Il vicolo

Stampa questo copione

NATALE IN CASA CUPIELLO

IL VICOLO

di Raffaele Viviani

Personaggi:

MASTU RAFELE, ciabattino

IL CAMERIERE DEL PICCOLO CAFFÈ

PREZZETELLA, ‘a capera

L’ACQUAIUOLO, innamorato di Prezzetella

RACHELE, moglie di Rafele

IL SIGNORE SCADUTO

DONNA NUNZIATA, ‘a cagnacavalle

TOTORE, ‘o guappo ‘nnammurato

IL GIORNALAIO

LO SPAZZINO

DON GENNARINO

FERDINANDO, ‘o cane ‘e presa

Scene:

Un vicolo di Borgo Loreto. A sinistra, il basso di Donna Nunziata, ‘a cagnacavalle1, ed il portoncino di cui Mastu Rafele, ‘o solachianiello2, è il portinaio. A destra, un piccolo caffè, con un solo tavolino davanti.

ATTO UNICO

PRELUDIO

Musica I. È una mattinata d’estate. Rafele, piccolo di statura, pingue, le lenti sul naso, il grembiule di cuoio, la berretta di panno, è davanti al suo deschetto e batte la suola di una vecchia ciabatta.

RAFELE - (canticchiando. Musica II)

E ‘ngasa ‘ngasa3, San Crispino4

e cumbatte cu ‘a miseria, d’ ‘a matina!

(Batte con più forza) Jh, comm’è tosta! È cchiù tosta essa ca muglierema! Puh! (Sputa sulla suola) Puozze5 passa’ nu guaio, tu e essa! (Entra il cameriere del caffè. Figura magra, sgorbia, in un frack troppo ampio e tutto sbrendoli)

IL CAMERIERE - (si sgranchisce le membra; poi sentenzia)

Disse bene Giulio Cesare

quando scoprì l’America:

“Chi tene denare campa felice,

e chi nun tene niente…”

RAFELE - …Nun have appaura d’essere arrubbato! (il cameriere sorride e pulisce il tavolo. Musica III. Entra Prezzetella, ‘a capera 6. Giovane, belloccia, col suo pettine fra i capelli. Spezza la musica)

PREZZETELLA - (al cameriere) Pasca’, damme na tazza ‘e cafè.

IL CAMERIERE - (galante) Ah? Ll’he fatta matina? Sì ccaduta d’ ‘o lietto?

PREZZETELLA - Proprio!

IL CAMERIERE - (sornione) Ojne’7, me daie male a penza’!

PREZZETELLA - (risentita) Overo? E chi t’ ‘o ffa fa’? Per tua norma e regola… (Musica IV)

Nun dicenno ammancamento8 songo aunesta9,

nun ce stanno fose ‘appennere a sta vesta10!

Va’! Nun tiene cchiù salute:

tu he ‘ave’ ‘ncopp’ ‘e ssagliute11

n’ato12 areto13 ca t’aiuta! (Il cameriere prova a toccarla, ella s’infuria)

Vì si cionca14! E pe’ ssape’?

Lieve ‘e mmane ‘a cuollo a mme!

Parle ‘a mo, fino a dimane:

ma nn’he ‘a maie pazzia’ cu ‘e mmane15;

ca si no te faie cchiù sicco:

faie sta faccia comme ‘o micco16,

po’ addeviente pelle e ossa:

vaie cu ‘o pede dint’ ‘a fossa!

IL CAMERIERE - Cu sti muscule? Ma siente…

PREZZETELLA - Passa llà, ca nun vaie niente! (Il cameriere fa per toccarle le parti basse)

Gue, ma insomma…E pe’ ssape’?

Leva ‘e mmane ‘a cuollo a mme! (Spezza la musica)

PREZZETELLA - Si no ce ‘o ddico ‘o ‘nnammurato mio!

IL CAMERIERE - E chi è? L’acquaiuolo?

PREZZETELLA - Eh! L’acquaiuolo!

IL CAMERIERE - (gradasso) ‘O mettimmo a bevere!

PREZZETELLA - Eh? Staie frisco! Llà overo n’haie uno pe’ bevere e n’ato pe’ i sciaqua’17! (Si ode in lontananza la voce dell’acquaiuolo)

L’ACQUAIUOLO - “Neh, che bell’acqua!” (Musica V)

IL CAMERIERE - (impaurito, come chiamato dall’interno del caffè) Viene! (Esce, in fretta)

PREZZETELLA - Mastu Rafe’, nun dici te ca sto dint’ ‘o cafè! (E corre a nascondersi, rimanendo sempre in osservazione. Entra l’acquaiuolo. Giovane popolano, in maniche di camicia, panciotto a quadri, berretto con la visiera, fazzoletto colorato al collo, scalzo. Porta da un lato la “mummera” piena d’acqua solfurea; dall’altro il “cato”, coi bicchieri, i limoni, il bicarbonato. Spezza la musica. Egli dà la “voce”, guardando alla finestra, che sovrasta il portoncino, come per un richiamo)

L’ACQUAIUOLO - “Neh, che bell’acqua!” (Musica VIa)

Dorme sta scellerata!

Quann’era ‘nnammurata

steva affacciata già!

“’A limunata fresca!”

Mo dorme a scialacore18

pecché nun c’è l’ammore

ca ‘e notte ‘a va a sceta’!

“Chi vò vevere!”

Me daie veleno amaro,

me faie magna’ ‘o limone

maltratte a stu sciascione19… (Rafele ride, con l’aria di dileggiarlo)

L’ACQUAIUOLO - So’ tipo ‘a disprezza’?!

“Neh, che bell’acqua fresca!”

Pe’ chesta capa sciacqua 20

aggio perduta ‘a mummera21!

“Che bell’acqua!”

“Neh, ma pruvatela, ch’è fresca!” (Rafele ride a crepapelle)

L’ACQUAIUOLO - (gli getta in faccia un bicchiere d’acqua. Spezza la musica)

RAFELE - Neh, pezzo d’imbecille!

L’ACQUAIUOLO - E mo t’aggio menato ll’acqua! E n’ata vota ca ride, te mengo ‘o bicchiere! (Pausa) Io tengo e nierve, e chillo…(imita grottescamente la risata del ciabattino) Vattenne! (Pausa. Egli guarda nuovamente alla finestra, e dà la “voce”) “Neh, che bell’acqua!” (Musica VIb)

Embè, ‘a scassasse ‘a faccia!

Chella mo nun s’affaccia,

pe’ farme amariggia’!

“’A limunata fresca!”

E ‘n frisc me mantene…

Ma è sango22 dint’ ‘e vvene,

acqua zurfegna 23 o che?

“Chi vò vevere!”

Mannaggia ‘o sole ‘Austo24

ca coce e ‘nfoca ‘e ccape!

Si tu mo piglie e arape,

t’ ‘a vengo a renfrisca’!

“’A limunata fresca!”

E manco ‘a testa arracqua25:

chisà comme ‘a tene arza!

“Che bell’acqua!” (Si volta di scatto, scopre Rafele che ride, e con un calcio gli manda all’aria il deschetto, costringendo il ciabattino a rifugiarsi nel portoncino. Spezza la musica) …Mo te scasso ‘o magazzino! Arraggia26 ca tengo m’ ‘a sconto cu ttico! (Prezzetella fa capolino, e ride di gusto. L’acquaiuolo si volge alla finestra) Embè… (come a ripetere le parole di Prezzetella, che sono un invito allusivo all’amore) “…Dimane viene ampressa ca io stongo assetata… Saglie ‘ncoppa… ’Ngignammo ‘a mmummera27… Facimmo a limunata…”

PREZZETELLA - (a parte) Seh, staie frisco!

L’ACQUAIUOLO - …E si sentite a essa, ca more e spanteca28 pe’ mme! …Essa po’ che ha dda dicere? “Acquaiuo’, ll’acqua è fredda? Eh, manco ‘a neve!” (Pausa) “E accatteme chesto…” “Pronto!” “E accatteme chello!” “Eccuce!”, “E voglio chesto e voglio chello… E voglio chello e voglio chesto…”, m’ha spremmuto comm’ a nu limone, m’ha spremmuto! S’ha magnato ‘a vintiquatto lire dint’ a manco se’ mise!

PREZZETELLA - (con ironia) Overo! ‘A lira nun l’ha maie curata!

L’ACQUAIUOLO - (dà ancora la “voce”) “Neh, che bell’acqua!” (Musica VIc)

E io stongo ccà ‘a doie ore:

st’acqua s’è fatta broro29,

certo mo vullarrà30!

“Ca chesta gela ‘e diente!”,

Brutta ‘nfama assassina,

e comme, ogne matina

me vengo a ‘ntusseca’?

“Chi vò vevere?”

Meglio è ca me ne vaco…

PREZZETELLA - (gli si para davanti) Cucù!

L’ACQUAIUOLO - Tu lloco31 staie?

PREZZETELLA - (ridendo) Sto ccà!

L’ACQUAIUOLO - E pecché mm’ ‘o ffaie?

Me mine a scanaglia’?32(L’abbraccia, e dà la “voce”)

“Neh, che bell’acqua fresca!”

E n’ommo po’ se stracqua33!

T’ ‘a puo’ fa’ cu ‘o limone!

“Che bell’acqua!” (Spezza la musica) Che ffaie a chest’ora ‘mmiez’ ‘a via?

PREZZETELLA - Aggi’a i’ a ffa’ na capa a na sposa.

L’ACQUAIUOLO - Guardate! Cu chistu carovivere ‘a ggente sposa! E nuie quanno spusammo?

PREZZETELLA - Quanno fernesce ‘o carovivere.

L’ACQUAIUOLO - E allora nun spusammo cchiù!

PREZZETELLA - E nun spusammo cchiù!

L’ACQUAIUOLO - (insinuante) E nun me puo’ da’ manco n’anticipo?

PREZZETELLA - Leh! Leh!l Anticipo! (Pausa) Damme na giarra d’acqua cu ‘o limone, che tengo sete e me n’aggi’a i’34.

L’ACQUAIUOLO - (borbotta) E chella pe’ chesto fa ‘ammore cu mme! P’ essere renfriscata cu ‘a giarra d’acqua e limone. (Comincia a preparare la limonata; indi guarda amorosamente la ragazza) Prezzete’…

PREZZETELLA - Bello!

L’ACQUAIUOLO - Nun accumincia’ a ddi’ sciucchezze! (Con altro tono) ‘O vuo’ bbene all’acquaiuolo?

PREZZETELLA - E tu ‘a vuo’ bbene a Prezzetella toia? (E gli carezza il mento)

L’ACQUAIUOLO - (con un brivido di piacere) Madonna! (E fa schizzare il succo di limone in aria)

PREZZETELLA - (ridendo) Eh! Che faie?

L’ACQUAIUOLO - E chella ‘a capa mo nun sta a posto! (Prende il passino e lo mette sull’orlo del bicchiere) ‘O vì? Me so’ scurdato pure ‘o passabrodo! (Pausa)

PREZZETELLA - ‘O ssaie ca me sto appriparanno tutt’ ‘o curredo?

L’ACQUAIUOLO - Fa’ ampressa! Ca tengo na voglia ‘e spusa’…

PREZZETELLA - Eh! Io già tengo pronte dudice fazzulette!

L’ACQUAIUOLO - Lassa fa’ a Ddio! ‘A sciusciata35 ‘e naso è a posto! (Mette un cucchiaino di bicarbonato nella bevanda)

PREZZETELLA - (amorosa) Vita mia! (Gli carezza di nuovo il mento. L’acquaiuolo mescola la bevanda) Quanto sì geniale! (L’acquaiuolo mescola sempre) Sciascione!

L’ACQUAIUOLO - (vedendo la bevanda schiumare; con allegra intenzione) Vive36, Prezzete’, vive! Ca ‘a limunata jesce ‘a fore! (Le porge il bicchiere che la ragazza, con una boccaccia rifiuta. Musica VII. I due giovani si allontanano dopo essersi scambiati un bacio sulla punta delle dita: l’uno a sinistra, l’altra a destra. L’acquaiuolo dà gioiosamente la “voce”) “Che bell’acqua!”. (Spezza la musica)

RAFELE - (fa capolino, timoroso; vede che non c’è nessuno e prende fiato) …Se n’è gghiuto, eh? Credeva di farmi paura, eh? M’ha buttato ll’acqua e m’ha minacciato cu ‘o bicchiere… (Come minaccioso) Io aspettavo ca me menava ‘o cato…37 (Pausa) Guarda ccà! M’ha arruvinato tutto il calzaturificio! (Rassetta le sue robe e ripiglia a lavorare. Si ode dall’interno del palazzetto la voce di Rachele canticchiare)

RACHELE - (stridula, con accento romanesco.  Musica VIII)

E la bellezza dei romani

è la domenica mattina…

RAFELE - (canticchia anche lui, all’indirizzo di quella vecchia, ch’è sua moglie)

Rebazza 38 ‘a porta d’ ‘a cucina,

ca sta jurnata nun tenimmo che magna’! (Entra Rachele, sciatta, spilungona, con una bottiglia vuota ed un fazzoletto colorato)

RACHELE - (al marito) Di’, dammi i soldi della spesa, che oggi voglio fare un bel pranzetto…

RAFELE - (la sbircia) Aggi’a vede’ quanno t’ ‘o lieve ‘o vizio ‘e magna’! (Le dà degli spiccioli) Tie’, chesta è meza lira: arremmedia 39 nu primmo e nu sicondo piatto cu nu poco ‘e pane e vino; e ‘o riesto me n’accatte sicarie40.

RACHELE - (che è rimasta impassibile) Embè, te li scaraventerei in faccia!

RAFELE - Ma che bellu rispetto!

RACHELE - (conta il danaro con disprezzo) Due soldi di carboni… due di parmigiano… un soldo sale e pepe… cinque soldi di pastina… e ce la facciamo scaldata col formaggio!

RAFELE - (beffardo) Magnifico! Nu poco d’acqua calda, me fa scennere ‘o llatte!

RACHELE - …E per secondo piatto?

RAFELE - Tengo quatto meze sole41, c’ ‘e ffacimmo a ‘nzalata… (Rachele fa il volto dell’armi) Tu che vvuo? Ca me sparo?

RACHELE - (s’illumina, ha un ‘idea) Zitto! Ho fatto una magnifica penzata. Mo mi vado a vendere il cappotto tuo.

RAFELE - Nuie ‘o tenimmo sotto pe’ matarazzo42!

RACHELE - La tua camicia da notte.

RAFELE - E comme ce asciuttammo ‘a faccia?

RACHELE - Quei bei guanti di lana.

RAFELE - E io ‘e t tengo ‘o pede pe’ cazettine43.

RACHELE - Oh, ma insomma, io qualche cosa mi debbo vendere!

RAFELE - (esasperato) Vinnete44 tu!

RACHELE - (inviperita) A mme? Brutto schifoso delinquente! (E continua a sbraitare)

RAFELE - Statte zitto! (Afferra una scarpa dal deschetto. Rachele fugge con un grido, esce. Rafele lancia la scarpa, che colpisce alle spalle un signore, entrato in quel momento da sinistra. Il signore è vestito con ricercatezza un po’ antiquata; vecchiotto, con panama, bastone ed occhiali d’oro, si tocca la spalla indolenzita, con una viva espressione di dolore. Rafele raccoglie la scarpa e grida all’indirizzo di Rachele) Mo t’aggio menata ‘a scarpa! N’ata vota ca parle, te mengo ‘o martiello! ‘O martiello te mengo!

IL SIGNORE - Come incomincia male la giornata. (Va al caffè, bussa con la punta del bastone sul tavolino, posa i guanti, e siede)

IL CAMERIERE - Comanda?

IL SIGNORE - Un caffè nero. Molto zucchero. Ed uno schizzo d’anice. Il “Mattino”. Un po’ l’orario delle Ferrovie. Una bottiglia d’acqua. E nu cerino.

IL CAMERIERE - (che, sulle mosse di uscire, è stato ogni volta trattenuto da una nuova ordinazione, sospira, chiedendo con ironia) Ed altro?

IL SIGNORE - Niente più per il momento. Dammi una pulitina a questo tavolo. (Il cameriere esegue. Il signore si dondola sulla sedia, s’irrita) Poi vedi che la sedia regge a stento, e portamene un’altra! Che diavolo! (Il cameriere gli porge, con santa pazienza, l’altra sedia. Il signore siede di nuovo)

IL CAMERIERE - (con sarcasmo) Signo’, per gentilezza, comandatemi un’altra cosa.

IL SIGNORE - Nun fa’ ‘o spiritoso. (Il cameriere s’avvia) Portami pure calamaio e penna. Busta e foglietti. E la carta asciugante.

IL CAMERIERE - (a denti stretti) Signo’, si ve servesse ‘a chiavetella45 d’ ‘o gabinetto, sta appesa ‘o muro… (Sbottando) Cos’ ‘e pazze! Ah! (Grida verso l’interno del caffè) Na carretta ‘e rrobba a stu signore! (Esce. Il signore ha un’espressione di disprezzo, e resta immobile, in attesa. Musica IX. Entra dal suo basso Nunziata nel suo vistoso abito di faglia e di seta, da popolana arricchita. È tutta ingioiellata)

NUNZIATA - Buongiorno, Don Rafe’!

RAFELE - Buongiorno!

NUNZIATA - (sospira, sedendo davanti alla sua abitazione) Caro Don Rafele mio, l’affare è serio!

Gesù! Che catacrisemo46

da’ ‘e solde ‘mmano ‘a ggente!

Perzone arriguardevole47

‘mpontano ‘e pavamente!48

Te siente, jenno49 a esiggere:

“Passate n’atu juorno”.

Ca tu ‘e gghianchie50, è inutile:

chille hanno perzo ‘o scuorno51;

Tienete ‘e llire ‘mpietto,

che vuo’ neguzia’?!52

Vanno cu ‘ o priconcetto

‘e s’ ‘e ppute’ magna’!

Quanno nun tiene all’ommo, ca va, s’impone

e se fa pava’,

chesta prufessione

nun se pò esercita’.

L’ommo ce stesse, è bello, ‘mpone rispetto

e runzea ‘a ccà…

Isso m’ha fatto effetto,

pe’ se sape’ accuncia’53,

p’ ‘o modo ‘e cammena’,

p’ ‘o stile ‘e raggiuna’! (Dice sospirando)

Ah! Quanto è bello! (Spezza la musica. Rafele ammicca)

Guardate, Don Rafe’, nun è ch’è bello, pecché nun se po’ ddicere ca è bello… Ma è bello!

RAFELE - E bello o nun è bello!?

NUNZIATA - No, nun è ch’è bello! Me piace, ecco!

RAFELE - (borbotta) A mme che me ne ‘mporta? (E batte disperatamente la suola)

IL CAMERIERE - (entra con il caffè; ed al signore che lo attendeva, il mezzo sigaro fra le labbra) Qui c’è il caffè con lo schizzo d’anice. (Poggia la tazza sul tavolo) Cinque pietre di zucchero. “Il Mattino”. Il cerino. (Lo accende, e si brucia le dita) E adesso viene il facchino a portarvi il resto della roba.

IL SIGNORE - (serio) Ti ho pregato: non fare lo spiritoso. (Il cameriere s’avvia) E fammi sapere che giorno è oggi… quanti ne abbiamo… e che ora è!

IL CAMERIERE - (scattando, dopo essere stato due volte sulle mosse di uscire) Se ne stesse cadenno quacche bottone, v’ ‘o coso54? (Sacramentando) Ma vuie vedite… (Esce. Il signore imperterrito s’accende il mezzo sigaro e comincia a leggere il giornale. Musica X. Entra Totore, un giovane guappo innamorato di Nunziata. Nervosissimo, la faccia gli scoppia dalla bile. Va difilato al basso della donna, che non lo degna neppure di uno sguardo)

NUNZIATA - (con ironia) Ah! Ah! È venuta ‘a carestia d’ ‘e guappe! ‘A peste ‘e55 1l’uommene malandrine56. (Totore va al caffè, siede, senza chiedere permesso al signore, smania, guardando Nunziata, tira su i pantaloni per evitare le ginocchiere, e fuori di se come appare, non s’accorge che va denudando le gambe)

RAFELE - (ridendo sotto i baffi) Ma che ha dda passa’ ‘o sciummo57? (Totore picchia forte sul tavolino)

IL SIGNORE - (sobbalza e si preoccupa del turbolento avventore),

IL CAMERIERE - (entrando) Don Salvatore, vi son servo, Comandate?

TOTORE - Anicio!

IL CAMERIERE - (sfottendo) Brave! (Grida l’ordinazione verso l’interno del caffè) Un anicio! (Esce. Totore scuote il tavolo. Il signore si scosta un po’ e tenta d’immergersi nella lettura)

TOTORE - (volgendosi a Nunziata, canta)

M’he ‘ncarugnuto58 cu chist’uocchie belle,

m’he fatto addeventa’ nu vile ‘e core,

n’ommo ‘e lignammo59 nun so’ cchiù Tatore,

‘o mastuggiorgio60 ‘e vascio ‘a Sanità61!

Nun so’ cchiù io, mannaggia ‘a libbertà! (Si alza di scatto, scuotendo il tavolino. Il signore a stento lo regge)

Scorza ‘e fenucchio,

tengo nu brutto pólice62 int’ ‘a recchia!

So’ bevetore ‘e vino e si m’arracchio63,

te scarreco ‘ a ricanna 64 int’ ‘o denucchio 65,

scorza ‘e fenucchio! (Torna al tavolino, sempre fremente, beve un sorso di caffè. Il signore, sempre leggendo il giornale, prende la tazza, s’accorge che è dimezzata, guarda Totore e con santa pazienza beve il resto della bevanda. Totore verso Nunziata, minaccioso) E va bene! E va bene!

IL SIGNORE - (riferendosi al suo caso) E va bene! E va bene! (E torna a leggere, sbuffando)

TOTORE - (scatta di nuovo in piedi, alla donna)

Me tratte comme fosse n’ommo ‘e paglia 66:

prumiette sempe e nun mantiene maie.

Ma nun capisce ca accussi me ‘nguaie67?

Nun saie ca pe’ rispetto all’omertà,

sta faccia accussi bella aggi’a sfriggia’68! (Siede sul deschetto di Mastu Rafele, che ha un sussulto)

Surzo ‘e sciarappo69,

si arrivo a te piazza’ stu miezo scippo70,

p’ ‘o mmedeca’ ce h è ‘a mettere pe’ coppa

nu parmo e nu ziracchio 71 ‘e sparatrappo,

surzo ‘e sciarappo! (Torna di nuovo al tavolino, come un fulmine. Prende la tazza, la trova vuota, la getta via)

IL SIGNORE - (a parte) Eh! S’è dispiaciuta, la bestia! (Totore vuol poggiare il gomito sul tavolino; lo vede bagnato, lo pulisce con i guanti del signore. Il signore glieli strappa di mano) Amico, questi sono guanti! (A parte) L’ha pigliate pe’ na mappenella 72!

TOTORE - (a Nunziata) Sei stata buona di alterarmi la fisionomia! Io non mi riconosco più! Giesù, io tenevo ‘e bellizze ‘e na scigna73! (Pausa) Io, quanno cammenavo pe’ dint’ ‘e vicole, ascevano tutt’ ‘e ffemmene ‘a fore ‘o vascio… “Giovano’, fatevi vedere! Uh, comme site bello! Giovano’, fatevi ammirare! Uh, ca site bello overo! Giovano’, fatevi osservare! Uh, ca site na magnificenza! Giovano’, uh…”

RAFELE - (beffardo, a parte) Ca sì nu guaio!

TOTORE - (battendo le mani, in segno di disperazione)

Femmene belle, sempe na duzzina,

n’aggio tenute appese a stu cazone74.

E mo me sto struienno75 ‘e passione

pe’ tte ca nun cunusce carità!

Chi sa sta pelle addo’ ‘a vaco a pusa’!

Fronna76 ‘ e carota,

manco ‘a paricchio tiempo ‘a carcerato;

però chi me ce manna n’ata vota,

se fa ‘nteresse sempe nu tavuto77,

fronna ‘e carota! (Fa per andar via, torna sui suoi passi)

Tu ‘o ssaje ca i’ feto78!

Si nun te ‘nfilo ‘o junco79 n’ata vota,

cu ‘o curtelluccio mio a maneca ‘e cato80,

te scoso ‘a nanze, ‘a dinto, ‘a fore e ‘a reto!

Tu ‘o ssaje ca i’ feto! (Ha un moto come di furore, prende il mezzo sigaro del signore, lo mette in bocca senza che questi se ne avveda e, nell’andar via, dà un calcio alla seggiola dov’era seduto. Esce, come pigliando a schiaffi l’aria davanti a sé. Spezza la musica)

IL SIGNORE - È passato il terremoto! (Guarda sul tavolino) E ‘o mezzo sigaro mio, addo’ sta? (Pausa) Ha distrutto pure ‘o mezzo sigaro!

NUNZIATA - Pss! Pss!

IL SIGNORE - (si volta) A me?

NUNZIATA - Signo’, non ci badate. Quello che mo se n’è andato, quello… è toccato con le chiocche81. (E mostra la tempia, volendo dire: è pazzo)

IL SIGNORE - Ma che aveva con voi?

NUNZIATA - (dandosi arie) Niente! È un patuto, che mi ronzea pe’ tuorno, e spantichèa 82.

IL SIGNORE - Ma non è il vostro amante? (Nunziata si turba, facendo la faccia feroce; poi si leva in piedi e si accorcia le maniche, come per accingersi a menare le mani. Il signore la guarda, spaventato)

RAFELE - (a parte) Mo abbusca ‘o signore!

NUNZIATA - (si avvicina al tavolino, afferra il signore per il bavero della giacca, lo costringe ad alzarsi, gli dice sul muso) L’amante mio… ha dda essere nu malandrino overo, no nu guappo azzeccato cu ‘a sputazza83! (Pausa) Io mo nce vò vaco ascianno84 ‘e llegna ‘e ciento cantàre, mme mettevo cu nu fiammifero? (Pausa) Io… vaco ascianno ‘e gruosse, pecché ‘e piccerille…

RAFELE - (con sottilissima ironia) Non sono cosa per voi!

NUNZIATA - …non mi fanno mosse! (Il signore non osa replicare. Nunziata s’avvia al basso, poi si volta, fa un gesto di disprezzo al malcapitato signore, ed esce)

RAFELE - (dopo una breve pausa, mentre l’altro torna al suo posto) Signo’… Signo’… Uh, anema d’ ‘o guaio che avete fatto! E meno male che vi è venuta bene!

IL SIGNORE - Perché poteva venirmi peggio?

RAFELE - E come! (Pausa) Ma vi pare mai possibile che una donna seria come Donna Nunziata si metteva con un pagliaccio simile?

IL SIGNORE - No?

RAFELE - E no! (Pausa) Gli amanti di Donna Nunziata sono tutta gente di galera!

IL SIGNORE - Ah?!

RAFELE - ‘O primmo ‘nnammurato ‘o chiammavano ‘o cane ‘e presa, pecché s’appiccecava85 senz’arme… Ah! (fa l’azione di mordere) A morze86!

IL SIGNORE - Mamma mia!

RAFELE - E mo sta carcerato pecché, dint’ a n’appicceco, se magnaie tre recchie, dduie nase, quatto dete e nu musso!

IL SIGNORE - E chisto è nu cannibale!

RAFELE - (con tono confidenziale, mostrando il basso dell’usuraia) Mo lle sta appriesso nu certo Don Gennarino… N’ommo ca tene core, fegato e cervella!

IL SIGNORE - (ridendo) E nessun crocché?

RAFELE - (ridendo) L’ha pigliato pe’ nu fritto misto!

IL GIORNALAIO - (da fuori) “’O Roma! Porta ‘o nuovo aumento d’ ‘o t tabacco e d’ ‘e cerine! Volete ‘o Roma?!” (Il giornalaio, giovanissimo, scamiciato, entra correndo, e si rivolge al signore) “Roma! Roma!”. Signo’, vulite ‘o Roma?

IL SIGNORE - Si, dammelo nu mumento… Quando vedo na notizia, e te lo ridò.

IL GIORNALAIO - (gli dà il foglio, seccato) So’ venute ‘angrise87 a Napule! (E va in fondo, dove c’è la sua “bancarella”. Entra Prezzetella, si dirige al basso di Nunziata)

PREZZETELLA - Donna Nunzia’!

NUNZIATA - (entrando) Che te manca?

PREZZETELLA - V’ ‘a vulite fa’ mo, o a n’atu ppoco, ‘a capa?

NUNZIATA - Eh, mo me levo ‘o penziero! (Siede davanti al basso) Gue, senza arricama’88, n’allisciatella89 coppa coppa… (Prezzetella prende dall’interno del basso un tavolinetto, uno specchio e comincia a pettinare l’usuraia. Rachele torna a mani vuote, siede accanto al marito, posando la bottiglia a terra)

RAFELE - (la guarda, sorpreso; le solleva il grembiule per vedere se nasconde qualcosa; prende la bottiglia, la capovolge: è vuota) Non hai comprato niente?

RACHELE - Che cosa? (Soddisfatta) Mi sono ricordata che oggi era sabato ed ho giuocato al lotto!

RAFELE - (con un grido) Te piglie n’accidente! E io quando mangio?

RACHELE - (impassibile) Dopo l’estrazione.

RAFELE - E si ‘e nummere nun ghiesceno? Io resto diuno90?

RACHELE - Usciranno! E invece di uno, mangeremo tre piatti!

RAFELE - (riprende a lavorare, fuori di sé) Ma voi vedete, voi vedete…So’ ccose ‘e pazze

PREZZETELLA - (maliziosa, all’orecchio dell’usuraia) Donna Nunzia’, aggio visto a Don Gennarino.

NUNZIATA - Overo? E addo’?

PREZZETELLA - ‘O puntone91 ‘o vico. M’ha pregato ‘e ve saluta’!

NUNZIATA - (tra sé, felice) C’è trasuto!

PREZZETELLA - Chillo sarrìe l’ommo pe’ vvuie!

NUNZIATA - E chillo sarrà!

PREZZETELLA - E ‘O cane ‘e presa? Sta ancora carcerato?

NUNZIATA - E che ssaccio? Dice che ha dda asci’ int’ a sti juorne…

PREZZETELLA - E comme v’arregulate? Chillo mozzeca!

NUNZIATA - ‘O mettimmo ‘a musseruola!

IL GIORNALAIO - (avvicinandosi al caffè) Signo’, avite fatto cu ‘o ggiurnale?

IL SIGNORE - Un momento… (Continua a leggere)

RAFELE - (batte colpi sulla suola con grande violenza. Si calma a stento. Alla moglie) E che nummere t’he jucato?

RACHELE - Uno e due.

RAFELE - (scattando) Eh! “Tre e quattro!”. Puozze muri’ ‘e subbeto92. Ma comme “uno e doie”! (Alzandosi, come un pazzo) “Uno e doie”! Capite, Donna Nunzia’? Muglierema se va a ghiuca’ “uno e doie”! Uh! “Uno e doie”! “Uno e doie”! “Uno e doie”! (Esce. Pausa)

NUNZIATA - (a Prezzetella) E tu che he fatto cu l’acquaiuolo?

PREZZETELLA - Eh! Ce avessem’a spusa’… Ma isso guadagna poco, io nun me abbusco niente… E si nun facimmo almeno ‘e solde p’ ‘o lietto…

NUNZIATA - Qua’ lietto? Te piace? È bello, e cocchete93 ‘n terra!

PREZZETELLA - E già! E po’ ce veneno ‘e dulure areto94 ‘e rine!

IL GIORNALAIO - (torna alla carica) Signo’, avite fatto?

IL SIGNORE - Ti ho pregato, nu mumento.

IL GIORNALAIO - N’atu mumento!

RAFELE - (è tornato qualche attimo prima al suo deschetto, a battere con violenza la suola) E tutta ‘a meza lira t’he jucata?

RACHELE - (seccata) Tutta!

RAFELE - (rifacendola) Crepa! (Pausa lunga) Va’ dinto, va’, pigliame ‘a pippa. E miettece nu poco ‘e segatura ‘a dinto. (Rachele esce)

PREZZETELLA - (sempre pettinando) Donna Nunzia’… (Con timidezza) Chillo, l’acquaiuolo, ve vuleva cerca’ nu paro ‘e centenaro ‘e lire…

NUNZIATA - Ah! E t’ha ditto comm’ ‘e vvuleva scunta’95?

PREZZETELLA - A nu bicchiere d’acqua ‘a matina.

NUNZIATA - (sorridendo) Mastu Rafe’…

RAFELE - Ched è?

NUNZIATA - Na perzona vuleva essere prestata ’a me duiciento lire.

RAFELE - Chi è? Chi è?

NUNZIATA - Nun se pò dicere, segreto professionale. E sapite comme m’ ‘e vvuleva scunta’?

RAFELE - Comme? Comme?

NUNZIATA - A nu bicchiere d’acqua ’a matina.

RAFELE - E chi è, l’acquaiuolo?

NUNZIATA - Chi ve l’ha ditto?

RAFELE - Vuie. “Nu bicchiere d’acqua ‘a matina”!

NUNZIATA - (a Prezzetella) Ojne’, vattenne, va’ arricchisce a n’ata! Io po’ pe’ me scunta’ ‘e denare mieie, m’aggi’a abbuffa’ ‘o stommaco d’acqua?!

IL GIORNALAIO - (spazientito) Signo’, vuie avite fatto?

IL SIGNORE - (restituendogli il giornale sgarbatamente) Tie’! Tie’l E un’altra volta non me lo prendo più! (E gli volta le spalle)

IL GIORNALAIO - (stupito) Mo l’aggi’a da’ pure ‘o riesto appriesso… (Sacramentando) E nun s’ ‘accatta! Uh, anema d’ ‘a miseria! Uh, anema d’ ‘a disperazione! Uh, anema d’ ‘a faccia ‘e peste! (E torna alla sua bancarella. Musica XI)

RAFELE - Signo’…

IL SIGNORE - (seccato) Che vuoi?

RAFELE - Mia ‘moglie s’è giocato “uno e due”!

IL SIGNORE - E a mme che me preme? (Entra lo spazzino, claudicante, baffuto, con la sua grossa granata. Va a lisciarsi i baffi nello specchio di Donna Nunziata)

NUNZIATA - Uh! E chi è? (Si volta, vede l’uomo che sorride) Te pozzano accidere! Ih, che paura m’ha fatto mettere!

LO SPAZZINO - (mirandosi canticchia)

Guardate un po’, di qua e di là…

NUNZIATA -Leh! Leh! Quanta confidenza!

LO SPAZZINO - (canta) “Oh che bel sogno d’or…” (E spazza)

NUNZIATA - Gue! Gue! (Tossisce) E nun aiza’ pòvere96!

LO SPAZZINO - (rifacendola, comicamente) Eh! Eh! ‘A Rigina Giuvanna! (E accenna ancora a spazzare)

PREZZETELLA - Ma comme, justo mo he ‘a scupa’? (Lo spazzino spazza in direzione del ciabattino)

RAFELE - …Lassa sta’, nun da’ retta… Stammo tantu belle accussi!

LO SPAZZINO - Se so’ affamiliate97 cu ‘a sporcizia! (E spazza in direzione del signore)

IL SIGNORE - Ah! Adagio! (Lo ferma con un gesto deciso. Lo spazzino si piega sulla granata) Gue! Gue. Mi fai mangiare polvere. (Lo spazzino spazza verso il giornalaio)

IL GIORNALAIO - (protestando) Gue! Addo’ m’ ‘o mmine? ‘Mmiez’ ‘e ggamme!

LO SPAZZINO - (scatta) E addo’ me l’aggi’a mettere, dint’ ‘a sacca? (Pausa) Io già scopo ogne ciento anne na vota…(Pausa) E vide si nun dongo sempe fastidio a tutte quante!

IL GIORNALAIO - (gli dà uno scapaccione sulla nuca, ridendo) Gue, ‘a bellezza…

LO SPAZZINO - (gli ricambia lo scapaccione, accompagnandolo con un grottesco suono delle labbra) E tu dicive: ‘a bruttezza? Avutavo ‘o maneco ‘a via d’ ‘o gruoss098! (Mostra la granata)

IL GIORNALAIO - (al signore, additandogli lo spazzino) Signo’, chisto è d’ ‘a classe d’ ‘o ‘74.

IL SIGNORE - (lo squadra da capo a piedi. Lo spazzino a sua volta lo sbircia) Fosti soldato? (Musica XII)

LO SPAZZINO - Tengo quatto figlie!

Songo disonorato! Per la quale,

finché si fanno piccole guerriglie,

sto nella Spazzaterritoriale!

‘E bello, “posa ‘a scopa!”. E nn’è peccato

lasciare il grado mio di caporale,

per diventare un semplice soldato?

Sciupavo una carriera, è naturale!

IL SIGNORE - Facevi il volontario!

LO SPAZZINO - E ‘a vuluntà?!

Lasciare l’arte mia per la milizia?

Io sono nato dentro all’immondizia?

E dentro all’immondizia aggi’a resta’! (Spezza la musica)

IL GIORNALAIO - (indicando lo spazzino, al signore) E chisto llà more! (Rachele rientra, portando la pipa. Siede, e comincia a fare la calza. Rafele accende e fuma)

LO SPAZZINO - (al signore) Assesso’, assesso’…

IL SIGNORE - Che “assessore”?

LO SPAZZINO - L’epoca è triste! La famiglia è pesante!

IL SIGNORE - Eh, ma voi avreste avuto il sussidio!

LO SPAZZINO - È ove’?

IL GIORNALAIO - Eh, quatto figli…

IL SIGNORE - Ah? (Allo spazzino) Avete pure quattro figli? E dunque, vedete…

LO SPAZZINO - I figli quanto pigliavano?

IL SIGNORE - Sette soldi.

LO SPAZZINO - (facendo un calcolo mentale) Sette per quattro… cinquanta!

IL SIGNORE - Eh! Novantotto! (Corregge) Sette per quattro, ventotto!

LO SPAZZINO - Poniamo ventotto…

IL SIGNORE - Che “poniamo”?

LO SPAZZINO - (al giornalaio) E muglierema? Muglierema quanto pigliava?

IL GIORNALAIO - (a Rafele) Mastu Rafe’, quanto pigliava ‘a mugliera ‘e chisto? (Lo indica)

RAFELE - (preso alla sprovvista) Io saccio ‘e fatte suoie?

IL SIGNORE - La moglie pigliava dieciassette soldi!

LO SPAZZINO - Ventotto e diaciessette… sittanta…

IL SIGNORE - Eh! Nu melione! (Pausa) Ventotto e dieciassette, quarantacinche.

LO SPAZZINO - Quarantacinque soldi, cinque persone? Cancellie’… cancellie’…

IL SIGNORE - Chi “cancelliere”!

LO SPAZZINO - (continuando) Avrei trovato a casa la fabbrica degli stuzzicadenti.

IL SIGNORE - Ma bisognava guardare il fronte…

LO SPAZZINO - Brigadie’…

IL SIGNORE - Eh, delegato!

LO SPAZZINO - Io per guardare il fronte sono rimasto qua! Se no, che facevo? Mentre io pulivo il fronte esterno, mia moglie mi sporcava il fronte interno? Ih, quant’è bello ‘o reverendo!

IL SIGNORE - Uh!

PREZZETELLA - (ultimando la pettinatura) Donna Nunzia’, avit’ accatta’ quatto ferrettine invisibile.

NUNZIATA - Leh! “Invisibile”! Tanto, manco nisciuno ’e vvede! Vale tanto na bella pettenessa 99! (Prezzetella guarda Rafele e ride alle spalle dell’usuraia)

LO SPAZZINO - (a Rafele) Maestro, mi sembrate una locomotiva! Dateme quacche ccosa pe’ dinto a sta pippa. (La mostra)

RAFELE - (alla moglie) Va’ dinto, va’… Piglia n’atu ppoco ‘e segatura!

LO SPAZZINO - Pecché, vuie fumate segatura?

RAFELE - ‘A mo? Io nn’ aggio svacantato100 nu saccone101!

LO SPAZZINO - (ridendo) Uh, anema d’ ‘a famma!

IL GIORNALAIO - Intanto, scupato’, te sì accunciato quatt’ove dint’ a nu piatto102! Già mo sì capurale! E cu n’atu grado che passe…

LO SPAZZINO - (amaro) Vaco cercanno ‘a lemmosena!

IL GIORNALAIO - E over’è!

LO SPAZZINO - Ccà una cosa ‘e buono ce sta nella nostra classe; ca nisciuno è meglio di un altro. Siamo tutti uguali perché scopiamo tutti quanti. Cominciando dal più debole scopatore a finire ai più forti membri del consiglio municipale… Con la differenza che noi stiamo pieni di debiti… E per questo abbiamo tenuto un comizio alla Borsa del Lavoro, ed ho parlato io p’ ‘o primmo, per il miglioramento della classe.

IL GIORNALAIO - Ih, ch’avett’a asci’ ‘a sta vocca!

LO SPAZZINO - (pigliando posa oratoria) “Fratelli! La nostra classe peggioreggia giorno per giorno! Qui ci vuole un riparo! Un riparo, che influenzisca; e che alzi il carro dello spazzamento a più alti destini… Fratelli… ho detto; e la seduta è sciolta!”

IL GIORNALAIO - (ridendo) Che bellu discorso.

IL SIGNORE - Che oratore! (E si accende un mezzo sigaro. Lo spazzino si fruga nelle tasche, si trova una cicca e la porta alle labbra)

PREZZETELLA - Donna Nunzia’, io me ne vaco.

NUNZIATA - Viene cchiù ampressa dimane.

LO SPAZZINO - (a Prezzetella galante) Piccere’, tira uno sguardo al tuo scupaturiello103!

PREZZETELLA - (scherzosa) Vattenne!

RAFELE - (alludendo allo spazzino, sarcastico) Piccere’, tira uno sguardo al tuo scorpioncello!

LO SPAZZINO - Statte zitto!

RAFELE - Ma pecché te vulisse mettere tu cu mme?

LO SPAZZINO - Te ne vaie o no? Io nun mme so’ vuluto mettere cu mugliereta, me mettevo cu tte?

RAFELE - (offeso) Neh, gue!

LO SPAZZINO - Noi dobbiamo far giudicare a uno che se ne intende. (A Prezzetella) Chi è cchiù bello ‘e tutt’ ‘e dduie?

PREZZETELLA - ‘A verità?

LO SPAZZINO - (lisciandosi i baffi) Aspetta, nun so’ pronto. (Si mette il berretto sulle ventitré) So’?!

PREZZETELLA - (accettando lo scherzo) ‘A verità, ‘a verità?

LO SPAZZINO - Aspe’, nun so’ pronto. (Si liscia i baffi) So’?!

PREZZETELLA - ‘A verità, ‘a verità?

LO SPAZZINO - So.’? (Si mette in posa. Rafele prende anche lui una posa)

PREZZETELLA - (scoppiando a ridere) Facite schifo tutt’ ‘e dduie! (Esce. Nunziata, ridendo, esce)

LO SPAZZINO - E va bbuono, ma io nun ero pronto… (Pausa) Beh, Mastu Rafe’, pe’ ve fa’ vede’ io comme ‘a penzo, la porzione mia ve la cedo a voi… Così facite schifo vuie sulo!

RAFELE - E io te ringrazio!

LO SPAZZINO - (si avvicina al signore) Padre…

IL SIGNORE - Eh, figliuolo…

LO SPAZZINO - (mostrandogli la cicca) Mi fate accendere? (Il signore gli porge il suo mezzo sigaro. Lo spazzino accende la cicca e la porge al signore che, distratto, la prende; e comincia a fumare il mezzo sigaro)

IL GIORNALAIO - Famme senti’, scupato’, comme jette a ferni’104 ‘o discorso?

LO SPAZZINO - Fu una sorpresa generale.

IL SIGNORE - (si è avveduto dello scambio dei sigari, si alza) Aspettate… La sorpresa è stata mia… Badate che vi siete sbagliato…

LO SPAZZINO - Sto parlando…

IL SIGNORE - Mah…

LO SPAZZINO - È cattiva educazione.

IL SIGNORE - (seccato) Mo m’ha dda ‘mpara’105 pure ll’educazione! Guardate…

LO SPAZZINO - E va bene, poi se ne parla.

IL SIGNORE - No, noi ne dobbiamo parlare adesso.

IL GIORNALAIO - Ma ch’è stato?

IL SIGNORE - È stato che lui (mostra lo spazzino) forse, distratto, ha confuso… Si è preso il mezzo sigaro mio, e mi ha dato questo mozzicone.

IL GIORNALAIO - (scoppiando a ridere) Uh, chesta è bella…

IL SIGNORE - No, chesta è brutta!

LO SPAZZINO - (facendo lo gnorri) Ma ch’è stato?

IL SIGNORE - Uh! (Si domina a stento) È stato che forse, distratto, non voglio dire che lo hai fatto apposta, hai scambiato il tuo mozzicone col mezzo sigaro mio.

.LO SPAZZINO (facendo le viste di non capire) Così, davanti a voi?

IL SIGNORE - Eh! E se no davanti a chi?

LO SPAZZINO - Ma ci vuole una bella sfacciataggine, sapete!

IL SIGNORE - È quello che dico anch’io.

LO SPAZZINO - Gesù, e voi non dite niente?

IL SIGNORE - (scattando) Io sto parlanno ‘a mez’ora! Tu mi devi dare il mio mezzo sigaro!

LO SPAZZINO - Ma ch’è stato?

IL SIGNORE - Uh, tu nun m’he ‘a fa’ asci’ pazzo!

LO SPAZZINO - Preside’…

IL SIGNORE - (gridando) Nun so’ presidente! (Musica XIII)

LO SPAZZINO - …Vi sto pregando…

Io tengo quatto figlie!

Songo disonorato! Per la quale,

finché si fanno piccole guerriglie,

sto nella Spazzaterritoriale! (Esce. Spezza la musica)

IL SIGNORE - Ma siente…

LO SPAZZINO - (torna sui suoi passi) Ah! Ma allora voi volete portarmi su di un terreno politico? Ne volete fare una discussione parlamentare? Allora dovete capire che tra me e voi, caro signore, c’è un urto di vedute, un cozzo di vedute. Il bolscevismo che ci ha detto? Che la roba vostra è mia, e ‘o mmio sempe d’ ‘o mmio è106! Dopo di che si può distruggere l’uomo, ma l’opinione resta. È per questo che in politica le opinioni si rispettano. Ora dunque, ammesso che la vostra opinione è questa (mostra la cicca) e la mia opinione è questa (mostra il mezzo sigaro) possiamo andare d’accordo? No! Ma non per questo ci dobbiamo ammazzare. Vuol dire che voi restate con la vostra opinione e io me ne vado con la mia opinione. (Musica XIV. Esce sfumacchiando)

IL SIGNORE - Di’, di’…

IL GIORNALAIO - (afferrandolo per un braccio) Signo’, ma siete terribile, sah! Capite o no che ogni uomo ha la sua opinione? Quello se n’è andato con la sua opinione…

IL SIGNORE - E s’ha purtato ‘o mezzo sigaro mio! (Pausa) Jh! Che sigaro disgraziato! (Getta via la cicca con rabbia, e torna a sedere al suo posto)

RAFELE - (si alza di scatto e guarda a terra per cercare la cicca) È sparito!

RACHELE - Che cerchi?

RAFELE - Chillu mezzone che ha jettato ‘o signore. Putesse auni’107 segatura e tabacco?

RACHELE - Chi sa dove sarà andato a finire.

RAFELE - Va’mme piglia108 a lente. (Rachele sbuffando esce)

IL GIORNALAIO - Mastu Rafe’, guardateme nu poco ‘a bancarella109.

RAFELE - (lo manda a far benedire con un gesto) io aggi’a truva’ ‘o mezzone!

IL GIORNALAIO - Signo’, se vi trattenete ancora una mezz’oretta, datemi un occhio al magazzino. (E mostra la sua bancarella)

IL SIGNORE - M’ ‘o chiamma magazzino?

IL GIORNALAIO - Eh! Qui bisogna correre! Altrimenti le notizie svaporizzano… E già, perché, per farvi comprendere, le notizie sono fabbricate ad aria compressa. So’ tutto fummo e niente arrusto! Come per esempio se nella cronaca ci venisse il fatto che una ragazza se n’è fuggita con l’amante, noi subito diamo la voce: “Lo sgravo di questa notte!”. Eh! Dovete comprendere che le nostre speranze stanno basate sopra ‘e guaie d’ ‘a gente. Non per cattiveria, ma per la sussistenza della classe. Il giornale è il nostro pane, perciò se chiama quotidiano. Ed è anche il nostro barometro: tiempo buono pe’ ll’ate, tiempo malamente pe’ nnuie!

IL SIGNORE - Ma voi vi basate allora sulle disgrazie del prossimo?

IL GIORNALAIO - Signo’ e allora ’e miedece, ‘e schiattamuorte110… Se po’ ddicere vicino ‘a ggente: “Nun cadite malate? Nun murite?”. E nu terramoto ‘a ccà, na carestia ‘a llà, na guerra ‘a sotto, un’alluvione ‘a coppa, se creano chelli notizie sensazionali per le quali ‘e ggiurnale primma d’asci’ già se venneno… si no quanno ‘e ggiurnale nun diceno niente tu che vinne? Niente! Quando voi avete ben bene gridato “‘E ‘mbruoglie d’ ‘o ministero!” O pure “’A truffa d’ ‘e furnisure militare” avite ditto cose ca ‘e sanno pure ‘e ccriature ’e latte, ragione per la quale la notizia ognuno se la spiega e vuie v’ ‘a susciate 111… Ma quando uscite col guaio positivo, con la disgrazia sensazionale, allora sì, c’ ‘o cliente ve scippa ‘o giurnale ‘a mano, come per soddisfare ad un proprio urgente bisogno. Vedete, io stavo abbastanza in freddo con le finanze ma, da quando cominciò a piovere il lapillo del Vesuvio, cominciò a piovere la fortuna in casa mia. Bisogna dire che da tanno in poi ‘o ppoco ‘e provvidenza nun c’è mai mancata. Accummincianno d’ ‘o terramoto ‘e Messina a ferni’ ‘a guerra e alla rivoluzione russa! Stu cazone per esempio m’ ‘o facetto c’ ‘a guerra ‘e Tripoli. Sta giacchetta c’ ‘o terremoto d’Avezzano. Cu “Caporetto” già me so’ fatto ‘o cappiello e nu paro ‘e scarpe e mo aspetto ca fernesce stu cunflitto e ca nne vene n’ato pe’ mme pute’ fa’ ll’automobile! E soprattutto niente resa! Per me la resa è una cosa disonorevole. Come sul campo di battaglia. (Dà la “voce”) “‘O Roma! Porta ‘o fatto d’arioplano ca s’è arenato dint’ ‘e nnuvole!” Uh, anema d’ ‘a palla! “Volete ‘o Roma! ‘O Roma” (Esce correndo. Musica XV. Entra Gennarino. E il più fascinoso degli amanti di Donna Nunziata. Ha un abito vistoso a quadretti, un cappello chiaro sulle ventitré e un grosso bastone sul braccio. Cammina dinoccolandosi, guarda nel basso dell’usuraia con insistenza, si ferma davanti al caffè e batte forte col bastone sul tavolino, guardando teneramente un garofano rosso che ha tra le mani. Il signore, che aveva ricominciato a leggere, ha un sussulto)

IL CAMERIERE - (venendo fuori) Don Gennarino, comandate.

GENNARINO - Na spingolal12.

IL CAMERIERE - (a parte) M’ha pigliato pe’ zarellaro113. (E si avvia) Uno spillo!

IL SIGNORE - (lo chiama) Pss, pss. Una spazzola.

IL CAMERIERE - (sbuffa) Spillo e spazzola! (Esce)

NUNZIATA - (appare con un ricchissimo scialle sulle spalle, pronta per uscire. Scorge Gennarino, che si scappella e le sorride. Ha un fremito. Guarda il basso con compiacente malizia, come ad invitare l’uomo ad entrarvi)

Tengo ‘o vascio na pupata114:

primma ‘e scarpe t’ he ‘a leva’,

Na Sant’Anna, ‘ncannaccata115

ca, ‘a do’ vaie, t’ha dda guarda’!

Comme allumma116 st’aria afosa…

GENNARINO - (avvicinandosi, con graziosità)

C’è permesso?

NUNZIATA - ‘On Gennari’…

GENNARINO - Sento ‘e dicerve na cosa

e v’aggi’a di’…

Io so’ Don Gennarino

cu ‘o vestetiello stritto a quadriglié,

cu ‘a scarpa ‘e Verdeprato117

e ‘o cappelluccio ‘ncopp’ ‘e vvintitré… (Sorvegliandosi, audacemente cinge la donna)

NUNZIATA - Statte, ca me faie male!

GENNARINO - Zitto! Nun di’ no!

NUNZIATA - Che faccio? ‘A sciorta118 accussi vvò!

GENNARINO - (dandosi arie)

Jh ca nisciuna femmena me resiste!

RAFELE - (a parte) Mo che gghiesce ‘O cane ‘e presa, siente…

NUNZIATA - Quanno ‘ammore ce se mette,

quanno jette a tte guarda’,

chistu core se sentette

na pugnuta; e che sarrà?

GENNARINO - N’ato affetto…

NUNZIATA - Nun sia maie!

Nun me voglio ‘ntusseca’119!

Ogge l’ommo è ‘nfamo assaie,,"‘ chi m’ ‘o ffa fa’?

GENNARINO - Passaie Don Gennarino

cu ‘o vestetiello astritto a quadriglié,

cu a mazza ncopp’ ‘o vraccio,

tutt’acciaccuso120 e verde comm’ a cché…

Tirai nu schiaffo a n’ato, senza nu pecché…

NUNZIATA - Pensaie: Chist’ommo fa pe’ mme! (Spezza la musica)

IL CAMERIERE - (rientra, recando una spazzola ed uno spillo. Si avvicina a Gennarino, ma questi, distratto, vaga con la mano nell’aria, assorto com’è a guardare amorosamente Donna Nunziata) Addo’ jate? Ccà, ccà… (Gli ferma il braccio, e gli dà lo spillo)

GENNARINO - (al cameriere) Aspetta! (Gli punge violentemente la mano)

IL CAMERIERE - Ah! (Di dolore)

GENNARINO - (a giustifica) ’A spilla è spartenza121!

IL CAMERIERE - L’aggio truvato pure affeziunato! (Al signore) È servito cu ‘a scupetta122. (Gliela porge)

IL SIGNORE - (osservandola) E questa è per le scarpe! (Grida nervosamente) Per i panni! Per i panni!

IL CAMERIERE - (grida ancor più forte) S’è spelata! S’è spelata! Mannaggia chi t’è nato chi t’ha allattato e chi t’ha vattiato123. Jh che guaio che aggio passato! Ah! (Esce. Musica XVI)

NUNZIATA - (a Gennarino)

Mo dispenso quacche soldo,

servo ‘a prebbe e ‘a nubirtà.

GENNARINO - Gennarino fa ‘o milordo,

ma se sape fa’ pava’!

‘A cuntrora124, fore ‘o vascio…

NUNZIATA - …mentre juoche, io sto a guarda’.

GENNARINO - Po’ scennimmo ‘a parte ‘e vascio

a passiggia’.

NUNZIATA - E affianco a Gennarino

ca porta ’o vestetiello a quadriglié

me paro na riggina125!

GENNARINO - ‘A ggente guarda a essa e guarda a mme!

NUNZIATA - Si nun sia maie qualcuno

me ‘ntuppasse126…

GENNARINO - ‘O che?!

Jennaro se ‘nguaiarrie127 pe’ tte!

Scassasse ‘a faccia pure ‘o sole! (Spezza la musica)

NUNZIATA - (a Rafele che segue) E accussì è bello quanno n’ommo te sape da’ ogni specie ‘e suddisfazione!

GENNARINO - (porge il braccio a Nunziata) Jesce, ca quanno staie sotto ‘o vraccio mio, è comme si stisse sotto ‘o vraccio d’ ‘a Reggia Nave Dante Alighiere!

NUNZIATA - Mastu Rafe’, dateme n’uocchio ‘o vascio, io mo torno! (Musica XVII. Escono)

IL SIGNORE - (a Rafele) Pss. Questo chi è?

RAFELE - Questo è quel tale Don Gennarino…

IL SIGNORE - Quello della milza?

RAFELE - Eh! Quello della coratella!

IL SIGNORE - Credevo che fosse ‘O cane ‘e presa…

RAFELE - No! Quello là sta ancora carcerato! E quando uscirà, sentirete le botte. (Pausa) E già, perché, trovando il posto occupato, non se ne starà a bocca asciutta…

IL SIGNORE - S’ ‘e mmagna a tutt’ ‘e dduie! (E ride. Entra Rachele)

RACHELE - (al marito) Eccoti le lenti. (E siede. Rafele inforca gli occhiali e cerca ancora in terra la cicca)

RAFELE - Gué, io me credevo ch’ire128 morta!

RACHELE - Nun ‘e ttruvavo… (E si mette nuovamente a fare la calza)

IL SIGNORE - (dà uno sguardo alla sua scarpa; a Rafele) Pss. Tu stai sempre, qua?

RAFELE - Per sfortuna mia!

IL SIGNORE - Allora domani ti manderò questa scarpa: ci darai due punti…

RAFELE - E vulite aspetta’ fino a dimane? (avvicinandosi a lui) Mo v’ ‘a coso ampressa ampressa129… Levatavella130. (E incomincia a slacciargli la scarpa)

IL SIGNORE - E io resto scalzo?

RAFELE - Per due minuti…

IL SIGNORE - Ma non è decenza…

RAFELE - Ficcate ‘o pede sotto ‘o tavulino. (E, portando via la scarpa, ritorna al suo posto. Alla moglie) E… ccà, vinte, trenta lire me l’ha dda da’! (Il signore bussa al tavolo)

IL CAMERIERE - (entrando) Comandi.

IL SIGNORE - Quant’è?

IL CAMERIERE - Tutto?

IL SIGNORE - Tutto.

IL CAMERIERE - Dieci cienteseme.

IL SIGNORE - È aumentato?

IL CAMERIERE - (con voce seccata) Signo’, io ho detto dieci cienteseme, non dieci lire!

IL SIGNORE - (con santa pazienza) Ecco due soldi.

IL CAMERIERE - (ironico) E il resto?

IL SIGNORE - È per te! (Il cameriere prende il vassoio e pulisce con il tovagliolo. Musica XVIII. Entra Ferdinando, detto ‘O cane ‘e presa. È una figura triste e sinistra. Porta i segni di una lunga amarezza e di una lunga sofferenza fisica. Il suo sguardo è torvo. Il suo labbro inferiore è proteso in avanti. Ha la barba incolta. Dà un’occhiata al basso di Nunziata, e porta la mano al cappello, come per dire al signore: permesso. Siede al tavolino con aria trasognata)

IL CAMERIERE - Comandate?

FERDINANDO - Nu bicchiere d’acqua.

IL CAMERIERE - No, io m’arricchisco a stu cafè. (E sbuffando esce. Il signore guarda Ferdinando, ha un moto di ripulsa)

FERDINANDO - (con accento desolato) Esco dalla galera. (Il signore si fa piccino; e tenta di leggere il giornale. Musica XIX)

Chi l’avarrie pensato:

doppo cinch’anne n’ata vota ccà,

int’ a stu stesso vicolo!

E ca sarrie turnato

all’istesso cafè, pe’ m’assetta’131

‘o stesso tavulino.

Chi l’avarrie creduto! (Fissando la monetina lasciata dal signore)

Pure ‘e duie solde ‘e tantu tiempo fa!

IL SIGNORE -(prende la monetina, che l’altro stava intascando, ed esclama)

No, chiste so’ moderne!

FERDINANDO - Sulo Donna Nunziata

ormai nun è cchiù ‘a stessa… Mo, se sa,

è tutta n’ata cosa!

Sul’essa s’è cagnata!

“Carcere e malatie”, nun c’è che ffa’,

“se cunosceno ‘ amice”132!

E io mo ‘aggio canusciuto…

E io mo songo turnato a libbertà…

E mo faremo i conti!

RACHELE - (si leva, al marito)

Io vaco add’ ‘o pustiere133

p’ ‘a strazzione134…

RAFELE - Sì, faie buono, va’. (Rachele esce)

RAFELE - (le grida dietro) Vide ‘e solde addo’ ‘e miette!

FERDINANDO - (si avvicina a Rafele)

Maestro…

RAFELE -(trasalendo, ma con un sorriso accentuato, di convenienza)

Che piacere!

Don Ferdinando bello! Che? Vuie ccà?

Site asciuto d’ ‘o carcere?

FERDINANDO - Così… per poche ore.

RAFELE - Perché? Forse penzate ‘e ce turna’?

FERDINANDO - Proprio. In giornata stessa.

RAFELE - (a parte) S’ha fatto ‘abbunamento!

FERDINANDO - (siede accanto al deschetto. Afferra la scarpa del signore dalle mani del ciabattino e fa per spezzarla, come obbedendo a un interno moto di rabbia)

Nunziata sta dinto?

RAFELE - Nun ce sta.

FERDINANDO - (tormentando la scarpa)

E se sapeva… E logico!

RAFELE - È asciuta nu mumento…

FERDINANDO - E asciuta sola?

RAFELE - …No, ‘a verità! (Ferdinando tormenta di nuovo la scarpa)

IL SIGNORE - (fa segni disperati a Rafele)

Neh, attenzione ‘a scarpa…

FERDINANDO - È asciuta in compagnia?

RAFELE - Si… Sissignore… (Ferdinando ha uno scatto di rabbia, e sfoga sulla scarpa)

IL SIGNORE - ‘A scarpa!

RAFELE - (al signore, con un gesto furtivo)

E che aggi’a fa’? (Toglie la scarpa dalle mani di Ferdinando, e gli dà la sua pipa)

FERDINANDO - (inseguendo un suo proposito di vendetta)

In compagnia… (E batte con violenza la pipa sul piano del deschetto. Rafele gliela toglie di mano, e gli ridà la scarpa)

IL SIGNORE - (protesta) A scarpa!

RAFELE - Embè, ‘a pippa è ‘a mia!

FERDINANDO - (ripone la scarpa sul deschetto)

Maestro, ‘o ‘nnammurato ‘e chella llà…

chi è? Su, sbottonatevi!

RAFELE - (preoccupatissimo)

Ma io…

FERDINANDO - Soltanto i dati…

Non vi compromettete…

RAFELE - È vero, ma…

FERDINANDO - Mi date dei dettangoli135…

RAFELE - (tra i denti)

Eh, gli do dei quadrati!

FERDINANDO - Poi me lo trovo io… Addo’ s’ ‘a fa?

RAFELE - Io so ch’è un individuo

Ca sta sempe assettato136

‘nnanze ‘o cafè ‘e rimpetto…

FERDINANDO - Quello là?

RAFELE - Si. (Ferdinando si volta a fissare con il viso dell’armi il povero signore)

IL SIGNORE - (ha un brivido di paura, si scappella a Ferdinando)

Chisto pecché guarda?

FERDINANDO - È un signore abbasato137?

RAFELE - Si. (È intento a lavorare)

FERDINANDO - (fissa di nuovo il signore, che ancora una volta si scappella. A Rafele)

Baffe nun ne tene?

RAFELE - No. (Ferdinando torna a fissare una terza volta il signore che, alla scappellata, fa seguire questa volta un sorriso)

IL SIGNORE - …Chissà…

FERDINANDO - (A Rafele)

Porta il bastone? (E senza attendere la risposta, si alza, deciso, risoluto)

Grazie. (Spezza la musica. Chiama il signore con l’indice teso) Pss!

IL SIGNORE - Ma che vvò?!

FERDINANDO - A lei! Alzati!

IL SIGNORE - Non posso. (Gli mostra il piede nudo)

FERDINANDO - Ti sto pregando: “susiti”138!

IL SIGNORE - Sto scalzo.

FERDINANDO - E allora vengo io da lei. (Si avvicina, rapido) Lei, sapete io chi sono?

IL SIGNORE - Non ho questa fortuna.

FERDINANDO - He passato nu guaio! lo songo Ferdinando, ‘o cane ‘e presa!

IL SIGNORE - (atterrito) Uh, Madonna! Quello che morde? E che volete da me? (E si alza. Entra il cameriere col bicchiere d’acqua)

FERDINANDO - Che voglio? M’aggi’a magna’ ‘o naso!

IL SIGNORE - Ma vedete…

FERDINANDO - Non vedo…

IL SIGNORE - Ma sentite…

FERDINANDO - Non sento. M’aggi’a magna’ na recchia!

RAFELE - (sorpreso, a parte, alludendo al signore, che si copre istintivamente le orecchie) Ma che ll’ha fatto?

FERDINANDO - (al cameriere che gli offre l’acqua) Acqua ’e selza! Acqua ‘e selza! (E minaccia il malcapitato, che esce in fretta. Nunziata ritorna e si dirige al suo basso)

FERDINANDO - (ha un sussulto, nel vederla. Si domina a stento) Donna Nunzia’, io vi saluto!

NUNZIATA - (impallidisce; poi con aria sfrontata) Gué, tu sì asciuto?

FERDINANDO - Si, pecché me prurevano ‘e diente…

NUNZIATA - E grattatille! A chi ‘assigne139?

FERDINANDO - (inveendo) Femmena ‘e niente!

NUNZIATA - Abbada comme parla…

FERDINANDO - (indicando il signore con sprezzo) E chisto era meglio ‘e me?! (E gli tira il cappello; il signore impaurito lo schiva)

RAFELE - (al signore) Ma perché lo avete insultato?

IL SIGNORE - (scattando) Chi l’ha fatto niente?

NUNZIATA - (a Ferdinando) Ma tu fusse asciuto pazzo?

IL SIGNORE - (implorante, a Rafele) Dammi la scarpa, fammene andare…

RAFELE - E si nun ‘a coso140.

FERDINANDO - Embè, tu ire ‘a femmena ca vulive a n’ommo pusitivo? (Fa per tirar la sedia all’indirizzo del signore) ‘O vì ca nun reagisce? Che ll’aggi’a fa’ cchiù?

NUNZIATA - Gué, cane ‘e pre’, tu senza c’abbaie! Tu a mme nun mme faie mettere appaura! Che m’hè pigliato pe’ chillu disgraziato? (Ferdinando tira la sedia all’indirizzo del signore, che però riesce ad afferrarla a volo)

GENNARINO - (apparendo) Ch’è stato?

NUNZIATA - Gennari’, Ferdinando ‘o cane ‘e presa!

GENNARINO - (avanza rapidamente verso Ferdinando, mentre Nunziata si pone fra i due) Gué, Ferdinando ‘o cane ‘e pre’, ‘o ‘nnammurato ‘e sta femmena songh’io, e tu sì na carogna e nun vaie niente! (Impugna la rivoltella)

FERDINANDO - (arretra con un ghigno) Embè, io nun tengo ‘o rivolvero!

GENNARINO - E va’ t’ ‘o piglia’.

FERDINANDO - Aggi’a passa’ nu guaio?

GENNARINO - E ‘o passe!

FERDINANDO - No! Nun nne vale ‘a pena pe’ tte e pe’ sta… (Gennarino punta l’arma. Nunziata lo spinge nel basso, scompaiono. Si ode improvvisa la voce di Rachele)

LA VOCE DI RACHELE Rafe’! Rafe’! Avimmo pigliato ll’ambo!

RAFELE - (con un urlo di gioia) Gué!

RACHELE - (accorrendo, seguita da un codazzo di gente, mostra il biglietto al marito) ’O vì? “Uno e due”!

RAFELE - (felice, sventolando il biglietto che gli ha dato Rachele) “Uno e due”! (Musica XX. Ferdinando afferra il biglietto dalle mani del ciabattino e lo strappa fra i denti, in uno scatto di rabbia. Rafele cade svenuto tra le braccia dei presenti. Il signore riprende la sua scarpa, la infila e fugge a precipizio)

SIPARIO

---------------------------------------------------------------

NOTE

1 cagnacavalle: cambiavalute.

2 solachianiello: ciabattino.

3 ‘ngasa: sta per incasa; battere, premere, calcare.

4 San Crispino: protettore dei calzolai.

5 Puozze: che tu possa.

6 Prezzetella, ‘a capera: Brigidella, diminutivo di Brigida, la pettinatrice.

7 Ojne’: forma sincopata per “ohi nenna”, “oh, ragazza”.

8 ammancamento: omissione; nun dicenno ammancamento: non per togliere merito a voi.

9 aunesta: onesta.

10 fose: fusi; fose appeiinere: fusi da appendere; la mia veste non mostra fusi appesi; simboli con analogia fallica.

11 ‘e ssagliute: le salite.

12 n’ato: un altro.

13 areto: dietro, indietro, alle spalle.

14 cionca: sta fermo. Cioncare: divenire impedito nelle membra.

15 ma nn ‘he ‘a maie pazzia’ cu ‘e mmane: ma non devi mai giocare con le mani, ossia mettere le mani addosso.

16 micco: voglioso. Specie di scimmia, dell’altezza dell’uomo, assai libidinoso e feroce, e cammina su due piedi. Mandrillo.

17 uno pe’ bevere e n ‘ato pe’ sciaqua’: in senso minaccioso, stai attento, sarai servito a dovere.

18 dorme a scialacore: dorme senza pensieri.

19 sciascione: uomo che vuole godere; bonaccione, simpaticone.

20 capa sciacqua: testa vuota.

21 mummera: anfora di.creta per acqua solfurea; qui nel senso di: ho perduto la testa.

22 sango: sangue.

23 acqua zurfegna: acqua sulfurea. La sorgente dell’acqua sulfurea o solfurea è nei pressi di via Chiatamone. L’acqua era venduta dagli “acquaioli”.

24 ‘Austo: di agosto.

25 arracqua: innaffia

26 ‘Arraggia: la rabbia.

27 ‘ngignammo: da ‘ngignare, adoperare la prima volta qualche cosa; ‘ngignammo ‘a mummera: incominciamo a bere da questa anfora, metaforicamente, dell’amore.

28 spanteca: spasima.

29 broro: brodo; st’acqua s’è fatta broro: questa acqua è diventata tiepida come il brodo.

30 vullarrà: bollirà.

31 lloco: colà.

32 scanaglia’: scandagliare; me mine a scanaglia’: mi spingi a palesarmi.

33 se stracqua: si stanca.

34 me n’aggi’a i’: me ne devo andare.

35 sciusciata: soffiata.

36 Vive: bevi.

37 cato: secchio di legno con manico dello stesso materiale.

38 Rebazza: sbarra.

39 arremmedia: rimedia; qui: procurati.

40 sicarie: sigari.

41 sole: suole.

42 matarazzo: materasso.

43 cazettine: calzini.

44 Vinnete: venditi.

45 chiavetella: chiavetta.

46 catacrisemo: cataclisma.

47 arriguardevole: di riguardo.

48 ‘mpontano: fermano; ‘mpontano ‘e pavamente: fermano i pagamenti.

49 ienno: andando

50 ‘e gghianchie: da iancheiare, letteralmente imbiancare, qui nel significato di li svergogni.

51 scuorno: il pudore.

52 neguzia’: negoziare.

53 accuncia’: aggiustare.

54 v’ ‘o coso: ve lo cucio

55 ‘e: de.

56 malandrine: qui è usato come aggettivo nel senso di avvezzo alla violenza.

57 ‘o sciummo: il fiume.

58 ‘ncarugnuto: qui innamorato follemente fino a perdere ogni identità.

59 ‘e lignammo: di legno.

60 mastuggiorgio: infermiere dei pazzi, qui nel senso di capo.

61 ‘e vascio ‘a Sanità: di giù alla Sanità, che è un quartiere popolare di Napoli.

62 police: pulce.

63 m ‘arracchio: m’ubriaco.

64 ricanna: pistola a due canne.

65 denucchio: ginocchio.

66 n ‘ommo ‘e paglia: un uomo senza valore.

67 me ‘nguaie: mi rovini.

68 sfriggia’: da sfregiare, fare sfregio sul viso.

69 Surzo ‘e sciarappo: sorso di vino dolce.

70 scippo: graffio, ma qui ferita.

71 nu parmo e nu ziracchio: un palmo ed una piccola quantità. Ziracchio è lo spazio che corre tra il pollice e l’indice distesi.

72 mappenella: straccetto.

73 scigna: scimmia.

74 cazone: pantalone.

75 me sto struienno: mi sto distruggendo.

76 Fronna: foglia.

77 tavuto: bara.

78 feto: puzzo; ‘o ssaie ca i’ feto: bisogna starmi lontano, temermi per la mia aggressività.

79 ‘o iunco: il giunco.

80 a maneca ‘e cato: a serramanico.

81 chiocche: singolare chiocca: tempia, qui cervello.

82 spantichèa: spasima.

83 sputazza: saliva; azzeccato cu ‘a sputazza: appiccicato debolmente.

84 ascianno: cercando; ascianno ‘e llegna ‘e ciento cantàre: cercando legna pesante. Cantàro è misura di peso di circa un quintale.

85 s’appiccecava: litigava.

86 A morze: a morsi, da muorzo.

87 ‘angrise: gli inglesi.

88 arricama’: ricamare, qui nel senso di pettinare con eccessiva cura.

89 n’allisciatella: una pettinatura sommaria.

90 diuno: digiuno.

91 ‘O puntone ‘o vico: all’angolo del vicolo.

92 subbeto: repentinamente.

93 cocchete: coricati.

94 areto: dietro.

95 scunta’: estinguere il debito.

96 pòvere: polvere..

97 Se so’ affamiliate: hanno familiarizzato.

98 ‘o maneco ‘a via d’ ‘o gruosso: qui nel senso di minacciare l’uso della maniera forte. Letteralmente: colpisco con la parte più grossa del bastone.

99 pettenessa: pettine ricurvo, talvolta intagliato ed ornato, che serviva alle donne per fissare sul capo le trecce dei capelli.

100 svacantato: svuotato.

101 nu saccone: detto anche paglione, gran sacco pieno di paglia o simile che si tiene sui letti, sotto le materasse. Pagliericcio, saccone.

102 te sì accunciato quatt’ove dint’a nu piatto: modo di dire per ti sei ben sistemato.

103 scupaturiello: spazzino, diminutivo di scupatore.

104 ferni’: finire.

105 m ‘ha dda ‘mpara’: mi deve insegnare.

106 ‘o mmio sempe d’ ‘o mmio è: il mio sempre mio è.

107 auni’: unire.

108 va mme piglia: va a prendermi.

109 bancarella: diminutivo di banca, panchetta o carrettino; rudimentale posto di vendita.

110 schiattamuorte: becchini.

111 v’ ‘a susciate: ve la fate sfuggire, perdendo l’opportunità di sfruttarla.

112 Na spingola: uno spillo.

113 zarellaro: merciaio.

114 pupata: bambola. Tengo ‘o vascio na pupata: mantengo il basso pulito, lindo.

115 ‘ncannaccata: adorna di collane.

116 allumma: accende.

117 Verdeprato: noto creatore di scarpe napoletano.

118 ‘A sciorta: il destino.

119 ‘ntusseca’: amareggiare.

120 acciaccuso: rissoso, attaccabrighe, guappo.

121 spartenza: divisione, separazione.

122 scupetta: spazzola.

123 vattiato: battezzato.

124 ‘A cuntrora: le prime ore del pomeriggio d’estate.

125 riggina: regina.

126 me ‘ntuppasse: mi urtasse.

127 ‘nguaiarrie: rovinerebbe.

128 ire: eri.

129 ampressa ampressa: presto presto.

130 levatavella: levatevela.

131 m ‘assetta’: sedermi.

132 carcere e malatie se cunosceno ‘amice: modo di dire, nella necessità si riconoscono gli amici.

133 pustiere: titolare del banco lotto.

134 strazzione: estrazione dei numeri del lotto.

135 dettangoli: dettagli.

136 assettato: seduto.

137 abbasato: serio, maturo, che dà affidamento.

138 susiti: alzati.

139 A chi ‘assigne: a chi lo racconti.

140 ‘a coso: la cucio.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno