La banda degli onesti


Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 9

Notice: Trying to get property 'slug' of non-object in /home/mhd-01/www.ateatro.info/htdocs/wp-content/themes/consulting/partials/content-post_details.php on line 9
Stampa questo copione

LA BANDA DEGLI ONESTI

LA   BANDA  DEGLI   ONESTI

di

AGE   e SCARPELLI

versione teatrale

di

Antonello Avallone

Riduzione a 5 personaggi

Personaggi in ordine di apparizione

Antonio Bonocore              portiere

Tommaso Cardoni             pittore

Ragioniere Casoria                        amministratore

Il postino                              fantasma di Casoria

Giuseppe Lo Turco                        tipografo

Michele Bonocore              figlio di Antonio

Maresciallo Denti                finanziere,fantasma di Casoria

  Una guardia notturna           fantasma di Casoria


ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

Portineria

ANTO -. (prende il registro delle firme e lo va a buttare nel secchio della spazzatura in cucina) Eh, due firme ..... E va buo’ pure chesta è fatta, ‘o ì. A uno alla volta ce ne jamme tutte quante. Che destino ... è proprio vero, se ne vanno sempre i migliori.

TOMMASO CARDONI - (si affaccia alla portineria con aria timida, portando, in maniera goffa, una pesante valigia) Scusate, don Antonio ...

ANTO - (sorpreso e seccato) Dite.

CARD - Ho visto che avete già levato il registro delle firme.

ANTO - Ah, sì, è ‘o vero. Ma che ne avete ‘a fà co stu registro? Sti ccose servono per i parenti. Quello, don Andrea, poverino, era solo.

CARD - Ma sapete com’è, me facesse piacere per un atto di omaggio verso .....

ANTO - Una firmetta. L’avevo riposto.

CARD - (fa per seguirlo) Ecco, una ...

ANTO - (lo ferma con un gesto) Lo vado a prendere. (va a prendere il registro nel secchio. Ritorna. lo apre, lo odorano entrambe con faccia interrogativa)

CARD - (cominciando a firmare) Brava persona il signor Andrea.

ANTO - Eh, sì.

CARD - Tene raggione mammina, se ne vanno ....

ANTO - .... sempre i migliori, sempre i migliori se ne vanno.

CARD - Mammina c’è andata al trasporto.

ANTO - Ah, brava.

CARD - Io, purtroppo non ho potuto.

ANTO - E manch’io, sapite, tengo la portineria. Però c’aggio mannato mia moglie. Ma sì, accussì si divaga, se piglia nu poco d’aria, sta sempe chiusa cca’ dinto.

CARD - E pensare che il signor Andrea si poteva godere quel poco di pensione. Mi pare che lavorasse al Poligrafico dello Stato, è ‘o vero?

ANTO - Ma voi comme ‘e ssapite tutte sti ccose?

CARD - Na vota ce facette nu  poco ‘e compagnia e isso me raccontaie tutta ‘a vita soia. Sapete, mammina dice sempre che bisogna fare le opere buone. E poi, voi, don Anto’, ne sapete qualcosa. So che eravate l’unico a predersi cura di lui.

ANTO - Sì, ultimamente lo assistevo giorno e notte.

CARD - Che vulite fà, si vede che il buon Dio ha deciso di prenderlo a sè. Arrivederci, don Anto’.

ANTO - La pace sia con voi.

CARD - Come dite?

ANTO - No, dicevo arrivederci.

CARD - Arrivederci. (esce)

ANTO - (andando a gettare il registro nella spazzatura) Quant’è scucciante!

CARD - (rientrando)  Don Anto’!

ANTO - Chi è ?

CARD - Vedete che sbadato, i signori che sono venuti a prendere il signor Andrea ....

ANTO - Quali signori?

CARD - E comme l’aggia chiammà .... ‘e signure, quelli delle onoranze.

ANTO - I becchini.

CARD - Beh, mi pareva na brutta parola.

ANTO - Brutta parola .... becchini, schiattamuorte ...

CARD - ‘O ì lloco, schiattamuorte. Mi hanno lasciato questa valigia che steva dint’’a casa del signor Andrea insieme a una lettera, vedete sta scritto: “Per il signor Antonio Bonocore”. Voi in quel momento non eravate in guardiola e chille hanno pensato di lasciarla a me.

ANTO - Ho capito, mi avrà lasciato in eredità qualche vestito smesso.

CARD - E’ stato generoso allora, ha voluto ricompensarvi di tutto quello che avere fatto per lui.

ANTO - Cardò, ‘o ssapite quant’era alto il signor Andrea?

CARD - Veramente no, io l’ho visto solo coccato.

ANTO - Co’ chi?

CARD - Come co’ chi? Coccato .... coricato.

ANTO - Ah. Ve lo dico io: un metro e ottantacinque.

CARD - Ah. E beh?

ANTO - Se volete favorire insieme a me dint’’a no pantalone ‘e chiste, accomodatevi pure.

CARD - Ah, so nu poco gruosse, eh? E che vulite fa’, a volte basta ‘o penziero. Di nuovo, don Antò. (esce)

ANTO - Stateve buono. (prende la valigia) Siente, sie’ .... e  quanto pesa. E che ce sta dinto i paltaloni co’ ‘ e buttone ‘e ferro? (apre la lettera) Aeh, ce sta pure ‘na lettera. E chisto è un testamento in piena regola allora. Apriamo un po’. Ma io dico ‘na cosa: sto signor Andrea fosse stato nu poco cchiù piccirillo, non dico tanto, come me. Niente. Che esagerazione, e che spreco di stoffa.

SCENA  SECONDA

Voci confuse di dentro, seguite da varie risate.

Appare il ragionier Casoria, sbraitando

ANTONIO - Che succede, che sta succedendo?

RAGIONIERE CASORIA - So’ rimasto chiuso dint’’all’ascensore della scala C.

ANTO - Ueh, mi dispiace, ve site tutto sporcato.

CASO - (al gruppetto che ancora vocifera) Signori, lo spettacolo è finito.

ANTO -  Povero disgraziato, siete rimasto chiuso dint’’all’ascensore?

CASO - Come disgraziato?

ANTO - E beh, quella è una disgrazia quanno uno rimane chiuso dint’’all’ascensore.

CASO - Ma che disgrazia, è una vergogna!

ANTO – Appunto dicevo  questo povero svergognato ...

CASO - Ma insomma basta!

ANTO - Ecco, basta. A proposito, come avete fatto ad uscire?

CASO - M’ha aiutato no guaglione: non vi dico, s’è creata ‘na folla! Piuttosto, voi addo’ stavate? V’avimmo chiamato e nun site venuto.

ANTO - Avete ditto l’ascensore della scala C ? E quello sta distante, non ho potuto sentire. E poi stavo impegnato con le firme per il morto. ‘O ssapite che oggi abbiamo avuto un funerale?

CASO - E intanto, tutti quegli inquilini…. quelle persone ignoranti, sgarbate, ridevano ‘nfaccia a me.

ANTO – Ah, vi hanno visto pure gli inquilini ? Ma vedete, quella è gente modesta, mai ‘na vota a tiatro, è reduce da una morte nello stabile .... appena ci sta, comme aggia dicere .... un piccolo svago, sono contenti. Neh, ma avete visto comme se so’ divertiti?

CASO - Divertiti?

ANTO - Ridevano, è  ‘o  vero? Raccontatemi bene comme è ghiuto ‘o fatto.

CASO - Ma come sar ..... Ma vuie ‘o ssapite chi songh’io?

ANTO - E comme .... ci hanno presentati l’altro giorno ... siete il nuovo amministratore del palazzo.

CASO - Ragionier Casoria!

ANTO - Ragionier Casoria.

CASA - Sono qui per un giro di ispezione e le cose non vanno, non vanno. E che schifezza! ‘O cortile co’ tutte ‘e panne appise .... e poi disordine, gatti .... ‘e gatte dappertutto. E non basta. So’ stato ‘ncopp’’a terrazza.

ANTO - Ah, bene.

CASO - Ce stanno ‘e piccione.

ANTO - Piccioni?

CASO - Sì, cinque o sei piccioni.

ANTO - Saranno piccioni viaggiatori, di passaggio.

CASO - Nun sò ‘e passaggio. Teneno pura ‘a colombaia.

ANTO - Ma voi che mi dite, quelli si sono fabbricata la casa da soli!

CASO - Bonocore! Mi volete pigliare per fesso?

ANTO - Devo farlo?

CASO - Cosa?

ANTO - Appunto, dico, non si fa. Ragioniè, ragioniere! Avanti, io che v’aggia dicere, sono i piccioni della signorina Tirabeschi. E’ per arrotondare .... aggiate pacienza, dovete chiudere un occhio.

CASO - Ma che aggia chiudere? Stu palazzo è abbandonato a se stesso! E diciamo ‘a verità, la società immobiliare non è affatto contenta del portierato.

ANTO - No?

CASO - No. E po’ n’atu fatto. Pecché quanno sò trasuto nun ce steva nisciuno ‘nnanz’’a guardiola?

ANTO - Ragionie’, è un caso. Credete a me, questa non è una portineria, è un setaccio. Io non faccio passare a nisciuno. Gli inquilini, si capisce, e al massimo, qualche persona di riguardo.

VENDITORE AMBUTANTE - (appare sullo sfondo con un cesto di pesce) Pesce fresco!

CASO - Nisciuno, eh, nisciuno? E chillo chi è?

ANTO - Chillo? .... Chillo è nu signore che sta chiammanno l’inquilino del quinto piano, il cavalier Pescefresco.

CASO - Ma facitemo ‘o favore. No, don Anto’, sta cosa non sta, aggiate pacienza, ma non sta.

VENDITORE AMBUTANTE - (appare sullo sfondo con un cesto di pesce) Pesce fresco!

ANTO - Ma signor ragionier Casoria, io faccio quello che posso.

CASO - E va buo’, ‘a colpa nun è ‘a vosta. Dicimm’’a verità, nu guardaporta nu poco cchiù giovane nun tenesse tutti sti problemi.

ANTO - Ragionie’, cchiù giovane? Io tengo quarant’anne!

CASO - Capisco, capisco ... No, non farò rapporto alla direzione dell’ufficio immobiliare, no. Anch’io questa volta voglio chiudere un occhio.

ANTO - Grazie assai, ragionie’, si ve putisse mostrà la mia riconoscenza, se io puitsse fa’ quacchecosa per voi ...

CASO - Beh, qualche cosa puoi  fare .....

ANTO - Dicite.

CASO - Oh, scusa, aggio ditto puoi .... posso darti del tu?

ANTO - E’ un onore, ragionie’.

CASO - Bene. Caro Bonocore, l’importante è che tu faccia il dovere tuo. Io sto dalla parte tua, però tu ... cerca di stare dalla mia.

ANTO - Com’è stu fatto?

CASO - Parliamo ad esempio del riscaldamento. Sei tu che alimenti la caldaia?

ANTO - Sissignore, sono anche fuochista.

CASO - (fingendo) Maronna, e che caldo che fa’ ccà dinto. Si muore. Stu palazzo è surriscaldato.

ANTO - Veramente si lamentano tutti per il freddo, comunque se lo dite voi che siete esperto, si vede che è surriscaldato.

CASO - No, no, e quello, il prossimo rifornimento di fine mese, è esagerato.

ANTO - Esagerato?

CASO - Uh, assai!

ANTO - Ragionier Casoria, quella, la caldaia, ha bisogno di essere alimentata, centoventi quintali di carbone sono appena sufficienti. E poi, scusate, il preventivo nun l’aggio fatto io, l’ha fatto l’amministrazione.

CASO - Don Anto’, don Anto’, quanto site curiuso. Quelli perchè si chiamano preventivi?

ANTO - Eh, perché?

CASO - Pecché so’ fatti preventivamente. Ma poi, all’atto pratico, la cosa cambia.

ANTO - Come, cambia?

CASO - (inizia a ridere) Si dice centoventi quintali ...... (ridendo) ... e poi ne facimmo abbasta’ quaranta ..... (ridono entrambe) Chisto però ‘o sapimmo solo io e te. (continuando a ridere con Antonio)

ANTO - Ragionie’, ..... (ridendo)  ragionie’ venita qua ..... (ridendo) lo sapete come lo chiamano questo al paese mio?

CASO - (ridendo)  No.

ANTO - (diventando serio) Peculato.

CASO - (smettondo bruscamente di ridere) Cosa?

ANTO - Peculato. Appropriazione indebita. Dicimmo centoventi quintali .... ne facimmo abbasta’ quaranta ...... Ci sono ottanta quintali di peculato.

CASO - Io chesto, però, nun l’aggio ditto.

ANTO - Ah, no!

CASO - Ho detto solamente che stavo dalla parte vostra.

ANTO - Ah, mo non mi date più il tu, siete ripassato al voi. E va buo’, ma dalla parte mia fa friddo, e centoventi quintali di carbone sono appena sufficienti.

CASO - D’accordo. Volevo solo diminuire le spese condominiali. Vuol dire che ci ricorderemo anche di questo, Antonio Bonocore. (Si avvia per uscire. Sulla porta incontra Maria Bonocore, che sta entrando) Buongiorno!

SCENA TERZA

ANTO – E mettiamo in ordine la posta! (controllando la posta controluce) Dottor Francesco Boccianti .... (la odora) .... e questa è sempre la biondona ..... Famiglia Pagliarulo .... (annusa) ..... il conto del salumiere ....  (prendendola si accorge della consistenza) Ah, ah .... questa pesa.... questa è importante .... (la mette in trasparenza) ... eh, una busta foderata di blu. Eh, è questo che ci frega a noi italiani: la diffidenza nel prossimo. (così dicendo prende un’altra lettera e la guarda come la precedente. Inizia a leggerne il contenuto) Di Gennaro .... Ah questa sì .... “Caro papà,  ..... la mamma mi scrive che come al solito siete nei guai ....” eh! “ .... pieni di debiti ....” bene! “ .... e non avete il becco di un quattrino ... “ e dalle! E questi sono quei pezzentoni degli Esposito o dei Pagliarone .....  (così dicendo la volta dalla parte dell’indirizzo) .... ma questa è per me .... accidenti .... una lettera di Michele.

(legge) E per forza, questo è quello che gli dice la madre… Come se quel poveraccio ci potesse aiutare, diciott’anni .... con quello che gli passa l’esercito.

 (squilla il telefono ma Antonio non si alza)

ANTO - Pronto ... ueh, sì, dicite signor Pizzigoni ..... Sì, scusate, ma non tengo ancora disponibilità .... sì, ‘o saccio che è scaduta ma sto aspettando un versamento, appena mi versano a me, mi riverso subito su di voi ..... ma no che avete capito, nel senso che vi verso tutto .... No, le polizze del Monte non ve le potete vendere, e no perché io ho la polizza delle polizze. ..... Avanti ancora qualche giorno .... nu poco ‘e respiro. ..... Andiamo siamo tutti padri di famiglia ..... voi no!  .... Sarà almeno zio di famiglia .... manco. Non è padre, non è zio, sia qualcosa .... sia magnanimo .... Pronto .... pronto, signor Pizzigoni ... ha attaccato. (a Maria)

Sono rovinato, e dove litrovo i soldi per Pizzigoni..... Ah, vediamo che vuole questo morto. (apre la busta ed estrae la lettera) E va be’. (inizia a leggere) “Caro Antonio, quando ho scritto questa lettera ero ancora vivo.” ma va? “Ho un segreto che posso rivelare solo a voi.” un segreto? M’avrà lasciato qualche mutanda d’epoca. “Come sapete ero incisore al Poligrafico dello stato. Qualche anno fa furono stampati parecchi cliche’ del nuovo biglietto da diecimila lire.” Diecimila lire? ..... Ah, s’, ne aggio ‘ntiso parla’ ‘e sti biglietti ‘a diecimila in circolazione .... “Io stavo per andare in pensione, in un momento di debolezza ne feci sparire una copia e portai via anche molta carta filigranata. Insomma tutto l’occorrente per fabbricare biglietti da diecimila lire.” ... oh, signore! .... “Anche se spesso ne ho avuto la tentazione, non ne ho mai stampato uno, ve lo giuro. La mia lunga malattia non mi ha permesso di gettare questa valigia. Vi prego, distruggetela voi per me. Non fate in modo che vada a finire in mano a gente disonesta. Sono le mie ultime volontà.” ..... Ma che ce l’hanno tutti con me oggi ..... Avanti, su, questo sarà uno scherzo di quel cretino di Cardoni .... (prende la valigia e la apre rendendosi conto del contenuto) E questi nun so’ pantaloni ..... non ci assomigliano proprio. Hai capito? Brava persona il signor Andrea! Se ne vanno sempre i migliori! I migliori se ne vanno e lasciano nei guai i peggiori. Chesta va gettata subbito a mare, per carità. (prende la valigia e fa per uscire


ci pensiamo dopo, io prima devo pensare a bloccare Pizziconi .... no, quale Pizziconi ..... la valigia. (la prende, fa per uscire, si ferma, poi torna indietro. La posa di nuovo, la guarda.) Ti butto ....? ... o non ti butto .....? (poi volta lo sguardo sul tavolo e distrattamente prende le lettere rimaste da incassettare. Dopo averle tenute per un po’ tra le mani, le comincia a sfogliare, ad occhi chiusi, come fossero una margherita) La butto ..... non la butto ..... la butto .... non la butto .... la butto ...... (si rende conto che è l’ultima busta) .... non la butto! (apre gli occhi e legge l’intestatario della busta) “Giuseppe Lo Turco, tipografo...... Eh, eh, eh, ..... tipografo?!? .... TIPOGRAFO !!!!!

SCENA QUARTA

LO TURCO - (affacciandosi sulla porta della portineria) Don Anto’, c’è posta per me?

ANTONIO - Ueh, ma guarda che sorpresa!

LOTU - Qua’ sorpresa, io abito qua.

ANTO - Voglio dicere .... io stavo giusto pensando a voi.

LOTU - Ma perchè, voi mi pensate?

ANTO - No, dicevo per dire. E come va questa grande tipografia.

LOTU - Grazie a Dio si lavora, ma adesso si va a tavola. E voi, non andate a pranzo?

ANTO - Roba di minuti, caro Lo Curto.

LOTU - Lo Turco.

ANTO - Lo Turco, scusate. (Lo Turco si avvia verso l’uscita della portineria) Signor Lo Turco?

LOTU - Dite.

ANTO - Permettete due parole?

LOTU - Veramente è ora di andare a mangiare adesso.

ANTO - Eh, lo so, broccoletti e patate.

LOTU - Che vulite fa’! (si volta come per andare via)

ANTO - (voltandogli le spalle e rientrando nella portineria, con tono provocatorio) Io invece mangio spaghetti alle vongole e carne alla pizzaiola.

LOTU - (rientra, seguendo Antonio) Aggiate, pacienza, mo proprio avete detto che mangiate broccoletti e patate!

ANTO - Voi li mangiate.

LOTU - Io? Ma chi v’ha detto che io mangio broccoletti e patate?

ANTO - L’ho intuito dalla faccia denutrita che avete.

LOTU - Don Anto’, voi scherzate sempre. Beato voi. Oggi pe’ mme nun è stata na giornata bona.

ANTO - E va buo’, lassate fa ‘o cielo. Tutti quanti teniamo i nostri pensieri. Voi in fondo siete un privilegiato, vostro padre v’ha lasciato un’azienda accreditata: na fabbrica!

LOTU - Qua’ fabbrica, seh, ‘a Fiàt, ‘a Montecatini! (cerca poi di ridarsi un contegno) Sì, ultimamente è arrivata una macchina nuova .... bella. La famosa pedalina.

ANTO - La famosa?

LOTU - Pedalina!! Cento copie al minuto.

ANTO - Cento copie al minuto? (comincia a fare i conti)

LOTU - Un fenomeno, credetemi, don Anto’, un fenomeno.

ANTO - E pe’ forza un fenomeno, quella soltanto in un giorno ne farebbe un milione ...

LOTU - No, no, no. Cinquanta.

ANTO - Come cinquanta? Che è inversamente proporzionale?

LOTU - E lo so, lo so, tenete ragione. E’ che quella cento copie al minuto dovrebbe fare, ma siccome il lavoro è ridotto, ne fa cinquanta.

ANTO - Da cui broccoletti e patate! Dunque avevo ragione io.

LOTU - Don Anto’, vui dicite ‘a fabbrica .... a chi? Una volta, ai tempi di mio padre, sì ... partecipazioni, inviti ..... adesso invece la gente s’incontra, si saluta, ciao, addio, buongiorno e buonasera e non se ne parla cchiù.

ANTO - E lo so, ci sta peluria di mezzi.

LOTU - Penuria, che è sta peluria.

ANTO - Penuria, chisto è ‘o guaio?

LOTU - Che vulite fà!

ANTO - E di che marca sarebbe questo pedalino?

LOTU - Qua’ pedalino?

ANTO - Il vostro ... quello nuovo.

LOTU - Io tengo ‘o pedalino nuovo? .... Ma no, pe - da - li - na.

ANTO - Va buo’, aggio capito, che marca sarebbe?

LOTU - E quella è Bordini e Stocchetti di Torino.

ANTO - Bordini e Stocchetti  ... di Torino. L’ho intesa nominare.

LOTU - E pe’ forza, è una fabbrica meravigliosa. (per andare)

ANTO - Ecco! ... A proposito di Bordini e Stocchetti, poco fa è arrivato un plico.

LOTU - Un plico?

ANTO - Si!

LOTU - E che cos’è, un avviso?

ANTO - No, una cambiale.

LOTU - Ah, e bravo don Antonio, m’avete servito l’aperitivo per i broccoletti ....

ANTO - Eh!

LOTU - .... cioè, per il pranzo.

ANTO - Io portiere sono.

LOTU - Eh, lo so, vi ringrazio assai. (per andare)

ANTO - Aspettate, signor Turchesi ...

LOTU - Lo Turco.

ANTO - Lo Turco. (pausa) Certo sono anni che abitate in questo palazzo. Ve site fatto proprio un pezzo di giovanotto, chissa che m’andate combinando ‘n copp’’a quella tipografia?

LOTU - E che vi combino!

ANTO - Voi avete mai fatto biglietti da visita falsi, sì?

LOTU - Come falsi?

ANTO - Prego?

LOTU - Voi avete detto: biglietti da visita falsi.

ANTO - Ah, sì, voglio dicere, ‘ncopp’’a  nu bilgietto ‘a visita uno può scriverci quello che vuole o ci sta qualche legge speciale, un regolamento?

LOTU - No, quale legge speciale. ‘Ncopp’’o biglietto uno scrive chello che vo’. Si è commendatore scrive commendatore, si è cavaliere scrive cavaliere, si è titolato ce mette ‘o titolo. Anzi ci sta tanta gente che più vogliono sembrare persone rispettabili ....

ANTO - .... e meno lo sono.

LOTU - Eh!

ANTO - Magari sono dei falsari.

LOTU - Falsari?

ANTO - Voi mi capite.

LOTU - Veramente non vi capisco.

ANTO - Vi posso offrire un caffè? Si? E andiamo, accomodatevi che è appena fatto.

LOTU - Ma è ora di pranzo.

ANTO - Ci vuole un attimo.

LOTU - E prendiamolo. (si siede)

ANTO - (viene dalla cucina con il vassoio, le tazzine ed il caffè, pone tutto sul tavolo) Ecco fatto. Ascoltatemi. Caro signor ... Lo Tripoli.

LOTU - Lo Turco.

ANTO - Lo Turco. Scusate. (indica la tazza) Questo siete voi.

LOTU - Questa tazza?

ANTO - Questa tazza. Perché, non vi piace?  Se volete ve la cambio.

LOTU - No, per carità. Andate avanti.

ANTO - Allora, questo siete voi, (prende l’altra tazza) questo è l’altro, il profittatore, il capitalista.

LOTU - L’altra tazza?

ANTO - L’altra tazza. (prende la zuccheriera) Questo, invece, è il capitale.

LOTU - Lo zucchero? (mentre ascolta Antonio con la mano fa per prendere lo zucchero)

ANTO - Lo zucchero. (schiaffeggiando la mano di Lo Turco che stava per versarsi lo zucchero)  Fermo! Fermo! Vi debbo spiegare. Che mettete le mani. All’inizio sono tutti e due senza zucchero e cioè Lo Turzo ...

LOTU - Turco.

ANTO - ..... Lo Turzo e la terza .... la tarza .... eeh, sì, lallero ....  la tazza  e ....

LOTU - Lo Tuzzo.

ANTO - Lo Turco!

LOTU - Voi mi confondete.

ANTO - State attento, perfavore. Voi cosa fareste?

LOTU - Che farei?

ANTO - Visto? Non ‘o ssapite manco vuje. Questo invece lo sa e ne approfitta. (così dicendo prende il cucchiaino nella zuccheriera e mette ripetutamente lo zucchero nella tazzina posta davanti a lui) Che pensate voi?

LOTU - Prima o poi la smetterà.

ANTO - Voi pensate così perchè siete un galantuomo, una persona per bene  che ha fiducia nel prossimo. Chisto invece no, no e continua, continua .... (continuando a mettere lo zucchero nella sua tazzina)

LOTU - Continua sempre?

ANTO - Sempre.

LOTU - Finchè quaccheduno dice basta e leva lo zucchero (tenta di togliere la zuccheriera ad Antonio)

ANTO - (rischiaffeggiandogli la mano) Bravo! La prepotenza, questa sarebbe l’unico rimedio. (bevono il caffè, reazioni di disgusto per il troppo dolce e il troppo amaro)

LOTU - Don Anto’ ....

ANTO - Che c’è?

LOTU - Voi parlate di prepotenza, ma intanto m’avete fatto bere ‘o cafè senza zucchero.

ANTO - Ma io questo voglio dimostrarvi: che sono proprio i tipi come che se fanno mettere ‘e piedi ‘ncopp’a faccia.

LOTU - Io me faccio mettere ‘e piede ‘ncopp’a faccia?

ANTO - E certamente signor ...

LOTU - ... Lo Turzo.

ANTO - .... Lo Turzo.

LOTU - Lo Turco, me facite sbaglià pure a me!

ANTO - Voi rappresentate la parte sana, la parte onesta, la parte pulita del paese. Invece quegli altri rappresentano proprio la parte .... (fa un gesto per indicare gente di bassa morale) .... avete capito, si?

LOTU - Ma gli altri chi?

ANTO - Me comme chi? Di chi stiamo parlando? Degli approfittatori degli speculatori, in una parola dei vari ragionier Casoria.

LOTU - E mo chi è stu ragionier Casoria?

ANTO - Quello che si piglia lo zucchero.

LOTU - Ah, Casoria si piglia lo zucchero?

ANTO - E anche il carbone.

LOTU - Zucchero e carbone. Ma quando, il giorno della Befana? E non va in galera?

ANTO - E no, perché questa gente conosce ‘e leggi, ma sa come evitarle. Per esempio, tenete presente quell’assassino a cento metri da qui che presta i soldi a strozzo?

LOTU - Il ragionier Casoria?

ANTO - Ma che Casoria! Uff .... beh va bè ..... vicino.

LOTU - Vicino Casoria? .... Frattamaggiore.

ANTO - Seh, Frattamaggiore.

LOTU - Caivano?

ANTO - Macchè Caivano!

LOTU - Torre Annunziata, Santa Maria Capua Vetere .....

ANTO - Ooooh, Lo Turco ! Io nun ve l’aggio ditto fino a mo’, per educazione, ma voi site proprio fesso!

LOTU - E va be’, e adesso che me l’avete detto che faccio?

ANTO - Una soluzione ci sarebbe. Adeguarsi. Questo è il segreto.

LOTU - Il segreto è adeguarsi?

ANTO - Ma scusate, è molto semplice. Voi tenete una cambiale in protesto ...

LOTU - Macchè protesto, quella è arrivato l’avviso solo oggi.

ANTO - Li tenete i soldi per pagarla?

LOTU - No.

ANTO - E’ in protesto. Non avete un centesimo in tasca, il lavoro scarseggia, tenete le scarpe con le toppe sopra e sotto, andate avanti a broccoletti e patate ...

LOTU - E dalle co’ sti broccoletti!

ANTO - Io al posto vostro mi adeguerei.

LOTU - Ma pure se volessi adeguarmi, in che modo?

ANTO - Passiamo dall’altra parte.

LOTU - (fraintendendo il significato) Dove?

ANTO - Ah, Lo Tu’, allora ..... (bussa sul tavolo per indicare la durezza di comprendonio) Saltiamo l’ostacolo.

LOTU - Quale ostacolo?

ANTO - Ah! (si morde una mano per dimostrare il suo disappunto) Passiamo dalla parte dei vari ragionier Casoria e compagni.

LOTU - (con l’espressione di chi ripete ma capisce sempre meno) Casoria e compagni?

ANTO - Scommetto che non avete capito niente.

LOTU - No, i compagni di Casoria ....

ANTO - (decisamente spazientito) I compagni ‘e soreta! Eh, avanti su, me le levate proprio dalla bocca .... (prende la valigia) Se mi prestate un minuto di attenzione, vi mostrerò alcune cose preziose per il vostro lavoro.

LOTU - Se si tratta di lavoro.

ANTO - (apre la valigia e tira fuori il clichè) Oh, Signore! Cominciamo con un indovinello. Cos’è questo?

LOTU - Vediamo .... E come “cos’è? Questo è un clichè della banconota da diecimilalire.

ANTO - Bravo.

LOTU - Ueh, Ueh, un momento. Chi v’ha dato questa roba?

ANTO - Non vi preoccupate, voglio soltanto farvelo vedere in qualità di esperto tipografo.

LOTU - Ah, come esperto.

ANTO - Che ne dite, allora?

LOTU - Bello, direi perfetto. Ma mi volete dire chi ve l’ha dato?

ANTO - Il signor Andrea, quello che è morto ieri. Era incisore della Zecca di Stato, è lì che l’ha preso.

LOTU - Ah, ecco, è lì che l’ha pre .... (si rende conto della gravità della cosa) Don Anto’, s’è fatto tardi. (lo posa e va via velocemente)

ANTO - Aspettate! Vi devo far vedere un’altra cosa.

LOTU - Don Anto’, voi mi volete far passare un guaio. Io sono una persona seria.

ANTO - Si capisce. E proprio per la vostra serietà che vi mostro queste cose, in qualità di esperto. Lo Tu’, tenete pure la pedalina.

LOTU - Ah, ecco, sempre come esperto.

ANTO - Guardate qua. (apre la valigia e tira fuori, senza guardarla della carta, che per errore è carta igienica)

LOTU - (la prende in mano ma resta dubbioso) La carta ....

ANTO - E’ magnifica!

LOTU - Veramente me pare nu poco troppo ruvida.

ANTO - (a questo punto si volta verso Lo Turco) Ma che dite .... uh! E questa che ci sta a fare? Ah, ho capito, questa, lui la rubata, allora con l’emozione ... l’ha portata per sicurezza. (mette in tasca il rotolo e prende nella valigia la filigrana) Ecco qua!

LOTU - Aeh, chesta, chesta è filigrana!

ANTO - E pe’ forza, vene dal Policlinico dello Stato.

LOTU - Che Policlinico, Poligrafico!

ANTO - Giusto, Poligrafico dello Stato. Beh, tenevo raggione?

LOTU - Effettivamente ...

ANTO - Allora, passiamo all’atto pratico?

LOTU - Per carità, don Antonio, c’aggio dato n’occhiata accussì, da amatore, da esperto tipografo, come dicite vuie.

ANTO - Vuie state pazzianno, Lo Tu’, ma vi rendete conto che io sto per farvi realizzare il sogno di qualsiasi tipografo: dal biglietto da visita al biglietto da diecimilalire. Guardate che è un bel salto di qualità!

LOTU - Sì, certamente ... ma insomma, diciamo la verità: io mi intendo solamente di bianco e nero .....

ANTO - Ah! E va bè, facciamole in bianco e nero.

LOTU - Eh! Sì, in bianco e ner....

ANTO - Ma veniamoci incontro .....

LOTU - Ma  qui si tratta di qualità di inchiostri, di nuances, come si dice, di sfumature. Per fare quello che dite voi, a parte tutto, ci vorrebbe un altro esperto ... Un esperto di colore ....

ANTO - Un negro?

LOTU - Un negr..... ma che me facite dicere, don Anto’?

ANTO - E già, noi già siamo in due, ci mettiamo dentro un’altra persona e per di più negro, uno straniero. Ma non se ne parla proprio! (così dicendo rimette dentro la valigia la filigrana e il clichè)

LOTU - Ma capite che, ove mai ...

ANTO - Niente ove ...

LOTU - ... Ove mai uno volesse fare una pazzia, ci vorrebbe uno che ne capisse di colore. (su questa battuta appare Cardoni che si avvicina alle cassette delle lettere)

SCENA QUINTA

ANTONIO - (si avvia verso l’uscita della portineria) Un esperto di colori .... (vede Cardoni) Un pittore andrebbe bene?

LOTURCO - Eh!

ANTO - Ce l’ho!

LOTU - Ma è un artista?

ANTO - Artista? Quello è un grande artista. (fa segno a Lo Turco di guardare fuori dalla portineria)

CARDONI - (durante queste battute Ha poggiato il quadro che aveva in mano, e guarda nella cassetta delle lettere la posta)

LOTU -  E’ quello?

ANTO - Eh!

LOTU - Chillo è ‘o pitture?

ANTO - Ma perché, non va bene? Oh, signor Lo Struzzo ...

LOTU - Lo Turco.

ANTO - Lo Turco, che andate cercando a Picasso, vulite De Chirico oppure devo fa resuscità a Raffaello?

LOTU - Ma io nun volgio fa resuscità a nessuno, ma ccà ce vo’ n’artista ... chillo e nu miezzo imbianchino. Disegna cannoli sulle vetrine delle pasticcerie. L’aggio visto io.

ANTO - No, no, non parlate così a vanvera. Voi non lo sapete ma  Cardoni fa anche il marmetto finto.

LOTU - Che fa?

ANTO - Il marmetto finto. Ho visto un cipollino fatto da lui con tre gradazioni di colori .... quello si confondeva con il cipollino vero. Credetemi, è un genio! Si capisce .... nei momenti difficili si adatta a fare quello che trova, povero disgraziato.

LOTU - Ma ci possiamo fidare?

ANTO - (prendendolo sottobraccio per andare da Cardoni) Sicuro! Ma aggiate pacienza: quando uno è pieno di debiti, tiene le cambiali in protesto, lo sfratto, insomma quando uno è proprio nu muorto ‘e famme, ci si può fidare! Io non mi sono forse fidato di voi?

LOTU - Pure questo è vero.

ANTO - (andano sulla porta della portineria) Buongiorno Cardoni, venite un momento qua che vi voglio presentare una persona. Trasite, trasite.

CARD - E’ permesso?

ANTO - Conoscete il signor ....

LOTU - Lo Turco.

CARD - No. Cardoni, piacere.

ANTO - Ma come, non vi conoscete? Abitiamo nello stesso palazzo!

CARD - Eh, ma quello è un alveare.

LOTU - E’ grande.

ANTO - Fateci un po’ vedere  come và questo grande dipinto?

CARD - (voltanto il quadro verso il pubblico, mostrando un dipinto infantile)  Così, non c’è male.

ANTO - (rivolgendosi a Lo Turco) A voi che ve ne pare?

LOTU - Però, c’è un certo rilievo.

ANTO - Bravo! C’è un certo stile, come si dice .... una personalità. ..... Io ne capisco poco e correggetemi se sbaglio, ma a me ricorda un poco il Pinturicchio ... quando sta all’asilo ....

LOTU - Della prima maniera.

ANTO - .... della prima maniera. Perché questa maniera qua ....

LOTU - E’ l’ultima! (Cardoni fa per andarsene tra l’offeso e il mortificato)

ANTO - A proposito di ultima, Cardoni, poco fà è venuto ‘o postino e m’ha cunsegnato uno scritto urgente e visto che è dell’Amministrazione ho pensato di darvelo a mano.

CARD - (prende la busta con imbarazzo e la mette in tasca) Niente, non è niente.

ANTO - (prende Lo Turco e si allontanano) Niente, dice niente! A me, lo sapete, nun me piace mettere ‘o naso mmiezzo all’affari degli inquilini miei, ma cca’’o fatto è evidente. Quello è un intimo!

LOTU - (fa un gesto,  dimostrando che non ha capito) Ah, è un intimo?

ANTO - Un intimo di sfratto!

CARD - Don Anto’, e voi mi mortificate.

ANTO - Perchè?

CARD - (indica Lo Turco)

ANTO - Perché ci sta lui presente? Ma no, quale mortificazione! Chillo è nu disgraziato, muorto ‘e famme come noi.

LOTU -(risentito) Don Anto’!

ANTO - Come noi!

LOTU - Ah, come noi! E’ ‘o vero Cardo’, è in quest’epoca che bisogna adeguarsi e passare tutti quanti dalla parte del ragionier Casoria.

CARD - Ma quello è proprio isso che m’ha mannato ‘o sfratto!

ANTO - Lo Tu’, questo non ha capito proprio niente.

LOTU - Gli offriamo un caffè?

ANTO - Sì.

LOTU - (rivolgemdosi a Cardoni) Un caffè?

CARD - Eh, volentieri.

ANTO - (a Lo Turco) Con molto zucchero?

LOTU - Con molto zucchero!

CARD - A me, veramente, me piace amaro.

ANTO e LOTU - Uh, Cardo!

ANTO - Coraggio, accomodatevi.

LOTU - Don Anto’, permettete se procedo io?

ANTO - Prego, ormai avete imparato la lezione.

LOTU - Allora, Cardo’, sentite a ma. Questo siete voi .... (gli mette una tazzina davanti)

CARD - Questa tazza?

LOTU - Questa tazza.

CARD - (la guarda internamente) Ma è sporca!

ANTO - Cominciamo bene. (ne va a prendere un’altra internamente)  Aspettate che ve la cambio.

CARD - Sapete, io sono un poco schifiltoso.

ANTO - (rientrando con la tazzina pulita) E ce ne siamo accorti.

LOTU - Ecco fatto. Allora, questo siete voi, questo invece è il capitalista. (prendendo la zuccheriera)

ANTO - Ma no lo zucchero, quello è il capitale.

CARD - (guardando Lo Turco) Eh.

ANTO - L’altra tazza.

LOTU - E’ vero, scusate. Allora, all’inizio sono tutte e due senza capitale.

CARD - (guardando Lo Turco) Ah! La capitale di dove?

LOTU - (rivolgendosi ad Antonio) La capitale di dove?

ANTO - (pausa) Vedete, Lo Turco, finchè lo chiede lui .... ma è mezz’ora che stiamo parlanno .... sono tutte e due senza zucchero ....

LOTU - (cercando di replicare)  ..... Perché non và bene?

ANTO - Lo Turco, che state accucchianno?

CARD - (con la tazzina del caffè in mano, rivolgendosi a Lo Turco) Posso bere?

LOTU - Prego. (continuando a discutere con Antonio)

ANTO - (che si accorge di Cardoni che sta bevendo) No, no, non deve bere! (soggetto di Cardoni) Lo Turco fate qualcosa!

LOTU - Giusto! Non dovete bere! Non potete, perchè c’è uno che vi precede. (e comincia a mettere lo zucchero nella sua tazzina)

ANTO - Cardo’, voi che pensate?

CARD - Che gli piace dolce assai.

LOTU - Sì, ma è prepotente e continua, continua ....

ANTO - Cardoni, Quando la smetterà?

CARD - Gesù, quando lo zucchero sarà finito.

ANTO - Lo Turco, questo è peggio di voi.

LOTU - E’ impossibile.

ANTO - No, no è proprio così.

LOTU - No, dico, è impossibile che non capisce. Che ignoranza! (beve il caffè e lo sputa perché troppo dolce)

CARD - (beve il caffè amaro) Buono, amaro come piace a me.

ANTO - Ah, è una cosa lunga, allora! Basta! Cardo’, vi ricordate la valigia che mi avete portato stammatina?

CARD - Quella del signor Andrea?

ANTO - Eh, teneva una sorpresa.

CARD - ‘O vero?

ANTO - E’ ‘o vero. Questo è il clichè della Zecca per stampare biglietti da diecimilalire.

CARD - Ma cos’è, un gioco?

ANTO - Niente giochi, Cardo’. Questa è roba vera. Voi siete esperto di colori?

CARD - Un pochino.

ANTO - Abbiamo bisogno del vostro aiuto per stampare biglietti da diecimila lire falsi. Abbiamo anche la carta filigranata autentica. E ora guardate questo clichè.

CARD - Ma io ....

ANTO - Guardatelo! ...... Cardo’, mo t’’o mengo ‘n faccia ‘o ssai? Eh! ‘A tazzina è schifiltosa e ‘o clichè è schifiltoso .... eh! Ma che t’ha ‘mparato mammeta?

LOTU - E guarda!

CARD - (rivolgendosi a Lo Turco, indicando Antonio) Sta nervoso?

ANTO - Non guardare in giro, qua devi guardare. Concentrati. Devi stare concentrato .... Guido io ..... guarda qui, guarda qui, guarda qui ......

CARD - ...... nooo ......

ANTO -  ..... guarda qui, guarda qui, guarda qui ......

CARD - ..... mmmmm .......

ANTO - ..... guarda qui, guarda qui, guarda qui ......

CARD - ...... uuuuuh .....

ANTO - (alterato) .... e guarda qui!

CARD - (si volta verso Lo Turco che gli fa cenno di guardare il clichè ma  per l’emozione volta il clichè dall’altra parte. Poi lo guarda)

LOTU - Ma che guardi. Sta stuorto. Cretino!

CARD - Sto’ teso?(lo gira dalla parte giusta e sotto la minaccia di entrambi analizza il clichè)

ANTO Sta facenno ‘a sudata!

CARD - No, no, no, ...... e chisto nun è pane mio. Io mi intendo solo di smalti, di colori ad olio, ma qui si tratta di inchiostri grassi.

ANTO - O grassi, o magri .....

LOTU - (staccandosi dal gruppo seguito da Antonio) Eh, don Anto’, ve l’avevo detto io.

ANTO - Io credevo che invece ....

LOTU - Ma che credevate, chisto è proprio n’imbianchino!

ANTO - Granturco, non bestemmiate. Secondo voi quello tiene la faccia da imbianchino?

LOTU - Sì, tene proprio ‘a faccia da imbianchino.

ANTO - Vada per la faccia. Ma dentro è genio e come tale va incoraggiato.

LOTU - E mo che faccio? Ormai mi trovo nel ballo, aggia balla’. (a Cardoni) Cardo’, qua ci dobbiamo guardare negli occhi, guardiamoci nella coscienza di ognuno.

CARD - E guardiamoci.

LOTU - Cardo’, tu te la senti?

CARD - (esita a rispondere)

LOTU - (rivolgendosi ad Antonio) Non se la sente.

ANTO - Dategli tempo. Questo già è lento .....

CARD - (lo guarda risentito)

ANTO - .... è lento perché è artista, glielo dovete dire gentilmente. Cordoniiii, tu te la sentiii?

CARD - (in modo titubante) ..... me la sentir......

ANTO - Se la sente.

LOTU - (ad Antonio) E allora?

ANTO - (a Cardoni) E allora?

CARD - Con un poco di sforzo?

ANTO - E fallo stu sforzo, Cardo’, siamo tra noi.

LOTU - (a Cardoni) Allora?

CARD - Noi facciamo peccato.

LOTU - (ad Antonio) Facciamo peccato?

CARD - Facciamo peccato mortale ....... io tengo solo la mamma.

ANTO - Cardo’, non cominciamo a tirare in mezzo la mamma.

CARD - E se poi lo viene a sapere? ... no, no, io non ci stò, non ci stò e non ci stò. Io la notte voglio dormire tranquillo non voglio essere roso da morsi della coscienza.

ANTO - Preferisci essere roso dai morsi della fame.

LOTU - E l’intimo di sfratto?

ANTO - Ah, già l’intimo! Quello non ti rode?

CARD - Ma la mamma!

ANTO - N’ata vota sta mamma mmiezzo. e che ce l’hai solo tu la mamma? (pausa) Allora?

CARD - (molto titubante)  .... E va buo’ ..... allora ..... allora tentiamo.

ANTO - Bravo, Cardoni.

CARD - Un momento, don Anto’, ..... io volevo dire ..... ovemai, ma dico proprio ovemai .... io avrei bisogno di un modello, di un biglietto da diecimila lire vero.

ANTO - Ah. E chi ce l’ha?

CARD - (sottovoce ad Andtonio) Vedi a Lo Turco?

LOTU - (che ha sentito) Io? Ma come ve vene ‘ncapa?

CARD - Del resto io non posso lavorare a memoria, sui ricordi.

ANTO - Quali ricordi, dici pure ‘e fantasia. E comme se fa?

CARD - Come si fa? Io l’ultimo l’ho visto la bellezza di sei mesi fa.

ANTO - E va buo’, vorrà dire che mi sacrificherò io. Prenderò l’orologio di mio padre e speriamo che quell’assassino di Pizzigoni mi ci dia almeno diecimilalire.

CARD - Mi raccomando, Anto’, fatti dare un biglietto da diecimila lire .... bello, ..... grande.

ANTO - Sì, me lo faccio dare a due piazze, Cardo’! I biglietti da diecimilalire sono tutti misura standa. Comunque, l’importante è che abbiamo preso la decisione.

CARD - Va buo’, mo proprio decisione ....

ANTO - Perchè, che c’è ancora?

CARD - E se Gesù Bambino ci resta male?

ANTO - Cardoni, basta! Ormai è deciso. Sotto, Lo Turco, siamo pronti.

LOTU - No, no, Anto’, lasciatemi perdere. No, no, e capisco anche quello che ha detto il reverendo ....

ANTO - Che reverendo?

LOTU - Fra’ Cardoni qui, come si chiama .... Non dimenticatevi chi sono io.

ANTO - Ma pecché, chi sì?

LOTU - Io sono un tipografo, ho la licenza, ma che ve site mise ‘ncapa? Qui parla chiaro: “La legge punisce i falsificatori e gli spacciatori di moneta falsa.” Si va in galera.

ANTO - Ah. E bè vorrà dire che sui nostri biglietti questo non ce lo scriviamo.

LOTU - Ma nun me facite ridere, don Anto’.

ANTO - Ma voi non avete capito che noi non spacciamo monete false. Questo cliché è autentico della Zecca. A noi al massimo ci possono considerare come una succursale, una dependance. Quando ad un negoziante ci capita uno dei nostri biglietti, lo guarda e dice: “Questa è una banconota della dependance. Sì,sì, è buono, dagli il resto a questo.” Po, po, po e mi pagano.

LOTU - Ma quale: “Dagli il resto a questo, po, po, po.” che la Zecca ti ha dato l’appalto? Nun dicite fessarie. No, no e no, Basta, non ne parliamo, per carità.

ANTO - Allora volete dare un calcio alla fortuna?

LOTU - Voglio dare un calcio alla fortuna.

ANTO - E va bene, abbiamo scherzato, nun ne parlammo cchiù.

LOTU - Bravo, nun ne parlammo cchiù. (silenzio)

CARD - Io però ....

LOTU - Chi ha parlato?

CARD - Io.

LOTU - (ad Antonio) E chisto ne parla.

ANTO - Ne vuoi parlare?

CARD - Eh.

ANTO e LOTU - E parliamone.

CARD - No, perché, pensandoci bene, noi nei confronti della legge siamo a posto. Anche la carta è autentica, tutt’al più può essere considerato un reato a responsabilità limitata. E che ci fanno a noi, Lo Tu’, che ci fanno?

LOTU - E va buo’, vuol dire che io mi trovo nel ballo e continua a ballare. Io ballo. (a Cardoni) Tu balli?

CARD - Io ballo.

LOTU - (ad Antonio) E tu balli?

ANTO - Io non ballo.

LOTU - Ma come? Ballo io che sono tipografo e tu non balli?

ANTO - E no, cari signori, io ho sentito quante arie vi date. Chillo tene ‘a mamma co la pittura, tu tieni la tipografia ...

LOTU - Ma è la verità.

ANTO - E anch’io , modestamente, nella media borghesia italiana occupo una società.

LOTU - Scusa tanto, che occupi?

ANTO . Occupo una società.

LOTU - Ah, non lo sapevamo. E che società sarebbe?

ANTO - La portineria.

LOTU - Ma famme ‘o favore.

ANTO - E intanto questa portineria è ben avviata, gente che va, gente che viene. Gli inquilini che a Pasqua, Natale e Capodanno mi danno la mancia. Mi portano i fiori i giorno del nome mio. E poi tengo una moglie e un figlio militare. E poi no, no, perchè è comodo, è troppo comodo. Perché io ho convinto te, ho convinto te, ma a me chi mi convince .... chi mi conforta.

LOTU - Come sarebbe? In un certo senso tu sei il capo.

ANTO - A già, io sono il capo, perché se succede qualche cosa la responsabilità è di Bonocore Antonio fu Vincenzo. La vergogna principale spetta a me e io che figura faccio davanti a mia moglie, a mio figlio che veglia sulle Alpi? Chi sarò io? Sarò il tentatore, il corruttore ...

CARD - Ma noi questo non lo diremo.

ANTO - No? E va bene. Ammettiamo. Ma perché? Perché siete vivi. Ma il defunto? Quello che sul letto di morte mi ha affidato il suo segreto che io ho tradito? Che figura faccio con lui, eh? Ah, guardate che i defunti sono suscettibili! Quando arrivo lassù, sai quello che piattino mi prepara! ....... (aspetta che Lo Turco e Cardoni dicano qualcosa)  .... oh! Beh? .... Non mi confortate ...... non mi convincete? Ueh, guaglio’!

LOTU - Hai ragione tu, non possiamo.

CARD - No, no è una cosa troppo grossa. Questo è un lavoro da dilinquenti di mestiere!

ANTO - Ah, mbè, meglio così, perché io avevo paura che mi volevate convincere. Meglio così .... allora io distruggo tutto e ognuno se tene ‘a miseria sua ..... le cambiali, lo sfratto, i broccoletti, le scarpe rotte ... e la mamma rappezzata.

LOTU - Lasciamo perdere tutto?

ANTO - E’ finita.

LOTU - Come non detto?

CARD - Come non detto.

ANTO - Noi non ci siamo mai visti.

LOTU - E chi vi conosce a voi. (rivolgendosi a Cardoni) Voi lo conoscete a questo?

CARD - No.

LOTU - E tanti saluti. (esce)

ANTO - Stateve buone.

CARD - (fa per uscire poi torna verso Antonio) Anto’, mi dispiace ....

ANTO - (risponde con un gesto di noncuranza)

CARD - (fa per andar via ma prima di uscire si volta) .... se ero orfano!

ANTO - Uuuuh, vattenne tu e mammeta. (esce Cardoni) Come vedete moglie mia, figlio mio ..... (così dicendo prende la valigia e fa per uscire per buttarla) ... C’è una sola cosa importante nella vita .... l’onestà ... Questa si butta a mare .... (torna indietro e nasconde la valigia sotto il letto del figlio) .... l’onestà, prima di tutto!

SCENA SESTA

Tipografia LO TURCO. La luce è tutta sulla “pedalina”.

I tre sono intenti nella fabbricazione del primo biglietto falso.

LO TURCO - (a Cardoni) Che ne dici?

CARDONI - Ci vuole più rosso.

LOTU - E’ vero. (ad Antonio) Rosso!

ANTONIO - Rosso? Subito il rosso ... ecco il rosso. (lo passa a Cardoni che lo passa a Lo Turco, che si trova tra i due. L’operazione si ripeterà per gli altri oggetti per tutta la durata della scena)

LOTU - Se permetti lo metto io.

CARD - Fai, fai.

LOTU - (mette il rosso)

CARD - (approvando) Eh, eh.

LOTU - Ecco fatto. (restituisce il rosso a Cardoni, ripetono il percorso inverso al precedente)

ANTO - E’ magnifico.

LOTU - La cornice è proprio quella.

ANTO - Come si dice, la cornice è la morte sua. Maestro, tocca a te. Sotto Lo Turco, stampiamo.

CARD - Sì, sì, maestro, tocca a te.

LOTU - Sì? (pausa) Acqua e sapone. (pausa) Asciugamano. (pausa) Alcool. (pausa) Solvente. (Lo Turco mette il solvente, che sta in un barattoletto, con un pennello. Appena finito lo da a Cardoni, che rimanendo in contemplazione del clichè, si mette in bocca il ponnello quasi fosse una cannuccia.) Ecco fatto. (si volta verso Cardoni e lo vede in quel comico atteggiamento) Ma che fa chisto?

ANTO - Se sta sucando ‘a granatina. Cardo’, non è il momento.

CARD - Scusate.

LOTU - (osservando il risultato) Rullo.

CARD - Rullo.

ANTO - Rullo.

LOTU - Rullo.

CARD - Rullo.

ANTO - Rullo proprio, eh?

LOTU - Il rullo, Anto’.

ANTO - E’ quasi rullo.

LOTU - Ma no, il rullo, il rullo.

ANTO - Ah, quella specie di matterello?

LOTU - E fai presto, che qui si impasta tutto.

ANTO - Eccolo qua. (Lo Turco esegue) Pasta all’uovo.

LOTU - La carta.

ANTO - (prende dalle tasche un rotolo di carta igienica) Ecco la cara.

LOTU - Ma possibile che te la devi portare sempre appresso?

ANTO - La porto per comodità.

LOTU - La filigrana.

ANTO e CARD - (cantando sul motivo della “Cucarachia”) La filigrana, la filigrana .....

LOTU - Ma insomma, ve pare ‘o momento ‘e pazzia’?

ANTO - Agge pacienza, è la contentezza.

LOTU - La filigrana.

ANTO - (porgendogliela) Eccola.

LOTU - (prima di passare alla stampa) Ehi, guaglio’, voi siete d’accordo?

ANTO - Siete? Eh, eh, siamo ....

LOTU e CARD - Siamo d’accordo.

ANTO - Ah, siete d’accordo!

LOTU - Ueh!

ANTO - Siamo d’accordo.

LOTU - (stampano) Pinze.

CARD - Pinze.

ANTO - Ecco le pinze.

LOTU - E’ lei, è lei, la diecimila. (estraendola con le pinze la fa vedere agli altri e si commuove)

ANTO - E’ un miracolo, quant’è bella.

LOTU - Anima di mio padre perdonami, La voglio baciare.

ANTO - Asciugate bell’’e papà.

LOTU - Guarda, Cardo’, è la prima.

CARD - (sta per svenire) Mi sento male, mi sento male .....

ANTO - Cardo’, nun fa chella brutta faccia!

LOTU - Presto, nu poco d’acqua.

CARD - Mammina.

ANTO - Ecco l’acqua, Cardo’!

scena SETTIMA

Tipografia. I tre sono al lavoro.

ANTO - Ho visto un cappottino ieri mattina al Corso ... proprio un amore .... sai, quelli con la martingala dietro..un po' scampanato.

LOT  U - Eh si, quest'anno vanno scampanati.

ANTO - Oppure mi faccio un bel vestìtino blu ... dìshabillè.

LOTU - Che dishabillè ... habillè! Classico.

ANTO - Eh, un classico dishabillè.  E poi ho deciso una cosa importante.

CARD - Che cosa ?

ANTO - Mi faccio un bel guardaroba tutto quanto fornito a doppio: due camicie, due cravatte, due cinte, due vestiti, due calzoni, due mutande, due fazzoletti, due scarpe e due bei cocomeri americani.

LOTU - E che ci sono pure i cocomeri americani ?

ANTO - Come non ci sono, quelli con il cappuccio.

CARD - E a che serve mettere un cappuccio ad un cocomero ?

LOTU - Ma smettetela tutti e due ! Vorrai dire montgomery!

ANTO - Eh !

LOTU - Quelli con gli alamari.

ANTO - Co i calamari, bravo.

LOTU - Seh, e due gamberetti fritti!  No, no per me invece, l'unica cosa a cui tengo, sono delle belle scarpe nuove.

CARD - Eh, un bel paio di scarpe...

LOT  U - Ma sapete quali mi piacciono ? Quelle che quando uno cammina...

ANTO - ....     quelle con lo scrocchio.

LOTU - Bravo, quelle con lo scrocchio.

ANTO - Quelle che quando uno cammina fanno ciacchete ciacchete.

LOTU - Dimmi quello che ti pare... danno importanza.

ANTO - Caspita!  Le donne impazziscono per quelle scarpe.

LOTU - Eeh..mo' nun esagerammo.

ANTO - E avete deciso qualcosa per l'estate ?

CARD - Si, io si.  Prendo a mammina e vaco a fa' nu bello pellegrinaggio a Gerusalemme.

ANTO - E per forza.

LOTU - In Terra Santa.  No, io me ne vado a Montecarlo.

ANTO - A Montecavo?

LOTU - Montecarlo.  Francia meridionale, Costa Azzurra, un posto meraviglioso donne mozzafiato ... c’è  perfino il Casinò.

ANTO - Cosa c'è ?

LOTU - Il casinò.

CARD - (per chiarire) Il ca-si-nò.

ANTO - Lo Tu’, age pacienza, per queste cose c'è bisogno che te ne vai fino a là?

CARD - Ma no, va a giocare

LOTU - Eh, vedi lui come ha capito.

CARD - Ueh.

ANTO - Che c'è ?

CARD - (finendo di contare) Siamo arrivati a 370.

L OTU - (ad Antonio) Arrotondiamo ?

ANTO - Arrotondiamo? Eh, arrotonda, Cardo'

CARD - A quanto, quattrocento ?

ANTO - (a Lo Turco) Quattrocento ?

LOTU - (dubbioso) Quattrocento ?

ANTO - Facciamo ..... mille e quattrocento.

CARD - Ueh, ueh, 1.400 biglietti da diecimila, a me me pareno nu poco troppi.

LOTU - E quelli so’ 14 milioni!

ANTO - Uhm.  Allora, torniamo indietro 1.370, va bene ?

LOTU - Eh.

CARD - Eh, è meglio non esagerare. Però ... mi sembrano un po' troppo nuove!  Danno nell'occhio.

ANTO - Sì, e cheste vanno invecchiate. (soggetto invecchiamento)

LOTU -(durante l'operazione) Che dicite, lo saldo a Bordini e Stocchetti?

ANTO - E pe’ forza, che vuò pava’ interessi su interessi? Io, a Pizzigoni lo saldo... Faccio un pacco ‘e diecimila accussi e pa’, in faccia. “Pizzigo’, te’, tutte medicine!”.

CARD - Anto’, e per il licenziamento che vuoi fare ?

ANTO - Tengo ‘e denare.  Sa’ quanti posti le guardaporta trovo.  Che d’è, nu milione ‘e mazzetta te’, due milioni, te’ te’, tre milioni...

GUARDIA NOTTURNA - (bussa tre volte)

LOT  U - (impaurito) Chi è ?

GUARDIA -  Vigilanza notturna, chi ci sta dentro ?

LOTU - Eh ... sono io ... Lo Turco ... sto facendo un lavoro straordinario.

GUARDIA -  Scusi, signor Lo Turco, sono Marchetti.  Sentivo dei rumori di dentro.  Buonanotte.

LOTU - Buonanotte. (Antonio e Cardoni sono praticamente riversi sul pavimento) Ueh, e qui bisogna mettersi a lavorare, se no il nostro progetto Montecarlo e Gerusalemme liberata vanno a farsi benedire.

ANTO - E sì,  bisogna lavorare sodo.

CARD - Sodo. (soggetto chiusura)

scena    OTTAVA

L'interno della portineria.  E' l'alba.  Antonio rientra di soppiatto con un pacchetto sotto al braccio.  Va vicino al letto.  Sta per prendere la valigia per depositarvi il pacco, ma all'improvviso Michele rientra dal bagno con asciugamani in mano e accende la luce.

MICHELE -   Papa’!

ANTO - Chi è ? ... Michele,  tu...tu ccà staie ? Quanno si’ arrivato ?

MICHE - Stanotte. (si salutano a soggetto)

ANTO - Michelone mio bello, che pezzo di giovanotto te si’ fatto.  Ma comme, dic’io, na guardia confinaria nun ha da sta' a’’o confine ?

MICHE - Papa', ‘e guardie ‘e finanza nun stanno solamente in montagna.  M’hanno trasferito a Napoli.

ANTO - Al confine napoletano ?

MICHE - Sì, stammo all’epoca del Borboni.  Insomma, papà, nun si’ cuntento?

ANTO - Che dici, pe’ forza ca so’ cuntento.

MICHE - Tiene na faccia.

ANTO - Ma no, che t’aggia dicere, figlio mio, ccà tenimme tante guaie.

MICHE - ‘0 ssaccio ... mammà m’ha ditto tutte cose.  Saccio pure d’‘o fatto ‘e l’amministratore, e che tu non hai accettato.  Bravo, papà he fatto buone.  Tu si’ sempre stato na persona onesta e io so’ fiero ‘e chello che m’hai ‘nsegnato pure a me.  L'onestà prima di tutto.  Nun m'hai nsegnato accussì ?

ANTO - E comme ... l'onestà, prima di tutto.

MICHE - Ad ogni modo,  mo’ sto ccà pur’io,g saccio tutte cose e ve pozzo da’ na mano.

ANTO - Tu a noi ? Con la pedalina ?

MICHE - Quale pedalina ?

ANTO - No, dico ... i pedalini ce l’hai, sì ?

MICHE - Papa', non scherzare.  Al nucleo volante io guadagno cchiù assaie.

ANTO - Nucleo volante ? All'aeroporto.

MICHE - Che dici, papa’?  Nucleo volante, in tributaria.

ANTO - Ah, le tasse.

MICHE - Sì, pure le tasse, ma soprattutto contrabbando, vigilanza sui monopoli di Stato, traffico ‘e valuta e contraffazioni.

ANTO - Ah ... e .... anche monete false ?

MICHE - Soprattutto monete false.

ANTO - Andiamo bene.

MICHE - Come : andiamo bene ?

ANTO - No, dico ... andiamo bene ... ti va bene così ?

MICHE - Certo, si me comporto buono, pozzo addiventà sottufficíale.  Senza divisa ... vesto in borghese ...

ANTO - Te ne freghi!

MICHE - Ma tu, papà,  che tiene ? Addo’ passe la notte.  Mo’ songo quase le sette.  Addo’ si’ ghiuto fino a mo?

ANTO - Io ? ... la notte? ... e beh .... io sto fuori ai nic-club ... apro gli sportelli, aiuto le macchine a fare manovra  ... arrotondo.

MICHE - Accussì ‘a notte stai scetato. (scorgendo il pacchetto) E chesto che d’è ?

ANTO - Chesto ? ... No, niente ... e chesta è la cosa ... come si chiama? ... e forza che ‘a saie  pure tu ... la carta igienica l'ho vinta alla lotteria.

MICHE - Papà, nun me piace che faie sti ccose.

ANTO - La lotteria con la carta igienica ?

MICHE - Papà, ‘na cosa la truammo, ma ‘a notte a perdere ‘o suonno, no.

ANTO - E va buo’ ... tiene ragione pure tu ... Vorrà dire che adesso ca sì turnato ... nun ce vaco cchiù..

MICHE - Bravo. (cerca le scarpe e,otto al letto)

ANTO - Fermo ! Che vaie facenno ?

MICHE - Niente, vaco truanno ‘e scarpe mie.

ANTO - Non ti inchinare per carità.  Tu sei abituato alle Alpi, ti si abbassa la pressione.  Le prendo io le scarpe, le prendo io.

MICHE - (indossandole) Papà,  ‘o saie addo’ vaco,  mo’?

ANTO - E dove andrai ... in caserma.

MICHE - ‘O maresciallo m'ha dato un incarico importante.  Tu me si’ pate e t’o pozzo dícere ... ma guarda che è un segreto.

ANTO - E ddice a papà tuo.

MICHE - Stiamo inseguendo una banda di falsari.

ANTO - Falsari ?

MICHE - Eh, ‘na banda di falsari, comme se dice...

ANTO - ... spacciatori di monete false.

MICHE - Eh!

ANTO - Eh.

MICHE - Sò specializzate in biglietti la diecimila lire. Il maresciallo dice ca’ so’ esperti assaie.

ANTO - Esperti mo’ ...

MICHE - Esperti.  Ha ditto che se li scopriamo bisognerebbe farli assumere al Polígrafico.

ANTO - Beh, di questo se ne puo’ parlare. Ma dici na cosa a papà tuo ... hanno spacciato parecchi biglietti, assaie ?

MICHE - Sette, di cui il primo in una tabaccheria.

ANTO - Poveri noi.

MICHE - Come ?

ANTO - Dico ... poveri noi, dove siamo arrivati.

MICHE - Insomma, stiano controllando tutte le tabaccherie.  Stamattina aggia ì a’ Afragola in missione speciale e segretissima. Uh, Maronna, è tarde.  Me ne aggia ì. Ce vedimmo papà. (fa per uscire) Sai che prepara per pranzo mammà?

ANTO - Broccoletti e patate.

MICHE - Ah. Comunque chello ca magnate vuie va buono pure pe’ mme.

ANTO - Dirò a tua madre di rimediare qualchecosa  di meglio.

MICHE - A cchiù tarde, papa'. (si ferma) Papà, te l'aggio ditto, nun sta accussi, ti aiuto io.

ANTO - Lassa fa’‘o cielo, fa chello che he ‘a fa.  Va a’ Afragola, fa lo finanziere che a me ce penz’io.

MICHE - Ce vedimmo. (esce)

ANTO - Statte buono.  E’ la fine, è la fine.

scena  NONA

CARDONI - (appare sullo sfondo, fischiando un paio di volte in modo comicamente furtivo.  Indossa un cappotto nuovo)

ANTONIO - Ma non fare così, che se ne accorgono subito.

CARD - (entrando) Nooo.

ANTO - Arrivi a proposito.  T’aggia parla riguardo ai soldi.

CARD - Ah, bene, ne vuoi fare degli altri ?

ANTO - Incosciente.  Mio e è stato trasferito a Napoli.

CARD - Complimenti, mi fa molto piacere.

ANTO - Non credo, non credo proprio.  E' guardia di finanza se non lo sai... addetto alla brigata repressione falsari.

CARD - (quasi svenendo) E tu adesso ma lo dici ?

ANTO - E quanno te l’avevo ‘a dicere? Chillo so ne stava sulle Alpi, tranquillo.  E la tragedia non è questa: è che hanno individuato i nostri biglietti da diecimilalire falsi.

CARD - (calando) Mammina mia, mammina mia!

ANTO - Cardo’, ma è mai possibile che ogni piccola cosa devi svenire? E che sei una donnetta ? Coraggio, coraggio.

CARD - Che succederà adesso ?

ANTO - Che succederà ... accidenti!  Non si può avere una idea che subito te la smontano.  Poi mi  vengono a parlare dell’iniziativa privata!

CARD - (Piagnucolando)  Mammina.

ANTO - Stai su, e che diavolo! Tanto non lo sanno ancora che       siamo noi.

CARD - (riprendendosi) No?

ANTO - No. L'essenziale è questo: cerca di non spendere più un soldo.

CARD - Perchè tu ne spesi molti, neh Anto’?

ANTO - Per forza. Che li tenevolì' ?  ...  le spese che uno ... quelle cose ... le prime necessità, pane, pasta ... insomma, Cardoni, adesso basta!

CARD - Basta.

ANTO - Ecco.  E specialmente con i cappotti nuovi, basta. Non se ne comprano più.

CARD - Sì, sì, è giusto.

ANTO - Poi una cosa importantissima: dobbiamo distruggere la valigia con i cliché, e la carta filigranata.  Se ci trovano quella, siamo fritti.

CARD - Perchè non ti fai aiutare da Lo Turco ?

ANTO - Lo Turco? Quello starà in giro a farsi vedere le scarpe, quell'esibizionista.

CARD - E’ imprudente. Infatti a casa non c’è e la tipografia stà chiusa.

ANTO - (andando aprendere la valigia) Dunque, ora ti prendi questa valigia e la vai a buttare a fiume.

CARD - Quando?      Adesso ?

ANTO - E quando, domani ?

CARD - No, dico, perchè non aspettiamo che scende la notte ?

ANTO - Cardo’, ma allora sei minorenne!

CARD - Minorato!

ANTO - Minorato. Quelli da un momento all'altro ci stanno addosso.  Avanti, prendi la valigia. (sta per dargli la valìgia) Aspetta.  M’he ‘a fà nu favore.  In terrazza nel quinto cassone dell'acqua ci sta un contenitore con una mazzetta di biglietti falsi, quelli miei.  Ti prego, prendi i soldi e distruggili.

CARD - Quinto cassone.  Va bene, allora io vado.

ANTO - Addo’ vaje ?

CARD - E comme, vado prima al fiume.

ANTO - Vestito così? Passa prima per casa, per carità, e vatti a mettere quello straccio di cappotto che tenevi prima. Se ti vedono con questo, capiscono tutto.  Uno con la faccia come la tua, che indossa quel paletot, subito si dice: quello è un falsario. Vai, va’, e fa ampresso.

scena     DIECI

Qualche ora dopo.

ANTO - (sta spazzando in ingresso) Questi gatti, accidenti a loro, se ne piglio uno me lo mangio.  Ma io dico, a mio figlio non lo potevano arruolare nei marines ? No, guardia di finanza.  Ma puozze ... (si ode sopraggiungere un classico rumore di scarpe nuove) Lo Turco? (andando verso la porta) Lo Turco!

LOTU - (elegantissimo) Sì!  Oh, caro don Antonio , come va il lavoro in portineria oggi ?

ANTO - Disgraziato.

LOTU - Don Anto’, come vi permettete ?

ANTO - Ma dove ti sei cacciato ? A casa non ci sei mai, la tipografia sta chiusa.

LOT  U - Eh, la tipografia! Quella è diventata ormai un'attività marginale, .... facciamo un po' di vita...

ANTO - Ah, sì ?

LOTU - Ma, a proposito, il vestito nuovo non te lo si' fatto?

ANTO - Il vestito nuovo?  A giorni ce lo faranno a strisce, il vestito nuovo.

LOTU - A strisce?  Un pigiama.

ANTO - Seh, ‘o picciama. La tributaria ci sta braccando. Si sono scatenati a largo raggio.  C'è tutto un brulichio di finanzieri.  A mio figlio l'hanno mandato fino a Afragola.

LOTU - Afragola? E che ci sta ad Afragola ?

ANTO - Sei tu che me lo devi dire che ci sta ad Afragola.  A lui là, l’hanno mandato . Dì la verità, hai speso soldi a Afragola ?

LOTU - Io, a Afragola? Ma tu si' pazzo.  No, no, tuo figlio sta su una falsa pista per fortuna.

ANTO - Perchè, per fortuna ? Mio figlio sta su una falsa pista e tu si' cuntento ?

LOTU - E perchè, tu no ?

ANTO - Sì, ma moderatamente.  Prima di essere falsario sono padre.  E che caspita, povero guaglione, lavora tanto, nu poco ‘e soddisfazione se la meriterebbe pure.

LOTU - (alterandosi) E allora adesso andiamo ad Afragola...

ANTO - Parla piano, per carità. Vogliamo mettere i manifesti per Afragola.

LOTU - (riprendendosi) ... andiamo ad Afragola e dicimmo a tuo figlio che la pista è sbagliata, che la traccia siamo noi.  So’ cose le pazze.

ANTO - E già, perchè, secondo te, gli altri finanzieri stanno dormendo? Michele ha detto che una squadra sta controllando tutte le tabaccherie.

LOTU - Ah, ho capito.  E quello è il primo biglietto che hai spacciato tu.

ANTO - Ah, l'ho spacciato io ? E chi mi ci ha mandato a me a spacciarlo? Se devo andare in galera ci vieni pure tu.

LOTU - Ma tu si' asciuto pazzo! lo che c'entro, in fondo cercano a te, mica cercano a me!  Anzi, sai che ci sta di nuovo, quando ci incontriamo non ci salutiamo nemmeno.  Teniamoci lontano, evitiamoci.  Buongiorno, buonasera e passa.

ANT Ah, no, non facciamo a tirarci indietro ... perchè, mannaggia la capa, se salto io, saltano tutti, faccio Pietro Micca, faccio. (si ode una sirena.  Sì nascondono tutti e due con le spalle al muro.  Poi lentamente cercano di guardare)

LOTU - Oddio.  Si sono fermati davanti la tipografia Cercano a me!

ANTIO - In fondo, ripensandoci bene, non avete torto, signor Lo Turco. Teniamoci lontano, evitiamoci. Quando ci incontriamo, buongiorno, buonasera e passa.

LOTU - Io mi nascondo in casa. (fugge via)

ANTO - E io dove vado?

scena    UNDECIMA

MICHELE - (entra contrariato) Papa'.

ANTONIO - Ma puozze passa' no guaio, si' tu?

MICHE - Ma pecchè, chi aveva la essere ?

ANTO - No, è che aggio Intiso na sirena e ....

MICHE - No, e che sirena.  E poi pecchè t’he ‘a mettere paura ‘e na sirena?

ANTO - Lascia fare ... piuttosto ... allora, come va ?

MICHE - Bene.

ANTO - No, dico, come è andata ?

MICHE - Che cosa ?

ANTO - Ah ah, come che cosa, la gita.

MICHE - Nun t'‘o pozzo dicere, papa'.

ANTO - Va buo’, comme vuoi tu, nun m'‘o dicere.  Tanto già saccio tutte cose.

MICHE - Come ?

ANTO - Lo so, lo so, è andata malamente pe’ forza.  Ma comme, vai a cercare i falsari ad Afragola ? Michelino mio, ma come te vene ‘ncapa ?

MICHE - He ragione, papà, so’ stato no ciuccio, ‘a verità.

ANTO - Io te l'avevo ditto, mo' non puoi dicere che no.  Ad Afragola, sicuramente fabbricano tante bella cose, ma non i soldi falsi. Uno dice: va buo', povere guaglione, quelli gli danno gli ordini, lui parte e va'.  Ma la colpa è del maresciallo.  Pecchè nun è ghiuto isso al Afragola?  Seh, a chi?  Chillo, è stato a Napoli, sulle piste sbagliate ci manda i novellini.

MICHE - No, papà,  nun dicere accussì. ‘O maresciallo nun ce trase ‘int’’a stu fatto.  Isso m'ha mannato fino a la' pecchè ... ma tu sti ccose non n’’e puo’ capi'.

ANTO - Nun’’e capisco.  Siente a me, Michelì. Ti hanno fatto la parzialità. Chìlle hanno ditto : " E' figlio di portiere, è buono".  Ma tu ti devi far valere.  Perchè gli altri procedono bene.  L'altra pista è quella buona.

MICHE - Mi credevo fosse un lavoro cchiù facile.  Forse lo mestiere mio è purtà ‘o moschetto ‘nnanze e arrete lungo lo confine.  Stavo bene al confine e là mi rimanderanno.

ANTO - Figlio mio, come sei pessimista mi sembri:" Dagli Appennini alle Ande!!  Dai retta a papa' tuo, segui l'altra pista.

MICHE - Io vaco, aggia fa ‘o rapporto a ‘o maresciallo. (esce)

ANTO - Dammi retta, fa chello ca te dice pateto. Ma tu guarda che situazione.  Mi tocca pure aiutare a mio figlio per farmi scoprire.  Ci faccio acqua, acquazzone, fuochino, fuochetto.

Scena  DODICESIMA

MARESCIALLO DENTI - Portiere ?

ANTONIO - E' uscito.

MARE - E quando torna ?

ANTO - Dipende. Oddio Casoria!

MARE - Prego?

ANTO - Ah, ah ... Casoria.

MARE - Come a Casoria, casomai Afragola.

ANTO - Ragioniere Afragola, non lo conosco. Ma voi siete il fratello del tabaccaio?

MARE - Quale tabaccaio?

ANTO - Un parente di Casoria?

MARE - Sì, a Casoria ci abitavano i miei genitori. Ma a voi chi ve l’ha detto che tengo parenti a Casoria?

ANTO - Così, per caso.

MARE -Senta, io cerco Bonocore.

ANTO - Ah, Bonocore. E’ morto.

MARE - Ma come è morto, ho parlato con lui,questa mattina.

ANTO - Davvero ? Non me lo ricordo.

MARE - Sentite io non so di cosa state parlando. Vi prego, ditemi dove posso trovare Michele Bonocore.

ANTO - Ah, Michele

MARE - Sì, Michele, la guardia di finanza. Sono    il maresciallo Denti.

ANTO - Il maresciallo Casoria, il maresciallo .... ho capito, siete il capo di mio figlio. Scusate ma da un po’ di allucinazioni Accomodatevi, prego.

MARE - No, grazie, non ho molto tempo.  Ma allora voi siete il padre, il portiere ? Perchè avete detto che era uscito ?

ANTO - Marescia’, voi lo sapete, quando uno ha a che fare con il ragioniere ... con la giustizia si emoziona sempre un po'.

MARE - Insomma, posso sapere se Michele è in casa ?

ANTO - E' uscito di qui un attimo fa.  Ha, detto che doveva andare in caserma per il rapporto.

MARE - Non importa, tanto ero passato qui vicino per un'altra cosa.  Arrivederci. (per andare)

ANTO - Preoccupato, eh ?

MARE - Di che cosa ?

ANTO - Di Afragola.

MARE - Ma voi come lo sapete ?

ANTO - Marescia’, vi dimenticate che sono il padre.

MARE - Avete ragione.

ANTO - Non vorrei passare da curioso ma ... a che punto sono le indagini?

MARE - A buon punto.  Certe volte basta una traccia insignificante, una banconota sola.  Un biglietto spacciato, in una tabaccheria. Voi capite quello che voglio dire ? I falsari possono essere abili, lavorare di  notte, usare magari la tipografia di un amico, stampare i soldi con cliché di alta precisione con carta di prima qualità. Ma sono esseri umani con le loro insicurezze. La paura fa commettere degli errori e a quel punto noi  ...  zac, li acchiappiamo tutti. E non ce ne sfugge uno, caro Bonocore, non ce no sfugge uno. (fa per uscire)

ANTO - Arrivederci, Maresciallo.

MARE - (sulla porta) A presto.

ANTO - Come avete detto?

MARE - A presto! (via)

ANTO - A presto?  Lui dice che non è Casoria, ma io non ci credo.

Scena   TREDICESIMA

LO TURCO - (mascherato con aria comicamente circospetta) Psss ... Uiiih. Sono andati via ?

ANTONIO - Chi è ?

LOTU - C’è via libera ?

ANTO - Ma come ti sei combinato ?

LOTU - Perchè, mi hai riconosciuto ?

ANTO - Non fare il ridicolo e levati quella roba di dosso!

LOT  U - Siamo soli ?

ANTO - Ma si, smettila. Lo Tu’,  quelli hanno scoperto tutto.

LOTU - (fa per andare) Oh, mamma mia!

ANTO - Fermo, fermo.  Non cercano te, cercano a me.

LOTU - Ah, meno male.

ANTO - Meno male, eh?  Delinquente, egoista.

LOTU - Anto’, age pacienza, qui ci sta poco da fare i coraggiosi.

ANTO - Io non capisco come hanno fatto a scoprire che quello della tabaccheria sono io.

LOTU - Come lo hai saputo ?

ANTO - Come ? Il maresciallo è venuto qui con un pretesto: che volpe!  Ah, che volpe quel maresciallo.  Si è messo a giocare con questo disgraziato come il gatto gioca con il topo.

LOTU - Anto’, scusa, ma io, tra volpi, gatti e topi non aggio capito niente.

ANTO - Come al solito.  Il maresciallo sa tutto.

LOTO - Ueh! (per alzarsi)

ANTO - Ma smettila una buona volta! Il maresciallo sa tutto e da un momento all'altro mi arrestano.  Quello che mi tormenta è la fine di Michele ....  si, insomma, mio figlio. Con un padre falsario lo cacciano subito dal corpo.  (pensa)  ..... Il maresciallo lo buggero.

LOTU - E' amico tuo.

ANTO - Chi?

LOTU - Hai detto: il maresciallo Lo Buggero.

ANTO - Ma che hai capito ? Io al Maresciallo, lo buggero.

LOTU - E che fai ?

ANTO - Mi costituisco.

LOTU - E allora la buggeratura la prendi tu, perchè, quando ti costituisci ti arrestano lo stesso.

ANTO - Invece qui sta la grande trovata.  Mi faccio arrestare da mio      figlio. Capisci che bella figuza che fa ? Non solo non solo non lo cacciano ma gli danno pure una promozione, caro Turchetti.

LOTU - Ma è mai possibile?

ANTO - Che cosa?

LOTU - E’ mai possibile che ancora non hai imparato il mio nome ?

ANTO - Perchè come ti chiami?

LOTU -  Lo Turco, Lo Turco!

ANTO - Già, hai ragione. Dimmi una cosa ora: quei soldi ...  tu ...li hai

            spesi tutti ?

LOTU - Non tutti.

ANTO - E allora fai così: la rimanenza distruggila.  E così deve fare pure Cardoni.  Anzi, lui poveraccio, sta sistemando anche la la valigia con i cliché.

LOTU - Allora si distrugge tutto, Bonocore ?

ANTO - Tutto .... è meglio.

LOTU - E' meglio.

ANTO -Grazie. (si avviano verso l’uscita)

LOTU - (ha come       un soprassalto)

ANTO - Chi è?

LOTU - No, niente, mi sono ricordato che devo comprare il latte.

ANTO - E non fare cose che mi spaventi

LOTU - Hai ragione, scusa.  Ma tu che ti spaventi a fare se ti devi costituire ?

ANTO - Questo pure è vero.

LOTU - (sta per uscire quando sente delle voci in arrivo e si mette di spalle all’entrata)

scena QUATTORDICESIMA

MICHELE - (entrando riconosce Lo Turco nonostante di spalle e mascherato) Buongiorno, signor Lo Turco.

LO TURCO - (gesto di rassegnazione ed esce)

MARESCIALLO - (entrando con Michele) Hai visto, tu che non ci credevi!  Bravo, tutto merito tuo.  Ho appena chiamato la centrale.  Abbiamo già spiccato l'ordine di cattura.

ANTONIO - Vi siete incontrati allora ?

MICHE - Papa', questo è il maresciallo Denti.

ANTO - Sì, sì, lo so.  Voi permettete maresciallo quando parlo un attimo con mio figlio ?

MICHE - Papà, nun me pare ‘o mumento, Innanz’’o maresciallo...

MARE - Fate con comodo, signor Bonocore.

MICHE - (ad Antonio) Papà, si' è na cosa ‘mportante, si no che figura me fai fa!

ANTO - Una cosa? Due cose importanti!  Importantissime, gravissime. Prima di tutto sei sicuro che questo è il maresciallo e non il ragioniere?

MICHE - Quale ragioniere?

ANTO - Casoria.

MICHE - Papà, ma che dici il maresciallo della finanza è ragioniere?

ANTO - Sarà un ragioniere della finanza. Sempre tasse sono.

MICHE - Papà, perfavore.

ANTO - Va bè, sarà come dici tu, ma papa' tuo ti deve fare na confessione.  Oh, mo' pecche' si tratta della tua carriera perchè se non col cavoletto di bruxelles che parlavo .

MICHE - Ma che stai dicenno ? 'E che se tratta ?

ANTO - Dei biglietti da diecimilalire, quelli falsi.

MICHE - E tu che c'entri ?

ANTO - Che c'entro ? Dincello a ‘o maresciallo se c'entro.  Jamme bello a papà, nun perdimmo chiù tiempo: arrestami si no ‘o ffà isso e simmo ruinati. ‘0 falsario song’io.

MICHE - Ma te pare chisto ‘o mumento ‘e pazzia'.

ANTO - Nun sto pazzianno!  Fa' ampresso, arrestami.  Ubbidisci a tuo padre.

MICHE - E forza, papa'!

ANTO - Mietteme ‘e manette.

MICHE - Macchè manette.

ANTO - Non tieni neanche le manette, a papa' tuo.  Non ti hanno dato...

MARE - (all'improvviso rientra senza baffi e occhiali) Bonocore !

ANTO - (avvicinandosi al figlio) E no, mi ha già arrestato lui.

MARE - (stando al gioco) Ah, sì ? Bene, bene, era ora.

ANTO - S’è tagliato i baffi.

MARE - Quali baffi?

ANTO - E gli occhiali?

MICHE - (ridendo) Scusate, maresciallo, papa' tene sempe voglia ‘e pazzia'.

MARE - Scommetto che vuole sapere notizie sulle indagini? Glielo hai detto ?

MICHE - Non sapevo si ‘o putevo fa'.

MARE - E perchè no, oramai hanno pigliato pure ‘o tipografo.

ANTO - Lo Turco?

MARE - No, lo svizzero.

ANTO - Allora mi ha dato il nome falso ?

MARE - Chi ?

ANTO - No, niente, na cosa mia.

MARE - Recidivo, sapete, per la terza volta.

ANTO - Lo Turco .... ehm ... lo svizzero ?

MARE - Sì, lo chiamano così, ma è di Bergamo. Un tipo in gamba. I biglietti erano molta ben riprodotti.  Che ne dicite, Bonoco’, gli facciamo dare un bel premio a questo ragazzo ?

ANTO - E sì, se lo merita.

MARE - Lo sa che era molto, scoraggiato ? E invece ha fatto un ottimo lavoro  ad Afragola. Non glielo dicevo io che a volta basta una traccia insignificante ?

ANTO - Ma questi falsari ...

MARE - A quest'ora sono tutti arrestati.

ANTO - E io ?

MARE - Come io?

ANTO - No, dicevo: e io che credevo...

MARE - Signor Bonocore io vi salato. (fa per uscire)

ANTO - Maresciallo, addio per sempre.

MARE - Oh, tu sbrigati perché ci aspettano al Ministero. (via)

MICHE - Va bene, vengo subito, signor Maresciallo.

ANTO - Beh, visto che tutto è sistemato, è meglio che vai.

MICHE - No, no, aspetta nú mumento. Come sapevi tu che chillo biglietto ‘a decimila era falso ?

ANTO - E già ... dici tu ... come sapevo ... è che ...insomma quando mì è capitato quel biglietto tra le mani ... mi è apparso un po' strano ... sai io non tengo molta familiarità con questi biglietti da diecimila. Accussì aggio ditto: mo’ lo porto addo tabaccaio, si s’’o ppiglia vuo’ dicere che è buono.

MICHE - E invece era falso.  Eccolo qua. (glielo mostra)

ANTO - Ma guarda chi si vede, eh, eh.  Però, di’ la verità, è ben imitato?

MICHE - Mica tanto.

ANTO - Modestamente.

MICHE - Ma chi te l'ha dato?

ANTO - Ehi, ma ccà ci sta ‘a croce!

MICHE - Qua' croce?

ANTO - Ma allora non è quello che ... questo è quell'altro ... me l’ha dato Pizzigoni.

MICHE - Che c’entra Pizzigoni ?

ANTO - L’aggio purtato l’orologio di tuo nonno e in pegno m'ha dato questo biglietto. Allora vuol dire che è un falsario anche lui! Avete arrestato Pizzigoni? Quello va arrestato.

MICHE - Gli sarà capitato tra le mani così come è capitato a te.

ANTO - E no! Qui bisogna ...

MICHE - Papà! Io vado.

ANTO - Sì, è vero, hai ragione. Vai, a papà, vai a prendere il premio.

MICHE - Ciao.

ANTO - Ciao.

                          SCENA QUINDICESIMA

Cardone e Lo Turco fanno entrambe capolino dalla porta di ingresso.

CARDONI - Uuuibb! (consueto fìschio)

LOTURCO - Pssssss ......

ANTONIO - Vorrei sapere quando questi due si decidono a crescere. E siate uominip entrate.

CARD - Anto’, non ti hanno ancora arrestato ?

LOTU - Quanti anni ti hanno dato ?

ANTO - Iiih!  L'ergastolo a tutti e due vi darei.  E' tutto finito.  '0 biglietto spacciato alla tabaccheria non era di quelli stampati da noi, era chillo ‘e  Pizzigoni.

LOTU - Aspe’, aspe’ Anto’, fammi capire bene: tu hai spacciato uno solo di quei biglietti quello di quella famosa sera del tabaccaio

ANTO - Uno solo.  Ed ho sbagliato. Pecchè quanno so’ trasuto int’’a tabaccheria, per non confondere ‘o biglietto  falso e chillo ‘e Pizzigoni ‘ncopplla chisto c’aggio fatto na crocetta, v’’o ricordate? Dopodichè, per errore, ho spacciato quello buono, cioè quello che m'ha dato Pizziconi, che poi a sua volta era falso. E' la verità, io non ho avuto il coraggio di spacciarne altri .

CARD - Siamo salvi allora !

ANTO - Piano, piano con questa euforia.  Ci sono gli altri biglietti in giro.  Quelli con cui tu ti sei comprato.... le scarpe con lo scrocchio e quelli con cui lui si è comprato, il paletot.

LOTU - Anto’, ma quale scrocchio! Siamo carogne.  Io i soldi me li sono fatti prestare dal compare mio. Le poche volte che ci'ho provato mi si piegavano le gambe.  Io non sono stato capace di spacciare neanche un biglietti.

ANTO - Tu, ma lui ?

CARD - No, no, io pure Anto', io non ho spacciato niente. Te l’ha detto, siamo carogne.  Il cappotto io l'aggio cumprato con le economie che mammina teneva sotto al materasso.

ANTO - Ho capito.

LOTU - Ognuno di noi ha avuto paura di sembrare troppo onesto agli occhi degli altri.

ANTO - Sentite a me: come banda di falsari siamo proprio una schifezza.

LOTU - E va bene, ma come galantuomini siamo integerrimi.

ANTO - Sì,  almeno questo sì.  Dimenticavo, Cardo’, hai gettato a fiume la valigia ?

CARD - Sì, stai tranquillo tutto a posto.

ANTO - Non ti sei mica fatto vedere da qualcuno ?

CARD - Anto’, ma ti pare, quando non voglio che mi si noti, so come fare.

ANTO - E ce ne siamo accorti.  Ueh, e i soldi che stavano nel quinto cassone, in terrazza ?

CARD - Ti ho detto: non ti preoccupare.  Anzi, pensa il mio scrupolo.  C'era una scatola più piccolina nel quarto cassone, embe’, ho buttato pure quella.

ANTO - Come nel quarto, avevo detto il quinto ...

CARD - Lo so’ ma per sicurezza io li ho controllati tutti e nel quarto ho trovato un'altra scatola.

ANTO - Dove l'hai buttati ?

CARD - Nella spazzatura ma come, mo non ti fidi di me ?

ANTO - Disgraziato, quelli non erano falsi, eRa lo stipendio mio.

CARD - No!

ANTO - Presto, li devo assolutamente recuperare.

CARD - Oh. signore!

LOTU - Cardo’, che hai  combinato ?

CARD - Gesù, ma io sapevo chesto ?

ANTO - I soldi miei, fermi tutti, i soldi miei.

Tra strilli e imprecazioni escono di scena alla ricerca del denaro vero, mentre cala la tela.

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno