La busìa l’è surela de la gelusìa

Stampa questo copione

Nonno

La  Sparviero  production  presenta

 


Commedia  dialettale  milanese  liberamente  tratta  dalla  fantasia di: 

Sparviero Grigio

 


                  

Aristide                                 

Fratello maggiore, scapolo, conduttore dell’azienda

Isidoro                         

Qualche anno in meno di Aristide, marito di Angelina,  tipo rozzo, abituato a farsi comandare, prima dal padre poi dal fratello maggiore quindi dalla moglie.

Angelina                       

Moglie di Isidoro, anch’essa giù alla buona ma decisa e risoluta, 

Paride                 

Ultimo dei fratelli,  studente universitario nel ramo agricolo come voluto dal padre,

Benedetta                     

Moglie di Paride che ha conosciuto all’università, dopo il matrimonio ha lasciato gli studi e vivacchia in casa 

Rosina                

Unica sorella, ha avuto in passato diverbi con Aristide perché ha sposato un meridionale,

Tonino                

Marito di Rosina,  conosciuta durante le ferie sulla Costiera Amalfitana assieme agli altri componenti della famiglia, dopo un breve periodo di fidanzamento si è sposato e trasferito nel casato di Milano , lavora saltuariamente ed è sempre stanco

Genoveffa           

Domestica di casa, pettegola e bugiarda.    

 


A Milano, in un vecchio e grande casato contadino degli anni 50 adiacente al Garbogera, il capostipite Aristide, scapolo, vive con i due fratelli e la sorella, tutti sposati, e la governante.

Aristide già da tempo notava l’esistenza di un certo malumore creato dalle cognate perché non andavano molto d’accordo, sembrava che tra di loro regnasse dell’invidia o della gelosia. Parecchie volte le ha sentite litigare senza mai capirne il motivo. Ciò che non sentiva direttamente gli veniva riportato dalla governante, naturalmente con parole proprie ed a volte inventate. Il suo timore era quello che le cognate con i loro litigi mettessero a repentaglio la serenità del casato mettendo in discordia tra di loro i due fratelli  maschi.

Come in una grande famiglia contadina, gran parte della giornata si svolge nel salone paterno, diventato ora di Aristide, l’arredamento è semplice ma confortevole, una bella credenza, una stufa, un enorme camino e naturalmente un tavolaccio di legno massello. Una piccola finestra con tendine colorate, qualche vecchio attrezzo agricolo appeso  alle pareti, due enormi vasi di fiori contrapposti, il classico quadro ovale con la foto degli anziani genitori  ed infine un grande crocifisso che domina tutto il salone.

La commedia inizia con l’anziano fratello  seduto su una sedia a dondolo ed Isidoro che sta sorseggiando un bicchiere di vino seduto al tavolo.

Aristide, molto triste, confida le suddette preoccupazioni a Isidoro e gli lancia un’idea per verificare di persona la situazione, cioè di farsi venire un finto malanno (tipo ictus) che lo porterebbe su una sedia a rotelle e paralizzato dalla parte sinistra, quasi totalmente sordo e capace solo di farfugliare parole senza senso, in pratica incapace di intendere e di volere. Questo significava che anche in sua presenza le cognate, che dovranno accudirlo,  continuerebbero a litigare ed Aristide capirebbe così il motivo di questo reciproco odio.  Naturalmente la farsa verrà interrotta nel momento che Aristide riterrà  opportuno. 

Isidoro non è molto d’accordo di mettere in piedi questa commedia, però l’insistenza del fratello (di cui è anche succube) lo convince purchè la messa in scena duri un giorno massimo due. Non tutto però và come previsto …  

Aristide      (dondolandosi preoccupato sul dondolo)  Isidoro, mùchela de beff e vègn  chi count la cadrega,

Isidoro                 Se te ghè Aristide, te ghè ‘na faccia preoccupada !……

Aristide      Sount preoccupà sì, movess e vegn chì

Isidoro        (sposta la sedia vicino al dondolo del fratello) Cià, sentemm

Aristide      A l’è un poeu de temp che gò un penser che me mangia el cervell e che me lasa gnanca cuncentrass sul laurà. Ier addiritura me sount gnanca accurgiù che ansicchè mung la vaca seri a drè a mung un tor, quand go vist che ansichè avega in man una tetta gh’eri in man la bala a l’era tropp tardi, me sunt truà in mezz alla stala cui gamb in aria 

Isidoro        Oh la miseria, per minga accorges de una roba del genere te ghe de avega un brutt penser,  se l’è che te tormenta, dai cunta su

Aristide      Me piass nò el cumpurtament de tua miè e quela del Paride, go fà caso tanti volt che o tachen lit o se guarden minga in facia.

Isidoro        Anca mì me sount accurgiù che ghè quaicoss che và no, però alla mia miè gò di nient se nò la me fa ‘na testa grossa cume quela de un cucumer

Aristide      Se poeu no andàa avanti inscì, chi gh’emm de fa qualcoss.

Isidoro        Se podumm fa cus’è ?

Aristide      Mi un’idea ghe l’avarìa

Isidoro        Beh, sentemm

Aristide      Fasemm finta che me vegn un malur impruvvis, una specie de ictus che me paralizza la part sinistra del corp. Diventarìa quasi tutalment surd e count la buca riesarìa apena a farfuglià qualcoss, in pratica diventarìa cume una pianta su una cadrega cui rudei

Isidoro        (molto sorpreso) Aristide, ma te se matt, te vorett faga ciapà un culp a toucc

Aristide      Stà tranquill che a tò fradel e a tò surèla che vegn nò un culp, ansi forse sarann cuntent della situasiun almen inscì ghe rumpi pù i ball. E poeu stà cummedia la femm nò durà tropp, duma el temp de capì cosa in drè a cumbinà e poeu al mument giust, zac, salti in pè e sistemi tuscoss

Isidoro        Aristide, te me fet paura, però cuntent ti cuntent tucc. Gh’emm de truà però del temp per parlass durant el dì perché mi sunt minga tropp bun de mandà avanti l’azienda  depermì.

Aristide      Va ben, vurarà di che alla mattina prest count la scusa de lassà durmì gli alter te me ruset in stalla è stò là count ti fina a quand se sveglien  tucc e ai 8 ur te me portet chi nel salun. L’impurtant a l’è che quand te ghe de la nutisia alla famiglia te ghe diset alla tua dona e a quella del Paride che in lour che gh’an de curamm,  inscì lour parlen tranquillament perché creden che sount rimbambì e invece mi senti tuscoss

Isidoro        Va ben, duman matina prest svegli tucc e ghe disi che stanott te set stà mal e che all’uspedal t’han fa tucc i esam.. Siccume però gh’era minga de post t’han mandà a cà cun l’obblig de ripurtat indrèè tra qualche dì  per vedè cume te reagiset

(I due escono, la luce si spegne e dopo alcuni secondi si riaccende con il palco vuoto, subito dopo entra Isidoro che spinge il padre Aristide su una sedia a rotelle, da questo momento in poi Aristide fa solo gesti con la parte destra del corpo, fa finta di non sentire e mugugna parole incomprensibili secondo quelloche sente dire)

Isidoro        Aristide, te set prunt ?????

Aristide      Hhhhhh gggggg PPPPPP   (prova a fare dei versi)

Isidoro        Se te ghe di cus’è

Aristide      Sunt drè a fa la prova, dai comincia la cummedia

 

Isidoro        Va ben.   (urlando) Oh gent, oh gent, vegnì giò che ghè sucess una disgrasia, curì curì,

(per primo accorre Angelina, la moglie di Isidoro, che vedendo il suocero così conciato comincia a fare domande, ad uno ad uno poi giungono tutti i familiari e Genoveffa la domestica.)

                     

Angelina     Se te ghet de vusà cume un strasciè, (Accortisi  della sedia a rotelle esclama) Oh Signor, s’el fa tò fradel sula cadrega a rudei

   

Rosina        Aristide, se gh’è sucess, (vedendolo immobile e con lo sguardo fisso lo chiama ancora) Aristide, Aristideeeeeee. Oh Madona Santa l’è rimbambì

Paride         Fratello, cosa ti è capitato, …….rispondi

Genoveffa   Sciur Aristide, sciur Aristide, …(quasi piangendo)  oh mama cume a l’è cunsciàaaaa

Benedetta   (per non andare vicino all’odiata cognata guarda da lontano)

Tonino       (In dialetto Napoletano)  Mannaggia la miseria, Madonna Immacolata, San Gennaro Santissimo, Gesù Gesù  …….

Isidoro        Ueh Totonno, lasà stà i Madonn e i Sant e lasum parlà. Stanott, alla v’ona,  l’Aristide el me ciamà perché el sentiva dei rumur in stalla e quand semm arrivà gh’emm truà Jonny, el tor, disligà.  L’Aristide el gà tentà de ciapal per la cadena ma el tor el ga dà una testada in facia che la sbattù là me un salam e l’è svenù.

                   Mi a gò tentà de sveglial ma sunt minga riusì, l’era fermo cume un cucumer  e alura lo caregà sulla scccena della Giana (la cavalla) e lo purtà  a Niguarda. Dopu che g’han fa i esam m’han di de pur tal a cà tanta pudeven fa nient, gh’an dì che duveven aspetà qualche dì per vedè cume el reagiva e poeu in uspedal gh’era minga de post.

Angelina     Ghe mancava anca che la rogna chi, adess se femm

Paride         Oh povero Aristide, certo è che non possiamo lasciarlo da solo

Tonino       E mò che sfaccimme, oh Madonna Santissima, oh Gesù Gesù……

Rosina        E muchela de frignà, bisogna che loro due ghe staghen a drè per qualche dì

(e guarda in faccia le due cognate)

Benedetta   Non guardate me, io non ce la faccio a curare dei malati così conciati

Angelina     Mi sunt la pusè vegia, perciò podi nò fa sforz inscì pesant (con tono austero)

Genoveffa   Ma se vergugnì minga de parlà inscì del voster cugnat, se mi g’avessi el temp ghe starìa mi visin

Rosina        Pudarìa curall mi però adess a gò de staga adrèe i count dell’azienda, almen fin a quand el mè fradell el guariss minga (verso il pubblico) speremm el pussèe tardi pussibil. E vialter 2 (rivolta alle cognate) fasì minga tropp  i schifiltus perché prima de vegn ad abità nel casato eravate nella cacca fino al coppino,  giusto )?????

Isidoro        A questo punto, vist che adess comandi mi, decidi mi. Ti (rivolto alla moglie Angelina) e Ti (rivolto a Benedetta) fasì a turno a cural, Ti Rusina te set de riserva nel caso de qualche problema.

Angelina     (non potendo rifiutare tenta di avere la meglio sulla cognata) Se propri a gò de curall mi el curi el dopumesdì (con enfasi e da VIP) perché la mattina devo fare shopping in Montenapo

Benedetta   No, no, sunt minga d’accord, mi a gò de avega la matina libera per andà alla Scarioni, ciò le lezioni di nuoto col maestro.

Angelina     (alterata) Te podet andà al dopumesdì e sensa maester, almen te neget bruta bestia   

Benedetta   (austera) E tu invece d’andare al mattino in Montenapo vai al pomeriggio all’Upim, tanta ti de moda te capisset cume l’asin che gh’è in stalla.

Aristide      (gesticola dispiaciuto con la parte destra del corpo e fa delle boccacce)

Isidoro        Basta tacà lit,  fasì un dì per un  almen femm  tort a nessun.

                   Ah me desmentegavi de una roba, all’uspedal gh’han insegnà al Aristide che quand ghe scapa de pisà al gà de alsà la man destra e quand ghe scapa l’altra roba al gà de alsà la gamba destra, ghi capì?

                   (Isidoro esce per andare in stalla ad accudire le mucche, in scena rimangono Angelina, Benedetta, Genoveffa e naturalmente Aristide, le due cognate cominciano a girare attorno ad Aristide mantenendo sempre le distanze tra loro)

Angelina     Sciur Aristide alura cume el stà, (Aristide ride da deficiente), el capiss quel che disi, (Aristide fa sempre smorfie da rimba)

Benedetta   Va via bruta strega, vuoi vedere che con me parla ?

Angelina     Ghè rivà la Madona de Lourdes, adess la fà el miracul (e si allontana dalla sedia a rotelle)

Benedetta   (Con la mano sulla guancia di Aristide) Caro Aristide, cosa le è successo ? Cume la fa a cunsciass insci, eh.  Coraggio dai, mi dica qualcosa, provi a dire ciao Benny.

                   (Aristide continua con la farsa )

Benedetta   (Ha sempre la mano sulla guancia di Aristide e cambiando tono di voce) Brutt vecc rimbambì, Hai finito di rompermi le scatole perché non lavoro eh ? (prende la guancia dove ha appoggiato a mano e la gira a mò di pizzicotto e si allontana)

Isidoro        (si lamenta del dolore e mugugna)

 

Angelina     (Si avvicina, fa un giro attorno alla sedia e si ferma di fronte a Aristide)

                            E adess cume la mettum count el tò fradell ! Te ghe finì de difendel eh!

                  

Benedetta   (sarcastica) E count el mè marì ? The ghe finìi de ciamall Terun eh ??

Genoveffa   (che nel frattempo si disperava dal comportamento delle cognate)

                   Cume si cattiv, ma lassil in pas sto poeur homm

Angelina     Ti pensa ai affari tò,

Benedetta   Taci e va avanti a fà i mestè

(torna dalla stalla Isidoro per controllare come và)

Isidoro        Alura donn cume la và !

Angelina     Benone, (sarcastica) mei de inscì la pudeva minga andà

Benedetta   E’ come avere davanti un pupazzo con le batterie

Isidoro        Già, andì a ripusass, sto chi mi count l’Aristide dai.

Angelina     (pungente) Bela fadiga, sta attent a fas minga vegnì l’ernia

                            (entrambe escono)

Isidoro        Alura Genoveffa, cume s’in cumpurtà i 2 donn

Genoveffa   (che non stava più nella pelle per pettegolare)  Sciur Isidoro se me tucà sentì, cume in cattiv, l’han insultà per tutt el temp …(Isidoro annuiva)

Isidoro        Beh, me el immaginavi ma te vedaret che adess se calmerann

Genoveffa   (mentendo) El bell ghe lo gnamò dì, gh’an dì in facia a sto poeur omm che quand a vann in Paes vann minga in piscina o in Montenapoleone,  ……(pausa)     ….hanno detto che c’hanno l’amante.

Isidoro        (sorpreso ed arrabbiato) Cus’è ?  l’amante ??    (pausa)   .!!!!!!!  Tucc e 2  ?

Genoveffa   Sì 2 giuinott, 2 mantegnù, v’un de la Buisa e v’un de Porta Cica

Isidoro        (sempre più alterato) Spieghet ben,  mantegnù da chi ?

Genoveffa   Cume da chi !!!! Dai voster donn !!

Isidoro        (Liberando tutta la sua rabbia) Nooooo !!!  (pausa)Ma alura i vacc in no duma in stala, a gh’in anca chi in cà. (pausa) Adess ghe pensì mì, va subit a ciamà me fradel e mè surèla

Genoveffa   Va ben, vò subit

(Rimasto solo Isidoro corre dal fratello per avere notizie precise)

Isidoro        Mi me fidi minga tropp de quela casciaball lì,  l’è vera quell che la dì ?

Aristide      (tenta di rispondere ma… entra Tonino)

Tonino       Ueh. Isidoro come  và (in dialetto napoletano)

Isidoro        Ma te pudevet minga stà a durmì amò 5 minut eh ?

Tonino       Ma lo sai che si fa fatica a stare a letto (in dialetto napoletano)

Isidoro        (Non capendo) Se te ghe dì cusè ?

Tonino       (Ripete la frase in italiano)Ho detto che stare a letto si fa fatica !!!!

Isidoro        (mettendogli la mano sulla spalla) Poeur fiò, chissà cume te saret stracch, setess giò dai e mett sota el sedere un cuscin sennò te vegn el delcùpito

Tonino       Ch’aggia ditt

Isidoro        Che te vegn i crust  sui ciapp

Tonino       Indendi dire il decupito, o mamma mia, o madonna santa o gesù bambino, sperimma  mai !!!

(Entrano Paride e Rosina)

Paride         Cosa c’è Isidoro, ci hai fatto chiamare

Rosina        Se ghè success amò Isi, per caso el papà el se  bluccà del tutt

                   (Aristide fa gli scongiuri)  

Isidoro        (Facendo sua la notizia) Pegg, pegg, setis giò che gò de dì una bruta roba. Mezz’ura fà turnavi dalla stala e prima de dervì la porta gò senti i noster donn che insultaven l’Aristide.  (Aristide annuiva a modo suo) Stavi per dervì la porta quand a gò sentì un’altra roba che la mà lasà de ……….pudì immaginass de cus’è.   (con tono deciso) Paride, i noster donn a gh’an l’amante…… v’un de la Buisa e v’un de porta Cica, e l’è minga finida, sembra che i noster vacc… ciuè donn,  i mantegnen anca. (Aristide negava a modo suo)

Paride         Non ci credo, non è possibile, la mia Benedetta ha l’amante ???

Rosina        (incredula tenta di buttare l’acqua sul fuoco) Ma no dai, the g’avaret capì mal, sarann du omen  che cunusen  ma sensa fa del mal     

Isidoro        Gò capì ben. Gò capì ben, i mè urecc funsionen ancamò

Tonino       Anch’ie aggie capito bene  (e agita le corna ai due cognati)

Rosina        Ueh africano, lassa  stà  i  mè  fradei (e gli dà uno spintone) 

Tonino       Eeeeeeehhhhh che modi, la verità offende eh ?

Isidoro        Ueh sudista,  l’è no che ghè tropa  diferensa tra ti e lour eh ! Mantegnù

Tonino       Eh non v’arrabbiate, stavo solo stemperando la tensione

Isidoro        Va via,  va via sennò la tensiun  te la do mi, a 220 volt però

Tonino       (mentre stà uscendo vede Aristide che alza la mano) Ueh gente il vecchio alza la mano, forse  ha bisogno di qualcosa

Isidoro        Si, el gà bisogn  de pisà.  Va a ciamà i donn de cursa, dai.

Tonino       Corro (e con passo lentissimo e stanco esce)

Rosina        Moves Schumacker sennò  el fà temp a fasela adoss

(Mentre i fratelli  gli sono davanti, Aristide si contorce sulla sedia sbuffando e facendo smorfie perché in effetti la vescica è piena, per cercare di calmarlo i fratelli gli fanno cenno di fare silenzio portando il dito indice verticalmente alla bocca e sibilando la sssssss, naturalmente questo peggiora la situazione e le smorfie e torsioni aumentano)

Isidoro-Paride     sssssssssssssssssss

Aristide                (contorce la parte buona del corpo e fa smorfie)

(Entrano Angelina e Benedetta per prendere controvoglia il suocero e portarlo in bagno e notano una certa attenzione da parte dei fratelli nei loro confronti)

Isidoro        (Con tono forte e deciso) A l’Aristide ghe scappa de pisàa, Purtil in stalla indue ghè i Voster surei, almen el gà pusè spazi

Benedetta   (non capendo la battuta) Io ho solo un fratello laureato

Isidoro        Si, laureato in pell d’anguri

Angelina     Ueh ti, se te voret di cus’è. T’el set che mi sount figlia unica

 

Isidoro        Gò dì quell che gò dì, movess sennò se la fa adoss, sciò sciò

(Le cognate escono, Rosina ed i fratelli si guardano in faccia per decidere il da farsi)

Paride         E adesso cosa facciamo !

Isidoro        Go propri minga idea

Paride         Non possiamo lasciar perdere, qualcosa dobbiamo fare

Isidoro        Per forza, me sembra giamò de senti qualcoss (e si tocca la testa in prossimità delle corna)

Rosina        Sentì fradei, mi ve disi de rend pan per focaccia

Isidoro        Se vor dì,  a ghem de andà dal prestinè ?

Rosina        Te set propri indrèe, è un modo di dire, vor dì che anca vialter ve fasì l’amante

Paride         Mi sembra una mossa pericolosa e poi peggiorerebbe solo la situazione

Isidoro        Mi l’amante ?? Ma se gli unich femmin che cunussi in quei che ghè in stalla !

Rosina        Preoccupes minga, v’ona ghe l’emm chi, propri in cà

Paride         (Capendo) Vuoi dire che è ……Noo, non mi dire

Isidoro        Invece a mi dimel perché go gnamò capii  chi poeu vess, propri  me vegn …minga  ……..          OOOHHHH ! sarà minga la…

                      

Rosina        GENUEFFA, propi lè

Isidoro        (confuso e emozionato)  Oh porca Giana, che la casciaball li ?

Paride         Ma non c’è qualche d’una più “in”. Mi sembra molto decadente per me fare la corte ad una serva.

Rosina        Va bene Paride vorrà dire che per te chiameremo la Schiffer, e tì Isidoro chi l’è che te voret ?

Isidoro        La Ciambèll, la Ciambèll

Rosina        E chi l’è

Isidoro        Ma sì, quela bela spargiutona nera che la fa el reclam count el  can

Rosina        La Campbell ignurant. Oh poverini vi accontentate di poco: ma fasimm minga rid. Ciapì quel che passa el cunvent e stop, anca perchè  uccurr minga fa i ropp sul seri, gh’emm duma de faghel cred a chi do là (le due cognate)                        

Paride         E chi dice a Genoveffa di recitare la parte della nostra amante senza esserlo.

Isidoro        Beh, …… sensa esserlo! Lassem fa al destin, se ghe scapa qualcoss pasiensa.

Rosina        Isidoro NO.  Nunch semm una famiglia per ben, gh’emm duma de faghel cred a lour,  me metti d’accord mi count la Genueffa

Paride         No, voglio essere sicuro che non faccia la smorfiosa perciò glie lo dico io

Isidoro        Ueh, tachì minga lit se nò ghè pensì mì (sorridendo entusiasta dell’idea)

Paride         Ho detto che ci penso io

Isidoro        Va ben, intanta a vo in stala a vedè i me vacch

Rosina        Paride, stà chi che vò a ciama la Genueffa

(nel frattempo però tornano le cognate con Aristide che viene spintonato brutalmente sul palco)

   

Paride         Già qui ?  Come è andata ?

Angelina     Mal l’è andada, mal.  Gò fa una fadiga !!

Benedetta   A si ? Ti te fà fadiga ? Ma se ho fatto tutto io !!

Angelina     Bruta bugiarda !  Te se gnanca spustada dalla cadrega.

Benedetta   Per forza, se l’è fatta tutta addosso.

(Aristide conferma ridendo da deficiente)

Paride         Basta, basta, andate di là a discutere

(escono sempre litigando lasciando in scena Aristide mentre entra Genoveffa)

Genoveffa   El me fa ciamà, sciur Paride ??

Paride         Si, devo parlarti

Genoveffa   Deve parlarmi a mè ???

Paride         Si si, proprio a  te, siediti

(Genoveffa si siede, tutta preoccupata stritolando il grembiule)

Genoveffa   Signur, Signur, gò forse cumbinà quaicoss ??

Paride         No, stai tranquilla, ho solo bisogno che tu mi faccia un piacere, anche se è molto delicato

Genoveffa   (rassicurandosi) Uff, el me fa ciapà un stramelot, certo che ci faccio il piacere, anche volentieri

Paride         (sedendosi di fronte) Ascoltami bene perché è un problema serio e grave

Genoveffa      Oh signor, se gh’è sucess amò

Paride         Tornando dalla stalla Isidoro ha sentito da dietro la porta che Angelina e Benedetta stavano prendendo in giro papà e non bastasse ciò gli hanno anche detto che hanno entrambe l’amante, uno della Bovisa ed uno di Porta Cicca.

Genoveffa (facendo la finta sorpresa e rivolgendosi al pubblico)  Oh, che scandalo, che vergogna….. (quindi tornando verso Paride si lascia scappare un’altra bugìa)   magari fosse così

Paride         Come magari

Genoveffa   No, no, nient, nient

Paride         Tu nascondi qualcosa, adesso mi devi dire cosa

Genoveffa   (continuando nella sua menzogna) Ecco…… mi……    insomma…..l’amante non ce l’hanno …… (pausa)   fuori casa

Paride         Cosa vuoi dire, che ce l’hanno dentro le nostre mura???

Genoveffa   (non stando più nella pelle di dire un’altra bugìa) Più che dentro le mura ce l’hanno dentro ……….. le vostre stanze

Paride         (Alterato) Cosa ????   Qui  in casa  ????   Dimmi subito chi è

Genoveffa   No !  No !  No e poi no !  gh’el disarò mai

Paride         Dimmelo subito  altrimenti ti  caccio subito da casa !

Genoveffa   (contenta di essere costretta) Ma sciur Paride possibile che non si è mai accorto !!!!!

Paride         Accorto di cosa ???

Genoveffa   Ma non si è mai chiesto perché Tonino è sempre così stanco !!!

Paride         (alzandosi di scatto)  Nooooooooooooo, Tonino Noooooooo

                   (ed esce dal palco senza dire a Rosina quello per cui la aveva chiamata )

Genoveffa   (alzandosi anch’essa) Siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii, Tonino Siiiiiiiiiiiiii

                   (esce anch’essa dal palco tutta ciondolante)

(rimane in scena solo Aristide che, sentendo quello che stava dicendo Genoveffa, continuava ad agitarsi ed a fare smorfie,  è quasi intenzionato ad interrompere la commedia e salta in piedi per chiarire tutto.)

Aristide      Ghe là fo poeu, ghe là fo poeu a sentii i ball che disenn,  adess ciami tucc chi e…..

(Sente dei  passi pesanti che si avvicinano ed allora,  indeciso se continuare o smettere, decide di ritornare sulla sedia a rotelle)     

(entra in scena di corsa Isidoro urlando)

Isidoro        Paride, Tonino, vegnì giò ala svelta, gò bisogn subit, (poi andando verso Aristide)  Aristide, in stala a ghè la Benny che la gà de parturì, mi sun minga bun de fa nass el vitell, (si guarda in giro) intanta che gh’è nessun dimm cume se fa !!

(e mentre Aristide si accinge a parlare entra Tonino)

Tonino       Ecchime

Isidoro        Semperr   ti che te rumpet i ball, ma te podevet nò stà in due te seret

Tonino       Ueh, Issidoro, m’aggi chiamate tu !!

Isidoro        (mentre entra anche Paride) A  sì  l’è vera, gò bisogn che vegnì in stala, ghè la Benny che la gà de parturì

 Tonino      E tutto chist casinn pecchè una mucca vuole partire, e lasciala andare

Isidoro        Ueh fondo di stivale, cerca de imparà el dialett, gò dì partorire, è in sala travaglio, stà per avere un vitello

Tonino       (emozionato) O Santa Rosalia, . un … un …. Vitello   in  carne  e  ossa  ?????

Isidoro        No !  l’ho  fa  mi  de  pongo  e  poeu ghe  lo  miss  nela  panscia  della  vacca.

Paride         (ancora ed arrabbiato per la confidenza fattagli da Genoveffa)

Mi dispiace per la Benny ma da qui non si muove nessuno . Tu Tonino, siediti

Tonino       Ueh che faccia scura,  qui  tira  aria  grama (in napoletano)

Isidoro        Ma Paride, se la Benny la parturiss in pè ghè el risch che el vitelin el burla in tera e se spacca quaicoss

Paride         Non mi interessa, dobbiamo parlare di una gravissima questione

(Aristide a questo punto non può permettere che Paride dica un’altra cosa non vera, non potendo nemmeno smettere la commedia, si dondola sulla sedia al punto da cadere)

Tonino       (mentre Paride e Isidoro non si accorgono della caduta perché di spalle) 

Ueh, il Sig. Aristide ha preso il volo.

Isidoro        Aristide, in due te voret andà

Paride         Santo cielo, dai dammi una mano ad alzarlo, tu Tonino, vai a chiamare le donne. (Tonino esce e rimane fuori)

(Mentre Paride ed Isidoro tentano di rimettere Aristide sulla sedia a rotelle,

entrano Angelina e Benedetta che gesticolano una contro l’altra)

Isidoro        Forsa, donn.  Ciapì l’Aristide e andì a fa un gir sul sentè, sto por homm el gà bisogn de ciapà un poeu d’aria fresca

Angelina     Mi vorì no stà in compagnia de questa chi (rivolta a Benedetta),

Benedetta   Gnanca mi, o el porti foeura mi o la porta fora lè (rivolta a Angelina)

Paride         Va bene, allora  iniziamo subito il turno, comincia tu Benedetta, domani tocca a te (rivolta a Angelina)

Angelina     (rivolta a Benedetta)  Toh  ciapa (e fa il segno del mezzo ombrello)

Benedetta   Non hai il diritto di trattarmi così, anche se sono tua moglie

Paride         Io  ho  tutti i diritti in questo momento, dai muoviti

(Angelina esce senza dire nulla e Benedetta prende la sedia a rotelle ed esce dalla parte opposta da dove e uscita la cognata, Aristide si mette la mano nei capelli dalla disperazione)

(Appena rimasti soli Isidoro interroga Paride sulla reazione di Genoveffa circa la proposta)

Isidoro        (Impaziente) Alura, Paride, se la dì la Genueffa, la ghè stà 

Paride         (pensando all’incontro con Genoveffa) Ci stà a fare cosa.  Ah la faccenda degli amanti !! Stavo per dirglielo  ma si è lasciata scappare un magari di troppo e le conseguenze mi hanno lasciato letteralmente di stucco che sono scappato a cercare Tonino

Isidoro        Se ghè amò adess, qualche altra rogna ? S’el c’entra el Tonino

Paride         Adesso non ho tempo per spiegarti, devo andare da Lui.

Isidoro        Da Tonino ?  A fa cus’è !!! Boh.  E inscì la Genueffa lo ha lasciato di stucco!!!!!  Alura vòrr dì che la ghè stà,  e poeu se l’ha dì ….magari !!!.  Quasi quasi  la ciami.   Ma si, la ciami.  Genoveffa……. Genoveffa

(entra bella tranquilla e sorridente)

Genoveffa   El mà ciamà sciur Isidoro

Isidoro        Gò savù che el mè fradell la parlà count ti ??

Genoveffa   Sì, l’è vera,  ghemm parlà 5 minut

Isidoro        (prendendo il discorso alla lunga) E se ghi parlà de cus’è ?

Genoveffa   E…….. de una roba un po’ delicata, forse l’è mei  che a lu ghe la disi no

Isidoro        Ma mi el so giamò, dai, fa minga la timida

Genoveffa   Ecco…….. l’era un discurs de amanti

Isidoro        Si, si,  el so,  e lu se la dì

Genoveffa   Quand l’ha sentii el nom del Tonino l’è scapà de cursa sensa dimm nient, cume se el fudess gelus

Isidoro        Che pistola che l’è, forse el se fa ciapà dall’emusiun del mument, mi però sun chi e se te voret podum cumincià la recita

Genoveffa     Recita ? Ma me sembra minga el mument di dì el rusari

Isidoro        Ma no recita del rosari salam, recita della cummedia, a fà finta che a gh’è un menage a tri !! (e tenta di abbracciarla)

Genoveffa   Fermo lì, s’el vor dì cus’è eh ?? El sciur Paride el gà gnanca cumincià el discurs, el g’aveva in ment el sciur Tonino

Isidoro        Tonino ? Paride ? Anca a mi el ma dì che el doveva andà da Tonino. Gelus ?? Te voret di che Paride e Tonino (unisce e separa i due indici) No eh, vialter vurì famm sciupà el cervell. Te voret forse dimm che chi du li gh’han cambià spunda ???

Rosina        Mi s’eri drè a diga che el Tonino l’è sempeer  stracch e  lu  a  l’è  andàa via de corsa sensa dimm nient’alter …………….

(E mentre Rosina tenta di chiarire entrano in scena Paride con Tonino da una parte e Benedetta con  Aristide dall’altra)

Isidoro        (con fare femminile) Ciao Pari…. Ciao dispari (rivolgendosi a Tonino)

Paride         Oh, Isidoro, ti sei rimbambito come tuo fratello? Che strana idea ti culla in testa ?

Isidoro        Culla a me ?????   Ah ah ah ah,   ( sarcastico) Culli a Voi

Paride         Adesso mi spieghi cos’è questa storia altrimenti e la volta buona che ti metto le mani addosso

Isidoro        A go de spiegat propri un bell nient, in affari tò e de chel’alter. Adess capissi perché la tua miè l’è semperr  arrabbiada

                  

Paride         Già, sarà allegra la Tua.  

Tonino       Ste povere guaglione, c’aggiano fa !! magari cercano solo un po’ di svago, di emozioni.(mentre dice la frase mette la mano sulla spalla di Isidoro)

Paride         Ueh nato stanco, mi spieghi come fai ad essere sempre stanco se non fai nulla tutto il giorno ?

Tonino       Nulla ?  (rivolto alla moglie Benedetta)  Rosina, dì nu poco a tu fratell se nun faccie nieeeente

Rosina        (infastidita) Fai solo il tuo dovere, dovere di marito

Tonino       Tu non ti accontenti mai !!!  mi faccio un mazzo ….(sempre in napoletano)

Isidoro        Par che chi rob lì te piasen eh ??? A  ti e a qualche d’un alter (fissando Paride) e poeu stà alla larga de mì eh, stà indree

 

(E mentre Paride  stà per attaccare suo fratello Isidoro, Aristide per far cessare il litigio dei fratelli alza la gamba destra)

Benedetta   (Zittendo Paride) Aaaah E adess se femm, mi vu no a faghela fà  è.

Isidoro        Paride, (stavolta con tono deciso ed arrabbiato) Andemm mi è tì a faghelà fa almen inscì te me dè una man a fa partorì la Giana e intanta femm ciar su che la storia chi in privato.

Paride         No, voglio rimanere qui.

Isidoro        Stavolta no, stavolta te fet quel che disi mi, movess

(I 3 fratelli e Tonino escono e rimangono in scena Benedetta e Genoveffa mentre entra anche Angelina))

Benedetta   Genoveffa, cosa è successo con Paride, cosa c’entra Tonino ?

Angelina     (Non sapendo nulla) Se gh’an fa, gh’an taca lit ?

Genoveffa   Ma no, ma no. Ghe l’avven count el Tonino perché l’è sempeer stracc,  

Benedetta   Mi piacerebbe sapere cosa gli fa fare Rosina, me piasarìa propri  savell !!

Genoveffa   Se  el  savì  minga  vialter  !!!!!!

Angelina     Ueh  ti …….  Se  gh’emm de  savè  nunch  eh  !!!!  parla  ciar

Genoveffa   Io non so niente,  go sentìi el sciur Paride che la diseva

 

Benedetta   No, non mi sembrava a vederlo

Angelina     Se el  doveva dì cus’è  el tò Paride

(Ad un certo punto entrambi si fermano,  e rivolgendosi a Genoveffa dicono assieme)

Benedetta/Angelina –         Adess te ghè diset se gh’è success

Genoveffa   Ma ghè pensi gnanca, l’è stada tropp grossa

                  

(Questo atroce  dubbio smuove le due cognate che cominciano a guardarsi e tentano di dialogare)

Angelina     Adess se femm, ghem de scuprì se ghè success !!!!!!

Benedetta   Hai ragione, innanzitutto lasciamo stare la gelosia e smettiamo di litigare, poi proviamo a fare un tentativo con Aristide per vedere se riusciamo a carpirgli qualcosa

Genoveffa   (temendo che insultino ancora l’Aristide)  Ma lassill stà sto por homm, aspettì almeno che el guariss

Angelina     Semm nunch quel che ghemm de fà, ti và a prepara la cena, bruta casciaball

(Genoveffa esce ed entrano Aristide ed i fratelli)

Isidoro        (Incrociando Genoveffa le fa dei gesti libidi-amorosi). Ueh donn ghè nassù un bel vitell, cioè una vitella perché l’è una femmina

Angelina     (senza perdere tempo) C’è di là Genoveffa che ha bisogno di parlarvi, rimaniamo noi con l’Aristide

Isidoro        Forse l’è per che la storia là (e strizza l’occhio a Paride) dai movess andemm a vedè se la voeur  

Aristide      (rimane in scena e al solo pensiero di rimanere con le cognate comincia ad agitarsi)

Benedetta   Hai visto come sono andati di corsa ?  Come mai ?

Angelina     Boh, el su no e me interessa minga 

Benedetta   Dai Angie (molto confidenziale) vieni qui vicino ad Aristide

Angelina     Allura, come andemm incoeu, eh ?

Benedetta   Va un po meglio ???

(Aristide adesso si aspetta una valanga di improperi e maledizioni e comincia

ad farfugliare)

Angelina     Stia calmo dai, a vorumm duma daga una man

Benedetta   Ma sì, non vede come andiamo d’accordo io e Angie adesso ?

Angelina     Certo, gh’emm capìi che gh’era nien de vess invidius  v’ona dell’altra.

Benedetta   Abbiamo chiarito tutto, non c’era nessun motivo di essere gelose  

(Aristide comincia a rasserenarsi pur non capendo questo mutamento)

Benedetta   E’ vero, vogliamo che in questa casa ritorni l’armonia e soprattutto vogliamo che lei guarisca presto

Angelina     Aris…… podi ciamal insci ? se podum fa per aiutal

Benedetta   Siamo stanche di vederlo soffrire così, possibile che non possiamo fare nulla

Angelina     (prende un pettine e comincia a pettinarlo) Adess el mettum un poeu a post almen quand a vegnen i sò fradei,  in bei cuntent

Benedetta   A proposit de lour, se femm per che la storia là

Angelina     Nient femm, per mi la Genueffa la fà un bel casin per nient

Benedetta   E per la faccenda del Tonino che  l’è sempre stracch

Angelina     In problemi della Rosina, probabilmente la dovrà  aduperal de men

 

(Isidoro si rallegra ed annuisce alla sua maniera)

Benedetta   Stia fermo Aris sennò riesi minga a sistemal

Angelina     Vist che bel omm che l’è diventà, (e gli dà un bacio sulla fronte)

Benedetta   proprio vero, sembra proprio una altra persona (e gli dà un bacio sulla guancia)

Angelina     Però che sciocch che serum  a  litigà  sensa  mutiv, chissà perché el  fasevum

Benedetta   Te lo dico io il perché !!!!  Siccome in questa casa non c’era nessun problema tutti gli occhi erano puntati su di noi senza che nessuno ci chiedeva nulla, adesso che c’è un problema riusciamo finalmente ad esprimerci ed a renderci utile anche se ci dispiace che è successo a Aristide. (rivolta ad Aristide)

                   Forza, dai. Vedrà che tra poco starà bene ed allora saremo tutte contente  

(Isidoro a questo punto gli viene il magone e piange)

Benedetta   Guarda Angie, l’Aristide l’è dree a piang

Angelina     Oh santo cielo, forse l’è dre a guarì

Benedetta   Speriamo, sarebbe la cosa più bella del mondo

(entrano Paride, Isidoro e Genoveffa)

Angelina     Isi, vegn chi, guarda l’Aristide l’è dre a piang

Benedetta   Paride, caro, forse è un segnale che stà guarendo

Isidoro        (rivolto al pubblico)Speremm de no, se el guariss adess ghe vegn davvero un culp

Angelina     Ueh Genueffa, allora per quella storia là te ghe disett nient ???

Genoveffa   Nient, mi so nient e gho di nient

Paride       Cosa ? Tu non hai detto niente ?

Isidoro        Adess te scapet minga e vist che semm chi tucc te ghe diset chi l’è el gallet che spenna chi 2 gainn chi

                   (Angelina e Benedetta si guardano interdette, non dicono nulla e si stringono)

Aristide      (Sentendo queste parole sobbalza, trema, urla, sbraita, alza contemporaneamente sia la mano sia la gamba destra per fare in modo che Genoveffa non abbia il tempo di parlare)

Genoveffa   Guardì, al Aristide ghe scapa tuscoss

(Angelina e Benedetta, ora molto premurose, vanno entrambe verso la sedia a rotelle di Aristide)

Paride         No, fermè lì, …..se gli scappa la faccia pure addosso, Genoveffa allora ?

Genoveffa   Podi no dil adess, el disi quant el sciur Aristide l’è guarì

Isidoro        No, ti tel diset adess se nò ti ha ciapett (ed alza la mano a mò di sberla)

(A questo punto Aristide decide di smettere la commedia)

Aristide      (Urlando e buttando via il plaid che gli copre le gambe)

Alt, stop, fermi tutti

(Tutte le donne lanciano un urlo di paura, Isidoro si mette le mani nei capelli, Paride si avvicina alla sedia a rotelle con espressione meravigliata) 

Tonino       Gesù, Gesù, Maronna  Santissima, San Gennaro a fatto il miracolo                    

Aristide      Muchela de dì el rosari, gh’è finì la commedia alter che miracoul

Paride         Commedia ???    Quale commedia

Aristide      Eh sì, caro il mio fratellino, che se l’era per ti te me fasevet cagà adoss, era tutta una messa in scena perché dovevo capire certe cose, vera Isidoro ?? 

Isidoro        L’è vera. l’è vera, mi el savevi.  Però l’è stada una idea sua

Rosina        E per quale mutiv  gh’avì tra in pè sto rebelott ?

Aristide      Perché vedevi che gh’era del dis’accord in cà, la Benedetta e l’Angelina cuntinuaven  a tacà lit e vurevi capì per cus’è.

Paride         (pensando al  problema degli amanti)  Beh, adesso te lo dico io il perché

Isidoro        (idem come Paride) No, no, tuca mi dil, sount pusè maggior de ti.

(Angelina e Benedetta cercavano di farsi coraggio consolandosi tra di loro mentre Tonino, seduto sul dondolo, stava per addormentarsi)

Genoveffa   (andando vicino ad Aristide e molto titubante) Mi c’entri nient neh, vera che mi c’entri nient.

Aristide      I count cun tì i farò dopo, in separata sede (e rivolto a due fratelli continua) e vialter 2 disì un bel nient, adess parlì mì perché incoeu gò sentì tanti di chi pirlat che su no cume go fà a resist fina adess.

                   (si sposta verso le due cognate rassicurandole e baciando loro le mani)

(vedendo questa scena Paride ed Isidoro vengono in proscenio molto sorpresi

di questo baciamano ed esclamano)

                  

Isidoro        Ueh Paride, te ghe vist ? Ghe mancaria che anca l’Aristide el ghe  spenna i noster mièe .

Paride         Se  hai  questo  dubbio  andiamo  a  dirglielo

(Entrambi vanno verso il fratello in modo minaccioso)

Isidoro        Adess te ghe diset se l’è che la storia chi eh !!!

Aristide      Quale storia, chi ghe né minga de stori, tutt quell che ghì sentì in tucc ball (guardando Genoveffa che si nascondeva col grembiule)

                   La verità l’è gnamò saltada foeura.

Paride         Verità ?  Quale verità

Aristide      Innanzitutt i voster donn in 2 brav donn, adess a vann anca d’accord tra de lour e ghè pù nessun prublema. (Perentoriamente) Vialter 2 piuttost si cumpurtà mal perché se la Genueffa la ghe stava……. Cume la andava a fini …….. eh ?

Paride         Con quello che avevamo sentito era il minimo che dovevamo fare

Isidoro        (con tono prostrato verso Aristide) No, no, Ari, mi el fasevi minga, l’era una finta

Aristide      Adess ve disi mi quell che succed chi denter, a cumincià da ti (rivolto a Tonino che si è addormentato)  Oh, cassa del mezzogiorno, sveglia …….

Tonino       (di soprassalto)  San Gennaro, San Gennaro …….

Aristide      Primo impara a dì Sant’Ambroeus, e adess stamm ben a sentì: da duman o te vet a laurà  o sennò te vet in stala a daga una man all’Isidoro, basta fas mantegn.

Tonino       Oh Gesù, oh Gesù, mamma santissima, ma ie n’aggie fatt nulla per meritamme una cossa cussì

Aristide      Già, propi perché the ghet fa nient fina adess che l’è ura che te cumincet a laurà e, se te voret l’è inscì sennò quela lì a l’è la porta, te ghè capi ?

 Tonino      Vabbuon, vabbuon, non t’arrabbiare, mannagg a miseria, (o qualche imprecazione prettamente napoletana) e si siede disperato sulla sedia con le mani nei capelli

Aristide      (rivolto a Paride) Ti, cara el mio fratellino, le ura che te mettet in pratica quel che te ghe studià, perciò quant te vet no a scola te vet a fa un poeu de pratica in campagna

Paride         No Aristide, o studio o lavoro, le due parole messe assieme non conciliano tra di loro.

Aristide      A sì è, tel set anca ti che la tera l’è basa e se fa fadiga a laurala eh?  Te ghet la fortuna che gò promiss al noster vecc de fatt studià sennò te davi una pesciada nel dedrè e te mandavi subit nei prà. Comunque te do temp amò quest’ann per studià, dopu  laurea sì o laurea nò te vet anca ti a sbasà la sccciena.

(In questo momento Isidoro, cercando di non farsi accorgere, cerca di uscire

ma Aristide lo ferma)

Aristide      Isidoro, in due te credet de andà eh ?  Vegn chi che ghe né anca per ti

Isidoro        S’eri adrè a  andà in stala a vede la Giana, te set la gà apena partorì

Aristide      La Giana la crepa nò se l’aspetta amò 5 minut. Da adess in avanti l’azienda te la mandet avanti ti, uramai te set grand abbastansa per ciapà i tò respunsabilità

Isidoro        Ma mi gò paura de sbaglià, sun minga espert cume ti,

Aristide      Fa nient, sbagliando se impara  e poeu quand te gavaret bisogn de un consigli mi sunt sempeer chi

Paride         A proposito di te, ……. Ma tu cosa farai ???

Isidoro        Ueh, l’è vera, te ghet sistemà tucc ma ti se te fet

Aristide      Dopu quell che gò  vist e sentìi incoeu a  go deciss de spassamela un poeu count la mia ragassa

Isidoro        La tua ragassa ????

Aristide      Sissignori, la mia sgargiutela, quella che voi due volevate capponare. (e senza dire nient’altro prende sottobraccio Genoveffa ed esce)

(nel vedere questa scena tutti rimangono sbigottiti)

 

Tutti           La Genoveffa ?????

Aristide e Genoveffa     Vi manderemo una cartolina, Ciaoooooooo  (ed escono)

Tutti si siedono,  chi contente (le cognate) (chi stupefatti)  la luce si spegne e l’occhio di bue si posiziona su Isidoro

La mural della storia savì qual’è o brava gent ?

che  raccuntà  i  ball serviss propri  a  nient.

Perciò cerchì sempeer de vess sincer  e sbassà i urecc

  specialment vialter fioeu,  ascultì pussè  i  voster  vecc

E prima de parlà pensìga ben e countì almen  fina a trì

perché una parola sbagliada la poeu fa mal, mal de murì

Ve garantissi che se riessum a dì sempeer   la verità

 La nostra ment la guariss  e la nostra  vita  la cambierà

E allura forsa, fasemm murì quela bruta bestia de la busìa

e insema a le anca  i  sò 2 surei,   l’invidia e la gelusìa

                           

(ed il sipario si chiude)   

                                                                                               Lo Sparviero Grigio

                               

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno