La contessa Speranza

Stampa questo copione

LA CONTESSA SPERANZA

Di Velise Bonfante

Scena: Sono le sette di sera e c’è già buio. Una sala da pranzo con un tavolo ed un telefono. Porta d’ingresso e porta per andare in cucina.

Personaggi:  - Adolfo      - il padre di Paolino

                    - Serafina     - moglie di Adolfo

                    - Irene          - sorella di Serafina

                    - Alice e Maria -  invitate a cena

                        *****

(Suonano il campanello d’ingresso, le prime battute fuori scena poi entrano titubanti guardandosi attorno.)

Serafina) Sculta Dolfo, pröom a ‘nda denter.

Adolfo) (Ha in mano una torta ) Sét sicüra che l’è per stasera?

Serafina) Òstis, vöt che sape mia quan che ‘l me  Paolino el compés j agn?  Te belo, varda che me só gnamò deentàda scleròtica a chèsto punto nè!

Adolfo) Ma ché, gh’è töt scür, ché gh’è nüsü.

Serafina) Chesto el vède apó mé. (Accendendo la luce) Menomàl che la siura contessa la gna dat le ciàf de l’apartamènt, se nò ghérem de spetà föra al frèt.

Adolfo) Ciàmela Speranza nò, en fin dei cöncc l’è tò nuora e quan che ‘l tò Paolino el s’è spuzat te sìet isé contenta che ‘l spuzaes öna contessa.

Serafina) Sérem töcc contègn, apó te Adolfo, se l’è per chel.

Adolfo) Ensoma Serafina che g’hoi de dit: na contessa l’è semper na contessa.

Serafina) (Guardandosi attorno) ‘Na contessa l’è semper na contessa, ma ché gh’è gnènt de prónt. E mèt zó chèla turta lé, ansi va a mitìla en del frigor se nò se dèsfa la panna montata e se lès pö la scritta “con tanti auguri al me Paolino”.

Adolfo) (Esce per deporre la torta) Sét sicüra che la gna envidat a séna prope stasera? Ché gh’è ‘l frigor vöt, gh’è apena en pachitì de ravioli e ‘n qualch pondór, e per de pó con de una gran bröta cera. E nient alter.

Serafina) (Seccata) Come nient alter? Epure Dolfo só sicüra, l’è per stasera, sö pö che sicüra. La gna envidàt a sena per le sèt e mèza, se pöl mia rià a sèt e mèza giöste e per educaziù  noàter sóm riàcc en pó prim. T’el sét, mé vöi mia fa bröta figüra con de lé, apó se l’è me nuora, na contessa l’è semper na contessa.

Adolfo) (Guarda l’orologio) E adès j-è le sèt e dés (si siede) e isé che fóm Serafina?

Serafina) (Sedendosi) Spetòm. Che g’hoi de dit Dolfo, spetóm, la riarà.

(Suona il telefono)

Dolfo) Sö dai, va a rispónder

Serafina) (Dopo una certa esitazione  va a rispondere - mielosa ) Oh, ciao cara... sé, sé... va be cara... sé...(deponendo la cornetta) La g’ha dit tò nuora contessa che la ritarda en bris (si toglie il cappotto) e se podóm per piazér ambià a preparà la taola e a mèter sö la pignata che isé perdom mia tèmp, se nò se fa tròp tarde e isé quan che lé la ria l’acqua la bói za e le nó la g’ha che sbàter zo j-agnulì. Ah, e la g’ha dit apó che za che ghe sóm se podóm apó consàga du pondór (così parlando arriva alla porta della cucina, poi torna sui suoi passi) e la g’ha dit Dolfo se te, isé gh’è mia de tribülà quan che la ria, se per piazér te rìet zó a la rosticceria a comprà en pó de rosbìf o chel che te ne òja te de second.

Adolfo) (La guarda perplesso, poi rivolto al pubblico) E paghe töt mé coi me sólcc?

Serafina) Te Dolfo, sta mia fam sta zó le ure. Te rincrès i sólcc per festegià el compleanno del tò Paolino?

Adolfo) (Alzandosi) No, per carità Serafina. Dìzie isé per dì no, visto che i gna envidàt a sena, capìse mia.

Serafina) (Iniziando a preparare la tavola) Dai sö Dolfo, sta mia lé ‘mpalàt a fa tante polemiche, va a tö en vergót per secont che entant me prepare la taola.

(Suona il campanello d’ingresso, mentre esce Adolfo entra Irene, la sorella di Serafina.)

Adolfo) Ciao Irene, va pör denter che gh’è tò sorela che l’è dré a preparà la taola.

Irene) Te endó sét dré a ‘na?

Serafina) Ciao Irene, làsel ‘na che l’è za tarde. Ve ché a dam ‘na mà a preparà la taola.

Irene) (Togliendosi il cappotto) Ma ché, gh’è gnènt de pront!

Serafina) G’ha telefonàt prima la Contessa Speranza che la ritarda en bris, se podóm per piazér ambià noàlter a preparaga la taola, òstiss l’acqua per j-agnulì.

Irene) (Dando una mano a preparare il tavolo) Quancc piàcc g’hoi de mèter?

Serafina) Du noalter, du lur, te: fa sich. Mé ‘ntant cónse apó i pondór.

(Suona il campanello d’ingresso e Serafina va ad aprire)

Alice) (Entrando) Ciao Serafina.

Serafina) Ma sét ché apó te? T’hala envidàt apó te?

Alice) (Togliendosi il cappotto, saluta Irene con la mano) Certo, perchè me chi sói, la fiöla de la serva? Varda che mé g’ho fat de ghidàsa al tò Paolino.

Serafina) (Alla sorella Irene) Irene, mèt en piàt de pö che mé cambie bàzia ai pondòr, ché, la ghe ocór pö granda.

(Serafina va verso la cucina, suona il campanello, torna sui suoi passi e va ad aprire.)

Maria) (Entrando) Ciao gente. Oh, che bela taolada

Serafina) Set stada envidada apó tè?

Maria) (Togliendosi il cappotto) Certo, perchè, mé chi sói? Varda che mé só mai mancada a ‘n compleanno de tò fiöl.

Serafina) Certo, certo, Irene, zonta un alter piàt a taola che mé conse amó en pó de pondór.

Irene) Varda en de chel casèt che gh’è le posade

(Suona il campanello d’ingresso, Serafina va ad aprire: è Adolfo che rientra.)

Adolfo) (Rientra stanco e leggermente piegato sulle ginocchia) Serafina n’ho compràt du èti, èi asé? (gli muoiono le parole in bocca vedento tutta la gente, scuote la testa e guarda il pubblico) g’ho mia idea. Sóm isé en tancc?

Serafina) Dolfo, cór zö amó na ólta, cómpren amó en pér d’èti, nò fa més chilo e comprà apó en pó de persót crüt, e apó en bris de chel còt, e apó en qualche sott’aceto, dei funghetti, carciofini... varda te ensóma, peséghet che l’è tarde.

Adolfo) (Uscendo di corsa) Agli ordini capo.

Irene) El Paolino endó èl?

Serafina) El Paolino el finìs a le sèt de laurà e ura che ‘l ria a casa j-è le sèt e mèza giöste, (guardando l’orologio) el sarà che a minücc.

Alice) E sò moér?

Irene) La bela contessina Speranza endó ela?

Serafina) La g’ha telefonàt che la ritarda en pó e de portàs avanti, ché bói l’acqua.

Maria) L’èt salada l’acqua?

Serafina) Me ricorde pö. Mé capése pö gnènt.

(Suona il telefono, tutte si fermano a guardare Serafina.)

Serafina) (Rispondendo mielosa) Ohh, si cara... si cara... va bene... ma fa prèst... te racomande.. ciao ... ciao... (alle altre) La sarà ché, dé ché e dés minücc, la g’ha dit de sbàter zó j-agnulì che entant i se cös.

(Suona il campanello d’ingresso e Serafina va ad aprire, Adolfo rientra con dei cartocci.)

Adolfo) (Sempre più stanco) Ecco qua, pronti. Varda Serafina se g’ho compràt töt giöst.

Serafina) Alura  vardom, sé, dai nóm, mia mal, ma el béer?

Adolfo) Òstis, g’ho mia pensàt a chel. En del frigor gh’è gna na butiglia.

Serafina) Cor zó Dolfo a comprà en vergót prima che i sère töcc i negòse.

Adolfo) Serafina, ma j-è sés piani de scale!

Serafina) (Lo prende da parte)  Dolfo te volaré mia faga fa bröta figura al nòs Paolino né!

(Adolfo esce sospirando)

Irene) Certo che m’è mai capitàt de èser envidada a sena e duzì  apó preparàn.

Alice) Te mai gna capitàt de iga a che fa con de una Contessa.

Irene) La contessina Speranza.

Serafina) Speranza che la rie.

Irene) El set mia che i nobili j-è üss a fas spetà?

Serafina) (Compiaciuta) Se pense a la contentèssa, a la felicità  che g’ho pröàt quan che g’ho saìt che ‘l me Paolino el spuzaa na contessa.

Irene) Te ghét rezù Serafina, na contessa l’è semper una contessa .

Serafina) I nobili j-è semper nobili.

Alice) Me só mia contessa, ma quan che envide la zènt a séna, ghe fó troà pront.

Serafina) Cosa vöt saì te de le üsanze dei nobili.

Maria) I nobili cara mia! E le contesse!

Irene) (Interrompendo) Ma lé endó ela? Se pöl saì?

Serafina) (Con fare sicuro) L’è ‘ndada de la barbéra a fas mèter a post el có. La ghe tignìa a fa bela figüra con noalter.

Alice) La g’ha rizù a vulì fa bela figüra, bé o mal te (a Serafina) te sét semper sò suocera.

Serafina) Pensa, suocera de na contessa.

Maria) Apó a me, me piàs èser bé petenàda, el có l’è importante, e quan gh’è a pòst el có...

Alice) … con de na bela petinadüra.

Serafina) Gh’è a pòst töt.

Alice) Gh’è töt a pòst? Ricapitolóm.

Irene) La taola l’è preparada.

Serafina) I pondór j è consàcc. E na bela bazìa apó!

Alice) J-afetati de antipasto j-è proncc.

Irene) E apó i sott’aceti.

Serafina) De second el rosbif. Saràl asé?

Alice) Certo che l’è asé, l’è quasi en chilo! Té vedare che en vanza.

Serafina) La turta l’è ‘n frigor.

Irene) El vi l’è ‘ndat a töl adès

Alice) Sóm a posto. Te Serafina, e j-agnulì?

Serafina) J-è dré che i cös. Töt a post, sta tranquila... (controllando il tavolo) te volaré mia che fóme bröta figüra con de na contessa nè! Ghe mancarés a chela!

Irene) No, mancarés apena che la rìe, la contessina Speranza.

(Tutte si siedono, sbirciano l’orologio e suona il campanello d’ingresso)

Adolfo) (Rientrando con le bottiglie, piegato a metà dalla fatica, col fiatone, stanco morto) Adès Serafina vó pö zó, a parte el fato che j-è le sèt e méza e i negòse i sèra , va bé che l’è ‘l compleanno de nòs fiöl, ma mé vöi mia mörer  per lü. E töte chele scale lé, sés piani de scale, aànti e ‘n dré le me fa vègner l’ infarto!

Serafina) Quante storie per quàter panèi; nóm, sèntez zó Dolfo che gh’è pront.

Adolfo) (Sedendosi) Oh se só strach, g’ho le gambe che  me fa “giacom-giacom”, e ‘l nòs Paolino?

Serafina) (Guardando l’orologio) El sarà che a minücc.

Adolfo) E la siura contèssa endó ela?

Serafina) L’è ‘ndada a fas mètes a post el có.

Irene) Le contesse le ghé te a fa bela figüra.

Maria) Te vedaré Dolfo quan che la ria!

Serafina) Te vedare che cambiamènt!

Alice) La garà pö chela testa!

Adolfo) Menomàl. De bu l’è ‘ndada a fas mètes el có a post? L’èra ura, perchè a me, pö che de contessa el sò ‘l m’è semper parìt un bel có de galina.

Serafina) La garà agà ‘l có de ‘na galina, ma ‘na contessa l’è semper una contessa.

Fine

LA CONTESSA SPERANZA

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Sono le sette di sera e c’è già buio. Una sala da pranzo con un tavolo ed un telefono. Porta d’ingresso e porta per andare in cucina.

Personaggi:  - Adolfo      - il padre di Paolino

                    - Serafina     - moglie di Adolfo

                    - Irene          - sorella di Serafina

                    - Alice e Maria -  invitate a cena

                        *****

(Suonano il campanello d’ingresso, le prime battute fuori scena poi entrano titubanti guardandosi attorno.)

Serafina) Ascolta Dolfo, proviamo ad entrare.

Adolfo) (Ha in mano una torta ) Sei sicura che è per stasera?

Serafina) Òstis, vuoi che non sappia quando il mio Paolino compie gli anni? Tu bello, guarda che io non sono ancora diventata sclerotica fino a questo punto.

Adolfo) Ma qui c’è tutto scuro, qui non c’è nessuno.

Serafina) Questo lo vedo anch’io. (Accendendo la luce) Menomale che la signora contessa ci ha dato le chiavi dell’appartamento, altrimenti dovevamo aspettare fuori al freddo.

Adolfo) Chiamala Speranza no, in fin dei conti è tua nuora e quando il tuo Paolino si è sposato tu eri così contenta che sposasse una contessa.

Serafina) Eravamo tutti contenti, anche tu Adolfo, se è per quello.

Adolfo) Insomma, Serafina che ti devo dire: una contessa è sempre una contessa.

Serafina) (Guardandosi attorno) Una contessa è sempre una contessa, qui non c’è nulla di pronto. E metti giù quella torta, anzi vai a metterla nel frigorifero altrimenti si disfa la panna montata e non si legge più la scritta “con tanti auguri al mio Paolino”.

Adolfo) (Esce per deporre la torta) Sei sicura che ci ha invitato a cena proprio stasera? Qui c’è il frigorifero vuoto, c’è solo un pacchetto di ravioli e un qualche pomodoro, e per di più con una gran brutta cera. E niente altro.

Serafina) (Seccata) Come niente altro? Eppure Dolfo sono sicura, è per stasera, sono più che sicura. Ci ha invitato a cena per le sette e mezza, non si può arrivare alle sette e mezza giuste giuste e per educazione noi siamo arrivati un po’ prima. Lo sai, io non voglio fare brutta figura proprio con lei, anche se è mia nuora, una contessa è sempre una contessa.

Adolfo) (Guarda l’orologio) Ora sono le sette e dieci (si siede) e così che facciamo Serafina?

Serafina) (Sedendosi) Aspettiamo. Che devo dirti Dolfo, aspettiamo, arriverà.

(Suona il telefono)

Dolfo) Su dai, vai a rispondere.

Serafina) (Dopo una certa esitazione  va a rispondere - mielosa ) Oh, ciao cara... sì, sì... va bene cara... sì...(deponendo la cornetta) Ha detto tua nuora contessa che ritarda un poco (si toglie il cappotto) e se possiamo per favore iniziare a preparare la tavola e mettere su la pentola che così non perdiamo tempo, altrimenti si fa troppo tardi e così quando arriva lei l’acqua bolle già e non le resta che buttare i ravioli. Ah, e ha detto anche se, già che ci siamo, se possiamo anche condirle due pomodori (così parlando arriva alla porta della cucina, poi torna sui suoi passi) e ha detto Dolfo se tu, così non c’è da tribolare quando arriva, se per piacere arrivi giù in rosticceria a comperare un poco di rosbif o quello che vuoi tu per secondo.

Adolfo) (La guarda perplesso, poi rivolto al pubblico) E pago tutto io con i miei soldi?

Serafina) Dolfo, non iniziare a farmi star giù le ore. Ti rincrescono i soldi per festeggiare il compleanno del tuo Paolino?

Adolfo) (Alzandosi) No, per carità Serafina. Dicevo così per dire, visto che ci hanno invitato a cena, non capisco.

Serafina) (Iniziando a preparare la tavola) Su Dolfo, non restare lì impalato a fare tante polemiche, va a prendere un qualcosa per secondo mentre io preparo il tavolo.

(Suona il campanello d’ingresso, mentre esce Adolfo entra Irene, la sorella di Serafina.)

Adolfo) Ciao Irene, va pure dentro che c’è tua sorella che sta preparando il tavolo.

Irene) Tu dove stai andando?

Serafina) Ciao Irene, lascialo andare che è già tardi. Vieni qui a darmi una mano a preparare il tavolo.

Irene) (Togliendosi il cappotto) Ma qui, non c’è niente di pronto.

Serafina) ha telefono prima la Contessa Speranza che ritarda un poco e se possiamo, per favore, iniziare noi a prepararle il tavolo, òstiss l’acqua per i ravioli.

Irene) (Dando una mano a preparare il tavolo) Quanti piatti devo mettere?

Serafina) Due noi, due loro, tu : fa cinque. Nel frattempo io condisco anche i pomodori.

(Suona il campanello d’ingresso e Serafina va ad aprire.)

Alice) (Entrando) Ciao Serafina.

Serafina) Sei qui anche tu? Ha invitato anche te?

Alice) (Togliendosi il cappotto, saluta Irene con la mano) Certo, perché io chi sono? La figlia della serva? Guarda che io ho fatto da madrina al tuo Paolino.

Serafina) (Alla sorella Irene) Irene, metti un piatto in più che io cambio insalatiera ai pomodori, qui serve più grande.

 (Serafina va verso la cucina, suona il campanello, torna sui suoi passi e va ad aprire.)

Maria) (Entrando) Ciao gente. Oh, che bella tavolata

Serafina) Sei stata invitata anche tu?

Maria) (Togliendosi il cappotto) Certo, perché, io chi sono? Guarda che io non sono mai mancata ad un compleanno di tuo figlio.

Serafina) Certo, certo, Irene, aggiungi un altro piatto in tavola che io condisco altri pomodori.

Irene) Guarda che in quel cassetto ci sono le posate.

(Suona il campanello d’ingresso, Serafina va ad aprire: è Adolfo che rientra.)

Adolfo) (Rientra stanco e leggermente piegato sulle ginocchia) Serafina ne ho comprato due etti, saranno abbastanza? (gli muoiono le parole in bocca vedendo tutta la gente, scuote la testa e guarda il pubblico) non ho idea. Siamo così in tanti?

Serafina) Dolfo, corri giù ancora una volta, comperane ancora un paio d’etti, no, fa mezzo chilo e compra anche un po’ di prosciutto crudo, e anche un po’ di quello cotto e anche un qualche sotto aceto, dei funghetti, carciofini... guarda tu insomma, spicciati che è tardi.

Adolfo) (Uscendo di corsa) Agli ordini capo.

Irene) Ma Paolino dov’è?

Serafina) Paolino finisce alle sette di lavorare e ora che arriva a casa sono le sette e mezza giuste (guardando l’orologio) sarà qui a minuti.

Alice) E sua moglie?

Irene) La bella contessina Speranza dov’è?

Serafina) Ha telefonato che ritarderà un poco e di portarsi avanti, qui bolle l’acqua.

Maria) L’hai salata l’acqua?

Serafina) Non mi ricordo più, non capisco più niente.

 (Suona il telefono, tutte si fermano a guardare Serafina.)

Serafina) (Rispondendo mielosa) Ohh, si cara... sì cara... va bene... ma fa presto... ti raccomando... ciao ... ciao... (alle altre) Sarà qui fra 10 minuti, ha detto di buttare i ravioli che così nel frattempo cuociono.

 (Suona il campanello d’ingresso e Serafina va ad aprire, Adolfo rientra con dei cartocci.)

Adolfo) (Sempre più stanco) Ecco qua, pronti. Guarda Serafina se ho comprato tutto giusto.

Serafina) Allora  vediamo, sì, mica male, ma il bere?

Adolfo) Òstis, non ho pensato a quello. E nel frigorifero non c’è neppure una bottiglia.

Serafina) Corri giù Dolfo a comperare un qualcosa prima che chiudano tutti i negozi.

Adolfo) Serafina, sono sei piani di scale!

Serafina) (Lo prende da parte)  Dolfo, non vorrai far fare brutta figura al nostro Paolino né!

(Adolfo esce sospirando)

Irene) Certo che non mi è mai capitato di essere invitata a cena e di dovere anche prepararmene.

Alice) Non ti è mai capitato nemmeno di avere a che fare con una  Contessa.

Irene) La contessina Speranza.

Serafina) Speranza che arrivi.

Irene) Non sai che i nobili sono abituati a farsi aspettare?

Serafina) (Compiaciuta) Quando penso alla contentezza, alla felicità che ho provato quando ho saputo che il mio Paolino sposava una contessa.

Irene) Hai ragione Serafina, una contessa è sempre una contessa.

Serafina) I nobili sono sempre nobili.

Alice) Io non sono una contessa, ma quando invito la gente a cena faccio loro trovare pronto.

Serafina) Cosa vuoi sapere tu delle usanze dei nobili.

Maria) I nobili cara mia! E le contesse!

Irene) (Interrompendo) Ma lei dov’è? Si può sapere?

Serafina) (Con fare sicuro) È andata dalla parrucchiera a farsi mettere a posto la testa. Ci teneva molto a fare bella figura con noi.

Alice) Ha ragione a voler fare bella figura, bene o male tu (a Serafina) sei sempre sua suocera.

Serafina) Pensa, suocera de una contessa.

Maria) Anche a me piace essere ben pettinata, la testa è importante, e quando hai la testa a posto...

Alice) … con una bella pettinatura.

Serafina) Tutto è a posto.

Alice) C’è tutto a posto? Ricapitoliamo.

Irene) La tavola è preparata.

Serafina) I pomodori sono conditi. E una bella insalatiera anche.

Alice) Gli affettati di antipasto sono pronti.

Irene) E anche i sott’aceti.

Serafina) Di secondo il rosbif. Sarà abbastanza?

Alice) Certo che è abbastanza, è quasi un chilo! Vedrai che ne avanza.

Serafina) La torta è in frigorifero.

Irene) E il vino è andato a prenderlo ora.

Alice) Siamo a posto. Serafina, e i ravioli?

Serafina) Stanno cocendo. Tutto a posto, sta tranquilla... (controllando il tavolo) non vorrai che facciamo brutta figura con una contessa! Ci mancherebbe anche quello.

Irene) No, mancherebbe solo che arrivi, la contessina Speranza.

(Tutte si siedono, sbirciano l’orologio e suona il campanello d’ingresso.)

Adolfo) (Rientrando con le bottiglie, piegato a metà dalla fatica, col fiatone, stanco morto) Ora Serafina non vado più giù. A parte il fatto che sono le sette e mezzo ed i negozi chiudono, va bene che è il compleanno di nostro figlio, ma io non voglio morire per lui. E tutte quelle scale, sei piani di scale, aventi ed indietro mi fanno venire l’infarto.

Serafina) Quante storie per quattro scalini, siediti Dolfo che c’è pronto.

Adolfo) (Sedendosi) Oh se sono stanco, ho le gambe che mi fanno “giacomo-giacomo”, il nostro Paolino?

Serafina) (Guardando l’orologio) Sarà qui a minuti.

Adolfo) E la signora contessa dov’è?

Serafina) È Andata a farmi mettere la testa a posto.

Irene) Le contesse ci tengono a fare bella figura.

Maria) Vedrai Dolfo quando arriva!

Serafina) Vedrai che cambiamento!

Alice) Nona avrà più quella testa!

Adolfo) Menomale. Davvero è andata a farsi mettere a posto la testa ? Era ora, perché a me, più che di una contessa il suo mi è sempre parso una bella testa di gallina.

Serafina) Avrà anche la testa di una gallina, ma una contessa è sempre una contessa.

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 30 volte nell' arco di un'anno