Il tirchio è come il porco… è buono dopo morto!

Stampa questo copione

IL TIRCHIO E’ COME IL PORCO…                            ………………………………........è buono dopo morto!!         
                    
     
                                              Commedia tragi-comica       
                                                                                   in 2 atti scritta da

                                             

                                               Thomas Mugnano


Personaggi

CIRO………………………………………………………padrone di casa, avaro cronico.
ELISA……………………......................................sua energica moglie
UGO……………………………………………………….figlio di Ciro ed Elisa
MARTA……………………………………………………figlia “ribelle” di Ciro ed Elisa
CARMINE………………………………………………..figlio di Ciro ed Elisa
ALFONSINO……………………………………………..figlio “tonto” di Ciro ed Elisa
8-10 FIGURE SPETTRALI  MASCHERATE……figure surreali e mascherate
1° FIGURA MEFISTOFELICA……………………….figura surreale (demonio)
2° FIGURA MEFISTOFELICA……………………….figura surreale (sua compagna)
ANGELICA ROSA………………………………………figura surreale  (la ragione)                                                  ANGELICA BIANCA…………………………………...figura surreale   (la bontà)                                                          ANGELICA DORATA…………………………………..figura surreale  (l’altruismo) GEPPINO…………………………………………………fratello di Enzuccio e fidanz.                        NINETTA ………………………………………………...ragazza di Torre Annunziata  
ENZUCCIO……………………………………………….ragazzo del vico di fronte
DON NICOLA…………………………………………….consuocero padre di Lello
LELLO …………………………………………………….spasimante si Marta
RAFFAELE.....……………………………………………fidanzato di Marta
GIOVANNI………………………………………………..figlio maggiore del becchino     MICHELUCCIO………………………………………….figlioletto “scugnizzo” del becch. 1° DANNATO……………………………………………..figura surreale nell’inferno
2° DANNATO……………………………………………..figura surreale nell’inferno   
MARIETTA………………………………………………..pescivendola pettegola       


PRIMO ATTO


(Il sipario si apre e con la musica di “Cradle of Filth-At The Gates Di Madian” la scena e’ alquanto  inquietante…e’ tutto  buio e ci sono dei vasi con del fuoco che arde dentro.  Sulla scena ci sono decine di “figure sataniche” che indossano una tonaca  bianca con in testa un cappuccio e una maschera . Davanti a queste figure ci sono alcuni dannati che stanno a terra sudici e svestiti che si dimenano tra le catene e davanti a loro primeggiano due figure MEFISTOFELICHE, una maschile e l’altra femminile. Tutte queste figure sono intorno a Ciro come per additarlo dei vizi capitali che hanno caratterizzato e macchiato la sua vita terrena).                         

1° DANNATO: E' erta...

...ed è lenta...                                   

 salgemma della VITA.

 Il tragitto finora

in questo luogo dannato
 è stato duro?
Non importa!!

Saliremo...
caspita se saliremo!!

E non inciderà affatto 

se non ci sono state,

e non ci saranno

protezioni ....

balaustre...

parapetti...

o se sarà

resa scivolosa

dall'odio

che tracima...

deborda..

e trabocca

dai vostri pietrificati petti!!


2° DANNATO: Non importa     

se spasimi di vertigini.

Non grava 

se molti vorrebbero 

vederti inciampare...

catapultare...

precipitare...

negli abissi o

nell'anfratto!!

Magari in caduta libera!!

Vertiginosamente

nel dirupo!!

Eh no!! Spiacente di deludervi.

Saliremo!!

Pian piano...

"lumacosamente"

ma come sempre...
                   temerariamente
                   ….saliremo!!               {
“LA SALITA”: di Thomas Mugnano}


          FIGURE MEFISTOFELICHE E CIRO

          

1° MEFISTOFELICA:  (ENTRA con la 2° Figura malefica e ride a bocca chiusa)

No…giammai…l’anima vostra dannata

l’avete venduta ormai a me … tormentata!!

2° MEFISTOFELICA:  Solo Mefistofele…solo il grande Satana  nella sua sconfinata potenza…

può decidere o averne la più totale influenza.                  

La speranza che nutrite di lasciare il fuoco dell’inferno è vana …
la vostra condanna sarà perenne e amorevole come l’amor d’una puttana…
mai più niente e nessuno vi salverà  da questo luogo doloroso…
mai più nessuno  vi porterà via da questo luogo nefasto e luttuoso!!


1° MEFISTOFELICA
:  dovevate sapere in vita che….                                                                                                                               La gentilezza fa signore,
                                                         e non i soldi accumulati,
                                                         è la civiltà che fa onore 
                                                         e fa sentire sollevati.                      
                                                         La gente che deruba
                                                         è quella che si vanta
                                                         d'esser stata a Vienna e a Cuba..
                                                         e a salmodiare alla Messa Santa.

2° MEFISTOFELICA:   Ma il "porco"… nato tale,
                                                         pur essendo ben lavato,
                                                         che sia Pasqua o Natale,
                                                         resta sempre insozzato!!               
                                           Ed il porco costa tanto
                                                         e pure essendo saporito
                                                         non lo si tocca che col guanto
                                                         e sentirsi già pentito!!

1° MEFISTOFELICA:
  Meglio esser un bel gattino
                                                         e da tutti accarezzato
                                                         più essendo più piccino
                                                         e molto meno "cucinato".

2° MEFISTOFELICA:  Perchè è la cordialità che fa signore
                                                         e non i soldi ammonticchiati
                                                         è l’erudizione che fa onore
                                                         e ci fa sentire accettati!!                          [ “
PARVENU”: di Thomas Mugnano]

(A questo punto tutte le figure surreali allargano le braccia creando un movimento d’onda .)

CIRO:E lo dite a me?? Me lo dite proprio voi che mentre ero in vita non facevate altro che               penetrarmi nel cervello e martellarmi continuamente??? Siete voi i colpevoli…voi…voi!!!

1° MEFISTOFELICA: (impietoso) Sta zitto!! Sei inerme …o lurido e strisciante verme!!

CIRO: (disperato) No, non puoi dirmi questo…io prima che morissi vi ho visto entrare a casa

mia….sotto altre forme, sotto altre vesti….non avevo capito che voi eravate IL DIAVOLO                   ed ho ascoltato tutto quello che mi suggerivi…ho fatto tutto quello che proponevi…                               tutto…tutto…tuttoooo!!
2° MEFISTOFELICA: Ma allora sei davvero irriverente?? (mette un piede sulla schiena di Ciro e lo

tiene pressato a terra)!!

 Se il “signore del male” ti  ordina di tacere… devi tacere …inesorabilmente!!


CIRO: Ma se eravate proprio voi a starmi sempre intorno, eravate così convincenti!!

2° MEFISTOFELICA: (minacciosa) Zitto!! Essere meschino… taci …                                                                                 ch’ora qui… a nessun piaci.                                                                                                                                               O faccio la tua anima dannata divampar                                                                                             

                             e nel fuoco ardente degli inferi …bruciar!!

CIRO: (scoraggiato) No, vi prego, no, no, noooo!!

1° MEFISTOFELICA: E cosa t’aspettavi?? Ormai  più nulla è tuo,

tutti i tuoi averi,  sarann solo una condanna

un ricordo…che per tutta l’eternità la tua mente affanna!!

CIRO: Io sono stato oculato, attento, parsimonioso….dove ho peccato?? Perché ho peccato??

2° MEFISTOFELICA: Attento?? Parsimonioso?? (ride fragorosamente)

La tua presenza impudentemente e a dir poco avida

è stata condita da ogni azione vomitevole …. fetida…

CIRO: e perché mi spronavate ad essere legato al danaro…al mio danaro??

1° MEFISTOFELICA: (lo interrompe  alzando il tono della voce)Tu ora giaci qui….MORTO!!!!

Tu non hai più denaro!! Di questa miser fogna ormai …sei  l’aborto!!

CIRO:No, i miei soldi non possono non essere andati perduti…sono miei…sono miei, li ho               risparmiati io e ci ho messo una vita di sacrifici e stenti per racimolarli.

2° MEFISTOFELICA: sei famelico e sciocco…                                                                                                                                            ..mucchietto d’ossa raccolto in polvere esanime e senza schiocco..      

corpo decomposto…disgiunto e maleodorante…            
tu che  nei tuoi cari…hai cagionato solo tribolazioni stenti!!

CIRO: Maledetti…maledetti….mi dite questo ora?? Solo ora?? Perché non mi avete lasciato             ascoltare le figure paradigmatiche ed angeliche che come voi mi suggerivano d’essere               altruista e buono??                                                                                                                         1° MEFISTOFELICA: (ride e poi all’improvviso si acciglia)Perchè noi siamo Il MALE! La tentazione!                                                                                                        Del peccato la più malefica sollecitazione….
                                                                                                                                                      2° MEFISTOFELICA: … la perfidia fatta spirito … la putrefazione …                                                                                                  disfacimento dell’essere…cancrena della beatificazione…

CIRO: infami…infami!! Voglio i miei soldi…voglio il mio patrimonio!! (in preda alla disperazione     assoluta…urlando) Mi avete ingannato…voglio essere quello che ero, un uomo ricco…un

uomo che ha i suoi beni…ridatemeli…ridatemeliiiiiiii!!!

1° MEFISTOFELICA: …per tutta l’eternità  eccoti l’atroce ed inumana pena ….

…e che il distacco dai tuoi beni possa  imbrigliarti nella tua rovente catena!


2° MEFISTOFELICA: sarai dannato e disperato per ciò che avevi a portata di mano e non hai                    utilizzato nell’ingordigia di accumulare…e ora che sei “MORTO” e ti rendi conto che nulla       è più tuo …ti dimeni e ti disperi solo all’idea che sei stato un inetto.

CIRO: (facendo follie)Nooo…nooo,  ridatemi i miei beni…ridatemi i miei beni….voglio i miei soldi…                    voglio il mio capitale….

1° MEFISTOFELICA:  (ride fragorosamente) Povero illuso!!


CIRO: (con gli occhi fuori dalle orbite) sono miei…sono mieiiiiiii …sono mieiiiiiiiii             (inginocchiandosi ai piedi della 2° figura Mefistofelica) Ti scongiuro, ti supplico,  ridammi i                    miei beni, sono morto?? L’ho capito questo…ma io tutta la vita ci ho messo per averli…   tutta la                    vita…tutta la vita…

2° MEFISTOFELICA🙁senza pietà) Che essere ignobile! Mi fai ribrezzo, disgusto e ripugnanza….

                   …avaro in vita e senza un minimo di chiaroveggenza !

CIRO: No, non dir così…ti prego, aiutami…aiutami…

1° MEFISTOFELICA: la morte….esisteva anche la morte….                                                                             o lo avevi dalla mente rimosso e custodito in una roccaforte??

La morte l’avevi  obliata?? O nel tuo ricordo non l’aveva più serbata?

CIRO: La morte!! Che figlia di puttana questa morte che ci sottrae tutto quello che è nostro!!                                                          

2° MEFISTOFELICA: No, la morte è invece l’unica giustizia eterna di questo mondo!!                                 Tu sapevi che saresti arrivato qui eppure hai accumulato con altruismo infecondo.

1° MEFISTOFELICA: e ora sei qui…nell’abisso e nella satanica cavità …                                 

                e ci rimmarrai  senza sosta per l’eternità!

CIRO:no, nooo, noooo…non voglio restare qui…io lotterò, io riavrò i miei averi….i soldi, i miei       denari, i miei compensiiii. I miei tanti soldi non possono essere spariti…dissolti, dileguati!!!             
1° MEFISTOFELICA:(Sta per lasciare la scena, poi si ferma sull’uscita e…)

…che tu possa essere martoriato, castigato … punito ….         

             … incessantemente in modo perpetuo all’infinito…..(alla 2° MEFISTOFELICA)

rifagli provare il peggior castigo…proietta dal nostro regno del MALE la sua vita …..

fallo soffrire…che giaccia nel fiamma…che veda  ancora la sua anima appassita .( ESCE)

2° MEFISTOFELICA: (lo prende per i capelli) apri gli occhi e osservati, fra poco ti farò passare                   davanti agli occhi la tua esistenza….                                                                                                                                    sarà l’ultima cosa che rivedrai prima di marcire nella tua futile essenza …                              ti rifarò vedere ancora una volta in quale ristrettezza, in quale penuria e in quale grigiore...                  i tuoi cari han sopportato, di tutte le squallide esistenze, …<<la peggiore>>!!                                       Per l’ultima volta ti farò                passare  davanti a te la TUA VITA così come l’hai           miseramente vissuta…                                                                                                                                                                    una vita angosciosa … desolante  e meschinamente astuta…                                 …guardatela e ammuffisci la tua anima dannata così come si è putrefatto e imputridito il tuo corpo.                

CIRO: No, sto sognando!! Sicuramente sto sognando!! Mi pizzico…mi pizzico sul braccio...fra un   attimo mi sveglio e mi accorgo che stato  solo un bruttissimo incubo!! (esegue)

2° MEFISTOFELICA : Un sogno?? (Ride sonoramente) Hai pizzicato??                                                           Ti sei accorto, invece,  che hai tirato le cuoia?                                                                                                            Sei all’inferno!! Definitivamente perso!! Sei senza gioia!!                                                                                               Del tuo denaro sei  vittima…ed io il tuoboia!!

CIRO: Sono morto! E’ vero!! Ma ridatemi i miei soldi … la mia vita…la mia vita …i miei soldi…

 
2° MEFISTOFELICA: Taci, ingordo infame e esamina tu stesso quando sei stato miseramente                  meschino…scrutati …guarda che vita svolgevi…guardati…osservati…esaminati…

Dopo un effetto della strobo che permette di liberare la scena dai vasi col fuoco e posizionare tavolo, sedie e divanetto sul palcoscenico… si accendono le luci e  la scena arredata con mobili ed oggetti di alta qualita’,  e’ cosi’ composta: in fondo c’e’ la comune, a sx la porta che accede nella camera da letto e a dx  la porta della  cucina. Al centro del soggiorno: divano , tavolo con sopra una colonna di giornali e riviste..e sedie. Altri particolari verranno suggeriti dalle esigenze dell’ azione.  all’apertura del sipario ci sono gli attori di scena seduti a ritagliare i giornali  in modo accurato.

UGO, MARTA, ELISA E CARMINE

In scena ci sono Ugo, Elisa, Marta e Carmine che stanno ritagliando dei fogli di giornale facendoli a piccoli foglietti di 25-30 cm quadrati.


UGO: (figlio primogenito di Ciro) mammà, ma quante n’avimme taglià cchiù ‘e sti foglie ‘e                 giurnale??

MARTA: ( figlia di Ciro) overe mammà….ma è possibile che all’inizio del 3° millennio e di questi     tempi nuje ancora avimme fa sti cose??

ELISA: uhè uhè…ma vuje a me che vulite??? Si nun site d’accordo mò che vene vostro padre         pigliate e ciò dicite, ma io nata ‘ntussecate cù chille purucchiuso nun m’ha voglio fa!!

CARMINE: mammà ma tu sì a mugliere…tu tè fa rispettà…nun po’ tenè ragione semp’isso!!

MARTA: Giustissimo… oggi c’è la parità e la tua parola conta quanto e come la sua!!

ELISA: Nennè…io e tuo padre jamme d’accordo n’copp a tutto cose…ma n’copp a st’argomento nun se ne parla proprio!! Mò voglio fa nemico capitale?? E cheste l’aggia dicere!! Chille       comme sente c’adda spennere coccose ‘e solde me fa chiù correre che fuì!!

UGO: (a Marta) ‘a so…ma tu te rendi conto?? Chille tutte ‘e juorne fa e km e se va piglianno ‘e       giurnale viecchie a tutte e barbieri e parrucchieri…

CARMINE: e po’ avimme fa ‘e ritagli…

MARTA: ‘e po’ se lamenta pure..(scimmiottando il padre)..l’avite fa ‘e 28-30 cm precise…né nu’ cm

 ‘e chiù e né nu’ cm mancante….tolleranza 2 centimetri max.

UGO: eh sì, mo è facimme cò cumpasso ‘e cà squadrette!!

MARTA: dico io, neh, ma sì vene ‘o guaglione mio e adda ì dint’’o bagno che le dico: <<Rafè, vire

che dint’’o stipetto ce sta na’ cesta cu tutte fogli ‘e giurnale ritagliate….quando hai finito ‘e fa ‘o bisogno pigliati sei sette fugliette e chille e pulezzati??

                                                                             

ELISA: embè, e nuje nun facimme accussì??

UGO: Vuje! Ma io quanno vaco a casa d’a guaglione mia dint’’o bagno ‘a mamma  ce fa trovà

                   sempre ‘a carta igienica!!
ELISA: Hè viste?? E ccà invece ce stanne ‘e Sorrisi e Canzoni e Novella 2000

CARMINE: e chelle perciò a me s’è fatte tutte nà piaga e russo a ccà derete!!

MARTA:Ma hè capite ?? Eppure nun tenene ‘e soldi nuoste….

ELISA:  siente nun te lamentà…che a semmana passate dint’’a cesta me capitarono sule e foglie d’è

cupertine d’ò “Tv Sorrisi e Canzoni”…eh già pecchè ‘o Mattino e ‘o Roma v’ò cunsumate vuje che comme carte è chiù morbida… ‘e a scema ccà adda usà ‘e riviste…po’ dico io, quanne fernesce e quotidiani e rimangono e settimanali  pigliate d’ò a copp a tutto …insomma d’ò capo!! E invece no!! M’avite rimaste sule e cupertine…. io jette a d’è piglià e n’ce stevene e fotografie e Brad Pitt e Angelina Jolie….vuje ‘o sapite quanno me piace ‘a me Brad Pitt…embè…’o guardai nu’ poco…chille steve tutto sorridente e felice…e capille bionde bionde…io cù na pena dinte ‘o core me facette curaggio e sotto sotte le dicette: ‘ohj Bred…tu sì a vita mia, ‘o saje che io te voglio bene troppo assaje…io mai avesse vulute fa na cosa ‘e cheste, ma aggie pacienze, stavolta vuò ‘o nun vuò , sì biondo e t’aggia fa addeventà castano….(mimando) ndranghete e ‘o nfrattaje sane sane…..

UGO: (disgustato)…madò …che schifo!!

ELISA: Azz, che schifo a te?? E chill povere figlio ‘e Brad Pitt che adda dicere? Quando jette addò

vedè…’o puveriello (mimando il punto tra gli occhi e la fronte) giuste ccà l’aveva acchiappate. Mò tu dimm a mè…Brad Pitt, cù tutti ‘e solde che tene se puteva maje immaginà che ‘a casa mia, dopo 20 anni e carriera, avesse fatte na fine ‘e cheste??

MARTA: mammà…ma chilli giurnale s’ò già fatte cà schifezze d’è carte…po so tuoste tuoste e

scippano comme a che…po’ ce sta pure l’inchiostro d’a stampa…io a oggi in poi nun ‘e uso cchiù…io saccio che so pure cangerogeni!!

ELISA: siente fa comme vuò tu basta che non chiedi ‘e soldi a patete pè a carta igienica sennò

 siente ‘e lucche pè tutto ‘o rione.

CARMINE: ma dico io, eppure ’e solde ‘e tenimme, ma pecchè adda essere accussì spilorcio?

UGO: e ma chille sì nun era accussì…mica e teneve ‘e solde!!

ELISA: Ma tu te rendi conto?? Nientedimeno a semmana passata pè nun cunsumà ‘e solde d’ò gas                  s’hè fatta prestà ‘a sculatura ‘e l’acqua d’è maccarune d’à signora Maria ‘e rimpetto!!

UGO: Overe? E tu nun l’he ditte niente??

ELISA: Io? Io nun ce steve, ero jute a cassa mutua…e le dicette: Cirù, se faccio tardi metti a

pentola cù l’acqua n’copp ‘o fuoco…e chille apprufittanne che nun ce steve trasette addò Maria ‘e le dicette sì le puteva prestà l’acqua cavere d’à sculatura!!

MARTA: che schifo!!

CARMINE: (pensando)Quanne sì ghiuto a cassa mutua??

UGO: Me ricordo, comme nò…quanne te dicemme che chella pasta e piselli faceva schifo??

ELISA: Esatto…io che v’aveva dicere?? Che aveva mise a bollere e tubetti dint’all’acqua d’à          sculatura ‘e Maria?                                                                                                                 UGO: No!! Io nun ce a faccio cchiù…chiste overe nun sta buone…ma è possibile che tenimme          ncopp a banca quasi 1 milione e 700 mila euro stipate…a fore a tutte ‘e proprietà che tene   papà e nuje avimme fa ‘a vita d‘e pezzente e chesta maniera?

MARTA: 1 milione e 700 mila euro??

ELISA: ma chi t’à fatte a te sta ‘mmasciata?

CARMINE: ‘o saccio io!! Sti juorne passate me servevene e solde pe mettere ‘a benzina dint’’o

mezzo …iette a vedè sì papà teneve coccose ‘e solde dint’’e sacche d’ò cazone ‘e truvaje n’estratto conto d’à banca e vedette che ncopp ‘o cunte dà BNL tenimme 1.697.000,00 euro in contanti.

MARTA: A faccia mia!! E t’è staje zitto zitto??

CARMINE: no, mò vaco vuttanne ‘o bando!!

                  

ALFONSINO E DETTI

ALFONSINO: (figlio tonto di Ciro ed Elisa…ENTRA correndo) Pur’io ..pur’io!! A vuttà ‘o bando??                Carminù … vaje a vutta ‘o bando??? Voglio venì pur’io…voglio venì pur’io!!

ELISA: (lo strattona e lo fa sedere al tavolo) ma addò vuò ì tu???

ALFONSINO:(sbattendo i piedi a terra) voglio ì  vuttà ‘o bando cu’ Carminuccio!!

ELISA: Ma qua bando? Ciunche n’copp’ a seggia e vire ‘e nun te movere…tu m’hè capite buone??

ALFONSINO: aggia ciuncà n’copp a seggia??(piagnucolando) tu nun me vuò bene, tu nun me vuò

 bene!!! (Si siede su una sedia laterale)


MARTA: (ritornado al discorso di prima) …e che tutti sti solde stù purucchiuso ce fa fa ‘a vita d’è

 muorte ‘e famme?

UGO: ma mò ve faccio vedè io che cumbino!!

ELISA: ma che tiene a cumbinà?? Parlate comme sì a patete nun ‘o cunuscisseve…chelle ‘e nata

                   prima jsso e po’ ‘a pirchiarìe!!

MARTA: ah proposito, me so scurdate e te dicere chell’ata fiurelle che me facette fa ieri dint’’o        bar…me dicette che l’avevo accumpagnà a Fuorigrotta pecchè aveva ì a fa nu servizio addò              l’avvocato pè mezzo ‘e chill’inquilino d’ò suoje che nun ha pagato a tre mesi l’affitto….e pè                   nun pagà ‘e solde d’ò tram m’hè fatte camminà d’à piazza Garibaldi fino  ‘a Mergelline a                   piedi…cò cavere che faceve m’hè fatte scennere nà sete esagerate e gli ho chiesto se ce        puteveme fermà dint’’o bar pe ce bere coccose ‘e frisco. Neh, tu saje chille che ha fatte?? E’                    trasute       dint’’o bar, ha chiesto nu bicchiere ‘e acqua d’à funtana e m’ha date…e mentre ‘o            barista      s’è girate…aumm aumm…ha pigliata 2 ‘vrancate e bustine c’ò zucchero ‘e sa mise     dint’’a       sacca d’ò cazone…poi quanno simme asciute fore …tutto sorridente ha detto…                    tiene mente tiè…cà ce stanno chiù e venti bustine ‘e zucchero….accussì pè na semmane     sparagnamme  d’ò accattà!!                                                                                                               UGO: No…chiste nun è purucchiuso… è proprio na’ gallette ‘e Castellammare!!

ELISA: uhè uhè…nciuciate chiù poco e faticate chiù assaje…chille se vene e ce trova ancora ccà      senza taglià sti giurnale accummincia l’opera ‘e pupo!!

MARTA: (Sbattendo tutto per l’aria) ma che tengo a taglià?? Io nun taglio chiù niente e quando      vene chillu pollice e pateme ciò dico nfaccia che è na pippa appilata, po’ me faccia a valigia                e me ne vaco!!
ALFONSINO: (intervenendo) Pur’io ..pur’io!! (capriccioso) Voglio venì pur’io…voglio venì pur’io!!

ELISA: t’aggio ditte: <<Ciunche ncopp’ a seggia>>!!

ALFONSINO:(lamentoso)Tu nun me vuò bene…tu nun me vuò bene!! (Si risiede sulla sedia laterale)


UGO: Martarè…tu ‘e dici che è puricchiuso?? E secondo te chill nun ‘o sapesse già??

ELISA:(irosa)primme ‘e mò arrococchie tutti sti fogli ccà nterra che sennò te faccio aizà cà              lengua!

MARTA: ah sì, e famme vedè comme faje!!

CARMINE: ecco qua…è accumminciata ‘a Traviata!!

ELISA: ( c.s.) A te statte zitte e senza fa ‘o spiritoso e dà na mane a Ugo ad aizà sti fogli ‘a loco       nterra!! (Ugo esegue)

MARTA: Ugo, nun ‘a penzà…

ELISA:(avventandosi contro Marta) uhè uhè…vire e nun te fa schiaffà sta cesta n’faccia!!

UGO: (spartendo con Carmine) Mammà, lassa ‘a sta…jà, mò te ce mitte pure tu?? E dai, ‘o saje che                   nuje nun ce ‘a tenimme cù te…se Marta fa accussì è pecchè sta ncazzata cù papà!!

ELISA: sta incazzata?? E se scazze!! Cu mè adda purtà rispetto!!

MARTA: E pecchè io nun te rispetto? Ma si pure tu ci rispettasse ogni tanto ‘o posto e sbraità sulo                    cu nuje…te facisse sentì pure cù pateme…forse e cose cagnassere nù poco dint’’a sta casa!!                                                                        CIRO E DETTI

CIRO: (Uomo sui 55 anni,  vestito più o meno elegantemente…ENTRANDO) Uhè uhè, ma cher’è??   Ma che so st’allucche?? Ve sentite ‘a copp Pusillepe! ‘O poste ‘e conservà ‘a forza pe taglià              ‘e foglie ‘e giurnale…sprecate tutta l’energia p’alluccà…e quando alluccate i muscoli si                    agitano….quanno ‘e muscoli se movono se consumano gli zuccheri e col calo di zuccheri ve                  scenne       l’appetito e quanno scenne l’appetito sentite famme e vulite mangià…e pè mangià          se spennene solde!!                                                                                                                    ELISA: Che dici Cirù…c’avessimo levà pure ‘o vizio ‘e mangià mò??

CARMINE: …eh si, levemmece pure ‘o vizio ‘e mangià!

CIRO: guagliò, ma tu ‘o saje ca l’idea nun è male…accussì sparagnasseme pure  ‘e solde d’à spesa!!

MARTA: eh si…sparagnamme pure ‘e ì dint’’o bagno accuss’ nun cunsumamme nemmeno l’acqua                 po’ scarico e nun c’è nemmeno bisogno e taglià ‘e giurnale a piezze…overe papà??
                                                                                                                         CARMINE: (ride fragorosamente)

CIRO: (molla un ceffone dietro la nuca) che ridi tu?? (poi a Marta) Nun ce sta niente a fa…l’omme faticatore ‘e a ruvina d’a casa!! (si siede e comincia la sua teoria filosofica sul risparmio) Io              non ho detto che non dovete mangiare…è logico che a mangiare (pausa) dovete mangiare…

MARTA: e menu male che cià fatte ‘sta crianze!!

CIRO: (a Marta)…tu sì troppo rispustera!! Lo sai che nel mondo arabo esiste il Ramadan??Nel     corso del mese di Ramadan infatti i musulmani praticanti debbono astenersi…dall'alba al   tramonto…dal bere, mangiare, fumare e dal praticare attività sessuali. Chi è                    impossibilitato a digiunare… perché malato o in viaggio…può anche essere sollevato dal   precetto, ma appena possibile, dovrà recuperare il mese di digiuno successivamente. Si vuje    mangiasseve na vota ‘o juorne saje quanti soldi sparagnasseme…e mettendoli da parti                    facimme nu bello gruzzoletto pe quanno ve spusate…’o pruverbio sai comme dice: << ad acine ad acino…se fa ‘a                macina>>!!

UGO: papà, e tu ‘o faje ‘o Ramadan??

CIRO: (fa un gesto con le mani come per mimare una trottola) dipende…sì parlamm ‘e astinenza       sessuale io cù mammete sto in Ramadan ‘a 15 anni!!

CARMINE: Sessuale ce crede…però, papà, considerando ‘a panza che tieni…l’astinenza a magnà                    tu nun ‘a faje!!
CIRO: (lo fissa intensamente…poi…) guagliò io tenevo ‘o sospetto che eri abbunate…ma mò con     quest’ultima cosa che hè ditte m’hè levate tutte ‘e dubbi!! Cheste nun è panza!!
MARTA: ah no, e cher’è?

CIRO: ma vuje l’avite ‘ntiso ‘o governo Monti? (solenne) <<E’ finita la crisi>>…e ciò crede, è          accumminciata ‘a miseria!! Io allora per non trovarmi spiazzato sto accummincianno a     correre ai ripari…quando in tempi di guerra i nazisti infornavano gli ebrei nei campi di                    concentramento…gli ebrei comm’erano sicche ‘o chiatti??

UGO: erano sicche!!

CIRO: appunto!! E chiatte si salvarono perché pur non mangiando tenevano le riserve naturali.      Mò sì vene na carestia in Italia…io comme sto mise tengo 12 mise ‘e autonomia…vuje          invece dinte a nù mese v’arricettate tutte quante !!

MARTA: e tu nun ce fai mangià…comme ingrassamme??

CIRO: io nun ve faccio mangià?? Eh no, mia cara, site vuje che tenite ‘e vizi!! Quando porto chelli   belle percoche d’ò mercate d’a frutte…pecchè nun v’hè mangiate?                                         
 
ELISA: azz, belli percoche?? Chelle erano tutte fracete!!

CIRO: (Indicando Ugo)             …guardate a isso che rispetto a vuje nun è schizzinuso….’o verite sciupate?? No, sta buone ndurzate e cheste significa che sì nun tenite e vizi…se po’ magnà!!E po’ e pesche non s’ tutte fracete…so mezza fracete….io chella metà fracete l’aggio                   tagliate e l’aggio ittate….chell’ata metà l’aggio fatte a piezze e me so fatta ‘a macedonia …facenne accussì me so mangiate a frutta senza pagà manc n’euro…perché io vaco ‘o mercate d’à frutta e chiedo ai proprietari d’è barracca si pozzo fa ‘o scarto d’à frutta fracete, loro so  cuntente pecchè e faccio ‘o scarto gratis….e io me piglio tutta a frutta che loro avessere jattà…e sparagna nu sacco ‘e solde…e ricordati che <<acino ad acino se fa a macina>>                             

UGO: eh si, papà io è overe che me mangia, però  e che caspita!!! N’ce avimme mangià ‘a frutta fraceta…ce avimme movere poco pè nun cunsumà energia, o posto d’à carta igienica avimme usà e foglie ‘e giurnale ritagliate, me ‘o dici che vita è chesta?? Si troppo spilorcio!

CIRO: (fa un gesto con le mani come per mimare una trottola) voi mi accusate che sono avaro!!

ELISA: (ironica)Noo, overe? Te accusano e essere avaro? E chi è stu figlio e “cantere puzzulente”   che se permette            d’o dicere? Chill tu e Briatore facite a gara a chi spenne cchiù assaje…

CIRO: (rispondendo all’ironia di Elisa) Infatti, non è così!! Io sono solo una persona attenta ed        ambientalista. Voi lo sapete quanti alberi si devono tagliare ogni giorno per produrre la cellulosa?. Ebbene sappiate che ogni europeo  consuma in media 13 kg di carta igienica     ogni anno, per un consumo totale nell'intera Europa pari a 5,5 milioni di tonnellate o        22 miliardi di rotoli complessivi. Questa produzione richiede perciò complessivamente il    consumo di circa 52 milioni di tonnellate di “legname” per anno, corrispondenti a circa     400-500 milioni di alberi di medie dimensioni abbattuti ogni anno per questo consumo. E                    po’ verimme  ‘e disboscamenti, ‘e frane, ‘e disastri ambientali e conseguenzialmente ‘e                   disastri ambientali pure ‘e morte e le stragi!!

UGO: nientedimeno?

CIRO: già, nientedimeno!! Quanta vote l’avite sentuto ‘e dicere?? Franata montagna in Alto            Adige…franato promontorio sull’Aspromonte…smottato rilievo sulle Dolomiti. Le cause              principali?? Gli incendi e i disboscamenti!!

ELISA: Tutti sti frane e sti smottamenti sulo pè fa taglià ‘e piante pe fa a carta igienica?

CIRO: Io l’aggio sempre ditto…l’Italia è nu popolo ‘e merdajuoli!! Ma vuje verite pure pè                televisione e pubblicità che nce fanne vedè….sta carta igienica nun è affidabile       proprio….tu piglia per esempio <<i rotoloni Regina>>…nientedimeno fanno vedè a chilli                    povere cristi che pè acchiappà nu “rotolone” hanno dovuto correre tutto l’agro-nolano,    tutto ‘o nocerino-sarnese, tutta a valle ‘e l’alto Sele….l’hanno acchiappato          ‘o Cilento!! Ma           a vuje  ve pare normale che uno fa nu bisogno ‘a Nola s’hadda ì a pulizzà Battipaglia??  

ALFONSINO: A Battipaglia?? Voglio venì pur’io…voglio venì pur’io…(la mamma lo guarda sorto)                Tu nun me vuò bene…tu nun me vuò bene!! (va a risedersi)

UGO: papà guarda che a casa d’à guagliona mia non usano e rotoloni Regina ….usano a Scottex!!

CIRO: Peggio ancora...peggio ancora…(fa anche la battuta del bambino pubblicita della Scottex)

MARTA: Ma pè favore…io me so scucciate ‘e sentì ‘e dicere sulo cretinate…’e mò comme dici tu,    allora ad oggi in poi scrivimme comme agli antichi egiziani…’o post d’à carta facimme e                    graffiti vicino ‘e prete..e ‘o posto e n’ce stuvà ‘o musso ch’è tovaglioli …usamme ‘o                    Mattino oppure ‘a Repubblica (indicando un paio di giornali che stanno sul tavolo)

CIRO: Tu sì troppa rispustera… Tu sì troppa rispustera…tu non troverai mai sciorta pecche sì      troppa rispustera. Io fra altri 100 anni e ‘o Signore me chiamma …coccose e solde che    tengo e       d’ò tutti ad Alfonsino!!!
ALFONSINO: si si si…papà…tutto a me…tutto a me me l’hè dà …e io  nun è dò proprio niente!

ELISA: po’ dice è chi è pigliato ‘o figlio??? Chille site scieme tale e quale!!

ALFONSINO:  papà, a siente a mammà…ce ha chiammati scieme…e che so scemo io???

CIRO: chi tu?? P’ammore ‘e Dio!! Chella Rita Levi Montalcini e ‘o scienziato Antonino Zichichi me                   scrivene tutte e juorne pe te fa ì addò loro a le da na mano ….      

ALFONSINO: Overe? Che bello allora pozz ì?

CIRO: Comme no…’o mese prossimo che trase te faccio ì…vabbuò?

ALFONSINO: Papà, tà pozz fa na domanda? Ma pecchè t’à sì spusata a mammà?
                                                                                                                                                                   
CIRO: Eh, t’ò staje chiedenne pure tu ‘a papà…overe??? Ma sta tranquillo, papà lascia tutto a te!! 

UGO: azz, pè te cercà nu’ poco e carta igienica ci diseredi?

CIRO: e cher’è sulo a carta igienica? Fratete po’ fatte che tene a botta ‘a capa piglia 850 euro e         pensione e 750 euro e accompagnamento tutt’’e mise e rispetto a vuje nun me costa manco            a 5° parte…vuò vede???(esce un attimo ed entra con una busta di pasta per cani) Ecco                   qua…io a isso ‘o cucino ‘na vota a semmana, votto 5 chili e pasta…una vulluta, po’ ogni juorne ne’ scarfe nu piattielle e ciò donco….(accarezzandolo) e Alfonsino mica se lamenta? So mangia e me ringrazia!! (ai figli) vulite vedè?? (ad Alfonsino) Alfonsì…te piace e                    “cuccuni” che te d’à papà?                                                                                              ALFONSINO: (annuendo vistosamente) buoni e <<cuccuni>> e papà>…buoni e <<cuccuni>>!!
UGO: Papà, ma che schifo…ma mettiti scuorne, e fai mangià ‘a paste d’è cani??

CIRO: si, ma ciò cucino ‘a cristiano…mammate accatte ‘e maccaruni pè cristiani…ma ‘o cucine ‘a   cane!!
ELISA: (tra se e se)tu guarda mò a chiste comme ‘o piglio e l’azzecca ca capa ‘nfaccia ’o muro!!

MARTA: Mammà, ma comme…e cucina a pasta d’è cani?? E tu?? E tu nun e dice niente???

ELISA: Io?? E  che ne sapevo io?? Chille diceva…va a fa e servizi tu che ad Alfonsino mò                vec’io…sapevo che stu piecuro e calava ‘e maccaruni pè cani??

CIRO: Vabbuò, ma che c’azzecca sta cosa cò fatte d’è tovaglioli mò??

ELISA: (furiosa) nun cambià discorso!!

CIRO: ahò, ma che m’allucchi?? Vuol dire che da domani in poi ‘o cucini tu ad Alfonsino!!

ALFONSINO: (capriccioso) no..no..no…io voglio ‘e cuccuni e papà…io voglio e cuccuni e papà!!

CIRO: ‘O vedite??? Chille è isso che me cercave…ed io ‘o accuntentave!! Ma mò turnamme a          nuje….dicevo, nossignore, a tavola pè te stuvà ‘o musso può usà ‘e tovaglioli ‘e carta!!

ELISA: Ovvire?? Tu addò vire ‘e addò ciechi!! Ma pecchè nun putimme usà comme a tutti quanti                    e fazzoletti e stoffa?? Se si sporcano e lavamme nata vota.

CARMINE: brava ‘a mammà…io cù chille cose ‘e carta nun me trovo proprio!!

CIRO: Overe?? Comme site bellille mamma ‘e figli!! Ed io secondo voi n’copp a sta cosa nun me so                    gia fatte 100 vote ‘e cunti mije?

UGO: E quali cunti ce stanne ‘a fa, neh, papà? Sì usamme chille ‘e stoffa sparagnamme ‘e accattà   ‘e tovaglioli e carta, n’ce stuvamme meglio, e sparagnamme e contribuì po’ disboscamento!

ELISA: (ironica) Giusto, si penzo che ogni vota che me asciutto ‘o musso, pè colpa mia, n’ce sta nù                   povere        cristo che va a fernì sotte ‘e frane …me vene ‘a voglia e ì camminanne cò musso              tutto ‘nzivate. (tutti ridono)                                                                                                                       CIRO:avite fernute? Quanno ve site scucciate ‘e fa chest’ironia e 4 soldi mò facite sapè!! (Episodio                    ‘a barca che va’ e vene)
ELISA:
(contrariata)E perucchie so comm’e tarle, se stanne rusecanne e’ cervelle!

UGO:    Papà ma guarda ca overe dico… cu e tovaglioli e stoffa sparagnamme…

CIRO:Addò?? (Tira fuori un foglietto con dei calcoli fatti sopra) Eccoli qua! Aggio fatto tutte e         cunti!! Considerando che quando se sporcano e tovaglioli, n’ce vò l’acqua cavere a 90° e         quindi ‘e solde po’ gas p’appiccià ‘a caldaia… po’ n’ce vonne ‘e solde po’ detersive… ‘a                     lavatrice che cunzume currente… ‘o fierro pè stirà… e a lungo andare comunque ‘a stoffa                   se affine, e l’avimma turnà ad accattà… m’aggio fatto ‘o cunto che si accattame e         tovaglioli e carta sparagnamme almeno ‘o 65%

UGO:Azz!! E tu t’e’ mise a fà Albert Einstein pe nu pacco e tovaglioli?

MARTA:Comme se vere ca’ nun tieni a che penzà!

CIRO:(Ad Elisa) Chesta è troppo rispustera… chesta è troppo rispustera!! Arricuordate che il       proverbio dice: “Ad acino ad acino, se fa a macina”!

ELISA:Nata vota?? ‘O tieni sempre pronto stu pruverbio?

CIRO:‘E pruverbi io ‘e dico, nunn’è che ll’aggio inventati io!! E po’ chesta è na citazione, nunn’è                     nu pruverbio…                                                                                                                           MARTA:Si, ma tu dici sulo chelli che fanno comodo a te… pecchè nunn’annuommene pure chella                       che dice: “E’ più facile che un cammello entri nella cruna di un ago, che un ricco nel         regno dei cieli”                                                                                                                    CIRO:Bella questa!! E’ so d’accordo!!

CARMINE:Azz papà, e sì d’accordo?? …tu nun faje bene neanche a Cristo!!

CIRO:E pecchè io che so ricco?

MARTA:Noooo!! Tu nun tiene manco nu’ sordo, overe               

CIRO: Io tengo ‘o giusto pe’ stà tranquillo in caso ‘e difficoltà: “Astipate ‘o milo pe quando tieni    famme!                                                                                                                                      UGO: (Assillati) Ancora??

CIRO: (poi ad UGO fa un gesto con le mani come per mimare una trottola)Si, ‘e pruverbi… perché    ‘e pruverbi so insegnamenti di vita!

MARTA: (Furiosa) Ma qua proverbi e proverbi… ma possibile che nuje avimme vivere povertà…                     pe paura dà povertà?                                                                                                                     CARMINE: Comm’è sta cosa? Me piace!!

MARTA: (C.S.) E’ capite buono… nuje ringraziamme a Dio pe’ chelle che tenimme… eppure pe’ mezzo suoje (indicando Ciro) avimma campà comme ‘e pezziente, pe paura che ferniscene ‘e sorde e addiventamme pezzenti!!

CIRO:Chelle che tenimme?? Ma pecchè che tenimme??

CARMINE:un milione e 1 milione e 650mila euro n’copp’‘a banca!

CIRO:Embè… ‘e tenimme?? (Categorico) ‘E tengo!!                                                                                                                               

UGO:E pecchè? Nuje nun simme figli a te?

CIRO:A me?? A mammeta sicuramente, a mme… che ne saccio??

ELISA: (Tra se) Mo a chiste ‘e schiaffo na cosa ‘nfaccia!! (A Ciro) Neh,  P-I-E-C-U-R-O vuò fa ‘o   purucchiuso che chiù purucchiuso non si può… nun me passa manco p’‘a capa… ma nun            te permettere ‘e mettere in dubbio la mia moralità ca te donco tante e chilli schiaff che te                    cambio ‘s connotate… hè capite?                                                                                                         UGO:Papà, ma se hai dei dubbi sulla legittimità della nostra provenienza, pecchè non hai mai                    chiesto un esame del DNA?                                                                                                                ELISA: (su di giri…ad Ugo) Ahò, ma che t’aggià mettere ca capa dint’’o cesso pure a te??

UGO:Mammà… ma nunn’è pe te… è pe isso che se permette e fa cheste insinuazioni… (al padre)   Fatti fare l’esame del DNA e vediamo!

CIRO: (poi ad UGO fa un gesto con le mani come per mimare una trottola)E io secondo te nun ce       avevo penzato?
CARMINE: Ma papà?? Ma pecchè fai sempe accussì? (rifà il gesto di Ciro)

CIRO: Vuò sapè che significa?? Significa: S-T-R-U-N-Z-O…’nturcigliate a forme e turtaniello…     ma guardatevi(a Marta) tu cu ‘e capille lisce… (a Ugo) chist’ata cu sta cape ‘e bomba… (a   Carmine) frateto cu l’uocchie azzurri…(ad Alfonsino) Chill’ate che pare ‘ genio ‘e               Aladino… è chiaro ca ‘o dubbio m’è venute!! Sulo ca sapite quanto costa ogni esame? 350 euro a figlio… site a 4 ‘e vuje… chiù io… ce vonne ‘a bellezza ‘e 1750euro!! E vuò sentì a                verità… a chi cazz site figlie figlie, nun me ne importa proprio!

ELISA: (Aggredendo Ciro) ‘o sceèèèèè… chesta tene ‘e capille ricce comm’ ‘a mammema, chist’ato tene ll’uocchie azzurri comm’ ‘a soreta… e chill’ato è  “s-t-r-u-n-z-o”  comm a te..(Suona il               campanello)                                                                                                                                         ALFONSINO: Ohj mà…ed io?? Io pure so strunzo?

ELISA : Nò, tu sì solo nturcigliate a forme e turtaniello!!

UGO:(Dividendoli) Uhè uhè finiamola!! Hanno bussato ‘a porta… vediamo e nun’ascì ‘ncoppa ‘e   giurnali… Carmine và a’ arapì!!                                                                                                  ALFONSINO: Carminù …Carminù…aspè..aspè…Voglio venì pur’io…voglio venì pur’io!!

ELISA: (lo strattona e lo fa sedere al tavolo) ma addò vuò ì tu???

ALFONSINO: voglio ì  arapì a porta cu Carminuccio!!
ELISA:  a seggia!…’a vedi ‘a seggia….loco t’hè sta e vire ‘e nun te movere, tu m’hè capite buone??

ALFONSINO:
  n’copp a seggia??A me sempe n’copp a seggia…(piagnucolando) tu nun me vuò bene, tu nun me vuò bene!! (ESCE)

FIGURE SURREALI E PARADIGMATICHE

CIRO: (Va a sdraiarsi su una poltroncina) Tutti contro… Tengo sempe a tutti contro… eppure se   nun fosse pe me che mi preoccupo ‘e nun fa disperdere ‘o capitale loro ‘o sciupassero dint’                 ‘a 15 juorni…‘e mane bucate tenene… (ENTRANO sulla scena le figure paradigmatiche)

ANGELICA BIANCA: (Entra vestita da Dea seguita da altre due figure vestite con lo stesso stile    ma con colori diversi) Ciro… Ciro… stai consegnando la tua anima al peccato…

ANGELICA ROSA: Ma lo vedi quanto sei avido?

ANGELICA DORATA: Sei spilorcio… Sei ossessionato dai tuoi soldi… dal “non spendere” per                   non consumare il tuo capitale!

ANGELICA BIANCA: I soldi sono la dannazione dell’essere!

ANGELICA ROSA: Sono il veleno dell’esistenza!

CIRO: Ma che vulite? Ma chi site?? Lassateme stà! Ma chi v’ha chiammate?

ANGELICA BIANCA: Noi stiamo qui quando tu ne hai bisogno!

CIRO: Ecco…hai detto bene! Quando ne ho bisogno…ed io ‘e vuje nun tengo bisogno!!

ANGELICA DORATA: Ah no? Non ne hai bisogno?

ANGELICA ROSA: Ne sei proprio sicuro?

ANGELICA BIANCA: Ma guardati!!

ANGELICA DORATA: Osservati!!

ANGELICA ROSA: Vivi male!!

ANGELICA BIANCA: Sei dannato!!

ANGELICA DORATA: Sei appannato!!

ANGELICA ROSA: …offuscato!!

ANGELICA BIANCA: I soldi.. i soldi.. i soldi!! Pensi sempre e solo ai tuoi squallidi soldi!!

CIRO: Quindi voi dite che sto sbagliando tutto?

ANGELICA DORATA: Sbagliando? No… di più!! Stai avvelenando la tua vita!!

ANGELICA ROSA: E nella vita non ci sono replay!!

ANGELICA BIANCA: Ogni giorno trascorso nell’avidità e nella disperazione dell’accumulo non                  torna indietro mai più sereno!! (ENTRANO le figure mefistofeliche)                                                   1° MEFISTOFELICA:  (ENTRA ridendo sonoramente) Tutte stronzate… solo stronzate dicono queste!                                                                                                                                      CIRO:Ma che vulite a me? Lassateme sta! Faciteme sta quiete!

ANGELICA BIANCA: Tranquillo?? Vuoi stare tranquillo? Puoi ottenerlo! Basta non dipendere                  sempre e solo dal vil danaro!

2° MEFISTOFELICA: No! Baggianate… l’uomo tanto vale per quanti soldi ha!

1° MEFISTOFELICA: Tu butta via il danaro… diventa un pezzente qualsiasi e vedrai che nessuno ti        rispetta più! Sarai un uomo finito!

ANGELICA DORATA: No… Ciro… no! L’intelligenza… la cultura… lo charme… il saper        vivere… l’altruismo… sono le cose che fanno di un uomo un uomo interessante… e non il danaro!!                                                                                                                                          1° MEFISTOFELICA: (Ride) Guardalo bene… guardalo tutto… un uomo senza danaro com’è       brutto! Lo conosci questo aforisma?

2° MEFISTOFELICA: E’ tutta la filosofia di una vita raccolta in una frase!

ANGELICA ROSA: Non è vero! Non è vero!!

1° MEFISTOFELICA: Ah no? Sono come le sirene…bel viso ma impartiscono cattivi                 insegnamenti.

2° MEFISTOFELICA: Ti consigliano male… sono solo adulatrici!

ANGELICA BIANCA: Noi?? E loro!? Che dicono di loro? Iddio gli ha nascosto il volto! Essi     sono la       malvagità!                                                                                                                        ANGELICA DORATA: Sono l’arrivismo… sono la prevaricazione personificata!

1° MEFISTOFELICA: Siamo lo stato reale delle cose! Ci accusano di materialismo, ma poi vedi                  la gente chi ascolta… Ascolta noi… solo noi… sempre noi!! (Ridono)

TUTTE LE FIGURE MEFISTOFELICHE: Solo noi… solo noi… solo noi… solo noi…

CIRO:(Mettendosi le mani in testa) Non ce la faccio più… andatevene via… ma si può sapere chi      siete che mi torturate così tanto?

ANGELICA ROSA: Siamo la tua “coscienza” …quando litighi con i tuoi figli… con tua moglie…                  con le persone che conosci… noi automaticamente siamo chiamate in causa per aiutarti!
                   Ascoltaci e noi ti porteremo un giorno nel paradiso!!

2° MEFISTOFELICA: Il paradiso? La coscienza? Ma sentile…eloquenza…fate solo retorica!!

1° MEFISTOFELICA: Ma quando le show-girl fanno film hard in cambio di soldi…dove siete?                  Quando la mafia sposa la politica…dove siete?

2° MEFISTOFELICA: quando la giustizia sorride al crimine… le arrampicatrici sociali sposano                  le industriali… le escort si prostituiscono ai miliardari…voi…dove siete!!?? 

TUTTE LE FIGURE MEFISTOFELICHE: Dove siete… dove siete… dove siete…??

TUTTE LE FIGURE ANGELICHE: Lungi da me… lungi da me… lungi da me…!!

CIRO:(Sempre di più con la testa fra le mani) Basta! Via.. andatevene tutti via!! Non vi sopporto     più… (Urlando) Viaaaaa… viaaaaaaa..!!!!

MARTA, ELISA, ALFONSINO E DETTI

MARTA: (ENTRANDO con Elisa ed Alfonsino) Ma cher’è?

CIRO:(Rivolgendosi ancora alle figure surreali) So io cosa fare! Saccio io comme m’aggià                                     cumpurtà… non ho bisogno ‘e vuje… io so bene quello che è giusto o meno… perciò..   jatevenne a vicino ‘a me ca voglio sta in santa pace!!! (Alle figure angeliche) Tu esci fuori…                   e tu vattenne pure tu appriesse a loro!! (Alle figure mefistofeliche urlando) Fuoriiiiii…!!!    (ESCONO tutte le figure surreali)

MARTA:Mammà… ma papà stesse perdenne ‘a capa? Ma cu chì sta parlanne?

ELISA: Ma nun è che sta a telefono?

MARTA:Papà cu o telefono? Chill nun se l’è mai accattate che dice ca so sorde persi!

ELISA: E cu chi parla?

MARTA:Boh… sta parlanne sul’isso!

ALFONSINO: Papà parla sol’isso?? (ride) Ma allora sta diventando scemo???

ELISA: Marta, sta cosa me preoccupa, aspè, mo ciò domande.. (si avvicina a Ciro) Ciro… m’he       chiammate?                                                                                                                              CIRO: No!!

ELISA: Strano… je t’aggia sentute ‘e parlà!

CIRO:Overe? E te sarraie sbagliate!

MARTA: No! No papà… pur’io t’aggia sentute ‘e parlà!

CIRO:(Titubante) Ma chi io? (Ridendo forzatamente) No! Forse primme quando me so mise a           cantà nu poco… (Rendendosi conto che la scusa può funzionare) Eh si! Steve cantanne!!

MARTA:Overe? E che stive cantanne??

ALFONSINO:chi è che sta cantanne?? Voglio cantà pur’io… Voglio cantà pur’io…

ELISA: statte zitt …Alfò!

ALFONSINO: nun me vuò fa cantà?? e pè forza…Tu nun me vuò bene…tu nun me vuò bene!!

CIRO:
Vuo’ canta?? Vuò cantà….saglie ncopp a seggia ‘e canta!!

ALFONSINO: (saltando di gioia) pozzo cantà…pozzo cantà….che bello…papà, e c’aggia cantà??

CIRO:  ‘A canzone ‘e Renato Zero… chelle che te faccio cantà sempe!!

ALFONSINO: sale sulla sedia e autopresentandosi: signori e signori direttamente dal festivallo di                   san romolo e remo…ecco a voi…Alfonsino ‘o cantante.  (come se si rivolgesse all’orchestra)       attacca maestro….(poi fa la musica con la bocca e….) <<Soldi… come profumano sti              soldi…io venderei casa mia…io venderei mamma mia….>>

ELISA: Azz, me vuò vennere?? Ma tu guarda che canzone e fa cantà a chiste!! (blocca Alfonsino)

ALFONSINO: No..no…io voglio cantà…io voglio canta!!
                                                                                                                                                                ELISA: Ma che tiene a cantà….mittete llà e fa silenzio!!

ALFONSINO: (piagnucolando)Tu nun me vuò bene, tu nun me vuò bene!!

ELISA:(chiede) Allora che faje? Tu viene ‘a casa ‘e fratemo a fa gli auguri po’ compleanno suoje?

CIRO: Nientedimeno! E che so domande ‘a fa’? Je mo che vaco llà m’aggià abbuffà comme ‘a nu    puorco che m’aggià fa ascì pe ll’uocchie… je se me sazio buone buone, stasera e dimane    sparagne ‘e mangià… e se te fai fa na bella purzione pure p’ ‘a casa… domani ‘o miette    annanze a loro… e può pure evità e cucinà… accussì sparagnamm: acqua, gas, sapone p’ ‘e               piatti,tovaglioli…ecc..                                                                                                         MARTA: Ohi mà… chiste pure si se scemunisce e perde a’ capa… sta sicure che ‘a                                             purucchiamme nunn’ ‘a perde mai!! (ESCONO Marta ed Elisa)

NINETTA, ALFONSINO E DETTI

CIRO: (Suona il campanello) Uhè uhè jate arapì… (Risuona il campanello) Uhèèèèè, jate arapì si    o no?? (Ancora il campanello) Puzzate avè nu tappe dint’ ‘e recchie che l’otorino pe ve        spilà n’addà usà ‘o bisturi… addà usà ‘o martiello pneumatico… (Suona ancora il                              campanello) ahòòò ma che te suoni lloco fore? Ma ‘o ssaje che ogni sunata che faje me       cunzume ‘a currente? (ESCE un attimo per aprire e poi subito rientra) Ma che te suoni?    …sunate… sunate… ma che ve sunate tutte 2, che simme surde?

NINETTA: (Con accento torrese) E vuje nunn’arapite!!

CIRO: Tu hè capite quanta currente m’hè cunzumate?

NINETTA: Vuje penzate ‘a currenta?

ENZUCCIO: Je mò ve faccio pagà tutt’‘e danni che m’avite cumbinate abbascio ‘o vico!! 

CIRO: ‘E danni? E quali danni??

NINETTA: Vuje ogni sabato scennite abbascio ‘o vico e ve mettite a lavà a macchina!

ENZUCCIO: Je po’ n’aggio capite, vuje tenite chillu giardino annanze ‘a casa vosta, venite dinto ‘o                 vico nuosto a lavà a macchina.                                                                                                                                  CIRO: Embè e che ce stà ‘e male?

NINETTA: ‘A primma cosa che ce stà ‘ male.. è che mettite ‘a pompa sott’ ‘a funtana mia…arapite                 a pompa chiena e ve sciacquate e risciacquate chella specie ‘e carriola dà macchina vosta!                                                                                                                                                                  CIRO: Uhà e che perucchiose.. pè nu poco ‘e acqua che cunzume!

NINETTA: Azz! Nù poco d’acqua? Vuje avite cunzumate 5/6 metri cubi ‘e acqua!

CIRO: Se se.. e metri cubi e ‘e metri ellissoidali!!

ENZUCCIO: (Guardandolo con l’aria di chi non ha capito)…ma sta mbriaco ‘o chiatt? Ma cà ditte??   

CIRO: Ellisoidale!!!! Comme ‘o moto ‘e rotazione dà terra attuorne ‘o sole… l’ellisse!! ‘E tiene         presente l’ellisse??                                                                                                                 NINETTA: ‘E lesse?? Comme!! Chella mammà mia ‘e cucine sempre dint’ ‘o periodo dè                                   castagne!!                                                                                                                                 CIRO:  Vabbuò lassamme stà!! Je vulesse sapè tu comm’ ‘a pigli sta misura?

NINETTA: Don Cììì… ma che ve penzate che so scema? ‘A coppa ‘o cuntatore ce sta scritte chiare                   chiare!                                                                                                                                      CIRO: Sentite… je voglie parlà che genitori vuoste, vuje site troppa att’accabrighe!

NINETTA: Mammà nun ce stà pecchè sta ‘o spitale…s’hè ghiut a operà a coliciste!!

ENZUCCIO: e vuje perciò ve site allargate! Sapenne che pateme stà ‘ngalera e ‘a mamma e Ninetta                  nun ce steve …ve site mise a sciacquerià!

CIRO: Ma guarda che io aggiò arracquate pure ‘e piante!

ENZUCCIO: D’‘e piante mie parlamme doppe, là ‘o danne è ancora peggio!!

CIRO: ‘O danne d’‘e piante?? E quale danne?

 ENZUCCIO: ‘A scumma… ‘o sapone… ‘e chelli fetenzie chimiche che usate pe lavà ‘a macchina..                   chelle so veleni che quande sciacquate vanne a fernì vicino ‘e radice d’‘e piante e d’‘e fiori         e s’ha seccate tutte cose!! Erano 25 piantine ‘e azalee, 15 ‘e gerani, 2 piante ‘e magnolie, nù                pino e nù tiglio!                                                                                                                            CIRO: Ahò ma che tiene ‘o bosco ‘e Capemonte fore ‘a casa toia?

ENZUCCIO: A proposito… me so scurdate ‘e 2 piante comm’‘a vuje!!

CIRO:‘E piante comm’‘a me? E qua so ‘e piante comm’‘a me??

ENZUCCIO: (mimando) ‘E piante grasse!! E ce stevene pure ‘e fichi d’india!

CIRO: ‘O scèè nun t’allargà!

NINETTA: e sennò che facite ‘o cumpagno mio??

CIRO: Sennò e fichi d’india v’‘e facce agghiottere a tutte e 2 cu tutt’‘e scorze, accussì quande jate   dint’‘o      bagno.. ve facce fà pure ‘e cactus!

NINETTA: Don Cììì vuje senza che facite, mò ve facce scrivere all’avvocato!

CIRO: (infastidito) Ma ascite ‘a via ‘e fore… je pe ‘na sicchitella d’acqua che m’aggio pigliate va      truvanne ‘e danni p’‘o disboscamento d’‘o parco ‘e gli Abruzzi… ma accirete!!

NINETTA:  ‘A sicchitella d’acqua?? So 6 metri cubi ‘e acqua!!

CIRO: No!! Erano 8 metri trapezoidali!

ENZUCCIO: Purpettòò… 6 metri cubi!!

CIRO: ‘O scèè… 8 metri sferici!

NINETTA:  Don Cììì vuje pe mezze che me vedite nà guagliuncella ve credite che songo nà                                 scema… je chell’acqua che m’avite arrubbate pe lavà chella specie ‘e macchina vosta,                v’ ‘o faccio pagà cù l’interesse e po’ ve facce vedè je chi è  Ninetta a turresa!                                                                                                                                    
 
ENZUCCIO: E a me ‘e piante che m’avite fatte seccà v’è facce scippà a dint’‘o turrene cù l’ogne d’                  ‘e mane… e vè faccio piantà nata vota ‘a una ‘a una cà lengua n’terra…

CIRO: Ohi neh!! Ma che me state minaccianne dint’‘a casa mia?

ENZUCCIO: Je vaggio sulo ditto cà si pe dimane ‘a matine nun me purtate ‘e sorde d’ ‘e piante…

NINETTA: …e a me nun me pagate l’acqua che avite cunsumate (in simbiosi emtrambi mimano il gesto tagliare la gola) peggio pe vuje!!                                                                                                                                        

CIRO: (Minaccioso) Sentite muccusìè!! Je già a te schifo d’ ‘a capa ‘o pere pè comme parli…e a       chist’ato po’ fatt ch’è muccusso e vò fa ‘o guappo…. mò vide e te n’ascì ‘a dinte ‘a stà casa            cù ‘e cosce sane…sennò ve votte ‘a copp’ ‘abbascio a tutte ‘e 2!!

 ENZUCCIO: (Sfidandolo) Ah si? E famme vedè!! Si me tuocchi sulo papà ‘a dinte Poggioreale te                    manne ‘a sparà!! Purucchiuse…purucchiuse!! Sì talmente tirchio che ‘e perucchie, cù ‘a              bandiera mano,           ‘n’cape a te fanno ‘o corteo contro ‘a famma!

CIRO: Jatevenne!! Scustumate!!

NINETTA:  Nooo.. simme nuje che ce ne jamm, no tu che me ne cacci!!

ENZUCCIO: Ma ricordati, domani puorteme ‘e sorde cà te sgonfio!!  Ball’‘e stocco!!

ALFONSINO: (ENTRANDO)Te ne vaje?? (Capriccioso) Voglio venì pur’io!! Voglio venì pur’io!!

CIRO: (Impetuoso) Statte zitte tu!!

ALFONSINO:(Piagnucolando) Tu nun me vuò bene!! Tu nun me vuò bene!!

NINETTA:  Cà miezze ohìì.. secondo me Fonzo ‘o scemo è l’unico buono che se salve!! (ESCONO)

CIRO: (Cacciandoli via ) Jatevenne!! Ma tu guarde nù poco!! Ce mancave sulo ‘a <<turresa>>        cù ‘a lengua appezzutatte ‘e ‘o figlio d’ò guappo ‘e quartiere n’coppe addò me!           (pensando) Uhmm… io non caccio nù sorde p’ ‘e cose serie, figurete sì caccio ‘e sorde        pè l’acqua che m’aggio pigliate…(affacciandosi) ‘a prossima vota mettite ‘o catenaccio      vicine ‘o rubinetto.. pecchè finchè veco ‘a funtana a disposizone, je l’acqua mò piglie         sembe!! L’acqua è nu bene primario, e nun se po’ nega a nisciuno… Purucchiose… a te e                    a mammeta!! (ESCE)

ELISA, UGO, MARTA E DETTI

MARTA: (Entrando con la sorella e la mamma) Mammà ma mò comm’aggià fa? Ormai faccio          ammore già ‘a tre anni,  isso tene nà fatica… Chille Rafele vò venì a casa a cunoscere         a papà,      chille ‘o guaglione mio è nù guaglione apposto!!

UGO: Overe?? Azz vò venì ccà? Ma allora chiste tene capa bona??

MARTA: Si si.. a piazza Dante l’ata sera me dicette ca ormai nun cià fa chiù a‘ aspettà… dice che   a trent’anni e passa… nun’è cchiù nù guagliuncielle… e vò fa ‘e cose serie… insomme me         vò spusà e me vò purtà a casa soja!

ALFONSINO: A casa soia? A casa soia? Voglio venì pur’io!! Voglio venì pur’io!!!

MARTA: (sempre più insofferente) Statte zitte tu!!

ALFONSINO: (Piagnucolando) Tu nun me vuò bene!! Tu nun me vuò bene!!

ELISA: Ohì Fò ….statte zitte! (alle figlie) Je n’aggiò capite addò sta ‘o prubleme!!

UGO:Mammà.. Marta se preoccupe che sì vene ‘o nnammurate suoje ccà… papà cù è   purucchiamme soje nun’ ‘o fa preoccupà, ‘o fa fujì direttamente!

MARTA: Bravo! Hai colto in pieno la mia preoccupazione… tu hè capite che chille pure sì ‘o pate fa                  ‘o salumiere e ‘a mamma va facenna ‘a cammerera…isso cammine sempe cù ‘e vestite                 firmate, orologi ‘e marca… insomma mammà…Rafele mio nun è ricco sfondato, ma ‘e            piace e fa bella figure e non bada ‘a spese… 

ELISA:  e ha pensate: mò saje che faccio? Me sposo cù chest e me sistemo uno piezzo!! Martarè, a mammà, ma stu tipo ‘o cunosce buone ‘a patete?

MARTA: No, e io perciò me preoccupo!! L’ata sera me purtave a mangià ‘a Zì Teresa… papà         è na pippa appilata, comme ‘e facimme ncuntrà? Se vò venì na sera a cena, chill è capace            che è fa truvà ‘e pascuotte cù ‘e pummarole e ‘e giurnali dint ‘o bagno:

ELISA: Nun ve preoccupate, lassateme fa a me, mò veco io! ‘O ssaccio je comm’aggià abbabbià      a patete!                                                                                                                                    UGO: Papà che caccia ‘e sorde p’‘a cena?? Uhààà scennesse mò mò a’ da coppa e me jesse a giucà  ‘e nummere…ma manco pigliasse pecchè ascesse 91 ‘o bancolotto!

ALFONSINO: A giucà ‘e nummere? Ughè, voglio venì pur’io!! Voglio venì pur’io!!

UGO: (iroso) Ma qua nummere?? Ohì Fò... statte zitte e facce parlà!!

ALFONSINO: (Piagnucolando) Tu nun me vuò bene!! Tu nun me vuò bene!!

MARTA: Fa nà cosa.. ma jesce nu’ poco ‘a chella parte e nun schiuccà sempe mmiezzo!!

ALFONSINO: No!! Voglio sta ccà, voglio sentì chelle che dicite, vabbuò??

ELISA: Fidateve ‘e me e nun ve preoccupate!! (ESCONO Ugo, Elisa e Marta)

CIRO, CARMINE, DON NICOLA E DETTI

CIRO: (ENTRA portando due bottiglie vuote di coca cola e una piena… rivolgendosi ad Alfonsino)      Ah.. tu stai ccà? Vamme a piglià ddoje butteglie d’acqua..

ALFONSINO:No! Vattelle a piglià tu!

CIRO: Uhèè!! Embè.. è mode ‘e risponnere chiste?

ALFONSINO: Tu m’ha vulute purtà cu te?? No?? E mò nun te voglio ‘ì a piglià!!

CIRO: ‘A penzione.. ‘a penzione… tu ringrazia a Dio che tiene ‘a penzione… o sennò da mò che      t’aveva vuttate ‘a copp’ ‘abbascio!!

ALFONSINO: A penzione? Me mine ‘a copp’ ‘abbascio?? Me ne vaco ‘o spizio e ì sordi miei e      faccio mangià a lloro…( lamentoso) Tu nun me vuò bene!! Tu nun me vuò bene!!

CIRO: (chiamando) Carminùùù… Carminùùùù porte nu pare ‘e butteglie d’acqua ‘a sott’ ‘a          funtana!                                                                                                                                                                            CARMINE: (Da fuori) Aspèèè papà, mò t’‘e porte!

CIRO: (parlando tra sé) Ohì po’ dice che io me ‘ntosseche… ce l’aggiò ditte 100mila vote.. che ‘a       coca cola nun l’addà accattà pecchè costa assaje e fa male… manca pà capa… po’ dico io,              ‘a vuà accattà? E accatta ‘a Ben Cola dò Discount che costa manco ‘a metà, e invece no                   (pensando) nun vuò accattàa a Ben Cola pecchè ‘e figli tuoje tenene ‘o pizze bbuone e ‘a   scella rotte? Accatte ‘a Pepsi Cola che comunque sparagne! E invece no! Addà piglià                <<’a Coca Cola!!>> che costa chiù cara ‘e tutte quante.. sulo p’ ‘a pubblicità che addà fa                   chille sceme cà esce tutt’annure cò piette ‘a fore… saglie p’‘ascensore… se beve ‘a Cola     Cola che scorre pe tutt’‘a faccia e pè tutt’ ‘o pietto… e tutt’‘e femmene che ‘o guardane   appriesse appriesse cu l’uocchie ‘a fore e tutte sperute! E io?  Pe ve fa fa ‘e zoccole a vuje  avessa pagà a Coca Cola giust’‘o doppio?  Mò v’acconce je p’‘e feste! (richiamando)            guagliò…ma st’acqua che si jute add’‘ò piglià a Munticchio?

ALFONSINO: (scattando in piedi) A Munticchio? Voglio venì pur’io!! Voglio venì pur’io!!

CIRO: Ma qua Munticchio?? ‘A jute a piglià abbascio ‘o puzzo… vuò ì abbascio ‘o puzzo?

ALFONSINO: (Piagnucolando) Abbascio ‘o puzzo? Tu me vuò fa muri! Tu me vuò fa murì!! (ESCE)

CIRO:ca’ penzione che tiene?? Ma sì pazzo?? Nun ce penzà proprio!!

CARMINE: (Entrando) Ebbiccanne!! E me vuò dà ‘o tiempe d’ ‘e riempì? Ma che ‘e a’ fa?

CIRO:M’ha purtate?? E mò te ne può jì!

CARMINE: Papà.. nun me dicere che vuò turnà a fa chella schifezza che faciste chell’ata vota?

CIRO: ‘A schifezza? Vuje m’avesseve ringrazià.. ma tu lo sai che in questa bottiglia ce stanne sulo purcarie? Tiene mente tiè: Acqua, Zucchero, Anidride carbonica, Acido ortofosforico,       Caramello, Caffeina, Semi di cola, foglie di coca decocainizzate.. dimme tu mò un solo        ingrediente genuino, po’ considera che nà butteglia ‘e chesta costa € 2,50.. (eseguendo) je se                  l’ammische me scenne a € 1,25, e sto quasi comm’ ‘a Ben Cola.. Se invece facce tre parti..    scenne addirittura a € 0,80 cent. addevente genuina ed economica!

CARMINE: …eppure annacquata!

CIRO: Meglio! ‘O saje che ‘a Coca Cola sfiatata e annacquata  è bona p’‘a diarrea? Se t’‘o bevi      accussì t’astrigne pure!                                                                                                             CARMINE: Ma pè favore papà.. stù cose accussì t’‘o bive tu! (Suona il campanello)

CIRO: (Ordinando) Va arapì!!

CARMINE: Mò vaco!!

ALFONSINO: (scattando dall’altra stanza rientra come un fulmine) Carminù addò vaje??

CARMINE:(seccato) Ma  addò vaco? Vaco arapì a’ porta!!

ALFONSINO: Voglio venì pur’io!! Voglio venì pur’io!!

CARMINE:  (seccato ancor di più) Ma comme? A arapì ‘a porte vuò venì pure tu?

ALFONSINO: (Piagnucolando)  Tu nun me vuò bene!! Tu nun me vuò bene!! A oggi in poi nun me sì chiù frate!!(ESCE Carmine per aprire la porta e dal lato opposto ESCE anche Alfonso)

CARMINE: (Rientrando) Papà fore ‘a porta ce sta don Nicola…

CIRO: (Che si trova di spalle) Ma chi? ‘O prevete?

CARMINE:No.. qua prevete? Don Nicola Ferlecchia… nò saje? ‘O proprietario d’‘a                       concessionaria Peugeot che stà all’inizio d’‘a via..

CIRO: E che vò a me? Je tengo nà 600 GT turbo scappottabile ‘e 15 anni e l’aggio pure pagata…    comunque fall’‘o trasì!

CARMINE: (Va ad aprire) Prego, don Nicola, accomodatevi!!

DON NICOLA: (entrando) Buongiorno!!

CIRO: Prego don Nicò, accomodatevi, a cosa debbo l’onore??

DON  NICOLA: Io sono venuto a parlarvi di una cosa seria…serissima…e spero che ciò che         debbo        dirvi non sia di vostro dispiacimento.

CIRO: don Nicò, e qua dispiacimento?? Forza, senza girà intorno al problema…ve servene e soldi?

DON  NICOLA: Perché mi fate questa domanda?

CIRO: Perché sì ve serve nu prestito e avite purtate ‘e cambiale…io me piglio ‘o 25% anticipato       e allora ‘o prublema non ce sta….venite domani mattina, io ve trovo pronto ‘e solde, vuje            me firmate e cambiale  e risolviamo il problema…..se po’ ve servene ‘e solde prestate senza                    interesse e allora manco in questo caso mi posso dispiacere…

DON NICOLA: ah no? E perchè??

CIRO: Semplice!! Perché ‘e soldi nun ve donco e ‘o dispiacere vò pigliate vuje e non io!!

DON NICOLA: uhmm , apprezzo la vostra sincerità….veramente me servevene 50.000 euro.

CIRO: e ‘o problema addò sta?? Domani mattina purtate e cambiale e ve do ‘e soldi…

DON NICOLA: (ridendo) Don Cì, ma state scherzando??

CIRO: Io?? No , no, io quanno parle ‘e solde non pazzeo maje!!

DON NICOLA: Don Ciro, io non ho bisogno di nessun prestito, io sono il proprietario della                             concessionaria Peugeot di Napoli e lavorano per me tra operai, meccanici e impiegati oltre   50 persone e fatturo oltre 250 milioni all’anno… voi forse non avete capito chi sono io?? Io                   sono il dott. Nicola Ferlecchia!!

ALFONSINO: (trovandosi ad entrare fa una sonora pernacchia) Prrrrrrrr!!!!!

DON NICOLA: Mamma d’ò carmine!! Chi è stato??

ALFONSINO: so stato io!! Pecchè nun t’è piaciuto?? Tiè…tò faccio d’ò capo?? (riesegue)

DON NICOLA: Ma come ti permetti? A me?? Nicola Ferlecchia??

ALFONSINO:
Ah Ferlecchia?? Io avevo capito…”Nicola ‘o FETECCHIA”!!

CIRO: mamma mia che figura!! (cacciando il figlio fuori dal salone) Va addò mammata a llà…iesce                    vattenne…Carminù, porta a chist addò mammata!!

CARMINE: (eseguendo) jamme a llà, forza Alfonsì!!

ALFONSINO: Lassame sta...lasseme sta…tu nun me vuò bene…tu nun me vuò bene, a me nisciuno              me vò bene!! (ESCONO Carmine e Alfonsino)

DON NICOLA: (chiedendo)..è vostro figlio??

CIRO: ‘e ‘o figlio ‘e mugliereme…ad essa è figlio sicuro!? ‘O sapite comme se dice no?? A mamma è certo…’o pate no!! (sorridono)

DON NICOLA: Mi dispiace…queste sono le cose brutte della vita!!

CIRO: E cose brutte?? Ma che state dicenne?? Chill è ‘o meglio figlio che tengo!!

DON NICOLA: (tra se) azz…chist è ‘o meglio?? Figurati ‘o peggio comm’è!!

CIRO: Questo figlio mio è l’unico che me fa trasì dint ‘a casa a bellezze e 1.550 euro ‘o mese tra        pensione ed accompagnamento….’o rieste invece nun faticano e vanno sulo pè solde!! Ma                non tergiversiamo…complimenti a vuje per la vostra attività…ma mò diciteme na cosa, se                    non siete venuto per farvi fare un prestito…comme maje state ccà??

DON NICOLA: Giusto!! Vuje mò ve state chiedendo: <<neh, ma chist a me che vò>>??

CIRO: Bravo, vedo che siete abbastanza perspicace!!

DON NICOLA: E aspettate…io mò me faccio curaggio e vò dico…in genere cheste so cose che       risolvono stesse ‘e giuvane…insomma…don Cì, io tengo nu figlio che è nu gran buono      guaglione, serio., intelligente, lavoratore, educato…

CIRO:  nun me dicite che vulite fa a cambio cu figlieme Alfonsino?…Alfonsino è na rendita e           non sta in vendita!!                                                                                                                     DON NICOLA: Vi prego non scherzate…Don Ciro, mio figlio è a perle d’è guagliune ed è anche   figlio unico, un domani ‘a concessionaria è tutta roba soje!!

CIRO: E allora come non detto!! Vulite fa a cambio?? Se po’ trattà!!

DON NICOLA: don Cì, per quando vi stimo…non mi prendete in giro!!

CIRO: No, nun sto capendo pecchè me state raccontando tutti sti cose a me che neanche ve cunosco.

DON NICOLA: ve le sto raccontando perchè mio figlio è troppo buono ma…ma… ha un difetto!!

CIRO: (categorico) E’ ricchione!!

DON NICOLA: No, ma quando mai! E’ omme !!

CIRO: E vuje che ne sapite?

DON NICOLA: comme che ne saccio….’o saccio pecchè me n’accorgo che guarda ‘e femmene.

CIRO
: No, stu fatto nun c’azzecca niente. Cecchi Paone, ‘o sapite?? (don Nicola annuisce)  tene tre figli, jeve appriesse e femmene …però a botta ‘a cascetta ‘a tene ‘o stesso!!

DON NICOLA
: Mio figlio non è gay….mio figlio ha un altro tipo di difetto!!
                                                                                                                                                          CIRO
: Embè, e che difette tene??

DON NICOLA: è timido…troppo timido!!

CIRO: ah chest’è?? Io me penzavo che era!!!!

DON NICOLA: è troppo timido…e quando parla con le ragazze si intimidisce ancor di più!! Però                   c’è anche da dire che tene na bella voce e quando canta te fa cunzulà!!

CIRO: ho capito, me fa piacere pè isso, ma io mica sto ‘e casa dinto ‘o teatro Ariston a Sanremo?? Vò cantà, e io che c’azzecco??

DON NICOLA: e allora, don Ciro, vostra figlia Marta è già fidanzata?

CIRO: No!! Che io sappia no!! E’ na brava guaglione, ma è troppo rispustera e nun trove sciorte!!

DON NICOLA: Ah benissimo…che bella notizia che me state dando!!

CIRO:(tra se) Ma chist è scemo?Io ve dico che nun trova sciorta e vuje dicite che è na bella notizia?

NICOLA: mio figlio Raffaele si è innamorato pazzamente di vostra figlia Marta…non fa altro che   parlare di lei…e quando la vede   passare sì ‘o vedite me pare nù ‘ncantate!! Sono 2 mesi     che mi sta facendo il lavaggio del cervello …voleva che venissi da     voi a chiedervi la sua   mano!!                                                                                                                                                                                     CIRO: A mano? Va truvanne a mane? E ‘o riesto a chi ‘o donco? No, o se piglia sana sana o niente!

DON NICOLA: non scherzate…per favore don Cì…non scherzate, io parlo seriamente!!

CIRO: E pur’io!! Vostro figlio se vò spusà a mia figlia Marta??(realizzando la fortuna che gli è         capitata) Vuje avite ditte che vostro figlio è figlio unico, giusto??

DON NICOLA: Figlio unico ed erede del mio patrimonio immobiliare e della mia concessionaria!!

CIRO: Mica dinte a’ concessionaria tenite altri soci azionisti che dividono con voi l’azienda??

DON NICOLA: No, sono io amministratore unico …..proprietatio al 100%                  

CIRO: azz!! (cambiando atteggiamento all’improvviso) ma prego don Nicò, pigliatevi nu belle              bicchiere ‘e Coca Cola!!
DON NICOLA: No, grazie…a me la Coca Cola mi gonfia!!

CIRO: vi gonfia?? A Coca Cola mia?? E quanne ve gonfia a Coca Cola mia?? (versa un bicchiere a                    Nicola che comincia a bere e subito dopo storce la faccia per il sapore schifoso

DON NICOLA: Ma tene nu strano sapore…

CIRO: Cheste è na Coca Cola trattata anti-gas…non c’è anidrida carbonica aggiunta e perciò fa     meno male….bevete…bevete…

DON NICOLA: Vi ringrazio, ma non tanto mi piace!!

CIRO:  azz.. non vi piace?? E vuje quanno v’ha bevite chiù ‘na Coca Cola comme ‘a cheste??

DON NICOLA: (finisce di bere disgustato) e allora che debbo riferire a mio figlio?

CIRO: Oggi è mercoledì, dicitele che sabato a mezzogiorno l’aspetto a pranzo qui da me…’o             presento a Marta e nun ve preoccupate che sì ‘o guaglione è comme m’avite descritto vuje …state tranquillo che ‘a cosa se po’ cumbinà!

DON NICOLA: ovviamente don Ciro..voi che siete una persona sensibile capirete che ‘o guaglione                  trovandosi alla prima esperienza e in un ambiente nuovo potrebbe provare un po’               d’impaccio …voi cercate di metterlo a proprio agio…e se vedete che non si sblocca fatelo                    cantare…quanno se tratte e cantà, ‘o guaglione trova sempre un modo per dire chelle che vuole.
CIRO: comm’è faciteme capì, quanno nun riesce a parlà se mette a cantà??

DON NICOLA
: sissignore, è accussì!!

CIRO
: ma allore è cacagliuso??

DON NICOLA: ma quando mai…è timido, solo timido. Ma quando canta si sblocca e la sua         timidezza sembra svanire….poi vedrete…sarà un <<amore>> a prima vista!!                              CIRO: cu me o cù mia figlia?

DON NICOLA
: con tutti e 2!!

CIRO
: (tra se) Chist allora è attivo e passivo!! ( A Nicola) Ma mia figlia ci ha mai parlato??

DON NICOLA
: No mai…’a cunosce sulo ‘e vista…e voi perciò ce avite mettere ‘a bona parole. E nata cosa…io veco che pure vuje site nu buongustaio…Lello mio e piace ‘e mangià     buono…e sì pure ‘o verite cu qualche chiletto in più è segno ‘e abbondanza e salute. Ora però perdonatemi …ma devo andare perché il lavoro mi chiama…                                                              

CIRO: (scimmiottandolo) e comme dice?? Nicolaaaa….vieniiiii…ti sto aspettandoooo…..

DON NICOLA
: ma chi??

CIRO
: ’o lavoro!!

DON NICOLA
: (ridendo) ahè, vuje tenite a capa fresca e io che ve sto pure a sentì!! Io vi saluto!!
                                                                                                                                                       CIRO: Aspettate…mò v’accumpagne!!

DON NICOLA: arrivederci e stateve buone!! (ESCE  Nicola)                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         MARTA, ELISA, RAFFAELE, CIRO E DETTI

CIRO: (una volta uscito Nicola) Hai capito ‘a Martarella??Ha fatto conquiste cù nu partito buono!!                    E chelle sì so sposo ha fatte 13!! (ESCE)
MARTA
: (suona il campanello…ENTRA Marta)…Arrivoooo!! (esce per un attimo)

RAFFAELE: (ENTRA  Marta con la spazzola dei capelli in mano) amore mio! Io nun cià facevo cchiù a sta luntano a te!!
MARTA : Rafè, ma tu sì pazzo??...si me vede papà che le dico?? Chillo nun ‘o sape che simme         fidanzate!!
RAFFAELE
: Ah, nun ‘o sape?? E mò è a vota bona che ‘o vene a sapè!!

MARTA
: Tu staje fore cà capa…vattenne che sì vene a ccà all’improvviso succede ‘o 48!!

RAFFAELE
: Ma che tenesse a dicere e me?

MARTA :Nun ‘o saccio…ma papà è troppo esigente e nun ‘e sta maje buono nisciuno!!

RAFFAELE:E certo!! Pecchè io po essendo figlio e nu salumiere e de ‘na cammarera nun tengo ‘e                    solde e        patete e perciò tu te mitte scuorne e me…ma io nun mollo e primma ‘o poi te ne              porto cu me…con o senza il suo parere!!

MARTA : ma che dici?? Io mica so comme a pateme che penzo sulo e solde??

RAFFAELE: no, e allora a tre anni che facimme ammore pecchè nun me vuò fa trasì in casa??

MARTA : pecchè fino a mò nun c’è maje stato occasione…ma mò vattenne che sennò succede          l’inferno!!                                                                                                                              : e RAFFAELE: damme nu bacetto!!

MARTA : nossignore…domani te lo do..mò no!!

RAFFAELE: No. Io ‘o voglio mò!!

MARTA : e guarda si se ne va!!

RAFFAELE: e dai…nu vasillo e me ne vaco!!

MARTA : (si avvicina per baciarlo…ma mentre stanno per farlo…) uno sulo però eh…

UGO: (chiamando da fuori) Marta…. Martaaaa!!

MARTA : (lo spinge) frateme…frateme….vattenne, vattenne…che si te trova ccà succede ‘o              casino!!

UGO: (entrando) Marta…(vede Raffaele in atteggiamento ambiguo con la sorella) Buongiorno!! E tu                    chi sì?
MARTA : ‘O frate d’à cumpagna mia…m’hè purtata ‘a spazzola pè capille che l’avevo prestato e    mò se ne sta andando.
UGO: Ha purtato ‘a spazzola? E già…e primme e se ne ì…se steve pigliann ‘o passaggio, overe??

RAFFAELE: No, qua passaggio….io so venuto a père!!

MARTA : (liquidandolo) Vabbuò…grazie assaje pà spazzola…e salutami a tua sorella, ciao!

UGO: E salutami pure ‘a mammate!!

RAFFAELE: Grazie! (a Marta sottovoce) ma chist è chill frato tuoje scemo che me dicive tu?

MARTA : No, qua scemo? Chist è fratemo ‘o buono!!

RAFFAELE: (Tra se) ‘O buono?? E si chist è ‘o buono…figurammece ‘o scemo comm’è!! Ciao ci vediamo presto…ciao. (Raffaele e Marta ESCONO)
ELISA: (entrando con Ciro) senti, io t’aggia parlà nu poco!! Stamme buone ‘a sentì e verimme e nun                 ce ntussecà!!                                                                                                                                CIRO: e a questo punto è meglio che te sto a sentì…pecche quando tu dici: <<verimme e nun ce       ntussecà…’o 90% d’è vote nun te ntuosseche tu…me ntosseche semp’io!!

ELISA: Ecco!! E allora, vire che ce sta nu guaglione che s’hè nnammurate ‘e Marta…stu guaglione                   vulesse venì a ce cunoscere a nuje d’à famiglia ..ma Marta se mette paura che tu può fare qualche cacciata…oppure che te mitte a fa ‘e purucchiamme e essa se mette scuorne!!

CIRO: embè…e addò sta ‘a nuvità??

ELISA: comme addò sta? Ma tu hè capite buone??

CIRO: e certo!! E che so scemo?? Io già sapevo che nu guaglione è interessato a Marta…anzi mò te dico nata cosa..io aggio già parlato pure cò pate e Lello!!

ELISA: Lello?? Ma a me pare che Marta m’ha ditto che se chiamma Raffaele!!

CIRO: Lello? Eh certo!! E’ ‘o diminutive e Raffaele…se vede che ‘o guaglione essendo timido…nun                     le piace o nomme all’anagrafe e se fa chiammà cò diminutivo ma a nuje che ce ne mporta?
                                                                                                                                                                  
ELISA:A nuje?? Niente proprio!! Embè…e che ce ditte ‘o pate e stu guaglione?

CIRO: l’aggio invitato sabato a pranzo ccà…ma aspè, chiamma ‘a tua figlia accussì ‘o dico pure a   essa!!                                                                                                                                           ELISA: (chiamando) L’hè nvitate a pranzo?? Tu? Ma tu ‘o saje chiste che mestiere fa? (Ciro           annuisce) Marta…Martaaaa!!

MARTA : (entrando) Cher’è mammà??

CIRO: stammatina ccà è venuto nu signore a parlà cu me e dice che suo figlio te vulesse spusa…

MARTA : (non capendo) nu signore?? Ma tu vuò dicere nu guaglione forse…

CIRO: No, no, nu signore e l’età mia…tutto distinto e perbene e dice che ‘o figlio s’hè nnammurate                    e te…che è nu buono guaglione…che tene nu sacco e solde e proprietà…ma proprietà      overe … è a cosa cchiù importante…e che te vò spusà…sulo che m’ha ditto che ‘o                                  guaglione è nu poco timido, tene qualche chilo in più e che quann se mette scuorne se mette                 a cantà!!                                                                                                                                           MARTA : (incredula) E’ timido e chiatt?? Papà…ma sì sicuro?? Nun è che t’à sunnate??

ELISA: ma pecchè??                                                                                                                MARTA : e pecchè ‘o guaglione che me vene appriesse nun è timido e nun l’aggio mai n’tiso e fa na     canzone…                                                                                                                                         CIRO: ah, ma allora te ne sì accorta?? Chill’’o pate era convinte che tu nun t’avive sapive ancora    ‘e niente che ‘o figlio te steve appriesse. Siente…a me ‘o pate accussì m’ha ditto: è timido e         quann se mette scuorne… canta…ma po’ a nuje che c’interessa…l’importante è che tene ‘e                solde(entrano sulla scena anche Ugo e Alfonsino) guagliù, sabato ‘o spasimante e Marta                    vene ccà a mangià…
MARTA : grazie papà…grazie…(lo abbraccia e dalla gioia corre nell’altra stanza)… mò ‘o telefono e                   ciò dico che tu sì cuntento d’ò cunoscere…(tra se) mah, io nun ce sto capendo niente…

CIRO: ‘o telefoni?? Ma comme chill ‘o pate ha ditto che te cunosce sulo ‘e vista??

MARTA: ma quanno maje?? Sulo e vista?(ride) Papà…nuje facimme ammore già a 3 anni!!(ESCE)

CIRO: 3 anni?? Fetecchia…Fetecchia…e chi te sone ‘e campana ‘a muorte…chelle perciò nun l’he   mai sentuto cantà…chill ‘o pate diceva che canta sulo quanno se mette scuorne…e          dopp 3       anni e fidanzamente addò sta cchiù stu scuorne?? (alla moglie) Elì, fa na bell pranzo…nun                    badà a spese…chiste è nu buono partito e nun ce l’avimme fa scappà…m’arraccumanne…                ostriche, champagne, salmone e caviale!!
UGO: papà, ma aggio capito buono?? Champagne e caviale?? A casa nosta??

CIRO: guagliò…’e vire sti solde che sto spennenne mò…stu frampellicchio che vò a soreta sì arriva                    e se spusà a Marta…stu pranze che gli offro  mò…ce l’aggia fa ascì pe recchie …tozzole tozzole        doppe….25 milioni e fatturate…25 milioni e fatturate….e si nu erano pe 25                    milioni  e fatturate e mò se strafucava l’ostriche e ‘o  caviale a casa mia!

Fine primo atto

                                                                                                    

“SECONDO ATTO ”

         ELISA - CIRO E MARIETTA 

ELISA: Vire che è venuta a figlia do pisciavinnele a purtà ‘o pesce che avevamo ordinato.

CIRO: E’ venuta essa ccà?? Io avevo ditto ‘o pate che passavo io…e pè forza, chill mò ch’à               pesate        ‘o pesce senza nisciun annanze ha fatta sciacqua Rosa e viva Agnese..

ELISA: Trase Marittè…io vaco dint’’a cucina, parla cu’ maritemo…e solde te dà isso!! (ESCE)

MARIETTA
: (ENTRANDO) C’è permesso? Pozzo trasì? (entra e parlando velocemente quasi a raffica) buongiorno don Cì…v’aggio purtato tutto chelle che ve serveve. Ve faccio vedè       che bella figura facite cù gli ospiti vostri…… stu pesce ‘o vedite? Stammatina quann papà è jute ‘o mercato addò piglià zumpava ancora pe’ dint ‘e cascette…              

CIRO: E mò che patete l’ha pesate senza che io cuntrullave sta zumpanne isso pè dint’’a                   pescheria!!

MARIETTA: (risentita) Che vulite dicere neh, don Cì…che papà v’hà mbrugliate n’copp ‘o           peso??
CIRO: Chi, patete?? Nooo, ‘e quanno mai!! (sottovoce ai vicini) quanne maje ha pesate ‘na               spigola e nun s’è arrubbate 100-150 grammi a vota!!

MARIETTA: E allora vedite ccà…ca’ ce stanne ‘e vongole, ‘e taratufoli…(poi mentre sta                  parlando si ferma e spettegolando per sapere a cosa è dovuta la festa) A proposito…ma         chi è che adda  venì a mangià??


CIRO: Lello, ‘o nnammurate ‘e Marta!!

MARIETTA: Ah, Lello!! (continua a parlare del pesce)…vedite che papà ve l’ha mise già a              spurgà…ma vuje facitele sta n’ato ppoco pecchè sempe ce po sta  natu poco ‘e rene      dinte… (…così come prima mentre sta parlando si ferma e spettegolando) Lello? Ma             scusate ma ‘o nnammurate ‘e Marta nun se chiamma Raffaele??

CIRO: Si, se chiamma Raffaele…ma è vote preferisce e se fa chiammà cò diminutivo….ma                allora         pure tu ‘o cunusci già??

                                                                                                                         

MARIETTA: No…e chi ‘o sape…e vote sento a figlia vosta d’ò chiammà(continua il discorso          sul              pesce) Dicevo…vuje basta che ‘e tenite dint’’a l’acqua ‘e mare massimo           nat’oretta e se finiscene ‘e spurgà…po’ dopp facitele cadè n’copp a nu marmo che se ce    sta qualcuna morta           se sente…(ricomincia a spettegolare)…e a quante tiempo fa               ‘ammore Marta cu stu guaglione?


CIRO: Nun ‘o saccio…so’ che se frequentano ma non saccio ‘a quanto tiempo se conoscono…

MARIETTA: (continua il discorso sul pesce) Don Cì…ccà invece ce sta ‘o salmone…è na                 prelibatezza                  …ieri è arrivata d’à Norvegia…avite dicere a donna Elisa…(ricomincia a       spettegolare)…ma        mò ‘o guaglione ‘e Marta vene sol’isso a mangià ‘o porte pure  ‘a                    famiglia ??

CIRO: No, che famiglia?? E che aggio fatto ‘o ristorante a casa mia?

MARIETTA: Ah quindi vene sol’isso?? E cheste dicevo io…sennò ‘a roba è poco (continua il         discorso sul pesce) …dunque dicevo…vuje dicite a donna Elisa che se stu salmone          ‘o                fa ncopp a brace senza che ‘o fa cocere troppo assaje …ve alliccate pure ‘e                    dete…(ricomincia a spettegolare)… embè? Ma stu guaglione fatica??

CIRO: E comme no!! Tene na bella fatica e ringrazianne a Dio nun e manche niente!!

MARIETTA: Quindi ringrazia a Dio!!(continua il discorso sul pesce) Ovviamente nun ve                 scurdate e dicere a donna Elisa che sì fa a brace…doppo n’copp ‘o pesce ce vò nu                           poco ‘e pinzimonio      …aglio…olio e limone cu’ na tagliatella e putrusino(ricomincia a                    spettegolare) Ringrazia a Dio? E sì ringrazia a Dio comm’è che ‘o veco sempe vestito           che panni spuorche d’à fatica.

CIRO: (ride) e panni spuorchi? Ma tu forse hè pigliate ad uno pe nato!!

MARIETTA: Dicite vuje?? E po’ essere…(continua il discorso sul pesce) Invece st’ostriche so         fatte pe vedè…cheste ve l’avita magnà crude… ‘o poco ‘e limone n’copp …e so a fino                 d’ò munno!! (sempre a spettegolare) E più o meno hanno deciso pure quanno se                    vonno spusà?


CIRO: Ma che se tenene a spusà…chille mò sta trasenne dint ‘a sta casa…e vulimme dà ‘o               tiempo       necessario?

MARIETTA: è giusto..giusto…(continua il discorso sul pesce) Vuje ‘o sapite comme si arapene       l’ostriche no?
CIRO: No!! E chi l’ha maje arapute??

MARIETTA: E’ facile, nun ve preoccupate…(facendo da insegnante per aprire le ostriche) Vuje      pigliate nu curtiello robusto cà ponte…’nfilzate a ponte ccà dinte verite?? (Ciro osserva                    attentocontinua il discorso sul pesce) vuttate a torcere nù poco ‘a ponta…( …poi          sempre a spettegolare) e po’ …..
CIRO: e po??

MARIETTA🙁 …poi sempre a spettegolare) un domani  e spuse addo’  se ne vanno ‘e casa??

CIRO: (seccato) Ma che ne saccio?? Marittè…io a chist tipo nun saccio manco …tu vuò sapè            addo’         se ne vanno e casa….nun ‘o saccio…movete, famme vedè stu pesce cà purtate…

MARIETTA: e niente…chest’è …e vongole che taratufoli…’o salmone…l’ostriche e po’ a               mugliera vosta m’ha chiesto ‘na cernia chiu’ grussunicella…ed io ve l’aggio      purtate.

CIRO: Azz…io a mugliereme overe che dicette nun badà a spese…ma veco che comme allasca          ‘e briglie subito ‘a cavalla se sbizzarrisce!!

MARIETTA: E ma accussì facite ‘nu figurone!!

CIRO: eh si…ma mò che t’aggia pagà me vene na’ “cummurzione”!!!!

MARIETTA: no, ma nun ve preoccupate, o cunto nun è assaje…118 euro e 50 centesimi…

CIRO🙁sedendosi…)118 euro?(incredulo per il conto salato) A capa d’ò mandarallo!!E che                 m’hè          purtate tutto ‘o puorte e Pozzuoli a casa mia?

MARIETTA: don Cì…chella sula ‘a cernia è nu chiù e nu’ chilo e ottocento grammi!!

CIRO: certo…cu tutt ‘a capa e a coda!!

MARIETTA: e pecchè ‘a capa e a coda nun se pese??

CIRO: …comme nun se pese….però nun se mangia!!

MARIETTA: e io c’aggia fa?

CIRO: comme che a fa? E’ a scalà ‘a copp ‘o prezzo ‘o peso d’à capa e d’à coda!!

MARIETTA: e niente cchiù??

CIRO: veramente ce stessere pure e spine a dinte …ma e spine, visto che io songo nu’     signore… pure sì se jettene….. te l’abbono!!

MARIETTA: Ma che state dicenne?? Ma pecchè quanne jate accattà ‘o pollo , ‘a custatella,            chille l’ossa nun v’hè pesa ‘o stesso? Oppure  quande v’accattate ‘o gelate ‘e nù                   mulone… chille ‘o secchietiello… jè scorze nun v’hè pese…E vuje  v’hè mangiate?

CIRO: ‘e tu che te pienze che ‘e chianchiere, e gelataje e fruttajuoli so meno marjuoli d’è                   pisciavinnoli?
MARIETTA: don Cì…io ve faccio pentì  e chelle che state dicenne…e po’ dopp verimme.

CIRO: Overe? E io ciò dico a Cernia che adda fa ‘a capa chiù tenera che m’hadda putè fa                 mangià!!

MARIETTA: senza che sfuttite…voglio e 118 euro e 50 centesimi….

CIRO: vire chi ne tene 237 facimme metà ‘a però!! E se capisce, io mo ‘e pago pure a capa e              cernia         senza che mà mangio.

MARIETTA: E mangiativelle …a me che m’interessa?? Anzi sapite che vulite fa?? A capa v’ha     mangiate…e a core v’hà imbalsamate e accussì dopp  ‘a usate comme ventaglio.

ELISA: (entrando) Ma cher’è?? Pecchè allucchi cu’ Marietta?

CIRO: Chelle se pensa che so scemo…essa ‘e ‘o pate hanno pesate ‘o pesce…l’hanno pulizzate         pure           e mò va truvanno ‘o peso a modo suoje….comme sì nun ‘e cunusceseme chi     sò….hai voglia ‘e allucca…mo te vaco ‘a piglià n’attimo ‘o late a llà 70-80 euro e a                    pago….chest’è…prendere o lasciare…          


MARIETTA: (lamentandosi) ma che 70-80 euro?? So 118, 50 euro.

CIRO:  azz pure ‘e 50 centesimi??

MARIETTA
: No, primme e 50 centesimi e po’ e 118 euro!!

CIRO: 
Cheste èchelle che vulisse…ma non chelle che te dò!! (ESCE)

ELISA
: Mariè…fa na cosa comincia a te piglià sti soldi ccà…’e o riest t’è porto io domani                 sennò         me ‘ntosseche sta jurnate oggi…vabbuò??

MARIETTA: Ah e vabbuò…allora mò veco cu vuje…verite che aggio spiegato a vostro marito

‘o fatte ‘e l’ostriche (ricomincia a spettegolare) ma ‘o marito vuoste è sempe accussi                tirchio?

ELISA: E tirchio?? Nun ‘o saccio… boh…io me l’arricordo sempe accussì!!

MARIETTA: …(continua il discorso sul pesce) Verite che ‘a Cernia papà ve l’ha già pulizzata e      squamata …l’avite sulo mettere a cocere…(ricomincia a spettegolare) embè…sempe             accussì…e vò site spusate ‘o stesso??

ELISA: e se vede che oltre ad essere tirchio tene altre qualità…

MARIETTA: …e certo! Altre qualità…ma se vere che sti qualità s’hanno annascuse bone

 bone...visto che so anni e anni e maje nisciuno se n’hè accorto addò e tene          …(continua il discorso sul pesce)…vuje si ‘a facite all’acqua pazza o al

 forno vene troppo sapurite…ma se vulesseve fa ‘a novità facitele sotto sale??      (ricomincia a                spettegolare)…e qualità?? (ride) E che qualità tene don Ciro??

CIRO: (entrando ed interrompendo) Chelle e se fa ‘na sporte e ‘na carretta ‘e cazzi suoje         per esempio…tu tè faje?? No, e nun a tiene sta qualità!! (pagandola) Eccoti gli 80             euro e vire e te ne ì ‘a dinte ‘a sta casa !!! (SUONA IL CAMPANELLO)

MARIETTA: vabbuò…donna Elì…io allora me ne vaco…(indugia)…avite capite?? Io me ne          vaco…

ELISA: statte bona Mariè!!

MARIETTA: …(indugia)…ma vuje avite capite?? Ioooo…. me ne vaco…

CIRO: Eh, e a Madonna nun t’accumpagna…vattenne mò..va!! (ESCE Marietta) Chelle se            pensa che io so scemo…(ad Elisa) a te, se domani passi pà pescheria e te permitte e      l’he             purtà ‘o rieste d’è  solde..embè…tò giuro ncopp a bonanimo d’ò nonno Ciro…ve                    faccio sta digiuno pe’ na semmane!! E solde che l’aggio dato abbastene e superchiene.

MARIETTA: (rientrando in scena) Ah si?? E allora saje che ce sta di nuovo?? Sì è soldi                   m’abbastane                e me superchiene…‘o pesce è ‘o mio…e  me l’ì a d’à  nata vota!!!!

CIRO: (ride) eh capite neh, Elì??? Va truvanno ‘o pesce nata vota!! Va tranquilla tò porto                dimane  dint’’a pescherie??

MARIETTA: ‘O voglio mò!! Damme ‘o pesce!! (irosa)T’aggio ditte primme ‘e mò damme ‘o           pesce!!
CIRO: Mò?? Annanze a mugliereme? Po’ dice che uno passo nu guaio!!

MARIETTA: Don Cì….vuje senza che facite ‘o scemo e facite finta ‘e nun capì….cheste nun è a     primma vota che me faccio turnà ‘o pesce a nu cliente.

CIRO: no…e chi ‘o mette in dubbio…comme te faje d’à ‘o pesce tu nun so fa dà nisciuno!!

MARIETTA: ’O scèèè…senza che faje allusioni…io sto parlanne d’ò pesce che se mangia…


CIRO: (ridendo) Ah chille che se mangia??? E scusa…io pensavo chille che se beve!!

MARIETTA: Senza che fai ‘o simpatico che nun faje ridere a nisciuno…poso ‘o pesce mio              dint’’a sta cesta nata vota…sennò te ‘mpiccico cà capa n’faccio ‘o muro!!


ELISA: uhè..uhè…peccerè…datte na calmate e vire e nun te fa ruciulià pe tutte ‘e grare….(al          marito supplichevole) damme ‘o rieste d’è soldi…muovete e famme caccia ‘a sta             nzevate a dint’’a sta casa!!

CIRO: (urlando) nun ‘e tengo!!

ELISA: (supplichevole)  T’aggio ditte caccia ‘e solde!!

CIRO: (tra se) (tira fuori faticosamente i soldi dalla tasca…poicontanto le banconote)10, 15, 20,           25, 30, 35, 36, 37, 38…..(a Marietta) pure ‘o 50 centesime t’aggia dà?


MARIETTA: (acida) Caccia …cààà!!

CIRO: che puricchiosa!!

MARIETTA: Mò stamme apposta!! Me ne pozzo ì!! (mette i soldi nelle scottatura del decolletè e        poi sorridendo) Buona giornata e buon appetito…e per qualsiasi cosa chiammateme!!                 Marietta ‘a pisciavinnele ve fa assaggià sempe ‘o meglio pesce ‘e Napule!!

ELISA: Vire ‘e te ne ì mò…e nun te fa vedè maje cchiù!! Io vaco a llà a cucinà (la spinge verso         fuori ed ESCE)

MARIETTA: (rientra ea Ciro facendo un occhiolino) uhè…uhè…rattusiello mio…peccato che        sì troppo na pippa appilate…senno fusse nù bello purputiello affugato a spuntecà             …dice ‘a verità so na grande figlia ‘e ntrocchia??

CIRO: Figlia ‘e ntrocchia? Dici figlia ‘e zoccola che è meglio!! (Marietta ammaliante se ne va)

UGO E DETTI    

                                                                                                                              

UGO: (entrandopapà, ma che figure facite?? Ma pecchè alluccavi e chelle manera?? Vire         che ‘a chella parte è arrivato ‘o guaglione e Marta!!

ELISA: già sta a llà? Chelle figliate l’aveva date l’appuntamente ‘e l’une e mezza….e chist stu         cataplasma  a mezzijuorne già s’è presentate …io sto ancora cucinanne…mò ‘o faccio        trasì a        ccà cu te…e vire  d’ò trattene nu poco!! (ESCE)

CIRO: Ah è venuto già? Embè, ha purtato coccose? ‘O è venuto che mane mano?

UGO: Azz!! Ha purtato nù vassoio ‘e babà,  ‘na butteglia ‘e champagne e doje butteglie e                 Greco e Tufo…’na torta ‘e po’ ha ditto che ‘o regalo a Marta ciò dà quanne vene essa!!

CIRO🙁soddisfatto) Azz, e sì ‘o sapevo nun facevo accattà niente…e metteve stessa a roba soje           ‘a tavole e diceva….l’hè purtate?? E mangiammincelle!! E dimme: comm’è... comm’è?

UGO:papà, ‘averità!! A me nun me piace proprio!!

CIRO: Overe? E pecchè??

UGO: e mò che o vide t’e n’accuorgi pure tu!!

CIRO: In che senso, spiegati meglio!!

UGO: Papà, soreme è na bella guaglione…è secca secca, nù bello fisico, po’ è na guaglione che           t’appiccia dint’’à l’uocchje…invece stu guaglione me pare …(mima un ragazzo grasso)

CIRO: E’ pienotto??

UGO: pienotto?? Papà io so robusto?? Chiste rispett a me pare nù  miezzo subbuttonne!

CIRO: Embè?? E pur’io so chiatto!! Che tiene a dicere sì ‘o nnammurate e Marta tene   qualche chilo                in più?
ELISA: (ENTRANDO prendere un vassoio) ‘o chilo ‘e cchiù?? Forse vuò dicere…‘o quintale ‘e cchiù!

CIRO: uhààà, tante che è chiatt?? E che fa?? Vuol dire che a casa soje se magna buono!! E po’        io saccio che…è n’artista!!

ELISA: Ah si?? Secondo me tu e isso putesseve fa ‘na bella coppia ‘e cabaret!!

CIRO: ah si?? Putesseme fa Franco e Ciccio??

ELISA: No!! <<Hans e Panz>>!!

CIRO: (ride sarcasticamente) Tu sì invidiosa pecchè ‘a vulisse tenè ‘na panza comme ‘a mia ‘e           nun sì        capace d’à fa!! (poi richiedendo con fare indagatorio) comunque ti dicevo che è                 n’artista pecchè ‘o pate dice che chist tene ‘na bella voce e ogni tanto canta!!

ELISA: Ogni tanto? Chill in 5 minuti m’ha fatto a capa tanta….ha fatto già nu concerto ‘o lat        a llà!!

CIRO: aggio capito, fall’’o trasì….’o trattengo io!!

UGO: Mo’ ‘o faccio chiammà io!! (ESCE)


ALFONSINO🙁ENTRANDO) Ughè, a chi vaje a chiammà? Voglio venì pur’io…voglio ven’io   pur’io.

CIRO: Ma addò vuò ì?? Chelle sta andando dint’‘a cucina ‘a llà!!

ALFONSINO: (si ferma…ci pensa) A cucina ‘a llà?? (pausa) e che fa? Voglio ì pur’io!!

CIRO: Vuò ì dint’’a cucina?? E va!!

ELISA
: Ma addò adda ì?? Io dint’’à cucina tengo che fa…e mò s’hadda mettere chist annanze       ‘e piedi…ma statt e ccà cù patete!! (ESCE)

ALFONSINO: Nun me vuò purtà?...tu nun me vuò bene…tu nun me vuò bene!(si siede su una    sedia)

UGO: (ENTRANDO) Papà…ce sta ‘o fidanzate  ‘e Marta!!                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         LELLO E DETTI

LELLO: (figlio di don Nicola sui 25 anni… di stazza fisica abbastanza robusto e con il vizio di             cantare quando si sente impacciato e quindi non a suo agio. ENTRANDO ) Buongiorno!!

CIRO
: Avanti!! (lo guarda e poi tra se e se) Azz!! E chist over tene ‘o fisico d’ò barilotto!!

UGO: prego, siediti qua!!

LELLO: (si gira intorno e guarda l’ambiente)

CIRO
: Buongiorno!!

LELLO: (accennando Zappatore) Felicissima sera…a tutti sti signure ncruvattate…e a chesta              cumitiva accussì allera…uommini chic e ‘a mugliera vosta tutta pittata!!

CIRO: (ad Ugo) E chist comme sta cunciate ‘e manca sulo ‘a zappa mmano!! (a Lello) Senti, tu        dici…felicissima sera, ma nuje stamme ancora ‘a mezzogiorno…

LELLO: (cantando Marco Carta) Avite ragione!! Buongiorno mio don Ciro…vogliamo bere un          caffè…Io sono Lello, ‘o figlio e don Nicola…e son venuto per lei!!

CIRO: Per me? Io pensavo per mia figlia…e comme no!! Embè, mia moglie v’hà offerto coccose?

LELLO: (cantando Gianni Nazzaro)) Con tutte le avventure che il mio cuore ancora          accoglie…no, non mi è stato offerto niente da vostra moglie…

CIRO: Overe?

LELLO: è la verità…è la verità…


UGO
: Embè e che te faccio purtà?? Nu bello bitter?? Nu sucche e frutta? Na cedrata??

CIRO: Oh, oh oh…che t’allarghi? Adda scegliere o uno o nata e sti cose…che tenimm ‘o bar??

LELLO: e allora: (cantando Pupo) Gelato al cioccolato dolce un po’ salato… tu..gelato a    cioccolato…

CIRO: Nossignore…ma qua gelato ‘a cioccolato..nuje fra poco mangiamm…dopp va a fernì             che se chiudo ‘o stommaco!! (poi lo guarda) ‘O stommaco? E quanno se chiude a nuje     ‘o stommaco? Nuje tenimme sta panza!..embè…comme si dice omme ‘e panza…omme     ‘e sustanza!!

LELLO: (cantando Mimmo Dany) Abballamme chesta canzone tutte quante cà panza ‘a fore!!

CIRO: Uhè, ma a vulimm fernì?? Ma chi tò da tutt sta cunfidenza? Fa na cosa, Ughè, va a là e         piglia nun poco e chella bella Coca Cola che saje tu…( a Lello)…te piace a te a Coca          Cola?
LELLO🙁intona lo spot)Coca Cola di più, rinfrescarti sempre sa…sa di più..con quel suo gusto            unicooo….sa di più…Coca Cola di più!!!

UGO: Papà…ma over faje?? Aggio piglià ‘a Coca Cola annacquate?

CIRO: ahè…pigliancelle!! Tu nun ‘o vire comme è chiatte? (a Lello) Nuje chiattune chiù poco           ce ne           bevimme meglio è…..è overe Lello?? Dici a verità, tu suoffre nu poco ‘o               zucchero??

LELLO: Zucchero?? Ma quanno maje…chille me piace assaje!! Donne du du du..in cerca di             guai….donne a telefono che non suona mai…                  


CIRO: hè fernute??

LELLO: Si, ma sì ne vulite sentì nata io subito v’à  faccio? Per colpa di chi chi chi chicchiricchi

CIRO: mò a chiste ‘o schiaff na cosa nfaccia!! Guagliòòòò, ma chille patete aveva detto che                ogni tanto, sì stavi emozionato cantavi…ma no che ogni parola te fai nu’ concerto…


UGO: (al padre)…papà, ma tu sì sicuro che chist è normale?

CIRO: a verità Ughè…(lo fissa) nun ‘o saccio!!

ELISA: (ENTRANDO) ecco qua…aggio mise ‘o secondo dint’’o furno…mò vaco a mettere         pure ‘a pentola ncopp ‘o fuoco…senti tu tieni qualche preferenza…qualche piatto               preferito…o                 pozzo cucinà chelle che vogl’io !!


LELLO
: (cantando Marisa Laurito) …a me quello che mi consola è l’addora d’à pummarola…a         me quello che mi tira su…so’ ‘e zite con il raù!!

CIRO: Hè capite?? E po’ nun vuò niente cchiù!!

LELLO:Che voglio?? Nù spusalizio abbascio Marechiaro, sotto 'a fenesta celebr ll'ammore. Pe'          cunfiette tengo 'e vvongole 'e Pusilleco, pe' 'dessert' taratùfole e tunnínole… e pe'              sciampagna ce sta ll'acqua 'e mare...

TUTTI: (in coro)…. e pe' sciampagna ce sta ll'acqua 'e mare...

ALFONSINO: (intervenendo) ‘a mare?? ‘a mare?? Voglio venì pur’io..voglio venì pur’io!!

ELISA: Eh comme no….’a mare ‘o mese ‘e marzo…amm’ vedè comme avìmme piglià na                 brunchite!

ALFONSINO: nun me vuò purtà ‘a mmare? (capriccioso)tu nun me vuò bene…tu nun me vuò    bene!

CIRO: E che jamm a fa a’ mare a papà…guarda ccà…(indica Ugo) ‘o scuorfano ‘o         tenimm…(indica          Lello) ‘o pesce ca botte l’avimme appena piscate…mò che vene       sorete…tra essa e mammata  avimme apparate pure ‘a mazzamme….neh, ma che              serve cchiù!!

ELISA: eh, ‘o purpo dint’’a cavurare!!

ALFONSINO: ‘O purpo? Me piace ‘o purpo…..me piace…..me piace!!

ELISA: Te piace? E llà ‘a mammà sta tranquillo…che cu patete, putimme mangià… purpo nu       mese           ‘a fila senza ce fermà…e putimme fa pure ‘o bis!!

LELLO: (cantando M. Merola) Vuje ve ‘avite fa capace ‘ncopp ‘o munno nun ce’ sta…n’ata cosa       ca è chiù bella do’ magnà…è bello ‘o magnà…è bello ‘o magnà…favurite che ve faccio              cunzulà!

CIRO: (Alla moglie un po’ su di giri) Azz, chist dint’’a casa mia…favorite che ve faccio    cunzulà…ma chist che s’è  schiaffate n’capo??

LELLO: Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più…se sposti un po’ la seggiola stai              comodo anche tu….


CIRO: (smorzando i toni) Guagliò, passamme ‘o contenuto…ma tu a Marta che l’hè regalato?


LELLO
: Nu bello viaggio!!

ELISA: Azz!! Nu viaggio

LELLO: (cantando Battisti) Si…viaggiare evitando le buche piu' dure …senza per questo cadere          nelle tue paure..

ALFONSINO: (intervenendo) ‘O viaggio?? Voglio venì pur’io..voglio venì pur’io!!

UGO: (molla un ceffone dietro la nuca…poi indicando la sedia) jesce llà!!

ALFONSINO:  ‘O schiaffo?? ‘O scè, ricordati che cu mè: (cantando Sam, il ragazzo del                  west)<<Nessuno può fare una mossa  fasulla …se solo ci prova fra occhi ha una                  palla….Sam Sam …Sam>>


ELISA
: ‘o viaggio ?? Accussì a bruciapelo ve jate a fa nu viaggio??

CIRO: Embè?? E  addò a vulisse purtà?

LELLO: Una gita sul Po…popoppopo’….una gita sul Po…oh  yes…non andare in America…né        in Unione Sovietica….costa poco però.. popoppo’ ..popoppo’ …popoppoporopo’

UGO: sul Po’? Ma chist è scemo?

CIRO: (cantando con Ugo)Ma allora sì scemo??…ma allora sì scemo? Allora sì sce..allora sì                sce…allora sì                scemo

MARTA,RAFFAELE E DETTI

MARTA : (ENTRANDO) Buongiorno, mammà ma cher’è st’allegria?? Sto ccà, aggio fatto nu    poco           ritardo, sì t’aggia da na mano dimme che te serve…

UGO: Marta, ca ce sta Lello….

MARTA:Lello? E c’aggia fa? Io trasenne aggio salutato già, che aggia fa pure l’inchino?

UGO
: Ma comme, nu poco e grazia ‘e cchiù…chille è venuto a chiedere la tua mano….

LELLO: (si inginocchia, prende la mano di Marta e cantando La donna cannone di De Gregori)         …e             con le mani amore, per le mani ti prenderò…e senza dire parole nel mio cuore ti                   porteròòòò …
MARTA : Ma tu qua mani e core vaje truvanne?? Chille sta saglienno ‘o guaglione mio…e se          te vede ccà  me tieni e mane mane…primma te piglia ‘a calci e po’ te fa vulà po’ balcone!!
LELLO: Vulà?(cantando Volare di Domenico Modugno) Volare…oh oh…cantare oh oh oh               oh…..nel blu dipinto di blu…

MARTA: si, bravo, chille mò che saglie Rafele mio….accussi te fa, “blu”…a furia ‘e capate               mmocca!
CIRO: Uhè uhè….ma comme tu accussì ‘o tratto ‘o guaglione tuoje??

MARTA
: ‘o Guaglione mio?? Ma che staje fore neh papà?? Ma chi ‘o sape a stu ndufate??

LELLO: Ndufate a me??(iroso cantando C. Caselli) Nessuno mi può giudicare nemmeno tu!

                  

CIRO: (scimmiottandolo) …la verità ti fa male lo so!!!

MARTA: Papà, io nun aggio capito che scherzo e cattivo gusto è maje chiste…Ma vuje overe            state           facenne?? Io già so fidanzate a tre anni e vuje ‘o juorne che ‘o guaglione mio sta                  ventenne dint’’a casa …me facite truvà ccà ncopp ‘a stu tortano senza ‘a nzogna?

LELLO: ‘o nnammurato tuoje? (cantando Renato Zero “Il Triangolo”) Il triangolo no…non             l’avevo considerato….ma per te non farò….’a figura d’ò scurnacchiato!!            

CIRO: …ah no?? E ti è rassignà guagliò….sempe figlio a patete sì!!!

RAFFAELE : (ENTRANDO) Ma cher’è, io sento ‘e llucche d’à vascio!!

MARTA: No, niente ammore mio, qualsiasi cosa vedi e qualsiasi cosa senti…sappi che io nun          saccio         niente e so innocente!!

                                                                                                                                                 ALFONSINO: Nun è overo, a colpevole è essa!!

MARTA:  Madò, ma chist sta sempe (mimando) ncuoll ncuoll…me pare nu vampiro!!!

ALFONSINO: (cantando Carletto il principe dei Mostri)Un vampiro non è... se mangia i cuccuni      il conte dracula…(coro con Lello) Il conte dracula…..(solo Alfonsino) e Alfonsino chi     è?? (di nuovo in coro con Lello) E’ uno che si allunga 7 metri e 33!!

MARTA:  Tiene mente che pareglia tiè….avite fatte scopa tutte e 2!!

ALFONSINO: senza che fai, si colpevole!!

MARTA:  No, io so innocente e tengo pure a Ugo per testimone

CIRO: testimone, colpevole, innocente…uhè…ma che ve penzate che stamme ncopp’ ‘o tribunale?                                                                                                            RAFFAELE : Neh, scusate, ma pozzo capì pur’io che sta succedenne??

MARTA
: E comme no!! Ma t’ho dico a doppe quanno stamme “SOLI”  io e te!!

LELLO : (cantando SOLI di Celentano) Soli, la pelle come un vestito!!

RAFFAELE : (sospettoso) ‘O voglio sapè mò!!

LELLO : (cantando L. Tony) Digli la verità…la verità….perchè la verità, tu non l’hai detta                   mai!!                                                                                                                      RAFFAELE : E allora?? Che verità aggia sapè ??

CIRO
: Marta fa ammore cu te…ma ‘e piace pure stu guaglione!!

MARTA: Ma a chi?? Papà, ma staje ‘mbriaco??

CIRO: No, assolutamente!!

MARTA: Io cu stu buffato?? Piuttosto me faccio monaca!!

RAFFAELE : Comm’è faciteme capì…a guagliona mia fa amore cù me e se frequente pure cu        stu cose curiose? Ma allora aggia fa succedere ‘o lutto dint’’a sta casa?

MARTA: No, qua lutto? Amore mio nun ‘e penzà…io voglio bene sulo a te, sempe a te e voglio        sta sempe e sulo cu te!!

RAFFAELE : (iroso) Io voglio sapè na cosa: <<ci sei mai andata a letto>>??

MARTA: Cu chist?? (decisa) Ma quanno maje!!

CIRO: Brava a Marta!! Chelle sennò se schianta ‘a rete!!

LELLO: (cantando Marcella Bella) Pensa per te che a me ci penso da me…anche perché ognuno        pensa per se!!

RAFFAELE : Cose curiuso, tu statt zitto!! (a Marta) Turnamme a nuje, Nun è che cù chist sì         jute a         lietto e mò  nun t’arricuorde??

MARTA: E secondo te una che va a letto cu nu mobile e chiste …pure vulenne…comme fai a           tò scurdà??

RAFFAELE : Ma sì sicura??

MARTA
: E certo!! A letto solo con te andrò io!!

LELLO: (cantando Cocciante) E quando a letto lui…ti chiederà di più…glielo                    concederai…perché     tu fai così…

CIRO: Ma vuje qua liette e liette jate truvanne??  (cacciando via di casa un po’ tutti)…ascite              fore            d’à casa mia…’o lietto….’o divano e a poltrona….

LELLO: Don Cì, levate ‘e mane ‘a cuollo!!

CIRO: Overe?? E sennò che faje??

LELLO: V’aggio ditto: <<levate ‘e mane ‘a cuollo>>!!

CIRO: Ed io te torno a ripetere: <<sennò che faje>>??

LELLO: (cantando De Andrè) Sparagli Lello…sparagli ora…e dopo un colpo sparagli      ancora…fino                a che tu non lo vedrai esangue cadere a terra coprire il suo sangue.

RAFFAELE : ‘O scèè, ‘o sanghe?? Nun te permettere e lieve ‘e mane ‘a cuollo ‘a papà!

ALFONSINO
: Papà hè ‘ntiso?? ‘stu tipo …t’ha chiamato papà…

CIRO: Overe?? I’ che mazzo,  m’aggio abbuscato nato figlio!!

ALFONSINO: Overe?? Che bello!! Tengo natu frate, tengo natu frate!!

CIRO: Ma qua frate e frate, Alfonsì??? Ma chi ‘o sape a stu coso co’ fisico ‘a stipone??

ALFONSINO: No  papà! Io ‘o voglio nu frate accussì…(pausa)…chill sape cantà comm a me!!                                                                                                                                                            ELISA: sentite, uscite tutti quanti a via ‘e fore e lassateme parlà 5 minuti cù mariteme.

ALFONSINO: No, voglio rimanè pur’io….voglio rimanè pur’io!!

LELLO: (cantando Fabrizio Moro) Pensa….prima di cacciarci pensa….prima di dire, di    giudicare prova a pensare…

CIRO: (scimmiottandolo… molla un calcio sul sedere di Lello ) senti…prima di gridare       senti…come                  fa male , com’è letale………senti!! Uscite tutti quanti a parte ‘e fore!!                  (ESCONO Lello, Marta Ugo e Raffaele )

GIOVANNI, MICHELUCCIO E DETTI

ELISA: Ma comm’è l’hè cacciata ‘a fore?? E mò che avimme fa cu tutto chillu pesce??

CIRO: congela tutto cose e nun penzà a nisciuno! (Suona il Campanello….chiamando)                Alfonsì, va arapì, se so nata vota loro e falle ruciulià pè tutte ‘e scale!!

ALFONSINO: Si papà…si papà…e votte pè scale abbasso…anzi no, ‘e votte po’ balcone!!            (ESCE)
GIOVANNI: (Entra ragazzo di 13 anni con fratellino 12enne ed Alfonsino) Don Ciro…                    buongiorno!

CIRO: Buongiorno!

GIOVANNI: ma cher’è?? Pecchè alluccave chillu chiattone??? Se senteve d’à vascio!!   Comunque eccoli qua, ve l’avimme purtate… Don Cirù se sapesseve c’aggia avuta fa        pe mè procurà ...avimm avuta fa veramente e salti mortali pè miezze a chelli cape                ‘e                morte.                                                                                                                                                                                    MICHELUCCIO: (Interrompendo) Tu, e che ha fatte tu?? Songh’io che l’aggià avuta ì piglianne  bucale pè bucale!!

ELISA:(Andando a guardare) Uh Gesù, ma che so tutti sti sciuri musci?

GIOVANNI: So ‘e sciuri musci che Don Ciruzzo m’ha chieste ‘e purtà da vascio ‘o       Campusanto!

ELISA:‘E sciuri musci e vascio ‘o Campusanto? Neh, ma te penzasse che ‘a casa nostra fosse        na discarica?

GIOVANNI: Io, p’ammore ‘e Dio!! Mai na cosa e chesta!! Chillo don Ciro mò sta chiedendo ‘a     15 juorni!! E ieri matina ci ha  pure cazziati po’ ritardo….e nuje oggi ce simme mise e      genje e genje e l’avimm accontentate.

MICHELUCCIO: (a Giovanni)Azz, io nun sulo m’aggià avuto sciruppà chillu fieto ‘e sciuri          musci, mo v’avimma dà pure ‘o riesto!!

ELISA: (Al marito) E che te ne ha fa tu ‘e sti sciuri musci e vascio ‘o campusanto?? Pecchè               c’ha fatte purtà? A che te servono? A chi li ha dà?

CIRO:(Urlando) Uhè uhè… ma che stongo ‘e casa ‘ncoppe ‘o commissariate ‘e Polizia? Tu              me pare ‘a scientifica do’ tenente Colombo!!

ELISA: Rispunne!!

CIRO:(Posa con cura le buste di fiori) Servono, nun te preoccupà che servono!!

MARTA: Si, servono ‘a nfetentì ‘a casa!!

MICHELUCCIO: Ma quanno maje!! Servono a fa ‘e guantiere quanne ‘e spose escono dà            chiesa.                                                                                                                                    ELISA: (curiosa) A chi sposa l’hè ‘a purtà sta guantiera?

GIOVANNI: Non ad una sposa…donna Elì…ma a tutte le spose!

ELISA: E pecchè?

CIRO: ( si alza dalla sedia) Lo Vedete? Siete limitati… siete esseri che non sapete far        funzionare le                meningi! ‘O proverbio dice: “’E sorde a me, e ‘e cervelle a vuje!” …è               vero Alfonsì??

 ALFONSINO:è vero!! E cervelle a vuje e ì solde ‘a papà…e solde a papà…

CIRO:Bravo…a papà!! L’anno passato tra maggio, giugno e luglio, hai idea e quante spose ce        so state? Me so informate cu Don Nicola ‘o parrucchiane, e m’ha ditte che l’anne             passate ce so                state chiù ‘e na 60ina ‘e spose! Mo, se io ogni pe ogni sposa appripare tre                    guantiere, una pe ‘a sposa, una pe ‘a mamma da sposa e n’ata pe ‘a mamma do               sposo… me danne       comme minimo tre sacchetti ‘e cunfietti… ogni sacchetto so 5      cunfietti, tre sacchi 15 cunfietti…senza considerà ca ‘e vote e distribuiscono pure                sfusi… e se tenimme presente che                    ‘e vote        ce stanne pure 2-3 spose ‘o juorne… tu è       capite quanti cunfietti me riesco a                   guadagnà?? Po’, chi e fa e ciucculate… chi e fa a                mandorla… chi e fa a pistacchio… mo’          ultimamente l’aggio viste farcite ‘e tante        specie… insomma, ‘e  sciuri che abbascio ‘o Campusanto s’hannà jettà... io scarto         ‘e                petali ancora buoni… a  costo zero… e cu nu                    poco ‘e fastidio me mangio ‘o dolce                 fino a fine e settembre!!

ELISA: ma che purucchiuso a te e a chi nun tò dice appriesse a me!

GIOVANNI E MICHELUCCIO: (All’unisono) purucchiuse!!!

CIRO: purucchiuso??  Embè t’ò giuro, si te veco ‘e zuca nu cunfietto te  sego ‘e diente!!

ELISA:  ma jà,  nun se po’ sentì sta cosa…tu ‘e spose dinte ‘a guantiera e miette ‘e sciuri e              muorte?

CIRO:E che ce sta e male? Ma pecchè e mai viste na sposa che primme e se fa mannà     guantiera dice: “Scusate, ma sti sciuri ‘a dò pruvenene?” Io le dico: “Dal negozio di             fiori in        piazza” …ed essa: “Aspettate… faciteme accertà” (poi mimando una                                   telefonata)“Pronto…è  il negozio <<Il Petalo d’oro?>> Dice: “Si!” …”Scusate ma vuje       stammatine avite venduto al  signor Ciro ‘e sciuri pe me fa na guantiera?” se dice             “SI” ‘a sposa allora fa segno (mimando)  “menate.. menate!!” …se dice “NO” …a              sposa risponne : “Fermi tutti!!… neh, diciteme sti sciuri ‘a dò pruvenene!!” Neh Elì,                    ma chella che ne vo fa addò aggià pigliate ‘e sciuri pe fa ‘a guantiera??

MICHELUCCIO: Ohiii, Giuvà, io l’aggio sempre ditto che ‘e purucchiuse tenene ‘o cerviello         fino!                                                                                                                                                    ELISA: No, no… io nun cià faccio!! Gesù Gesù…. ‘e sciuri e muorte dinte ‘a guantiera!! Ma          saje comme fetene??

CIRO: fetene?? Eh no… è là sta la mia abilità…

ELISA: Ma qua abilità? (prende un fiore) o vire? ‘Ncopp ‘a stu sciore ‘o 50% so petali muorte… o 20% so malate…

CIRO: (Interrompendola) …’e o rieste stanne in sala ‘e rianimazione cu ‘a bombola ‘e     l’ossigeno!! ‘O rieste na vota che l’hè staccate… nun t’accuorge chiù ‘e niente!!            

ELISA:  si, ma è ‘o pensiere ca dinte ‘a guantiera stanne ‘e sciuri ‘e muorte ca fa rabbrividì.

CIRO: Overe?? Io se penze che me mangio ‘e cunfiette ca ciucculata senza spennere ‘e   sorde… me sente natu tante!!

ELISA: No! ‘A te ‘a purucchiamme ormai s’hè mbrignate pè dinte all’osse… s’hè infiltrata pe        dinte          ‘o sangue… viagge pè dinte ‘e vene… e s’he stagnate comme a nu pantano ‘e                acqua cheta pe dinte ‘o cervielle!!

CIRO: Eh… me pare ‘a sora scema e Piero Angela!!

GIOVANNI: Don Ciro, senza offesa…va pozze dicere na cosa?

ELISA: …(interrompendolo e rivolgendosi a Ciro) ma vaffanculo a te e a tutte e sorde che                  tieni!! Me ne vaco!! Io chiù ce penze e chiù me tocca ‘a nervatura…mò sai che ce sta             di nuovo?? Me ne esco proprio(mentre si sta alzando Alfonsino…mima di nuovo il gesto      per farlo sedere…ESCE)

GIOVANNI: E mò ce ne jamme pure nuje don Cì!

MICHELUCCIO: Ahò Giuva, ma chiste c’ha fatte venì pe senza niente? Manco na mazzetta?

GIOVANNI: ‘A mazzetta?? Dopo chelle che aggià n’tiso?… Quande c’ha dà chiste ‘a mazzetta?

MICHELUCCIO: (Al fratello) Mo vec’ ‘io!! (A Ciro) Don Cì… ma vuje cu sti sciuri ccà.. cià           facite a faticà  tutt’ ‘a stagiona??

CIRO:  No! So pochi… me ne servono ll’ate!!

MICHELUCCIO: Don Cì… ma vuje se vulite ca nuje annascuse e papà ce arrubbamme e sciuri ‘a coppe ‘e lapide e ve purtamme… (titubando) c’avesseve …c’avesseve…

GIOVANNI:…(intervenendo) …c’avesseve riconoscere coccose p’ ‘o fastidio!!

CIRO: E che vaje truvanne??

GIOVANNI: e sorde!!!

CIRO:Nientedimeno?? Guagliù…chist sciure so fracete…chiste e vedite…. sò sciure a jettà…

ALFONSINO: (prende i fiori) So fracete? L’aggia ì a jattà? E vaco a jattà io…e vaco a jattà io..

CIRO: (fermandolo) Addò vaje Alfonsì?? Nossignore …che vaje a jettà…puose ccà che so’               buone!!
GIOVANNI: So buoni??? Ohj…E allora sì so buone c’avite riconoscere coccose!!

CIRO: (al figlio) Alfonsì, papà te vò bene…ma è vote te azzeccasse ca capa dint’’o muro. (a               Giovanni) Guagliò, tu sì troppe attaccato ‘e solde… tu è a essere cchiù altruista!!

MICHELUCCIO: azz!! Tu vide ‘a quale pulpito vene ‘sta predica!!

GIOVANNI: Allora… decidete… prendere o lasciare??

CIRO: Te pozzo dà nu sacchette ‘e cunfietto!

MICHELUCCIO: e cunfiette? (tra se) Ce dai a sorete!! Niente da fare!!

CIRO: nu sacchette e 4 cunfiette sfuse fore mane!

MICHELUCCIO: e sordeeee!!

CIRO: Ahòòò n’aggià truvate pippe appilate annaze a mme… ma l’aggio sempe mise ‘a                   tappeto…eppure tu, pezzerille pezzerille… si state cazz e me passà a me!! Ok! Aggiudicato! Ve donco 1 euro e jate buone vuje!!

MICHELUCCIO: n’euro?? O date mmane e creature!! Facimme 5 euro!!

GIOVANNI:  e ce date ogni vote che vè portamme a merce!!

CIRO: (tra se…poi 5 euro? E io nun accatte e sciure frische?

GIOVANNI:  Overe?? 5 euro costa solo na rosa!!

MICHELUCCIO: E comme e facite 3 guantiere cu na rosa sola?
CIRO: Guagliù, ve do 2 euro!! (pausa) Prendere o lasciare!!

GIOVANNI:Vuje dicite 2 euro, nuje dicimme 5…Ok,facimme 3,50 euro  e spartimmo a               differenza!! (pausa) Prendere o lasciare!

MICHELUCCIO: (Ciro annuisce) eschievo ‘o 5!! (Si danno la mano ed ESCONO dalla scena       Giovanni  e Micheluccio ).

CIRO : (e Ciro va a sedersi sul divano) Alfonsì va a llà va…portami nu surso d’acqua e po’               vatte a cuccà …papà se mette cà ncopp ‘o divano a ripusà nu poco!!

ALFONSINO: Mò subito vaco..papà…mò subito vaco!! (ESCE…intanto si abbassano le luci)

  FIGURE MEFISTOFELICHE - ANGELICHE E CIRO

ANGELICA BIANCA: Bravo, bravo …accumula, accumula soldi a più non posso, ma pensi di fare   bene? I fiori del cimitero, ma ti rendi conto?? Sei un usuraio, non fai mai del          bene a nessuno e malgrado sei ricchissimo stai facendo la vita del pezzente.

CIRO: Ahò, ma tu nun tiene niente a fa?? Staje sempe appriesse appriesse a me??

ANGELICA DORATA: Vergognati… vergognati!! Addirittura volevi combinare il    fidanzamento di tua figlia solo per soldi….e poi??

1° MEFISTOFELICA: Hai fatto bene!! Ottima mossa!! Un solo colpo 2 bersagli.

ANGELICA BIANCA: Hai pensato alla sua felicità? Alla sua serenità? E se divorziano? Ma       come fai a non pensarci??Come fai a restar sereno?

2° MEFISTOFELICA: Tua figlia si      sposa e te la togli dal tuo stato di famiglia  riducendo le spese…

ANGELICA DORATA: No, tu non puoi essere così cinico? L’amore? Ti sei chiesto se Marta lo   ama?

2° MEFISTOFELICA: e il suo ragazzo è povero, mentre l’altro è un ottimo soggetto per farti     arricchire ancor di più ed è sempre un bene avere un genero che ti farà ricco…non           credi?

ANGELICA BIANCA: Rifletti Ciro, pensa… questo ragazzo la attrae?  Glielo avevi proposto     senza          nemmeno vedere quant’era goffo!!   

1° MEFISTOFELICA: (ride) L’amore? Cos’è l’amore? Non è mai esistito…è solo stupida          fantasia!!

ANGELICA DORATA: no, l’amore esiste!! E’ il sale della vita!! E’ il motivo per cui viviamo!! E                    anche         tu che tradisci tua moglie…stai peccando oltre che di avarizia, anche di lussuria.

ANGELICA BIANCA: e se continui su questa strada ..dopo la tua morte ti aspetterà solo           “l’inferno”                  

2° MEFISTOFELICA: Inferno? Quello è Potere, è Sesso…è Disporre dei Mezzi….è Perversione!!

ANGELICA DORATA: …lasciali stare, convertiti all’Amore….pratica la Fratellanza!!

1° MEFISTOFELICA: è Potere…è Prevaricazione!!

ANGELICA BIANCA: ….Feeling di Coppia ….Gioia incondizionata.

2° MEFISTOFELICA: I soldi servono a tutto…osanna l’Arrivismo…la corsa all’arricchimento.

ANGELICA DORATA: Ama Ciro…non lasciare sposare tua figlia con un uomo che non le        piace!! Non prestare soldi con interessi da strozzino, non tradire tua moglie…. ama e     fai amare.

1° MEFISTOFELICA: I soldi, tanti soldi, molti soldi (1° e 2° mefistofeliche) soldi…soldi…soldi

CIRO: si, voglio i soldi…voglio i soldi…


2° MEFISTOFELICA: Bravo, non lasciarti beffare, segui noi e non te ne pentirai…(ESCONO)

ANGELICA BIANCA: (all’unisono con l’ altra Angelica) No, no, no… Ciro,  convertiti                all’amore…all’amore…all’amore!!

CIRO: (come impazzendo) Non ce la faccio più a sentire i vostri continui consigli. Le vostre                 raccomandazioni sono inutili…tanto io ho già previsto tutto, le figure nere          mefistofeliche mi hanno convinto ed ora  so benissimo come fare…per far si…che tutto     vada per il verso giusto.

  

ANGELICA DORATA: Per il verso giusto?? E cosa hai intenzione di fare??

ANGELICA BIANCA: Oltre a quello che di malvagio non hai già fatto??

CIRO: (ride) Voi credete che io sia uno sciocco vero? Io ho tutto progettato, ogni tassello sta              andando nel posto giusto….tutto secondo i miei piani e nulla può andare storto, nulla!!

ANGELICA DORATA: E facci capire!! Cos’hai in mente?? Perché ridi??

CIRO: Rido perché credo che la vita sia stata benevola con me. Ho una bella casa, ho      tantissimi soldi, ho una bell’amante e quindi ho il potere che ogni uomo vorrebbe avere.

ANGELICA BIANCA: I soldi danno potere?? Ne sei sicuro??

CIRO: Non sicuro, sicurissimo!! Voi siete delle figure angeliche, io no, voi sapete sempre tutto,          io non dovrei sapere nulla….eppure il mio intuito mi fa arrivare sempre a ciò che mi      prefiggo …e ci arrivo anche prima di voi.

ANGELICA DORATA: ah si e come fai?? Ce lo dici??

CIRO: Volete che ve lo dica??

ANGELICA BIANCA: Si, siamo curiose di sapere cosa credi di aver appianato.

CIRO: allora ve lo dico (si alza in piedi) I miei figli non vedono l’ora di vedermi morto per                  entrare in possesso di tutto il mio capitale… del resto come dargli torto…io al loro             posto farei di peggio (a tavola siedono tutti i familiari che confabulano tra di loro per            sperare la morte del padre)….ma sbagliano perché rimarranno con un pugno di                mosche in mano….non entreranno mai         in possesso dei miei soldi. Ho già                                    predisposto che questo non avvenga mai!! Il fidanzato di Marta, povero com’è, pensa       di essersi sistemato quando sposerà mia figlia, (laura e Raffaele siedono a tavola e si       scambiano effusioni d’amore) io ho fatto per anni fatto finta di non sapere nulla del loro      fidanzamento…ed invece monitoravo tutto. Infatti, il padre vuole vendersi la   salumeria perché ha troppi debiti e spera che io in seguito, essendo lui mio genero,                  possa         aiutarlo economicamente. (Ride)Povero fesso, lui non può sapere che io sto solo                  aspettando che l’esercizio vada sempre più a fondo così posso comprarmelo per 4               soldi           e poi  ristrutturarlo per farlo fruttare come so fare soltanto io. (Ride)

ANGELICA DORATA: Ciro, sei diabolico, così sei volgarmente demoniaco!!

ANGELICA BIANCA: Renditi conto di quanto sei perfido.

CIRO: Perfido?? No, solo scaltro e attento ai miei affari.

ANGELICA DORATA: E cos’altro hai in mente??

CIRO: Don Nicola Ferlecchia è venuto a casa mia facendo il gradasso. Ha detto che è       amministratore unico della sua azienda concessionaria che è una SpA. Che fattura 250   milioni . Io ho già comprato anonimamente  il 40% delle azioni della sua           concessionaria….(ride) lui fa finta di essere un colosso degli affari... e non sa che io ho         fatto in modo che presto le banche gli chiederanno di rientrare con lo scoperto… lui                    non potrà disporre di quella cifra e volete vedere cosa succederà?? (Don Nicola a                telefono disperato che fa 1000 chiamate per cercare di risolvere i suoi guai).


ANGELICA DORATA: Ciro, sei ancora in tempo, stai facendo cose spregevoli…..

CIRO: Nessuna spregevolezza, io sarò il nuovo proprietario della concessionaria fra meno di 6          mesi.          E quando sarò lì la prima cosa che farò è mettere Lello, il figlio goffo e                  grottesco, a lavare i pavimenti della concessionaria.  Voi ve lo immaginate?? Nicola            Ferlecchia che credeva di imparentarsi con me, sanando la sua difficoltà economica, e       voleva, quindi, rifilarmi come genero il suo figlio stravagante…lo vedrà preso in giro      da tutto il personale.  (Lello che scopa il pavimento e mima di cantare) Altra cosa da             fare immediatamente è licenziare il padre della mocciosa che è venuta a casa mia                   per             rinfacciarmi che le avevo consumato un po’ d’acqua per lavare la mia auto.                    (Marietta    che urla e si                 dimena per l’acqua consumata)…

ANGELICA BIANCA:Dio mio, ma è possibile che tu possa covare così tanto rancore verso i      

 tuoi simili?

CIRO: Si, per me non esisto che io e solo io…degli altri non me ne importa un fico secco.

ANGELICA DORATA: e tuo figlio?? Non ci pensi ad Alfonsino…lui non era con gli altri a         confabulare contro di te. Lui ti ama a prescindere …ti ama da morire. Vede solo     attraverso i tuoi occhi. Tu per lui sei un faro, la speranza di vita, un’ancora di salvezza.

CIRO: Alfonsino?? (ride) E’ l’ultimo dei miei problemi. Lui non mi darà alcun fastidio. Lo               lascerò in una casa di cura per malati di mente.  Andrò via con un’altra donna.

ANGELICA BIANCA: Un’altra donna?? Tu sei già sposato, hai già una moglie…non                 dimenticarlo…

CIRO: Dimenticarlo??  Mia moglie?? (tra se) E comme  faccio a mà scurdà??

ANGELICA DORATA: Tu fai sarcasmo…ma ti pentirai…(punta il dito indice come Fra              Cristoforo ne’ I Promessi Sposi)…verrà un giorno che ti pentirai…

 

CIRO: (Le afferra il braccio e le dice…) mi verrebbe da dire: <<Escimi dì tra i piedi villana                   temeraria..poltrona incappucciata e rincivilita>> (ride) no, ma io non  sono Don Rodrigo       e tu non sei Fra Cristoforo.  Pentirmi?? Io già mi pento già adesso che devo vedere  Ida                    tra le braccia di un deficiente come Nicola Ferlecchia.

ANGELICA BIANCA: Ida?? Quella è la sua donna… è rimasto vedovo ed ha il  diritto di           rifarsi una vita…

CIRO: Si, ma è un pezzente, è pieno di debiti…e non potrà offrirle nulla, (ride) io, invece, si               che posso darle il massimo.

ANGELICA DORATA: Non può essere felice l’essere che crea la sua felicità sulla disgrazia         altrui…

CIRO: Ah no??

ANGELICA BIANCA: No, certo che no!! Tu semina vento e raccoglierai solo tempesta.

CIRO: (ride)!!

ANGELICA DORATA: Semina odio e raccoglierai rancore….

CIRO: ridicole, siete ridicole…fuori…fuori…fuori dalla mia mente…fuori dai miei pensieri…

ANGELICA BIANCA e DORATA: solo tempesta….solo rancore….solo tempesta…solo rancore.
                   (
ESCONO)

UGO E DETTI

UGO: Cher’è Papà, ma che hai? Pecchè allucchi sulo tu?

CIRO: (rendendosi conto di parlar da solo) sol’io? Mò te ce mitte pure tu? Na vota mò dice                 mammate, na vota sorete…ma che so diventato scemo che parlo sol’io? So e            zanzare che me stanne danno fastidio!!

UGO: E zanzare? Ma perché a Marzo che ce stanno ‘e zanzare??

CIRO: Azz!!  Io me sto appiccicanne cù ‘na zanzara che quanne te piglia ‘e mira nun fa ‘e                punture!!

UGO: ah no!! E che fa?

CIRO: Fa direttamente ‘e trasfusione!!


UGO: E fa buone!! (Ride) Chella ‘o sape che lloco ahj  voglia ‘e zucà!! 

CIRO:  ‘o scè, e zanzare a me… me mozzechene solo perché io tengo ‘o sango doce.

UGO: ‘o sango doce? Vire buone papà…fosse ‘o diabete!!

CIRO: No, io so davvero convinte che vuje nun putite essere figli a me…io chiù vaco annanze e        chiù me rende conte che site scieme.

UGO: Vabbuò, lassamm sta!! Papà vedi che ‘a llà ce sta a mugliera ‘e don Nicola Ferlecchia              che è venuta a parlà    nata vota cu te!

CIRO: (sistemandosi) Ida?? Ma sta cò marito?

UGO: No sta sol’essa.

CIRO: (imbarazzato ) Sta ccà?? E mammate addò sta??                                                                                                                                          

UGO: mammà l’aggio vista e ascì…steve tutta nervosa!!

CIRO: E quanne torna??                                                                                                                                           

UGO: Papà, ed io che ne saccio!! Nun me dicere niente….ma io steve scennenne pur’io!!

CIRO: Embè, chi ce sta a casa?

UGO: Staje solo tu ed Alfonsino!!

CIRO: Fa na cosa, falla ‘a trasì e po’ te ne scinne.                                                                                                                                                                                                                                                                              

UGO: Vabbuò. Ciao. (ESCE)

CIRO: (pensando) Ida e venuta ccà ….sol’essa…nun l’ha mai fatto…chissa comme maje??

IDA, ALFONSINO E DETTI

IDA: (entrando) Ciao Ciro!!

CIRO: Uhè, e tu ccà che ce faje solo tu?

IDA: E non lo immagini?? Ma sei diventato pazzo? Ma che hai combinato?? Nientedimeno è             tornato a casa ‘o figlio di Nicola e ha detto che                    l’hai preso a calci?

CIRO: Si a calci nel sedere…e per forza…ma tu l’hè viste comm’è?? Ogni parola faceva na               canzone…poi ha cominciato a minacciare, ad offendere e l’aggio acchiappate a calci.

IDA: Si, ma Nicola adesso è furioso. Vuole venire qui. E’ arrabbiato come non l’ho mai visto.

CIRO: E fall’’o venì, vatte pure ‘a isso!! Si, accussì te trova abbracciate cu mè…e se fa capace!!

IDA: Smettila, Ciro, io già mi sento in colpa per quello che gli sto facendo.

CIRO: Overe?? Pecchè che gli stai facendo?

IDA: E non lo sai??

CIRO: E corne? Embè?? E’ fortunato!! Chelle oggi come oggi so ‘e moda…so pochi chille che          nun ‘e tenene !

IDA: Smettila!!

CIRO: (Ride) E dimme na cosa, ma a Nicola che segno è: Capricorno? Toro?  Ariete?     (ride c.s.) Le capita ‘e tuzzà sotto ‘o stantere d’à porta quante passa?

IDA: ti ho detto di smetterla!!


CIRO: No, io overe dico. Oggi chi tene ‘e corne oppure è gay…dint’’a società è chiù         apprezzate.

IDA: Ah si? Perché tu sei gay? Hai le corna??

CIRO:  No!! Però nun ‘o vire che ‘a me me schifano tutti quanti??

IDA: (amorevole) Tutti?? Io no….io non ti schifo!!

CIRO: Ah si?? Davvero dici?

IDA: si, io ti amo e lo sai bene!!

(
intanto Ugo che ha fatto finta di uscire sta origliando tutto da dietro la vetrata)

CIRO: Anch’io ti amo, ti amo come non ho mai amato nessuno ( da dietro l’abbraccia e la                bacia sul collo)

IDA: e che ne sarà della tua famiglia?? Dei tuoi figli??

CIRO: Questi non sono problemi che devono occupare la tua mente…tu preparati solo a                  partire. Presto, anzi molto presto saremo lontani da qui…forse anche fuori                   dall’Italia…lontani dal mondo.

IDA: lontano?? E dove mi porterai??

CIRO: Ovunque tu vorrai amore mio….sulla luna, sul sole, tra le stelle.

IDA: (sorride e pensando) Facciamo le Canarie? Niagara? Santo Domingo? (si gira e lo   abbraccia frontalmente).

CIRO: il tempo di concludere due tre affari…mandare sul lastrico chi so io e poi trasferire                 tutti i miei soldi e tutte le mie ricchezze all’estero e ci godremo una bella vacanza  per                  un bel po’ di                tempo dall’Italia.

IDA: Tutto il tuo patrimonio?? E la tua famiglia?? Come vivrà la tua famiglia??

 

CIRO: Che andassero a lavorare tutti quanti…io non gli lascerò nemmeno un centesimo.

IDA: ma non puoi fare una cosa del genere. Loro sono i tuoi figli…Elisa è tua moglie…

CIRO: Una moglie?? Quella è un’arpia!! Non posso farlo?? (ride) Te ne accorgerai.

IDA: Sono sicuro che te ne pentirai.

CIRO : No, se c’è una cosa di cui sono sicuro è che nella mia vita non farò mai in modo che il            mio  danaro venga speso da altre persone.

IDA: Beh, questa non è una bella cosa da dire…vuol dire che questa regola vale anche per                 me!

CIRO: Per te?? No per te no!! Io e te siamo la stessa cosa…come se fossimo la stessa persona.

IDA: (risentita) Si, vorrei crederti, lo dici ora, poi magari farò la stessa fine della tua famiglia.

CIRO: No, no, affatto, anzi te lo dimostro subito…vieni con me.

IDA: Dove andiamo??

CIRO: a prenderti un regalo. Un regalo che sceglierai tu….

IDA: (contentissima) Ma dici davvero??

CIRO: Vai a casa, cambiati, indossa il più bel vestito che hai, fatti bella io intanto avviso                    Alfonsino e ti raggiungo. (chiamando) Alfonsino, Alfonsino.

ALFONSINO: (ESCE IDA e dall’altra parte ENTRANDO) Cher’è papa?? Hai chiamato?

CIRO
: Ma addo stive??

ALFONSINO : Steve guardanno e “cartoni allimate”…(cantando L’uomo Tigre) Tigre,                Tigerman…tigre. Tigermen….(fa l’urlo)

CIRO: bravo, vatt a vedè pure l’uomo ragno, va, che sto scennenne …aggia ì a fa nu servizio!!

ALFONSINO: Staje scennenne…voglio venì pur’io, voglio venì pur’io!!

CIRO : nun può venì!!

ALFONSINO: E invece si…voglio venì pur’io…voglio venì pur’io…

CIRO : (alzando il tono) t’aggio ditto che nun può venì!!

ALFONSINO: ma pecchè addò ‘a ì che nun pozzo venì????

CIRO
: Add’aggia ì?? (come per liberarsi una volta per sempre del figlio) A Fanculo!!


ALFONSINO
: A Fanculo?? Papà, allora fa na cosa…va e viene ambresse!! (ESCE)

CIRO
: (fa 2 squilli di telefono…lo guarda e poi) Comme  ‘e schifo a chille che se trovano ‘o                 squillo ncopp ‘o telefono e nun te richiammano. (guardando il display) Niente!! Ma che      zuzzese e cristiane…l’aggio fatto pure a telefonata cò 4088 e chille m’ha rifiutato!! E                    vulesse dicere?? Neh, pover’ommo, ‘o vire che t’aggio fatto na chiammata?? E me vuò      tuornà a chiammà?? No!! Nun so fanno passà manca pà capa!! E sì è na cosa                                urgente? Sì è che aggio fernuto ‘o credito ncopp a scheda? Niente. Vanno truvato                    sempe chi è  chiamme a loro!! (riformula la telefonata….risponde) Pronto!! (pausa)                                uhè…ciao. Ahò fosse na vote e te faccio nu squillo e tu me turnasse a chiammà! Niente.    Aspetti che so semp’io a te telefona? Comme?? T’aggio chiammato io?? Embè? E che                    significa? Si te faccio ‘o squillo significa che sto in difficoltà. (pausa) Che significa che        faccio sempe cheste?? Che vuò dicere che io nun te chiammo maje?? Ah no?? E                vuol dire che siccome io parlo assaje….cunsumo ‘o credito e rimango senza      minuti.                    Vabbuò…lassamm sta…t’aggio chiammate pe te dicere che io a tipa…a tengo cu me.        Stanotte avimme fa chella cosa. Si…si… stessa stanza e stesso Hotel(pausa) Ok?? Tu                    metti sempe e solite tre telecamere nascoste…no, non due…mettiamone tre. Una                    arreto ‘o specchio…una dietro il quadro        e nata che inquadra a coppe         all’armadio.  O lietto saddà  vedè interamente pecchè sì ‘o video viene buone                      ..doppo a ricattamme  a dovere.  Ernè, sta tranquillo,  sì…si…se tutto va come io              spero          entro domani avremo il video che ci interessa. E allora poi la   signora      dovrà fare il conto con il suo denaro o la sua reputazione. (pausa) Comme che                    faccio?? Ernè, io ti invierò il materiale che vedrà Ida a letto con me.                    Poi

                   le dirai che chi ha girato il video ti ha minacciato di metterlo su internet…e       di                vendere il materiale ai giornali scandalistici ….e poi vedrai se la figlia dell’ex sindaco è     contenta o no di questa famigerata pubblicità!! Se cadrà in trappola??? Ernè, e                 certo che ci cadrà!! Possiamo fallire?? Si, comme no… solo se  è na zoccola con la                patente…sennò ‘e solde e caccia!! Mò me ‘o tuorne a dicere??? Sissignore…‘o             prestito per non farti chiudere la tua ditta te lo farò. A tasso zero come promesso. Si,         sta tranquillo, non ti farò fallire. Ernè, ho capito tutto. Tu  avrai il prestito…la tua           azienda sarà salva ed io avrò i soldi dei miei interessi grazie alla cifra che           estorceremo alla tua ex compagna…(ride)…però toglimi na curiosità …ma perché non        le hai detto chiaramente che ti servono soldi per non fallire>>?? (ride) ….ho capito…ho                  capito…lei stava con te solo perché ti credeva ricco sfondato….una volta che ha                  capito che sei senza il becco di un quattrino ti ha subito mollato andando da don              Nicola….poi ha visto che era finita dalla padella alla brace e ha cercato di adescare    me…(ride sfacciatamente)….ma cù me s’hè fatte male ‘e cunte…(ride) uhè chiudo che        vado di fretta…la tua IDA mi aspetta. Uhè, mi raccomando…quando monterai i              video hard…cerca e non inquadrare quanne  sto io a copp sennò va a fernì che co              schifo pòpò che me ritrovo avimm pagà           nuje a essa…. Se l’ho mai amata?? Ma          quando maje?? La mia donna abita a via Roma,  ha 32 anni, dopo questa operazione       che faccio…preparo ‘a valigia e me ne vado per sempre. Il resto della mia vita l’aggia fa sol’io…senza moglie, senza figli e senza dà niente a nisciuno… all’insegna        del sesso e della trasgressione. (ride). Statte buone, Ernè, m’arraccumanno,     vire             e                    nun sbaglià                  niente!! Nun me chiammà…me faccio sentì io!!               (chiude il    telefono…ride ancora più fragorosamente…ed ESCE))


                                     UGO, ELISA, MARTA E CARMINE

UGO:(ENTRA, si siede al tavolo…poi si alza…passeggia nervosamente…poi prende il cellulare)           ma chist ‘è proprio na feccia d’omme! Nientedimeno  tene ncuorpo chestu ppoco?


ELISA: (ENTRA in scena con Marta) uhè, Ugo tu staje ccà?

MARTA: (vede Ugo visibilmente scosso) Guagliò…ma cher’è??

UGO: E c’adda essere?? Venite ccà, assettateve!! (Marta ed Elisa siedono intorno al         tavolo…intanto Ugo prende un telefono e chiama il fratello.... ) Ahè sto senza credito e                  papà nun m’hè vuluto d’à ‘e solde pà ricarica….Marta, prestami nu poco ‘o telefonino     c’aggia chiammà a Carminuccio.  E’ successo na cosa grave!!

MARTA: Fa ambresse che a me 5 euro e ricarica me l’ha fatta ‘o guaglione mio, ma ch’è stato?

UGO: aspè, mò vò dico…(intanto parla a telefono) Carminù addò staje?? ‘O  bar ccà sotto? E           saglie nu mumento ncopp.  Fa ambresse!! (pausa) No, qua cchiù tardi....è a venì mò che                   è na cosa urgente!! Muovete che t’aspettamme..sta pure mammà e Marta!! (chiude il                    telefono)

ELISA: e allora se po’ sapè che è successo?

UGO: Mammà…aspettammo pure a Carminuccio…steve ‘o bar cà  sotto… nu minuto e saglie         …sennò aggia parlà doje vote.

MARTA: Ma mò me faje preoccupà se po’ sapè che è successo??

ELISA: Comme si nun abbastasse tutto chelle che è già successo…ce sta pure ‘o riesto?

UGO: Mammà chesta è na cosa serie overamente!! (CAMPANELLO) Chiste è Carminuccio!!

ELISA: (alzandosi) aspè, ‘o vaco arapì io! (ESCE per un attimo e rientra subito con il figlio).

CARMINE: Ma ch’è stato? Me steve facenno na partita a flipper m’avite fatta ndurzà nganna.

UGO: tu pienza ‘a partita ‘e flipper cu sti chiare ‘e luna?

MARTA: (con ira) Guagliò me staje facenne ‘ntussecà sana sana…vuò parlà?? Che è successo?

UGO: Martarè…nun alluccà…nun è semplice chelle che v’aggia dicere…nun saccio nemmeno          comme aggia accummincià?

ELISA: d’ò capo!! Accummencia d’ò capo!!

UGO: Primma ccà è venuta a mugliera e don Nicola Ferlecchia.

MARTA: Embè??

UGO: io stavo uscendo…po’ pe curiosità m’aggio trattenuto llà dietro…e me so mise a origlià.

ELISA:  embè??? Cheste nun se fa!! E’ cattiva educazione, comunque ch’e’ ch’è ntiso?

UGO: aggio scoperto che papà è n’omme ‘e merda!!

ELISA:  uhè, embè?? Nun se dicene sti cose contro a vostro padre.

MARTA: (cinica) Chest’è?? Azz, e tu mò l’hè scoperto?

CARMINE: (ridacchia) giusto!! E’ n’omme ‘e merde?? E io a mò ch’ò saccio?

ELISA: (ammonendoli) uhè uhè…verimme d’à fernì…chille sempe vostro padre è….

UGO: Ma qua padre e padre…mammà….ti voglio bene, nun o difendere cchiù…chill’ grande          farabutto tene ‘a cummara!!

ELISA: (Sorpresa) A cummura?? (scatta dalla sedia) Uh all’anima ‘e l’omme ‘e merda!!?

CARMINE: Mammà, e tu hè mò hè ditte che nun l’avimma chiammà omme ‘e merda??

ELISA: (Furiosa) E aggio cambiato idea!!

CARMINE: Certo che simme conservatori comme idee a casa nostra, eh??

MARTA
: (con tono deciso) a cummara? Ma sì sicuro?

UGO: ‘e certo che so sicuro…l’aggio visto che s’abbracciava e se baciava cu a mugliera e don            Nicola Ferlecchia….

ELISA: ma che pover’ommo!! No, io mò ch’ò veco ‘o votto a copp abbasso…(prima si   agita….poi si siede)

UGO: te voglio bene mammà….calmati!!

MARTA: Calmati?? Ma che calmati e calmati? Mò che vene nata vota a casa…sì nun ‘o votte          a copp abbasso Mammà …’o vott’io!!

CARMINE: ‘o problema è….comme ‘o aize po’ vuttà a copp abbasso ??

ELISA: No…no…pure cheste no!! A 60 anni aggia fa a figura ‘e tenè ‘e corne!!

CARMINE: Mammà, ‘e corne so comme ‘e denti, all’inizio fanno male…ma dopp ce mangi.

ELISA: (molla un ceffone)…ma allora sì cretino overe??

CARMINE: Mammà, io vulevo fa na battuta per cercare di smorzare i toni!!

UGO: (Serio) Ma che battuta e battuta?? Guagliù ma vuje avite capite che sta succedendo?

ELISA: E comme no!! Io sto a casa a fa a schiavettella….’e ‘o piecuro se ne va cu ‘a cummara!

UGO: Mammà, ma cheste è niente…mò se ne va d’à casa e a nuje, a dinte all’eredità, ce fa ascì         pè porte e l’uorte!!

MARTA: Comme??

UGO: Praticamente chiude Alfonsino dint’’a na casa e cura per infermi di mente…e se ne va            cù na pruasa che abita a via Roma…e a nuje ce rimane con nù pugno e mosche                   mmano!! E vuole rovinare pure a Don Nicola, gli vuole togliere la concessionaria!!

CARMINE: (fattosi serio) E nuje sta cosa nun ce a putimmo permettere.

ELISA: (disperata) Che vigliacco!! Sì l’acchiappe pe dint’’è mane ‘o faccio na mappina!!

MARTA: Ahèèè… dicimme….facimme….verimme…..ccà avimme vedè c’amma fa sennò                  overamente                  rimanimme comme e fesse tutti quanti. E tutti e sacrifici fatte p’ò suppurtà?? Tutte le bassezze che ce ha fatte conoscere pur di non spendere soldi?? E        nuje perché ce steveme zitte??? Perché era nostro padre….e poi perché pensavamo che       primm ‘o poi chelle che isso risparmiava avidamente tutti i giorni, comunque alla fine      rimaneva a nuje. (Tra la tristezza e la rabbia) Avimme     fatta na vita appriesse a isso         addò          servì comme ‘o prevete all’altare e chiste se ne va accussì??  E nuje?? Ma allora                    overamente pè isso nuje nun simme mai cuntant a niente? Chill’’o diceva sempe…ma                  io pensavo che razziavo, nun po’ essere che se ne va….

CARMINE: Nun more manco!!! (Indicando la madre) Ma la vedete come sta? Ma lei merita

tutto questo? Io non ce la faccio più… non lo sopporto più… ma togliamocelo dai piedi! Scannammele!!!

MARTA: Scannammele? Ma che l’avite pigliate pe nu porco?

CARMINE: Dice buone ‘o ditto antico: <<’O TIRCHIO È COMME ‘O PUORCO, È BUONO

        DOPPE MUORTE’!!>>

UGO: Ma vuje che state dicenne!!! Ma vuje site pazzi!!!! Mammà… ma tu è siente a chisti,

          vonne scanna  a papà.. ma tu nu dice niente?

ELISA: (ESCE disperandosi e senza parlare)

MARTA: Truvamme na soluzione!!

CARMINE: (Ad Ugo) Accirele tu!!

UGO: Ma a chi??? Io nun so capace e accidere neanche na mosca! Truvamme nata soluzione!

CARMINE: Alfonsino!! ‘O accire Alfonsino, chill è malate e mente, nun va neanche ‘ngalera!

MARTA: Pavamme nu Killer!!

CARMINE: Nooo, ma quale killer, ma chi ‘o paga o killer? (Suona il campanello)

FERLECCHIA: (ENTRANDO furioso) Dov’è vostro padre? Dov’è??!!!!

MARTA: E’ uscito!!

FERLECCHIA: E’ uscito??? E allora lo aspetto qua!! Si, perché guardandomi negli occhi mi

deve dire “perché a me?” cosa gli ho fatto di male io per meritare tutto   questo!? Mi ha rovinato, mi ha messo sul lastrico!! Quel disgraziato!!

MARTA: Ma calmatevi, ma cosa ha fatto??

FERLECCHIA: Cosa ha fatto?? Voi conoscete vostro padre, è un perfido, è un malvagio!! E’

venuto a conoscenza della mia precaria situazione economica, e sfruttando le   sue amicizie in banca, m ha fatto rientrare tutti i fidi e gli scoperti, dopodichè sono arrivati i primi pignoramenti e qualche decreto ingiuntivo, per non parlare degli assegni protestati, sono destinato a FALLIRE, la mia azienda…. Ci ho impiegato tanti anni per metterla in piedi.
Il suo scopo è quello di comprare la mia azienda per quattro soldi, all’asta!
E poi, come se non bastasse, mi ha ridicolizzato anche colpendomi nell’onore, prendendosi la mia donna, con stupide promesse… l’ha solo illusa!! Ma io… io adesso so cosa fare.. si.. LA VENDETTA!! L’estrema vendetta!! (Tirando fuori una pistola) IO LO AMMAZZO!!!

(Si abbassano le luci e si ritorna nuovamente alla stessa scena iniziale dell’inferno, sulla scena c’è solo Ciro a terra sofferente tra le fiamme, nel frattempo entrano i dannati strisciando e tutte le altre figure mefistofeliche in fila indiana, posizionandosi come nella scena iniziale)

FIGURA MEFISTOFELICA:Silenzio!!!! (A Ciro) Hai visto adesso per quale motivo sei qui???

CIRO: Ho visto… ho visto e mi sono reso conto che ognuno di noi è artefice del proprio

destino, nel bene e nel male, e solo noi possiamo decidere come vivere la nostra vita.. Ti prego!!! Fammi vedere ancora una volta.. solo una volta le figure angeliche!! Con i loro occhi luminosi, i loro occhi che mi spronavano ad essere buono.. ti prego!! Ancora per una volta!!

FIGURA MEFISTOFELICA:(Picchiandolo con la frusta) Stai zitto!!! Non vedrai più alcuna

figura angelica, d’ora in poi l’unica luce che vedrai sarà quella delle fiamme dell’inferno!!

CIRO: Mamma mia… mamma mia.. nun cia facce cchiù… ma che calore che ce sta cà dinte!!

Sentite, ma abbiate pazienza… ma nun se po’ stutà stu fuoco??.

FIGURA MEFISTOFELICA:No!!!

CIRO: Ma comme no?? Io soffro e pressione alta!! Io nun cià facce… ma scusate.. ma nu

spennite nu sacco e sordi p’appiccià tutto stu fuoco?? Aggiatece pazienza Ze Mà..

FIGURA MEFISTOFELICA: Zitto!!! Io non sono Ze Mà!!

CIRO: Ah.. nun si Ze Mà… e allora “Mastone”

FIGURA MEFISTOFELICA:Io non sono “Mastone”!!

CIRO: Eh nun si Mastone nun si Ze Mà… ma io na cosa t’aggià domandà… ma nu putite sta

nu poco fermo cu sta frusta?

FIGURA MEFISTOFELICA:No!!! (Continuando ad agitare la frusta)

CIRO: oh!! Tu me fai male cu sta cosa!! Ma va pozzo dicere na cosa? Io me piglio ‘o pinnule

p’a’ pressione tutt’’e juorne… ma ormai stamme quasi a maggio… ma nun se po’ stutà stu fuoco??

FIGURA MEFISTOFELICA:Ti ho detto che devi tacere!!!

CIRO: Scusate ma cumannate vuje ccà?

FIGURA MEFISTOFELICA:Io sono il servo di Satana!!!

CIRO: Nientedimeno?? Si ‘o servo e te ‘ncazze e sta manera?

FIGURA MEFISTOFELICA:Io sono il servo di Satana!!!

CIRO: Nientedimeno?? Si ‘o servo e te ‘ncazze e sta manera? Tu nu cumanne niente!! Ma

pozze parlà cu ‘o maste tuoio??

FIGURA MEFISTOFELICA:Ho detto che devi stare zitto!!! Devi soffrire nel fuoco

dell’inferno!!

MEFISTOFELE:(ENTRANDO) Chi ha osato chiedere la mia udienza??

FIGURA MEFISTOFELICA:(Inchinandosi) E’ stato lui mio Signore

CIRO: Signor Satana!

MEFISTOFELE:Io non sono un signore!

CIRO: Zi Satana??

MEFISTOFELE:Io non sono Zi Satana!! Io sono Mefistofele, il re del male!!

CIRO: Ma va pozze fa na domanda?? Ma chi ve li cura gli acquisti qua??

MEFISTOFELE:Per parlare con me devi alzarti!!

CIRO: Ma io ho paura delle frustate!! (Alla figura mefistofelica) uhe!! Ha ditte ‘o masto che te

sta fermo!! (Alzandosi) Signor Satana… ma vuje avite capite che qua, a luglio, ad agosto… state sempre con il fuoco acceso?! Ma perché non risparmaiate?? Ma vuje ‘o fuoco come lo accendete?

MEFISTOFELE:Con il petrolio!

CIRO: Azz! Cu ‘o petrolio?? Ma vuje spennite nu sacco e soldi!!

MEFISTOFELE:Ah si? E tu che soluzione avresti??

CIRO: Ma stateme a sentì.. nuje ‘ncoppe a terra, tenimme nu sacco e pneumatici a smaltì, vuje

‘e mettite ‘ncoppo ‘o fuoco e sparagnate nu sacco e soldi! Nuje ‘nocppa a terra simme contente e vuje sparagnate nu sacco e soldi!!

MEFISTOFELE:E come fai a mettere uno pneumatico su un braciere?

CIRO: (Prendendolo a braccetto) Signor Satana, venite ccà… mamma mia… ma vuje state

sempre e una manera?? Ma rilassateve!! E allora, vuje pigliate sti cupertune, chill giustamente so gruoss e si ‘e mettite ‘ncoppo ‘o fuoco, chill si spengono, allora vuje pigliate tutti sti sfrattapelle ca stanno senza fa niente, mettitele cu ‘e forbici in mano, e facite taglià ‘e cupertune e tanta pezzettini, 18x20 cm, né un cm in più, né un cm in meno… tolleranza 2 mm!!

MEFISTOFELE:Due???

CIRO: Si!! Due!!

                                                                            FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno