Io, Alfredo e Valentina (in bergamasco)

Stampa questo copione

1

“ME, L’ALFREDO E LA VALENTINA”

Commedia Comica in due Tempi di ORESTE DE SANTIS ( titolo originale “ IO, ALFREDO E VALENTINA" )

Traduzione in dialetto Bergamasco di Massimo Martorino e Maria Bravi opera tutelata dalla SIAE – cod.opera . 855536/A

sito web - http://www.orestedesantis.com - Email - orestedesantis@libero.it

Trama - Federico é un 40.enne single molto raffinato che vive da solo in un appartamento aRoma. La sua é una vita tranquilla se non fosse per le continue intrusioni della sorella "Maria"che di stampo tradizionale , vuole a tutti costi farlo sposare. Federico, pur non avendonulla contro il matrimonio non ha ancora trovato la don na del suo destino. Maria, si é pero ormai convinta che suo fratello, scappi dal matrimonio e dalle donne perché é Gay supportata anche dai modi chic di Federico che a tratti danno questa impressione, fino a convincersene completamente, quando arriva l'amico del cuore di Federico e cioé "Alfredo ", anche lui chic ma sposato, e che invece va da Federico a chiedere conforto, perché si é perdutamente innamorato di una prostituta di nome Valentina e per lei é disposta a tutto. Gli equivoci rendono questa commedia facile da seguire,divertentissima fino alla fine con momenti di grande comicità.

Scheda Tecnica

Personaggi otto (3 uomini - 5 donne)

Tempi - due– Scena - unica -

Durata 100 minuti.– Genere –comico - moderno

E' possibile scaricare le musiche e gli effetti necessari al buon esito della commedia direttamente dal sito dell'autore opure scrivi a orestedesantis@libero.it

"IO, ALFREDO E VALENTINA"

Commedia Comica in due Tempi di ORESTE DE SANTIS Opera tutelata dalla SIAE – cod. opera . 855536/A

***

La scena e un soggiorno di bello aspetto molto chic ma disordinato. Indispensabile alla scena sono: un divano con due cuscini, un piccolo tavolo con due sedie, un mobiletto stereo che funge anche da angolo bar, una credenza e un attaccapanni. . Federico vive da solo . Di tanto in tanto la Sorella MARIA viene per fargli le pulizie. La scena dovrá contenere una finestra e tre porte , una d'ingresso e uscita posta al centro in bella evidenza , un'altra che sará il bagno, la terza che sara' uno sgabuzzino, queste due ultime porte sono poste una all'opposto dell'altra. . Un arco portera' alla stanza da letto(quest'ultima non visibile), un'altra apertura dará l'idea dell'angolo cottura (non visibile).

Federico rientra da lavoro ha con se una 24 ore, come entra in scena parte la canzone , (FINALMENTE E' SABATO di Oreste De Santis durante la canzone Federico telefona, beve unliquorino, e via via si spoglia rimanendo in mutande,butta tutto dove gli capita, e contento perché e sabato e deve partire per un weekend . Federico esce una prima volta di scena (prima di togliersi i pantaloni, uscita veloce) per prendere una valigia che sistemerà aperta su una sedia e

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


2

che nel corsodella commedia verra' riempita di suoi indumenti . Poi una volta in mutande esce definitivamente (la canzone eventualmente verrà sfumata)

FINALMENTE E' SABATO

Testo e musica di Oreste De Santis

FINALMENTE E' SABATO , STO ARRIVANDO MON AMOUR,

NIENTE LAVORO, NIENTE STRESS, SOLO NOTTI DI PAZZIE,

UN BEL WEEK- END AL MARE,

FINALMENTE E' SABATO, STAI TRANQUILLA TORNERO', MA MI DISPIACE PICCOLINA DI SICURO NON TI SPOSERO'

AMORE ASPETTAMI, BACIAMI, TOCCAMI,

SONO UN UOMO LIBERO, SEMPRE DISPONIBILE

PERCHE' SON GIOVANE, FORTE, VIGOROSO,

SONO BELLO PIU' DI TE E TI DICO ANCHE IL PERCHE'

PERCHE' SON NATO A NAPOLI.

(all'entrata della sorella che lo chiama , ritomerá in scena con vestaglia di raso molto elegante, il contrasto tra Federico un po' snob con atteggiamenti gay e la sorella (un pò cafona e tradizionale) deve essere molto evidente.

MARIA/ (fuori scena gridato) CONCETTINA, ME RACUMANDE, MOES MIA DE LE‟(entrasenza bussare perché ha la chiave, ha una borsa che poi dimenticherá nella stanza da letto, con voce molto alta) FEDERICO, FEDERICO, SO ME‟, FEDERICO, SO LA MARIA (molto gridato) FEDERICO, SE TA GA SET, BATTI UN COLPO

FEDERICO/ (si mette la vestaglia e sempre in movimento padrone della casa lievamentegay) ADES T‟EL DO ME OL COLP, SOL CO‟. MA COSA USET? COSA USET? AN SE MIA AL MERCAT, CHE‟!

MARIA/ E VA BE‟ MA ESAGERA MIA ADES, PERO‟

FEDERICO/ CHESTO CHE A L‟E‟ U PALAS SERIO, U CONDOMINIO SERIO, CON D‟UNAMMINISTRATRICE SERISSIMA! CHELA LE, LA ME MANDA VIA‟….

MARIA/ FEDERICO, TE SET DRE‟ A FA ONA TRAGEDIA!

FEDERICO/ MA ARDA TE CHE SURELA IGNURANTA, TAIADA SO COL PIGHESSI‟ CHEDUSIA CAPITAM! E MIGLIURA UN PO‟. LES, STODIA, VA A SCOLA CHE L‟E‟ TROP TARDE. SE TE S‟IMPEGNET, TE GHE LA FET AMO‟

MARIA/ (ironica) OH.. EH… SCUSìM TAT, MA LA SO‟ SURELA LA G‟HA LA US UTANTINI OLTA. LA RIA MIA A CUNTRULALA. LU AL G‟HA DE DIGHEL ALL‟AMMINISTRATRICE QUANDO LA ET. (cambio di tono) PERO‟ ARDA CHE TE ME L‟ET DICC TE DE CIAMAT QUANDO TE M‟ET DACC I CIAF! MARIA, TE‟ DERF FO LA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


3

PORTA, FERMES E CIAMA: “FEDERICO, FEDERICO”. SE TE RESPONDE MIA, OL DI CHE GHE SO MIA. TE SE REGORDET?

FEDERICO/ ME T‟HO DICC DE CIAMA‟, MIA DE USA‟ COME UNA PESCIVENDOLA. TET‟ANDET BE A ENT I ALBURELE FRESCHE AL MERCAT, CHEL A L‟E‟ OL POST PIO ADATTO A TE‟

MARIA/ MA CHE MERCAT E MERCAT! OL MERCAT A L‟ISTA‟ CHE, ARDA! SCARPE,CAMISE, CALSì, POLVER DE TOTE I BANDE (guarda) SE CAPES PIO NEGOT CHE!

ONA ETA IN MES A LA ROMETA. INVECE DE RINGRASIAM CHE OGNE TAT EGNE CHE A FA UN PO‟ DE PULISIE, TE ME TRATET COME ONA SCHIFESA

FEDERICO/ MA CHI T‟EL DIS DE EGN CHE‟? TE L‟HO DICC MELA OLTE: MARIA, VE‟MIA CHE‟, VE MIA CHE‟, CHE ME DES PER ME‟ STO MEI…

MARIA/ (ironica) ME EGNE PER DOER, PERCHE‟ TESET OL ME FRADEL

FEDERICO/ (imitamdola) NO TE TE EGNET PERCHE‟ TE SET ONA CURIUSUNA E TEOLET SAE‟ I ME LAUR, LA ETA CHE FO‟, TE TE ME CONTROLET E TE ME SPEET, PES DE ONA MOER GELUSA…

MARIA/ E SE LA FODES ISCE‟? COSA GH‟E DE STRANO? COSA GH‟E DE STRANO?SET O SET MIA OL ME FRADEL? TE TE ME DISET MAI NEGOT

FEDERICO/ MA G‟AVRES DE DIT COS‟E‟?

MARIA/ (dolce) PERCHE' TE SE SPUSET MIA?

FEDERICO/ (aggressivo) E PERCHE' TE „NDET MIA VIA‟? EL SERE ME! EL SERE, CHEAL GIRA E RIGIRA, A LA FI‟ TE GH‟ERET DE DIMEL PER FORSA, SENO‟ TE SCIOPET (imitandola) FEDERICO, PERCHE‟ TE SE SPUSET MIA?

MARIA/ MA PERCHE‟, COSA GH‟E‟ DE MAL?

FEDERICO/ NEGOT, MA SE LA ME SURELA LA M‟EL DIS TOTE I OLTE CHE LA ME ET,EL CUMINCIA A DAM FASTIDE. TE SET DRE‟ A FALA DIENTA‟ UN USESSIU‟

MARIA/ SO‟ CUNTETA CHE TE DO‟ FASTIDE , FEDERICO, ME‟ G‟HO DE USESIUNAT!

FEDERICO/ DELBU‟? E PERCHE‟?

MARIA/ PERCHE' VOL Dì CHE GH‟E AMO‟ ONA SPERANZA, CHE CHEL ARGOMENTOCHE‟ L‟E MIA SERAT. FEDERICO, TE TE PODET SPUSAS!

FEDERICO/ MA COSA G‟HO, ONA QUAC MALATTIA GRAVE CHE SE POL MIA CURA‟?MARIA, TE TE SET DRE‟ A PERT OL CO‟, LASA PERT, ME‟ DE PER ME‟ STO BE‟ E TOTA CHESTA NECESITA‟ DE STA INSEMA A ONA DONA, ME‟ GHE L‟HO MIA (marcando l'atteggiamento gay)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


4

MARIA/ FEDERICO, LA ZET LA PARLA

FEDERICO/ (scocciato) LA ZET, LA ZET… A ME‟ AL M‟INTERESA MIA CHEL CHE DIS LAZET. AL ME N‟IMPORTA U FIC SEC. AH, DOPO U AL DIENTA NERVUS…

MARIA/ FEDERICO, SE LA ZET LA PARLA ME PODE FAGA NEGOT, MA DATO CHE SO‟LA TO SURELA, A ME‟ ME DA FASTIDE

FEDERICO / (scocciato) E VA BE' METEMELA ISCE‟. ME‟ OLE DAT LA SUDISFAZIU‟:

ME G‟HO NEGOT CONTRA OL MATRIMONIO. ME‟ FO LA ME‟ ETA, E (poetico) SARO‟ FORLGORATO DALL‟AMORE DI UNA DONNA… ALURA POL DAS CHE ME SE SPUSE, MA SE SARA‟ MIA ISCE‟, MARIA, A ME ME DISPIAS MA TE GH‟ET DE RASEGNAS, PERCHE‟ ME ME SE SPUSE MIA

MARIA/ (misteriosa) FEDERICO, ME CONOSE LA CONCETTINA, A L‟E‟ ONA BRAASCETA, SISTEMADA BE‟ E UNESTA. TE LA PRESENTE? COSA DISET? SEGOND ME‟ LA TE PIAS!

FEDERICO/ CONCETTINA? MA CHI SARESELA LA CONCETTINA ADES?

MARIA/ LA CONCETTINA A L‟E‟ ONA BELA SCETA. L‟E‟ SO CHE LA SPECIA DE BAS.INDO‟ A CIAMALA, ISCE SE CUNUSI‟ PERCHE‟ LE‟ LA ET MIA L‟URA DE ET COME TE SET (la chiama dalla finestra) CONCETTINA! CONCETTINA!

FEDERICO/ MARIA MA COSA SET DRE‟ A FA‟?

MARIA/ (la chiama gridando) CONCETTINA, CONCETTINA! MA „NDO ELA INDACIA?

FEDERICO/ (la toglie dalla finestra) MARIA, T‟HO DICC DE USA‟ MIA! MA LA OLET CAPI‟CHE OL MATRIMONIO A L‟E‟ U LAUR SERIO? A L‟E‟ ONA GROSA RESPONSABILITA‟ PERCHE' LA TE CUNDIZIUNA LA ETA

MARIA/ (squillante) AH, A L‟E‟ IRA, TE GH‟ET PROPE REZU! (dolce) FEDERICO,SPUSES CON LA CONCETTINA! A L‟E‟ ONA BRAVA SCETA, SINCERA, GENUINA. LA CONCETTINA A L‟E‟ U FRUTTO CH‟EL G‟HA AMO DE ES RACCOLTO

FEDERICO/ (gridato) E COSA SARESELA, U PERSEC? MARIA, EDET CHE TE „NDETBE AL MERCAT? DE PESCIVENDOLA A ORTOLANA.

(bussano la porta)

MARIA / FEDERICO, HANNO BUSSATO

FEDERICO / E ADES CHI CHE GH‟E?

MARIA/ E ADES AN VET SOBET (apre la porta)

CONCETTINA/ (neo peloso, bruttina, con evidenti tracce di cioccolato sulla bocca, molto

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


5

curiosa, entra col buschetto ormai vuoto) BUONGIORNO, SIGNORA MARIA MI HA CHIAMATO?

MARIA/ SE, SE, T‟HO CIAMAT PO PRIMA, MA SERET INDOE?

CONCETTINA/ LA VERITA' E‟ CHE M‟ERO SCOCCIATA DI ASPETTARE, E ALLORASONO ANDATA A COMPRARMI UN GELATO AL CIOCCOLATO. NON DITEMI NIENTE, PERCHE‟ IO VADO MATTA PER IL CIOCCOLATO!

MARIA/ CONCETTINA, VE‟ CHE‟ CHE OLE PRESENTAT OL ME‟ FRADEL

CONCETTINA/ OH COME SONO CONTENTA. FEDERICO, LE DICO LA VERITA‟, NONVEDEVO L‟ORA DI CONOSCERLA (si avvicina)

FEDERICO/ PIACERE FEDERICO (si danno la mano e la mano di Concettina è sporca dicioccolato – Federico ritrae la mano con stupore)

CONCETTINA/ PIACERE CONCETTA, PERO' MI CHIAMANO TUTTI CONCETTINA (rideverso Maria)

FEDERICO/ (al pubblico)OTER CHE PERSEC IN FIUR! CHESTA CHE A L‟E UCOCOMERO!

CONCETTINA/ SIGNOR FEDERICO… SUA SORELLA...

MARIA/ CONCETTINA, OL ME FRADEL AL SE CIAMA FEDERICO, TIRA VIA‟ OL“SIGNORE”

CONCETTINA/ E VA BENE… (ad alta voce) FEDERICO, FEDERICO!

FEDERICO/ SO CHE, SO CHE‟, GH‟E‟ MIA BISOGN DE USA‟

CONCETTINA/ E' L'EMOZIONE, SCUSI, FEDERICO, SUA SORELLA MARIA MI HAMOLTO PARLATO DI LEI

FEDERICO/ AH, A L‟E‟ ONA SORPRESA. LA ME SORELA LA GHE PARLA A TOCC DEME‟. E SO SICUR CHE LA GH‟A FACC U CO‟ GROSS COME U COCOMERO (gestuale indicando una testa grande)

MARIA/ FEDERICO, TE SET SEMPER ESAGERAT! FEDERICO, ALURA, COSA DISET?

FEDERICO/ MARIA, MA COSA OLET CHE DISE?

MARIA/ NO DIGHE, INDO‟ A FA‟ OL CAFE‟?

FEDERICO/ EH, SE LA SIGNORINA LA GRADES

CONCETTINA/ IO VERAMENTE...

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


6

MARIA/ (risoluta) LA GRADES, LA GRADES… (esce verso la cucina contenta)

CONCETTINA/ FEDERICO, SUA SORELLA MARIA E‟ UNA PERSONA TANTO CARA, LACONOSCO DA TANTO TEMPO, E‟ VERO, MI PARLA SEMPRE DI LEI, MA LE GARANTISCO CHE MI DICE SOLO COSE BELLE

FEDERICO/ E COSA L‟AVRES DICC DE ME‟? ISCE‟, TAT PER SAEL? PER CURIUSITA‟

CONCETTINA/ AD ESEMPIO MI HA DETTO CHE LEI CE L‟HA MOLTO GRANDE!

FEDERICO/ COME SARES?

CONCETTINA/ E LEI LO SA PERCHE' LA CONOSCE FIN DA BAMBINO, E ANCHE DABAMBINO MI HA DETTO CHE SI VEDEVA SUBITO CHE ERA GRANDE…

FEDERICO/ MA COS‟E‟, SCUSA,?

CONCETTINA/ IL CUORE, MI HA DETTO CHE HA UN CUORE GRANDE COME UNACASA, QUANDO ERA PICCOLO, AD ESEMPIO SE UN BAMBINO PIANGEVA PERCHE' VOLEVA IL SUO GIOCATTOLO, LEI PER NON FARLO PIANGERE , SUBITO GLIELO DAVA

FEDERICO/ BEH, L‟E‟ IRA MA DOMA PER MIA SENTE LOCIA‟!

CONCETTINA/ POI AD ESEMPIO, MI HA DETTO CHE LEI E‟ UN UOMO DI CULTURA ECHE LE PIACE MOLTO VIAGGIARE, VEDERE POSTI NUOVI, E CONOSCERE TANTE PERSONE, SIGNOR FEDERICO ANCHE A ME PIACE MOLTO VIAGGIARE

FEDERICO/ BE, I VIAS I E‟ ONA DI ME‟ PASSIU‟. MA LE‟ L‟E‟ STACIA INDOE?

CONCETTINA/ SONO STATA A RIMINI, RICCIONE, RAVENNA E SAN MARINO, IN GITASCOLASTICA , QUELLE DELLE QUINTE

FEDERICO/ TOTE IN D‟ONA OLTA, I E‟ TOTE LE‟… ME SE SBAGLIE O L‟E‟ PASAT ONAQUAC AN?

CONCETTINA/ NO, NO NON SI SBAGLIA, MA NON E' CAMBIATO NIENTE , LEGARANTISCO CHE COM'ERO ALLORA, COSI' SONO RIMASTA , NON SO SE CAPISCE COSA VOGLIO DIRE

FEDERICO/ HO CAPIT, HO CAPIT, A L‟E‟ OL PRIM LAUR CHE LA M‟HA DICC LA ME‟SURELA

CONCETTINA/ ED E' LA VERITA', PERCH'E IO AL MATRIMONIO CI DEVO ARRIVARECOSI' COME SONO NATA

FEDERICO/ COL CIUCULAT SOLA BOCA… NO, MA CAPESE, ANCHE SE PER ME‟ AL‟E‟ MIA IMPURTANT, MA RISPETE LA SO DECISIU‟

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


7

MARIA/ ECCO QUA, U CAFE‟ ESPRESSO DOC! MIA PER DI‟, MA COME EL FO ME‟ OLCAFE‟, EL LA FA‟ NISU‟. CONCETTINA, BIEL E DIM SE L‟E‟ MIA IRA!

CONCETTINA/ (beve facendo rumore) E' VERO SIGNORA MARIA, E' PROPRIO BUONO

FEDERICO/ OH , GESU', MARIA, E SAN GIUSEP! (con schifo)

CONCETTINA/ SAPORITO, SAPORITO, (sempre facendo rumore)

FEDERICO/ (al pubblico) OH, MARIA E SAN GIUSEP E GESU‟… (esterrefatto)

MARIA/ CONCETTINA, SENT PER CHEL LAURA‟ LA‟, CUMINCIA A INDA‟ TE‟, PERCHE‟ME‟ G‟HO DE STA‟ CHE AMO‟ ON ATEM COL FEDERICO

FEDERICO/ MARIA, SE TE GH‟ET DE INDA‟, VA, NEH, GH‟E NE MIA DE PROBLEMI CONCETTINA/ NO, NO, ME NE VADO IO, TANTO IO E LA SIGNORA MARIA CIVEDIAMO SPESSO, MAGARI RIPASSO PIU' TARDI, NON SI PREOCCUPI, ALLORA ARRIVEDERCI E PIACERE DI AVERLA CONOSCIUTA

FEDERICO/ ARRIVEDERCI, ARRIVEDERCI

(CONCETTINA ESCE ANCHEGGIANDO VISTOSAMENTE)

MARIA/ (compiaciuta, indicando) FEDERICO, ARDA COSA AL T‟HA MANDAT OL CIEL! UBEL FIUR ROS FOGHET DE PASIU‟!

FEDERICO/ U BEL FIUR DE ZUCHI! MA SET DRE‟ A DI COS‟E?SENT, MET‟EL DISECIAR! ME PER OL MOMENT STO BE‟ ISCE! OL MATRIMONIO EL POL SPICIA‟

MARIA/ MA SPICIA‟ COSE‟E‟? ARDA CHE LA CONCETTINA LA G‟HA ONA SFRACA DEPRETENDENCC! (incalzando) SENT, FEDERICO, TE TE GH‟ET DE SPUSAS, PER PIASER

FEDERICO/ (alterandosi) MARIA,PER PIASER AL DIGHE ME‟. BASTA CO‟ STOMATRIMONIO. INSOMMA, ME‟ PARLE, PARLE, PARLE MA TE TE CAPESET NEGOT. ANSE, TE FET FINTA DE CAPE‟ NEGOT. TE OLET FAM FA PER FORSA LA FI‟ CHE T‟ET FACC TE?

MARIA/ LA ME‟ FI? COSA VOL DI?

FEDERICO/ LA TO FI‟, SE! CHEPUR DE SPUSAS, TE SET SPUSADA COL PEPINO,L‟ONEC CHE L‟AH ULIT SPUSAT. ME DISPIAS, MA A CHELE CUNDIZIU LE‟, MEI RESTA‟ U BARBA!

MARIA/ COME SARESEL? ARDA CHE ME‟ HO SPUSAT UN OM CHE GHE ULIE BE‟! EOL PEPINO A L‟E‟ U POETA (con enfasi)

FEDERICO/ SEEE,CHI STUPIDADE LE CHE L‟SCRIV… CIAMEL POETA!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


8

MARIA/ EH PO‟ DOPO, UN PO‟ AN TACA BEGA, PERCHE‟ LU A L‟E‟ TAT GELUS. PERO‟AN SE OL BE‟. (risentita) E PO‟ DOPO, PER DILA TOTA, REGORDES CHE A 18 AGN LA TO SURELA A L‟ERA LA PIO‟ BELA DEL PAIS E I ME EGNIA TOCC DRE‟. I ME CIAMAA “LA BELA”! ET CAPIT? (dandosi delle arie)

FEDERICO/ OH, MARIA, ESAGERA MIA ADES…

MARIA/ FEDERICO, ME GH‟ERE PIO DE 100 PRETENDENTI

FEDERICO/ CALA MARIA, CALA (ride)

MARIA/ (dandosi delle arie) E INVECE L‟E‟ LA ERITA‟. GH‟ERA OL FRANCESCHI‟ CHE‟ AL‟ERA TALMENT INAMURAT CHE AL M‟ERA PO‟ FAC ONA SERENATA

FEDERICO/ (ironico) FRANCESCHI‟… SENT CHE NOM, FIGUREMES LA SERENADA!

MARIA/ E INVECE L‟ERA ONA BELA SERENADA, ME SE REGORDE AMO‟ OLRITORNELLO, ADES T‟EL FO SENT

FEDERICO/ MARIA, LASA PERT.

MARIA/ SENT, SENT, (cantato dolce e passionale a centro palco senza musica il motivosempre uguale) "OL ME COR EL FA BUM BUM, OL ME COR EL FA BUM BUM… OL ME COR EL FA BUM BUM…” (ripete)

FEDERICO/ (ironico) OSTI, AL S‟E SPRECAT STO FRANCESCHI‟!

MARIA/ (cantato) QUANDO PASET TE‟, OL ME COR EL FA BUM BUM, QUANDO PASETTE‟, OL ME COR EL FA BUM BUM…

FEDERICO/ L‟HA PROPE FACC I NOCC IN BIANC PER SCRIELA STA CANSU‟! MARIA,USA MIA TROP CHE LA RIA L‟AMMINISTRICE

MARIA/ (continuando - urla) LA PASIU‟ PER TE LA ME FA BAT OL COR… LA PASIU PERTE LA ME FA BAT OL COR….

FEDERICO/ MARIA, MARIA, BASTA, A L‟E‟ MIA OL FESTIVAL! (sulla 2 ° battuta "bella" diMaria)

MARIA/ A L‟E‟ TROP BELA CHEL CANSU‟ CHE! ME SO LASADA PROPE TRASPURTA‟.ME SOMEAA DE STA‟ IN MES AL MAR!

FEDERICO/ E ALURA VE‟ SO‟ A RIA, CHE DE CHE TE GH‟ET DE INDA‟ VIA‟, CHE ME‟G‟HO DE FA‟ I ME‟ LAUR (risoluto)

MARIA/ E GH‟ET DE FA COS‟E?

FEDERICO/ I E‟ MIA AFARE TO‟. ALURA, „NDET O MIA?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


9

MARIA/ MA G‟HO AMO‟ DE DIT NEGOT! ME SO EGNIDA APOSTA

FEDERICO/ MA COSA GH‟ET DE DIM?

MARIA/ FEDERICO, ME T‟EL DISE PERCHE‟ TE SET OL ME FRADEL E CERTI LAURTE TE GH‟ET DE SAEL. PERO‟ T‟EL GIURE, ME GA CREDE MIA, T‟EL GIURE (figurato)

FEDERICO/ LASA STA, GIURA MIA, GH‟E‟ MIA BISOGN. TE CREDE

MARIA/ VA BE‟, DAI. MA… SE CHEL CHE LA DIS LA ZET L‟E LA ERITA‟?

FEDERICO/ (scocciato) .... MA COSA LA DIS COS‟E‟ LA ZET, SE POL SAEE?

MARIA/ FEDERICO, LA ZET LA DIS CHE TE TE SET… UN UREGIU‟, VA BE‟?

FEDERICO/ COME SARES UREGIU‟? GAY, OMOSESSUALE?(preoccupato)

MARIA/ E INSOMMA, GAY, OMO SES SUALE… DIERS, CIAMEL COME TE OLET,SEMPER UREGIU‟ TE SET!

FEDERICO/ (camminando da gay) AH QUINDI ME SARES UN UREGIU‟… PER LA ZETME SARES UN UREGIU‟

MARIA/ (convinta) SE!

FEDERICO/ MA, DOMA PERCHE‟ SO MIA SPUSAT?

MARIA/ AL SO MIA SE AL DIPEND DE CHESTO, COMUNQUE… ANCHE! (sottolineato)

FEDERICO/(con distacco) ... MA ARDA TE CHE CULTURA PRUINCIAL ERETROGRADA…

MARIA/ SPUSES, SPUSES, CHE L‟E‟ MEI!

FEDERICO/ (dandosi un tono) MARIA, CHESTA A L‟E‟ ZET CHE LATOLLERA MIA LADIERSITA‟, CHE LA OL VET I PERSUNE TOTE STESE, SENSA CAPE‟ CHE PROPE QUANDO GH‟E‟ LA DIERSITA‟ A GH‟E‟ LA RICHESA DELL‟ESSERE UMANO

MARIA/ AL SO MIA SE LA GHE LA RICHESA, FEDERICO, ME SO ADOMA CHE OL MEFRADEL EL PASA PER UN UREGIU‟

FEDERICO/ VEDET? VEDET? (camminando)

MARIA/ (e di spalle alludendo) EDE, EDE, ECCOME CH‟EL VEDE

FEDERICO/ MARIA, CHE AN G‟HA DE DESMETELA CON CHESTO TIPO DEMENTALITA‟. STA ZET CHE LA GIUDICA SENSA CAPI‟ CHE OGNU‟ AL G‟HA DE FAS I C… COCOMERI SUOI. E OGNU‟ AL G‟HA OL DIRITTO DE STA AL MONT COME EL VOL, BASTA CH‟EL DAGHE MIA FASTIDE E GHE FAGHE MIA DEL MAL A NISU‟, COME

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


10

FO ME!

MARIA/ (preoccupata) FEDERICO, MA ALURA A L‟E ERITA‟!?

FEDERICO/ MA CHE E' VERITA‟ E VERITA‟!

(bussano la porta)

FEDERICO/ AMO‟ STA PORTA… SCOLTA, SE L‟E‟ LA CONCETTINA, DIGA CHE ME SOIN DEL BAGN, PERCHE‟ ME G‟HO PROPE MIA OIA DE EDELA (esce in bagno)

MARIA/ MA INDO „NDET, FEDERICO (ribussano la porta). U MOMENT, RIE! AMMINISTRATRICE/ (donna–quando parla di Federico il tono si fa dolce)

BUONGIORNO, LA ME SCUSE L‟INTRUSIONE! G‟AVRES BISOGN DE PARLA‟ COL

SCIUR FEDERICO. LE LA SA „NDO L‟E‟?

MARIA/ L‟E IN BAGN

AMMINISTRATRICE/ LE L‟E‟ LA SO MAMA?

MARIA/ NO, SO LA SO SURELA. ME SE CIAME MARIA, E LEI INVECE CHI ELA?

AMMINISTRATRICE/ SO L'AMMINISTRATRICE DE CHESTO PALAS

MARIA/ SE LA G‟HA DE DIGA ERGOT AL ME FRADEL, LA POL DIMEL A ME‟ AMMINISTRATRICE/ MA, LA PENSA CHE L‟ISTAGHE TAT, LA IN DEL BAGN? PERCHE‟SE L‟E‟ OL CASO, ME PODE ANCHE SPICIA‟… ANCHE ULENTERA!

MARIA/ LA SCOLTE, ME‟ IN VERITA‟ AL SO MIA SE GHE OL TAT TEP. DIPENT CHELCHE G‟HA DE FA E PO‟ OGNU‟ EL G‟HA I SO ABITUDINI. ME, PER ESEMPE DE SOLET FO PREST, MA OL ME OM, INVECE, A L‟E‟ BU DE STA‟ DET UN URA… E PO‟ DE PIO‟

AMMINISTRATRICE/ ...VA BE, VA BE, FORSE LA G‟HA REZU! ALURA GH‟EL DIGHELE‟, PER FORSA… (quasi dispiaciuta)

MARIA/ LA ME DIGHE PUR, COSA PODE RIFERIGA?

AMMINISTRATRICE/ SCIURA MARIA, OL PROBLEMA L‟E‟ CHE I OTER INQUILNI ISIGHETA A LAMENTAS CON ME‟ PERCHE‟ IN CHEL APPARTAMENTO CHE‟ GH‟E‟ TROP TANT RUMUR

MARIA/ IN CHE SENSO?

AMMINISTRATRICE/ A L‟E‟ U MIS CHE SE SENT SEMPER USA‟, E DI RUMUR STRANI,PER ESEMPE…

MARIA/ ONA US DE DONA?

AMMINIST/ NO, PER CARITA', HO MAI SENTIT NISU‟ PARLA‟ DE US DE DONA!

MARIA/ (ironica) MA CHE BELESA...

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


11

AMMINSTRAT/ US DEOM, US DE OM, CHESTO L‟E SICUR

MARIA/ CHESTO AL SERE ME, MANNAGGIA, DEL ME FRADEL… PROPE ME S‟ELSPICIAE MIA!

AMMINIST/ SE E' PER CHESTO, GNA ME‟! E OLTRE AL VUSA‟, SE SENT ANCHELUCIA‟

MARIA/ LUCIA‟? MA L‟E SIGURA?

AMMINST/ SIGURISSIMA. I LA DIS TOCCCHE‟ IN DEL PALAS, L‟E‟ U MIS CHE SESENT USA‟ E LUCIA‟ DESPES

MARIA/ U MIS? E COME MAI ?

AMMINISTRATRICE/ AH CHESTO AL SO MIA, CHEL CHE SO, L‟E‟ CHE TOCC I DE‟DEL SO FRADEL, AL VE‟ ON OM TOT ATTILLATO E VESTIT BE‟. E I LAMENTELE I SIGHETA A AUMENTA‟. E ME ULIE DIGA, NONOSTANTE TOTA LA SIMPATIA (maliziosa)

CHE ME G‟HO PER LU‟, S‟EL CUNTINUNA ISCE‟, SERO UBLIGADA A DAGA OL SFRATTO! (al pubblico) DOPO AL PODERESS SEMPER EGN A STA DE ME, PER ESEMPIO…

MARIA/ AH MA LA SE PREOCUPE MIA, SO SIGURA CHE OL ME FRADEL, ONA OLTASISTEMAT E SPUSAT, L‟INDARA‟ VIA‟ DE CHEL APARTAMENTO CHE‟, PERCHE‟ GH‟EN VOLERA‟ U PIO‟ GRANT. CHESTA CA‟ CHE‟ LA A‟ BE‟ GIOST PER U SINGLE

AMMINISTRAT/ (sorpresa) AH, PERCHE'? OL SO FRADEL AL SE SPUSA?

MARIA/ BE', LA DATA LA GH‟E MIA GNAMO‟, MA PRIMA O DOPO AL SUCEDERA‟!

GH‟EL GARANTESE ME!

AMMINISTRATRICE/ AH, ME PIASERES PO A ME SPUSAL… (si corregge) EHM,SPUSAS

MARIA/ (ironica) A L‟E‟ ONA PAROLA

AMMINISTRATRICE/ IN CHE SENSO?

MARIA/ NO, DIGHE, OL FEDERICO, PER SPUSAS…, CIOE‟, SPUSAS INCO‟, L‟E‟DIENTAT U LAUR CUSTUS E CUMPLICAT

AMMINISTRATRICE/ LA G‟HA REZU, ANCHE SE PER ME‟, OL COSTO A L‟E‟ MIA UPROBLEMA. MA OL MATRIMONIO L‟E‟ U LAUR DE FA COLA PERSONA GIOSTA

MARIA/ LA G‟HA REZU‟, COMUNQUE LA SE PREOCUPE MIA, COME AL VE DE FODEL BAGN, GHE DISE TOT AL ME FRADEL

AMMINISTAT/ GRAZIE, E VA BE‟, (sospirando) ALURA ME „NDO. PENSE CHE CON LA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


12

NUTIZIA DEL MATRIMONIO DEL SO FRADEL E COL SO TRASLOCO, TATA ZET LA SE METERA… OL COR IN PAS. OLE DI‟ GLI INQUILINI, NEH! ARRIVEDERCI (esce)

MARIA/ RIFERIRO‟. ARRIVEDERCI

(AMMINISTRATRICE esce)

MARIA/ ARDA TE‟, GH‟ERE SEMO‟ POCHE SPERANSE. LA GHE MANCAA DOMAL‟AMMINISTRATRICE… FEDERICO, GH‟E‟ PIE‟ NISU‟, TE PODET EGN DE FO‟

FEDERICO/ (esce) L‟E‟ „NDACIA?

MARIA/ SE, MA L‟ERA MIA LA CONCETTINA. L‟ERA L‟AMMINISTRATRICE.

FEDERICO/ AH, E PERCHE‟ M‟ET MIA CIAMAT?

MARIA/ (riprendendosi) PERCHE'? LA TE PIAS?

FEDERICO/ ME PIAS? COSA GHE ENTRA? A L‟E‟ ONA DONA GENTILE E A MODO,CHE LA SE COMPORTA BE‟ E ME LA RINGRASIE… MA PIO‟ DE CHESTO, LA M‟INTERESA MIA! PIOTOST, COSA LA ULIA?

MARIA/ (alterandosi) COSA LA ULIA? L‟HA DICC CHE IN CHELA CA CHE‟ SE FACASOT, SE USA, SE GREGNA, SE LOCIA, SE TACA BEGA, CHEL CHE G‟AVRES DE SOCET TRA ON OM E ONA DONA. MA OL PROBLEMA L‟E‟ CHE CHE LA DONA LA GH‟E MIA!

FEDERICO/ MARIA, MA COSA SET DRE‟ A DI?

MARIA/ COSA SO DRE‟ A DI? NO, TE‟ ADES TE GH‟ET DE DIMEL IN FACIA, SE L‟E‟ IRAO MIA IRA! FEDERICO, L‟E IRA?

FEDERICO/ MARIA, UN OTRA OLTA CON CHESTA STORIA?

MARIA/ FEDERICO, ARDEM IN DI OCC! L‟E‟ IRA, SE‟ O NO?

FEDERICO/ NO, L‟E MIA IRA

MARIA/ (sospettosa con grinta) AH, L‟E MIA IRA? (tutto d'un fiato) E ALURA SE POL SAECHI CHE L‟E STA PERSUNA TOTA ATTILLATA CHE L‟E‟ U MIS CHE LA E CHE‟ TOCC I DE‟ COME UN‟INNAMORATA? DIM CHI CHE L‟E‟!

FEDERICO/ (breve pausa) MA CH‟EL MA EGNE U COLP, MA TE‟ TE SET SEMPER TOT!CHESTA PERSUNA L‟E‟… ONA PERSUNA CHE L‟E U MIS CHE L‟E DRE‟ A RUINAM LA ETA… PER ONA REZU CHE PODE MIA DIT…

MARIA/ GRAZIE PER LA FIDUCIA (inchino ironico)

FEDERICO/ (inchino ironico) PREGO, ..EL SE CIAMAALFREDO, L‟E‟ U ME‟ AMIS CHEL‟E‟ DRE‟ A PASA‟ U MOMENT BROT. EL M‟HA DUMANDAT DE OTAL. TOT CHE‟

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


13

MARIA/ (dolce) FEDERICO, ALURA TE SET MIA ON UREGIU?

FEDERICO/ (alterato) MARIA, ME SO U LEU‟. MA CHE UREGIU‟ E UREGIU‟! E PO‟DOPO, SE FODES ON UREGIU‟, G‟AVRES MIA DE REND CONT A NISU‟, GNAC A TE‟!

MARIA/ (commossa) FEDERICO, ME TE OLE BE‟ ANCHE SE TE SET ON UUREGIU‟.FEDERICO, TE TE SET OL ME FRADEL, A ME‟ TE PODET DIL

FEDERICO/ MARIA, ME SO MIA ON UREGIU‟! PUNTO. E TE MOCHELA DE DUMANDAINFURMAZIU IN GIR. ME SO OL TO FRADEL E PO‟ ME TE OLE BE‟, E PO‟ SE FODES UREGIU, SE OLE MIA SPUSAS E SE OLE STA CHE IN MES A LA ROMETA, I E‟ DOMA AFARE ME‟ E BASTA

MARIA/ (commossa) E INVECE NO, I E‟ ANCHE AFARE ME‟! PERCHE‟ CUANDO I TETROERA‟ MORT, ABANDUNAT COME U CA‟, DISPERAT E DE PER LU‟, I G‟HA DE TRUA‟ ONA CA‟ BELA NETA, OL ME FRADEL LAAT E SISTEMAT, TOT BEL VESTIT, CON LA CRAATA AL COL COME U SPOSO, E MIA COME U BARBU‟, PER GIUNTA, UREGIU‟

FEDERICO/ AMO CO STO UREGIU‟. MARIA, TIRA VIA STA UREGIA DE MES EMOCHELA FO‟

(velocemente da "devi partire")

MARIA/ BRAO, BRAO, L‟E‟ PROPE URA DE MOCALA! ..... MA TE GH‟ET DE PARTI?

FEDERICO/ MA VA‟! QUANDO MAI!

MARIA/ QUANDO MAI? MA SE TE SET PREPARAT PO‟ LA ALIS? „NDO „NDET?

FEDERICO/ (tentando di nasconderla mettendosi davanti) QUALE ALIS?

MARIA/ CHELA LA'

FEDERICO/ (impacciato) CHELA LA?... AH, SE‟, TE PENSA! ADES ME SE REGORDE,SE‟, G‟HO DE PARTI‟. „NDO A FA U VIAS, VA BE‟? FINIT L‟INTERROGATORIO?

(BUSSANO ALLA PORTA)

FEDERICO/ (preoccupato) CHESTA AL‟E‟ AMO‟ L‟AMMINISTRATRICE. ADES L‟E‟FISADA. COME LA SENT USA‟ LA COR SOBET CHE‟!

MARIA/ PREOCUPES MIA, GHE PARLE ME!

FEDERICO/ MARIA, DERV LA PORTA E FA SITO E LASEM PARLA‟ A ME

ALFREDO/ (lievemente gay, molto elegante e brillantinato, al pubblico deve sembrare gaya tutti gli effetti , marcando questo suo fare solo nelle battute iniziali) BUONGIORNO, OH SCUSIM, ME SA CHE HO SBAGLIAT (ha con se una valigia)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


14

FEDERICO/ ALFREDO (chiamandolo)

ALFREDO/ UH FEDERICO, PENSAE CHE ERE SBAGLIAT CA‟

FEDERICO/ MAGARE

MARIA/ PREGO, AL VEGNE DE DET

(veloce)

ALFREDO/ (squillante, si comporta come uno di casa) GRAZIE, ... FEDERICO, ADESGH‟ET LA CAMERIERA? T‟ET FACC PROPE BE‟! ISCE‟ ALMENO TE G‟HET PIO‟ BEL NET E URDINAT!

FEDERICO/ ALFREDO, SET DRE‟ DI?

ALFREDO/ PERO‟, SE TE LA CIAPAET PIO‟ ZUENA, A L‟ERA MEI FEDERICO/ ALFREDO, A CHE TE SE SBAGLIET…

ALFREDO/ (a Maria) SIGNORINA, LE‟ COSA L‟E‟: POLACCA, ALBANESE ?

MARIA/ (ironica, ballando) NO, SO DE… SANTO DOMINGO. PERCHE'? SA ET MIA?

FEDERICO/ ALFREDO! A L‟E‟ LA ME‟ SURELA, LA SE CIAMA MARIA! MA CHE‟CAMERERA E CAMERERA!

ALFREDO/ (impacciato) AH, LA ME SCUSE TANT! FEDERICO, TE PODIET DIMEL!

FEDERICO/ TE M‟ET MIA DACC OL TEP!

ALFREDO/ LA ME PERDUNE, LA ME PERDUNE, L‟ERE SCAMBIADA PER ONACAMERIERA.

MARIA/ AL SE PREOCUPE MIA, L‟HA MIA SBAGLIAT DE TANT. SO LA SURELACAMERERA DE FEDERICO

ALFREDO/ SCIURA MARIA, LA G‟HA DE SAI CHE IN CHELA CA‟ CHE‟, I DONE A I E‟ONA RARITA‟

MARIA/ (ironica) E CHE CUNSULAZIU‟..

ALFREDO/ ECCO PERCHE' ME SO SCUNFUNDIT... PIACERE, ALFREDO GELO MARIA/ PIACERE, AH..ISCE‟ LU L‟E‟ L‟ALFREDO, L‟AMICHETTO DEL ME FRADEL. ALFREDO/ SE, SO L‟ALFREDO, L‟AMIS DEL FEDERICO

MARIA/ SCIUR ALFREDO, ANCHE LU IN PARTENSA? AL G‟HA DE PARTI? INSEMA AL

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


15

ME FRADEL, PER CASO? (sospettosa)

ALFREDO/ (impacciato) PER LA ALIS? AH, NO, OL FEDERICO ME L‟HA PRESTATA TATTEP FA E ME DESMENTEGAE SEMPER DE PURTAGHELA. E INVECE, STAOLTA….

FEDERICO/ EL S‟E REGORDAT, VA BE‟?

MARIA/ E ARDA CHE CUMBINAZIU‟! SCIUR ALFREDO, EL ME DIGHE U LAUR: (tuttod'un fiato) QUAC AGN EL G‟HA‟; „NDOE L‟ISTA‟? CHE LAURA‟ EL FA? L‟E‟ SPUSAT? EL G‟HA DI SCECC?

FEDERICO/ (risoluto) COMENSET AMO‟ CON GLI INTERROGATORI? MARIA, PERPIASER, FA SITO. ALFREDO TE GH‟ET DE DIMM VERGOT?

ALFREDO/ (mariasta tentando di sentire quello che dicono) SE, SE, G‟HO DEDUMANDAT U PIASER, MA FORSE L‟E‟ MEI…. SE EGNE…. (imbarazzato)

FEDERICO/ MARIA...

MARIA/ HO CAPIT. FEDERICO, „NDO DE LA‟? CAMBIE STANSA?

FEDERICO/ MARIA, FA‟ U BEL LAUR, CAMBIA PO‟ DE CA! ANSE CAMBIA PO‟ CITTA‟,TURNA DUMA‟!

ALFREDO/ FORSE L‟E‟ MEI CHE INDAGHE. EGNE PIO‟ TARDE...

FEDERICO/ ALFREDO, PREOCUPES MIA, TANTO LA ME SURELA PER U MOTIVO OPER UN OTER L‟E‟ SEMPER CHE‟

MARIA/ (dispettosa -ironica) E NO! ME DISPIAS, MA ME DUMA‟ PODE MIA EGN. SEG‟HO DE NETA‟ FO‟ LA CA‟, G‟HO DE FAL ADES. DECIDES, COSA G‟HO DE FA?

FEDERICO/ (scocciato) E VA BE‟, ALURA. SE PROPE TE OLET RESTA‟, VA A NETA‟ SODE LA‟. VA‟, VA‟ (indicando la stanza da letto)

MARIA/ CON PERMESSO (inchino ironico e sorridente)

ALFREDO/ PREGO, PREGO (lievemente gay)

FEDERICO/ FINALMENT (finalmente) ALFREDO, TE SET RIAT GIOST IN NTEP. E TEM‟ET SALVAT

ALFREDO/ (molto preoccupato) FEDERICO METE LA ALIS DET IN DE SGABUSì

FEDERICO/ SE, GRAZIE .. (mentre continua riempire la valigia)

ALFREDO/ FEDERICO, SBAGLIE, O LA TO SURELA L‟E TACADA TANT A TE‟?

FEDERICO/ TACADA? ALFREDO, LA ME‟ SURELA A L‟E PES DE ONA SPIA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


16

SOVIETICA. PIO TE OLET SCOND I LAUR, E PIO‟ LE IA SA‟. APENA FO U LAUR, QUALSIASI LAUR, LE‟ OL DE‟ DOPO M‟EL DIS. A L‟E‟ U LAUR INCREDIBEL. SEGOND ME L‟HA METIT SO ONA QUAC MICROSPIA CHE… SE DE NO‟ COME LA FA A SAE‟ TOT?

ALFREDO/ E VA BE‟, DAI, ESAGERA MIA! INVECE TE G‟AVRESET DE ES CONTET DEEGA ONA SURELA. (triste) AH... SARES ISTACC CONTET ME DE IGA ONA SURELA. ISCE‟ PODIE PARLA‟, SFUGAM, CONTAGA SO I ME‟ PROBLEMI, FAM CUNSIGLIA‟. AH, COME LA ME SARES PIASIDA ONA SURELA!

FEDERICO/ MA TE OLET LA MARIA COME SURELA? SE TE OLET TE LA PRESTE.ARDA CHE LE‟ LA SARES CONTETA! PREOCUPES MIA. LE LA G‟HA LA VUCAZIU DE TIRAS ADOS I GUAI DE TOCC! ALFREDO, PER CAMBIA‟ DISCORS, TE METE SO‟ U BEL CAFE‟?

ALFREDO/ SE, FEDERICO... METEMEL SO‟, DAI (accavallando le gambe sul divano gayalludendo)

FEDERICO/ ALFREDO… ! (gesto di disappunto esce in cucina)

ALFREDO/ (Federico esce.. ..Alfredo telefona a Valentina) PRONTO VALENTINA,SCOLTA, TI PREGO, VALENTINA, LASEM PARLA‟. VALENTINA… SPECIA (riattacca., molto triste)

FEDERICO/ (dalla cucina, fuori scena) ALFREDO, ADES AN BIF OL CAFE‟ E DOPO MESE FO‟ LA BARBA! (Alfredo incomincia a piangere, Federico sente qualcosa ma non capisce di che si tratta,

FEDERICO/ MA COSA GH‟E STACC? HE' E' STATO? (Alfredo sta zitto, Federico riesce.(sempre fuori scena) ALFREDO, ME SE FO‟ LA BARBA, ONA BELA DOCCIA E… (come

Sopra. Alfredo piange di piu) MA COS‟EL? LA SARA‟ L‟ETA‟. ME SENTE COME U LAMENTO…

FEDERICO/ (riesce) ALFREDO, ME FO LA BARBA E LA DOCCIA, E PO FINALMENTEAN PART! (C.S. Alfredo non si trattiene piu) ALFREDO, ALFREDO, MA ALURA, TE SERET TE! MA COSA L‟E SOCEDIT?. DIM MIA CHE SE TRATTA AMO‟ DELA VALENTINA, NEH?

ALFREDO/ (molto sofferto) SE, FEDERICO, DIM NEGOT. PER L‟AMICISIA CHE „N GA,SOPORTEM! (sopportami)

FEDERICO/ (sofferto) ALFREDO, A L‟E U MIS CHE TE EGNET CHE A LA ME‟ CA, E TEME CONTET SO SEMPER I STES LAUR E PASE PO‟ PER UN UREGIU‟! MA ME PODE FAGA COS‟E‟ SE LA VALENTINA LA T‟HA LASAT? ALFREDO, LA VALENTINA LA T‟HA LASAT! CHESTA L‟E LA REALTA‟

ALFREDO/ (disperato) FEDERICO, OTEM, FEDERICO, TE TE GH‟ET DE OTAM

FEDERICO/ ALFREDO, ME TE OTE, MA DIM COSA G‟HO DE FA‟?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


17

ALFREDO/ (di scatto alzandosi, allungando la mano) PRESTEM DES MELA EURO

FEDERICO/ ALFREDO, MA SET DRE‟ A DI COS‟E‟? ME TE OTE, MA TE‟ LASA PERT ISOLCC! E PO, MIA PER SCHERSA‟ MA ME TE L‟ERE DICC! ALFREDO, STA ATENT, CHELA LE‟ L‟E TROP ZUENA, LA G‟HA MIA DE PROBLEMI, LA OL DIERTIS. LASA PERT, FA MIA STUPIDADE. TE L‟O DICC SE O NO?

ALFREDO/ SE, TE ME L‟ET DICC. TE ME L‟ET DICC.

FEDERICO/ ALFREDO, SE‟, PERO‟ TE SCOLTAM… NEGOT! TE FAET OL FILOSOFO:FEDRICO, (smorfiando) E' SOLO UN'AVVENTURA, CHE VUOI CHE SIA, UNA PARENTESI, UN PUNTO E VIRGOLA IN UN ROMANZO D'AMORE...ALA FACIA DEL PUNTO E VIRGOLA. TE CHESTO ROMANZO D‟AMORE TE L‟ET TRASFURMAT IN D‟ONA ENCICLOPEDIA DE 15 VOLUMI

ALFREDO/ (piangendo) E VA BE‟, FEDERICO…. SO‟ AMO‟ INAMURAT, COSA PODE

FAGA? FEDERICO, TE TE GH‟ET DE OTAM, TE SET L‟ONEC AMIS CHE G‟HO!

FEDERICO/ (risoluto, Federico continua a prepararsi la valigia) ALFREDO, ME SARO‟PUR OL TO‟ AMIS, MA DOPO ONA SETIMANA DE LAURA‟, ME G‟HO BISOGN DE INDA‟, DE PARTI‟, DE CONOS ZET NOA, VOLTI ALLEGRI, (Alfredo piange, DA "volti allegri") SORRIDENTI, (alfredo si dispera) E MIA CADAVERI AMBULANTI (mentre Alfredo piange) E PER FAVORE…! (pausa di silenzio, Alfredo continua a piangere)

MARIA/ (fuori scena, cantato) OL ME COR EL FA BUM BUM… OL ME COR EL FA BUMBUM….. QUANDO TE PASET TE OL ME COR EL FA BUM BUM….

FEDERICO/ ALFREDO, FA MIA ISCE‟

MARIA/ (fuori scena) QUANDO TE PASET TE OL ME COR EL FA BUM BUM….

QUANDO TE PASET TE OL ME COR EL FA BUM BUM….

ALFREDO/ FEDERICO, DOPO SES MIS D‟AMUR, DE PASIU‟ TRAVOLGENTE,MEGHE LA FO PIO‟ A STA SENSA DE LE‟. GHE LA FO‟ PIO‟. ORMAI SO DISPOSTO A FA TOT, ANCHE A SPUSALA. SO DISPOSTO A SEPARAM DE LA ME‟ DONA. FEDERICO, ME SO COCC! SO COCC! (prende i vestiti di Federico dalla valigia e con stizza li butta per aria)

FEDERICO/ SE, COCC, E REMBAMBIT! OL FOC TE GH‟ERET DE SMURSAL PRIMA.ADES A L‟E‟ ON INCENDIO E AN POL DOMA SIRCA‟ U POMPIER! …(fra se) MA ET FACC COM‟E?, DIGHE ME! COME ET FACC! ALFREDO, COME ET FACC! (chiedendo)

ALFREDO/ (squillante, ricordando) E, HO FACC, FEDERICO, HO FACC…. COME HO

MIA FACC…! FEDERICO, SE L‟E PER CHESTO, FAE SEMPER, DE DE‟ E DE NOCC. E HO FACC COME FAE MIA DE TACE AGN! IN DI POSCC PIO‟ IMPENSABEI: AL MAR, IN MUNTAGNA, PER LA STRADA, DET IN MACHINA, DE DRE‟ AL TRAM! (dietro al tram)

FEDERICO/ (sorpreso) DE DRE‟ AL TRAM?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


18

ALFREDO/ E VA BE'. A L‟E' U MODO DE DI! „NDOE CH‟EL CAPITAA! FEDERICO, AL‟ERA MAI A SE‟. AN FAA SEMPER….

(velocemente)

FEDERICO/ E CHESTO AL T‟HA FREGAT! ET FACC TROP! TE SERET PIO‟ ABITUAT!

ALFREDO/ (depresso) SO DIMAGRIT DE DES CHILI

FEDERICO/ E SE ET, ARDA CHE MUS BIANC BIANC CHE TE GH‟ET! ADES CHE TEARDE BE, TE ME FET QUASE IMPRESIU‟…

ALFREDO/ A LA ME‟ MOER GH‟ERE DICC CHE SERE A DIETA

FEDERICO/ E PER FORSA, COSA ULIET DIGA A CHELA POERETA? MEI CHE LA SESFINIDA, SCOLTEM A ME‟! SE DE NO‟ CON CHI RITMI CHE‟, OL TRAM AL TE LASA SO DIRETAMENT AL CIMITERO

ALFREDO/ MANNAGGIA A ME, MANNAGGIA (piange)

(PAUSA TRISTE)

MARIA/ (fuori scena, cantato) LA TO BELA US LA ME FA BAT OL COR…. E QUANDO TE

PASET TE, OL ME COR EL FA BUM BUM….

FEDERICO ALFREDO, FA MIA ISCE‟! DIM COSA PODE FA? (gridato) MARIA, SBASASTA US! ALFREDO, MEI CHE TE FAGHET DU PAS

ALFREDO/ E INDOE „NDO?

FEDERICO/ AL SO MIA… (lo prende sotto al braccio e lo accompagna alla porta)ALFREDO, DIM NEGOT, MA ME G‟HO DE PARTI‟, G‟HO AMO‟ DE FAM LA DOCCIA E LA BARBA. E PO‟ TE‟ TE STET TROP MAL E TE SET MIA LUCIDO. PODE DIT DE TOT MA TE TE SCOLTET MIA… ALFREDO, M‟EN PARLA LONEDE, DAI, QUANDO TURNE DEL WEEK END, VA BEN? (apre la porta)

ALFREDO/(piange) MA COME?TE INVECE DE OTAM, TE ME MANDET VIA‟?

FEDERICO/ .. ALFRE' ME OLE OTAT… VA BE‟, DAI. ALFREDO, FA ISCE‟: PARLEM MIADE SOLCC, MA DIM COSA PODE FA PER TE!

ALFREDO/ (sulla soglia , ritorna vicino al telefono) FA ONA TELEFUNADA

FEDERICO/ A CHI?

ALFREDO/ (molto serio) ALLA VALENTINA! PARLEGA TE‟! DIGA CHE STO MAL,DIGHEL CHE SOFFRO. CON ME LA OL PIO‟ PARLA‟. APENA CHE LA SENT LA ME‟ US, LA MET SO!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


19

FEDERICO/ (chiude la porta) ALFREDO, MA DAI, LASA PERT! MA GHE DIGHE COS‟EME ALA VALENTINA?

ALFREDO/ (frenetico) T‟EL SUGERESE ME! PREOCUPES MIA, VE SA‟, VE SA‟... (fa ilnumero) (situazione agitata)

ALFREDO/ L‟E' LIBER , L‟E' LIBER (da' il telefono a Federico)

FEDERICO/ SE, L‟E‟ DRE‟ A CIAMA‟. GH‟E‟ ONA MUSICA… PRONTO!

ALFREDO/ L‟E' LA SEGRETERIATELEFONICA, SPECIA OL BIP

FEDERICO/ PRONTO, PRONTO!

ALFREDO/ L‟E' LA SEGRETERIA, T‟HO DICC. A LA MET QUANDO L‟E‟ MIA IN CA‟.SCOLTA OL MESSAGGIO E PO‟ DOPO PARLA! (FEDERICO METTE IL VIVAVOCE)

VALENTINA/ (si sente la voce calda e sensuale di valentina su musica soft lenta, durantela telefonata i due si abbracciano e si toccano come fossero due innamorati) CIAO SONO VALENTINA, MI DISPIACE MA... SONO SOTTO LA DOCCIA E NON TI POSSO RISPONDERE, LASCIAMI PURE UN TUO MESSAGGIO, TI RICHIAMERO'. SE SEI ALFREDO (arrabbiata) VADA VIA I CIAP, VADA VIA I CIAP, VADA VIA I CIAP (calda) SE SEI UN ALTRO ...PARLA DOPO IL BIP, CIAO (si sente il bip)

FEDERICO / (agitato) IL BIP, IL BIP! IL BIP!

ALFREDO/ VALENTINA SONO FEDERICO (suggerisce a bassa voce)

FEDERICO/ COME SARES SO‟ FEDERICO?

ALFREDO/ SO‟ FEDERICO! SE GHE DIGHE CHE SO L‟ALFREDO, QUANDO LA ME‟TELEFUNA?

FEDERICO/ VALENTINA SONO FEDERICO (con la stessa cadenza di voce di Alfredo)

ALFREDO/ (suggerisce velocemente) VALENTINA VEDIAMOCI, CI FAREMO UNMERAVIGLIOSO VIAGGIO D'AMORE INSIEME,

FEDERICO / VALENTINA VEDIAMOCI, CI FAREMO UN MERAVIGLIOSO VIAGGIO D'AMORE INSIEME

ALFREDO/ VALENTINA CHIAMAMI , PER FAVORE

FEDERICO/ VALENTINA CHIAMAMI, PER FAVORE, ....AL ME SOMEA DE ES A MESA

ALFREDO/ VALENTINA CHIAMAMI ALLO 035/554433, CIAO

FEDERICO/ VALENTINA CHIAMAMI ALLO 035/554433, CIAO (riattacca)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


20

FEDERICO/ ALFREDO, MA TE GH‟ET DACC OL ME‟ NOMER!

ALFREDO/ E CHE NOMER GH‟ERE DE DAGA? QUANDO LA CIAMA, TE GHE DET ONAPPUNTAMENTO, PERO INVECE DE INDA‟ TE‟, INDARO‟ ME‟! CAPIT?

FEDERICO/ ALFREDO, MA PERCHE‟ STA VALENTINA LA G‟AVRES DE EGN A UNAPPUNTAMENTO CON ME? LA ME CONOS GNAC!

ALFREDO/ LA E‟, LA E‟! LA VALENTINA L‟E‟ ONA SCETA SOCIEVOLE! TE TE LACONOSET MIA! E PO‟ DOPO A LE‟ GHE PIAS VIAGIA‟. PREOCUPES MIA, FEDERICO, APENA LA TELEFUNA, ME‟ INDO‟!

FEDERICO/ ALFREDO, MA TE TE „NDET PO SE LA TE TELEFUNA MIA! (guardal'orologio) TE DO‟ SIC MENUCC DE TEP

ALFREDO/ GRASSIE , GRASSIE FEDERICO (lo abbraccia, e lo bacia) TE OLE BE‟! AHCHE TE DO‟ U BASì! COSA FARES SENSA DE TE? COSA FARES?

FEDERICO/ BASTA ALFREDO, DAI

MARIA/ (E' presente alla scena) ME AVRES FINIT! (li trova abbracciati)

FEDERICO/ (salto di paura molto impacciati,) OH MAMMA MIA, MARIA, TE OGNE TATTE CUMPARESET COME UN FANTASMA

MARIA/ (arrabbiata) ME DISPIAS MA SO MIA U FANTASMA, SO DE CARNE E OS EG‟HO DU OCC GRANC E DO UREGE BELE GROSE. DO UREGIUNE! SCUSIM SE VI HO INTERROTTO OL TETE A TETE, MA ME HO FINIT!

FEDERICO/ GRAZIE MARIA. SET DRE‟ A „NDA‟? (impacciato)

MARIA/ SE, SE, ADES INDO‟, PREOCUPES MIA CHE „NDO! VE LASE SOLI, SOLISOLETTI. SCIUR ALFREDO, ME „NDO. FEDERICO, ME „NDO!

FEDERICO/ VA, VA! SET DRE‟ A SPETA‟ CUS‟E? VA!

MARIA/ SCIUR ALFREDO, LU L‟ISTA‟ CHE AMO‟? (sottolineato)

FEDERICO/ TE PREOCUPES MIA… ADES EL VA PO‟ LU!

ALFREDO/ (impacciato) SE, SE, SPECIE ONA TELEFUNADA E INDO‟!

MARIA/ SCIUR ALFREDO, PODE FAGA ONA DUMANDA?

FEDERICO/(risoluto) MARIA, DUMANDA NEGOT, CHE LA SITUAZIU CHE L‟E‟ SEMO‟

DIFFICILE E PESANTE

MARIA/ E VA BE', „NDO, SARA' PER UN'OTRA OLTA, SALUTI (gay)

ALFREDO/ (lievemente gay) ARRIVEDERCI, ARRIVEDERCI

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


21

FEDERICO/ MADONA ME‟, SE GHE OL! FINALMENT (chiude la porta)

ALFREDO/ (alza la cornetta) PRONTO, PRONTO, ..VALENTINA, CIAMA, TE PREGHE,TELEFUNA. FEDERICO, LA CIAMA MIA..NEGOT

FEDERICO/ ... SENT ALFREDO, FA ISCE‟! INTAT CHE ME SPECIA LA TELEFUNADA,DELA VALENTINA, ME PRUFITE E FO LA BARBA. TE DISPIAS?

ALFREDO/ NO, NO FEDERICO, VA PUR. FA CHEL CHE TE GH‟ET DE FA, L‟E CA TO‟CHESTA

FEDERICO/ (mentre esce in bagno) DI OLTE ME SOMEA MIA…

ALFREDO/ VALENTINA TELEFUNA, TE PREGHE, PERCHE' TE CIAMET MIA?

(entra, accorgendosi che Federico non c'e', va silenziosa alle spalle di Alfredo, che sta assorto vicino al telefono, Maria parla a voce bassa)

MARIA/ (sotto voce) SCIUR ALFREDO (non la sente) SCIUR ALFREDO (lo tocca)

ALFREDO/ MADONA ME! CHI EL? (alzandosi di scatto impaurito)

MARIA/ (parla a voce bassa) SO' ME‟. GH‟E‟ MIA DE IGA PURA!

ALFREDO/ SCIURA MARIA, L‟ERA DRE A FAMM VEGN U COLP!

MARIA/ OH, PER ISCE‟ POC?

ALFREDO/ MA, LE LA E‟ DET DE NASCUNDU‟…LA ME SCUSE

MARIA/ NO, L‟E' CHE ME HO LASAT CHE LA ME BORSA IN CAMERA E SO TURNADAINDRE‟

ALFREDO/ (indicando) OL FEDERICO L‟E DRE A FA‟ LA BARBA

MARIA/ AH DAVVERO, E ALURA PRUFITE, (a voce bassa) SCIUR ALFREDO, LE ALLASE DE LA‟ OL ME‟ FRADEL, EL G‟HA MIA DE ET CHE PARLE CON LE, SENO AL DIENTA NERVUS

ALFREDO/ NO, NO, MA SE ET CHE SE ULì BE‟

MARIA/ L‟E‟ IRA CHE AN SE OL BE‟

ALFREDO/ PO‟ ME GHE OLE BE‟ AL FEDERICO, PERO‟

MARIA/ EH, AL SERE MIA MA SO DRE‟ A SIRCA‟ DE ABITUAS. ANCHE SE L‟E‟ UN PODIFICEL. SCIUR ALFREDO, A L‟E‟ DIFICEL… (sottolineato)

ALFREDO/ (lievemente gay) INVECE L‟E‟ FACILE, PERCHE‟ OL FEDERICO LA MERITA,

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


22

MIA PERCHE‟ L‟E‟ OL SO FRADEL, MA L‟E‟ ON OM MERAVIGLIUS, SEMPER DISPUNIBLE, SEMPER PRONT A OTA‟ I AMIS. PO‟ DOPO, NONOSTATE L‟ETA‟ L‟E AMO‟ BEL, EL G‟HA U FISICO DE VENTENNE. AH, L‟INVIDIE, L‟INVIDIE PROPE..

MARIA/ EH, AL GHE PIAS A STO SPURCACIU‟!(trase'). AL VARDE, LA ME MAMA L‟E‟MORTA ZUENA, ALURA L‟HO FACC DIENTA‟ GRANT ME‟, COME ONA MAMA. PERCIO‟ ME SO TACADA A LU‟. S‟EL SAVRES QUANTE PREOCUPAZIU EL M‟HA DACC QUANDO L‟ERA PICINì. COMUNQUE, NONOSTANTE CH‟EL SES DIENTAT GRANT, ME ME SE PREOCUPE PER OL FEDERICO. COSA PODE FA, A L‟E‟ PIO FORT DE ME, PODE MIA FA A MENO

ALFREDO/ E VA BE‟, LE‟ L‟E‟ LA SURELA, L‟E‟ NURMAL

MARIA / SCIUR ALFREDO, AL ME SCUSE PER CHESTA PARENTESI FAMIGLIARE, MAME G‟HO DE FAGA ONA DUMANDA. GHE DISPIAS? (guardandosi intorno)

ALFREDO/ NO PERCHE' .. LA DISE PUR

MARIA/ VERAMENT A L‟E‟ ONA DOMANDA UN PO INDISCRETA E FASTIDIUSA…PERO‟ ME G‟HO DE FAGHELA, SENO‟ STANOCC DORME MIA

ALFREDO/ SCIURA MARIA, LA DISE, LA DISE, LA SE PREOCUPE MIA

MARIA/ ECCO, SCIUR ALFREDO (molto vicini, ogni tanto Maria, si guarda in torno pervedere se viene Federico)

ALFREDO/ AEH…

MARIA/ EL SE UFENDE MIA, MA… (in modo diretto) LE L‟E‟ ON PO‟ ON UREGIA? (colgesto)?

ALFREDO (Alfredo ha capito ma finge di non aver capito,) …ONA REGGIA? GHE N‟HO

MIA ME DE REGGE! ME G‟HO ON APARTAMENT. U BILOCALE, ANSE, U MONOLOCALE, ANSE U SGABUSì

MARIA (a voce alta) SCIUR ALFREDO, HO MIA DICC REGGIA. HO DICC UREGIA!SCIUR ALFREDO, A L‟E‟ ON UREGIU‟? SE O NO?

ALFREDO/ (disturbato, cammina per la stanza come se scappasse, sempre seguito daMaria) SCIURA MARIA, PER PIASER, ME PER EDUCAZIU FO FINTA DE CAPE‟ MIA, PERO‟ LE‟ LA SIGHETA…

MARIA/ SCIUR ALFREDO, AL SE ERGOGNE MIA SE L‟E‟ ON UREGIU‟. FA NEGOT. AME‟ ME PIAS MIA, PERO‟ RISPETE. PERCIO‟, SE LU L‟E‟…. AL POL ANCHE DIMEL

ALFREDO/ MA, MA COSA L‟E‟ DRE‟ A Dì!? HO MIA CAPIT. ME SE PREOCUPE ME! AHG‟HO FORSE LA FACIA DE U CHE L‟E‟ ON URGEGIU‟?

MARIA/ (ironica) INSOMMA... MIA DOMA LA FACIA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


23

ALFREDO/ MA LA SCHERSE MIA! E PO‟ DOPO, SE ANCHE EL FODES? COSA GHEINTERESA COS‟E A LE‟?

MARIA/ (breve pausa) E VA BE‟, DAI, FORSE EL G‟HA REZU‟. FORSE HO ESAGERATUN PO‟. AL FAGHE CONT CHE ME HO DICC NEGOT. TOE SO‟ LA ME BORSA E INDO‟. ARRIVEDERCI

ALFREDO/ ARRIVEDERCI, ARRIVEDERCI

(bussano alla porta prima che esca)

FEDERICO/ (uscendo dal bagno) ALFREDO, ET SENTIT LA PORTA? MARIA? MA SETAMO‟ CHE‟?

MARIA/ (colta in fallo) FEDERICO, DIM NEGOT PERCHE‟HO DOMA LASAT CHE LABORSA IN DELA TO CAMERA (la va a prendere, passa davanti a Federico) „NDO A TOLA E PO‟ INDO VIA‟

FEDERICO/ (la segue con gli occhi) L‟E‟ SEMPER DE PIO‟ U FANTASMA. FENESE PERSUGNALA DE NOCC, CHELA DONA CHE‟

ALFREDO/ FEDERICO, MA STA PORTA

FEDERICO/ ALFREDO, DERV FO PER PIASER, EDET MIA COME SO CHE‟? (sempre investaglia)

PEPPINO/ (Tipo sui 50 anni, parla un italiano strano (sardo?) con i fiori davanti alla faccia,ha con se' sempre una penna e blocchetto dove segna le sue frasi poetiche, si vedono solo i fiori)

ALFREDO/ A L‟E‟ OL FIURISTA. T‟ET URDINA U MAS DE ROSE, PER CASO?

PEPPINO/ (entrando) MA QUALE FIORAIO. SONO PEPPINO IL MARITO DI MARIA,CIAO FEDERICO

FEDERICO/ (nervoso) MA SIF DACC OL APUNTAMET TOCC IN CA‟ ME‟ STAMATINA?

PEPPINO/ (ad Alfredo gli da' la mano) PIACERE, GIUSEPPE SCIROCCO

ALFREDO/ ALFREDO GELO, PIACERE

PEPPINO/ (ironico, credendo di essere preso in giro gli stringe forte la mano) BRAVO,SIETE UN TIPO SPIRITOSO, E‟ UN TIPO ALLEGRO, LEI!

ALFREDO/.. AH MA, LA DIS PER OL ME NOM? NO, ME ME SE CIAME PROPE ISCE‟.(chiamandolo) FEDERICO

FEDERICO/ SE, PEPI‟, AL SE CIAMA ALFREDO GELO, A L‟E‟ U ME AMIS,IMPRESIUNES MIA. E TE‟ COME STET? CHE ARIA AGITATA CHE TE GH‟ET!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


24

PEPPINO/ (geloso) FEDERICO, MARIA E‟ ANCORA QUA?

FEDERICO/ OLET CHE LA SES INDOE? STAMATINA SI‟ TOCC CHE‟! (la chiama).MARIA, GH‟E‟ CHE OL PEPPINO (non risponde)

FEDERICO/ (a peppino) L‟HA MIA SENTIT… (verso la stanza da letto) MARIA, GHECHE‟ OL PEPPINO, OL TO‟ OM. (gridato) ET SENTIT?

MARIA/ (fuori scena gridato) HO SENTIT, HO SENTIT! DIGA CHE G‟HO MIA OIA DEEDEL, CHE OLE MIA SENTEL E CH‟EL POL INDA‟

FEDERICO/ HO CAPIT NEGOT. PEPì, SPECIA ON ATEM, ADES INDO FO A CIAMALA(esce)

PEPPINO/ GRAZIE FEDERICO

ALFREDO/ (Alfredo e completamente perso in attesa della telefonata) PRONTO,PRONTO,

PEPPINO/ (fa le prove, sotto voce, poetico legge dal blocchetto) MARIA , MARIA,ECCOMI A TE CON QUESTI FIORI VIRGOLA. NO, NON MI PIACE

ALFREDO/ (lo guarda e lui sta zitto) ..... PRONTO..PRONTO..

PEPPINO/ (Come Prima.) MARIA, SOGNO DI RARA BELLEZZA..VIRGOLA, OH MARIA,NO, NON VA BENE!

ALFREDO/ PRONTO..PRONTO. PORCA MISERIA! (riattacca il telefono con stizza)

PEPPINO/ MA PERCHE‟, HA SUONATO?

ALFREDO/ (arrabbiato) SE‟! L‟HA SUNAT, L‟HA SUNAT! L‟HAMIA SENTIT?

PEPPINO/ VERAMENTE NON HO SENTITO NESSUNO SQUILLO.

ALFREDO/ PRONTO, PRONTO, (sempre piu nervoso)

PEPPINO/ MA LAVORA PER UNA SOCIETA' DEI TELEFONI PER CASO, LEI E‟ UNTECNICO?

ALFREDO/ MA PERCHE‟ AL SE FA MIA I AFARE SO‟? MA CHI L‟HA INTERUGAT? ALSE FAGHE I FATTI SO‟! (alterato - si gira) PRONTO, PRONTO

PEPPINO/(tra sé) ADESSO GLI BUTTO I FIORI IN FACCIA

FEDERICO/ PEPPINO, GH‟E‟ CHE LA MARIA, LA TO‟ DOLCE META‟. TOH, PORTELAVIA‟

PEPPINO/ (gli va incontro con passione) MARIA, OH MARIA, MARIA DOLCE, AMMOREMIO, VIRGOLA, T‟HO PORTATO QUESTI FIORI PER FARMI PERDONARE. FACCIAMO PACE, PER FAVORE

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


25

MARIA/ (fredda) PEPPINO, COSA GH‟E? COSA GH‟E‟ STAC? COSA L‟E‟ SOCEDIT? PEPPINO/ NIENTE E‟ SUCCESSO, NESSUN TERREMOTO, NESSUN MAREMOTO,NESSUNA ALLUVIONE. PERCIO‟ PUOI STARE TRANQUILLA. MARIA, RILASSATI

MARIA/ E SET VEGNI‟ CHE A FA‟ COS‟E?

PEPPINO/ (sempre con enfasi) MI SONO RICORDATO CHE TI AVEVOACCOMPAGNATA DAL DOTTORE. NON TI HO VISTA ARRIVARE E MI SON DETTO: FORSE SI E‟ PERSA. E ALLORA MI SONO PRECIPITATO QUA DA TUO FRATELLO

MARIA/ TE TE GH‟ERET DE PRECIPITA‟ DE U PALAS DE QUATER PIANI, MIA A CA‟DEL ME‟ FRADEL, T‟EL SET CHE OL FEDERICO EL VOL MIA ZET IN CA‟ SO!

FEDERICO/ (depreresso mentre s'impegna a sistemare gli indumenti nella valigia)MAGARE U‟ A LA OLTA, SE‟. SE L‟E‟ PUSIBEL, MIA TOCC INSEMA. U ALA OLTA…

PEPPINO/ MARIA, MA CI DEVI ANDARE DAL DOTTORE, SI O NO?

MARIA/ (dispettosa) MA SE T‟HO DICC CHE IND‟ DE PER ME‟ DEL DUTUR! E PERL‟APPUNTAMENTO GHE OL AMO‟ UN URA ABUNDANT! TE CONVE‟ TRUA‟ ON OTRA SCUSA!

PEPPINO/ MARIA, AMMORE, AMMORE MIO, PERDONAMI. SAI CHE SE NON STO INPACE CON TE, NON MI VIENE L‟ISPIRAZIONE. MARIA, FACCIAMO PACE.

FEDERICO/ (sottolineato) MARIA FA LA PAS, DAI

MARIA/ NO, OLE MIA FALA. TE GH‟ET DE DIM LA ERITA‟

FEDERICO/ (C.S. stesso tono) MARIA, FA LA PAS

PEPPINO/ E VA BENE, PER IL DOTTORE CI VUOLE ANCORA UN‟ORA, MA IO NONPOTEVO PIU‟ ASPETTARE, PERCHE‟… SI APPASSIVANO LE ROSE! E ALLORA SONO VENUTO PRIMA! E TI HO DETTO LA VERITA‟. ADESSO FACCIAMO PACE?

MARIA/ T‟HO DICC DE NO!PEPPINO, TE TE SET TROP GELUS!

FEDERICO/ (innervosendosi) MARIA DIGA DE SE‟, PER PIASER! SENO‟ ME‟ PARTEPIO‟

PEPPINO/ E TI HO COMPRATO PURE I FIORI…

FEDERICO/ MARIA, AL T‟HA COMPRAT PO‟ I FIUR, FA LA PAS, DOCA‟ (sempre piudeterminato)

ALFREDO/ (gay, poetico, al pubblico) UH, I FIUR, CHE GESTO ROMANTICO

MARIA/ (subito) CHI FIUR CHE‟ TE PODET BUTAI IN DEL BIDU‟ PERCHE‟ I A OLE MIA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


26

PEPPINO/ E ALLORA MANGIATI UN BACIO, LASCIA CHE QUESTA CIOCCOLATA TIADDOLCISCA IL CUORE!

MARIA/ PEPI‟, PIO‟ NEGOT? TE ME SOMEET BABBO NATALE!

FEDERICO/ MARIA, FA LA PAS PER PIASER

PEPPINO/ T'‟HO SCRITTO UNA POESIA, SENTI COM‟E BELLA!

FEDERICO/ MARIA, AL T‟HA PO‟ SCRIIT ONA POESIA…

ALFREDO/ (gay - poetico- al pubblico) OH DIO..ONA POESIA, MA CHE PENSERROMANTICO

MARIA/ OLE SENT NEGOT

PEPPINO/ (recita come fosse una cantilena, e anche la punteggiatura) OH MIA PULEDRARIBELLE CHE GALOPPI SOLITARIA VERSO LA TUA LIBERTA' VIRGOLA, INSEGUITA DA UNO STALLONE BLANCO DALLA CRINIERA TUTTA D'ORO CHE INVANO PROVA A RAGGIUNGERTI VIRGOLA, FERMATI PUNTO ESCLAMATIVO E GUARDA PUNTO E VIRGOLA (indicandosi) IL TUO STALLONE INNAMORATO PUNTO.

ALFREDO/ OH U STALLONE BIANC, CHE IMMAGINE! (avvicinandosi) SCIUR PEPPINO,AL ME SCUSE, MA SE OL SO STALLONE AL FODES NIGHER, AL SARES MIA MEI? (situazione molto confusa e veloce)

PEPPINO/ (innervosendosi, lo costringe di nuovo a sedersi;) LO STALLONE NON SITOCCA! E‟ BIANCO E BASTA. MA CHI VI HA INTERROGATO? MA CHI VI HA INTERROGATO?

MARIA/ (ad alfredo, gridato) OH, MA A LU‟ COSA GH‟INTERESA COS‟E SE OLSTALLONE L‟E‟ BIANC O NIGHER? AL GHE BASTAA MIA OL ME FRADEL, EL G‟HA DE PURTAGA VIA‟ ANCHE OL STALLONE AL ME OM?

ALFREDO/ (chiede aiuto) FEDERICO...

FEDERICO/ MARIA LASEL ISTA‟ E PREOCUPES MIA CHE OL TO‟ OM AL LA OL NISU‟

PEPPINO/ MARIA, FACCIAMO PACE!

FEDERICO/ MARIA, FA LA PAS

MARIA/ NO, OLE MIA!

ALFREDO/ (alzando la cornetta come per rispondere) PRONTO, PRONTO

FEDERICO/ (va avanti indietro tra maria e Alfredo alla prima gli dice di far pace alsecondo di posare la cornetta, glielo toglie di mano innervosendosi) ALFREDO META SO‟

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


27

STO TELEFONO CHE L‟HA MIA SUNAT

PEPPINO / MARIA FACCIAMO PACE

FEDERICO/ (nervoso) MARI FA LA PAS SENO‟ TE TIRE DRE‟ ONA ZEBRA

PEPPINO/ MARIA PER L‟ULTIMA VOLTA, FACCIAMO PACE..

(tutto si placa)

MARIA/ E VA BE‟ FA STA PAS, SENO‟ ME STA CHE‟ TOTA LA GIURNADA E OLFEDERICO AL G‟HA DE PARTI‟

FEDERICO/ MENO MAL!

MARIA/ PEPPINO, „NDEM

PEPPINO/ SI MIA DOLCE PULEDRA ANDIAMO, ANDIAMO NELLA STALLADELL'AMMORE VIRGOLA, DOVE LO STALLONE BLANCO FINALMENTE DARA' SOSTANZA E CORPO AL SUO INESAURIBILE AMMORE PUNTO.

MARIA/ DAI, E‟ CHE‟ STALLONE BIANCO, CAMINA, CAMINA! ANSE TROTTA! SCIURALFREDO, LA SALUDE. ARRIVEDERCI (lo tira; se ne vanno, Maria rimane sull'uscio, Peppino torna indietro)

ALFREDO/ ARRIVEDERCI , ARRIVEDERCI,

PEPPINO/ UN MOMENTO, NON MI LASCI SALUTARE? (federico e alfredo si alzano discatto e gli vanno incontro per salutarlo,) MA CHI L‟HA CHIAMATA? (ad Alfredo che scappa) MA CHI LA CONOSCE? FEDERICO, A TE TI SALUTERO‟ CON UNA POESIA. M'E' TORNATA L'ISPIRAZIONE

FEDERICO/ PEPINO, FA NEGOT, STRACHES MIA, CHE LA STALA LA TE SPECIA

PEPPINO/ NO, FEDERICO, UNA COSA BREVE! (tono alto) AMMORE DOLCE (con tonobasso) AMMORE AMARO , (alto) AMMORE MATURO (basso) AMMORE ROSSO, (tutto d'un fiato) AMMORE , AMMORE SUCCOSO UNA PESCA IN FIORE CHE TI PROFUMA L‟ANIMA PUNTO. TI PIACE?

FEDERICO/ TE, LA TO SURELA E I PERSEC… CAMINA, CAMINA, VA! (se lo tira,escono)

MARIA/ (a peppino) CAMINA, CAMINA, ‘NDEM!

FEDERICO/ MAMMA MIA COME L‟E DIFICEL TRUA‟ UN PO‟ DE PAS. E MENO MALCHE STO CHE DES PER ME‟

ALFREDO/ PRONTO, PRONTO… FEDERICO, LA VALENTINA LA CIAMA MIA!

FEDERICO/ ALFREDO, DESMENTEGALA STA VALENTINA, SENO‟ AN G‟HA DE

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


28

PURTAT AL MANICOMIO

ALFREDO/ A PROPOSET, FEDERICO, SET OL PERCHE‟LA TO SURELA LA M‟HADUMANDAT SE SO ON UREGIU?

FEDERICO/ ANCHE A TE‟? AH, L‟E‟ U LAUR IMPUSIBEL! E LA G‟HA MIA ERGOGNA.ALFREDO, FAGA MIA CASO! LA ME SURELA LA S‟E‟ FISADA CHE OL SO FRADEL L‟E‟ UN UREGIU‟ E ALURA LA ET UREGIU‟ DES PER TOT. PIOTOST, ALFREDO, MA TE‟ QUANDO INDET VIA? OL TEP L‟E‟ SCADIT!

ALFREDO/ FEDERICO, OL TO AMIS EL SOFFRE, A L‟ISTA‟ MAL E TE‟ INVECE DEOTAM TE ME FET I QUIZ… IL TEMPOE‟ SCADUTO! (smorfiando)

FEDERICO/ ALFREDO, MA COSA G‟HO DE FA DE PIO‟?

(squilla il telefono, situazione agitata)

ALFREDO/ (gridato e agitato) UH, OH, OL TELEFONO, LA VALENTINA, LAVALENTINA,RESPOND!

FEDERICO/ (agitato) SE, SE, ADES RESPONDE

ALFREDO/ L'APPUNTAMENTO! DAGA L‟APPUNTAMENTO

FEDERICO/ SE, SE, GHE DO L‟APPUNTAMENTO…. MA INDOE‟, INDOE‟ STO

APPUNTAMENTO?

ALFREDO/ (eccitato) DE DRE‟ AL TRAM, DE DRE‟ AL TRAM! RESPOND, MOES!

FEDERICO/ PRONTO VALEN... FIAMMETTA, SE‟, CIAO, CIAO FIAMMETTA, ALFREDOL‟E‟ LA TO‟ DONA (Alfredo sprofonda nella tristezza). T‟ERE MIA CUNUSIDA, SCUSA. CHI? L‟ALFREDO? L‟ERA DICC CH‟EL VEGNIA DE ME‟? AH, HO CAPIT. FIAMMETTA (gesti di alfredo per dire che non c'e) VERAMENTE CHE‟ AL GH‟E MIA! SE‟, A L‟E UN STRONS…TE GH‟ET REZU! APENA AL RIA, GH‟EL DISE. SENS‟OTER! SE‟, L‟E PROPE CHEL CHE L‟E‟. EDERET CHE GHEL DIGHERO‟! PREOCUPES MIA (riattacca) .

ALFREDO, LA TO‟ DONA… L‟HA DICC CHE TE SET U….

ALFREDO/ LASA PERT, HO SENTITO

FEDERICO/ MA SET SIGUR CHE ET SENTIT BE? L‟HA PROPE DICC CHE TE SET U…

ALFREDO/ HO CAPIT BE‟! LASA PERT! INSOMMA PERO‟ L‟ERA MIA LA VALENTINA

FEDERICO/ ALFREDO DESMENTEGALA STA VALENTINA!

ALFREDO/ MAH, FORSE TE GH‟ET REZU‟. ME SA CHE L‟E‟ MEI SE PROE ADESMENTEGALA

FEDERICO/ BRAAO ALFREDO. DESMENTEGA, DESMENTEGA. CHE I LAUR I E‟ DRE‟A CUMPLICAS. MA DE TOTA CHESTA STORIA, LA TO DONA COSA LA SA?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


29

ALFREDO/ ....DEPRECIS LA SA NEGOT, MA ERGOT L‟AVRA‟ ANCHE CAPIT. I E‟ SES

MIS CHE L‟E‟ TAT NERVUSA. DE QUNDO HO CUNISIT LA VALENTINA, ME E LA FIAMMETTA AN M‟HA PIO‟ FACC L‟AMORE

FEDERICO/ SES MIS? OTER CHE NERVUSA? LA SERA‟ DIENTATA ISTERICA! LA SETACHERA‟ AI GAMBE DI TAOL!

ALFREDO/ FEDERICO, MA ME‟ GHE LA FO PROPE MIA

FEDERICO/ ALFREDO, SFORSES UN PO‟

ALFREDO/ FEDERICO, HO PRUAT, HO PRUAT, MA GH‟E‟ NEGOT DE FA! LU(indicando velatamente) AL VOL PROPE MIA SAEL

FEDERICO/ E PER FORSA, (smorfiando) DE DE‟, DE NOCC, DE DRE‟ AL TRAM…

ALFREDO/ (Alfredo si siede) FEDERICO, SO ON OM FINIT! CON CHELA STORIA CHE‟HO RUINAT TOT. HO PERDIT LA VALENTINA, LA ME‟ DONA, OL ME‟ SCET E LA ME FAMEA…

FEDERICO/ ALFREDO, PREOCUPES MIA, SE TE PARLET ISCE‟ FORSE TE SET INTEP AMO‟ A RICUPERA‟ (ritorna a preparare la valigia)

ALFREDO / (si toglie le scarpe) GH‟ERE TACE PROGETTI CON LA ME DONA, OL MESCET. INVECE HO PERDIT OL CO‟. TOT PERDIT, TOT A REMENGO PER COLPA DE ONA DONA

FEDERICO/ (girandosi) E VA BE‟, ALFREDO, PRECOCUPES MIA, L‟IMPORTANTE L‟E‟CHE TE‟… (rigirandosi) ALFREDO, MA COSA SET DRE‟ A FA?

ALFREDO/ FEDERICO DIM NEGOT! A ME‟ QUANDO SO NERVUS I ME SE GONFIA IPE‟ E I ME FA MAL I SCARPE. ARDA CHE!(mostra i piedi),

FEDERICO/ (ironico) OLET PO‟ ONA BACINELA DE ACQUA COLDA?

ALFREDO/ NO, NO, GH‟E MIA BISOGN, GRASSIE. BASTA CHE GHE FAGHE CIAPA‟UN PO‟ DE ARIA. CAMINE UN PO‟ E I SE SGONFIA. ECCO, EDET, ZEMO‟ STO PIO BE‟ (si risiede e si rimette le scarpe)

FEDERICO/ ALFREDO, MA PERCHE‟ TE INDET MIA A LA TO‟ CA? (si ottura il naso)

ALFREDO/ DISET CHE L‟E MEI?

FEDERICO/ ME DIGHERES DE SE‟

ALFREDO/ EH FORSE TE GH‟ET RESU. MEI CHE INDAGHE A CA DELA ME DONA EDEL ME SCET. SO DRE A FAI SUFRI‟ UN PO‟ TROP. L‟E‟ MIA GIOST (si rimette le scarpe) FEDERICO, AMO‟ UN OTER LAUR. MA SE OLE TURNA‟ DE LA ME‟ DONA, TE ME OTET?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


30

FEDERICO/ MA CERTO, ALFREDO! COSA G‟HO DE FA? ME AL FO CON TOT OL COR!

ALFREDO/ (si alza e allunga la mano) PRESTEM DES MELA EURO!

FEDERICO/ (Federico, lo prende sotto braccio e lo porta all'uscita) ALFREDO, TE SETTE‟ CHE TE OLET MIA FAS UTA‟! TE METET SEMPER DE MES I SOLCC! MA COSA GHE ENTRA PO‟, STI SOLCC?

ALFREDO/ ADES TE L‟ISPIEGHE

FEDERICO/ (sulla soglia risoleto) ALFREDO, SPIEGHEM NEGOT, FAM U PIASER: VAVIA‟, TANTO PODET DIM CHEL CHE TE OLET, MA ME TE DO‟ NEGOT. AN SA ET LONEDE! APENA TURNE TE TELEFUNE, VA BE‟?

ALFREDO/ E VA BE‟, DAI, GRASSIE. GRASSIE STES, FEDERICO. TE SET PROPE UVERO AMICO. SA‟, DAI CHE TE DO U BASì. CIAO FEDERICO. CIAO NEH. (lo abbraccia e lo bacia)

FEDERICO/ CIAO ALFREDO, DREC A CA‟,EH! FAM MIA STA IN PENSER! (da solo) EADES FIM FA STA BENEDETA DOCCIA! (esce nel bagno)

FINE PRIMO TEMPO

II TEMPO

(BUSSANO ALLA PORTA)

(Uscendo dal bagno con addosso accappatoio con cappuccio intento ad asciugarsi i capelli che

poi lascerá tutti arruffati)

FEDERICO/ U‟ MOMENT. RIE!

FIAMMETTA/ (entrando decisa e arrabbiata a centro palco) „NDOE EL OL ME OM!

FEDERICO/ (sorpreso) FIAMMETTA, SE FET CHE?

FIAMMETTA/ FEDERICO, DIM INDOE L‟E‟ L‟ALFREDO! (cercando in giro)

FEDERICO/ SENT FIAMMETTA..

FIAMMETTA/ DIM INDO L‟E‟ CHE PO‟ INDO VIA‟. EL M‟HA DICC CH‟EL VEGNIA CHEDE TE‟

FEDERICO/ FIAMMETTA, AL SO MIA INDO‟ L‟E‟. L‟E EGNIT, MA DOPO L‟E‟ INDAC VIA‟

FIAMMETTA/ TE TE SET OL SO AMIS! FIGURAS SE TE ME DISET INDO CHE L‟E‟!

FEDERICO/ FIAMMETTA, SO AMIS ANCHE TO‟ MA SO MIA INDO L‟E‟. L‟E‟ LA ERITA‟

FIAMMETTA/ (pausa triste , si siede sul divano) SI TOCC CONTRA DE ME!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


31

FEDERICO/ MA L‟E‟ SOCEDIT COS‟E‟?

FIAMMETTA/ (piange) GHE LA FO PIO‟! A L‟E‟ SES MIS CHE L‟ALFREDO L‟E‟ ON OTRAPERSUNA. AL VE A CA‟ SEMPER TARDE, EL SOGA PIO‟ COL NOST ISCET, SES MIS CHE AL ME TRATA COME ONA SCHIFESA

FEDERICO/ FIAMMETTA, CIAPESELA MIA, GHE SARA‟ U PROBLEMA SERIO, CHE ALGHE RIA MIA A RISOLVERE! E MAGARE EL VOL MIA DITEL PER MIA FAT PREOCUPA‟, MA TE EDERET CHE APENA LA RISOLVE…

FIAMMETTA/ (sempre piangendo si alza) FEDERICO, ARDEM ...... (mettendosi n posa)SO‟ AMO‟ ONA DONA AFFASCINANTE ?

FEDERICO/ (impacciato) MA.. VERAMENTE ......... SEGOND ME‟… MA.PERCHE' TEME DUMANDET?

FIAMMETTA/ .......FEDERICO..ARDEM .............. SO‟ BROTA?

FEDERICO/ (impacciato) MA..VERAMENTE.FIAMMETTA MA ..DIRES MIA… SCUSA…

FIAMMETTA/ SO BROTA, SE‟ O NO? (incalzando; gridato- isterica, mentre Federicocerca di dire qualcosa) SO BROTA! SO BROTA!

FEDERICO/ FIAMMETTA, PER PIASER, CALMES, CALMES!

FIAMMETTA/ INSOMMA, SO BROTA, SO BROTA SE‟ O NO? (come prima)RESPONDEM! (gridato) FEDERICO RESPONDEM!

FEDERICO/ (gridato) FIAMMETTA, TE FET ISCHEFE, SET CONTETA? MA TE SOMEACHESTA LA MANERA DE DUMANDA‟ I LAUR.

FIAMMETTA/ (piangendo) AL SIE, SO BROTA, BROTA!

(Fiammetta si risiede e piange disperata)

FEDERICO/ SCUSEM FIAMMETTA, TE TE SET MIA BROTA, ANSE, SE TE OLET, METROE… ATTRAENTE, TE SET PIO‟BELA… DELA BELEN!

FIAMMETTA/ MA AL ALFREDO GHE PIASE PIO‟! L‟E‟ SES MISCHE AL ME TOCAGHAC CON D‟U DIT! GNA U BACIO, ONA CARESA! SES MIS, CAPESET! (si alza gridando)

FEDERICO/ TE CAPESE, FIAMMETTA!

FIAMMETTA/ (gridato) SO DRE‟ A CIAPA‟ OL ESAURIMENT! FEDERICO, COSA PODEFA‟?

FIAMMETTA/ SEGOND ME‟ L‟E MEI SE TE E L‟ALFREDO INDI‟ A FA ONA BELA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


32

VACANSA, ONA SETIMANA AI TROPICI, SENO‟ ONA BELA CROCIERA, SARES L‟IDEAL, NO?

FIAMMETTA/ (piange)

FEDERICO/ MA COSA T‟HO DICC DE MAL?

FIAMMETTA/ (sempre piangendo) LA VACANSA!

FEDERICO/ (contento) SE, ONA BELA SETIMANA AI TROPICI!

FIAMMETTA/ (piange di piu')

FEDERICO/ E VA' BE' , E ALURA ONA BELA CROCIERA

FIAMMETTA/ (ancora più disperata)

FEDERICO/ FIAMMETTA, STA A CA‟, FA NEGOT! MA COSA G‟HO DE DIT?

FIAMMETTA/ (sempre piangendo) LA CROCIERA, ME L‟ERA SEMO‟ PRUGRAMADAPER FESTEGIA OL NOST DECIMO ANNIVERSARIO DE MATRIMONIO. AN GH‟ERA DE PARTI‟, MA L‟ALFREDO L‟HA MIA SALDATO OL CONT A L‟AGENSIA! ECCO PERCHE‟ AN SE CHE!

FEDERICO/ AL SE SARA‟ DESMENTEGAT! EL SARA‟ DISTRATTO, FIAMMETTA! MATE, PERCHE‟ TE GHE L‟ET MIA REGORDAT?

FIAMMETTA/ (sempre piangendo) LA ERITA' L‟E' CHE LU A L‟HA SPENDIT TOCC ISOLCC CHE M‟ERA METIT DE BANDA! DES MELA EURO!

FEDERICO/ (preoccupato) DES MELA EURO?

FIAMMETTA/ SE, FEDERICO, OTEM!

FEDERICO/ ME TE OTE, NEH, MA LASA STA I SOLCC CHE ME FA SEMO‟ MAL OL CO‟

FIAMMETTA/ (sempre piangendo) FEDERICO, A I E‟ SES MIS CHE OL ALFREDO AL MESFIURA GNA CON D‟U DIT!

FEDERICO/ (al pubblico) EH, PERCHE‟ EL G‟HA DE SFIURA‟ ERGOT D‟OTER!

FIAMMETTA / L‟ERA MAI SOCEDIT, QUANDO PROPE L‟INDAA MAL, QUANDO L‟ERASTRESAT, ONA OLTA AL MIS…

FEDERICO/ EH, ADES AL GHE LA FA MIA, FIAMMETTA, AL GHE LA FA MIA! EL G‟HADE COREGA DRE‟ AI TRAM!

FIAMMETTA/ (gridato) L‟HA SPENDIT TOCC I SOLCC DELA CROCIERA CONL‟AMANTE CHEL FARABUTTO, SO SIGURA, TOCC I SOLCC!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


33

FEDERICO/ TEH, MATA, USA MIA, CHE TRA TE‟ E LA ME‟ SURELA DE CHE‟ „N PO MEFI BOTA‟ FO DE CHEL PALAS CHE‟!

FIAMMETTA/ (gridato-decisa) FEDERICO, BASTA, ADES OLE PIO‟ LUCIA‟ COME ONACRETINA!

FEDERICO/ (come Fiammetta) SO DECORDE

FIAMMETTA/ (come sopra) A I E‟ SES MIS CHE SUBESE CHESTE UMILIAZIU! ADESDISE PROPE BASTA!

FEDERICO/ GIOST, TE GH‟ET PROPE RESU! PERO CALMES, TE SET TROPNERVUSA. ADES TA PREPARE ONA BELA CAMAMELA. ONA BELA CAMAMELA COLDA (esce in cucina)

FIAMETTA/ A L‟E' DIMAGRIT DE DES CHILI! DES CHILI! (cammina nervosa)

FEDERICO/ (dalla cucina) AL S‟E METIT A DIETA! ME L‟ERA DICC CH‟EL VULIA METESA DIETA! CERTO CHE OTER DONE, APENA EDI‟ U MINIMO DE CAMBIAMENT IN D‟UN OM, SOBET PENSI A LA AMANTE! MA TE, STA TRANQUILLA CHE L‟ALFREDO, L‟AMANTE GHE L‟HA MIA1

FIAMMETTA/ E INVECE SE , (nevrotica) GH‟E‟ ONA AMANTE, ONA DONA, CHI LAURCHE‟ I A SENT! AH, MA GHE LA FO PAGA! CERTO CHE GHE LA FO‟ PAGA‟ (sull‟uscio, solenne) GHE SALTE ADOS PRIME CHE INCONTRE! (esce)

FEDERICO/ (entrando con la camomilla)FIAMMETTA, TURNA INDRE‟, TURNA INDRE‟!LA CAMAMELA! MEI SE LA BIE ME…

(si siede sul divano stressato e inizia a sorseggiare la camomilla)

(bussano alla porta)

FEDERICO/ (apre la porta) ...FIAMMETTA (entra decisa)

FIAMMETTA/ A G‟HO RIPENSAT (determinata)

FEDERICO/ (si siede sul divano dove ha appoggiato il bicchiere di camomilla) LACAMAMELA? BRAVA, ET FACC PROPE BE‟! GH‟E‟ DE FA I PERSUNE SERIE E RAGIUNA‟ CON CALMA (mentre sorseggia la camomilla sempre seduto)

FIAMMETTA/ G‟HO ULIT UN‟OTRA IDEA ................

FEDERICO/ (deciso) BRAVISSIMA, CHESTA SE‟ L‟E‟ LA FIAMMETTA CHE CONOSE:RAZIONALE E LUCIDA. ET VEST CHE QUANDO TE SE CALMET, TE RIET ANCHE A PNESA‟? E ADES DIM CHE IDEA CHE T‟E‟ EGNIT

FIAMMETTA/ GHE FO I COREGN. GHE FO PROPE I COREGN, E COL SO MIGLIURAMIS, TE! (indicando Federico)

FEDERICO/ (sputa la camomilla, si alza -gay) FIAMMETTA, MA L‟E‟ MIA PROPE OL

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


34

CASO, ARDA, A L‟ERA QUASE MEI OL PRIM CHE TE INCONTRET (impacciato)

FIAMMETTA/ DAI FEDERICO TE PREGHE. TE SET TE OL SO MIGLIUR AMIS!

FEDERICO/ (sempre gay) APPUNTO, MA PROPE A ME TE EGNET A DUMANDAMEL?

FIAMMETTA/ (dandosi delle arie) MA PERCHE‟, FORSE TE PIASE MIA?

FEDERICO/ AN CUMINCIA DE NOF? FIAMMETTA, TE L‟HO DICC, TE SET BELA,ATTRAENTE, (solenne) MA CON LA DONA DEL ME‟ AMIS, MAI!

FIAMMETTA/ AL SE MERITA I COREGN. „NDEM, „NDEM, PRIMA CHE CAMBIE IDEA!(gridato lo tira per un braccio)

FEDERICO/ (si riprende -deciso) FIAMMETTA, HO DICC DE NO! E PER PIASER, FAMMIA FA DI LAUR CHE DOPO ME SE TROE PENTIT. STA CALMA, DAI, BIF LA CAMAMELA, CHE L‟E‟ AMO‟ COLDA!

FIAMMETTA/ INSOMMA FEDERICO, SET UN UREGIU‟ ? (lo provoca)

FEDERICO/ PO‟ TE‟ CON STO UREGIU‟? MA ET PARLAT CON LA ME SURELA, PERCASO? FIAMMETTA, ME SO U LEU! MA CHE UREGIU? (gridato)

FIAMMETTA/ (sale sulla sedia o sul tavolino del divano) E ALURA, COSA SPECIET?LEONE DELA MALESIA, SBRANAMI! (rimane statuaria)

FEDERICO/ FIAMMETTA, I SERA‟ PUR SES MIS, ME CAPESE, MA L‟ALFREDO A L‟E‟L‟AMIS PIO‟ CARO CHE G‟HO, VE SO‟ DE LE‟

FIAMMETTA/ (gridato) VIGLIACCO! A L‟E‟ U VIGLIACCO! E VA BE‟, HO CAPIT (scende eva ad accendere la radio)

FEDERICO/ „NDO „NDET?

FIAMMETTA/ METES CHE‟!

(si abbassano le luci, parte la musica… THAT'SLIFE, DIF. SINATRA, fa sedere Federico su una sedia e gli balla intorno)

FIAMMETTA/ (incomincia a spogliarsi, a ritmo di musica gioco di luci, una volta terminatolo streep sale sulla sedia rimanendo statuaria)

FEDERICO/ (Prima balla anche lui mostrandosi eccitato poi va a spegnere la radio,)

FIAMMETTA....PERO', CHI L'AVRES MAI DICC...

FIAMMETTA/ ALURA, S‟EN FAI?(statuaria)

(BUSSANO ALLA PORTA)

FEDERICO/ EN FA NEGOT! GH‟E‟ ERGU‟ A LA PORTA (Federico preoccupato)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


35

FIAMMETTA, VE‟ SO‟ DE LE‟ E ESTESET!

FIAMMETTA/ ALURA, ME SPECIE! LEONE DELLA MALESIA, S‟EN FAI?

(BUSSANO ALLA PORTA)

FEDERICO/ (gridato) FIAMMETTA,MOCHELA FO‟ CHE GH‟E‟ ERGU‟ A LA PORTA! MASET SURDA?

FIAMMETTA/ (come se si fosse svegliata da un sogno) OH MIO DIO, COME ME ME SOREGUNDIDA... (rimane spogliata)

FEDERICO/ SE, SE, TE SET REGUNDIDA MAL!

(BUSSANO DI NUOVO)

FEDERICO/ ON ATEM! RIE! MA CHI L‟E‟?

ALFREDO/ FEDERICO, SO L‟ALFREDO, DERV.

FIAMMETTA/ (allarmata) A L‟E‟ L'ALFREDO, OL ME‟ OM. MADOMA ME‟, SE FOI?

FEDERICO/ (molto impacciato) SE FOI, SE FOI, FIAMMETTE, VE SO‟ E ESTESET (glibutta il vestito addosso andando avanti indietro preoccupato, ma Fiammetta non lo prende)

FIAMMETTA/ FEDERICO, ME SE SENTE MAL, AL ME GIRA OL CO, ME E‟ DE SVENI‟,FEDERICO… (sta per cadere)

FEDERICO/ NO, TE PREGHE, SVENES MIA, MIA DE INDA‟ A FAS MAL! (la aiuta ascendere e la accompagna in bagno) FIAMMETTA, SERES DET IN DEL BAGN E VE‟ PIO‟ DE FO‟, CHE ME IN SIC MENUCC AL MANDE VIA‟ E DOPO TE „NDET PO‟ TE‟

FIAMMETTA/ SE, SE, GRASSIE.. (esce)

FEDERICO/ (gay) OH MAMMA MIA .. ALFREDO, RIE! ...(mentre sta per aprire) UH OLVESTIT, OL VESTIT! (nasconde il vestito di fiammetta sotto al 1° cuscino del divano)

ALFREDO/ (fuori scena, continua a bussare) FEDERICO, DERV

FEDERICO/ EGNE…..(apre la porta) ALFREDO (Alfredo ha l'aria sconvolta) COSA FET

CHE? MA SET MIA INDACC A CA?

ALFREDO/ (depresso) FEDERICO, USEMMIA A DRE‟, MA ME GHE LA FO MIA A INDA‟A CA‟, A ET LA ME‟ DONA, OL ME‟ SCET. TE TE GH‟ET RESU‟, NEH, MA CON CHELA FACIA CHE‟ DE FUNERAL CHE G‟HO… ARDA, HO SEMO‟ BIIT DES CAFE‟, MA I M‟HA FACC NEGOT. I M‟HA FACC VEGN DOMA OL MAL DE PANSA. PO‟ DOPO SE GHE RIE MIA A RISOLVERE OL PROBLEMA DI SOLCC, L‟E MEI MIA TURNA‟ A CA‟

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


36

FEDERICO/ ALFREDO, TE TE PODET MIA STA CHE‟! TE GH‟ET DE INDA‟ VIA‟

ALFREDO/ E VA BE‟, HO CAPIT. MA TE‟ PRIMA, DIM U LAUR, DIM LA ERITA‟: INDOEHO SBAGLIAT? DOPO TE PRUMETE CHE INDO‟

FEDERICO/ (parla con voce rauca) E VA BE‟, T‟EL DISE: ALFREDO, TE TE GH‟ERETMIA DE INAMURAS (sul lato sinistro)

ALFREDO/ MA, HO CAPIT NEGOT, TE FA MAL LA GOLA? ET PERDIT LA US?

FEDERICO/ SE, SE, SARA STACC LA DOCCIA

ALFREDO/ E PERO‟, PARLA PIO‟ FORT PERCHE‟ CAPESE NEGOT!

FEDERICO/ (sempre rauco un po' piu forte portandosi sul lato destro) DISIE CHE TEGH‟ERET MIA DE INAMURAS. GNA DE LA PRIMA, GNA DE LA SEGONDA! ADES TE SET RUINAT!

ALFREDO/ (depresso) E' VERO, TE GH‟ET RESU! MA CHI LAUR CHE‟, PERCHE‟ T‟I MIET MIA DICC PRIMA?

FEDERICO/ TI HO DICC, DI HO DICC… ADES, PERO‟, MANTEGN LA PRUMESA E VAA CA‟

ALFREDO/ SE, ADES INDO‟ U MOMENT IN BAGN E DOPO INDO‟ A CA‟. CHI DESCAFE‟ I M‟HA RUINAT. G‟HO U MAL DE PANSA! (fa per andare)

FEDERICO/ SE, SE, VA ONATEM IN BAGN E DOPO TE INDETI. NO, INDOE „NDET? INBAGN TE PODET MIA „NDA! (gli sbarra la strada)

ALFREDO/ FEDERICO, DIM NEGOT, PERCHE‟ ME G‟HO DE INDA‟ PER FORSA INBAGN, SENO ME SE LA FO‟ ADOS. GHE LA FO‟ PIO‟ (si avvia)

FEDERICO/ (gridato, lo trattiene) HO DICC, IN DEL BAGN, NO!

ALFREDO/ FEDERICO, A L‟E‟ U CES, HO MIA DICC CHE TE LA FO SOL LECC! SEPOL SAI PERCHE‟ NO?

FEDERICO/ (gridato) TE, DEL ME CES, TE GH‟ET DE STAGA LUNTA‟, ET CAPIT?

ALFREDO/ MA PERCHE'?

FEDRICO/ PERCHE'.. PERCHE'..... ALFREDO, SO‟ GELUS (convinto)

ALFREDO/ GELUS? OLE MIA FAGA L‟AMUR COL TO CES! L‟ISPUSE, MIA, LASEMPASA‟

FEDERICO/(profondo) TOEM MIA IN GIRO, NEH! A I E‟ COSE INTIME, DELICATE. ECON TOTE I MALATIE CHE GH‟E‟, TE TE GHE CORET DRE‟ AI TRAM,. OH! INSOMMA, GHE TEGNE, VA BE‟?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


37

ALFREDO/ (deciso) FAM PASA‟, FAM PASA‟ CHE GHE LA FO‟ PIO‟ (Federico gli sbarrala strada) SO DRE‟ A FALA DET! DEL BU‟!

FEDERICO/ HO DICC DE NO! FEDERICO, FALA DET IN DI BRAGHE, MA IN DEL MECES, NO! TE INDET MIA! PUNTO E BASTA

ALFREDO/ (sofferto) E VA BE‟, AL CES INDO‟ MIA, MA TE, ALMENO DAM U PER DEBRAGHE, PERCHE‟ ADES L‟HO PROPE FACIA DET!

FEDERICO/ ALFREDO, DEL BU L‟ET FACIA DET? CHE SCHEFE, DAI! (Federico esceverso la camera e va a prendere pantaloni e mutanda)

ALFREDO/ (si gira verso il pubblico) MA ARDA TE CHE UMILIAZIU G‟HO DE SUBI‟DOMA PERCHE‟ OL ME AMIS A L‟E‟ GELUS DEL SO CES!

FEDERICO/ (ritorna con una mutanda colorata e un paio di pantaloni)

ALFREDO/ (prende un boxer pulito molto colorato di Federico e va in camera a cambiarsie rientra in boxer con i pantaloni ancora in mano)

MARIA/ (cantando) QUANDO TE PASET TE OL ME COR EL FA BUM BUM, QUANDOTE PASET TE, OL ME COR EL FA BUM BUM…

FEDERICO/ (scena concitata) ALFREDO, MADONA ME, LA ME SURELA, SE LA RIACHE E LA TE ET IN MODANDE, TE GHE LA TIRET PIO VIA‟ L‟IDEA CHE ME SO UN UREGIU‟

ALFREDO/ (agitato e non riuscendo a mettersi i pantaloni) E ALURA, SE FOI,(coprendosicon le mani)

FEDERICO/ VA SCONDES! VA SCONDES!

ALFREDO/ SE, SE, ME SE SCONDE IN DEL CES!ISCE‟ ME SE FO PO‟ OL BIDET! (faper andare)

FEDERICO/ (Federico lo ferma) AMO‟! T‟HO SEMO‟ DICC DE NO IN DEL CES,SCONDES IN DE SGABUSI‟ (spingendolo – gli resta in mano il pantalone), DAI! MANDE VIA‟ LA ME SURELA E DOPO TE „NDET VIA‟ PO‟ TE!

(Federico chiude la porta)

FEDERICO/ MADONA ME, I BRAGHE, E ADES COME FOI? (Federico nasconde ilpantalone di Alfredo sotto al 2°cuscino del divano).

MARIA/ QUANDO TE PASET TE OL ME COR EL FA BUM BUM, QUANDO TE PASETTE, OL ME COR EL FA BUM BUM… (apre con la chiave)

FEDERICO/ (cantato come entra maria) OL ME COR EL FA BUM BUM…

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


38

MARIA/ FEDERICO (sorpresa) SET AMO‟ CHE?

FEDERICO/ AH, SO AMO‟ CHE? SE‟, SO CHE‟! E TE, INDO‟ SET? PO‟ TE‟ TE SETSEMPER CHE!

MARIA/ MA SET CHE AMO‟ ISCE? MA TE GH‟ERET MIA DE PARTI?

FEDERICO/ SE‟, GH‟ERE DE PARTI‟ E TRA MEZ‟URA PARTE! MA TE, SET VEGNIDACHE‟ A FA?

MARIA/ ME CREDIE CHE TE SERET PARTIT. GH‟ERE NEGOT DE FA E HO DICC,QUASE QUASE INDO‟ A FINI DE FA I PULIZIE AL FEDERICO

FEDERICO/ E VISTO CHE TE GH‟ET MAI NEGOT DE FA, TE SET SEMPER CHE‟. MAME‟, COSA G‟HO DE FA PER RESTA‟ UN PO IN PAS?

MARIA/ A L‟E' SEMPLICE, TE GH‟ET DE SPUSAS! SPUSES, FEDERICO. ISCE‟ TEGH‟ET CHE ONA PERSUNA VISINA A TE CHE LA TE OL BE E CHE LA TE OTA COI MESTER IN CA‟

FEDERICO/ E CHE LA ROMP I SCATOLE COME TE FET TE

MARIA/ FEDERICO, ARDA CHE LA CONCETTINA A L‟E‟ SEMPER DISPONBILE(chiama) CONCETTINA, CONCETTINA,

FEDERICO/ MARIA, BASTA, LA SARA‟ MIA U CAGNI‟. MA STA CONCETTINA A L‟E‟SEMPER CON TE? MARIA, PER PIASER NETA FO‟ NEGOT E VA A CA‟ CHE G‟HO AMO‟ DE ESTES CHE ISCHE‟ FO PREST E GHE RIERO‟ A PARTI‟

MARIA/ EH, TE VA A ESTES. ME G‟HO DICC AL PEPPINO DE EGN CHE A TOM.ANCHE PERCHE‟ S‟EL ME TROA MIA, DOPO AN TACA BEGA AMO‟

FEDERICO/ MARIA, CIAMA OL PEPINO E DIGA DE EGN SOBET A TOT, PERCHE‟ TEPODET MIA STA CHE

MARIA/ PERCHE‟? TE SPECIE VERGU‟? UN OM O ONA DONA? (sospettosa)

FEDERICO/ MARI' , SPECIE NISU‟, TE GH‟ET DE INDA‟ VIA‟ E BASTA!

MARIA/ (contenta) AH, HO SEMO‟ CAPIT. LA EPRSUNA L‟E SEMO‟ CHE‟!

FEDERICO/ MA VA‟, CHE GH‟E‟ NISU‟. TE GH‟ET DE INDA‟ VIA‟.

MARIA/ E VA BE‟, INDO‟ U MOMENT IN BAGN E DOPO INDO‟ (si avvia)

FEDERICO/ IN BAGN? (la ferma) MA CHE FISAZIU‟ L‟E‟ CHESTA CHE COL ME CES?MARIA, ME DISPIAS, MA IN BAGN TE PODET MIA INDA‟

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


39

MARIA/ E PERCHE‟? CHI GH‟E‟ IN DEL BAGN?(si avvia)

FEDERICO/ GH‟E‟ NISU‟, MARIA (gli sbarra la strada.)

MARIA/ E SE GH‟E NISU‟, PERCHE PODE MIA INDA‟ IN BAGN? SO LA TO SURELA,ME (ironica)

FEDERICO/ (pensando a una scusa) MARIA, IN DEL CES TE PODET MIA INDA‟PERCHE….

MARIA/ PERCHE…..

FEDERICO/ (pensando a una scusa) E PERCHE TE PODET MIA INDA‟ AL CES?

MARIA/ APPUNTO, PERCHE‟ PODE MIA?

FEDERICO/ . PERCHE'.. PERCHE' G‟HO DE INDA‟ ME‟! GHE LA FO PIO‟, SO DRE‟ AFAMELA ADOS! (ed entra)

MARIA/ AH! SIGNUR CHE FRADEL CUMPLICAT CHE G‟HO!

FEDERICO/ (dal bagno) MARIA, ARDA CHE G‟HO BISOGN DE UN PO‟ DE TEP. MEI SETE INDET!

MARIA/ FEDERICO, PREOCUPES MIA, ME G‟HO MIA DE URGENSA, FA CONCOMOD. INTAT ME CUMINCIE A MET A POST UN PO‟ CHE. ANCHE PERCHE‟, COME AL SOLET, GH‟E‟ SEMPER PIE‟ DE POLVER! (spolvera prima la credenza o il tavolo e poi il divano, canta) OL ME COR EL FA BUM BUM…. QUANDO TE PASET TE‟ (trova il

vestito di Fiammetta sotto il 1° cuscino del divano) U VESTIT DE DONA… L‟ERE DICC ME‟, OL ME FRADEL AL PUDIA MIA ES UN UREGIU‟. GHE FO ET ME A CHELE MALELENGUE LE‟. (mostra il vestito, poi lo rimette sotto al cuscino) ARDA CHE CHE TOC DE DONA!, CHE TOC DE DONA! (ricomincia a spolverare e a cantare) OL ME COR EL FA BUM BUM….(trova il pantalone di Alfredo, sotto il 2° cuscino del divano – continua a

parlare cantando)E CHESTO COS‟EL? U PER DE BRAGHE? MA ALURA, SET UREGIU‟ O MIA? (rimette il pantalone sotto al cuscino).

(TELEFONO)

MARIA/ (gridato a Federico mentre si avvia a rispondere) FEDERICO, OL TELEFONO!

FEDERICO/ (fuori scena) MARIA, RESPOND MIA!

MARIA/ (subito) PRONTO?

VALENTINA/ SONO VALENTINA VORREI PARLARE CON FEDERICO, E' IN CASA?

MARIA/ SE, OL ME FRADEL L‟E‟ IN CA MA ADES A L‟E IN BAGN E AL POL MIARESPOND. A L‟E‟ U LAUR URGENTE?

VALENTINA/ VERAMENTE ...SUO FRATELLO FRATELLO MI HA CHIAMATO A CASA,

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


40

MA IO NON C'ERO E HA LASCIATO UN MESSAGGIO SULLA MIA SEGRETERIA TELEFONICA

MARIA/ SIGNORINA LA ME SCUSE, MA LE L‟E‟ ONA DONA? ONA DONA A TUTTI GLIEFFETTI?

VALENTINA/ CERTO CHE SONO UNA DONNA A TUTTI GLI EFFETTI, PERCHE' MI FAQUESTA DOMANDA?

MARIA/ AH, FINALMENTE ONA DONA. IN CHELA CA CHE GH‟E DOMA OMEGN.SIGNORINA LA SE IMPRESIUNE MIA, MA AL DE DE INCO‟, SPECIALMENTE IN CHELA CA CHE‟, SE CAPES PIO‟ NEGOT!

VALENTINA/ CAPISCO, SCUSI MA LEI NON SA' DIRMI NIENTE?, IL MESSAGGIOPARLAVA DI UN VIAGGIO DA FARE INSIEME A VOSTRO FRATELLO

MARIA/ AH SE, FORSE HO CAPIT DE COSA LA PARLA... OL ME FRADEL FEDERICOEL G‟HA DE FA U VIAS, E DATO CHE LU L‟E DE PER LU, FORSE VULIA INVIDALA A INDA INSEMA A LU. LE LA GRADES?

VALENTINA/ SI .MA DIPENDE DAL PREZZO ..

MARIA/ EH, DE CHEL LA SE PREOCUPE MIA, OL ME FRADEL A L‟E‟ UGALANTUOMO, AL PAGA TOT LU. PERO‟ G‟HO DE DIGA U LAUR CIAR CIAR. OL ME FRADEL A L‟E U LEU! U LEU! IN CHEL SENSO LA‟...

VALENTINA/ VA BENE, QUESTO NON E' UN PROBLEMA, MA IO PER PARTIRE CONVOSTRO FRATELLO, GLI DEVO PARLARE PERCHE' SA.CI DOBBIAMO METTERE D'ACCORDO , IO NON SO NEMMENO DOVE DOBBIAMO ANDARE

MARIA/ EH, LA G‟HA RESU! MA ME CHI LAUR CHE‟ I SO MIA, PERCHE OL MEFRADEL ME L‟HA MIA DICC. PERO‟ SE LA OL FA CHEL VIAS CHE, ME GHE CUNSIGLIE DE FA ALA SVELTA, PERCHE‟ DE CHE A ONA MEZ‟URETA, OL ME FRADEL AL PARTE.

VALENTINA/ E DOVE ABITA SUO FRATELLO? MARIA/ IN VIA DELLE CAVE, AL 24 VALENTINA/ GRAZIE, A TRA POCO.

MARIA/ ARRIVEDERCI. ADES AN VET SE RIE MIA A FAL ISPUSA‟

(BUSSANO ALLA PORTA)

MARIA/ CASPITA, L‟E‟ SEMO‟ CHE? CHE FOLMEN!

FEDERICO/ (fuori scena) MARIA, CHI L‟ERA AL TELEFONO?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


41

MARIA/ T‟EL DIGHE QUANDO EGNET DE FO. TE GHE OL AMO‟ TANT?

FEDERICO/ SE, SE, GH‟E AMO‟ TANT. TE L‟HO DICC. SE TE GH‟ET DE INDA‟ ALBAGN, VA‟ A LA TO CA‟

MARIA/ NO, NO FA NEGOT, FA CON COMOT, A ME‟ AL ME S‟E BLUCAT TOT!

(BUSSANO LA PORTA INSISTENTEMENTE)

MARIA/ ON ATEM, ON ATEM! RIE (apre)

(bussano la porta)

MARIA/ PEPPINO, SET TE?

PEPPINO/ (entrando) SI MIO DOLCE FIORE DI LOTO , TUO MARITO, E' ARRIVATO

MARIA/ L‟E‟ RIAT OL CITRULLO

FEDERICO/ MARIA, CHI CHE L‟E‟ RIAT?

MARIA/ OL PEPPINO, OL ME‟ OM

FEDERICO/ (dal bagno) L‟E‟ PES DE ON ALBERGO, CHELA CA CHE‟

PEPPINO/ (poetico leggendo dal blocchetto) E FUI DAL COLLE IMMERSO IO STAVO,NELL'ACQUA GELIDA A GIACER VIRGOLA, (lento) DA LA', DA LI', (veloce) DA LI' DA LA'

MARIA/ EH DALIDA' , MA SET DRE‟ A DI COS‟E‟?

PEPPINO/ DA LI' VEDEI L'UNIVERSO CON TUTTI I PIANETI , SATURNO, GIOVE EMARTE

MARIA/ MA CHI LA CONOS TOTA CHELA ZETCHE‟?

PEPPINO/ DOVE IL FUOCO ARDE E LA CARNE URLA, PUNTO. MARIA, IL FUOCOARDE E LA CARNE URLA..MARIA (voglioso tenta di abbracciarla, ma Maria se ne scappa)

MARIA/ E FAGA FA SITO A STA CARNE, PEPI‟, CHE L‟E MIA OL MUMENT!

PEPPINO/ MARIA, VUOI TU DUNQUE DIRMI CHE COSA DOBBIAMO FARE?

MARIA/ NEGOT, PEPI‟. SENTES SO‟, CHE ADES EN VA‟. DAI, SCRIV, SCRIV.

PEPPINO/ (si siede) E SCRIVI, E SCRIVI...UFFA . FEDERICO E' PARTITO?

MARIA/ NO, L‟E‟ IN BAGN, PERCH‟E L‟ET MIA SENTIT?

PEPPINO/ E NOI PERCHE' NON CE NE ANDIAMO, (alzandosi) ANDIAMO MIA DOLCE

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


42

TROIANA, ANDIAMO (sempre voglioso, Maria scappa)

MARIA/ TROIANA A CHI? MALEDUCAT! STA LE‟ E POSA, CHE ME G‟HO DE DIGA ULAUR IMPORTANTE AL ME FRADEL

PEPPINO/ E IO SCRIVO, E SCRIVO, E SCRIVO UN‟ALTRA VOLTA. E VABBE‟,SEDIAMOCI DI NUOVO

MARIA/ FEDERICO, ET FINIT? VE‟ DE FO CHE G‟HO DE DIT U LAUR IMPORTANTE?

FEDERICO/ IMPORTANTE, MARIA?

MARIA/ SE‟, IMPORTANTEI. MOLTO IMPORTANTE! DAI, E‟ FO CHE DOPO INDO‟ PO‟ME! MA COSA SET DRE‟ A FA‟? A L‟E‟ TRI URE CHE TE SET DET A STO GABINET!

FEDERICO/ DOPO TE „NDET?

MARIA/ SE, „NDO!

FEDERICO/ ALURA, CONTEM SO‟ OL LAUR IMPORTANTE CHE TE GH‟ET DE DIM

PEPPINO/ CIAO FEDERICO, (poetico) HAI EVACUATO DALLA FONTE GENTILIZIA LATUA ESSENZA?

MARIA/ COM‟EL PARLA BE‟!

FEDERICO/ (avvicinandosi a peppino) SE, SE, PEPPINO, HO EVACUATO DALLAFONTE GENTILIZIA E HO EVACUAT TALMENTE TANTO CHE SE GH‟I DE INDA‟ IN BAGN, VE LO SCONSIGLIO VIVAMENTE PUNTO

MARIA/ IN POCHE PAROLE, PUZZA... FEDERICO, SENT, L‟HA TELEFUNAT ONADONA, ONA CERTA VALENTINA

FEDERICO/ VALENTINA? MADONA ME, ME SE SENTE MAL! (terrorizzato)

MARIA/ OH, HO DICC VALENTINA, MIA FRANKENSTEIN. ADES SE GH‟E‟? DAI,SENTES SO‟, SENTES SO‟

PEPPINO/ OH VALENTINA. SEI TU MIA VALENTINA , TU DIMMI FEDERICO , CHI E'MAI COSTEI?

FEDERICO/ MA CHI LA CONOS STA VALENTINA?

MARIA/ PEPI‟, FA SITO! COMUNQUE ME SO SICURA, L‟HA DICC VALENTINA

FEDERICO/ MA PERCHE‟ SO MIA PARTIT PRIMA? E VA BE‟, LA SE SARA‟SBAGLIADA, PERCHE‟ ME CONOSE NISUNA VALENTINA. MARIA, FAM U PIASER, PODET INDA‟?

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


43

MARIA/ MA COME TE LA CONOSET MIA? L‟HA DICC CHE TE GH‟ET LASAT UMESSAGGIO SOLA SEGRETERIA TELEFONICA! GH‟I DE FA U VIAS INSEMA, TE SE REGORDET MIA?

FEDERICO/ NO, ME SE REGORDE MIA. MA TE‟, REGORDEM INVECE QUANDO TE„NDET (spazientito)

PEPPINO/ MARIA, ANDIAMO, A FARE PURE NOI QUALCOSA

MARIA/ MA OLET FA COS‟E‟? SCRIV E FA SITO! FEDRICO, CIAPESELA MIA, PERO‟CHESTA VALENTINA CHE TE DISET DE CONOS MIA, L‟E DRE‟ CHE LA RIA CHE‟

FEDERICO/ OH MAMMA MIA… COME SARES CHE LA RIA CHE?

MARIA/ SARES CHE LA RIA CHE‟ A CA‟ TO

FEDERICO/ (si siede disperato) MADONA ME‟, ADES GHE MANCAA DOMA LAVALENTINA. E ADES COME FOI? COME FOI?

PEPPINO/ (poetico alzandosi) DENTRO QUESTA CASA VERRAI A PROFUMAR CON LATUA PRESENZA O MIA SOAVE VALENTINA VIRGOLA, QUA, LA NOTTE, QUA IL GIORNO CHE PENSOSO SE NE VA PUNTO. DELLA TUA ESSENZA SI INEBRIERA' IL CUOR VIRGOLA, (Maria ripete la punteggiatura) E DALL'ARIA AL CUOR, DAL CUORE ALL'ARIA, E DALL'ARIA AL CUOR, DAL CUOR ALL'ARIA, E DALL'ARIA ..

FEDERICO/ (sempre depresso) AL CUOR , E DAL CUORE ALL'ARIA… MARIA, OLPEPPINO ALS‟E INCANTAT

MARIA/ PEPINO, OLET SERA‟ FO STO LEBER?

PEPPINO/ NO.. E‟ SOLO CHE NON RIESCO A TROVARE IL FINALE

FEDERICO/ (disperato) OL FINAL! OL FINAL L‟E‟ TRAGICO. PROPE U FINAL TRAGICO(indicando bagno e sgabuzzino)

PEPPINO/ HAI RAGIONE..IL FINALE E' TRAGICO, E DALL'ARIA AL CUORE E DALCUOR ALL'ARIA, ALLA FINE D'AMOR .TU NE MORRAI PUNTO.

MARIA/ ECCO, AL GH‟E‟ SCAPAT OL MORT, AL SERE ME‟

PEPPINO/ MIA DOLCE LEGGIADRA FANCIULLA DI NOME MARIA, CHE DICE: CE NEVOGLIAMO ANDARE?

MARIA/ SI, MIO' DOLCE MARITO SCOCCIATORE. ADES EN POL PROPE INDA‟(Peppino si alza)

(bussano alla porta)

PEPPINO/ LA PORTA! (alzato vicino al divano)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


44

MARIA/ FEDERICO, HO SENTIT PICA‟ (nessuno apre- al centro del palco in piedi)

FEDERICO/ HO SENTIT (depresso seduto vicino al tavolo)

(pausa - bussano ancora)

PEPPINO/ LA PORTA

MARIA/ FEDERICO, I HA PICAT!

FEDERICO/ HO SENTIT, HO SENTIT (non apre)

(BUSSANO ANCORA)

PEPPINO/ MA CHI APRE QUESTA PORTA?

MARIA/ FEDERICO, DERVE ME?

FEDERICO/ FERMES LE‟. DERVE ME!STATTE FERMO

(apre molto lento, appena apre la porta parte la musica Valentina si presenta di spalle e muove il sedere, , Valentina e una donna giovane e molto attraente balla come una star, sensuale e provocante con vestito elegante con spacco profondo in modo da far vedere la gamba; ha con sé una piccola valigia, che lascerá sulla soglia appena entra)

VALENTINA/ (dopo la musica va da Peppino, gli allunga la mano per farsela baciare)SONO VALENTINA

PEPPINO (turbato) OH MIA DOLCE PRINCIPESSA, IO SONO PEPPINO

VALENTINA/ PIACERE (gli allunga la mano , Peppino gliela bacia in modo sensualesalendo sul braccio)

FEDERICO/ MARIA, MA COSA L‟E DRE‟ A FA?

MARIA/ PEPINO, FENESELA FO‟! SE DE NO TE RIA ERGOT IN DEL CO‟.PIACERE, MESO LA MARIA, LA SURELA DE FEDERICO (indicandolo)VALENTINA/ PIACERE

FEDERICO/ (incantato) CIAO VALENTINA.

VALENTINA/ FEDERICO.. ? (gli Allunga la mano per farsela baciare)

FEDERICO/ SE, SO, SE, SO ME

MARIA/ FEDERICO, ET PROPE CATAT FO ONA BELA MURUSA

VALENTINA/ VERAMENTE NON SIAMO FIDANZATI ...... DOBBIAMO FARCI

SEMPLICEMENTE UN VIAGGIO INSIEME. SE CI METTIAMO D'ACCORDO, OVVIAMENTE

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


45

PEPPINO/ SECONDO ME VI METTERETE D'ACCORDO IN DUE MINUTI

FEDERICO/ (sempre perso ed eccitato) SE, SE, ONACCORDO M‟ELTRUERA‟, PER FASTO VIAS INSEMA… MAMMA MIA

MARIA/ COME L‟E BELA! ME‟ LA EDE SEMO‟ SOL ALTAR! (si sente un rumore)FEDERICO, HO SENTIT U RUMUR CH‟EL VEGNIA DEL BAGN

PEPPINO/ A SEMBRAVA VENISSERO DALLO SGABUZZINO

VALENTINA/ (sensuale) E DOVE HAI DECISO CHE PASSAREMO QUESTE NOTTI DIPASSIONE, FEDERICO?

MARIA/ FEDERICO, RESPONDEGA

PEPPINO/ FEDERICO, RISPONDI!

FEDERICO/ (sempre piu perso con gli occhi fissi su Valentina che gli gira intorno in modosensuale) VALENTINA, DECIDEL TE OL POST, PER ME VA BE QUALSIASI POST, PO‟ DE DRE‟ AL TRAM!

VALENTINA/ VA BENE... ALLORA ANDREMO SU UN ISOLA... (molto vicini)

PEPPINO/ SI, E FEDERICO SARA' IL TUO ROBINSON CRUSOE'

MARIA/ (concitata) E „NDO „NDIF?

VALENTINA/ ANDREMO... IN JAMAICA

MARIA/ SE, SE,„NDIF IN JAMAICA. SIRCHIRI‟ FO LA PALMA PIO‟BELA E RESTI‟ LESOTA COME DU PICCIONCINI… E DOPO TURNI‟ DOPO U MIS

PEPPINO/(squillante) TORNATE ABBRONZATI E SAZI

MARIA/ SIGNORINA, M‟EL PORTE INDRE‟ COME NOF, O QUASE! MA FEDERICO, HOSENTIT U RUMUR DET IN DE SGABUSì!

PEPPINO/ MA NO, ERA IN BAGNO, L'HO SENTITO DAL BAGNO

VALENTINA/ E QUANDO SI PARTE? (si allontana)

FEDERICO/ SOBET! IMMEDIATAMENTE (si sente un rumore) PEPPINO/ FEDERICO, HO SENTITO UN RUMORE DENTRO IL BAGNO

MARIA/ NO, A L‟ERA OL SGABUSI‟

PEPPINO/ NO, IL BAGNO, SONO SICURO

MARIA/ OL SGABUSI‟! (fino a quando non interviene Federico)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


46

FEDERICO/ (gridato) ALURA? FI‟ SITO! L‟E MIA URA DE INDA‟ A CA‟? SCUSAVALENTINA, OL TEP DE ESTEM E SISTEMA ONA FACCENDA E POI AN PART SOBET!

VALENTINA/ ALLORA APPROFITTO PER DARMI UNA SISTEMATA AL TRUCCO INBAGNO

MARIA/ SIGNORINA VALENTINA, L‟ACUMPAGNE ME IN BAGN

FEDERICO/ (terrorizzato, e tappandosi il naso) MARIA. OL BAGN L‟E MIA GNAMO INCUNDIZIU‟… ACUMPAGNA LA VALENTINA IN CAMERA PER PIASER

PEPPINO/ (alzandosi dal divano, prende la valigia di valentina lasciata sull'uscio e glieladá) VALENTINA VAI NELLA STANZA DA LETTO CHE E MEGLIO, MI SA' CHE LA FONTE GENTILIZIA DI FEDERICO NON HA ANCORA ESAURITO IL SUO EFFETTO, (toccandosi il naso)

VALENTINA/ MOLTO GENTILE GRAZIE

MARIA/ SIGNORINA VALENTINA, LA EGNE CON ME, CHE ISCE‟ GHE FO ET TOTA LACA‟ DEL FEDERICO

PEPPINO/ VENGO PURE IO ... (fa per andare)

MARIA/ NO, TE STA LE‟ E MOES MIA, SENO‟ TE EDET, TE. E SCRIV. SCRIV. (tu stai lae non ti muovere senno' ti faccio male veramente)

PEPPINO/ POI DICE CHE SONO IO IL GELOSO

MARIA/ SIGNORINA VALENTINA, LA EGNE ...

(PEPPINO si alza incantato e fa per seguire Valentina – interviene Federico)

FEDERICO/ PEPPINO, FAM U PIASER, (voglioso lo ferma) VA A COMPRAM U MAS DEROSE ROSE PER LA VALENTINA (stordito)

PEPPINO/ MA NON HO I SOLDI. IO NON HO NEANCHE UN CENTESIMO

FEDERICO/ ...VA A ME NOM, DIGA CHE AL TE MANDA OL FEDERICO, OL FIURISTAAL ME CONOS

PEPPINO/ FEDERICO, BELLA , TROPPO BELLA, COMPLIMENTI, TI SEI SCELTA UNAFIDANZATA BELLISSIMA..

FEDERICO/ SE, SE, TROP BELA, AL ME GIRA OL CO‟

PEPPINO/ EH. COME TI CAPISCO (Peppino esce) TORNO SUBITO

FEDERICO/ (breve controllo della situazione si affaccia sul lato letto, poi apre il bagno)

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


47

(a bassa voce Fiammetta; Federico rauco)

FIAMMETTA/ FINALMENTE, L’ALFREDO L’E INDACC?

FEDERICO/ NO, GNAMO‟ MIA, FIAMMETTA, A L‟E‟ AMO IN DEL SABUSI‟

FIAMMETTA/ COME MAI? CREDIE CHE L‟ERA INDACC

FEDERICO/ (prende il vestito sotto il cuscino del divano) L‟E‟ ONA STORIA LONGA.ESTESET E VA A CA‟. E D‟ MIA ONA PAROLA DE CHEL CHE L‟E SOCEDIT, ET CAPIT?

FIAMMETTA/ (mentre si veste) MA GNAC A MOR! ME‟ A CA‟ INDO‟ MIA. ADES CHEL‟HO TRUAT, EL G‟HA DE SPIEGAM. ME DISPIAS, MA ME‟ DE CHE ME SE MOE MIA

FEDERICO/ COME SARES CHE TE SE MOET MIA? OLET U SCANDALO?

FIAMMETTA/ ME SE MOE MIA E BASTA! AL G‟HA DE DIM CHE FI I HA FACC I NOSTDES MELA EURO

FEDERICO/ AH… CHESCE DES MELA EURO! FIAMMETTA, SCOLTA, VA A CA‟!

FIAMMETTA/ HO DICC DE NO, NO, E NO!

FEDERICO/ E VA BE‟. MA TE USA MIA.GHE OL ONA IDEA… AH, SE‟, GHE SO‟!ADESTE‟ TE „NDET DE FO, TE SPECIET SIC MENUCC E TE PICHET A LA PORTA. ISCE‟ OL AFLREDO AL PENSERA‟ CHE TE SET APENA RIADA. EH? SE T‟AN DISET?

FIAMMETTA/ E VA BE‟! MA FEDERICO, TE DO‟ DOMA SIC MENUCC (l'accompagna)

FEDERICO/ SE‟ SE‟! SIC MENUCC, T‟EL PROMETE. ADES, VA, PERO‟ (dopo che escefiammetta, ricontrolla la stanza da letto e poi apre la porta dello sgabuzzino)

(a voce normale)

ALFREDO/ (Alfredo esce con le mutande nuove) MADONA ME‟, CHEL SGABUSI‟ CHE‟ME SOMEAA LA CELLA DE ONA PRESU‟

FEDERICO/ EH, SE‟, L‟E‟ UN PO‟ PICEN

ALFREDO/ L‟E‟ INDACIA LA TO SURELA?

MARIA/ (fuori scena chiamando) FEDERICO (Alfredo e Federico salto di paura Alfredoritorna di corsa nello sgabuzzino accompagnato da Federico (in scena) FEDERICO, SCUSA

FEDERICO/ MARIA, SE GH‟E‟ AMO‟? (con le spalle allo sgabuzzino, impaurito)

MARIA/ MA COSA SET DRE‟ A FA LE‟ IMPALAT ISI‟ AL SGABUSI‟?

FEDERICO/ NEGOT… G‟HO DE TO U LAUR CHE DE DET. DAI, DESDES FO‟, GH‟ET

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


48

BISOGN DE COS‟E‟?

MARIA/ SENT, A LA VALENTINA PODE FAGA ET LA FOTO DE LA TO PRIMACUMUNIU? TE DISPIAS?

FEDERICO/ NO.. SE LA GHE FA PIASER A LE‟… MA PERCHE?

MARIA/ (felice) OLE FAGA ET COME SERE BELA ME DE ZUENA! (esce lato letto)

FEDERICO/ (cantato) SE‟… BELA CHE OL ME COR EL FA BUMBUM BUM..

FEDERICO/ ALFREDO DAI, DESCIULES

ALFREDO/ AH, E ISCE‟ TE OLERESET ANDA‟ IN JAMAICA, EH? ARDA CHE HOSENTIT TOT!

FEDERICO/ ME SO RENCURSIT. E TE SET RESTAT AMO‟ CALMO. ME AVRESSPARAT RAUDI E PETARDI CHE DE DET! TOH. CHESTCE I E‟ NOF (gli dá un pantalone suo che prende dalla valigia)

ALFREDO/ BELE STE BRAGHE! PERCHE‟ TI MI ET MIA DACE PRIMA?

FEDERICO/ PERCHE‟ GA TEGNE, I HO APENA CUMPRADE… DAI, ADES ESTESESSO‟ E VA A CA‟ TO, FA PREST!

ALFREDO/ (mentre si veste) MA TE TE SET MAT! ME DE CHE ME SE MOE MIA! ME ALA ME CA‟, E TE‟ A SPAS CON LA VALENTINA, BEL AMIS!

FEDERICO/ ALFREDO, MA SE OLET. ARDA CHE TE SET TE‟ CHE TE M‟ET METIT INCHEL CASOT CHE‟!

ALFREDO/ LA VALENTINA „NDO ELA?

FEDERICO/ LA VALENTINA L‟E‟ DE LA‟ CON LA ME SURELA.SET CHETE GH‟ERETRESU? A L‟E‟ BELLISSIMA. E PROCACE!

ALFREDO/ (nervoso) AL SO‟ CHE L‟E‟ BELLISSIMA. DAI CHE G‟HO DE PARLAGA, FAMPASA‟

FEDERICO/ ALFREDO, SPECIA U MOMENTO (lo trattiene)

ALFREDO/ LASEM INDA‟, STAOLTA, FA PIO‟ DAGN, CHE SEMO‟ PRIMA, M‟ET FACCCAGA‟ ADOS PROPE PERCHE‟ TE‟ M‟ET MIA LASAT PASA‟ (spingendo)

FEDERICO/ SPECIA, SPECIA ON ATEM!

(bussano alla porta)

FEDERICO/ CHI EL ADES?

FIAMMETTA/ FEDERICO, DERV, SO LA FIAMMETTA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


49

FEDERICO/ FIAMMETTA, ON ATEM, SO MIA GNAMO IN CUNDIZIU‟

ALFREDO/ (impaurito) FEDERICO, FIAMMETTA, LA ME DONA…

FEDERICO/ HO SENTIT'

ALFREDO/ E ADES SE FOI?

FEDERICO / (si toglie l'accappatoio, si riveste)....SENT ALFREDO, GH‟E DI MOMENTI IN

DELA ETA, CHE BISOGNA FA DI SCELTE IMPORTANT. SET MIA DECORDE?

ALFREDO/ SE‟,E ALURA?

FEDERICO/ E CHESTO L‟E‟ U DE CHI MOMENCC

ALFREDO/ IN CHE SENSO?

FEDERICO/ IN CHE SENSO? DE LA‟ (indicando lato letto) GH‟E LA VALENTINA, ONAPROSTITUTA CHE LA T‟HA FACC PERDUTAMENTE INAMURA‟. E DE CHE‟ GH‟E‟ (indica la porta d'ingresso) LA TO DONA, LA TO‟ FAMEA. ADES TE GH‟ET DE DECID DE CHE BANDA INDA‟

ALFREDO/ (fa per andare) ME? ME INDO‟ NDEL SGABUSI‟! CIAMEM QUANDO LA MEDONA LA VA VIA‟

FEDERICO/ (lo ferma) LASA PERT OL SGABUSI‟! TE PODET MIA PASA‟ LAETA SERATDET U SGABUSI‟. ALFREDO, STAOLTA TE GH‟ET DE DECID

ALFREDO/(serio) L‟E' IRA, G‟HO DE DECID… TE GH‟ET RESU. PERO‟, FEDERICO,DECIDE UN‟OTRA OLTA, STAOLTA LASEM AMO‟ INDA‟ DET IN DE SGABUSI‟ (tenta di nuovo di scappare)

FEDERICO/ ANCORA… E BASTA CO STO SGABUSI‟!

FIAMMETTA/ FEDERICO DERV, LASEM EGN DE DET!

FEDERICO/ FIAMMETTA FENESE DE ESTEM! RIE! ALFREDO, SENT, TORNA CON LATO DONA, SALVA LA TO FAMEA. D‟ALTRONDE, LA VALENTINA L‟HA TROAT UN OTER CLIENT, NO? (contento) AL SE CIAMA FEDERICO. OLE PROPE FAL STO VIAS CON LE‟. MA T‟EL SET CHE LA ME PIAS?

ALFREDO/ PERCIO‟ OLET FAM TURNA‟ CON LA ME DONA…

FEDERICO/ ALFREDO, OLE CHE TE TURNET CON LA TO‟ DONA PERCHE‟ L‟E LASOLUZIU‟ MIUGLIUR. (solenne) PER ME LA FAMEA L‟E‟ SACRA

ALFREDO/ BELA SCOPERTA TE,ONA FAMEA TE GH‟E L‟ET GNAC ! FEDERICO,PIOTOST, STA ATENT, PARTES MIA CON LA VALENTINA, CHE CHELA LE‟ L‟E U FOC

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


50

CHE AL TA BRUSA! TE SET SEMO‟ SOLA STRADA BUNA

FEDERICO/ MA TANTO PER LA VALENTINA, ME‟ O UN OTER L‟E‟ OL STES LAUR! AL‟E‟ OL SO‟ LAURA‟!

ALFREDO/ FEDERICO, ME TE L‟HO MAI DICC, MA LA VALENTINA L‟E‟ MIA COME CHIOTRE. LE‟ LA G‟HA U COR

FEDERICO/ E CREDET CHE L‟ABIE MIA EST? (indicando con le mani il suo grandesedere) LA G‟HA PROPE U COR GRAND GRAND! SENT, ALFREDO, PIOTOST, PENSA A ONA SCUSA PER LA FIAMMETTA, PERCHE‟ ME ADES DERVE

FIAMMETTA/ FEDERICO, DERV! DERV FO‟!

ALFREDO/ FEDERICO, SPECIA. MA GHE DIGHE COS‟E‟? HO MIA GNAMO‟ DECIDIT!

FEDERICO/ (apre la porta) E DECID ADES! INVENTA ERGOT, DAI! ME DERVE! (apre laporta) CIAO FIAMMETTA,

FIAMMETTA/ ALFREDO

FEDERICO/ ALFREDO, GH‟E LA FIAMMETTA (Alfredo sta di spalle)

FIAMMETTA/ ALFREDO , DIM COSA L‟E‟ DRE‟A SOCED. OLE LA ERITA‟

FEDERICO/ DAI, DIGA STA ERITA‟! CUNFESES! (mentre si allaccia le scarpe seduto)

FIAMMETTA/ SE TE GH‟ET ON AMANTE, PODET RISPARMIASELA LA ERITA‟,PERCHE‟ ME PERDUNE MIA E TA MA EDERET PIO‟!

ALFREDO / E VA BE‟. TE DIGHE LA ERITA‟. FIAMMETTA, GHE N‟E MIA DE AMANTI.ME PODERES MIA RINUNCIA‟ A TE, ALA ME FAMEA, ALA NOSTRA STORIA!

FIAMMETTA/ E ALURA, SE TE GH‟ET MIA L‟AMANTE, L‟E SOCEDIT COS‟E IN DIOLTEM SES MIS?

ALFREDO/ FIAMMETTA SENT, ME HO PASAT SES MIS D‟INFEREN, SES MIS DUR,BROCC, PER COLPA….(pensando a cosa inventare)

FEDERICO/ PER COLPA!

FIAMMETTA/ PER COLPA?

ALFREDO/ E VA BE‟ , PER COLPA DE ONADIAGNOSI SBAGLIADA, ECCO, I DUTUR IM‟ERA DIAGNOSTICAT U TUMUR, U CANCHER AI POLMONI… ECCO, TE L‟HO DICC

FIAMMETTA/ (tenera) ALFREDO, TE GH‟ERET U CANCHER E TE M‟ET DICC NEGOT?

ALFREDO/ NOOO, MA ET CAPIT COS‟E‟? OL CANCHER GHE L‟ERE MIA ME! OLCANCHER GHE L‟ERA….... (piangendo abbraccia Federico) OL FEDERICO!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


51

FEDERICO/ (al pubblico toccandosi i maroni) A ME‟ ME PIASERES SAE‟ COME GHE

EGN IN MET CHI LAUR CHE‟!

FIAMMETTA/ FEDERICO, MA L‟E‟ IRA?

FEDERICO/ALFREDO MA, L‟E‟ IRA…? L‟E IRA! (commossi)

FEDERICO/ (piangendo) FIAMMETTA, ME HO PASAT SES MIS D‟INFEREN, SES MISDUR, BROCC, DES PER ME‟ COME U CA‟, A CUMBAT CHESTA TERRIBILE ERITA‟ E SE L‟ERA MIA PER L‟ALFREDO, CH‟EL VEGNIA CHE… OGNE TRI PER DU!.... A CUNSULAM, GHE L‟AVRES MIA FACIA A SUPERA‟ CHESTO MOMENTO

FIAMMETTA/ (fredda ad Alfredo) L‟E‟ MIA IRA! TA CREDE MIA! PERCHE‟ TE ME L‟ETMIA DICC?

ALFREDO/ E PERCHE' TE L‟HO MIA DICC? FEDERICO, PERCHE‟ GHE L‟HO MIADICC?

FEDERICO/ (piangendo) SO STACC ME‟… ULIE MIA FAGHEL SAE‟ A NISU‟…. GNA‟ LA

ME SORELA LA SA.

ALFREDO/ FIAMMETTA, A L‟E‟ LA ERITA‟, TE GH‟ET DE CREDEM

FEDERICO/ E L‟E‟ STACC MEI ISCE‟, PERCHE‟ DOPO ANALISI APPROFONDITE, LAME‟ DIAGNOSI LA S‟E RIVELADA SBAGLIADA, PERCHE‟ ME‟ PER FURTUNA GHE N‟HO MIA DE ACCIDENTI E DE CANCHER!

ALFREDO/ FIAMMETTA, PERO‟ ME , CHE CROCIERA PODIE FA, SAPENDO CHE OLME‟ MIGLIUR AMIS L‟ERA DRE‟ A CREPA‟? GHE SERE PROPE MIA COL CO‟

FIAMMETTA/ (venale) VA BE‟, TA CREDE… POTA PERO‟ ALURA, I DES MELA EURODE LA CROCIERA, CHE FI‟ I A FACC? GH‟I ET DACC A CHI?

ALFREDO/ EH, INDOEI?

FEDERICO/ CHI CHE GHI HA?

ALFREDO/ EH… GH‟I HO DACC A…

FIAMMETTA/ I ET DACC A…

ALFREDO/ GH‟I HO DACC AL FEDERICO! MA AL S‟E‟ TRATAT DE U PRESTITO,CHIARAMENTE

FEDERICO/ (al pubblico) CH‟EL TA EGNE U CANCHER…

FIAMMETTA/ FEDERICO, MA COSA OLEL DI‟?

FEDERICO/ ALFREDO, SPIEGHEGHELA TE‟, PERCHE‟ A ME ME E‟ DE LOCIA‟

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


52

ALFREDO/ FEDERICO, ARDA CHE L‟E‟ MEI SE TE L‟ISPIEGHET TE, PERCHE‟ A MELA FIAMMETTA LA ME CRET MIA

FEDERICO/ SENT, FIAMMETTA, QUANDO ME‟ HO SAIT DE LA ME DIAGNOSI, EREDECIDIT DE FA DI ANALISI APPRUFUNDIDE, PERCHE‟ A DILA TOTA, ME ME SE SENTIE BE, COME U LEU! GHE N‟ERE MIA DE DULUR. ALURA ERE DECIDIT DE INDA‟ A NEW YORK (Alfredo mima) INDO CHE GH‟E‟ ONA CLINICA SPECIALISADA MA COSTOSISIMA, E….. (piange) SERE DISPERAT, MA GH‟ERE MIA SOLCC A SE‟

ALFREDO/ E ALURA GHI HO DACC ME‟ I DES MELA EURO DELA CROCIERA. OH,OL FEDERICO A L‟E‟ OL MIGLIUR AMIS CHE G‟HO!

FEDERICO/ PERO DOPO FORTUNATAMENTE G‟HO PIO‟ ULIT BISOGN DE PARTI‟,PERCHE‟ HO FACC AMO‟ I ANALISI CHE‟ IN ITALIA E LA DIAGNOSI L‟E‟ RISULTADA SOBET SBAGLIADA. FIAMMETTA, CREDEGA, CHESTA L‟E LA PURA ERITA‟

ALFREDO/ FIAMMETTA, CREDEGA, L‟E‟ INDACIA PROPE ISCE‟

FIAMMETTA/ E VA BE‟, MA SE L‟E‟ INDACIA ISCE‟ E OL FEDERICO L‟E‟ MIA PARTIT, ISOLCC DELA CROCIERA I OCOR PIO‟. E ALURA ADES OL FEDERICO EL POL DATEI INDRE‟, GIOST?

ALFREDO/ GIOST. ADES OL FEDERICO M‟I DA INDRE‟! VERO FEDERICO?

FEDERICO/ (quasi distratto) G‟HO DE DAT INDRE‟ COS‟E‟, ME ALFREDO? HO MIACAPIT BE‟, SERE DISTRATTO…

FIAMMETTA/ I DES MELA EURO, OL PRESTITO DE ALFREDO PER INDA‟ A NEWYORK A FA‟ I ANALISI

FEDERICO/ AH GIA', L‟E‟ IRA, SE, SE! (fra se) I DES MELA EURO! CERTO, L‟E‟NORMAL! VA BE‟, ALFREDO DOPO TI DO‟, CHE FRESA, ME SE DESMENTEGHE MIA!

ALFREDO/ FEDERICO, VA BE‟, CON CALMA, PERO‟TE PODERESET FAM ON ASEGNADES, NO? A L‟E‟ NECESSARIO, SET COM‟E‟…

FEDERICO/ (sofferto) AH… TE FO‟ ON ASEGN?

FIAMMETTA/ (felice) SE, DAI, FA SO‟ ON ASEGNI‟, CHE ISCE‟ LA NOSTRA CROCIERAL‟E SALVA!

FEDERICO/ (piangendo) E VA BE‟, ALFREDO, TE FO‟ ON ASEGNCHIAMATO PIETRO,VA BE‟? (fa l'assegno)

FIAMMETTA/ PIETRO? MAVOL DI‟ COS‟E‟?

ALFREDO/ NO, NEGOT, OL FEDERICO EL G‟HA L‟ABITUDINE DE DAGA OL NOM AGLIASSEGNI CH‟EL FA‟. A L‟E‟ ONA SO MANIA! CHESTO CHE‟ AL SE CIAMA PIETRO, MA

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


53

L‟E‟ MIA IMPORTANT…

FIAMMETTA/ AH, TE GH‟ET PROPE RESU‟, CARO

FEDERICO/ TOH, OL TO‟ ASEGN…

ALFREDO/ (tenta di prendere l'assegno, ma Fiammetta e piu veloce)

FIAMMETTA/ (lo abbraccia) CARO , LA CROCIERA L‟E' SALVA! E ME CHE PENSAECHE TE GH‟ERET ON AMANTE

FEDERICO/ MA CHE AMANTE…SCIOCCHINA

FIAMMETTA/ (vanno sul divano) EDE MIA L‟URA DE PARTI‟

ALFREDO/ EH, A CHI TE GH‟EL DIGHET!

(BUSSANO ALLA PORTA)

ALFREDO/ FEDERICO, GH’E’ ERGU’ ALA PORTA

FEDERICO/ ALFREDO, DERV FO‟ TE, PER PIASER, ME SE SENTE MIA TAT BE‟ ALFREDO/ SE, DERVEME! (vede solo i fiori) FEDERICO, GH‟E‟ OL FIURISTA

PEPPINO/ MA CHE FIORISTA, SONO PEPPINO! PEPPINO SCIROCCO, MA GIA‟ NONSI RICORDA DI ME?

ALFREDO/ AH GIA' L‟E' IRA! AL ME SCUSE, SO AMO‟ UN PO‟ SCOMBUSOLAT

PEPPINO/ FEDERICO, TI HO PORTATI I FIORI

FEDERICO/ GRAZIE PEPPINO. (li prende) FINALMENTE ON INCUBO L‟E‟ FINIT

PEPPINO/ E CI CREDO, E SE VUOI CHIAMARLO INCUBO, QUESTO (indicandoValentina che e appena entrata insieme a Maria)

VALENTINA/ SONO PRONTA , HO CAMBIATO LE CALZE E HO ANCHE RIFATTO ILTRUCCO, FEDERICO HAI PROPRIO UNA BELLA CASA, ABBIAMO VISTO TUTTI I TUOI ALBUM DI FOTO, ADESSO SO TUTTO DI TE, (con enfasi) PASSATO, PRESENTE E FUTURO

MARIA/ E AMEN, E ALURA, STO MATRIMONIO, QUANDO M‟EL FA‟?

FEDERICO/ (poetico) VALENTINA, CHESTCE I E‟ PER TE‟!(le dá i fiori)

VALENTINA/ GRAZIE, SONO BELLISSIMI.... IO HO LA PASSIONE PER LE ROSE

ROSSE.MA... VEDO CHE LA CASA SI E' ARRICCHITA DI NUOVI OSPITI ... C'E' ANCHE ALFREDO

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


54

FIAMMETTA/ VI CONOSCETE ?

VALENTINA/ SI, SI CI CONOSCIAMO ....... (a Federico) E' UN MIO VECCHIO CLIENTE

ALFREDO/ (tossisce insieme a Federico, appena Valentina dice e' UN MIO..)

VALENTINA, TE PRESENTE LA ME DONA, FIAMMETTA (sottolineato)

VALENTINA/ PIACERE

FIAMMETTA/ (ad Alfredo) PIACERE ..... MA, COME MAI SE CUNUSI‟?

ALFREDO/ E COME MAI, COME MAI… G‟HO MIA DE CONOS LA MURUSA DEL MEMIGLIUR AMIS…?

MARIA/ SCIURA FIAMMETTA. L‟HA EST OL ME FRADEL CHE BELE DONE ELFREQUENTA?

FIAMMETTA/ SE, SO‟ PROPE CONTETA PER LU‟. CON CHEL CHE L‟HA PASAT! MARIA/ (piangendo) FEDERICO, MA PERCHE‟ TE LOCIET? AL T‟E‟ SOCEDIT COS‟E‟? FEDERICO/ NEGOT MARIA, PREOCUPES MIA, OL PASAT… L‟E‟ PASAT

MARIA/ SCIUR ALFREDO, COMPLIMENTI, AL G‟HA PROPE ONA BELA DONA! ALPODIA PO‟ DIMEL PRIMA!

ALFREDO/ SE‟! ONA DONA CHE ADES FARO‟ FELICE CON D‟ONA SPLENDIDACROCIERA INSEMA!

FIAMMETTA/ (calda) SE‟, ONA CROCIERA D‟AMUR E DE PASIU‟. AN G‟HA DERICUPERA‟ SES MIS (Alfredo fa per cadere) VERO CARO?

PEPPINO/ (focoso) MARIA, RECUPERIAMO QUALCOSA ANCHE NOI! MA NOI NON

RECUPERIAMO MAI NIENTE?

MARIA/ E I CELEBRAZIU‟ I‟ PER COS‟E‟?

FIAMMETTA/ AN FESTEGIA OL NOST DECIMO ANNIVERSARIO DE MATRIMONIO MARIA/ AH, AL ME FA‟ PROPE PIASER

PEPPINO/ MARIA, FESTEGGIAMO QUALCOSA ANCHE NOI! NOI NONFESTEGGIAMO MAI NIENTE, MARIA!

VALENTINA/ (abbracciati) NOI INVECE PARTIREMO PER LA JAMAICA VEROFEDERICO?

FEDERICO/ SE‟, E G‟HE ONA PALMA TOTA PER NOTER CHE LA SPECIA!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


55

(bussano la porta)

PEPPINO/ FEDERICO, HANNO BUSSATO

MARIA/ DERVE ME‟(rimane vicino alla porta aperta) FEDERICO, A L‟EL‟AMMINISTRATRICE

AMMINISTRATRICE/ (entra e rimane sull'uscio)

FEDERICO/ SCIURA AMMINISTRATRICE, AL ME FA PIASER EDELA CHE‟. L‟E‟ RIADAAL MOMENT GIOST. ULIE DIGA CHE OL PROBLEMA DEGLI SCHIAMAZZI L‟E‟ RISOLTO DEFINITIVAMENTE. ANSE, ADES ME‟ PER UN PO‟ GHE SARO‟ PIO‟, PERCHE‟ INDO‟ IN JAMAICA!

AMMINISTRATRICE/ SO CONTETA, CHE AL S‟E SISTEMAT TOT DEFINITIVAMENTE.EH, PER UN PO‟ AN SE EDERA‟ MIA, SO IN PARTENSA PO‟ ME, FINALMENTE HO TRUAT PO‟ ME‟ OL OM DE LA ME ETA!

MARIA/ AH, SE? E CHI SARESEL?

AMMINISTRATRICE/ L‟ALFONSO, CHEL DELA GELATERIA! CHE OM! PACIFICO EFOCOSO. E FEDELE, NONOSTANTE TOTE I BELE DONE CHE GHE A DET A TO OL GELATO, EL G‟HA OCC DOMA PER ME‟!

FEDERICO/ MA L‟E‟ STUPENDO, SO PROPE CONTET PER LE‟!

AMMINISTRATRICE/ E ADES, CHE TANTO AL RIA L‟INVEREN E I GELATI I SE ENTMIA, AN PARTES INSEMA PER PARIGI. „NDO A FA‟ I ALIS! ARRIVEDERCI A TUTTI!

(TUTTI SALUTANO)

MARIA/ UEH, I SE SISTEMA PROPE TOCC, INCO‟!

FEDERICO/ SE‟! AL G‟HA DE ESEGA IN GIR ONA QUAC VIRUS!

(ribussano la porta)

(MARIA, ANCORA IN ZONA PORTA, RIAPRE SUBITO)

MARIA/ BUONGIORNO, COSA PODE FA PER LE‟?

CONCETTINA/ (entra; ben vestita e piu bella, molto diversa) MA SIGNORA MARIA, NONMI RICONOSCE? SONO CONCETTA!

MARIA/ LA CONCETTINA? (maria chiude la porta), MA L‟E‟ SOCEDITO COS‟E? TE MESOMEET UN OTRA!

CONCETTINA/ EH, LO SO! MA SONO SEMPRE IO! E‟ CHE MI SONO FIDANZATA!

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


56

FEDERICO/ L’ERE DICC ME’! U VIRUS, MA DE CHI FORCC!

CONCETTINA/ SIGNORA MARIA, MA CI PENSA, PARTO CON IL MIO NUOVOFIDANZATO!

MARIA/ MA CONCETTINA, COME SO CONTETA!

CONCETTINA/ SI, E‟ L‟ALFONSO, IL TITOLARE DELLA GELATERIA! LO SA COM‟E‟…IO ADORO IL GELATO AL CIOCCOLATO E LUI… MI HA PRESO PER LA GOLA. PARTO CON LUI PER…

FEDERICO/ PARIGI!

CONCETTINA/ ESATTO! AH, LO SAPETE GIA‟?

MARIA/ NO, MA VA‟, OL FEDERICO L‟HA TIRAT A INDUINA‟! VEROFEDERICO!

FEDERICO/ MA CERTO, A L‟E‟ OL ME‟… SESTO SENSO. L‟ISTES CH‟EL ME DIS CHELA SO VACANSA LA SERA BELA MUIMENTADA E CHE LA SE ANOIERA MIA DE SIGUR! (torna da valentina)

MARIA/ CONCETTINA, TE GH‟AVRET DE PREPARA‟ I ALIS, NO? FORSE L‟E‟ MEI CHETE „NDET…

CONCETTINA/ EH, SI, E‟ VERO, SENNO‟ FACCIO TARDI. ARRIVEDERCI MARIA!

ARRIVEDERCI, FEDERICO!

(salutano)

FEDERICO/ CERTO,CHE SE CHESTE DO‟ CHE‟ I SE RENCORS DEL GIOC DELALFONSO, OTER CHE PARIGI! PARIGI DAKAR! A PESADE I GHE LA FA FA‟ PEPPINO/ MARIA, MA INSOMMA, QUI TUTTI PARTONO, MA NOI NON PARTIAMOMAI!

MARIA/ PEPINO, NOTER AN VA DE NIGUNA BANDA…

PEPPINO/ (voglioso e poetico) MA COME SAREBBE?.. MIA DOLCE SIRENA DELMARE, PARTIAMO ANCHE NOI! TUFFIAMOCI SENZA PAURA NEL MARE DELL‟AMORE, ABBANDONIAMOCI AL VORTICE DELLA PASSIONE. MARIA, E BUTTIAMOCI DENTRO A STO VORTICE, DAI! (avvinghiandosi a lei)

MARIA/ CARO OL ME‟ ADORATO POLIPETTO (divincolandosi), SEMPER CON CHELLAUR DET IN CHELA CRAPULINA CHE TE GH‟ET… E INDOE TE ULERESET PURTA‟ LA TO SIRENUCCIA, EH?

PEPPINO/ MARIA, MA IO TI PROTO A HONOLULU, HONGO KONG, MA ANCHE AVENEZIA… L‟IMPORTANTE E‟ CHE PARTIAMO. E PARTIAMO, DAI!

MARIA/ PEPI‟, OLET CHE TE DIGHE COS‟E‟? PARTI AN POL MIA PARTI‟ PERCHE‟ I

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com


57

MANCA I SOLCC! ME SA‟ CHE OL TO VORTICE AL RESTERA‟ OT

PEPPINO/ I SOLDI? E CHE CI VUOLE? (va a prendere federico e lo porta a centro palco) FEDERICO/ (seguendolo) PEPI‟, COSA GH‟E‟?

PEPPINO/ FEDERICO, TU CHE HAI SOLUZIONI PER TUTTI, AIUTAMI A RISOLVERE ILMIO PROBLEMA!

FEDERICO/ MA, SEPODE, PERCHE‟ NO?

PEPPINO/ FEDERICO, PRESTAMI DIECI MILA EURO! (allunga la mano verso Federico)

FEDERICO/ AH (crolla a terra svenuto)

TUTTI/ (si portano verso Federico, esclamando, Federico, ma è svenuto; ol mé fradel…! Ma gh’e socedit cos’è? L’istaa bé infena a on atem fa… é solo svenuto state tranquilli…

(si chiude il sipario)

(Parte la canzone OL ME COR EL FA BUM BUM BUM …

F I N E

Io, Alfredo e Valentina di Oreste De Santis

Opera tutelata dalla SIAE  - cod. Opera 855536/A

http://www.orestedesantis.com

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno