La casa vecchia

Stampa questo copione

LA CASA VECCHIA

La Casa vecchia

Commedia in tre atti

Personaggi

Ambrogio Pallone

Carmela, sua figlia

Agapito Fresella, avvocato

Beatrice e Elvira, sue figlie

Felice

Luigi Belfiore

Raffaella

D.a Candida

D. Boroboamo

D. Alessio

Bettina

Gaetano

Peppino

Carluccio

Ciccillo

Salvatore

I Facchino

II Facchino

III Facchino

IV Facchino

Michele, comparsa

Una Guardia Municipale, non parla

Primo atto a Napoli. Secondo atto sul Vomero. Terzo atto a Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Una camera da letto. In fondo a destra alcova, a sinistra balcone, lateralmente a destra due porte comune. A sinistra due porte. Sedie, tavolini, scatole, lampadari, tutto in disordine. Sotto l’alcova si vede un letto non ancora fatto.

SCENA PRIMA

RAFFAELE, CARLUCCIO e FACCHINI.

CARLUCCIO (a due facchini che entrano portando una toletta):Chiano chiano, belli figliù, guardate nterra.

RAFFAELE: V’aggio ditto stateve attiente, volite ire afforza de pressa.

I FACCHINO (che ha messo col compagno la toletta fra l’alcova e il balcone):Non avite appaura, chesto che cos’è, ma vuje pe chi nce avite pigliate, che ve credite che è lo primmo sfratto che facimmo. (Via a destra.)

II FACCHINO: E po’ nuje non potimmo perdere tiempo pecché avimmo che fà.

III FACCHINO ( dalla prima porta a sinistra):Jammo, jammo che s’è fatte tarde.

CARLUCCIO: Attiente pe li grade.

IV FACCHINO (entrando dalla comune con tavolino in testa):Vì pe me, oh, vide addò vaje!

III FACCHINO: Trase, mallarma de mammeta! Vì comme se ne va muscio.

IV FACCHINO: Me ne voglio j muscio, non aggio da dà cunto a te.

III FACCHINO: Puozze passà nu guajo!

IV FACCHINO: Puozze jettà lo sango!

III FACCHINO: Vì che bell’ommo! (Via.)

IV FACCHINO: Ppuh! Pe la faccia toja! (Posa il tavolino e via.)

RAFFAELE: Vì che belli complimenti che s’hanno fatto! Non me fido cchiù de li sentere, tengo la capa comme a nu pallone, mannaggia li sfratte, mannaggia m’hanno fatta la gradiata chiena de munnezza, e po’ l’inquiline co chi se la pigliene? Co me che songo lo guardaporta. Carlù, ma dimme na cosa, D. Felice pecché se ne ha voluto j afforza da ccà, doppo otto anne che nc’è stato... t’assicuro che pe sto fatto so’ tre notte che non dormo... che buò che te dico, nce aveva miso na grande premura tanto io quanto la bonaneme de Luisella moglierema... tu non sai che faceva D. Felice quanno la vedeva no poco malata, traseva dinta a lo casaruoppolo, e se steva li ghiornate sane co nuje, e si n’inquilino me mannava a fa no servizio, isso diceva… va, Rafè, va, faccio io compagnia a Luisella. Che signore! Che core! (Piange.) Io vorria sapé proprio pecché se n’ha voluto j da sta casa che lagnanza po’ tenere, che inconveniente nce steva?

CARLUCCIO: Ecco ccà Rafè, mò te dico io la ragione: Siccome D. Felice fà ammore co na bella figliola che s’addà spusà, pe la vedé cchiù spisso s’ha voluto affittà provvisoriamente doje stanze che stanno proprio dirimpetto a essa.

RAFFAELE: Ah! Perciò, ma io l’aveva ditto, chi sa pe quà motivo forte m’hanno fatto perdere chillo gioia de signore. A li vote me mannave a piglià li sicarie quanno nce li portave, diceva non mporta, io li teneva fumatille tu... Na sera, trasenno dinta a lo palazzo dicette: Rafè, tiene, dallo a sto pezzente, jette pe vedé e chell’era na lira d’argiento... capite, na lira d’argiento a no pezzente! Che bello core! (Piange.)

CARLUCCIO: (Se capisce, chillo sta sempe stunato, l’avette da piglià pe no soldo). Basta Rafè, non nce penzà cchiù mò, e che ne vuò piglià na malatia, quanno tiene tiempo che ghiesce lo vaje a trovà.

RAFFAELE: Oh, chesto è certo... e chi se ne po’ scordà...

CARLUCCIO: Approposito Rafè, chi nce vene de casa ccà? Io non lo conosco?

RAFFAELE: Non lo può conoscere, né tu, né D. Felice, pecché quanno venette a vedé sta casa, vuje stiveve a mangià ncampagna, e me rimanisteve la chiave, è nu materiale, n’appaltatore de fabbrica, no certo Ambrogio Pallone, figurete, l’autriere mentre parlava co mmico fore a lo palazzo, cacciaje la pippa da dinta a la sacca, se l’appicciaje e se mettette a fumà, io me ne trasette dinto a la verità, pecché me metteva scuorno.

CARLUCCIO: La pippa? Mmiezo a la via?

RAFFAELE: Mmiezo a la via.

CARLUCCIO: E chisto addà essere propio nu lazzaro?

RAFFAELE: No lazzarone, Carluccio mio. (Tuona.)

CARLUCCIO: Vì la combinazione mò si vene a chiovere se nfonne tutta la rrobba.

SCENA SECONDA

Bettina, e I facchino.

BETTINA (con ombrello):Trase, trase, bello giò, mannaggia lo sfratto e chi l’ha mmentato!... agge pacienzia posa chiano chiano che chesta è tutta rrobba da rompere.

I FACCHINO: E aiutateme a pusà.

BETTINA: Lo sapite, a buje, datele na mano, scusate.

CARLUCCIO: Niente, per carità. (Aiuta il I Facchino a mettere a terra una cassa piena di bottiglie.)

BETTINA: Va piglie la sporta co la ramma, fà ambressa.

I FACCHINO: Eccome ccà. (Via.)

BETTINA: Ah! Non me ne fido cchiù, non me ne fido cchiù, me sento proprio accisa, e chesto significa fa murì a na povera figliola... addò, so’ pazze, io a la fine de lo mese me ne vaco, e sì, mò da cammarera addeventava femmena de servizio.

CARLUCCIO: (Vì quanto è bona sta figliola!). Voi forse siete la cameriera del nuovo inquilino?

BETTINA: Sissignore, pe disgrazia mia, n’omme che non se capisce né da sazio, né da diuno, non fà auto tutta la jornata che alluccà sempe, me pare n’urzo, siccome è appaltatore de fabbrica, capite, se crede d’avè che fà sempe co fravecature, io pe ve dicere la verità, me ne sarrìa juta doppo lo primmo mese, ma nce sta la figlia, na bona guagliona, la quale s’è tanto affezionata co me, che si me ne jesse, ne pigliarria certo na malatia. E buje, scusate, chi site?

CARLUCCIO: Io sono il cameriere dell’inquilino che se ne va, me chiammo Carluccio.

BETTINA: Bravo! Tanto piacere.

CARLUCCIO: Per carità, piacere è mio...

BETTINA: E me vulisseve fà vedè comme è divisa sta casa?...

CARLUCCIO: Anzi mi faccio un pregio. Questa, vedete, è una camera che sotto a quell’alcova, avete fatto bene de farce mettere no lettino, nuje nce teneveme casce, bauglie, tanta mbroglie. Quella (indica prima quinta a sinistra) è una camera da letto, a mezzogiorno, qua sta la stanza da pranzo e la cucina, nella quale c’è una porta che dà alla scaletta di servizio...

RAFFAELE: E questa qua è la chiave...

BETTINA: No momento, scusate, non mi confondete... vuje chi site?

RAFFAELE: Io sono il portiere.

BETTINA: Non ve mettite mmiezo, aggiate pacienzia, aspettate che ve chiammo io... (A Carluccio.) Dunche?

CARLUCCIO: Questo è un bel balcone, che affaccia alla strada. (Apre il balcone.)

BETTINA: Che bella cosa, se vede tutto Chiaia.

CARLUCCIO: Questo qua poi, è il salotto, guardate. (Prima quinta a dritta.)

BETTINA: Ah, va bene, grazie tante. Allora aggio capito tutte cose llà se cocca la signorina, llà lo patrone, e io m’aggio da fà lo lietto a levatore dinta a la cammera de mangià, non aggio potuto avè mai na stanza sola, che guajo!

CARLUCCIO: Vulite sapè niente cchiù?

BETTINA: Grazie ve ne so’ tanto obbligata.

CARLUCCIO: Ma niente, ve pare. Una cosa non m’avite ditto comme ve chiammate.

BETTINA: Bettina Carosella, a servirvi.

CARLUCCIO: Favorirmi sempre, tenite no cognome simpatico e saporito, ncoppa a la carosella, comme sapite, fà piacere a bevere lo vino, nce azzecca.

BETTINA: Eh, ma non tanto... quacche pare de bicchiere, si no ve mbriacate e bone notte.

CARLUCCIO: Oh, chesto è certo, ma che vulite, co chesta carosella, uno afforza s’addà mbriacà...

RAFFAELE: Carlù, io me ne vaco abbascio, si me vulite me chiammate.

CARLUCCIO: Aspetta Rafè, chillo mò esce lo patrone.

RAFFAELE: Aggio da tenere n’auto ppoco de cannela? E fate i fatti vostri.

CARLUCCIO: Site mmaretata?

BETTINA: Nonsignore, so’ zitella.

CARLUCCIO: Zitella? Bravo! site propio na simpaticona!

BETTINA: È bontà vosta, è bontà vosta.

SCENA TERZA

IFacchino, comparsa, e detti.

I FACCHINO: Ecco ccà la ramma, nuje avimmo fenuto, avimmo da saglì sulo no stipo.

BETTINA: Sta ramma mìettela dinto a la cucina che mò la vaco appennere, e purtate pure sta canesta de butteglie.

I FACCHINO: Va bene. (Esegue. Entra seconda porta a sinistra, poi esce via a destra.)

BETTINA: Diciteme na cosa D. Carlù, dinto a sto palazzo abita no giovinotto, no certo D. Luigi, architetto?

CARLUCCIO: Bruno, co no mustacciello niro?

BETTINA: Perfettamente.

CARLUCCIO: Sissignore, se chiamma Luigi Belfiore, è amico de lo patrone mio, sta a lo terzo piano, tene doje cammere mobigliate, ma me pare che ogge se ne va pur’isso.

BETTINA: Sissignore, chesto lo saccio, va pe na ventina de juorne a Roma da no zio de lo sujo.

CARLUCCIO: Nce facite l’ammore, dicite la verità?

BETTINA: Nonsignore, fà l’ammore co la signorina mia, la quale nce va pazza, nce tene na passione che non ve potite credere, ha ditto che o se sposa a chillo o a nisciuno.

CARLUCCIO: E lu patre lo ssape?

BETTINA: No, non voglia maje lo Cielo, D. Ambrogio non ne sape niente, e sapite si mò nce sta ncoppa?

CARLUCCIO: Ve diciarria na buscia veramente, ma mò non è ora che nce po’ stà, l’aviveve da dicere quacche cosa?

BETTINA: No, l’aveva da fà na mmasciata, sperammo che cchiù tarde se fà vedé. Permetteteme, io vaco dinta a la cucina ad appennere chella ramma, pecché si no mò che vene lo patrone sapite che se fà afferrà...

CARLUCCIO: Me dispiace che non ve pozzo venì a da na mano, pecché aggio che fà.

BETTINA: Grazie tanto, nonsignore. Guardapò... comme te chiamme tu?

RAFFAELE: Raffaele.

BETTINA: Rafè, damme sta chiave de la scala de servizio, chesta è meglio che la tengo io.

RAFFAELE: Favorite. (Le dà la chiave.) Mò che vene lo patrone po’ ve consegno tutte l’auti chiave.

BETTINA: Va bene. Permettete, D. Carlù.

CARLUCCIO: Fate, fate.

RAFFAELE: Carluccio mò se ne fà n’auto surzo. (Bettina via a sinistra.)

CARLUCCIO: Vì che bella guagliona, mannaggia che tengo l’arte soggetta.

RAFFAELE: Carlù, io te ringrazio, m’haje fatto smucculià chisto cannelotto.

CARLUCCIO: Agge pacienzia Rafè, non nce aggio badato.

SCENA QUARTA

Felice, Facchino, e detti.

FELICE (di dentro gridando):Muovete sangue de Bacco, che nce vulimmo stà ccà, e statti attento per le scale, non rompete niente perché me lo faccio pagare. (Entra con una valigia e un involto.) Carlù, che staje facenno ccà, se credi che aggio da fà pure lo facchino.

CARLUCCIO: Nonsignore, eccellenza, dateme ccà, io steva consegnanno l’auto riesto e li facchini. (Gli leva la valigia e l’involto.)

RAFFAELE: Buongiorno eccellenza, signò...

FELICE: Buongiorno, Rafè...

RAFFAELE: Comandate niente?

FELICE: Niente, grazie. (Si fruga nelle tasche.)

CARLUCCIO (che ha dato due candelabri e una cappelliera):Jamme scinne, miette tutte cose ncoppa alla carrettella, e facite priesto, pecché lo tiempo non sta buono. (Facchino via.)

RAFFAELE: D. Felì, mò che ve ne jate, ricordateve sempe de Papele vuosto; quanno ve trovate a passà da ccà, voglio avè lo piacere de ve vasà la mano...

FELICE: (Pover’ommo, chisto me fà propio compassione!... Io non capisco pecché tengo sto coppetiello de cafè dinto a la sacca).

RAFFAELE: Non me poteva mai credere che doppo otto anne, senza avè avuta nisciuna contrarietà da sta casa, la lassaveve accussì ditto nfatto, non nce pozzo penzà, non me pare vero, me pare no suonno. (Piange.)

FELICE: Ma caro Raffaele, tu chesto non l’hai da fà, da iere m’haje fatto chiudere la vocca de lo stommeco, va a fenì che me ne faje ascì muorto da ccà dinto...

RAFFAELE: Vuje che dicite, non voglia maje lo Cielo!

FELICE: Io capisco che no guardaporta se po’ affezionà co n’inquilino, ma tu te l’hai pigliato troppo a duro... (Va trova l’orologio addò l’aggio miso...). Sà che d’è, sto pianto me pare no malaurio.

RAFFAELE: Nonsignore che malaurio, vuje avite da campà cient’anne e co bona salute, avite da j a la casa nova allegramente, e v’avite da fà cchiù chiatto de chello che site... A la casa nova avite da piglià na quaterna de sissantamila piezze, accussì state cchiù allegro, vuje, e chella bella figliola che v’avite da spusà. (Mentre ride gli viene da piangere.)

FELICE: Grazie, grazie caro Rafele. Io da ccà non me ne sarrìa juto, ma nc’è stata na ragione forte.

RAFFAELE: Lo saccio, lo saccio... e facite buono, facite buono.

CARLUCCIO (che ha aperto l’involto di Felice e ne ha preso un macinello da caffè):Che nce sta ccà dinto? (Sente il rumore interno.)

FELICE: Carlù che staje facenno?

CARLUCCIO: Eccellenza, sento no remmore dinto a sto maceniello.

FELICE: E che nce sta dinto? Cafè senza mmacenà.

CARLUCCIO (tira fuori dal macinello un orologio d’oro con la catena): Lo relogio vuosto.

FELICE: Ah, l’orologio mio, sicuro... (Lo prende.) perciò non lo trovava... sbattenno lo maceniello haje fatto rompere lo cristallo.

CARLUCCIO: E io sapeva chesto eccellenza, ma comme se trovava ccà dinto?

FELICE: Miezo all’ammuina de lo sfratto, m’aggio mise lo ccafè dinta a la sacca, e l’orologiò dinto a lo maceniello.

CARLUCCIO: Oh, chesta è bella!

FELICE: Assolutamente aggio da vedé da che dipendono questa distrazioni, perché è un affare serio, l’autriere steva piglianno na compromissione terribile. Me jette a fà na partita a lo bigliardo co n’amico mio, siccome vincette vinte lire, che saccio me stunaje talmente, quanno fuje doppo me mettete doje palle dinta a la sacca e me ne jette. (I due ridono.) Quando me veco arrivà da lo bigliardiere: Ched’è neh? D. Felì scusate, avite voluto fà na pazzia, dateme li doje palle. Quà palle? Li palle de lo bigliardo che v’avite miso dinta a la sacca? E che m’haje pigliato pe no mariuolo! No, D. Felì, vuje v’avite pigliate li palle meje, v’hanno visto, e facimmo poche chiacchiere. Vaco pe fà co la mano accussì, e me trovo li doje palle dinta a la sacca. Vi potete immaginare che scuorno! Le cercaje scuse, le facette mille giuramenti ch’era stata na distrazione, e non nce volette poco pe lo fà capace.

RAFFAELE: Ma guardate la combinazione.

FELICE: Basta, Carlù, ccà nce sta cchiù rrobba nosta?

CARLUCCIO: Niente cchiù signorì, solamente st’aute poche mbroglie.

FELICE: Chillo lettino è lo nuosto?

CARLUCCIO: Nonsignore, è dell’inquilino nuovo.

FELICE: Ah, già... chella toletta manco è la nosta?

CARLUCCIO: Nonsignore. (Mò non se ricorda manco li mobele sujo). (Prende valigie, involti e scatole.) Io scengo sta rrobba abbascio, e po’ me ne vaco a la casa nova pe ricevere tutto lo riesto. Vulite niente?

FELICE: Niente, va.

CARLUCCIO: Rafè statte buono, nce vedimmo.

RAFFAELE: Statte buono Carlù. (Carluccio via.)

FELICE: Rafè, tu m’haje da fà no piacere, chiunche me va trovanne, qualunque lettera vene, me li faje capità a questo indirizzo. (Scrive su un pezzetto di carta.) Strada Costantinopoli N. 73, 3° piano. Tiene.

RAFFAELE: Va bene, non dubitate. Ve raccomanno però de non ve scordà mai de Papele vuosto. Papele v’ha voluto bene, Papele v’ha stimato, Papele v’ha rispettato...

FELICE: Vì che guajo che aggio passato co Papele. (Tuona.)

SCENA QUINTA

Luigi, e detti.

LUIGI (esce correndo):Mannaggia all’arma de la mamma, io mò non me pozzo levà chella seccante da tuorno!...

FELICE: Guè, Luì, ch’è stato, che t’è succieso?

LUIGI: Niente, niente. (Apre il balcone e guarda.) Non la veco cchiù, se ne sarrà ghiuta finalmente. Rafè, famme lo piacere, vattenne abbascio, e si vene na figliola vestuta chiaro co no cappiello rosa che me va trovanno, dì che non nce stongo, che so’ partito.

RAFFAELE: Va bene.

LUIGI: E si t’addimanne de Felice, dì che manco nce sta...

RAFFAELE: Sarete servito. Signurì non ve scordate de me. (A Felice.) Signurì me vulite dà la seconda chiave de la porta de li grade.

FELICE: Va bene, mò che scengo te la dongo.

RAFFAELE: Permettete — avito ditto — vestuta chiaro?...

LUIGI: E cappello rosa.

RAFFAELE: Va bene. (Via.)

LUIGI: Ma Felì, dimme na cosa, tu già te ne vaje da ccà?

FELICE: E comme, non lo ssaje?

LUIGI: Sacce che sfrattave a Maggio, ogge stamme a li diece d’Aprile.

FELICE: Sì, pecché addò vaco steva sfittato, ed è stata na fortuna pe me, così tengo il tempo di mobigliare la casa alla sposa con gusto ed eleganza.

LUIGI: E bravo! Li denare l’haje avuto da lo patre?

FELICE: Stanno ccà. (Indica la tasca sul petto.) Stammatina me l’ha consignate, quindici mila lire, pe fà la casa e lo corredo, n’auti quindici mila lire po’, l’aggio quanno se firma lo contratto.

LUIGI: E bravo, me fà veramente piacere. Basta Felì, tu hai da sapé che io a li 10 e 40 parto per Roma, vaco a trovà chillo Zio mio che sta malato, e nello stesso tempo voglio vedé si me pozzo fà dà quacche cosa de denaro, starraggio na ventina de juorne, no mese al massimo, sto tiempo m’abbasta pe me luvà na gran seccatura da tuorno. Tu comme amico affezionato che me sì stato sempe, m’haje da fà duje piacire, uno piccerillo e n’auto gruosso.

FELICE: Padronissimo — se si tratta de denare — sentimmo primmo lo piccerillo.

LUIGI: Ecco ccà, cheste so’ ciente lire, che dimane li darraje a D.a Rosa, ncoppe, la patrona de casa mia. So’ li doje mesate che ghieve attrasse, e che saccio io che m’ha fatto passà, e ti farai firmare questa ricevuta.

FELICE: Va bene. (Prende le cento lire e la ricevuta.)

LUIGI: Grazie tanto.

FELICE: Sentimmo lo piacere gruosso mò.

LUIGI: Cheste so’ diece lettere de na figliola, na vedova, che non me ne pozzo liberà de nisciuna manera. Dinta a sta busta nce sta l’indirizzo sujo — tu nce l’hai da portà, ammentanno na cosa qualunque pe non la fà penzà cchiù a me — che saccio, che so’ partito per l’America, che me so’ perzo pe mmare, che so’ muorto, insomma haje da trovà tu na disgrazia.

FELICE: Va bene, aggio capito tutte cose, sarai servito a dovere. (Mette il pacchetto delle lettere nella tasca del pantalone.)

LUIGI: No, no, non li mettere lloco, io saccio la capa toja, può essere che te scuorde, li piglie pe carte inservibili, e stateve bene, miettele a n’auta parte.

FELICE: Ecco ccà, mò li metto dinto a lo portafoglio addò stanne li denare, li ciente lire e li lettere. Va bene?

LUIGI: Bravo! grazie tante.

FELICE: Dimane matina vaco primme ncoppe a pagà li mesate, e po’ vaco a trovà questa signora seccante. Volete niente cchiù?...

LUIGI: Grazie, quanto sei buono. (Stretta di mano. Entra il I facchino con due facchini comparse che portano un grosso armadio.)

SCENA SESTA

I facchino, e detti.

FELICE: Che cos’è neh, nce sta cchiù rrobba?

I FACCHINO: Eccellenza, solamente sto stipo e po’ nce ne jammo, mò venene pure l’inquilini.

FELICE: Va bene, posate lloco e ghiatevenne.

I FACCHINO: All’arma de mammeta vì quanto pesa! Bona sera eccellenza. (Lo mettono fra l’alcova ed il balcone e viano.)

FELICE: Ma dimme na cosa Luì, chi è sta signora vedova, e pecché te la vuò levà da tuorno?

LUIGI: Ecco ccà Feliciè, in poche parole te dico tutte cose. (L’armadio si apre e compare Elvira che si mette in osservazione.) L’anno passato io jette a fà i bagni a Castiellammare, e na matina mentre steva ncoppa a lo stabilimento, sento tanta strille a mmare: aiuto, soccorso.., era sta vedova che non sapenno natà, era asciuta no poco fora, e se steva affocanno... tutte se volevano menà, ma nisciuno se moveva. Allora, dinto a no momento, me levo la giacchetta, lo gilè, e me votto a mmare.

FELICE: Bravo!

LUIGI: L’arrivo, l’afferro pe sotto a li braccia e la salvo.

FELICE: Benissimo!

LUIGI: Eh, benissimo... mannaggia all’arma soja... non l’avesse fatto mai, da chillo juorno chesta s’innamora di me talmente e talmente che non me dèva no minuto de pace, aveva da mangià co essa, aveva d’ascì cu essa, non me poteva movere no momento. Io la secondava, perché capirai llà steva sulo, senza n’amico, senza nisciuno, tu manco nce vuliste venì, figurati che seccatura! Perciò faceva tutto chello che vuleva essa, venuto a Napoli io accomminciaje allascà no poco, chella invece se nfucaje cchiù assai, e vò assolutamente che io me la sposo...

FELICE: Ma comm’è, comm’è?

LUIGI: Non nc’è male, è simpatica, ma è na vedova, uno non sulo fà la bestialità de se nzurà, ma quanto se piglia pure na vedova, non è possibile. (Elvira dall’armadio digrigna i denti.)

FELICE: Oh, questo è certo.

LUIGI: Po’ na femmena curiosa, na pazza! Figurati no juorno pe me sorprendere ncoppa a na trattoria se vestette da pezzente.

FELICE: Tu che dice?

LUIGI: Eh, che dico, quella è capace di tutto, ma ch’aggio da fà, amico mio, a me non me po’ trasì ncape, io voglio troppo bene a Carmela mia!

FELICE: Aspetta, e chi è sta Carmela mò?

LUIGI: E na guagliona troppo simpatica, è nu zuccariello, la conoscette no mese fà a na festa da ballo, ma che voce, che maniera, che grazia, lo juorno appriesso appuraje addò steva, chi era, e sotto a lo colpo le mannaje na lettera, essa acconsentì, e t’assicuro che so’ asciuto pazzo, penso sempe a essa. Felì, ma si tu la vide so’ certo che me dai ragione, è stato a lo collegio sette anne, e che educazione, che modi, non pare maje figlia a chillo patre.

FELICE: Pecché, lo patre chi è?

LUIGI: Lo patre è na persona bassa, no certo Ambrogio Pallone, è un appaltatore di fabbriche, ma sta buono però... e la combinazione sa chi è? proprio chillo che vene ad abità sta casa.

FELICE: Possibile!

LUIGI: Possibilissimo! Ed è stata la figlia che nce l’ha fatto affittà, pe stà dinto a lo stesso palazzo mio, ma capirai, io me n’aggio avuto da scappà, pecché si no la vedova me scombinava tutte cose.

FELICE: E se capisce.

SCENA SETTIMA

Elvira, e detti poi Agapito.

ELVIRA (uscendo dall’armadio):Signori, vi saluto.

LUIGI: (Che! Essa!).

FELICE: (La sora de la sposa mia!).

ELVIRA: Bravo, bravo il signor D. Luigi Belfiore. Avete parlato finalmente chiaro, e avete aperta tutta l’anima vostra...

LUIGI: (L’anema de mammeta!).

FELICE: (E chesta comme steva dinto a lo stipo?).

ELVIRA: Siccome a Castiellammare, vuje stiveve sulo e ve seccaveve, truvasteve sta scema, sta femmena curiosa, sta povera pazza, e dicisteve: che bella occasione pe me spassà no poco, per avere qualche distrazione e bravo! Po’ a Napole cercasteve d’allascà, e la combinazione io me nfucaje cchiù assaje.

LUIGI: (Ha ntiso parola pe parola tutte cosa!).

ELVIRA (ridendo):Ah! Ah! Ah! Vì che bell’uommene che stanno ncoppa a la terra... Mò vi siete innamorato della bella Carmela, e cercate tutti i mezzi di levarvi questo guajo da torno... ma cride tu! Cride tu che te lieve stu guajo, ma io no, io non so’ femmena d’essere trattata accussì, so’ pazza? E farraggio cose da pazza, addò vaje tu, vengh’io... lo guardaporta non m’ha voluto à sagli, pecché aveva avuto l’ordene da te, e che fà... io aggio dato diece lire a li facchine, e me so’ fatta saglì dinto a chillo stipo... e assicuratevi D. Luì, che da oggi in poi, sarò la vostra persecuzione!

LUIGI: Oh, ma alle corte, io non vi posso sposare, io non tengo beni di fortuna, io sono nu misero architetto!...

ELVIRA: Me l’aviva dicere primme...

LUIGI: Te lo dico mò, è lo stesso.

ELVIRA: No, non è lo stesso affatto!... e poi siete un misero architetto? Non fà niente, io mi contento.

FELICE: Embè, quanno chella se contenta...

LUIGI: Statte zitto Felì.

ELVIRA: Assicurete pure, che Carmela ccà te rimmane! (Indica la gola.)

AGAPITO (di dentro gridando):Ma come, mio genero sta ancora qua?

ELVIRA: Che sento! Papà!

FELICE: (Mio suocero!).

LUIGI: (Pure lo patre!).

ELVIRA: Assolutamente non me voglio fà vedé... (A Felice.) Mannatennillo priesto. D. Luigi, nce vedimmo!... (Prende il cappello ed il bastone di Luigi ed entra nell’armadio.)

LUIGI: S’ha pigliato lo cappello e lo bastone, non mporta, mò l’acconcio io. (Chiude l’annadio a chiave.)

FELICE: Voi vedete che pasticcio!... (Alla porta.) Favorite, papà, favorite.

AGAPITO: Grazie, grazie, io me so’ trovato a passà da ccà, e so’ venuto a vedé a che state con lo sfratto.

FELICE: M’avete fatto piacere.

AGAPITO: Me ricordo quando era viva mia moglie, st’ammoina la faceveme ogni anno, perché ogni anno voleva sfrattare...

FELICE: Vì che piacere!

AGAPITO: Chi è sto signore, presentatemi.

FELICE: Il signor Luigi Belfiore, amico mio scorporato, valente architetto. Il signor Agapito Fresella, mio prossimo suocero.

AGAPITO: Avvocato.

LUIGI: Tanto piacere.

AGAPITO: Fortunatissimo. (Strette di mano.)

LUIGI: Se mai avete bisogno di me, disponete pure liberamente, vi servirò senza alcun interesse.

AGAPITO: Grazie, troppo buono. No, io non sono amante di costruzioni, perché tengo per massima che il fabbricare è un dolce ammiserire. Mi ho comprato un casinetto sul Vomero, bello e fatto, e dopo domani vado a prenderne pure possesso.

LUIGI: Bravissimo! (Strette di mano.)

FELICE: E come sta la signorina Beatrice, la mia futura metà.

AGAPITO: Benissimo, grazie, figuratevi, sta tanto ammoinata pe sto matrimonio che non potite credere, lei stessa si sta lavorando il corredo, poi, siccome tre giorni fà licenziai la cameriera che era no poco capa allerta, adesso deve badare anche lei alle faccende dicasa.

FELICE: Oh, poveretta!.., e l’altra vostra figlia che fà? Sta bene?

AGAPITO: Ah, Elvira, la vedova? Lasciateme sta, quella sta sempre nervosa, sempre eccitata, dopo la perdita del marito che mori tre anni fà, e essa fu obbligata a ritornare in casa mia, non la conosco più, è diventata di un carattere impossibile, tutto la secca, s’irrita per una cosa da niente... ma con me però ha da sta co duje piede dinto a na scarpa, deve camminare dritta. Stamattina per esempio, per andare a pranzo dalla Commara, ha dovuto prima chiedere permesso a me e poi c’è andata.

FELICE: Bravissimo! Fate bene... e mò dalla commara sta?

AGAPITO: Sissignore, siccome quella tiene il giardino con diverse razze di uccelli, così si divertono fra di loro.

FELICE: Ho capito, ho capito.

AGAPITO: Basta, voi siete pronto, ve ne calate?

FELICE: Sissignore, e che nce faccio cchiù.

AGAPITO: Vedite si nce sta cchiù niente... v’avisseve da scurdà quacche cosa.

FELICE: Nonsignore, questa è tutta roba del nuovo inquilino. (Va guardando.)

LUIGI: (Io mò comme faccio senza cappello, appena scengo me l’aggio d’accattà).

SCENA OTTAVA

Bettina, e detti.

BETTINA: Uh, signurì, vuje state ccà?

LUIGI: Sì, e Carmela che t’ha ditto?

BETTINA: Ha ditto che le dispiace assai che partite, ma vò che tornate priesto, e stasera ve volarria vedé no momento.

LUIGI: E io pure le vollarria vasà no poco la manella, ma comme se fà?

BETTINA: Vuje a che ora partite?

LUIGI: A li diece e quaranta.

BETTINA: Embè, sentite, quanno s’è fatto notte, facite lo solito fisco, e si lo patrone s’è cuccato, io da la fenesta ve faccio no signale e vuje saglite pe la scala de servizio, la salutate e ve ne jate.

LUIGI: Ah! Brava, brava chella Bettina mia!... Io po’ te faccio no bello regalo.

FELICE: Chi è neh?

BETTINA: Io sono la cameriera del nuovo inquilino.

FELICE: Bravo! (A Luigi.) Ma sei proprio no micco sà!

AGAPITO: Sentite D. Felì, a lo pentone de lo vico s’è aperta una birreria, dice che tene no bicchiere de vino de Chiante che è na bellezza, mò che scennimmo lo ghiammo ad assaggià, vedimmo ched’è.

FELICE: Lo ssoleto, quanno sentite vino buono, correte sempre.

AGAPITO: Che volete, è la mia passione.

FELICE: Va bene... jammoncenne. Luì, jamme! (Marcato.)

LUIGI: Sono con voi. (Non te scurdà li ciente lire e li lettere).

FELICE: (Ma chella mò che fà dinto a lo stipo?).

LUIGI: (E che te ne preme a te!).

FELICE: (A me, manco pe la capa!...).

AGAPITO: Addò jate D. Felì, non è chesta la porta.

FELICE: Ah, già...

AGAPITO: Sempre distratto... che brutto vizio.

FELICE: No, ma non è stàto per distrazione, voleva scendere per la scala di servizio... si fà più presto.

AGAPITO: Si fà più presto? Allora scendiamo per la scala di servizio, io non ci attacco idea.

LUIGI: E io nemmeno.

FELICE: Prego...

AGAPITO: Grazie. (Viano a sinistra.)

BETTINA: Che bello piacere de trovà a D. Luigi ccà ncoppe. La signorina m’ha prommiso no regalo, isso pure, mò vedimmo che me danno.

SCENA NONA

Ambrogio, Carmela, e detta poi Elvira.

AMBROGIO (di dentro gridando):Bettina!... Bettina!...

BETTINA: Lo patrone!... Eccome ccà, signò, eccome ccà. (Via poi torna, Elvira batte tre volte le mani dall’interno dell’armadio. Bettina ritornando con valigia e scatoli.) Mamma mia, e comme sta!...

AMBROGIO (con altra valigia, fagotti, ombrelli e bastoni):Me pare che invece de stà ccà ncoppa, me potive aspettà abbascio a lo palazzo. (Carmela lo segue, ha in mano una gabbia con canarino, un ombrellino, e una piccola valigia nell’altra).

BETTINA: Vuje m’avite ditto che avesse acconciata la ramma dinta a la cucina, e che avesse fatto lo lietto vuosto.

AMBROGIO: E tanto ncé voleva p’accuncià sta ramma e pe fà lo lietto mio? Ancora tutto ammoinato, chillo lietto non s’è fatto ancora...

BETTINA: Aggiate pacienzia signò, non ve pigliate collera, mò lo faccio. (Puozza sculà!). (Fa il letto sotto l’alcova.)

AMBROGIO: Lo guardaporta de sto palazzo per esempio non fà pe me, sta dormenno dinta a lo casotto sujo comme a nu puorco, non m’ha visto manco trasì. Accomminciammo buono, a la verità. (Vedendo Carmela al balcone.) Carmè, gué, che faje fore a sto balcone, non vide che sghezzechea, trasetenne.

CARMELA: Voleva vedé la strada.

AMBROGIO: Non sì arrivata ancora già vuò vedé la strada? Pecceré, io sa che t’avviso, non facimmo lo fatto de la casa vecchia che stiveve sempe appese a li feneste, io llà non ve diceva niente, pecché era no vico che nisciuno nce passava. Qua no, qua dovete stare molto ritirate perché è una strada di commercio, e pare brutto a vedé sempe doje cape da fore, nce simme ntise?

CARMELA: Va bene.

BETTINA: Ma scusate, no poco d’aria quacche vota l’avimmo da piglià.

AMBROGIO: De te non me mporta niente... tu quanno vuò piglià aria te ne vaje mmiezo a lo pascone, figliema addà fà chello che dico io!

CARMELA: Non dubitare, papà, io faccio tutto quello che comandi tu.

AMBROGIO: Sì, ma non me fà la bizzochella! (Imitando la voce.) Faccio tutto quello che comandi tu, po’ quanno io esco, fà tutto chello che bò essa. Che te cride che io non saccio che hai perzo li cerevelle co no D. Franfellicco che vediste chella sera a la festa da ballo che dette frateme cugino. Abballaste tutta la serata co isso, facisteve coppia fissa!

CARMELA: Io, quanno mai!

AMBROGIO: Quanno mai? Va bene!... M’hanno ditto che chillo giovene te ronnea attuorno, te manna mmasciate, bada che si me n’addone de quacche cosa, io ti chiudo n’auta vota dinto a lo collegio e non te faccio ascì cchiù. Chisto addà essere no mbrugliunciello o no disperato, pecché si non era tale sarria venuto da me, quanno uno tene bona intenzione co na figliola, la primma cosa va a parlà co lo patre. Io aggio faticato tanto tiempo pe te fà no poco de dote, e tu hai da sentì li consigli miej. Io t’aggia da dà uno de la stessa arte mia.

CARMELA: Bella cosa!...

AMBROGIO: Come s’intende bella cosa? Bellissima cosa! Vint’anne fà io era no semplice masto de cocchiara, pigliave quatte carri a lo juorno, chiano, chiano, co la pacienzia e co l’abilità mò faccio lo partitario, e tutte me rispettano.

BETTINA: Avite capito, signori, papà vò che ve pigliate no fravecatore.

AMBROGIO: Statte zitta tu che te mengo na cosa nfaccia, ntrichete de li fatte tuoje!...

CARMELA: No, papà, io no fravecatore non lo voglio!...

AMBROGIO: Ma che fravecatore e fravecatore, io dico uno comme a me, no partitario, n’appaltatore, un ingegnere di dettaglio, uno di questo genere.

CARMELA: E si non lo trovo accussì non me mmarito?

AMBROGIO E sta pressa chi nce la dà? Tu sì giovene, quando cchiù tarde te marite, meglio è. Basta, de chesto ne parlammo dimane, pensammo mò a chello che s’adda fà. Tu và miette la tavola. (A Bettina.) Carmela se mette llà. (Indica il letto dell’alcova.) E tu doppo cenato te faje lo lietto a levatore dinta a la cammera de mangià.

BETTINA: (E io lo ssapeva...). Va bene. (Via a sinistra seconda quinta.)

AMBROGIO: Mettimmo sta rrobba dinto a sto stipo. (Apre l’armadio, vede Elvira e chiude subito.) (Na femmena! E che significa chesto?). Vattenne dinto tu, lasseme sulo no momento.

CARMELA: Eccome cca. (Via a sinistra.)

AMBROGIO (riaprendo l’armadio):Signorina, che cosa fate voi nel mio stipo?...

ELVIRA: Me ce so’ fatta mettere da li facchine pe venì ccà a trovà no birbante, n’assassino, no mbruglione, che m’ha ingannata, m’ha tradita, e doppo sette mise ha lasciata a me pe se mettere co la figlia vosta.

AMBROGIO: Figliema!

ELVIRA: Sì, poco primma lo diceva ccà, a chisto pizzo, parlanno co l’inquilino viecchio. Se conoscettene a na festa de ballo, e mò se scrivene, se danno appuntamento, fann’ammore, e a buje ve trattano comme a no mamozio!

AMBROGIO: Signorina, badate come parlate!...

ELVIRA: Voi siete un uomo onesto, e non dovete sopportare questa cosa... che figura fate... aprite l’uocchie e state in guardia. Chillo mbruglione è capace de qualunque cosa! Lusinga chella povera piccerella, la inganna, e po’ non se fà trovà cchiù. Voi come padre, dovete sorvegliare e impedire una disgrazia.

AMBROGIO: Si capisce. Ma come si chiama?

ELVIRA: Si chiama Luigi Belfiore. Ricordatelo.

AMBROGIO: Luigi Belfìore? Va bene!

ELVIRA: Chillo è capace de trasì dinto a sta casa pe qualunca parte, pure da la fenesta, si lo ncucciate, reciuliatelo subeto pe li grade, non lo sentite.

AMBROGIO: Lo voglio conzolà io, lo voglio.

ELVIRA: E mò stateve bene. Aprite l’uocchie, sorvegliate, state in guardia! (Via a destra.)

AMBROGIO: Eh, ma io lo ssapevo, non poteva essere altrimenti, quando non si parla coi genitori, mbruoglio c’è sotto! Intanto chella pe venì a trovà lo nnammorato se fà mettere dinta a lo stipo. M’ha miso no brutto pensiero ncapo! La primma cosa chiudimmo la porta. (Chiude la porta a destra e conserva la chiave.) Ma io sapeva tutto, a me m’aveva ditto tutte cose lo caffettiere a lo pontone, ma mai l’aggio potuto ncuccià, mò però saccio lo nomme, Luigi Belfiore... Pure è buono che doppo dimane me ne saglio a lo Casino a lo Vommero, e llà nc’è poco da pazzià. Nce stanno li tre cane de lo colono che si sulo s’azzarde a comparì, ne fanno quatte morze!... S’è fatto notte, appicciammo lo lume. (Accende il lume.) Dinto a sta canestella nce stanno duje pullaste, presutto, casecavallo e pane, la canesta co le butteglie de vino sta dinto, pe mò cenammo e ncé jammo a cuccà dimane se ne parla. Vì che tiempo, mò sà che ncasata d’acqua che vene... (Entra a sinistra col lume portando il canestro, la scena si oscura — pausa si sente riaprire la porta a destra.)

SCENA DECIMA

Felice, poi Carmela.

FELICE (entrando dalla destra):Vì che stommeco che tene chillo suocero mio, s’ha chiavato ncuorpo cchiù de duje litre de vino. Io no litro pure me l’avarraggio fatto... sicuro... pecché m’avota no poco la capa... lasseme chiudere la porta. (Chiude la porta.) Ccà mò sta all’oscuro... aspetta, aggio da tené li fiammifere. (Fruga nelle tasche.) Ecco quà. (Accende un fiammfero.) Nce vularria no lume. (Chiamando.) Carluccio... Carluccio... va trova addò starrà quella bestia... se sarrà ghiuto a cucca... me pare che dinto a lo salotto nce ha da stà no canneliero... gué oh, e che d’è, che me fosse overo mbriacato! e che diavolo!... chello è vino de chianto, nen se po pazzià troppo!... (Entra a sinistra prima quinta.)

CARMELA (dalla sinistra seconda quinta con lume):Non voglio cenà, non tengo appetito... papà vò che io me levo da la capa chillo giovene, ma è impossibile, io penso sempe a isso, ch’aggio da fà... Bettina m’ha ditto che stasera primme che parte lo veco, le voglio dicere che si me vò bene veramente, se presentasse a papà e me cercasse pe mogliera, chesta è la primma cosa, lo riesto po’ me lo veco io. (Caccia un ritratto.) Quant’è bello, quant’è simpatico!... Non te ne incarricà Luigino mio, io a te voglio bene, e a te m’aggio da spusà, nisciuno me farrà capace!...

SCENA UNDICESIMA

Felice, e detta.

FELICE (esce ridendo):Io volarria sapé che ne faccio de sta capa mia! Io me so’ ritirato credenneme che steva ancora de casa ccà. Vedete che specie di distrazione... cose proprio de pazze! Sangue de Bacco, ccà ncé stà na figliola... che bel tipo!

CARMELA: Chello che dice papà sarrà buono, ma lo core mio è de chillo giovene, e sulo isso me po’ fà felice! ( Voltandosi vede Felice.) Chi è?... chi siete voi? (Spaventata.)

FELICE: Non vi mettete paura signorina, io sono un galantuomo, incapace di farvi del male, mi trovo qua per una mia solita distrazione...

CARMELA: Vi prego di uscire subito, altrimenti chiamo papa...

FELICE: E perché volete chiamare papà, che c’entra papà, voi siete tanto graziosa, tanto gentile.., siete bella e nòn potete avere un cattivo cuore... perdonate la mia insolenza.., io credevo che questa casa...

CARMELA: Non vi avvicinate, papà... (Chiamando.)

FELICE: Quanto siete crudele! Non chiamate papà, ecco qua, me ne vado.., ma prima però fatemi baciare quella bella manina...

CARMELA: Signore, ma per chi mi prendete voi?...

FELICE: Per una bella ragazza, per un angelo...

CARMELA: Signore, uscite, vi dico...

FELICE: Eccomi qua... Fate male a trattarmi così però, perché quando lo volete sapere, io sono amico stretto del vostro caro Luigi, ed ero venuto qua per farvi un’imbasciata sua importante, ma una volta che voi me ne cacciate, io me ne vado e non ne parliamo più. (p.a.)

CARMELA: Aspettate... comme, Luigi v’ha mannato ccà?

FELICE: Luigi, sissignore.

CARMELA: E... scusate... che v’ha ditto?

FELICE: Eh... non lo sò... debbo baciare prima quella manina, questo è il mio compenso... dopo tutto, è una cosa da niente, un bacio sulla mano si dà in segno di rispetto...

CARMELA: (Infatti che nce sta de male?). Allora baciate... ma facite priesto però, non perdite tiempo. (Mentre guarda a sinistra stende la mano.)

FELICE: Oh, grazie, grazie... fanciulla adorata! (Bacia forte la mano.)

SCENA DODICESIMA

Ambrogio e detti.

AMBROGIO (di dentro gridando):Carmela, Carmela!...

CARMELA: Papà! (Spaventata.)

FELICE: Oh, sangue de Bacco!...

AMBROGIO (di dentro c.s.):Carmela!...

CARMELA: Jatevenne. (Girano per la scena.)

FELICE: Aspettate, mò me metto ccà fora. (Esce fuori il balcone e chiude le imposte.)

AMBROGIO (fuori):Ched’è neh, stai tu sola?

CARMELA: Sì, papà...

AMBROGIO: M’è parzo de sentì parlà.

CARMELA: Ah, sì, era io che parlava co lo canarino, sai che nce parlo sempe.

AMBROGIO: Neh?... (sospettoso.) E me pare che aggio ntise pure cierti vase?

CARMELA: Cierti vase?... Ah, sì era io che faceva nfaccia a lo canario... (Fa il rumore dei baci.) Tu sai che quanno io parlo co chella bestiella faccio sempe accussì.

AMBROGIO: Ah, già. Dimme na cosa, pecché non hai voluto cenà?

CARMELA: Pecché non tengo appetito, papà, tengo sulo suonno.

AMBROGIO: E allora cocchete, che nce fai tu sola ccà dinto?

CARMELA (Sicuro, me cocco... co chillo fore a lo barcone). Papà... a la verità.., io dinto a sta cammera me metto paura.

AMBROGIO: Paura! e de che?

CARMELA: Sai... na casa nova, che non se canosce, vicino a la porta de li grade... me fà no poco d’impressione. (Si sente piovere. Tuoni.) Pe stanotte famme dormì dinta a la cammera toja.

AMBROGIO: Ma cheste so’ cose de criature, figlia mia... Quanno maje te sì mise paura tu... Vì che acqua che sta facenno.

CARMELA: (Povero giovene, chillo mò se nfonne tutto quanto!).

AMBROGIO: Chesta è na bella stanza... Capisco, fà soltanto no poco d’impressione la porta de li grade... ma è chiusa bona, non c’è pericolo. (Guardando la porta.) Gué, la chiave sta ancora ccà, me credeva che l’aveva levata. (Toglie la chiave e la conserva.) Va buono, non ne parlammo cchiù, tu mò lo saccio, te sì impressionata, e sì capace che faje la nottata chiara chiara. Jammoncenne.

CARMELA: (E chillo comme fà mò, comme se ne va cchiù!). (Via prima quinta a sinistra.)

AMBROGIO: Non saccio si m’inganno, ma la veco no poco distratta... no poco stunata... vedremo.., staremo in guardia. (Via appresso.)

SCENA TREDICESIMA

Felice solo, poi Ambrogio.

FELICE (dal balcone viene in iscena inzuppato d’acqua.) Aggio pigliato chisto sorte de bagno! E comme se combina? Mamma mia e dimane na bronchita chi me la leva! Mannaggia la capa mia, mannaggia! Si non me fosse distratto, e non fosse trasuto ccà, credennome ancora la casa mia, tutto chesto non me succedeva. (Va alla porta.) Scuse! Ccà la chiave non nce sta cchiù! E comme faccio? Aggio passato lo guajo!... Voi vedete la combinazione... Dinto a lo salotto nce sta no cammino.., stesse appicciato... m’asciuttarria no poco. Cielo mio, fammillo trovà appicciato! (Entra prima a sinistra.)

AMBROGIO (in maniche di camicia, ha fra le mani un involto di berretti di notte una grossa pistola):Credo che mò le sarrà passata la paura, mò me cocco io ccà, non fà niente che sta la porta de li grade vicino. Che sciocchezza! M’aggio portata la commarella però. (Mostra la pistola.) Eh, co chesta non se pazzea, chesta fà poche chiacchere, mettimmola sotto a lo cuscino. (Esegue.) A me uno cuscino m’abbasta, chist’auto me lo metto ncoppa a li piede. (Passa un cuscino ai piedi, poi siede su di una sedia, si leva i pantaloni, si mette un berretto e si corica covrendosi, mentre si spoglia dice:) Chella guagliona da che ghiette a la festa de ballo, non conchiude cchiù, l’hanno fatto perdere li cervella!... Chella po’ è piccirella, se capisce, che nce vò, a piglià na passione. Ma io dico a sto tale: tu pecché non te sì presentato a me?... E segno che i tuoi principii non sono retti, e allora pecché me viene a ncuietà la casa mia, va a n’auta parte... gué stasera fà no poco de frischetto. (Si è coricato.)

SCENA QUATTORDICESIMA

Felice, e detto.

FELICE: Niente, sta tutte cose stutato, non aggio trovato manco doje legne pe l’appiccià...

AMBROGIO: (Sangue de Bacco! E chisto chi è?). (Caccia la pistola e la impugna.)

FELICE: Eh, ma io sto nfuso da cuollo me l’aggio da luvà assolutamente si no dimane so’ rovinato. (Starnuta.) Aggio fatto lo guajo! Mò sà che catarro me vene. (Si leva il soprabito e lo mette su di una spalliera di sedia.)

AMBROGIO: (Se spoglia pure).

FELICE (Si leva il gilè, e lo mette su di un’altra sedia):Mamma mia che friddo... la signorina se sarrà cuccata... e bravo.., io po’ dico a essa, tu sai che io steva fore a lo balcone, hai ntiso che ha fatto chell’acqua, vuò venì a vedé che è succieso, si so’ muorto, si so’ vivo. Mò sa che faccio, llà nce stanno duje divane, se me ne metto uno sotto, n’auto ncoppa e io mmiezo. Dimane a primm’ora, sempe la serva se sceta primme, essa arape la porta e me ne fà ascì. Io alla fine po’ non songo no marìuolo... (Entra nel salotto.)

AMBROGIO (scendendo dal letto):Che sento! È stato fore a lo balcone, figliema lo ssapeva, ecco perché steva stunata e se mbrugliava a parlà. Sangue de Bacco! E chi sarrà chisto? Aspetta, fosse chillo tale che nce fà ammore, e che ha ingannata a chell’auta de lo stipo?... Sicuro, isso adda essere... no momento... oh! fortuna! ccà sta lo soprabito sujo, nce ha da stà na carta, quacche cosa che me ne pozzo assicurà. (Con grande precauzione, guardando sempre dove è entrato Felice fruga nella tasca del soprabito, ne caccia il portafogli, delle carte e si mette a leggere:) «Al signor Luigi Belfiore», è isso, sangue de Bacco! L’aggio ncucciato! E chillo de la festa de ballo!... Chesta ched’è. (Legge:) «Ho ricevuto lire Cento dal signor Luigi Belfiore, per due mensili ecc. ecc.». (Apre il portafogli.) Scuse! chiste so’ tutte biglietti da mille lire!... Ma allora chisto addà sta buono, addà sta ricco, addà essere no galantomo, pecché paga l’affitto regolarmente. Chella femmena pe gelosia l’ha voluto discredità! (Di dentro dove è entrato Felice si sente un forte rumore come di garsella rotta.) Va trova che m’ha rutto mò, è capace che torna, sentimmo che dice. (Conserva il portafoglio e tutte le carte e si va a mettere dietro il letto con la testa che sporge fuori.)

SCENA QUINDICESIMA

Felice, e detto.

FELICE: Aggio fatto n’ato guajo! a lo scuro pe tirà lo divano, so’ ntuppato nfaccio a no tavolino che nce steva na garsella ncoppa, è caduta e s’è rotta. Chi mai se poteva credere de passà chesto stasera. Fra le altre cose tengo no friddo dint’all’osse che è n’affare serio, non me pozzo scarfà de nisciuna manera, chello è l’umido che me sto asciuttanno ncuollo, mò sà che freva me vene... mannaggia sta capa, mannaggia, me l’avarria scamazzà!... Basta, cca mò stanno dormenno tutte quante, io mò me cocco dinto chillo lietto, me commoglio buono e cerco de sudà, a primma matina la serva nce pensa. (Siede e si spoglia.)

AMBROGIO: (Che sta facenno mò!).

FELICE (starnuta):Dalle, ncasa la mano! (Vedendo i berretti che ha portato Ambrogio.) Che so’ chiste? Ah so’ barrettine, meno male, chesta mò è stata na fortuna! (Se lo mette.) Me va buono. (Resta in calzonetto e camicia.) Mamma mia, che freddo nervoso! (Si corica con la testa a piedi e si copre.) Si non fosse venuto a chiovere, se chillo non levava la chiave, io mò starria dinto a lo lietto mio, quieto, asciutto e senza paura. (Nel frattempo Ambrogio si corica dal lato opposto e si copre tirando la coverta, Felice la tira a sé di nuovo, pausa. Ambrogio siede nel mezzo del letto, Felice fa lo stesso, si guardano e si salutano cortesemente.)

AMBROGIO: Scusate, signore, volete qualche cosa?

FELICE: (Lo patre! So’ fritto!). Ecco qua, era da molto tempo che vi voleva fare una visita.

AMBROGIO: E me la venite a fà dinto a lo lietto?

FELICE (ridendo forzatamente):Ah,... già...

AMBROGIO: Io credo che la visita la voliveve fà a n’auta persona, e invece avite trovato a me, caro Signor Belfiore...

FELICE: (E pecché me chiamma Belfiore!). (Vedendo cheAmbrogio impugna la pistola.) Ma scusate, e ched’è st’animale... (Salta dal letto.) Chisto è nu sbaglio, mò ve dico comme è ghiuto lo fatto... (Cielo mio, aiutame tu!). Dovete sapere che io...

AMBROGIO: Amico, ccà s’hanno da fà poche chiacchiere. (È sceso dal letto.) Voi vi siete introdotto di sera nella camera di mia figlia, de na povera piccerella innocente, e abusando di questa situazione, poco prima l’avite abbracciata e baciata.

FELICE: Io? Nonsignore!

AMBROGIO: Non lo negate, essa ha trovata la scusa de lo canario, ma eravate voi, signor Belfiore.

FELICE: Ma scusate, voi sapete che io mi chiamo?

AMBROGIO: Luigi Belfiore, architetto.

FELICE: (Chesto è buono pe me, acconsentimmo).

AMBROGIO: Io tengo lo portafoglio vuosto. Se volete riparare a tutto, non nce sta che un mezzo.

FELICE: E qual è?

AMBROGIO: Dovete sposare mia figlia.

FELICE: (Sicuro! E po’ comme faccio co Beatrice?). Caro signore, questo non può essere... perché io...

AMBROGIO: Non po’ essere? Allora siccome voi siete entrato di sera in casa mia, e avete tentato di sedurre mia figlia, io mò ve sparo, e non ne passo manco niente.

FELICE: Aspettate, nonsignore... Va bene, me la sposo... (Dicimmo accussì).

AMBROGIO: Sul vostro onore?

FELICE: Sul mio onore!

AMBROGIO: Qua la mano. (Da la mano.) Restiamo intesi. Voi siete architetto, e questo mi fà immenso piacere, in quindici giorni si farà tutto.

FELICE: Perfettamente, ma scusate, dateme lo portafoglio mò.

AMBROGIO: Ecco qua, queste sono le lettere, un ricevo, e chisto è nu biglietto di ciente lire, chi sa ve serve quacche cosa, lo portafoglio co li mille lire me lo tengh’io.

FELICE: Come! Chille so’ quindici mila franchi.

AMBROGIO: E che vò dicere, ponno essere pure cientemila, io me tengo questo denaro momentaneamente, come un deposito... capirete... caro Belfiore, io che garanzia tengo? Si vuje ve ne jate e non ve facite trovà cchiù, io che ve faccio?... Addò ve vengo a piscà?

FELICE: Ah già, sicuro.

AMBROGIO: E no pegno che tengo... ve fà dispiacere?

FELICE: No... anzi.., ma voi dovete sapere.

AMBROGIO: Sono padre, capite, e debbo prendere tutte le precauzioni. Io vi restituirò questa somma alla vigilia del matrimonio. (Prende il denaro e restituisce il portafoglio.) A voi, chisto non me serve.

FELICE: Ma scusate, faciteme dì na parola...

AMBROGIO: Pss, va buono mò, avimmo parlato assai, ci siamo capiti e basta.

FELICE: (Voi vedete che guajo che aggio passato!).

AMBROGIO: Adesso dopo tante emozioni, capisco che avete bisogno di riposo... vi prego, andatevi a coricare, io m’arrancio dinto a lo salotto.

FELICE: Ma nonsignore... perché...

AMBROGIO: Perché così voglio... mò è tardi, e cattivo tempo, dove andate? La vostra salute mi preme. Coricatevi.

FELICE: Ma io non tengo suonno...

AMBROGIO: Jateve a cuccà! (Forte e mostrando la pistola.)

FELICE: Sissignore, non ve pigliate collera. (Si corica.)

AMBROGIO (lo copre):Bravo! accussì... cercate de sudà, e dormite bene.

FELICE: Grazie tante. (Ambrogio va a chiudere la prima a sinistra e conserva la chiave.)

AMBROGIO (gentile):Felicissima notte. Chesta è la cammera de la piccerella chiudimmo, balcone, lume.

FELICE: Buonanotte! (Ambrogio via a destra portando con sé il lume la scena si oscura.) Io vorria sapé si nce pò essere n’ommo che se po’ trovà a la stessa posizione mia. Senza poté parlà, senza poterme discolpà co na pistola sempe pronta... me sposo la figlia, è na parola... e co Beatrice comme faccio?... llà è tutto fatto, io m’aggio pigliato pure la mmità de la dote... Cielo mio, damme tu no consiglio, aiuteme tu! (Pausa, di dentro si sente un forte fischio.) E ched’è mò sto sisco? Tengo na paura ncuorpo che non se po’ credere, me sta sbattenno mpietto comme a che!... Ah. Quanto pagarria pe me trovà mmiezo a la strada!...

SCENA SEDICESIMA

Bettina, Luigi, e detto.

BETTINA: Aspettate, ca ccà sta all’oscuro, signorì...

LUIGI (accende un fiammfero, Felice si nasconde):Addò sta?

BETTINA: S’è cuccata, sta dormenno, allora, scusate, jatevenne, io me credeva che steva susuta.

LUIGI: Ma io le voglio vasà sulo la mano.

BETTINA: No, no, scusate, non sta, jatevenne.

LUIGI: È giusto, l’amo e la debbo rispettare. Addio Carmela, io parto, ma subito ci rivedremo. Amami, angelo mio! Felicenotte! (Felice caccia il braccio e saluta.) Zucchero, tesoro, anima mia! teh. (Butta dei baci.)

BETTINA: Basta, basta, jatevenne.

LUIGI: Da Roma te porto na bella cosa... Grazie Bonanotte!...

BETTINA: Buon viaggio. (Luigi via a sinistra. Bettina si accosta al letto di Felice.) Va buono, l’aggio fatto venì, site contenta. (Felice afferra la mano di Bettina e la bacia.) Ma no, chesto l’aggia da fà io a buje. (Mentre si baciano le mani contemporaneamente e forte, cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Il palcoscenico sarà diviso in due parti uguali da un muro. Sono due villette. A sinistra quella di Ambrogio, e a destra quella di Agapito. A destra lateralmente due porte e cancello in fondo. A sinistra lateralmente due porte e porta in fondo. Nell’una e nell’altra villetta vi saranno due scale portabili. Alberi, piante e fiori dall’uno e dall’altro lato. Sedili di campagna a sinistra e sedie rustiche a destra. Un tavolino quadrato a sinistra e un altro tondo a destra preparato per una colezione per due. Un rollo di carta di parato al lato sinistro.

SCENA PRIMA

Beatrice e Ciccillo poi Carmela.

BEATRICE (dal lato destro a Ciccillo che spazza la scena):Ciccì, scopa buono, e po’ adacqua tutte li piante.

CICCILLO: Non dubitate, mò che vene D. Felice lo sposo vuosto, lo voglio fà rimmanè ncantato.

BEATRICE: Bravo! E dì a Concettella che spicciasse la colezione e non facesse mancà niente, pecché non vulimmo fà cattive figure.

CICCILLO: Va bene. (Spazza.)

BEATRICE: Me parene mill’anne che sposo, accussì me levo de tuorno chella pazza de sorema, — da che è muorto lo marito non nce se po’ cchiù parlà, sta sempre arraggiata — papà se credeva che portannola ccà, a sta bell’aria, se fosse calmata, ma che, da tre ghiuorne che simme venute, sta cchiù nervosa de primma, è stato peggio! (Coglie dei fiori.)

CARMELA (dal lato sinistro):Io non saccio proprio a che penzà, stongo comme all’asene mmiezo a li suone. Chillo tale che papà pigliaje pe Luigi Belfiore; otto juorne fà a Napole me dicette: signorina, non ve n’incaricate, acconsentite, secondate a tutto, e Luigi sarà vostro marito, ma pecché sta finzione, io non capisco.

SCENA SECONDA

Bettina e detti, poi Felice.

BETTINA (dal fondo della villetta a sinistra):Signori, signori... chillo giovene che s’è finto D. Luigi, sta fore, mò trase, m’ha mannato a me nnanze pe v’avvisa n’auta vota, che acconsentite sempe a tutto chello che succede.

CARMELA: Ma pecché avimmo da fà chesto?

BETTINA: Pecché chella sera che isso venette pe ve parlà de lo nnammurato vuosto lo patrone lo ncucciaje, e credenno che era D. Luigi, se pigliaje quindici mila lire de li ssoje, dicennele che nce li tornava lo juorno primma che se spusave a buje.

CARMELA: Tu che dice?

BETTINA: Già, intanto lo poveriello dice che chelli quindicimila lire so’ de lo patre de chella che veramente s’addà spusà, che le servene pe fà la casa.

CARMELA: Oh! Chesta è bella!

BETTINA: Isso ha ditto che non nce penzate, pecché chesta è stata na bella combinazione pe ve spusà proprio a Luigi Belfiore. Lo vedite ccà sta venenno. Trasite signori, trasite.

FELICE (dal lato sinistro del fondo):Signorina rispettabile.

CARMELA: Sentite, io faccio tutto chello che dicite vuje, ma basta che riesce tutte cose buono?

FELICE: Non ci penzate, lasciate fare a me. Io vi faccio sposare a Luigi.

CARMELA: Ne site certo?

FELICE: Certissimo, papà vostro m’addà pagà chello che m’ha fatto mi debbo togliere una bella pietra dalla scarpa. Jate addò isso e dicitele che so’ arrivato.

BETTINA: Jammo, signurì.

CARMELA: Jammo. ( Viano a sinistra. Beatrice e Ciccillo sono andati via a destra, uno dopo l’altra.)

FELICE: Mannaggia l’arma de la mamma, vì che poco de paura me facette mettere chella notte, non saccio comme non aggio pigliata na malatia. Doppo che io la matina le diceva che non era Luigi Belfiore, chillo sempe m’obbligava a spusà la figlia, pecché m’aveva trovato de sera dinta a la cammera soja e aveva ntiso pure quanno l’aveva baciata, e po’ teneva li quindici mila lire mmano, mi è convenuto di acconsentire a tutto chello che diceva isso. Intanto aggio fatto le doppie pubblicazioni pe Beatrice e pe Carmela, e aggio appuntato i due matrimonii per il giorno tre Maggio. Il giorno due D. Ambrogio, secondo la promessa, me torna li quindici mila lire, io lo juorno appriesso me vaco a spusà a Beatrice e parto per un viaggio di nozze, lo voglio fà restà co tanto no palmo de naso. Chello ch’è bello assai è, che D. Agapito s’è ghiuto ad accattà lo casino proprio a fianco a D. Ambrogio, manco si l’avesse voluto fà apposta, mò aggio da vedé comme aggio da fà pe non fà scommeglià tutte cose, pecché si no perdo li denare, la mugliera, e abbusco pure, ci vuole astuzia, coraggio e faccia tosta. D’altronde mò me trovo e aggio d’abballà. Audaces fortuna juvat!...

SCENA TERZA

Ambrogio, Carmela, Bettina, e detto.

AMBROGIO (di dentro):Dove sta, dove sta?

BETTINA: Eccolo ccà signò.

AMBROGIO (fuori con Carmela):Carissimo Luigi. (Da la mano.)

FELICE: Papà... (A Carmela.) Signorina...

AMBROGIO: Sedie, Sedie. (Battista posa le sedie e via, seggono.) Comme si venuto co la funicolare de Chiaia, o co chella de Montesanto?

FELICE: Con quella di Chiaia, perché sono stato da Caflisc a comprare queste poche cioccolattine per la mia bella Carmela. (Dalla tasca del pantalone tira fuori un cartoccio e lo dà a Carmela.)

CARMELA: Grazie, ma pecché vi siete incomodato?

FELICE: Che incomodo, per carità, è niente per voi, voi meritate altro che questo.

CARMELA: Siete troppo buono.

AMBROGIO: Neh, ma scusate, perché vi parlate col voi, forse pecché nce stongo io nnanze? Ma no, parlatevi col tu, io non ci attacco idea, fra pochi giorni dovete essere marito e moglie, quindi non ci sta niente di male.

FELICE: Volete così, per ubbidirvi. A voi poi papà mi sono preso l’ardire di portarvi questa piccola cosa che terrete come mio ricordo, accetterete il pensiero. (Dalla tasca di petto tira fuori un cartoccio, l’apre e mostra una coppola di velluto granato con righe d’oro.)

AMBROGIO: Oh, ma pecché sta cosa, mi vuoi mortificare... ti ringrazio tanto tanto. (Se la mette.)

FELICE (a Carmela):Ti piace?

CARMELA: Bellissima!

FELICE: Me pare che va no poco stretta... ve la sentite stretta?

AMBROGIO: Così, non tanto.

FELICE: Sangue de Bacco, me dispiace, dateme ccà, chella sarrà la fodera la faccio allargà e dimane ve la porto.

AMBROGIO: Ma no, lasciate stà.

FELICE: Nonsignore, pecché voglio che vi andasse a pennello.

AMBROGIO: Comme vuoi tu?... (Gli restituisce la coppola.) (Che bravo giovine!). Intanto io penso che si non te ncucciavo chella sera a la casa, tu non saresti venuto mai a parlare con me, e questo non stava bene.

FELICE: Ma era appena un mese che nce faceva ammore, certamente non erano passati degli anni.

AMBROGIO: Oh, questo è certo! Intanto la signorina se lo voleva negare, dice che steva parlanno co lo canario, birbantella! (Carmela abbassa la testa.) Del resto, a me me fà piacere che ve vulite bene, e me fà assai piacere pò che sì architetto, io come partitario, appaltatore di fabbriche, quanno tengo no lavoro a chi aggio da chiammà? A te, tu quanno tiene qualche affare a chi hai da chiammà? A me certamente?...

FELICE: E si capisce.

AMBROGIO: Mò, per esempio, sto in causa co no ricco proprietario per causa de no ciuccio d’ingegnere, isso facette la bestialità, e mò vò menà la culata ncuollo a me.

FELICE: E come?

AMBROGIO. Ecco ccà mò te dico io — fujeme chiammate pe fà nu palazziello ai Bagnoli, isso facette lo disegno a lignammo lo suolo, e quanno jetteme a scavà trovammo il tasso.

FELICE: Steva llà sotto?

AMBROGIO: Llà sotto.

FELICE: E che ne facisteve?

AMBROGIO: L’idea mia era de nce fabbricà ncoppa, che più bella accasione, l’ingegnere invece volette scavà, tu avisse scavato?

FELICE: No.

AMBROGIO: E anche che avìsse voluto farlo per maggiore fortezza, quanto avisse scavato?

FELICE: Cinque sei palmi.

AMBROGIO: E si, facive na fossa. — Luì che dice, troppo poco — no tre metri.

FELICE: Al massimo.

AMBROGIO: Chillo invece volette scavà otto metro sotto, chesto portaje na grossa spesa, la preta se sparagnaje... ma la mano d’opera, i tagliamonti, il trasporto, e rrobba che porta nnanze.

FELICE: Se capisce.

AMBROGIO: Neh, chillo se ne vene lo proprietario, e bò sapé da me pecché è venuta tanto cara la muratura, rivolgetevi all’ingegnere... mmesurate.

FELICE: E me pare.

AMBROGIO: L’ingegnere po’ dice che io sotto aveva da fà archi e pilastri, non ave va fà compresi a lamia. Va, dì tu?

FELICE: Uh! Che ciucciaria. Il compreso si fà a lamia, perché quando il compreso è lamiato, lameggia per tutto l’edifizio, non si chiama compreso, quando non comprende la compressione lamiosa, e non sostiene solamente la fondazione metrica o geometrica dei pilastri, ma è parallelata con tutta la superficia atmosferica.

AMBROGIO: (Che bella cosa, che belli parole, e io co st’ommo vicino me faccio na fortuna!). Bravo! Che istruzione, eh, io te pozzo servì come pratica, ma chesto lloco non lo tengo...

FELICE: (E nisciuno lo tene).

AMBROGIO: Basta, vedimmo lo tribunale che dice. Parlammo mò de cose cchiù necessarie. Io aggio affittato no bello quartino pe buje a la strada Mergellina N. 103, bellissimo, ha quatte cammere, saletta, cucina e loggia. Cento lire al mese, me pare ch’è buono?...

FELICE: Sicuro, e po’ a Carmela l’è piaciuto?

CARMELA: Assai, assai.

FELICE: (E a te adda piacè, a me che me ne preme!).

AMBROGIO: S’adda cagnà solamente la carta dinta a lo salotto. Io aggio scegliuta chesta, vedite si ve piace? (Prende un rollo di carta lo spiega e lo ,nostra.)

FELICE: Sicuro, è bella, è allegra.

AMBROGIO: Nce ne vonno trenta rolle. Si la vuò piglià tu ccà sta pure l’indirizzo de lo magazzino.

FELICE: Dateme ccà, nce penso io, trenta rolli?

AMBROGIO: Trenta rolli.

FELICE: Ve bene.

AMBROGIO: Bettì, fà spiccià la colazione, e apparecchia ccà fora... volimmo stà ccà fora?

FELICE: Come volete voi.

CARMELA: Sì, sì, papà, ccà fore.

AMBROGIO: Va Bettì.

BETTINA: Subito. (Entra a sinistra.)

FELICE: Intanto, papà, permettetemi no momento, fra poco ci vedremo,

AMBROGIO: Ma addò vaje?

FELICE: Arrivo fino a ccà, miezo a lo largo e torno.

AMBROGIO: Va bene.

FELICE: Carmela mia, mò ci vediamo.

CARMELA: Non nce fà tanto aspettà.

FELICE: Torno subito. (Via pel fondo.)

AMBROGIO: Che buonissimo giovine, figlia mia, haje fatta la fortuna toja. Istruito, educato, te vò bene... solamente, aiere quanno le dicette che lo casino a fianco a nuje se l’aveva accattato no certo Agapito Fresella,. Avvocato, e che era venuto pure a piglià possesso, che saccio, facette no zumpo, se facette russo, russo e se mbrugliava a parlà.

CARMELA: Forse l’avarrà da conoscere.

AMBROGIO: Lo capisco, ma pecché le fece tanta impressione... io aggio pensato de j a fà na visita a st’avvocato Fresella, dimandare se lo conosce, e avè quacche informazione, e siccome m’aggio da ja piglià na pezzella doce che aggio ordinato a lo speziale, doppo vaco pure llà. (Si mette un cappello che si trova in iscena.)

CARMELA: Ma comme, papà, tu te presiente da st’avvocato senza che lo conusce?

AMBROGIO: E che vò dicere chesto? Simme vicine, anze, co chesta scusa, facimmo pure conoscenza. Apparecchiate tutto. (Via pel fondo.)

CARMELA: Vuje vedite lo diavolo che va a combinà, mò vide che se scommoglie tutte cose! (Via a sinistra prima quinta.)

SCENA QUARTA

Elvira e Ciccillo, poi Felice.

ELVIRA (venendo dalla porta di destra lato destro a Ciccillo che è uscito ad innaffiare.) Ciccì, sta tavola pe chi sta apparicchiata?

CICCILLO: E non lo ssapite? Pe D. Felice, lo sposo de la signorina, che è stato invitato a colezione da lo patrone.

ELVIRA: Ah D. Felice vene a fà colazione ccà stammatina. Benissimo, me fà tanto piacere, l’aggià addimannà cierte cosarelle. Voglio sapé chi fuje che me chiudette dinto a lo stipo, si isso, o chill’assassino de Luigi!...

CICCILLO: (Chesta me pare sempe na cana arraggiata!).

ELVIRA: Io però le combinaje no brutto servizio col padre della sua bella Carmela, a chest’ora l’avarrà pigliato pure a cauce. Mbruglione, svergognato!... Jate a credere all’uommene. Chillo a Castiellammare me pareva no pazzo, diceva che non poteva campà senza de me, e arrivato a Napole le passa tutte cose, e me va fujenno. Vì che birbante! Che piezzo de scellarato!... metterse con’auta femmena... E co tutto chesto, si me venesse a dicere: Elvì, perdoneme, agge pacienzia, io pure lo perdonarria, perché ch’aggio da fà, lo voglio ancora bene...

CARMELA: Signorì, sta venenno lo sposo.

ELVIRA: Ah, bravissimo!

FELICE (lato destro dal fondo con rollo di carta):È permesso?

ELVIRA: Avanti, avanti carissimo signor D. Felice.

FELICE: Papà c’è?...

ELVIRA: Sissignore... ma favorite questo che cos’è, pare comme avisseve paura de trasì.

FELICE: Paura? E perché?

ELVIRA: Accomodatevi, Ciccì, dà una sedia al Signore. (Ciccillo esegue.)

FELICE: Grazie, troppo compita, amo meglio di stare all’impiedi.

ELVIRA: Come vi piace.

FELICE: Che bel sito, che bell’aria...

ELVIRA: Vi piace?

FELICE: Assai!...

ELVIRA: D. Felì, scusate, ditemi na cosa, chi fuje che me chiudette dinto a lo stipo chillo juorno, voi o D. Luigi?

FELICE: Io? E cara signora, io perché vi doveva chiudere dinto a lo stipo, fu lui, fu Luigi, e ve pare...

ELVIRA: Luigi, è vero, Luigi? Bravissimo!... e diciteme na cosa... (Sempre nervosa.)

FELICE: Zitto, papà. (Elvira si scosta da Felice.) Caro papà. (Ad Agapito che esce con Beatrice.)

SCENA QUINTA

Agapito, Beatrice, e detti poi Bettina.

AGAPITO: Carissimo D. Felice… e come! eravate venuto, e nessuno mi diceva niente.

FELICE: Sono arrivato in questo momento... Signorina Beatrice... (Salutando.)

BEATRICE: Buongiorno.

FELICE: VI prego di accettare queste poche cioccolattine che ho preso da Caflisc.

BEATRICE (le prende):Grazie, grazie.

FELICE: A voi, poi papà, vi ho portato questa piccola cosa, che tenete come mio ricordo. (Caccia la stessa coppola della scena precedente.)

AGAPITO: Una coppola! Bravissimo! Mi ha fatto immenso piacere... ma perché questo incomodo...

FELICE: Ma che incomodo è dovere! (La dà, Agapito se la mette in testa.)

BEATRICE: Graziosissima!

FELICE: Me pare che ve và no poco larga... date quà la farò stringere...

AGAPITO: Ma no, sta bene, lasciatela stare, e po’ a me me piace no poco comoda. Vi ringrazio tanto tanto.

FELICE: Ma niente, per carità!...

AGAPITO: Accomodatevi, vi prego, noi ci siamo. (Felice siede.) Ciccillo, portate in tavola.

CICCILLO: Subito. (Via a destra poi torna, Agapito siede a tavola.)

FELICE: E la signora, la signorina, non fanno colazione con noi?...

AGAPITO: No, loro sono solite di pranzare alle tre, io pranzo alle Otto, e poi vado a letto, vera vita di campagna. Beatrice, prepara due belle tazze di caffè. (Elvira via a destra.)

BEATRICE: Subito. (Via a destra.)

AGAPITO: D. Felì provate sto prosciutto, vedete che bella cosa. (Mangia.)

FELICE: Grazie. (Mangia. Dal lato sinistro esce Bettina con mensale e prepara la tavola, poi va e torna con tutto l’occorrente, poi via a sinistra.)

AGAPITO: Che sapore, dite la verità?

FELICE: Magnifico! (Mangia.) (E dire che so’ stato invitato pure da D. Ambrogio). (Ciccillo esce con un fiasco di vino che mette sulla tavola e via, poi torna.)

AGAPITO: Bravissimo! bevete D. Felì, chesto è chello che nce bevetteme chella sera a Napoli.

FELICE: Il Chianti?

AGAPITO: Perfettamente, me ne faccio venì venti fiaschi alla volta, è stupendo!

FELICE: Sì, ma io non nce voglio pazzià troppo, si sapisseve chella sera che passaje pe causa de sto vino.

AGAPITO: Che passasteve?

FELICE: Niente, niente, me stunaje no poco.

AGAPITO: Ma che, questo non è vino che fà male... (Ciccillo esce con un piatto di carne posa e va via poi torna.) Servitevi D. Felì, cotalette alla Milanese, io tengo una donna che cucina molto bene, vedete come sono fritte bene questa patatine.

FELICE: Ah, sicuro.

AGAPITO: D. Felì, scusate, voi avete incominciato a comprare la mobilia, ve ne state occupando?

FELICE: Come, ve pare, ho già fissato il salotto che è bellissimo, il letto è quasi pronto, si sta imbrunendo.

AGAPITO: Non l’avete trovato imbrunito e buono?

FELICE: No, me l’ho dovuto fare imbrunire, perché era matto e non mi piaceva.

AGAPITO: Fino adesso quanto avete speso, la verità?

FELICE: Che vi posso dire, non ho fatto ancora i conti, mi è rimasto qualche piccola cosa.

AGAPITO: Qualche piccola cosa? Voi scherzate, io vi ho dato quindici mila lire D. Felì. Badate di spendere regolarmente, sapete. Ricordatevi la dichiarazione che mi avete firmata. Voi con quindicimila lire, dovete fare la casa corredata di tutto, e dovete pagare un annata anticipata al proprietario.

FELICE: E si capisce, questo cos’è.

AGAPITO: Il giorno poi che si va al Municipio a sposare, io vi debbo consegnare le altre quindicimila lire, abbiamo stabilito così?

FELICE: Perfettamente.

AGAPITO: No, perché se mai non vi sapete regolare a spendere, ritornatemi il denaro e lo faccio io.

FELICE: (Seh, e addò li piglie li denare). Nonsignore, perché io ho dato degli acconti.

AGAPITO: Va bene. (Ciccillo esce con un piatto di pesce, mette sulla tavola e resta in iscena.) Ah, bravo, vedete che belle triglie. Vi piacciono le triglie?

FELICE: Oh, moltissimo. (Va trova quante n’aggio avè de cheste!). (Mangia.)

AGAPITO: Per esempio, la casa l’avete trovata?

FELICE: Sissignore, ho fatto pure l’affitto. Strada Costantinopoli, il numero non me lo ricordo, ma vicino a voi.

AGAPITO: Di rimpetto o di lato?

FELICE: Allato sinistro.

AGAPITO: Allato sinistro? Ma al lato sinistro c’è il vicolo.

FELICE: Di fronte al vicolo.

AGAPITO: Allora fà angolo, oriente e occidente?

FELICE: Oriente a destra occidente a sinistra.

AGAPITO: Del vicolo?

FELICE: No, della strada.

AGAPITO: Non ho capito.

FELICE: (E io manco).

AGAPITO: Basta, domani l’andremo a vedere, quante stanze sono? (Ciccillo guarda in fondo, e come se vedesse qualcuno, va via poi torna.)

FELICE: Quattro stanze, saletta e cucina, bellissima, solamente al salotto si deve cambiare la carta, io ho scelta questa, ce ne vogliono trenta rolli. (La va a prendere sulla sedia.)

SCENA SESTA

Ciccillo e detti poi Ambrogio, indi Elvira.

CICCILLO: Eccellenza, nce sta no signore che ve vò parlà.

AGAPITO: A chest’ora? E chi è? Fallo entrare.

CICCILLO: Subito. (Via poi torna.)

FELICE (spiegando il rollo di carta):Vedete se vi piace.

AGAPITO: Graziosa.

CICCILLO: Favorite.

AMBROGIO (lato destro con pizza dolce avvolta in carta):Grazie tante...

FELICE: (D. Ambrogio!). (Spiega tutto il rollo rapidamente e si copre con lo stesso per non essere veduto.)

AGAPITO: (L’inquilino affianco a me). Favorite, vi prego.

AMBROGIO: Scusate se vengo a disturbarvi, vuje stiveve a tavola. (Osserva il rollo di carta.)

AGAPITO: Ma no, avevamo quasi finito. Ho fatto colezione con mio genero, che vi presento.

AMBROGIO: Tanto piacere.

AGAPITO: Vi piace quella carta?

AMBROGIO: (Sì, ma l’aggio vista a n’auta parte, non mi ricordo addò... basta)... Bravo! Vedo che avete il mio gusto. Dunque io so’ venuto per domandarvi certe cose mi chiamo Ambrogio Pallone.

AGAPITO: Tanto piacere... Ciccì tira indietro sta tavola. (Ciccillo esegue poi via. Felice esce pel fondo non veduto dai due.) Accomodatevi e vi prego covritevi.

AMBROGIO Volete così. (Si ricopre e siede.)

AGAPITO: Date a me quest’involto, perché lo tenete in mano.

AMBROGIO: Grazie, è una pizza dolce che aveva ordinata allo speziale la mettiamo qua. (La mette su di una sedia.) Se mai volete assaggiarla.

AGAPITO: Grazie, troppo buono. Dunque?...

AMBROGIO: Ecco qua, prima di tutto ho saputo che avete comprato questo casino, e siccome io sto a fianco a voi, ho creduto mio dovere farvi una visita. (Osserva la coppola.)

AGAPITO: Fortunatissimo.

AMBROGIO Che ne dicite de st’aria?

AGAPITO: Stupendo! E dove si può trovare migliore, dicono quello che vogliono, ma l’aria del Vomero non si trova a nessuna parte del Mondo! Più si mangia, e più si tiene appetito, io non capisco perché la gente se ne va a Castellammare, alla Torre, a Portici, e lascia questo sito incantevole! ... (Si leva la coppola.)

AMBROGIO: (Chella me pare la coppola che m’ha regalata Luigi).

AGAPITO: Questa era una sola villa grandissima, e dicono che il proprietario non la trovava a vendere a causa del prezzo, allora lui la divise da questo muro e ne fece due.

AMBROGIO: Già, questo lo sò. (Guarda sempre la coppola.)

AGAPITO: Quella che avete comprata voi, è più bella però, ci sono più comodità...

AMBROGIO: Sicuro.

AGAPITO: Scusate perché guardate tanto sta coppola, ve piace?

AMBROGIO: No, la guardo perché rassomiglia molto a na coppola che m’è stata regalata.

AGAPITO: Veramente?

AMBROGIO: Tale e quale.

AGAPITO: Vedete che combinazione, allora non ce la possiamo invidiare. (Esce Elvira, e vedendo Ambrogio si ferma.) Basta, ditemi adesso in che cosa posso servirvi?

AMBROGIO: Voi mi favorite, per carità. Dovete sapere che io sono appaltatore di fabbriche, un amico mio strettissimo si vuole fabbricare un palazzo, ma vorrebbe trovare un architetto onesto, leale e coscienzioso, io sapendo che voi ne conoscete uno chiamato Luigi Belfiore, così sono venuto a prendere qualche informazione sul conto suo, ecco tutto.

AGAPITO: Vedete, caro signore, io, intimamente non lo conosco, pochi giorni fà mi fu presentato da mio genero, il quale mi disse che era un valente architetto, e francamente, mi fece una bella impressione, gentile, educato, simpatico, ma altro non saprei dirvi.

AMBROGIO: Ed io vi ringrazio tanto, questo mi basta. (Si alza e dice ridendo.) Non è vero che debbo fabbricare il palazzo, non è vero che l’amico mio andava trovando un architetto onesto, leale e coscienzioso, sono io, padre affezionato, che ho voluto prendere qualche informazione, perché questo Luigi Belfiore, sposerà l’unica mia figlia.

AGAPITO: Bravissimo!

ELVIRA: (Che sento! Ah! infame!). (Cade svenuta sulla sedia dove sta la pizza.)

AGAPITO: Che cos’è, Elvì, ch’è stato?

AMBROGIO: Ncoppa a la pizza, stateve bene!

AGAPITO: Elvira, Elviruccia mia... (Chiamando.) Ciccillo?... (Ad Ambrogio.) Scusate, sapete...

AMBROGIO: No, niente... mi dispiace assai... e pure la pizza...

SCENA SETTIMA

Ciccillo, e detti poi Felice.

CICCILLO: Comandate.

AGAPITO: Piglia no poco d’aceto. (Ciccillo prende l’aceto dalla tavola, lo dà ad Agapito, il quale ne bagna il fazzoletto e lo fa odorare ad Elvira.) Addora, figlia mia, addore...

AMBROGIO: Ma non vi mettete paura, è cosa da niente. Susitela no poco.

AGAPITO: Perché?

AMBROGIO: Me piglio la pizza.

AGAPITO: (E chillo pensa la pizza...). Elvira... Elvira...

ELVIRA (si alza):Papà. (Con poca voce.)

AMBROGIO (profitta, prende la pizza):Arivederci, non ve spaventate, e cosa de poco momento. (Aggio salvata la pizza!). (Via pel fondo.)

AGAPITO: Figlia mia, piglia no poco d’aria... passiammo no poco fore.

ELVIRA: No, no, lassateme stà ccà.

AGAPITO: Ma te siente meglio?

ELVIRA: Sì, no poco meglio.

AGAPITO: N’auto ppoco d’acito. (Ciccillo gli dà la bottiglia, poi sparecchia la tavola e porta via tutto, Agapito fa odorare altro aceto ad Elvira.)

FELICE (lato sinistro dal fondo):Sangue de Bacco, chi se poteva mai credere che D. Ambrogio jeva a fà visita a mio suocero, non saccio comme me so’ salvato!...

SCENA OTTAVA

Ambrogio e detto, poi Bettina e Carmela.

AMBROGIO (lato sinistro dal fondo con pizza):Guè, Luì, tu stai ccà? Bravo!... tenarraje appetito? E se capisce, so’ io e non ne pozzo cchiù (Chiamando.) Bettina, Carmela...

BETTINA: Eccome qua.

CARMELA: Che vuò papà.

AMBROGIO: Come che voglio, assettate. Bettì, porta in tavola.

BETTINA: È tutto pronto, signò. (Via poi torna.)

AMBROGIO: Assettete Luì, senza cerimonie. (Seggono. Carmela nel mezzo, Ambrogio a sinistra e Felice a destra.) Te voglio fà assaggià no bicchiere de vino che sulo io lo tengo, vero Gragnano. (Versa il vino.) Teh, vide che balsamo.

FELICE (beve):Magnifico, ma io di mattina non bevo troppo, me fà male.

AMBROGIO: Che male e male, chesto è vino che fà campà cient’anne.., Bive, bive, che non te fà niente. (Felice beve. Bettina esce con piatto, lo mette sulla tavola e via poi torna.) Vide comme so’ saporite sti brasciolettine. (Fa le porzioni.)

FELICE: (E io ogge crepo!).

AMBROGIO: Mange Luì, non fà cerimonie. (Mangiano Felice mette tuttto nel suo cappello che ha messo in terra vicino a lui.)

AGAPITO: Ma che è stato, pecché t’è venuto sto svenimento? Nce ha avuta da essere na ragione?

ELVIRA: Papà, mò ve dico tutte cose, ma non ve pigliate collera però. Avite da sapé che io so’ stata ingannata, so’ stata tradita da no birbante, n’assassino, che conoscette a Castiellammare sette mise fà. Doppo tanta promesse, doppo tanta giuramenti che m’ha fatto, m’ha lassato, e mò se sposa la figlia de chillo che mò se n’è ghiuto, chillo che sta affianco a nuje.

AGAPITO: Possibile!

ELVIRA: Possibilissimo! Che vulite, io m’ero fatta capace, e non nce pensava cchiù, ma mò che chillo ha ditto: Luigi Belfiore si sposa mia figlia, me so’ ntiso stregnere nganno, e me so’ mancate li forze.

AGAPITO: E se capisce, ma io te lo diceva: figlia mia, apre l’uocchie, non credere tanto facilmente a chello che te dicene.

ELVIRA: Ma tutte se sarriene ingannate co chillo assassino, tutte l’avarriano creduto. (Prende delle lettere.) leggite, leggite sti lettere, e vedite comme me scriveva. (Agapito ne legge una piano.) «Angelo mio».

AMBROGIO (mettendo vino):Luì, bive, t’assicuro che non te fà niente.

FELICE: Non ne mettite più, grazie. (Beve.)

BETTINA (esce con piatto):Ecco ccà chello che piace alla signorina mia.

AMBROGIO Lo fritto misto, lo preferisce a qualunque piatto, e io pure, pecché nce sta no poco de tutto.

FELICE: Vi piace molto?

CARMELA: Sì, assai. (Bettina via poi torna. Ambrogio fà le porzioni, Felice la sua la mette nel cappello.)

AGAPITO: Che svergognato! Che brigante. (Leggendo.) «Io ti lascerò solamente quando sarò morto! Il tuo eterno Luigi».

ELVIRA: E chesta ccà, leggite chesta. (La dà.)

AGAPITO: Me sento corrivo, lo vorria strafocà!... (Legge.) «Tesoro mio. Ma perché debbo tanto amarti, perché mi fai tanto soffrire? Abbi pietà di un povero infelice, per calmare le mie pene, indovina che cosa vorrei da te?...».

AMBROGIO (offrendo un pezzo di fritto a Felice):La zeppola di riso.

FELICE: Grazie. (La prende.)

AGAPITO (seguitando):«Un bacio, un solo bacio, che non ho potuto mai ottenere». Benissimo, questo è un bel documento. (Seguita.) «Tu mi neghi sempre un bacio, e non so’ perché, quando si ama veramente non ci sono scrupoli, e poi tu sei libera, non devi dar conto a nessuno». Imbecille, non devi dar conto a nessuno, e io chi songo?...

AMBROGIO (c.s.):No panzarotto.

FELICE: Grazie. (Lo prende e lo mette nel cappello.)

AGAPITO: E bravo, vì che bello galantomo. (Legge piano.)

AMBROGIO: Bive Luì. (Versa il vino.)

FELICE: Grazie. (Non ne pozzo cchiù!). (Getta il vino in alto che va a cadere addosso ad Agapito e Elvira — pausa — Agapito ed Elvira stendono le mani per vedere se piave.)

AGAPITO: Io m’aggio ntiso certi schizze ncuollo.

ELVIRA: E io pure, ma non sta chiovenno.

AGAPITO: E che sarrà stato?

ELVIRA: E che ne saccio.

AGAPITO: Forse quacche auciello... passano (si guarda e si accorge di essere bagnato), ma l’auciello me l’ha combinato justo dinto a lo cuollo.

ELVIRA: Chesta papà, è na poesia, leggite.

AGAPITO (legge):«Alla mia adorata Elvira.

Dimmi che m’ami, o, donna del mio core

E allor sarò felice come un Re...

Se il labbro tuo mi parlerà d’amore

Fanciulla mia, saprò morir per te!

Farò quello che vuoi, quello che brami

Ma calma il mio dolor, dimmi che m’ami».

ELVIRA: Ma dicite vuje, comme poteva resistere a sti parole?

AGAPITO: Hai ragione, figlia mia, hai ragione, ma datti coraggio, che ne vuò piglià na malatia. (Galiota, svergognato!). (Legge piano.) (Bettina esce con piatto che mette a tavola).

AMBROGIO: Bravissimo! Piselli al prosciutto. (Fa le porzioni.) Chiste po’ se mangene sempe.

CARMELA: Papà, io non ne voglio, vaco a cogliere quatte nespole. (Si alza e via.)

AMBROGIO: Bravo, mò vide che nespole veneno.

FELICE: Oh, chesto è certo. (Bettina leva i piatti sporchi e via.)

AMBROGIO: Mangia Luì.

FELICE: Sto mangiando. (Getta il contenuto del piatto al di sopra del muro, e i piselli vanno a cadere addosso ad Agapito ed Elvira.)

AGAPITO: Guè, fanno li granole mò...

ELVIRA: Che granole, papà, chiste so’ pesielle.

AGAPITO: Pisielle?,.. e che chiovene pesielle?...

ELVIRA: Pesielle, sì (li prende), guardate.

AGAPITO: E da dò sò venute?... Ah! forse da coppe a sto muro... eh, ma chesta è na porcheria, che se credene che nce stanno li puorce ccà dinto. (Gridando accanto al muro.) D. Ambrogio... D. Ambrogio...

AMBROGIO: Che me chiamma?

FELICE: (La voce de D. Agapito!).

AMBROGIO: Chi è? (Gridando vicino al muro.)

AGAPITO: So’ io, aspettate, salgo sulla scala. (Va a prendere la scala.)

FELICE: (Sangue de Bacco, e comme faccio?...). Neh, permettete vado a cogliere quatte nespole pur’io. (Via correndo dal fondo.)

AGAPITO (che è salito sulla scala, si affaccia):D. Ambrogio, scusate, a me me pare che non sia educazione buttare i vostri pisielli nel mio giardino, nuje steveme da sotto e l’avimme avute ncuollo.

AMBROGIO: Ma che site pazzo, qua pesielle, chi l’ha menate sti picielli. (Ridendo.)

AGAPITO: D. Ambrò, vi prego di non scherzare con me, pecché io non so’ fatto no piccerillo, io sono un Avvocato conosciuto. (Ad Elvira che gli tira le falde del soprabito.) Lassa, io li pesielle l’aggio avuto ncuollo.

AMBROGIO: Ma non so’ venute da ccà, credetemi.

AGAPITO: Va bene come volete voi. Sapete, adesso vi posso dare informazioni precise di quel tale architetto.

AMBROGIO: Ah, avite saputo qualche cosa?

AGAPITO: Qualche cosa?... Luigi Belfiore è uno svergognato, un imbroglione!

AMBROGIO: E perché, scusate?

AGAPITO: Perché ha ingannata mia figlia!...

AMBROGIO: E chesta era tutto? Io lo ssapeva da tanto tiempo, e che me ne preme a me?

AGAPITO: Come che ve ne preme, un uomo onesto questo non lo dice!...

AMBROGIO: No, io l’onestà te la mparo sà!... Bada comme parle! Luigi Belfiore è un galantuomo, tua figlia è una civetta, na faccia tosta!

ELVIRA: A me civetta e faccia tosta! Papà, scennite! (Lo tira. Agapito scende dalla scala e sale Elvira.) Mio signò, vuje sti parole l’avite da dicere a li figlia vosta, no a me, pecché si essa era no bona figliola, non s’aveva da mettere co lo nnammorato mio! (Agapito la tira ed Elvira scende.)

AMBROGIO (prende la scala l’appoggia al muro e sale):Figliema è na perla, e tu non sei degna di nominarla, tu fai cose da zantraglia.

ELVIRA: A me zantraglia!

AMBROGIO: Se capisce, pecché solamente li zantraglie vanno trovanno li nnammorate pe dinta a li stipe. (Scende.)

ELVIRA: Lassateme papà...

AGAPITO: Lasciami sangue de la brasciola. (Sale sulla scala.) Siente, tu sì nu fravecatore, e io con te non voglio parlare, me la vedo con quello imbecille di Luigi Belfiore.

AMBROGIO: Si Luigi te sente, te fà stà a dovere! (Sale.)

AGAPITO: A me? Io sono buono de darle no fioretto dinta a la panza!

AMBROGIO (sale sulla scala, in modo di rimanere a faccia a faccia con Agapito):Tu?

AGAPITO: Io, sì!

AMBROGIO: E fà cunto come Luigi Belfiore foss’io!

AGAPITO: Ah, neh? Sì tu? e tiene! (Gli dà uno schiaffo.)

ELVIRA: Papà! (Lo fà scendere.)

AMBROGIO: Seh, hai dato uno schiaffo a Luigi, e Luigi ti sfida a duello, grannissema carogna! (Tenendosi la faccia.)

AGAPITO: Benissimo! Sono a sua disposizione! Scegliesse le armi, pure la pistola.

AMBROGIO: Va bene! e quando?

AGAPITO: Pure mò, fore a lo giardino.

AMBROGIO: Sta bene! A n’auto ppoco saprai la risposta. (Scende.)

AGAPITO: Eh, mò me so nfucato mò, la voglio fare finita!

ELVIRA: Ma papà, calmateve, pe ccarità!

AGAPITO: Non sento, sono una furia! (Via a destra prima quinta.)

ELVIRA: E comme se fà? Mò succede certo nu guajo! cercammo de riparà, mò me vaco a piglià no cappello, e corre io da D. Ambrogio. (Via a destra seconda quinta.)

AMBROGIO: Vì che sbruffone! A Luigi ha potuto dà un paccaro, a me non me lo dava certo... ma na lezione l’addà avé! Non nce stanno chiacchiere! (Chiamando.) Luigi! Luigi!...

SCENA NONA

Felice, e detto, poi Agapito.

FELICE: Che volete, papà.

AMBROGIO: Pecché ve ne site juto, ho avuto una forte quistione co sta bestia affianco a me, dice che vuje avite fatto l’ammore co la figlia e po’ l’avite lassata, s’è miso ad alluccà da llà ncoppe: Luigi Belfiore è uno svergognato, è un imbecille!... e po’ v’ha dato pure no schiaffo.

FELICE: A me?

AMBROGIO: Già... cioè l’aggio avuto io, ma a vuje era diretto. Sta ngiuria non nce l’avimmo da tené, vaco a piglià doje pistole, e buje avite da fà l’ommo, capite, l’ommo! Non potimmo fà na cattiva figura con no turzo de carcioffola comme a chillo, io sarò il vostro testimone.

FELICE: Ma papà, sentite...

AMBROGIO: Ccà non nce sta da sentere, chillo ha insultato assai, che ve manca lo coraggio forse? Ve mettite paura?

FELICE: Io, paura io, io non saccio che significa la paura.

AMBROGIO: Benissimo! Vaco a piglià li pistole. (Via a sinistra.)

FELICE: Oh, chesta mè è bella mò... e comme faccio... aspetta, aggio fatta la pensata! (Via pel fondo.)

AGAPITO (lato dritto con due pistole):Cheste so’ doje pistole che non hanno mai fallito. Chillo se credeva che io me metteva paura de fà no duello, seh, e sta frisco! N’aggio fatte quinnece, e chisto so’ sidece. La razza Fresella è conosciuta da tutta Napoli, non s’hanno fatto passà mai la mosca pe lo naso.

SCENA DECIMA

Felice e detto.

FELICE (lato destro correndo):Papà, ch’è stato?... è inutile che nascondete le pistole perché io sò tutto, sono stato informato di tutto.

AGAPITO: Ma addò sì stato, pecché te ne sì ghiuto?

FELICE: Me so’ allontanato no poco pe non sentere chello che diciveve co chill’ommo ch’è venuto. Mò proprio aggio parlato con Luigi Belfiore, dice che tene no duello co buje.

AGAPITO: Sissignore.

FELICE: Alla pistola?

AGAPITO: Alla pistola! E voi sarete il mio testimone!

FELICE: E voi credete che io soffrirò questo? E credete che io posso permettere questo duello? Voi, avvocato padre di famiglia, ritirato dagli affari? No! Me lo vedo io, sono io che vado a battermi con Belfiore.

AGAPITO: Voi? Ma quello è amico vostro?

FELICE: Che amico e amico! Dal momento che si deve battere con voi, non è più amico mio! Datemi queste pistole. (Gliele strappa di mano.) Lasciate fare a me, ci penso io... (Via correndo pel fondo.)

AGAPITO (chiamando):D. Felì... D. Felì... che coraggio!... che risolutezza! Vuò sapé la verità, è stato meglio accussì. Chillo è giovene, tene lo polzo fermo, n’avarrìa piacere si le consignasse no crisuommolo mpietto!... (Via a destra.)

SCENA UNDICESIMA

Ambrogio, poi Felice, poi Elvira.

AMBROGIO (lato sinistro con due pistole):Cheste so’ doje pistole che io tengo sempre cariche pe qualunque occasione... Luì... Luì... addò stai?...

FELICE: Eccomi qua, papà, dateme li pistole, isso me sta aspettanno mmiezo a la massaria, non me facite perdere tiempo, pecché tengo lo veleno ccà. (Prende le due pistole.)

AMBROGIO: Coraggio e buona fortuna.

FELICE: Grazie. (Gli bacia la mano):Date no bacio pe me a Carmela. (Risoluto.) Addio! (Via correndo.)

AMBROGIO: Bravo! Se vede che tene sangue dinta a li vene, e po’ chillo è no viecchio, se po’ mettere co no giovene, nce ha da perdere afforza.

ELVIRA (lato destro con cappello):Mamma mia comme me sta sbattenno mpietto, me sento tutte lo sangue da la parte de la capa. Cielo mio non fà succedere no guajo, fà in modo che tutto s’acconciasse. (Via pel fondo.)

AMBROGIO: Non volarrìa che figliema e Bettina sentessere quacche cosa. D’altronde non ne poteva fà a meno, insulti, male parole, schiaffe, e che voleveme avé cchiù!

SCENA DODICESIMA

Elvira e detto, poi Agapito, indi di nuovo Agapito.

ELVIRA (lato sinistro):D. Ambrogio mio, pe ccarità, calmateve, io so’ venuta a cercarve scuse de tutto chello ch’è succieso, papà non se ne sape niente, ma facitele pe me, calmateve...

AMBROGIO: Vuje tenite na brutta lengua, piccerella mia, dovete moderare i termini, papà vuosto arape la vocca senza sapé chello che dice.

ELVIRA: Perdonatelo, non importa.

AMBROGIO: Have lo coraggio de chiamarme fravecatore, io so’ no galantomo comme a isso, e forse meglio d’isso.

ELVIRA: Avite da compatì pure che m’è patre, e sentenno che Luigi se nzurava doppo d’averme ingannata, le so’ scappate chelle parole da la vocca. E vuje pure a lo caso vuosto avisseve fatto lo stesso e forse pure peggio. Che avarrisseve ditto si no giovene doppo sette mise de prumesse, d’amore, di giuramenti, doppo d’avé fatto mettere na passione a la figlia vosta, l’avesse lassata e se fosse mise co n’auta? Non credo che ve avarisseve stato zitto, non credo che nce passaveve pe coppe... perciò compatite pure a nuje, e po’ pensate che papà è biecchio, facilmente po’ essere ferito, po’ morì.. e allora che nce ne facimmo io e chella povera sora mia, rimanimmo mmiezo a na strata. Oh! No, vuje site no bonommo, tenite no bello core, e so’ sicura che non lo farrate succedere! (Si asciuga gli occhi col fazzoletto.)

AGAPITO (lato destro con cappello):Voglio j a dicere a D. Ambrogio, che l’affare del duello a me non mi riguarda più, perché se n’è occupato D. Felice, mio genero. (Via pel fondo.)

AMBROGIO: Ma bella mia., dimme na cosa, tu mò che vularrisse da me?

ELVIRA: Io volarria che vuje non dicisseve niente a Luigi de chello ch’è succieso, che non faciarrisseve fà sto duello.

AMBROGIO: Lo capisco, ma è troppo tardi, cara mia. (In fondo al lato sinistro comparisce Agapito.) Luigi Belfiore, mò proprio, s’ha pigliato li pistole, ed è ghiuto a trovà a papà vuosto.

ELVIRA: Vuje che dicite!

AGAPITO: No, state male informato invece, D. Felice Sciosciammocca mio genero, s’ha pigliato li pistole ed è ghiuto a trovà a isso, ha voluto prendere il mio posto.

ELVIRA (abbracciandolo):Papà mio, ma pe ccarità, currimmo, non facimmo fà stu duello.

AMBROGIO: Si se po’ evità, io so’ contento.

AGAPITO: E io pure, perché D. Felice mi preme.

AMBROGIO: A me Luigi pure me preme.

ELVIRA: E ghiammo, currimmo. (Di dentro si sente un forte colpo di pistola.)

I TRE: Che!

AMBROGIO: Non simmo cchiù a tiempo.

AGAPITO: È fatto lo guajo!

SCENA TREDICESIMA

Felice, e detti.

FELICE (viene dal fondo correndo lato sinistro, l’abito sbottonato, stravolto con pistola in mano).

I TRE: Ch’è succieso?

FELICE (gettando la pistola):muorto! (Elvira si copre il volto con le mani e cade sopra una sedia.)

AMBROGIO e AGAPITO: Muorto?!

FELICE: Quanno so’ ghiuto dinto a la massaria, l’aggio trovato che me steva aspettanno... e siccome eravamo amici, ci siamo abbracciati e ci siamo baciati, poi abbiamo detto: l’amicizia e una cosa e l’onore è un’altra, nce simme allontanati dieci passi, e avimmo fatto fuoco, isso è caduto... io me so’ miso da dereto a na pagliara e aggio visto che so’ currute doje guardie campestre, l’hanno mise ncoppa a na stola e se l’hanno portato. (Piangendo.) Povero amico mio! (Col fazzoletto agli occhi.)

AGAPITO: (Povero D. Luigi!). (Col fazzoletto agli occhi.)

AMBROGIO: (Povero D. Felice!). (Col fazzoletto agli occhi.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

Sezione Municipale. Sala di aspetto, porta d’entrata in fondo, a dritta prima quinta una finestra. A seconda quinta porta sulla quale è scritto: «Stato Civile». A sinistra prima porta sulla quale è scritto:«Vice Sindaco». A seconda quinta porta sulla quale è scritto:«Conciliazione». Una scrivania in fondo a sinistra, ed un altra a destra sedie ecc.

SCENA PRIMA

D. Gaetano e Peppino.

PEPPINO (seduto alla scrivania di destra):D. Gaità, lo Giudice Conciliatore è venuto?

GAETANO (seduto alla scrivania di sinistra):E vuje a chest’ora vuliveve lo Giudice Conciliatore, chillo si non è l’una non comparisce, tanto isso quanno lo Vice Sinneco hanno da j a fà primma marenna, po’ quacche affare de lo loro, po’ na cammenata e po’ venene.

PEPPINO: E bravo, vì che bella cosa, solamente nuje avimmo da venì impunto ll’otto, e si tricammo na mez’ora, succede lo trentuno. Stammatina pure tenite folla?

GAETANO: Se capisce, ccà ogne ghiuorno nce sta na battaglia, pecché ogge è l’epoca che li diebbete nisciuno li bò pagà.

PEPPINO: E co tutto chesto, l’uommene se nzorane a meglio a meglio, stammatina nce stanno duje matrimonie.

GAETANO: Lo Cielo li pozza benedicere. (Voci di dentro.) Vivene li spuse!

PEPPINO: Ecco ccà, nce simme. (Si alza.)

GAETANO: (Puzzate sculà!). (Si alza e via dal Conciliatore.)

SCENA SECONDA

Agapito, Beatrice, Elvira, D Candida, D. Boroboamo, D. Alessio, e detto.

AGAPITO: Eccoci qua, figlia mia, finalmente te veco ccà ncoppa, e posso dire che oggi è il più bel giorno della mia vita.

CANDIDA: Ma che d’è commarè, pecché stai tanto di male umore stammatina, chesta è ghiurnata che tu hai da sta allegramente, capisco che te dispiace de lassà a papà, ma figlia mia, na vota aveva da essere, io pure me ricordo, me facette tanto pianto, quanno me spusaje a sto birbantiello. (Indica Boroboamo.) ma po’ subeto me passaje, se sape, chella stammatina sta accussì, dimane po’ vedite comme ride e pazzea.

BOROBOAMO: E po’ D. Felice Sciosciammocca, è no buono giovene, te vò bene, e simme sicure che te darrà la bona sorte.

ELVIRA: (E io aggio da essere la cognata de chillo che sparaje a Luigi). Ah! (Sospira, Alessio la guarda.)

AGAPITO: Tu poi certamente non te ne vai fore, comme in principio era intenzione de lo sposo. Stai a Napole vicino a me de casa, nce vedarrammo sempe.

BEATRICE: Oh, chesto è certo, ma lo sposo addò sta? Io non lo veco.

AGAPITO: E che saccio chillo scappa sempe.

SCENA TERZA

Felice, e detti.

FELICE (di dentro):Va bene, va bene, penserò per voi.

AMBROGIO: Eccolo qua.

FELICE: Signori, vi saluto. Cara Beatrice, scusate se vi ho lasciato per un momento, ho dovuto sbrigare un affare.

AGAPITO: cosa da niente, è cosa da niente. Neh, io ho dimenticato di farvi la presentazione. D. Boroboamo Boati, nostro compare.

FELICE: Tanto piacere. (Stringe la mano.)

BOROBOAMO: Sempre pronto ai vostri comandi.

AGAPITO: D.a Candida, sua moglie.

CANDIDA: La commarella.

FELICE: Commarella bella!... (All’arma de la commarella!).

AGAPITO: D. Alessio Scorza, avvocato, intimo amico mio.

ALESSIO (balbuziente):Che da questo momento si mette a vostra disposizione, ringraziandovi dell’invito e dell’onore ricevuto.

FELICE: (Quanto è bello chisto!). Grazie troppo buono... Signora Elvira. (Le stende la mano.)

ELVIRA: (Assassino!). (A Felice.)

FELICE: (Stateve zitta!).

ELVIRA: Ah!... (Sospira Alessio la guarda.)

FELICE: Scusate, lo Vice Sindaco è venuto?

PEPPINO: Non ancora, signore, ma se volete, potete accomodarvi in questo Uffizio ad attendere un poco. (Indica seconda a dritta.)

FELICE: Ah! Sicuro! Favorite papà.

AGAPITO: Signori venite. (Entra a destra con la figlia, Ciccillo li segue.)

CANDIDA: Jammo, jammo, salute e figlie mascole. (Via.)

BOROBOAMO: Frisole, prosperità, ilarità, sanità. (Via.)

FELICE: Bbù!

ALESSIO (offrendo il braccio ad Elvira):Prego.

ELVIRA: Grazie. Ah! (Sospira.)

ALESSIO: (Chesta che se fà afferrà!). (Viano Peppino li segue.)

FELICE: Io non saccio che cancaro sto facenno, me sto mbruglianno de na manera tale, che va trova all’ultimo come fenesce. Chill’assassino de D. Ambrogio, aiere non me volette da li quindicimila lire comme aveva ditto, cioè il giorno prima del matrimonio. Dicette: Nonsignore, che nn’avite da fà, dimane ncoppa a lo Municipio, appena spusate ve li dongo. Stateve bene! A miezojuorno se presenta ccà co la figlia, e che faccio? Che combino?... Ah, chillo mbruglione de Luigi che me combinaie!... Intanto aggio avuto da a affittà pe la sposa n’appartamento mobigliato pe no mese, si no addò la portava?... Stongo una zuppa, lo pensiero de D. Ambrogio me fà sudà, eh, voi scherzate, lla se tratta de quindici mila lire e na paliata.

SCENA QUARTA

Bettina, poi Ambrogio, Carmela, Salvatore, Michele, e detto.

BETTINA (dal fondo):Neh, D. Felì, vuje state ccà? Ah! Che puzzate sculà!...

FELICE: Tu e mammeta!

BETTINA: Avite fatta fà la nottata chiara chiara a chella povera signorina mia!...

FELICE: E pecché?...

BETTINA: Comme pecché? Ma vuje che cancaro v’avite mise ncapo, chella a buje non ve vò, non ve vò...

FELICE: E che me ne preme a me, io voglio li denare mieje.

BETTINA: E pe salvà li denare, la signorina acconsentito fino a mò, ma mò comme se fà, comme se fà... chille stanne saglienno, mannaggia quanno maje nce capitasteve dinto a la casa nosta.

FELICE: Mò hai ditto buono!

BETTINA: Chisto è stato n’inganno che nce avite fatto... vuje avite vista la guagliona, v’è piaciuta e ve la vulite piglià, ma chella ha ditto che se sta zitto fino a lo momento che addà firmà e ha da dì che si, primme de succedere chesto, ha ditto che fà cose de pazze!

FELICE: Ma nonsignore, dincello, che io appena aggio li denare, me ne fujo!

BETTINA: Zitto, zitto, li bì ccà.

AMBROGIO: Trase, figlia mia, trase, gue, Luì, tu staje ccà? Bravo! Che esattezza, accussì avarriene da essere tutte l’uommene! (A Salvatore e Michele.) Chisto ccà è lo sposo, che ve ne pare?

SALVATORE: Che nce adda parè, Princepà, ve pare, no giovene scegliuto da vuje pe la figlia vosta, adda essere pe forza rrobba bona, rrobba de primma qualità.

AMBROGIO: Luì, io te presento Salvatore Scorza, capo masto muratore.

FELICE: Tanto piacere...

SALVATORE: Stia comoto, preche...

AMBROGIO: È un uomo di grande abilità.

SALVATORE: Troppo buono, e bontà bosta, all’occasione facimmo tutte cose, fravecammo, ntunacammo, maniammo la cucchiara spaccammo le preta, nce mbrogliammo Co lo gesso pe quacche ntelatura, senza fà chiammà lo siciliano, si s’ha da fà quacche mesurella pure la sapimmo fà... nce accunciammo.

FELICE: Che persona rispettabile.

SALVATORE: Fatico co lo princepale ccà presento da 25anne.

AMBROGIO: Sicuro, 25anne, era piccerillo.

SALVATORE: Lo voglio bene comme fosse pateme, e forse cchiù de pateme, si quaccheduno le facesse na mal’azione, se potarrìa chiamma muorto, lo spaccarrìa comme a na preta!

FELICE: (E te può preparà che nce simmo!).

AMBROGIO: Michele Ceuza, peperniere...

FELICE (a Michele che sarà una comparsa):Sono veramente fortunato. (Gli stringela mano.) (Papà, credo che mò me potite dà chilli denare?).

AMBROGIO: (Ma che paura hai, vorria sapé. Stanne ccà. (Caccia un portafoglio) a n’auto ppoco te li dongo...). Neh, ma movimmece, che nce facimmo ccà... Carmè, tu che hai... tiene la faccia de l’arraggia.. e statte allegra, figlia mia.

CARMELA: (Che saccio, papà, tengo no core scuro scuro, na voce me sta dicenno dinto a la recchia, non te lo piglià a chisto...).

AMBROGIO: (Oh, chesta sarria bella mò... Carmè, non fà pazzie, non me fà fà cattive figure, pecché si no so’ guaje sì, mò tutto nzieme te ne viene co la voce dinta a la recchia, tu haje da sentì la voce de pateto solamente, hai capito? Luì, addò avimmo da trasì?

FELICE: (Mò li faccio aspettà dinto a lo Giudice Conciliatore!). Da chesta parte, favorite, aspettammo lo Vice Sinneco che ancora addà veni. Trasite, trasite...

CARMELA ( a Felice):(Li denare l’avite avute?).

FELICE: (Ha ditto che mò me li dà).

CARMELA: (Puzzate murì de subeto!).

FELICE: (Vuje e papà!). (Tutti entrano nella stanza della Conciliazione a sinistra.)

SCENA QUINTA

Luigi, poi Agapito.

LUIGI (dal fondo con carta in mano): Èpermesso?... Non nce sta nisciuno. Vuje vedite lo diavolo che me succede. Aiere arrivaje da Roma, e lo guardaporta de la casa nova me Consignaje sta citazione de D.a Rosa la patrona de casa mia, a comparire d’innanzi al Giudice Conciliatore pe li doje mesate che avanza... Io dette li ciente lire a Felice co la ricevuta, chillo stunato non nce l’avetta purtà, e me fà fà sta bella figura. A la casa non nce steva, era asciuto... mò va trova quanto tiempo aggio da perdere cca.

AGAPITO (uscendo):Neh, D. Felì... (Vedendo Luigi.) (Che beco!... chisto me pare D. Luigi Belfiore... l’architetto!).

LUIGI: (Che d’è neh?). Avvocato rispettabile... (Per dargli la mano.)

AGAPITO: No momento... aspettate... non v’accostate... Voi siete D. Luigi Belfiore?

LUIGI: Per servirvi!

AGAPITO: L’Architetto?

LUIGI: Sissignore.

AGAPITO: E come, non siete morto?

LUIGI: So’ muorto? E pecché aveva da murì?

AGAPITO: Comme perché? Voi foste ucciso!

LUIGI: Io? Fuje acciso?... (Ridendo.) Ah, ah, ah!... e che era fatto na gallina?... Avvocà non dite sciocchezze! (Ride.)

AGAPITO: Oh, chesta mò è bella, sapete... vuje fusteve portato dinta a na stola!

LUIGI: Io?... (Ride.) Ah, ah, ah!...

SCENA SESTA

Elvira, e detti.

ELVIRA: Neh, papà... Che veco! Luigi!... Vivo!...

LUIGI: (Chesta pure ccà ncoppe è venuta!).

ELVIRA: E comme va sta cosa, tu non sì muorto?

LUIGI: Ma pecché aveva da murì?

ELVIRA: Allora D. Felice nce dicette na buscia?... non e overo che facette lo duello co ttico, non è overo che t’accedette?

LUIGI: Ah! D. Felice ve lo disse?

AGAPITO: Sissignore.

LUIGI: (Aggio capito, addà essere chella tale mbroglia, acciò chesta non pensava cchiù a me!...). Aspettate... sissignore... io ho fatto il duello con Felice, ma non sono morto. Luì vedendomi cadere, fuggì, credendomi morto... ma io fui ferito... fui appena toccato dalla sciabola...

AGAPITO: La sciabola? Quello fu duello alla pistola!...

LUIGI: Ah, sicuro, alla pistola... aveva confuso con un altro duello che feci giorni fà, la palla scivolò sotto al mio braccio... per un vero miracolo.

AGAPITO: Basta, giacché siete vivo, mi darete spiegazione, signore, del modo come avete trattata mia figlia?...

ELVIRA: Papà, lassateme parlà a me, faciteme sfucà...

AGAPITO: Ma bada, figlia mia, che ccà stamme ncoppa a lo Municipio.

ELVIRA: No, io m’aggio da discolpà co buje, papà, e chisto è no bello mumento, pecché vuje me dicisteve che come vedova, m’aveva fà li fatte mieje e non aveva dà udienzia a nisciuno.

AMBROGIO: Sicuro, e lo ripeto sempre.

ELVIRA: Dimme na cosa, piezzo de svergognato che sì. A Castiellammare te diceva sempe, lassateme stà, io non ve pozzo dà retta, si tenite bona intenzione, jate a parlà co papà.

LUIGI: Sicuro.

ELVIRA: E nce hai voluto j mai?

LUIGI: Mai!

ELVIRA: Quanno te dicette: io dipendo da mio padre, tu me risponniste: Che me ne importa di vostro padre, è overe?

LUIGI: Sissignore.

AGAPITO: (E me lo dice pure nfaccia!).

ELVIRA: Dunche non so’ stata io, sì stato tu che m’hai sempe perseguitata, e che te credive d’avé che fà co na femmena de mmiezo a la strada? Io so’ na signora, capisce, grandissimo imbroglione!

LUIGI: Avete finito? Avete sfocato? Pozzo parlà io mò?...

ELVIRA: Che parlà, che parlà, che può dicere tu?

AGAPITO: Non parlate con lei, parlate con me, che sono uomo, e sono padre.

LUIGI: (Comme aggio da fà pe me luvà da tuorno a sti duje?). Ecco qua, Avvocà, io ho fatto male di non venire a parlare con voi dal primo momento, ma sapete, non lo credeva tanto necessario, ho amata vostra figlia, e l’amo ancora, sì l’amo ancora...

ELVIRA: E se capisce, chillo mò che v’ha da dicere, e Carmela poi, la bella Carmela?...

LUIGI: Quale Carmela, chi è sta Carmela?

AGAPITO: D. Luì, io sono un uomo serio, e con me non ci stanno gherminelle da fare. Noi sappiamo tutto, voi dovete sposare Carmela, la figlia di .D Ambrogio Pallone.

LUIGI: Io? Io apparentare con quella famiglia, oh, mi credete troppo basso, io essere il genero di Ambrogio Pallone, che fino a pochi mesi fà, è stato con la cocchiara in mano della caucia... che tutta Napole sanno che è no lazzarone, no materiale qualunque, e po’, la figlia Carmela, m’avete nominata sta bella cosa... antipatica, ineducata, sconceca, brutta... ma che!... Siete stato male informato, caro signore.

AGAPITO: Comme, a me me l’ha ditto lo patre.

LUIGI: E v’ha ditto na buscia... chi mai se l’ha sonnato.

AGAPITO: Ma scusate, voi vi volevate battere con me, perché io lo chiamai fravecatore e le dette no schiaffo?

LUIGI: Ah, perciò feci il duello con voi?

AGAPITO: Con me no, lo faceste con D. Felice.

LUIGI: Perfettamente, e che vuol dire, io alle volte faccio duelli per senza niente.

ELVIRA: Papà, finitela, chisto è no mbruglione, e io l’aggio capito, non me fà capace cchiù... chesti chiacchiere li po’ cuntà a buje ma no a me. Carmela è brutta, ineducata, antipatica, sconceca, e comme va? Chillo juorno a la casa de D. Felice diciste che era simpatica, che teneva na voce, na grazia che faceva ncantà, educata, vezzosa, gentile, ch’era proprio un angelo...

LUIGI: Io? Quando mai!

ELVIRA: Papà, iammoncenne, sentite a me, chisto non è ommo che po’ parlà co buje... sposete, sposete a Carmela, non ne parlà male, poverella, pecché pe me, mò che aggio visto comme la pienze e che carattere tiene, è stato meglio accussi... arrecchisce a n’auta. (Via nello stato civile.)

LUIGI: Avvocà, scusate...

AGAPITO: Ma che scusà e scusà, voi dite, disdite, malignate... questo non si fà!... (Via dietro Elvira.)

LUIGI: Ah! Ringraziammo lo Cielo, spero che me l’aggio levata da tuorno na vota pe sempe!... Chi se poteva mai credere che la trovava pure ccà.

SCENA SETTIMA

D. Gaetano e detto poi Felice.

LUIGI (a Gaetano che esce):Neh, scusate, il Giudice Conciliatore ci sta?

GAETANO: Mò proprio è arrivato, ma stanno gente dinto, voi tenete qualche chiamata?

LUIGI: Sissignore, eccola qua. (Dà la carta.)

GAETANO (legge):Va bene! Accomodatevi, sarete chiamato. (Via portando con sé la carta.)

LUIGI: Grazie.

FELICE (uscendo):Sangue de Bacco, aggio fatto lo colpo, appena è trasuto lo Giudice Conciliatore, D. Ambrogio s’ha creduto ch’era lo Vice Sinneco, e tanto de lo piacere ha pigliate li denare e me l’ha date. Cielo mio te ringrazio.

LUIGI: Che beco! Felice!

FELICE: Luigi!... Ah, mannaggia chi t’allattato! Sì tornato da Roma?

LUIGI: Aiere. Li Ciente Lire pecché non l’hai portate a D.a Rosa?

FELICE: E chi nce ha penzato cchiù, io aggio passate ll’aneme de li guaje!

LUIGI: Che guaje?

FELICE: Quanno tu partiste, io la sera distratto, me ritiraje a la casa vecchia, e mentre steva parlanno co la nnammorata toja, venette lo patre a tiempo, allora pe non me fà vedé me chiudette fore a lo balcone, venette a chiovere e me nfunnette, pe m’asciuttà lo soprabito, lo situaj ncoppa a na seggia, D. Ambrogio nce trovaj dinta a la sacca li carte toje, e credennose che io era Luigi Belfiore, se pigliaj li quindici mila lire mieje, dicennome che me l’avarria restituite quanno io me sposava la figlia.

LUIGI: Tu che dice!

FELICE: Eh, che dico. Le bì ccà, le bì, mò proprio me l’ha date. Mò sta llà dinto nzieme co Carmela, stanno aspettanno a me.

LUIGI: E tu che faje?

FELICE: Ch’aggia da fà io tengo la sposa e lo patre che me stanno aspettanno da llà.

LUIGI: E Carmela se sposa a te?

FELICE: A me, e comme me la pigliavo?... Ha finto pe non me fà perdere li denare... (Mò vide che ammoina succede ccà ncoppa). Aspetta, me vene nu pensiero ccà tanno tutte li carte pronte, per il matrimonio, fra Luigi Belfiore e Carmela Pallone, tu mò stai ccà... D. Ambrogio te conosce?

LUIGI: No, non m’ha visto mai.

FELICE: Benissimo... co la scusa de firmàcomme a testimone.. putarisse... jammo a vedé si è venuto lo Vice Sinneco e si trovammo quacche impiegato che le potimmo parlà de sto fatto...

LUIGI: Sarria no bello colpo, caspita!

FELICE: Jamme, jamme a vedé. (Viano dal Vice Sindaco.)

SCENA OTTAVA

Ambrogio, poi Agapito.

AMBROGIO: Io vorria sapé Luigi addò è ghiuto...

AGAPITO: Volarria propio sapé D. Felice addò sta.

AMBROGIO: Oh, caro Avvocato...

AGAPITO: Carissimo D. Ambrogio.

AMBROGIO: Tenete ancora la ruggine con me?

AGAPITO: Io, ma vi pare, io dimentico subito, e poi se sape, i vicini mò s’appiccechene e mò fanno pace.

AMBROGIO: Dateme la mano. (La porge.)

AGAPITO: Con tutto il cuore. (La prende.)

AMBROGIO: Avvocà, scusate, avete visto a Luigi Belfiore?

AGAPITO: Sissignore, mò propio nce aggio parlato...

AMBROGIO: Addò?

AGAPITO: Qua propio, a questo posto. Il duello, poi, sapete, non ebbe nessuna trista conseguenza, perché la palla scivolò, l’altro poi lo credette morto!

AMBROGIO: Veramente? Oh, mi ha fatto assai piacere.

AGAPITO: E a me pure, vi pare, prima per lui e poi per voi.

AMBROGIO: No, per me fino a no certo punto... per voi...

AGAPITO: (Per me? E a me che me ne preme de D. Luigi!...). Sentite D. Ambrò, voi siete un buon’uomo, ed io francamente vi debbo dire una cosa...

AMBROGIO: Che cosa?

AGAPITO: Voi state sempre con l’idea di dare vostra figlia a Luigi Belfiore?

AMBROGIO: Si capisce, e come tutto è fatto, e stamme ccà ncoppa a lo Municipio appunto pecché ogge se fà lo matrimonio, mò è arrivato lo Vice Sinneco, s’aspetta sulo a isso pe firmà.

AGAPITO: Embè, io ve dico, che isso non vene cchiù, v’ha cuffiato fino a mò.

AMBROGIO: M’ha cuffiato?

AGAPITO: V’ha cuffiato, sì, io non v’avarria dicere niente perché non sono affari che mi riguardano, ma me sento currivo che na bella piccerella come la signorina Carmela, deve essere portata in bocca in quel modo.

AMBROGIO: Ma spiegatevi io non capisco.

AGAPITO Mò che l’aggio trovato ccà, l’aggio dimandato quanno se sposava la figlia vosta, chillo sapite che m’ha risposto?

AMBROGIO: Che v’ha risposto?

AGAPITO: Voi scherzate, io sposare quella donna, io apparentare con quella famiglia, oh, mi credete troppo basso... io essere il genero di Ambrogio Pallone, che fine a poche mise fà, è stato co la cucchiara mmano de la caucia, no lazzarone, no materiale qualunque, e po’ la figlia, mamma mia, antipatica, ineducata, sconceca, brutta!...

AMBROGIO: Avvocà, vuje dicite veramente?

AGAPITO: Oh, mi faccio meraviglia, io sono un uomo serio, questo ha detto, e questo vi dico.

AMBROGIO: Luigi Belfiore?

AGAPITO: Luigi Belfiore!

AMBROGIO: E nce lo potite dicere nfaccia?

AGAPITO: Ciente vote, e ched’è me metto paura?...

AMBROGIO: Va bene! ... Ah, aggio tenuto la cucchiara mmano de la caucia, lo voglio recrià io lo stommeco, le voglio fà na cauciata comme se conviene.., me dispiace che mò l’aggio tornate li quindici mila lire... Ah, me lo potive dicere no poco primma. So’ lazzarone, so’ materiale, va bene!... Sangue de Bacco lo volarria propio dinta a li mmane!... Intanto mò che le dicimmo a lo Vice Sinneco, che figura facimmo? L’aggio da cuntà tutto lo fatto, l’aggio da dicere ch’è stato no seduttore, no brigante, che s’è intromesso dinto a la casa mia de notte, e po’ m’ha lusingato nfino amò... comme ve pare?

AGAPITO: Perfettamente, propio così.

SCENA NONA

D. Gaetano, poi di nuovo Gaetano, Ambrogio, Carmela, Bettina, Guardia Municipale, Salvatore, Michele, indi Peppino e detti.

GAETANO: Luigi Belfiore, avanti.

AMBROGIO: Eh, e chi te lo dà.

GAETANO: Non c’è Luigi Belfiore?

AMBROGIO: Nonsignore, mò vengo io dinto e conto tutto lo fatto, Avvocà si aggio bisogno de testimone...

AGAPITO: Sto qua io, non ci pensate.

AMBROGIO: Grazie. (Assassino, me l’ha fatto!). (Via nella Conciliazione, Gaetano lo segue.)

AGAPITO: Nce l’aggio voluto dicere, caspita, per il bene di quella povera giovine, e per vendicare mia figlia, chesto l’aggio potuto fà e chesto l’aggio fatto. (Via nello stato Civile.)

GAETANO (di dentro):Ascite fore, ascite fore! (Gridando.)

AMBROGIO (di dentro):Chesta non è maniera de trattà la gente, io ve faccio stà a dovere!

SALVATORE (di dentro):Vuje site na maniate de puorce! (Gridando.)

GAETANO (fuori):Ascite fore! Ascite fore!

SALVATORE (fuori):Facite li guappe pecché state ccà ncoppe. (Sono uscite anche Carmela, Bettina, Michele e una guardia Municipale.)

AMBROGIO: Che te cride de parlà co fratete tu? (A Gaetano.)

SALVATORE: Scinne abbascio!

CARMELA: Papà, finitela.

PEPPINO (uscendo):Che è stato, che è succieso?

GAETANO: Cose nove, D. Peppino mio, cose nove! Chesta è na figliola che addà spusì, e hanno pigliato lo Giudice Conciliatore pe lo Vice Sinneco, se sò mise a contà no sacco de chiacchiere, chillo lo Giudice have che fà, se po’ mettere a sentì a loro?

PEPPINO (ridendo):Oh questa è bella!...

AMBROGIO: Ma si poteva dicere co na bella maniera, scusate chillo non è lo Vice Sinneco?

GAETANO: Ve l’ho detto tre volte!

PEPPINO: Basta, questa è cosa da niente, il Vice Sindaco sta qua in questa camera. (Indica lo stato Civile, la guardia via dal Concillatore.)

AMBROGIO: Grazie tante. Vedete che se passa, trase Carmè. (Entra Carmela, Bettina e Michele dal Vice Sindaco, a Gaetano.) Io po’ vorria essere spiegato na cosa da vuje.

GAETANO: Dicite.

AMBROGIO: Na vota che chillo è lo Giudice Conciliatore, pecché poco primme avite chiammato a Luigi Belfiore?

GAETANO: Pecché è stato citato pe no debeto de ciente lire che tene co la patrona de casa soja.

AMBROGIO: Pure chesto? e bravo!... vì che bello galantomo!...

SALVATORE: Ma princepà, addò è ghiuto, facitemmello sapé...

AMBROGIO: E che ne saccio, che ne saccio...

SCENA DECIMA

Felice, e detti.

FELICE: Papà, tutto è fatto, si aspetta il vostro consenso.

AMBROGIO: Ah, tu staje ccà?... Bravo!.., me fà tanto piacere... (Afferrandolo per il collo.) Dimme na cosa, grandissimo mbruglione, galiota!... Che haje ditto poco primme a D. Agapito, l’avvocato, dille n’auta vota, dille n’auta vota?...

FELICE: Che cosa?

AMBROGIO: Che io fino a poco tiempo fà so’ stato co la cucchiara mmano de caucia, che so’ no lazzarone, no materiale, che figliema è sconceca, antipatica, e brutta!

FELICE: Io? Quanno maje! Vuje che dicite?!...

AMBROGIO: Sarrisse capace de negartelo?

FELICE: Sicuro, me lo nego, perché non è vero! (E comme l’è venuto ncapo a chillo!).

SALVATORE. Princepà, perdonate, quanto le dico doje parole: Bello giò, chiavete chesto ncapo, o tu fai na ritrattazione in pubblico de li parole che haje ditto, o si no sì muorto, te può atterrà.

FELICE: Ma che ritrattazione aggio da fà, si non aggio ditto niente, non me l’aggio sunnato nemmeno e comme io so’ venuto ccà ncoppa a spusà, so’ stato da lo Vice Sinneco, aggio fatto tutto, me metteva a dì chelle parole, allora aveva da essere pazzo... questo che cos’è...

SALVATORE: Princepà... a me accussì me pare...

AMBROGIO: Ma allora l’avvocato m’ha ditto na buscia?

FELICE: V’avarrà parlato de quacchedun’auto.

AMBROGIO: Nonsignore, ha ditto propio Luigi Belfiore!

FELICE: Ah, aggio capito...

GAETANO: Ma scusate Lugi Belfiore non è questo giovine, è un altro, io lo saccio, pecché l’aggio visto mò che m’ha dato la citazione.

AMBROGIO: E n’auto? Allora è nome e cognome che si confronta?

FELICE: Perfettamente.

AMBROGIO: Aggio capito mò... Allora Luì, scuse, è stato no sbaglio. (Gli da la mano.)

SALVATORE: D. Luì, perdonate. (Fa lo stesso.)

FELICE: Ma niente, per carità.

AMBROGIO: Allora jammoncenne non perdimmo cchiù tiempo.

FELICE: Vuje sulo, avite da firmà, tutto è fatto, jate, jate.

AMBROGIO: Viene Salvatò.

SALVATORE: Lesto princepà. (Via con Ambrogio dal Vice Sindaco.)

FELICE: Puzzate passà nu guajo! Non me ne fido cchiù! Mò pozzo j a spusà. (Via nello stato Civile.)

PEPPINO: D. Gaità, chisto addà essere nu mbruoglio, no pasticcio... qui nomme e cognome che se confronta, chillo se chiamma D. Felice Sciosciammocca che se sposa a Beatrice Fresella, che c’entra Luigi Belfiore. Luigi Belfiore se sposa co Carmela Pallone.

GAETANO: D. Peppì, vuje che vulite da me, chiste la capa me l’hanno fatta veramente quanto a no pallone, che nce ne mporta a nuje se lo vedono loro.

SCENA ULTIMA

Felice, Beatrice, Agapito, Boroboamo, Elvira, Candida, Alessio, Ciccillo, poi Ambrogio, Carmela, Luigi, Bettina, Salvatore, Michele, e detti.

CANDIDA (Felice, Beatrice e Agapito escono per primi).

BOROBOAMO, ALESSIO e CICCILLO: Vivano gli sposi!

ELVIRA e FELICE: Grazie, grazie.

CANDIDA: Avite da campà cient’anne, sempre allegre e sempre contente!

PEPPINO (a Felice):Mille auguri!...

FELICE: Grazie. (Gli dà una moneta.) (Escono Luigi e Carmela, poi Ambrogio, Bettina, Salvatore e Michele.)

SALVATORE, MICHELE e BETTINA: Vivano gli sposi!

LUIGI: Grazie.

BETTINA: Salute e contentezza!

SALVATORE: Pe mill’anne! (Tutti si fermano a due ali, il matrimonio di Felice a destra e quello di Belfiore a sinistra.)

AMBROGIO: Oh! Avvocà, la figlia vosta pure stammatina è sposata?

AGAPITO: Sissignore.

AMBROGIO: E bravo, facimmo una festa!

TUTTI: Evvivano gli sposi!... (Ambrogio guarda a Felice e a Carmela, pausa.)

CARMELA: (Mò vide che succede!).

FELICE: (Mò siente la mbomma!).

AMBROGIO: Embè, e che se fà?... nce stamme accussì, pigliateve li spose sotto a lo vraccio, e ghiammoncenne.

FELICE: Io sono pronto. (Dà il braccio a Beatrice.)

LUIGI: E io pure. (Dà il braccio a Carmela.)

AMBROGIO: Comme! e che signffica chesto? (A Luigi.) Chi siete voi?

LUIGI: Quello che ha sposato vostra figlia, col vostro consenso, Luigi Belfiore!

AMBROGIO: Niente affatto. Luigi Belfiore, è chillo là. (Mostra Felice.)

AGAPITO: Ma che siete pazzo, questo si chiama D. Felice Sciosciammocca.

FELICE: Chelli lettere che trovasteve dinta a la sacca mia, erene de Luigi che me l’aveva date a tenè, e io aggio acconsentito a tutto chello che vuliveve vuje pe me piglià li denare miele.

AMBROGIO: Possibile! A me quest’inganno? Neh, Salvatò?...

SALVATORE: E che volite fà, princepà, chiste so’ tanta gente.

AMBROGIO: E tu, figlia birbante, che non m’hai ditto niente?...

CARMELA: Ma papà, agge pacienzia, tu pecché te piglie tanta collera, io m’aveva spusà Luigi Belfiore? e chisto è isso!...

TUTTI (meno Elvira ed Ambrogio):Vivano gli sposi! (Gridando.)

AMBROGIO: Aspettate, dunche vuje site chillo giovene de la festa de ballo?

LUIGI: Perfettamente.

AMBROGIO: Architetto?

LUIGI: Architetto!

TUTTI (c.s.):Vivano gli sposi!

AMBROGIO: Puzzate sculà! Stateve zitte!... (Avvocà, vulimme fà chillo faccia a fronte?).

AGAPITO: (Che lo facimmo a fà D. Ambrò, chillo mò so’ spusate!).

AMBROGIO: E va bene, non nce penzammo cchiù, me l’avite fatta!

TUTTI: Bravo! Bravo!

SALVATORE: Princepà, si non ve dispiace, comme stamme mò, jammo a fà una tavola ncampagna.

AMBROGIO: Comme vulite vuje.

TUTTI: Jammo, jammo!...

FELICE (al pubblico):Signori miei, vuje avite visto che aggio passato pe cagnà casa, e pe na distrazione, perciò stateve attiente, non cambiate mai teatro, venite sempe ccà!...

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno