Stampa questo copione

LA CURA

Dramma in Due Atti

diFrancesco Amendola

Personaggi:

Rita, la domestica.

Imma Russotto, sorella zitella di Giovanni.

Giovanni Russotto, medico e padrone di casa.

Liberato Landi, amico d'infanzia e marito di Ada.

Ada Lamberti, moglie di Liberato.

Don Sabatino, parroco.

Nicolino, psicologo e amante di Rita.

Atto primo

Salone in casa del dottor Russotto. Uscio di sinistra che dà alle camere, uscio di destra che dà all’ingresso.

Scena prima

Al levarsi della tela Rita, la domestica di casa Russotto, annaffierà i gerani canticchiando una canzone classica napoletana e accortasi della presenza della dirimpettaia Maria, la saluta.

RITA: Uè Marì buongioro! Eh si, si lavora, inizia 'nata jurnata! Menumal' almeno che è 'na jurnat 'e sole! Ieri ha fatto tutta quell'acqua, uh! Avete visto? Embè io l'ho sentita, in testa qua vedete! Uh, non ve lo dico proprio! Dovete sapere, che è mia buona abitudine controllare le previsoni del tempo, perché sapete io scendo a fare la spesa e quindi cammino molto a piedi, poi ogni mattina mi allungo fino a via Toledo per fare visita a mia Zia, che poverina non sta neanche tanto bene! E comunque, ajere 'o viecchiariell de previsioni ncopp 'o primm canale, o colonnello insomma, parlò chiarissimo: “Giornata soleggiata in tutta l'Italia” disse “a parte qualche rarissima” signò badate bene “rarissima precipitazione in Toscana”. E effettivamente a jurnat pareva bona e quindi scesi a sbrigare le mie faccende abituali; 'ncapa a me pensai “figurati se chella nuvoletta piccerella piccerella ca sta in Toscana pe fatt' suoi, ven a scuccià iust a nuj ca stamm a Napule”. Oh, chella evidentemente m' sentette, partette da Firenze, passai Grosseto, Viterbo, Roma, Latina, Fondi, Mondragone, chi te viv, p' chiovere 'jiust 'ncapa a me ca stev' pure senza 'mbrella! E mica una nuvola leggera e di passaggio, chella s'era mis 'e casa a Napule e menava certi secchiat' d' acqua ca nun vo dico proprio!

Entra Imma, la sorella zitella di Giovanni Russotto, donna acida e facilmente irascibile.

IMMA: Chesta sta sempre ‘ncoppa a ‘nu balcone!

Imma ripone la macchinetta del caffè appena fatto sul tavolino e accorgendosi della discussione tra Rita e Maria si avvicina per origliare.

RITA: Eh si signora bella, che amma fa! Voi invece che mi dite? Come è andata la nottata? E beat a vuje signora cara, mi fa piacere! Qua non abbiamo chiuso occhio tutta la notte per via del tremendo lutto! Gente che entrava, gente che usciva, chi portava lo zucchero, chi portava il caffè, e poi i fiori! Uh Signora Matilde quanti fiori, non ve lo dico proprio! La scomparsa della signora Annalisa è stato un duro colpo per tutti! I nipoti? Stanno bene, stanno bene, oramai tengono la corazza! Quelli già persero i genitori, per non parlare di zii e zie che pure hanno preso la celeste via, poi qualche mese fa è venuto a mancare il nonno, e ieri purtroppo si è spenta anche quella santa donna della moglie, la nonna! Signò insomma, sono rimasti solo loro; la signorina Imma e il signorino Giovanni! A signorina Imma? Sta soffrendo? Vabbuò chella po' è abituata a sta sola, è zitella! Eh signora, “ancora?” e chi s' l' adda piglia! Eh si signora mia, chella sta sempre nervosa, nun s' po dice niente ca subito s' piglia collera! Natu poco ieri vatteva o schiattamuort! Eh si, sentite qua; chillù pover omm ca s abbusc o stipendio era puggiat a corone e fiori ncopp o liett pulit, la signora Imma non ci ha visto più, 'o steva pigliann a caveci, vi rendete conto! A capa nun l'aiuta, no, non l'aiuta proprio!

IMMA: Buongiorno! (Interrompendo la discussione)

RITA: Uh Gesù! (Sussultando alla voce della padrona, poi rivolgendosi alla signora Maria) Arrivederci signora Maria, arrivederci! (Rientra in casa imbarazzata e corre a pulire il tavolo facendo finta di nulla) Signora Imma buongiorno, è da molto che state qua?

IMMA: Io qua ci abito!

RITA: No intendevo qua davanti al balcone?

IMMA: Giusto il tempo di scoprire che ‘a capa nun m'aiuta!

RITA: No, perché dite così!

IMMA: Uagliuncè, nun m' piglia p' fess! Ti ho sentito, stavi parlando di me!

RITA: No signora Imma, che dite, mica parlavo di voi!

IMMA: No, mica parlavi di me! (Ironica)

RITA: Ma non sia mai!

IMMA: Non sia mai! (c.s.)

RITA: Eh già poi piglio e mi metto a parlare di voi con la dirimpettaia! No, no!

IMMA: Noo! (c.s.)

RITA: Io parlavo di quello che fa le previsioni del tempo sul primo canale, 'o colonnell'

IMMA: Ah, 'o colonnello! (c.s.) Mi era parso!

RITA: E non avete sentito bene!

IMMA: Insomma sono sorda!

RITA: Ma no, avete sentito, ma non avete capito!

IMMA: E quindi sono una deficiente!

RITA: Ma quale deficiente signora Imma! Avete capito benissimo!

IMMA: Allora se ho capito staviparlando disgraziata! (Correndo verso Rita come per aggredirla)

RITA: Ma no! (Scappando via)

IMMA: Statt' zitta! Ti ho incastrata vigliacca!

RITA: Signora Imma calmatevi!

IMMA: (tremendamente adirata) Ma io sono calma! E la dovete finire con questo fatto che sono nervosa, perché io sono un persona fondamentalmente calma! Sit vuj ca m' facit' piglia' i cinque minuti, che poi questo fatto dei cinque minuti è na strunzat,  perché si dice cinque minuti ma stai ‘ncazzata ‘na juranta sana! Coom'è?

RITA: Calmatevi, la volete una sedia?

IMMA: (adirata) T'aggio ditt ca so' calm! E non mi allungare la sedia perché tanto che sono calma, che t' 'a putess tirà 'nfaccia! Fai 'na cosa vattenn, prima che ti uccido con queste mani qua vedi! Però ti uccido con calma, perché io sono una persona calma!

RITA: Ma infatti signorina Imma lei è una persona calmissima...

IMMA: Vattenn!

Rita spaventata esce di corsa a sinistra. Imma con l'affanno si siede su una sedia e riprende la calma.

Scena seconda

Imma, Giovanni e poi Rita.

IMMA: (Riprendendo cinicamente le parole di Rita) “A capa nun m' aiuta”! (Rivolgendosi al pubblico) Voi mi dovete credere, io m'aggio spaccat a schiena p' cagnà 'e cupert a chillu liett, chill vene e c' poggia e fior 'ncopp! Maleducato! (Fa un respiro e continua con grande calma) Il signore schiattamuorto deve ringraziare che la nonna era morta, pecchè se fosse stata viva, (in un climax ascendente ritorna ad adirarsi) pijiav o zuoccolo e c' 'o menava appriesso!

Entra Giovanni, un uomo sui trent’anni dall’aria visibilmente assonnata; è in giacca da notte e stringe un giornale sotto al braccio. Giovanni è incuriosito dalle parole della sorella e allo stesso tempo seccato dal suo continuo lamentarsi. Va a sedersi sul divano al centro palco.

IMMA: Mentre io, da persona calma, perché io sono una persona calma, l'ho semplicemente avvertito! “Signore schiattamorto gentilmente riponga altrove la corona di fiori, dato che il letto è fresco e pulito, e piuttosto che spaccarmi la schiena di nuovo per rifarlo, vi spacco testa direttamente!”

E tenete il coraggio di dire che sono nervosa! (furiosa) Je so calma!

GIOVANNI: Quando si dice “svegliarsi col sorriso”! Buongiorno sorella! Come vedo abbiamo dormito bene e ci siamo svegliati meglio!

IMMA: Giovà guarda non fare battutine perché non sono proprio in vena! M'aggia 'ntussicata 'a jurnat!

GIOVANNI: E quando mai Immuccia mia, quando mai!

IMMA: Stammi a sentire bene, qui te lo dico e qui te lo firmo, quella la se non se ne va da questa casa me ne vado io!

GIOVANNI: E a porta sta là, avviati! (si avvia verso il balcone che prendere un po' d'aria)

IMMA: Ah così stanno le cose? Così stanno le cose? Bene! (amareggiata) Tradito dal sangue del mio sangue!

GIOVANNI: Tu m' 'a fatt' iettà 'o sangue Immù! Calmati un poco, ogni vota è 'na storia! Ti pare che posso buttare quella povera creatura che nostra nonna ha cresciuto come una figlia, 'mmiez a 'na via! Poi ja, è tanto bellell!

IMMA: Ah, ti piace allora, per questo la difendi tanto! (nervosamente si avvicina al fratello e lo colpisce con la mano al petto ripetutamente) Senti, tu con queste donne la devi finire hai capito?

GIOVANNI: Avessà accumincia cu l'uommn dici tu? (ironico)

IMMA: E scherza, scherza! (continuando a battergli in petto) Tu 'ea pensà a' casa, 'ea pensà 'a carriera, 'ea pensà a me che so sola!

GIOVANNI: 'Ea pensà 'na cosa m'stai accirenn' cu stu dito! (le tira via la mano e si alza dirigendosi verso il tavolino a sinistra; apre la macchinetta del caffè) Ah, ij ancora m' aggia piglia 'na tazz' 'e cafè! (cerca le tazzine guardandosi un po’ attorno) Ma 'e tazzine?

IMMA: Sono in cucina!

GIOVANNI: E io come me lo bevo il caffè? Mi attacco alla macchinetta?

IMMA: E mo te vaco a piglià! (nervosa esce a sinistra)

GIOVANNI: Iamm a zappà senz' 'a zappa into a sta casa! Ma dico io dove si è visto che uno fa il caffè e s' scorda ‘e tazzine! Se uno fa così evidentemente il caffè non lo fa con amore, lo fa perché lo deve fare a forza! E se lo fa a forza che lo fa a fare?

IMMA: Ecco le tazzine! (Le pone sul tavolo e si siede di fianco a Giovanni)

GIOVANNI: Sia ringraziato Iddio! (Inizia a girare il caffè nella macchinetta)

IMMA: Ora e sempre!

GIOVANNI: Amen.

IMMA: E che lo giri a fare?

GIOVANNI: Uh Gesù che domanda! Si scioglie meglio lo zucchero, bisogna girare, girare bene, altrimenti la posa di zucchero che si crea sotto il caffè non si scioglie, il caffè non si zucchera!

IMMA: Ma quando c'è lo zucchero!

GIOVANNI: E certo, se lo zucchero non c'è che cosa lo si gira a fare sciocchina!

IMMA: Ma lo zucchero non ci sta!

GIOVANNI: Come non ci sta! Scusami ieri non l'hanno portati i vicini?

IMMA: Come non lo hanno portato! Lo hanno portato! Sono io che non l’ho messo!

GIOVANNI: E perché non l'hai messo?

IMMA: Perché il caffè quando è buono, va gustato amaro!

GIOVANNI: (lascia cadere il cucchiaino sul tavolino) Immùquando è buono! Chisto già e 'na chiavica co 'o zucchero, amaro è veleno! E tu m' vuò accidere sorella cara!

IMMA: Maronna e quanta vizi! Rita porta 'o zucchero al barone sua maestà qua! Muovete!

GIOVANNI: O' barone sua Maestà? Immù questo è olio di ricino, ma che cosa, peggio! Se Mussolini lo usava al posto del olio di ricino come tortura, pure i muti parlavano, pure i muti!

IMMA: Eh, ci facevo la grazia!

GIOVANNI: La disgrazia!

RITA: Ecco lo zucchero signor Giovanni!

GIOVANNI: Ah finalmente un volto amico, un sorriso, quanto si bellell! Grazie Rituccia, scusaci ma mia sorella il caffè lo serve 'nu piezzo 'a vota! Bere il caffè in questa casa è come fare un parto gemellare! Non te lo dico proprio!

RITA: Non dite così, è tanto cara vostra sorella!

GIOVANNI: Ecco qua vedi Imma? Puoi ripetere per favore Rita? Com’è mia sorella?

 

RITA: Tanto cara! (sillabando cinicamente)

GIOVANNI: Vir e quant' è bellell, 'e ditt ca si cara?

IMMA: E ditt' ca so' cara? Chesta è 'n arpia! Torna a fare i servizi che se ci vengono a trovare ospiti trovano la casa sottosopra!

GIOVANNI: Ospiti? Ma chi c' cerca a nuj! Bha! Ma beviamoci questo caffè, questa cioccolata, questa crema! (Beve) E che t'o dic a fa! Che te lo dico a fare!

IMMA: Comm'è?

GIOVANNI: Na chiavica!

Scena terza

IMMA: A proposito di chiavica! L' amica tua la, quella la, a bellell, sta esagerando! (colpendolo come sopra al petto)

GIOVANNI: Immù stai esagerando tu con sta mano! M' stai facenn' 'nu buco 'mpietto! A vuò finì?

IMMA: Tu la difendi tanto, ma lo sai che cosa ha detto?

GIOVANNI: Che cosa ha detto?

IMMA: Che sono zitella!

GIOVANNI: Embè, è la verità!

IMMA: Zitella non è un termine appropriato, io sono libera!

GIOVANNI: Comm' a 'nu bagno!

Imma corre al balcone rivolgendosi ai passanti e ai dirimpettai.

IMMA: Queste voci che girano su di me sono cattiverie che non merito! Pensate ai fatti vostri! Imma Russotto ha visto cadere ai suoi piedi più e più corteggiatori, svenuti!

GIOVANNI: Si pa' paura!

IMMA: Sant'Antonio me lo ha detto nel sonno! “Caterina, non ti vendere al primo che passa, arriverà il tuo Romeo, tranquilla che arriverà!” Giovanni hai capito arriverà!

GIOVANNI: Aggia capit, ma tu nun t’ chiamm’ Caterina!

IMMA: E si sarà confuso con i nomi, quello appare in troppi sogni, è nu mestiere difficile chill do Santo!

GIOVANNI: Ah certo, per avere a che fare con gente come te sicuramente è difficile.

IMMA: (Di nuovo verso la finestra) La vostra è tutta invidia, perché io nonostante le corti non mi vendo facilmente!

GIOVANNI: Imma ma che stai dicenn'?

IMMA: La verità, io non mi vendo facilmente Giovà!

GIOVANNINO: “Non ti vendi facilmente”, neanche fuss' 'nu tartufo e prima scelta! Io ti voglio bene e devo essere sincero con te perché sono tuo fratello! Immù... tu un corteggiatore hai avuto! Emilio che lavorava alla macelleria qua sotto!

IMMA: (c.s.) Avete sentito? Anche Emilio il macellaio s'era invaghito di me, anche Emilio il macellaio!

GIOVANNINO: Sul Emilio 'o macellaio, Immù, sul!

IMMA: Pochi ma buoni! Emilio era un uomo d'altri tempi, elegante, educato, affascinante...

GIOVANNI: Ma cecato!

Imma imbarazzata chiude le porte del balcone per non far sentire oltre.

IMMA: Dimmi ora cosa c'è di male? Si era cecato, ma non ha forse il diritto di amare come tutti?

GIOVANNI: Ma certo, figuriamoci se non ha diritto, solo che un cecato non vede...

IMMA: E quindi?

GIOVANNI: E quindi tanto può essere fortunato a innamorarsi di una bona, tanto può essere sfortunato a innamorarsi di una racchia! E questa volta è stato...

IMMA: Fortunato, è stato fortunato!

GIOVANNI: Si, è stato fortunato a essere cecato!

IMMA: E beat a te ca l'uocchje 'e tien! Io scendo un'attimo giù a portare sta cammisa alla signora del terzo piano! (Esce infastidita)

Scena quarta

RITA: Dottore, dottore al telefono chiedono di voi! E' il signor Barba!

GIOVANNI: Uh maronna, chisto è 'o malat immaginario! Dici che non ci sto!

RITA: Ho già detto che ci eravate che ne sapevo!

GIOVANNI: Vabbè non fa niente, stai tranquilla! Passamelo, iamm a vedè! (Prende il telefono)

RITA: Vi dispiace se resto qua a spezzare gli ziti? (Gli fa cenno di stare tranquilla)

GIOVANNI: Pronto Signor Barba! Che piacere sentirla! … come in che senso? Nel senso che se mi chiama, posso sentirla, e se posso sentirla significa che è sopravvissuto ai sintomi della settimana passata, quindi è un piacere che lei sia vivo! Prego ditemi tutto! State sudando? E va bene, è perché siete agitato! E dovete stare calmo, voi ditemi che avete! ‘N ata vota?! Ho capito che state sudando, dopo v’ facite a doccia, diciteme che sentite! “State sudando!”, 'o sintomo signor Barba, 'o sintomo! …  Ah chist è 'o sintomo? Ca state surann! Come? Se è grave? Se è grave non lo so ma di sicuro è contagioso perché 'avita fatto sudà pure a me mo o bì! … E che vulite fa, cambiatevi la camicia! … state nudo? E faciteve ‘na doccia bella fresca! … “l'acqua fredda vi traumatizza!” ...a caldaia nun ‘a tenite? … Ah si è rotta? … Ij che ciort signor Barba! MA vuj v' avita fa benedice! …no signor Barba è un modo di dire qua Lourdes.... ma quali medicine signor Barba, fate una cosa più semplice accattateve 'nu ventilatore e ve lo puntate addosso … nun 'o pigliate o colpo e friddo, state tranquillo! Nun o pigliate... vi ho detto che non lo prendete... Signor Barba stateve bbuono!

RITA: Dottor Giovanni ma che teneva?

GIOVANNI: Sudava, chisto nun sta bbuono pa capa!

RITA: Questa è bella, è da quanto è 'na malattia sudare?

GIOVANNI: Eh Ritù la gente più sta bene e cchù s' crer malata, so tutt sciem! Ma questo è il presidente eh, questo è il supremo, chisto è 'o cchiù scem de' sciem, il capo branco! Tutte le ha tenute, tutte! 'Na volta perde sangue dal naso, 'na volta perde i capelli, 'na volta gli fischiava l'orecchio, na' vota tene e decimi e freve, 'na vota non li tiene! Le tiene tutte lui le malattie... ma mica muore no! Che edda murì chill campa ciento anni! Ritù ma quanta ziti stai spezzando? Chillo tre simm a tavola!

RITA: Eh meglio abbondare signor Gianni, ce li troviamo pure per stasera!

Entra defilata Imma che assiste alla scena.

Scena 5

GIOVANNI: E tu pensi a tutto principessina mia!

RITA: Non fate così che arrosisco!

GIOVANNI: E che fa e femmene quando arrosiscono so cchiù bell! Tu m' vuoi bene? (beve un altro po' di caffè)

RITA: Certo che vi voglio bene!

GIOVANNI: E visto che mi vuoi bene da domani il caffè fallo tu, se no faccio la fine del signor Barba!

RITA: Non scherzate, quella la signorina Imma se ci sente mi piglia a morsi!

IMMA: E che so' 'nu cane!

GIOVANNI: E' arrivato 'o Pastore tedesco! Sentite io mi vado a vestire, Immù ti raccomando non la mordere! (Esce)

RITA: Signorina Imma io e vostro fratello...

IMMA: Tu e mio fratello che cosa? Stammi a sentire tu a mio fratello non lo devi neanche guardare! Chillu svergognato donnaiolo pure con la domestica ci prova, non se ne fa sfuggire una!

RITA: E' un uomo affascinante, di bella presenza!

IMMA: Statti al posto tuo! In questa casa non sono ammesse tenerezze coi padroni, tu sei qua per lavorare non per fare la gatta morta!

RITA: Ma io lavoro signò! Sto spezzando gli ziti!

IMMA: Bambulè ij t' spezz' a noce do' cuoll qua ziti! E' chiaro?

Suonano alla porta, Rita va a controllare dallo spioncino e poi ritorna in scena di corsa.

RITA: Signorina Rita, alla porta c'è il signor Landi! Lo faccio entrare?

IMMA: Uh Gesù Liberato! (Si alza e corre da Rita) Comm stong? Comm stong?

RITA: Come state? State bene!

IMMA: Il trucco come sta? Come sta il trucco? Mi copre tutta la faccia? ( “Faccia” è detto indebolendo le vocali interne; “F/ə/cci/ə/”)                                               

RITA: E vi coprisse pure la bocca!

IMMA: Che cosa? (Quasi in dialetto Foggiano)

RITA: No, niente! Fortunatamente ve la copre tutta! (Schifata)

IMMA: Bene, bene vai ad aprire!

Entra Liberato Landi, un uomo brizzolato, ben vestito e affascinante.

Ha un’aria strana e si guarda intorno. Spesso porta lo sguardo verso la porta di destra che va alle camere.

Scena 6

RITA: Buongiorno Sig. Landi si accomodi pure!

LANDI: Buongiorno.

IMMA: Liberato che piacere, vieni, vieni! Accomodati!

LANDI: Grazie.

IMMA: La vuoi una tazza di caffè?

RITA: Signora il caffè è finito, l'ultimo sorso lo ha bevuto vostro fratello!

IMMA: E va bene che fa? Facciamo un'altra macchinetta!

LANDI: No grazie, ho già preso il caffè non vorrei abusarne, come se avessi accettato!

IMMA: Non insisto! Liberato, devi sapere una cosa, in questa casa il mio caffè va' a ruba!

RITA: Ma chi so' arrobba 'o cafè vostro! (Ironica “a parte”)

LANDI: Immagino, immagino! Tu sei così attenta a queste piccole tradizioni, immagino con che meticolosità lo prepari e lo servì! Vassoio con tazzine ben disposte e zucchero di fianco, perché c'è chi lo prende dolce e chi lo prende amaro, e spesso chi lo prende amaro non capisce niente ‘e cafè!

RITA: Vedo che la conoscete bene la signorina!

IMMA: (arrabbiata) Si è un nostro carissimo amico d'infanzia! Tu nun tieni niente ‘a fa, no? (Dandosi un tono) Comunque Liberato sì, è una gradita tradizione e come vedi sul tavolo c'è tutto tazzine, zucchero e macchinetta!

LANDI: Manca soltanto il vassoio!

RITA: Si è rotto durante il trasporto!

IMMA: (sorridendo) Io in testa te lo romperei un vassoio! Si, mi è scivolato dalle mani mentre lo lucidavo! Purtroppo ho delle mani distratte, maldestre!

LANDI: (gli stringe le mani) Ma che dici Immuccia bella! Queste sono mani attente, vive, delicate, mani di fata!

IMMA: (rapita dal contatto con Landi) Liberato mi fai arrossire!

LANDI: (Liberato gli pone una mano sulla spalla) Ho saputo della scomparsa della nonna, mi dispiace molto; se posso fare qualcosa sono qui a vostra completa disposizione!

IMMA: Quanto sei caro Liberato! La scomparsa della cara nonna ci ha lasciati affranti, devastati, distrutti! Era una donna tanto energica, piena di vita, così giovane poi!

RITA: Oddio giovane proprio no!

IMMA: Ma t'vuò stà zitta!

RITA: Ma signorì, chella ce lo faceva essa a nuj il funerale un altro poco!

IMMA: (Redarguendo Rita) Era giovane dentro! (Da leggermente le spalle a Liberato, come per non mostrargli il volto sofferente.) E se n'è andata così da un momento all'altro, lasciando in noi un vuoto incolmabile, incolmabile...   (Liberato pensieroso si allontana distrattamente uscendo sul balcone, Imma non si accorge di nulla; Rita prende il posto di Liberato poggiando una mano sulla spalla di Imma.) non mi lasciare sola Liberato…

RITA: Signorì…

IMMA: Tieni le mani qua Liberato!

RITA: Signorì…

IMMA: Non lasciare sola questa donna in balia della disperazione Liberato!

RITA: Signorina!

IMMA: Ma che vuò! (Voltandosi)

RITA: E se n’è iut…

IMMA: Ma comm se n’è iut? E addo è iut?

RITA: Si è alzato e s’è avviat for o balcone, boh!

IMMA: Fore ‘o balcone? E m’e fatt parlà tutt stu tiemp a sola comm a ‘na scema?

RITA: E io vi ho chiamato “Signorì, Signorì, Signorì!” e voi non rispondevate! Io comunque lo vedo assai strano a questo signora Landi!

IMMA: E la verità, un po’ strano sembra pure a me… però quant’è bello è ve? Quanto è elegante! Hai visto come mi stringeva le mani, hai visto?

RITA: Si, ho visto (Entra Liberato e si ferma alla porta. Nessuno lo nota.) Però teneva ‘na brutta faccia proprio, una faccia triste, amareggiata, come se l’fosse succies…

LIBERATO: Qualcosa di grave.

RITA: Si, qualcosa di grave.

Scena settima.

Le due si accorgono della presenza di Liberato.

IMMA: Liberato! Sei sparito così senza dire niente, mi hai fatto preoccupare.

LIBERATO: Perdonami Imma, avevo bisogno di prendere un poco di aria, ne avevo bisogno. (Riflette) So’ pesanti ‘e bisogni. (A Imma) Tu sai che cosa sono? I bisogni dico, sai che cosa sono?

IMMA: Beh, il bisogno è quando hai bisogno… è quando poi hai bisogno… Rita ma che è sto bisogno?

RITA: Se questo bisogno, signor Landi, è urgente, il bagno è infondo a destra l’ho pulito stamattina non vi fate problemi.

IMMA: Ma possibile ca’ nu’ capisci niente.

LANDI: Una necessità opprimente, ecco che cos’è un bisogno. Una necessità che va soddisfatta, altrimenti ‘iesc pazzo, putisso accidere a quaccheduno. Anche tu hai dei bisogni Rita, e tu Imma! Io lo so, ti conosco bene! Tu hai bisogno di carezze, hai bisogno di sguardi, di attenzioni, hai bisogno di amore; tutti ne abbiamo bisogno, persino io! Persino io ho bisogno di tutto questo.

IMMA: Ma Liberato hai tua moglie Ada, il suo affetto, la sua devozione... sei un uomo fortunato!

LANDI: Ada! (Sorridendo amaramente poi ritornando in sè) Ho amato Ada si, e tanto! Ma l'amore non è altro che un bicchiere d'acqua che bevi quando hai sete, ma quando l'acqua finisce e la sete sparisce... cosa resta?

RITA: 'O bicchiere!

IMMA: Stai zitta ignorante! Chillo è professor e lettere parla per metafore!

RITA: Tutto quello che volete, ma sempre 'o bicchiere resta!

IMMA: Muta! Liberato ma perché parli così? Perché dici queste cose su! L'amore non può essere un semplice bicchiere d'acqua quando hai sete, l'amore è… l’amore è...

RITA: Unasecchiata d'acqua quando hai cavero!

IMMA: E come sei esagerata! Diciamo ‘na butteglia d'acqua al massimo!

RITA: Ma quella da un litro o quella da mezzo litro?

IMMA: Ma la vuoi finire! Liberà l'amore è una cosa bella, l'amore è gioia, l'amore è...

LANDI: ‘Na strunzat!

RITA: Azz è pur scustumat...

LANDI: Pensavo che Ada potesse davvero essere l'amore, la felicità... ma mi sbagliavo! Ada è stata l'illusione, l'errore.... l'errore che però mi hai aperto gli occhi!

IMMA: Che vuoi dire?

LANDI: (lo sguardo stavolta è perso nel vuoto della scena) Vivi tutta la vita ad occhi chiusi, poi arriva quel momento in cui apri gli occhi e capisci, capisci cosa ti manca! Capisci che sei solo, che lo sei sempre stato! Capisci chi sei veramente, cosa vuoi davvero... ma capisci anche che è tardi, forse è tardi!

IMMA: Capisci tutt sti cose Liberà?

LANDI: (Siede al tavolino di fianco a Imma) Ma la bocca parla, le mani si muovono, il respiro ti funziona, il cuore batte e nun si muort! Immù nun si muort! E se nun si muort, non tutto è perduto, perché quello che vuoi può essere ancora tuo!

(sorridendo ora amaramente) L'amore! Che bella trappola l'amore è vè? (Visualizza un punto; come se “La rosa” fosse proprio li a pochi metri da lui) L'amore è come una rosa; la vedi bella davanti a te nella pianta, la vuoi cogliere ma se la cogli appassisce, allora la lasci stare, la lasci crescere, e non la sfiori nemmeno con le dita, la guardi anzi a distanza, con cautela, pregando e sperando che non muoia... (amaro) ma ti rendi conto che il tempo nonostante tutto la fa appassire comunque nel suo stesso terreno! (Rabbioso sferra un pugno sul tavolo e si alza.) Fesso! povero fesso, se avessi avuto un briciolo di coraggio in più, quella rosa l'avresti potuta far appassire tra le tue mani; ne avresti goduto quantomeno del profumo, della bellezza! E invece te mort accussì… annanz all' uocchije... (riprendendosi verso Imma e Rita, quasi a volersi scusare per un discorso così tedioso) Ma non bisogna disperare perché di rose ce ne sono tante, e ricrescono sempre è vero Immù? Scusatemi voi lo sapete sono un tipo un po’ così, un po strano, paranoico, mi dovete perdonare. E cose belle nun durano sempre, si seccano, muoiono... piglià tutt e rose ca t' può piglià, nun e fa appassì a sole int a na pianta Immù, stà a sente a mmè, anzi nun sta a sentere a nisciun! (Si allontana)

RITA: Io non è che ci ho capito molto ma se 'o bicchier d'acqua invece e so bevere 'o mettev into a piant, sta famigerata rosa sicur nun s' seccava!

IMMA: Ma statt zitt ignorante non lo vedi che è sofferente! (Si alza e si dirige verso Liberato che è di spalle.) Liberato ma mi stai facendo preoccupare, parlami, è successo qualcosa?

LANDI: Se è successo qualcosa? Si, qualcosa è successo. (Liberato si gira lentamente, afferra le mani di Imma con dolcezza. Liberato è sofferente ha un segreto dentro che vuole rivelare e in questo momento sta parlando a cuore aperto.) E' successo che questo cuore di ghiaccio si è improvvisamente sciolto Imma...

RITA: Uh maronna scetami se m’ sto addurmenn e chist è nu suonn!

IMMA: Liberà guarda che mi sciolgo pure io... (Con gli occhi sbarrati, quasi in preda a uno svenimento, fissa le mani di Liberati.)

LANDI: E sciogliti Immù, ij nun voglio pensa’ a nisciuno!

IMMA: Ma comm facc a nun pensa’ a nisciuno!

LANDI: Immù io te lo devo dire, non posso tenermi tutto dentro; io sono venuto qui oggi per un motivo... io sono venuto qui perché qui - in questa casa – io – Liberato Landi - mi sono innamorato! (Liberato si siede presso il tavolino.)

Scena 8

Imma guarda un secondo negli occhi Liberato

IMMA: (Verso Rita) Sant'Antonio, Sant' Antonio ha fatto il miracolo! Chist' è 'o mumento mio! Rita mo te ne ij! Vattenn!

RITA: Ma signora Imma!

IMMA: (Urlando; Rita esce) Te na ij! (Lentamente e in affanno si avvicina al tavolino, poi siede di fianco a Liberato.) Oh maronna m’ manca l’aria! Gesù, Gesù mi manca l’aria! Liberà ma tu sei sicuro di quello che dici?

LANDI: Comm è sicur a mort Imma!

IMMA: Ma tu sei un uomo sposato, capisci che non si può fare, non è giusto?

LANDI: (Si alza rabbioso dando un pugno sul tavolo e va verso il balcone) E lo capisco! Certo che lo capisco, lo capisco benissimo! Je m menass abbascio p' arraggia!

IMMA: (Si alza lo va a prendere e lo conduce per braccio) No! Che si pazzo, stamm o sest piano! A signora abbascio ten e pann stis, poi chi a vol sentere! Liberà lievt a cca, diremo a tua moglie che...

LANDI: (Afferra a sua volta Imma guardandola negli occhi) Al cuore non si comanda, che l'amore è una forza cieca che quando nasce nun guarda ‘nfaccia a nisciuno!

IMMA: Oh Gesù, l'amore quando nasce non guarda nfaccia a nisciun! Si gli diremo così... io lo sapevo che Sant'Antonio facev o miracolo!

LANDI: Troppe. (Piano verso il proscenio) Sono troppe oramai le notti in cui mi addormento con in testa questa dannata voce, che come un martello mi tiene sveglio minuto dopo minuto, ora dopo ora! E Ada che nel letto mi abbraccia, mi accarezza, vuole fare l'amore e io “No, tesoro, no! Stasera no!” e domani sera neanche e dopodomani nemmeno e lei che si chiede il perché ed io che non ho il coraggio di urlargli in faccia “PERCHE' NON TI AMO PIU'!”.

IMMA: Liberato calmati però, le parleremo insieme...

LANDI: (Liberato riflette un momento, poi corre a stringere di nuovo le mani di Imma) Si? Mi aiuterai, le parleremo... Imma non sai di quanta angoscia mi liberi! (Folgorato di colpo da una riflessione amara.) Ma Ada deve sapere, deve sapere tutto. (Rapidamente esce.)

Imma da sola in scena ha un crollo emotivo dettato

dalla sua condizione di donna sola e fragile.

IMMA: Liberà addo vai? Ma che c' vuo parlà mo? Io so sola… io… io nun so pronta ancora! (Sedendosi crolla con la testa tra le braccia stese sul tavolino in un piano distrutto.)

Scena nona

Entrano Rita e Giovanni che in un primo momento non notano lo stato in cui versa Imma.

GIOVANNI: Ma come Liberato? Liberato Landi, qua in casa mia!

RITA: Vi dico di sì, si è dichiarato! Si è dichiarato!

GIOVANNI: Ma statt zitt, come si è dichiarato? Ten chillù piezz e femmnon comm’ mugliera, e s’ dichiara a Imma po’! (Notando la sorella in lacrima) Imma… Imma ma tu stai piangendo…

RITA: Ve l'ho detto io! Vuj nn m' state mai a sentere!

IMMA: Giovanni, Sant'Antonio ha fatto il miracolo... lo ha fatto veramente!

GIOVANNI: Ma tu che dici?

IMMA: Che dico? Dico che Liberato è venuto qua e ha parlato schietto schietto, si è dichiarato! Si è innamorato di me!

GIOVANNI: Di te? (Si allontana pensoso)

IMMA: Rita domani vai in chiesa e accendi tutte e trenta le candeline sotto la statua di Sant'Antonio, poi ti do i soldi e vai a comprare altre venti candelotti di quelli alti e li metti tutti intorno alla statua del Santo, poi intorno a questi ne metti altri venti, di quelli larghi però, poi li accendi tutti quanti...

RITA: E dong fuoco ‘a Chiesa! Signora Imma ma che avimma fa nu falò? Vuj sit tropp esagerat!

IMMA: Ma tu ti rendi conto dell'entità del miracolo?

RITA: Ma certo che mi rendo conto dell’entità del miracolo, ma nun m par o caso e da fuoco a ‘na chiesa!

GIOVANNI: Ma state scherzando? Quale miracolo! Ma io non lo so com'è possibile? Ma ti ha visto bene?

IMMA: Guè tu la devi finire di sottolineare il fatto che nessuno mi si piglia! Perché a me mi si piglia e ben volentieri, e Liberato come senti mi si è voluto pigliare!

GIOVANNI: Per scema ti si è voluto pigliare! Ma guardate nu poco, guardate! Senti io da uomo, nun m’ faccio capace e stu fatto!

IMMA: E fattene una ragione perché lo ha detto stesso lui che l'amore è cieco!

GIOVANNI: Ma l'amore sarà pure cieco, isso pure però nun è ca ci vede bbuono! Ma con quella moglie dico io!

IMMA: Ada oramai è passato, io sono il futuro!

RITA: Quello poi l'amore, signorino Giovanni, è un bicchiere d'acqua quando hai sete, poi l'acqua finisce e quando finisce l'acqua e la sete sparisce cosa rimane?

GIOVANNI: O bicchiere!

RITA: (Arrabbiata verso Giovanni) E quello l'ho detto pure io a vostra sorella che ci rimane ‘o bicchiere, fernesce l’acqua, fernesce a sete! P’ forza adda rimane’ ‘o bicchiere!

GIOVANNI: (Interrompendo Rita con severità) Gùè ma che vi state scemunendo ccà dinto! Che cosa dite! Sant'Antonio, ‘o bicchere! Calmiamoci e guardiamo i fatti, l'equazione è matematica, è elementare; tu sei brutta, Liberato è bello, Ada è bona!

IMMA: E tu sei scemo!

RITA: Statela a sentire a vostra sorella, pure io ho sentito il signor Landi parlare, lo ha detto chiaramente guardandola negli occhi!

IMMA: Se non vuoi dare retta a me, dai almeno retta a questa ignorantella!

GIOVANNI: Imma ma chi aggia da retta! Su per favore, ragiona!

IMMA: L'amore non conosce ragioni e io neanche vuoi capirlo o no! Liberato non è un uomo felice con Ada, non è sereno e domani sereno sarà e se non sarà seren...

RITA: Si rasserenerà!

IMMA: Brava Rita! E poi se è vero come si dice, l'appetito vien mangiando!

GIOVANNI: Ma quale appetito che a me se chius o stommaco!

IMMA: (Urlando stridula) Madonna comm’ m’ fai fa’ nervosa!

GIOVANNI: E non urlare, non urlare! Tieni questa voce da anima dannata!

RITA: E per pure voi, finitela di punzecchiarla, è così! Ha ragione la signora Imma stavolta; l'amore è cieco!

GIOVANNI: E ma p sta cu essa avessa essere pure surdo!

Scena 10

(Suona il campanello)

IMMA: (Visibilmente intimorita si nasconde dietro Rita) Uh Gesù, il campanello! Sono loro, sono loro!

GIOVANNI: Ma loro chi?

IMMA: Ada e Liberato!

GIOVANNI: Tu sei pazza! Rita vai ad aprire!

IMMA: No! Quella mi ammazza!

RITA: Quella ci ammazza!

GIOVANNI: Vi ammazzo io se non la finisci! Rita vai ad aprire!

(Rita va ad aprire)

GIOVANNI: Imma tu la devi finire di dire stupidate, devi ragionare prima di parlare...

IMMA: Tu non puoi capire!

GIOVANNI: Ma che c' sta a capì?

Rita rientrando corre di fianco a Imma che la afferra per un braccio; le due si proteggono a vicenda, quasi a volersi fare forza l’una con l’altra.

RITA: Fatemi nascondere, fatemi nascondere! Nascondetevi pure voi, mettetevi in salvo!

GIOVANNI: Ma che sta trasenno ‘nu leone?

Entra prima Ada, sconvolta e in lacrime, che con passo svelto prende posizione al centro; poi Liberato vistosamente sconvolto, lentamente si pone da solo sulla sinistra; Imma e Rita, nascoste dietro Giovanni, sulla destra presso il tavolo.

E' silenzio per i primi secondi. Poi Giovanni incitato dal gesticolare di Imma e Rita si fa avanti.

GIOVANNI: Ada! Liberato! Che piacere vedervi qui... (aspetta una reazione che non arriva) Liberato mi ha detto Imma che sei passato prima a salutare, io mi stavo vestendo non c'ero, ma spero comunque che l'accoglienza sia stata di tuo gradimento... (Silenzio) benissimo! (Verso Rita) Avete offerto qualcosa a Liberato si?

RITA: Certamente, il caffè della signora Imma, ma ha rifiutato!

GIOVANNI: Ah ha rifiutato? Noto con piacere che si è sparsa la voce nel quartiere! In questa casa il caffè è meglio non prenderlo! Vi posso però offrire una cedrata, un thè, entrambi chiusi e sigillati in bottiglia ve lo assicuro, le mani Immuccia non ce le ha messe! Un pasticcino! ...Nu Babbà

Ada in un lampo corre dietro Liberato, lo strattona per un braccio e sussurra agitata qualcosa di incomprensibile; i tre dall’altra parte cercano di percepire qualche parola inutilmente.

LANDI: Basta! (Si allontana da Ada prendendo il centro del palco, lasciando lei quindi da sola a sinistra stavolta)

GIOVANNI: Magari una camomilla? Così ci rilassiamo un po'? (A Rita a parte) Tra i due c'è un alterco!

RITA: Che ci sta?

GIOVANNI: Una disputa

RITA: Che schifo io stamattina ci ho lavato a terra!

ADA: Una vita, è una vita che dormiamo nello stesso letto, che ti sento respirare con affanno su quel maledetto cuscino, che ti accarezzo senza chiederti nemmeno cos'hai, perché forse lo so cos'hai tutte quelle sere che non vuoi fare l'amore, ma ho paura di sentirtelo dire! Ho paura di sentirti dire che non mi ami più, perché preferisco averti spento e vuoto al mio fianco, piuttosto che libero e felice altrove! Un'egoista, ecco cosa sono un'egoista! Ma ti prego dimmi, dimmi come può un uomo promettere amore eterno sull'altare e poi rinnegare tutto, d'improvviso? (Non risponde) Non lo sai eh? Non lo so nemmeno io, nessuno può saperlo, così è! Ricordi quella volta cosa mi dicesti al mare?

LANDI: Ada basta...

ADA: Mi dicesti che l'amore è come vento dell'est che soffia negli occhi e non ti fa vedere nulla, ti rende cieco... ecco io ad est non ci sono più, ad est c'è qualcun altro ora!

Giovanni e Rita guardano Imma che inarca le spalle. Ada intanto ritorna a centro scena di spalle

ADA: Chi è l'uomo che ho amato per tutto questo tempo? Dimmelo! (Urlando)

Giovanni si avvicina ad Ada che sta piangendo. Ada gli molla un ceffone e scappa via. Imma piange e Rita la consola.

Scena 11

IMMA: Sono una sfasciafamiglie! (Imma si siede al tavolino)

RITA: Non fate così signorina Imma su! (Si siede di fianco a Imma per consolarla)

GIOVANNI: Liberà ma che sta succedendo? Mi ha dato uno schiaffo! (Stavolta arrabbiato) Parla santo Dio! Tua moglie ti ama così tanto e la fai andare via? 

LANDI: Meglio continuare a prenderla in giro dici tu?

GIOVANNI: Prenderla in giro?! Liberato ma è tua moglie!

LANDI: Io non la amo più Giovanni! Forse non l'ho mai amata... forse amo un'altra persona, non lo so!

GIOVANNI: Ma come sarebbe a dire un’altra persona... ma allora davvero devo credere che ti sei innamorato di mia sorella Imma?

LANDI: Ma no Giovanni…

GIOVANNI: Scusa Liberato, hai ragione! La colpa è di queste due qua che nun capiscono niente! Ecco qua avete visto? Soddisfatte? Ora asciugati chelli lacrime ja (a Imma)!

IMMA: Impossibile! Impossibile! Sant'Antonio ha parlato chiaro, Sant'Antonio nun s' sbaglia!

GIOVANNI: Sant'Antonio te chiamato Caterina, “Sant'Antonio nun s sbaglia!” Imma ja!

IMMA: Ma tutte quelle carezze, quella rosa che mi hai offerto?! Tu hai detto che ti sei innamorato Liberato!

GIOVANNI: Si sarà pure innamorato, ma certamente non di te! E' vero Liberà? Ma ti pare mai possibile che Liberato si innamorava di te? Ja è assurdo!

RITA: E nun s' facev preveto! (Viene fulminata da Imma) Uh scusatemi!

GIOVANNI: No hai ragione Rita, Imma deve essere conscia delle sue limitazioni fisiche!

IMMA: E va bene, sarò conscia! Ma io voglio sapere di chi ti sei innamorato ora?

GIOVANNI: Ma saranno pure fatti suoi che dici, sono cose che non ti interessano!

IMMA: Non è curiosità, è un diritto nostro saperlo ora, perché prima ha detto chiaramente che si è innamorato qui, tra queste mura, in questa casa!

GIOVANNI: In questa casa?

IMMA: Si, si! In questa casa! E in questa casa a part a bonanima da nonna, sul nuj c simm!

GIOVANNI: Uh Gesù, (inizia a ridere) Possibile che non mi sono mai accorto di niente! Che donnaiolo, che donnaiolo! Ma questo vizio non te lo sei tolto mai, sempre in prima fila quando si parlava di femmine è ve? E chi è a fortunata?

IMMA: Te lo dico io chi è!

(Giovanni e Imma guardano perplessi Rita)

RITA: E che volete da me?

IMMA: Sei una svergognata! Giovanni te l'ho detto, bisogna cacciarla a questa qua!

RITA: Ma io non ho fatto niente! (Piangendo)

GIOVANNI: Ma come Liberà, pure tu tante donne t vai a 'nnamura e Rita!

LANDI: No. (abbassa la testa)

RITA: Avete visto, signora Imma quello non si è innamorato di me?

GIOVANNI: Hai visto, non è Rita! Tu subito che la dai addosso, chell è tanto bellell e garbata! Non fare sempre l'acida! E che cos'è! In questa casa ogni volta è una battaglia continua, imperterrita! E insomma finiamola un po'!

Momento di silenzio e di riflessione.

 Alla sedia più esterna c’è Rita, a quella di fianco siede Imma, di fianco a Imma, pensoso, c’è Giovanni. Dall’altra parte del palco a sinistra quasi di spalle rispetto agli altri, c’è Liberato. Imma stanca di non capire nulla e morsa dalla curiosità si alza nervosa.

IMMA: Sentite ma allor chi è?

GIOVANNI: E in effetti Liberà a questo punto è legittimo chiedere! Ja nun 'o dicimm a nisciun, chi è?

RITA: (Alzandosi anche lei) Anche perché sentite in questa casa nuj tre simm e se a matematica nun è 'n opinione; o sono io, (guardando Imma per rassicurarla) e io non sono!

IMMA: O sono io, (guardando Giovanni un po’ offesa) e io non sono...

GIOVANNI: (Ridendo) O sono io Liberà...

Liberato in un attimo congela con lo sguardo Giovanni, la cui risata piano piano scema.

GIOVANNI: Uh maronn’ Liberato... sono io? (sconvolto)

Fermo immagine.

TELA

II ATTO

RITA: Signora buongiorno! Come va, tutto bene? Eh, a noi così e così! Il signorino Giovanni e la sorella sono un po’ sconvolti! No, mica per la morte della nonna, quella oramai è passato. Un' altro dolore, un altro dolore, un dolore inaspettato... e non ve lo posso dire, non ve lo posso dire! E no signora bella io perd o post! Va bene ve lo dico, però promettete che non lo dicite a nessuno, e se vi scappa qualcosa non mi nominate, io nun saccio niente! Ieri è venuto a casa un amico di famiglia il signor Landi non so se lo conoscete, bellissimo uomo nonché affermato donnaiolo, marito di una certa Ada Lamberti - Bella assai signora, una tropp model, tropp model signora (schifata) tropp tropp model! E comunque questo signor Landi è venuto qua e pensate un po', si è liberato! Come? No signora ma qua gabinetto, si è liberato nel senso che ha parlato, non si è liberato nel senso che è andato in bagno! No, no per carità! Praticamente si è scoperto che si è innamorato di un'altra persona e questa persona, tenitv fort signò... ma che facit veramente v' astrignite a ringhiera, ma scioglietevi, tenetevi forte è un modo di dire! Comunque questa persona, l'ha incontrata qui, in questa casa! E vi dico subito che per mia sfortuna non sono io e non è nemmeno la signorina Imma, vabbè questo era scontato per ovvie ragioni estetiche! E chi è! E chi è signò! A nonn? Signò ma a nonn è morta! Ma comm s'nnamurav e na morta!? Nossignore la persona in questione è nientepopodimenoche il signorino Giovanni! Ve lo giuro! E non lo so come è possibile, quella la capa è una sfoglia di cipolla singora! Mai ce lo saremmo aspettati che questo signor Landi da donnaiolo quale era, avessa potuto addiventare... (tocca l'orecchio) avessa potuto addiventare... (c.s.) va bene avete capito no, quella cosa la! Fatto sta che ora sono sconvolti tutti e due, e vi dirò un pochino pure io! Il signorino Giovanni par nu zombie, non reagisce! La singorina Imma ha chiamato Don Sabatino il parroco per aiutarlo, ma puveriell Don Sabatino che ne capisce è viecchij, surd e cecato. Non ha idea poi di quello che c'è nella pisiche dell'uomo, quella è tutta una mmischiafrancesca ammappata... si, si è un termine scientifico è chiaro! E comunque pure io nel mio piccolo ho fatto qualcosa, ho chiamato Nicolino, un caro giovine che mi fa la posta tutte le sere qua sotto! Quello è uno pisicologo, è bravo assai ci può aiutare, ci deve aiutare! Quello per me farebbe di tutto!

IMMA: Rita!

RITA: Arrivederci signò sta arrivann a padrone, arrivederci!

IMMA: Rita! Stiv parlann nata vota ca signora di fronte si?

RITA: No signora ve lo giuro che non è così, non vi arrabbiate...

IMMA: Le stavi raccontando tutti i fatti nostri si?

RITA: Ma che dite, non mi permetterei mai!

IMMA: Rita io... Rita io... io nun cia faccio cchiù! (la accarezza) Non fa niente... è cos e nient Rita, è cos e niente!

RITA: E' cosa e niente? Ma come è cosa e niente.. signora Imma ma vi sentite bene...

IMMA: Eh figliola mia... un dolore troppo forte! (piangendo )

RITA: Madonna mia che sciagura, ma voi dovete farvi forza, per vostro fratello soprattutto che ora sta vivendo un momento difficile!

IMMA: Hai ragione, devo essere forte, bisogna reagire! Appunto per questo oggi sono stata in chiesa...

RITA: Ah e avete fatto bene, pregare in questi casi è importante!

IMMA: Ma non sono andata a pregare!

RITA: Ah no?

IMMA: No, sono andata a parlare con Sant'Antonio... (piangendo)

RITA: Eh si, voi c' avete un cosi bel rapporto con Sant'Antonio che ci parlate proprio, immagino cosa gli abbia detto signora... (confortandola)

IMMA: "Disgraziat!" c'agg ditt!

RITA: Ma comm disgraziato a Sant'Antonio!?

IMMA: Eh, si disgraziato!

RITA: Ma nun s fa signora!

IMMA: Non mi interrompere!

RITA: E non vi interrompo...

IMMA: "Disgraziato! Perchè? Perché?! Non t'è bastat pigliare per fesso a Immuccia tua, pure Giovannino ora! E mi hai chiamato Caterina nel sonno e va bene, ci passo sopra; e mi hai illuso promettendomi un amore vero e anche su questo ci passo sopra, ma fare pure innamorare Liberato di mio fratello... no Sant'Antonio mio bello, no! Questo altro errore non lo posso accettare!" (disperata)

RITA: Non piangete signora, riprendetevi su...

IMMA: (ritorna in se e calma, come per riprenderlo severamente) "Sant Anto, tu o si cecato o si scemo!"

RITA: Ue ma come scemo a Sant'Antonio! Uh Gesù, Gesù...

IMMA: Eh, anche con lui ho parlato! “Gesù, Gesù” c'agg ditto “ma pure tu ca si 'o dator e lavor! Fa nu richiam na vota ogni tanto, poi te la pigli tanto cu nuj ca simm assenteisti ma chist è na croce veramente! Spilece 'e recchij, miettece nu par d'occhiali”

RITA: 'O par d'occhiali a Sant'Antonio signora!

IMMA: Ma se chill nun c' vede!

RITA: Ma chella è Santa Lucia!

IMMA: E pur cu essa aggia parlat!

RITA: Signò, ma che chiesa è chest, neanche in paradiso c' stann tutt sti sant! Avete fatto na riunione di condominio no na preghiera! E poi non è colpa di Sant'Antonio se è successo quello che è successo!

IMMA: Qualcuno deve essere stato, non succedono così ste cose! Questa è una catastrofe bella e buona... sto troppio scossa Rita, troppo scossa! (piangendo)

RITA: Madonna che dramma, che dramma! (consolandola)

IMMA: Mi vado a fare una tisana rilassante per distendere i nervi! Troppo scossa sono, troppo scossa! (esce)

RITA: E andate. E mi raccomando fate sponzare bene il filtro nell'acqua... ma che sciagura doveva capitare in questa casa, che sciagura. Non bastava la perdita della cara nonna no...

Scena 2

Suonano alla porta e Rita va ad aprire.

Nicolino entra in scena, è un giovanotto spettinato con un vestito sciatto e molto colorato, un papillon e un paio di occhiali da vista sottile. Impugna una valigetta.

RITA: Entra Nicolino, entra.

NICOLINO: Rita, l'eco del tuo nome risuona dolce nel mio cuore e canta amore, amore, amore!

RITA: Uh maronn accummincciamm cu sti poesie! Neanche o tiemp e trasere!

NICOLINO: Ma non posso farne a meno mia cara! Soltanto la poesia può dare l'idea del sentimento che provo per te! Rita ma non capisci, io quando ti vedo mi manca l'aria!

RITA: E fatti un'aereosollo caro mio e vedrai che l'aria non ti manca più!

NICOLINO: Ma come l'aerosol, uh Gesù l'aerosol! (Ride) Io intendevo altro, a me manca l'aria quando mi stai vicino!

RITA: Stai dicendo ca puzzo!

NICOLINO: Ma non sia mai, lungi da me! Tu sei un profumato bocciolo di rosa!

RITA: Non mi piacciono le rose.

NICOLINO: Un petalo di viola!

RITA: Bell, o color re muort!

NICOLINO: Ma Rituccia mia insomma, come posso sciogliere il tuo cuore di ghiaccio dimmi?

RITA: E' semplice, statt zitt!

NICOLINO: Zitto? Devo stare zitto? Ah capisco, mi chiedi di tacere in modo da rendermi un personaggio oscuro, taciturno, un affascintante eroe Bayroniano insomma!

RITA: No t'chiedo e t sta zitt e bast!

NICOLINO: E mi hai fatto salire per farmi stare zitto?

RITA: Ti ho fatto salire perché qua è successo un fatto grave, un fatto che solo uno pisicologo che conosce la pisiche umana può risolvere.

NICOLINO: Ah? E chi è?

RITA: Soreta!

NICOLINO: Ma io non ho sorelle!

RITA: Nun tien neanche o cerviell se è p' chest! Stupido lo psicologo sei tu, sto parlando di te!

NICOLINA: Ah scusami fiorellino mio, dolcissimo miele del mio cuore...

RITA: Statt zitt e stamm a sent, è capitata una sciagura e tu ci devi aiutare! Liberato Landi, un amico di famiglia di vecchia data, si è presentato qua l'altro girono dicendo di non amare più la moglie, ma di amare un'altra persona. E tu devi fare qualcosa Nicolì... (commossa)

NICOLINO: Devo fare qualcosa? Io? Rituccia mia ma è una cosa normale, molti uomini abbandonano le loro mogli per andare con altre donne! Io non posso fare miracoli, non sono cupido che fa innamorare e disinnamorare una persona! L'innamoramento è un evento del tutto irrazionale, irrazionale capisci? Non esiste teoria scientifica che lo sappia spiegare, ne cura medica che lo sappia trattare. L'amore non ha materia fisica, non esiste di per se; l'amore è una vibrazione ecco!

RITA: Nicolino, non hai capito, Liberato Landi ha lasciato la moglie non perché si è innamorato di una donna, ma perché si è innamorato di un uomo e quest'uomo Nicolino, questo uomo è... Giovanni Russotto, 'o padron mio capisci! (piange)

Nicolino resta un attimo stupefatto mentre Rita piange.

NICOLINO: Uh Gesù, quindi questo Liberato è...

RITA: (prolungando la E di Nicolino) Eh.. Eh...

NICOLINO: Situazione alquanto intricata direi...

RITA: Nicolì tu lo devi aiutare, Nicolì tu lo devi curare Liberato perché il signorino Giovanni non merita questa pena!

NICOLINO: Ma Rituccia mia, cosa devo curare? Questa non è una malattia, è un modo di essere! Lui è questo!

RITA: Lui è questo? Ah si? Lui è questo? E allora dimentica il tuo bocciolo di rosa e sparisci per sempre Nicolì!

NICOLINO: Ma no fiorellino mio, come posso dimenticarti! Ti prego Rita, cerca di capire, è assurdo! Non è in mio potere intervenire, non possiedo le giuste conoscenze per farlo!

RITA: Tu tieni 'o titolo da psicologo e non possiedi le conoscenze? Ue qua le cose sono due: o lo curi, o te ne vai e non ti fai vedere più!

NICOLINO: Rita ma curare cosa? Mica ten 'o raffreddor chillu pover omm, questa è na cosa seria!

RITA: Nicolino la porta sta la, addio!

NICOLINO: Ma come?

RITA: Addio!

NICOLINO: Rita ma io...

RITA: Addio!

Nicolino tristemente si avvia verso l’uscita poi ci ripensa.

NICOLINO: E va bene, vedrò cosa posso fare! Cercherò di... farlo ragionare!

RITA: Bravo hai visto che 'o sai fa? (lo bacia sulla guancia) Ue ora che viene la signora Rita mi raccomando, presentati bene e in maniera garbata deve capire che sei un professionista!

NICOLINO: Certo, per l'appunto mi sono preparato due paroline delle mie!

RITA: Uh maronn do carmine!

Nicolino leggermente in disparate ripeterà il suo discorso di presentazione sottovoce

Scena 3

IMMA: Rita, par ca stong nu poco meglio! Chella Tisana cinese medica di ultima generazione è proprio bbona 'o sa? Mi ha disteso i nervi! Ma che c sta a dinto?

RITA: Estratti di melanzana e peperone!

IMMA: Ma che schifo! Mulignan e puparuol!

RITA: Ma come che schifo signora, quelle so tisane di ultima generazione!

IMMA: Qua ultima generazione, falla sparire subito che se la beve Giovannino sai che mal e panza ca c vene, chill gia sta bbuon! Ma chi è il signore?

RITA: Nicolino Sepe, un mio caro... amico, famoso dottore in pisicologia!

IMMA: Ah che piacere!

NICOLINO: Signora!

IMMA: (sbandando) Che è stato?

NICOLINO: Felicemente mi mostro a voi a testa china, come la Luna col Sole di prima mattina!

A fine frase di inchina con violenza facendo volare dietro di sé la valigetta; accortosi della gaffe imbarazzato va a raccoglierla.

IMMA: Rita ma che vuole questo?

RITA: No è un po’ strano ma è bravo, è quel dottore di cui vi parlavo può aiutarci a sciogliere un po' la situazione... sempre con l'aiuto di Don Sabatino si capisce!

Nicolino che intanto stava raccogliendo la valigetta,

 nel tornare inciampa cadendo dietro il divano.

IMMA: Ognuno c' mette l'arta soja insomma!

RITA: Certo, ognuno c'mette l'arta soja!

IMMA: Non ti preoccupare Rita vado io, tu offri da bere a sto... dottore qua!

RITA: Certo! Andiamo…

NICOLINO: (Spuntando da dietro il divano con la testa) Con permesso! (Si alza e segue Rita fermandola alla porta) Come sono andato?

RITA: Andiamo!

NICOLINO: Ma neanche un apprezzamento?

RITA: E andiamo!

NICOLINO: Ti ho fatto fare una bella figura?

RITA: Si, ‘na bella figura e merd, andiamo!

Rita e Nicolino escono a sinistra

Scena 4

 Suona il campanello Imma va ad aprire.

Entra Imma che tiene per il braccio Don Sabatino.

Don Sabatino è affannato, vecchio e sordo indossa

occhiali spessi e circolari;

cammina a piccoli passi leggermente ricurvo.

RITA: Don Sabatino! Non sapete che gioia avervi qui, non sapete che felicità!

DON SABATINO: Eh... Eh...

RITA: Voi sapete la stima e l'affetto che nutro per voi!

DON SABATINO: Eh... Eh...

RITA: Mi conoscete da quando ero piccola così d'altronde! Assettatevi!

 

Don Sabatino siede e fissa qualcosa in alto con fronte corrucciata.

RITA: Vi posso offrire qualcosa? Un' caffè, un po d'acqua... un po di vino?

D'improvviso abbassa la testa e guarda lui dinanzi.

DON SABATINO: Dal Vangelo secondo Matteo; (Imma abbassa la testa per pregare) Non giudicate, così non sarete giudicati. Infatti con il giudizio con cui giudicate sarete giudicati; e con la misura con cui giudicherete sarete misurati. Amen.

Don Sabatino si addormenta di colpo e russa, Imma lo sveglia.

IMMA: Don Sabatino... Don Sabatino!

DON SABATINO: Chi è!

IMMA: Song ij, Imma Russotto Don Sabatino!

DON SABATINO: Imma Russotto: brava figliola, rispettosa della fede e di buona famiglia! Come sta la nonna, come sta?

IMMA: Don Sabatino la nonna è morta!

DON SABATINO: E' alla porta? E perché non la fate entrare poverina!

IMMA: No Don Sabatino non avete capito! La nonna è deceduta!

DON SABATINO: Ah, ecco si è seduta! (Si volta alle sue spalle urlando in direzione della porta dove crede ci sia la nonna) Signora! Vi siete seduta? E avete fatto bene, avete fatto bene! Sapete anche io ogni tanto mi siedo fuori la porta della sagrestia, circola un poco più di aria!

IMMA: Na campana scassata proprio!

DON SABATINO: La campana della chiesa? L’abbiamo fatta aggiustare!

IMMA: (Ora urlando) Don Sabatino io vi ho chiamato perché è successa una cosa grave!

DON SABATINO: Ah questo mi dispiace!

IMMA: Eh, Liberato Landi ve lo ricordate quel bel giovanotto che giocava nella parrocchia...

DON SABATINO: Come no! Come no! Liberato, quel giovanotto così buono!

IMMA: Ecco lui!

DON SABATINO: Quello che zombava da una parte all'altra come un demonio!

IMMA: Proprio lui...

DON SABATINO: Per fermarlo lo prendevo per le orecchie lo prendevo!

IMMA: si...

DON SABATINO: Liberato, quello che si vestiva sempre bene la domenica!

IMMA: Si...

DON SABATINO: Quello che teneva la zeppola in bocca!

IMMA: (Urlando) Iss Don Sabatì, è isso!

DON SABATINO: E come sta? Ho saputo che si è sposato, la moglie l'ho vista, che pezzo di donna che è!

IMMA: Ecco appunto, Don Sabatì riguardo anche la moglie di Libeerato... e comm ve l'aggia dicere mo?

DON SABATINO: Eh?

IMMA: Comm ve l'aggia dicere mo?

DON SABATINO: A parole tue Immuccia cara, a parole tue!

IMMA: A parole mie... Don Sabatì, la moglie non la ama più!

DON SABATINO: Ah! La moglie di Liberato non lava più? E certo questo è un bel problema, ritirarsi a casa dopo il lavoro con la camicia sudata e avere una moglie che non lava più è brutto! Va bene ma si risolve, si compra una bella lavatrice!

IMMA: Ma qua lavatrice! Don Sabatino ascoltatemi! Liberato non ama più la moglie!

DON SABATINO: Ah non ama più la moglie? Che cosa terribile! Che cosa terribile! Eh purtroppo che vulimm fa, l'amore, l'amore! Una cosa meravigliosa, un fuoco che divampa e che talvolta ahimè, si stuta all'intrasatta! Ma non disperare, che così come il fuoco finisce e la brace resta, allo stesso modo si smette di amare ma si continua a voler bene! Anche il mio è amore, amore verso Dio, ma il mio fuoco per fortuna non si è mai spento! Per altri fratelli parroci invece questo fuoco si è purtroppo estinto e hanno deciso di spogliarsi di questa sacra tunica near! Ma non smettono per questo di essere figli di dio, sempre figli di Dio sono, ci mancass ca mo Dio condanna a un uomo per le sue libertà di scelta!

Un po' come capita a marito e moglie oggigiorno insomma! E comunque detto questo...

Don Sabatino si addormenta di nuovo!

IMMA: Uh maronn nata vota! Don Sabatino ma nun v fann dorm a casa? Don Sabati!

DON SABATINO: Chi è?

IMMA: E dall! So semp ij! Imma Russotto!

DON SABATINO: Imma, figliola cara! Di cosa stavamo parlando!

IMMA: Liberato Landi Don Sabatì! Liberato Landi che la ama più la moglie!

DON SABATINO: Ah che cosa terribile! Che cosa terribile! Eh, l'amore, l'amore! Una cosa meravigliosa, un fuoco che divampa...

IMMA: (Urlando a squarciagola) E che talvolta ahime si stuta all'intrasatta!

DON SABATINO: Brava!

IMMA: Don Sabatì mo accumminciamm nata vota! Non è questo il problema... magari fosse solo questo!

DON SABATINO: Ah no? E qual è?

IMMA: (si abbassa vicino l'orecchio del prete e lo dice con voce bassa) 'O problem è che Liberato Landi ama un'altra persona.... e questa persona non è una donna!

DON SABATINO: Oh perbacco!

IMMA: Avete capito...

DON SABATINO: E certo che ho capito! Ed è una cosa terribile, io non ci posso credere! Liberato ama un'altra persona e questa persona non ha la gonna!

IMMA: Ma nossignore!

DON SABATINO: E bisogna compararla una gonna a questa povera bestia! Non può certo uscire cosi col culetto da fuori, perché a parte che non sta bene ma poi prende freddo puverella!

IMMA: Mamm do Carmine Don Sabatino e non capite niente proprio!

DON SABATINO: EH?

IMMA: Non ho detto che non ha la gonna! Ho detto che questa persona che ama, non è una donna!

DON SABATINO: Ah non è una donna... e chi è?

IMMA: Eh... è un uomo! (commossa)

DON SABATINO: Uh Gesù mio! Un uomo? (si fa il segno della croce e sbarra gli occhi)

IMMA: E non avete sentito tutto!

DON SABATINO: Eh?

IMMA: Non avete sentito tutto?

DON SABATINO: Eh?

IMMA: Non avete sentito tutto!

DON SABATINO: Ah!

IMMA: E che vulit sentere lloc! L'uomo in questione è mio fratello Giovanni!

DON SABATINO: Giovanni? Liberato si è innamorato di Giovanni?

IMMA: Eh sì..

DON SABATINO: Giovanni tuo fratello?

IMMA: Eh...

DON SABATINO: Giovanni Russotto?

IMMA: Eh..

DON SABATINO: Russotto Giovanni?

IMMA: Iss Don Sabati! Iss!

DON SABATINO: Uh Gesù, ma questo non va bene, non va bene proprio!

IMMA: E per questo ho bisogno del vostro aiuto!

DON SABATINO: Sono d'accordo e hai fatto bene, anzi benissimo a chiamarmi! Bisogna prendere in mano le redini della situazione!

IMMA: Si!

DON SABATINO: Bisogna parlare con Liberato e farlo ragionare!

IMMA: Esatto!

DON SABATINO: Bisogna intervenire!

Don Sabatino si addormenta!

IMMA: E bonanott!

Scena 5

Entrano Rita e Nicolino.

RITA: Uh maronn è muort Don Sabatino!

IMMA: Ma nossignore che morto! Sta benissimo... è solo che bell e buono mentre sta parlando si addormenta!

RITA: Ah veramente? Che cosa strana! Questa deve essere sempre qualcosa che riguarda la psiche o no Nicolì? Come te la spieghi?

NICOLINO: Bhe, è evidente che siamo di fronte ad una momentanea sospensione dello stato di coscienza durante la quale l'organismo reintegra le energia vitali precedentemente spese durante archi di tempo non definibili.

RITA: In parole povere suonn arretrat?

NICOLINO: Esattamente fiorellino!

RITA: Io t cecass 'n uocchij

IMMA: Fiorellino, ma addo a truvat a chist?

RITA: Eh, comunque svegliamolo!

IMMA: Che vuoi sveglia? Facciolo dormire magari recupera sonno!

Entra Giovanni.

E' provato dall'accaduto.

C'è un momento di gelo tutti lo guardano pietrificati, intanto Giovanni passa davanti ai presenti squadrandoli poi va a sedersi perso nel vuoto.

IMMA: Giovà! (corre ad abbracciarlo) Hai riposato un po si? Guarda che occhiaie che tieni, mo mettiamo un po di crema sotto gli occhi cosi spariscono che dici? Rita vai a prendere la crema!

RITA: Subito!

IMMA: E porta pure una bella tisana rilassante! Giovà! Giovà! E rispondi... io lo so che non è facile, ma dobbiamo reagire! Giovà! (Si rivolge a Nicolino) Uh madonna mia dottore ma che ha mio fratello, guardate la guardate!

NICOLINO: Eh signora mia, ha vistosamente la testa altrove, è provato, azzarderei prostrato addirittura, svuotato di ogni stimolo!

IMMA: E lo vedo che è provato ma bisogna fare qualcosa!

NICOLINO: Provo a smuoverlo! (Avvicina la bocca alla testa di Giovanni) Ehi! Ehi Giovanni mi senti? Mi senti Giovanni? Prova! Prova!

IMMA: Dotto ma che è nu microfono! Certo che la sente è scosso non è sordo!

NICOLINO: Bene, ha ragione! Ora provo a discutere un po' allora, a legare... Giovanni, Giovanni io mi chiamo Nicolino, tu come ti chiami?

IMMA: Ma comm primm o chiamat pe nomm e po c chiedit comm s chiamma!

NICOLINO: (Risentito) Già... era una tattica medica! Magari potremmo provare con l'ipnosi! Giovanni, ora rilassati e non parlare... rilassati! Ecco guarda la mia mano e seguila, al tre chiuderai gli occhi.. uno, due, tre! Li ha chiusi?

IMMA: No...

NICOLINO: Non benissimo; allora Giovanni proviamo così, guarda la mia mano seguila e al tre terrai aperti gli occhi... uno, due, tre! Ora?

IMMA: Li ha chiusi!

NICOLINO: Naggia a morte! Ma o fa a posta?

Entra Rita con Tisana e crema;

poggia tutto sul tavolo.

RITA: Lievt a 'nnanz!

IMMA: Ecco qua vedi Rita che ti ha preparato, vedi Rita che ti ha preparato! La tisana! Ora la bevi perché ti fa bene! Bevi la tisana che ti fa bene su! E bevila! (disperata) Perché non la bevi!

RITA: Non la beve, non la beve! (c.s.)

NICOLINO: Signore calmatevi! Può darsi che si senta intimorito dalla nostra presenza; proviamo una cosa, allontaniamoci tutti e facciamo finta di niente, quello crede di essere solo per i fatti suoi, crede nessuno lo stai guardando e beve!

IMMA: Ma che è nu gatto!

NICOLINO: Proviamo non si sa mai!

Si allontanano.

Pian piano Giovanni guarderà, odorerà e poi berrà la tisana.

NICOLINO: Ecco guardate sta pregustando la preda con gli occhi, la osserva!

RITA: E' vero sta funzionando...

IMMA: Speriamo bene! Rita ma che tisana rilassante hai messo?

RITA: Quella buona...

IMMA: Quella mia alla camomilla?

RITA: Quella alla camomilla non l'ho trovata signora...

Scena 6

Giovanni sputa l'infuso disgustato!

IMMA: (a Rita) T' pozzn accire!

GIOVANNI: Ma che è sta chiavica!

RITA: Ha parlato signò! Ha parlato!

IMMA: Finalmente parli! (felice!)

GIOVANNI: Fortunatamente parlo! Stevo rischiann e murì! Ma che c sta ccà dinto?

RITA: Estratti di melanzana e peperoni.

GIOVANNI: Mulignane e pupuaruoli? Into a l'infuso? Ma che m' facite beve ‘na ciambotta!

RITA: Quello l'erborista ha detto che è buona!

GIOVANNI: E certo che è bona, co doj patane e nu poco e sugo è a morta soja proprio!

IMMA: Va bene è cosa ‘e niente Giovà, l'importante e che ti sei ripreso ora...

GIOVANNI: Ripreso? Io mi sono ripreso? Imma tu mi devi spiegare come posso riprendermi dopo quello che è successo?

NICOLINO: Certo la situazione qua non è delle migliori però...

GIOVANNI: Però che cosa? A situazione ccà è na chiavica! Voi non potete capire cosa significhi non avere più il coraggio di guardare in faccia un amico! Io e Liberato siamo cresciuti insieme, una vita intera a fare i guappi appresso alle femmine e poi... L'impotenza chest m' fotte a me! L'impotenza, il non poter fare nulla, avere le mani legate!

IMMA: No Giovanni, non è vero che non si può fare nulla! Lo vedi qua chi c'è? C'è Nicolino…

NICOLINO: Dottor Sepe grazie!

IMMA: Chella ca sit insomma… c'è don Sabatino! E secondo te stanno qua per niente?! Diteglielo pure voi dottore!

NICOLINO: Bhe, io sincermente non so fino a che punto....

Rita da un calcione a Nicolino

NICOLINO: Posso aiutare! Posso aiutare!

RITA: Nicolino è dottore bravo, è psicologo! Mica è l'ultimo fesso!?

GIOVANNI: E chi l'ha detto che è l'ultimo fesso, secondo me è 'o primm! Ma che mman m po da!? E po Don Sabatino! Eta iut a chiamà a Don Sabatino ca tene ottanta anni, è surde cecat e scem, nun sape neanche comm s chiamm, risolv "O' problem" ma che adda risolvere!

IMMA: Giovanni tu devi stare tranquillo, siediti e stai tranquillo che questa è gente che ci sa fare! Vedrai che mo che viene Liberato...

Giovanni è fulminato dalle parole di Imma.

IMMA: Cioè nel caso dovesse venire Liberato… Se vene… io non lo so…

GIOVANNI: Mo ca vene Liberato? (Si alza e lentamente si avvicina a Imma che intanto ha raggiunto il centro scena) Come sarebbe a dire mo che viene Liberato? Imma tu non hai chiamato Liberato è vero?

IMMA: E che dovevo fare Giovà, starmene con le mani in mano così? Vederti camminare come uno zombie per casa dalla mattina alla sera? Certo che l'ho chiamato! Secondo te Nicolino e Don Sabatino cosa son venuti a fare? Bisogna risolverla questa situazione, Liberato deve parlare con persone competenti di questo suo... problema!

GIOVANNI: (Aggredendo verbalmente Imma, viene fermato da Rita) Mannagg a te! (Si siede affannato e affranto) Io non ho la forza neanche di guardarlo negli occhi e tu lo inviti qua? E io? Io mo ca vene che facc? Che c' dico? (si siede svuotato)

IMMA: Non devi parlare per forza...

GIOVANNI: Nun aggia parla?! Immu nun aggia parla? Che faccio ma taglia sta lengua! Nun aggia parla...

IMMA: No, perchè c sta cchi o fa p te?

Scena 7

Attimo di pausa e riflessione poi Imma scuote Don Sabatino

IMMA: Don Sabatino! Don Sabatino svegliatevi!

DON SABATINO: Chi è!

IMMA: (Imma fortemente seccata!) E chi è? E chi è? L'arcangelo Gabriele!

DON SABATINO: L’Arcangelo Gabriele? (Don Sabatino si alza meravigliato e allegro e rivolto ai presenti urla indicando teatralmente il Balcone) Al balcone! Al balcone!

La didascalia qui sotto descriverà tutte le azioni che si terranno durante la battuta che segue sotto

Don Sabatino corre uscendo fuori al balcone dove spalancherà le braccia

 e guardando il cielo urlerà felice!

Intanto dietro si agita un teatrino di voci indistinte tra Rita, Imma e Nicolino.

Imma cercherà di tirarlo via. Rita farà da staffetta tra Imma e Nicolino che intanto entra ed esce dalla porta che da al balcone per raccontare a Giovanni ciò che accade con euforia. Alle ultime battute di Don Sabatino Rita spingerà Nicolino che di nuovo cadrà al centro del palco stavolta.

DON SABATINO: Uh che piacere! L'atteso giorno è arrivato, apriti a me cielo, spalanca le tue porte paradiso e accoglimi tra le tue braccia signore! (Don Sabatino viene portato dentro casa di nuovo)

IMMA: Qua signore assettateve, nessun Arcangelo Gabriele e nessun paradiso! Sono Imma signor Sabatino, Imma! V' arricurdate?

DON SABATINO: Ah Imma, scusami sa ma so vicchijariell!

IMMA: E non vi preoccupate!

DON SABATINO: E chi sono tutte queste belle persone!

RITA: Don Sabatino mi presento, io sono Rita la domestica! (fa l'inchino) Serva vostra!

DON SABATINO: Serva mia? E quando ti ho assunto? 

RITA: No, è soltanto un modo di dire!

DON SABATINO: Vuoi soltanto andare a dormire? E vai a dormire figliola cara che ti devo dire! Neanche il tempo di assumerla questa serva e già nun vo fa niente!

RITA: Ma chi ha detto che voglio dormire!

DON SABATINO: E poi si lamentano che non c’è lavoro, il lavoro c’è, quello che manca e la voglia di lavorare!

IMMA: Nun dà retta Rita! Don Sabati quello invece è…

NICOLINO: Permette? Nicolino Sepe, dottore psicologo di grande fama internazionale! Sa con modestia parlando, ho scritto diversi articoli scientifici su riviste anche molto importanti e lei che è uomo di teologia, perché lei è uomo di teologia, di sicuro ne avrà letti alcuni!

DON SABATINO: Veramente no!

NICOLINO: Come no? Mi sembra strano, molti dei miei lettori sono uomini di chiesa! Ma nemmeno quell'articolo sulla violenza intitolato "Oggi pane e rivoltella"?

DON SABATINO: Ah sì, sì! Il mio preferito!

NICOLINO: Ma davvero dite?

DON SABATINO: Come no! Pane e mortadella! Il mio preferito! Quindi lei resta a pranzo?

NICOLINO: No, non resto a pranzo!

DON SABATINO: Ah e mi dispiace, quindi niente pane e mortadella per voi! Io invece un mezzo sfilatino me lo sgranocchierei con piacere signora Imma!

NICOLINO: Voi scherzate, sicuramente scherzate… Don Sabatì ma neanche quell’articolo sullo scontro generazionale tra padre e figli? Quello ha sancito il mio successo, lo intitolai “Basta figlioli!”.

DON SABATINO: Ah sì?

NICOLINO: Si, “Basta figlioli!” vi piace?

DON SABATINO: Dipende, se la fate asciutta o no, io personalmente la mangio brodosa!

NICOLINO: Non ho capito…

DON SABATINO: La pasta e fagioli dico, mi piace! Ma la mangio brodosa…

IMMA: Dottore non vi conosce, e inutile che continuate! Don Sabatì c'è pure mio fratello...

DON SABATINO: Giovanni! Giovanni Russotto! Come stai figliuolo? (Non risponde) Ti vedo scosso, pallido... (c.s.) tua sorella Imma mi ha raccontato tutto, deve essere stato una bella mazzata. Ma non devi buttarti giù, vedi qui c'è tanta gente pronta ad aiutarti... c'è Rita, c'è Imma, c'è chisto ca s' magna pane e mortadella…

NICOLINO: Ma qua pan e mortadella!

DON SABATINO: Ca s manga pasta e fagioli!

NICOLINO: Ma che state dicendo!

DON SABATINO: Sentite e vuj tenete troppi difiett! E nun v sta bbuon niente! E chest nun v’ piace, chell’ ata nun vi piace! Nun vi mangiat niente statem a senti!

NICOLINO: E starò a digiuno!

DON SABATINO: E comunque Giovanni, siamo così tanti! Poi ci sono io e la luce santa del Signore! Ti pare che il Signori ti abbandoni in un momento così drammatico! Vedrai, vedrai che ne usciremo!

IMMA: Si ne usciremo Giovanni, poi tu ca si medic o saij bbuono: Per ogni male esiste una cura, non sempre funziona ma esiste!

GIOVANNI: (Si alza per andare via nelle stanze) Sentite io me ne vado a letto, perchè qua in mezzo ai pazzi non riesco a starci!

DON SABATINO: No tu stai cca! (Guardando Giovanni che si pietrifica davanti la porta. Don Sabatino alza un braccio per farsi aiutare da Rita ad alzarsi, poi raggiungerà alle spalle Giovanni a cui sussurrerà) Dove vorresti andare? A letto? In mezzo ai pazzi non ci vuoi stare? Tu sono anni che ci combatti con i pazzi e ora che questi pazzi vogliono combattere per te, te ne vai a letto? Ma allora il pazzo sei tu! E si perchè la gente "normale" gogolerebbe felice sentendosi appoggiata e aiutata dagli altri, buoni o pazzi che siano! (Ritorna a sedersi)

NICOLINO: Giovanni Don Sabatino ha ragione! E poi come potrei io essere pazzo se io i pazzi li curo! Io ti voglio aiutare! Certo questo è un caso particolare, complesso, e non conosco terapie a riguardo... (Rita lo fulmina con lo sguardo) ma l'ho accettato! E farò tuttò ciò che è in mio potere per risolvere la situazione! (Rita tira Nicolino a un lato del palco e lo abbraccia forte)

IMMA: Giovanni stamm a sentere, tu che a sentere nun me stat mai! Assettete, e fatt aiutà, te ne prego! (piangendo)

GIOVANNI: Aiutare? Ma no sant'iddio, no! Me la vedo io! Me la vedo io, io da solo! E voi ve ne dovete andare, dovete sparire... (crescendo in un esplosivo climax che segna il punto di partenza della follia di Giovanni che lo accompagnerà sino alla fine) andate via! Andate via! ANDATE VIA!

Scena 8

(Suonano alla porta. Il gelo è protagonista del palco per i primi secondi. Tutti si guardano in silenzio assoluto. Poi Nicolino si fa infilare l'impermeabile e allungare la borsa da Rita come per andare via; Don Sabatino si fa aiutare da Imma ad alzarsi.)

GIOVANNI: E' iss... Imma è iss...

IMMA: Si è iss...

GIOVANNI: Ma addo iat vuj...

NICOLINO: Ce ne andiamo!

GIOVANNI: Ve ne andate?

DON SABATINO: Leviamo il disturbo come tu hai chiesto...

GIOVANNI: No Don Sabatì nessun disturbo anzi vi chiedo scusa...

DON SABATINO: Giovà si è fatto tardi...

Giovanni come uno zombie va a sedersi al tavolino.

NICOLINO: Don Sabatì se permette vorrei offrirle un passaggio!

DON SABATINO: Come?

NICOLINO: Un passaggio!

DON SABATINO: Ah si certo un passaggio, ti ringrazio di cuore!

GIOVANNI: Restate vi prego!

NICOLINO: No, davvero

GIOVANNI: Mi permetto di insistere!

NICOLINO: Giovanni per favore!

GIOVANNI: Ma io non volevo...

DON SABATINO: Stai tranquillo, ora facci andare via su!

GIOVANNI: (Urlando a squarciagola) Vuj nun ascit a cca dint! (Un lungo secondo di gelo; Giovanni totalmente impazzito camminerà avanti e indietro parlando da solo e grattandosi il capo) Che sto cumbinann, che sto cumbinann? Io nun sacc che fa! Che aggia fa m'aggia accirere? C'adda sta na soluzione! Su Imma fai accomodare Don Sabatino! E voi dottò (si avvicina a Nicolino e lo sveste) levateve stu coso a cuoll presto! Mo assettateve! (Indugiano) Assettateve! (Giovanni li fa sistemare) Na seggia! Na seggia cca! (La prende e la mette isolata sulla destra)

In scena dovranno esserci due sedie dietro al tavolo di sinistra dove si accomoderanno Don Sabatino e Nicolino. Una sedia a destra libera messa lì per Liberato. Giovanni va infondo alla sala voltandosi e appoggiandosi al muro con un braccio come per nascondersi.

GIOVANNI: Vuj m'avita aiuta... Rita vai ad aprire!

Scena 9

Entra Liberato e osserva la scena. Qualcuno cede e cala gli occhi, qualcuno tossisce.

LIBERATO: Quanta gente stamattina. Buongiorno a tutti... Don Sabatino buongiorno! E' venuto a benedire la casa? O a fare una bella messa a domicilio? Non risponde, forse non mi ha sentito; giustamente chillo è surd! Lei invece non la conosco, ma di certo sarà qui per qualche motivo, no? Ah che sbadato, forse è un paziente di Giovanni, sarà venuto a farsi visitare. (Nicolino non risponde) Ah è muto? Che fortuna un non udente e un muto stamattina!

NICOLINO: Sono un dottore.

LIBERATO: Ah un dottore, quindi qualcuno non sta bene? In realtà ho sentito che c'è una brutta influenza in giro. E chi è in cura? Rita? Imma? Forse Giovanni?

IMMA: Liberà noi stiamo bene, Don Sabatino e il dottor Sepe sono qui per te...

LIBERATO: Ah per me? Uh Gesù e allora sono malato e non lo sapevo! E devo essere pure malato grave se c'è Don Sabatino. Perchè immagino sia qui per l'estrema unzione no? NO? Don Sabati!

DON SABATINO: Uè!

LIBERATO: Deve fare l'estrema unzione?

DON SABATINO: No, non devo fare colazione giovanotto!

LIBERATO: Buono a sapersi. E quindi sono malato. Giovanni hai capito? Io sono malato! Eppure ti devo dire la verità, ij m' sent bbuon, anzi non sono mai stato meglio. Tu che dici? Lo saprai certo meglio di me no? Tu sei medico, sei uomo di scienza, rappresenti la ragione! Dimmell Giuvà so malat si o no?

IMMA: Assettate e parlamm...

LIBERATO: Mi devo sedere? E perchè? Perchè sono malato? Quant è caro ten paur ca m' ven nu girament e capa, ten paur ca sveng! Giovà io non svengo, non cado, non cedo.

RITA: Nicolino… dai su!

NICOLINO: Si… Signor Landi, un periodo nella vita un po burrascoso capita a tutti. Ogni giorno combattiamo con la nostra personalità, anzi le nostre personalità, perchè sono molte sà. Un giorno ci svegliamo e siamo una persona, il giorno dopo ci svegliamo e ne siamo un'altra, poi un'altra ancora... questo probabilmente è ciò che sta accadendo a voi.

LIBERATO: Dottò io allo specchio mi guardo ogni mattina, e sono sempre io.

NICOLINO: E lo specchio mente signor Landi.

LIBERATO: Lo specchio mente? E bravo oh dottore! (A Imma) Imma lo specchio mente, riflette perché una realtà che in realtà non è affatto la realtà che noi vediamo, ci hai mai pensato? (Verso Nicolino) Chill dottò ‘o specchio è ‘n omm e niente, ‘o specchio è ‘n omm e niente! Ecco perché quando c sto annanz m' vuless sputà nfaccia. Che dite faccio bene? E' giusto?

IMMA: Liberà non lo dire neanche per scherzo!

LIBERATO: E chi scherza, quello è una specie di allenamento! Per abituarmi agli sputi degli altri. Ne esistono di vario genere sapete? Le parole per esempio, quante se ne dicono! Poche volte si pesano, ancora meno si pensano. Poi ci sono gli occhi, uh gli occhi sono forse i peggiori! Perché dicendo niente dicono tutto! (A Nicolino) Gli occhi che guardano a terra, (a Rita) gli occhi che guardano al cielo, (a Don Sabatino) Gli occhi sordi (a Imma) gli occhi chin ‘e arraggia, di collera! (a Giovanni) E l’uocchij ca s’annasconneno.

Sono lame affilate, credetemi m' putess taglia a barba cu l'uocchij e l'ati!

NICOLINO: Signor Landi nessuno è qui per screditarla o gettarle occhiate addosso, ma per discutere! Don Sabatino conviene con me!

DON SABATINO: Certo che vengo con voi, addo iamm?

 NICOLINO: No da nessuna parte! Dicevo che noi vogliamo semplicemente parlare, sciogliere il problema, arrivare al "perché", no?

LIBERATO: Al perchè?

NICOLINO: Certo, al perchè lei sia diventato dalla sera alla mattina un...

LIBERATO: Omosessuale?

NICOLINO: Ecco!

LIBERATO: Guardate che non è una parolaccia, non mi offendo.

NICOLINO: Insomma comprendere il motivo per cui lei è diventato ciò che è diventato, e magari trovare un come per riportarla al suo stato precedente.

RITA: Allo stato di fabbricazione insomma.

NICOLINO: Esattamente!

LIBERATO: Lo stato di fabbricazione addirittura? E che so’ nu cellulare! Dottò sentite ma addo ve l'ata pigliat a laurea? Ncopp a Luna?

RITA: Uè badate bene a come parlate di Nicolino mio!

NICOLINO: Tranquilla Rita, il signore non pensa quello che dice!

RITA: La tiene lui la laurea in pisicoloco.. piscocolo... scienz do mal e capa insomm!

NICOLO: Psicologia Rita...

LIBERATO: No, fortuntamente non a teng a laurea! A laurea il più delle volte è nu scudo ca cost caro e serv sulamente a fa nasconnere a nu strunz, ca pur se laureato semp strunz rest!

NICOLINO: Sentite io non vi permetto! (si alza per affrontarlo faccia a faccia ma viene anticipato da Liberato che a sua volta lo affronta ma com più aggressività)

LIBERATO: Io non vi permetto, io! E assettatevi se no v spacc a capa! Voi non parlate di me come di un oggetto, come di un qualcosa che può essere formattato, riavviato, riportato alle condizioni di fabbrica! Io non sono diventato cosi, (urlando forte) io sono cosi!

DON SABATINO: Ue, e a me sembra che si stiano alzando un po troppo i toni comunque!

RITA: E Don Sabati vui c'ata accis e parliamo abbassa voce e nun capit niente e parliamo a voce alta e non vi sta bene! Ma che iat truvann?

DON SABATINO: Eh?

RITA: C' sta Liberato la, c vulit dicere quaccos o no!

DON SABATINO: Liberato, figliolo caro... quello che è accaduto a te, lasciamelo dire, è proprio un malaffare! Nostro signore ci ha creato uomini e donne, e ha fatto si che fossero ben riconoscibili l'uno e l'altro! Io ti vedo e tu Liberato mio, sei uomo e che pezzo di uomo che sei! Il disegno della natura è una cosa tanto semplice; uomo donna figli, uomo donna figli! Un uomo normale per farti capire che cerca l'amore, incontra una donna, per esempio Imma, la guarda e... la guarda e... la guarda! Poi camminando, camminando ne trova un'altra più aggarbata, la sposa e fa una bella figliata! E' una cosa cosi semplice sant'iddio! Senti io sono disposto anche ad aprirti le porte della mia chiesa, anche se non mi sarebbe consentito farlo, per iniziare insieme un processo di redenzione e mostrarti la retta via!

NICOLINO: Don Sabatino voi la fate troppo semplice, va bene si la chiesa può dare una mano nei momenti difficili, ma questo tipo di problema va affrontato con le pinze, qua bisogna lavorare sull'inconscio!

DON SABATINO: E coscie? Qua coscie? Che ci azzeccano 'e coscie mo?

NICOLINO: L'inconscio Don Sabatì, l'inconscio! Sarebbe la dimensione psichica che accoglie i comportamenti, le emozioni, i pensieri di un uomo! E li che bisogna operare!

DON SABATINO: E operate dottore, operate! Ma tenete a mente ca.... sti coscie ce le ha date nostro signore! E dal momento che sti coscie ce le ha date nostro signore, pure io mi sento in dovere di operare!

NICOLINO: E operate Don Sabatì che vi devo dire! Mettitev a pregà da matin a sera e vedite ca o problema si risolve! Operate Don Sabatì, operate! Operate pure!

DON SABATINO: Ah! Cosi stanno le cose? Allora dato che secondo la tua scienza nostro signore non è in grado di intervenire in faccende del genere, io mi faccio da parte! Operate voi dottore!

NICOLINO: No operate voi!

DON SABATINO: No operate voi!

NICOLINO: No, io non opero!

DON SABATINO: E nemmeno io!

IMMA: Ma scusate allora comm o risulvumm o prublem?

RITA: Operate assieme scusate! Un giorno Don Sabatino, un giorno Nicolino, vi alternate!

IMMA: E si! Brava Rita, religione e scienza se vanno a braccetto rappresentano la migliore cura!

Scena 10

LANDI: Bast! A vulit finisc cu sta buffonata? L'inconscio, nostro signore, a religione a scienza! Ma che ve penzat chi tenit annanz? Nu spaventapasseri, na cavia, nu demonio, o diavolo in persona! Io so n' omm! E a 'n omm nun s' insegna a fa l'omm! E poi voi che ne sapete cosa vuol dire essere uomo? Eh? Facciamo che ve lo dico io; 'n omm è omm, quando ammette le proprie debolezze senza mai però diventarne schiavo. 'N omm è omm, quann dice "Guardami, chist so io!”.

Voi dottore vi sentite uomo? Tutte le volte che vi nascondete dietro la vostra scienza, per non parlare di tutte le volte che l’ avete venduta la vostra scienza, per una debolezza, un capriccio… come d’altronde state facendo ora no? Ritù che potere tenete voi donne? Con un battito di ciglia, sapit trasfumò nu dottor into a nu merluzz!

Don Sabatì a voi non dirò niente, non vi è consentito aprirmi le porte della chiesa? Bene, chiudetele, serratele, mettitece o catenaccio! Io di certo non verrò a bussare, nun teng bisogn e vuj certo pe capisc se Gesù Crist me vo ben o meno! Na bella messa in scena stamattina! Ma io una cosa la devo capire, perché i bisogni premono e ‘o sapite che so’ pesanti ‘e bisogni! Questa cura l’abbiamo trovata Giovà?

GIOVANNI: Assettate…

LANDI: L’abbiamo trovata?

GIOVANNI: Assettate!

LANDI: E’ una domanda semplicissima e tu devi rispondermi, l’avimma truvata?

GIOVANNI: Assettate!

Landi perde la testa e scaraventa via la sedia posta dinanzi a lui.

LANDI: L’avimma truvat!?

Gelo.

LANDI: Io non vi ho chiesto niente, siete voi che mi avete cercato. Ma no voi dovete capire, dovete risolvere il problema… ma quale problema? Non mi vedete da vent’anni, e per vent’anni ho convissuto con questo inferno dentro; me ne sarei andato via senza infastidire nessuno per altri vent’anni, o trenta… per sempre. Chiuso a casa mia, nella mia stanza, dinto ‘o liett a sul. Ma voi dovete capire, dovete arrivare al perché! Ma quale perché! Non vi rende conto che le domande sono assai e le risposte nun c’ stanno?!

Guardatevi allo specchio come ho fatto io, cercate di capire chi siete, non perdete tempo a capire chi sono gli altri, o perchè gli altri sono quell che sono… (va alla porta per uscire ma si ferma commosso)

Giovà io non ti ho chiesto niente, e niente mai ho volute da te, mai!

Landi esce.

Gelo. Giovanni si gratta la testa scompigliandosi I capelli, si dirige barcollante come un ubriaco verso l’attaccapanni dove indossa cappello e cappotto.

IMMA: E mo addò vai?

GIOVANNI: Esco. Ho bisogno di prendere un poco di aria. Sono pesanti i bisogni.

IMMA: (si dirige verso di lui) Giovà ritrova la calma non è successo niente, tutto si risolve…

GIOVANNI: (adirato aggredisce la sorella) Niente si risolve o vuo capisc si o no!!! (Si calma, la accarezza e poi la bacia in fronte, poi con dolcezza continua) Niente s’ risolve... vulimm semp risolvere tutto!

IMMA: E Don Sabatino, il dottore?

GIOVANNI: Eh già, mo me scordavo! Fai gli onori di casa Immù, fanc na bella tazzulell e cafè comm sul tu sai fa…

IMMA: Ma stai vestut accussi leggier, stai co pigiama nguollo, t’ vuo ammala? T vuo piglià quccosa?

GIOVANNI: (che intanto è arrivato sulla soglia della porta, lentamente si gira verso il pubblico) E pure se fosse, una cura sempre si trova no?

Tela.

 

 

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno