Il sogno di Giuseppe

Stampa questo copione


PERSONAGGI

PUTIFARRE

FARAONE

NARRATRICE

ASENAT (moglie di Giuseppe)

GIUSEPPE

1a, 2a , 3a ,  e  4a   MOGLIE

GIACOBBE

1°, 2° , 3° ,  e  4° FRATELLO

ISMAELITA

MUT (moglie di Putifarre)

IL COPPIERE

IL FORNAIO

UN CARCERATO

BENIAMINO

SOLE, LUNA, STELLE

Ancelle, Cortigiani, Due schiave, Carcerati,

CORO

  

PRIMO TEMPO

Scena I

(All'alzarsi del sipario fumo e luci soffuse. Gli attori entrano in abiti contemporanei. Abiti di scena appesi ad uno stand al centro della scena. Mentre cantano gli attori iniziano a vestirsi. Rimangono fuori scena solo il Faraone e Giuseppe. Quando Putifarre canta il secondo verso il Faraone entra e le Ancelle, mentre cantano, gli danno il bastone del comando e il copricapo. Altre srotolano il tappeto che dal trono scende gli scalini)

E la storia cominciò

Tutti   Siamo i figli del deserto

del lontano Egitto di tanti anni fa

personaggi della Sacra Bibbia,

della Bibbia dell'umanità

Putifarre Le piramidi son vecchie quasi quanto noi

ma se il tempo è un'illusione,

allora eccoci a voi.

Tutti   Geroglifici di un tempo antico

bisognoso d'immortalità

Geroglifici di un tempo antico

che è svanito tanto tempo fa.

Putifarre Presto noi saremo mummie mummie come noi

che tu nel duemila e venti dissotterrerai.

Ancelle Nei sarcofagi noi

ci ammantiamo un po' d'eternità.

Ci vestiamo, se vuoi,

nel mistero dell'oscurità.

E nel profondo più buio dell'oscurità

noi moriremo ma lui quel mistero vivrà.

Tutti   Questa notte c'è una grande festa,

si festeggia il figlio di un eroe,

si festeggia con una gran festa,

si festeggia l'alba che verrà.

Cortigiani Un bambino è appena nato, bello come un re,

(uomini)  figlio di chi fa del bene dove non ce n'è.

Tutti   E la storia cominciò

E la storia cominciò

E la storia cominciò

E la storia cominciò.

(Squilli di tromba. Tutti si radunano al centro).

Putifarre Silenzio! Parla il Faraone!

(Il Faraone fa avvicinare a sé Asenat, che tiene il bambino in brac­cio)

Faraone Amici miei, abbiamo danzato e cantato per festeggiare la nascita di una nuova stella: Manasse, il figlio di Giuseppe. Sia gloria a lui in tutta la terra d'Egitto! E che anche lui, come suo padre, ci indichi un domani la via della pace e della salvezza! Giuseppe, che adesso si trova nei territori del sud per sovrintendere alla distribuzione del cibo a chi non ne ha, ha fatto sì, col suo lavoro, che il nostro popolo non soffrisse la fame in questo primo anno di carestia.

Putifarre Evviva Giuseppe!

Tutti Evviva Giuseppe! Evviva il Faraone!

Faraone Grazie a Giuseppe il nostro popolo non conosce e non conoscerà carestia. Ma c'è ben altro dietro il lavoro di Giuseppe. Cosa si nasconde dietro quei milioni di chicchi di grano, che per sette lunghi anni lui ci ha fatto coltivare e accumulare con zelo e con tenacia? Cosa si nasconde dietro quella dura fatica di zappare, arare, seminare, cura­re, irrigare, raccogliere, accumulare e stipare fino a far scoppiare i gra­nai? Cos'è questo suo grano che ora, nel momento del bisogno, noi possiamo distribuire in abbondanza a tutti?

Putifarre È la nostra ricchezza!

Cortigiano È la nostra potenza!

Faraone No, amici, è l'amore. Giuseppe, con l'aiuto di quel Dio che gli illumina la strada, ci ha insegnato a far crescere, a raccogliere e conservare dentro di noi l'amore. Quell'amore che ora noi dobbiamo dare a chi ne ha bisogno, a chi ce lo chiede, a chi non ha avuto un cuore abbastanza grande e forte per poterlo coltivare per conto proprio.

Putifarre Bravo! Evviva Giuseppe, evviva il Faraone!

Faraone Sia questo, per tutti noi, il suo insegnamento. Ora Giusep­pe è a sud. Noi, qui, in pace, lo attendiamo nel migliori dei modi.

(Prende il fagotto contenente il bambino dalle mani di Asenat e lo solleva sulla testa. Applausi e grida di gioia. Poi tutti escono, tranne Asenat e la Narratrice).

Nel respiro della notte

Narratrice Qui dal cuore dell'Egitto

ti racconterò

di quell'uomo che fu il padre tuo.

Della storia di Giuseppe

io ti parlerò,

di una storia che ha voluto Dio.

Asenat Io la sposa di Giuseppe

ora ti trasporterò

nel respiro della notte

dove viaggeremo un po'.

Nel respiro della notte,

madre del destino tuo,

ce ne andremo dentro un sogno

che diventa il mio.

Narratrice E coi sogni di Giuseppe,

di Giuseppe canterò,

di un ragazzo bello e forte

che per sempre sognerà

pace bene amore e morte

proprio come vuole Dio,

nel respiro della notte

Asenat            Nel respiro della notte

Narratrice Nel respiro della  notte

e Asenat    che diventa il mio.

(Asenat esce. Sulla scena rimane solo la Narratrice. Poi entrano i fratelli di Giuseppe e le mogli)

Scena II

(Accampamento israelita. I fratelli di Giuseppe sono impegnati in diverse operazioni di lavoro: zappano, arano, segano e cose simili. Anche Giuseppe entra subito, ma si siede sul proscenio a guardare le stelle).

Una Grande famiglia

Narratrice Forse qualcuno non sa

che molto lontano da qua

c'era una grande famiglia che credeva in Dio

Tanti fratelli e un papà

e tutti lavoro e bontà

come una grande famiglia che credeva in Dio

Coro (f.s.) E questa è la famiglia di Giacobbe

amore, casa, chiesa ed onestà

Fratelli Noi fratelli di

di quel sangue

che dall'alba della vita scorrerà

dentro tutti noi.

Narratrice Poi venne un giorno però

che a un tratto l'amore cessò

perché qualcuno di loro contava di più

Fratelli Figlio, Giuseppe, anche lui

ma molto più amato di noi

da un padre di una famiglia voluta da Dio.

Coro   E allora la famiglia di Giacobbe

gelosa di Giuseppe si sfasciò.

Fratelli Tutti figli di

            di quel sangue

            che dall'alba della vita

            scorrerà dentro tutti noi.

            Dentro tutti noi.

            Dentro tutti noi.

            Dentro tutti noi.

Siamo figli di Giacobbe

Fratelli Io sono Ruben, io sono Gad,

io sono Giuda, io Zabulon,

io sono Aser, io sono Issacar.

Io sono Levi, io Neftali,

Io Simeone, e io sono Dan,

e noi tutti insieme siamo figli di…

Siamo figli di Giacobbe

e a tutti quanti noi non va

di avere fra di noi Giuseppe

Il cocco di papà.

Cresce questa rabbia forte

e il fegato ci scoppierà

perché da queste parti

da tempo qualcosa non va

qualcosa non va.

Giuseppe Io credo nell'amore del padre mio

e se Dio mi vuole mi vuole perché

servo dell'amore, io servirò anche chi

vorrà dare luce ai giorni più bui.

Fratelli Perché lui, perché proprio lui?

Giuseppe Ed io sarò una grande luce che si accenderà.

Sono un figlio di Giacobbe

erede di quella bontà

che illumina con Dio la notte

soltanto per pietà.

E se nel mondo regna morte,

dolore, sangue e infamità,

io lotterò con la mia sorte

per l'umanità

per l'umanità.

Narratrice Nato da una madre speciale di nome Rachele

Fratelli Amata da lui, nostro padre, più del normale.

Siamo figli della rabbia

e presto lui ci lascerà

coi piedi scalzi sulla sabbia

per l'umanità,

per l'umanità,

per l'umanità.

(Entra una ragazza con tra le mani una veste nuova per Giuseppe)

1a Moglie (prende il vestito) Ci abbiamo messo sette giorni per tes­serlo e cucirlo.

2 a Moglie Ma è venuto fuori proprio un bel vestito.

3a Moglie Guarda il colore della seta come riflette la luce del sole. E i disegni, i decori...

4a Moglie E che fatica! Con Giacobbe che tutte le sere veniva a controllare affinché non sbagliassimo un orlo, una rifinitura.

1a Moglie E poi lo va a regalare a lui, Giuseppe, il figlio prediletto.

3 a Moglie Con tutto il bene che già gli vuole, anche un vestito.

1 a Moglie E che vestito poi!

2 a Moglie Sembra il vestito di un re. Ma non sarà troppo un vestito da re per un pastore?

4 a Moglie Sarà il re di tutte le pecore! (ridono tra loro)

(Entra Giacobbe, le donne fanno indossare il vestito a Giuseppe)

Questo vestito bellissimo

Giacobbe Ecco figlio qui per te

una cosa certo che

ti coprirà

ti scalderà

e poi sarà

un pensiero mio per te,

ti farà pensare a me,

al padre tuo che crede in Dio

e crede in te.

Questo vestito bellissimo

color dell'anima che hai

e con la stoffa dell'anima

ti ricoprirai.

Mogli  Questo vestito bellissimo

che veste tutti i sogni tuoi,

ti fa volare altissimo per noi,

 solo per noi.

Fratelli Hai capito guarda un po'

per Giuseppe e per noi no.

Ma perché lui, perché proprio lui

perché non io?

Che ingiustizia è questa qua!

Che crudele iniquità!

Solo per lui, sempre per lui

perché non io?

Giuseppe       Questo vestito bellissimo

farà di un uomo come me

uno che dà sempre il massimo

del massimo che c'è.

Questo regalo bellissimo

farà di un figlio, padre mio,  

questo mondo il primissimo son io,

servo di Dio.

Questo regalo bellissimo

farà di un figlio, padre mio,

di questo mondo il primissimo son io,

io, servo di Dio.

Servo di Dio.

Servo di Dio.

Giuseppe Fratelli, stanotte ho fatto un sogno.

1° Fratello Eh già, noi andiamo a dormire portandoci dentro tutti i problemi della giornata, e lui che fa? Sogna!

Giuseppe Ho sognato che noi stavamo nei campi a mietere il gra­no...

Fratello Hai capito? Adesso ci tocca lavorare anche nei sogni.

Giuseppe L'aria era arroventata, come sempre. Ed io formavo il covone di grano più grosso, e il covone si è stagliato alto, dritto verso il cielo come un obelisco. Poi, tutti i vostri covoni, che erano molto più piccoli...

Fratello E ti pareva!

Giuseppe ...prendevano vita e, come esseri umani, si prostravano davanti a me, ed io regalavo loro la mia benedizione.

4° Fratello Vuoi vedere che i covoni siamo noi?

Giacobbe Silenzio! Fatelo raccontare! Come sogna Giuseppe non sogna nessuno di noi!

Giuseppe Poi, come per magia, dal cielo uscivano il sole, la luna, le stelle e gli altri pianeti. Belli, radiosi. E il sole e la luna e le stelle e tutti i pianeti si mettevano a danzare al mio cospetto e poi, anche loro come i covoni, si inchinavano per rendermi onore.

Giacobbe Figlio: ma che sogni fai? Mi meraviglio di te!

Giuseppe Perché?

Giacobbe Perché, se è vero che i sogni rispecchiano l'angolo più intimo della propria volontà, allora tu pretenderesti che io e i tuoi fra­telli ci prostrassimo ai tuoi piedi come dei servi!

Fratello Oh, finalmente nostro padre ci dà ragione! (gli altri fra­telli e le mogli approvano)

Giuseppe Ma io ho sognato questo!

1° Fratello Ma vai! Confessalo che è stato un sogno ad occhi aperti.

(Fratelli e mogli continuano ad approvare)

Giuseppe Ma da parte mia nel sogno non c'era nessun desiderio di potere!

Fratello Sì, però tutti chinavano il capo davanti a te!

Giuseppe Ma perché non volete credermi? Era un sogno bellissimo.

Giacobbe Per ognuno di noi, figlio mio, i sogni dovrebbero essere meravigliosi solo quando diventano realtà. E, a proposito di realtà, il sole è già alto e dovete portare il bestiame al pascolo. Affrettatevi. E che Dio vegli sul vostro lavoro.

(I fratelli, le mogli e Giacobbe escono)

IL sogno di Giuseppe

Giuseppe Quando sogno non vorrei svegliarmi mai

forse perché un sogno è solo ciò che vuoi

ma se chiudi gli occhi certo tu vedrai

che nel cuore i sogni sono ciò che sei.

Quando sogno vedo un mondo che non c'è

dove tutto è bello e non si sa perché

dove c'è l'amore che lo vuole Dio

e l'amore è il suo, il vostro ed anche il mio.

Sogno il bene che tu potrai fare se lo vuoi

e quel bene poi fa bene a noi.

Un sogno che voli sopra le città

un sogno che sia una pioggia di bontà

che cade

soprattutto su di noi

e su chi non sa che cosa è Dio

che è amico mio.

Sole, Luna Sogni il bene che tu potrai fare se lo vuoi

e Stelle       e quel bene poi fa bene a noi, a noi

Giuseppe Un sogno, padre di tutti i sogni tuoi

un sogno, sogno di tutto ciò che sei.

Un sogno, e coi sogni aiuterai

anche chi non sa che cosa è Dio...

Sole, Luna E coi sogni aiuterai

e Stelle       anche chi non sa che cosa è Dio...

Giuseppe,      E coi sogni aiuterai

Sole, Luna     anche chi non sa che cosa è Dio...

e Stelle

    Sole, Luna e Stelle
Giuseppe che è amico mio         Quando sogno vedo

                                                    un mondo che non c'è

            amico mio                        dove è tutto bello

                                                    e non si sa perché

            amico mio                        Quando sogno vedo

                                                    un mondo che non c'è

            amico mio                        dove è tutto bello

                                                    e non si sa perché

            amico mio                        Quando sogno vedo

un mondo che non c'è

            amico mio.                       dove è tutto bello

                                                    e non si sa perché

Scena III

(Rientrano i Fratelli)

3° Fratello È ora di finirla. Io non ce la faccio più!

2° Fratello Hai visto con qual sfacciataggine ha avuto il coraggio di raccontare il suo sogno a nostro padre?

4° Fratello In quel momento l'avrei strozzato con queste mani!

1° Fratello Quello non era un sogno, ve lo dico io. Era un chiaro messaggio: chi conta di più fra noi, sono io, Giuseppe!

4° Fratello Dobbiamo pensare a un rimedio, prima che sia troppo tardi.

Fratello Che vorresti dire?

4° Fratello Dobbiamo dargli una lezione!

Fratello Secondo me non basta.

Fratello E allora che dovremmo fare?

1° Fratello Liberiamocene una volta per tutte...

Fratello Che stai dicendo? Sei pazzo? Lui è nostro fratello!

Fratello Lui non vuole essere nostro fratello! Lui vuole essere il capo di tutti noi!

Fratello Ha ragione! Dobbiamo farla finita!

1° Fratello Già, ma come?

4° Fratello Ficchiamolo in uno di quei pozzi asciutti che stanno nella valle e lasciamolo lì al suo destino.

Fratello E se poi muore di sete?

4° Fratello Vorrà dire che quello era il suo destino.

Giuseppe (entrando) Fratelli! Da sopra il monte ho visto una picco­la carovana di mercanti. Sono Ismaeliti e vengono da questa parte. Chissà se vogliono comprare qualche capra da noi?

(Due fratelli afferrano Giuseppe e lo immobilizzano)

1° Fratello Eccola qua una capra per gli Ismaeliti!

4° Fratello La capra migliore! Anzi, il capo di tutte le capre!

Giuseppe Ma che fate?

Fratello È vero, potrebbe essere la soluzione più indolore: ven­derlo come schiavo agli Ismaeliti.

1° Fratello Sì, che gli Ismaeliti se lo portino via!

Fratello Sì! Lontano da qui! Dove pare a loro, purché lontano da qui!

Giuseppe Ma che fate? Fratelli! Mi fate male! Ma che volete da me?

1° Fratello Che tu sparisca, "fratello"!

Fratello Per sempre!

Giuseppe No!... Ma perché?

4° Fratello Perché i tuoi sogni ci danno fastidio, "fratello". (Lo spo­gliano)

Giuseppe Fermi!... No! ... In nome di Dio! ... Cosa state facendo?

Fratello Rendiamo più appetibile la nostra merce! (gli tolgono la veste dono del padre)

Giuseppe No! No! ... Fratelli, no!!!

Scena IV

(Entra un Ismaelita, trascinando due schiave in catene. Quando i fratelli gli offrono Giuseppe, incatena anche lui)

Venduto

Israelita   Noi viaggiamo nel deserto verso le città,

siamo i maghi del commercio di quello che vuoi

ma vendiamo solo roba di gran qualità

e nel traffico di schiavi non c'è pari a noi.

Fratelli Brava gente, noi offriamo ciò che fa per voi,

bello e forte come cento tori in libertà,

bello e forte come certo non lo siamo noi,

figli della malasorte che ci umilierà.

1° Fratello Se ci dai trenta denari ci guadagnerai.

Israelita  Venti al massimo, ventuno sempre che li vuoi.

Fratelli Venticinque e poi tu a cento lo rivenderai.

Venticinque è il prezzo giusto che ci sembra a noi

E non se ne parla più.

Israelita E non se ne parla più.

Tutti   E non se ne parla più.

E non se ne parla più.

(Entra la Narratrice)

Narratrice Fragili, fragili fratelli siete voi,

fu l'invidia che vi tradì.

Fragile, fragile fratello come voi,

cosa mai gli succederà?

Ora vostro padre che dirà?

(La Narratrice, l'Ismaelita, le schiave e Giuseppe escono)

Fratello E adesso che facciamo? Cosa racconteremo a nostro padre?

1° Fratello Siamo nel periodo della transumanza, e questo posto è pieno di mandrie e di greggi che pascolano.

Fratello E allora?

1° Fratello E allora, di conseguenza, è anche pieno di bestie feroci.

4° Fratello Non ti capisco.

1° Fratello Dan! Prendi questa veste! E prendi la capra più vecchia, più brutta e più inutile che abbiamo.

Fratello E poi?

1° Fratello E poi sgozzala e imbratta col suo sangue questo vestito bellissimo.

Fratello Giusto! Diremo a nostro padre che Giuseppe è stato sbranato da una bestia feroce...

Fratello Siamo noi le bestie feroci!

4° Fratello Sì, ma ormai non possiamo più tornare indietro.

1° Fratello Questo vestito "bellissimo" sarà la prova, per nostro padre, che Giuseppe, il sangue del nostro sangue... non c'è più.

3° Fratello E adesso che ci facciamo con tutti questi soldi?

4° Fratello È vero! Come giustifichiamo a nostro padre tutti questi soldi?

1° Fratello Poco distante da qui c'è un villaggio. So che lì ci sono diverse donne che non vedono l'ora di ridere, scherzare e ubriacarsi con noi.

4° Fratello E quindi non avremo bisogno di giustificare a nostro padre questi soldi.

Fratello Perché li spenderemo tutti!

(Escono)

Scena V

(Piazza di città egizia. Entrano l'Ismaelita, le due schiave e Giu­seppe in catene)

Ismaelita Accidenti, questa capitale d'Egitto è peggio di un labirin­to...

Guardia (entrando) Fate largo!

Ismaelita "Fate largo" a chi? Ci siamo solo noi!

Guardia Ismaelita! Fai meno lo spiritoso. Forse tu non sai come usiamo gli Ismaelita come te qui in Egitto.

Ismaelita No. Come li usate?

Guardia Come fondamenta per le piramidi.

Ismaelita (inchinandosi) Chiedo umilmente scusa...

Guardia Fate largo! Fate largo a Putifarre, Ministro del Faraone!

Fate largo a lui, a sua moglie Mut e ad Asenat, figlia del Gran Sacerdo­te di On!

(entrano Putifarre, Mut, Asenat e due ancelle)

Ismaelita (inchinandosi) Mio Signore! Avete forse bisogno di qual­che schiava?

Putifarre No, di schiave ne ho già piena la casa.

Ismaelita E di lui? Avete bisogno di uno come lui? È un ebreo, giovane e forte e sa fare mille cose.

Putifarre Un ebreo eh? Ehi, ebreo! Qual è la cosa che sai meglio?

Giuseppe Sognare.

Putifarre Ah, un sognatore. E che me ne faccio io di un sognatore?

Ismaelita Non gli date retta, mio Signore. Durante il viaggio ha cucinato per noi e ha curato la cammella che si era azzoppata. E poi è umile, gentile e molto intelligente.

Putifarre Sognatore: quanto fa due più due? Giuseppe L'ottava parte di trentadue.

Ismaelita (imbarazzato) Sì, è anche spiritoso.

Putifarre L'ottava parte di trentadue... Dunque: tre per otto... trentadue... (a Mut) Ti piace?

Mut Carino...

Putifarre Sognatore, oltre a sognare, cosa ti piace fare?

Giuseppe Ordinare.

Ismaelita (sempre più in imbarazzo) Forse è troppo spiritoso...

Putifarre Ma io sono più spiritoso di lui e, visto che ti piace ordina­re, caro il mio Sognatore, ordinerai il mio magazzino e la mia bibliote­ca. Quanto vuoi, Ismaelita?

Ismaelita Duecento denari.

Putifarre Senza dubbio tu sei il più simpatico di tutti!

Ismaelita Centocinquanta.

Putifarre Ti hanno già detto come usiamo gli Ismaeliti come te qui in Egitto...

Ismaelita Facciamo cento e non se ne parla più.

Putifarre Ecco, bravo. Cento mi pare un prezzo giusto. Tu l'avrai pagato sì e no venticinque denari.

Ismaelita Oh no... Cioè, sì! Hai visto, Giuseppe? Sei fortunato, sei capitato nella casa di Putifarre, il più grande Ministro del Faraone...

Putifarre Andiamo, più in là c'è uno scriba. Firmeremo da lui la transizione.

Ismaelita Ai vostri ordini, mio Signore...

Mut (uscendo passa accanto a Giuseppe) Carino...

Quando anche Asenat passa accanto a Giuseppe tra i due c'è un prolungato sguardo. Le ancelle invitano Asenat ad andare e la donna si veglia come da un sogno e se ne va, senza però staccare gli occhi da Giuseppe, e anche lui segue l'uscita della donna.

Scena VI

La veste insanguinata

4° Fratello Padre che disgrazia!

Una belva ha ucciso il figlio tuo!

Giacobbe Questa veste insanguinata sarà tutti voi,

Dio lo ha preso ma ha lasciato lei qui per noi,

e dall'alto di una nuvola un giorno ci chiamerà

in quel mondo dove lui riposa già.

Questa veste insanguinata sarà tutta mia

questo sangue che è anche mio non laverò,

e col sangue rosso suo che è mio per sempre mi vestirò

fino al giorno in cui con Dio me ne andrò via.

E sul mondo pioverà

sangue e amore a volontà

su reietti e sofferenti,

ma qualcuno guarirà.

Per chi vive in povertà,

per i figli di umiltà,

per gli storpi e i mendicanti

una stella brillerà...

Fratelli e  E sul mondo pioverà

Mogli  sangue e amore a volontà

su reietti e sofferenti

ma qualcuno guarirà.

Per chi vive in povertà

per i figli di umiltà

per gli storpi e i mendicanti

una stella brillerà.

Per loro sempre vivrà.

Scena VII

(Egitto, palazzo del Faraone. Entrano Putifarre e alcuni cortigiani del Faraone che danzano intorno a Giuseppe, intento al suo lavoro)

Son  Putifarre

Putifarre Son Putifarre, eccomi qua,

del Faraone gran tuttofar,

se c'è un problema calma perché

io ti risolvo tutti i guai.

Io Putifarre servo di un boss

che mi comanda a più non poss,

fermo restando che poi son io

che gli risolvo tutti i guai.

Cortigiani E allora soffri per lui, ma per lui

tu sarai solo un lacchè, ma perché?

E allora servi per chi, chi non sa

che un impero di umiltà serve lui.

Putifarre E allora corro di qua poi di là

senza chiedere un perché, perché è un re.

Ma ben sapendo che che son cosa tutta sua.

Cortigiani Oh Putifarre, servo di un re,

che può disporre solo di te,

onde per cui ecco perché

tu farai comunque il servo a lui.

Putifarre E allora adesso che ho qui,  proprio qui

chi mi fa da servo a me, ma che bell,

 e allora sfrutto per me chi per me

mi può far sentire un re, proprio un re.

Cortigiani E allora tu sfrutterai chi per te

farà il massimo che c'è per un re.

Putifarre E ben sapendo che

che in fondo è una cosa tutta mia, mia, mia, mia.

Cortigiani Oh Putifarre, attento a te

qualsiasi cosa lui chiama te.

Putifarre Se c'è un problema, eccolo qua,

Giuseppe lo risolverà.

(Escono tutti tranne Giuseppe. Entrano Mut e le ancelle. Putifarre canta da fuori scena)

Carino

Ancelle E così successe che

che Giuseppe diventò tanto bravo.

Putifarre Bravo!

Ancelle E la casa governò

come meglio no si può con gran tatto.

Mut     Tatto!

Ancelle La padrona lo guardò

e di lui s'incapricciò, chissà perché?

Proprio come Salomè  un bel giorno dichiarò...

Mut     Carino,

lo sai che sei proprio carino,

con quello sguardo da bambino che

ha bisogno solo di me.

Carino,

con quel musetto malandrino,

ma con quel fare da gran macho che

che si prende gioco di me.

Ancelle Carino, carino, carino sei tu

e ci piaci, ci piaci ogni giorno di più.

Giuseppe, sei il meglio Giuseppe che c'è

 e qui siam tutte pazze di te.

Mut     Carino,

mandato certo dal destino,

e con un cuore sopraffino che

forse batte solo per me.

Ancelle Da' retta a noi,

se tu passassi questa notte insieme a lei,

potresti forse divertirti assai

se nel letto suo dormirai.

Da' retta a noi,

se vai con lei la sorte tua trasformerai

e Putifarre non lo saprà mai

se tu fai l'amante di lei.

Mut     Carino, carino, carino sei tu

e mi piaci mi piaci ogni giorno di più.

Ancelle Tu forse in Egitto sei li meglio che c'è,

e perfino le mummie son pazze di te.

Mut     Carino, ma mamma mia quant'è carino,

io metto un corno al maritino mio se se

Giuseppe è l'uomo per me.

Ancelle Perché carino, carino, carino sei tu.

Mut     Mi piaci, mi piaci ogni giorno di più

Ancelle e se tu non corri da lei

si arrabbierà.

Mut     Mi arrabbierò.

Ancelle Si arrabbierà.

Mut     Mi arrabbierò.

(Le ancelle escono.)

MI dispiace mia signora

Giuseppe Mi dispiace, mia signora, io non ti accontenterò.

Non ti porto dentro al cuore ed amare te non so.

Forse è scritto sulla luna, come lei si chiamerà

ma sarà un amore grande e so che verrà.

            (Mut si strappa un pezzo di veste)



Mut     Correte, gente, tutti qua!

Quest'uomo, un servo, mi oltraggiò

e con le mani mi toccò!

Mi toccò! Mi toccò!

(Entrano i cortigiani, le ancelle, la narratrice e Putifarre)

Putifarre  Come hai mai potuto massacrare la fiducia mia?

Cortigiani Via! Via! Via! Via! Via!

(I cortigiani prendono Giuseppe e lo portano via, seguiti da tutti gli altri, rimane in scena solo la narratrice)

Narratrice     Povero, povero Giuseppe che farai?

Chiuso in una cella languirai.

Povero, povero Giuseppe, che farai?

Pregherai quel tuo grande Dio,

solo in una cella, pregherai.

Scena IX

(Esce la narratrice ed entra Asenat, mentre Giuseppe è dietro le sbarre)

E SOGNERAI

Asenat                 E sognerai come chi non si sveglierà mai.

Nei sogni tuoi piangerai proprio come gli eroi,

come gli eroi,

come gli eroi,

come gli eroi di un Dio che è convinto che volerai,

da lassù sveglierai quelli che sognano.

E volerai con le ali con cui volo anch'io,

e scoprirai che il dolore è la fonte di un Dio,

di un Dio

e ho sete anch'io,

ho sete anch'io perché il cuore tuo mi disseta.

Giuseppe E faremo di un sogno realtà con il mondo che c'è

scopriremo il mondo, chissà,

quell'amore che c'è.

E dai sogni di un sogno verrà

tutto il bene che puoi,

tutto il bene che puoi.

Carcerati Oh, oh, oh...

Giuseppe E dal mondo dei sogni che c'è

Asenat                   torneremo tra noi,

Giuseppe torneremo da un mondo di eroi

Asenat                 in un mondo che c'è.

Giuseppe Con la forza e l'amore che sai

e Asenat  risognare si può,

      risognare si può,

                 risognare si può.

(Asenat esce. Si avvicinano a Giuseppe due carcerati: il coppiere e il fornaio)

Coppiere Dicono che tu sai leggere nei sogni. È vero?

Giuseppe La gente dice tante cose...

Fornaio Io sono il fornaio del Faraone e lui è quello che gli mesce il vino a tavola. Siamo stati sbattuti quaggiù, dicono, per tradimento.

Coppiere Ma io non ho tradito nessuno!

Fornaio E neanch'io!

Coppiere Stanotte abbiamo fatto tutti e due dei sogni molto stani. Tu che sai leggere nei sogni, potresti dirci cosa significa quello che abbiamo sognato?

Giuseppe Cosa avete sognato?

Fornaio Io ho sognato tre canestri colmi di pane appena sfornato, che pendevano sul mio capo, ed io dovevo porgere questi canestri al Faraone. Ma, prima che io lo potessi fare, dei corvi malvagi divorava­no il contenuto ed io non potevo servire il pane al Faraone. Che signi­fica?

Giuseppe Tre canestri sono tre giorni. Ma gli uccelli hanno nel frattempo divorato la tua salvezza. Fra tre giorni, quindi, il Faraone ti farà mozzare la testa. E tu che cosa hai sognato?

Coppiere Ho sognato qualcosa di molto simile. Per questo, ora, davanti a te, ho paura.

Giuseppe Non si deve aver paura del proprio destino.

Coppiere Ho sognato una vite con tre tralci che germogliavano a vista d'occhio, poi fiorivano e davano grappoli d'uva bellissimi con acini grossi come mele. Io prendevo questi grappoli e li spremevo con le mani nella coppa d'argento del Faraone. Che significa?

Giuseppe Fra tre giorni il Faraone solleverà con una mano la tua testa.

Coppiere E me la farà mozzare?

Giuseppe No. Ti guarderà, ti sorriderà e ti restituirà al tuo incarico di coppiere.

Fornaio Storie! Piuttosto, tu saprai anche leggere. (tira fuori un pezzo di papiro) Sai dirmi cosa c'è scritto in questo foglio che mi hanno consegnato le guardie questa mattina?

Giuseppe Dice che fra tre giorni sarai giustiziato.

(Entra un altro carcerato)

Carcerato Ehi, coppiere. Ho sentito là fuori che una guardia stava parlando di te. Diceva che il Faraone sta esaminando la tua causa.

Coppiere E che vuol dire?

Carcerato Che di sicuro non morirai. La guardia diceva che il Faraone sostiene che come gli versi li vino tu non glielo sa versare nessun altro.

Coppiere Ma chi sei tu?

Giuseppe Un carcerato, come voi.

Dentro c'è quella forza

Asenat                   Angelo mio, che vivi nell'etere,

diglielo tu a Dio.

Diglielo tu che un uomo sta in carcere

e lo vorrei qui con me.

Giuseppe Angelo mio, che asciughi le lacrime,

c'è lei nel cuore mio,

ma c'è anche chi, chi piange in un carcere

e vuole solo pietà.

Asenat                   E ti sognerò come sogniamo noi,

sognando il mio cuore nel tuo,

e poi ti amerò come ci amiamo noi,

col tuo viso sul respiro mio.

Giuseppe Se aspettare vorrai, il respiro mio respirerai.

Carcerati Spiegaci come si fa a vivere come noi qua,

schiavi di queste catene della civiltà.

Giuseppe Forse qualcuno non sa

che c'è una gran forza che è in noi

e che si chiama speranza è più forte che mai.

Dentro c'è quella forza, forte solo per noi,

dentro c'è la speranza che vive dentro tutti noi.

Giuseppe e Prendi questa gran forza che sta dentro di noi

Carcerati   e riscopri la forza che può cambiare ciò che sei

        ciò che sei.

Carcerati Quindi per allontanare ciò che ci tormenta qua

con la forza puoi sperare che il passato passerà.

Con la forza puoi lottare, vincere l'infamità,

la speranza è quella forza che ti salverà.

(Entrano tutti i personaggi)

Tutti   Dentro c'è quella forza, forte solo se vuoi

dentro c'è la speranza che vive dentro tutti noi.

Prendi questa gran forza che sta dentro di noi

e riscoprila, tu riscoprila

e vedrai che forza che sarai.

E vedrai che forza che sarai.

Fine primo tempo


SECONDO TEMPO

Scena I

(È in corso un temporale, i Cortigiani e le Ancelle sono in scena. Poco prima di iniziare a cantare entra il Faraone)

Notte terribile

Cortigiani   Notte terribile è questa qua,

e Ancelle     colpa di un sogno di di nostra Maestà.

Ombre sataniche, mostruosità

turbano il sogno di di nostra Maestà.

Faraone Che significa non so, proprio no, non lo so,

chiudo gli occhi e il sogno è lui

che fa suoi gli occhi miei.

Ancella Grande signore mio, non soffrire così,

il sole prima o poi nascerà qui, qui.

Cortigiani Sogni un po' magici i sogni tuoi,

e Ancelle   se non si spiegano o poveri noi!

Notte terribile è questa qua,

colpa di un sogno di di nostra Maestà,

di nostra Maestà!

Coppiere In prigione c'è un ebreo che spiegò i sogni miei

quel Giuseppe indovinò quello che si avverò.

Asenat                   Già so che il sole è lui, darà luce su noi.

Notte dileguati, va' via da noi, da noi.

Cortigiani   E allora solo lui forse potrà

e Ancelle    spiegare i sogni che torturano Maestà.

Faraone Presto chiamatelo, fate che un re

esca da un incubo che non sa cos'è.

Tutti   Che non sa cos'è!

Che non sa cos'è!

Faraone         Che non sa cos'è!

(Entra Giuseppe in catene, scortato da una guardia)

Asenat            Ecco mio signore, colui che lega i sogni alla realtà.

Giuseppe E mi tufferò dentro quei sogni tuoi,

mi ci immergerò sempre più

pescando nel fondo del mare più blu

la perla della sorte tua.

Se quel sogno mi dai, in silenzio mi ci tufferò.

(Tutti si dispongono come per l'esecuzione di un concerto rock)

Sette vacche grasse

Faraone Stavo addormentandomi nel talamo

con la testa sul cuscino mio

quando a un tratto sintonizzo un sogno che

s'impossessa del mio super-io.

Come un grande sogno choc

che sognando balla il rock 'n' roll.

Sette vacche grasse pascolavano

sulla sponda egizia a Malibù

quando sette vacche magre arrivano

e le mangian tutte per menu.

Ma che folle sogno choc,

queste vacche a suon di rock 'n' roll.

Soltanto tu, Giuseppe puoi

interpretare il sogno come sai.

Soltanto tu, coi sogni tuoi

un Faraone adesso aiuterai.

Ancelle Forza Giuseppe decifra quel sogno,

cosa c'è dietro raccontalo tu.

Solo di questo l'Egitto ha bisogno

spiega quel sogno perché

Faraone sennò son guai.

Poi nel sogno sette spighe arrivano

grosse come canne di bambù,

sette spighe secche se le mangiano,

se le mangian tutte per menu.

Ancelle Ma che folle sogno choc,

spighe e vacche a suon di rock 'n' roll.

Faraone A suon di rock 'n' roll.

Soltanto tu, Giuseppe puoi

spiegare vacche e spighe come mai.

Soltanto tu, quei sogni suoi

adesso al Faraone tradurrai.

Cortigiani   Questa Giuseppe è una grande occasione

e Ancelle     un grande onore soltanto per te,

spiegare un sogno di un gran Faraone

è un grande onore sennò sono guai.

Faraone E parlerà, e parlerai, e spiegherà, e spiegherai

e mi dirà, dirà, dirà, dirà, dirà, dirà, dirà, dirà

dirà che già lo sa.

E dicci chi, e dicci che, e dicci se, e dicci poi,

e dicci come come come come come

come mai, sennò son guai,

sennò son guai, sennò son guai,

ma proprio guai, proprio guai, guai, guai, guai,

guai che passerai.

Putifarre Faraone, ma è un sogno meraviglioso! Potessi fare io dei sogni così. Io al massimo mi sogno mia suocera! Secondo me le sette vacche grasse sono sette nazioni che presto conquisteremo.

Faraone E le sette vacche magre?

Putifarre (imbarazzato) Le stesse sette nazioni che perderemo? (si discosta)

Faraone Silenzio! Ora facciamo parlare l'ebreo.

Giuseppe Signore, questo sogno è un messaggio di Dio e con que­sto sogno Dio ti sta annunciando il futuro.

Faraone E cioè?

Giuseppe Le sette vacche grasse sono setta anni di abbondanza e di prosperità per il tuo regno. Nessuno avrà fame, nessuno morirà di sten­ti, le messi cresceranno copiosamente e tutti vivranno in pace e tran­quillità.

Tutti   Evviva!

Giuseppe Ma poi nel sogno le vacche magre mangiano le vacche grasse...

Faraone E che vuol dire?

Giuseppe Ai sette anni di prosperità seguiranno sette anni di carestia, siccità, morte e disperazione. Le piogge non irrigheranno più i campi, il grano non crescerà, la povertà attanaglierà la gente e le fami­glie si sgretoleranno facendo piombare il paese nell'anarchia.

Tutti   Che disgrazia. Moriremo tutti. Sarà la fine.

Giuseppe A meno che... (Si fa silenzio)

Faraone A meno che?

Giuseppe A meno che non venga fatto un buon lavoro per racco­gliere e accumulare il grano in eccedenza che le campagne produrran­no nei sette anni precedenti.

Faraone Spiegati meglio.

Giuseppe In questi sette anni di abbondanza ormai alle porte biso­gnerà raccogliere quanto più grano possibile e immagazzinarlo nei gra­nai per poterlo poi consumare nei sette anni di carestia. Ma per fare questo bisognerà lavorare duro e organizzare la cosa con saggezza. Solo in questo modo l'Egitto eviterà i successivi sette anni di disgrazia.

Faraone Le tue parole mi sconcertano, ma sento che dietro di esse vi è una diagnosi assai probabile. Forse l'unica.

Putifarre Ma l'Egitto è grande, Maestà. Chi sarà in grado di orga­nizzare tutta questa operazione?

Faraone Eh già, chi potrebbe essere costui? (Il Faraone passeggia intorno e esamina uno ad uno i cortigiani, pensieroso) Credo proprio di saperlo chi potrebbe essere.

Tutti   Chi?

Faraone Proprio tu, ebreo.

(Tutti rumoreggiano meravigliati e scandalizzati)

Giuseppe Mi chiamo Giuseppe.

Faraone E allora tu, Giuseppe, da questo momento diventerai il mio secondo. Gli egiziani, così come sono già miei, saranno anche i tuoi sudditi. Disponi di loro come vorrai affinché questa operazione ottenga i risultati che tu hai predetto. Ordina, fai, decidi, e la tua parola sarà legge come la mia. E tu, ebreo, da questo momento sarai egiziano come tutti noi. Anzi, per farti sentire ancora più vivo questo sentimen­to, vorrei che tu prendessi per moglie una delle nostre fanciulle che io giudico tra le più pure e le più gentili d'Egitto. Vieni avanti Asenat! Ecco, io ti do questo fiore del Nilo in dono. È figlia di un grande sacer­dote, animo limpido anche lui. Sposala e fai dei figli con lei. Sono certo che, se l'amore non è nato tra di voi, presto la stessa parola "amo­re" non riuscirà per voi a darne una degna definizione. Le vostre sono due anime sopraffine e in questo momento io, che rappresento il vostro destino, non ho fatto altro che farle incontrare. Il resto, se ascolterete i consigli dei vostri cuori, verrà da sé.

(Tutti escono festeggiando i due promessi sposi. Rimangono in sce­na solo Giuseppe e Asenat)

È TUTTA UN SOGNO LA VITA MIA

Giuseppe  È tutta un sogno la vita mia,

la sto sognando insieme a te,

forse tu sei quel sogno che

se chiudo gli occhi mi porta via.

Sconfiggerò io la carestia

e t'amerò perché lo vuoi

e t'amerò perché tu sei

la maggior parte della vita mia.

Asenat              Tu invece sei l'unico uomo che

veste il sogno con la poesia.

Vesti quel sogno con la vita mia!

Ed io sarò come un airone che

volerà sopra il cielo tuo,

un cielo azzurro dipinto da Dio.

Giuseppe Lavorerò col sudore mio,lavorerò anche di più se

quando torno ci sei tu

ad aspettare che ci sia anch'io.

Asenat              Perché tu sei l'unico uomo che

veste il sogno con la poesia.

Giuseppe e Vesti quel sogno con la vita mia!

Asenat               Ed io sarò come un airone che

volerà sopra il cielo tuo, un cielo azzurro dipinto da Dio.

Giuseppe È tutta un sogno la vita mia,

la sto sognando insieme a te,

forse tu sei quel sogno che

se chiudo gli occhi mi porta via...

Giuseppe  Se chiudo gli occhi mi porta via.

e Asenat

(Escono)

Scena II

(Entrano i cortigiani e le ancelle. Insieme a loro entrano due enor­mi spighe. Poi entra Asenat)

Anni sette o giù di lì

Cortigiani  E così successe che dalla terra venne su tanto grano

grano!

Spighe   Tante spighe come noi belle grasse come buoi

ma che strano

strano!

Ancelle E Giuseppe coltivò tutto il grano che si può,

però per noi.

E passarono così anni sette o giù di lì.

Poi finì.

Cortigiani Ma Giuseppe aveva già nei granai raccolto là

tutto il grano,

grano.

hi cantina e nei solai, nelle botti aveva lui

fatto il pieno,

pieno.

Ancelle Anni sette o giù di lì, tutto il grano che fiorì

per noi, per noi, lui Giuseppe lo stipò

anche dove non si può, poi tornò,

poi tornò.

Asenat                   E l'amore tra noi sembrò

fatto apposta per me e per lui

e il mio cuore da me volò da lui, con lui.

Anche lui volato qui dall'ignoto o giù di lì

qui da me, chissà se era tutto scritto già,

se nemmeno Dio lo sa, ma chissà...

Tutti   E quell'uomo ci salvò perché bene progettò

quel suo piano,

piano.

Anni sette o giù di lì, ma la pancia non soffrì

grazie al grano,

grano.

Anni sette o giù di lì, tutto il grano che fiorì

per noi, per noi, lui Giuseppe lo stipò

anche dove non si può, poi tornò,

poi tornò.

Lui tornò.

(Escono)

Scena III

(Entra correndo un 'ancella, seguita da Giuseppe. Poi dall 'altra par­te entra anche Asenat)

Ancella Padrona! Padrona! È tornato vostro marito. È tornato Giu­seppe.

Asenat Giuseppe! (si abbracciano, l'ancella esce) Com'è la situa­zione?

Giuseppe Pensa, a sud sono giunte delegazioni dei popoli confinan­ti. Anche da loro c'è la siccità, ma loro non hanno le scorte che abbia­mo noi e vengono da noi a comprare il grano. Porteranno del denaro e l'Egitto, malgrado la carestia, si arricchirà ulteriormente.

Asenat  Ma è fantastico!

Giuseppe Sono già passato dal Faraone e, quando gli ho raccontato quello che sta succedendo, aveva le lacrime agli occhi per la conten­tezza. Il popolo non soffrirà la fame.

Asenat Tutto questo è bellissimo. E l'Egitto deve ringraziare solo te... ma tu non sei felice...

Giuseppe Anche Israele, la mia terra, la terra di mio padre, vive nella carestia. Da quelle parti il deserto avanza, e quando il grano non cresce, è fame e disperazione per tutti.

Asenat Hai più saputo nulla di tuo padre?

Giuseppe No, ma so di certo che le cose non vanno affatto bene come da noi. Chissà mio fratello Beniamino come sarà diventato gran­de...

Asenat E degli altri tuoi fratelli non hai nostalgia?

Giuseppe No, degli altri no.

(Escono)

Scena V

(Entrano i cortigiani, le ancelle, Putifarre, Asenat e il Faraone, a metà brano entrano i fratelli di Giuseppe)

Ma che sole che c'è

Cortigiani  Che bellezza questa gran ricchezza

e Ancelle     perché rende ricchi tutti noi.

                    La ricchezza non è mai tristezza,

                    siamo belli e ricchi quanto mai.

Putifarre  Se sei povero poi ricco tu diventerai

se col pane di Giuseppe poi ti sfamerai

Faraone Ma che sole che c'è che dà luce e calore per noi.

Ma che cielo che c'è e la notte non tornerà mai.

Faraone e      Forse sul mondo la pace dal cielo cadrà,

Asenat                        come un lenzuolo di rose ci coprirà.

Fratelli Ma che sole che c'è, certo è un sole voluto da Dio

la ricchezza se c'è, è soltanto per merito suo.

Forse se il sole è il Signore, lui ci salverà

forse se è un sole d'amore ci sfamerà.

Cortigiani   Questa festa che ci scoppia in testa

e Ancelle     ci diverte tutti più che mai.

         C'è certezza che c'è la tristezza

         e lontano c'è chi passa i guai.

Fratelli  Noi partimmo dal deserto tanti giorni fa

e chiediamo solo il pane a chi ce lo darà,

e Dio vi benedirà / e Dio vi benedirà

e Dio vi benedirà / e Dio vi benedirà.

(Escono tutti tranne Asenat. Entra Giuseppe)

Giuseppe Sono arrivati degli ebrei da Israele. Chiedono di compra­re grano. Dicono che sono tutti componenti di una stessa famiglia e vengono dalla regione di Canaan.

Asenat Credi che potrebbero essere loro, i tuoi fratelli?

Giuseppe Non lo so. Ho dato ordine di farli venire qui.

(entrano i fratelli. Giuseppe è girato di spalle e non li guarda)

1° Fratello Mio signore, il nostro popolo muore di fame. Siamo qui con del denaro per acquistare quello che sappiamo voi avete in abbon­danza.

Giuseppe Da dove venite?

2° Fratello Dal paese di Canaan e siamo tutti figli di Giacobbe.

(Asenat sta per dire qualcosa, ma Giuseppe la ferma)

Giuseppe E dov'è vostro padre?

Fratello È rimasto ad aspettarci, insieme all'altro nostro fratello più piccolo, Beniamino.

(Giuseppe annuisce ad Asenat e poi si gira)

Giuseppe Voi non mi conoscete?

1° Fratello No, signore, ma siamo comunque vostri servi e nel no­stro paese si parla di voi come di colui che siede accanto al Faraone e che ha salvato l'Egitto dalla carestia.

Giuseppe Ebbene, neanche io conosco voi. Chi mi dice che non siate spie?

Fratello Oh no, mio signore!

Giuseppe Dite che siete affamati. Chi mi dice che non è una fando-nia?

3° Fratello Tutti sanno che in Israele c'è una grande carestia...

Giuseppe E perché pensate che proprio io potrei aiutarvi?

4° Fratello Perché sappiamo che siete magnanimo. E poi noi non vogliamo la carità. Il grano che prenderemo lo pagheremo.

Giuseppe Voglio vedere anche l'altro vostro fratello. Come avete detto che si chiama?

1° Fratello Beniamino.

Giuseppe Tornate in Israele e portatemelo qui.

1° Fratello Ma perché mio signore?

Giuseppe Perché se questo Beniamino esiste veramente, potrebbe essere per me la prova che non siete bugiardi. Uno di voi rimarrà qui, per garanzia: così, se non tornerete, vorrà dire che avete mentito, e lui pagherà per tutti voi perché vi siete presi gioco di me. Andate!

(Giuseppe e Asenat sono immobili sullo sfondo della scena, gli altri fratelli escono e rientrano con Beniamino. Entra la narratrice e si rivolge al pubblico)

Narratrice E così ritornarono in patria da Giacobbe e gli raccontarono tutto. Il patriarca li consigliò di fare come aveva ordinato quell'uomo e affidò loro Beniamino, il figlio che aveva preso il posto di Giuseppe nel suo cuore. (rientrano i fratelli e Beniamino) Così, con Beniamino, riattraversarono il deserto e tornarono in Egitto. Avevano una gran paura che lui volesse far loro del male. Che non credesse alle loro parole e li rinchiudesse con una scusa qualsiasi in una prigione. Per questo, quando si presentarono a lui, nessuno di loro ebbe il coraggio di guardarlo.

(Le luci ritornano quelle di prima: i fratelli e Beniamino sono di fronte a Giuseppe e Asenat)

Beniamino Sono Beniamino, figlio di Giacobbe e di Rachele, che morì dopo avermi partorito.

Giuseppe Perché non avete portato anche vostro padre?

Beniamino Perché è molto vecchio, mio signore. Il lungo viaggio lo avrebbe stancato.

1° Fratello E poi avevate detto di portare solo Beniamino; e noi vi abbiamo obbedito.

Giuseppe Va bene. Siete stati leali e voglio credervi. Avrete il grano che chiedete e lo pagherete al giusto prezzo. Andate!

Fratello Grazie mio signore. Siate benedetto... Grazie...

(escono i fratelli e Beniamino)

Asenat Perché non hai detto loro chi sei?

Giuseppe Perché ho in mente una cosa... Guardia! (entra una guar­dia) Prendi questa coppa e, quando gli ebrei avranno riempito i loro sacchi di grano, nascondila nel sacco di quello più giovane. Dopodiché, quando staranno per lasciare la casa, perquisirai i loro sacchi, troverai la coppa e me li riporterai tutti qui.

Guardia Sì, mio signore. (esce)

Asenat Ma perché, che vuoi fare?

Giuseppe Non sono affari che ti riguardano.

Asenat Pensavo che in tutti questi anni tu fossi riuscito a perdonarli.

Giuseppe Ti ho detto che non sono affari tuoi.

Asenat Il tuo Dio ti insegna il perdono.

Giuseppe Se non vuoi assistere, vattene!

Asenat Addirittura con l'inganno! Vuoi vendicarti usando l'ingan­no! Ho sposato un uomo così meschino?

Giuseppe Voglio fare solo a modo mio!

Asenat Certo! Adesso sei potente, sei più di un re, e puoi soddisfare il tuo desiderio di vendetta prendendotela con loro che sono deboli e affamati!

Giuseppe Mi hanno tradito!

Asenat E allora tu, in questo momento, stai tradendo te stesso due volte! La vendetta rende ciechi, lo so: ma non te!

Giuseppe Va' via! ! !

Asenat No, non me ne vado! Voglio vedere fino a che punto riesci ad arrivare! E poi spiegami perché tuo fratello Beniamino? Perché pren­dersela proprio con lui?

Giuseppe Perché in lui rivedo me.

Nel nostro passato

Giuseppe Nel nostro passato c'è l'ombra di noi,

e c'è chi ha peccato per gli sbagli suoi.

E questi fratelli, fratelli di me,

sbagliarono senza un perché.

Spogliato, picchiato, tu non sai cos'è,

legato e venduto, cacciato perché,

malati d'invidia, d'invidia per me,

mi uccisero senza un perché.

Asenat                   Ma forse fu proprio quel fatto che poi

cambiò il tuo destino per me

e che mi permise di esser la sposa di un re.

Giuseppe No! No! No! No!

Non è la vendetta che dà fuoco a me

è il cuore che accetta l'amore se c'è,

e forse riscopro l'amore per me

che persero senza un perché

che persero senza un perché

 che persero senza un perché.

(entra la guardia che spintona Beniamino, seguita dai fratelli, e mostra la coppa a Giuseppe)

Giuseppe  Pazzo sciagurato

hai rubato dunque in casa mia!

Fratelli No, nostro grande signore,

Beniamino non può fare il ladro da voi.

No, nostro benefattore,

Beniamino non è come pensate voi.

Giuseppe Prendetelo!

Beniamino No, signore, no!

1° Fratello È un errore! Beniamino non può aver fatto quello che dite!

Beniamino Io non ho fatto nulla! Ve lo giuro!

Fratello Non farebbe del male ad una mosca. È buono e onesto come nostro padre.

Fratello Se lo punite, nostro padre ne morirà.

Fratello Prendete noi!

Tutti Sì, prendete noi.

Fratello Lui è innocente. Noi, semmai, meritiamo una punizione.

Giuseppe Perché? Siete dunque stati voi?

1° Fratello No, ve lo giuriamo.

4° Fratello Però in passato ci siamo macchiati di un'atroce crudeltà...

Fratello Per viltà, invidia e meschino egoismo vendemmo no­stro fratello a un mercante ismaelita.

Beniamino Fratelli, ma cosa state dicendo?

1° Fratello Ci dispiace, Beniamino, ma questa è la verità ed è giun­to il momento che anche tu lo sappia. Quindi, signore, se qualcuno deve essere punito, siamo noi!

Fratello Si vede che Dio, per quell'atroce delitto, non ci ha an­cora perdonato. Forse Giuseppe, per colpa nostra, è morto e Dio vuole punirci.

Giuseppe No, Giuseppe non è morto.

Fratello E voi, signore, come lo sapete?

E ALLORA IO PERDONERÒ

Giuseppe Eccomi a voi, vostro fratello son io,

io sono Giuseppe, un figlio di Dio.

Sì, sono io e vostro padre è anche il mio

 figlio anche lui del destino che ci separò.

Eccoci qua soli e soltanto tra noi

a bere la pace che ci salverà,

e io brinderò con quell'amore che poi

scenderà dal cielo che è sopra di noi.

E allora io perdonerò

perché il perdono è come un fiore

che dentro al cuore annaffierò

con l'acqua chiara dell'amore,

così quel fiore crescerà

fino a quel giorno in cui si muore,

ed anche Dio perdonerà se anche tu,

anche tu perdonerai.

Asenat              Eccoli qua, tutti fratelli di un re,

come portati dal vento qui tutti per te,

e tu darai tutto l'amore che poi

scenderà dal cielo che è sopra di noi.

Giuseppe Così anche tu perdonerai

chi non sa ancora perdonare

e con l'amore salverai

chi non si è accorto di sbagliare,

e perdonando troverai la strada giusta per amare

e il mondo intero ti amerà se anche tu, anche tu,

se anche tu perdonerai.

            Fratelli                                               C'è sempre qualcuno che perdonerà

G.  Così anche tu perdonerai                         c'è sempre qualcuno che ti salverà
chi non sa ancora perdonare                    e rinascerai e ritroverai
e con l'amore salverai                              la fiducia vera dell'umanità...

chi non si è accorto di sbagliare,

e perdonando troverai la strada giusta per amare,

e il mondo intero ti amerà se anche tu, anche tu,

anche tu, se anche tu perdonerai.

(Tutti i fratelli e Giuseppe si abbracciano, poi Giuseppe abbraccia Asenat)

Asenat Ti chiedo scusa per aver dubitato di te.

Fratello Potrai mai perdonarci veramente?

Giuseppe Vi ho già perdonato.

4° Fratello Così, senza una regione?

Giuseppe Dio ha fatto in modo che il vostro sbaglio cambiasse il nostro destino. Il vostro peccato si è trasformato in una fortuna per tutti noi.

Fratello Se quello che dici è vero non sai di quanto alleggerisci il peso che ci portiamo dentro.

Giuseppe Ed è quello che voglio. Ma ora andate, tornate in patria. Prendete le vostre mogli, i vostri figli e le vostre greggi e venite qui in Egitto. Vi farò assegnare la migliore terra e vi stabilirete tutti qui, vici­no a me.

1° Fratello Dici davvero fratello?

Giuseppe Ma certo. E soprattutto... portate qui nostro padre. Non potete nemmeno immaginare quanto desiderio ho di riabbracciarlo. Presto, andate! Vi farò scortare fino al confine, così il vostro viaggio sarà più rapido. Su, andate!

(I fratelli escono)

(Entrano i cortigiani e le ancelle, a metà brano entrano i fratelli e Giacobbe, che va ad abbracciare Giuseppe)

Un padre per me

Giuseppe  Un padre per me,

un padre vissuto nel cuore per me, dentro me,

che ricorderà

di quando bambino correvo da lui, solo lui, solo lui

Asenat                   E lo abbraccerai con tutto l'amore che è in te,

l'amore che vuoi, l'amore che sai, non basterà mai.

Giuseppe       E lui piangerà

e mi abbraccerà come fa solo lui, solo lui e mi stringerà

due braccia di un vecchio che rinasce in me, dentro me, dentro me.

Asenat                   E ti spiegherà che tutto l'amore che è in lui

è solo per te, l'amore che c'è, l'amore che dai è lui che troverà te.

Tutti   E ritroveremo tutti noi,

il Padre di tutti e i figli suoi

e riscopriremo anche perché

l'amore che spargi intorno a te,

e riscopriremo i sogni tuoi,

 l'amore e la pace che tu vuoi.

Asenat e  E il sogno diventerà realtà

Giuseppe    e voglia di non lasciarsi mai

Tutti   Non lasciarsi mai, non lasciarsi mai,

non lasciarsi mai, non lasciarsi mai.

Asenat e

Giuseppe  Non lasciarsi mai.

Tutti   Fu così che il sogno di Giuseppe

pagina di Dio diventò,

e fu un sogno che poi si tramandò

dall'alba della vita fino a noi,

a noi, a noi, a noi, a noi

tutti figli suoi.

E questo sogno con noi vivrà,

e questo sogno sempre vivrà.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 7 volte nell' ultima settimana
  • 32 volte nell' ultimo mese
  • 412 volte nell' arco di un'anno