La buon’anima di mia suocera

Stampa questo copione

Giambattista Spampinato

“LA BUON’ANIMA DI MI A SUOCERA”

Commedia in due atti


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

PERSONAGGI:

Cav. Celestino Morabito

Sig.ra Geltrude, sua moglie

Sig.ra Agrippina, sua defunta suocera

Prof. Pittella

Sig.na Carolina

Il Sindaco

Filippo

Mariuccia

Lino

Lucy

L’azione si svolge in provincia di Catania, oggi.


1


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

ATTO PRIMO

La scena rappresenta un moderno soggiorno-salotto arredato con mobili moderni ed eleganti: un divano, due poltrone, un tavolo da giuoco con quattro sedie attorno, una libreria e un mobile bar; un ingrandimento fotografico della defunta signora Agrippina, bene in vista alla parete centrale, che stona con i quadri moderni esistenti nella camera. In fondo, un ampio arco che divide il soggiorno dall’ingresso, posto al centro dell’arco. A destra e a sinistra, dietro l’arco, due corridoi che comunicano con il resto della casa. E’ sera e si vuole festeggiare il compleanno del cav. Celestino. Mariuccia e Filippo sistemano dei fiori freschi in alcuni vasi. Sono due ragazzi alla moda: Filippo indossa bleujinz laceri e sporchi, una camicia a fiori su cui spicca una collana con relativo medaglione; porta i capelli lunghi al contrario della sorella che li ha invece cortissimi; Mariuccia indossa una minigonna di cuoio lucido, stivaloni dello stesso cuoio e una camicetta di colori vivaci.

SCENA PRIMA

Filippo, Mariuccia, Geltrude, e poi Carolina.

GELTRUDE – (Venendo da destra)Mi raccomando, ragazzi, indisponeteli con arte.Deve sembrare che siamo abituati a tenere in casa fiori sempre freschi. (La signora Geltrude è la tipica ignorante arricchita che si ostina a voler parlare in lingua facendo errori madornali )

FILIPPO – Ma non è meglio, mammà, che addobbiamo la stanza con festoni,palloncini colorati e stelle filanti?

MARIUCCIA – Ma no, è troppo pacchiano!

GELTRUDE – Dice bene tua sorella: è pacchianoso e, poi, non siamo a Carnevale.

MARIUCCIA – Deve sembrare una serata come un’altra. Fa più chic.

FILIPPO – Ma i palloncini fanno più atmosfera!

GELTRUDE – Niente palle!(Si sente suonare il campanello dell’ingresso)Noncridu ca già arrivau ‘u papà?!

MARIUCCIA – Ma no, è ancora presto.

GELTRUDE – Filippo, vidi cu’ è.(Filippo apre. Appare Carolina)


2


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – (E’ una zitella di 45 anni il cui grande desiderio è quello di trovareun marito. Questo grande anelito, pertanto, la fa sospirare continuamente) E’permesso?

GELTRUDE – S’accomodi, signorina, prego…

CAROLINA – Buona sera, signora.(E la bacia)Buona sera, ragazzi.(Fa perbaciare anche loro, ma i ragazzi svicolano, ma salutano a coro)

MARIUCCIA e FILIPPO –  Buona sera, signorina Carolina.

GELTRUDE – A che devo l’onore della sua visita?

CAROLINA – (Guardando in giro)Quanti fiori!… Che è festa?

GELTRUDE – Veramente, sì, ma non perché lei vede i fiori. I fiori in questa casafetono!

CAROLINA – Ca beata lei ca havi ‘ddu bellu giardinu; ju, inveci, l’haju accattari.(Siedono sul divano)

GELTRUDE – Questi non sono fiori del giardino; i ficimu veniri apposta daCatania, dal più meglio fioraio.

CAROLINA – Ho capito, ‘sta sera c’è il puntamento del matrimonio di Mariuccia.(Con un sospiro) Ah, beata lei!… Oggi profumo di fiori, domani sorriso di bimbi!

GELTRUDE – No, no, signorina; lei è fora strata!

CAROLINA – Non sunu ppi Mariuccia?

MARIUCCIA – Per me niente fiori!

FILIPPO –(Subito)Ma opere di bene!(Mariuccia gli dà uno scappellotto)

CAROLINA – E, allura, ppi cu’ sunu?

MARIUCCIA –Per il vecchio!

FILIPPO –(Contemporaneamente alla sorella)Per Matusa!

GELTRUDE – Già, per mio marito. Oggi è il suo settantannesimo compleanno.


3


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Ah, sì? Auguri! Ci sarà, allura, festa ‘ranni e ci saranno naturalmentemolti invitati.

GELTRUDE – Solo pochi intimi: ‘u sinnicu…

CAROLINA –(Saltando in aria)‘U sinnicu?!…

GELTRUDE – Proprio lui! Poi, suo figlio Lino, sua nipote Luce… Una festicciola infamiglia.

CAROLINA – Ci sarà ‘ddu simpaticuni d’u sinnicu?

GELTRUDE – E’ nostro intimo amico.

CAROLINA –(Con un sospiro)Oh, che fortuna!… E veni sempri in casa so’?

GELTRUDE – E’ di casa.

CAROLINA – (Ancora sospiro)Beata lei ca ‘a veni a truvari finu in casa! Ju, inveci,ppi vidillu, m’haju a suppurtari tutti i riunioni d’u Cunsigghiu comunali e haju a sentiri tutti l’improperi ca ci diciunu. ‘U sapi quanti ci nni nesciunu? Di tutti i culuri: latru, disonestu, ‘mbrugghiuni!… Non s’i merita, mischinu. E ppi mia sunu spini ca s’azziccunu ‘nto cori!

GELTRUDE – A quantu sentu lei havi un debuli pp’u sinnicu.

CAROLINA – No, quannu mai! Assolutamente! Chi dici, signura?

GELTRUDE – Chi c’è di mali, signurina? ‘U sinnicu è un omu libiru; è viduvu… èun bell’uomo…

CAROLINA – Ma no, chi c’entra?(Piano, quasi sottovoce)Parrassi alleggiu ca cisu’ i carusi.

GELTRUDE –(Anche lei sottovoce)Ora i mannu ddà banna. Ragazzi, andate acontrollare che cosa sta fando donna Carmela in cucina.

FILIPPO e MARIUCCIA – (Insieme)Va bene. Buona sera, signorina Carolina!

CAROLINA – Buona sera, ragazzi.(Filippo e Mariuccia fanno finta di andare, masi nascondono dietro l’arco per ascoltare)

GELTRUDE – E, allura? Mi dicissi.


4


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Ma nenti, signura… non mi facissi affruntari ca ju sugnu ancoracome una bambina.

GELTRUDE – E pirchì s’avissi affruntari? Chi c’è di mali si havi un debole pp’usinnicu? Non s’u merita?

CAROLINA – Oh, chistu e autru!

GELTRUDE – E allura?

CAROLINA – (Afferrandole la mano e portandosela al cuore)Ebbene, sì, haju ‘nasimpatia pp’u sinnicu! E’ così maschio, così focoso ca non pozzu fari a menu di trimari tutta quannu ‘u vidu!

GELTRUDE – Signurina, mi lassassi ‘a manu ca ju non sugnu ‘u sinnicu!

CAROLINA – Mi scusi, signora, mi sono lasciata prendere dalla foga!

GELTRUDE – Me ne sono accorta. Però, ju sapeva ca ‘a simpatia lei l’aveva pp’ufarmacista.

CAROLINA – Mi passau, signuruzza… Anzi m’a fici passari iddu stissu quannu jvi‘nta farmacia pp’accattari i pinnuli ppi dormiri a’ notti. ‘U sapi, ju, di quannu morsi ‘a bon’armuzza d’a mamà e ristai sula, soffru d’insonnia, non pozzu pigghiari sonnu, smanìu tutta. ‘U medicu, veramenti, mi dissi ca maritannimi mi passa… (Sospiro) Mah, spiramu!… Perciò, comu ci stava dicennu, trasii ‘nta farmacia e ‘u farmacista fu primurusu, gentili…

GELTRUDE – Una persona compita è: un vero gentiluomo!

CAROLINA – Ca quali, signuruzza!…Ca quali!… E’ un vastasi di prima categoria!‘U sapi chi fici? Pigghiau ‘n scatulu di cioccolattini e m’i uffrìu.

GELTRUDE – E, allura, fu gentili ppi daveru.

CAROLINA – Sulu ca erunu purgativi!… Arrivannu a’ casa, signuruzza, m’a visticcu Diu!… Ci cuminciai d’i scali!… Di t’annu d’iddu non nni vosi sentiri cchiù.

GELTRUDE – E ‘u prituri? ‘Na vota ci faceva ‘a corti.

CAROLINA – Mi lassassi stari ca sugnu sfurtunata! Non ci piacevunu le personeanziane.

GELTRUDE – Veramenti, lei tantu anziana non è.


5


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Ma chi capìu? ‘A mamà era anziana!… Campava idda, ‘a putevamannari all’ospiziu?

GELTRUDE – Ma ‘u sinnicu currispunni alla sua simpatia? Si è dichiarato?

CAROLINA – Dichiarato vero e proprio ancora no, ma mi ha fatto capire ca non cisugnu indifferente. Chi voli? ‘N picciuttazzu comu ‘u sinnicu non po’ ristari indifferente di fronte alla mia freschezza e alla mia giniusità. Non ppi essiri modesta, ma la mia pelle, quella nascosta, è vellutata come una rosa di maggio. Taliassi! (Fa per scoprirsi il seno, ma Geltrude la ferma)

GELTRUDE – Non occorre, ci credo.

CAROLINA – E poi, giniusa ci sugnu. Non è vero, forse?

GELTRUDE – Eccome, lei è veramente una bella donna!

CAROLINA – Bella, no. ‘U sacciu ca non sugnu bella, ma giniusa sì.

GELTRUDE – Senz’altro. Ora, signorina Carolina, mi deve scusare, ma ho un po’da fare in cucina: devo dare gli ultimi rintocchi per la cena. (Fa per alzarsi)

CAROLINA –(Trattenendola)Signora, mi deve perdonare se oso tanto, ma lei cappi mia ha statu sempri comu ‘na matri…

GELTRUDE – (Scattando)Signurina, ju du’ anni cchiù nica sugnu!

CAROLINA – Mi scusi, comu ‘na soru vuleva diri… Non vorrei essere sfacciata, malei mi deve fare un favore grande: deve invitare alla festa macari a mia. Non mi deve fare perdere questa occasione!

GELTRUDE – Ma è una festicciola in famiglia, tra intimi… Semu “quattro e ‘ubaddu”!

CAROLINA – E ccu mia facemu “cincu e ‘a badda”!

GELTRUDE – E va bene, è invitata anche lei!

CAROLINA –(Abbracciandola e baciandola)Grazie, signora. Non lo scorderò mai.Mi permetta di baciarla! (E fa per baciarla ancora)

GELTRUDE – (Fermandola)Mi ha già baciata.


6


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Mi scusi, non ci avevo fatto caso. Beh, ora volo a cambiarmi e sonoqui in un attimo. (Arriva alla porta e torna) Chiuttostu, chi vistitu mi cunsigghia? Da sera o da mezza sera?

GELTRUDE – Lei havi tantu bon gustu…

CAROLINA – ‘U sapi? Ci nn’haju unu da mezza sera, tutto scollacciato, ca è unamuri.

GELTRUDE – Va bene.

CAROLINA – Oppuri è megghiu un abito lungo?

GELTRUDE – Comu piaci a lei.

CAROLINA – ‘U sapi chi fazzu? Mi mettu ‘na gonna curta, comu si usunu ora, e ‘nacamicetta di seta pura, così sembrerò più giovane.

GELTRUDE – Ma…

CAROLINA – Ju i jammi ‘ritti ci l’haju. Taliassi.(Scopre le gambe)

GELTRUDE – Forse è più meglio che lei indossi un vestito lungo. E’ più chic!

CAROLINA – Accussì dici lei? Forse ha ragione. Non vurrissi ca di mia s’innamura‘u figghiu anzicchè ‘u patri!… ‘U figghiu è ‘n bellu picciottu, ma mi jetta tanticchia nicu! Beh, corro… A più tardi!

GELTRUDE – Facissi ccu comudu. L’accompagno.(Via insieme a Carolina)

FILIPPO –(Venendo fuori facendo il verso a Carolina)Non vurrissi ca di mias’innamura ‘u figghiu anzicchè ‘u patri!… (A Mariuccia che lo segue) ‘A sentisti? Ti voli fari concorrenza.

MARIUCCIA – Povera signorina Carolina, in fondo mi fa pena.

FILIPPO – Menu mali ca Lino ci jetta nicu, annunca era capaci di faricci ‘a jatta incalore! Cosi da pazzi, si vuleva mettiri ‘a minigonna!

MARIUCCIA – Però, ancora ha delle belle gambe. Gliel’hai viste?

FILIPPO – Ci l’havi storti e agghimmati.

MARIUCCIA – Non è vero. Ce l’ha dritte.


7


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

FILIPPO – (A Geltrude che rientra)Mamà, non ci l’havi storti i jammi ‘a signurinaCarolina?

GELTRUDE – Lasciate perdere le gambe della signorina Carolina e mettete undisco. Sta arrivando papà. Accogliamolo con la musica. (Filippo accende l’apparecchio dopo aver messo il disco e ne viene fuori una musica assordante. I tre cominciano a dimenarsi al ritmo della musica. Intanto appare Celestino, un uomo decisamente all’antica)

SCENA SECONDA

Celestino e detti.

CELESTINO – Astutati ‘sta speci di musica ca si sta purtannu i ciriveddi!

GELTRUDE – Ma l’abbiamo messa in tuo onore!

CELESTINO – Ni fazzu vulinteri a menu! Prega, chiuttostu, la tua prole di finillad’annacarisi e di astutari ‘dd’ordignu assurdanti; e finiscila d’annacariti macari tu prima ca diventi acitu!

GELTRUDE – Diccillu tu d’astutallu; io non ho il cuore tanto crudele.

CELESTINO – Ju? E cu’ s’arrisica? Ti pari ca mi piaci di sintirimi chiamari“Vecchiu Matusalemmi” o “Semifreddo”?

GELTRUDE – Com’è ca non capisci ‘u scherzu! Va beni, ci pensu ju.(Ai figli)Picciriddi, basta ora ca c’è ‘u papà!

FILIPPO –(Senza smettere di ballare)Genitore, sei tornato finalmente all’ovile?

CELESTINO – Bedda Matri, non i ricanusciu cchiù e’ me’ figghi! Non capisciu cu’è ‘u masculu e cui ‘a fimmina. Cu’ si’ tu?

FILIPPO – Ma il tuo discendente, caro Matusalemme!

CELESTINO –(Facendo il gesto di dargli un manrovescio)Quantu si’ antipaticu!

MARIUCCIA –(Che intanto ha spento l’apparecchio)Filippo, abbracciamo ilvecchio e facciamogli gli auguri.

CELESTINO – Finalmente ci nn’è una ca si ricurdau d’u compleannu!

MARIUCCIA – (Abbracciandolo)Mille di questi giorni, vecchio Priamo!


8


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

FILIPPO – (Prende la sorella e la madre per mano e girano attorno al padrefacendo un cerchio e cantando) Tanti auguri a te!… Tanti auguri a te!… Tanti giornifelici!… Tanti auguri a te!

CELESTINO – (Che malgrado tutto è commosso)Basta ora ca mi stati facennufurriari ‘a testa!… Lassatimi ripusari tanticchedda. Mariuccia, vo’ pigghimi i pantofuli e ‘a pipa!

GELTRUDE – (Subito)Non po’ essiri! ‘Sta sira non po’ essiri!

CELESTINO – Chi significa: “Non po’ essiri”?

GELTRUDE – Per questa sera ci devi rinunziare.

FILIPPO – (Ironico)Da quando è morta la povera nonna, il vecchio vuole fare i suoicomodi.

GELTRUDE – Già, mi pare che te ne stai approfittando!

CELESTINO – Chi c’è di mali si mi piaci la libertà in casa mia?

GELTRUDE – Stai dicendo ca ‘dda santa donna di me’ matri te lo impediva?

CELESTINO – Ju non staju dicennu chistu; però, quannu mi vuleva fari ‘na bellafumata di pipa, aveva a scinniri ‘nto giardinu, macari ‘nta ‘ddu misi di jnnaru ccu ‘ddu gran friddu ca divintava un ghiacciolu!

GELTRUDE – Non malignari, ahu! ‘U sai ca si manchi di rispettu a ‘dda…

CELESTINO -(Interrompendola e continuando per lei)… a ‘dd’armuzza santa dito’ matruzza!… ‘U sacciu. Chista è storia vecchia. Ju non staju mancannu di rispettu a nuddu, ma non rinuncio alla mia libertà, almeno per oggi! Mariuccia, vo’ pigghimi i pantofuli e ‘a pipa!

MARIUCCIA – Ma, papà!…

FILIPPO – Avanti, mammà, parla… dillo al genitore.

CELESTINO – Finiscila di chiamarimi “genitore” ca m’auttasti!(Alla moglie)E tuchi m’ha’ diri?

GELTRUDE – (Reticente)I  to’ figghi ti volunu fari ‘a festa.

CELESTINO – Divintai santu?


9


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Quantu si’ lisciu, pipita masculina! Mariuccia e Filippo hannopensato di fare degli inviti per festeggiarti.

CELESTINO – Ci pinsaru iddi o ci pinsasti tu?

GELTRUDE – No, iddi, iddi!

CELESTINO – E va beni, si propriu ci tiniti a farimi ‘sta festa, lassatimi stari in pacica non vogghiu vidiri a nuddu.

FILIPPO – Ma, babbo…

CELESTINO – Babbu ci po’ essiri tu!

MARIUCCIA – Papà, ti prego, permettici di festeggiarti!(Lo accarezza perrammollirlo)

CELESTINO – E quali fussiru ‘sti festeggiamenti? Fari schifìu ‘nta me’ casa ccuautri deficienti comu a vuatri ppi distruggila? Vi ringraziu, di ‘sti festeggiamenti ni fazzu a menu.

GELTRUDE – Ca falli cuntenti. Che male ci sarebbe se qualche conoscente viene apassare la serata con noi?

FILIPPO – Verranno poche persone.

CELESTINO – V’haju dittu di no. ‘Sta sira haju bisognu di stari tranquillu, devoriflettere. Anzi, si mi vuliti fari ‘n favuri ‘ranni, nisciti e lassatimi sulu accussì riflettu megghiu. (Pausa) Pirchì non vi nni jti o’ cinima? Stannu facennu ‘na bella pillicula: Kinghi Konghi!

GELTRUDE – Non c’è cchiù nenti da fari; oramai haju fattu l’inviti e fai conto chearrivano gli invitati!

CELESTINO – O’ solutu to’, ‘a festa ‘a priparati ppi vuatri, mentri ‘u festeggiatuavissi a essiri ju. Ca pacienza… (Si alza) Voli diri ca o’ cinima ci vaju ju.

GELTRUDE – Questo non lo puoi fare perché il sindaco si offenderebbe!

MARIUCCIA – Appunto, che direbbe il papà di Lino?

CELESTINO – Lino? E cu’ è ‘stu Lino?

GELTRUDE – Il figlio del sindaco.


10


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Ma non si chiama Pasqualino?

GELTRUDE – Pasqualino è troppo volgare. Meglio Lino!

CELESTINO – Ppi mia è sempri ‘n Pasquale!

GELTRUDE – Anche tu lo chiamerai Lino!

CELESTINO – Ju, ppi non sbagghiari, non ‘u chiamu affattu ca  è megghiu.

GELTRUDE – Ed, invece, ti devi abituare a chiamarlo.

CELESTINO – E già, m’haju abituari ppi forza, annunca putemu macari moriri!…Comu l’haju a chiamari? (Chiamando caricaturalmente) Lino!… Lino!… Accussì? Però, non mi rispunni!… A cu’ ci vinni ‘sta bella idea si chiamallu Lino? Scummettu ca vinni a tia.

GELTRUDE – Certo, io ho buon gusto!

CELESTINO – E propriu ppi ‘sta fissazioni di dariti arii di fimmina di classe e dibuon gusto, ju festa non nni vogghiu!

GELTRUDE – E’ tempo perso perché il sindaco sta arrivando e non possiamomandarlo via. E si tu pipitii ancora, quannu arriva ti svergognu!

CELESTINO –(Ormai vinto)E va beni, comu voi fari fai. Tantu, vinci sempri tu.(Ai figli) Vuatri a dui, però, vo’ jtivi a cangiari di tutta cursa!

MARIUCCIA – Ma io ho indossato apposta la minigonna, gli stivali e la camicettanuova!… Papà, ti prego, Lino non me li ha ancora visti!

CELESTINO – E mancu t’i vidi!(A Filippo)Tu vo’ leviti ‘sti causi vecchi!

FILIPPO – Ma papà, non sunu vecchi, sunu bleujinz!(Pronuncia: “Blugeanz”)

CELESTINO – Blu chi?

FILIPPO – (C.s.)Bleujinz, fanno tanta moda!

CELESTINO – Fanno tanto schifo!

FILIPPO – Tu non puoi capire!


11


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Non haju a essiri ju a capiri; vuatri dovete capire e, se non miubbidite, mi nni vaju e vi strammu ‘a festa!

GELTRUDE – Quantu si’ antipaticu! Carusi, faciti pacienza, non cuntrariatilu ppi‘sta vota.

MARIUCCIA – Ma che vestito mi metto?

CELESTINO – Unu qualunqui, basta ca ti curmogghi ‘sti cusciazzi ca ci hai di fora!Mi stai parennu ‘n motociclista ca va a fari ‘u circuitu di Monza! (Mariuccia via borbottando)

FILIPPO – Vado a cambiarmi anch’io.(Via dietro alla sorella)

GELTRUDE – Pirchì non ti vesti macari tu?

CELESTINO – E chi ti paru nudu? Ju vistutu sugnu.

GELTRUDE – Vuleva diri, pirchì non ti cangi ?

CELESTINO – Si mi vuliti, ju restu accussì.

GELTRUDE – Ma che può dire il sindaco? Di sicuro viene in smochini.

CELESTINO – Non veni cc’a machina?

GELTRUDE – Ma chi capisti? Viene in smochini, cioè in abito da sera.

CELESTINO – Po’ veniri macari in pigiama, a mia non m’interessa. Ju restuaccussì.

GELTRUDE – Sei antiquario! Ecco che cosa sei: antiquario!

CELESTINO – Già, hai propriu ragiuni. ‘Sta casa divintau un museu. Tu, peresempiu, si’ ‘na mummia egiziana, to’ figghia è ‘a tapallira d’u Burgu e ‘ddu ‘mbicilli di to’ figghiu è la personificazioni di Peppi Nappa!

GELTRUDE – Ma chi discursi stai facennu? Chi c’entra ‘u museu?

CELESTINO – C’entra in pieno. Si ju sugnu antiquariu, vuatri siti i pezzi rari d’umuseu!

GELTRUDE – Sinceramente, non ti capico.


12


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – E non mi po’ capiri si parri n’autra lingua.

GELTRUDE – Io parlo come ho sempre parlato.

CELESTINO – No, mia cara. Di quannu divintasti fimmina di classi adoperi n’autruscilinguagnulu. Ca parra comu t’insignau to’ matri, ‘gnuranti!

GELTRUDE – Io sono stata educata in collegio!

CELESTINO – O’ convittu, autru ca cullegiu!

GELTRUDE – Nel più meglio collegio di Acireale!

CELESTINO – Ca comu!… Si senti l’educazioni ca ti desiru ‘nta ‘stu cullegiu! E fuddocu ca t’insignaru ca i figghi si chiamunu “proli”?… Perciò, nuatri abbiamo un “prolo” e una “prola”!… E ju cu’ sugnu ‘u “pruvuluni”?… E tu ‘a “pruvuligghia”?

GELTRUDE – Quantu si’ lisciu, Bedda Matri!

CELESTINO – E sugnu macari antiquariu?

GELTRUDE – Antiquario, sissignore, antiquario! Sei rimasto all’età di Pietra!

CELESTINO – All’età di… Vih, chi mi stava scappannu! E’ ca tu soru non nn’hai!L’antiquariu è chiddu ca vinni cosi vecchi, antichi… Ju, semmai, pozzu essiri antiquatu!

GELTRUDE – E va bene, quante storie per un po’ di confusione. Ho preso un lapis!

CELESTINO – Chi pigghiasti?

GELTRUDE – Un lapis!

CELESTINO – E cc’ha’ fari cc’u lapis? Cc’ha’ scriviri?

GELTRUDE – Ma chi capisti? Fici un pocu di confusioni, ecco!

CELESTINO – Non è megghiu ca quannu parri ccu mia, ti esprimi naturali, accussìti capisciu? Quannu c’è ‘u sinnicu, parra comu voi ca iddu ti capisci pirchì è d’a stissa razza to’.

GELTRUDE – Quantu si’ scunchiudutu!

CELESTINO – A propositu di scunchiuduti, ci nni su’ autri invitati oltri o’ sinnicu?


13


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Ci sarà la signorina Carolina…

CELESTINO – N’autru bellu pezzu d’ antiquariatu!

GELTRUDE – E poi ci sarà Luce e Lino.

CELESTINO –(Equivocando)L’uccellino?! Si porta l’acidduzzu ‘u sinnicu?

GELTRUDE – Ma chi capisti? Lino con Luce!

CELESTINO – Lino cc’a luci?! Ci pari ca semu o’ scuru ccà?

GELTRUDE – Celeste, tu non capisci mai niente! Sei ritardato! “Luce” è il riassuntodi Lucietta, che è la nipote del sindaco!

CELESTINO – Ah, è il riassunto? Scusa, non l’avevo capito. E scommetto che Lino

èla radice quadrata di Pasqualino! Brava, me ne compiaccio! In grammatica e in aritmetica stai facendo progressi! Sta’ friquintannu, ppi casu, ‘na scola sirali ammucciuni di mia?

GELTRUDE – Non staju friquintannu propriu nenti! Modestamente, a mia a’ scolami hanno dato delle basi solite!

CELESTINO – Si sente. Insomma, ‘sta sira ci sarà tutta la famiglia al completo?Semu ricchi e non ‘u sapi nuddu! ‘U putevi invitari a qualchi autru. Cu’ s’u simporta, ppi ‘na sirata sana, a ‘ddu prisintusu e ripuddutu di cristianu!?…Bedda Matri, non ‘u pozzu digiriri!

GELTRUDE – Ti devi abituare. Lo sai che Lino fa la corte a Mariuccia e, prima opoi, ‘u sinnicu si sbuttuna?

CELESTINO – E ‘mbè? Casu mai s’abuttuna n’autra vota.

GELTRUDE – Ma non ti pari bellu che la nostra Mariuccia sposi il figlio delsindaco, del primo cittadino del paese? Accussì, nuatri, ‘mparintannini cc’u sinnicu, divintamu i secunni cittadini!

CELESTINO – Ju non ci tegnu affatto a divintari secunnu e mancu terzu cittadinu e,soprattutto, parenti d’u sinnicu.

GELTRUDE – Comu, ju non vidu l’ura e tu?…

CELESTINO – E ju, inveci, ‘stu matrimoniu ci l’haju propriu supra ‘u stomucupirchì ‘u figghiu è cchiù antipaticu d’u patri!


14


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Chistu non ‘u po’ diri. Lino è un ragazzo simpaticissimo.

CELESTINO – Si’ propriu decisa ca a to’ figghia ci a dari a chissu?

GELTRUDE – Ma Lino è un bel partito per Mariuccia!

CELESTINO – ‘U ragiuneri Fisichella è macari ‘n bellu partitu e non è forsi ‘ncarusu seriu, ‘nnamuratissimu di Mariuccia?

GELTRUDE – Troppo serio! E’ inutile, a me non mi piace e, pozza pozza,Mariuccia è innamorata di Lino!

CELESTINO – E si disamura pirchì a mia ‘stu matrimoniu non mi convanvira.

GELTRUDE – E poi videmu!

CELESTINO – Eh, cara mia, non c’è cchiù ‘dda ruffiana di to’ matri ca ti difenni eti duna ‘na manu. To’ matri attisicau i palitti e ‘u spassu ti finìu. Ora cumannu ju!

GELTRUDE – Di tia non m’haju scantatu mai!… Me’ figghia s’ha pigghiari ‘npicciottu beddu, riccu e malantrinu, di cui ha essiri ‘nnamurata e po’ stari o’ so’ latu e non a ‘n pezzu di mammaluccu comu ‘u ragiuneri Fisichella. Macari ‘u nomu havi bruttu: (Sillabando) Fi-si-chel-la! (Schifandosi) Uhaaa! Invece: Lino Stacci!

CELESTINO – E resticci pirchì t’aggruppa ccà!(Indica la gola)

GELTRUDE – Chi vivrà, vedrà!

CELESTINO – E ppi tia ‘dda suttaspeci di omu è beddu e malantrinu? Ma fammi ‘ufavuri, va’! Assumigghia tuttu a “don sucasimmula”! Ma poi, pirchì ti vagni prima di chioviri? ‘U sinnicu ancora non s’ha sbuttunatu.

GELTRUDE – Vedrai ca si sbuttuna.

CELESTINO – Si sbuttuna pp’u caudu, non ppi to’ figghia! Comunque, lassamuperdiri ‘sti discursi inutili e parramu di cosi cchiù ‘mpurtanti: vidi ca staju ‘nvitannu a Ciccinu Pittella; fa’ priparari, perciò, n’autru postu a tavula.

GELTRUDE – Chi, chi, chi? Tu non ‘nviti a nuddu c’aceddi di malu auguriu in casamia non nni vogghiu!

CELESTINO – ‘U prufissuri è n’aceddu?…

GELTRUDE – Di malu auguriu, sissignore, e ju non ‘u vogghiu in casa!


15


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – E, inveci, ‘u ‘nvitu!

GELTRUDE – Non ‘u ‘nviti!

CELESTINO – ‘U ‘nvitu! ‘U simporti comu ju simportu ‘u sinnicu! GELTRUDE – Mi ricalchi?

CELESTINO – Sì, ci mettu un fogghiu di carta carboni! ‘Gnuranti, si dici: “Miricatti”!

GELTRUDE – Tu mi capisti, no? E va bene, dirò a donna Carmela di mettere unaltro coperchio.

CELESTINO – Un altro coperchio?! E vugghi ‘a cazzalora ccu du’ coperchi?!

GELTRUDE – Com’è ca non capisci nenti? Sei un povero ignorante! Il coperchio lofarò mettere a tavola. Chi c’entra ‘a cazzalora?

CELESTINO – Si dice: coperto! GELTRUDE – ‘A stissa cosa è!(Via a destra)

CELESTINO – Oh, la grandissima bistiuna, a mia m’happi a capitari!(Poi, chiama)Filippo!… Filippo!…

FILIPPO – (Arrivando)Mi hai chiamato?

CELESTINO – Sì, telefona o’ prufissuri Pittella e ci dici ca è ‘nvitatu a cena in casanostra.

FILIPPO – Ma…

CELESTINO – Niente ma, annunca vi strammu ‘a festa!

FILIPPO – E va bene, vado a telefonargli.(Via borbottando. Intanto si sentesquillare il campanello dell’ingresso)

GELTRUDE – (Rientrando in fretta)Questo è il sindaco. Celestino, apri tu. Io sonoancora tutta impacciata.

CELESTINO – Ju non grapu a nuddu. Tu ‘u ‘nvitasti e tu ‘u ricivi.

MARIUCCIA –(Arrivando di corsa)Vado io, mammà.(Via)


16


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

FILIPPO –(Arrivando a sua volta)Sono arrivati, finalmente?

CELESTINO – Arrivau ‘u Presidenti d’a Repubblica ccu tuttu ‘u secutu!

SCENA TERZA

Sindaco, Lino, Lucy, detti, e poi Carolina.

SINDACO –(E’ in abito scuro. Bacia la mano a Geltrude con galanteria)SignoraGeltrude, i miei omaggi! Lei è sempre fresca come una rosa di maggio!

GELTRUDE – Oh, signor sindaco, lei è sempre galante!

SINDACO – Carissimo cavaliere, tanti auguri!

CELESTINO – Grazie.

SINDACO – Filippo, sempre in gamba!

FILIPPO – Buona sera, signor sindaco.

GELTRUDE – Caro Lino, come stai? Luce, sono contenta di vederti.

LUCY – Grazie, signora, anch’io, ma mi chiamo Lucy.

GELTRUDE – Pirchì, ju comu dissi? Luce!

LUCY – Lucy, signora, Lucy!

LINO – Cavaliere, buon compleanno!

LUCY – Auguri!

CELESTINO – Grazie, ragazzi.(Intanto i ragazzi s’appartano)

SINDACO – Signora Geltrude, io la ringrazio per l’invito, ma ci ha colto di sorpresa.

Non abbiamo fatto in tempo a comprare un regalino al cavaliere.

CELESTINO – (Quasi tra di sé)M’u ‘mmaginava, sbagghiava chista!

SINDACO –  Come ha detto?

CELESTINO – Dicevo ca m’u ‘mmaginava ca lei era stato cotto di sorpresa.


17


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

SINDACO – Mi creda, sono mortificato.

GELTRUDE – Ma che dice? Il vero regalo per mio marito è che lei si sia degnato diaccettare il nostro invito. E’ vero, Celeste?

CELESTINO –(Sbuffando)Sono gongolante.(Piano a Geltrude)Non mi chiamaricchiù Celeste.

GELTRUDE – Ma come? Ti ho chiamato in taliano! Signor sindaco, non è piùmeglio assai il nome Celeste?

SINDACO – Oh, sì, sa di cielo!

CELESTINO – E ju, inveci, vogghiu sapiri di terra!

GELTRUDE – Signor sindaco, non ci dasse retta. Lui è come a Bastiano alcontrario. Piuttosto, tornando alla cena di questa sera, non si aspettasse cose all’ingrosso…

CELESTINO – Al dettaglio.

GELTRUDE - … una cenetta in famiglia. Quello che ci farà mangiare donnaCarmela. Dice che ha preparato una ricetta particolare: tondina con la ceporlata.

SINDACO – Che cosa?

CELESTINO – Traduco: tunnina cc’a cipuddata.

GELTRUDE – Prorio così. Io, se lei mi crede, non ho avuto il tempo di fare ilcontrollo.

CELESTINO – E menu mali! Geltrude, ‘u lassasti additta o’ sinnicu comu uncitrolu? Fallu assittari.

GELTRUDE – Scusasse la mia distrazione. Si accomodi qui, nel divano, vicino ame. (Siedono)

SINDACO – Grazie, signora. Cavaliere, perché ha detto “meno male”?

CELESTINO – Ca menu mali ca me’ muggheri ha avutu autri chiffari, annunca ‘stasira cu’ sapi chi nni tuccava di mangiari!

SINDACO – Non glielo lascio dire, cavaliere. E’ risaputo che la signora Geltrudeprepara certi manicaretti che sono una delizia.


18


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Oh, ppi chissu non la po’ supraniari nuddu. Pripara certi…(Allamoglie) Comu i chiami tu?

GELTRUDE – (Con enfasi)Pasticci!

CELESTINO – Propriu accussì: pasticci, ca sunu veri e propri pastizzi! Me’muggheri pastizzusa è!

GELTRUDE – Quanto sei spiritoso!

CELESTINO – Pirchì non vai a vidiri a chi puntu è donna Carmela?(Geltrude faper alzarsi, ma il sindaco la blocca)

SINDACO – Eh, no, leggiadra signora Geltrude, lei non ci deve lasciare: la suacompagnia è preziosa.

GELTRUDE – Per carità, signor sindaco, non mi confondesse!(Al marito)‘U vidicomu sugnu apprezzata nella società?

CELESTINO – Fatti accattari di cu’ non ti canusci!(A questo punto, abbigliata inmodo ridicolo, arriva Carolina)

CAROLINA – E’ permesso? Buona sera a tutti. Oh, che bella compagnia!(Tutti sialzano per salutare)

GELTRUDE – (Al sindaco)Lei conosce la signorina Benincasa, la nostra vicina dicasa, che è di casa in questa casa?

CELESTINO –(Piano)E’ sempri casa casa!

SINDACO – Non ho l’onore. Piacere tanto.

CAROLINA – (Afferrandogli la mano e portandosela al cuore)Piacere mio. Io,invece, lo conosco. Anzi, sono una sua ammiratrice. (E rimane con la mano del sindaco stretta al cuore)

SINDACO – Lusingato. Lei s’interessa di politica?

CAROLINA – Un pochetto se, chi la fa, mi va a genio.

SINDACO – Ed io le vado a genio?

CAROLINA – Moltissimo.


19


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – (Liberando la mano del sindaco)La signorina Carolina questa sera èdei nostri. Signorina, questo bel giovane è Lino e questa bella ragazza è Luce.

LUCY – Lucy, signora.

CAROLINA – Piacere, ragazzi, di fare la vostra conoscenza.

GELTRUDE – Accomodatevi, prego. Signorina Carolina, s’accomodasse.

CAROLINA – Grazie, prima mi permetta di fare gli auguri più sentiti e più sinceri alcavaliere Celestino. (Lo abbraccia) Auguri, auguri di vero cuore!

CELESTINO – Grazie, signorina… S’accumudassi.(Carolina, facendosi spazio conla forza delle anche, sposta il sindaco al centro del divano, e prende posto accanto a lui. Celestino la guarda meravigliato, poi) Geltrude, ju vaju a vidiri chi sta facennudonna Carmela in cucina.

SINDACO – (Vedendosi stretto tra Carolina e Geltrude che lo soffocano)Cavaliere,le faccio compagnia?

CELESTINO – Grazie, non si scumudassi. S’assuppassi, inveci, ‘sti du’ cutri!(Via)

FILIPPO – (Agli altri giovani)Gente, facciamo un po’ di musica, tanto perriscaldare l’ambiente?

MARIUCCIA – Non vedi che la “tappezzeria” sta conversando?

LINO - Facciamoli sgombrare. Creeremo così più intimità e più atmosfera.

LUCY – Non mi sembra giusto mandarli via; chiediamo il permesso, invece.

LINO – Tu sembri essere nata ai tempi dell’arca di Noé!

FILIPPO – Lucy ha ragione. Anche se sono dei “matusa”, sono sempre i nostrivecchi. Chiediamo il permesso. (Alla madre) Genitrice, noi giovani si vuole fare della musica. Ci è consentito?

GELTRUDE – Dopo, ragazzi. Meglio dopo cena.

MARIUCCIA – Mammà, noi ci stiamo annoiando.

GELTRUDE – Non vedi che sto chiaccheriando col sindaco? La vostra musicadisturba.


20


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

SINDACO – Suvvia, signora, li lasci fare. Sono giovani esuberanti.

MARIUCCIA – Mammà, ti prego!

GELTRUDE – E va bene, ma andatevene nell’aldilà, nella sala grande.

FILIPPO – Evviva! Forza, gente, andiamo; si aprono le danze!(Poi, facendo uncenno d’intesa ai ragazzi. Parlando piano) Invitiamo la zitellona, così ci divertiamoun po’. Signorina Carolina, vuol venire a ballare con noi?

CAROLINA – (Alzandosi)Sì, grazie.(Poi, guardando il sindaco, ci ripensa)No,grazie, preferisco fare compagnia al sindaco e alla signora Geltrude. (I ragazzi via)

SINDACO – Questa sera voglio convincere il cavaliere a farsi socio nel mio club.

Così, anche lei, cara Geltrude, lo potrà frequentare.

GELTRUDE – Mi pare difficile. Mio marito preferisce passare le serate in casa, investaglia e pantofole, a vedere la televisione. E’ un uomo all’antica, di un’altra generazione. Non è moderno come noi.

SINDACO – Ma lei lo deve incoraggiare ad uscire.

CAROLINA – Io, quando mi sarò sposata, a mio marito lo incoraggerò ad uscire perevadere dal solito “trammi trammi” della vita domestica.

SINDACO – Brava!

GELTRUDE – Ma io ce lo dico sempre: usci, usci… così usciamo anche noi, ma luinon vuole usciare.

SINDACO – E lei lo lasci in casa ed esca insieme a Mariuccia.

CELESTINO – (Che, rientrando, ha sentito le ultime parole)Santi paroli, carusinnicu; ju ci ‘u dicu sempri: nisciti, ju ci sacciu stari sulu, non mi scantu, non m’accupa ‘u cori! Macchè, ci venunu i scrupoli. Non ‘u volunu capiri ca ju, quannu iddi nesciunu, restu ‘nta la vera paci, arrifriscu, abbentu, va’!

SINDACO – E’ che la signora è affettuosa e vuole stare insieme a lei.

CAROLINA – Anch’io vorrò stare con mio marito, quando ne avrò uno.

CELESTINO – Voli essiri asfissianti comu a me’ muggheri?

CAROLINA – Ma che dice, cavaliere?


21


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE - Lo lasci parlare, signorina. Vuole fare lo spiritoso.(Poi, al marito)Qualchi jornu ti lassu e mi nni vaju e poi, videmu, chi fai!

CELESTINO – Arrifriscu!

CAROLINA – Questo non lo deve dire. La signora è tanto buona.

SINDACO – (Ridendo)Ma sa che lei è un bel tipo? Prende tutto per scherzo. La suaironia è tanto simpatica e molto divertente. Mi complimento!

CELESTINO – Grazie. Si fa quel che si può.

SINDACO – Signora, non stia a sentirlo. Il cavaliere si sta burlando di noi GELTRUDE – Già, fa il bullone!

CELESTINO  –  Annunca,  fazzu  bulluni,  chiova,  viti,  rampini,  ferri  di  cavaddu.

L’autru jornu fici macari ‘n canceddu.

SINDACO – Spassoso il cavaliere.

CAROLINA – Ppi daveru, fa fari risati di cori.

CELESTINO – Ca mi dilettu a tempu persu.

GELTRUDE –(Per cambiare discorso)E’ pronta la cena?

CELESTINO – Ancora no.(Si sente suonare il campanello dell’ingresso)

GELTRUDE – Celestino, vidi cu’ è!

CELESTINO – Pirchì non vidi tu?

GELTRUDE – Io non ci posso andare. Sto trattenendo il sindaco.

CELESTINO – (Alzandosi)Tenulu forti, ‘nza mai ti scappa! Con permesso.(Viadalla comune)

GELTRUDE – Sarà il professore Pittella. Mio marito ha avuto la cattiva idead’invitarlo.

SINDACO – Pittella, il filosofo?

GELTRUDE – Già, dd’aceddu di malauguriu.


22


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Ppi daveru, ppi comu si vesti, pari un cruvacchiu.

SINDACO – Mi hanno detto che è anche medium?

GELTRUDE – Non ‘u sacciu si havi macari ‘st’autra laurea.

SINDACO – Ma no, intendevo dire che il professore parla con le anime dei morti.

GELTRUDE - Ca non putennu parrari cch’i vivi, parra cch’i morti!

SCENA QUARTA

Pittella e detti.

PITTELLA – (E’ vestito di nero, porta la barba lunga ed occhiali spessi)E’permesso? E’ consentito ad un discepolo di Platone di ossequiare la gente del bel mondo?

CELESTINO – Trasi, Ciccinu. Fa’ comu si fussi a’ to’ casa.

SINDACO – (Alzandosi per salutarlo)Quale onore avere con noi questa seral’egregio professore Pittella!

PITTELLA – Oh, il sindaco? L’onore è tutto mio, illustre signor primo cittadino.Come dice il proverbio antico? “Lassau dittu lu puddicinu ‘nta la nassa, quannu maggiuri c’è, minuri cessa!”.

SINDACO –(Ridendo)Lei, professore, sempre amante dei proverbi.

PITTELLA – I proverbi, caro sindaco, stanno alla base della filosofia. Infatti,Socrate, Platone, Aristotele, Croce, Gentile… A proposito di Gentile, Cilistinu, la tua gentile consorte non c’è?

CELESTINO – Ddocu è. Non ‘a vidi?

PITTELLA – Non ‘u sai ca sugnu tanticchedda miopi?(Al sindaco, che intanto si èseduto, scambiandolo per Geltrude) Gentile signora…

CELESTINO – Ciccinu, vidi ca si’ tuttu paru miopi!

PITTELLA – Pirchì?

CELESTINO – Pirchì chissu è ‘u sinnicu. Me’ muggheri è appressu.

PITTELLA – E’ ca haju l’ucchiali ‘mpannati.(A Carolina)Gentile signora…


23


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Ciccinu, ancora appressu.

PITTELLA – (Facendo un altro passo avanti)Va bene, ora?

CELESTINO – Sì, va bene. Pigghia ‘a mira ca fai centru.

PITTELLA – Mi deve scusare, signora. La ossequio e la ringrazio per l’invito.

GELTRUDE – (Freddamente)Non c’è di che.

PITTELLA – Lei è tantu bona.(Declamando)“Vali cchiù un amicu in chiazza cacent’unzi intra la cascia!”, e ju apprezzu l’amicizia assai assai.

CELESTINO – Buntà to’, caru Ciccinu. Tu mi fai sempri piaciri.(E siede nellapoltrona accanto al sindaco)

PITTELLA – (Parlando verso dove prima c’era Celestino)Ppi mia ca sugnu sulu, ime’ parenti siti vuatri e tu, Cilistinu, si’ cchiù di ‘n frati, si’ un veru amicu e “l’amicu si ricanusci nei bisogni!”.

SINDACO – Lei, professore, ha voluto restare solo. Chi gliel’ha fatto fare?

PITTELLA – ‘U proverbiu non sbagghia mai: “Megghiu sulu ca maluaccumpagnatu!”.

SINDACO – Questo è proprio vero.

CAROLINA – Prima ni circati a nuatri fimmini e poi diciti ca semu ‘na malacumpagnia!

PITTELLA – Non fraintenda, signora Geltrude, i presenti sono naturalmente esclusi.

SINDACO – Non ha parlato la signora Geltrude.

PITTELLA – Allura cui, Mariuccia?

SINDACO – No, la signorina Carolina.

PITTELLA – ‘A signurina Carulinedda c’è?… Buona sera, signorina. Come sta?

CAROLINA – Bene, grazie. E lei?

PITTELLA – Comu i vecchi!… Mi scusi se non l’ho riconosciuta.


24


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Non si preoccupi, non ci fa nenti.

PITTELLA – Perciò, signora Geltrude, lei è stata molto gentile a pensare a me. Ora,se lei ci permette, ju m’assettu e, a propositu di fimmini, ci recitu n’autru proverbiu ca fu la mia massima quann’era picciottu e poi macari mi staju mutu ca haju parratu assai. (Senza accorgersene, va a sedersi sulle ginocchia di Celestino) Dunque…

CELESTINO – Ahi, Ciccinu, mì rumpisti i moddi!

PITTELLA – Ah, tu c’eri ddocu? T’assetti sutta di mia? Scusa, non t’aveva vistu.

CELESTINO – Allura, si’ orvu attunnu!… Aspetta ca ti fazzu assittari ju prima cascrafazzi a qualchi autru. (Lo prende per le mani e lo accompagna nell’altra poltrona dove lo fa sedere)

SINDACO – Qual è, dunque, il proverbio che l’ha guidato nella sua giovinezza?

PITTELLA – Glielo recito subito: “Amari a cu’ non t’ama è tempu persu!”.

CAROLINA – Ah, è proprio vero!… “Aspettare e non venire, è una cosa damorire!”.

GELTRUDE – Che significa?

PITTELLA – Cangiamu discursu, megghiu. L’acqua d’ajeri ci vuleva pp’icampagni, ppi quantu oggi fa n’autra vota caudu. Non vi pari?

SINDACO – Già, l’acqua del cielo è sempre benedetta!

PITTELLA – “Quantu vali n’acqua ‘ntra marzu e aprili, non vali ‘u sceccu ccu millivarrili!”.

SINDACO – Quantu ni sapi di ‘sti proverbi, prufissuri?

PITTELLA – Ca  ju sugnu vecchiu.

CAROLINA – Ca quali vecchiu, chi va dicennu? Nuatri scapoli ristamu sempregiovani!

CELESTINO – Geltrude, pirchì non ci offri un liquorino agli amici?

GELTRUDE – Hai ragione, parlando parlando, l’avevo dimenticato. Ci chiedo millescuse, signor sindaco.


25


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

SINDACO – Ma no, signora, non si disturbi.

GELTRUDE – Chi c’entra, prima di mangiare il piritivo ci vuole!(Serve tutti menoCelestino che ci resta molto male, poi, alzando il bicchiere, brinda) Cin cin!

SINDACO – E come, al cavaliere niente? Si scurdau ‘u pezzu cchiù forti!

GELTRUDE – A iddu ‘u medicu ci proibìu l’alcolici.

CELESTINO – Dammi ‘a buttigghia e ‘u bicchieri , ca ‘u medicu non mi proibìupropriu nenti.

GELTRUDE – Ju ti staju avvisannu: quannu ti senti mali, t’arrangi!(Gli dà bottigliae bicchiere)

SINDACO –(A Celestino mentre mesce)Ah!… Ah!… Ah!… Cavaliere, stamuattenti: “Omu avvisatu, è menzu salvatu!”. Dico bene, professore?

PITTELLA – Sì, ma ‘n bicchirinu sulu nenti ci po’ fari. Unu sulu, però, pirchì, si tinni vivi dui, poi: “Non c’è dui senza tri!”.

GELTRUDE – Lei non ci facissi ‘u curmogghiu annunca si n’apprufitta.

CELESTINO – Non mi n’apprufittu. Chiama, chiuttostu, i carusi ca l’accettunumacari iddi il “piritivo”.

GELTRUDE –(Chiamando)Ragazzi, venite a prendere il piritivo!

LINO – (Arriva insieme agli altri. Gli si notano molto chiaramente sulle labbra lesbavature del rossetto di Mariuccia) Ci voleva proprio un goccetto. Ho la boccasecca.

CELESTINO – Vidi ca ci l’hai ‘nsunsata di russettu, autru ca sicca!

LINO – (Cercando di giustificarsi)Abbiamo fatto un giuoco ed allora…(Tira fuoriil fazzoletto e si pulisce)

GELTRUDE – Tieni, Lino, bevi, lascialo dire!

LUCY – Signora, a me appena un goccetto perché mi va subito in testa.

FILIPPO – A me un whisky e soda.

MARIUCCIA – Mamy, io lo voglio liscio.


26


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Niente vischio! Prima di mangiare si prende solo il piritivo!(E liserve. Intanto, il sindaco e Carolina si alzano e si avvicinano ai ragazzi)

CELESTINO – (A Pittella)‘U vidi comu divintaru i me’ figghi? Miricani!O’masculu non ci basta cchiù il “piritivo” ca ci voli dari so’ matri, vuole il vischi, il signorino, e cc’a sola, per giunta. ‘A fimmina, inveci, ‘u voli lisciu… Ca ci allisciassi ‘a carina a tutti dui!

PITTELLA – Gioventù bruciata!

CELESTINO – Bruciata? Atturrata!(I ragazzi, intanto, a coppia bevonoincrociando i bicchieri, mentre gli altri applaudono) ‘A vidi a ‘dda cretina di me’muggheri comu ci batti i manu? Cosi da pazzi!

SINDACO – Il bacio!… Ora ci vuole il bacio!(Immediatamente Carolina si porteràaccanto al sindaco, chiudendo gli occhi e rimanendo in attesa di un bacio che non verrà, mentre Lino si avvicinerà a Celestino per chiedere il permesso)

LINO – Permette, cavaliere?

CELESTINO –(Che non ha capito)Voi vasari macari a mia? Non ti basta ca t’ha’sbaciucchiatu a me’ figghia ‘dda banna, ti voi sbaciucchiari macari a mia?

LINO – Ma no! Permette che baci Mariuccia?

CELESTINO – Chi è n’autru jocu? Ca jucamu!…(I ragazzi si baciano)

GELTRUDE – Quanto sono simpatici!

CELESTINO –(Che non ne può più)Quantu sunu svumichevuli! Mi stannufacennu divintari ‘u sangu acqua! Basta ora, finemula ccu ‘sti jochi scunchiuduti! Salutati, chiuttostu, ‘u prufissuri ca ancora non v’aviti accurgiutu ca c’è macari iddu!

I RAGAZZI – (In coro)Buona sera, professore Pittella!

PITTELLA – Bona sira, bona sita! “Megghiu tardu ca mai!”.

LUCY – Anche lei è dei nostri a cena?

PITTELLA – Certu, figghia. “’A jaddina ca camina, s’arricogghi cc’a vozza china!”.

LINO – Che è filosofia, questa?

PITTELLA – No, beddu: è vita!


27


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

SINDACO – Professore, ci risulta che lei, oltre ad essere un filosofo, è anche unbravo medium.

PITTELLA – M’arrangiu, caru sinnicu. “Cu’ po’ fari e non fa, campa scuntentu!”.

SINDACO – Benissimo. La organizziamo, allora, una seduta?

CELESTINO – C’è troppa gioventù.

LINO – Cavaliere. Ci crede forse ragazzi poco seri?

CAROLINA – Cavaliere, lei così ci offende!

CELESTINO – Signurina, ju non diceva ppi lei… Ppi fari veniri i spiriti, ci voliattenzione e raccoglimento.

SINDACO – I ragazzi sapranno raccogliersi. Vero, ragazzi?

MARIUCCIA – Oh, sì, certamente! Professore, invochi gli spiriti! Fa tanto senso etanto brivido!

GELTRUDE – Non si facesse pregare! Non vede come sono tutti entusiasmatici?

CELESTINO – Sunu tutti ccu l’asma.

SINDACO – (Decidendo)Forza, prendiamo posto attorno al tavolo.(Si sistemanofacendo in modo che Pittella stia di fronte al pubblico) Ora creiamo l’atmosfera:abbassiamo le luci. Professore, siamo pronti. Non si aspetta che lei e il cavaliere.

CELESTINO – (Aiutando Pittella ad alzarsi)Forza, Ciccinu, facciamo questa alzatae poi facciamo la seduta.

PITTELLA – E va bene.(Quand’è al tavolo)Facciamo la catena.

GELTRUDE – Ju non vogghiu essiri ‘ncatinata.

CELESTINO – E nuddu ti voli ‘ncatinari, ‘gnuranti! Fari ‘a catina significa‘ncucchiari i manu supra ‘u tavulu: pollici ccu pollici e mignolo ccu mignolo.

PITTELLA – Mi raccomando il contatto.(A queste parole, i ragazzi si abbracciano,mentre Carolina tenta di abbracciare Celestino)

CAROLINA – Oh, che sensazione conturbante!


28


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – (Reagendo)Signorina, si voli conturbari ccu mia?! S’arrassassi!Ciccinu, ccà c’è troppu cuntattu.

PITTELLA – Ragazzi, siate seri o non se ne fa niente!

LINO – Saremo seri, professore. Lo promettiamo.

PITTELLA – Ed, allora, cominciamo.(Si segna)In nomine Patris et Filii et SpiritiSancti!

TUTTI – ( In coro, a mo’ di Messa Cantata)Amen!

CELESTINO – Sta niscennu ‘a Missa cantata? Non ci schirzamu ccu ‘sti cosi!

PITTELLA – Sì, che è peccato. Siamo pronti? A cu’ chiamamu?

SINDACO – Chiamiamo D’Annunzio.

CELESTINO – (Equivocando)Ma si mancu è arrivatu a destinazioni: morsi l’autrujeri!

PITTELLA – Gabriele D’Annunzio, Celestino! Chi capisti?

CELESTINO – Scusati, mi pareva don Nunziu, ‘u lattaru.

PITTELLA – Silenzio!(Si concentra, poi con voce tremolante)Spirito benigno diGabriele D’Annunzio, in nome di Dio, vieni a trovare i tuoi fratelli!… Spirito benigno di Gabriele, manifestati!

CELESTINO – (Che ha avuto il callo del piede pestato da Carolina)Ahi!

SINDACO – (Dopo una pausa)Si è manifestato?

CELESTINO – Si manifistau ‘a signrurina Carolina ccu ‘na calcagnata ca mi desinell’unicu caddu d’u pedi!

CAROLINA – Scusassi, cavaleri, non ‘u fici apposta!

PITTELLA – Silenzio! Non ci distraiamo se volete che si manifesti!(Pausa, poi)Spirito di D’Annunzio, se sei tra noi, dacci un segnale!

SINDACO – (C.s.)Chi fa, vinni?

CELESTINO – No, accatta!


29


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

PITTELLA – Signori, non scherziamo!(Poi)Spirito di Gabriele, vieni!… Vieni!…Vieni!… (Pausa) Mi dispiaci, ma non voli veniri!

SINDACO – Chiamiamone un altro.

GELTRUDE – Chiamamu  ‘a bon’armuzza d’a mamà!

CELESTINO – (Reagendo)Chi si’ pazza? Lassamula stari unn’è, annunca mi nnivaju! (Si alza e fa per andare via)

PITTELLA – Unni vai? Veni ccà. Accuntintamu a to’ muggheri.

CELESTINO – Ma ‘u stai dicennu ppi daveru? Vo’ chiamari ‘dda strafallaria?

GELTRUDE – Si’ malu cristianu! Me’ matruzza era ‘na santa!

CELESTINO – Ci mancavunu sulu i corna!

SINDACO – Su’, cavaliere, si calmi! Accontentiamo la signora Geltrude!

PITTELLA – Avanti, non fari ‘u sostenutu!

CELESTINO – E va beni, però a tia ti persi ‘a stima. E si ‘dda cosa bona si rivolgi amia, ju non ci dugnu cuntu, va beni?

PITTELLA – Va beni. Silenzio e concentrazione! E mi raccomando la catena!

CELESTINO – Non ci rumpiti… ‘a catina o’ prufissuri!

PITTELLA – Cilistinu, ci ‘a vo’ finiri?

CELESTINO – Che ho detto?

PITTELLA – Pozzu cuntinuari? Sì? E, allura… Spirito benigno della signoraAgrippina, in nome di Dio, vieni a trovare i tuoi fratelli!

GELTRUDE – La tua adorata figlia, i tuoi cari nipoti e il tuo affezionato genero!

CELESTINO – ‘U jenniru lassulu stari ca non ci voli essiri ammiscatu!

PITTELLA – Silenzio!(C.s.)Spirito della signora Agrippina, ci sei? Se ci sei,manifestati!

GELTRUDE – Mammitta, ccà si’?


30


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – (Prontamente)C’è macari ‘u tubu di scappamentu!

PITTELLA – Ci ‘a vuliti finiri, maritu e muggheri? Ho detto: silenzio!(Poi)Spiritobuono della signora…

CELESTINO – (Interrompendolo)Ciccinu, sbagghiasti. Ca quali “spirito buono”!

Chidda o’ ‘nfernu si trova!

PITTELLA – Ancora?! Ci staju livannu manu!

CELESTINO – Ci ha’ persu tempu!

SINDACO – Cavaliere, la prego, lo faccia proseguire il professore.

CELESTINO – E cu’ ‘u tratteni?

PITTELLA – Posso? Ed, allora, per piacere, silenzio e concentrazione!(C.s.)Spiritodella signora Agrippina, ci sei? Se ci sei, batti tre colpi! (Si odono tre colpi alla porta. Tutti si terrorizzano, staccandosi dal contatto, allontanandosi dal tavolo e abbracciandosi tra loro. Celestino, anche lui atterrito, resta immobile con le mani sempre attaccate al tavolo; Pittella, invece, non ha capito niente di quanto è successo)

SINDACO – (Dopo essersi ripreso dallo spavento)Hanno bussato alla porta?

GELTRUDE – Sì, tre volte, l’ho sentito anch’io. Celestino, vai a grapiri tu ca a miami stannu trimannu i jammi.

CELESTINO – Pirchì, a mia no?

GELTRUDE – Tu si’ l’omu di casa!

CELESTINO – Certu, ju sugnu l’omu si casa quannu fa comudu a tia!

GELTRUDE – Avanti, Cilistineddu, vai a grapiri.

SINDACO – Tocca a lei, cavaliere. Lei è il padrone di casa.

CELESTINO – Lei si facissi i fatti so’!

PITTELLA – Ha ragione il sindaco. Tocca a te aprire.

CELESTINO – Ma ju non pozzu ‘rapiri: ristai cch’i manu ‘mpiccicati ‘nto tavulu!


31


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

PITTELLA – Ci pensu ju.(Facendo un segno alle mani)Mani di CelestinoMorabito, staccatevi! (Le mani, come per incanto, si staccano. Celestino, ancora tremante, si alza, si avvia alla porta e la apre. Appare la signora Agrippina, vestita come nella foto. Ha una valigia in mano)

AGRIPPINA – (Rivolta al genero)Turnai n’autra vota e ‘sta vota ppi sempri!

CELESTINO – (Per lo spavento sviene)

S I P A R I O


32


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

ATTO SECONDO

E’ la mattina successiva all’azione del primo atto. Celestino, in vestaglia, è sdraiato sul divano con una coperta sulle gambe e una borsa di ghiaccio in testa. Dalla comune arrivano Geltrude e Mariuccia, ma non si accorgono della presenza di Celestino che credono sia a letto.

SCENA PRIMA

Celestino solo, e poi Geltrude e Mariuccia.

MARIUCCIA – (Entra insieme alla madre continuando un discorso già iniziato)Tidicu ca ppi mia non ci po’ essiri felicità. Sono sfortunata!

GELTRUDE – Ma chi dici? Non ti preoccupari ca a tuttu c’è rimediu.

MARIUCCIA – Ma quando si presenterà un’altra occasione come quella di ieri seraper annunciare il nostro fidanzamento?

GELTRUDE – Chi mancunu occasioni, babbazza? Ne troveremo un’altra.

MARIUCCIA – Ma quale?

GELTRUDE – Ci penseremo. Intanto il sindaco si deciderà a parlare con papà e nonci sarà bisogno di trovare occasioni. Chiuttostu, videmu comu si senti to’ patri dopu ‘u svinimentu d’assira. (Fa qualche passo avanti e si accorge che il marito è sul divano) Ah, ddocu si’ tu? Ti susisti?

CELESTINO – (Svegliandosi)Sì, ca mi siddiava a stari curcatu.

GELTRUDE – Bravu, ti susisti d’u lettu e ti curcasti ‘nto divanu!

MARIUCCIA – Papà, comu ti senti?

CELESTINO –(Togliendo la borsa di ghiaccio dal capo e mettendosi seduto)Orami sentu megghiu, però mi rusbigghiai ccu ‘n duluri di testa ca ci mancava ‘a parola.

GELTRUDE – Pirchì ti susisti, allura?

CELESTINO – Ppi non cuntinuari ‘u sonnu ca stava facennu, anzi l’incubu ca stavaavennu.

MARIUCCIA – Chi ti stavi ‘nsunnannu?

CELESTINO – A to’ nanna.


33


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – A to’ matri?

CELESTINO – No, a ‘dda ruffiana e lavannara di to’ matri, ca m’ha fattu passari ‘namala nuttata. ‘N sonnu accussì chiaru ca pareva veru.

GELTRUDE –M’u ‘mmaginu!… I soliti sonni ca fai tu, senza testa e senza pedi.

CELESTIN O – Ti dicu ca pareva accussì veru ca mi pigghiai ‘n bellu scantazzu. Mav’u vogghiu cuntari.

GELTRUDE – E cunta. Sintemu ‘stu gran sonnu!

CELESTINO – M’insunnai ca erumu riuniti in casa nostra. C’era Ciccinu Pittella, ‘usinnicu, so’ figghiu, so’ niputi e ‘a signorina Carolina. A un certu puntu, ‘u sinnicu ci dumannau a Ciccinu d’invocare gli spiriti. Ciccinu, allura, ni fici disporri attornu ‘u tavulu e cuminciau ‘a siduta. Mentri erumu ‘nto megghiu, ‘ntisimu tuppuliari a’ porta, tri voti: toc, toc, toc. Mi susu, vaju a grapiri e a cu’ vidu arredi a’ porta?

GELTRUDE – O’ diavulu!

CELESTINO – Per l’appuntu: a to’ matri, ccu ‘na valigia in manu ca mi dissi:“Turnai n’autra vota e ‘sta vota ppi sempri!”. Ahu, tantu fu ‘u scantu ca stava cascannu d’u lettu. (Pausa) Sarannu stati i ‘mbrogghi e ‘u disordini ca fici assira.

GELTRUDE – Assira mancu l‘acqua assaggiasti. Anzi no, ‘n bicchirinu di piritivut’u vivisti e forsi fu chistu.

CELESTINO – Chi c’entra ‘u piritivu! ‘N bicchirinu sulu non mi puteva fari mali.

Fu cattiva digestioni.

GELTRUDE – Si non assaggiasti mancu l’acqua, c’avevi a digiriri chiddu ca nonmangiasti?… Ni facisti fari vilenu a tutti!

CELESTINO – E pirchì?

MARIUCCIA – Ieri sera è andato tutto a monte. Ppi mia, poi, fu ‘na vera rovina: sinni jvu tuttu ‘n fumu!

CELESTINO – ‘N fumu? Si bruciau tuttu ‘u mangiari?

GELTRUDE – Nenti si bruciau. Ddà banna è ‘u mangiari, tuttu ne’ piatti. I progettidi to’ figghia si nni jeru in fumu.

CELESTINO – Ma, allura, ‘u sonnu ca fici?


34


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Ca quali sonnu d’Egittu! Tuttu veru fu.

MARIUCCIA – La nonna, dopo che il professore l’aveva invocata, stava permanifestarsi.

GELTRUDE – Si era manifestata, tantu è veru ca ‘ntisimu tuppuliari.

CELESTINO –(Turbandosi)Allura, tuppuliaru?!… E ju ca crideva ca mi l’avissi‘nsunnatu!

GELTRUDE – Non tuppuliaru. Era ‘a mamà ca si manifestava.

CELESTINO –  Appuntu, era idda arredi ‘a porta.

MARIUCCIA – Questo l’hai sognato, papà.

CELESTINO – Ma, insomma, m’u ‘nsunnai o no? Mittitivi d’accordu.

GELTRUDE – Mariuccia, tu statti muta ca fai confusioni.

CELESTINO – M’u vuliti diri chi successi?

GELTRUDE – Mi facisti perdiri ‘u filu. Unn’erumu junti?

CELESTINO – Arredi ‘a porta.

GELTRUDE – Quantu si’ spiritusu! Perciò, comu ti stava dicennu, assira erumuriuniti ppi fistiggiari ‘u to’ compleannu. T’u ricordi o non t’u ricordi?

CELESTINO – M’u ricordu.

GELTRUDE C’era ‘u sinnicu, Lino, Luce, la signorina Carolina, nuatri e ‘dda specid’amicu to’, ‘u prufissuri Pittella. T’u ricordi?

CELESTINO – M’u ricordu.

GELTRUDE – A un certu puntu, mi facisti offriri ‘u piritivu a tutti e tu ni vulistimacari. T’u ricordi?

CELESTINO – M’u ricordu.

GELTRUDE – E chistu scordatillu pirchì tu liquori non nni vivi cchiù! Ppi causa to’,assira, ni fici vilenu a tutti!


35


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

MARIUCCIA – Mamà, lascia perdere.

CELESTINO – Sorvoliamo. Prosegui.

GELTRUDE – Prima di mangiari, ‘u sinnicu proposi di fare una seduta spiritistica.T’u ricordi?

CELESTINO – E quantu si’ ‘ncurta, m’u ricordu!

GELTRUDE – ‘U prufissuri non vuleva, ma poi, finalmenti, si decisi… CELESTINO – (Prevenendola)T’u ricordi?… M’u ricordu. Vai avanti!

GELTRUDE – Spiritoso!… Perciò, prima chiamau a D’Annunzio, ma quannu vistica non si prisintava, ju ci dissi di chiamari ‘a bon’armuzza d’a mamà.

CELESTINO – Chistu, purtroppu, m’u ricordu.

GELTRUDE – ‘U prufissuri, allura, cuminciau a diri: “Anima buona della signoraAgrippina… Anima buona e pia della signora Agrippina, se ci sei, batti tre colpi!”.

CELESTINO – Accussì ci dissi?

GELTRUDE – Accussì, e ‘ddocu si ‘ntisiru i tri colpi d’a mamà.

CELESTINO – E’ veru, m’u ricordu.

GELTRUDE – Intantu a tia, ‘ddu piritivu ca ti vivisti, ti cuminciau a fari effettu,t’acchianau in testa e ti parsi ca tuppuliaru ‘nta porta…

CELESTINO – Prosegui ca m’u staju ricurdannu.

GELTRUDE – Ti susisti barculliannu, ‘rapisti ‘a porta…

CELESTINO – (Sempre più turbato)E poi?

GELTRUDE – E poi ‘mmiscasti ‘n terra comu ‘n piru fracitu, ‘mbriacu comu ‘nasigna e ti rusbigghiasti antura!

MARIUCCIA – Facennuni stari in pinseri ppi tutta ‘a notti.

GELTRUDE – E strammannuni ‘a festa. ‘U dicisti e ‘u facisti!

CELESTINO – Comu po’ essiri? ‘U sonnu, allura, fu ‘na coincidenza?


36


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Tuttu veru fu!

CELESTINO – Allura to’ matri c’era ppi daveru arredi ‘a porta?

MARIUCCIA – Ma no, papà, questo fa parte del tuo sogno.

GELTRUDE – Annunca, ‘a mamà turnava apposta d’u Paradisu ppi vidiri ‘a to’bedda facci!

CELESTINO – (Sbuffando a ridere)D’unni dicisti ca turnava? D’u Paradisu? Mipari di vidilla a to’ matri ca fa parti della schiera degli angeli del Paradiso! Vistuta ccu ‘na cammisa rosella, longa finu e’ pedi e spaccata ai lati, ‘n nastru d’u stissu culuri ‘ncudduriatu ‘nta frunti e ‘n paru d’ali ‘mpiccicati ‘nte spaddi! (A questo punto, Agrippina, come evocata dalle parole del genero, vestita come nella descrizione del genero, appare in scena, visibile solo da Celestino)

SCENA SECONDA

Agrippina e detti.

AGRIPPINA – (Si pone alle spalle di Celestino, restando immobile)

GELTRUDE – Si’ malu cristianu! Me’ matruzza era ‘na santa!

CELESTINO – (Si accorge della suocera e, spaventatissimo, si rannicchia suldivano cominciando a balbettare) Ve… ve… veru è!

AGRIPPINA – Tu eri ‘u cosu tintu! T’u po’ nìari?

CELESTINO – (Rispondendo alla suocera)No.

GELTRUDE –(Che crede la risposta rivolta a lei)No? Comu ‘u po’ diri ca non era‘na santa?

AGRIPPINA – Sono stata una martire e tu mi facisti moriri ppi tutti i colliri ca midasti!

CELESTINO –(C.s.)Chiss… Chiss…

GELTRUDE – (Equivocando)C’è ‘a jatta intra? Mariuccia cacciala fora, annunca sinni va in cucina!

MARIUCCIA – (Cercando la gatta che non c’è)Muci… muci… Mamà, non c’è ‘ajatta ccà.


37


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – (Al marito)Unni ‘a vidisti ‘a jatta?

CELESTINO – Quali jatta?(Fa per alzarsi e svignarsela, ma Agrippina lo blocca)

AGRIPPINA – Unni vo’ jri? Ccà statti e rispunni a mia: non è veru ca mi facistimoriri tu?

CELESTINO – (C.s.)Chiss…chiss… GELTRUDE – Insomma, unni ‘a vidi ‘sta jatta? CELESTINO – Ma non nni vidu jatta!

GELTRUDE – Pirchì cuntinui a fari “chissi chissi”, allura?

CELESTINO – Ju non faceva “chissi chissi” ppi cacciari ‘a jatta!

GELTRUDE – E, allura, pirchì ‘u facevi?

CELESTINO – Ju vuleva diri ca “chissu” non è veru!

GELTRUDE – Chi è ca non è veru?

CELESTINO – (Indicando la figlia che, intanto, ha scambiato il posto con lasuocera) Chiddu ca ha dittu idda.

GELTRUDE –(Credendo trattarsi della figlia che ora si trova dietro a Celestino)Ma si to’ figghia non ha parratu!

CELESTINO – Ma non to’ figghia, to’ matri!

GELTRUDE – Me’ matri?!…Cilistinu, si’ sicuru di sintiriti bonu? Unn’è me’ matri?

CELESTINO – Ddocu è. Divintasti orva?

MARIUCCIA – Ma, papà, dov’è? Qui non c’è nessuno.

GELTRUDE – Stai durmennu ancora?

CELESTINO –(Con sollievo)Non c’è cchiù? Si nni jvu?

GELTRUDE – Nuddu c’è ccà. Arrusbigghiti ca tardu è! Macari c’era ppi daveru me’matruzza!


38


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – (Si gira per accertarsene, la scorge e trasalisce)

GELTRUDE - Cilistinu, chi hai ‘sta matina?

MARIUCCIA – Ti senti bene, papà?

GELTRUDE – Megghiu ca non ci vai oggi o’ canteri, tantu, ormai, si fici tardu.

CELESTINO – (Trovando l’idea di andare come una liberazione)No, no, ci haju ajri ppi forza ca haju a vinniri dui appartamenti. Ci sunu i cumpraturi ca m’aspettunu. (E fa per andare)

AGRIPPINA –(Fermandolo)Tu di ccà non ti movi! Nuatri a dui n’avemu a fari icunti. Turnai apposta ppi tia!

CELESTINO – Ppi mia?

GELTRUDE –(Equivocando)Chi dici?

CELESTINO – Diceva ca, ppi mia, non ci jssi o’ canteri, ma non ne posso fare ameno ca ci haju ‘st’appuntamentu.

GELTRUDE - Ma è tardi, ormai!

CELESTINO – A mia nuddu mi cuntrolla. ‘U principali ju sugnu.(E si avvia, maAgrippina gli sbarra il passo)

AGRIPPINA – ‘U vo’ capiri ca tu di ccà non ti movi?

CELESTINO – Mi nn’haju a jri ppi daveru!

GELTRUDE – E va beni, vatinni, ma cerca di veniri prima oggi.

CELESTINO – No, forsi non tornu.

AGRIPPINA – Lassatulu jri, tantu torna subitu pirchì, appena scinni i scali, metti ‘npedi in vacanti, arruzzulìa e si rumpi ‘na jamma. E, poi, ‘u ‘cchianunu cc’a barella.

CELESTINO –(Facendo le corna)Staju pinsannu ca forsi è megghiu ca mi stajuintra oggi.

GELTRUDE – Ti passau ‘a primura?

CELESTINO – Sì, è megghiu ca fazzu tanticchia di cautela oggi.


39


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

AGRIPPINA – (Compiaciuta)Finalmenti ‘u capisti cu’ è ca cumanna?!… Ora,manna ddà banna a Geltrude e a Mariuccia ca t’haju a parrari.

CELESTINO – (Ubbidendo)Sì. Geltrude, Mariuccia, vo’ jtavinni ddà banna ca mivogghiu ripusari tanticchia. (Intanto, fa loro segnali, non recepiti, di non andare via)

GELTRUDE – Ma tu non ti mettiri a fumari!

CELESTINO – A cu’ ci fa cori di fumari?!… Ti pari chistu ‘u mumentu adattu?

GELTRUDE – Siccomu tu, quannu resti sulu, non vidi l’ura di addumariti ‘dda pipapuzzolenti!

CELESTINO – Quannu restu sulu… no ora!

GELTRUDE – Cilistinu, chi ‘ntinzioni hai? A cu’ vo’ chiamari?

CELESTINO – A nuddu. E’ ca haju ‘n duluri di testa ca mi fa cumpagnia.

GELTRUDE – E bonu, ripositi ca ti passa. Mariuccia, jemuninni.(Via)

CELESTINO – (Rimasto solo con la suocera, comincia a borbottare)Ahu, si nnijeru ppi daveru! Si ci diceva di ristari, avissiru fattu tuttu o’ cuntrariu!

AGRIPPINA – (Che, intanto, ha accompagnato alla porta la figlia e la nipote,tornando indietro, lo sente borbottare) Chi hai ca ti murmurii? Ccu cu’ci l’hai?

CELESTINO – Con l’intelligenza e la perspicacia di me’ muggheri e di me’ figghia.Comu mi capisciunu a volu, ahu!

AGRIPPINA – Ti  dispiaci di ristari sulu ccu mia?

CELESTINO – Pirchì m’avissi a dispiaciri?

AGRIPPINA – Allura, caro signor genero e cavaliere delle mie ciabatte, assettiti caassittati si parra megghiu e lassa in paci ‘dda martiri di to’ muggheri!

CELESTINO – Ah, sì? Macari idda è martiri?

AGRIPPINA – Certu, e macari ‘dda gioia di picciridda.

CELESTINO – E ccà intra, livannu i martiri, cu’ resta?

AGRIPPINA – Tu resti: ‘u boia!


40


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Ah, io sarei?…

AGRIPPINA – Boia, sissignuri!… Boia!

CELESTINO – Scangiau ‘a me casa per un patibolo?

AGRIPPINA – Non fari ‘u spiritusu, annunca ‘stu spiritu di patata t’u fazzu passariju!… (Perentoria) Assettiti!

CELESTINO – ( Impaurito, siede)Ma chi voli di mia?

AGRIPPINA – Io sono venuta espressamente per te!

CELESTINO – E, allura, si nni po’ turnari d’unni vinni pirchì ju non l’hajuchiamatu.

AGRIPPINA – Non m’ha’ chiamatu, dici? Ed inveci tutti l’uri e tutti i mumenti!

CELESTINO – Ju? Quannu mai! Vossia si sbagghia.

AGRIPPINA – Non c’è mumentu d’a jurnata ca non m’ha’ chiamatu: “’Ddalavannara di me’ soggira!… ‘Dda ruffiana di me’ soggira!… ‘Dda tappinara di me’ soggira!… Alla facci di me’ soggira!… Arsa l’arma a me’ soggira!… Aveva a moriri trent’anni prima!… Me’ soggira di ccà!… Me’ soggira di ddà!”… Non ti pari chiamu chistu? Ju avissi turnatu macari d’u ‘nfernu!

CELESTINO – (Candidamente)Pirchì, non veni di ddà?

AGRIPPINA – Non vegnu di ddà, mala lingua!

CELESTINO – Ma chi voli di mia?

AGRIPPINA – Vogghiu mettiri tanticchia di paci ‘nta ‘sta casa ca è ‘nto ‘nfernu ppicausa to’ e, ppi fari chistu, prima haju addizzari a tia.

CELESTINO – Ma ccà, si c’è una ca s’ha addizzari, è me’ muggheri, poi tuttu apostu è.

GELTRUDE – ‘U stortu tu si’, ma ju non ti dugnu paci finu a quannu non t’aggiusti.Poi, forsi, mi nni vaju. Intanto io sono manifesta solo a te. Tu sulu mi vidi e mi senti. Ppi l’autri comu si non ci fussi. E’ inutili, perciò, ca fai storii o cerchi ajutu ca non ci nesci nenti. Non ti resta ca marciari ‘rittu e fari tuttu chiddu ca ti dicu ju annunca è peggiu ppi tia! Ascuta i me’ cunsigghi e non fari comu quannu ju era viva! Ppi com’ora ti staju avvisannu e ricorditi ca “Omu avvisatu, è menzu salvatu!”… (Fa


41


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

qualchre passo indietro, poi si gira e ripete) “Omu avvisatu, è menzu salvatu!”… (Arriva alla porta, si rigira e ripete) “Omu avvisatu… (Non fa in tempo a completare il proverbio che Celestino la previene mimando il resto della frase. Indi, scompare dalla destra)

CELESTINO –(Spaventatissimo)Sugnu rovinatu, ccu mia l’havi! Ora telefunu aCiccinu Pittella… iddu sulu mi po’ salvari… Comu ‘a fici turnari di l’autru munnu, ora ci l’ha rimannari di tutta cursa!

SCENA TERZA

Filippo e detto, e poi Mariuccia.

FILIPPO – ( L’ha sentito parlare da solo)Genitore, parli da solo?

CELESTINO – Cui, ju? No. Stava seguennu un ragiunamentu.

FILIPPO – Vuoi fare come il professore Pittella che parla da solo per la strada?

CELESTINO – Ahu, non sunu affari toi!

FILIPPO – Non te la prendere, vecchio Seneca… scherzavo.

CELESTINO – (Brusco)Vo’ scherza ccu to’ soru!

FILIPPO – A proposito, l’hai vista? Le devo fare un’ambasciata.

CELESTINO – Non l’haju vistu.

FILIPPO – Ma è importante per Mariuccia. Caro genitore, devi sapere che sta persalire…

MARIUCCIA – (Arriva in questo preciso momento e fa dei segnali al fratello pernon farlo parlare)

FILIPPO – (Che non capisce i segnali di Mariuccia, sta per completare la frase)…Sta per salire…

MARIUCCIA – (Interrompendolo)Cosa vuoi che importi al babbo di chi sta persalire!

CELESTINO – E, inveci, m’interessa. Cu’ sta vinennu?

MARIUCCIA – Ma nessuno d’importante. Solo una mia amica.


42


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

FILIPPO – No!

MARIUCCIA – Ed, invece, sì. L’ho vista dal balcone.

CELESTINO – E va beni, facemu finta di cridiricci. Ju staju jennu a fari ‘natelefonata urgenti. Si mi cercunu, vinitimi a chiamari subitu. (Via)

MARIUCCIA – Cretino, stavi dicendo tutto al babbo!

FILIPPO – E chi ci fa? Tantu, prima o poi, ‘u veni sapiri ‘u stissu.

MARIUCCIA – Dove hai lasciato Lino? FILIPPO – E’ sotto con Lucy. MARIUCCIA – Falli salire. FILIPPO – E se lo vede papà? MARIUCCIA – Devo correre questo rischio. FILIPPO – Come vuoi. Li vado a chiamare.(Via)

SCENA QUARTA

Lino, Lucy, detti e poi Geltrude.

LINO – (Arriva insieme a Filippo e a Lucy)Mariuccia!

MARIUCCIA – (Corre ad abbracciarlo)Tesoro!

LINO – Non ho potuto resistere e sono venuto. Ma tu non essere imprudente.(Siscioglie dall’abbraccio)

MARIUCCIA – Hai ragione, caro. E’ la felicità che mi fa perdere la testa… Filippo,perché non vai di là con Lucy?

FILIPPO – Non vuoi che vi reggiamo il moccolo?

LUCY – Ma no, non essere maligno, Filippo. Mariuccia vuole restare un po’ sola conLino. E’ normale, no?

FILIPPO – Va bene, va bene, ce ne andiamo di là.(Via)

LINO – Come sta tuo papà?


43


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

MARIUCCIA – Si è alzato, ma mi sembra un po’ strano.

LINO – Tesoro, ho una grande notizia per te. Ieri sera ho detto tutto a papà e l’hoconvinto a venire a chiedere la tua mano.

MARIUCCIA –(Turbata)No!

LINO – Ed, invece, sì. Sta venendo qui. L’ho lasciato che si cambiava d’abito.

MARIUCCIA – Ed ora come si fa? Bisogna avvertire la mamma.

LINO – Sarà una sospresa anche per lei.

MARIUCCIA – E’ meglio avvertirla.(Chiama)Mammà… mammà… puoi venireun momento?… (Pausa) Oh. Eccola!

GELTRUDE – (Arrivando dalla sinistra)Caro Lino, che bella sospresa!

LINO – Signora, buon giorno. Mi scusi per l’ora, ma avevo una notizia perMariuccia.

GELTRUDE – Di che si tratta?

MARIUCCIA – Mammà, sta venendo il sindaco a chiedere a papà la mia mano.

GELTRUDE – Quale onore in casa mia! Saremo lieti ed onorati di ricevere tantoonore!

LINO – Grazie, signora, l’onore sarà tutto nostro.

MARIUCCIA – Mammà, come si fa per dirlo al babbo?

GELTRUDE – E non ci ‘u dici ‘u sinnicu?

MARIUCCIA – Non è meglio se glielo dici tu, prima? Il babbo è stato poco bene.Non è meglio prepararlo?

GELTRUDE – E va beni, ci parru ju prima.

FILIPPO – (Entrando con Lucy)Mammà, c’è ‘u prufissuri Pittella.

GELTRUDE – E chi voli? ‘St’aceddu di malauguriu non ci vuleva ‘sta matina, mortisubitania! Veni sempri ppi rumpiricci…


44


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

MARIUCCIA – (Interrompendola per non farle dire una volgarità)Mammà!

GELTRUDE –(Correggendosi)… ppi strammari i festi!

FILIPPO – ‘U fazzu trasiri?

GELTRUDE – Dopo che noi ce ne abbiamo andati nell’aldilà!

FILIPPO – Va bene.(Geltrude con i ragazzi, via)Professore, si accomodi.

SCENA QUINTA

Detto, Pittella, poi Celestino e poi Agrippina.

PITTELLA – (Entra declamando)“Quannu ‘a fimmina ti chiama, voli diri ca ti ama.Quannu un amicu ti fa circari, voli diri ca t’ha parrari!”. Unn’è to’ patri?

FILIPPO – Lo vado a chiamare. Lei intanto si accomodi.(Via)

PITTELLA – Ca si trovu ‘u divanu, m’assettu, annunca restu additta. Oh, ccà è, ‘utruvai… No, chistu è ‘u tavulu. Hannu ‘na fissazioni ‘nta ‘sta casa a spustari continuamente i mobili! Unni ‘u misiru ‘u divanu? (A questo punto arriva di corsa Celestino)

CELESTINO – Ciccinu, propriu a tia stava telefonannu.

PITTELLA – Ed io ti ho prevenuto. Veni ccà, fammi assittari ca non trovu ‘udivanu.

CELESTINO –(Aiutandolo a sedere)Accomodati.

PITTELLA – Grazie. Comu ti senti, Cilistinu?

CELESTINO – Di saluti non c’è mali, ma sugnu ‘nto ‘nfernu!

PITTELLA – Ti sciarriasti ccu to’ muggheri?

CELESTINO – Si era chistu, fussi ‘nto Paradisu!

PITTELLA – Allura, chi fu?

CELESTINO – Haju bisognu d’ajutu.

PITTELLA – Ma si non parri chi ajutu ti pozzu dari?


45


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Si tratta di me’ soggira: non mi duna paci!

PITTELLA – T’a ‘nsunnasti ‘sta notti?

CELESTINO – Non m’a ‘nsunnai. Turnau di l‘autru munnu ppi mettiri ‘u ‘nfernu‘nta me’ casa.

PITTELLA – Cilistinu, vo’ schirzari?

CELESTINO – Haju ‘a facci di unu ca scherza? Ma cu’ t’u fici fari arsira achiamalla? Quannu si ‘ntisiru di tri colpi ‘nta porta e ju mi susii ppi jri a grapiri, ti pari cu’ c’era arredi ‘a porta?

PITTELLA – Non mi diri ca c’era ‘a signura Agrippina!

CELESTINO – Idda c’era, me’ soggira.

PITTELLA – Ma non po’ essiri, Cilistinu. Vidi ca t’u ‘nsunnasti.

CELESTINO – Non m’u ‘nsunnai. A me’ soggira l’haju vistu comu ora stajuvidennu a tia. Ci haju parratu, macari.

PITTELLA – Si’ sicuru di sintiriti bonu? Ju ti stimu comu ‘n frati e non vogghiuautru ca ‘u to’ beni, ma pirchì non t’a fa’ fari ‘na visita?… Non t’affenniri, ma tu capisci ca non semu cchiù picciutteddi e comu ‘nvicchiamu nuatri, accussì ‘nvecchia ‘u nostru organisimu.

CELESTINO – Ma non si tratta di saluti!

PITTELLA – Lassimi parrari pp’u to’ beni. ‘Na visita di cuntrollu t’a po’ fari fari.

Po’ darisi ca hai ‘a prissioni auta.

CELESTINO – Chi vo’ diri ca divintai pazzu?

PITTELLA – Chi c’entra? Pirchì ‘a pigghi accussì? ‘A prissioni po’ fari bruttischerzi. A tia chi ti costa? Ti curi in saluti e tuttu è a postu. “Cu’ si vardò, si salvò!”. ‘U proverbiu anticu non sbagghia mai.

CELESTINO – Ciccinu, ‘u to’ proverbiu non mi fa ridiri. Ju sugnu bonu e a me’soggira ‘a visti ppi daveru e tu, comu pronunziasti i paroli ppi falla veniri, ora trova chiddi ppi farannilla jri. (A questo punto, silenziosamente arriva Agrippina che si pone lateralmente al genero che ancora non la vede)


46


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

PITTELLA – Caru Cilistinu, è scientificamente provato che il processo dellaresurezione non è possibile che si verifichi se non per miracolo, ma non credo che ci si trovi davanti a un miracolo. To’ soggira, la buon’anima della signora Agrippina, che Dio l’abbia in gloria, non era certu ‘na santa! (Reazione di Agrippina)

CELESTINO – E, allura, fu un contramiraculu!

PITTELLA – Mizzica, non po’ essiri! La stessa Chiesa dice che le anime dei mortinon possono tornare in vita per venire a trovare i parenti né per altri motivi.

CELESTINO – E idda, voli diri ca truvau ‘na raccumannazioni e turnau.

PITTELLA – Cilistinu, t’ha’ cunvinciri!

CELESTINO – (Si accorge della suocera e comincia a tartagliare)Ccà è… ccà è…n’autra vota ccà è!

PITTELLA – Cui?

CELESTINO – Idda, me’ soggira.

PITTELLA – Cilistinu, a nuddu vidu.

CELESTINO – A cu’ vo’ vidiri tu ca si’ orvu?

PITTELLA – Avissi ‘ntisu ‘u fluitu magneticu.

CELESTINO – Voli diri ca hai i naschi ‘ntuppati.

PITTELLA – Statti quietu ca ti vaju a chiamari ‘u medicu.

CELESTINO – No, Ciccinu, non mi lassari sulu ccu idda!

PITTELLA – (Vedendo arrivare il sindaco)Eccu, t’arrivau ‘a cumpagnia.(Salutando il sindaco, scambiandolo, però, per la signora Geltrude) Signora, i mieiossequi! (Via in fretta)

SCENA SESTA

Detti, il sindaco, e poi Geltrude e i ragazzi.

SINDACO – Non ci vede proprio il professore. Caro cavaliere, mi fa piacere vederloalzato. Dunque sta meglio!

CELESTINO – Non c’è male.


47


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

AGRIPPINA – (Sedendo su una poltrona)Ora veni ‘u bellu. Chista non m’avogghiu perdiri!

SINDACO –(Fa per sedersi addosso ad Agrippina, ma Celestino lo blocca intempo, facendolo sedere sul divano, mentre lui siede sull’altra poltrona) Cavaliere, ioero impaziente di venire per due motivi. Primo, per avere personalmente notizie sulla sua salute. Capirà, dopo la paura che ci ha fatto prendere ieri sera…

CELESTINO – Pp’u primu motivu, puteva fari a menu di veniri.

SINDACO – Come ha detto?

CELESTINO  –  Diceva  ca  non  c’era  di  bisognu  ca  si  disturbassi  di  persona.

Comunque, oramai ca vinni, passamu o’ secunnu motivu.

SINDACO – Il secondo motivo è molto più delicato e questa non sarebbe l’oraadatta, ma mio figlio ha molto insistito che non ho avuto il coraggio di arrecargli un dispiacere e, perciò, eccomi qua.

CELESTINO – Ju sugnu macari ccà e semu tutti tri ccà!(Sobbalza per avercommesso l’errore di considerare anche la suocera)

SINDACO – Tutti e due, vuole dire?

CELESTINO –(Ormai l’ha detto)Purtroppu, tutti tri.

SINDACO – E chi sarebbe il terzo?

CELESTINO – La mia ombra.

SINDACO – Sì, va bene, lei ha sempre voglia di scherzare.(Si alza)Caro cavaliere,ho l’onore di chiedere la graziosa mano di sua figlia Mariuccia per mio figlio Lino.

CELESTINO – (Alzandosi a sua volta)Ed io ho l’onore… di rifiutare questo onore!

SINDACO – Lei vuole scherzare?

CELESTINO – Non voglio scherzare affatto. Mi dispiace, ma mia figlia non fa persuo figlio.

SINDACO – Ma, cavaliere, Mariuccia è innamorata di Lino!

CELESTINO – Senta, caro lei, ‘nta me’ casa cumannu ju e mia figlia deve fare lamia volontà!


48


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

SINDACO – Ma è assurdo, scusi! Ai giorni d’oggi non s’usa più!

CELESTINO – In casa mia si userà finu a quannu campu ju!

SINDACO – Si rende conto che sta opponendo un rifiuto al sindaco?

CELESTINO – Mi rendo conto, ma ju sugnu d’u partitu dell’opposizione! E, poi, ‘avoli sapiri ‘a virità? Lei e so’ figghiu mi stannu supra ‘u stomucu e mi facissi ‘u favuri ‘ranni di jrasinni e di non mettiri cchiù pedi in casa mia!

SINDACO –(Alzando la voce)Badi come parla!

CELESTINO –(Alzando la voce a sua volta)Parru comu mi pari e piaci e si non sinni va cc’u bonu, n’u fazzu jri ccu bottu!

SINDACO – Lei è pazzo!

CELESTINO – Pazzu ci sarà lei!

GELTRUDE – (Alle grida dei due, arriva insieme ai ragazzi)Chi fu? Chi successi?

SINDACO – Signora, suo marito mi deve delle scuse altrimenti non metterò piùpiede in questa casa!

CELESTINO – Io non devo scuse a nessuno, è lei ca mi veni ad insultari finu adintra!

GELTRUDE – Ma perché state gridando? Che cosa è successo?

SINDACO – E’ successo che suo marito è pazzo, pazzo da legare! Ed io, in qualitàdi sindaco, ho il dovere di farlo ricoverare in una casa di cura! Lino, Lucy, andiamo via!

CELESTINO – Ci vada lei nella casa di cura! Se ne vada! Fuori di casa mia!

SINDACO – Signora, Mariuccia, mi dispiace!(Via insieme a Lino e Lucy)

GELTRUDE – Aspetti, signor sindaco, la prego…(Lo segue insieme a Mariuccia ea Filippo)

AGRIPPINA –(Con molta calma)Ahu, si’ pazzu ppi daveru! Pazzu furiusu!

CELESTINO – Sarò pazzo, ma mi livai ‘n pisu di supra ‘u stomucu!


49


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

AGRIPPINA – E non ci sugnu ancora ju, babbu? Leviti a mia si ti basta l’armu!

CELESTINO – Ma, ‘nsumma, ci ‘a voli finiri vossia ccu ‘sti minacci?! Si po’ sapiripirchì turnau?

AGRIPPINA – Per adempiere ad una missione: restituire la felicità agli infelici di

questa casa: tua moglie e tua figlia! Le hai infelicitate con la tua mania di volere vivere isolato e con la fissazione di restare appartato e, soprattutto, con il tuo egoismo!

CELESTINO – Malidittu ‘u mumentu quannu mi vinni in menti d’invitari a CiccinuPittella! ‘U sinnicu ci culpa! Iddu fu ca vosi fari ‘a siduta spiritistica!

AGRIPPINA – E’ inutili ca imprechi contru ‘u sinnicu: era tutto progettato.

CELESTINO – Ah, erunu d’accordu, veru? ‘U ficiru apposta?

AGRIPPINA – Era segnato nel destino.

CELESTINO – Allura, vistu ca fu so’ figghia ca ‘a vosi fari veniri, pirchì non simanifestava ad idda?

AGRIPPINA – Non è consentito manifestarci ai congiunti.

CELESTINO – Si manifistava o’ sinnicu ca non è congiuntu.

AGRIPPINA – Chi c’entra ‘u sinnicu? Sono stata mandata proprio per te. Tu seil’uomo da redimere ed io ti condurrò alla diritta via!

CELESTINO – Mi pigghiau pp’u figghiu prodigu?

AGRIPPINA – Non fare storie, piuttosto, e vattene a lavorare.

CELESTINO – Non pozzu nesciri ca sugnu malatu.

AGRIPPINA – Non circari scusi!

CELESTINO – Bedda Matruzza, non è ‘na scusa. Non mi sentu bonu.

AGRIPPINA – Tu non voi nesciri pirchì ti scanti.

CELESTINO – Certu ca mi scantu. ‘N colpu d’aria ‘nta ‘sti condizioni mi po’ farimali e m’a quagghiu. Vossia chistu voli: farimi l’attu di richiamu!


50


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

AGRIPPINA – Tu ti scanti d’incuntrari ‘u sinnicu.

CELESTINO – D’iddu non m’haju scantatu mai. Non ‘u visti comu ‘u vannìai e ‘ujttai fora?

AGRIPPINA – Però, ti scanti ca ti fa chiudiri ‘nta ‘n manicomiu.

CELESTINO – (Gradasso)Non mi scantu di nenti!

AGRIPPINA – Ma si ti trema ‘a vuci sulu a sentiri parrari d’iddu!

CELESTINO – Non mi trema nenti. Quantu ni scummittemu ca ci vaju a passiarisutta ‘u balcuni e s’u vidu ‘u vannìu n’autra vota?

AGRIPPINA – Accussì ti tremunu macari i jammi!

CELESTINO – I jammi c’i fazzu trimari ad iddu! Avanti, jemuninni! Vili cu’ sipenti!

AGRIPPINA – Cumincia a passari ca staju vinennu.(Celestino, si toglie lavestaglia, indossa la giacca e fa per uscire, ma s’imbatte sulla porta con la moglie e la figlia)

SCENA SETTIMA

Geltrude, Mariuccia e detti, e poi Filippo.

GELTRUDE – Unni vai?

CELESTINO – (Brusco)Ppi l’affari mei.

GELTRUDE – ‘Nta ‘stu statu?

CELESTINO – Chi sugnu in statu interessanti?

GELTRUDE – Cilistinu, chistu non è ‘u mumentu di schirzari!

AGRIPPINA – (Ironica)Lassatulu nesciri ca pigghia aria.

CELESTINO – Dici giustu: lassatimi nesciri ca pigghiu aria.

GELTRUDE – Ma cu’ t’ha dittu di pigghiari aria?

AGRIPPINA – Lassatulu nesciri che deve fare una grande sfida! Non ‘u viditi cadivintau n’autru Varlantu Palatinu?


51


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – (Perdendo le staffe)Sissignuri, divintai Varlantu Furiusu e fazzu ‘nastragi! La strage degli innocenti!

GELTRUDE – Mi stai parennu pazzu!

CELESTINO – Allura, si’ convinta macari tu ca sugnu pazzu?!

GELTRUDE – Ma scusa, parri e ragiuni comu si tu…(S’interrompe)

CELESTINO – Comu si ju?… Chi vo’ diri?… Comu si ju fussi pazzu? Chistuvulevi diri?

MARIUCCIA – Ma no, papà, la mamma non voleva dire questo.

CELESTINO – Chistu vuleva diri! E’ d’accordu cc’u sinnicu. Mi volunu fari cridirica sugnu pazzu!

GELTRUDE – Ma non ti nn’accorgi di comu parri?

MARIUCCIA – Mammà, lascia perdere!

CELESTINO – Vuatri non v’accurgiti pirchì parru accussì!

MARIUCCIA – Ma no, papà, tu parli come sempre.

CELESTINO – Eccu, ‘u vidi? To’matri non è tantu cunvinta ca ju sugnu pazzu, tu,inveci, sì!

MARIUCCIA – Ma che dici, papà?

CELESTINO – Convintissima, tantu è veru ca m’assecunni pirchì i pazzi nonbisogna contraddirli annunca ponu divintari furiusi!… Perciò, ju sugnu pazzu, veru? Cc’u sinnicu mi cumpurtai di pazzu, ora staju ragiunannu di pazzu…

GELTRUDE – Ma si si’ tu stissu ca ‘u dici?

CELESTINO – E va beni, sugnu pazzu!… Ma prima di essiri dichiaratuufficialmenti pazzu, prima di essiri rinchiusu ‘nta ‘n manicomiu, haju a fari cosi da pazzi! (Fa per uscire, ma viene afferrato per le braccia da Geltrude e da Mariuccia che lo bloccano)

GELTRUDE – Cilistinu, unni vo’ jri?

MARIUCCIA – Papà, no!


52


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Lassatimi!

GELTRUDE – Aiuto!… Aiuto!… Filippo!…

CELESTINO – Ma pirchì chiamati ajutu?… Lassatimi ca non pozzu stari cchiù! GELTRUDE – Ma chi vo’ fari? Unni vo’ jri?

CELESTINO –(Svincolandosi)Ddà banna haju a jri, in gabinetto!(Via di corsa)

GELTRUDE – Morti subitania, chi scantu ca mi fici pigghiari!

MARIUCCIA – Mammà, ‘u cori mi sta battennu forti forti!

FILIPPO – (Arrivando dalla destra)Chi successi? Chi foru ‘sti vuci?

GELTRUDE – Tu arrivi sempri ccu l’ultimu trenu!

FILIPPO – Ma che è stato?

GELTRUDE – Nenti, ppi furtuna.

FILIPPO – Perché, allora, avete gridato aiuto?

GELTRUDE – A to’ patri non sacciu chi ci successi.

MARIUCCIA – Pareva ‘na furia e diceva cosi senza sensu.

FILIPPO – E’ vero, papà ha delle stranezze che non mi convincono.

MARIUCCIA – Anche a me sembra strano. Chiamiamo uno specialista.

GELTRUDE – Ma chi specialista e specialista! Chiddu apposta ‘u fa. Comu si nonl’avissi a canusciri. Ppi iddu ci vulissi ‘u vitirinariu!

FILIPPO – Mammà, dobbiamo fare qualcosa.

MARIUCCIA – Non possiamo restare indifferenti.(Si sente suonare all’ingresso)

GELTRUDE – Filippo, vidi cu’ è.(Filippo apre la comune e introduce la signorinaCarolina, la quale entra precipitosamente. E’ eccitata al massimo e felice come una Pasqua)


53


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

SCENA OTTAVA

Carolina e detti.

CAROLINA – Signora Geltrude, scusi la mia invadenza, ma ho una gran bellanotizia da darle.

GELTRUDE – Dica, signorina. Che c’è?

CAROLINA – Signora, sono felice, terribilmente felice, talmente felice che nontrovo le parole per spiegarmi.

GELTRUDE – Si accomodi, prego.

CAROLINA – No, grazie, non posso stare ferma. Sono tutta eccitata.(Ma, senzafarci caso, siede)

GELTRUDE – Ma che cosa le è successo?

CAROLINA – Una cosa meravigliosa!

FILIPPO – Ha fatto tredici al totocalcio?

CAROLINA – Una cosa ancora più bella!

MARIUCCIA – Ha avuto un’eredità?

CAROLINA – Più bella, più bella!… Ah, come sono felice! GELTRUDE – Signurina, si calmassi e ni cuntassi chi ci successi.

CAROLINA – Non sto più in me per la contentezza!… Ma come? Non mi fateneppure gli auguri?

GELTRUDE – Si non sapemu di chi si tratta!

FILIPPO – Io ho capito tutto: ‘a signurina si fici zita!

CAROLINA – Bravu, quant’è perspicaci e inteligenti ‘stu carusu! Comu facisti a‘nsittallu?

FILIPPO – Modestamente,  ho il bernoccolo per queste cose!

GELTRUDE – Veru è?


54


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

MARIUCCIA – Si fici zita?

CAROLINA – Veramenti, zita vera e propria, no…

GELTRUDE – Ma, allura?

CAROLINA – Però, ‘sta vota dipenni sulu di mia.(Solenne)Sono stata chiestaufficialmente in moglie! (Sospiro) Ah, chi cosa bella!

MARIUCCIA – E lei, naturalmente, gli dirà di sì.

CAROLINA – Certu, è ‘na vita che aspetto questo momento!

GELTRUDE – E brava ‘a signurina Carolina, me ne compiaccio. Auguri di verocuore.

CAROLINA – Grazie, grazie… Sono commossa.

GELTRUDE – E comu fu? Racconti.

CAROLINA – Un colpo di fulmine. Cose da fotoromanzo, da telenovela! Signora,io la devo ringraziare perché, indirettamente, è stato merito suo.

MARIUCCIA – E perché della mamma?

CAROLINA – Se la signora Geltrude non mi avesse invitato alla festa, io sareiancora zitella mentre, per merito suo, oggi sono una promessa sposa: sono una novella Lucia Mondella! (Sospiro) Ah, mi sembra un sogno, un dolce sogno! (Pausa) Signora, me lo farebbe un favore?

GELTRUDE – Ccu tuttu ‘u cori, signurina. Che desidera?

CAROLINA – M’u duna un pizzuluni?

GELTRUDE – Ma, signorina!

CAROLINA – Mariuccia, dammillu tu.

MARIUCCIA – Ma perché?

CAROLINA – Voglio accertarmi se sto sognando o sono desta.

FILIPPO – Signurina, ci ‘u dugnu ju?


55


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE –(Dandogli uno scappellotto)Tu non fare lo spiritoso! CAROLINA – Me lo può dare anche Filippo. GELTRUDE – Non c’è bisognu, signurina. Rusbigghiata è.

CAROLINA – Veru è?(Sospiro)Ah, come è dolce essere svegli!

MARIUCCIA – Ci racconti come è andata.

CAROLINA – Vi dico un colpo di fulmine! Appena mi ha visto alla festa, tac! Si èinnamorato di colpo. Ed oggi ha mandato a chiedere la mia mano. Dice che entro l’anno mi sposerà.

FLIPPO – E allura divintamu parenti?! CAROLINA – Pirchì, siti parenti ccu me’ zitu?

FILIPPO – Lo diventeremo quando Lino sposerà mia sorella.

CAROLINA – E che c’entra Lino?

GELTRUDE – C’entra Lino!… C’entra Lino!… Lino non è il figlio del sindaco? FILIPPO – Ed è il fidanzato di Mariuccia. CAROLINA – Ma non è il mio fidanzato.

GELTRUDE – Ci mancava ‘st’autra!

CAROLINA – E, allura, qual è ‘a parintela?

GELTRUDE – Signurina, non cridu ca ‘stu fidanzamentu ci desi in testa? Lei nondeve sposare il sindaco?

CAROLINA – Ju?! ‘Na cosa di chisti non l’haju dittu mai e mancu l’haju pinsatu!

GELTRUDE – Ma si vosi essiri invitata a’ festa pirchì smaniava tutta, cipigghiavunu i brividi, ci acchianava ‘a prissioni…

CAROLINA – Acqua passata, signuruzza… Acqua passata!

GELTRUDE – A chiddu ca vidu lei passa di n’amuri a n’autru comu si cangiassi ‘nvistitu.


56


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CAROLINA – Ju haju ‘u sangu caudu comu i palummi : m’incendio facilmente.

GELTRUDE – Tinissi accura ca si po’ bruciari. CAROLINA – E’ così dolce ardere d’amore! GELTRUDE – Ma, allura, ccu cu’ si fici zita? CAROLINA – Ma cc’u prufissuri Pittella.

GELTRUDE – (Meravigliata)Cc’u prufissuri?

CAROLINA – Sì, con Ciccino!

GELTRUDE – Ah, ora capisco…

MARIUCCIA – E già, appena l’ha vista…

FILIPPO – Iddu ca non ci vidi…

GELTRUDE – S’imprissionau e s’innamurau di colpu. CAROLINA – Come un collegiale alla prima esperienza. FILIPPO – Mischinu!

CAROLINA – E quantu è stato fine e compito: un vero signore! Ha fatto seguire larichiesta di matrimonio con un mazzo di fiori.

GELTRUDE – Rose rosse? CAROLINA – No, jalofori di Spagna! FILIPPO – Ca non ci vidi e i scangiau ppi rosi.

CAROLINA – Nel mazzo, poi, mi ha fatto trovare un dedica in versi.(Sospiro)Oh,che galanteria e che finezza!… “O mia cara Carolina, io ti penso sera e mattina!”.

FILIPPO – O’ minziornu, no?

GELTRUDE – O’ minziornu mangia. Si fa ‘na cosa, ‘a po’ fari n’autra? CAROLINA – Beh, ora scusatemi, tolgo il disturbo.


57


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

GELTRUDE – Prego, quale disturbo?…

CAROLINA – Devo andare dalla parrucchiera a farmi bella per ricevere il mioCiccino. Arrivederci, signora. Ciao, ragazzi. Domani vi racconterò il primo incontro e chissà, forse il primo bacio!

GELTRUDE – Arrivederla, signorina, e tanti auguri.(L’accompagna alla porta,mentre i ragazzi la salutano a soggetto) Vaju a vidiri chi fa ‘u papà.

FILIPPO – Mammà, che intenzione hai?

GELTRUDE – Va beni, ci chiamamu uno specialista.(Via)

MARIUCCIA –(Dopo una pausa, timidamente)Filippo, per caso ti devi incontrarecon Lucy?

FILIPPO – Non lo so, ma non credo.

MARIUCCIA – Non hai il desiderio di vederla?

FILIPPO – Certo, sto impazzendo.

MARIUCCIA – E perché non vai a trovarla?

FILIPPO – Beh, forse ci vado.

MARIUCCIA – Oh, bravo, sono contenta!

FILIPPO – E pirchì si’ cuntenta? Non pari ca ci ha’ jri tu?

MARIUCCIA – Sono contenta per te. E, dimmi, a Lino lo vedi?

FILIPPO – Ah, vuleva diri chistu il tuo giro di parole?! Ora che ci penso, è meglioche non ci vada.

MARIUCCIA – (Scoppiando a piangere)Anche tu ti metti contro di me?

FILIPPO – Ma no!… Sto pensando che, se ci vado e incontro il sindaco, quello mifa fare le corse per l’offesa ricevuta da papà.

MARIUCCIA – Che c’entri tu con papà?

FILIPPO – “L’albero pecca e il ramo riceve!”. Megghiu ca t’u scordi a Lino.


58


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

MARIUCCIA – E me lo dici così?

FILIPPO – E comu ti l’haju a diri, in musica? Papà si farebbe ammazzare piuttostoche chiedergli scuse.

MARIUCCIA – E’ vero, sono proprio sfortunata!… Filippo, cosa posso fare?

FILIPPO – Sbattiti ‘a testa ‘nto muru!

MARIUCCIA –Sei cattivo!(Disperata, si rivolge alla foto della nonna)Nonna,aiutami tu! Pensici tu ppi mia! Tu ca mi vulisti beni, m’ha’ pruteggiri! (Agrippina compare alle preghiere di Mariuccia)

SCENA NONA

Agrippina e detti, poi Celestino.

AGRIPPINA – (Avvicinandosi commossa a Mariuccia)Calmati, gioia mia. Non tipreoccupari ca ccà c’e to’ nannuzza!

MARIUCCIA – (C.s.)Nonna, io ti prometto una messa al mese si tu ci ‘rapi l’occhio’ papà e ‘u cunvinci!

AGRIPPINA – A to’ patri ci pensu ju. Ci ‘rapu ‘a midudda inveci di l’occhi!(Aquesto punto, rientra Celestino e si accorge del pianto di Mariuccia)

CELESTINO – Chi è ‘stu chiantu, trìulu d’a me’ casa?(Mariuccia non risponde)Pirchì chianci, si po’ sapiri?

MARIUCCIA – Ppi nenti

CELESTINO – Ppi nenti non si chianci

MARIUCCIA –(Scoppiando)E, inveci, ju chianciu… Chianciu macari ppi nenti!(Escappa via)

CELESTINO – E chianci, chianci, ca to’ matri t’accatta ‘aranci!(A Filippo)Chi ciaveva to’ soru?

FILIPPO – Ma nenti, ‘u solutu chiantu d’i fimmini.

AGRIPPINA – Sintiti a ‘st’autru, degnu figghiu di so’ patri!

FILIPPO – Come stai? Come ti senti?


59


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Pirchì ‘u vo’ sapiri?

FILIPPO – Accussì, m’interessa sapillu.

CELESTINO – E quannu mai tu t’ha’ ‘ntirissatu d’a me’ saluti?

FILIPPO – Non sugnu to’ figghiu?

CELESTINO – Figghiu? Degeneratu!

FILIPPO – E pirchì degeneratu?

AGRIPPINA – A tia assumigghia.

CELESTINO – Si m’assumigghiavi t’anticchia, a ‘st’ura, fussi ‘n carusu cc’a testa apostu e non Peppinnappa qualunqui!

FILIPPO – Perché seguo la moda? Anche tu, quand’eri giovane…

CELESTINO – Bonu, accuzzamila!

AGRIPPINA – Megghiu è ca t’haju a parrari.

CELESTINO – (Alla suocera)Ancora?

FILIPPO – (Equivocando)Non staju parrannu cchiù.

CELESTINO – ‘U vidu ca non stai parrannu cchiù.

FILIPPO – E, allura, pirchì dici: “ancora”?

CELESTINO – Cui?

FILIPPO – Tu. Prima dicisti: “accuzzamila” e ju mi stesi mutu, ora dicisti:

“ancora?”.

CELESTINO –(Per riparare alla gaffe)Vuleva diri: ancora ccà si’?

FILIPPO – Mi nni staju jennu.(Via, volgendosi indietro con l’espressione di chivoglia dire: “Ma, allora, è matto davvero!”)

CELESTINO – (Alla suocera)Pari ca non mi cumminau nenti vossia!… ‘Nta ‘stacasa risultai pazzu ppi tutti, macari ppi Ciccinu Pittella ca mi canusci di quann’era picciriddu.


60


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

AGRIPPINA – Vistu ca fai cosi da pazzi!

CELESTINO – Ma chi dici? Parrari ccu vossia in presenza d’iddi, ci parunu cosi dapazzi? Mi cridunu pazzu pirchì ci pari ca parru sulu.

AGRIPPINA – E tu pirchì non ci dici ca ci sugnu ju ccà?

CELESTINO – Accussì mi chiudunu ‘nta ‘n manicomiu!

AGRIPPINA – ‘U sinnicu ci l’hannu d’accordu.

CELESTINO – Chiddu nesci d’i me’ manu!

AGRIPPINA – Eppuri, aviti a divintari parenti.

CELESTINO – Ccu cui?! Mi dispiaci ca l’haju a simpurtari comu sinnicu, ma inquantu a divintari parenti, sbagghiu c’è!

AGRIPPINA – Senti, Cilistinu, finu ad ora t’haju parratu cch’i boni maneri ppi fariticunvintu, ma tu hai ‘a testa cchiù dura di ‘n calabrisi e ‘u cori peggiu di ‘n macignu, perciò cangiu tonu e ti parru cchiù chiara e cchiù decisa. A mia ‘stu matrimoniu mi piaci assai pirchì ‘u picciottu è bravu, ‘u partitu è bonu e Mariuccia è innamorata. Mettiti, perciò, ‘u cori in paci e falli maritari.

CELESTINO – Mi dispiaci, ma non si nni fa nenti.

AGRIPPINA – Accussì ‘a pensi tu? E va beni, voli diri ca m’ha’ suppurtari ‘nsinu cacampi!

CELESTINO – Chi veni a diri?

AGRIPPINA – Ca non mi nni vaju. E non cridiri ca ti dugnu paci? Sarò la tuanemica!

CELESTINO – Unni? Quannu? Vossia s’ha fari i fatti so’!

AGRIPPINA – ‘A fai maritari a to’ figghia?

CELESTINO – Cc’u figghiu d’u sinnicu, mai!

AGRIPPINA – E, allura, stai friscu!

CELESTINO – E ju friscu sugnu.


61


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

AGRIPPINA –(Pausa)Cilistinu, ti vogghiu fari ‘na proposta tantu ppi dimustraritica sugnu ginirusa.

CELESTINO – Jetta ‘a canigghia!

AGRIPPINA – Fai silenzio e fammi parlare! Se tu acconsenti al matrimonio diMariuccia con Lino, io ti procurerò tanti appalti che ti faranno diventare ricco sfondato.

CELESTINO – Sì, ma sarò costretto a spartiri bustarelle a destra e a manca, poiarriva il pool di “mani pulite”, mi metti ‘n bellu paru di manetti ai polsi e mi porta in gattabuia! Mi dispiaci, ma non m’interessa.

AGRIPPINA – E, allura, ti nni fazzu n’autra ca non ‘a poi rifiutari pirchì è troppucunvenienti. Quannu mori…

CELESTINO –(Facendo le corna)Sangu!

AGRIPPINA - … fra cent’anni!

CELESTINO – Ah, mi pareva!

AGRIPPINA – Ti conserverò un bellissimo posto in paradiso allatu a mia!

CELESTINO – Allatu a vossia?

AGRIPPINA – Sì, si’ cuntentu?

CELESTINO – No! Ju  o’ ‘nfernu mi nni vaju, chiuttostu!

AGRIPPINA – Non ti piaci mancu chista? E, allura, ti fazzu l’ultima proposta e, sinon l’accetti, è peggiu ppi tia! Si tu dai il consenso al matrimonio, ju mi nni vaju e ‘nta ‘sta casa non ci mettu cchiù pedi.

CELESTINO – Ma…

AGRIPPINA – L’hai capito che cosa ho detto?(Sillabando)Mi nni va-ju ppi sem-pri, ti las-su in pa-ci!

CELESTINO Ma non cridu ca, dopu ca s’ha fattu ‘u matrimoniu, vossia attoppan’autra vota ccà?!

GELTRUDE – Io le mie promesse le so mantenere.


62


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Ma si nni va ppi sempri?

AGRIPPINA – Per sempre!

CELESTINO – Ppi sempri, ppi sempri, ppi sempri?

AGRIPPINA – Definitivamente!

CELESTINO – Ora sì ca si cumincia a ragiunari!(Chiama)Geltrude, Mariuccia,Filippo, adunata!

SCENA DECIMA

Geltrude, Mariuccia, Filippo e detti.

GELTRUDE – (Entra, seguita dai figli)Chi c’è? N’autra pazzia?

CELESTINO – E già, vogghiu fari l’ultima pazzia, ma ‘sta vota in pieni sensi.

FILIPPO – Papà, stai calmo!

MARIUCCIA – Papà, come ti senti?

CELESTINO – Papà? Mi chamati: papà?(Agrippina via per tornare poco dopo)

GELTRUDE – Celestino, ti chiamu ‘u medicu?

CELESTINO – Non chiamari a nuddu che io sto bene.

FILIPPO – Sei sicuro, papà?

CELESTINO – Ancora papà? Non mi chiami cchiù “genitore” oppuri “babbo”?

FILIPPO – Ma, papà…

CELESTINO – Accuddì m’ha’ chiamari ca mi sta cuminciannu a piaciri!

GELTRUDE – Cilistinu, ti vo’ curcari?

CELESTINO – Ma pirchi m’haju a curcari? Io sto bene.(A Filippo)Quanti anni haitu? (Intanto, rientra Agrippina, agghindata come nel finale del primo atto, e con la valigia in mano. Si sistema vicino alla comune e segue la scena che si sta svolgendo)

FILIPPO – Vintitri, non ‘u sai?


63


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

CELESTINO – Perciò, ormai si’ granni e t’ha’ cumpurtari di ‘ranni. ‘N funnu si’me’ figghiu! Nunca, ti vesti pulitu, di omu seriu e vai in casa del sindaco…

GELTRUDE – Ancora?!… Cilistinu, ppi carità, cerca di stari calmu!

MARIUCCIA – Papà, io rinuncio a tutto purchè tu non ne combini un’altra!

CELESTINO – Vuliti stari calmi? Non succederà niente. Potrà succedere una cosasola, ma sarà una sorpresa. Filippo, stai bene attento a chiddu ca ti staju dicennu.

FILIPPO – Sugnu tuttu aricchi.

CELESTINO – Veramenti, si’ tuttu capiddi pirchì ’aricchi mancu si vidunu.

FILIPPO – Papà!…

CELESTINO –(Correggendo)Babbo!

FILIPPO – Babbo.

CELESTINO – Quant’è simpaticuni ‘stu me’ figghiu! Perciò, unn’erumu junti?

GELTRUDE – ‘Nto sinnicu!

CELESTINO – Bene, devi andare proprio in casa del sindaco. Tuppulii: “Tuppi,

tuppi!”. “Cu’ è?”, ti rispunnunu e tu: “Io sono, Filippo!”. “Quale Filippo?”. “Il figlio del cavaliere Celestino Morabito!”. ‘Ddocu ci sarà tanticchia di confusioni, vuci, screpiti, seggi ca arrivunu ‘nta l’aria, lampadari c’ammiscunu in terra, ma tu non t’ha’ scantari e cuntinui a tuppuliari finu a quannu ti ‘rapunu. Quannu ‘u purtuni sarà apertu, jsi bannera janca, ma non pp’arrinniriti pirchì nuatri di famigghia non nn’avemu arrinnutu mai, ma come segno di ambasceria…

FILIPPO – E ci haju a jri ppi forza ju?

CELESTINO – E chi è, t’arrinnisti prima di partiri?

FILIPPO – Chistu mai!

CELESTINO – Bravu, comu si vidi ca si’ il mio erede mascolino diretto! Nunca,quannu vidunu ca tu si’ ambasciatore, non ti ponu fari nenti perché l’ambasciatore non porta pena. L’ambasciatore è sacro e inviolabile. Anzi ti fannu trasiri, ti fannu assittari, ti offrunu il piritivo. Quannu tu t’ha’ sculatu il piritivo, ti susi, ti rivolgi al sindaco e ci dici: “Egregio signor sindaco, il mio babbo”… Mi raccumannu: sottolinea ‘u babbu… Perciò, “il mio babbo desidera sapere quando può onorarsi di


64


“ LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA” – 2 atti di Giambattista Spampinato

venire in casa sua per scusarsi dell’incidente che è successo e per chiedere ufficialmente la mano di suo figlio Lino per mia sorella Mariuccia!”.

MARIUCCIA –(Con un grido)Papà!

CELESTINO – E chi è, macari tu sbagghi? Vogghiu essiri chiamatu babbo! Oramaiarrisultai ‘u babbu d’a casa!

MARIUCCIA –(Abbracciandolo)Sei un tesoro, babbo!

CELESTINO – Ti piacìu ‘a sorpresa? E tu, genitrice semicalda, non parri?

GELTRUDE – ‘U sta’ dicennu ppi daveru?

CELESTINO – Certu, videmu si diciti ancora ca sugnu pazzu!(Agrippina esce dallacomune, dopo aver salutato con la mano il genero che ricambia il saluto)

GELTRUDE – A cu’ saluti?

CELESTINO – A nuddu. Stava cacciannu ‘na musca.(Pausa)Si nni jvu, finalmenti!

GELTRUDE – ‘A musca?

CELESTINO – No, quali musca?!

GELTRUDE – Cu’ si nni jvu, allura? Filippo è ancora ccà.

CELESTINO – Non ‘u po’ capiri tu, non ‘u putiti capiri nuddu… ‘A me’ pazzia sinni jvu! Finalmenti, ‘a me’ pazzia si nni jvu ppi sempri!

S I      P       A       R       I        O

Giambattista Spampinato

Via Orto Limoni, 60. 95125 – CATANIA

Tel. 095-436657 – Cell. 338-6374574


65

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno