Il senatore Volpe

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

COMMEDIA IN TRE ATTI DI

LUIGI LUNARI (Il senatore Fox-1979)

Adattamento  e versione in napoletano di

PASQUALE CALVINO e

PAOLO DI PERNA

(autorizzata da Luigi Lunari nel 2014)


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

1m-VITTORIO EMANUELE VOLPE, candidato a senatore      ____________________

2m-GIACOMO ESPOSITO, suo segretario                   _____________________

3m-AVVOCATO AQUILA                                                   _____________________

1f-BIANCA MARIA VOLPE, moglie di Vittorio Emanuele        _____________________

2f-MARIA VITTORIA VOLPE, figlia dei coniugi Volpe  _____________________

4m-DON SILVIO GATTI, parroco                                      _____________________

5m-ONOREVOLE ORSI, deputato                                          _____________________


ATTO PRIMO

Un giardino in collina a Bellavista, zona alta di Portici, in provincia di Napoli, con il Vesuvio in lontananza.

A destra la veranda con porta finestra che immette nella villa cui appartiene il giardino. A sinistra ingresso del giardino. Frontalmente ingresso alla villa e veduta del Vesuvio.

Protette dal verde, alcune poltroncine di metallo bianco, da giardino, e sedie a sdraio. Un divano a dondolo. Un tavolo, ingombro di carte e cartelle, che serve evidentemente da scrivania per la buona stagione.

È sera, ma il cielo estivo è ancora chiaro.

Su una sdraio molto reclinata, a sinistra, riposa,il dottor Volpe, con il volto coperto da un giornale.

Al centro della scena c’è il Giacomo Esposito, il segretario del dottor Volpe, che sta dandosi da fare attorno al tavolo per riordinare le carte che vi si trovano. È un giovane sui venticinque e i trent’anni, vestito come si addice ad un segretario di qualità.

SCENA PRIMA

(VOLPE e GIACOMO, poi AQUILA)

Giacomo        (Mentre Volpe dorme, riordina le carte, beve da una bottiglietta di birra con una cannuccia e parla da solo) Carte, carte, carte…sempre carte!

Aquila           (Entra l’avvocato Aquila: un uomo sopra i cinquanta, pesante e sudato, vestito con danarosa ricercatezza) Il dottor Volpe?...

Giacomo        Ssssst!...

Aquila           Sta dormendo?

Giacomo        Sì.

Aquila           (Pausa. Si asciuga il sudore) Ero venuto… pe’ ce fa ‘e cumplimente…

Giacomo        Siete venuto a parlare di corda in casa dell’impiccato?

Aquila           Che volete dire??

Giacomo        Ma come, un pover’uomo  viene preso da casa sua, dal suo paese… addò ce stanno tutte ll’interesse suoje e vene jettato comme a ‘na pezza vecchia, a ‘na scorza ‘e limone?!

Aquila           Nientedimeno? E ccà si quaccheduno ve sentesse putesse penzà ca ‘o deportano in Siberia! ‘O dottor Volpe è candidato al senato dint’a ‘nu cullegio addò ‘o partito nuosto tene ‘a maggioranza d’‘e voti… candidato al Senato, vò dicere senatore!

Giacomo        Avvocato Aquila,  voi sapete meglio di me che quando si vuole togliere dai propri piedi una persona… quanno ‘a se vò alluntanà, ‘a meglia cosa è a promuoverla… imbalsamarla come un faraone.

Aquila           Un posto ‘e senatore nun è ‘nu contentino, enemmanco ‘na tomba. È ‘nu grande beneficio senza obblighi e senza impegni… ‘Na posizione importante, ca porta ‘nu sacco ‘e sorde comme compensi e pe’ tutta ‘a vita, e pure tante azioni a vasto raggio, tanti rapporti al massimo livello… senza cuntà ca subbeto accummencia a maturà ‘n’ata pensione bella grossa comme senatore… E po’ Volpe pigliarrà regali, ma tanti, assaje… (Indica con la mano i soldi) regali.

Giacomo        Pure con i suoi problemi di salute?

Aquila           (Pausa) Allora è ‘overo?

Giacomo        Che cosa?

Aquila           Ca nun sta bbuono. A me m’‘o putite dicere: io e Volpe simme amice ‘a tant’anne!

Giacomo        Beh, ha avuto… un piccolo malessere.

Aquila           Un piccolo malessere nun vò dicere niente. Che d’è, ‘nu male ‘e capa?

Giacomo        Una… disfunzione.

Aquila           Ma ‘na disfunzione ‘e che? “Una disfunzione!” Prostata... cuore... (Ironico) ‘Na disfunzione erettile?

Giacomo        Circolazione.

Aquila           Insomma, nun ve vulite spiegà! “Circolazione!” Vene varicose… infarto…ictus… aneurisma cerebrale?

Giacomo        Problemi al… cuore… ‘o core… (Indica)

Aquila           (Finalmente) Ah, ‘n infarto, eh? Un infarto, un infarto! E pecché nun me l’avite ditto subbeto? Ve l’aggio ditto, io e Volpe simme amic ‘a tantu tiempo!

Giacomo        Infarto … è ‘na parola grossa… Chi sa che putesse fa penzà….

Aquila           Forse è uno ‘e chilli colpetti ca a ‘na certa età pigliammo tutte quante. Pur’io, ‘a semmana passata, doppo ‘o quarto comizio dint’a ‘nu juorno, m’aggio avuto assettà pe’ ripiglia sciato… ‘Nu colpetto è ‘n avvertimento. Uomo avvisato, mezzo salvato. Uno piglia nota, se ferma ‘nu poco… e mentre ll’ate fujono verso ‘o colpo fatale, isso campa cchiù ‘e tutte quante ll’ate! Chesta è ‘a verità.

Giacomo        Purtroppo le cose non stanno proprio… accussì, ‘o fatto è  diverso.

Aquila           Ah sì, eh? (Pausa) Dottor Esposito, vi posso parlare col cuore in mano?... Vuje site giovane e scetato, nun voglio credere ca nun avite penzato a ‘o futuro vuosto. ‘O juorno ca disgraziatamente  Volpe … passasse a miglior vita…

Giacomo        Il mestiere mio è la politica!. (Finge) Fosse stato meglio ca facevo ‘o contadino, mi sarei salvato anima e corpo… ma purtroppo so’ sagliuto ‘ncoppa ‘o carrozzone d’‘a politica…

Aquila           Certo. Ma vuje ‘o ssapite ca quanno se sceglie ‘nu carrozzone, ‘nu pullman, e po’ ‘stu pullman sbaglia strada o se ferma, po’ pure essere ca nun se riesce a saltà abbascio a tiempo a tiempo…

Giacomo        Non mi piace tenere il piede in due scarpe!.

Aquila           E allora non dicite ca ‘o mestiere vuosto è ‘a politica. ‘A politica è strategia, s’ha da sapè recità pe’ ffà ‘a Politica… chella cu’ ‘a P maiuscola. Avete letto “Il Principe” di Machiavelli? (Pausa senza risposta) Ma po’ ch’aggio ditto ‘e male? Ho detto sulo ca, si pe’ ‘na malasciorta  Volpe ce avesse ‘a lassà, vuje avisseve penzà a vuje stesso!

Giacomo        Quando sarà ‘o mumento, ce penzo sicuramente; ogni cosa a suo tempo! “Quod sit futurum cras fuge querere”… Non ce avimmo addimannà chello che ha da capità dint’‘o futuro: quanno arrivarrà chillu juorno, vedimmo ch’avimmo ‘a fà!

Aquila           E si a me, “chillu juorno”, me servesse ‘nu collaboratore efficiente, preciso, intelligente, competente, introdotto… Comme vedite, caro dottor Esposito, ve sto pittanno.

Giacomo        E perché no? Ma abbiamo detto: “chillu juorno ce penzammo”!

Aquila           Allora è sì?

Giacomo        Non ho detto: ‘e sì, ho detto: “pecché no?” e “chillu juorno ce penzammo”.

Aquila           Appunto: pecché no? Pecché m’avisseve ‘a dicere ‘e no? No! Dunque, sì

Giacomo        Ma io non so niente di voi, avvocato Aquila?

Aquila           E già! Muglierema diceva: “’na volta p’assumere ‘na cammarera, se chiedevano ‘e rreferenze; ogge s’hanno dà”. Bene: io nun songo certo ‘na potenza, comme ‘o dottor Volpe: nun cuntrollo ‘a Federazione, nun tengo ‘e mmane dint’‘o piano regolatore, nun m’interesso d’‘e Ccasse ‘e Risparmio, nun cuntrollo ‘e licenze pe’ l’im-portazione d’‘a carne, non aggio ‘e solde da ‘o guverno pe’ ‘na fondazione… però tengo pure io le mie piccole parrocchie!

Giacomo        Esempio?

Aquila           (Ammonendolo furbescamente) Eh, eh!

Giacomo        (sorridente)Mi dovreste dare le referenze… comme diceva ‘a mugliera vosta!

Aquila           (In confidenza, con orgoglio) Distributori ‘e benzina! E tante, ma tante amicizie utili e importante che fanno fà… capite a mme… (Fa il gesto dei quattrini)

Giacomo        (Con ammirazione) Ah! Oggi il petrolio è sacro e onnipotente. (Gli porge la mano) Pure depositi?

Aquila           Pure depositi. (Gli stringe la mano, lo attira un poco a sé) a me me serve ‘n’investitura ufficiale, me capite? ‘A nomina a “suo successore in loco”… primma ca isso se ne va, ‘o Senato o pure… llà ‘ncoppa. Nun avimmo fa succedere ca Federazione e centri ‘e potere vanno a fernì dint’‘e mmano ‘e l’onorevole Mosca, ‘e padre Don Silvio Gatti… Mestatori, politicanti, corrotti. Non teneno a ccore comme a mme l’interesse pubblico, ma sulo ‘o tornaconto personale, ‘e cclientele… Allora, me date ‘na mana?

Giacomo        La mano mia è poca cosa. È isso chillo ca conta.

Aquila           E che me cunsigliate ‘e fà?

Giacomo        Comme se fa dint’‘e cummedie a se assicurà l’eredità ‘e ‘nu zio viecchio? ‘Mbruscinamiente, regali, attenzioni, coccole, carinerie…

Aquila           Cioè?

Giacomo        “Do ut des”… Vulite ricevere? Avite ‘a dà! Interessatelo a ‘na piccola fetta d’‘o feudo vuosto. Datele ‘na piccola parte d’‘o potere vuosto. Insomma, associatelo alle vostre  parrocchiette. Nun ve costa assaje e facite ‘nu bell’investimento.

Aquila           (Pausa. Una nuova stretta di mano suggella il patto; Aquila, soddisfatto, si volta verso il dormiente e, indicandolo con un largo gesto della mano come il cacciatore che mostra la belva abbattuta, lo annuncia) Il senatore Volpe!


SCENA SECONDA

(VOLPE, AQUILA e GIACOMO)

Volpe             (Destandosi lentamente, come emergendo da un baratro profondo, con voce debole) Chi me sta chiammanno?

Aquila           (Gli corre accanto, solerte; parla ad alta voce, come quando si parla a qualcuno non del tutto cosciente) Mio caro amico, songh’io: l’avvocato Aquila.

Volpe             (C.s.) Aquila?

Aquila           L’avvocato Aquila, sì, non mi riconoscete?

Volpe             Aquila?

Aquila           Come state, caro amico? State bene, sì?

Volpe             (Debolmente) Sì,sì, sto bene, grazie. Perché me lo chiedete?

Aquila           Pecché ‘a salute vosta me sta assaje a cuore. (Volpe sta per aòzarsi, ma barcolla. Aquila lo sorregge) Eh, eh! Avimmo ‘a essere prudenti!

Volpe             Ma io stongo ‘na meraviglia!

Aquila           Certo, certo, ‘o ssapimmo. Ma comme dice ‘o proverbio? “La prudenza non è mai troppa”! Sò venuto pe’ ve parlà ‘e ‘na cosa…

Giacomo        È meglio non affaticarlo… non vedete?

Aquila           Ah, sì… ce faccio sulamente ‘n accenno. (Tira una sedia accanto a quella su cui è seduto Volpe e continua a parlargli spiccicando bene le parole, come si parla a qualcuno non del tutto in grado di capire) Dunque, caro amico, voi sapete ca io cuntrollo ‘e llicenze p’‘e distributori ‘e benzina…

Volpe             Avvocato Rapace, vuje v’occupate ‘e benzina?

Aquila           Aquila… Aquila… Pure si ufficialmente ‘o nomme mio non compare, aggio sempe tenuto ‘stu cuntrollo penzanno soprattutto all’interesse pubblico…

Volpe             L’interesse pubblico… sì, è ‘na cosa… ca sento spisso.

Aquila           Ma po’ parè strano, eppure ‘stu fatto m’ha causato paricchie nemice.

Volpe             Nemice?

Aquila           L’onorevole Mosca… il padre Gatti… tutta gente ca vulesse tenè ‘e mmane in pasta, ma sulo pe’ clientelismo e per i loro sporchi interessi personali… E io aggio sempe penzato che vuje ve ne putisseve interessà ‘nzieme a me, sempre penzanno…logicamente… soprattutto all’interesse pubblico…

Volpe             (Sempre debole, assente) Ah, grazie! Che bello, distributori ‘e benzina? Sì, mi farebbe assaje piacere, m’interessano i distributori… ma io tra poco vado a Roma…

Aquila           Oh, ma abbasta ‘o nomme vuoto… è ‘na garanzia…

Volpe             Un gesto raro, di una generosità unica, sì… Ma nun saccio come… potrò ricambiare.

Aquila           Basta, basta! A chesto po’ ce penzammo. Io vulevo sapè sulamente se questa cosa ve puteva interessà. Po’ ne parlammo cu’ calma, soprattutto quanno vuje, amico caro, v’arrepigliate…quando starete meglio… (Si alza. A Giacomo) M’arrccumanno a vuje. Faremo grandi cose insieme. Piano regolatore… distributori ‘e benzina… e tant’ati ccose. Vuje sapite che vò dicere: che la concorrenza… ‘a spazzammo via! (A Volpe, da lontano) Staeteve buono, amico caro! A presto! (Esce)

Volpe             (Alzandosi forte, in perfetta forma) Ma che avvoltoio imbecille! (A Giacomo, che sta tornando sui propri passi) Datemi un  poco ‘e whisky, pe’ piacere… Tutte quante se penzano ca songo muorto! E tanto pe’ nun perdere tiempo aspettano ‘e funerale… me mannano ‘o Senato, ‘n atu campusanto. A Roma, lontano, cu’ tutti gli onori, ma fore d’‘e pal… dai piedi! Comme ‘e tèrmiti, chelli specie ‘e furmiche ca quanno more ‘a riggina, tutte se mettono attuorno a essa…pe’ se ‘a magnà piezze piezze.

Giacomo        Ma ognuno di loro, intanto, porta un contributo.

Volpe             Distributori di benzina, eh? Nun ha ditto ‘a cosa cchiù importante: ll’intrallazze cu’ ‘e cumpagnie petrolifere!

Giacomo        Ce lo facciamo dire… ‘a prossima vota ca vene. Ha chiammato pure l’onorevole Mosca: ‘o feudo sujo, pe’ comme parla, songhe ‘e zuccherifici, ‘e partecipazioni incrociate, ll’Istitute ‘e Credito.

Volpe             Poca robba! L’onorevole Mosca po’ ffà assaje ‘e cchiù.

Giacomo        Lo faremo cantare la prossima volta... (Volpe si è alzato, inizia a fare ginnastica con un estensore a molla, manubrio o altro. Giacomo gli si avvicina e glielo toglie dalle mani) Questo non mi sembra salutare…

Volpe             Ma mò stongo ‘na bellezza, so’ passate tre mise…

Giacomo        Appunto: sulamente tre mesi.

Volpe             (Pausa) Diciteme ‘na cosa, Espò. Mò so’ tant’anne ca site ‘o segretario mio, ‘o braccio destro mio, dicimmo pure il mio “alter ego”. V’avisseve avuto ‘a ‘mparà quaccheccosa, perciò… Io nun me faccio illusioni. Vuje, comme a tutte quante ll’ate, e comm’è giusto, state aspettanno ca je me ne vaco … ca je passo a miglior vita… ca  jetto ‘o sango, insomma, pe’ ve piglià tutto chello ca riuscite a ve piglià ‘e tutto chello ca m’aggio creato. Ma vuje sapite pure, comme io v’aggio sempe ditto, ca ‘a nave ca va a funno s’ha da abbandunà a tiempo a tiempo…

Giacomo        Per non affondare assieme alla nave.

Volpe             Bravo. E allora nun penzate ca è meglio abbandunà ‘sta nave ca sta pe’ gghì a funno, e magari ‘nce date pure ‘o colpo ‘e grazia?

Giacomo        Nun è ancora il mumento… tengo ‘nu sesto senso ca me cunziglia d’aspettà ancora.

Volpe             Allora fino a che veco a vvuje ‘ncoppa ‘a nave mia, pozzo stà cujeto?

Giacomo        Politicamente sì. (Gli toglie di mano due piccoli pesi da sollevamento) Ma p’‘a salute, p’‘o core e pe’‘e curunarie, avite ‘a stà a sentì ‘o miedeco. Bacco, tabacco e Venere riducono l’ommo in cenere! Pe’ ffà ‘na vita sana s’ha da magna pochissimo, s’ha da cammenà assaje, po’ s’ha da fa tennis fino a cinquant’anne, golf da cinquanta a sissant’anne e doppo ‘e sissanta cammenà, camminare molto a piedi…giocare a scopa, ma cu’ ‘e ccarte, capimmoce, e senza giocare a poker o giochi addò se puntano sorde assaje…

Volpe             P’ammore ‘e Ddio! Je me spasso proprio quanno pozzo bleffà! Scopare… jucà a scopa, non fa pe’ mme: non m’addiverte.

Giacomo        (Accanto al tavolo) Ho preparato queste carte per l’articolo sulla rivista…

Volpe             ‘E vulimmo vedè assieme?

Giacomo        A dire la verità… stasera tenesse che ffà. V’‘o dicette l’autriere, v’arricurdate? Ecco qui: v’‘o scrivette pure ‘ncoppa all’agenda.

Volpe             (Sospettoso, suo malgrado) ‘N incontro… politico?

Giacomo        Tutt’altro.

Volpe             Aggio capito. È giusto. Il sesso ogni tanto, ogni quindicina… è medicina… Caro Esposito, che ce vulite fa, ogni tanto me scordo ca tenite trent’anni!

Giacomo        Ventinove.

Volpe             Jate, e addivertiteve. Ma arricurdateve ca ‘a politica va truvanno assoluta dedizione! ‘E ffemmene, per quanto non se ne po’ ffà a meno, songo comunque ‘nu piso… Fanno perdere tiempo e denare. ‘Nu piso, doce assaje ma sempe un peso… Ma scusateme, ve sto facenno fà tarde.

Giacomo        La signora mi ha detto di avvisarvi… quando avessemo fernuto.

Volpe             Sì,sì, avvisatela.

Giacomo        Buonasera, “senatore” Volpe. (Esce)

SCENA TERZA

(BIANCA MARIA e detto)

Volpe             (Entra dopo qualche istante Bianca Maria, moglie di Volpe; è una donna dolce, mite, assolutamente rispettabile. Ha in mano un cestino da lavoro a maglia e l’astuccio di un violino o altro. Volpe le va incontro) Cara!

Bianca M.      Caro! (Egli le bacia le mani e la scorta alla sua sedia, o poltrona, preferita) Hè fernuto ‘e faticà, amore?

Volpe             Quasi, tesoro.

Bianca M.      (Con dolce protesta) Ma fatiche sempe! Ti devi riposare!

Volpe             Il lavoro nobilita l’uomo!

Bianca M.      Amore! Ma ‘a fatica assaje fa essere l’ommo simile a ‘na besta, anzi peggio… “Est modus in rebus”… Nun s’ha da esaggerà maje, in niente.

Volpe             Sì cara… Tesoro! E ‘a piccerella?

Bianca M.      (Esita, timida) È… è asciuta

Volpe             Asciuta?! Comme asciuta!? Essa sola?! ‘E sera?!

Bianca M.      Sta cu’ cierti ccumpagnelle… compagnelle ‘e scola…

Volpe             Ma addò so gghiute? E chi songo? E pecché? E quanno s’arretira?

Bianca M.      S’arretira ampressa, me l’ha promesso. ‘O ssaje ca Maria Vittoria è ‘na brava criatura: quanno promette ‘na cosa putimme stà cujete. E po’, caro mio, ogge nun è comme ‘e tiempe nuoste. Ce n’avimmo ‘a fa ‘na ragione, ‘e tiempe so’ cagnate.

Volpe             Je chesto ‘o ccapisco, ma nun me piace! ‘A piccerella mia…

Bianca M.      (Cantilenando col ditino, fanciullescamente) Papà è geluso… Papà è geluso… (Volpe sorride, si schernisce, nega l’affermazione come fosse una cosa assurda, ma in fondo lusingato)

Volpe             Ah, comme se sta bbuono stasera!

Bianca M.      Amore!

Volpe             Tesoro!

Bianca M.     …Vuò ca te sono (O canti) quaccheccosa?

Volpe             Si vuò.

Bianca M.      Oh, no, si ‘o vvuò tu…

Volpe             A me me fa sempe assaje piacere, ‘o ssaje.

Bianca M.      Amore!

Volpe             Tesoro!

Bianca M.      (Canta o tira fuori il violino – o altro strumento – e suona, con molto sentimento, la Ninna-nanna di Brahms, o altro. Qualche battuta, poi si ferma) Te sì addurmuto?

Volpe             Cara, ma comme? Sto ascoltando! (Bianca Maria riprende) Sai che penzo cierti vvote? Pecché nun te miette a studià ‘n atu piezzo, mò ca ‘a piccerella è grussicella e tieni cchiù tiempo pe’ tte? ‘A Ninna-nanna è bella assaje, ma io penzo ca si l’ alternammo cu’ quacch’ata cosa sarebbe molto meglio. (Bianca Maria è molto impegnata nell’ esecuzione e non risponde. Procede fino ad una clamorosa stecca) Eh, eh! Ccà sbagli sempe!

Bianca M.      (Piagnucolosa, col broncio infantile) È ‘overo, è ‘overo! La bemolle! La bemolle! Che freva! (Esegue un paio di volte il la bemolle incriminato, poi delusa depone il violino) E vabbuò, pure stasera è gghiuta accussì!

Volpe             Nun vuò sunà cchiù?

Bianca M.      (Col broncio) No!

Volpe             Jammo, nun t’abbattere! A ‘nu poco pe’ vvota, te l’impari meglio. (La bacia sulla

fronte)

Bianca M.      (Tutto passato) Amore!

Volpe             Tesoro! (Siede alla scrivania, lei comincia a sferruzzare) …

Bianca M.      Che staje facenno?

Volpe             Sto scrivenno ‘n articolo pe’ ‘na rivista. Sulla decadenza dei costumi… sul fatto ca nisciuno s’interessa cchiù d’‘a gloria, della stima.. ma solo della(fa segno) moneta… ‘a fore ‘e nuje ovviamente…

Bianca M.      È ‘overo, caro… Ah, comme se sta bbuono stasera. Lieggeme quaccheccosa.

Volpe             Siente ‘sta parte sull’etica. “…perché vogliamo l’abolizione del divorzio, dell’aborto, la reintroduzione di una più stretta morale sulla vita privata del cittadino? Perché come i rimedi contro il cancro implicano l’esistenza del cancro, così il divorzio e l’aborto implicano la crisi dell’istituto familiare. E chi sarà mai tanto folle da desiderare, da auspicare di aver bisogno di una cura anticancro? Come il cancro significa sfacelo fisico, così divorzio ed aborto significano decadimento morale: prostituzione, droga, estremismo, soprattutto di sinistra, violenza, pornografia, omosessualità!” Eh? (Attende l’approvazione incondizionata della consorte)

Bianca M       Tu dici?

Volpe             (Stupefatto) Ma cara…

Bianca M.      È bello, bello assaje, ma… penzavo all’omosessuale. Tu sì proprio sicuro ca ‘mmiezo a lloro ‘nce stano paricchie divorziati?

Volpe             Bianca Maria! Cierti pparole, d’‘a vocca toja…

Bianca M.      Scusami caro, mò ti spiego pecché. Proprio oggi ho letto ‘n’inchiesta ‘ncoppa ‘o giuornale… e ce steva scritto ca “chella gente”, spisso è… comme se dice?... Cchiù fedele e cchiù costante negli affetti, rispetto a tant’ata gente.

Volpe             Bianca Maria!

Bianca M.      E po’, io penzo ca si dduje omosessuali divorziano, e po’ magari se ‘nzorano cu’ perzone d’‘o sesso opposto… beh, penzo ca è giusto, nun te pare? Vorrebbe dire… ca se metteno ‘nu poco a posto ‘e ccose.

Volpe             Bianca Maria, ti prego! ‘O ssaje ca cierti discorsi… d’‘a vocca toja…

Bianca M.      Amò, guarda ca hè accummenciato tu.

Volpe             Sì, tesoro, ma tu m’avive sulamente stà a ssentere. Io me penzavo, speravo… ca cierti pparole tu manco ‘e canuscisse. E me fa meraviglia ‘stu giurnalista… comme se chiamma?

Bianca M.      (Tranquilla, chiudendo l’incidente) Nun m’arricordo, ‘a verità… Scusami caro. (Pausa. Volpe lavora, ora un po’ nervoso; Bianca Maria sferruzza, canticchiando a bocca chiusa la Ninna-nanna di Brahms) Tu pienze ca pe’ Maria Vittoria jesse buono ‘nu maglione, cu’ e rombi verdi e azzurri?

Volpe             Eh?... Sì… Penzo ca sì.

Bianca M.      ‘Nce ‘o vulesse fà a vita stretta, tipo dopo-sci, ca so po’ mettere cu’ ‘na cammisa cu’ ‘e mmaneche larghe su toni gialli e marroni. ‘Nu poco diverso da ‘e ssolite ccose, che ddice?

Volpe             Eh?... Sicuramente. (Pausa)

Bianca M.      Tu te stupisci ca je cunosco cierti pparole! Ma pe’ te comme cagna ‘o munno, ammore mio, dimme a me si quanno ‘nce spusaieme avesse maje penzato ‘e mettere ‘nzieme ‘o verde e l’ azzurro.

Volpe             Come?

Bianca M.      Ho detto: pe’ te dicere comme cagna ‘o munno, comme tutte cose son messe in discussione, comme nun può essere cchiù sicuro ‘e niente… Tu penza si sulamente diece anne fa avesse maje penzato ‘e mettere ìnzieme ‘o verde  e l’azzurro!

Volpe             Spero proprio ‘e no!

Bianca M.      Eh, sì! “Tout casse, tout lasse!”… Tutto si rompe, tutto passa… Mò me piace mettere ‘o vverde vicino all’azzurro… non tenerci più a queste regole antiquate… mettere ‘e culure comme me piace dint’a chillu mumento… comme se cagna dint’‘a vita…

Volpe             “Contessa, che è mai la vita?...”

Bianca M.      “…È l’ombra di un sogno fuggente: / la breve favola è finita, / solo immortale è l’a-mor!”

Volpe             (Continuando a scrivere) Silvia, rimembri ancor… “I cipressi che a Bolgheri alti e schietti…”

Bianca M.      “Era biondo, era bello, era beato, sotto un arco di cielo era sepolto.” (Pausa)

Volpe             (Improvvisamente cessando di scrivere, depone la penna e cambia posizione, come accingendosi ad un altro discorso) Eh, cara mia… Sai una cosa? Si nun tenesse a tte, ‘a criatura, ‘sta casa… nun saccio si sapesse resistere all’infamia, ‘o fango d’‘o munno! Ccà dinto ce sta tutto chello ca me sta cchiù a ccore; e vulesse ca ‘sti mmura fossero comme ‘na barriera a tutto ‘o riesto d’‘o munno, e chesta casa fosse ‘n’oasi, ‘na campana ‘e vrito, ‘na torre d’avorio, ca te difende a tte e ‘a piccerella da tutte ‘e ccose brutte, squallide e malamente ca ce stanno. Quanno jesco ‘a ccà e vaco dint’‘a vita, dint’‘o munno, p’‘a strada, quanno passo ‘nnanze a ‘nu giurnalaro, quanno arapo ‘o giurnale, e veco chelli ffotografie volgari, e leggo chelli notizie di disordini, ‘e viulenza, di proteste assurde e irrazionali… ‘a primma cosa ca me vene ‘mmente ‘a fa fosse chella ‘e correre ccà e ‘nzerrà porte e ffeneste, e proteggere a te e ‘a criatura. Io vulesse ca pe’ vvuje ‘a vita fosse sulamente poesia, serenità, sentimento; ca vuje nun sapisseve nemmanco ca ce stanno ll’assassine, ‘e mariuole, ll’adulteri, ‘e povere, ‘e barbune, ll’affamate…le malattie…Vorrei un mondo di serenità e di pace…come dice il grande Eduardo De Filippo “ Io vulesse truvà pace… ma nà pace senza a morte”

Bianca M.      (Quasi commossa) Caro, chesta è ‘a dichiarazione d’ammore cchiù bella ca ‘n ommo p’' fà a ‘na mugliera. (Pausa) Vuò ca provo ‘n’ata vota la Ninna-nanna ?

Volpe             No, grazie, nun te stancà.

Bianca M.      Oh, ‘o ssaje ca nun saccio stà senza fa niente.

Volpe             Io invece m’aggio ‘a mettere a lavorà… (Ma non ci riesce, è nervoso; posa la penna) Mannaggia, nun pozzo nun penzà ‘a piccerella. Fore d’‘a casa, ‘e sera, essa sola… ‘sta storia nun me piace!

Bianca M.      Papà è geluso… Papà è geluso…

Volpe             Nun vulesse ca accummenciasse, sai, cu’ ‘e ‘nnamuratielle…

Bianca M.      ‘Nu juorno o ‘n ato pure ha da accummencià!

Volpe             Sì, ma primma tu ce avisse ‘a parlà ‘nu poco, no?

Bianca M.      ‘E che ccosa?

Volpe             Comme ‘e che ccosa?! Tu, comme mamma, nun tiene proprio niente ‘a dicere a figlieta ca accummencia a ascì ‘a sera, essa sola?

Bianca M.      Pienze ca è arrivato ’o mumento??

Volpe             (Nervoso) Nun ‘o ssaccio! ‘Na volta ‘e mamme parlavano cu’ ‘e ffiglie ‘o juorno primma d’‘o spusalizio. Ma mò pare ca ‘a scola elementare ‘nu criaturo avesse ‘a sapè già tutte cose!

Bianca M.      (Ridacchia, imbarazzata) Oddio, io… io nun sapesse manco ‘a che parte avesse accummencià…

SCENA QUARTA

(MARIA VITTORIA e detti)

Volpe             (Da fuori, un campanello segnala l’apertura di una porta o di un cancello; un fischio giovanile, modulato su due o tre note, come per richiamare l’attenzione) Chi è?

Bianca M.      È ‘a criatura. Già sta ‘a casa, hè visto? ‘Heva ditto ca turnava ampressa e accussì è stato.

Volpe             Beh, menu male! (Riprende la penna, sollevato)

Maria Vitt.   (Da fuori chiama i genitori) Papà!... Mammà!... (Poi di nuovo il fischio sbarazzino di prima)

Bianca M.      (Risponde al richiamo, con un gridolino civettuolo) Uuuh!... Uuuh!...

Maria Vitt.   (Entra. È una bella ragazza di una ventina di anni, corretta nei modi e nel vestire, ma del tutto disinibita e completamente diversa - se non altro per l’età – da quanto era lecito attendersi dai discorsi dei genitori) Comm’è ca state ancora in giardino?

Bianca M.      Se sta accussì buono, stasera!

Volpe             (Finto burbero) Nun se saluta?

Maria Vitt.   (Gli si avvicina e lo bacia) Ciao papà. (Fa lo stesso con Bianca Maria) Ciao mammà. (Poi si scosta dai due, in posizione equidistante, come per un annuncio importante) Papà, mammà…vi devo parlare… v’ aggio ‘a parlà, (I genitori alzano gli occhi, un po’ stupiti) Mi vorrei sposare! (La penna di Volpe e i ferri da maglia di Bianca Maria cadono loro dalle mani)

Volpe             Come, comme? C’hè ditto?

Maria Vitt.   Ca me vulesse spusà… che vorrei sposarmi. (Altra pausa)

Volpe             Ma… Maria Vittoria cara, pe’ se sposà… (Non sa cosa dire) S’ha da essere in due!

Maria Vitt.   E certo, papà: siamo in due!  Mi sposavo io sola?(Pausa)

Volpe             Poco fa, mammeta e io, proprio ‘e chesto steveme parlanno. E giacchè ci siamo… visto ca pare ca è chisto ‘o mumento… (Bianca Maria si alza in fretta e si avvia) Addò vaje?

Bianca M.      (Imbarazzata) Beh… si avite ‘a parlà…

Volpe             Caso mai, avesse essere io a me ne jì e a ve lassà sole a tutt’e ddoje!

Maria Vitt.   Mammà, pecché te faje rossa rossa? (Al padre) ‘E che avimmo parlà cu mammà?…

Volpe             (A disagio, partendo da lontano) Ecco, Maria Vittoria cara, ‘o matrimonio, l’unione tra ddoje perzone ca hanno ‘a vivere ‘nzieme pe’ tutta ‘a vita, nun significa sulamente a se tenè p’‘e mmane e a se guardà dint’a ll’uocchie, comme steve scritto dint’‘e rumanze ‘e ‘na vota, o a se dà quacche vasillo ‘ncopp’‘e gguance… ce stanno ati ccose ca hè ‘a sapè!

Maria Vitt.   Papà, ma ‘e che staje parlanno?

Bianca M.      Maria Vittoria, stai a sentire a  tuo padre.

Maria Vitt.   Papà, ma je ‘o ssaccio: ‘o matrimonio è ‘na cosa seria, ce stanno responsabilità, ponno ascì difficoltà e s’ha da essere priparate e mature pe’ l’affruntà

Volpe             Ce sta pure ati ccose, piccerella mia! Ce stanno aspetti della vita in due… aspetti personali, “intimi”… ca tu nun può cunoscere! Ce tutta ‘na serie ‘e rapporti ca si chiammano… (L’audacia gli costa sudori e un improvviso senso di soffocamento, talchè si slaccia il colletto della camicia) …rapporti sessuali! (Gridolino di Bianca Maria)

Maria Vitt.   (Quasi ridendo) Papà, sei veramente ridicolo!

Bianca M.      (Melodrammatica) No, no, nun se diceno ‘sti ccose a pateto!

Volpe             (Severo) Bianca Maria, calmati!

Maria Vitt.   Papà, cierti vvote me pare ca tu te scuorde ca tengo vintiquatt’anne e ca songo laureata in botanica.

Bianca M.      (Tremante) ‘A botanica, bambina mia, è tutta ‘n’ata cosa: ce sta ‘o polline, ce stanno ‘e pistille, ‘e ccurolle… E po’… fa tutte cose ‘o viento!

Maria Vitt.   Insomma, tutt’e dduje, ‘a vulite fernì cu’ ‘ste storie stupide? Me vulite stà a ssentere e m’arrispunnite? Je voglio bene a ‘nu guaglione: a ‘n ommo. Isso me vò bene e ‘nce vulimmo spusà!

Volpe             (Con forza) Chi è? Comme se chiamma? Che fa? Dove lavora?!

Maria Vitt.   (Con pazienza) Ma papà caro, è normale che saprai tutto! Gli parlerai, t’informerai, ci penserai… Mica ‘nce avimmo ‘a ‘nzurà chesta sera?!

Volpe             (Sarcastico) Già è ‘na cosa! ‘E giuvene d’ogge sanno tutte cose, fanno ‘e ccose ‘e pressa, ‘e pressa espressa! T’avesseme pure ringrazià ca c’hè ‘nfurmate!

Maria Vitt.   Ma papà, pecché me dice ‘sti ccose? Nun ve ne putevo parlà si nun sapevo’ ca ‘a cosa era sicura, si nun ero sicura io d’‘o passo ca vulevo fa, no? Stongo ccà pe’ cchesto: pe’ ve chiedere, visto ca è ‘na cosa seria, si site cuntente o no!

Bianca M.      (Piange) ‘A piccerella mia…! ‘A criaturella mia…!

Volpe             Bianca Maria!

Maria Vitt.   Ancora non ho sentito la risposta!

Volpe             Beh, Maria Vittoria, ti devo dire ca ‘o ssapevo ca ‘nu juorno o ‘n ato fosseme arrivati a ‘stu mumento, pure si nun me credevo ca era chesta sera… Maria Vittò, tu cara, sei tutto per noi, e l’unico desiderio nostro è chello ‘e te vedè felice, ‘e te vedè realizzata tu e le tue aspirazioni… Allora si ‘stu signore è ‘n ommo perbene, onesto, sano, istruito, di adeguata condizione sociale, di sicura moralità… beh, non vedo pecché mammeta ed io nun avessemo essere cuntente; pure si avessemo vuluto nun dico a te scegliere nuje ‘o sposo - come se faceva ‘na volta, e forse era ‘na cosa bbona – ma per lo meno tenè quacche uocchio ‘e cchiù, e ‘nu poco ‘e tiempo, pe’ valutà ‘sta scelta d’‘a toja. (Ha finito: è stato molto difficile)

Maria Vitt.   È sano, istruito, per bene e tene ‘na bbona posizione, papà. Ce sta sulamente ‘na cosa ca nun penzo ca ve farrà piacere… ‘E genitori suoje…

Volpe             So divorziati? (Gridolino di Bianca Maria)

Maria Vitt.   No, tene sulo ‘a mamma.

Volpe             Orfano ‘e pate?

Maria Vitt.   No, nun è orfano. O per lo meno, nun se sape… Putesse essere…

Volpe             Comme sarebbe a dicere?

Maria Vitt.   È figlio di N.N., comme si diceva ‘na vota. Nun ha conosciuto maje ‘o pate. (Shock)

Volpe             ( rimane scioccato)Mai!

Maria Vitt.   Papà…

Volpe             Mai!

Maria Vitt.   Papà, pe’ piacere, primme ‘e parlà… pienzece buono…

Bianca M.      (Piagnucolando) Bambina mia, tu ca hè studiato addu ‘e mmonache…

Volpe             Bianca Maria, statte zitta!

Maria Vitt.   Papà, io voglio sulamente obbedirvi e farvi felici; ma visto che sono sicura  di ever trovato l’uomo che amo… ‘a perzona ca fa pe’ mme, ti prego ancora ‘e ce penzà bbuono.

Bianca M.      (Tremolante) Piccerè, penza a chello ca dicesse zia Angelina!

Maria Vitt.   Mammà, io me ne fotto d’‘a zia Angelina!

Bianca M.      Mò pure ‘e mmale parole, Maria Vittoria?

Volpe             Bianca Maria, statte zitta! Ce stanno cose cchiù serie d’‘o parere ‘e zia Angelina! ‘O fatto è ca dint’‘a famiglia nosta…

Maria Vitt.   Papà, nun ce sta nu sulo discorso d’‘e tuoje in cui tu nun dice ca sì super democratico, cristiano e antifascista. È ‘overo?

Volpe             Certamente!

Maria Vitt.   E allora papà, m’hè ‘a spiegà in base a quale ‘e ‘sti tre valori tu me vulisse impedì ‘e me spusà cu’ ‘n ommo ca tene tutte ‘e qualità pe’ stà vicino a mme pe’ tutta ‘a vita! A meno che, papà, tu nun pienze ca isso ha da pavà personalmente ‘o prezzo d’e-ventuali colpe d’‘e genitori suoje!

Bianca M.      (Stupita e indignata) Ma siente che lengua ca ha cacciato, ‘a signorina! Ma comme, cu’ tutte ‘e solde ch’avimmo spiso pe’ te fà studià… pe te dà ‘n’istruzione…

Volpe             Bianca Maria, statte zitta! Piccerè, ‘e princìpi songo affermazioni teoriche ca so ‘overe p’‘a maggior parte d’‘e casi, p’‘a massa, p’‘o il popolo… e quindi pe’ ll’ate cchiù ca pe’ nuje.

Maria Vitt.   Quindi nun servono a niente?!

Volpe             Tenene ‘nu valore statistico… ideologico… teorico… poi ce sta ‘a pratica…

Maria Vitt.   Papà, mi dispiace, ma si chesta è l’ultima parola ca me dice, si niente t’‘a po’ ffà cagnà… io ho deciso ‘e te disobbedì! (Bianca Maria sviene, senza un lamento, al più con un sospiro)

Volpe             Bianca Maria!

Maria Vitt.   Oddio, mammà, justo mò! Ma te pare ‘o mumento?

Volpe             Aiuto!... Aiuto!

SCENA QUINTA

(GIACOMO e detti)

Giacomo        (Entra di corsa e si avvicina a Volpe e a Bicna Maria) Lassate fà a mme! (Depone Bianca Maria sulla sdraio e le colpisce le guance con leggeri schiaffetti)

Volpe             Bianca Maria, come ti senti?

Bianca M.      (Rinvenendo) Figlia mia… figlia mia… ‘na figlia perduta!

Giacomo        Ecco fatto: è passato tutte cose. (Compiuta l’opera, si scosta di qualche passo)

Volpe             Stai bene?... Ti sienti bene?

Bianca M.      (Debolmente) Sì, sì… è passato tutte cose.

Volpe             Grazie, dottor Esposito. Mò però vi prego: stevemo parlanno ‘e ‘na quistione ‘ famiglia e… (Esposito non si muove) Vulesseme rimmanè sule… (Esposito non si muove; Maria Vittoria gli si avvicina e infila il proprio braccio sotto quello di lui)

Maria Vitt.   Papà!... (Pausa. Il tempo di capire)

Volpe             Isso?!

Giacomo        Sì, dottor Volpe, sono io. (Con debole lamento, Bianca Maria sviene di nuovo) Maria Vittoria ed io ci amiamo: io m’‘a voglio spusà e ‘a voglio fa felice.

Bianca M.      (Visto che nessuno si occupa di lei, rinviene e insorge, trasformata in arpia) Demonio! Demonio, oh, demonio! Traditore, sacrilego, serpente! Sì trasuto dint’‘a casarella nosta strisciando ‘mmiezo ‘e pprete d’‘o focolare, pe’ sedurre l’anima d’‘a criatura mia indifesa cu’ chissà quali arti subdole e maligne… pe’ t’‘a piglià… e p’‘a levà ‘a ll’affetto d’‘e genitore suoje!

Volpe             P’ammore ‘e Ddio, Bianca Maria, calmate! Nun perdimmo ‘a capa! Che stevemo dicenno?

Giacomo        (Ricominciando) Maria Vittoria ed io ci amiamo, dottor Volpe, ‘a voglio spusà e ‘a voglio fa felice.

Volpe             Beh… e po’?

Giacomo        Beh, e po’… basta. ‘O riesto è evidente! (Imbarazzo tra i due uomini. Maria Vittoria interviene)

Maria Vitt.   Papà, mammà… avite ‘a dicere ca sì… ca site cuntente, avite ‘a stregnere ‘a mana a Giacomo, m’avite abbraccià e vasà…

Volpe             Insomma, jate truvanno ‘a benedizion mia!

Bianca M.      Allora voi siete figlio ‘e pate ignoto?

Giacomo        Sì.

Bianca M.      E cu’ tutto ca nun cunuscite ‘o pate vuosto, avite osato insidiare Maria Vittoria?!

Maria Vitt.   Uffà, “insidiare”, mammà! Ma addò ‘e liegge ‘sti ccose?

Bianca M.      (In crisi) Mai! Mai! Vuje nun cunuscite sorema Angelina! Maria Vittoria, ‘a zia Angelina… tu ‘a cunusce?

Volpe             Biamca Maria, statte zitta! Maria Vittò, porta a mammeta dint’‘a casa; ce parlo io cu’ ‘o dottor Esposito.

Maria Vitt.   (Mentre guida la madre verso casa) Vieni, mammà. Comme se po’ parlà si tu faje tutte ‘sti ttragedie greche?... (Le due donne escono. Pausa)

SCENA SESTA

(VOLPE e GIACOMO, poi, alla fine, MARIA VITTORIA)

Volpe             E così… eccoci qua!

Giacomo        Io vi ho detto tutto, dottor Volpe… e vuje me cunuscite.

Volpe             Pure vuje me cunuscite, Giacomo. E ‘o ssapite buono che pe’ mme una cosa sta ‘ncoppa a tutte e ‘a fore ‘e tutto: ‘a  famiglia mia. Manco ‘n’ombra ha da cadè ‘ncoppa ‘a famiglia mia, manco ‘o suspetto ‘e ‘n’ombra. E vuje – senza colpa, è ‘overo– nun ve truvate dint’‘a condizione ‘e putè mantenè a figliema dint’a ‘nu clima d’asso-luta rispettabilità…di normalissima rispettabilità

Giacomo        Continuate!  Rispettabilità che potrebbe essere garantita solamente da che cosa??…

Volpe             Solamente da un cognome normale… ‘nu cugnomme puro, ‘mmaculato! Proprio accussì: ‘nu cugnomme ca se ne cunosce ‘a storia, la famiglia, ‘o pate, ‘o nonno…potrei desiderare un cognome importante ma non lo faccio…mi accontenterei di un cognome immacolato…

Giacomo        (si innervosisce)‘Nu cugnomme ‘mmaculato e puro! E io ‘o ssapevo! Eppure alle soglie d’‘o terzo millennio, a tanta secule da ‘o Cuncilio ‘e Trento, a secoli d’‘a Rivoluzione Francese, a tanta decenni d’‘a Liberazione e a molti anni d’‘o crollo d’‘o comunismo vero …

Volpe             Saccio tutte cose, Espò! Songo demodè, conservatore, reazionario e tutto chello ca vulite vuje! Ma sò cunvinto ca l’ultimo baluardo rimasto è ‘a famiglia. Se parla ‘e divorzio, d’aborto, ‘e libero amore, ‘e famiglia allargata… ‘o marito ca tene cchiù ffamiglie, cchiù mugliere… ma fernimmola: nun simmo arabi! E io penzo ca sulo ‘a massima intransigenza dint’a tutto chello ca personalmente ce riguarda ce putarrà salvà dal crollo ‘e tutte cose, d’‘a catastrofe, dalla fine! S’ha da salvà ‘a sacralità d’‘a famiglia.

Giacomo        Io continuo a meravigliarmi!... Doppo tant’anne ‘e collaborazione cu’ vuje, nun penzavo ca ireve accussì; me credevo ca ‘e princìpi vuoste fossero non dogmatici, elastici, trattabili…

Volpe             In affari, in politica, fore ‘e ccà; ma no dint’‘a ‘sta casa.

Giacomo        E si ‘e ccose vi obbligassero a essere antidogmatico, elastico?

Volpe             Che volete dire?

Giacomo        Voglio dire che Maria Vittoria ed io siamo decisi… Avite penzato ‘sta cosa?

Volpe             E vuje avite penzato ca si ‘e ccose stanno accussì Maria Vittoria ‘a me nun avarrà manco ‘na lira e ca ‘o rapporto ‘e lavoro vuosto cu’ mme se chiuderà pe’ ssempe?

Giacomo        E vuje avite penzato quanta cose saccio io sul vostro conto?

Volpe             E vuje avite penzato… Oh cacchio, ma chisto è ‘nu ricatto bello e buono!

Giacomo        Penzate ‘e cconseguenze alla RAI, all’affare d’‘o cinema, ‘a quistione d’‘o burro o-landese, d’‘e cuniglie jugoslavi, ‘e prefabbricate, ‘o cunto in banca a Lugano…

Volpe             Sssst!

Giacomo        …documentato ‘a chella lettera ca vuje sapite; l’assegno d’‘o zuccherificio, ‘a fornitura d’‘e tubi isolanti all’ospedale, ‘o telegramma a Bernardo d’Olanda…

Volpe             Parole!

Giacomo        (Mettendo una mano su una borsa) Parole?... Fotocopie!

Volpe             Che figlio ‘e zoccola!

Giacomo        Ve pare proprio ‘o caso?

Volpe             Pardon! (Pausa. Volpe riflette, passeggiando nervoso) ‘Sta discussione sta piglianno ‘na piega antipatica: ‘a vulimmo riportà a toni cchiù amichevoli?

Giacomo        È quello che cerco…che vorrei.

Volpe             (Si schiarisce la gola, come per l’esordio di un discorso) Io… tengo molta stima pe’ vvuje, caro Giacomo. Molta stima, e pure molto affetto. Putesse essere vostro padre; guardo e alla carriera vosta, e all’avvenire vostro, comme ‘nu pate guarda all’avvenire ‘e ‘nu figlio: cu’ ‘o stesso interessamento, ‘a stessa partecipazione, ‘a stessa aspettativa p’‘e risultate ca… sicuramente arriveranno. (Pausa. Ha finito. Ora attende adeguata dichiarazione da parte di Giacomo)

Giacomo        Io vi ringrazio assai…pe’ tutte ‘sti belli pparole ca me fanno capì ‘a stima ca tenite pe’ mme. E ‘sti sentimenti io li ricambio cu ‘n atteggiamento rispettoso comme chillo ca tene ‘nu figlio pe’ ‘nu pate… si m’‘o permettete. ‘A quanno aggio avuto ‘a furtuna di lavorare ‘nzieme a vuje…

Volpe             Vabbuò, basta accussì. Mò putimmo cercà ‘e truvà ‘na spiegazione sincera. Dunque, vuje site figlio d’ignoti…

Giacomo        ‘E pate ignoto.

Volpe             Io penzavo ca vuje ireve orfano.

Giacomo        Orfano di madre… Mammà murette quann’io tenevo sedici anni     .

Volpe             Mi dispiace assaje. E ve fosse assaje difficile rintraccià a papà? Voglio dicere: ‘stu fatto, e cioè ‘a nascita vosta, è dovuto a ‘n errore occasionale ‘e vosta madre, oppure… se tratta ‘e uno ‘e chilli casi in cui… comme pozzo dicere?... È ‘nu poco difficile identificare ‘o responsabile?

Giacomo        (Indignato) Dottor Volpe, mammà apparteneva ad una delle migliori famiglie di Napoli! ‘Na famiglia vicina assaje a Monsignor Arcivescovo Ordano…

Volpe             P’ammore ‘e Ddio! Certo, certo  … Naturalmente.

Giacomo        Dint’‘a famiglia ‘e mammà ce so’ state letterate e filantropi illustri, po’ è decaduta pe’ cierte operazioni sbagliate e pecchè se fidaje ‘nu poco troppo ‘e ll’Italia fascista, ma che comunque pure dint’‘e tiempe oscure ha mantenuto alto ‘ prestigio ‘e ‘nu nomme ‘mmaculato e puro.

Volpe             ‘Mmaculato e puro, ‘a verità, nun ‘o dicesse…

Giacomo        Mammà ha pagato, dottor Volpe. Quell’unico giovanile errore l’ha pagato dedicando tutta ‘a vita a me e alla preghiera…Me l’arricordo quanno m’e faceva ‘e golfini che nun me puteva accattà dint’‘e boutiques addò accattavano ‘e cugini mieje, chilli legittimi, figli d’‘e ssore ‘e mammà! M’ha crisciuto comme ‘nu fiore ‘e serra, m’ha prutetto dall’acqua e da ‘o viento, ‘a chello ca essa chiammava “il male del mondo”: ‘o munno ca l’aveva tradita, servendosi ‘e ‘nu trucco volgare, ‘nfilannose comme a ‘na serpe ‘mmiezo ‘e pprete d’‘o fuculare, pe’ sotto ‘e tappeti d’‘o salotto… Essa avesse vuluto ca tutto ‘stu “male del mondo” nemmanco me sfiorava, e fino a che ha campato io m’aggio creduto ca ‘o mundo era ‘n’oasi ‘e bontà dint’‘o creato. Nun ha maje ditto ‘na parola ‘e chillu fetente disgraziato ca l’aveva sedotta e abbandonata, pe’ chillu delinquente ca s’annascunnette e sparette dint’‘a folla d’‘a grande città…Spero solo che il Signore non l’abbia perdonato…e non lo perdoni mai!

Volpe             (scosso dalle parole)Ma vuje nun sapite manco ‘o nomme di vostro padre?

Giacomo        No. Mammà murette e se purtaje ‘stu segreto dint’‘o tavuto.

Volpe             Quindi vuje…

Giacomo        Je me putesse truvà assettato dint’a ‘nu vagone ristorante ‘e rimpetto a patemo senza ‘o ssapè!

Volpe             Ma scusate, benedetto figliolo, pecché non v’‘o truvate, ‘nu pate? ‘Nu pate qualunque: io ve voglio sulamente venì incontro, me facesse assaje piacere. Ce stanno ‘e prostitute straniere ca quanno ‘a polizia minaccia ‘e le mannà ‘n’ata vota ‘a casa, Asia o Africa che sia, se ‘nzorano cu’ quacche novantenne pensionato  e dopo poco si prendono pure la pensione…

Giacomo        (Sdegnato) Dottor Volpe! Pure si all’anagrafe m’hanno registrato cu’ ‘o nomme banale di Esposito, dint’a ‘sti vvene scorre ‘o sanghe degli Ordano- Orsini!

Volpe             Ordano-Orsini?

Giacomo        Non me dicite ca nun l’avite maje ‘ntiso d’annummenà! Si avite fatto l’Università alla Federico II…

Volpe             Certo, certo! E po’ l’arcivescovo Ordano-Orsini, che allora era sulamente ‘nu parroco, era ‘o pate spirituale mio.

Giacomo        Uno zio di mammà!

Volpe             E cu’ Filippo Ordano Orsini spesso jucavame a tennis, ‘o circolo Posillipo.

Giacomo        ‘Nu cugino ‘e sicondo grado ‘e mammà.

Volpe             Jevo spesso al loro Palazzo di famiglia, quase tutte ‘e juorne.

Giacomo        ‘O palazzo addò steva mammà…

Volpe             Ma ‘a mamma vosta allora, allora…

Giacomo        La contessina Ginevra Benedetta degli Ordano-Orsini.

Volpe             (Porta una mano al cuore) Oh Madonna mia!

Giacomo        Che c’è, vi sentite male? ‘N atu attacco? Addò stanno ‘e cumpresse? (Volpe siede. Colombo corre al tavolo e prende le pillole ed un bicchier d’acqua, poi torna da Volpe)

Volpe             (Piano, quasi tra sé) Nun è possibile!

Giacomo        Che cosa, nun è possibile? (Gli dà le pillole, gli dà da bere, riprende il bicchiere)

Volpe             ‘Na prova, Giacomo! ‘Na prova! ‘Nu segno! Mammà vosta v’avarrà lassato ‘n indizio… ‘nu ricordo… quaccheccosa!

Giacomo        (Tornando dal tavolo sul quale ha posato il bicchiere) ‘E chi, d’‘o fetente-disgraziato? Sì, l’unica fesseria ca avette regalata, comme a ‘n insulto: ‘o ricordo ‘e ‘na gita a Capri, ‘nu cammeo ca me porto sempre appresso pe’ nun me scurdà! Ojccanne. (Ma Volpe ha chiuso gli occhi e non vede il cammeo che Giacomo gli fa vedere. Giacomo resta per qualche istante con la mano tesa. Si stupisce. Pausa. Poi sospetta, capisce, folgorato) No?!... (Volpe apre gli occhi e, lentamente, gravemente, fa cenno di sì con la testa. Giacomo non sa che dire, esita, fa per fuggire; poi si ferma, si passa una mano sul viso, fruga nei ricordi letterari alla ricerca di situazioni analoghe che gli suggeriscano qualcosa da dire o da fare) P… Papà!

Volpe             Sssst!... Sssst!... Calma! Calma! …Nun facimmo retorica e scene madri: niente di niente! Aggio capito, è accussì, nun cagna niente. ‘A stima ca tengo pe’ vuje resta sempe ‘a stessa. V’‘a meritate pe’ chello ca site, non p’ati mutive. Nun so rimasto deluso, e forse me fa pure piacere: ‘na piccola ragione ‘e cchiù. Ma nun credo alla voce d’‘o sanghe. Nun cagna niente, rimangono tutte le  cose comme stanno… e basta! (Pausa. Dalla casa esce Maria Vittoria)

Maria Vitt.   E allora papà, avete finito? (Volpe la guarda, poi guarda Giacomo. Poi risponde con una serietà che dà un sapore nuovo alla risposta)

Volpe             Nun è possibile… a papà: ‘overamente nun è possibile! (Maria Vittoria viene colpita da qualcosa che le sfugge. Guarda Giacomo, constata che anche lui sembra accettare il verdetto. Giacomo per un breve istante ne sopporta lo sguardo, poi si volta, si allontana in fretta, esce quasi fuggendo)

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto, la mattina dopo.

Giacomo è solo, seduto al tavolo; sta scrivendo, con molto impegno e molta indecisione

SCENA PRIMA

(GIACOMO, poi MARIA VITTORIA)

Giacomo        Comm’è meglio scrivere?... “Caro dottor Volpe…” No, “Egregio senatore…” o “Caro papà…”? (Sulla veranda compare Maria Vittoria. Sta mangiando una mela a morsi e osserva Giacomo. Quando non le resta più che il torso, lo scaglia con forza contro Giacomo. Giacomo balza in piedi, appallottolando il foglio sul quale, peraltro, non ha scritto nulla) Tu?!

Maria Vitt.   Io, sì, non hai niente da dirmi?

Giacomo        Che dovrei dirti?

Maria Vitt.   Ah, bene!  Ieri sera sei fuggito senza dire…manco ‘na parola. Stammatina non te faje proprio abbedè. Papà nun parla, mammà sviene sempe… T’ha cunvinto? Dimmello!

Giacomo        (Dopo una pausa, serio) Me dispiace, Maria...

Maria Vitt.   E nun fà chella faccia! Chi te cride d’essere, san Sebastiano? E parla, reagisci: t’hè ingoiato  ‘na scopa? T’ha ricattato, è ovè? (Giacomo tace) E tutte ‘e mezze ca tenive a disposizione, eh? ‘E ccose ca sapive? Comme dicive: “Abbastarrà ca vede sulo l’an-golo ‘e ‘na fotocopia, nun te mettere appaura!” E io, comme a ‘na scema, a fa fotocopie all’Istituto ‘e Botanica, per te fa sparagnà quaccheccosa!

Giacomo        Ma io ‘e sorde te l’aggio date!

Maria Vitt.   No, carissimo, m’hè ‘a dà ancora ‘nu sacco ‘e denare. Ma nun me ne passa manco p’ ‘a capa… aggio capito tutte cose: è meglio a se tenè cara cara l’associazione cu’ ‘o duttore Volpe ca ‘a se spusà cu’ ‘a figlia d’‘o duttore! Anzi, magari se putesse pure organizzà ‘nu bellu spusalizio d’interesse, e aunì l’associazione cu’ ‘o duttore Volpe cu’ ‘o spusalizio cu’ ‘a figlia ‘e ll’avvocato Aquila… Chella zucculona!

Giacomo        Maria Vittò!

Maria Vitt.   E fernescela! Ma statte attiento, Giacomo Espò: nun te credere ca nun m’aggio ‘mparato niente a vivere cu’ papà e a stà ‘nzieme a tte. ‘O ssaje che facevo mentre fatevo ‘e fotocopie a te?

Giacomo        No.

Maria Vitt.   ‘E ffacevo pure pe’ mme! E all’Istituto ‘e Botanica, dint’a ‘na cartelletta bianca e azzurra cu’ ‘a scritta “Piante carnivore e parassiti”, tengo ‘e pprove pe’ te mannà ngalera pe’ tutta la vita toja e d’‘a discendenza toja!

Giacomo        Ah, brava! Che belle cose…

Maria Vitt.   No, eh? Nun accummenciammo a ffà predeche!

Giacomo        Un ricatto!

Maria Vitt.   ‘Nu ricatto?! Sì scemo? ‘Nu ricatto, e pecché? Pe’ m’obbligà a me ‘nzurà cu’ tte?! Nonostante ‘o ricatto che t’ha fatto patemo pe’ t’obbligà a nun me spusà?! Pecché tu ‘overo te cride che io vulesse pe’ marito ‘nu fetente ipocrita ‘e ‘nzevuso comme a tte? T’aggio smascherato, aggio capito tutte cose ‘e te. E ringraziando a Ddio l’aggio capito a tiempo. Pe’ niente al mondo te vulesse cchiù annanze ‘e piede! Fine: the end. Continua a mantenè l’acquasantiera ‘o duttore Volpe, anzi, ‘o senatore Volpe. Ma statte attiento: nun me provocà, pecché ‘a voglia ‘e te vedè carcerato è assaje, Giacomo Esposito! Assaje, assaje!... (Ma non regge e scoppia a piangere. Giacomo è imbarazzato e impietosito, e le si avvicina)

Giacomo        Maria Vittò!...

Maria Vitt.   Vattenne!

Giacomo        T’hè ‘a calmà, Maria Vittò, e stamme a ssentì. Io nun te pozzo dicere ‘o pecché…

Maria Vitt.   Che cretina, a me mettere a chiagnere! Che stronza! Giacomo… oh, Giacomo! (Si aggrappa a lui che l’abbraccia fraternamente, a disagio)

SCENA SECONDA

(VOLPE, PADRE GATTI, ONOREVOLE ORSI e detti)

(Sulla veranda entra Volpe, pressoché sorretto da Padre Gatti e dall’onorevole Orsi. Padre Gatti è un pretino à la page, versione moderna di un abate d’altri tempi. L’onorevole Orsi è un vecchio trombone. Come Volpe arriva al primo scalino, vede i due giovani ed ha un trasalimento, che i due accompagnatori interpretano come una manifestazione di debolezza o di malessere, raddoppiando di conseguenza le premure e le cautele.)

P. Gatti          (Premuroso) Eh, eh, attento!

On. Orsi         Appoggiatevi, appujateve, nun facite cerimonie.

P. Gatti          Stateve accorto ‘e gradine.

On. Orsi         Uno, ddoje, tre, quatto, cinche… e seje!

P. Gatti          Simme arrivate.

Volpe             Maria Vittò… mammà t’ha fatto ‘a spremmuta. (Maria Vittoria esce, senza una parola. Giacomo si ricompone e si dà da fare)

P. Gatti          Finalmente ‘o grande juorno è arrivato!

On. Orsi         Io già aggio vutato: prima so’ ghiuto ‘a Messa, poi ‘a vutà, e mò stò ccà.

Volpe             Je ce vaco cchiù tarde.

On. Orsi         ‘E risultate jesceno dimane, ma che ce ne ‘mporta d’‘e risultate? L’unico ca ce ‘mporta già’o sapimmo, è scuntato!

P. Gatti          Si è scuntato…

On. Orsi         Caro senatore, m’erano arrivate voce allarmistiche ca riguardavano ‘a salute vosta, ‘a verità, invece ve trovo ‘na meraviglia, me fa assaaje piacere.

P. Gatti          ‘Na meraviglia è proprio’a parola azzeccata.

Volpe             Caro padre!

P. Gatti          Figliolo!

Volpe             Purtroppo quaccheccosa ccà dinto s’è rutto… Nun songo cchiù ‘nu guaglione!

On. Orsi         E chi è ‘nu guaglione ‘mmiezo a nuje? Ma l’essenziale è ‘o spirito, songhe ‘e ccerevelle! E io ve trovo accussì in forma, accussì brillante, accussì acuto nelle osservazioni… ca ‘nce simmo decise a ve fa’ ‘na proposta.

P. Gatti          ‘A verità ‘a penzata l’ha fatta l’onorevole Orsi, è stat’isso ch’ha insistito cu’ ‘e dirigente d’‘ol partito pe’ ve fa’ candidà ‘o Senato.

On. Orsi         Sì, sì, so’ stat’io, io!

Volpe             ‘O ssaccio.

P. Gatti          E no, comme dicene l’avvocato Aquila e ‘o ragiuniere Mosca…

On. Orsi         Noti mestatori! Intrallazzatori!

P. Gatti          … noti imbroglioni… per ve levà’a ‘nanze ‘e piede, anzi… anzi!

On. Orsi         Anzi!

P. Gatti          Anzi!

On. Orsi         Ma pecché Roma, vivaddio, è ‘o centro ‘e tutte cose!

P. Gatti          Caput mundi!

Volpe             È ‘overo, è overo… Però io ccà tengo tutte ll’interessse mieje, vuje ‘o ssapite.

On. Orsi         E comme, nun ‘o ssapimmo? ‘O ssanno buono tutte quante, ve chiammano il Ras, ‘o padrino!

P. Gatti          Affettuosamente, se ssape…

On. Orsi         Ma vedite, oramaje, sta tutte cose a Roma, tutto parte ‘a Roma. ‘E stanze d’‘e buttune stanno llà! Llà se decide, llà se fanno ‘e llegge, llà si emenda, se curregge, se fa eccezione. S’ s’ha da asfaltà ‘a strada provinciale tra Giugliano e Mugnano, non se decide né a Giugliano, né a Mugnano, e nemmanco a Napule, ma a Roma. Llà se dà l’incarico ‘a ditta appaltatrice, llà se sposta chella virgulella che fa addeventà “diece” ‘o “zero virgola uno”, di modo ca se po’ ammacchià chillu margine – illeggittimo, certo, per carità! Songo cose ca nun s’avessero ‘a fà! –ca fa fà tanta iniziative utili, a nuje ma soprattutto ‘o partito. Ll’interesse vuoste stanno ccà, è ‘overo, ma addò se ponno curà meglio e più efficientemente?

P. Gatti          A Roma. Quanno Pietro se ne jette ‘a Roma e ‘ncuntraje a Giesù Cristo, nun fuje isso a l’addimannà: “Quo vadis, domine?”. ‘O ssapeva bbuono addò steve jenno ‘o “domine”: tutte ‘e strade conducono a Roma. È stato Gesù ca ha addimannato a Pietro: “Sed quo vadis?”, cioè: “Ma ‘ndò vai?”… insomma… “Ma addò vaje?” (Ridono)

Volpe             Però vuje, onorevole Orsi, non ve site presentato ‘n’ata vota all’elezione. Pecché, comme maje? Roma v’attira cchiù assaie?

On. Orsi         Ah, che vulite! Cu’ tutte chelli chiacchiere ch’hanno fatto sul mio conto…

Volpe             Chiacchiere? Quali chiacchiere?

On. Orsi         Nientedimeno?! Nun v’arricurdate chella storia ‘ncoppa ‘e rrimesse ‘e ll’emigrate? (Volpe non sembra ricordarsela) So’ tant’anne ca io me preoccupo ‘e raccogliere ‘e franche ‘e ll’operai italiani in Svizzera e pavà l’equivalente in lire ‘e familiare lloro ccà, in Italia. Tengo tutta ‘n’organizzazione pe’ ffà chesto, se chiamma “Casa Nostra”.

P. Gatti          Ma nun tene niente a che vvedè cu’ “Cosa Nostra” in Sicilia!

On. Orso        Nossignore. ‘Sti fratelli nuoste luntane sparagnano ‘nu sacco ‘e tiempo. Ogge pavano a me ‘a Svizzera, dimani ‘e ffamiglie tenene ‘e denare: a Gemona nel Friuli, a Corato nelle Puglie, a Casapasenna in Campania… addò stanno stanno.

P. Gatti          “Ubicumque sint”… Addò stanno stanno…

On. Orsi         È ‘n’organizzazione capillare, e ce stanno pure grosse spese. ma a me m’abbastava, chella piccola differenza ca se creava pe’ via d’‘ svalutazione ca ‘a lira teneva juorno pe’ juorno: accussì s’accummegliavano ‘e spese e a me nun me serveva niente cchiù, me sentevo utile socialmente. Ebbene, che m’hannoo rinfacciato? “Esportazione di capitali”, anzi, p’accummeglià ‘nu poco l’evidente assurdità ca steveno dicenno: “Esportazione occulta di capitali”! Comme si ‘n’esportazione nun putesse ca “essere” o “non essere”: ‘o ddiceva Shakespeare. Che vvò dicere “esportazione occulta”? In pratica… se po’ ffà, ma in teoria no, assolutamente! Quali capitali aggio fatto ascì fore ‘a ll’Italia? E ppo’ “capitali”! Ma guardiammoce buono ‘nfaccia, amici miei: “capitali” chelli quatto peducchie ‘e ‘nu pover’operaio ca sta luntano d’‘a casa, fora ‘e ll’Italia, mentre ccà se jettano miliardi e miliardi!

Volpe             Moltiplicati pe’ mille, pe’ dduimila, pe’ ddiecimila… pure ‘e quatto peducchie ‘e ‘n operaio ponno addeventà ‘nu capitale.

On. Orsi         Ma sì, ma sì, si vulimmo arragiunà per assurdo, è possibile tutte cose, ma io nun voglio scennere ‘ncoppa a ‘stu turreno. Mi dispiace, ma è meglio si me stongo sdegnosamente zitto, rinuncio, m’arretiro. M’aggio ‘a giustificà?! Ma ‘e che ccosa? Aggio fa abbedè ‘e pprove ca io songo ‘na perzona corretta?! Ma pe’ mme ‘a correttezza mia nun ha da essere messa in dubbio manco ‘a luntano! “Muoia Sansone con tutti i Filistei!” È tantu tiempo che v’‘o vvulevo dicere, caro dottore Volpe: ‘a quanno proprio vuje, si nun me sbaglio, avite miso in giro cierti cchiacchiere…

Volpe             Vuje aviveve sollevato chella questione… d’‘o piano regolatore…

On. Orsi         Sì, ma pecché vuje, chiedendo ‘n’indagine approfondita ‘ncoppa ‘a Banca ‘e Salierno…

Volpe             Ma je avevo pure ‘risponnere ‘a richiesta vostra ‘e ‘n’inchiesta ‘ncoppa ‘e fondi neri d’‘a Farmunione!

On. OrsI         Che c’azzecano mò ‘e mmedicine?

Volpe             C’azzeccano quanto ‘e bolle ‘e transito d’‘e TIR!

On. Orsi         Ah, no! Chella, me dispiace…

P. Gatti          Fratelli, fratelli! Figliuoli! No, accussì no, così no! P’ammore ‘e Ddio! Ma come, simmo arrivate a chesto… (Volpe si porta una mano al cuore, chiude gli occhi per un attimo, respira profondo) ‘O vvedite? Chesto è chello ca succede quanno se leva ‘a miezo ‘a comunione fraterna e se mette ‘mmiezo l’antagonismo materialistico e demoniaco! Ma comme, è ‘na jurnata accussì bella e felice e nuje facimmo chesto? ‘Nce rinfacciammo antichi malintesi, piccoli equivoci, chiacchiere velenose e stupide? Nun avessemo ‘a studià nuovi accordi, future armonie, in perfetta serenità, tranquillità, pace, come diceva Pascoli? “Pace fratelli! E fate che le braccia c’ora o poi tenderete ai più vicini, non sappiano la lotta e la minaccia…”  Pace fratelli …“Et pax in terra hominibus bonae voluntatis”. Atto di contrizione. (I due uomini si raccolgono in preghiera, le mani giunte, il mento appoggiato sul petto. Intanto Padre Gatti prosegue) L’onorevole Orsi se ne torna ‘o paese sujo, ‘o senatore ‘o lassa per se ne jì a Roma. Ccà l’attenzione ai piccoli interessi, llà ‘a grande occasione direttiva. ‘A mana destra ha da fa finta ‘e nun sapè chello ca ha fatto ‘a mancina p’‘o ppassato, e tutt’ ddoje se stregnessero e condordassero ‘nu patto fraterno. Siamo o non siamo democratici?.. Scambiatevi un segno di pace. (I due si stringono la mano. Padre Gatti ha un breve gesto di benedizione)

Volpe             Ho bisogno di amici, signori. Me ne sto gghienno…

On. Orsi         Nun dicite accussì!

Volpe             Me ne sto ghienno A Roma! E sulo si penzo ca lasso ccà tutte ‘e rapporte curati da anni cu’ tanta passione – sempre penzanno soprattutto all’interesse pubblico,– e si penzo ca so’ minacciate ‘a tutte ‘e pparte…

On. Orsi         Nun simmo nuje a minaccià, chesto è sicuro! Anzi, ve dico ca stammo ccà proprio pe’ cchesto. E pe’ ve fa capace ca nun è ‘overo ca vuje ‘a Roma nun putite cuntrullà gli interessi vostri, nuje simmo venute ccà pe’ ve proporre ‘e ve vulè interessà pure d’‘e nuoste! Si ‘a cosa v’interessa…

Volpe             Ma certamente ca m’interessa, mi interessa assaje! Ma io nun saccio niente d’‘e ccose voste.

P. Gatti          E nuje stammo ccà proprio pe’ ve dicere tutte ‘e ccose noste.

Volpe             Saccio sì e no ca l’opera Nazionale Maternità e Infanzia…

On. Orso        Vulite dicere ‘a Casa del Fratello Abbandonato?

P. Gatti          Un pio istituto ca raccoglie cchiù ‘e treciento ‘nnucenti pe’ tutt’Italia…

Volpe             Cu’ ppochi sorde nette ‘o juorno pro capite, a carico d’‘o Stato…

P. Gatti          Ll’innocente stanno benissimo… ‘O magnà è ottimo e sufficiente, dottor Volpe, chesto v’‘o metto io per iscritto.

On. Orsi         E po’ pecché ll’avimmo abbuffà? Accussì quanno se fanno gruosse addeventano obesi, cu’ ‘o diabete e ‘o colesterolo alti, cu l’ ossessione d’‘a dieta, d’‘a linea, d’‘e chili ‘e troppo, d’‘e malattie d’‘o core? L’ipertensione! La dieta è una tragedia per chi deve dimagrire!

P. Gatti          Lassammo stà ‘sti ccose, so’ dettagli. È a Roma ca tanta istituti comme ‘o nuosto veneno minacciate ‘e chiudere. Mò, ‘na persona vosta, o pure vuje stesso, dint’‘o cunsiglio d’amministrazione ‘e ll’istituto, ca tene ‘e cuntatti cu’ vuje a Roma… ‘Nce vulimme fa dduje passe?

Volpe             Va buono.

P. Gatti          Venite, ve spiego tutte cose. (Gli porge il braccio. Escono)

On. Orsi         (Con un moto d’impazienza, come se finalmente si sentisse libero di parlare, a Colombo) Ma vuje site sicuro, è ‘ovè?

Giacomo        Cu’ ll’emozione ca sta avenno tene sì e no dduje mise ‘e vita. Nun vedite ca nun se mantene manco all’erta?

On. Orsi         Sì, ma ll’ogne e ‘a lengua ‘e ttene ancora, e pure bbone!

Giacomo        Nun dicite niente a nisciuno, m’arraccumanno: pure ajeressera avette ‘n attacco!

On. Orsi         Nuje avimmo fatto comme vuje ce avite cunsigliato: raccontammo tutto, ‘o mettimmo a parte, l’associammo, lle dammo posizioni chiave, lle dammo…

Giacomo        Date, e vi sarà dato.

On. Orsi         Seh, seh, dicite bbuono. Ma ‘o fatto è intanto ca isso nun dice ‘na parola, nun lassa ‘nu posto… e si bell’e bbuono se n’avesse ‘a jì? Io rimmanasse a mmane vacante!

Giacomo        Ci sono …   Io… E io, v’‘o garantisco, saccio tutte cose.

On. Orsi         (Dopo una pausa) ‘O Cunsiglio d’Amministrazione d’‘a Casa del Fanciullo Abbandonato… ve po’ interessà?

Giacomo        Al massimo come contorno.

On. Orsi         Ah! E che cosa v’interessa?

Giacomo        Me piacciono assaje ‘e banche.

SCENA TERZA

(MARIA VITTORIA e detti, poi BIANCA MARIA

(Entra Maria Vittoria che sulla veranda si ferma ostentatamente, come ad esigere che i presenti se ne vadano dal giardino)

On. Orsi         Nun è ca tengo assaje potere dint’‘e banche, amico mio.

Giacomo        Non fate il modesto… Vi posso dire, Onorè … chello ca saccio a riguardo d’‘a “vosta” Banca della Bassa Irpinia”? Jammuncenne dint’‘o studio e ve conto.

On. Orsi         Stammo cujete int’ ‘o studio? Pure ‘e mmure tenene ‘e rrecchie.

Giacomo        E gli alberi? …Forse è  meglio ‘o ciardino, jamme llà. (Vanno in giardino)

(Maria Vittoria esce di casa. Ha un libro in mano. Dopo qualche istante la segue Bianca Maria)

Bianca M.      Maria Vittò, ma ch’hè fatto, te ne sì ghiuta? Je steve parlanno…

Maria Vitt.   Mammà, non ho più voglia… ‘e sentì ‘e parlà ‘e chella storia, agge pacienza! (Apre il libro e sprofonda in un’at-tenta lettura)

Bianca M.      E mò che staje facenno?

Maria Vitt.   (Con uno scatto, seccata) Sto leggendo, mammà, nun ‘o vvide?

Bianca M.      Ma pecché me rispunne cu’ chistu tono antipatico?

Maria Vitt.   (arrabbiata)Perché tu me faje ‘e domande sceme. È palese ca sto liggenno!

Bianca M.      (Mite) Fosse palese si nun tenisse ‘o libro sotto e ‘ncoppa, bella ‘e mammà. (Maria Vittoria raddrizza il libro con rabbia; poi, con forze, lo chiude e rinuncia alla commedia) Nun saje nemmanco chello ca te voglio dicere… Ce aggio pensato assaje, tutta ‘a nuttata. Ajeressera ‘a nutizia me pigliaje tutto all’intrasatto mentre stevo ccà, cu’ pateto, ‘o lavoro a maglia, ‘a musica… E aggio pigliata ‘a cosa malamente. Ma stanotte, con calma, mentre pateto liggeva, facevo avvedè ca durmevo e ce aggio penzato buono. Aggio visto ‘sta storia d’amore soffocata, ‘a vita toja distrutta… e m’aggio addimannata si chisto nun era ‘nu castigo ca Ddio m’ha mannato pe’ me fa’ scuntà tutte ‘e peccate mieje…

Maria Vitt.   (La interrompe, nervosa, sbuffando) Ma quali peccati vuò tenè tu, mammà? E po’, sempe cu’ ‘stu linguaggio melodrammatico: vita distrutta! Comme si avesse ‘a murì zetella pecché chillu strunzo fetente… e non te fa venì niente, mammà, famme ‘o piacere!

Bianca M.      Maria Vittò, pe’ piacere, famme jì annanze.

Maria Vitt.   Sentiamo.

Bianca M.      Aggio penzato ca ‘a felicità toja ha da essere ‘a cosa cchiù importante. Certo, ‘a mazzata è stata bella tosta, ma alla fine è ‘overo: ll’uommene songhe tutte uguale. Penzano sulamente a doie cose…o sesso e ‘e sorde! Chello ca è succcieso nun è colpa soja. Nisciuno po’ essere giudicato responsabile d’‘e ccose succiese prima d’‘a nascita. Penzo ca pure ‘o Vangelo ‘o ddice a quacche parte. Pirciò, tu t’‘o spuse e sarete felici.

Maria Vitt.   Mammà…

Bianca M.      ‘O ssaccio chello ca me vuò dicere: pateto. Aggio penzato pure a cchesto. Manch’is-so è cuntrario all’eguaglianza tra ll’uommene, si però nun se tocca ‘o lato economico, quindi nun pò dicere niente contro ‘o duttore Esposito, ca oltre tutto cunosce ‘a tant’anne. Certo, pateto Ce tene soprattutto alla responsabilità d’‘a famiglia, ma ‘e ddoje cose se ponno apparà. E datosi che ‘a rispettabilità è soprattutto ‘nu fatto ‘e apparenze, basta ca ‘a situazione di Esposito sia tenuta assolutamente segreta, ca per esempio, zia Angelina, nun ll’ha da maje sapè, né essa, né nisciun ato.

Maria Vitt.   Mammà, ma questa è ipocrisia pura e semplice!

Bianca M.      Comme te permiette ‘e dicere ca papà e mammà songhe dduje ipocriti? (Pausa) E po’ pecché “pura e semplice”? Anzi, me pare, ragionata, ben costruita, molto abile. È chella ca ‘e muonece gesuite chiammano la simulazione onesta…non far sapere…reticenza…non diciamo nemmeno bugie a fin di bene!

Maria Vitt.   Oddio, mammà!

Bianca M.      (Sferruzzando, come una favola) ‘Na vota, quanno tu ire ancora ‘na criaturella e nun putive capì ‘sti ccose…pateto ha purtato l’avvocato Gallina, ateo da sempre, alla presidenza d’‘o cumitato parrocchiale. Nun devi scambiare l’ipocrisia cu’ ‘a capacità ‘e mediazione. Io nun aggio mai contraddetto a pateto, Maria Vittò, sulamente ‘na vota – c’e-remo fidanzate ‘a poco tiempo – pecché sbagliava ll’accenti e diceva “rùbrica” invece ‘e “rubrìca”. Io ero sicura d’‘o fatto mio, non m’aggio fatto intimidì, ed oggi pateto dice “rubrìca”, “pèrone”, “appendìce”… Tene comunque pure ‘na laurea, pure si… lassammo stà…nun dicimmo comme se l’ha pigliata! E’ laureato perciò  nun è acccussì ignorante, asino e testardo come po’ parè  a prima vista…‘e primmo acchitto…

Maria Vitt.   Ma qua’ primmo acchitto, mammà! Come se nun ‘o cunuscisse… Papà non ignora chello ca ll’interessa, ‘o riesto nun esiste proprio. Si sente ‘nu nomme, che ssaccio, Alberto Moravia, m’addimanna dint’a qualu partito e dint’a quale città fa politica!

Bianca M.      Comunque ora mò ca se tratta d’‘a vita toja, aggio deciso ‘e ‘nce parlà. Getterò ‘ncoppa ‘a valanza ‘o piso ‘e chisti vintiseje anne ‘e devozione e d’obbedienza. A ‘stu giro nun me faccio abbindolà, e tu te spusarraje e sarete felici.

Maria Vitt.   (ironica)Mammà, ma dove le leggi tutte queste belle cose?? Dint’‘e rumanze “Harmony”?! ‘Nce sta ‘na cosa ca tu nun hè cunsiderato: ca io nun ‘o voglio cchiù! È ‘n essere senza spina dorsale, ‘n approfittatore fetente, ‘n opportunista, ‘nu vigliacco, ‘nu votabandiera, un ipocrita. Hè letto quaccheccosa di Moliére? ‘Nu tartuffo, ‘nu mollusco, ‘nu verme! Doppo chello ca ha fatto, doppo ca s’ha acalato ‘e cazune…per me è diventato ‘a schifezza d’ ‘a  schifezza d’ ‘a fetenzia ‘e l’uommene!

Bianca M.      Figlia mia, guardame bbuono dint’a ll’uocchie: ma tu lo ami o non lo ami? (Maria Vittoria tace) E allora che te ne ‘mporta ‘e tutti ‘sti dettagli?

Maria Vitt.   (Con un gesto d’impazienza) Mammà, ma comme putesse campà cu’ ‘n ommo ca nun apprezzo?  Odi et amo!Lo odio e allo stesso tempo lo amo…

Bianca M.      Dint’a cierti mumente è chiaro, se po’ pure amare in modo irrazionale… Vuje giuvene ch’avite fatto cu’ chist’ anticonformismo, cu’ ‘stu spirito ribelle? Avite miso ‘a parola “stima” ‘o posto d’‘a parola “amore”! Ma ‘o matrimonio è…

Maria Vitt.   Cos’è?

Bianca M.      Nun ‘o ssccio… Soprattutto… abitudine. L’ammore, ‘a stima, l’interesse, ponno essere sulamente ‘a miccia, ‘a spinta iniziale, ‘o mutivo – ecco – per cui ‘na coppia se ‘nzora. Ma abbasta assaje poco di ciò per giustificà ‘nu spusalizio: non servono grandi cose, non servono sentimenti violenti o profondi. E ‘nu matrimonio se mantene ‘ncoppa ‘e ccose piccerelle, ‘ncoppa ‘e mille occasione ca s’apprisentano ogni ghiuorno. ‘Nu marito cu’ l’alito cattivo, ca russa o ca tene ‘nu tic, o ca jetta ‘a cennere ‘nterra…o altro… è assaje cchiù difficile ‘a suppurtà ‘e ‘n ommo comme a chillo ca dice tu: ‘nu vigliacco, ‘nu verme, ‘nu fetente o addirittura ‘n assassino potenziale. Pecché ‘e grandi occasione, pure nel male, s’apprisentano raramente dint’‘a vita, e chi sa quanta potenziali assassini ce stanno ca nun addeventano maje assassini! Invece l’alito cattivo è ‘na cosa ca nun perdona, e nun ce può ffà niente, Maria Vittò, e si ‘nu marito tene ‘o bruttu vizio ‘e jettà ‘a cennere ‘nterra, tu starraje ciento vote ‘o juorno llà ‘nterra, cu’ ‘a schiena piegata, a pulezzà ‘e tappete, ‘o parquet, ‘a moquette… ma può tenè ‘a cammarera ca ‘o ffà ‘o posto tujo, si ce stanno paricchie denare, o si no a te t’attocca. ‘O matrimonio comme tutte ‘e ccose tene ‘e late positive e chille negative, a siconda d’‘e carattere, d’‘e ssituazione… (Sospira) ‘E spuse s’hanno pure sapè suppurtà a vicenda… Io m’aggio spusato a pateto quanno murette ‘o mio. Pecché? Pecché nun sapevo a chi avevo ‘a obbedì, non sapevo piglià decisione…Mi piace obbedire, non scervellarmi per decidere… E pateto, infatti, non m’ ha chiesto maje d’‘o sposà: me l’ordinaje, pigliaje isso ‘a decisione ‘e me spusà.

Maria Vitt.   E non lo amavi?

Bianca M.      Vabbuò, comme se fa a risponnere? Sò passate tant’anne…

Maria Vitt.   L’avrai stimato, ammirato…

Bianca M.      Non più ‘e tanta ata ggente ca nun m’aggio spusato e ca maje m’avesse spusata. Tiene ‘nu strano concetto d’‘o matrimonio, Maria Vittò. Comme a tutte ‘e ffemmene ‘e ll’epoca mia, io ero abituata a obbedire e m’aggio spusato ‘o primm’ommo ca me l’ ha cumannato… e ca nun tenesse l’alito cattivo, nun facesse stranezze, nun jettasse ‘a cennere ‘nterra… Tutto ‘o riesto è venuto adoppo, quando m’aggio detta fra me e me: chisto è maritemo, sarrà maritemo pe’ tutta ‘a vita; io ll’aggio ‘a obbedì, isso m’ha da mantenè, io aggio ‘a essere gentile e affettuosa, isso m’ha da pruteggere e m’ha da rispettà. Pirciò vedimmo ‘e recità buono ‘sta parte ca ce hanno data. È stato ‘nu poco tutto comme si recitassimo ‘na cummedia. E si ogge m’addimanne che pen-zo ‘e pateto, si ‘o voglio bbene, s’ ‘o stimo, io nun te pozzo risponnere ‘e getto. Aggio ‘a scavà sott’‘a crosta ‘e ll’abbitudine e ce aggio ‘a raggiunà ‘ncoppa. Ma pe’ ttramente recito ‘a parta mia comme se deve, e pur’isso recita a duvere ‘a soja: nun m’ha fatto mancà maje niente, me rispetta, me prutegge, me vò bbene e me stima, almeno credo… Insomma, songo ‘a mugliera e isso è maritemo; ‘e pro superano ‘e contro…

Maria Vitt.   Mammà, ma è terribile!

Bianca M       È ‘o matrimonio, piccerè. Fosse terribile si non fosse pure ‘na cummedia: ‘o bello sta proprio dint’‘a recitazione!

Maria Vitt.   E tu hè pututo campà accussì… recitando…

Bianca M.      (La interrompe) Aggio fatto ‘a vita ca m’avevano educata a ffà, e songo stata pure furtunata! Si sapisse quali marite songo capitate a cierte amiche mie! Mariti che si sono rovinati per le donne o per il gioco! Pecché  ‘o matrimonio ‘e pateto e mio è perfettamente riuscito, almeno credo… (Pausa) Pirciò nun t’hè ‘a preoccupà per il tuo avvenire: tutto se mettarrà a posto, te spusarraje cu’ Giacomo – ‘o pozzo chiammà Giacomo, no? – pecché ‘e sentimente ca tiene pe’ isso abbastano e suverchiano pe’ ‘nu matrimonio. E sarete pure assaje felici, accussì nun ghiesce cchiù ‘a sera, ‘o ssaja ca papà e mammà nun stanno cujete… Sta arrivanno pateto: trase dint’‘a casa, ‘nce parlo io. (Maria Vittoria ha un attimo di esitazione, poi cede e rientra in casa. Con molta tranquillità Bianca Maria riassume il suo lavoro a maglia)

SCENA QUARTA

(ORSI, VOLPE e detta)

On. Orsi         (Entra dalla parte del giardino insieme al dottor Volpe) Dottò, ‘stu fatto d’‘e guanti cinesi è ‘na strunzata, è semplicissima. S’accattano ‘e guante dint’‘a Cina Popolare a quatto sorde, visto ca llà, ll’operai so’ pavate ‘na miseria. A Hong Kong ‘e guanti veneno spartute: ‘e guanti destri ‘a ‘na parte, chilli sinistri ‘a chell’ata. ‘E guanti destri veneno po’ mannate a Trieste, chilli llà sinistri, invece, a Palermo. Nun se pava niente ‘e dazio, pecché ‘na partita ‘e guanti ‘e ‘na mana sola è merce ca nun vale niente. A Palermo se po’ pure avè ‘na sovvenzione, comme importatori ‘e merce destinata all’ invalidi, grazie all’Ente Nazionale Mutilati, addò tenimmo paricchie amice che fanno prendere le pensioni a chi è povero, almeno così dicono, anche se non è né mutilato né invalido… ‘E ddoje partite ‘e guanti arrivano a Napule, addò veneno riappaiate mise ‘ncoppa ‘o mercato comme paia ‘e guanti complete e perfette, vennute comme guante fabbricate proprio dint’‘e Guantare. Allora? Nun è ‘na bella cosa?

Volpe             Ingegnoso assaje!!

On. Orsi         Chesta furbata, ovviamente, ci permette ‘e tenè prezzi assaje competitive…

Volpe             … A tutto vantaggio d’‘o cunsumatore.

On. Orsi         M’avite levato ‘e pparole ‘a vocca: a tutto vantaggio d’‘o cunsumatore! (A Bianca Maria) Cara signora… (Le bacia la mano) ‘O marito vuosto è ‘nu giovanuttiello!

Volpe             L’infarto m’ha fatto bbuono.

On. Orsi         In un certo senso dicesse proprio ‘e sì. V’ha miso in riga, comme avessemo ‘a fa tutte quante; v’ ha miso a dieta… È ‘overo chello ca se dice, ca non tutte ‘e male veneno solo pe’ nuocere… spesso ci sta pure ‘a parte positiva. (Aiuta Volpe a sedersi) Accomodatevi, chianu chianu… ooop là! Mò vaco a vedè addò sta padre Gatti e ce ne jammo. Penzoo ca chesta è stata ‘na mattinata ‘overamente interessante, e pe’ stasera ve faccio avè ‘na copia ‘e tutte ‘e ccarte ca ve servono. ‘E guante, ll’aulive…

Volpe             ‘A Banca Cattolica…

On. Orsi         State senza peinziere, e… ad majora!

Volpe             Grazie caro, stammi bene!

On. Orsi         Arrivederci! (Esce verso la casa.)

SCENA QUINTA

(VOLPE e BIANCA MARIA)

Volpe             (Si asciuga tranquillamente il sudore, sorride alla moglie  che sta sferruzzando) Cara!...

Bianca M-      Caro!... (Volpe le si avvicina e le bacia le mani) Hè fernuto ‘e faticà, tesò?

Volpe             Quasi, tesò.

Bianca M.      Ma tu fatiche sempe!

Volpe             Il lavoro nobilita l’uomo.

Bianca M.        Amore!

Volpe             Tesoro! E ‘a piccerella mia?

Bianca M.      Sta dinto. L’aggio mannata io dint’‘a casa.

Volpe             E pecché? ‘O ssaje ca cu’ ‘stu bellu sole, preferisco ca sta ‘nu poco all’ aria aperta!

Bianca M.      ‘O ssaccio, ‘o ssaccio, sulamente ca… te vulevo parlà, Vittò!

Volpe             Spero ca nun me vuò parlà ‘e chello ca è succieso ajeressera!

Bianca M.      Vittorio Emanuè, permettimi. Vintisette anne fa, tu nun t’‘o ppuò arricurdà, io te facette nutà ca se dice “rubrìca”. Stevemo ‘a casa  Capece Minutolo…

Volpe             Me l’arricordo bbuono invece, Bianca Marì, e saje comme ‘a penzo in proposito: avisse fatto meglio ad aspettare ca fussemo rimaste sule… ‘Nce fuje ‘na discussioneassaje spiacevole e imbarazzante pe’ mme…

Bianca M.      (Con pazienza, un po’ timorosa) Ca puteva essere cchiù corta, però, si tu non avisse ‘ncucciato ‘e chella manera. Ma chesto, ‘o ssaje, me fa piacere, pecchè te voglio vedè sempe fermo quanno sì cunvinto ‘e ‘na cosa. In tutti i modi, se annanze ‘o primmo dizionaro ca pigliajemo, addò ce steva scritto chiaramente “rubrìca”, tu nun avisse ‘ncucciato ca se trattava ‘e ‘n errore ‘e stampa…

Volpe             ‘Nu refuso… ‘n errore, era ‘na cosa possibilissima.

Bianca M.      Certamente. Ma tre dizionari cu’ ‘o stesso, identico errore ‘e stampa, songo ‘nu caso statisticamente assaje raro. Ma chesto nun c’azzecca, te vulevo sulamente dicere ca chella discussione puteva essere cchiiù corta si tu te fusse convinto prima d’‘o quinto dizionario.

Volpe             Vabbuò, lassammo stà, incidente chiuso! Nun arrivo a capì ‘st’improvviso rivangare ‘o ppassato quando è ‘nu sacco ‘e tiempo ca t’aggio perdunata pe’ chella osservazione toja accussì… priva di tatto.

Bianca M.      Sulamente pe’ te dicere ca pur’io pozzo tenè quacche idea mia, e ca chest’idee putessero essere pure giuste.

Volpe             Cara, io nun aggio mai dubitato ca ll’idee toje nun songo esatte. Sì sempe stata d’accor-do cu’ mme…

Bianca M.      Vulevo dire ca ‘a pozzo penzà in modo giusto pure si pe’ caso m’avesse ‘a capità can un songo d’accordo cu’ tte in tutto e per tutto. (Pausa. Bianca Maria ha osato molto e Volpe ne è stupito)

Volpe             Bianca Marì, nun capisco…

Bianca M.      Ecco: io penzo ca fosse meglio, p’‘o bbene d’‘a guagliona, ca essa se spusasse cu l’om-mo che ama.

Volpe             (Dopo una pausa) Nun è possibile!

Bianca M.      Vittorio Emanuè, permettimi di insistere!

Volpe             Tu ‘o ssaje ca niente pò minimamente intaccà ‘a sacralità d’‘a famiglia.

Bianca M.      Gli uomini sono tutti uguali.

Volpe             Annanze a Ddio! (Con orgoglio e prepotenza) Ma io… (Con modestia) … nun songo Ddio: songo ‘nu povero peccatore, ‘n ommo… “Polvere sei e alla polvere ritornerai!” Comme pozzo penzà d’essere saggio e buono come Ddio? Sarebbe un enorme peccato di presunzione, diceva un mio amico psichiatra: una saccenteria dovuta a “ipertrofia dell’io”…insomma ‘e pazzaria!

Bianca M.      E si se putessero apparà tutt’‘e ddoje ‘e ccose? Se putessero spusà senza ca dicimmo ‘a verità. Manco zia Angelina ‘o venesse a ssapè.

Volpe             Bianca Marì, hè insistito pure assaje.

Bianca M.      Tanta vote hè sacrificato le tue idee ai tuoi interessi…

Volpe             (Correggendo) “Conciliate” le mie idee con i miei interessi. Ma ccà…

Bianca M.      Ccà se tratta d’‘a felicità d’‘a figlia nosta!

Volpe             Nun è possibile! Te so stato a sentere cu’ tanta pacienza, cchiù ‘e chella necessaria, Bianca Marì. Ripeto: nun è possibile!

Bianca M.      E va buono, Vittorio Emanuè, vintisette anni doppo chella sera ‘a casa della famiglia Capece Minutolo, io so’ sicura ca pure stavota ‘a ragione, ‘a giustizia, ‘a verità songo d’‘a parta mia! Si nun le daje tu ‘o cunsenso, favorirò io ‘stu spusalizio, a costo ‘e te mettere annanze ‘o fatto compiuto. (Volpe la guarda attonito, tra lo sdegnato e l’incredulo.)

SCENA SESTA

(GIACOMO e detti)

Giacomo        (Esce dalla casa; ha un voluminoso incartamento tra le mani. Coglie la tensione che è nell’aria e si ferma un istante, esitando) Do fastidio?

Volpe             (Recuperando subito la sua calma) Prego, caro, entrate…

Giacomo        Questi sono i documenti che ci ha lasciato l’avvocato Aquila.

Volpe             Ah, bene, e comme songhe, interessanti?

Giacomo        Molto interessanti!. A parte ‘e ccose ca sapeveme già, ce sta ‘o cuntrollo ‘e tutta l’ edilizia popolare d’‘a pruvincia, appalti e tangenti. Ce sta ‘nu posto dint’‘o cunsiglio di amministrazione d’‘a SMEC…

Volpe             Si ve po’ interessà… è ‘o vuosto.

Giacomo        (Con un accenno di inchino) Grazie, grazie assai, non vi nascondo che ci contavo!. (Lascia l’incartamento sul tavolo e fa per ritirarsi, ma Volpe lo richiama)

Volpe             Giacomo… Dottor Esposito… (Giacomo si ferma) ‘A signora mia stammatina ha vuluto parlà ‘n’ata vota ‘e chella discussione imbarazzante di ieri sera. M’ha parlato ‘e fuga, ‘e rapimento, ‘e ‘nu matrimonio de facto. (Pausa. Bianca Maria fissa Giacomo, attendendone la risposta, ed è infatti a lei che Giacomo si rivolge)

Giacomo        Non lo posso fare…Non è possibile!

Volpe             (A mo’ di congedo) Grazie, Giacomo.

Bianca M.      Dottor Esposito…

Giacomo        (Fermo) No, signora.

Bianca M.      Ma pecché… perché?

Giacomo        Ho detto tutto a vostro marito… nun tengo cchiù niente ‘a dicere. E mò, si permettite, me ne traso dinto. (Esce)

Bianca M.      Che vò dicere? Che l’ lle ditto pe’ lle fa cagnà idea? Te l’hè accattato, l’hè ricattato, Che ‘nce hè fatto? E pecché? Vide ‘e nun me sottovalutà! Nun sottovalutà l’ammore ‘e ‘na mamma! Vintisei anne ‘e devozione e ubbidienza ponno giustificà ‘na ribellione p’‘a felicità ‘e figliema. Farò ‘nu scandalo! Parlerò cu’ zi’ Angelina!

Volpe             Ssst! Statte zitta, nun alluccà!

Bianca M.      Me vuò vedè svenuta?

Volpe             P’ammore ‘e Ddio!

Bianca M.      Aggio ‘a sapè pecché! Te cunosco buono: ‘e princìpi tuoje nun so’ state maje irrinunciabili. E d’‘o duttore Esposito hè parlato sempe troppo buono pecché tu mò ‘o putisse rifiutà comme genero sulamente pecché ‘nu delinquente farabutto, trent’anne fa, nun ‘o vulette ricunoscere e nun le dette ‘nu nomme! Hè sempe ditto ca isso è ‘o delfino tujo, ca t’assumiglia in tutto e per tutto, ca tene ‘na granda carriera annanze, ca è ‘o discepolo prediletto, “rigido nella duttilità, duttile nel rigore: proprio comme a mme!”

Volpe             Calma, tesò, statte calma! Nun parlammo ‘e cose ca nun sapimmo.

Bianca M.      Aggio ‘a sapè ‘o mutivo, ‘o pecché! Pecché non m’avisse ‘a cunvincere pure a me, si hè cunvinto acccussì pienamente a isso? (Pausa) Vittorio Emanuè… (Pausa. Volpe esita) Sto aspettanno!

Volpe             (Esita, poi si avvicina al tavolo, ne prende un libro rilegato di nero – la Bibbia – si fa avanti verso il proscenio e si ferma, alza un istante gli occhi al cielo, apre a caso il volume, vi punta l’indice della mano destra, riabbassa gli occhi e legge nel punto indicato) “Padre, ti prego, allontana da me questo amaro calice. Ma se sta scritto ch’io debba berlo fino all’ultima goccia, sia fatta la tua volontà.” (Richiude) E così sia! (Ripone il libro) Bianca Marì, pe’ piacere, vide ‘e nun svenì, o almeno vide ‘e svenì il meno possibile. Nun me rendere ‘sta cunfessione cchiù difficile ‘e chello ca è.

Bianca M.      Me staje parlanno ‘e ‘na cunfessione, aggio capito buono?

Volpe             Sissignore. E penzo ca è pure giusto ca dint’a ‘stu juorno d’elezione, io me libero ‘e ll’unica macchia ca tengo ‘ncoppa ‘a coscienza, accussì pozzo affruntà ‘e compiti nuovi comme ‘na persona purificata. (Pausa) Bianca Marì, io nun songo l’ommo senza macchia, l’ommo quasi perfetto ca tu vide.

Bianca M.      ‘O ssaccio.

Volpe             (Piccato) Che d’è ca “saje”, agge pacienza?

Bianca M.      Saccio chello ca m’hè ditto sempe. Ca ‘a politica è ‘na cosa sporca e che quanno ce staje dinto è difficile assaje mantenè ‘e mmane pulite e ‘a purezza d’‘o core; ca ‘a politica porta il  P O T E R E e chisto, a sua volta, fa perdere ‘o senso comune, ‘a capa… ca po’ purtà violenza, sopraffazione e tante nefandezze…

Volpe             E chesto mò che ce trase?

Bianca M.      E ca pe’ chesto, vulevo dicere, tu te sì cumpurtato comme a tutte quante ll’ate.

Volpe             Pe’ quanto me riguarda è legittima difesa, tesò!

Bianca M.      Scusami, tesò.

Volpe             E mò pe’ piacere nun m’interrompere cchiù! ‘O peccato mio è ‘n ato, Bianca Marì, e tocca proprio chello a cui cchiù assaje ce tengo: ‘a famiglia nostra. A me, a tte, a Maria Vittoria… (Inizia a raccontare con liricità) Ero ‘nu guaglione, all’epoca, e pur’io vivevo, nella carne e nello spirito, ‘a stagione d’‘a grande speranza; vivevo nell’Italia ca ‘a poco era stata liberata da’‘e fasciste. Stevo dint’‘o gruppo ‘e ll’universitari cattolici e frequentavo, oltre all’universitari cattolici, pure le universitarie cattoliche. ‘Mmiezo a ‘sti guaglione ‘nce ne steva una ca me culpette particolarmente, p’‘o linguaggio semplice, p’‘e vestite pudiche, p’‘a purezza d’‘e sentimente… E cu’ ‘sta guagliona parlavamo assaje d’‘e probleme ‘e chillu mumento storico e ‘nzieme preparavamo l’escursione d’‘o gruppo p’‘e dummeneche ‘e primmavera. Fra me e ‘sta guagliona ‘nce steva ‘nu clima mistico, ma io nun sapevo, nun ‘o pputevo sapè, ca proprio ‘e chell’atmosfera serena, quasi conventuale, ‘o demonio se fusse servito pe’ me tentà. Sì, Bianca Marì, chesto ‘o ppozzo dicere a testa alta: fuje ‘n afflato mistico, cchiù ca passione d’‘e sense. Eppure, ‘a chill’afflato essa rimmanette prena. Doppo nove mise nascenne ‘nu criaturo. Io, ca già ero avviato a ‘na brillante carriera politica, forse pe’ paura d’‘a cumpromettere cu’ ‘nu scandalo, me ne ero juto otto mise  primma. (Pausa) ‘O criaturo avette ‘o cugnomme ca se dà ‘e figlie d’‘o Spirito Santo: Esposito, e datosi ca nascette ‘o juorno ‘e San Giacomo, ‘o chiammajene accussì, Giacomo. Mò saje tutte cose. (Pausa. Volpe ha terminato la sua confessione in primo piano, voltando le spalle a Bianca Maria. Non sentendo reazioni da parte sua, si volta a guardarla. Bianca Maria è immobile, attonita, come una statua di sale, gli occhi sbarrati nel vuoto, le mani pietrificate sul lavoro a maglia) Bianca Marì!... Bianca Marì, dice quaccheccosa, parlame, rispunne!... Sviene!... (Bianca Maria continua a non dare segni di vita. Volpe è quasi colto dal panico; le si avvicina, non sa cosa fare, chiama aiuto) Maria Vittoria!... Giacomo!... Ampressa! Facite ampressa!

Giacomo        (Uscendo dalla casa, si precipita in giardino) Chè succieso?

Volpe             Bianca Maria!... Presto!... Non è manco svenuta!... (Mentre Giacomo esce di corsa, Bianca Maria comincia lentamente, meccanicamente, senza guardare, a disfare il lavoro a maglia che ha tra le mani) Bianca Marì, te prego!... Nun m’‘o perderdunarrà maje! (Sconsolato, allarga le braccia) E avimmo pure jì a vutà!

FINE DEL SECONDO ATTO


ATTO TERZO

La medesima scena degli atti precedenti.

Poche ore dopo. La scena è vuota, almeno in apparenza.

Entra frontalmente l’avvocato Aquila con fare circospetto, sincerandosi che non vi sia nessuno. Si avvicina al tavolo e, approfittando della solitudine, getta qualche sguardo sulle carte che vi si trovano, sfoglia con le dita qualche fascicolo, con aria indifferente, storcendo poi gli occhi per lasciare la testa in posizione non sospetta, caso mai entrasse qualcuno. Nel quadro di queste manovre gira attorno al tavolo ed ha un grido di sorpresa e di spavento.

SCENA PRIMA

(PADRE GATTI e AVVOCATO AQUILA, poi ONOREVOLE ORSI)

Aquila           Ah!

P. Gatti         (Emerge da dietro il tavolo con una certa pesantezza pomeridiana) Sia lodato Gesù Cristo.

Aquila           Sempre sia lodato!... Che ce facite vuje ccà, padre Gatti?

P. Gatti         Me truvavo a passà ‘a ccà pe’ ‘nu salutino; e mentre aspettavo, accussì, senza sapè ‘o pecché, mè venuto ‘o vulìo ‘e m’annasconnere.

Aquila           Forse avite ‘ntiso quaccheccosa?

P. Gatti         Io?!

On. Orsi         (Entra, dalla parte della casa, ma passando a fianco della scala. Entra trafelato e circospetto al tempo stesso. Vede i due, ha un attimo di sorpresa e di esitazione, che risolve poi subito in un’azione decisa) Ah, vuje state ccà! Allora nun è ‘na buscia: avite ‘ntiso pure vuje?

Aquila           Ch’avevame ‘a sentere?

On. Orsi         L’ambulanza.

Aquila           L’ambulanza?!

On. Orsi         (Perdendo la pazienza) Pe’ piacere, signori! Nun è chisto ‘o mumento ‘e fingere tra noi, nun è ‘o mumento ‘e pazzià e contropazzià. Ccà c’avimmo aunì ‘e fforze, avimmo ‘a essere ‘na cosa sola, ‘o vvulite capì, sì o no? Avimmo fatto ‘nu zumpo cu’ ll’uocchie bendati, senza sapè addò sta chelll’ata parte d’‘o fuosso. Ce simmo esposti, ‘nce avimmo dato e ditto tutte cose, fiduciosi d’avè ‘na contropartita sustanziosa, ma fino a mmò ch’avimmo avuto in cambio? Niente, ‘o riesto ‘e niente. E si cagnasse idea? Si mò ch’ha saputo tutte ‘e fatte nuoste, ‘nce venesse a dicere: “Signori, grazie, ce vedimmo a Roma”? Ma pure senza arrivà a chisti estremi: e si muresse? (Pausa) Amici mieie, chist’è ‘n ommo ca ha avuto ‘nu bell’infarto, e tutte quante avimmo visto comme sta, avimmo visto ‘e ccondiizoni ‘e salute ca tene! Simmo stati troppo imprudenti e precipitosi. Avimmo seguito troppo facilmente ‘e cunsigli accussì… interessanti, ‘e primm’acchitto, ‘e chillu Esposito. Simmo state avventate, incoscienti! (Pausa. Gli altri due devono riconoscerlo)

P. Gatti         S’ha da riconoscere ca l’onorevole Orsi tene ragione.

On. Orsi         E allora, almeno tra noi, jettammo ‘sta maschera! L’ambulanza, ‘o ssapite, pure vuje tenite ll’informatore vuoste, comme ‘e ttengh’io. Site state avvisate e state ccà! (Ricapitola i fatti) L’ambulanza è arrivata ccà ‘na mez’ora fa, a sirene spiegate, e se n’è gghiuta zitta zitta, senza fa ammuina, doppo ‘na ventina ‘e minute: pecché?

Aquila           Eh, pecché?

P. Gatti         E chisto è ‘o busillis.

On. Orsi         Pecché ll’era passato tutte cose, o pecché nun ce steva cchiù niente ‘a fà? ‘Nu falso allarme o ‘n allarme tardivo? Chisto è ‘o problema! Ca po’, guardammoce ‘nfaccia, ‘o dilemma è sempe ‘o ssoleto: l’avimmo pigliato ‘nculo, o stammo ancora a tiempo? (Pausa drammatica)

SCENA SECONDA

(GIACOMO e detti)

Aquila           Oilloco, è isso!

P. Gatti         No, nun è isso è ‘o profeta sujo. (Entra, uscendo dalla casa, Giacomo. Padre Gatti gli si fa incontro, aggredendolo subito) Justo vuje, nun negate ca ve scomunico! Manco mez’ora fa è trasuta ccà dinto ‘n’ambulanza e se n’è ghiuta doppo ‘na ventina ‘e minuti, zitta zitta, quasi ‘e nascosto! Simmo stati ‘nfurmati, simmo currute ccà e mò avimmo ‘a sapè: ‘n atu infarto?

Giacomo        Sempre sia lodato, padre.

P. Gatti         Sì, sì, vabbuò, ma mò rispunnite!

Giacomo        È la prima volta che vi vedo così preoccupato… p’‘a salute d’‘o duttore Volpe!

P. Gatti         Sape troppe ccose ‘e nuje e nun ce ha ditto quasi niente d’‘e ssoje. Nuje ve simme state a sentì, avimmo seguiti ‘e cunziglie vuoste, ma fino a mò, ‘mmano nun tenimmo ‘o riesto ‘e niente!

Giacomo        Si Volpe stesse per morire… vuje… ‘e chesto ve preoccupate? Non vulisseve, invece, da buon religioso, fujì ccà pe’ ce dà ‘a benedizione e l’estrema unzione?

P. Gatti         Pe’ llo mannà ‘nparaviso, eh? Tieh! (Classico gesto dell’ombrello) All’inferno! ‘Mmiezo ‘e mariuole, ‘e faveze, chille ca nun manteneno ‘a parola, ‘i traditori ‘e ll’amice!

Aquila           E d’‘e figlie ‘e zoccola!

Giacomo        (Dopo una pausa) Bene. Allora, visto cche ci tenite tanto alla  salute sua… songo assaje cuntento ‘e ve dicere ca sta ‘na meraviglia e che nun ha avuto attacche ‘e core da dudece ore a chesta parte. (Pausa. I tre si scambiano un’occhiata circolare di diffidenza)

On. Orsi         E l’ambulanza?

Giacomo        Evenuta per la signora Volpe.

On. Orsi         ‘A signora Volpe, e pecché?

Giacomo        Un piccolo shock.

On. Orsi         E comme maje ‘stu shock?

Giacomo        Questioni private. (Pausa. Nuovo scambio di occhiate, perplesse e diffidenti, fra i tre)

On. Orsi         Questioni private… Ma sarrà ‘overo?

Aquila           (A Giacomo, insistendo) Questioni private… quali? (Giacomo tace. Alza le mani in un gesto discreto che sta a significare di non poter aggiungere altro sull’argomento. I tre si rassegnano)

Giacomo        Non vi pozzo dire niente… d’‘e ccose private e intime d’‘a famiglia Volpe … ma me putisseve chiedere per lo meno comme sta?! O d’‘a salute d’‘a signora Volpe nun ve ne fotte proprio?

I tre               Comme sta?

Giacomo        Bene, grazie. La fase acuta è passata, mò s’h da sulamente arrepusà quacche juorno.

P. Gatti         Bene.

Aquila           Meno male.

On. Orsi         Me fa proprio piacere.

P. Gatti         (A nome dei tre) Vi prego, porgete…

Giacomo        Riferirò. (Pausa. L’argomento è esaurito)

Aquila           Vabbuò… parentesi chiusa: ‘o problema rimmane ‘o stesso. Pe’ stasera, e comunque primma ca accummenciano a arrivà ‘e risultate, nuje avessemo ‘a sapè chello ca ce ha reso tutta ‘a generosità ca avimmo dimostrato. Volpe s’ha pigliato tutte ‘e ccarte noste; vuje, me pare, avite già avuto tre posti sicuri dint’a ttre cunzigli d’amministrazione, vincendo concorrenze, e si v’‘o ddico è pecché ‘o ssaccio, molto bene appoggiate… Avite ati ttre stipendi e rimborsi… A ‘stu punto, ‘e cunziglie ca ce avite dato putessero essere pure cchiù interessati ‘e quanto nun paresse.

Giacomo        Questo mom l’ho mai nascosto.

Aquila           Certo: “isso è fernuto… aggio ‘a vedè addò aggio ‘a mettere ‘e ttende!.

Giacomo        Esattamente.

Aquila           E vuje, effettivamente, site avviato bbuono assaje. Ma nuje? Si isso more, nuje…

Giacomo        Ci sono qui io… Erede… naturale!

Aquila           No, vuje nun abbastate, Espò. Vuje avite al massimo ‘n avvenire, ma nun tenite ‘nu presente. E a nuje è ‘o presente ca ce preme: ‘e lleve ‘e ogge, ‘e poste ‘e ogge, ll’alle-anze ‘e ogge. E ‘o presente, bene o male, è ancora Volpe. Ma è ‘nu presente ca s’ha da piglià al volo, subbeto, senza perdere ‘nu mumento, si nun ‘o vulimmo fa addeventà ‘nu passato!

Giacomo        Può essere che non è questo il punto.

On. Orsi         Ma comme?! L’avite ditto pure vuje ca sta cchiù ‘a ccà ca ‘a llà. Nun cammina, s’appoja, balbetta, nun sente, nun capisce, ‘e ccose s’hanno ‘a dicere ddoje vote, nun risponne, nun tene riflessi… Sta azzeccato cu’ ‘a sputazza!

SCENA TERZA

(VOLPE e detti)

Da qualche istante, in cima alla scala, è apparso Volpe. Ha ascoltato le ultime parole dell’onorevole Orsi e quando questi giunge alla fine della sua battuta, si muove e tra lo stupore di tutti scende a passo energico la scala.

Volpe             Signori, bona giornata a tutti. (Passo di attonimento e di stupore immoto dei tre)

Aquila           Ma… state vedenno pure vuje chello che sto vedenn’io?! (A Volpe) ‘Nu mumento… E l’infarto?

Volpe             (Tranquillamente) Nun era accussì grave comme ll’amice avessero vuluto. (Si è avvicinato a padre Gatti, che da un canestro sulla tavola aveva preso una noce e stava invano tentando di romperla con uno schiaccianoci. Volpe gli prende la noce dalla mano e, senza sforzo, la spezza con le sole mani. Poi dà i frantumi a padre Gatti)

P. Gatti         Sss… sarebbe a dire?

Volpe             Sarebbe a dire… ca comme vuje ve site apprufittato ‘e ‘na parentesi, ‘na battuta a vacante, ‘na leggera cardiopatia d’‘a mia, pe’ me fà fore, accussì io n’aggio apprufittato pe’ ve fa fore a vuje. (Pausa di riflessione)

P. Gatti         “Fa’ fore”! Ma che termini songhe! Dicimmo piuttosto…

On. Orsi         Stateve zitto, padre! È fernuto ‘o tiempo d’‘a vasellina. Mò sistemo io ‘sta facennda, ‘na vota e pe’ sempe! Ccà simmo state pigliate pe’ culo, ma mò vedimmo si è infarto o nun è infarto! (Rapidissimo, tira fuori una pistola e la punta contro Volpe, col braccio teso, visibilissimo. Malgrado il terrore dei presenti, l’urlo di qualcuno, spara. Un gran botto e una nuvoletta di fumo, ma niente sangue) Nun ve mettite appaura: è sulo ‘na scacciacani! (Indica ai due soci Volpe che, magari anche perché paralizzato da un momentaneo terrore, è rimasto immobile) Avite visto? Manco ‘na piega! (Indica Aquila che, al contrario, si è accasciato ansimante su una sedia, portandosi la mano al cuore, e che ora sta lentamente recuperando) Sta assaje peggio isso! (A Volpe) ‘O core sta ‘na bellezza, pe’ chello ca veco! Cumplimenti, “senatore” Volpe. Cumplimenti a vuje e ‘o miedeco vuosto.

P. Gatti         Ma insomma, che d’è chisto, ‘nu western? Mò songhe asciute pure ‘e ppistole?

On. Orsi         (Ripone la pistola con cura) E mò avimmo fernuto cu’ ‘e convenevole! (Breve pausa, prima dell’esordio) Simmo state truffate. È inutile mentire, fingere cu’ nuje stesse, o cu’ ‘o vincitore. Ma mò s’ha da vedè si chesta è ‘a fine e ll’incontro o sulamente ‘a primma ripresa. ‘Nce avite penzato a chesto, senatore Volpe? Staciteve attiento: vuje ve ne jate a Roma, nuje restammo ccà. È chiaro ca pagheremo caro ‘o sbaglio ca avimmo fatto fidannoce ‘e vuje; vuje, ca avite saputo tutte cose ‘a nuje, putite “tentà” ‘e ce taglià ‘e ccosce; ma pure nuje, ca rimanimmo ccà, putimmo fa terra bruciata attuorno a vuje. ‘A prepotenza vosta, la vosta arroganza, la vosta intransigenza, l’integralismo ‘a piccolo duce ‘e pruvincia, nun se portano cchiù, so’ ccose ‘e ‘n’ata epoca. Si nuje vulimmo, putimmo fa venì tiempe nuove; stanno ascenno forze nuove, se stanno appriparanno nuove alleanze. Vuje, cu’ ‘e vuoste ‘ntrallazze, vuje ca site uno d’‘e poche d’‘a vecchia guardia, ne putisseve rimmanè fore. Nuje, cchiù prudenti, cchiù apierte, facce nove, putessemmo essere ll’interlocutore ca ce vonno pe’ ll’equilibri cchiù nuove e cchiù avanzate!

Volpe             ‘O compromesso storico? Ccà, dint’‘o…

Aquila           Dicitelo: dint’‘o regno vuosto! (A padre Gatti, allargando le braccia) Nun tene nu poco ‘e pudore!

On. Orsi         ‘O compromesso storico, sì, pecché no?

Volpe             (Con calma) Nun veco proprio ca ve cunvenesse.

On. Orsi         Oh, basta ca saglimmo a tiempo ‘ncoppa ‘o cavallo vincente e ‘nu modus vivendi ‘o truvammo. Certo, è fernuta l’età ‘e ll’oro e putimmo dicere, comme dint’‘e storie d’ammore: “è stato bello finché è durato”. Ma putimmo sopravvivere buono: basterà capire ca… ca ‘e ssinistre songo mature pe’ partecipà direttamente cu’ ‘a destra a ‘e guverne locale, pure ccà, dint’‘o core d’‘o feudo ‘e ll’integralismo ‘e Volpe. E ‘na vota ca stammo ‘o putere, nuje cu’ ‘e ssinistre, ‘e russi, ‘e comunisti, chille ca se magnano ‘e ccriature…ci uniamo con tutti quanti!

Volpe             Che succedarrà?

On. Orsi         Che succedarrà? Addò’ va a fernì ‘o regno vuosto, costruito ‘ncoppa all’intrallazzo, ‘ncoppa ‘a camarilla, ‘a loggia, ‘e ccumbriccole insomma, ‘ncoppa ‘e favoritismi, ‘e rraccumandazioni, ‘e pparentele, ‘o nepotismo? Pe’ nuje sarrà ‘a fine ‘e ll’età ‘e ll’o-ro, ma pe’ vvuje… Ato ca a ve fà fore mannandove ‘o Senato, manovra ca avite capito bbuono e a cui avite reagito pure troppo… pe’ vvuje sarrà fernuta ‘ncopp’‘a tutta ‘a linea! Ha da venì Baffone, caro Volpe! Ha da venì Baffone! ‘A manera nova ‘e guvernà cu’ nuje, sarrà ‘o tavuto d’‘o regno vuosto!

Volpe             (Dopo una pausa, sorridendo di compatimento) ‘A manera nova ‘e guvernà, eh? Fernesceno ‘e ccumbriccole, ll’intrallazze, ‘e bustarelle… In pratica: fine d’‘o sottoguverno. (Scuote la testa, accentuando l’aria di compatimento) Se abbastasse sulo chesto, mio caro onorevole Orsi, comme avessemo sottoguvernato male! Che fallimento fossemo state si chello ch’avimmo creato in tant’anne ‘e guverno, ‘e sottoguverno, ‘e sopraguverno, se putesse distruggere dint’a ‘na jurnata sola, cancellato cu’ ‘nu colpo ‘e spugna ‘a coppa a ‘na lavagna! Ma nuje nun avimmo scritto cu’ ‘o gesso ‘ncoppa a ‘na superficie: nuje avimmo inciso, nel profondo! Avimmo creato ‘nu custume, ‘na manera d’essere, ‘na morale. E chesto ‘o ssanno bbuono tutte quante: amici, nemici, chi se n’avvantaggiava, chi ne pavava costi e conseguenze. ‘E comuniste! ‘E comuniste oggi nun songhe cchiù ‘e proletarie, chilli cu’ ‘e cazuni stirate malamente, chille ca hanno fatto diece anne d’asilo, ch’hanno sufferto ‘o friddo ‘e Mosca, e magari ‘e ccarcere ‘e Mussolini o ‘e Stalin, ca facettero ‘a Resistenza, ca magnavano ‘na volta ‘o juorno pe’ sovvenzionà ‘o Partito, e ca sapevano addò vulevano arrivà, pure si sapevano ca nun ce fossero arrivate maje. Chilli comuniste nun ce stanno cchiù, so’ quase tutte muorte; mò ce stanno ‘e comuniste nuove, nati sotto a nuje, crisciute dint’ ‘o clima ca nuje avimmo imposto, cu’ ll’abitudine noste, vu ‘e lusinghe noste. Pure ‘e comuniste mò teneno ‘a machina, l’ausano pe’ se fa ‘e week-end, accattano vestiti inutili e apprezzano ‘e cummudità ca lle danno ‘e denare. ‘O sistema nuosto l’ha cuntagiate, ‘a forza morale lloro s’è spuntuta,(si è indebolita,) e chesta pe’ nuje è …‘na crociata vittoriosa.  (Pausa)

On. Orsi         Ma chesto è qualunquismo bell’e bbuono!

Aquila           Ma vedite che cinismo! Ma comme, si manco cchiù chilli llà ‘e sinistra songhe oneste…

Volpe             Signori, stateve tranquilli: ‘ncoppa ‘o regno nuosto ‘o sole nun tramonta p’accussì ppoco!

On. Orsi         Chesta è ‘na provocazione! È ‘na dichiarazione ‘e guerra! (Padre Gatti interviene)

P. Gatti         Amici… fratelli! ‘N’ata vota aggio ‘a scennere ‘mmiezo a nuje pe’ sventolà ‘a bandiera d’‘a pace, d’‘a comprensione, d’‘a tolleranza? Ma è mai possibile che s’ha da arrivà a chesto? ‘O duttore Volpe tene ragione: pecché avimmo ‘a jì a cercà alleanza nove o pure equilibri cchiù avanzate, quanoo stammo accussì buono comme stammo? Ca poi se sape: a che serve cagnà, quanno po’ in Italia nun cagna ‘maje ‘o riesto ‘e niente? Avimmo ‘a truvà ‘n accordo fra nuje: l’o spazio ce sta, l’interesse reciproco pure. ‘O duttore Volpe è stato ‘nu fetentiello, è ‘overo, ma io songo sicuro: ‘na volta ca è riuscito a ce fottere doppo ca è stato futtuto, e scusate ‘o latinismo, isso è troppo intelligente, troppo duttile e troppo realistico pe’ nun accettà ‘e spartere cu’ nuje ‘na torta addò ‘nce stanno fette pe’ tutte quante, cospicue e copiose comme ‘e ggrazie celesti, pure si se trova dint’a ‘na posizione altamente vantaggiosa ca l’ha cunsentito ‘e fa ‘sta cusarella fetente. È accussì o no, amico mio?

Volpe             Padre, m’avite levato ‘e pparole ‘a vocca. ‘Na volta ca m’avite ricanusciuta chella ca vuje avite chiammato posizione vantaggiosa…

SCENA QUARTA

(MARIA VITTORIA e detti, poi BIANCA MARIA)

Maria Vitt.  (Esce dalla casa) Papà, il thè è pronto.

Volpe             Signori, vulite ‘na tazza ‘e the? (L’onorevole Orsi e l’avvocato Aquila si scambiano un’occhia-ta ancora esitante)

P. Gatti         ‘O tthe ‘e casa Volpe è speciale, ‘o ddicene tutte quante.

Volpe             E ‘nnanze a ‘na tazza ‘e the se decide meglio. (I quattro si avviano)

On. Orsi         Veramente gentile assaje.

Aquila           Non vulessemo dà fastidio…

P. Gatti         Ma qua fastidio, ce l’ha offerto ‘o patrone ‘e casa e nun putimmo rifiutà. (Passano davanti a Maria Vittoria ed entrano in casa. Maria Vittoria attende che i quattro siano entrati)

Maria Vitt.  Tu non vai a bere il thè? (Giacomo non risponde) T’aggio ‘a parlà.

Giacomo        (Sconsolato) Maria Vittò…

Maria Vitt.  Una cosa molto breve...brevissima!... Io nun aggio capito niente ‘e chello ca sta succedendo dint’a ‘sta casa, ma nun me ne passa manco p’‘a capa. Io saccio sulamente ca nun me sposo cu’ ‘n invertebrato, né mò né maje. Tiene vintiquatt’ore ‘e tiempo pe’ me fa vedè ca tiene ‘na spina dorsale. O t’imponi a patemo, m’addimanne scusa, riconosci ca sì stato ‘nu verme e me spuse, o pe’ mme tu nun esisti cchiù, né mò né mai!

Giacomo        Maria Vittò…

Bianca M.      (È comparsa in cima alle scale. Ha un’aria seria, sofferta, di chi si decide ad un grande passo) Maria Vittò, scusami, vulesse parlà io, ‘nu mumento, cu’ ‘o duttore Esposito. Te dispiace ‘e ce lassà sule?

Maria Vitt.  Me ne stavo andando, mammà. Ce aggio ditto tutto chello ca ce avevo ‘a dicere. (Maria Vittoria entra in casa. Bianca Maria scende in giardino)

Bianca M.      Maritemo m’ha ditto tutte cose.

Giacomo        Ah!

Bianca M.      Nun faccio cummente. Si me songo decisa a ve parlà è sulo pecché l’unica cosa ca me preme è l’avvenire, ‘a felicità ‘e figliema. (Gesto di Giacomo, come a troncare l’argo-mento) Pecché facite accussì?

Giacomo        Per la felicità di Maria Vittoria l’unica cosa…ca pozzo fa è chella ‘e scumparì pe’ sempe, o per lo meno finchè, nun ce starranno sentimente cchiù adeguate ‘e chilli ‘e mò… Nun me facite dicere niente cchiù, signora Volpe, vi prego.

Bianca M.      Certo, certo caro, vi capisco. (Sospira, si siede, scuote un po’ la testa, cambia tono; ora sorride, come a togliere importanza alla cosa) Chello ca nun arrivo a capì è pecché vuje giuveni avite’a essere sempe accussì intransigente. Nun ‘o ssaccio: ‘overamente nun se po’ mettere a posto ‘sta situazione?

Giacomo        Nientedimeno?

Bianca M.      (Leggera) In fondo… adddò sta scritto?

Giacomo        Ma… signora, scusate, cosa vi ha detto  esattamente ‘o marito vuosto?

Bianca M.      Tutte cose.

Giacomo        Tutte cose proprio nun me pare, visto ca vuje me facite chisti discorse.

Bianca M.      M’ha ditto… ca vuje site ‘o figlio sujo…

Giacomo        (Sottolinea) E pirciò, songo ‘o frate pe’ parte ‘e pate, ‘e Maria Vittoria.

Bianca M.      (Imbarazzata, frivola) Oddìo, beh… insomma, sì! Ma comme dice il proverbio: “core nun vede, uocchio nun dole”. Sorema Angelina, per esempio, ‘a famosa zia Angelina ca sicuramente avite ‘ntisa ‘e ‘nnummenà paricchie vvote, nun ‘o ssape. Pe’ essa, tutto chesto, semplicemente… “non è”…non è avvenuto!

Giacomo        Ma… io non mi faccio capace!

Bianca M.      In fondo chi sà quanta case ce stanno, ‘e ggente ca se sposa senza sapè a chi è figlio!

Giacomo        Beh, non è il caso mio… Io mò saccio esattamente a chi songo figlio!

Bianca M.      Ma sì, ma sì… Tuttavia, vi ripeto la domanda: nun se po’ mettere a posto e… (Frivola, quasi sbarazzina) … ‘nce passammo ‘a coppa?

Giacomo        (Savonaroliano) Incesto, signò… Incesto! Chesta è ‘a parola ‘e fango e fuoco pe’ l’ impossibile ca vuje state dicenno. ‘E ttribbù cchiù selvagge e primitive d’‘a Papuasia hanno chiuso dint’a ‘nu tabù chesti ccose, pecché ‘o ssanno ca Ddio ‘e punisce facenno nascere mostri orribili e deformi…

Bianca M.      Basta, basta, pe’ammore ‘e Ddio! Me penzavo, che ssaccio… ca dint’‘o ventesimo secolo, anzi, dicimmo pure ‘o vintunesimo, cierti tabù, appunto, comme dicite vuje…

Giacomo        (Rincarando) Dio e ‘a natura, signò! Songhe ‘e llegge d’‘o sanghe, d’‘a carne…

Bianca M.      Ma sì, ‘o ssaccio: ll’ics, ll’ipsilon… Però, ‘e faraune ‘e ll’antico Egitto nun sulamente ‘o ppermettevano, ma anzi, s’imponevano…

Giacomo        ‘E faraune se tramandavano gravi tare ereditarie…

Bianca M.      Sigfrido, però, era figlio ‘e ‘nu frate e ‘na sora.

Giacomo        Ma chello è teatro, signò, ‘n’opera lirica! (Pausa) Ma comme avite pututo…

Bianca M.      (Mutando di nuovo di tono; ora seria, risoluta) Giacomo!

Giacomo        (Sorpreso dal tono di lei) Sì?

Bianca M.      Giacomo, stateme a sentì. Vedo ca m’aggio ‘a vevere l’amaro calice fino in fondo. Ve prego. (Pausa) Pensate… alla persona al mondo ca cchiù v’appare superiore a qualunque suspetto. ‘A persona ca cchiù ‘e ogne ata giudicate incapace ‘e tentazioni volgari, ‘e cedimenti alla carne, all’errore, ‘o peccato. ‘Sta perzona… ‘a “vedite”?

Giacomo        Sì.

Bianca M.      Ebbene: si ‘sta perzona, accussì immacolata, accussì superiore, accussì integerrima, avesse, invece, pur’essa, ‘na vota, ‘na vota sulamente dint’‘a vita, mancato, peccato, trasceso?

Giacomo        (Indignato e allibito) Mammà?!

Bianca M.      Mammà vosta?!

Giacomo        Nun avite ditto ‘a perzona ca cchiù m’appare superiore a ogne suspetto?

Bianca M.      Io, Giacomo… io!

Giacomo        (Banale, cortese) Ah, pardon! Non avevo afferrato. (Tuttavia la precisazione non lo aiuta) Nun aggio capito…

Bianca M.      Si pur’io, insomma, comme a maritemo, ca me penzavo pur’isso al di sopra ‘e ogne suspetto, si pur’io avisse mancato… ‘na vota sulamente?

Giacomo        (Continua a non capire, ma è sempre comunque poco interessato alla questione) ‘Na vota… beh?

Bianca M.      No ‘na vota qualunque: chella vota!

Giacomo        (Adesso veramente un po’ tonto) Ma quala vota?

Bianca M.      (Sospira, quasi sbuffa) Comm’è cumplicato a ‘stu munno a se fa capì! Oh, Giacomo, Gesù dicette: “chi ha orecchie per intendere, intenda!

Giacomo        Io ho capito che voi una volta avete mancato…diciamo…

Bianca M.      Chella vota, chella  sola vota! Nun me capite? Maria Vittoria…

Giacomo        (Folgorato) È possibile?! Maria Vittoria nun è…?

Bianca M.      No.

Giacomo        E di chi è?

Bianca M.      Ora vi spiego tutto.

Giacomo        (Premuroso) No, no, per amore di Dio! Anzi, scusatemi tanto. Io nun tengo nisciunu diritto ‘e sapè: nun voglio sapè. Nun m’interessa! (Forse non è gentile. Ripara) Cioè, m’ interessa, ma… (Forse questo è ancora peggio) So’ ccose ca nun me riguardano, ecco! ‘A fore d’‘o fatto, se capisce, ca chello ca me dicite è ‘overo e sacrosanto.

Bianca M.      Ancora ne dubitate? Ma ve credite ca ve faccio ‘sta cunfessione pe’ ‘nu capriccetto? Quanno maritemo m’ha ditto ‘o fatto vuosto, io songo rimasta ‘e sasso, ma no p’‘a delusione, o p’‘o dulore, e manco p’‘a surpresa; ma sulamente pecché subbeto aggio capito ca sulo confessando ‘o segreto mio a vuje avesse pututo salvà’ ‘a felicità ‘e Maria Vittoria. Mò vuje dubitate…

Giacomo        Per  carità, signora! Il dubbio mio riguarda al massimo la realtà ‘e chello che m’avite ditto. In fondo, comme dice il proverbio, “mater semper certa, pater incertus” Incertus nun vo’ dicere sulamente ca ‘o pate putesse essere pure ‘na perzona diversa d’‘o marito; ma putesse vulè dicere pure, comme dint’‘o caso vuosto, ca proprio ‘o marito legittimo consorte putesse essere … ‘na volta tanto. (È stato difficile, si asciuga il sudore) Insomma…mi capite?

Bianca M.      Comme pozzo essere sicura ca nun è stato maritemo, è chesto ca vulite dicere, è ‘ovè? All’epoca maritemo steva accummencianno ‘a carriera politica e steva sempe impegnato. Tengo ‘o cunforto, si accussì ‘o pozzo chiammà, d’‘e date. (Pausa) Nun vulite sapè chi è ‘o pate ‘e Maria Vittoria?

Giacomo        No.  Anzi vi dico… ca tutte ‘sti rivelazione m’hanno scumbussolato assaje.

Bianca M.      Ve vulesse raccuntà comm’è succieso.

Giacomo        Nun è il caso, nun ve disturbate.

Bianca M.      Nun ve voglio lassà ‘o suspetto ‘e ‘n’avventura volgare, ‘e ‘na banale infedeltà…

Giacomo        Nun lo penserei… maje, v’‘o giuro.

Bianca M.      Sarraggio pur sempre ‘a ‘gnora vosta! A suocera!

Giacomo        (Rassegnato) Nun so che dirvi...Volete parlare e parlate!

Bianca M.      Conoscete Bad Deutsch Altenburg?

Giacomo        E’ ‘o nomme d’‘o pate?

Bianca M.      Nonzignore, è ‘nu paesiello aggrazziato ca sta ‘ncoppa ‘e rrive d’‘o Danubio, in Austria, vicino ‘a frontiera ungherese. Lloco vicino, a pochi chilometre, ce steva ‘a casa addò nascette Joseph Haydn, ma nuje, io e maritemo, nun stevemo llà pe’ chesto. Era ‘o mese ‘e nuvembre d’‘o 1956, l’Ungheria s’era ribellata ‘o comunismo d’‘a Russia, e ‘e carre armate sovietiche stevene facenno stragge tuorno tuorno pe’ fermà ‘sta ribellione. Maritemo e io jetteme llà cu ‘nu gruppo ‘e boyscouts anziani, cu’ ll’univer-sitari cattolici e cu’ ‘e Piccoli Cavalieri ‘e Malta, ‘nu gruppo fondato ‘a ll’arcivesco-vo ‘e Torino pe’ controbattere ll’infiltrazione comuniste pe’‘o mondo, e in particolare dint’‘a FIAT. ‘A chilllu pusticiello luntano, ca era ‘a fruntiera d’‘o munno libero, l’ultimo avamposto addò se puteva arrivà senza rischià niente, nuje assistevemo impotenti al martirio d’‘o popolo ungherese, ‘nu popolo nobile assaje, e accuglievemo ‘e patriote ca erano riusciti a sfuggì ‘e Russi e ca cercavano asilo in occidente. Ll’ uommene nuoste steveno ‘a frontiera, cu’ panini e bevande calde, nuje femmene ‘nu poco cchiù addereto, a Bad Deutsch Altenburg appunto, addò ‘e patriote erano accudite, medicate, e alloggiate dint’a cierti tendenelle janche, piccerelle e modeste ma pulite. Ll’accuglievemo cu’ ‘o surriso, ‘a nosta divisa elegante ‘e crocerossine, ‘nce devemo immaginette ‘e Santu Stefano, ‘o patrono ‘e ll’Ungheria, e io ‘a sera me mettevo a sunà ‘o viulino: ‘a Ninna-nanna ‘e Brahms, ‘o Sogno d’amore ‘e Lizst naturalmente… ‘Nu juorno,era ‘nun viernarì, era stata ‘na jurnata cujeta. E io, luntana ‘a maritemo, comme spisso succedeva, l’avevo passata liggenno ‘nu libro ca parlava d’ ‘a vita d’‘e ssante, ca me rialaje ‘o cunfessore mio. Erano soprattutto sante d’‘a preghiera e d’‘a contemplazione; e io… non saccio comme, ma ‘e descrizioni ‘e chell’e-stasi, ‘e tutte chelli ore ca Santa Rita da Cascia o Santa Teresa d’Avila passavano addenucchiate dint’‘a cella, a contemplà ‘o corpo ‘e Cristo, janco, annuro, sanguinante, appiso a chella croce… invece ‘e me dà penziere devote e invece ‘e me fa mettere a prijà, me pruvucajeno nun saccio quale turbamento d’‘e sensi. Me sentivo eccitata, titillata, tesa. Me sunnavo ca turnava maritemo, ma no ‘o solito ritorno. Senza ‘o vaso ‘nfronte, senza ‘a solita domanda sull’emicrania ca dint’a chillu periodo nun me lassava maie – forse l’emozione d’‘o spusalizio recente – senza chillu solito suo, immediato trasì dint’‘o bagno… No, m’immaginavo ‘nu ritorno travolgente, comme chilli llà ca se vedono dint’‘e film o ca se leggeno ‘ncopa ‘e rumanze. Ma si me mettevo a fissà chella scena dint’‘e dettaglie, me rendevo conto ca l’ommo nun teneva ‘a fisionomia ‘e maritemo, ma teneva ‘e fattezze d’‘o volto ‘e Gesù ‘ncoppa ‘a croce! E chi s’‘o scorda? ‘A faccia janca e magra, ll’uocchie ardente e penetrante, ‘e capille luonghe, fluenti e russe… Pure si’a jurnata era fredda assaje e ‘a tenda nun era scarfata, me sentevo addosso strane vampate ‘e calore. M’affacciaje fore ‘a tenda. In cielo, s’accavallavano nuvole grosse e scure, ma pure llà ffore, stranamente, chillu spettacolo, invece ‘e me fa riflessttere ‘ncoppa ‘a bellezza d’‘a natura, d’‘o creato, me facettero arricurdà cierti ppaggine ca avevo letto e ca parlavano d’‘a violenza pagana ca martirizzaje a Sant’Orsola e undicimila vergini. E me pigliaje ‘n’ata vota chella stessa eccitazione ‘e primma. Proprio dint’a chillu mumento arrivaje all’accampa-mento ‘na piccola carovana ‘e profughi, patrioti ungheresi ca se salvajene d’‘o martirio. Erano lacere, stanche, muorte ‘e famma, tristi pecché penzavano ‘e paisane lloro ca steveno murenno; uno ‘e lloro soprattutto m’attiraje. ‘A faccia stanca ‘e chi aveva sufferto sotto ‘o giogo comunista, ll’uocchie ‘e fuoco ‘e chi aveva mantenuto ‘a fede dint’‘a libertà, ‘e capilli russe e fluente ‘e ‘n invincibile cavaliere della pianura ungherese. Nun teneva niente ‘e maritemo, eppure ‘o guardaje. Isso se n’accurgette e cu’ ‘nu sorriso strano s’alluntanaje da ‘o gruppo sujo e venette verso ‘a tenda mia, mentre ‘e cumpagne ‘o salutavano alleri. Timorosa, me ne trasette dinto pe’ m’annasconnere, ma ‘a tenda s’arapette; isso facette cadè ‘o zaino e trasette: me venette vicino, mentre io me truvaje vicino ‘o lettino mio. ‘Nce dette ‘n’immaginetta ‘e Santo Stefano d’Unghe-ria, ma isso manco ‘a vedette. M’alluccaje quaccheccosa in ungherese, ma nun saccio che cosa: forse ‘nu saluto ‘a libertà o ‘n’offerta d’amicizia. Io lle dicette chello ca me suggerette ‘o core dint’a chillu mumento: “Ecce ancilla domini!” Fui ‘o primmo incontro sujo cu’ ‘o munno libero e quanno se ne jette, dint’‘a nuttata, quanno scumparette pe’ nun se fa vedè cchiù, ‘a faccia soja irradiava ‘na fiducia nova nell’ommo. Chesto è tutto, Giacomo. Maria Vittoria tene sango ungherese dint’‘e vvene. (Lunga pausa. Giacomo le versa e porge un bicchiere d’acqua) Grazie.

Giacomo        E vostro marito?

Bianca M.      (Fa cenno di no) Nun penso che avrebbe capito. Aggio preferito ‘e me stà zitta.

Giacomo        E mò?

Bianca M.      Songo disposta a tutto p’‘a felicità ‘e figliema, ma nun voglio affruntà ‘st’argomento cu’ maritemo.

Giacomo        Ma allora, scusate, a che serve…

Bianca M.      Usatelo comme vulite vuje. Io… aggio ‘a jì a ffà ‘nu poco ‘e spesa… Vedite vuje comme e quanno ‘nce ‘o vvulite dicere.

Giacomo        Io?!

Bianca M.      Visti i nuovi rapporti, voi forse siete l’unico… Nun m’addimannate ‘e cchiù, Giacomo.

SCENA QUINTA

(MARIA VITTORIA e detti)

Maria Vitt.  (Entra) Mammà, non dovevi uscire per fare la spesa?

Bianca M.      È proprio quello che stavo dicendo al dottore Esposito… ma vulesse aspettà per lo meno ‘e primme risultate. E po’ nun me sento proprio bbona. Comunque me vaco a priparà, ve lasso sule… m’arraccumanno! (Esce verso la casa)

Giacomo        Amore mio!

Maria Vitt.  (Fermandolo, con un braccio teso) Che sono questi approcci? Hè fatto chello ca t’aggio ditto?

Giacomo        Cioè?

Maria Vitt.  Hè parlato cu’ patemo? ‘Nce ditto ‘e mutive? Te sì imposto? No? E allora che vaje truvanno?

Giacomo        Amore mio, scusami: ho esitato, è ‘overo, forse t’aggio dato l’impressione di aver rinunciato a te senza… luttà assaje; tu puo’ avè pensato ca io nun t’amasse abbastanza… Ebbene, sto ccà: songo pronto a te spusà, a tutte ‘e costi, contro ‘a vuluntà ‘e chicchessia.

Maria Vitt.  (Diffidente e concreta) Quando? Parliamo di date!

Giacomo        Non lo so… Al più presto… ma senza fretta!

Maria Vitt.  E patemo?

Giacomo        Ne parlammo… ‘Nce ‘o dicimmo…ma  ‘o momento opportuno.

Maria Vitt.  Ho capito tutto.... Io te leggo dint’‘a capa, Giacumì, pure quanno arraggiune cu’ ‘e piede. Senza fretta, tu dici; dicimmo tempo al tempo, ca chillo già ha avuto ‘n infarto, e magari tra sei mise se leva ‘a miezo e tutto se sistema. No! T’aggio ditto ca m’hè dimostrà ca tiene ‘a spina dorsale, ca nun sì ‘nu verme. Me voglio ‘nzurà cu’ ‘a benedizione ‘e patemo!

Giacomo        Maria Vittò, a te d’‘a benedizione ‘e pateto nun te ne passa manco p’‘a capa.

Maria Vitt.  Bravo, almeno chesto l’hè capito. M’nce hè parlà, t’hè ‘a imporre, m’hè ‘a dimostrà chello ca t’aggio chiesto.

Giacomo        Ma non ne vale la pena.

Maria Vitt.  Tiene paura ‘e rompere cu’ patemo, è ‘overo? Nun vuò rimmanè in mutande primma ca te sì sistimato ‘a carriera!

Giacomo        Tengo così poca paura di rompere con tuo padre… ca te propongo ‘a soluzione cchiù drastica: fujimmoncenne, ‘nzurammoce, mettimmolo ‘nnanze ‘o fatto compiuto!

Maria Vitt.  Sei un vigliacco buffone, pecché ‘o ssaje ca “io” nun accetto. E ‘e denare? Voglio ‘a benedizione ‘e patemo pecché vò dicere l’appartamento in città, quacche appartamento affittato, ‘o bilocale in montagna, ‘a mubilia, ‘a machina e ‘o viaggio ‘e nozze a Bangkok.

Giacomo        Questo allora è quello che provi pe’ mme?

Maria Vitt.  Per amore di Dio, Giacomo, smettila di bleffare! ‘Ncoppa ‘e denare ‘e patemo ce simmo fatte ‘e cunte tutt’e dduje, e l’ipotesi ‘e campà d’ammore non l’avimmo mai nem-meno pigliata in considerazione. Perciò vide ‘e te spiccià, si no era inutile jettà tutt’‘e denare ch’avimmo spiso pe’ ffà ‘e ffotocopie!


SCENA SESTA

(ONOREVOLE ORSI e detti, poi VOLPE, PADRE GATTI e AVVOCATO AQUILA)

Animazione in cima alla scala. Il primo ad uscire dalla casa è l’onorevole Orsi. Allarga le braccia, sorridente, come ad annunciare il nuovo papa)

On. Orsi         ‘O quarantatre pe’ ciento d’‘e voti! È ufficiale: ‘o senatore Volpe! (Dalla casa esce anche Volpe, affiancato dagli altri due. Volpe precede il trio scendendo la scala. Giacomo è il primo a farglisi incontro)

Giacomo        È proprio quello che mi aspettavo… ma me fa piacere ‘a cunferma. Congratulazioni, senatore Volpe. (Volpe gli stringe la mano)

Volpe             Grazie, Giacomo.

Maria Vitt.  (Raggiunge Volpe che è ormai al centro del giardino) Congratulazioni, papà.

Volpe             Grazie, piccerella mia. (La bacia)

P. Gatti         E congratulazioni pure a vuje, dottor Esposito. Dalla prossima assemblea, vuje sarete membro d’‘o cunsiglio d’‘a Banca Cattolica. (Con intenzione, guardando gli altri) Fa parte… d’‘o pacchetto.

Giacomo        (Con un breve inchino) Ringrazio Voi e tutti gli amici!

Aquila           Mò avimmo sulamente aspettà ‘e risultati d’‘a Camera: si confermeranno ‘e risultati d’‘o Senato, putimmo arapì’ ‘na bella butteglia ‘e champagne!

On. Orsi         Io corro subbeto in Federazione.

Aquila           E io al giurnale.

P. Gatti         E io in chiesa, a priparà tutte cose p’‘o Te Deum.

On. Orsi         ‘Nce vedimmo cchià tarde. E ancora congratulazioni!

P. Gatti         Grazie per l’ottimo the.

Aquila           E salutateci tanto la signora vosta.

Volpe             Presenterò. Addio, cari. Grazie, ce vedimmo ‘n atu ppoco. (I tre sono usciti. Pausa. Volpe siede, ha un attimo di rilassamento)

Giacomo        Senatore  siete un poco stanco?

Volpe             Noo… So’ tre imbecilli: è stato ancora cchiù facile ‘e chello ca penzavo. ‘Nce aggio jettato quacche briciola e l’hanno cugliute felici comme a pasque. Ve lascerò ‘na posizione ‘e strapotere assoluto, Giacomo… quanno me ne vaco a Roma. (Maria Vittoria si avvia verso casa) Maria Vittò, addò vaje?

Maria Vitt.  A casa. Giacomo ti deve parlare papà… (Esce)

Volpe             Che vò dicere? M’avite ‘a parlà, Giacomo? E parlate!

Giacomo        Maria Vittoria voleva dire … ca io e essa… ci amiamo.

Volpe             Ancora…Ma ve rendite conto ‘e chello ca state dicenno?

Giacomo        Certo. (Pausa. Poi con tono quasi leggero, come a denunciare una curiosa stranezza) Eppure, se seguo l’istinto… aggio’a ricunoscere ca nun ‘a sento ‘a voce d’‘o sanghe. Anzi, l’im-pulso spontaneo è chillo ‘e primma: l’impulso naturale ‘e ‘n ommo ca vò bene a ‘na femmena e…

Volpe             Ma è spaventoso! Giacomo!

Giacomo        Eppure…

Volpe             Leviamo da mezzo… ‘a voce d’‘o sangue, ca po’ essere ‘n’invenzione letteraria. Ma ‘e ttribù cchiù selvagge e primitive…

Giacomo        Lo so…lo so… Ma forse ‘sta cosa nun è accussì motivata scientificamente…

Volpe             Incesto, Giacomo! Incesto è ‘a parola ‘e fango e fuoco…

Giacomo        So anche questo... Però ‘e Faraune ‘e ll’antico Egitto…

Volpe             ‘E Faraune se tramandavano gravi tare ereditarie!

Giacomo        Sigfrido, però…

Volpe             Ma che state dicenno! Giacomo, p’ammore ‘e Ddio, ‘nce stanno tabù sacrosanti ca manco ‘o cchiù verde d’‘e verdi putesse scagnà cu’ ‘e battaglie p’ ‘e diritte civili!

Giacomo        I cavalli  di razza superiore si ottengono incrociando consanguinei…i caratteri positivi si rafforzano…

Volpe             Ma noi non siamo “cavalli”!...? Diciteme! (Pausa) Giacomo tu… Vuje site troppo intelligente pe’ penzà cierti ccose assurde. O ce sta quacch’ata cosa ca nun saccio? Diciteme, avite scuperto quaccheccosa?

Giacomo        Non vedo cosa avrei potuto scoprire!.

Volpe             Avite scoperto ca ‘a mamma vosta…?

Giacomo        Ca ‘a mamma mia?...

Volpe             Ha avuto… che ssaccio: quannh’ata esperienza ca putesse mettere in dubbio…

Giacomo        (Si erge immediatamente a respingere con durezza ogni sospetto del genere) Mammà, duttò, ha pavato cu’ ‘na vita ‘e preghiera…

Volpe             (Lo interrompe) D’accordo, d’accordo… Ma allora, pecché esitate? Pecché non parlate? Giacomo! Allora è ‘overo? Ce sta quaccheccosa ca nun saccio, Giacomo, figlio mio?

Giacomo        (Vince un’ultima resistenza) Dirò… Dirò… Dirò come nel Coriolano di Shakespeare… “Papà, tu hai trovato un figlio, ma hai perso una figlia!” (Pausa)

Volpe             È ‘overo? Nun è possibile! (Giacomo tace) Te l’ha ditto… muglierema? (Non aspetta la risposta) E pe’ fforza. (Pausa. Si guarda intorno, a disagio) Addò sta muglierema?

Giacomo        Penso che stia dentro casa... (Volpe si avvia lentamente verso casa) Senatore…

Volpe             (Si ferma e si volta) Nun ve preoccupate. ‘A vulesse sulamente… guardà ‘nu mumento. È strano, l’aggio vista sempe e nun l’aggio guardata maje. (Esce lentamente verso la casa)

SCENA SETTIMA

(AVVOCATO AQUILA, ONOREVOLE ORSI, PADRE GATTI e detto, poi MARIA VITTORIA)

(Giacomo rimane immobile un attimo. Sta ormai scendendo la sera. Da fuori le voci dei tre – Aquila, Orsi, padre Gatti – arrivano allegre, ciarliere, a precederne l’ingresso.

Aquila           Allora: ottime notizie ‘a tutte ‘e fronti. ‘O centro cristiano ha tenuto benissimo, ‘e comuniste hanno pigliato ‘e mmazzate, ‘e socialiste nun saglieno e nun scennono. Stanno jenno annanze ‘e partiti laici, chelle ca nuje chiammammo frattaglie…

On. Orsi         Ma ‘o popolo italiano ha ditto chiaramente chello che vvò: vò continuà acccussì. Ogni alternativa al nostro potere è stata debellata, ll’opposizione se so’ logorate, se cunferma ‘o principio che “il potere logora chi non ce l’ha”. Tenimmo annanze a nuje, ati trent‘anni ‘e buon governo!

Aquila           Buono!... Pe’ nuje…

P. Gatti         L’avanzata ‘e ‘sti partitielli, però, è ‘nu dato allarmante. Vò dicere ca se sta rafforzanno ‘o fronte laico.

On. Orsi         (Ottimista) Beh, ce putarrà dà fastidio comme credenti, padre, ma politicamente che d’ è ‘stu fronte laico? ‘Nu minestrone ca va da’‘e liberali a ‘e radicali. Laici, sì, ma che teneno in comune a parte ‘o fatto ca nun vanno maje a messa? Uno tira a destra, chill’ato, se fa pe’ dicere, a sinistra. È ‘nu bellu fronte ca tene ‘e ddoje ali ca se sparano ‘ncuollo, bellu fronte ‘overamente! Meglio d’accussì nun puteva jì. Putimmo ‘overamente arapì ‘na butteglia ‘e champagne! (Si guarda intorno) Ma ‘o senatore addo sta?

(Pausa. L’assenza del senatore viene avvertita come qualcosa di strano, di inspiegabile, conturbante e preoccupante. Tutti guardano Giacomo. Giacomo non reagisce, se non avvertendo anche lui qualcosa di strano. A un tratto si avvia verso casa, accelerando e compiendo di corsa gli ultimi scalini. Entra in casa. Altra pausa. I tre si guardano, improvvisamente a disagio)

Aquila           Ma ch’è succieso?

On. Orsi         È succiesa quacchecosa?

P. Gatti         Insomma, che ca…volo sta succedenno? (Pausa lunga, tesa. Ricompare Giacomo. Si ferma un attimo in cima alla scala, appoggiandosi alla ringhiera di pietra. Aquila è il primo a vederlo)

Aquila           ‘O senatore…

Giacomo        (Scende le scale prima di rispondere) ‘O senatore Volpe ha avuto un altro attacco di cuore. Ma ‘sta vota, purtroppo, ‘o cuore nun ce l’ha fatta. È morto. (Pausa. I tre si guardano attoniti. Le reazioni hanno la banalità di ciò che è assolutamente spontaneo)

On. Orsi         Ma comme… mò?

Aquila           Così… appena eletto?

P. Gatti         Mò ca tutte ‘e ccose s’erano mise a pposto!

Giacomo        Pareva un uomo di ferro ma teneva un punto debole…: teneva ancora quacche sentimento e ‘na strana fede in quaccheccosa. E acccussì ‘o core nun ce l’ha fatta, a differeznza d’‘e politici, quelli veri, ca moreno sulamente ‘e vicchiaia.

On. Orsi         Ma state pazzianno?!

Aquila           È ‘na cummedia?!

P. Gatti         ‘Na farsa?!

Giacomo        Effettivamente era accummenciata proprio accussì, come una commedia… comme ‘na farsa, ma ha avuto ‘nu finale inaspettato. Nun è ‘nu lieto fine… Potrei riparare, anche se forse non è il momento più opportuno… annunciando ca ce simmo fidanzate io e ‘a signorina Maria Vittoria, ‘a figlia… orfana d’‘o senatore Volpe. ‘E nnozze se farranno doppo ca sarrà passato ‘nu periodo ‘e lutto decente, ovviamente.

On. Orsi         Ma comme putite parlà accussì? Chiell’ommo allora nun era niente pe’ vvuje?

Giacomo        (Soavemente) E’stato un padre... E infatti io qui, come tutti quanti voi, mi aspettavo che Volpe  mi sgombrasse il terreno, ora mi sento assai a disagio. Spero ca nun è pure questo ‘nu “sentimento”, pecché si avimmo ‘a guvernà ati trent’anne, nun avimmo ‘a fa ‘stu sbaglio. Io, ca songo l’erede, politicamente d’‘o senatore Volpe, voglio partì cu’ ‘o pede justo e cu’ buone proposite. E comunque, ve n’accorgerete ampressa. (Pausa. Giacomo indica la casa) Si ve vulite accumudà… ‘A vedova e l’orfana forse vorrebbero… ‘na parola ‘e cunforto. (I tre meccanicamente si avviano. Sulla cima della scala è apparsa Maria Vittoria. I tre le sfilano davanti stringendole la mano, il più anziano forse baciandola in fronte, pronunciando con aria compunta scontate parole di condoglianze. Poi entrano in casa. Maria Vittoria scende la scala)

Maria Vitt.  Ma che ‘nce ditto, pe’ ll’avè acciso? (Giacomo non risponde)

Sipario

FINE DEL TERZO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno