In paradis a sirche fò me

Stampa questo copione

In paradis a sirche fò me di Giuseppina Cattaneo

AUTRICE

GIUSEPPINA CATTANEO

POSIZIONE S.I.A.E. N° 193077

http://copioni.dnsalias.org

TITOLO

IN PARADIS  

A SIRCHEFò ME

COMMEDIA IN DUE ATTI

Personaggi

GUGLIELMO

MARCELLINA moglie di Guglielmo

PALMIRO fratello di Marcellina

TERESINA sorella Guglielmo

ELVIRA vicina di casa

SAN PAOLO

GIESSICA RABBI

SCIARLò  

ROBI VUD

OLIVA  DEL BRACCIO DI FIENO

TRAMA

La morte può far sorridere, soprattutto quando ad esserne colpiti sono quattro insoliti personaggi decisi a soddisfare qualche piccola curiosità giungendo in quel luogo da dove non si torna più.

ATTO PRIMO

La scena si svolge in casa. Marcellina sta sfogliando un album fotografico di famiglia. Guglielmo sul divano sta leggendo il quotidiano.

SCENA I

Marcellina e Guglielmo

MARCELLINA. Madonname quace ricòrdi in chèste bèle foto.

GUGLIELMO. (Smette di leggere, la guarda e poi ritorna a leggere).

MARCELLINA. Ma pènsa, öna piö bèla del’otra. Adà chèsta pò, con sö töcc i me parecc al nòst ispusalese. (A Guglielmo) quat tep a ghè pasàt Guglielmo? Quace parecc che a ghè mort in dèl fratep!

GUGLIELMO. (Smette di leggere) pròpe. Pecat però che öna quac i siès amò if.

MARCELLINA. Guglielmo, parla mia isse di me parecc né? Anche perché … (cerca sull’album una fotografia) indoela?! Adala che. Chèsta alè la foto dèl nòst ispusalese in doca a ghè sö i tò parecc e al ma sömèa che anche che öna quac di tò i sabe secaffò! (Fra sè) a ta ringrasie Signur pèr chèsto. (Torna alla sua foto) arda che, la me madèr la prima che ala ma lasàt.

GUGLIELMO. (Ironico) Dio sceglie sempre i migliori per prima.

MARCELLINA. Mochela fò söbèt pèr piaser! La me madèr alera öna santa fommla, generusa e sèmpèr piena de piaser. Come ala ma manca dopo tace agn. 

GUGLIELMO. Generusa e piena de piaser? Chèla le ala faa finta de ötaga chesse intat ala egnìa det in ca nòsta pèr vèt adoma chèl che alindaa e chèl che al vegnìa, adoma pèr cöntaghèl sö al tò fradèl e isse ai ga parlaa indre. La me madèr se, che alera una buna fommla, öna persuna braa che … (viene interrotto).

MARCELLINA. E-è, alera po’ buna la tò madèr che töcc in paìs aià ciamaa “La pilastruna de fèr” de tat che alera öna persuna buna.

GUGLIELMO. Ala sömeaa de fèr de fò, ma dedet, ala ghera ön’animo de … (viene interrotto).

MARCELLINA. De piomp! Come chi sbarì che ala aga tracc al me fradèl quando al ga tössö öna grata de öa.

GUGLIELMO. E ala facc be! Alera mia ròba sò!

MARCELLINA. Ada che lü al ghera domandàt ol permès al tò padèr però!

GUGLIELMO. Se, ma mia la me madèr!

MARCELLINA. Con te al sa pöl mia ragiunà. Adà, te annacc a lès ol tò giornal che me ando innacc a ardaga ai me foto. (Alzando il tono di voce) i foto di me parecc! (Guardando le foto, fra sè) ma pènsa che bèl vestit che la me zia ala ghera sö!

GUGLIELMO. (Dal divano la scimmiotta) ma pènsa che bèl vestit che la me zia ala ghera sö!

MARCELLINA. E chèsto chi el? Madonname, al conosìe piö! Alè ol me zio Paol che alè mort anche lü de ün po de tep.

GUGLIELMO. Te bèla, arda che ol zio Paol alera ol me zio. Te, attle ereditat pèr mèrèt me!

MARCELLINA. E no caro ol me Guglielmo, ol zio Paol alera ol me perché alera ol fradèl dèla me madèr. E infati, adal che in dè foto coi me parecc.

GUGLIELMO. (Si alza e le si avvicina) che crapuna che a ta se! Dai, fam vèt la foto in doca a so sö coi me parecc che a to fo èt coi tò öcc che a ghè det (alzando la voce) ol me zio Paol.

MARCELLINA. El mai posebol che me a pöde mia iga ü zio Paol che te a ta ma corèt söbèt indre?

GUGLIELMO. Fam vèt docà ista foto che a ta fo èt söbèt me a te.

MARCELLINA. (Cerca la fotografia e gliela mostra) ciapa.

GUGLIELMO. (Guarda la fotografia) arda che! Chiel chèsto? El mia forse ol “me zio Paol”?!

MARCELLINA. (Guarda la fotografia e poi la confronta subito con quella dei suoi parenti) ma comel posebol che ol me zio Paol al siès sö in dè foto coi tö parecc!?

GUGLIELMO. (Controlla anche lui le due foto) e no cara la me Marcellina, a so me che dighe: ma comel posebol che ol “me zio Paol” al siès sö coi tò parecc?!

MARCELLINA. (Pensando) o capit! Al set ol perché? Pèrchè chèl zio le alera … ü bigamo!

GUGLIELMO. Ol zio Paol al ghera dò fommle?

MARCELLINA. Ma nò! Mia dò fommle ma dò famèe, la me e la tò. Quando me mörero e andaro in paradis in doca a ghè ol zio Paol, al mandero a ciamà e pò dòpo a ga domandero de chi alè zio lü.

GUGLIELMO. Te Marcellina, prim laur, a bisognerà èt se te a tandare in paradis; segont laur, a malsa mia se ol “nòst” zio alèndacc in paradis o de öna quac dotre bande e tèrs laur, con töte i persune che a ta pöderèsèt vèt in paradis, a ta ölèt incuntrà ol zio Paol!?  (Ironico) perché mia la tò “santa” madèr alura?

MARCELLINA. Te Guglielmo ,a saro pò libera de pödì incuntrà chi a go òia quando a saro la, dato che adès a ta ma ste tecat pègio de öna sanguisüga?! Te, a scömète a ta ölere mia èt dèl sigür la tò madèr la in paradis. (Al pubblico) sèmpèr che ala siès in paradis. Dèl sigür però a taa ölere èt la tò prima murusa morta ün an prima de spusàm me, ah! Chèla se a tla ölere vèt dèl sigür!

GUGLIELMO. Èco, al sere che a ta sarès riada le! Alè piö de trent’agn che alè morta e te a ta se amò gelusa!

SCENA II

Marcellina, Guglielmo e Teresina

TERESINA. (Entrando da destra) la Marcellina alè gelusa de te? (Ride).

GUGLIELMO. Te sorèla, ada che a ghè mia tat de gregnà né?! La me fommlina, alè convinta che dòpo che me a saro mort e andaro in paradis, a ölero èt la me prima murusa che alè tat che alè morta e mia la me famèa.

TERESINA. Chi erela? Erala forse la Carla?

GUGLIELMO. Se le.

TERESINA. Chèla se Guglielmo che alera öna fommla pèr te e mia … (indica col capo Marcellina).

MARCELLINA. Mia … chi?! Scolta Teresa di pom, mee … (viene interrotta).

TERESINA. Te, recordet che me a ma sa ciame Teresina e i pom ai ma pias gniac! (Ironica) comunque al ma fa piaser che in de òsta intimità a fì di discors isse profondi.

GUGLIELMO. Ma te e mai pensàt a chi ta ölere èt di tò parecc, quando a ta sare morta?

TERESINA. Pèrchè otèr ölì èt chi?

MARCELLINA. Me dèl sigür ölero èt la me madèr e ol me padèr, e se pöde, perché al so pò mia come ai funsiuna i laur là in paradis, ölerès vèt anche la me maèstra de scola.

TERESINA. E te Guglielmo?

GUGLIELMO. Me invece, avrès pensat di ölì incuntrà, pèr prim ol zio Paol chèsse a ma sa fo spiegà be la stòria di foto e … (viene interrotto).

MARCELLINA. Te belo, ada che quando me prima a to dicc che a ölie èt ol “me” zio Paol, te a ta me dicc  (scimmittandolo):” Con töte i persune importante dèla tò eta che a ta pöderèsèt vèt in paradis, ölèt pròpe èt ol zio Paol? E pò dòpo a ta me consigliat de incuntrà la me madèr.

GUGLIELMO. Ma cèrto Marcellina, ma se a ta pèrmètèt, me, la stòria di fotografie ala öle saì e dòpo anche me a gaavrès piaser de èt la me madèr. La me madèr se, le che alera öna santa fommla.

MARCELLINA. Seè, propre öna “santa fommla” la tò madèr. Con me dèl sigür ala gandaa gnià visì. Se in de sò cà al ga mancaa ergot, la colpa alera sèmpèr la me: me a ga robae ol fòno, la bigarola e infena i piantine de trapiantà. Pròpe öna santa fommla!

TERESINA. Ammlera dic anche a me che a ta ga robaèt.

MARCELLINA. Te Teresina, ada che me a o mai robat mai negot a nigü in töta la me eta né? Regordetèl be! Guglielmo, dighèl te.

GUGLIELMO. Ah, me al so mia cosa a ta faèt quando me a sere a laurà.

MARCELLINA. Ma saral posero che te a ta ma difèndèt mai öna olta? Mai! Atle mai facc con la tò madèr, dòpo col tò padèr e adès anche cola tò sorèla. Me pèr te a so adoma … öna serva.

TERESINA. Te, Marcellina, a ta pènseret mia de ès … la Cenerentola nè?!

GUGLIELMO. (Ride) bèla chèsta, Teresina.

MARCELLINA. Te annacc isse e la tò “serva” ala sa licenzierà prima che te a te girat ol taol (esce a sinistra).

TERESINA. Chèsta olta ammlà facia dientà gnieca delbù.

GUGLIELMO. Mah, forse a mà carcasso ün po tròp la mà, ma ala ma pias isse tat quando ala diènta gnièca!

TERESINA. Al sarà anche isse, ma Guglielmo, me a ölerès mia ès in di tò pagn.

GUGLIELMO. Ma me a o mia facc pròpe apòsta. Töt alè cominsàt quando a ma pensàt a chi a maavrès völìt incuntràà quando an sarès istacc morcc.

TERESINA. A se? E chi a ta ölerèsèt incuntrà quando a ta sare mort?

GUGLIELMO. La me madèr e … (viene interrotto).

TERESINA. Dèlbù te a ta ölerèsèt vèt la tò madèr quando a ta sare mort?

GUGLIELMO. Cèrto. Ma anche ol zio Paol.

TERESINA. Ma al dighèt delbù?

GUGLIELMO. Sènsotèr a te!

TERESINA. Ma pèr me, te a ta se töt mat! Me a ga pènse gniac de andà a èt la nòsta madèr e … ol zio Paol! A görès a chèla!

GUGLIELMO. Scüsa né Teresina, a ta ölere mia forse indà a èt … also mia … chèl’imbruiù dèl Giorgio Poltana!

TERESINA. Gnià pèr sògn! Guglielmo, sta be atènt a chèl che adès a ta dighe. Quando notèr an sarà morcc, notèr, come töcc i morcc che aiè morcc, ai mia forse sèmpèr dicc che ol paradis alè adoma ü e che i morcc, ma i morcc che aiè stacc bù söla tèra, i va a finì töcc le?

GUGLIELMO. Pòta cèrto. E alura?

TERESINA. (In modo veloce) e alura, caro ol Guglielmo, perché an ga de ès isse bambòs de ölì èt amò i nòscc parecc morcc, come la nòsta mama e ol zio Paol, che ai ga rompìt i scatole a se che söla tèra, quando invece an pöderès viga la posibilità de incuntrà i morcc che a ma mai conosìt söla tèra? Capesèt chèl che a öle dì?

GUGLIELMO. Insoma … me a sarès amò restàt al … “Caro ol me Guglielmo”.

TERESINA. Adès a ta fo ü ezèmpe: me incö a möre.

GUGLIELMO. (Preoccupato) delbù? A che ura?

TERESINA. A to apena dicc che alè ü ezèmpe, a möre mia incö!

GUGLIELMO. Ma set sigüra? Arda che in chi laur le an sé mai sigür de negot.

TERESINA. (Perdendo la pazienza) Guglielmo, a mörero quando ol Signur al völerà, ma adès iscoltèm pèr piaser. Quando me a mörero e andaro in pardis …

GUGLIELMO. (La guarda in maniera dubbiosa).

TERESINA. Che manera a ma ardèt isse? Te arda che me andaro in paradis dèl sigür e quando ol San Pedèr al ma domanderà chi a ölero èt, poa lü al sa spètera che a ga responde “i me parecc”.

GUGLIELMO. (Ironico) ma te “fürba” come öna volp, a ta ga dare mia la sodisfasiù.

TERESINA. Cosa ölèl di “A ga daro mia sodisfasiù”? Adès me a ma sa mète a tön gir ol San Pedèr che al conòse gniac. Guglielmo, scoltèm be e tèela fò de parlà pèr ol pèr negot. Alura, Lü al ma domanderà chi öle èt e al set cosa me a ga respondero? (Aspetta la risposta).

GUGLIELMO. (Titubante) a go de respondèt? Scüsa né, a ta me apena dicc de teala fò de parlà e pò dòpo a ta ma fe di domande! Decidèt però! O parle o parle mia!

TERESINA. Ma Guglielmo e mia capìt che alera öna domanda che a ma sa fae depèrmecönt?

GUGLIELMO. A te? Adès a ta sa fe di domande dèpèrtöcönt?  (Al pubblico) compagn dèla me sorèla annè mia in giro pèr me.

TERESINA. (Alzando il tono di voce) a sere indre a dì, alura, che quando ol San Pedèr al ma domanderà … (viene interrotta).

GUGLIELMO. Scusa nè Teresina se a ma santromète, come fet te a ès sigüra che in paradis al ga sarà ol San Pedèr e mia … perché nò, ol San Paolo?

TERESINA. (Al pubblico) negota al ga sa, nègot de negot! Compagn dèl me fradèl annè mia in giro dèl sigür. (A Guglielmo) ma ada che aglialsà töcc che in paradis a ghè ol San Pedèr. Adès a ma lasèt indà innacc che a rie al dunque?!

GUGLIELMO. (Al pubblico) al dunque. Mah!

TERESINA. E quando Lü al ma domanderà chi me a ölero èt … (viene interrotta).

GUGLIELMO. Lü, ol San Pedèr …

TERESINA. (Guardandolo o soffiando) se, ol San Pedèr! E me a ga respondero che a öle èt…

GUGLIELMO. Ol …

TERESINA. … Sciarlò!

GUGLIELMO. (Meravigliato) Ölèt vèt chi te?

TERESINA. Sciarlò, chèl che al fa i film muti.

GUGLIELMO. (Sempre più meravigliato) te a ta ölèt mia incuntra la mama e ol papà pèrchè a ta ölèt incuntra … ü möt!?

TERESINA. Mia ü möt qualunque, ma ol Sciarlò! Alè chèl brao atur con i barbizi, ol capèl a bombèta e col bastù! (Imita la camminata).

GUGLIELMO. (Al pubblico) segont votèr, ela normal la me sorèla? A so pròpe metìt be a parete!

TERESINA. Scolta Guglielmo, al so a me che la mama alè sèmpèr la mama, ma adès, che eta a set indre a fa? A conòsèt di persune importanti? Èrgü de famoso? No! E alura a permètèt che almeno de morta me annà pöde conòs ü “dal vivo”?!

GUGLIELMO. “Dal vivo”, da morta?

TERESINA. E quase insoma.

GUGLIELMO. (Non risponde).

TERESINA. Alura? A dighèt negot?

GUGLIELMO. Mah! (Al pubblico) però a pensaga be, alè mia pròpe un’idèa de böta vià.

SCENA III

Guglielmo, Teresina e Palmiro

PALMIRO. (Entra da destra) ma et gniamò de mèta pòst ol campanèl, te che a ta se ol padrù?

GUGLIELMO. (Al pubblico) eco, alè riat ol piö bù dèla famèa dèla me fommla. (A Palmiro) ü laur giöst però aià dicc.

PALMIRO. Che a te gniamò de metapòst ol campanèl?

GUGLIELMO. Nò, che me a so ol padrù che.

PALMIRO. Se, ma chi comanda alè la me sorèla.

SCENA IV

Guglielmo, Teresina, Palmiro e Marcellina

MARCELLINA. (Entra da sinistra) ciao Palmiro. De là a o sentìi la tò us e alura a so egnida che.

GUGLIELMO. Èco, braa, alura stache te col tò fradèl che me a so zamò stöf ase. Teresina, a manparlerà amò dèl tò “Sciarlò” (esce  sinistra).

TERESINA. E a ma lasèt che con chèste dò persune che aiè ü basèl sota de me?!

PALMIRO. Cosa an sarèsei notèr?

MARCELLINA. Cosa cèntrela la scala con notèr?

TERESINA. Negot, negot, o dicc isse tat pèr dì ergot. (Al pubblico) anche se a gli spiegherès ai capeserès mia.

MARCELLINA. (Alludendo) Teresa, scusèm se a so curiusa, ma chi sarèsèl chèsto tò … Sciarlò che ala dicc ol Guglielmo?

PALMIRO. (Alludendo) al sarà ol sò nöf murus.

TERESINA. Nò, alè mia ol me murus se lè pèr chèl. Ölèt pò saì ü laur? De quando a to conosìt te, Palmiro, o decidìt de restà singola pèr sèmpèr!

PALMIRO. Braa, ma pènsa che anche me da quando a to conosìt o pensat be de spusam mia?!

MARCELLINA. (Al pubblico) evviva i due pötaècc! Adoma me a so stacia la stüpida che a ma so spusada chèl … adà, al sarà mèi lasà pèrt. (A Teresina incuriosita) se alè mia ol tò murus, al sa pöl saì alura chi el chèsto … Sciarlò?

PALMIRO. Apunto, al sa pöl pò saì chi el?

TERESINA. Ol Sciarlò alè chèl’omasì coi barbizi, col capèl a bombata, al ga sèmpèr idre ü bastunsì e che al fa gregna in di film.

PALMIRO. (Pensando) Sciarlò … el forse chèl che al parla mia?  

TERESINA. Se, pròpe lü.

MARCELLINA. A ma sömèa de regordas a me chi ca lè. Ma scüsa né Teresina, ma cosa cèntrèl chèl’atur le con te?

TERESINA. Pèrchè a sere indre a dì al tò fradèl che quando a saro morta, là in paradis, ölero mia èt la me madèr e gniac ol me padèr, ma … ol Sciarlò.

MARCELLINA. (La guarda meravigliata) te quando a ta mörere a ta ölere mia èt la tò famèa che alè tat che a ti èdèt mia,  ma chèsto … Sciarlò!?

PALMIRO. Ma set surda? Attla apena dicc!

TERESINA. Se, a öle èt chèsta persuna che ala mè sèmpèr piasida e dato che o mia pödìt èdela in chèsta eta, a pèrmetì che a pödero èdìla in chèlotra?

MARCELLINA. Ma me dighe che a tè indacc ivià ol co! (Al pubblico) mia che prima annès de co né.

PALMIRO. Però, a pensaga be, alè pròpe mia öna idea de bötavià. Al set Teresina che amera mai vègnìt immènt chèl fato che?

MARCELLINA. Qual de fato?

PALMIRO. Ol fato che quando an sarà morcc, an sarà töcc istès a töte chèle persune che ai sarà morte compagn de notèr e che quando aiera ie aiera sciòre e famuse. E an sa troerà töcc insèma.

MARCELLINA. Che fradèl intèligènt che a go!

TERESINA. Ol Palmiro invece alà capìt al volo chèl che me a ma santèndìe. (Al pubblico) pèrchè alo sentìt coi me orègie se de nò, a gaavrès mia credìt.

MARCELLINA. Ölerèsès dì, otèr du, che se ölès conòs, quando a saro morta, pèr esèmpe …  la Principessa Daiana, a pöderès fal?!

TERESINA. Cèrto, pròe isse. L’importante che le ala siès in doca te a ta sa troere, paradis o inferno.

MARCELLINA. Perché a ghet forse di döbe in doca me a pöde indà?! (Al pubblico) a pèrde infena tep a respondega!

PALMIRO. Teresina, quando me a saro mort, öle fa a me compagn de te.

MARCELLINA. Anche te a ölèt vèt ol Sciarlò?

PALMIRO. An san parla gniac!

MARCELLINA. Adès se che a ta riconòdse, fradèl.

PALMIRO. Me a öle mia èt ol Sciarlò ma la me eroina preferida.

MARCELLINA. Come? La tò eroina? E chi sarèsela? Ela forse la Giovanna col’arco? La Cleopatria? (Ride).

PALMIRO. La me eroina alè la Gièssica Rabbi.

MARCELLINA. (Smettendo da ridere) chi ela chèla le!?

TERESINA. Ma se, chèla coi chièi ros, che alera la fommla de chèl cünì in dèl film … come al sa ciama … a se, ol Roger Rabbi.

MARCELLINA. Ü cünì?! Te a ta ölèt vedì de mort la fommla de ü cünì? Cioè öna cönecia?

TERESINA. Ma nò Marcellina, la Gièssica alè mia öna cönecia ma alè ü cartone animato.

MARCELLINA. (Ironica) a be, alura al cambia töt.

PALMIRO. Adoma in dèl film alera ü cartone animato Marcellina. (A Teresina) te, a ta recordèt come alera bèla in chèl film con chèl bèl vestit ros? E i so chièi come iera meraviglius? E töt chèl “ben di Dio” che ala ghera (mima il seno)?

MARCELLINA. (Al pubblico) scömète che alè pèr chèl “ben di Dio” che aià öl conòs in del’aldelà.

TERESINA. Palmiro, ma te a set sigür che chèsta Gièssica ala siès morta? 

PALMIRO. Ma cèrto, alo lesìt sö Plai Buis e a talse che chèla rivista le de cönecie ala sa intènd.

MARCELLINA. Palmiro, da te chèsto al ma sarès mai ispètat.

SCENA V

Guglielmo, Teresina, Palmiro e Marcellina

GUGLIELMO. Teresina, a set che amò con chi du che?!

TERESINA. Ma a set òrp? A so mia adoma che, ma a ta dighe che ol Palmiro alè mia pròpe malvagio.

PALMIRO. (Ironico) tròp buna Teresina.

MARCELLINA. (A Teresina) a se? E me cosa a soi alura?

TERESINA. Te a ta set indre amò mela agn Marcellina.

GUGLIELMO. Sindre a parlà de cos’è pò?!

TERESINA. An se indre a parlà de chi notèr an völ vèt quando an sarà morcc.

GUGLIELMO. A sif indre amò con chèla storia!? A ma so perdìt negot alura.

PALMIRO. E no, caro ol me Guglielmo, a ta se perdìt la persuna cha me a ölero èt quando a saro mort.

GUGLIELMO. Alura a ripete che a ma so perdìt negot!

TERESINA. Ma al set Guglielmo che anche ol Palmiro al völ vèt öna celebrità quando al sarà mort?

GUGLIELMO. Delbù anche te Palmiro? E te chi a ta ölerèsèt conòs? Se la Teresina ala öl vèt ol Sciarlò, te forse a ölèt vèt (ironico) l’Oglio e Stagnio?

PALMIRO. A ta se mat te! A ti lase a te chi du le! Me, a öle èt … set chi? Gièssica Rabbi.

GUGLIELMO. (Meravigliato) chi ela chèla le?

MARCELLINA. Ma cèrto, alè chèla bomba sezi in giupì che ala facc la fommla del cünì Roger Rabbi! Ma a sarendèt cönt fradèl?!

GUGLIELMO. Pròpe pèr chèsto che a ma sa rènde cönt perché alè ol tò fradèl.

MARCELLINA. Perché la tò sorèla ala cambia de tat a ölì èt ol Sciarlò! Comunque, a ga öl ü coragio a ölì mia èt la pròpe madèr e ol pròpe padèr.

TERESINA. Alè mia chèsto ol punto Marcellina, ol fato alè che in dè eta, o in dè mort, a ghè di priorità che ai và rispetade. Guglielmo, et pensat a chi  a ta ölere èt quando a ta sare mort?

MARCELLINA. Lü, quando al sarà mort al völerà èt prima de töt i sò genitur e dòpo i me. El vira Guglielmo?

GUGLIELMO. (Silenzio).

MARCELLINA. (Alzando il tono di voce) el mia ira forse?

GUGLIELMO. (Silenzio).

MARCELLINA. (Al pubblico) o che adès a parle cines e a ma sa nincorse mia! (A Guglielmo) e alura Guglielmo!

GUGLIELMO. (Titubante) alura … me … ol fato … alè che …

TUTTI E TRE. Che …

GUGLIELMO. Che …

TUTTI E TRE. Che …

GUGLIELMO. Che … (tutto d’un fiato) che anche me a go öna persuna famosa che a ma piaserès vèt.

MARCELLINA. (Infuriata) sacrilegio! Ma come a pödèt fam ü laur dèl gènèr?!

GUGLIELMO. A te? Che affronto a ta fo a te che a ta se gniamò morta?

MARCELLINA. Cosa ölerèsèt dì? Che se me a morerès prima de te, te a ta ma ölerèsèt mia èt?!  

TERESINA. Dai Guglielmo, dim chi a ta ölèt incuntrà in dèl’aldelà.

MARCELLINA. Me a öle scoltà piö gniac öna parola de piö! (esce a sinistra).

TERESINA. E lasela indà a le e i so idèe dèl Carlo ü..

PALMIRO. Alura Guglielmo, dim chi calè. El forse ol’Svolta? O se de nò ol Ludovico Arrosto? O invece alè ol Guglielmo Hotel?

GUGLIELMO. Nigü di tri. Me a o mai perdìt nigù di sò film, telefilm e i giupì.

PALMIRO. Anche te ü giupì?

GUGLIELMO. Ma nò! Aià facc ol sò personagio in giupì, ma alè mia ü giupì. Lü, alè in carne e òs. Anche se adès che alè mort, nò pènse che al siès tat in carne.

TERESINA. Alura? A ègnèt pò ala de? Chi el?!

GUGLIELMO. Èco … me a öle èt … ol Robin Vud.

PALMIRO. Il Principe di Ladèr?

TERESINA. Chèl che al roba ai sciòr pèr daga ai poerècc?!

GUGLIELMO. Se pròpe lü. Madonname come a mè sèmpèr piasìt l’onestà che al ghera.

PALMIRO. Ma al set che avrès mai pensat che a ta piasia chèl Vudi le. 

TERESINA. Robin Vud, Palmiro. A ta se gnià bu de dì ol nòm adès?! Cèrto che chèl dèla tò Gièssica, chèl a tal’isbaglièt mia dèl sigür.

PALMIRO. Te pènsega mia ala me Giessica, pènsa al tò Sciarlo che al ga chi barbizi le che ai fa adoma gregnà.  

TERESINA. Perché alè bèla la tò Gièssica! A starala be con chèl vestìt le che a ga sciòpa fò töt?

GUGLIELMO. Adì la erità me a sere indre a parlà de me e che …

PALMIRO. Ol vestit dèla me Gièssica al ta pias mia? Ah, perché alè bèl chèl del tò Sciarlo. Ü estìt che ü poarèt agglà sö piö bèl.

TERESINA. Anche öna poarèta ala ga piö dignità de chèla Gièssica.

PALMIRO. Ciamela mia “chèla Gièssica” perché le ala ga ol so nòm giöst: Gièssica Rabbi! E pò dòpo ol tò cianfèr de Sciarlo, al ma sömèa ü nono con chèl bastunsì.  

GUGLIELMO. (Intervenendo) ma a ölì mocala pèr piaser?! Ardì che an sera indre a parlà de me che … (viene di nuovo interrotto).

TERESINA. Te ada che al sa ciama Sciarlò e mia Sciarlo, e capit! E ol me, al sarà anche ü nono, ma alè stacc in carne e os e mia ü giupì!

PALMIRO. Te, come a ta sa permètèt de parlà isse?!

GUGLIELMO. (Urlando quasi) adès basta nè! An sera mia indre a parlà dèl me Robi Vud?

TERESINA. A ta ghe resù Guglielmo. Scusèm, ma alè töta colpa de chèlle che … (indicando Palmiro).

GUGLIELMO. Ma a sanvièt amò Teresina?!

TERESINA. Madonname, scusèm amò Guglielmo, ma quando a sènte parlà mal dèl me Sciarlòt, a ma a ol sanc al co e a pöde fa mia a meno de diga dèla sò Gièssica che alè adoma öna … (viene interrotta).

GUGLIELMO. (Urlando) Teresina!

TERESINA. Èdèt Guglielmo che a ga rie piö a fermam?!

PALMIRO. Ma fa sito un po, zabèta! Ma dim Guglielmo, che manera al ta pias ol Robin Vud?!

GUGLIELMO. Al ma pias perché alè pròpe compagn de me.

TERESINA. Compagn de te? Ada che me a to mai vest vestit de ert.

GUGLIELMO. A sant’èndie mia ol vestit, certo, ma pèr ol fato che anche me a ga robe ai sciòr pèr daga ai poerècc.

PALMIRO. (Meravigliato) te a ta ga robèt ai sciòr pèr daga ai poerècc?!

GUGLIELMO. Ma cèrto! Quando me ando a laurà al supermercato, töcc i de, me a mète in banda ergot de mangià e ala sira a mal porte a ca.

PALMIRO-TERESINA. E alura?

GUGLIELMO. E alura a robe ai sciòr, ol me padrù, per daga ai poarèc. Me.

PALMIRO. (Ironico) a èco, adès se che o capìt.

TERESINA. (Ironica) pròpe compagn dèl vero Robin Vud. Precis ispacat.

PALMIRO. (Guardando l’orologio) mè che andaghe adès, al sé facc tarde.  

TERESINA. Spètèm che a ègne a me.

PALMIRO. Da quando a ta ma ègnèt indre?!

TERESINA. Da quando a ghè fosc e a go pura andà a ca depèrmecönt.

PALMIRO. Dom alura, ma sirca de stam visì mia tròp, ölerès mia che ai cominse a circulà di us sö de notèr. Ciao Guglielmo, an sa èt.

TERESA. Preòcupèt mia, saro pègio de ön’ombra. Ciao Guglielmo, a mè pròpe piasìt la ciciarada de stasira.

GUGLIELMO. Anche a me. Ciao a töddù. (I due escono a destra).

SCENA VI

Guglielmo e Marcellina

MARCELLINA. (Entrando da sinistra) ei indacc chi du rüina famèe?!

GUGLIELMO. Ada che ü di du alè anche ol tò fradèl se nò sbaglie.

MARCELLINA. Te fa sito che parlà piö con me. (Al pubblico) tace agn fa me a vivie öna eta normal, dòpo o conosìt ol me òm. A so stacia stüpida a daga scolt ala me amisa la Elvira quando a ma so lasada convincì de spusat. Stüpida, stüpida, de öna stüpida che a so stacia. Adì, de tat che a so stacia stüpida, a gare mia a troà ön’otra parola pèr dì che a so stacia stüpida.

GUGLIELMO. Stèrlöca.

MARCELLINA. (Lo guarda fulminandolo) el ase ardàt?

GUGLIELMO. (Affrettandosi) scüsa Marcellina, scüsa.

MARCELLINA. Ma al sa pöl saì cosa a ta salta in mènt de ölì piö èt i tò quando a ta sare mort?!

GUGLIELMO. Scolta Marcellina, alè mia che ai völe mia èt, alè che, dato che aio zamò escc in de eta, a ölie incuntrà prima, ma adoma prima, chi o mai vest. Capesèt Marcellina?

MARCELLINA. Me a ta capese pèr negot e capese tanto meno ol perché a ta ölèt incuntrà chèl … chèl …

GUGLIELMO. Robin Vud.

MARCELLINA. Èco, chèl.

GUGLIELMO. Marcellina, Robin Vud alè ol me eroe preferit.

MARCELLINA. O capit, ma ölèt mètèl a confronto coi tò genitur?!

GUGLIELMO. (Volendo cambiare discorso) Marcellina, ma a te tela mia sèmpèr piasida la Oliva del Braccio di Fieno?!

MARCELLINA. E alura?

GUGLIELMO. E alura, quando te a ta sare morta, e al paserafò amò tace de chi agn prima nè, a ta pödere conòsela, la Olivia.

MARCELLINA. Ma set indre a tözzo?

GUGLIELMO. El mia ira che ala tè sèmpèr piasida!

MARCELLINA. Se alè pèr chèl alè ira, ala mè sèmpèr piasìt la Oliva del Braccio di Fieno perché alè isse ölida be e pò anche perché alè isse magra. Sènza parlà dèl bèl vestit che ala ga sö!

GUGLIELMO. Ü bèl vestit?! Ma se ala ga sèmpèr sö o stès vestit!

MARCELLINA. Te arda che però annà mia adoma ü de estit isse né?!

GUGLIELMO. A se? E chiel chèl bambo de chèl’stilista che al ag facc sö i esticc töcc istès?

MARCELLINA. (Ritornando in sé) ciamèl bambo! Me comunque al so mia chi calè. E comunque me de morta öle èt la me madèr e ol me padèr.

GUGLIELMO. (Volendo distoglierla) ma a set curiusa gniampo de conès ol sò stilista? Te, se attla edèsèt, a ta gal pöderèsèt domandaga.

MARCELLINA. (Ingolosita) ol nòm del stilista dèla Oliva? (Indecisa) e la me madèr e ol me padèr?

GUGLIELMO. Ma chèi a ta se sèmpèr in tep a èdèi. Adà che quando an sarà morcc, an sarà morcc pèr töta la eta alset?! Cioè ölie dì pèr töta la mort!

MARCELLINA. (Combattuta) ma, al so mia Guglielmo. E se i me genitur ai sa ofendès?

GUGLIELMO. Ma cosa andet a ultafò! Sta tranquila che ai sa ofenderà mia, tedere che invece ai ta capesera. (Volendo convincerla del tutto) e pò dòpo, Marcellina, se a ta ölèt pròpe saìl, regordèt che i tò genitur ai sa lamentaa de te.

MARCELLINA. Ma cosa a ste indre a cöntasö? I me genitur ai sa lömentaa de me?

GUGLIELMO. Cèrto. E anche spès se alè pèr chèl.

MARCELLINA. Al pöl mia ès! Con töcc chèl che o facc pèr lur!

GUGLIELMO. Al so mia cosa dit Marcellina, ai sa lamentaa con me e basta. Adà, me a to mai dicc negot adoma per mia fat’ista mal.

MARCELLINA. (Decisa) Guglielmo, quando me a saro morta ölero èt la Oliva dèl Braccio di Fieno.

GUGLIELMO. (Al pubblico) bene, a ga so riàt!

SCENA VII

Guglielmo, Marcellina ed Elvira

ELVIRA. (Entrando di corsa da destra affannata) Gesù mio che disgrasia! Guglielmo, Marcellina che disgrasia!

MARCELLINA. Elvira, sta calma pèr piaser e contasò.

GUGLIELMO. Cosel söcedìt?

ELVIRA. Madonname che disgrasia!

GUGLIELMO. O capìt Elvira che a ghè stacc öna disgrasia, ma al sa pöl saì cosa a ghè söcedìt?  

MARCELLINA. Elvira calmèt e diga töt.

ELVIRA. Che disgrasia! Che disgrasia!

GUGLIELMO. (Perdendo la pazienza) Elvira, o a ta ga cöntèssö chèl che a ghè söcedìt a annà sarà dò de disgrasie de cöntasö in pais.  

ELVIRA. Trè alura!

MARCELLINA. Come trè? (Con paura perché pensa stia parlando di lei) ada che me a öle mia entraga in chèsta stòria.

ELVIRA. Ma coset capìt Marcellina! Aiè dò i disgrasie che aiè söcedide!

GUGLIELMO. Elvira, parla o se denò al so mia me … (viene interrotto).

ELVIRA. Guglielmo! Teresina …

GUGLIELMO. (Preoccupato) cos’è? Teresina …

ELVIRA. Se, Teresina col (guarda Marcellina) col Palmiro …

MARCELLINA. Cos’è? Palmiro …

ELVIRA. Se, ol tò fradèl e (guarda Guglielmo) la tò sorèla …

GUGLIELMO. La me sorèla …

MARCELLINA. Ol me fradèl …

ELVIRA. (Seria) ma otèr du, a sis dientacc ssurcc? Ma cosa a sighetì a ripetì i me paròle!?

(Triste) aiera indre a treersà la strada in fonta al bivio e al so mia come alè stacia, ma ià mia est ol camion che al riaa.

MARCELLINA. (Afflitta) ol me fradèl alè mort!

GUGLIELMO. (Afflitto) Marcellina, la me sorèla alè morta! (Serio) la me sorèla alè morta!?

ELVIRA. A ta se dür de comprendonio né?!

GUGLIELMO. (Alludendo) Marcellina, la me sorèla alè morta!

MARCELLINA. (Afflitta) al so, anche ol me fradèl!

GUGLIELMO. (Serio) Marcellina, scoltèm ü momènt, la me sorèla e ol tò fradèl aiè morcc.

ELVIRA. Amò turna!

MARCELLINA. (Afflitta) cosa an farai adès Guglielmo.

GUGLIELMO. Marcellina, scoltèm docà ü momènt. (Piano) lur aiè morcc e adès i pöl incuntrà in paradis la Gièssica e ol Sciarlò!

ELVIRA. Chi?

MARCELLINA. (Afflitta) chi?

GUGLIELMO. A sa regordèt zamò piö? La Gièssica per ol Palmiro e ol Sciarlò per la Teresina!

MARCELLINA. (Seria) a ta ghe resù, a ga pensae pròpe mia!

GUGLIELMO. Ma capesèt che fürtüna che ai gait i nòscc fradèi?!

MARCELLINA. Pròpe isse! Adès lur, i pöderà èt i sò beniamini. Che fortüna che ai ga ìt!

ELVIRA. E no è, che a ghè ergot che a capese mia. I òscc fradèi aiè morcc … e otèr a disì che … aiè stacc förtünacc?! (Al pubblico) chèsta nòtisia aià facc in daso de sentiment pèrchè aialsa piö chèl che aiè indre a dì.

GUGLIELMO. (Deciso) Marcellina, anche me a öle èt ol me Robin Vud. Te a ta ölèt vèt la tò Oliva?

MARCELLINA. (Capendo a ciò che sottintende, titubante) ma, al saavrès mia se alè ol momènt adès …

ELVIRA. Ma me dighe! Ma saral chèsto ol momènt dendà a troà chèste dò persune … chel Robin Vud e chèla Oliva le, coi vòscc fradèi la spiataracc söla strada?!

GUGLIELMO. Marcellina, ègnèm indre(la prende per mano e si incammina).

MARCELLINA. (Si ferma) Guglielmo, a sarès mia pronta gniamò.

GUGLIELMO. Marcellina, se alè pèr chèl an sarès mai proncc. Te lasa fa a me.

ELVIRA. Ma al sa pöl saì in doca a sis indre andà otèr du?

GUGLIELMO. An va a troà i nòscc fradèi … pèr sèmpèr. (Escono).

ELVIRA. Alera pò a ura che andès a èdèi in strada! (Al pubblico) pèr sèmpèr? Cosa ölièi dì? (Esce di corsa preoccupata) CLACSON ESAGERATO. RUMORE DI FRENATA E BOTTA COME UN INCIDENTE. (Da fuori scena) Marcellina! Guglielmo!  (Rientra disperata in scena) madonname che tragedia! Guglielmo e Marcellina, anche lur come i lsò fradèi. E prima de mör ol Guglielmo alà usassö: “Robin, a rie!” Invece la Marcellina ala dicc:”Oliva aspètèm”! Che amur pèr chi fradèi apena morcc. Ai ghè mia riacc a stà deluntà gniac ü menüt e aià ölit coriga indre söbèt ciamandoi! (Seria) ma i sò fradèi ai sa ciamaa mia Teresina e Palmiro? Cosa a ga entra chèsto Robin e chèsta Oliva? Mah! (Triste) adès anè là quatèr ispiataracc söla strada.

SIPARIO

ATTO SECONDO

La scena si svolge in paradiso. Marcellina e tutti gli altri hanno una tunica bianca. 

SCENA I

Teresa e Palmiro

TERESINA. (Fuori scena) ma me al so mia cosa a tè pasat in chèl co le?!

PALMIRO. (Entrando da sinistra) dai Teresina, fa mia isse, el mia ase ès che con me?!

TERESINA. (Entrando da sinistra) a talsès come a so contetà de ès che con te! Me a ga rie mia a capì come al tè egnit in mènt de fam treersa la strada pròpe in dèl momènt che al riaa ol camion!

PALMIRO. Teresina, adà, scusèm, alere mia est, me ardae dèl’otra banda e dè le al riaa pròpe nigü!

TERESINA. (Al pubblico) che al ma sèrve de lesiù, mai fidas di òmègn!

PALMIRO. Dai cöntaso anche però al nòst publico che o tentat de salvat.

TERESINA. Aseè, pròpe isse. (Al pubblico) ölì saì in che maner al ma ötat?

PALMIRO. (Contento) dai, dighèl a te.

TERESINA. A ta conve ès contet de chèl che a te facc, fussura! (Al pubblico) ma al sis cosa là facc?

PALMIRO. (Contento) dighèl docà. Ma sa desciulèt fò?!

TERESINA. Se a ta sighetèt a parlà te, a ga rie mia a parla me. Fa sito docà. Alura, a sere indre a dì che al ma dicc de treersa la strada che alera libera quando invece alera indre arià ü camion … (viene interrotta).

PALMIRO. A töcc al pöl capità de sbaglià öna olta in dè eta.

TERESINA. (Alzando il tono di voce) … e quando al sé nincorsìt che al riaa ü camion al ma usassö:” Fermèt!”.

PALMIRO. (Al pubblico) anche se a ma so nincorsìt in ritarde, me a o sircat de rimedìa.

TERESINA. Se, pecat che però ormai a sere in mès ala strada!

PALMIRO. A töcc al pöl capità de sbaglià dò olte in de eta.

TERESINA. Ah pròpe!

PALMIRO. Però, se a ta sa regordèt o sircat de rimedià söbèt.

TERESINA. (Ironica) certo che a te sircat de rimedià söbèt. (Al pubblico) scoltì, scoltì.

PALMIRO. A so mia forse riat le compagn dü fölmèn in mès ala strada e toi mia spostat?!

TERESINA. Se, pecat che però a te me portat söl’otra corsia in doca alera indre a pasa pròpe in chèl momènt ün’otèr camion.

PALMIRO. A töcc al pöl capità de sbaglià almeno trè olte in de eta. Comunque adès alè inötèl parlà de chèl che a ghè söcedit. Parlem dèl presente.

TERESINA. Presente! Ma se an sé morcc!

PALMIRO. Morcc? An sé morcc? Morcc, morcc?

TERESINA. Se Palmiro, morcc e stramorcc!

PALMIRO. Ma … ma … alura … an sé in paradis!

TERESINA. (Guardandosi in giro) al sömèa pròpe de se.

PALMIRO. (Concitato) alura … se an sé morcc e se ansè in paradis … alura a pöde incuntrà la Giessica Rabbi!

TERESINA. Chi? (Ricordandosi) ma certo, la tò beniamina. Ma … ma … ma alura anche me a pöde incuntra ol … Sciarlò!

PALMIRO. Teresina, pènsa al caso. An sera indre a parlan pròpe ü momènt fa con i nòscc fradèi e pò dòpò … (Sentono dei rumori) al ma sömèa che al sabe indre a rià èrgù.

TERESINA. Al sarà dèl sigür ol San Pedèr.

SCENA II

Teresa, Palmiro, Marcellina e Guglielmo

MARCELLINA. (Solo voce da sinistra) Guglielmo, ada che me a so per negot amò convinta.

GUGLIELMO. (Solo voce da sinistra) convinta, a fa cos’è?

TERESINA. (Sentendo le voci) ol me fradèl!

PALMIRO. La me sorèla! Cosa farai anche lur che in paradis! Teresina, e che in banda (si mettono un po’ in disparte).

MARCELLINA. (Entrando da sinistra) a so pèr negot convinta de ölì mör nonostante a siès zamò morta sota ü camion.

TERESINA. (Piano) poa lur … sota ü camion?

PALMIRO. Asvèt che alè dientat de mòda.

GUGLIELMO. Marcellina, avrèsèt forse preferit mör sota öna biciclèta? Ün po de dignità a te?!

MARCELLINA. Se agglere adès ala sarès indacia a fas benedì. (Guardando in alto) scusèm Signur, al so che a ta set indre a ascoltam. (Si accorge della presenza di Palmiro e Teresina). Palmiro, Teresina!

GUGLIELMO. (Si gira nella direzione dei due) anche … anche otèr che?!

TERESINA. Te, arda che notèr ansera che prima de otèr né?!

MARCELLINA. Anche notèr … pensa ol destino!

PALMIRO. Ol destino mia tat al ma sömèa. Adà, a ta pödèt fa mia ergot de divèrs che a ghè sèmpèr vergü che i tacor indre.

GUGLIELMO. Notèr an ga sé mai coricc indre a nigü, che chèsto al siès bèl ciar.

TERESINA. (Al pubblico) me a go di döbe sö chèsto invece. Pèr me, dòpo che oter i saìt dèla nòsta mort, i pènsat de coriga indre pèrchè a pensaès che notèr an pödia èt i nòscc beniamini.

MARCELLINA. (Fingendo) notèr? Notèr an va sé coricc indre … perché otèr a pödies incuntrà i voscc beniamini e notèr no? (Ride) e notèr an sarès istacc isse bambòs de mör pèr incuntrà i nòscc beniamini …  (Seria) e se anche al födès? El forse scricc in verghilöc che al sa pöde mia mor sota ü camion adès?!

GUGLIELMO. (Mistico) adì che quando alè la pròpria olta, ol Signur al ga arda mia a tabe bale, al sis almeno? Ol Signur a la ölìt che che on nòst destino al siès compagn dèl vòst.

PALMIRO. Ma! Me a rèste amò dèla me idea.

MARCELLINA. (Con fare indagatore) te Palmiro, alet zamò est ol San Pedèr?

PALMIRO. No, alè gniamò se rià.

TERESINA. A ma, se al ria al ma sènt né. Alè zamo ün po che an sé che e lü alè gniamò de rià. Se che in paradis a ghè chèl servisio che, indasaì al’inferno cosa a ga sarà alura?!

SCENA III

Teresa, Palmiro, Marcellina, Guglielmo e San Paolo

SAN PAOLO. (Entra da destra) ah, siete già arrivati!

PALMIRO. Lü al varde che alè ün po che an sé riacc né!

TERESINA. Se pròpe. Ma lü al sa rènt cont che cola pura che an ghera de mör an sé morcc lo stèss e che pèr chèsto a m’ispetaa ön’accoglienza piö degna? Invece, an sera che depernotèr. Ma aialsà lü che söla tèra töcc i pensa che a ta fe mia in tep a secà fò e a ta se söbèt in paradis in doca a ghè lü, sciur San Pedèr, coi ciaf dèl paradis?!

SAN PAOLO. Come mi ha chiamato?

TERESINA. Sciur San Pedèr.

MARCELLINA. Teresina, a ta ghe de ciamal adoma “San Pedèr” e mia sciur San Pedèr. El mia ira sciur San Pedèr?

SAN PAOLO. Come mi ha chiamato?

GUGLIELMO. Aia scüse töddü, aiè amò stremide pèr via de ès de morte. (A Teresina e Marcellina piano) otre dò, ölì fal dientà gnièc? Chesse almeno al ga derf piö i porte dèl paradis? (A San Paolo) al dighe pör “Pedèr San”.

SAN PAOLO. Come mi ha chiamato?

PALMIRO. E no è! Adès basta! Alura, sciur san Pedèr al va mia be, San Pedèr gnia chèl, Pedèr San an san parla gniac, al sa pöl saì come an ga de ciamal?

SAN PAOLO. Con il mio nome. San Paolo.

TUTTI E QUATTRO. Cos’è?

GUGLIELMO. Lü alè ol San Paolo e mia … ol San Pedèr?!

MARCELLINA. Ma … el sigür? (A Guglielmo) a ta gherèt resù Guglielmo!

SAN PAOLO. Saprò pur bene come mi chiamo!

PALMIRO. Ma pèr caso, San Paolo, el ol sopranòm de … San Pedèr?

SAN PAOLO. No, io sono San Paolo e basta.

TERESINA. Senta sciur San Paolo e basta, el poò lü alura che al gaavrès de dèrf i porte dèl paradis?

SAN PAOLO. Esattamente.

TERESINA. (Al pubblico) ma me dighe che a ghè piö religiù a sto mont! Ma lü al sa rènt cönt che töte i persune dèla tèra ai pensa che al siès ol San Pedèr a iga i ciaf dèl paradis?!

SAN PAOLO. Non è problema mio.

GUGLIELMO. (Al pubblico) chèsta frase alo sentida amò, ma al so mia indoe.

MARCELLINA. Ma perché a so morta! Se a födès apena apena ia, a galdirès a töt ol mont che in paradis a ghè cambiat ol portiner.

PALMIRO. Al ma scüse sciur San Paolo, ma ol sciur San Pedèr, che fì al facc?

SAN PAOLO. Ascoltatemi bene figliuoli, non so che lavoro svolga qui, ma vi assicuro che lui non ha mai avuto le chiavi del paradiso. Sono stato chiaro?

PALMIRO. Come l’acqua che ala ezo in dèl seger.

GUGLIELMO. E pensà che me alere dicc …

SAN PAOLO. La causa del mio ritardo è dovuta ai vostri parenti che non appena hanno saputo del vostro arrivo hanno cominciato a scalpitare per essere visitati da voi.

MARCELLINA. La me madèr ala sircat de me?

SAN PAOLO. Si, anche suo padre e la sua maestra di scuola.

MARCELLINA. (Felice) delbù?

SAN PAOLO. Si. Ma sappiate che, come prassi, qui da noi, sono i nuovi arrivati che decidono chi rivedere. Perciò mi dica signora Marcellina … chi vuole scegliere fra suo padre, sua madre e la sua maestra di scuola.

GUGLIELMO. (Piano a Marcellina) Marcellina, fa mia la stüpida, regordèt ol pèrchè an sé finicc che! Cambia mia idèa.

SAN PAOLO. Lei signor Guglielmo, è stato richiesto da uno zio di nome Paolo.

GUGLIELMO. Ol zio Paol! Se al ma öl vèt me, al völ dì che alè ol me zio e  mia ol tò.

MARCELLINA. Chèsto al völ dì negot!

SAN PAOLO. Per la signora Teresina è stata richiesta una visita dalla madre come anche per il signor Palmiro.

PALMIRO. Anche me la madèr dèla Teresina? Ma se alo quase mai gnià esta!

SAN PAOLO. No, signor Palmiro. Lei è stato richiesto da “sua madre”.

PALMIRO. A, al ma sömeaa a me.

SAN PAOLO. Beh, allora vado ad avvisare i vostri parenti di prepararsi per la visita (sta per uscire a destra).

TRESINA. Al sa ferme sciur San Paolo, i laur i sta mia pròpe isse.

SAN PAOLO. Che vuol dire signora Teresina?

GUGLIELMO. La signora Teresina ala öl dì che notèr quatèr, an völ mia èt i nòscc parecc, pèr ol momèmt, al santènt, ma notèr an völerès vèt … i nòscc beniamini de sèmpèr.

SAN PAOLO. (Meravigliato) come?

PALMIRO. Al’iscolte sciur San Paolo, el mia forse ira che töte i persune dèl mont e de töte i èpoche, che a ghè mort, al santènd, e che aiè degne de sta in paradis, aiè che?!

SAN PAOLO. Si, certo, anche se sono … (viene interrotto).

MARCELLINA. Proprio töte, töte? (Al pubblico) pòta ma, ma a sa rendì cönt che a ghè piö tanta zet che in paradis, o al’inferno, che söla tèra?!

SAN PAOLO. E chi sarebbero queste persone che volete incontrare?

GUGLIEMO. Come a go apena dicc, i nòscc beniamini. Me pèr esèmpe a öle conòs ol Robi Vud.

PALMIRO. E me la Giessica Rabbi.

TERESINA. Me invece ol Sciarlò.

PALMIRO-TERESINA-GUGLIELMO. (Guardano tutti Marcellina).

MARCELLINA. (Si sente osservata) em … me a öle èt … (rivolta ai tre) … però … la me madèr …

GUGLIELMO. Regordèt che ala se lamentada de te.

MARCELLINA. (Decisa) a già! A ma sa regordae piö. E me alura a öle èt la Oliva dèl Braccio di Fieno.

SAN PAOLO. (Sconcertato) è la prima volta che ricevo delle richieste di questo tipo. Solitamente tutti vogliono rivedere i propri cari defunti.

PALMIRO. E al vederà che se al sa spargerà la us söla tèra, indasaì quate richieste dèl gènèr al gaavrà.

SAN PAOLO. Ne siete proprio sicuri?

PALMIRO. Certo.

GUGLIELMO. Sicurissimi.

TERESINA. Assolutamente si.

MARCELLINA. (Titubante) èco … me …

GUGLIEMO. Regorda … che ala sa lamentaa …

MARCELLINA. (Decisa) otèr che sigüra!

SAN PAOLO. Se siete così decisi, non mi resta altro che accontentarvi.

PALMIRO. Ò, meno mal, adès se che an ragiuna. Quando al völ sciur San Paolo me a so pront.

GUGLIELMO. E perché pròpe te pèr prima? E no è! Sciur San Paolo a toca a me a èt ol me Robi Vud.

MARCELLINA. A se? A ta se pròpe ü cavaliere! Come in töcc i laur, me pènse che ala ga toche ala parte piö debola, cioè ai fommle.

GUGLIELMO. (Ironico) a se? Quando a va còmòt a otèr a si la parte piö debola a!?

TERESA. Guglielmo, ala ga resù la tò fommla, quando a ghè de decìt di priorità, notèr dòne an sé la parte piö debola. E in dèn nòst caso la parte piö debola a so me.

MARCELLINA. E perché a ta sarès te e mia me?

TERESA. Perché me a so piö zuena de te.

PALMIRO. Te a ta se piö zuena? Ma fam mia ègn de gregnà! A ma toca a me!

GUGLIELMO. E no! A ma toca a me e basta!

MARCELLINA. Negot de fa, a ma toca a me, al va be?!

SAN PAOLO. (Intervenendo) ora basta! Sappiate che qui da noi c’è una procedura ben precisa da seguire con estrema rigorosità.

PALMIRO. (Cercando di circuirlo per ottenere la priorità) brao sciur San Paolo, lü al ga pròpe resù. Se a ghè di regole, chèste, ai va rispetade. Dòpo che me avro est la me Giessica Rabbi bisogna  seguì i sò regole alla lètera. Giöstö sciur San Paolo?

SAN PAOLO. Assolutamente no! La procedura deve partire dall’inizio.

TERESA. Ma sensotèr sciur San Paolo, alè isse che ai funsiuna i regole. Ma la vest come ol Palmiro ala sircàt de inturtal sö pèr benone? Al’istaghe atènt che chèsce che (indica i tre) aiè di diaoi! Maddoname, al ma scüse sciur San Paolo, al mè egnit fò de boca, isse, senza ölìl. (In modo esageratamente gentile) ma lü aialsà sciur San Paolo che me a so braa, che dighe braa, delà de braaa a fa sö i turte? Quando annès imbisòg  de öna, al faghe mia i complimèncc e a mal dighe.

MARCELLINA. (Ironico) te a ta se mia indre ainturtal a!? Nò, te a ta ölèt adiritüra preparaga di turte vere! Al vest come alè braa la me cögnadina! Alì staghe atènt sciur san Paolo perché chi le  (indica i tre) aiè di Giuda! O, al ma scüse sciur San Paolo al mè egnif de boca, isse, sensa pensaga. (Guardandolo in modo significativo) ma aialsa che lü, sciur San Paolo, alè pròpe ü bèl’òm? Ol sciur San Pedèr, al ga faso gniac i scarpe a lü!

GUGLIELMO. Marcellina, a set indre a fa?

MARCELLINA. Me? Negot! A sondre adoma a faga di complimèncc al sciur San Paolo. Perché, el forse vietato adès, faga i complimèncc ala zet? Anche lü alè compagn de notèr è! (Al pubblico) al sa fa pèr dì!

GUGLIEMO. (Ironico) e chi complimèncc le, ei pèr cos’è?!

MARCELLINA. (Offesa) cosa ölerèsèt dì? Te, ada che me a so mia compagn de chi du le né?! (indica Palmiro e Teresa)!

GUGLIELMO. Fa sito lengua, fa sito. Se, a ta ghe resù che te a ta se mia compgn de chi du le (indica di nuovo Palmiro e Teresina) perché te, a ta se pègio! Al vest sciur San Paolo che moer che al mè capitat? Con dò moine e con dò bèle paroline dolse aià ölia comprà a le! Al’istaghe atènt sciur San Paolo perché a sta visì a chi tri le (li indica) alè come sta al’inferno! Madonname, al ma scüse sciur San Paolo, al mè egnif fò de boca sènsa nincorsit. Com’è che al dis chèl proèrbe sciur San Paolo? Fra i tre litiganti … il quarto se la gode. E perciò a ma toca a me a èt ol me Robi Vud.

MARCELLINA. A ta convegnia dimèl a me che a ölie compral! Te invece a ta se piö fì, a tal fe con dü proèrbe. San Paolo, a ma toca a me.

TERESINA. E a ta se anche ün imbrugliù perché chèl proèrbe alè mia isse! Sciur San Paolo, toca a me.

PALMIRO. E no, sciur San Paolo, invece a ma toca a me.

SAN PAOLO. State tutti zitti e ascoltatemi! Si deve rispettare la procedura prestabilita!

TERESINA. Aià dicc a prima chèle parole le, al sa desciule alura a diga chèsta “procedura precisa”?

SAN PAOLO. Se voi non mi interrompeste sempre ve l’avrei già spiegata!

GUGLIELMO. Sentem cosa alè alura.

SAN PAOLO. Allora, come vi stavo dicendo la procedura … (viene interrotto).

PALMIRO. Ma cosa spètèl a dighèl a lü!

SAN PAOLO. (Cercando di mantenere la calma) la procedura ben precisa è che … (viene interrotto).

MARCELLINA. Sciur San Paolo, ma quat aià fa longa, al vègne al dunque!

SAN PAOLO. (Cercando di nuovo di mantenere la calma) ha le precedenza chi (Velocizzando per paura che qualcuno lo interrompa) è morto per primo!

PALMIRO. (Alzando la mano) me a so mort pèr prima sciur San Paolo!

TERESINA. Al ga daghe mia scolt, quando lü alè mort, me a sere zamò frègia stenca.

MARCELLINA. E no sciur San Paolo, a so stacia me la prima!

PALMIRO-TERESINA. Te-e?

PALMIRO. Ma se quando a ta se egnida che in paradis, notèr du an sera zamò che?!

MARCELLINA. Pèr forsa, ai mera mandat al’inferno! E dòpo quando ai sé nincorzicc che me a sere öna dèl paradis, i ma spedìi sö ma intat a ere perdìt ü muntù de tep.

GUGLIELMO. Ma mochela Marcellina che se a ga so mia me che a ta böte sota ol camion, a ta sarèsèt la amò söla tèra! Sciur San Paolo, a so me che a so mort prima de töcc … a soportà söla tèra chi tri che!

SAN PAOLO. Come potete pensare che io non sappia chi di voi è morto per primo? Vedete questa? (Mostra un foglio) questa è la lista delle persone che sono appena morte, come voi e quelle che moriranno in giornata.

TERESINA. Delbù? Al ma scüse sciur San Paolo, dato che al ga la lista dè’nco di persune che ai gaavrès de mör, pèr caso, a ghè det anche la Giudita Marenguna? Alè tat che alè in agonea poarèta!

SAN PAOLO. Signora Teresina, temo che queste informazioni sono cose che non la riguardino. (Leggendo) allora, inizia a vedere la persona desiderata, il signor Palmiro.

TERESINA. Èco, alo sèmpèr dicc me che chi ai mör pèr prima aiè sèmpèr chi piö förtünacc! Sciur San Paolo el pròpe sigür che al siès mort pèr prima? Alè mia pèr caso che magare i pulsasiù dèl pols ai ghera piö e invece ol batito dèl cör al ghera amò? Al varde che ol Palmiro alè brao a imbroià!

SAN PAOLO. Il signor Palmiro è morto prima di tutti voi, poi la signora Teresina, poi la signora Marcellina e poi il signor Guglielmo.

GUGLIELMO. Öltèm! (A Marcellina) te a che a ta ölièt gnià mör, a set conteta che a ta toca prima de me?

SAN PAOLO. Silenzio! Ora noi ce ne andiamo e il signor Palmiro aspetta qui la persona che ha chiesto di poter vedere.

PALMIRO. Ma ela almeno la Giessica Rabbi?

SAN PAOLO. Si, infatti. (Ai tre) su, usciamo. (Escono a destra).

TERESINA. (A Palmiro) smöèffò che dòpo a ma toca a me! (Esce).

PALMIRO. (Solo. Si sistema i capelli ed il vestito. Al pubblico) saro bèl ase pèr la me Giessica Rabbi? Madonname che emosiù che a go! A spere de sfigürà mia tat con le che alè isse bèla. Adà, ala sarà olta almeno ü e novanta, ün po anche pèr colpa di scarpe coi tac volcc che ai ga. Aiè rose compagn del culur dèl vestìt che ala ga sö, in doca a ga sciòpa fò che denacc i “promontori” (li mima). Töt ros compagn di chièi che ala porta isse lonc e che ai sömèa che i sbèrluze. E la caminada!? (Imita l’andatura) ala camina che al sömèa che a ga basghe töt, öna olta a destra e öna olta a sinistra. E i occ? Du öcc, perché aiè du è, ta’grancc che ai sömèa du butù colür viöla. Viöla compagn di guanc che ala ga sö, lonc, ma tat lonc … che quando aià sfila ala ta fèm ègn la pèl de poia.

SCENA IV

Palmiro e Giessica Rabbi

GIESSICA RABBI. (Entra da destra. È una persona vestita come la Giessica che Palmiro ha descritto ma non è per nulla alta ed è invece parecchi robusta, imbottita di cuscini, le scarpe sono piatte ed è senza seno) buongiorno.

PALMIRO. (La guarda strano) buongiorno. (Al pubblico) e chi ela po’ chèsta?! Ala avrà isbagliat istansa dèl sigür. (A Giessica) buongiorno, aspetela ergü?

GIESSICA RABBI. Se, a go ìt öna richiesta.

PALMIRO. El mia che diolte alabe isbagliat istansa? Ala ma scüse se a ga dighe isse, ma me a so che aspete öna persuna.

GIESSICA RABBI. Alura lü alè apena mort.

PALMIRO. Se, me e anche otre trè persune.

GIESSICA RABBI. Alura o mia isbaglait istansa.

PALMIRO. Ala ma scüse sciura se a ma sa pèrmète amò, ma a ga dighe che le ala sbagliat istansa perché me a spète öna persuna. E che persuna!

GIESSICA RABBI. Pèr esempe?

PALMIRO. (Felice) alè öna famosa attrice, ma mia öna qualunque né? Ala pènse che alè stacia, in veta, anche ü giupì, ma alè morta in carne e òs. Piö carne che ös. A ma capeselà?! (mimando sempre i promontori).

GIESSICA RABBI. E come ala sa ciamà sta persuna isse mia “qualunque”?

PALMIRO. Giessica Rabbi. Dèl sigür annà avrà sentit parlà söla tèra se alè mia tat che le alè morta sciura. (Al pubblico) a edila isse, ala ma sömèa dèl Carlo Codega.

GIESSICA RABBI. Al vest alura che a ghere resù a dì che a ere mia sbagliat istansa?!

PALMIRO. (Inizia a preoccuparsi) in che senso?

GIESSICA RABBI. Palmiro…, el isse che ala sa ciama, vira?

PALMIRO. (Preoccupato) se … e le come  fala… a sail?

GIESSICA RABBI. Palmiro … (gira su se stessa) mal mia ricunusìt?

PALMIRO. (Sempre più preoccupato) lee … le ela …

GIESSICA RABBI. Se, me a so la Giessica Rabbi chèla che lü al’ispetaa.

PALMIRO. (Ha un mancamento, poi disperato) ela le … la me Giessica Rabbi?! Chèla  … olta … magra … coi tac volcc … e coi du promontori …

GIESSICA RABBI. Èco, a dì la erità töt chèl che lü ala dicc, alè ira infena a ü certo punto.

PALMIRO. (Al pubblico) pèr me a ghè gniac ü punto alè söl so giöst invece.

GIESSICA RABBI. Sciur Palmiro lü al ga de capì che ol mont dèl cinema alè mia stès come la realtà. Dighe mia che töt chèl che al sa èt al siès mia vira, ma pèr fa ü film, notre fommle, an ga de tröcas, an ga de fa di diete, an ga dendà del’estetista e quando al vocor an ga dendà anche dèl chirurgo plastico se an völ vès pèrfète pèr votèr. Se lü, al mès vest isse come a so al natural, al sarès vegnit amò a èt di me film?

PALMIRO. Nò, pròpe pèr negot! (Al pubblico) ma l’ivvesta in che stato alè che? (A Giessica) e isse le ala sarès al natural … o go de spetam de ü momènt o l’otèr ala sa mète indre a denvidas indre ü bras o öna gamba?

GIESSICA RABBI. No. Al’istabe tranquilo che come al ma èt a so.

PALMIRO. Ma come faroi sta tranquilo! Le ala sa mètè in di me pagn … me aspetae öna … öna bomba!

GIESSICA RABBI. Öna bomba?

PALMIRO. Ala scolte sciura Giessica … (al pubblico ricordando della Giessica che pensava di vedere) la me bèla Giessica … (ritornando alla realtà) a sere indre a dì sciura Giessica … (al pubblico ricordando della Giessica che pensava di vedere) Giessica, Giessica mia, in do set?

GIESSICA RABBI. (Avvicinandosi) al varde che a so che Palmiro!

PALMIRO. (Allontanandosi di scatto) ala ma scüse de iga facc pèrt ol tep sciura … Giessica … (al pubblico) o chèl che alè insoma! (A Giessica) me … a ma so sbagliat.

GIESSICA RABBI. Come al sé sbagliat? Ma se al ma apena dicc che al’ispetaa la “Giessica Rabbi”.

PALMIRO. (Sconsolato) se certo, ma la Giessica Rabbi dèl cinema! (Al pubblico quasi piangendo) me a öle èt la me mama … (mentre vuole uscire) sciur San Paolo, al ma faghe èt la me mama … öle èt la me mama … (esce a destra).

GIESSICA RABBI. (Sola) me aga rie mia a capì, ma se al völia èt la so mama, cosa al ma mandat a ciamà a fa alura? (Esce a destra).

SCENA V

Teresina e Sciarlò

TERESINA. (Entra in scena da destra) Sciarlò, Sciarlò … al ghè gniamò mia … al rierà! (Al pubblico) ma a rendì cönt che me adès a conosero chèl’omasi che o tat desiderat èt quando a sere ia?! (Ride) a gregne perché adès a so morta ma a me al ma sömèa de ès amò ia! Al ma sömèa che al sabe indre a rià ergü.

SCIARLO’. (Entra da destra camminando con i piedi all’interno, ha un ombrello, indossa un cappello bianco e non ha i baffi, insomma è tutto l’opposto) buongiorno. Mala facc ciamà?

TERESINA. Chi me? A me al ma risulta mia.

SCIARLO’. Epör i ma dicc de egnì che a ghere öna richiesta.

TERESINA. Ala avrà capit mal perché me a spète ön’otra persuna. (Al pubblico) ma al’ivvest come al fa a caminà? Al fa pròe ègn de gregnà!

SCIARLO’. Le, ala arde che alo sentida né? Öna olta a parlae mia, ma de sentiga a go sèmpèr sentit be.

TERESINA. (Al pubblico) aglia fa talmente longa che a fo fadiga a crèt che öna olta al parlaa mia.

SCIARLO’. Se a ga dighe che öna olta a parlae mia, al völ dì che a parlae mia.  A saro mia bambo?!

TERESINA. (Al pubblico con ironia) da come al camina, me al giürerès mia.

SCIARLO’. Ala arde che alo sentida amò né?! A ga pias mia come camine forse? E pensà che öna olta a caminae mia isse.

TERESINA. Delbù? Al völ dì che öna olta al caminaa … pègio? (Ride).

SCIARLO’. Ma le, ala sa rènt cönt de troas in paradis e de sighetà a ofèndèm?! Se ala innacc amò ün po isse, ala finirà al’inferno ala svèlta.

TERESINA. (Ride poi con ironia) delbù? E come a rierès al’inferno? Coi angèi o col buttafuori? O al ma prèsta la sò ombrèla de dovrà come paracadute? Cosa dighèl?

SCIARLO’. Dighe che alè öna gran spiritusuna lè. Öna olta invece del’ombrèla andae in giro con dü bastunsì. (lo fa girare).

TERESINA. (Fra sé e impressionata) ü tep al ghera ü bastù e ü tep al caminaa mia isse … ma no! Al pöl mia ès. Al ga gniac i barbisì!

SCIARLO’. Ala arde che alo sentida né?! Ala ma faghe mia egnì immènt i barbizì! Agghio icc sö pèr tat de chèl tep che pèr la pura adès a foso la barba trè olte al de.  

TERESINA. (Al pubblico preoccupata) al ghera anche i barbizì?! Al sarà mia delbù ol me Sciarlò … chèsto …  mostro!?

SCIARLO’. Come a mala ciamat? Mostro? Ma incö agglà sö pròpe con me alura!

TERESINA. (Al pubblico) ma nò, al pöl mia ès lü! (Guardandolo meglio e poi rincuorata) infati chèsto al ga ol capèl bianc.

SCIARLO’. Mia pèr contradila cara e bèla sciura, ma ü tep a ghere ol capèl nigher e facc a bombèta.

TERESINA. (Sempre più preoccupata) nigher … e a … bombèta … ma lü alura … al sa ciama …

SCIARLO’. Sciarlò. Se, me a ma sa ciame Sciarlò.

TERESINA. (Avendo un mancamento) Scia … Scia …

SCIARLO’. Se Sciarlò. Alura le alèndre a spetam me!?

TERESINA. (Tornando subito in se) chi? Me? Me spetà lü? Ma gnià pèr sògn! Me a öle incuntrà … me a öle èt … la me madèr! (Mentre esce a destra) sciur San Paolo, al ma faghe èt la me madèr!

SCIARLO’. (Solo) ma, se ala spetaa la so madèr al völ dì che o sbagliat’istansa. Mè che andaghe söbèt a sircà chèla Teresina che ala ma mandat a ciamà! Ala sarà là a spetam! (esce a destra).

SCENA VI

Guglielmo e Robi Vud

GUGLIELMO. (Entra da destra) ol sciur San Paolo mal ma dicc de spetà in chèsta stansa ol me Robi Vud. Al ma sömèa gniamò ira de iga chèsta ocasiù.

ROBI VUD. (Entra da destra ed è vestito come il vero Robin Hodd) permès. Buongiorno, el lü ol sciur Guglielmo?

GUGLIELMO. (Felice) se a so me. E lü al ga de ès ol Robi Vud, chèl vero, vero? Al ma scüse ol gir de parole.

ROBI VUD. Se, a so ol Robi Vud, chèl vero, pròpe come ala dicc lü..

GUGLIELMO. (Sempre felice) ma el pròpe sigür?

ROBI VUD. Sigür, sigür e sigür.

GUGLIELMO. (Al pubblico) madonname, a so che col Robi Vud, chèl vero! (Rendendosi conto di una cosa) pòta ma … ma … ol Robi Vud che me a conòse al parla mia compagn de me. (A Robi) al ma scüse sciur Robi, ma che manera lü al parla bergamasc che alè gnià de Berghèm?

ROBI VUD. Arda che quando anche te a ta sere mort de ün bèl po de tep, compagn de me, a ta gaavre töt ol tep de imparà töte i lingue dèl mont perché che in paradis a ghè tata de chèla zet de ògni nasiù dèl mont intrec.

GUGLIELMO. Èco perché! Adès o capit.

ROBI VUD. Alura sciur Guglielmo, al vest töcc i me film?

GUGLIELMO. Se, pròpe töcc, film, telefilm e infena i giupì. Che sodisfasiù robà ai sciòr pèr daga a i poerècc!

ROBI VUD. Ma cosa dighèl? Me avrès robat ai sciòr pèr daga ai poerècc? Ma cosa cöntèl sö pò?!

GUGLIELMO. Al varde sciur Robi … al varde che aio escc i sò film né? Pròpe coi me öcc e fena al fì!

ROBI VUD. E de chèsto a so contet, ma al varde che me a robae mia ai sciòr pèr daga a poarècc.

GUGLIELMO. Ma come? Ma se a go apena dicc che aio escc i sò film! A sarò mia stüpèt!

ROBI VUD. E olerèsèl dì che o stüpèt a sarès me?

GUGLIELMO. Mah, me chèsto al so mia, me al conòse pò mia isse be!

ROBI VUD. Al’iscolte sciur Guglielmo, me a so mia stüpèt e aià dimostra ol fato che me o mai robacc ai sciòr pèr daga ai poerècc. Alera töta öna mèssa in scena.

GUGLIELMO. Com’è? “Öna mèssa in scema”?!

ROBI VUD. “Mèssa in scena” e mia “scema”. Al ga de saì che apena finida de girà chèla scena le, me, de nascundù a ga robae amò söbèt chèl che a ghere apena portat ai poerècc e in piö a ga robae chèl che i poerècc ai ghera e a ghi riportae ai sciòr.

GUGLIELMO. (Sempre più meravigliato) e … e … i poerècc?

ROBI VUD. I poerècc ai ma coria indre con di stropèi … ma me a ga riae sèmpèr a fala franca.

GUGLIELMO. Ma al pöl mia ès! Ol Robi Vud che töt ol mont al conòs alè ü eroe e al roba mia ai poarècc!

ROBI VUD. Guglielmo, al dèrve fò i öcc, alè mia töt vira chèl che al sa èt in televisiù.

GUGLIELMO. E … e … chi poerècc?!

ROBI VUD. Chi poerècc, aiera zamò poarècc e poarècc ai resterà pèr sèmpèr. E dòpo quando a portae töt ai sciòr lur dòpo ai ma disia “grasie”.

GUGLIELMO. Cos’è? Lü Robi, al robaa ai poerècc adoma pèr sentis dì “grasie”.

ROBI VUD. Al varde Guglielmo che alè mia de töcc ès ringrasiat al de denco pèr vergot chel al sa fa.

GUGLIELMO. Ma … ma … ma me dighe, a ga pènsèl mai a chi poerècc che aiera zamò poarècc de sò?

ROBI VUD. Ma cèrto che a go pensàt! Al varde che a so mia ise sènsa cör sa? A go pensat töte i olte che a ghere dendà a robaga!

GUGLIELMO. (Al pubblico con sconforto) al mè burlazo ol me mito! Ol me mito … ol me eròe … alè … a ga rie gniac a dìl. Ma me dighe, öna persuna dèl gènèr, cosa farala in paradis? Al’infèrno al ghera dendà! Isvèt che anche che a ghè i racomandacc! (Pensando) magare, magare, a fo amò in tep … e se a ga domandès al sciur San Paolo … magare al ga ria a fam vèt … ol me zio Paol! (A Robi) sciur Robi Vud, (ironico) me al ringrasie di if facc la sò conosènsa; ma me adès … a go dendà. (Mentre esce a destra) sciur San Paolo, a go de parlaga!

ROBI VUD. (Al pubblico) ma arda te se al sa pöderà tratam isse. Al ma lasacc che depermecönt! Me che a so öna persuna famosa! Ando söbèt a fa denuncia de maltratamènt! (Esce a destra).

SCENA VII

Marcellina e Oliva

OLIVA. (Entra de destra. È vestita come la vera Olivia di Braccio di Ferro: maglietta rossa, gonna nera lunga, scarpe nere lunghe. Però non è magra, anzi è molto grassa). A so riada prima me (guardandosi in giro). Indasaì chi el che al völ vèdèm, ala sarès la prima olta dòpo tace agn.

MARCELLINA. (Entra da destra) adà che alè riada! (La guarda meglio e si accorge che non è proprio la persona che si aspettava di vedere. Ha un attimo di mancamento) ma … ma … ala sarà mia la me … Oliva.

OLIVA. Buongiorno. Ma, ala ma scüse ma a sa sèntela mal?

MARCELLINA. (Cercando di riprendersi) no, no, al ma pasa adès. (Al pubblico, preoccupata) ol vestit alè stès e anche la petinadüra, però … però … ma l’ivvesta in che stato?!

OLIVA. Ela indre a parlà con me?

MARCELLINA. No! Per ol momènt a sondre a parlà col publico.

OLIVA. Ah, ala ma scüse alura.

MARCELLINA. (Al pubblico) la Oliva dèl Braccio di Fieno, erela mia forse … bèla magra?

OLIVA. Ala ma scüse amò, ma ela indre a parlà con me?

MARCELLINA. Ma se a go dicc de nò a prima!?

OLIVA. Ah, ala ma scüse amò alura.

MARCELLINA. (Al pubblico) alè le grasa impastada e ala pènsa de ès al cèntro di me atensiù! Ma chi ela chèla lè pò! Chi aià conòs?!

OLIVA. Eh no, adès ala pöl mia dì che alè mia indre a parlà con me!

MARCELLINA. (Al pubblico) aggla do vinta gnià morta! (Ricordandosi che è già morta) morta! Ma se a so zamò morta!

OLIVA. Le ela la sciura Marcellina?

MARCELLINA. (Al pubblico, triste) se ala conòs ol me nòm, al vò dì che alè pròpe le! E me che a edìe mia l’ura de èt la me eroina che col sò murus ala facc bat anche ol me cör. La sò figüra sèca …

OLIVA. (Con timidezza) ela indre a parlà dè me pèr caso?

MARCELLINA. A sa ciamela Oliva le?

OLIVA. Se cèrto.

MARCELLINA. Èco braa, alura a sondre a parlà pròpe de le e de quat alera sèca!

OLIVA. Me sèca … ? E quando?

MARCELLINA. Quando ala faa i giupì col sò murus, ol Braccio di Fieno.

OLIVA. A ghè pasat fò tat de chèl tep che a ma sa regordae gnia piö. E come al sa ciamaa ol me murus che a ma sa regorde piö?  

MARCELLINA. Ol Braccio di Fieno! Chèl che al mangiaa i spinaci!

OLIVA. (Pensando) spinaci … adès al ma emmènt. Alera chèl vegiasì che al tornegaa de ì e che al mangiaa i spinaci per riaga a stà in pe.

MARCELLINA. (Al pubblico) ma come farala a regordas piö dèla sò fiamma che aia salvaa sèmpèr di sgrinfie de chèl “Bruto”.

OLIVA. Bruto? De Bruto se che a ma sa regorde! Che bèl che alera e come al ma piasia tat!

MARCELLINA. (Al  pubblico) ol Bruto ala ga piasia ala Oliva? E da quando? (Ad Oliva) ma le, ela pròpe sigüra de ès la Oliva dèl Braccio di Fieno?

OLIVA. Me se a so la Oliva, ma a so mai stacia chèla dèl Braccio di Fieno, ma la Oliva dèl Bruto.

MARCELLINA. Signor, arda zo in piaser! Ah già che a so zamò sö me! (Triste) me a pènse de ès istacia imbrogliada, chèsta alè mia la me Oliva che a spetae. Le alera … alera … ü fuscello. (Decisa) ando söbèt a sircà ol sciur San Paolo e a gan case indre quatèr. (Esce a destra).

OLIVA. (Al pubblico) ma segon votèr erala giösta chèla Marcellina? Prima ala ma manda a ciamà e pò dòpo ala dis che a so mia me. Ol bèl che ai ma sèmpèr dicc che chèsto alè ol paradis e mia ü manicome! (Esce a destra).

SCENA VIII

Guglielmo, Palmiro, Teresina, Marcellina e San Paolo

Si sente del vociare a destra. I quattro entrano tutti e parlano uno dopo l’altro lamentandosi con San Paolo.

PALMIRO. Me a so mia stacc contet pèr negot dèla Giessica Rabbi.

GUGLIELMO. Sciur San Paolo al varde che ol Robi Vud alè ü ladèr e al gaavrès mia de stache in paradis.

TERESINA. E ol me Sciarlò alè piö lü.

MARCELLINA. E me a so stacia imbriogliada.

PALMIRO. GUGLIELMO. TERESINA. Töcc notèr an sé stacc imbrogliacc!

SAN PAOLO. Io non ho proprio imbrogliato nessuno. Siete stati voi stessi a scegliere chi voler incontrare.

PALMIRO. E no caro ol me sciur San Paolo, al varde che la Giessica Rabbi che me a ölie èt, alera mi isse quando alerai ia. Ala ghera denacc … (mostra il tutto con le mani).

SAN PAOLO. Palmiro!

PALMIRO. Al ma scüse sciur San Paolo, a ma sa regordae piö in doca a sere …

MARCELLINA. A perché la me Oliva, quando alera ia, erela forse isse ben metida? (Ricordando) alera meno de ü grisì …

TERESINA. E al pènse sciur San Paolo che ol me Sciarlò al ga gnià piö i sò barbisì!

GUGLIELMO. Sciur San Paolo, in poche parole, notèr an sé pèr negot contecc di persune che a ma ölìt incuntrà.

SAN PAOLO. Non è problema mio. (Ai quattro) voi avete scelto e io vi ho accontentato.

PALMIRO. E notèr invece, a gal dighe amò öna olta, an sé mia stacc pèr negota contecc. Nigü di nòscc prescelti aiera come aiera in veta.

SAN PAOLO. E io vi ripeto che è stata una scelta vostra. Se voi avete scelto di incontrare degli eroi televisivi, dovevate anche mettere in conto che la tv spesso mostra ciò che non è. E poi, ha influito il fattore tempo.

TERESINA. E chi al’indaaa an sognas che i laur ai födès isse?

MARCELLINA. E me che a so ölida mör adoma pèr vèt la me Oliva … (al pubblico) ala ga öl pròpe töta …

GUGLIELMO. (Rassegnato) oramai, chèl che alè facc, alè facc. (Non sa come dirlo) senta sciur San Paolo … e se notèr adès an völès vèt … i noscc cari?

PALMIRO. Brao Guglielmo, alera pròpe chè che a ölie diga a me.

TERESINA. La me madèr dèl sigür ala sarà amò töta le come quando alera in veta. (Al pubblico) ala sarà amò stesa, le, alè mia indacia in televisiù.

MARCELLINA. Poa la me madè alè mia indacia in televisiù e gnia la me maestra!

SAN PAOLO. Fermi! Fermatevi un attimo. Vi ricordo di nuovo che voi avevate una sola scelta e l’avete fatta incontrando i vostri eroi.

GUGLIELMO. Al völ dì che adès a pöde piö èt ol me zio Paol?

MARCELLINA. Amò turna! Alè amò töt de èt se alè ol tò zio Paol o ol me. (A San Paolo) pòta ma, alura me a pödero piö èt la me madèr e la me maestra?

PALMIRO. E gniame a pödero èt piö la me madèr pèr sèmpèr?

SAN PAOLO. No, non è per sempre.

TERESINA. GUGLIELMO. MARCELLINA. PALMIRO. (Contenti e meravigliati) alè mia pèr sèmpèr!

TERESINA. E … alura … quando an pöl vèt i nòscc cari?

SAN PAOLO. Fra dieci anni. Questa è la nostra regola. Ogni dieci anni si può far visita ad altri defunti deceduti da lungo tempo. (I quattro si guardano e mostrano rassegnazione).

GUGLIELMO. Alè sèmpèr  …

PALMIRO. … per la procedüra …

TERESINA. … stabilida, vira?

SAN PAOLO. (Dice si col capo).

MARCELLINA. Pòta, se la regola alè isse an pöderà fa mia che rispetala. Al’iscolte sciur San Paolo, nèl fratep, in doca a ma metèl intat?!

SAN PAOLO. Con loro tre e con i defunti degli ultimi cinque anni.

MARCELLINA. (Preoccupata) al digherà mia delbù né!? Con chi tri le?

TERESINA. E nò è, me dèl Palmiro, annà pöde piö! Me che con lü a ga sto mia!

GUGLIELMO. Te fa sito Teresina, che se an as troa in chèsta sitasiù alèa doma colpa tò.

TERESINA. Colpa me? Ma se alè stacc ol Palmiro a invia fò töt! Me a stae isse be söla tèra.

PALMIRO. Ma fa sito te che a ta se gnià buna de treersà i strade!

TERESINA. A ta se bu te! Ma cöntèm piö sö!

GUGLIELMO. (Guarda Marcellina) alè töta colpa tò!

MARCELLINA. Colpa me? Me a sere contet dèla me eta! (Al pubblico) al sa fa pèr dì. (A Guglielmo) alè la tò la colpa se a ma sa troe che!

GUGLIELMO. Colpa me? La colpa alè dèl tò fradèl ol Palmiro!

PALMIRO. Colpa me? La colpa alè dèla Teresina!

TERESINA. E nò! La me colpa alè adoma de iga ü fradèl compagn de te!

SAN PAOLO. Signori, un po’ di contegno per favore, siamo in paradiso!

MARCELLINA. Sciur San Paolo, me a sto che gniac ü momènt de piö, gnià morta!

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno