In arte… Pucci

Stampa questo copione

George feydeau

PAOLO  TORRISI

“ IN ARTE...PUCCI !”

Commedia brillante

in tre atti

 

               Il dott. Matteo Modesti, si è invaghito di una sua cliente, Susanna Ferré, e ne è corrisposto in modo platonico. La moglie, Federica si accorge della tresca e chiede aiuto alla madre, Deodata Baricelli, che per stare più vicino alla figlia, prende in affitto un appartamentino, che però è stato affittato, a causa del semplicione Tocchetti, anche dal genero, per dare concretezza alla sua relazione… Il Colonnello Anatolio Ferré, però, ha seguito la moglie Susanna e la sorprende, nell’appartamentino abitato precedentemente da una sarta, con Matteo…che si giustifica, dicendo di essere un “sarto per signora”,di nome “Pucci”…

Anche Anatolio ha un amore segreto: Rosa, che risulta essere la moglie di Tocchetti, e desidera che il “sarto” le faccia un vestito…

Sicchè, tutti i personaggi, all’infuori del maggiordomo Orazio, si vengono a trovare nel luogo sbagliato e al momento meno indicato, creando così situazioni grottesche ed imbrigliate…

                      

                     “In arte…Pucci!” è l’adattamento della commedia di G. Feydeau: “Sarto per signora”, dove l’esilarante motivo-comico è dovuto a situazioni e circostanze assurde, create e poi risolte dall’autore con geniali meccanismi.

Personaggi:  U 4;   D 6;

n.b. Commedia tutelata dalla SIAE n°843904/A; codice n° 120257;

       In calce vie è un glossario per una più agevole lettura.

       Paolo Torrisi

       via, Abruzzo 3-;  60025 Loreto (AN)

       tel.071/978063;  cell. 349-7824237:

       torrisipaolo@virgilio.it

“ IN ARTE...PUCCI ! ”

Commedia in tre Atti

PERSONAGGI:

MODESTI  MATTEO              dottore                    

BARICELLI FEDERICA           sua moglie               

BARICELLI  DEODATA          sua suocera               

TOCCHETTI                           cliente                    

ROSA                                     sua  moglie              

FERRE’  ANATOLIO               generale                 

SUSANNA                             sua  moglie              

ORAZIO                                maggiordomo            

FORTUNATA                         cliente                    

VIRGINIA                           governante

PRIMO  ATTO

                       Il primo atto si svolge nel salotto di casa Modesti. Sul fondo e al centro vi è una porta a vetri, la “comune”. Lateralmente, a sinistra, vi sono due porte: la prima in alto è la camera di Fanny; quella in basso: la cucina. Di fronte, altre due porte: la prima in alto è la camera di Matteo; quella in basso: allo studio. In scena vi è un secrètaire, divano, tavolino, riviste mediche….

                       All’alzarsi del sipario la scena è vuota. E’ appena giorno. Orazio entra dalla porta di dx in basso, con scopa e altro occorrente per le pulizie.

                Scena 1^- Orazio

ORAZ- (entra, fa alcuni passi, poi si ferma e sbadiglia) Ennà che sonno che c'ho! Cum’è che uno quann’è el mumento d’alzarsi, c'ha più sonno?Pe’ me, l’omo duvria ‘spetta’ d’esse’ svejo pe’ ‘nda’ a letto! (risbadiglia)…Sta a vede che a furia de sbadiji me slogo la ciaffa!…Dipende dallo stomigo, ah? Boh! Je lu vojo dumanna’ al padrò!…E’ ‘na fortuna da gne’ esse’ el maggiordomo de ‘n duttore!…Nun me pudeva capita’ mejo, cagiunevole de salute cume so’! M’ha ditto che so’ de costituzziò “nerbosa-limatica”. Qua me ce trovo be’ ‘na mucchia…A dì la verità, però stacevo più mejo sei mesi fa, prima che el padrò pijasse moje. Tutto sommato nun me posso lagna’…la padrona è ‘na bella signora…’na donna cume se deve…fa proprio pe’ no’!…Me sa che è ora che lu svejo…(si avvia, poi si ferma) Però pure questa è ‘na cosa che nun capiscio: el padrò dorme da ‘na parte (indica la camera) e la signora da ‘n’antra! Miga ho capito perché se so’ spusati!…Dicene che se usa cuscì ‘ntel’alta società!…(avviandosi) Valli ‘n po’ a capì!… So’ curioso de sape’ chi dei do’ se sposta pe’…(bussa e chiama) Duttore?  Dutto’!…Ennà! Dorme pe’ le sette notti! (apre, mette dentro la testa e poi a voce alta) Nun c’è!…El letto è cume l’evo fatto!…Sta a vede che stanotte nun è rincasato!…El caro duttore sta a pija’ ‘na brutta strada!…E la spusetta dorme tranquilla…A me nun me pare ‘na cosa fatta be’!…(vede entrare la signora) E adé?… (mezzo inchino) Signora?!            

                 Scena 2^- Orazio- Federica-

FEDE- S’è già alzato el signore?

ORAZ- (balbetta) Eh?…No-no…Si-si!

FEDE- Cosa “no-no…si-si”? Me pari preoccupato.

ORAZ- Chi io? Preoccupato io? Anzi, al cuntrario…Mi guardi bene, signora! Je sembro preoccupato?

FEDE- Sì! (si dirige in camera di Matteo)

ORAZ- (velocemente le si mette davanti ) Nun buccate, signora!….

FEDE- (stupita) Perché nun devo entra’?

ORAZ Perché…perché el signore è malato.

FEDE- Ammalato? E allora il mio dovere è quello di…(si avvia)

ORAZ- (c.s.) No!…Nun è proprio malato…forse ho esagerato un pughetto…E po’. de là ce stanne le finestre operte…C’è troppa polvere, perché sto a fenì de ffa’ le pulizie!…

FEDE- Cosa? Tieni le finestre spalancate e fai polvere sapendo che mi marito è malato? Ma cosa me stai a raccunta’? (lo scansa e entra)

ORAZ- (va centro scena) Adé lu frigge senz’olio!…Io ho fatto quello che pudevo!

FEDE- (rientra) Il letto nun è stato tuccato…Nun c'ha ‘na grinza…Mi marito ha passato la notte fora de casa!….Certo che te deve paga’ bene come ruffia’!

ORAZ- Cercavo da evitavve…

FEDE- Sei troppo caritatevole! Te ringrazio…(sia avvia) Manco sei mesi de matrimonio!… Nun ce posso pensa’! (rientra in camera sua)

ORAZ- Me dispiace pe’ lia, ma a lu’ je sta be’! Io ‘nte ste cose nun transigio!

Scena 3^-Orazio e Matteo.-

                 (sente dei rumori provenire dalla porta dell'anticamera)

ORAZ- (tende l’orecchio) Cusa pole esse’? ‘Ntel palazzo nun ce so’ nè cani, né gatti…(si sente ancora ticchettio) Adé pijo la scopa e s’è qualche ca’ (prende la scopa) je rompo el manico ‘nte la schina! (va)

MATT- (entra massaggiandosi il braccio e scende a sx)) Brutto imbecille!... Se nun me paravo cul braccio m’avristi spaccato la testa!…

ORAZ- (scende al centro) Scusatemi tanto duttò, me pareva ch’era qualche ca’ che se smuficchiava ‘nte la porta pe’ ffa’ qualche bisognino! Nun pensavo mai ch’eri vo’? Vo’ c’ete la chiave.

MATT- E ‘nvece la chiave nun ce l’evo, perché l’ho lassata ‘nte la giacca che purtavo ieri!

ORAZ- Ete passato la notte fora de casa, evvé?

MATT- Nò!…Cioè sì!…Ma nun sgaggià e sta zitto!…(va alla porta di Federica:  tende l’orechio, poi ritorna) La signora sa qualcosa?

ORAZ- Imbé!…La signora è scappata de qua ch’è pogo e la faccia nun era tanto bella!…

MATT- (andando a sx) Accidenti..Accidenti…E ancora accidenti!

ORAZ- Quello che fate, signore mia, nun è pe’ gnente bello, anzi è grave!  Date retta a ‘n amico…

MATT- Quale amico?

ORAZ- Io.

MATT- Uhé! Cusa so’ ste confidenze? Mantenemo le distanze!…Che notte,che notte!…M’è tuccato durmì ‘nte la panca del pianerottulo de le scale!…C'ho le ossa rotte!…Se ‘spettane che rivago a le Muse!…

ORAZ- Ah, perché sete ‘ndato a vede el balletto a le Muse?

MATT- Sì,…cioè: no! Ma te voi ‘mpiccià dej affari tua?

ORAZ- Tanto pure se nun lu vulete ffa’ sape’, ve se legge ‘nte la faccia!…Se vede che sta notte ete fatto bisboccia!

MATT- (andando a sedere sul divano) Adé va in cucina o ‘ndo’ te pare, ma levate da qui!

ORAZ- Vago, vago, perché sennò va a fenì che i nerbi me  ‘ngrossane le grannule limatiche!…Ce lu duvristi sape’ che so’ nerboso-limatico! (esce in cucina)

MATT- (gli grida dietro) Linfatico, linfatico e non “limatico”!…Tutta colpa de Susanna…E’ el demonio…me fa ffa’ tutto quello che vole lia!…M’ha ditto: “Aspettami alle due, dopo mezzanotte, ‘nte la piazza!” So’ ‘rmaso lì a ‘spettalla pe’ nun so’ quante ora cume ‘n ciambotto…Po’ visto che non ‘rivava, so’ ‘rturnato a casa e non avendo le chiavi, m’è tuccato durmì ‘nte la panca del pianerottulo!…Chi nun ha passato ‘na notte cume me nun lu pole capì!…So’ fenito…distrutto…Sai cu’ fago? Ahi-ahiai!…(sta per sdraiarsi sul divano)

                 Scena 4^- Matteo e Federica-

FEDE- (uscendo dalla sua camera) Ah, eccoti, finalmente!

MATT- (si alza) Sì..so’ qua! (muove dei passi verso di lei) Hai dormito bene? (si ferma perché lei, poggiando le mani sulla poltroncina, gli volta le spalle) Come sei mattiniera?!…

FEDE- (amara) Perché tu no?

MATT- E sì…c’evo ‘n certo lavoro da fenì.

FEDE- (di fronte) Se pole sape’ ‘ndo’ hai passato la nuttata?

MATT- Eh?

FEDE- Dove hai passato la notte! (sillabando)

MATT- (sillabando anche lui) Ho capito!…dove ho pa-ssa-to la not-te!…Me pare che te l’ho ditto che ‘ndavo da Tocchetti?…Ennà se sta male cul’omo!

FEDE- (incredula) E hai passato la notte da lu’!

MATT- Certo! E’ ridotto male, puretto!…Tant’è che l'ho dovuto veglia'.

FEDE- Scì, in abito nero?(va estrema dx davanti al tavolino)

MATT- In abito nero, esatto!..Cioè no…Adé te spiego! Tocchetti…hum! Tocchetti è talmente malato, no?…che la più piccola emozione lo ucciderebbe! Allora per nascondergli la situazione…emo organizzato ‘na festicciola a casa sua…con tanti medici. Un consulto in abito nero,…poi ce semo messi a balla’ (accenna solo movimento di corpo e un “la-la-là!”…sempre pe’ nascondergli, è vero…E sempre ballando e cantando, facendo fenta de gnente…(balla e canta) Tante volte cu’ i malati bisogna usare sti  sistemi!

FEDE- (sarcastica) E cuscì è più de là che de qua!?

MATT- Purtroppo è spacciato!

 Scena 5^- Detti, Orazio- Tocchetti

ORAZ- (annuncia dal fondo) El signor Tocchetti!

MATT- (fra sé) Porca…propio lu’!

TOCC- Bona, duttò!

MATT- (che si è precipitato presso di lui, sottovoce) Zitto! Siete malato!

TOCC- Chi io? Ma cume ce pensate?

FEDE- State bene signor Tocchetti?

TOCC- Mejo de ‘n’anguilla! Grazie tante!

MATT- (subito) Come vedi: sta male!…(a Tocch)…Zitto!…Vi dico che sete malato!

FEDE- Ma perché voi che el signor Tocchetti sia malato, quanno è proprio lù che te dice…

MATT- Lu'?! Ma lu' che ne sa? E’ medico lu'? Te dico che ormai è decesso!

TOCC-Cume:  ‘ntel cesso!

MATT- Decesso! Spacciato! Non lo sapete perché vi abbiamo nascosto bene la vostra condizione di salute! (a parte) Ma sì, che crepi pure se lo desidera!

TOCC- Ma cusa state a dì?

FEDE- E’ proprio pe’ sto motivo che mi marito ha passato la notte accanto a voi!

MATT- Ecchece!

TOCC- Ete durmitu cu’ me?…(a Matteo) ‘Ntel lettu mia?…

MATT- Non dentro al letto, ma accanto! Nun ve ne siete accorto?…(a Fede-) Nun lu vedi che delira! (va da Tocche- e sottovoce) State zitto e nun parlate che me cumbinate guai. (va estrema sx)

TOCC- (fra sé) A me me sa che è lù el malato!

FEDE- (si avvia in camera, ma quando è vicino a Tocchetti si ferma) Cercate di curarvi bene…anche se avete un bell’aspetto pe’ esse’ un uomo in agonia!…(a Matteo) E’ vero che st’agonia dura ormai da ‘n bel po’?!

MATT- Scì! E’ un’agonia cronica!

FEDE- State tranquillo signor Tocchetti, che di st’agonia nun c’è morto mai nisciù! Con permesso!…(avviandosi alla camera) E’ chiaro che mi tradisce…Digo tutto a mamma!

MATT- (segue la moglie, ma si becca la porta in faccia,poio a Tocchetti) Ma insomma, è da un quarto d’ora che nun capite!

TOCC- (sgomento) Cusa c’era da capì?

MATT- Ma la situazione, l’illusione!…Se ho ditto che stavate in agonia: l’ho ditto perché c’evo le mie buone ragioni!…Nun capiscio perché nun ce pudevate ‘rmane!

TOCC- Me vulete spiega’ bene che nun cj ho capitu gnente!

MATT- Stanotte nun so’ ‘rturnato a casa e a mi moje je ho ditto che ho passato la notte a casa vostra, perché eravate in agonia: più de là che de qua! Ete capito adé?

TOCC- Ho  capito! Ieri stacevo là e adé stago qua!

MATT- (Esasperazione contenuta)…Va bene, va bene!…(passa ad altro) Per cosa sete venuto?

TOCC- Ah, ecco! So’ venuto da vo’, duttò, perché c’e da ffa’ un piacere!

MATT- (raddolcendosi) Beh, se se tratta de ffa’ un piacere!…A chi dovrei…

TOCC- A me!

MATT- Ah, è per… (ostenta una certa calma) Stateme a sentì! So’ stanco… Stanotte ho durmito sulle scale…(si avvia e siede sul divano lato quinta)

TOCC- Cu’ c’è di male?

MATT- E per giunta aspetto a mi socera!

TOCC- Cume so’ cuntento!…( gli siede accanto) Comunque, se tratta de…

ORAZ- (entra prima che Matteo cominci l’ultima battuta e va alla comune)

MATT- (vedendolo) Scusate…(chiama) Orazio?

ORAZ- Dite pure!

MATT- (gli si avvicina e sottovoce) Senti, siccome nun so cume ffa’ pe’ liberamme da sta piattula, fra qualche minuto me porti un bijetto da visita qualsiasi, quello che trovi pe’ prima, me lu porti e me dici che ‘na persona me vole parla’. Cuscì almeno se ne va!

ORAZ- Ho capito. El solito sistema pe’ manna’ via quelli che te rompene…(riceve sguardo di rimprovero da Matteo, si corregge) che “rompene” e basta! (via alla comune, mentre Matteo va a dx)

TOCC- (alzandosi) Ve stacevo a dì che…a causa della mia eredità…

MATT- (senza troppo interesse) Avete un’eredità?

TOCC- Mi zio m’ha lassato tanti quadrì e io c’ho cumprato un palazzo, in via delle Rose 70, ma nun riescio a affitta’ ji appartamenti…(si alza) Ecco perché so’ venuto da vo’, duttò! Vo’ c’ete tanti clienti e se pudete fammene affitta’ qualcuno…

MATT- Cosa? M’avete preso per un sensale?

TOCC- Nun c’ete gnente da perde’, anzi ce guadambiate, perché siccome el palazzo è vecchio, ‘ntej appartamenti boccane spifferi da tutte le parti, pare de sta in Siberia! Sai i raffreddori!…Ve mantenete la clientela.

MATT- E io dovrei consigliare i miei clienti le vostre case pe’ falli ammala’?…Ma ‘ndate al diavolo!(estrema dx)

TOCC- Ma nun so’ miga tutte cuscì, sapete!?…Ce n’ho uno, per esempio, tutto ammobiliato, ‘n’occasiò, ce staceva ‘na sarta…se n’è ‘ndata senza paga’…E’ ‘na storia un po’ straina! Figurateve che sta sarta…

MATT- Ma cusa vulete che m’enteressa della storia e della sarta? Cusa me ne fago io della sarta?

TOCC- Ma nun è della  sarta…Me sa che vo’ pe’ le medicine sete ‘n guezzu, ma pe’ (si tocca la testa) Adé ve spiegu meju!…

MATT- Nun pudevate scejie’ ‘n antro mumento pe’ venimme a parla’ de tutto questo?…E pensa’ che mi moje…Povera donna!

TOCC- (triste) Beato vo’ che c’ete ‘na moje!…Io la mia l’ho persa!

MATT- Mejo! Mejo cuscì

TOCC- Cume saria: mejo cuscì?

MATT- (si corregge) Vulevo dì: che disgrazia!

TOCC- (va estrema sx) Roba da nun crede cus’è la vita!…M’è stata purtata via in do’ minuti!

MATT- Un colpo al cuore?

TOCC- None! Un suldato. L’evo lassata ‘nte ‘na panchina dej giardini…Je evo ditto: “Vago a cumpramme un sigaro.”…e nun l’ho più truvata!

-C A M P A N E L L O-

                 Hanne sunato!

MATT- Sì!…(a parte)…Sarà Orazio!

ORAZ- Scusate, c’è un signore che ve vole parla’! Ecco el bijetto.

MATT- (scambia cenno d’intesa) Vediamo!…(dopo aver dato uno sguardo al biglietto. A Tocchetti) Scusatemi, ma è uno di quei seccatori a cui non si può dire di no!

TOCC- Lu so io cume bisogna ffa’ pe’ liberasse de cussù: (sedendosi) adé me metto a sede, cuscì è custretto a ‘nda’ via!

MATT- Ma è proprio ‘na cimicia da culletto! (a Tocchetti) El fatto è che me vole parla’ a quattr’occhi!…

TOCC- Quann’è cuscì!…(si alza per andare ma quando gli è vicino gli  toglie il biglietto) Fateme vede chi è sta piattula! Gino Leodoro? “Pulentòoooo!?”…Semo tanto amichi!…Lu vojo proprio saluta’! E’ da tanto che nun lu vedo.

MATT- Cosa?…Nooooo!…(lo sospinge verso la comune) Nun è lu’: è su’ padre!

TOCC- El padre?…(ritorna) Ma se nu ce l’ha mai avuto?

MATT- E’ lo zio!…(lo sospinge verso l’uscita) Andate, andate!

TOCC- (fa l’atto di uscire) Scì,vago via!…(si ritorna) Duttò, sarà  mejo che ‘spetto ‘nte cula stanza! (entra nel corridoio di sx)

MATT- (scendendo verso centro sx)Nun riescio a mannallo via!

ORAZ- Ve ‘rcordo che sete duttore.

MATT- Cu’ voi dì?

ORAZ- Vojo dì: basta che je fate ‘na siringhetta de sunnifero….

MATT- Co’? E’ mejo de no!…M ‘endormo io!…Anzi…(siede) famme durmì un’oretta…Me basta pure mezz’ora…(a occhi chiusi) Nun me fa disturba’!….Cume se sta bene!…

ORAZ- Quanno ve devo sveja’?

MATT- Dumà…Dopudumà…Se dormo, però, nun me svejà!

ORAZ-  E allora…(fa inchino) ce vedemo la settimana prossima! (esce)

                  Scena 7^- Orazio, Deodata, Federica.-

DEOD- (fuori scena) Vojo vede a mi fija e a mi genero!

ORAZ- (entra trafilato) Dutto', dutto'!…C’è vostra socera!…(bussa e poi mette solo la testa dentro la camera di Federica) …Signora c’è su madre! (si piazza in fondo di lato alla comune e annuncia) La signora Baricelli!

DEOD- (entra e va verso il tavolino…) Fiji mia! Fiji mia!…(vi posa la borsa)

MATT- (svegliandosi) El terremoto!… Mi socera?

DEOD- Ecchime! In persona.

MATT- Ma digo è cuscì che se svejane le persone?

FEDE- Mamma!…

DEOD- (abbraccia la figlia) Fija mia!…(al genero) E tu nun m’abbracci?

MATT- Come no?…Lu stavo pe’ fare…Sai cum’è quanno uno s’endorme senza socera e po’ quanno se sveja ne trova una…

DEOD- (si getta al collo di Matteo e lo fa dondolare a dx e a sx)

MATT-Bona!…Non mi sballuttula’ tanto! (staccandosi)…Sai cum’è: quanno uno sta a durmì…Me so’ appena svejato.

DEOD- Se vede! C’hai la faccia de uno che ha durmito troppo!

MATT- (andando sx)Tu ce ‘cchiappi sempre!

FEDE- Ma mamma, cusa c’è…?!

DEOD- (piagnucolando) Fiji mia! Fiji mia!…Cume so’ cuntenta da vedervi!

MATT- Lu vedo!

FEDE- E su, nun piagne’!

DEOD-  Nun piagno!…(calmandosi)  Quanno ve vedo mi emoziono!…Sai che sei dimagrito?…Cume mai sei in abito scuro? Devi ‘nda’ a un funerale?

MATT- Scì! E’… è per vo’.

DEOD- Co’?

MATT- (si corregge) In onore vostro!

FEDE- (sarcastica) El signorino ha dovuto veglia’ un malato cronico… moribondo!

DEOD- Cus’è adé,  fai pure servizio notturno?

MATT- No, ma quanno c’è de mezzo un ballo…(correggendosi)…Un “balato”…Un bedico è giusto che si dedica ai suoi balati!

DEOD- Cusa te sei raffreddato tutto de’n botto?

MATT- Scì!…E’ un raffreddore de quelli che cume viene se ne va: senza preavviso!

DEOD- Federica, non j prepari la tisana a tu marito?

FEDE- (mostra rabbia contenuta,e andando a sedere nella poltroncina) Mi marito se fa cura’ el raffreddore ‘n casa dej ammalati sua, quanno va a fare i “consulti coreografici”!

DEOD- Perché dighi cuscì? C’è stato qualco’ tra vo’ do’?

MATT- No…Però qualcuno s’è alzato male stamattina!

FEDE- E qualcun altro invece nun s’è alzato pe’ gne’!

MATT- Tié-pija-e incarta! (tra sé)

DEOD- Adé state calmi!…Pe’ evita’ contrasti tra marito e moje: c’è la socera!

MATT- (tra sé) Che ce mette el dito!

ORAZ- (entra dalcorridoio sx con un biglietto datogli da Tocchetti) Signore, cul’omo de pogo fa m’ha dato stu bijetto!

MATT- Scusate!…(legge e poi ) E’ Tocchetti!…Se quessu s’ammala ce penso io!

DEOD- Cusa c’è adé?

MATT- Gnente…E’ del barbiere mio!…(a Orazio) Va in camera mia: pija la vestaja e portela!

ORAZ- La posso purta’ davé?

MATT- Certo che la devi purta’!

ORAZ- Grazie! Sete tanto bono. Grazie! (va in camera)

MATT- (che non capisce) Nun capiscio adé, perché so’ tanto bono!?

                  Scena 7^- Detti, più Tocchetti.-

TOCC- (tirando fuori solo la testa) Digo, ve ‘rcurdate che stago qua?

MATT- Ancora lu’!…(ricacciandolo nel corridoio) Turnate dentro…Via!

DEOD- E quello chi era?

MATT- (scendendo) Niente!…Un malato!

FEDE- Vuoi dì “un balato!”

MATT- Nò: malato, cu’ la “emme”, perché el raffreddore, all’improvviso, m’è passato!

DEOD- Ma perché nun l’hai fatto bucca’?

MATT- Perché…perché c’ha ‘na malattia contagiosa!… Una de quelle malattie che quanno uno le pija nun riesce più a liberassene!

FEDE- E’ un malato de comodo!

DEOD- Comodo?

MATT- Scì!…Perché quanno uno paga fa sempre “comodo”!

DEOD- C’è qualco’ che nun spiana!…Vojo parla’ cu’ mi fija!…Matteo te dispiace…Je vuria parla’!

MATT- Figurati, mi fa piacere…specie quanno mi moje è cuscì de malumore! (va in camera)

                              Scena 8^- Detti, più Tocchetti e poi Matteo-

 

DEOD- (facendola mettere a sedere su una poltroncina) Mettete a sede!…Cusa c’è che nun va cu’ tu marito?

FEDE- (scoppia a piangere) Oh!…So’ stata proprio sfortunata!

DEOD- (dura) Parla invece de fa’ la “gnagnera!”

FEDE- (ricomponendosi) Mi marito ha dormito fora de casa!

DEOD- Scìiiiii?..... E quanno?

FEDE- Stanotte!…E chissà quante altre notti,  senza che io me ne so’ accorta!

DEOD- Senza che te ne sai ‘necorta? Ma queste so’ cose che se vedene…Specie de notte!…’Ndo’ sta la vostra camera?

FEDE- Quale? La mia?

DEOD- La tua, la sua!…La vostra, insomma!

FEDE- Io dormo de là e Matteo de qua!

DEOD- Co’? Dopo sei mesi tu dormi ancora de là e lu’ de  qua? Miga ce lu sapevo!

FEDE- (alzandosi) E’ cuscì!

DEOD- Qua sta l’errore!…Bisogna che durmite ‘nte la stessa camera! La camera comune è la salvaguardia della fedeltà coniugale!

FEDE- Dighi?

DEOD- Digo!…Tiene unite persino le coppie che nun so’ spusate!…Ma pensa tu!

TOCC- (entra facendo un passo verso le donne) Scusate…

DEOD- (preoccupata si rifugia dietro alle sedie di dx) Jé Madonna! L’impestato!…’Ndate a letto!…Metteteve colco!

TOCC- (accenna ad avanzare) C’ho de ‘nda’a letto?

DEOD- Scì! Quanno se sta male, bisogna sta’ ‘ntel letto!…Metteteve colco!

TOCC- Me sa che ‘nte sta casa o c’hanne qualche rutella de più o de meno!…Je dite al duttore….

DEOD- …Scì! Je lu digo!…

TOCC- Cusa je dite?

DEOD- Nun lu so, ma state bonu lì!…

TOCC- Je duete dì che io stago de là!

DEOD- Va bé!…Je lu digo!…

TOCC- Grazie!

DEOD- Nun ve vicinate…’ndate via!

TOCC- Ve vulevu bagià la mà?

DEOD- Ce mancheria! No, no, nun se pole!…Alla prossima! Adé ‘rturnate ‘ntel letto!

TOCC- (rientrando) Grazie ancora…Vi saluto!

DEOD- (va ad assincerarsi che Tocchetti sia andato e riscendendo verso centro sx) Nun capiscio perché mi genero i malati nun li lassa a casa de lora!…Comunque, stamie a dì che Matteo ha durmito fora de casa…Giusto?

FEDE- (fa due passi verso centro) Scì, mamma!

DEOD- E cu’ chi?

FEDE- E cu’ chi?

DEOD- Nun sai manco cu’ chi ha durmito?

FEDE- Nun lu so...

DEOD-  …E ‘ndo’ ha durmito?

FEDE- Nun lu so…(prendendo un guanto da da un cassetto) So solo che ieri je ho truvato sto guanto ‘nte la saccoccia!

DEOD- E’ già qualcosa..E ‘nte le carte sua?…

FEDE- Chi c’ha guardato mai? So’ cose sue.

DEOD- Ma che cose sue? (tosse d’intesa) Ecchilo! (sospingendo Federica alla camera) Va de là!

FEDE- (esce)

MATT- (chiudendo) Speriamo che ha aggiustato tutto!

DEOD- (decisa) Matteo!?

MATT- Suocerina mia!

DEOD- ‘Ndamo pe’ le spicce. (va centro scena) De chi è sto guanto? Lu cunosci?

MATT- Se lu cunoscio? (va centro scena) Sapessi quanto l’ho cercato! (cerca di prenderlo)

DEOD- Giò le ma’!…De chi è?

MATT- E de chi è?…(disinvolto) El mia!

DEOD-  El tua…de sta misura chì? Questo è un guanto da donna!

MATT- Te pare…perché s’è bagnato e s’è ristretto.

DEOD-  S’è ristretto… e s’è slungato!?… Cume mai?

MATT- L’acqua j ha fatto guadagna’ in lunghezza quello ch’ha perso in larghezza…Pure tu se te bagni…(mimica)

DEOD- Ma cu’ stai a ‘mpastrucchia’? C’è pure la misura: sei e mezze!

MATT-  L’acqua!…Nove e mezze!…L’acqua ha rovesciato el numero.

DEOD- Ma cusa credi che so’ tutta stupida!

MATT- No, tutta no!…Questo nun me saria mai permesso da dillo!

DEOD- 'Gna' che te diga che cume marito fai ‘rgumita’! Te cumporti come un debosciato!

MATT- Chi io?

DEOD- Scì! Passi le notti fora de casa e oltretutto te fai truva’ guanti da donna ‘nte le saccocce. Guarda che se tradisci a mi fija: c'hai da ffa’ i conti cu’ me!

MATT- Scusa…

DEOD- Te ‘rcordo che sei spusato…

MATT- (tra sé) Adè cumencia a rompe’!

DEOD- …e che hai giurato fedeltà.

MATT- Scì, ma miga a te!

DEO- El prete ha ditto che la moje deve seguì el marito e allora: no’ te seguimo!

MATT- Questo era pe’ la moje e non pe’ la socera!

DEOD- 'Nte cul mumento, el prete, nun c'ha pensato…e po’ cu’ vurristi separa’ la madre da la fija?

MATT- Ma va al diavolo! (va estrema sx)

DEOD- Cosa?

MATT- Sai venuta pe’ torturarmi?…Io fago quello che me pare e nun c'ho da rende’ conto a nisciù e ‘nvece tu me continui a rompe’!

DEOD- Che vole dì che io so’ de troppo qua, è ve’?

MATT- Scì se fai la mela della discordia

DEOD- Cuscì me manni via da la casa de mi fija!

MATT- Nun ho ditto che devi ‘nda’ via!

DEOD- Nun c’è bisogno che me lu ripeti do’ volte, sa’!?

MATT- (esasperato va verso di lei) Stamme a senti’ bene! (frenando e tra sé andando) Famme ‘nda’ che questa è bona a ffa’ perde la pazienza pure a San Placido!

DEOD- Tutti uguali sti mariti!…Pure el mia faceva lu stesso cu’ mi madre!…E chi ce ‘rmane ‘nte sta casa?…Famme ‘nda’ via…A costo da cerca’ un letto al dormitorio pubblico!…(prende la borsetta e i guanti e fa per andare…)

TOCC- (ch’era già in scena a: …lu stessu cu’ mi madre…”)

DEOD- …Chissà se riescio a truva’ un appartamentino ammobiliato?

TOCC- ( che ha sentito) Cercate un appartamentino ammobiliato? Me sa che io c'ho quello che fa per Voi!

DEOD- (spaventata) Jezu! El malato!…Adé me ‘ttacca’ la malattia!(si mette dietro una sedia o il tavolo)

TOCC- (a parte) Je ripijane le fantiole!…(forte) Dicevo che ho quello che fa per Vo’: un ammezzato tanto carì…Se pole affitta’ subito…Tutto ammobiliato!

DEOD- Ah,scì?

TOCC- Proprio qua vicino: via Delle Rose 70. (gli vuole porgere un foglio, che farebbe da bigliettino da visita, che poi infilzerà alla base dell’ombrellino di Deodata) (I due attori vanno a soggetto con frasi come:…nun t’avvicina’ che me l’attacchi!)

DEOD- (prende il biglietto infilzato nella base dell’ombrellino e tenendolo lontano) …E ce stavi Vo’?

TOCC- No, ‘na sarta. Se ve racconto la storia….Figurateve che sta sarta…

DEOD- Scì, va be’!…E’ messo be’?

TOCC- Dio mia! Dipende…se è pe’ abitacce…

DEOD- Certo!

TOCC- No, perché pudria servì pure pe’ le “scappatelle”!

DEOD- Cusa ete ditto?

TOCC- (si corregge) Dicevo che le stanze so’ tutte belle!…

DEOD- Me sa che lu vago a vede oggi stesso.

TOCC- Sta a vede che l’affitto!

                Scena 9^- Tocchetti, Matteo, Orazio, Susanna.-

MATT- (entrando di schiena) Nun trovo la vestaglia…Evo ditto a Orazio de purtarmela!…

DEOD- (andando nella camera di Feder) Ve lasso cu’ mi genero!

MATT- (scorgendo Tocchetti) Oh, carissimo?…Siate il benvenuto!

TOCC- Co’? E’ la prima vo’ che me lu dite!

MATT- Sapete che ho pensato a quello che m’ete ditto prima?

TOCC- Precisamente?

MATT- Prendo in affitto l’appartamentino!

TOCC- (a parte) E do’! Se sapevo giucavo al rialzo! (forte) Ah, scì?

MATT- Me serve proprio!…A Vo’ ve lu posso dì, perché so’ che sete uno che nun parla.(gli si accosta e a mezza-bocca) C'ho ‘na relazione!

TOCC- Ce ‘ndate a ffa’ culazione?

MATT- Ma che colazione?

TOCC- L’ete ditto vo’: “ce fago colazione”.

MATT- Relazione!…Una relazione amorosa. L’hai capito adesso?

TOCC- Cu’ ‘na donna?

MATT- Con chi sennò? ‘Na cosa platonica, pel mumento…’Na donna spusata…Era ‘na mia cliente!

TOCC- E cu’ c'eva?

MATT- Gne’! Ma tanto ho fatto che l’ho guarita.

TOCC- E su marito cusa dice ?

MATT- Nun lu so! Chi lu cunosce?…Quanto me costa l’affitto?

TOCC- Ducentocinquanta!

MATT- All’anno? Lu pijo subito!

TOCC- Quale anno? Al mese.

MATT- Cus’è già me fate l’aumento?…Va be’ lu pijo lu stesso!

TOCC- Quanno pensate…?

MATT- Oggi stesso.

TOCC- Porca miseria è tutto sottosopra!…C’è ancora la roba de la sarta!…Ve l’ho fenito da raccunta’ la storia?…No, perché c‘è da ride…Figuratevi che sta sarta….

MATT- La storia me la raccuntate duma’!

TOCC- Scì!…Oh, però ancora nun è a posto…

MATT-  P’adé m'adatterò. Lu farete mette’ a posto dopo.

ORAZ- (entra e ha addosso la vestaglia di Matteo)  Signore! C’è la signora Ferré!

MATT- Ah, bene! (a Tocche) Sentite ‘ndate de là e intanto scrivete el cuntratto…La carta e la penna la truvate de là! (lo accompagna sospingendolo verso il corridoio sx)…(a Orazio) Certo che tu nun ne fai complimenti,eh? Te sei messo la vestaja mia!

ORAZ- Me l’ete ditto vo’ de purtarla. M’ete ditto: “porta la mia vestaja!” E io la porto.

MATT- E questa nun la vulevo sentì!

SUSAN- (felice) Buongiorno amico mio!

MATT- (fa cenno a Orazio di andar via) Ma lo sai quanto sei stata cattiva? Perché ierisera  nun sei venuta all’appuntamento?

SUSAN- Perché nun ho poduto. Mi marito nun m’ha lassato tutta la sera!

MATT- Me l’ero immaginato!

SUSAN- Ma lu sai ch’è da un po’ de tempo che, Anatolio, me ‘ccumpagna dappertutto? Per esempio adé è de sotta che me ‘spetta!

MATT- Cosa?

SUSAN- Vuleva salì cu’ me, ma l’ho obbligato a ‘rmane de sotta!

MATTE- (prendendole le mani,cammina a ritroso fino a sedere insieme a lei sul divano) Manco te l’immagini quanto so’ cuntento, che stai qua!…Però quì nun ce pudemo vede più…Ste visite mediche troppo frequenti lassane capì qualcosa e alla fine ce scoprene…

SUSAN- E sai le chiacchere?…

MATT-  Allora ho pensato che è mejo se ce vedemo…sin da oggi….’nte un campo neutro!

SUSAN- ‘Nte un campo? Me pare che nun c’emo più l’età pe’ ‘nda’ pe’ prati! Nun saria mejo un appartamentino, ‘nvece de un campo?

MATT- Appunto!…Ce n’ho uno in via delle Rose 70, tutto ammobiliato…è a do’ passi da chì…Basta gira’ l’angolo!

SUSAN- Quasi quasi ce vieno!…Però senza secondo scopo, perché ce lu sai che me piace l’amore platonico…etereo!

MATT-  C'hai i stessi gusti mia!

SUSAN- Anche perché sai che so’ fedele a mi marito.

MATT- Nun l’ho mai messo in dubbio.

SUSAN- (alzandosi) Allora ‘rmanemo d’accordo che ce vedemo in via delle Rose 70! Degià me sento male!…E’ la prima vo’ che lu fago!…

MATT- Hai detto la verità: è la prima volta che lu famo.

SUSAN- Adé scappo che…

                 Scena 10^: gli stessi,Orazio,poi Anatolio.-

ORAZ- (entra si mette da un lato dell’entrata, annuncia e dopo va via) El signor Ferré!

SUSAN- (impaurita) Mi marito!…

MATT- (come Susanna) Porca miseria! Nun lu vojo vede!

ANAT- (entra)

SUSAN- ( va incontro - non lo lascia parlare)…Caro, stavo pe’ veni’!

ANAT- Beh, allora va che te raggiungo subito!…Dico una parola al dottore e ti raggiungo! (vedendo Matteo in abito scuro lo scambia per il maggiordomo,dandogli il cappello e bastone) Per favore lasciaci da soli! (a Orazio che lo vede in vestaglia da camera, lo scambia per il dottore) Dottore!?…

MATT- (a parte) Questa sì ch’è bella! (posa bastone e cappello sul tavolo)

SUSAN- Ma…?

MATT- (la ferma e le fa capire con mimica che è un bene il marito creda questo. Le indica di andare, mentre lui entra in camera sua)

ANAT- Stavo di sotto e ho pensato de chiedervi un parere…Da un po’ de tempo me sanguina el naso e me se ferma la circolazziò del sangue!

ORAZ- Bene!…Prendete la chiave della sala da pranzo.

ANAT- Cu’ c'ho da ffa’ cu’ la chiave de la sala da pranzo?

ORAZ- La pijate e ve la mettete ‘nte la schina.

ANAT- La sala da pranzo? Ennà!…

ORAZ- Duvete ‘rmane pe’ ‘n’ora e mezza cul naso e la bocca drento ‘na bacinella pina d’acqua, senza mai ritirarli!

ANAT- E, cume respiro?

ORAZ- Respirate pure, basta che ‘rmanete cul naso e la bocca ‘nte l’acqua! E’ un rimedio antichissimo!

ANAT- Veramente avria preferito qualche altro rimedio!…(andando a sedere) Guardateme la lingua!…Cu’ ne pensate? (la tira fuori)

ORAZ- (siede vicino a lui) Ssseh!…La mia è più longa! (la tira fuori pure lui)

ANAT- Cosa?

ORAZ- E po’ la vostra è rotonda, mentre la mia è a punta! (la ritira fuori)

ANAT- E su, dottore!

ORAZ- Ma io nun so’ duttore!

ANAT- Nun sete el duttore? (si alza)

ORAZ-  (alzandosi anche lui) E’ l’istessa cosa!..Io so’ el cameriere!

ANAT- Vo’ siete el cameriere e parlate cu’ me?

ORAZ- Nun ve state a preoccupa’, io so’ un tipo alla mano…e po’ nun cj ho gnente da fa’!

MATT- (entra senza farsi farsi notare: vuole uscire di casa.- Entra alla battuta di Anatolio: “Vo’ siete il cameriere e parlate cu’ me?”

TOCC- (entra in scena contemporaneamente a Matteo, con un foglio in mano e lo blocca all’uscita) Ecco el cuntratto!

MATT- Grazie tante!

TOCC- Ve vulevo raccunta’ la storia della sarta…

MATT- ‘N’antra volta!…Adé nun c'ho tempo!

ANAT- (che ha seguito le ultime battute, dei due, poco convinto…a Matteo) Scusate dottore?!

MATT- Io nun so’ el duttore! (esce)

ANAT-Scusate!…L’ho sgambiato pel duttore…Sarà un malato! (guarda Tocchetti e andandogli incontro) Sarà questo?…Scusate…

TOCC- (che non capisce) Ve ne vojo raccunta’ una bella: duvete sape’ che io c’evo come inquilina ‘na sarta…

ANAT- (che ha guardato l’orologio) Scusate ma vado di fretta! (esce)

TOCC- (meravigliato) Cus’è vanne via tutti?…(vede Orazio e allora sorridendo gli va incontro)…Ve ne vojo raccunta’ una bella…

ORAZ- Non ho tempo pe' scoltavve…C'ho tanto de cul da ffa’ in cucina…

TOCC- (lo prende sotto braccio e lo fa sedere accanto a sé) Duvete sape’ che c’evo cume inquilina ‘na sarta e quessa cj aveva a uno che…(comincia a ridere dando le spalle a Orazio, che piano piano se la svigna. Si accorge di essere rimasto solo…) E cum’è che cj hanne tutti prescia?…(al pubblico) In bona sustanza, la storia nun è manco longa…Donca, sta sarta c’eva a uno che…( Musica di chiusura molto alta,tanto da coprire la voce di Tocchetti, che si alza e parlando cerca di fermare il sipario che invece si chiude)

S I P A R I O

SECONDO  ATTO

          L’ammezzato di via Delle Rose, 70-.  Comune sul fondo, con serratura rotta. Ai due lati della Comune due sedie. In fondo a sinistra un MANICHINO con un abito da donna. In secondo piano, una porta a destra e una a sinistra. In primo piano a destra: banco con sopra pezzi di stoffa e tutto ciò che occorrerebbe ad una sarta. A sinistra un divano.

        All’alzarsi del sipario la scena è vuota.

Scena 1^ : Matteo e poi Susanna.

MATT- (entra e cerca poi di chiudere la porta) L’ammezzato deve esse’ questo!…Tòh! Nun se chiude…La serratura è rotta!…’Ndamo be’, sai che divertimento!? (si gira e si trova di fronte il Manichino, che istintivamente saluta) E’ un manichino, me pareva ‘na signora!…Me so’ scurdato che prima ce stava ‘na sarta…(guardando intorno – dà una veloce occhiata anche alla stanza di dx) Penso che quanno l’avrò ripulito e sistemato, sarà carì!…Però nun è che sto a ffa’ ‘na cosa tanto bella, visto che so’ spusato!…E’ la cuscenza che parla!…Parla…parla, tanto nun ce sento!…(sente bussare alla porta- si trova a dx)… Chi è?

SUSA- (fa vedere solo la testa)

MATT-Susanna!?

SUSA-(entra e vuole chiudere la porta) Cume mai nun se chiude?

MATT- (prende una sedia e va verso la comune) Nun te preoccupa’…p’adé ce mettemo ‘na sedia! (la poggia alla porta)

SUSA- (scendendo) Nun è che c’è pericolo…

MATT- Ma nòooo! Ma che pericolo ce deve esse’?…

SUSA- Te l’immagini se ce vede qualchidù?

MATT- Chi voj che ci vede dal mumento che semo soli?… Vieni…( e le prende le mani e indietreggiando si siedono sul divano: lui a dx e lei a sx)…Ma cu’ fai tremi?

SUSA- Un pughettu, ma passerà! Pure mi marito lu dice: in guerra pure i più coraggiosi tremane prima del fuoco, ma dopo la prima bomba, tutto passa!

MATT- Hai visto! Devi crede a quello che dice tu marito…Dunque, adé te poi toje el cappellino.

SUSA- Che me lu levo a ffa’? Tra pogo vago via…Anatolio me sta a ‘spettà de sotta!…Anzi pole salì da un mumento all’altro!

MATT-  Tu marito?

SUSA- M’ha voluto 'cumpagna’ a forza!

MATT- Orca!…(alzandosi) Ma allora j l’hai ditto?…

SUSA- (alzandosi e andando verso estrema sx) Eh scì che je l’ho ditto!

MATT- (contrariato, va al centro scena) E nun je lu duvevi dì!

SUSA- Me so’ ‘rcurdata che questo era prima l’atelier de ‘na sarta e j ho  ditto che ‘ndavo da la sarta!

MATT-Ah, dalla sarta!…Meno male! Adé stago mejo!

SUSA- (accostandosi) Credi che m’ha fatto piacere che me ‘ccumpagnasse? Ma je l’ho dovuto permette’ pe’ nun fallo suspetta’! So’ stata brava?

MATT- (prendendole la guancia con due dita a mo’ di carezza) E brava la mia Susanna!…(andando a sx estrema:tra sé) Me pija le sudarelle se penso che de sotta ce sta su’ marito!…(si gira la guarda e…) E brava la mia Susanna…

SUSA- Me l’hai già ditto!

MATT- Ah?…Ah,sì!…E’ possibile! (girandosi) E brava la mia Susanna!

SUSA- E tre!

MATT- (di fronte) Scì, e tre!…

SUSA-(accostandosi) Dimme che nun stago a ffa’ ‘na pazzia.

MATT- Ma no, ma no!

SUSA- Ce lu sai che è la prima vo’?

MATT- E che nun ce lu so?…Però me sento tanto a disagio a sape’ che de sotta ce sta…

SUSA- E se viene cu’ je dighi?

MATT- Eh! Cu’ je digo? (andando a dx) Je digo…je digo…(di fronte) je digo che so’ el sarto!

SUSA- Un omo che fa da sarto?!…

MATT- Ce n’è tanti…E so’ più bravi de le donne!

SUSA- (accostandosi) Anatolio è tanto geloso…E’ capace de tutto! Sai…lu' è un militare e ha confidenza cu’ le armi e …ho paura che…

MATT- Che?…(mimica di pistola con assenso da parte di Susy: al che si allontana estrema sx) Che belle notizie che me dai!…Io j fago vede che so’ uno de quelli che nun moccica! Insomma uno de quelli mosci mosci. Anzi, famme toje la giacca…(che mette al manichino)…Tiro su le maniche e ecco el sarto! (con faccia poco felice) Cu’ te ne pare?

SUSA- Me pare che nun sai cuntento che so’ venuta!

MATT- Chi io nun so’ cuntento? Dalla cuntentezza me metteria a canta’ e balla’…(accenna qualche passo di valzer, ma viene attirato da un lembo di tapezzeria strappato e allora tra sé)…Però Tocchetti vole troppo pe’ st’appartamentino…(si guarda intorno)

SUSA- A cusa stai a pensa'?

MATT- A gne’!…Cioè, a te!…A te.

SUSA- Invece so’ scigura che nun me voi più!

MATT- Cusa dighi?…A me, che vuria passa’ tutta la vita ai tuoi piedi!?

SUSA- Lu dighi tanto pe’ dì!

MATT- Voi la prova?…Eccola!(si inginocchia e le cinge la vita)

Scena2^ : Gli stessi più ANATOLIO.-

ANAT- (entrando fa cadere la sedia) Fulmini e saette!…Cusa ho cumbinato?

MATT- Jezu! El marito!…Anatolio!…Nun se pole entra'!

ANAT- Come, nun se po’ entrare?

SUSA- Gambia la voce…La voce!

MATT- Scì!… ( si alza e con false movenze va estrema sx ) Vulevo dì che nun se pole entra’ se nun se rompe qualco’!

ANAT- E allora io posso: ho già rotto!

MATT- (a parte) 'N bel po'!

ANAT- Sotto m’annoiavo…e allora ho pensato de salì.

MATT- Che idea che c’ete avuto!…

ANAT- Ma non vorrei disturbare…Fate come se non ci fossi!

MATT- (a parte) E’ ‘na parola!

ANAT- Stavate prendendo le misure a mia moglie?

SUSA- (prende la palla al balzo) E sì! El signore me stava a misurà la vita, ma sei arrivato tu e…!

MATT-  E già…la vita!(andando da Susy) Finisco di misurarla…(cingendola) Centosedici!…Centosedici di circonferenza!

SUSA- Oh?…Ma che centosedici? Cinquantotto! (siede parte dx quando Matteo va a sx)

MATT- (rimediando) Lo so, lo so cara…I grandi sarti raddoppiano tutto!(ritornando a sx)

ANAT- Pure i conti?

MATT- Quelli li triplicano!…Cosa volete, ci distinguiamo dalle piccole sartorie!…Siamo più cari….Misuriamo senza metro!…Voi per esempio siete un metro e novanta!

ANAT- Ma che dite: uno e settanta!

MATT- Perché non vi vedete! (di nascosto fa il segno delle corna) Pe’ adé sete cresciuto di soli venti centimetri, ma penso che crescerete ancora!

ANAT- (a Susy ridendo) E’ simpatico,ma è un po’ strano  questo sarto! (a Matteo) E…qual è il vostro nome?

MATT- Io mi…mi…mi chiamo Pucci!

ANAT- Mi sembra di averlo già sentito da qualche parte questo nome!…

MATT- Si, si! Ce ne siamo tanti di Pucci, sa?

ANAT- E pure la vostra faccia mi sembra di aver visto. Dove?…Dove v’ho potuto vedere?

MATT- Non so!…(a parte) Speriamo che nun se ricorda!

ANAT- Ma sì! Dal Dottor Modesti! Ecco!…Il medico di mia moglie…E’ lì che vi ho intravisto!…Pure voi vi fate curare da Modesti?

MATT- Sì! Ma ci vado pogo…Tanto pe’ quello che fa? Manco te tocca!

ANAT- E’ un ciarlatano!

MATT- (con voce normale) Aho! Come ve permettete?…

ANAT- Cos’è, avete cambiato voce?

MATT- Macchè! Quando m’arrabbio, tante de cule vo’, me gambia la voce! El sangue me gira a la sverza e allora… me gambia!

ANAT- Ma perché vi siete arrabbiato? A voi che ve ne frega?

MATT- Io so’ molto affezzionato al medico mia…Anche se nun me tocca!

ANAT- Ma sì…che m’emporta po’?…(sedendo accanto a Susy) Sentite… cosa le state a fare a mia moglie?

MATT- Gnente, je lo posso giurà!

ANAT- (con meraviglia)Come niente?

SUSA- (interviene) Una polacca!…Con tanto tulle…con sbuffi…

MATT- Sì, tanti sbuffi in pelliccia…sbuffi de qua, sbuffi de là…e po’ tante pagliuzze fitte fitte che je cadene dal pantalone!

ANAT- Un pantalone?

SUSA- Quale pantalone?

MATT- Qualo?…Ma quello de sotta…Lo so, non si vede, ma è sempre bene che una donna bella ce l’abbia. E’ come protezione…non si sa mai, lei mi capisce!

ANAT- Mi sembra un po’ eccentrico…Non ha per caso un modello?

MATT- Essà, bello mio! Io i miei modelli li lascio nei miei ateliers, non li posso far vedere in giro alla concorrenza!…(tra sé) Ma quanno se ne va?

Scena 3^ : Gli stessi più FORTUNATA.-

FORT- (entrando) E’ permesso?…Signori, buongiorno!

SUSA- E questa adé chi è?

FORT- C’è la signora Pecetta?…La sarta?

MATT- No! La sarta non c’è!…Lei chi è?

FORT- Io sono la signora Recchia Fortunata!

MATT- (attaccato e a parte) Io ‘na recchia sfortunata! (forte) Cosa volete?

FORT- So’ venuta pel tailleur che m’ha fatto e…(mostrando un foglio di carta scritta) pel conto...

ANAT- Ma non siete voi il sarto?

SUSA- (a parte e con il volto verso quinta laterale) Madonna jutace!

MATT- Io di solito lavoro nei miei ateliers!…E’ la signora Pecetta che lavora qui…Adé ci sono io perché le ha preso uno sturbo, una pausa più o meno!…(a parte)Cul disgraziato de Tocchetti me lu pudeva dì che la sarta è ‘ndata via senza avvertì i clienti!…(forte) Desiderate? Dite a me, sono il socio.

FORT- So’ venuta pe’ do' cose: primo, pel conto, che nun me sta be’: troppo salato! 'N’esagerazziò!…Me duvete ffa’ uno sconto!

MATT- Ma tutto quello che volete. (a parte) Tantu a me cu' me frega?

FORT- (gli da un foglio di carta) Ecco! Guardate.

MATT- (legge) Trecentoquarantalire!

FORT- Troppo pe’ sto straccettu de lino che m’ha fatto !

MATT- Ma c’ete raggiò…(ridandole il foglio) Esagerato!Trecentoquaranta lire pe’ sto straccetto de lino!…

FORT- Polene basta’ 300 lire?

MATT- Certo! Via le 300 e portate le 40 lire.

FORT- Solo 40? Nun pensavo mai che me facevi tuttu sto sconto! Grazie!… La segonda cosa che c’evo da dì a la sarta è che: sto vestito me l’ha fatto troppu stretto.

MATT- Non si direbbe…(fa fare un giro a Fortunata per far partecipi gli altri ) A vederlo cuscì, non pare…che ne dite?

FORT- Co’? Me sento tutta legata…Se slongo le braccia: deventa a mezze maniche! ‘Ardate…(continua a soggetto)

MATT- State calma che adé ce penso io! (va al banco e prende delle forbici,e le taglia le cuciture delle maniche, che nella parte posteriore sono imbastite, poi ponendosi dietro in ginocchio, le strappa la giacca a metà, facendo finta di tagliare farà sentire il rumore delle lame della forbice,mentre era tenuta da un nastro a “strapp”)  Sistemo tutto io! (alla fine) Ecco fatto!…Pruvate a fa’ dei movimenti!…

FORT- (esegue)

MATT-Vi sentite più libera?

FORT- Adé scì che va bene!…Vo’ sì che ve n’intendete!…Grazie tante!…Che sarto!…Oh, el prossimo vestito me lu duvete ffa’ vo’! Vago via…Buongiorno!…(si gira e andando fa dei movimenti che lasciano vedere il taglio che Matteo ha fatto.- Sulla comune si gira e…) Fra ‘n po’ ve portu le 40 lire! (via)

MATT- Se me ce truvate?! (mimica d’intesa con Susanna e nel mentre..)

ANAT-  (a parte) Oh! Me s’è fatto tardi…Rosa m’aspetta! (forte- alzandosi) Signori io debbo andar via!… Le lascio mia moglie. (accostandosi a Matteo) Occupatevi di lei! Fatele qualcosa che possa piacerle…di molto aderente. (va all’uscita, poi si ferma)

MATT- Se posso!…

ANAT-Prendetele bene i fianchi!

MATT- Col vostro permesso!…

ANAT- …e il petto!

MATT- Se lu dite vo’!?…

ANAT- (batte i tacchi, fa inchino e…via)

MATT- (appena Anatolio esce, prende la sedia e di corsa la poggia alla porta e vi si siede) Dio te ringrazio…Dio te ringrazio!…

SUSA- (che si era alzata) Guarda in che pasticcio ce semo messi! Adé cusa famo?

MATT- Nun so cusa voi ffa’ tu, ma io vago via de corsa… e cose de sto genere nun ne fago più!

SUSA- Adè miga poi ‘nda’ via!

MATT- Perché nun possu ‘nda’ via? Cume saria a dì?

SUSA- Saria a dì che ormai mi marito te crede el sarto mia e se ‘rtorna e nun te ce trova: t’ammazza! Lu cunoscerò be’ io?!

MATT- Dighi davé?….

                Scena 5^ : Gli stessi più TOCCHETTI.-

TOCC- (apre la porta e fa cadere in avanti Matteo) Cus’è successo?

MATT- (finisce lungo per terra a faccia sotto) Digo: è quessu el modo de bucca’?

TOCC- (che nell’entrare era quasi caduto sbattendo sulla sedia e facendosi male ad un ginocchio: avanza zoppicando) Ahiahio! Perché ve s’ete messo a sede davanti a la porta? (va a sx)

MATT- (alzandosi e pulendosi) Perché la porta vostra non se chiude!…Questu nun è un appartamento: è ‘na catapecchia!

TOCC- Ve l’evo ditto ch’era da facce qualche lavuretto…Vo ce sete volsuto venì subito!…A parte questo…(con lazzi) l’ete già fatta la “culazione?”

MATT- Macché, ancora manco emo apparecchiato!

SUSA-  Ma quessu ‘rmane qua?

MATT- (Susy) Cosa?…No! (Tocch) Scusa tanto Tocchetti, ma come vedi non so’ da solo!

TOCC- Signora, nun ve preoccupate, nun sete de troppo…Io nun c'ho segreti pe’ nisciù! Pudete ‘rmane!

SUSAN- Ma…!?

MATT- (Susy) Adè ce penso io!…Tocchetti…?

TOCC- Ma lu sapete che emozziò ho pruvato pogo fa? M’hanne ditto che in via Bellezze ce staceva ‘na certa signora Rosa Tocchetti: mi moje!

MATT- Più tardi! Me lu racconti più tardi! Ora...(lo sospinge all’uscita)

TOCC- (si libera e ritorna sui suoi passi) So’ ‘ndato in via Bellezze. ho sonato al numero che m’evane dato e m’apre ‘na donna: nun era lia e je ho ditto: “scusate cercavo ‘na donna!” E quessa m’ha risposto: “ Cume la vulete?” Ete capito, no? (risate,occhiate e lazzi tra i tre: Susy<Matteo – centro Deodata - > Tocchetti)

                Scena 6^ : gli stessi più DEODATA.-

DEOD- (entra e si trova di fronte a Tocchetti) Ennà, quellu cu’ la rogna!…(a Tocchetti) Scusate ma so’ venuta a vede l’appartamento!…

TOCC- Sete ‘rrivata tardi! L’ho già affittato….A cul signore!

DEOD- (si gira e vede…) Tu?…Mi genero?…

MATT- In persona, cara suocera!

DEOD- Cusa ce fai qua?

MATT- Secondo te che ce devo fa’? Fago el lavoro mia: sto a visita’ un’ammalata. La signora è una mia cliente…E’ vero signora?

SUSA- Vero! (con voce ferma come a non accettare dubbi) Sono una cliente!

DEOD- Pe’ carità! Chi lu mette in dubbio, signora mia!…

SUSA- Posso avere l’onore di sapere come mai lei è qui?

DEOD- (imbarazzata) Sa, signora, io mi trovo qua perché ero in cerca…

SUSA- Ah, lei fa la cerca? Ho capito… E' una patronessa?(comincia a cercare un soldo nella borsetta) Io rispetto le patronesse, perché so che fanno del bene…Eccovi cinque lire! ( da a Deodata i soldi)

DEOD- (inebetita li prende)

MATT- Non ti vergogni a cercare soldi?

DEOD- Oh, ma pe’ chi m’ete preso che fate l’elemosina?

TOCC- La signora va a scrocco!

DEOD- Vo’ stateme da longo e nun ve ‘mpicciate…(rivolta a Susanna) Io nun so’ ‘na patronessa, ma la padrò vostra, se lu vulete sape’!…Io so’ venuta pe’ vede st’appartamento!

SUSA- Oh, scusatemi! Io…

DEOD- (da i soldi a Matteo affinché questo li passi a Susanna, invece li mette in tasca)

SUSA- (che ha seguito la scena) Beh, veramente…

MATT- (porge i soldi) Scusa ma m’ero distratto!

DEOD- Sicché sete in cura da mi genero, Signora…

SUSA- …Ferré!

DEOD- Ah, lei è la signora Ferré? Ne ho sentito parlare di lei!…Come stanne i suoi   due uomini?

SUSA- I miei due uomini?

DEOD- Quessu è uno? (indica Tocchetti) E’ vostro marito?

MATT- No!…Quessu non è el marito. El marito sta male…Ha un eczema …un eczema impetiginoso, che gli procura delle esquamazioni all’epidermide, una…una conseguenza del parto!

DEOD- Del parto?…E’ ‘rmaso gravido?…

MATT- Ma non lu': su moje!

SUSA- Co’, io?…

DEOD- Complimenti!…Aspettate un bambino?

SUSA- Ma io nun aspetto a nisciù!

MATT- Ma nò lia: lu'!…Su marito!…Vojo dì che su marito s’era immaginato d’esse’…(mimica) E allora quanno l’ha saputo…l’emozziò…ha avuto un turbamento e…e…e el sangue je s’è rigirato…Sai cum’è, j’è bastato un giretto all’incuntrario…

TOCC- E cus’è successo?

MATT-  J’è scappato fora l’eczema.

TOCC- Menu male che ha parturitu l’eczema!

MATT- Sta zitto e nun me cunfonne!!…Adé, cara suocera, lassame fa’ sta visita!…

DEOD- Scì, vago via!…Se viene mi fija: dije che so’ venuta e ‘ndata via!

MATT- (andando all’uscita e fermandosi a fianco alla porta) Senz’altro!…Je lo dirò!…Arrivederci cara suocera!…

DEOD- (girata verso Matteo) Nun c’è bisogno che me lisci tanto cu’ le gentilezze che io nun me scordo gnente! Davante alla gente me so’ cumpurta’ da signora quale sono!

MATT-Adé che ce lu so, casa mia sarà sempre pina de gente!…

DEOD- (a Susanna) Arrivederla, signora! (si gira e si avvia,ma…)

SUSA- (contraccambia con inchino) Arrivederla!

MATT- (che nel mentre ha visto dalla soglia arrivare Anatolio) Jezu, el marito! ( a Susanna) Ritorna, oh!…

SUSA- (che ha capito al volo) Madonna, è ‘rturnato! (esce veloce a dx)

DEOD- (che non capisce; a Matteo) Chi è ‘rturnato?…

MATT- (la sospinge verso dx) Gnente! ‘Ndate insieme alla signora! (sta per entrare pure lui)

TOCC-Ce vieno pure io?

MATT- (arrestandosi) Nò! No, tu lu ricevi!…Te chiederà di me, del signor Pucci, perché me cunosce cu’ sto nome…Je dighi che so’ occupato…che sto a parlà cu’…cu’ la regina de la Groenlandia…Insomma nun lu vojo vede! (via)

TOCC- Sarà uno de quelli che rompe!…Ce lu saprò io!…

                           Scena7^:- Tocchetti e Anatolio-

ANAT- (entrando) Rieccomi!…Non c’è il signor Pucci? (posa il cappello su una sedia)

TOCC- (ch’è rimasto di spalle a Anatolio) None! El signor Pucci nun ve pole riceve!

ANAT- (riconoscendolo) Ma…il dottore!?

TOCC- (voltandosi) Scì, il dottore!…Vedo che ce lu sapete!?…(a parte) Nun capiscio allora perché se fa chiama’ “Pucci”?…(forte) Purtroppo nun ve pole da’ udienza!

ANAT- (avanzando al centro) Il nostro caro dottore!

TOCC- Scì! El nostro caro dottore!

ANAT- Non mi aspettavo di vedervi qua! So che anche il signor Pucci viene spesso da Voi. Anche poco fa me ne ha parlato…Usufruisce delle vostre cure…

TOCC- (si da delle arie, va a sx)) Imbé, scì! Lu' c'ha dei riguardi verso de me e io c'ho dei riguardi verso de lu'!

ANAT- Il signor Pucci deve essere malato bene!

TOCC- Ve ne sete necorto pure Vo’? Pe’ me j manca qualche rutella!

ANAT- E già!…L’avevo capito! E voi cosa gli ordinate? Le docce fredde?

TOCC- (cade dalle nuvole) Io je ordino…a parte che je pudriane ffa’ pure bene!…

ANAT- Scusate, ma visto che mi ci trovo: vi voglio dire che sono un tipo esuberante, caldo!…

TOCC- Tantu mejo! D’inverno sparagnate la legna!…

ANAT- Sa, mi vengono degli intorpedimenti…Mi prendono come dei crampi…Come se il sangue mi si arrestasse! Mi intorpedisco!

TOCC- Pure a me de notte, ‘nte le gambe me pijane i granchi!

ANAT- Gliel’ho detto pure al vostro cameriere!

TOCC- (aggiustandogli i risvolti della giacca) A Peppe?

ANAT- Non so come se chiama…M’ha consigliato certe cose strane!…

TOCC- Nun c’è gnente de mejo del massaggio.

ANAT- Ho provato, ma senza risultato!

TOCC- Perché nun lu sapete ffa’. Vo’ duvete pija’ un massaggiatore e lu fate mette’ colco e po’ lu massaggiate pe’ circa un’ora cu’ tutte le forze che c’ete (accompagna con la mimica)… e po’ vedete se el sangue ve circula o nò!

ANAT- Io facevo il contrario…Vuol dire che proverò pure in questo modo!…Comunque, si può vedere il signor Pucci?

TOCC- No!…Enne a colloquio…cu’ la regina…la regina de Groenlandia!

ANAT- La regina della…Accidenti! E’ un sarto molto introdotto!…Serve pure le regine!…Chissà  come si fa pagare bene!?

TOCC- Se vulete ripassa’ ‘n antro giorno…

ANAT- Non posso! Devo presentare una nuova cliente al signor Pucci: la baronessa Rosa De Scorfani, una mia intima amica!…Sa, ha voluto che la portassi dallo stesso sarto di mia moglie. Io l’ho preceduta, lei è di sotto che aspetta, perché nun voglio che incontri mia moglie! Sto qua, appunto, pe’ vede se mi moje è ‘ndata via!

TOCC- Sicché quella che staceva qua prima: era su moje?

ANAT- Sì, sì!

TOCC- E vo’ la lassate venì qua: da sola?

ANAT- Niente di male, l’ho accompagnata io! (si gira verso la porta dx)

TOCC- Pure?! Ho capito, famme ‘nda’…(esce senza salutare)

ANAT- (girandosi) Secondo voi, ne avrà ancora per molto con la regina?…(che non si è accorto dell’uscita di Tocchetti) Ma ditemi un’altra cosa dottore…(si accorge che non c’è) E' andato via? (va alla comune, rimane un attimo fuori, poi rientra dopo le due battute di Deodata)

DEOD- (uscendo) Scusate ma c'ho de ‘nda’ via! (chiudendo e come parlando ancora con i due dentro) E’ lia l’ammalata, io c'ho da sbrigamme le cose mie!

ANAT- (vedendo Deodata) Signori: (fa due passi avanti e poi effettuando un “fianco.destr”)…“la corte”! (si inchina)

                  Scena 8^ : ANANTOLIO – DEODATA

DEOD- Cusa vole quessu? (s’inchina e così Anatolio per due più volte) Sembramo do’ pappagalli!

ANAT- (con salamallecchi) Altezza?

DEOD- E mica tanto!…Nun c'ho manco i tacchi!

ANAT- M’inchino….(esegue)

DEOD-Minchione…

ANAT- M’inchino davanti alla vostra maestosità!

DEOD- Me trova maestosa! Chi sarà cussù?…Cul’omo! Se pole sape’ con chi ho l’onore de parla’?

ANAT- Colonnello, Anatolio Ferré! (fa seguire battuta di tacchi e inchino)

DEOD-(tra sé) El marito de la signora che sta de là!…(forte) L’ho conosciuta poco fa!…’Na donna tantu perbé!….(cambia tono) E el vostro eczema cume va?

ANAT- (sorpreso) Scusi, avete detto?

DEOD- Ho ditto: “El vostro eczema cume va?”

ANAT- (guarda le sue mani) Ma io non ho nessun’eczema!

DEOD- (a parte) Me sa che ho fatto ‘na graffe! Nun je lu duvevo dì! (forte) Me scusarete, ma me pare che ho presuo un granchio, anzi un paguro! (andando) Arrivederla e me saluti la signora! (esce)

                    

                        Scena9^ : Anatolio – Matteo

ANAT- (saluto) Altezza!…Che donna!…Nun se da arie! Da come si esprime fa capire che col popolo ha un buon rapporto. Non sembra per niente una regina!

MATT- (esce e rimane di spalle a Anatolio, con la porta ancora aperta come se dovesse entrare qualche altro)

ANAT-Ah, siete qua?…

MATT-(a Susanna che è dentro) ‘Rmani lì!…(si chiude la porta alle spalle)

ANAT- Cosa c’è?

MATT- Eh?… Gnente!

ANAT- Mia moglie è andata via?

MATT- Scì, da tanto! M’ha ditto: “ Se viene mio marito, j dite che so’ ‘ndata dalle monache di carità!” Se ce vulete ‘nda’ pure Vo’…

ANAT- (amichevolmente lo porta verso il proscenio) No…al contrario!…Va bene così! Una mia amica deve venì a prendermi qui.

MATT- (a parte) Cusa da appuntamenti in casa mia? (forte) Qui in casa mia?

ANAT- Sa… non vorrei che s’incontrasse con mia moglie!

MATT- Bene!…Un’avventura?!

ANAT- Un’avventuretta!…Una piccola avventura!…E’ bene quindi che mia moglie…

MATT- Essà! Sennò pudria applica’ la legge de la strada de Lecco!

ANAT- Non la conosco..Che strada?

MATT- “ La strada giusta pe’ deventa’ becco!”

ANAT- Non c’è pericolo…Mi vuole tanto bene!…E poi se si azzarda: l’ammazzo!

MATT- A lia?

ANAT- No, a lu'!

MATT- (inghiottendo) Cume ragiunate be’ vo’!…

ANAT- E’ da tanto che ho delle relazioni con donne sposate e non si è mai accorta di nulla!…Io sono una volpe…conosco tutti trucchi!

MATT- (facendo le corna dietro la schiena) Che volpe strana che sete!…

ANAT- Mica appartengo alla categoria dei mariti imbecilli, io!…Figuratevi che ne ho conosciuto uno che accompagnava sua moglie a tutti inostri appuntamenti. Lei gli diceva che andava a farsi fare le carte dalla chiromante…(risate dei due) Ero io la sua chiromante!…Lui l'aspettava giù al portone! (lazzi dei due)

MATT- (che ha partecipato alle risate, gli da un colpetto sulla spalla) Vo’ nun sete una volpe, sete un lupo! Ve mangiate tutto!

ANAT- Non lascio niente!…(serio) Se scoprissi mia moglie in flagrante non farei niente..

MATT- Bravo!

ANAT- …a lei, ma a lui…

MATT- Lu sfidate a duello!

ANAT- No! Gli sparerei subito!

MATT- Cume sete sbrigativo, vo’!

ANAT- Comunque ormai lo so…(mette la mano alla tasca)

MATT- (pensa che voglia tirare fuori la pistola, gli ferma la mano in tasca) Ma no…state bono!

ANAT- (allontanandogli la mano e rimettendo poi la sua in tasca)…Io so…

MATT- (stesso gioco di prima) Certo che lu sapete… State bono!…

ANAT- (c.s.) E lasciatemi la mano!… “Lo so” che sarete contento, perché vi porto…(tira fuori dalla tasca il fazzoletto) una nuova cliente!

MATT- (siede sulla poltrona -cerca di riprendersi dalla paura-)

ANAT- (asciugandosi il sudore) Signor Pucci?

MATT- (ripete sullo stesso tono di Anatolio) Signor Pucci?…Cioè, signor Ferré?

ANAT- Siete contento che vi ho portato una cliente?

MATT- Tanto! Un bel po’!…(tra sé, normale, ma tanto da farsi sentire) E la medicina ‘ndo’ la metto?

ANAT- La medicina?…Non lo so dove la dovete mettere!…Cos’è state male? Vi dovete purgare?

MATT- No! Adé cume adé, nun ce n’è bisogno!…Vojo dì che con tutte ste donne…

ANAT- Non è che i vestiti li fate solo per le teste coronate?

MATT- Teste coronate?… Ma che state  a dì?

ANAT- Ma siete sarto o nò?

MATT- Certo che fago el sarto! (a parte) Se nun ero sarto a st’ora m’eva sparato!

ANAT- Secondo me avete bisogno delle docce fredde. Il dottore ha detto di no, ma per me…

MATT- Quale dottore?

ANAT- Il dottor Modesti.

MATT- (si alza) Il dottor Modesti?

ANAT- E’ appena ‘ndato via!

MATT- Questa nun la vulevo sentì!….

                    Scena 10^: Detti- Rosa.-

ROSA  - (entra) Permesso?…Ma che fai mi lasci sola?(sx)

ANAT- (andandole incontro) Oh, mia Rosetta!!??…(centro)

MATT- E su moje sta ancora de là!(dx)

ANAT- Il cagnolino dove l’hai lasciato?

ROSA - Di sotto, legato al passamano della scala.

ANAT- (a Matteo) Signor Pucci… le posso presentare la baronessa Rosa de Scorfani?

MATT- Piacere!…

ROSA - Piacere!…

MATT- (a parte, andando più a dx))  Ma è Rusina de Mariabella!

ROSA   - (a parte, andando più a sx ) Ma è Paccòbello!…

ANAT- Vi ho portato come cliente una delle signore più aristocratiche della città! Penso che vi faccia piacere!…

ROSA- (a Anatolio) Anatolio, non senti che il cane sta abbaiando? Portalo a fare la piscetta! Su,su, vai!

ANAT- Ma è umiliante per me…

ROSA - (secca) Cosa stai dicendo?

ANAT- (con tono diverso e da sottomissione) Che ci vado subito!…Pussi-pussi arrivo…Eccomi…(esce)

ROSA - (appena Anatolio è uscito)…Paccòbello?!…

MATT- Rosa!?….(abbraccio)…

ROSA - Cuscì, chi nun more se ‘rvede!…Ti sei laureato po’?

MATT- (che continua ancora a parlare con modi femminili) Sì, e ho un’ambulatorio ben avviato!

ROSA- Ma com’è che hai gambiato nome…e voce? Non è che sei passato all’altra sponda?

MATT- (tornando con voce normale) Macché! Adé che semo soli te posso spiega’! Io, c'ho avuto sempre el pallino de ffa’ el sarto da donna e allora pe’ ‘rmane nell’ambiente fago la voce da donna. E' la moda e po’ so’ più contente sia le clienti che i mariti delle clienti!…’Nvece quanno so’ in ambulatorio ‘rtorno normale: ‘nte la sponda giusta!

ROSA- E bravo a paccòbello!…Te le ‘nventi tutte pur davecce sempre le donne apurtata de mano!

MATT- Scccc!…..Zitta! Nun sgaggià!…(a parte) Quella me sta ancora de là!

ROSA - Ma cu’ c'hai un malato 'n casa, che c'ho da usa’ tutti sti riguardi?

MATT- Ma no! E’ che…nun c’è bisogno de sgaggia’… e nun chiamamme più Paccòbello! Adé nun so’ più: né paccò né bello!

ROSA - E lu vedo…Lu vedo!…A me me sa tanto che hai gambiato sponda!

MATT- Arridaje!…

ROSA- Va bé,va bé!…Adè cume te fai chiamare?

MATT- Mo…(stava per dire il suo vero cognome, ma si corregge) …Pucci!

ROSA- Pucci? …A me me piaceva de più: Paccòbello! Sto Pucci me sa tanto dell’altra sponda!

MATT- Te ce sei proprio fissata, oh!…

ROSA- Comunque se tu nun sei più Paccòbello, io nun so’ più Rosa de mariabella, ma la baronessa de Scorfani!

MATT- Te sai sistemata, ah!?

ROSA- A dì la verità, più che altro, me so’ accasata!(siede) Prima però me so’ spusata!

MATT- Te sei spusata? E cu’ chi?

ROSA – C’un ciambottu!

MATT- Questu me l’immaginavo!

ROSA - Ma appena ho potuto l’ho lassato pe’ un militare!

MATT- Un militare?…E ‘ndo’ l’hai truvato?

ROSA- Ai giardini. Mi marito era ‘ndato a cumprasse do’ toscanelli…

MATT- Me pare d’avella già sentita sta storiella!…Solo che se trattava de un sigaro! (si sentono dei rumori) Porca…(girandosi verso la porta) Susanna se sta a sfugà! C'ha raggiò!….

ROSA- Cusa so’ sti rumori strani?

MATT- (di fronte) Gnente!…De là c'ho uno struzzo…Sai cume so’ le bestie, no?!

ROSA- Uno struzzo? Che bello! Fammelo vede! (accenna dei passi, ma…)

MATT- (gli si para davanti) Nun se pole! Deventa cattivo se vede gente  estranea!… Sai, mi serve pe’ via delle piume…”le piume de struzzo!”…A proposito de bestie: al ciambottu…a tu maritu, l’hai più visto?

ROSA- Né visto, né cercato! (si ripete il rumore) Me pare che è un po’ nervusetto sto struzzo!

MATT- Me sa anche a me!…E’ mejo che ce vago a parla’!…(si avvia,ma si apre la porta ed entra Susanna)

                Scena ultima: Detti-Susanna e poi Federica.-

SUSA- (entrando) Io mi so’ bell’e stufata!

MATT- (a parte) Adé semo tutti!…

ROSA - Bene! Vedo che c’è un’altra donna! Chi è sta signora?

MATT- La cassiera! (accostandosi  a Susanna a mezza voce) E’ malata de testa, nun je da’ retta!

SUSA- Perché m’hai preso in giro? Perché nun me l’hai detto che stavi cu’ l’amante?

ROSA- Oh, per chi m’ete sgambiata? Io so’ una cliente! So’ venuta pe’ ordina’ un vestito.

SUSA- ‘Ndatelo a raccunta’ a chi ve crede!

ROSA- E a te te ‘rcordo che quanno uno è l’amante de la propia cassiera: pole evita’ alle clienti affronti del genere!

MATT- Ma via! (accenna un passo verso di lei) Cu’ dighi?…L’amante de la cassiera, adé!….

SUSA- Cassiera io?…Ma cu’ sta a dì quessa?…

MATT- (un passo verso Susy) Nun sta a parla’ de te…Sta a parla’ de’n’antra!

ROSA- Io so’ ‘na donna perbene…Una baronessa e il signore è il mio sarto…e qua ce so’ venuta accompagnata da mi marito!

SUSA- Marito!…Lu vuria proprio vede!…

ROSA - Penso che lo vedrete presto, perché è ‘ndato giù a fa’ fare la piscetta a Pussi-pussi! (va alla comune e verso i Susy) Ecchilo che‘riva!

MATT- (nervoso) Che macello!…Che macello!…

ROS-(rientra subito, parlando ad Anatolio che è ancora fuori scena)…Su, sbrigate!…Cammina!…Fatte vede da sta signora!…

ANAT- (entra con in mano il guinzaglio del cane. Rimane sulla soglia)

ROSA -Nun crede che sei mio marito!

ANAT- ( verso Susanna che gli da le spalle) Ma certo che sono tuo marito…!

SUSA- (si gira a metà frase)

ANAT-Mi moje!

SUSA- Mi marito!

MATT- El pasticcio è servito!

ANAT- Susanna…

SUSA- Nun parla’!  Visto che sei su marito, adé te sistemo io!

ANAT- (segue Susanna) Susanna…Susannina!…(ritorna indietro e a Rosa) Tò! Pijate el guinzaglio!

ROSA - E Pussi-pussi?

ANAT- Cu’ me frega de Pussi-pussi!…

ROSA - Ma Anatolio, e io?!…

ANAT- Nun me frega gnente manco de te!… Susy…Susina!… (via)

ROSA- (va e fermandosi sulla comune) Anatolio?..Anatolio!? (tornando) Hai visto cume m’ha trattata?

MATT- (cingendole le spalle la porta verso la poltrona) Su, nun te la pija’!…Lassalo perde’…

ROSA - Ma adé…?

MATT-  Adé c'ha da sciruppasse la “susina!”

ROSA - Oh Dio!…Me svieno…me svieno! (sviene ed è sorretta da Matteo)

MATT-Uhé,Uhé!…Rosa nun me fa scherzi che nun so’ in grado da suppurtalli!…

FEDE – (entrando) Permesso?…Mamma?…

MATT- Mi moje!…Ce mancava solo che lia!…Cara…

FEDE-  Oh Dio!…Stai abbracciato a  ‘na donna? Questa è la fine…Nun te vojo più vede! (via)

MATT-Nun ‘nda’ via che te posso spiega’ ogni cosa!…E a questa ‘ndo’ la metto!? Federica!…Federica!…

TOCC- (entrando) Dottore carissimo…

MATT- Bravo! ‘Rrivate al mumento giusto!…Venite qua!…Pijate sta signora!(esce chiamando la moglie) Federica!…Federica!…

TOCC- (che ha seguito l’uscita di Matteo) Ma che sta a succede qui drento?(riconosce la moglie) Porca…Mi moje!…Finalmente! (l’accarezza)

ROSA- (riprende i sensi e lo riconosce) Mi marito?…Brutto ciambotto adé ‘rivi?…Adé te presenti? Sai…(e lo rincorre per la scena menandolo finché non cala la tela)

S i p a r i o

                                            TERZO  ATTO

                 Stessa scena del primo atto. La scena è vuota…Si sente suonare il campanello e dopo breve pausa….

ORAZ- (CAMPANELLO)(Dalla cucina alla Comune) ‘Rrivo!…

MATT- (entra dalla camera) E chi sarà?…Orazio?…Orazio?…

ORAZ- (rientrando) Dottore?

MATT- Chi ha sonato?…

ORAZ- Gnente, era uno che era venuto pe’ ‘n’operazione e vuleva sape’ se eri ‘n casa. Appena je ho ditto de scì: s’è meso paura e è fuggito via!

MATT- Mejo cuscì!…Va pure!…(va a sedere sulla poltrona, pensieroso )

ORAZI (vedendo) Sete ‘ntej pensieri,è vé? Ve l’evo ditto de nun  anda’ alle Muse!…E po’ ‘rcurdateve che quanno uno cj ha da fa’ ‘na cosa : gnà che la faga bene!

MATT- Co’?

ORAZ- Bastava che me dicevi: Orazio io vago Muse.

MATT- E cusa avresti fatto?

ORAZI- Mi saria colcato io ‘ntel letto al posto vostro!

MATT- ‘Ntel letto mia?

ORAZ- Ah, io miga me ne schifo!…Cuscì salvami le apparenze!

MATT- Ma ‘ndo’ pole esse’ adé mi moje?

ORAZ- Me lu stacevo a chiede’ pure io! ‘Ndo’ sarà?…

MATT- Fra un’ora saranne ventiquattrore che manca da casa…Che ha abbandonato il tetto coniugale!

ORAZ- Ah, se le cose se pudriane ‘ggiusta’!…Aneme sante del purgatoriu fatelo pe’ me! Io nun supportu vede pe’ casa gente cul magò!…San Benedetto fatela ‘rturna sotta al tetto!…CAMPANELLO

MATT- Eh, l’ha presa pe’ ‘na rondine!… Hanne sonato!

ORAZ- Cu’ ce frega a no’?!…

MATT- Come: “cu’ ce frega?”

ORAZ- Comunque, chi è è: non pole buccà se nun je opro io! (andando alla comune) San Benedettufatelo  pe’ me!…(ritorna verso Matteo ) Fatelo pe’ me pure vo’!

MATT- (si alza)Scì, va bé lu farò pe’ te, ma adé vai!…

ORAZ- Grazie tante! (gli tende la mano, ma vedendo che non viene corrisposto, stringe il vuoto)

MATT- (andando verso la camera) Apri!…

ORAZ- Grazie tante!(appena si avvia)

MATT- (si ferma)Ce so’ solo pe’ mi moje e basta!

ORAZ- Proprio pe’ nisciù?

MATT- Manco pel Papa! (rientra in camera)

ORAZ - (va ad aprire) E vago, vago...

               Scena2^ : ORAZIO – ANATOLIO.-

ORAZ- (entra di dorso impedendo ad Anatolio di entrare)…Nò! El duttore nun c’è!

ANAT- Ma che dici? Il portiere m’ha detto che c’è.(scende)

ORAZ- (lo segue) Imbé? Se a vo’ ve l’ha ditto el purtiere, a me me l’ha ditto el duttore! Lu saprà mejo lu che el purtinaio, no?

ANAT- Scì, va be’! Adé vaje a di’ che c’è il signor Ferré!

ORAZ- M’ha ditto che nun c’è manco pel papa e vo’ me pare che nun sete manco el chierichetto del papa!

ANAT- Ditegli che lo debbo vedere assolutamente a causa di mia moglie!

ORAZ- Appunto! Lu nun vole vede a nisciù a causa de la sua!

ANAT- Come mai?

ORAZ- (con importanaza) Queste so’ cose delicate che nun polene scappa’ da drento le mura de casa. I segreti dei padrò appartienene solo a lora…e ai dumestici.E io so’ la discrezziò persunificata! Presempio, se vo’ me dite: “ E’ ve’ che da un po’ de tempo ‘nte sta casa c’è maretta? Che el duttore ieri ha durmito fora de casa e che la padrona stanotte nun è rientrata e che la stami a ‘spetta’ ? ” Io da parte mia ve risponno: “ Ma me dite de chi e de co’ state a parla’? “

ANAT- Sicché la signora Modesti non è tornata a casa?

ORAZ- (ingenuo) E a vo’ chi ve l’ha ditto?

ANAT- Ma me l’avete detto voi!

ORAZ- Ennà che faccia tosta che cj ha!

ANAT- (va a estrema sx) Uguale a mia moglie! Non è tornata!…Dopo lo scandalo di ieri ancora la debbo vedere!

ORAZ- (ridendo) E allora sete venuto qua pe’ truva’ ‘n cumpagno pe’ piagne’!?

ANAT- Sono qui perché so’ che deve venire dal dottore!..Di solito ci viene sempre a quest’ora!

ORAZ- Comunque, oggi, la porta ‘rmane chiusa pe’ tutti, finché el duttore non ritrova a su’ moje.              

C A M  P A N E L L O       

              Scusateme…Hanne sonato!(via)

ANAT- (tra sè) Comunque sia, l’unico modo pe’ giustificamme cu’ mi moje è quello de dì che a sta baronessa Rosa de Scorfani, io, nun la cunoscio affatto!

        Scena 2^ : Detti più DEODATA- FEDERICA e poi MATTEO.-

ORAZ- (rientrando)…Ve cunviè ‘nda’ via: so’ le signore!

ANAT- Quali signore?

ORAZ- La signora Modesti e su madre!

ANAT- E’ ‘rturnata la moglie del dottore?…Che fortunato!…

DEOD- Vai a di’ al dottore che so’ qua!(va verso dx poltrona)

ANAT- La regina?!…

ORAZ- (a Feder- che si è fermata centrodx) Chissà cume sarà cuntento su’ marito!?…(va in camera)

DEOD- A no’ nun ce frega più de tanto se è cuntento o nò!…

ANAT-  Mi scusi…

DEOD- Sempre davante me lu trovu a quessu?

ANAT- Lei è o no la regina della Groenlandia?…

DEOD- Io la regina de la Groenlandia? (a parte) Cus’è l’eczema  v’è ‘rrivato al cervello!

ANAT- Ah, ma allora ho preso lucciole pe’ lanterne…o come dite Voi: “Un paguro!”

DEOD- Nun cj ho tempo pe’ ‘scoltavve!…(gli da le spalle)

ANAT- Vado via!…Vedo che dovete parlare col dottore!…(andando) Signore!…(si sofferma a guardare Feder) Però?…Niente male la donna del dottore! (esce)

DEOD- Adé me raccumanno: quanno ‘rriva devi esse’ dura!

FEDE- Sta tranquilla, mamma!

MATT- Federica ?!(si avvia verso la moglie a braccia aperte)… sapessi quanta ansia  m’hai meso!…

DEOD- (gli interrompe il passo e mettendogli un dito al petto: gli fa fare due passi indietro) Altolà! Stornate! (allontanandosi di qualche passo) Cercamo de mantiene le distanze! (ritornando) Nun te devi illude’perché ce vedi qua!

MATT- Ma ormai è qua e……( passi verso la moglie)

DEOD- (c.s.) Nun crede che la cosa fenisce qui!…(ritorna) Io ce lu so  quali so’ i doveri de ‘na madre!

MATT- (toglie dal suo petto il dito di Deodata e mette il suo su Deodata: facendola arretrare) Ma tu cusa ce sei venuta a fare ?

DEOD- (è lei che lo fa arretrare) So’ venuta a ripurta’ a casa tu moje!

MATT- (cambio) Che gesto bello ch’ete fatto!

DEOD- (cambio) Guarda che nun è cume pensi tu!…(appena Matteo accenna a farla indietreggiare…indicandogli il divano: )Bonu lì!…,m6 a cuccia! Guarda che nun è cume pensi tu!…Io e mi fija emo ragiunato a lungo e emo deciso quanto segue…

MATT- Certo che se je hai dato retta: c’è pogo da stare allegri!

FEDE- ( Ogni qualvolta vede il marito slanciarsi verso di lei: fa due passi indietro per poi farli avanti quando la madre a Matteo gli fa fare due passi indietro.- Segue le battute tra madre e marito in silenzio, ma accompagnandole con una moderata ed inerente mimica)

DEOD-Tra te e tu moje è tutto fenito!…Nun c’ete più gnente da spartì!

MATT- Cus’evo ditto, io?…

DEOD-   Prima evo pensato che Federica veniva a sta’ a casa mia…Po’, ho pensato, che pe’ nun fa’ parlà la gente, saria statu mejo che venisse a sta’, sotta al tetto tua…!

MATT- Brava! Cuscì me la sbrigo io!

DEOD- Pure io vieno a sta’ qua! Come consigliere e difensore!

MATT- E sai che divertimento!…

DEOD- L’appartamento lu dividemo a metà: de qua ji omini e de qua le donne, e qui zona neutra, promiscua!

MATT- Scì, zona parlamentare!…Ma è pazzesco,su!…Ma insomma cosa mi si rimprovera?(vuole venire avanti, ma…)

DEOD- Cu’ fai? Te sai cegatu? Nun la vedi la linea? Nun la devi mancu pista’!

MATT- Già, zona neutra!… Federica, parla: cosa me poj rimprovera’?

FEDE- Io…

DEOD- Zitta!…Nun parla’!

MATT- (un po’ su di tono) E invece…(vuole avanzare, ma incontra gli occhi di Deodata…riprendendosi) M’ero scurdato…Invece la duvete lassa’ parla’!

DEOD- Oh, nun sgaggià sa me, capito?

FEDE- Cj hai pure el curaggio de dimme se cj ho qualcosa da rimproveratte?

DEOD- Ennò! Cj avristi pure stu curaggio!

MATT- Ma nun sto a parla’ cu’ te!

FEDE- Intanto nun alza’ la voce cu’ mi madre!…

MATT- Va be’! E allora…?

FEDE- E allora pe’ te…(sta per oltrepassare la linea…)

DEOD- Nun passa’ la linea!

FEDE- nun è gnente pe’ te fasse truvà ‘nte ‘na sartoria ‘mbracciatu a ‘na donna,?!

MATT- Scusa, ma nu era mia!

FEDE – Chi?

MATT- Cula donna lì!…Me l’evane appena cunsegnata.

FEDE- E pe’ quessu la strignevi?

MATT- Ma nun la strignevo…Stava male…Pudevi guarda’ mejo e vedevi!

FEDE-  Culia nun stava male, ce stava be’ ‘nte le braccia tua!

MATT- Ho ditto la verità: stava male! E questo te basta pe’…

FEDE- Vergognate! Curri dietro a le sartine!(va estrema dx e dà spalle)

DEOD-  E a me le presenta come clienti!

MATT- Ma state a cunfonde le cose…(alla suocera) La signora che vi ho presentato è la moje del colonnello Ferré Anatolio. Mentre l’altra…

DEOD- E’ la moje de chi?…

MATT- Del signor Ferré.

DEOD - Ce n’ha do’? Allora è bigamo!

MATT- Certo! No!… nun ce sbrujamo più! (va a sx) Me stai a cunfonne gnìcco'! (si gira e ritorna) Ma ce voi sta un po’ zitta…de che’ t’empicci?

DEOD- Cume de che’ m’empiccio?

MATT- Queste so’ cose che nun te riguardane!

DEOD- 'Nvece me riguardane. Eccome po’!

MATT- Ma cus’è, me so’ spusato a te? Le spiegazziò ce l’ho da da’ solo a lia, a mi moje.

DEOD- Te piaceria che te lassassi daperté cu lia: anima bona e  'nuccente?

MATT- C'ho diritto o no de parla’ cu mi moje?

DEOD– No!

MATT- (è all’estremo della pazienza: fa dei passi verso la suocera con le braccia tese verso il collo di lei, ma poi si gira soffocando la rabbia e si avvia verso il proscenio)

FEDE- (capisce che il marito sta per scoppiare e allora…) Mamma, fa cume te dice: va via!…almeno dopo nun pole dì che l’emo impedito de qualco’!

DEOD - Ma se te lasso: so cume va a fenì! Tu sei bona e te lassi rigira’!

FEDE- Nun te preoccupa’ de questo!

DEOD- E va be’, vago via!…(si avvia) Ma tu nun ce casca’!…(prima di entrare) Ferma e dura! (esce)

                 SCENA 3^ : Federica- Matteo e Deodata.-

MATT- Sta a sentì…(si ferma perché stava passando la linea, ma poi)  Mannaggia! M’ha rincretinito!…Scolta: pe’ un attimo scordate de avecce ‘na madre…e credi a me. Cule do’ donne so’ un segreto del colonnello Ferrè e non mio! Io manco le cunoscio. Sono do’ casi clinici diversi, ecco! M’hanne chiamato lì, come medico, pe’ risolve un caso de medicina comparata…che nun te posso spiega’, perché è tutta ‘na roba scientifica!…Ma credimi che ormai tutto è risolto e quindi finito. Tu m’hai ‘cchiappato mentre stavo a ffa’ un’esperienza…che nun è riuscita, purtroppo, e che oramai lasso perde’!

FEDE- Tu le cose me le sai di’ ‘nte un modo…

DEOD- (affacciandosi alla porta) Ete fenito de parla’?

MATT- No! Quann’emo fenito te chiamamo no’!

DEOD-  Nun je da’ retta, sa’! (rientra)

MATT- (va verso la porta… ) Un colpo…! (a Feder) T’ho ditto tutta la verità, credimi.   (Matteo-dx….Feder-sx)

FEDE- Magari pudria credette!

MATT- E perché nun poj?

FEDE- La mamma!

MATT- Ah, sta mamma! La cara mammina! (gli dà le spalle)                                                              

FEDE- Senti: me lu giuri?… Sai non pe’ me, ma pe’ la mamma!

MATT- La mamma!

FEDE-  Giura che me dirai la verità?

MATT- (piano) Tu madre è proprio ‘na palla…(continua forte –quindi non vi è pausa tra la battuta detta piano e quella detta forte, come ne fosse una consequenza)…giuro che è la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità!

FEDE- (più serena) Bene!…E allora la donna che stava lì cu’ te nun la cunuscevi?

MATT- Guarda se tu me trovi ancora cu’ lia: poj pensa’ e dì quello che te pare! Me perdoni?(vorrebbe abbracciarla, ma lei gli sfugge e va sx))

FEDE-Non adé!…più tardi…Quanno la mamma è ‘ndata via.

MATT- Ma fatte abbraccia’!…Nun me dì che nun te posso manco abbraccia’?! (l’abbraccia)

                SCENA 4^ : - Detti-Anatolio- Tocchetti.-

ANAT- (entra e vede i due abbracciati) Porca…Pucci è l’amante della moje del duttore?(resta sulla soglia)

MATT-Lo vuoi capire che per me sei un angelo?

FEDE- Pure tu! Ma uno de quelli che vola troppo spesso fora de casa e la notte manco ce ‘rtorna!…Me dighi ‘ndo’ sei stato l’altra notte?

ANAT- (scandalizzato) Porca…! Senti, senti…!

MATT- Lassa perde’, perché da oggi in poi nun cE avrai più gnente da rimproveramme!

FEDE- E ‘nvece te rimprovero che nun voI bene a tu moje!

MATT- E io: che tu non ami abbastanza a tu’ marito!

ANAT- Quessa nun la vulevo sentì!…(colpo di tosse)…Scusate!…Sono io!…Arrivo adé e non ho sentito niente de quello che dicevate.

MATT- (a parte) Adé quessu me ‘mbroja tutto ‘n’antra vo’!…(forte) Le presento la signora Modesti!

ANAT- (accenna un inchino e poi a Matteo) Complimenti vecchia volpe!…(lo porta lontano dalla moglie) Come mai adesso parlate con voce normale?…Per via del sangue?…

MATT- E già!…(alla moglie) Scusa un attimo cara!…

ANAT- E così il sangue circola e… girano…?

MATT- …Mai cum’adé, je lo giuro!…(tra sé) Adé famo la frittata!

ANAT- Bene! Il vestito di mia moglie l’avete cominciato?

MATT- Co’?…Scì!…Ma parlamo d’altro!…

FEDE- De che vestito parla il signore?

MATT- (andando dalla moglie) Una vestaglia…Cioè nò: un vestito che ho fatto fare pe’ su’ moje: un vestito igienico!

FEDE- Igienico?

MATT- Sì! Un vestito omoepatico…con dentro l’elettricità!…’Na cosa scientifica!…(a parte) A quessu ‘n colpu nun je pija mai?…

FEDE- Nun ce vedo chiaro!

MATT- Cus’è adé te fissi ‘n’antra vo’? Devi ave’ fiducia in me!…T’ho giurato che vojo bene solo a te e te deve basta’!

FEDE- Sarà?!…(rimane a parlare sottovoce col marito)

ANAT- Che sfrontatezza!…In presenza mia!…Nun c'hanne pudore!…(vedendo arrivare Tocchetti) Porca! Su marito! (corre a mettersi di fronte alla coppia e tira fuori il fazzoletto per fare dei cenni a Matteo e fargli capire chi è arrivato)

MATT- (forte) Se voI te lu ripeto mille volte: ti amo, ti amo, ti amo!

TOCC- (ch’era entrato) Che belle parole!

ANAT- (facendo segnali e piano) Signor Pucci?…Signor Pucci?…(quando vede che Tocchetti lo vede: si da un contegno, fingendo di farsi aria col fazzoletto.)

TOCC- (anche lui tira fuori il fazzoletto e saluta)

FEDE-Oh, Matteo!…

MATT- Oh, Federica!…(vuole abbracciarla)

FEDE- Ma no’ davante a tutti mi vergogno!

MATT- Ma io no!

ANAT- Che sfacciataggine!…E quest’altro che nun fa ‘na piega!…Scusate, Voi…e su no!

TOCC- (avanzando serio batte sulla spalla di matteo) Uhé! Guardate che io stago qua!

ANAT- Adé scoppia la bomba!

MATT- (che continua a fare carezze alla moglie, senza manco girarsi) Ma cusa vulete?

TOCC- Manco me salutate?

MATT- Buongiorno!…Bona!…

ANAT- Co’? Tutto qui?…Ma scusate signor Pucci?…

FEDE- Perché t’ha chiamato: signor Pucci?

MATT- Credi che ha chiamato a me?…Pucci?…Ma è proprio un malducato!(a parte) Bisogna che la portu via!…(forte) Me sa che te sta a chiama’ tu madre! (la sospinge verso la porta, passando davanti a Tocchetti che è al centro scena)

FEDE- Ma nun me pare…

MATT- E ‘nvece, scì!…’Ndamo!…Ce vedemo! (entrano)

                   SCENA 5^ :- Anatolio– Tocchetti-

        (tra i due vi è un momento di silenzio, si guardano e dopo Tocchetti indica col dito la porta dove è uscito Matteo: scoppiano a ridere)

ANAT- Che uomo cinico che siete!…(sempre ridendo) E vo’ non je dite niente?

TOCC- E de cosa?

ANAT- Come?…Ah,ah,ah…di niente! (a parte) Sarà sordo e non avrà sentito!

TOCC- Diteme ‘na cosa:  l’emo disturbati?

ANAT- E penso di sì!…(a parte) Ma roba dell’altro mondo! Se preoccupa se l’abbiamo disturbati!

TOCC- Cum’ereni carì!…

ANAT- E sì! Tanto graziosi!…(ricomponendosi) Mio caro, perché non controllate un po’ di più vostra moglie?

TOCC- (a parte) Questo me sa che nun ce sta cu’ la testa!…(forte) Cume fago se l’ho ritruvata appena ieri?

ANAT- Ah…l’avete ritrovata ieri!?

TOCC- (a parte) Ma perché me parla de mi moje?…(forte) Sapete m’eva lassatu!

ANAT- Per il sarto!

TOCC- No, pel suldatu!

ANAT- Pure?… (a parte) Ah, ma allora è una donnina allegra!

TOCC- Era da tanto che la cercavo e ieri tutto d’en botto: trac!…la ‘rtrovu ‘nte le braccia de…

ANAT- Del signor Pucci!

TOCC- (sbalordito) Bravu! C’ete ‘cchiappato!…Cum’ete fatto?

ANAT- Beh, non è stato difficile indovinarlo!…(a parte, disgustato) Che omo!

TOCC- Quanno m’ha visto… da la cuntentezza m’ha preso a schiaffi! Oh, cume so’ cuntento!

ANAT- Cornuto e bastonato!…Visto come stanno le cose, io non mi meraviglio, sa!

TOCC- (a parte) Vo? Figurateve la faccia che farà el duttore quanno je presenterò a mi moje!

                 

                    SCENA 6^ :- Detti più Matteo-

MATT- (entrando) Eccco fatto!…La socera almeno l’ho cunvinta!…(a Tocchetti) Buongiorno, caro, ma poco fa non ho potuto rispondere al vostro saluto! Era un momento…

TOCC- Ve capiscio, duttore!(va verso Matteo)

MATT- (a Anatolio) Voi state ancora qua?(verso Anatolio)

ANAT- Vi debbo parlare.(portandolo lontano da Tocchetti)

TOCC- (li raggiunge per ascoltare)

ANAT- (a disagio) Scusate! (si allontana)

TOCC- Fate pure, nun ve state a preoccupa’pe’ me! (si avvicina ancora)

ANAT-  (ridendo forzatamente) Si tratta di una cosa personale tra…!(mima tra se e Matteo)

TOCC- Ah, benissimo! (si va a sedere e sfoglia un libro)

ANAT- (a mezza voce) Aspetto mia moglie…

MATT- Porca miseria!(va verso centro)

ANAT- Come avete detto?…

MATT- Niente, ho detto: “Porca miseria!”

ANAT- Pure io l’ho detto, ma non serve a niente!…Piuttosto come faccio a farle bere la storia di Rosa?

MATT- Beh, questo…Mah!

ANAT- Porca…che idea che m’è venuta!…E vo’ non vorrete contraddirmi, spero!

MATT- Ma che dite, tra uomini!…

ANAT- (contento) Le dirò che Rosa è l’amante vostra!

MATT- Bene!…Cosa? No, ma che state a dì? Nun ci pensate nemmeno!

ANAT- Ma non preoccupatevi, lo saprà solo lei!

MATT- E le pare pogo?

ANAT- Signor Pucci!…Caro signor Pucci!…

MATT- Ma siete pazzo? Pensate solo cusa potrà dì la moglie del  signor Modesti!

ANAT- Ah, perché Voi pensate che…(indica con la testa Tocchetti che sta seduto)

MATT- Essà! Rivolgetevi a qualche altro!…A lui per esempio! (indica Tocchetti)

ANAT-  ( fa un cenno di diniego)

MATT-Ma perché? Cosa volete che gliene importa?

ANAT- Pensate che la signora Modesti non dirà niente?

MATT- Ma cosa volete che gliene importi?

ANAT-(allargando le braccia) Boh! Dio mio in che mondo viviamo! Comunque per me va bene!

MATT- (a Tocchetti) Sentite, el signore ve deve chiede ‘na cosa! ( e si ritrae in disparte)        MATTEO-TOCCHETTI-ANATOLIO

ANAT- (A Tocchetti) Ascoltate, volete farmi un grande favore?

TOCC- Io?

ANAT- Sì! Grande…Immenso!

TOCC- (imbarazzato) A dì la verità…E’ che semo alla fine del mese e…

ANAT- (lo rassicura) Ma non vi costerà niente!

TOCC- (ripreso) Allora, parlate!

ANAT- Non sono in buona con mia moglie…Sapete mi ha sorpreso con l’amante!

TOCC- (ridendo ingenuamente) Ve ce ha ‘chiappato, ah?

ANAT- Beh, sapete com’è!…In breve, fra poco sarà qui e Voi le dovete dire che la signora De Scorfani è la vostra amante!

TOCC- Co’? No, nun ce stago a sto gioco!

MATT- (intervenedo) Sapete, conosce molte persone altolocate che potranno aver bisogno di locali, di case…( va a sx)

TOCC- Ah, scì? Accetto!

ANAT- Davvero?

TOCC- Me obbliga a qualcò?

ANAT- A niente!

TOCC- …E diteme: cum’è? E’ carina?

ANAT- Certamente!

TOCC- …E se pole…(mimica per sottintesi)

ANAT- Certamente!

TOCC- (ridendo e dando un colpetto confidenziale sulla spalla di Anatolio) Ho capito: è una…(allusivo) “certamente”!

ANAT- Sì, ma di classe!…Del resto, ecco la fotografia! (estrae e gliela dà)

               Scena 7^ :- Detti-Orazio-Susanna.-.-

ORAZ- La signora Ferré! (esce)

ANAT- (gli mette la foto in tasca) Mi moje!…Silenzio!…Nascondetela! (a parte) Appena in tempo!

MATT- (è andato incontro a Susanna) Buongiorno, signora! (voce effeminata)

ANAT- Buongiorno cara!…

SUSA- Ah, tu sei qua?…Allora vago via!

ANAT- Susanna ascoltami…Ti giuro che sono innocente!

SUSA- Questu je lu dirai al giudice in tribunale!

ANAT- In tribunale?…Ma nemmeno per sogno!…C’è stato un malinteso…Tu m’hai sorpreso cu’ ‘na donna…e va be’! Ma te giuro che io a sta donna nun la cunoscio. Ecco la prova, quella: è la donna de sto signore! (a Tocchetti) E’ vero o nò?

TOCC- (senza convinzione) Si,si,si,si!

ANAT- Hai ‘nteso?

SUSA- Ma valla a raccunta’ a ‘n’antra!

ANAT- (piano a Tocchetti) Mostratele la foto che vi ho dato!

TOCC- (cercando di tirarla fuori dalla tasca) Sì!…

MATT- Signora la prego di non essere così crudele! (con voce femminile)

            

Scena 8^ :- Detti più Orazio – Federica.-

ORAZ- La signora Tocchetti!

TOCC- (lascia nella tasca la foto e va incontro alla moglie) Mi moje!…Vieni!…Bocca!…

SUSA- Oh, Dio! L’amante de mi marito!

TOCC- (entra seguito da Rosa) (a Anatolio e Matteo  ) Signori vi presento Rosa….

MATT- Sì…sì…(entra in camera in fretta)

ANAT-  (segue Matteo)…Con permesso!

TOCC- Ma che c'hanne? Cu’ j ha preso?

ROSA - Che malducati!

TOCC- Me sa che la bellezza tua l’ha stravolti!…Signora, ve posso presenta’…

SUSA- Signora, io non vi conosco! (segue i primi due)

ROSA- Cus’è ho stravolto pure a lia?

TOCC- Me sa che nun ha capito…(vede aprire la porta)…Ecco la padrona de casa!…Signora, permettete che ve presenti…

FEDE- (a Rosa) Vo’ state qua?…(a Tocchetti) Vedo che el vostro mestiere lu sapete ffa’ bene!…(a parte) Che ruffià!…(rientra)

ROSA-Ma te voi fa’ spiega’ el perché de sto comportamento!?…

TOCC- Scì!…(andando verso l’uscita di Feder) Adé me duvranne dì… (si ferma di spalle a Rosa e parla tra sé preparandosi il discorso, sottovoce)

MATT- (esce e si avvicina a Rosa e sottovoce) Ma cusa sei matta che te presenti qui, in casa mia?

ROSA- Imbéh?? Io stago qui cu’ mi marito!

MATT- Quale marito?

ROSA- Ecchilo lì! Tocchetti! M’ha ‘rtruvata ieri!

TOCC- (distratto dalle voci, si è girato meravigliato)

MATT- Tocchetti?…

TOCC- (mettendosi fra i due) Scusate, ma posso sape’ qualcosa pure io?…Cusa c’è?

MATT- (guardandolo in faccia e scoppiando a ridere) Gnente!…Cusa c’è!…(passa alla parte opposta continuando a ridere)…Nun c’è gnente!

TOCCHE- (ride anche lui, ma non convinto, come a voler fare un piacere e segue Matteo, mentre…)

ANAT- (esce e a Rosa sottovoce)…Rosa, per l’amore del cielo, nun famo scandali….Mi moje è qua!

ROSA - Oh! Adé so’ bella che stufa!…

ANAT- Ma cerca de capì…(continua sottovoce)

TOCC- (che si era girato alla battuta di Rosa) Ma se pole sape’ cu’ cj hanne tutti da dì a mi moje?

              SCENA 9^: Detti- Federica e Deodata.-

FEDE- (entra seguita da Deodata) Matteo, questo è troppo! Me voj dì perché m’hai purtato in casa le sarte?

MATT- Ma quali sarte? …Ma te ce sai fissata, ah!? Me dighi ‘ndo’ stanne? Qual’è segondo te la sarta?

FEDE- (indica Rosa) Quella lì!

ROSA – Iiioooooo???…

DEOD- No, quella! (indica Susanna che è appena uscita e rimasta sulla soglia)

SUSA- ( che è entrata alla battuta di Matteo: “…Qual è segondo te….” Sullo stesso tono di Rosa…) Iiiiiiooooo????…

ANAT- Scusate, ma la signora è mia moglie!(va da Susy)

TOCC- E questa è la mia! Ve ‘rcordo di pensacce be’ prima de parla’ de sto fiore immaculato!

TUTTI- Sua moglie?

ANAT- E io gli ho dato la foto della moglie!?…(a Tocchetti) Per favoreridatemi la foto che pocanzi vi ho dato.

TOCC- Scì…(la tira fuori e porgendogliela) Ecchivela!…(ritrae la mano) Famme vede che mancu l’ho vista…

ANAT- No!…Non la guardate!

TOCC- E perché nun la devu guarda’?…Thò! ‘Rssumeja a mi moje!(ad Anatolio) Cu’ ve ne pare?

ANAT- Eh?…Oh…no! No, è troppo…(ridà la foto e con Susanna parla a bassa voce come a giustificarsi…che tutto è stato un disguido)

TOCC- (porge a Matteo) ‘Rssumeja a mi moje o nò?…

MATT- Questa?…No…non abbastanza!(ridà la foto e anche lui va a confabulare con Federica)

TOCC- (a Rosa) Guarda ‘n po’ tu!

ROSA - Io a quessa?…(allontanando la mano del marito che tiene la foto) Ma pe’ carità!…(va in basso a sx)

TOCC- (guardando la foto) Scì…a dì la verità, nun è che te ‘rssumeja troppo! (segue la moje e parlottano a bassa voce.Rosa gli dirà e farà capire con mimica che ha un cagnolino)

SUSA- (Al marito) Ma allora mi hai detto la verità?!

ANAT- E’ da un’ora che te lo sto a ripetere!

SUSA- Mi perdoni caro?

ANAT- Ma certo che ti perdono!

FEDE- E tu mi perdonerai?

MATT- E me lo chiedi?(va per abbracciarla, ma si trova davanti a Deodata)

DEOD- Calmate e nun curre!…(alla figlia) Camina drento, che prima ce duemi organizza’!

MATT- Ma perché nun vai via?

DEOD- Io ‘rmano qui in pianta stabile!

FEDE- Ma mamma…(vorrebbe andare verso Matteo, ma…)

DEOD- T’ho ditto bocca drento!

MATT- Non vedo l’ora di restare solo con te!

FEDE- (sospinta dalla madre verso la camera, quand’è sulla soglia…) Finalmente sei ritornato il mio dolce marito! (entra seguita da Deodata)

MATT- Ahia! L’ha ditto!

ANAT- (meravigliato) Suo marito?…Ma allora il Dott. Modesti?

MATT- Eh!..Il dott. Modesti…(indicando la sua persona)

SUSA- Anatolio, vogliamo andare?

ANAT- Va pure…Ti raggiungo subito, voglio dire solo due parole al Dottore!

SUSA- Fai presto, lo sai che non mi piace aspettare!…(esce)

ANAT- (prende sottobraccio a Matteo e lo porta al centro scena.I due si parlano senza farsi sentire)

ROSA - Adé, ‘ndamo a casa!

TOCC- Prima je digu al duttò de la cagnola…Hai dittu che cj ha la cagarella?…Me fagu fà ‘na ricetta!

ROSA - Sbrigati, ti aspetto in farmacia! (esce)

TOCC- (va dai due)…Duttò, mi moje cj ha ‘na cagnola…(per essere ascoltato allontana Anatolio e si mette in mezzo) Donca stacevu a dì che mi moje cj ha ‘na cagnola…

MATT- Ma che importa a me se sua moglie ha una cagnola?

ANAT- Ma ci lasci parlare…sono cose importanti!

TOCC- Pure la cagnola cj ha ‘na cosa impurtante.

MATT- Cosa?

TOCC- La sciolta, ciuè la cagarella…

MATT- E lo viene a dire a me!

TOCC- Se vo’ me scrivete ‘na ricetta…

MATT- (facendolo uscire ) Ma va in farmacia, te la dà il farmacista la medicina! (poi andando verso la camera di Feder- con voce effeminata) Colonnello, la saluto!

ANAT- (va da lui e lo riporta al centro scena)…Mi diceva che lei fa il sarto…?

MATT- …per  passione…Ce l’ho ‘ntel sangue: cume a nonna!

ANAT- E il nome Pucci?

MATT- In arte…In arte mi faccio chiama’: Pucci!(vuol andar via ma…)

ANAT- (lo trattiene) E sua moglie lo sa?

MATT- Certo che no!(si avvia, ma viene riportato avanti)

ANAT- Bisogna dirglielo!…Anche a sua suocera!

MATT- Le dico che è meglio di no!(c.s.)

ANAT- Secondo me…

MATT- (arrabbiato e con voce normale) Secondo me è ora che lei vada via!

ANAT- Ha cambiato voce!?…Allora è arrabbiato!

MATT- Peggio: so’ ‘ncaulato del brutto!

ANAT- Allora vuole dire che il sangue gira al rovescio e allora …

MATT- …e allora me girane!

ANAT- Quand’è così! (batte i tacchi, fa inchino e via)

MATT- Oh, finalmente un po’ de pace…(entra in camera della moglie)

TOCC- (entra chiamando già da fuori il Dottore) Duttò!…Dottore!…

MATT- (esce) Tocchetti!?…Ma che c’è ancora?

TOCC- Duttò, so’ ‘ndato giò al purtò: e nun c’era!…po’ so’ ‘ndatu in farmacia: e nun c’era! De corsa so’ ‘rrivatu a casa e nun c’era!…Duttò me la so’ persa!

MATT- Ma  chi,  la cagnetta?

TOCC- No, a mi moje!

MATT- ‘N’antra vo’?…(accompagnando con mimica) Ma va…!(esce)

TOCC- (rimane in scena a piangere, mentre si chiude il sipario)

                                                  

F I N E

Loreto,06-06-2000.                                                          Paolo  Torrisi

Commedia registrata SIAE n°843904/A; codice n° 120257;


GLOSSARIO

Accada-'N-: Bisogno- Non c'è bisogno che..

Accenno- Segnale...d'intesa.

Adè- Adesso.

Almanco- Almeno.

Amor del conto- Fare la conta...per vedere a chi tocca...iniziare...

Annaulo- Affitto- (casa annaulo – casa in affitto)

 Anco'- Ancora.

Avriane- Avrebbero.

Babano- Fesso- Sciocco...

Bacata- Malata- Marcia- Guasta.

Badavi- Guardare con attenzione, badare...

Bagnoli- Inutili “impacchi” d'acqua.

Balza- “Carico di briscola” (valore più alto di “Briscola” - Asse-)

Bardascio- Ragazzo. Giovanotto.

Becicche- Mucose negli occhi

'Bedisci- Ubbidisci.

Biastimato- Bestemmiato.

Brignoccula- Protuberanza, causata da colpo, battuta, pugno...

Brusciolo- Foruncolo.-

Bruscolini- Semi di zucca.

Bucattò- Schiaffo.

Buccare- Bocca- Buccato- Entrare- Entra- Entrato...                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Bucculotto- Maccherone. (tipo di pasta)

Bugiò- Bugiardone...grande bugiardo.-

Burbuja'- Borbottare-

Ca’- Cane… Poro ca’- Povero cane…

Caciara- Confusione- Parlare a voce alta fra tutti.

Cagnara- Litigio- Bisticcio.

Cago'- Tipo che si dà delle arie.

Calchidu'- Qualcheduno.

Calco'- Qualcosa-

Calzo'- Calzoni – Pantaloni.

Cambura- Camera.

Canna-foja- Canna de granturco, mais.

Capezzo- Non capire dove è il “principio” o la “fine” = “niente”.-

Capisciò- Saputone.

Capistorno/i- Capogiro/i.

Careggia'- Portare..da un posto ad un altro... Trasportare...

Cegato- Cieco- (in questo caso “chiudere gli occhi: “segno di gioco)

Cenigia- Cenere-

Ceregio- Ciliegio.

Chiuppa'- Battere- ...Chiuppamo- Battiamo.

Ciaccare- Schiaccare-

Ciaccato- Schiacciato – Acciaccato...

Ciaccio- Balbuziente.

Ciambotto- Stupidotto- Sempliciotto-

Ciancico- Mastico- (ridurre in poltiglia, pezzettini...)

Ciauscolo- Salame...morbido. (tipico delle Marche)

Cianchetta- Sgambetto.

Cioccio- Pietra

Cionche- Offese- Malate- rattrappite...

Ciuffulotto- Schiaffo.

Clacchesso- Clacson... (ti suono il Clacson )

Co’- Cosa.

Coccio- Creta.

Colco- Coricato.

Concule- Cozze- Muscoli. Detto marchigiano: “Arridaje a chi vole le concule!”

Crescia- Pizza di pane (senza pomodoro e formaggio: solo farina)

Creso- Creduto- Credere.

Crocchia- Tupé...Capelli arrotolati su, dietro o lateralmente ala testa.

Cruciera- Crociera di croci- (Non “Crociera - nave”) Cruciera”: gruppo di dodici corone da Rosario, lavorate, assemblate, dalle donne lauretane dette “Coronare”.

Cu'- Con.

Cuj- Quei.

Cule- Quelle.

Culia- Quella.

Culù- Quello.

Curatelle- Viscere- Interiora in genere...

Curdo'- Esclamazione volgare... sta per “Curdone”=Coglione.

Dago- Do... (dare)

Daperlu'- Da solo.

Dapervo'- Da soli. (solo voi)

Dapresso- Da solo.

Dimo- Diciamo.

Do'- Due.

Emo- Abbiamo.

Ennà!- Orca!...Guarda un po'?!...

Essà!- E già!...Certo!...

 Esse'- Essere.

Evo- Avevo... (avere)

Fago- Faccio... (fare)

Fantiole- Tremori di corpo. (tremori dovuti ad Epilessia)

Fiotto- Lamento- Brontolio-

Fracco- un Sacco...di bastonate. Tante...

Frinfinellu-Piccolo segno di “briscola” (gioco di carte)

Fuga- Premura -Fretta. (da “Fuggire: Sono andato via di “fuga” = di “corsa”)

Fugaro'- Falò.

Furestego- Forestiero.

Galastro'- Cappone. Gallinaccio.

Galito- Rauco- Con poca voce-

Giaccene-'N: Ghiacciano...diventare fredde.

'Gnà- Bisogna. 

Gnagnera- Lamento- pianto...

'Gne'- Niente. 

'Gnico'-Ogni cosa. Gricilli- Budella- Intestini.

Gnogna- Stupida.

Grasciari- Sporchi...posti sporchi...posti per porci.

'Guali- Uguali.

Gùatti- Gatti. (riferito al pesce “gatto”) Pronunciare gutturalmente “gù...”

Grascia- Sporcizia (specificatamente quella prodotta dai porci o che si trova nei porcili)

Guzzo- Fine- Appuntito-

Imbescigamo- Vescichiamo- (da Vescica, gonfiore, “bolla sulla pelle con liquido..., provocato da “botte” ricevute)

Imbioccare- Addormentare…

 Incaprinita- Interstardita...come una “capra”.

Jezu- Gesù. (esclamazione)

Lappa- Noiosa, pesante... (cosa o, meglio ancora, persona che non si sopporta: noiosa, pesante...)

Lattarina- Bianchetto (larva di pesce)

Lenza- Furbo. (...che tipo furbo = che “lenza”!)                                                                                                              

Lia- Lei e non  nome di persona: “Lia”.

Limo'- Limone-

Line- Lì.

Lora- Loro..

Lu'- Lui.

Lu- Lo.

Luccare- Lucca'- Gridare.

Luccato- Gridato.

Lupi'- Lupini.

Lupo marano- Licantropo (comportamento da lupo)

Luzeno- Fulmine.

Ma'- Mani.

Madò- Mattone.

Mammana- Ostetrica- Levatrice.-

Mammò- Mammone.

Marifresca- Donna di poco affidamento- Si usa come dispregiativo.

Matine- Mattina- (E 'na matine!: esclamazione)

Matre- Madre.

Matrò- Nervoso.

'Mbilla'- Alzare su la cresta. Non ti muovere tanto.

Melancia'- Melanzana- (ti do un “melancia'”: uno schiaffo che ti faccio diventare la faccia viola come una: “Melanzana”)

Melangula- Cetriolo.

Mijanno- Mille anni...che non ti vedo!

Mogia- Malta...fango...poltiglia...

Mojole- Pinze. (caratteristico attrezzo a forma di “pinze” con punte arrotondate, adatto alla lavorazione del fil di ferro usato dalle “coronare”, per le corone da Rosario.)

Mosca-sciò- Via le mosche:  “Nulla da dire sul mio conto”.

'Mappava le zille- Freddo per tutto il corpo... nfredolito...

'Mpastrucchia'- Pasticciare.

'Mpiccia- Occupata da qualcosa... Confusa sul da fare...

'Mpunta'- Balbettare.

'Mpustate- Piazzate...messe...impostate...

Mucchia- Tanto-

Mugelle- Cefali (pesce)

Munelli- Bambini- Ragazzi.

Musciò- Musone: fiume-

Musciuli'- Moscefrino.

'Nciccia'- Piace... Nun m'enciccia= Non mi piace.

Nndrizza'- Raddrizzare. ('ndrizza' la schina=aggiustare in senso negativo: rompere)

'Ngriccia'- Arricciare.

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

'Necorto /a/ e...- Accorto.

'Nfrucchia'- Inventare.

'Nfuligina'- Arrabbiare.

Ni' o Ninì- Usato come: Oh, bello, te la vuoi capire?... Oh “Ninì”, chi ti credi di essere?

Nisciù- Nessuno.

No'- Noi.

Noja- Solletico.

None- No.

Noneto- Nonno tuo...tuo nonno.

'Ntasata- Tappata- Ostruita.

'Ntrica'- Intricare- imbrogkiare- rendere difficile-

'Nvuricchiata- Intrecciata....Imbrogliata-

'Nzocca- Stordisce.

O'- Avanti....Oltra-

Oltra- Avanti...oltre. (vieni “oltra” . A volte si trova solo una “O” abbreviata da un apostrofo “ 'O”: vieni o'... )

Onne- Onde.

Onnico'- Ognicosa.

Pa’- Pane

Pescolle- Pozzanghere.

Pia – Piedi.

Pina- Piena.

Pipitula- Foruncolo...che viene sulla lingua...che fa stare “zitti”.

Pista…Ari-pista- Ritornare sull’argomento…Continuare a “pestare”…

Pitale- Orinale- Vaso da notte.-

Pole- Polene- Può- Possono.

Per' 'o- Per “uno”... “Un po' per uno”.

Poro-  Povero.

'Porta- Comporta- 'Portare-Comportare.

Prescia- Premura – Fretta.

Purtinnari- Portorecanatesi.

Pustà- Può essere.

Rabbito- Arrabbiato.

'Raccojemme- Raccogliere /...rmi.

Raganella- Rana- Ranocchia.

Ragano- Rospo-

Rancichita- Rancida.

'Rcapezza- Orizzontarsi su una cosa... Non ritrovarsi... Non capire...

'Rinale- Vaso da notte – Orinale.

'Rmaso- Rimasto (rimanere).

Roito- Urlo-

Rumiga'- Ripensare mugugnando... Borbottare...

Quane- Qui.

Quessu /a – Questo / a.

Sa / Sa me / Sa lù-  Con… Con me… Con lui…

Sai- Sei (dal verbo essere) Es. Sai solo-sei solo… (dipende dal significato che acquista nel contesto della frase)

Salva'- Nascondere- Conservare...non in vista...

Saria...Sariane- Sarebbe..Sarebbero.

Sbarillò- A gambe all'aria- (andare oltre il “Sette e mezzo” del gioco a carte)

Sbocca- del “Musciò) Dove sbocca il fiume Musone.

Sbragiulasse...sbragiulare- Arrostirsi (in questo caso:abbronzarsi) ... Arrostire

Scapecciamme- Spettinarmi.

Scappa'- Uscire di casa... (secondo il senso della frase)

Scarpire, scarpisseli- Strappare...strapparseli (si usa perloppiù per i “capelli”)

Scassa'-  Scassare-Cancellare.

Sciagatta'- /...are- Muoversi inutilmente

Sciapata- Sciapo- Stupidata- Stupido- Sciocco...

Scine- Sì-

Sciuccata- Seccata.

Scuffia- Copricapo di lana...può essere usato per la montagna o a letto nelle nottate fredde.

Scunfinfera- da: convincere... Nun me scunfinfera =Non mi convince

Scunucchiamme- Romper-mi-; Ridur-mi a pezzi.- (come una sedia che si rompe sotto un peso)

Sdingula-dandula- Altalena.

Sdogo- Slogo- slogare.

Sdrimbulo'- Convulsioni (ballo di S.Vito)

Sete- Siete. (secondo la frase.  “Sete” es. “Ho sete”o verbo essere: sete bugiardi...)

Sfragno- Spremo- Spremere...

Sgaggiare- Sgaggia'- Gridare.

Sgardaffo'- Uomo brutto, malvestito, malsano...(dispregiativo)

Sgarfagnini- Ladri-

Sgnagnerà- sgnagnerare- Poco piacevole... non gli interessa tanto...di poco gradimento

Sgraffigna-Gratta.

Sj- Sei. (sj stato tu...)

Smateria'- Parlare male...volgare...da matto... (Fuoruscita dal cervello di materiale non consono...)

Sogna-  Grasso animale... (Sogna rancichita = Grasso rancichido)

Spegne- Spegne da: Spegnere.

Spegnemme- Spinger-mi – da:  Spingere  e non “Spegnere”.

Spenta- Spinta- da: Spingere e non Spenta da: Spegnere.

Spi’- Spine. Me tieni su i “spi?”- Mi tieni sulle spine.

Spinarelli- Bollicine che vengono sulla pelle dovute alla “Varicella”.

Squajo- Cioccolata calda.

'Ssa- Questa. (Abbreviazione di: “Quessa” = “Questa” donna)

'Ssu- Questo.

Stago- Sto... (stare)

Storni- Ritorni... Stornare- Ritornare.

Strabaltata- Sottosopra...il cervello- Non capire più niente.

Stracco-Stanco.

Struccava- Spezzava- Struccare può assumere altri significati es. Togliere il trucco.-

Sumenti- Semi (in romano: “Bruscolini”)

Svaga'- Svuotare... .

'Svanza- Avanza...da Avanzare.

Tajuli'- Tagliatellina- (tipo di pasta:Tagliatelle)

Tigna- Testardaggine.

Tizzo'- Tizzone -Pezzo di legno infuocato (da camino...) -

Totulo- Ciò che rimane di un “mais” dopo ch'è stato sgranato.

Trusmarì- Rosmarino.

Vago- Vado... (andare)

Valtri- Voialtri.

Vento- Vinto.

Vo'- Voi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Velle- ...in “velle”- Da nessuna parte...In nessun posto...Per niente...

Vuria- Vorrei      

Zanzule- Ciabatte.

Zero garbunella- Zero completo, tagliato... Nulla nel modo più assoluto-

Zompene- Saltano- Zompare- Saltare.

                    

                         

66

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno