Incantesimo a Natale

Stampa questo copione

Incantesimo a Natale

NARRATORE: Bambini adesso arriveranno tre strane creature: Fannì la malefica strega del mondo di lì ed i suoi assistenti: gatto Grugno, si chiama così perché è sempre imbronciato, e Nello, pipistrello sbadatello.

La strega Fannì sta preparando un incantesimo che la porterà alla grande festa della  ‘Luna Storta’, la festa che ogni anno le streghe organizzano d’inverno per celebrare la natura che muore.….

Nello inciampa entrando, poi parlotta con Grugno che lo rimprovera di fare sempre pasticci…     

FANNI’(mescolando in una pentola): Silenzio! (rivolta agli assistenti) Allora passatemi il sangue di pipistrello

Grugno: (non trovandolo, si rivolge a Nello) Non lo trovo!…

Nello fruga nella borsa e gli passa una boccetta. Grugno la da a Fannì

FANNI’ : Che schifo! E’ profumato, deve essere andato a male. (legge la scadenza con una lente o la fa leggere agli assistenti e poi versa il tutto)  Passatemi gli occhi di gatto…se non ti sbrighi Grugno prenderò i tuoi.

Di nuovo i due assistenti buttano all’aria le cose nella borsa perché non trovano gli ingredienti e le passano qualcosa ….

FANNI’ :Bene ed ora l’incantesimo finale! (inizio traccia 1) Magica magia, magica magia, senza passare per la porta portaci alla festa della Luna Storta!

I tre roteano come se ci fosse un vento che li trascina, ed arrivano in un luogo che però non sembra affatto quello della festa della Luna Storta. CANZONE stop a 1.31 

FANNI’ : Ma dove siamo capitati! Che nervoso arriveremo tardi alla festa, che nervoso! Quella pozione cosa c’è che non andava!(Piagnucolando isterica)

Nello: (rivolto a Grugno a bassa voce) abbiamo combinato un guaio: al posto del sangue di pipistrello le abbiamo dato ketch up.

Grugno:e al posto degli occhi di gatto, cioccolatini e nocciole…(Grugno si dispera…)

I folletti Zenzero Cannella e Miele  si avvicinano velocissimi  parlando al cellulare

Zenzero: Forza forza forza

Cannella e Miele:… è tutto pronto?

Zenzero Cannella e Miele: noi siamo Zenzero e Cannella e Miele, responsabili dell’organizzazione del Natale

Cannella:   Voi chi siete?

Miele: E soprattutto che fate con le mani in mano senza far niente?

Zenzero: Andale andale manca poco a mezzanotte, la vigilia di Natale.

FANNI’: ehi  voi ridicoli puffi come osate rivolgervi a me in quel modo…(furibonda)…che cosa è poi questo Natale…?

Grugno: ehm (cercando di calmare Fannì) salve siamo nuovi e siamo arrivati per assistere alle festa…di come l’ha chiamata…?!

Nello: Natale…. (facendo smorfie di chi non sa e non ha mai conosciuto questa parola)

Cannella: Ma che burloni!

Miele: Sembra davvero che non conoscano il Natale…

Zenzero: (Imitandoli) Ma come osi? Quale festa ? Natale? 

Miele: Ho capito siete i nuovi tuttofare…

Cannella: …presto andate in cucina ad aiutare.

Fannì:Aiutare? Oddio che brutta parola….mi viene l’orticaria (inizia a grattarsi)

Nello: E’ allergica alle parole gentili

Zenzero Cannella Miele (con un sorrisone):  forza forza che il bambino Gesù è pronto a nascere e a donarci nuovamente il suo amore…

Fannì: Amore? Oddio che brutta parola….ancora l’orticaria (continua a grattarsi)

Grugno: è allergica alle parole gentili…

Zenzero:ecco sono arrivate anche le Nataline pon pon. (Le bimbe vestite con minigonne dorate tipo stelline cheerleaders)

Nataline: Dammi una N, dammi una A, dammi una T, dammi una A, dammi una L, dammi una E….E’ NATALE!!! (E corrono via)

Nello: che carine…! Come sono allegre!

Fannì: Che brutte! Bleaaac

Cannella: andiamo a cercare il grande Chef Bon Bon anche quest’anno ha cucinato così tanto cibo da sfamare tutti i bambini del mondo!

Zenzero: Perché il Natale è anche ricordarsi di chi è meno fortunato di noi e fare in modo che almeno in quel giorno ci sia serenità e gioia!

Miele: A dopo (escono)

Fannì: Ancora..(e si gratta) ma basta! Cosa è tutta questa gentilezza fa venire l’orticaria…che cosa è andato storto: sangue di pipistrello, occhi di gatto, unghie di topo…giusto?

Grugno e Nello: ceeerto…proprio così….

Fannì: Forza Nello tira fuori la pozione per andare via di qui!

Nello: (tira fuori dalla tracolla un quaderno e lo sfoglia) allora questa è per trasformare un principe in rospo, questo per avvelenare le mele…

Fannì: Preeestoooo!

Nello: (rivolto verso i bambini e prendendo Grugno) ecco qui c’è la ricetta dell’essenza del Natale, Grugno vieni (leggono insieme)…Amore(Grugno), Famiglia (Nello), Generosità (Grugno), Donare (Nello)…oh cielo è peggio di quanto credessi….    

Bon Bon: (entrando) Ricetta, avete detto ricetta? Chef Bon Bon al vostro servizio. ( S’inchina e bacia la mano a Fannì) Incantevole signora cosa è quella faccia buia…è Natale la festa della GIOIA! (E vuole abbracciarla, mentre Fannì scappa)

Grugno: (mentre Fannì non vuolel l’abbraccio, rivolti ai bambini) adesso si arrabbia!Chef Bon Bon ….noi stavamo cercando una ricetta un po’ speciale…

Bon Bon: ma oui! La ricetta per un Natale felice….

Fannì: Ma cooosa dice costui!! Io detesto la felicità! (E sviene)

Bon Bon: poverina …è caduta! Madame, madame sta bene! (L’aiuta a sollevarsi) Amici miei la felicità è una cosa semplice da trovare, ma molti non sanno dove cercare…Nataline Pon Pon aiutatemi a spiegare, venite ….

Entrano anche Zenzero Cannella e Miele

Nataline (a coppie): il Natale felice è gioia e amore, il Natale felice è donare (tutte insieme) E’ un abbraccio che unisce tutti nello stesso amore. traccia 2 start 1.12 stop 1.35  tutto in girotondo

Zenzero:  Ma cosa ci facciamo tutti qui in giro! Forza è tardi !

Cannella: chef Bon Bon ti cercano in cucina per le ultime decorazioni

Bon Bon: Corro! (Si gira verso Fannì) è stato un piacere, enchantè…(la bacia sulla guancia, mentre lei lo guarda rigida con gli occhi sbarrati, poi da un bacio anche a Nello e Grugno)

Fannì: quell’essere mi ha baciata

Grugno e Nello: ha baciato anche noi….stai tranquilla ce la puoi fare!

Miele: allora fatemi sentire le canzoncine? Jingle Bells jingle bells….(e le Nataline cantano con lui, Nello e Grugno battono le mani e possono cantare insieme)…

Zenzero: Bravissimi! Tu però (rivolto a Fannì) devi esercitarti un po’ di più…

Miele:  Aspettate sento i rintocchi è mezzanotte… Inizio traccia 5nasce il bambino Gesù.

Cannella: Ecco ancora una volta la pace e l’amore rinascono sulla terra. Abbracciamoci tutti!

Tutti cominciano ad abbracciarsi e a farsi gli auguri. Nello e Grugno si fanno coinvolgere volentieri, mentre Fannì resta in disparte sola, poi la raggiunge una natalina che vuole abbracciarla, lei per 3 volte rifiuta poi accetta stop canzone 1.28

Fannì: Beh GRAZIE e auguri anche a te! (E la bacia sulla guancia)

Grugno e Nello: ha detto ‘GRAZIE’??!!E l’ha baciata! O cielo questo posto le fa male alla salute, sta diventando una strega buona!

Nello: Fannì dobbiamo confessarti una cosa…è colpa nostra se ci troviamo qui… Sai il sangue di pipistrello era ketch up

Grugno: e gli occhi di gatto erano..ehm…cioccolatini e nocciole….ma se vuoi tornare indietro ti presto un mio occhio, tanto ne ho un altro…

Fannì: (Inizia a singhiozzare e li abbraccia)Oh amici, siete pronti a sacrificarvi per me…Sono commossa…che bella festa…quanti amici…quanto amore….Buon Natale anche a voi! Li abbraccia lei da le spalle al pubblico e i due si parlano sporgendosi in avanti.

Grugno e Nello: ma ha detto ‘Buona Natale’, ‘amici’ ‘amore’ senza neanche iniziare a grattarsi (la imitano mentre si grattava)..ma che incantesimo è ?

Cannella: Ma non è un incantesimo : è il potere dell’abbraccio! Il potere dell’amore che non ti fa sentire mai solo!

Zenzero: bravissimi, anche quest’anno un trionfo! (tutti esultano) Adesso dobbiamo  prepararci per la festa della Befana…

Miele: ….e acciderbolina ci manca proprio la befana…

Fannì: Ma che problema c’è? La faccio io la befana!

Grugno e Nello: davvero?!

Zenzero: ma certo sei perfetta! Un po’ di trucco ben studiato e voilà la befana eccola qua!

Cannella:Anche il nome è perfetto; Fanni è il diminutivo di befana!

Grugno e Nello: e noi?

Miele: tu d’ora in poi non sarai più ‘grugno’ che vuol dire imbronciato, ma felix, un gatto felice…e tu sarai Nello il pipistrello dolce e bello!

Zenzero: ed ora è il momento del nostro consueto girotondo di Natale per scambiarci gli auguri con gli amici vecchi e nuovi…

Fannì: Ricordate bambini se c’è l’amore e la voglia di stare insieme può essere Natale sempre!!  (traccia  6 e girotondo)

Tutti: Certo! AUGURIIIII!

Allestimento scena: la scena della preparazione dell’incantesimo si svolge in platea, con la strega che rimescola una pentola (da cui casomai esce fumo colorato). Poi sul palco viene allestito il Regno del Natale: cartello con scritto ‘Regno del Natale’, abete con stella, casetta con presepe, pacchi colorati e tutto ciò che può richiamare il Natale.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 16 volte nell' ultimo mese
  • 47 volte nell' arco di un'anno