In forza della legge

Stampa questo copione

IN FORZA DELLA LEGGE

Arnaldo Boscolo

IN FORZA DELLA LEGGE

(Versione in dialetto veneziano di “L’Onorevole mia moglie”)

Commedia comica in tre atti

Personaggi:

-Maddalena, vecchia governante

-Valentina, cameriera giovane

-Tito, figlio dell’onorevole Mardegari

-Onorevole Mardegari

-Lina, moglie di Tito

-Gelsomina, domestica di vicini

-Carmela, domestica di vicini              

-Amabile, domestica di vicini

-Carlotta (cancellata), domestica di vicini

-Radio  (l’apparecchio è acceso durante la scena e lo si sente parlare)

-Bonapace, segretario del Sindacato Domestici

Trascrizione dal manoscritto originale e note a cura della

signora Anna Bogo, collaboratrice del Museo Teatrale “Casa di Goldoni” di Venezia

a  cui vanno sentiti ringraziamenti.


Atto Primo

La scena

Stanza di soggiorno in casa Mardegari. Mobili moderni. Specchiera – Radio- Telefono - Comune        al fondo che dà nell’antisala - Usci laterali – Scena vuota – Scampanellata esterna – Maddalena, vecchia governante e Valentina, cameriera giovane, fine, carina, appaiono quasi contemporaneamente, l’una dall’uscio di sinistra in seconda, l’altra da quello di destra.

Madalena  (a Valentina)       

Lassa… Vado mi (esce dalla comune. Valentina, rimasta sola, va alla specchiera e si osserva sollevando i capelli sulle tempie. Ha una smorfia di disappunto)

Tito (sui trenta, aria dolce e rassegnata appare sul primo di sinistra)

I ga sonà.

Valentina

Xe andada Madalena.

Tito

Su, su, Valentina. Ti sa cossa che te go dito. (Fa per avvcinarlese, ma si ferma all’entrata di Madalena a cui non è sfuggito il gesto di Tito) Cossa ghe xe, Madalena?

Madalena

Un telegrama. To muger o to papà. (glielo consegna)

Tito

Infati; xe do giorni che no la telefona…(apre; legge) De tuti do. I ariva! I xe arivai, se pol dir. I ga tolto l’aereo. A San Nicoleto a le tredici e quaranta (guarda l’orologio) Adesso. Fra mez’ora, al massimo, i sarà qua. (Valentina, un po’ sgomenta, si lascia andare su di una sedia)

Madalena

Benon. Ma se i ga da far colazion bisogna che i xe comoda in albergo. Come se fa a proveder a sta ora?… I capita come sgiaventi[1].

Tito

I se gavarà portà qualcossa per viagio. I magnarà de più stasera.

Madalena

Ma la session no la doveva serarse sto mese che vien?

Tito

Se vede che el resto no ghe interessava; una volta aprovada la lege…

Madalena

Va a preparar le camare, Valentina. Dopo vegno mi a giutarte.

Valentina

Sì, Madalena. (esce dal primo di destra)

Madalena

Possibile che i gabia deciso a l’ultimo momento? No i podeva farse vivi prima? Perché no ghe ne avevimo abastanza de la baraonda in casa co un deputato solo!… Sie legislature; prima del fascismo; col fascismo; dopo el fascismo!… Par che ‘l sia nato col scagno atacà al fondo de le braghe!… No ghe mancava adesso ch’el metesse in politica anca la niora… Cussì la baraonda xe al completo!

Tito

E mi fasso la figura del macaco! Una specie de principe consorte… El mario de l’onorevole in sotana… E qua; ligà man e pie; a tendarghe al studio de papà.

Madalena

E la confusion che nasse fra suocero e niora?… Ariva una scatola per l’onorevole Mardegari: la verze ela; tre dozine de sigari avana! Ghe ne riva un’altra per l’onorevole Mardegari: el verze lu: tre pari de mudandine de chiffon e un regipeto per signora!… E fusse solo questo!… I eletori, i membri dei comitati, le letare, i giornali…

Tito

E la confusion che nasse fra mi e mio papà? Tito Mardegari tuti do. Senior e junior. Fin che i mete onorevole o ragioniere, tuto va ben; ma se i scrive Tito Mardegari solo… Fin le letere de le morose de mio pare… E alora el se ingrinta.

Madalena

Se me saria mai aspetada una cosa simile quarant’ani indrio, quando che go messo pie in sta casa!… Se fusse al mondo to mama, povareta… Ela che gera cussì nemiga de ogni trambusto, de ogni confusion…

Tito

Come mi.

Madalena

Proprio. Come tì. Ti ga tolto tanto da la to povera mama. Per questo ti xe cussì sconvolto… Ma no val la pena de ciaparsela… Mi ormai ghe go fato el calo.

Tito

Se ti credi che me fassa piasser sto annunzio improviso!.. Davanti ai oci me bala la sarabanda de le valise; e ne le recie go za un scravasso de parole… - Ordine del giorno, articoli, interogazioni, interpelanze… me par de aver ricevudo come una legnada su la testa… gnanca el tempo de ciapar fià… Mi no go i riflessi pronti…Co tante cose che ghe xe ancora da mètar a posto qua…

Madalena

Ben… Per quelo… Se se trata de robe che riguarda la casa… ghe semo mi e Valentina. Le camare, i leti, la cena…

Tito

Ma diseva anca fora… In studio del papà…

Madalena (dopo un poco; scrutandolo)

Tito…

Tito

Madalena?

Madalena

Xe solo per questo che ti xe scaturìo?… Vien qua. Xe inutile che se femo scondagne…Ti sa qualcossa anca ti? O per lo meno ti lo sospeti?

Tito (quasi eludendo)

Sospetar, come? De chi?… A che proposito?…

Madalena

Valentina.

Tito

Cossa ghe entra Valentina?

Madalena

La ghe entra. E ti ti pol saver qualcossa più de mi, che son sempre serada qua dentro come una carcerata… Ti va in giro, ti ascolti i discorsi de la zente… E po’ anca ti ti ga i oci per vedar e le recie per sentir. (decisa) Gala el moroso?

Tito

E a mi ti me lo domandi? Cossa vustu che me interessa? E po’, cossa importa che la lo gabia o no?

Madalena

Eh, per Diana! Perché, senza una strazza de moroso, certi pastizzi no se li combina de sicuro!

Tito (fingendo sorpresa)

Cossa distu?

Madalena

Va là, che ti me ga capìo. Xe inutile che ti me caschi dal mondo de le nuvole!… La so camara xe fra la tua e la mia… E certi sforzi de vomito no se pol evitar de sentirli… A meno de no aver le recie fodrae de parsuto!…

Tito

Ma noo! Cossa vastu a pensar?… Un fià de mal de stomego, forse… La gavarà fato indigestion.

Madalena

Indigestion… de cossa? Per una setimana intiera?… Nualtre, done, saremo anca più scaltre e sospetose de vualtri omeni…; ma per certa indigestion no ghe xe purganti che tegna.

Tito

No essar cativa, Madalena…

Madalena (dolce e pacata)

No son cativa. Anzi; cerco de agiutarla, se xe possibile; ma bisogna che conossa prima tuta la verità. E se anca ti no ti me agiuti… La gera una toseta co la xe vegnuda in sta casa… Quindese o sedese ani apena… No la ga più nessun che se ocupa de ela… So pare? Femene e vin bianco… Se no se ne ocupemo nualtri che gavemo cuor e sal in zuca, prima che la tempesta se scaena… Mì xe come che fusse la to povera mama; e ti ti xe un omo de onor… Bisogna metarse insieme; e far el possibile e l’impossibile.

Tito

Ti forse, sì… Ma mi?

Madalena (con intenzione)

El xe un caso de coscienza; el xe un dover da galantomeni, Tito; ricorditelo…

Tito

Ma anca i doveri, ale volte…Un muro alto come una casa. Possibile che anca ti no ti lo vedi?

Madalena

Un muro?

Tito (indica l’anello matrimoniale che ha al dito)

Questo, Madalena! E st’altra che torna adesso da Roma.

Madalena

A questo voleva arivar. Credestu che sia sempia? Epur, in fondo in fondo, gaveva sperà…Le cative notizie se spera sempre che no le sia vere… (dopo un poco) Ma come gastu fato?

Tito

Lo go fato. Come che se fa da che mondo xe mondo! Anca se dopo se se morsega le man.

Madalena

Da quanto ti lo savevi?

Tito

Fin dai primi disturbi… E anca mi sperava… adesso, ormai…Per questo son cussì scaturìo…

Madalena

Ma qua? In sta casa?… Aprofitando forse… No ti ga pensà?…

Tito

No; in casa no. Gnente profanazione del tetto coniugale.

Madalena

E dove, alora? Se la se move de casa solo per andar a far la spesa?

Tito

No ti te ricordi quela matina che ti la ga mandada in studio del papà a far pulizia?

Madalena

Cossa?!… Ah, ben!… E cussì de colpo?… E mi, bestia!…

Tito

No starte crussiar, Madalena… Ti no ti ghe entri. Ghe entro mi, mio papà, mia muger… Adesso gera più de un mese che no i tornava a Venezia. I ga proposto la lege sul tratamento giuridico del personale di servizio… I la ga fata votar; i la ga fata aprovar… Per el buso de la ciave; ma la xe passada. No ti ga sentìo prima el giornal radio? Dusento e oto favorevoli; centosetantaquatro contrari e vintisie astenuti…

Madalena

Sì! I ga ciapà la martelada per el tratamento de le domestiche… E ti, senza moverte da Venezia, ti ga fato altretanto.

Tito

No essar cussì amara, Madalena. El xe sta come un relfolo…, come un’orbariola[2]… Più che un’orbariola, un infortunio sul lavoro.

Madalena

In questo ti ga ciapà da to pare.

Tito

Ma l’amaro in boca lo go sentìo subito… Non per ela, creatura, che la xe tanto graziosa; ma per la responsabilità che me pesava e che me pesa su le spale. Perché… son stà mi el primo; credilo, Madalena.

Madalena

Oh, no lo meto in dubio! El primo e l’unico. Ma adesso?…

Tito

Adesso son mi che te suplico de agiutarla… De agiutarne tuti do… Me s-ciopava el cuor, sastu, de dirtelo… Ti xe sempre stada come una mama per mi, ti ga dito… E son sicuro che no ti domandi de megio che de agiutarne.

Madalena (scervellandosi)

Ma in che modo, vissare? Dimelo ti.

Tito

Apena che la se ga acorto del so stato, la s’à messo in una disperazion… No la vol più restar qua gnanca una setimana. E fora de qua, no voria che la me fassesse qualche spegazzo[3]! Se gnente gnente la se sente abandonada…

Madalena

Ohe?!… Spegazzi de che genere? Perché…, intendemose ben; che se ve passasse per la testa…

Tito

Noo! A mi, no. E gnanca a ela.

Madalena

Oh, ben, digo! Che no zontemo un’altra buzara[4] a quela che gavè za fato… (decisa) Adesso ghe parlarò mi.

Tito (supplice)

Ma no strapazzarla, Madalena… Pensa in che stato che la xe…

Madalena (un po’ commossa)

No la strapazzo, no; no aver paura… (dopo un poco) Ti m’ha messo in crose… (a un gesto di Tito) Sì, digo… Crose?… Come una nona che speta un nevodeto…; e no pol mostrarlo a la luse del sol… E un’altra crose sarà quela adesso de dirghelo a to papà… Perchè lu sì bisognarà che ‘l lo sapia. Come avocato el xe un specialista del genere… E come omo, pur co tuta la so politica, el xe restà ancora un galantomo. (va all’uscio di destra e chiama) Valentina!.. (a sé) Ma varda ti cossa che me va a capitar! (chiama ancora) Valentina! (Tito si asciuga i sudori sulla fronte; Valentina appare e scruta entrambi) Vien qua, picola. (dopo un poco) Xe vero che ti vol andar via?…

Valentina

Oh!… El ragionier ghe ga dito?…

Madalena

Ti pol ciamarlo anca Tito, va là; e no ragionier. (Valentina si accascia ancora sulla sedia e si copre il viso con le mani) Brava! Càschime ancora zo su quela carega!

Tito

La sa tuto, ormai, Valentina. E la ga promesso de agiutarne…

Madalena

Agiutarne, agiutarne?… Gnanca che fusse la maga Sabina!… Ti xe stada un’oca. Ma intanto ti, per adesso, fora da sta casa no ti ghe va.

Valentina

Ma come vorla che fassa?… Co la signora che ariva cussì a l’improviso… Co i disturbi che me ciapa a la note…

Madalena

Intanto da sta note ti vegnarà a dormir in camara mia che xe da st’altra parte del coridor.

Valentina

E cossa ghe diremo a la signora?

Madalena

Che la to camara xe piena de sorzi. A costo de andarli a comprar, varda! E ti, dei sorzi, ti ga sempre avudo una paura maledeta; vero?

Valentina (con un brivido)

Oh, sì!

Madalena

No missiarte[5]. Che no te nassa el fio co una coa de sorzo sul naso!… Ma qua. Soto el mio controlo. E pensieri neri, gnente. Và, in qualche maniera faremo… No so gancora come…; ma qualche santo se despicarà da un muro.

Valentina (scoppiando in lacrime e abbracciandola)

Oh! Siora Madalena!…

Madalena

Sta su, che ti me rovini la blusa!… E aspeta che te manda ancora a far la pulizia in studio de l’onorevole! Quantunque…, za tanto, ormai…

(Scampanellata esterna)

Valentina

Oh Dio! Che i sia lori?

Madalena

Va de là, ti. Metite un fià de cipria sul naso che ti lo ga rosso come un pevaron.

(Valentina esce a destra soffiandosi il naso; Madalena si reca al fondo ad aprire)

Carmela (d.d.)

Siora Madalena, posso vegnir de sora ?

Madalena (d.d.)

Avanti, benedeta.

Tito (ha un gesto di disappunto)

Mi no ghe son par nissun. (esce a sinistra II uscio)

Carmela (d.d.)

Gelsomina, sera la porta.

Madalena (rientra seguita da Carmela)

No ti xe sola?

Carmela (che la segue)

La Gelsomina; la serva dei Furlotti.

Gelsomina (d.d.)

Ciò, mora, desbrighite. Gastu le buganze[6]? (entra) Bon giorno, siora Madalena.

Madalena

Cossa?… Ghe ne xe un’altra?

Gelsomina

La Amabile; quela del secondo pian. (entra)

Amabile (tipo di tonta)

Bon giorno. Serva sua.

Madalena

Digo, creature, cossa gavè fato ancuo? El scioparo de le serve?

Gelsomina

Oh! Adesso no ghe ne sarìa più bisogno. Almanco da quelo che ne dise qua la Carmela…

Carmela

Sicuro. La ghe lo diga anca ela, siora Madalena. Certo la gavarà sentìo la radio de un boto.

(Madalena non capisce) De la lege che xe stada aprovada!

Madalena

Ah! Xe per questo?…

Carmela

Lore gera a drio a servir in tola; ma mi la radio me la cuco l’istesso. Co ‘l nono sordo che ghe xe in casa, i tien suso el cosso, là… el tìpete, che se podarìa sentir fin in piazza San Marco. Adesso a do boti i ripete de sicuro…

Gelsomina

E savendo che i onorevoli xe ancora a Roma…

Carmela

Un trionfo per i so paroni! I ghe vorìa tuti cussì a la camara! Queli xe omeni!

Madalena

Veramente… una la sarìa dona… E i sta per tornar i me paroni. I xe vegnudi in aereo. No pol far che i sia qua.

Carmela

Megio. Magari che i ne trovasse!… Sastu che onor? Saressimo le prime a sbatarghe le man.

Amabile

Viva! Viva! Viva!

Carmela

Tasi, ti, sempia.

Madalena

Viva, viva, viva… E i vostri paroni come i la gali tolta?

Carmela

I crepa da la bile! Ga da essarghe fermà el disnar sul stomego. E ga tolto de mezo Pierin che voleva ancora un toco de torta. Certi scufioti!

Madalena

E come gavè fato a scamparghe via?

Gelsomina

Gavemo dirito ormai a un’ora de riposo dopo i pasti. Altro che lavar i piati!… Se la Carmela, qua, no ne ga contà una frotola…

Carmela

Vangelo. Sentirè.

Amabile (come un’oca)

Sentirè.

Carmela

E se le nostre signore vol tor el cafè, bisogna che le se meta lore davanti ai forneli. Adesso che ghe xe la lege!

Amabile

La lege. I carabinieri.

Carmela

Cossa ghe entra i carabinieri? El sindacato. (una pendola batte le due) Do boti! Ghe despiase, siora Madalena? Ela xe de le nostre. No savevimo proprio dove andar per sentir in santa pase. (si avvicina alla radio) Come se fa a verzar?

Madalena

Lassa; fasso mi. (apre la radio)

Carmela

Questa sì che xe una bela radio.

Gelsomina

Xela de quele che se sente e se vede?

Madalena

No, benedeta. Per quele ghe xe tempo ancora.

Radio

Prima dei pasti, un vermouth Martini.

Amabile

Gavè sentìo? I ne dà anca el vermouth…

Carmela

Sì; su la testa.

Radio

Giornale radio. Roma. Alla camera dei deputati si è chiuso a tarda ora lo scrutinio per la legge sul rapporto del lavoro domestico proposta dagli onorevoli Mardegari, Santinetti e Simoncelli. La legge, che è stata approvata a esigua maggioranza, consta di quindici articoli di cui prospettiamo i principali. Diritto a non meno di otto ore di riposo notturno…

Gelsomina

La gavarà finìo de mètarme la sveglia a le cinque, quela carogna! E ela sta in leto fin a mezogiorno.

Carmela

Tasi!

Radio

Un’ora di riposo per ciascuno dei pasti principali e mezz’ora per la colazione del mattino…

Gelsomina

E mi me toca butar zo el cafè e late co la scoa in man.

Radio

Congedo settimanale di una giornata intera alla Domenica e due mezze giornate infrasettimanali…

Carmela

Do ore a la festa per menar i fioi al cinematografo dei preti, la me dava!

Radio

Ferie annuali pagate dai quindici ai trenta giorni, secondo l’anzianità, con maggiorazione del cento per cento qualora vengano usufruite fuori sede. Su questo articolo specialmente si sono appuntati gli strali dell’opposizione.

Gelsomina

Fioi de cani! Lori soli vol andar al mar o in montagna!

Radio

Tredicesima mensilità. Liquidazione sulla base del contratto di lavoro dei dipendenti aziendali…

Carmela

Sicuro. Cossa semo nualtre?

Radio

Usufruibile anche in caso di abbandono volontario del servizio per giusta causa, quale malattia, infortunio, gravidanza, matrimonio. Altre norme accessorie regolano ancora…

Madalena (chiude la radio)

Me par che basta adesso. Ghe ne savè anca massa.

Carmela

Gera ora del resto che i fassesse qualcossa anca per nualtre. El nostro mestier deventa impossibile de giorno in giorno. Co l’afar del telefono, le parone se fa mandar la roba a domicilio dai fornitori. E nualtre, povare tose, ne toca star sempre serae su in casa, senza poder ciapar un fià de aria, incontrar qualchedun…

Madalena

Farghe la cresta a la spesa…

Carmela

Almanco adesso, co ‘sti articoli…

Madalena

I se ne ga desmentegà uno, peraltro…

Carmela

Qualo?

Madalena

L’automobile per andar a Messa a la domenega.

Carmela

Siora Madalena, la ga vogia de scherzar!…

Tito (rapido da sinistra)

I xe qua. Ghe xe el motoscafo.

Madalena (correndo a destra)

Valentina! Valentina!

Carmela

Ciò; el ghe gera anca lu in casa?

Tito

Ghe gera, sì; ma no fèghene caso. Andè, andè adesso, andè…

(suoneria esterna molto prolungata)

Carmela

Gnanca per insogno. Dovemo farghe nualtre la festa per prime… Me despiase solo che no femo tempo de ciamar le serve de tuta la fondamenta…

Gelsomina

De tuto el sestier!

Carmela

De tuta Venezia!

Amabile (sempre tonta)

Anca quela de Campagna Lupia.

Tito

Sii! Tuto l’orbe teracqueo!…

Carmela

Ma el sentirà domenega. Qua ga da tremar i veri.

(Madalena ha attraversato di corsa con Valentina; appaiono ora in anticamera con Mardegari e la signora Lina. Reggono un paio di valigie leggere da aereo)

Madalena

Gali fato bon viagio?

Mardegari

Oh! Un fià de balo de San Vito su l’Appennino.

Madalena

No li aspetavimo cussì presto de sicuro. El telegrama xe arivà adesso.

Lina (in abito di taglio quasi maschile)

Apena el tempo de ciapar l’aereo per la coa… Gavemo lassà incarico a una hostess… (entra con il suocero e le due domestiche; è affannata; reca un leggero soprabito sul braccio. Senza espansione, al marito:) Ciao, Tito.

Tito (sullo stesso tono)

Ciao. Bondì, papà.

Mardegari

Salute, prole! (depone una grossa busta da avvocato sulla sedia)

Le tre serve (che sono schierate da un lato, ad un cenno di Carmela, esplodono in un’acclamazione)

Evviva l’onorevole Mardegari!!… Evviva!

Mardegari (sorpreso e sorridente)

Onorevole Mardegari, mi? O onorevole Mardegari, ela?

Carmela

Tuti do. Eviva i padri del popolo!…

Mardegari

Padre e madre, insoma. Genitori.

Amabile

Viva, viva, viva!

Lina

Cossa xe?

Madalena

La rapresentanza de le domestiche de la cale. Le ga sentìo el giornal radio. No ghe mancava che la musica in testa!

Mardegari (facendo di ganascino a Carmela che è la più carina)

Brave, brave! Una gradita sorpresa… Soltanto dagli umili se pol aspetarse simili impulsi!… Vero, Lina?

Lina

Certo, papà. Ma adesso gavemo proprio i minuti contai… Co tuto quelo che ne aspeta da far… (a Valentina) Pòrtime la valigia in camara, Valentina.

Valentina

Sì, signora.

Lina

E tìrime fora el tailleur beige. Po’ torna de qua. (via Valentina a sinistra I° uscio) Passime la busta, papà. (alle tre domestiche) Imagino, del resto, che anca vualtre gavarè qualcossa da far, cussì subito dopo colazion.

Carmela

No la xe miga passada l’ora de riposo.

Mardegari

Che ora?

Carmela

Per i pasti principali. Adesso ghe xe la lege.

Mardegari

Ah! Perché gavè za savudo? Un momento, ragazza. No bisogna meter il carro davanti ai buoi… La legge xe passada a la Camera, xe vero. Ma bisogna che la passa anca al Senato.

Gelsomina

Cossa? Cossa? Alora no la xe una roba sicura?…

Mardegari

Ma sì… Dai copi in zo[7], se pol considerarla sicura; perché in fondo le magioranze xe sempre quele… Ma, per renderla esecutiva, bisogna po’ che la sia inserita ne la Gazzetta della Repubblica e che si trasferisca in sede di Ufficio del Lavoro.

Carmela (disillusa)

Alora…, aspeta cavalo!…

Gelsomina (a Carmela)

Gastu visto? E a sentirte ti, se podeva scominciar subito… ‘Arte, ‘arte, tose!… Qua xe megio filar più presto che in pressa, se no i paroni ne dà una de quele man de bianco!… Bon giorno, onorevole.

Mardegari

Adio, care.

Amabile (sul tono consueto)

Viva, viva, viva!

Gelsomina (trascinandola per un braccio)

Cori, sempia!…

Amabile (uscendo dal fondo con le compagne)

Gnente vermouth, alora.

Madalena

Aspetè che ‘ve acompagna. Che a le volte no ghe ne vegna su un’altra squadra. (le segue)

Lina (rovistando nella busta)

Aufa! Che secàe!… Mi me domando se valeva la pena… A la prima contrarietà…, ecole col so egoismo. (e tira fuori dalla busta alcuni fascicoli che accumula su di un tavolo)

Mardegari

Cossa vustu? Le xe de le povere ingenue. E nualtri no dovemo fermarse a l’ategiamento dei singoli; ma mirare al principio, alla mèta, al problema sociale da risolvere.

Lina

Mi vorìa saver percossa che son andada a imbarcarme in ‘sto porco mestier!

Mardegari

Mestier, ti lo ciami? Missione.

Lina (seccata)

Va ben, va ben; sì; missione. Come quela de le coleghe de gruppo. Ti ga visto che voltafacia elegante? Egoismo! Sempre egoismo! Forse perché no le xe stae lore le proponenti…

Mardegari (sentenzia)

Natura umana.

Lina

E quasi quasi se doveva insacar una bela bociatura!… Ma credistu che le staga quiete adesso?… Aspeta lore, soto, soto, co quele quatro mumie del Senato!…

Mardegari

No preocupartene. Gavemo anca nualtri le nostre carte da zogar.

Lina

Ti, forse, ti faressi megio a tegnirte in disparte più che xe possibile. Ti sa za come che i te ciama a Montecitorio: L’onorevole ancillare.

Mardegari

Lassa che i diga!… In fondo le donete, ancelle o non ancelle, le ga sempre piasso anche a lori. Quele carine, intendemose!… E mi no son ancora da butar ne le scoasse. E no go da rendarghe conto a nissun.

Valentina (rientrando)

Eco fato, signora.

Lina

Va ben, adesso speta. (rovistando ancora nella borsa) No lo trovo! No lo trovo! E fra un’ora go la prima riunion.

Tito

Ma no ti podevi fissar per doman?

Lina

Oh sì! Ti podarà rimandarle ti le to riunion al giorno dopo, mio caro ragionato! Ma nualtri…, col nostro piano de lavoro?… Gnanca el tempo da respirar. E senza un’ora esclusivamente nostra; una serata nostra… Serve! Eco. Serve de la comunità.

Mardegari

Veramente…, geri a sera a l’Ambasciatori…

Lina

E ti ghe ciamaressi vita nostra, quela? Come se gavarìa poduo cavarsela?… El console del Paraguai…, quelo del Siam… Vita nostra!… E go ancora qua l’aragosta che me passegia per el stomego!

Mardegari

A sta ora la dovarìa essar morta negada… Co tuto el champagne che gavemo butà zo!…

Lina

Un altro martirio!… E stamatina i  bagagli; e ancuo l’aereo; e più tardi l’Uncepit!… Dimission…; mi dago le dimission!

Madalena (rientrando con un plico) (A Tito)

Ghe gera posta per ti in cassetta.

Lina (buttando all’aria l’ultimo fascicolo)

Insoma no lo trovo!

Mardegari

Ma cossa xe che ti cerchi, se pol saver?

Lina

El fascicolo del Fipa. Devo riferir al Comitato.

Tito

Il Fipa?

Lina (rapida)

Federazione Italiana periti agrari. Vustu vedar che Aldini el lo gavarà messo dentro al baul?

Tito

Chi xelo?

Mardegari

El segretario del colega Fiorabelli. El ne lo çede qualche volta per metarne in ordine…

Tito

Se vede!

Lina

Oh! Magari lu gavarà pusà la cartela su qualche mobile; e la cameriera de l’albergo dopo… Per quanto se se racomanda, le più stupide ne toca sempre a nualtri!… (a Tito, porgendogli la bolletta) Toh! Ritira subito el bagaglio. Questo xe afar tuo.

Mardegari

Se ‘l xe partìo a mezogiorno?… Ormai, fin a domatina…

Lina

Bisogna rimandar la seduta sunque?… Che secatura! No, no… Te lo go dito anca geri, papà. Co tornemo a Roma, bisogna che se portemo co nualtri Valentina.

Madalena

Noo! (Valentina si lascia andare sulla solita sedia)

Lina (sorpresa)

Noo? Percossa no?… Tanto el biglieto feroviario lo paga lo Stato…

Madalena

E percossa no la me porta mi, alora? Mi no so gnanca come che la sia fata, Roma. E xe giusto che prima de morir… In quanto a ordine po’, la sa che mi no scherzo…

Lina

No xe questo… Xe piutosto che una cameriera giovane…, distinta… Se pol anca farla passar per una specie de segretaria… E questo dà più prestigio, più tono, eco…

Mardegari (lusingato)

Giusto, giusto…

Lina

Ad ogni modo gavaremo tempo de parlarghene.

Madalena

Ghe ne parlaremo, sì. Ma intanto, co sti discorsi, no i m’ha gnancora dito se i ga fato colazion o no.

Lina

Colazion? E chi ghe pensa al magnar?… Cossa gavemo tolto, papà?

Mardegari

Qualche brioches, me par con cioccolatto e panna.

Lina

Tanto per mandar via el sercio a la testa. Adesso po’ bisogna che cora subito da la marchesa Storti. Fra una discussion e l’altra, un thè co qualche biscoto ghe scamparà de sicuro. Bastarà che ti provedi per stasera. Vien a infilarme el tailleur, Valentina.

Valentina

Subito, signora.

Lina

Aufa! Che vita!… (esce a sinistra primo uscio, seguita da Valentina)

Mardegari

Mi vado a lavarme le man. (esce a destra primo uscio)

Tito

Te lo diseva, mi, che qua no i ne lassa gnanca el tempo de ciapar fià!

Madalena (a Tito)

Varda che ti gà ancora là quela posta.

Tito

Ah, za! (toglie il plico dalla mensola dove lo aveva posato e lo apre, mentre Madalena riordina i fascicoli che Lina aveva buttato all’aria e li ripone nella borsa) Chi sarà mai? (trae una lettera e dei cataloghi) Toh! El mio vecio amigo Schiavoni.

Madalena

Chi? Ughetto?

Tito

Sì. Da Milano. Gera ani che no saveva gnente dei so ossi… (legge) Perbacco!… Che strazza de posizion! Direttore della Thermofrigor, distributrice esclusiva per l’Italia della Philco – Youngstown – Maytag – Knapp – Monarch – Company. Senti, senti… I lancia in tuto el mondo i più moderni apparecchi elettrodomestici… Dal lavastoviglie, alla cucina ad autoregolazione… Dalla lavatrice all’asciugatrice elettrica… Tutto, tutto per la casa… Basta tacar una spina e…

Madalena

Cossa vali a trovar fora, po’!…

Tito (esaminando un foglio)

E le condizioni…; el sistema di lancio… Quote mensili equiparate al costo del personale domestico, con rientro del cinquanta per cento sul consumo de la corente…

Madalena

Benon! Cussì nualtre podemo andar a spasso!

Tito

Ma ti no ti xe minga[8] una domestica! … El me interessa a proporghe un rapresentante per le Tre Venezie… Senti qua: (legge sulla lettera) “Ho appreso che hai due parlamentari in famiglia. Complimenti. Possono essere di valido appoggio per lo sviluppo della nostra iniziativa inspirata ad un alto concetto di moderna civiltà.”  El xe cascà pulito!…

Madalena

Almanco i podeva vegnir fora prima co ‘sta trovata…; che a Valentina no ghe sarìa tocà sto bel complimento.

Tito

No dir cussì… (depone le carte) Gastu sentìo? La voria portarsela a Roma.

Madalena

Sìì… La sta fresca! E bisogna mètar to papà da la nostra prima che ela se impunta…

Mardegari (rientra asciugandosi le mani)

Ben? Che novità ghe xe in studio?

Tito

Gnente de importante. I clienti sparagna le scarpe perché i sa che la session parlamentare xe ancora averta… I più grossi vien a trovarte a Montecitorio. Ma un’altra volta avisime in tempo co ti torni… Credo che giusto stamatina el procurator de la Banca del Popolo sia partìo per Roma…

Mardegari

Poco mal. El me aspetarà. Tanto per lunedì dovemo essarghe de novo…

Tito

Ghe tornè cussì presto?

Mardegari

Ghe xe el voto de fiducia. Bisogna essar compatti. (a Maddalena che sta chiudendo la busta) Gastu fato ti?…

Madalena

Volèvelo che lassasse sta rivoluzion?

Mardegari (riflettendo)

Varda però che no la xe minga una cativa idea quela de to muger de condur co nualtri Valentina.

Madalena (secca)

No!

Mardegari

No?… Ancora no? Mi no so capir… Possibile che vualtri do, qua, no podè arangiarve da soli?

Madalena

No xe questo. Ma, se go dito no, xe no.

Mardegari

El ghe sarà pur un motivo!…

Madalena

Altro se ‘l ghe xe! E grosso.

Mardegari

Fore, dunque.

Madalena

Che podarìa farghe mal el treno; eco; za che ‘l vol saverlo. Co se se trova in çerti stati…

Mardegari

Madalena?

Madalena

Galo capìo adesso, senza che ghe lo buta in soldoni?

Mardegari

Valentina?!… No?…

Madalena

Vèdelo se no ‘l ga dito “no” anca lu adesso?…

Mardegari

Valentina? Quela perla de creatura?

Madalena

E apunto per che la xe…, opur la gera, una perla che bisogna far de tuto per salvarla!… E nessun xe più adato de lu che, come avocato, el ghe n’ha sbrogià de le matasse… No ‘l vorà minga rifiutarse, spero.

Mardegari

Oh! No, certo. Varda ti se me aspetava una cosa simile!… Ma bisognarà prima svilupar el caso, esaminar la posizione…

Madalena

La posizione xe quela che la xe. La gavarà un bambin.

Mardegari

E alora o co le bone o co le cative, bisogna metar in crose l’artefice.

Madalena

Magari se podesse!

Tito

No se pol, papà…

Mardegari

Go capìo. Maridà, vero? La solita storia! (Maddalena allarga le braccia) E vualtri lo conossè, imagino…

Madalena

Eh, altro!…

Mardegari

Galo prole?…

Madalena

Legitima, che mi creda, no.

Tito

Escluso.

Mardegari

Possibilità economiche?

Madalena

Peuh! Relative. I sui piutosto.

Mardegari

I sui, chi?

Madalena

So papà.

Mardegari

Bisogna ciamarlo in causa; senza riguardi. La minacia de uno scandalo, forse… Quantunque questo no risolva la posizione civile de la ragazza e quela del nascituro. (a Tito) Per adesso no dirghe gnente a to muger, là…

Tito

Sta pur sicuro. Fidìte de mi.

Mardegari

Certo che podarìa presentarse forse un’altra via de uscita… Un galantomo che no gavesse tropi pregiudizi…

Tito

Trovarlo.

Mardegari

Un omo de la mia età, per esempio…; libero; che sentisse il vuoto della solitudine… Se ‘l fusse vissuto e inteligente, el dovarìa capir che l’acquisizione di una giovinezza se sconta sempre con qualche rinunzia…

Tito (spaventato)

Oh, Dio! Papà?…

Mardegari

La podarìa essar una risolvente… E quele che se presenta cussì d’amblè, le xe de solito le più accettabili…; come un volere del destino. Lassè che concentra le idee… No credo che da parte sua, con la prospettiva de darghe uno stato legittimo a la so creatura… Del resto, nel caso attuale, no se tratarìa gnanca de un puro gesto filantropico… No, fino a sto punto, no. Ma se el gesto fosse fiorito da un sentimento latente…, frenato finora da quel naturale ritegno de la maturità….

Tito (c.s.)

Fermite, papà, per l’amor de Dio!

Mardegari

Ti, per esempio, ti disaprovaressi? Mentalità aretrata. Go cinquantasie ani, in fondo. E conservato bene.

Tito (desolato)

No se pol, papà! Xe tragico; ma no se pol!

Madalena (quasi a sé)

E lu, pare de so nevodo!

Mardegari (sbalordito)

Cossa?… Ti?… Ela?… Ah, vergognosi!

Tito

La colpa no xe tuta mia, papà.

Mardegari

Ah, no? E de chi dunque?

Tito

Del vuoto de la solitudine, come che ti ga dito ti; e de chi che me lo ga procurà.

Mardegari

Ti voressi arguir con questo?

Tito

Che ti ga anca ti la to parte de responsabilità avendo lancià a viva forza mia muger nell’agone politico. Perché no ghe gera abastanza del gelo qua dentro… Prima, segretaria del gruppo, dopo Presidentessa dell’UDI, commissaria, propagandista…; infin el scragno de onorevole. E mi qua solo come un pampe. Se invesse de introdurla ne la camera dei çinquecento e settanta, ti me la lassavi ne la mia camera…

Mardegari

Ah, ben! Ah, ben! Questa sfacciata inversione dei termini e dei valori…

Tito

Drìsseli ti, che ti ga pratica. Mi, per conto mio, no vedo che una soluzion…

Mardegari

Un divorzio? Un annullamento del matrimonio?

Tito

E chi lo sa? Cussì xe come che no la gavesse… Tanto fa, alora, no gaverla del tuto.

Mardegari

Ma ci vogliono delle ragioni valide!

Tito

Ti pol mèter in zogo le sue mancate facoltà riprodutive in confronto de le mie, ormai provatissime.

Mardegari

Cinico. Sei un cinico.

Tito

Difendo la mia creatura che deve vegnir; e la possibilità de poderghe dar un nome.

Mardegari

E la libertà de far el comodo tuo in campo extra-coniugale. E poi…, un divorzio?… E il dilagare dello scandalo? Le conseguenze politiche? Bisognarìa che la cambiasse partito.

Tito

No xe cosa impossibile. Con la tua personale esperienza… Soto la tua guida…

Mardegari

A che giuoco ti voressi portarme?

Tito

Eh, papà!… Ti ghe fa tanti per i altri che ti podaressi far anca questo per to fio. Crearghe dei contatti… Magari coi coleghi zovani de l’oposizion… zente che pol andar oltre frontiera… Cossa sogio mi? Ormai al punto che semo…

Mardegari

Enorme! Enorme!

Tito

Ma, sora tuto, procura de desmentegar adesso i… sentimenti latenti; o de adoperarli almanco co un senso de paterna comprension; che, povara creatura, no la gà bisogno de altri patèmi.

Mardegari

Per questo son un gentiluomo.

Tito

Tasi, che le xe qua.

Lina (viene rapida da sinistra, seguita da Valentina. Indossa il talilleur, con un grande papavero di seta rossa al risvolto. S’avvia alla comune). Scampo. Xe za tardi. Ricordite papà. A le cinque a la sede del partito.

Tito (sottovoce, al padre, alludendo al fiore rosso di Lina)

Gastu visto?… El par quasi un presagio.

Valentina (che l’ha seguita come un’ombra fino alla soglia della comune)

Ghe xe altri ordini, signora?

Lina

Telefonarghe a la sarta, te go dito. E po’, aria a le camere.   (esce)

Valentina (ridiscende; ma a mezza scena si accorge che i tre la osservano. Sgrana gli occhi verso Madalena che col gesto le fa capire che l’onorevole sa già tutto) Oh!… (guarda quindi Tito che fa un gesto analogo) Oh!… (e infine guarda Mardegari che, intenzionalmente, le fa col dito un gesto di scherzosa minaccia) Ohh!… (si copre il ventre con le mani e si lascia cadere sulla solita sedia)

Madalena

E un’altra volta! Bisognarà che la cambia de posto quela carega!…

Sipario

Atto Secondo

La scena

Studio industriale del Rag. Mardegari annesso all’abitazione. Usci alle laterali. Ampia finestra al fondo che dà verso la fondamenta. Ricche tende moderna. Scrivania, cartelliere, telefono, gruppo di poltroncine per i visitatori. Alle pareti grandi cartelli policromi che illustrano i vari tipi di apparecchi elettrodomestici. Qualche effettivo apparecchio, appena sballato, contro le pareti.

Il rag. Mardegari, molto elegante, sta parlando al telefono; entra dal secondo di sinistra Maddalena che gli reca il caffè sul vassoio. Tito, mentre parla, fa cenno a Maddalena di posare il vassoio sulla scrivania. Maddalena eseguisce ed esce.

Tito (all’apparecchio telefonico)

El deve aver pazienza, comendator. No savemo più da che parte voltarse con tute ste commission… Ma per lu, comendator… Go telefonà un momento fa a la Direzione generale di Milano; e i me ga assicurà… Entro la setimana el sarà in possesso del lavastoviglie con lavello trita-rifiuti.

Lina (entra come un bolide dal primo di sinistra)

Vero, ti…

Tito (dopo averle fatto cenno con la mano di star zitta)

Per la cucina autoregolatrice bisognarà aspetar forse qualche giorno… Le xe a le prove del collaudo. Ma questione di giorni, ripeto. El lassa far a mi. Arivederla e grazie, comendator. (depone il microfono)

Lina (eccitata)

Soto! Forza!… Inonda la cità, la provincia, i paesi!… Ti ciaparà la percentual anca da la Società Elettrica, cussì!…

Tito (calmo)

Bastarìa che me ne interessasse… Ma no go soverchi apetiti… (mentre sorseggia il caffè) Vustu cafè?… No ‘l xe tropo bolente, ma…

Lina

El tossego ti dovaressi darme; altro che caffè!

Tito

Percossa?

Lina

Ah! Te par de farme far una bela figura, ti, co la rapresentanza che ti ga tolto?…

Tito

No capisso cossa che ghe entra… No son sta mi a çercarla. La me xe piovuda come la mana dal çielo. E ogni omo che gabia la testa su le spale… Del resto, se anca la gavesse çercada… Col semplice studio de ragionier ghe gera poco da star alegri… Xe logico adunque che adesso sviluppa la mia azienda e la mia personalità che finora la gera cussì in ribasso… No ti ga fato altretanto ti senza domandarme el permesso?…

Lina

Ma che razza de sensibilità gastu? No ti capissi che ti me tagi la strada? No ti pensi in che razza de posizion che ti n’à messo? Mi…? To papà…? Nualtri gavemo spuà sangue per far passar la lege sull’ordinamento economico del personale domestico e ti, proprio ti…, ti ne lanci sul mercato ‘sto scravasso de machine che anienta la mano d’opera! Lo sastu che a sta ora, a Venezia, i ga licenzià quasi il venti per cento del personale? Gavemo le statistiche del Sindacato.

Tito

E co questo?

Lina

Co questo, ti disi? No te par gnente sta piova de licenziamenti?

Tito (sorridente)

La borghesia si difende, cara…

Lina

Creando un mezo cataclisma sociale.

Tito

Convulsioni proprie de l’era moderna… Va là, che dopo tuto se assesta!…

Lina

E el nostro prestigio? El ridicolo che ne casca su le spale?

Tito

Ah! Xe per questo? Qua, vedistu, no ti ga torto. Ghe n’avè fato parlar tropo i giornali, la radio, le organizzazioni…: “Gli onorevoli Mardegari, suocero e nuora, si sono resi benemeriti…- Mercè il loro altissimo spirito sociale…- A loro va la perenne riconoscenza… - Eccetera, eccetera…” Basta che movè una pagia a favore dei vostri rappresentati, che subito se strombazza “il fattivo interessamento, le alte benemerenze…” Quasi che no ‘l fusse un dover. Che no fussi pagai aposta per questo.

Lina (inorridita)

Pagai, ti ga el coragio de dir?

Tito

Pagai. Co la diferenza che mentre agli altri la paga ghe la stabilisse i paroni, vualtri invesse ve la fissè de persona. E ve esentè da la richezza mobile. E no ghe xe pericolo che l’estrema scavalca i banchi per questo.

Lina

Bravo! Valo a zigar in giro!…

Tito

No ghe xe bisogno de zigarlo. Le verità salta subito ai oci. Certo che, se no fassevi tanto bacan, sto contrasto fra la vostra e la mia attività sarìa passà forse inosservato.

Lina

No semo stai nualtri a comunicarghelo ai giornali. La politica xe fata cussì.

Tito

E alora bisognava subir ancora le conseguenze de sta politica.

Lina

Pararìa quasi che ti volessi far el processo a le nostre istituzioni, che xe forti e sagge.

Tito

In teoria, certo. Ma in pratica? Chi xe che conosse a fondo i problemi da tratar? Uno su cento; i altri fa grumo e dise un saco de fesserie.

Lina (ironica)

El zogo de le incompetenze, insomma…

Tito

Ti sa trovar la terminologia esatta. Ma in fondo anca ti ti va a tastoni. Varda, per esempio: ti, che ti voressi darghe l’ostracismo a le mie machine per questione di principio, apena che mi son in viagio, ti tachi in cusina i aparecchi del mio campionario…

Lina (un po’ imbarazzata)

Ma mi lo fasso… cussì, per provar… Per rendarme conto de la potenzialità del nemico da controbatar… E no go mandà a spasso nessun, mi.

Tito

Intanto ti fa senza Valentina!

Lina

La se ga licenzià da per ela. E co quel po’ po’ de certificato medico che ne ga costreto a pagarghe oto mesi de salario a vodo… El colmo! Ela, invesse de tendarghe a la casa, la ne combina de quei pastizzi…; e nualtri dovemo pagarghe anca la liquidazion per “giusta causa”…!

Tito (con un sorriso beato)

Articolo dodici de la to lege, cara; che contempla anche il caso di gravidanza.

Lina

Se gavesse podudo prevedar…

Tito

Bastarìa che ti verzessi i oci adesso… E che ti la sostituissi intanto co un’altra dona; per no far cativa figura col Sindacato.

Lina

Ti, ti ga un’aria da sberle che consola!…

Tito

Te par? No. Son contento, eco. Cossa gera mi per ti? Per el mondo? Gnente. El ragionier Mardegari; pitoco. Succube de so muger. Adesso invesse son qualcossa : lavoro in piena indipendenza, guadagno un grumo de bezzi…e l’avenire xe tuto color de rosa!… Ti no ti imagini gnanca dove che se arivarà… Domandighe ai americani se i ga bisogno de servitori… Gnanca per mandar i fioi a scuola; perché ghe xe aposite imprese che va a torgheli suso casa per casa col pulman. Bisogna rassegnarse, cara; e vardar le cose con senso di realismo.

On. Mardegari (viene dal II di destra, lisciandosi beatamente le guance con la mano)

Delizioso! Veramente delizioso!

Tito

Cossa xe delizioso, papà?

On. Mardegari

Quel Kobler che ti gavevi qua sul tavolo. Par che una man liziera te accarezza el viso e ti te lo trovi lisso e molesin come el veludo.

Tito

El xe un rasoio svizzero di alta classe.

On. Mardegari

A quelo ti pol farghe la ricevuta, perché no te lo torno più.

Tito

Benon. Cussì un altro cliente xe trovà.

Lina

Bravo! Daghe anca ti de ste sodisfazion. Fa comunela co lu!

On. Mardegari

Comunela?… Che comunela?… El me ofre un rasoio. Posso pur acetarlo un regalo da mio fio. Mi no go mai rifiutà gnente in vita mia. Ma so mostrar, peraltro, la mia gratitudine. (a Tito) Ti vedarà a Roma che rèclame che te fasso coi me coleghi!…

Tito

Benon. Cussì gode el rapresentante romano!… Amenochè no ti vogi tor suso ti le comission…

Lina

No ghe mancarìa altro!…

Tito

Percossa? No i xe minga apparecchi elettrodomestici queli… Le serve no gavarìa gnente da dir.

Lina

Ma i barbieri, sì.

Tito

No me risulta che sul tappeto ghe sia leggi in proposito. Quindi, gnente incompatibilità.

On. Mardegari

No sarìa dignitoso però. Qua la ga razon ela. (quasi a sé) Ma per interposta persona, forse…

Madalena (dal secondo di sinistra)

Onorevole. El tapezier ga squasi finìo; el vorìa el so consiglio.

On. Mardegari

Consiglio? Cossa ghe entro mi col tapezier?

Madalena

No. Ghe diseva a la signora.

Lina

Aufa!… (E esce con Maddalena)

On. Mardegari

Ben?… Gastu notizie de Valentina?

Tito

Bone. Xe andada Madalena co la filovia. El professor Togni, la dise, el la ga trovada a posto. Otavo mese ormai. Ma el vorìa farghe una radiografia. El dubita che i sia do.

On. Mardegari

Oh, là, là!… Me par che la esagera adesso.

Tito

Speremo che no sia vero.

On. Mardegari

E come se trovela in campagna?

Tito

A quanto dise Madalena, la se xe messa a posto pulito da quela so amia de Camporroze. Coi so risparmi e i soldi de la liquidazion, la s’à comprà la camara e la cuna per el bambin…

On. Mardegari

Veramente quela ti dovevi comprarghela ti.

Tito (dopo un poco)

Senti, papà. Se no ti entravi ti ne l’argomento, te ghe n’avarìa parlà mi… Go rifletudo, sastu, a quelo che ti m’ha dito quel giorno co te go comunicà… (il padre lo guarda) Sì, là…; sul modo de risolvar… E in fondo in fondo me son convinto che la to saggezza…., la to esperienza de vita… La generosità dei to primi impulsi…

On. Mardegari

Ah!

Tito

No digo che ti gabi da sposarla, no… Anzi. Ma far quelo che no posso far mi…

On. Mardegari

Cossa xe che ti no ti pol far?

Tito

Darghe un nome a quel bambin…; o a quei bambini se i sarà do. In fondo el xe sangue del to sangue; e no te costa gnente. Adesso le possibilità economiche le go mi… Ela podaremo sempre agiutarla… Co una bona dote, se podarà trovar forse un galantomo che la sposa. Ma el picolo deve ciamarse Mardegari.

On. Mardegari (riflettendo)

El xe un problema.

Tito

Pensa, papà. Ti ti ga avudo quela volta la bona idea de metarme nome Tito, come ti. La par quasi un’ispirazion…

On. Mardegari

La xe una tradizion; no un’ispirazion. In casa Mardegari, da oto generazioni, i mas-ci tuti Tito.

Tito

E cussì anca el picolo se ciamarà Tito Mardegari, di Tito.

On. Mardegari

De qualo Tito, po’, che i vada a çercarlo.

Tito

Ma lu, de fronte al mondo, el sarà a posto per sempre. E mi podarò starghe da vissin, agiutarlo, soregerlo.

On. Mardegari

La xe un’idea. E che pol conferirme anca un çerto prestigio. Lassime rifletar.

Tito

Bisogna far presto, papà. Se no, sì, la pararìa una risolvente de l’ultimo momento…

On. Mardegari

Oh! Ti sa che mi son svelto ne le mie decision. (cambiando) E co to muger come sestu?

Tito

Peuh!… Se no ghe fusse quela benedeta politica de mezo…

On. Mardegari

Me par che la scominçia za ad averghene una sgionfa!… Co la campagna che i ghe fa soto, soto…

Tito

Campagna, per cossa?

On. Mardegari

Ma per questa tua attività commerciale che contrasta con le sue iniziative di carattere sociale… Allusioni, sospetti, ironie… Bisogna essarghene corazzati; avere altre tempre… Come la mia. E lei, invece, crolla.

Tito

Fusse vero!… Co la torna una dona come le altre, co la parla de abiti, de acconciature, de frivolezze, la xe un amor. E mi no domandarìa de megio…

On. Mardegari

Approvo. Quell’idea del divorzio, dell’annullamento del matrimonio, dello scandalo, de butarla in brasso ai rossi, no me andava zo. Se te fa comodo, a le prossime elezion ghe fasso ciapar una de quele bociature!…

Tito

No credo che la se ripresenta…

On. Mardegari

Xe auspicabile. Per evitar brute figure. Ma anca ti ti devi assecondarme…; mostrar un çerto qual tatto… Una dona, per quanto onorevole, xe sempre una dona.

Tito

No ti vedi che go za scominzà? Me son messo a rinovarghe la casa. Aredatori, mobilieri, tappezzieri… Da principio la me ga fato el diavolo a quatro; ma dopo, un poco a la volta, par che la gabia ciapà gusto… Spero anca de metarla dentro nel Comitato de la Mostra del Costume.

On. Mardegari

Dai, alora. Soto!…

Tito

Adesso, se no ti lo sa, co quel po po’ de commission che go avudo da la Società dei Grandi Alberghi, go in vista el motoscafo a la riva e la machina a Piazzal Roma.

On. Mardegari

Bene! Aggiunge dignità al deputato. Andar in giro per la campagna eletorale co una machina da nolo…

Tito

Va da sé che te la impresto. (dopo un poco) E alora?

On. Mardegari

Alora cossa?

Tito

Del picolo; del nome.

On. Mardegari

Ho crogiuolato l’idea. Fatto. In fondo ti ga razon ti. Per quelo che me costa…

Tito

Grazie, papà. (telefono) Pronto… Pronto… L’onorevole Mardegari? Subito. (passa il microfono al padre)

On. Mardegari

Pronto… Come?… Ah, l’onorevole Lina Mardegari? Un momento. (a Tito) Ciamila.

Tito (va all’uscio di sinistra)

Madalena!… (dopo un poco) Ciama la signora. Telefono. Subito. (avanza; al padre) Adesso la vien.

On. Mardegari (al microfono)

Sta venendo. Ma chi parla? Ah!… Sindacato lavoratori domestici? (a Lina che entra) Per ti. (le passa il microfono)

Lina

Pronto. Onorevole Lina Mardegari, sì… Dica. Una commissione?… Che commissione?… Quanti membri?… Quattro?… Cinque con lei?… Troppi. La mia casa non è un’aula da comizio. Bastano due, tre con lei. E a un patto. Che sia presente una rappresentante di casa mia. La mia governante… Sta bene. Ma subito; perché fra mezz’ora ho un impegno. (depone il ricevitore)

Tito

Cossa vorli?

Lina

El segretario del Sindacato domestici. Cosa urgente, el dise; per evitare complicazioni.

Tito (al padre)

Ti resti qua, ti papà, per el momento?

On. Mardegari

No me movo. No go gnente da far. Son in ferie…

Tito

E alora stame atento al telefono. Una volta te stavo atento mi; adesso rendime el servizio. Aspeto una comunicazion; e devo incontrarme co una persona al bar qua de fassa.

Lina

No ti starà minga fora tanto?

Tito

Percossa?…

Lina

Ma perché…, se capita ‘sta zente… no se sa mai… Più omeni che ghe xe in casa…

Tito

Me sbrigo subito. Arivederci. E… corazzata, Lina! (esce dal secondo di sinistra)

Lina

No ghe mancava che la commission!… E no se pol rifiutarse de riçevarla… Co quel Segretario scaldanela che i me dise… E bisognarà riçeverla qua… De là xe tuto sotosora… Cossa se galo pensà Tito de metarme cussì in rivoluzion l’apartamento?… No se pol, fra l’altro, concentrarse un attimo, prepararse a le discussioni, studiar i problemi sociali del momento…

On. Mardegari

Ma evidentemente el lo ga fato per ti, cara…

Lina

Per mi?

On. Mardegari

Sicuro. Per crearte un ambiente di moderno confort…; per ofrirte possibilità de riçevar…

Lina

Riçevar chi?

On. Mardegari

Oh! Le commission de le serve, no de sicuro. Zente del nostro livello sociale. Venezia xe diventada adesso centro internazionale delle Arti e del Costume; ghe affluisce personalità artistiche e mondane da ogni parte del mondo… E data la tua e la mia posizione…

Lina (concedendo)

No se pol dir che ‘l gabia cativo gusto, però… No se gavarìa dito qualche mese fa…

On. Mardegari

Perché el fasseva el ragionier; e ragionier senza clienti. Ma adesso che ‘l viagia, che ‘l vede, che ‘l guadagna, che ‘l spende, che ‘l vive… Come mi. Eh! Se gavesse anca mi la so età co la mia esperienza… E invesse l’esperienza bisogna metarla spesso a servizio de l’età. E la saggezza, anca…; e l’onestà…; e el senso de l’onor…

Lina

Che discorsi me fastu adesso?

On. Mardegari

Sì; perché un omo de onor no deve smentirse mai; gnanca se ‘l gavesse l’età de Matusalemme. E mi, in fondo, no go che çinquantaçinque ani.

Lina

Çinquantasie, papà.

On. Mardegari

Va ben; çinquantasie. Uno più uno manco… Co questo no vol dir che possa sotrarme a un preciso dovere…

Lina

Dovere?… De che genere? Verso chi?

On. Mardegari

Una ragazza.

Lina

Ti?… E chi xela sta disgraziada?

On. Mardegari

Te la dago a indovinar… (dopo un poco) No ti ghe arivi?… Valentina.

Lina (sbalordita)

Noo!..

On. Mardegari

Così. Quel fio che sta per vegnir al mondo…

Lina

Valentina?!… Ah, ben! No ti ga vossudo smentirla la to fama di onorevole ancillare! E ti ga lassà che ghe paga la liquidazion?

On. Mardegari

Per mascherare in un primo tempo una situazione alquanto imbarazzante…

Lina

E adesso ti voressi sposarla?

On. Mardegari

Non si tratta di questo. Ma di dare un nome al nascituro, questo sì. Te par possibile che mi, onorevole Tito Mardegari, manca allo spirito che anima oggi il legislatore?… In Italia ghe xe attualmente due milioni di figli senza nome… La riforma del codice in materia è già sul tappeto. No xe possibile che per mia colpa i deventa due milioni e uno! Senza contar che, dopo un simile gesto, la nomina a Presidente della Commissione di Studio me aspetta di diritto.

Lina

Ma xestu ben sicuro che quel fio sia tuo?

On. Mardegari

Te par impossibile?

Lina

Veramente… Co la fama che ti godi… E ti podaressi giurarmelo ?

On. Mardegari

Sul Vangelo. Quela creatura che sta per vegnir al mondo… xe sangue del mio sangue.

Lina

E ti voressi darghe el nome? Mètarlo a livelo de mio marìo?… Co le stesse prerogative? Co i stessi diriti?… E Tito lo salo?… Cossa diselo?

On. Mardegari

Tito xe un angelo. El me ga dito: Bravo, papà!

Lina

Tito xe un aseno!… Ma no ‘l pensa che ti lo defrodi?… Dopo trent’ani, ti lo defrodi. Ma se no ‘l lo pensa lu, lo penso ben mi.

On. Mardegari

Frodarlo de cossa?

Lina (ironica)

Onorevole avvocato principe?… Ma de i so diriti civili!… De la metà de i to averi!

On. Mardegari (ruflettendo un attimo)

Giusto quelo che ti disi. No ti ga minga torto… A pensarghe ben… (dopo un poco, con una scrollata di spalle) Ma tanto mi no go gnente…

Lina

Come, no ti ga gnente?!…

On. Mardegari

Gnente. El studio de avocato. E la genialità, l’estro!…

Lina

E quel bosco in Cadore?

On. Mardegari

Andrà in fumo. Per pagar le tasse. Quele che doveva pagar.

Lina

E la casa de Martelago?

On. Mardegari

Svanita anca quela.

Lina

Brillanti e pelliccie a le donete, vero?

On. Mardegari

No ti lo conossi da ancuo el mio modo de vivar. Lavoro, spendo, magno, me diverto…; e no go mai fato bilanci in vita mia. L’unica sostanza che podarìa lassarghe a Tito gera apunto lo studio. Ma lu no savarìa cossa farghene; el latin e el greco no i ghe andava zo; cussì el ga fato el ragionier. Se ‘l xe mascio, ghe farò far l’avocato al picolo.

Lina

E se la xe una putela?

On. Mardegari

Al giorno d’ancuo no mete la toga anca le done?…

Lina

Ah, ben!… Ma no ti ga pensà a l’avenir? A la to vecchiaia?

On. Mardegari

Vustu che me guastasse el sangue co ste malinconie?… I ga fato la casa de riposo per i musicisti, per gli attori, per i scritori… Votaremo anca quela per i deputati. O me fasso nominar senator. El Senato, per i senatori a vita, no ‘l xe una specie de casa de riposo?… E pò gli eventi, mia cara, sono sempre regolati da una legge di compensazione. Se mi adesso no go più gnente, Tito sta creandose una sostanza. E ti ti dovaressi agiutarlo co un fià de dolcezza, un po’ di comprensione…

Madalena (entra da sinistra, secondo uscio)

Onorevoli, ghe xe zente. I dise che i xe aspetai…

Lina

Fali passar qua. I ariva in bon momento!

Madalena (sull’uscio guardando verso l’esterno)

Toh! Varda chi se vede! La Carmela? La Gelsomina?

Bonapace

Permesso?… (entra seguito da Carmela e Gelsomina; quest’ultima indossa una blusa rossa sgargiante) Si sono imposte loro alle compagne. Dicono che sono di casa…

Madalena

Buon giorno. Dovevi condurve anca l’Amabile, alora!

Carmela (brusca)

No; quela xe massa stupida. E qua zente stupida no ghe ne vol. Bon giorno.

Lina (a Madalena che sta per avviarsi)

Fermite, Madalena. Resata qua anca ti. Questo xe el patto.

Bonapace

Lei ancora non mi conosce, onorevole. Sono il nuovo Segretario del Sindacato domestici. Ma non vengo qui come tale. Conosco i limiti delle mie attribuzioni che possono arrivare eventualmente fino all’inizio di un’azione sindacale. Ma in seguito a un movimento che desta una tal quale apprensione…, per un comprensibile riguardo a due rappresentanti del popolo…

Carmela (sbotta)

El ghe la sbara subito, in malora, senza tante giravoltole! Qua, se no i ne assume de novo in servizio, nasse un sancassan[9].

Gelsomina

Mi, per fortuna, no i ga gnancora avudo el coragio de tocarme! Ma che i prova, se i xe boni! Prima che i me manda a spasso mi, ghe rompo tuti i piati che ghe xe in cusina!… Vogio vedar po’ se i fabrica la machineta per giustarli!

Bonapace

State buone, ragazze, state buone!

Carmela

Ma che bone e no bone! Qua xe el pan che i vol portarne via de boca!…

Lina

Ma se pol saver cossa che volè da nualtri?

Carmela

No la me casca dal mondo de le nuvole! Saver cossa che i pensa de far! …Se lori no se interessava dei fati nostri, a sta ora no ghe sarìa tante serve a spasso! Chi ga fato el mal, deve far la penitenza.

On. Mardegari

Dovaressimo torve nualtri a servizio in bloco?

Carmela

In sta casa? No, per l’amor de Dio! No semo minga la Valentina, nualtre! No gavemo bisogno de çerti regali!…

On. Mardegari

Cossa xele ste insinuazioni?

Carmela

Insinuazioni, el ghe ciama… (cambiando) Tante storie, tante promesse… E quando che nualtre, disgraziàe, ne pareva za de tocar el çiel col deo…, zo sta legnada su la testa!

Gelsomina (ironica)

Le ore de riposo dopo i pasti, vero?… La domenega libara?… Le ferie?… E adesso i ne manda a ciapar el fresco per 365 giorni a l’ano!… Ma za tanto, a lori, ghe tornava conto per vendar le so trapole!…

Lina

Ecola la riconoscenza!… Ecoli i risultati!…

Carmela

Erce pagiassi!

On. Mardegari

Pagiassi a chi?

Tito (che rientra in quella)

Cossa xe sto dolce eloquio?…

Lina (con un respiro di sollievo)

Oh, Tito! Manco mal…

Tito

Cossa vorle ste amabili fanciulle?

Gelsomina

Ecolo qua quelo de le machinete… Per colpa sua dove se la petèmo la lege che ga fato so muger?…

Mardegari

La legge Mardegari; che abbiamo proposto entrambi; e di cui assumo anch’io la paternità. E per la quale continuerò a battermi affinchè il Senato si decida a discuterla e approvarla.

Gelsomina

Ghe mancarìa altro che no i la approvasse!… Gavaressimo cussì el mal e la mala Pasqua!…

Carmela

In Italia semo 584.824 lavoratori domestici. Un esercito; se se movemo tuti quanti insieme…

Tito

Un’altra marcia su Roma.

Madalena

L’esercito de le scoe e de le strasse da forbir!

Mardegari

La legge sarà approvata, state pur sicure. Ma un conto xe la legge e un conto xe gli squilibri che le innovazioni determinano spesso nel campo sociale; e nessun può prevèderne le causali.

Carmela

Le casuali, el ga el coragio de dir!… Vardèle là le casuali ! Quele trapole, quei bidoni, che ve sgionfa le scarsele de bezzi !

On. Mardegari

A me non sgionfano proprio niente.

Carmela

E i ga el coragio de riçevarne qua, anca!

Gelsomina

La xe una sfida!

Madalena

I ve ga riçevudo qua, perché de là ghe xe l’apartamento soto sora. Se gavè oci, gavarè visto anca vualtre i pitori, i tapezieri…

Lina

Questa xe malafede bela e bona!…

Bonapace

Non dia retta, signora. Sono esaltate. (alle due serve) Se continuate così io mi esimo dall’assistervi. C’è modo e modo di dire le proprie ragioni. Ci vuole forma, ragazze, forma!

Gelsomina

Sì, de quele da scarpèri, per darghele su la testa a chi digo mi!

Maddalena (fremente, all’on. Mardegari)

Ma no ‘l xe bon, lu, de farle tasar una bona volta?

On. Mardegari

Le me diverte. La gente che no ragiona la me diverte sempre.

Carmela

No ragionemo, noialtre?

On. Mardegari

No; perché, se ragionassi, capiressi che dopo ogni convulsione viene l’assestamento. La storia insegna.

Gelsomina

Che storia e no storia!…

On. Mardegari

Domandèghe ai vostri noni. Anche quando xe sta istituìo qua a Venezia el servizio dei vaporetti, i gondolieri ga fatto el diavolo a quatro; come voialtre. Ma dopo la xe andada a finir che lavora in pieno e le gondole e i vaporetti.

Tito

E po’, adesso, a le porte de Venezia, no i sta per verzar novi stabilimenti? Intifici, cotonifici, concierie…

Carmela

Cossa! In campagna el vorìa mandarne! A nasàr la spussa de la pele de la consa!… E lori qua a farse la ponga[10]. La mia parona, la contessa Sardi, no ga comprà il… frigitore, qua da l’onorevole?…

On. Mardegari

Da mi?

Carmela (indicando Lina)

No; da ela.

Tito

Che frigitore?

Carmela

Là, quel afar che se tien la roba in fresca.

Tito

Ah! El frigidaire, vorè dir… Quelo, se volè saverlo, ghe lo go venduo proprio mi a la contessa Sardi.

Carmela

Xe l’istesso. Tuta una lega! Tuta una famegia!

Tito

No vorè pretendar che perché mia muger e mio papà se ga tolto a cuor le vostre condizion, mi rinuncio ai me afari privati!… Bel conceto gavè de la libertà!…

Lina

Ah, basta!… Basta!… Mi sento za la nausea che me soffega… Dimission! Mi dago le dimission!

Tito (deciso)

No; ti, adesso, no ti dà un bel gnente. Ti resti sulla breccia.

On. Mardegari

Non si crolla!

Tito

E lassa pur che le ziga. Co ghe manca la carica, le se incanta come le sveglie.

Carmela

Se incantemo nualtre?… El ga vogia!… Ma se anca restassimo senza… carica, come che ‘l dise lu, ghe xe ben st’altre che vien avanti!… (brusìo di folla) Sèntelo?

Lina

Cossa xe?

Bonapace

Le iscritte al nostro Sindacato che hanno conferito mandato a loro qui… La conferma di uno stato d’animo collettivo tutt’altro che tranquillante….

Tito

Ah, sì?… E alora digo basta anca mi, adesso!… Fin a prova contraria qua son in casa mia…. (al padre) Vòltime el telefono, papà. (l’on. Mardegari sposta la levetta del commutatore e Tito si avvia a destra)

Carmela

Cossa?… El ghe telefona a la Celere? Bela forza!…

Tito

No, care. Ghe telefono al Comandante dei Vigili del fuoco. Çerti picoli incendi se li stua co la manega de l’acqua. (esce; il brusìo si fa più intenso)

Lina

Le xe qua soto!…

Gelsomina

Sentirè che musica!

Bonapace

Penso io ad acquetarle… (s’avvia)

Madalena (con improvvisa decisione minacciosa)

E mi ghe agiuto. Ma a modo mio!

Bonapace

Non si arrischi! Se lei scende, io declino ogni responsabilità.

Madalena

Percossa? No son una serva anca mi come lore?…

Bonapace

Ma ce l’hanno a morte con lei.

Madalena

Ah, sì? E me vorlo spiegar, de grazia?

Bonapace

Nel comizio che si è svolto un’ora fa alla sede del Sindacato, la sua personale posizione è stata discussa e aspramente criticata.

Madalena

La mia posizion?

Bonapace

Eh, sì, cara signora! L’articolo otto della legge contemplerebbe che le domestiche, giunte all’età di cinquantacinque anni, possono chiedere la liquidazione e il trattamento di riposo… E lei, a quanto mi consta, i cinquantacinque anni li ha superati da un pezzo…

Madalena

Possono chiedere; non, devono!…

Bonapace

Ma è ovvio che se lei fosse sorretta da una tal quale sensibilità, in questa dolorosa contingenza, si metterebbe in disparte per far posto alle giovani compagne licenziate!… È ovvio!…

Carmela

Crumira! La xe una crumira!

Madalena

Cossa?… Crumira a mi?… Perché bato saldo in sta casa? Perché no me destaco da sta famegia? (a Bonapace) Lo salo, lu, che quando mi son vegnuda qua dentro, lu gaveva la boca ancora sporca da late?… E che go dà tuto, tuto, tuto?… Co xe morta, qua, la mama del ragionier, ghe go fato da mama mi… Co ‘l xe tornà da la guera che ‘l gera un filo perdente, ghe go dà anca una parte del mio sangue; quelo vero!… (denudandosi il braccio) El varda; ghe xe ancora el segno qua, su la mia vena!… Eben; mi me meto in disparte: mi me licenzio. Ma la liquidazion el me la calcola lu, co le so tabele, co le so tarife!… Zo, el fassa i conti… El moltiplica per 240; po’ el divida per quelo che ‘l vol e el me fassa pagar per tuto quelo che mi go dà, sior muso da mona!

(Tito è apparso sull’uscio)

Bonapace

Monna?

Madalena

No monna co do enne; co un’enne sola. Mona.

Bonapace

Non afferro…

Madalena

El se lo fassa spiegar da lore qua, che xe pratiche de l’articolo.

Carmela (a Gelsomina)

La ghe ga dà del mona al Segretario!

Madalena

E a vualtre ve dago el manego de la scoa su la testa, se no ciapè le scale!…

(urlo di sirena)

Carmela

La sirena dei pompieri?!… El ga fato sul serio, sto mostro!… Dàghela, Gelsomina, se no ciapèmo la resentada!

Gelsomina

E go la blusa nova!

(escono rapidamente Carmela, Gelsomina e Bonapace, mentre la sirena insiste)

On. Mardegari (dopo un poco, a Tito)

Ti ga ciamà dasseno i pompieri?

Tito (sorridente)

Ma noo!… La xe la sirena de mezogiorno del stabilimento Stucky…

Mardegari

Ah! Alora podemo andar a disnar.

Sipario

Atto Terzo

La scena

La stessa scena del primo atto; ma con l’arredamento più moderno e più confortevole. Anche i mobili sono cambiati.

Madalena, in grembiule bianco, viene dal I° di sinistra, reggendo un vassoio con la colazione consumata. Quando sta per uscire dalla comune, appare l’On. Mardegari al primo di destra. È senza giacca. Sta annodandosi la cravatta.

On. Mardegari

Bondì, Madalena.

Madalena

Bon giorno, onorevole.

On. Mardegari

A chi gastu portà la colazion?

Madalena

A l’onorevole so niora.Xe la terza volta che la me ciama. Da stamatina a le sie.

On. Mardegari

Chi gavarìa mai dito? Basta star lontani per essar desiderai. (dopo un poco) E Valentina?

Madalena

La dorme. La picola ga cantà tuta la note.

On. Mardegari

Cambiamento de ambiente, forse… Varda che go fame anca mi.

Madalena

La servo subito, onorevole. Cafè e late o ciocolata? Xe tuto caldo in cusina.

On. Mardegari

Ciocolata. E biscoti. E Tito ancora no se fa vedar.

Madalena

Lo go aspetà su fin squasi a un boto sperando che l’arivasse co l’ultimo treno. Epur…, dopo el telegrama che se ga fato… Xelo po’ sicuro de aver messo l’indirizzo giusto?

On. Mardegari

Perbacco! Presso Thermofrigor Via Annunciata 21 Milano. Xe più de un mese che ‘l xe fora de casa.

Madalena

Pol darse che ‘l gabia viagià de note. Che ora xe?

On. Mardegari

Le oto e meza.

Madalena

El dovarìa essar za qua.

On. Mardegari

Se ‘l treno no ga avudo ritardo… Ad ogni modo bisogna che stemo all’erta, per metarlo al corente prima…

Madalena

Sì; che no nassa qualche pastizzada.

On. Mardegari

Stago mi de guardia. La colazion portimela qua.

(Madalena esce dalla comune svoltando a sinistra dell’antisala. Mardegari si reca alla specchiera per accomodarsi il nodo della cravatta. Il vagito di un bambino. Mardegari sta in ascolto; poi scrolla il capo e esce dalla prima di destra per infilarsi la giacca.)

Madalena (dalla comune col vassoio della colazione per l’onorevole)

Musica!… (depone il vassoio sul tavolo. L’on. Mardegari entra con la giacca infilata)

On. Mardegari

Sentistu?… Xelo un màntice che ga quela creatura !  (e si siede al tavolo per consumare la colazione)

Madalena

El tasa!… I fa le scale… Questo xe el ragionier!… (la bimba si tace)

Tito (appare sulla comune; valigia alla mano e soprabito sul braccio)

Ciao, papà. Bondì Madalena. (abbraccia il padre)

Madalena

Ah! Manco mal che ti xe qua! Come stastu?

Tito

Ben, grazie.

Madalena

Ti la ga fata longa stavolta.

Tito

El giro de meza Europa… E ti, vecia? E mia muger?

Madalena

La xe ancora in leto. No la vedeva l’ora che ti tornassi…

(la bimba riprende a vagire)

Tito (in ascolto)

Cossa xe?… Xe dabasso in cale… o xe qua dentro in casa?…

Madalena

Qua in casa, sì… Per questo te gavemo telegrafà…

Tito

Ma se pol saver?… Chi ghe xe de là?…

Madalena (con circospezione)

To fia.

Tito (con un balzo)

Ehh?!…

Madalena

Adesso to papà te spiegarà.

On. Mardegari (a bocca piena)

Spièghighe ti, fin che mi magno.

Tito

Ma quela bambina co chi xela de là?

Madalena

Co chi vusto che la sia? Co so mama.

Tito

Valentina?!..

Madalena

Valentina, sì. La ga dormìo qua stanote. Dormìo per modo de dir… Perché la picola no xe stada quieta un momento…

Tito

E come xela capitada qua?

Madalena

Xe stada to muger a farla vignir.

Tito

Oh Dio!… Che la gabia scoverto qualcossa?…

Madalena (all’On. Mardegari)

Oh, insoma! El lassa star quela cicara; el finirà più tardi de magnar. Ma nessun megio de lu…

On. Mardegari (deponendo la tazza)

Veramente per quelo che ghe ne capisso anca mi… Chi ghe entra ne la testa de le done?… Chi indovina quelo che ghe passa per el çervelo?

Tito

Ti parli de Valentina?

On. Mardegari

Parlo de to muger. Ti te ricordi qualche mese fa, quando che go esposto el moi proposito de riconossar el nascituro, per debito d’onor…, perché el gera sangue del mio sangue? La me ga fato una de quel cagnare!… “Ti vol metarlo a livelo de mio marìo!…Ti frodi Tito dopo trent’ani!…” Ma mi credo che, in fondo in fondo, no ghe importasse un figo seco de tuto questo… Tanto la se imaginava che no gaveva più gnente al sol… Ghe importava de Valentina! Che no la gavesse modo de mètar più pie qua dentro, dopo quelo che la gaveva combinà e dopo aver preteso per zonta la liquidazion…

Madalena

Nemica giurata per la vita!…

Mardegari

E invesse… apena l’altro giorno… Gera andà a Campocrose per ofrirghe la soluzion che gavevimo stabilìo fra mi e ti; e preparar i documenti necessari all’atto de riconoscimento… A dir el vero, no la ga fato i salti mortali da la contentezza… La m’à scoltà senza parlar…; ma la gaveva un soriseto qua sul canton de la boca… Voleva lassarghe dei soldi…; queli che ti m’avevi dà ti prima de partir. No la ga vossudo saverghene. E in quanto al resto, no la me ga dito né “sì” né “no”… In compenso, peraltro, la me ga fato vedar la bambina… E la gaveva un’aria de trionfo… Una bellezza! Un spetacolo!

Madalena (a Tito)

El pol ben dirlo! Ti co ti geri picolo, tal e qual. I stessi oci, la stessa boca, le stesse fossete qua su le ganasse…

Tito

Ti la ga vista anca ti?…

Madalena

Son andada tre giorni dopo che la gaveva partorio…

Tito

Quando xe stà?

Madalena

El disnove de s’altro mese.

On. Mardegari

Co  son tornà a casa mi, po’, to muger ga vossudo subito saver…La me ga domandà tanto de la bambina… E co go spiegà come che la gera, ga ciapà una fregola malegnasa de vedarla.

Tito

Noo!…

On. Mardegari

“Pòrtimela qua – la m’à dito – subito!”  “Senza la mama? No xe possibile, perché la ga da latar”… E ela de colpo: “Pòrtime anca Valentina!” E alora geri go ciapà la machina… e son andà a torle tute do; sicuro che Valentina no la gavarìa aconsentìo per tuto l’oro del mondo… E invesse… co se dise le done!… la ga acetà subito co entusiasmo: “Andemo, andemo!… Cussì combinaremo tuto in famegia!” Gastu capìo?

Tito

Cossa che la intendesse de dir co quel “combinaremo tuto in famegia”…?

On. Mardegari

Mah!

Tito

Mah !

Madalena

E xe proprio el caso de dir “mah”! Ghe n’ò dito, mi, dei “se” e dei “mah” da poche ore a sta parte!… Quasi quasi scomincio a dubitar che quela tosa, che mi credeva solo una disgraziada… Mah!… Possibile?

Tito

Possibile, cossa?

Madalena

Eh, perdiana! Se stanote no me son insognada del tuto, go paura che semo al bis de st’altra volta!…

Tito

Valentina?!… De novo?!…

Madalena

Gera ancora tra la vegia e el sono, che go sentìo come un sèngioto…; e po’ un altro…; e po’ un altro ancora… Cussì per quasi tuta la note… Come l’altra volta, ve digo. Ma, se fusse, vero, la sarìa ben una vergognosa!… Co la bambina che no ga gnanca un mese?… Bisognarìa, prima de tuto, che la ghe tolesse subito el late.

On. Mardegari

Cussì gavaressimo anca la spesa de la balia!

Tito

Ma in campagna, po’? Co chi?

(suoneria interna, a cicala. E la voce di Lina che chiama)

Lina

Madalena!…

Madalena

La signora! Vegno, onorevole!…

Lina (d.d.)

Chi ghe xe de là? Sento parlar…

Madalena (avviandosi al primo di sinistra)

Xe arivà el ragionier, signora!.. (ma non fa a tempo di entrare in stanza, che Lina è già sull’uscio)

Lina (in vestaglia da camera; ravviandosi i capelli)

Oh, Tito! Finalmente!…

Tito

Lina! 

(si abbracciano)

Lina

No vedeva l’ora che ti arrivassi!…

Tito

Come mi, cara, no vedeva l’ora de tornar. Lassa che te varda…

Lina

Son bruta… Me son apena alzada dal leto…

Tito

Questo no vol dir… Te trovo più filada[11], però… El museto poco riposà…

Lina

Oh! Un fià de insonnia…  (conducendolo verso una poltrona)  Ma vien, vien… (a Mardegari) Bon giorno, papà. (fa per baciarlo)

On. Mardegari

Bondì, ragazza. Aspeta che go la boca sporca da ciocolata. (si pulisce e la bacia)

Madalena

Ghe porto un altro cafè, signora? La me gaveva dito…

Lina

Grazie, Madalena. (Madalena esce dalla comune portando il vassoio con la tazza vuota di Mardegari). Gastu fato bon viagio?…

Tito

Sì. Go tolto el leto.

Lina

I afari?

Tito

Da no saver da che parte voltarse.

Lina

Ti sa che ghe xe de là Valentina co la picola?

Tito (scrutandola)

I me ga dito, sì…

Lina

Ti savevi che la ga avudo una bambina?

Tito

Adesso, lori, qua… Ma no capisso…

Lina

Ti capirà.

Tito (osservandola)

No me piase più sta vestaglia. Ti vedarà quela che te go portà mi da Bruxelles; con relativi pizzi.

Lina

Dasseno?

On. Mardegari

E a mi, cossa me gastu portà?

Tito

Mezza dozina de cravate.

On. Mardegari

Benon. Cussì fasso colpo.

Madalena (che è rientrata col servizio del caffè)

El zucaro la se lo mete ela, signora?

Lina

Sì, grazie. (si serve; sorseggia)

Tito

Ti ga riçevudo le mie letere?

Lina

Certo. E anca ti le mie, vero?…

Tito

Sì. Abastanza laconiche, per essar precisi; ma le go riçevude.

Lina

Per quelo che doveva dirte…, de realmente importante, go preferìo aspetar el to ritorno…

Tito

Ti ga notizie importanti da comunicarme?

Lina

Grandi notizie, Tito. E molto intime, anca…

On. Mardegari

Alora nualtri andemo de là.

Lina

No. Restè tuti do, papà. Le xe cose che ve interessa anca voialtri…

Tito (per un’idea improvvisa)

Ti ga dà le dimission?!

Lina

No. Ma le darò. Adesso go una razon plausibile. Non posso più camminar sola per la strada, Tito.

Tito

Ti sta mal?

Lina

Fin dal giorno che ti xe partìo. Co son tornada da la stazion… una stornità dopo l’altra… Un senso de nausea… Stanote, pò…

Madalena (sbotta)

Ah! La gera ela alora stanote che la gaveva el sengioto!!… E mi, cretina…

Tito (che incomincia a capire)

Lina?… Ti… Lina?

Madalena

E no la me ga dito mai gnente?…

Lina

Se no fusse stà vero… pensa che vergogna! Dopo diese ani de matrimonio… E po’, se mai, el primo a saverlo el doveva essar lu.

Tito

Ma xestu sicura, Lina? No la xe un’ilusion?

Lina

Go vossudo acertarmene subito. Fin dai primi giorni… Ghe gera come un’ala che sbateva qua soto al cuor!… Bisogna provar… El Paradiso!… E alora go ciapà el coragio a do man… Son andada in clinica dal nostro caro Luciani… Doveva essar rossa come un gambaro… El me ga visità…, el me ga fato i complimenti… El voleva el to indirizzo per telegrafarte subito… Ma mi no go vossudo… Doveva dirtelo mi!… (e si appoggia alla spalla di Tito che la bacia teneramente)

Madalena

E quel muso da… da pampe del Sindacato el voleva che me licenziasse!… Co tuti sti Titi e Titine da rancurar…

On. Mardegari

Ah, questa, po’ xe più eclatante de un’atomica!

Tito (al padre)

Gaveva razon, mi, de dirte de lassarmela in camara mia!…

On. Mardegari

Anca nono me toca deventar!… Padre e nonno!

Tito

Tuto me sarìa imaginà, Lina…; fora che me aspetasse al mio arivo una strabiliante notizia de sto genere!…

Lina

E adesso capirè anca tante altre cose… Percossa che go vossudo qua la picola de Valentina… Cussì come che la me gera stada descrita… Un spetacolo!… El sarà anca un pregiudizio… Ma tuto sta crèdarghe… E mi vogio che ‘l mio bambin sia belo come el sol! (il vagito della piccola) Senti mia cugnada come che la canta!…

Tito

To cugnada?…

Lina

Se ‘l papà deve riconosserla… la deventa tua sorela anca davanti ala legge; quindi, mia cugnada.

Tito

Ah, za!

Lina

E xe per questo che go invità qua anca Valentina… Una dona sterile no ariva a capir… Ma quando che se xe a queste… Me gavarìa parso de no essar degna de sta grazia se no gavesse pensà anca a lo stato de un’altra creatura…; e no gavesse assecondà el proposito del papà… (al suocero) Adesso ti pol far subito le pratiche de riconoscimento, che mi no più gnente da ridir.

(la bimba si è acquetata)

Valentina (appare al secondo di sinistra)

Oh! I me scusa…

Lina

Avanti, avanti, Valentina.

Tito

Ciao, Valentina. Congratulazioni! (le porge la mano)

Valentina

Bon giorno, ragionier… El xe tornà?

Tito

Sì; da pochi minuti.

Valentina (con un po’ di disagio)

Galo fato bon viagio?

Tito

No ghe xe mal; grazie.

Valentina (a Lina)

Ghe gavarà dà disturbo la picola stanote… Vero, signora?

Lina

Ma noo…

Valentina

No ghe sta verso che la me se queta… E la ga una vose quela fia…

Lina

No starte preocupar, Valentina. Anzi, un fià a la volta, bisognarà che ghe ne fassa l’abitudine.

Valentina (che non capisce)

L’abitudine, ela, signora?…

Lina (sorridente)

Sì; perché fra sete o oto mesi al massimo…

Valentina (sorpresa e trepida)

Sul serio?… No go capìo mal?… Anca ela?…

Lina

Proprio cussì, Valentina. Un fià tardi, se volemo…

Valentina

Cossa disela?

Lina

Me bastarìa solo che ‘l fusse belo e san come la to picola. Per questo go vossudo che ti me la portassi… Per tegnermela un poco davanti ai oci… Quasi per fabricar dentro de mi… E te go fato vegnir anca ti, per metar in pase el to cuor de mama… L’onorevole te gavarìa dito l’altro giorno… Se ghe gera una qua in casa che gavesse dito “no”, quela gera proprio mi; perché ancora no saveva cossa che volesse dir… E adesso, invesse, digo “sì”, Valentina. Che la to picola gabia cussì un nome…, un avenir assicurà. Xestu contenta, Valentina?

Valentina (semplice e accorata)

Se la savesse, signora, cossa che me ga messo qua dentro la notizia che anca ela… Me vien quasi vogia de pianzar, eco… La ga razon ela… Bisogna essar mame per capir… Ma in quanto al resto… Son mi, adesso, che devo dir “no”.

On. Mardegari (stupito e quasi offeso)

No?!…

Valentina

Questo no xe più possibile, onorevole. Forse se ‘l me lo gavesse dito fin dai primi giorni… (a Lina) E la prego de no ofendarse, signora… No xe per superbia, la creda. Xe che… Mi li ringrazio de le bone intenzion… Ma nualtri, povera zente, dopo el primo scosson cerchemo de rimetarse in pìe co le nostre forze…; de regolar le fassende a la nostra maniera… E tante volte la Providenza ne agiuta. Quando l’onorevole me ga invidà a vegnir qua co la bambina…, alora sì go provà come un gusto mato de poderghe dir, qua in casa sua, dove che gaveva tremà e tanto soferto, che no gaveva più bisogno de nessun… Ma adesso… Xe capità, là in casa de l’amia che me ospita, un mio zerman, de ritorno da la Francia. Un bon fio e un bravo tornidor… Gerimo stai putei insieme… Prima ghe go fato pietà; e po’ dopo el ga ciapà la scufia. E anca mi, lo confesso… El me sposa; e el ghe dà el nome a la mia bambina.

On. Mardegari

Patatrac! Varda ti se mi me sarìa mai imaginà una… cosa simile…

Valentina

No semo fati, nualtri, per le complicazion. Semo zente a la bona. Se gavemo sbaglià, paghemo. O cerchemo de vegnirghene fora secondo el nostro giudizio… Ma, se xe possibile, le nostre strazze preferimo lavarsele in casa! (a Tito, con intenzione) No ghe par che vada ben, cussì?  (Tito annuisce col capo)

Madalena (abbracciandola in un impeto di tenerezza)

Toh, vissare!… Lo go sempre dito, mi, che ti xe una brava fìa! (suoneria esterna. Madalena esce per la comune)

Valentina (a Lina)

No la se n’à minga per mal, vero, signora?

Lina

No, cara. E credo anca mi, adesso, che ti podarà essar ancora felisse…

Valentina

Oh!… Me bastarìa essar in pase co la mia coscienza. (la bambina strilla) La se ga svegià de novo! Bisognarà proprio che la riporta in campagna prima de sera. I me scusa. (esce per il secondo di sinistra)

On. Mardegari (dopo un poco)

Ah, ben!… (per un pensiero improvviso) E mi? Come resto?

Tito

Come ti resti?…

On. Mardegari

Ormai che go comunicà ai coleghi de la Camera… El sarà el discorso del giorno nel “transatlantico”… No posso minga adotarghene un altro per no perdar la nomina a Presidente de la Comission!? (la bambina tace)

Tito

Çerto che una bela figura no ti la fa de sicuro. Sempre quela benedeta abitudine de parlar prima del tempo…

On. Mardegari

No parlo più.

Tito

Bravo! E de un deputato muto cossa vustu che i se ne fassa?

On. Mardegari

Muto…, fora de l’aula! Ma apena là dentro, adesso che Lina ga dà le dimission, parlo anca per ela. La voce Mardegari deve levarsi sovrana, sempre. (a Lina) Ma xe po’ sicuro che ti te ritiri?

Lina

Più che sicuro. Fin da geri sera, apena go avudo conferma che Tito montava in treno, go scrito ala Segreterìa del gruppo. E sarà inutile ogni insistenza in contrario. Go ben altro da pensar, adesso… (ha un lieve scoppio di risa)

Mardegari

Percossa ti ridi?

Lina

Cussì… Ve lo figurèlo, vualtri, quel teremoto de l’ex onorevole Mardegari co un pupoto in brasso?

Mardegari

E restasselo solo quelo!… Adesso che ti ga trovà la strada… Xe come le interpelanze a la Camera. Una tira l’altra.

Tito

Te concedo che i te nomina Presidente del Comitato Maternità e Infanzia!

Lina

Ben; fin là, forse, podarò arivarghe… Ma ti no credar de cavartela cussì a bon marcà; più de una volta ti dovarà sbrassolarteli ti.

Tito

Basta che ti me daghi una tela cerata da metar sui zenoci… Ma anca ti no ti portarà più quel vestito co la gonna-pantaloni e quel magion a la Gino Bartali…

Lina

Se capisse; se no, quando che alato, sastu che traffico!…

Tito

E gnente quel papavero rosso a la patèla.

Lina

Cossa ghe entra el papavero?

Tito

No ‘l me piase. E no ‘l ghe piase gnanca al papà. (a Mardegari) Vero?

Mardegari

Una stonatura.

Madalena (d.d.)

Ma no, ma no, benedete. El xe apena arivà adesso…

Carmela

Una parola. Una parola sola… No semo vegnude per far scene…

On. Mardegari (a Madalena che è ora sulla comune)

Cossa xe? Sta vose mi la conosso…

Madalena

Le serve, qua, de la fondamenta. Quele de l’altra volta.

Tito

E no ti ga ciapà el manego de la scoa?

Madalena

Cossa vorlo… Le me par deventae cussì domesteghe… Le gaveva sonà anca i giorni passai…

Tito

Avanti, alora. Sentimo cossa che le vol.

Madalena fa cenno alle tre ragazze di entrare

Carmela (umile)

El ne scusa, ragionier… Gera un toco che no se lo vedeva a Venezia… El gera scomparso de circolazion…

Gelsomina

E gavevimo, qua, come un peso sul stomego…

Tito

Un peso?…

Carmela

Sì; da quela volta che semo vegnude qua in casa sua a far quel putiferio… Ne pareva fin impossibile de essar arivae a tanto…

Tito

Ma la resentada dai pompieri no la gavè minga ciapada!…

Gelsomina

Magari! La ne sarìa stada ben. I ne gaveva scaldà la testa… No semo, po’, la peste che i ne crede…

Carmela

E adesso, vegnendo fora dal biavarol, co lo gavemo visto passar co la valisa, se semo dite: “Dai, tose! Sonemo, prima che ‘l ne scampa un’altra volta…”

Tito

E per che razon?

Gelsomina

Per dirghe che semo stae de le stupide… E che el tempo ghe gaveva dà razon a lori.

Carmela

Col tempo tuto se xe messo a posto… (indicando Lina) Co tuto quelo che ga fato qua l’onorevole…

Mardegari

Chi? Ela?… No la xe più onorevole. La dà le dimission.

Carmela

Dasseno? No la xe più deputata? Cossa che me despiase!… Una rovina per Venezia!… Se xela stomegada?… No sarà minga stà per colpa nostra?…

Madalena

No. No steve a crussiar, tose… (con intenzione) Xe per colpa, invesse, de… (e sussurra qualche parola all’orecchio di Carmela)

Carmela (lietamente stupita)

Oh!… (e sussurra a sua volta qualche cosa all’orecchio di Gelsomina incuriosita)

Gelsomina

Oh!… (e fa altrettanto con Amabile)

Amabile

Dìmene tante!… (indi, con la solita intonazione da scema) Viva – viva- viva!!…

Carmela (a Lina)

Che la Madona la benedissa, signora. Ela e la creatura che ga da nassar.

Gelsomina

Bravo, ragionier.

Lina

Grazie, care, grazie… Ma ti podevi pur aspetar, Madalena… (ha un capogiro e si appoggia alla spalla di Tito)

Tito (allarmato, sorreggendola)

Lina?!… Cossa ghe xe?… Su!… Su, Lina!…

Lina (con un filo di voce)

Gnente… gnente… Acompagnème de là…

Madalena

Oh, Vergine Santa !

Tito e Madalena accompagnano Lina al primo di sinistra; escono)

Carmela (a Mardegari)

Se sèntela mal?

On. Mardegari

Cose che passano… Conseguenti al suo stato… Provarè anca vualtre, un giorno… (facendo di ganascino a Carmela) No ghe xe minga mal in sto museto!… (cambiando) Dunque, contente?

Carmela

Diverse nostre amighe xe stae assunte ai “tabachi”; altre a la fabrica de spazzole…

Gelsomina

Mi, per fortuna, nessun ga avudo el coragio de tocarme…

On. Mardegari

Ah! Per via dei piati… (a Carmela) E ti?

Carmela

La contessa Sardi me ga tolto de novo a servizio.

On. Mardegari

Come?… Per cossa far?… Se la gaveva svalizà mezo magazen de mio fio?

Carmela

Cossa vorlo?… Fra le interuzion de corente e qualche rodela che se ingrana, piutosto de tegnir un mecanico stabile, la ga preferìo ciamar la domestica de riserva. E mi go cussì el posto, la lege…e fasso manco fadiga in cusina. (la bambina strilla. Le tre domestiche si voltano lentamente come automi verso la camera di Lina. L’uscio si schiude e vi appare Madalena che fa per attraversare quasi di corsa)

Gelsomina (quasi timidamente)

El xe nato?!…

Amabile (più forte)

El xe nato?!…

Carmela (più forte ancora)

El xe nato?!…

Madalena (si ferma)

Cossa, xe nato?…

Carmela

El bambin?…

Madalena

Eh, no, in malorsega!… Cussì a tamburo batente? Gnanca che ‘l fusse una piavola de pezza, da fabricarlo in un mese!… (e riprende la sua corsa) Go da andar a torghe un goto de acqua…

Sipario

                                                                                                                      Lunedì, 3 Marzo 1952

Per qualsiasi richiesta e/o comunicazione rivolgersi a:

Dr. Arnaldo Gabriele Selmi

calle Maccari 17

34072 Gradisca d'Isonzo (GO)

tel 0481 92107

cell. 335 5298448


[1]              Sgiavento è la pertica con cui si battono le noci ; anche randello

[2]              Abbagliamento, ciò che offusca la vista

[3]              Malefatta, fallo, mala azione

[4]              Far una buzara: Far un passo falso, Far una corbelleria o castroneria. Far buzara sora buzara: Errori sopra errori

[5]              Missiarse: Agitarsi

[6]              Buganza: Gelone, vescica.

[7]              Parlàr dai copi in zo: Secondo l’intelligenza degli uomini

[8]              Minga: come Mica, Miga

[9]              Far un S. Cassàn: sciupare, malmenare – Nasse un sancassan: nasce una baraonda

[10]             Ponga: gozzo. Farse la ponga: Fare il gruzzolo, Arricchirsi, come i polli si riempiono il gozzo

[11]             Filàdi: Filati, cioè Bambagia ridotta a filo, filata. Qui sta per smagrita

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno