La dieta

Stampa questo copione

LA DIETA

LA DIETA

Di Velise Bonfante

Berto, Cesira ed il figlio Sandrino (o la figlia Sandra o una sorella di Berto). Una stanza qualunque, sopra una sedia una pila di vestiti. Berto deve essere un po’ cicciotello, sopratutto deve avere una bella pancia, indossa una giacca da camera e deve cambiarsi per uscire.

*****

Berto) (Entra e canticchia tutto contento) Se il Baldo fosse toccio – e il lago una polenta – ohi mamma che mangiada – ohi mamma che mangiada – polenta e baccalà. Oh! Ada che bràa che l’è la me Cesira, la me     trata prope come ‘n  re, la m’ha za preparàt la roba de mètem (si toglie la giacca e prende quella che c’è sul tavolo, sempre canticchiando la infila, ma non riesce ad abbottonarla) oddiomemama, che le feste ché le m’ha prope ruinàt, la me se sèra pö, pusìbil! Sói prope engrasàt isé tant? Oh, pusìbil! Pusìbil! (chiama) Cesira, Cesira ada, vé ché, Cesira. Ensóma ‘ndó sét, pusìbil che quant me g’ho bisògn, te ègnet mai e me toca ciamat sènto ólte?

Cesira)  (Entra elegante) Che ghét de usà come ‘n mat? Ada che me só za pronta né.

Berto) Varda, varda che robe, me se sèra pö la giaca!

Cesira) Per forsa, te mànget semper compagn de ‘n pursilì, come gire l’öcc te, te sét tacàt al frigor, quan che pense che ger che l’èra el compleanno del Sandrino, no te ghet fa ater che fa na la bóca!

Berto) Per fórsa, te continuàt a mitim la ròba ‘n del piàt!

Cesira) Chesta l’è prope bèla, te mète poca ròba e te continuèt a bruntulà come na pignata de fazöi che bói, te dìzet che te trate mal (imitandolo) “ma te rincrès a sbater zó na braca de pasta en pö? E varda, a giü come me che ‘l laura töt el dé, finamai i macarù ‘n del piàt i ghé cönta!” (con la sua voce) e té ve apó a dil en giro ai tò amici, te me fe fa de chèle figüre a ólte, sómea che me te trate mal, che te völe mia bé. Gér te sé stat té a vulì du piàcc de pastasöta e se te te ricordet bé, mè, ulìe mia dàtei.

Berto) L’è ‘mpusìbil che el piàt de pastasöta de gér el m’abe fat che l’efèt ché!

Cesira) Chèi du de gér forse no, ma du piàcc encö, du piàcc dumà, ada come te sét consàt, ada che pansa che t’è ignit. E adès che fóm, (guarda l’orologio) l’è za isé tarde. E isé stasera che fét, màjet mia?

Berto) Se pöl pròpe fa niènt?

Cesira) Pröóm a descùzer le “pèns”. Dai nóm, fam véder, ah, j-è za stade descuzide, gh’è gnènt de fa, ensoma, cambia giaca.

Berto) E che me mète? Ghe n’ho mia tante de bèle.

Cesira) Pröaró a trasportaga i butù. Sé, alà, che vöt trasportà chi ché.

Berto) Da dumà ‘n chèsta casa ché se mangia pö.

Cesira) Da dumà? E perchè mia da stasera?

Berto) Stasera nóm a séna, e mangiom per l’ultima ólta.

Cesira) Sé, fom aga nóter l’ultima cena, dai nóm, mia fam rìder, maja de meno en tra ‘l dé, alà e pò, te té mangiaret pö ma me, caro mio, che ghé c’èntre me có la tò pansa?

Berto) E no èh, se te me völet bé, per solidarietà, te mangèt pö gna te, me pòde mia sta lé a vardàt entant che te mànget, me va la gósa al cör dopo.

Cesira) Vólara dì che mangiaró de scundù, ma varda ché en che cundisiù te sèt consàt!

Berto) E pensà che na ólta sére ‘n figürì, màgher compagn de n’aciùga, qualunque vistit el me ‘ndàa bé, el me staa en penèl.

Cesira) Ma che aciùga d’Egitto, a mé te me se sèmper parìt al pö al pö na bèla tròta.

Berto) Che dìzèt sö pò, te ricórdet mia na ólta come sie màgher? Epure che la giaca ché me par de ila mèsa ‘l mes pasàt, quan che sóm nacc a la festa de la banda.

Cesira) Ah sé, me ricorde: i ghia sunàt isé bé.

Berto) Me par emposìbil éser crisìt isé fis en de ‘n més.

Cesira) Sculta (contando) sto més gh’è stat el compleanno del Sandrino, te sét nat a séna con chèi del tò laura, te se nat a séna con chèi de la clas, coi caciatòri, coi pescatori, con la bocciòfila, con chèi de le biciclète...e con chei che và a pè.

Berto) Ghé n’ho culpa me: se só en sportivo?

Cesira) I sportivi j-è chei che fa ‘l sport, mia chei che mèt i pè sóta la taola.

Sandrino) (Entrando) Sif pronti?! Ardì che ura che l’è! L’è za tarde, i gne spèta, sö muìf.

Cesira) Te fé bèl a dì muìf, varda che tó pàder.

Berto) Me se sèra pö la giaca.

Sandrino) Per fórsa, no te fét àter che mangià! Te me pàret sèmper en mort de fam, sömèa che te manche sèmper la tèra sóta i pè, aga gér, al me compleanno, te ghet mangiàt dò fète de turta (al padre a bassa voce) daanti a la mama e giöna de scundù, ma me t’ho vist. (con la voce normale) el sét quanti grassi, quante calorie, quante vitamine...

Cesira) E quanti centimetri de pansa.

Berto) L’ho za dit, da dumà en chesta casa che se mangia pö, se salta.

Sandrino) Brao, se salta, chesta l’è n’idea, se salta, enfati te garéset de fa pö tant muimènt.

Cesira) Da dumà te vét te ‘n piasa a fam le spese, isé te fet na bela caminada.

Sandrino) Envece de na ‘n machina a tö ‘l giornal.

Cesira) Völarà dì che te narét a pè.

Sandrino) E aga per na a laurà.

Cesira) Te narét a pè, e magari de cursa.

Sandrino) Te faret come che fa i mericani el “giochingh”.

Cesira) Envece de sighità a mangià le caramele entant che te àrdet la televisiù.

Sandrino) Te narét a dórmer prest.

Cesira) La matina, envece de fa la culasiù coi biscoti e la marmelada.

Sandrino) Te bearéet apéna ‘n pó de cafè amar.

Cesira) Envece de béer el vi a tàola.

Sandrino) Te bearét en bel bicer de acqua.

Cesira) Ah, e basta digestivo dop séna, j-alcolici j-è töte calorie.

Sandrino) Bubà, pènsa, se té mànget mia, el te ocór pö èl digestivo!

Cesira) E basta co le patatine frite, che te me pàret en gnaro.

Berto) Almen chèle, j-è la me pasiù.

Cesira) E basta ciuculatì e biscutì e ròba dùlsa.

Sandrino) E basta briòss e pagnuchine.

Berto) Ma vóter du vulì fam mörer.

Cesira) Ma nò che te möret mia per isé póch.

Berto) Va be, m’è ignit en bris de pansa, ma me par mia ‘l caso de esagerà co ‘na dieta compagn.

Cesira) Ciamela ‘n bris de pansa, te me pàret en botezèl.

Berto) Se me tirìf via che le póche sudisfasiù che g’ho.

Cesira) Te consularét quant che te se serarà la giaca.

Berto) Oh poarèt che só, basta chèsto, basta chèl. A propòsit, sabot gh’è la sena con chèi de la polisportiva, vularì mia fàmela pèrder nè, me g’ho za prenotàt, la dieta partarom da duminica a fala.

Cesira) No, g’hét dit da dumà, e da dumà te pàrtet co la dieta, te ghe telefónet ai tò amici che sabot te pòdet mia naga.

Berto) (Rassegnato)  E va bé, partom töcc co la dieta.

Cesira) En momènt, s-ciaróm le ròbe, me g’ho mia la tò pansa, g’ho mia bisogn de dieta.

Sandrino) Me pare n’aciùga, ada come so màgher.

Berto) (A Sandrino) Te ria a la me età e pó en parlóm (a Cesira) ma te te völet la me mort, se te vöt restà vedova gh’è mia bisògn de fam mörer, dìmel che me töe sö e vo vià.

Cesira) Che dìzet sö po', nóter el fóm per el tò bé, sö sö, sta mia fa isé, vó a véder se tróe argót óter de metèt endòs (esce).

Berto) Só ridoto prope mal, me cridie de èser amó en zuenòt.

Sandrino) En zuenòt de Carlo Codega, sta mia pensàga bubà, pensa che da dumà te faréet el “giocching” compagn dei  mericani isé te te mantègnet zuen, apó el Bill Clinton el fa el “gioching”.

Berto) Cosa el chi  sto “giochingh” me, en pratica, che gói de fa per fal.

Sandrino) Te mètet na tuta e le scarpe de ginastica e te cùret dre a la strada.

Berto) Töt lé? Bestia, ciamela cùrer alura, me pensaé chisà chi, me sie spaentàt, ma se i me vèt a cùrer dre a la strada, l’è mia che dopo la zènt la me rit dré o la pensa che só màt.

Sandrino) Te te ghe rispondet a la zent che apó Bill Clinton el fa el  “gioching”e apó töcc i mericani, sóm apéna nóter italià che ‘l fóm mia. I mericani j-è pö avanti de notèr, g’hom de ‘mparà de lur.

Berto)  Ah, te dìzet?!

Cesira) (Rientrando con un’altra giacca in mano) Ma te Berto, vàrdela ché la tò giaca.

Berto) Ma no! E chestà?

Cesira) Chèsta ‘ndó èrela, ne l’armare?

Berto) No, me l’ho troàda pronta ché, sö la scagna.

Cesira) Beato cielo, che la ròba che l’è per Mani Tese, per la Caritas, l’ho catada föra gér, l’è töta ròba che dopróm pö perché l’è deentàta strèta, amó ròba buna nè, ma a nóter la gné va pö bé.

Berto) (Sfilandosi la giacca stretta e infilando quella che gli porge Cesira) Oh che sudisfasiù, oh che bèl, chèsta sé che la me va bé, ghif vist vóater du che l’è mia véra che só engrasat töt en de ‘n colpo, ada ché la giaca ché, la me va en penèl.

Cesira) Ma en confront a chesta  (porgendogli quella vecchia) che l’è de du agn fa, te set engrasàt, te pòdet mia di che l’è mia véra.

Berto) Chi se ne frega se só ‘ngrasàt, dopo en spaènt isé ghe völ prope na bèla séna, dai nóm che i gné spèta, sö sö, fóm svelti dai.

Cesira) E la dieta?

Sandrino) E il “giochingh”

Berto) Scultim me voter du, sti pö parlà de diete nè, e sti pö fam ciapà chei spaènt ché, e ‘n quant al “ gioching” lasómeghel fa ai mericani che l’è mei alà, perchè  nóter bresà ‘nvece endom de cursa, de cursa sé, ma a sena a mangià casonsèi con polenta e osèi. (li prende sottobraccio tutti e due ed escono. Berto esce cantando) Se il Baldo fosse toccio – e il lago una polenta – ohi mamma che mangiada – ohi mamma che mangiada – polenta e baccalà.

Fine

 

LA DIETA

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Berto, Cesira ed il figlio Sandrino. Una stanza qualunque, sopra una sedia una pila di vestiti. Berto deve essere un po’ cicciotello, sopratutto deve avere una bella pancia, indossa una giacca da camera e deve cambiarsi per uscire.

*****

Berto) (Entra e canticchia tutto contento) Se il Baldo fosse toccio – e il lago una polenta – ohi mamma che mangiada – ohi mamma che mangiada – polenta e baccalà. Oh! Guarda che brava che è la mia Cesira, mi tratta proprio come un re. Mi ha già preparato la roba da mettermi. (si toglie la giacca e prende quella che c’è sul tavolo, sempre canticchiando la infila, ma non riesce ad abbottonarla) oddiomemamma, queste feste mi hanno proprio rovinato, non mi si chiude più, possibile? Sono proprio ingrassato così tanto? Oh possibile! Possibile! (chiama) Cesira, Cesira guarda, vieni qui Cesira. Insomma dove sei, possibile che quando io ho bisogno tu non vieni mai e devo chiamarti cento volte?

Cesira)  (Entra elegante) Cosa hai da gridare come un matto? Guarda che io sono già pronta.

Berto) Guarda, guarda che roba, non mi si chiude più la giacca.

Cesira) Per forza, mangi sempre come un maialino, come giro l’occhio tu sei attaccato al frigorifero, quando penso che ieri era il compleanno di Sandrino e tu non hai fatto altro che far andare la bocca.

Berto) Per forza, continuavi a mettermi la roba nei piatti.

Cesira) Questa è proprio bella, ti metto poca roba e continui a brontolare come un pentola di fagioli, dici che ti tratto male (imitandolo) “ti rincresce buttare una manciata di pasta in più? E guarda se a uno come me che lavora tutto il giorno, devono contargli i maccheroni nel piatto” (con la sua voce) e vai anche a dirlo in giro ai tuoi amici, mi fai fare di quelle figure a volte, sembra che io ti tratti male, che non ti voglia bene. Ieri sera sei stato tu a volere due piatti di pastasciutta e se ti ricordi bene, io non volevo darteli.

Berto) È impossibile che il piatto di pastasciutta di ieri mi abbia fatto quest’effetto.

Cesira) Quei due di ieri forse no, ma due piatti oggi, due piatti domani guarda come ti sei conciato, guarda che pancia che ti è venuta. E ora che facciamo (guarda l’orologio) è già così tardi. E così stasera che fai, non mangi?

Berto) Non si può proprio fare niente?

Cesira) Proviamo a scucire le “pèns”. Dai andiamo, fammi vedere, ah, sono già state scucite, non c’è nulla da fare, insomma, cambia giacca.

Berto) E che mi metto? Non ne ho molte di belle.

Cesira) Proverò a trasportare i bottoni. Sì, va là, cosa vuoi trasportare qui.

Berto) Da domani in questa casa non si mangia più.

Cesira) Da domani? E perché non da stasera?

Berto) Stasera andiamo a cena e mangeremo per l’ultima volta.

Cesira) Sì, facciamo anche noi l’ultima cena, non farmi ridere, mangia di meno durante il giorno; inoltre tu non mangerai più caro mio, ma cosa c’entro io con la tua pancia?

Berto) E no, se mi vuoi bene, per solidarietà, non mangi più nemmeno tu, io non posso star lì a guardarti mentre mangi, mi va la goccia al cuore dopo.

Cesira) Vorrà dire che mangerò di nascosto, ma guarda in che condizioni sei ridotto!

Berto) E pensare che una volta ero un figurino, magro come un’acciuga, qualunque vestito mi andava bene, mi stava a pennello.

Cesira) Ma che acciuga d’Egitto, a me sei sempre parso, al più al più, una bella trota.

Berto) Che stai dicendo, non ti ricordi una volta com’ero magro? Eppure questa giacca mi pare d’averla messa il mese scorso quando siamo andati alla festa della banda.

Cesira) Ah sì, mi ricordo: avevano suonato così bene.

Berto) Mi pare impossibile essere cresciuto così tanto in un mese.

Cesira) Senti (contando) questo mese c’è stato il compleanno del Sandrino, sei andato alla cena con quelli del tuo lavoro, sei andato a cena con quelli della classe, con i cacciatori, con i pescatori, con la bocciofila, con quelli delle biciclette... e con quelli che vanno a piedi.

Berto) Ne ho colpa io se sono uno sportivo?

Cesira) Gli sportivi sono quelli che fanno lo sport, non quelli che mettono i piedi sotto il tavolo.

Sandrino) (Entrando) Siete pronti? Guardate che ore sono. È già tardi, ci aspettano, su spicciatevi.

Cesira) Fai alla svelta tu a dire muovetevi, guarda qui tuo padre.

Berto) Non mi si chiude più la giacca.

Sandrino) Per forza, non fai altro che mangiare! Mi pari sempre un morto di fame, sembra sempre che ti manchi la terra sotto i piedi, anche ieri, al mio compleanno, hai mangiato due fette di torta (al padre a bassa voce) davanti alla mamma e una di nascosto, ma io ti ho visto (con la voce normale) lo sai quanti grassi, quante calorie, quante vitamine...

Cesira) E quanti centimetri di pancia.

Berto) L’ho gia detto, da domani in questa casa non si mangia più, si salta.

Sandrino) Bravo, si salta, questa s’ che è un’idea, si salta, infatti, dovresti fare più movimento.

Cesira) Da domani vai tu in piazza a farmi le spese, così ti farai una bella camminata.

Sandrino) invece di andare in macchina a prendere il giornale.

Cesira) Vorrà dire che andrai a piedi.

Sandrino) E anche per andare a lavorare.

Cesira) Andrai a piedi e magari di corsa.

Sandrino) Farai come fanno gli americani lo Jogging.

Cesira)Invece di continuare a mangiare le caramelle mentre guardi la televisione.

Sandrino) Andrai a dormire presto.

Cesira) La mattina, invece di fare la colazione con i biscotti e la marmellata.

Sandrino) Berrai appena un po’ di caffè amaro.

Cesira) Invece di bere il vino a tavola.

Sandrino) Berrai un bel bicchiere d’acqua.

Cesira) Ah, e basta digestivo dopo cena, gli alcolici sono tutte calorie.

Sandrino) Papà, pensa, se non mangi non ti serve più nemmeno il digestivo.

Cesira) E basta con le patatine fritte, che mi sembri un ragazzino.

Berto) Almeno quelle, sono la mia passione.

Cesira) E basta cioccolatini e biscottini e cose dolci.

Sandrino) E basta brioche e merendine.

Berto) Ma voi volete farmi morire.

Cesira) Ma no che non muori per così poco.

Berto) Va bene, mi è venuta un poco di pancia, ma non mi sembra il caso di esagerare con una dieta simile.

Cesira) Chiamala un poco di pancia, mi sembra una botte.

Berto) Ma se mi tirate via quelle poche soddisfazioni che ho.

Cesira) Ti consolerai quando ti si chiuderà la giacca.

Berto) Oh poveretto che sono, basta questo, basta quello. A proposito, sabato c’è la cena con quelli della polisportiva, non vorrete farmela perdere, io ho già prenotato, la dieta partiremo da domenica a farla.

Cesira) No, hai detto da domani, e da domani parti con la dieta, telefoni ai tuoi amici che sabato non puoi andarci.

Berto) (Rassegnato)  E va bene, partiamo tutti con la dieta.

Cesira) Un momento, chiariamo bene le cose, io non ho la tua pancia, non ho bisogno di dieta.

Sandrino) Io sembro un’acciuga, guarda come sono magro.

Berto) (A Sandrino) Tu arriva alla mia età e poi ne riparliamo (a Cesira) tu vuoi la mia morte, se vuoi restare vedova non c’è bisogno di farmi morire, dimmelo che io me ne vado.

Cesira) Che dici, noi lo facciamo per il tuo bene, su, su non fare così, vado a vedere se trovo qualcosa d’altro da metterti addosso (esce).

Berto) Sono ridotto proprio male, io credevo d’essere ancora un giovanotto.

Sandrino) Un giovanotto di Carlo Codega, non pensarci papà, pensa che da domani farai anche tu lo jogging come fanno gli americani così ti manterrai giovane, anche Bill Clinton fa lo jogging.

Berto) Cosa è questo jogging? io, in pratica, che dovrei fare per farlo?

Sandrino) Ti metti una tuta e le scarpe da ginnastica e corri lungo una strada.

Berto) Tutto lì? Bestia, chiamalo correre allora, io pensavo chissà chi, mi ero spaventato, ma se mi vedono correre lungo una strada non è che la gente mi ride dietro o pensa che sono matto.

Sandrino) E tu rispondi alla gente che anche Bill Clinton fa lo jogging e anche tutti gli americani, siamo solo noi italiani che non lo facciamo. Gli americani sono più avanti di noi, dobbiamo imparare da loro.

Berto)  Ah, tu dici?!

Cesira) (Rientrando con un’altra giacca in mano) Berto, guardala qui la tua giacca.

Berto) Ma no! E questa?

Cesira) Dov’era questa, nell’armadio?

Berto) No, io l’ho trovata pronta qui, su questa sedia.

Cesira) Beato cielo, questa roba è per Mani Tese, per la Caritas, lo scelta ieri, è tutta roba che non usiamo più perché c’è diventata stretta, ancora tutta roba buona, ma a noi non va più bene.

Berto) (Sfilandosi la giacca stretta e infilando quella che gli porge Cesira) Oh che soddisfazione, oh che bello, questa sì che mi va bene. Avete visto voi due che non è vero che sono ingrassato all’improvviso, guardate questa giacca, mi va a pennello.

Cesira) Ma in confronto a questa (porgendogli quella vecchia) che è di due anni fa, sei ingrassato, non puoi dire che non è vero.

Berto) Chi se ne frega se sono ingrassato, dopo uno spavento simile ci vuole proprio una bella cena, su andiamo che ci aspettano, facciamo svelti.

Cesira) E la dieta?

Sandrino) E lo jogging

Berto) Sentitemi bene voi due, non parlatemi più di diete, non fatemi più prendere spaventi simili, e in quanto allo jogging, lasciamolo fare agli americani che è meglio, perché noi bresciani invece andiamo di corsa, di corsa sì, ma a mangiare casoncelli e polenta con lo spiedo (li prende sottobraccio tutti e due ed escono. Berto esce cantando) Se il Baldo fosse toccio – e il lago una polenta – ohi mamma che mangiada – ohi mamma che mangiada – polenta e baccalà.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno