La collana d’oro

Stampa questo copione

LA COLLANA D’ORO

LA COLLANA D’ORO
O
I CINQUE TALISMANI

Commedia fantastica in tre atti e sette quadri

Personaggi

Folgore

1° Folletto

2° Folletto

Felice

Retella

Barone

Tetillo

Cicciotto

Concettella

Giovanni

Segretario

Sindaco

Contadini

Servi

Coro

ATTO PRIMO

MUSICA N. 1

Coro folletti.

TUTTI: Ecco fatto, è sotterrata
chella vecchia mmalorata

Tra llà llà...

Tra llà llà...

Resti ormai nel fuoco eterno!
Tra le fiamme dell’Inferno...

a incenerir!

Vecchia strega mmalorata,

scellerata!

Sì! Va!

Vatte a bruscià! (Ripete.)

Incenerir!

Così finir! Và!!

FOLGORE: Siam folletti e tutti insieme
possiam presto tutto fare.
Basta solo comandare,
basta un cenno, un guardo solo!

2° FOLLETTO: Si sparisce in un momento,
si compare in pochi istanti.

1° FOLLETTO: Siam veloci come il vento...
Siam solleciti davver!

FOLGORE E I FOLLETTO: Ah!

CORO: Si sparisce in un momento,
si compare in pochi istanti.
Siam veloci come il vento...
Siam solleciti davver!

TUTTI (ripete):
Pronti a venir!
Pronti a sparir!
Pronti a venir!
Pronti a sparir!

Sparir!

MUSICA N. 2

Coro contadini.

TUTTI: Nennè, guagliù, currimme...
Aunimmece, alluccammo...
nu chiasso mò facimme
pe farle mò scetà!…
Mò è ghiuomo chiaro e ncoppa
durmenno stanno ancora...
e nuje chiammanno’ a for a
facimmoli scetà:
(Chiamando:) Patrò Giuvà! Carmè!
Patrò Giuvà! Carmè! (Parlato.) Giuvà!

Carmè!!

MUSICA N. 3

Duetto Felice e Retella.

FELICE: Ma comme, ve ne jate?

RETELLA: Pe fforza ll’aggia fà...

FELICE: Gnernò, gnernò, restate...

V’aggia parlà!

V’aggia parlà!

RETELLA: Ma si papà turnasse
comme se fa?

FELICE: Dateme chillo fiore
che mpietto a buje sta.

RETELLA: (Ahimè! Ca chisto core

me fa: tti... tta...

me fa: tti... ttà...)

FELICE: Ve prego datemmillo...

RETELLA: Eccolo ccà...
Eccolo ccà!... (Gli dà il fiore.)

FELICE: E mò... chella manella

Vurria vasà

Vurria vasà!...

RETELLA: Gnernò, na piccerella
(ripete:)

chesto nun fa!

Chesto nun fa!...

(Felice, di sorpresa, le prende la mano e gliela bacia.)

Ah! Scustumato! Chesto nun cunvene!

Chello ch’avite fatto nun sta bene!

FELICE: Nun pozzo, no, resistere Retè...
io soffro, chiagno e spanteco pe ttè!

RETELLA: (Quant’è carillo!

Quant’è bellillo!
Stu core mpietto
me fa: tti... ttà...)
Io pure, siente, te voglio bene
e cchiù nun pozzo arrepusà.
Ah! Sì!... Ah! Sì! Arrepusà!...
Arrepusà!...
Arrepusà!...

FELICE: Siente, siente, comme mpietto fricceca

comme fricceca!

Chisto core, chisto core, comme pizzeca!
comme pizzeca!

Sì, sì, mò che stongo a te vicino subeto

comme subeto
Io mme sento, io mme sento consolà!

RETELLA: E a me pure fa ccà ddinto:

Ttà…fa: tti… ttà…ttà

E me pare che mò lesto vo...

vo scappaà. Sì!

Vo scappà!...

A DUE: Siente, comme mpietto fricceca!

Comme fricceca!

Chisto core, chisto core, comme pizzeca!

Comme pizzeca!

Sì, sì, mò che stongo a te vicino subeto

comme subeto

Io me sento, io me sento consolà!

FELICE: Io me sento consolà!...

RETELLA: Io me sento consolà!

FELICE: Statte! Astrigneme accussi!

RETELLA: Statte! Astrigneme accussì! (Si baciano.)

A DUE: Ah!... sì!!...
(Retella scappa nella palazzina.)

MUSICA N. 4

Couplets Barone, Tetillo e Coro.

BARONE: Io mi chiamo Ciccio Stoppa,
Son Barone di Porchiano, ma nativo di Pozzano.
Democratico, alla mano,
sempre insieme al popolano
fa piacere a me restar!
I miei mezzi sono tanti,
che, fra stabili e contanti,
posso ognuno superar!
Spendo e spando il mio danaro
nel soccorrere, e m’è caro
prodigarne a chi non ne ha!
Il mio dir, le mie maniere
poi, la donna fa incantar;
e, perfetto cavaliere,
tutte riesco a conquistar!
Prepotente quando occorre,
docilissimo s’io vo!
Se n’è il caso mi sò imporre...
tollerare all’uopo io sò!

Ah!...
Io mi chiamo Ciccio Stoppa,
Son Barone di Porchiano,
ma nativo di Pozzano.
Democratico, alla mano,
sempre insieme al popolano
fa piacere a me restar!

Io spendo come un pazzo,
spreco con sollazzo,
sempre al mio palazzo,
sosta lì un codazzo!
E tra lo schiamazzo,
tra un evviva, un lazzo,
io come un ragazzo
godo a sentir ciò!

CORO: Ei spende come un pazzo
spreca con sollazzo,
sempre al suo palazzo,
sosta lì un codazzo!
E tra lo schiamazzo,
tra un evviva un lazzo,
lui, come un ragazzo,
gode a sentir ciò!

Sì!!

II.

TETILLO: Io Tetillo poi mi chiamo,
sono l’unico suo figlio,
puro e candido qual giglio!...
Mai mi turbo, mai m’acciglio,
mai tristezza, mai cipiglio,
si riscontrano su me!...
Baroncino, anch’io, per cui,
ricco e nobil come lui,
faccio invidia al mondo inter!
Ci ho castelli, fondi e valli,
vacche, pecore e cavalli,
polli e porci in sine fin!
Se il suo dir, le sue maniere,
poi, la donna fa incantar,...
e, perfetto cavaliere,
tutte riesce a conquistar!
Io, soltanto se la guardo,
le sorrido un momentin,
dell’amor, l’acuto dardo,
la ferisce al cuoricin!

Ah!
Io Tetillo, poi mi chiamo,
sono l’unico suo figlio,
puro e candido qual giglio!
Mai mi turbo, mai mi acciglio,
mai tristezza, mai cipiglio,
si riscontrano su me!
Simpatico all’eccesso,
tutto m’è permesso,
tutto m’è concesso
dal gentil sesso.
Perché appena ho messo
l’occhio mio su di esso,
cade nell’amplesso del conquistator!

CORO: Simpatico all’eccesso,
tutto gli è permesso,
tutto gli è concesso,
dal gentil sesso.
Perché appena ha messo
l’occhio suo su di esso,
cade nell’amplesso
del conquistator!

Sì!!!

MUSICA N. 5

Coro di Tutti.

‘O Barone cu Retella
pozza sempe mprofecà!
Pure ‘o figlio ‘e Concettella
pe cient’anne hanna campà!
Trà, là rà, là rà, llà llà...
(ripete:) piri, piri, piri, piri, pà!

MUSICA N. 6

Finale Atto I.

Orchestra sola. (Tempesta)

Fine dell’atto primo
ATTO SECONDO
MUSICA N. 7

Orchestra sola.

Dissolvenza inaspettata.

MUSICA N. 8

Quartetto.

Felice, Retella, Cicciotto e Concettella.

I QUATTRO (unisono): Ah! Che felicità
vicino a te restà!

CONCETTA: Sempe abbracciata!
Stretta accussì!

RETELLA: Sempe cu tte, Felì!

CONCETTA: Ah! Sì?... Tutto pe me!

RETELLA: Tutto a mme!

TUTTI: Sulo a tte, sempe a tte
vogl’io penzà e vedè!

FELICE: Ah! Barone, tu sei scaltro,
ma con noi non puoi lottar!
No, no, con noi lottar non può!

CICCIOTTO: No, no, con noi lottar non può!

INSIEME (ridendo): Ah! Ah! Ah! Ah!
Ah! Ah! Ah! Ah!

CONCETTA: Barò... Barò... non c’è che fà!

RETELLA: Ah! Ah! (Ridendo.)

FELICE: Cu nuje, Barò, nun può lottà!

CICCIOTTO: Ah! Ah! (ridendo.)

CONCETTA: Mo ‘e me, Barò, te può scordà!

RETELLA E FELICE: Ah! Ah! (Ridendo.)

CICCIOTTO: Perciò, mo va te fa squartà!

FELICE: Retè, Retè...

CICCIOTTO: Concè... Concè...

FELICE: Stritte accussì.

CICCIOTTO: Famme murì!

CONCETTA: Ah!... Sì!... Strigneme accussì.

RETELLA: Strigneme, strì.

FELICE: Del Baroncino e del Baron

CICCIOTTO: fanno lesione i cornicion!

FELICE: Una tenera occhiata,
un sorriso una carezza,
può bastarci ogni mattina
a riempirei il cor di ebbrezza!

CICCIOTTO: Ogne ghiuorno nu squasillo,
ogne sera n’abbracciata,
ogne notte nu vasillo,
e te faccio conzolà!

CONCETTA E RETELLA: Ah! Sì ammore è chisto ccà...

FELICE E CICCIOTTO: Chisto ccà!

CONCETTA E RETELLA: Mparaviso che sarrà?

FELICE E CICCIOTTO: Che sarrà?

CONCETTA E RETELLA: Viene, abbracceme accussì!

FELICE E CICCIOTTO: Strigneme strì!

TUTTI: Cu tte abbracciato aggia murì!
Sì! Sì! Sì! Sì!

(Balletto.)

TUTTI: Cu tte abbracciato aggia muri!
Ah! Sì! Ah! Sì! Ah! Sì!

Cu ttè!!!

MUSICA N. 9

I Servi poi Tutti.

I SERVI: Ah! ah! ah! Ah!
Ah! ah! ah! ah!
Oh! che bella tarantella,
tarantella. Ma chi ‘o po’
appassà
Ballà
Zompà
Comm’isso fa!

(Questo numero si ripete quattro volte.)

MUSICA N. 10

Barone, Tetillo e Coro.

BARONE: Voglio mò lesto correre
e me voglio trovà d’un colpo
lontanissimo ma senza cammenà!
Ed il Giappone subito
vò tutto conquistar
e imperatore, caspita,
io voglio diventar! Sì!
E infine, poi, desidero
Retella accanto a me...
La geisha più simpatica
di tutte le Musmè!
Di tutte le Musmè!
Di tutte le Musmè!

Ah!

TETILLO: E anch’io vò presto correre,
seguire il mio papà;
ed il suo segretario
llà voglio addeventà.
Colà tutte le femine
io voglio conquistar!
Ed ogni giorno quindici
ne voglio assaporà! Sì!
Però, colei che proprio
vò sempre accanto a me,
sei tu, donna adorabile
Concetta mia ConCè!
Concetta mia Concè!
Concetta mia Concè!

Ah!...

BARONE: Voglio mò lesto correre
e me voglio trovà
d’un colpo lontanissimo
ma senza cammena!
Ed il Giappone subito
vò tutto conquistar
e imperatore, caspita,
io voglio diventar...

Sì!

TETILLO: E anch’io vò presto correre
seguire il mio papà,
ed il suo segretario
llà voglio addeventà.
Colà tutte le femine
io voglio conquistar,
ed ogni giorno quindici
ne voglio assaporar!

Sì!

BARONE (ai servi): Voi, miei fidi,
mi seguite...
tutti, tutti.
Andiam venite!...

TUTTI: Sì!
(Tutti all’unisono.)

BARONE: Voglio mò lesto correre
e me voglio trovà
d’un colpo lontanissimo
ma senza cammenà!
Ed il Giappone subito
vò tutto conquistar
e imperatore, caspita,
io voglio diventar.
Ah! sì, llà voglio diventar!
Sì! Sì! llà voglio diventar!

TETILLO: E anch’io vò presto correre
seguire il mio papà
ed il suo segretario
llà voglio addeventà!
Colà tutte le femine
io voglio conquistar...
ed ogni giorno quindici
ne voglio assaporar!
Sì! Sì! Ne voglio assaporar!
Sì! Sì! Ne voglio assaporar!

1°, 2° e 3° SERVO: Vulimmo lesto correre
e nce avimma trovà
d’un colpo lontanissimo
ma senza cammenà!
Sì! Sì!
Sì! Sì!
Sì! Sì!
Senza cammenà!
Sì! Sì! Mò senza cammenà!
Sì! Sì! Mò senza canimenà!

DUETTO

Felice e Cicciotto.

FELICE: Io mò... mo scunocchio nterra ccà!

CICCIOTTO: Io no... cchiù nun pozzo all’erta stà!

FELICE: Uh! Che friddo e che famma! Me sento svenì! Cicciò!

CICCIOTTO: Felì...

FELICE: Cicciò...

CICCIOTTO: Felì...

A DUE: Mme sento, crideme, murì!
Brr!... Brr!... Brr!... Brr!...
Brr!... Brr!... Brr!... Brr!...
Muorte ‘e friddo e famma,
chi nce ajuta mò?
Brr!... Brr!... Brr!... Brr!...
Brr!... Brr!... Brr!... Brr!...
Chella bella mamma
mo salvà ce pò...

FELICE: Nun me fido cchiù...
nun ne pozzo cchiù!

CICCIOTTO: Io mò svengo ccà...
Io mò moro ccà!

FELICE: Tieneme Cicciò...

CICCIOTTO: Piglieme Felì...,

FELICE: Nun ce veco cchiù...

A DUE: Simme muorte già!!

(Cade l’uno nelle braccia dell’altro.)

MUSICA N. 13

Quartettino.

Felice, Cicciotto, Giovanni e Carmela.

FELICE: Rivedrò la celeste donna amata!
Le fresche carni e i suoi capelli d’or!
Rivedrò la fanciulla mia adorata!
E torneremo al nostro ardente amor!

Rivedrò la mia Retella!

Tra la ra la rella!

Tra la ra la rella!

GIOVANNI E CARMELA:! Trova a figliema Retella!

Tra la ra la ra la ra!

la ra la ra!

FELICE: E la sposa mia sara...

GIOVANNI: E mugliera te sarà!

FELICE: Tra là là! tra là là!

Tra là là! tra là là!

Tra là là! tra là là!...

CICCIOTTO: Truvarraggio a Cuncettella!

Tra la rà, la rella!

GIOVANNI E CARMELA: Trovo pure a Concettella

Tra la rà, la rà, la rà!

la rà, la rà!

CICCIOTTO: E la sposa mia sarrà!

CARMELA: E mugliera te sarrà!

CICCIOTTO: Tra là là! Tra là là

Tra là là! Tra là là

Tra là là! Tra là là!

TUTTI: E una nobile vendetta...
tra la rà la rella!
tra la rà la rella!
su quei due dobbiamo fare
Tra la rà la rà, la rà
la rà, lla llà!
Iammo subeto
tutte currimme
Ca vulimme
sti figliole
lesto lesto liberà!
Sì, sì, sì!
Tiempo inutile
cchiù nun perdimmo
che facimmo
mò fermate
mò mpalate mmiezo ccà?

(Segue solo orchestra e poi attacca:)

MUSICA N. 12

Pezzo concertato.

Sindaco, Segretario, Felice, Cicciotto e tutti i Contadini.

SINDACO: Chisti ccà songo chilli briccune!
Chille spirete, chilli stregune!

SEGRETARIO: Che da jere hanno tutte arruinate
l’abitante ‘e sta bella città.

CICCIOTTO E FELICE: Che bolite mò da ccà?

TUTTI: Ve volimmo massacrà!

FELICE (solo): Pe salvarce da tutta sta gente
e pe farle scappà tutte quante
voglio ed ordino in questo momento
una pioggia di fuoco ora qua!

I QUATTRO: Iammo subito
tutte currimme
ca vulimme
sti figliole
lesto lesto liberà
Sì! Sì! Sì!
Tiempo inutile
cchiù nun perdimmo
che facimmo
mò fermate
mò mpalate
mmiezo ccà?
Iamme
Cicciò!
Felì!
Giovà!
Carmè.

SINDACO SEGRETARIO E CONTADINI: Iammo subito
sti duje briccune
sti stregune
sti mbrugliune
lesto lesto a massacrà
Sì! Sì! Sì!
Tiempo inutile
cchiù nun perdimmo
che facimme
mò fermate
mò mpalate
tutte ccà?

Iammo guagliù.

(Cade una fitta pioggia di fuoco.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

MUSICA N. 13

Brindisi.

Folgore, 1°,2°, 3° e 4° Folletto.

FOLGORE: Su! Beviam! Già tempo n’è!
Di tal vin miglior non ‘è.
Non vogliamo il forestier...
Nostro vin vogliam sol ber!

TUTTI (ripetono): Su! Beviam! Già tempo n’è! (Ecc.)

1° FOLLETTO: Viva Pluto ed il suo vin
che c’inebbria e scalda il cor!
Le delizie dell’amor
ci procura e goder fà!

TUTTI: Beviam! Beviam!

FOLGORE E 1° FOLLETTO: Ndin! Ndin! Ndin! Ndin! Ndin! Ndin!

Viva il buon vin!

CORO: Viva il buon vin!

FOLGORE E 1° FOLLETTO: Ndin! Ndin! Ndin! Ndin! Ndin! Ndin!

Viva il buon vin!

TUTTI: Viva Pluto ed il suo vin
che c’inebria e scalda il cor!
Le delizie dell’amor
ci procura e goder fà!

Beviam!

Beviam!

FOLGORE E 1° FOLLETTO: Ndin! Ndin! Ndin! Ndin! Ndin! Ndin!

Viva il buon vin!

CORO: Viva il buon vin!

TUTTI: Ndin! Ndin! Ndin! Ndin!
Ndin! Ndin!

Viva il buon vin!

FOLGORE: Se d’Italia la campagna
dà il suo vin, ch’è il Re dei vini,
s’abolisca lo Champagne,
non più Lunel, non Bordeaux!

1° FOLLETTO: Ma il vin d’Italia vogliamo ber!

FOLGORE: Su! Beviam! Già tempo n’è...

1° FOLLETTO: di tal vin miglior non v’è.
Non vogliam il forestier...
nostro vin vogliam sol ber!

TUTTI: Su! Beviam! Già tempo n’è!
Di tal vin miglior non v’è
Non vogliamo il forestier...
nostro vin vogliam sol ber!

Sì!

MUSICA N. 14

Coro Giapponesi e Geishe.

Eccolo qua...

Eccolo qua...

L’Imperatore

Eccolo qua...

Eccoli qua

Eccoli qua...

Fe-ka-to-fritt

e Ba-ka-là!

LE GEISHE: Eccoli qua

I GIAPPONESI: Eccoli qua

LE GEISHE: Fe-ka-to Fritt

TUTTI: e Ba-ka-là!

(parlato:) Ba-ka-là!

Ba-ka-là!...

MUSICA N. 15

Quartettino.

Carmela, Giovanni, Felice e Cicciotto.

CARMELA: Dalla Spagna siam venutis...

GIOVANNI: Dopo tanto camminatos!...

FELICE: Come lepri siam fuggitis...

CICCIOTTO: Ma però siamo arrivatos!...

CARMELA: Sono, sona la chitarellas... Sona sò...

CICCIOTTO E GIOVANNI: Sì, sì!

CARMELA: Sona sò...

CICCIOTTO E GIOVANNI: Sì, sì!

CICCIOTTO: Fa sentire le castagnellas
Sona, sona, sò!

(Balletto)

TUTTI: Ollè!

II.

CARMELA: Da la Spagna siam partitos

GIOVANNI: Due bricconi per trovares...

FELICE: E pe farle nu paliatonos!

CICCIOTTO: E le zelle pe scardares!

FELICE: Sona, sona la chitarrellas
Sona, sò...

CICCIOTTO E GIOVANNI: Sona sò.

CICCIOTTO E GIOVANNI: Sì, sì!

GIOVANNI: Fa sentire la castagnellas

TUTTI: Sona, sona sò!
(Balletto)

TUTTI (con un grido): Ollè!

MUSICA FINALE

Apoteosi

TUTTI: Oh! Fata Stella!
Potente, buona e bella!...
Proteggi tutti ognor!!!!

Ah! Sì!!!!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 14 volte nell' arco di un'anno