Il settimo si riposò

Stampa questo copione

SAMY FAYAD

SAMY   FAYAD

“ IL SETTIMO  SI  RIPOSO’ “

adattamento in dialetto napoletano

di AnnaMaria Montesano

commedia in due atti

PERSONAGGI:

    Antonio Orefice                                               vedovo

    Gemma                                                    suocera di Antonio

    Teresa                                                     figlia di Antonio

    Gioacchino                                             fidanzato di Teresa

    Gaetano Donnarumma                        cameriere e aiuto sarto

    Filippo Capurro                                               bandito evaso

    Lorenzo Persico                                    maresciallo

    Signora Persico                                    madre del maresciallo

Intervistatrice

Professor Notari                                   primario ospedale psichiatrico

1° infermiere                                          

2° infermiere

   

Radiocronisti vari

    1° testimone radiofonico                                        veneto

    2° testimone radiofonico                                        romagnolo

ATTO   PRIMO

(Mattino inoltrato di maggio. Salotto con divano e tavolinetto , due sedie e altro tavolinetto con telefono e un registro. Da una parte troneggia un canocchiale. Il battente della porta di destra, che immette nella camera di Antonio Orefice, è interamente coperto da un cartello; vi è scritto a grandi caratteri:

E’  DOMENICA

SILENZIO

GRAZIE !

Sul terrazzo, a sinistra,  una donna, Gemma, è intenta ad innaffiare i fiori versando acqua da un secchio. La radio trasmette musica, che sfuma pochi istanti dopo l’apertura del sipario)

VOCE DELLA RADIO - Notizie del giornale radio.   (Gemma si precipita all’apparecchio senza abbandonare il secchio e alza il volume)

RADIOCRONISTA -  Il famoso bandito Filippo Capurro, camorrista non pentito, napoletano, evaso ieri dal carcere di San Vittore, sarebbe stato avvistato nel Veneto, da dove vi parliamo. Il signor Anselmo Ostreghi, che è qui con noi, sostiene di aver visto un uomo i cui dati somatici corrisponderebbero a quelli del bandito.

TESTIMONE - (con marcato accento veneto) Xe proprio vero, porca vaca! Ier sera, poco dopo magnà, go visto ‘n omo che l’era smontà da ‘na machina, ostrega...

RADIOCRONISTA - La famosa Tipo azzurra targata Pavia...

TESTIMONE - No, l’era ‘na sinquesento rossa, targata Torino, ostrega. Xe sceso e s’è messo a caminar, fiol de ‘n can, e cantava, cantava ‘na cansoneta napoletana, me par, O sole mio, come se ciama, mi non so, ostrega, mi son de la Liga Veneta, porca vaca!

RADIOCRONISTA - Ciò lascia supporre che Filippo Capurro sia diretto verso il confine austriaco o sloveno. Guardie confinarie, elicotteri e cani poliziotto setacciano la zona. Si spera che la cattura del pericoloso evaso possa avvenire nel giro di poche ore.

(Trilla il telefono. Gemma ha un sussulto, spegne la radio e alza la cornetta)

GEMMA - (sottovoce) Qui casa Orefice, con chi parlo? (fa un gesto di sopportazione)  Giacchi’, è nu sacco ‘e tiempo ca ve dico: ‘a dummeneca primma ‘e miezujorno nun avita telefonà. Chillo se sceta e s’a piglia cu ‘mme!   (pausa)   No, Teresa nun ce sta, è juta a’ messa.  (sospira, guarda per aria e parla meccanicamente)  Si, bellu mio, stanotte v’ha sunnato e prima ‘e ascì m’ha ditto: quant’o voglio bene a Giacchino mio! Chi sa stammattina cu quala malatia grave se sarà scetato?  (pausa) Si, v’aspettammo a pranzo. Si, si, ‘o saccio già: pasta in bianco e fettina al vapore, ‘o ssolito, sissignore. Giacchì, pe’ stà cchiù quieto, purtateve ‘na canottiera ‘e ricambio e nun ve preoccupate, chiudimmo tutt’e feneste accussì nun ve raffreddate, state sicuro! Arrivederce, si... si... arrivederce.

(Riaggancia. Guarda verso la porta di Antonio tendendo l’orecchio. Si avvicina alla porta, fa per aprire, ha un attimo di titubanza ed entra nella camera in punta di piedi portando con sé il secchio. Per un istante scena vuota. Sul terrazzo appare Gaetano Donnarumma. E’ un giovanotto dall’aria svagata; porta piegato sul braccio un abito dentro un sacco  di plastica trasparente. Entra dalla porta del terrazzo senza bussare e si porta al centro della stanza. Donnarumma ha un difetto di pronuncia; non si tratta di balbuzie vera e propria, quanto di un inceppamento che si verifica durante il discorso nei momenti più impensati)

DONNARUMMA - (con voce normale) E’ permesso?  (più forte)E’ permesso?  (urlando) E’ permesso?   (pausa) Chi tace acconsente....   (urlando) Uè ca i’ so’... (inceppamento) ... trasuto!

(Gemma esce fuori veloce, ma di soppiatto, dalla camera di destra, riponendo qualcosa in seno)

GEMMA - Ssssst! Chi è?

DONNARUMMA - (gridando) Buongiorno!

GEMMA - (quasi sussurrato, ma con ira)  Stateve zitto, ch’ alluccate a fa’?

DONNARUMMA - (impressionato)  Che d’è?

GEMMA - (indicando il cartello) Nun sapite leggere?

DONNARUMMA - (ancor più impressionato) E no, bella mia! A’ scola nun ce so’ juto

GEMMA - Però, ca ve pozzano accidere, alluccà sapite alluccà!

DONNARUMMA – Signo’, me credevo che ireve... (inceppamento) ... sorda!

GEMMA – Giuvino’, int’a sta casa, ‘a dummeneca, ce sta ‘a guerra fredda: nun ve ce mettite pure vuie. A proposito, chi site?

DONNARUMMA - (presentandosi con un inchino)  Gaetano Donnarumma, al vostro... (incepp.)... servizio, nat’ a Surriento ma crisciuto a Napule, addu ‘na zia ‘e mammema.

GEMMA - (indicando il pacco) Aggio capito, site ‘o guaglione d’a sarturia “Le Forbici d’Argento”.

DONNARUMMA - No, i’ faccio  ‘o cameriere o’ ristorante “Rasagnolo d’Oro”, ma nun so’ ‘o cameriere ti... (incepp.)

GEMMA - Timido.

DONNARUMMA - (fa cenno di no con la mano) Ti... (incepp.)

GEMMA - Tifoso.

DONNARUMMA - (sbloccandosi) Titolare. ‘O padrone d’o ristorante me chiamma ‘e rinforzo ‘e juorn’e festa, quanno ce sta affollamento d‘e gente d’e paise vicine e ‘e tur... (incepp.)

GEMMA  -  ... ‘e turche.

DONNARUMMA - Quacche vota veneno a magnà pure ‘e turche. E vuie, comm’o sapite ?

GEMMA - Ie? E che ne saccio ie d’e turche?

DONNARUMMA - Signò, scusate, ‘e turche l’avite ditto vuie.

GEMMA – Gaita’, vuie avite ditto ‘e tur... ‘e tur... e i’, pe v’aiutà, aggio ditto ‘e turche. Che ne saccio ?

DONNARUMMA - ... ‘e turiste. ‘E juorn’e festa veneno pur’e turiste e accussì ‘o padrone me chiamma ‘e rinforzo.

GEMMA - E parlate chiaro!

DONNARUMMA  - E mica parlo accussì pe divertimento!

GEMMA – Gaita’, figliu mio, state accunciato proprio buono: anaffabeta, ve ‘mpuntate a parlà e me parite pure nu povero disgraziato. Che sperate d’a vita?

DONNARUMMA - Niente: dateme ‘na pistola ca me sparo, si ve fà piacere!

GEMMA - Prima pruvate cu ‘na curetta...

DONNARUMMA – ‘E che?

GEMMA - E che ne saccio? Ormoni, vitamina B 12, aspirina... Primma, ha telefonato Giacchino, ‘o nnammurato d’a nepota mia,  forz‘a cura v’a puteva da’ isso!

DONNARUMMA - E’ duttore?

GEMMA - No, è malato! Bè, Donnaru’, che vulite?

DONNARUMMA - Aggio purtato ‘o vestito a don Antonio Orefice ca ‘o sarto, ‘o padrone mio, c’ha accunciato ‘o cazone.

GEMMA - Allora vuie faticate pure c’o sarto, cu don Peppino...

DONNARUMMA -  So’ venuto o’ posto suoio, perchè chillo, don Peppino, è muorto ... (incepp.)

GEMMA -  (con uno strillo) E’ muorto don Peppino!   (cade a sedere facendosi aria con la mano)  Mado’, che disgrazia!

DONNARUMMA - ... è muorto ‘e fatica. (Gemma lo fissa stralunata)  Signò, don Peppino adda fà ‘e vestite pe dduie sposalizie e è muorto ‘e fatica.

GEMMA - (assai pacata)  Donnaru’, sti paure, a me, nun me l’avite fà piglià.  (con un urlo)  Avite capito?

DONNARUMMA - (arretrando spaventato a sua volta)  E manc’ a me, però! (si mette a sedere, una mano sul cuore. Restano a fissarsi, affannati)  Vuie ‘e frase ‘e capite a mità! (riprendono fiato entrambi)

GEMMA  -   (alzandosi e sforzandosi di restare calma)  Gaità, pusate ‘o vestito e salutateme a don Peppino.

DONNARUMMA – I’ ‘e salute c’e porto, ma c’aggia purtà pure ‘e cinquantamila lire che m’adda da’ ‘o marito vuosto.

GEMMA - (con sussiego, naso all’aria) Antonio nun’è maritemo, è ‘o jennero mio. Dimane passa isso a pavà.

DONNARUMMA - No, bellezza mia. Si torno senza ‘e cinquantamila lire, don Peppino nun po’ accattà ‘a fodera p’e vestite d’e spusalizie.

(Trilla il telefono)

GEMMA  -  (va a rispondere)  Qui casa Orefice, con chi parlo?  (spazientita)  Aaaaah, Giacchi’! No, Teresa nun è turnata ancora...  E che ne saccio si ‘a messa è cantata... ‘On Saverio avarrà fatto ‘a predeca cchiù longa... e si vuie l’avite cronometrata a me che me ne ‘mporta?... Comme? Nuvole?  (guarda fuori)  Ma che nuvole, Giacchì! Nossignore!   (gridando)  Bellu mio, si nun me credite, telefonate o’ Bollettino Meterologgico ‘e l’ Aeronautica!  (riattacca arrabbiata)

(Sulla soglia della porta di destra appare Antonio Orefice. Ha una cinquantina d’anni, indossa un pigiama. Il piede destro è affondato nel secchio, nella mano destra sorregge una pantofola. Antonio si appoggia allo stipite, sbadigliando e grattandosi il capo con la mano che impugna la pantofola. Guarda intensamente i due, poi il cartello sulla porta, quindi abbassa lo sguardo e solleva il piede imprigionato nel secchio)

ANTONIO -  Guardate nu poco ccà...

GEMMA - (tentando un sorriso) Gesù...

DONNARUMMA -  Don Anto’, che state, ‘ngessato?  (Antonio raggiunge il divano a passo strascicato)

GEMMA -  (mascherando il proprio imbarazzo) Ma comme, uno mette ‘e piede ‘nterra e nun s’accorge ca ce sta nu sicchio...   (Antonio siede sul divano e osserva il secchio)

ANTONIO -  ( a Donnarumma)  A vuie nun ve cunosco, ma comunque avite sapé ca nun accattammo mai niente add’e vu’ cumprà. Comunque... vuie ‘a cunuscite ‘a legge d’e probabilità?

DONNARUMMA - No.

ANTONIO – ‘O sapevo. (osserva il secchio) Io so’ abbunato a “ Le Scienze”, a “Focus”, a “Airone” e veco sempe ‘e trasmissione ‘e Piero Angela, ma ‘o caso ‘e ‘nu sicchio ch’ arriva isso sulo ‘ncopp’o scendiletto nun è contemplato ‘a nisciuna legge statistica!   (Pausa. A Gemma, senza acredine)  Quindi, nu cristiano ca se sceta e mette ‘e piede fore d’o lietto s’aspetta ‘e truvà ‘e pantofole.  (a Donnarumma)  Se dico male , correggetemi.

DONNARUMMA - Vuie dicite... (incepp.) ... benissimo.

ANTONIO - Però tengo l’impressione ca nun site cunvinto.

DONNARUMMA - Io? E comme no!

ANTONIO - E no! C’avite penzato acoppa!

DONNARUMMA - No, è ca me so’ ‘nceppato. Io parlo nu poco... (incepp.) ... curiuso.

ANTONIO - ‘Ntartagliate?

DONNARUMMA - Eh, ‘na specie.

ANTONIO - Allora, come non detto, scusate.

DONNARUMMA - Prego.

ANTONIO - E po’ ce sta ‘o fatto ca oggi è dummmeneca. Liggite chillu cartiello, pe piacere.

DONNARUMMA - Nun pozzo.

ANTONIO – Nun ce vedite? Tengo n’ amico ca fà l’ottico,  ve manno addu isso, accussì cunuscite pure ‘a famiglia soia: tutti ottici, ve fanno ‘e lente a buon prezzo!  c’aggio accattato pur’o cannucchiale!

DONNARUMMA - No, è ca... i’ so’ anaffabeta!

ANTONIO - Pure! (allargando le braccia)

DONNARUMMA - (prevenendolo)  Si, aggio capito: sto ‘nguaiato! ‘A dimane provo c’a vitamina B 12.

ANTONIO - Eh, pruvate, pruvate.  (pausa)  ‘A dummeneca. Uno direbbe: dopo che per sei giorni il signore s’è spezzato la schiena a ‘na scrivania e ha passato nuttate e nuttate vicin’o cannucchiale, la domenica il signore avrà anche ‘o sacrosanto diritto  ‘e s’arrepusà! Sì, avite voglia ‘e attaccà ‘e cartielle!  (solleva il piede imprigionato)  Cheste so’ rose e ciure, bellu mio. Penzate ca duie mise fa, ‘ncopp’o scendiletto, me lassarono na zappa : me purtarono e’ Pellerine cu l’autombulanza a fà l’antitetanica!

DONNARUMMA – Che gua’... (incepp.  Antonio gli batte sulla schiena)... che guaio!

ANTONIO - (dopo averlo guardato a lungo) Parecchia, me raccumanno, ‘e vitamina B 12, parecchia...  ( da dentro il pigiama tira fuori il portafoglio e conta le banconote)... Allora... cu don Peppino eramo rimaste pe cinquanta mila... diece, vinte, trenta, quaranta... Aiere ccà c’aggio miso ‘e cinquantamila lire ch’aggia dà o’ sarto. (a Gemma)  Pusate ‘e diecimila lire ca mancano.

GEMMA - A me sti cose? Mo’ passo pure pe mariola dint’a sta casa!

ANTONIO - (a Donnarumma, facendo per alzarsi) Giuvino’, mo’ ve faccio vedè ‘nu spettacolo ‘e spogliarello a scopo perquisizzione!

DONNARUMMA - Pe carità, don Anto’, i’ so’ scritto a l’Azzione Cattolica  e pe vedé ‘nu spogliarello m’adda dà ‘o permesso ‘o vescovo!   (a Gemma)  Signò, quanto vi prego, cacciate ‘e diecimila lire.

(Gemma prende il denaro dal seno e lo dà a Antonio, poi con voce alterata e commossa)

GEMMA – Dint’a sta casa e solde nun bastano maie, si ‘o vulite sapé. O’ vintisette d’o mese isso me dà ‘nu nu milione dicenno “Facitaville abbastà” e pe isso ‘e penziere so’ fernute. E i’, ‘a povera disgraziata, aggia fa’ ‘a moltiplicazione d’e pane e d’e pisce. Si quacche vota... comm’e mo’... me so’ permisa ‘e tuccà ‘o burzellino vuosto è stato pe...

ANTONIO - Pecché state accucchianne ‘e solde pe v’ accattà ‘a televisione!

GEMMA - (insorgendo irata) Sissignore, ‘a televisione! ‘A teneno tutte quante, ce simmo rimaste sulo nuie senza! E’ nu scuorno!

ANTONIO – P’e  nutizie basta e avanza ‘a radio! Po’ vuie e figliema liggite tutte chelli fessarie, ‘e fotoromanze, Novella 2000... niente! Niente televisione! Chist’ anno aggio fatto ‘a spesa d’o cannucchiale.

GEMMA - E già! Isso ‘o spasso se l’ha truvato e nuie femmene, poveri sceme, avimmo stà a fà ‘a cazetta!

ANTONIO - (a Donnarumma) E m’o chiamma spasso!  (offrendogli la parte destra del corpo) Pe piacere, tuccate ccà.   (Donnarumma, timoroso, tocca)

DONNARUMMA – Madò!

ANTONIO -  Secondo voi che po’ essere?

DONNARUMMA - Paresse na gravidanza, ma, a guardà meglio, nun è accussì; putesse essere  nu gunfiore intestinale, certo che è ‘na bella trippa!

ANTONIO - No, è ‘o fegato ingrossato.  (portando la mano di Donnarumma dalla parte sinistra) E mo’ tuccate ccà.    (Donnarumma tocca)

DONNARUMMA – N’atu fegato?

ANTONIO - E’ sempe ‘o stesso, sulo ca ‘o spasso - come ‘o chiamma ‘a signora - me l’ha fatto arrivà pure a sinistra.

GEMMA -  ‘A colpa è ‘a vosta!   (a Donnarumma)  Tutt’e notte a se cecà l’uocchie dint’a stu cannucchiale pe spià chello ca fà Vicienzo Camporeale.   (ad Antonio)  Pecché nun ve facite ‘e fatte vuoste?

ANTONIO -  (scattando, per la prima volta)  ‘E fatte ‘e Vicienzo Camporeale so’ pure fatte miei! Nu ‘mpiegato c’a stessa mesata mia e c’a stessa anzianità nun po’ fà ‘a vita d’o nababbo. ‘A televisione, sì! Manie ‘e grandezza! Vuie aviveva fà ‘a gnora ‘e Vicienzo Camporeale, no ‘a mia!  (si alza, raggiunge trascinando la gamba il cannocchiale, lo punta e osserva)  Ecco qua, ‘o signurone: ‘e perziane so’ ancora chiuse e isso dorme come ‘n angiulillo. Camporeale dorme. Antonio Orefice, invece, suo pari grado... (si morde un dito. A Gemma)  Insomma, io a chi m’aggio spusato, a vuie o a chella puvurella d’a figlia vosta?

GEMMA – Nun tenite manc’o diritto d’ a nummenà, ‘a figlia mia! Povera disgraziata! V’aviveva spusà a una ‘e l’età vosta e no fà girà ‘a capa a na guagliuncella! ‘E chiacchiere, me l’ha ‘mbriacata ‘e chiacchiere, stu farabutto! Ve puteva essere  figlia...

ANTONIO - (a Donnarumma) Vuie ‘a sentite?  (dubbioso, con altro tono)  Ce sentite bbuono, almeno?

DONNARUMMA - Si, si... ‘e rrecchie  stanno a posto.

ANTONIO - E’ già quacche cosa.  (col tono iniziale) Ie, a chesta, ‘a sto suppurtanno ‘a vint’anne. ‘A povera mugliera mia, che era ‘a figlia, me murette ‘e parto...

GEMMA - (commossa)  Pe forza: l’avite obbligata a fà dduie gemelle.

ANTONIO - Ie, l’aggio obbligata?

GEMMA -  Pecché, nun site vuie ‘o pate?

ANTONIO - Gemma, rispunnite a me: uno piglia e dice a’ mugliera: viene ccà ca mo’ facimmo duie gemelle?

GEMMA  (ringhiosa)  Sì, vuie sì, pecché site nu maniaco sessuale, state sempre a penzà a chella cosa llà!

ANTONIO -  (a Donnarumma, imponendosi la calma) ‘A povera mugliera mia, dicevamo, murette parturenno. ‘E criature, ‘e duie gemelle, avevano bisogno ‘e latte, ‘e affetto, ‘e cure. Insomma, ‘e ‘na femmena dint’a casa. ‘E cure e l’affetto , va buò: ma ‘o latte, c’o putevo dà i’? E addo’ l’ attaccavo? Accussì, Gemma, ‘a gnora mia, venette a stà dint’a casa. L’ anne so’ passate, ‘e figlie so’ crisciute, ‘o masculo stà facenno ‘o surdato e ‘a femmena, Teresa, sta cu me e fra poco se sposa cu Giacchino. ‘O latte nun s’o pigliano cchiù, ‘o bagno s’o fanno loro sule, ma essa, Gemma, sempe ccà!

DONNARUMMA - Ma guarda, puvuriello! Uno adda suppurtà ‘a gnora senza tene’ manco ‘a mugliera!

ANTONIO - Bravo, bravo Donnaru’, avite parlato come nu libbro stampato! (gli stringe la mano)  Jate a cuntà ‘a vita mia  a Camporeale...  (guarda attraverso il cannocchiale) Dorme!  (con improvvisa decisione, compone un numero al telefono e parla con voce affettata) Pronto? Casa Lillacci? Nooooo? Oooooh, mi scusi! Con chi parlo? Camporeale? Scusi tanto, devo aver sbagliato numero... Spero di non avervi disturbato... (riattacca)  E accussì è sunata ‘a sveglia pure pe Camporeale!  (a Donnarumma)  Cientotrenta ‘e pressione, manco nu capillo bianco, nu fisico comm’a n’ atleta!

DONNARUMMA - E magare tene ‘a mugliera orfana ‘e mamma!

ANTONIO - Mugliera? Camporeale tene ‘na femmena o’ juorno. Quann’è ‘a sera ca turnammo a l’ufficio, i’ me piazzo addereto ‘o cannucchiale e guardo: tutte ‘e meglio femmene d’o paese e circondario, tutte, tutte quante sfilano, una o’ juorno, dint’a casa ‘e Camporeale!

DONNARUMMA -  (a Gemma)  Signò, e vuie jate cercanno ‘a televisione!

ANTONIO - (mostrando il cannocchiale) Donnaru’, a questo strumento io c’ho dovuto applicà la cenzura. I’ tengo ‘na figlia signurina, capite? e si pe caso le vene o’ genio ‘e guardà ccà dinto, a vedé tutte ’e schifezze ‘e Camporeale po’ essere ca le veneno chi sa quali vulìe! Ma ‘e femmene fossero ‘o meno. Appartamento con sette stanze, tripli servizi, infissi in legno pregiato, mobili in stile, Luigi Filippo, fratino e provenzale, per le stanze quello brucia essenze esotiche, a pasto lui pasteggia con sciampagne francese!  (prende dal tavolinetto il registro e battendoci la mano sopra)  Tutto scritto qua, tutto registrato. Ma venarrà ‘o juorno ‘e l’inchiesta, a costo ‘e fa’ scomodà a Di Pietro ‘mperzona! Sunarranno pure pe Camporeale ‘e trombe d’o Giudizio!  (si rimette a sedere. A Donnarumma)  Ma a proposito, vuie chi site?

DONNARUMMA - Io fosse ‘o cameriere supplente d’o ristorante “Rasagnolo d’Oro”, col vostro permesso.

ANTONIO  - (armeggiando per liberare il piede) Com’avite detto, fesso?

DONNARUMMA - No, aggio ditto: col vostro permesso!

ANTONIO - Scusate, avevo sentuto malamente.

DONNARUMMA - Prego, nun è ‘o caso. Però fatico pure pe don Peppino, ‘o sarto. Infatti, v’aggio purtato ‘o vestito accunciato.

ANTONIO - Ah, bravo.  (armeggia)  Donnaru’, m’a date ‘na mano?

DONNARUMMA - E comme no, avita sulo cumannà.

(si inginocchia e tira il secchio con violenza. Antonio cade a terra battendo il sedere e dopo averlo guardato fisso esclama)

ANTONIO – Giuvino’, m’aviveve aiutà a sfilà ‘o sicchio, nun v’avevo ordinato ‘e me strappa’ ‘o pede!

DONNARUMMA - Allora facimmo accussì: i’ giro ‘o sicchio ‘a destra a sinistra e vuie girate ‘o pede ‘a sinistra a destra e vedimmo... (incepp.)

ANTONIO - Che vedimmo?

DONNARUMMA - Vedimmo che succede.

ANTONIO - Ah, vedimmo che succede.  (si rimette a sedere sul divano, armeggiano. Pausa)

DONNARUMMA - Nun succede niente.

ANTONIO - E niente po’ succedere, perché ‘o pede mica sta avvitato!

DONNARUMMA - Nooo?

ANTONIO - No, è sulo ‘nfilato dint’o sicchio.

DONNARUMMA - Allora facite accussì: attaccateve o’ divano e i’ tiro ‘o pede.

ANTONIO - Chiano, però, si nò, assieme o’ sicchio, se ne vene pure o’ pede!

DONNARUMMA - Nooo! Tutt’al più v’o scurtecate, ma tanto, che ve ne ‘mporta a vuie, l’antitetanica ve l’avite fatta! Don Anto’, stenniteve ‘ncopp’o divano: e vuie, signo’, acchiappatelo pe sotto ‘e bbraccie.

(Gemma afferra Antonio per le ascelle. Donnarumma allunga la gamba imprigionata di Antonio e vi si mette cavalcioni)

ANTONIO – Donnaru’, si mo’ tenite l’intenzione ‘e m’accurcia’ ‘a coscia, lassate sta’ ca ‘o pede sta buono addo’ sta!

DONNARUMMA - Nun ve preoccupate: simmo pronte? Via!

(Tira: Antonio scivola verso di lui, Gemma lo tira indietro, Donnarumma ripete. Si verifica un rapido viavai).

ANTONIO – Si ‘a cosa se fa longa, è meglio ca me piglio nu pinnolo p’o mal’ e capa: me state facemmo girà ‘a capa!

DONNARUMMA -  (a Gemma)  Ma dinto ‘o sicchio che c’avite miso, ‘o vinavil?  (ad Antonio)  Pruvammo sott’e ‘ncoppo. Ve dispiace?

ANTONIO - No, a me no, tanto ‘e quacche maniera ‘a dummeneca l’aveva passà!

DONNARUMMA - (a Gemma) Signò, pigliatelo pe sott’ a vavera e nun lassate.

GEMMA – ‘O pozzo piglià p’e recchie? Fanno cchiù presa.

DONNARUMMA - No, pecché basta ca sgarro ‘a velocità e vuie rimanite cu’ ‘e rrecchie ‘nmano!

ANTONIO - (Gemma lo afferra sotto il mento) Donnaru’, vedite ‘e nun sgarrà ‘a velocità si nò chesta me spezza l’uosso d’o cuollo!

DONNARUMMA - Pr... pr... pr...   (inceppamento)

ANTONIO – Bellu mio, ce manca pure ca ve mettite a fà ‘e rummure c’o deretano!

DONNARUMMA - Noooo! M’ero ‘nceppato! Allora, simmo pronte?

GEMMA - Pronte

(Donnarumma monta sul divano e si mette a sedere sulla schiena di Antonio, volgendogli la propria)

ANTONIO – Uh Madò... me manca l’aria... uh Madò... aiuto!

DONNARUMMA – Nu mumento, avimmo fatto! Pochi secondi!  (tira invano)

(sul terrazzo, mentre si fanno le grandi manovre si è affacciata una donna . E’ una giornalista che svolge un’inchiesta sul tempo libero. Sprizza efficienza, sicurezza, ottimismo. Sfoggia un paio di occhiali vistosi, indossa una corta gonna ed ha sottobraccio una cartella di pelle)

INTERVISTATRICE - Buongiorno, è permesso?

ANTONIO - ( con voce soffocata)  Chi è?

GEMMA - (con diffidenza)  Che vulite?

INTERVISTATRICE - Dov’è il signor Orefice? (lo scorge, gli si avvicina. Antonio ne scorge solo le gambe un po’ scoperte)  Ah, eccolo qua. Spero di non disturbare.

ANTONIO - (con un sorriso alle gambe) Pe carità...

GEMMA - (allontanandola dalla vista di Antonio) E invece tenimmo assaie che fa’.

ANTONIO – N’a date retta, signuri’. Avanti, avanti, a me ‘a gente me piace d’a guardà ‘n faccia!  (Gemma freme)

INTERVISTATRICE - (ad Antonio) Ho un appuntamento con lei, sa?

GEMMA -  Ah! Ma comme, int’a sta casa! Int’a casa ‘e facite veni’, ‘e femmene!

INTERVISTATRICE - Signora, io sono un’intervistatrice dell’ ITL, Istituto per l’indagine sul tempo libero. Sto conducendo un’inchiesta su come trascorre il tempo libero, vero?, il lavoratore medio italiano.  (ad Antonio)  La ditta presso la quale lei lavora mi ha fornito il suo indirizzo perché io possa rivolgerle alcune domande... (con un sorriso)... a quattr’occhi, non avrà difficoltà, spero...

ANTONIO – Int’a stu mumento, l’unica difficoltà ca provo, signurina mia, è ca  rispiro a fatica.

INTERVISTATRICE - (saputella)  Capisco: nevrosi con angoscia respiratoria  (birichina)  E si sta facendo psicanalizzare da questo dottore... (guarda perplessa Donnarumma che la osserva a bocca spalancata) Il sistema, che non conosco, fa evidentemente parte di una nuova scuola di psicanalisi che si distacca da quella freudiana... Bene, siccome vedo che è occupato, possiamo rinviare, tra un’oretta, diciamo. Ho qualche intervista da fare nella zona.

GEMMA - Nun putite turna’ fra na semmana, signuri’? Ammagare nu juorno feriale...

INTERVISTATRICE -  No, no, no. L’esperienza ci insegna che queste indagini riescono meglio quando si tocca con mano, per usare un eufemismo...

GEMMA - (battagliera) Che vulite tuccà vuie? L’eufemissimo?

INTERVISTATRICE - Voglio dire, signora, che trascorrendo col soggetto qualche ora del suo tempo libero, ci si rende meglio conto di come trascorre il tempo libero il soggetto, che è, per usare un altro eufemismo, messo a nudo...

GEMMA - Madonna d’a Saletta, ch’aggia sentì dint’ casa d’a povera figlia mia!

INTERVISTATRICE - (ad Antonio) Spero che non le dispiaccia aprirsi con me...

ANTONIO -  Cu piacere, signurina mia, cu tantu piacere...ma i’ m’arapo si pure vuie v’arapite!

INTERVISTATRICE - A presto allora: e in gamba, signor Orefice, in gamba. Buongiorno a tutti.   (esce passando per il terrazzo).

GEMMA – Anto’,  si chesta  sciacquetta mette ‘o pede int’a sta casa, faccio succedere ‘o quarantotto

ANTONIO - Ma quale quarantotto! Era ‘na visita ‘e ufficio

GEMMA - Sì, ’e ufficio!

DONNARUMMA - Scusate si m’intrometto,signò, ma... a Camporeale tutte cose   e a don Antonio niente? pe na vota ca a o’ povero disgraziato ce capita l’occasione...

GEMMA - Stateve zitto, nennì! Eh!

ANTONIO - Gaità, o ve spicciate o me mannate a piglià ‘na bombola d’ossigeno!

DONNARUMMA - Stateve nu poco calmo, dduie minute e avimmo fatto.

(Punta i piedi contro il secchio e spinge con forza. Antonio, tirato da Gemma e da Donnarumma, perde il precario equilibrio e rovina a terra, bocconi, immobile. Donnarumma si curva su di lui)

DONNARUMMA - Don Antò, a n’atu ppoco cadiveve...!

ANTONIO - (senza muoversi)  Jatevenne, turnatavenne o’ ristorante.

DONNARUMMA - E mica ve pozzo lassa’ accussì.

ANTONIO - Nun fà niente, Gaità. Passo ‘a dummeneca accussì. Facimmo ‘o cunto ca stongo scuntanno e’ peccate!

DONNARUMMA - ‘O sapite mò che faccio?  Vaco a cercà nu ferraro e me faccio prestà nu martiello e nu scalpiello. Voglio vedé chi ‘ncoccia cchiù assaie, ‘o sicchio o ie.

ANTONIO - Lassate sta’, pe piacere, già ‘a dummeneca s’è ‘nguaiata pe mme, nun v’a ‘nguaiate pure vuie. Pigliateve ‘e cinquantamila lire, salutateme a don Peppino e jatevenne ‘nsanta pace e ca puzzate campà cient’anne!

DONNARUMMA - No, no: è ‘na questione ‘e principio. A n’atu poco torno e ve libero.

ANTONIO - (mentre Donnarumma esce dal terrazzo) Nun turnate, nun turnate, faciteme ‘o piacere!   (si mette a sedere a fatica sul divano, allunga la gamba imprigionata e la poggia sul tavolinetto. Incrocia le braccia e guarda il soffitto, fischiettando. Gemma scoppia a piangere. Egli la osserva e poi le si rivolge, minimizzando)   Fernitela, fernitela ‘e chiagnere: tanto ‘a televisione nun s’accatta!

GEMMA - Nun chiagno p’a televisione.

ANTONIO - E allora, cara gnora, si nun chiagnite p’a televisione, pecché chiagnite? Forse pecché me vulite fà passà ‘n’ ata dummeneca ‘ntussecata?

GEMMA - (sempre piangendo) E nun me chiammate gnora! Simmo nate tutt’e dduie o’ 46! I’ chiagno pecché, di fronte a ‘n estraneo, m’avite rinfacciato vint’anne ‘e sacrifici, doppo ca ‘e criature voste ve l’aggio crisciute ie, c’aggio dato ‘o latte ie, c’o pietto mio!

ANTONIO – Chianu chianu: ‘e criature so’ crisciute c’o bibbero’ e c‘o latte artificiale. Caso mai, l’ha crisciute ‘o pietto d’a Farmaceutica Carlo Erba!

GEMMA - (commossa) Chi ‘e teneva ‘nbraccio ? Chi e’ cagnava ‘e pannuline e ce faceva ‘o bagnetto? Chi ha fatto ‘e nuttate quanno so’ cadute malate?

ANTONIO - Vuie.

GEMMA - Chi l’ha fatto cammenà, chi c’ha cuntato ‘e primme cunte?  (col tono di chi racconta una favola) “Che occhi grandi che hai, nonna!”   “Per guardarti meglio, piccina mia”   “Che bocca grande che hai, nonna!”   “Per mangiarti meglio, Cappuccetto Rosso!”   (fa un orrendo ruggito, imitando il lupo della favola)

ANTONIO - (rabbrividendo) Madò, che paura!

GEMMA - (riprendendo a piangere) Songo stata nonna e mamma, e si vuie avite suppurtato ‘na gnora  senza manco tené ‘na mugliera, i’ so’ stata sposa e mamma senza marito! Ie, giovane pur’io, cu ‘a carne ca freveva...!

ANTONIO – Ah ah, sempe là turnammo!   (categorico)  Sentite, ie ‘a nonna d’e figlie mie nun m’a sposo, maie  e poi maie!

GEMMA -  (gridando)  E chi ve vo’! A vuie ce vulesse ‘na femmena comm’e chella ch’è asciuta mò mò, ‘na sciacquetta, una ca ve porta a’ casa nu sacco ‘e... corna! Anzi, sapite che ve dico? Io ve lasso e me ne torno a Capemonte!

ANTONIO - (col tono di chi ha fatto il callo a simile minaccia)  Si,si... dimane!

GEMMA - Che ve credite, che nun tengo che campà? A  Capemonte...

ANTONIO - ... A Capemonte vuie tenite ddoie case e na putechella ‘e cianfrusaglie. N’ati tre figlie spusate, otto nepute, dduie frate e ‘nu zio prevete paralizzato. A Capemonte. Però, cu tutta sta ricchezza ‘e beni mobili e immobili e co’ zi’ prevete paralizzato ch’ have bisogno d’a carità cristiana, vuie state sempe ccà, a turmentà a me! Ma ch’aggio fatto, Patate’, pe me merità nu guaio ‘e chesta manera? Nun abbastava Camporeale?

GEMMA – Anto’, si nun ‘a fernite ‘e m’offendere, stavota ‘o dispietto v‘o faccio overamente.

ANTONIO - Si... so’ diec’anne ca spero ca me facite stu dispietto!

GEMMA - Basta, me ne vaco stess’oggi, me dispiace sulo pe chella bella figlia, ‘a  nepota mia ca ‘a voglio tantu bbene. Stess’oggi.   (piangendo)  Me ne vaco fra otto juorne!

ANTONIO - Ma nun aviveve ditto stess’oggi?...

GEMMA - Oggi pigli’a decisione.  (minacciosa) Primm’e me n’i’ voglio vedé come passate ‘o tiempo libbero cu chella ‘e l’intervista, voglio vedé come v’aarapite vuie e come s’arape essa, chella zezzosa! E po’, fra otto juorne... (piange)  ... comm’a ‘na serva, me tratta, comm’a ‘na serva!

ANTONIO - (sfiduciato) E  ie ‘o sapevo.  (dal terrazzo entra di corsa Teresa, eccitata e affannata. Porta un giornale in mano)

TERESA - Mamma mia ch’ emozione!  (Pausa. Li guarda prima di annunciare) Aggio visto a Capurro!

ANTONIO – A chi he’ visto?

TERESA – A Capurro, Capurro!

ANTONIO - Teré, non dicere sciucchezze. Come fa a essere ancora vivo? Tenarrà cchiù ‘e ciento anne...

TERESA - Chi è ca tene cient’anne?

ANTONIO - Capurro, fattello dicere ‘a me, ca so’  n’ intenditore.

TERESA - Cient’anne ‘e galera?

ANTONIO - Perché, mo’ a uno ca scrive canzunette, ‘o mettono pe forza ‘n galera?

TERESA - Papà, ma tu che Capurro he’ capito?

ANTONIO - Pecché, quante ce ne stanno? Capurro, l’autore ‘e chella canzunetta napulitana... io me n’intendo, ‘o ssaie, no? Quann’ ero giovane me chiammavano a cantà, o’ periodo ‘e Carnevale, a fà ‘e serate e io ‘e saccio tutte quante, ‘e canzone ‘e ‘na volta! Capurro è chillo ch’ ha scritto:  (accenna)  “Chi me piglia pe francesa, chi me piglia pe spagnola, ma ie so’ nata o’ Conte ‘e Mola...”

TERESA – Ie stu Capurro ca dice tu, nun saccio manco chi è. Ie dicevo ch’aggio visto  a Capurro ‘o bandito, chillo ca se n’è fujuto.

GEMMA - Teresì, a chest’ora Capurro starrà o’ Brennero.

TERESA - Diece minute fa steva for’a chiesa, anze, me pare ch’è trasuto dint’o bar a se piglià nu cafè!

GEMMA - Teré, l’ha ditto ‘a radio mez’ora fa.

TERESA - E io te dico che l’aggio visto quanno so’ asciuta d’a messa!

ANTONIO - Ma comme, uno se ne fuje d’o carcere a Milano, piglia ‘a via pe Bolzano, po’ ce penza acoppa, gira e vene a sentì ‘a messa a Santa Lucia... Ma famm‘o piacere...!

TERESA - S’è ammiscato ‘nmiez’a gente ch’asceva d’a messa pe nun se fa’ cunoscere.  (apre il giornale) Accanne, ‘a fotografia: tale e quale.

GEMMA - (con un sussulto, osservando la foto) Madonna mia! Terè, chi t’arricorda?

TERESA - Chi m’adda arricurdà?

GEMMA - Guarda buono, bella mia: ‘o taglio ‘e l’ uocchie, l’attaccatura de’ capille...

ANTONIO - ‘O diavulo!

GEMMA – Stateve zitto! (a Teresa) Raul Bova! Oppure, Claudio Baglioni!

TERESA - Eh... po’ essere....Tale e quale!

GEMMA - No, nun po’ essere...  (sospirando)  Magari putesse essere...

ANTONIO - Ma che tene ‘e tanto speciale, eh?

GEMMA - (con un grido) E’ n’ ommo, nu masculo overo!

ANTONIO - Pover’a me, chesta s’è pure scemunita!  (a Teresa) E ch’ ha fatto stu bandito?

TERESA - Cinche distributori ‘e benzina rapinati, tre vicchiarelle e nu penzionato scippati, tre coppie ‘e ‘nnammurate derubati e ‘na bomba dint’a na puteca a Caserta! Jà, faciteme telefonà a Pinchi Pinchi, c’o voglio dicere a isso!  (nota il piede di Antonio imprigionato nel secchio) Papà, e ch’he’ fatto stammatina? Si’ caduto dint’o sicchio?

ANTONIO - Terè, me l’aggia cavata bona. Me puteva capità ‘a zappa ‘n ata vota.

TERESA - Nun sta bene ca te faie truvà dint’a sti condizioni ‘a Giacchino mio.   (si china e sfila agevolmente il secchio. Antonio resta di sasso. Osserva Gemma poi il piede. Intanto, Teresa al telefono ha composto il numero di Gioacchino)  Pronto, Giacchi’? Pinchi Pinchi, ch’emozione! Anduvine a chi aggio visto quanno so’ asciuta d’a messa? No, ma che direttore d’a banca! Aggio visto a Capurro, Ca- pur- ro. Si, ‘o bandito, chillo ca diceno ‘ncopp’e giurnale ... (pausa) Pinchi Pinchi... pronto?  (gridando)  Pronto? (pausa)  Ma chi parla? Ah, cavalie’, site vuie?... ma ch’ ha fatto Giacchino? Comme?  (a Gemma)  E’ svenuto!

GEMMA - Pe forza, chillo è debbole e malatuognolo e tu nun ‘o pripare a cierti nutizie...

TERESA - (al telefono)  Cavalie’, che fa? Comme? Ah, menu male... Si, bravo... Mettitece na goccia e’acito sotto ‘o naso e doppo dduie pinnole ‘e ArpiaPigol ...  Pinchi Pinchi, amore mio... Sta’ tranquillo, me so’ sbagliata: era uno che c’ assumigliava... (ammicca a Gemma)... Si, ‘o saccio, Capurro ‘o bandito se n’è fujuto a’ parte ‘e l’Austria. Si, si... sta tranquillo... Bravo, viene subbeto. T’aspetto. Ciao.  (riattacca)

ANTONIO - (sempre perplesso) Terè, tu m’he’ spiegà com’he’ fatto a me leva’ ‘o sicchio d’o pede!

TERESA - Pecché, papà, ce vo’ ‘a laurea in ingegneria? Papà, mo’ arriva Giacchino e tu staie ancora in desabigliè! Piuttosto, te staie danno da fà pe ce truva’ nu posto?

ANTONIO - Eh... sto ‘n parola cu tre o quatto...

TERESA - Papà, m’arraccumanno: Giacchino tene poca salute : ‘a fatica adda essere  poco impegnativa, capisc’a me, adda fa’ poco o niente d’a matina a’ sera!

ANTONIO - E allora vedimmo d’o sistima’ ‘ncopp’a Reggione!

TERESA - Intanto, telefonammo a’ Polizia.

ANTONIO - Teresì, bella mia: ‘a Polizia nun fà per Giacchino. Figurete, debbole com’è, nun c’a fà manc’a suppurtà ‘o piso d’a pistola d’ordinanza!

TERESA - Ma ch’ he’ capito? Ie voglio telefonà a’ Polizia pe ce cuntà ‘o fatto  d’o bandito Capurro.

GEMMA - Ma allora nun l’he’ capito ancora? Capurro se ne sta fujenno in Austria. (accende la radio) Siente, è l’ora d’o notiziario.

VOCE DELLA RADIO - Notizie del giornale radio. Sulla fuga del bandito Capurro ascoltate un servizio speciale dalla nostra redazione di Rimini.

GEMMA - Rimini?

RADIOCRONISTA - Vi parliamo, gentili ascoltatori, dal lido Spiaggia d’Argento di Rimini. Una drammatica notizia turba l’allegria delle nostre spiagge nell’imminenza dell’arrivo dei turisti stranieri. Ma sentiamo il racconto del bagnino Marcello Chiappini.

BAGNINO - (con marcato accento romagnolo)  Mo vedi ben, cari italiani in ascolto, che ieri sera, verso le sette, s’è presentato un tizio che m’ha noleggiato un moscone per farsi ‘na rematina al largo, boia d’un mondo leder...

RADIOCRONISTA - Signor Chiappini, quali elementi hanno destato i suoi sospetti?

BAGNINO - Il tizio cercava di nascondersi il viso con ‘n cappellaccio, non si guardava intorno, non s’è manco accorto de quel pezzo de gnocca de tedescona che stava con me, mo vedi ben! S’è messo in mare sul moscone portando con sé una custodia di violino. Ma quando mai s’è visto far la serenata col violino in mare! Quella era la custodia per il mitra, mo vedi ben, boia d’un mondo leder!

RADIOCRONISTA - E l’individuo sospetto si è allontanato lungo la costa o ha preso il largo?

BAGNINO - Il largo, il largo! A occhio e croce, puntava verso l’Albania!

RADIOCRONISTA - Tutta la flotta costiera è stata messa in stato di allerta. Avvertiamo anche i comuni bagnanti di segnalare tempestivamente la presenza di natanti sospetti. Qui Rimini: a voi Roma.

GEMMA - (spegnendo la radio) Si’ cunvinta mò?

TERESA – ‘A no’, ma nun aviveve ditto ca se ne fujeva in Austria?

GEMMA - In Austria, in Albania, ca ‘o pozzano accidere... è ‘o stesso... ma certo nun puteva stà annanze a’ chiesa ‘e Santa Lucia !

ANTONIO -  (commentando ironico)  E comme! L’ albanese venono tutte quante ccà, in Italia, e chillo, ‘o suspettato, se ne fuje in Albania? Vuo’ vedè ch’era Prodi ca fujeva? ... cu sta questione ‘e l’ immigrate...

GEMMA - Stateve zitto, ignorante: si era Prodi, parteva cu ‘a bicicletta, mica c’o muscone!

TERESA - Però... (osservando il giornale) ... era tale e quale... (trilla il telefono. Risponde Teresa)  Pronto? Pinchi Pinchi , ma staie ancora a’ casa? Comme? Si, si, vabbuò. Viene subbeto. Ciao... bacino...  (riattaca. A Gemma)  Ha ditto Pinchi Pinchi  ‘e ce pripara’ nu pucurillo ‘e riso cu na guccetella d’uoglio pecché ‘a nutizia l’ha scombussolato tutt’a panza...

GEMMA - Viene, bella d’a nonna, jammo a cucenà. T’he’ ‘mparà comme se fà pecché... (commossa) ... ‘a dummeneca che vene ‘e rise a Pinchi Pinchi ce ‘l he’ priparà tu.  (con un fil di voce)  I’ me ne torno a Capemonte...

TERESA - A Capemonte? E pecché?

GEMMA - (piangendo, indica Antonio) Chillu senza core me n’ha cacciata!

TERESA - Papà?

ANTONIO - Ie nun aggia cacciato a nisciuno. E’ essa ca pe  me fa’ dispietto se ne vo  i’!

GEMMA - (gridando) Ie vaco a llà a cocere ‘e rise pe Pinchi Pinchi, po’ piglio ‘a valigia e parto!

TERESA - (abbracciando Gemma) Si se ne va ‘a nonna, me ne vaco pur’ io! Invece d’a caccià, a sta santa femmena, tu l’avisse fà felice... te l’avisse spusà!

GEMMA - (d’accordo)  Proprio accussì!

ANTONIO - (urlando) Jatevenne int’a cucina a cocere ‘e rise!  (spinge le donne verso sinistra, le fa uscire e sbatte la porta. Passeggia nervosamente, imprecando tra i denti. Si arresta di fronte al cannocchiale: vi guarda. Ha un gesto di stizza, compone un numero al telefono, poi, sorridendo ironico e falsando la voce)  Pronto? Il commendator Rossi? Noooo? Ooooh, scusi tanto! Con chi parlo? Camporeale?   (Pausa, poi con voce tonante)   Cornuto!

(Riattacca con rabbia, prende il vestito lasciato da Donnarumma e entra nella sua camera. Sul terrazzo, appare un uomo, che, con fare circospetto e sfilandosi una rivoltella dalla cintura, entra nella stanza, si aggira furtivamente, poi, sentendo aprire la porta della camera di Antonio, si appiattisce sulla parete destra tenendo la rivoltella puntata. Antonio entra indossando il vestito: gli sta esageratamente grosso, le maniche lunghe un palmo, i pantaloni larghi e lunghi)

ANTONIO - Ma tu guarda nu poco... ma ch’ha cumbinato chillu disgraziato?  (al centro, cerca di abbottonare i calzoni. Lo sconosciuto, Capurro, lo raggiunge con un balzo e gli punta la rivoltella contro la schiena)

CAPURRO - Mani in alto!

ANTONIO - (con un sobbalzo, senza voltarsi)  Chi è?!

CAPURRO - So’ ie, mani in alto!

ANTONIO - (gridando) E faciteme primma appuntà, mannaggi’a miseria!

CAPURRO - Mani in alto o ve sparo!  (Antonio alza le mani e i calzoni scivolano definitivamente ai suoi piedi)

CAPURRO – Accunciateve ‘o cazone.  (Antonio tira su i calzoni e li abbottona alla meglio) Ma vuie, scusate, ‘a qualu disgraziato ve facite cosere?

ANTONIO - Eh sì, pare proprio ca stu cazone tene qualche difetto!  (Capurro cerca di sistemarlo ma desiste, avvilito. Antonio, incuriosito)  Scusate, giuvino’, ma vuie chi site?

CAPURRO - Nun me cunuscite?  (prende il giornale dal tavolo -dove lo ha lasciato Teresa- e lo mette sotto gli occhi di Antonio)

ANTONIO - (leggendo)  Messaggio del presidente Clinton al presidente della Russia Eltsin...

CAPURRO - Cchiù sotto, guardate ‘a fotografia...

ANTONIO - (leggendo) Si cerca l’evaso Filippo Capurro... (arretra, terrorizzato) Capurro!

CAPURRO - Zitto!

ANTONIO - Ma vuie, scusate, nun stiveve a remà ‘ncopp’a nu moscone pe l’Albania?

CAPURRO - Io? Quanno maie! Sarraggio delinquente, ma mica so’ scemo!  (pausa) Chi ce sta dint’a casa, oltre a vuie?

ANTONIO – Figliema e ‘a gnora mia.

CAPURRO - Acalate ‘e mmane e arapite buono ‘e rrecchie. A me me servono otto ore ‘e sicurezza, pecché nu cumpare d’o mio sta cercanno e me ‘mbarcà clandestinamente a Civitavecchia pe l’Africa e ie voglio aspettà ca se fa notte pe m’arrubbà na machina e p’o raggiungere. Si facite ‘o bravo, Capurro nun ve tocca. Ma si v’agitate oppure cercate ‘e me fa’ fesso, allora ...  (gli passa la canna della rivoltella sul viso) ... pelo, contropelo, sciampo e frizione... servizio completo, me so’ spiegato?

ANTONIO - Ce credo, e chi se move!

CAPURRO - Che stanno a fà ‘a figlia vosta e ‘a gnora?

ANTONIO - Stanno int’a cucina a cocere ‘e rise a Pinchi Pinchi.

CAPURRO – E chi è Pinchi Pinchi, ‘o micio?

ANTONIO - No, è Giacchino.

CAPURRO – Tenite nu micio ca se chiamma Giacchino?

ANTONIO - No, ie aggio ditto ca tenevo nu micio ca se chiamma Giacchino?

CAPURRO - Scusate, accussì avevo capito.

ANTONIO - No, no. Giacchino è ‘o nnammurato d’a figlia mia.

CAPURRO - Cosicché ‘a figlia vosta l’avite misa a fa’ ammore cu nu micio!

ANTONIO - (alterato) Capurro, ie ‘o micio, dint’a casa, nun ‘o tengo proprio!

CAPURRO - Allora chi è stu Pinchi Pinchi?

ANTONIO - E’ ‘o nnammurato d’a figlia mia.

CAPURRO - ‘O nnammurato se chiammava Giacchino. (nervoso e sospettoso, affonda la canna della rivoltella nel ventre di Antonio) Accumminciammo d’o capo. A’ là ce stanno ‘a figlia vosta, ‘a gnora e Pinchi Pinchi. Si nun è ‘o micio, chi è Pinchi Pinchi?

ANTONIO - ‘O nnammurato d’a figlia mia.

CAPURRO - (tormentandosi la faccia) Ma nun è Giacchino?

ANTONIO - Sì.

CAPURRO - Allora ‘a figlia vosta tene dduie nnammurate!

ANTONIO - (soddisfatto) Eh!... Cioè, no! Scusate, bellu mio, ma state ‘mpapucchianno tutte cose... me facite ‘mbruglià pur’a me! Che c’ azzecca ‘o micio?

CAPURRO - (gridando) E ‘a me ‘o vulite sapé?

ANTONIO - Giacchino e Pinchi Pinchi so’ ‘a stessa perzona.

CAPURRO - Oh... finalmente...! E ‘o putiveve dicere subbito: nomme e cugnomme!

ANTONIO - Capurro, faciteme parlà! Pinchi Pinchi è ‘o soprannomme... Giacchino è ‘o nomme.

CAPURRO - (digrignando i denti) Allora nun so’ ‘a stessa perzona!

ANTONIO - (con falsa calma) Sentite, Capurro, lassammo sta’, cumannateme qualunqu’ ata cosa, e io eseguo senza discutere.

CAPURRO - Primma cosa avimma stabilì, cu precisione, chi ce sta a’ llà.

ANTONIO - Ve l’aggio ditto, figliema e ‘a gnora.

CAPURRO - E Pinchi Pinchi.

ANTONIO - (paziente) Nonzignore, Pinchi Pinchi nun ce sta.

CAPURRO - Allora ce sta Giacchino.

ANTONIO - Nun ce sta manco Giacchino.

CAPURRO - (portandosi una mano alla fronte, come se avesse una vertigine)  Uh, Mado’!   (si scambiano un lungo sguardo. Capurro si avvicina alla porta di sinistra, l’apre con un piede e si appiattisce contro la parete) Facite venì tutte ‘e perzone ca  stanno a’ llà, crestiane, micie e tutte l’ati specie vivente... avite capito?

ANTONIO - Si!  (chiama verso l’interno)  Gemma!  (silenzio)   Gemma!   (silenzio. A Capurro)   Nun risponne pecché è offesa cu mme.   (più forte)  Gnoraaa!

GEMMA - (fuori di scena)  Ie cu ‘e scrianzate nun ce parlo!

ANTONIO - (a Capurro)  Avite visto? Nun vene.

CAPURRO - Pecché sta offesa cu vuie?

ANTONIO - Cose ‘e famiglia, ce simmo appiccecate.

CAPURRO – ‘A gnora è sempe ‘a gnora. Facite pace. Chiammatela: mammina...

ANTONIO -  (verso l’interno)  Mammina, venite ccà nu mumento. E pure Teresina.

CAPURRO - Pure Pinchi Pinchi.

ANTONIO- (verso l’interno) Pure Pinchi Pinchi.  (dubbioso, si volge verso Capurro) Pinchi Pinchi nun ce sta là dinto. Adda venì a mangià a n’atu ppoco.

CAPURRO - Giacchino, allora.

ANTONIO - Pure Giacchino adda venì a mangià.

CAPURRO - (senza scomporsi) Sentite, io v’aggia spara’!  (gridando)  Facite venì ‘e femmene!

ANTONIO - Mammina, ce sta na visita.

GEMMA - (fuori di scena) Nun me ne ‘mporta niente!

ANTONIO - E’ na sorpresina, mammina!  (entra Gemma, sorreggendo una valigetta e con un cappellino in testa)

GEMMA  - (ad Antonio)  Visite, dint’a sta casa, nun ne ricevo cchiù.   (a Capurro, di sfuggita)  Buongiorno.  (a Antonio)  Dimane manno a piglià ‘o riesto d’a robba mia.   (Capurro le punta la rivoltella alle reni)

CAPURRO – Addò jate vuie?

GEMMA - A  Capemonte. (sentendo premere alle reni) Uè bellì, e che vuttate a ffà?!   (si volta)

ANTONIO - (facendo le presentazioni)  Permettete? Capurro...

GEMMA - Capurro o non Capurro, chistu scanusciuto s’è permettuto ‘e me tucca’!   (alla vista della rivoltella)  Capurro, ‘o carcerato!   (la valigia le cade di mano e Gemma resta come istupidita. Poi con un fil di voce)  Capurro...!  (resta in muta ammirazione dell’evaso, aggiustandosi l’abito e il cappellino)

CAPURRO  -  (ad Antonio)  E mò facite trasì ‘a figlia vosta.

ANTONIO - (verso l’interno)  Teresì!   (entra Teresa, singhiozzando, e va a gettarsi fra le braccia della nonna)

TERESA – ‘A no’, nunnarè, vengo pur’ie cu te a Capemonte!  (poi, alzando gli occhi verso Capurro)   E chi è chistu bellu giovene... tale e quale a Capurro...!

GEMMA - Teresì, chillo è Capurro.

TERESA - Ve l’avevo ditto ca l’avevo visto, ma nun m’avite creduto! Uh Mado’! M’ è venuto appriesso!  Gesù, che ce fa Capurro dint’a casa nosta?  (riprende a piangere)

GEMMA - (lanciando sguardi adoranti a Capurro) Aspe’, Terè, ca mo’ c’o dice.

CAPURRO - (indicando a sinistra)  Chi ce sta a’ llà?

ANTONIO – ‘E stanze d’a figlia mia e d’a gnora e ‘e bagne.

(Capurro chiude la porta di sinistra, va alla porta di destra e sbircia dentro)

ANTONIO - Chella è ‘a cammera mia.   (Capurro ritorna al centro)

CAPURRO - Quanti ingressi ce stanno?

ANTONIO - (indicando il terrazzo)  Sulo chillo.

CAPURRO - Allora stammo a posto. Assettateve.   (tutti siedono)   Mo’ ripeto ‘o discorso. Appena se fa notte, vuie rimanite ccà ferme e guaie a chi se move, i’ esco, m’arrobbo ‘na machina e parto pe Civitavecchia e diman’e matina me ‘nbarco pe l’Africa.

GEMMA - (salottiera)  Egitto?

CAPURRO - Che?

GEMMA – State partenno pe l’Egitto?

CAPURRO - No, p’a Tunisia.

GEMMA - Oh no! Si avessa viaggia’, ie scigliesse l’Egitto... Il Nilo, le piramide, le sfinge... l’Aida...

CAPURRO - (frastornato) Si, si, vabbuò. Allora, ie me ‘mbarco. A vuie nun ve voglio dà fastidie...

GEMMA - Ma nun ve preoccupate, facite ‘o commodo vuosto...

CAPURRO - Però, si qualcheduno cerca ‘e fà ‘o fesso...

GEMMA - Capurro, pe carità! Facite come si fusseve a’ casa vosta!

CAPURRO - Signò, m‘o facite fernì ‘o discorso, si o no? M’a facite fà sta minaccia oppure ve l’aggia scrivere in carta da bollo?

ANTONIO - (a Gemma)  E stateve zitta! Facitelo parlà!   (lunga pausa)

CAPURRO - Ooooh!  (pausa)  Si qualcheduno cerca ‘e fà ‘o fesso, io ce facc’ arrivà int’a casa tutta ‘a truppe d’o Telegiornale e pure ‘o schiattamuorto cu ‘a cascia! Si qualcheduno sgarra, ‘a primma vittima sarrà...  (passa in rassegna i presenti, soffermandosi infine su Gemma, che, lusingata, si scopre un poco le gambe rialzando di poco la gonna)   ...  ‘a primma vittima sarrà essa, ‘a gnora!

ANTONIO - Scusate, in che senso?

CAPURRO - Nel senso ca, o’ primmo movimento suspetto, ie piglio ‘a gnora e ...  (fa un movimento colla pistola)

ANTONIO - E...  ?

CAPURRO – ‘A sparo.   (pausa. Antonio lo fissa)

ANTONIO – ‘A sparate. 

CAPURRO – ‘A sparo.  (Gemma se lo divora cogli occhi)

ANTONIO - (vivamente interessato) Faciteme capì buono, Capurro. Si ie, tanto pe fà ‘n esempio, m’aizo ‘e scatto, corro fore casa e accummenci’alluccà: Aiuto! Currite! Ce sta l’evaso dint’a casa mia!... vuie...

CAPURRO - (indicando Gemma) Ie ‘a piglio e ‘a sparo.

ANTONIO – A essa, no a me che so’ asciuto alluccanno...

CAPURRO – A essa, a essa, a’ gnora. Vuie, scusate, che c’azzeccate?

ANTONIO - (meditabondo) ‘A spara, a essa, a Gemma... (Pausa, osserva Gemma, poi Capurro, mentre un leggero sorriso gli increspa le labbra. Poi, serio e ansioso)... Parola d’onore?

CAPURRO - Vulite fà ‘a prova?

ANTONIO - (alzando le braccia) No, no, ‘e vuie me fido!

GEMMA - (salottiera)  E si invece corr’ie fora e allucco: Aiuto! Currite! ?

CAPURRO – Spar’a vuie.

GEMMA - A chi?

CAPURRO – Semp’a vuie.

ANTONIO - (soddisfatto) Ecco qua, vabbene!

GEMMA - (eccitata)  ‘Nzomma, chiunque se move, vuie sparate semp’a me.

CAPURRO - Brava, veco ca site scetata!

GEMMA - (con un grido di ammirazione)  Ch’ommo!   (si precipita su Capurro, lo afferra per il mento e lo osserva di profilo)  Capurro, vuie site ‘o capolavoro ‘e l’ ormone maschile!

CAPURRO - (immobilizzato dalla stretta di Gemma) Signò, bella...

GEMMA - (senza mollare la presa, rivolta a Antonio)  Chisto sì, chisto è ‘n ommo!

CAPURRO - (come sopra)  Signo’...

GEMMA - (ad Antonio) N’ ommo ca se conquista ‘a libertà cu l’ arme ‘n mano!   Audace!  Intrepido!  Monello! Vittorioso! Capurro... disponete di me... tutta... pigliateme tutta quanta!

CAPURRO - (gridando)  Signò, levateme ‘a mano d’a faccia!   (Gemma lo lascia)  E assettateve!   (Gemma si rimette a sedere)   E ‘o primmo ca me mette na mano ‘n faccia ‘o sparo!   (ad Antonio)  Ma che razza ‘e gnora ve site juto a scegliere?

ANTONIO - Uuuuh, bellu mio! 

CAPURRO - (osserva Gemma che gli lancia sguardi infuocati, poi prende Antonio per un braccio e lo trascina verso il proscenio)   Tra uommene... visto ca site accussì gentile a m’ospità... si v’aggia fà nu piacere... me capite... si ‘a signora è superchia... Mi seguite?

ANTONIO - Grazie, bellu mio, apprezzo ‘o penziero e terrò presente. Però, si veramente me vulite fà nu piacere, m’avisseve permettere ‘e telefonà a ‘n amico, uno ca se chiamma Camporeale, scapolo, ca campa sulo sulo, ca, siccome ogge è ‘a nascita soia, avevo penzato d’o ‘nvità a mangià. Sapite, m’aggia sdebità ‘e cierti piacere...

CAPURRO - Ccà, ie nun ce voglio cchiù a nisciuno. Truvate n’ ata occasione pe ve sdebita’.

ANTONIO - Sì, ma ‘n occasione accussì, e quanno me s’appresenta?

(fuori scena si sente un formidabile sternuto. Capurro si precipita verso la porta del terrazzo e scosta la tendina)

CAPURRO - Fore ce sta uno cu ‘na faccia bianca cadaverica!

TERESA - Giacchino mio!

CAPURRO – Tutte assettate e facite finta ‘e niente.  (si appiattisce contro la parete. La porta del terrazzo si apre ed entra Gioacchino, accompagnandosi con un altro forte sternuto. Gioacchino ha sciarpa al collo, pallido e con una berretta di lana in testa)

GIOACCHINO - Permesso?  (sternutisce)  Buongiorno. (altro sternuto. Teresa gli corre incontro e lo abbraccia)

TERESA - Pinchi Pinchi mio!

GIOACCHINO - Chiano, Teresì, ch ‘o reumatismo s’è spustato ‘a sinistra a destra.   (sternutisce, poi si rivolge a Gemma, che è sempre in muta adorazione di Capurro) ‘Onna Gemma, e pe furtuna ch’a Napule nun ce stevano ‘e nuvole... (ha un singhiozzo) ... Tié tiè, pur’o sennuzzo m’è venuto!  (poi, notando l’atmosfera tesa)  Che è? state tutte quante ‘mpalate... mica tenite a me dà quacche brutta nutizia...?   (si porta una mano al cuore)  Gesù, Mado’, priparateme... (singhiozza)

ANTONIO -  Giacchì, p’o sennuzzo, intanto, pigliete nu bellu surzo d’acqua gelata c’o poco ‘e limone.

GIOACCHINO - Vulite pazzià, accaldato comme stongo? Mica me voglio piglià na pleurite! Meglio ca me piglio na paura, allora.

ANTONIO - E allora girate.

TERESA - No!

GIOACCHINO - (a Antonio) Pecché me vulite fa’ girà?

ANTONIO - Accussì te piglie na bella paura.

GIOACCHINO - (a Teresa, con voce malferma) Che ce sta addereto a me?

ANTONIO - Si te gire, ‘o vide tu stesso.

GIOACCHINO – Sapite che ve dico, don Antò? Me tengo ‘o sennuzzo.

ANTONIO - Tanto, primma o poie, t’he’ girà pe fforza.

GIOACCHINO - (mentre gli si piegano le ginocchia)  Ma che ce sta?

CAPURRO - Ce sto io!

GEMMA - ‘O super masculo!

(Gioacchino si volta lentamente, afferrato a Teresa. Scorge Capurro, gli fa un mezzo sorriso. Teresa gli indica il giornale. Gioacchino confronta le fisionomie dell’evaso e della fotografia e, senza un gemito,  cade lungo disteso per terra. La porta si apre di schianto. Entra Donnarumma, sorreggendo uno scalpello e un grosso martello)

DONNARUMMA - (raggiante)  Don Anto’, dduie...  (inceppamento) ... minute e site n’ ommo... (inceppamento) ... libbero!

(entra a valanga, inciampa nel corpo di Gioacchino e cade, lasciando precipitare a terra martello e scalpello. Il martello cade sul piede di Capurro, che lancia un grido di dolore e fa partire inavvertitamente un colpo di pistola; il proiettile raggiunge di striscio il piede di Antonio. Capurro ed Antonio saltellano su una gamba, tenendosi il piede dolente nelle mani, lanciando grida di dolore, Teresa cerca di rianimare Gioacchino e Gemma accorre in aiuto di Capurro)

SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO.

ATTO   SECONDO

(Mezz’ora più tardi. Antonio e Capurro sono sprofondati nel divano e poggiano la gamba destra sul tavolinetto. Entrambi hanno il piede vistosamente fasciato. Hanno un fazzoletto in fronte e si lamentano debolmente. Un terzo fazzoletto è sulla fronte di Donnarumma, seduto rigidamente su una sedia. La porta della camera di Antonio è aperta. La radio è accesa e trasmette musica. Poi la musica s’interrompe e...).

VOCE  DELLA RADIO -  Dalla nostra redazione di Nuova York trasmettiamo le ultime notizie sull’evasione del pericoloso camorrista Filippo Capurro, evaso ieri dal carcere milanese di S. Vittore, che sembra essere entrato clandestinamente negli Stati Uniti grazie alla complicità della mafia locale. Misure di emergenza sono state adottate per assicurare la cattura del fuorilegge nel più breve tempo possibile.

(Antonio scaglia rabbiosamente una scarpa contro l’apparecchio radio)

DONNARUMMA - Forze è meglio si stuto ‘a radio, don Antò.   (spegne la radio)

ANTONIO – Donnaru’, p’o bene vuosto, è meglio ca nun me parlate.

CAPURRO - (a Donnarumma, lamentandosi)  Disgraziato, proprio ‘ncopp’all’ogna ‘ncarnita.

DONNARUMMA - Pare ca l’aggio fatto apposta!

CAPURRO - Ma nun ‘e tenite l’uocchie per vedé addo’ mettite ‘e piede?

DONNARUMMA - Sì, ma io che ne sapevo che ca ce steva uno svenuto pe terra? Ce fosse stato nu cartiello p’avvertimento...

ANTONIO - Ma che dicite, animale, che cartiello! Si nun sapite manco leggere...!     (lamentandosi)... Aaaah, Madonna mia!

DONNARUMMA - Don Anto’, che ve lamentate a ffà? ‘O sparo v’ha pigliato ‘e striscio e l’antitetanica ve l’aviveno già fatta: tutte ‘e fortune tenite....!

ANTONIO - Pecché, vuie no? ‘A botta v’ha fatto passà ‘o ‘ntartagliamiento...!

DONNARUMMA - Pecché, ve dispiace?

ANTONIO - E me dispiace sì, v’aveva acchiappà a n’ organo vitale!

CAPURRO - (puntando la pistola contro Donnarumma)  Stammo sempe ‘ntiempo pe rimedià, stammo sempe ‘ntiempo.   (ad Antonio)  Tre mise, capite? Tre mise ‘e cure e sufferenze pe st’ogna ‘ncarnita. Penzate ca nun m’aggio vuluto opera’ pecché, a me, ‘o sanghe me fà impressione...  (al gesto di incredulità di Antonio e Donnarumma) ... ‘o sanghe mio!

ANTONIO e DONNARUMMA -  Aaaaah, me credevo!

CAPURRO - Accussì so’ juto addu nu prufessore ‘e Milano ca m’ha curato cu ‘e ragge e cu cierti supposte miraculose. Azzo ma quant’è caro! Vuleva miezu melione!

ANTONIO - Azzo!

CAPURRO - Era nu grande prufessore.  (pausa)  Menu male ca nun l’aggio pavato.   (pausa)   C’aggio dato ‘na botta ‘ncapo e me ne so’ juto.  (pausa)  E mò sto punto e  a capo cu stu dito. Aaaah, Madonna mia!

DONNARUMMA - Vulite ca ce dongo na guardata?

CAPURRO - (puntandogli contro la rivoltella)  Nun ve permettite e me tucca’...

DONNARUMMA - E mica tocco a vuie. Co’ permesso vuosto tocco sulamente ‘a fasciatura.

CAPURRO - Azzardateve a tuccà nu punto qualunque d’a perzona mia e io ve sparo deritto dint’o core.  (una mano sulla fronte)  Mado’, comme me sbatte! Chi me trova ‘nu pinnolo p’o mal’e cape?

DONNARUMMA - (alzandosi) ‘A colpa è stata ‘a mia e ie m’aggia fa’ perdunà. Vaco nu mumento dint’a farmacia...

CAPURRO - (minacciandolo colla pistola)  Ogge è dummeneca e ‘e farmacie so’ chiuse.

ANTONIO – Int’a sfurtuna simmo furtunate, don Fili’. Giacchino sta apierto!   (chiamando)  Gemma!   (Gemma si affaccia alla porta di destra con indosso un abito civettuolo e vistosamente truccata)

GEMMA – Ve serve quacche ccosa, Capu’?

ANTONIO - Sentite, vedite ‘e truvà ‘ncuoll’a Giacchino nu pinnolo p’o mal’e cape. Anzi, pigliatene uno pure pe mme.

GEMMA – Int’a quale teraturo... int’a quala sacca starrà?

ANTONIO – Si m’arricordo bbuono, dint’a chella ‘e reto a destra d’o cazone.

GEMMA - Provvedo tosto, Capurro!   (via a destra. I due feriti riprendono a lamentarsi. Gemma rientra con le compresse e una bottiglia d’acqua con due bicchieri di plastica)   Ecco qua ‘e pinnele.   (i due ingoiano una compressa, accompagnandola con un sorso d’acqua. Capurro versa un po’ d’acqua sulla fasciatura, ma desiste, lanciando un grido di dolore. Gemma sprimaccia un cuscino e glielo sistema dietro la schiena)   Primma cosa,  v’avite rilassa’. Gradite ‘n’ ata tazzulella ‘e cafè fatto frisco mò mò?

CAPURRO - No, grazie.

GEMMA - Ve sustiene.

DONNARUMMA - Signò, scusate: già se n’ha pigliate cinqhe. Nun avite capito? ha ditto: no, grazie.

GEMMA - Vuie stateve zitto pecché site n’estraneo, invece Capurro è ‘n ospite! Io ‘e cunosco ‘e maniere ‘e ‘na padrona ‘e casa!

DONNARUMMA - E ie invece veco ca ce tremma ‘o dito ‘ncopp’o grilletto d’a pistola! Chillo sta già tutto elettrico e vuie pe jonta ce vulite dà l’atu cafè. E allora mannate a chiammà ‘o prevete pe l’estrema unzione!

ANTONIO - A proposito, comme sta Giacchino? S’è arripigliato? Ce so’ turnate ‘e pulsazioni int’e vvene?

GEMMA - Sta accussì accussì. Teresa c’ha cuntato mò sidece pulsazione o’ minuto...

ANTONIO - Ah, nun c’è male! Ringraziammo a Dio!

GEMMA - Vulesse essere accumpagnato là...

CAPURRO - (sospettoso) Là addò?

GEMMA  - Int’o gabinetto, si permettite.

CAPURRO - Brava, avite ditto buono: si ie permetto.   (pausa)  Accumpagnatelo.

GEMMA - Grazie, Fili’.  (esce a destra sculettando vistosamente)

ANTONIO - (dopo averla osservata uscire, a Capurro) Cosicché appena se fa notte, partite pe ve ‘mbarca’ pe l’Africa.

CAPURRO - (guardando Donnarumma) Si nu ce stanno ati guaie!

ANTONIO - Sentite ‘na cosa, Capu’... Gemma, ‘a gnora mia... v’a vulite purtà cu vuie?

CAPURRO - Ie? E pecché?

ANTONIO – Pe me pavà ‘o disturbo.

CAPURRO - E ie, pe ve pavà ‘o disturbo, aggia passà nu guaio? Si me dicite d’a spara’, ie ‘a sparo subbeto.

ANTONIO - Ma si ‘a sparate, nun ce ricavate niente.

CAPURRO - E in Affrica, che ce ricavo?

ANTONIO – V’a vennite.

CAPURRO - Vuie state danno ‘e nummere: che ce ricavo cu chella? Manco cientemila lire.

ANTONIO - Pure si fossero cientemila lire, fosse tutto supierchio.

CAPURRO - Ma chi vulite ca s’accatta?! E’ vecchia!

ANTONIO - Vecchia ma bianca: chille pavano ‘o culore. chille so’ selvagge, Capu’, pe loro tutto fa brodo.  (pausa)  Pe v’incoraggia’, cinquantamila lire c’e mett’ ie, vabbuò? Comme risarcimento.   (gli stringe un braccio e gli strizza l’occhio con fare complice)   E’ n’ affare.  (a destra appare Gioacchino sorretto da Gemma e da Teresa, afflosciato sulle gambe e con lo sguardo smarrito)

GIOACCHINO - (con un filo di voce)  Sta ancora ccà...

GEMMA - Nun guardà, Giacchi’. C’a faie a te fà ‘na corza?

GIOACCHINO - Ie? E chi m’a dà ‘a forza?

TERESA - Ce sto ie, Pinchi Pinchi. Curaggio. (lo trascina verso sinistra, mentre Gioacchino si copre gli occhi per non vedere)

ANTONIO – Gioacchi’, t’è passat’o sennuzzo?

GIOACCHINO - Anciate pacienza, don Anto’, ccà ato ca sennuzzo!  (esce a sinistra sorretto dalle donne)

CAPURRO -  Iiiih, che bella giuventù! Che bella casa ca m’aggio scartato!

ANTONIO – ‘A saccio ie ‘a casa ca v’aviveno scartà.

CAPURRO - (dopo averlo fissato intensamente)  E cioè? Che vulite dicere?

ANTONIO - Eh, ‘o sacc’ ie.

CAPURRO - Bello, ie a San Vittore nun ce torno proprio.

ANTONIO - E chi parlava ‘e San Vittore? Ie parlavo ‘e Camporeale.

CAPURRO - Maie sentuto. Che è, nu carcere nuovo?

ANTONIO - Carcere? No.  (si alza e si avvicina al cannocchiale)  Venite a vedé ‘a casa ca fà pe vuie.

CAPURRO - (incuriosito, si alza e si muove lentamente, con smorfie di dolore, verso il cannocchiale)  Che teng’a vedé?

ANTONIO - (indicandogli il cannocchiale)  Guardate vuie stesso.   (Capurro guarda)  Vedite n’ attico...

CAPURRO - Eh.

ANTONIO – ‘Ncopp’o terrazzo ce sta na piscina. A chest’ora c’avesse stà nu signore c’o cazunciello curto. Pare Tarzàn.

CAPURRO - ‘Na specie.

ANTONIO – ‘Nziem’a isso ce sta ‘na bionda, altezza uno e settanta, fianchi novanta, petto novantacinque, quarta misura, coppa B. Capelli biondi, rossetto rosso fuoco...

CAPURRO - (togliendo l’occhio dal cannocchiale) Ma comme facite vuie a sapé tutte sti ccose?

ANTONIO - (battendo una mano sul registro preso dal tavolinetto del telefono) Sta  scritto tutte cose ccà.

CAPURRO - Site n’ investigatore privato?

ANTONIO - No, tengo l’hobby ‘e Camporeale.

CAPURRO - E chi fosse stu Camporeale?

ANTONIO - (gridando) E’ ‘a morta mia! Capu’, chella è ‘a casa pe vuie.

CAPURRO - (guardando nel cannocchiale) Certo ca si ‘a bionda tenesse ‘na cumpagna...

ANTONIO - ‘Na telefonata e ve cumbino ’o fatto.   (Capurro ferma la mano di Antonio che stava per posarsi sul telefono)

CAPURRO - Quieto cu sti mane e stateve fermo. Ie stongo buono addò sto.   (da sinistra rientra Gioacchino sorretto dalle donne; Capurro si rivolge a lui)   Giuvino’.

GIOACCHINO - Dicite a me?

CAPURRO - Sì, sto parlanno cu vuie.  (gli si avvicina)  Cunuscite ‘na pumata olandese pe curà l’ ogne ‘ncarnite? ‘O... comme se chiamma... ‘o Calma... ‘o Calmadit...

GIOACCHINO – ‘O Calmaditone.

CAPURRO - Bravo. ‘A cunuscite?

GIOACCHINO - Sì, mò v’a trovo.  (si fruga nella tasca destra della giacca e porge un tubetto a Capurro)

CAPURRO - Pure na fascetella e ‘o cerotto?

GIOACCHINO – Pure ‘a fascetella e ‘o cerotto.  (li prende da un altra tasca e li porge a Capurro. Dalla tasca gli cade un libretto che viene raccolto da Teresa)

CAPURRO - Che è?

GIOACCHINO – ‘O bullettino d’e nuvità farmaceutiche.

CAPURRO - Mò dateme nu tranquillante.

GIOACCHINO - A effetto rapido o ritardato?

CAPURRO - Rapido, rapido: tengo ‘e nierve stezzate.

GIOACCHINO - Ecco qua.  (gli dà un tubetto)

ANTONIO - Giacchì, diciteme na cosa: ma vuie ’a tenite ‘a licenza pe stà apierto ‘a dummeneca?  (Capurro va a sedersi sul divano, allungando la gamba sul tavolinetto. Gioacchino è quasi con le ginocchia a terra. Le donne lo trascinano verso destra)

GIOACCHINO - Addo’ me purtate?

TERESA - Miettete n’atu pucurillo dint’o lietto, sdraiete nu poco, Giacchi’.

GIOACCHINO - No. Purtateme dint’o bagno.

GEMMA - Comme? N’ ata vota?

GIOACCHINO - Eh sì, n’ ata vota, e ‘e corza.

GEMMA - Aggio capito, jammo, ca oggi passammo ‘a dummeneca annanze e areto tra ‘a camera e ‘o cesso.    (lo trascinano verso sinistra. Capurro comincia a sfasciare il piede. Antonio, intanto, sembra aver maturato un’idea. Adesso che Capurro è indaffarato, prende Donnarumma per un braccio e lo porta verso il proscenio)

ANTONIO - (a voce bassa) Donnaru’, c’avimma libera’ ‘e stu delinquente.

DONNARUMMA - (collo stesso tono) E’ ‘na parola.

ANTONIO - M’è venuta ‘n’idea. V’avite fà venì n’ indisposizione intestinale.

DONNARUMMA – Ie? Ma si songo stitico! Anzi, si tenite ddoie prugne...

ANTONIO - Ch’avite capito? E’ apposta: avita fa’ finta ‘e tenè na piezz’e diarrea

DONNARUMMA - E pecché?

ANTONIO - Pecché accussì tenite ‘a scusa pe  ghi’ dint’o bagno. Int’o bagno ce sta nu fenestiello. L’ arapite, zumpate ‘nmiez’a via e currite add’e Carabbiniere.

DONNARUMMA – Chest’è ?

ANTONIO – Chest’è. Mò vedimmo si avite capito l’ istruzione.

DONNARUMMA – Vaco dint’o bagno, arapo ‘o fenestiello, zompo abbascio e corro add’e Carabbiniere.

ANTONIO - Bravo. Però stateve accorto  pecchè avita zumpà na ventin’ e metre.

DONNARUMMA - (sempre misterioso)  ‘O paracadute addo’ sta, sott’a vasca?

ANTONIO - Nun ce sta bisogno d’o paracadute. Dint’o bagno c’avite i’ spisso; ogne vota passate p’e cammere d’a figlia mia e d’a gnora e pigliate nu lenzuolo: l’attaccate assieme e v’acalate ‘nmiez’a via. Comm’è ‘a penzata?

DONNARUMMA - Eh, bunarella. Però facimmo ‘a parte a mità: ie me faccio venì ‘a diarrea e vuie jate dint’o bagno e v’acalate cu ‘e lenzole.

ANTONIO – Co’ pede accussì cumbinato? E comme corro?

DONNARUMMA - Currite chianu chianu.

ANTONIO - Nun è cosa. Si uno add’e carabbiniere nun c’ arriva ‘e corza, chille nun te danno proprio aretta.

DONNARUMMA - Allora telefonate.

ANTONIO - Gaità, ‘o telefono è sotto controllo ‘e Capurro, nun avite visto?

DONNARUMMA - Allora m’affaccio d’o fenestiello e ce manno nu parzunale add’e carabbiniere.

ANTONIO - Gaità, ‘e parzunale nun ce stanno cchiù e po’ ogge è dummeneca e so’ jute tutte quante a mare. Sentite, avimma cumbinà ‘a liberazzione, mica putimmo passà ‘a nuttata a parlà.

DONNARUMMA - Vabbuò, cumbinammo, cumbinammo.

ANTONIO - Allora, m’arraccumanno: naturalezza e na piezz’e diarrea. Ie, mentre vuie jate e venite d’o gabinetto, ce faccio ‘o sabotaggio.

DONNARUMMA - Che ce facite?

ANTONIO - ‘O sabotaggio d’ a fasciatura. Mò basta.

(Antonio va a sedersi accanto a Capurro e lo osserva mentre si cura il piede. Donnarumma passeggia davanti all’evaso. D’improvviso lancia un urlo portandosi le mani al ventre. Capurro e Antonio, presi alla provvista, ricadono contro la spalliera del divano)

DONNARUMMA - (piegato in due) Mado’, che dulur’e panza! E che sarrà? Anto’, aiutateme.. ahi... ahi.

ANTONIO - E comme ve pozzo aiutà ie? Penzatece vuie.

DONNARUMMA - (a Capurro, indicando a sinistra in direzione del bagno) Signor Capurro, pozzo provvedè?

CAPURRO - Jate, jate.  (Donnarumma esce di corsa a sinistra)  Chillo, pe me, campa poco.

ANTONIO - Eh, penzo ch’avite raggione.  (Capurro con smorfie di dolore desiste dal curarsi il piede)   

DONNARUMMA - (rientrando di corsa)  Occupato!

ANTONIO - E nun putite aspettà nu minuto ca se libbera?

DONNARUMMA - Aspettà pozzo aspettà, ma ‘o fatto è ca m’avite fatto venì ‘a curiosità: voglio capì comme facite ‘o... coso... comme se chiamma?... ‘o sa... ‘o sa...

ANTONIO – ‘O sabbeto?

DONNARUMMA - no, ‘o sal... ‘o sal...

ANTONIO – ‘O salame.

DONNARUMMA - No... ‘o sabbotaggio!

ANTONIO - (cercando di coprire la parola)  ‘O cabotaggio.

CAPURRO - Qualu cabotaggio?

DONNARUMMA - Antonio ha ditto ca ve vuleva fà ‘o cabotaggio d’a fasciatura.

CAPURRO - E che è stu cabotaggio?

ANTONIO - (imbarazzato) E’...’o sistema ‘e ‘nfascia’ ‘e... Sebastiano Caboto.

CAPURRO - Chi è, nu duttore?

ANTONIO - E si ie nun v’o voglio dicere?

CAPURRO - Bello, vuie m‘o dicite, m‘o dicite... e vedite ‘e nun ce mettere ‘nmiezo n’ atu micio pecché v’abboff’a panza ‘e chiummo!

ANTONIO - E ie a stu fesso l’abboffo ‘e cauce!    (vibra un calcio a Donnarumma col piede ferito e ricade a sedere urlando di dolore. A sinistra compare Gioacchino, non più sorretto dalle donne. Muove un passo verso l’interno e si arresta. Gemma e Teresa sono alle sue spalle)

TERESA - Che staie aspettanno, Pinchi Pinchi? Te sì sculato meza buttigliella ‘e Tiralsu...

GIOACCHINO - Aspettate ca me faccio n’inalazione.  (da una tasca prende una bomboletta e si spruzza un getto nella bocca)

GEMMA - Che d’è?

GIOACCHINO - Esaclorozonofenilbicloropirinapiglialamatina. ‘O gas d’o curaggio.

(Inala una seconda volta e ripone in tasca la bombola. Trasformato di colpo, si drizza in tutta la sua statura e sporge il petto stringendo i pugni. Muove tre passi decisi e si arresta al centro della scena, squadrando Capurro. Fa compiere un brusco movimento al capo dal basso in alto, per esprimere sfida, e si avvia a passo marziale verso destra. Ma, arrivato nelle vicinanze della camera, le ginocchia gli si piegano e sta per rovinare a terra. Le donne corrono a sorreggerlo e mentre lo trascinano verso la camera di Antonio, Gioacchino riprende il tono lamentoso)

GIOACCHINO – ‘O sapevo, gas italiano... ‘o gas, si nun è tedesco, nun serve a niente...

ANTONIO - (a Donnarumma) E’ libbero.

DONNARUMMA - Chi?

ANTONIO – ‘O gabinetto. nun teniveno ‘a diarrea?

DONNARUMMA - Ah già: ‘o lenzuolo.

CAPURRO - Che lenzuolo?

ANTONIO – ‘O lenzuolo... ‘o tagliammo pe fa’ ‘e bende pe ve cagnà ‘a fasciatura... Gaità, ‘o sapite chello ch’avita fa’?

DONNARUMMA – Nun aggio bisogno ca m’ o ‘mparate vuie

ANTONIO - E allora jate, jate...  (Donnarumma esce a sinistra, Gemma entra da destra)

GEMMA - E mò penzammo o’ detillo ‘e don Filippo.

CAPURRO - Ce penz’ie.

GEMMA - Nun ‘o pozzo permettere. Ve dongo na mano.  (Antonio, allarmato, le tira la veste)

GEMMA – Fili’, ‘a meglia medicina ‘o sapite qual’è? ‘E ‘mpacche ‘e cammumilla.

CAPURRO - (ad Antonio)  Vuie che ne penzate?

ANTONIO - (tirando la veste a Gemma)  Io nun ce credesse.

GEMMA - (scalciando)  Bello, fermo cu ‘e manelle, pecchè me tirate?!

ANTONIO – ‘A cammumilla no.

GEMMA - E pecché?

ANTONIO - Pecché... pecché... ‘a cammumilla roseca.

GEMMA  - ‘A cammumilla? Eh! manco si fosse ‘a cauce. ‘A cammumilla addulcisce ‘o dulore e sfiamma.

ANTONIO - Roseca.

GEMMA - Mo’ vedimmo chi have raggione.  (chiama verso destra)  Giacchi’!

GIOACCHINO - (fuori di scena)  Che vulite?

GEMMA – ‘A cammumilla sfiamma o roseca?

GIOACCHINO - Sfiamma, che domanda!

GEMMA - Allora c’a pozzo mettere ‘ncopp’a l’ogna ‘ncarnita ‘e ‘on Filippo?

GIOACCHINO – ‘Ncopp’a l’ogna ‘ncarnita ‘e chillu delinquente c’avita mettere l’acido solforico!   (Capurro fa per alzarsi, ma una fitta dolorosa lo ributta giù)

CAPURRO - (gridando verso destra) Cu vuie ‘e cunte ‘e facimmo aroppo!

GIOACCHINO - Quanno, comme e addò vulite.

ANTONIO - Ma chi ha parlato ‘a llà?

GEMMA - Giacchino.

ANTONIO - E ‘a do’ ce vene tutte stu curaggio?

GEMMA - Boh!? Vall’ a capì! Sta c’ a capa pe terra e ‘e piede in aria. Ha ditto ca è ginnastica yoga... dice ca fa venì curaggio e forza...    (a Capurro)  Ie mò vaco int’a cucina e ve faccio ‘na bella cammumilla.   (via a destra, sculettando. Entra Donnarumma)

DONNARUMMA - (ad Antonio, con intenzione)  ‘A primma è fatta.

CAPURRO – ‘A primma... pecché, è a puntate?

DONNARUMMA - Antonio me capisce.

ANTONIO - E pur’isso capisce, animale.

CAPURRO - Scusate, ch’aggia capì?

ANTONIO - Ch’avite capito?

CAPURRO - Io aggio capito ca nun aggia capito!

ANTONIO - E chesto avivena capì.

DONNARUMMA - Avite visto ca nun ha capito?

ANTONIO - Gaità, ccà avimmo capito tutte quante, pirciò è inutile ca ‘o domandate, vabbuò?

DONNARUMMA - Vabbuò. (pausa. Si porta una mano al ventre e si piega)  Ahi!

CAPURRO - Seconda puntata.

DONNARUMMA – ‘On Filì, pozzo...?

CAPURRO - Accomodateve. Doppo ce facite ‘o riassunto d’e puntate precedenti.

(Donnarumma esce di corsa a sinistra. Capurro osserva Antonio scuotendo il capo)

Anto’, certo ca state cumbinato proprio malamente.

ANTONIO - Ah, menu male ca ce sta quaccheduno ca me capisce!

CAPURRO - Ma comme facite a suppurtà sta vita? Stu scemo, ‘a gnora, chill’atu llà d’o cannuccchiale...

ANTONIO - (tristemente) Camporeale. Guardate, Capu’, ‘a gnora e Donnarumma so’ sciucchezze. Ie m’ accuntentasse... Ma Camporeale... (quasi piangendo di rabbia) ... Camporeale no!

CAPURRO - Ma inzomma, chi è stu Camporeale?

ANTONIO - Chi è? E’ uno comm’e tanta ggente ca ‘ncuntrate p’a via, c’ a faccia liscia e soddisfatta, ca addorano ‘e prufumo... ‘o telefonino vicin’a cinta, scarpe inglesi, cravatta ‘e seta pur’a staggione... po’, ve ‘nfurmate, e venite a sapé ca tene ‘n impiego qualunque int’a ‘na ditta piccerella... ca magari è collega e pari grado ‘e nu certo Antonio Orefice... Nu melione e sei o’ mese! E allora, comme v’e spiegate ‘a Mercedes turbo, l’attico, ‘a piscina, ‘e femmene, ‘a salute? Sta scritto a tutt’e  palestre d’o quartiere e pur’o’ Tennis Club. A chistu punto ve domandate: ma comme fa? Nu melione e sei o’ mese! Allora accumminciate a capi’ che ce sta asotto quacche ‘mbruoglio... Ma comme fanno, comme fanno? Compra vendita, contrabbando, spaccio, ricchionaggine? Che diavulo sarrà? Mistero. Vuie ve facite nu fegato tanto e chille cresceno, rideno, stanno sempe meglio, all’ultimo ve fanno schiattà!

CAPURRO - (scuotendo il capo) Ah, ie ‘a soluzione ‘a tenesse: Acceditele! Si doppo ve pigliano, ce vengo ie a ve difendere!

La porta del terrazzo si apre violentemente colpendo il piede ferito di Capurro, che lancia un urlo tremendo. Affaccia il capo la sorridente intervistatrice)

INTERVISTATRICE - (sorridente)  Rieccomi! Oh, scusi... scusi tanto, signor Orefice...

CAPURRO - (piegato in due dal dolore)  Orefice è isso, mannaggi’a vuie!

INTERVISTATRICE - (ad Antonio)  Rieccomi, signor Orefice. Ma lei ha il piede fasciato... si è fatto male?

ANTONIO - (notando alle spalle dell’intervistatrice la pistola spianata di Capurro)  No... passammo ‘o tiempo...  (l’intervistatrice si volta e nota la pistola)

INTERVISTATRICE - (romantica e commossa) Non mi dicano che trascorrono il tempo libero a giocare a guardie e ladri! Due uomini maturi che passano il tempo libero ritornando ai giorni felici dell’infanzia lontana! E’ commovente, sapete? O poesia, non sei morta!

CAPURRO - Amèn. E vuie chi site?

INTERVISTRATRICE - Sono un’intervistatrice del I.T.L.

CAPURRO - (sospettoso) Po’ ce facite vedé int’a televisione?

INTERVISTATRICE - (divertita) Ma no,  il mio lavoro consiste nel sondare l’opinione pubblica. Pensate, lo scorso anno ero presso la sezione Previsione Sinistri ed ho riscosso un gran successo personale, prevedendo esattamente il numero dei morti e feriti del giorno di Ferragosto... con due mesi di anticipo!

CAPURRO - In anticipo?  (ad Antonio, mentre entrambi fanno le corna con le dita) Ma a Ferragosto ‘a gente more cchiù assaie?

INTERVISTATRICE - Per forza: incidenti automobilistici, insolazioni, annegamenti, indigestioni, colpi di calore: nella mia zona quarantatre sinistri, sette morti, cinque uomini e due donne, dieci feriti: sette uomini e tre donne, sessanta contusi. Ancora lo ricordo: un mio grande successo personale.   (Antonio e Capurro rifanno le corna)  Quest’anno mi occupo di tempo libero. Cominciamo, signor Orefice, l’analisi minuziosa della sua giornata di libertà.  (legge il questionario)   La domenica, il lavoratore medio si lava? Come e perché?  (ad Antonio)  Lei fa uso della vasca o della doccia?

ANTONIO - A vuie che ve ne ‘mporta?

INTERVISTATRICE - A me personalmente niente, ma se vogliamo stare alla pari coi paesi più progrediti, dobbiamo adottarne i sistemi di indagine in uso. Dunque, vasca?

ANTONIO - Vasca.

INTERVISTATRICE - (leggendo)  La schiena, uno:se la insapona da sé o due: ricorre all’aiuto di qualcuno? In caso di risposta due, precisare se l’assistente è un familiare o un domestico.

ANTONIO - Me ‘nzapona ‘a gnora mia.  (mentre l’intervistatrice scrive, Capurro guarda Antonio con una smorfia disgustata)

CAPURRO – Mado’, che schifo!

INTERVISTATRICE - Si lava la faccia prima o dopo la rasatura?

ANTONIO - Primma.  (a Capurro)  ‘E pile addeventano cchiù morbide.

INTERVISTATRICE - (scrivendo) Prima della rasatura... scuola americana.

DONNARUMMA - (affacciandosi a sinistra)  E tre!   (un attimo di perplessità.L’intervistatrice incalza)

INTERVISTATRICE - Nel radersi canta?

ANTONIO - Quacche volta, quando so’ cuntento.

INTERVISTATRICE - E in quali occasioni è contento?

ANTONIO - Quando Camporeale sta malato. Ma capita raramente: tene ‘na salute ‘e fierro!

INTERVISTATRICE - Non mi è chiara, signor Orefice, l’allusione al signor Camporeale.

ANTONIO - Pecché, ‘o cunuscite?

INTERVISTATRICE - E chi non lo conosce?  (con un sospiro)  Un uomo affascinante...    (dopo aver rivolto uno sguardo a Capurro, Antonio si avvicina al canocchiale, prende il registro e ci batte sopra dei pugni)

ANTONIO - E allora l’inchiesta jatel’a ffà addu Camporeale.

INTERVISTATRICE - No, no, signor Orefice, devo condurre l’indagine su di lei: andiamo avanti. Ha detto che canta. Può stabilire una media di quanto canta? Per aiutarla, quante volte all’anno il signor (sospiro) Camporeale ha un attacco influenzale?

ANTONIO - Troppo poche e po’ influenze ‘e niente, senza manco ‘na cumplicazione brunchiale.

INTERVISTATRICE - E lei cosa canta?

ANTONIO - Canzone napulitane, ‘a passiona mia.  (ha una idea folgorante) Anzi, sulamente una canzona napulitana.

INTERVISTATRICE - Una sola?

ANTONIO - Sempe chella. Chella ca fa: Chi me piglia pe francesa...

CAPURRO - (continuando)  ...chi me piglia pe spagnola... Chelle erano canzone!

INTERVISTATRICE - Il titolo?

ANTONIO - ‘A francesa.

CAPURRO - No, scusate, ‘o titolo preciso è Lily Kangy.

ANTONIO - Ma vulite pazzià! ‘A francesa.

CAPURRO - No, vulite pazzià vuie. Lily Kangy. Parole di Giovanni Capurro e musica di Salvatore Gambardella.

ANTONIO - (all’intervistatrice) Ecco, screvite. Di Capurro. Avite scritto? Faciteme vedé.  (legge)  Ca- pur- ro...

CAPURRO - (sornione, ha mangiato la foglia)  E Gambardella.

ANTONIO - Ma chillo nun è importante! Capurro. Mannatelo subbeto add’a polizia.

INTERVISTATRICE - Alla polizia?

ANTONIO – Add’a polizia... all’Onu... all’ Istituto vuosto... a chi ve pare e piace, ma subbeto, m’ arraccumanno.

GEMMA - (apparendo sulla soglia della porta di sinistra, con un urlo)  Anto’!

ANTONIO - (sussultando) Uffa! ‘A signurina ha fernuto, se ne sta jenno!

GEMMA - E che me ne ‘mporta d’a signurina! Anto’, int’a’ casa so’ trasute ‘e mariuole!

ANTONIO - Pure! E che se so’ arrubbate?

GEMMA – Tutt’a dote d’a povera figlia mia! Tutt’e lenzole!  (esce a sinistra disperata)

INTERVISTATRICE - Allora sarebbe il caso di telefonare alla polizia.

CAPURRO - (indicandole con la canna della pistola la porta di destra)  Ce penz’ ie. Vuie jate a là.

INTERVISTATRICE - Prego?

CAPURRO - Jate a là.

INTERVISTATRICE - (con un sorriso) Lo farei volentieri, ma ho un impegno, capisce? Pranzo con il signor (sospiro)  Camporeale.

ANTONIO - (gridando) Signurì, secondo me stu pranzo l’avite rimandà. E me fa proprio piacere!

INTERVISTATRICE - (a Capurro) Capisce, davvero non posso. (Antonio fa scivolare il giornale sul tavolo verso l’intervistatrice. Questa guarda la foto ed ha un grido giulivo) Non mi dica! Capurro l’evaso! Dio mio, che fortuna! Che colpo! Che scoop!   (fruga nella borsa)  L’evaso... il questionario sul tempo libero dell’evaso...

CAPURRO - Signurì, jate a là.

INTERVISTATRICE - Caro, caro Capurro. Non più di cinque domande.

ANTONIO - (soffregandosi le mani) Hi che piacere!

CAPURRO - (spingendo l’intervistatrice con la pistola puntata alle reni) A là!

INTERVISTATRICE - (andando verso destra)  La domenica, l’evaso medio coltiva qualche hobby?  (Capurro la spinge nella camera e chiude violentemente la porta. Poi si volta minaccioso verso Antonio)

CAPURRO – Me vulivene fa’ fesso, eh? Mò v’acconc’ie p’e ffeste.  (gli punta la pistola addosso)  Antò, tenite cinche siconde pe ve raccumanna’ l’anema.

ANTONIO - Ie? E a chi?

CAPURRO - Sceglite nu santo qualunque: tenite nu calendario sano sano a  disposizione. Ie aggia procedere all’esecuzione.

ANTONIO – Me vulite spara’? (Capurro tace)  Ih, che bella dummeneca!

PERSICO - (fuori scena, con voce marziale e tonante)  Permesso? E’ permesso?

CAPURRO - (sobbalzando) Chi è?

ANTONIO - E che ne saccio?

CAPURRO - Sta casa vosta è nu puorto ‘e mare. (è sulle spine)  L’esecuzione è rimandata.

ANTONIO - Menu male.

PERSICO - (fuori scena) Permesso?  (Capurro corre verso sinistra trascinando il piede)

CAPURRO - Aspettate a arapì.

ANTONIO - (verso la porta) Nu mumento. Arrivo.  (a sinistra riappare Capurro stringendo Gemma)

GEMMA - (a Capurro civettuola)  No, no, nun facite ‘o cattivo, Fili’. Cchiù chiano!

CAPURRO - (ad Antonio) Arapite e cacciatelo subbeto. E accorto a chello ca facite, si no... (affonda la canna della pistola nella gola di Gemma e trascina la donna a destra richiudendo la porta. Antonio apre la porta d’ingresso. Entrano Persico - alto, robusto, con baffi e un abito ripiegato in una custodia di plastica - e sua madre, la signora Persico, una donnetta coi capelli bianchi. Vedendo Antonio, Persico gli punta il dito contro).

PERSICO - Oglianno. Permettete? Lorenzo Persico. Vuie site Antonio Orefice, si nun me sbaglio. Chesta è mamma mia.

ANTONIO - Piacere.

SIGNORA PERSICO – ‘O piacere è ‘o nuosto.

PERSICO - Scusate l’intrusione, ma don Peppino, ‘o sarto, m’ ha dato l’indirizzo vuosto pe rimedia’ o’ sbaglio ch’ha fatto: ha scagnato ‘o vestito mio c’o vuosto e viceversa e so’ venuto in perzona p’a restituzione.

ANTONIO - Accomodateve, signor... signor?

PERSICO - Maresciallo Persico.

ANTONIO - Persico... marisciallo?

PERSICO - Si, aggio avuto ‘a poco ‘a promozione.

ANTONIO - Ma prego, accomodateve... pigliateve nu cafè... rimanite a mangià cu nuie... Mariscia’!

PERSICO - No, no, jammo ‘e pressa pecché cierti pariente c’ aspettano pe festeggia’ ‘a promozione e pirciò facimmo stu scagno ampressa ampressa.

ANTONIO - E vabbuò, procediamo allo scambio. (comincia a sbottonarsi i calzoni)

PERSICO - Scusate, ma vulite procedere proprio ccà?

ANTONIO - Eh, vuie jate accussì ‘e pressa...

PERSICO - Ma annanz’a mamma mia...

ANTONIO - (misterioso) Non me pozzo movere... (fa un gesto con il mento verso destra. Persico lo guarda)

PERSICO – Tenite ‘o torcicollo?

ANTONIO - No... (ammiccando) ... è a causa d’o pede.

PERSICO - Capisco. Mammà, allora vuie girateve mentre don Antonio procede.

SIGNORA PERSICO - Va bene, figliu mio, ma tu diceme quand’ ha fernuto pecché nun voglio vedè nisciunu spettaculo scandaloso!  (Si gira. Antonio si cala i calzoni e se li sfila. Infila quelli portati da Persico)

ANTONIO - (a mezza voce)  Mariscià, è ‘o cielo ca ve manna.

PERSICO - Veramente è stato Peppino ‘o sarto.

ANTONIO - Sssst! nun ve facite sentì.

PERSICO – ‘A chi?

ANTONIO - (indicando a destra) A là, a là.   (mentre Persico allunga il collo verso destra, a sinistra appare Donnarumma)

DONNARUMMA - Antò, so’ quatto!  (scompare. Persico si volta di scatto)

SIGNORA PERSICO - Lorenzo, aggio visto nu giuvinotto ca s’ è affacciato e ha alluccato: so’ quatto. Quatto che?

ANTONIO - (a voce bassa, sta sulle spine) Quatto lenzole. ‘E sta attaccanno... pecché... tene nu poco ‘e cacarella!

PERSICO - (guardandolo stranito) E comm’è, si uno tene n’indisposizione intestinale, attacca ‘e lenzole?

ANTONIO - Mariscià, cercammo ‘e ce capi’.

PERSICO - Vulite forze dicere ca ie nun capisco? Mammà, ve putite gira’, avimmo fatto ‘o scagno.  (la signora Persico si volta)

ANTONIO - (tormentandosi le mani)  Nun pozzo parlà...

PERSICO - E chi ve vo’ fa’ parla’? A me m’abbasta ca me date ‘o vestito mio.

(Da destra entrano Gemma e Capurro strettissimi uno all’altra. L’evaso ha la pistola in tasca puntata contro Gemma e cammina a faccia girata per non essere scorto)

GEMMA - L’acqua p’a cammumilla sta vullenno.  (ai Persico)  Buongiorno.

PERSICO e SIGNORA PERSICO - Buongiorno a vuie.

ANTONIO - Gemma, facite nu cafè p’e signure...

CAPURRO - (brusco) ‘O cafè nun ce sta dint’a sta casa.  (spinge Gemma e esce con lei a sinistra)

ANTONIO - (con un sorriso d’intesa ammiccando)  Chille so’ mammà e papà...

SIGNORA PERSICO - Complimenti, se mantenono proprio buono. O site vuie ca  site addeventato viecchio primma d’o tiempo?

ANTONIO - No, signo’. ‘O fatto è ca ie e mammà simmo d’o ‘46 e papà d’o ‘47.   (Persico e la madre si guardano allarmati e stupiti)  Mariscià, accuminciate a capì?

PERSICO - (sudando e asciugandosi) E comme no, capisco, capisco...

SIGNORA PERSICO - Se vede ca ‘e genitori vuoste se vonno assaie bene: camminano attaccate!

ANTONIO - Veramente chillo m’è pate sulamente ‘a ogge... E si mammà se permette ‘e fa’ na mossa storta, chillo... (fa l’atto di premere il grilletto. Persico, attonito e sudando, annuisce)

(Da sinistra schizza di corsa Gemma inseguita da Capurro saltellante sul piede valido)

CAPURRO - Disgraziata! Vullente, ‘a cammumilla, vullente me l’ha misa!

GEMMA - (correndo) E’ stata l’emozione, Fili’, perdunateme!  (esce a destra inseguita da Capurro  che chiude la porta)

ANTONIO – Cierti vote mammà è nu poco ‘nzallanuta.

SIGNORA PERSICO - Jamme, jate a là a la cunzulà: facitele fa’ pace.

ANTONIO - No, mammà sta ‘ncazzata cu mico, anzi, stammatina ha deciso ‘e ce lassà e se ne turnà a Capemonte.

SIGNORA PERSICO - E pecché se ne vo’ turnà a Capemonte?

ANTONIO - Ve voglio fà ridere: chella s’è misa ‘ncape ‘e me spusà.Eh no? Sulo pecché m’aggio spusato ‘a figlia e ha crisciuto ‘e ddoie criature meie io m’aggia spusà a nu guaio ‘e chesta manera?

 PERSICO - No! E quando maie!

DONNARUMMA - (affacciandosi a sinistra)  Don Antò, e cinche!

ANTONIO - Via via, allora a n’atu ppoco ce simmo.

PERSICO - Beh, nuie levammo ‘o disturbo. Venite, mammà.

ANTONIO - (con irruenza) No! No, n’ati cinche minute.  (dopo aver gettato uno sguardo a destra)  Pe nun fà suspettà, mettimmece a cantà!

PERSICO - Avimma canta’? E quala canzona?

(da destra entra Capurro, lamentandosi, appoggiato a Gemma)

CAPURRO – C’ avivena mettere l’acqua fresca, no ‘a cammumilla vullente...  (Gemma e Capurro attraversano la scena, Antonio si alza, e mentre i due escono comincia a cantare)

ANTONIO - Chi me piglia pe francesa, chi me piglia pe spagnola... (invita Persico a continuare)

PERSICO - ... ma ie so’ nata o’ Conte ‘e Mola, metto ‘a coppa a chi vogl’i...

ANTONIO - (a voce bassa) Capurro e Gambardella, Capurro, capite?

PERSICO - Sì, aggio capito.

ANTONIO - Mariscià, telefonate subbeto a chi di dovere, ma subbeto, primma ca mammà e papà tornano ccà. Facite finta ‘e chiammà a nu parente... a chi ve pare... subbeto, però!

PERSICO – Mò ce penz’ie.  (va al telefono e forma un numero)  Pronto, professore?

ANTONIO - Bravo, bravo... facite finta ca è nu prufessore... annascunnite!

PERSICO - (al telefono) Sono Persico, sì, il maresciallo Persico. Ricordate che vi ho detto di quello scambio di vestiti? Bravo! Ricordate che vi ho fatto vedere l’indirizzo al quale mi recavo per riprendere il vestito? Bravo! Sì, sì... precipitatevi... è un caso per voi... grave!

ANTONIO - Gravissimo.

PERSICO - (al telefono)  Gravissimo.

ANTONIO - (contento, soffregandosi le mani) Bravo, mariscia’... E ca purtasse pur’e rinforze.

PERSICO - (al telefono) Con i rinforzi, professore... sì, è gravissimo.  (Gemma e Capurro ricompaiono a destra)

ANTONIO - (riprendendo a cantare) Chi me piglia pe francesa...   (invita la signora Persico a cantare)

SIGNORA PERSICO - Chi me piglia pe spagnola, ma ie so’ nata o’ Conte ‘e Mola, metto ‘a coppa a chi vogl’i...

ANTONIO, PERSICO e SIGNORA PERSICO - (cantano tenendosi per mano e ballando)   Caro Bebè, che guarde a fà? I’ quanno veco a te me sento ‘e disturbà.

(Gemma e Capurro escono da destra)

ANTONIO - Mariscià, chillo è Capurro. (un dito sulle labbra) Sssst!

PERSICO - E chi è Capurro?

ANTONIO - Papà.

PERSICO - Ma comm’è ca vuie facite ‘e cugnomme Orefice e ‘o pate vuosto Capurro?

ANTONIO - Capurro nun è papà, è l’evaso.

PERSICO - Ma ‘a televisione ha ditto ca l’evaso steva in America! Comunque, state tranquillo, ‘o prufessore sta arrivanno.

ANTONIO - (continuando nell’equivoco) Ah, pe furtuna! Vedite, m’ha pure sparato dint’o pede, ma ie aggio mannato a Donnarumma dint’o bagno pe fa’ ‘o sabbotaggio!

PERSICO - E chi è chistu Donnarumma?

ANTONIO - Donnarumma è ‘o cameriere, ma no ‘o titolare, e è pur’o guaglione d’o sarto, don Peppino, e è isso ‘o responsabbile d’o sbaglio d’e vestite. Ma mò... sta  attaccanno ‘e lenzole...

PERSICO - Aggio capito! E’ chillo ch’ausa ‘e lenzola per se cura’ chella piezz’e diarrea

ANTONIO - No, l’ausa pe s’acala’ ‘a dint’o fenestiello d’o bagno...

(Sul terrazzo, appare il professore seguito da due erculei infermieri)

PROFESSORE - Buongiorno.

ANTONIO - (a Persico)  E’ ‘o prufessore?

PROFESSORE - Sì, figliolo.  (gli si avvicina aprendogli paternamente le braccia. Da destra rientrano Gemma e Capurro, che attraversano la scena verso sinistra. Antonio afferra le mani del professore e canta, ballando)

ANTONIO - Caro Bebè, che guarde a fà? I’ quanno veco te me sento ‘e disturbà.

CAPURRO - (di passaggio, ad Antonio) Disgraziato, ancora facite trasì gente int’a casa,eh?

PROFESSORE - Un caso da manuale.

PERSICO - Ha detto che sono passati mamma e papà e che lui e mamma sono nati nel ‘46 e papà nel ‘47!

SIGNORA PERSICO - E pure che la sua mamma si vuole sposare con lui!

PERSICO - Poi s’è messo a cantare e il suo babbo è diventato l’evaso Capurro!

PROFESSORE - Un caso da manuale.  (ad Antonio)  Succede, figliolo, succede. Lo stress della vita moderna! Ma possiamo rimediare. La scienza ha fatto passi da gigante. Mi vuole seguire?

ANTONIO - Seguì a vuie? Cummissà, facite circonda’ ‘a casa. Si ie me movo, chillo spara a’ gnora mia, a Teresa, a Giacchino e pur’a chella sciacquetta ca vo’ sapé chi me ‘nzapona ‘e rine!

PROFESSORE - Cercheremo di evitarlo.  (fa un cenno agli infermieri, che afferrano saldamente Antonio immobilizzandolo)

ANTONIO - (divincolandosi) E chiste chi so’?

1° INFERMIERE - Statte fermo si no te struppeio!

2° INFERMIERE - Te dongo ‘na botta ‘ncapa ca te faccio rimané muorto ‘nterra!

ANTONIO - Mariscià, cummissa’, ma che caspita state facenno? Vuie avita piglià a Capurro! Ma che cacchio avite capito?    (Gli infermieri lo trascinano fuori dal terrazzo)

PROFESSORE - (a Persico) In cinque o sei mesi spero di conseguire buoni risultati. Arrivederci!

(via dal terrazzo. Fuori scena si ode un alto grido. Preceduto da lamenti di dolore, sul terrazzo appare Donnarumma, pesto, dolorante e tutto sporco e impolverato. Si preme i reni con una mano e con l’altra trascina un lenzuolo)

DONNARUMMA - (lamentandosi)  Uh, Mado’, me so’ acciso!  (mostra il lenzuolo)  Mentre stevo a mità s’è sciuoveto ‘o nureco. Antonio, Antò...!   (con un grido di dolore)   Uh, Mado’!   (si arresta. Sulla porta di destra è comparso Capurro, con una grinta feroce, impugnando la pistola. Pausa. Con altro tono, mentre i Persico si voltano a guardare Capurro)   Uh, Mado’!...

(si abbassano le luci)

(quando si rialzano le luci, Donnarumma è legato a una sedia con il lenzuolo che aveva in mano dopo il tentativo di fuga e Capurro cammina furente in lungo e in largo con la pistola in mano trascinando il piede. A tratti scosta la tendina della porta-finestra che dà sul terrazzo)

CAPURRO - Priate a Dio ca nun ha parlato, priate!

DONNARUMMA - So’ tre ore ca sto prianno! Ie comunque aggio stato a sentì ‘o cumanno superiore.

CAPURRO - E ie nun ce credo! Antonio v’avesse ditto ‘e i’ dint’o bagno, ‘e fà ‘na fune cu ‘e lenzole e v’acala’ ‘nmiez’a via...

DONNARUMMA - Proprio accussì, anzi, m’ha ditto: fà tutte cose per bene e vide ‘e te guadagna’ ‘a jurnata!

CAPURRO - Gaità, ma chi è ‘o scemo, ie o vuie?

DONNARUMMA - (subito)  Ie!

CAPURRO - Ie aspetto a ve spara’ pecché tengo pochi colpe, ma si me ne accorge ca me sfuttite, piglio nu curtiello e ve sfreggio ‘a faccia a curtellate!

DONNARUMMA - (piangendo) Io so’ anaffabeta, orfano e miezo scemo. Si me levate pure stu poc’ e bellezza ca tengo, che me rimane?

CAPURRO - (tormentandosi i capelli) Ma guarda si aggia suppurtà pur’a chisto!   (guarda nel cannocchiale)  Famme vedé si ‘o cumpare mio, Berlingieri, me fa ‘o signale ‘e via libera...

DONNARUMMA - Madonna bella d’e Grazie, fà fà ‘o signale a Berlingieri, accussì chisto scenne e se ne va...

CAPURRO - No, nuie scennimmo e ce n’jammo.

DONNARUMMA - (guardandosi intorno) Nuie chi?

CAPURRO - Vuie e ie.   (sfila dal taschino un paio di occhiali neri e se li infila)  Nu cecato e l’ accompagnatore suoio. Senza fa’ suspettà, saglimmo int’a na machina e partimmo assieme, ‘a mana sinistra ‘ncopp’a spalla vosta, ‘a mana destra accussì... (introduce la mano destra in tasca colla pistola)  ... e si v’azzardate a fà nu passo fauzo...

DONNARUMMA - Me sparate.

CAPURRO - Bravo, avite capito subbeto! Spiegateme nu poco comm’è ca ve site fatto ‘a nommena ‘e miezo scemo?

DONNARUMMA - E’ pecché ‘na sera, o’ ristorante, nu cliente nu poco ‘mbriaco me fà: Gaità, tra na muneta ‘e ciento lire e ‘na carta ‘e mille, quale scigle? E ie aggio scigliuto ‘a muneta ‘e ciento lire: sapite, è de metallo, cchiù consistente: a me me piace cchiù assaie. E accussì, ‘a chillu mumento, tutt’e sere, ‘a gente ca vene a magnà o’ ristorante se mette a fa’ ‘o jucariello d’e ciento e d’e mille lire.

(Capurro lo osserva a lungo cercando di capire se c’è o ci fa. Poi prende dalla tasca una moneta da cento e una banconota da mille lire e le porge a Donnarumma)

CAPURRO - Faciteme capì... sceglite!

DONNARUMMA – ‘E ciento lire: sonano cchiù assaie dint’a sacca!

CAPURRO - (sinceramente paterno)  Donnaru’, bellu mio, si i’ nun v’arapo l’uocchie, a vuie ‘e lupe ve magnano. ‘A prossima vota pigliate ‘a carta ‘e mille lire.

DONNARUMMA - E no bellu mio, e che so’ scemo?

CAPURRO - Pecché?

DONNARUMMA - Pecché ‘a primma vota ca sceglio ‘a carta ‘e mille ‘o jucariello fernesce e a me ‘e ciento lire chi m’e dà cchiù?

CAPURRO - (lo osserva in silenzio, poi) E chisto fosse ‘o fesso! Donnarù, si venite cu me all’ Africa, vuie facite fesse a tutt’e marrucchine!

(si apre la porta di destra e viene agitato in aria un panno bianco legato in cima ad una scopa)

PERSICO (fuori scena)  Capurro!   (Capurro si alza girandisi di scatto e impugnando la pistola)

CAPURRO - Chi è?

PERSICO - (fuori scena)  Persico.

CAPURRO – ‘A porta adda stà chiusa: si me vulite parla’, ascite vuie sulo cu ‘e mane ‘ncapa.

(il panno bianco scompare, la porta si apre ed appare Persico con le mani sulla testa)

PERSICO – C’ attocca l’ora d’aria.

CAPURRO - E chi ‘o dice?

PERSICO – ‘O regolamento.

CAPURRO - (dopo essersi grattato il mento con la punta della pistola) Vabbuò. Ascite in fila e cu ‘e mane ‘ncapa.

(Persico si scosta per far passare gli altri. Apre il corteo la signora Persico, seguita dall’intervistatrice, da Gemma, Teresa e Gioacchino, che si sorregge alle due donne)

GIOACCHINO - Chella fenesta adda stà chiusa.

PERSICO - Ma si ‘a fenesta sta chiusa, l’aria comm’a pigliammo?

GIOACCHINO - E’ fredda! Ie me sento ‘e brivide pe tutt’o cuorpo.

TERESA – Vuo’ restà a là, Pinchi Pinchi?

GIOACCHINO - No. (starnutisce fragorosamente) Pe nun te lascia’ sola, affronto pure ‘e tempeste! Vuie, però, passiate, io m’assetto.  (siede sul divano)

(Gemma e Teresa si guardano commosse)

TERESA - (piangendo) Papà... papà mio...

GEMMA – Fili’, m’avivene ditto ca appena se faceva notte ve ne ivene. Sentite a me, lassate nu buono ricordo ‘e vuie, fuitevenne. Si facite chesto, parola d’onore, pe tre ore ‘a ccà nisciuno se move. Po’ telefonammo o’ manicomio e spiegamme tutte cose. Ie, p’addurcì stu core vuosto ‘e preta, aggio fatto nu vuto, nu vuto terribbile...!

CAPURRO - Cammenate, jà, facite ‘e vute, facite ‘e vute! Circolare, circolare!

(eccetto Gioacchino e Donnarumma, gli altri passeggiano intorno al divano sempre con le mani sulla testa)

GIOACCHINO - (portandosi una mano agli occhi) Mamma mia...

TERESA - Che d’è, Pinchi Pinchi?

GIOACCHINO - Me facite venì ‘o mal ‘e mare.

TERESA – Chiude l’uocchie, bello ‘e Teresina toia.

GIOACCHINO - No, si no Capurro se n’apprufitta e te mette ‘e mane ‘ncuollo. Si ‘o facesse, ie putesse reagì...

CAPURRO - In che senso?

GIOACCHINO - Nel senso ca me venesse nu collasso!

TERESA - E allora tienete ‘o mal’ e mare ch’ è meglio.

PERSICO - Ma vuie che speranza tenite ‘e ve ne fuì? A chest’ora ‘a polizia s’è mobilitata e ‘a cattura vosta è cosa ‘e minute.

SIGNORA PERSICO - E dalle! Nun te ‘ntricà, Lore’, nun so’ fatte ca te riguardeno.Tu pensa a mamma toia e basta.

PERSICO – Me stongo zitto sulamente pecché accussì vo’ mammina, ma ve torno a dicere ca pe vuie nun ce sta scampo.  (in un impeto di rabbia Capurro gli pesta un piede, suscitando le urla di Persico)

SIGNORA PERSICO – He’ visto, Lore’? Fatt’e fatte tuoie. Fa’ comm’e chesta bella signurina ca passeja zitta zitta e se fa ‘e fatte suoie.

INTERVISTATRICE - Sto vivendo un’esperienza indimenticabile e le forti emozioni rendono muti. Capurro, se volesse rispondere a qualche domanda...

CAPURRO - Circolare, circolare.

INTERVISTATRICE - Solo due o tre, la prego.

CAPURRO - Screviteme, ve dongo na risposta scritta.

INTERVISTATRICE - Il vostro indirizzo...

CAPURRO - Fermo posta, Tunisia, Hammamet.

GEMMA - (piangendo)  Fili’, vuie penzate a’ corrispondenza e intanto chi sa quali tribbulazione sta passanno chillu puvuriello ‘e Antonio.

TERESA - Che ce faranno, a papà mio?

PERSICO - Cunuscenno ‘o prufessore Notari, ie penzo ca a chest’ora ce starranno facenno nu test, vuttannelo int’a na vasca cu l’ acqua gelata e alternativamente facennelo ‘e scosse elettriche ‘ncapa: nient’e preoccupante!

TERESA - Papà mio, pigliarrà na pulmunite!

GIOACCHINO - Nun te preoccupà, Tere’, ie ‘a pennicillina ‘a tengo sempe cu mme!

(Gemma e Teresa scoppiano in alti lamenti)

CAPURRO - (gridando) Silenzio! Silenzio!   (silenzio generale)  L’ora d’aria è fernuta. Tutti int’a cammera.

PERSICO - (consultando l’orologio) Veramente so’ passate sulo diece minute.

CAPURRO - Abbastano. Tutt’adinto! 

PERSICO - Va buò. Vuie vincite ‘e battaglie, ma nuie vincimmo ‘a guerra!  (apre il corteo, seguito dalla madre e dall’intervistatrice. Gemma e Teresa restano accanto a Gioacchino sprofondato nel divano)

CAPURRO - (alle due donne) E vuie nun avite capito? Via int’a cammera!

TERESA – T’a siente, Pichi Pinchi?

GIOACCHINO – M’avesse fà primma ‘n’inalazione.

TERESA - Addò ‘a tien’a bomboletta?

GIOACCHINO – Dint’a sacca d’a giacca.   (Teresa prende la bombola e gli spruzza un po’ di gas sotto il naso. Gioacchino riprende forza e riesce a mettersi in piedi, si appoggia alle due donne e esce con esse a destra. Subito dopo Gemma rientra e corre a gettarsi ai piedi di Capurro)

GEMMA – Fili’, aggio fatto nu vuto terribbile!

CAPURRO - E che songo nu santo ca m’o venite a cuntà? Fatte vuoste.

GEMMA – Fili’, si lassate sta casa senza fà mal’ a nisciuno, ie... vengo cu vuie, me ‘mbarco cu vuie pe l’Africa, facci’a meno ‘e sta vita commoda, facci’a meno ‘e Capemonte, facci’a meno d’a televisione, facci’a men’e ... Antonio... facci’a meno ‘e tutte cose! Fili’, sarraggio cosa vosta anema e cuorpo!

CAPURRO - All’anema d’o vuto!

DONNARUMMA - (scuotendosi sulla sedia su cui è legato) Signò, anciate pacienza!

CAPURRO - Pacienza? Ccà ce vo’ ‘o stommaco!

GEMMA – Fili’, ie ‘o stommaco ‘o tengo bbuono!

CAPURRO – ‘O stommaco l’aggia tené i’, signo’! Stammattina aggio fatto a men’e me piglia’ cinquantamila lire pe v’accidere e stasera m’avesse piglià a vuie pecché avite fatto nu vuto? Cammenate, jà, io so’ nu bandito serio, diplomato, mica so’ ‘na meza cazetta ‘e scippatore! ‘O vuto, sì, ‘o vuto! Ma jate a ve fa’ monaca!

GEMMA - (mesta, rialzandosi) Fili’, vuie nun sapite chello ca perdite. Vo’ dicere ca cagno vuto.

CAPURRO - Brava, ecco quà, cagnatelo. Intanto jate a là e mettiteve cu l’ate.

(Gemma esce a destra, umile, a mani giunte, tutta concentrata nei suoi pensieri)

DONNARUMMA - Don Fili’...

CAPURRO - Eh, che d’è?

DONNARUMMA - Ie penzavo... pecché nun ve facite accumpagnà d’a signora p’ ascì, accussì facite cuntenta a essa e a me, e acchiappate dduie picciune cu ‘na fava sola!

CAPURRO - No, me serve ‘a faccia ‘e nu povero disgraziato. Anzi, priparammece.

(Capurro slega Donnarumma; si sente una voce fuori scena, Capurro scosta la tendina e guarda fuori, la porta si apre e appare Antonio, con indosso calzoni, casacca e berretto di ruvida tela grigia)

ANTONIO - (fermo sulla soglia, con aria mesta, pacatissimo)  Buonasera.

DONNARUMMA - (corre ad abbracciarlo e baciarlo, commosso)  Don Antò, ben tornato! Site vivo? Faciteve vedé. Site sopravvissuto e’ supplizie?

ANTONIO – Addò stanno Teresa e Gemma?

DONNARUMMA - A là dint’a cammera cu l’ ostagge.

ANTONIO - (dirigendosi verso il cannocchiale) Pur’o marisciallo sta a là?

DONNARUMMA – Pur’isso c’a mamma.

ANTONIO - (guarda nel cannocchiale, sempre con voce calmissima e mesta) Camporeale: spaghettata al chiaro di luna. Regolare!

CAPURRO - Ma comme ve site vestuto?

ANTONIO – Comm’e pazze. Ma nun m’hanno rilasciato, me ne so’ fujuto.

DONNARUMMA - E comm’avite fatto?

ANTONIO - Me so’ acalato ‘a ‘na fenesta cu ‘e lenzole.

DONNARUMMA - Invece, a me, s’è sciuveto ‘o nureco e so’ caduto ‘a sotto!

ANTONIO – Capu’, a n’atu poco arrive dint’ a casa mia nu battaglione d’a Mobbile pe me purta’ adinto: vedimmo comm’a mettite. Nun tenite scampo.

CAPURRO - Vivo a me nun me pigliano.  (va verso il cannocchiale, osserva e grida)  Occanne, ‘o signale ‘e Berlingieri! Ascimmo ampressa.   (mette la mano destra in tasca con la pistola, fa alzare Donnarumma e gli appoggia la mano sinistra sulla spalla.)  Faciteme vedé comme cammenate.

(Donnarumma si muove e girano intorno sotto lo sguardo incuriosito di Antonio. Donnarumma inciampa, urta il piede ferito di Capurro che urla e si getta sul divano)

ANTONIO - (senza perdere la sua flemma) Sentite, Capu’, si pe ve ne fuì v’avite servì ‘e Donnarumma, è meglio ca v’arrennite. Almeno ve salvate l’ogna ‘ncarnita.

DONNARUMMA - (a Capurro) Ve l’avevo ditto, pigliate ‘a signora Gemma. Chella ‘o fa pe vuto.

CAPURRO – Primm’e me piglià a essa, ie spar’a vuie e a essa, tanto quinnice anne ‘e cchiù, quinnice anne mancante... mica è assaie...

ANTONIO - (chiama) Tere’!   (si apre la porta di destra e si affaccia Teresa che, visto il padre, gli si getta fra le braccia. Alle sue spalle compaioni gli altri che, però, non osano muoversi dalla porta)

TERESA - Papà! Papà mio!

PERSICO - Che cura v’ hanno fatto? L’elettroshock? ‘O bagno gelato?

ANTONIO - (guardandolo intensamente, calmo) No, sulamente ‘a doccia scozzese, mariscià. Grazie ‘e l’interessamento.

CAPURRO - (alzandosi) Signurì, facite venì ‘o ‘nnammurato vuosto.

TERESA - Giacchino?

GIOACCHINO - (affacciandosi da dietro il gruppo) Chi è? Chi me vo’?

CAPURRO - Giacchì, dateme chellu gas ca purtate sempe cu vuie.

GIOACCHINO - (facendosi largo e porgendogli la bomboletta) L’esaclorofeno...

CAPURRO - Eh, eh, chello. Dateme ccà. Quanto n’aggia rispirà?

GIOACCHINO - Addo’ avita i’?

CAPURRO – A l’Africa.

GIOACCHINO - Allora nun abbasta, ce ne vulesse n’ autocisterna!

CAPURRO - E p’arrivà a Civitavecchia?

GIOACCHINO - Allora bastano ddoie inalazioni profonde: ecco qua, mettite ‘e beccucce dint’o naso, spremmite ‘o buttone e rispirate forte.

DONNARUMMA – Fili’, si aggia venì cu vuie, faciteme piglià ddoie boccate pur’a me.

CAPURRO - Avite raggione, accussì almeno nun me scarpesate ‘e piede, sperammo.

(Donnarumma si segna devotamente e fa due inalazioni profonde. Dà la bomboletta a Capurro che effettua la medesima operazione. L’evaso mette la mano sinistra sulla spalla di Donnarumma e i due fanno per avviarsi verso la porta-finestra alzando in sincronia il piede sinistro, quando, di colpo, cadono come pesi morti sul divano, russando sonoramente. Tutti li osservano stupiti, senza osare avvicinarsi.)

ANTONIO - Uè, e ch’è succieso?

GIOACCHINO - (guardando la bomboletta) Gesù, che stunato! C’aggio dato ‘a bomboletta d’o cloroformio!

(Con un balzo Persico si impadronisce della pistola di Capurro, estraendogliela dalla tasca. Il gruppo si avvicina cautamente al divano. Persico solletica con la canna della pistola ‘evaso, che ha un sussulto: gli altri indietreggiano con un “Ooooh! “ di terrore.)

PERSICO - (a Gioacchino) Giuvino’, dateme n’ata vota ‘a bomboletta.  (Avutala, spruzza a lungo il gas sotto il naso di Capurro. Gemma, Teresa e l’intervistatrice abbracciano Antonio, fra pianti e risa di gioia. Gioacchino si mette a sedere su una sedia e si copre la testa con la sciarpa rabbrividendo. Teresa, a lui vicina, gli fa ingoiare delle pillole)

ANTONIO - Zitte, si no se sceta.  (Intanto Persico ha messo in piedi Capurro dormiente che a un tratto socchiude gli occhi)

CAPURRO - (mezzo addormentato)  ‘O signale... Berlingieri... l’Africa...    (Persico gli spruzza ancora cloroformio e Capurro lascia ricadere la testa sulla spalla del maresciallo, addormentato di nuovo)

PERSICO - Don Anto’, m’aggia scusà cu vvuie.

ANTONIO - Pe carità, mica tutte quante so’ capace ‘e capì subbeto subbeto!

PERSICO - (alterato)  Che vulite dicere, ca ie so’ deficiente?

ANTONIO – Ie dico sulamente ca invece d’o prufessore d’o manicomio aviveva chiammà ‘e culleghe vuoste d’a Polizia!

PERSICO - Ie è overo ca so’ marisciallo, ma no d’a Polizia, d’a sussitenza.

ANTONIO - Ah, mò se spiega tutte cose.

PERSICO - E po’, vuie facivene tutte chilli discorse curiuse: vuie e e ‘a mamma vosta d’o ‘46, ‘o pate vuosto d’o ‘47... vuie Orefice e ‘o pate vuosto Capurro... ‘a francesa... Lily Kangy... ‘a mamma vosta ca se vuleva spusa’ cu vuie... ah, bello, a me me parivane nu pazzo furiuso!

SIGNORA PERSICO - (sdegnata) Lore’, lasciammo subbeto sta casa!

PERSICO - Immediatamente, mammà! (trascina via Capurro)

SIGNORA PERSICO - Che ce faie cu chillo?

PERSICO – ‘O cunzegno a’ Polizia.

SIGNORA PERSICO - Fatte ‘e fatte tuoie, Lore’. Fatte ‘e fatte tuoie.

CAPURRO - (sbadigliando) Berlingieri!  (bacia Persico) ‘E luce ‘e Tunisi! L’Africa!   (Persico gli spruzza il cloroformio, Capurro ricade addormentato e Persico lo trascina via, mentre la signora Persico insiste)

SIGNORA PERSICO – Lore’, sta’ a sentì a mamma toia... nun te ‘ntricà... fatte ‘e fatte tuoie...! (escono)

INTERVISTATRICE - Che giornata! Che esperienza indimenticabile! Che uomo!  (ad Antonio sussurrando)  Per il questionario, le andrebbe bene domenica prossima?

GEMMA - E dalle! Chesta accummencia n’ata vota!

INTERVISTRATRICE - Domenica, eh?  (Gemma la afferra per il collo e per la bassa schiena e la spinge via verso il terrazzo)

GEMMA - Vulite sapé comme passano ‘o tiempo libbero l’uommene?

INTERVISTATRICE - E’ il mio mestiere! Non spinga, la prego...

GEMMA - E allora va’ a n’ata parte a fà l’ interviste! Vattenne! Vattenne ‘a sta casa e nun ce mettere cchiù ‘o pede!  (la spinge bruscamente fuori dal portone. Rientra Gemma e chiude la porta-finestra)

GIOACCHINO - Brava, mammà, ch’avite chiuso ‘a porta, si no cu tutte sti currente me pigliavo ‘na pulmunita doppia!

ANTONIO - Aaaah, casa mia! Casa mia!  (fa cadere a terra Donnarumma che russa addormentato, si siede sul divano e usa il corpo di Donnarumma per poggiare i piedi) Finalmente ‘nzanta pace!

GEMMA - (adorante) Antonio! Caro Antonio!

ANTONIO - (commosso) Gemma! (si stringono le mani)  Ve voglio cuntà nu fatto miraculuso ca m’è succieso o’ manicomio, mentre stevo sott’a doccia gelata.

GEMMA e TERESA - Sentimmo.

ANTONIO - Sotto a chell’acqua gelata, ‘a cerevella s’è araputa e ‘e penziere se so’ schiarate. Po’ c’è stato comme nu lampo ‘e luce e me so’ truvato ‘ncopp’a ‘na muntagna auta... auta... e ie stevo quase ‘ncopp’a tutto. Po’, n’ atu lampo ‘e luce e ‘na voce misteriosa, cupa ma chiara, ca me diceva: “Antonio, guarda, tu hai raggiunto la vetta della saggezza. Vivi in pace con te stesso e cogli altri quei cinquanta o sessant’anni che ti restano...”

GEMMA - Era sempe ‘a voce d’a muntagna ca parlava?

ANTONIO – Semp’essa:  (riprende il racconto)  “ Tu ti lamenti sempre di Camporeale, ma pensa che in casa tua, da un momento all’altro, ti può entrare un Capurro, un Donnarumma, un Gioacchino...! E allora, ora che hai raggiunto la vetta della saggezza, cancella il passato e vivi in pace! “ Po’, me so’ scetato e ero n’ at’ommo,  calmo, pacifico, pure si stevo sott’a doccia gelata!

GEMMA - Benedetta chella doccia gelata!

GIOACCHINO - (starnutendo) Don Anto’, facite comm’e me: penzate a’ salute!

ANTONIO - Pirciò aggio deciso: ‘a stasera se cagna vita. ‘Mpaccotto ‘o cannucchiale e dimane e matina c’o porto n’ata vota addu l’amico mio, l’ottico, po’ vaco a accatta’ ‘na televisione, grossa ‘a voglio, p’a vede’ meglio, e po’... (rivolto a Gemma) ... po’, tanto ‘e figlie so’ gruosse, chesta a n’atu poco se sposa e nuie rimanimmo sule, po’... jammo a sentì ‘e carte ca ce vonno pe’ fà ‘e pubblicazione p’o spusalizio... Gemma, io e te ce spusammo!

GEMMA - (impetuosa) Antonio! Caro Antonio!  (lo abbraccia, poi sobbalzando si ritrae) Nun pozzo, nun te pozzo spusà, Anto’!

ANTONIO - E pecché? So’ tant’anne ch ‘o vulive fa’!

GEMMA - Aggio fatto nu vuto... (commossa) ... ‘o vuto ca si tu turnave sano e salvo d’o manicomio e nuie ce salvavemo d’o bandito ie me facevo monaca... e nun penzavo maie cchiù e’ piacere d’o munno... a’ televisione... a’ famiglia... a l’ammore carnale! E nu vuto è nu vuto, è n’ obbligo ca nun se pò sciogliere!  Anzi, famme telefonà o’ munasterio pe sentì si me vonno comme nuvizia!

    (decisa va verso il telefono, compone un numero e parla)

    Pronto? Munasterio di santa Chiara! Buongiorno! Ascoltate, madre, io vorrebbe sapere come devo fare per trasire come novizia... sì... ho fatto un voto... bene, c’avete posto... quanti anni c’ho?... vabbè, ve lo dico... ce n’ho... uno più di... ‘anta... come? Volete solo novizie di vent’anni? ... Belle e giovani... ma devono farsi monache, mica...E io che devo facere?... Devo vivere la mia vita?... E il voto?... Mi sciogliete voi?... E certo, se mi dicete così... grazie, madre, arrivederci... (abbassa il telefono)   Antò, la superiora di Santa Chiara m’ha sciolto dal voto!

ANTONIO - (la abbraccia con impeto) E allora jammo a fà ‘e pubblicazione e a ce spusa’ ampressa ampressa, ca ie... tengo na voglia!!!

GEMMA - (ritraendosi pudica) Anto’, che faie... frenate! Nun so’ ancora pronta... nu poc’e pacienza, jà...

ANTONIO - Sì, Sì, ammore mio!   (facendo un gesto col braccio) Camporeale, tiè! Tiecchete chesto!  Gemma, pe l’ultima vota primma ch’accattammo ‘a televisione, appiccia nu poco ‘a radio, sentimmo quacche canzuncella.

(Gemma accende la radio e si siede sul divano; Antonio passeggia soffregandosi contento le mani. Musica dalla radio, poi)

VOCE DELLA RADIO - Interrompiamo il programma musicale “Musica di festa” per collegarci con la nostra sede romana per un importante avviso. A voi Roma.

DALLA RADIO (altra voce) - Qui la sede di Roma della Rai per comunicarvi uno straordinario evento. Le contemporanee sconfitte casalinghe di Juventus, Milan, Roma e Parma e a quelle esterne di Inter e Lazio sui campi delle ultime in classifica hanno determinato un solo tredici in tutta Italia, e precisamente a Napoli, quartiere S.Lucia. Il fortunato possessore della schedina vincente incasserà la straordinaria somma di Lire 10 miliardi e 682 milioni. Ma ancor più straordinario è il fatto che il fortunato giocatore non è incognito, avendo apposto sulla schedina il proprio nome: annunciamo pertanto che il vincitore della iperbolica cifra di oltre 10 miliardi è il signor...  Vincenzo Camporeale!

ANTONIO - (urlando)  Camporeale!

(Antonio stramazza a terra a braccia larghe. )

SIPARIO

FINE DEL SECONDO ATTO

APPLAUSI ... SPERIAMO !

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 32 volte nell' arco di un'anno