitu. Nun gh’isari  ‘a vuci! ‘Nta ‘sti jorna è troppu alteratu, ‘stu fattu d’a diarrea ‘u fici ‘mbestialiri…

MARIO          :  E iu cchi ci pozzu fari?

MARA            :  ‘A curpa è di tuttu ‘u Sali ‘nglisi ca s’a pigghiatu, chili interi! Beni ci sta! S’impara! 

LIDIA              :  Ma chi dici? Se nun si blocca ‘a diarrea….

MARA            :  A chissu nenti ci capita. ‘A diarrea nenti nnè. Anzi sarà cuntentu can un spessa ‘na lira ppi manciari. (dalla sinistra entra Antonio con una camera d’aria in mano, in camicia da notte, con la solita cuffia da notte, pallido in viso, cammica con le gambe divaricate e il busto in avanti, a piccoli passi, lo sorregge Emma, divertita…)

EMMA           :  (con finta commiserazione)  Mischinu don Antoniu, avi du’ uri ca è assittatu ‘nto cessu, si ‘bbrancau tuttu! (Antonio prende la camera d’aria e la da a Emma per sistemarla….)

ANTONIO     :   Emma, la devi sistemare con la valvola in basso….se ìa minti ‘cca valvola in alto, capita ca mi trasi…’nto……’nto….tu ‘u sai và…iu ca haiu ‘u focu addumatu…ca pari ‘u vulcanu di l’Etna, mi cunsumu paru…paru….Ah, Matri Santa, ci vonnu i pomperi….di Viggiù…di Quaggiù….’nsonna stai attenta…Emmuzza, ca poi ti fazzu ‘nu bellu regalu… (Emma la posa con attenzione in una poltrona vicino al divanetto…si siede  dolorante, poi come una sentenza…)  Qualcunu voli la mia morti, ma iu ‘stu saziu nun ci ‘u dugnu! (rivolto a Mara)  Ni capemmu?

MARA            :  ‘A propositu….

ANTONIO     :  …d’a mè morti?

MARA            :  Avi ‘na simana ca ‘nta ‘sta casa nun si mancia autru ca risu scottu e carosi!  Simu tutti ‘tuppati ppì curpa tua. Ti vuoi decidiri di dari ‘i sordi a Emma ppi fari a spisa?  Nuatri nun simu malati, nuatri!  Se ‘a fari ‘sta pinitenza, falla, ma sulu tu! 

ANTONIO     :  ‘U sapiti quantu abbiamo risparmiato questa settimana?  750 lire tunni tunni! E poi non dimenticate che la carota fa bene alla vista, alla memoria…alla…

MARA            :  (violenta)  Spariti! (via a sinistra) 

ANTONIO     :  Crepa!!

EMMA           :  ‘U nutaru mi dissi ca veni versu l’unnici pirchì vi deve presentare delle persone per degli affari..

ANTONIO     :  Se sugnu ancora vivu…’u spettu…

EMMA           :  Oggi cchi ccattu, caroti e risu? 

ANTONIO     :  No…no…oggi canciamu…visto l’ammutinamento della signora Mara….oggi risu e caroti…(rivolgendosi verso il fondo, con forza) Va, curri, prima ca finisciunu ‘i caroti e poi ci aumenta ‘i prezza, ssu carogna e usuraiu…latru di baghidad…!  (Emma via dal fondo a destra)

LIDIA              :  Chiffà ti chiamu ‘o dutturi Risina?

ANTONIO     :  Ppi carità, Lidia!  Megghiu ‘a morti. Chissu prima mi fa moriri e poi mi spogghia vivu vivu…Quali dutturi….ora mi passa!  Va…va…figghia mia e nun ti preoccupari, ca iu ‘a peddi dura ci l’haiu….

LIDIA              :  …e puru ‘a testa!  (via sul fondo a sinistra) 

ANTONIO     :   Dunchi, a nuatri!  (a Mario che si era distratto guardando Lidia) Ccu tia ci l’haiu…beddu spicchiu e nun taliari unni t’apporta!   Saru unnè? ‘I lumi arrivaru? 

MARIO          :  Si, tutti milli! E puru ‘i fusti ccò pitroliu. Ci ci detti 110 milaliri e vi confessu ca mi parsunu sordi rubati…

ANTONIO     :  Tu fai chiddu ca ti dicu iu e basta!  (dal fondo arriva Saro Lentini, balbetta vistosamente ed ha una gamba più corta dell’altra, con le mani sorregge un pacco di cartone)

SARO             :  Ba-ba….ba-ba….baciamo le mani, don Antonio, uni i mi-mi…unni i mi-mi…

ANTONIO     :  (urtato)  Cuè mimì….mintili ‘nterra e pianu pianu….mi raccumannu, pianu….Ma iu dicu santu cristianu….non ti sei renduto conto del rischio che hai corruto portandoli tu di persona…

SARO             :  E cu-cu….e cu-cu….

ANTONIO     :  Lassa perdiri ‘u cucù…Quannu camini pari ‘na paranza, sei…sei…squilibrato….non hai equilibro….tu certi servizi gragili non devi farli…, ‘a caputu?

SARO             :  E’…è….ppi via d’o peri…’a scheggia ci curpa…

ANTONIO     :  ‘Nta testa ti doveva colpire, tantu chi nni fai? Inveci unni ti colpisci?  ‘Nto peri! Accussi mi trovu ‘noperaiu, senza testa e ccu ‘nsulu peri…Quantu sugnu sfurtunatu!!!  Mah, rapa ‘u paccu con delicazzitudini, pigghini unu…pianu pianu…disgraziatu, ca mi costa 100 liri!  ( Saro glielo porge, mentre Mario osserva la scena disinteressato, Antonio alza in alto il lume lo mette sotto la luce della lampadina e lo osserva con grande attenzione…poi grida…)  ‘U sapìa, è ‘mmaccatu….ccà e ccà…! Curnutu, mi futtìu..!

MARIO          :  Ma ci nni sunnu ancora 999…

ANTONIO     :  E se sunnu ‘mmaccati comu a chistu? 

MARIO          :  Ma nun po essiri, don Antonio…

ANTONIO     :  E chi nni sai? Bisogna controllarli tutti, unu ad unu…chiamati a Petru ‘u sciancatu…a Ninu ‘u mugnu….tutti uomini validi….(correggendosi)  Haiu tutti ‘i mutilati ‘i guerra…paru l’opira nazionali reduci e combattenti…schifu….comunchi s’annu ‘a cuntari e basta…

MARIO          : E se ‘nto frattempo veni ‘a luci?

ANTONIO     :  (contrariato)  Quali luci? 

MARIO          :  Chidda elettrica, no?

ANTONIO     :  Nun po’ essiri!  (categorico)

SARO             :  Bella fu-fu…bella fussi…

ANTONIO     :  (minaccioso) Chi cosa fussi bella…scimunitu?

SARO             :  ‘Nca ‘a lu-lu…..’a luci, no? 

ANTONIO     :  Ti dissi ca nun po’ essiri!

MARIO          :  ( arrogante) E pirchì nun po’ essiri? ‘U paisi ci l’ha ‘u dirittu d’aviri ‘a luci…

ANTONIO     :  (sbeffeggiandolo) …’U dirittu d’aviri ‘a luci…(cambiando tono, severo) E iu ‘i luma a cui ‘i vinnu, scienziatu e bestia?

MARIO          :  (c.s.)  Ma chi mi nni futtu iu a cui vinniti ‘i luma…L’importanti ca ‘u paisi avi ‘a luci…!!  (Saro gli tira la giacca per cercare di calmarlo)  Saru, lassimi, ca maiu ‘a sfucari, finalmente!

ANTONIO     :  Forza, sfochiti, accussì nun ti dugnu mancu ‘na lira e ti licenziu…accussì ti levi davanti l’occhi mei!

MARIO          :  E va beni, nun mi paiati!  A mia cchè sordi nun mi ‘ccattati. Anzi, ‘nta storia d’a luci ci vogghiu vidiri chiaru, pirchì ci sentu puzza di ‘mbrogghiu!  Vaiu ccù prescia ‘a Cammira ‘o Lavoru e…

ANTONIO     :  (facendo finta di tirargli la camera d’aria)  E iu ti mannu ‘a cammira mortuaria, pezzu di ‘nfami e sbirru! Tè, pigghiti chista!  (Mario con la mano blocca la camera d’aria e con l’altra dopo aver preso il fermacarte dalla scrivania, vibra un colpo volento sulla camera…provocando un botto….) Sdisonestu. Piccatu, era nova nova…30 liri pigghiati e gghittati…!  (Mario e Saro via di corsa dal fondo a destra; Antonio è esausto, si accascia sulla poltrona…poi si alza e si affaccia alla finestra e osserva..)  Alfiu, canciau articulu, ‘u beccu….’u capìu finalmente…armali di gebbia…Sparti ci misi un cartellu pubblicitariu…prende il binocolo e guardaattentamente…)  Vidimu chi dici “  Materiale elettrico – fili -  lampadine – interruttori di porcellana – ecc. ecc. (grossa risata) Chi bestia senza prospettivi…(poi si contorce dal dolore…)  Matri…matri…n’autra vota…( si ode il coro dei bambini e la musichetta in sottofondo…) 

                        Malirittu Antoniu Cirasa…… (due volte)

                        Ecc. ecc. 

                        Due strofe come prima

                        I delinquenti s’arricugghierru….(si affaccia e verso i bambini)  Aspittati, vastasunazzi….delinquenti…curnuti…e vostru patri è ‘u re de curnuti…..e vostra matri è….lassamu stari…avanti avanti….continuati…(apre la panca, prende una fionda e tende gli elastici come se ci fosse una pietra…poi tira…subito dopo si sente un rumore di vetri infranti,  e Antonio fa una risata satanica….)  Ah…ah…ah…..ora pozzu iri ‘o bagnu!  (cantando  e saltellando  via in fondo a sinistra dolorante…)  Matri santa….matri santa….poi dalla destra  appare Mara. Furtivamente apre la cassapanca e prende il piccolo forziere che cerca di aprire con una chiave, nel frattempo dal fondo di destra appare il notaio che sottovoce la chiama…)

TROMBETTA:  Signora Maria…(Mara ha un sussulto di paura) 

MARA            :  (cercando di nascondere il forziere) Matri Santa,chi scantu ca mi  facistuvu pigghiari, nutaru!   

TROMBETTA:  Scusatimi, donna Mara, iddu unnè…?

MARA            :  ‘O bagnu!  Se sapissuvu nutaru! Cosi di fallu attaccari!

TROMBETTA:  Voli manciari?

MARA            :  Ma quali manciari?  Ppi mia po’ moriri. Dissi ca ha cumminatu cosi di fallu attaccari!!

TROMBETTA:  Ah, se continua accussì, di sicuru ca ‘u ‘ttacunu ppi daveru. Comunchi iu fici chiddu ca avìa fari. L’amici miei stannu pp’ arrivari, spiramu ca casca ‘nto tranellu e si cumminci…E’  difficili…ma spiramu!

MARA            :  (indicando il forziere) Intantu iu mi pigghiu tutti ‘i sordi…

TROMBETTA:  Quali cordi?

MARA            :  Pp’affucarimi…Ma quali cordi Nutaru!!  ‘I sordi…’u capistuvu…’i sordi.  ‘I sordi ca sunnu cca d’intra…Gli dobbiamo fare scomparire il terreno di sutta ‘i peri…! Si deve convincere che i soldi non sono tutto nella vita, che c’è una famiglia, una figlia…

TROMBETTA: (galante) ….una moglie….Ma come fa, dico io, a non accorgersi della vostra sofferenza, voi che siete così…si insomma…così indifesa, debole….sbattuta da…

MARA            :  Ma cchi diti, nutaru…quali sbattuta…? 

TROMBETTA:  Volevo dire, sbattuta da tanta sofferenza, nel senso di…umiliata, ecco si, umiliata da quest’uomo insensibile, cieco…che non si accorge di una donna come voi…(con intenzione) che ha diritto alle sue attenzioni, al suo amore, al suo affetto….anche…anche…carnale…Ah…Dio…Dio…perché dai il pane a chi  non vuole mangiarlo….!!

MARA            :  (che ha preso un mazzo di banconote) Dicitilu a iddu…risu e caroti….(dalla sinistra appare Antonio con la ciambella rattoppata vistosamente, sempre più spossato) 

TROMBETTA:  Comu vi sintiti, don Antoniu?

ANTONIO     :  Comu m’haiu a sentiri, nutaru?  Comu ‘na ricotta aria…(dalla comune entra Emma con la borsa della spesa)  Sono un concentrato di duluri…Mi partunu dalla carina e continuano ‘nfinu ‘apunta de peri..in sichitanza….Per non parrari poi del fondamento…( il suo sedere)

TROMBETTA:  Che cosa?

ANTONIO     :  Nutaru…taliati a mia e no a Emma…!  (il notaio ubidisce)  Ma è possibili c appi capiri vui ci voli l’interprete…Ccà sutta….nel coppino, no? Sugnu tuttu infiammatu…Haiu ‘u focu ‘ddumatu, ci vulissinu ‘i pomperi….Chi mala sorti ca mi pigghiau!  (a Emma)  Truvasti tutti cosi?

EMMA           :  Sissignura! 

ANTONIO     :  Ci aumentau ‘i prezzi, è veru? 

EMMA           :  Dui liri ‘o chilu ‘nte caroti e deci liri ‘nto risu…

ANTONIO     :  Latru, ‘u sapeva. Vitti ca l’articoli mi piacevunu…e iddu n’apprufittau….dici… “Se i vuoi ‘a pavari!!”

EMMA           :  Dici ca sunu caroti svizziri e ‘u risu veni direttamenti d’a Cina….(poi guarda attentamente  Antonio, preoccupata) Don Antoniu…ma cc’aviti ca siti ggiarnu comu ‘nlinzuolu, è veru nutaru? 

ANTONIO     :  (preoccupato)  Ppi forza, chiddu ca manciu ‘i supra mi nesci di sutta…Piccatu beddu manciari…ma mi vinissi vogghia di pigghiallu…(schifo di tutti, apre il cassetto della scrivania e prende uno specchio, guardandosi attentamente) Mara, comu ti paru?

MARA            :  (scortese) Beddu, comu ‘na statua ‘i cira!

EMMA           :  Ppi mia vi ficiru ‘na fattura!

TROMBETTA:  Unni ci chiura?

EMMA           :  Ma quali chiuritu, nutaru!  Ci dissi ca forsi ci ficiru ‘a fattura!!

TROMBETTA:  Ah, una fattura?  Certu, po’ essiri, nni fannu tanti ‘a chisi e a chiddi…Mischinu a ccù ci capita…(segnandosi)

MARA            :  (accorgendosi che Antonio si sta preoccupando, rincara la dose…) Ma pirchì?  ‘Na mè cucina di Lentini chiffà nun ci ppizzò ‘a vita? 

ANTONIO     :  (impaurito)  E tu nenti m’a  dittu?

MARA            :  Sennu ca sacciu ca ppoi ti impressioni?

ANTONIO     :  E chi cci cummanarru ‘sti figghi di jarrusa? 

MARA            :  Ppi fari ‘na fattura ci voli ‘na cosa personali di chiddu ca devi essiri…comu si po’ diri…?

ANTONIO     :  Del fatturato, và!  (c.s.)

MARA            :  Esatto!  ‘Na cosa che il poviro disgraziato…o la disgraziata ci teni assai…Chi ti pozzu diri…Siccomu ‘a mè cucina ci piaceva ‘u ballu…il ballo classico, s’aveva ‘ccattatu ‘mparu di scarpetti chiddi de ballerini…Ebbeni, ‘ngnornu cerca ‘sti scarpi e nun ‘i trova…(tutti sono attenti a bocca aperta al racconto di Mara) 

TROMBETTA:  Ah, ci fici ‘a prova?

MARA            :  Nun ‘i trova!!! Nun nn’ì truvau cchiù… Da quelo giorno ha passato cento e una disgrazia… Accuminciau a sentirisi mali, prima ‘a testa, poi ‘a panza…

ANTONIO     :  Precisu tali e quali a mia…

MARA            :  Ci morsi ‘u maritu…

ANTONIO     :  ‘A mia a muggheri nun m’a murutu….(deluso) 

MARA            :  A poi ci vinni ‘u diabeti e ci tagghiarru ‘mperi…appoi ‘n’autru peri…appoi….

ANTONIO     :  Ma quantu peri  avìa…

MARA            :  (con forza)  Appoi ci siccau ‘a lingua e finalmente morsi…

EMMA           :  (segnandosi)  Santa morti!

            MARA            :  ( c.s.)  Regula materna…

            TROMBETTA:  (  c.s.) Requiescat in pace…gloria…gloria…nell’alto dei cieli….

            ANTONIO     :  (risollevato)  Menu mali ca a mia nun mi piaci ‘u ballu, eh…eh... 

            EMMA           :  Ma allura nun capistuvu nenti!  Basta una cosa qualunque del                                  malcapitato…

            MARA            :  Dopu ‘nmisi truvau ‘i scarpi e ‘u sapiti unni ‘i truvau? 

            ANTONIO     :  ‘Nta munnizza?

            MARA            :  ‘Nto sularu, sutta ‘nmattuni. Erunu attaccati ccu ‘na scorca                                       russa  e c’era ficcatu tra sola e sola ‘nu spignuluni di ‘sta manera..

EMMA           :  Don Antonio, nun c’è tempo di perdiri…

ANTONIO     :  (allarmato)  Chi voi fari?

EMMA           :  In sincerità, don Antonio, dicitimi ‘na cosa. ‘I sordi ppi vui sunnu                 o nun sunnu ‘a cosa cchiù ‘mpurtanti d’a vostra vita?

ANTONIO     :  E si capisci, cchi c’è di cchiù ‘mportanti de sordi? 

EMMA           :  Dovete controllare se vi mancunu sordi…

ANTONIO     :  Ma chi dici, stubbita…A mia nenti nuddu mi po’ rubbari! 

MARA            :  ‘U dici tu! Comu puoi essiri sicuru?  ‘Nta ‘sta casa c’è ‘ntrasi e                       nesci…

ANTONIO     :  Si va beni….ma tutti cosi firmati sunnu…( prende un enorme                        mazzo di chiavi trattenuto da una catenella che ha attorno alla                       vita ) e poi chiddi ca venunu sunnu tutti pirsuni fidati… (                                 pensandoci bene)  dovrebbero esseree fidati…

MARA            :  Appuntu…’A simana scursa, chi nun vinni Michilinu Pulicicchiu?                  Tu ‘u sai ca chiddu avi ‘a manu leggia?  (Antonio si alza di scatto e                 va alla cassapanca, i tre  sono soddisfatti di aver colpito nel segno;                Antonio apre la cassapanca, prende il forziere e con una delle                          tante chiavi  cerca di aprirlo, poi la sgradita sorpresa…)

ANTONIO     : ( accasciandosi a terra come un gigante ferito)                                                   Assassino…maledetto, mi futtiu ‘i sordi…                             

EMMA           :  Ecco la prova della fattura!

ANTONIO     :  Fattura o non fattura, mi futtìu 500 mila liri…maledetto…( si alza e si abbandona sul divano, è stordito…si crea un’atmosfera tipica delle sedute spiritiche, luci basse, le frasi dette con enfasi, ecc…gli girano attorno, con una musichetta in sottofondo…

MARA            :  …In ogni posto…

TROMBETTA:  …bisogna cercare…

EMMA           :  …’nta tutta ‘a casa…

MARA            :  …s’hannu a truvari…

EMMA           :  …cerca cerca la malasorti…

MARA            :  ….intra ‘sta casa tradì la morti…

TROMBETTA:  ….s’avi ‘a truvari lu vili dinaru…

EMMA           :  ….e lu spinguluni ca cci ficcaru…  (campanello, tutti hanno un sobbalzo, Trombetta abbraccia Emma…)                                    

TROMBETTA:  (imbarazzato)  Matri chi scantu|  Scusatimi se mi sono permesso…nella foga….

EMMA           :  (disinvolta)  Prego…prego….fate…fate pure….

MARA            :  Ma cu po’ essiri? ( si dimenticano di Antonio, lasciandolo al suo destino, è quasi in catalessi) 

TROMBETTA:  Saranno i due che ho chiamato…( campanello ) 

EMMA           :  E ccu don Antoniu chi si fa? 

MARA            :  Ora ci pensu iu!  ( gli da con vigore due schiaffoni in faccia )  Antoniu…Antoniu…forza…forza…arrusbigghiti

ANTONIO     :  (come fosse in trans, a soggetto..)  Michilinu….ppi favureddu…Michilinu…dammilli ‘i sordi…comu fazzu….comu fazzu…dammilli ca ti fazzu ‘nu bellu rialu…!!!

MARA            :  (decisa, gli assesta uno schiaffone che lo scuote di brutto…)  ANTONIU!!!

ANTONIO     :  (di scatto si alza solo il busto e guarda imbambolato in alto)  ‘I stiddi…Mara…’i stiddi vitti…(campanello)  E sentu puru ‘i campani…

MARA            :  Antoniu…Antoniu ci sunu visiti….! Nutaru, staticci a cura…!

TROMBETTA:  E chi cura ci putissi dari iu? 

MARA            :  Si, bonanotti!  Nutaru, a bonu puntu semu arrivati…( via con Emma via  fondo a destra, il notaio va ad aprire, poi ritorna seguito da due strani individui, Nitto Pennisi, pieno di tcs vari, veste di nero, con pizzetto, parlandoa raffica e Tom Li Causi, finto sergente USA, dalla classica parlata siculo-americano, una camicia a fiori, un grosso sigaro, scarpe bianche, pantaloni bianchi, il notaio sorregge Antonio e lo accompagna alla scrivania, sistemandogli bene la biambella….) 

TROMBETTA:  Comu vi sintiti?

ANTONIO     :  Haiu ‘sta menza facci ‘ddummisciuta…forsi pigghiai friscu!

TROMBETTA:  Don Antonio, ci sono questi due amici di cui vi avevo parlato a proposito di un certo affare che loro stesso vi illustreranno…Possiamo procedere?

ANTONIO     :  Facimu prestu, prima ca si movunu l’intestini…Avanti…avanti..

PENNISI        :  Dunque, io mi chiamo Benedetto Pennisi, per gl amici Nitto e il mio amico Tom Li Causi…(sorriso da ebete di Tom)

ANTONIO     : Comu ‘o cani ‘i mè cugnatu..

PENNISI        :  Tom è sergente dell’aviazione americana di stanza a Sigonella, di origine siciliana. Mi sono spiegato?  (Tom gli manda una boccata di fumo…)

ANTONIO     :  No!! (urtato, cerca di liberarsi dal fumo con le mani…)

PENNISI        :  Vengo e mi spiego!  (il notaio gli fa cenno di andare al sodo) Voi vi chiederete perché siamo qua ad importunarvi…e io vi accontento…(si alza…e porge distrattamente al mano a Antonio che gli porge la sua..)

ANTONIO     :  Bè, grazie della visita e arrivederci!

PENNISI        :  Ma io non ho neanche cominciato!

ANTONIO     :  io vi avverto, se si movunu l’intestini ossia mi veni un forti duluri di panza, iu vi lassu comu ‘ntrunzu…anzi dui trunzi e mi nni vaiu ‘o cessu! Chiaro! (il notaio c.s.)

PENNISI        :  Va beni…va beni…ho capito tutto. Veniamo al dunque..

ANTONIO     :  Menu mali…( poi come un colpo di fucile…Pennisi spara…)

PENNISI        :  IL PARACADUTE!!! (fa spaventare Antonio che perplesso guarda il notaio che lo tranquillizza…)  Sapete cos’è?  (Antonio annuisce) Sapete quanti paracadute ci sono a Sigonella..

ANTONIO     :  No!

PENNISI        :  Tom, parra tu! 

TOM              :  (gettando fumo in faccia a Antonio..)  Yes, my friend Ben!  Quasi 10.000, yes?  Ok!

PENNISI        :  noi possiamo recuperarne almeno 1000, tutti in ottimo stato di conservazione ed in perfetta efficienza…!

TOM              :  Yes…ok!

PENNISI        :  Voi sapete com’è fatto un paracadute?

ANTONIO     :  No! (fumo di Tom, Antonio non ne può quasi più)

PENNISI        :  Allura pirchì ci sugnu iu? Vengo e mi….

ANTONIO     :  …spiego….ma fate prestu…nutaru…

TROMBETTA:   Si stannu smuvennu?

ANTONIO     :  Puru ‘a nervatura…

PENNISI        :  Continuo..(come una mitraglia)  Il paracadute, praticamente è un apparecchio a forma di ombrello  che serve per attutire la caduta per gli aviatori. E’ composto da un ombrello di 40 mq, da due bretelle di 10 metri cadauna, da uno zaino, e da tanti piccoli bottoni, bottoncini, zip, zippetti…zippettini….chiusure…tasche ossia sacchetti…sacchettine…sacchittuna…mi sono spiegato?

TROMBETTA:  Si movunu?

ANTONIO     :   Puru ‘i sacchittuna, nutaru..

PENNISI        :  Voi vi chiederete  “Chistu chi voli di mia?”

ANTONIO     :  Appuntu! (entra dalla sinistra Emma che porta un bicchiere d’acqua con la buccia di limone per Antonio…)

EMMA           :  Vivitivillu, ca vi fa beni….(via  a sin. occhiolino al notaio)

PENNISI        :  Sapete per caso qual è il materiale usato ppi fari il paracadute?  (Antonio scuote la testa negativamente)  Allura pirchì ci sugnu iu?  La stoffa usata non è altro che nientepopodimenocchè…SETA…SETA ITALIANA..la migliore, mi sono spiegato..(con un urlo disumano, spaventando Antonio)

ANTONIO     :  Ma voi, ppi casu siti unu di chissi…para…para…comu cazzalora  si chiamunu…chissi ddocu…

PENNISI        :  Paracadustista?

ANTONIO     :  Esattu, siti di chissi?

PENNISI        :  No, ‘nca quali! Iu fazzu ‘u bicchinu ‘o campusantu! (con disinvoltura)

ANTONIO     :  (spaventato) Matri santa, nutaru, ma chi voli chistu di mia…?

PENNISI        :  Vedete, don Antonio, io ho una certa esperienza di paracadute perché in questi anni ne ho seppelliti…centinaia, forse migliaia…

ANTONIO     :  Di paracaduti?

PENNISI        :  No..no, di paracadutisti..Paracadute…paracadutisti…capite la combinazione…avete afferrato? (prende il bicchiere di Antonio e lo beve d’un fiato) 

ANTONIO     :  (schifato)  Vi siete spiegato, ora comincio a capire. (sollievo del notato) Ci facistuvu ‘nu giru accussì longu…Continuati, ma fate prestu ppi carità. (Emma entra da sinistra per riprendere il bicchiere)

EMMA           :  Ah, vi piacìu?   Ora vi nni portu ancora…(via a sin.)

PENNISI        :  Per essere chiari, don Antonio, dal paracadute nun si etta nenti…

ANTONIO     :  Comu ‘na speci di maiali, veru nutaru?  (notaio annuisce)

PENNISI        :  Esatto. Per esempio, dall’ombrello del paracadute, sapete quante spagnolette comw questa, ci vengono…? (dalla tasca ne mostra una)  La bellezza di mille ogni ombrello. Mettiamo 100 lire ogni spagnoletta, sono 100 milalire ogni paracadute….

ANTONIO     :  (molto interessato)  E quanti sunnu ‘sti paraca…paracaduti…?

PENNISI        :  Mille!  Avete afferrato l’affare?  Ma non finisce qua!

ANTONIO     :  Ah, si, ancora ci nnè?   (rientra dalla sinistra Emma con un altro bicchiere in mano che Pennisi prende con piacere e beve…Antonio è contrariato…a denti stretti) Vi piacìu? 

PENNISI        :  Mè matri, bon’arma, m’a faceva ogni gghiornu…’a sirà…una peci di bevanda…

ANTONIO     :  Continuati…

PENNISI        :  Dicevamo che non finisce solo con le spagnolette, mio caro don Antonio!  Potete fare lenzuola, camicie da giorno, da notte, federe, mutande, mutandine, canottiere, ecc…ecc…Poi ci sono le cosiddette bretelle, da dove potete ricavare cinture, tiranti, ecc.ecc. E non finisce qua…Dove mettiamo i mille zaini? E poi bottoni, bottoncini, cerniere e tanti altri articoli di vario genere di consumo…(rientra Emma…)

EMMA           :  E chista è siti?  (riprende il bicchiere, poi prima di uscire…) ‘Nni portu ancora?

ANTONIO     :  (distrattamente annuisce)  Si…si va beni…

EMMA           :  (al notaio come prima, poi via) Comu vuliti vui!

ANTONIO     :  Ma spiegatimi ‘na cosa signor…

PENNISI        :  Nitto Pennisi…

ANTONIO     :  Signor Pippinu…Il qua presenti marasciallu Calacausu…comu si chiama…

PENNISI        :  Appuntu…iddu…cchi c’entra?

TOM              :  (fumo addosso a Antonio che tossisce…imprecando)  Sergente Li Causi…mister Cirasa…

PENNISI        :  Nun vi dissi ca ‘i paracaduti sunnu custoditi a Sigonella…il mio amico Tom, è addetto alla sorveglianza dei paracadute…

ANTONIO     : Bella sorveglianza, e chisti vincerru ‘a guerra, nutaru?

TROMBETTA: Don Antonio, lasciamo perdere la guerra e parliamo d’affari ca è megghiu…!

TOM              :  OK!  Now I speak, yes?

ANTONIO     :  Nutaru, chi voli chistu di mia?

TOM              :  Ora parlo io! Yes?  I…(pronunciando ai….forte…come si fosse fatto male)

ANTONIO     :  V’abbruciastuvu…ppi forza, ccù ssà speci di ciaccare c’aviti..

TOM              :  No…no…I vuol dire io!  Io ho accettato di collaborare con my friend Pennisi perché, because, nelle mie vene scorre sangue siciliano, undestand?  Allora io, i, chiesto a me stesso, perché, because, non aiutare my brothers? (fumo contro Antonio) 

ANTONIO     :  Ci piaci ‘u broru? 

TOM              :  My brothers….miei fratelli siciliani…!

ANTONIO     :  Ah, siti frati? Nun v’assumigghiati propria, mancu di luntatu.

PENNISI        :  Ma non in quel senso?

ANTONIO     :  Ah, unu po’ essiri frati ‘nta n’autru sensu, mah!

TROMBETTA:  Nel senso figurato…metaforico…

TOM              :  Ok…Ora io deciso di aiutare Ben in quest’affare..

ANTONIO     :  E ‘stu ben cu’ sarebbi? 

TOM              :  But Pennisi!!

ANTONIO     :  Batpennisi?  Ma comu schifìu parra chistu?

PENNISI        :  Io sono…don Antonio…io…. Pennisi…

TOM              :  Se voi essere d’accordo, sabato prossimo, di notte, prelevare paracadute da base e portarli qua da voi, ok? (fumo c.s.)

ANTONIO     :  (tosse) E finitala ccù ‘stu sucarru, mi stati facennu moriri, malarittu vui e iddu!! (pausa, poi chiama il notatio  a consulto e gli si avvicina all’orechio)  Nutaru, chi vi nni pari?

TROMBETTA:  Cc’aviti a fari?

ANTONIO     :  (urtato)  Ma accattatavillu l’apparecchiu, nutaru!

TROMBETTA:  ‘A gghinnaru? 

ANTONIO     :  Ora…ora..v’aviti accattari! Sangu di Giuda!  Vi dissi  “ chi vi nni pari di ‘st’affari?” (all’orecchio del notaio)

TROMBETTA:  A mia mi pari un vero affari e poi canusciu Pennisi, è una persona seria e affidabile.

ANTONIO     :  Nutaru, chiassai di 500 milaliri nun ci dugnu, chi ni pinsati?

TROMBETTA:  Boni sunu, abbastunu!

ANTONIO     :  Ma prima vogghiu vidiri ‘i documenti di chissu…di Calacausu, nun mi piaci. Mi puzza di ‘mbrogghiuni! Nutaru parrati vui ca canusciti ‘a lingua….

TROMBETTA:  Signor Li Causi…mister Cirasa..

ANTONIO     :  Fermo…fermo….cchi è ‘stu misteru….di unni vi niscìu? 

TROMBETTA:  Ma quali misteru…mister mister Cirasa…è un intercalare…

ANTONIO     :  Ah, ‘u fattu dell’intercalata…scusatimi….

TROMBETTA:  Mister Cirasa, want you now your document personaly….car drive…bill military….tesserino…yes….ok…Pennisi…parrati vui…

TOM              :  Ok…ok…I andestand….! Capire…ecco quà..(dalla tasca prende un document ma inavvertitamente gli cade una tessera..) Controllate pure…yes. (Antonio guarda attentamente)

ANTONIO     :  Esercito Americano…beni..beni…nato ‘nto Texas….bih  unni fanu ‘i film de banditi….Canosci Gionni Vaine..?  Ppà…ppà…(mima la pistola) 

TOM              :  Yes…yes…

ANTONIO     :  Chistu dici sempri yes…mi sa ca mi sfutti…mah! Dunchi parramu d’affari, yes..?  Ora dici yes….

TOM              :  Yes!

ANTONIO     :  Beni…(gli ridà la tessera ma non si accorge di quella caduta a terra)  mi pari ca po’ gghiri!  Grazi!  Ora parramu di sordi!  Dunchi, iu ppi st’affari posso disporre 500 milaliri contanti e la merci ‘a vogghiu sabot prossimu ‘a casa mia!  Comu vi pari?

PENNISI        :  (alzandosi e chiamando in  disparte Tom e dopo qualche attimo di confabulazione…)  Va beni, affare fatto! (stretta di mano generale, un po’ di confusione….a soggetto) 

ANTONIO     :  Un attimo di pazienza, vaiu e tonno…(via dal fondo a sinistra, poi i tre parlottano)

TOM              :  Nutaru, comu vi parsi ‘a parti? 

PENNISI        :  Iu chiddu ca vi raccumannu, nutaru, è di mintiricci ‘na bona parola ‘o diretturi do tiatru ‘i Catania…’Avi sei misi can un travagghiamu…avimu fami…!

TROMBETTA:  ‘A ccu’ chiami?

PENNISI        :  ‘A morti buttana ca mi carricassi…(forte)  Nutaru, avimu fami..!!

ANTONIO     :  (entra con un cuscini stretto nel petto) ‘Ntisi ‘a parola fami…vuliti dui caroti?   ( sempre dalla sinistra appare Emma che porta un altro bicchiere di acqua con la buccia di limone…lo posa sulla scrivania e Antonio guarda la mossa di Pennisi, appena questi si avventa sul bicchiere, Antonio lo precede e ...)  Fermo!! Mi pari ca aviti cchiù siti ca fami!  (lo trangugia d’un fiato, poi infila una mano dentro la federa  e ne trae un rotolo di banconote)  Sunnu 500 milaliri, se vuliti puti cuntalli!  (Pennisi li prende con una certa fretta)

PENNISI        :  Siamo galantuomini!

ANTONIO     :  (cinicamente)  Lassamu stari ‘a galantumaggini e ricordatevi che sabato notte voglio la roba tutta ccà, mi sono spiegato?  (tra se, quasi piangendo) Piccatu beddi sordi! Nun m’arristau ‘na lira! ( i due via dal fondo a destra con fretta)

TROMBETTA:  (sommessamente)  Finalmente!

ANTONIO     :  Chi voli diri “finalmenti”?

TROMBETTA:  (imbarazzato)  Ah, dicu ca finalmenti si fici menziornu, fussi ura di manciari!

ANTONIO     :  Nutaru, se nun mi ‘rrinesci ‘u discursu de luma e chistu de paracaduti….arrestu ammezzu ‘a ‘na strata, mi fazzu ‘nchiaccu e m’affucu.

TROMBETTA:  ‘U sucu? Quannu mai ‘nni vui c’è ‘u sucu? 

ANTONIO     :  Ma quali sucu…m’affucu…m’affucu…nutaru! (dal fondo a destra arriva come un fulmine tirando per la mano Lidia…) 

MARIO          :  (col sangue agli occhi)  Siete incastrato!!!

ANTONIO     :  (non capendo)  Nun capì bonu, chi dicisti? 

MARIO          :  Siete incastrato!

ANTONIO     :  Incastrato,  nel senso di agneddu castratu?

MARIO          :  ‘Nca quali agneddu….siete nei guai fino al collo. (dal fondo di sin. entrano Mara e Emma che ascoltano) 

ANTONIO     :  (avicinandosi a stento verso Mario, minaccioso)  Ah, si?  Fino al collo?  Allura ‘u sai chi fazzu? 

MARA            :  (preoccupata) Chi vuoi fari, Antoniu.

ANTONIO     :  (si avventa su di Mario per strangolarlo) Pezzu d’infami, ti tiru ‘u coddu comu ‘na iaddina…Stalinista, comunista….ca nun si autru. E lassa stari ‘a mè figghia. Delinquenti!  (tutti cercano di trattenerlo) Sugnu ‘ncastratu?  Carogna, ora ti castru iu..infame…t’haiu datu ‘na casa…a tia  e tò matri…di che manciari…un avvenire…e ora sugnu ‘ncastratu..

LIDIA              :  Papà, fermiti!  ( Mario si divincola e dalla tasca prende un telegramma) 

MARIO          :  Eccu ccà. ( lo sventola) 

ANTONIO     :  Dammi ccà, delinquenti. ( nel tentativo di afferrarlo piccolo trambusto, il notaio per non cadere si aggrappa a Emma… come scena di prima) 

MARIO          :  (leggendolo, Antonio incredulo ripete la finale di ogni rigo…a soggetto)  “ Da camera del lavoro provinciale at camera del lavoro comunale-stop- Compagno Parisi – virgola – comunicati che Prefetto habet disposto inchiesta presunte irregolarità circa piano elettrificazione tuo paese – stop -  indiscrezioni habent accertato interessi privati et concussione  ingegnere incaricato et amministratori comunali et imprenditori locali del posto – stop- punto”

ANTONIO     :  (stravolto)  Nutaru, parrati, cc’haiu a fari?   ( in preda al panico mentre dal fondo di destra entra Saro Lentini) 

SARO             :  Don Antonio, purtroppo vi de-de…vi de-de…vi devo riferire ca tu—tu…tutti ‘i lu…lu.. i luma sunnu spaccati e mmaccati…

LIDIA              :  Papà…mamma…iu mi nni vaiu di stà casa…

ANTONIO     :  (ormai alle corde)  Mara…’a vidi a tò figghia? 

MARA            :  E chi vuoi ca ci dicu?  Comu ci pozzu diri di ristari ‘nta ‘sta casa…’na ‘sta speci di carciri e ccù ‘mpatri…..(quasi piangendo)

MARIO          :  Lidia, amuninni! (i due via dal fondo a destra, prima di uscire Lidia bacia la madre.., Emma piange anch’essa confortata dal notaio, Antonio si accascia sulla poltrona…della scrivania)

ANTONIO     : Tutto e tutti contru di mia.  (si prende la testa tra le mani) Saru…Saruzzu….si sicuru ca ‘i luma…

SARO             :  Tu-tu…tutti, don Antoniu!  Ma iu nun nn’haiu curpa..ve lo giuro…

ANTONIO     :  Ora puru ‘i luma…m’arristarru sulu ‘i paracaduti….

SARO             :  (chinandosi per prendere qualcosa a terra) Don Antoniu, chista chi è vostra? (gliela consegna, Antonio laguatrda attentamente e..con meraviglia…) ‘Cca siti picciottu…complimenti…

ANTONIO     :  Ma chistu è ‘u miricanu d’antura, chiddu de paracaduti?   Nutaru?  (Trombetta guarda con attenzione poi Antonio sforzandosi legge…)  Tommaso Vinciguerra, via Coppola 69, Catania. Attore!  (in preda a una crisi isterica) Nutaru…nuatru…si stanu smuvennu tutti cosi….purtatimi’o bagnu ppi carità….(lo prendono di peso e prima di scomparire sul fondo a sinistra, implorando come un bambino…) ‘I paracaduti…vogghiu ‘i paracaduti……(  pian piano si chiude il sipario al suono del trombone)

FINE DEL SECONDO ATTO

                                  

                                  

           

                       

                       

                                               TERZO ATTO

                        Dopo qualche giorno. Stessa scena degli atti precedenti.  Mara è seduta sul divano che lavora a maglia, dopo qualche secondo suona il campanello Dalla sinistra entra Emma che va ad aprire.

EMMA           :  ( a Mara che stava per alzarsi)  Signora, si stassi comoda ci vaiu       iu ‘a rapiri. ( va ad aprire  poi ritorna seguita dal notaio che ha un         mazzo di fiori)

TROMBETTA:  Signora Mara, i miei omaggi. (Mara si alza per prendere i fiori) 

MARA            :  Grazi, nutaru, troppu gentili!

TROMBETTA:  (imbarazzato)  Veramente, signora Mara, oggi è l’onomastico di Emma e mi sono permesso…(Emma è molto compiaciuta)

MARA              :  Ma ci mancherebbe…E’ giusto…Emma, pigghia’i ciuri…

EMMA             :  (lo guarda …. emozionata)

MARA              :  Va bè…vi lassu suli, vaiu ‘a vidiri Antoniu cchi dici!...(via sul fondo a destra…i due lasciati suli sono imbarazzatissimi, guardano la platea, poi, contemporaneamente si girano di scatto guardandosi teneramente….

EMMA – TROMBETTA :  (dopo un grosso sospiro)  Chi bella iurnata di….(pausa, poi risolini, imbarazzo…un lungo sospiro, poi insieme…)  …suli!

TROMBETTA:  (facendosi coraggio)  Signora Emma….

EMMA             :  (ben disposta)  …si…nutaru…(avvicinandoglisi) 

TROMBETTA  :  (anche lui le si avvicina) Emma…

EMMA             :  Si..Annibale…   

TROMBETTA  :  (sempre con i fiori in mano che gli nascondono Emma…a soggetto) …Emma..

EMMA             :  Ccà sugnu, Annibali… ( verso la platea…) E forza….sbuttuniti…

TROMBETTA  :  (togliendosi un peso)  ‘I ciuri unni ‘i mintu?   (campanello)

EMMA             :  (delusa e arrabiata)  Megghiu ca v’a rapu…(via sul fondo a destra, il notaio si strugge e butta i fiori sulla scrivania con forza e poi trase..)

TROMBETTA  :  Ma quantu sugnu bestia!  Quantu sugnu cretinu…(si schiaffeggia, Emma era ritornata e ascolta divertita) Chi ci voli tantu a diricci “  Emma, da dieci anni che non dormo pensando a te…Tu per me sei come il sole, le stelle…Tu per me sei come una fontana d’acqua sfresca che sgorga dalla montagna…e vorrei berla fino a saziarmi…Emma, haiu ‘na siti…

EMMA             :  (con le braccia  aperte)  E bivi no?

TROMBETTA  :  (preso alla sprovvista)  Emma?  (fanno per abbracciarsi quando dalla destra appare Mara, alla sua vista i due mimano un ballo)

MARA              :  (incuriosita)  Nutaru?

TROMBETTA  :  Scusassi signura Mara, ma ccu Emma, cioè, ca signura Emma, stavamo provando un nuovo ballo…

EMMA             :  ‘U sapi chi è bellu…è chiddu ca purtarru ‘i miricani…si chiama Buchi-Buchi….

TROMBETTA  :  Chi sorti di nomi!  Buchi…buchi….’a solita miricaniata!

MARA              :  Lassamu stari ‘stu buchi-buchi…, ‘u sapiti ca Antoniu mi parrau?

TROMBETTA  :  E chi vi dissi?   Attorna “..vogghiu ‘i paracaduti…” ?

MARA              :   ‘Nca quali…voli parrari ccu vui.

EMMA             :  E ppò fattu d’a fattura cca dittu? 

MARA              :  Fui iu ca rapì ‘u discursu…Ci dissi ca ‘a truvammu…

EMMA             :  Chi cosa?

MARA              :  Ma ‘a fattura, no?

EMMA             :  Già!

MARA              :  Era cuntentu..

TROMBETTA  :  Allura ci vaiu?   (Mara annuisce, trombetta via sul fondo a sinistra) 

EMMA             :  Signura, v’haiu a diri ‘na cosa!  (eccitata)

MARA              :  Parra.

EMMA             :  ‘Na cosa troppu delicata, ma bella però!  Chiffà v’a dicu?

MARA              :  Sbrighiti ca haiu cchi fari…

EMMA             :  ‘U nutaru mi dissi…mi dissi…mi dissi c’aveva siti….!

MARA              :  Siti? ‘I matina prestu?  E allura…’u  facisti viviri? (che ha capito tutto)

EMMA             :  Ma no di acqua…!

MARA              :  Di vinu? 

EMMA             :  Vui schirzati!  Ora v’a cuntu! Iu era gghiuta ‘a rapiri ‘u purtuni pirch’ avevunu sunatu ‘nto cchiù bellu…Era ddu cretinu di Saru Lentini ppi diri ca era vinutu ‘o magazzinu ‘na speci ‘i cummissariu e dici  da ci fici ‘nsaccu di ‘ddummanni… e circava ‘a don Antoniu….

MARA              :  (interrompendola bruscamente) Vinni ‘ncummissariu e tu nun m’a dittu nenti? 

EMMA             :  E iu cchi nni sapeva, iddu m’u dissi?  (Mara è molto nervosa e non sta più a sentire Emma che ricomincia il racconto e non si accorge che Mara è andata via in fondo a sinistra…)  Comunchi appena riturnai, ‘ntisi ‘o nutaru ca parrava sulu e diceva….(si accorge di essere rimasta da sola, è contrariata)  Ma chi  modi sunu?   (suonano e va ad aprire, poi ritorna seguita da un tizio con impermeabile grigio, occhiali neri, cappello…)  Prego…prego..accomodatevi, chiamo il notaio Trombetta.  (via in fondo a sinistra, il tizio si guarda intorno, poi dal fondo appare Trombetta) 

TROMBETTA  :  Nittu, ma chi fai ccà? 

PENNISI           :  (togliendosi cappello e occhiali)  Miii, mi rricanuscistuvu…siti sbirru!!  Nutaru, vui mi dicistuvu di travestirimi di cummissariu e di fari l’interrogatoriu…e iu chistu haiu fattu, prima all’operai e ppoi a don Antoniu….e sugnu ccà, mi sono spiegato?  (tics vari)

TROMBETTA  :  Si, va bene. Ma prima ti dissi che io ti dovevo dare il via…

PENNISI           :  Il via….il via….e c’avimu a fari a gara?  Mi sono preparato e sogno venuto fino a voi.  (dal fondo compare Antonio sorretto da Emma e da Mara, alla vista di Pennisi, Antoniolo scruta attentamente, mentre l’attore si rimette di fretta occhiali e cappello, rimanendo immobile con la paura di essere scoperto…Antonio gli gira attorno, sorretto sempre dalle due donne…lo scruta e lo annusa come fosse un cane di caccia…)

ANTONIO       :  A tia sugnu sicuru di canusciriti!

PENNISI           : (con la voce artefatta, tremando dalla paura)  Impossibile…impo….impo….ssibile…

TROMBETTA  :  Il signore…

ANTONIO       :  Nutaru, vui stativi mutu, ca mi nn’aviti cumminatu assai…(a Pennisi)  Dunchi, leviti l’occhiali e ‘u cappeddu…

TROMBETTA  :  Ma don Antonio, questo signore è un commissario di P.S…..

ANTONIO       :  (insistendo)  Ti dissi di livariti l’occhiali e ‘u cappeddu…(Pennisi timidamente esegue, Antonio lo guarda attentamente sempre con maggiore interesse…poi…scoppia…)  Nutaru…nuatru…chistu è chiddu…ddu delinquenti ca mi futtìu ‘i 500 milaliri.  Delinquenti! (gli si avventa contro come una belva, parapiglia generale, Emma si ripara dietro il notaio prendendogli un braccio…) 

TROMBETTA  :  Fermatevi…fermatevi don Antonio! Pennisi è venuto per riconsegnarvi il denaro…..!  (di colpo Antonio si blocca)

ANTONIO       :  Ah, ‘u bicchinu purtau i sordi?  Bravu, e unni sunu?  (Pennisi prende dalla tasca un rotolo di banconote e lo porge ad Antonio)

PENNISI           :  Ecco, sono tutti!  (spaventato)

ANTONIO       :  ‘U dici tu? ‘I vogghiu cuntari!  (prende il rotolo e con la mano come fosse una bilancia…..li pesa gli altri guardano la scena sorpresi)  Manca ‘nu bigliettu di decimila liri..latru…

PENNISI           :  Ma nun po’ essiri!

ANTONIO       :  Dammi ‘i sordi! ( Pennisi, rimescolandosi le tasche trova la banconota…e gliela consegna..)  ‘U viri ca ‘u truvasti?

PENNISI           :  M’avìa carutu ‘nte causi…Tutta ‘a curpa e di Vinciguerra…Iu nun sapì ca era ‘nlatru… mi dissi do fattu de paracaduti…nni parrai ‘o nutaru e…sugnu ccà…perdonatemi…

MARA              :  Antoniu, ora basta! ‘I sordi l’hai avuti, chi vuoi ancora?  Fannillu iri a ‘stu poviru disgraziatu!

ANTONIO       :  (ironico)  Disgraziatu chistu ccà? 

EMMA             :   (bonariamente)  Dai, don Antoniu, ormai la fattura è stata scoperta…’a diarrea vi passau…’i 500 milaliri v’i riturnau…

ANTONIO       : (supplichevole)  E’ ‘i luma tutti spaccati…e ‘i 500 milaliri ca mi ‘rrubbau Michilinu?

MARA              :  (apre un cassetto della scrivania e prende un rotolo di banconote tenute insieme daun fiocco rosso eda uno spillone conficcato)  ‘Ccà ci sunu ‘i 500 milaliri, sei contento…? ( Antonio come un fulmine si avventa sui soldi e li conta con avidità, poi li bacia ripetutamente e si fa il segno della croce…) 

ANTONIO       : Beddi, surduzzi miei…ciaurusi e fini

                            Chi ciauru ca faciti senza spini

                            La forza ca mi dati  ogni matina

                            Quannu ficcu  la manu  e nesci china…

                            Appena rapu ccu prescia lu casciuolu

                            Iu vi talìu e ‘u cori mi cunsolu….

                           (è in estasi…)  Vi salutu, nutaru…addiu…(via sul fondo a sinistra)

PENNISI           :  (frettolosamente)  Nutaru, baciamo le mani..(via di fretta dal fondo a destra) 

MARA              :  Nutaru, ma è peggiu di prima, cc’avimu ‘a fari? 

TROMBETTA  :  Nun nn’ù sacciu cchiù!  Ho finito le frecce al mio arco.. mi dispiace…Forsi l’unica soluzione è la più traumatica….

MARA              :  Parrati, nutaru, nun nni fati stari ‘nte spini…!

TROMBETTA  :  Se lo arrestano per la truffa con la ditta è l’unica strada per riabilitarlo….qualche mese…magari un anno…

MARA              :  In galera?  Ma siti pazzu…chiddu mori!   (dal fondo entrano Mario e Lidia,qust’ultima porta una valigetta) 

LIDIA                :  Mamma…nutaru…Emma…(Mario abbraccia la madre Emma, baci  e abbracci di tutti, poi siedono tutti)  Comu sta ‘u papà?

MARA              :  Peggiu di prima, figghia mia! 

LIDIA                :  Ppà diarrea?

MARA              :  Chissa ci passau…è lasua natura. Antura ‘u nutaru dissi ca forsi ‘u carciri fussi l’unica soluzioni…

TROMBETTA  :  ‘A proposito di carciri..Comu finìu ccò fattu dell’inchiesta?

MARIO            :  ‘U  ‘ncigneri fici ‘u nomu di tutti chiddi coinvolti,  ma ‘u so nun ‘u fici…E’ in una botte di ferro!

EMMA             :  E se ‘u facissimu scantari dicennici ca ‘u ‘ncigneri fici ‘u so nomi?

MARIO            :  Si po’ fari, bella è!

LIDIA                :  Mischinu, ma nun nn’aviti pietà?

MARA              :  (categorica) No, basta! Basta ccu tutti ‘sti minzogni!  Basta cchè fatturi, travestimenti, paracaduti e cos vari…Basta!  Mè patri, sant’arma diceva sempri “ ‘U voi si pigghia ppè corna” e se comu iddu corna nun nn’avi, iu ‘u pigghiu ppà testa e se nun mi senti, qunt’è veru Diu, mi fingiu pazza e ci ‘a giru ‘o cuntrariu…!! (sono tutti impressionati dalla risolutezza di Mara)  Ora facitimi ‘mpiaciri, lassatimi sula! Tu, Emma, chiamulu e dicci ca ‘u spettu ccà…(decisa) Che ci devo parlare e che se nun veni entro un minutu mi nni vaiu di ‘sta casa e nun mi vidi cchiù…vai…

EMMA             :  E se nun voli veniri?

MARA              :  Ci dici ca staiu partennu ppì sempri!

EMMA             :  E se nun voli veniri ‘u stissu?

MARA              :  Ci dici ca si spara!

EMMA             :  E se iddu spara a mia?

MARA              :  E fa beni!! Quantu ‘a stai facennu longa!

LIDIA                :  Ci vaiu iu!  (via in fondo a destra)

MARA              : Emma, pigghimi ‘a valiggi e ‘u cappottu ca sunu supra lettu… Ppi favuri, itavinni tutti…(tutti via fondo a sinistra, Mara passeggia nervosamente, poi ritorna Emma con la valigia ed il cappotto di Mara, Emma la saluta e scappa dal fondo a sin. prima di uscire)

EMMA             :  (sottovoce) ‘Sta vinennu ccu Lidia…(scappa via)

LIDIA                :  (appare dal findo di sinistra, sorretto da Lidia, Antonio, pallido, esausto…Lidia gli tiene dolcemente la mano) Mamma, ccà c’è ‘u papà…parrati…( da un bacetto alla mamma e fa l’occhiolino al padre, poi via sul fondo a sinistra)

ANTONIO       :  (per tutto il dialogo con Mara assumerà l’atteggiamento della vittima, mentre Mara sarà spietata) Maruzza, Lidia mi dissi ca mia vuoi lassari!!

MARA              :  (decisa)  Po’  essiri, assettiti!

ANTONIO       :  ‘U sai ca haiu ‘i ‘mmurroiti….le emorroidi…

MARA              :  Pigghiti ‘a ciambella…!

ANTONIO       :  Mariu m’a scassau!

MARA              :  Stai ‘a dritta! 

ANTONIO       :  Haiu ‘i varici e mi unchiunu ‘i jammi!  (dalla sinistra giunge Emma che gli porta la camera d’aria rattoppata e gliela sistema sulla poltrona, lui vi si siede delicatamente..Emma via a sin.)  Pozzu sapiri pirchì mi vuoi lassari, chi t’haiu fattu e poi ‘nta ‘sti condizioni…non hai pietà..?

MARA              :  Chi facci tosta ca hai!  Chi cosa m’hai fattu, mi ddummanni?  (dal fondo si affacciano tutti per vedere e sentire il dialogo, facendo il tifo…Mara sta al gioco)

ANTONIO       :  Appuntu, chi cosa t’haiu fattu?  Sì sempri arzilla, pari ‘na carrabbinera…manci comu ‘nlupu…anzi, ‘na lupa, e nun vogghiu diri quantu m’hai custatu. Nun nn’hai mai ‘na frevi…miatidda!  Piaciri…quantu ti nn’haiu fattu passari, a ti e a tò figghia…parra quanti?

MARA              :  (gridando e spaventandolo)  BASTA!!!  Tu osi dire ca m’a fattu manciari, m’a fattu passari piaciri a non finiri, assiemi ‘a picciridda? Tu nun sì ‘na pirsuna umana..no…no…

ANTONIO       :  E chi sugnu?

MARA              :  Tu sì ‘na bestia…!! (gioia e tripudio degli astanti…)  Una bestia che ha sempre campato sulle disgrazie degli altri…! Tintu sinsali, usuraiu, truffatore, prucchiusu, pezzente….

ANTONIO       :  Pirchì mi dici ‘sti cosi, Maruzza?

MARA              :  Mutu, nun nn’haiu finutu! (pausa)  Ma chi soddisfazioni hai da tò vita?  Quannu dumani crepi, ossia, t’attrantunu ‘i palitti, di tia cchi ponnu diri ‘a genti? (scongiuri vari di Antonio) Ca eri un benefattore? Quannu mai!  Ca eri onestu?  Scanzatini!   Ca ti facevi in quattro ppì aiutari all’autri?  Quali autri?  Ppi tia gli altri non sono mai esistiti…’I sordi sono stati lo scopo della tua miserabile vita…tu e i sordi…e basta!!!  ‘I pirsuni?  Esseri inferiori!

ANTONIO       :  Mara…chi dici?

MARA              :  Zittiti!  (gli altri c.s.)  Ma ora, finalmente,  ho trovato la forza di dire basta! Nun vogghiu essiri complici delle tue schifezze!

ANTONIO       :  Ma quali schifezze?

MARA              :  Ah, nun nn’u sai? (dalla comune entra Saro Lentini e mentre sta per parlare…Emma lo manda via…) Saru, ‘nautra vota, nesci…(Saro ubbidisce, via  dal fondo)  L’ufficiali giudiziariu a ddu poviru cristianu di Marianu Spata…, un tuo dipendente…vergogna..’na muggheri e quattru figghi…

ANTONIO       :   Non pagava da due mesi…ci ‘u dissi cche boni maneri..niente…, ma iddu…

MARA              :  E Alfiu ‘u cravunaru…iddu paiava regolarmente…alla scadenza…come hai potuto servirti di ‘mpicciriddu, Michilinu, ppi passariti ‘u capricciu di distruggiricci tutti ’i luma….animale…temevi la concorrenza…bestia…

ANTONIO       :  Ma quali concorrenza…Tu nun  nn’u sai ì so figghi ogni gghiornu ca mi fannu ‘a sirinata….(quasi piangendo) …mi sfuttunu di continuo…e nun nn’è giustu a un uomo della mia età e nelle mie condizioni di salute…

MARA              :  E ccù Mariu, il tuo braccio destro…’u zitu di tò figghia…Quanti umiliazioni a ddu poviru carusu, ca t’a vulutu beni comu ‘mpatri, ‘mpatri ca nun nn’ha mai avutu…’u figghiu di Emma, la nostra Emma, una di famigghia, ca è ccu nuatri da trent’anni…

ANTONIO       :  (più ragionevole)  Si, veru è, ogni tantu haiu statu troppu pisanti…però iddu ccu ‘ssa manìa d’a Cammira ‘o lavoru…’u sciopiru…’u partitu….iu..iu…a modu miu ‘u vogghiu beni…cchi ti pari?  (pianto degli altri…ma Antonio sta per crollare, tutti spingono Mara a dare il colpo di grazia…) 

MARA              :  Ma la cosa più vergognosa l’hai fatta con l’ingegnere! Come hai potuto lassari tuttu ‘u paisi ‘o scuru..picciriddi, anziani…fimmini…Tutti ‘o scuru pirchì Antoniu Cirasa s’a vinniri ‘i luma…milli luma e milli litri di petrolio…ognuno deve avere il suo bel lume, bello, nuovo di zecca…

ANTONIO       :  Sì, tutti ‘mmaccati e spaccati…Piccatu beddi sordi…!

MARA              :   Beni ci sta! (pausa)  Chiddu ca t’avìa diri t’avìa diri t’u dissi, ora mi nni pozzu iri…(indossa il cappotto…prende la valigia, mentre dal fondo si avvicinano tutti…piano piano)

ANTONIO       :  (quasi piangendo..) Mi vuoi lassari?   (si alza dalla poltrona e le va incontro…supplichevole) 

LIDIA                :  Papà, ‘a mamma ti voli ancora beni…e forsi…forsi…(guardando la madre)  ca vulissi ristari se tu…tu..insomma se ti sforzi di canciari…papà…. E’ veru, mamma?  (Mara a malincuore annuisce)

ANTONIO       :  Lidia, figghia mia, ma comu fazzu a canciari, alla mia età…! La mia, dovete credermi, è una malattia, nun nn’u fazzu apposta…Iu nun sugnu malucristianu, nun sugnu malvaggiu…Si è veru, nun nn’haiu mai fattu nenti ppi nenti, chistu sì. Mai ho fatto l’elemosina, non ho mai regalato niente, ma pirchì l’autri nenti mai m’hannu regalatu!  Mè patri, bonarma, di diceva sempri…”Figghiu miu vidi ca nuddu ti dirà mai  <laviti ‘a facci ca pari  megghiu di mia>”  E iu ‘sti paroli l’haiu pigghiati comu ‘o Vangelu…Si, ‘u sacciu, ppi guadagnari haiu fattu cattivi azioni, ma l’haiu fattu ppi fari prima di l’autri, pirchì se nun l’avissi fattu iu, sicuramenti qualchi autru l’avissi fattu ‘o postu miu…!! Il guadagno, il miserabile guadagno. Si Mara, hai ragiuni, nella mia vita ho voluto guadagnare a ogni costo, e non mi accorgevo che per guadagnare a ogni costo…ti stava pirdennu!!(si prende la testa tra le mani e singhiozza, accasciandosi sulla poltrona, anche gli altri sono commossi) Maruzza, ti prego, resta…TI giuro che sarò un altro…La mia vita cambierà!  Mariuzzu sarà…sarà…l’amministratore unico, farà chiddu ca voli fari…va beni?   (Lidia cerca di convincere la madre a restare e così tutti gli altri)

MARA              :   Antonio!!! ( si abbracciano, applauso generale)  

EMMA             :  Don Antonio, mi dispiaci ca ‘nta  ‘stu mumentu  accussì bellu iu v’haiu a diri ‘na cosa un po’…antipatica…diciamo! 

ANTONIO       :  Chi c’è, parra!

EMMA             :  Iu, purtroppo, mi nn’haiu a gghiri di ‘sta casa, ecco…

ANTONIO       :  Ma comu, ora ca tò figghiu ‘ddiventa ‘u patruni di tuttu…?

MARIO            :  Mamma…?

EMMA             :  Vi ringraziu ppi mè figghiu Mariu, se lo merita e sugnu cuntenta anchi ppi Lidiuzza, ma da oggi la mia vita seguirà il destino di…(guarda il notaio)….di Annibale!  (si prendono per mano) 

ANTONIO       :  Bonu, và, mi facisti scantari!  E va beni, voli diri ca risparmiamo almenu chissi!  (risata generale) 

TROMBETTA  :  Comunque saremo sempre di casa, col vostro permesso…!

ANTONIO       :  Mancu a dillu, nutaru, basta però ca purtati ‘u manciari….Scherzo, si capisci…Saru….’u sai chi fai?

SARO               :  Cu-cu…cu-cu….cumannati…

ANTONIO       :  Va ‘o magazzinu e pigghi 50 luma… e ‘i porti a Alfiu ‘u cravunaru…và….(in modo che gli altri lo sentano)

SARO               :  Ma chi si-si….siti pazzu? 

ANTONIO       :  (in disparte)  Pigghia chiddi cchiù mmaccati..!  (occhiolino di Saro, poi questi via per la comune a destra)   Ccù tia Mariu, n’assittamu assemi e ti spiegu qualchi cosa…

MARIO            :  Quannu vuliti vui, don Antonio!

ANTONIO       :  Ah, m’avìa scurdatu, Mariu. Dumani m’accumpagni ‘o cummissariatu,ca mi vogghiu livari ‘mpisu supra ‘o stomucu, tantu alla mia età nun mm’arrestunu cchiù e poi è giustu accussì!

MARIO            :  Veramenti v’haiu a diri, don Antoniu, ca ‘u ‘ncigneri ‘u nomu vostru nun nn’u fici…, quindi…

ANTONIO       :  Bè, iddu ‘u miu nun nn’u fici, ma iu ‘u so ‘u vogghiu fari. Siamo intesi? 

MARIO            :  Comu vuliti vui, don Antoniu!

ANTONIO       :  Papà…chiamimi papà…è megghiu….è veru Lidia?  (sorriso di Lidia) 

MARIO            :  Va beni…pa…pa….papà!!

ANTONIO       :  E ora ca sistimammu tutti cosi, vogghiu nesciri, mi sentu ‘nliuni…Vogghiu vidiri comu si sta fora di ‘stu carciri…E’ veru Maruzza?  ‘U tempu di vistirimi!  (mentre si avvia sul fondo a sinistra, si ode la voce di un bambino provenire dalla finestra…)

VOCE F.C.       :  Don Antoniu…don Antoniu…

ANTONIO       :  (affacciandosi dalla finiestra)  Mi vuliti fari a serenata, birbantelli…è veru?  (col sorriso falso in bocca) 

VOCE F.C.       :  Chista è cchiù bella, sintiti…

                         

                          “ Viva viva Antoniu Cirasa

                            Ca avi licorna quantu ‘na casa

                          E se nun fussi ppà so bonta

                            ‘mmezzu ‘a ‘na strata nui fussimu già

                            Ora riposa lu nostru patruni

                            Ca tutta la vita ‘a puratu ‘u varduni

                            Nui lu vardamu  cc’amuri fraternu

                            E possa passari…..’i guai di l’infernu”

                            (Silenzio di tomba, poi Antonio rompe l’atmosfera con una risata a denti stretti)

ANTONIO       : ‘Sti picciriddi…quantu ‘a sannu longa..’Sti figghi di….Alfiu…quantu sunnu schirzusi!  (  risata generale)  Avanti forza, aspittatimi  ‘ddassutta, quantu mi vestu….( tutti via dal fondo a destra, Antonio fa finta di entrare nella sua camera a sinistra, poi si riaffaccia nella scena per vedere se tutti fossero andati via….va verso la cassapanca, prende la fionda e una pietra, va alla finestra, prende la mira e tira…; rumore di vetri, gioia di Antonio, ripone la fionda nella cassapanca e va alla comune gridando)  ‘St’ahiu calannu…vengo vengo….! (si affaccia alla finestra e con una sommessa risata satanica, come il classico gesto come per dire…”Vaffan…..beccati questa!”, poi via di corsa scompare dal fondo a destra….)  Vengo…..corro…..!!! ( il solito suono di trombone….cala lentamente la tela)

FINE DELLA COMMEDIA

                         

                         

                         

BIOGRAFIA DI RENATO FIDONE 

SETTEMBRE  2014

RENATO FIDONE è nato a Scicli (Rg) il 13.4.1950. Laureato in Scienze Sociali all’università D’Annunzio di Chieti/Pescara, ha lavorato presso il di D.S.M  di Modica (Rg)  coordinando  dal  1990  il Servizio Sociale Dipartimentale della AUSL 7, oggi ASP Ragusa. Dall’ 1.10.2011 è in pensione.

Da oltre 40 anni è impegnato con il Teatro Amatoriale e dal 1984 dirige la Compagnia Teatrale “Gli Amici di Matteo”, di cui ne è il Presidente/Legale Rappresentante.

Nel 1988 fonda, assieme agli altri componenti dell’epoca della compagnia, il Teatro Piccolo Stabile, una struttura teatrale di 99 posti, adiacente alla sede della compagnia, utile per le prove degli spettacoli e per eventuali rappresentazioni.

Come autore ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui:

·Premio Speciale alla Carriera dal Comune di Scicli  per il 60° anno d’età   2010

Primo Premio al Concorso Internazionale  “Teatro di Locarno” 1998 Premio Regionale “Alessio Di Giovanni” sez. Teatro – Raffadali (Ag) 1999 Premio “Ulivo d’Oro” Catania 1995 Premio “Ulivo d’Argento” Ragalna 1991 Secondo classificato al “Premio Scena” Zafferana Etnea 1992 Premio Speciale del Comune di Agnone (prov. di Isernia) 1992 Targa di Riconoscimento Speciale dalla Compagnia “Le 4 C” di Agnone (Is) 1992 Secondo Premio al Concorso Internazionale “San Giuliano” Milano 1989 Terzo Premio al Concorso Regionale “Scrivere in Dialetto” Catania 1988 Terzo Premio al Concorso Regionale “Ulivo d’Argento” Ragalna 1998 Migliore Testo di Autore Meridionale – Soveria Mannelli (Cz) 1988 Migliore Novità Teatrale al Festival Nazionale di Termini Imerese 1987 Premio  Speciale come Miglior Autore alla  Rassegna Nazionale di Rosarno (RC) 1988 Premio  Speciale come Miglior Autore  alla Rassegna Nazionale di Rosarno (RC) 1989 Premio Sezione Cultura “Giornale di Scicli” 1985

Ha ricoperto per conto della F.I.T.A. ( Federz. Italiana Teatro Amatori ) la carica di Presidente Provinciale e Regionale. Al Congresso Nazionale FITA del 16.5.2000 è stato eletto Presidente del Collegio dei Sindaci.

Nel 2008 viene eletto Consigliere Regionale con la delega di Direttore Artistico e responsabile delle attività teatrali e dei rapporti con le compagnie affiliate. Nell’ultimo congresso FITA SICILIA del giugno 2012 a Pergusa,  è stato rieletto Consigliere Regionale  e riconfermato  Direttore Artistico regionale

Ha scritto diversi monologhi recitati dall’attore Enrico Guarneri, in arte “Litterio” e ha svolto in alcune occasioni  le funzioni di “esperto” nei progetti PON delle scuole pubbliche e di direttore artistico  in particolari avvenimenti artistici e teatrali. Viene chiamato di sovente, vista la sua ampia conoscenza ed esperienza nel panorama teatrale siciliano, dalle compagnie amatoriali, come consulente per gli allestimenti dei cartelloni teatrali.

Autore, tra l’altro, di poesie dialettali e in lingua, collabora con un gruppo di musica folk ,  scrivendo i testi di alcune canzoni,   racchiuse  in un cd  e recentemente pubblicato e regolarmente registrato alla siae.

I suoi lavori teatrali, rappresentati in Sicilia, Puglia, Calabria, Basilicata, Toscana, Lombardia, Belgio, Svizzera, Francia, Canada, e N.Y., da numerose compagnie della Sicilia e oltre, sono tutelati dalla SIAE, cui è iscritto dal 1984, divenendone Socio il 12.3.1997. Dal 22 maggio 2010 ha acquisito il diritto all’assegno mensile di professionalità, riconoscimento riservato agli autori ultra sessantenni più rappresentativi. Da oltre 25 anni è socio del sindacato ANART, associazione nazionale autori radiotelevisivi e teatrali.

              Elenco dei suoi lavori depositati alla SIAE :

1.AMURI DI FRATI  (1981) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

2.E’ TUTTA UNA CONGIURA (1982) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 11 personaggi

3.LA CASA POPOLARE (1982) commedia in 1 quadro e 3 tempi (scena unica nei 3 tempi) 9 personaggi

4.ALLE DONNE PIACE COLA (1980) commedia in 3 quadri e 2 tempi (3 scene in un unico spazio)11 personaggi

5.LA COSCIENZA NON BASTA (1980) commedia in 2 tempi  ( scena unica )9 personaggi

6.LA POESIA E’ UNA COSA SERIA (1986) commedia in 3 atti ( scena unica )12 personaggi

7.LA POSIZIONE SOCIALE (1984) commedia in un atto (scena unica) 6 personaggi

8.IL PROBOVIRO (1986) da G.Fava rid. e adatt.in 3 atti (3 scene in un unico spazio) ( 50% dei diritti)  12 personaggi e 3 comparse

9.SOLI SULLA NAVE DEL PIACERE AVVINTI DAL DESTINO (1987) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 13 personaggi

10.LO SPIRITO DI MIA MOGLIE (1988) commedia brillante in 2 tempi (scena unica)7 pers.

11.I  SOLITI  IDIOTI COLPISCONO ANCORA (1989) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

12.VI PRESENTO MIA SORELLA (1991)commedia in 3 atti (scena unica)versione in lingua italiana di Amuri di Frati – 10 personaggi

13.MEGLIO UN UOMO VERO CHE UN PRETE FINTO (1992) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 11 personaggi

14.FERMATA A RICHIESTA (1992) atto unico grottesco (scena unica) 3 personaggi

15.DONNA PIACENTE…QUASI VEDOVA, CERCA MARITO (1993) commedia brillante in 2 quadri e 3 atti (scena unica)11 personaggi

16.UN PRONTO SOCCORSO QUASI PRONTO (1993) farsa in un atto (scena unica) 8 pers.

17.IL FILO SPEZZATO (1994) dal romanzo di Nicola Caporale “L’amica d’infanzia” commedia drammatica (due scene in un unico spazio) 6 personaggi

18.NON TI PAGO  (1994) da E.De Filippo- riduzione dialettale e adattamento in 3 atti-  (30% dei diritti) 12 personaggi-scena unica

19.IL PARACADUTE,ovvero, come intrappolare un taccagno (1995) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

20.AVANTI …A CHI TOCCA , storia tragicomica di un avvocato (1997) atto unico brillante (scena unica) 5 personaggi

21.L’EREDI UNIVERSALI (1998) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

22.ASPETTA E…SPERA (2002) commedia brillante in 3 atti (scena unica) 10 personaggi

23.IL RITORNO DEI SOLITI IDIOTI  (2002) commedia brillante in 3 atti e 1 quadro  (scena unica) 12 personaggi

24.‘U PARANINFU SICILIANU  (2004) da  Lu Paraninfu di L.Capuana, riduzione e adattamento-11 personaggi-(due scene)

25.MA CHE BELLA FAMIGLIA!!  (2005)commedia tragicomica in 3 atti, 10 personaggi in unica scena

26.ALL’OMBRA DELLA TORRE (2010)  trasposizione teatrale e libero adattamento dal romanzo di M. Giardina “La Risacca” ( tre scene in un unico spazio con giochi di luci)

27.EMPORIOLOMAZZO, tuttoametàprezzo (2012)  commedia brillante in due tempi (scena unica) 12 personaggi

28.L’ULTIMOESAME   (2012)  atto unico con finale a sorpresa  – (scena unica)    4 personaggi

29.ALBERGO SPLENDOR, storie di donne sole  (2013)  commedia in due tempi (scena unica) 12 personaggi

  RENATO FIDONE

  Via Lido, 47 –97018 SCICLI (Rg)  - Tel.: 0932 . 937912 casa – 0932. 830008 estate e festivi

  333.6016300 – email fidoner@tiscali.it    -  fb

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno