Il pianeta donna

Stampa questo copione

"DONNA"

ALDO LO CASTRO

 

IL PIANETA DONNA

Appunti… di viaggio

                

                     personaggi:

LEI   -  LUI  -  L’ALTRA LEI  -   L’ALTRO LUI... e QUANT’ALTRI

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

INTRODUZIONE

(Due coppie cantano “DONNA” – o altro. A metà canzone, mentre una delle coppie continua a cantare…)

LUI – La donna! (Ironico) Oh, sublime creatura!

LEI –  Puoi dirlo forte!

LUI – Non è necessario. Mi hanno sentito. E poi, lo sanno già.

LEI – La donna. Nata per dare equilibrio…

LUI – …preoccupazioni!

LEI - … calore…

LUI - … assilli!

LEI - … amore…

LUI - …noia mortale!

LEI -  … Nata per dare conforto…

LUI - … rotture di corbelli!

LEI - … dolcezza…

LUI - … casini!

LEI – Questa adorabile creatura, insomma, è nata per regolare la vita…

LUI - … per distruggere la vita…

LEI - … di quel piccolo…

LUI - … di quel povero disgraziato…

LEI - … insignificante…

LUI - … infelice!

LEI -… e stupido satellite chiamato…

LUI – LEI – (insieme)  “uomo”!

(Lui e Lei riprendono a cantare. La seconda coppia, invece, interviene).

L’ALTRA LEI – E l’uomo, sapete cosa fa? Ricambia la donna dandole solo pene!

L’ALTRO LUI – E ditemi se è poco!

L’ALTRA LEI – Pene e idiozie!

L’ALTRO LUI – (ride) “Pene et circenses”!

L’ALTRA LEI – Questo spirito è fuori luogo, cretino!

L’ALTRO LUI – Questo luogo va benissimo, belva!

(Tutti e quattro riprendono a cantare insieme).

LEI – L’ALTRA LEI – (insieme) Signore! Squillino le trombe: ecco l’uomo!

LUI – L’ALTRO LUI – (insieme) Signori! Trombino le squillo: ecco la donna!

LEI – Cretini!

LUI – A proposito di cretini, io ho una cugina che è giornalista femminista di sinistra. 

L’ALTRO LUI – Tutte le femministe sono di sinistra.

LUI – Non sempre. Io, per esempio, conosco una femminista di Siviglia.

LEI – E che c’entra ora Siviglia?

LUI – Non lo so. Pensavo al mio barbiere e mi sono confuso.

L’ALTRA LEI – Che imbecille!

L’ALTRO LUI – Ha detto che si è confuso. Perché infierite?

LUI – Comunque, io ho una cugina che è giornalista femminista…

LEI – L’ALTRA LEI - … di sinistra!

LUI – No. Di destra.

LEI – Ma se un momento fa hai detto che era di sinistra!

L’ALTRA LEI – Vuoi spiegarci perché adesso è andata a destra?

LEI – Perché sua cugina è idiota.

LUI – No. Perché mia cugina è dispettosa e va dove cacchio vuole!

L’ALTRA LEI – E chi se ne frega?!

LUI – Insomma, questa mia cugina giornalista un po’ di sinistra e un po’ di destra, ha curato un bel servizio.

L’ALTRO LUI – Io, invece, ho una cugina che ha fatto un bel servizio a un curato.

LUI – Io intendevo un servizio giornalistico.

L’ALTRO LUI – Io no.

LUI – Comunque, mia cugina ha fatto davvero un gran bel servizio.

L’ALTRO LUI – Mia cugina è più brava. Lo dicono tutti.

LEI – (sospira sconsolata) Signori, ecco il maschio. Volgare, sconclusionato…

LEI – L’ALTRA LEI - … e un po’ coglione!

LEI – Questo singolare esemplare di bipede, non ancora, purtroppo, in via di estinzione, fin dalla più tenera età, mostra dei segni inconfondibili di demenza. E non vi inganni la cultura maschilista che si affanna a spacciare tale demenza per genialità. La verità è sotto gli occhi di tutti.

A SCUOLA

(La maestra e l’alunno: L’ALTRA LEI e L’ALTRO LUI)

LA MAESTRA – Bambini, buongiorno. Io sono la maestra supplente.

ALUNNO – Buongiorno, signora maestra supplente.

MAESTRA – Tutti presenti?

ALUNNO – Sì, signora maestra supplente.

MAESTRA – Bene. Cominciamo la lezione.

ALUNNO – Certo, signora maestra supplente.

MAESTRA – Chi vuol venire per l’interrogazione? (Nessuna risposta) Nessun volontario? Allora, chiamo io. Vieni tu.

ALUNNO – (si guarda attorno) Chi, io?

MAESTRA – Sì. Cominciamo con alcune domande di cultura generale.

ALUNNO – Sono pronto, signora maestra supplente.

MAESTRA – Dimmi, che cos’è il “fattore di potenza”?

ALUNNO – Fattore di potenza: dicesi di un contadino della Basilicata.

MAESTRA – Ma che sei cretino?

ALUNNO – No, sono di Militello. Cretino, invece, è un abitante dell’isola di Creta.

MAESTRA – Microcefalo!

ALUNNO – La so. “Microcefalo”: sorta di pesce marino commestibile di piccola dimensione. Se il suddetto pesce è di dimensioni medie, si chiama “cefalo”. La “cefalea”, invece, è il forte mal di testa che colpisce quel pescatore che non riesce a prendere né cefali né microcefali.

MAESTRA – Bravo! Che spiritoso! Rispondi. Cos’è l’ortografia?

ALUNNO – Facile. So anche questa. Dunque, ortografia. Fanno parte dell’ortografia tutti gli scritti di argomento campestre. Verbi attinenti all’ortografia: zappare, coltivare, mietere, ecc.

MAESTRA – Hai ragione. Tu non sei cretino. Sei semplicemente un autolesionista!

ALUNNO – Non è vero, signora maestra supplente. Mai stato autolesionista.

MAESTRA – Sai, almeno, cosa vuol dire?

ALUNNO – Naturalmente. Autolesionista: dicesi di maniaco che si eccita danneggiando le automobili in sosta.

MAESTRA – Guarda un po’!

ALUNNO – Io sono molto preparato, signora maestra supplente.

MAESTRA – Vedo. Autodidatta, a quanto pare!

ALUNNO – Affatto. “Autodidatta”: istruttore di guida. Io non ho nemmeno la patente!

MAESTRA – Bene. Continua.

ALUNNO – Io so tutto, signora maestra supplente. Sono il primo della classe. Anzi, l’unico della classe.

MAESTRA – Me ne sono accorta.

ALUNNO – Vuole una dimostrazione della mia cultura enciclopedica?

MAESTRA – Sono tutta orecchie.

ALUNNO – “Scuola-bus”: scuola guida per aspiranti conduttori di autobus. “Servo-freno”: arcaico. Schiavo portatore di lettiga romana, utilizzato  per rallentare o arrestare la marcia della medesima. Da non confondere con “servo-sterzo” che era, invece, lo schiavo preposto alla direzione di marcia.

MAESTRA – Oh, Dio!

ALUNNO – “Tombino”: piccolo sarcofago per nani. “Omosessuale”: detto di persona che ha l’idea fissa del sesso. Rafforzativo: “Bisessuale”.

MAESTRA – (mostra di stare male)  Non è possibile…!

ALUNNO – “Sodomizzare”: specificamente usato nel gergo dei barmans: aggiungere soda ad una bevanda.

MAESTRA – Eh?!

ALUNNO – Sissignora, signora maestra supplente. Ad esempio,: sodomizzare un bicchiere di whisky.

MAESTRA – Tu sei un marziano!

ALUNNO – Questa volta ci ha azzeccato. Infatti, sono marziano.

MAESTRA – Cosa?!

ALUNNO – “Marziano”: dicesi di individuo nato nel mese di marzo.

MAESTRA – E… uno che è nato a gennaio?

ALUNNO – Gennarino, naturalmente. A febbraio, “Febbricitante”, a maggio “maggiorenne”, se trattasi di una bella donna, “maggiorata” e così via…

MAESTRA – (in preda ad una crisi di nervi) Ma… dove cavolo hai imparato tutte queste cose?

ALUNNO – Sui libri, signora maestra supplente. Io leggo molto. Ho letto centinaia di testi. Devo dire che ho avuto la fortuna di avere fra le mani testi molto buoni ma, purtroppo, anche dei “testicoli”…

MAESTRA – “Testicoli”?! Che… che vuoi dire?

ALUNNO – “Testicolo”: dispregiativo. Detto di libro il cui contenuto fa schifo.

(La Maestra sviene).

<<<<<<<<<<<<<<<< 

LEI – Se tanto mi dà tanto, come volete si comporti un esemplare del genere, una volta divenuto, per sua e nostra disgrazia, adulto?

LUI – Ma smettila! Non l’hai ancora capito che il simpatico bricconcello si è divertito alle spalle di quella stupidissima maestra?

LEI – Eccolo lì, il maschio. Sempre pronto a rivoltare la frittata!

(Chiudere l’argomento con una canzone).

L’ALTRA DONNA– L’uomo e la donna. Due poli che si attraggono e si respingono.

L’ALTRO UOMO –  E’ vero. Ma va detto che i tempi di attrazione sono molto brevi e circoscritti …!

L’ALTRA DONNA – Infatti, il maschio brucia e consuma la sua passione con la rapidità di un fulmine! 

L’ALTRO UOMO – Chissà, forse perché spaventato dal fragore del tuono!

L’ALTRA DONNA – Questi due esseri, dunque, si attraggono fatalmente prima del matrimonio e, fatalmente, si respingono dopo il matrimonio.

(Canzone sull’argomento)

L’ALTRO LUI – E alla fine, ecco l’ancora di salvezza: il divorzio, figlio naturale del matrimonio.

L’ALTRA LEI – E il divorzio “isola” definitivamente quei due poli che sono andati spesso in “corto circuito"…!

L’ALTRO LUI – Il divorzio: refugium peccatorum degli sposati pentiti! Vi ricordate quando, oltre vent’anni fa, in Italia si discuteva pro o contro il divorzio? Giornate storiche, quelle che precedettero il referendum!

(Canzone di rievocazione. Anni ’70).

LUI – Ultime notizie! Il divorzio sta per arrivare in Italia!

LEI – L’Italia sta per arrivare al divorzio!

L’ALTRO LUI – Ma daveru? Chi mi sta dicennu!? Il divorzio?

LUI – Sissignore, il divorzio!

L’ALTRA LEI – Le femministe sperano!

L’ALTRO LUI – I fimminari macari!

LUI – Dalle Alpi alla Sicilia, ci si chiede: avremo o no questo benedetto divorzio?

LEI – Sì al divorzio o no al divorzio?

LUI – E il referendum, finalmente, decretò:

TUTTI – Sì, al divorzio!

L’ALTRA LEI – Le femministe esultano!

L’ALTRO LUI – I fimminari macari!

LUI – Tutti o quasi tutti soddisfatti, insomma.

L’ALTRO LUI – Senta, scusi… Ho capito bene? Posso divorziare pì daveru?

LUI – Certo. Ora può divorziare.

L’ALTRO LUI – Veramenti? E’ sicuru sicuru? Non è ca si ni pentunu?

LUI – Stia tranquillo.

L’ALTRO LUI – E allura, vaiu a’ casa e ci’a cantu!

(Canta “Addio, mia bella signora”).

L’ALTRA LEI – Ma non mancano i casi di coscienza…

L’ALTRO LUI – (legge un giornale) “Quarantenne spara alla moglie che gli aveva chiesto di divorziare"… Alla domanda: “Perché l’ha fatto?”, ha così risposto…

LUI – Volevo salvare il nostro matrimonio.

L’ALTRA LEI – (legge) “Trentenne uccide il marito colpendolo con 98 pugnalate”. Alla domanda: ”Perché l’ha fatto?”, ha così risposto…

LEI – L’ho fatto per i miei figli… Lui voleva andarsene di casa e io non sopportavo l’idea che i miei figli vivessero senza padre!

L’ALTRO LUI – E dunque, salvare il matrimonio o accettare il divorzio?

L’ALTRA LEI – Questo dilemma non fa dormire molti italiani…

AL TRIBUNALE

(LEI e IL GIUDICE)

LEI – Insomma, signor giudice, lei mi deve aiutare.

GIUDICE – Ma cara signora, sono qui per questo. Ma ho l’impressione che lei rifiuti il mio aiuto!

LEI – Iù cù mè maritu non ci vogghiu cchiù stari. Mi vogghiu spartiri. Punto e basta.

GIUDICE – Vede? Io vorrei aiutarla ma se lei esordisce in questo modo, signora mia, non ci siamo. Scusi, lei perché si è rivolta alla giustizia?

LEI – Pirchì mi vogghiu spartiri.

GIUDICE – No. Si è rivolta alla giustizia per avere “giustizia”. Giusto?

LEI – Giusto.

GIUDICE – Lei è assolutamente libera di chiedere la separazione, per carità ma io, nella mia veste di magistrato, ho il dovere di adoperarmi per far desistere le parti… per far conciliare le parti. Giusto?

LEI – Giusto.

GIUDICE – Bene. Vedo che comincia a capire. Tanto per cominciare, io le suggerirei di sdrammatizzare la questione…

LEI – E si oggi dumani, chiddu m’ammazza? Bonu ci va lei a sdrammatizzari!

GIUDICE – (ridacchia) Ma che ammazza! Ci vuol ben altro… Dunque, signora, analizziamo i fatti. Mi racconti tutto dall’inizio.

LEI – ‘N’autra vota? Ma si havi du’ uri ca parru! E’ ca lei sa chi è ca sta pinsannu…!

GIUDICE – L’ho ascoltata attentamente, invece. Ma io voglio i dettagli. Sono i dettagli che ci chiariranno la situazione.

LEI – E va bene. I dettagli. Attaccamu ‘n’autra vota. Dunque. ‘A prima timpulata ‘a vuscai un’ora dopo il matrimonio – ca m’hava rumpiri i jammi ddu jornu! L’ultima timpulata ‘a vuscai… Chi ura è?

GIUDICE – Le undici e quindici.

LEI – Du’ uri fa.

GIUDICE – Non ho capito. Cosa è successo due ore fa?

LEI – Il “dettaglio” dell’ultima timpulata, no? Signor giudice, mi deve fare una cortesia: non si deve distrarre. Se no, iù parru e iù mi sentu!

GIUDICE – Ma io non mi distraggo affatto! Continui e sia più precisa.

LEI – Più precisa? Si ci desi macari l’orario dell’ultima timpulata…! Comunque, sarò ancora più precisa. Fra ‘a prima timpulata e l’ultima timpulata sono passati cinque anni e tri misi. E siccomu cinque anni e tri misi corrispondono a 1890 jorna, con la media di circa cinque timpulati quotidiani, io, egregio signor giudice, mi sono sciroppata la bellezza di 9450 iangati, senza cuntari i pizzuluni, i pirati, i capiddi scippati e i sciddicati c’haiu fattu pì scappari!  Ci parsi abbastanza precisa o voli macari i virgoli?

GIUDICE – La prego, signora, non ricominci con le sciocchezze!

LEI – Comu “sciocchezze”? Vidissi ca 9450 timpulati ‘struppianu, allippanu, sminnanu! Autru ca sciocchezze!

GIUDICE – Le ragioni! Voglio sapere le ragioni per le quali suo marito si è lasciato andare a qualche piccola reazione intemperante. Le ragioni.

LEI – Ma unu ca ci rifila a so muggheri 9450 timpulati chi havi macari “ragioni”?

GIUDICE – (sbuffa contrariato) Senta, mi faccia capire. Il primo schiaffo. Perché suo marito le diede il primo schiaffo?

LEI – Pirchì mè cucinu Tanu mi vasau.

GIUDICE – Ecco. Vede che la ragione c’è!

LEI – Ma quannu mai! Senta, a’ nisciuta d’a chiesa, quannu dui iettunu sangu e si maritanu, chi succedi? Si sa che i parenti ci fannu l’auguri, no? Ed è perfettamente normale baciare la sposa, giustu? E’ normale o non è normale?

GIUDICE – Sì, per carità, è normale…

LEI – E pì mè maritu non fu normali. “Ah, ancora è nenti e già ti metti a vasari i cristiani…! Cu’ schifiu è chissu ca ti vasau? Fussi cosa di dariti ‘na iangata!” E m’a desi.

GIUDICE – Bah, è comprensibile, se vogliamo. Chiara dimostrazione di gelosia e dunque di amore: era innamorato. E successivamente?

LEI – ‘A secunna timpulata m’a desi due ore dopo, durante il “trattenimento”… quaanu mè cucinu Tanu cuntò ‘na barzelletta e iù mi misi a ridiri.

GIUDICE – Ancora questo cugino Tano…! Ma lei è recidiva!

LEI – Chi significa “recidiva”?

GIUDICE – Lei ha continuato a sfidare la naturale gelosia di suo marito. Continui.

LEI – “Chi ci arriri? – mi dissi – “Fussi cosa di dariti ‘na iangata!” E m’a desi.

GIUDICE – Comprensibilissimo. La gelosia di cui parlavamo prima. E poi?

LEI – ‘Na vota pirchì ‘a pasta ‘a sculai prima, ‘na vota pirchì ‘a asculai dopu… Ah, ‘u sugu è troppu strittu… Ah, ‘u sugu è troppu lentu… I patati sunu lisci… ‘A ‘nsalata è senza acitu… ‘U maccu è ‘nsipidu… ‘U pollu sta fitennu…!

GIUDICE – Mi permetta, signora. Sa qual è il suo guaio?

LEI – Sì. Ca mi maritai!

GIUDICE – No. Lei è estremamente superficiale. Non si rende assolutamente conto che un povero marito tornando a casa stanco e avvilito dal lavoro, ha ragionevolmente la pretesa di essere servito a puntino dalla propria moglie. E’ comprensibile, se vogliamo. Mi perdoni, signora… sono costretto a rivolgerle una domanda… intima, per così dire… indiscreta. Ma io sono come il confessore, dunque non abbia remore e sia sincera. Sessualmente avete delle incompatibilità? I rapporti sono regolari o no? Sì, dico, va tutto bene, in questo senso?

LEI – (dapprima, titubante e timida) Insomma… Sì, certo… i rapporti sunu regolari. Quannu iddu “finisci”, si vota regolarmente di dda banna e cu’ si visti si visti! (Il giudice scuote la testa) Pirchì annaca ‘a testa?

GIUDICE – E’ comprensibile, signora. Per un uomo è comprensibilissimo. L’essenziale è che suo marito assolva ai suoi doveri coniugali.

LEI – Ho l’impressione che lei non ha capito. Signor giudice, quannu iddu “assolvi” e finisci, iù ancora mi staiu abbissannu pì curcarimi…!

GIUDICE – E’ un po’ frigida, forse?

LEI – Ca quali frigida! E’ iddu ca è ‘nsaittuni! A occhiu e cruci ci sta vinti, trenta secunni!  L’autra vota, iù ci dissi… . matri, mi vergogno…

GIUDICE – Non si preoccupi… io sono un padre di famiglia…

LEI – Ci dissi: “Senti, Turiddu, vulemu pruvari in un’altra maniera? Pì ‘na vota, vulissi stari iù di supra”. E chi ci avvissi dittu? Accuminciò a vanniari: “Ah, tu si’ ‘na buttana… Cu’ t’insignau ‘sti porcherii? Per tua norma e regola, ‘u masculu sugnu iù e perciò iù haiu a stari di supra! Fussi cosa di dariti ‘na iangata…!” E m’a desi.

GIUDICE –(sorride) Ma come fa a non capire, signora? Come fa a non capire che lei, col suo comportamento – magari in buona fede, non discuto – ha decisamente mortificato la virilità di suo marito e quel pover’uomo ha giustamente reagito. E’ comprensibile, se vogliamo. (Pausa) Mi ascolti bene. A mio avviso, lei, signora, non ha motivi validi per chiedere la separazione. Mi creda.

LEI – Signor giudice, iù di motivi n’haiu almenu 9450!

GIUDICE – E no, non basta qualche schiaffetto per distruggere l’unione matrimoniale. Si sa, l’amore è anche contrasto, discussioni, si sa. Adesso lei se ne torna a casa, buona buona… parla civilmente con lui… Ammette di avere sbagliato e vedrà che suo marito comprenderà… Saprà capirla e perdonarla. In fondo, noi uomini siamo generosi. E – la prego – in futuro, cerchi di assecondarlo, cerchi di capire le esigenze del suo uomo. E’ questo il dovere di ogni donna, capisce?

LEI – Ma ‘u sapi ca lei è curiusu pì daveru! Allura, n’ha caputu nenti! Iù mi vogghiu spartiri, ci staiu dicennu!

GIUDICE – (s’innervosisce visibilmente) Non sia testarda! Non persista sulle sue posizioni! Anzi, la invito a desistere! Altrimenti l’istituto del matrimonio viene avvilito, depauperato, mortificato…!

LEI – Ma quali istitutu?! Sugnu iù avvilita, mortificata, acciuncata,sminnata e anniricata! Chi è s’u scurdau di ddi 9450 timpuluni…?

GIUDICE – (sempre più nervoso) La donna ha il dovere di difendere il sacro vincolo del matrimonio! Costi quel che costi! Dunque, la smetta con le sue stupide recriminazioni! Va bene?

LEI – E iù ci staiu dicennu ca mi vogghiu spartiri! Va bene?

GIUDICE – (completamente fuori di sé) No! Non va bene affatto! Fussi cosa di darici ‘na iangata! (Le dà un sonoro ceffone)

LEI – (al pubblico, allibita) E… m’a desi?!

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

L’ALTRO LUI – Ma, per fortuna, non tutti pensano al divorzio…

L’ALTRA LEI – C’è ancora chi pensa all’amore…

L’ALTRO LUI – C’è ancora chi pensa alla fanciulla amata… da baciare… stringere fra le braccia con tenerezza…

L’ALTRA LEI – Lui le sussurrerà dolcissime parole d’amore…

L’ALTRO LUI – Lei, eterea e sensibile creatura, lo starà ad ascoltare in silenzio…

L’ALTRA LEI – Lui la guarderà intensamente negli occhi…

L’ALTRO LUI – Lei arrossirà e balbetterà solo qualche timido “sì”…

(Mentre LUI e LEI cantano una canzone d’amore, L’ALTRO LUI e L’ALTRA LEI si preparano per la scena successiva).

“DIALOGO D’AMORE”

L’ALTRO LUI – Finalmente soli, amore mio!

L’ALTRA LEI – Sì, finalmente soli.

L’ALTRO LUI – Mi ami?

L’ALTRA LEI – Sì, tanto. E tu?

L’ALTRO LUI – Da morire.

L’ALTRA LEI – Com’è bello amarsi, vero?

L’ALTRO LUI – Stupendo.

L’ALTRA LEI – Il nostro amore non dovrà mai essere offuscato da ombre.

L’ALTRO LUI – Mai!

L’ALTRA LEI – E perché ciò accada, è necessario dirsi tutto, proprio tutto.

L’ALTRO LUI – Tutto, certo, luce dei miei occhi!

L’ALTRA LEI – Adesso, per esempio, sento che dobbiamo parlare. Dobbiamo dialogare. Sei d’accordo?

L’ALTRO LUI – Adesso?

L’ALTRA LEI – Sì, adesso.

L’ALTRO LUI – Se proprio… ti scappa di dialogare… Dammi un bacio, prima!

L’ALTRA LEI – Aspetta. Secondo me, un uomo e una donna “devono” dialogare.

L’ALTRO LUI – Mi sembra giusto. Ma…

L’ALTRA LEI – Ti prego, dialoghiamo.

L’ALTRO LUI – Dialoghiamo.

L’ALTRA LEI – Il dialogo è alla base di ogni rapporto umano. Se un rapporto non è sostenuto dal dialogo, quel rapporto è destinato a naufragare… Non credi?

L’ALTRO LUI – Naturalmente.

L’ALTRA LEI – Il dialogo è il solo mezzo per comunicare, per conoscersi… per rimuovere ostacoli… Se non c’è dialogo non c’è comunicazione. Ti pare?

L’ALTRO LUI – Certo.

L’ALTRA LEI – E se non comunichiamo, come faremo a conoscerci? Rischiamo di restare due estranei. Non è così?

L’ALTRO LUI – Ovvio. Mi daresti un bacio?

L’ALTRA LEI – Vedi come sei superficiale? Non sai pensare che al sesso!

L’ALTRO LUI – Al sesso?! Che sesso?

L’ALTRA LEI – E invece, è necessario parlare e poi parlare e ancora parlare… Se vogliamo essere una coppia felice, non dobbiamo lesinare le parole. Dobbiamo dirci tutto… tutto quello che pensiamo.

L’ALTRO LUI – Va bene.

L’ALTRA LEI – La vita di una coppia deve fondarsi sul dialogo. Guai se questa regola venisse meno. Sarebbe la fine. Ma lo sai che gli uomini uccidono e si uccidono per mancanza di dialogo? E allora, è indispensabile che un essere umano, fin dalla nascita, dialoghi e comunichi coi suoi simili. E’ questo il segreto della felicità. La parola salva ed esalta l’umanità. Il silenzio e l’incomunicabilità la uccidono. Inorridisco se penso che esistono coppie che non si parlano e che si scambiano, sì e no, due o tre frasi al giorno.

L’ALTRO LUI – Anch’io. Inorridisco.

L’ALTRA LEI – Non parlano, non comunicano. E così, si fanno del male. Uccidono l’anima l’uno dell’altra. In definitiva, uccidono quell’amore che un giorno li congiunse…

L’ALTRO LUI – (tenta inutilmente di bloccarla) Senti…

L’ALTRA LEI – A che vale amarsi se non si ha il desiderio di aprirsi alla persona che ti vive accanto? Bisogna donarsi all’altro, completamente… aprirsi incondizionatamente. E come potresti esprimere ciò che senti senza parlare? E’ assurdo, no?

L’ALTRO LUI – Sì, è assurdo ma…

L’ALTRA LEI – E allora, capisci bene quanto preziosa sia la parola e quanto importante sia saper ascoltare l’altro…

L’ALTRO LUI – E infatti…

L’ALTRA LEI – Impara ad ascoltare, amor mio, e sarai vicino al mio cuore più di quanto tu possa immaginare.

L’ALTRO LUI – Me ne rendo conto…

L’ALTRA LEI – Se si ama veramente, non è difficile saper ascoltare. Se si ama, nulla è difficile. L’amore non teme ostacoli…

(L’ALTRO LUI, lentamente, non visto dall’altra lei, si allontana terrorizzato e angosciato. L’altra lei rimane sola).

         Adesso so che tu mi ami veramente. Perché tu hai già imparato senza nessuna fatica: sai ascoltare. In silenzio. Un silenzio pieno d’amore, devozione, dedizione. Sono orgogliosa di te, amore mio! Adesso so con certezza che se continuassi a parlare per altre due, tre o cinque ore, tu rimarresti qui, accanto a me, in rispettoso silenzio. E questo miracolo accade perché è l’amore che guida il tuo cuore e suggerisce le mie parole. Io… sono commossa… davvero. Credo di amarti ancora di più, in questo momento. Oggi è un giorno importante. Abbiamo scoperto, oggi, l’importanza del dialogo. Insieme, io e te, abbiamo provato la gioia di comunicare. (Si commuove fino alle lacrime) Sono felice, vita mia! Felice! Siamo vicini l’uno all’altra, ora… Vicini come non mai! No, non dirmi niente. Lascia che io pianga di felicità… Lascia che io…

(La musica, assordante, coprirà le parole dell’altra lei che continuerà a… dialogare.

L’altra coppia chiuderà con una canzone).

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

L’ALTRO LUI – La donna. E’ inutile nasconderlo. La donna ci domina, amici miei  Nel migliore dei casi, condiziona la nostra vita. Nel peggiore… beh, lasciamo perdere… Un amico mio, dopo dieci anni di matrimonio, è talmente schizzato che non riesce a fare i suoi bisognini se prima la moglie non gli fa fare la passeggiatina in giardino! Dobbiamo convenirne e rassegnarci. Non abbiamo alternative. Non abbiamo mai avuto alternative. Né scampo. La nostra pretesa superiorità? Un’effimera, pietosa, ridicola illusione! In realtà, il maschio ha sempre vissuto in uno stato di inconsapevole sudditanza. Ammettiamolo: fin da bambini, abbiamo imparato a subire passivamente le dolci vessazioni della donna; fosse la madre, la sorellina o la compagnetta di scuola di cui ci siamo stupidamente innamorati.

GIOCHI INFANTILI

(IL BAMBINO – LUI; LA BAMBINA – LEI; IL PADRE –L’ALTRO LUI)

BAMBINA – Io mi sono scocciata a studiare. Perché non facciamo un gioco?

BAMBINO – Ma non abbiamo ancora finito i compiti.

BAMBINA – E allora?

BAMBINO – Dobbiamo fare i compiti, prima, altrimenti la maestra domani ci punisce.

BAMBINA – Non preoccuparti. Ci parlo io, domani, con quella rompiballe!

BAMBINO – Non si dicono le parolacce!

BAMBINA – Perché?

BAMBINO – Non lo so. Ma la mia mamma dice che non sta bene dire parolacce.

BAMBINA – Tua madre è una bigotta.

BAMBINO – Che cosa significa “bigotta”?

BAMBINA – Boh? Mio papà dice che le persone tutte pulitine che non dicono mai le parolacce sono bigotte.

BAMBINO – Tuo papà le dice, le parolacce?

BAMBINA – E certo. Mica è bigotto, lui! E allora, che si fa, vogliamo giocare?

BAMBINO – Fra un’ora viene a prendermi mio papà…

BAMBINA – Sei un coglione! Perché hai detto a quell’altro rompiballe di venire così presto? 

BAMBINO – Io? E’ stato lui a dirmi…

BAMBINA – Non hai carattere! E non hai palle! (Nervosamente tira fuori dalla tasca una penna e gliela porge) Tieni!

BAMBINO – (con le lacrime agli occhi) Perché mi restituisci la penna che ti ho regalato ieri?

BAMBINA – Perché da questo momento, non siamo più fidanzati!

BAMBINO – Mi lasci?

BAMBINA – Sì!

BAMBINO – Se gioco con te, mi lasci lo stesso?

BAMBINA – Sei una lagna! Ringrazia il cielo che sono generosa!

BAMBINO – Allora, non mi lasci più! Siamo sempre fidanzati?

BAMBINA – Sì! A patto che tu la finisca di frignare come un cretino! E ora, giochiamo.

BAMBINO – Come vuoi giocare?

BAMBINA – Al dottore e l’ammalato.

BAMBINO – Io faccio il dottore?

BAMBINA – No. Tu sei l’ammalato.

BAMBINO – Perché devo fare sempre l’ammalato?

BAMBINA – Per due motivi. Primo, perché con quella faccia, sei più credibile come ammalato. Secondo, perché così ho deciso.

BAMBINO – Va bene. Che malattia ho?

BAMBINA – Se non ti ho ancora visitato, come faccio a saperlo?

BAMBINO – Hai ragione.

BAMBINA – (inizia a giocare) Hai una brutta cera, piccolino. Cosa hai mangiato ieri, cacca di cane, per caso?

BAMBINO – No. Ho mangiato della cioccolata.

BAMBINA – Dicono tutti così. Apri la bocca. (Il bambino esegue) Come sospettavo. Cacca di cane. Chiudi quella fogna, bambino, altrimenti appesti l’ambiente!

BAMBINO – E’ molto grave, dottore?

BAMBINA – Sta’ zitto, moccioso e lasciami lavorare. Hai mal di pancia?

BAMBINO – Veramente… no.

BAMBINA – Lo avrai. (Gli porge un bicchiere colmo d’acqua) Bevi.

BAMBINO – Che cos’è?

BAMBINA – Purgante. Bevi.

BAMBINO – Purgante? E io dovrei berlo?

BAMBINA – E’ solo per gioco, fesso! Non vedi che è solo acqua?

BAMBINO – Allora posso bere?

BAMBINA – “Devi” bere, altrimenti non guarisci. (Urla infuriata) Vogliamo spurgare quella fogna puzzolente sì o no?

BAMBINO – D’accordo. (Beve non senza diffidenza) Che brutto sapore! Ma cosa mi hai fatto bere?

BAMBINA – Te l’ho detto, purgante.

BAMBINO – Per… gioco?

BAMBINA – Per gioco era purgante. Nella realtà, era una mistura di mia creazione. Vogliamo continuare a giocare?

BAMBINO – Mi viene da vomitare.

BAMBINA – Per forza! Hai mangiato cacca di cane!

BAMBINO – Che cacca di cane! Sto male perché ho bevuto quella roba!

BAMBINA – Quella roba, stronzo, è una medicina che ho preparato con le mie mani!

BAMBINO – Appunto. E’ proprio per questo che sono preoccupato.

BAMBINA – Sai cosa c’era in quel bicchiere? Acqua e bicarbonato, idiota!

BAMBINO – E allora, perché ho nausea e mal di pancia?

BAMBINA – Forse perché dentro l’acqua ho versato, per sbaglio, un po’ di candeggina…

BAMBINO – (piange, si dispera) Ma allora devo andare in ospedale…! Forse morirò! Sei cattiva! Mi hai avvelenato!

BAMBINA – (ride di gusto) T’ho fatto uno scherzo, coniglio! Non ce n’era candeggina… anche se un pochetto te la saresti meritata… per ripulirti quelle schifose budella che hai nella pancia!

BAMBINO – (si asciuga le lacrime) Lo sai che mi hai fatto prendere uno spavento grande grande…?!

BAMBINA – (gli fa il verso) “Uno spavento grande grande…!” Sei un coniglio. Ecco quello che sei! Sdraiati ché devo continuare a visitarti.

BAMBINO – Sono stanco di giocare…

BAMBINA – Non fare i capricci, piccolo! E fammi vedere il pisellino.

BAMBINO – Il pisellino?! Ma io mi vergogno!

BAMBINA – (isterica) Ma come faccio a curarti se non mi mostri il pisellino?

BAMBINO – Perché proprio il pisellino?

BAMBINA – Chi è il dottore, io o tu?

BAMBINO – Tu.

BAMBINA – E allora, ubbidisci e tira fuori il pisellino!

BAMBINO – (ricomincia a piangere) Mi vergogno…!

BAMBINA – Non farmi arrabbiare!

(Piangendo il BAMBINO, spalle al pubblico, esegue sotto gli occhi della BAMBINA che ride divertita. Dal fondo, improvvisamente, entra il PADRE della bambina ovvero L’ALTRO LUI).

PADRE – (sgrana gli occhi, incredulo) Ma… che stai facendo, piccolo porco?!

BAMBINO – (piange) E’ stata lei…!

BAMBINA – (finge - da grande attrice - di piangere) Papà! Questo bambino è cattivo! Mi ha costretta a guardare mentre lui faceva le cose porce!

PADRE – (al Bambino) Non ti vergogni? Queste cose falle a casa tua, hai capito?

BAMBINO – (continua a piangere disperatamente) Ma non è stata colpa mia…!

PADRE – Vieni con me, porcello! Ti accompagno io dai tuoi! Così gli dirò io stesso quello che hai combinato! (Lo trascina fuori) Qua dentro, tu non metterai più piede! Andiamo! (Via col Bambino)

BAMBINA – (da sola. Ride a crepapelle. Torna seria) Però mi dispiace che non verrà più qui a giocare con me… Bah! In fondo, chi se ne frega? Tanto era troppo stupido e aveva il pisellino troppo piccolo…!

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> 

LUI – E sempre in tema di donne che giocano coi nostri destini…

ROMEO E GIULIETTA

 

 GIULIETTA – (crede di essere da sola) Oh, Romeo, Romeo…! Giustu giustu Lenticchi ti dovevi chiamare?! Non ti potevi chiamare – che so? – Falsaperla, Pappalardo… No, Lenticchi! (Sospira) Se tu rinunciassi a essere un Lenticchio, ti giuro che io dimenticherei di essere una Capuliatu!

ROMEO – (non visto da Giulietta) Che faccio, ci rispondo subito o continuo a stare nascosto, come un cretino, tra le fresche frasche?

GIULIETTA – Solo il tuo nome è mio nemico. E già. Purtroppo ai Capuliatu non ci piaciunu i Lenticchi. E di conseguenza, ai Lenticchi non ci piaci una ca è Capuliatu! E allora, chiamati in un’altra maniera! Chi ti costa? Tantu io ti amerei lo stesso… D’altra parte, una bella coscia di pollo arrostita… comu ‘a chiami chiami, sempre coscia di pollo resta! In ogni caso, conserverebbe la sua fragranza e il suo sapore, no? Dunque, Romeo, chiamati coscia di… Insomma, chiamati comu schifiu vuoi, basta ca ci ‘a finisci cù ‘sti Lenticchi! E, in cambio, io ti darò tutta me stessa!

ROMEO – (si mostra) Vili cu’ si ni penti!

GIULIETTA – Beddamatri!, cu’ è?

ROMEO – Affare fatto! Mi cambio nome, cognome, indirizzo… pure gruppo sanguigno!

GIULIETTA – Ma chi sei tu che ti nascondi, come un cretino, tra le fresche frasche? Ca vatinni! Cu’ ti canusci, beddu?

ROMEO – Non te lo dico il mio nome perché se tu non lo sopporti a mmia mi fa schifo! E dunque, chiamami Falsaperla o Pappalardo, se ti fa piacere!

GIULIETTA – Havi menzura ca parri e ancora non ho capito cu’ caddu si’…

ROMEO – (tra sé) Ma chi è, ‘ntrunata?! (A Giulietta) Sono io, amore…! Non riconosci più la mia voce?

GIULIETTA – Ma… che sei Romeo, per caso?

ROMEO – Comu, “per caso”? Si ci vinni apposta ccà!

GIULIETTA – Matruzza del Carmelo! E chi ci fai ddocu? Come hai fatto a saltare i muri del giardino che sono alti e pericolosi? Chi si’ ‘na signa?

ROMEO – Altro che signa! Per amore del tuo amore e per amore del mio amore nonché per amore del nostro amore… iù diventu macari ‘na zazzamita e acchianu mura lisci!

GIULIETTA – Senti, comu ti chiami… zazzamita, Pappalardo… vatinni ché se ti vede mio padre o i me’ frati, qua finisci a casino!

ROMEO – E cu’ si ni futti?

GIULIETTA – Ma chi si’ scemu?! Chiddi ti dununu tanti di ddi vastunati ‘nta carina e supra ‘a testa che alla fine non ti ricordi pì daveru mancu ‘u tò nomu!

ROMEO – Non m’interessa! Non mi smuovo. Iù ccà ci fazzu i vermi. Ma se tu, amore, mi guardi con dolcezza io sarò al sicuro da ogni nemico!

GIULIETTA – Ma scunchiurutu ca sì… o ti guardo con dolcezza o ti guardo senza dolcezza, sempri sminnatu finisci…!

ROMEO – Allura, chi fazzu, mi ni vaiu?

GIULIETTA – No, aspetta… unni vai? E che è tutta ‘sta primura! (Sospira) Pappalardo, gioia, non è che ti voglio mandare via… Il fatto è che se ti riconoscono ti scucchianu in due! E a me mi dispiacerebbe...

ROMEO – Cù ‘stu scuru chi mi deve riconoscere? A stentu mi vidu iù stissu! Comunque, accuzzamula: se tu non mi ami, lascia pure che mi scoprano. Vogghiu moriri ammazzatu!

GIULIETTA – Che dici, cretino?!

ROMEO – E chi ci campu a fari? Voglio morire.

GIULIETTA – E giustu ccà vinisti a fariti ammazzari?

ROMEO – Eh!

GIULIETTA – Di notte…?!

ROMEO – Vogghiu moriri o’ scuru!

GIULIETTA – Ma dimmi ‘na cosa: perché sei così…

ROMEO – Così focoso?

GIULIETTA – No…

ROMEO – Così innamorato?

GIULIETTA – No… così bestia! Senti ma si può sapere cu’ ti ci purtò ccà stasira?

ROMEO – Prima di tutto, l’amore, poi il desiderio di vederti e infine i peri!

GIULIETTA – (in estasi) Come sei poetico!

ROMEO – Se tu fossi distante quanto la spiaggia bagnata dal più lontano mare, ebbene, io non mi sarei abbarruato! T’avrei raggiunta lo stesso, macari a nuoto!

GIULIETTA – Che belle parole che sai dire, Pappalardo! Meno male che siamo al buio, altrimenti vedresti la mia faccia che dire arrossata è dire poco!

ROMEO – Che ci hai la scarlattina?

GIULIETTA – Che c’entra! Arrossata dalla vergogna, bestia! Senti una cosa, Pappalardo, parlando con te, io vorrei salvare le apparenze, vorrei poterti dire che poco fa strasintisti…

ROMEO – Quando?

GIULIETTA – Ca quando parlavo da sola a sola, stunatu!

ROMEO – Ah, sì. Quando hai detto, testuale, “ti darò tutta me stessa”!

GIULIETTA – Bravo. Ecco… io… ti volevo dire …

ROMEO – Che cosa?

GIULIETTA - … che non stavo sgherzando. Io sono disposta sul serio a darti tutta me stessa.

ROMEO – Daveru?

GIULIETTA – Ma tu mi ami? Se mi ami, dimmelo. E se, invece, pensi che ho ceduto troppo presto, se, insomma, mi hai preso per una buttanella qualsiasi, dimmelo lo stesso! Non ci fa niente. Allora, dimmelo. (Attende inutilmente che l’altro parli. Poi, esasperata) Ahu, cù ttia sto parlando!

ROMEO – E che debbo dire?

GIULIETTA – Ti rifaccio la domanda. Secondo te, sono una buttanella oppure no?

ROMEO – No, quale buttanella! Che dici?

GIULIETTA – Allora, mi ami, bel Lenticchio?

ROMEO – Ti amo, bella Capuliata!

GIULIETTA – Giuralo!

ROMEO – Lo giuro.

GIULIETTA – Su che cosa?

ROMEO – Bambina, su quella luna io ti giuro…

GIULIETTA – Ma quali luna e menziornu! Mi devi giurare sulla tua testa altrimenti chi giuramentu è?

ROMEO – E va bene, che siamo a questo? Ti giuro…

GIULIETTA – Basta, non giurari cchiù… Mi siddiai. Buona notte.

ROMEO – Comu “buona notte”? Te ne vai così senza dirmi altro?

GIULIETTA – Forse, piccolo Lenticchio, questo germoglio d’amore appena nato sarà maturo al nostro prossimo incontro… chi lo sa? Boh! Mah! Buona notte.

ROMEO – E mi lasci in questo modo?

GIULIETTA – E chi voi ‘a banna? Buona notte.

ROMEO – Dimmi almeno che mi sarai fedele…

GIULIETTA – Ca certu. Buona notte.

ROMEO - … così come io sarò fedele a te!

GIULIETTA – Sì! Buona notte.

ROMEO – Ti prego, dimmelo!

GIULIETTA – Senti, Pappalardo, mi ni fai iri ca si ficinu i tri?

VOCE FEMMINILE – (fuori scena) Giulietta! C’ha fari assai ancora? Vo’ curchiti, scimunita ca poi, dumani, non ti vo’ susiri!

GIULIETTA – Vengo! (A Romeo) Ha’ visto? Tu ci hai ‘u sbaddu…! Buona notte.

ROMEO – Buona notte. Torno a trovarti domani.

GIULIETTA – Va bene. Buona notte.

ROMEO – Di mattina presto. Buona notte.

GIULIETTA – D’accordo. Buona notte.

ROMEO – Verso le sette. Buona notte.

GIULIETTA – Pirchì non veni e’ cinqu? Buona notte, vah.

ROMEO – Alle cinque, allora! Buona notte.

GIULIETTA – Senti, ‘u sai chi ti dicu? Vo’ duna i cianchi e bona notti pì daveru! (Via)

(Chiudere con una canzone)

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

LEI – Cosicché sembrerebbe che la donna – sadica e violenta – non pensi che a torturare il povero maschio indifeso! La verità, invece, è che noi donne abbiamo sempre vissuto in schiavitù. Da secoli, abbiamo sopportato i soprusi, le angherie, il sadismo, la gelosia morbosa e persino la follia del maschio – padrone! 

OTELLO (musicabile)

(IAGO – LUI; DESDEMONA – L’ALTRA LEI; OTELLO – L’ALTRO LUI)

(Le luci colpiranno, uno alla volta, i personaggi)

IAGO – Sono Iago, il cattivo Iago.

         Di Desdemona me ne frego!

         Io odio Cassio, odio Otello

         Odio questo e odio quello!

Io sono nato per odiare!

         Son così… che ci posso fare?

         Odio tutti fuorché me stesso…

         Insomma, sono proprio un cesso.

DESDEMONA – Sono Desdemona, dolce e piacente

         Sono virtuosa e vivo onestamente.

         Sono io la sposa di Otello

         Il Moro geloso, proprio quello.

         Per colpa di Iago e d’un fazzoletto,

         con un piano odioso e perfetto,

         sono stata davvero fregata

         e son finita morta ammazzata!

OTELLO – E io sono il Moro Otello

         generale focoso e bello!

         Di Desdemona sono lo sposo…

         Io l’amo tanto e sono geloso!

         Per colpa di Iago, un vero stronzo,

         ho fatto la figura del gonzo!

         Ho strozzato la mia sposa…!

         che adesso sottoterra riposa…

(In scena solo IAGO)

IAGO – (ride sinistramente) Quando mia madre mi mise al mondo

         mi guardò e poi disse: “Porco mondo!”

         Perché quando son nato mica strillavo…

         No, signori miei, io ridevo!

         Me la ridevo sinistramente…

         Una scena davvero agghiacciante!

         E’ chiaro, dunque: cattivo ci son nato.

         Crescendo, poi, mi sono raffinato.

         Al momento, ho in testa un progetto.

Un piano di prestigio, di tutto rispetto.

         E ben presto, questo schifo di castello

         vedrà la disfatta di Otello

         e finalmente Desdemona morrà!

         Pregusto la tragedia: hip hip urrah!

         Arriva il fesso con l’allocca…

         (al pubblico) Mi raccomando, acqua in bocca! (Via ridendo)

(Entrano OTELLO e DESDEMONA)

OTELLO – Io t’amo Desdemona bedda!

         Bedda! Cchiù bedda di ‘na stidda!

DESDEMONA – Mi fate arrossire, mio signore…

         Sappiate ch’è solo vostro il mio cuore.

OTELLO – Lo so che m’ami e so che sei onesta.

         Ma si vardi un altro, ti fazzu la festa!

         M’avissiru ammazzari ca t’ammazzu!

         T’affucu, ti sminnu, mi fingiu pazzu!

DESDEMONA – Io amo voi, mai vi tradirei

         Non minacciate… mai v’ingannerei…

OTELLO – Va bene, va bene, ti credo, donna.

         Non sei capace di farmi li corna…

(Sopraggiunge IAGO)

         Oh, Iago, amico mio carissimo!

IAGO – Salute, signore eccellentissimo!

         M’inchino a voi, nobile signora…

DESDEMONA – Il vostro garbo, Iago, mi onora…

OTELLO – Ritirati pure, dolce sposa.

         ché devo dire a Iago ‘na cosa.

DESDEMONA – Col vostro permesso…

OTELLO – Ti sia concesso.

(Desdemona esce)

         Allora, Iago, amico bello

         che ne pensa la gente di Otello?

         E della mia sposa che dicono?

         Parra dunque, come ci giudicano?

IAGO – Vi prego, non date ascolto alla gente.

         La gente è soltanto impertinente.

Voi siete persona intelligente.

         A voi, Otello, non sfugge niente…

         Che ve ne frega, dunque, della gente?

         Lasciateli cantare liberamente.

OTELLO – Ma perché, fannu curtigghiu, per casu?

         Qualcunu mi havi supra lu nasu?          

         Qualcunu sparra la mia signora?

         Parra, Iago, o t’abbiu fora!

IAGO – Se voi insistete, parlo allora.

OTELLO – Ca parra, chi ci aspetti ancora?

IAGO – Pare che Cassio, vostro caro amico…

         Sia chiaro, qui lo nego e qui lo dico…

         Insomma, pare corteggi vostra moglie…

         Pare che abbia delle strane voglie…

OTELLO – Sta’ parrannu di Cassio, ‘u cavalere?

IAGO – Sì, mi riferisco a lui, messere.

OTELLO – Chi sta’ dicennu, Iago, chi ‘mpapocchi?

         Viri che ti do du’ pugna ‘nta l’occhi!

IAGO – E’ la verità, mio generale.

         Sono un amico onesto e leale.

OTELLO – E dimmi ‘na cosa: mia moglie chi fa?

         Fa finta di nenti oppure ci sta?

IAGO – Si ha la sensazione che lei ci sta.

OTELLO – Comu, comu…? Mè muggheri ci sta?!

         Dovrei cridiri a ‘sta bestialità?!

IAGO – Non ci volevo credere neanch’io …

OTELLO – Si dici minzogna, ne paghi il fio!

IAGO – Ma quando vidi la vostra signora

         in dolce colloquio per più di un’ora

         col vostro amico Cassio sorridente…

         ogni dubbio si sgombrò dalla mente…

OTELLO – Se dici il vero ti ni sugnu gratu

         se no ti puoi ritenere scannatu!

         Tu hai delle prove, prove sicure?

IAGO – Io ce l’ho le prove, mio signore

         ma non vorrei addolorarvi ancora…

OTELLO – Ittasti la petra e ti ritiri, ora?!

         Iù vogghiu sapiri unu di tutto!

IAGO – Non vorrei esser causa d’un lutto…

         Può darsi che io mi sia sbagliato

         che le parvenze m’abbiano ingannato…

OTELLO – Nesci li provi, santu diavuluni!

         Prima ca ti pigghiu a piratuni!

IAGO – Riconoscete questo fazzoletto?

OTELLO – Dammillu subitu, ‘stu fazzoletto!

         E’ il regalo ca fici a mè muggheri!

         Chi ci fa ‘nte to’ manu, peri peri?

IAGO – Questa è la prova del suo tradimento.

         Lo raccolsi io stesso dal pavimento…

         Dopo avere incontrato il suo amante

         le cadde questo sbadatamente…

OTELLO – Non ho bisogno d’altro! Basta accussì!

         L’amore che provavo pì idda finì…!

IAGO – Mi dispiace di avervi sconvolto…

         Vedo che siete molto scuro in volto…

OTELLO – Iaghino…! Scuro io ci sono nato!

         Mi pigli per il culo, disgraziato?!

IAGO – Oh, che gaffe! Mi potete perdonare?

OTELLO – Vo’ duna li cianchi ca haiu chi fare!

(Otello esce, infuriato)

IAGO – (da solo. Al pubblico) Il piano è riuscito perfettamente

         E pensare che Cassio non c’entra niente…

         e che Desdemona è pura e innocente…!

         Quel fazzoletto, naturalmente,

         l’ho trafugato subdolamente…!

         Tuttavia, ella morrà ugualmente!

         E a me non me ne frega niente!

         Perché io sono cattivo…! E un po’ demente!

(Ridendo sinistramente, via rapido.

Rientra Otello che trascina Desdemona).

OTELLO – Sei sdisonorata!

DESDEMONA – Oh, me disgraziata!

OTELLO – M’hai fatto cornuto!

DESDEMONA – Ma siete impazzito?

OTELLO – Vedi che so tutto!

         Dov’è il fazzoletto?

DESDEMONA – Quale fazzoletto?

OTELLO – Il mio fazzoletto!

         Chiddu ca ti è cascato

         dopo aver fornicato!

DESDEMONA – Questa è una menzogna!

OTELLO – Vergogna! Vergogna!

         Qua è il fazzoletto!

         Tu sei andata a letto

         con Cassio maledetto

         e t’u stringisti al petto!

DESDEMONA – Di che Cassio parlate?

         Che dite? Che fate?

         Oh, giornata amara!

OTELLO – Muta, tappinara!

         Ti vogghiu affucari!

         Ti debbo ammazzari!

DESDEMONA – Ma sono innocente!

OTELLO – Non è veru niente!

DESDEMONA – Oh, me tapinella…

OTELLO – Mori, buttanella!

(Buio).

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

LEI – Eh, sì. La gelosia è veramente una brutta bestia.

LUI – E spesso, la donna è una bestia ancor più brutta!

(Stacchetto musicale un po’ misterioso che introduce…)

DAL CARTOMANTE

LEI – Permesso?

LUI – Avanti.

LEI – (entra) Buona sera. Io sono venuta…

LUI – Non mi dica niente.

LEI – (perplessa) Non ci devo dire niente?

LUI – No. Si accomodi.

LEI – Grazie. (Si siede) Scusi… ma se non ci dico niente, lei come fa a sapere…

LUI – Io so. Basta.

LEI – Ho capito.

LUI – Mi dica.

LEI – Ah, allora posso parlare! Dunque, io sono venuta da lei per…

LUI – Non mi dica niente! Voglio solo sapere la sua data di nascita.

LEI – Ah, ecco. Mi scusi, non sono abituata…

LUI – E allora?

LEI – E non essendo abituata…

LUI – (spazientito) La data di nascita!

LEI – Subito. 15 settembre 1972.

LUI – (mani sulle tempie, si concentra a lungo) Vergine. (Torna a concentrarsi)

LEI – Che è una cosa grave?

LUI – (senza rispondere) Continui.

LEI – Sì. Allora, io… siccome mio marito…

LUI – Non mi deve dire niente! Lei ci ‘nsisti!

LEI – E allura, che vuole sapere?

LUI – (sbuffa) L’ora.

LEI – (sconcertata, guarda l’orologio) Le otto meno un quarto…

LUI – Signora! Io voglio sapere l’ora della sua nascita!

LEI – Ah! Mi scusi. E’ che non sono abituata… Dunque… le dieci e mezza…Almenu... accussì mi dissi mè matri... perché io bene bene non me lo ricordo…

(Lui la guarda torvo. Lei, timidamente finisce la frase in un bisbiglio)… ero troppo piccola. (Lui continua a fissarla severamente) Era una battuta…

LUI – (sospira. Si riconcentra. Silenzio per qualche istante) Di mattina o di sera?

LEI – Le dieci e mezza. Di sera, di sera.

LUI – Allora, le ventidue e trenta.

LEI – Bravo. Le ventidue e trenta… di sera.

LUI – (Si copre il volto con le mani per meglio concentrarsi. Poi, come folgorato dall’ispirazione) Lei è sposata!

LEI – Sì.

LUI – La mia non era una domanda. Io so che è sposata. Io so. Sono un mago, no? E suo marito?

LEI – (intimidita e confusa) Sposato anche lui.

LUI – (sospira) Signora, la prego, si calmi… Deve stare tranquilla, rilassata se no non ni spurigghiamu cchiù. Lei è troppo tesa.

LEI – Bravo. Veru è. Sono troppo tesa. La colpa ce l’ha quel disgraziato di mio marito che, forse, dico “forse” perché non sono sicura… forse mi fa le corna!

LUI – Benedetto Dio, non m’ha diri nenti! Io lo so!

LEI – Ah, allura lei mi conferma che… (inveisce contro il marito) Disonestu!

LUI – (voce bassa ma decisa) Basta. (Pausa) So che voi siete sposati da molto.

LEI – No. Che molto! Da un anno.

LUI – (si riprende con grande mestiere) Mi faccia finire. Siete sposati da molto… poco. Non più di un anno. E’ così?

LEI – Da un anno, sissignore. Bravo.

LUI – Mi dia la data di suo marito.

LEI – La data… di nascita?

LUI – Mi voli dari chidda di morte?!

LEI – Macari Diu ci ‘a putissi dari! Ca l’avissiru ammazzari a scanciu! Dunque, mio marito si svinturò a nasciri il 20 settembre 1965. Vergine.

LUI – La prego, non mi dica niente! (Pausa di concentrazione) Vergine. Vergine lei, vergine lui.

LEI – Sissignore. Due vergini. Io, però, vergine e martire!

LUI – (armeggia con le carte) Vedo dalle carte che voi due non andate molto d’accordo. Mi conferma?

LEI – Al cento per cento. Veru è.

LUI – La maltratta?

LEI – No, questo no. Ci mancassi!

LUI – Infatti. Le carte mi dicono che non è un tipo manesco. Lei è gelosa. Vede? (Le mostra una carta) Questa è lei. La donna gelosa. Per i primi tempi tutto andava bene… Vede? L’amore c’era nei primi mesi di matrimonio… Poi, qualcosa ha turbato la vostra unione… E’ così?

LEI – Esatto. Le sue parole sono Vangelo!

LUI – Le carte non sbagliano. Suo marito la trascura. Vero?

LEI – Verissimo. Mi trascura da tutti i punti di vista. E lei mi capisce!

LUI – E da un poco di tempo non avete rapporti sessuali. Da quanto tempo?

LEI – Si persi ‘u cuntu. Almenu almenu, due mesi.

LUI – Ecco qua. Due mesi. Le carte non sbagliano. E le carte, ma anche la mia sensitività, mi dicono che lei pensa di essere tradita. Sì o no?

LEI – Sì. Diciamo, anzi, che sono quasi sicura.

LUI – E infatti – ha visto? – le carte mi confermano che lei è quasi sicura di essere tradita. Ma lei, cara signora, non ha le prove. Vero?

LEI – E se avevo le prove chi vineva ccà?! Sacciu sulu ca nesci ogni sira e non sacciu unni schifiu s’a fa! Ogni sira, regolarmente!

LUI – Lei dovrebbe essere più affettuosa… Deve stare più vicina a suo marito…

LEI – Questo dicono le carte?

LUI – No, questo lo dico io.

LEI – E le carte che dicono?

LUI – Dicono e non dicono…

LEI – Insomma, quest’amante c’è o non c’è?

LUI – C’è e non c’è… Le carte dicono: “Interroga il tuo cuore, donna e saprai la verità”.

LEI – E non dicono cchiù nenti?

LUI – No.

LEI – Ma scusi, a me m’avevano detto che lei indovina tutto perché ha le palle…! Pirchì non li esce ‘sti palli?

LUI – Quali palle?

LEI – Le palle di vetro. Accussì mi dissiru.

LUI – E va bene. Guardi, però, che la lettura nella sfera di vetro le viene a costare parecchio…

LEI – E oramai…! Unni trenta, trentuno!

LUI – (scopre una sfera di vetro sulla quale poggia le mani) Io vedo… vedo un uomo giovane, alto… E’ suo marito?

LEI – No. Mio marito tanto alto non è.

LUI – Allora, non è lui. Ora vedo un uomo di statura media… Mi pare che ci siamo, no?

LEI – Che ha i capelli castani?

LUI – Sì.

LEI – Iddu è! E chi sta facennu? (Tenta di sbirciare nella sfera) Posso?

LUI – Signora, chi ci pari ca è, ‘a televisione?! Stia seduta.

LEI – Mi scusi.

LUI – Dunque. Sta per aprire una porta. Vogliamo scoprire chi c’è oltre questa porta?

LEI – E chi ci deve essere? Qualchi fimminazza di ‘nsoldu!

LUI – Sta aprendo la porta…

(Entra L’ALTRO LUI ovvero… il marito).

L’ALTRO LUI – Mi scusi, maestro…

LUI – Che c’è? Lo sa che non voglio essere disturbato, no?

LEI – Vittorio!

L’ALTRO LUI – Enzina! Chi ci fai qua?

LEI – Tu chi ci fai ccà!

L’ALTRO LUI – Iù fazzu fatturi…

LEI – Ti mittisti a fari ‘u mavaru?!

L’ALTRO LUI – Ma quali! Io faccio la contabilità... E tu, disgraziata, mentre io cerco di arrotondare ‘u stipendiu, ti ni veni ccà a fariti arrubbari i soldi?! (A Lui) Scusi, maestro, non è pì lei…

LEI – E chi ni puteva sapiri iù…? Chi bestia ca sugnu pì daveru! E io che pensavo…Matri, Vittorio, sugnu troppu cuntenta! (L’abbraccia)

LUI – Finistivu?

LEI – Mi scusi, è che sono troppo contenta!

 LUI – Vittorio, mi facissi un conto rapido. Cento euro di consulto più duecento di lettura c’a palla… Totale?

L’ALTRO LUI – Trecento euro, maestro.

LUI – Trecento euro, signora. Se vuole la fattura…

LEI – No, no, grazie. Ormai non mi servi cchiù ‘a fattura! Sono felice, signor mago, m’ha cridiri! Menu mali che mi sono decisa a veniri ‘nti lei!

LUI – Trecento euro, prego.

LEI – (al marito) Pava tu. Ni videmu a’ casa, gioia mia! (Via)

LUI – Vittorio. Trecento euro.

L’ALTRO LUI – Senza sconto, vero?

LUI – Vittorio, lei chi sapi ca fazzu scunti, iù?

L’ALTRO LUI – No.

LUI – E allura?

(E mentre paga, BUIO) 

LE INTERVISTE

*

LEI – Scusi, onorevole, qual è il suo programma politico a favore della donna?

LUI – Vede… il mio schieramento politico, come lei ben sa, ha lottato con estrema decisione, con grande determinatezza, oserei dire con la massima disinvoltura, per difendere i sacri diritti della donna. Ed è con estrema decisione, con grande determinatezza e oserei dire con la massima disinvoltura che io, oggi, posso affermare, senza timore di smentite, che la donna ha finalmente conquistato il ruolo che le compete nella società.

LEI – La ringrazio, onorevole.

LUI – Non ho finito. Voglio anticiparle una “checca”, pardon, una chicca. Al riguardo, io stesso, con la massima disinvoltura, ho presentato alla Camera una proposta oserei dire rivoluzionaria. Se, come tutti auspichiamo, la mia proposta supererà indenne l’iter legislativo, ebbene, verrà, finalmente, abrogata quell’iniqua e irresponsabile Legge Merlin! In tal modo, le case chiuse spalancheranno di nuovo le loro porte e la donna tornerà ad essere una puttana rispettata e rispettabile!

LEI – (sconcertata) Auguri, onorevole…

LUI – Grazie, cara.

<<<<<<<<<<<<<< 

*

LEI – Scusi, secondo lei, in che modo è cambiata, se è cambiata,  la condizione della donna?

L’ALTRO LUI – (molto vecchio) E’ cambiata assai! Tutte queste cosce di fuori, queste minne all’aria non c’erano una volta! Tutte queste porcellanerie non si facevano! Tutti ‘sti fimminazzi allippati, senza vergogna, non c’eranu…!

LEI – Allora, secondo lei, si viveva meglio ai suoi tempi?

LUI – No, chi c’entra?  Megghiu ora!

 <<<<<<<<<<<<<<<<<<<<

*

LEI – Buona sera. Lei è sposato?

LUI – (aria annoiata) Regolarmente.

LEI – Lei si definirebbe un uomo moderno?

LUI – Regolarmente…

LEI – Se sua moglie, poniamo, la tradisse con un altro, lei come si comporterebbe?

LUI – Regolarmente.

LEI – Cioè, ci faccia capire… non si lascerebbe andare a reazioni violente…? Insomma, si comporterebbe da uomo civile e maturo…?

LUI – Regolarmente.

LEI – Mi congratulo con lei, bravo. Qual è la sua professione?

LUI – Il mantenuto… regolarmente.

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

*

LEI – Mi consente una domanda? Grazie. Come giudica, lei, una donna che, pur essendo sposata, intende gestire la propria vita in modo autonomo?

(Lui la guarda perplesso)

         Avere un lavoro, per esempio, che la soddisfi o un hobby da coltivare… Oppure, che so, andare al cinema con le amiche, fumare qualche sigaretta, se ne ha voglia o rientrare a casa magari dopo mezzanotte… Lei come la giudica?

L’ALTRO LUI – Buttana!

<<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

SULL’AUTOBUS… A CATANIA

(L’autobus è in marcia. LUI, con l’aria più innocente di questo mondo, è letteralmente e platealmente attaccato a LEI che mostra chiari segni d’insofferenza e d’imbarazzo…)

*

LEI – Scusi ma lei non havi nenti chi fari?

LUI – No. Quali chi fari pozzu aviri? Staiu aspittannu di scinniri… (La “mano morta” è sempre più viva).

LEI -(l’imbarazzo aumenta)  Gentilmente… si vuole spostare, per favore?

LUI – Pirchì, ci portu ‘mpacciu, ccà?

LEI – (non ne può più) Lei è maleducato! Quantu scinnu, vah! (Via)

LUI – Quannu siti accussì mateliche, pigghiativi ‘u tassì!

L’ALTRO LUI – (gli si avvicina) I fimmini su’ antipatiche, abberu?

LUI – Allura! A chi ci pari ca unu ci havi ‘u sbaddu?!

L’ALTRO LUI – Ora ci voli! (Gli si accosta sempre di più)

LUI –Vo’ diri, un galantuomo è pe’ fatti so’ e si deve sentire dire che è maleducato!

L’ALTRO LUI – Lassassi perdiri, non si pigghiassi di colira… Tutti i stissi su’ i fimmini…! (Gli si appiccica addosso. La “mano morta” è in azione)

LUI – Appoi, tutta ‘sta gran biddizza di fimmina…! E’ ca siccomu su’ tappinari, si devono mettere in mostra pì forza!

L’ALTRO LUI – ‘A virità, è. (Continua le sue… operazioni)

LUI – Menu mali ca sugnu una persona perbene, se no ci’avissi vutatu ‘na iangata!

L’ALTRO LUI – Ma unu chi fa, si può compromettere pì ‘na tinta fimminazza?

LUI – (realizza finalmente d’essere oggetto di attenzioni da parte dell’altro) Senta, scusi… ma lei c’ha fari assai ancora?

L’ALTRO LUI – Bih, iù ‘o capolinea scinnu!

LUI – Me la fa la cortesia di spustarisi?

L’ALTRO LUI – Pirchì, ci do fastidio?

LUI – E certu ca mi duna fastidio!

L’ALTRO LUI – Ma ‘u sapi ca lei è curiusu forti?

LUI – No. ‘U curiusu è lei ed è macari facchinu, ha capito? Varda ch’è bella! Quantu mi ni scinnu ca è megghiu! Prima ca ci dugnu ‘na carcagnata a stu porcu!  (Via rapidamente)

L’ALTRO LUI – Matri mia! E chi su’ tutti attaccati ch’e’ spimmuli, ‘sta matina?!

*

(LUI è seduto. All’arrivo di LEI – chiaramente in stato di gravidanza avanzato – finge di leggere il giornale o di guardare altrove, per non doverle cedere il posto. Per qualche secondo, lei guarda lui quasi con aria implorante…)  

LEI – (quasi con un bisbiglio perché sta male)  Mi scusi… le dispiacerebbe farmi sedere per qualche minuto…?

LUI – (sguardo sfuggente) E pirchì?

LEI – Perché non mi sento molto bene…

LUI – Lei sula? Iù ci haiu ‘nduluri di testa…!

LEI – Ma io aspetto un bambino…

LUI – E no’ pò aspittari additta?

<<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

*

(Una donna molto anziana – L’ALTRA LEI – appoggiandosi ad un bastone, cerca un posto libero…)

L’ALTRA LEI – Nenti posti. E unni m’assettu? Oh, Benedetto Dio…! Iù non ci ‘a fazzu cchiù! Non c’è un’anima pia ca mi duna ‘u postu? (Nessuna risposta) Nenti. Non ci n’è anime pie… (Si rivolge a un signore) Sintissi, beddu, m’ha scusari… chi fa, mi fa assittari lei?

LUI – E chi è, giustu giustu iù? Cù tanti picciotti ca ci sunu accuffulati, mi sconcica propriu a mmia ca ci haiu i jammi vunchiati?!

L’ALTRA LEI – M’ha scusari, gioia. (Si rivolge a un altro) Giovanotto, mi facissi assittari lei, pì opira di carità… ca ci haiu ‘u nervu sciaticu e l’artriti ‘nte’ peri!

L’ALTRO LUI – E iù ci haiu i nervi forti e i trigghi ‘nte’ manu  …!

<<<<<<<<<<<<<<<<<< 

*

LEI – (rivolta a LUI) Mi scusi, dovrei andare in piazza Teatro Massimo. Dove mi conviene scendere?

LUI – Lei ha scinniri in via Ventimiglia… Poi di ddà su’ du’ passi…

L’ALTRA LEI – Ma chi ci sta ‘ncucchiannu a dda carusa?! Lei ha scinniri, inveci, o’ capulinea. Di ddà non ci voli nenti p’arrivari o’ Teatru Massimu.

LUI – Ma quannu mai! (A Lei) Lei ha sentiri a mmia. Scinnissi in via Ventimiglia.

L’ALTRA LEI – Non ci dassi cuntu a chissu! Lei ha scinniri unni ci dissi iù!

LUI – (all’altra lei) Ma si non sapi mancu unni sta di casa, pirchì parra?

L’ALTRA LEI – Sbagghiò! Forsi è a lei, ca a’ casa, ci l’hanu accumpagnari c’a manu! 

LUI – Vo’ diri che, eventualmente, mi ci fazzu accumpagnari di sò soru!

L’ALTRA LEI – Bravu pì daveru! Non sulu a ‘sta nuzzuntedda ‘a stava facennu scinniri ‘nta firmata sbagghiata… è macari maladucatu e facchinu!

LUI – La facchina è lei ca si intrometti in discussioni ca non ci appartenunu!

LEI – (confusa e imbarazzata) Sentite, non è il caso… non importa… Magari scendo subito alla prima fermata…

LUI – (a Lei, molto aggressivo) Lei deve scendere unni ci dicu iù!

L’ALTRA LEI – (a Lei, molto aggressiva) Lei scinni unni ci dissi iù!

LUI – (all’altra lei) S’ha stari muta, ha capito?

L’ALTRA LEI – S’ha stari mutu lei!

LUI – (alza un braccio minacciosamente) Beddamatri, fussi cosa…! Ha ringraziari o’ Signuri ca è fimmina!

L’ALTRA LEI – E’ lei che deve ringraziare o’ Signuri ca sugnu fimmina! Perché se non ero una signora, cù ‘na pirata ‘u faceva nesciri d’o finistrinu!

LUI – Chi cosa è lei, ‘na signora?! Lei è ‘na lavannara!

L’ALTRA LEI – Cretino!

LUI – Sarvaggia!

LEI – Scusatemi…

L’ALTRA LEI – (a lei) Lei si facissi i cazzi so’! (A lui) Puddicinedda!

LUI – Tappinaruna!

L’ALTRA LEI – L’occhi ti staiu scippannu, sdisonestu!

LUI – Cosa ca non servi!

(E tra le urla… Buio).

<<<<<<<<<<<<<<<< 

CONCLUSIONE  

L’ALTRO LUI – Bene. Ecco, dunque, la donna ed ecco l’uomo. Due strani pianeti, ognuno dei quali gira, fatalmente, nell’orbita dell’altro. Ed è, perciò, altrettanto fatale che, qualche volta, girando girando, entrino in  rotta di collisione…

LUI – Noi abbiamo semplicemente fatto un rapido giro di ricognizione intorno a questi due pianeti.

LEI – E abbiamo scoperto che il pianeta “Uomo” continua a fare il suo tranquillo e indisturbato giro di rotazione attorno… a se stesso!

L’ALTRO LUI – Mentre il pianeta “Donna” tenta di fare il suo giro di… rivoluzione!

L’ALTRA LEI – Cos’è, un giro di parole?

L’ALTRO LUI – Sì, mi gira così…!

LEI – Vorresti prenderci in giro?

LUI – Sentite, smettiamola e andiamo a fare un giro…

L’ALTRA LEI – E tu non rigirare la frittata!

LEI – Gira e rigira, volete aver ragione sempre voi! (Gli volta le spalle)

L’ALTRO LUI – Dai, non girarmi le spalle, adesso…

LEI – Gira al largo!

LUI – Su, girati.

L’ALTRA LEI – Volete smetterla? Mi gira anche la testa…!

LUI – L’ALTRO LUI – E a noi girano…

L’ALTRA LEI – Non diventate volgari altrimenti vi giro una sventola!

LUI – Ora finiamola. Diamogli un giro di vite!

L’ALTRO LUI – Ma sì, finiamola. Però, non così, non litigando…!

LEI – E allora, come vorresti finirla?

L’ALTRO LUI – Allegramente! Con un bel giro… di valzer!

(Le due coppie ballano e cantano. Buio).

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno