In corte

Stampa questo copione

ti IN C ° R T E ti

I N   C O R T E

Tre atti di Mario Cudignotto

personaggi ed interpreti

stanislao, marito di sandrona.

sandrona, moglie di stanislao.

tita, marito di tranquilla.

tranquilla, moglie di tita.

parroco, don eusebio.

geltrude, sorella di don eusebio.

la perpetua.

carola.

rosina, l'ostessa.

filomena.

gelsomina.

perla.

togna.

beppa.

Finito di scrivere il 4/3/89.


ATTO  PRIMO

scena

prima

tita e stanislao sono seduti accanto ad un tavolo fuori dall'osteria.

stanislao

No, Tita, credime, no la xe cussì. Se Tranquilla la ve rompe le bale, come che disè vu, no xe parchè no la ve vol ben, ansi! Xe parchè la se preoccupa de la vostra salute.

tita

E la me sta tacà a le costole come una san­gueta. Ma feme un piasser Stanislao! No fasso gnanca tempo de pètare el naso fora da la porta, che subito la taca:"Dove vetu? Non andar in osteria. Non imbriagarte”. Come se mi fusse imbriago da la matina a la sera.

stanislao

Par dire la verità, no xe che dispressè el goto.

tita

Ghe mancaria altro! Però, tre litri spartii ne la giornata, me par che no sia una esagerasion. I te tien su de morale.

stanislao

No lo metoin dubio. Però, Tita, no steve lamentar de vostra femena. La ve tien lustro come un gioielo, la ve tacona i culi de le braghe co' dei tassei che non s'incorse e la ve compra un capelo novo ogni sie ani, cossa volio de più!

tita

Gnente. Che la me lassa libero el goto de vin che par mi xe tanta salute, altro che bale!

stanislao

Serchè almanco de regolarve.

tita

Regolarme? (chiama) Rosina, du biceri de mo­ro.

stanislao

Vardè che mi no bevo.

tita

Ste sentà qua compare. Chi non beve in compa- gnia o xe un ladro o 'na spia.

stanislao

Mi, per la verità, la savevo roversa.

tita

E mi la go indrissà parchè la me fa comodo... Un litro e du biceri, Rosina.

stanislao

Go dito ca no bevo.

(alzandosi

in piedi)

rosina

 No gavi ordenà du biceri?

(da dentro)

tita

Si, ma adesso me xe vegnù na crisi. Un litro e do biceri.

stanislao

Vedio come ca si esagerato. In sta ma­niera par forsa ve vien el sangue grosso e poda­rissi fare un colasso.

tita

Con un bon salasso lo fasso vigner fin.

stanislao

Scherzè, scherzè vu!

rosina

Ecco qua.

(servendo)

tita

Brava la me colomba!

(dandole una manata sul di dietro)

rosina

Xo co' le man, palpacioche. (rientra).

tita

Che dilicata che la xe deventà. No se pol gnanca sfiorarghe le ciape. (alzando il bicchie­re) A la nostra salute! (beve tutto d'un fiato). Qualche aneto fà, no la iera cussì. La se lassava palpar che iera un piasser. La fea finta de non incorserse. Tutte compagne le femene! Se no te ghe intension serie, no le se lassa palpugnar. (svuotandosi ancora del vino)Me ricordo che la me femena ...

stanislao

Lasseme star la vostra femena! Disime pitosto: come stala la vaca?

tita

La ga superà. A ghe go dà du biceri de oio de rissino, che go da verghe purgà anche el vedelo. Sta' matina la iera in piè che la burlava da la fame.

stanislao

Che la se gavesse imbudà co  l’erba fresca?

tita

Cossa volio che ve diga! La xe sempre sta una bestia stramba, gossona. Mi digo che se ghe metesse su un paro de ociiaico' le lente verde la magnaria anca i sassi. La stimana passà, pasco­landola, se non son svelto a incorserme, la me magnava un gnaro de lodole.

stanislao

La xe proprio stramba!

tita

Stramba? Altro che stramba! Brava da late però. Un difetin la gavaria, o gnente de grave, compare: Quando la meno al toro la xe ela che ghe salta sora. Bisogna proprio dire che i tempi xe cambià. Serto, che se el mondo ciapa sta bruta piega, savio compare che ciavadina che ciapemo noaltri omeni.

stanislao

Se xe verò!

scena

 seconda

 (improvvismente s'accorgono dell'arrivo del parroco. i due si alzano in piedi, lo salutano le­vandosi il cappello. si sentono un po' impaccia­ti) .

tutti e due

Oh, bon giorno, sior parroco!

parroco

Sempre sia lodato! Giornata bela ancò.

stanislao

Bela, ma ghe voria la piova.

tita

Un bianchetto, siorparroco?

parroco

Grazie, un cafè. Go un fiatin de pressa.

(stanislao gli porge la sedia. il parroco si siede .

stanislao

Rosina, un cafè par el sior parroco!

parroco

No se miga andà dol dotor, Tita?

tita

Ghe lo gala confidà la me femena?

stanislao

Gavivi da andar dal dotore? Se saveva cussì ...

tita

Cossa gavarissi fato?

stanislao

No me saria fermà a farve perdere tem­po.

tita

No ste tanto torvela, Stanislao!

rosina

Ecco sior parroco ... Lo go fato speciale par ela. (rientra).

(portando

il caffe)

parroco

Grazie Rosina.

tita

Vedelo, sior parroco, non son andà dal dot­tor, parchè ogni volta ca vado me toca barufar.

parroco

Baruffar?

tita

Si signore! Parchè dopo averme visità, fasendome el respise, el taca la solita monfrina: ca gò el figà brusà, che se vo vanticussì me vien la terio sclorosi, ca go le maruele infiamà, e che le vene de le gambe le xe quasi stropà. El pol immaginarse se non me vien su el susio e alora ghe rispondo: che se el figà el se ga brusà el se ga da ver brusà de note parchè mi de iorno no me so mai incorto, che le vene stropà le xe de costitussion e che la sclorosi ta la testa la gavarà lu. E salo che coraio che el ga vudol'ultima volta? El me ga cassà fora da l'ambolatorio con brute manierasse. Se fusse sta un sior el me ga­varia compagnà a la porta dandome la mano.

parroco

Go capio Tita! No feghe caso. Perdoneghe. El xe un orno anca lu co' i so pregi e i so difeti. Chi xe che no gà difeti a sto mondo? A ghi no anca mi ca son prete. (si alza per andarsene) Veghe Tita, veghe, che xe meio par vù. (esce).

(alzandosi, divertito)

(tutti e due si alzano in piedi e levandosi il cappello, salutano).

tutti e due

Sia lodato Gesù Cristo!

tita

El ga un bel da dir el parro­co. Varia veder lu al me posto. Savio cossa che el me gà dito un iorno ca lo go incontrà ch'el vegnea fora da la casa de la Neni Ciuciarola? Che dovaria fare un fioreto a la Madona de no bèvare più. E mi ghe go risposto: “E se per caso el fioreto el spussasse de vin, la Madona lo acetelo?"

(sedendosi)

stanislao

Ve là Tita, ca si  na bela macia.

(congedandosi)

tita

'N'altro giosso, Stanislao.

(trattenendolo)

stanislao

Ve go dito de no. Se vedemo doman ... (esce).

(tita tira fuori dal taschino del gile una ma­tita copiativa ed un libriccino notes, nero ... brontolando si mette a scrivere. ogni tanto bagna con le labbra la grafite).

tita

Un goto, Rosina! I discore i altri! Anche el paroco, cossa ghe ne salo lu de la vita coniogale! El vive co' 'na marante­ga de perpetua che la xe contro ogni tentasion. E no capisso gnanca parchè ogni volta che lo incontro el gapia de dirme che la me femena la xe 'na santa: casa e cesa, cesa e casa!… Volaria che la gavesse lu in canonica par un par de iorni! El se incorsaria che casa e cesa e cesa e casa che la xe: e che bisato de lingua che la gà ... Casa e cesa! ... Anche~el lussido da scar pe i ga cresesto. Dove 'ndaremo a finire co sti passi?! ... Rosina, rivelo o no rivelo sto goto.

(chiamando)

rosina

Un momento! Che volto fora la polenta!

(da dentro)

tita

Pare impussibile che ogni volta che ghe digo de portarme un goto, la gapia de voltar fora la polenta. Speta speta fin ca me racordo.

(annota sul libriccino).

rosina

Ecco qua el goto.

(fa per andarsene, tita la trattiene per la sottana).

tita

Senteve lì.

rosina

Lasseme andar.

(facendo resistenza)

tita

Senteve ve digo. No gavì gnissun che ve core drio.

(rosina si siede).

rosina

Go la tola de pareciar. Su, avanti! dise­me, ma fe presto.

tita

Oh, cussì me piase! No son miga un'orso.

rosina

No xe de vu che go paura, ma de le vo­stre man paciolose, che le palpa da par tuto.

tita

Anca loro le ga bisogno de esprimerse poarete!

rosina

No, sui culi de le femene.

tita

No vedo gnente de male par una palpadina de ciape. (le da un pizzicotto).

rosina

Xo co le man, ve digo. Mascion.

tita

Sentì Rosina, lassemo da parte i scherzi. Disime cossa che i conta de la fassenda del conte Pavaroni.

rosina

El ga comprà tuto, anca la villa.

tita

Fiol d'un can!Anca la villa? E el ga ancora el coraio de pianser el morto par ciavare el vivo! Ma se i contava che el ga magnà fora tu­to.

rosina

Le xe sta ciacole messe fora posta par coersere. Un giorno, che el conte el gera fora, in cità, son andà drento al parco a spiociare. Vedessi, Tita, che maraveia! Gh’è un viale co' do filari de ebeti alti ca no fa piùe nel piassale davanti a la villa una gran vasca co’ un putelo de piera, nudo, ch'el pissa drento dì e note. I dise anca, che sicome la villa la ie­ra tuta frescada, el conte la gappia fato sbianchesar par via dei dolori aronatici. Ciò, anca lu ormai el ga i so aneti!

tita

El va par i otantaquatro! Ben, no gavaria mai pensà ch'el gavesse cussì tanti schei! .... Adesso capisso parchè el parroco el va volen­tieri a trovarlo. Ciò, un doman no se sà mai!

rosina

Spetè un momento che vado a taiare la polenta. (esce).

(alzandosi)

tita

E in paese i ghe ciama conte strassa! A voria esser mi in ta le so strasse ... Ma.!

(tra se)

rosina

E pare, che adesso el voia comprar anche la vecia filanda.

(rientrando)

tita

Pardio! E cossa ghe ne falo?

parroco

Ahi, ahi, Ti­ta!

(attraversando la scena)

tita

La me xe scapà in bona fede.

(alzandosi in piedi e levandosi rispettosamente il cappello)

parroco

Serchè un'altra volta de aver cativa fede par no tirar xo dei moco1i.

(andandosene)

rosina

Sia lodato Gesù Cristo!

parroco

Sempre. (esce).

tita

Malegnaso e1 me ga cucà.

rosina

Ssssss!

tita

Cossa ghe xe adesso?

rosina

El xe ancora drio la strada.

tita

Nol gavarà miga le rece come quele del musso!

scena terza

tranquilla

Eccolo là dove ch'el xe. Me lo immaginavo. Xe meo-dì sona da un toco e lu el'è là ch'el beve. (entrando) No te basta miga el vin che te ghe in pansa? Gh’è el menestron minestrà da un toco in tola e ti quà a sbevaciare.

(venendo da lontano)

tita

Eccola quà. Apena rivà. Disighelo anca vu Rosina ...

tranquilla

Avanti, a nemo! ...

tita

Pian, pian, non son miga 'na bestia! El menestron nol scapa miga .. Gera pien cussì, l’abu­latorio e tuti i tossea.

(alzandosi a stento)

tranquilla

I te gavarà visto ti.

tita

Te ghe sempre la bota pronta. (avviandosi) E1 dotore el me disea che bisognaria che piovesse, anca par i corpi stessi medesimi. (escono).

(rosina esce e rimette a posto il tavolo. dalla porta di fronte all'osteria esce una delle so­relle materassi: gelsomina)

scena

quarta

gelsomina

Cassa gavevelo Tita?

rosina

Cassa volio! El brontolava par i so fa­ti.

gelsomina

E la so femena?

rosina

Para dona! Lo savì anca vu. La gà da verghene 'na gaossa!

gelsomina

Un omo cussì mi lo gavaria copà.

filomena

Copà? Lo gavaria tacà soto i trave. Vardè che la xe 'na baIa al jorno.

(uscendo)

gelsomina

Mi no capisso come un omo el possa ridurse in chele condission.

filomena

El peso xe par la so femena che la laora come 'na bestia.

rosina

Undese fioi el ghe ga fato fare.

gelsomina

E credito che la sia finia?

filomena

E par le Marie, volio ch'el gapia an­cora el morbin?

rosina

No digo gnente! Ma da certi ameni, ve digo mi, xe meio starghe lontan. I gà sempre spissa!

(esce portando via i bicchieri).

filomena

Da xovene, el ga tentà de farme l'amore anca a mi, ma mi gò capio subito l'omo e lo gò fato girar alla larga. El gera un bel tosa­to, par dir la verità e anche el me piasea!

gelsomina

Xe stà meio cussì.

filomena

Sta pur sicura, però, che se lo gavesse sposà, ghe gavaria fato cambiar subito la testa.

rosina

No stè tanto credere, Filomena. I nasse cussì. No gh'è gnente da fare. O coparli o lassarli andare. Altro che el bonanima del me omo! Massa impressia el l'è andà. El me ga lassà qua sola co' sule spale un'osteria!

(rientrando)

gelsomina

No ve lagnerè miga?

rosina

Per l'amor del cielo!

gelsomina

Digo ben!

rosina

Ma vedì anca vu quanta passienza bisogna portar co' sti omeni.

filomena

Se ve capisso, comare!

gelsomina

Cossa vuto capire ti!

filomena

Podarò saver calcossa.

gelsomina

Ma fame un piasser! Che te tremavi se un omo el te vegneva vissin!

filomena

Questo te te lo inventi ti!

gelsomina

Te ricordito quela volta che te si vignesta a casa piansendo parchè te credevi de essere restà incinta parchè un toso el te ga basà.

filomena

Gero xovane. No savevo ancora gnente.

gelsomina

A vinti anni!

rosina

Ben ben basta adesso. No stemo qua a far de le discussion so robe passae. Gavio visto, piuttosto, la Genoveffa?

filomena

No.

gelsomina

Xela qua in paese?

rosina

La go incontrà ieri matina ca 'ndavo a far la spesa. La me xe passà vissin e no lame ga gnanca vardà. La gà fato finta de no vedar­me.

gelsomina

Scherseu?

rosina

Mi go fato altretanto.

filomena

Gavi fato ben. Parchè la ga sposà un dustriale de Milan!

gelsomina

Xe proprio vero che la ...(si tappa la bocca).

rosina

Disila, disila, Gelsomina, no feve ri­guardo.

gelsomina

Eco sì, voleva dire, che xe proprio vero che la merda co' la monta in scagno ola spussa o la fa dano!

filomena

Gnanca la fusse vignesta fora da una casa de siuri. So mare i la ciamava la Neni onta da sporca che la iera. E in cusina le galine le ghe schitava sora la tola. Che la sia u­na bela tosa, questo sì.

rosina

Parcossa vuto chel la gappia sposà, se no. La iera piena de ori, i oci pastrocià e le seie finte lunghe e negre e i labri piturai de rosso.

scena

quarta

(arriva sandrona con la sporta della spesa).

gelsomina

Gavio sentio Sandrona?

sandrona

Cossa volio che gapia sentio se son apena rivà.

filomena

La tosa de la Neni onta la xe qua in paese.

sandrona

Da quando?

rosina

No sò. La go incontrà ieri par caso.

filomena

La me contava la Rosina, che la iera piena de ori e che no la se ga degnà de saludarla.

sandrona

Brutta fritolona! Cossa credela de essere parchè la ga sposà un siorato de Milan! Che po' i dixe ch'el sia anca un magna-femene. No la se ricorda miga che la gaveva le cotole co' i sbrinsoli fora fin do iorni prima de ma­ridarse. Cagona la xe, ecco cossa la xe.

filomena

Ma i dixe ch'el gapia falio.

gelsomina

Co' i schei, benedeta! Lasseghe a far a quela xente lì! Vedarì se st’istà el fa de manco de andare al mare col iotto.

sandrona

Ve recordeu, st’inverno, co' la xe ve­gnesta in   paese un pochi de iorni che rassa de pelicia de stocafisso co' el pelo lungo co fà quelod’un cavron,la gavea? E le do file de perle de magnorca intorno al colo? La caminava co' i peti duri sensa vardar in facia gnissun. Me xe vignesto da ridere co' la me xe pas­sà vissin. Me xe vegnesto in mente la onta de so mare. No par criticare, ma quando la mete fora la roba a sugare la xe color cafelate.

rosina

Maria Vergine!!  A go su la pignata de fasoi che i boie par stasera!(esce).

(uscendo improvvisamente)

filomena

Qua se no piove se brusa tuto!

(asciugandosi il sudore)

sandrona

Tre volte go semenà el pressemolo

gelsomina

E nuialtre la salata!

filomena

Ogni volta ca vado in tel'orto, me vien na voia de darghe 'na peà drento a tuto. Xe seche parfin le foie de le visele.

sandrona

Gnanca le galine no le fa più ovo. El galo no monta più. Go paura che st'ano coà de pulsini, gnente. Sto Settembre gavaremo el marcà dei polastri, magro.

rosina

Go pena fato in tempo se no se brusava tuto.

(rientrando)

gelsomina

Serto, che se el paroco nol se sbri­ga a fare el triduo par la piova brusemo tuto.

filomena

Nol ga predicà in cesa, domenega, che lo gavaria scumissià sta setimana? A semo a mercore! Cossa spetelo? Che se seca anche el pianton?

(da lontano arriva perla sotto l'ombrello per ripararsi dal sole).

scena

quinta

gelsomina

A suè, eh Perla?

perla

Tasì femene, fe me sto' piasser! No ghe ne posso più. Go 'na molessa intorno! Anca sta note no go sarà ocio. I sginsai che i me tormentava, i polde che i me magnava! Gera rabiosa!

(asciugandosi il sudore)

sandrona

Eh! Stano polde ghe n'è proprio tanti!

perla

E si che go lavà el solaro co' la vari­china.

sandrona

No xova gnente, Perla, i se imbauca per un par de ore e po' dopo i xe peso de prima.

perla

Go paura che la sia proprio cussì, coma­re! El me omo invesse, el me fa 'na rabia! Nol fa gnanca tempo posare la testa sul cussin che el xe bell’e indormensà. Mi vien a volte de dar ghe de le scalcagnà; parchè el ronchesa anca!

rosina

Lo stesso el me poro omo.

perla

A proposito, savì che Romildo l'è all’ospedale.

tutte

Maria Vergine!

filomena

Cossa gh'è vegnudo?

perla

Gnente. Ieri, verso le cinque, l'è andà con Menego nel campo a rastelare un poca de erba par i co­nei. Se vede che a un serto momento a ghe scampava, el xe andà da drio a un moraro. Nol ga fato gnanca in tempo de cuciarse che u­na vipe­ra lo ga becà. Menego lo ga portà subito all'ospedale.

sandrona

Che mona de omo! Nol podea al momento, ciuciarghe la parte che l'era sta becà.

perla

Nol ga bio stomego. L'era 'na parte mas­sa intima e dilicata.

gelsomina

Vardè che la ghe xe tocà bela! A pensarghe sora me vien i sgrisoloni.

perla

All'ospedale el l'è resta par quasi tre ore col servelo nibià.

filomena

Gavaralo conseguense.

perla

L'è sta un becon, no l'è miga sta un morsegon.

sandrona

Digo ben, se no ...

perla

Senò senò! Un omo sensa ... sì insoma nol saria più un omo. (s'accorge dell'arrivo di tranquilla) Femene, mi vado. Xe qua Tranquilla. Se­la taca ciacolar no finemo più.(esce).

(le sorelle materassi si ritirano in casa)

sandrona

Rosina, lasseme passar par la corte...

(se ne va. rosina rimane fuori e finge di pulire il tavolo. tranquilla viene avanti zoppican do).

tranquilla

Maledette! A ghe ne go 'na gossà! (Entrando) Se le tendesse par i fa­ti sui.

(da fuori)

rosina

Cossa gavio de brontolare, Tranquilla?

tranquilla

La gò co' quele do anguane che le me xe vissin de porta.

rosina

Ve sio scavalcà un piè?

tranquilla

Che sia verto dal spissiale?

rosina

Xe presto ancora, Ma senteve intanto ... Ve rapossè.

(tranquilla

 si siede).

tranquilla

Ogni iorno le ghe ne tira fora una de nova. A gera drio a broar su i piati e el me omo el gera andà su la porta a fumarse la pipa. E come i lo gavisto, le ga tacà a rognare: ca no tegnemo serà suso el gato! Che la gata la xe piena 'naltra volta! E che se lo cuca i lo fa fora a sopelae. El me omo col ga sentio cussì, nol ghe ga più visto. El ghe ga dà de le anguane. El ghe ga parfin dito de trovarse un ometo per calmarse le caldanele. No ghe lo gavesse mai dito! Le ga scumissià a sigare che le andarà dal paroco. Co go sentio cussì, son andà fora par calmarle e una de loro la me ga dàun urton ca son andà a finire in tera lunga distesa. El me omo col ga visto cussì, el ghe ga dà un stramuson che credea che el ghe gavesse portà fora la dentiera. Mi me son tirà su e go   sercà de novo de quietarle. Gnente! N'altro ur- ton. Alora son andà drento in cusina a tore la

spassaora, e quando son vignesta fora le se gera xa serà su in casa. (si massaggia il piede).

rosina

Volio un gosso de acqua de cedro?

tranquilla

No, grassie. Adesso vado. (fa per alzarsi ma subito ricade sulla sedia. spaventata) Maria Vergine el paroco!

scena

settima

parroco

Come mai Tranquilla?

tranquilla

Son vignesta a portarghe una comis­sion a me comare.

parroco

Co sto sole?

tranquilla

Cossa vorlo! A ghe ciapo drento al momento ca son libera.

parroco

Brava. Oh me raccomando! Stasera sco­missiemo el triduo par la piova. Serchè de vi­gnere: passè parola anche a le vostre amiche.

tutte e due

Si, sior paroco!(il parroco se ne va).

tranquilla

Deme un giosso de acqua Rosina. Che spavento ca go ciapà! (rosina rientra) E tutto par colpa de quel schifoso de gato!

FINE ATTO  PRIMO

ATTO  SECONDO

scena

prima

in canonica:

lo studio del parroco.

perpetua

La se comoda, Tranquilla, el parroco el vien subito. Mi continuo a spassare.

(continuando a scopare).

tranquilla

La fassa pure, ma se el parroco el ga da fare posso tornare doman.

perpetua

Se el ve ga dito de vegner ancò vol dir che el ga bisogno de parlarve ancò.

tranquilla

Xelo drio a magnar el cafelatte? Posso vegnir un fiatin più tardi.

perpetua

Ve go dito che el vien subito e se el vien subito, vol dire ch'el vien subito. Gonti parà ciaro?

tranquilla

Si, par quelo, ma non voria ...

perpetua

Cossa?

tranquilla

De desturbarlo.

perpetua

Ve go dito ch'el vien subito!

(spazientita)

tranquilla

Si, go capio ch'e vien subito ...

perpetua

E alora!

tranquilla

Ma quando sto subito?

perpetua

Subito.

(lungo silenzio. la perpetua comincia a spolve­rare i mobili. tranquilla tira fuori dalla ta­sca la corona e comincia a pregare in sordina).

perpetua

Disio el terseto?

(accorgendosi)

tranquilla

Intanto ca speto!

perpetua

Fè ben. Bisognaria che tuti co i ga un fiatin de tempo i lo disesse. I acquistaria un fiatin de merito e el parroco el gavaria manco de tribular e nol sbraitaria tanto dal pulpito. Vado de là.      (uscendo) El vien subito.

tranquilla

Se me ciapo tardi, Tita el me magna.

Bisogna che me ricorda de tore la farina par la polenta. Salve regina madre di misericordia, vi­ta dolcezza e speranza ... Maria vergine, goi dismentegà el taquin? (si palpa le tasche)- A no, manco mal! Vita e dolcezza e speranza nostra .... Anca la petenela bisogna che me ricorda da tore.

perpetua

Don Eusebio, ghe xe de là la Tranquilla.

(da fuori)

tranquilla

Tasi, ch'el xe rivà!

scena

 seconda

parroco

Cossa gavio de brontolar? .. (tranquilla agitata si alza in piedi)Comodeve, Tranquilla. Dunque, ve gò fata ciamar parchè ...

(entrando)

tranquilla

Ghe giuro che non san sta miga mi a scumissiar

(prontamente )

parroco

Cossa?

(sorpreso)

tranquilla

La baruffa.

parroco

Con chi?

(sempre piu sorpreso)

tranquilla

Con lore.

parroco

Quale lore?

tranquilla

Lore là.

parroco

Ma quale là? Tranquilla, vu ancò no vesentì miga tanto ben. Me par che sparlè!

tranquilla

Si, xe vero, gò 'na gran confusion.te la testa!

parroco

Ben, ve sbrigo subito. Do parole e po dopo ve subito a casa, bevì un bon late caldo e se podì mai tanto 'ndè in leto.

tranquilla

Magari che podesse! E Tita?

parroco

Eh, Tita, Tita, una volta tanto el poL rangiarse ... Dunque, voleva dirve, che domenega disdoto ghe xe la solita procession de santa Bortoleta. Vu, gavarissi el compito de vestire la statua e de pareciare le figlie de Maria co' i sestei de rose.

tranquilla

Ghe ne xe così poche, adesso!

parroco

Purtroppo! Co le diventa grande le cor­re subito da Giuseppe! La xe 'na roda. Cassa volio farghe!

tranquilla

Sior parroco, el stendardo lo porte­lo sempre Tita?

parroco

Se no l'è in bala come l'anno scorso! El ga fato andar de onda tuta la procession. Ciò, lu, el l'è davanti a tuti e i xe costretti an­darghe drio. Mi mi iero incorto e go subito in­vocà santa Bortoleta parchè la ghe fasesse pas­sar la bala. A gavaremo slungà el percorso ... eh, de un bon chilometro e meso.

tranquilla

'Na bestia l'è ch'el omo.

parroco

No esageremo adesso, Tranquilla! Biso­gna sopportarse e volerse ben.

tranquilla

Lu el ga rason, sior paroco. Ma se el savesse quanta pazienza ca' porto! e sperar che no ghe salta el morbin de note! No gh’è gnente da far.

parroco

Vu, ste quieta e fè el vostro dovere

tranquilla

A ghe ne go messi al mondo undese! In confidenza, sior paroco, ormai el ga una serta età, e nol ga i freni boni. E anca mi ormai, el me capisse ben!

parroco

E santa Elisa Betta?

tranquilla

La iera 'na santa

tita

E’ parmesso?

parroco

Avanti.

(entra tita con sotto il brac­cio la tunica da cappato).

tita

Bonjorno sor paroco.

tranquilla

Cosa fetu ti qua?

tita

A son vegnù, sior paroco, a mostrarghe la tonega.

parroco

Aspetè un momento. Senteve li, intanto ..

(tita in disparte indossa la tunica poi si sie­de )

parroco

A proposito, Tranquilla, gavio pagà la tessera dele francescane?

tranquilla

All'inizio de l'ano

parroco

Savì, che stano go idea de rinfrescar la cesa e de tore do tovaie nove par l'altare de la Madona. E se vanso un pochi de schei, go inten­sion de torghe le divise nove par i capati. An­si, domenega lo predicherò in cesa e vu co' la Sandrona ve incaricherò de andar tor su i schei.

perpetua

Gavio visto che l'è vegnù subito

(attraversando la stanza con la scopa in mano)

parroco

Ben adesso podè andar.

tita

Va ben cussì, sior paroco.

(alzandosi)

parroco

La saria un tantin curtina.

tranquilla

Ghe la slongo mi, sior paroco sela gà oro. Bonjorno.

(escono tutti e due).

(il parroco apre il registro e comincia a scri­vere.  fuori, rintocchi di campana).

parroco

Geltrude!

(chiama)

perpetua

La xe in cesa a cambiarghe l'acqua ai fiori.

(da fuori)

parroco

Apena che la torna mandemela quà.

Ma! (consultando il registro)Me par che ghe sia un poca de confusionI (fa scorrere il dito sul­le righe del registro, farfugliando) Ddddd dddd dddddddd dd ... Ah ecco! Bortolo Marconasso e Bruna Soppelletti ... Mah!

(c.s.)

geltrude

Sono qui. Mi hai fatta chiamare?

(entrando)

parroco

Sentete lì e dame ‘na man.

geltrude

Hai bevuto the coffee?

parroco

Senti cara, serca de parlar più ciaro. Xe xa meso ano che te si in Italia, te dovaris­si ormai aver imparà calcossa.

geltrude

Tu sempre "fu fu!"

parroco

E cossa xelo sto "fu fu"!

(spazientito)

geltrude

Io volere dire: sempre "gr, gr"

parroco

Arrabiato?

Sì. Robiato.

parroco

Varda ti, se mi podeva capire che in A­merica "gr, gr" voleva dire rabià. Ah, benedeta dona! Anche all'estero te ghè da esser andà!

geltrude

Ho dovuto seguire marito.

parroco

Si capisso, e gavì fato schei. A propo­sito, la pidela dell’acqua santa in marmo, tete si ciamà ti de ofrirla.

geltrude

Io cosa?

parroco

Dai Geltrude! No far finta adesso denon capire! Lo ga sentio anca la perpetua.

geltrude

La perpetua non sentire niente. Io non avere promesso niente.

parroco

A te ghè capio alora!

geltrude

Capito che cosa?

parroco

Te ghe la ghè promessa a la Madona.

geltrude

Io non avere mai parlato con Madonna.

parroco

Lo credo ben! El saria stà un miracolo, eccezionale, con quela lingua che te ghè.

perpetua

Sior parroco ga­la ciamà?

(apparendo alla porta)

parroco

Mi no capisso! Ogni volta che se xe drio a parlar de calcossa che nessun ga da savere, de affari nostri, ti te capiti drento disendome se go ciamà.

parroco

Me pareva. No ocore tanto ch'el se scalda el pissin! (rientra).

geltrude

Cosa vuole dire: "pissin”?

parroco

Gnente, gnente, xe un modo de dire no­strano

geltrude

Offesa?

parroco

Insomma moleghe! Dame piuttosto una man qua.

(spazientito)

perpetua

Galo ciamà?

(riapparendo)

parroco

Insomma, no go ciamà nessun!

perpetua

Me pareva. (rientra).

parroco

Dime .quanti matrimoni ghe xe stà l'ano scorso.

(passandole il registro)

geltrude

Tre.

parroco

Battesimi.

geltrude

Sette.

parroco

Ahi, ahi, qua no quadremo miga! I conti, no i torna!

geltrude

Chi, non tornare?

parroco

Senti Geltrude, no stame far andar xo de brenton! Serca de capire al volo! Ghe xe sta 3 matrimoni e sette battesi, bisogna che qualche na- scita la sia saltà fora de stroso!

geltrude

Tu, vedi! Io non capire parola strosso. E perchè allora tu arrabiare?

(mortificata)

parroco

Mi no me rabio! Te digo solo che a sta ora te dovarissi aver imparà (mette il registro al suo posto) un fiatin de italian ...Gheto fi­nio de darghe da bevare ai fiori?

geltrude

Li ho piantati là perchè tu mi hai chiamato perpetua.

parroco

Ti ho fatto chiamare dalla perpetua.

geltrude

Ecco, sì.

parroco

Ben, adesso xe meio che te vadi ciapar 'na boconà de aria e mandeme qua la perpetua ...

(geltrude esce)

(il parroco tira fuori la tabacchiera ed annusa il tabacco. si pulisce il davanti della veste). ( brontolando') .

parroco

Varda ti se pol essere ancora teste dure in gi­ro par el mondo! Va ben che la xe partia da l'Italia che no la gaveva gnancora disdoto anni… Mah! El mondo pur troppo el xe cambià! ... Varda qua! Tre matrimoni e sette battesi! Robe dell'altro mondo!

perpetua

Me galo ciamà?

parroco

Sa volta sì. Ghe gavio portà el brodo a quela veciota?

perpetua

Che novità xela questa? Ghe lo porto ogni jorno!

parroco

E disime un po'! Cossa xe sucesso l'altro giorno co' la vecia Carola?

perpetua

Gnente. Cossa vorlo che sia sucesso.

parroco

La xe vegnù adirme che vu gavì barufà.

La me ga vendù i ovi e uno l'era slosso.

parroco

E la gavì insultà.

perpetua

Ghe go dito do parole che ela forse la ga capio mal.

parroco

Imbroiona, par esempio! A 'na dona de setanta ani? Umile e modesta? Scritta nele done in santo riposo? Ai so tempi, figlia de Maria? Cossa voleu de più per rispettar 'na dona? Che la xe stà l'esempio de tuta el paese?

perpetua

Però la ga vudo 'na fiola de stroso.

parroco

Basta ..... Vado in cesa a dire el breviario. Se  qualcun el me vole, ch'el vegna là. (esce).

(intervenendo energicamente)

perpetua

Varda che ruf­fiana! La ga vudo el coraio a vegner dal paroco. A ghe daria mi xo par la copa la Confraternita! In fondo gaveva rason mi. I ovi li pago par freschi no par slossi.

(aggiustando lo studio)

carola

Parmesso.

perpetua

Avanti. (carola entra) Proprio vu. Cossa sia andà a contarghe al paroco?

carola

Mi, gnente!

perpetua

Busiara, ca ve go dito "Imbroiona”.

carola

E no xe vero?

perpetua

Ma no corea che andassi dal parroco a contarghelo. Savio cossa che go da dirve? Che si sempre su par le so cotole parchè el ve pia­se.

carola

Ah bruta dona! Senti cossa che la ga el coraio de dire! A la me età!

perpetua

Proprio a la vostra età, ruffiana.

carola

Ruffiana sarè vu.

perpetua

Moleghe, parchè ve do un papinon anca se si in casa del prete.

carola

Vardè come fe a parlar. (piangiottando).

Mi, ca son sempre sarà suso in casa a tendare i fati mii! Che me movo solo par andar in cesa!

perpetua

A spettegolare su par el confessionale … O sì unagran pecatrice, o 'na gran conta­messi.

carola

A ghe lo dirò mi al paroco!

perpetua

Diseghelo, diseghelo, che mi ghe zontarò dell' altro.

carola

Cossa podio zontarghe?

perpetua

Calcossa ca' so mi.

carola

Sapì che mi son 'na dona onesta e posso caminar colla testa alta!

perpetua

Saria meio che caminassi colla testa bassa par non ingambararve in calcossa. A la vostra età, saria bruto scavessarse 'na gamba.

carola

Varda sta bruta dona cossa che la ga el coraio de augurarme! Par un ovo slosso che la ga trovà.

perpetua

Par la verità fin adesso ghe no trovà sie e no ghe go mai dito gnente al paroco par non rovinarve la reputassion. Uno anca col pulsin, go trovà.

carola

No xe vero!

perpetua

El sarà 'ndà drento lu de so bona vo­lontà ...E  po' dopo ve tanto in cesa!

carola

Moleghe savio de insultarme

perpetua

E vu serchè de non imbroiare la zente. E adesso se volì spetar el paroco senteve lì e sugheve le lagrime. (esce)

(dall'altra

stanza)

geltrude

Con chi parlavate?

(voce f .sc.)

perpetua

Con un simioto de femena che la xe sempre qua dal paroco a spetegolare.

geltrude

Pettegolare?

perpetua

Sì. A contarghe ogni monada.

Donne pericolose, quelle!

perpetua

Pericolose? Bastarde! Se le pensasse a le so rogne!

geltrude

Sporca?

perpetua

Volevo dir, se la pensasse par le so robe! Sporca, la saria un tantin.

geltrude

Poteva cacciarla.

perpetua

Brava! La xe l'ocio drito del paroco.

carola

Ca' me casca la testa se no ghe lo digo al paroco.

perpetua

Chissà cossa che la ghe ga de contar­ghe ancò.

geltrude

Ma è cosi gossipy? Voglio dire, pette­gola?

carola

Sento tuto!

perpetua

Da sciafe, la xe.

carola

Sento tuto!

geltrude

Una donna cosi io la piglierei a calci.

perpetua

Brava! parchè el paroco el me buta fora da la porta senza l'indulgenza plenaria!

(buio totale - dieci rintocchi della pendola. su bito dopo, luce totale. il parroco e seduto dietro la scrivania.)

scena

quarta

parroco

Xe un toco ca spetè, Carola?

carola

No, sior paroco, xe pena diese minuti.

parroco

Ve go fato vegner ancò, parchè, l'altro giorno, ca’son vegnù a benedirve la casa, vu geri drio a dire i “Sequeri".

carola

A gavevo perso le bucole.

parroco

Ma recitandoli, disevi un saco de spropositi.

carola

Li recito con devossion, sior paroco.

parroco

No lo meto in dubio, però ...

carola

El senta: Sequeri miracola domo domo saura e to' mare virgola, mentre persega ...

parroco

Basta cussi, Carola. Go capio tuto. D'o­ra in avanti, quando perdì calcossa, disè un'A­ve Maria e vedarè che la Madona la xe cussì bo­na che la ve fa trovar tuto. (alzandosi) E adesso vè a casa, e ve racomando de vigner a la procession.

carola

Sì, Sior paroco. Sia lodato Gesù Cristo.

parroco

Sempre. (chiama) Perpetua!

perpetua

Cossa vorlo?

(entrando)

parroco

D'ora in avanti no voio che te te intru­foli nei afari dei altri.

perpetua

Mami ...

parroco

Basta cussì.

perpetua

La xe sta ela a ...

parroco

Finiscela. E va a pareciar la tola Varda ti, se mi go da starghe drio ai petegolessi dele done! (entra geltrude) E anca ti, non starte tor confidenza con nessun.

geltrude

Come possere, se non conosco nessuno!

parroco

Meio cussi. Ca’ no femo el gemelaggio co’ l'America! Piuttosto, dopo magnà, daghe un ocio a le tovaie dei altari.

geltrude

Sono tutte in ordine. A una ho cambia­to il lace, voglio dire,  il pizzo.

parroco

Brava. E ricordete doman de lustrare i candelieri. Mi no so che rassa de cera che ghe siaadesso. La sbava tuta.

perpetua

Sior paroco, xe pronto!

(da fuori)

FINE SECONDO ATTO

ATTO TERZO

(in corte).

bepa

(a togna) Sta attenta! Do pun­ti xo e uno su.

Capio? Do punti xo e uno su.

(sono sedute fuori dalla porta di casa, che lavorano a ferri)

togna

Sempre così sucede co le fa le robe sensa testa. Cosa trovavela de belo in ch'el omo? 'Na bela tosa come che la iera. Bianca e rossa cofà un garofolo.

bepa

Lu, l'è sta un lazzaron a no scriverghe più da l'America. Par conto mio el se ga sposà un'altra volta.

togna

Varda come che la se ga ridotta. Strassonà e piena de debiti. L'altro dì la go ciamà drento par darghe una pignatela de brodo. E par fortuna che no la gà fioi!

bepa

Te ricordito cossa che la diseva nostra po­ra nona anche se ghe piaseva el goto? "El mondo xe tondo e nuialtri semo tuti curli.

togna

Veci co' la testa taca el colo! Che i ghe vedeva drento! Adesso xe tuto cambià. Varda la ma- scia! Xe do ani che la ne fa sie masceti al po­sto de dodese!

bepa

Te xecascà un punto. (togna sfila la maglia) Setu che son curiosa de sentir come che i se la ga cavà a Roma Tita e Tranquilla. Chissà quanta xente co la scu­sa de l'anno Santo.

(guardando il lavoro della sorella)

togna

Te pol immaginarte! No girarte. Ghe  xe la Sandrona che la xe vignesta a sentarse fora... La gà 'na scuela de late e polenta.

bepa

A sentir ela pare che la magna solo che pola- stri.

togna

Cagona la xe. Co te ghe dito cagona teghe dito tuto.

bepa

L'altro dì la gavea la finestra verta e la cantava come 'na calandra e setu parchè?

togna

Parcossa?

bepa

La gaveva sora la tola un vaso novo de cire­naica a colori e la voleva che tuti lo vedessimo par farne rabia.

togna

Varda a che punto che la riva! Sta sboldrona!

La xè 'na dona diffisile! E la vol sempre aver rason ela. Co la pianta un ciodo no ghe lo ca­va fora da la testa gnanca el Padreterno. Var­da l'altro dì, che quaranta-otto che la ghe ga piantà a quel so poro omo par 'na ciavaria!

bepa

La ne sta vardando. Tasi.

sandrona

No fe tanto le ciorle! Go capio che ste parlando de mi.

bepa

Nialtre! Parlemo dei nostri affari.

sandrona

Co’ la testa bassa suppiandove le parole su le rece! Cassa credio? Che sia un ciorlo?

togna

Noaltre no credemo proprio gnente. No ghemo tempo da perdere.

sandrona

E ve sentè fora da la porta per spio­ciare!

bepa

Varda ciò che adesso no se pol gnanca più a sentarse fora da la porta par ciapare un bigolo de aria che subito i pensa mal!

sandrona

Mi no penso proprio gnente.

stanislao

Dove ghetu messo la camisa?

(spuntando dalla porta)

togna

Sul poso de la scala. Sito orbo?!

sandrona

Sentito che manierassa?

stanislao

Te par ch'el sia el posto da metterla? (rientra) .

sandrona

Cassa gavio voialtre da vardar?

bepa

No se ghemo gnanca girà!

togna

Volì proprio andare in serca de rogne!

sandrona

Mi no vado in serca proprio de gnente!

stanislao

Moleghe!

(da fuori)

togna

Varda ciò. No se pol più star sentà fora da la porta. Me vegnaria voia de darghe 'na so­pelà in testa.

sandrona

Provè, se si bona.

bepa

Lassa andare se no, no la xe più finia.

sandrona

Xe meio che vada drento prima che me vegna su el foton. (esce).

(da lontano ci giunge il suono d'una fisarmoni­ca, che va quasi subito in lontananza)

rosina

Bondì done!

togna

Oh, varda la Rosina! Come mai?

rosina

Son vegnù fora per farme la spesa, dato che el toso de Marcolin el me da un ocio all'osteria.

bepa

Adesso che Tita xe a Roma co' la femena a gavì un poco de respiro.

(scherzosa)

rosina

A podì ben dirlo! Co, ghe xe lu no te ghe mai un momento de pase. El xe tuto un ciamarte e ciaco­lare. El te fa star xo el fià. Togna, gavarissi un paro de ovi da venderme? A me xe vegnù voia de far me quatro taiadele par stasera.

togna

A le go proprio fresche de jornada .. (esce).

(alzandosi)

bepa

Senteve un fià.

rosina

A go pressia.

bepa

Eh, no gavì miga nessun che ve core drio.

rosina

Si xe vero, par quelo! A proposito, Bepa, vu che se pratica de sogni, sentì cossa che me son sognà sta notte. Me pareva che un rondon me girassesora la testa e po dopo el me vegneva in gaia e el scumissiava a beccarme le tete, ma no sentia mal, ansi, ghe catava gusto. Cossa che voia dir?

bepa

Sentì el bisogno ancora del vostro omo, Rosi­na!

rosina

Volio che la sia cussì? Me pararia che ormai

bepa

Credimilo, no ghe xe mai un ormai co se se vo­leva ben. E l'è un mestiero fato cussì.

togna

Ecco qua Rosina, appena tolte su dal gnaro.

(uscendo, con le due uova)

rosina

Grazie, Togna, me gavì fatto proprio un pias­ser. Quanto xe?

togna

Ghe mancaria altro! Par do ovi. Ve là, ve là, e feve 'na bona minestra. Ve gala scrito vostra sorela da l’Arnerica.

rosina

Go ciapà 'na lettera tre jorni fa. La dise che i sta tutti ben e che i xe drio a farse su 'na casetta, ma la ga 'na voia mata de vegner 'in Italia!

togna

E lo credo ben, pora fiola! La xe andà via che no la gaveva gnancora dissette ani!

rosina

Ben vado, se no el tosato e1 scumissia a ronza­re. E grassie par i ovi. Co passè, ve speto a tore el caffè. Bondi toxe. (esce).

tutte e due

Bondì, Rosina.

(ancora il suono della fisarmonica, che dopo pochi  i­stanti si allontana. nel frattenpo, sandrona e ritor­nata fuori con il cestello da lavoro).

sandrona

De do avi la gaveva de bisogno! Poareta! Una scusa par spiociare ne le case dei altri!

bepa

Ve li gala domandà a vu?

sandrona

Ma quando ve li domando mi le galine le ga sempre el culo stropà.

togna

Se vede che vegni sempre al momento sbaglià.

sandrona

Do busiarasse si. E ve sempre in Cesa!

togna

Senti, moleghe. Tendì piuttosto a vostra nevoda che la xe sempre fora de note non se sa con chi.

sandrona

Brutta dona! E l'ometo che ve vien a casa serte sere, vienlo par farve le moche?

bepa

Cossa vuto dir? Marantega! (le va incontro per schiaffeggiarla).

(alzandosi)

sandrona

Provè se se bona.

togna

Mòleghe Bepa!

bepa

Molarghe? (le da uno schiaffo) Adesso sì. (sandrona la prende per i capelli) Frasconassa d'una frasconassa! Perpetua falsa...

togna

Molela!

(intervenendo)

sandrona

Dopo averghe cavà e1 cocon.

filomena

Maria Vergine le se copa!

(entrando)

gelsomina

Cossa xe sucesso?

perla

Molèghe che ve fe mal.

(buttandose nella mischia)

filomena

Aiuto, Femene vegni fora! Le se co­pa!

(gridando)

carola

Mi coro a ciamar e1 paroco.(chiamando)

Stanislao! Vegni xo! Le se copa! (esce)

(uscendo)

stanislao

Cossa xe sucesso adesso?

(dividendole)

sandrona

La me ga coionà.

bepa

No xe gnente vero.

gelsomina

Mi son rivà che le gera drio petufarse.

stanislao

E ti sta drento a le to porte

(a sandrona)

sandrona

Fora da la porta comando anca mi.

togna

Nessun xe vegnù davanti a la to porta.

stanislao

Basta, pardio! Finila. Gnanca che la fusse la corte de i singari! Anzi peso. De le put ...

gelsomina

Pian co' le parole adesso, Stanislao. Ca no femo dell'erba tuta d'un fasso!

sandrona

Tasi ti, bela dona! Che te convien.

gelsomina

Ciò, desgraziada! Cassa possitu dir de mi?

stanislao

Scumissieu da novo?

gelsomina

La xe che la bruta vaca là che la impissa sempre i foghi.

sandrona

A mi vaca? Co' tuti i omeni che te vien par casa.

(andandogli

addosso)

filomena

Ciò boca larga! varda come te fe parlar!

stanislao

Basta, pardio! Ve do quattro pugni in te­sta ca ve insiminisso tute.

rosina

(entrando) Cossa xe sucesso?

perla

Sandrona e le sorele More le se ga tirà par le tete.

filomena

Vu ste in disparte se no volì essere ciapà in mezo.

rosina

Xe qua el parroco. (entra il parroco seguito da la perpetua e la sorella).

sandrona

Ch'el vada a ortighe anca lu! (come si pre­senta tutte s'acquetano e si mettono a cantare una lode a maria).

tutte

E l'ora che pia la squilla fedel ...

parroco

Brave, brave, cussì me piaxe, che torni la pace. (prendendo il tono di una predica) Quella pace, che il mondo aspetta da secoli! Quella pace che da tempo è uscita dai nostri cuori! Quella pace che ci rende felici e ci fa sentire dentro l'amore di Dio.

stanislao

Sior paroco, el varda ch'el xe drio a in­viarse in una predica.

parroco

Oh scuseme. Me pareva de esser in cesa. Adesso vado, ma me raccomando che appena...

perpetua

El ve gira el culo no scumissie de novo.

parroco

Cossa ghe c'entrito ti. Andemo. (S'avvia).

sandrona

E un'altra volta se qualched'una de voialtre ...

stanislao

Tachito de novo.

sandrona

Non taco gnente. Sto solo disendoghe ...

(appare tita con tranquilla)

rosina

Xe rivà Tita!

tutte

Oh Tita! Bern tornà, Tita!

rosina

E alora, Tita?

filomena

Xela bela Roma?

perla

Gavio visto el Papa?

tita

Sul balcon del so palasso. El gà anca da aver­ne conosesto parchè el ne ga dà la benedission.

perla

Che fortunà ca si stà. Lasseme che ve toca.  (tocca tita e tranquilla e si fa il segno della croce)

gelsomina

Sia monta sul tranvai?

tita

Tasì, lasseme arfiar.

tranquilla

Nol ghe ne pol pì da male i piè, a causa de le scarpe nove. Le ghe strense in ponta.

sandrona

Stanislao, va torghe la carega.

togna

Su, conteme calcossa.

tita

Cassa volio che ve conta? Che Roma la xe 'na scianta pì grande del nostro paese.

stanislao

Lo credo ben!

(porgendo le due sedie)

tranquilla

Grazie. Go le gambe ca' no le sento più.

(sedendosi)

carola

E sio 'ndà a vedare l'opera?

gelsomina

Bravo, dixevi che andavi.

tranquilla

Semo andà, semo andà!

perla

 E come xela sta opera?

tita

Gnente! No podì gnanca immaginar, vero Tran-

quilla?

tranquilla

Robe dell'altro mondo.

carola

E par zio! Cossa sarala?

tita

Gnente. Ma ve torve 'na carega, se volì che ve conta.

(tutti vanno a prendersi una sedia e si seggono attorno a tita e la moglie).

tita

Dunque, par vedare l'opera, se và drento a un gran stanson ch'el no finisse mai. Pien de lampadine che le te orba i oci. Le careghe, che no le xe fate come le nostre careghe, le è imbutie de veludo rosso, e davanti a tute ste file de careghe ghè un rialso stropà da un tendon rosso come le care­ghe. Xo da sto rialso ghe un gran buso e drento gh' era tutti omeni vesti de nero con trombe, trombette e tamburei.

carola

E cossa ghe ne fasevili?

tita

Spetè, ca' desso ve lo digo. I gera quei che i compagnava la Traviata quando che la cantava. Un toco de dona che credea che no credea che la dovesse morir in ch'el modo.

gelsomina

Ela morta?

tita

La ghe apena finio de sigare e con un colpo de tosse la se ga voltà via.

sandrona

Morta morta?

tita

Morta tubercolosa, sentia dire.

togna

Ma come gala fato?

tita

Se vede, scolà come che la iera, co' tuti quei sighi che la tirava par sbrassolare i omeni, un col-po de aria la ga ciavà. I ga subito serà el tendon. Tutta la xente se ga alza in piè e la ga scomissia a sigare e sbattere le man. El capo che el goerna­va i sonadori, el ga messo xo la bacheta e l'è corso via a vedar cossa che g'era successso. Mi  e Tranquilla semò corso via spaventai, e semo 'ndà drento a un boteghin a bevarse un goto de vin par cia­par fià, po dopo semo ritornà ne la pension della Confraternita de la Carità Cristiana e semo andai in leto. Notte in bianco! Parchè a Tranquilla, par el spavento e l'arietta polentina che ghè xe a Ro­ma, ghe xe vegnesto la direa. Dentro e fora dal cesso! Femene, no ve digo che note che gavemo passà.

(musica: un motivo della traviata, mentre cala il sipario).

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno