La cantata dei pastori

Stampa questo copione

Ethan Frome

LA CANTATA DEI PASTORI

di Perrucci Andrea

ATTO PRIMO(CAMPAGNA CON MONTAGNE INNEVATE;A DESTRA UNA CAPANNA E,SULLA PAGLIA,DORME BENINO)

SCENA 1:BENINO-ARMENZIO

AR(provenendo dalla montagna e dopo aver detto una preghiera al centro della scena)Ecco l’alba che spunta,ecco i primi raggi splendenti del sole.....(vede Benino e lo scuote)E tu dormi,Benino?.......

BEN(svegliandosi)Padre,ho ancora gli occhi oppressi dal sonno.....lasciatemi dormire.....(cerca di addormentarsi di nuovo)

AR(scuotendolo con più insistenza)Alzati,dormiglione!Senti come gli uccellini colorati salutano con il canto il sole che nasce.....e tu dormi ancora, Benino?(scuotendolo con il bastone)......

BEN.Il canto degli uccelli mi invita ancora di più al riposo.......ma lasciatemi dormire....(si rimette a dormire)

AR.Ora sì che mi arrabbio!Tuo fratello è andato a caccia prima dell’alba;io sono in piedi da un pezzo;i pastori,i contadini,tutti sono in piedi, non è rimasto più nessuno in casa......e tu non ti svegli?

BEN(si alza stropicciandosi gli occhi)Lasciate che mi svegli del tutto....Voi non sapete che belle cose ho visto dormendo.Oh Dio beato(inginocchiandosi),nel sogno ero ricco e felice;e poi,destino crudele,svegliandomi ,mi ritrovo afflitto e povero!

AR.Dimmi:che hai sognato?

BEN.O padre mio,mi sembrava che si aprisse il cielo e che,da lassù,piovesse un misto di argento e d’oro. Vedevo la terra diventare oro ed i prati smeraldi;i fiori erano pietre preziose,le gocce di brina erano perle e le colline diamanti;le acque dei ruscelli erano d’argento e dalle viti pendevano grappoli di topazi e di rubini;gli alberi producevano gemme.......insomma,padre mio,il mondo era tutto un tesoro!E mentre,estasiato,ammiravo tante ricchezze,volgendo lo sguardo ad est,verso la buia grotta di Betlemme,mi pareva che sorgesse di là una luce immensa,grande come cento soli!E, mentre sorgeva quella luce,sento una voce.........

AR(con grande attenzione)E che diceva?

BEN.”Vieni a me,figlio mio,chè io sono colui il quale,scendendo in terra,ricopre il cielo e la terra d’oro e di pietre preziose!”Così,abituandomi a quello splendore,in mezzo vi vedevo un bellissimo Bambino sul cui viso era raffigurato il Paradiso!E,mentre mi beavo di tutte quelle meraviglie,voi,padre mio,mi avete interrotto il sonno!....(scoppia a piangere)

AR(commosso)Hai sognato tutto questo?Come si accorda con il mio il tuo sogno!Ma che misteri sono questi,Dio mio?

BEN.Io vi ho raccontato il mio sogno,ora voglio sentire il vostro.

AR.Hai ragione,te lo dirò: verso l’alba mi addormento e mi pare di vedere quella grotta,da cui tu hai visto nascere la luce,assalita da draghi e serpenti ed uscire di là un Bambino che(crescendo con la voce)diventava un gigante e che metteva in fuga quei mostri;e, nello stesso tempo,in cielo e in terra rimbombava un’eco..........  

BEN.E che diceva?

AR.Gloria a Dio,pace agli uomini,guerra al demonio(cade in ginocchio e bacia la terra; si alza dopo una pausa).Su,figlio mio,tuo fratello Cidonio è andato a caccia;noi abbiamo pochi servi per custodire questo piccolo gregge che ci ha donato il Cielo;va’ presso gli agnelli.......(Benino scrolla le spalle in segno di rifiuto)Va’,ti dico,e porta i cani chè,in questa stagione così fredda,vanno in giro i lupi per fare strage di agnelli......Prega intanto il Signore che i nostri sogni si possano avverare......(Bacia Benino,poi va verso la montagna)

BEN(assicurandosi che il padre si sia allontanato,andando verso la capanna)Mi è rimasto così fisso nella mente un sogno così bello che vorrei sempre dormire e non svegliarmi mai....(si prepara a dormire)

SCENA SECONDA(RAZZULLO E DETTI)

RAZ.Uh,mamma mia,povero a mme!Me so’ ‘mbrugliato ‘mmiezo a sti bosche,sti sepe scarrupate,nide d’urze e de lupe,’mmieze a sti deserte chine ‘e ranavottele e lacerte.......

BEN(nel voltarsi,vede Razzullo e retrocede spaventato)Ahimè,chi è questo?E’ un uomo o un mostro?Sembra un uomo ma ha la faccia di una bestia;è un orso,un lupo,una scimmia o un babbuino?

RAZ.Truvasse almeno.....(vede Benino)Ah!Meno male!Veco là nu guaglione ca me putesse ‘ndirizza’ pe’ ghi’ a’ taverna pecchè sto murenno d”a famme......

BEN.Oh,meraviglia!Sembra che parli!

RAZ(accostandosi a Benino)Ai tuoi ordini,pasturie’......

BEN(dando un grido di spavento)No,non ti avvicinare!

RAZ(meravigliato)Uè,e de che haie paura?

BEN.Ho paura che tu mi mangi

RAZ.E che songo,lupomannaro?

BEN.Dalla faccia,gli assomigli!

RAZMa tu guarda!’O nennillo ave paura d”o mammone......

BEN.Senti,ma che animale sei? Sei mostro,non è vero?

RAZ.Tu qua’ mostro?Io so’ masculo comm’a tte........

BEN.E perchè parli così?

RAZ.Parlo comme m’ha ‘mparato mamma toia.

BEN.Sei ridicolo sia nella faccia che come parli!(ridendo)  

RAZ.Chisto certo me fa passa’ nu guaio.......M”o sent”e scennere dint”o vellicolo!Vuo’ senti’ na parola?

BEN.Solo se non mordi!

RAZ.No,no,ca m’hanno tagliate ‘e zanne.......

BEN.Di quale paese sei?Forse dell’Africa?

RAZ.Qua’ Africa!Staie ‘mbriaco?Io songo ‘e na città ca o’ munno nun ce sta cosa cchiù bella!

BEN.Mi dici come si chiama? Dalle tue parole così strane,mi sembri......(gli dà una pestata)un Indiano......

RAZ.Ah,mannaggia e’ tiane e e’ caccavelle ‘e zìete!m’ha acciso nu pere!(al pubblico)’O pasturielle me tratta comme a nu sciacallo!......(a Benino)M’e’ pigliato pe ciuccio o pe pappavallo? Mannaggia a’ capa toia!Io song”e Napule......

BEN.Napoli?Non ho mai sentito nominare questo paese......E’ in questo mondo o fuori?

RAZ.Guaglio’,’o ssaie ca m”e ‘nzallanuto?

BEN(togliendosi il cappello e con rispetto)Perdonate,non avevo ancora visto gente dell’altro mondo

RAZ.Ma c’auto munno?Uffa’!......’E sape’ ca io songo scrivano.....

BEN.Scrivano?Ah,che brutto lavoro che fai!

RAZ.E pirciò l’aggio lassato.........cuntinuannelo,certo pigliavo ‘e vizie.....mietteme a fa’ quacch’aute servizio......

BEN.Vuoi cambiare mestiere?Ti accontenterò,però mi devo assicurare che sei sano.......

RAZ.So’ sano,pasturie’,nun dubità......

BEN.E allora vieni con me(cerca quasi di trascinarlo)

RAZ.E addò me puorte?

BEN.A guardare il gregge......

RAZ.Va’ a chillu paese!Sarria nu bello onore,pe’ nu scrivano addeventà pastore.

BEN.E’ meglio guardare gli ovini e salvare l’anima che fare un mestiere tanto pericoloso;nei tempi antichi,anche i re hanno guardato le greggi.

RAZ.L’avranno fatto ‘e rre,’e reggine,ma io nun ce tengo stommaco......Tu,mo’,me facisse nu favore?....Darme quacche cosa ca tengo famme e stongo scauzo.......

BEN.Non posso toccare niente

RAZ.Uh,e pecchè?

BEN.Mio padre mi sgrida.....

RAZ.E tu dincello a isso

BEN.Se egli vuole,te lo darò

RAZ.E ‘o cielo te guardarrà;me vuo’ di’ addò staie ‘e casa?

BEN(additando dove abita)Vedi quella capanna?

RAZ.Addò sta attaccato chillu ciuccio?

BEN.Sì,vieni proprio là che ti darò quello che posso;almeno ti farò rodere un osso(gli dà uno schiaffo e scappa)

RAZ.Ah,ca te ne puozz’i’ c”o cuollo rutto,pe cane m’ha pigliato ‘o farabbutto!.....

BEN(di dentro)Brutto!

RAZ.So’ brutto?.....Aggio capito:so’ crapare chille ca stanno ccà ‘ncoppe......

BEN(c.s.)Coppe!

RAZ.Coppe,spade e denare......Che pazziamme,a tressette?

BEN(c.s.)Sette!.......

RAZ.Sette,otto,nove e diece!.....No,tu cu mmico sgarre....

BEN(c.s.)Arre!.......

RAZ.M’e’ pigliato pe ciuccio?.....No,ciuccio si ‘tu!........

BEN(c.s.)Tu!......

RAZ.Tu!......Tu!......... 

SCENA TERZA(CIDONIO,RUSCELLIO,RAZZULLO)

CID(di dentro)Oh galantuomo!

RUS(di dentro)Oh amico!

RAZ(impaurito)Tie’ tie’,ch’auta storia è chesta?.....

CID(fuori)Forestiero(dandogli una pesante manata sulla spalla)

RUS(fuori)Passeggero(c.s.)

RAZ.M’hanno miso ‘mmiezo,sfurtunato a mme!

CID.Vuoi farmi un piacere?

RUS.Per favore,ascoltami

RAZ.Signuri’,che vulite ‘a me?Dicite

CID.Sarà la tua fortuna

RUS.Sarà la tua sorte

RAZ.Meno male!’O cielo ve manna......

CID.Guarda(lo volta);io sono cacciatore

RUS.Vedi(c.s.);io pescatore

RAZ.Cu’ ssalute;me ne rallegro

CID.Ah se tu mi vedessi!

RUS.Ah se tu mi guardassi!

RAZ.Ch’aggia vede’?Ch’aggia guarda’?

CID.Maneggiare l’arco e le frecce(fa l’atto di scoccare la freccia)

RUS.Mettere l’amo

RAZ.E io ‘e sti fatte vuoste che n’aggia fa’?

CID.Che dici?

RUS.Che cinguetti?

RAZ.Vuie m’avite ‘nzallanuto;m’avite acciso

CID.Dietro quel cespuglio(lo tira verso la quinta)

RUS.Presso quella riva(facendo lo stesso)

CID.C’è un cinghiale ucciso(c.s.)

RUS.Uno storione che ho preso(c.s.)

RAZ.Nun avite fatto poco;avite fatto ‘na bona presa....

CID.Aiutami a portarlo

RUS.Dammi una mano a tirarlo

RAZ.M’avite pigliato pe ciuccio?

CID.Te ne darò una parte

RUS.Ne avrai la metà

RAZ.Addò me sparto mo’?Mannaggia a mme!

CID.Seguimi

RUS.Vieni con me

RAZ.Ve servo,gnorsì,a uno a uno

CID.No,chè ho paura di perderlo

RUS.Temo che me lo rubino

RAZ.E allora vengo cu vvuie.....gnornò,cu vvuie

CID.Io ti voglio per me(tirandolo a sè)

RUS.Per me ti desidero(fa lo stesso)

RAZ.Chiano ca me squartate.....

CID.RUS.Andiamo!

RAZ.Che gguaio!Ahimè,che faccio?

CID.Non vuoi il cinghiale?

RUS.Non desideri del pesce?

RAZ.Gnorsì,n’aggio bisogno

CID.E vieni dunque!

RUS.Perchè ritardi?

RAZ.Jammucenno,facci’ampressa

CID.Ah,vuoi andare con lui?

RUS.Desideri andare con lui?

RAZ.Gnornò,ve faccio ‘o servizio a tutt’e dduie

CID.Non far dispiacere Ruscellio

RUS.Anzi,servi Cidonio

RAZ.Ce s’è mmiso ‘nmiezo ‘o diavulo......

CID.Addio(fa per andare)

RAZ.Va’ chiano(trattenendolo)

RUS.Riguardati(fa per andare)

RAZ.Adagio........

CID.Che desideri?

RUS.Che chiedi?

RAZ.Ve voglio servi’.....facci’ampressa

CID.Hai perso l’occasione

RUS.Hai smarrito la fortuna

RAZ.Jammo meh,sciuglimmelo stu ‘mbruoglio....Chi me vo’?

CID.RUS.Io,per me,non ti voglio(vanno via insieme)

RAZ.Ah,ciorta maledetta! Nun sapenno addò me spartere fra ‘a caccia e ‘a pesca,niente pozzo fa’,niente me riesce.........

SCENA IV(SARCHIAPONE E DETTI)

SAR.(di dentro,cantando una canzonetta)

RAZ.Na voce paisana!E chi po’ essere?Me voglio assicura’(entra,poi torna)

SAR(esce portando un bastone ed una valigetta)Nisciuno......manco n’anema scunzulata......sto cammenanno quase ‘a miezo biseculo senza pute’ ‘ncuntra’ nu crestiano,n’animale,p’addimandarlo in quale superficie del globo sono cascato....(vede la capanna)Uh,na pagliarella!...Mo’ tuzzuleo,speranno ca ce stesse quacche anema bona ca me desse nu poco ‘e pane,nu piezz”e furmaggio,pe calma’ sta famma canina ca tengo.E po’,io ‘o voglio pava’,songo nu signore...(bussa alla capanna ma fugge spaventato udendo il latrare di un grosso mastino)Nun saccio si voglio mangia’ io o ‘o cane se vo’ mangia’ a mme......(parlando con il cane)Statte zitto,zeri’,ch”a te nun voglio niente;chiammame ‘o padrone tuoio....(bussa nuovamente e si sente il grido di un gallo)E’ schiarato juorno!.....Uè,nun ce sta nisciuno?.....(torna a bussare e si sente il raglio di un asino)Cielo,ti ringrazio!Ho trovato mio fratello!Certo,dint’a sta pagliara nc’adda sta’ l’arca ‘e Noè!......

RAZ(ritornando)Niente,nun m’è riuscito ‘e truva’ chi era che cantava.......

SAR.Aggio capito:ccà ce stanno sultanto animale;sarria bbuono ‘e j’ a vede’ ‘a chella parte......

RAZ.Ma penzanno meglio,’a voce pare ca veneva ‘a llà.......(nel voltarsi entrambi contemporaneamente,s’incontrano e,dando un grido,fuggono spaventati)Mamma mia!N’urzo senza catena!

SAR.Dio mio!E chi è st’aborto ‘e natura?

RAZ(dopo aver riso)Ma tu si’ crestiano?

SAR.Certo che lo sono;ma tu a qua’ categoria ‘e quadrupede appartiene?

RAZ.Io songo ommo mascolo.....Ma aspe’,mo che te guardo meglio....ma sì......chillu naso......’o scartiello.....’e cosce storte.......Tu si’ Sarchiapone?

SAR.Sì.....e tu?Aspe’.....mo’ ca te veco meglio.....chelli recchie ‘e scurpione.......chillu musso ‘e puorco.......chilli piere ‘e papera......ma sì.....sì....pur’io t’aggia canusciuto......vuotete nu poco.......

RAZ(fa un giro,poi dice)E chi songo?

SAR.Nu sacco ‘e gravune!....

RAZ.Va llà,nun me fa ridere!Io so’ Razzullo......

SAR.Strazzullo ‘o scrivano?

RAZ.’O paisano tuoio.......

SAR.Oh incontro sfrantummato!.....(risate)Ccà,damme nu vaso....

RAZ.Cu tutt”o core!(si baciano,quindi dice)E mo,conteme quaccosa........comme staie e comme te truove ccà?

SAR.Nc’ave colpa chella zellosa ‘e Furturella......Già,è proprio essa ca m’ha fatto lassa’ chillu bellu paese nuosto......però tengo na speranzella......

RAZ.E sarria?

SAR.Chella ‘e ce ne turna’ a Napule carreche ‘e denare

RAZ.Overo?E allora parla e famme cunoscere l’idea toia

SAR.Primm”e tutto,me corre l’obbligo ‘e te fa’ sape’ ca io so’ prefessore ‘e giuoche ‘e pasticce...

RAZ.Ah,ti sei dato alla prestigitazione.....

SAR.Già,me so’ dato a’ prucessione......e nun serve pe m’avanta’,tengo nu juoco di mia invenzione ca fa rimane’ a vocca aperta......

RAZ.E’ bello?

SAR.E’ bello?..’A primma vota c”o facette,fuie premiato cu na mitraglia ‘e cartone....’o vuo’ vede’?

RAZ.Certamente,e si me piace ‘o iammo facenno aunite pe sti campagne.....però cu nu poco ‘e sveltezza

SAR.Se capisce!......(si toglie il cappello e,mostrandolo a Razzullo,dice)Chisto che è?....

RAZ.Uh!E’ nu cappiello.......

SAR(prende dalla tasca un fazzoletto)E chisto?

RAZ.Nu fazzuletto

SAR.Che va a riposarsi dint”o cappiello mio;poi,alla parola”uno,due e tre”,passa dint”o cappiello tuoio senza ca t”o lieve ‘a capo

RAZ.Ah!Ma,si tu faie chesto,si’ nu siconde Mosè.....

SAR.Alò fazzoletto,fatevi piccolo piccolo......così.....bravo!....(lo nasconde fra le mani,poi dirà)Il fazzoletto è sparuto....

RAZ.Si’ scemo,tu ‘o tiene ‘nmiezo ‘e mmane!

SAR(gettandolo nel cappello che avrà posto per terra)Staie ‘mbriaco;chillo sta dint”o cappiello!

RAZ.Ce l”e vuttato tu.....e si chisto è ‘o juoco,invece ‘e abbusca’ denare,azzeccammo nu cuofeno ‘e palate.....

SAR.Pierde ‘a lengua......famme fa’......dunque,comme t’aggio diciuto,al mio comando di “uno,due e tre”,succederà il portentoso passaggio......’ncasete bbuon”o cappiello ‘ncapo,comme m”o ‘ncaso pur’io(eseguono)Sta bbene.....pozzo?

RAZ.Pozzate......E quanno?

SAR.So’ pronto,però tu nun te movere si pure te siente quacche rummore ‘a dietro......dunque,uno..due...e tre!

RAZ.E’ passato?(fa per levarsi il cappello)

SAR.Aspe’ ca mo’ vene ‘a finezza d”o juoco....mo’ ‘a dint”o cappiello tuoio passa n’ata vota dint”o mio.E uno e due e tre,ecco che il fazzoletto è trapassato(si toglie il cappello e fa vedere il fazzoletto)

RAZ.E’ passato....è passato!.....E’ passata l’aria d”a promamma d”a nonna ‘e zieta!.....Chisto è ‘o juoco?Seh seh,e staie frisco si pienze ‘e magna’......

SAR.Ma pecchè ce sta pure quacche cosa ‘a dicere?

RAZ.Quacche cosa?....Mo’ te sputo ‘nfaccia!.....Comme si ‘e ggente fossero cecate o tante gnurante ‘a nun capi’ chella specie ‘e papocchia ca st’idiota se permette ‘e chiamma’ juoco......e nun me risponnere......nun fa’ na mossa ca te dongo ‘nfacci”o musso ‘a stessa valiggia toia......(prende la valigia per colpirlo)

SAR.Va’ chiano ca chella s’arape e vanno ‘e denare ‘nterra......

RAZ.Dinto ce stanne ‘e denare?Sì?E allora mietteme ‘o ssale ‘ncopp”a coda......(via fuggendo)

SAR.Uè,chillo se ne fuie?..(gridando)Mariuo’,mariuo’,pos”a valiggia!....Guardia.....guardia!.....(entra nelle quinte)

SCENA V(GIUSEPPE-MARIA-BELFAGOR-GABRIELE)

GIU.Siamo molto stanchi ed affaticati e non possiamo continuare il nostro cammino;dunque,se ti fa piacere,riposiamoci un po’ su queste rocce

MAR.Volentieri,ma siamo sicuri?.......

GIU.Dio ci custodirà,prendiamoci un breve ristoro......

MAR.Riposa,Giuseppe mio.....

GIU.Dormi,Maria(entrambi siedono sulle rocce e si addormentano)

BEL(dalle quinte)Spalancatevi,abissi,ora che esce dal regno delle pene il più grande principe che abbia l’inferno, s’alzi il mare.....tremi il cielo......tema il mondo!....

GAB(dalle quinte)Apritevi,o cieli,ora che discende dall’alto il difensore del bene!.........E mentre vengo a mettere in fuga i mostri,gridi il mare,goda il cielo,rida la terra!(entrambi escono quasi contemporaneamente)

BEL.(vede i due che dormono)Ah,ecco la coppia indegna che mi spaventa al solo guardarla!

GAB.Ecco la bella coppia da venerare al solo vederla!

BEL.Il mio re teme che da questa donna nasca chi vuole rovinarlo

GAB.Grazie a questa eroina eccelsa,eletta da Dio,in tutto il mondo sarà distrutto il peccato originale!

BEL.Ma,se è la sposa di quell’uomo,non riesco a capire come possa concepire il figlio di Dio!Eppure devo obbedire agli ordini del mio re e dare loro la morte.

GAB.Come sono felice di custodire chi custodisce Dio!

BEL.Voglio mandare nella mente dello sposo mille e mille dubbi

GAB.Voglio svelare, nei sogni di Giuseppe e Maria, i misteri divini

BEL(a Giuseppe)Dove te ne vai,vecchio infelice?Per vie disastrose......per boschi intricati,popolati da serpenti e ladroni?Tu,un debole vecchio,ed una fanciulla camminerete senza difesa?Guarda là un serpente che insidia il parto della tua sposa....vedi là un leone che si prepara ad uccidere te ed il neonato..........eccoti accerchiato dai lupi,circondato dalle acque.......dove speri di trovare rifugio?Dove ti salvi?Dove te ne fuggi?.........

GAB(a Maria)Cammina sicura,o pura fanciulla,chè tra spine e rovi vedrai nascere la Sacra Pianta;dalla sua bella ombra fuggiranno i serpenti velenosi e canteranno sui suoi rami gli uccelletti del Paradiso!

BEL.Ma perchè non uccido questa coppia nemica?

GAB.Ma che aspetto a mettere in fuga quest’ombra dell’inferno?

BEL.Voglio soffocarla!(si slancia)

GAB(si scopre mostrando lo scudo)Fermo!

BEL.Ah,che vedo!(cade; poi si avventa ma,dopo aver lottato,retrocede atterrito)Ah!chi mi ferma?Chi ha vinto il mio braccio valoroso?

GAB.Falle del male,se puoi........

BEL.Vorrei.......(si avventa di nuovo ma,dopo inutili sforzi,cade esclamando)No,non posso!Almeno sfogherò la mia rabbia contro quel vecchio....(si slancia su Giuseppe)Muori.....muori,pazzo falegname......(malgrado i suoi sforzi,cade di nuovo)

GAB.Chi ti trattiene?

BEL(sfinito)Sono incatenato!

GAB.Dunque,vattene

BEL.Sparisco!

GAB.Ombra,ritorna fra le ombre

BEL.Sono confuso.....

GAB.Vattene via!

BEL.Me ne vado ma tornerò(sprofonda)

GAB.Non resistono le ombre di fronte alla Luce!(vola)

MAR(svegliandosi)Non andar via da me,visione beata!

GIU(scuotendosi)Vattene via da me,sogno funesto!Maria mia.......

MAR.Mio sposo.......

GIU.Ora che siamo abbastanza riposati,riprendiamo il nostro cammino chè questa mi pare la strada di Betlemme

MAR.Farò quello che ti piace...ma cammino nel dubbio

GIU.Il cielo ci guiderà(si avviano)                                                                                                                                 

CAMBIO DI SCENA

(bosco-a destra,un grande albero)

Scena VI-Armenzio,Cidonio e Benino

Ar.Ao’,questo è troppo,Cidonio,e Benino non si può sopportare!Mi lasciate solo a custodire gli animali e,non curandovi delle mie richieste,uno va a caccia e l’altro si mette a giocare!

Cid.Padre,una forza irresistibile mi spinge ad usare le armi e ad affrontare le belve.

Ar.Per divertirti uno o due giorni puoi pure cacciare;ma andarci sempre e lasciare l’ovile in abbandono,questo,figlio mio,non te lo perdono.....

Ben.Ma come,tutti i vecchi sono fastidiosi?Ai giorni vostri, quante ne avete combinate?E ora che la vecchiaia vi imbianca i capelli e vi fa tremare le gambe,siete diventato così duro,severo ed aspro?

Ar.E’ vero,sono stato giovane come voi,ma non mi sono lasciato tanto trasportare...I giovani,ai miei tempi,avevano più giudizio.

Cid.Le solite canzoni.........

Ar.Io voglio che le cose vadano a modo mio........Cidonio........

Cid.Padre

Ar.Niente più caccia!........Benino........

Ben.Padre

Ar.Lascia il gioco!E ognuno si dedichi a qualcosa di utile.....

Cid. e Ben.Ma........

Ar.Ho deciso così.Sono padre e voglio essere ubbidito!

Cid.Lasciate che vada a caccia solo per oggi.....ho già ammazzato un cinghiale e cercherò di ucciderne un altro.......vi prometto che,quando ci sarò riuscito,ubbidirò ai vostri ordini!

Ben.Sono impegnato.......

Arm.Ah,e con chi?

Ben.A fare dei salti con certi ragazzi;lasciate che vada........e poi vedrete come vi ubbidisco.......

Ar.E poi vedrai come ti punisco.Che pazienza che ho......solo per oggi.......ti concedo di andare a caccia........

Ben.E a me?

Ar.A te concedo di giocare........ma se oserete contraddirmi.......

Ben.Sarò puntuale

Cid.Sarò presto a casa

Cid.A caccia,Benino(va via)

Ben.Cidonio,a giocare(va via saltellando)

SCENA VII-Satana,Belfagor ed Uriel(travestiti da briganti),

poi Razzullo

Sat.Compagni,non ci basta uno spirito solo contro Dio...Il cielo manda tutte le sue forze sulla Terra per custodire la coppia  che è tanto odiosa a noi quanto gradita e diletta a Dio....

Bel.Ma,così trasformati,faremo in modo che quel vecchio cadente e quella donna,spaventati ed atterriti,in questi boschi siano inghiottiti dalle acque e divorati dalle belve....

Ur.Questo ci comanda Lucifero e questo dobbiamo fare....Su,fermiamo questo che viene!

Raz.(inseguito dai cani)Passa....passa llà!Ih,comme songo cane sti crapare:va’ e cercale nu tuozz”e pane o na ricotta cu quacche ‘mbruoglie.....niente,nun ‘e ‘mpapuocchie....se fanno cchiù ampresso caccià n’uocchio!

I tre:Fermo là,ladrone!(lo circondano con le lance)

Raz.A me ladrone?Avite sbagliato!I’ tengo solo ‘o core afflitto.

Sat.Certamente tu sei una spia travestita.

Raz.Avite pigliato nu zarro

Tutti:Spia!

Raz.Gnornò,v”o giuro:so’ nu scrivano napulitano

Bel.E come ti trovi qui?

Raz.Vaco attuorno pe’ vede’ ‘o munno

Sat.Ah,quindi sei scrivano?E come vivi?

Raz.Ecco qua:vevo int”o bicchiere

Ur.No

Raz.Dint”a giarra

Bel.Come ti contraddici;amici,legatelo a quella quercia!(i diavoli eseguono)

Raz.Ma pecchè m’attaccate?Che male aggio fatto?

Bel.Sarai slegato ma ad una condizione.....

Raz.E quale?

Bel.Che tu dica la verità!Perchè,se menti,resterai legato qui;dimmi:hai visto, nei dintorni,un vecchio e una donna?

Raz.Gnornò,nun aggio visto a nisciuno

Sat.Ah furfantaccio!Stringete di più quel laccio!(eseguono) Bendategli gli occhi e ognuno di noi,con le frecce,si diverta a colpirlo in fronte,alle gambe.........(i diavoli lo bendano)

Raz.Seh!E po’,comme cammino?

Bel.Allora alla pancia.......

Raz.No no,ca iesce ‘o magna’ ‘a fore........

Ur.Allora alla testa.......

Raz.’Ncapo,gnorsì,accunsento

Ur.Ah,e perchè?

Raz.Pecchè,quanno vaco dint”a cantina pe ffa’ ‘o tuocco a chi pave nu soldo a testa,nun tengo ‘a testa e nun pavo.......

Sat.Basta,ho pensato meglio....

Raz.Me vulite sciogliere?

Sat.No!Resti così legato,andiamo chè se lo mangeranno i lupi e gli avvoltoi(vanno via insieme)

Raz.Neh uè!E ghiammo mo’!Nu poco se pazzea....Uh mamma mia!Chille overamente se ne so’ ghiute....Ah Razzullo,povero e sfurtunato,certo ‘a quacche lucertola sarrai sbranato!(piange comicamente)

SCENA VIII(GIUSEPPE,MARIA E DETTI)

Gius.Abbiamo smarrito la strada e non sappiamo dove andare(nel voltarsi,vede Razzullo)Oh,ma a quel tronco è legato un infelice!

Maria:Aiutiamo il poveretto

Gius.Ma chi avrà fatto questo?

Maria:Chiediamoglielo

Gius.(a Razzullo)Dimmi,chiunque tu sei

Raz.Che dicite?I’ song’uno,no’ sei

Gius.Chi ti ha legato a questo tronco?

Raz.E vuie chi site?

Maria:Poveri viandanti smarriti in questo bosco

Raz.’O cielo ve manna;sciuglite a stu povero nnucente primma ca more ‘e na morte lenta!

Gius.Aspetta che ti tolgo la benda e ti sciolgo dalle funi(esegue)

Raz.Ca puzzate avunna’ sempe comme fa ‘o mare!M’addenocchio e ve ringrazio...........(si inginocchia strofinandosi gli occhi con le mani)

Gius.Ringrazia il Cielo che ci ha portati qui e,facendoci sbagliare strada,con questo mezzo ti ha dato la libertà;ma chi ti ha legato in questo modo?

Raz.Cierti furbe..........(vedendoli)Che veco?Salvateve ampressa,puverielle;chella razza ‘e cane  ca m’hanno attaccato ccà,vanno cercanno a vvuie

Maria:A noi?Certamente ti sbagli;i malfattori non vogliono la povertà,cercano la ricchezza

Raz.Chille ‘e vuie m’hanno spiato e,puverielle a vvuie,si v’hanno dint”e grinfie........nun teneno anema e core,chelli canaglie!

Gius.Poveri noi,che facciamo?Consigliami,Maria,chè io tremo e sono tutto gelato!

Raz.Facite na cosa......Iate pe chesta via pecchè lloro se ne so’ ghiute pe’ chest’auta:chi sa,’o cielo ‘e farrà ceca’ e nun ve vedono;povera guagliuncella,zi’ vicchiariello caro........che ghiate facenno pe’ sti campagne?

Gius.Ci spinge la necessità

Raz.Parente d”a miseria ca nun me lassa maie........E ghiate,ca ‘o cielo v’aiute e,si avite fatto ‘o bbene,bbene truvarrate........

Gius.Accompagnaci!

Maria:Soccorici!(si avviano)

Raz.E i’ vaco!

SCENA IX(RUSCELLIO E RAZZULLO)

Rus.Ah,che abbondanza di pesci!Non ne ho mai presi tanti!Le reti,la barca e le casse sono piene;ed ora che ho tanto pesce,non passa nessuno per aiutarmi

Raz.Chisto se ne preie d”a bona furtuna;sul’io so’ ‘o richiame ‘e tutte ‘e malanne....e uno vene quanno n’aute se ne va....pacienza,Razzu’,’o cielo accussì ce piace!

Rus.Oh,sei ancora qui intorno?E che vai facendo?

Raz.Vaco a caccia ‘e guaie!Songo caduto ‘mmano ‘e mariuole e so’ scappato pe miracolo;e ‘o ppeggio è ca murarraggio affamato;me crire?E’ ghiusto na semmana ca nun aggio magnato.....

Rus.Morire di fame?Giustamente!Non ti volevo dare parte del pesce?

Raz.Gnorsì,ma venette pure chillo ca me tentaie c”a caccia...

Rus.E perchè non cerchi di praticare qualche mestiere?

Raz.’O ffarria si truvasse addò se copia........

Rus.No,la gente semplice non ha questo mestiere,qui nessuno scrive:si guardano le greggi o si coltiva

Raz.’A zappa,fratu mio,me fa veni’ ‘e calle ‘e mmane..........e nun me piace ‘e fa ‘o pastore........

Rus.Vuoi diventare pescatore?Poichè ne ho bisogno,ti terrò come mio compagno;t’insegnerò a pescare,ad innescare l’amo ed a fare trabocchetti e,se sarai capace,presto in questo mestiere riuscirai

Raz.Si è chesto,iammucenne;me so’ fatto piscatore e,si ce piglio gusto e se guadagna........ma po’ quanno se magna?

Rus.Mangiare?Ma questa è l’ultima cosa

Raz.No,nenni’.chesta adda essere ‘a primma cosa

Rus.Lo stesso pesce serve per nutrimento.Con quello che si vende,si comprano il pane ed il vino,poi il più bello,il più buono,subito arrostito sul fuoco,lo consacriamo come vittima al nostro appetito........

Raz.E ghiammo allora

Rus.Dove vai?

Raz.A fa’ ‘o piscatore

Rus.E poi sai vendere il pesce?

Raz.Me ‘mparo a poco a poco

Rus.E credi che sia tanto facile?

Raz.Pecchè,avimm’a fa’ l’arca ‘e Nuè?

Rus.No, ma è sempre bene darti alcune istruzioni.......facciamo,per esempio,che questa sia la cesta........(prende il suo cappello)

Raz.Chisto è ‘o cappiello mio(se lo mette in testa)

Rus.(lo riprende)E noi fingiamo che sia la cesta.......ci metterai dentro delle lucerne.......

Raz.Ca se ponno abbuccà e ‘o cappiello se sporca d’uoglie;vatte’!

Rus.Ma che olio!La lucerna è un pesce.......dunque,le metterai dentro,l’innaffierai di tanto in tanto,con l’acqua,per mantenerle fresche,poi darai la voce,la gente ti ascolterà,le comprerà e noi,con il guadagno,mangeremo;ti va?

Raz.Gnorsì ma,si aggio capito buono,chesta è ‘a cesta,ccà dinto nce mette ‘e lucerne,po’ l’aggia arracqua’.........ma ce vurria nu sicchio........ah,l’aggio truvato(gli toglie il berretto).......chisto è buono

Rus.Ma questo è il mio berretto

Raz.E chisto nun è ‘o cappiello mio?Se finge pe mme e se finge pure pe tte......Doppo ca l’aggio arracquato,dongo ‘a voce.......siente,siente si vaco bbuono.......(imita la voce dei pescivendoli e vanno entrambi nelle quinte)

SCENA X(GIUSEPPE,MARIA E GABRIELE,POI VOCE,POI RAZZULLO E RUSCELLIO)                                                                                                                      

Gius.Questa strada finisce presso questo fiume,non ne vedo un’altra ed è pericoloso ripassare per la via già percorsa;che faremo,Maria?

Maria:Vedi se c’è un ponte che possa servire da passaggio

Gius.No,il fiume è troppo largo e le onde sono troppo rapide e profonde per poterle attraversare

Voce(di dentro):Chiudete tutti i passi!E chi osa passare venga arrestato ed ucciso!

Maria:Mio Dio!

Gab.(in veste di pellegrino):Il cielo vi salvi,devoti passeggeri!

Gius.Dio sia con voi;dite:siamo sicuri?

Gab.E di che avete paura?

Maria:Di là ci sono i ladri

Gius.Qui il fiume.....

Gab.Che ladri,che fiume?Essi non possono opporsi a voi;vi renderò il cammino sicurissimo chè il cielo ha a cuore la vostra salvezza......(chiamando)Ehi pescatori,per cortesia.......

Raz.(di dentro):Chi è là?

Gab.Per carità,portate la barca a questa riva.....

Raz.(c.s.):Mo’ ce ne venimmo;cumpa’,voca......

Rus.Voca chè voco anch’io;il cuore mi dice che vado a salvare qualche infelice....(uscendo con la barca)Eccoci,passeggeri,di che avete bisogno?

Gab.La strada che porta a Betlemme è infestata dai briganti;vi supplichiamo di portarci di là chè il cielo pietoso vi ricompenserà per questa buona azione...........

Rus.Mi dispiace:la barca è troppo angusta.........

Raz.Tu qua’ Austo,Settembre e Ottobre vaie cuntanno?’E vuo’ lassa’ ‘nterra a sti santarielle?Cu sti dduie me sento obbligato:dint”o bosco me dettero ‘a vita,me sciugliettero.........

Rus.E che vuoi fare?

Raz.L’avimm’a ‘mbarca’

Rus.Venite,il cielo ci aiuterà........Suvvia,all’imbarco!

Gius.Ah,navigante misericordioso!(si accingono ad imbarcarsi)

Raz.Guagliunce’,attient’a te ca vaie int”o sciummo........zi vicchiarie’,accort’a vvuie!

Gab.Oggi la bontà divina cammina sulle acque!

Rus.Tu fai forza di là.....

Raz.Sì,ma tu voca forte.......

Rus.Ti ho detto di remare con vigore......

Raz.Mo’ te faccio vede’ che so’ capace ‘e fa’.......

GabAndiamo nel nome di Dio!

Tutti:Che ci conceda un buon viaggio!(vanno via con la barca,poi ritornano Ruscellio e Razzullo)

SCENA XI(URIEL,POI RUSCELLIO E RAZZULLO,POI BELFAGOR E SATANA,INFINE GABRIELE)

Ur.(correndo agitato verso la riva):No,non arriverete all’altra sponda,lo giuro!I vostri sforzi saranno inutili........a nulla vi servirà la protezione del vostro Dio;annegherete in queste acque che io renderò terribili e minacciose;a me,venti di tempesta,sollevate le onde,travolgete....distruggete!(le onde si infuriano,in cielo lampi e tuoni)E voi,fulmini,colpite,incenerite,siate gli strumenti della mia vendetta!(in un momento ritorna il sereno e si sente una dolce musica) Che?un’aria dolce li guida e li conduce sicuri alla meta...(con rabbia)E chi osa sottrarli alla mia rabbia?(guardando con ansia l’opposta riva)Ah,arrivano......toccano la sponda........sono a terra....salvi...salvi!(con un grido disperato)Ah,dolore.......vergogna!(breve pausa e poi esclama con dolore) Ah vili naviganti,che insperata salvezza avete offerto al mio nemico e avete osato sfidare il terrore,l’ira e l’odio  dell’inferno!Un orrido flagello si scateni sulla Terra e distrugga il genere umano schiavo di Dio e muoia l’odiata coppia nemica dell’inferno!(il fiume si agita)

Raz.(di dentro):Ah mannaggia,e che burrasca!Accorto,cumpa’!

Rus.(di dentro):Siamo in grande pericolo,amico fa’ attenzione.....

Ur.Che la barca affondi!E l’acqua sarà la loro tomba!

Rus. e Raz.(fuori,lottando con le onde):Aiuto!

Ur.Io vi offro,come vittime,al re dell’inferno!(capovolge la barca e i due spariscono fra le onde)Presto cadrete nell’oscurità del mio orribile regno,anime dannate!

Gab.(di dentro):No,essi vivranno felici;guardate!(si vedranno Ruscellio e Razzullo salvi,Gabriele in trionfo,i diavoli che cadono atterriti;poi,cala il sipario)

SECONDO ATTO

(bosco,a destra l’ingresso di una grotta-scena I-Razzullo e Ruscellio,poi Cidonio)

Raz.(disteso al suolo):Ah,bene mio!Aggio jettato l’uocchie!Me sento ancora squaquaracchia’ ‘e ranocchie ‘ncuorpo....Dint”o sciummo,me vevetto tutte cose int”a nu surzo;ma ‘o cumpagno mio è ghiuto sotto,’o vedette ‘e fa’ na brutta caduta.....

Rus.Stelle,vi ringrazio di avermi salvato dal pericolo;sono a terra,eppure non ci credo;è un fatto stupendo,grazie al Cielo!

Raz.(nel voltarsi,vede Ruscellio e retrocede spaventato):Uh mamma mia!E chi è chisto?Pare ‘o fantasma d”o piscatore muorto.....ma si è muorto,comme è sbarcato n’auta vota a stu munno?Certo,l’ha purtato Caronte c”a varca.....

Rus.Mi dispiace che quel forestiero vi rimase naufrago.........(vede Razzullo)Ahimè,e chi è questo?E’ il fantasma del forestiero oppure è proprio lui?

Raz.Uh,bene mio!E’ isso.......è isso!Embè,si nun so’ muorto dint’all’acqua,stu fantasma niro niro me farrà murì ‘e paura!

Rus.Forse anche lui si è salvato?(accostandosi)Napoletano?

Raz.(fuggendo impaurito):Luntano ‘a me,ombra ‘e l’inferno!Nun voglio ca ‘ncuorp’a mme te schiaffasse e add”o diavule me purtasse........

Rus.Ma tu sei vivo?

Raz.Gnornò,so’ muorto!

Rus.Ah!Dunque sei un’anima vagante?

Raz.E tu nu spireto furfante!

Rus.Ma io sono vivo,puoi toccarmi

Raz.(toccandolo):Uh,overo!E pur’io so’ vivo

Rus.Ma come ti sei salvato?

Raz.E tu comme si’ scampato?

Rus.Il fiume ti ha ingoiato?

Raz.Tu iste abbascio?

Rus.Come sei arrivato alla riva?

Raz.Comm’asciste ‘a chella sventura?

Rus.Io,per me,non lo so

Raz.E io manco ‘o ssaccio

Rus.Sia lodato il cielo per lo scampato pericolo....Andiamo adesso a recuperare gli attrezzi

Raz.Chi?Addò?Nun voglio cchiù vedè chillu sciummo maledetto si pure me desse oro e argiento

Rus.Se non vuoi venire,mi troverò un altro compagno

Raz.Truovatinne pure n’ati diece ca me faie piacere

Rus.Rimani?

Raz.Rimane,ogge e sempe!

Rus.Allora addio(va via)

Raz.Va’ va’ ca nun me cuoglie e nun me ‘nganne cchiù....Neh,invece ‘e pisca’ pisce,jammo ‘ncuorpo ‘e pisce!

Cid.(di dentro):Stroncherò le vostre forze,ladroni crudeli!

Raz.N’atu guaio!(cerca di nascondersi)

Cid.(fuori):Sono spariti i briganti,per cui ritorno ai piaceri della caccia...(si accorge di Razzullo)Ma chi è costui?Forse qualcuno dei briganti.....Fermo là,traditore!(sta per lanciare una freccia)

Raz.Uè,oh!Statte cuieto cu stu coso!

Cid.(riconoscendolo):Ah,se non sbaglio tu sei quel Napoletano?

Raz.Gnorsì,so’  proprio io chillu pover’ommo che sto passanno nu cuofene ‘e guaie;me facette piscatore pe magna’ e,quaraquacchiete,iette int”o sciummo e,pecchè d”o pericolo song’asciuto,’e nun fa’ chell’arte aggio fatto vuto.......

Cid.E come farai per vivere?

Raz.E chi ‘o sape?

Cid.Vuoi darti alla caccia?

Raz.Chesta è na cosa assai pericolosa!

Cid.Anzi,è una grande arte.....E’ il mestiere più bello e più nobile di tutti!

Raz.Ma a qua’ caccia iate?D’aucielle?

Cid.La caccia di uccelli è umiliante!Ma inseguire con i cani le lepri,i cervi,i daini,i camosci è uno spasso da signori......

Raz.Ma,fratu mio,comme facimmo cu st’animale accussì gruosse?

Cid.La nostra gloria è appunto trionfare nei boschi contro le belve più agguerrite!

Raz.Venimmo a nuie:comme se fa p”a panza?

Cid.’A panza?E che vuoi dire?

Raz.E comme nun e’ capito?’A panza significa magna’

Cid.(ridendo):E’ una cosa facilissima.....Appena abbiamo ucciso il cinghiale,si divide in parti uguali fra i compagni,il fegato,la testa,la pelle.....

Raz.E allora jammo ca me site padrone!

Cid.E vieni dunque chè ti darò le armi!(vanno via)

SCENA II(SATANA,POI GABRIELE)

Sat.No,no,non rinuncerò alla mia impresa!(vede la grotta e retrocede)Non capisco:questa è una grotta qualunque,eppure mi terrorizza!Ma provvederò anche a questo:esca dall’Inferno il drago più feroce ed orribile!(il drago esce e va nella grotta)Ecco,così nessuno potrà entrarci!Inoltre,farò in modo che nessun albergo dia ospitalità all’odiata coppia,coprirò il mondo di ghiaccio e quei due moriranno......(fa per andar via)

Gab.Ti esalti troppo,superbo!

Sat.(retrocede atterrito):Tu!Il mio acerrimo nemico!E che vuoi?

Gab.Non lo sai?Distruggere le tue insidie!(lo affronta mostrandogli uno scudo su cui c’è la parola”Dio”):Affronta la luce del mio scudo,altrimenti vattene!

Sat.No,fermati,quella luce mi acceca!Me ne andrò ma ti combatterò sempre,lo giuro!(va via inseguito da Gabriele)

SCENA III(RUSCELLIO,POI RAZZULLO,POI BENINO,

QUINDI CIDONIO E SARCHIAPONE)

Raz.(di dentro):Uè uè,ca passa ‘o cacciatore!(esce vestito da cacciatore)Mo’ vedimmo si me faccio na piezz”e macelleria!

Rus.Oh ciao,camerata.......

Raz.(minacciandolo con la lancia):Uè,oh!Che cammarata e cammarata?Parle bbuono si nun vuo’ ca te sguarre:nun vide ca songo armato?

Rus.Ti sei dato alla caccia?

Raz.Gnorsì,embè?

Ben.(richiamando i cani):Licisca!Melampo!Falcone!Fracasso!Senti come abbaiano questi cani verso quella grotta:certo dentro c’è qualche belva;ma dov’è Cidonio?(vede i due)Che vedo?Buongiorno,forestiero

Raz.(al pubblico):’O guaglione d”e pacchere........(a Benino)Schiavo tuio,guaglio’

Ben.Ciao,Ruscellio

Rus.Ciao,caro Benino(si stringono la mano)

Ben.(a Razzullo):Ma cos’è?Sei armato?Ti sei dato alla caccia?

Raz.E nun aggio fatto bbuono?

Ben.Certo,è un esercizio lodevole,che ti può dare la gloria.........altro che fare il ladro nei tribunali........

Raz.Zitto........nun arapi’ ‘a vocca e statte zitto!

Ben.Ma io voglio vederti all’opera!Sappi che i miei cani hanno abbaiato intorno a quella grotta e io credo che vi si nasconda qualche belva.......

Raz.E allora tu va’ llà,vide si è grossa e po’ dimmello,e vide che maciello ca faccio..........

Ben.No,andiamo insieme

Raz.Nun me voglio ‘mpignà   primm”e sape’ ‘e ch’ animale se tratta.......

Rus.Eh via,(prende il bastone di Benino)andiamo,chè voglio avventurarmi armato solo di questo bastone

Raz.E ghiammo,nun faccio cchiù resistenza,pure si resto acciso.......(fa per andare)

Cid.Dove si va?

Sar.(armato e vestito da cacciatore):Belli guagliù,addò jammo?

Ben.Oh fratello mio,sei arrivato proprio in tempo

Cid.Perchè?Che c’è di nuovo?

Ben.Io penso che in quella caverna ci sia una grossa bestia perchè i cani del nostro gregge,appena entrati sono fuggiti spaventati

Cid.Certamente non è un lupo ma un animale molto grande!

Raz.Quacche animale gruosse?Uh,mamma mia!Diceva Catone:scanzammo occasione........

Sar.Ca,sinnò,ce scardano ‘o mellone!

Raz.Ave ragione Sarchiapone

Cid.Anzi,questo è il momento di mostrare il nostro valore.......e tu,Benino,va’,salvati

Ben.Io salvarmi?Voglio combattere anch’io,ora che c’è bisogno

Cid.Eh via,sei matto

Ben.Io non voglio andarmene!

Cid.Ma come combatterai?

Ben.Con le sassate

Cid.Spiritoso!Va’ in un posto sicuro!E tu,Ruscellio,che pensi?

Rus.Voglio condividere il pericolo e l’onore

Raz.(Mannaggia quanno me so’ fatto cacciatore!)

Rus.Coraggio,su

Ben.Forza!

Cid.Io vado con gioia!(entra nella grotta)

Sar.Addò è gghiuto Cidonio?

Rus.E’ andato a lottare con le belve feroci

Sar.Uh,e io me metto appaura!

Raz.I’ sto tremmanno ‘a na semmana.....

Rus.Via,su,non temete,Cidonio è bravo

Ben.Un giorno sarò come lui

Rus.E’ bravo nella caccia,nel lancio del disco,nella lotta.......

Raz.Sulo nuie simmo ddoie marmotte...

Sar.Tu,ma i’ no;i’ so’ nu bbello giuvinotto

Cid.(di dentro):Aiuto,amici,aiuto!

Raz.Sarchiapo’,’e vi’ lloco ‘e primme mazzate.......

Sar.Povere spalluzzelle mie!

Rus(esce,dopo che è accorso nella grotta):Ah,poveri noi!L’animale è un drago!(torna dentro)

Ben.(lanciando sassi):Oh fratello,farò quello che posso!

Raz.Guaglio’,tu cuoglie a nnuie.......

Rus.Coraggio,Cidonio!

Cid.Aiutami,Ruscellio!Devo fuggire.......

Rus.Scappiamo!

Ben.Mettiamoci in salvo!(Cidonio,Ruscellio e Benino,alla vista del drago,fuggono spaventati)

Raz.All’anema d”o capitone!Sarchiapo’,fuje.......

Sar.Nun c”a faccio!’E fforze m’hanno abbandunato.......(quindi,spaventati,fuggono insieme)

SCENA IV(MARIA E GIUSEPPE,QUINDI ARMENZIO,

POI BENINO)

Gius.Maria,vorrei andare un po’ in giro per trovare alloggio,ma non vorrei che tu soffrissi affaticandoti con me

Maria:Ti seguirò per quanto me lo consentono le mie deboli forze....(eseguono)

Arm.Che terribile notte si prepara:il cielo è coperto di nubi,fa paura guardarlo...

Gius.Moglie mia,questo vecchio l’ha mandato il Cielo,lo pregherò di restare a farti compagnia mentre io trovo alloggio...

Maria:Fa’ pure come ti pare,io voglio quello che vuoi tu...

Gius.(avvicinandosi ad Armenzio):Buon vecchio,Dio sia con te!

Arm.E con te.E dove vai con questa donna con un tempo così brutto?

Gius.Per ubbidire agli ordini di Cesare,da Nazareth vado a Betlemme,con mia moglie che aspetta un bambino

Arm.In una notte così fredda?Siete stanchi,vi consiglio di riposare e di dormire

Gius.E’ per questo che ti prego di aver cura della mia sposa finchè io trovi un albergo nei dintorni,ritornerò fra poco

Arm.Va’ pure e lascia che tua moglie si riposi;io la custodirò più dei miei occhi,più della mia vita!

Maria:Marito mio,ritorna presto

Gius.Allontanandomi,lascio con te un pezzo del mio cuore....(va via)

Arm.Siediti,graziosa fanciulla,e perdona la mia curiosità:come ti chiami?

Maria(siede su di una pietra):Mi chiamo Maria

Arm.Porta il nome del mare ed è un mare di virtù

Rus.(ansante):Oh Armenzio!Amico...oh Dio!

Arm.Ruscellio,che hai?

Rus.Tuo figlio......

Arm.Quale?

Rus.Cidonio....

Arm.Cielo!Che è successo?

Rus.Ha combattuto.....

Arm.Continua....

Rus.Con un dragone....

Arm.Ed è rimasto ucciso?

Rus.Dio non voglia!

Arm.E’ rimasto ferito?

Rus.Nemmeno.So che è fuggito....

Arm.Che sollievo!

Rus.E Benino......

Arm.Che gli è capitato?

Rus.Con le pietre.....

Arm.Ma tu mi uccidi!....

Rus.Però si è salvato....

Arm.E chi l’ha aiutato?

Rus.E’ scappato con noi.....ma bisogna salvarsi!

Arm.E perchè?

Rus.Ho paura che il drago venga da questa parte,ho ancora nelle orecchie il suo orrendo sibilo

Arm.E dove saranno i miei figli?

Rus.Io credo alla capanna

Arm.Andiamo anche noi a salvarci là........vieni anche tu,signora

Maria:E mio marito Giuseppe?

Arm.Manderò i miei figli a ritrovarlo,intanto mettiamoci in salvo

(Maria va via con Armenzio)

Rus.(camminando):Questa è la donna che ho salvato con la barca e,per quel poco che ho parlato con lei,sono rimasto ammirato per le sue virtù!...(va via)

CAMBIO DI SCENA(CAMPAGNA CON OSTERIA A DESTRA)

SCENA V(RAZZULLO,POI SARCHIAPONE,POI SATANA) 

Raz.(esce fuggendo):Mamma mia!Ancora fuie!Ah,che serpe arraggiato!E chisto è ‘o gusto d”a caccia?Arme,i’ ve lasse (getta le armi,si scontra con Sarchiapone,entrambi cadono)

Sar.Uh,anema d”o nonno mio,e comm’era brutto...

Raz.E me daie chesta vuttata?

Sar.Pe scappa’...Ah cumpagno mio,nun tengo cchiù sanghe ‘ncuollo!Si nun ero lesto,chillu coso luongo luongo se magnave tutt”e purpacce d”e cosce!

Raz.’E purpacce?Tu pe cosce tiene ddoie mazze...Su,jamme,e fa’ comme aggio fatto i’...

Sar.E ch’e’ fatte?

Raz.Aggio jettato tutte ll’arme pecchè ‘o cacciatore nun è arte pe mme,nuie jammo truvanno...

Sar.’E magna’ senza fa’ niente..(risate)Arme,fuite,nun ve voglio cchiù vede’,e smaledico quanto latte v’aggio dato!(getta le armi)

Raz.Che bella cosa,libbere comm’a dduie aucielle!

Sar.Già,libbere comm’a ddoie farfallette...Però,nun ‘o ssaccio si è p”a paura d”o serpente o p”a fuiarella c’aggio fatto,s’è smoppete na brutta famma...

Raz.Nun di’ chesto ca pur’i’ tengo na piezz’e’ lopa...Ma comme mangiammo nun ‘o saccio...Stammo accussì disperate...Si putesseme fa’ nu ‘mbruoglie...Statte,Sarchiapo’,l’aggio penzate...mo’ jammo cercanno ‘a carità...Nisciune ce cunosce e putimmo facilmente dicere ca simmo dduie mercante cadute in bassa furtuna...

Sar.E ‘a merce chi c”a dà?

Raz.Dicimmo ca ce l’hanno arrubbate...Jammo,meh,da’ na voce e vedimmo ‘e abbusca’ quacche cosa pe pute’ ienchere sti ddoie panze!(Sarchiapone dà la voce dei mendicanti,poi Razzullo dice)Seh!E ca nuie alluccammo,chi ce sente?Sta campagna è tanta sulitaria...Passasse almeno quaccuno!

Sat.(di dentro):Uno!(i due fuggono spaventati)

Raz.Uno?Chi ha ditto”uno”?Si’ stato tu?

Sar.Chi io?E chi ha araputo ‘a vocca?

Raz.(impaurito):Uh mamma mia!E chi è stato?Io “uno”l’aggio ‘ntiso...E,si nun sbaglio,’a voce è venuta ‘a chella parte(vede l’osteria ed esclama con gioia)Che?Che veco?Sarchiapo’,zompe,ride,abballe...

Sar.S’è spusata soreta?

Raz.Ato ca spusalizio!Nuie mo’ magnammo,e magnammo a crepapanza...Liegge llà!

Sar.Chi,io?E quanno maie aggio saputo lèggere e scrivere,io?

Raz.Ah già,m’ero scurdato ch’ire n’animale...Ma i’ no,i’ songo assaie istruito e saccio leggere buono assaie...Arap”e rrecchie...(legge”osteria”,quindi dice)E ancora nun faie capriole?”Osteria”,in lengua toscana,significa taverna!

Sar.Overo dice?Nun te si’ sbagliato?E ghiamm’a mangia’...

Raz.Aspe’,nun te vutta’ ‘e capo!Vulimmo primma spia’ si tene niente?

Sar.Già,haie raggione,po’ essere ca tene sulo ‘o vino,e nuie comme c”o bevimmo a diggiuno?

Raz.E allora va’ e dimande si tene pane...T’arraccumanno:fa’ ‘a mmasciata bbona.

Sar.A me dice chesto?A Napule me chiammavano l’ambasciatore(va a domandare e sbaglia,per cui va a domandare Razzullo)

Raz.N’avisse ‘ngarrata una!(vedendo uscire Satana)Statte,Sarchiapo’,’o vi’ lloco,st’ascenno ‘o padrone...

Sat.(da oste):Diavoli dell’inferno!Voglio combattere con il Cielo;vedremo chi la vince!

Raz.(in disparte a Sarchiapone):Chisto va facenno ‘e cunte sulo sulo e sta pensanno comme adda ‘mpapucchia’ ‘e passeggere...
Sar.A nuie però nun ce ‘mpapocchia...

Sat.Ho preso un’altra forma e ne prenderò anche delle altre finchè raggiungerò il mio scopo...

Raz.Oh bene mio!C’addore ‘e zuffritto,me sent”e muri’...Si aspettasse nu figlio,avesse figliato già...

Sat(vedendo i due):Ehi,che andate facendo?

Raz.Vulammo attuorno a chillu fuculare comm’a ddoie farfalle annammurate...

Sat.Che?Vorreste mangiare?

Raz.Gnorsì!

Sat.E andate...

Raz.Overo dicite?Cumpagno’,iammo...(fa per andare)

Sar.Ih che buono padrone!Adda campa’ cient’anne...(poi,vedendo che Satana fa cenno che vuole essere pagato,dirà)I’ ‘a muri’ ‘e subbeto,mo’ proprio!

Sat.Ma volete o non volete mangiare?

Raz.E quanno c”o ddaie?

Sat.E avete come pagare?

Raz.Gnornò...

Sat:E che volete che vi faccia?

Raz.Si putessimo magna’ senza pava’...

Sar.V”o scuntassemo a nu millesimo all’anno

Sat.Senza soldi non si entra da quella porta...

Raz.E tu dance a magna’ pe l’anema toia...

Sat.L’anima non ce l’ho

Raz.E chesto è overo,nun serve a giurà...Maie ‘e tavernare hanno tenute l’anema...

Sat.Volete servirmi?

Raz.A fa’ che?

Sat.Come camerieri...Avrete cura dei letti,porterete da mangiare;farete i conti con i passeggeri...Vi farò fare solo questo

Raz.E chesto è turnà a fa’ ‘o mariuolo!

Sat.Hai degli scrupoli?...Su,che decidete?Volete fare questo mestiere?Prendete le chiavi e siate miei camerieri...

Raz.Sarchiapo’,che dice?

Sar.Ammuccammece,e chello ca vene,vene...

Raz.E allora,pe nun ce muri’ ‘e famme e si a chesto ce porta ‘o destino,damme ‘e cchiave...(lascia cadere le chiavi che gli hanno scottato le mani)Puozz’essere acciso!’E tenive dint”o ffuoco?

Sar.Eeeh!Nun se fida ‘e mantene’ ddoie chiavetelle!

Raz.Pigliale tu!

Sar.E se capisce ch”e pigl’io...(fa per prenderle ma ritira subito la mano esclamando)Ih,comme vòllene!

Sat.Prendete le chiavi!

Raz.Chelle coceno...

Sat.Prendete le chiavi,vi dico!

Raz.(che ha preso le chiavi):Iammo a magna’...

Sat.Hai troppa fretta!Si mangia quello che avanza ai passeggeri

Raz.Seh!E quann”o capisceno sti ddoie panze?

Sat.Andiamo nel bosco a raccogliere la legna per il camino

Raz.E chi ‘a porta?

Sar.Ce vo’ tanto a capi’!Tu faie ‘a carrettella,’o padrone l’asinello e io ‘o cucchiere

Sat.La devi portare tu

Raz.Mo’ te dongo ‘e cchiave ‘ncopp”o naso!

Sat.Bisogna fare tutto se si vuole vivere

Raz.E di’ ca me vuo’ da’ tutt”e fatiche a me!

Sat.Dopo,faremo la provvista di carne

Raz.E chesta addò ‘a pigliammo?

Sar.Addu nu buono chianchiere

Sat.Quattro giorni fa,i lupi hanno ucciso una giumenta di un pastore,noi la prenderemo e,sistemata bene,la faremo passare per vitella.

Raz.Uh bene mio!Che schifezza,i’ mo’ vommeco!E comme?E’ passeggere s’appresenta pe vitellucia ‘a carna d”a giumenta?

Sat.Ne vedrete di più belle!Andiamo chè vi abituerete a tutto;quando poi sarà tempo,mangerete.(va via,poi ritorna)

Raz.Mannaggia stu tiempo e quanno vene!

Sar.Ce vo’ tanto?Isso se n’è ghiuto,’e chiave ‘e tenimmo nuie,arapimmo ‘a dispenza e facimmece ciuotte ciuotte!

Raz.Di’ ‘a verità:’e avvistato quaccosa?

Sar.Nu gallenare chine ‘e cappune areto a chella sepe;tu va’ dinto e,mentre pripare ‘o pane e nu poco ‘e caso,quatto quatto me n’arrobbe ddoie,’e spennammo,po’ l’arrustimmo e c”e magnammo.

Raz.E bravo Sarchiapone!I’ vaco dinto...sciglie ‘e duie cchiù gruosse e ‘o mio nun ‘o spenna’...

Sar.E pecchè?

Raz.Pecchè m”o magno cu tutt”e penne(entra)

Sar.I’ dico ca tengo famme,ma chillo ‘a tene cchiù ‘e me...E mo’ dammece da fa’....(mentre va,incontra Satana ed entrano insieme)

SCENA VI

(Giuseppe,poi Gabriele,poi Benino)

Gius.Ho cercato in molti alberghi ma è tutto pieno;o forse perchè mi credevano povero,mi hanno negato ospitalità.Non so come passeremo questa notte all’aperto.Mi dispiace per Maria,perchè io lo merito...(nel voltarsi e non vedendo Maria,esclama)Ma dov’è Maria?L’ho lasciata in compagnia del vecchio,e ora dov’è andata?Luce dell’anima mia,chi ti ha rapito?Ah,voglio piangere tanto che il pianto mi distrugga le pupille...(chiamando)Maria?

Gab.(di dentro):Maria!

Gius.Maria?Ah,l’eco pietoso mi ripete il nome di Maria!(scoppia a piangere)

Gab(da pellegrino):Buon vecchio,perchè ti affliggi?

Gius.Ho smarrito il mio tesoro e,se non lo trovo,ne muoio!

Gab.E così presto ti perdi d’animo?Non è lontano il tesoro che hai perduto!

Gius.Come mai parli come se tu sapessi?

Gab.So tutto:quel gentile pastore,a cui l’hai lasciata in custodia,l’ha portata con sè per sottrarla ad un pericolo,ed ecco appunto il figlio.

Ben.(in disparte):Mio padre mi ha detto di aspettare qui un vecchio dall’aspetto venerando...forse sarà arrivato...(vede Giuseppe)Ah!Se non mi sbaglio,eccolo(si avvicina a Giuseppe e domanda)Siete voi lo sposo di quella santa donna che avete affidata a mio padre?

Gius.Sì,figlio mio,sono io

Ben.Venite con me chè egli l’ha portata nella capanna

Gius.Sia benedetto,e sii benedetto tu,figlio mio,che mi hai portato questa notizia e mi hai consolato.(poi a Gabriele)Ed anche voi ringrazio con animo grato e umile,passeggero gentile;ma fatemi capire:come mai sapevate tutto?Vi prego,spiegatemi!

Gab.Oh Giuseppe...Giuseppe!Come mi dimentichi presto!Io sono quello che non ti abbandona mai; non addolorarti più:non puoi essere in pericolo se Dio ti assiste!(sparisce)

Gius.Ora sì capisco,caro,e si schiarisce il mio pensiero confuso:ora che sei sparito,ti riconosco!

Ben(meravigliato):Quel giovane è sparito non so come!

Gius.Figliolo,guidami dov’è tuo padre

Ben.Vi guiderò per la strada più breve,più sicura e fidata(vanno).

SCENA VII(Razzullo,poi Maria e Giuseppe,poi Sarchiapone,poi Satana)

Raz.(da dentro):T’aggio acciso ‘o puorco,’a porca e tutta ‘a purcaria!(fuori vestito da oste)Mo’ vedimmo si riesco a fa’ st’arta nova,e si pure ccà passe quacche periculo,buono faceva ‘a mammana si me sciuglieva ‘o vellicolo!

Gius.Non resta altra speranza che questo riparo che abbiamo di fronte

Mar.Ed ecco davanti alla porta uno dei servi

Gius.Oste cortese...

Raz.(fraintende perchè guarda nell’osteria):Nun tengo manco nu turnese...

Gius.Il cielo vi ripaghi...

Raz.(c.s.)Vulite ‘a paga?(nel voltarsi,li riconosce):Uh,site vuie!’O cielo v’aiute,site ‘e benvenute

Gius.Il tuo cuore è pietoso,lo so,perchè,per ben due volte,sei stato caritatevole...Ora ti preghiamo di darci una stanza,un angolo,per ripararci dal freddo della notte

Raz.Ah,quanto me dispiace ‘e ve dicere ca tengo nu padrone fastidiuso ca nun ve dà manco nu pertuso

Mar.Non daremo fastidio

Raz.Nun se tratta p”o fastidio,ma pe chillu puorcospine ch’è tanto antipatico...

Gius.Se conoscessi almeno una stamberga...un tugurio...un antro...anche una grotta...

Raz.Na grotta?Gnorsì!Ccà vicino ce ne sta una ch’è futa futa;’a nu poco ‘e tiempe,però,ce se vedono ascì draghe e serpiente...E io ne vedette uno ca era chiù brutto d”o demmonio...

Gius.Dio,che tutto può,ci renderà sicuri.Andiamo,Maria,che,in nome del Signore,ho il coraggio di calpestare draghi e serpenti!(si avviano)

Sar.(uscendo vestito da oste):Che bella cosa!Tenimmo ‘a carne ‘e giumenta ca fete ‘a nu miglio luntano...

Raz.Uè,finalmente staie ccà?

Sar.Pecchè,che vuo’?

Raz.M”e stipate niente?

Sar.Nun te si’ saziato ancora?T”e mangiato ‘e purpette?

Raz.Qua’ purpette?Tu m”e chiammato ma i’,pe’ ghi’ ‘e pressa,invece ‘e mettere ‘a mano dint”o tiano,l’aggia mise dint”a caurara e,invece d”e purpette,aggio acchiappato ‘a sciacquatura d”e piatte

Sat.(picchiando Raz. con un bastone mentre Sar. fugge):Traditore nemico!Ti prendo per servirmi e mi tradisci;è questa la ricompensa per averti trattato come un compagno?

Raz.Mannaggia,ma che t’aggio fatto?

Sat.Che m’hai fatto,briccone?La più indegna azione che ci possa essere;voglio romperti le ossa con questo bastone!(lo picchia)

Sar.Uè,oh,e pecchè nun te staie ferme ch”e mane?

Raz.Ah,maledico ‘o mumento ca me so’ miso cu chistu ‘nfame;che t’aggio fatto?Puozz’essere acciso!

Sat.Hai mandato in quella grotta quella coppia di birbanti!

Sar.Mo’ si’ male ‘nfurmato;chille so’ duie sante!

Sat.Menti!

Sar.Meglio ‘a vasenicola

Sat.Non ti ho detto che i mendicanti si devono mandare in malora?

Raz.Ma i’ l’aggio mannate llà pecchè nun ce steva posto dint’all’alberghe...Vulisse ca te se pavasse l’affitto d”a grotta?

Sat.Quel posto si potrebbe affittare perchè è la stalla dei giumenti

Raz.E chi ce vo’ sta’?Ce steveno n’asino e nu voie e nun se n’è avuta cchiù nutizia...

Sat.Vuoi contraddirmi ancora?Vattene da casa mia chè non voglio per servo uno che si oppone ai miei comandi(gli toglie il grembiule)

Sar.Sfratte e sequestre;è venuto l’usciere!

Raz.T’aggio servuto fin’a mo’ e chisto è ‘o ringraziamento ca me daie?Famme mangia’ primme...

Sat.Non dò da mangiare ad un mio nemico

Raz.E tu dammello pe salario

Sat.Non voglio darti nulla!

Raz.Seh seh,”Non voglio darti nulla” ha ditto isso...

Sar.E tu che dice?

Raz.(in disparte,con Sarchiapone):Dico ca chisto è l’ultemo juorno d”a vita soia...(tirando fuori un lungo coltello);si nun me dà a magna’,chisto c”o schiaffo tutto ‘ncuorpo.

Sar.E faie buono;accussì,isso more,tu vaie carcerato e io me piglio ‘a cantina

Raz.Ih che bellu penziero ha fatto st’animale(a Satana)Principa’,sapite,i’ v”o ddico c”o buono...Nun me vuo’ da’ a mangia’?No?E pigliate chesto!(fa per colpirlo ma Satana,con una bastonata sulla mano,gli fa cadere il coltello)

Sar.Overo vaie bello!C”o curtiello ‘nmano,’e fatto sta figura ‘e niente!

Raz.Va buo’,meh,perdunateme e datemmello pe carità!

Sat.Da me vuoi la carità?Ora te la dò(lo bastona)

Raz.Basta mo’!Basta ca m”e rutto n’uosso!

Sat.Questa è la carità che ti posso fare(va via,poi ritorna)

Sar.(fingendo di piangere)Uh uh!Mamma mia bella!

Raz.Puozze scula’!Chillo chiagne mentre i’ sulo aggio abbuscato

Sar.Te faccio cumpagnia...

Raz.Ah già,pirciò te ne si’ fujuto?

Sar.Pe nu poco,ma mo’ scengo pe te leva’ ‘e pacchere ‘a faccia...(viene in scena)Addò staie,carugno’?!(Satana entra in scena e lo bastona;poi escono)

CAMBIO DI SCENA(GROTTA)

SCENA VIII(GIUSEPPE E MARIA,POI URIEL,POI GABRIELE)

Gius.Questa è la grotta;andiamo,Maria,nel nome di Dio!

Uriel(da dentro):L’odiata coppia alla fine è caduta nei lacci infernali...Schiere del demonio,gioite,ora che il nostro ardente desiderio trionfa,e seguitemi!

Maria:Sposo,non senti?Queste strane voci mi fanno tremare:che dobbiamo fare?

Gius.Non temere,Maria,Dio ci salverà dagli inganni e dalla malvagità!(Maria entra)

Uriel(da fuori):Vecchio,fermati!

Gius.Perchè?Che desideri?

Ur.Far arrivare le vostre grida di dolore fino alle nuvole!Tutta la mia collera,in questo istante,piomberà su di voi tremenda!

Gab.La tua è un nulla in confronto a quella che Dio ti scaglierà sulla testa!La virtù,da te sempre combattuta,sarà incoronata di splendore.Guarda!

(Appare Maria incoronata in mezzo agli angeli;e,mentre l’orchestra suona un inno e i diavoli cadono atterriti,cala il sipario.)

ATTO TERZO(BOSCO)

SCENA 1:RAZZULLO-BENINO-ARMENZIO E SARCHIAPONE

RAZ.Ma addo’ aggia i’?Nun trovo pace,vaco comme a nu disperato

BEN.(battendogli sulle spalle)Ue’,simpaticone!

RAZ.Si nun ciunche sti mane,me metto a chiagnere!

BEN.Ma come!Io vengo con te per divertirmi un poco!

RAZ.Allora staie perdenno tiempo

BEN.Ma che t’affligge?

RAZ.Che m’affligge?’A famme

BEN.E mangia

RAZ.Seh!Me vaco a mangia’ l’evera e ‘e streppune;guaglio’,io sto disperato e ccà nun cunosco a nisciune

BEN.Se tu mi guardi le pecore,vado a vedere se mio padre ti vuole ospitare

RAZ.Si faie chesto,si’ troppo bbello;pe’ magna’,facesse tutte cose

ARM.(di dentro)Sarchiapone!

SAR.Signo’

ARM.Sai dove sta Benino?

SAR.Nun ‘o saccio

BEN.Ecco mio padre

RAZ.E allora appiccia ‘o ffuoco,accussì me passa ‘a famme

BEN.Devo domandargli se ti riceve

ARM.(fuori,seguito da Sarchiapone)Ma dove sta Benino?Quel ragazzo mi sparisce sempre!

BEN.(si inginocchia insieme con Razzullo)Papà

RAZ.Padre nostro

SAR.Che sei nei  cieli

BEN.Questo qui che vedi.....tiene intenzione........di custodire le pecore vostre

ARM.Alzati,alzati.Dimmi:a servizio di chi sei stato?

RAZ.Eh!’E tante;fra l’altre,’e uno ca faceva ‘o smargiasso e diceva ca accedeva urze e liune

BEN:E questo è mio fratello

RAZ.(ne ‘ngarrasse una!)Vulevo dicere ca a ffa’ ‘o cacciatore è assai pericoloso

ARM.Non ti preoccupare:ti metterò a guardia degli agnelli;ma mi raccomando,mi devi essere fedele!

RAZ.Nun ve preoccupate:’e mmane ‘e tengo pulite;figurateve:aggio fatto ‘o scrivano

ARM.Vedi,il nostro mestiere.....(a Sarchiapone che scherza con Benino)La volete finire o no?...Ti stavo dicendo che il nostro mestiere è facile a farsi:la mattina si porta il gregge in pianura perchè deve pascolare,poi si porta a bere,la sera si riporta nell’ovile e la notte bisogna stare svegli perchè i lupi potrebbero mangiare qualche agnello

RAZ.E’ ‘na vita ‘nu poco trapazzata:vuie durmite e io aggio sta’ scetato;ma scusate,’o zi’,l’ora d’ ‘o mangia’ quanno vene?

ARM.Ah!Questo non manca mai.Nella dispensa c’è pane e vino,si fanno le ricotte,i caciocavalli....

RAZ.Vuie ‘o dicite ma i’ m’aggio a mettere qualcosa dint’ ‘a panza

ARM.Il cibo non manca mai a chi lavora

BEN.(a Razzullo mentre Armenzio fa scena con Sarchiapone)Pur di farti mangiare a sazietà,ti voglio uccidere un agnello;tutto quello che vuoi,basta che mi fai ridere

RAZ.Tu famme magna’ ca i’ faccio pure ‘o buffone

ARM.(a Sarchiapone)Dunque,è tuo compaesano?

SAR.Sissignore,è ‘nu poco pazzariello

ARM.Lo conosci?

SAR.E comme no?Simmo ‘e uno quartiere

ARM.Bene,bene;e come si chiama?

SAR.Nun ‘o saccio

ARM.Com’è possibile?

SAR.Me l’aggio scurdato

ARM.E allora va’ da lui e fatti dare il suo nome

SAR.(va da Razzullo mentre Benino fa scena con Armenzio)Uè,cumpagno’,’o padrone vo’ a te nu nòmmero

RAZ.E che m’ha pigliato p’ ‘o munaciello?

SAR.E io che ne saccio?Si nun nc’ ‘o vuo’ da’,me ne vaco

RAZ.Aspe’,dincello ca se ioca cinquantasette

SAR.E che è? nu nummero?Ih,che pacienza!(va da Armenzio)Padro’,cinquantavasette ve piace?

ARM.Non so cosa dici;gli hai domandato la sua situazione?

SAR.Nonsignore

ARM.E io questo voglio sapere

SAR.Uè,oh!Nun te ‘nfuca’!Isso nun sape fa’ ‘a masciata e po’ s’ ‘a piglia cu stu povero disgraziate(ritornando da Razzullo)Cumpagno’,abbi bontà,’o viecchio vo’ ‘a situazione

RAZ.(aggiustandogli le dita a corna)Dincello ca ‘o nummero s’ ‘o ioca pe’sicondo e pe’ quinto e si pe chi sa te scuorde facce vede’ sti dete

SAR.(ad Armenzio mostrandogli le dita aggiustate da Razzullo)Padro’,iucateve cheste

ARM.Oh,ma insomma!Vieni qui e ascoltami bene:voglio sapere con quale nome è stato segnato nel certificato di nascita......Mi hai capito?

SAR.E comme no?Nce vo’ tante a capi’ sti ddoie parulelle ca m’ ‘e diciute.....(a Razzullo)Cumpagno’.....

RAZ.N’ ata vota?

SAR. ‘O padrone vo’ sapè chi t’ha cornificato dint’ ‘a crescita

RAZ.Ma che dice?Già,tu si’ stato sempe n’animale;e nun parlà,nun te movere ca te piglio a schiaffe

SAR.(indietreggiando,urta Armenzio)Tu a mme?

ARM.(a Sarchiapone)E perchè mi dai questo spintone?

SAR.Chi ha bussato a stu purtone?

ARM.Che ti ha risposto?

SAR.Chi?

ARM.Lo straniero

SAR.Ha diciuto ca si’ n’animale

ARM.E tu sei un cretino,un idiota,uno stupido!Benino,domanda allo straniero il suo nome

BEN.Straniero,mio padre vuole sapere il tuo nome

RAZ.Me chiammo Razzullo

BEN.Padre,si chiama Razzullo

ARM.(ridendo)Un nome piuttosto curioso...Dunque,Razzullo,Sarchiapone è il mio servo,gli dirò di darti 50 agnelli e una pelliccia

SAR.Adda piglia’ servizio?

ARM.Subito.Intanto io mi ritiro in casa.Vieni,Benino,andiamo

RAZ.Finalmente ce hanno restato sule!Dimm’a mme,ccà se sta bbuono?

SAR.Buono assaie!Se mangia tre vote ‘o iuorno:’a matina,’o miezoiuorno e ‘a sera

RAZ.Che bella cosa....A matina......

SAR.Pecchè iammo ‘e pressa,nun facimmo marenna

RAZ.E nun ‘mporta pecchè ‘o miezoiuorno......

SAR.Pe nun fermà ‘a fatica,manco magnammo

RAZ.Ah!Ma quanno po’ è ‘a sera.....

SAR.Ce iammo a cucca’ diune

RAZ.Statte bbuono(fa per andare)

SAR.Te ne vaie?

RAZ.E me vuo’ fa’ sta’ ccà?E pe fa’ che?Pe sta diuno?

SAR.Qua’ diuno?Io aggio pazziato.Se sta bbuono,Strazzu’,se sta bbuono assaie!Però,Napule nosta è sempe Napule e me pareno mill’anne ‘e ce turnà

RAZ.Tu?Pienze a chi te sente!Ma comme?Comme ce putimme turnà nuie ca stamme tante disperate?

SAR.Si riuscimmo a mettere assieme ‘e denare pe’ viaggià,’e facimmo........tengo nu pruggetto

RAZ.Vuo’ fa’ qualch’altra fessaria?

SAR.No.Aggio fatto cu ‘e mmane meie duie strumente napulitane,ce ‘mparammo a suna’ e,cantanno ‘na canzuncella nosta,iammo attuorno pe sti campagne e,quanno avimmo fatto ‘na bella summetella,ce ne iammo;comme te pare?

RAZ.’A penzata nun c’è male.Ma ‘e strumente?

SAR.’E tengo arreto a ‘sta sepe;mo’ ‘e ppiglio e facimmo nu cuncierto

RAZ.Seh,seh!Ma fa’ ampresso ca ‘o padrone ce aspetta

SAR.Nu minuto e torno(entra e ritorna subito)

RAZ.Si s’avvera ‘sta penzata,cu Napule voglio murì abbracciato

SAR.(con due strumenti napoletani)Io sto ccà

RAZ.E bravo Sarchiapone!

SAR.Ce vulimmo accurdà?

RAZ.E quanno?(suonano e cantano una canzone popolare)

SCENA II(Razzullo,poi Sarchiapone,poi Benino)

Raz.(esce da dentro cantando,vestito da pastore e con un grosso paniere con della roba da mangiare)Che furtuna c’aggio avuto!Ccà addereto,dint’a nu purtuso,nu panaro steva annascuso(lo pone a terra e,nell’aprirlo,dirà)E’ chino ‘e pane,’e vino......

Sar.(nell’uscire e vedendo il paniere,dirà tra sè)Seh!Mo’ te cumbino io ‘o servizio.....(entra e canta una canzone)

Raz.Iusto mo’ aveva veni’ st’animale!(cerca di nascondere il paniere mentre esce Sarchiapone)

Sar.Uè,oh!Iammo,viene cu mmico a cuntà meglio ‘e pucurelle ca ce ne manca una

Raz.(fingendosi commosso)’O saccio,Sarchiapone mio,’o saccio!Ce manca Margarita!Margarì(urla dando l’intonazione della canzone)

Sar.’E perzo a Sarchiapone

Raz.Margarì......

Sar.Tu c’haie colpa tu.Mangiammo tutt’e duie e nun ne parlammo cchiù(prende il paniere)

Raz.Che faie?Chisto è ‘o cadavere d’ ‘a pucurella morta

Sar.Chisto è nu panaro chino ‘e mangià

Raz.E comm’ ‘o ssaie?

Sar.Me ne so’ addunato

Raz.E allora mangiammo tutt’e dduie ma t’arraccumanno:’e sapè mantenè ‘o segreto

Sar.Te giuro ca ,si m’ ‘o spìano,dico ca nun so’ stato io,è stato Strazzullo

Raz.Ah!Neh?E vattenne ca nun te voglio da’ niente

Sar.Sce’,aggio pazziato(mentre siedono per mangiare,esce Benino,fa un segno di minaccia,entra,poi ritorna)

Raz.(mostrando a Sarchiapone un piatto di maccheroni)Cumpagno’,guarde ccà,chiste so’ maccarune

Sar.E jammo jà ca me ne voglio vedè bbene(mangiano e bevono)

Ben.(di dentro)Uè cafone!

Sar.’A voce ‘e Beniamino

Raz.Iusto mo’?Chisto me fa murì,annascunnimmo tutte cose areto a sta sepe

Ben.(fuori)Uè,cafone!

Raz.Stu nomme nun l’ ‘e dà a chi è nato galantommo

Ben.Nessun pastore si è mai offeso di questo

Raz.Cafone,a Napule,è na brutta parola

Ben.Basta con le chiacchiere,non è il caso di scherzare!Mio padre mi manda da te........

Raz.Uh!E pe’ fa’ che?

Ben.Ora te lo dico:sai quei briganti che stanno in questi boschi?

Raz.Chi?Chilli curnute?Purtroppo l’aggio cunusciute

Ben.Bene;questi hanno minacciato mio padre e l’hanno costretto a dargli da mangiare per cui lui,costretto,ha messo,in un paniere,pane,vino e maccheroni

Raz.C’ha miso pure nu poco ‘e furmaggio?

Ben.No,il veleno

Raz.Uh,mamma mia bella!Sarchiapò!

Sar.(credendosi avvelenato,si contorce comicamente)Strazzù!

Raz.Na sola vota avimmo mangiate......

Sar.E murimmo avvelenate

Raz.Ah!Ciorta ‘ngrata!

Sar.E fetente,ca me faie murì accussì bellillo e giovane giovane

Raz.Embè,si nu avess’a murì,te sputasse ‘nfaccia!’O ritratte d’ ‘a vicchiaia e d’ ‘a bruttezza parle ‘e giuventù e bellezza!I’ vaco a murì!

Sar.E pur’io.Statte bbuono,Strazzù,ce vedimmo ‘nParaviso

Raz.Accussì sperammo!(si sdraiano a terra credendosi veramente avvelenati)

SCENA TERZA(Armenzio,Razzullo,Sarchiapone,poi Benino)

Arm.Così presto lo straniero ha dimenticato le regole ed ha abbandonato il gregge

Raz.Ah!Ah!Ah!

Sar.Oh!Oh!Oh!

Arm.(vedendo i due)Che vedo?Sono stesi a terra

Sar.Cercammo ‘e furmiche cà ‘nterra

Arm.(accostandosi a Razzullo)Uè,Razzullo!

Raz.Nun cunosco cchiù a nisciuno:so’ muorto!

Arm.Sei morto e parli con me?

Raz.Forze so’ muorto chiacchiarone

Arm.Alzati e va’

Raz.E tuorne;nu muorto comme vuo’ ca t’arrisponne?

Arm.Ma sei ferito?

Raz.Signorno’,so’avvelenato

Arm.Dai serpenti?

Raz.’A chello magnà avvelenato ca tenive annascuso

Arm.Ah!Allora tu mi hai rubato gli avanzi che erano nel paniere!

Sar.Signorsì,isso s’è arrubbato ‘e velanze d’ ‘o panettiere

Arm.E chi ti ha fatto credere questo?

Raz.Figlieto

Arm.Quanto è furbo il ragazzo!Poichè avete rubato,egli ha detto questo per vendicarsi

Raz.Uh!E io ‘o sapevo!

Arm.Come lo sapevi?

Raz.Pecchè nun me senteva niente ‘ncuorpo!

Arm.(a Sarchiapone)Sarchiapone?

Sar.Chiuso per causa di morte

Arm.Sciocco!Benino ha scherzato ed ha voluto metterti paura

Sar.E m’ha fatto piglià chesta cacarella!Si me capita,ce aggia dà na carucchiella!

Ben.Padre,manca un agnello

Arm.E chi li custodiva?

Ben.Lo straniero

Arm.(a Razzullo)Vieni qui incapace e spiegami come si è perduto l’agnello

Raz.Comme s’è perduto?Pecchè s’è perduto?Quanno s’è perduto?’O sape Sarchiapone

Sar.Puozze sculà!

Arm.(a Sarchiapone)Hai sentito?

Sar.Sissignore

Arm.Manca un agnello

Sar. Se l’hanno arrubbato

Arm.Chi?

Sar.E vuie nun ‘o sapite?

Arm.No

Sar.E manco io

Arm.Ah,disgraziati!Mi prendete in giro!Benissimo,proverete il peso del mio bastone(fa per bastonarli)

SCENA IV(RUSCELLIO,CIDONIO,ARMENZIO,BENINO,RAZZULLO,SARCHIAPONE

Rus.(trattenendo Armenio)Armenzio,trattieni la rabbia

Cid.Trattienila,padre

Ben.Lasciateli ammazzare

Rus.Ma perchè?

Cid.Per quale ragione?

Arm.Mi hanno fatto rubare un agnello

Rus.Un agnello?

Raz.Uno,uno sulamente

Sar.Pe mo’,appriesso chi ‘o sape

Rus.Solo per questa volta vi prego di perdonarli

Raz.Nun ‘o facimmo cchiù

Sar.Maie cchiù,maie cchiù,maie cchiù

Arm.E va bene!Ma come faremo?I lupi,incoraggiati dalla preda,torneranno per fare maggior danno!

Rus.Si farà attenzione

Cid.Faremo una veglia campestre

Raz.Ce mangiammo na bella menesta

Sar.Dint’a ll’evera,tutte ‘nfesta

Arm.E allora, per rimanere svegli,Benino,prendi la bottiglia e fa’ passare il vino

Cid.Razzullo,fa’ sedere il babbo

Raz.Subbito.Sarchiapo’,damme ‘na mano(fanno sedere Armenzio,poi siedono tutti)

SCENA IV(BELFEGOR,detti,poi GABRIELLO)

Bel.Ho visto in cielo una grande luce,un gran segno.E poichè temo che questi possano ammirare i nuovi prodigi,io li farò addormentare con l’oppio

Ben.(con la bottiglia)Padre,eccovi il vino

Bel.Ed eccovi il mio oppio

Arm.Alla salute

Tutti:Alla vostra

Arm.E adesso deve bere.........

Raz.Io

Sar.Signornò,io

Arm.No,prima Cidonio,poi Ruscellio,poi il piccino.........

Sar.Dopp’ ‘o pullicino veve ‘a gallina e nuie nun bevimmo maie

Cid.Brindisi(beve)

Raz.Lecce,Foggia,si cambiaaaaa!

Cid.(porgendo la bottiglia a Ruscellio)Ruscellio,prendi

Rus.Grazie.(beve e porge la bottiglia a Benino)Vuoi bere,Benino?

Ben.E come no?Sarchiapone,salute a te(beve)

Sar.Passe nu guaie!

Ben.(porgendo la bottiglia a Sarchiapone)E adesso,se ne vuoi un goccio,bevi

Sar.Tu e pateto.Strazzù,io bevo

Raz.T’arraccumanno,nun vevere tanto......Uè,oh!Aggio vevere pure io!

Sar.Tiè tiè......vìvete tutte cose(gli porge la bottiglia)

Raz.A saluta mia!(beve)

Arm.Sarchiapone?

Sar.Padrò,che bbuò?

Arm.Che sonno!

Sar.E se capisce.Doppo bbevuto,ce vo’ nu sunnariello

Cid.Sarchiapone?

Sar.Che bbuò?

Cid.Che sopore!

Sar.’E allessa

Rus.Sarchiapone?

Sar.N’ata chiammata?Che è?Che te manca?

Rus.Che pesantezza di testa!

Sar.Che schifezza celesta!

Ben.Sarchiapone?

Sar.Pure tu?

Ben.Che debolezza!

Sar.Che sveltezza?N’ata vota faie cchiù tarde!

Arm.Sarchiapone?

Sar.Tu che bbuò?

Arm.Non posso più resistere

Sar.E menate lloco ‘nterra

Cid.Sarchiapone?

Sar.Uffà!Che bulite?

Cid.Sono fra le braccia di Morfeo

Sar.Aiere è venuto Romeo?

Rus.Sarchiapone?

Sar.E dalle dà!Che bbuò?

Rusc.Vogliono chiudersi le pupille

Sar.S’hanno arrubbato ‘e scupille!

Ben.Sarchiapone?

Sar.Me state tuccanne ‘a nervatura!ch’e’ passato?

Ben.Non posso più stare sveglio

Sar.E ‘o ddice a mme?

Raz.Sarchiapò?

Sar.A te te ciacco.Che bbuò?

Raz.Chiste già dormene tutte quante;e pe’ nun ce addurmì nuie pure,te voglio cuntà nu bello fattariello

Sar.Eh!Me piace ‘a penzata!Dice,dice!

Raz.(addormentandosi pian piano)Ce steva na vota nu monaco devoto ‘o quale iette a’ cella(sbadiglia) iette a’ cella e se magnaie tutt’ ‘e sasiccelle......(s’addormenta)

Sar.Strazzù?Uè?Oh?Uh,mamma mia!Chillo s’è addurmuto pur’isso ch’ ‘e sasiccelle ‘mmocca.So’ restato sulo.Uh!E io me metto appaura d’ ‘e lupine(sbadiglia)Uh!pur’a mme me sta venenno nu sunnariello doce doce.E ch’aggia fa’?Mo’ m’ addormo nu

pucurillo e nun me ne ‘mporta d’ ‘e pucurelle(s’addormenta)

Bel.Hanno chiuso gli occhi.Che vedo?Si spalanca il Cielo e,mentre l’aria risplende,discende una schiera di guerrieri alati.Ah!Meno male che questi li ho fatti addormentare,così non vedono queste meraviglie!

Gab.No,il Cielo li sveglierà.Fuggi,mostro infernale;fuggi,serpente;sprofonda sotto terra!

Bel.Anche nel profondo delle tenebre,sarò nemico della luce!

Gab.E voi,pastori, svegliatevi dal sonno in cui vi immerse il demonio.Svegliatevi!Alzatevi!La Terra è rinnovata.Gioite,uomini!Ecco:spuntano i fiori,splendono le stelle.Ascoltate come il mondo fa eco al suono argentino delle voci del Cielo!(i pastori si svegliano insieme)

Arm.Chi mi ha svegliato?

Cid.Dove sono?

Rus.Quale musica celestiale mi ha svegliato?

Ben.Chi mi ha chiamato?

Raz.Che veco?Già è asciuto fora ‘o sole.Dormo......sto scetato......o sto ‘mbriaco ancora?

Sar.Uh,mamma mia!E quanta pullece ce stanno ccà ‘nterra

Gab.Non è tempo di dormire ora che spunta l’alba celeste.Vi annunzio il bene.Svegliatevi,svegliatevi,pastori!(tutti si inginocchiano insieme)

Arm.Chi sei,grazioso fanciullo?

Gab.Sono uno che è davanti al trono di Dio

Cid.Che mi porta la tua bellezza celestiale?

Gab.Dio ti ha dato la libertà

Rus.Che mi offri,essere unico e raro?

Gab.Luce per aprire e rischiarare i tuoi occhi

Ben.Quale notizia  che ristora l’anima mi dai?

Gab.Inizia per te l’età dell’oro

Raz.E pe mme,gioia mia, nun ce sta allegria?

Gab.Ogni tua miseria è diventata ricchezza

Sar.E pe’ mme nun ce sta niente?

Gab.Tu diventerai santarello

Raz.(a Sarchiapone)’E ‘ntiso?Vaie a Sant’Aniello

Sar.P’avè ‘a zuppa e ‘o salamiello

Gab.Andate,dunque,a Betlemme;là vedrete,in braccio ad una Donna che ha il viso bello come l’aurora,avvolto nelle fasce,un Sole bambino;Questi dà pace al mondo,vi libera dai peccati,apre il Paradiso.E’ nascosto sotto un aspetto mortale il Figlio di Dio.In segno di gioia,gli angeli cantano e io mi svelo a voi(va via volando)

Arm.Figli,amici,avete sentito,andiamo ad inchinarci al Salvatore del mondo!

Cid.Sì,andiamo cantando inni.(tutti vanno verso la grotta cantando”Adeste fideles o altro;arrivati, si inginocchiano davanti al presepe)

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 13 volte nell' ultima settimana
  • 48 volte nell' ultimo mese
  • 913 volte nell' arco di un'anno