La caglina

Stampa questo copione

LA CAGLINA

"Antico" racconto popolare

di

Alberto Ticconi

Personaggi: Narratore

Don Vilibondio

Martino

Margherita

La perpetua

NARRATORE - Correva gli’agnu 193... ‘nsomma, non me ricordo de precisu! e di’ giuini delle parti nosti aveono pensato, a ogni costu, de se’ ‘nzorà, e de da’ de mani a chello che annascusu pe’ anni s’era arrecettatu. Gliu mascuru, begliu vaglione, e marinaiu, de nome facea Martinu, e da Caeta se ne venéa; la femmena, Margherita, santa vagliona de Traetto, era contadina e de’ bbona famiglia assai, ma de Traetto puri la lengua bbono tenea. Gli dui, sfurtunati; pe’ chello che po’ vedemo, s’erono ‘ncontrati agliu puntile delle Sieci, a Scauri, pe’ chi de sta’ robba praticu è essai poco. Jorno dopu jorno s’accarezzaono gli’amurusi ninni gliu begliu tempo degli confette, finu a che’, come trono a sole chinu, ecco gliu ‘nciampu, l’arruina, gliu scriffunnu addemoniatu che agli pere gli sé ietta: gliu preote, ome bbono vestutu e bbono profumatu, dagliu spusu, prima de ogni giustu approfiddiamentu, d’ammaturà atu movimentu, vone na’ caglina. "Chesta è la tradizione! - sderràia de botto - N’aggio mica fatta i’ la legge?! Fate chello che ve pare, ma na’ caglina de bbona salute e pisu, pe’ le mani voste ospite mia subbitu hanna esse!" Chistu raccuntu paricchi vote m’aggio duvutu scorre ‘m’petto a chello foco che mammema appicciava. Robba che nonnema a essa raccontava, a mama, voglio dice, e che essa scotàa, e che mo’ i’ puri a vui ve passo; a lezione vosta e scarecamentu meo; accussi bbono iate vui e ancora megliu ine. Creca paricchi non lo sanno, ma a chigli tempe, che da magnà poco ce’ stea, sti’ raccunti serveono chiù assai pe’ sazià la panza che pe’ atu. Mo’ potarìa esse che servono alla coccia, ca co’ tutta stà scemenza che pe’ le vie noste ce trovamo, a paricchi ormai s’è avvacantata. Chisti so’ gli fatti, e chistu e gliu raccunto. E si caccherunu ce vo’ trova’ personaggi e atturi, tè poco d’abbiarese lontanu; ca n’è robba sulu de iere o degli tempe antichi. Si ve’ guardate agliu curipizzu vosto, attente! caccherunu de’ st’atturi ancora ce gliu trovate, che certu no’ ve chiede na’ caglina, na’ sauciccia, na’ ghiecina d’ova; ma ati fatti si; assai de chiù sostanza e pisu.

In scena ci sono i due giovani, la perpetua e il prete

DON VILIBONDIO - Allora, dopo sta’ bella spiegha che da me v’ate abbuscatu, che me dicete, begli vagliuni, che a chistu puntu sete?

MARTINO - Margherì... tu che dici?

MARGHERITA - Eh! Bella spiega....Assai. Ma pecché tu, ohi Martì, dico tu, non ti propitu niente da dice.

DON VILIBONDIO - Non fate gli scunrnusi. Pe’ carità, parlate co’ coscienzea; dicete puri sincero chello che pensate.

MARTINO - Don Vilibondiu, co’ tuttu gliu rispettu che s’hanna avé a sa’ vesta santa, a vui e a chigli come a vui, sempe! ma stu fattu della caglina a me me pare na’ sgustumaria.

MARGHERITA - E si dovesse parlà i’, ma i non parlo, pe’ me è peggiu assai che na’ sgustumaria.

DON VILIBONDIO - Stateve zittu: Ammupate se’ vocche ‘ngnoranti! Sgustumati ce sete vui. Po’ non fanno bbono chigli che agliu populu n’gni’ fanno raprì mancu la vocca. Vui non sapete chello che dicete.

MARTINO - E mica tantu, monsignò! .

MARGHERITA - Stu’ pover’ome meo non tè mancu lo magnà pe’ issu, a mo va a da’ na’ caglina a vui?

DON VILIBONDIO - E chesto pecché non fatica.

MARTINO - E no! Scusate. Gliu fattu è che i’ so’ figliu degliu populu. Le fatiche noste so’ fatiche de ciucciu.

MARGHERITA - Mancu nu’ tozzo de pane pe’ iorne e iorne de sutore. Pover’ome meo.

DON VILIBONDIO - La caglina ce serve. I’ non ve pozzo fa’ niente de megliu. La devozione serve specie a chi la fa’: cento vete meglio che a chi la riceve. E po’ chesta è la legge.

MARTINO - Che streozarìa. E po’ i’ nonn’aggio mai sentutu parlà de chesta legge.

DON VILIBONDIO – Ed è sulu pecché non te si mai sposatu.

MARGHERITA - Ohi, le’ le’! E ce mancasse atu. Ma che state a dice mo’ monsigno’?

DON VILIBONDIO - Tutti chigli che se so’ sposati m’hanno danno na’ caglina. E paricchi puri dui.

MARTINO - E addo so’ iute a finisce.

DON VILIBONDIO - Dento la panza mia! ... Ma chisti non so’ fatti gli voste. O me date la caglina o non ve potete sposà.

MARGHERITA - Co’ tuttu gliu rispettu nosto.....

DON VILIBONDIO - Che non se vede!

MARGHERITA - Co’ tuttu gliu rispettu che sempe hamo portatu alla chiesa e a vui, nui ci’hamo ‘nformatu bbono. A Gaeta ce stà nu’ preote che è parente della commare mia.

DON VILIBONDIO – Nu’ preote parente alla commare vosta?

MARTINO - Ed è puri ziu alla lontana a tata.

DON VILIBONDIO - E’ vecchio, e po’ esse puri che n’è addefrescatu bbono ‘ncopp’alle leggi nove.

MARGHERITA - E stu’ brav’ome ci’ha dittu, co’ na’ mani ‘ncoppa gliu core e n’ata ‘ncoppa gliu crucifissu, ca de cagline issu non se ne è mai pigliate, mai! mancu na’ penna… dalla povera aggenti.

DON VILIBONDIO - E che atu, ‘nmece?

MARTINO - Don Vilibò?! Nui la caglina non ve la potemo da’.

DON VILIBONDIO - E allora non ve potete sposà. Mica v’ata sposà a forza. Non ce sta’ nisciunu comandamentu che dice ca’ l’ata fa’ a forza.

MARGHERITA - Addavero?

DON VILIBONDIO - E certu. Lo volete sapé megliu de me?! Si rimanete casti e puri, senza da de mani mancu pe’ na’ virgola alle carni, potete rimané senza sposareve affattu.

MARTINO - E si ve porto n’ovo.?

LA PWERPETUA - N’ovo te gliu schiaffi ‘nfronte.

DON VILIBONDIO - N’ovo te gliu schiaffi ‘nfro’.... Ma che me fate dice? Stateve zittu vui!

MARGHERITA - Facemo n’ovo co’ gliu pucinu dento?!

DON VILIBONDIO - Ecco, accussì se raggiona....? Ma me state a piglià pe’ gliu curipizzu?! Voglio dice: non po’ esse. E po’ chi gliu cova st’ovo.

MARTINO - La perpetua...

LA PERPETUA - O stu’ sgustumatu de mamma e de patre, tèh!

DON VILIBONDIO - Stateve zittu vui che nisciunu va n’terrogatu.

LA PERPETUA - E come no’! Mo’ de begliu e bbono me metto a cova’ l’ova. E c’hamo fattu? Cacciate la caglina e non la fate tantu longa. Com’hanno fattu tutti gli bbone cristiani.

MARTINO - Gli bbone cristiani non mettono gli vastuni ‘n’mezzo alle roti a chi se o’ carecà già co’ sacrificiu e sofferenza na’ famiglia ‘ncoppa le spalle.

MARGHERITA - Chianu, Marti’: e che stai a dice mo’? E si sposarete a me hanna esse accussi tantu de sacrificiu e sofferenza non lo fa’, ca’ i’ non sto’ certu ‘ncoppa la panza a nisciunu; specialmente a mama.

MARTINO - I’ n’aggio dittu chesto.

MARGHERITA - No, tu è dittu propitu chesto. E ce sta’ puri gliu preote a testimone e puri la sartania della perpetua, che pe’ gliu mestero seo sta’ sempe ‘nmezo agli pere.

LA PERPETUA - Sartania a chi?

DON VILIBONDIO - Ma vui pecché non ve state zittu?

LA PERPETUA - M’hanno chiamatu sartania, monsigno’, e m’aggia stà puri zittu?

MARTINO - La vagliona mia non voleva dice sartania.

LA PERPETUA – Addavero!?

MARGHERITA - Eh! Ma no Marti, ‘mpiccete pe’ gli fatti tee. Lo saccio i’ chello che volevo dice. I’ aggiu dittu propitu sartania.

DON VILIBONDIO - Chianu, che chesta è la casa degliu Patreternu.

MARTINO - Margherì, tu sì ‘gnorante! I’ l’aggio dittu pe’ te’.

MARGHERITA - E tu si’ aglimale. N’è la prima vota che vai dicenno che stu’ passu te costa sacrificiu e dolore.

DON VILIBONDIO - E na’ caglina!

MARTINO - E na’ cagliana!? No, me dispiace, ma la caglina ve’ la potete scordà.

LA PERPETUA – Ma tu viti che coccia tosta!?

DON VILIBONDIO - Chesta è la santa tradizione.

MARTINO - I’ la caglina non la tengo.

LA PERPETUA - E allora gliu matrimoniu ve rimane ‘nganna.

DON VILIBONDIO - Ecco, accussi’... Ma pecche non ve’ ‘npicciate degli fatti voste?

MARTINO - Si propiu v’aggia da’ caccosa ve tongo nu’ pucinu.

DON VILIBONDIO - E... E... E chi gliu cresce finu a che’ n’è bbono pe’ gliu furnu.

MARGHERITA - La sartania.

DON VILIBONDIO - Stateve zittu vui! E non gli s’hanna da da magnà? Ce vorrà lo raurignu; la vrenna, la verdura.

MARGHERITA - Gli’allatta! accussì non va sprecata tutta chella robba abbondante che se porta appresso.

LA PERPETUA - I’ chesta l’ammasono, quant’è vero che me chiamo Mafalda.

MARGHERITA - I’ me chiamo margherita e me ‘mpiccio sempe gli fatti mee.

DON VILIBONDIO - Mama le recchie sante mei chello c’hanna sentì stammatina.

MARTINO - Ohi Margheri, i’ n’aggio mai vistu le cagline allattà gli pucini.

MARGHERITA – E chesto è sulu pecché tu si cecatu.

MARTINO – Ma si i’ ce veto na’ bellezza?

DON VILIBONDIO - Fermateve. Che puri le prete se stanno a scorna’.

MARGHERITA - E come? non se sconrnano quanno vui chiedete la robba alla pover’aggenti, e l’hanna fa’ co’ le parole sante e onesti mei.

LA PERPETUA - Poroli sante e onesti?! Monsignò m’ha chiamatu sartania, e ha dittu c’aggia allattà gli pucini co’ l’abbondanza mia e tè paroli sante è onesti? Ma chesta tè na facci de corno che non finisce mai. (a Margherita) Te puzzi schiatta!! Vagliò si tu si santa, e non ce sii! Ma mettemo puri ca cesii, embè lo sarai sulu pecchè nè avutu mai occasione, ma i’, che so’ paricchiu vecchiarina, de tutte le migliara de occasiuni c’aggio avutu i’ n’aggio acchiapatu sulu la quarta parte.

DON VILIBONDIO - Co’ salute. (La perpetua lo guarda)

LA PERPETUA - E pe’ chesto… Monsigno’ vui ‘mpicciateve degli fatti voste! E pe’ chesto i’ so’ chiù santa de te. E po’ della robba mia n’aggia da cuntu a nisciunu, hai capitu beglia vaglio’.

DON VILIBONDIO - E ca’ pare che st’hamo ‘nmezo alla chiazza.

MARTINO - N’è vero, ca’ ve state a sbaglià, don Vilibò: i’ ‘nmezo alla chiazza sti’ discursi streuzi ‘ngn’aggio mai sentuti.

MARGHERITA - Tu si marinai e certe cose non le capisci. E po’ che vulussi dice, ca ‘nsaccio mancu raggionà!?

MARTINO - Non me fa’ parlà ‘ncoppa a stu’ puntu. ‘Ncoppa a stu’ puntu stamoce zitti. Tra te e mammeta, quanno ve mettete a trascorre, pare che gliu celo s’è scordato degli ommene e della raggione.

MARGHERITA - O stu mazzammurru, aglimale, bestiu arruvinatu.

LA PERPETUA - Sinti che sinfunia.

MARTINO - I’ non ce so’ aglimale.

MARGHERITA - E chissu è n’atu difettu teo: almeno putissi sirvi a tirà gli’aratru alla maese.

LA PERPETUA - Sinti che conferenza.

DON VILIBONDIO - Mo basta’. Mo basta’. I’ faccio la spia agliu vescovo e po’ ve faccio vedè.

MARTINO – Margherì ammupete, che ca’ fanno la spia agliu vescovo.

MARGHERITA - A si? Bbono! Don Vilibò, si lo volete sapè nui dagliu vescovo già ce semo stati. Propitu ieri.

DON VILIBONDIO – Addavero?

MARTINO – E si’, monsigno’.

LA PERPETUA - Ohi maronna mia!

MARTINO - E lo sapete che ci’ha dittu?

DON VILIBONDIO - E che cazzarola…? E che v’ha pututu mai dice l’Eccellenza Nosta?

MARGHERITA - Gliu vescovo, sant’ome, ci’ha dittu…

LA PERPETUA - Ohi mama mia!

MARGHERITA – Che è, te ‘ngenne cacche cosa? Gli vescovo ci’ha dittu che si gliu maritu meo è propriu tantu poveru....

LA PERPETUA - Si è propritu tantu poveru?

MARTINO - Pecché gli vescovo è addavero nu’ sant’ome, e certe cose le capisce; bbono!

DON VILIBONDIO - E certamente! Ma c’ha dittu, Sua Eccellenza?

MARGHERITA - Ha dittu che caccosa l’ata avè, però, in considerazione delle povertà de chistu marinaiu, ve potete puri accontentà de nu’ pucinu nu’ poco cresciutu. Chesto è chello c’ha dittu gliu vescovo nosto.

LA PERPETUA - E no! E no!

MARTINO - Come no?!

DON VILIBONDIO - Figlia mia, si l’ha dittu gliu vescovo...

LA PERPETUA - Aggio dittu de no! E’ no!

MARGHERITA - Ma pecché?

LA PERPETUA - No!! Mancu si’ m’accitete.

DON VILIBONDIO - E’ santa obbedienza...

LA PERPETUA - Ma che santa obbedienza?! I’ gli pucini, pe’ la pazzaria vosta, non gli’allatto, manco pe’ obbedienza. Non gli’allato. O lé lé. Mo’, de begliu e bbono ce mettemo ad allatta’ pucini!? E c’hamo fattu ca’. None! (prende la roba sua e se ne va) Trovateve n’ata perpetua, e allattatevigliu vui si pucinu, si propriu le volete le cagline. E me n’avesse mai fattu assaggia’ na’ scella, o na’ cossa, de tutte chelle che se scorre, puri puri. Ma gli disgraziatu, preote e bbono, se l’è sempe rosecate da sulu! E dopu che ce le cucinao puri i’!? E no! Allatevegliu vui mo’ su’ pucinu. E bbona sera a tutti quanti, cazzarola! Oi lé lè! (Esce)

NARRATORE - E così pare finita sta’ scena de vita d’aote tempe. Ma nui già sapemo che niente veramente finisce e niente veramente ancumicia pe’ la prima vota. La speranza nosta e che, n’zema alle risate, nu’ poco de compassione dent’a’ gliu core nosto ce s’è accresciuta che, pe’ la gente che s’aggira ‘ncopp’a’ sta’ contrada, bbona saria assai, de che’ puri nui appartenemo, e che pe’ stà nova dote le mani noste non chiù rapressemo a chiede, ma a dane, che de chesto hanno abbisognu tantu gli figli noste: mo’ pe’ cresce e mo’ pe’ ammaturarese, e specie a esse contente; ma contente addavero. Pe’ mo’ e pe’ sempe.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno