Il ricatto

Stampa questo copione

In un paesino alla periferia di Napoli la vita scorre lenta e sorniona come sempre e come in tutti i paesi del mondo c’è chi vive la propria vita onestamente e chi invece vive nel malaffare.

La famiglia Ferrante è una famiglia onesta e di sani principi. Il padre Carmine, che ha 66 anni, nonostante sia già da un anno in pensione, cerca di arrotondare le misere entrate, facendo piccoli lavori. Assunta, la madre, 50 anni, è un tipo molto apprensivo, ama il marito e stravede per l’unico figlio. Assunta in gioventù ha coltivato il sogno di diventare una grande artista ma a quei tempi era un’impresa ardua non solo il riuscire ma soprattutto il convincere i propri genitori.

Salvatore, figlio di Carmine ed Assunta, 18 anni, studente all’ultimo anno di informatica, nonostante debba prepararsi per gli esami di stato cerca di aiutare il padre nei lavori più complicati.

La vita familiare, tra stenti, sacrifici e tanta buona volontà era quasi normale sino al giorno in cui Salvatore incontra Renato de Santis, figlio di una delle famiglie più facoltose del paese e capo di una comitiva di nullafacenti che lo seguono e gli obbediscono solo per la sua disponibilità economica.

Aldo Grassi, amico e luogotenente di Renato è uno spacciatore di droga e spesso si reca in città per mettere a segno qualche scippo caratterialmente è un semplicione, parla quasi sempre a sproposito.

Don Alfredo Capannella figlio di contadini, laureato in Agraria, in giovane età s’innamora di Angelica, figlia unica del Barone Gaspare de Santis, il quale, sia per la  differenza di ceto sociale, sia per la situazione economica della famiglia Capanella, impedisce ai due di concretizzare il loro sogno d’amore mandando Angelica in un convento svizzero. Per Alfredo è un duro colpo. Per alcuni mesi si chiude a tutto e a tutti poi decide di mettersi dalla parte degli uomini d’onore, della guapparia, credendo così di poter assumere, quella posizione di potere che gli permetterà di vendicarsi del torto subito. Nel giro di una decina d’anni diventa un temuto Boss, sposa Gisella Floria che, dopo un anno, nel regalargli l’unica figlia muore.

Rosina, figlia di Don Alfredo ha 18 anni e frequenta la stessa scuola di Salvatore. Tra i due nasce l’amore.

Angelica de Santis, dopo il collegio,  a diciotto anni, sposa Filippo Amedeo dei Duchi d’Almariva, ma la prima notte di nozze, colto da infarto, Filippo gli muore tra le braccia. Da quel momento la sua vita diventa una costante routine  casa, chiesa e cimitero.

Romeo Rivetti è il gestore dell’unico Bar del paese ove si ritrovano quasi ogni sera tutti i giovani.

Grazia Talena, moglie di Lino Mennale e vicina di casa della famiglia Ferrante, è una infermniera diplomata che  svolge la sua attività presso l’ospedale del paese.

Grazia ha una figlia, Ivana che, come gran parte delle bambine d’oggi, è molto perspicace.

 Ivana, come la sua amichetta del cuore Giusy Tosca, ha un caratterino molto particolare, irascibile, presuntuosa, dispettosa e credulona. Per la mamma diventa sempre più complicato cercare di far capire ad Ivana le insidie che la vita d’oggi proprone nel quotidiano.

legenda  personaggi:

Ca       =          Carmine                    As       =          Assunta                    Ro       =          Rosina

Gr       =          Grazia                      Iv        =          Ivana                         Re       =          Renato

Sa       =          Salvatore                DA      =          Don Alfredo                       Gi        =          Giusy

Al       =          Aldo                          Rom    =          Romeo

Atto I°

è sera, al vicoletto Sant’Anna civico 30 abita la famiglia Ferrante, la scena si apre sulla stanza da pranzo dove Carmine è al tavolo a fare conti, mentre Assunta, la moglie, è in cucina e canticchia un vecchio motivo napoletano, ma non conoscendone bene né le parole né il motivo……

As.      Oì vita Oì vitamina …. Tarì … tarà …. Oì core da coramina …. Tarì … tarà ….  Si stato ‘o primmo ammore …. Tarì … tarà ….

Ca.      Né tarì tarà, e acalammo ‘nu poco sta vocia, sapisse almeno ‘e parole e ‘o mutivo…

As.      E ‘o primo e l’urdemo sarraie pè mme! Zan! Zan!

Ca.      Zan, Zan, che io stongo facenno ‘e cunte…….

As.      Peppe repe repe perè pe peppè ‘o primmo e l’urdemo sarraie pè mme!

Ca.      Assù! ….(silenzio)

As.      …. Za! Za!……

Ca.      Acala ‘sta vocia!

As.      Carmeniè, hai finito? ….

Ca.      si trovo ‘nu poco ‘e tranquillità, forza fernesco chisti cunte e so’ pronto   (Assunta esce dalla cucina e  tenendo il grembiule a mo di can can…..)

As.    Oh,Oh, Oh,Oh ,Oh,Oh,Oh ma vuie mò che vulite, pecchè nun me sentite…

Ca.      ch’è stato …… ma vuie verite ‘a chesta …….

As.    Oh,Oh ,Oh,Oh ,Oh,Oh ie canto, canto, canto, ma che cant’ a ffà?!

Ca.      è chello ca vurria sapè pur’io!

As.      L’ARTISTA ie dovevo faro, l’artista, pecché ce lo tengo nel sanguo. e invece, me iette ‘a ‘nnamurà e te ca nun tiene niente d’artistiche!

Ca.      E che ci vuoi fare… songo e dispiette da vita ….. putive nascere a Pariggio e là facive l’artista ‘o MULIN0 ‘E  RUGGIO … e invece sei nasciuta qua! .. che ci vuoi fare?….

As.      (guardandolo) Songo Francese e venghe da Parigi!

Ca.      Ancora!?

As.      Ancora…tarì tarà…Ancora. tarà tarì…No Carminiè chesta è chella ‘e Don Criscenzo nun conosce bbone, né i parole, né ‘a musica ne faccio n’ata? … quale vuò sentì ?…

Ca.      vulesse sulo nu poco ‘e tranquillità! … ‘a pace….‘o silenzio   

(dopo qualche attimo di silenzio…Assunta inizia il motivo del “Silenzio”…)

As.      …. Tarì … taratà …. Salvatore c’è stà?

Ca.      …. Tara … taratì ….Nun’ ancora sta qui! ….. stasera ‘sta casa me pare ‘o San  Carlo,  stammo facenno l’opera…….

As.      UUUUuuuuuuuuuh…. È strano che nun è ancora turnato, tu che pienze?

Ca.      forse ha deciso ‘e se perdere ‘o prim’atto, ma nun te preoccupa arriverà certo a tiempo po’ sicondo che ce cante mò?

As.      Carmeniè, nun pazzià, chillo nun ha maie fatto cchiù tarde de’ l’otto!

Ca.      E se vede ca stasera teneva cchiù cose ‘a studià.

As.      Io nun ho saccio commo faie tu a mantenè staie calma, cu tutte e cose ca se sentono ogge   ‘sta cosa m’ha fatto passà ‘a vena canterina….ecco fatto!

Ca.      e meno male và…….

As.      pecché nun vaie a vedè addò stà?

Ca.      Salvatore è ‘nu guaglione apposto, sape chello che adda fa, nun te sta a preoccupà, mò ‘o vide ‘e venì.  (Assunta, molto agitata, rientra parlottando tra se in cucina .)

As.      Stai calma, mò vide che vene, nun te preoccupà, … e’ facile a dicere, ma ie nun ce riesco. (mentre  Carmine continua i suoi conti bussano alla porta….)

Gr.      E’ permesso?

Ca.      Avanti, chi è?

Gr.      Sono Grazia, Carminiè posso entrare?

Ca.      Accomodatevi, è aperto, come mai? E’ successo quacche cosa?

Gr.      No, niente, ero venuta a chiedervi la cortesia, se potevate, di lasciarvi un poco Ivana, mi hanno chiamato d’urgenza in ospedale e non so a chi lasciarla, ma è questione di una mezz’oretta. Me lo fate questo favore?

As.      (dalla cucina)  Chi è Carminiè,….. è Salvatore?

Ca.      No, è ‘a signora Grazia, ‘a ‘nfermera d’’o ‘spitale….

As.      (esce preopccupara della cucina)Mamma mia bella ‘o spitale e che è successo?

Gr.      Nulla Assuntì, come dicevo a Carmine volevo lasciarvi Ivana per una mezz’oretta, vi dispiace?

As.      Ma che dicite, fate pure con comodo, senza offesa, ‘a creatura sta in buone mani……….

Iv.       Creatura a me? Io sono una signorina! (rivolta alla mamma)  incomicciamo bene quì!

Ca.      ‘nzestutella ‘a signorina!   (Grazia da un sonoro ceffone a Ivana……)

Iv.       Ahia ……..

Gr.      Si dice? Scusatela, ma questi ragazzi di oggi sono…

As.      Assaie cchiù scetate e nuie!

(Carmine va verso il mobile lato cucina e legge delle ricevute..)

Gr.      Forse anche troppo, però, Assuntì, ma la mia paura sono i pedofili, perché, li vedete così svegli poi appena si trovano di fronte un pedofilo si lasciano raggirare con enorme facilità!  (Carmine nell’udire la parola pedofili, non capendone il significato si ferma pensoso, poi rivolto a Grazia….)

Ca.      ma che songo le  PIROFELE?

Gr.      (Non comprendendo il senso della domanda) sono le teglie per il forno

Ca.      Ecco, mò è chiaro, e per forza che ce sta ‘a se mettere appura, se ponno abbruciare, so’ sempe innucente creature!

Iv.       Carmine, ve l’ho già detto io sono una signorina e, pertanto, quando devo prendere una pirofila dal forno so bene che devo usare le presine!

Gr.      Un momento, ma qui c’è un equivoco, Carmine io non parlavo delle pirofile ma dei pedofili

As.      Ah, si, io manco ‘e supporto, gente sporcacciona…nun se lava maie!

Gr.      Ma certamente non è questo il dramma ………

As.      Ecco, … si …., si  proprio ‘ncopp’’o TRAM  ‘o ‘ncuntraie…..

Gr.      Avete incontrato un pedofilo nel tram! Ma che dite?…..

As.      Stava  seduto proprio affianco a me, che schifo, aggio a dicere a verità pé poco nun le vummecà ‘ncuollo..

Gr.      Ma come vi siete accorta ch’era un pedofilo?

As.      Sapete, un poco il caldo, ‘nu poco ‘o tram era affollato, l’aria era addeventata pesante, se senteva chella puzza ca’ se sente sempe ‘ncpoppo ‘e tramme chella puzza ….. commo se dice ….. nun me vene……

Ca.      una specie d’addore seveticcio,  ammuffuluto, tipo, che so, e ‘na bella sudatura sotto ‘e bracce, dico bene!

As.      Esattamente, quanno all’intrasatto, grazia mia, s’abbiaie a sentì ‘n’ata puzza strana, ‘na puzza nova,  ‘na puzza ca ‘nun teneva niente a che verè cu’ chella ‘e primma. Era commo si avessero miso ‘nu piezzo ‘e  pecorino, fracedo, ‘ncoppo ‘a ‘nu muntone ‘e paglia levato, frisco, frisco, ‘a sotto ‘a l’animale

Ca.      mamma d’o carmene mio, è che era chisto ‘nu tram ‘o ‘na stalla?

As.      fatto stà che ‘sta sbafatura se faceva sempe cchiù presente, quanno po’ all’intrasatto, zittu,  zitto, chianu, chianu, sta ventecata ‘e fieto interrurbano m’abbiaie a trasì dint’’e naserchie do’ naso abbampanname ‘e ciglie ‘e l’uocchie. Nun sapenno che era, m’abbiaie a girà attorno, pé capì,  e fuie duranto chistu giro d’illustraziona generale, che acalanno l’uocchie  ‘nmiezzo e cosce ‘e chilo zuzzuso, che veco?

Ca.      Che ‘e visto?

As.      quel petofilo, ‘nzevato, s’era levato ‘e scarpe!

Ca.      che scustumatezza!

Gr.      Ma no, Assunta quello non era un pedofilo, perché i pedofili sono quelli che insidiano i bambini, li adescano con caramelle, biscotti e cioccolate e poi abusano della loro falsa ingenuità.

As.      Ah, no, a chillo ce puzzavano solo ‘e piedi!

Ca.      A parte ‘sti discorse ‘e zuzzummaria, Assù, mò facciamo andare ‘a signora, pecchè, a chello che aggio capito, và ‘e presso. Tu va’ a furnì ‘e cucenà che mi stongo io con la cria, cioè, con la signurina Ivana, è vero? (Assunta va in cucina mentre Grazia s’avvia alla porta e…)

Gr.      Allora io vado, mi raccomando fai la brava. A dopo.(Carmine rivolto a Ivana..)

Ca.      assietate qua e statte buona, buona che io devo fare i conti…

Iv        Carmine posso fare un disegno?

Ca.      vuoi fare un disegno? … Certo, fai pure….

Iv        posso farvi il ritratto?

Ca.      il ritratto a me? e va bene però basta che ‘o faie in silenzio….

Iv        non vi preoccupate, non vi disturbo…. 

Ca.      dunque, 7 lampadine a 850 lire l’una fanno …… fanno

Iv        5.950 lire …. (Carmine sbirciando sul foglio di Ivana, incredulo…..)

Ca.      Brava! ….. Mah! …., 25 metre ‘e cavetto a 750 lire ‘o metro songo ….. dunquo,  5 x 0 fa 0,  scrive 0 ( si asciuga il sudore), 5 x 5 ……… 

Iv        fa 25

Ca.      25, giusto, …. scrive 5 e mi porto 2 ( si asciuga il sudore), 5 x 7 fa ….

Iv        35

Ca.      Si, scrivo 5 ….

Iv        e no!

Ca.      commo no?

Iv        avete dimenticato il riporto di 2 quindi dovete scrivere 7.

Ca.      hai già, quello 2 eva il miporto (si asciuga il sudore. Entra Assunta che lo guarda e….)

As.      ma che staie facenno, me pare uno che ha ‘mpastato ‘nu quintale ‘e rena cu’ ‘a  caucia …. E accattatella ‘na machinetta pe’ fa ‘e cunte oinì!  (ciò dicendo rientra in cucina)

Ca.      Accattatela, accattatela, into ‘a ‘sta casa basta ca’ se spenne … po’ a fine ‘o mese ‘o vanno truvanno tutte quante ‘a dinto ‘a ‘sti sacche … è overo?

As.      (sulla porta della cucina)  Ne, uè,  bellillo ‘e mamma! tieno beno presento che, si nun ‘e rappezzasso, io, chesti sacche! …. Avisse voglia ‘e ce truvà pivezze e ciciuottole,  vire e nun perdere tiempo, oinì, ca’ pare  staie chiurenno e cunte do’ Banco ‘e Napule …

Ca.      Madonna mia bella do’ Carmene, fammella ‘na bella grazia, nun t’aggio maie cercato niente ……

As.      e famme sentì, mò che ‘nci vorresti cercare?

Ca.      ‘nu poco e pace Assù, sulo nu poco e pace……

As.      sulo chesto? e nun te preoccupà, l’avrai la grazia, te cuncederà ‘na pace eterna….   ( Carmine facendo scongiuri ………….)

Ca.      Meglio che nun te rispongo e me fernesco sti cunte………

As.      e sì, quannno nun saie che dicere,  te staie zitto e nun parle cchiù, eh?!

Iv        Carmine non v’arrabbiate, quando si fanno i calcoli non bisogna distrarsi……

Ca.      Hai ragione ma, l’hai sentita? Quella non perde mai l’occasione, cunsapevule che facenno accussì,  me distraggo e sbaglio. A papuocchio fatto,  essa, c’ato nun’’aspetta! ….. c’è se spogna ‘o biscotto!

Iv        Carmine ce l’avete un biscotto? … ho un languorino…..

Ca.      ‘o biscotto ce stà ma ‘o liquorino no, e poi alla tua età ( la guarda ) anco se sei una signurina, te po’ fa male. Aspetta ca mò te piglio   ‘o biscotto…..

(va in cucina e torna con un biscotto. Mentre lo porge a Ivana, Assunta alle sue spalle)

As.      AH! Mò ti miett’’a fa puro  il  PETOFILE!

Ca.      (sobbalzando) Ma che staie dicenno! Io nu biscotto ci aggio dato…c’avesse dato pure ‘e caramelle i ‘e ciucculate. E’ vero Ivana?…

As.      Va beh, vuol dire che lo stesso ti devo stare accorto, pecchè il tuo putrebbe essero ‘nu principio di petofile……

Ca.      petofilo se, chesto ce mancasse, ma commo l’e veneno ‘ncapa cierti cose ie non so!

Iv        E’ vero Carmine! Sapete com’è, oggi un biscotto, domani una caramelle poi le cioccolate e piano, piano diventate un pedofilo completo.

(Carmine sbuffando e non sapendo cosa rispondere torna ai suoi conti)

Ca.      UFFA!….. ‘nzomm’’a tutale della somma della multiplicaziona me trovo …. 18.750 lire …. E se a ‘chesto c’assommo ‘e doie ore e fatica c’aggio fatto ….. carculanno …emm  …. Dicimmo 10.000 lire a ora sarebbero …. 2 x 1 fa 2 ….. e si, songo n’ati 20.000 lire   (Ivana mostrando il ritratto che ha fatto a Carmine )

Iv        Vi piace, io lo trovo molto somigliante che ne dite?

Ca.      Ma chi … e questo sarei io? … no, no tu ‘e fatto  ‘nu papuocchio, ‘nu coso brutto, cu’ doie recchie che me pareno duie parafanghe ‘e ‘nu camio americano…..

Iv        ma io vi vedo così!

Ca.      e se vede ca nun me vide buono! … e po’  guarda ccà,  senza manco ‘nu capillo, è vero, quel che è vero, ma io almeno quatto e tenghe ancora ………… , no!, no!, no! , no!, no!  questo nun songo io…..

Iv        Carmine non v’arrabiate e poi io vi ho fatto un ritratto per il futuro, vuol dire che voi diventerete così!

Ca.      ma che bell’augurio che me staie facenno,

Iv        carmine i vostri capelli hanno ormai preso l’abitudine a cadere quindi rassegnatevi in futuro sarete così!

Ca.      siente a mme picc… cioè signurina!….  mettiti in testa che il disegno nun è arta toia. E mò  famme fernì sti cunte, oì, oì, mò me facive scurdà ‘o campanielo da porta…. 

Iv        quella è la vecchiaia………

Ca.      zitta  tu! … ‘mparate a disegnà ! e chesto ch’erè! (Ivana con sufficuenza)

Iv        e va bene mò vi faccio daccapo va bene?

Ca       uè, uè, è cos’è questa cuffiatura? …. vuò verè che t’aggio a da pure ‘o riesto. ….. dunque dicevo? ah, si! ‘o campaniello e chillo sulo isso costa 15.250 lire …… dunquo …. Assummanno tutto cose arrivammo precise, precise ….. e se, tiè, tiè …… nun c’è sta niente a fa, …. i conti tornano cara la  mia signora Cuncettina o vuò, o nun vuò, mi devo dare iusto, iusto 60.950 lire….. e con  queste abbiamo apparato ‘e 50.000 lire pè pavà l’urdema cambiala do’ telefonino ‘e  Salvatore……. E c’avanzane pure  10.950 lire…

As.      ( dalla cucina)Fa ‘na cosa bona, oinì, tienete ‘e 950 lire e damme ‘a 10.000 lire a mme accussì Faccio ‘a spesa dimano 

Ca.      ma si ancora li debbo incassare, commo vuò che te …

As.    abbò Carmeniè, basta a discutere, tu hai fernuto?

Ca.      Damme sulo duie minute, levo sti carte e  priparo ‘a tavula

(Ciò dicendo si alza, toglie le sue carte dalla tavola e si reca in cucina…. Esce dopo qualche attimo con la tovaglia, le posate e i piatti ed inizia ad apparecchiare….. in quell’istante bussano alla porta)

Ca.      chi è? Avanto!

Gr.      Eccomi qua, ho fatto tutto, Ivana a mamma ti sei comportata bene?

Ca.      Benissimo, e poi è brava assaie a fa ‘e cunte, co’ disegno nun tanto ce quaglia, ma a fa’ e cunte è una machinetta

Gr.      Non mi posso lamentare Carmine, a scuola ha tutti voti alti, su Ivana ora saluta che dobbiamo andare

Iv.       Mamma, lo sai che Carmine sta iniziando a diventare pedofilo?

Gr.      Ma che dici, Carmine che le avete fatto?

Ca.      Signò niente…è stato pè via do’  biscotto…

Gr.      Quale biscotto? Spiegatevi….

Ca.      No, è che io ce le stevo  dicenno che mia moglie cu mme se spogna ‘o biscotto, essa sentenno chesto m’a cercate ‘nu biscotto e mentre c’ho steve danno è asciuta ‘nmiez ‘stu fatto do pitofilo, ma ve pozzo assicurà che caramelle e cioccolate non gliene ho date, quinto…como ha detto giustamente la mia cunsorta, potrebbo essero solo un principio di petofilo…

Gr.      Mamma mia che spavento, ho capito Carmine, ora però, scusatemi ma devo proprio scappare………

Ca       che avete fatto?

Gr.      Io niente?

Ca.      e perché dovete scappare…. forze quaccheruno ve corre appriesso?…..

Gr.      Ma no, nessuno, io alludevo al fatto che ho fretta…

Ca.      ma che fretta e fretta anzi volete fare una cosa, restate a cena con noi….

Gr.      No, grazie, ma, non posso proprio, devo correre a casa, perché torna Lino ed io non ho ancora preparato nulla…..

Ca.      se le cose stanno così  dovete volare aldro che correre…..

Gr.      Allora grazie di tutto e salutatemi Assunta, buonasera.

Iv.       Buonasera.  (dicendo ciò vanno via)

As.      (portando tovaglia e piatti per apparecchiare) ‘sti carte stanno ancora ‘cca ‘ncoppe?..e spicciate ja’!!   (Dopo poco mentre Carmine prepara la tavola entra Salvatore …. Serio, pensieroso, tant’è che nè saluta il padre né chiude la porta.  Carmine osservandolo..)

Ca.      Salvatò! …. Ma ch’è stato? …..  e po’ ch’erè, pare como si’ fusse trasut’’o colosseo!… lasso ‘e port’aperte e fuie comme ‘o viento

Sa.      Ah si, è vero, scusa papà ma stavo sopra pensiero e…

Ca.      E vire e scennere ‘a coppo ‘a stu pensiero quanno tuorne a casa. Ie pozzo pure capì la tua preoccupaziona, pecché devi  fare l’esamo, ma, ogni tanto, cerca pure ‘e pensa a ‘sti duie scuorteche  ca’ stiame puranco, anco nuie, in apprenzze…. in aprenzzi….. ah, si! .. in apprenzzionamento!

Sa.      In apprensione papà, … si dice in apprensione!

Ca.      quello è il plurale ca nun esce, però a vote pure tu ….(Salvatore va verso la cucina incurante di ciò che dice il padre ed incrocia la mamma che esce dalla cucina…..)

As.      Uè Salvatò!

Ca.      tu..tu..tu quanno parlo cu’ figliemo …. trovo sempe occupato!…..         

As.      Te pare che sta l’ora e t’arreterà….

Ca.      ma pecchè tenivene n’appuntamento?

As.      statte zitto Carmeniè, quanno parlo cu figliemo…. Parl’io,  tu zitto!

Ca.      p’ammore ‘e Dio e chi si  vuolo intrumettere, abbasta ca facite ‘na cusarella a ghiuorno, a ghiorno, che io, tengo famma!

As.      bello ‘e mamma commo maie ‘e fatto tarde, tu ‘o saie che io me preoccupo

Sa.      Stavo a casa di Alberto a studiare, s’è fatto tardi e..

As.      nu mumento …. ma tu, tiene ‘na faccia che nun me piace!

Ca.      Accuminciammo, Salvatò, saie che devo faro, dimane va addo Federico ‘o ferramenta, chillo, pare, che proprio ogge ce songo arrevate doie o tre facce nove, ne faie scegliere una a mammeta e po’ ‘a miette ‘ncoppo a’ ‘o cunto mio….

As.      e pazziammo, oinì, pazziammo!  Nun ‘o pensà ‘a mammà chillo pateto a furia ‘e fa ‘e cunte, stasera, ha squagliato chellu poco ‘e cerviello che l’era rimasto …. Ma dimme a mammà che t’è succiesso?

Sa.      Niente mammà, niente, sai com’è….

As.      No, Salvatò, non lo sò, pecché si ho sapesse nun te l’avarria Spiato. Te pare?

Sa.      Si, em…. Forse è come dice papà, dev’essere l’applicazione allo studio,  che mi fa stare teso, tutto qui, niente di grave.

As.      È ‘a verità?…………..

Sa.      E tu sai che qualche altra volta ti ho mentito, cu’ tte mammà, ‘o saie, so’ ‘nu  libro apierto.

Ca.      Sulo cu’ mme ‘o libro se ‘nzerra, chissà comm’è? ….. però, Assù, commo parla bello ‘o figlio nuosto, è protamente ‘nu ….  PIRETO ‘NFURMATO!

Sa.      Perito Papà, perito informatico!…

Ca.      accussì se dice mò?

Sa.      si è sempre detto così. ( ciò dicendo fa per andare in camera sua ……)

As.      e mò addò vaie?

Sa.      Poso i libri e vengo, voi iniziate pure a cenare senza ‘e mè, tanto io non ho fame.

Ca.      Ma commo Salvatò, nuie aspettammo a tte, pe’ nun  mangià  Sule commo a duie eremite e tu…

As..     Si, a mamma, ‘na vota tanto ‘ave raggiona sai che vuoi fare, posa e libbre e po’ viene a tavula, chello, commo se dice …. a si,  verenno e  magnà, a famma te vene!

Sa.      avete ragione, scusate, poso i libri e vengo.(s’avvia nella sua stanza)

Ca.      Finalmente si mangia,  iammo me, che tengo ‘na famma ..

As.      Tu pienze a mangià!

Ca.      Pecché cos’aldro c’è?

As.      Io a ‘stu guaglione nun ‘o veco buono…..

Ca.      Nun te preoccupà Assù, dimane, a primma matina, te porto a do miereco oppure t’accattate nu bellu binocolo!… accussì ‘o vire meglio ….. Si sempe a stessa ….. ‘e situazione semplice e alimentare nun te piaceno …. Allora te  miette cu ‘a capa e co’ pensiero e tanto faie e tanto dice che ‘e faie addeventà cumplicate. Ma si ‘o guaglione te l’ha spiegato accusì bello ……. è lo studio, lo studio….. chilo devo affruntare l’esamo capisce ‘sta parola?  … l’e  - sa - mo! …

As.      Carmeniè, secondo me tu parle sulo pe’ te fa abbronzà a lengua!  Io sarraggio pure apprensiva, ma tu tiene proprio ‘a capa commo e voccole.  Nun capisce che cheste songo cose serie e meno male ca’ io che songo  ‘a mamma ‘a figliemo, ‘o conosco e ‘o capisco troppo buono!

Ca.      a, si? … e dimme iammo, famme capì puro a mme, dimme che capito, di così importante e drammatiche?

As.      Salvatore……. tene quacche pensiero che l’assilla!

Ca.      ma veramente? ….. uh guardate……chella ‘a fatto ‘a scoperta ‘e l’america e songo ‘e pensiere dell’esamo! … iammo nun perdimmo tiempo a fa  chiacchiere inutile …..

As.      Po’ essere … Chissà!?! ….. ma io penso che chisto s’è miso ‘a fa amore

Ca.      Salvatore? …. ma tu che dice? ….. ce pienze, se sposa, arriveno ‘e niputine, correno e pazzeano e ce chiammano: “ ‘o nò! …. ‘a nò!” … e io me mecco vicino e ce faccio fare ‘e lezione,  se metteno a disegnà …. buono però no comme  Ivana che fa tutte spilinguacchiere …..

As.      peto’....

Ca.      no, no,  nun te preoccupà ie e ‘mparo a disegnà buone….

As.      certamente, songo sicura!

Ca.      ma che dice?

As.      sarrà succiesso quacche cosa, si, si,  aggio capito certamente  essa, mò,  l’ha lassato? …. Tu ‘e capito Carmeniè,  Sta ‘nfama l’ha lassato proprio mò, si mò che tene cchiù bisogno  d’affetto e cumprensiona …. ma si saccio chi è sta GRANDA ……

Ca.      Eeeeeeeeee!, Assù! ….. ‘e fatto ‘nu romanzo, s’è miso ‘a fa ammore,  la lassato,  sta chesta, ‘sta chestata… Ma si ancora nun se sape si ‘a tene o  nun ‘a tene ‘na ‘nnammurata, tu già ‘a fa e pruciesse e a vulisse accidere. siente a me, mò calmate e penzammo a cenà, iammo dimme c’hai  priparato?

As.      ( ironicamente)     lengue ‘e pappavallo ‘nturtiera

Ca.      bone …. Proprio chello che ce vò …… porta in tavola me….

As.      ( andando verso la cucina….) ‘nu mumento, vi serve subbeto!

Ca.      ‘na cosa senza pressa, tanto ‘o saie, ormaie stongo ‘npensione e pozzo puro aspettà. Tanto s’è capito buono che Stasera è ‘na mala serata…..(bevendo il vino che è in tavola)ma chesto cherè….acito! ma che haie accattato, sempè pè sparagnà!

(intanto, Assunta esce dalla cucina e mette in tavola la cena e mentre fa i piatti si ferma e….)

As.      Carmeniè!

Ca.      ch’è stato?

As.      Ie ‘o vego pure assaie sciupato……. ma fa che se droga?

(Carmine che aveva messo un pezzo di pane in bocca,  risputandolo….)

Ca.      se droga? ….. ma che vaie pensanno …(pensandoci su gli sorge il dubbio)…  ma pecché tu, pienze che…. …. (ripensandoci, con certezza )No, nun è possible…..

As.      Tutto è possibile, Carmeniè! …. Tutto è possibile, cu’ ‘e tiempe che correno

Ca.      Salvatore nun è tipo ‘e fa sti cose.

As.      A vote basta ‘na cumpagnia sbagliata  e  po’ po’ po’, te truvato ‘nmiezzo ‘e guaie…

Ca.      E pò po’ po’ che?..chillo cu chi  se la fa … cu Alberto, cu Gennarino … no, songo sicuro, nun è protamento possibble Assù.

As.      Fatto sta che ora dobbiamo indagare …..

Ca.      no Assù, mò dobbiame mangiare…. (fa per prendere il mestolo ma Assunta gli dandogli uno schiaffo sulla mano………..)

As.      ho detto che dobbiamo indagare, ‘e capì!

Ca.      e va bene indaghiame….

As.      ce vulesse ‘nu piano ….

Ca.      E no eh! … no Assù … nun avastano ‘e cantate mò ce mancano ‘e sunate………..

As.      Ma qua’ sunate Carmeniè?

Ca.      uè,uè, nun t’ho negà sa! Mò, mò l’e’ ditto che vulisse ‘nu piano…

As.      ‘Nzallanù! ‘nu piano …. ‘na priparaziona … commo t’aggio a fa capì, a si ecco io e te mò facimmo ‘nu cumplotto  pe’ scupri ‘o figlio nuosto che sta passanno e capito mò?

Ca.      Si fa presto a dicere ‘e capito,  tu intanto spiegate meglio!

As.      Ecco, avrei pensato, mò che esce tu piglie e ce faie ‘na bella parlata!

Ca.      ah, si! …. e se po’ sapè, pecché c’avesse ‘a parlà io?

As.      ‘O pate si tu!

Ca       e si nun ‘o saie tu!

As.      si tu, si tu! … e quindi tu ci devi parlare, e po’ Carmeniè ce vulessemo fa ‘o tuocco  a chi c’adda parlà? …. l’importante è che quaccheruno ci parli!

Ca.      Si ma nun capisco pecché proprio io?

As.      Ahà’ !!!!!.......... Carmenié  tu sei ommo?

Ca.      Uè, uè bellé, te sisse misa quacc’ato pensiero dinto ‘a capa? …

As.      Nun fa ‘o scemo, io vulevo dicere tu sei uome e Salvatore è anco lui uome, quindi?

Ca.      Siame due uommene …. Embè?

As.      embè, tra uommene  putite affruntà cierte discorze cchiù facilmente, nun te pare?

Ca.      e chesto pure è overo…...

As.      Oh !, vedo che finalmente hai capito! allora rimaniamo così, mò che esce, tu ce parle!  ( Assunta fa per servire Cermine che prepara il piatto ma….)

As.      e no! … mò avimmo a penzà chello che ci devi dire…    ( Assunta  si siede ed inizia a  pensare Carmine sbircia nella zuppiera ed avendo fame cerca di stringere i tempi…..)

Ca.      io veramente ‘na mezza idea ‘a tenesse ….

As.      oilloco, pò! po’! pò! ……. ha fatto, ci è venuta a la mezza idea … carmeniè, Carmenié! ccà  ce vonno l’idee  intere …..

Ca.      vuleve dicere che….

As.      no, no, no, una cosa cerca e mezze ‘e nun parlà a schiovere, Salvatore nun adda capì ca nuie vulimmo sapè…

Ca.      Ma si io ancora aggio a parlà!

As.      Carmeniè devi faro commo si ‘o fatto nun fosse ‘o nuosto,  devi parlaro con molta moscia panz…..

Ca.      Moscia panza? … e cher’è? ……

As.      indifferentemente!

Ca.      mo accumience cu n’ata canzona …..

As.      ma quala canzona …. cull’indifferenza Carmeniè, cull’indifferenza!

Ca.      e parla buono, che già la questiona è delicata, tu parle pure giangianese….

As.      Era ‘nu francisismo Carmeniè, un francisismo e sì, ma io po’, me mecco a’ parlà francese cu’ tte, che sei un ignoranto tutale!.

Ca.      ignoranto tutalo a mme? …ma io …   

Sa.      mamma, dove sta il  carica batterie del telefonino

As.      l’ho messo nel comodino a fianco al letto….  Ssssssss, zitto mò, statte zitto! che stà venenno…… E po’ l’importante è ce simmo capite, mò statte zitto e parla quanno devi parlare……… (Entra Salvatore si siede a tavola e guarda il piatto senza parlare. Intanto Assunta inizia a spiattellare e mentre serve, abbondantemente, Salvatore…. )

Sa.       mamma è troppo

As.      ma salvatò a mammà  tu ne hai bisogno, devi studiare!

(detto ciò mette un mestolo nel piatto di Carmine e si serve Lei, Carmine la guarda interdetto e…)

Ca.      Assuntì e io devo fare i conti!

As.      a te te saglie ‘o polisterolo! ….

(ciò dicendo fa cenno a Carmine di parlare ma Carmine, a segni cerca di far capire di aspettare…poi ……)

Ca.      Assuntì, ‘o pensato ‘na cosa, vulimmo fa nu bello iuoco?   

(Ciò dicendo fa l’occhiolino ad Assunta……. Che lo guarda interdetta….)

As.      E che se tratta Carmeniè?

Ca.      facimmo ‘na cosa stasera, chi nun tene probbleme, se stesse zitto! Chi invece ‘e tene devo parlare …

(Salvatore continua a fissare il piatto in silenzio………)

Ca.      ho detto chi tene e probbleme devo parlare!!

(Guarda Salvatore, che gli lancia un’occhiata poi rituffa lo sguardo nel piatto)

Ca.      Uè, Salvatò, mi hai sentito?… Salvatò! ….

(Salvatore preso dai suoi pensieri non risponde. Assunta fa cenno a Carmine di insistere…)

Sa.      Che c’è papà….

Ca.      dicevo chi tene ‘nu problema deve parlare chi invece nun ne tene si devo stare zitte ‘e capito?

Sa.      Si, embè? … cosa dovrei fare?

Ca.      embè, commo embè, voglio sapè perchè nun parle?

Sa.      E cosa dovrei dire?

(Carmine rivolto alla moglie a bassa voce)

Ca.      C’è caduto, mò gli faccio la domanda finale alla quale m’adda rispondere  per forza SI! …(rivolto a Salvatore)   Salvatò tu tiene quacche problema?

Sa.      No!

Ca.      e allora parl…. ‘nu mumento comm’è sarebbe a dicere NO!?!

Sa.      Sarebbe No!, non ho problemi, ecco tutto.

Ca.      Assù tu hai sentito, quello ha detto NO!

As.      Aggio sentuto e  aggio capito! …. ‘a parlato Arsenico Lupino… ma famm’’o piacere Carmeniè…

Ca.      che vuò dicere  nun tenghe probleme, e allora pecché a quanno si trasuto pe’ dicere doie parole te l’avimmo avuto ‘a terà a vocca? …..stasera me pare na Mmummia, nun dice na parola…..

Sa.      esattamente, perché come hai detto, giustamente tu: chi non ha problemi deve tacere e io, che problemi non ne ho, sto zitto. Parlasse chi ha  problemi …

Ca.      e secondo te, chi è tene ‘sti probbleme?

Sa.      Non vorrei sbagliare, ma a me pare che proprio tu, staie chino e probleme papà! e sembrerebbe anche che hai tanta voglia di scherzare, mentre, invece io proprio no! a questo punto sapete che vi dico, (ciò dicendo si alza e raggiunge l’uscita)ora vado fuori, vado a fare due passi….

As.      A chest’ora?

Sa.      Ma perché c’è un’orario per poter fare due passi? (ciò dicendo esce)

Ca.      e che gli vuoi dare torto ……. Ma tu guarda ‘nu poco ….. faie tante sacrifici  pe’ fa’ studia ‘nu figlio e po’, …. po’ te lo ritrovi talmente striuto che tu  parte pe’ t’ho fa’……… ( mentre dice ciò inizia a mangiare.)

As.      e chilo te fa’ isso a tte!  Carmenié, te si fatto fa commo a ‘nu cucuzziello.

(Assunta, prende per un braccio Carmine e… Nel parlare Assunta non da modo a Carmine di portare la forchetta alla bocca…)

As.      Carmeniè, a vicchiaia è  carogna.

Ca.      si, si …          

As.      Tu a ‘nu poco e tempo a chesta parte pare ‘nu ‘nzallanuto.

Ca.      embè…

As.      Comunque nun  hai visto che cera nera cà teneva,

Ca.      si, si …

As.      io sto troppo preoccupata….

Ca.      EEH! Assù, e me staie sbrunzulianno a ccà e a llà e nun me faie ‘ngarrà a mangià!

As.      Guardate chilo penza a mangià mentre ‘o figlio chisà che sta passanno, susete, fa ampreso, currece appresso va’ a vedè addò và!  

(Carmine stanco della situazione si alza e va verso la porta, poi si ferma si gira verso Assunta..)

Ca.      Assù chilo è stato sempe ‘nu buonu guaglione, siente a mme  lasciammo sta …. E po’ si teneva quacche problema grave, certamente me  ne avvarrai parlato, non ti pare?

As.      Sarrà commo dice ma io sto troppo preoccupata

Ca.      e fa ‘na cosa, spreuoccupate e ghiammucenne a durmì!

(Assunta sparecchiando la tavola  nervosamente….)

As.      E così stasera nisciuno a mangiato…….

Ca.      precisiamo! …….. nun e fatto mangià a nisciuno,

As.      tiè guarda ccà tutta grazia di Dio sprecata

Ca.      non buttare niente, faccio ‘nmarenna io dimane ‘e matina.

As.      E te pareva, io soffro po’ figlio mio e stongo Troppo preoccupata….

(Carmine ripete all’unisono con assunta le ultime battute)

Ca.      Troppo preoccupata! ….. siente a mè, visto ‘a commo s’è miso ‘a serata, ce cunviene ‘e ce ne ire a cuccà, si no cu tutte sti preoccupazione putimme pure addiventà scieme…

As.      a parte ‘o fatto che tu ‘stu rischio nun ‘o curro….. e po’ cu sti chiare ‘e luna io nun tengo propetamento suonno ….

Ca.      cammina, che chello te vene……..

(Ciò dicendo prende la moglie per un braccio e la porta verso la stanza da letto. Dopo qualche minuto rientra Salvatore,si siede e fa per bere…)

Sa.      ma chist’ che hanno accattato, l’acito!

( si sente leggermente bussare alla porta. Salvatore va ad aprire e dal corridoio (fuori scena)….)

Sa.      Renà, che vuoi ancora da me?

Re.      Niente, niente volevo concludere quel discorso iniziato al Bar

(Entrano in scena)

Sa.      Abbassa la voce, e poi t’ho detto che la cosa non mi interessa! Io ….

Re.      Ma non mi hai fatto parlare ascoltami prima e poi decidi….

Sa.      Sta poco da parlare, a me, certi affari non interessano e poi….

Re.      E poi?

Sa.      E poi niente…. So fatti miei…..

Re.      Fatti tuoi? …. È da un po’ di tempo che nel quartiere circola voce che una certa Rosina……

Sa.      Cerca di non mettere Rosina nei nostri discorsi …. E chiaro? … e poi che  c’entra Rosina….

Re.      C’entra, c’entra .. c’entra una volta con il riporto a nove mesi ….. di  uno, o una ….. c’è simmo capite!?!

Sa.      Cioè? … adesso ti metti a fare il filosofo enigmatico?

Re.      Né l’uno né tanto meno l’altro,(mostrando la sedia) posso sedere….

Sa.      No Renà, parla allerta allerta, che si se scetano mammà e papà nun saccio  che ‘lle dicere, anzi, diceme chello che mi devi dire veloce, veloce e  buonanotte!

Re.      E quanta pressa, vedo però, che appena ho nominato Rosina  te si appicciato commo a ‘nu micciariello, commo se vede che….

Sa.      … che cosa Renà, che cosa!?

Re.      Niente, calmati, niente dicevo commo se vede che l’ammore è fucariello e spisso e vulentiere, quanno proprio bene e mesure nun se sapeno piglià ecco che inevitabile può addeventà (rivolto a Salvatore, con freddezza)..papà!

(Salvatore impietrisce, un nodo gli blocca la gola cerca di non scoprirsi…..)

Sa.      Ma…

Re.      Con i “ma”, i “se”, e i “si  po’ ”, non si è mai fatto nulla nella vita, Salvatò, queste sono ipotesi ….. invece a te sono tutte certezze!

Sa.      Tu che ne saie e ‘sti fatte?

Re.      Te l’ho detto, io dint’’a ‘stu quartiere saccio tutto chello ca se fa e chello ca nun se fa. Altrimenti non potrei essere … chi sono!…… Non ti pare?

Sa.      Si va bene, ma io ancora non riesco a capire cosa vuoi da me.

Re.      È presto detto. Tu sei, comme se dice, si ‘nu buonu guaglione, insospettabile. Tuo padre è chiamato spisso da’ gente do’ paese per varie riparazioni….

Sa.      Embè?

Re.      Embè? …. Tutti hanno stima e fiducia sia di te che di tuo padre quindi…

Sa.      Quindi?

Re.      Ho saputo che l’altro ieri è stato chiamato da zia Angelica, la casta vedova, la quale, pare abbia voluto impiantare un antifurto in casa, sai comm’è forze, tene ‘a coscienza sporca e se mette appaura  che l’arrobbano….

Sa.      Si è vero, ma ancora non capisco cosa centro io?…

Re.      Salvatò, tu hai aiutato tuo padre a montare l’antifurto è vero?

(Salvatore ha come un senso di liberazione e tirando un grosso sospiro…..)

Sa.      Questo è tutto …….io me pensavo che vulive, si è vero, sai quel tipo  d’antifurto è computerizzato e allora papà, sapendo che io ne capisco di  computer, mi ha chiesto se potevo dargli una mano … ecco tutto ma non vedo come la cosa possa interessarti più di tanto…..

Re.      nun aggio ancora fernuto….

Sa.      Ah! …………. E cos’altro c’è?

Re.      C’è che tu, che cu ‘stu fatto e Rosina te sei ‘nguaiato,e  se non vuoi peggiorare la tua posizione, devi fare ciò che ora ti dirò di fare.

Sa.      E cioè?

Re.      Ora mi spieghi dettagliatamente  il modo migliore per disattivare il congegno, in modo che possa mettere in atto il colpo che mi sistemerà per tutta la vita, visto che la zia intende donare tutti i suoi beni agli orfani di “Santa Maria degli Angeli” e che mio padre intende diseredarmi, me pare pure logico che mi prenda ciò che mi spetta per diritto, non ti pare?

Sa.      Tu si pazzo, si, si, tu devi essere completamente pazzo!

Re.      Io, forse, sarò pure pazzo, ma tu, si nun faie chello che t’aggio ditto, certamente sei un uomo morto, stecchito Salvatò ….. defunto!

Sa.      E chi sarebbe l’esecutore di questa sentenza …. Forse tu??!?!?

Re.      Salvatò, come sei ingenuo ….. non capisco come fai a non compredere le cose  più elementari….. Allora, visto come stanno le cose mi spiego meglio, stamme  a sentì, segui attentamente il mio ragionamento: visto che ‘o pate e Rosina è  Don Alfredo Capannella!  e che lo stesso certi sgarri … non li digerisce molto  facilmente, anzi ….. non li sopporta proprio, va da solo che chillo appena ‘o  vene a sapè …. Te fa ‘a pella!

Sa.      È come fa a saperlo se io e Rosina abbiamo deciso di parlargliene solo…

Re.      Io Salvatò, lo informo io della situazione si non mi dai ‘na mano!

Sa.      E tu tenisse ‘o coraggio e fa chesta ‘nfamità? …. E poi io a Rosina la sposo … certo non subito, ma appena dopo gli esami di stato, mi cerco un posto di lavoro e…

Re.      E, secondo me, sarà troppo tardi, Don Alfredo potrebbe sapere molto prima di come stanno realmente le cose e songo sicuro che la cosa non gli farà  molto piacere te lo posso assicurare….

Sa.      Si ‘na vipera Renà …. Si ‘nu verme … ma io….. (fa per aggredirlo)

Re.      Stai calmo, pensa ‘a mammà e a papà, si potrebbero svegliare….. chiedere spiegazioni…. E tu che gli rispondi? … e po’ arricuordate che io so’ ‘nu lione, …. ‘nu lione Salvato non una vipera ….  ma non l’hai ancora capita commo  stanno mò, ‘e cose…

Sa.      Aggio capito, aggio capito …… Stongo d’into ‘e mane toie ……

Re.      Vedo con piacere che inizi a ragionare e po’ te conviene, pienzace buono, perché in tutto questo, se le cose vanno come devono andare, avrai anche la tua fetta di guadagno e ti posso assicurare che nun songo sciuscelle …. Pecché a  ttè te dongo ‘o 20% e quanto me danno a mme e tutta ‘a refurtiva… Socio!

Sa.      Socio? …. Renà io se decidessi di accettare, sappi bene che non voglio nulla ……. Non so che farmene dei tuoi sporchi soldi…..

Re.      Salvatò, e sorde, purtroppo pure si songo sporche, ‘nzevate, stracciate, puzzulente … nun hanno maie fatto schifo a nisciuno e po’ te pozzo assicurà che, ‘a refurtiva è roba ‘e valore. Il tutto supera i 20 miliardi, tra gioielli e quadri d’autore, e chillo che s’ha piglià m’ha ditto che me dà 5 miliardi…….

Sa.      Te l’ho detto, e te l’ho ripeto di queste cose non voglio saperne nulla perché non m’interessa…..

Re.      Ma e capito che ‘o 20% ‘e 5 miliarde, ovvero ‘nu miliardo, io lo do’ a te, … E credo che una cifra del genere, Salvatò, ti permetterebbe di sposarti, di comprarti una casa, dei mobili, una macchina e, cosa più importante potresti presentarti a Don Alfredo con tutta un'altra faccia. Mò invece, nelle tue  condizioni che puoi assicurare a Rosina …….. te lo dico io ……‘o riesto e  niente!

Sa.      Non lo so, …… non lo so e non voglio nemmeno pensarci……

Re.      E invece ci devi pensare, si tratta del futuro tuo e di Rosina, senza parlare poi al dolore dei tuoi genitori,  Piensace Salvatò, piensace buono, e po’ dimano e sera me faie sapè se è un si oppure un no! e mò…. buonanotte! (Detto ciò Renato va via, mentre Salvatore si accascia sulla sedia poggiando i gomiti sulla tavola.  Mille pensieri volano nella sua testa…………)

Sa.      Se lo faccio rischio la galera a vita,  Se non lo faccio rischio  d’essere ammazzato da Don Alfredo e a papà che gli dico? con che faccia potrò guardare negli occhi mia mamma. che situazione  assurda, mannaggia a mme  (mentre pensa il sonno è più forte di lui e s’addormenta chino sul tavolo……)     

(parte la base “ Và guaglione và!”…….)

FINE PRIMO ATTO

ATTO   II °

(È mattino la scena si apre sulla piazza del paese.Da dx arriva in piazza Giusy che si guarda intorno e va verso il bar…..)

Gi.       Romeo! ….. Romeo! ….

Rom.   Si, chi è?

Gi.       Sono Giusy, sono arrivati i gelati al lampone?

Rom.   No, forse arrivano oggi pomeriggio!

Gi.       Va bene, torno oggi, ciao.

Rom.   ciao ( mentre Giusy s’avvia nel vicolo che porta a scuola giunge, di corsa Ivana alle sue spalle)

Iv.       Giusy, giusy, ti sto chiamando da quando sei passata fuori casa mia, ma stamattina sei sorda?

Gi.       Ivana, stamattina non è proprio giornata, ho avuto un’altra discussione con mamma, ogni mattina  è la stessa tiritera!

Iv.       Come ti capisco!…ma possibile che non riescono proprio a capire che non siamo più delle bambine!

Gi.       Sempre gli stessi discorsi..:”Stai attenta agli uomini con l’impermeabile..”

Iv.       vorrei sapere poi chi è quel pazzo che si mette l’impermeabile con questo caldo.

Gi.       “Non accettare caramelle, cioccolate e biscotti da nessuno!”

Iv.       A proposito…ma secondo te è pericoloso solo quando queste cose vengono date tutte e tre insieme, o anche se ti danno solo un biscotto?

Gi.       Che vuoi dire? Spiegati

Iv.       No, perché noi sappiamo bene che queste cose le fanno i pedofili, ma quello che non ho capito è se uno è  pedofilo anche se ti da solo un biscotto

Gi.       Io penso di ..si! …………  Ma,  perché me lo chiedi?

Iv.       Sai, ho il sospetto che Carmine, il mio vicino, sia pedofilo!

(Intanto arrivano in piazza Carmine e Salvatore che parlano tra loro.Salvatore è molto nervoso, causa gli eventi del giorno precedente. Giusy e Ivana nel vederli si allontanano velocemente dal bar. Salvatore saluta il padre e si siede al bar rivoltando nervosamente i libri che ha in mano, mentre Carmine va verso le bambine… )

Ca.      Oh….qua sta pure la …. SIGNURINA Ivana! Dove andate? A scuola?

Iv.       Certo… ma, Carmine, usateci la cortesia di non rivolgerci la parola per strada, noi non parliamo con i pedofili! (ciò dicendo va via con Giusy. Salvatore guarda il padre interdetto e..)

Sa.      Pedofilo?  ( Carmine dopo un attimo di silenzio)

Ca.      Ma che hai capito, Ie ‘nu biscotto c’aggio dato,  mica c’aggio dato caramelle e ciucculate! …. E sì ce mancasse sulo chesto, aldre spese, aldri sorde  pè caramelle e ciucculate ‘a spennere  (ciò dicendo va via ed all’inizio del vicolo s’incrocia con Rosina,) 

Ro.      Buongiono …

Ca.      Giorno Rosì….

(Rosina, che avendo comunicato a Salvatore, alcuni giorni prima, di essere incinta, nel vederelo pensieroso e preoccupato,  cerca di capire se realmente ci tenga  a lei ad al bambino oppure si sia pentito …)  

Ro.      Salvo, …………. Salvo che c’è?

Sa.      Nulla Rosy, nulla…..

Ro.      Ti  sei forse pentito delle promesse fatte, Salvo, sii sincero, perché se non vuoi io posso anche tenermi il bambino. Capisco la situazione e non voglio obbligarti a fare qualcosa di cui potresti pentirtene ….

Sa.      Che dici Rosy, non lo devi nemmeno pensare. Ti posso assicurare che stai fuori strada, i nostri problemi, sono nulla al confronto di ciò che mi è capitato ultimamente…..

Ro.      Solo il fatto, che mi parli, senza guardarmi negli occhi, mi da l’impressione che tu, voglia….

( ciò dicendo prendendo per il mento Salvatore lo obbliga a girarsi verso lei.)

Sa.      Non essere sciocca, non puoi nemmeno immaginare in che assurda situazione mi trovo ……

Ro.      Embè! …. Parliamone ….. l’abbiamo sempre fatto e siamo riusciti a trovare sempre la giusta soluzione ……

Sa.      La giusta soluzione ….. si, la giusta soluzione …… per ciò che m’è accaduto…. Non esiste ….. una giusta soluzione!

Ro.      Ma dai, è impossibile, sai bene che a nulla non c’è il giusto rimedio, solo per la morte non esiste soluzione…..

Sa.      Giusto ed il mio è un caso simile…..  (Rosina capendo che  Salvatore, realmente, ha un grosso problema ma non vuole confidersi  nervosamente si alza e …)

Ro.      Ora basta! devi parlare! non posso sopportare questo tuo modo d’agire. (poi comprendendo che innervosendosi potrebbe ottenere risultati indesiderati, lo guarda e, portandosi alle sue spalle e carezzandolo dolcemente sulle spalle…..) Se tu hai un problema, questo è obbligatoriamente anche mio. Ti prego, per l’amore che ci unisce, parliamone…..

Sa.      Non voglio crearti altri pensieri oltre quelli che già hai…

Ro.      Abbiamo! 

Sa.      è vero, abbiamo….  (Rosi si allontana e portandosi a centro scena….)

Ro.      Se è vero, come è vero, che io e te siamo un'unica cosa, com’è giusto sia tra due persone che si amano, perché dovrei conoscere solo parte dei problemi tuoi, mentre tu, invece …. (Salvatore alzandosi e raggiungendo Rosy…)

Sa.      Proprio perché ti amo Rosy, tu sei troppo importante per me, ed in special modo ora che porti in te una parte di me non voglio darti altri dispiaceri…

Ro.      Ma non capisci che agendo in questo modo fai l’opposto di ciò che stai Dicendo di volere… 

Sa.      Ho paura Rosy, ho paura

Ro.      Paura? e di che?…. di chi?…di cosa? …. Santo Iddio, Salvo parla! …. ora stai iniziando a farmi paura, cosa è accaduto?  (Salvatore, fa alcuni passi, vorrebbe dirle tutto ma qualcosa lo blocca, non sa che fare. Ha paura di commettere un ulteriore errore nel dirle ciò che gli è accaduto. )  …… Allora?   ( Salvatore comprendendo che non può più tenere per se tutto si decide e…)

Sa.      E va bene, …..ieri pomeriggio mentre ero qui al bar, mi si avvicinò Renato….

Ro.      Chi, il figlio del Barone de Santis? ….

Sa.      Si, proprio lui, ma ti prego Rosy non mi interrompere, già è difficile per me dirti quanto sto per dirti, se m’interrompi non riesco a continuare…..

Ro.      Scusa …..

Sa.      Si è seduto  vicino a me e ha iniziato uno strano discorso, sulla vita che conduciamo noi giovani in paese, sulle nostre, non certo rosee prospettive future, su come alcuni di noi sono segnati ad una vita di stenti e sacrifici. Poi guardandomi negli occhi, ed accompagnandosi con una strana risatina sarcastica, m’ha detto:

(….Rosy e Salvatore si fermano guardandosi  negli occhi mentre la voce fuoricampo di Renato……..)

RE       “ Ma chi, in questa savana, riesce a capire come fare per  essere leone …… tiene un futuro assicurato. Pensaci Salvatò, pensaci! “

Sa       e ciò dicendo si è alzato ed è andato via…..

Ro.      Conoscendo l’individuo credo d’aver capito cosa abbia voluto dire…..

Sa.      Anch’io Rosy, anch’io credevo d’aver capito……

Ro.      Quel mangia pane a tradimento voleva coinvolgerti nei suoi loschi affari di  droga e bravate da balordi…..è vero?

Sa.      Questo pensai ed è per questo che mentre andava via gli dissi: “ Renà, la mia vita preferisco viverla tra stenti e sacrifici ma con la certezza di poter poggiare, ogni notte, la testa sul cuscino serenamente ”, non mi rispose, andò via ridacchiando e ripetendo: “ pensaci Salvatò, pensaci!”

Ro.      Si, va bene ma io non ci vedo nulla di drammatico in tutto questo….

Sa.      Non è finita qui Rosy, …… non è finita qui! (ciò dicendo Salvatore si allontana di qualche

passo e Rosy seguendolo….)

Ro.      Cosa altro è successo………..

Sa.      Stanotte …….. è venuto a casa …. sapeva tutto di noi due e ……

Ro.      Tu che stai farneticando è come faceva a sapere?………

Sa.      Non lo so, so solo che mi ha imposto un vile ricatto ……….

Ro.      e cioè ……..

Sa.      se entro stasera non gli dico il modo con cui evitare i sistemi d’allarme, che  io e papà, abbiamo montato a casa di sua zia,  lui andrà dritto da tuo padre … Don Alfredo, e gli dirà tutto, capisci tutto, e sapendo che tuo padre, è uomo d’onore, so anche la fine che farò….. m’ammazza; se invece glielo comunico mi dà un miliardo per sposarci 

Ro.      ma così rischi il carcere.

Sa.      Sono rovinato! .. Mi dici ora cosa dovrei fare? .. sono in un mare di guai…….

(Rosina inizia a passeggiare mentre Salvatore raccogliendo i libri da terra si risiede. Dopo qualche attimo Rosy si ferma si volta verso Salvatore e…..)

Ro.      Ok, ci sono, si, Salvo non temere, penso d’aver trovato una soluzione……..

Sa.      E cioè? ……

Ro.      Lasciami fare, oggi pomeriggio, se mi riesce una cosa che ho in mente, ti faccio sapere, ora andiamo a scuola che è tardi….

Sa.      Ma dimmi almeno cos’hai intezione di fare?

Ro.      Andiamo, A cose fatte saprai……

(Rosina prende Salvatore per mano ed insieme s’avviano a scuola. Nel vicolo s’incrociano con Carmine e…)

Ca.      Salvatò, ma ch’’è stato, fuie sempe comme ‘o viento

Sa.      è tardi papà, ho fretta, devo correre a scuola, ci vediamo a casa, ciao….

( Carmine entra in scena  con in mano una busta di materiale elettrico.)

Ca.      Ho fretta, devo correre, ma ‘stu guaglione se stesse priparanno pè l’olimpiade …. mah! (guardando nella busta…..) se, se, ie, guardo, guardo ma chello chesta ‘e ‘a robba. (riguardando nella busta), Tre lampadine, 15 metre e cavetto, e ‘nun è manco chello buono, ‘na spina e ‘na presa 33.000 lire? ….. ma cheste songo cose ‘e pazze! … 33.000 lire, e che m’ha dato chisto?  Ahh……. Dimenticave ‘n’interruttore esterno, a muro, “ Carmeniè, questo è prutetto dalla pioggia ”, ma che i’ a’ passà  maie niente, ma pecché  ‘n’interruttore esterno commo adda essere? …. Ah, e po’ dimenticavo… “chisto è l’urdemo tipo “, e che significa, pecché ‘nun fa ‘e stesse cose che faceva ‘o tipo ‘e primma…. Mariuole, songo tutte mariuole e cammurriste……..   (mentre dice ciò entra in scena Don Alfredo, che nel sentire le ultime parole di Carmine lo guarda, gli si avvicina e ……….)

DA.     È ‘na cumbinazione! …. O è n’allusione Carmenié!   (Carmine impacciato ed intimorito….)

Ca.      ma qua’ allusiona Don Alfrè, non mi sarei mai permettuto, io ce l’avevo cu’ chillu mariuolo a faccia ‘nterra e Federico ‘o ferramenta, vuie avite capito niente, quatto cianfrusaglie s’è pigliato 33.000 lire. Robba che sino a l’autriere aggio pavato scarzo 15, 16 mila lire …. Ma dove vogliamo arrivare….. e po’ io, sapite, stongo accuncia ‘e luce de’ scale a casa e Donn’’Angelica e chella,  quanno vere sente ‘a cifra certamente se penza che io me voglio fa a ratta ‘a  coppa…..

DA.     Scusa Carmeniè ma Federico te l’ha fatt’’o scuntrino?

Ca.      Se, se, ‘o scuntrino …. Federico?... Don Alfrè, chella galletta ‘e castiellammare me faceva ‘o scuntrino esatto a mme? …. (mette le mani nella busta e preleva unoscontrino,  lo mostra a Don Alfredo e…) eccolo qua, 6.000 lire …..questo è il  massimo che m’ha potuto fare …..” Carmeniè t’ho faccio e sei mila lire saie comm’è ‘e chisti tiempo caso maie t’acchiappasse ‘a finanza…” ma commo faccio io cu’ 6.000 lire a giustificà ‘a spesa cu’ ‘a clienta? …. “ Carmenié chiste tra tasse e spese varie, ‘o poco e ‘nzogna se la voglieno squagliare loro e io si nun faccesse accussì avessa sulo ‘a chiudere l’attività pe’ fallimento” …. Isso, ate capito niente Don Alfrè, Isso avesse ‘a chiudere pè fallimento …. Chillu  peducchiuso ca’ nun se sape si tene cchiù sorde ‘inta ‘o matarazzo ‘o Sotto ‘e marmette da’ cucina…..

DA.     E così stai lavorando a casa di Donna Angelica?

Ca.      ‘ngnorsì, (con un sorrisetto ironico), Ci sto facendo un bel servizietto ……

DA.     Embè! .. Carmenié, come vi permettete fare delle allusioni cosi basse al riguardo di una Nobil Donna come la Baronessa Angelica de Santis, badate ‘a commo parlate, eppure c’avete n’età!

Ca.      scusate Don Alfrè, m’è scappata….

DA.     E voi la prossima volta trattenetela, si no… può anche finire male sapete!

Ca.      Non si ripeterà più …. Promesso!

DA.     Speriamo non vorrei che abusaste della mia … falsa ingenuità!

(ciò dicendo entra nel bar.  Carmine rimasto solo si alza raggiunge il centro poi ripensando alle paroel diGrazia…)( fuori campo)

Gr.     I pedofili sono quelli che abusano dell’ingenuità…

Ca.      Chisto è n’ato ca se crere ca io songo ‘nu Petofilo…. Ah…no, ie po’ m’evo scurdato che Don  Alfredo è stato ‘o primmo ‘nnammurato di Donna Angelica, chillo perciò c’è bruciato …. (si guarda intorno ben bene e poI) ‘o mazzo! … eeeeeeeeeeeeeeeH, visto commo se songo  mise ‘e cose stammatina cunviene che primma e dicere quacche cosa uno se guarda  attuorno pecché nun se po’ maie sapè chi te sente che capisce…..

(ciò dicendo va via verso casa…. Intanto dal lato opposto giunge, sulle note di un valzer antico, donna Angelica che si guarda  intorno, sospira e  poi prendendo il medaglione che porta al collo lo gira tra le mani guarda la foto e sospirando profondamente…)

An.      E anche stamattina, come ogni mattina da trent’anni, t’ho fatto dire una bella  Messa e mi sono comunicata (sospira) e adesso, come ogni mattina  da  trent’anni, ti compro il solito mazzo di rose rosse e te li porto sulla tomba, (guarda di nuovo la foto, sospira e) Filippo,  oh caro il mio sposo Filippo, ….. sono  trent’anni che le mie giornate sono sempre uguali, casa, chiesa e cimitero, mai  niente di nuovo, sono trent’anni che faccio questa vita a volte penso che potrei  anche impazzire……..(alza lo sguardo al cielo e ) impazzire si, ma se non sono  impazzita quella notte non posso impazzire più. …… Ancora oggi quando ci  penso….. mi viene la pelle d’oca …(riguarda la foto), come si può, ma come  si può Filippo me lo spieghi? (sospira), cosa che se me la racconto stento  a credermi. ….. Ricordo come fosse ora .. era la nostra prima notte di nozze,  e che notte! Già dall’inizio fu un capolavoro perché  c’è voluto il bello e il  buono tra spiegazioni, chiarimenti, e delucidazioni per farti capire come  stavano realmente le cose …. E sì!, perché tu, ti ricordi Filippo, si, proprio tu,  eri talmente casto e puro che volevi da me l’indirizzo della cicogna e quando  ti chiesi che volevi dire mi rispondesti: “ su cara non fare l’ingenua, stasera  dobbiamo scrivere la letterina alla cicogna affinché ci porti un erede”, io credevo  che tu stessi scherzando, tantè che sorridendo ti dissi: “ via del boschetto 6 “ e  invece ti trovai veramente a scrivere. (sospira), e che ce vulette pe’ te fa capì  commo stevano ‘e cose .. embé! tu che fai, quando finalmente avevi capito  e stavi iniziando a dare sfogo ai tuoi istinti, dicendomi: “ma allora è così,  uh che bello… ancora, ancora, aspetta non ti muovere ci sono anch’io eccomi qua!”  t’accasciasti  e te ne andasti all’aldilà! …. sei stato un egoista.

( giunge di corsa in piazza Rosina, affannata e…)

Ro.      Buongiorno Donna Angelica, cosa vi è accaduto?

An.      (sobbalzando), nulla, nulla, riflettevo sulla monotonia della mia vita …. e tu invece come mai qui?

Ro.      dovrei chiedervi un piacere personale su una cosa molto  importante.

An.      Oh bella  e dimmi di che si tratta….

Ro.      Veramente è una cosa delicata, gradirei parlarvene in un posto sicuro da orecchie  indiscrete, è possibile? 

An.      Ma certo, sai che facciamo, ora tu m’accompagni al cimitero, sai devo portare la foto di filippo nella cappella, l’ho fatta ingrandire…aspetta ora te la mostro così mi dici se ti piace…(prende la foto dalla borsa)che ne dici?

Ro.      davvero bello

An.      strada facendo poi, mi  spieghi questa cosa delicata, ti sta bene?

Ro.      Benissimo….

An.      Allora, inizia pure….  

Ro.      Vostro nipote Renato s’è messo in testa….

An.      Lascialo perdere quel fannullone……

Ro.      No, un momento, non mi sono spiegata e forse è meglio che parta dal principio  altrimenti non ci comprendiamo…

An.      Se credi, dunque fammi capire…

Ro.      Io sono fidanzata, da circa due anni, con Salvatore Ferrante, il figlio di Carmine  e sapete come vanno certe cose,  ti vedi oggi, ti vedi domani … la paglia vicino  al fuoco subito s’accende ed è difficile poi spegnerla dico bene…..

An.      (sospirando) a me lo dici (ciò dicendo s’avvia verso il vicolo che porta al cimitero). sono trent’anni e non c’è verso ……. Hai voglia a  buttarci acqua, niente è un fuoco (sospirando) ….duro a morire. … scusa, dicevi?

Ro.      Il fatto è questo Salvatore……( scema entrando nel vicolo e mentre le due donne scompaiono nel vicolo dal lato opposto entra in scena Renato seguito da Aldo …)

Re.      È fatta Aldù, è fatta. Stasera Salvatore mi da le informazioni che ci servono e per sabato sera avremo in tasca quanto ci basta per andare via da questa fogna e rifarci una nuova vita in città, ci pensi Aldù….. macchine, femmene, divertimenti d’ogni genere tutto grazie alla cara vedovella…..

Al.      Ma si sicuro che Salvatore nun fa ‘o fesso?

Re.      Aldù! …. E tu sai bene che non gli conviene ……

Al.      Si, va bé ma si po’ se tira areta all’urdemo mumento, nuie che facimmo…..

Re.      Semplice, andiamo da Don Alfredo e gli diciamo papale, papale: “ Don Alfré … le cose Stanno così, così, e così! e  chiaro?  (In quell’istante Don Alfredo esce dal Bar e ascoltando il suo nome nell’ultima frase ….)

DA.     Signorino Renato, a me non è affatto chiaro. Volete avere la compiacenza di spiegarmi queste cose che stanno così, così, e così….. come stanno realmente?

Al.      E mmò!?!   (Renato impacciato e non sapendo che dire…..)

Re.      No Don Alfré io stavo raccontando ad Aldo che in paese qualunque cosa si deve fare è bene venire da voi, anche per un consiglio, e spiegare bene cosa si vuole fare, e vero Aldù?

Al.      Si, si, proprio così, me steve a dicere proprio questo…..

DA.     E chiedo scusa, ma a che proprosito?

Al.      No, se parlava do’ fatto da’  vedovella….

Re.      Statte zitto!

DA.     A vedovella? …. chi  vedovella?

Re.      No, Don Alfré quello Alduccio non ha capito bene, si alludeva a chella telenovella, si chella che nun se capisce niente ….. al momento mi sfugge il titolo, ma  certamente ad una persona come voi non può interessare più di tanto visto che  queste scemate voi non le seguite…..

DA.     Ma perché voi si!

Re.      Qualche volta, sapete, a casa, capita che mentre se la guardano le nostre mamme  siamo costretti a seguirle nostro malgrado e…

DA.     Si, va bene ma che c’entro io con queste telenovelle?(ciò dicendo inizia a leggere un giornale trovato sul tavolo del bar)

Re.      Giusto, che cosa c’entrate voi?

DA.     Bellu guagliò, ma nun è che me vuò strunzià!?! Ora o mi dai una spiegazione  logica del perché e del per come il mio nome dovrebbe essere legato a ‘sti  strunzate o io ve faccio arricurda ‘a iurnata d’ogge! … ce simmo spiegato!  ….. e mò parlate!    (Renato rivolto ad Aldo a bassa voce)

Re.      Ma pecché nun te cuse sta vocca! … ogni vota che ll’arrape, pierde ‘na bona  occasione pe’ te sta zitto!

DA.     Allora guaglù, iammo che stongo perdenno ‘a pacienza…..

Re.      È presto detto Don Alfré, il fatto è questo, in una delle ultime puntate uno dei  personaggi organizza ‘na rapina in banca senza avvisare il boss ….

Al.      Ma che dice renà! …. Chilo è ‘o fatto do’ furto de’ quadre e de’ gioielle?

Re.      Ma che dice, se vede che ‘sta puntata non te la sei vista! pecché, commo dicevo, chillo alla fine viene arrestato, e il Boss da ordine ai suoi scagnozzi che  stavano  dentro di dargli una lezione…. A questo proposito spiegavo ad Alduccio  lo sgarro, facendogli notare che il boss,

Al.      in questo caso voi………

Re.      Giusto, dovete essere sempre a conoscenza di tutto ciò che accade in paese,  altrimenti il rispetto che fine farebbe?

Al.      Renà allora ci dobbiamo dire anche il fatto nostro?

Re.      Aldù, nun parlà, pe’ piacere, statte zitto, si no te manno ‘o ‘spidale…..

DA.     Guagliò, hai parlato bene, ma nun è che ‘sta sturiella mi abbia convinto assaie,  perciò per questa volta me la voglio bere, m’ha voglio ammuccà! Ma si ve pesco ancora a parlà e me senza ‘na iusta ragione, ve faccio fa nu vestetiello ‘e lignamme  cu ‘nu cappiello a forma e croce. Ci siamo capiti?

Re.      Il discorso è chiarissimo…

Al.      Nun fa ‘na chiea….. (ironicamente)…. ce l’avete stirato bene……

DA.     Sta poco ‘a fa ‘e spiritose, Don Afredo Capannella…( entra in scena Angelica)

An.      Buon giorno Don Alfredo, come al solito sempre agitato, chi vi ha messo in  agitazione?

DA.     Niente donna Angelica, robetta da ragazzi, posso offrire ‘na tazzulella ‘e caffè? ….  E non mi dite di no, ve ne prego, sono anni che non mi date il piacere di…. 

An.      E perché no, ho giusto bisogno, come dite voi,  ‘e na bella tazzulella ‘e cafè…..

DA.     (incredulo per l’accettazione) Ci accomodiamo all’interno o preferite fuori?

An.      Meglio qui, all’aria aperta, grazie 

(Aldo e Renato approfittano della situazione e si dileguano  nel vicolo. Don Alfredo porge galantemente la sedia alle spalle di Donna Angelica che si accomoda. Poi don Alfredo si reca sull’entrata del bar….)

DA.     Romeo portateci due caffè al tavolo…..

Rom (dall’interno del bar) Vi servo subito Don Alfrè (don Alfredo si siede. Angelica si  guarda intorno e visto che non c’è più nessuno….)

An.      Alfrè, ho da chiederti un grosso piacere…..

DA.     Donna Angelica, ma dite, senza problemi, Voi sapete bene che qualsiasi cosa, sono sempre ….. vostro umile servitore…

An.      smettiamola con questi salamelecchi, tra noi c’è stato in passato un sentimento che ci obbliga ad essere sinceri l’ uno con l’altro. Se è vero, come credo sia, che il nostro è stato vero amore, mettiamo  giù una volta e per tutte questa maschera e cerchiamo  di fare oggi qualcosa che possa porre rimedio al male che, in questi anni, abbiamo  fatto ad altri, solo per il gusto di vendicarci di chi ci impedì  di coronare il nostro sogno.

DA.     Ma….. non ti capisco ….. ho fatto qualcosa che….

An.      Niente Alfrè, nun è fatto niente ma!

DA.     Ma….

An.      Ma al di fuori delle mascalzonate da te commesse in questi anni oggi, potresti  commettere quella che ti segnerebbe a vita…

DA.     Ma stai parlanno pe’ caso ‘e tuo nipote Renato, io stevo pazzianno e po’….

An.      No Alfré! …... È ‘na cosa seria! ….. In paese, per un tuo eventuale errore di valutazione, altri due cuori potrebbero infrangersi e  fare la nostra stessa fine………

DA.     Giùgiù, io…..

An.      M’è chiammato commo me chiammave allora……..

DA.     Scusa m’è scappato non volevo…..

An.      Alfrè ….. dillo un'altra volta ti prego…..

DA.     Ma allora?

An.      Ti prego dillo! ….. chiammame commo sulo tu me chiammave….

DA.     Giùgiù….

An.      Si chiuro l’uocchie me pare ‘e turnà a chilli mumente quanno tu zumpanno ‘o  muro ‘e cinta venive sotto ‘a fenesta mia e allora te ne ive quanno ie m’affacciave  e te mannavo ‘nu vaso…(ciò detto mandando un bacio da uno schiaffo ad alfredo, che intontito cerca la mano di angelica, e stringendola…)

DA.     E T’arricuorde quanno pe’ saglì ‘ncoppo ‘o barcunciello tuoio m’aggrappaie  ‘o rampicante …

An.      Commo no, e po’ appena stive pe’ zumpà ‘ncoppo ‘o balcone, sentenno a voce  ‘e papà  pe’ fuì, te menaste (sorridendo) abbascio e ghiste a fernì dint’’o fuosso  de’ puorche ….

DA.     Pe’ na ventina ‘e iuorne m’avetta lavà cu ‘a varricchina tant’è ca puzzavo ……

An.      Bando hai ricordi, Alfrè torniamo alla realtà. Il fatto e questo…..

(esce il barman con il cafè)

Rom    Ecco i caffè, Oh … donna Angelica, quale onore……..

DA.     E adesso lasciaci soli che abbiamo da parlare….

Rom    tolgo il disturbo immediatamente…

DA.     Ah! … mettili sul mio conto.  ( ciò dicendo rientra nel bar)

An.      gustiamoci questo caffè, (Dal vicolo giungono Carmine e Assunta chiacchierando tra loro. Appena Assunta  vede angelica e alfredo)  

As.      buongiorno donna Angelica

Ca.      esequie Don Afrè   (Angelica abbozza un sorriso, mentre don Alfredo sta per scattare  )

An.      cosa possiamo offrirvi?  (Carmine e Assunta si guardano allibiti)

Ca.      ( rivolto alla moglie) che vò fa?..vò suffrì?

DA.     Carmeniè, vi ha chiesto se volete consumare….

Ca.      Gentilissima signora e chi lo sa….. songo cose che sulo ‘o Pataterno le sape…..

An.      Ma che state dicendo Carmine, non vi comprendo….

Ca.      dicevo che sulo Dio sape quann’è che me cunsumo

An.      Quann’è che vi consumate?

Ca.      e, si, precisamente …… voi me l’aveto chiesto……...

An.      Ma no, si alludeva la consumazione al bar….

DA.     Carmeniè, tu e la tua gentile signora prendete qualcosa?..... prendete?

Ca.      Assù, tu prende?

As.      Dobbiamo prendere a forza?

Ca.      non lo so, mò ce lo spio….. don Alfrè,  è per forza?

DA.     Come sarebbe a dire?

Ca.      cioè, Assuntina mi chiedeva se era pe’ forza

DA.     No, non lo è.

Ca.      bene, allora prendiame

DA.     e cosa prendete?

Ca.      Assù che prendiame? (Mentre don Alfredo parla a bassa voce con Angelica, Assunta estrae un foglietto dalla tasca e dandolo al marito….)

As.      Sta tutto scritto,  ecco, tiene ccà!

Ca.      Don Alfrè ecco a lei, grazie….

(Carmine da il biglietto a don Alfredo)

DA.     E questo cos’è?

Ca.      questo è .. “cosa prendete!”

(Alfredo inizia a leggere)

DA.     Due chili di zuchero…

As.      Eh si io devo fare il panettone!

DA.     un quarto di caffè…

As.      Eh si, a salvatore ce piace int’o latte ‘a matina

DA.     una butteglia da mezzo litro di ànnese…

Ca.      annese? assù ma cherè annese?

As.      chello che tu te miette int’’o cafè

Ca.      ah, annèse! e scrive bbuono!

DA.     un littro di latte,un litro ‘ccu doie “t”?

As.      eh si, chell’è a butteglia grossa!

DA.     un palatone di pane cuotto adduvere…

As.      si, si pecchè cruro se ferma ‘ncoppo ‘o stommaco!

Da.      sei ove fresce di ogge.…..(interrompe la lettura bruscamente e) ma, carmenié, chesta è ‘a lista da’ spesa?

As.      Scusate voi avete detto cosa prendete?

DA.     Si ma io ….

As.      E noi prendiamo questo,  forse qualcosa non va?

(Angelica inizia a ridere, Assunta nel vederla ridere per non far vedere di non aver capito inizia a ridere pure lei. Don Alfredo fa per alzarsi ed Angelica lo trattiene dicendo)

Ca.      (rivolto alla moglie)  Assù ma che scritto a lista pa’ spesa o ‘na barzelletta?

An.      State calmo don Alfrè è una cosa da non credere, Carmine ordinate, tutto, a Romeo,  poi riferite che pago io,  se permettete….

DA.     Alla mia presenza, siete sempre mia ospite…. andate, e dite di mettere tutto sotto il mio conto. Buona giornata Carmeniè!

(Carmine e Assunta entrano nel Bar e Angelica alzandosi)

An.      Don Alfrè, m’accompagnate?

DA.     Ai  vostri  comandi!

An       Strada facendo, se ce lo consentono,  vi parlo pure di quella questione ……    (Ciò detto Alfredo ed Angelica vanno via dal vicolo e Carmine e Assunta entrano nel bar. Intanto giunge in piazza Rosina   che si siede al bar ed inizia a sfogliare un giornale in attesa che giunga Salvatore. Dopo qualche attimo escono  dal bar Carmine e Assunta con le buste della spesa si dirigono verso casa.)

Ro.      Buondì

Ca.      no, nun è teneva piccerè, ma si vuò, te pozzo da ‘nu biscotto da salute, ‘o vuò?

As.      cammina ‘nzallanuto che Rosina t’ha sulo salutato…..

(Mentre dice ciò entrano da sx Giusy, Ivana e Grazia che fermandosi all’imbocco del vicolo..)

Iv.       Lo vedi mamma Carmine continua a fare il pedofilo!

Gi.       Si, è vero signora Grazia! Ma perché quando un uomo ci offre un biscotto è un pedofilo?   ( Ivana e giusy cercano di far capire a Grazia perché Carmine è un pedofilo raccontando ciò che era accaduto. Intanto Rosina….)

Ro.      Lasciate stare Signora Assunta, quello Don Carmine scherza sempre….

Ca.      m’ha chiammato DON CARMINE, e’ capite Assù?

As.      e se vede che t’ha pigliato pe’ preveto.

Ca.      ma pecché ‘o pate  e preveto?

As.      chillo e n’atu tipo e DON, cammina, cammina…..

Ca.      è certo, chilo è n’atu tipo e campana dico bene? (  va via con Assunta)

Gr.      ma no, non è così avete le idee un po’ confuse, il pedofilo  è un uomo cattivo che vi offre caramelle e biscotti solo per tirarvi in inganno  per poi farvi del male. Avete capito ora?   (Si  avviano verso Rosina e Giusy …)

Gi.       Rosy, Rosy

Ro       si, dimmi Giusy, che c’è?

Gi.       ma don Carmine voleva farti del male?

Ro.      No, ma che dici! Carmine è un giocherellone!

Gi.       (rivolta a Grazia)  Signora Grazia e i giocherelloni sono pedofili?

Gr.      Tutti lo possono essere, perché la pedofilia è una malattia, ma penso proprio  che non sia il caso di Carmine, perciò ora toglietevi dalla testa questi  strani grilli e torniamo a casa che tra poco viene tua mamma a prenderti.

 Iv.      Arrivederci Rosina                

(Ciò dicendo le tre vanno via. Dopo poco entra Salvatore che nel vedere Rosina..)

Sa.      Ma che hai fatto? …….. dove sei stata?

Ro.      Dammi un bacio e taci, la tua bambina, come dici tu, ha risolto ogni problema.

Sa.      Davvero? …….. e …… come?

Ro.      Segreto …. A suo tempo saprai.

Sa.      Dai non fare così, dimmelo, che hai combinato?

Ro.      Ho promesso di non parlarne sino a stasera…..

Sa.      Ma io stasera devo dare una risposta a quel bellinbusto….

Ro.      Non ti preoccupare, tutto sotto controllo, tutto calcolato … dai ora baciami che me lo merito….

Sa.      Stasera, a risultato finale, ora no.

Ro.      Se non mi dai un bacio subito giuro che …..  (Salvo abbracciandola teneramente, la stringe a se e la bacia…Mentre ciò accade entra  Renato e aldo )           

Re.      Che quadretto romantico

Al.      me parite chilli ‘e via col vento……

Sa.      Non mi dispiacerebbe se  andaste via con lo stesso vento!…

Re.      Vedo che siamo spiritosi, la cosa non mi dispiace, i soci spiritosi mi sono sempre  Piaciuti.

Ro.      Il giorno in cui Salvatore diventerà tuo socio io mi faccio monaca di clausura….

Re.      E allora affrettati a trovare il convento, piccerè…

Al.      Però sarebbe troppa grazia ‘e Dio sprecata, nun te pare Salvatò?  (Salvatore sta per scattare quando dal vicolo esce Don Alfredo)

DA.     Salvatò, io penso che il giovanotto abbia veramente ragione, (rivolgendosi a Rosina…)   e tu vattenne ‘a casa!

Ro.      Ma papa io….

DA.     A casa!!!!!   ( nell’udire il tono perentorio usato dal padre Rosina scappa verso il vicolo)

Sa.      Don Alfrè, buongiorno io…..

DA.     Tu è meglio che dai la tua risposta a Renato, e cerca di farlo in fretta!  dico bene Renà?

Re.      Voi dite sempre bene Don Alfrè, ma…..

DA.     Ma che? …. è vero o non è vero che Salvatore entro stasera ti deve dare  una risposta  in base ad una seria proposta che gli hai fatto?

Re.      Si ma è una cosa, senza fretta, c’è tempo, è overo Salvatò?

Sa.      si, don Alfrè, c’è tempo …… e poi….

DA.     E poi, …. E poi, commo se dice, chi a tempo non lo aspetti mai, potrebbe essere l’ultimo minuto della sua vita, quindi Salvatò, mò! … in questo preciso istante, io te  dico che devi dare la tua risposta a Renato. E capito?! e allora muovete!

Al.      Renà. ‘cca ‘e cose se mettono malamente, io me ne vaco…(ciò detto va via)

Sa.       Don Alfrè… sentite ….

DA.     Guagliò …  non sento!

Sa.      Ma… vedete ….

DA.     Guagliò … non vedo!

Sa.      Don Alfrè  volevo dirvi che…..

DA.     Allora nun ‘e capito niente?  tu, non devi parlare con me, ma devi parlare con lui, ………… cu’ Renato!

Sa.      E va bene ….. Renà, io, c’ho pensato bene, e resto sulle mie decisioni

Re.      ovvero?

Sa.      Cercati un altro socio Renà!

DA.     Béh, caro il nostro signorino Renato, penso che quest’affare non lo possiate concludere con  salvatore…

Re.      Ma don Alfrè, voi avete capito stu signurino che ha cumbinato?

DA.     lo so, lo so, ha rifiutato ‘nu miliardo …..(volgendosi verso salvatore che china la testa), di guai!

Re.      Io volevo aprirvi gli occhi su un’altra questione

Sa.      Renà non sbagliare, bada bene ha ciò che dici……

Re.      Pecché mo’ vulisse vietà tu, e chi si  pé  mo vietà? ……

DA.     È mio genero, ……….. t’avasta?  ( Renato non riesce ancora a capacitarsene…)

Re.      Non finisce così, ti giuro che non finisce così Salvatò, arricuordate che io,  Renato de Santis , te la farò pagare…..

DA.     Puortame ‘o cunto a mme, a don Alfredo Capannella, così te lo liquido personalmente…

Re.      Ma don Alfrè, voi non c’entrate nulla, vi prego lasciatemi risolvere cu stu  chiachiello a’ questiona….

Sa.      Chiachiello a chi? (Renato fa per scattare ma don Alfredo lo blocca prendendolo per bavero della  camiciola…)

DA.     Renà, sino a mò, hai emesso, con la bocca, sulo suone strane, rummure scunnesse e si, perché, hai parlato tutto sbagliato! e tu si continui accussì o campe poco, o muore ampressso (si guardano negli occhi) ma adesso sai che fai, da bravo guaglione, te faie ‘a valigia e parte,

Re.      parte? …………..

DA.     si parte Renà!, te ne vai  dal paese!, e  finché campo io, cerca e nun ce mettere cchiù pede. Perché si  ho faie, nun te dongo ‘o tiempo d’appuiarlo, che te faccio trovà tre metre ‘e terra ‘nfaccia! Songo stato chiaro?!?!   E mò vattenne!    scumpare ananzo a’ vista ‘e l’uocchie mie.

(Renato scappa via, giunge in piazza Angelica. Rosina appena la vede gli corre incontro e…)

Ro.      Grazie donna Angelica,  siete una Santa……

Sa.      Ma allora…….

DA.     Allora credo che io e te dobbiamo parlare di una certa questione che ti riguarda, e  vero?

Ro.      Papà, se permetti riguarda anche me, quindi gradirei essere presente a questo  colloquio, non ti pare?

DA.     Rosì,  staie ancora ccà! nun t’avevo ditto ‘e te ne ire ‘a casa?

An.      Pare che gli animi non siano nella giusta condizione per potervi chiarire con Tranquillità e serenità. Credo sia opportuno che tutti e quattro ci sediamo un attimo  e cerchiamo di venire a capo dell’intera situazione. Siete d’accordo DON  ALFREDO !

DA.     Se lo dite voi, non posso che darvi ragione ma, accomodiamoci qui,  dunque, da quello che ho capito, voi  due vi amate e vero?

Ro.      Si papà, non saprei concepire un futuro senza il mio Salvatore….

DA.     Frena piccerè, frena, Salvatò e tu che dici?

Sa.      È come dice Rosy, il nostro è vero amore….

DA.     Tant’è,  che fra qualche mese sarete in tre a dividervelo è overo?

Sa.      Si, ma…

DA.     Ma, ‘o dico io! E sarebbe a dire: “ma come hai intenzione di mantenerla a ‘sta piccerella?”

Sa.      Certamente non vivrà come adesso, ma vi posso garantire che  il necessario non le mancherà mai…..

Ro.      A me basta avere te….

DA.     Se, se …. Questo per il primo anno, poi assieme ‘o tè ci vorrai i biscottini, poi la marmellata e poi….

An.      Embè Don Alfrè, tutto ciò che si fa in questo mondo ha sempre un inizio  difficile ….  e poi, e poi, e poi …. poi  saranno loro a costruirlo come meglio  credono. Avete forse dimenticato che la dove c’è l’amore c’è tutto.

DA.     Scusate, ma forse voi vivete in un altro mondo …. Ci vogliono solide basi Economiche per affrontare il peso di una famiglia, non si può iniziare con  il piede sbagliato altrimenti l’amore viene soffocato dai debiti….

An.      Salvatò rispondi, fagli vedere chi sei, mostra la tua disponibilità economica, inchiodalo a quest’orso….

Sa.      Ma … donn’Angelica ….. io … (si alza in piedi e…) eccomi qua, questo è tutto il mio patrimonio e se mi girate sotto sopra cadranno al massimo mille, mille e cinquecento lire, voi,  mi chiedete l’impossibile…..

An.      È questo di certo è un bel guaio,  è vero Don Alfredo?

DA.     Indubbiamente, guagliò come si dice: “senza sorde nun se cantano Messe!”

An.      Giusto e dato che per celebrare un matrimonio la prima cosa è la Messa, ci vogliono i soldi. Salvatò tu ce li hai?

Sa.      Ma allora forse stamattina parlo congolese, io, tengo solo quello che i vostri occhi vedono…

An.      Allora, penso sia indispensabile che tu vada a chiamare i tuoi genitori, può essere che loro abbiano conservato qualcosa in questi anni, che so la liquidazione….

Sa.      la liquidazione?… quella servì per estinguere il mutuo sulla casa…

An.      Oh … ecco, già sappiamo che hai una casa….

DA.     Ma donna Angelica per  piacere, tre stanzulelle cu’ nu bagnetto e ‘na  cucenella me li chiamate casa? già ci vivono castigati in tre, immaginiamoci in cinque!

An.      Comunque Salvatò, e meglio che vai a chiamare i tuoi. Vai

Sa.      Come volete, (Salvatore si alza fa qualche passo poi si ferma e ….) ma badate bene, io li chiamo, ma non vi permettete di umiliarli, non risponderei delle mie azioni…..

An.      Vai non stare a preoccuparti, nessuno si permetterà di offenderli  (Salvatore va via nervosamente e Rosina seguendolo)

Ro.      T’accompagno…

DA.     Assiettate!      (I due si bloccano)

An.      Alfrè! mò devi tacere! … Rosì va,  accumpagnalo…..(I due vanno via)

DA.     Ma … Angè!…..

An.      Alfrè, Alfrè, …. e mò basta! è ora di smetterla di fare del male a chi sta tentando quello che né io né tu siamo stati capaci di fare……..

DA.     Ma erano altri tempi  e …….

An.      I tempi sono sempre gli stessi siamo noi che cambiamo ….. e poi hai visto  come siamo stati puniti io persi Filippo la prima notte di nozze …. Tu perdesti Gisella quando mise al mondo Rosina…… le nostre vite unite avrebbero, forse, avuto evoluzioni differenti.

DA.     Angè quello che è stato, è stato! e oramai nessuno può più cancellarlo!

An.      Cancellarlo no,  ma stroncarlo si …………

DA.     E a che servirebbe ….

An.      A farci vivere, ciò che nostro Signore ha deciso, con più serenità,  gustandoci, finalmente, le bellezze della vita, cosa che, né io né tu, conosciamo. Ma ci pensi Alfrè cosa sono stati questi anni per noi….. chi siamo? ….. cosa abbiamo fatto? ……Io della mia esistenza un initile eremitaggio tu della tua un continuo far del male solo per il gusto di vendicarti di quello subito ….. e ti pare d’aver vissuto Alfrè? …… (Alfredo tace) ….penso proprio di no.  E allora rimediamo, sinchè stiamo in tempo, alfré, rimediamo…. noi  una vera famiglia non l’abbiamo mai avuta, mentre questi ragazzi se la vogliono creare, aiutiamoli, è un nostro preciso dovere, Aiutiamoli. ( dal vicolo s’odono le voci di Salvatore e Carmine che stanno giungendo in piazza….con Assunta e Rosy….)

Ca.      Salvatò, ma addò stanno?......

Sa.      stanno fuori al bar, da romeo….

Ca.      Eccoci qua, a servirvi ….

As.      Ci avete fatto chiamare?

An.      Si, accomodatevi qua, vicino a noi…..

Ca.      nun ve state a preoccupà, nun sia maie detto, nuie assettarce al tavulo cu’ vuie? …. nooooo, nun me pare propetamente il case, stammo buono allerta, dite, di che si tratta. 

DA.     Carmine, ma che dici,  siedi qui accanto a noi.(girandosi verso l’entrata del bar) Romeo metti un paio di bottiglie di  spumante in ghiaccio …

(Salvatore e Rosina nel sentire tutto ciò, percepiscono che le cose hanno preso la giusta direzione e quindi non dovrebbero più esserci motivi di attrito. Carmine timidamente prende posto sulla panca, lasciando lo spazio per la moglie e facendo cenno a quest’ultima di sedersi accanto a lui)

Ca.      Assù, viene ccà,  hai visto l’onore che ci hanno dato ….. e po’ tiene sempe che  dicere..   (Assunta lentamente si accomoda vicino a Carmine)

As.      Statte zitto,  don Alfredo scusatelo…. e possiamo sapere  perché          ci avete fatto chiamare? ( don alfredo,  cercando di non far trapelare il suo impaccio …..)

DA.     è presto detto, vi ho fatto chiamare perché volevo essere io il primo a darvi la lieta notizia, e cioè, che i nostri figli si amano ed hanno deciso di convolare a giuste nozze……………

As.      ma commo malandrino,

Ca.      doppo tutto chello che t’aggio ‘nmparato tu che faie, vaie a da’ fastidio         a’ figlia e don Alfredo?

DA.     Calma, calma non è successo nulla di grave, hanno avuto il mio consenso e la mia benedizione. Ora devono averli da voi…..

As.      (Alzandosi inizia a parlare) Da noi?…  ma noi….

Ca.      (tirando Assunta giù a risedersi ed alzandosi lui) Assuntì, zitta! …. Mò, per piacere, devo staro zitta! ….. se premmettete parlo io,  assiettate. (Carmine si alza, fa qualche passo, poi si gira verso gli astanti e con aria seria…) Carissima donna Angelica ed economino  don Alfredo, scusato se il mio  linguagge nun è taliano verace, commo se cunverrebbe pe’ l’occasiona,  ma  m’hanno ‘nmparato che quanno se parla cu’ ‘o core nun c’è  bisogno ‘e ‘nterprete, tutte l’arrivano a capì……Vuie avite studiato, sieto struite, mentre io e Assuntenella mia nun l’avimmo  pututo fa, nuie duvevamo aiutare i nostri genitore nella campagna, a metere e a  semmenà. quanno po’ pigliaie ‘o posto commo magazziniere al Cumuno l’avesse pututo anco fare, ma tanno, io, doppo l’ore ‘e fatica al Cumuno me ne ievo a faro piccule aggiuste,  casa pe’ casa …. e sapite ‘o pecché? .. pecché duvevo accucchiàre e sorde pe’ me puté ammaretà cu’ Assuntenella mia.  A vote, t’arricuorde Assù, fernevo e quatto e cinche a matina e a llà stesso,  una sciacquata alla faccia e via, al Cumuno, a fare il mio duvere… Mò so’ passate l’anne e proprio l’anno passato, quanno so’ ghiuto in pensiona, cu’ e  sorde della liquidaziona m’aggio scuntato il muto che aveve cu’ ‘a banca.  Salvatore, ‘o piccerillo mio, sape buono chello ch’aggio avuto ‘a fa po’ fa studià. Mò vuie me chiedite ‘e  da ‘o cunsenso a ‘sti duie ‘nnammurate, (guardandoil figlio) ma figliu  mio, io chiù do’ cunsenso,  nun te pozzo da’ ……   si po’ ‘a banca m’accetta n’ato muto, embè allora, io stongo qua, pronto a ricuminciare, pecché tu saie buono che nuie avimmo campato e campammo sulo pa’ felicità toia………

DA.     Carmeniè, hai parlato bene, ma non ti creare alcun problema, perché, ( incrociando una sguardo d’intesa con donna Angelica…), se permettete, mi accollo io tutte le spese, l’importante, ora, è che sti duie guagliune siano felici….

As.      ma, scusate, ‘sta cosa nun ve pare ‘nu pucurillo offensiva,  pe’ nuie, nun ve pare?

Ca.      Assuntì! …. visto e cunsiderato che ogge ‘o rispetto da’ gente  è cundiziunato nun tanto ‘a chi si! …. o ‘a che chello ca’ fai,  ma sulo, e sulamente ‘a chello che tiene e nun ‘mporta commo ‘e tiene, basta che ‘e tiene! …..  penso che don Alfredo, rumpenno chesta catena, ce sta facenno ‘na pruposta seria, e onesta ….. don Alfredo ha capito veramente chi simmo Assunti! ….. Don Alfredo nun ha guardato ‘a facciata ma ha guardato buono dentro …….. quindi ce sta poco ‘a s’offendere pecché, quanno ‘na pruposta è fatta cu’  ‘o  core, nun’annasconne  ‘nfamità,  ma rispetto  e serietà!

An.      Alfré, vorrei aggiungere che se non era per tua figlia e per questo bravo ed onesto giovane, sarei stata vittima di un furto di inestimabile valore. Pertanto tu, che sei il padre della sposa,  onorerai, secondo le usanze, a tutto quanto è di tua competenza al resto, se  siete d’accordo, provvederò io!

DA.     Angé che ti devo dire? per me  va bene,  tu che ne dici Carmine?

Ca.      Quello che avevo da dicere l’ho detto, ma se premmettete vorrei sapere si sta bene a Salvatore, pecché si sta bene a isso, sta bene pure a nuie….

Sa.      Non ho parole, però vorrei precisare una cosa a Donna Angelica

An       dimmi.

Sa       il vostro aiuto economico è da ritenersi solo un prestito che col tempo vi rimborserò, questo lo voglio perché questa famiglia che sta nascendo deve essere nostra in tutto e per tutto, com’è stata quella in cui sono stato cresciuto ed ho vissuto.

Ca.      bravo Salvatore, chesto è  parlà ‘a  ommo! 

(Si spengono le luci e s’odono solo le voci che vanno pian piano a scemare)

Rom    ecco lo spumante…….  cosa si festeggia….    

Ro.      la nascita di una nuova famiglia….

An.      Sana, onesta e basata sull’amore e  la reciproca fiducia.

Sa.      Don Alfrè…

DA      Guagliò! ….. mò, col permesso di Carmine, me putisse pure chiammà papà, non ti pare?

Sa.      È un onore don Alfrè

DA.     Alle! …..

Sa.      Scusate papà

Ca.      e visto guagliò …. ‘o ditt’antiche nun sbaglia maie  duie pate ‘e può pure tenè Ma ‘a mamma e sempe una sola …….. è menu male e chi l’avesse suppurtate  Doie mugliere!

As.      Mò accummience n’ata vota?

Ca.      no, no …. Ogge è festa…..

Ro.      Papà, scusa, mi togli una curiosità?

DA.     Certo piccerè, dimmi….

Ro.      Ma tu ………. ami ancora donna Angelica? ( alfredo impacciato più che mai…..)

DA.     Ma che domande vaie facendo picceré, pienze a te e  statte zitta!

An.      Rosì, l’ammore quanno è verace, nun more maie e maie trova pace!  quello che ci ha rovinati  è stato il fatto che non abbiamo saputo trovare la giusta forza per reagire ai ricatti  impostici.  (Carmine si porta in proscenio e rivolto alla platea …)

Ca.      è vero, cara Baronessa, è vero, pecché chesta vita è fatta ‘e continue ricatte, tant’è che spisso me mecco a pensà, e nun riesco proprio a me capacità, commo è possibile che nuie campammo in queste cundizione e tenimmo ‘o curaggio ‘e dicere che a nosta è libertà! …

DA.     e come potrebbe essere il contrario. la vita è fatta così e non c’è alcun rimedio.

Sa.      scusate ma non sono d’accordo, poiché la vita e quella che noi ci costruiamo quotidianamente scegliando, liberamente,  ciò che ci proprone…

DA      e, si, scegliendo liberamente, ma come si fa?

An.      basta saper amministrare con giustezza i   “SI”  ed  i   “NO!”.

DA      però ce vulesse pure ‘na spazzula ca’ te cancellasse, dal cervello, tutt’’e ricorde brutte,  astepanno sulo chilli belle….

An.      no alfrè, perché è solo grazie ai brutti ricordi che si fanno quelle esperienze tali da  permetterci di essere  ciò che siamo.

Ro.      giusto, l’importante è trovare la forza per saper rimediare.

Ca.      e voi, a quanto pare, l’avete saputa trovare …… Don Alfrè, scusate l’ardire posso darvi un consiglio?

DA.     dimmi, carmeniè…

Ca.      Cercate e ve Guardà ‘nu pucurillo dint’’o core e verite che a quacche parte certamente ce truvate, pure vuie,  a forza e remmedià….

DA.     e cosa dovrei rimediare, non ti capisco….

Ca.      donna Angè, aiutatelo voi, pecché don Alfredo, secondo me, è suttumesso ‘o chiù fetente de ricatte

DA.     ma che dici, carmine! ricattato io,  ma è assurdo….

Ca.      si don alfrè, ‘stu ricatto vuie  ‘o tenite dint’’ e cervelle…… in poche parole siete suttumesso a nu ricattato che vuie stesso ve siete fatto.

An.      credo che Carmine abbia ragione….

DA.     ma che ragione e ragione io,  ….. io….

Ca.      Io,  io,  ecco il vostro guaio …. “IO!” …. l’orgoglio, ……. si l’orgoglio ammiscato cu’ la paura di ricevero un eventualo rifiuto …. ecco chello che ve frena…. e levateve st’armatura ‘a cuollo, mustrate chello che veramente sieto…..

DA.     ma  Carmine che dite?

Ca.      A verità don alfrè, ……. a verità! …….. e penso che donna Angelica in questo, iputetico, spugliamento,  possa essere di grande aiuto, dico bene?

An.      credo che abbiate centrato il punto carmine, ma….. vedete ognuno di noi è succubo della propria libertà …. sia quanno se vò vestì, (guardo Alfredo), che quanno se spoglià (guardo Carmine).

Ca.      Chesta libertà, cara donna angelica, bisogna sapersela cercare… e vedite ‘sti duie guagliune? ….. chiste se l’hanno cercata e l’hanno truvata, vuie,  invece,  no!

(tutti guardano Angelica ed alfredo il quale resta un attimo pensieroso poi, colpito da quantodetto da Carmine ……)

Da.      Posso proporre un brindisi?

Ca.      certamente!

(parte la base “ Và guaglione và!”…….) orchestrale

DA.     Riempite i bicchieri. ……

( don Alfredo prende la bottiglia la stappe ed inizia a servire alla fine, quando tutti hanno il bicchiere pieno Rosina ……….)

An       Alfrè, e a cosa vuoi brindare??

( don Alfredo si porta al centro della scena mentre gli altri si dispongono a semicerchio intorno a lui …. Alfredo alzando il bicchiere……)

DA      voglio brindare a chi oggi ci ha dato una vera lezione di vita … “Carmine Ferrante”……. il quale, pur se tra stenti e sacrifici, ha dimostrato, non solo, di aver saputo crescere un figlio con sani principi  ma, anche  che la dignità è una libera conquista dell’uomo, a patto che questi ne comprenda la vera essenza, ovvero, che la libertà di ogni individuo, ha dei precisi limiti, infatti, essa deve iniziare in ognuno di noi ma deve terminare là, dove ha inizio quella degli altri! 

(parte la base “ Pé tre note”…….)

F I NE

Và guaglione và!   v. & m. : Domenico Meles S.I.A.E. 53746

                                                             ____prima parte____

                        I°                                                        II°____________________                               

Ogni ghiuorn’’è ‘na battaglia                         Chesta vita è ‘nu ricatto

pe’ chi scenne e pe’ chi saglie.                         che è servuto dinto a ‘nu piatto,

Ogni giorno trovi un duro                                     cu’ lusinghe pe’ cuntorno,

che ti mette spalle al muro!                           ‘a chi ‘nfaccia nun tene scuorno!

e ‘sta vita chiano, chiano                              E ce cade sulamente

se ne và!                          .                           chi po’ ‘nmiezo ‘a tanta gente

………………………………..                                 và cercanno ‘e nun ‘a trova

………………………………..                                 ‘a libertà ……………….

                        III°                                                      IV°____________________

[Refrer]

Và,                                                             Và,

Guaglione và!                                              Guaglione và!

Và,  accumience a vulà! ….                                      Và, cercate ‘a libertà

Tu c’ha può fa!                                             Tu saie addò stà,

zompa e vola, cu mme!                                    e po’ nun può sbaglià.

nun t’avvelì!                                                Và guaglione mò và,

………………….                                               E pensa che

………………….                                               a chi te vò ricattà

………………….                                               tu di’ sempe no!……

                                                             ____seconda parte____

                        V°                                                       VI°____________________

                                

Ogni notte ’è ‘nu turmiento                                    ‘na rinuncia quanto costa

Ogni suonno è ‘nu lamiento.                          ‘e me pare fatto apposta

Ogni sguardo è un’accusa                              cchiu’ bisogno hai d’aiuto

E non puoi chiedere scusa!                             e cchiù attuorno sò rifiute!

E ‘sta vita chiano, chiano                              E se salva sulamente

Se ne và.                                                      Chi po’ ‘nmiezo ‘a tanta gente

………………………………..                                 Và cercanno ‘e s’’a trova

………………………………..                                 ‘a libertà ……………….

                        iII°                                                      iVI°____________________

[Refrer]           

Và, ……………….                                            ………………………..

…………………….                                            tu dì sempe no!……

                                                             ____FINALE____

Và, Guaglione và! …..Và,  lai là lai là! .. Và … lai là lai là!

Và, lai là lai là! …..Và,  lai là lai là! .. Và …Guaglione và!…………………..

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno