La buon’anima di mia suocera

Stampa questo copione

LA BUON’ANIMA DI MIA SUOCERA

Commedia in tre atti di

Giambattista Spampinato

Tradotta in vernacolo calabrese da Antonino Denaro e Maria Paola Condemi

PERSONAGGI

IL CAV. CELESTINO MORABITO

LA SIGNORA. GELTRUDE, sua moglie

LA SIGNORA AGRIPPINA ( suocera di Celestino )

FILIPPO, suo figlio

MARIUCCIA, sua figlia

IL SINDACO

LINO, suo figlio

LUCIETTA, sua nipote

LA SIGNORINA CAROLINA(vicina di casa)

IL PROF. PITTELLA (amico di Celestino)

DON GIOVANNI, messo comunale

SILVESTRO, factotum di casa Morabito

La scena rappresenta un moderno soggiorno salotto arredato con mobili moderni ed eleganti: un divano, due poltrone, un tavolo da giuoco con quattro sedie attorno, una libreria e un mobile bar; quadri moderni alla parete che fanno a pugni con l’ingrandimento fotografico della defunta signora Agrippina, bene in vista ad una parete. In fondo un ampio arco che divide il soggiorno dall’in­gresso, posto al centro dell’arco. A destra e a sinistra, dietro l’arco, corridoi che comunicano con il resto della casa. E’ sera e si vuole festeggiare il compleanno del cav. Celestino. Mariuccia e Filippo sistemano dei fiori freschi in alcun vasi. Sono giovani alla moda: il ragazzo indossa bleujinz laceri e sporchi, una camicia a fiori su cui spicca una collana con relativo medaglione; porta i capelli lunghi al contrario della sorella che li ha invece cortissimi e indossa una minigonna di cuoio lucido, stivaloni dello stesso cuoio e una camicetta di colori vivaci.

ATTO  PRIMO

La scena rappresenta un moderno soggiorno salotto arredato cori mobili moderni ed eleganti: un divano, due poltrone, un tavolo da giuoco con quattro sedie attorno, una libreria e un mobile bar; quadri moderni alla parete che fanno a pugni con l’ingrandimento fotografico della defunta signora Agrippina, bene in vista ad u— na parete. In fondo un am.pio arco che divide il soggiorno dall’in­gresso, posto al centro dell’arco. A destra e a sinistra, dietro l’arco, corridoi che comunicano con il resto della casa. E’ sera e si vuole festeggiare il compleanno del cav. Celestino. Mariuo— cia e Filippo sistemano dei fiori freschi in alcun vasi. Sono giovani alla moda: il ragazzo indossa bleujinz laceri e sporchi, una camicia a fiori su cui spicca una collana con relativo meda— glione; porta i capelli lunghi al contrario della sorella che li ha invece cortissimi e indossa una minigonna di cuoio lucide, stivaloni dello stesso cuoio e una camicetta di colori vivaci.

SCENA PRIMA

Filippo e Mariuccia, poi Geltrude e poi Silvestro che introduce la signorina Carolina.

GELTRUDE — (Venendo da destra) Mi raccomando, ragazzi, indisponeteli con arte. Deve sembrare che siamo abituati a tenere in casa fiori sempre freschi. (La signora Geltrude è la tipica ignorante arric­chita che si ostina a voler parlare in lingua senza riuscirci)

FILIPPO - Ma non è meglio, mammà, che addobbiamo la stanza con festo­ni, palloncini colorati e stelle filanti?

MARIUCCIA - Ma no, è troppo pacchiano!

GELTRUDE — Dice bene tua sorella: è pacchianoso e, poi, non siamo a Carnevale.

MARIUCCIA —Deve sembrare una serata come un’altra. Fa più chic.

FILIPPO - Ma i palloncini fanno più atmosfera!

GELTRUDENiente palle! (Si sente il campanello dell’ingresso) Non criu chi già rrivau ‘u papà?!

MARIUCCIA — E’ ancora presto.

SILVESTRO — (Introduce Carolina) Signura, c’è ‘a signurina Carolina. (Via)

CAROLINA —(E’ una zitella di 45 anni il cui grande desiderio è quello dì trovare marito; perciò sospira continuamente) E’ permesso?

GELTRUDE —S’accomodi, signorina.., prego, prego...

CAROLINA — Buona sera, signora; ragazzi, buona sera.

FILIPPO E MARIUCCIA — (Insieme) Buona sera, signorina Carolina.

GELTRUDE — Buona sera, signorina. A che devo questo onore?

CAROLINA — (Guardando in giro) Quanti fiori! ... Chi è festa?

GELTRUDE — Veramente, sì, ma non perchè lei vede i

         questa casa fetono!

CAROLINA — Ca beata lei ca havi ‘ddu bellu giardinu accattari. (Siedono sul divano)

GELTRUDE — Questi non sono del giardino; i ficimu v tania, dal più meglio fioraio.

CAROLINA — Ho capito, ‘sta sera c’è il puntamento d riuccia. (Con un sospiro) Ah, beata lei!... Og domani sorriso di bimbi!

GELTRUDE — No, no, signurina; lei è fora strata.

CAROLINA — Non sunu ppi Mariuccia?

MARIUCCIA — Per me niente fiori.

FILIPPO — (Ridendo) Ma opere di bene! (Mariuccia 4

CAROLINA — E, allura, ppi cli’ stmu?

MARIUCCIA.~ — (Contemporaneamente) Per il vecchio!

FILIPPO IPer Matusa!

GELTRUDE — Già, per mio marito. E’ il suo sessantan

CAROLINA — kb., sì? Auguri! Ci sarà, allura, festa naturalmente molti invitati.

GELTRUDE — Solo pochi intimi: ‘u sirmucU...

CAROLINA — (Saltando dal divano) ‘U silmucu?!

GELTRUDE — ... suo figlio Lino, sua nipote Lucietta in famiglia.

CAROLINA — Ci sarà ‘ddu siinpaticuni d’u sirmucu? GELTRUDE — E già, è nostro intimo amico.

CAROLINA — (Con un sospiro) Ah, chi. furtuna!... E ~ so’?

GELTRUDE — E’ di casa.

CAROLINA — (Sospiro) Beata lei ca ‘ veni a truvari inveci, ppi vidillu m’haju a suppurtari tutti sigghiu comunali e b.aju a sentiri tutti l’ifllp3 ‘13 sapi quanti ci nni nesciunn? Di tutti i cuJ stu, ‘mbru.gghiuni!... Non s’i Lenta, miscbint ti spini ca s’azziccurLli ‘nto cori!

GELTRUDE — A quantu sentu. lei havi un d.ebuli pp’u CAROLINA — No, quanxìu mai! Assolutamenti! Chi dici

GELTRUDE — Chi c’è di mali, signunina? ‘13 sinnucu viduvu... e un bell’oxnu...

CAROLINA — Ma no, chi c’entra! (Piano, quasi sottol giu ca ci su’ i carusi!

GELTRUDE — (Anche lei sottovoce) Ora ‘i manrnt ddà banna. Ragazzi, ari—

date a controllare che cosa sta fando donna Carmela in cucina.

FILIPPO E MARIUCCIA — (Insieme) Va bene. Buona sera, signorina Carolina

CAROLINA — Buona sera, ragazzi. (Filippo e Mariuccia fanno finta di an­dare, ma si nascondono dietro l’arco ad ascoltare)

GELTRUDE — E allura? Mi dicissi.

CAROLINA — Ma nenti, signura... non mi facissi vergognare ca ju sugflu. ancora come wìa bambina.

GELTRUDE — E pirchì s’avissi a vergognare? Chi c’è di mali si havi un debole pp’u sinnucU? Non s’u merita?

CAROLINA — Oh, chistu e autru!

GELTRUDE — E allura?

CAROLINA — (Afferrando la mano di Geltrude e portan.dosela al cuore) Ebbene, sì; haju ‘na simpatia pp’u sinrìucu! E’ così maschio, così focoso ca non pozzu fari a menu di tr-mari tutta quamiu ‘u vidu!

GELTRUDE — Sign.urina, mi lassassi ‘a mariti: ju non sugrnì ‘u ~inT1UCU.! CAROLINA — Mi scusi, signora, sorio stata presa dalla foga!

GELTRUDE — M’U ‘mmagin.u... ma ju sapeva ca ‘a simpatia lei l’aveva pp’I farmacista.

CAROLINA — Mi passau, signurtiZZa... Anzi m’a fici passari iddu. stissu quannu )vi ‘nta farmacia pp’accattari i pinrnili ppi dormiri a~ notti. ‘U sapi, 3u, di quanrìu morsi ‘ bon.’armuZZa d’a manià e ri— stai- aula, soffru. d’insonnia, non pozzu piggb.iari sOflflU, smanìu tutta. ‘ti medicu, veramenti, mi dissi ca maritaflni-]Ili mi passa... (Sospiro) Mali, pacienZa!... Perciò, comu. ci stava dicennu, trasii ‘rita farmacia e ‘u farmacista fu primtirusU, gentili...

GELTRUDE — Una persona compita è: un vero gentiluomo!

CAROLINA — Ca quali, signuruZZa!... Ca quali!... E’ ‘n vastasi di pri­ma categoria !... ‘ti sapi chi fici? I’iggbiaU ‘n scatulu di ciocco lattini e m’i uffrìu.

GELTRUDE — E allura fu gentili ppi daveru..

CAROLINA — Sulu ca eru.nu purgati-Vi!... Arrivaflfl.U. a’ casa, signurU~ZZa, m’a visti ccu Diu!... Ci cuminciai d’i scali!... Di t’annu d’iddt non mii vosi cchiù senti-ri.

GELTRUDE — E ‘u pri-turi? ‘Na vota ci faceva ‘a corti.

CAROLINA — Mi lassassi stari ca su.gnu sfurtunata non ci piaceVliflU le persone anziafle.

GELTRUDE — Veramefl.ti, lei tanti.’ anziana non e.

CAROLINA — Ma chi capìu? ‘A mamà era anziana!... Campava idda, ‘a pu— teva marinai all’ospiziu?

GELTRUDE — Ma ‘u SiImUCU currispuflfli alla sua simpatia

CAROLINA — Dichiarato vero e proprio ancora no, ma mi ha fatto capire

         ca non ci su.gnu indifferente. Chi. voli? ‘N picciuttazzu comti ‘u sinnucu non po’ ristari indifferente di fronte alla mia freschez­za e alla mia ginuusità. Non ppi essiri modesta, ma la mia pelle, quella nascosta, è velhutata come una rosa di maggio. Taliassi! (Fa per scoprirsi il seno, ma Geltrude la ferma)

GELTRUDE — Non occore, ci credo.

CAROLINA — E poi., giniusa ci sugnu. Non è vero, forse?

GELTRUDE — Eccome, lei è veramente una bella donna!

CAROLINA — Bella, no. ‘U sacciu ca non sugnu bella, ma ginuusa sì.

GELTRUDE — Senz’altro. Ora, signorina Carolina, mi deve scusare, ma ho un po’ da fare in cucina: devo dare gli ultimi rintocchi per la cena.

CAROLINA — Signora, mi deve perdonare se oso tanto, ma lei ca ppi mia ha statu sempri comu ‘na matri...

GELTRUDE — (Scattando) Signurina, ju du’ anni cchiù nica sugnu!

CAROLINA — Mi scusi, comu ‘na sorti valeva diri... Non vorrei essere sfacciata, ma lei mi deve fare ‘n faviìri ‘ranni: deve invitare al­la festa macari a mia. Non mi deve fare perdere questa occasione!

GELTRUDE — Ma è una festicciola in famiglia, tra intimi... Semu “quat— tru. e ‘u baddu!”.

CAROLINA — E ccii mia facemu “cincu e ‘a badda!”.

GELTRUDE — E va bene: è invitata anche lei.

CAROLINA — (Abbracciandola e baciandola) Grazie, signora. Non lo scor— derò mai. Mi permetta di baciarla!

GELTRUDE — Mi ha gik baciata.

CAROLINA — Mi scusi, non ci avevo fatto caso. Beh, ora volo a cambiar­mi e sono qui in un attimo. (Arriva alla comune e torna) Chiutto— stu, chi vistitu mi cunsigghia? Da sera o da mezza sera?

GELTRUDE — Lei havi tanti bon gusto...

CAROLINA — ‘U sapi? Ci nn’haju unii da mezza sera, tutto acollacoiato, ca è un amuri.

GELTRUDE  - Va bene.

CAROLINA — Oppuri è megghuu un abito lungo?

GELTRUDE — Come piace a lei.

CAROLINA — ‘U sapi chi fazzu? Mi metti ‘na gonna curta, comu si usunu ora, e ‘na camicetta di seta pura, così sembrer’o più giovane.

GELTRUDE — Ma...

CAROLINA — Ju i jammi ‘ritti ci l’haju. Taliassi. (Si alza il vestito)

GELTRUDE — Forse è megghiu ca lei indossa un abito lungo. E’ più chi.c!

CAROLINA — Accussì dici lei? Forse ha ragione. Non vtìrriesi. ca di mia

         s’innanrura ‘u figghiu a.n.zicchè ‘u patri!... ‘U figghiu è ‘n bellu picciottu, ma mi jetta tanticchia nicu! Eeh, corro... A più tardi!

GELTRUDE — Facissi ccu comudu. L’accompagno. (Via insieme a Carolina)

FILIPPO — (Viene fuori facendo il verso a Carolina) Non vu.rrissi ca di mia s’inxiamura ‘ti figghiu anzicchè ‘u patri!... (A Mariuccia che lo segue) ‘A sintisti? Ti voli fari concorrenza.

MARIUCCIA — Povera signorina Carolina, in fondo mi fa pena.

FILIPPO — Menu mali ca Linu ci jetta nicu, annunca era capaci di faric— ci ‘a jatta in calore! Cosi da pazzi, si vu.leva mettiri ‘a mini— gonna!

MÀRIUCCIA — Però, ancora ha delle belle gambe. Gliel’hai viste?

FILIPPO — Ci l’havi storti e agghimmati.

MARIUCCIA — Non è vero. Ce l’ha dritte.

FILIPPO — (A Geltrude che rientra) Mamà, non ci l’havi storti i jammi. ‘a signu.rina Carolina?

GELTRUDE — Lasciate perdere le gambe della signorina Carolina e mette­te un disco. Sta arrivando papà. Accogliauiolo con la musica. (Fi­lippo accende l’apparecchio e ne viene fuori una musica assordan­te. I tre cominciano a dimenarsi al ritmo della musica. Intanto appare Celestino, un uomo all’antica)

SCENA SECONDA

Celestino e detti.

CELESTINO — Astutati ‘sta speci di musica ca si sta purtannu i ciriveddi!

GELTRUDE — Ma l’abbiamo messa in tuo onore!

CELESTINO — Ni fazzu vulinteri a menu! Prega, chiuttostu la tua prole contemporanea di finilla d’annacarisi e di astutari ‘dd’ordignu assurdanti; e finiscila d’annacariti macari tu prima ca diventi acitu!

GELTRUDE — Diccillu tu d’astutallu; io non ho il cuore tanto crudele.

CELESTINO — Ju? E cu’ s ‘arrisica? Ti pari. ca mi piaci di essiri. chia— matu “Vecchiu Matusalemmi” o “Semifreddo”?

GELTRUDE — Com’è ca non capisci ‘u scherzu! Va beni, ci pensu ju. (Ai figli) Picciriddi, basta ora ca c’è ‘u papà!

FILIPPO — (Ancora ballando) Genitore, sei tornato finalmente all’ovile?

CELESTINO — Bedda Matri, non i ricanusciu cchiù e’ me’ figghi! Non capi— sciu cchiù cu’ è ‘u masculu e cui ‘a fimmina. Cu’ si’ tu?

FILIPPO — Ma il tuo discendente, caro Matusalemme!

CELESTINO — Quantu si’ antipaticu!

MARIUCCIA — (Che intanto ha spento l’apparecchio) Filippo, abbracciamo il vecchio e facciamogli gli auguri.

CELESTINO — Finalmenti. ci im’è una ca si ricurdau d’u compleannu!

MARIUCCIA — (Abbracciandolo) Mille di questi giorni, vecchio Priamo!

FILIPR~ — (Prende la sorella per mano ed anche la madre e girano attor­no al padre cantando) Tanti auguri a te!... Tanti auguri a te!... Tanti giorni felici!... Tanti auguri a te!

CELESTINO — (Che malgrado tutto è commosso) Basta ora ca mi stati facen— nu furriari ‘a testa... Lassatimi ripusari tanticched&a. Mariuccia, vo’ pigghimi i pantofuli e ‘a pipa.

GELTRUDE — (Subito) Non po’ essiri; ‘sta sira non po’ essiri!

CELESTINO — Chi significa “non po’ essiri”?

GELTRUDE — Per questa sera ci devi rinunciare.

FILIPPO — (Ironico) Da ciuando è morta la povera nonna, il vecchio vuole fare i suoi comodi!

GELTRUDE — Già, mi pare che te ne stai approfittando!

CELESTINO — Chi mali c’è si mi piaci ‘a libertà in casa mia?

GELTRUDE — Stai dicendo ca ‘dda santa donna di me’ matri te lo impediva?

CELESTINO — Ju non staju dicennu chistu; però, quannu mi vu.leva fari ‘na bella fumata di pipa, aveva a nesciri fora ‘nto giardinu; macari ‘nta ‘ddu misi di ~rmaru. ccu ‘ddu gran friddu.

GELTRUDE - Non malignari, ahu! ‘ti sai ca si manchi di rispettu a ‘dda...

CELESTINO — ... a ‘dd’armuzza santa di to’ matruzza!... ‘ti sacciu. Chi— sta è storia vecchia. Ju non staju m.ancannu di rispettu a nuddu, ma non rinuncio alla mia liberta, almeno per oggi! Mariuccia, vo’ pigghinii i pantofu.li e ‘a pipa!

MÀRIUCCIA — Ma, papà!...

FILIPPO — Avanti, mammà, parla... dillo al genitore.

CELESTINO — Finiscila di chiazn.arimi “genitore” ca m’auttasti! (Alla mo­glie) E tu chi. m’ha’ diri?

GELTRUDE — (Reticente) I to’ figghi ti volunu fari a festa. CELESTINO — Divintai. santu?

GELTRUDE — Quantu si’ lisciu, pipita masculina! Mariuccia e Filippo han­no pensato di fare degli inviti per festeggiarti.

CELESTINO — Ci pinsaru. propriu iddi? Ni si’ sicura? O fusti tu?

GELTRUDE — Iddi!... Iddi!...

CELESTINO — Si propriu ci tiriiti a fariini ‘sta festa, lassatinii stari ‘n paci ca non vogghiu vidiri a nuddu.

FILIPPO — Ma, babbo...

CELESTINO — Babbu ci po’ essiri tu!

MARIUCCIA — Papà, ti prego, permettici. di festeggiarti. (Lo accarezza)

CELESTINO — E quali ftissiru ‘sti festeggiamenti? Fari schifìu casa. ccu autri deficienti comu a v’ìatri ppi distru.ggilla? Vi rin— graziu, di ‘sti fisteggiamenti ni fazzu a menu!

GELTRUDE — Ca falli cuntenti. Che male ci sarebbe se qualche conoscen­te viene a passare la serata con noi?

FILIPPO — Verranno poche persone.

CELESTINO — V’haju dittu di no. ‘Sta sira haju bisognu di stari tranqui lii, devo riflettere. Anzi, si mi vuliti fari ‘n favuri ‘ranni, ni— sciti tutti e lassatimi sulu. (Pausa) ?irchì non vi nni jti O’ C~— nima? Stannu f’acennu ‘na bella pillicula Kinghi Konghi!

GELTRUDE — Non c’e cchiù nenti da fari: oramai haju fattu i ‘nviti e fai conto che arrivano gli invitati!

CELESTINO — O’ solutu to’. ‘A Lesta ‘a priparati ppi vuatri, mentri ‘u festeggiatu avissi a essiri ju. Ca pacienza... (Si alza) Voli di— ri ca o’ cinima ci vaju ju.

GELTRUDE. — Questo non lo puoi fare perchè il sindaco si offenderebbe!

MARIUCCIA — Appunto, che direbbe il papà di Lino?

CELESTINO — Lino? E cu’ è ‘stu Lino?

GELTRUDE — Il figlio del sindaco.

CELESTINO — Ma non si chiama Pasqualino?

GELTRUDE — Pasqualino e troppo volgare. Meglio Lino i

CELESTINO — Ppi mia è sempri ‘n Pasquali!

GELTRUDE —Ed invece anche tu lo chiamerai Lino!

CELESTINO — Ju, ppi non sbagghiari, non ‘u chiamu affattu, ca è megghit

GELTRUDE — Ed invece ti devi abituare a chiamarlo.

CELESTINO — E già, m’haju abituari ppi forza, axmunca comu facemu?... Putemu macari m•riri!... (Chiama caricatulmente) Lino?... Lino?.. Non mi rispunni!... A cu’ vinni ‘sta bella idea di cbianiallu Li— nu? Scummettu ca vinni a tia.

GELTRUDE — Certo, io ho buon gusto.

CELESTINO — Propriu per questa tua fissazione di dariti arie di firimin~ di classe e di buon. gusto, ju festa non nni vogghiu!

GELTRUDE — E’ tempo perso perchè il sindaco sta arrivando e non possia• mo mandarlo via. E si tu pipitii ancora, quannu arriva ti svergogl

CELESTINO — (ormai vinto) E va beni; comu voi fari fai; tantu vinci sei pri tu.. (Ai figli) Vuatri a dui, però, vo’ jtivi a cangiari di tu ta cursa!

MARIUCCIA — Ma io ho indossato apposta la minigon.na, gli stivali e la camicetta nuova!... Papà, ti prego, Lino non me li ha ancora vist

CELESTINO — E mancu t’i vidi.! (A Filippo) Tu vo’ leviti ‘sti causi vec chi!

FILIPPO — Ma papà, non sunu vecchi; sunu bleujinz!

CELESTINO - Bleu chi?

FIIJIPPO — Bleujinz, fanno tanta moda!

CELESTINO — Fanno tanto schifo!

FILIPPO — Tu non puoi capire!

CELESTINO — Non haju a essiri ju a capiri; vuatri aviti a capiri ca si non ubbidite, mi nni vaju e vi straznmu ‘a festa!

GELTRUDE — Quantu si’ anti.paticu! Caru.si, faciti pacien.za; non cuntra— riatilu ppi ‘sta vota.

MARIUCCIA — Ma che vestito mi metto?

CELESTINO — Unu qualunqui, basta ca ti curmogghi ‘sti cusciazzi ca ci hai di fora! Mi. stai parenn.u ‘n motoci.ulista ca va a fari ‘u cir— cuitu di Monza! (Mariuccia v%a borbottando)

FILIPPO — Vado a cambiarmi anch’io. (Via dietro alla scrella)

GELTRUDE — Pirchì non ti vesti macari tu?

CELESTINO - E chi ti pani nudu. Ju vistutu sugnu.

GELTRUDE — Vuleva diri, pirchì non ti cangi?

CELESTINO — Si mi vuliti, jti restu accussì.

GELTRUDE — Ma che può dire il sindaco? Di sicuro viene in smochifli.

CELESTINO — Non viene in macchina?

GELTRUDE — Ma chi capisti? Viene in smochini, cioè in abito da sera.

CELESTINO — Fo’ veniri macari in pigiama, a mia non m’interessa propriu nenti.. Ju restii accussì.

GELTRUDE — Sei antiquario! Ecco che cosa sei: antiquario!

CELESTINO — Già, hai propriu ragiuni. ‘Sta casa. divintau un museu. Tu, per esempio, si’ ‘na mummia egiziana, to’ figghia è ‘a tapal— lira d’u burgu. e ddu ‘m.bicilli di to’ figghiu è la personifica— zioni di Peppi Nnappa!

GELTRUDE — Ma chi discursi stai facennu? Chi c’entra ‘u museu?

CELESTINO — C’entra in pieno. Si ju sugnu antiquariu, vuatri siti i pezzi rari d’u museu!

GELTRUDE — Sinceramente, non ti capisco.

CELESTINO — E non mi po’ capiri si parri n’autra lingua.

GELTRUDE — Io parlo come ho sempre parlato.

CELESTINO — No, di qu.armu divintasti fimmin.a di classi, adopiri n’au— tru. scilinguagnulu. Ca parra comu t’insignau to’ matri, ‘gnuranti

GELTRUDE — Io sono stata educata in collegio!

CELESTINO — O’ convittu, autru. ca cullegiu!

GELTRUDE — Nel più meglio collegio di Acireale!

CELESTINO — Ca comu!... Si senti l’educazioni ca ti desini ‘rita cullegiu! E fu ‘ddocu ca t’insignaru. ca i figghi. si chiaxunu”pro li”?... Percib, n.uatri abbiamo un “prolo” e una “prola”!... E ju cu’ sugnu ‘u “provuluni” e tu ‘a “provu.ligghia”?

GELTRUIJE — Quantu si’ lisciu, Bedda Matri!

CELESTINO — E sugnu macari antiquario...

GELTRUDE — Antiquario, sissignore, antiquario!... Sei rimasto all’età di Pietra!

CELESTINO — All’età di... Vih, chi mi stava scappannu! L’antiquariu èchiddu ca vinn.i cosi vecchi, antichi... Ju, semmai, pozzu essiri antiquatu!

GELTRUDE — E va bene, quante storie per un po’ di confusione. Ho pre­so un lapis!

CELESTINO — Chi pigghiasti?

GELTRUDE  — Un lapis!

CELESTINO — E cc’ha’ fari cc”u :La~ie? Cc’ha’ soriviri?

GELTRUDE — Ma chi capisti? Fici ‘n pocu di confusioni, eccu!

CELESTINO - Non è megghiu ca quannu parri ccu mia, ti espriini natura] accussì ti capiaciu? Quan.nu c’è ‘u sinnucu, parra comu voi ca id du ti capisci pirchì è d’a stissa razza to!

GELTRUDE — Quantu si’ scunchiudutu!

CELESTINO — A propositu di sounchiuduti, ci nni su’ autri invitati o] tn o’ sin.niou?

GELTRUDE — Ci sarà la signorina Carolina...

CELESTINO — N’autru bellu pezzu d’antiquariatu.!

GELTRUDE — E poi ci sarà Luce e Lino.

CEIISTINO — (Equivocando) L’uccellino? Si porta l’acidduzzu ‘u sinn.uc

GELTRUDE — Ma chi capisti? Lino con Luce!

CELESTINO — Lino cc’a luci?!

GELTRUDE — Celeste, tu non capisci mai niente! IILuceu è il riassunto di Lucietta, che è la nipote del sindaco!

CELESTINO — Ah, è il riassunto? Non l’avevo capito. Insomma, ci sarà tutta la famiglia al completo. Semu ricchi e non ‘u sapi nuddu! ‘u putevi invitari a qualchi autru.. Cu’ s’u siinporta, ppi ‘na s:rata sana, a ddu prisintusu e ripuddutu di cristianu.?... Bedda Matri, non ‘u pozzu digiriri!

GELTRUDE — Ti devi abituare. Lo sai che Lino fa la corte a Mariuccia e, prima o poi, ‘u sinnucu si sbuttuna?

CELESTINO — E ‘mbè? Casti mai s’abbuttuna n’autra vota.

GELTRUDE — Ma non ti pari bellu che la nostra Mariuccia sposi il fig del sindaco, del primo cittadino del paese? Accussì nuatri, ‘mpa rintaimuni cC’~& simnucu, divintamu secunni cittadini!

CELESTINO — Ju non ci tegnu nè a divintari parenti e mancu secuxmu ci

tadinu!

GELTRUDE — Co’mi, ju non vidu l’ura e ti?...

CELESTINO — E ju, inveci, ‘stu matrimoniu ci l’haju propriu supra ‘ti stomucu pirchi ‘ti figghuu è cchiù antipaticu d’ti patri!

GELTRUDE — Chistu non ‘u po’ diri. Lino è un ragazzo simpaticissìmo.

CELESTINO — Si’ propriu decisa ca a to’ figghia ci ha’ dan a chiesti?

GELTRUDE — Ma Lino è un bel partito per Mariuccia!

CELESTINO — ‘ti ragiun.eri Fisichella è macari ‘n bellu partiti e non èforsi ‘xi caru.su senti, ‘nnamuratissimu. di Maruuccia?

GELTRUDE — Troppo serio! E’ inutile, a me non mi piace e, pozza pozza, Mariuccia è innamorata di Lino!

CELESTINO — E si disamura pirchì a mia ‘stu matrìmoniu non mi convan— vira.

GELTRUDE — E poi videmu!

CELESTINO — Eh, cara mia, non c’è cchiù to’ matri ca ti difexmi e ti duna ‘na mamì. To’ matni attisicau i palitti e ‘u spassu ti finìu. Ora cumannu ju!

GELTRUDE — Di tia non m’haju scantatu mai!... Me’ figghia s’ha pigghia— ri ‘xi picciottu beddu, niccu e malaxitrinu, di cui ha essini inna­morata e po’ stari o’ so’ lati e non a ‘n pezzu di mammahuccu Co— mii ‘u raguuneni Fisicbella. Macari ‘ti noimi havi brutti: (sillabari— do) Fi—si—chel—la! (Schifandosi) Uhaaa! Inveci: Lino Stacci!

CELESTINO — E resticci pirchì ccà t’aggruppa! (Indica la gola)

GELTRUDE - Chi. vivrà, vedrà!

CELESTINO — E ppi tia, ‘dda suttaspeci di omu è beddu e malantrinu? Ma faznmd. ‘u favuri, va’! Assumigghia tutti a im “don sucaeiminula~! Ma poi, pirchì ti vagni. prima dì chiovini? ‘ti sinnucu ancora non s’ha sbuttunatu.

GELTRUDE — Vedrai ca si sbwbtuna.

CELESTINO — Si sbuttuna pp’u caudu, non ppi to’ £igghia! Ora, lassamu perdiri ‘sti discursi inutili e parramu di così cchiù. ‘mpurtanti:  vidi ca staju mannann.u a invitani a Ciccìnu Pittella; fai pnipara— ri, perciè, n’autru posti a tavula.

GELTRUDE — Chi? Chi? Chi? Tu non inviti a nuddu c’aceddi di mali augu.— riti in casa mia non nni vogghuu!

CELESTINO — ‘ti pru.fissuri è n’aceddu?...

GELTRUDE — Di mali auguniu, sissign.uri, e ju non ‘ti vogghuu iii casa!

CELESTINO — E inveci. ‘ti ‘nvitu!

GELTRUDE - Non ‘ti ‘nvitì!

CELETINO — ‘ti ‘nvitiì! ‘ti simporti comu ~u sìmportu o’ ~i~’””’~’~

GELTRUDE - Mi ricalchi.?

CELESTINO —RLoalcu ‘a bestia Ca. si’!

GELTRUDE — E va bene, dirò a donna Carmela di mettere un altro coperc

CELESTINO — E vu~ghi ‘a pignata ccii dii’ coperchi.?

GELTRUDE — Com’è ca non capisci nenti? Sei un povero ignorante! Il co perchio lo farò mettere a tavola! Chi c’entra ‘a pignata?

CELESTINO — Si dice: coperto!

GELTRUDE — ‘A stissa cosa è! (Via a destra)

SCENA TERZA

Celestino, poi Silvestro, e poi Geltrude.

CELESTINO — (Ohiamando) Sulivestru!... SuJ.ivestru.!... SILVESTRO — (Entrando) Cumnanni, cavaleri.

CELESTINO — Varda chi fai: nesci ‘a machina e vai ‘nto prufissuri Pit tella e ci dici ca è ‘nvitatu a cena ccà in casa mia. Ti raccuina rxu. di fallu veniri; anzi ‘u porti ccii tia. Ha’ caputu?

SILVESTRO — Sissignuri. Però, ‘a signura mi cuinannau di daricci ‘zia ~ xiii in cucina a donna Carmela.

CELESTINO — E ju ti cumannu di fanti l’affari to’. In cucina ci star nu i fimmini.

SILVESTRO — Sissigrìuni, comu ‘u cavaleni cumanna. Però, donna Carmela

CELESTINO — Lassa perdiri a donna Carmela e fai chiddu ca t’haju diti E vidi di turnani subiti.!

SILVESTRO — Sissignuri. (Si sente suonare all’ingresso)

GELTRUDE — (Rientra in fretta. E’ emozionata ed eccitata) Questo e i) sindaco. Celeste, apri tu che io sono ancora tutta impacciata.

CELESTINO — Ju non grapu a nuddu. Tu ‘u ‘nvitasti e tu. ‘u ricivi!

MARIUCCIA — (Arrivando di corsa) Vado io, mammà. (Via)

CELESTINO — Tu, Sulivestru, vai unni ti dissi. (Silvestro via)

FILIPPO — (Arrivando a sua volta) Sono arrivati, finalmente?

CELESTINO — Arrivau ‘u Presidenti d’a Repubblica ccii tuttu ‘u secutu

SCENA QUARTA

Detti, Sindaco, Lino, Lucy, e poi Carolina.

SINDACO — (E’ in abito da sera. Bacia la mano a Geltru.de con galante: Signora Geltrude, i miei omaggi! Lei è sempre fresca come una r~ di maggio!

GELTRUDE — Oh, signor sindaco, lei è sempre galante!

SINDACO — Carissimo cavaliere, tanti auguri.

CELESTINO — Grazie.

SINDACO — Filippo, sempre in gamba!

FtLIPPO — Buona sera, signor sindaco.

GELTRUDE — Caro Lino, come stai? Luce, sono contenta di vederti.

LUCY — Grazie, signora, anch’io; ma mi chiamo Lucy.

GELTRUDE — :Pirchì, comu dissi ju?

LINO — Cavaliere, buon compleanno.

LUCY — Augu.ri.

CELESTINO — Grazie, ragazzi. (Intanto i ragazzi, che si erano salutati1 si appartano)

SINDACO — Signora Geltru.de, io la ringrazio per l’invito, ma ci ha col­to dì sosrpresa. Non abbiamo fatto in tempo per un regalino per il cavaliere.

CELESTINO — (Quasi tra di sè) M’u ‘mmaginava! Sbagghiava chista!

SINDACO — Come ha detto?

CELESTINO — Dicevo ca m’u mmagi.nava Ca lei era stato colto di sorpresa

SINDACO — Mi creda, sono mortificato.

GELTRUDE — Ma che dice? Il vero regalo per mio marito è che lei si sia degnato di accettare i). nostro invito. E’ vero, Celeste?

CELESTINO — (Sbuffando) Sono gongolante. (Piano) Non mi chiaznari cchiù Celeste!

GELTRUDE — Piuttosto, non si aspettasse cose all’ingrosso... CELESTINO — (Subito) Al dettaglio!

GELTRUDE — ... Una cenetta in famiglia. Quello che ci farà mangiare don— na Carmela. Io, se lei mi crede, non ho avuto il tempo di fare il controllo.

CELESTINO — E menu mali! Geltrude, ‘u lassasti additta o’ sinnucu cozmì ‘n citì-olu? Fallu assittari.

GELTRUDE — Scusi la mia distrazione. Si accomodi qui, nel divano, vici­no a me. (Siedono)

SINDACO — Grazie, signora. Cavaliere, perchè ha detto “meno male”?

CELESTINO — Ca menu mali ca me’ muggheri non ha potuto fare il control­lo, annimca ‘sta sira cu’ sapi chi mii tuccava di mangiari.

SINDACO — Non glielo lascio dire, cavaliere. E’ risaputo che la signora Geltrude prepara certi manicaretti che sono una delizia.

CELESTINO — Ah, ppi chistu non la po’ supraniari nuddu. Pripara certi... (Alla moglie) Comu i chiami tu?

GELTRUDE — (Con enfasi) Pasticci!

CELESTINO — Propriu aocussì. E sunu veri e propri pasticci! Ah, me’ xmig­gheri pastizzusa è! (Alla moglie) Pirchì non vai a vidiri a chi. puntu. ‘e donna Carmela?

SINDACO — Ab,no, leggiadra signora Geltrude, lei non ci deve lasciar

la sua compagnia è preziosa.

GELTRUDE — Per carità, non mi oonfondesse, signor sindaco! (Al marit ‘U vidi comu sugnu apprizzata nella società?

CELESTINO — Fatti accattari di cii’ non ti canusci! (A questo punto, abbigliata in modo ridicolo, arriva Carolina)

CAROLINA — E’ permesso? Buona sera a tutti. Oh, che bella compagnia! (Tutti si alzano per salutare)

GELTRUDE — (Al sindaco) Lei. conosce la signorina Benincasa, la nostr vicina di casa, che è di casa in questa casa?

CELESTINO — (Piano) E’ sempri casa casa’

SINDACO — Non ho l’onore. Piacere tanto.

CAROLINA — Piacere mio. Io invece lo conosco. Anzi, sono una sua annm ratrice. (Ma non le lascia la mano che, anzi, porta al cuore)

SINDACO — Lusingato. Lei s’interessa di politica?

CAROLINA — Un pochetto se, chi. la fa, mi va a genio.

SINDACO — Ed io le vado a genio?

CAROLINA — Moltissimo.

GELTRUDE — (Liberando la nano del sindaco) La signorina Carolina que sera sarà dei nostri. Signorina, questo bel giovane è Lino e qu sta bella ragazza è Luce.

LUCY — Lucy, signora.

CAROLINA — Piacere, ragazzi, di fare la vostra conoscenza.

GELTRUDE — Accomodatevi, prego. Signorina Carolina, s’accomodi.

CAROLINA — Grazie, prima mi pennetta di fare gli auguri più sentiti più sinceri al cavaliere Celestino. (Lo abbraccia) Auguri, augu di vero cuore.

CELESTINO — Grazie, signorina... S’accurnudassi. (Carolina, facendosi spazio con. forza di anche, sposta il sindaco al centro del diva e prende posto accanto a lui. E’ importante che il divano sia a due posti) Geltru.de, ~u vaju a vidiri chi sta facennu donna Carmela in cucina.

SINDACO — (Vedendosi stretto tra Carolina e Geltru.de che lo soffocar Cavaliere, le faccio compagnia.

CELESTINO — Grazie, non si scumudassi. Inveci s’assuppassi ‘sti dii’ cutri! (Via)

FILIPPO — (Agli altri giovani) Gente, facciamo un po’ di musica, tax per riscaldare l’ambiente?

MARIUCCIA — Non vedi che la “tapezzeria” sta conversando?

LINO — Facciamoli sgombrare. Creeremo così più intimità e più atmosi

LUCY — Non mi sembra giusto mandarli via; chiediamo il permesso, in~

LINO — Tu sembri essere nata ai tempi dell’Arca di Noè!

FILIPPO — Lucy J~ia ragione. Anche se sono dei Matusa, sono sempre i no. stri vecchi. Chiediamo il permesso. (Alla madre) Genitrice, noi giovani si wu.ole fare della musica. Ci è consentito?

GELTRUDE — Dopo, ragazzi. Meglio dopo cena.

MARIUCCIA — lvlammà, noi ci stiamo annoiando.

GELTRUDE — Non vedi che sto chiaccheriando col sindaco? La vostra musica ci disturba.

SINDACO — Suvvia, signora, li lasci fare. Sono giovani esuberanti.

MARIUCCIA — Mauimà, ti prego...

GELTRUDE - E va bene, ma aridatevene nell’aldilà, nella sala grande.

FILIPPO — Evviva! Forza, gente, andiamo; si aprono le danze! (Con un cernno d’intesa ai ragazzi) Signorina Carolina, vuole venire con noi

CAROLINA — (Fa per alzarsi poi ci ripensa) Grazie, preferisco fare compagnia al sindaco e alla signora Geltrude. (I ragazzi via)

SINDACO — Questa sera voglio convincere il cavaliere a farsi socio ne. mio club. Così, anche lei, cara Geltrude, lo potrà frequentare.

GELTRUDE — Mi pare difficile. Mio marito preferisce passare le serate in casa, in vestaglia e pantofone, a vedere la televisione. E’ w uomo all’antica, di un’altra generazione. Non è moderno come noi

SINDACO — Ma lei lo deve incoraggiare ad uscire.

CAROLINA — Io, quando mi sarò sposata, a mio marito lo incoraggerò ad uscire per evadere dal solito trainmi traa~mi. della vita domestica

SINDACO — Brava!

GELTRUDE — Ma io ce lo dico sempre: Usci, usci.., così usciamo anche noi, ma lui non ne vuole sapere.

SINDACO — E lei lo lasci in casa ed esca insieme a Mariuccial

CELESTINO — (Che, rientrando, ha sentito le ultime parole) Santi paro caru sinnucu; iu ci ‘u dicu sempri: nisciti, ~ju ci sacciu stari sulu! Macchè, ci venunu i scrupuli. Non ‘u volimu capiri ca itt r stu ‘nta la vera paci!

SINDACO — E’ che la signora è affettuosa e vuole stare con lei.

CAROLINA — Anch’io vorrò stare con mio marito, quando ne avrò uno.

CELESTINO — Voli essiri asfissianti comu a me’ niuggheri?

CAROLINA — Ma che dice, cavaliere?

GELTRUDE — Lo lasci perdere, signorina. Vuole fare lo spiritoso.(poi, al marito) Qualchi jornu ti lassu e mi imi vaiu e poi, videmu, chi fai?

CELESTINO — Arri±’riscu!

CAROLINA — Questo non lo deve dire. La signora è tanto buona.

SINDACO — (Ridendo) Ma sa che lei è un bel tipo? Prende tutto per scherzo. La stia ironia è molto simpatica e divertente. Mi compli.xaento. Signora, non stia a sentirlo. Il cavaliere si. sta burlando di noi

GELTRUDE — Già, fa il bullone!

CELESTINO — Annunca, fazzu macari chiova, viti, tacci, ferri di cavadd

SINDACO — Spassoso il cavaliere!

CAROLINA — Ppi davertt, fa fare risate di cuore.

CELESTINO — Ca mi dilettu a tempu persu.

GELTRUDE — (Per cambiare discorso) E’ pronta la cena?

CELESTINO — Ancora no. (Si sente suonare il campanello d’ingresso)

GELTRUDE — Vidi cu’ è.

CELESTINO — Pirchì non vidi tu?

GELTRUDE — Io non ci posso andare. Sto trattenendo il sindaco.

CELESTINO — (Alzandosi) Tenulu forti, ‘nza mai ti scappa! Con permesso (Via dalla comime)

GELTRUDE — Mio marito ha avu.to la cattiva idea d’invitare il professor Pittella.

SINDACO — Pittella, il filosofo?

GELTRUDE — Già, dd’aceddu di malu augu.riu!

CAROLINA — Ppi daverii, pari uxi cru.vacchiu!

SINDACO — Mi hanno detto che è anche medium?

GELTRUDE — Non ‘u sacciu si ci havi macari ‘st’autra laurea.

SINDACO — Ma no, intendevo dire che il professore parla con le anime dei morti.

CAROLINA — Oh, chi cosa interessante!

GELTRUDE - Ca non putermu parrari cch’i vivi, parra cch’i morti!

SCENA QUINTA

Pittella e detti.

PITTELLA — (Vestito di nero, barba lunga, occhiali spessi) E’ permessc E’ consentito ad un discepolo di Platone di osseq~uiare la gente ~ bel mondo?

CELESTINO — Trasi, Ciccinu. Fa’ comu si fussi a’ to’ casa.

SINDACO — (Alzandosi per salutarlo) Quale onore avere con noi questa sera l’egregio professore Pittella!

PITTELLA — Oh, il sindaco? L’onore è tutto mio, illustre signor primo cittadino. Come dice il proverbio antico? “Lassau dittu lu pu.ddi­cinu ‘nta la nassa, quann.u maggiuri c’è, minuri cessa!”.

SINDACO — (Ridendo) Lei, professore, sempre amante dei proverbi.

PITTELLA — I proverbi stanno alla base della filosofia. Infatti, Socrate, Platone, Aristotele, Croce, Gentile... A propositi di Gentile Cilistinu, la tua gentile consorte non c’è?

CELESTINO — Ddocu è. Non ‘a vidi?

PITTEJJLA — Non ‘u sai ca sugm.1 tanticchedda miopi? (Al Sindaco che, -tanto, si è seduto) Gentile signora...

CELESTINO — Ciccinu, vidi ca si’ tutti paru. miopi!

PITTEI,LA — Pirchì?

CELESTINO — Pirchì chissu e ‘u sinnucU. Me’ muggheri è appressu.

PITTELLA — E’ ca haju l’ucchiali ‘mpannati. (A Carolina che, quando sindaco si è alzato per salutare Thittella, si è seduta al centri del divano) Gentile signora...

CELESTINO — Ciccinu, ancora appressu.

PITTELLA - Va bene, ora?

CELESTINO — Sì, va bene. Pigghia ‘a mira ca fai centrti.

PITTELI~A — Mi deve scusare, signora. La ossequio e la ringrazio per l’invito.

GELTRUDE — Non c’è di che.

PITTELLA - Lei è tanti bonn. “Vali cchiù un amicu in chiazza ca cen­t’unzi intra la cascia!”, e ju apprezzu ~ assai assai.

CELESTINO — Buntà to’, cal’.l Ciccinu. Tu mi fai sempri piaciri. (E si

PITTELLA — (Parlando verso dove c’era prima Celestino) ?pi mia ca su sulu, i me’ parenti siti vuatri e tu, Cilistinu, si’ ccbiù di frati, si’ un veru amicu e “l’aniicu si oanusci ne’ bisogni!”.

SINDACO — Lei, professore, ha voluto restare solo. Chi. gliel’ha fati fare?

PITTELLA - ‘U proverbiu non sbagghia mai: “Megghiu sulu ca mali acct pagnatu!”.

SINDACO — Questo è proprio vero.

CAROLINA — Prima ni circati a nuatri fimimini e poi diciti ca semu ‘i mala cuxnpagnia!

PITTELLA — Non frainten.da, signora Geltrude, i presenti sono natura. mente esclusi.

SINDACO — Non ha parlato la signora Geltrude.

PITTELLA - E allura cui, Mariucciia?

SINDACO — No, la signorina Carolina.

PITTELLA — ‘A signurina Carulinedda c’è?... Bona sera, signorina come sta?

CAROLINA — Bene, grazie; e lei?

PITTELLA — Comu e’ vecchi!... Mi scusi se non ~ riconosciuta.

CAROLINA — Non si preoccupi; non ci fa nenti.

PITTELLA — Perciò, signora Geltru.de, lei è stata molto gentile a pensa. re a me. Ora, se lei ci permette, ju m’assettu e, a propositi di fiumiini, ci reciti n’autru proverbiu ca fu la mia massima quann’e. ra picciottu e poi macari mi staju inuttt ca haju parratu assai. (Senza accorgersene, va a sedersi sulle ginocchia di Celestino) Dunque...

CELESTINO — A.hi, Ciccinu, mi rumpisti i moddi!

PITTELLA — Ah, tu c’eri ‘nta putruna? Scusa, non t’aveva visti.

CELESTINO — Allura, si’ orvu attunxiu!... Aspetta ca ti fazzu assittari ju prima ca scrafazzi a qualchi autru. (Lo accompagna all’altra poltrona dove lo fa sedere)

SINDACO — Qual’è, dunque, il proverbio che l’ha guidato nella sua gio­vinezza?

PITTELLA — Glielo recito subito: “Amari a cu’ non t’ama, è tempu persu

CAROLINA — Ah, è proprio vero!... “Aspettare e non venire, è una cosa da morire!”.

GELTRUDE — Chi significa?

PITTELLA — Cangiamu discursu, megghiu. L’acqua d’ajeri ci vu.leva pp’i caxapagni, ppi quanti oggi fa n’autra vota caudu. Non vi pari?

SINDACO — Già, l’acqua del cielo è sempre benedetta!

PITTELLA — “Quanti vali n’acqua ‘ntra marzu e aprili, non vali ‘u scec cu ccu milli varrili!”.

SINDACO — Quanti ni sapi di ‘sti proverbi, prufissuri?

 PITTELLA — Ca ju sun.g’ì vecchiu.

CAROLINA — Ca quali veccììiu, chi va dicerunu? Nuatri scapoli ristamu sempre giovani!

CELESTINO — Geltru.de, pirchì non ci offri un liquorino?

GELTRUDE — Hai ragione; parlando, parlando, 1’ avevo dimenticato. Ci chiedo mille scuse, signor sindaco.

SINDACO — Ma no, signora, non si disturbi.

GELTRUDE — Chi c’entra, prima di mangiare il piritivo ci vuole. (Serve tutti meno Celegtino che ci resta molto male) Cm ciii!

SINDACO — E come, al cavaliere niente? Si scurdau ‘u pezzu cchiù forti GELTRUDE — A iddu ‘u medicu ci proibìu l’alcolici.

CELESTINO — Dammi ‘a buttigghia e ‘u bicchieri ca ‘u medicu non mi pro bìu propriu nenti.

GELTRUDE — Ju ti staju avvisannu: quarmu ti senti mali, t’a vidi tu! Te’! (Gli dà bottiglia e bicchiere)

SINDACO — (A Celestino, mentre mesce) Eh!... Eh!... Eh!... Cavaleri, stamu attenti... “Omu avvisati, è menzu salvati!”. Dico bene, prc fessore?

PITTELLA — Sì, ma ‘n bicchirinu sulu nenti ci po’ fari. tlnu suJ.u, per pirchì, si ti nni vivi dui, poi “Non c’è dui senza tn!”.

GELTRUDE — Lei non ci facissi ‘u curxnogghiu annunca si nn’appru.fitta.

CELESTINO — Non mi n’appru±’ittu. Chiama, chiuttostu, i carusi ca l’ao cettuiiu macari iddi il piritivo.

GELTRUDE — (Chiamando) Ragazzi, venite a prendere il piritivo.

LINO — (Arriva insieme agli altri. Gli si notano molto chiaramente su le labbra le impronte del rossetto di Maniuccia) Ci voleva propr un goccetto. Ho la bocca secca.

CELESTINO — Vidi ca ci l’hai ‘nsunsata di rtissettn, autru. ca sioca!

LINO — (Cercando di giustificarsi) Abbiamo fatto un giuoco ed allora. (Tira fuori il fazzoletto e si pulisce)

GELTRUDE — Tieni, bevi, Lino; lascialo dire.

LIJCY — Signora, a me appena un goccetto perchè mi va subito in testa.

FILIPPO - A me un whisky e soda.

MARIUCCIA — Mamy, io lo voglio liscio.

GELTRUDE — (servendoli) Niente vischio. Prima di mangiare si prende ~ lo il pinitivo!

CELESTINO — (A Pittella) ‘U vidi comu divintaru. i ‘ figghi? Mirica3 diyintaru.! O’ masculu non ci basta cchiù il piritivo ca ci voli dan me muggheri, vuole il vischi, il signorino, e cc ‘a sola, per giunta. ‘A fimmina, inveci, ‘u voli lisciu... Ca ci alliscì~ si ‘a carina a tutti duì!

PITTELLA — Gioventù bruciata!

CELESTINO — Bruciata? Atturrata! (I ragazzi, intanto, a coppia, bevoJ incrociando i calici, mentre tutti applaudono) ‘A vidi ‘dda ore tina di me’ muggheri comu. ci batti i manu? Cosi da pazzi!

SINDACO — Il bacio!... Ora ci vuole il bacio!... (Immediatamente Cari lina si porterà accanto al sindaco, chiudendo gli occhi e riman do in attesa di un bacio che non verrà. Lino si avvi~ciflerà a Ce stino per chiedere il permesso)

LINO — Permette, cavaliere?

CELESTINO — (Che non ha capito) Voi essiri vasatu di mia?!

LINO — Ma no! Permette che baci Maniuccia?

CELESTINO — Chi è n’autru jocu? Ca jucamu!... (I ragazzi si baciano)

GELTRUDE — Quanto sono simpatici!

CELESTINO — (Che non ne può più) Quanti sunnu svumichevuli, mi stannu facendu divintari ‘u sangu acqua! Basta ora, fineniula ccu ‘sti jochi scunchiuduti! Salutati, chiuttostu, ‘u pru.fissuni ca ancc ra non v’aviti accurgiutu ca c’è macari iddu! (I ragazzi in coi

RAGAZZI — Buona sera, professore Pittella!

PITTELLA — Bona sira, bona sira! “Megghiu tardu ca mai!”.

LUCY — Anche lei è dei nostri a cena?

PITTELLA — Certu, figghia. “‘A jaddina ca camina, s’arricogghi cc’a vozza china!”.

LINO — Che è filosofia, questa?

PITTEI~LA — No, beddu: è vita!

SINDACO — Professore, ci risulta che lei, oltre ad. essere un filosofo è anche un bravo medium.

PITTELLA — M’arrangiu, caru sinnucu. “Cu’ POI fari e non fa, campa sc~ tentu!”.

SINDACO — Benissimo. La organizziamo, allora, una seduta?

CELESTINO — C’è troppa gioventù.

LINO — Cavaliere, ci crede forse ragazzi poco seri?

CAROLINA — Cavaliere, lei così ci offende!

CELESTINO — Signurina, ju non diceva ppi lei... l’pi fari veniri i api riti, ci voli attenzioni e raccoglimentu.

SINDACO — I ragazzi sapranno raccogliersi. Vero, ragazzi?

MARIUCCIA — Oh, sì, certamente! Professore, invochi gli spiriti. Fa tanto senso e tanto brivido!

GELTRUDE — Non si facesse pregare. Non vede coin.e sono tutti entusia— smatic i?

SINDACO — (Decidendo) Forza, prendiamo posto attorno al tavolo. (Si sistemano facendo in modo che Pittella stia di fronte al pubblic Creiamo l’atmosfera: abbassiamo le luci. Professore, siamo pront Non si aspetta che lei e il cavaliere.

CELESTINO — (Aiutando Pittella ad alzarsi) Forza, Ciccinu, facciamo q sta alzata e poi facciamo la seduta.

PITTEI1LA — E va bene. (Quand’è al tavolo) Facciamo la catena.

GELTRUIIE — Ju non vogghiu essiri ‘ncatinata!

CELESTINO — Nud.du ti voli ‘ncatinari, ‘gnuranti! Fari ‘a catina sign.i fica ‘ncucchiari i manu supra ‘u tavuiu: pollici ccu pollici e n gnolo ccu mignolo.

PITTELIJA — Mi raccomando il contatto. (I ragazzi si abbracciano, meni Carolina si butta addosso a Celestino)

CAROLINA — Oh, che sensazione conturbante!

CELESTINO — Signurina, si jttau ‘ncoddu a mia? S’arrassassi! Ciccinu ccà c’è troppu cuntattu.

PITTELLA — Ragazzi, siate seri o non se ne fa niente.

SINDACO — Saremo seri, professore. Lo promettiairio.

PITTELIJA — (segnandosi) In nomine Patrie et Fuji et Spiriti Sancti.

TUTTI — (In coro, a mo’ di Messa Cantata) Amen!

CELESTINO — Sta niscennu ‘a Missa Cantata? Non schirzamu ccu ‘sti cosi1

PITTELLA — Siamo pronti? A cu’ chiamami?

SINDACO — Chiamiamo D’ Annunzio.

CELESTINO— (Equivocando) Ma si mancu è arrivatu a destinazioni: morsi l’autru jeri!

PITTELLA — Gabriele D’Annunzio, Celestino!

CELESTINO — Ah, mi pareva don Nunziu ‘u lattaru!

PITTELLA — Silenzio! (Si concentra, poi con voce tremolante) Spirito benigno di Gabriele D’Annunzio, in nome di Dio, vieni a trovare i tuoi fratelli!... Spirito benigno di Gabriele, manifestati!

SINDACO — (Dopo una pausa) Si è manifestato?

CELESTINO — No. Si manifestau inveci ‘a signurina Carolina cou ‘na ca~ cagnata!

PITTELLA — Silenzio! Non ci distraiamo se volete che si manifesti! (i’~ sa) Spirito di D’Annunzio, se sei tra noi, dacci un segnale!

SINDACO — (Dopo un po’) Chi fa, vinn.i?

CELESTINO — No, accatta!

PITTELLA — Signori, non scherziamo! (Poi) Spirito di Gabriele, vieni! (Dopo un po’) Mi dispiaci, ma non voli veniri.

SINDACO — Chiamiamone un altro.

GELTRUDE — (Prontamente) Chiamamu ‘a bon’armuzza d’a mamà!

CELESTINO — Chi si’ pazza? Lassamula stari. unn’è; non ‘a ‘nchita3uu an­niinca mi rin.i vaju! (Reazione di G~ltrude. Tutti intervengono a. rn favore, compreso Pittella)

PITTELLA — Avanti, Cilistinu, accitntenta a to’ muggheri. CELESTINO — E va beni, però a tia ti persi ‘a stima.

PITTELLA — Silenzio e concentrazione! (Pausa) Spirito benigno della signora Agrippina, in nome di Dio, vieni a trovare i tuoi fratelli

GELTRUDE — La tua adorata figlia, i tuoi cari nipoti e il tuo affezionato genero!

CELESTINO — ‘ti jenniru lassulu stari ca non c’entra affattu!

PITTELLA — Silenzio! (C.s.) Spirito della signora Agrippina, ci sei? Se ci sei, manifestati!

GELTRUDE — Mammitta, ccà si’?

CELESTINO — C’è macari ‘u tubu di scappamentu!

PITTELLA — Silenzio! (C.s.) Spirito buono della signora...

CELESTINO — (Interrompendolo) Ciccinu, sbaggbiasti. Me’ soggira o’‘nfernu si trova!

GELTRUDE — Malu accrianzatu, me’ matruzza è o’ Paradisu pirchì era ‘na santa!

PITTELLA — Signuri. mei, ci staju livannu manu!

CELESTINO — Ci ha’ persu tempu!

SINDACO — Cavaliere, la prego, lo faccia proseguire.

CELESTINO — E cu’ ‘u tratteni?

PITTELLA — Posso? Ed, allora, silenzio e concentrazione! (O.s.) Spirito della signora Agrippina, ci sei? Se ci sei, batti tre colpi! (Si odono tre colpi alla porta. Tutti si terrorizzano, staccandosi dal contatto e abbracciandosi tra loro. Celestino resta immobile con le mani attaccate ai tavolo; I~ittella non ha capito niente)

SINDACO - Hanno bussato alla porta?

GELTRUDE — Celestino, vai a grapiri tu ca a mia mi tremun.u i jammi.

CELESTINO — Pirchì, a mia no?

GELTRUDE — Tu si’ l’omu di casa!

CELESTINO — Ju sugn.u l’omu qualmu fa comudu a tia! (Si alza treman.te, apre la porta ed appare la signora Agrippina, vestita come nella foto; ha una valigia in niano)

AGRIPPINA — Turnai n’autra vota e ‘sta vota ppi sempri!

CELESTINO — (Per lo spavento sviene)

SIPARIO

ATTO SECONDO

Stessa scena.

Sono le dieci del mattino successivo all’azione del primo atto. La stanza è ordinata. Non ci sono più fiori.

SCENA  l

La signore Geltrude e Mariuccia.

Mariuccia — (Piange sommessamente, abbracciata alla madre) Lo vedi mamma, quanto sono sfortunata? Aveva nu misi chi si organizzava sta festa di ieri sera e tuttu è svanito nel nulla! E’ inutili, pi mia non ci po essiri felicità!

Geltrude  — (Confortandola) Ma chi dici? Sti cosi mancu l’ha pensari

        

Mariuccia — Avevamo progettato con Lino di annunciare il nostro fidanzamento per fare una sorpresa a papà, ed invece...

Geltrude — Certu chi pi to patri era na bella sorpresa!

Mariuccia — Lo sai che cosa avevamo pensato? Dopo cena, quando tutti sarebbero stati in euforia, avremmo dato la notizia.

Geltrude — E va bene. Sarà per un’altra volta.

Mariuccia — Chissà come sarebbe stato contento papà. Questa notizia sarebbe stata il miglior regalo per il suo compleanno.

Geltrude — Cussì, si u svenimentu no nci vineva pi nu  cuntu, ci avissi venutu per l’annuncio del fidanzamento!... No, te­soro, megghiu cussì.

Mariuccia — Ma quando si presenterà un’altra occasione?

Geltrude — Non mancunu occasioni, storta! Troveremo un’altra. In­tanto il sinnaco si deciderà a parlare lui con papà e non ci sarà bisogno di trovare altre occasioni.

Mariuccia — Sì, ma quando?

Geltrude — Lascia fare al tempo.

Mariuccia — E intanto, come faccio ad incontrarmi con Lino?

Geltrude — Stasera, se papà starà meglio, usciremo e vi incontrerete

Mariuccia — E se non starà meglio?

Geltrude — Non ci iettari u picciu puru tu!... (Si sente Celestino tossire) Mi pari cu papà si iazzau (Chiamando) Celistinu, Celistinu!... Ti iazzasti?

SCENA  2

Celestino e dette.

Celestino — (Arrivando da destra) Sì, mi iazzai. Ndaiu a iri o canteri chi si fici tardu.

Mariuccia — Papà, come ti senti?

Celestino — Bonu, pirchì?

Geltrude —  Ti riposasti beni? Ti senti megghiu?

Celestino — Mi sentiva a bucca lippusa. Sarà statu u vinu e u pasticciu chi priparasti. Stanotti fici nu sonnu  agitatu. M’insunnai  a to mamma. Nu sognu accussì chiaru chi pariva veru.

Mariuccia —          Chi t’insunnasti?

Geltrude — I soliti sonni scunchiuduti, senza testa e senza pedi!

Celestino — Ti dicu chi pariva veru. Anzi, ora vu cuntu. (Si siede)Perciò, m’insunnai chi erumu riuniti per festeggiare il mio compleanno. A nu certu puntu u sinducu nci dumandau a Ciccinu Pittella d’invocari i spiriti. Ciccinu, allura, ndi fici disporri attornu o tavulu e ncuminciau a seduta. Mentri erumu nto megghiu, sentimmu bussari nta porta. Mi iazzu, vaiu e iapru e a cu viu arretu a porta?

Geltrude — O’ diavulu!

Celestino — Eh, a to mamma, cu na valigia nte manu chi mi diciva: “Turnai n’atra vota e sta vota pi sempri!”... Mi schiantai tantu chi stava cadendu du lettu. (Pausa) Forsi furu i porcarii chi mburrai ieri sira!

Geltrude — Ieri sira mancu l’acqua assaggiasti. Anzi, nu bicchirinu di piritivu ti mbivisti e forsi fu chistu.

Celestino — Chi c’entra u peritivu! Nu bicchierinu non mi putiva fari nenti. Fu cattiva digestioni.

Geltrude —E torna! Ti dissi chi non ssaggiasti mancu l’acqua. C’avevi a digiriri chiddu chi non mangiasti? Ndi mbelenasti a  tutti nui e basta.

Celestino — E pirchì?

Mariuccia — Ieri sera è andato tutto a monte. Per me, poi, è stata una  ve­ra rovina.

Celestino – Tuttu a nfumu? Si bruciau tuttu u mangiari?

Geltrude — Nenti si brusciau. Tuttu u mangiari restau piatti, piatti.  I progetti di to figghia si ndi iru in fumu!

Celestino — Ma, allura, u sognu chi fici eu?

Geltrude — Quali sognud’Egittu! Non fu sognu. Tuttu veru fu.

Mariuccia — La nonna, dopo che il professore l’aveva invocata, stava per manifestarsi.

Geltrude — Si era manifestata. Tant’ è veru. Chi sentimmu bussari

Celestino — (Turbandosi)Allura bussaru?! ... E eu chi mi  cridiva chi maiva nzunnatu!

Geltrude — Non bussaru. Era me mamma chi si manifestava.

Celestino — Appuntu! Era idda arretu a porta.

Geltrude — Ma chi ndi sta ccucchiandu?

Mariucia — Questo l’hai sognato, papà.

Celestino — Insomma, m’insunnai o no? Mintitivi d’accordu, mamma e figghia!

Geltrude — (A Mariuccia) Tu statti zitta s’innunca facimu cunfusioni.

Celestino — Perciò, si poti sapiri chi succediu?

Geltrude — Mi facisti perdirì u filu. A undi rivammu?

Celestino — Arredu a porta.

Geltrude — Quantu si spiritusu! Perciò, ieri sira erumu riuniti pi festeggiari u to compleannu. Ti ricordi o non ti ricordi

Celestino — Mi ricordu.

Geltrude — C’era u sinducu, Lino,  Lucietta, la signorina Carolina, tu e dda speci d’amicu toi, u prufissuri Pittella. Ti ricordi?

Celestino — Mi ricordu.

Geltrude - A nu certu puntu, mi facisti offriri  u piritivu a tutti, puru tu ndi vulisti. Ti ricordi?

Celestino — Mi ricordu.

Geltrude — E chistu scordatillu pirchì tu liquori non ndi mbivi cchiù. Pi causa tua ieri sira ndi  fici mali a tutti.

Mariuccia — Mamma,basta ora.

Celestino — Sorvoliamo. Prosegui

Geltrude — Prima mi mangiamu, u sinducu proposi mi facimu na siduta spiritistica. Ti ricordi?

Celestino —E quantu si polemica!... Mi ricordu.

Geltrude — U prufissuri non vuliva, ma poi si decisi...

Celestino(Prevenendola) Ti ricordi? Mi ricordu. Iamu avanti.

Geltrude — Spiritoso!... Perciò, prima chiamau a D’annunzio, ma quan­du vitti chi non si presentava., eu nci dissi mi chiama a bon’anima i me mamma.          

Celestino — Chistu, purtroppu, mu ricordu e ti potivi fari i fatti toi

 

Geltrude — E ddocu iddu attaccau:  “Anima buona della signora Agrippina!... Anima buona e pia della signora Agrippina, se ci sei, batti un colpo!”

Celestino — Cussì nci dissi?

Geltrude — Cussì. E ddocu si sentiru i tri colpi da mamma.

Celestino — Mu ricordu.

Geltrude — Intantu a tia, ddu piritivu chi ti mbivisti, ti ccuminciau a fari effettu, ti iu nta  testa e ti sembrau chi bussaru nta porta.

Celestino — Prosegui, mu ricordu.

Geltrude — Ti iazzasti barcolliandu, e iapristi a porta...

Celestino — (sempre più turbato) E poi?

Geltrude — E poi, cadisti nterra comu na pira fracita, mbriacu todduru e ti russigghiasti ora ora!

Mariuccia — Ndi facisti stari in penseru tutta a notti!

Geltrude — E ndi strambasti a festa. U dicisti e u facisti!

Celestino — Com’è possibili? Allura, u sonnu fu na coincidenza?

Geltrude — Ti dissi chi fu tuttu veru!

Celestino — Tuttu veru? To mamma nc’era pi daveru arredu a porta?

Mariuccia — Ma no, papà. Questo fa parte del sogno.

Geltrude — Annunca!... Me mamma turnava apposta du Paradisu pi vidiri a to bella facci!

Celestino - (Sbottando a ridere) Ah!... Ah!...Ah.. Mi pari chi viu a to mamma chi faci parti da schiera i ll’angiuli du Paradisu!... Vistuta cu na cammiscia  rosella longa fina e pedi e spaccata di lati, nu nastru du stessu culuri ttaccatu nta frunti e un paru d’ali ttaccati nte spaddi! (Continua a ridere senza accorgersi dell’arrivo di Agrippina)

SCENA 3

Signora Agrippina e detti.

Agrippina - (Come evocata dalle risa del genero, appare in scena come Celestino l’aveva descritta. E’ VISIBILE SOLO A LUI. PER GLI ALTRI COME SE NON CI FOSSE)

Geltrude — E malu cristianu! Me mamma era na santa!

Celestino — (Accorgendosi della suocera, si. fa piccolo piccolo e comin­cia a balbettare per lo spavento) E’ ve... ve... Veru!

Agrippina — Tu eri cosu tintu, u pò negari?

Celestino —No.

Geltrude — (Crede che la risposta sia rivolta a lei) No? Comu pò diri chi non era na santa? Pussideva tutti i virtù!

Agrippina -  Sono stata una martire, e tu mi facisti moriri pi tutti i veleni chi  mi dasti!

Celestino — (c.s.) Chis... Chis...

Geltrude — (Equivocando) Mariuccia, caccia fora a iatta, sinno sindi vai  in cucina.

Mariuccia - (Cercando la gatta che non c’è) Muci, muci... Mamma, ma quali gatta. (Celestino si alza per svignarsela)

Agrippina - (Lo blocca) Statti ccà e rispundimi a mmia: non è veru chi mi facisti moriri di bili?

Celestino - (c.s.) Chis... Chis...

Geltrude — Insomma, aundè sta iatta?

Celestino — Quali iatta? Non ndavi iatti

Geltrude — E allura pirchì cuntinui a fari “chissi”?

Celestino — Eu non faceva “chissi”. Eu vuleva diri chi  chistu non è veru

Geltrude — Chi cosa?

Celestino — Chiddu chi dissi idda. (Indica la suocera)

Geltrude — (Credendo trattarsi della figlia che, nel frattempo, ha cambiato posto con Agrippina) Ma si to figghia non  parrau

Celestino — Ma non to figghia. To mamma!

Geltrude — Me mamma?!... Cilistinu, ti stai sentendu beni? Und’è me mamma?

Celestino — (Indicando senza guardare) Ccà è, divintasti orba?

Mariuccia — Ma, papà, dov’è? Qua non c’è nessuno.

Celestino — (Tirando un sospiro di sollievo) Non c’è cchiù? Si ndi iu?

Geltrude — Ccà non c’è nuddu.  Magari c’era pi daveru me mamma!

Celestino — (Si gira per sincerarsene, la scorge e trasalisce) Ah!...

Geltrude — Cilistinu, ma chi ndhai sta matina?

Mariuccia — Papà, ti senti bene?

Geltrude — Megghiu chi non vai o canteri, tantu si fici tardu.

Celestino — (Trovando l’idea di andare via come una liberazione, si alza e fa per andare) Mi ndhaiu a iri chi ndaiu n’appuntamentu.

Agrippina — (Lo ferma) Tu di ccà non ti movi. Nu  dui ndavimu a fari i cunti. Turnai apposta pi tia.

Celestino — Pi mia?!

Geltrude — (Ancora equivocando) Chi dici?

Celestino — (Che non voleva dare ad. intendere) Diciva chi... pi mia, non issi o canteri. Invece non ne posso fare a meno.

Geltrude — Ma è tardi.

Celestino — A mia nuddu mi cuntrolla. U principali sugnu eu (Si avvia)

Agrippina — (Gli sbarra il passo) U voi capiri chi tu di ccà non ti movi?

Celestino — Ma eu mi ndaiu a iri veramenti.

Geltrude — Ahu, e vatindi.!... Ma cerca mi veni prima oggi.

Celestino — Forsi non vegnu. Ndaiu troppu chiffari

Geltrude — Pi oggi dassa perdiri.

Agrippina -  (Ironicamente) Dassatulu iri, tantu torna subitu perchì, appena scindi i scali, metti nu pedi anvacanti, si ruzzola  e si rumpi na gamba. E poi, u nchianunu ca barella.

Celestino - (Facendo gli scongiuri) Staiu pensandu chi forsi è megghiu chi mi staiu intra.

Geltrude  - Ti passau a primura?

Celestino — Megghiu mi mi guardu na stampa.

 Agrippina — (Compiaciuta) Finalmente ti sei deciso! U capisti cu è chi cumanda? Ora manda ddà intra a Geltrude e a Mariuccia chi t’haiu a parrari.

Celestino - (Ubbidendo) Sì! Geltrude, itavindi ddà intra cu Ma­riuccia chi mi vogghiu ripusari na stampa.

Geltrude - Senti, non ti mettiri a fumari o to solutu. Sdraiti nta poltrona e ripositi.

Celestino –E cu voli fumari?! Ti pari chi chistu è u mumentu adattu? (Con gesti fa capire di restare con lui)

Geltrude - Siccomu tu, quandu resti sulu, non perdi tempu mi ndumi a pipa

Celestino — Quandu restu sulu, no ora?!

Geltrude — Cielo, chi ntenzioni ndhai?

Celestino — Ntenzioni seri si cuntinui mi mi  chiami Cielo.

Geltrude — Mariuccia, iamunindi. (Via con Mariuccia, accompagnate amorevolmente da Agrippina)

Celestino - (Rimasto solo con la suocera, comincia a borbottare) S’indiru. Ora chi non vuliva restari sulu, si ndi iru. Quandu vogghiu na stampa i paci e di tranquillità, non si ndi  vannu mancu a corpa di lignu!

Agrippina — (Tornando indietro verso il genero) Chi ndhai chi murmurii.

Celestino — L’haiu cu ddi ntelligenti e  perspicaci di me mugghieri e di me figghia. Comu mi capisciunu a volu!

Agrippina — Ti dispiaci mi resti sulu cu mia?

Celestino — No...

Agrippina — Allura, caro signor genero e cavaliere delle mie scarpe ssettiti.(Celestino si siede lontano dalla suocera) No ddocu, cca.(Indica la sedia più vicina a lei) Ssettati si parra megghiu;  lassa in paci dda martiri di to muggheri!

Celestino — Ah, sì? Idda è a martiri?

Agrippina — Certu, e puru dda gioia da figghiola.

Celestino — E ccà intra, si cacciamu i martiri, cu resta? Nuddu! (si alza)

Agrippina — Tu resti: u boia!

Celestino — Ah, io sarei?...

Agrippina — Boia!... Sissignore, boia!

Celestino — Pigghiastuvu a me casa per un patibolo!

Agrippina — Finiscila mi fai u spiritusu, sinnunca stu spiritu i patata tu fazzu passari eu! (Perentoria) Ssettiti

Celestino — (Impaurito, siede) Ma chi voliti i mia?

Agrippina — Innanzi tutto ti devo fare una premessa: Io sono venuta espressamente per te!

Celestino — Pi mmia? Vi ndi potiti turnari i undi venistuvu pirchì eu non vi chiamai.

Agrippina — Non mi chiamasti, u dici tu?... E inveci sì tutti i mumenti!

Celestino — Quandu mai, vui vi sbagliati.

Agrippina —Non mi sbagliu! Non c’è mumentu da iurnata chi non mi chiami: “Alla facci di me socira!”... “Mi si bruscia l’anima i me socira!”... “Aveva a moriri trent’anni prima!”., Me socira di ccà!”... Me socira di ddà!”... Chistu non è chiamari pi ttia? Eu turnassi puru  du nfernu.

Celestino — (Timidamente) Pirchì, non veniti  i ddà?

Agrippina — Non vegnu i ddà, mala lingua!

Celestino — Ma pirchì turnastuvu? Chi voliti i mia?

Agrippina — Vogghiu mentiri na stampa  d’ordini nta sta casa chi ndannu u nfernu pi causa tua e, pi fari chistu, prima ndaiu a drizzari a ttia, e non mi  ndi vaiu si  prima non  sistemu ogni cosa.

Celestino -  Si nc’è na cosa i sistemari è me mugghieri, tuttu u restu è o postu

Agrippina – Tu si nu lignu stortu, ma eu non ti dugnu paci finu a  quandu  non ti menti a testa a postu. Poi, forsi, m’indivaiu.  Intanto, io sono manifesta solo a te. Tu sulu mi vidi e mi senti, per gli altri come se non ci fossi.

Celestino — E eu cangiu canali e mi viu “colpo grosso”.

Agrippina Non sono un’immagine della televisione, perciò non mi puoi fare scomparire. Non ti resta chi mi mi  supporti e non fari  storie pirchì non ti nesci nenti. Fa chiddu chi ti dicu eu sinnò è peggiu pi tia. Senti i me cunsigghi; no comu quandu eu era viva. Ora ti lassu, ma non mi ndi vaiu. Mi ritiro nel mio rifugio. Tu non t’approfittari o solitu toi. E ricorditi, Cilistinu,  “Omu avvisatu è menzu sarvatu!”... (Scompare dalla destra, ripetendo il proverbio almeno altre due volte)

SCENA  4

Celestino solo, e poi Silvestro.

Celestino — (Spaventatissimo, si alza con cautela, va a spiare da dove è uscita Agrippina, poi, asciugandosi il sudore si avvia verso l’arco e chiama sottovoce) Silvestru!.. Silvestru!... (Silenzio) Silvestru.!... (Ancora silenzio, con voce più alta) Nsurdiu u nimali. Ma a undi si!

Silvestro — (Arriva dalla sala da pranzo) Cavaleri, mi chiamastuvu?

Celestino — No, quali chiamari!...

Silvestro— (Fa per andarsere) Mi sembrau chi mi  chiamastuvu. Scusatimi, m’indivaiu subitu!

Celestino  — (Afferrandolo per la falda della giacca) Veni cca. Undi vai? Ndavi menz’ura chi mi sgolu. Aund’eri zziccatu?

Silvestro — Nta cucina,  era cu donna Carmela, chi  mi stava cuntandu quandu si ndi fuiu cu so maritu. Vi l’haviti a fari cuntari. Vi pisciati di risati.

Celestino — A donna Carmela pensu eu e a me sogg... (Riprendendosi) Morti subitania, mi stava fuendu natra vota! E’ inutili, oramai pigghiai u viziu!... Silvestru, stai beni attentu a chiddu chi ti staiu dicendu. Vai di tutta corsa nto prufissuri Pittella e nci dici mi veni subitu cca chi nci ndaiu a parrari d’urgenza. Capiscisti?

Silvestro — Sissignuri, staiu iendu.

Celestino — Nci dici mi  lassa qualunqui cosa pirchì si tratta vita o di morti. Vatinni e non ti fari vidiri di me socira.

Silvestro — I vostra socira? Cavaleri, ma chi diciti?

Celestino — Dicu giustu. Vatindi.

Silvestro — Ma ndavi tri anni chi moriu a bon’anima di vostra socira. (Si segna) Paci all’anima sua!

Celestino — Ah, già!... Di me muggheri, vuliva diri. Non ti fari vidiri di me muggheri. Anzi, non ti fari vidiri di nuddu.

Silvestro — Sissignori, staiu iendu. (Via dalla comune)

Celestino — Iddu mi ndavi a  sarvari di stincubu. Iddu a chiamau e iddu a faci mi s’indivai!

SCENA 5

Filippo e detto, e poi Mariuccia.

Filippo — (Entra dalla comune fischiettando. Ha sentito l’ultima battuta) Genitore, parli da solo?

Celestino — Stava facendu nu ragiunamentu.

Filippo — Imiti il professore Pittella che parla da solo per la strada ?

Celestino — Non sunnu affari toi.

Filippo — Non te la prendere, vecchio Seneca, scherzavo.

Celestino — (Brusco) Va e  scherza cu to soru.

Filippo — A proposito, l’hai vista? Le devo fare una imbasciata.

Celestino — Na vitti.

Filippo —   Ma è importante per Mariuccia.

Celestino - Ahu, ti dissi chi na vitti!

Mariuccia — (Arriva dalla destra e, senza farsi scorgere, fa segnoal fratello di stare zitto)

Filippo — (Non comprende i segni della sorella e continua a parlare) Ti devi immaginare, caro genitore, che sta per venire...

Mariuccia  - (Interrompendolo) Zitto, Filippo! Cosa vuoi che importi al babbo!

Celestino  — (Interessato) Cu sta venendu?

Mariuccia. —  Ma nessuno d’importante. Solo una mia amica.

Filippo -  No.

Mariuccia   — Sì, invece. L’ho vista dal balcone.

Celestino — (Li guarda a lungo, ora l’uno ora l’altra, cercando di ca­pire. Poi, a Mariuccia) Und’è to mamma?

Mariuccia — In giardino.

Celestino — (Avviandosi) Eu staiu scindendu in giardino. Si mi cercunu, viniti e chiamatimi  subitu. (Via)

SCENA  6

Filippo e Mariuccia, e poi Lino e Lucy.

Mariuccia — Cretino, stavi dicendo tutto al babbo.

Filippo — E chi c’è di mali? Tanto, lo stesso lo verrà a sapere.

Mariuccia — Che t’ha detto Lino?

Filippo — E tu comu u sai chi vitti a Lino?

Mariuccia — Stupido, t’ho visto dal balcone. Perciò, che t’ha detto?

Filippo — Sai, con la scusa di Lino, ho visto anche la mia Lucy. Oh, che momenti di felicità ho trascorso, sorellina! Finalmente mi ha confessato che mi ama!

Mariuccia —          Questo lo sapevo da un pezzo. Ma Lino che t’ha detto?

Filippo — Niente.

Mariuccia — Com’è possibile?

Filippo — Possibilissimo! Ti dirà tutto lui appena verrà su

Mariuccia — (Un po’ preoccupata) Lino è qui?

Filippo — E’ con Lucy e li ho fatti aspettare sotto per non farli incontrare con il babbo, ma ora i fazzu inchianari.

Mariuccia — Meglio di no. Se papà se ne accorge, poveri noi!

Filippo —    Va bene, dico loro di andarsene

Mariuccia — No, aspetta. Falli salire.

Filippo — D’accordo. ( Esce e rientra poco dopo con Lino e Lucy )

Lino —         (Fermandosi sulla soglia) Mariuccia!

Mariuccia — (Gli va incontro e lo abbraccia) Lino!

Lino —         (Sciogliendosi dall’abbraccio) Non ho potuto resistere e sono venuto, ma tu non essere imprudente. Se arrivasse tuo padre! ...

Mariuccia -  Hai ragione, caro. Sono tanto felice che non ragiono più.  Filippo, perchè non vai di là con Lucy?

Filippo — Non volete che vi reggiamo il moccolo, vero?

Lucy —        Ma no, non essere maligno. Mariuccia vuole restare sola con  Lino. Che c’è di male?

Filippo — Va bene, va bene. Andiamo di là. (Via)

Lino —         Come sta tuo papà?

Mariuccia — Si è alzato, ma  sembra un po’ strano.

Lino —         Tesoro, ho una grande notizia per te.

Mariuccia — Dimmi, caro. Non mi fare stare sulle spine. (Siedono)

Lino —         Ieri sera ho detto tutto a papà e sta venendo  a chiedere la tua mano.

Mariuccia — (Turbata) No.

Lino —         Ed invece sì, te lo giuro. L’ho lasciato che si cambiava d’abito per venire qui.

Mariuccia —          Ed ora come si fa? Bisogna avvertire la mamma.

Lino —         Sarà una sorpresa anche per lei.

Mariuccia — Meglio! Diciamolo prima alla mamma.

Lino —         Mi sembra che tu non abbia gradito la notizia.

Mariuccia — Non è vero. E’ che non mi aspettavo così presto questo momento.

Lino —         Ma non avremmo dovuto annunciare il fidanzamento ieri sera?

Mariuccia — Ma non l’abbiamo fatto.

Lino —         Tu non mi vuoi più bene, ecco!

Mariuccia — Come puoi parlare così?... Vedi, non so come papà prenderà la notizia visto che è stato poco bene.

Lino —         Pensi che sarà contrario?

Mariuccia — Non contrario, ma non so, ecco. Diciamolo prima alla mamma che comincerà a preparalo.

Lino —         Come vuoi, cara.

Mariuccia — La chiamo e vedrai che sistemerà ogni. cosa. (Si affaccia dalla terrazzina e chiama) Mamma!... Mamma!... Puoi salire un momento? (Rientra) Lino, non pensar male. Io sono felice di sposarti, ma vorrei che il nostro fidanzamento sia senza alcuna nube.

Lino —  (Risentito) Ma perchè dici questo? Io mi sento degno di chiederti in moglie!

Mariuccia — Non arrabbiarti, caro. Oh, ecco la mamma!

SCENA  7

Geltrude e detti, e poi Silvestro.

Geltrude —  (Arriva dalla sala da pranzo) Caro Lino, che bella sorpresa

Lino —    Signora, le chiedo scusa se sono venuto in ora poco opportuna, ma avevo una notizia per Mariuccia.

Mariuccia —          Mamma, Lino è venuto a dirmi che sta venendo qui il sindaco a chiedere la mia mano.

Geltrude —  Quale onore in casa mia!... Saremo lieti ed onorati di ricevere  tanto onore!

Lino —    Grazie, signora.

Mariuccia —          Mamma, come si fa per dirlo al babbo?

Geltrude —  E non ciù dici u sinducu? Di chi ti preoccupi?

Mariuccia —          Ma non è meglio se glielo dici tu prima?

Geltrude -     Pirchè?

Mariuccia —          (Facendole cenni. d’intesa) Il babbo è stato poco bene, non è meglio prepararlo?

Geltrude —  E va bene. Nci parru prima eu.

Silvestro —  (Entrando) C’è permissu? Signura, nc’è u prufissuri.

Geltrude —  E chi voli?

Silvestro —  E chi sacciu? U mandau a chiamari u cavaleri.

Geltrude —  (Contrariata) Chistu non ci vuliva sta matina, morti subitania! Veni sempri pi strambari i festi!

Mariuccia —          Che possiamo fare, mamma?

Silvestro —  U fazzu trasiri?

Geltrude —  E chi è sta prescia? Senti, noi ora passamu dda intra: tu fai trasire il professore e getta una buce a mio marito; se lui si ferma a lungo, tu fanci prescia con una scusa e fai in modo mi si ndi vai. Hai capito?

Silvestro — Sissignori. (Geltrude, Mariuccia e Lino via a destra)

SCENA  8

Silvestro,Pittella, e poi Celestino.

Silvestro —  (Campanello. Facendo entrare Pittella) Accomodativi, prufissuri. Settativi chi vaiu e u chiamu (esce)

Pittella —     Quandu na fimmina ti chiama, voli diri chi ti ama. Quandu n’amicu ti faci cercari, voli diri chi t’avi a parrari.

Celestino — (Entrando in fretta, dopo un po, andando incontro all’amico) Ciccinu, tu sulu mi poi iutari!

Pittella —     Chi fu? Chi succediu? Comu ti senti?

Celestino — Di saluti non c’è mali, ma sugnu nto nfernu!

Pittella —     Ti sciarriasti cu to muggheri?

Celestino — Si era sulu chistu, era o  paradisu!

Pittella — Allura, chi fu?

Celestino — Ndaiu bisognu du to aiutu !

Pittella — Ma si non parri, chi aiutu ti dugnu?

Celestino — Si tratta di me socira. Non mi duna paci.

Pittella — Ta nsunnasti sta notti?

Celestino — Magari era nu sognu!

Pittella — Di chi si tratta, sentimu.

Celestino — Turnau i l’autru mundu mi menti u nfernu nta me casa.

Pittella —     Cilistinu, vo scherzari?

Celestino — Chi ndaiu a facci i unu chi scherza?... Ma cu ta  fici fari ieri sira ma chiami?... Quandu sentimmu ddu  corpu nta porta e eu mi iazzai mi iapru, cu c’era arretu a porta?

Pittella —     Cu c’era? Non mi diri chi c’era a signura Agrippina?

Celestino — Idda c’era: me socira!

Pittella - Ma non po essiri, Cilistinu. Vidi chi ti nzunnasti.

Celestino - Non mu nzunnai. A me socira ha vitti comu ora staiu videndu a tia; figuriti chi nci parrai

Pittella - Si sicuru. Ma ti senti bonu?... Eu ti stimu comu nu frati e non vogghiu autru chi u to beni, ma pirchì non ti fa fari na visita?... Non t’offendiri, ma tu capisci chi non simu cchiù figghioli e comu nvecchiamu nuatri, accussi nvecchia u nostru organismu.

Celestino — Ma non si tratta di saluti!

Pittella —     Lassimi parrari, pu to beni. Na visita di controllu ta po fari fari. Ta controllasti a pressioni, non mi l’hai iadda?

Celestino — Vo diri chi divintai pacciu?

Pittella —     Chi c’intra!... Pirchì a pigghi accussì?...Ti vogghiu diri chi certi voti a pressioni iadda faci brutti scherzi!... A ttia chi ti custa? Na visita di cuntrollu, nta testa e tuttu è a postu. “Cu si guardau si sarbau!”. ‘I proverbi antichi non sbagglianu  mai.

Celestino — Ciccinu, u to proverbiu non mi faci  ridiri. Eu sugnu bonu e a me socira a vitti pi daveru e nci  parrai puru e tu, comu pronunziasti i paroli ma fai  veniri, ora trova i paroli ma fa nesciri!

SCENA 9

La signora Agrippina e detti.

Agrippina —         (Entra silenziosamente dalla destra e si fenna alle spalle del genero che non si accorge del suo arrivo)

Pittella —     (Continuando il discorso) Ma non poti essiri chiddu chi dici tu. E’ scientificamente provato che il processo della resurezione non è possibile che si verifichi, se non per miracolo E non credo che ci si possa trovare di fronte ad un miracolo. To socira, a bon’anima da signura Agrippina, che Dio, l’abbia in gloria., non era certu na santa! (Controscena di Agrippina)

Celestino — E allura fu nu  contramiraculu!

Pittella —     Mizzica, non po essiri! La stessa Chiesa dice che le anime dei morti non possono tornare in vita per trovare i parenti ne per altro motivo!

Celestino — E idda, voli diri chi truvau na raccumannazioni e vinni

Pittella —     Cilistinu, t’ha cunvinciri...

Celestino — (Si accorge della suocera, abbassa il tono della voce segni sconclusionati con le nani e con gli occhi per indicarla) Ccà è!... Ccà è!... N’atra vota ccà è!

Pittella — Cui?

Celestino — Idda. Ccà è!

Pittella — Cilistinu eu non viu a nuddu!

Celestino — A cu vo vidiri tu, si si orbu?

Pittella —     Avissi naschiatu carchi cosa!

Celestino — Voli diri chi ndai i naschi stuppati! (Campanello. Silvestro attraversa la scena per aprire)

Pittella — Ti dicu chi non c’è nuddu cca!

Celestino — Idda c’e, m’ha cridiri!... Ciccinu, dammi aiutu!

Pittella — Ho capito: non ti senti bonu. Vaiu e ti chiamu u medicu

Celestino — (Più morto che vivo, lo afferra per non farlo andare)Non ti ndi iri! Non mi dassari sulu!

Pittella —     Tornu subitu. Tu cerca non mi ti agiti. (Via, incontrandosi sulla soglia con Silvestro e il Sindaco) Eccu,  ti rrivau cumpagnia. Con permesso. (Via)

SCENA 10

Detti, Silvestro, il Sindaco, e poi Geltrude e i quattro ragazzi

Silvestro —  Cavaleri, c’è u sinducu.

Sindaco —   (Entra senza attendere l’invito, mentre Silvestro si ritira) Caro cavaliere, che piacere vederlo alzato. Come sta

Celestino — (All’arrivo del Sindaco ha preso coraggio) Non c’è mali settativi. (Siedono)

Agrippina — (Appartandosi con un sorriso ironico) Ora veni u bellu! Chista non ma vogghiu perdiri!

Sindaco — Cavaliere, io ero impaziente di venire per due motivi. Primo per avere personalmente notizie sulla sua salute. Capirà, dopo la paura che ci ha fatto prendere ieri sera

Celestino — (Interrompendolo) Pu primu motivu putivuvu fari a menu mi veniti.

Sindaco —   Come ha detto?

Celestino — Vuliva diri chi non c’era bisognu mi vi disturbati di persona. Comunque, oramai chi  venistuvu, passamu o’ secundu motivu.

Sindaco — Il secondo motivo è molto più delicato e questa non sarebbe l’ora adatta, ma mio figlio...

Celestino — (Intuendo) Na portati o longu, sinducu. Parrati.

Sindaco —   Dicevo che mio figlio ha tanto insistito che non ho avuto il coraggio di recargli un dispiacere e, perciò eccomi qui.

Celestino — Eu sugnu puru ccà e simu tutti e tri ccà! (S’accorge della  gaffe e ci resta male)

Sindaco —   Tutti e due?!

Celestino — Purtroppu: tutti e tri!

Sindaco —   E chi sarebbe il terzo?

Celestino — A me umbra!

Sindaco —   Come vuole lei!... (Si alza) Caro cavaliere, ho l’onore di  chiedere la graziosa mano di sua figlia Mariuccia per mio figlio Lino!

Celestino — (Alzandosi a sua volta) Ed io ho l’onore... di rifiutare  questo onore!

Sindaco —   Ma lei vuole scherzare!

Celestino — Non voglio scherzare affatto. Mi dispiace ma mia figlia non fa per suo figlio!

Sindaco —   Ma cavaliere, sua figlia è innamorata di Lino!

Celestino — Senta, caro lei, nta me casa cumandu eu e mia figlia deve fare la mia volontà!

Sindaco — Ma è assurdo, scusi! Ai giorni d’oggi non si usa più!

Celestino — Non l’aviti a diri vui  si si usa oppuri no. In casa mia si usa finu a quandu campu eu!

Sindaco — Si rende conto che sta opponendo un rifiuto al sindaco

Celestino — Sissignore, ma eu  sugnu du partitu dell’opposizioni a vuliti sapiri a virità? Vui e vostru figghiu mi stati supra o  stomucu e  facitimi u  favuri mi vi ndi iti i ccà e non mi vi faciti cchiù vidiri!

Sindaco — Badi come parla!

Celestino — Parru comu mi pari e piaci!... E vi dicu n’atra cosa si non vi ndi iti  chi boni, vi fazzu mi fuiti a corpa i bastuni!

Sindaco — (Alzando la voce) Lei è pazzo!

Celestino — Pacciu siti vui! (Alle grida dei due, si precipitano Geltrude, Mariuccia e Lino)

Geltrude — Chi fu? Chi su sti buci?

Sindaco — Signora, suo marito mi deve delle scuse, altrimenti non metterò più piede in questa casa!

Celestino — (Di rimando) Io non devo scuse a nessuno. Capiscistuvu? Fustuvu vui chi venistuvu mi mi nzurtati finu a intra!

Geltrude — Ma chi succediu, si poti sapiri?

Mariuccia — Papà, che hai fatto?

Sindaco — E’ successo che suo marito è pazzo! Pazzo da legare! Andiamo via da questa casa! (Si avviano, ma alla soglia si ferma) E si ricordi che quello che lei ha fatto, non poteva essere commesso che da un pazzo e, in qualità di sindaco, ho il dovere di farlo ricoverare in una casa di cura!

Celestino — (Furioso) Iti vui nella casa di cura! E itavindi prima vi scapulu cu carchi cosa!

Sindaco — Andiamo, Lino. (Salutando) Signora, Mariuccia, mi dispiace

Celestino — Fuori! Fuori! ( Escono, a testa alta il sindaco,a testa bassa Lino)

Geltrude — (Dopo che i due sono usciti) Si pacciu, sissignori!. Pacciu furiusu!

Mariuccia — (Abbracciando la madre e disperandosi) Mamma, vogghiu moriri!

Celestino — Sì, sugnu pacciu, ma mi cacciai nu pisu di supra u stomucu

Agrippina — (Con una risata stridula) E non ci sugnu ancora eu, stortu! Caccimi a mmia si ndai curaggiu!

SIPARIO

ATTO TERZO

                                                        

SCENA l

Celestino solo, poi Agrippina, e poi Silvestro.

Celestino - (Sdraiato su una poltrona con una coperta sulle gambe e una borsa per il ghiaccio sul capo. Sonnecchia. La si­gnora Agrippina entra silenziosamente dalla destra. Lui, avverte immediatamente la presenza della suocera e si sve­glia, ma fa finta di dormire per non parlarle)

Agrippina - (Gli si avvicina) Non fari finta mi dormi pirchì u sacciu chi si russigghiatu. Io vedo tutto e so tutto! Io ti leggo nel pensiero! (Celestino continua a fingere) Iapri l’occhi chi è inutili. Cilistinu!

Celestino — (Al richiamo perentorio della suocera, sobbalza) Cu è? Ah, vui siti? M’aviva appisolatu.

Agrippina — Facevi finta. Prima durmivi, ma poi ti russigghiasti e cuminciasti a fingiri. Non è veru?

Celestino — (Ormai scoperto) Si vui diciti che cusì

Agrippina — E sta borsa cu ghiacciu pirchì non ta cacci da testa? Ndavi tri  iorna chi ti passau u duluri.

Celestino — Chistu no potiti sapiri pirchì intra a me testa non potiti trasiri.

Agrippina — A tutti i parti  trasu !

(Silvestro entra e rimane nascosto alla vista di Celestino)

Celestino — Ora capisciu pirchì a testa mi sta buttiandu d’impazziri!

Agrippina — Quantu si spiritusu. Cacciattilla chi ti passau u duluri.

Celestino — Mi  turnau, anzi mi sta nforzandu.

Agrippina — (Minacciosa) Ora tu fazzu turnari cu piaciri meu!

Celestino — (Mogio mogio si leva la borsa) Siti cuntenta ora? (Camapanello. Silvestro esce per aprire)

Agrippina — E cacciti puru sta cuperta chi simu a maggiu e friddu non faci cchiù.

Celestino — (Perdendo la pazienza) Chi mi ndaiu a cacciari cchiù, a giacca, u gilè? Mi restau mi mi cacciu sulu i cazi? Mi spogghiu a nuda e non si ndi parra cchiù?!

Agrippina — Non iazzari a vuci chi non sugnu surda!

Celestino — Insomma,  si poti sapiri chi voliti i mia?

Agrippina — Intantu vogghiu mi ti carmi e non fari buci pirchì  sentu benissimu anzi non c’è mancu bisognu mi parri pirchì eu ti leggiu nto pinzeru.! (Rientra Silvestro)

Celestino -  Prima non si poti dormiri, poi è proibitu aviri duluri di testa,ora non si poti mancu parrari!...Inzomma nu  cristianu chi ndavi a fari? (Silvestro tossisce per farsi notare. Celestino lo nota) Chi c’è? Chi voi tu?

Silvestro — Cavaleri, c’è don Giuvanni.

Celestino — Don Giuvanni? Quali don Giuvanni? Eu ndi canusciu  dumila?

Silvestro — U messu du Comuni.

Celestino — (Un po’ preoccupato) E chi voli?

Silvestro — Non sacciu.

Celestino — (Tra sè) L’ordini i ricoviru mi sta purtandu!

Agrippina — (Ironica) Sta sira o manicomiu ti scura!

Celestino — (A Si1vestro) Ndavi carchi foggliu nte manu?... Carchi documentu?..Nu  pezzu di carta, vah?

Silvestro — Nonsignori, non ndavi nenti .

Celestino — Nta sacchetta?

Silvestro — Eu  non guardu nte sacchetti di cristiani!

Celestino — Fallu trasiri. (Silvestro via. Poi alla suocera) Vui chi sapiti tuttu, chi poti vuliri i mia don Giuvanni?

Agrippina - Abbi fede e saprai!

SCENA  2

Don Giovanni e detti.

Giovanni — (Entrando) C’è pirmissu?... Cavaleri, servu vostru

Celestino — Oh, don Giuvanni, vi salutu. C’è cosa?

Giovanni  — Sentia chi fustuvu malatu, mi truvava a passari e dissi: Vaiu e nci fazzu na  visita o cavaleri Morabitu; e sugnu ccà.

Celestino — Vi ringraziu. Vui siti bonu?

Giovanni —  Chi vuliti menzu i ccà e menzu i ddà. Vi sentiti megghiu ora?

Celestino — Comu voli Diu! Ssittativi. (Siedono)

Giovanni — E’ a prima vota chi vegnu a casa nova?... Compli­menti!... Chi splinduri!... Chista non è na casa, è na reggia!... Bella daveru!... Eu cavaleri, i facissi veniri cca a ddi mali lingui chi canusciu eu, mi nci fazzu vidiri comu si costruisciunu i casi.

Celestino — E cu su sti mali lingui?

Giovanni — Faciti finta chi non sapiti nenti?

Celestino — Non sacciu nenti

Giovanni — Ma comu? Si è di dominiu pubbricu!

Celestino — Eu non sacciu nenti. Eu mi fazzu sempri l’affari mei!

Giovanni -  Dda lingua longa  i l’assissuri e Lavori Pubbrici propriu chistu dici.

Celestino —  Ah, sì? E chi dici stu signuri?

Giovanni — Ora voliti sapiri troppu.

Celestino — Ma comu? Si è di duniniu pubblicu?

Giovanni — Cavaleri, non tocca a mia  mi parru. Va beni chi sugnu u messu notificaturi, ma non sugnu cumandatu mi notificu e quattru venti i segreti d’ufficiu!

Celestino— Don Giuvanni, siti nu puddicinedda? Mi dicistivu chi mi  volivuvu purtari ccà dda mala lingua di vostra conoscenza, eu vi dis­si chi mi fazzu l’affari mei e vui  vi ndi nisciti chi l’assissuri  dici a stessa cosa!... Inzomma, a undi vuliti rrivari?

Giovanni — E va beni, parru. Sapiti  chi sta dicendu dda facci giallinusa di l’assissuri? Dici chi vui l’affari vostri vi sapiti fari beni pirchì i casi chi costruiti, u ferru u vidunu i luntanu. Dici chi faciti comu e puviri chi cu na stampa i furmaggiu si mangia na rota i pani. Dici: Pani, u vidi u furmaggiu? Aumm!... Pani, u vidi u furmaggiu? Aumm!... U pani finisci e u furmaggiu resta sempri ddà!

Celestino - Ah, sì?Perciò eu fazzu comu o puvireddu, veru? Cimentu, u vidi u ferru? Aumm!... E mangiu.

Giovanni — Sissignuri. Allura pirchì vi sciusciaru i sutta all’occhi l’appaltu da scola?

Celestino — Picchistu? Cimentu, u vidi u ferru.? Aumm!... E bravu all’assissuri!

Giovanni — Cavaleri, eu  non vi dissi nenti, vi raccumandu!

Celestino — Non ndi vittimu affattu, don Giuvanni.

Giovanni - Però, ndaviti na reggia!... Eu a chistu  u portava cca mi si rimangia tuttu u vilenu chi svummicau.

Celestino — E purtatilu ca chi nciu pensu eu a stu signori!

Giovanni — (Pausa, poi) Ah?... Sissignuri, l’accettu nu  bicchierinu!

Celestino — Veramenti non parrai, ma datu chi mu facistivu veniri a menti, vu offru cu tuttu u cori. Vu mmeritati. (Si alza per servire don Giovanni)

Giovanni — Non mi dicistuvu chi  mi vulivuvu offriri nu bicchierinu? Staiu diventandu ntrunatu! Effettivamenti, sentia na vuci chi mi diciva don Giuvanni, vu mbiviti nu  bicchierinu?

Celestino —Forsi fu a vuci da vostra coscienza? Tiniti, mbivitici supra.

Giovanni — Grazi, cavaleri. (Beve, poi, mentre va a posare il bic­chiere sul tavolo, vede la foto di Agrippina) Oh, a bon’ anima da signura Agrippina! Mizzica, perfetta! Parra!

Celestino — (Credendo si riferisca alla suocera presente, si pone davan­ti a lei per nascoderla) No, no... Non parra!

Giovanni — Parra, parra, cavaleri! Alaccà a viu in carni e ossa

Celestino — Vi dicu chi non dissi nenti!... non c’è.  Tutti vui i sintiti sti vuci? Prima chidda du bicchierinu, ora chidda di me soggira, poi a viditi in carni e ossa.

Giovanni — Cavaleri, vuliva diri ch’è precisa nti stu  ritrattu! Pari in carni ed ossa!

Celestino — E pirchì non vi spiegati megghiu.? Mi stava venendu n’ infartu

Giovanni — Chi fimmina, cavaleri.. pariva nu  carrabbineri!... Vi carmastuvu cavaleri! (Controscena di Agrippina)

Celestino — (Inbarazzato) Eu su sempri carmu!

Giovanni —  Però, vostra socira i girava quattr’ova nti nu piattu

Celestino — Ma chi stati dicendu, don Giuvanni? Me soggira, poviredda era na santa! Ppi mia  poi, nisciva paccia!

Giovanni — Finitila, cavaleri, ora siti vui chi strambastuvu! Ma si era di dominiu pubbricu chi a bon’anima da signura Agrippina era nu cavaddu!

Celestino — Ma chi siti pacciu? Me soggira nu cavaddu?!... Me soggira era na pecuredda!

Giovanni — Cavaleri, non mi vi cuntrariu, ma u fattu du cavaddu mu dicistuvu vui.

Agrippina — (al genero) Ah ivi dicendu chi era nu cavaddu?!

Celestino — Eu na cosa di chisti na  dissi mai!

Giovanni — Chi voliti diri  chi sugnu marmaricu?... Mi cuntastuvu  chi na vota vi stava ffucandu.

Agrippina — (Minacciosa) Ah, puru chistu!

Celestino — ( rivolta a lei) Non nci criditi a chiddu chi dici!... Va, don Giuvanni, eu ndaiu acchiffari

Giovanni — Faciti cu  comudu chi eu mi ssettu. (Siede)

Celestino — E chi è, vi ssettastuvu? Vi ndaviti a iri! Ndaiu a chiffari!

Giovanni — Si non vi dispiaci, vuliva ossequiari a signura.

Celestino — Non c’è intra a signura.

Giovanni — A signurina, mancu?

Celestino — Nesciru tutti, signura e signurina.

Giovanni — Veramente io nci dovrebbe fare una notifica alla signorina.

Celestino — Chi notifica? Me figghia è esente da ogni tassa pirchì è ancora figghia di famigghia. Di chi si tratta?

Giovanni — Prima o poi u veniti a sapiri u stessu, tantu vali chi parru chiaru pirchì u sapiti u rispettu e a stima chi vi portu. A mia mi manda u signurinu Pasqualinu, u figghiu du sinducu, chi sta nescendu pacciu pirchì non  ndavi notizi da signurina. Chi nci ndaiu a diri?

Celestino —  (Esplodendo) Pi mia poti diventari  scimunitu!... Diciticci chi si s’azzarda  ancora di disturbare la quiete domestica da me casa, u iettu a testa sutta intra  a gebbia! A so patri nci diciti, inveci, chi nci cangiu i connotati! E in quantu a vui, don Candileri chi non siti atru, non vi iettu du barcuni pirchì ndavi pocu chi trasistuvu o Comuni e non vog­ghìu privari a vostra muggheri da pensìoni!... Ma ora, itavindi prima mi mi pentu e vi cacciu a puntati!

Giovanni - E bonu, cavaleri, quantu siti permalusu. Mi ndi  staiu iendu!... Faciti beni a stu mundu! (Via)

Celestino — (Dopo l’uscita di don Giovanni) Stu pezzu i ruffianu!

Silvestro — (Riapparendo dalla comune) Cavaleri...

Celestino — Chi c’è ancora?

Silvestro — Ndaviti bisognu cosa?

Celestino — (Brusco) Non ndaiu bisognu i nenti.

Silvestro — Vi sentiti  megghiu?

Celestino — Staiu scoppiandu i saluti.

Silvestro — Siccomu vi sentia gridari, mi pariva...

Celestino — Non l’aviva cu ttia. Passa ddà intra e non mi stunari puru tu!

Silvestro — Sissignuri. (Via dalla destra)

Agrippina — Pirchì u tratti accussì mali?

Celestino — Non nci fici nenti

Agrippina — Ti vutasti comu nu cani raggiatu.

Celestino — Ma dicu, pirchì vi mmischiati in cosi chi non vi riguardunu? Pirchì turnastuvu?

Agrippina - Per adempiere ad una missione: restituire la felicità agli infelici di questa casa.

Celestino — Allura, a mia!

Agrippina — Tu stai sguazzando nell’allegria.

Celestino — Comu no, staiu sguazzariandu tuttu, mi staiu divertendu, mi staiu scialandu... Ma, almenu, si poti sapiri cu su sti poviri infelici?

Agrippina - Tua moglie e i tuoi figli, e per causa tua! Li hai infelicitati con la tua mania di voler stare tappato e soprattutto, con il tuo egosismo!

Celestino - Perciò, vui turnastuvu   non mi mi  faciti campari?

Agrippina — Sono stata invocata e sono venuta.

Celestino — (Imprecando) Malidittu u mumentu chi mi vinni in menti m’in­vitu a Ciccinu Pittella. U sinducu nci curpa! Iddu fu chi vosi fari a siduta spiritistica!

Agrippina — E’ inutili chi mprechi cuntra o sinducu. Era tutto progettato

Celestino — Ah, erunu d’accordu, veru? U ficiru apposta?

Agrippina — Era segnato nel destino.

Celestino — Ma, allura, datu chi fu vostra figghia mi v’ invoca, pirchì non vi manifestastuvu a idda?

Agrippina — Non è consentito manifestarci ai congiunti.

Celestino — Si manifestava  o sinducu chi non è congiuntu.

Agrippina — Chi c’entra u sinducu! Sono venuta proprio per te. Tu sei da redimere. Tu devi essere salvato.

Celestino — Eu non ndaiu bisognu mi sugnu salvatu chi ne m’annegai e mancu pigghiai  focu.

Agrippina — Pigghiasti, però, a strata storta, ma io ti condurrò alla diritta via.

Celestino — Mi pigghiastuvu pu figghiu prodicu?

Agrippina — Non fare storie, perciò, vestiti e vai a travagghia.

Celestino — Non pozzu nesciri. Sugnu malatu.

Agrippina — Non circari scusi.

Celestino — Non è na scusa. Non mi sentu bonu.

Agrippina — Tu non vo nesciri pirchì ti schianti.

Celestino — Certu chi mi schiantu. Nu corpu d’aria nti sti condizioni mi poti fari mali e ma cogghiu. Vui  mi vuliti fari l’attu di richiamu!

Agrippina — Ti schianti m’incuntri o sinducu!

Celestino — D’iddu non mi schiantai mai. Non sentistuvu chi nci  mandai a diri ccu don Giuvanni?

Agrippina — A paroli!

Celestino — Puru chi fatti.

Agrippina — Però ti schianti chi ti faci chiudiri nto  manicomiu.

Celestino — (Gradasso) Non mi schiantu di nenti  e di nuddu!

Agrippina — Avanti, cunfessulu chi ti schianti. Non vidi chi ti trema a vuci sulu mu senti parrari?

Celestino — Non mi trema nenti. Quantu nci scummittimu chi vaiu e pas­siu sutta o barcuni e su  viu u sputu nta nocchiu

Agrippina — (Ridendo) Sì ti tremunu puru i gambi

        

Celestino — (Avviandosi ad uscire) Avanti, iamunindi. Vili cu  si penti!

Agrippina —         Cumincia mi camini chi staiu venendu. (Celestino fa per uscire, ma s’imbatte sulla soglia con la moglie e la figlia)

SCENA  3

Geltrude, Mariuccia e detti.

Geltrude — (Entrando) Comu, ti iazzasti?

Celestino — Non  vidi?

Geltrude — E undi sta iendu?

Celestino — Pi l’affari mei.

Geltrude —  Nta stustatu?

Celestino — Pari chi sugnu in statu nteressanti?

Geltrude — Cilistinu, chistu non è u mumentu mi scherzi.

Agrippina — Dassatulu nesciri chi pigghia aria.

Celestino — Dici giustu. Dassatimi nesciri chi pigghiu aria.

Geltrude — Ma cu tu dissi mi pigghi aria? Va curchiti ch’è megghiu. Mariuccia, priparicci u lettu.

Celestino — (A Mariuccia) Non priparari nenti chi ndau a nesciri.

Geltrude — Ma si ti sentisti mali. Vulisti puru a borsa cu ghiacciu.

Agrippina — (Ironica) Dassatulu nesciri che deve fare una grande sfida! No viditi chi  diventau n’autru. Orlandu Palatinu?

Celestino — (Cominciando a perdere le staffe) Sissignore, divintai Orlandu Furiusu e fazzu na stragi! La strage degli innocenti!

Geltrude — Pi mmia è pacciu!

Celestino — Ah, sì? Magari pi tia sugnu pacciu?

Geltrude — Ma certu, scusa... Parri e ragiuni comu si tu... (s’inter­rompe)

Celestino — Comu si eu?.. Comu si eu fussi pacciu? Era chistu chi vulivi  diri?

Mariuccia — Ma no, papà. La mamma non voleva dire questo.

Celestino — E’ d’accordu cu sinducu. Mi vonnu fari cridiri chi sugnu pacciu!

Geltrude — Ma non t’accorgi i comu parri?

Mariuccia — Mamma, lascia perdere.

Celestino — Vuatri non v’accurgiti pirchì parru accussì.

Mariuccia — Ma no, papà. Tu parli come sempre.

Celestino — Eccu, u vidi? To mamma non è tantu convinta chi eu sugnu pacciu. Tu, inveci, sì!

Mariuccia — Ma che dici, papà?

Celestino — Convinta, sissignore! Tantu è veru chi m’assecundi pirchì i pacci non bisogna contraddirli, ndannu sempri ragiuni, sinnò diventunu furiusi!... Perciò, eu sugnu pacciu, veru? Cu sinducu mi cumpurtai di pacciu, ora staiu  ragiunandu i pacciu!...

Geltrude — Ma si si tu stessu cu dici!

Celestino — E va beni, sugnu pacciu! Ndaviti ragiuni! Ma prima di essiri dichiaratu ufficialmenti pacciu, prima mi sugnu rinchiusu nto  manicomiu, ndaiu a fari cosi da pazzi! (Fa per uscire)

Geltrude — (Afferrandolo assieme a Mariuccia dalle braccia) Cilistinu, a undi vo iri?

Mariuccia — Papà, no, ti prego!

Celestino — Lassatimi, non mi tinitì!

Geltrude — Mariuccia, tenulu forti!

Celestino — Ma lassatimi, per Baccu!

Geltrude —Aiuto!... Aiuto!... Filippo!... Silvestro!... Aiuto!

Celestino — Lassatimi chi non pozzu stari cchiù!

Geltrude — Ma tu dimmi chi vo fari! Aundi vo iri!

Celestino — Ndaiu a iri o cessu o mi pisciu dancoddu! (Via di corsa dalla destra)

SCENA  4

Dette, e poi Filippo, e poi Silvestro.

Geltrude — Morti subitania, chi schiantu chi mi fici pigghiari!

Mariuccia — Mamma, u cori mi sta battendu forti forti!

Filippo — (Arriva dalla destra) Chi succediu? Chi furu sti buci?

Geltrude — Tu arrivi sempri cu l’ultimu trenu!

Filippo — Ma che è stato?

Geltrude — Nenti, pi furtuna!

Silvestro — (Arriva dalla sala da pranzo con un  vecchio pistolone in mano) Iazzati i manu!... (Tutti si spaventano e gridano) Signura, chi c’è ?

Geltrude — Non c’è cchiù nenti, Silvestro.

Silvestro — Eu sentia chiamari aiutu e curria armatu.

Mariuccia — Posila sta pistola chi poti essiri pericolosa.

Silvestro — Non vi schiantati, signurina, ch’è scarica.

Filippo — Ma, insomma, si può sapere perchè avete gridato aiuto?

Geltrude — A to patri non sacciu chi nci succediu!

Mariuccia — Pariva na furia. Era tuttu agitatu.

Geltrude — Vuleva nesciri pi forza, ficimu buci e  diciva paroli senza senzu. Dici c’aveva a fari a strage degli innocenti.

Filippo — Mamma, è da un po’ di giorni che papà ha delle stranezze che non mi convincono.

Mariauccia — Anche a me è sembrato strano. Chiamiamogli uno specialista.

Geltrude —  Ma quali specialista! Chiddu u faci apposta. Comu si no canusciva. Pi iddu nci vulissi u vitirinariu!

Silvestro —  Signura, si permettiti, criu chi i vostri figghi non si sbaggliunu. Puru a mia mi pari chi u cavaleri non sta beni. Antura, sintendu gridari...

Geltrude —  Vinisti cu na pistola vecchia e scarica...

Silvestro —  Non fu ora, prima. Aviva  vinutu mi nci dicu chi c’era don Giuvanni. Trasia e u  vitti chi era sulu, ma...

Geltrude —  Certu chi era sulu. Si stava ripusandu.

Silvestro — No signura, era sulu, ma non stava ripusandu. Gridava, smaniava! Comu si cu iddu c’era carcunu... Intantu era sulu. A nu certu puntu si vuliva spugghiari, sempri facendu buci... Mi ndaviti a  scusari, ma criu chi u cavaleri  non è cchiù chiddu i na vota.

Geltrude — Ti pari pacciu?

Silvestro — Eu non dissi nenti, ma non è cchiù u stessu.

Filippo — Mamma, dobbiamo fare qualcosa.

Mariuccia — Non possiamo restare indifferenti.

Geltrude —  Senti, Silvestro, non nci diri a nuddu chiddu chi vidisti e sentisti. Capiscisti?

Silvestro — Potiti stari tranquilla chi sugnu mutu comu na tomba. (Si sente suonare all’ingresso)

Geltrude — Vai e vidi cu è, ma prima mmuccia sta pistola. (Silvestro via)

SCENA   5

Signorina Carolina e detti.

Carolina - (Arriva precipitosamente. E’ eccitata al massimo e felice come una Pasqua) Signora Geltrude!... Signora Geltrude!... Scusi la mia invadenza, ma ho una gran bella notizia da darle!

Geltrude — Chi c’è, signurina?

Carolina — Signora, sono felice! Terribilmente felice! Talmente felice che non trovo le parole per spiegarmi!

Geltrude — Settativi, prego.

Carolina — No, grazie, non pozzu stari ferma. Sono tutta eccitata.

Geltrude — Ma che cosa è successo?

Carolina — Una cosa meravigliosa!

Filippo — Ha fatto tredici al Totocalcio?

Carolina — Una cosa ancora più bella!

Mariuccia — Ha avuto un’eredità?

Carolina — Più bella, più bella!... Ah, come sono felice!

Geltrude — Signurina, calmativi e cuntatimi chi vi succediu.

Carolina — Non sto più in me per la contentezza!... Ma come? Non mi fate neppure gli auguri? (Intanto siede, imitata dagli altri)

Geltrude — Ma si non sapimu di chi si tratta?!

Filippo — Io ho capito tutto: a signurina si fici zita!

Carolina — Bravu, quant’è perspicaci e inteligenti stu figghiolu! Comu facisti mu capisci?

Geltrude — Piddaveru?

Mariuccia — Vi ficistuvu  zita?

Carolina — Veramenti, zita vera e propria no...

Geltrude — Ma, allura?

Carolina — Però, sta vota dipendi sulu di mia. (Solenne) Sono stata chiesta ufficialmente in moglie! (sospiro) Ah, chi cosa bella

Mariuccia — E lei naturalmente gli dirà di sì.

Carolina — Certo, è una vita che aspettavo questo momento.

Geltrude — E brava signurina Carolina!... Me ne compiaccio. Auguri, auguri di vero cuore!

Carolina — Grazie, grazie... Sono commossa.

Geltrude — E comu fu?

Carolina — Un colpo di fulmine. Cose da fotoromanzo!

Geltrude — E brava daveru. Mi faci piaciri.

Carolina — Signora, io la devo ringraziare perchè, indirettamente, è stato anche merito suo.

Mariuccia — E perchè della mamma?

Carolina — Se la signora Geltrude non fosse stata tanto gentile ad invitarmi alla festa, io sarei ancora zitella, mentre per me­rito suo, oggi sono promessa sposa. Sono una novella Lucia Mondella! (Sospiro) Ah, mi pare un sogno, un dolce sogno! (Pausa) Signora, me lo fa un favore?

Geltrude — Cu tuttu u cori, signurina. Che desidera?

Carolina — Datimi na pizzicata?

Geltrude — Ma signurina..

Carolina — Mariuccia, dammilla tu!

Mariuccia — Ma perchè?

Carolina — Voglio accertarmi se sto sognando o sono desta!

Filippo — Signurina, va  dugnu eu?

Geltrude — (Dandogli uno scappellotto) Tu non fare lo spiritoso!

Carolina — Puru iddu mu poti dari

Geltrude — Non c’è bisognu. (Le da un pizzicotto) Vi russigghiastuvu signurina?

Carolina — E’ veru?  (Sospiro) Ah, com’è dolce essere svegli!

Mariuccia — Ci racconti com’è andata.

Carolina — Vi dico un colpo di fulmine! Appena mi ha visto alla festa, tac. Si è innamorato di colpo. Ed oggi ha mandato a chie­dere la mia mano. Dice che entro l’anno mi sposerà.

Filippo — E allura divintamu parenti!?

Carolina — Pirchì, siti parenti cu me zitu?

Filippo — Lo diventeremo quando Lino sposerà mia sorella.

Carolina — E che c’entra Lino?

Geltrude — Ci entra Lino!... Ci entra!... Lino non è il figlio del sinnaco?

Filippo — Ed è fidanzato con Mariuccia.

Carolina —  Ma non è il mio fidanzato.

Geltrude — Nci mancava chistatra!

Carolina — E allura qual’è a parentela?

Geltrude — Signurina, non criu chi stu fidanzamentu   vi  desi nta testa?!... Lei si ndave a sposare il sinnaco?

Carolina — Eu?!.... Eu na cosa di chisti na dissi  mai e mancu l’ho pinsatu!

Geltrude — Ma comu, volistuvu essiri nvitata a festa pirchì smaniavuvu tut­ta, vi pigghiavunu i brividi, vi nchianava a prissioni!?

Carolina — Acqua passata, signura!... Acqua passata!

Geltrude — Pi chiddu chi viu, passati i n’amuri a n’atru comu si cangiati nu vistitu!

Carolina — Eu ndaiu u sangu caddu comu i palumbi. M’incendiu facilmenti!

Geltrude — Stati attenta non mi vi brusciati!

Carolina — E’ così dolce ardere d’amore!

Geltrude — Ma allura, cu ccu vi facistuvu zita?

Carolina — Ma cu prufissuni Pittella!

Geltrude — (Meravigliata) Cu prufissuni?

Carolina — Sì, con Ciccino!

Geltrude — Ah, ora capisco...

Mariuccia  — E già, appena l’ha vista...

Filippo -   Iddu chi non  vidi...

Geltrude — S’impressionau e  s’innammurau di colpu!

Carolina— Come un collegiale alla prima esperienza!

Filippo — Poverina!

Carolina  — E quanto è stato fine e compito: un vero signore? Ha fatto seguire la richiesta di matrimonio con un mazzo di fiori.

Geltrude — Rose rosse?

Carolina — No, garofini du mercatu!

Filippo — Non vidi e i scangiau pi rosi.

Carolina — Nel mazzo poi mi ha fatto trovare una dedica in versi. (So­spiro) Oh, che galanteria e che finezza!... “O mia cara Ca­rolina, io ti penso sera e mattina!”

Filippo — O menziornu no?

Geltrude — O menziornu mangia. Si faci na cosa, non poti fari n’ atra?

Carolina — Beh, ora scusatemi, tolgo il disturbo. Devo andare dalla parrucchiera a farmi bella per ricevere il mio Ciccino. Arrivederci, signora. Ciao, ragazzi. Domani vi racconterò il primo incontro e chisà, forse, il primo bacio! (Via)

Geltrude — Arrivederla, signorina e tanti auguri. (Ai ragazzi) Vaiu e viu chi faci u papà.

Filippo —    Mamma, che intenzioni hai?

Geltrude —  Va beni!  Chiamamu nu specialista. (Via a destra)

SCENA  6

Detti, e poi la signora Agrippina.

Mariuccia – (Dopo una pausa) Filippo, me lo faresti un favore?

Filippo — Di che si tratta?

Mariuccia — Forse ti chiedo troppo.

Filippo — Dimmi.

Mariuccia — Da quanto tempo non vedi Lucietta?

Filippo — Da tre giorni, e mi sembrano tre secoli.

Mariuccia — E non hai desiderio di vederla?

Filippo — E me lo chiedi? Sto impazzendo!

Mariuccia — Perchè non vai a trovarla?

Filippo — Oggi ci vado.

Mariuccia — Ah, ci vai? Bravo!

Filippo — Pirchì si ccussì cuntenta? Pari chi vai tu!

Mariuccia — E a Lino lo vedi?

Filippo — Ah, era questo il favore che volevi fatto?!

Mariuccia — Sì, se vedi Lino, gli parli? Mi porti sue notizie?

Filippo — Ora che ci penso, non ci posso più andare.

Mariuccia — (Scoppiando in pianto) Anche tu sei contro di me?

Filippo — Se incontro il sindaco, mi fa fare le scale di corsa, pensando al­l’offesa ricevuta da papà!

Mariuccia — Che c’entri tu con papà?

Filippo— L ‘albero pecca e il ramo riceve!... Meglio che te lo scordi a Lino!

Mariuccia — E lo dici così?

Filippo — E come devo dirlo, in musica?... Papà, poi, si farebbe ammazzare piuttosto che chiedergli scusa!

Mariuccia — E’ vero!... Sono sfortunata!... Filippo, cosa devo fare?

Filippo — E lo racconti a me?

Mariuccia — (Al ritratto della nonna) Nonna, aiutami tu!... Pensicci tu per me!... Tu chi mi vulisti beni, m’ha proteggiri!

Agrippina - (Appare a queste battute e le si avvicina) Calmati, Mariuccia! Non ti preoccupari ca ccà c’è to nonna!

Mariuccia - (C.S.) Nonna, io ti prometto una messa al mese si tu nci iapri l’occhi o’ papa e u cunvinci!

Agrippina - Non ti bbiliari, gioia mia, chi a to patri ci pensu eu! Nci iapru a midudda inveci i l’occhi!

SCENA   7

Celestino e detti.

Celestino - (Rientra e si accorge del pianto della figlia) Chi è stu chiantu, trivulu da me casa? Pirchì ciangi?

Mariuccia — Pi nenti.

Celestino — Pi nenti non si ciangi.

Mariuccia — (scoppiando) E inveci eu ciangiu, ciangiu magari pi nenti (Via di corsa dalla destra)

Celestino -E ciangi... ciangi chi to mamma ti ccatta l’arangi! (A Fi­lippo) Chi ndavi to soru? Chi nci pigghiau?

Filippo — I soliti chianti di fimmini.

Celestino — Sintiti a chist’atru., degnu figghiu di so patri!

Filippo — Come stai? Come ti senti?

Celestino — Pirchì u vo sapiri?

Filippo — Accussì, m’interessa mu sacciu

Celestino — E quandu mai tu ti nteressasti da me saluti?

Filippo — Pirchì, non sugnu to figghiu?

Celestino — Figghiu... degeneratu!

Agrippina —A ttia ssumigghia!

Filippo — Pirchì degeneratu? Chi fici di degeneratu?

Celestino — Si mi rassumigghiavi na stampa, a st’ura, fussi nu figghiolu ca testa supra e spaddi e no nu carria landi senza arti e ne parti!

Filippo —    Perchè seguo la moda? Anche tu quand’eri giovane...

Celestino — Bonu, finiscila!

Agrippina —E’ megghiu  chi ti ndaiu a parrari d’urgenza!

Celestino — (Alla suocera) Ancora?

Filippo —    (Equivocamdo) Non staiu parrandu cchiù.

Celestino — U viu chi non sta parrandu.

Filippo — E allura pirchì dici: “ancora?”

Celestino — Cui?

Filippo — Tu. Prima dicisti: finiscila e eu mi stesi zittu. Ora dicisti: ancora?.

Celestino - (Cercando di agguustare la gaffe) Vuliva diri: ancora ccà si’?

Filippo — (Che capisce meno di prima) Mi ndi staiu endu

Celestino — E vatindi!

Filippo — Va beni, mi ndi vaiu... (Via, volgendosi indietro con l’espressione di chi voglia dire: “Ma allora è matto davvero”)

Agrippina — Pirchì non ci dicivi chiaru e tundu mi si ndivai?

Celestino — Accussì mi pigghia pi pacciu puru iddu! Pari chi non mi cumbinastuvu nenti? Nta sta casa risultai pacciu pi tutti, puru pi Ciccinu Pittella chi mi canusci di quand’era picciriddu!

Agrippina — Datu chi fai cosi di pacci!

Celestino — Parrari cu vui, in presenza d’iddi, ci parunu cosi di pacci? Mi cridunu pacciu pirchì nci pari chi parru sulu.

Agrippina — E tu pirchì non ci dici chi nci sugnu eu ccà?

Celestino — Accussì mi chiudunu nto  manicomiu!... Sapiti chi fici Ciccinu Pittella l’atru iornu quandu nci dissi chi c’eruvu vui? Mi chiamau u medicu e mi fici visitari. Si nciu dicu a me muggheri oppuri e me figghi, chiddi mi fannu chiudiri direttamenti, senza bisognu di visita!

Agrippina — (Ironicamente) U sinducu è d’accordu cu iddi!

Celestino — Chistu è veru!

Agrippina — Eppure dovete diventare parenti.

Celestino — Cu cui? ‘Nta stu puntu sugnu rreimovibili!

Agrippina — Ti devi convincere, invece... Quandu i dui si vonnu, i tri non si sciarriunu!

Celestino – Mi dispiaci chi l’haiu a suppurtari comu sinducu, ma puru mi  diventa parenti no!

Agrippina — Cca a politica non c’intra. E’ la felicità di tua figglia che conta.

Celestino -E la mia infelicità?

Agrippina — Ma u sai chi si curiusu? Ti l’ha maritari tu?

Celestino — E’ inutili chi nsistiti pirchì non si faci nenti!

Agrippina — Sei egoista!

Celestino — Eu a me figghia na vogghiu nfelicitari pi tutta a vita.

Agrippina  - Ma chi discursu è chistu?! Mariuccia non deve sposare il padre.

Celestino — Ma  l’avi ugualmenti intra pirchì Lino è figghiu unicu.

Agrippina — Cuntenta idda, cuntenta tutti!

Celestino — Eu non sugnu cuntentu e finu a quandu campu eu, non si  faci nenti.

Agrippina - Senti, Cilistinu. Finu a ora ti parrai chi boni maneri pi cercari mi ti cunvinciu, ma tu ndai a testa cchiù dura di  calabrisi e u cori peggiu di nu macignu, perciò cangiu discursu e ti parru in modu cchiù chiaru. A mia, stu matrimoniu mi piaci assai, pirchì u figghiolu è bravu, u partitu è bonu e Mariuccia è innamorata. Mentiti, perciò, u cori in paci e falli maritari.

Celestino — Mi dispiaci, ma non poti essiri.

Agrippina — Accussì a pensi tu? E va beni. Voli diri chi m’ha suppurtari finu chi campi!

Celestino — Chi stati dicendu?

Agrippina — Chi non mi ndi vaiu. E non cridiri chi ti dugnu paci: sarò la tua nemica!

Celestino — Vi nda viti a fari i fatti vostri!

Agrippina — A fa maritari a to figghia?

Celestino – Cu figghiu du sinducu mai!

Agrippina — E allura sta friscu! (Si siede)

Celestino — E eu sugnu friscu . (Si siede)

Agrippina — (Dopo una pausa) Senti, ti vogghiu fari na proposta, tantu pi dimustrarti chi eu sugnu genirosa. Si tu accunsenti a fari maritari a Mariuccia cu Lino...

Celestino — (La interrompe) Non ndi parramu  ccchiù!

Agrippina —Prima fammi finini e poi parri tu. Dicevo che se tu a Mariuccia dai il consenso, eu mi ndi vaiu e nta sta casa non  mentu cchiù pedi.

Celestino — Mi dispiaci, ma non pozzu accettari.

Agrippina — Cilistinu, u capisci chiddu chi ti dissi? (Marcando le sillabe) Mi ndi vaiu pi sempri. Ti lassu in paci!

Celestino — (Ripensandoci) U stati dicendu piddaveru?

Agrippina — Ti pari chi eu pozzu scherzari cu sti cosi ?

Celestino — Ma non criu chi dopu chi si faci u matrimoniu, vi fermati ancora ccà!

Agrippina — Io le mie promesse le so mantenere.

Celestino — Ma vi ndi iti pi sempri?

Agrippina — Per sempre!

Celestino — Pi sempri, pi sempri, pi sempri?

Agrippina  — Definitivamente!

Celestino — Ora sì chi  ragiunamu! (Chiama) Geltrude, Mariuccia, Filippo! Adunata!

SCENA 8

Geltrude, Mariuccia, Filippo e detti.

Geltrude — (Entra, seguita dai figli) Chi c’è? N’atra paccìa?

Celestino  — E già, vogghiu fari l’ultima paccia, ma sta vota cu tutti i sensi!

Mariuccia — Papà, stai meglio?

Filippo — Papà, stai calmo!

Celestino — (A Filippo) Papà? Mi chiami papà?

(Agrippina esce per ritornare qualche tempo dopo pronta per partire)

Geltrude — Cilistinio, comu ti senti? Chiamamu u medicu?

Celestino — Stati calmi chi  mi sentu benissimu.

Filippo — Sei sicuro, papà?

Celestino — Papà, ancora?... Non mi chiami cchiù genitore o babbo?

Filippo —Ma, papà...

Celestino — Accussi m’ha’ chiamari chi mi sta ncuminciandu a piaciri! (Lo guardano spaventati) Pirchì mi guardati? Vi pari chi divintai pacciu completamenti?

Geltrude — Cilistinu, ti vo’ curcari?

Celestino - Ahu, si fissata chi m’haiu a curcari!... Eu mi sentu beni anzi non mi sentia mai accussì beni in vita mia. (Agrippina rientra con la valigia in mano e indossando l’abbigliamento del primo atto. Si ferma per assistere allo svolgersi della scena per controllare che tutto vada come d’accordo)

Geltrude — Veramenti?

Celestino —  Certu. (A Filippo) Quant’anni ndai?

Filippo  — Vintitri. No sai?

Geltrude — (Ancora preoccupata) Ma chi discursu è chistu?

Celestino — (Al figlio) Vintitri, dicisti? Bene! Allura, oramai si randi e t’ha compurtari i omu. Ti sa cumpurtari di omu, veru? In fondo si me figghiu!... Allura, ti vesti pulitu, di omu seriu e vai nto sinducu...

Geltrude — Ancora? Cilistinu, pi carità, cerca di stari calmu!

Mariuccia — Papà, per favore, io rinunzio a tutto purchè tu non com­bini un’altra delle tue!

Celestino — Vuliti stari calmi? Non succederà niente. Al massimo poti succediri na cosa sula, ma sarà una sorpresa. Dunque, Filippo, stai bene attento a chiddu chi ti staiu dicendu.

Filippo — Sugnu tuttu ricchi

Celestino — Veramenti si tutti capiddi. I ricchi mancu si vidunu.

Filippo — Papà..

Celestino      — (Correggendolo) Babbo!

Filippo — Babbo.

Celestino - Bravu! Quant’è simpaticuni stu me figghiu!... Perciò, underumu rivatu?

Filippo — Nto sinducu.

Celestino - Benissimo. Devi andare proprio in casa del sindaco. Bussi “Toc, toc!”“Cu’ è?”, ti rispundunu, e tu: “Sugnu eu, Filippo!” —“Quali Filippo?” — “Il figlio del cavaliere Morabito!”. Ddocu ci sarà na stampa di confusioni: buci, paroli rossi, seggi chi volunu all’aria, lampadari chi cadunu nterra, ma tu non t’ha’ schiantari e ha’ cuntinuari a bussari finu a quandu ti iaprunu. Quandu u purtuni sarà apertu, isa bandera bianca. Non t’arrendiri. Nui da famig­ghia non ndi rendimu mai, ma come segno di ambasceria.

Filippo — E ndaiu a iri pi forza eu?

Celestino — E chi è, t’arrendi prima mi parti?

Filippo —    Chistu mai!

Celestino — Bravu! Come si vede che sei il mio erede mascolino diretto! Dunque quandu, vidinu chi si mbasciatore, non ti fannu nenti perchè l’ambasciatore non porta pena, è sacro e inviola­bile. Anzi, ti fannu trasiri, ti fannu ssittari, ti offru­nu il piritivo. Dopu tu ti iazzi, ti rivolgi al sindaco e nci dici: “Il mio babbo”... Stai attento, sottolinea u babbu... “Il mio babbo desidera sapere quando può onorarsi di venire in casa sua per scusarsi dell’incidente che è successo e per chiedere ufficialmente la mano di suo figlio Lino per mia sorella Mariuccia!”

Mariuccia— (Con un grido di gioia) Papà!

Celestino- E chi è, puru tu sbagli? Vogghiu essiri chiamatu babbo! Oramai sugnu u babbu d’a casa!

Mariuccia — (Corre ad abbracciarlo) Sei  untesoro, babbo!

Celestino — Ti piacìu a sorpresa?... E tu, genitrice semicalda, non parri?

Geltrude — Ma u sta dicendu pi daveru?

Celestino — Certu. Vidimu si diciti ancora chi sugnu pacciu! (Intanto Agrippina lentamente se ne va dalla comune, salu­tando il genero con la mano. Celestino risponde allo stesso modo)

Geltrude — (Non comprendendo che significa quel gesto) A cu saluti?

Celestino — No, non stava salutandu. Stava cacciandu na musca camurriusa.

Geltrude – Eu non ndi viu muschi!

Celestino — Si ndi iu finalmenti! (Allude alla suocera)

Geltrude — A musca?!

Celestino — No, quali musca?!

Geltrude — E allura, cui? Filippo?

 Filippo — Ancora ccà sugnu, ma mi ndi staiu  iendu.

Celestino — Non diciva pi tia.

Geltrude — (Preoccupata) Cu si ndi  iu, allura, Cilistinu?

Celestino — Non po capiri tu... No putiti capisciri nuddu... A me’ paccia si ndi iu!... A me paccia!

S I P A R I O

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 10 volte nell' ultima settimana
  • 54 volte nell' ultimo mese
  • 235 volte nell' arco di un'anno