Io sono ancora qui

Stampa questo copione

Io sono ancora qui

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

06/12/2004

Personaggi:   11

Ciro Caivano                                             

Pina Caivano                                                        

Isacco Caivano                                                                         

Giacobbe Caivano                                              

Nadia Russi                                                   

Italia Germania                                                                                 

Massimo                                                   

Liana Dell’Albero                                         

l’Onorevole Marco Tarallo                                                     

l’Onorevole Vito Biscotto                                                      

Simona Muoio          

Napoli, casa Caivano. Il capofamiglia Ciro è impresario funebre. Cerca di portare avanti il proprio lavoro incessantemente, scoprendo prodotti (bare ed accessori vari) sempre nuovi per colpire il potenziale cliente. Ciro è commerciante molto conosciuto ed apprezzato, così da diventare oggetto di privilegi da parte di due personaggi della politica per le prossime elezioni politiche. Ciro accetta controvoglia. In un giorno normale, però, mentre consegna una bara a clienti, ha un incidente d’auto. La sua vettura finisce in mare a Mergellina e lui è disperso. Tutti lo credono morto, ma in realtà lui torna a casa, da solo, ed indossa una strana tenuta bianca che lo fa sembrare quasi un fantasma. L’equivoco è dietro l’angolo…

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

                                              

            Napoli, salone di casa Caivano. Vi si accede dalla comune centrale. L’ambiente è tetro: ci sono addobbi funebri alle pareti. A destra, una porta conduce in cucina, camera da letto e bagno. A sinistra c’è il bagno di servizio, due stanzette e uno studio. A centro stanza, un tavolo e quattro sedie. Alla parete destra, la credenza. Verso sinistra un divanetto.

ATTO PRIMO

1. [Pina, Giacobbe e Isacco]

                   I fratelli Giacobbe e Isacco litigano al centro. La madre Pina li osserva, inerte.  Giacobbe: Oh, Isacco, mò te dongo ‘nu cazzotto ‘ncapa, t’accido tutte ‘e perucchie!

Isacco:      Embé, Giacobbe, tu tiene tante ‘e chelli ccorne, ca te puo’ arapì ‘na cornetteria!

Giacobbe: E tu fusse ‘nu frato? (Poi alal madre) Mammà, era meglio che facìve sulo a me!

Isacco:      No, sulo a me.

Giacobbe: No, a me.

Isacco:      No, a me.

Pina:         (Spazientita) Uhééé, e mò basta! Azz’oh! Ma vuje facìte sempe chesto d’’a 

                  matina quanno ve scetate fin’e ‘a sera quanno ve jate a cuccà?

Giacobbe: Ma chillo è ‘stu parassita!

Isacco:      Parassita a me? Ma mò t’azzecco ‘nu pacchero!

Pina:         Uhé, mò accumminciate ‘n’ata vota? Ma inzomma, se po’ ssapé ch’è succieso?

Giacobbe: E mò t’’o cconto io.

Isacco:      No, mammà ‘o vvo’ sapé ‘a me.

Giacobbe: E io so’ cchiù gruosso ‘e te, picciò aggia parlà primm’io!

Isacco:      E a me nun me ne ‘mporta proprio!

Pina:         Vabbé, adesso faccio io le interrogazioni! OK? Allora sedetevi e ragioniamo.            

                  I due si siedono al tavolo distanti. Pina fa lo stesso su una sedia centrale.

                  Giacobbe, se po’ ssapé ch’è stato?

Giacobbe: Niente, mammà, io mi sono fidanzato con una ragazza che si chiama Italia. Però

                  Isacco ha pigliato e me l’ha arrubbata.

Pina:         Ma comme, Isacco, t’he’ arrubbato a Italia? Ah, e chesto nun sta bene.

Isacco:      Mammà, ma chelle, ‘e gguaglione, nun ‘o vonno a Giacobbe, pecché è pesante.

Giacobbe: Esaglìmme ‘ncoppa ‘a bilancia, accussì te dimostro che si’ cchiù pesante ‘e me!

Pina:         Ma pecché, Giacò, tu si’ pesante? Ah, e chesto nun sta bene.

Giacobbe: Io nun so’ pesante. Io sono solo più maturo di lui. Invece isso vo’ sulo pazzià.         

Pina:         Isacco vo’ pazzià? Ah, e chesto nun sta bene.  

Isacco:      Mammà, ma io sono un tipo allegro e spiritoso. Isso invece è ‘na mummia!

Pina:         Giacobbe è ‘na mummia? E nun sta bene, a mammà! Tu nun he’ fa’ ‘a mummia!

Giacobbe: E tu allora si’ ‘nu pagliaccio.  

Pina:         Mamma bella, figli miei! E vuje tenìte tutte ‘sti difiette?

Giacobbe: (Si alza di scatto) Mammà, chisto l’ha da fernì ‘e m’arrubbà ‘e ‘nnammurate, o

                   si no ha da fa’ ‘e cunte cu’ me.

Isacco:      (Si alza pure lui) E facìmmele mò ‘sti cunte! A chi aspiette?

Pina:         (Si alza frettolosamente e si mette tra i due) Uhé, uhé, basta accussì, mò. Jamme

                   bello, aggio capito: Giacobbe, vatténne ‘int’’a cucina.

Giacobbe: Ma che me staje mannanno, in castigo?!

Pina:         (Arrabbiata) T’aggio ditto vatténne ‘int’’a cucina. He’ capì? (Poi più dolce) Va’,

                   ce sta ‘nu bellu piattone ‘e gnocchi alla Sorrentina.

Giacobbe: ‘E gnocchi alla Sorrentina? E io sto’ perdenno ‘o tiempo cu’ chisto? Ma io me

                   vaco a ffa’ ‘na bella magnata ‘a faccia soja! Cià, mammà!

                   Esce via a destra.

Isacco:       E comm’è, pe’ me nun ce sta niente?

Pina:          Pe’ te ce stanne cient’Euro! ‘E vvuo’? Stanne ‘int’’a stanza ‘e lietto.

Isacco:       Cient’Euro? E m’’o ddicìve apprimma! Me facìve sparagnà ‘e m’appiccecà cu’

                   chillu coso inutile ‘e frateme. Cià, mammà... io vado a riscuotere!

                   Ed esce via a sinistra. Pina riprende fiato.

Pina:          Giesù, e che ce vo’ pe’ calmà a ‘sti duje! Menu male ca io tengo l’antidoto: a

                   uno le piace ‘o mmagnà e a chill’ato le piàcene ‘e sorde! No, ma chiste me

                   fanne ascì pazza a me! E allora famme parlà ‘nu poco cu’ Giacobbe.

                   Esce a destra.

2. [Ciro Caivano e Massimo. Poi Italia e Nadia]

 

                  Dalla comune (al centro) entra Ciro. E’ vestito di nero ed ha occhiali da sole.

Ciro:         Pina, io sto’ ccà! (Non vede nessuno) E addò sta chesta? (Toglie gli occhiali da

                  sole e li posa sul tavolo) Speràmme che sta cucenànno coccosa ‘ebuono. (Si

                  siede sul divanetto) Ah, ‘e che stanchezza. Chillu negozio ‘e Pompe Funebri me

                  sta levànno ‘a salute ‘a cuollo!

                  Dalla comune entra Massimo, custode del cimitero di Napoli (pure lui in nero).

Massimo: E’ permesso? Si può?

Ciro:         Uhé, Massimo. Viene, trase, assiéttete, parle cu’ me, famme sentì coccosa...

Massimo: (Avvicinandosi) Eh, e quanta cose aggia fa’?

Ciro:         Vabbuò, avvì a t’assettà!

                  Massimo prende una sedia al tavolo e si accosta al divanetto, accanto a Ciro.

                  E allora, Massimo, stamattina che hai fatto di bello?

Massimo: Come uomo o come custode del cimitero di Napoli?

Ciro:         No, come custode del cimitero già so tutto: io te porto ‘e cliente e tu l’attiérre!          

Massimo: Allora vuoi sapere come uomo. E che t’aggia dicere, Ciro? Io sto’ chiuso tutto ‘o

                  santo juorno ‘int’a chillu cimitero. Ce sta ‘nu murtorio, lloco ddinto!

Ciro:         E vabbé, del resto nun ce puo’ mettere ‘e ballerine! E poi neppure io mi diverto

                  nel mio negozio. Lloco ddinto,  me vene ‘na nostalgia!

Massimo: Ma nostalgia ‘e che cosa?

Ciro:         Nostalgia nel senso ‘e tristezza!

Massimo: Ah, ma allora vuoi dire malinconia!

Ciro:         Uh, ‘o vvulévo dicere! A proposito, ma tu t’he’ prenotato ‘a bara pe’ te?

Massimo: Non ancora. E tu si’ passato già ‘ncoppa ‘o cimitero a prenotà ‘o posto pe’ te?

Ciro:         Ehm... sinceramente, no. E allora t’he’ spiccià. A chi aspiette? Se compri la bara

                  adesso, potrai beneficiare della promozione “bara a domicilio”. Te la porto io. E

                  poi, se la compri subito, non la dovrai pagare quando sarai morto.

Massimo: E pure tu: se prenoti adesso il posto sul cimitero, nessuno te lo ruba più!

Ciro:         E allora facciamo tutto adesso. Ja’, comm’’a vuo’ ‘sta bara? 

Massimo: Nun ‘o ssaccio. E tu invece addò ‘o vuo’ ‘o posto ‘ncoppa ‘o cimitero?

Ciro:         E chi ‘o ssape? Fa’ ‘na cosa: accòmme aésce ‘nu bellu posto arioso, frisco e

                   panoramico, tu lo occupi. He’ capì? Tu ce faje ‘na putéca!

Massimo: Aggia fa’ ‘na puteca ‘int’’o cimitero ? Te vuo’ mettere a vennere lloco ddinto?

Ciro:         Ma no, io dicevo “’na puteca”, nel senso che l’he’ bloccà!

Massimo: Ma allora un’ipoteca!

Ciro:         Uh, ‘o vvulévo dicere!

Massimo: E già, hai ragione tu. Senti, mi fai vedere il tuo catalogo?

Ciro:         Sì, te faccio vedé cierti taùte, che te fanne venì ‘o genio ‘e te ce menà ‘a dinto! 

                  Escono via a sinistra. Dalla comune entrano Italia e Nadia.

Italia:       Cara Nadia, come mi fa piacere rivederti.

Nadia:       E già, Italia. Noi, stranamente, anche se abitiamo vicine, non ci vediamo mai.

Italia:        Infatti. (Marò ma comme puzza chesta! Ma s’’a fa’ ‘na lavata ogni tanto?!).

Nadia:       E come mai ti trovi da queste parti?

Italia:        (No, nun ce voglio dicere che sto’ ccà pe’ vedé a Isacco!). Ehm... veramente...

                  (Inventa una scusa) ...devo parlare col signor Caivano.

Nadia:       Sì? E che gli devi dire? 

Italia:        Ah, ehm... come ben sai, io sono una grande veggente. Devo leggergli il futuro

                   nel fondo dei suoi occhi e devo incontrare il suo sporito guida. E tu, invece?

Nadia:       (No, nun ce voglio dicere che sto’ ccà pe’ vedé a Isacco!). Ehm... veramente... io

                   sto qua per la signora Caivano. Sai com’è, le devo vendere una bara.

Italia:        Niente di meno? E c’è bisogno che gliela vendi tu? Chella se l’accatta add’’o 

                   marito e nun ‘a pava nemmanco!

Nadia:       Sì, ma io ho un modello che lui non ha.

Italia:        Ah, ecco. Bene, allora adesso ti lascio. Vado dal signor Caivano. Ciao, ti saluto.

Nadia:       E sì, anch’io ti saluto. Devo andare dalla signora Caivano. Allora ciao, Italia.

                  Si avviano a sinistra, ma accortesi che vanno dalla stessa parte, si fermano.

Italia:        Aspiette ‘nu mumento, ma addò staje jenno ‘a ccà?

Nadia:       Add’’a signora Caivano.

Italia:        Ma si chella sta sempe ‘int’’a cucina. E ‘a cucina sta a destra.

Nadia:       E tu invece vuo’ parlà cu’ ‘o signor Caivano. E pecché staje jenno ‘a ccà? llà

                   ddinto ce sta ‘a stanzetta.

Italia:        Siente, ma nun è che staje jenno addù Isacco, pe’ caso?

Nadia:       Io? Pe’ carità. Secondo me ce staje jenno tu.

Italia:        Io? Nun tenésse che ffa’. 

Nadia:       E allora io vado in cucina.

Italia:        E pure io.

                  Ed escono a destra camminando piano e guardandosi male.

3. [Isacco e l’Onorevole Vito Biscotto. Poi Massimo e Ciro]

                 Da sinistra entra Isacco che controlla controluce se i 100 Euro sono veri.

Isacco:     Ma nun è che so’ fàveze, ‘sti cient’Euro! Sembra di no. E brava a mammà: io ce

                 aggio prestato cinch’Euro e essa me n’ha restituite ciento! Ce ll’aggia prestà

                 cchiù spisso, ‘e sorde! Però, come sono nuovi questi 100 Euro! (Li osserva)   

                 Dalla comune entra l’onorevole Vito Biscotto. Va vicino a Isacco e lo guarda.

                 (Isacco, sentendosi osservato, si volta) Ehm... salve!

Vito:         Salve. Scusa, ma questi sono 100 Euro?

Isacco:     (Li mette in fretta in tasca) No, pe’ carità, è ‘na carta ‘e caramella!  

Vito:         Senti, io devo parlare col signor Ciro Caivano, titolare delle Imprese Funebri

                  “Morto che parla”. Sono stato al negozio, però già era chiuso.

Isacco:      Embé, e che volete da papà? Ah, ho capito tutto. (Fa finta di commuoversi)

                  Marò, quanto mi dispiace. Condoglianze! (Lo bacia sulle guance)  

Vito:         (Si arrabbia) Ma che staje facenno? A me nun m’è muorto nisciuno! He’ capito?

Isacco:      Ah, no? E allora vi devo dire bravo: voi volete comprarvi la bara in anticipo!

Vito:         Guagliò, ma ce sta pateto, oppure no? Io sono l’onorevole Vito Biscotto. 

Isacco:      (Stupito) Veramente? L’onorevole Vito Biscotto, rappresentante della destra?

Vito:         (Si arrabbia) Ma che destra? Io sono del centro-sinistra.

Isacco:      E nun v’arraggiate. Tanto, o destra o sinistra, è ‘a stessa cosa. L’ha detto papà!

Vito:         Va bene, vorrà dire che lo cercherò più tardi. Piuttosto, fra poco ci saranno le

                  elezioni comunali. Io mi ricandido. (Tendenzioso) Ma a te, te servésse coccosa?

Isacco:      No, grazie. Tanto, io presto i soldi con l’interesse. Quindi, qualche soldo ce l’ho.

Vito:         Senti, se vedi tuo padre, non lo far uscire di casa per nessun motivo.

Isacco:      Nun ve prioccupate. Io ‘o chiudo a chiave ‘int’’o studio suojo!

Vito:         Bravissimo! Allora ciao. E non dimenticare: vota Biscotto.

Isacco:      Ho capito, centro-destra!

Vito:         (Gli grida contro:) Sinistra!    

                  E esce di casa, scuotendo la testa.

Isacco:      Ma che me ne ‘mporta d’’a politica? A me, m’’è venuta famme. Mò me vaco a

                  magnà pur’io ‘e gnocchi alla Sorrentina. Pecché Giacobbe se l’ha da magnà sulo

                  isso? Io sono per la Par condicio a tavola!

                  E esce via a destra. Da sinistra entrano Massimo e Ciro.

Massimo: No, no, e no. T’aggio ditto che voglio ‘a bara zincata, e tu invece afforza me vuo’

                  da’ chella cu’ ‘e mmaniglie d’ottone.

Ciro:         Ma io ‘o ddico pe’ te. Tu spienne cchiù assaje, però faje cchiù bella figura.

Massimo: E a chi aggia da’ cunto?

Ciro:         Vabbuò, allora he’ deciso? Vaje truvanno chella bara llà? Vuo’ fa’ ‘na figura ‘e

                  niente? E io t’accuntento. Tanto, che me ne ‘mporta a me?

Massimo: E quanto costa?

Ciro:         3000 Euro già scontati. Picciò nun me cercà ‘o sconto, pecché già ce sta!

Massimo: E vabbuò. Allora mò jamme ‘o cimitero, accussì te viene a scegliere ‘o posto

                  addò t’aggia atterrà!

Ciro:         Sì, però voglio avvertì a mugliérema. (Grida) Pina, io scengo. Me vaco a

                  scegliere ‘o posto ‘ncoppa ‘o cimitero! (Non sente risposta) Nun risponne.

Massimo: Vabbuò, nun fa niente. Jammece a ffa’ ‘sta bella cammenata!

Ciro:         Cammenata? Ma che stamme jenno, in campagna a ffa’ ‘o week end?!

Massimo: No, chillo è ‘o pic nic!

Ciro:         Uh, ‘o vvulévo dicere! Vabbuò, jamme, ja’!

                  E escono di casa.

4. [Isacco, Giacobbe, Nadia e Italia. Poi Pina]

                   Da destra tornano Isacco e Giacobbe (litigando), e Nadia e Italia (in silenzio).

Giacobbe: He’ visto? Faje sempe chesto, tu. ‘Sti ddoje érene fidanzate tutt’e ddoje cu’ me.

Isacco:       E mò invece stanne cu’ me.

Giacobbe: Ma tu l’he’ fernì. He’ capì? Mò me staje facenno perdere ‘a pacienza.

Isacco:       E tu staje facenno tutta ‘sta mmuina pe’ ‘sti ddoje papere?!

Nadia:       (Protesta) Uhé, ma come ti permetti?

Italia:        (Protesta) Ma vide ‘nu poco a chisto.

Giacobbe: Stateve zitte, a vuje, pecché ‘stu rattuso ‘e frateme steva cu’ tutt’e ddoje

                   contemporaneamente, e nisciuno ‘e vuje s’è accorta ‘e niente.

Isacco:       E si è pe’ chesto, pure tu he’ fatto ‘a stessa cosa! 

Giacobbe: Ma pigliatelle ‘n’ata vota! Che me n’aggia fa’?!

Isacco:       A chi? ‘Sti ddoje nun sanne proprio ‘e niente. So’ doje cozzeche senza limone!

Nadia:       (Protesta) Uhé, cozzeca senza limone a me?

Italia:        (Protesta) Ma che vvo’ chisto? Giacobbe, difendici.

Giacobbe: Isacco, ‘sti ddoje hanne raggione: chelle so’ sulo doje alice senza sale!   

Isacco:       Uhé, nun te permettere ‘e trattà accussì a ‘sti ddoje. He’ capito? A chesti ddoje,   

                   ‘e ppozzo trattà sulo io malamente! 

Giacobbe: No, io.

Isacco:       No, io.

                   E da destra esce proprio Pina che si avvicina ai quattro protestando.

Pina:         Uhé, ma che caspito sta succedenno ccà ddinto?

Giacobbe: No, niente, mammà. Ce stamme appiccecanno ‘nu mumento io e Isacco!

Pina:         E quanno maje!

Italia:        E non solo, signora: questi due stanno offendendo pure a noi.

Pina:         ‘O vero? Assa fa’ Dio! ‘Na vota tanto, se tròvene d’accordo ‘ncoppa a coccosa!

Nadia:       (Si avvicina a Pina protestando) Signora, ma come vi permettete?

Pina:         (Sente che Nadia puzza) Marò, guagliò... ma ‘sta puzza si’ tu?

Italia:        Signò, avìte visto comme fete?

Nadia:       E come vi permettete? Io mi lavo tutti i giorni.

Pina:         E secondo me nun te lave cu’ ll’acqua. Te lave cu’ ‘a candeggina!

Nadia:       (Spazientita) Néh, ma mò me ne vaco. Chi m’’o ffa’ fa’ ‘e arraggiunà cu’ ‘sta

                   schifezza ‘e ggente?! ‘A faccia vosta!

                   E se ne esce di casa.

Italia:        Addò vaje? Nuje ce amma appiccecà ‘n’appoco!

                   Esce pure lei.

Giacobbe: He’ visto che he’ cumbinato, Isacco?

Isacco:      No, he’ visto tu che he’ cumbinato?

Pina:         Uhé, ma mò accumminciate ‘n’ata vota? Jate a v’appiccecà fora ‘a ‘sta casa,

                  pecché io voglio sta’ qujeta.

Isacco:      Buona idea. Uhé, Giacò, ‘a saje ‘na cosa? Tu si’ ‘n’ommo ‘e niente!

Giacobbe: E tu si’ cchiù ommo ‘e niente ‘e me!

Isacco:      E tu si’ ‘o ddoppio!

Giacobbe: E tu si’ ‘o triplo!

                  E escono via litigando sotto gli occhi rassegnati di Pina.

Pina:         Mamma mia, e che ce ténene, ‘sti duje! Ma qua’ Isacco e Giacobbe? Chiste so’  

                  Caino e Abele! ‘E che miseria! 

                  Esce via a destra sdegnata.

5. [Ciro e Massimo. Poi Simona]

                  Dalla comune entrano Ciro e Massimo che discutono.

Ciro:         E chillo fosse ‘o posto arioso e luminoso che me vuo’ da’ ‘ncoppa ‘o cimitero?

Massimo: E pecché, che vulìve, ‘na nicchia “con vista sul mare”?!

Ciro:         No, però io aggio bisogno ‘e ‘nu posto all’aperto. Io soffro di castrofobia!

Massimo: Suoffre ‘e castrofobia? E che d’è, ‘a paura ‘e essere castrato?

Ciro:         Animale, ‘a castrofobia è ‘a paura ‘e sta’ chiuso ‘a dinto!

Massimo: Ma allora è la claustrofobia.

Ciro:         Esatto, ‘o vvulévo dicere!

Massimo: Ma a che te serve ‘stu posto all’aperto?

Ciro:         Io ho bisogno di spazio. Da me deve venire un sacco di gente.

Massimo: E che hanna fa’, s’hanna mettere a abballà annanzo ‘a nicchia toja?!

Ciro:         Ma che te ne ‘mporta, a te? Tu, quando esce un bel loculo, mi vieni a chiamare.

Massimo: Eh, m’ha pigliato p’’a “Tecnonicchia”!

Ciro:         A proposito, allora t’he’ scigliuto ‘a bara toja? Te piace chella ch’amme visto

                  ‘ncoppa ‘o catalogo?

Massimo: (Non convinto) Ehm... no, preferisco pensarci un altro poco.

Ciro:         No, tu te l’he’ accattà mommò. Su, vieni sabato e parliamone.

Massimo: Siente, inzomma, nun m’’a voglio accattà ancora, ‘a bara. Me l’accatto quanno è

                  ‘o mumento!

Ciro:         Però, ogni tanto, me putisse almeno procurà qualche cliente.

Massimo: (Spazientito) Ma io pozzo maje accidere ‘e ggente apposta pe’ t’’e purtà a te? 

                  Va’ ‘nmiezo ‘a via cu’ ‘nu mitra ‘nmana e spara a tutte quante, accussì haje 

                  voglia ‘e te fa’ ‘e cliente! E mò me n’aggia ì. ‘O cimitero me sta aspettanno.

                  Gli stringe la mano e poi esce via di corsa. Ciro resta perplesso.

Ciro:         E nun fa niente, nun te l’accattà. Po’, quanno succédene ‘e guaje, addò curre?

                  (Prende il cellulare dalla tasca della giacca) ‘A vibrazione d’’o telefonino!  

                  (Risponde) Pronto, sono Ciro Caivano, titolare delle Imprese Funebri “Morto che  

                  parla”! Chi muore? Ehm... chi parla? Oh, caro onorevole Marco Tarallo. Sì, mi

                  ricordo, voi siete quello della sinistra. Ah, della destra? Uh, scusate, lo volevo

                  dire! Vi ascolto, vi ascolto (Speranzoso) E’ morto qualcuno? Vi serve qualche

                  bara? (Deluso) Ah, no? Mi venite a trovare più tardi? (Seccato) Scusate, ma

                  dovete proprio? E va bene, vi aspetto. Arrivederci. (Posa il telefonino in tasca)

                  Chisto va truvanno ‘e vote ‘a me. Io me sfastidio proprio d’’o sentì. Chi sa

                  comme sto’ facenno a evità a chill’atu passaguaje d’’a sinistra, l’onorevole Vito

                  Biscotto! ‘E che stress! (Si siede al tavolo) Sto’ talmente esaurito, ca sisentésse

                  ‘nu rummore ‘int’a ‘stu mumento, zumpasse ‘a coppa ‘a seggia!   

                  Entra Simona (con occhiali da sole): é la moglie di un camorrista. Gli va dietro.

Simona:    Salve!  

Ciro:         (Saltando dalla sedia) Mamma ‘e ll’Arco!

Simona:    Vi ho spaventato? Dite la verità.

Ciro:         E se capisce! Si io venésse bell’e buono areto a vuje e v’alluccasse ‘int’’a

                   recchia, vuje che facìsseve? Ve facìsseve ‘na resata?!

Simona:    (Misteriosa) Sentite, ditemi che non ci sta nessun altro a parte voi.

Ciro:         Ma perché, chi siete voi?

Simona:    Muoio.

Ciro:         E vulìte murì proprio ccà ddinto?

Simona:    Ma no, io sono Muoio Simona.

Ciro:         E che volete?

Simona:     Vi devo parlare di affari. Si tratta di vita o di morte. (E si guarda intorno)

Ciro:          (Aggio capito: chesta tene pur’essa ‘n’Impresa Funebre: è la mia concorrenza!).

                   Ehm... va bene, signora, allora controllo che non ci sta nessuno. Con permesso.

                   Esce a destra. Simona controlla che sia uscito davvero e poi fa una riflessione.

Simona:     Che s’ha da fa’ pe’ campà! Essere la moglie di un camorrista è la cosa più

                   difficile del mondo. Meno male che lo hanno arrestato, così sta fuori dai guai

                   per un po’. E allora sono venuta io a prendere il pizzo da questo tizio. (Guarda a

                   destra) ‘O vi’ lloco, sta turnanno. Famme sta’ zitta.

                   Da destra torna Ciro.

Ciro:          Scusate, signora, ma in cucina ci sta mia moglie che sta guardando un romanzo.

Simona:     Ah, e qual è? “Appuntamento con l’amore”?

Ciro:          No, “Appuntamento col cimitero”: il primo romanzo funebre della storia della

                   televisione! Però ho chiuso la porta, così non ci disturba. Prego, accomodatevi. 

Simona:     Grazie.

                   I due si accomodano al tavolo.

Ciro:          Allora, ditemi, bella signora, in che cosa posso esservi utile?  

Simona:     Vedete, la mia vita è difficile, perché la scelta che ho fatto è sbagliata.

Ciro:          (Aggio capito, ‘a signora s’è pentùta ‘e tené l’Impresa Funebre!). Signora, ma

                   non dite così. Nella vita non ci si pente mai, specialmente se si fa questo lavoro.

                   E poi, la morte fa parte della vita. Nuje una vota amma murì!

Simona:     Sì, ma voi vi occupate della morte in un modo, mio marito in un altro.   

Ciro:          (Ah, aggio capito, ‘o titolare ‘e ll’Impresa Funebre è ‘o marito, no essa!). E va

                   bene, signora, ma in fondo, o voi o vostro marito, la famiglia è la stessa. 

Simona:     Vabbé, andiamo al dunque, perché io sto rischiando. Io sono qui... per il pizzo.

Ciro:          (Ah, mò aggio capito: chesta venne ‘a biancheria intima!). Signora, scusatemi,

                   ma con molto rispetto, io non sono molto interessato al pizzo. Caso mai, può

                   interessare di più a mia moglie. Volete parlare con lei?

Simona:     Che? Ma allora è vostra moglie che se ne occupa? E vabbé, che vi debbo dire?

Ciro:          Non vi preoccupate, chillo, ‘o rumanzo, è quase fernuto. (Si alza) Mi volete

                   seguire? Ve la faccio conoscere e vi faccio parlare con lei.

Simona:     (Si alza imbarazzata) Ma... veramente....

Ciro:          No, non vi vergognate. Seguitemi. Che brava persona che siete. E chi sa vostro

                   marito quant’è bravo! Jamme, venite cu’ me. Ve faccio pure ‘o ccafé.

                   La prende per il braccio e se la porta a destra. (Lei resta interdetta).

6. [Isacco, Giacobbe e Massimo]

                   Dalla comune entrano Isacco e Giacobbe. Pare che abbiano chiarito.

Giacobbe: E tu he’ fatto tutto chillu burdello pe’ chelli ddoje: Nadia e Italia?

Isacco:       No, veramente tu he’ fatto tutto chillu burdello pe’ chelli ddoje.

Giacobbe: E intanto ave raggione mammà: ce appiccecàmme sempe.

Isacco:       Però come dobbiamo fare? E’ sempre colpa tua.

Giacobbe: No, Isacco, lasciati pregare, che è colpa tua.

Isacco:       Giacò, nun me fa’ arraggià, perché è colpa tua.

Giacobbe: Isà, ma mò accummiénce ‘n’ata vota?

Isacco:       No, Giacò. ‘Int’’a vita toja, he’ accumminciato sempe primma tu.

Giacobbe: Ma tu t’arricuòrde quanno ereme piccerille? Tu t’arrubbave sempe ‘o ciucciotto

                   mio. Che fine ha fatto ‘o ciucciotto mio? Caccia mommò ‘o ciucciotto mio!

Isacco:       E chi ‘o tene cchiù? E tu invece me levave sempe ‘o pannulino ‘a cuollo e me

                   facìve fa’ ‘o pipì pe’ terra. Embé, allora mò m’aggia vendicà.

Giacobbe: Uhé, scorza ‘e cachisso!

Isacco:       Ma mò te vatto proprio!

                   I due si afferrano per il bavero della camicia. Nel frattempo entra Massimo. 

Massimo:  E’ permesso? (Li nota litigare e accorre) Uhé, uhé, che state facenno?

                   I due desistono guardandosi male, e Massimo si mette fra i due separandoli.

                   Isacco, Giacobbe, stateve qujete.

Isacco:       Signor Massimo, vuje facìteve ‘e fatte vuoste.

Giacobbe: E già, chi v’ha chiammato?

Massimo:  Uhé, ma che me ne ‘mporta, a me? ‘A prossima vota, pure si ve state sparanno,  

                   me ne vaco ‘a ‘n’ata parte. Vabbuò? Chiuttosto, papà vuosto addò è gghiuto?

Giacobbe: E che ne sapimme, nuje? Se vede che starrà in giro a cercà cocche cadavere!

Massimo:  E comme faccio, mò? Io gli ho trovato un bellissimo posto sul cimitero!

Isacco:       Ma inzomma, chillo già s’è mmiso papà cu’ ll’Impresa Funebre. Mò v’ate miso

                   pure vuje che site ‘o guardiano d’’o cimitero: ce sta ‘n’allerìa, ‘int’a ‘sta casa!

Giacobbe: Ma perché non fate come me? Io mi sono aperto un negozio di dischi.

Isacco:       Ma no, sono meglio io: sono disoccupato, però presto i soldi con l’interesse!

Giacobbe: Vabbuò, ja’, signor Massimo, comunque mio padre nun se sape addò sta. Jàtele

                   a cercà addò vulìte vuje e facìtece appiccecà ‘nsanta pace!

Massimo:  Ma pecché, mò ve vulìsseve appiccecà ‘n’ata vota?

Isacco:       Sempre! Io e Giacobbe simme nate pe’ chesto!

Giacobbe: Saje che te dico, Isacco? Jamme a ce appiccecà ‘int’’o studio ‘e papà.

Isacco:       Giusto, io e te abbiamo ancora un conto in sospeso. Jammuncenne, ‘nzevato!

Giacobbe: ‘Nzevato a me? Ma mò te faccio avvedé io.

Massimo:  Ma vedite a ‘sti duje! Che generazione infame! Facciamo così, vi propongo una

                   cosa: jammece a piglià ‘na birra ‘o BAR.

Isacco:       Ma pavate vuje?

Massimo:  Sì.

I due:        Accettiamo!

                   I due escono con Massimo fuori casa.

7. [Ciro, Pina, Simona e l’onorevole Tarallo]

                 Da destra entrano Ciro, Pina e Simona.

Pina:       (Un po’ commossa) Signò, avite visto chillu rumanzo quant’è bello?

Simona:  (Fredda) Sì, ho visto.

Pina:       E’ la storia di un titolare di Imprese Funebri minacciato dalla camorra, perché non

                vuole pagare la tangente. Però chi schifo ‘stu fatto d’’a tangente!

Ciro:       Menu male che ‘stu mese nun s’è visto nisciuno ‘int’’o negozio mio.         

Pina:       A proposito, signò, ma a vuje ve l’hanne maje chiesta ‘a tangente?

Simona:  (Imbarazzata) Ehm... no.

Ciro:       Ua’, ‘e che mazz… no, cioè, volevo dire, meno male! Ma pecché uno ha da regalà

                ‘e sorde che s’ha guadagnato, a gente che sape usà sulo ‘a prepotenza?

Simona:  Voi dite?

Pina:       E già, ave raggione mio marito. A proposito, ha detto lui che voi vi occupate di

                pizzo. Cioè, nel senso di biancheria intima?

Simona: (Sorpresa) Biancheria intima? (Ma allora chiste nun hanne capito niente!). E

               vabbé, sì, mi occupo di biancheria intima.

Ciro:      Oh, e allora si purtate ‘nu catalogo, io m’’o leggo sanu sano. Vulésse regalà ‘na

               bella mutanda rossa a mia moglie!

Pina:      (Vergognata) Ciro, ma che ddice?   

Ciro:      E che ce sta ‘e male? ‘A signora è adulta! E ppo’ si me fa sparagnà coccosa, io ce

               faccio ‘o sconto ‘ncoppa ‘a bara che s’accatta addù me. E’ ‘o vero, signora?

Simona: (Pure?! E ccà me sa che ce ll’aggia pavà io a loro, ‘a tangente!). E va bene, allora

               io vado. Devo andare a trovare a mio marito a Poggioreale.

Ci.&Pi.: (Sorpresi) A Poggioreale?

Simona: No, cioè, voglio dire che mio marito oggi sta lavorando a Poggioreale! 

Pina:      Embé, e già ve ne jate?

Simona: Sì, ma tornerò presto. Molto presto! Per adesso, faccio finta di niente perché mi

               avete fatto pietà. Mi avete rattristata. Mi sento laconica.

Ciro:      ‘O vero? He’ capito, Pina?

Pina:      No.

Ciro:      Ha ditto che se sente ‘na colica!

Pina:      Signò, e vulìte ‘nu poco ‘e cammumillo?

Simona: Ma che avete capito? Io ho detto laconica. Vuol dire triste.

Ciro:      Uh, ‘o vvulévo dicere!  

Simona: Ma non sarò triste per molto. Buonasera.

               Esce via. Pina e Ciro sembrano sorpresi.

Pina:      He’ ‘ntiso, Ciro? Ha ditto che l’avìmme fatto pietà. E pecché, po’?

Ciro:      E forse t’ha guardato ‘nfaccia. Cara Pina, tu tiene proprio ‘a faccia d’’a pietà.

Pina:      A proposito ‘e pietà: ‘o ssaje, t’aggia da’ ‘na bella nutizia.

Ciro:      (Speranzoso) Chillo ‘o piano ‘e sotto è gghiuto ‘nParaviso?

Pina:      No, sta buono, nun more cchiù!

Ciro:      (Seccato) Me disse maje ‘a suddisfazione ‘e ‘na nutizia bona, tu!

Pina:      (Amara) E già, m’’eva scurdato che tu faje ‘o mestiere cchiù alléro d’’o munno!

Ciro:      E pecché faje ‘a spiritosa? Io ho a che fare pure con gli onorevoli.

Pina:      Ma famme ‘o piacere!

Ciro:      Ma pecché, nun me cride?

               E dalla comune entra l’onorevole Marco Tarallo (elegante e con ventiquattrore).

Marco:  Si può?

Ciro:      Prego, onorevole, venite.

Marco:  (Avvicinandosi) Grazie, molto gentile.

Ciro:      Pina, lui è l’onorevole Marco Tarallo. E’ della sinistra.

Marco:  ‘N’ata vota! Io sono della destra.

Ciro:      Eh, vabbuò della destra.

Pina:      Embé, e ch’aggia fa’, io?

Ciro:      Quello è una persona importante.

Pina:      (Acida) E’ meglio che me ne vaco a vedé ‘n’atu rumanzo. Con permesso.

               E se ne esce indispettita a destra. L’onorevole Tarallo resta interdetto.

Marco:  Ma… forse le sono antipatico perché sono di destra? Vostra moglie è di sinistra?

Ciro:      No, ma chella nun sape manco qual è ‘a destra e qual è ‘a sinistra! Chella ce ll’ave

               cu’ me. Ma adesso accomodatevi. Che ci facciamo in piedi?

              I due si accomodano al tavolo.

              Onorevole, un poco di caffè?

Marco: Per carità. Io vengo da una riunione, e di caffè ne avrò bevuti già sette!

Ciro:     Molto bene. E come mai da queste parti?

Marco: Se vi ricordate bene, la settimana scorsa mi sono sentito male e mi hanno portato

              all’ospedale. Ebbene, ho parlato col medico. E lo sapete che ha detto?   

Ciro:     (Interessato) Che ha detto, che ha detto?

Marco: Secondo voi?

Ciro:     (Speranzoso) Non ci sono più speranze!

Marco: (Felice) No, ha detto che sono forte come un toro. Forse vivo fino a novant’anni!

Ciro:     Accussì ha ditto? Guardate, che a volte i dottori si sbagliano! Non li ascoltate. Io

              già tengo ‘na bara nova nova tutta pe’ vuje!

Marco: Pe’ piacere, nun parlamme ‘e ‘sti ccose! Piuttosto, parliamo di altro. Fra poco ci

              saranno le elezioni e io sto indietro col programma. Per diventare assessore, mi

              servono voti, voti, tanti voti, troppi voti! Mi dovete procurare degli elettori.

Ciro:     E voi mi dovete procurare dei defunti!  

Marco: Sì, sì, va bene, ma adesso parliamo di me. Mi serve la gente viva!

Ciro:     Impossibile, io mi occupo di gente morta! Quella poi non può votare.

Marco: Già, la morte. E che cos’è la morte di fronte ai miei problemi? La morte cancella

              tutto. Ma i problemi restano. Sapete? Una volta ho pensato perfino al suicidio.

Ciro:     E perché ci avete ripensato? Se decidete una cosa, dovete portarla a termine!

Marco: E sì, avete detto bene.

Ciro:     Vi siete convinto? E allora lloco ce sta ‘a fenesta! Coraggio, io non vi guardo!

Marco: Andiamo, non scherzate. (Si alza) E allora posso contare sul vostro aiuto?

Ciro:     (Si alza pure lui) Sentite, io faccio quel che posso. Basta che voi aiutate pure a me.

Marco: State tranquillo: ogni onorevole che se ne andrà all’altro mondo, è tutto vostro! 

Ciro:    Gli onorevoli? E quanno mòrene, chille? Gli onorevoli sono eterni!

Marco: E vabbé, allora arrivederci, signor Caivano. Alla prossima.

Ciro:     Arrivederci.

              L’onorevole Tarallo esce di casa. 

              E io ‘o ssapevo che chisto jeva truvanno ‘e vote. E vabbuò, io tengo tanta cliente.

              Haje voglia ‘e voti.

              Da destra torna Pina.

Pina:     Se n’è gghiuto?

Ciro:     Uhé, ma tu nun stive vedenno ‘o rumanzo ‘int’’a cucina?

Pina:     No, pecché aggio vuluto sentì tutto cose areto ‘a porta.

Ciro:     Embé, e che vvuo’?

Pina:     Ciro, nun da’ retta ‘e politici. Pienze a ffa’ ‘o mestiere tuojo, bello o brutto

              comm’è, e nun penzà cchiù a nisciuno!

Ciro:     E pecché? L’onorevole me porta ‘nu poco ‘e ggente.

Pina:     (Ironica) Sì, ‘e pporta ‘a discoteca! Ma nun t’ammuccà tutt’’e cchiacchiere d’’e 

              ggente. Chillo vo’ sulamente ‘e vote!  

Ciro:     Pina, nun ce penzà. Mò tengo famme. Che se magna, oggie? Arricuordammello.

Pina:     Gnocchi alla sorrentina. Me li hai chiesti tu.

Ciro:     Uh, ‘o vvulevo dicere. E allora nun perdimme tiempo. Cari gnocchi, è la vostra

              fine!

              Escono via a destra.

8. [Nadia e Ciro]

             Dalla comune entra Nadia. Ha una valigetta con sé.

Nadia: Sto preparando la mia vendetta contro quei due imbroglioni di Isacco e Giacobbe.

            L’aggia fa’ chiagnere a tutt’e dduje! Però mi servirebbe uno dei loro genitori…

            Si sposta verso sinistra, tramando mentalmente. Da destra torna Ciro.

Ciro:   Chilli fetiente d’’e figli mie s’hanne magnato tutt’’e gnocchi alla sorrentina e ‘a  

            braciola al sugo. Io me vulevo piglià ‘na fella ‘e pane e pe’ me fa’ ‘a scarpetta

            ‘int’’a sarza d’’e gnocchi e ‘int’’o sugo d’’a carne. E invece, niente!

            Mima il gesto del pane intinto nel sugo. Nadia lo nota e vi si avvicina.

Nadia: Ma buongiorno!

Ciro:   Aggio fernuto ‘e me fa’ ‘a scarpetta!   

Nadia: (Va da lui) Salve, io mi chiamo Nadia Russi. E lei è il papà di Isacco e Giacobbe.

Ciro:   (Preoccupato) Ah, ho capito. Che hanno combinato?

Nadia: Niente!

Ciro:   No, perché quelli sono terribili. Sono due calamite naturali!

Nadia: Calamite? Calamità!

Ciro:   Uh, ‘o vvulévo dicere!  

Nadia: Ma io non sto qua per loro. Io sono titolare di un’Impresa Funebre: la “Bellamorte”.

Ciro:   Ah, siete la mia concorrenza. E allora?

Nadia: Volevo chiedervi se già avete prenotato una bara!

Ciro:   Aspettate, ma ‘sta domanda, solitamente, ‘a faccio io!

Nadia: Sì, però io ho un nuovo modello di bara che voi non avete: la Primula rossa.

Ciro:   E io invece ho un nuovo modello che voi non avete: la Provola gialla!

Nadia: Non l’ho mai vista.

Ciro:   (Fiero) Eh, è il mio capolavoro. Se volete, possiamo fare un gemellaggio: voi mi

            vendete una Primula rossa e io vi vendo una Provola gialla! Ci state?

Nadia: No, non ne voglio una, ma due Provole gialle. Mi fate l’ordine di acquisto? 

Ciro:   E non le volete neanche vedere sul catalogo?

Nadia: No, non è importante. Io me le compro lo stesso. 

Ciro:   (Sorpreso) Overamente?

Nadia: Parola d’onore.

Ciro:   E che v’aggia dicere? Vado a prendere un momento il modulo d’acquisto. Voi non

            vi muovete da qua. Io vado e torno.

            Esce a sinistra. Nadia va verso il divanetto osservando Ciro mentre esce.

Nadia: Ma che ha capito, il signor Caivano? Mica le bare sono per me? Sono per Isacco e

            Giacobbe. Le farò recapitare a casa come sfregio. Come si dice? La vendetta è un

            piatto che va consumato freddo... anzi, gelato!

            Si siede sul divanetto. Torna Ciro con un foglio in mano, corre verso il tavolo.

Ciro:   Allora, signorina, ecco la doman... (Non la vede più) E che d’è, se n’è gghiuta?

Nadia: No, signor Caivano, sto qua.

Ciro:   Ah, vi siete seduta sul divanetto? Aspettate, mò mi siedo vicino a voi. (Fa così e 

            sente puzza nell’aria) Ma che d’è ‘sta puzza?

Nadia: C’è una puzza?

Ciro:   Sì. ‘A quanno site trasuta vuje, se sente ‘na puzza strana!

Nadia: E che vulìsseve dicere, ca io puzzo?

Ciro:   No, per carità! Lasciamo stare. Adesso rispondete alle mie domande: Cognome?

Nadia: Sentite, non posso completare un’altra volta, il modulo? Avrei un po’ di fretta. Ciro:   Il cliente ha sempre ragione. Allora segno due Provole gialle! (E scrive,

            commentando con ironia) Eh, me pare che stongo facenno ‘e ppizze!

Nadia: Affare fatto. Allora domani venite da me che facciamo l’ordine di acquisto.

Ciro:   Signurì, nun ve prioccupate, vengo dimane. (Si alza in piedi)

Nadia: (Si alza) E’ un piacere fare affari con voi. Lo sapete? Siete meglio dei vostri figli.

Ciro:   (Si vanta) Me lo dicono tutti!

Nadia: Allora grazie e alla prossima.

            Esce via di casa sotto lo sguardo incantato di Ciro.

Ciro:   Che bella guagliona! Puzza ‘nu poco, però è bella! Beh, adesso fammi mettere in

            cassaforte quest’ordine d’acquisto. E sai che ti dico? Quando mi porta la Primula

            rossa, io me la vendo. Tanto, che me n’aggia fa’? L’importante è che m’aggio

            levato ‘a tuorno doje Provole gialle! Nun vàlene niente nisciuno ‘e tutt’e ddoje!

            Esce via a sinistra soddisfatto.

9. [Italia e Pina. Poi Giacobbe ed Isacco]

             Dalla comune entra Italia. Sente un profumo piacevole dalla cucina.

Italia:  Che profumino! Gnocchi alla sorrentina. Ce ll’aggia fa’ rimané ‘ncanna ‘o magnà a

             Isacco e a Giacobbe. Userò i miei poteri di veggente per spaventare la signora

             Caivano. Vendetta sia fatta! Così quei due imparano a prendermi in giro. Sulo che

             mò ce sta ‘nu probblema: addò sta ‘a signora? Accà o allà?

             Da destra torna Pina.

Pina:    Ciro, addò si’ gghiuto? Nun te piglià collera, mò t’’e cucino ‘n’ata vora ‘e gnocc…

Italia:  (La nota e gioisce) Signora, buongiorno. Vi ricordate di me? Italia Germania.

Pina:    Sì, m’arricordo. Tu si’ ‘a veggente, chiromante e tutto ‘o riesto appriesso.   

Italia:   Esatto, brava! L’altra volta ho letto il futuro a voi e a vostro marito.

Pina:    E sì, tu m’he’ liggiuto ‘o pede! He’ ditto ca io ‘eva avé ‘nu periodo furtunato e ch’’a

             vita mia ‘eva essere tranquilla. E poi hai detto che i figli miei si calmavano. E così?

Italia:   Sì, signora, vi ho detto proprio così. Avete visto? Si è realizzato tutto.

Pina:    Ah, sì? E allora saje che te dico? ‘Mpàrete a leggere meglio! 

Italia:   Perché, che è successo?

Pina:    E mò t’’o ddico: ‘o periodo furtunato nun è maje venuto; ‘a vita mia nun è maje

             stata tranquilla; e infine, ‘e figli mie so’ cchiù terribili ‘e primma!

Italia:   E si vede che c’è stato un errore sotto al vostro piede!

Pina:    ‘N’errore ‘e stampa? Ma pecché, ‘o pede mio che d’è, ‘n’enciclopedia?

Italia:   Vabbé, non vi preoccupate, adesso rifacciamo di nuovo tutto.

Pina:    No, basta, ‘o pede mio me serve pe’ cammenà!

Italia:   No, ma io ho avuto delle visioni sul vostro futuro in un altro modo.

Pina:    ‘O vero? No ma io nun ce credo cchiù a ‘sti ccose.

Italia:   Non vi preoccupate, state tranquilla. Sediamoci un secondo su quel divanetto.

Pina:    E vabbuò.

             Le due vanno a sedersi sul divanetto.

Italia:   Dunque, signora, stanotte io vi ho sognato.

Pina:     T’he’ sunnata a me? E se vede che nun he’ durmuto buono, stanotte!

Italia:   Ma no, lasciatemi dire. Sentite il sogno che ho fatto: ho sognato che voi stavate

              litigando con vostro marito per colpa dei vostri due figli: Isacco e Giacobbe.

Pina:           E chisto fosse ‘nu suonno? Ma si io e marìteme facìmme sempe chesto!

Italia:         Appunto, ma stavolta non stavate litigando proprio con vostro marito. In altre

                    parole: lui c’era, ma in realtà non c’era.

Pina:          Aspié, ce steva o nun ce steva?

Italia:         Sì, c’era, ma era come se fosse un angelo.

Pina:          Mio marito... ‘n’angelo?

Italia:         Sì, un angelo che diceva: “Pina: Isacco e Giacobbe fanno troppo chiasso. Se

                   vuoi pace nella tua vita, lascia uscire quei due demoni da questa casa”!

Pina:          (Impressionata) Uh, mamma mia, ma allora è pe’ chesto ca io nun trovo pace?

                   Allora aggia caccià a Isacco e a Giacobbe ‘a ccà ddinto? E pacienza, chille so’

                   gruosse, hanne voglia ‘e se fa’ ‘a vita lloro. E voi che cosa ne dite?

Italia:         Io dico che il vostro spirito guida ha dato l’OK!

Pina:          (Si guarda intorno un po’ impressionata) Il mio spirito guida? E addò sta?

Italia:         Voi non lo potete vedere. Però adesso vi sta accarezzando sulla spalla.

Pina:          Uhé, liéveme ‘e mmane ‘a cuollo! Mò nun te n’apprufittà che nun te veco!

Italia:         Ma no, non vi preoccupate. Allora fate così: cacciate le forze del male dalla

                    vostra casa. Avete capito? E la pace ritornerà nella vostra vita.

Pina:          (Convinta) Sì, sì, aggia fa’ accussì. (Si alza) Allora grazie di tutto.

Italia:         (Si alza) Prego. Adesso andate nelle loro stanzette, preparategli le valige, che

                   rappresentano il peccato, e metteteli alla porta, che è simbolo di libertà. 

Pina:          Nun m’’o ffaccio dicere doje vote. Arrivederci.

Italia:         Arrivederci!

                   Italia va via soddisfatta. Pina è ancora impressionata e commenta.

Pina:          Ave raggione ‘a signurina Italia: devo cacciare il male dalla mia casa. Sulo che

                   però me sento ‘nu poco esorcista! Ma che me ne ‘mporta, a me? E pace fu!

                   Esce a sinistra. Dalla comune tornano Isacco e Giacobbe con bottiglie di birra.

Isacco:      Ah, comm’è bella ‘a birra!

Giacobbe: E già, è meglio d’’o vino.

Isacco:      Però ricorda una cosa: io e te stiamo facendo soltanto una trega.

Giacobbe: E se capisce: aroppo ‘a birra, turnamme a ce appiccecà ‘n’ata vota.

Isacco:      La mia birra è quasi finita.

Giacobbe: E pure la mia. E allora jammuncenne ‘int’’a stanzetta nosta.

Isacco:      Comincia il secondo round!

                  Fanno cin cin con le loro bottiglie, poi escono a destra.

10. [Ciro e Pina. Poi Isacco]

                  Da sinistra torna Ciro, soddisfatto.

Ciro:         Benissimo, contratto inserito in cassaforte. Adesso possiamo andare a mangiare.

                  Da sinistra torna Pina.

Pina:         Ah, tu staje ccà? (Gli si avvicina)

Ciro:         Sì, pecché, ch’è stato?

Pina:         Caro mio, tu la devi smettere di entrare nei sogni della veggente Italia Germania. 

Ciro:         (Si alza incuriosito) Eh?

Pina:         Sì. Tu eri un angelo.

Ciro:         Io? Embé, e che ce facevo ‘int’a ‘stu suonno?

Pina:         Dicìve vicino a me ch’amma caccià “il male da questa casa”. Il male fòssene

                  Isacco e Giacobbe.

Ciro:         Però ‘a saje ‘na cosa? Pure io m’aggio fatto ‘nu suonno simile. Sulo ch’’o posto

                  mio, ce stive tu comm’angelo! Che ddice, amma sta’ a sentì a ‘sti suonne?

Pina:         Io dicésse ‘e sì. Isacco e Giacobbe s’appìccechene una continuazione.   

Ciro:        E vabbuò, ma po’ addò se ne vanne?

Pina:        E già. Aspetta, ho avuto un’idea: ne mandiamo uno a dormire da mia sorella e

                 l’altro da tuo fratello. Che dici?

Ciro:        Amma ‘nguajà ‘a vita a chilli povere crestiane?

Pina:        E allora amma ‘nguajà ‘a nosta?

Ciro:        Pina, ma che staje dicenno? Loro sono nostri figli. Hanna rimané cu’ nuje.

                 Da destra torna Isacco.

Isacco:     Papà, io m’aggio magnato pure ‘e gnocchi tuoje, mentre Giacobbe s’ha magnato

                 chille ‘e mammà! Se stévene facenno fridde, era peccato.

Ciro:        (Contrariato) Che cosa? He’ ‘ntiso, Pina? No, basta, se n’hanna ì ‘a dint’a ‘sta

                 casa mommò stesso!

Pina:        Quanno l’aggio ditto io, tu he’ ditto che no!

Isacco:     (Sorpreso) Ma pecché, ch’aggio fatto ‘e male?

Pina:        Tu e tuo fratello rappresentate il male.

Ciro:        (Sdegnato) Io ‘o vvulevo dicere. Voi siete capaci di affamare i vostri genitori.

Isacco:     Sì, sì, vabbuò. (Sente un profumino) Mò me vaco a magnà pure ‘a braciola. Cià!

                 Esce via a destra celermente. Pina e Ciro si guardano sconvolti.

Ciro:        Oh, nun se n’è ‘mpurtato proprio ‘e nuje.

Pina:        Embé, jamme a priparà mommò ‘a valiggia a chilli duje. Se n’hanna ì.

                 I due si alzano in piedi ed escono a sinistra.

11. [l’onorevole Tarallo e Massimo. Infine l’onorevole Biscotto]

                  Dalla comune entra l’onorevole Marco Tarallo con uno scatolo in mano.

Marco:     Ma dove sta Caivano? (Lo chiama) Signor Caivano!

                  Dalla comune entra Massimo.

Massimo: Ua’, ‘e ch’addore ‘e gnocchi!

Marco:     (Nota Massimo) Scusate...

Massimo: Dite.

Marco:     Dove sta Caivano?

Massimo: Vicino Casandrino!

Marco:     Ma no, io mi riferisco al signor Ciro Caivano.

Massimo: Uh, ma voi siete l’onorevole Marco Tarallo, quello della sinistra! Ora mi ricordo.

Marco:     E allora nun v’arricurdàte buono, pecché io songo d’’a destra!

Massimo: Sì, ma come dice Ciro, destra o sinistra, la politica è sempre la stessa pastocchia!

Marco:     Ah, questo pensa il signor Caivano? E bravo!

Massimo: Sì, anzi, c’è di più: quello, quando va a votare, fa finta. Mette i voti a casaccio!

Marco:     (Interessato) Aspit’oh, he’ capito?!

Massimo: E lui è propio negato per la politica. Dice che ‘e politici so’ tutte buffune!

Marco:     Interessante! Allora amma parlà ‘nu poco io e isso. E voi come vi chiamate?

Massimo: Massimo.

Marco:     Signor Massimo, voi avete già qualcuno da votare?

Massimo: Ehm... veramente, no.

Marco:     E allora perché non votate me? Onorevole Marco Tarallo.

Massimo: Va benissimo. Anzi, vi faccio un’altra promessa: come esce un bel posto sul

                  cimitero, ve lo conservo caldo caldo! Siete contento?

Marco:     (Per nulla contento) E’ meglio che vado dal signor Ciro Caivano!

Massimo: Fate pure!

                  Tarallo esce a destra. Massimo allora lo critica.

                  Ma quant’è permaloso, chisto!

                  Dalla comune (centro) entra l’onorevole Vito Biscotto (con un pacco in mano).

Vito:         Chiedo scusa!

Massimo: Ah, salve. Voi siete l’onorevole Vito Biscotto, quello della destra.

Vito:         Sinistra!

Massimo: Oh, ce azzeccàsse ‘na vota!

Vito:         Sentite, io ho bisogno del signor Ciro Caivano.

Massimo: (Preoccupato) Ah, e mò? ‘Int’’a cucina ce sta Tarallo.

Vito:         Prego?

Massimo: Ehm… no, voglio dire che il signor Caivano si sta mangiando un tarallo. Perciò,

                  non può ricevere a nessuno.

Vito:         Embé? Che se mette appaura che ce levo ‘o tarallo d’’a mana e m’’o magno io?

Massimo: (Spiritoso) No, però voi siete Biscotto. E dopo un tarallo, il biscotto non c’entra

                  niente. V’è piaciuta ‘a battuta?

Vito:         No!

                  Lo scansa e va a destra. Massimo tenta di fermarlo.

Massimo: Aspettate, là dentro non si può entrare!

                  E Massimo scappa a destra, inseguendoVito.

12. [Ciro e Pina. Poi Isacco. Infine Giacobbe]

                  Da sinistra tornano Ciro e Pina, Hanno una valigia a testa. Sono molto pesanti.

Ciro:         Ecco qua, mò l’amma sulamente salutà. 

Pina:         (Un po’ pentita) Ciro, ma si’ sicuro ‘e chello che stamme facenno?

Ciro:         Pina, ma comme? L’he’ ditto tu: quei due rappresentano il male.

Pina:         Ma sono i nostri figli.

Ciro:         Ma chille s’hanne magnato ‘e gnocchi nuoste, senza pietà.

Pina:         Embé? Ma pecché, nun se ponno cucenà ‘n’ata vota?

Ciro:         Pina, e allora jamme a pusà ‘n’ata vota ‘sti valigge.

Pina:         E sì.

                  Si voltano per tornare a sinistra, ma Pina cambia idea.

                  No, Ciro, nun putìmme turnà areto.

Ciro:         Pecché?

Pina:         Pecché Isacco e Giacobbe nun ce fanne sta’ qujete.  

Ciro:         Ma se po’ ssapé? Cara mia, io tengo che ffa’ cu’ gli onorevoli Biscotto e Tarallo.

Pina:         Ancora? Ciro, ma che vvonno chilli duje ‘a te?

Ciro:         Ma tu ce ll’avìsse cu’ lloro?

Pina:         Sì, Ciro, ce ll’aggio cu’ lloro, pecché già saccio che quanno tu te miette ‘int’a ‘sti

                  ccose, ce vaje sempe a rimettere.

Ciro:         Ma chille nun vonno niente. Però, si ce dongo cocche voto, chille me procùrene

                  ‘e cliente. Pare che cocche onorevole a ‘n’appoco se fa ‘o viaggio!

Pina:         Ma comme si’ ingenuo. Nun vide ch’’e politici se fanne sulo ‘a guerra fra di

                  loro? Cierti vvote me pàrene comm’a Isacco e Giacobbe!

Ciro:         Ma nun dicere scimmità. Gli onorevoli Tarallo e Biscotto sono gente seria.  

                  Da destra torna Isacco allarmato.

Isacco:      Papà, mammà... (Nota le valige) Ma che d’è? State partenno?

Pina:         No, state partenno tu e Giacobbe. Chiuttosto, è succieso coccosa?

Isacco:      Sì. Fora ‘o bagno vuosto ce stanne Tarallo e Biscotto che stanne appiccecanno.

Pina:         Oh, no, speràmme che nun me menene ‘e mmulliche ‘nterra! Io mò aggio lavato!

Ciro:         Isacco, amma ì io tu e Giacobbe a spartere a chilli duje. Addò sta frateto?

Isacco:      E’ gghiuto ‘int’’o bagno, pecché ‘e gnocchi ll’hanne fatto male ‘a panza!

                  E da destra torna Giacobbe che si sta abbottonando i jeans. Entra protestando.

Giaccone: Mannaggia ‘a miseria! Ma che ce fanne chilli duje scieme fora ‘o bagno? Nun

                  m’hanne fatto fa’ niente! A me me fa male ‘a panza!

Isacco:      E nun t’allamentà sempe. Tu ‘o tiene, ‘o bagno. Pecché nun ce vaje?

Giacobbe: (Avvicinandosi a Isacco) Tu fatte ‘e fatte tuoje!

Pina:         Uhé, mò accumminciàte pure vuje?

Giacobbe: Mammà, fance fa’. Uhé, Isà, tu si’ tale e quale ‘o bidet tuojo!

Isacco:      E tu si’ tale e quale a chillo che sta vicino ‘o bidet!

                  Ai due si uniscono pure i due onorevoli che entrano da destra litigando.

Marco:     Tu me vuo’ arrubbà ‘e vote a me?

Vito:         No, si’ tu che me vuo’ arrubbà ‘e vote a me!

Marco:     Ma mò te ceco ll’uocchie!

Vito:         Ommo ‘e niente!

Ciro:        (Stufo, grida verso i quattro) Uhééé...!

                 Ma i quattro continuano imperterriti. Allora Ciro prova di nuovo a gridare.

                 Uhééé...!

                 Ma niente, i quattro continuano. Così Ciro li manda a quel paese e va a sedersi

                 al tavolo insieme a Pina, e i due restano a guardare i quattro che si offendono.

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Caivano, il giorno dopo. E’ tornata la tranquillità.

ATTO SECONDO

1. [Ciro, Pina e Italia. Infine Liana Dell’Albero]

            Sono seduti, su tre sedie disposte al centro: Italia, Ciro e Pina. Italia gli sta dando

            un saggio dei suoi “poteri”.  Ciro e Pina la ascoltanto rapiti dalla sue parole.

Italia: Pensate che una volta ho parlato con due spiriti contemporaneamente. E’ stata la

            prima e unica volta che ci sono riuscita.           

Pina:   Sentite, ma quando parlate con questi... non li voglio nemmeno nominare... che cosa

            vi dicono più spesso?

Italia: Mi dicono che bisogna rispettare la morte. Perché è solo il corpo che muore, non

            l’anima. E poi mi hanno detto che non bisogna più desiderare le cose degli altri.

Ciro:   P’ammore ‘e Dio! A me me piaceva ‘a machina ‘e cainàteme. E chi ‘a vo’ cchiù?!

Pina:   E io me vulévo accattà ‘o stesso vestito ‘e sòrema. E chi se l’accatta cchiù?!

Italia: E poi le anime mi dicono sempre una cosa importantissima: nel mondo non bisogna

            fare peccato. E soprattutto, non bisogna fornicare.

Pina:   Non bisogna...?

Italia: Fornicare, fornicare.

Pina:   E che significa?

Ciro:   Fornicare significa che non bisogna fare le “cose al forno”!

Pina:   (Impressionata) Uh, e io faccio sempre i dolci!

Ciro:   E nun l’he’ ‘a fa’ cchiù!

Italia: Ma no, fornicare significa fare sesso con persone diverse dal coniuge.

Ciro:   Uh, io ‘o vvulévo dicere!  

Pina:   Però nun l’he’ ditto!

Ciro:   (Si alza in piedi) Vabbé, ora scusatemi. Tra poco aggia ì cu’ ‘o carro funebre a

            Mergellina. Aggia ì a truvà a ‘n’amico mio che tene ‘n’Impresa Funebre allà tuorno.

            Mò vaco a piglià ‘nu mumento ‘a chiave d’’a machina. Con permesso.

Italia: Prego, prego.

            Ciro esce a sinistra. Cosicché Italia parla in maniera molto confidenziale con Pina.

Italia: Signora, parliamo di cose importanti. (Interessata) Che avete fatto coi vostri figli?

Pina:   Abbiamo fatto come avete detto voi: li abbiamo cacciati di casa. Mò stanno a

            dormire: uno da mio fratello e l’altro dalla sorella di mio marito.

Italia: Bravissima! No, cioè… e com’è adesso la vostra vita?

Pina:   Beh, mò ce sta ‘na pace, ‘int’a ‘sta casa! Solo che però mi mancano un po’. Sì, è  

            vero, erano impossibili, però quelli sono fatti così. E poi sono i miei figli. 

Italia: E che ve ne ‘mporta? Vuje ata campà qujeta.

Pina:   Voi dite? E va bene. Solo che stamattina è successo un fatto strano. Qualcuno gli ha

            fatto uno scherzo: qua dentro sono arrivate due Provole gialle, cioè le bare che vende

            mio marito. Erano indirizzate ai miei figli. Chi sa chi è stato, st’imbecille?

Italia: (Eh, ‘o ssaccio io: Nadia!). (Si alza in piedi) Va bene, io andrei.

Pina:   Già ve ne andate?

Italia: Sì, ho da fare. Dovevo incontrarmi col signor Massimo al cimitero. Allora vi saluto.          

Pina:   Arrivederci, arrivederci.

            Italia esce via. Pina resta seduta. Sembra abbastanza nostalgica.

            E vabbé. Mò ‘o vero rimango io sola. Marìteme se n’aésce sempe, ma tanto, nun è

            ‘na granda cumpagnia. Almeno ‘e figli mie, cocche vvota, stévene cu’ me. E nun

            tanto Giacobbe, ma Isacco. Sì, è ‘o vero, se piglia ‘nu sacco ‘e sorde, ma è cchiù

            accomodante. (Sospira) E ch’aggia fa’? Mò me metto a cucenà ‘nu poco.

            Si alza in piedi e va a destra lentamente. Da sinistra torna Ciro.

Ciro:   Jamme a piglià ‘o carro funebre!     

            Entra Liana Dell’Albero. Ha il braccio destro finto, e la mano con guanto nero.

Liana: C’è nessuno in casa?

Ciro:   Aggio pazziato!

Liana: Sì, ci state voi! Allora posso entrare. (E gli si avvicina)

Ciro:   Scusate, ma vuje chi site?

Liana: Sono la presidentessa di un’associazione di difesa dei cittadini.

Ciro:   Ah, molto piacere.

            Cerca di stringerle la mano, ma lei non gliela da.

Liana: No, scusatemi se non vi dò la mano. Ho il braccio destro di legno.

Ciro:   Ah, sì? E nun fa niente. E allora signora, che cosa posso fare per voi?

Liana: So che voi siete un becchino.

Ciro:   No, signora, io non sono un becchino. Sono un funzionario di Pompe Funebri.

Liana: Ma pe’ piacere, ringraziate a Dio che nun v’aggio chiammato schiattamuorto!

Ciro:   Uhé, embé? Signora, che cosa sono queste cose?

Liana: Scusatemi tanto, ma io sono esuberante... (Poi comincia a ciondolare come se

            volesse far pipì) E certe volte non mi trattengo!

Ciro:   Uhé, uhé, signurì, jate ‘int’’o bagno. Nun facìte ‘o pipì ‘nterra!

Liana: Ma qua’ pipì? Sentite, io voglio comprare una bara.

Ciro:   Da me?

Liana: E vuje facìte l’Impresario Funebre?!

Ciro:   Sì, sì. Aspettate, adesso vi vado a prendere subito il catalogo e il modulo con

            l’ordine di acquisto. Vuje assettateve a tavola. 

            Ed esce a sinistra di corsa.

Liana: M’aggia assettà a tavola? E vabbuò. (Così fa) Ah, comme me fa male ‘stu raccio

            destro fàvezo! Meno male che il 23 dicembre mi devo fare la visita di controllo, così

            lo dico al dottore. E intanto devo far diventare questo tizio un mio cliente. Pare che

            questo sia il re degli impresari funebri di Napoli! E nun te prioccupà! Io, ‘a bara, me

            l’accatto, però p’’e fatte mie! Non mi sfuggirai! (Fiera) Eh, io, Liana Dell’Albero,

            sono furba! (Dolorante) Ah, ‘stu raccio comme me fa male!

            Torna Ciro col modulo in mano e una penna.

Ciro:   Sentite, il catalogo l’ho dimenticato nel negozio. Ma non fa niente, io vi consiglio un

            modello che sta andando a ruba: la Provola gialla!

Liana: Per me va benissimo.

Ciro:   E allora adesso scriviamo la richiesta. Rispondete alle mie domande. (Si siede sul

            divanetto, scrive e non staccherà gli occhi dal foglio) Allora: Cognome?

Liana: (Dolorante al braccio, pensa a sé senza calcolare Ciro) Ah, ‘stu raccio!

Ciro:   (Pensa che Liana risponda a lui. Scrive parlando ad alta voce) Sturaccio!... Nome?

Liana: Se sta svitanno. Per Diana.

Ciro:   (Scrive parlando) Diana! Nata a?

Liana: (Dolorante, se la prende col braccio) All’inferno!

Ciro:        (Scrive parlando) All’inferno! Provincia di?

Liana:      (Continua) Ma va a quel paese!

Ciro:        (Continua pure lui) Quel paese! In che anno siete nata?

Liana:      Non vedo l’ora che viene il 23 dicembre. E’ dal 1980 che ho ‘sto problema!

Ciro:        23 dicembre 1980! Dove abitate?

Liana:      (Cerca di sistemarsi il braccio) Mannaggia a mammeta ‘ncoppa ‘a Domiziana!

Ciro:        (Scrive) Domiziana! Numero?

Liana:      (Al suo braccio) Sono già 10 volte che ti sei svitato. Dieci!

Ciro:        Numero 10!  Telefono: 081...?

Liana:      (Al suo braccio) Se tu fossi un essere umano, chiamerei il 112 o il 113!

Ciro:        (Ripete) Bene: 081/112.113! Allora avete scelto la Provola gialla. Adesso ci

                 segno pure il prezzo: 2000 Euro. Però per voi faccio 1000 Euro. Va bene?

Liana:      (Ha sistemato il braccio) Sì, adesso, va bene. Però il braccio mi fa male ancora.

Ciro:        Ah, mi dispiace. Sentite, allora volete firmare adesso?

Liana:      No, firmerò un altro giorno. Adesso devo scappare un attimo dal dottore.

Ciro:        E com’è, all’improvviso?

Liana:     Ma ch’all’improvviso? Scusate, io torno un’altra volta con più calma.

Ciro:        Signorina, voi siete la padrona. Guardate, io lascio il modulo sulla scrivania del

                 mio studio. E quando tornate, lo firmate. Va bene?       

Liana:      (Si alza) Va bene, allora ci vediamo tra poco. Non mi dite niente.

                 Ed esce di casa frettolosamente. Ciro si alza e fa un segno di gioia.

Ciro:        E ppo’ Pina dice ch’’o lavoro mio nun le piace! Ma nun capisce proprio niente!

                 He’ visto che bella cliente ch’è trasuta mommò? Siente ccà, siente!... (Legge sul

                 modulo) Cognome: Sturaccio! Nome: Diana! Nata all’inferno, provincia di Quel

                 paese, il 23 dicembre 1980! Abita sulla Domiziana, numero 10. Telefono:

                 081/112.113! Gliela mando subito a casa, la bara!  

                 Esce a sinistra, soddisfatto.

2. [Giacobbe e l’onorevole Marco Tarallo. Poi Nadia]

                  Dalla comune spunta la testa di Giacobbe che poi entra quatto quatto.

Giacobbe: Niente di meno, aggia turnà ‘a casa mia ‘e nascosto! Embé, vulésse sapé chi

                  m’ha fatto ‘stu paccotto a me! E vulésse pure sapé chi m’ha mannato ‘na Provola

                  gialla, stammatina. Vuo’ vedé che chesta è opera ‘e chelli ddoje pazze ‘e Italia e

                  Nadia? Embé, ce ll’aggia fa’ pavà cu’ ‘o ‘nteresse! (Sente passi dalla comune e

                  si spaventa) Uh, Marò, dei passi da fuori. E mò chi è? Ma io non ho capito

                  perché mammà e papà, a me e a Isacco, non ci vogliono più. Va’ a capì, va’!  

                  Va a nascondesi dietro la porta a sinistra. Entra l’onorevole Tarallo, nervoso.

Marco:     Sono passato davanti al negozio del signor Caivano, e quello ancora deve mettere

                  i manifesti elettorali. E a chi aspetta? E menu male che l’aggio pregato d’’o ffa’

                  subito! Mo ‘o chiammo. Però devo fare presto, perché oggi è il mio compleanno

                  e fra poco ho ospiti a casa mia. Mia moglie deve preparare trenta antipasti a base

                  di provola. Per cui devo passare al caseificio. (Lo chiama) Signor Caivano!

                  Torna Giacobbe pregandolo di abbassare la voce.

Giacobbe: Onorevole, stateve zitto, nun alluccàte, pe’ piacere.

Marco:     (A bassa voce) Pecché, ch’è stato?

Giacobbe: No, no, putìte parlà, sulo che nun ata alluccà. Non devono sapere che io sto qua.

Marco:      Ma perché, questa non è pure casa tua?

Giacobbe: Sì, io abito qua, però per colpa di un equivoco, non ci abito più!

Marco:      Ma chi ve capisce, ‘int’a ‘sta casa?! Senti, tuo padre non c’è?

Giacobbe: Non lo so. Perché, che vi serve?

Marco:      Ha detto che avrebbe affisso dei manifesti fuori al negozio. Però non lo ha fatto.

Giacobbe: E quello mio padre tiene un sacco di cose da fare. Poi adesso sta sfruttando alla

                   grande una sua ultima bara inventata da lui.

Marco:      E va bene, allora quando lo vedi, digli che mi deve chiamare assolutamente.

Giacobbe: Ho capito. Ma che per caso vi serve qualche Provola gialla?

Marco:      (Sorpreso) E tu comm’’o ssaje?

Giacobbe: Intuito!

Marco:      Bravo! Il fatto è che ho una fretta tremenda e non posso occuparmene io. Sai

                   com’è, oggi è il mio compleanno.

Giacobbe: Ah, tanti auguri. Allora avverto mio padre, e ve la manda lui... già scontata!

Marco:      Veramente? Mi farebbe questo piacere?

Giacobbe: Onoré, state tranquillo.

Marco:      E va bene, grazie tante. E allora me ne servirebbero trenta.

Giacobbe: (Stupito) Trenta Provole? E ‘a do’ ‘e ppiglia?

Marco:      Trovi il modo di farlo, ma lo faccia.

Giacobbe: E va bene, trenta Provole gialle. (Ma che sarrà succisa, ‘na strage?!).

Marco:      A proposito, ricordagli che pure lui è invitato. Sarà una festa memorabile!

Giacobbe: (Vuo’ dicere, ‘nu funerale memorabile: trenta perzùne!).

Marco:      Allora mi affido a te e a tuo padre. E non ti dimenticare: vota Marco Tarallo.

Giacobbe: Centro-sinistra?

Marco:      Centro-destra! E scrivatìllo, ‘na buona vota!

                  E esce via di corsa. Giacobbe ha un’idea.

Giacobbe: Trenta Provole gialle? Ho raccolto io l’ordinazione. Quindi, papà e mammà

                   dovrebbero farmi tornare a casa. Bene! E mò famme piglià ‘nu poco ‘e rrobba

                   pe’ cuollo. M’h’ credere, ‘int’a ‘stu mumento me sento comm’a ‘nu majuolo

                   ch’arrobba ‘int’’a casa soja! Embé, ma si acchiappo a Italia e a Nadia…

                  Dalla comune entra proprio Nadia.

Nadia:       Ma non ci sta nel negozio il signor Caivano?

                   I due si notano e restano per un attimo senza parole (Nadia quasi si paventa).

Giacobbe: Ah, tu staje ccà? E io justo a te stevo penzanno! Anze, justo a te stevo cercanno!

Nadia:       (Fa finta di niente) Ehm... ciao, Giacobbe, mi cercavi? Ma allora mi ami ancora?

Giacobbe: Ma che t’aggia amà? Tu stammatina m’he’ mannato ‘na Provola gialla ‘a casa.

                   mia. E’ accussì?

Nadia:       (Fa finta di niente) ‘Na provola gialla? E chi è passato ‘int’’o caseificio?

Giacobbe: Nadia, nun fa’ ‘a scema. Tu t’he’ vuluta vendicà cu’ me e Isacco. E’ accussì?

Nadia:       (Rassegnata) E va bene. E’ così.

Giacobbe: He’ passà niente! Si’ proprio ‘na scorza ‘e pesielle!

Nadia:       Senti, io ero solo arrabbiata con te per lo scherzo che mi avete fatto tu e Isacco.

Giacobbe: E nun me dicere che te si’ mmisa pure d’accordo cu’ Italia.

Nadia:       No, lei non c’entra con questa cosa. Forse si sarà vendicata in un altro modo.

Giacobbe: Ho capito: ce ha fatto caccià ‘e casa a me e a Isacco. E brave, a tutt’e ddoje!

Nadia:       Ma perché, Giacobbe, tu che avresti fatto al nostro posto?

Giacobbe: Ma chillo è fràteme che tene ‘o vizio ‘e s’arrubbà ‘e ‘nnammurate mie.  

Nadia:       Mi stai dicendo la verità?

Giacobbe: E se capisce, Nadia.  

Nadia:       E se ti chiedessi di tornare a stare con me?

Giacobbe: Non lo so. Sto ancora arrabbiato per tutta questa storia. Con te e con Isacco.

Nadia:       E allora non vuoi che ti spieghi per filo e per segno come stanno tutte le cose?

Giacobbe: (Dubbioso) Nadia, ma nun me dicere ca si’ pure incinta.

Nadia:       Ma che? Si nuje nun amme fatto maje niente!

Giacobbe: Ah, già! E allora sei incinta di Isacco?

Nadia:       A chi?

Giacobbe: E vabbé, allora adesso te ne vieni nella mia stanzetta e mi spieghi tutto. E spero

                  che le cose che mi dirai saranno molto convincenti.

Nadia:       Convincentissime.

Giacobbe: E gghiamme.

                  E escono via a sinistra.

3. [Pina e Ciro e Liana. Dopo, Simona. Poi Nadia e Giacobbe. Infine Isacco]

                  Da destra torna Pina. E’ sconsolata.

Pina:         Mamma mia, da quando i figli miei se ne sono andati… nun saccio cucenà cchù!

                  Da sinistra torna Ciro. E’ raggiante.

Ciro:         Ecco qua, ordine di acquisto in cassaforte. (Nota Pina) Ma che d’è, Pina?

Pina:         (Sconsolata) Niente! A proposito, ma tu staje ancora ccà?

Ciro:         Mò me ne vaco subito. E quanno torno, famme truvà ‘na bella parmigiana ‘e 

                  mulignane! Cià, Pina!

                 Dalla comune entra Liana. 

Liana:      Chiedo scusa, posso entrare?

Ciro:        Oh, la signorina Diana Sturaccio!

Pina:        E chi è?

Ciro:        Niente, è una che è nata all’inferno e vive sulla Domiziana!

Liana:      (Avvicinandosi) Scusate, ma addò sta chesta signurina che dicite vuje? 

Ciro:        Site vuje?

Liana:      Ma io mi chiamo Liana Dell’Albero, e abito a Via Foria.

Ciro:        (Preoccupato) Uh, Marò, e addò l’aggio fatta mannà, mò, ‘sta bara?

Liana:      Quale bara?

Ciro:        La vostra. Io, per farvi una sorpresa, ho mandato due miei fattorini a portarvi la

                 bara a casa vostra. Ce aggio miso pure ‘nu fiocchetto viola ‘a coppa!

Liana:      Ma chi ve l’ha chiesta? Piuttosto, sono io che devo proporvi io un servizio a voi.

Pina:        Scusate, ma ce pozzo capì pur’io coccosa? Che ce vulìte proporre?

Liana:      Adesso ve lo spiego. Prego, accomodatevi su quel divanetto.

I due:       Grazie!

                 Ciro e Pina vanno sul divanetto e Liana prende una sedia al tavolo. Poi chiede:

Liana:      Allora, vi posso offrire del caffè? 

Ciro:        (Ingenuamente risponde) No, grazie, io già l’ho preso!      

Pina:        Ma ce l’amma offrì nuje a essa! Ma chesta è venuta a cummannà ‘a casa nosta?

Ciro:        Ah, già! E allora, signorina, lo volete il caffè?

Liana:      No, grazie. E ora ascoltatemi: io sono la presidentessa di un’associazione di

                 difesa dei diritti dei cittadini. Signor Caivano, voi la conoscete la C.I.T.A.?

Ciro:      Comme no: è ‘a scigna ‘e Tarzàn!

Liana:    No, sbagliato.

Pina:      E già, cretino, chella se chiamma Lassie!

Ciro:      Ma stattu zitta, ignorante!

Liana:    Ma no, fatemi spiegare. La mia associazione si chiama C.I.T.A., cioè: Comitato

               Italiano Terremotati Associati.

Pina:      Ah, chest’è? Embé, e nuje ch’amma fa’?

Liana:    Ma voi avete dimenticato che viviamo in una zona altamente sismica? E negli anni

                abbiamo affrontato vari terremoti. Poi che cosa è successo? Le case sono cadute o

                sono rimaste pericolanti, e la gente non ha saputo più come fare. E allora noi

                siamo stati furbi: abbiamo fregato i terremoti!

Ciro:      Aggio capito: ‘e ccase, invece d’’e ffa’ cadé ‘o terremoto, ‘e ffacìte cadé vuje!

Liana:    No, è il contrario. Se la vostra casa se ne cade, noi ve ne diamo subito un’altra. E

                tutto questo gratuitamente. Basteranno solo 10.000 Euro!

Ciro:      ‘A faccia, e chesto pecché era gratuita!

Pina:      Però, po’, nun è assaje. E scusa, Ciro, ‘na casa vale sulo 10.000 Euro?

Ciro:      E già, è vero. Sentite, e quando lo possiamo fare questo?

Liana:    Più tardi torno qui col  modulo d’iscrizione e i contratti. L’importante era avere la

                vostra adesione. Allora me la date?

Ciro:      E certamente. Siente, Pina, va a piglià ‘nu mumento ‘n’adesione ‘int’’a cucina!

Liana:    E che c’entra la cucina?

Pina:      Infatte, cretino, l’adesione se pìgliene ‘a fora ‘o barcone!

Ciro:      Uh, ‘o vvulévo dicere!

Liana:    Ma no, io stavo parlando della la vostra adesione, cioè la vostra parola. 

Ciro:      Ah, è già, io ‘o vvulévo dicere!

               I tre si alzano in piedi.

Liana:    E allora siamo d’accordo. Bravi, avete fatto un affarone! Certo che il mio lavoro,

               quando s’incotra gente come voi, è facile facile! Signor Caivano, a più tardi al

               vostro negozio per metterci d’accordo sull’affare della bara.

Ciro:      Io vi aspetto. Vi conservo una Provola gialla tutta per voi.

Liana:    Ci conto. Arrivederci, signora. Arrivederci, signor Caivano.

               E va via senza stringere la mano ai due, che invece tendono la loro.

Pina:      Ma che d’è, nun ce ha vuluto da’ ‘a mana, chesta?

Ciro:      E chella tene ‘o raccio fàvezo. Io t’’o vvulévo dicere! Vabbuò, Pina, io me ne vaco

               a Margellina. Firma tu il contratto appena torna questa tizia che adesso se n’è

               andata. Comme se chiamma? Liana ‘e coppa all’albero!

Pina:      No, Liana Dell’Albero.

Ciro:      Uh, ‘o vvulévo dicere!

               Ciro esce di casa. Pina sembra ancora sconsolata.

Pina:      Ma chesta o è scema o è pazza! Aroppo aggia avvertì a Ciro che ce manna ‘a

               Provola gialla e ‘e sorde a ‘sta passaguaje, o si no chesta ce regne ‘e jastemme!

               Dalla comune entra Simona (con occhiali da sole e ben vestita).

Simona: Signor Caivano?

Pina:      Ah, signora Simona. Prego, entrate.

Simona: Buonasera, signora. Grazie. (Le si avvicina)

Pina:      Allora, che si dice?

Simona: E che vi debbo dire? Finalmente mi sono decisa a tornare qua da voi. Purtroppo io

                  sono sola. Mio marito non c’è mai a casa.

Pina:         Eh, lo so, ma che ci volete fare? Il lavoro è lavoro.

Simona:    E intanto a casa mia me la debbo vedere da sola.

Pina:         E vabbé, ma voi qualche soldino lo tenete conservato. Del resto, la biancheria

                  intima, specialmente quella di pizzo, vende bene.

Simona:    (Decisa) Signò, ma quala biancheria intima? Ma ancora ata capì niente? Mio   

                  marito è Franco Muoio, ‘o boss d’’a camorra che mò sta carcerato, e io songo ‘a

                  mugliera che sta jenno casa pé casa e negozio pe’ negozio a piglià ‘a tangente!

Pina:         (Sconvolta) Che cosa?

Simona:    Sì, è ‘a verità, e finalmente ve l’aggio ditta.

Pina:         Uh, mamma mia, e mò?

Simona:    E mò niente. Io capisco come ci si sente in questi casi. Tengo a mio marito a

                  Poggioreale, e sento troppo la sua assenza. Invece noto che voi state fresca e

                  tosta, perché tenete vostro marito in casa vostra.

Pina:         Sto’ fresca e tosta? A chi? Io vaco truvanno ch’ogni tanto se n’aésce ‘nu poco!

Simona:    Vabbé, allora ditegli che mi prepara 200 Euro in busta gialla per raccomandata.

                  E attenzione, silenzio con la polizia. Mi capite? Arrivederci.

                  Va via lasciando Pina sgomenta.

Pina:         Ma che d’è, io nun ce sto’ capenno cchiù niente. Almeno ce stéssene Isacco e

                  Giacobbe, io ce ‘o ddicésse a lloro.

                  Da sinistra torna Giacobbe insieme a Nadia sotto braccio.

Giacobbe: Ah, finalmente abbiamo fatto pace.

Nadia:       Hai visto?

Pina:         (Li nota) Giacobbe!

Giacobbe: (Si spaventa) Maronna mia!

Pina:         No, no, nun t’appaurà. Nun te ne caccio cchiù. Nonostante tu rappresenti il male!

Nadia:       Eh?

Giacobbe: No, niente, mia mamma se vede troppi film ‘e paura!

Pina:         Ma noto che voi avete fatto pace.

Giacobbe: E già. Si’ cuntenta?

Pina:         Figliu mio, e che t’aggia dicere? T’ha da piacé a te.

Nadia:       Ma perché, a voi non piaccio?

Pina:         No, perché a me non mi piacciono le donne! Io sono ancora per gli uomini!

Giacobbe: Vabbé, mammà, allora noi abbiamo deciso che stasera vogliamo festeggiare.

Nadia:       E già: io e lui vi portiamo tutti in pizzeria.

Pina:         Tu e lui? Però po’ pava sulo mio figlio! E’ accussì?

Nadia:       Appunto!

Pina:         (E io ‘o ddico sempe: chisto è propio ‘nu fesso! Nun l’aggio ‘mparato niente!).

Giacobbe: E adesso sai che faccio? Esco con Nadia. Andiamo a comprare una bottiglia di

                   spumante per brindare. Cara mamma, oggi è un giorno di festa, lieto e felice...

                   Ma dalla comune entra Isacco con una brutta notizia. 

Isacco:       Ma qua’ juorno ‘e festa, lieto e felice? Mammà, Giacò: papà ha avuto

                   ‘n’incidente cu’ ‘o carro funebre.

Pina:          (Preoccupata) Uh, Marò, tu che staje dicenno?

Isacco:       ‘A verità. E’ succieso poco fa.

Giacobbe: (Preoccupato) E addò?

Isacco:       A Margellina! Papà ha sbandato, ‘a machina ha scavalcato ‘a barriera, e è

                  gghiuta a fernì a mare.

Pina:         (Preoccupata) Aspié, ma pateto addò sta?

Isacco:      (Confuso) Nun ‘o ssaccio. A me me l’ha ditto ‘o signor Massimo. Sul posto ci

                  stanno l’ambulanza, la polizia e i pompieri che lo stanno cercando.

Pina:         (Disperata) Mamma mia, mamma mia... Geròzzo mio!

Giacobbe: Mammà, càlmete.

Nadia:       Signora, non vi preoccupate, non è successo niente.

Pina:         E che ne saje tu? Mica ‘o marito è ‘o tuojo?

Giacobbe: Vabbé, andiamo a vedere sul posto. Senti, Isacco, ma tu come stai?

Isacco:      (Sorpreso dalla domanda del fratello) Come sto? Cioè, tu vuoi sapere come sto?

Giacobbe: Eh, sì. M’’o vvuo’ dicere, o no?

Isacco:      Bene, grazie.  

Nadia:       Però potevi anche essere un po’ più delicato nel dare la notizia.

Isacco:      E ch’’eva fa’? ‘Eva trasì tranquillo tranquillo dicenno: “Che bella giornata”?!

Pina:         (A Nadia) Marò, ma pecchè nun se sta zitta, chesta?! Giacò, ja’, currìmme lloco.

Giacobbe: Sì, sì, però stai calma. Senti, Isacco, da che parte stanno?

Isacco:      Dove sta l’obelisco di fronte all’albergo Excelsior.

Pina:         E gghiamme, ja’, ca nun ce ‘a faccio cchiù.

Giacobbe: Isà, tu rieste ccà. Jamme, mammà. Jamme, Nadia.

                 I tre escono di casa.

4. [Isacco. Poi Massimo, Italia e l’Onorevole Vito Biscotto]

                  Isacco è rimasto solo e si va a sedere, confuso, sul divanetto. Poi riflette. 

Isacco:      Mamma mia, stongo ancora tremmànno. E pensare che di solito, questi servizi

                  esterni, papà li cercava a me. Che peccato che nun ce songo juto pure ‘sta vota.

                  Dalla comune entra Massimo. Entra chiamando chi c’è in casa.

Massimo: Pina, Giacobbe, Isacco...

Isacco:      Ah, signor Massimo. Io sto qua.

Massimo: (Si avvicina a Isacco) E addò stanne ll’ate?

Isacco:      Già sono andati sul posto. Ma pe’ caso sapìte comm’è stato l’incidente ‘e papà?

Massimo: Una macchina contromano. Mi dispiace per tuo padre.

Isacco:      (Si arrabbia) Che significa mi dispiace?

Massimo: Beh, Isacco...

Isacco:      Ma allora... papà...

Massimo: Isacco, calmati...

Isacco:      Ma che m’aggia calmà? Mio padre nun è stato aiutato a nisciuno. E chesto

                  m’abbàsta pe’ schifà ‘o munno intero.

                  Schiva Massimo e esce via a destra molto nervosamente. Massimo lo chiama.

Massimo: Isacco! Mannaggia. Comme me dispiace pe’ ‘stu guaglione... e pe’ Giacobbe... e

                  pure p’’a signora Pina.

                  Si siede e resta a riflettere. Dalla comune entra Italia pensando di trovare Pina.

Italia:       Signora Pina, sono Italia. Come vi ho promesso, sono venuta a leggervi il piede.

Massimo: (La nota, si alza e le si avvicina) Signorina Italia, non c’è la signora Pina.

Italia:       E vabbé, non fa niente. Sapete com’è, la signora ha cacciato di casa i suoi figli.

Massimo: ‘A signora ha cacciato ‘e casa ‘e figli? E pecché?

Italia:       No, niente, sapete com’è, in questa casa c’è gente molto stravagante. In questa

                  casa... ténene ‘a capa fresca.

Massimo: Sì, spicialmente ‘int’a ‘stu mumento.

Italia:       Ma pecché, ch’è stato?

Massimo: Il signor Caivano... non è più.

Italia:       (Sconvolta) No, che state dicendo?

Massimo: ‘A verità.

Italia:        Uh, mamma mia, come mi dispiace. A proposito: e la moglie? E i figli?

Massimo: La moglie e il figlio Giacobbe sono corsi sul posto. Isacco invece sta in cucina.

Italia:       (Sconvolta) Oh, no. Mi sento un verme. Io volevo fargli del male.

Massimo: Eh, e mò invece cercate di fargli del bene. So che voi gliene volete.

Italia:       E allora cerco di confortarlo. Speriamo solo che lo spirito del signor Caivano

                  torni presto in questa casa. Scusatemi, non voglio spaventarvi. Con permesso.

                  E va a destra in cucina.

Massimo: He’ visto? Se n’è andato pure il mio migliore amico. Menu male ch’aggio fatto a

                  tiempo a ce truvà ‘o posto ‘ncoppa ‘o cimitero!

                  Dalla comune entra l’onorevole Vito Biscotto con alcuni manifesti in mano.

Vito:         Ecco i manifesti per la mia campagna elettorale. (Lo nota) Oh, signor Massimo.                

                  (Posa sul divanetto i manifesti) Eh, ormai ci siamo. La battaglia sta per

                  cominciare. Ed io vincerò, lo sento. E tutto questo anche grazie all’aiuto del

                  signor Caivano. A proposito, addò sta chillu piezzo ‘e fetente?

Massimo: Lo volete proprio sapere?

Vito:         Ja’, nun facìte chella faccia. Scommetto che si è nascosto e voi state facendo il                  

                  palo! Non è così? E quello ama sempre scherzare. Biato a isso!

Massimo: Onorevole, penso che questa campagna elettorale la farete da solo. Purtroppo, un

                  quarto d’ora fa, il signor Caivano si è spento in un incidente stradale.

Vito:         (Sorpreso) Cosa? No, non può essere. Ma che sate dicendo?

Massimo: Quello che ho sentito.

Vito:         E mò chi m’’a fa’ ‘a campagna elettorale a me? No… volevo dire: che disastro!

Massimo: E che ci volete fare? Mò in cucina ci sta il figlio, Isacco.

Vito:         Secondo voi faccio male se gli vado a fare le condoglianze?

Massimo: No, fate benissimo. Anzi, mò vi ci accompagno io. Venite, venite.

                  Escono via a destra.

5. [Ciro. Poi l’onorevole Tarallo, Isacco, Italia. Poi l’Onorevole Biscotto e Massimo]

                 Dalla comune... entra Ciro! E’ bagnato, trasandato e ferito al volto.

Ciro:        (Si lamenta, confuso) Ah, mamma bella! Finalmente so’ arrivato! (Va a sedersi

                 sul divanetto e si accorge dei manifesti laciati da Vito) Ah, ce stanne pure ‘e

                 manifeste ‘e ll’onorevole Biscotto. E te pareva ca se scurdava ‘e m’’e ppurtà?! (Si

                 rilassa) E vabbuò, so’ ancora vivo. Nisciuno se n’è accorto, ma io so’ ancora  

                 vivo! Vulésse sapé chi era chillu ‘nfame cu’ chillu “Gippone” che steva jenno

                 contromano in curva. E teneva pure l’abbagliante appicciate! ‘A machina è

                 sbandata e m’aggio truvato ‘ncoppa a ‘na varca ‘e piscatore, però ‘o piscatore nun

                 ce steva. (Poi si odora addosso) Tié tié, siente che fieto! M’aggia ì sulo a cagnà.

                 (Si alza e la chiama) Pina! (Non sente risposta) Sì, e figùrete si chella me sente!...

                 E famme lavà ‘nu poco ‘int’’o bagno ‘e Isacco, pe’ nun ‘nfonnere ‘nterra ‘o mio!

                 Guarde comme stò cumbinato!

                  Va via a sinistra. Dalla comune entra l’onorevole Tarallo. Sa tutto. E’ sconvolto.

Marco:     Oddio, e chi ‘o tene ‘o curaggio ‘e fa’ ll’elezione? Dopo la morte del signor

                  Caivano! Mi sento quasi colpevole di avergli chiesto aiuto a fare le elezioni. Però

                  chesta è ‘a vita.

                  Va per sedersi sul divanetto, ma non lo fa perché nota i manifesti di Vito.

                  E che ce fanne ccà ‘e manifeste ‘e Vito Biscotto? Aggio capito, chillu parassita

                  steva cercanno ‘e cunvincere ‘o signr Caivano a vutà p’isso. Ma il grandissimo

                  signor Caivano non deve aver accettato. E così si è suicidato in mare! Evviva il

                  compianto signor Caivano!

                  Da destra tornano l’onorevole Vito Biscotto e Massimo.

Vito:         Come me dispiace pe’ chillu guaglione.

Massimo: E pure a me.

                  I tre si notano. Così si avvicinano tra di loro. Vito e Marco si guardano male.

Vito:         E tu che ce faje ccà?

Marco:     Chello che ce faje tu.

Vito:         Io sono venuto a rendere omaggio al signor Caivano.

Marco:     E pure io.

Massimo: Scusate, ma nun è che site venute tutt’e dduje pe’ ll’elezione?

Mar&Vit: Stateve zitto, vuje!

Massimo: No, e chi parle cchiù?! Parlate vuje, parlate vuje!

Vito:         (Solenne) E allora il grandissimo signor Ciro Caivano ha combattuto per la vita

                  fino alla fine, e così resterà sempre uomo degno e pieno d’onore. E per questo, la

                  sinistra lo ricorderà come uno dei suoi figli migliori! Viva Ciro Caivano!

Massimo: Viva!

Marco:     Ah, sì? (Solenne) Il signor Caivano ha combattuto per un mondo migliore e per

                  la sua famiglia. E per questo, la destra lo ricorderà sempre come uno dei suoi

                  figli migliori! Viva Ciro Caivano!

Massimo: Viva!

Vito:         Ah, sì? (Solenne) Il signor Caivano andrebbe ricordato nella storia, così come va

                  ricordato un vescovo, o addirittura un papa. Viva il signor Caivano!

Massimo: Viva!

Marco:     Ah, sì? (Solenne) Il signor Caivano era degno di diventare un simbolo per l’Italia

                  come il Presidente della Repubblica! Viva il signor Caivano!

Massimo: A ‘n’appoco ‘o facìte addiventà santo, a ‘stu signor Caivano! Comunque: viva!

Marco:     Siente, Vito, vatténne, pecché ‘o signor Caivano era ‘e destra.

Vito:         Nun fa’ ‘o spiritoso, una cosa. ‘O signor Caivano era ‘e sinistra.

Marco:     Ma nun dicere scimmità. Tu non lo sai, ma io, per le elezioni, distribuirò

                  materiale elettorale con la foto del signor Caivano.

Vito:         E no, non puoi, perché questa è una mia idea.

Marco:     No, è mia, perché il signor Caivano è di destra!

Vito:         Sinistra!

Marco:     Destra!

Vito:         Sinistra!

Massimo: (Mamma bella, nun ce sto’ capenno cchiù niente!).

                  I due litigano, e da destra entrano Italia e Isacco. Lui grida, stoppando i due.

Isacco:      Uhé, mò basta! Ma che ssite venute a ffa’ ccà ddinto? ‘O cumizio elettorale?

Marco:     Infatti, hai ragione. Isacco, manda via a Vito da questa casa.

Vito:     Ma che? Manda via a Marco.

Marco: No, a Vito.

Vito:     No, a Marco.

Isacco: No, io ve ne caccio a tutt’e dduje! Assumigliàte a me e a fràteme Giacobbe quanno

             c’appiccecàmme! Parìmme duje scieme! E mò, pe’ piacere, ascìte fora.

I due:   Ma...

Italia:   Isacco, calmati.

Isacco: Ho detto fuori.

              Li afferra per le giacche e li porta fuori, seguiti da Massimo e Italia che cercano di

              calmarlo. E da sinistra torna Ciro, rinsavito. Ha lasciato la giacca in bagno.

Ciro:     Ah, m’aggio fatto proprio ‘na bella lavata ‘e faccia. Mi sono disinfettato pure la

              ferita che tenevo sul volto. Mò me faccio piglià ‘e vestite asciùtte ‘a Pina. (La

              chiama) Pina!... Pina! (Non sente risposta) Niente! Vabbé, faccio tutto da solo.

              E esce via a destra. Tornano Isacco e Italia. Isacco entra molto sorpreso.

Isacco: He’ capì, Italia? Me pare comme si avesse ‘ntiso ‘a voce ‘e papà che chiammava a

              mammà! Vide ‘nu poco comme me stò scemulénno!

Italia:   Senti, adesso ti devi dare una calmata. Tu senti la voce di tuo padre perché è ancora

              vivo nel tuo cuore. Lui è ancora in questa casa. Hai capito?

Isacco: Non è così, Italia. (Si siede sul divanetto) Comunque grazie lo stesso.

              Si accovaccia sulle gambe. Invece Italia continua, sedendoglisi accanto.

Italia:   Isacco, devi essere fiero di tuo padre. Ti ripeto, lui è ancora qui in questa casa.

              Da destra entra Ciro (che va verso sinistra). Italia lo nota, ma lui non nota loro.

Ciro:     Mannaggia a me, m’aggio scurdato ‘a giacca ‘int’’o bagno! ‘E che ‘nzallanuto!

              Ed esce via a sinistra canticchiando:

              “Io penso positivo perché son vivo perché son vivo…”!

              Ed esce.

Italia:   Hai visto? Io lo vedo ancora che cammina davanti e indietro. Proprio come faceva  

              quando era vivo! E l’ho sentito pure cantare.

Isacco: (Alza la testa e guarda nella stanza) E addò sta? Ità, ma tu tenìsse ‘e vvisione?

Italia:   Ma tu hai dimenticato che io sono una veggente? Solo io, per ora, posso vederlo.

Isacco: Meglio così. Mi impressionerebbe. (Si riaccovaccia di nuovo sulle gambe)

Italia:   No, tu devi vederlo.

              Da sinistra torna Ciro con la giacca in mano. Va verso destra. Italia lo nota.

Ciro:     ‘E comme fete ‘sta giacca! Ma che ce steva ‘int’a chillu mare...? (Si ferma sulla

              soglia della porta a destra) ...‘A mmunnezza?

Italia:   (Si alza e va da lui) Aspettate, signor Ciro. Io posso vedervi. Voglio solo sapere

              una cosa: quand’è che vi farete vedere da vostra moglie e dai vosti figli?

Ciro:    Ma si chille me védene già tutt’’e juorne!

Italia:   E avete visto la luce?

Ciro:    Comme no?! Aggio visto duje fare abbagliante ‘int’all’uocchie! Cose ‘e pazze!

             Ed esce a destra. Italia si riavvicina ad Isacco.

Italia:   Hai sentito, Isacco? E soprattutto, hai visto?

Isacco: (Si poggia sullo schienale del divanetto) Ma ch’aggia sentì e ch’aggia vedé?

Italia:   Gli ho chiesto quando si farà vedere da voi, e lui mi ha risposto che voi già lo

              vedete tutti i giorni. E poi ha visto la luce: Dio.

Isacco: Ità, fatte vedé ‘a ‘nu psicologo!

Italia:   (Stupita) Ma... ma… allora... sono veramente una veggente!

Isacco:      (Si alza in piedi) Sì, brava! Io vaco ‘int’’a stanzetta. Me faccio ‘n’ora ‘e suonno.

Italia:        Aspetta, vengo con te.   

Isacco:      Grazie, Italia. Sei molto gentile.

Italia:        E’ il minimo che posso fare. Devo farmi perdonare perché ho cercato di farti del

                  male. E invece l’unico mio modo per vendicarmi è quello di aiutarti. Andiamo.

                  Lo prende per mano e i due escono a sinistra.

6. [Pina e Giacobbe. Poi Ciro. Dopo Simona e Liana. Infine Nadia]

                   Dalla comune tornano Pina (shoccata) e Giacobbe.

Pina:         Nun po’ essere. Nun ce credo. E comm’è stato? Ma comme po’ essere?

Giacobbe: Mammà, e mò càlmete. E’ inutile che staje accussì. E poi, il corpo di papà non è

                   stato ancora ritrovato. Può darsi che sia ancora vivo.

Pina:         (Si calma un po’) Ma che? Se l’ha purtato ‘o mare. Nun ce sta niente ‘a fa’.

Giacobbe: No, no, nun dicere accussì. Tu mò staje sulo spaventata. Te vaco a ffa’ ‘nu

                   poco ‘e cammumillo. ‘O vvuo’?

Pina:         (Andando a sedersi sul divanetto) No, nun me da’ niente. (Nota i manifesti

                   elettorali) Ma che d’è ‘sta munnezza ccà ‘ncoppa?

Giacobbe: Niente, sarrà chillu materiale elettorale che stanne purtanno ‘e duje onorevole

                   a papà. Aroppo, quanno scengo, jetto tutto cose ‘int’’o bidone d’’a munnezza!

                   Raccoglie i manifesti e li getta fuori dalla comune. Poi torna dalla madre.

                   E allora, mammà, t’’o ffaccio ‘nu poco ‘e cammumillo?

Giacobbe: Mò m’’o ffaccio pure pe’ me. 

                   E esce a destra. Pina, rimasta sola, comincia a fare delle considerazioni.

Pina:         Nun era perfetto, comm’ommo. E manco comme marito! Però era troppo buono.

                  ‘Na vota me dicette: “Pina, ll’urdima Provola gialla che m’aggia costruì, ha da

                   essere pe’ me... fra cinquant’anne”! E invece le serve mò. E m’ha lassata a me

                   sola cu’ duje figli, ‘na casa ancora ‘a pavà e ‘na vita ancora in sospeso. E già.

                   Da destra esce Ciro: in pigiama bianco fantasma, coi calzini a metà ginocchio

                   sul pigiama, e le scarpe. Ha il suo vestito in mano. Pina riprende, notata da lui.

                   E comm’aggia fa’? Chi m’ha da ‘a forza ‘e campà? (Piange) Chi? Ma pecché si’

                   muorto? Pecché?

                   Lui le si avvicina. Lei si alza, lo nota e gli dice piangendo e gridandogli:

                   T’hanna accidere! Pecché si’ muorto? Pecché?

                   E va dall’altra parte della stanza, con lui che sembra non capirci niente.

Ciro:          Néh, Pina...!

Pina:          (Si volta e lo vede) Stattu zitto! Che vvuo’? (Poi fa mente locale e gli va vicino)

                   Ciro...! Ma tu si’ Ciro... oppure si’ ‘o spirito ‘e Ciro?

Ciro:          (Posa i vestiti sul divanetto, stizzito) Ma ‘a vuo’ fernì ‘e fa’ ‘a scema?

Pina:          (Ha un leggero mancamento) Uh, Marò, Ciro, me sento ‘e svenì.

Ciro:          (La sostiene) Ma che ffaje? Che caspito he’ passato? Se po’ ssapé?

Pina:          (Ripresasi) Néh, ma si’ propio tu? E che ce faje ccà? Tu nun stive sotto ‘o mare?

Ciro:          Comme si’ spiritosa! Tu vulìsse dicere ca io stongo sotto ‘o mare pecché so’

                   brutto comm’a ‘nu purpo! E’ accussì? E invece, no. Sotto ‘o mare, ce sta sulo

                   ‘o carro funebre che s’è scassato!                  

Pina:          Ma assiéttete, famme sentì.

                   Si siedono sul divanetto.

Ciro:         Dunque, io stavo andando a Mergellina. Quanno bell’e buono, aggio visto ‘na

                  luce esagerata: érene ll’abbagliante ‘e ‘nu Gippone. Io, furbo, l’aggio evitata, ma

                  ma s’è ‘ncagliato ‘o laccio d’’a scarpa ‘ncoppa ‘o pedale d’’o freno e patapam!

Pina:         Uh, mamma mia. Saje ‘e che spaviento?!

Ciro:         E già. Aroppo me so’ truvato ‘ncoppa a ‘na varca ‘e piscatore, però stranamente

                  ‘o piscatore nun ce steva. Ua’, aggio dato ‘na “facciata” tremenda!

Pina:         E vabbuò, lasse sta’. L’importante è che mò si’ vivo.

Ciro:         E intanto sono stato sull’orlo del barattolo!

Pina:         Del baratro.

Ciro:         Uh, ‘o vvulévo dicere!

Pina:         Comunque mò ce sta ‘nu guajo ‘ruosso: tutte quante sanne che tu si’ muorto.

                  E pe’ forza, ‘o corpo tuojo ancora s’’eva truvà.  

Ciro:         Ah, he’ capito? Nun m’hanne dato manco pe’ disperso! Direttamente pe’

                  muorto! E vabbuò.

Pina:         E allora mò amma avvertì a tutte quante che tu sì ancora vivo.

Ciro:         No, e pecché? Famme rimané muorto ancora pe’ ‘na mez’ora. Devo fare un po’  

                  di scherzetti a qualcuno. E spicialmente a cierti onorevoli che cunosco io!

Pina:         E vabbé, fa’ comme vuo’ tu, abbasta ca si’ vivo overamente. E mò jamme,

                  pusàmme ‘sti vestite ‘nfuse ‘int’’o bagno ‘e Giacobbe. Aroppo te faccio ‘na

                  zuppa ‘e latte e te vaje a cuccà. Si’ cuntento? (Speranzosa) Oppure fusse cchiù

                  cuntento si aroppo, ‘int’’o lietto, io e te... capisce a me!

Ciro:         No, è meglio che me faccio ‘na bella durmuta!  (Riprende il suo vestito)

Pina:         (Delusa) E gghiammuncenne.

                   Si alzano in piedi ed escono a sinistra. Dalla comune entrano Simona e Liana.

Simona:    Scusate, signora, ma avete saputo pure voi che il signor Ciro Caivano è morto?

Liana:       Sì, l’ho saputo pure io.

Simona:    Mamma mia, comme me dispiace.

Liana:       ‘N’ommo accussì a modo. Nun diceva maje ‘na parola fuori posto. E ppo’ era

                   sempe educato e rispettoso. A Natale e a Pasca faceva sempe ll’augurie a tutt’’e

                   ggente. Pure a me. E me cuntava sempe ‘e fatte suoje. Che uomo, che uomo!

Simona:    Scusate, signora, ma allora voi lo conoscevate da parecchio.

Liana:       No, solo da due giorni!

Simona:    Embé, e vuje avìte cuntato tutte chelli bbelli ccose!

Liana:       E che c’entra? Quello si fa per educazione!

                  Da destra torna Giacobbe con due camomille. Pensa ci sia ancora sua madre.

Giacobbe: Mammà, t’aggio purtato ‘o cammumill... (Nota le due) Signora Simona.

Simona:    Ciao, Giacobbe.

Giacobbe: E la signora chi è?

Liana:       Io sono Liana Dell’Albero, rappresentante della C.I.T.A.

Giacobbe: E che d’è?

Liana:       Il Comitato Italiano Terremotati Associati.

Giacobbe: Ah, ho capito. Apettate, me sto’ cucenno cu’ ‘stu cammumillo! (Le posa sul

                   tavolo) Ah, menu male.

Liana:       Senti, allora ti voglio fare le condoglianze.

Simona:    E già, pure io.

Giacobbe: Grazie. Purtroppo è successo quello che è successo.

Liana:       E che ci vuoi fare? Quella è la vita.

Simona:    E intanto, sono venuta qua per lui, sperando di vederlo, ma non ci sono riuscita.

                  Dovevo dargli una cosa, ma non l’ho mai fatto. (Estrae una lettera dalla borsa)

Liana:       Ah, ma allora voi eravate la sua amante?

Simona:    Signò, ma che state dicenno? Vi sbagliate.

Liana:       E forza, che siamo donne di mondo!

Simona:    Eh, e vedìte ‘e nun addiventà una donna dell’altro mondo!

Giacobbe: Appunto! La signora Simona stava parlando di una lettera da dare a papà, il cui

                  contenuto è top secret!  

Simona:    (La esibisce) Eccola qua. Comunque, Giacobbe, qualsiasi cosa ti serve,

                  dimmelo. Sono a tua disposizione.

Giacobbe: Va bene, grazie. Sentite, se volete parlare con mia mamma, adesso non mi pare

                  il caso. E adesso scusatemi. Mi allontano. Con permesso.

                  Esce a destra.

Liana:       Sentite, signora Simona, non per essere indiscreta: ma che cosa dovevate fare

                  con il signor Caivano?

Simona:    Mi doveva dare dei soldi.

Liana:       Glieli avete prestati?

Simona:    No.

Liana:       Ve li ha prestati loro a voi?

Simona:    No.

Liana:       Embé, che ve l’hanna da’ a ffa’, ‘sti sorde?

Simona:    Diciamo che sono come una cauzione. E voi? Avete detto che fate parte di una

                   associazione, la C.I.T.A. E che c’entrano i signori Caivano?

Liana:       Niente, mi dovevano pagare l’iscrizione: 10.000 Euro.

                  Intanto da sinistra, non visto, Ciro ascolta le due cosa dicono.

Simona:    Ah, ora capisco. Un ottimo business.

Liana:       Ma qua’ business? Se tratta ‘e ‘nu modo pe’ ffa’ coccosa ‘e sorde! E voi?

Simona:    Io sono la moglie di un boss. Sono qua per farmi dare la tangente.

Liana:       ‘O vero?

Simona:    Sì. Solo che adesso mi sembra il momento sbagliato. Un bel guaio. Lo sapete? Si

                  dice che chi muore così, resta ancora sulla terra sottoforma di spirito vagante.

Liana:       Uh, che scimmità! Signò, comme me fa ridere ‘stu fatto!

                  E le due cominciano a ridere.

Ciro:         Ah, sì? E mò ve faccio rirere io!

                  Salta fuori e spaventa le due, che di colpo smettono di ridere e s’abbracciano.

                  Anatema su di voi! Io so tutto quello che volevate fare a quel povero Ciro

                  Caivano, che poi sono io!

Liana:       (Spaventata) Il signor Caivano?

Ciro:         Sì. Tu me vulìve ‘mbruglià a me cu’ chillu fatto d’’o terremoto. Vergognati!

Liana:       No, no, non mi fate del male.

Ciro:         (A Simona) E tu, invece?

Simona:    Scusate, ma perché ci date del tu?

Ciro:         Pecché io me pozzo piglià ‘a cunferenza cu’ chi voglio io, vuje invece no! Tu sei

                  la moglie del boss Franco Muoio! E’ così? E te vulìve piglià ‘a tangente ‘a me.

Simona:    (Impaurita) No, no, non lo faccio più.

Liana:       (Impaurita) E neppure io.

Ciro:          E allora, per espiare le vostre colpe, dovete fare tre cose.

Liana:        Sì, sì, diteci e noi obbediamo.

Ciro:          Per prima cosa vi dovete sputare tutte e due in un occhio!

Simona:     Aspettate, signò, accummencio io a vuje! (Le sputa in un occhio)                 

Liana:        Comunque sono signorina. E mò tocca a me. (Le sputa in un occhio)

Simona:     E mò diteci, che cos’altro dobbiamo fare?

Ciro:          Dovete andare sulla spiaggia di Mergellina, spogliarvi nude e buttarvi a mare!

Liana:        E nuje pigliamme friddo!

Ciro:          Nun me ne ‘mporta proprio!

Simona:     Sì, vabbé, lo facciamo. E infine?

Ciro:          Dovete andare a costituirvi alla polizia, o si no ‘a notte vengo sotto ‘e llenzole

                   d’’o lietto vuosto e nun ve faccio durmì. Ate capito?

Simona:     (Impaurita) Sì, sì, lo facciamo.

Ciro:          Ed ora fuori!

                   Le due scappano via a gambe levate. Ciro se la ride.

                   Bello, m’è piaciuto! Chi sa chi è la mia prossima vittima?

                   Dalla comune entra Nadia.

Nadia:       Chi sa perché quelle due scappavano così. Stavano uscendo da qua dentro.

Ciro:          Ah, ci sei di nuovo tu.

Nadia:       (Si spaventa) Uh, Marò! Ma voi siete lo spi... lo spi... lo spi...

Ciro:          Ma che d’è, si’ addiventata cacaglia? Tu tenìve chella bella lengua!

Nadia:        (Terrorizzata) No, no, io so parlare benissimo.

Ciro:          E visto che sai parlare, dimmi: tu hai fatto lo scherzo delle bare ai miei figli?

Nadia:        Sì, ma ho già chiesto perdono a Giacobbe. Lo sapete? Io e lui ci siamo fidanzati.

Ciro:          E allora devi fare la brava per sempre con mio figlio. Non lo devi mai tradire e

                   non lo devi mai far arrabbiare. E devi chiedere scusa pure a Isacco.

Nadia:       (Terorizzata) Sì, sì, ve lo giuro. Adesso vado a vedere se sta in cucina.

Ciro:          E vai, subito!

                   Nadia fugge a destra di corsa. Ciro si diverte.

                   Ma comme so’ scieme, ‘e ggente!

                   Poi si sente la voce di Pina che chiama Ciro.

Pina:          Ciro, viene ccà!                   

Ciro:          Ua’, ‘e che passaguaje! Che peccato che muglierema sape che so’ vivo! ‘A

                   vulevo fa’ mettere appaura ‘nu poco pure a essa! Accussì ‘a ferneva ‘e alluccà!

                   Esce via a sinistra.

Scena Ultima. [Massimo e Pina. L’Onorevole Tarallo, l’Onorevole Biscotto e Italia. Poi Ciro]

                  Dalla comune entra Massimo sconvolto.

Massimo: Io nun ce aggio fernuto manco ‘e pavà ‘a Provola gialla! Gerozzo mio, primma

                  ire tu ch’atterràve ‘e ggente. Mò songhe ‘e ggente che t’hanna atterrà a te!

                  Entra da sinistra Pina con una bacinella col vestito di Ciro.

Pina:        (Uscendo, gli sta finendo di parlare) Ciro, mò l’he’ sulo ittà, ‘stu vestito!

Massimo: Uhé, Pina, vuje state ccà? Ma cu’ chi state parlanno?

Pina:        (Uh, m’aggia sta’ zitta!). Ehm... no, niente, signor Massimo. Ogni vvota che

                  tengo ‘nmana coccosa ‘e Ciro, me pare d’’o vedé ancora!

Massimo: (Povera crestiana, sta ascénno pazza!). E vabbé, Pina, nun ce penzate cchiù.  

Pina:         E già. Nun m’’o ddicìte.

Massimo: No, e invece v’’o ddico. Anze, vulénno, ‘e ccose se ponno sempe accuncià: io so’

                  vedovo, vuje site rimasta vedova: da cosa può nascere cosa...! Pensateci!

                  Le fa l’occhiolino ed esce via di casa. Pina sembra infastidita.

Pina:         Ce mancava sulo ‘a proposta ‘e matrimonio! (Chiama) Ciro, viene mommò ccà.

                  Da sinistra accorre Ciro.

Ciro:         Che vvuo’, ca me chiamme sempe?

Pina:         Voglio sapé quanno fernesce ‘sta buffonata!

Ciro:         Nun te prioccupà, mò fernesce. M’aggia piglià l’urdima suddisfazione cu’ chilli

                  duje onorevoli. E infine me la devo prendere pure con quella Italia che ci ha fatto

                  cacciare a Isacco e Giacobbe di casa. Famm’’a capità ccà ddinto e ppo’ vide.

Pina:         E gghiamme a ce mòvere. M’aggio sfrastriata proprio.

Ciro:         Moglie mia, ma tu devi essere piritosa!

Pina:         Spiritosa, con la “S”!

Ciro:         Uh, ‘o vvulévo dicere!

Pina:         Embé, quanto me si’ antipatico quanno dice: “’O vvulévo dicere”, pecché ‘o

                   vvuo’ dicere sempe, però nun ‘o ddice maje! Maje! Maje!

                  Esce a destra.

Ciro:         Pina s’è sfastriata? E pecché? Io me sto’ sfizianno! (Sente dei passi dalla

                  comune) Sta venendo qualcuno. Chi sa chi è? Me voglio propio nascònnere!

                  Va dietro la porta a sinistra. Entrano gli onorevoli Vito e Marco. Li segue Italia.

Vito:          Trase, Marco. E mò è ‘na questione d’onore, e allora amma ì fino in fondo.

Marco:      Sono d’accordissimo. E nuje picciò ce simme purtate ‘a signurina Italia, pecché

                   essa è ‘na veggente in gamba.

Italia:        Scusate, onorevoli, una domanda facile facile: ma io ch’aggia fa’?

Marco:      Ti diamo cento Euro a testa se fai venire il signor Caivano qui. Amma parlà ‘nu

                   mumento cu’ isso.

Italia:        Ah, e che ce vo’? Io già ce aggio parlato, cu’ isso! Ehm... e che volete da lui?                 

Vito:          Gli dobbiamo chiedere se lui, quando era vivo, era di sinistra, come penso io…?

Marco:      …O di destra, come penso io? Ci serve perché uno dei due deve mettere la foto

                   del signor Caivano sui propri manifesti elettorali. Fra poco ci sono le elezioni.

Italia:        Ho capito, ho capito. Adesso lo invoco. Io e il signor Caivano, ormai, possiamo

                   parlare quando vogliamo e dove vogliamo. Lui vuole solo me.

Vito:          E gghiamme, jamme, fall’’o venì.

Italia:        Certo. Dunque... (Si concentra) Signor Caivano... Signor Caivano... Ciro, venite

                   qua da noi che vi invochiamo...!

Ciro:          E comme, si ce vengo!

                   Entra Ciro con una pantofola in mano, minaccioso.

                   Eccomi qua!

                   I tre si spaventano.

Marco:      Ehm... Vito, ma è sicuro che abbiamo fatto bene a chiamarlo?

Vito:          Non lo so. Chiediamolo a lui.

Italia:        Signor Caivano, noi tre siamo qui perché...

Ciro:         (La interrompe) ‘O ssaccio, ‘o ssaccio. Già saccio tutto cose. E voglio dirvi che

                   sono molto arrabbiatissimo con voi. E quando sono arrabbiatissimo, me piglio

                   ‘e nierve! E quanno me piglio ‘e nierve, me vénene ‘e mmosse elettriche!

Italia:        Epilettiche!

Ciro:     Uh, ‘o vvulévo dicere!

Marco: (Preoccupato) Ehm... signor Caivano, io ho sempre voluto bene...

Vito:     (Preoccupato) E io più di lui.

Italia:   (Preoccupata) E io vi amo addirittura!

Ciro:     E io invece no! E allora, se volete evitare la mia ira, dovete fare tre cose. Se uno tra

              Biscotto e Tarallo vince le elezioni, dovrà fare del bene al popolo. E’ chiaro tutto?

I due:    Sì, sì, certo...

Italia:   (Dopo risponde anche lei) Sì, sì, certo...

Ciro:     E tu che c’azzìcche ? He’ ‘a fa’ ll’elezione pure tu?

Italia:    No.

Ciro:     E allora fa’ rispònnere sulo a loro! Poi, per seconda cosa, tutti e tre insieme vi

              dovete sputare in un occhio!

Italia:    Pure io?              

Ciro:     Sì. Forza, al mio 3: 1… 2… 3!

              I tre obbediscono.

              Molto bene. E per finire, adesso vi dovete prendere tutti e tre a calci nel sedere e

              dovete arrivare così fino a Piazza del Plebiscito! 

Italia:    Scusate, ma io che ce azzecco?

Ciro:     Vaje cuntànno in giro che ffaje ‘a veggente! E allora forza, obbedire, scattare!

              I tre si prendono a calci, e uscendo, vengono picchiati da Ciro con la pantofola.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno