In troppi sotto un tetto

Stampa questo copione

1

In troppi sotto un tetto!

COMMEDIA IN TRE ATTI

DI

Massimo Pantano


2

PERSONAGGI

TERESA……………………………….....................................................................(sarta, di 45 anni)

GILBERTO………….…………………...............................................................(marito, di 45 anni)

SERENA………..……………………..................................................................(figlia, di 17 anni)

CATERINA…….............................................................................................(inquilina, di 90 anni)

OSVALDO.......................................................................................

(marito di Caterina, di 95 anni)

AGENTE IMMOBILIARE...................................................................

(nipote di Caterina, di 53 anni)

ERSILIA..............................................................................

(datrice di lavoro di Teresa, di 26 anni)

CLARISSA.........................................................................

...............(madre dell’agente, di 45 anni)

SARO....................................................................................................................

(Killer, di 35 anni)

POLIZIOTTO........................................................

(marito di Clarissa, figlio di Caterina, di 55 anni)

ACQUIRENTE 1................................................................................................

(ragazza sui 20 anni)

ACQUIRENTE 2............................................................

(ragazzo, sposino acquirente 1, di 20 anni)

TECNICO TRASLOCO 1................................................................................................

(comparsa)

TECNICO TRASLOCO 2...............................................................................................

(comparsa)

Ogni riferimento a fatti, a persone o nomi, è puramente casuale e dettato dalla fantasia dell’ Autore


3

I ATTO

Siamo all'interno di un soggiorno di un appartamento definito Duplex; (sono due appartamenti che vengono venduti al costo di uno) la camera è completamente vuota, con una vetrata colorata al centro, sulla destra una scala che conduce all'altro appartamento, sulla sinistra la porta che conduce alle altre camere e all'uscita; ambientata ai giorni d'oggi;

I SCENA

(AGENTE IMMOBILIARE, TERESA E GILBERTO)

(La scena inizia completamente al buio e si sentono fuori scena l'agente immobiliare, che si accinge a mostrare l'ultima camera ai due compratori)

(fuori scena)

AGENTE IMMOBILIARE: Quando vi ho detto che per voi avevo in mente una casa inparticolare, stavo parlando di questa!...E' una casa storica, su una delle strade più importanti di Palazzolo Acreide!

TERESA: La cucina mi pari 'mpocu troppu nica!

AGENTE IMMOBILIARE:Basta tirare giù questa parete, questo tramezzo...e avrete una zonapranzo meravigliosa!

(entrano e si accendono le luci)

AGENTE IMMOBILIARE:...E questo è il salone!

TERESA: Ma è bellissimu!...E poi ha vistu quant'è granni...e poi d'accussi luminosu!...oh! Talia chic'è dà!...Sai, haju vulutu sempri na casa cu tutti li vitra culurati! GILBERTO: Ma se pariemu dintra na Chiesa!

TERESA: Tu t'ha stari zittu, ca nun capisci nenti!...A mia 'nveci mi piaci troppu assai!

GILBERTO: (si accorge di una porta all'interno della camera) e sti scali unni portunu?!

AGENTE IMMOBILIARE: Pensavo l'aveste capito?!...questa casa è un duplex!

TERESA: Chi voli diri?!...dui appartamenti o prezzu di unu sulu?!

AGENTE IMMOBILIARE: E' tutto lì, nella descrizione!

TERESA: (da un'occhiata al foglio che tiene in mano) Gilberto!...Ti rendi contu?!...Chistu èn'affaroni!...'nta stu casu, nun ci fussi bisognu mancu di pinsarici se la m'ha 'ccattari o no!...Veru Gilberto?!

GILBERTO: Veramenti...

TERESA: Veramenti bella!...Veru Gilberto?!

GILBERTO: E cui ha parrari!

TERESA: Allura trasemu!...vidiemulu st'autru appartamentu!

AGENTE IMMOBILIARE: Veramente qui ci abitano una dolcissima coppietta di vecchietti...sa,hanno un contratto a vita!

TERESA: Chi significa?!...C'avemu dui inquilini?!

GILBERTO: Aviemu?!...ancora nun è ca na m'ha 'ccattatu?!

TERESA: Sienti Gilberto...ju m'haja siddiatu di furriari...e chidda è troppu nica...e chidda havi iscali e quannu siemu vecchi comu faciemu!...l'autra ci vuonu troppi soldi!...e chidda sa ristrutturari tutta, cu si soddi n'accattamu na villetta!...ju haju decisu!...Voju chista, è chista ha essiri!

GILBERTO: Ma u sai chi significa cuntrattu a vita?!...ca nun li putemu jttari fora! Nun li putemujttari ammenzu a na strada!

TERESA: Gilberto!...c'è chiddu, cumportati buonu!

AGENTE IMMOBILIARE: Ha ragione suo marito!...non li potete sfrattare!...devono decidereloro di andarsene...e poi detto tra noi...sono abbastanza avanti con l'età che non potranno durare ancora per molto...Ma li volete conoscere che ve li chiamo?! (va a chiamarli) GILBERTO: A mia sta storia nun mi cunvinci pi nenti!

TERESA: Sempri lu solitu!...Statti zittu ti dissi!...E puoi, cu mia, ha sbagghiatu mai?


4

GILBERTO: (tra sè) Unu sulu ni fici sbagghiu!...quannu ti spusai!

AGENTE IMMOBILIARE: (bussando alla porta) Signora Caterina!...(ai compratori) ci starà unpo' ad aprire, gli acciacchi...sono novantacinque anni!...(alla vecchietta) Sono l'agente immobiliare!...(si apre la porta, ma rimane socchiusa) Oh! Buon giorno signora Caterina! CATERINA: Chi vuliti?!

AGENTE IMMOBILIARE: Signora, ci sono due compratori interessati all'appartamento!

TERESA: Voli diri...i nuovi proprietari!

GILBERTO: Nun ti bagnari prima di chioviri!

TERESA: Attonna!?...ju già culenti sugnu! Sta casa è la mia e basta!

CATERINA: Mancu a canuscilli!...tantu a fini nun s'ha 'ccattunu!

TERESA: No, no, no! Signura nun dicissi d'accussì!...na pigghiamu sicuramenti!

GILBERTO: Signura nun ci cridissi!

AGENTE IMMOBILIARE: (a bassa voce alla vecchietta) A mugghieri havi la testadura!...l'affari è quasi fattu!...(si fa sentire) Allora l'aspettiamo?! CATERINA: Stamu arruannu!

AGENTE IMMOBILIARE: Adesso vengono...sono due vecchietti alla mano!...come se qui non cifossero...non li sentirete per niente...vi immaginate, alla loro età, che fastidio potrebbero dare? TERESA: (al marito) Lu senti chi sta diciennu?!...è comu se cà nun ci fussunu!...E puoi quantupensi ca campunu?...cu cent'anni di saluti...

GILBERTO: Cent'anni di saluti?!...Se mi pigghiu a casa, sempri se m'ha pigghiu, a fatta i l'annu, sana quagghiari tutti dui!

TERESA: Dicia cent'anni di saluti pi modu di diri!...Tu sempri catastroficu e presciaruolu!...cucent'anni di saluti, speriamu chiù picca!...n'arritruamu cu du belli appartamenti...e se voli Diu...quannu to figghia deciderà di spusarisi, si ni veni a stari cà cu nuautri! GILBERTO: Poviru jennuru!...aviri na sogghira comu a tia casa casa!

(entrano i due vecchietti)

II SCENA

(DETTI, CATERINA E OSVALDO)

CATERINA: (uscendo dalla porta) Coff! Coff!

TERESA: L'ha vistu chi su vecchi?!...Talè chi su bidduzzi...ancora pi la manu si tienunu! No comua tia, ca mancu quannu erumu ziti mi la dautu!

CATERINA: (avvicinandosi a Teresa) Buon giornu! (le tossisce in faccia) Coff! Coff! ju sugnu lasignora Caterina! Coff! Coff! e chistu è lu marituzzu beddu miu!

OSVALDO: (da la mano a Teresa e anche lui gli tossisce in faccia) Coff! Coff! Osvaldo! Piaciri!

Coff! Coff!

TERESA: (tra se) A chi l'hannu pi viziu?!...ju sugnu Teresa!

GILBERTO: Buonu, perfettu!...Chisti picca n'hannu!

TERESA: Chistu è me maritu!

GILBERTO: (per evitare la tosse in faccia, gli tossisce in faccia prima lui) Coff! Coff! piaciri jusugnu...(gli tossisce nuovamente in viso) Coff! Coff! Gilberto! (si allontana)

CATERINA: (a Teresa) So maritu è unu spiritosu veru?! ah ah ah! (le tossisce nuovamente in viso)Coff! Coff!

TERESA: (va dal marito) Pezzu di malarucatu!...chi si fa d'accussì?!...ma 'mpocu di rispiettu pichiddi chiù anziani!

GILBERTO: Ohu! Teresa, ju a matina a facci ma lavu!...nun è ca sugnu comu a tia, ca ti la failavari di l'autri!

TERESA: Veni subitu cà cu mia! Puttroppu me maritu havi 'mpocu di tussi...s'ha arrifriddatu! (almarito) Statti vicinu a mia e fai quattru stampi!! (ai vecchietti) Nun vulissi ca v'ha 'misca eccu!


5

CATERINA: Chissa è l'unica cosa ca nun n'ammanca mai...a rifriddatura! (i due vecchiettitossiscono in faccia a Teresa e Gilberto) Coff! Coff!

GILBERTO: Ni n'haveumu addunatu! (si asciugano la faccia)

OSVALDO: Nuautri havi sessant'anni c'abitamu 'nta sta casa...u proprietariu ni fici nu contrattu avita! Coff! Coff!...nuautri du poviri pensionati semu...'nta vita nun n'ha ma pututu accattari 'mpizzuddu di casa...

CATERINA: Ma chi ci cunti a chiddi!?

OSVALDO: Fammi finiri!...nun havemu figghi...perciò a cu l'avissuma duvutu lassari a proprietà?!e perciò a m'ha preferitu jri a casa in affittu...ah! però ca ni fa cumpagnia...Coff! Coff! havemu nu canuzzu!...manzu, comu a su cani nun ci n'è...nun si senti propriu!...Speru ca pi viautri nun è 'mproblema?!...(piangendo) nun lu putiemu jttari fora di casa...è comu 'nfigghiu pi nuautri!

TERESA: Nun facissi d'accussì!...se diciti ca è manzu, ca mancu si senti...e poi macari ca si sintissinun fa nenti...nuautri macari l'ha m'avutu 'ncani a casa unni stavumu! GILBERTO: Si!...so matri! era peggiu di nu Pitt Bull!

OSVALDO: O patruni di casa, havi sessant'anni ca ci pajamu u misi puntuali! Coff! Coff!

GILBERTO: Si! puntuali comu a tussi ca mi fa 'nta facci!

CATERINA: Se v'accattati sta casa...putiti stari tranquilli ca ogni dui do misi i sordi di l'affittu su'nte manu vuostri!

TERESA: Ha 'ntisu Gilberto?!...nun sulu dui appartamenti...ma macari i soddi di l'affittu havemu!(a Caterina) Signura la vostra presenza 'nta sta casa nun po' essiri autru ca na cumpagnia...e puoi se voli sapiri la verità (piangendo)mi ricorda assai a me matri! GILBERTO: Si! soprattuttu comu sputa!

AGENTE IMMOBILIARE: Benissimo!...dopo le dovute presentazioni che come vedo sonoandate benissimo, volevo ricordarvi ancora alcune cose riguardo il quartiere in cui ci troviamo!...qui vicino a circa cinquanta metri c'è un supermercato, di fronte abbiamo la farmacia...spero non abbiate di bisogno!...e parecchi negozi (estrae il bigliettino da visita)questi sono i miei numeri, se volete fare qualche offerta! sapete, ce ne sono tanti che sono interessati, abbiamo molte richieste! TERESA: La può considerari già bloccata!

GILBERTO: No, no! pi bloccalla aspittassi la telefonata mia!

TERESA: T'haju dittu ca ju sta casa la vogghiu!...(all'agente immobiliare) allura per ora lasalutamu...nun si preoccupassi c'affaricuntu me maritu ci telefona! (saluta i vecchietti) Arrivederci signura Caterina! Si pigliassi qualcosa pi su rifridduri!

CATERINA: Certu! Coff! Coff! (le starnutisce in faccia) Speriamu allura di vidilla cà!

TERESA: Ci po' cuntari! Arrivederci signor Osvaldo!

OSVALDO: Arrivederci! Coff! Coff! (gli starnutisce in faccia)

GILBERTO: C'è di buonu ca nun sfardamu acqua pi lavarini a facci! Arrivederci!

AGENTE IMMOBILIARE: Vi accompagno all'uscita...poi saluto i signori e vado via anch'io!Prego, di qua! (escono)

CATERINA: (arrabbiata)Ju haju dittu sempri ca si nu rimbambitu!...quantu vulissi sapiri chi cosaci cunti alla genti!...nun havemu figghi!...ma se chiddi si 'nformunu in giru?! chi figura ci facemu?! ah?!...t'haju dittu cientumila voti ca quannu venunu a genti a vidiri a casa...tu nun ha parrari...t'ha stari zittu!...ha fari chiddu ca nun ci senti, ca nun po' camminari bonu, tuttu chinu di dulura, ca nun respira bonu...quanti voti ti l'haja diri?!...ha fari chiddu ca ci manca picca a finiri o campu santu!...Ti ci mannassi ju o campu santu cu 'ncorpu di lignu 'nta testa!

OSVALDO: E comu stai facennu!...tantu l'havia caputu subitu ca a chidda a casa ci piaci!...chiddaè n'autra comu a tia!...a so maritu nun lu fa mancu pipitiari!

CATERINA: E puoi chi ci dici ca pajamu tutti i misi l'affittu?!...sessant'anni havi ca lu pajamu!...sibestia!...se nun c'ho riuddautu tu, chiddi mancu l'avevunu caputu ca compresu c'era macari l'affittu do misi!...tu mi fai fari li vuredda fracidi!!

OSVALDO: Dilla a verità...ti piaciu ca fici la tussi comu a tia?!


6

CATERINA: Abbastava ju però!! Parrari cu tia nun servi a nenti!...mi javitu stu ciatu!...to figghiuunni s'ha 'ristatu?! (entra l'agente immobiliare) ah! cà si! Comu t'hannu passu?!...Su cunvinti?!...se to nonnu ha fari sempri di testa sua!...c'haju dittu cientumila voti ca ha parriri chiù assai di da parti, ca di cà parti!!

AGENTE IMMOBILIARE: Mamma statti tranquilla!...ca chidda era già cunvinta ancora prima dicanuscirivi!...e sugnu sicurissimu ca fra cincu secunni m'arriva a telefonata...unu...dui...tri...quattru e cincu (squilla il cellulare) chi v'haveva dittu!! (risponde) Pronto!...mi dica signor Gilberto...la prende?!...allora confermato!...bene, ci vediamo all'agenzia per concludere l'affare e concordare il tutto...sua moglie ha detto subito?!...daccordo! allora mi dia il tempo della strada e arrivo!...si! a dopo! (chiude la telefonata) Venduta!!

OSVALDO: Ah! che bellu! dopu 'nmisi ca m'annoiu...ora m'addivettu! ah ah ah!

CATERINA: T'addivetti?!...se nun m'ha 'scuti e nun fai chiddu ca ti dicu ju...lu sai comum'addivettu ju?!...Forza figghiu miu...vattinni, ca t'aspettunu...concludi st'autru affari...manitti! AGENTE IMMOBILIARE: Mamma, comu o solitu, vabbeni?!...ciau, ni videmu! (esce) CATERINA: Forza amuninni dintra!...ti fazzu ballari ju se nun m'ha 'scuti! OSVALDO: Intantu 'ncuminciu cu lu cani!...Amuninni...finalmenti! N'addivittemu!!

CATERINA: Peggiu de picciriddi si!...caminamu! Allura u sai chi fai...fallu mangiari abbunnanti!(escono)

(Entra Osvaldo con il cane e gli fa fare i bisogni al centro della stanza, felice rientra nel suo appartamento)

(si spengono le luci, al riaccendersi entrano Teresa, Gilberto e gli operatori del trasloco, massimo due persone "comparse")

IIISCENA

(TERESA E GILBERTO)

TERESA: Chista è l'ultima stanza...forza!

(una musica, scandisce il tempo del trasloco, si vedono gli operatori del trasloco e Gilberto che portano la mobilia, compresa di quadri e suppellettili, il tutto coordinato da Teresa che dice loro dove e come mettere le cose.)

TERESA: (con un panno ed una scopa in mano)Sugnu stanca morta! almenu ha ma sistimatu tutti imobili! nun c'ha fazzu chiù!

GILBERTO: (Stanco)Tu si stanca morta?!...ca nun ha fattu autru ca cumannari!...e pigghiachistu...e pigghia st'autru...chistu mettulu cà...st'autru mettulu dà! mancu li cosi chiù leggeri ha vulutu pigghiari!A di poviri carusi, pazzi, i stautu facennu addivintari!

TERESA: Cerca di finnilla e nun ti lamintari! Ca se nun avissa statu pi mia avissutu misu l'armadiuda stanza i lettu, 'nta stanza i pranzu! e poi picchì nun ti facevutu aiutari di ta figghia, era na manu in più...no?! chi c'entra!...ha vinutu quannu la stanza sua era pronta...arruau, ha trasutu, s'assittatu supra o lettu e s'ha misu a smachiniari cu su cellulari...anzi comu mai s'ha sfurzatu a dirimi...mamma chiudi a porta! Se ci scappa di jri o bagnu nun sapi mancu unn'è, picchì nun s'ha degnatu mancu di visitarla a casa nova!...comu ha pigghiatu setti parti di tia!...a sa carusa ha stai ruvinannu tu...i piaciri ce fai passari tutti!

GILBERTO: Ma chi è sta puzza?! (guarda il pavimento) ma sta acqua cà, di unni spuntau?! TERESA: (guarda il soffitto) Nun mi diri ca mancu u tiempu d'arruari, già trasi acqua?!...mentrimacchi 'nto soffittu nun ci n'è!

GILBERTO: Ma allura di unni trasiu?! (cammina) Ma chi è sta puzza?!...(pesta qualcosa, nonabbassa neanche lo sguardo perché capisce già cos'è) chi pistai?!...eccu chi era sta puzza?!...allurachidda nun è acqua!...e pipì! (contenendo la rabbia) e menumali ca era manzu su canuzzu...comu a stu cani nun ci n'è! 'ncuminciamu buonu! schifiu!


7

TERESA: Ma chi t'allamenti! Chissa tutta furtuna è!...(Gilberto comincia a camminare)ma almenustatti fermu, accussì la vai straviannu casa casa!

GILBERTO: Ammenu d'accussì...casa cacata, casa fortunata!...e se u bongiornu si vidi do matinu,mi sa ca 'nta sta casa si prospetta na vita di m...(esce)

TERESA: Nun diri malapparoli!...comu sta faciennu pi na stizza di pipì!...ca si pulizia, chi civoli!(comincia a pulire)...ha pututu capitari oggi...e oggi è lu primu jonnu ca siemu cà...ma se succeri n'autra vota...allura la cosa la ragghiunamu diversamenti...mancu lu tempu d'arruari già na ma strarriari?!...no! chi mi tocca fari...che schifu! matri chi puzza!...Teresa stai calma!...Teresa nun jttari uci!...Teresa, tu si gentili!...Teresa vatinni di ca dintra, se no finisci a schifiu!...Teresa fai a brava!...Teresa nun scoppiari! (esce)

IV SCENA

(CATERINA, OSVALDO, TERESA, SERENA E GILBERTO)

OSVALDO: (si affaccia, si accerta che non c'è nessuno) Hannu finutu!...nuddu c'è...nesci, nesci,talè comu l'hannu ammobiliatu! (esce Caterina) speriamu ca l'hannu pistata! ah ah ah! a centru di stanza ci l'haju fattu fari!

CATERINA: 'Nsumma, pinsava megghiu!...i patruna di prima i mobili ci l'avevunu chiùbelli!...unni c'ha fattu fari o cani?!...ca cà nun c'è nenti!...senti Osvaldo, a mia nun m'ha 'mbrugghiari!...pi fissa a mia nun mi c’ha pigghiari!...vidi ca ju ti scippu i scarpi mentri ca camini!...

OSVALDO: L'haju vistu cu l'occhi miei!...cà l'ha fatta!...a st'ura l'hannu puliziatu!

CATERINA: Se avissuna truvatu, i vuci l'avissumu 'ntisu!...l'haju dittu sempri ca li cosi m'haja fariju, ca è megghiu!...si sulu buonu a dormiri e rumpirimi l'anima a mia! trasiemu piffavuri, prima ca venunu!...tu lu cani ca dintra mancu ci l’hai purtatu!...ora ni faciemu li cunti tutti e dui, nun ti

preoccupari!

OSVALDO: Ma ti dicu ca l'ha fattu!...o scuru ci mancava picca ca la pistava puri ju!

CATERINA: Ju a tia ti pistassi a testa comu na racina!! forza maniamini a trasiri!

(escono ed entra Teresa)

TERESA: (mentre pulisce)  Ju nun no sacciu chiù comu haja fari cu me figghia...

stapi notti e jornu

davanti

a  su  malidittu  cellulari...sempri  davanti

a  facce...

eeh...

facebuccu

...facciibeccu

...comu  si

dici!?...

su cosa unni si ci metti a fotografia...

e poi a chiddu ci piaci a l'autru nun ci piaci...

e sempri

ca fa cancia e scancia

...'nta so stanza sempri robbi peri peri c'ha na statu!...

na vota 'nta jonnu s'ha

canciatu  dieci  voti!...

poi

s'arricampa  'ndi

mia  e

mi

fa...

"mamy  fammi

una  foto  che  la  devo

pubblicare,  voglio  vedere

se  qualcuno  la

tagga!

....ju

a

targa

'nta  testa

c'ha

dassi...allavoti  ca

c'arrimuddassi!...e l'utru beddu di so patri ca la difenni e nun ci dici nenti!...(entra Serena) SERENA: (sconvolta, con le occhiaie i capelli elettrizzati, da cenni di squilibrio) Mamy!...ho finitoil credito nel cellulare!...perché sono, due ore, che cerco di collegarmi a internet e non c'è

linea...mamy ti prego...vai a farimi na ricarica...sbrighiti...ricaricami...non ce la faccio più...mamy

così soffro!

TERESA: Perciò se ju nun ti fazzu a ricarica 'nto cellulari...nun funziona facciibeccu!?

SERENA: Facebook mamy...facebook...(piange) facebook!

TERESA: Allura u sai chi ti dicu?!...miegghiu accussì...puoi stari frisca ca ti fazzu a ricarica!

SERENA: Ferma d'accussì...non ti girare!

TERESA:(la guarda) chi fu?!

SERENA: Girati, non mi guardare!

TERESA: Si po' sapiri chi hai?!

SERENA: Miettiti d'accussì! (la fa mettere di profilo) ah! mi piace! (fa il gesto col pollice alzato)

TERESA: Scisti pazza?! (si gira)

SERENA: Miettiti d'accussì! (la fa mettere di profilo) ah! mi piace!


8

TERESA: (di profilo) Chi stai facennu!

SERENA: Non ce la facevo più...sono due ore che non vedo...un profilo!

TERESA: Ha vistu chi fa fari su facciibeccu!? Scimunita addivintasti!

SERENA: ...Mamy io non ce la faccio più...non posso stare più tutta la giornata davanti ad uncellulare...

TERESA: Chiddu ca dicu macari ju!...Finalmenti lu capisti!

SERENA: ...Devo uscire...

TERESA: Nu miraculu!

SERENA: ...voglio divertirmi...ubriacarmi...vorrei fare sesso tutte le notti!

TERESA: Ca dittu?!...vattinni da parti...cosa vuoi fari?!...t’ha staju jennu a fari subitu saricarica!...cientu euru ti ci mettu!...s'ha 'mbriacari...ha fari sesso! E unni siemu arruati?! Nun avemu chiù chi sentiri! (indossa il soprabito prende la borsa ed esce)

SERENA: (parla a se stessa) Dai Serena! u tiempu ca a mamma fa a ricarica e siamo di nuovo sufacebook...ci voli 'quartu d'ura p'arruari o tabbacchinu...poi bisogna viriri a fila ca c'è...speriamu ca fra n'ura ritorna a linea...resisti Serena...resisti! Ci la puoi fari!! Resisti! (esce ed entra Gilberto)

GILBERTO: Chi junnata pisanti oggi!...sugnu propriu stancu! (riferendosi ai due inquilini) ma ivicchiareddi chi fini ficinu?!...vuoi vidiri ca murienu!...nun s’hannu vistu completamenti oggi!...miegghiu d’accussì!

(si affaccia alla porta la signora Caterina)

CATERINA: Signor Gilberto...bonasira, comu jemu?! Se nun ci dispiaci, mo putissi fari‘nfavurieddu?! Avissa jri a jttari a spazzatura, ma oggi haju ‘nforti duluri di schiena e me maritu havi na forti bronchiti!

GILBERTO: Signora Caterina, mi fa piaciri!

CATERINA: Chi dissi?!...ci fa piaciri ca stamu mali?!

GILBERTO: No...vuleva diri...mi fa piaciri...aiutari na signura brava e gentili comu a lei!

CATERINA: Allura vinissi cà, ca ci la dugnu!

GILBERTO: (fermandosi davanti la porta della vecchietta, la vecchia le da il primo sacco)Appostu!...c’ha vaju a jettu!

CATERINA: No...aspittassi, ci n’è ancora! (le da un altro sacco) dui...(ne prende un altro)tri...(ancora un altro) quattru!

GILBERTO: (al pubblico) Quant’haveva can un la jttavunu?!...(a Caterina) Sa na finutu?!

CATERINA: No! C’è l’ultimu! (le da un sacchetto contenente mutande da donna e reggi seni)

Teni cà!! (le chiude la porta in faccia)

GILBERTO: (si prende in giro) Mi fa piaciri aiutari na signura brava e gentili comu a lei...mac’addivintai scimunitu?!...Ma tu ha taliari!...e faciemu st’autra furzata!

(Gilberto portando tutti questi sacchi di immondizia, fa cadere involontariamente il sacchettino contenente la biancheria intima; poggia gli altri sacchi a terra per riprendere il sacchettino, ma incuriosito del contenuto, tramite un bastoncino che era all’interno del sacchetto stesso, si mette a rovistare; la signora Caterina si affaccia e vede Gilberto con le sue mutande in mano)

GILBERTO: Ma chi si metti ancora sti cosi?! Mah!

CATERINA: (lo rimprovera)Signor Gilberto!...comu si permetti d’arriminari ‘nta spazzatura mia!

GILBERTO: (colto di sorpresa) Ma...veramenti...mi cariu e...

CATERINA: Chi ci fa che mutanni miei ‘nde manu?!...mi fa schifu! (rientra)

GILBERTO: Nun sulu ci vaju a jettu a spazzatura...di n’annu, haja siri macari rimproveratu!(riprende tutto) Chista è l’ultima vota ca lu fazzu!...quantu è veru ca esisti Diu!...i manu m’ha na cadiri! (esce)

(entra Teresa con la sua datrice di lavoro Ersilia)


9

V SCENA

(TERESA, ERSILIA, GILBERTO, OSVALDO, CATERINA E SERENA)

TERESA: (entrando) Signurina Ersilia s'accomodassi!...è chistu è lu saluni...eh si! chista è la casanova!...certu, lei vinni propriu oggi!...ha ma finutu di fari u traslocu di picca, ha truatu 'mpocu di disordini casa casa!

ERSILIA: Hai ragione!...c'è un po' di confusione!...ancora non vedo alcunché di stile!...e tu saibene quanto ami lo stile!...ma ti posso dire che è una casa abbastanza grande, ma senza... TERESA: Stile...veru?!

ERSILIA: Brava!

TERESA: (tra se) Se avissi i sordi ca havi idda...c'ho facissi viriri ju cos'è u stile!...(ad Ersilia) si!ma ancora ancora la casa nun finisci cà! c'è macari n'autru appartamentu ca si ci trasi di duocu! ERSILIA: Teresa, non ci perdiamo in chiacchiere, ho un bel po' di commissioni da darti, sai, frasette giorni c'è la sfilata del mio atelier e vengono a vederla persone dell'alta moda da Milano e ho quindici modelle da vestire...tutte taglia quarantadue, non ti puoi sbagliare!...(le da il book) qui ci sono tutti i modelli che devi realizzare, le stoffe te le porterà domattina la mia segretaria...Teresa non deludermi, il trasloco l'hai già terminato, quindi puoi dedicarti anima e corpo totalmente a me!...vedo che questa è una zona tranquilla, puoi concentrarti benissimo senza nessuno che ti possa disturbare!

TERESA: Setti jonna...pi fariti quinnici vistita...chistu significa, almenu dui o jonnu! (ci pensa)si!...nun haja lassari peddiri mancu pi jri a mangiari... vabbeni c'ha puozzu fari!

ERSILIA: Teresa, devi farcela!...da questo dipenderà tutta la tua carriera, le tue tasche, ti faròdiventare qualcuno!...fammi questi quindici capolavori e dopo, a te, ci penserò io!...adesso devo andare!

TERESA: Chi ti pozzu offriri?!

ERSILIA: Niente grazie!...non voglio stressarti oltre! devi concentrarti sin da adesso! Tiraccomando, dagli quel tocco sartoriale che solo tu sai dare ai miei abiti! Teresuccia accompagnami alla porta!

TERESA: Subitu Ersilia!...tutta sta fiducia, 'mpocu mi 'mbarazza...ma nun ti preoccupari...tirenderò felici! di quane! (escono ed entra Gilberto)

GILBERTO: Mancu la virivogna de vicini, cu tutti di sacca d'ammunnizza...havi menza junnata casiemu 'nta sta casa e già si dui, chiamamuli 'nquilini, ju nun li supportu! (entra Teresa)

TERESA: Gilberto, ju sugnu stanca!...ma u sai cu c'ha statu cà?! Ersilia! m'ha dittu di fari quinnicivistita 'nta setti jonna...ha dittu ca mi fa diventari...qualcuno! GILBERTO: Chi ti fa divintari masculu?! ah ah ah!

TERESA: Nun fari u spiritusu!...u sai chi ti dicu...amuninni a curcari ca dumani haja 'ncuminciari utravagghiu e nun haju nu minutu liberu!

GILBERTO: O cuccamini ca dumani macari ju haja jri a travagghiari...allura mittiemu a svegliaprestu!...ah! ‘ntura a vecchia, chidda ca ta ricorda tutta to matri, ma mannatu a jttarici cincu sacca di ‘mmunnizza e per giunta m’ha rimproveratu!...Teresa ju già nun li supportu!...o cuccamini va!

TERESA: Ma nun puoi essiri gentili na vota ogni tantu?! Amuninni!(escono e spengono la luce,esce Osvaldo riaccendendo la luce)

OSVALDO: (dall'uscio della porta) Caterina, s'ha na jutu a cuccari!...mietti a televisioni all'ultimuvolumi!...pigghimi i tappi pe uricchi! (esce Caterina) CATERINA: Si sicuru ca s'ha na jutu a cuccari?!

OSVALDO: Si, si! haju 'ntisu ju!

CATERINA: Teni cà...(gli da i tappi) mettitilli! (Osvaldo mette i tappi alle orecchie) Avanti,trasemu!...Osvaldo!...Osvaldo! (lo afferra per un braccio)

OSVALDO: (Si toglie i tappi) Chi vuoi?!

CATERINA: Ma chi si surdu?!


10

OSVALDO: Nun lu vidi ca haju i tappi!?

CATERINA: Dopu t'ha mettiri, no ora!...appena addumu la televisioni!...trasi pi favuri! Mi fairimbambiri macari a mia! (escono e spengono la luce)

(si sente la tv messa ad un volume altissimo, rientrano in scena Teresa, Gilberto e Serena in pigiama, accendono la luce e parlano sulla base "della tv")

TERESA: Chi è stu baccanu?!

GILBERTO: Mancu lu tiempu di chiudiri l'occhi!

TERESA: Ma su i vicchiareddi!...dicci ca la mettunu chiù pianu!

(Gilberto va a bussare ma nessuno lo sente, allora comincia a chiamarli, spengono la tv e va ad aprire Caterina)

CATERINA: Chi vuliti a st'orariu?!

GILBERTO: (fingendo di essere calmo e dolce)Signura cara, l'ha po mettiri chiù pianu, sempri se

nun ci dispiaci, la televisioni?! avissuma dormiri picchì dumani ha ma jri a travagghiari!

CATERINA: Vabbeni! e chi è orariu di disturbari a genti?! (gli chiude la porta in faccia)

TERESA: Ha statu gentili veru?!

GILBERTO: A chi m'ha diri a mia!

SERENA: Buonanotte papy...ah! mamy grazie!...internet è tornato!

TERESA: E speriamu ca nun si nu va chiù!

GILBERTO: Buonanotti!...o cuccamini! (escono e spengono la luce)

(si sente nuovamente la tv a volume alto, rientrano, accendendo la luce,Teresa, Gilberto e Serena...si guardano e gridano)

SERENA TERESA GILBERTO: Noooo!

FINE PRIMO ATTO


11

II ATTO

La scena si presenta come quella del primo atto, ma vicino al tavolo si trova un manichino con un vestito, l’unico che Teresa è riuscita a confezionare in soli quattro giorni.

I SCENA

(GILBERTO, TERESA, OSVALDO E CATERINA)

(entrano Gilberto e Teresa notevolmente provati)

GILBERTO: Havi quattru jonna ca siemu ‘nta sta casa e nun m’haia fattu mancu dieci minuti disonnu!...ci la rumpu tutta sa televisioni e nun sulu!

TERESA: Mo cunti a mia?!...’nveci ju m’haju fattu stirati di suonnu!...’nta quattru jonna haju fattunu vistitu sulu!...comu haja fari a farini quattordici ‘nta tri jorna?!...ah?! dimmillu tu!

GILBERTO: Chissi sunu affari tuoi!...ju haja pinsari o travagghiu miu, c’affaricuntu mi licinzianu!e già ma na datu l'avvertimentu!...ha vulutu tu sta casa?!...pi carità, granni, bella!...ma a mia già u fattu ca c’erunu si dui vecchi cà dintra, nun ma cuntava giusta!...pirchì, na casa tantu bella, nun s’haveva accattatu ancora nuddu?!...lu sacciu lu pirchì!...aspittaunu li dui fissa comu a niautri!...anzi mi correggo...comu a mia!...ca dugnu retta a tia!

TERESA: Ha ‘ntisu puri tu chiddu ca dicia l’agenti immobiliari?!...sunu du vecchi ca mancu sisientunu!

GILBERTO: Quannu c’è iddu, nun si sientunu!...ogni cincu minuti...Gilliberto pi favuri...ca poi a

parola pi favuri, m’ha dissunu sulu la prima vota!...fai chistu!...Gilberto fai st’autru!...Gilberto s’ha

ruttu u rubinettu!...e a notti nun si po dormiri picchì a televisioni è misa o massimu!... (cammina e

pesta la cacca del cane) Aaaah! E ogni matina haju pistari i bisogni di su cani, ca oltri a stari mali

di stommucu, abbaia notti e jornu!...ju nun c’ha fazzu chiù!...ci manca picca ca scoppiu!...intantu pi

risolviri u fattu da televisioni misa forti di notti, haju pinsatu d’accattari du strumentu ca la fa stutari

cu l’applausu!...almunu viriemu se sa televisioni la putiemu controllari di cà dintra e putissimu

finalmenti  dormiri!...almenu  dormiri,  nun  dicu  autru!!...anzi,  ci  vaju  subitu  a  accattallu…nun

m'antaressa,quantu mi costa costa!

TERESA: E comu faciemu a mittiriccillu!?

GILBERTO: Quannu o pomeriggiu niesciunu pi farisi la passiata...ca dura non più di cincuminuti!...ca mentri ca fussunu fora ‘ncamion se putissi tirari i sutta!...faciemu d'accussì, tu controlli quannu arrivunu e ju c’ho vaju a muntari!...vabbeni…ora nesciu!

TERESA: Ora stravilla casa casa t’arraccumannu!...nun appuggiari su peri ‘nterra! (Gilberto simette a saltellare con un piede per uscire) Bravu! Accussì!

GILBERTO: (arrabbiato) s’ha finiri sta storia!...nun c’ha fazzu chiù...nun c’ha fazzu chiù! (esce)

TERESA: E ogni matina m'ha tocca puliziari li schifiei ca cummina su cani! (prende secchio scopae paletta e comincia a pulire) speriamu ca oggi puozzu fari qualcosa...ancora vistitu sulu chistu hajafattu! nun ci puozzu arruari mai e poi mai!...nun haja viri nessuna distrazioni (pensa) haju tri jorna...n'haja fari...almenu cincu sulu oggi! se m'ampegnu c'ha puozzu fari!

(si sente suonare la tromba ed entra Osvaldo, suonando e marciando)

TERESA: (seguendolo e gridando perché Osvaldo fa finta di non sentire) Signor Osvaldo!...signorOsvaldo!...c'ha ricordu ca chista è casa mia!...signor Osvaldo chi fa, nun mi senti?!...si ni jssi a sunari a casa sua!...chista sula ci mancava! (Osvaldo continua a suonare fregandosene, Teresa va a chiamare Caterina) Signura Caterina! c'ho dici a so maritu ca ci la finisci di sunari?! (esce Caterina)

CATERINA: Osvaldo! (Osvaldo smette di suonare) Teresa, chi vuoi?! chi è orariu di disturbari agenti?! ah!? chi cosa ha successu ca stai ittannu tutti sti uci?! sintiemu?!

TERESA: Ju staju disturbannu?!...so maritu ca trasi a casa mia ca trumma sunannu...chissu nun èdisturbu?!


12

CATERINA: Ohu! vutarisi d'accussì a na vicciaredda!...me maritu era 'nte bersaglieri!

TERESA: (tra se) E picchì nun c'ha ristava!

CATERINA: E na vota a simana ci piaci sunari la trumma e oggi è u jonnu ca si esercita!...veruOsvaldo?!

OSVALDO: Si! na vota a simana haja sunari!...m'ha dittu macari lu dutturi...ca fa beni!...aiuta aspitturari e fa beni alla circolazioni do sangu! e sunannu mi passa macari la tussi! Coff! Coff! (tossisce in faccia a Teresa)ha vistu?...haju sunatu picca e nun m'ha passatu! Coff! Coff!

TERESA: Ma nun po sunari a casa sua, ca appuoi è mia!...si chiudi dintra lu sgabbuzzinu...se voli,ci fazzu macari a spisi miei, l'insonorizzazioni!

OSVALDO: I 'nizzioni?! 'nizioni nun mi ni fazzu! u dutturi ha dittu ca mi passa sulu se suonu!Coff! Coff! (gli tossisce nuovamente in faccia)

TERESA: No...nun ha caputu!...ju 'nto sgabbuzzinu ci fazzu mettiri a spugna, i cartuna di l'ova,d'accussì lei po' sunari quantu ci piaci...tantu di cà nun si senti e nun la senti mancu so mugghieri ca

è'nta nautra stanza (isterica) po' sunari di notti, di jonnu...quantu ci piaci a lei...ci po trasiri e si ci po mettiri macari a jttari vuci...'nto frattiempu ci lassassi macari u cani...e duocu po' abbaiari quantu voli...tantu di cà nun si senti nenti! Coff! Coff!

CATERINA: Osvaldo! trasiemu dintra!...a signura Teresa oggi è nirvusa! d'accussì si trattunu duvicciareddi indifesi!...forza trasiemu!...pi oggi basta sunari! trasiemu!...appena unu si fa vecchiu, nun servi chiù a nenti!...trasiemu!...ju lu sacciu chi cosa spera la signura...chi fini spera ca faciemu! (escono)

TERESA: Nun è ca lu speru?!...lo desidero!!...mi voli fari veniri macari i sensi di cuppa amia!...speriamu ca l'hannu caputu...m'haja mettiri di cursa a travagghiari! (suona il campanello) e ora cu è?! cu è ghierè si na jri subbitu! (va ad aprire la porta e rientra seguita da Clarissa) Sintissi ci ripetu ca nun m'antaressa, nun haju tempu di perdiri, perciò, nun s'affinnissi, ma si ni po' jri!

CLARISSA: Ca certu, certu!...nun ci fazzu peddiri tempu!...ca certu, certu!...dui minuti, ci fazzu adimostrazioni e mi ni vaju!

TERESA: Macari dui minuti pi mia su importanti!...

CLARISSA: Ca certu, certu!...e allura 'ncuminciu, d'accussì lei si metti a fari subitu i socosi…pigghiassi u tempu!...appena passunu i deci minuti e sugnu ancora cà, l'autorizzu a jttarimi fora di casa!!

TERESA: Comu deci minuti?!...nun haveva dittu dui minuti?

CLARISSA: Ca certu, certu!...allura 'ncuminciu…'nquartu d'ura almenu ci voli, ca certu, certu!

TERESA: 'Nquartu…comu?!

CLARISSA: Ca certu, certu!...avanti, nun mi facissi perdiri tempu ca haju autri cosi di fari!

TERESA: Ah!...ju nun c'haja fari perdiri tempu?!...c'haja fattu pi miritarimi chistu?!

CLARISSA: Allura…chista è n'aspirapolviriall'avanguardia, nun c'è bisognu mancu d'ammaccarilu buttuni p'addumalla…l'accensione è vocale…basta diri addumiti…ah! c'ha raccumannu in sicilianu picchì l'italianu nun lu capisci!

TERESA: Sulu u sicilianu capisci?! Vih!

CLARISSA: Ca certu, certu!...chistu è 'nprodottu costruito in sicilia e tutto cu materiali siciliani!

TERESA: Avanti, la pigghiassi sta spirapolviri, si maniassi!

CLARISSA: Ca…

CLARISSA E TERESA: …certu, certu!!

CLARISSA: Vidu ca cà è già pulitu…certu lei pulizia cu la scupa…e appena finisci…sicuramenti èstanca!...u dicissi ca si stanca! ca certu, certu!...ma nun si preoccupassi, ci sugnu ju cà, e risolvu ogni suo problema!...se cà è pulitu, comu faciemu a dimostrari comu funziona l'aspirapolviri?!...nun ci sunu probllemi…piensu a tutti cosi ju!...pigghiamu per esempiu stu sacchettu (prende un sacchetto contenente pezzetti di carta, pezzetti di stoffa e coriandoli e comincia a buttarli in giro per la stanza) e sporchiamo un po' la stanza…così!


13

TERESA: (tra sè) Ma chi sta cumminannu?!...matri mia di manicomiu…ma cu c'ha mannatu achista cà…pari fattu apposta!

CLARISSA: Ora ca la stanza è lurda…putiemu fari la dimostrazioni!

TERESA: Ma com'è veloci sta spirapolviri?...si lu tira subbitu tuttu stu 'nfernu ca ha cumminatu? CLARISSA: Ca certu, certu!...ora muntamu l'aspirapolviri e c'ho fazzu vidiri!...n'attimu di bontà!(apre lo sctolo e comincia a fare delle espressioni di imbarazzo, non sa come dirle che l'aspirapolvere non c'è, guarda l'orologio) eccu signura…ju sugnu di parola…hannu passatu dieciminuti quindi mi nu vaju!...ju sugnu precisa, certu, certu!!...lu travagghiu miu mi obbliga a essiri precisa e di nun pigghiari 'ngiru la genti!...perciò, è giustu d'accussì, m'arricampu tutti cosi e mi nu vaju…eh! a parola è parola!

TERESA: Chi cosa?!...si nu va?!...dopu tuttu u casinu ca c'è cà!...ha ma fattu trenta…faciemutrentunu!...junnata rutta…rumpila tutta!!

CLARISSA: Signura nun ni vulissi apprufittari…mi ni vaju!

TERESA: No! ora arresta cà!...u niesciu ju s'aspirapolviri (gli toglie lo scatolo dalle mani e loapre) comu?! (lo scatolo è vuoto) unn'è l'aspirapolviri?!CLARISSA: Mo scuddai, mi scusassi!

TERESA: E ora stu schifiu m'haja puliziari ju?!

TERESA E CLARISSA: Ca certu, certu!

TERESA: (disperata) ju ca tiempu nunhaju…m'attocca puliziari tuttu u saluni (si affacciaCaterina)

CATERINA: (affacciandosi) Signura Teresa…c’ho puozzu dumannari ‘nfavuri?!

TERESA: (agitata e gridando) Signura Caterina nun si ci mittissi macari lei…ju nun ci la fazzuchiù!...si ni trasissi e nun mi circassi…nun ci sugnu pi nessunu!

CLARISSA: Ma nun si vergogna…trattari di sa manera na vicchiaredda!...ittari tutti si vuci!...machi c’ha fattu di mali?...vulissi vidiri a lei quannu arriva a la sua età!...no!...ju sta cosa nun ma pozzu teniri d’accussì!...stu fattu s’ha denunciari a qualcunu!

TERESA: Ma nun dicissi sti cosi!...ju nun sugnu comu lei pensa!...puttroppu ‘nta stu periudu sugnunirvusa!...ma ju alla signura Caterina la voju beni comu na mamma…veru signura Caterina!...chi voli?!...di cosa havi bisognu?!...sugnu a sua completa disposizioni!

CATERINA: Mi issi a ittari immediatamenti la spazzatura…tinissi cà!...virissi ca scula!...simaniassi! (le da il sacchetto)

TERESA: (con il sacchetto in mano) eccu!...’mpastamu tutti cosi!...(a Clarissa) signura, aspettassica ora vegnu!...’nto frattiempu, dà c’è la scupa se mi voli dari na manu!

CLARISSA: Ca certu, certu!

TERESA: ...matri mia comu scula! (esce di corsa)

CLARISSA: (ride) ah! Ah! Ah! Ah!

CATERINA: Clarissa…ha statu bravissima…chi nuora ca haju!...com’è, mo figghiu è prontu?!...cachiù tardu tocca a iddu!

CLARISSA: Ca certu, certu ca è prontu!

CATERINA: Ora lu sai chi fai?!...pigghia su vestitu e lu strazzi tuttu e scappi di cursa primac’arriva idda…ju mi ni trasu…ni videmu! (rientra)

CLARISSA: Vabbeni!...chi mo dici a fari!! Ah! Ah! Ah! (strappa il vestito che si trova sulmanichino, prende le sue cose e scappa via)


14

III SCENA

(ERSILIA, TERESA, GILBERTO, CATERINA, OSVALDO E SERENA)

(rientra Teresa seguita da Ersilia)

ERSILIA:Teresa, mancano tre giorni…vengo per vedere a che punto sono le nostrecreazioni…(nota le carte a terra) vedo che per finire i miei abiti non hai nemmeno dato una spazzata per terra…brava!

TERESA: Nun è propriu comu dici tu…

ERSILIA: Sbrighiamoci che ho l’appuntamento con il designer per allestire la sala…fammi dare

un’occhiata…anzi chiudo gli occhi…sono emozionata!…Dimmi tu quando posso aprirli!

TERESA: (si accorge del vestito tutto strappato) e cu l’ha strazzatu!...matri santa!....Ersilia nun

d’apiri l’occhi…tienili chiusi…anzi vatinni….ha siri na sorpresa!...(tra sé) aiutatimi comu fazzu

ora!!

ERSILIA: (apre gli occhi) Basta!...non posso più aspettare! (Teresa si mette davanti al manichinoper coprirlo) Togliti Teresa!

TERESA: Ma d’accussì chi sorpresa è?!

ERSILIA: Spostati immediatamente!

TERESA: (sconfitta e pietosa) Ti puozzu spiegari…

ERSILIA: (gridando) Cos’è questo?!...il mio vestito!...perchè è tutto strappato?!...non possocrederci…cos’è questo?!

TERESA: Nun ti preoccupari!

ERSILIA: Non ti preoccupare?!...dimmi che non è vero!

TERESA: Nun è veru!

ERSILIA: Dimmi che non è vero!

TERESA: (piangendo) Nu…nun è veru!

ERSILIA: Smettila! (si avvicina al tavolo) gli altri abiti dove sono?

TERESA: (piangendo) Haju purtatu a stirari!

ERSILIA: (guardando le stoffe sul tavolo) Non può essere…

TERESA: (piangendo) piddaveru a stirari sunu!

ERSILIA: Non può essere!

TERESA: A stirari sunu!

ERSILIA: Smettila!...ancora non ne hai fatto nemmeno uno!...le stoffe sono ancora tutte qui…ohmio Dio!...Teresa mi hai profondamente delusa!...tu mi hai rovinata!...come faccio adesso…mancano due giorni!...Teresa ti rovino!...ti rovino!...ti lascio in mutande!...te la farò pagare cara!...addio!...incompetente! (chiama al cellulare) pronto! (esce disperata)

TERESA: Ersilia nun fari d’accussì!...risulviemu tutti cosi…Ersilia! (piange) Sugnu ruvinata…sela canusciu bona, chissa, mi fa passari li vai!...ju m’ammazzu!...comu fazzu ora?! (si avvicina al vestito) ma cu l’ha strazzatu di sta manera?!...ma ju lu sacciu…a st’ura sa vicciazza ca voliarruvinari la me vita! E s’autra rappresentanti, cumminau ‘nmanicomiu e sinniu…e ora m’attocca puliziari (comincia a spazzare la stanza) chistu è ‘ncomplottu…chistu è ‘ncomplottu!...malidittu e quannu fù ca m’accattai sta casa! Si!...la cuppa è tutta di me maritu…pi forza havia essiri!...ma iddu unni s’arristau?! (entra Gilberto molto scosso)

GILBERTO: Teresa nun c’ha fazzu chiù!...se sapissutu chiddu ca m’ha successu oggi…

TERESA: (mentre pulisce) Nun parrari statti zittu!...se sai chiddu ca ha successu a mia…ancorapeggiu!

GILBERTO: Chiù peggiu do miu nun po essiri!...pi strada ‘ncuntrai u principali e mi dissi…sientiGilberto, ‘nveci di dormiri o travagghiu, dormi a to casa…picchì si licenziatu!!

TERESA: Appostu!...e siemu dui!!

GILBERTO: Si, si!...dui semu! (si guarda in giro) nuddu c’è!


15

TERESA: Nun fari u spiritusu…siemu dui picchì macari a mia…(piangendo) Ersilia m’halicenziatu!

GILBERTO: Siemu ruvinati!...e tuttu da quannu misimu peri ‘nta sta maliditta casa! Ma a m’hatruvari na soluzioni…a cuppa di tuttu e di si dui vecchi…chissi su du diavuli!...a mia mi sta viniennu l’esaurimentu nervosu!...chissi di cà si n’hanna jri!...picchì ju staju scoppiannu…u pinsieri

è‘nfilu di capiddi…e nun si po’ sapiri chiddu ca succedi!...(vede aprirsi la porta dei vecchi) ecculi, ca sunu!

(Entrano Osvaldo e Caterina, la vecchia vistosamente offesa ed arrabbiata, devono farsi la consueta passeggiata pomeridiana, camminando lentamente con l’intento di far perdere tempo ai padroni di casa)

OSVALDO: Signura Teresa, prima ca niscemu a farini la passiatedda, ci vuleumu dari li soldi dil’affittu…nuautri semu precisi e soprattutto puntuali!...me mugghieri è siddiata pi comu l’ha trattatu prima!...Caterina dacci li soldi e amuninni, nun semu graditi cà!

TERESA: Avanti, datimilli e nisciti…ca haju chiffari!...stati chiù assai, ca c’è na bella junnatafora…ca st’aria vi fa beni!

CATERINA: (estrae dalla borsa un sacchettino contenente monete da un centesimo) Cà ci sunu licentutrenta euri, aspettassi, ci voli ‘nsecunnu pi cuntalli!...Allura…

GILBERTO: Nun c’è bisognu ca li cuntati, ni fidamu!...(tra sé) tutti a ‘ncentesimu!...chisti lufannu apposta!

OSVALDO: Chi c’entra!...la m’ha cuntari tutti e se appoi ha ma sbagghiatu?!

CATERINA: Pi carità!...c’ammanca sulu ca ni pigghiati pi ladri!...m’abbastunu l’offesi c’hajuricivutu sta matina!...(si mette a contare) allura…uno…dui…tri…quattru…cincu… OSVALDO: Stai attenta se ci sunu chiddi di dui centesimi…ca appoi sbagghi!

CATERINA: Botta di sangu, mi facisti perdirilu cuntu!...a quant’erumu?!...hajuricuminciari!...allura…uno…dui…tri…quattru…cincu…(parte una base musicale che scandisce il passare del tempo, le lancette dell’orologio si spostano di due ore) centuvintisei…centuvintisetti…

GILBERTO:   (toglie    dogli   il    sacchetto    dalle   mani    a   Caterina    e   gridando)

Centuvintottu…centuvintinovi e cientutrenta!! Ohh!...giusti sunu!...giusti!

TERESA: Nun c’ha fazzu chiù!...grazi…ora nisciti pi favuri!...anzi, quali pi favuri…ha ta sciri ebasta! Itivinni a farivi sta maliditta passiata!...(tra sé) nun se putissi tirari ‘ncamion i sutta?! CATERINA: Nisciemu!...pezzi di maleducati!...amuninni!

OSVALDO: A mia chiù mi siddia!...n’arritiramu ‘nveci?!

GILBERTO: Noo!...ora nisciti!...forza! (li spinge fuori)

TERESA: Gilbertu statti calmu! Pi favuri!...Senti…lu cattasti su cosu?!

GILBERTO: Certu!...l’ultimi ducientu euru c’haveumu l’haju spinnutu pi chissu!...speriamu suluca funziona!

TERESA: Mentri hannu sciutu o munticillu…..sbrighiti…ca affaricuntu attonna dintrasunu!...muoviti!

GILBERTO:  Appena  i  vidi  chiamami  subbitu!  (entra  nell’appartamento  dei  vecchi  ed  entra

Serena)

SERENA: Mamy…sto male…non ce la faccio più!...

TERESA: Serena…mi dispiaci, ma sordi pi carricariti lu cellulari nun havemu…l’ultimi ducientueuri li spinniu oggi to patri…pi si vicciazzi disgraziati, lurdi e ruvina famigghi!

SERENA: No mamy!...credito c’è n’è per un po’ di tempo!...stai tranquilla!...mi sientu mali…mi famali la testa, la gola! Etchiù! Coff! Coff!...e mi sento calda calda!

TERESA: (le controlla la fronte) Serena, ma tu hai la frevi iauta! Statti cuccata!...vatinni ‘nta tostanza, ca ora vegnu e ti dugnu na pinnula e ti fazzu l’acqua e lumia!...vidiemu se ti cala ‘mpocu!...macari chista ci vulia! O cucchiti gioia mia! (Serena esce e rientra Gilberto)


16

IV SCENA

(GILBERTO, TERESA, OSVALDO, CATERINA E SERENA)

GILBERTO: Fatto!!

TERESA: Ha muntatu giustu su cosu?!

GILBERTO: Nun ti preoccupari, l'haju pruatu e funziona benissimu!

TERESA: Gilberto m'ha vinutu na pinsata...l'ha vistu quant'è rifriddata to figghia?!...che bellu! havila frevi a quaranta!

GILBERTO: Ma chi si cuntenta ca havi la frevi?!...ma chi scisti pazza!

TERESA: Ma quali!...sienti chi bella pinsata ca m'ha vinutu...se ai vecchi ci pigghia na 'nfluenza disa razza di manera, secunnu tia, quantu puonu durari?!...a sa età se ci pigghia na frevi a quaranta 'nta na mezza junnata putiemu chiamari e tabbutara! GILBERTO: Ragghiuni hai!...ma comu avissuma fari?!

TERESA: Appena tuonnunu da passiata, cu la scusa ca ju oggi mi ci vutai mali e ci fici vuci, civuogghu chiediri scusa...e li faciemu accomodari, ci offriemu qualchi cosa di mangiari, di viviri...qualchi dolcettu...sperannu ca hanu u diabeti!

GILBERTO: Ma d'accussì comu c'ha mischi a frevi?!...chiddi vidi ca su furbi...cu si dui nun ci ponessunu!...appena vidunu a to figghia di da manera, sa fanu di cursa a trasiri subbitu dintra! TERESA: E cà è u bellu! nostra figghia c'è, ma è comu se nun ci fussi...veni cu mia da dintra apigghiari 'mpocu di cosi di spizzuliari...d'accussi ti fazzu vidiri qual è la pinsata mia!...sbrigamuni prima c'arrivunu! (escono)

(dalla vetrata colorata si vedono i volti dei due vecchietti che spiano l'interno della casa)

CATERINA: Sa chi hanu in menti?!

OSVALDO: Vuonu pigghiari pi fissa a niautri!

CATERINA: Ancora ha nasciri cu pigghia pi fissa a mia! ahahah! voju vidiri unni vuonuarruari!...(al marito) statti zittu e nun ti fari vidiri però!

(rimangono sempre incollati al vetro a guardare cosa accade dentro, Gilberto e Teresa rientrano con una ciotola di pop-corn, un vassoio con dei bicchieri e dei dolcetti incartati)

TERESA: O pigghia a to figghia! ju 'ntantu sistiemu u tavulu e i segghi!

OSVALDO: (dietro la vetrata) Ohu! cà si mangia!

CATERINA: Statti zittu ca si n'accorgi bestia!

(entrano Gilberto e Serena)

SERENA: Mamma chi vuoi?!...lassatimi jri, mi sientu mali!...lassatimi stari! Etchiù! Etchiù!

TERESA: Brava figghia mia!...'nfetta l'aria!

GILBERTO: Ma bestia ca nun si autru, d'accussì n'ammisca macari a niautri!...no, no...di cursa 'ntato stanza...ju a travagghiari dumani mi n'haja jri...u mutuo pa casa, stu grande affari, appoi cu lu paja!

TERESA: Zittiti ca nun capisci nenti...Serena veni cà! (le mette la ciotola con i pop-corn davanti lafaccia) forza! starnutisci!...facci a tussi…forza!!

SERENA: Mamma ma chi scisti pazza?...etchiù! etchiù!

TERESA: Brava!...e ora a tussi...vai, vai!

SERENA: Coff! Coff!

GILBERTO: (capisce l'espediente) ah! haju caputu!...si, si, tutti assiemi!

SERENA TERESA E GILBERTO: Coff! Coff!

SERENA: Etchiù! mamy ma pi casu stu pop-corn è pe vecchi?!

TERESA: Si!

SERENA: Allura dammi cà (si prende la ciotola) etchiù! etchiù! Coff! coff! etchiù! piensu c'avissabastari! speriamu ca funziona...però se funziona m'ha accattari u tablet...picchì è grazi a mia se ci pigghia qualcosa!...mi vaju a mettiri 'nto liettu (sta per uscire ma ritorna di corsa, va nella ciotola di pop-corn) etchiù! chistu è u colpu finali! (esce)


17

CATERINA: (dietro la vetrata) Ha caputu?!...C’ho fazzu vidiri ju cu cui hannu a chi fari!!

TERESA: Sientu scrusciu...stanu arruannu! (a Gilberto) assiettiti duocu!(i due vecchietti entranofacendo gli offesi, senza neanche salutare)Buonasira! (i vecchi non rispondono) Eeeh!! Buonasira!Signura Caterina ju e me maritu la staumu aspittannu!

CATERINA: (sostenuta) Laringraziu...ma è tardu, nun avemu tiempu...è l’orariu ca m’hajapigghiari a pinnula e a me maritu c’haja mettiri i gocci ‘nta l’occhi!

TERESA: Haja priparatu du cusuzzi di spizzuliari, ni viviemu qualcosa...è megghiu se i pinnuli sepigghia a stomucu chinu!!

CATERINA: Ju...a st’orariu nun mangiu mai!

OSVALDO: Ju ‘nveci qualcosa ma mangiu...haju na fami!

CATERINA: (sottovoce ad Osvaldo) Ma chi si rimbambitu?!...nun t’azzardari a tuccari sicosi!...nun ha vistu chi c’hannu fattu?!...statti fermu e fai fari a mia!

TERESA: Signor Osvaldo assaggiassi sti pop-corn...nun su chiddi accattati, haju fattu juantura...ancora cauri cauri sunu! (Osvaldo sta per prenderli ma viene bloccata dalla moglie) CATERINA: Allura si scemu piddaveru!

OSVALDO: No, no! Signura Teresa...si cosi nun me puozzu mangiari...ca mi fannu vilenu...haju naforti gastriti!

TERESA: (le avvicina nuovamente la ciotola) chisti leggeri sunu...macari ca gastriti si li pomangiari! (Osvaldo tenta di prenderle nuovamente e viene bloccato bruscamente dalla moglie) CATERINA: (sottovoce ad Osvaldo) Te fazzu carriri si manu!! Vuoi moriri?! Tu mangiti si cosi eviri comu ti finisci!...Signura Teresa nun ansistissi...lu capisci ca nun se po mangiari!! E poi dopu ca oggi na trattatu ‘nda du modu...ora fa tutta a gentili?!

TERESA: Ma assittativi...propriu pi chissu...vi vogghiu offriri soccu cosa...pi farimi pirdunari efarivi le mie scusanze...ma lei ha capiri...haju cusignari nu travagghiu ‘mpurtanti e sugnu ancora ‘menzu la ‘nsalata e sugnu nirvusa!...e mi la scuttai cu viautri, ca siti tantu gentili!!...ma nun fati complimenti tastatila soccu cosa...d’accussì ci restu mali!

GILBERTO: Pi favuri...mangiativilla soccu cosa...picchì me mugghieri ci resta d’accussì mali, canun ci dormi mancu la notti!!

TERESA: (sarcastica)’Nfatti havi quattru notti ca nun dormu!

GILBERTO: E si!...e ju ci fazzu cumpagnia...macari me figghia ci fa cumpagnia! Pi la collira nundurmiemu nuddu! Lu viri chi facci rilassati c’aviemu! Ah?

CATERINA: Vabbeni accettu!...ma vogghiu fari na cosa...ca mi ricorda quant’era picciridda!...anonna mia pigghiava u pop-cornu e m’ho ‘mmuccava idda! Cuocciu pi cuocciu e ju eru felici!...faceva d’accussì (prende un chicco di pop-corn e prova ad imboccare a Gilberto)

GILBERTO: Ma nun c’è bisognu!...no...no...(mangia il pop-corn, masticando a fatica, facendoevidenti smorfie)

CATERINA: E ora a tia! (a Teresa) veni cà!

TERESA: Nun ni voju, m’haju mangiatu già! (non fa a tempo di parlare che Caterina imbocca

pure lei) buoni, veru Gilberto?!

OSVALDO: Ora a mia...a mia!

CATERINA: Ma quantu si scimunitu!! Ciuriti sa uccazza!

GILBERTO: Ora però se mangiassi lei!

CATERINA: Vabbeni…l’assaggiu soccu cosa!...ju mi pigghiu su dolcinu ‘ncartatu! (al marito)almenu sugnu sicura can un c’hannu sputatu!...talia ora chi cumminu!

TERESA: So pigghiassi...quali voli?...c’è chiddu ripienu e chiddu normali!...(al marito, sottovoce)ha vistu quant’è furba?! Chiddi ‘ncartati si sta pigghiannu! GILBERTO: (alla moglie, sottovoce)Ti l’aveva dittu ca chisti su furbi!

TERESA: E’sicura ca pop-corn nun ni voli?

CATERINA: Ci dissi di no!...preferisciu u dolci!...tantu diabeti nun haju!

GILBERTO: E ti pareva! (alla moglie) A chissi nenti ci pigghia!!


18

CATERINA: Ju nun puozzu resistiri e dolcetti confezionati...mi piaciunu piddaveru assai!(alludendo) Signura Teresa...chiddi confezionati sunu chiù sicuri! Veru? (comincia a scartare il dolcetto)

TERESA: Ragghiuni havi! (al marito, sottovoce) Nun si putissi affucari! Chi ci vulissi!

CATERINA: (rivolgendosi al marito, sottovoce) Tu stai o jocu!

OSVALDO: E comu a ma jucari?

CATERINA: Lassa peddiri, ca tantu parrari cu tia è inutili! (mette il dolcetto in bocca, comincia agustarlo, Teresa e Gilberto la fissano, tutto dun tratto comincia a non respirare, il dolcetto le va di traverso)

TERESA: Finalmenti!

GILBERTO: Chistu è nu miraculu!

OSVALDO: Mugghieri mia, chi ti pigghiau?! Aiutatila! Nun respira chiù!...Sta muriennu!

GILBERTO: E fussi la vota bona!

OSVALDO: Aiutatila, se no vi denunciu!!

TERESA: Gilbertu, aiutila!...(sottovoce) Almenu faila finta! Ha ‘ntisu ca ni denuncia?!

(Gilberto si mette alle sue spalle, mettendo le sue braccia sotto le ascelle della vecchia, cinge il torace e con le mani appoggiate sulla pancia esegue un’energica pressione verso l’alto; la vecchia riesce a sputare il dolcetto ma fa finta di svenire e si accascia per terra, Osvaldo vedendo la moglie svenuta, per la paura si accascia a terra anche lui)

GILBERTO: E vai!...macari iddu!

TERESA: Vidi se è morta!

GILBERTO: (verifica la situazione) Nun respira!

TERESA: Cerca di fari qualcosa...ca se li truovunu cà, ni dununu la curpa a niautri!...Facci a

respirazioni bocca a bocca! Vidi tu chi puoi fari!

GILBERTO: Chi cosa?!...ma chi scisti pazza!

TERESA: Facci a respirazioni bocca a bocca e zittu!...ju pensu a lu vecchiu!

(Gilberto comincia a fare la respirazione bocca a bocca alla vecchia, facendo vistosi gesti di disgusto, dopo un po la vecchia si sveglia e trova Gilberto sopra di lei e con le labbra sporche del suo rossetto, si gira e trova la moglie che schiaffeggia Osvaldo)

CATERINA: Siti sulu porci e pervertiti!...Osvaldo! susiti immediatamenti e jemu dintra atelefonari a polizia...cosi lurdi!...va fazzu finiri a malamenti, delinquenti e depravati! TERESA: Ma veramenti...

CATERINA: Zitta tu!...Osvaldo subbitu pa casa! Forza! Vergognatevi!

OSVALDO: (alla moglie) M’avia passu ca erutu motta!

CATERINA: (al marito, sottovoce)Scimunitu!...nun l’ha caputu ca facia a finta?!...ma quantu puoisiri brucculuni!...Trasemu va! (ai padroni di casa) Siti du cosi lurdi! (escono)

V SCENA

(TERESA,  GILBERTO, SARO E POLIZIOTTO)

TERESA: A cu è ca chiamunu?!...a polizia?!...Gilbertu, ju arruvai, nun ci la fazzu chiù!...ju li'mmazzu cu li me stissi manu, se nun si nu vannu subitu di sta casa!...d'accussì mi chiudunu 'ngalera, allavoti ca dà stassi chiù cueta!...A propositu di galera, ma l'amicu tuou chiddu c'ammazzau a so sogghira...lu ficinu sciri do carciri?!...Ci l'hai ancora u nummuru di telefunu suou?!...Chiamaci subbitu e dicci di veniri di cursa cà!

GILBERTO: Certu ca ci l'haju!...ma cu l'ha 'mmazzari a si dui!...chissi a l'autri fannu moriri!...nunci pò nessunu cu chissi!

TERESA: Senti, se ha rinisciutu ad ammazzari a so sogghira, e fattillu diri di mia, chidda eracentumilavoti peggiu, cu sti dui ci veni na passiata! Avanti, telefonaci e fallu veniri, ca ci parramu! Etchiù!


19

GILBERTO: E vabbeni!...(prende il cellulare e fa la telefonata)Saru, ciau comu stai? Gilbertosugnu!...no! Nenti m'ha fattu!...no! nun mi n'ha dari soddi! (tra se) e se macari fussi, cu l'avissi lu curaggiu di circaritilli!...pirchì nun t'haju circatu prima?...ehm...pirchì...haveva persu lu cellulari e ora l'haju truvatu!..e dissi ora ca l'haju truvatu, telefunu a Saru! pirchì nun veni a casa mia, ca parramu 'mpizzuddu...havi assai ca nun ni videmu!...no! Nun ti staju pigghiannu in giru! (tra se) ma chi ci dicu macari ju?...se chiddu a statu o carciri è normali ca havi assai ca nun ni videmu!!...vieni ora?...vidi ca nun abitu chiù unni stava prima, ha veniri in via Vittorio Emanuele 666...Ti piaci stu nummiru?! (alla moglie) chissà pirchì?...allura t'aspettu, ciau, ciau...etchiù! Etchiù! (posa il cellulare in tasca) ha dittu ca sta arruannu! Etchiù! mi fa mali la testa, mi sientu cauru cauru!...vuoi vidiri ca mi sta pigghiannu a frevi?! Etchiù! Etchiù!

TERESA: Certu ca ti sta pigghiannu la frevi, i pop-corn n'ha fattu mangiari a niautri! Etchiù!...Junun capisciu comu facia a sapillu!...Senti, ora comu c'ho diciemu a Saru?!...cerca di pinsari a cosa c'ha diri e comu c'ha diri, pirchì chissu è amicu tuou…etchiù!...e ti la sbrighi tu…etchiù!...ju cu sa genti nun voju aviri nenti a chi fari!…etchiu!

GILBERTO: Ma comu?!...m'ha dittu tu di chiamarici e ora nun ni vuoi sapiri nenti?!...ma comuragghiuni?...ora ti tiri 'narrieri?...Etchiù!

TERESA: Gilbertu ju mi scantu! Coff! Coff!...e se 'nveci si siddia e n'ammazza a nuautri? GILBERTO: Sempri megghiu morriri a manu di Saru, ca a manu di si dui vecchi! (suona ilcampanello) Matri mia iddu è!

TERESA: (agitatissima) Bestia!...o rapici la porta!...sbrighiti nun no fari aspittari, manitti! Nun lufari aspittari ca si siddia! (Gilberto esce per andar ad aprire, Teresa chiudendo gli occhi e autoconvincendosi) Teresa stai calma! Teresa tu si forti! Teresa tu nun ti scanti dinuddu!...Teresa…(entrano Gilberto e Saro)

SARO: Teresa buonasera!

TERESA: (urla perché, essendo soprappensiero, si spaventa) Aaaah!...scusa, scusa Saro…ciaucomu stai?...Sienti Saru, ju nun c'haju cridutu mai…ju t'haju difinnutu sempri…

SARO: Nun ni voju parrari di su fattu!...

TERESA: Ju appena t'arristanu,lu dissi subbitu…Saru è innocenti…nun è giustu!...Etchiù! (glistarnutisce in faccia)

SARO: Haju dittu, ca nun voju parrari di su fattu!

TERESA: Sa cu fu su disgraziatu c'ammazzau a to sogghira! (il marito la invita gesticolando astarsene zitta)…ma tu, 'ncarusu d'accussì bravu, sistimatu, comu l'hannu pututu pinsari macariminimamenti, c'haveuta statu tu a 'mmazzalla!...etchiù! (le starnutisce in faccia) SARO: Teresa, ti dissi di nun parrari di su fattu!

TERESA: Comu l'hannu pututu chiudiri quattr'anni 'ncarciri, n'uomu innocenti!?...se a to sogghiral'hannu ammazzata, ci sarà nu mutivu?!...e cu cui si la pigghiunu?!...cu tia ca nun c'entravutu nenti (Gilberto esorta la moglie, gesticolando, a starsene zitta)

SARO: Teresa!…

TERESA: Certu, era normali, ca si la pigghiavunu co jennuru!

SARO: Teresa!...

TERESA: Cu chiddi chiù deboli e chiù buoni!...'ntantu quattr'anni ti li ficiru fari!

SARO: (urlando)Teresa! Ju, ju haju statu!...lu vuoi capiri?...e se nun ci la finisci di parrari oggin'ammazzu n'autra!...fammi lu favuri di nun parrari di me sogghira!…Ca diventu na bestia! Aaah! Ju, si, ju haju statu e lu rifacissi n'autri centu voti!! Haju statu chiaru?! TERESA: Si, si, comu dici tu! (suona il campanello) E ora cu è?

GILBERTO: Vaju a vidiri ju! (esce)

TERESA: Saro, accomodati, chi ci fai susutu! Etchiù!

SARO: E mettiltilla a manu 'nda vucca!

TERESA: Scusa, perdonami! (entra Gilberto)

GILBERTO: (agitato) E' a polizia!


20

SARO: Unni m'ammucciu?!...Cu mo dissi di veniri cà?!…Ju agli arresti domiciliari sugnu! Unni mipuozzu ammucciari?!

GILBERTO: Teresa, pensici tu, ju 'ntantu lu trattengu!

(Teresa cerca dove potrebbe nascondere Saro, nelle altre camere non può perché passando dall'ingresso, il poliziotto li potrebbe vedere, nell'altro appartamento ci sono i vecchi, allora decide di fargli fare un manichino coprendogli la faccia con un pezzo di stoffa, Saro rimane immobile assumendo proprio la posa di un manichino)

GILBERTO: (entrando seguito dal Poliziotto) Le ripeto ca nun è comu dici lei!

POLIZIOTTO: Signor Gilberto è inutili ca m'anventa scusi…ju a signura Caterina e o signorOsvaldo li canusciu troppu buoni e p'arruari a chiamarimi, voli diri ca la situazioni è allarmanti e preoccupanti!

GILBERTO: Teresa diccillu tu!...a mia nun mi voli cridiri!

TERESA: Mi scusi signor carabiniere!...

POLIZIOTTO: Poliziotto!...e facissi menu la spiritusa cu mia!...haju statu chiaru?!

TERESA: Mi scusassi…nun mi pirmittissi mai!...vidissi ca niautri li stavumu aiutannu…la signuraCaterina s'aveva affucatu e so maritu po scantu sviniu…nuautri l'ha ma salvatu di morti certa! POLIZIOTTO: E' inutili!...a mia pi fissa nun mi ci pigghiati…m'ha na cuntatu tutti cosi…e ju cicridu finu all'ultima parola…signor Gilberto ma si vergogni! (comincia a girare per la stanza, dando un'occhiata alla stanza e parlando in maniera minacciosa) violentari na vicchiaredda dinovantacinc'anni! (da un colpo di manganello al tavolo)…appoi la jetta 'nterra e ci metti macari li manu 'ncoddu! (un altro colpo al manichino vero) e cosa chiù gravi, la vasa cu la lingua! depravatu! (da un colpo di manganello al finto manichino "Saro")

GILBERTO: Ma veramenti…

POLIZIOTTO: Silenzio!...(da un altro colpo di manganello a Saro) e lei signora Teresa capigghiau o signor Osvaldo e ci dava tumpulati!...chi sunu modi chisti? (un altro colpo a Saro)…Vergognativi! Approfittarisi di dui vicchiareddi 'ndifesi…buoni…educati…rispittati di tuttulu vicinatu…ca nun hannu fattu mai mali a nessunu!...Ah! mi l’aveva scurdatu…arriminari na biancheria intima della signora Caterina! Pervertito! (dà l’ennesimo colpo al finto manichino)

GILBERTO: Ma ju stava ittannu sulu a spazzatura…

POLIZIOTTO: Silenziu!...nun complicassi la situazioni!...vi cummeni circarivi ‘navvocatu…madi chiddi buoni!...picchì sta storia nun finisci cà!...pi sta vota lassu curriri…ma siti segnalati!...appena m’arriva n’autra telefonata…i manetti nun vi li leva nuddu! Haju statu chiaru! (un altro colpo al finto manichino ed esce)

SCENA FINALE

(SARO, TERESA, GILBERTO, OSVALDO E CATERINA)

SARO: (si toglie la stoffa che ha in testa, infuriato) Unn’è?!...unn’è?!...lu ‘mmazzu!...lu canusciticu era chissu?!...m’ha parsu na vuci nova!...lu vagghiu a pigghiu finu a casa e u ffucu!!...cu era?! GILBERTO: Mancu niautri lu canusciemu…sarà qualchi poliziottu nuovu…mai l’aveva vistu! SARO: Aiaih!...di quantu sugnu siddiatu…oggi n’ammazzassi n’autra all’istanti!

TERESA: (prendendo la balla al balzo) Ma chi dici veramenti?!

SARO: Si…haju voglia d’ammazzari a qualcunu!

TERESA: Allura ti truovi no puostu giustu a lu mumentu giustu!

SARO: Chi hai pitittu di morriri?!

TERESA: Ma no!...nun ha ‘mmazzari a mia!

GILBERTO: Saruzzu veramenti niautri t’avevumu chiamatu apposta!

SARO: P’ammazzari a qualcunu?!...a chi vi pari ca sugnu ‘nkiller ju?!...ohu!

GILBERTO: Ma pi carità!...ma niautri schizzaumu!!


21

SARO: Cu sunu chissi ca ha na moriri?…ca ci tiru lu coddu comu na iaddina!!...haju caputu tutticosi…viautri vuliti ammazzari du vicchiareddi verù?...ci piensu ju!...ma ju li manu nun me llurdiu pi nenti…

TERESA: No, no….nun ti preoccupari ti damu macari ‘mparu di guanti…d’accussì nun lassi

impronti!

SARO: Ah! Ah! Ah!...nun mi pigghiari ‘ngiru a caputu?!...

GILBERTO: No!...me mugghieri è ‘mpocu scimunitedda!...(alla moglie) statti zitta!

SARO: Se l’haja mmazzari…voju vinticincu mila euru…fra dui jonna vegnu cà…li sordi mi li fatitruvari supra lu tavulu…viautri sciti e fativi vidiri in giru…d’accussì nun sospettano di viautri…o riestu ci pensu ju…vinticincumila euru in contanti supra u tavulu…nun ha mancari mancu nu centesimu…picchì senò i prossimi siti viautri!...ni vidiemu e cancella u nummuru miu do cellulari…arrivederci! (esce)

GILBERTO: Ohu! Nun so fici diri menza vota!...e ora unni li pigghiamu tutti si soldi?!...pergiuntasemu tutti dui senza travagghiu…comu lu paiamu…chiddu se nun na trova li sordi, a niautri ammazza!!

TERESA: Sienti chi faciemu!...vinniemuni tutti li mobili c’avemu ‘ncasa…avissuna valiri chiùassai di vinticincumila euru…ca appena i vecchi muorunu accomodamu cu chiddi ca ci su da parti!...matri mia che tardu…amuninni a curcari…na parola…affaricuntu attaccunu la televisioni! (escono ed entra Osvaldo)

OSVALDO: (si accerta che non c’è nessuno) Caterina! Adduma tutti cosi!...pripara i tappi! (esce)Mettono la tv all’ultimo volume, entrano Gilberto, Teresa e Serena

GILBERTO: Nun vi preoccupati ca forsi sta sira si dormi!

Gilberto avvicinandosi alla porta fa due applausi e la tv si spegne

GILBERTO: A ta vistu?! Funziona! (vanno per andarsene)

Dall’appartamento dei vecchi si sente un applauso e la televisione si riaccende…allora Gilberto si avvicina nuovamente alla porta e applaude, la tv si spegne…vanno nuovamente per andarsene e si risente l’applauso dei vecchi, la tv si riaccende…ci sarà un alternarsi di applausi tra Gilberto e i vecchi fin quando esausti…

TERESA: Gilberto!...ma chi ci lassasti u librettu di l’istruzioni!

TUTTI: Nooooo!

FINE SECONDO ATTO


22

III ATTO

La scena si presenterà completamente vuota, priva di mobili, Teresa si trova al centro con un blocco di soldi in mano, si vede Gilberto che dà l'ultimo mobile ad un acquirente, il quale gli da i soldi e va via, Gilberto porta il ricavato alla moglie.

I SCENA

(GILBERTO, TERESA, SERENA ED ERSILIA)

GILBERTO: (avvicinandosi a Teresa) Chistu era l'ultimu! (gli da i soldi) a quantu semu arruvati?

TERESA: Cu chisti siemu a vinquattrumilaottucentu euru!

GILBERTO: E menumali ca li mobili nuostri valievunu chiù assai…la m'ha duvutu priari la gentipi cattarisilli!

TERESA: Ammancunu ducentu euru…chi dici, Saru no fa nu scunticieddu?!...chi sunu ducientueuru!

GILBERTO: Ma chi scisti pazza?! L'ha 'ntisu chiddu ca ha dittu Saru?!...nun ha mancari mancu'ncentesimu!...chiddu a niautri ammazza!...ora unni li pigghiamu chiddi c'ammancunu?!...siemu morti!...si sordi anveci puottili o tabbutaru ca è megghiu!! (entra Serena)

SERENA: Mamy…si sta finendo il credito nel cellulare…ma c'ha successu!...pirchè non funzionainternet!!

TERESA: Nun po' essiri…t'haiu carricatu a simana passata!...Serena pi favuri nun ti ci mettirimacari tu!

SERENA: Mamy io non posso vivere senza facebook!

TERESA: E ju nun puozzu viviri se nun muorunu si dui vicciazzi disgraziati…hannu ruvinatu lavita mia!

SERENA: Pensate sempre e solo a quei vecchi…a me non ci pensate?...facebook!

GILBERTO: Certu ca ci pinsamu!...sintiti'nveci la pinsata c'haju avutu ju…Teresa, quantu lupaiammu su cellulari?

TERESA: Mi pari quattrucentu euru!

GILBERTO: Perfettu!...la mità su ducientu….e Saru è sistimatu!!

sistimatu!...Serena o papà...(con l’inganno) m’ho fai vidiri su cellulari? (Serena le da il cellulare) vih! Che bellu!...Ora vinniemu macari chistu!

SERENA: Chi significa?...papà nun t’azzardari a fari na cosa di chisti!...no!

GILBERTO: Basta! ‘Nta sta casa cumannu ju!...

TERESA: Comu?

GILBERTO: To matri e poi vegnu ju!...(alla moglie) d’accussì va beni?!

TERESA: Ora si!

GILBERTO: E si fa chiddu ca dicu ju!

TERESA: Comu?!

GILBERTO: Chiddu ca dici to matri e ju!...perciò per direttissima ‘nta to stanza e o cucchiti! (allamoglie) Giustu?!

SERENA: (piangendo) ma se va t’ha vinnutu macari u lettu…unni m’haja cuccari?!...viautri mivuliti morta!...fate schifo! (esce)

TERESA: Chissa è l’educazioni ca c’ha ‘mparatu tu!...nesci e vidi se lu poi vinniri sucellulari…macari ca ti metti davanti la porta!

GILBERTO: Chistu subbitu u vinniemu! (sta per uscire e suonano alla porta)


23

II SCENA

(TERESA, GILBERTO ED ERSILIA)

TERESA: O rapi, vidi cu è! (Gilberto va ad aprire ed entra seguito da Ersilia)

GILBERTO: Accomodati, cà è me mugghieri!

TERESA: Accomodati, chi onori aviriti cà!

ERSILIA: (sarcastica) Cara Teresa! sai, la mia sfilata è andata meglio del previsto! è stato unsuccessone e questo anche grazie a te!

TERESA: (stupita) Grazi a mia? (nasconde i soldi dietro la schiena)

ERSILIA: Si, grazie proprio a te!

GILBERTO: (tra sé) Menumali, era cunvintu c'aveva vinutu pi vastunialla!...se è d'accussì, alluraniesciu! (esce)

ERSILIA: Si, grazie al tuo cospicuo contributo!

TERESA: Ma ju nun haju fattu nenti…

ERSILIA: Infatti…grazie al tuo cospicuo contributo in denaro che mi hai concesso per ovviare adun tuo errore!

TERESA: (incredula) Ju?...haju sciutu soldi?!...nun mi ricordu!

ERSILIA: Ma da oggi te lo ricorderai benissimo…(le da delle fatture) prendi questi!!

TERESA: Chi sunu sti carti?!

ERSILIA: (arrabbiata) Le fatture a mio carico!...per risolvere la situazione mi è costatacinquantamila euro!...che dovrai sborsare tu, centesimo per centesimo! (entra Gilberto soddisfatto e mostra le duecento euro alla moglie, la moglie lo invita a nasconderli) Cara Teresa, ti do unasettimana di tempo per trovare quei soldi…altrimenti ti denuncio e passerai i guai!...sono stata abbastanza chiara?...ciao carissima…a presto allora! (esce)

GILBERTO: Lu primu ca passau s'ho ccattau!...teni cà! (gli da le duecento euro) chi t'ha puttatuautru travagghiu Ersilia?!...menumali!

TERESA: Si!...a chissu travagghiu! cinquantamila euru!

GILBERTO: Quantu?...buonu!...ammenu n'accattamu attonna i mobili!!

TERESA: Scimunitu!...chissi su li sordi ca c'ha ma dari a idda!...(piangendo) e ora unni lipigghiamu?!...siemu ruvinati!...(cambiando atteggiamento) si!...ma almenu ora mi vendicu…nun vidu l'ura di vidilli morti si vicchiazzi!...malidittu e quannu fu ca misi peri 'nta sta casa! GILBERTO: Ju l'aveva dittu però!

TERESA: Statti zittu ca la curpa è tua!...e ora unni ci li pigghiu tutti si sordi!?

GILBERTO: Teresa, nu problema alla vota!...appoi ci pinsamu!...ohu, vidi ca affaricuntu vinniSaru, pigghia i sordi e mietticcilli supra lu tavulinu!...u tavulinu!...no vinniemmu!...e ora unni c'è mittiemu!?e se si siddia?!

TERESA: Ah! chi curagghiu ca hai!..nenti ci fa!...ci li mittiemu 'nterra (mette la mazzetta di soldi aterra) aspetta (esce)

GILBERTO: Ma unni si ni jvu?!...li vulissi vidiri mentri ca muorunu! ahahahah! l'hannu vulutufari iddi sta fini! (entra Teresa con un paio di guanti gialli da cucina)

TERESA: Ci lassu macari li guanti, allavoti lassa i tracci! (poggia i guanti vicino i soldi) amuninni,niscemu forza!...pigghiamu a to figghia…nun ti scurdari di lassari la porta aperta (escono e spengono la luce)


24

III SCENA

(SARO, OSVALDO, CATERINA, TERESA, GILBERTO E SERENA)

(Luci soffuse, inizia un motivetto musicale, entra Saro di soppiatto, con un dolcevita nero e un “finto” coltello da cucina, si muove con aria circospetta)

SARO: (arrabbiato) Unn’è lutavulinu?!...vuonu pigghiari pi fissa a mia?!...(si accorge dei soldi)ah! Cà sunu!...macari i guanti!...buonu, mi l’haveva scurdatu! (indossa i guanti)…li sordi mi li pigghiu dopu, a lavoro concluso, ju, na pirsuna onesta sugnu!!

(continua a muoversi con aria circospetta e si dirige nell’appartamento dei vecchi, una musica fa capire la cruenta colluttazione che ha Saro con i vecchi, dopo un po’ esce saro col coltello conficcato nella spalla, tutto sanguinante)

SARO: Ma cu sunu si dui?!...la vecchia è u diavulu in pirsuna!...a miaammazzanu…disgraziati…aiutu…mi scantu di si dui vecchi! (sta per uscire, ma ritorna in dietro)…i sordi me pigghiu lu stissu! (prende la mazzetta e scappa nel frattempo escono Caterina e Osvaldo, stanchi e provati a seguito della colluttazione)

OSVALDO: (si pavoneggia) Disgraziatu…si vulia mettiri contru di niautri?!

CATERINA: Zittiti tu, ca nun ha fattu nenti!...ca appena trasiu t’ammucciasti sutta o tavulu poscantu!...tutti cosi ju haja fattu!...vulia ammazzari a mia!...ancora ha nasciri chiddu ca fa scantari a mia!...m’ho ‘mmaginava ca ni mannaunu a qualcunu pi farini fora!

OSVALDO:Nun m’haju ammucciatu!...m’havia carutu a rintera e la stava pigghiannu!...e poi se hafari tutti cosi tu…ti pari ca nun ci la firava?...cu na manu mi ci mitteva contru di chiddu! CATERINA: Finiscila!...ma se ti scanti macari se unu ti jetta na vuciata!...(grida) aaah! OSVALDO: (dallo spavento cade a terra) aaah!!

CATERINA: Susiti scimuniti ca sientu ca sta trasiennu qualcunu, ammucciamuni ca dietru! (sinascondono ed entrano Teresa, Gilberto e Serena)

GILBERTO:A stura l’ha mmazzatu!...

TERESA: Sicuramenti!….i soddi nun ci sunu chiù!...Vai a controllari, ju ‘ntantumi fazzu sentiri

do vicinatu…Serena…’ncumincia a jttari vuci…ha ma fari finta ca l’ha ma truatu morti!...’ncumincia a jttari vuci!...comu a mia!! Aaaah! Aaaah! Aiutuuu! (Gilberto si avvia, sale i primi gradini e si trova davanti Osvaldo e Caterina, di conseguenza comincia ad urlare e va vicino la moglie)…no!...tu vai a viriri i vecchi…i vuci li jttamu niautri…vai, vai…aiutuuuu!

GILBERTO: Aiutuuu! Aaaah!

TERESA: Gilberto, allura si scemu!?

GILBERTO: (spaventato sul serio) Aaaah! Aiutuuu! Giriti!

TERESA: (si gira, si trova i vecchi davanti ed urla) Aaaah! Scappamu! (scappano di corsa)Aiutoooooo!

OSVALDO E CATERINA: (ridono) ah ah ah ah ah!

CATERINA: Chisti ‘nta sta casa nun ci mettunu chiù peri!

OSVALDO: Garantito!! Ah ah ah ah!

(si spengono le luci e una voce fuori campo dice: tre giorni dopo)


25

IV SCENA

(GILBERTO, TERESA E AGENTE IMMOBILIARE)

(entrano Gilberto e Teresa, con i cappotti, seguiti dall’agente immobiliare)

GILBERTO: No, no, ‘nta sta casa nun ci voju arristari ‘nminutu di chiù!...cà ci sunu li chiavi,ciccassi di vinnirinilla chiù prestu possibili…

TERESA: Picchì leinun lu sapi?!, ca pi cuppa di si dui vecchi, c’avevuna essiri manzi, niautrisiemu senza n’euru, senza mobili, ha ma statu denunciati pi aggressioni e ancora nun si sa mancu comu ni va a finiri, senza na casa, che debiti e cu na figghia depressa picchì ci manca facciibeccu!!...la vinnissi subbitu ca ni servunu i sordi pi daricilli a Ersilia!

AGENTE IMMOBILIARE: Mi dispiace tanto, è la prima volta che succede, nessuno mai si è

lamentato della signora Caterina e del signor Osvaldo, mi sembra proprio strano…

GILBERTO: Lu sapi chi c’è di stranu?...ca su ancora vivi!...picchì ora comu ora, li pigghiassi e li

‘fuccassi tutti dui, cu li me stissi manu!...

AGENTE IMMOBILIARE: Non si preoccupi la venderò subito…dovete sapere che perderetequindicimila euro di caparra!...allora non mi resta che augurarvi buona fortuna… GILBERTO: Chiù assai a mia…c’haja riturnari a stari cu me sogghira!

TERESA: Cerca di finilla!...sempri megghiu di si dui vecchi!!

AGENTE IMMOBILIARE: Volete salutarli che ve li chiamo!?

TERESA E GILBERTO: Noooo!...amuninni, amuninni!! (escono scappando)

AGENTE IMMOBILIARE: Arrivederci! Ahahahah!....(chiama gli altri), mamma, papà, Clarissa,

frati miu…scinniti!..ahahah!

(scendono con una bottiglia di spumante in mano, cappellini e trombette, tutti felici, aprono la bottiglia e brindano)

SCENA V

(AGENTE IMMOBILIARE, CATERINA, OSVALDO, POLIZIOTTO, CLARISSA)

(Caterina tiene in mano, come se fosse un trofeo, la foto di Gilberto e Teresa incorniciata, alzandola in cielo ed esultando, il resto applaude festante)

CATERINA: E chista la mittiemu appressu all’autri…Caterina vinci ancora!

CLARISSA: Nun ti scuddari ca ha vinciutu macari grazia a mia!

POLIZIOTTO: E a mia!

AGENTE IMMOBILIARE: E a mia!

OSVALDO:  E a mia?

TUTTI: No!

CATERINA: Tu quacchi vota a mia mi fai ammazzari piddavru! Infatti de soddi da caparrad’appartamentu nun t’attocca nenti! Na spattiemu niautri! Anzi viniti cà, ca la spattiemu!...(prende i soldi e comincia la spartizione) na quota o figghiu miu nicu! (da i soldi) na quota o figghiu miuranni… u riestu a mia!

CLARISSA: Comu finiu cà…a quota mia unn’è?

CATERINA: Tu e to maritu cuntati na pissuna!

CLARISSA: A quali, quali…ju vogghiu na quota sana…se no nun v’aiutu chiù e parru! CATERINA: Veru, ragghiuni hai! Nun t’aviavistu (in confidenza al poliziotto) Ti l’avia dittu dinun ta spusari!...chista è troppu sperta! (da i soldi a Clarissa)


26

SCENA FINALE

(AGENTE IMMOBILIARE, ACQUIRENTE 1 E 2, CATERINA E OSVALDO)

(suonano il campanello)

AGENTE IMMOBILIARE:...Forzatrasitivinni ca sunu cà…ognuno ai suoi posti…(esce, va adaprire e rientra)…questo è il salone!

ACQUIRENTE1: Meraviglioso!...luminosissimo!...Amore con la quiete che c’è qui, potraiscrivere il tuo nuovo libro!

ACQUIRENTE 2: Hai ragione, qui nessuno potrà disturbarmi! (all’agente immobiliare) Miscusi…queste scale dove conducono?

AGENTE IMMOBILIARE: Pensavo l'aveste capito?!...questa casa è un duplex!...dueappartamenti al prezzo di uno!

ACQUIRENTE 1: Non mi dica!...Lo senti amore!

ACQUIRENTE 2: Allora entriamo!...vediamolo quest’altro appartamento!

AGENTE   IMMOBILIARE:      Veramente    qui    ci    abitano    una    dolcissima    coppietta    di

vecchietti...sapete, hanno un contratto a vita!

ACQUIRENTE 1: Che significa?!...Abbiamo due inquilini?!

AGENTE IMMOBILIARE: Eh si! Purtroppo come dico a tutti non potete sfrattarli...devonodecidere loro di andarsene...e poi detto tra noi...sono abbastanza avanti con l'età che non potranno durare ancora per molto...Ma li volete conoscere che ve li chiamo?! (va a chiamarli)

ACQUIRENTE 1: Senz’altro…per noi è un piacere conoscerli!

AGENTE IMMOBILIARE: (bussando alla porta) Signora Caterina!...(ai compratori) ci starà unpo' ad aprire, gli acciacchi...sono novantacinque anni!...(alla vecchietta)Sono l'agente immobiliare!...(si apre la porta, ma rimane socchiusa) Oh! Buon giorno signora Caterina! CATERINA: Chi vuliti?!

AGENTE IMMOBILIARE: Signora, ci sono due compratori interessati all'appartamento!

CATERINA: Mancu a canuscilli!...tantu a fini nun s'ha 'ccattunu!

ACQUIRENTE 2: (alla moglie) Mi sa che la vecchietta si sbaglia!

AGENTE  IMMOBILIARE:  (a  bassa  voce  alla  vecchietta)  Chisti  chiù  cunvinti  di  chiddi

sunu!...(si fa sentire) Allora l'aspettiamo?!

CATERINA: Stamu arruannu!

AGENTE IMMOBILIARE: Adesso vengono...sono due vecchietti alla mano!...come se qui non cifossero...non li sentirete per niente...vi immaginate, alla loro età, che fastidio potrebbero dare? ACQUIRENTE 1: Ma io adoro i vecchietti!...lavoro in un centro anziani!...si figuri!

(entrano i due vecchietti, scendono le scale tossendo e starnutendo, si fermano, guardano il pubblico e gli schiacciano gli occhi, cala il sipario)

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno