La Bohéme

Stampa questo copione

LA BOHÉME

La Bohéme

Da Aida dinto a la casa di Tolla Pandola, di A. Petito

Commedia-parodia in quattro atti

Personaggi

D. Gennaro Pesiello

Carmela, sua moglie

Emilia, sua moglie

D. Saverio Panzarotto

Peppeniello, suo nipote

Felice, suonatore

Temistocle, maestro di piano

Luigi, idem

Ninetta, fioraria

Barona

Errico

Nicolino

Carolina, sua sorella

Achille, malato

Tommaso, castagnario

Teresina

Una Guardia

Totonno, servo di Saverio (o Antonietta)

Un Cameriere

Un Parrucchiere

Signori e Dame

Personaggi della parodia

Rodolfo, poeta

Scionard, musicista

Mimì

Marcello, pittore

Colliue, filosofo

Musetta

L’azione si svolge: il primo atto a Nocera in casa di D. Saverio, il secondo atto a Napoli a S. Carlo, il terzo atto sul Vomer in casa di D. Gennaro

ATTO PRIMO

 

Semplice camera. Una porta in fondo. Tre laterali, finestra seconda a destra. Pianoforte in fondo a sinistra. Una console a destra, sedie. Sul piano molte carte di musica. Piccolo tavolo tondo a destra con occorrente da scrivere.

SCENA PRIMA

Totonno, Antonietta poi Temistocle indi Nicola e Carolina.

TOTONNO (parlando alla prima a destra):Va bene, va bene non dubitate, si torna lle dico che site partuto?! Io nun saccio pecché stu D. Saverio cu lo nepote hanno pututo fà tanta diebbete. Na casa accussì ricca che tutta Nocera ne parlava, dinto a 6 mise so’ ghiute sotto e ncoppa, e ogne tanto te siente na tuzzuliata de porta. Stevene dinto a chillo bello appartamento a Strada Nova, tutto nzieme sfrattammo e venimmo ccà. Io da che so’ venuto nun aggio avuto manco nu centesimo e avanzo 3 mesate.

TEMISTOCLE (con libro in mano):Che bella cosa! Che versi! Che pensieri! Che poema!

TOTONNO: (O villoco o vì, è venuto stu pazzo).

TEMISTOCLE: Ma voi non siete uomini, siete geni, siete numi. Io vi bacio mille volte al giorno. (Bacia il libro.)

TOTONNO: Maestro scusate, cu cchi l’avite?

TEMISTOCLE: Con queste due sommità: Illica e Giacosa.

TOTONNO: E chi songo?

TEMISTOCLE: Gli autori della Bohéme, di questa opera immortale, ma che versi, che pensieri. (Legge):

Chi sono, sono un poeta... che cosa faccio?

Scrivo.

E come vivo?... Vivo!!

ma sfido io, su questi versi bisogna scrivere per forza della buona roba. Mi fanno ridere quanto dicono: Maestro perché non scrivete un’opera... ma il libretto chi me lo dà?

TOTONNO: V’accattate 2 solde ncopp’e bancarelle.

TEMISTOCLE: Totò, io ti devo dire una cosa...

TOTONNO: Comandate.

TEMISTOCLE: Sono due mesi che sto facendo lezioni di canto a D. Peppeniello, e non mi hanno ancora dato un centesimo, fammi tu il piacere di dire a D. Saverio di darmi qualche cosa?!

TOTONNO: Va bene, ogge ve servo (e staje frìsco aggià penzà primma a me).

TEMISTOCLE: Dimmi una cosa: stasera che si pranza?

TOTONNO: Maestro stasera nce sta nu pranzo scicco, l’hanno ordinato a trattoria e rimpetto, timpano, carne, fritto, pullastiello, dolci e sciampagna.

TEMISTOCLE: Tu che dice e pecché?

TOTONNO: Pecché s’aspetta a sposa e D. Peppeniello ca vene a Napole cu lo pate e la mamma.

TEMISTOCLE: Ah! Si combina dunque il matrimonio.

TOTONNO: Sissignore, tutto è stabilito.

TEMISTOCLE: E D. Peppeniello come fà cu Teresina, chella nce sta assaje ncanata.

TOTONNO: Che ve pozzo dicere maestro mio: se lo vvedeno lloro, io veco troppe mbruoglie dinto a sta casa.

TEMISTOCLE: Basta, sà che vuò fà, chella masciata a D. Saverio nce la faje dimane, po’ essere che ogge se piglia collera...

TOTONNO: Nun ve invita e perdite nu pranzo.

TEMISTOCLE: Come hai capito. (Ridono.)

CAROLINA (d.d. grida):Ah! Pe carità aiutateme chisto m’accide.

TOTONNO: Chi è neh!?

CAROLINA (entra spaventata dal fondo):Ah! Pe carità Totò aiuteme, frateme me sta secutanno cu ne curtiello mmano.

NICOLA (dal fondo):Embè facimmo a cummeddia; te miette a trasì dinta sta casa, alluccanno de chesta manera! Jesce a ccà dinto.

CAROLINA: Ah! (Grida.) Tienelo Totò.

TOTONNO: Aspettate bellu giò... ch’è stato, mò la facite murì de paura.

NICOLA: Chesta, ccà ncoppa nun adda saglì cchiù, avite capito? Pecché dinta sta casa, vene nu disperatone, nu pezzentone, sunatore e violino, che m’anno ditto essere amico e D. Saverio e o nepote. Stu mio signore, s’è miso a ffa ammore cu sta faccia tosta, a quale pe stu fatto nun bada cchiù a le facenne de casa, nun porta cchiù rispetto a mamma vecchia, vedova da 15 anne, e lo cielo lo ssape comme tiramme nnanze a vita annuratamente. Io fatico da matina a sera apposta pe nun le fà mancà niente e nun scumparì dint’o paese, piezze e scellarata!...

CAROLINA: Ah!...

NICOLA: Chella è stata nu mese dinto a lo lietto cu na brunchita, è stata quase pe murì, e saccio io chello che nc’è vuluto pe miedece e medicine. Nce credeveme che quanno se suseva da lo lietto nun ce penzava cchiù a chillu sfelenza, chella invece ha accumminciato n’ata vota e peggio de primma.

TEMISTOCLE: Il fratello ha ragione.

CAROLINA: Nonzignore, chillo è stato nformato malamente, so’ gente che nun me ponno vedé, lo ffanno apposta pe me fà vattere pecché me vonno fà murì, sissignore è overo, io primma de cadé malata facevo ammore cu stu sunatore e violino, ma pò è fernuto tutto cose, nun l’aggio visto cchiù, crediteme.

NICOLA: Nun è overo aieressera nce ive parlanno pe mieza a strada, l’aggio visto io chesto, lo carugnone m’abbistaje e se menaje dinto a nu tram che curreva!

TOTONNO: È overo ca nce parlasteve aieressera?

CAROLINA: Sissignore, era a primma vota ca lo vedevo doppo tantu tiempo.

TOTONNO: (E mò te prode lo mellone mò).

NICOLA: A primma vota?...

TOTONNO: Oh! ma io po’ vurria sapé pecché essa è sagliuta cca.

NICOLA: Forse pecché se credeva e truvà l’amico comme a lo ssoleto, pecché ccà se vedene sempe, ccà se danno appuntamente.

TOTONNO: Amico voi sbagliate, chesta è na casa onesta, si ve sente lo patrone tuoi ve ncuitate seriamente.

TEMISTOCLE: Se capisce.

NICOLA: Io nun me metto appaura e nisciuno comme te chià... poche chiacchiere, a me hanno ditto tutte cose, isso se chiamma D. Felice Sciosciammocca, e cu a scusa e venì a truvà l’amico ccà ncoppa, sta piezze nfame vene pur’essa a fà ammore cu tutta a commedità, ma mò sa che te dico, avvisa lo patrone che nun la ricevessero cchiù a chesta ccà dinto, pecché si no vengo e li paleo a tutt’e duje, si pò loro non ne sanno niente nce pienze tu, nce simme ntise?

TOTONNO: Va bene.

NICOLA: Cammina a casa.

CAROLINA: E nun me vattere.

NICOLA: Nonzignore cammina nnanze.

CAROLINA: (Si vene D. Felice fallo aspettà).

TOTONNO: (E mò te prore a capa mò).

NICOLA: Cammina.

CAROLINA: Eccome ccà. (Nicola fà un movimento lei dà un grido e via.)

TOTONNO: E partuto n’atu treno.

NICOLA: Mò credo che avite capito tutte cose. Quanno la vedite de venì cacciatennella e si nun se ne vò j chiammateme a me, io stongo mmiezo a piazza, vicino a parrucchiella, faccio lo vaccaro, me chiammo Nicola Castiello, e nfurmateve c’ommo songh’io e chi era patemo. Pe na parola ca lo tuccajene ncopp ’ammore chiavaje 7 botte de curtiello a uno e stette 20 anne ngalera. Ammore è caro, e chi tentasse e fà n’offesa a casa mia se pò chiammà muorto. Io teneva na vaccarella ch’era la gioia de la casa mia pecché cu chellu poco de latte che faceva alimentava a mammema e a chella piezza de scellarata, nu giorno chella povera bestia jette dinto a la massaria appriesso a se magnà nu poco d’evera, lo parzunale che saccio o pe dispietto, o pecché nce l’aveva cu nuje me spara a la vaccarella. Ve putite immagginà lo delore e lo dispiacere mio pecché perdette a sussistenza. Da chillu juorno a miseria trasette dinta a casa mia, ma pure lo perdunaje. Ma chi me tocca ncopp’ ammore no, io sarria capace de lle levà lo core da pietto. Scusate, bacio le mani. (Via.)

TEMISTOCLE: Ma veramente a sorella è venuta qua sopra a ffà ammore?

TOTONNO: È venuta 2 o tre vote e io nce l’aggio ditto sempe a lo padrone: Signò vedite che sta cosa nun va, dicite a D. Felice ca iesse a fà ammore da n’ata parte, nun mi hanno vuluto sentire e succedene sti ccose.

TEMISTOCLE: Eh! D. Felice se stesse attiento pecché chillo tene proprio la faccia de nu galiota. Totò me putisse dà quacche cose de magnà?

TOTONNO: Mò ve dongo nu poco de pane e presutto!

TEMISTOCLE: Bravo te ringrazio, hai un cuore da Cesare.

TOTONNO: Nun lo cunosco!

TEMISTOCLE (canta):«Scelga o baron trota o salmoni».

TOTONNO: Che d’è,neh!?

TEMISTOCLE: La Bohème.

TOTONNO: Puozze sculà tu e la Bohême. (Viano a sinistra.)

SCENA SECONDA

Peppeniello e Saverio.

PEPPENIELLO: Zi, zi, nun me facite tuccà la nervatura pecché si no stammatina me ne scengo da ccà ncoppa e nun ce vengo cchiù. Vuje avite voglia e sbarià nun ne ricavate niente. Io nun songo nu guagliunciello ora sono grande.

SAVERIO: Neh! Lazzariello scustumatiello che cosa significa questo rispondere così? Capisci che io sono tuo zio e tuttore, capisci che quanno pateto murette te lassaje affidato a me, quindi io sono un tuo secondo padre?

PEPPENIELLO: Ma pecché volete fare la mia infelicità? La mia rovina?

SAVERIO: Io vado trovando la vostra rovina? Perché vi voglio ammogliare con una giovane distinta e ricca? Mentre voi vi siete messo ad amoreggiare con una ciandella di questo paese, la figlia di un negoziante di porci, la più lassa Bohême di questo mondo.

PEPPENIELLO: Voi non dovete...

SAVERIO: Pss. zitto quando parlo io!

PEPPENIELLO: Allora io nun me sposo né a Teresina né a sta giovene che dicite vuje!

SAVERIO: E perdi una bella ragazza e una dote de 500 mila lire.

PEPPENIELLO: E che me ne mporta a me? Papà me rimanette 3 palazze e case, 4 massarie, vuje stesso me dicisteve ch’erano 100 mila ducati!

SAVERIO: Sissignore, patete rimanette 100 mila ducati ma pò rimanette tanta diebbete che a stiento t’aggio pututo campà fino a mò. Sangue de Bacco. (Guarda l’orologio.) So li 5a n’atu poco arriva o treno cu lloro... me famme stu piacere si tratta di salvare la nostra posizione...

PEPPENIELLO: Va bene... comme vulite vuje!

SCENA TERZA

Temistocle, Totonno poi Felice.

TEMISTOCLE (con Totonno il quale via pel fondo: con la bocca piena, saluta senza parlare).

SAVERIO: Oh! Caro Maestro! Ve fà piacere che Peppeniello s’ammoglia? Maestro che d’è vuje nun rispunnite?

TEMISTOCLE (fà segno d’attendere un poco poi dice):Ecco qua sono a voi. Totonno mi ha dato un po’ di pane e prosciutto, vi dispiace?

SAVERIO: No, no, anzi mangiate!

TEMISTOCLE: No, no, è cattiva educazione, lo tengo qua, se ne parla più tardi. Dunque D. Peppeniello s’ammoglia?

SAVERIO: Sissignore, una giovine bella e ricchissima.

TEMISTOCLE: Ma cos’è sta nu poco di cattivo umore?

PEPPENIELLO: No niente… sto seccato.

TEMISTOCLE: Adesso vi suono un poco la Bohème vi faccio mettere in allegria.

PEPPENIELLO: No, no, lassate stà maestro, la sunate sempe.

TEMISTOCLE: Ma che musica dite la verità?

SAVERIO: Troppo bella. Io la sentirei sempre! Quando si fà a S. Carlo?

TEMISTOCLE: I giornali dicono la sera del 9.

SAVERIO: Immagino che pienone.

FELICE: Va buono aggio capito, grazie. (d.d.)

SAVERIO: Uh! Sta venenno D. Felice.

TEMISTOCLE: D. Savè permettete io mi trattengo un po’ in salotto.

SAVERIO: Fate il vostro comodo.

FELICE: Caro Peppeniello. Maestro bello.

FELICE: D. Savè, il maestro mangia con noi?

SAVERIO: Sissignore. (Temistocle e Felice sogg. mang. e via prima a sinistra.) D. Felì come si porta la società musicale?

FELICE: Benissimo, mò so venuti sti ati doje giuvinotti principianti. Stasera c’è riunione nella sede del Circolo, avimmo mise tutto pe dono e facimmo nu poco d’ammuina... sunammo, abballammo!

SAVERIO: Ve divertite nu poco.

FELICE: E sei veneno a suna ccà sotto, io scengo, nce aunimmo, e nce ne jammo. Voi verrete, già s’intende.

PEPPENIELLO: Se capisce.

SAVERIO: Comme jammo, a n’atu poco arriva a sposa co la famiglia.

PEPPENIELLO: Mannaggia all’arema lloro, se putesseme rompere li gamme.

FELICE: Arriva la sposa? Dunque voi fate veramente? Peppeniello veramente se nzora?

SAVERIO: Perché ci trovate difficoltà?

FELICE: No, e a me che ne preme? Solamente vi dico statevi accorto, lui si trova compromesso seriamente cu Teresina.

SAVERIO: Ma vi pare che io poteva permettere stu matrimonio? Si l’appurano dice che songo stato io proprio.

FELICE: E chillu a buje fà nu paliatone, basta, cheste nun so’ cose che mi riguardano.

PEPPENIELLO: Io nce l’aggio ditto a zi zio: vuje me facite fà nu guajo.

SAVERIO: Ma che guajo e guajo. D. Felì, llà se tratta di mezzo milione.

FELICE: A sposa tene mezzo milione?

SAVERIO: Mezzo milione.

FELICE: Allora mio caro Peppeniello devi passare per sopra a tutto.

SAVERIO: Nuje stamme chine de diebbete, nun tenimmo niente cchiù, dimane nce ne jammo a Napoli in casa della sposa e facciamo i signori. Capite?

FELICE: Io dimane pure a Napule aggia j.

SAVERIO: E pecché

FELICE: Pecché me prudette la capa de fà nu poco la cummeddia cu na figliola, e lo frate s’ha chiavato ncapo ca si me ncoccia cu essa me fà la pella.

SAVERIO: Ah! Sicuro; me l’hanno ditta stà cosa.

FELICE: Eh! capirete, io seguitanno a stà ccà me metto a nu brutto rischio, io poi a Napoli tengo un’antica fiamma, una certa Ninetta, na simpaticona.

SAVERIO: D. Felì vuje m’avita fà lo piacere, mò che vene a famiglia de la sposa, io vi presento come il nostro segretario e amministratore, e avita dicere che siamo ricchi, che teniamo possessioni.., stabili... fondi!...

FELICE: Va bene vi servirò.

SCENA QUARTA

Teresina e detti.

TERESINA (d.d.): Èpermesso?

PEPPENIELLO: D. Felì, Teresina... e come si fà?

SAVERIO: Cercammo e na la fà j ampressa ampressa.

TERESINA (d.d.):È permesso? (Con panierino con 10 uova.)

FELICE: Avanti, avanti, vieni bella Teresina.

TERESINA (fuori):Grazie... bonasera D. Peppeniè.

PEPPENIELLO: Teresina mia.

TERESINA: Uh! ccà sta pure D. Saverio. D. Savè nun v’aveva visto. (Gli bacia la mano.) Credo che nun ve fà dispiacere si vengo ogne tanto a seccarve.

SAVERIO: Ma niente, sempre piacere, ti pare.

FELICE: Assettate, assettete. (Seggono.)

TERESINA: Grazie tante. Io so’ venuta pe tre cose: primma e tutto ve so’ venuta a purtà sti diece ove che hanno fatto stammatina li galline foste. Vedite quanto so’ belle. (Le mostra.) Chesti ccà vedite, nce sta na signora malata vicino a casa nosta che si l’avesse li pagasse pure 5solde l’una. Ma a me nun me ne mporta niente. Io li porto a vuje e so’ cchiù contenta.

FELICE: (Che cuore).

PEPPENIELLO: Grazie Teresinuccia mia. (Prende il paniere.) Sti diece ove pe me so’ cchiù e miezo milione, m’haje fatto nu gran regalo.

TERESINA. A seconda cosa pò, so’ venuta pe sapé comme va che da ajere matina nun ve site fatto vedé, fino a quattro juorne fà stiveve sempe dinta a casa mia, mò tutto nzieme che saccio, pare che ve site nu poco raffreddato, tutte le cumpagne meje se ne so’ accorte.

PEPPENIELLO: Ma no, che raffreddato, io mò sto cchiù nfucato e primma, io nun sto venenno tanto tanto spesso perché... se tu sapessi...

FELICE: Si sapisse, comme sta occupato, studia sempre perché deve dare l’esame.

SAVERIO: Già.

FELICE: Pò la lezione de pianoforte, lezione de canto e se capisce non tiene tempo.

TERESINA: Ah! Capisco, capisco, nè io voglio che trascurasse sti ccose, se sape, isso è nu signore, e io nun lo pozzo vedè tanto spesso. Soffro a nun vederlo, o chesto sì, faccio mille castielle in arie, mille cattive pensiere, ma c’aggia fà, quanno saccio ca me vò bene tutto è niente. Fino a otto juorne fà io e ziemo steveme mpenziero, credevemo ca lo zio vedeva male sta cosa, ca lo strillava, ca lo maltrattava, e figurateve che nuttate faceva io puverella, e isso lo ssape,

PEPPENIELLO: Sicuro.

TERESINA: Ma quanno mi dicette: Zi Saverio è contento, Zi Saverio, ne have assaje piacere, zi Saverio ha ditto ca è meglio na figliola senza niente, ca na capallerta cu denare.

FELICE: Oh! Questo è certo!

TERESINA: È overo c’avite ditto sti parole?

SAVERIO: Sicuro (puozze passà nu guajo!).

TERESINA: Figurateve che priezza quanno sentetteme chesto. Papà dicette: mò c’accide lo puorco lle voglio mannà cierti sacicce che nun hanno magnato ancora.

SAVERIO: E brava.

FELICE: Vì che penziero delicato: quanno accide o puorco se ricorda e nuje.

TERESINA: Pecché vedite D. Felì, nuje simme gente e basso ceto, sissignore, ma però tenimmo core, nce facimmo li fatte nuoste. Io tengo na sora ca me vò nu bene pazzo, è vedova puverella, è stata otto anne carcerata, pecché pe gelusia chiavaje la zappa ncapo a lo marito e l’accedette sott’o colpo. Ah! pe la gelusia nuje simme tremende, l’ommo nuosto, adda essere sempe lo nuosto, e male a chi nce vulesse ngannà, quanno papa e sorema sapettene che D. Peppeniello faceva ammore cu me se lo chiammajeno e che ve dicettene: dicite dicite...

PEPPENIELLO: Nun me lo ricordo...

TERESINA: Comme nun ve ricordate? Mò ve lo dico io, dicettero accussì: Sentite, vuje site nu signore, lo zio vuosto nun putarrà permettere sta cosa, penzatece buono, parlatece e sentite che dice. È È vero?

PEPPENIELLO: Già, mò me lo ricordo.

TERESINA: Na sera finalmente D. Peppeniello venette e dicette ca lo zio nun ce trovava nisciuna difficoltà.

FELICE: E ne venette lo fatto de le sacicce.

TERESINA: Mò scusate v’aggia dicere l’ultima cosa. Papà vò sapé quanno state comodo pecché vò parlà cu vuje assolutamente.

SAVERIO: Ah! vò parlà cu me? Eh! Sai pe sta settimana è impossibile, tengo tante cose da spiegare, la settimana entrante ti faccio sapere il giorno e l’ora c’adda venì.

TERESINA: Va bene, io accussì lle dico, mò lassateme j, pecché a casa stanno cu penziero, D. Peppeniè io me ne vaco, studiate studiate, ubbidite a zì zio ma nun ve scurdate de me però.

PEPPENIELLO: Oh! ma ti pare.

TERESINA: D. Felì stateve bene, D. Savè scusate che m’aggio pigliato l’ardire e ve purtà chell’ove... che vulite, chesto pozzo e chesto faccio. D. Savè ve vaso li mmane. (Via.)

PEPPENIELLO: Ma scusate, comme se pò resistere.

FELICE: Mio caro D. Saverio ccà lo fatto è ntruppecuso assaje.

SAVERIO: Basta, ccà nun avimmo fà tante chiacchiere, pecché si facimme vedé che nce mettimmo appaura è peggio. Dimane partimmo e nun se ne parla cchiù.

PEPPENIELLO: Vì comme parlate bello vuje, e la passione che tengo?

SAVERIO: E te la faje passà, capisce te la faje passà.

SCENA QUINTA

Totonno poi Gennaro, Carmela, Luigi e detti.

TOTONNO: Il signor D. Gennaro Pesiello e la sua signora.

SAVERIO: Eccoli qua... avanti, avanti, dove stanno. (Li introduce.) Rispettabilissima signora, che onore.

CARMELA: Oh! L’onore è nostro per carità.

SAVERIO: Gennaro bello, che piacere, come stai?

GENNARO (che è uscito sotto il braccio di Luigi):Eh! Non c’è male.

SAVERIO: A tosse te porta bene? T’è passata?

GENNARO: Meglio meglio, sta giornata so’ stato proprio buono. (Tossisce.)

SAVERIO: Accomodatevi, accomodatevi. (Totonno dà le sedie e via.)

FELICE: Poveretto tene nu poco e catarro.

CARMELA: No, è una tosse di lunga portata, è cronaca.

FELICE: Io me credeva ch’era articolo de fondo. E non ci fate nessun rimedio?

GENNARO: Eccome... vi pare... prendo tre decotti la notte e uno a prima matina, uno a mezzo giorno e uno a sera.

FELICE: Vale a dire che tenete sempre la caffettiera pronta?

GENNARO: Quando viaggio poi mi porto la bottiglia col calmante, quando mi viene la tosse ne prendo un sorso, mi fà tanto bene, eccola qua. (La mostra.) E chi è quel signore? (A Felice.)

SAVERIO: È il nostro segretario.

FELICE: Felice Sciosciammocca a servirvi.

GENNARO: Favorirmi sempre.

CARMELA: Ah! bravo, voi siete il segreter?

FELICE: No, songo lo cummò.

CARMELA: In francese si dice segretere.

GENNARO: Savè io ti presento il signor Luigi Cricco maestro di musica, che dà lazione di pianoforte a nostra figlia Emilia.

SAVERIO: Bravissimo.

LUIGI: Tanto piacere.

SAVERIO: Peppeniè bacia la mano a D. Gennaro, a la signora, stivi tanto allegro c’avevena venì e mò sì rimasto comme a nu turzo. (Peppeniello esegue.)

GENNARO: Grazie. S’è fatto grosso, io me lo ricordo piccerillo assai.

CARMELA: Ha fatto na bella sviluppata, adesso si può dire che è maschio.

FELICE: Ma signora, sempre maschio è stato!

CARMELA: Lo so, ma io me lo ricordo quando era allattante.

FELICE: Mò che è crapetto.

GENNARO: E vì si a fernesce cu chella lengua, ma comme avimma scumparì afforza?

CARMELA: Uh! Nun accummincià sà ca io voglio parlà!

GENNARO: E si te staje zitta faje meglio, pecché dice nu sacco e ciucciarie, e io nun voglio fà ridere la gente.

SAVERIO: Gennà, Gennà e va buono, mò te faje venì la tosse.

FELICE: Pigliateve nu surzo de bevanda. (Gennaro beve.)

GENNARO: Io starei bene, quanno m’attacco li nierve me lo ffà. Dunque Peppeniello si è fatto proprio gruosso, ma che d’è nun parle, nun dice niente, e che significa?

FELICE: Ecco ccà mò ve dico io pecché nun parla. Suo zio l’aveva detto che con voi sarebbe venuta pure la ragazza, vostra figlia, e lui stava tutto contento, cantava, zumpava, abballava, adesso che vi ha visti venire senza di lei si è messo di cattivo umore.

SAVERIO: Perfettamente.

PEPPENIELLO: Non è vero.

SAVERIO: Eh! Non è vero... mò se mette scuorno lo vì! (Puozze sculà.)

GENNARO: Ah! Perciò stai così. Caro Peppeniello, Emilietta non conveniva di portarla. Simme venute nuje sule per vederti, interrogarti, stabilire tutto e se è na cosa che se pò combinà, allora vi facciamo fare l’incontro e la conoscenza.

SAVERIO: È regolare!

GENNARO: Vi pare giusto.

SAVERIO: Proprio così.

GENNARO: Sapete, mia figlia è na ragazza tutta cuore, subito prende una passione, dimme na cosa Peppeniè, tu haje piacere de te nzurà?

PEPPENIELLO: Io... ecco qua... Don Gennà... io...

SAVERIO: Ma Gennà agge pacienza, che dimmanne so’ cheste, uno dice nfaccia a nu giuvinotto: te vuò nzurà!

CARMELA: Pò so’ io che dico ciucciarie. (Tutti ridono.)

FELICE: D. Gennà scusate, queste non so’ domande che si fanno.

SAVERIO: Ma sicuro che have piacere.

LUIGI: Permettete che dicessi due parole. Secondo me, non mi pare questo il momento di domandare questo a quel giovine, fate che veda prima la ragazza, che la ragazza veda lui, e poi potete sapere qualche cosa di preciso. Egli ora non vi potrà rispondere; ho piacere d’ammogliarmi ma non so se mi fà piacere sposare vostra figlia.

GENNARO: Ah! Sicuro!

SAVERIO: Nu mumento, scusate Signor Cricco, primma di tutto vi faccio osservare che questi non sono affari che vi riguardano, e poi non c’è bisogno di vedere la ragazza, l’ho vista io, la conosco io e basta, troppo onore per lui.

GENNARO: Oh! L’onore è nostro.

LUIGI: Va bene. (Primma e perdere Emilia me faccio dà na curtellata nganna.)

GENNARO: Noi abbiamo stabilito in questo modo. Dimane partite cu nuje, venite a casa, e se l’uno e l’altro si simpatizzano subito si combina il matrimonio.

SAVERIO: Perfettamente.

GENNARO: La coppia a me mi pare che non potrebbe essere più bella. Tutt’e duje giovene, tutte e duje aggraziate, tutt’e due ricchi.

FELICE: (E staje frisco).

GENNARO: Io quell’unica figlia tengo, e lle do 200 mila ducate di dote, alla mia morte poi avrà il resto.

SAVERIO: Cento anni di salute.

GENNARO: D. Peppeniello deve tenere presso a poco lo stesso?

FELICE: Più, più, voi scherzate.

GENNARO: Il padre, felice memoria tre anni fà mi diceva che l’aveva fatto una discreta fortuna.

FELICE: Diceva lui discreta per non far sapere i fatti suoi, ma D. Peppeniello sta bene, ci sono solamente cinque palazzi di casa.

GENNARO: Cinque, io sapeva sei.

FELICE: Sì, erano sei ma uno pò ne cadde con l’ultimo terremoto.

GENNARO: Ci fu il terremoto qua?

FELICE: E come non lo sapete, qua ci fu un terremoto terribile, caddero più di 150 palazzi, poi tiene masserie, mutui. Saccio io comme stanno cumbinati chilli lla.

GENNARO: Va, va bene, non voglio sapere niente più.

SCENA SESTA

Temistocle e detti.

TEMISTOCLE: È permesso? Disturbo?

SAVERIO: Oh! Venite, venite anche voi, ho l’onore di presentarvi il signor Temistocle Falsetti maestro di musica.

TEMISTOCLE: Fortunatissimo.

CARMELA e GENNARO: Tanto piacere. (Alzandosi.)

TEMISTOCLE: Prego, stiano comodi.

SAVERIO: Fa lezione a Peppeniello di canto e piano.

CARMELA: Bravissimo.

SAVERIO L’amico mio: Gennaro Pasiello, sua moglie Carmela, il signor Cricco anche maestro di musica.

TEMISTOCLE: Oh! Collega. (Strette di mano.)

FELICE: Ed io pure sono maestro di violino.

CARMELA: Siamo dunque in piena armonia musicale. Voi non potete credere io che strasporto tengo io per la musica.

SAVERIO: Gennaro, a Napoli, nella sua villa al Vomero tiene un teatro che gli costò 12 mila lire in decorazioni, che dorature, che bellezza.

GENNARO: Ogni due o tre mesi, rappresentiamo delle opere musicali fra di noi tutti parenti. L’anno scorso abbiamo fatto la Traviata.

CARMELA: Abbiamo fatto la Traviata, alcuni pezzi del Fallstà.

FELICE: E chi lo tocca.

GENNARO: Mò lo maestro s’è miso ncapo e farce fà a Bohême ma a me mi pare na cosa difficile.

LUIGI: Ma che difficile, molti pezzi sono già imparati.

CARMELA: Si sapisseve l’ammuina nce sta a casa, per ordinare vestiario, attrezzi, scene, non si dorme la notte. (Ridendo.)

FELICE: E voi signora che parte ci farete?

CARMELA: Io sono ancora in dubbio, non so se faccio Musetta o Mimì.

FELICE: Meglio Mimì perché la figura si presta.

CARMELA: Noi teniamo un palco già segnato a S. Carlo per la primiera.

FELICE: A S. Carlo si gioca la primiera?

CARMELA: No, voi che dite, la primiera della Bohême.

SAVERIO: Basta, penzammo mò a lo cchiù necessario. (Chiama:) Totonno!

SCENA SETTIMA

Totonno e detti, Carolina, indi Nicolino.

TOTONNO (con lume):Comandate?

SAVERIO: Apparecchiate che ci siamo.

TOTONNO: Subito. (Depone il lume e via.)

SAVERIO: Gennà, venite a vedé la cammera che v’aggio preparata pe stanotte. Il maestro si mette nella stanzetta appresso. (S’alzano. Saverio prende il lume.)

GENNARO: Ma senza cerimonia, una notte passa presto!

SAVERIO: Ma che, voi meritate tutto. Prego. (Offre il braccio a Carmela.)

CARMELA: Grazie. Con permesso?

FELICE: Faccia pure. ( Viano a destra Luigi, Carmela, Saverio, Gennaro, Temistocle.)

PEPPENIELLO: Niente D. Felì io nun me la sposo.

FELICE: Ma caro Peppeniello, rifletti.

PEPPENIELLO: Non c’è che riflettere. (Via.)

FELICE: Eh! Non c’è che dire, il cuore non si comanda. Io per esempio nun m’aggio pututo levà da nanze a ll’uocchie Ninetta, la tengo sempe presente. Chi sa se m’ama ancor.

CAROLINA (con secchietto di latte):D. Felì?

FELICE: Carolina? Ch’è stato neh?

CAROLINA: Ajutateme me sento da venì na cosa... (Vacilla.)

FELICE: Assettete... ch’è succiesso... uh! mamma mia chella pare ca mò more... aspetta Carulì... nu poco d’acqua... ah!... (vedendo il vino) vive nu poco de vino!

CAROLINA (ha messo il secchio a terra):No, nun ne voglio, grazie.

FELICE: Vive, che te fà bene.

CAROLINA: Nu poco poco. (Beve.)

FELICE: Te siente meglio?

CAROLINA: Sì, meglio, grazie.

FELICE: Ch’è stato, se pò sapé?

CAROLINA: Mentre steve jenno a piglià miezu litro de latte, che m’era stato ordinato, m’è venuto ncapo e passa nu mumento da ccà pe vedé a buje. Arrivata miezo a li grade. Arrivata miezo a li grade m’è venuto nu triemmolo e n’affanno accussì forte che me so’ ntisa de murì.

FELICE: Ma forse t’ha visto frateto?

CAROLINA: No...

FELICE: E pecché stu triemmolo?

CAROLINA: E che nne saccio, me so’ ntisa proprio de sentì mancà.

FELICE: Ma se capisce, la paura d’essere sorpresa... tu pò staje ancora malata. (Carolina tossisce.) Tiene ancora nu poco de tosse. Siente a me, retirete, famme stu piacere.

CAROLINA: Sì, me ne vaco, v’aggio visto e so’ cuntenta. Frateme have voglia de fà, have voglia de dicere, m’accedesse pure ma io nun pozzo stà senza vederve.

FELICE: Povera guagliona... ma dunque veramente me vuò bene?

CAROLINA: Oh! Assaje crediteme, assaje!

FELICE: E io pure, ma stammoce attiente che nun me vularria ncuità cu chillu assassino de fratete.

CAROLINA: Sì, avite ragione. Stateve bene.

FELICE: Aspetta t’accumpagno fino a fore a la scala. (Prende il lume.)

CAROLINA: Nce vedimmo dimane. Penzate a me.

FELICE: Sempe sempe.

CAROLINA: Bona sera. (Via poi torna.)

FELICE (via ed esce subito col lume spento):Lo viento m’ha stutato la cannela, io nun tengo fiammiferi. (La scena è oscura.)

CAROLINA (ritorna):D. Felì, me so’ scurdato a secchietiella de lo latte; datemella.

FELICE: E addò stà?

CAROLINA: Nun saccio, me pare ncoppa a lo tavolino. (Cammina a stenti.) Pecché avite stutato lo lume?

FELICE: Nun so’ stato io, è stato lo viento.

CAROLINA: Vedite che cumbinazione.

FELICE (che ha toccato sul tavolo):Ncoppa a lo tavolino nun ce sta niente.

CAROLINA: Allora starrà nterra?

FELICE: Vedimmo nterra. (Tutti e due s’inginocchiano e cercano.) Ma tu pare che sì venuta senza sicchietella.

CAROLINA: Nonzignore, la teneva, la teneva.

FELICE: E addò stà?

CAROLINA: L’avite truvate?

FELICE: No, non ancora. (Trova il secchio, se lo infila al braccio fìngendo di cercare ancora, l’afferra la mano.) Che bella manella (la bacia), che morbidezza, come stai fredda e pecché?

CAROLINA: Io sto sempe accussi.

FELICE: Mò te la scarfo io, te la scarf’io. (d.d. si sentono accordi di violino.)

VOCI (d.d.):Feliciè, nuje stamme ccà.

CAROLINA: Chi è?

FELICE: No niente, so’ amici miei, me venene a piglià pe gghì a na festa. (Alla finestra:) Signori miei, abbiateve che mò vengo.

VOCI (d.d.):E pecché nun scinne mò?

FELICE: Pecché sto occupato, nce vedimmo a lo cafe de l’Allegria. voci (come sopra):Va bene, avimmo capito.

Allegria allegria allegria

D. Felice si trova in compagnia. (Violini d.d.)

FELICE: Carulì, addò staje, tiene chesta è la secchietella, vattenne.

CAROLINA: Ve vularria dicere na cosa. (Violini, la frase finale del primo atto della Bohême, in fondo comparisce Nicola e si nasconde.)

FELICE: Che cosa? Parla!

CAROLINA: Purtateme pure a mè sta festa.

FELICE: Veramente?

CAROLINA: Veramente, a chello che ne vene vene!

FELICE: Quanto sì aggraziata, e ghiammoncenne, ghiammoncenne. (Per andare abbracciati. Nicola accende un fiammifero.)

CAROLINA (vedendolo):Ah! (Scappa.)

NICOLA: Viene, viene... jammo a la festa. (Detto con grazia e rabbia repressa. Felice si spaventa e mentre trema...)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La scena rappresenta il prospetto della porta della platea del teatro S. Carlo. I tre archi con le scalinate, i tre rispettivi lampadari. Manifesti alle mura. Il caffè a destra e il guardaroba a sinistra, altre due porte a destra e a sinistra che danno alla strada. È sera, all’alzarsi del sipario si finge che termina il terzo atto della Bohême. Applausi prolungati e voci di bis, questo si ripete due volte.

SCENA PRIMA

Errico e Barone, poi Temistocle e Luigi e venti comparse, indi Gennaro, Carmela, Emilia e una guardia.

ERRICO (dalla porta):Che ne dite Barone?

BARONE: Ma che ne debbo dire, è una musica indovinatissima: è l’ecselsior delle musiche!

ERRICO: C’è tutto, c’è tutto! (Escono dalla platea Temistocle e Luigi contemporaneamente, venti comparse vestite bene e fanno scene d’entusiasmo: chi esce per la porta di destra, chi per la sinistra, altri vanno nel corridoio dei palchi, altri restano in scena parlando fra loro.)

TEMISTOCLE: Che magnificenza, che sublimità!

LUIGI: Che strumentazione, che armonia!

TEMISTOCLE: Che genio, che ingegno, come è fatto bene il quartetto finale.

LUIGI: È di una finezza straordinaria. (Gennaro d.d. tossisce forte, indi esce con Carmela e Emilia: una guardia.)

GENNARO: Mannaggia all’arma de la tosse! Pare ca lo facesse apposta.

GUARDIA: Signore scusate, trattenetevi un momento qua a tossire. Avete visto cosa è successo mentre si faceva il finale del terzo atto, tutto il pubblico guardava nel vostro palco.

EMILIA: Oh! ma questa è bella, si papà tene a tosse c’adda fà?

GENNARO: Ma come al S. Carlo non si può tossire?

GUARDIA: Si può tossire, ma non già quello che avete fatto voi.

CARMELA: Avete ragione, ma adesso si è calmato.

GUARDIA: Vi raccomando. (Passeggia.)

LUIGI: Noi l’abbiamo detto, vi è venuto quel colpo di tosse proprio in un brutto momento.

TEMISTOCLE: Quando nella sala c’era un silenzio profondo.

GENNARO: Sapete ch’è stato? Quella scena della neve era così naturale che m’ha fatto venì nu friddo dinto a ll’osse, e pensando che se puteva aumentà lo catarro m’è venuta la tosse.

ERRICO (saluti):Caro D. Gennaro, signora, signorina, maestro.

GENNARO: Bravo, voi pure state qua?

ERRICO: Si capisce.

CARMELA: Domani all’una non mancate perché c’è prova d’azione.

ERRICO: Ah! Non dubitate non mancherò. E così questa sera la Bohème ha fatto più chiasso dell’andata in scena.

CARMELA: Ma che musica, che musica. Quella prima donna tiene na voce proprio atmosferica.

GENNARO: Il tenore stasera ha ricamato.

TEMISTOCLE: Ha superato se stesso.

CARMELA: Come smorza, come smorza, jammo, jammo dinto a lo palco, mò s’incomincia l’ultimo atto, il più bello, il più commovente, dicono che fà fare il cuore quanto un chiappariello. (Ridono.)

EMILIA: Mamma.

GENNARO: Cammina, cammina, mannaggia l’arma de mammeta. (Via con Carmela e Emilia. Tossisce. Prima d’andare via si ferma.)

GUARDIA: Mio signò embè mò accumminciate n’ata vota da capo...

GENNARO: Vuje che vulite da me, dateme na caramella. (Via.)

GUARDIA: E che faccio lo speziale?

BARONE: Ma quella signora che è pazza?

ERRICO: No, dice quacche sproposito.

BARONE: Qualche sproposito? Chella dice delle cose che io non le ho intese ancora.

SCENA SECONDA

Achille, Cameriere e detti.

ACHILLE (viso pallidissimo, gracile, portato a braccetto dal cameriere): Piano, piano, abbi pazienza, perché mi sento molto male, difficilmente potrò resistere.

ERRICO: Mamma mia, nu muorto!...

ACHILLE: Signori, scusatemi, di grazia, c’è tempo per incominciare il quarto atto?

TEMISTOCLE: Pochi minuti.

ACHILLE: Ah! Bravo, grazie. Ho 39 gradi di febbre, ma ho letto nel giornale che il maestro Puccini domani parte e questa sera dirige per l’ultima volta, perciò sono corso senza badare a nulla.

BARONE: Ma voi vi rovinate, con una febbre così alta non si esce.

ACHILLE: Lo so, lo so, posso pure morire e che fà? Basta che sento un’altra volta l’ultima atto sono contento. Quante chiamate sono state questa sera?

TEMISTOCLE: Fino adesso 23.

ACHILLE: E bravo! Onore al merito! Viva Puccini! Viva Puccini! Permettete, vado nella mia poltrona. (Via.)

ERRICO: Buon divertimento!

BARONE: Oh! Che bellu tipo! (Ridono.)

TEMISTOCLE: Questo significa essere grande maestro, far commuovere i moribondi... i morti?

BARONE: Io pò devo dirvi la verità D. Errì; sono ritornato questa sera a S. Carlo per due ragioni principali, prima perché l’opera mi piace e la sentirei sempre, e poi per vedere una giovane fioriaia che è proprio na simpaticona.

ERRICO: Ah! E dove sta?

BARONE: Non so, verso le 9 l’ho vista un momento nella folla e poi è scomparsa, ma che occhi, che grazia, l’altra sera non sapevo più che dirle pe farla venì a cena con me, fu impossibile. Ho saputo però che si chiama Ninetta e abita nell’istesso palazzo del soprano, quella che fà la parte di Musetta, e mi hanno detto che va spesso in casa sua.

ERRICO: E perché?

BARONE: E chi lo sa, io se stasera non la vedo domani mi presento sotto a lo palazzo e aspetto che scende.

ERRICO: Benissimo!

BARONE: D. Errì, scusate, andiamo a vedere se la possiamo trovare.

ERRICO: Con piacere.

BARONE: Andiamo. (Viano.)

TEMISTOCLE: Ma che avete stasera? Eh! Capisco, per noi altri maestri, questi applausi; questi onori, da una parte ci fanno piacere, perché ammiriamo l’ingegno, ma dall’altra pò nce fanno stà nu poco nguttuse, ma non c’è che fare.

LUIGI: Amico mio si sapisseve che nce stà dinto a stu core... altro che applausi, altro che onori! (Campanello elettrico, molti signori entrano chi in palco in poltrona.) Incomincia l’ultimo atto, jatevello a sentì.

TEMISTOCLE: E voi?

LUIGI: Io resto ccà.

TEMISTOCLE: E resto pure io, vi pare, ma ch’è stato, v’è successo qualcosa?

LUIGI: Maestro, voglio mettervi a parte d’un segreto, ma vi prego...

TEMISTOCLE: Oh! Vì pare.

LUIGI: Dovete sapere che io amo immensamente la figlia di D. Gennaro, quella che deve sposare il nipote di D. Saverio!

TEMISTOCLE: Il mio allievo?

LUIGI: Perfettamente. Siccome io le faccio lezione di piano accumminciajeme co la parulella, co la pazziella, e pò nce simme nfucate talmente che è impossibile e ce lassà. La mamma e lo pate nun sanno niente. Quanto tutto nzieme chillu cancaro e D. Saverio vene a Napule, parla cu D. Gennaro e me cumbina chistu sorte e piattino.

TEMISTOCLE: Ma voi perché non la chiedeste al padre prima che ci avesse parlato D. Saverio?

LUIGI: Perché ero certo d’avé na negatura. Ve pare, chelle so’ tanto ricchi, teneno chell’unica figlia, ma la deveno a me, nu misero maestro de musica, che campa cu 7 o 8 lezioni che tengo. Vi assicuro amico mio che pe sta cosa io non cammino più, non dormo più.

TEMISTOCLE: Non vi perdete di coraggio, io se posso aiutarvi lo farò con tutto il cuore.

LUIGI: Sentite, Maestro, vuje dimane venite cu me a casa de D. Gennaro, diremo che volete fare da maestro concertatore, e con questa scusa cercheremo di trovare un mezzo per scombinare questo matrimonio.

TEMISTOCLE: Io farò del tutto purché ci riusciremo.

LUIGI: Oh! Grazie, grazie, amicone mio!

TEMISTOCLE: Jammo a sentì st’ultimo atto, non ci perdiamo il finale che è un capolavoro.

LUIGI: Andiamo. (Via per la platea.)

SCENA TERZA

Felice poi Ninetta, indi guardia.

FELICE (dal corridoio dei palchi a destra con cappello a cilindro, scemies con bavero alzato e grosso binocolo):Mannaggia l’arma de la sesta fila, io nun me fido cchiù de scennere, me fanno male dinto a li gamme. Ma ne so’ ghiuto la verità, llà dinto nce sta na folla ca se more affucato. Sto penzanno che paura me jette a mettere chella sera, lo frate de Carulina, chillu birbante me dicette: O me prumiette che te spuse a sorema o si no t’accido. Va bene, me la sposo: la matina appriesso cu lo primmo treno me ne scappaje a Napule. Mannaggia l’arema de la mamma, e chi nce torna cchiù a Nocera.

NINETTA (dalla s.a con panierino di fiori):Aggio fatto sta bella serata. A gente penza a la Bohême, penza a Puccini e a me nun me guarda manco nfaccia. Doppo tanta raccomandazioni aggio avuto lo permesso de stà cca, e che l’aggio avuto a fà stu permesso. Nisciuno me dà retta. Sò stata a lo Sannazzaro, peggio! È impossibile, a fioraia nun se pò fà cchiù. Te siente dicere: quanto sei carina, quanto sei simpatica e te mettene li solde mmano. Tra le altre cose vonno fà pure credenza, nce stanno tre giuvinotte che m’hanna pagà 45buchè. Solamente nu signore, nu barone me dà 10 lire a la vota e stasera miezo a la folla l’aggio sperduto. E chi è che fà la spia dinto a la porta de lo teatro? (Ride.)

GUARDIA (a Felice che fà la spia):Signore, là non si può stare.

FELICE: E perché?

GUARDIA: Perché è proibito. Se tenete il biglietto entrate, se no andate via.

FELICE: Sa, io appartengo alla clac, entro al finale. (La guardia saluta, via.)

NINETTA (ride):Ah! ah! ah!

FELICE: Ninè, mannaggia all’anema de mammeta.

NINETTA: E pateto e tutta la razza toja.

FELICE: Addò staje de casa, nun t’aggio pututo truvà?

NINETTA: E pecché me sì ghiuta truvanno?

FELICE: Comme pecché... e che d’è te si scurdata ca facimmo ammore?

NINETTA: Facimmo? Faceveme tiempo passato.

FELICE: No, io pe me non mi sono mai cambiato. Partette per vedere se potevo fare fortuna ma ho pensato sempre a te.

NINETTA: Veramente? Uh! guardate la combinazione, tutto lo cuntrario de me. Appena partiste me mettette a fà ammore cu nu Tenente, nu scic giovene, che nun ce have che fà cu tte!

FELICE: E me lo dice nfaccia?

NINETTA: Pò, siccome avetta partì pur isso, nce simme scritte fino a duje mise fà, pò nce simme seccate e è fernuto tutte cose.

FELICE: Brava! Vuol dire che tu non tieni cuore.

NINETTA: Comme nun tengo core, e senza core comme camparria?

FELICE: Voglio dire che non senti amore per nessuno, che sei un’anima gelata.

NINETTA: Ma se capisce mio caro, e che vulive che pigliavo na malatia pe tte, o pe ll’ate, io so’ giovene e me voglio spassà.

FELICE: Ma allora tu sei una donna leggera?

NINETTA: Nun tanto sà!

FELICE: Sei una Musetta qualunque.

NINETTA: Chi è sta Musetta?

FELICE: È il soprano della Bohème.

NINETTA: Ah! La parte che fà la signurina mia?

FELICE: A signurina toja?

NINETTA: Già, la cantante che sta scritturata ccà, me vò nu bene pazzo, io ogne ghiuorno lle porto i fiori, e essa pe forza vò ca le canto a pianoforte le canzoni napulitane: me dice sempre: studia Ninetta, studia la musica, che farai fortuna e tanto c’ha fatto m’ha mparato a mente lo valzer che canta essa a lo secondo atto, quanto me piace. E tu dice che io so’ Musetta? Che piacere!

FELICE: Ninè nun pazzià. Io mò faccio seriamente, mò nun te lasso cchiù.

NINETTA: Amico, tu a me nun me mbruoglie cchiù! Attaccammo a curto, tu che vuò fà?

FELICE: Voglio fà seriamente: te voglio spusà!

NINETTA: E nun me cunviene pecché a signorina mia mi ha detto: Ninetta, non ti maritare, sai, divertiti ancora, quando poi terrai 35 o 36 anni allora se ne parla.

FELICE: Allora c’avimma fà?

NINETTA: Facimmo ammore, spassammoce e pò se ne parla.

FELICE: Va bene comme vuò tu. (Ah! Carolina, tu sola mi amavi).

SCENA QUARTA

Tommaso e detti.

TOMMASO (in stiffelinis stretto e cilindro):Scusate, perdonate, pe ddò se trase pe vedé l’opera?

FELICE: (Uh! quanto è bello chisto). Ma in platea, in poltrona, in palco, dove?

TOMMASO: E chi lo ssape, vedite vuje. (Mostra il biglietto.)

FELICE: Quanto è un biglietto d’ingresso, da quella parte, in platea, dovete stare in piedi.

TOMMASO: All’impiedi! Voi scherzate, e io moro?

FELICE: E che vulite da me? Questo avete speso, tre lire?

TOMMASO: No, nun aggio pavato niente. Siccomme io tengo la puteca de castagnaro dinto a la pignasecca stammatina nu curisto del S. Carlo m’ha regalato stu biglietto e io pe me levà l’obbligazione nce aggio mannato a casa 4 mesure e fasule.

FELICE: Hai fatto male amico mio, chillo è la curista che manna li fasule.

TOMMASO: Pecché?

FELICE: Comme pecché, chillo adda cantà, deve pigliare gli acuti.

TOMMASO: E io che ne saccio.

FELICE: Ma vuje site venuto a sentì l’opera? L’avite fatta nu poco tardi.

TOMMASO: Eh! Lo saccio, ma c’aggia fà, chella muglierema, nun me vuleva fà venì, chella è gelosa assaje, vularria venì sempe cu mico, ma l’atro biglietto chi me lo reva?

FELICE: E già.

TOMMASO: Oh! mò diciteme na cosa, giacché site tanto buono, scusate, che d’è chest’opera, a Bulena, a Balona, che significa? Sapite pecché lo voglio sapé, pecché si è n’opera scandalosa io me ne vaco, la verità pecché... io ajere me cunfessaje.

FELICE: No, la potete sentire che non c’è niente di male.

NINETTA: Quanti applausi, quante sbattute de mane, che bella cosa. Ma tu che faje cu stu binocolo mmano?

FELICE: Io steva a sesta fila, me l’ha prestato lo palchettaio che è amico mio.

SCENA QUINTA

Barone, Errico e detti.

BARONE: Eccola qua.

ERRICO: Finalmente.

NINETTA: (Uh! Lo barone, chisto è uno che me vene sempe appriesso, si s’accosta dì che me sì frate).

BARONE: Buona sera Ninetta.

NINETTA: Oh! Signor Barone! (Stateve zitto, questo è mio fratello.)

BARONE: Tanto piacere.

FELICE: Mia sorella. (Presentando Ninetta.)

BARONE: La quale ho inteso dire che vorrebbe vedere questo finale dal palco. Cosa facilissima. Quarta fila n. 12 appartiene a me, se volete onorarmi.

NINETTA: Oh! con piacere.

FELICE: Ma un momento... mi pare...

NINETTA: Jammo, jammo nun perdimmo tiempo.

BARONE: Vi facciamo strada. (Via con Errico pel corridoio a destra.)

NINETTA: Cammina. (Via appresso.)

FELICE: Eh! Ma io lo frate l’aggia fà o no? (Via appresso.)

SCENA SESTA

Saverio e Peppeniello.

SAVERIO (dalla platea segue Peppeniello):Viene ccà Peppeniè nun fà lo pazzo.

PEPPENIELLO: Ma quà pazzo e pazzo, io non me ne fido cchiù, io sto schiattanno ncuorpo. Comme, io me l’aggia spusa e chella me tratta de chesta manera. Na serata sana senza guardarme manco nu poco, proprio comme se io nun ce fosse stato.

SAVERIO: Forse in teatro nun ha voluto fà vedé, lo pubblico se n’addunava, capisce.

PEPPENIELLO: Ah! Pe me se n’addunava e pe lo maestro no? Hanno fatto chillu sentimento tutte duje, e nuje teneveme a cannela.

SAVERIO: Ma tu ti sei ingannato.

PEPPENIELLO: No, nun me so’ ngannato, zi zi nun a scumbinate tutte cose.

SAVERIO: Scombino tutte cose? E che me vuò fà appiccecà cu Gennaro?

PEPPENIELLO: E che me ne mporta a me, io nun m’ha sposo e nun m’ha sposo.

SAVERIO: Nun alluccà ca nuje stammo al San Carlo; che te cride che staje a Nocera?

SCENA SETTIMA

Carmela, Emilia, Gennaro poi Temistocle, Luigi e detti, poi Tommaso, poi Felice, Guardia e detti.

EMILIA: Mammà, mammà, nun me fà mettere paura.

GENNARO: Carmè pe carità.

CARMELA: Non ne posso più, mi sento morire! Voglio piangere, fatemi piangere.

SAVERIO: Signò ch’è stato? (Esce Luigi, Temistocle dalla platea.)

LUIGI: Signora, perché siete uscita dal palco? Vi sentite male?

TEMISTOCLE: Vi gira la testa?

CARMELA: Abbiate pazienza, è una cosa che tocca, io tengo nu nuozzolo nganne e si nun sfogo me vene na cosa. (Piange.)

TEMISTOCLE: Avete ragione, io pure mi sono commosso.

EMILIA: E tanti altri signori pure stanno chiagnenno dinto a li palche. Io nun capisco che l’avimmo fatto a stu Puccini pe nce affliggere a chesta manera. (Si asciuga gli occhi.)

CARMELA Morta de friddo, cu chella tosse, ncopp’a na suffitta, chesta è nfamità. (Piange. Gennaro tossisce forte di destra, applausi fragorosi e si sentono le ultime note della Bohême; contemporaneamente grida dalla platea.)

TOMMASO (d.d. gridando):M’anno sciaccato, ajutateme! voci: (d.d.):Fuori.., fuori, alla porta (fischi), alla porta!

EMILIA: Papà jammoncenne.

FELICE (esce dal corridoio):M’è scappato lo binocolo da mano e llè ghiuto ncapo a nu signore dinto a la platea.

VOCI: (d.d.):Fuori, alla porta.

TOMMASO (esce con la testa insanguinata):Aiutateme, aiutateme, m’hanno menato nu binocolo ncapo.

GUARDIA (che è uscito prima):E chi è stato?

TOMMASO: E che ne saccio. (Grandi applausi d.d., dalla platea esce Achille svenuto fra le braccia di due signori. Tutte le comparse li seguono.)

FELICE: Viva il maestro Puccini.

TUTTI: Viva Puccini. (Nella grande confusione.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

Ricco salotto in casa di Gennaro. Due porte in fondo, a destra la comune, a sinistra il giarditio, porte laterali. In fondo, tra le due porte un pianoforte con molte carte di musica. Sedie ecc. ecc. Due tavolini. Iaa da finestra. Consola in fondo con orologio.

SCENA PRIMA

Emilia e Luigi.

EMILIA (sta vicino al pianoforte leggendo una carta di musica. Luigi entra dalla destra):Guè Luì, e accussì che me dice?

LUIGI: E che t’aggia dicere Emilia mia, ogne ghiurnata, ogne sera che passa, cchiù perdo la speranza e cchiù me cunvingo c’aggia essere nfelice tutta a vita mia.

EMILIA: E comme se fà, come se fà?

LUIGI: D. Temistocle è partito stammatina pe Nocera cu lo primmo treno, e m’ha ditto: Stateve co lo penziero cujeto, pecché aggio fatto na penzata, tengo nu mezzo pe fà scumbinà tutte cose.

EMILIA: E che mezzo?

LUIGI: E che ne saccio, nun m’ha vuluto dicere niente. Me aveva prommiso che appena arrivava me faceva nu telegramma, ma intanto mò è tarde e nun se vede niente ancora.

SCENA SECONDA

Felice e detti.

FELICE (d.d.):Va bene non dubitate, i biglietti stanno tutti a posto.

LUIGI: Uh! Veneno gente.

EMILIA: Uh! Veneno gente. (Viano.)

FELICE: Chella birbante de Ninetta, ha ditto mò vengo, e nun è venuta cchiù, ma quanno vene, le parlerò chiaro, a me accussì nun me cunviene e fà ammore, o dinto o fore, ajeressera per esempio saccio io la collera che me pigliaje, doppo lo teatro se mettette sotto a lo vraccio de chillo, lo quale pe forza nce vulette purtà a cena a lo Gambrinus. Io non voleva accettare, ma poi siccome tenevo appetito dovetti subire.

SCENA TERZA

Peppeniello e detto.

PEPPENIELLO (esce dalla destra, guarda Felice e fa la faccia di pianto, col fazzoletto in mano).

FELICE: Tu me chiude la vocca de lo stommaco.

PEPPENIELLO: D. Felì, aggio penzato, mò m’accatto nu soldo de fiammiferi, piglio le capuzzelle, le squaglio dint’a ll’acqua pò me le bevo e moro.

FELICE: E nun ce arrive cu nu soldo, nce ne vonno almeno 6 solde, pecché mò ogne paccotte nce ne stanno appena na decina. Ma ch’è stato?

PEPPENIELLO: È stato che nun me pozzo fà capace, penzo sempe a Teresina mia.

FELICE: Hai ragione, io ti posso compatire, quelle donne di campagna tengono cuore veramente.

PEPPENIELLO: E c’aggia fà?

FELICE: E che te pozzo dicere caro Peppeniello, a te si tratta di cambiare posizione.

PEPPENIELLO: E io nun la voglio cagnà sta posizione; aggia dà cunto a voi?

FELICE: A me? E che me ne preme?

PEPPENIELLO: E si me nfoco, ve piglio a mazzate sà?

FELICE: E io si me ne vaco e capo te chiavo belli cauce sà?

PEPPENIELLO: Zi zio addò sta?

FELICE: Sta a chella parte.

PEPPENIELLO: Puzzate sculà. (Via a sinistra.)

FELICE: Tu e isso! Vuje vedite chillo che vò da me.

SCENA QUARTA

Errico, Barone e detto.

ERRICO: Favorite, favorite, barone, da questa parte.

BARONE: Grazie.

ERRICO: Mò ve presento io alla famiglia, e con la scusa che volete far parte della compagnia, state qua, e così potete vedere sempre la vostra cara Ninetta.

FELICE: Signori.

BARONE: (D. Errì, il fratello).

ERRICO: (Nun ve n’incarricate). Buongiorno.

BARONE: Carissimo amico.

ERRICO: E la sorella, scusi, dov’è?

FELICE: Perdoni, perché lo vuol sapere?

ERRICO: No, così... ho domandato.

FELICE: Ah! È andata a fare una visita, verrà più tarde.

BARONE: Bravo.

FELICE: Voi forse siete invitati?

ERRICO: No io sono amico intimo di famiglia, appartengo alla compagnia e son venuto a presentare anche il Barone qui il quale tiene una bellissima voce di basso. Giusto giusto a noi nella Bohème ci mancava Alcindoro, lo potrà far lui.

FELICE: Ah! Sicuro.

ERRICO: Intanto è l’una, e non si vede nessuno ancora!

BARONE: Ma c’è prova oggi?

ERRICO: Sicuro, prova a pianoforte di alcuni pezzi e prova di azione. Stasera poi alle 8 prova generale sul palcoscenico vestiti.

BARONE: Pure con l’orchestra?

ERRICO: Tutto tutto, non deve mancare nulla. Andiamo da D. Gennaro.

BARONE: Sono con voi. Permettete? (Via con Errico a sinistra.)

FELICE: Faccia pure... E la signorina Ninetta non torna... è brava, va trova addò è ghiuta.

SCENA QUINTA

Carmela, Emilia e detto.

CARMELA (dal giardino Emilia la segue):Ma figlia mia persuaditi, quello che tu dici non si può fare, è una incandescenza.

FELICE: Signora.

CARMELA: Oh! Carissimo segretario!

FELICE: Signorina. Che c’è, state di cattivo umore?

EMILIA: Un poco veramente!

CARMELA: Sta sempre così, e non si può percepire la ragione. Non le facciamo mancare nulla, ogni suo desiderio le viene subito somministrato, non sappiamo perché è così vilipesa.

FELICE: (Siente che l’esce da la vocca a chesta).

CARMELA: Mò, per esempio che si è messa in testa. Siccome lei nella Bohème fà la parte di Mimì, il quarto atto non lo vuoi fare.

FELICE: Uh! E perché?

CARMELA: Perché dice che deve morire e le sembra un cattivo augurio.

FELICE: E che c’entra quello si finge.

EMILIA: No, no, non ce pensate, io lo quarto atto non io faccio, io stanotte doppo l’impressione c’avette ajeressera al S. Carlo, m’aggio sunnate muorte, cunfrate, camposanto.

FELICE: Oh! Guardate. (Ridendo.)

CARMELA: Intanto stiamo pensando di far venire una cantante e farle fare l’ultimo atto. Ma è difficile, chi volete che ci viene?

FELICE: Ma scusate signora, non diceste che Mimì la facevate voi?

CARMELA: Sì, io la dovevo fare, ma quando andai a provare a pianoforte, vidi che era troppo alta per me, a stento arrivai a lo fà.

FELICE: Ah! Perciò. E stato un peccato, perché una Mimì come voi difficilmente si trova.

CARMELA: Ah! Come arte sì, perché sento molto.

FELICE: E le altre parti chi le fà, scusate?

CARMELA: E non lo sapete? Qua sta tutto segnato! (Prende una carta.) «Rodolfo poeta» lo fà D. Saverio.

FELICE: D. Saverio?

CARMELA Già. Eh! Lo so, la figura non si presta, ma tiene una bella voce però. (Legge:) «Scionard musicista» un giovane dilettante, un certo D. Errico Panetti, bravino. (Legge:) «Colliue filosofo» si è offerto il maestro di D. Peppeniello, D. Temistocle. (Legge:) «Musetta» vostra sorella, la quale ha detto che se l’ha passata molte volte a pianoforte. (Legge:) «Parpignol» lo fà mio marito e il resto poi, altri amici.

FELICE: Bravo. (Vì che hanna cumbinà chiste stasera.) E vostro marito fà Parpignol? E si lle vene la tosse?

CARMELA: Non credo, che diavolo, e poi tiene poche poche battute: al secondo atto passa, venne le pazzielle e se ne va.

SCENA SESTA

Ninetta e detti.

NINETTA: Signori buongiorno. Oh! Caro fratello!

CARMELA: (Chesta m’è nu poco antipatica). Accomodatevi. (Seggono.)

FELICE: Cara sorella siete venuta finalmente?

NINETTA: Pecché aggio tricato assaje? Appena appena 2 ore. M’avita scusà, è stata na cumbinazione, stammatina so’ ghiuta a truvà comme a lo solito a na signorina che lle porto sempe e fiori, è na cantante del S. Carlo la quale quanno me have dinto e mmane nun me lassa cchiù, ha nce stevene cierti giurnalisti che m’hanno vuluto sentì cantà, pò la signurina m’ha purtato ncarrozza. Lo bello è stato pe Tuleto, tutte quante me guardavene meravigliate.

FELICE: Tu ridi cara sorella, ma io credo che tu non hai fatto bene.

CARMELA: Una giovine sola in una carrozza non sta bene.

NINETTA: E pecché che nce sta de male? Eh! Cara signora, si vulesseve penzà a tanta cose allora uno murarria. Io me so’ cunzulata, m’haggio fatto na cammenata ca teneva nganno da tantu tiempo, la vita accussì s’adda passà: pazzianno e redenno, quanno na femmena se fà vecchia che se ne fà cchiù?

CARMELA: Io vaco a vedé si lo parrucchiere è venuto (che chiacchiarona scustumata). (Via fondo.)

FELICE: Sorella, venite vi devo dire certe cose in quella camera!

NINETTA: A me?

FELICE: Sì sì a voi vi prego. (Via destra.)

NINEUA (ride):(Chillo che vò). E vuje signurì c’avite, state sempe cu tanto nu musso? Allegria, site piccerella, site bella, tenite li denare, che ato vulite? (Via a destra.)

EMILIA: Haje ragione, si sapisse...

SCENA SETTIMA

Luigi e detta.

LUIGI: Emì, Emì, te so’ venuta a dicere na cosa che certo te fà piacere.

EMILIA: Che cosa?

LUIGI: Patete s’è accorto che D. Peppeniello steve dinto a n’angolo de muro chiagnenno e ha ditto nfàccia a D. Saverio: ma che have chillu guaglione, pecché nce affligge sempe, me pare proprio nu malaurio. Si seguita accussì, caro Saverio, io a figliema nun ce la dongo certo.

EMILIA: Veramente?

LUIGI: E quanno pateto ha ditto chesti parole, io aggio guardato nfaccia a D. Peppeniello e aggio visto ca isso a fatto la faccia allegra.

EMILIA: Veramente? E pecché?

LUIGI: Pecché io credo ca lo guaglione ave piacere che se scumbina tutte cose.

SCENA OTTAVA

Ninetta, Felice e detti.

NINETTA: Uh! Tu nun m’haje seccà. Voglio fà chello che voglio io, a me me piace a libertà. Si nun te cunviene statte buono, io me ne vaco e felicenotte.

FELICE: Benissimo. Perché sotto il mio cappello non ci devono stare certe cose.

Vana, frivola civetta

Il tuo nome di Ninetta

Senza cuor, né dignità

Si traduce infedeltà.

LUIGI: Neh! Aspettate segretà, questa non v’è sorella.

FELICE: Ma che sorella, ho detto così credendo di poterla riabilitare ma vedo bene che è impossibile.

NINETTA: E già chillo pò era stu signore, un misero sunatore de violino.

LUIGI (scuse):Emilia mia tutte sti mbroglie a nuje nce fanno bene. (La bacia.)

EMILIA: Caro Luigi!

LUIGI: Quanto te voglio bene!

EMILIA: E io pure Luigi caro!

NINETTA: Sunatore ambulante.

FELICE: Vipera.

NINETTA: Ruospo.

FELICE: Strega!

NINETTA: A me strega? (Ninetta e Felice gridano. Emilia e Luigi si baciano.)

SCENA NONA

Gennaro, Barone, Errico e detti.

GENNARO: Neh! Che significa stu appicceco, maestro che vuol dire queste confidenze?

LUIGI: (Oh! Diavolo e comme arreparo? Ah! Statte). (Ride.) Ah! ah! Mi ha fatto piacere che l’avete presa sul serio, ah! ah! (Ride.) (A Felice e Ninetta:) Noi stiamo facendo prova d’azione del terzo atto della Bohème, non vi ricordate, quel capolavoro di quartetto quando Mimì, la povera Mimì più si attacca a Rodolfo, mentre Musetta lascia bruscamente Marcello.

GENNARO: Ah! sicuro il finale del terzo atto... ed io mi credevo... L’avete fatto così naturale che pareva proprio vero.

FELICE: Sembrava vera (e chella vera è stata).

CARMELA (a Ninetta):Ma voi siete un’artista.

BARONE: Siete proprio nata per il teatro.

CARMELA: Ve ne faccio i miei complimenti.

NINETTA: Grazie!

GENNARO: Noi ereme venute pe dirve a lo vestiarista ha portato gli abiti, le vulite vede?

SCENA DECIMA

Carmela, Parrucchiere e detti.

CARMELA: Trase trase. (Entra con Parrucchiere.) Neh! Signori miei, chisto parrucchiere steva fore da tantu tiempo e nisciuno ne sapeva niente. Addò adda mettere sti scatole?

GENNARO: Ncoppa a lo palcoscenico. Venite cu me. (Via con Parrucchiere.)

CARMELA: Ma la prova quanno se fà? Mò è tarde.

LUIGI: Subito! Per ora andiamo a vedere il vestiario.

CARMELA: L’altro maestro, D. Temistocle, addò sta?

LUIGI: Mò viene, mò viene, è andato per un affare. Prego. (Dà il braccio a Emilia e via.)

ERRICO (dando il braccio a Carmela):Ho l’onore.

CARMELA: Grazie. (Viano.)

BARONE: Ma che avete Ninetta, perché state così nervosa?

NINETTA: Niente.

BARONE: Io mi sono finto cantante e son venuto in questa casa per voi.

NINETTA: Ne putiveve fà a lo mmeno, lassateme stà (stù seccante). (Via.)

BARONE (a Felice):Ma perché vostra sorella mi tratta così! Ve ne prego, mettetevi in grazia con lei.

FELICE: Sà, a te te tengo nganna. Si nun te ne vaje te faccio nu paliatone numero uno. (Via.)

BARONE: A me? E pecché scusate... (Via appresso.)

SCENA UNDICESIMA

Temistocle, Nicolido, Carolina e Teresina.

NICOLINO: (con grosso bastone):Addò sta, addò sta, me lo voglio magnà vivo.

TERESINA: Voglio fà correre la guardia.

TEMISTOCLE: E ma io v’aggio pregato, si avite piacere de ncucciarle nun avita alluccà, pecché chille si ve sentene se ne scappene e stateve bene.

NICOLINO: Avite ragione ma che vulite da me, nun songh’io.

TERESINA: E lo sango che tenimmo dinto a li vvene.

NICOLINO: Piezzo de scellarato, se mette a prumettere, se mette a ghiurà e pò se ne scappa.

TERESINA: E chello che m’hanno fatto a me? Si io aggio dinto e mane a chillu scorfano de D. Saverio l’aggia fà la capa doje parte. Intanto si nun era pe vuje che nce veniveve a piglià io nun avarria saputo maje niente.

NICOLINO: Basta dicitece c’avimma fà?

TEMISTOCLE: Una cosa semplicissima. Qua adesso, c’è la prova dell’opera che si deve fare Domenica sera, io mò vaco da D. Gennaro, il padrone di casa e le dico che voi siete tre coristi. Vi mettete in quella stanza. (Indica seconda a destra.) Quando sentirete che io dico: Avanti, fuori, coristi, voi uscite e vi mettete a passeggiare, perché si finge che siete venditori, popolane. Appena vedrete a D. Felice, D. Saverio e Peppeniello, afferrateli e non li fate più muovere.

NICOLINO: Ma comme, aggia tené tutta sta pacienza?

TERESINA: Tutta sta flemma?

TEMISTOCLE: E allora, alluccate, strillate, facite chello che vulite vuje ca io me n’esco da miezo.

CAROLINA: Va buono Teresì, facimmo comme dice lo maestro.

NICOLINO: E va bene, facimmo comme dicite vuje.

TEMISTOCLE: Ecco qua D. Gennaro. Silenzio.

SCENA DODICESIMA

Gennaro e detti.

GENNARO. Oh! Maestro, finalmente, ve site fatto vedé. A facimmo sta prova o no?

TEMISTOCLE: Sicuro D. Gennaro, questi sono tre coristi principianti che vorrebbero prendere parte nei cori.

GENNARO: Con piacere.

TEMISTOCLE: Avete inteso, D. Gennaro vi accetta. Mettetevi in questa stanza, quando sarà il momento uscite. Ricordatevi quando dico: avanti fuori coristi.

NICOLINO Va bene. (I tre s’inchinano e via.)

TEMISTOCLE: Signori miei. (Alla porta a sinistra.) Venite facciamo presto.

SCENA TREDICESIMA

Emilia, Ninetta, Barone, Errico, Felice, Saverio, Peppeniello, Luigi e detti.

SAVERIO: Eccoci qua.

TEMISTOCLE: Signori miei, proviamo l’aria di Musetta a secondo atto, coi cori, i venditori, il popolo, quello è il pezzo difficile.

GENNARO: Io faccio Parpignol.

TEMISTOCLE: Va bene... da questa parte la tavola dei quattro amici con Mimì. (Prende il tavolino aiutato da Errico e situa anche le sedie.) Questo altro tavolino qua. (A Ninetta:) Pigliate posto. (Ninetta siede.)

BARONE: Io sono Alcindoro.

TEMISTOCLE: Va bene mettetevi qua. (Barone siede al tavolo di Ninetta.)

TEMISTOCLE: Voi qua mangiate e bevete allegramente, voi D. Felì, di tanto in tanto darete uno sguardo a Musetta, come se vorreste ritornare all’antico amore, e lo stesso farete anche voi signorina, mentre cantate, con gli occhi lo vorreste attirare novellamente a voi.

NINETTA: (A me manco pe la capa).

TEMISTOCLE: Di questi movimenti, voi signorina (a Emilia) ve ne accorgete e la compatite.

GENNARO: E tutto questo mentre passa Parpignol.

TEMISTOCLE: Nonzignore. Parpignol è già passato.

FELICE: (Vì comme è seccante isso e Parpignol. E chella me pare Maria la tavernara).

TEMISTOCLE: A voi maestro, attaccate.

NINETTA (canta l’aria di Musetto al secondo atto. Emilia la risponde):

Quando men vo’

Quando men vo’ soletta per la via

La gente sosta e mira

E la bellezza mia tutta ricerca in me

Ricerca in me, da capo a pié

Ed assaporo allor la bramosia sottil

Che dagli occhi traspira

E dai palesi vezzi, intender sa

Alle occulte beltà

Così l’effluvio del desìo m’aggira

Felice, mi fà, Felice mi fà

E tu che sai, che namori e ti struggi

Da me tanto rifuggi?

So ben le angoscie tue non le vuoi dir

Non le vuoi dir so ben,

Ma ti senti morir.

(Appena terminato tutti applaudiscono. Durante il canto lazzi di Temistocle e Felice. Temistocle durante il canto dirà ad intetvalli):Allargateme sta coda. Mezza misura... Attenti a gli accidenti.

TEMISTOCLE: Maestro attaccate appresso. (Alla seconda a destra:) Avanti, fuori coristi.

SCENA ULTIMA

Nicola, Teresina, Carolina e detti.

NICOLINO (esce seguito da Teresina e Carolina, guarda intorno, vede Felice):Piezzo de carugnò lloco staje?

FELICE: Nicolino!

TERESINA: Caro D. Saverio!

SAVERIO: Teresina!

NICOLINO: T’aggia chiavà na palla mpietto. (Mette la mano dietro per prendere un ‘arma.)

CAROLINA-EMILIA (gridando):Ah! (Felice, Saverio e Peppeniello s’alzano.)

GENNARO: Voi chi siete?

NICOLINO: Io so’ nu galantommo, simme venute pe truvà a chilli piezze d’assassine de D. Felice e D. Saverio e lo nepote e quale v’hanno ngannato e hanno ngannato pure a sti doje povere figliole, una m’è paesana e l’ata m’è sora.

GENNARO: Come? Maestro, e non so’ coriste?

TEMISTOCLE: E che ne so!

NICOLINO: Nuje simme finte curiste pe le nguccià dinto a sta casa.

GENNARO: Neh! Savè?

SAVERIO: Gennaro mio, agge pacienzia, io l’aggio fatto pe le fà spusà na signurina.

PEPPENIELLO: E io nun la vuleva, me la spusava pe forze.

EMILIA: E io pure papà.

GENNARO: Vì che bellu matrimonio c’aveme cumbinato, e voi che ne dite di questo che ha fatto il fratello?

NINETTA: Quà fratello, chillo nun m’è niente, ha ditto accussì pe me purtà ccà ncoppo nzieme cu isso.

GENNARO: Allora o vi sposate queste ragazze o fuori da questa casa.

PEPPENIELLO: Io pe me so’ pronto! Teresina mia. (L’abbraccia.)

FELICE: E io pure pentito ritorno a te. (L’abbraccia.)

NINETTA (Povera fighiola, ha passato lo guajo). (1a Batt.)

TEMISTOCLE: D. Gennà questi giovani si amano, fateli sposare.

GENNARO Comme! O maestro?

EMILIA: Sì papà.

CARMELA: Io me ne era accorta, birbantella.

GENNARO: Ma quanno avite accumminciato a fà ammore?

LUIGI: Dal giorno che leggemmo per la prima volta la Bohême.

GENNARO: Bravo.

LUIGI: Non vi ho detto mai niente per la mia posizione.

GENNARO: Carmè che ne dice.

CARMELA: E c’aggia dì, falle spusà accussì lle passa la paturnia.

GENNARO: Va bene, resta fatto.

LUIGI: Ah! Finalmente. (Abbraccia Emilia.)

GENNARO: Mò seguitammo la prova e stasera alle 8 prova generale.

EMILIA: Ma ricordateve papà che io lo quarto atto nun lo faccio.

GENNARO: Ah! sicuro e comme se fà?

FELICE: Va bene, na vota ca chella se mette paura cercheremo di rimediare.

GENNARO: Mo sta Bohême tene l’abilità de fà nammurà e fà mettere paura e fà chiagnere, che gran lavoro.

FELICE: Ed io spero che questa sera la Bohême tenesse un’altra abilità...

TUTTI: Quale?

FELICE: Quella di far ridere questo rispettabile pubblico.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

ATTO QUARTO

In soffitta. La stessa scena del primo atto della Bohéme.

SCENA PRIMA

Rodolfo e Marcello.

MARCELLO: In un cuppé.

RODOLFO: Con pariglia e livree

Mi salutò ridendo.

MARCELLO: Io pur vidi...

RODOLFO: Musetta?

MARCELLO: Mimì.

RODOLFO: L’hai vista? Oh! guarda.

MARCELLO: Era in carrozza

Come una regina.

RODOLFO: Evviva! Ne son contento.

MARCELLO: Bugiardo, si strugge d’amor

Lavoriam!

RODOLFO: Lavoriam!

MARCELLO: Che infame pennello. (S’alza.)

RODOLFO: Che penna infame. (S’alza.)

SCENA SECONDA

Scionard, Colliue e detti.

SCIONARD: Eccoci.

RODOLFO-MARCELLO: Ebben?

MARCELLO: Del pane?

COLLIUE: E nu mazzo di rapeste?

E un’aringa.

SCIONARD: Salata.

COLLIUE: Il pranzo è in tavola.

MARCELLO: Questa è cuccagna

Da Berlingaccio.

SCIONARD: Or lo sciampagne

Mettiamo in ghiaccio.

RODOLFO: Scelga o Barone.

Trota o Salmone.

MARCELLO: Duca, una lingua

di pappagallo.

SCIONARD: Grazie, m’imprigno

Stasera ho un ballo.

RODOLFO: Già sazio?

COLLIUE Ho fretta, il Re m’aspetta.

MARCELLO C’è qualche trama.

RODOLFO: Infame donne

ci malmenate

Puzziate essere

scannate scannate scannate

Nuje abballammo

Nuje cantammo

Tarantella, minuetto

Nuje facimmo nu balletto.

RODOLFO: Qualche mistero.

COLLIUE: Il Re mi chiama

al Minister.

SCIONARD: Bene, bene.

COLLIUE: Però, vedrò, guizzò.

SCIONARD: Porgimi il nappo. (Sale sulla sedia.)

MARCELLO: Sì, bevi io pappo.

SCIONARD: Mi fia permesso

Al nobil consesso.

RODOLFO: Basta, basta!

MARCELLO: Fiacco!

COLLIUE: Che decotto.

MARCELLO: Leva il tacco.

COLLIUE: Dammi il gotto.

SCIONARD: M’ispira irresistibile.

L’estro della romanza.

TUTTI: No, no, no!

SCIONARD: Azione coreografica.

TUTTI: Sì, sì, sì!

SCIONARD: La danza con musica vocale.

COLLIUE: Si sgombrino le sale Gavetta.

MARCELLO: Minuetto.

SCIONARD: Tarantella.

TUTTI: Tarantella. (Ballano.)

COLLIUE: Bestia.

SCIONARD: Che modi da lacchè.

COLLIUE: Se non erro

Lei m’oltraggia

Snudi il ferro.

SCIONARD: Pronti!...

Il tuo sangue io voglio ber.

COLLIUE: Un di noi qui si sbudella.

SCIONARD: Apprestate una barella.

COLLIUE: Apprestate un cimiter.

SCENA TERZA

Musetto e detti, poi Mimì e tutti.

MUSETTA: C’è Mimì

C’è Mimì che mi segue

E che sta male.

RODOLFO: Ov’è?

MUSETTA: Nel far le scale sciuliò.

RODOLFO: Uh! Sciuliò. (Via.)

MIMÌ: Rodolfo.

RODOLFO: Zitta... riposa.

MIMÌ: Oh! Mio Rodolfo mi vuoi qui con te?

RODOLFO: Oh! Mia Mimì sempre con me.

MIMÌ: Mi sento assai meglio

Lascia ch’io guardi intorno.

Io ho tanto freddo.

Se avessi un manicotto queste mie mani

Riscaldar non si potranno mai

Magari avessi un gatto

riscalderei con esso.

RODOLFO: Emì, nelle mie, taci

Il parlar ti stanca!

MIMÌ: Ho un po’ di tosse

Ci sono avvezza.

Buongiorno Marcello.

Scionard, Colliue buongiorno.

Tutti qui tutti qui

Sorridenti a Mimì.

MUSETTA: A te, vendi, riporta qualche cordial.

Io vado scisciotto

E compro un manicotto.

COLLIUE: Vecchia zimarra, senti.

Io resto al pian, tu ascender

Il sacro monte or devi

le mie grazie ricevi.

Mai non curvasti il logor

ai ricchi ed ai potenti.

Passaron nelle tue tasche

boria in antri tranquilli

filosofi e poeti.

Ora che i giorni lieti

fuggir ti dico addio

Fedele amico mio!

Addio... addio... (Via.)

MIMÌ: Sono andati, fingevo di dormire

Perché volli con te sola restare.

Ho tante cose che ti voglio dire

Ma una sola è grande come il mare.

Come il mare profonda ed infinita.

Sei il mio amore e tutta la mia vita.

RODOLFO: Oh! Mimì, mia bella Mimì.

MIMÌ: Son bella ancora.

RODOLFO Bella come un’aurora.

MIMÌ: Hai sbagliato il raffronto.

Volevi dir bella come un tramonto.

Mi chiamano Mimì. (Due volte.)

E il perché non so. (Due volte.)

La mia cuffietta (due volte) ah! (Tossisce.)

SCENA ULTIMA

Tutti.

SCIONARD: Che avvien?

MIMÌ: Nulla! Staben!

RODOLFO Zitta. Per carità!

MIMÌ: Si, perdona

Or sarò buona.

MUSETTA: Dorme?

RODOLFO: Riposa.

MARCELLO: Ho veduto il dottore.

Verrà, gli ho fatto fretta.

Ecco il cordial.

MIMÌ: Chi parla?

MUSETTA: Io, Musetta. (Le dà il manicotto.)

MIMÌ: Oh! Com’è bello e peloso.

Non più, non più le mani allividite.

Il tepore le abbellirà.

Sei tu che lo doni?

RODOLFO: Sì.

MIMÌ: Tu, spensierato, grazie.

Ma costerà. Sto bene. (Rodolfo piange.)

Pianger così perché?

Qui amor sempre con te.

Le mani al caldo e dormire.

RODOLFO: Che ha detto il medico?

COLLIUE Verrà!

MUSETTA: Madonna benedetta

Fate la grazia a questa poveretta.

TUTTI: Amen. (1a Batt.)

RODOLFO: Io spero ancor, vi par che sia grave?

MUSETTA: Non credo.

SCIONARD: Marcello è spirata. (Sole dalla finestra.)

RODOLFO: Che vuoi dire

Quell’andare e venire

Quel guardarmi così?

MARCELLO: Coraggio.

RODOLFO: Mimì... Mimì... Mimì...

(Il sipario cala lentamente.)

Fine dell’atto quarto

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno