Io gioco e gli altri vincono

Stampa questo copione

Io gioco e gli altri vincono

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

08/04/2005

Personaggi:   10

Amedeo De Funto                   

Maria Sollazzo                        

Andrea De Funto     figlio di Amedeo                

Davide De Funto     figlio di Amedeo                

Antonio Sollazzo     figlio di Amedeo                

Jasmine Sollazzo     figlia di Amedeo                

Patrizio Vasino                        

Emi Crania                              

Ambrogio Toro                           

Rina Cavallo          

Napoli, quartiere Materdei. Il protagonista è il vizio del gioco. La sua forma più selvaggia è espressa nel gioco del Lotto, di cui i napoletani sono grandi cultori. Ogni occasione è buona per mettere insieme due o più numeri e giocarli, sperando nella fortuna. Amedeo De Funto è giocatore incallito ma perdente nato. L’unico in famiglia a non vincere mai. Allora decide di passare anche al gioco del Totocalcio. Ritenendosi troppo sfortunato, strappa la schedina, salvo poi scoprire invece di aver vinto una somma ingente. Cerca allora di ritrovare i pezzi strappati e di incollarli, ma la parte più importante della schedina si smarrisce come per maledizione. La situazione sfortunata non guarisce Amedeo dalla sua malattia per il gioco, neanche quando sua figlia Jasmine cerca di fargli conoscere il proprio fidanzato…

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

         

            Napoli, quartiere Materdei: sala da pranzo di casa De Funto. Alla sala s’accede da un ingresso comune a destra. Al centro c’è una porta che conduce in cucina e in camera da letto. A Sinistra, un’altra porta, conduce al bagno e a due stanzette. Nella stanza non vi è molto: in mezzo, c’è un tavolo contornato da quattro sedie. A Sinistra c’è un divanetto.   

ATTO PRIMO

1. [Andrea, Davide e Antonio De Funto. Poi Emi Crania]

                Seduti ci sono: Andrea e Davide al tavolo e Antonio al divanetto, che si annoiano.

Antonio: Guagliù, e comme me stongo ammuscianno!

Andrea:  E già, pur’io.

Davide:   E se capisce: chi, comm’a nuje nun fatica, s’ha da ammuscià afforza!

Andrea:  E allora ce ‘a vulìmme truvà ‘na fatica?

Davide:   E addò sta ‘a fatica?

Antonio: E già. Ccà a Materdei, ‘sta parola, è addiventàta ‘nu mistero! 

Davide:   Vabbuò, accuntentàmmece ‘e chello che ce tenìmme. Del resto, ‘int’a ‘sta casa, ce

                sta sulo ‘na perzona che fatica: mammà!

Antonio: Sì, ‘e che bellu mestiere che ffa: ‘a contrabbandiera ‘e sigarette!  

Andrea:  E te pare poco? Chella è rimasta quase ll’unica contrabbandiera d’Italia. E nun s’è

                fatta maje sgamà! Papà invece sì, e pe’ chesto fuje arrestato. E accussì, doppo tre

                mmise ‘e carcere, ha scuperto che mammà ha pigliato ‘o posto suojo!

Davide:   E intanto, che scuorno! Mammà ha da dà a magnà a papà, a me, a te, a Antonio, a

                Jasmine e pure a essa stessa!

Antonio: Davide, t’he’ scurdato ‘o cane e ll’auciello!

Davide:   E già, ce stanne pure Mosca e Formica! Chille màgnene pure cchiù assaje ‘e nuje!

Andrea:  E pacienza, ce amma adeguà. Del resto, tutt’e tre, ormai simme adulti! Però,

                 accòmme superamme ‘e quarant’anne, ce amma cercà assolutamente ‘na fatica!

Antonio: E già. Pe’ furtuna che simme furtunate e ce sapimme arrangià. Io, per esempio,

                aiére, pé terra, aggio truvato ‘nu portafoglio cu’ treciento Euro.

Davide:   E io aggio truvato duje ricchìne e ‘nu bracciale d’oro. E tu, André?

Andrea:  Io ho trovato una giocata dell’Enalotto. Chi l’ha giocata, ha vinto cient’Euro però

                 nun se l’ha jute a piglià. E io sapete che faccio? Li piglio e li investo di nuovo.  

Antonio: E vabbuò, André, mò nun t’attiggià pe’ mezza che tiene ‘a quarta elementare!

Andrea:  Ma quala quarta elementare? Io tengo ‘a sesta elementare!

Antonio: Ma quala sesta elementare? Tu he’ fatto tre vvote ‘a quarta e ppo’ te si’ arretiràto!

Davide:   Basta accussì, a tutt’e dduje. Mò sapìte che ce vulésse? ‘N’idea pe’ nun ce

                 ammuscià cchiù. Io dicésse: vulìmme arrubbà cocche borza?

Antonio: Ma che vvuo’ ì, ‘ngalera? No, io dicésse: scassàmme ‘e llastre d’’o vicino ‘e casa!

Andrea:  No, già l’amme scassate aiére e ancora l’ha da cagnà! Io direi: facciamo un gioco.

Gli altri: (Seccati) No!    

Andrea:  Come non detto, ammusciàmmece!

Antonio: Si sultanto passàsse ‘na femmena, perdésseme ‘o ppoco ‘e tiempo. Ma addò sta?

                E dalla comune (a destra) entra Emi, ragazza molto provocante e maggiorata.

Emi:        E’ permesso? Si può?

                I tre la guardano sorpresi senza rispondere. Così Emi fa qualche passo avanti.

                Ho detto: si può?

                I tre la guardano e non rispondono. Così Emi va al centro.

                Néh, guagliù, ma site imbalsamati?

Antonio: André, Davide, ate visto? ‘Nu miraggio!

Andrea:  (Si alza e le si avvicina) Ehm... ciao, bella signorina. Come ti chiami?

Emi:        Uhé, ma non mi riconoscete? Sono l’amica di vostra sorella Jasmine: sono Emi.

I tre:       (Sorpresi) Che?

Davide:   (Si alza e le si avvicina) E tu fusse Emi?

Emi:        Sì. 

Antonio: (Si alza e le si avvicina anche lui) Cioè, ma tu vuo’ dicere Emi Crania?

Emi:        Sì, songh’io: Emi Crania. Ma pecché, cunuscìte a cocch’ata Emi?

Andrea:  No, sapìmme sulo a te. Però tu, fin’e aiére, ire ‘nu purpo ambulante!

Davide:   E che t’è succieso, stanotte? E’ passata ‘a fatina cu’ ‘a bacchetta magica?

Antonio: No, Davide, chesta nun ‘o vvo’ dicere, ma è stata a Lourdes! Nun è accussì?

Emi:        Ma che ve ne ‘mporta? So’ cagnata e basta! E mò dicìteme addò sta Jasmine.

Andrea:  Sta di là. A sinistra. Nella stanzetta.

Emi:        Ok, grazie! Allora ci vediamo più tardi. Ciao, ragazzi.

                Va a sinistra. I tre si guardano, poi tornano a sedersi ai rispettivi posti in silenzio.

Antonio: (Rompe il silenzio) Ehm... guagliù, avìsseve visto ‘e ssigarette mie?

Andrea:  Sì, stanne ‘int’’a stanzetta nosta, ‘ncoppa ‘o lietto tuojo.

Antonio: Allora mò ‘e vvaco a piglià. (Si alza) Vuje però aspettate ccà, v’arraccummànno!

                Esce a sinistra di corsa. I due si guardano per un momento. Poi...

Davide:   Ehm... André, tenìsse diece Euro ‘a me prestà?

Andrea:  No. Però ce sta ‘o portafogli mio ‘int’’a stanzetta mia, ‘ncoppa ‘o lietto mio.

Davide:   Ok. (Si alza) Mò ce vach’io. Però tu nun te mòvere ‘a ccà, t’arraccummànno!

                Ed esce pure lui a sinistra in fretta e furia. Andrea si alza e si frega le mani.

Andrea:  ‘E che scieme! Amménte Antonio se va a piglià ‘e ssìgarette e Davide se va a

                 piglià ‘e sorde, io vaco addù Emi e ce addimànno si vo’ ascì cu’ me! Marò,

                 comme so’ furbo!

                 E va anche lui a sinistra.

 

2. [Amedeo De Funto e Maria Sollazzo. Poi Jasmine e Patrizio VaSìno]

                Dalla comune (a destra) entrano Amedeo (il capofamiglia) e Maria (sua moglie).

Maria:    (Esibisce fiera una banconota da 50 Euro) Amedé, aggio truvato 50 Euro!

Amedeo: E addò l’he’ truvate?

Maria:    ‘Nterra ‘o bidone d’’a munnezza ccà ffora.

Amedeo: E comme se truvàva lloco ‘nterra?

Maria:     E se vede che coccheduno l’avrà ittata!

Amedeo: E secondo te, ‘e ggente jettene ‘e sorde ‘int’’a munnezza pe’ t’’e ffa’ truvà a te?

Maria:     Vabbuò, comunque l’importante è che l’aggio truvate! (Le ripone in borsa) E tu

                 invece nun he’ truvato niente?

Amedeo: Sì, vicino ‘o stesso bidone addò tu he’ truvato ‘e 50 Euro, aggio truvato ‘nu paro

                 ‘e lente. Sulo che nu m’’e ppozzo mettere, pecché so’ graduate!

Maria:     E vabbuò, nun te prioccupà. Sarrà pe’ ‘n’ata vota.

Amedeo: Ma io nun riesco a capì. ‘Int’a ‘sta casa succédene cose strane: io faccio ‘o

                 contrabbandiere ‘e sigarette e vengo arrestato, accussì tu piglie ‘o posto mio, però  

                 a te nun t’arréstene maje! E nun sultanto: so’ trent’anne che joco ‘a schedina, ma

                 nun aggio maje vinciuto niente. Invece tu, Antonio, Andrea, Davide e Jasmine,

                 truvate ‘e sorde pe’ terra, vincìte ‘o Totocalcio e ‘o Totip, e pure ‘e scummesse! 

                 Vulésse sapé pecché aggia essere proprio io ‘o cchiù sfurtunato d’’a famiglia! 

Maria:     No, nun dicere accussì. Porta sfurtuna!

Amedeo: E cchiù sfurtuna ‘e chesta? Aiére aggio acchiappato ‘na multa pe’ divieto ‘e sosta!

Maria:     E allora?

Amedeo: Marì, ma comme faccio a acchiappà ‘e mmulte, si io nun tengo ‘a machina?

Maria:     E ffa’ ricorso. Va’ add’’e viggile e dincello. Mò però viene dint’’a cucina cu’ me.

Amedeo: A ffa’ che?

Maria:     Amma vedé ‘a televisione. Mò accummencia ‘a trasmissione “Vinci tu, vinco

                 io”! T’he’ scurdato? Io sto’ facenno ‘o cuncorso.

Amedeo: Qualu cuncorso?

Maria:     Quello che si vincono 20.000 Euro tutto in stock e baccalà.

Amedeo: Ah, già, chillu concorso addò dìcene sempe chella frase: “Nun t’arraggià,

                 màgnete ‘o baccalà”!

Maria:     Appunto. E mò jamme, ca io voglio vencere.

Amedeo: (Ironico) Aroppo saje ‘e che fieto ce sta pe’ tutta ‘a casa?!

                 E così i due escono al centro. Da sinistra entra Jasmine: è un tipo molto acido.

Jasmine:  Cose ‘e pazze! I miei fratelli, accòmme hanne vista a Emi, che s’è rifatta sana

                  sana, nun hanne capito cchiù niente! Pàrene tre muorte ‘e famme annanzo a ‘nu

                  piatto ‘e lasagne! Io, invece, il mio Ambrogio... ‘o veco sulo ‘a ‘int’’o binocolo!

                  E si siede al divanetto. Dalla comune entra Patrizio: è uno dalla risata facile.

Patrizio:  Jasmine!

Jasmine:  Ah, si’ tu, Patrì? Viene, viene, assiéttete.

Patrizio:  (Le si avvicina e le siede accanto) E che d’è ‘sta faccia?

Jasmine:  Pecché, nun te piace?

Patrizio:  No, nun he’ capito...! (E comincia a ridere)

Jasmine:  Néh, ma che tiene ‘a rirere?

Patrizio:  (Smette) Niente, io voglio dicere: pecché staje accussì triste?

Jasmine:  E secondo te?

Patrizio:  Aggio capito: Ambrogio. (E comincia a ridere)

Jasmine:  Néh, ma te fa rirere, Ambrogio?

Patrizio:  (Smette) No, no, nun te prioccupà. Siente, ma pecché nun parle cu’ isso?

Jasmine:  Ma si io ce parlo tutt’’e juorne.

Patrizio:  No, nel senso che cercate ‘e ufficializzà ‘a faccenda. (E ricomincia a ridere)

Jasmine:  Si’ pazzo? E io avessa presentà a Ambrogio a mammà e a papà? Pe’ carità.

Patrizio:  (Ridendo) Ma pecché, che tene ‘e male?

Jasmine:  Che tene ‘a male? Se chiamma Ambrogio Toro, e papà e mammà se pénzene ch’è

                 milanese! Chillo invece è ‘e Materdei!

Patrizio:  (Ridendo) E allora comme vuo’ fa’?  

Jasmine:  Patrì, ma ‘a vuo’ fernì ‘e rirere? Io sto’ parlanno ‘e ‘na cosa seria!

Patrizio:  (Ridendo) E pur’io! (Smette) Dai, scusami. Però tu lo sai, a me mi fa ridere tutto.

Jasmine:  E se vede che tiene ‘a capa fresca! A proposito, l’he’ vista a Emi?

Patrizio:  Sì! (Parla ridendo e non si capisce) Ma tu ‘o ssaje... che s’è rifatta... sana sana?

Jasmine:  Comme?

Patrizio:  (Ripete uguale) ‘O ssaje... che s’è rifatta... sana sana?

Jasmine: Patrì, nun te capisco. Ma che staje dicenno?

Patrizio: (Ripete uguale) ‘O ssaje... che s’è rifatta... sana sana?

Jasmine: Embé, Patrì, si nun ‘a fernìsce ‘e rirere, me levo ‘na scarpa e t’’a dongo ‘nfaccia!

Patrizio:  (Smette) Scusami. Dai, parliamo seriamente. Lo sai che Emi si è rifatta sana sana?

Jasmine: E comme, nun ‘o ssaccio? Però, pe’ me, steva meglio primma.

Patrizio:  (Si alza) Siente, vulìmm’ì addù essa? ‘A voglio sfottere ‘nu poco.

Jasmine: (Sì alza) E vabbuò. Ma che le vuo’ dicere?

Patrizio:  Niente, accòmme ‘a veco, l’aggia fa’ ‘na resata ‘nfaccia!

                 Comincia a ridere, e i due escono a sinistra.

3. [Amedeo. Poi Andrea e Antonio]

                 Dal centro entra Amedeo con due biglietti “Gratta e vinci” in mano.

Amedeo: Apprìmma aggio accattato duje Gratta e vinci ‘e nascosto a Maria! (Siede al

                 tavolo) Aggio appriparato pure ‘a moneta ‘e vinte centesimi. E mò bona furtuna a

                 me! (Gratta con la monetina, poi legge sul biglietto) “Non avete vinto niente!

                 Anzi, ci dovete dare voi qualcosa a noi”! Puh, ‘a faccia toja! (Getta il Gratta e

                 vinci a terra) Mò provo cu’ chist’ato. (Gratta il secondo, poi legge e si felicita)

                 Ho vinto! Ho vinto! (Salta in piedi) T’aggio fatto fesso! Famme vedé quanto

                 aggio vinciuto. (Legge sul retro e resta deluso) Che? Diece centesimi?! Ma va’  

                 fa’...! (E per la rabbia getta a terra la monetina) Uh, ch’aggio fatto? Aggio

                 ittato ‘e vinte centesimi pe’ terra! (Si alza, si inginocchia e li cerca) Addò stanne?

                 Da sinistra tornano Andrea e Antonio, che appena usciti, Si fermano a parlare.

Antonio: (Felice) He’ capì, André? Emi m’ha dato ‘o nummero ‘e cellulare suojo!

Andrea:  (Felice) E pure a me!

Antonio: E Davide nun se l’ha pigliato?

Andrea:  No. Meglio accussì.

Antonio: (Dubbioso) Aspiette ‘nu sicondo, ma mò chi ce aésce cu’ chella? Io o tu?

Andrea:  Vabbuò, io dicésse: ittàmme ‘o tuocco. Pe’ me, pe’ me, pe’ me…

                E così si sente Amedeo che si arrabbia con la monetina (i due lo notano sorpresi).  

Amedeo: Ma addò cacchio si’ gghiuta a ffernì? ‘Sta figlia ‘e mappina!

                 I due gli si avvicinano pian piano, mentre lui sèguita.

                 Te si’ offesa? E ‘a chi ‘o vvuo’? ‘A prossima vota me faje vencere! (Nota i due)

Antonio: Papà, ma cu’ chi ce ll’haje?

Amedeo: Ehm... cu’ mammà vosta! Pecché nun m’ha vuluto cucenà ‘e maccarune ‘o rraù!

Andrea:  E pecché staje lloco ‘nterra?

Amedeo: Pecché m’’a stongo pigliànno cu’ ‘o pavimento! (Dà pugni in terra) Tié, tié!

Antonio: Ma che stranu modo ‘e protestà!

Amedeo: (Si rialza) ‘O vi’ ccanno, m’aggio sfugato! E allora, ja’, guagliù, che se dice?

Antonio: Niente, amme visto a ‘na bella guagliona e mò ce amma ascì tutt’e dduje!

Andrea:  E per il resto, io, Antonio, Davide e Jasmine, ci troviamo in un momento di gran  

                fortuna! Tutto chello che facìmme, ce riesce! E ppo’ vincimme sempe!

Amedeo: (Frustrato) ‘O vero? Sentite, ma site sicure che ssite figli a me?

Antonio: Pecché, papà?

Amedeo: No, niente. ‘Na curiosità! A proposito, ma mò stiveve ascenno?

Andrea:  Sì. Io e Antonio nun tenìmme niente ‘a fa’, accussì mò jamme add’’o tabbaccaro.

Amedeo: E che gghiate a ffa’?

Antonio: (Ironico) Jamme a ffa’ ‘nu pic-nic! Papà, ma che se va a ffa’ add’o tabbaccaro?!

Amedeo: A accattà ‘e ssigarette?

Andrea:  No, io aggia jucà duje nummere ‘o Lotto! Me sento che vinco pure ‘sta vota!

Amedeo: (Frustrato) ‘O vero? E tu, Antò?

Antonio: Aggia jucà pur’io. Stanotte m’aggio sunnato ‘nu paro ‘e nummere ‘ncuollo a te!

Amedeo: E comm’è, io tenévo ‘e nummere ‘ncuollo, e nun me ne songo accorto?

Antonio: E ch’è colpa mia?

Amedeo: (Frustrato) E gghiate, jate, o si no chiude ‘o tabbaccaro.

Andrea:  A proposito, papà, vuo’ che te pigliàmme ‘nu Gratta e vinci pe’ te?

Amedeo: (Nauseato) No, no, nun fa niente. Nun ne vale ‘a pena. Se vence troppo poco!

Andrea:  Troppo poco? Ma tu ‘o ssaje quanto ha vinciuto ‘o vicino ‘e casa nuosto?

Amedeo: (Disinteressato) Quanto ha vinciuto?

Andrea:  Uttantamila Euro!

Amedeo: Pure? E se capisce, chillo se chiamma Felice Fortunato!

Antonio: E non solo: ‘n’atu signore ‘int’’o palazzo ha vinciuto cientomila Euro ‘o Lotto!

Amedeo: Chi? Chillo ‘o sesto piano?

Antonio: No, chillo ‘ncoppa a tutto!

Amedeo: E chillo è ‘o vicino ‘e casa ‘e Dio! Se chiamma pure Nazareno Del Signore!

Andrea:  E non solo. Ce sta pure ‘a signora sotto addù nuje...

Amedeo: (Frustrato e seccato) No, no, basta, nun me cuntate cchiù niente. Chisto è ‘nu

                 palazzo addò ce sta tutta gente furtunata! Anze, quase tutta!

Antonio: Papà, e tu nun vince maje niente?

Amedeo: Embé, mò t’azzecco ‘nu buffettone! Ma comme, io nun vinco maje niente?

Antonio: Ma pecché, che he’ vinciuto?

Amedeo: Aggio vinciuto a ‘nu cuncorso che nun ‘o sapìte nisciuno ‘e tutt’e dduje. 

I due:      E qual è?

Amedeo: “Tele palla”!

Antonio: Bravo, ce fa piacere. Vabbuò, ja’, nuje ascìmme. Cià, papà.

Andrea:  E t’arraccummanno, ‘a prossima vota che vince coccosa, dincello pure a nuje!

                I due escono di casa. Amedeo li guarda nauseato.

Amedeo: Ma ch’aggia vencere? Fosse ‘o Dio e ‘stu “Tele palla” esistesse overamente! E

                invece se tratta sulamente ‘e ‘na palla! Ma che miseria! ‘Int’’a quala famiglia so’

                capitato?! Chiste se sònnene a me ‘a notte, fanne ‘e nummere e véncene pure. Io 

                invece me sonno sulo ch’aggia pavà: acqua, luce e gas! Aggia nascere ‘n’ata vota!

                Ed esce via fuori casa (a destra) sconsolato.

4. [Emi, Patrizio e Jasmine. Poi Maria]

                Da sinistra tornano Emi, Patrizio e Jasmine. Al solito, Patrizio esce ridendo.

Patrizio: Emi, staje troppo bella accussì! T’ha fatto proprio ‘nu bellu lavoro chillu chirurgo!

Emi:        Embé, Jasmine, io nun saccio si chisto me sfotte o me piglia pe’ scema!

Jasmine: Nun ‘o da’ retta, chillo fa accussì pecché è ‘nu poco emotivo. E ‘o vero, Patrì?

Patrizio: Ma qua’ emotivo? A me chesta me fa rirere! (E comincia a ridere)

Emi:        Embé, chisto me fa saglì ‘o sango ‘ncapa, a me!

Jasmine: T’aggio ditto nun ‘o da’ retta.

Patrizio: (Ridendo) E già, nun me da’ retta! (E poi smette di ridere)

Jasmine: (Polemica) E allora, Emi, ce l’hé dato ‘o nummero ‘e cellulare tuojo ‘e frate mie?

Emi:         Sì, ce ll’aggio dato. E penzà che fin’e aiére nun me penzàvene proprio! Er’io che

                 vuléve ‘o nummero ‘e cellulare lloro!

Patrizio: (Comincia a ridere) Comm’è forte ‘sta battuta!

Emi:         Ma qua’ battuta? Chella è ‘a verità. Embé, Jasmine, io a chisto ‘o vatto!

Patrizio: (Ridendo) Emi, chella Jasmine sta peggio ‘e te: nun riesce a ffa’ proprio niente cu’

                 chillu Ambrogio! ‘O milanese-napulitano! (E ride contorcendosi)

Jasmine: Embé, Emi, si nun ‘o vatte tu, ‘o vatto io! 

Patrizio: (Ridendo, non si capisce niente) E non ci posso fare nie...!

Le due:   Come?

Patrizio: (Ridendo) Non ci posso fare nie...!

Jasmine: Forse vo’ dicere: “Non ci posso fare niente”!

Patrizio: (Si calma) Mamma mia, che risate! Guardate ccà, stò chiagnénno! 

Emi:        Io te facésse chiagnere overamente! Embé, è meglio che me ne vaco. Cià,  

                Jasmine. E cià pure a te, “jena ridens”. E nun rirere troppo che fa male!

                E se ne esce di casa imbronciata. Intanto Patrizio seguita a ridere.

Jasmine: Néh, ma mò ‘a vulìsse fernì ‘e rirere?

Patrizio: Nun ce ‘a faccio, m’aggia assettà, o si no vaco ‘nterra! (Si siede al tavolo)

                 Dal centro torna Maria: è arrabbiata. Intanto Patrizio smette di ridere.

Maria:     Nun aggio vinciuto niente! ‘E chi schifo!

Jasmine: Uhé, mammà. Ch’è stato? A che cosa non hai vinto?

Maria:     ‘O cuncorso d’’a trasmissione “Vinci tu, vinco io” e nun aggio vinciuto niente. 

Jasmine: E vabbuò, nun te prioccupà.

Patrizio: E già, signò, ‘a prossima vota vincite.

Maria:     Chi è che ha parlato? (Nota Patrizio) Ah, si’ tu, Patrì? Comme staje, bellillo?

Patrizio: (Si alza) Nun c’è male, signò. State arraggiata? (Comincia a ridere)  

Maria:     Ma che d’è, Jasmine? Pecché sta rerénno? Aggio ditto coccosa ‘e strano?

Jasmine: Ma che? Sta facenno chesto ‘a ch’è trasuto!

Maria:     E se vede che sta proprio alléro. Nun è accussì, Patrì?

Patrizio: (Ridendo) No, signò. Pur’io sto’ triste!

Maria:     Staje triste e staje rerénno? Biato a te!

Patrizio: (Ridendo) Me faccio ‘o pipì sotto!

Jasmine: Vabbuò, basta, Patrì, mò te porto a piglià ‘nu poco d’aria.

Maria:     Brava, Jasmine, a mammà. Ascìte, cammenàte ‘nu poco.

Patrizio: (Si calma) Marò, sto’ chiagnénno! Nun ce ‘a faccio cchiù a rirere!

Maria:     Secondo me tu vaje buono ‘o tiatro.

Patrizio: E pecché?

Maria:     E pecché si ‘o spettacolo fa schifo, abbasta che tu te miette a rirere ‘nu poco, se

                 mette a rirere tutto ‘o pubblico!

Patrizio: A proposito, signora, vi posso dare due numeri da giocare sulla ruota di Napoli?

Maria:     E comme, no? Dice, dice, io te sento.

Patrizio: Dunque: giocatevi... (E comincia a ridere)

Maria:     Néh, Jasmine, a mammà, che nummero ha ditto?

Jasmine: No, nun ha ditto ancora niente.

Patrizio: (Ridendo) Signò, jucàteve ‘o siaùno e ‘o ìnnice! 

Le due:    Comme?

Patrizio: (Ridendo) Jucàteve ‘o siaùno e ‘o ìnnice!

Maria:     Néh, ma che sta dicenno?

Jasmine: E chi ‘o capisce?

Maria:    (Si arrabbia) Néh, Patrì, ma m’’e vvuo’ dicere buono ‘sti nummere?

Patrizio: (Ridendo) Nun ce ‘a faccio!

Maria:    (Stufa) Vabbuò, Jasmine, a mammà, puortatìllo a piglià ‘nu poco d’aria, a chisto!

Jasmine: Sì, forse è meglio accussì! Viene, Patrì.

Patrizio: (Ridendo) Bonasera, Signò.

Maria:    Cià, cià.              

                E così Jasmine e Patrizio escono di casa. Maria lo osserva sdegnata.

                Ma comm’è scemo ‘stu tizio! Speramme che mia figlia Jasmine nun se mette maje 

                cu’ chisto! E famm’ì a ffa’ ‘o lietto ‘e guagliune, va’!

                Esce a sinistra.

5. [Andrea e poi Davide. Infine Antonio e Amedeo]

                Da destra entra Andrea con una giocata del Lotto in mano.

Andrea:  Ecco qua. Comme dice ‘o purverbio: “Se non giochi, non vinci”. E io aggio

                jucato! Chi sa si pure Antonio e Davide hanne jucato?

                Da sinistra entra proprio Davide. Appare contrariato.

Davide:   Addò sta Patrizio? Mannaggia ‘a capa soja!

Andrea:  Uhé, Davide. Ma addò stive tu?

Davide:   Patrizio m’ha chiuso a chiave ‘int’’a stanzetta. M’ha libberato mammà!

Andrea:  ‘O vero? E pecché Patrizio t’ha chiuso ‘a dinto?

Davide:   Pecché è tutto scemo!

Andrea:  A proposito, liéveme ‘na curiosità: ma pecché tu nun t’he’ pigliato ‘o nummero ‘e

                 cellulare ‘e Emi? Nun te piace? Nun he’ visto che cambiamento ha fatto?

Davide:   André, io so’ fidanzato cu’ ‘a sora ‘e Patrizio: Carmela. Chillu purpo!

Andrea:  Che cosa? Staje cu’ chella faccia ‘e cefalo?! Néh, ma pecché nun ‘a lasse?

Davide:   E già. Lo farò con il tuo aiuto.

Andrea:  Cu’ ll’aiuto mio? E che ce azzecco io?

Davide:   André, tu si’ cchiù intelligente ‘e me, pecché tiene ‘a quarta elementare.

Andrea:  ‘N’ata vota mò? T’aggio ditto che tengo ‘a sesta elementare!

Davide:   E vabbuò, tiene ‘a sesta elementare.

Andrea:  Embé, e che ce azzecca?  

Davide:   E ja’, pe’ piacere, André. Te faccio tutt’’e piacere che vvuo’ tu.

Andrea:  E vabbé, però a un solo patto: tu, a Emi, non la guardi neanche.

Davide:   Nun te prioccupà, nun ‘a guardo proprio! (All’anema d’’a palla!).

Andrea:  E allora vieni con me, così ti spiego un’idea per lasciare Carmela senza traumi.

Davide:   Senza traumi per lei?

Andrea:  No, pe’ te! Pecché quanno essa ‘o vvene a ssapé, me sa ch’aroppo tu abbusche!

                I due escono al centro. Dalla comune (a destra) entrano Antonio e Amedeo.

Antonio: Papà, ma tu che ce facìve dinto add’’o tabbaccaro?

Amedeo: (Ironico) Stevo accattanno miezu chilo ‘e prusutto e ‘n’etto ‘e murtadella!

Antonio: (Sorpreso) ‘O pprusutto e ‘a murtadella add’’o tabbaccaro?  

Amedeo: Cretino, che se va a ffa’ add’’o tabbaccaro?

Antonio: S’accàttene ‘e ssigarette!

Amedeo: E invece no. M’aggio jucato duje nummere ‘o Lotto.

Antonio: ‘O vero? E che nummere so’?

Amedeo: E no, nun se dìcene.

Antonio: E che ce sta ‘e male? Io ti dico quelli che ho giocato io: sìdice e trentadoje. E tu?

Amedeo: Vintidoje, vintitré e sittantuno!

Antonio: ‘O pazzo, ‘o scemo e ll’ommo ‘e... ‘e niente? E comme, te juoche tre nnummere?

Amedeo: E se capisce. Io, quanno faccio ‘e ccose, ‘e ffaccio bone! (Ha qualcosa in mente)

                Siente ‘na cosa, Antò, a papà, t’avéssa fa’ ‘na proposta.

Antonio: Che me vuo’ proporre?

Amedeo: Vogliamo fare uno scambio? Anzi, vogliamo fare un barattolo?!

Antonio: (Ironico) No, facìmme ‘nu buccaccio! Papà, se dice baratto. Me l’ha ditto Andrea.

                Chillo tene ‘a sesta elementare!

Amedeo: (Ironico) Capirai, tene ‘a laurea! Chillo tene ‘a quarta elementare regalata pe’

                pietà! E allora, ‘o vulìmme fa’ ‘stu scambio?

Antonio: E pecché, papà?

Amedeo: Ehm... niente, pecché tu si’ cchiù furtunato.

Antonio: Ma papà, tu he’ jucato tre nummere. Se vinci, piglie cchiù assaje ‘e me.

Amedeo: E gghià, pe’ piacere, falle pe’ carità. Io songo ‘nu poco sfurtunato.

Antonio: Ma tu nun he’ vinciuto chillu cuncorso, Tele palla?

Amedeo: Ma che Tele palla? Chi ha maje vinciuto niente? Ja’, che te costa?  Tu, po’, vince

                sempe. Si faje vencere pure a papà tuojo, vaje ‘nParaviso cchiù ambresso!

Antonio: E già me vuo’ fa’ murì?

Amedeo: Tu, cu’ ‘a furtuna che tiene, campe fin’e a cientevint’anne! T’’o ddich’io!

Antonio: E vabbuò facìmme ‘stu scambio. Però t’arraccummànno, nun piglià ‘o vizio.

Amedeo: No, nun te prioccupà. Chesta è ‘a ll’urdima vota.

                 I due si scambiano le giocate.

Antonio: Ecco fatto. E mò, a ‘n’appoco, ce stanne ll’estrazione ‘ncoppa ‘a Rai Due.

Amedeo: Allora jamme a appiccià ‘a televisione ‘int’’a stanza ‘e lietto. Forza, forza!

                 I due escono al centro. Amedeo esce fregandoSì le mani.

6. [Maria, Jasmine e Emi. Poi Davide e Andrea, Antonio e Amedeo. Infine Patrizio]

                Da sinistra entra e si ferma Maria con due giocate del Lotto in mano. 

Maria:    ‘O vì ccanno, aggio fernuto ‘e fa’ ‘e liette, e mò me ne pozzo pur’ì dint’’a cucina.

                 A ‘n’appoco se fanne ll’estrazione, e io aggia vencere assolutamente.

                 E Maria esce al centro. Dalla comune (a destra) entrano Jasmine e Emi.                

Jasmine: Emi, nun me fa’ perdere tiempo. Aggia vedé l’estrazione d’’o Lotto.

Emi:        E pe’ mezza toja, aggio jucato pur’io che nun joco maje!

Jasmine: He’ fatto buono.

Emi:        Mò aggio capito pecché nun te truove maje ‘na fatica. In effetti è comme si tu

                 faticàsse e pigliàsse ‘nu bellu stipendio, però senza fa’ nisciunu sforzo.  

Jasmine: Senza sforzo? E comme, ‘o sforzo ‘o faccio quanno vaco a jucà ‘e schedine!

Emi:        E allora vengo cu’ te. Pozzo venì?

Jasmine: Sì, però muvìmmece.

                E corrono a sinistra. Dal centro entrano Andrea e Davide (che ha due schedine).

Davide:   André, E mò muvìmmece, so’ ‘e ll’otto, mò hanna fa’ ll’estrazione.

Andrea:  Ma pecché, he’ jucato?

Davide:   E ‘o ddice pure? Ma pecché, tu no?

Andrea:  E se capisce. E mò jammuncenne ‘int’’a stanzetta e appicciamme ‘a televisione.

Davide:   Embé, si riesco a vencere, nun appiccio sulo ‘a televisione, ma pure ‘o palazzo!

                I due corrono a sinistra. Poco dopo, dal centro, escono: Antonio (esultante) ed

                Amedeo deluso.

Antonio: Ho vinto, ho vinto! 22, 23 e 71, terno secco sulla ruota di Napoli: 5.000 Euro!

Amedeo: E ‘o bello è che l’he’ vinciute cu’ ‘e nummere mie!

Antonio: E che vvuo’, papà? Tu he’ vuluto fa’ a cambio cu’ ‘e nummere mie!

Amedeo: E infatte. Aggia passà ‘nu guajo niro!

Antonio: Vabbuò, papà, nun te piglià collera. Bisogna essere sportivi!

Amedeo: E parle buono, tu! Se capisce che si’ sportivo: tu vince sempe!

Antonio: E ‘a furtuna va addò vo’ essa! Papà, io esco. Vaco ‘o Bar ccà ffora.

Amedeo: Aspié, nun te ne ì. Te voglio dicere ‘na cosa

Antonio: Che cosa?

Amedeo: Nun è che putésseme fa’ ‘n’ata vota ‘o barattolo?

Antonio: E pecché?

Amedeo: E gghià, Antoniuccio, fa’ cuntento a papà tuojo.

Antonio: Papà, ma comme, tu he’ ditto ch’’e nummere mie so’ cchiù furtunate d’’e tuoje!

Amedeo: E se vede che so’ furtunate sulo ‘nmana a te!

Antonio: Ma no, chella ‘a furtuna gira.

Amedeo: E gghià, Antò, io nun ce dico niente a nisciuno. Chi lo viene a sapere che sono   

                usciti 22, 23 e 71 sulla ruota di Napoli?! ‘O ssapimmo sulo io e te!

                E invece, dal centro, entra Maria con la sua giocata del Lotto in mano, felice.

Maria:    Marò, aggio fatto ‘o terno ‘ncoppa ‘a rota ‘e Napule! Comme so’ felice!

                E da sinistra tornano Andrea e Davide, altrettanto felici con le loro giocate.

Andrea:  Amme vinciuto, amme vinciuto!

Davide:   E vai! Schia ‘o cinco, fraté!

                I due si danno il cinque!

Maria:    Ma comme, ate viciuto pure vuje?

Davide:   Sì, mammà: terno secco!

Andrea:  Amme vinciuto cinchemila Euro a testa!

Davide:   Pienze mò ch’’o ssape papà!

Maria:    E ‘o vi’ ccanno, chillo sta ccà. Dincello direttamente a isso!

Davide:   Uhé, papà! Ah, ce staje pure tu, Antò? ‘O ssapìte, aggio vinciuto ‘n’ata vota!

Andrea:  E pur’io!

Antonio: E si è pe’ chesto, pur’io!

Amedeo: Aéh, nisciuno cchiù?

                E da sinistra entrano Emi e Jasmine festanti: hanno vinto pure loro.

Emi:        Alé, amme vinciuto!

Jasmine: Mammà, papà, Antò, André, Davide: amme vinciuto cinchermila Euro!

Amedeo: Eh, appriesso a te ha vinciuto pure ‘a cumpagna toja!

Emi:        Sì, signor Amedeo. Amme vinciuto cu’ cierti nummere che vvuje nun v’’e putìte

                 maje immagginà!

Amedeo: Nun te prioccupà, io m’’e ppozzo immagginà! E nun ha vinciuto nisciuno cchiù?

                 Dalla comune entra Patrizio tutto festante e ridente, con una giocata in mano.

Patrizio: Uh, Marò, nun ce pozzo crerere! Vintidoje, vintitré e sittantuno: terno secco!

Amedeo: (Affranto) No, nun po’ essere!

                Gli altri festeggiano cantando e ballando intorno al povero Amedeo, che li

                guarda con frustrazione. Poi esce a centro stanza, sdegnato. Jasmine ed Emi

                 escono di casa festanti. Maria e Davide escono a sinistra festanti. Andrea ed

                 Antonio si siedono sul divanetto, stanchi e felici.

7. [Andrea, Antonio e Amedeo]

                 Antonio ed Andrea, seduti sul divanetto, calmano la loro felicità per la vincita.

Andrea:   Antò, pigliamme carta, penna e calcolatrice. Amma fa’ duje cunte!  

                 I due vanno alla credenza e si armano delel cose descritte da Andrea. Poi si  

                 siedono al tavolo.

Antonio: André, quante fanne doje cchiù ddoje?

Andrea:  E chi ‘o ssape?

Antonio: Ma comme, tu si’ gghiuto pure ‘a scola.

Andrea:  E mò nun m’arricordo quante fanne doje cchiù ddoje. Aùse ‘a calcolatrice.

Antonio: E vabbuò. (Esegue) André, he’ capito quante fanne doje cchiù ddoje?

Andrea:  Quante fanne?

Antonio: Fanne zero!

Andrea:  E nun è possibile.

Antonio: E comme, io mommò l’aggio fatto.

Andrea:  Antò, ma ‘a saje usà chella calcolatrice?

Antonio: E certo. Pe’ ffa’ ll’operazione, s’hanna spremmere ‘e buttune cu’ ‘e nummere e

                pure chilli llà cu’ ‘e segni ‘ncoppa: ‘e duje punte, ‘a croce, ‘a mazzarella e ‘o ics!

Andrea:  Embé, e pe’ ffa’ ll’addizione, qualu buttone he’ spremmuto?

Antonio: Aggio spremmuto ‘o buttone cu’ ‘a mazzarella!

Andrea:  E allora picciò se trova zero! Tu, invece, he’ spremmere ‘a croce.

Antonio: ‘A croce? Ma chella allérta o chella abbuccàta?

Andrea:  Nun he’ spremmere chella ‘e Sant’Andrea.

Antonio: Aggio capito. Aspié, mò rifaccio ‘o calcolo. (Esegue) Ecco qua: 2+2 fa 4! Ma 

                allora fin’e mò aggio vinciuto 40.000 Euro. E tu?

Andrea:  Appena appena cchiù poco ‘e te! 38.000 Euro.

Antonio: E allora stamme mise buono pe’ ‘nu poco ‘e tiempo!

                Dalla cucina (al centro) entra Amedeo con un block notes. E’ arrabbiato.

Amedeo: Ma che miseria!

Andrea:  Uhé, papà!

Antonio: Cià, papà!

Amedeo: Uhé, guagliù! Che state facenno?

Antonio: Stamme vedenno quanta sorde amme vinciuto. E tu?

Amedeo: Sto’ vedenno quanta sorde aggia pavà ‘e tasse!

Andrea:  E nun te prioccupà, papà, t’aiutamme io, Antonio, Davide e Jasmine.

Amedeo: Sentite, è inutile che ffacìte ‘e spiritose! Ate capito? Mò pe’ mezza ch’ate vinciuto

                coccosa ‘e spiccie, vulìte fa’ avvedé che me prestate ‘o spiccio ‘e cchiù!

Antonio: Coccosa ‘e spiccie? Papà, nuje amme vinciuto belli sorde! Vuoi sapere quanto?

Amedeo: No, nun voglio sentì niente. Anze, ve cunziglio ‘e ve truvà ‘na fatica ambresso

                ambresso, o si no, si jate annanzo accussì, ve murìte ‘e famme!

Andrea:  Nun te prioccupà, papà, nuje stamme a posto!

Antonio: E ppo’, malamente che va, ce sta sempe mammà che c’aiuta essa! A proposito,

                oggi è Sabato Santo. Si gioca il campionato. Nun l’he’ jucata ‘a schedina?

Amedeo: (Acido) No, nun aggio jucato proprio niente. Io aggia penzà a cose cchiù serie!  

Antonio: (Si alza) Papà, ma te siente buono?

Amedeo: Sì. Pecché?

Andrea:  (Si alza) Tu he’ sempe ditto che pe’ cagnà vita, s’ha da jucà e s’ha da vencere!

Amedeo: E mò aggio cagnato idea. ‘Int’’a vita s’ha da faticà. Però onestamente.

Antonio: Ma comme, tu e mammà avìte sempe vennùto ‘e ssigarette ‘e contrabbando!

Amedeo: E mò aggio cagnato idea. Vuje vulìte jucà? E jucate. Mammà vo’ vénnere ‘e

                ssigarette ‘e contrabbando? E facìtancelle vennere. ‘A chi ‘o vvo’?

                Esce via a sinistra indispettito. I due si guardano esterrefatti.

Andrea:  Antò, ma nun è che papà s’ha pigliato collera pecché nuje vincìmme e isso no?

Antonio: No, ma che staje dicenno? Papà fa gli alti e bassi.  

Andrea:  Saje che te dico? Jàmme avedé ‘e risultate d’’e ppartite ‘int’’a cucina.

Antonio: E già. Po’ essere che facìmme ‘o tridice oppure ‘o quattuordice.

                Escono via al centro.

8. [Maria, Davide e Jasmine]

                Da sinistra entra Maria: porta con fatica una busta pesante. La posa sul tavolo.  

Maria:    Uff, e comme pesa, ‘sta busta! Ccà ddinto ce stanne stecche ‘e sigarette e

                pacchetti sfusi! E quello, poi, è il peso della vita! Ccà m’aggia chiagnere tutto

                cose io: Amedeo nun fatica, ‘e figli mie manco…! E allora chi l’ha da mannà

                annanzo, ‘sta barracca? Furtuna che ogni tanto vinciamo un po’ di soldi al gioco!

                Posa la busta sul tavolo. Da sinistra entra Davide con una giocata del Totocalcio.

Davide:   Cià, mammà. Aggio fatto ‘a schedina. Mò vaco a vedé si aggio vinciuto.

Maria:    Bravo, a mammà. Speramme che faje ‘nu bellu tridice o ‘nu bellu quattuordice.

Davide:   No, mammà, io sto’ cercanno ‘e fa’ zero!

Maria:    Embé, ma si’ scemo? Vuo’ fa’ zero?

Davide:   E pecché, che ce sta ‘e male? Se vence pure cu’ ‘o zero!

Maria:    ‘O vero? ‘E che scimmità!

Davide:   Sì, però stongo comm’a ‘nu pazzo. M’’o puo’ dda’ ‘nu pacchetto ‘e sigarette?

Maria:    Sì, mò t’’o dongo. (Lo prende dalla busta) ‘O vi’ ccanno.

Davide:   (Lo prende) Grazie, mammà. Allora ce vedìmme aroppo.

Maria:    Aspié, addò vaje? E ‘o pacchetto ‘e sigarette?

Davide:   (Glielo mostra) ‘O vi’ ccanno. Me l’he’ dato.

Maria:    Embé, e m’’o vuò pavà?

Davide:   Te l’aggia pavà?

Maria:    E se capisce. Ma che te cride, che vaco arrubbànno? E poi i vizi si pagano!

Davide:   Mamma mia, e comme staje! (Prende il portafogli) E quanto t’aggia da’?

Maria:    Dunque, tu he’ ‘a sapé ca io accatto ogni pacchetto ‘e sigarette pe’ duje Euro e 50,

                 e  m’’e vvenghe a 3 Euro. E allora m’he’ ‘a da’ 3 Euro!

Davide:   ‘A faccia mia! Mammà, ma allora ‘a faje bona, ‘a contrabbandiera!

Maria:    Guagliò, ‘a classe nun è fummo! E ppo’ nuje stamme in tiempe ‘e guerra!

Davide:   Ma si nuje stamme oltre ‘o duimila e diece!

Maria:    E che c’entra? Ccà a Napule, è comme si ‘a guerra nun fosse maje fernuta!

Davide:   He’ raggione! Tu vedi le cosiddette bionde! E io vaco pazzo p’’e bbionde! Cià,

                mammà, io me vaco a fummà ‘na bionda e a vedé ‘e risultate d’’e ppartite.

Maria:    Va’, va’.

                Davide esce via a sinistra. Maria, rimasta sola, fa considerazioni.

                Però comm’è bello a vencere ‘o Lotto! E’ proprio ‘na bella suddisfazione! Quase

                quase m’arretìro: non vendo più le sigarette. Vivo solo di gioco al Lotto!

                Dalla comune (a destra) entra Jasmine. E’ dubbiosa.

Jasmine: Uhé, mammà, t’aggia dicere ‘na cosa.

Maria:    Cià, Jasmine, a mammà. Viene, famme sentì che m’he’ ‘a dicere.

Jasmine: (Si siede al divanetto) Che ce sta ‘int’’a chella busta?

Maria:    Sigarette.

Jasmine: Ah, ce sta proprio chello che me serve.

Maria:    Vuo’ ‘nu pacchetto?

Jasmine: No, aroppo me daje tutta ‘a stecca! Saje comm’è, io sto’ smettenno ‘e fumà!

Maria:    (Ironica) Brava, a chella figlia mia! Ma mò che vaje truvanno ‘a me?

Jasmine: T’aggia cuntà ‘na cosa. Aggio fatto ‘nu suonno strano. E t’’o voglio cuntà,

                accussì ce faccio duje nummere ‘ncoppa e m’’e gghioco.

Maria:    Famme sentì. (Le siede accanto)

Jasmine: Dunque: m’aggio sunnato a ‘nu bellu guaglione cu’ ‘nu nomme e ‘nu cugnomme!

Maria:    (Ironica) Sì? E pecché, tu cunusce a coccheduno senza nomme e né cugnomme?

Jasmine: No. Però, trattànnese ‘e ‘nu suonno, tutto po’ essere!

Maria:    E che nomme e cugnomme teneva?

Jasmine: Nun m’arricordo, però isso era milanese. Di lavoro faceva il pretore.

Maria:    E che d’è?

Jasmine: ‘Na specie ‘e giudice. E così ci siamo fidanzati, poi te l’ho portato a conoscere,

                poi ci siamo sposati, poi abbiamo avuto dei figli, poi ci siamo fatti vecchi, e

                infine siamo morti di vecchiaia! E allora, che nummere m’aggia jucà?

Maria:    Juòchete ‘o nuvantuno e ‘o ciento, terno secco ‘ncoppa ‘a rota ‘e Catanzaro!

Jasmine: Ma pecché, esiste?

Maria:    No. Però se tratta ‘e ‘nu suonno impossibile.

Jasmine: Aggio capito, tu me staje piglianno in giro. Ma se po’ ssapé che t’ha fatto

                Ambrogio? Tu te pienze ch’è milanese. Ma nun è accussì. Lui è di Napoli nord!

Maria:    Appunto, Napoli nord! Chillo, ‘o nord è razzista!

Jasmine: E che faccio, me stongo zitella?

Maria:    No, te truove a uno cchiù gentile e raffinato. E soprattutto, chino ‘e sorde!

Jasmine: Ma si tu nun ‘o saje manco, a Ambrogio. Non è gentile e raffinato, però è bello!

Maria:    E ‘e sorde? Che mestiere fa?

Jasmine: Fa l’elettrauto! Ehm… cioè, te l’ho detto prima, fa il pretore!

Maria:    Fa l’elettrauto o ‘o pretore?

Jasmine: Fa l’elettrauto, però a tiempo perzo fa pure ‘o pretore!

Maria:    ‘O vero? Fa ‘o pretore pe’ passà ‘o tiempo?

Jasmine: Sì. Cioè, no. Per arrotondare!

Maria:     Vabbuò, te voglio stà a sentì. Mò parlamme cu’ papà e vedìmme isso che ddice.

                 Però mò accumpàgneme dinto. Aggia annascònnere ‘e “bbionde” sotto ‘o lietto!

Jasmine:  Sì, sì. E vabbuò.

                 Le due si alzano in piedi. Maria prende la busta, vanno a destra, confabulando.

9. [Davide, Andrea e Antonio. Poi Jasmine e Patrizia. Poi Ambrogio. Infine Amedeo]

 

                 Da sinistra entra Davide: ha una giocata Totocalcio e una schedina coi risultati.

Davide:   Dunque, su questa schedina ci sta la colonna vincente, mentre quest’altra è quella

                  che ho giocato io. Vediamo se ho fatto zero. Per fare zero, devo sbagliare tutti i

                  risultati. E speriamo bene! (Si siede al divanetto e controlla) Dunque: questo non

                  lo tengo, questo sì, questo no, questo no...! (Alla fine) Mannaggia, aggio fatto tre

                  ppunte! E’ ‘na cosa incredibile, so’ asciute tre risultate pazze: ‘o Milan, l’Inter e

                  ‘a Juve hanne perzo tutt’e tre! Io ‘e vvuléve sbaglià, e picciò ce aggio miso ‘a

                  sconfitta! E invece l’aggio ‘ncarrate! E’ pazzesco! (Getta la schedina giocata, e

                  l’altra la tiene in mano) Ma quanno maje ‘a Juve, ‘o Milan e ll’Interhanne perzo

                  tutt’e tre‘nzieme? E’ un fatto storico! E intanto ‘a storia m’ha ‘nguajato a me!

                  Dal centro entra Andrea.

Andrea:    Niente, niente, ‘sta vota nun aggio vinciuto.

Davide:     (Lo nota) Uhé, André!

Andrea:    Uhé, Davide. Tu staje ccà?

Davide:     E già. Mommò aggio fernùto ‘e vedé ‘e risultate d’’o Totocalcio.

Andrea:    (Gli siede accanto) Famme sentì. Si’ riuscito a ffa’ zero?

Davide:     Ma che? Aggio sbagliato tutt’’e risultate, però aggio ‘ncarrato ‘o Milan, ‘a Juve

                   e ll’Inter! ‘E che disdetta!

Andrea:    E l’aggio perze pur’io.   

Davide:     Tié! (Gli da la schedina con la colonna vincente) Chesta è ‘a colonna vincente!

Andrea:    (Controlla) Sì, nun me songo sbagliato. Aggio fatto sulo 7 punte. E allora pozzo

                   ittà pure ‘a schedina mia. (La prende dalla tasca e la getta, mentre tiene la

                   colonna vincente in mano)

Davide:     Ma pecché, tu che ce he’ miso ‘a Juve, ‘o Milan e ll’Inter?

Andrea:    E che ce putévo mettere? ‘A vittoria. Ma quanno maje fanne perdere ‘a Juve, ‘o

                  Milan e ll’Inter, tutt’e tre contemporaneamente!

Davide:     E appunto, io l’aggio ditto: è un fatto storico! A proposito, André, ma tu nun

                  m’aiute cchiù? Io me voglio lassà cu’ Carmela. 

Andrea:    E nun te prioccupà, Davide, staje ‘nmana all’arte! Ho parlato di te con suo

                  fratello Patrizio.  

Davide:     Ah, sì? E comm’è gghiuta a ffernì?

Andrea:    Ha accumminciato a rirere e nun ‘a fernesce cchiù!

Davide:     Ma pecché, tu che ce he’ ditto?

Andrea:    Che nun te piacene ‘e ffemmene, ma ll’uommene!

Davide:     Molto bene! Grazie. E allora mò pozz’ì appriesso a Emi liberamente!

Andrea:    Che cosa? Ma tu nun m’’ive prumìso ch’a Emi ‘a lassàve sta’?

Davide:     E che me piàcene ll’uòmmene overamente?

Andrea:    All’anema d’’o ‘mbruglione! Ce ll’aggia dicere pure a Antonio.

                  Dal centro entra Antonio con una mano sulla fronte e la schedina in mano.

Antonio:   Niente, nun aggio vinciuto. Chist’anno è ‘a primma vota che me succede.

Andrea:    (Lo nota) Uhé, Antò, che t’è succieso?

Antonio:   Ah, guagliù, ce state vuje?

Davide:     Viene ccà, assiettete vicino a nuje.

Antonio:   (Si siede accanto a loro su una sedia) Eccomi qua: nove punti! E vuje?

Davide:     Tre!

Andrea:    Sette! (Gli dà la schedina con la colonna vincente) Tié, liegge, fatte ‘na cultura!

Antonio:   (Osserva, seccato) Cose ‘e pazze! Aggia ittà ‘a schedina. (La prende dalla tasca

                   e la getta via) Ma comme, pure vuje nun avite vinciuto?

Andrea:     E se capisce. Voglio sapé qualu scemo jeva a mettere a sconfitta ‘a Juve, ‘o

                   Milan e ll’Inter?

Davide:      Io!

Antonio:    Embé, e nun he’ vinciuto?

Davide:      No, pecché io ‘eva fa’ zero! E invece l’aggio ‘ncarrate tutt’e tre!

Antonio:    (Si alza in piedi) Vabbuò, basta accussì. Io me ne vaco ‘int’’a stanzetta. E vuje?

Andrea:     (Si alza in piedi) Aspié, mò me ne vengo cu’ te. E tu, Davide?

Davide:      (Si alza in piedi) Vi seguo. Accussì ce facìmme ‘na partita ‘e poker... col morto!

Antonio:    Sì, ci sto. E allora mò lasso ‘sta schedina cu’ ‘a colonna vincente ‘ncoppa ‘o

                   tavule. Accussì papà ‘a controlla pur’isso. (Così fa)

Davide:      Ma chillo, papà, nun ha jucato.

Andrea:     E tu ce cride? Papà ha jucato, ma comm’o ssolito nun ha vinciuto! Jamme, fraté!

                   I tre escono a sinistra. Da destra con la schedina in mano.

Jasmine:    Chi sa si aggio si aggio vinciuto? Ho messo la vittoria alla Juve, all’Inter e al

                   Milan. Così, se vinco, sparisco dall’Italia.

                   Dalla comune entra Patrizio, che come al solito sta ridendo.

Patrizio:    Jasmine!

Jasmine:    Uhé, Patrì! Néh, ma pecché staje rerenno?

Patrizio:    (Avvicinandosi ridendo) Pecchè m’è succiesa ‘na cosa triste!

Jasmine:    E menu male che quanno tu sì triste, te miette a rirere! Avanti, racconta.

Patrizio:    (Ridendo) Davide nun se po’ spusà cchiù a sòrema Carmela.

Jasmine:    Che cosa? E pecché?

Patrizio:    (Ridendo) Pecché aggio scuperto... (Si contorce) ...ch’è gay!

Jasmine:    (Sorpresa) Che cosa? Ma tu che staje dicenno?

Patrizio:    (Ridendo) Sì. E’ accussì.

Jasmine:    Siente, fernìscele ‘e rirere e famme sentì: tu comm’’o ssaje ch’è gay?

Patrizio:    (Smette) Me l’ha ditto Andrea.

Jasmine:    Andrea? E isso comm’’o ssape?

Patrizio:    E chillo è ‘o frato. Tene ‘o diritto d’’o ssapé.

Jasmine:    Embé, Patrì, e tu nun he’ suspettato maje ‘e niente?

Patrizio:    Io? E che me ne ‘mporta a me? ‘Sti ccose l’ha da sospettà sòrema!

Jasmine:    Sì, però giustamente uno queste cose non se le aspetta.

Patrizio:    E a me m’’o ddice? Io, ad esempio, quando faccio l’amore con le mie

                   fidanzate… me scappa sempe a rirere! E picciò nun me n’addòno ‘e niente!

Jasmine:    E te pareva! Embé, e mò comme se fa?

Patrizio:    Niente, m’aggia jucà ‘o ventitré e ‘o sittantuno!

Jasmine:    Pure tu, mò? Ma non è che tu e Emi state facendo i numeri sulla famiglia mia?

Patrizio:    E che ce sta ‘e male? Fa’ pure tu ‘e nummere ‘ncoppa a Davide e a Carmela.

Jasmine:    Eppure a me ‘sta cosa me puzza! Comme fa Davide a essere gay? Saje che te         

                   dico? Viene cu’ me. Voglio appurà si ‘stu fatto è ‘o vero oppure no.

                    I due si avviano a sinistra, ma da destra entra Ambrogio chiamando Jasmine.

Ambrogio: Pss, pss, Jasmine!

Jasmine:    (Si ferma e si volta) Ambrogio, ammore mio! (E corre subito da lui)

Patrizio:     Eh, amme fernùto ‘e fa’!

Ambrogio: Comme staje, ammore mio?

Jasmine:    Io sto’ bona. Anze, sto’ malamente senza ‘e te!

Ambrogio: E nun te prioccupà, Jasmine. Il piano che ho fatto insieme a Rina andrà

                    benissimo. I tuoi genitori si penseranno veramente che io sono un pretore.

Jasmine:    E quanno po’ scòprene che tu nun si’ pretore?

Ambrogio: Pacienza! Tanto, lo avranno scoperto troppo tardi. Noi due saremo già sposati.

Jasmine:    Marò, Ambrò, ‘e che cerevella fina che tiene!

Ambrogio: No, veramente, chella è Rina ch’è ‘nu genio.

Patrizio:    (Si avvicina ai due) Aspettate, ma ‘sta Rina nun è fidanzata?

Ambrogio: Chi è che parla?

Jasmine:    No, niente, Ambrò, è Patrizio.

Ambrogio: Uhé, Patrì!

Patrizio:     Sentite, v’aggio fatto ‘na domanda: Rina è fidanzata oppure no?

Ambrogio: No, nun è fidanzata.

Patrizio:     (Comincia a ridere) E allora se po’ ffa’!

Jasmine:    Néh, ma che vvuo’ fa’?

Patrizio:    (Ridendo) M’’o vech’io!

Jasmine:    Patrì, e Davide? Nun vulìmme vedé cchiù chillu fatto?

Patrizio:    (Ridendo) E che me ne ‘mporta a me? Chillo è gay!

Ambrogio: Davide è gay?

Jasmine:    Ehm... veramente, ancora nun se sape.

Patrizio:    (Smette) E invece si sa! E così mi gioco pure il 71 sulla ruota di Napoli! 

Ambrogio: ‘O sittantuno? E nun t’’o puo’ jucà.

Patrizio:     E pecché?

Ambrogio: E pecché sittantuno fa “ll’ommo ‘e niente”! E chillo, Davide, nun è ommo!

Jasmine:    Vabbuò, Ambrò, ma mò ascìmmencenne.

Ambrogio: Sì, tesò.

                    I due escono di casa a destra.

Patrizio:     Ma che d’è, m’hanne lassato a me sulo? (Ride) Aspettate, vengo cu’ vuje!

                    Esce anche lui. Dal centro entra Amedeo. Pare contrariato.

Amedeo:     Ma chi schifo! Nun me ne va maje una bona. (Dalla tasca della giacca estrae

                    fuori una giocata Totocalcio) Chi sa ‘e ppartite comme so’ fernute? (Legge la

                    propria schedina) Ma guarde ccà comme so’ baccalà! Aggio miso ‘a sconfitta

                    ‘a Juve, ‘o Milan e all’Inter! Ma comme vogliovencere? (Strappa la giocata e

                    lancia i pezzi a terra) Basta, non giocherò mai più. (Si siede al tavolo e nota la

                    colonna vincente) E chesta che d’è? (Legge) Ah, è ‘a colonna vincente ‘e oggie.

                    Fammella leggere. Mò me faccio quatte resate! (Legge rilassato) Oh, ‘aJuve ha

                    perzo! Uh, ha perzo pure ll’Inter! Azz, ha perzo pure ‘o Milan! (Dubbioso)

                    Che? Famme leggere pure ‘o riesto! (Così fa) ‘O tengo, ‘o tengo, ‘o tengo…

                    Oddio, aggio fatto ‘o quattuordice! Sulo ch’aggio stracciato ‘a schedina! Uh,

                    Marò, l’aggia recuperà!

                    S’inginocchia a recuperare disperatamente i pezzi della giocata strappata.

FINE ATTO PRIMO

Casa De Funto: domenica di Pasqua. E’ il giorno dopo.

ATTO SECONDO

1. [Jasmine, Emi e Maria. Poi Patrizio. Infine Amedeo]

                Sedute al divanetto ci sono Jasmine e Emi, e Maria che sta finendo di raccontare:

Maria:    Accussì ha pigliato ‘a schedina e l’ha stracciata primma d’’a controllà.

Jasmine: E chillo, papà, ‘o tene ‘stu vizio. E’ troppo pessimista, e allora ogni vvota se

                 penza che nun ha vinciuto. E accussì ha fatto pure ‘sta vota.

Emi:        Sì, però signora, io voglio dire questo: se lui l’ha strappata in questa stanza, la

                 schedina, vuol dire che il pezzo mancante sta ancora qua dentro.

Maria:     E invece, niente, nun s’è truvato! E’ comme si se fosse squagliato!

Emi:        E quanto vincevano i 14?

Maria:     E chi ‘o ssape? Amedeo nun l’ha vuluto sapé. E manch’io.

Jasmine:  E a ‘stu punto, nun ‘o vvoglio sapé manch’io. (Triste) Marò, comme me dispiace

                 pe’ papà. Quello già stava triste, perché il nostro cane Mosca e il nostro canarino

                 Formica, se ne sono scappati.

Emi:        Uh, che peccato!

Maria:     Vabbuò, po’ penzamme a Mosca e a Formica. Mò v’arraccummanno, quanno

                 parlate cu’ isso, nun ‘o mettìte proprio cchiù ‘nmiezo ‘stu discorso d’’a schedina.

                 E dalla comune (a destra) entra Amedeo a testa bassa, e si ferma appena entrato.

Amedeo: (Tra sé e sé a voce normale) Nun è destino! Nun è destino!

Maria:    (Lo nota) Uhé, ‘o vi’ lloco. Mò cagnàmme discorso!

Emi:        Sì, Sì.

Jasmine: Ehm... ciao, papà. Auguri di buona Pasqua. Come va la vita?

Amedeo: (Nota le tre e le si avvicina) E comme ha da ì? (Ironico) Benissimo!

Emi:        Uh, quanto ci fa piacere!

Maria:    E vabbuò, Amedé, pìgliate ‘na seggia e assiéttete vicino a nuje.

Amedeo: No, nun tengo genio ‘e parlà.

Le tre:     E su, e forza! (Si alzano, prendono una sedia al tavolo, la accostano al divanetto)

Amedeo: E vabbuò. (Si siede) E allora, ‘e che stìveve parlanno?

Emi:        Del 14!

Amedeo: ‘O quattuordice?

Maria:    No, ehm... essa sta parlanno d’’o pulmanno nummero quattuordice!

Jasmine: E sì, noi lo prendiamo tutti i giorni!

Amedeo: Aggio capito. E pecché stìveve parlanno ‘e ‘stu quattuordice?

Emi:        Pecché ‘a prossima vota v’ata sta’ cchiù attiento!

Amedeo: Cchiù attiento a che cosa?

Maria:    No, ehm... t’he’ sta’ cchiù attiento a qualu pulmanno te piglie!

Jasmine: E sì, pecché chillo è troppo bello!

Amedeo: E ch’aggia fa’ cu’ ‘stu quattuordice? Io cammino sempe a pede!

Emi:        Sì, ma ‘a prossima vota nun ghittate niente, facìteve ‘a fotocopia!

Amedeo: ‘A fotocopia? ‘E che cosa?

Maria:    Ehm... no, chella vo’ dicere che t’he’ ‘a fa’ ‘a fotocopia d’’o quattuordice!

Amedeo: E comme faccio? Mica pozzo mettere ‘o pullmann ‘int’’a fotocopiatrice?!

Jasmine: Ma no, papà, chella Emi sta pazzianno!

Maria:    Infatte, basta, Amedé, nun ce fa’ domande, a chesta! (La guarda male)

Jasmine: E già. Chella nun ha capito proprio niente! (La guarda male)

Emi:       (Dispiaciuta) Scusate, io m’’eva scurdata! Comme so’ scema! (Si guarda il seno

                rifatto) Forse è meglio che me la faccio pure in testa, l’operazione chirurgica!

Jasmine: A proposito, papà, hai visto che bel capolavoro che si è fatta Emi?

Maria:    E sì. S’ha fatta ‘a quarta taglia ‘e reggiseno.

Maria:    (Preoccupata) Tu nun he’ visto ‘o seno ‘e Emi? E allora m’aggia prioccupà.   

Jasmine: E già. Questi sono dettagli che a te, normalmente, non ti sfuggono!

Amedeo: (Guarda interessato) Azz’oh, Emi, t’hanne fatto proprio ‘na bella balcunata! Ce

                 puo’ ffa’ ‘na festa, lloco ‘ncoppa!

Emi:        Grazie!

Amedeo: Aveva ragione chillu cumpagno vuosto!

Jasmine: Qualu cumpagno nuosto?

Amedeo: Chillo che ride sempe!

Jasmine: Ah, Patrizio?

                 E da destra entra proprio Patrizio... come al solito, ridendo.

Patrizio: Buongiorno e buona Pasqua a tutti!

Maria:    Uhé, Patrì, ce staje pure tu? Viene, viene, facìmmece doje resate ‘nzieme!

Patrizio: Sì. (Si avvicina ad Amedeo e lo osserva) Eccomi qua.

Amedeo: Scusate, volete che me ne vado?

Patrizio: No, ma che fate, signor Amedeo? Restate qua con noi, così parliamo un po’. E

                 allora, signor Amedeo, ‘a vulìte sapé ‘na cosa? (E ride) ‘O telegiornale ha ditto  

                 ch’aiére, in tutta Italia, c’è stata ‘na sola perzona che ha vinciuto ‘o Totocalcio!

Amedeo: (Preoccupato) ‘O vero?

                Maria si dispera, mentre Jasmine e Emi corrono da Patrizio.

Jasmine: Vabbuò, basta, Patrì, mò vavatténne!

Emi:        Già he’ parlato assaje!

Patrizio: Aspettate, aggia dicere ancora ‘n’ata cosa. (Ridendo) Signor Amedeo, ‘o ssapìte,

                dice che però ‘stu vincitore nun s’ha pigliato ‘a vincita!

Jasmine: E basta!

Patrizio: (Ridendo) E sapìte quante hanne pigliato ‘e quattuordice? ‘Nu milione ‘e Euro!

Emi:        Basta! Viene cu’ nuje!

                Le due conducono Patrizio fuori di forza. Amedeo sembra sconsolato.

Maria:    Amedé, e pecché faje chella faccia?

Amedeo: ‘Nu milione ‘e Euro! Io m’accunciàvo tutta ‘a vita mia!

Maria:    Ma qualu milione? Patrizio s’è sbagliato. Chillo è scemo. (Si alza) Ja’, viene cu’

                me, accussì te faccio ‘e ttagliatelle ‘a bolognese, ch’a te te piacene assaje assaje!

Amedeo: (Disinteressato) Sì, sì, mò vengo. Avvìete tu.

Maria:    E allora viene, io t’aspetto.

                Lei esce al centro. Amedeo si alza in piedi.

Amedeo: ‘Nu milione ‘e Euro. Speràmme che chillu deficiente s’è sbagliato overamente!

                Ma Patrizio torna di nuovo e si avvicina sorridente a Amedeo.

Patrizio: Signor Amedeo!

Amedeo: (Scontento) ‘N’ata vota tu? Che vvuo’ mò?

Patrizio: Voglio domandarvi una cosa: io l’aggio capito, site stato vuje a ittà ‘a schedina

                 vincente. Ma comme se fa a gghittà ‘nu milione ‘e Euro? (Ride contorcendosi)

Amedeo:    Siente, ma te ne vaje o no? Ma nisciuno s’’o vene a piglià a chisto?

                   Da destra tornano Emi e Jasmine di corsa.

Emi:           Chisto sta ‘n’ata vota ccà? Jàmmele a piglià, Jasmine. (E corre verso lui)

Jasmine:    Sì. (Fa altrettanto)

Patrizio:    E addò me vulìte purtà?

Jasmine:    A sperdere!

                   Le due portano via Patrizio che si contorce dalle risate. Amedeo resta sorpreso.

Amedeo:    He’ ‘ntiso? Mò tutte quante sanne ‘o fatto mio. Secondo me se stanne facénno

                   ‘e nummere ‘a coppa, e forse véncene pure! Cose ‘e pazze!

                   Esce via al centro.

2. [Rina e Ambrogio. Poi Maria]

                    Da destra entrano Ambrogio e Gennarina, detta Rina.

Rina:          Ambrò, ma t’aggia spiegà tutto cose io?  E’ mai possibile ‘stu fatto?

Ambrogio: Rina, nun se tratta ‘e chesto. Però tu ‘o ssaje, ‘a mamma e ‘o pato ‘e Jasmine

                    nun vonno fa’ carte. Quelli sono altolocati!

Rina:          Ma qua’ altolocati? Ma che stanne ‘e casa ‘ncoppa ‘o Vommero? E ppo’ nun ‘e

                    vvide? ‘A comme se véstene, me pare Carnevale tutto ll’anno!

Ambrogio: Sì, però, caso strano, stanne sempe chine ‘e sorde. Chi sa che mestiere fanne?

Rina:          E noi lo scopriremo. Ed è per questo che io ti nomino pretore. Tui sei il pretore

                    Ambrogio Toro, e sei venuto qua scortato dalla volante della polizia!

Ambrogio: E vabbuò. Ma si io songo ‘nu pretore, tu chi si’? Pecché staje cu’ me?

Rina:          Ah, già. Mi hai messo una pulce nell’orecchio.

Ambrogio: ‘O vero? Nun me ne songo accorto! Famme vedé ‘nu poco ‘a recchia!

Rina:          Cretino, mi hai fatto notare una cosa che non avevo pensato. Ecco qua, ho

                    risolto il problema: io chi sono? Il prefetto Gennarina Cavallo. Io e te abbiamo

                    saputo che da queste parti ci sta un traffico illegale di ragazze bionde! Anzi, noi

                    due abbiamo trovato pure i cadaveri di due ragazze che di cognome si

                    chiamavano Mosca e Formica. Te piace comm’idea?

Ambrogio: Rina, ma tu si’ ‘a masta d’’e buciarde!

Rina:           Così dicono. Ed ora non ci resta che aspettare che si faccia vivo qualcuno.

                    Dal centro torna Maria, si ferma poco fuori la porta, parla dentro con Jasmine.

Maria:        Amedé, mò vaco a cercà ‘nu ‘e basilico add’’a signora a fianco. He’ capì?

Ambrogio: Ehm... chiedo scusa!

Maria:        (Si volta) Chi è?

Ambrogio: No, dico, chiedo scusa.

Maria:        E pecché, che m’avìte fatto?

Ambrogio: Niente.

Maria:        E vuje me state cercanno scusa.

Ambrogio: (Va da lei) No, ma io non è che vi sto chiedendo scusa, vi sto chiedendo scusa!

Rina:          (Avvicinandosi) Del resto, siamo entrati in casa vostra senza preavviso.

Maria:        Sentite, si state ccà pe’ cocche offerta, v’avverto che nun ce sta ‘na lira!

Ambrogio: E che ce ne ‘mporta a nuje? Tanto, oggie ce sta ll’Euro!

Rina:          Ma che dici, collega? Scusatelo signora, quello scherza. Permettete?

Maria:        No, non vi permettete!

Rina:          Pecché?

Maria:        Che ne saccio? Vuje che vvulìte fa’?

Rina:          Mi voglio presentare. Io sono il prefetto Gennarina Cavallo, detta Rina.

Ambrogio: E io sono l’elettraut... no, cioè, il pretore Ambrogio Toro.

Maria:        Strano, signor pretore, ‘o nomme vuosto nun m’è nuovo. Comunque ch’è

                    succieso? Comme va che state dint’’a casa mia?

Rina:          Cara signora, noi stiamo indagando su un traffico illegale di bionde!

Maria:        (Spaventata) (Uh, Marò! Forse sta parlanno d’’e ssigarette!).

Ambrogio: E allora, signò, vuje nun sapìte niente?

Maria:        Ehm... no, ma ccà ddinto nun fumma nisciuno!

Rina:          Signò, ma che ddicìte?

Maria:        Signora prefetto, v’’o ggiuro ‘ncoppa ‘o bene d’’o pretore che sta vicino a vuje!

Ambrogio: Ma pecché, vuje me vulìte bene?

Maria:        No, però ve vo’ bene ‘o prefetto!

Rina:          Io ‘o voglio bene? Signò, ma che state dicenno?

Maria:        E vabbuò, allora ‘o schifate? Signor pretore, me dispiace pe’ vuje!

Ambrogio: Rina, ma comme, tu me schife a me?

Rina:          (Seccata) Basta, finiamola! Signora, noi vogliamo vedere chiaro sulla faccenda

                    delle bionde. Noi stiamo indagando sull’omicidio della Mosca e della Formica!                  

Maria:        (Sorpresa) No! Mosca e Formica so’ mmorte?

Rina:          Esattamente.

Maria:        (Uh, Marò, ‘o cane e ll’auciello mio so’ muorte!). Sentite, e quanno?

Rina:          Signò, ma pecché, vuje overamente nun sapìte niente?

Maria:        No, no, io nun aggio acciso a nisciuno. Caso mai, pozzo sapé coccosa d’’e

                    bbionde! Vulìte sentì?

Rina:          Parlate, orsù!

Maria:        Che d’è ‘stu “orsù”? Che parola è?

Rina:          Signò, voglio dicere: muvìteve a parlà.

Maria:        No, qua non posso parlare. Seguitemi, vi porto nella migliore stanza della casa.

Ambrogio: E vabbuò. Fateci strada.

Maria:        (Sospirando impaurita) Sì, venite, venite. Mannaggia a me!

                    Escono via a sinistra.

3. [Antonio e Davide. Poi Andrea]

                   Dalla comune ecco Antonio e Davide: grattano un Gratta e vinci a testa.

Antonio:    Questi sono gli ultimi Gratta e vinci che abbiamo comprato ieri. E allora,

                    Davide, he’ vinciuto coccosa?

Davide:      No. E tu?

Antonio:    Io sì. Aggio vinciuto ‘n’euro!

Davide:      (Si siede al tavolo) Che desolazione. Nun riesco a vencere cchiù.   

Antonio:    (Si siede al divanetto) E manch’io. Papà ce sta mmiscanno a tutte quante!

Davide:      Stattu zitto, nun te fa’ sentì ‘a isso. Chillo sta comm’’o pazzo.

Antonio:    E che vvuo’ fa’? Del resto ‘a furtuna nun l’ha maje pututo vedé.

Davide:      Antò, ma che te miette a ffa’, ‘o filosofp? Ma tenìsse pure tu ‘a sesta elementare

                   comm’a Andrea?

                   Dalla comune entra Andrea grattando tre Gratta e vinci.

Andrea:     Niente, nun aggio vinciuto a nisciuno ‘e tutt’e tre pparte!

Antonio:  ‘O vi’ lloco, ‘o vi’? E’ trasuto frisco frisco cu’ tre Gratta e vinci ‘nmana!

Davide:    André, è inutile che ce pruove. Ormai, ‘a furtuna ce sta avutanno ‘e spalle!

Andrea:   (Gli si avvicina, si siede su una sedia) Nun me ce fa’ penzà, o si no aésco pazzo!

Antonio:  Il fatto è che noi ci siamo abituati troppo male!

Davide:    Secondo me, amma ì tutt’e tre add’’o strizzacervelli. Comme se chiamma?

Antonio:  ‘O spilorcio!

Andrea:   Chi è ‘stu spilorcio?

Antonio:  ‘O miereco ch’acconcia ‘e ccerevelle!

Andrea:   Ah, ‘o psicologo!

Davide:    Embé, e perché vuoi andare dal pesciologo?

Andrea:   Psicologo!

Davide:    Appunto! Pecché avéssema ì addù chisto?

Antonio:  Pecché ce stamme scemulénno appriesso ‘o juoco! ‘O juoco ce sta cunzumanno!

                 Stamme facénno ‘a faccia d’’e nummere! Simme addiventate tre zombi!

Davide:    E già, però quanno vincéveme, te piaceva ‘e fa’ ‘o zombi! Mò nun te piace cchiù!

Andrea:   Ragazzi, calmatevi, calmatevi. Prima o poi torneremo a vincere un’altra volta. E

                 adesso non lo sentite questo bel profumo che viene dalla cucina?

Davide:    (Lo sente) Ma cheste so’ tagliatelle alla bolognese!

Antonio:  E forse mammà ce ‘e sta facenno a papà p’’o tirà su ‘e morale!

Davide:    (Si alza di scatto) E allora pur’io me sento giù ‘e morale!

Andrea:   (Scatta in piedi) E già, pur’io! Jàmmece a cunzulà ‘nu poco pure nuje!

Davide:    E che d’è, Antò, tu nun staje giù ‘e morale?

Antonio:  Sì.

Davide:    E pecché nun t’aìze?

Antonio:  Pecché mò nun tengo genio ‘e magnà.

Andrea:   E pé forza: chillo s’è ‘nnammurato ‘e Emi! E allora mò s’è chiuso ‘o stommeche!

Antonio:  Ma quanto si’ scemo!

Davide:    Vabbuò, Antò, nun te piglià collera: si avanza ‘nu piatto, t’’o stipàmme!

                  I due escono via al centro.

Antonio:  E intanto, chilli duje hanne raggione: io me so’ ‘nnammurato ‘e Emi. Però chella

                 nun vo’ fa’ carte! E chi m’aiuta a me? Comme pozzo fa’, io?

                 Si alza in piedi ed sce anche lui al centro.

5. [Maria, Ambrogio, Rina e Amedeo]

                    Da sinistra entra Maria.

Maria:        Aggia chiammà subito a Amedeo. Intanto, ‘o pretore e ‘o prefetto stanne 

                    assettate comodamente in poltrona!

                    Esce al centro. Da sinistra entrano Ambrogio e Rina col sedere indolenzito.

Rina:          ‘E ch’accoglienza: ‘a signora ce ha fatte assettà ‘ncoppa ‘o gabinetto e ‘o bidet!

Ambrogio: E comm’è scommodo, chillu gabinetto! Ma nun ce ‘o ponno mettere ‘nu  

                    cuscino ‘n coppa! 

Rina:          Ma comme, secondo te ponno maje mettere ‘nu cuscino ‘ncoppa ‘o gabinetto?

Ambrogio: A proposito, Rina, ma che fine ha fatto ‘a signora?

                    Amedeo e Maria entrano dal centro, guardando i due con circospezione.

Maria:        Curre, Amedé, curre. (Nota i due) Ah, voi siete entrati qua?

Rina:          E sì, stiamo più comodi qua dentro!

Amedeo:    E chi so’ ‘sti duje?

Maria:       Mò t’’e presento. (Spingendo Amedeo avanti) Signori, prego, accomodiamoci.

Rina:          Grazie.

                   I due si accomodano sul divanetto, mentre Ambrogio e Rina al tavolo.

                   Avanti, Ambrogio... cioè, signor pretore, io direi di presentarci al signore.

Ambrogio: Già. Invece il signore non ci conosce ancora.

Amedeo:    E chi ve l’ha ditto? (Guarda in alto) ‘O Signore ce cunosce a tutte quante! Ce

                   ha criàto isso!

Ambrogio:Ma no, ch’ate capito?Nuje nun stamme parlanno ‘e chillu Signore llà, ma di voi.

Amedeo:    Ah, ecco. Allora vi presento a mia moglie.

Maria:       Amedé, ma si’ scemo? Già me sanne. Comunque io mi chiamo Maria Sollazzo.

Amedeo:    E io invece me chiammo Amedeo De Funto. E vuje?

Rina:          Io sono Gennarina Cavallo, detta Rina, e sono prefetto.

Amedeo:    Oh, e allora sentite, signora perfetta...!

Rina:          No, non sono perfetta.

Amedeo:    Site imperfetta?

Rina:          Ma che imperfetta? Sono prefetto, con la “o”. E invece la “erre” viene prima!

Amedeo:    Ah, ecco, ci sta la “o” e poi la “erre” viene prima! Sì, ma che ce azzecca?

Rina:          Sentite, tagliamme a curto: io rappresento il governo e la giustizia.

Amedeo:    Ah, ecco. Ma come mai state qua? Che volete da noi?

Rina:          Chiedetelo a lui.

Amedeo:     E lui chi è?

Ambrogio: Sono Ambrogio Toro, pretore.

Amedeo:    Oh, e allora sentite, signor fetore...!

Rina:          Ma che fetore? Ho detto pretore.

Maria:       Amedé, ma nun capisce maje niente? E statte attiento ‘nu poco!

Amedeo:    Vabbé, comunque, signor pretore, voi avete detto che vi chiamate Ambrogio

                    Toro. Ma il vostro nome non mi è nuovo. Secondo me, siete milanese. Invece la

                    signora si chiama Rina Cavallo. E allora lei è sicuramente di Napoli.  

Ambrogio: No, veramente è tutt’’o cuntrario.

Rina:          E già, io sono nata in Brianza, nella bassa Lombardia. E i miei avi erano della

                    repubblica Cispadana. Voi conoscete la Cispadana?

Amedeo:    No, però cunosco ‘o Cis ‘e Nola!

Rina:          E allora, fatte le presentazioni, ditemi com’è composta la vostra famiglia.

Maria:        E vabbuò. Dunque: cari signori, noi siamo una famiglia normale. E io e

                    Amedeo siamo due genitori normali. Teniamo solo questa casa e quattro figli!

Rina:          Ho capito. E che cosa fate per vivere?

                    A tale domanda, Amedeo e Maria cominciano a sudare e a preoccuparsi.

Maria:        Ehm... facciamo qualche lavoretto così, occasionale. Però qualche volta ci

                    prende il colpo di fortuna e vinciamo al Lotto o al Totocalcio.

Amedeo:    Sì, però vincono solo loro, io non vinco mai! 

Rina:          Ah, vermente? (Si alza) E allora ascoltatemi bene.

Amedeo:    (Preoccupato) ‘A vi’ lloco, ‘a vi’, Marì! S’è aizàta.

Maria:       (Preoccupata) E mò che ce vo’ fa’?!

Rina:          Signor Amedeo, adesso sveliamo anche a voi il motivo della nostra venuta: noi

                    stiamo collaborando con la polizia. Qua intorno c’è un traffico di bionde.

Amedeo:    Ah, Marì, ce ha acchiappato!

Maria:        Stattu zitto!

Rina:          E sapete come lo abbiamo scoperto? Abbiamo trovato una bionda: Mary!

Amedeo:    He’ capì, Marì? Hanne truvato ‘na Merit!

Maria:       Ma io tengo sulo ‘e Marlboro!

Amedeo:    E se vede che pe’ sbaglio he’ vennuto pure cocch’ata sigaretta!

Rina:          E non è finita qua: abbiamo scoperto due cadaveri.

Amedeo:    Uh, Marò, due cadaveri? E chi sono?

Rina:          Vi dicono niente questi nomi? Formica e Mosca.

Amedeo:    (Dispiaciuto) No! So’ muorte Formica e Mosca.

Maria:        Ehm... e già, Amedé. Nuje picciò nun ‘e ttruvàveme cchiù!

Ambrogio: Ah, bene, le conoscete! E allora adesso diteci tutto ciò che sapete sulla Formica.

Amedeo:     E che v’aggia dicere? Io ce ll’aggio sempe ditto a mia moglie: “Marì, chiude ‘a

                    caiòla, o si no se ne fuje Formica”!

Rina:          ‘A caiòla? Ma perché, la tenevate segregata in gabbia?

Amedeo:     E certo, mica ‘a putéveme lassà pe’ dint’’a casa?!

Maria:        E intanto, se n’è fujùta! E penzà ca io le devo sempe ‘a ‘nzalata!

I due:          (Sorpresi) ‘A ‘nzalata?

Maria:        E certo. Io ce mettevo pure ‘o mmangime e ‘o Savoiardo!

Rina:           Strano modo di sostentare un prigioniero. E invece che mi dite della Mosca?

Amedeo:     Eh, puverella! Ogni vvota che ce magnàveme ‘o pollo, a essa ce astipàveme

                    sempe ‘e scarte! Essa però jeva pazza pe’ ll’osse!

I due:          (Sorpresi) Ll’osse?

Maria:        Sì, le piacévene troppo assaje!  E aroppo faceva ‘a cacca ‘ncoppa ‘o tappeto!

I due:          (Sorpresi) ‘Ncoppa ‘o tappeto?

Amedeo:    Sì. E a me m’alliccàva sempe ‘e mmane! E intanto, po’, se n’è fujuta pure essa!

Rina:          Signori, ma allora volete farci credere che non le avete uccise voi?

Maria:        E certo. Noi le volevamo così bene!

Rina:          (Si siede) Che cosa ne pensate, signor pretore?

Ambrogio: (Si alza) Io dico che adesso abbiamo notizie sufficienti per... beh, lo lascio dire 

                    a voi, signora prefetto. (Si siede di nuovo)

Rina:          (Si alza di nuovo) E va bene, allora parlo io.

Amedeo:    (Ma comm’è, ‘na vota s’aìza uno e ‘na vota s’aìza ‘n’ato?!).

Rina:          Cari signori De Funto, io devo aprire un’indagine su di voi. E se i nostri sospetti

                    sono fondati, voi due rischiate l’arresto per i motivi che voi ben sapete.

Maria:        (Spaventata) Uh, Marò! Ma allora jamme a ffernì ‘ngalera?

Amedeo:    E te lamiénte tu? Io mò so’ asciuto ‘a galera, e mò ce aggia ì a ffernì ‘n’ata vota!

Ambrogio: Calma, calma, ma perché vi spaventate? In fondo vi farete solo vent’anni!

Maria:       (Disperata) Uh, Marò!

Amedeo:    (Si alza arrabbiato) Vint’anne? Ma che state dicenno? Prefetto Cavallo, ma

                    vuje site pazzo? State facenno “Cavallo pazzo”? E voi, pretore Toro, vi siete

                    seduto?State facendo “Toro seduto”?

Ambrogio: E va bene, signora prefetto, ditegli come devono fare per risolvere la questione.

Rina:          Dunque, signor Amedeo, prima di tutto, sedetevi.

Amedeo:    (Rassegnato, si siede) E vabbuò.

Rina:          E poi, seconda cosa, voi due dovete portarci una prova della vostra innocenza.

                   Dovete cavare il ragno dal buco.

Amedeo:    Aggia piglià ‘o ragno ‘a ‘int’’o buco? E vabbé.

Maria:        Scusate, e poi che dobbiamo fare più?

Ambrogio: In tribunale dovete smentire, cioè ritrattare tutto quello che avete detto a noi:

                    dovete ritrattare le bionde, la Formica e la Mosca. Avete capito?

Maria:        He’ capito, a te? He’ fa’ ‘o ritratto d’’e bbionde, ‘e Formica e ‘e Mosca!

Amedeo:    E chi sape disegnà?

Maria:        E te ‘mpare!

Amedeo:    E vabbuò. Scusate, nun ce sta niente cchiù?

Rina:          Certo, ci sarebbe un’ultima cosa: voi avete una figlia di nome Jasmine. E’ così?

Am&Mar.: Sì.

Rina:          E allora vedete il pretore Ambrogio Toro? Ha messo gli occhi su vostra figlia.

Maria:        He’ capì, Amedé? ‘O pretore ha miso ll’uocchie ‘ncuollo a Jasmine!

Amedeo:    Uhé, signor pretore, levàte ll’uocchie ‘a cuollo a mia figlia!

Ambrogio: Impossibile. (Si alza in piedi) Domani torneremo per sapere la vostra risposta.

Rina:          Vi raccomando: da buoni intenditori, poche parole. Vi saluto, signori. E auguri. Ambrogio: Andiamo, prefetto.

                    I due escono. Amedeo e Maria restano sorpresi. Lui poi si alza e gironzola.

Amedeo:    Marì, ce amma discolpà assolutamente. ‘Sti duje hanne scuperto tutto cose.  

Maria:       E ch’amma fa’, Amedé? Si ‘o pretore vo’ cunoscere a Jasmine, nuje ce ll’amma

                   fa’ cunoscere. Del resto è ‘na perzona perbene, e ha da sta’ pure buono a sorde.

Amedeo:    E’ sempe meglio ‘e chillu sfasulato cu’ ‘o nomme milanese che se vo’ spusà

                   essa. Chisto pure tene ‘o nomme milanese, però almeno sta chino ‘e “patane”!

Maria:       (Si alza) E allora basta, mettìmmece al lavoro. Tu acchiappe ‘o ragno ‘int’’o

                   buco e appripàre ‘o ritratto. Io invece cerco ‘e parlà cu’ Jasmine.

Amedeo:    Sì, però ce voglio parlà pur’io cu’ Jasmine.

Maria:       E allora nun perdìmme cchiù tiempo. Forza!

                   I due escono a sinistra.

4. [Davide e Andrea. Poi Antonio ed Ambrogio]

                  Dal centro entrano Davide e Andrea (con un quaderno e penna) a pancia piena.

Davide:     André, e comm’érene buone chelli ttagliatelle ‘a bolognese!

Andrea:    A chi ‘o ddice? Io m’aggio magnato pure ‘o piatto ‘e papà e ‘e mammà!

Davide:     Siente, allora vulìmme penzà a duje nummere? C’’e jucamme in società.

Andrea:    ‘A proposta me piace. (Si siede al divanetto) Forza, butta fuori!

Davide:     Ch’aggia ittà fora? Io mommò aggio magnato!

Andrea:    No, Davide, io sto’ dicenno: butta fuori i numeri.

Davide:     (Gironzola) E su chi li vogliamo fare?

Andrea:    Dunque, i soggetti sono: ‘a sfurtuna ‘e papà, ‘e ssigarette che venne mammà, 

                  Ambrogio che vvo’ a Jasmine, Emi che s’è rifatta ‘e zizze, e ‘e rresate e Patrizio.

Davide:     E allora scrivi.

Andrea:    Nun è che vulìsse scrivere tu?

Davide:     E chi sape scrivere? Tu si’ ll’unico ccà ddinto ch’è gghiuto ‘a scola!

Andrea:    ‘O guajo è che nun m’arricordo cchiù comme se scrive.

Davide:     Tu nun prioccupà, scrive e basta! Dunque: come prima cosa, hai detto la sfortuna

                  di papà? Allora la sfortuna, nella Smorfia, fa 19.

Andrea:    E comme se scrive 19 a nummero?

Davide:     Dunque, 19 si scrive... 1 e 9!

Andrea:     Ah, grazie! (E scrive) E poi?

Davide:      E poi passiamo alle sigarette di mammà. Le sigarette fanno 15. Ma giacché

                   mammà rischia quattro mesi di carcere per contrabbando... 15 più 4 fanno 19! 

Andrea:     E comme se scrive 19?

Davide:      Tale e quale a primma!

Andrea:     Ah, ecco! (E scrive)

Davide:      E mò passàmme a Jasmine: chella vo’ afforza a Ambrogio. Però papà e mammà

                   nun vonno! Allora lei sai che fa? Lo incontra lo stesso grazie a uno scamorzage!

Andrea:     Sì, ma che nummero aggia mettere?

Davide:      Aspié, famme penzà. Ha ditto papà che si acchiappa a chillo, l’affoga!

Andrea:     Ecco qua: il giovane affogato. E quante fa?

Davide:      Il giovane affogato fa 19! E poi mettici pure un’altra cosa: ha ditto papà che si

                   ‘o vede, a chillo, ‘o votta ‘nu bicchiere ‘nfaccia! Il bicchiere fa 19! Scritto?

Andrea:     Scritto! E adesso passiamo a Emi.

Davide:      E già: ‘na vota era ‘nu purpo! Mò invece rappresenta la bontà in persona.

Andrea:     E ch’aggia scrivere? ‘O purpo o ‘a bontà?

Davide:      Miéttece tutt’e dduje! Tanto, fanne tutt’e dduje dicennove!

Andrea:     Ah, ecco! (E scrive)

Davide:      E per finire, parliamo di Patrizio che ride sempre. Nella smorfia, la risata fa 19!

Andrea:     (Scrive) Ecco qua.

Davide:      E allora, leggimi tutti i numeri che abbiamo scritto.

Andrea:     Dunque: 19, 19, 19, 19, 19 e 19!

Davide:      E che sso’, tutte quante dicennove?

Andrea:     E tu accussì he’ ditto! Mentre tu dettavi, io scrivevo!

Davide:      Ma no, cagnàmme. Cancella gli altri diciannove e tienine soltanto uno.  

Andrea:     E ce jucamme sulo ‘o 19?

Davide:      Sai che ti dico? Andiamo nella stanzetta e ispiriamoci.

Andrea:     Ma ch’amma scrivere, ‘na canzona?

Davide:      Cretino, nuje ce amma concentrà, pecché si nun vincìmme manco ‘sta vota, ce

                    amma mettere sulo appaura. Ccà stanne fernenno ‘e sorde!

Andrea:     (Si alza) E gghiamme.

Davide:       Siente, però t’arraccummànno, André: nun dicere niente a Antonio.

Andrea:      No, nun te prioccupà. Tanto, chillo mò sta penzanno sulamente a Emi.

                    Escono a sinistra. Da destra entrano Antonio e Ambrogio, quatti quatti.

Ambrogio: He’ capì, Antò? Pensa intensamente ad Emi. Solo ad Emi. Esclusivamente a...

Antonio:    (Spazientito) Aggio capito! ‘A sto’ penzanno! E pe’ penzà a essa, poco fa‘na

                    signora cu’ ‘nu carruzzino cu’ ‘o criaturo ‘a dinto, m’ha ittato sotto! E nun ha

                    pututo fa’ manco ‘a lettera, pecché ‘o carruzzimo nun teneva ‘a targa!

Ambrogio: Va bene, ma adesso torniamo a noi. Pensa intensamente ad Emi.

Antonio:     Siente, ma a che serve tutto chesto?

Ambrogio: Serve per quando la incontrerai: tu riuscirai a ipnotizzarla.

Antonio:    Néh, ma io aggia fa’ ‘o questore o ‘o mago?!

Ambrogio: ‘O questore! Così come Rina fa la prefetto e io il pretore. Tutti e tre andremo a

                    parlare coi genitori di Emi. E allora adesso andiamo ad allenarci. Facciamo una

                    simulazione: io faccio il pretore e tu il questore.

Antonio:    Embé, Ambrò, guaje a te si ‘sta cosa d’’o pretore e d’’o questore nun funziona!

Ambrogio: Ma allora tu non ti fidi.

Antonio:    No, non è che non mi fido. E’ solo che non tengo fiducia.

Ambrogio: Embé, e nun è ‘a stessa cosa?

Antonio:    E vabbuò. Facìmme comme vuo’ tu.

Ambrogio: E ricordati che chi non risica... non piglia pesci!

                    I due escono via di casa.

3. [Amedeo, Maria e Rina. Poi Emi e Jasmine]

                   Da sinistra rieccoo Maria e Amedeo che ha un barattolo e un album da disegno.

Maria:       E allora, Amedé, he’ priparato tutto cose? 

Amedeo:    Sì, Marì. ‘O prefetto ha ditto ch’’eva piglià ‘o ragno ‘a ‘int’’o buco. Eccolo qua,

                   ‘int’’o buccaccio. Ccà ddinto ce sta ‘o ragno! E che c’è vvulùto p’’o ‘cchiappà!

Maria:       Bravo! E l’he’ fatto ‘o ritratto d’’e bbionde, cioè d’’e ssigarette?

Amedeo:    Sì.

Maria:       E ce he’ mise pure a Formica e a Mosca?

Amedeo:    Sì, aggio fatto tutto cose. Sulo che tenévo ‘n’incertezza: ma come li dovevo

                   disegnare, a Formica e a Mosca? Seduti, in piedi o di profilo?

Maria:       Ma che ce ne ‘mporta? Chille so’ ‘n’auciello e ‘nu cane!  

Amedeo:   (Posa il tutto sul tavolo) E vabbuò, mò però ce sta ‘n’atu problema: ancora

                   amma cunvincere a Jasmine a cunoscere ‘o pretore Ambrogio Toro.

Maria:       Embé, chiediamo un altro mese di tempo! (Si siede sul divanetto)

Amedeo:   E che t’aggia dicere? (Si siede sul divanetto, a fianco a lei)

                   I due restano silenziosi. Entra in casa, da destra, Rina. E’ dubbiosa e silenziosa.

Rina:         Ma Ambrogio che fine ha fatto? Addò se n’è gghiuto?

Amedeo:   (La nota) ‘A vi’ lloco, ‘a vi’, Marì! E’ venuta, è essa!

Maria:       Ah, viene, jamme addù essa! (Richiama l’attenzione di lei) Néh, uhé!

                   I due si alzano e Rina si spaventa.

Rina:         Marò, ch’è succieso?

                   Scappa fuori casa inseguita dai due. Poi i tre ritornano: Maria la rassicura.

Maria:       Signora prefetto, e che siete scappata a fare?

Rina:         Chi? Io scappata? Ma no, ero andata a vedere se c’era la mia macchina qui fuori!

Amedeo:   Scusate, ma siete tornata così presto? E per giunta, senza il pretore?

Rina:         Ehm… sì. La mia è una visita a sorpresa.

Maria:       Vabbé, ma mò passiamo ai compiti che ci avete dato per casa!

Rina:         Ma che v’aggio dato, l’assegno? Io vi ho soltanto dato delle indicazioni per

                   mettervi a posto con la legge.

Maria:       E allora andiamo vicino al tavolo. Là ci stanno le cose che ci avete chiesto voi.

Rina:         Certo, certo.              

                   I tre si avvicinano al tavolo. Amedeo prende il barattolo.

Amedeo:   Allora, signora prefetto, ieri ci avete chiesto di titare il ragno dal buco.

Rina:         Ah, sì, mi ricordo. E voi l’avete cavato il ragno dal buco?

Amedeo:   (Mostra il barattolo col ragno dentro) ‘O vi’ ccanno!

Rina:         E che d’è ‘stu coso?

Amedeo:   Il ragno del buco!

Rina:         E chisto fosse ‘o ragno?

Amedeo:   E allora che d’è? ‘Na scigna?

Rina:        Ma no, caro signore, voi avete preso un granchio!

Amedeo: Aggio pigliato ‘nu rangio?! (Lo guarda da vicino) Sarrà, ma a me chisto me pare

                ‘nu ragno! Nun te pare pure a te, Marì?

Maria:     Sì, Amedé.

Rina:       Ma no, signor Amedeo, ho detto che avete preso un granchio.

Amedeo: No, sentite, nun me facìte arraggià: chisto è ‘nu ragno!

Rina:       No, avete preso un granchio!

Amedeo: (Seccato) Uhé, è ‘nu ragno e basta! Picciò v’’o pigliate e v’’o purtate! (Glielo dà)

Rina:       Ma ch’aggia fa’ cu’ ‘stu coso?

Amedeo: E che me ne ‘mporta a me?

Maria:     Vabbuò, Amedé, mò càlmete ‘nu poco.

Amedeo: E vabbuò. Allora mò passàmme ‘a siconda cosa che c’avìte cercato: ‘o ritratto.

Rina:       Qualu ritratto?

Amedeo: Vuje ate ditto ca io ‘eva ritrattà ‘o fatto d’’e bbionde, ‘e Formica e ‘e Mosca.

Rina:       Ah, sì, mi ricordo.

Amedeo: Embé, mò ve l’ata vedé e v’ata sta’ zitta! (Apre l’album) Eccolo qua! Ve piace?

Rina:       E ‘e che se tratta?

Amedeo: Mò v’’o spiego. Chisto è ‘o ritratto d’’e bbionde: so’ doje sigarette stutate!

Rina:       E chist’ati duje chi so’?

Amedeo: (Emozionato) Marì, dincéllo tu, pecché o si no io me commuovo!

Maria:     Chiste so’ Formica e Mosca!

Rina:       Ma chiste me pàrene ‘n’auciello e ‘nu cane!

Amedeo: E pecché, che gghìveve truvanno? Doje femmene annùde?

Rina:       Esattamente. Anzi, volevo vedere due donne morte assassinate!

Amedeo: Ma pigliàteve mommò st’album! (Glielo dà con sfregio)

Maria:     Sentite, ma che gghiate cercànno cchiù? Amme fatto tutto che vvulìte vuje.

Amedeo: Beh, veramente no. ‘O fatto ‘e Jasmine, nun l’amme pututo fa’ ancora.

Rina:       Che cosa? Non avete parlato ancora con vostra figlia. E qua il fatto è grave!

Maria:     E nun ve prioccupate. Accòmme ‘a vedìmme, ce parlàmme. Va buono?

Rina:       E vabbuò. Facìte comme vulìte vuje. Abbàsta che ve muvìte. Adesso però vado a 

                 chiamare il pretore e poi torno qua con lui. (Sente l’odore delle tagliatelle dalla

                 cucina) Ua’, ‘e che bell’addore! Ma queste sono tagliatelle alla bolognese?

Maria:     Certamente. Ne vulìte ‘nu poco?

Amedeo: Marì, statte qujeta. Chesta è corruzione!

Rina:       No, e che ce sta ‘e male?

Maria:     E no, signora prefetto, ave raggione mio marito. Vuje, aroppo, jate dicenno in

                 tribunale che nuje ve vuléveme accattà cu’ ‘nu piatto ‘e tagliatelle!

Amedeo: Anzi, è meglio che nun ve damme cchiù retta. Marì, jammuncenne!

                 I due le voltano la faccia e escono indispettiti al centro.

Rina:       ‘E che personaggie! (Guarda barattolo e album ed esclama) ‘E che personaggie!

                 Esce via col barattolo e l’album da disegno.

5. [Amedeo e Maria. Poi Jasmine. Poi Gennaro. Infine Patrizio]

                  Dal centro tornano Amedeo e Maria, quatti quatti. Notano che non c’è alcuno.

Amedeo:  Marì, amma parlà assolutamente cu’ Jasmine.

Maria:     E ‘o ssaccio.

Amedeo:  E l’amma cunvincere assolutamente a parlà cu’ ‘o pretore.

Maria:    E ‘o ssaccio.

Amedeo: E amma vedé assolutamente si tene intenzione ‘e s’’o spusà.

Maria:    E ‘o ssaccio.

Amedeo: E ce amma levà d’’a capa a chillu tizio che tene ‘o nomme milanese!

Maria:    E ‘o ssaccio!

Amedeo: (Stufo) Marì, ma ‘o vuo’ cagnà ‘nu poco ‘stu disco? Tu dice sempe ‘a stessa cosa!

Maria:    E ch’aggia dicere?

Amedeo: Dice “sì” e basta!

Maria:    E vabbé: sì e basta! Comunque, Amedé, io sto’ troppo prioccupata. Ma pecché ce

                aggia da’ ‘a Jasmine a chillu pretore? E si essa nun ‘o vo’?

Amedeo: Jamme carcerate tutt’e dduje comm’’e scieme!

Maria:    E nun è giusto. Chisto me pare ‘nu ricatto.

Amedeo: (Preoccupato) E ‘o ssaccio.

Maria:    Me pare comm’e quann’uno obbliga a ‘n’ato a ffa’ ‘na cosa sbagliata.

Amedeo: E ‘o ssaccio.

Maria:    E allora è comme si ce ‘a stésseme vennénno, a nostra figlia!

Amedeo: E ‘o ssaccio.

Maria:    E si facìmme chesto, nun simme ‘e cuscienza!

Amedeo: E ‘o ssaccio.

Maria:    Néh, ma mò accummience pure tu a cantà ‘a stessa canzona mia?

Amedeo: Marì, e ch’aggia dicere? (Si siede al divanetto) Vide ‘a vita comme me sfotte, a

                 me! ‘Nu terno nun m’’o fa piglià maje, però ‘e guaje m’’e mmanna sempe!

Maria:    (Va a sedersi a fianco a lui) E già, ‘ncoppa a chesto, ‘a vita è sempe puntuale.

Amedeo: E che vvuo’ fa’?

                Poi il silenzio, rotto da Jasmine che entra da destra e parla a chi è nella stanza.

Jasmine: Ambrogio, vado a prendere due coppe di champagne per brindare al nostro

                 successo! (Si volta, nota i due e si spaventa) Oddio!

Amedeo: (La nota) ‘A vi’ lloco, ‘a vi’! Marì, ch’amma fa’, ce amma dicere chillu fatto?

Maria:     E certo. Jasmine, assiéttete duje minute, a mammà. T’amma parlà ‘nu mumento.

Jasmine: E addò m’assetto?

Amedeo: E comme, ccà ddinto ce stanne tanta seggie! Chesta è ‘a casa d’’e sseggie! Picciò,

                 tu pigliaténne una e assiéttete!

Jasmine: E va bene. (Accosta una sedia del tavolo al divanetto e si siede) Vi ascolto.

Amedeo: Vedi, Jasmine, la vita è fatta di tante cose. Tu tieni presente i fiori e gli animali...?

Maria:     (Contrariata) Eh, comme staje parténno ‘a luntano! Niente ‘e meno staje facenno

                 ll’esempio dei fiori e gli animali! E che staje parlanno cu’ ‘na criatura?

Amedeo: Aggia parlà ‘nfaccia?

Maria:     Sì, he’ ‘a essere cchiù diretto.

Amedeo: E allora: Jasmine, quando devi fare l’amore col tuo uomo...!

Maria:     Amedé, ma tu accussì nun si’ partuto diretto. Tu me pare ‘n’Eurostar!

Jasmine:  Sentite, ma putésse capì coccosa ‘e cchiù preciso?

Amedeo: Jasmine, a papà, io t’aggia dicere ‘na cosa importante: tu, a chillo che tene ‘o

                 nomme milanese, te l’he’ ‘a scurdà proprio. Aspié, comme se chiamma?

Maria:     Ambrogio Toro.

Amedeo: Grazie, Marì! Inzomma, Jasmine, he’ lassà a chillu Ambrogio Toro che te piace a

                 te, e t’avìssa spusà cu’ ll’Ambrogio Toro che te facìmme cunoscere io e

                 mammeta: ‘na perzona seria e perbene, e soprattutto ‘nu pretore. He’ capì?

Jasmine: (Ah, sì? E io già ‘o ssaccio chi è!). (Poi finge di non volere) Ehm... papà, mammà,

                 ma non è il caso. Se proprio non mi posso sposare con l’Ambrogio che dico io,

                 non mi metterò mai con nessun altro Ambrogio. Resterò con voi per sempre.

Amedeo: (Severo) Jasmine...!

Maria:     Amedé, calmo calmo, pe’ piacere!

Amedeo: (Si placa) Jasmine, ma si tu nun ‘o cunusce manco. Chisto è robba bona, è pretore 

                 Nun aggio capito che vvo’ dicere, però ha da essere robba bona ‘o stesso! Si tu te

                 miette cu’ chisto, faje ‘na cosa bona pe’ te, che te piglie a ‘nu professionista, e    

                 pe’ nuje, accussì ce faje sparagnà ‘e ì carcerate! Che te ne pare ‘e st’idea?

Jasmine: (Finge di accettare per forza) Ehm... e va bene. Allora farò come dite voi. Farò 

                 questo sacrificio. (Si alza) E adesso posso andare a prendere lo champagne in

                 cucina? Devo festeggiare il mio futuro matrimonio col pretore.

Maria:     Ma tu ancora nun ‘o cunusce!

Jasmine: E che fa? Io sono felice lo stesso. Io allora vado.

                 Ed esce via centralmente al centro. Maria sembra felice.

Maria:     Amedé, he’ visto? Nun è stato accussì difficile comme penzave tu.

Amedeo: (Sospettoso) Però è strano. Quanno maje Jasmine ha fatto chello che dicìmme

                 nuje? Chella è ‘nu spirito ‘e cuntraddizione!  

Maria:     E già, effettivamente pure a me me pare strano. Anze, me pare talmente strano,

                 che quase quase me dispiace che ha accettato. Che ddice, Amedé?

                 Lui non risponde. In casa (da destra) entra Rina. 

Rina:       Coniugi De Funto, eccomi tornata! Allora, siete riusciti a parlare con Jasmine?

Amedeo: (Si alza e le si avvicina) E vuje ve penzate ch’è facile? Chella, mia figlia, è

                 comme ‘a cometa: ‘a vedìmme ‘na vota ogni trent’anne!

Maria:     Ma... Amedé, che staje dicenno?

Amedeo: (Le fa segno) Statte zitta, Marì, nuje nun amme parlato cu’ Jasmine. He’ capito?

Maria:     Ah, aggio capito. E già, chella po’ fuje sempe!

Rina:       E che volete, sono giovani.

Maria:     Sì, appunto, sono giovani. E allora ténene pure ‘o diritto ‘e se scegliere ‘e

                 ‘nnammurate che vonno lloro.

Rina:       E pecché, vostra figlia nun se sta scigliénno ‘o ‘nnammurato che vvo’ essa?

Maria:     No, pecché ‘o pretore nun ‘o cunosce proprio!

Amedeo: Nuje stamme facénno tanto pe’ ce levà ‘a ‘nu certo Ambrogio Toro ‘a ‘int’’e

                 ccerevelle, e nun ce stamme riuscenno. Mò ce faccio capità a ‘n’atu Ambrogio

                 Toro? Sì, è ‘o vero, chisto è pretore, però nostra figlia nun ‘o cunosce.

Rina:       Ma certo, è giusto. Jasmine deve fare quello che vuole. Come si dice? Fa duopo.

Maria:     Cioè?

Amedeo: Marì, ma tu nun capisce maje niente? Ha ditto che Jasmine fa ll’uovo!

Rina:       E che d’è, ‘na gallina? Tuttalpiù, po’ essere ‘n’oca!

Maria:     (Si alza arrabbiata e va da lei) Uhé, oca a mia figlia? E comme ve permettìte?

Rina:       No, quello era solo un esempio! Comunque, fate come volete voi. Siete voi che

                 dovete scegliere tra la libertà... e la non libertà. Arrivederci.

                 Esce via di casa. Maria si avvicina a Amedeo. Lo vede dubbioso.

Maria:     Amedé, ma se po’ ssapé a che staje penzanno?

Amedeo: Che secondo me Jasmine s’ha da spusà ‘o pretore.

Maria:     (Seccata) Ma se po’ ssapé che vvuo’ fa’? ‘Na vota dice ‘na cosa, ‘n’ata vota ne

                 dice ‘n’ata...! Sìente, piglie ‘na decisione definitiva, e fammélla sapé. Io me vaco

                  a vedé ‘o rumanzo ‘int’’a cucina. Cià, statte buono.

                  Ed esce via nella porta centrale. Amedeo si siede di nuovo al divanetto.

Amedeo:  Embé, ‘int’a ‘sta casa nun se vede maje niente ‘e buono. Maje ‘na faccia alléra.

                  Maje ‘na resata!

                  E da destra entra Patrizio che, come al solito, ride.

Patrizio:  Signor Amedeo!

Amedeo:  ‘O vi’ lloco, ‘o vi’! Ll’unico che ride sempe, è chisto!

Patrizio:  (S’avvicina) Signor Amedeo, avete ritrovato il pezzo di schedina che avete perso?

Amedeo: Ma che vvuo’ truvà? 

Patrizio:  (Si siede al tavolo. Poi dice ridendo) Comunque ho saputo che avete avuto dei

                 problemi con la legge. Anzi, ho saputo che ieri sono venuti qua due poliziotti.

Amedeo:  No, non erano due poliziotti. Uno era un prefetto e l’altro era un pretore.

Patrizio:  (Smette) Un pretore? Ma il pretore non esiste più.

Amedeo:  (Interessato) E’ muorto? E allora picciò nun l’aggio visto cchiù! (Poi esulta

                  felice)Aleeé! So’ cuntento, è muorto ‘o pretore!

Patrizio:  No, ma ch’ate capito? Voglio solo dire che la figura del pretore non esiste più,

                 perché non è più disciplinata dal nostro ordinamento giuridico.

Amedeo:  ‘O vero?

Patrizio:  Avete capito?

Amedeo:  No!

Patrizio:  Signor Amedeo, la nostra legge ha cancellato la figura del pretore. Mò esiste solo

                  un giudice che sostituisce questa figura.  

Amedeo:  Ma si’ sicuro?

Patrizio:  E certo, io sono laureato in giurisprudenza. Picciò, v’hanne fatto fesso! (Ride)

Amedeo:  (Si alza) Patrì, viene ‘nu poco cu’ me ‘int’’a cucina, e ripiéte ‘e stesse parole che

                  m’he’ ditto a me, pure a muglierema.

Patrizio:  (Si alza) Ma che cos’è, un gioco?

Amedeo:  Sì, è ‘o “Juoco d’’a serietà”: chi ride cchiù assaje, abbòsca! Picciò, statte accorto!

                  Lo prende per il braccio e se lo porta al centro.

Scena Ultima. [Tutti i personaggi, a cominciare da Antonio, Andrea e Davide]

                  Da sinistra ecco Andrea e Davide.                 

Andrea:    Niente, mio caro Davide. Siamo in crisi. Abbiamo perso l’ispirazione.

Davide:     E nun parlà accussì difficile, che nun te capisco. Stongo nervuso pecché nun

                  simme riuscite a ffa’ duje nummere. E mò che ce jucamme, martedì?  

                  Si siedono al divanetto, pensierosi. Da destra torna Antonio, fregandosi le mani.

Antonio:   M’aggia jucà ‘na bella cinquina ‘ncoppa ‘a rota ‘e Napule!

Davide:     André, ‘o siente a chillo? Se vo’ jucà ‘na cinquina.

Andrea:    E cu’ quali nummere?

Antonio:   Fratelli cari, ma che sono quelle facce da funerale? I numeri per una bella

                  cinquina ve li do io. Aggia fa’ ‘o questore!

And&Da: Eh?

Antonio:   Po’ ve faccio vedé. Mò, jamme, André, scrivi.

Andrea:    Ma aggia scrivere sempe io?

Antonio:   E tu si’ ll’unico ch’è gghiuto ‘a scola.

Andrea:    Ma io saccio scrivere sulo cocche nummero e basta.

Antonio:     E gghiamme bello, quanta storie! Tagliamo la testa al toro.

Davide:       E pecché? Povera bestia!

Andrea:      Scé, ma mica vo’ taglià overamente ‘a capa ‘o toro? Chillo vo’ dicere che ce

                    amma mòvere. E allora giochiamoci la data di oggi. Che giorno è?

Antonio:     Oggi è il 19!

Andrea:      E adesso che ore sono?

Davide:       (Guarda l’orologio) Sono le ore 19, 19 minuti e 19 secondi!

Antonio:     Benissimo! Allora martedì ci giochiamo 19, 19, 19 e 19!

Davide:       Ma chiste so’ ‘e stesse nummere che ce vuléveme jucà nuje.

Andrea:      Guagliù, stamme in crisi! (Si alza in piedi) Io sciolgo la società con voi.

                    Ed esce via a sinistra.

Antonio:     Aggia dicere ‘a verità? Pur’io me songo sfastriato ‘e fa’ ‘a società cu’ vuje. (Si

                    alza in piedi) Quase quase, me metto in società cu’ mammà!

                    Ed esce via a sinistra.

Davide:       E io cu’ chi me metto in società? Cu’ papà? (Si alza in piedi) Chillo è cchiù 

                    sfurtunato ‘e me!

                    Esce a sinistra, blaterando. Da destra (la comune) entra per metà Ambrogio.

Ambrogio: Néh, ma che fine ha fatto Jasmine? ‘Eva piglià sulo ‘na butteglia ‘e sciampagna

                    e ppo’ ‘eva turnà addù me.

                    E dal centro torna Jasmine con una bottiglia di champagne vuota in mano.

Jasmine:     (Si avvicina ad Ambrogio, preoccupata) Uh, mamma mia!

Ambrogio: ‘A vi’ lloco, ‘a vi’. Uhé, Jasmine, finalmente he’ pigliato ‘a sciampagna. E

                    allora jamme, ascìmme a brindà.

Jasmine:     Ma che vvuo’ brindà? ‘A butteglia è vuota.

Ambrogio: E comme va?

Jasmine:     Se l’ha bevuta papà.

Ambrogio: Accussì? Bell’e buono?

Jasmine:     Sì. E chillo sta nervuso, pecché Patrizio ce sta dicenno ‘na cosa sconvolgente!

Ambrogio: E che ce sta dicénno?

Jasmine:     Ce sta dicénno che nun esiste ‘o pretore.

Ambrogio: Embé, e chesto è tutto? E tu staje facénno tutto ‘stu burdello?

Jasmine:     Cretino, ma ‘o pretore si’ tu!

Ambrogio: Ah, già. Uh, mamma mia! E mò comme se fa?

Jasmine:     Te n’he’ ‘a sulamente fujì!

Ambrogio: E già. Speràmme sulo che Rina nun fa ‘a penzata... 

                    E invece Rina ha fatto la pensata: entra da destra.

Rina:          Ambrò, Ambrò!

Ambrogio: ...’E venì ccà! Nun l’aggio fernuto manco ‘e dicere!

Rina:          Che cosa? Che stive dicénno?

Ambrogio: Niente, Rina, ce n’amma fujì. Piano fallito! Sìamo stati scoperti! Nemico in

                    vista! Allarme rosso!

Rina:          Néh, ma che t’he’ visto, ‘nu film ‘e guerra?!

Ambrogio: Rina, ‘o pato ‘e Jasmine sape tutto cose. Ce l’ha ditto Patrizio.

Rina:          Embé, e che ce po’ ffa’?

                    Dal centro entra Amedeo: ha un mestolo in mano. I quattro si spaventano.

Amedeo:    Ah, vuje state ccà?

Ambrogio: Uh, Marò, Rina, tu vulìve sapé che ce po’ ffa’?

Rina:           No, nun ‘o vvoglio sapé cchiù!

                    I quattro scappano via a sinistra.

Amedeo:     Ma guarde quante so’ scieme! Se n’hanne fujute d’’a parta sbagliata. Uhe’, io

                     mò ve vengo a acchiappà!

                    Dal centro entrano Maria e Patrizio.

Maria:        Amedé, ma che vvuo’ fa’ cu’ ‘stu cuppino ‘nmana?

Amedeo:     Niente, aggia parlà cu’ ‘nu ciertu pretore ch’è trasuto ‘int’’a casa mia!

Patrizio:     (Ridendo, non si capisce) Però nun ‘o facì... però nun ‘o facì...

Amedeo:     Néh, ma che staje dicenno?

Maria:        Sta dicenno: però nun ‘o facìte male!

Patrizio:     (Ridendo) Appunto!

Amedeo:     E io mica aggia fa’ male sulo a isso? Ce stanne ati ttre pperzone!

Maria:        (Preoccupata) No, Amedé...

Amedeo:     Stattu zitta, o si no abbusche pure tu!

                    Esce a sinistra inseguito dai due che cercano di farlo desistere. Da destra,

                    entra Emi.

Emi:            Ehi di casa! C’è nessuno?

                    Da sinistra si sentono colpi di mestolo e gente che grida di dolore.

                    Néh, ma che sta succedendo, llà ddinto? Mò vaco a vedé. (Si avvia) Ehi di casa!

                    Entra a sinistra. Poi, poco dopo,tornano Rina e Patrizio doloranti.

Rina:          Ah, mamma bella, famménne fujì finché stongo in tempo!

Patrizio:     (Ridendo) Però ‘e che mazziata amme acchiappato! E’ ‘o vero, Rina?!

Rina:          E aroppo he’ acchiappà ancora ‘o riesto ‘a me! Ma comme t’è prurùto ‘e ì a

                    purtà spia ‘o signor Amedeo? Ma si’ proprio deficiente!

                    I due si avviano fuori casa, e Rina continua a richiamare Patrizio.

                    (Uscendo) Ma tu saje sulo rirere? E che tiene ‘a rirere sempe?...

                    Escono via. Da sinistra entrano Ambrogio e Jasmine, doloranti, minacciati col  

                    mestolo da Amedeo, trattenuto da Maria e da Emi (a cui si è bucato un seno).

Amedeo:     Lassàteme sta’, lassàteme sta’!

Emi:            (Si accorge del suo incidente e si dispera) Uh, mamma mia, signor Amedeo!

Amedeo:     Che vvuo’, tu?

Emi:            Guardate ccà: si è bucato il mio seno!

Amedeo:     Uh, e comm’è?

Emi:            E forse, ‘int’’a mmuina, m’ate colpito cu’ ‘o mestolo! E mò comme faccio?

Amedeo:     Io tengo ‘n’idea.

Emi:            Dite, dite.

Amedeo:     Va’ add’’o gummista e fatte fa’ ‘a bucatura. Aroppo ‘a vaco a pavà io!

Emi:            Ma facìteme ‘o piacere!

                    Ed esce via di casa arrabbiata. Maria, anche lei dolorante, richiama Amedeo.

Maria:        Amedé, ma mò te vuo’ calmà ‘nu poco? M’he’ vattuta pure a me!

Amedeo:     Sì, me voglio calmà. Però primma aggia vattere a ‘stu milanese cu’ ‘o mestolo!

Ambrogio: Sentite, signor Amedeo, va bene, confesso tutto: è vero, Rina non è un prefetto.

                    E io non sono un pretore.   

Jasmine:     E già, papà, io sapévo tutto cose.

Amedeo:     Embé, e allora?

Ambrogio: (Finto) Non sono un pretore, però tra poco diventerò un’altra cosa molto più

                    grande: Presidente Straordinario del Consiglio Superiore della Magistratura!

Maria:       (Interessata) ‘O vero?

Amedeo:    (Interessato) E è ccchiù importante d’’o pretore?

Ambrogio: E se capisce! Anze, è quase ‘o ddoppio! E allora, che ddicìte, mò?

Amedeo:    Ehm... Marì, tu che ne pienze?

Maria:        Amedé, a Jasmine... facìmmele passà ‘o sfizio!

Amedeo:     E che t’aggia dicere? Jasmine, passe ‘o sfizio!

Jasmine:     Uh, ma allora ci possiamo sposare?

Amedeo:     E te stamme dicénno ‘e sì!

Jasmine:     E allora, Ambrogio, andiamo a parlare in chiesa col parroco.

Ambrogio: E sì, però aggia ì a chiudere primma ‘nu mumento ‘a puteca d’elettrauto!

Amedeo:     Elettrauto? Qua’ elettrauto?

Maria:        Ah, ma pecché, nun ‘o ssaje? Chisto, cioè Ambrogio, tene ‘na siconda attività!

Amedeo:     Ah, bravo! E allora ‘o guaragno è doppio! Benissimo, figlioli, andate in pace!

I due:          Rendiamo grazie a Dio!

                    Ed escono via di casa frettolosamente, facendo finta di niente.

Amedeo:     Ecco qua. He’ visto, Marì? Amme sistimato pure a Jasmine.

Maria:        No, forse vuo’ dicere ch’amme sistimato sulo a Jasmine. A chill’ati tre

                    scapestrate nun l’amme sistimate ancora!

Amedeo:     E nun te prioccupà, chille so’ uòmmene. Primma o poi, se sistémene!

Maria:        Ammén! E allora oggi è Pasqua. Che dici, ce lo giochiamo un terno pasquale?

Amedeo:     Sì, mi sta bene. Anze, jucàmmece ‘na quaterna.

Maria:        E si vincìmme, te regalo ‘na machina nova!

Amedeo:     ‘Na Ferrari?

Maria:        No, ‘na machina p’’o ccafé!

Amedeo:     E invece no. Si vincìmme, ti compro una casa a Montecarlo! E sì, Marì, ti

                    voglio trattare come una gran signora.

Maria:        Come la signora dalle Camelie?

Amedeo:     Esatto, comm’’a signora Carmela!

                    I due si mettono sottobraccio ed escono via al centro con incedere importante.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno