La famiglia Campo in… che caos ragazzi!

Stampa questo copione

Titty Giannino

La famiglia Campo

in ….

… che caos, ragazzi!!

Commedia brillante in due atti

2015

Personaggi

Alfonso Campo, il padre

Maddalena Campo, la madre

Giulietta Campo, la figlia

Edoardo Campo, il figlio

Romeo, il marito di Giulietta

Léon, il fidanzato di Edoardo

Mimì, l'amante di Alfonso

Roy, ex collega di Giulietta

Sinossi

Secondo episodio de LA FAMIGLIA CAMPO: Giulietta ha sposato Romeo ma non è felice e vuole  il divorzio. Alfonso decide di affrontare in maniera diversa la sua pensione, magari con una compagnia “femminile”, Mimì.  Edoardo vorrebbe presentare il suo “fidanzato” Leon alla famiglia. Ma niente va per il verso giusto! Davanti ad una ignara Maddalena, gli equivoci si susseguono uno dopo l'altro! Come finirà? L'unica certezza è questa.... CHE CAOS, RAGAZZI!!! [La commedia può essere rappresentata anche senza aver fatto il primo episodio.. si regge bene anche da sola!]

Scena

La scena si svolge nel salotto di Casa Campo. Al centro un divano con tavolino, poltrone. Tre porte: una frontale ad arco che da in un corridoio e dunque all'ingresso; una a dx e una a sx; a sx anche una finestra con tenda. Altro arredamento a piacere.

Caratteristiche dei personaggi

Alfonso,  Ex generale dell'esercito in pensione. Nel primo episodio era burbero, qui invece è proprio il contrario, e ha deciso di “godersi” la pensione!

Maddalena, Wedding planner , distinta e sofisticata. Molto più giovane del marito.

Edoardo, 20enne con atteggiamento  effeminato (esagerare), con la mania delle pulizie di casa. Da caratterizzare!

Giulietta, Ex meccanico e dall'indole da maschiaccio, “costretta” però a vestire i panni della “donna”!

Romeo,  Marito di Giulietta, piacente.

Leon, Fidanzato di Edoardo ma niente atteggiamenti effeminati. Fa il pittore, quindi creare un personaggio bohemien.

Mimì, Amante, cioè .. sul punto di..., di Alfonso, frivola e maliziosa, ma non volgare.

Roy, Ex collega di Giulietta. Meccanico,  veste in tuta sporca di grasso. Un po' volgarotto. E tiene costantemente una chewingum in bocca. Da caratterizzare!

SANTINA (detta TITTY) GIANNINO (n° pos. SIAE 216044)

www.tittygiannino.jimdo.com

In caso di eventuale rappresentazione contattare l'autrice

e-mail: tittyg68@gmail.comsantina.giannino@hotmail.it

cell. 3343589590

Atto Primo

Scena 1 (Edoardo)

(Scena muta: Edoardo entra in scena, dalla porta frontale,  molto ansioso, sospira spesso. Controlla dappertutto che non ci sia nessuno e poi circospetto prende il cellulare e compone un numero e attende trepidante che la persona risponda. Ma  si  sente il messaggio classico che l'utente non è raggiungibile, chiude nervoso il telefono ed esce indispettito dalla porta di dx)

Scena 2 (Alfonso)

(Scena muta: Alfonso entra ansioso dalla porta di sx e dopo aver controllato che non ci sia nessuno nei paraggi, prende il cellulare e compone il numero. Stessa scena di Edoardo...  con il messaggio vocale dell'utente irraggiungibile. Nervoso chiude il telefono e indispettito esce dalla porta frontale)

Scena 3 (Edoardo)

(Scena muta: Rientra Edoardo, dalla porta di dx,  e come prima fa la solita telefonata.. stesso risultato precedente. Esce dalla porta di sx)

Scena 4 (Alfonso)

(Scena muta: rientra dalla porta frontale e stessa scena precedente uscendo però poi dalla porta di dx)

Scena 5 (Alfonso, Edoardo)

(In contemporanea entrano Alfonso da dx e Edoardo da sx, trasalendo entrambi, e come si fossero sentiti scoperti, si avvicinano comunque al centro della scena e staranno in piedi  uno da un lato del divano e l'altro e dall'altro lato, appoggiati ai braccioli. L'atteggiamento che avranno nella scena seguente è una specie di finto distaccamento e superficialità, e si parleranno quasi senza guardarsi, solo fugaci occhiate, guarderanno per lo più verso il pubblico, distrattamente )

EDOARDO,  (sulle spine, quasi imbarazzato, segno di coscienza sporca) Ehm... ciao... papà!

ALFONSO, (come il figlio) Ehm.. ciao … Edoardo!

EDOARDO,  Ehm... (non sapendo che dire, magari fa un finto colpo di tosse, poi dopo un altro momento di silenzio imbarazzante).. ehhh... dimmi.. dimmi... come va? Come va?

ALFONSO,  (anche lui sulle spine e anche un po' imbarazzato, e anche lui segno di coscienza sporca) Ehh... bene.. bene .. grazie! (breve pausa, magari schiarisce la voce) E tu?

EDOARDO, Io? (distrattamente) Benissimo... benissimo! (breve pausa, come se gli fosse venuta un'idea aggiunge) Non potrebbe andare meglio!

ALFONSO,  Mi fa piacere.. mi fa piacere! (poi lo guarda, ma) A me sembri però un po'... stanco!

EDOARDO, Dici? Forse saranno le pulizie di primavera che ho fatto! Ho rivoltato casa sottosopra!

ALFONSO, Ma se siamo in inverno? (o in qualsiasi altra stagione)[1]

EDOARDO, Ma germi e batteri si annidano... sempre.. e vanno stanati... sempre! E che diamine!

ALFONSO, Mah! Sarà!

EDOARDO, Sarà.. sarà... papà! In questa casa.. se non ci pensassi io.. saremmo invasi da un esercito di.. di... schifezzine striscianti in tutti gli angoli ! E che diamine!

ALFONSO,  (afflitto) Almeno io.. ex generale in pensione ... avrei avuto ancora un esercito da comandare!

EDOARDO,  Non cambi mai papà! Sempre l'uomo con le manie del comando! E che diamine!

ALFONSO,  Neanche tu.. cambi! Neanche tu!

(poi restano un pò interdetti senza sapere cosa fare o dire, possono tamburellare da qualche parte, fischiettare o cose del genere. Edoardo magari tira fuori uno strofinaccio e pulisce fantomatiche macchie)

ALFONSO, (vedendo il figlio con lo strofinaccio in mano) Come volevasi dimostrare! Ecco l'uomo con le manie di pulizia .. sempre e comunque!

EDOARDO,  E ringrazialo quest'uomo delle manie di pulizia! La nostra casa brilla solo ed esclusivamente per merito mio! E che diamine!

ALFONSO, (ubbidiente) Grazie!

EDOARDO,  Prego! (poi si zittiscono di nuovo)

Scena 6 (detti, Maddalena)

MADDALENA, (entra dalla porta centrale, distratta, perchè è presa dalla lettura di una rivista di matrimoni. Scorgendo comunque il marito e il figlio che non stanno facendo niente e non dicono niente, li guarda prima entrambi poi) Mbè? Che fate? Le belle statuine?

EDOARDO,  Uhm.. niente... passavamo il tempo! Così.. senza far nulla!

ALFONSO, Già! Già!

EDOARDO, (poi guarda l'orologio, e deciso) Però in effetti... il tempo ora è passato! Ciao mamma .. ciao papà! (ed esce dalla porta di sinistra)

MADDALENA, (perplessa) Ciao.. Edoardo!

ALFONSO, (guarda anche lui l'orologio, e frettoloso) Anche per me il tempo è passato! Passatissimo! Ciao Maddalena! (ed esce da destra)

MADDALENA,  (perplessa) Ciao.. Alfonso! (e ancora interdetta) Mah! Son pazzi questa mattina! (da qualche parte saranno sistemate delle riviste, lei posa quella che aveva in mano, ne prende un'altra e poi esce di nuovo frontalmente)

Scena 7 (Edoardo)

EDOARDO, (rientra da sinistra, ricontrolla di nuovo circospetto e rifà di nuovo la telefonata, finalmente risponde. Durante la telefonata continuerà a guardarsi attorno preoccupato che qualcuno ascolti; al pubblico, felice) Suona! (poi all'interlocutore) Oh finalmente! E che diamine! Che fine avevi fatto? Sentiamo! Ecco! Non c'è campo... la solita scusa! E che diamine! Comunque dove sei? (allarmato) Qui vicino? No.. no.. non è il momento.. non è ancora il momento! Resta dove sei! Sei in mezzo alla strada e piove? Eee... va beh.. facciamo così.. aspetta al bar all'angolo.. ti richiamerò quando sarà il momento.. va bene? (in estasi) Si.. si.. a dopo.. a dopo! Non vedi l'ora? Wow! Ciao.. ciao!! Il tuo Dodò ti manda un bacio! Grrr! Mio adorato Léon!  (e fa un gesto, sexy,  come se ruggisse un leone con tanto di gesto di mano. Dopo aver chiuso, di nuovo un po' indispettito) Oh santo cielo.. e che diamine! (ed esce di nuovo a sx)

Scena 8 (Alfonso)

ALFONSO, (rientra da dx, e dopo aver guardato in giro circospetto, riprende il telefono, compone il numero e stavolta qualcuno risponderà, al pubblico infatti, felice) Suona! (poi all'interlocutrice, in solluchero, e con tono ammaliante) Pronto! Finalmente! Non resistevo più! Si? Neanche tu? Che gioia! Si... mi manchi! Non vedo l'ora di rivederti.. Mimì cherie! (allarmato) Cosa? Sei qui sotto? E che ci fai qui sotto? No.. non è il momento! Non posso adesso! Mia moglie è in casa! Non ho scuse per uscire! Cosa? No no.. resta dove sei! Sei in mezzo alla strada e piove? Eeeee.. va beh.. facciamo così.. aspetta al bar all'angolo.. ti richiamerò quando sarà il momento.. va bene?   (ritorna al tono ammaliante) Troverò il modo, vedrai! Si.. si.. a dopo.. a dopo! Non vedi l'ora neanche tu? Wow! Ciao.. ciao!! Il tuo Fofò ti manda un bacio!  (e fa un gesto, sexy,  come se ruggisse un leone con tanto di gesto di mano) Grrrr!!! (chiude la telefonata e ancora felicemente sovra pensiero va per uscire  sempre verso dx, magari canticchiando, piroettando, con un bel sorriso stampato in faccia)

Scena 9 ( Alfonso Maddalena)

MADDALENA,  (che nel frattempo rientra in tempo per vedere il marito che sta per uscire canticchiando ecc, lo  guarda stupita) Mbè?

ALFONSO, (ancora in solluchero, facendo il gesto di ciao ciao con le dita) Au revoir .. au revoir.. Maddalenà! (il nome è accentato perchè detto alla francese .. esce sempre sorridendo e canticchiando)

MADDALENA, (ancora stupita, al pubblico) Devo... preoccuparmi? No.. perchè.. mio marito .. in questo stato.. non l'ho mai visto! Lui... l'essere più serio ch'io abbia mai incontrato! Basti pensare ch'era un generale dell'esercito! Uomo tutto d'un pezzo! Mi spezzo ma non mi piego!  Ora è in pensione.. si.. .. ma ciò non toglie che il cipiglio militaresco ancora lo tiene! E anche la brutta abitudine di comandare tutti a bacchetta! Pensate che i primi giorni dopo il pensionamento.. e la cosa non l'aveva gradita molto, eh?.....  era convinto che noi .. cioè io e i miei figli... avremmo dovuto fare i soldatini … così... per fargli continuare a fare la solita vita da comandante! Siii.. ci ha messo in riga..  sull'attenti... signorsì di qua .. signorno di là!! Meno male che ora non lo fa più! Mah! E ora … canta... ride... e balla!  Ah.. e non indossa più la divisa che.. anche dopo il pensionamento.. considerava (imitandolo, magari rendendosi la voce più bassa) : “la sua seconda pelle”! Credo proprio che devo preoccuparmi! Mah! Comunque .. lo terrò d'occhio! (e riprende a leggere la sua rivista)

Scena 10 (Maddalena, Edoardo)

EDOARDO,  (rientrando da dove era uscito, vedendo la madre, al pubblico)  Mia madre! Da sola! Ed io dovrei parlarle! Forse dovrei approfittare del momento! (va da lei  ma tituba e, indeciso sul da farsi,  fa un po' di avanti indietro, magari si ferma, si mangia le unghie, e poi di nuovo al pubblico)   Uffa come è difficile dire quello che devo dire! E che diamine!

MADDALENA, (notando lo strano atteggiamento del figlio) Edoardo... devi dirmi qualcosa?

EDOARDO, (intimorito, nega) Chi? Io? No! No!

MADDALENA, Mah! Mi era sembrato!

EDOARDO, No.. no! Niente! Solo una tua impressione! (poi al pubblico e a se stesso)  Edoardo .. sei un codardo! Parla! Tira fuori il rospo una volta per tutte! E che diamine! (incoraggiato, si schiarisce la voce e  si rivolge di nuovo alla madre) Mamma.. mammina... si.. in effetti... devo.. devo.. dirti.. una cosa... roba di poco conto però.. niente di che... si.. insomma...ehm... ehm..  (ma, all'ultimo secondo, perso il coraggio) … ehm... (inghiottendo inventa la prima cosa a caso) … come mai .... guardi  quelle riviste? (fra sé piagnucola, magari si gira un attimo dall'altro lato per non farsi vedere,  e inveisce contro se stesso)  Non ce l'ho fatta! E che diamine! (Poi si rigira  per aspettare la risposta fingendo il tutto e sorridendo)

MADDALENA, (lo guarda perplessa, poi) Guarda caso è il mio mestiere! Una wedding planner che si rispetti deve essere costantemente aggiornata... per proporre sempre il nuovo e il meglio del mercato! Ma poi.. che domande fai? Lo faccio da sempre! Ho la casa piena di riviste!

EDOARDO, (non sapendo cosa rispondere, dice la prima cosa che le passa per la testa) Davvero? Io non me ne ero mai accorto! ( girandosi ripiagnucola per la fesseria che ha detto) Ma quando mai!? E che diamine! (poi si rigira)

MADDALENA, Come?...ti lamenti sempre che le lascio dappertutto! E che sei costretto a risistemarle!

EDOARDO,  (sempre fingendo) Lamentarmi io? Noooo.. che dici?? A me piace riordinare! (si rigira di nuovo piagnucolando, e poi al pubblico) Altro che! Le detesto! In ogni angolo della casa ce ne è una! E che diamine! (poi si rigira)

MADDALENA,  (preoccupata, al pubblico) Oggi stanno dando tutti di matto! Mah! (al figlio) Edoardo.. sei sicuro di stare bene?

EDOARDO, (ostentando sicurezza) Io? Si.. si! Benissimo! Mai stato meglio! (poi girandosi ripiagnucola, poi si rincuora un po' e fra sé) Puoi piagnucolare quanto vuoi.. Edoardo.. ma devi dirglielo! Devi! E che diamine! E che sarà mai!? Devi semplicemente dire: mamma, vorrei presentarti.... (si interrompe e ripiagnucola).. ecco.. neanche da solo riesco a dirlo!! E' che immagino già la scena.. prima urla e poi.. sviene!!  (ma poi con tono deciso) Vigliacco! Fallo.. e all'istante! Falla svenire subito e ti togli il pensiero!  (e rigirandosi deciso verso al madre) Mami.. ehm.. senti... ecco.. io... (ma suona il campanello di casa e Edoardo impreca) Giusto ora! E che diamine!

MADDALENA, Edoardino tesoro... vai ad aprire tu?

EDOARDO, (ironico) E perchè no .. mammina! Fare l'usciere è una delle mie mansioni preferite.. tra tutte quelle che faccio! Lavare.. stirare.. cucinare.. spolverare....  (e mentre va ad aprire, sbuffa indispettito e continua a nominare cose che fa)  .. lucidare... disinfettare... riordinare... spazzare...  e che diamine!

Scena 11 (detti, Giulietta)

(nel frattempo Maddalena dopo aver guardato ancora perplessa il figlio, in attesa sfoglia ancora la rivista; quindi rientra Edoardo con Giulietta, che tiene in braccio un neonato che piange)

GIULIETTA, (vedendo la madre, disperata) Mamma!(prende il bambino e lo mette bruscamente fra le braccia del fratello e con tono altrettanto brusco) Tienimi il marmocchio! (poi getta la borsa del bambino sul divano  e corre di nuovo disperata verso la madre  e le butta le braccia al collo) Mammina!

EDOARDO, (inizia una scena mimica che durerà per tutto il colloquio tra Maddalena e Giulietta. Il bambino che ha in braccio  non smette di piangere: inizialmente sconcertato e titubante  sul da farsi, Edoardo prova a cullarlo, ma niente. Allora prova tutte le posizioni possibili e immaginabili, sia del bambino sia sue. Proverà in piedi, seduto, niente! Alle sue posizioni più assurde e scomode  però  il bambino smetterà di piangere.. tipo Edoardo messo su una gamba e l'altra all'indietro, tipo posizione da ballo... e comunque trovare le posizioni più ridicole e divertenti.. ovviamente essendo posizioni scomode Edoardo reggerà poco.. fare tipo che lui cerca di stare il più possibile in quella posizione fino allo spasimo e poi crolla... il tutto comunque mentre dondolerà in maniera costante ed esagerata il bambino. Esagerare comunque tutta la scena)

MADDALENA, (posando la rivista da qualche parte mentre ancora tiene fra le braccia la figlia, preoccupata) Giulietta, tesoro.. che succede?

GIULIETTA, (piangendo) Mammina.... sono tanto triste! (Piange in modo esagerato, ma comico)

MADDALENA,  Perchè? Che ti è successo?

GIULIETTA, Non sono più felice con Romeo!!!! (c.s.)

MADDALENA, Come? Tuo marito? Il tuo Romeo?! Il tuo uomo perfetto?! E' ricco.. direi anche .. carino.. ora avete anche un figlio... che puoi volere di più?

GIULIETTA, (si calma un po' e slacciandosi dall'abbraccio con la madre) E' ricco! Carino! E lo so! (pausa) Si.. lo so... ho una casa bellissima … cioè... una villa.. con giardino...  un'auto stupenda... dei vestiti meravigliosi... un armadio pieno di scarpe... partecipo a tutti gli eventi più in della città.. ho un figlio delizioso.. si, piange un po'.. (Edoardo sgrana gli occhi come a dire... solo un po'? ).... però ho una baby-sitter che mi aiuta... un maggiordomo.. una cameriera.. una cuoca.... un giardiniere....

MADDALENA/EDOARDO, (per ogni affermazione di Giulietta, in tono sempre di : che vuoi di più?) Eh! (Edoardo sempre mentre impazzisce col bambino)

GIULIETTA, (riprendendo a piangere esageratamente) Però voglio il divorzio!!!

MADDALENA/EDOARDO, Cosa?

GIULIETTA, (c.s.) Si.. e voglio tornare qua a casa.. con voi!!!

EDOARDO, (preoccupato) Con tutto il bambino?

GIULIETTA,  (smettendo di piangere, decisa) E certo! E che ti pare che lo lascio a quella strega della baby-sitter? Che madre snaturata sarei?

EDOARDO, E che diamine no! (poi mette bruscamente il bambino in braccio a Maddalena) Io mi sono stancato adesso figuriamoci vita natural durante qui! E poi i neonati (schifiltoso) sporcano.. sputacchiano... frignano.. sono sempre malati e ti attaccano tutte le malattie di questo mondo! E rompono i timpani! E che diamine!

MADDALENA, (comincia la stessa scena comica di Edoardo per far smettere di piangere il bambino e nel mentre alla figlia) Ma fammi capire.. cos'hai da ridìre sulla tua villa?

EDOARDO, Mastodontica.. colossale.. villa? (se si vuole nei momenti liberi gli si può far pulire fantomatiche macchie o togliere fantomatica polvere, guardare angoli con una lente d'ingrandimento che esce dalla tasca, avvistare qualcosa da lontano e magari con un atteggiamento da”fermi tutti”, avvicinarsi piano piano e poi spingerla via con un colpo di dita e poi fare l'aria soddisfatta,  e comunque esagerare sull'atteggiamento maniaco per le pulizie)

(quindi nella prossima scena ci saranno da un lato Edoardo alle prese con le pulizie e dall'altro la madre che cerca di calmare il nipote – esagerare le azioni di Edoardo (per esempio può uscire dalle tasche  tutte le cose più strane per pulire) - ed esagerare anche con Maddalena nel farle fare le cose più strane per zittire il piccolino - mentre comunque parlano con l'afflitta Giulietta)

GIULIETTA, (sospirando) Cos'ho? (afflitta) E' troppo perfetta! I mobili lucidi lucidi...

EDOARDO, (mentre proprio in quel momento sta lucidando qualcosa ed è concentrato in questa azione, quasi fra sè) E cosa c'è di più bello?!? (poi fa la faccia soddisfatta)

GIULIETTA, …. le tendine ... i tappetini.… i centrini... i gingillini ... le asciugamani e le tovaglie ricamate! (ad ogni sua affermazione la madre e il fratello al solito fanno: eh! .. e poi guardandoli prima l'uno e poi l'altro, piagnucolando) E' troppo femminile!

EDOARDO, E certo.. ad un maschiaccio come lei.. potevano mai piacere le cose.. da donna?! (alla sorella) E l'auto stupenda? A te piacciono le auto! Adori le auto! Intere e a pezzi! Facevi il meccanico!

GIULIETTA, (sempre afflitta)La nostra auto? E' troppo perfetta.. anche quella! Non si guasta mai! E Romeo non vuole che la smonti e rimonti.. così.. per passatempo!

EDOARDO,  E certo .. un'ex.. meccanica... che passatempo potrebbe avere? Tenere le mani nel motore, no?!

GIULIETTA,  Romeo dice che mi farei le mani e le unghie sporche di grasso e le signore non devono avere le mani e le unghie brutte e rovinate!

MADDALENA/EDOARDO, In effetti! (inorridiscono al pensiero)

MADDALENA,  E i vestiti e le scarpe.. non ti piacciono?

GIULIETTA, (ripiagnucolando) Ma sono da donna!!! Gonne scomode e tacchi a spillo!  Bleah! Rivoglio la mia tuta da meccanico!!!!! La mia bellissima tuta sporca di grasso e i miei scarponcini da lavoro!

MADDALENA/EDOARDO, (inorridiscono al pensiero)

MADDALENA, E partecipare a tutti gli eventi mondani .. tra tutta la gente che conta.. non lo trovi... entusiasmante??

GIULIETTA, (afflitta e piagnucolando) Noooo!! Mi annoiaaaaaaaa! Gli uomini... parlano solo di politica e di golf... e le donne... solo di moda e di gossip!! Bleah!

MADDALENA/EDOARDO, (ironici) Uh! Povera Giulietta!

EDOARDO, E non dirmi che il maggiordomo.. la cuoca e la cameriera non sono  una gran comodità!?

GIULIETTA, (calmandosi un po')  Ehm... si... non dico di no... però... nonostante tutto.. preferivo te... fratello!... con tutte le tue manie e la tua caccia spietata agli acari.. ai batteri e a tutti gli esserini schifosi! Poi con te potevo litigare.. con loro no! Sono sempre così perfettini! Guantini bianchi.. grembiulini bianchi...  faccine serie serie... guarda .. così.. (li imita facendo una faccina seria ma ridicola)

MADDALENA, (stanca di cercare di zittire il nipote) E la baby-sitter.. lei non è.. provvidenziale?

Scena 12 (detti, Alfonso)

ALFONSO, (rientra da dx)  Ho sentito il pianto dall'altra parte della casa! C'è il mio adorato nipotino!! Su.. datemelo che me lo spupazzo un po'!

MADDALENA,  Ma subito! (felice di smettere di cullare il nipote lo dà al marito, poi si massaggia , distrutta, la schiena)

ALFONSO, (prende il bambino in braccio e immediatamente, tra lo sbalordimento totale, smette di piangere. Alfonso comincia a giocherellare col nipote facendogli le faccine più strane, insomma, come si fa coi bambini, rendendosi anche un po' scemotto, mentre magari Edoardo lo guarda dicendo a gesti: ma guarda mio padre come si è ridotto?!)

GIULIETTA, (stupita) Direi che è lui.. provvidenziale!!

MADDALENA/EDOARDO, (stupiti) Già!

GIULIETTA, (rimettendosi a piangere) Lo vedi mamma? Devo ritornare qua... con voi!!!! Anche mio figlio lo vuole!!!!!

MADDALENA, Ma scusa tesoro.. lasciamo perdere villa .. auto e tutto il resto.. ma tuo marito? Mi spieghi perchè vuoi lasciarlo? Non lo ami più?

GIULIETTA, (calmandosi un po') Ti ricordi mamma.. quando ci siamo conosciuti e sposati .. Romeo era mezzo cieco.. ne combinava di tutti i colori perchè non vedeva.. spigoli in fronte a gogò... però era un tale  tesoro! Affettuoso.. dolce... attaccato a me … forse fin troppo.. perchè se no sbatteva dappertutto!.. però a me andava bene così! Poi.. si è operato! Ora ci vede benissimo e... (ricominciando a piangere)... e .. e.. e ora... mi trascuraaaa!!!!  (si riabbraccia alla madre che la consola)  Non c'è mai.. ha sempre diecimila impegni.. ed io... io resto sola... in quel mausoleo di villa con quei mostri della servitùùùù!! (piange a dirotto)

EDOARDO, Sorella... basta... non vuoi niente da donna... ma stai piangendo come una femminuccia! E che diamine!

GIULIETTA, (risentita smette di piangere) Cosa? Io .. una femminuccia? Non sia mai! (si ricompone e decisa ) In ogni caso.. il concetto è solo uno.. voglio divorziare da Romeo!

MADDALENA, Ma no... è solo un brutto pensiero passeggero.. credimi! Voi due siete perfetti l'uno per l'altra.. Romeo e Giulietta... un destino nei nomi! Vieni.. andiamo di là... ti faccio mangiare un po' di patatine fritte come piacciono  a te... con Ketchup e maionese... una dose massiccia di Nutella e vedrai che ti sentirai meglio!

GIULIETTA, (estasiata) Siiii.. le patatine e la Nutella! Non so da quanto non li mangio! Romeo mi fa seguire una dieta macrobiotica! (disgustata) Tutte quelle brodaglie.... !

MADDALENA,  Bene.. allora andiamo! Qui ti potrai rimpinzare quanto vuoi.. così dopo.. a pancia piena...  riuscirai a riflettere meglio!  Alfonso vieni anche tu col bambino?

ALFONSO, (sempre giocherellando col nipotino - esagerare) Si certo! (parlando col bambino) Allora andiamo a far rimpinzare la mamma? Eh? Che dici?  Così magari si calma un po' e rompe di meno?! Si!? Bello del nonno!!

EDOARDO, E chi l'ha mai visto mio padre così!? Il potere subdolo dei nipoti neonati!

(Maddalena , Giulietta ed Alfonso escono a dx, lasciando però la borsa del bambino sul divano)

Scena 13 (Edoardo)

EDOARDO, (gli squilla il cellulare, risponde in modo circospetto sempre guardandosi intorno affinchè nessuno lo ascolti) Pronto? Ah.. sei tu?! (allarmato) Che vuoi fare? (secco) No! Resta dove sei! (infastidito) No.. no.. ehhh... non le ho ancora parlato! No.. no.. non è vero... non mi è mancato il coraggio (fa il gesto come per dire invece che è vero, per es.  fa il gesto che gli si allunga il naso tipo Pinocchio)... è solo arrivata mia sorella ed ha monopolizzato l'attenzione!  E che diamine! Giuro .. lo faccio subito e ti avverto! Ok.. ok (come prima atteggiamento sensuale) Si.. il tuo Dodò ti manda un bacio! Grrrrrr.... ciao.. ! (si dilunga ancora un po' in smancerie, poi chiude)

Scena 14 (Edoardo, Maddalena)

MADDALENA,  (rientra, senza essere vista,  proprio quando il figlio si estrinseca in quelle smancerie e resta perplessa sulla soglia della porta)

EDOARDO,  (scorgendola all'inizio trasale poi si riprende e fingendo indifferenza, ma sempre sulle spine, perchè non sa cosa ha visto) Ah.. eh eh..  ciao mamma!

MADDALENA, (ancora perplessa e indicando il divano) La borsa.. a Giulietta serviva la borsa del bambino!

EDOARDO,  (prende la borsa e porgendogliela ma sempre un po' sulle spine) Ecco.. la.. borsa.. ehm.. la borsa che ti serviva.. ehm.. si.. la borsa del bambino.. quella piena di tutte le cianfrusaglie del bambino.. pannolini.. biberon... cremine... ! Si.. ehm.. ecco! Eheheh... la borsa.. prendi! E che diamine!

MADDALENA, (prendendo la borsa e perplessa) Edoardo tesoro... devi dirmi qualcosa? Lo dico perchè stai cincischiando...  e quando cincischi.. tu.. devi dirmi qualcosa! E cincischiavi anche prima.. quindi.. qui … gatta ci cova!

EDOARDO, (finto deciso continua in effetti proprio a cincischiare) Gatta ci cova? Noooo.. quando mai?! Poi cincischiare io? Che vai pensando? No.. no.. non  stavo cincischiando! Io non cincischio.. no no.. mai! Mai! Cincischiare, io? No..no... quando mai? Io queste cose? … per carità! E che diamine!

MADDALENA, Ecco... lo stai facendo ancora! (poi lo guarda in modo indagatorio e convincente come solo le mamme sanno fare)

EDOARDO,  (guarda la madre afflitto) E no... mamma.. non mi puoi guardare così!!! Lo sai che non resisto a quel tuo sguardo! E che diamine! Uffa! (Breve pausa in cui Maddalena continuerà a guardarlo, poi capitolando) Va bene.. va bene! Hai vinto tu!

MADDALENA, Bravo il mio figliolo! Comunque non c'è bisogno che mi dici niente.. ho già capito tutto! Vedi.. io.. ti leggo come un libro aperto!

EDOARDO, (un po' perplesso e sulle spine) Ehm... dici?

MADDALENA, (sicura) Dico! Ehhh.. allora... quando .. me...  la.. (sottolineare il “la” e tutta felice) … presenti?

EDOARDO, (c.s.) Quando .. te.. la.. (sottolineare  ancora di più il la)... presento? Ehm...  (piagnucolando fra sé) ..  ehm... presto... prestissimo!

MADDALENA,  Ma come sono contenta... Edoardino!!!! (gli stringe le guance come ad un bambino) Vedi... come sono stata brava a leggere questo libro? (e continua a stropicciargli le guance)

EDOARDO, ( mentre lui incredulo fa finta di dire si) Bravissima mammina! Super! Sei una lettrice.. infallibile!

MADDALENA,  (gli da un bacio e poi mentre va via felice, perchè no anche qualche passetto di danza) Che bello.. che bello! Presto organizzerò un straordinario matrimonio per il mio adorato figliolo! Saranno .. fuochi d'artificio!  (ed esce a dx felice)

EDOARDO,  E fuochi d'artificio si.. quando scoprirà la.. verità! (piagnucolando) Ma come l'ha letto bene sto libro?!!! E che diamine!!!  Aiutooooo!!! (riprende il telefono e fa una telefonata) Pronto? Si.. diciamo che le ho parlato! In che senso diciamo? Nel senso che con mia madre...  ho parlato... (al pubblico, fra sé) .. dipende di cosa! Però no... non puoi venire! Ti sei stancato di aspettare? Eeee... mi dispiace... dovrai farlo ancora per un po'! Per amor mio! (deciso) No.. non mi pregare! Non dire: Dodò ti prego! Non puoi ancora venire!   Perchè? Perchè no! (chiude ) E che diamine!!  (ed esce frontalmente furibondo)

Scena 15 (Alfonso)

ALFONSO,  (mentre entra da dx rivolgendosi alla figlia fuori scena) Arrivo subito! Un attimo e torno a prendermi cura del mio piccolino! (poi circospetto prende il cellulare e fa una telefonata) Pronto Mimì Cherie.. ecco il tuo Fofò! No.. no.. non posso ancora raggiungerti! Non è ancora il momento! Un imprevisto.. ho avuto un imprevisto!  Ti sei stancata di aspettare? Eeee... mi dispiace... dovrai farlo ancora per un po'!  Per amor mio! (Deciso) No.. non mi pregare! Non dire: Fofò ti prego! No.. ho detto che non posso! Perchè? Perchè no! (chiude la telefonata e magari un po' indispettito esce a dx)

Scena 16 (Giulietta)

GIULIETTA,  (entra da dx con un barattolo grande di Nutella e un cucchiaio in mano e rivolgendosi ai genitori fuori scena) Torno subito! Il tempo di prender fiato! (poi si siede sul divano, se è il caso mette i piedi sul tavolinetto davanti e rivolta al pubblico) Ahhhhh.. che goduria! Come ai vecchi tempi! A casa mia non si può! I camerieri mi guardano con gli occhi storti! Appena faccio qualcosa fuori dall'ordinario.. mi lanciano certe occhiatacce!  (prende un cucchiaio di Nutella) E la Nutella? E' out.. vietata...proibita.. interdetta! Solo cose naturali! Ipse dixit.. Romeo.. mio marito.. intendo! (prende un cucchiaio di Nutella) Ok.. vi spiego! Vi racconto meglio la mia storia... brevemente..  state tranquilli! (cucchiaio di Nutella) Io ero una... anormale... ragazza che lavorava  in un'officina! Per passione eh?! Per pura passione!  Un giorno mia madre decise che dovevo a tutti i costi sposarmi e mi trovò il mio Romeo... sottraendolo ad una cliente! Siii.. erano venuti qua per farsi organizzare il matrimonio e lei ha fatto .. al posto della wedding planner.. la wedding distrugger! (prende un cucchiaio di Nutella) Secondo mia madre Romeo era perfetto per me... oltre ad essere ricco …  era mezzo cieco e questo era una punto a suo vantaggio.. beh.. anche al mio.. visto che non vedeva quanto io fossi maschiaccio! Il fatto è che all'epoca avevo anche un altro ammiratore.. un meccanico come me.. Roy.. che poi anche il suo vero nome era Romeo! (un altro cucchiaio di Nutella) In ogni caso.. alla fine .. dopo varie vicissitudini.. ho scelto Romeo il ricco! (Nutella) Per carità... bravissimo ragazzo.. ma da quando si è operato ed è tornato un … vistanormodotato.. si è dato alla pazza gioia... prima aveva occhi solo per me.. cioè.. quel poco di occhi... ora ce li ha per tutto e tutti  .. (piagnucolando)... tranne che per me! Povera me! Sola e disperata!  (squilla il suo cellulare)  Pronto? (seccata) Ah.. sei tu, Rorò! (al pubblico, tappando il telefono) Rorò.. cioè Romeo... vuole che lo chiami così.. però a me non piace.. è troppo sdolcinato!! (riprende la telefonata)  Dove sono? A casa dei miei! No.. non torno.. non voglio tornare a casa! Anzi ne approfitto per dirti una cosa.... voglio il divorzio! (si allontana il telefono, poi lo riavvicina) Si...  hai capito bene! Dove sei? Sei qui sotto al bar? Allora sapevi dov'ero? Sono prevedibile?  E che vuoi farci?! Almeno io non cambio mai! Cosa? Vuoi salire per parlarmi? No! Decisamente .. no! Non è il momento!  Perchè? Perchè no! (e chiude la telefonata) Uffa!!! (guarda la Nutella, vorrebbe mangiarne ancora, ma sconsolata) Ecco.. mi ha fatto pure passare la voglia!!! (si alza da divano e piagnucolando) Mamminaaaaa! (ed esce a dx)

Scena 17 (Maddalena, Mimì)

(Scena vuota, suona il campanello)

MADDALENA,  (Da fuori scena si sente...) Edoardinooo.. apri tu?

(Edoardo non si vede e non risponde, e dopo un po' risuona il campanello)

MADDALENA, (entra in scena da dx) Ma dove si è nascosto mio figlio? Perchè non apre? Edoardinooo... la porta!!!

(nessuna risposta, risuonano)

MADDALENA,  Uffa.. devo andare io!! Non mi piace aprire la porta.. se fossero miei clienti, che figura ci farei? Devo decidermi a prendere un domestico.. mio figlio non è poi così efficiente! (esce frontalmente per aprire)

(da fuori scena)

MADDALENA,  Buongiorno! Prego.. desidera?

MIMI', Buongiorno a lei! Desidero entrare!

MADDALENA,  Se mi spiega il perchè.. volentieri! (Mimì entra senza aspettare e Maddalena un po' alterata) Mi scusi … aspetti.. dove sta andando?

(Maddalena dietro Mimì)

MIMI', (si guarda intorno curiosa)  Bello qui! Un bel appartamento.. un bel quartiere.. complimenti! Di classe! Mi piace! Non mi aspettavo diversamente!

MADDALENA, (infastidita) Grazie! Ma.. mi scusi.. signora...

MIMI', (maliziosa la interrompe, non dimenticare il comportamento un po' frivolo)... signorina.. prego!

MADDALENA, (c.s.) Va bene.. come vuole... signorina! Comunque... mi fa piacere che le piaccia la mia casa.. ma non è in vendita .. se è questo quello che le interessa!!

MIMI', (ride) No.. no! E chi la vuole comprare?! Sono qui per ben altro!

MADDALENA, Allora.. mi scusi.. cosa o chi sta cercando? Forse me? Ha bisogno che le organizzi...

MIMI', (la interrompe di nuovo) No.. no! Nessuna organizzazione! Io cercavo... il signor Campo!

MADDALENA, (che comincia ad essere curiosa) Il signor Campo.. chi?

MIMI', (sorride maliziosa) Come..  chi? Quel gran pezzo di ragazzone affascinante del signor Campo! (Al pubblico) Che mi ha lasciato da sola in quel bar! Uff! Che noia stare soli!

MADDALENA, (credendo di aver capito che si riferisce al figlio e che questa è la sua fidanzata) Ahhhhh.... ho capito!!! (al pubblico) Edoardino mi aveva detto presto.. prestissimo.. ma non pensavo così tanto! (forte a Mimì) Ma come son felice di conoscerla... benvenuta! Mi scusi la  mia .. diciamo... un po'.. scortesia iniziale... ma prego... io sono Maddalena... può chiamarmi semplicemente così.. sa... io  odio le formalità!! E non credo.. in questo caso... siano necessarie!  (al pubblico) Farsi chiamare mamma ormai è fuori moda.. e poi forse è ancora un po' presto.. ehm.. si.. presto!

MIMI' (un po' titubante, le porge la mano) Come vuole.. Maddalena! Piacere!Mimì! (Al pubblico) E' felice di conoscermi? Non capisco cosa abbia capito! Spero no di certo la verità! (ridacchia maliziosa)

MADDALENA,  Mimì... che bel nome! E anche lei... è proprio una bella ragazza! Son davvero contenta!  (comincia ad osservarla e a studiarla bene, poi al pubblico)  Allora si... questa sarebbe la fidanzata di mio figlio! Uhmmm.. un po' frivolina... ma si.. in fondo.. non sembra male... comunque... contento lui.. contenti tutti! (A Mimì) Ma prego .. si accomodi!

MIMI', Grazie! (si accomoda sul divano e poi fra sè) Ho idea non abbia capito bene chi io sia! E me lo auguro di cuore.. per tutti! Soprattutto per Fofò... sai che guaio!  (ridacchia maliziosa)

MADDALENA, (le si siede accanto sul divano) Le devo confessare una cosa.. quando oggi l'ho saputo... perchè l'ho saputo solo  oggi.. direi proprio poco fa... la notizia è fresca fresca... comunque.. dicevo... sono stata molto … molto  contenta! Non aspettavo altro, sa? (Al pubblico) E' il desiderio di ogni mamma vedere il proprio figlio.. (emozionandosi) ..  accasarsi!

MIMI', (al pubblico) Cielo.. Fofò glielo ha detto! Allora.. sa! E ora che faccio?  (a Maddalena, titubante e preoccupata) Quindi... gliel'ho ha .. detto? Ed io che pensavo che fosse solo.. un nostro.. segreto! (Al pubblico) Come poi è normale che sia! (a Maddalena) Io avevo pensato di venire qui solo in veste di … amica! (Al pubblico) Per qualsiasi evenienza!

MADDALENA,  Noo.. niente più segreto! Fra di noi non ci sono segreti! Non ce ne sono mai stati! Deve sapere che noi due abbiamo un bellissimo rapporto!! Direi aperto! Apertissimo!

MIMI', (al pubblico, titubante e preoccupata) Oddio... forse un po' troppo! (a Maddalena) Che bello! Una donna proprio.. fortunata! (al pubblico) O forse no?

MADDALENA, Fortunata .. si.. può ben dirlo! Anche se in effetti per dirmelo ha cincischiato un po'.. ho capito che era molto indeciso se parlare  o no …  (al pubblico) Ma io sul mio Edoardino ho un.. forte.. ascendente... (fa lo stesso sguardo di prima quando cercava di convincere Edoardo a parlare)

MIMI', (risatina forzata)Immagino! (al pubblico) Certo.. non è facile confessare una cosa del genere.. alla propria.. moglie! Povero il mio Fofò!

MADDALENA, Però si... me lo ha detto.. che voi.. non siete... propriamente.. amici!! Cosa vuole.. lei mi insegna.. noi donne.. quando vogliamo una cosa... siamo bravissime! (al pubblico stesso sguardo di prima)

MIMI',  (maliziosa e mostrandosi un pò) In effetti! Il Signor Campo... con me... ha capitolato abbastanza in fretta!! (al pubblico) Anche se ancora non del tutto! Ma Fofò non mi resisterà a lungo!

MADDALENA,  Vero? Evidentemente lei … ci sa fare.. con gli uomini! Birbantella!

MIMI',  Ehm.. si... modestia a parte! (al pubblico, maliziosa)  E non sa quanto! Cadono tutti ai miei piedi! Fofò è l'ultimo della lista!

MADDALENA, Sa.. in effetti.. io.. ero un po' preoccupata! Credevo non fosse molto.. come dire.. normale.. se così si può dire! Lo so che non si dovrebbe dire così in questi casi.. comunque .. dicevo... certi suoi... atteggiamenti... modi di fare... certe preferenze... mi facevano pensare così! (al pubblico) Il fatto di stare sempre a pulire casa.. mah.. ci sarebbe da pensare, no?

MIMI',  Dice? Io lo trovo.. normale!(Al pubblico)  Un normalissimo maschio in cerca di .. novità.. femminili!  (ridacchia maliziosa)

MADDALENA, Fino ad ora poi non mi aveva mai parlato .. ehm.. di qualche storia.. né seria.. e neanche di.. come dire.. ecco.. di qualche avventura! E beh.. certe cose .. in effetti.. che vuole.. non si dicono.. così.. apertamente.. nonostante la nostra smisurata .. confidenza!

MIMI', (al pubblico) In effetti... io non ho mai conosciuto nessuno che lo facesse!

MADDALENA,  Comunque la cosa mi impensieriva un po'! Direi più di un po'!  Ma ora che ho saputo di lei...  sarò sincera.. sono  più serena... più tranquilla! Si.. si! Ho capito che è tutto .. nella norma!

MIMI', (che l'aveva guardata un po' sconcertata) Nella norma.. lei dice?! (Al pubblico) Nella norma che .. il marito.. ha un'altra? Mah!

MADDALENA,  Tutto nella norma... perfettamente nella norma! Che bello! Tiro un sospiro di sollievo!

MIMI', Un sospiro di sollievo? Pure? Uhh.. esagerata! (alquanto perplessa, al pubblico) Mah! Chi la capisce è bravo a questa! E' felice e tira un sospiro di sollievo perchè il marito si è fatto l'amante.. beh... diciamo aspirante amante.. siamo sul punto di...   e comunque  è contenta perchè pure l'ha conosciuta?  Mah! La gente è  proprio strana! Ora che l'ho vista.. capisco perchè Fofò.. ha cercato.. diciamo.... compagnia!

Scena 18 (detti, Alfonso)

ALFONSO, (entra da dx e, appena vede Mimì, si pietrifica. Al pubblico) Mimì cherie!? Qui!? Sono fritto!

MADDALENA, (vede il marito, in tono felice) Ah.. tesoro.. vieni... guarda chi c'è?

ALFONSO, (fingendo tranquillità ma in effetti sulle spine)  Eheheh.. chi c'è amore? (poi terrorizzato, al pubblico) Oddio! Mimì.. la mia... diciamo.. aspirante amante...  è seduta accanto a lei e non ne è sconvolta?! Che significa? Non ho avuto ancora neanche il tempo e il modo di... diciamo.. approfondire la sua.. intima... conoscenza... e già scoperto?! Volevo solo godermi un po'.. la pensione... che sfiga!  Devo andare via! Non posso stare qui! E' meglio scappare!  (alla moglie) Scusatemi.. non posso restare … mia figlia mi sta chiamando ..  ha bisogno di me... torno più tardi! (scappa via ma resta con la porta socchiusa per ascoltare e al pubblico) Resto qui però... voglio capire questa storia!

MADDALENA, Che peccato .. è andato via! Potevamo fare una bella... chiacchierata...  a tre! Così.. per conoscerci un po'.. tutti insieme! (Risatina felice)

ALFONSO, (Al pubblico, allarmato) Cosa? E' pazza!

MIMI',  (al pubblico) Spero si riferisca sul serio ad una chiacchierata! Certi giochetti.. a tre.. io.. non li faccio!

ALFONSO, (al pubblico) E poi.. ride? (Ci pensa) E se fosse solo una finta e stesse meditando vendetta?

Scena 19 (detti, Edoardo)

EDOARDO, (entra dalla porta frontale, distratto non si accorge di Mimì) Mami... devo parlarti! Ora .. subito! (Poi scorge Mimì) Oh.. scusa! Sei impegnata! Torno dopo! (sta per uscire ma..)

MADDALENA, (si alza dal divano e lo va a prendere) Torni dopo? Ma no.. che significa? Vieni.. vieni! Hai visto chi c'è?  La cara.. Mimì! L'ho appena conosciuta... e ne sono entusiasta!

MIMI'/ALFONSO,  (al pubblico sempre più preoccupati) Entusiasta? Ma si è bevuta il cervello!?!

EDOARDO, (distrattamente) E .. e.. e.. e... va beh... ne son contento per te!

MADDALENA,  Ma come? Lo dici così? Dico che sono entusiasta della tua.. fidanzata.. e tu parli così?

EDOARDO/ALFONSO/MIMI', (stupefatti) Cosa?

ALFONSO, (Ripresosi dallo stupore) Crede che sia la fidanzata di Edoardo? La cosa è interessante! Direi provvidenziale! Tiro io un sospiro di sollievo! (apre la porta ed entra e non lasciando a nessuno la possibilità di parlare) Hanno sentito bene le mie orecchie? Mio figlio.. ha.. una.. fidanzata? Figlio mio.. permettimi di complimentarmi con te! (Va dallo stupito Edoardo, che ancora non riesce a spiccicare parola, e lo abbraccia e poi guardandolo mentre lo tiene ancora per le spalle) Che grande notizia!! (e lo riabbraccia. Poi sciogliendosi dall'abbraccio con Edoardo, guardando Mimì) E allora questa sarebbe... (calcandosi) mia nuora!?!?! Ma che piacere! (ed abbraccia anche lei, e nel frattempo le parla all'orecchio) Stai al gioco.. che è meglio!!

MIMI', (Piano all'orecchio di Alfonso, maliziosa) Wow.. che bel gioco stuzzicante! Pensavo di essere fritta! ( Lei gli fa l'occhiolino d'intesa)

ALFONSO, (poi si scioglie dall'abbraccio anche con lei)

MIMI', (maliziosa) E questo sarebbe … mio suocero? Che gran pezzo di ragazzone pure lui!! Posso riabbracciarla.. suocero?

ALFONSO, Ma certamente.. nuora! (si abbracciano e lui di nuovo all'orecchio) Ma poi si può sapere perchè sei venuta qui? Mi stava venendo un infarto appena ti ho visto!

MIMI', (gli risponde all'orecchio)  Fofò.. tu mi hai asciato sola e io... così.. mi stavo annoiando! Allora ho pensato di venirti a stanare nella tua tana!  (ridacchia maliziosa)

ALFONSO, (sempre all'orecchio di Mimì e facendo finta di sorridere ) Pessima idea.. Mimì cherie!!

MADDALENA,  (gelosa) Credo sia sufficiente! Anzi.. credo stia durando anche troppo! (E li divide, poi piano al marito) Contegno Alfonso... è la fidanzata di tuo figlio! Non esagerare! Edoardo potrebbe diventare geloso!

EDOARDO, (che era rimasto a bocca aperta per tutto il tempo) Ma … ma... io... io...

MADDALENA,  (piano al marito) Lo vedi? Ha già la faccia sconvolta!

EDOARDO, (ancora a bocca aperta, non sa che pesci pigliare e cosa dire) Ma … ma... io... io...

ALFONSO, (lo prende abbracciandolo sulle spalle) Ma tu cosa? Avevi una così graziosa fidanzata e non dicevi niente? Birbantello!

MIMI',  (sempre maliziosa, magari  strapazza le guance ad Edoardo) Si.. si... birbantello! Mi hai tenuta nascosta! Non si fanno queste cose!

EDOARDO,  Ma … ma... io... io...

Scena 20 (detti, Giulietta)

GIULIETTA,  (entra in scena disperata col bambino in braccio che piange) Non ce la faccio più.. vi prego... aiutatemi! Siete scappati tutti e mi avete lasciato nei guai!

MIMI',  Che bel bambino! Poverino.. perchè piange? Che ha?

GIULIETTA, Vuole scoprirlo? Prego! (e glielo molla in braccio, poi alla madre) Ma poi.. lei.. chi è?

MIMI', (nel frattempo comincia a essere in difficoltà col bambino che piange e non sa che fare)

MADDALENA,  Oh tesoro... ti presento Mimì... la fidanzata di Edoardo! Mimì.. questa è mia figlia Giulietta!

GIULIETTA, Cosa? Mio fratello ha.. una .. fidanzata? No.. non ci credo! Impossibile!

EDOARDO, (fa un gesto come per dire: Ovvio..  ha ragione lei!)

MIMI', Edoardino .. tesoro... penso che tuo nipote preferisca le braccia di qualcuno di famiglia! (e gli molla il bambino)

EDOARDO, (con faccia sempre più sconsolata, comincia la solita scena col nipote)

MADDALENA,  Bene! Visto che ormai ci conosciamo tutti.. a questo punto penso sia giusto che entri in ballo io! Come wedding planner.. intendo!!! Cominciamo coi preparativi?

EDOARDO/ALFONSO/MADDALENA/MIMI', Cosa?

MADDALENA,  Ma si.. ma si! I preparativi! Organizzare e preparare un matrimonio è lungo e laborioso! E poi .. se permettete.. per il mio Edoardino.. voglio fare qualcosa di veramente straordinario!!! Come ho detto prima.. (entusiasta all'idea) … fuochi d'artificio!

EDOARDO/ALFONSO/MADDALENA/MIMI', Cosa?

MADDALENA, (un po' infastidita) Cosa.. cosa!  Non sapete dire altro?! Io so quel che dico!

GIULIETTA,  Non ti sembra di esagerare.. mamma? Magari dovrebbero essere Edoardo e Mimì a decidere cosa vogliono? E soprattutto sempre se  hanno deciso di sposarsi! E se volessero solamente... convivere? Ai nostri tempi.. si usa .. sai?

MADDALENA, (alterata) Edoardino no! Non puoi farmi questo! Una wedding planner stimata come me .. non può avere il figlio che va .. (indignata)... a convivere!

EDOARDO, (sempre più sconvolto) Ma … ma... io... io...

MADDALENA,  Ma tu cosa? Ma tu … niente! Mimì ..  tu non pensi sia meglio un bellissimo matrimonio? Noi donne di solito lo desideriamo.. quindi dillo tu a Edoardino! Convincilo tu! Forza .. su.. dai! (Senza lasciarla parlare, ad Edoardo) Lo vedi che la tua fidanzata lo vuole? (mentre tutti la guardano stupefatti, lei decisa) Quindi .. si fa!

EDOARDO, (ancora sconvolto) Ma … ma... io... io...  (gli suona il cellulare, molla il bambino al padre, si asciuga la fonte e risponde come in trance) Pronto? (Allarmato) Cosa? (decisissimo) No! (chiude la telefonata e comincia a piagnucolare) E allora ditelo.. ce l'avete tutti con me!  (e uscendo frontalmente ) E che diamine!!! (e continua a ripeterlo fino alla sua completa uscita mentre gli altri lo guardano a bocca aperta) E che diamine!!!E che diamineeeeeeeeeeeeeeeee!!!

                            Fine Primo Atto

Atto Secondo

Scena 1 (Edoardo)

( Edoardo è molto nervoso e cammina su e giù e guarda spesso l'orologio. Quando passa davanti alla porta della terrazza, apre le tende, guarda, piagnucola un po' e poi sbuffa)

EDOARDO, (al pubblico) Guarda là... mio padre che intrattiene.. la mia.. (piagnucolando).. fidanzata! Ma quale fidanzata?? Ma da dove è spuntata fuori questa?? Ma chi la conosce? Ma chi è?  E chi la vuole poi.. una.. (sottolineando) ... fidanzata? E come faccio ora a spiegare tutto a mia madre? Quella è partita in quarta.. anzi in quinta .. coi preparativi.. del matrimonio! Sembra una macchina da guerra! Uffa!!! Non so che fare? E per di più sta arrivando... (sottolineando) … Lui!!  Lui .. lui... Leon! Il... mio.. Leon! Che guaio.. che guaio! E chi lo spiega pure a lui della.. mia.. (sottolinea).. fidanzata! E che diamine! (Poi riprende a camminare, fino a quando non suona il campanello. Preoccupato) Eccolo! ( e corre ad aprire e rientra in scena con Léon)

Scena 2 (Edoardo, Léon)

EDOARDO, (nervoso)  Non ti avevo detto di non venire? Perchè sei qua? E stai attento a quel che dici che sono molto.. molto.. nervoso! E che diamine!!!

LEON,  (invece molto sereno) Ciao Dodò! Sono felice di vederti!

EDOARDO, (c.s. , braccia conserte, guardando avanti e non lui) Io no!

LEON, Caspita.. gentilissimo! Comunque non ti ho mai visto così nervoso!

EDOARDO,  C'è sempre una prima volta! E comunque... se stessi passando quello che sto passando io.. altro che nervoso!

LEON, Perchè.. che stai passando? Sentiamo!

EDOARDO, Guarda.. non mi fare parlare che.. che...  scoppio! E' meglio che sto zitto! E che diamine!

LEON,  Ma scusa.. ha a che fare con la tua.. diciamo.. missione?

EDOARDO, Ehm.. si e.. no!

LEON,  Si e no?

EDOARDO,  Eh.. si e no!

LEON, Ma insomma.. glielo hai detto.. si o no? Al telefono non mi hai fatto capire niente!

Scena 3 (detti, Maddalena)

MADDALENA,(entra in scena  con un notes in mano e una penna, cominciando però a parlare ancora fuori) Edoardino.. tesoro... devo parlarti! (ma vedendo Leon) Oh.. scusa.. sei in compagnia! Non lo sapevo! Ma... non me lo presenti il tuo amico? Non credo di.. conoscerlo! (A Leon) Io sono  Maddalena..  la mamma di Edoardo!

EDOARDO, (come colto in flagrante) Il mio amico? Quale amico?

LEON, (lo guarda sorpreso)

MADDALENA, (perplessa, indicando Leon) Ehm.. lui!

EDOARDO,  (finto tonto e cincischiando) Ahhh.. lui!!!  Noooo.. non è un amico.... quale amico … perchè poi dovrebbe essere un amico?... Un amico.. eheheh... da dove ti viene?...   ehm... ehm... (pensa velocemente per trovare un'idea)... e lui è... lui è... lui cos'è? .. ehhh... si.. lui è ..  un parente! Si.. un parente! (si volta e piagnucolando) Niente.. non ce la faccio!!!  E che diamine!

MADDALENA/LEON, Un parente??

EDOARDO,  (si rivolta e finto sorriso mentre inventa) Siiii.. un parente di.. di.. di papà!

MADDALENA/LEON, Di papà?

LEON, (guarda Edoardo sempre più confuso)

EDOARDO, (sempre cincischiando) Siii.. diciamo .. un .. lontano.. lontanissimo .. parente di papà! Ah... l'ho scovato su Facebook! Lo sai come sono i social network.. eheheh.. ci si scova di tutto.. anche i lontani parenti!  Un giorno.. così.. puff!!.. l'ho scovato! Eheheh.. ed eccolo qua! (si volta, al pubblico, piagnucolando) Mi prenderei a schiaffi.. (e lo fa) .. giusto.. te lo meriti, Edoardo! ... ma non ce la faccio!! E che diamine! (si rivolta verso gli altri)

MADDALENA, Un lontanissimo parente, dici! Uhm... e da che ramo della famiglia? Da quello italiano o da quello .. francese? Lo sai.. papà sarebbe felice di conoscere qualcuno dal lato francese.. lui ne va così fiero.. di questi avi francesi!

EDOARDO, (ormai sulla strada della fantasia) E  infatti è da quello francese... si chiama Leon... difatti! Leon.. eheheh.. nome francese.. francesissimo! E comunque dal ramo  più lontano … lontanissimo.. eheheh... anni luce.. proprio!!

LEON, (Il tutto mentre Leon osserverà e ascolterà sbalordito)

MADDALENA, Ma … per curiosità... come è di preciso questa parentela? La cosa mi ha intrigato!

EDOARDO, (inventa però è nervoso) Com'è la parentela? E com'è sta parentela? Ecco.. dunque...   ehm.. dunque .. hai presente zia .. Berta?

MADDALENA, Ehm...si!

EDOARDO, Ecco.. lei non c'entra! Facciamo... uhm... la zia Gertrude.. si .. la zia Gertrude... te la ricordi la zia Gertrude? La zia più anziana di papà? Quella che ha sposato lo zio Philippe?  Philippe.. appunto...  nome francese.. eheheh.. francese di Francia!

MADDALENA, Ehm...si!

EDOARDO,  (parlando velocemente inventa) Bene...  lui è... uhm.. il figlio della sorella della cugina della nipote della  zia materna  della nonna paterna che ha sposato il bisavolo francese nipote del nonno paterno della cognata che si chiamava Paulette, figlia a sua volta della bis-bis-prozia Jaqueline cugina in seconda.. no.. ehm... in terza … si.. in terza...  della madre del padre ... (affaticato)... della zia Gertrude!   Chiaro no?

MADDALENA/LEON, (sbalorditi e ironici) Chiarissimo!

EDOARDO,  Eheheh! Te l'avevo detto ch'era lontano lontanissimo.. pure di più!

LEON, (prende in disparte Edoardo) Da tutta questa manfrina ne deduco che non glielo hai ancora  detto! Vuoi nascondermi, eh!? Farabutto! (Edoardo fa uno sguardo indecifrabile di chi non sa cosa rispondere con una bella risata forzata)

MADDALENA, (interrompe il discorso) Bene.. allora visto che siamo tra... ehm.. parenti?... posso parlare lo stesso e chiederti le cose che dovevo.. chiederti! ! Siamo in famiglia! Siamo in famiglia!

EDOARDO,  (preoccupato) Perchè.. di cosa dobbiamo parlare?

MADDALENA,  Ma come di cosa dobbiamo parlare? Dell'argomento del giorno! Del tuo matrimonio, no?

(gelo)

LEON, (resta di sasso, poi riprende in disparte Edoardo)  Ma allora glielo hai detto?! Oggi non mi stai facendo capire niente! In ogni caso..  ritiro il farabutto! E comunque  tua madre ha fatto precipitare i tempi.. secondo me! Io non so se sia il caso e se i tempi siano... maturi.. per una cosa del genere! Per lo meno.. non in Italia! Però... non capisco  la storia della parentela perchè l'hai inventata! Mi sfugge davvero il motivo di simile fandonia! (ma Edoardo non risponde, ha solo la faccia afflitta e non gli fa capire niente, passa lo sguardo assente dalla madre a Leon e viceversa, magari gli fa il solito sorriso finto. Poi Leon piano a Edoardo) Dodò.. oggi proprio non riesco ad interpretarti! Sei.. criptico! Io .. comunque.. ascolto quello che ha da dire tua madre! L'argomento.. guarda caso.. mi interessa! Anzi.. non capisco perchè non sono stato .. chiamato in causa!

EDOARDO, (Piano a Leon, fingendo) Ehh.. che vuoi farci.. il figlio sono io!! Eheheh!

MADDALENA, Dunque.. io ho cominciato a buttare giù delle idee.. però prima di continuare ho bisogno della tua opinione.. è importantissima la tua opinione .. Edoardino tesoro! Quindi.. mi raccomando.. concentrati e rispondimi sinceramente! (E lo guarda col suo solito sguardo convincente) Allora.. cominciamo... il ricevimento.. dove lo facciamo? In un ristorante?

EDOARDO, (all'inizio resta di sasso poi, afflitto e rassegnato, e per accontentare la madre, sospirando) In un ristorante? Uhm.. troppo classico!

LEON, (ma guarda caso in contemporanea, sopra pensiero,  risponde allo stesso modo, pensando che si riferisse anche a lui)  Troppo classico!

MADDALENA,  (li guarda perplessa) Toh guarda.. avete dato la stessa risposta!

EDOARDO, (sempre afflitto, quasi piagnucolando, ma per nascondere sempre la situazione, inventa) Ehm... combinazione! Lo sanno tutti che il ristorante è.. troppo classico, no?!

MADDALENA, Mah! Se lo dite voi! I miei clienti lo scelgono quasi sempre! (Breve pausa in cui depenna il ristorante da un'ipotetica lista) Via il ristorante! Comunque.. è ovvio che ho delle altre ipotesi... una wedding planner che si rispetti deve essere sempre pronta a qualsiasi evenienza! Quindi continuiamo! Allora... che ne pensi  come location di un bel... castello? Di quelli belli... con i merli.. il ponte levatoio... le armature negli angoli... le spade appese ai muri... très chic.. non trovi?

EDOARDO, Uhm... un castello?

EDOARDO/LEON,  Troppa polvere!

MADDALENA,  (li riguarda perplessa squadrando prima l'uno poi l'altro) Mah! Di nuovo combinazione? Boh! (poi prosegue dopo aver depennato pure questo) Ok.. il castello, no! Passiamo alla ipotesi numero tre: un sofficissimo e verdissimo prato?!

EDOARDO/LEON, Nooo! Troppe macchie di erba che poi non passano!

MADDALENA,  (li guarda perplessa) E no.. tre su tre.. non è combinazione!

EDOARDO,  (inventa ancora) Ehhh... è il DNA! Si.. il DNA... ce l'abbiamo uguale! Ha fatto si un sacco di giri.. si.. insomma.. tra i vari parenti... avi.. bisavi.. trisavi...  peggio di un otto volante... eheheh.. ma poi è rimasto uguale! Ugualissimo! E' il richiamo del sangue!

LEON,  (lo guarda stranito e quindi piano a Edoardo) Continuo a non capire dove vuoi andare a parare! Devo ripristinare il .. farabutto? Che dici? (Edoardo continua a non rispondere, magari il solito finto sorriso, e Leon quindi)  Mah!

MADDALENA,  (li guarda perplessa) Mah! Rimango basita! (breve pausa in cui ancora depenna) E va bene.. depenniamo pure il prato! E proseguiamo! Dunque.. una romanticissima  spiaggia al tramonto?

EDOARDO/LEON,  Uhmf! Troppa sabbia!

MADDALENA,  (li guarda perplessa) E no! Ora mi date una spiegazione voi due! C'è troppo affiatamento! Ma ditemi... vi conoscete da molto?

EDOARDO,  No!

LEON, (in contemporanea) Si!

MADDALENA,  Da poco?

EDOARDO,  Si!

LEON, (in contemporanea) No!

MADDALENA, Non capisco.. vi conoscete da poco.. o da .. molto?

EDOARDO,  Poco!

LEON, (in contemporanea) Molto!

EDOARDO,  (finto) Molto.. poco! Ecco! Eheheh!

LEON, (gli parla di nuovo da parte) Lo ripristino e lo sottoscrivo.. sei un .. farabutto! Indecifrabile farabutto!

MADDALENA,  Mah! Che strani siete! (poi si avvicina a Edoardo e lo prende sottobraccio) Edoardino.. tu.. stai cincischiando.. e quando cincischi… devi dirmi qualcosa!

EDOARDO,  (piano alla madre) Io? No!! No! No! Non mi sembra!

MADDALENA, (più stretta al figlio, più in confidenza) Edoardino.. tesoro... forse ho capito! Lo sai.. ti leggo come un libro aperto!  (Edoardo la guarda stupito e impaurito in attesa) Se vuoi che Leon ti faccia da testimone per le nozze.. basta dirlo! Che sia parente o amico.. per noi va bene.. se va bene a te!

EDOARDO,   (piano alla madre finto tonto)  Leon fare il testimone? Ihihih.. noooo... dove vai pensando!? (poi si allontana dalla madre e piagnucola e al pubblico) Ma in che ginepraio mi son cacciato!? E senza ch'io ne abbia colpa!  E che diamine!

Scena 4 (detti, Alfonso, Mimì)

(ritornano in scena, da sx, Alfonso e Mimì a braccetto, ridacchiando e in atteggiamento molto complice)

MIMI', (ridendo maliziosa) Nooo... non ci credo che tu hai potuto fare  una cosa del genere!

ALFONSO,(ridacchiando mentre sta raccontando qualcosa ) Siii... è la pura verità! E alla fine ha fatto quello che volevo io! In tutto e per tutto!

MIMI', (ridacchia anche lei al racconto) Ah.. Fofò! Che gran briccone sei! Un vero ragazzaccio! (maliziosa) Ti meriteresti veramente una sculacciata!

ALFONSO, (piano a Mimì) Da te? Sarebbe un vero piacere!

MIMI', (gli da un colpetto sul braccio in segno di rimprovero) Fofò!! (e continuano a ridere entrambi mentre gli altri li osservano perplessi)

MADDALENA, (si avvicina al marito e lo prende dall'altro braccio strappandolo a Mimì e portandolo di lato, e piano) Ti pare il modo di comportarti? Va bene che ti ho detto di intrattenerla un po'... però.. non esagerare!

ALFONSO, (piano alla moglie) Perchè? Che ho fatto? (poi riflette) Ahhh... sei gelosa?

MADDALENA, (piano al marito) Io? Ma ti pare! Come se non sapessi che tu non ci proveresti mai con nessuna.. sei un uomo tutto d'un pezzo.. troppo d'un pezzo!

ALFONSO, (inghiotte preoccupato, fa una risatina forzata e ironico) Come mi conosci bene.. tu!

MADDALENA, (sempre piano al marito) Figurati! Dopo tutti questi anni! Dicevamo... tuo figlio potrebbe esserlo.. geloso... della sua fidanzata! Non scordarlo.. Mimì è la fi-dan-za-ta di Edoardo.. ok? E comportati bene con lei! Da suocero! E non farti chiamare.. (indispettita) .. Fofò! E' sconveniente!  (poi cambia atteggiamento e gioviale a tutti) Bene.. visto che ci siamo tutti.. ne possiamo parlare anche meglio! Che dici Edoardo.. sottoponiamo anche alla tua .. (indicando Mimì).. fidanzata... le varie.. locations?

LEON, (allibito prende per un braccio Edoardo e portandolo da una parte) Cosa? La tua.. fidanzata? Ecco perchè eri  criptico! Tutta quella storia balorda della parentela francese.. poi! Fumo negli occhi.. ecco quello che volevi fare!  E comunque.. ora... gradirei una spiegazione! Credo di doverla pretendere! Farabutto al quadrato.. anzi.. al cubo!

EDOARDO,  (lo guarda afflitto per un po' e poi piagnucolando scappa via frontalmente, dicendo) Me misero! E che diamine!!!!

MADDALENA, (preoccupata) Edoardino.. che succede? (poi rivolgendosi agli altri per dare una spiegazione) Non vi preoccupate! Saranno le paturnie prematrimoniali! Succedono a tutti.. io ne so qualcosa! Ehhh.. quanti ne ho visti!  Vado a consolarlo! (poi esce anche lei frontalmente dicendo) Edoardino.. tesoro... dillo a mamma tua quello che ti preoccupa! Tanto comunque lo so.. ti leggo come un libro aperto! (esce)

Scena 5 (Alfonso, Mimì, Leon, voce di Giulietta)

(sull'ultima battuta di Maddalena si comincia a sentire il bambino di Giulietta piangere, uscita lei si sente più forte e quindi la voce di Giulietta )

GIULIETTA, (da fuori scena) Uffa! Uffa! E riuffa! Non sopporto più questo piagnisteo! Papà.. dove sei? Aiutoooooooooo!!!

ALFONSO, Caspita! Mia figlia deve essere veramente in difficoltà! Mio nipote è davvero piagnucolone e lei non sa stare senza una baby-sitter! Perdonatemi.. corro in suo soccorso! (forte) Giulietta.. tesoro.. arrivo!!! (esce a dx)

Scena 6 (Mimì, Leon)

MIMI', (scorgendo Leon, che nel frattempo si era seduto, sconfortato, sul divano) Toh guarda... ci hanno lasciati soli! ( poi provocante gli si siede accanto)  Salve.. non ci hanno presentato! Che sgradevole mancanza!  Io sono Mimì! E comunque credo che noi due ci siamo già conosciuti!

LEON, (sempre con atteggiamento un po' sconfortato, quindi distrattamente) Si.. lo penso anche io! Sia sulla sgradevole mancanza sia sul fatto che ci siamo già visti!

MIMI', (sempre provocante) Eravamo poc'anzi entrambi al bar di sotto!

LEON, (infastidito) Già! (al pubblico) E se avessi saputo prima chi fosse.. le avrei messo il cianuro.. la stricnina e il veleno per topi.. in quello che stava bevendo!

MIMI',  (c.s.) L'ho notata prima .. sa? Lei non passa inosservato! No.. no.. decisamente no! E comunque... che combinazione ritrovarci qui! (gli si fa più vicino) Una bella combinazione! Non trova.. signor... ?

LEON, (infastidito)... Leon! Mi chiamo Leon! (al pubblico) Non credo affatto sia bella questa combinazione! Tutt'altro! (E si scansa un po')

MIMI', (c.s.) Leon.. che nome... intrigante! Direi.. graffiante!  (gli si fa più vicino) E mi dica.. Leon.. io la trovo molto... come dire... bohemien .. lei è per caso.. un artista? Io adoro gli artisti!

LEON, (si scansa e sempre più infastidito) Dipingo.. si.. sono un pittore!

MIMI', Wow! Interessante! Un pittore! Io adoro... i pittori!  E che tipo di pittore è... fa anche .. i ritratti? Io... (avvicinandosi seducente).. le potrei fare da modella, sa?.. se vuole! Credo di essere .. come dire.. adatta! (ancora più intrigante) Anche per i.. nudi.. se le aggrada!

LEON, (c.s.) No... niente ritratti! E niente nudi!  Pittura astratta! (poi al pubblico, molto infastidito e geloso) Non capisco.. è la... (sottolineando).. fidanzata di.. Dodò... e flirta con me? Ma che donna si è trovato? Con chi mi ha sostituito?

MIMI', Pittura astratta? Che meraviglia! La adoro! La trovo così... (si avvicina) … misteriosa! Enigmatica! Affascinante! Proprio come lei! (Si avvicina ancora)

LEON,(si allontana ma stavolta il divano è finito quindi è costretto ad alzarsi) Lei dice?

MIMI', (alzandosi anche lei e facendosi di nuovo molto vicina) Dico!

LEON, (si allontana e al pubblico) E che diamine! Questa non  molla! (riflette, e sempre al pubblico) Però mi ha fatto venire un'idea! Vendetta.. tremenda vendetta! Gli renderò pan per focaccia a quel farabutto! (si gira verso Mimì, la afferra, le fa fare una specie di caschè e la bacia)

Scena 7 (detti, Edoardo)

EDOARDO, (entra frontalmente con atteggiamento afflitto e quasi indifferente, arrivato vicino a Leon che bacia Mimì, sospira,e al pubblico) Me lo merito!! ( e sta  per uscire a sinistra ma....)

LEON, (si accorge di Edoardo e con un occhio lo guarda mentre bacia per farglielo più apposta; poi si accorge che sta per andare via e allora molla Mimì che cade sul divano e comincia a soffiarsi,  e lo rincorre, lo raggiunge, lo prende per un braccio e piano ..) Come.. bacio.. io.. (sottolineare io) .. bacio...  la tua.. fidanzata... e tu.. niente.. non fai niente? Non ti importa né di lei.. e né.. di .. me?

EDOARDO, (lo guarda sempre con lo stesso sguardo avvilito e sospirando) Me misero! E che diamine! (E sottraendosi alla presa di Leon si allontana ed  esce a sx)

LEON, (gli urla dietro) E comunque ti preferivo nervoso! Meglio nervoso che muto come un pesce! E per giunta lesso!

Scena 8 (Leon, Mimì)

LEON, (al pubblico, smarrito per l'atteggiamento di Edoardo) Niente! Tutto questo non lo turba! Mah! Non capisco.. questa storia.. non la capisco! Deve esserci qualcosa che mi sfugge.. si .. mi manca qualche tassello! Comunque...  (riflette) … ho trovato... proverò con qualcun... (sottolineando) .. altro! Forse si scuoterà!

MIMI', (gli si avvicina di nuovo provocante e lo abbraccia) Wow! Che grinta.. Leon! Tu si che ci sai fare con le donne! Sei un vero briccone!

LEON, (la allontana) Mi spiace! Non sono più interessato.. all'articolo! (Al pubblico) In effetti non lo ero neanche prima! (di nuovo a Mimì) Che vuoi farci! Sono un lunatico! I pittori.. tutti gli artisti...  sono così... stravaganti!

MIMI',  (al pubblico) Peccato! Sembrava molto interessante! Fofò mi aveva lasciato sola! Dovevo pur passare il tempo! E poi mi sto annoiando! Che noia fare finta di essere la fidanzata di .. Edoardino... per non far capire niente! Uff! Va beh.. troverò qualcos'altro.. anzi... qualcun .. altro! Si.. (maliziosa).. è meglio! E' più divertente!

Scena 9 (detti, Romeo)

(si sente il rumore di chiavi e del portone che si apre e si chiude, poi entra in scena....)

ROMEO, (da fuori scena) Scusate... ho usato le chiavi di Giulietta! Sto entrando! (e poi entrando e  vedendo Leon e Mimì, che non conosce e che lo guardano perplessi,  all'inizio resta interdetto, poi recuperando prontezza di spirito )  Ehm.. e voi chi siete? (si guarda attorno)  No.. non ho sbagliato casa.. ho usato le chiavi! (poi li osserva meglio e senza dar loro il tempo di rispondere ) Ma noi non ci siamo già visti?

LEON/MIMI', (che si erano guardati anche loro) Si.. al bar qui sotto! (poi ognuno per conto suo, una prima e l'altro dopo, al pubblico) Uhm.. interessante! Questo sembra fare al caso mio! Cade come il cacio sui maccheroni! (poi si avvicinano entrambi, insieme e  molto solleciti a Romeo e allungando la mano)

LEON, Piacere.. Leon!

MIMI', (in contemporanea con Leon) Piacere.. Mimì!

ROMEO, (li guarda perplesso, poi allungando la mano anche lui a entrambi) Piacere.. Romeo! (e poi Leon e Mimì gli si mettono una da un lato e uno dall'altro)

MIMI', (provocante) Romeo... che nome delizioso!

LEON,  (come Mimì) Si.. lo penso anche io!

ROMEO,  (comincia  a essere un po' confuso, guardando prima l'una poi l'altro) Ehm...grazie!

LEON, (c.s.) Decisamente.. romantico!

MIMI', (c.s.) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, (li guarda sempre alternativamente, smarrito, anche durante le prossime battute, ma cercherà di rispondere sempre educatamente) E beh.. Romeo.. Shakespeare... il balcone... Oh Romeo.. Romeo... perchè sei tu Romeo? ...

MIMI', (e girandogli la faccia verso di lei e poi guardandolo intensamente negli occhi) E che sguardo seducente! Che occhi... magnetici!

LEON,  (come Mimì, anche lui lo volta per guardarlo) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, Magnetici.. esagerati! Comunque prima erano... miopi.. molto.. miopi... sapete....

LEON, (interrompendolo e accarezzandogli il braccio) E che braccio.. possente!

MIMI', (come Leon) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, Beh.. un po' di palestra non guasta mai...!

MIMI', (sempre più provocante) Oh.. Romeo... la trovo.. così.. affascinante!

LEON,  (come Mimì) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, Uh.. addirittura! Va bene che da quando ho tolto gli occhiali sono un po' più piacente.... ehm.. gli occhiali.. erano .. come dire.. eheheh... fondi di bottiglia.... tolti quelli...

LEON,  (e passandogli una mano sul petto) Attraente!

MIMI', (come Leon) Si.. lo penso anche io!

ROMEO,  Così mi state lusingando!

MIMI', (seducente) Lo sai che ti avevo già notato... al bar? Come si può non notarti?

LEON,  (come Mimì) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, Ah si? Io però ero immerso nei miei pensieri.. vi ho visto si.. ma.. notato no... non più di tanto.. ehm.. mi dispiace... ehh.. avevo ricevuto una notizia... si .. al telefono...

LEON, (sempre più attaccato) Io penso che mi piacerebbe.. come dire.. approfondire .. la tua.. conoscenza!

MIMI', (come Leon) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, Ehh.. gentilissimi! Magari vi posso invitare a qualche party.. ad uno dei miei party.. sapete?.. ne faccio tanti...!

MIMI', Perchè invece.. non parti con me?

LEON,  (come Mimì) Si.. lo penso anche io!

ROMEO, (altamente scombussolato) Partire? Con voi? No.. non credo... sia possibile!

LEON,  Che ne dici di un viaggio a... Parigi? Io lì ci vado spesso!

MIMI', Si.. lo penso anche io! Ah.. Paris.. Paris... la ville lumiere.. tres jolie..

LEON, … tres romantique!

ROMEO, Molto gentile da parte vostra.. lo so... Parigi è bella.. ci sono stato.. è jolie.. è romantique... ma  mi spiace.. mi spiace... devo declinare l'invito... ehh già già..

 (viene interrotto)

Scena 10 (detti, Alfonso)

(e mentre Leon e Mimì  diventano sempre più provocanti e gli si avvinghiano addosso e Romeo è sempre più confuso e non sa come comportarsi, entra all'improvviso Alfonso frontalmente, che notando la scena resta all'inizio pietrificato e allibito, poi)

ROMEO, (un po' in difficoltà e sollevato dell'arrivo di Alfonso) Ah.. Alfonso che piacere vederla! Non riuscivo a capire perchè non arrivasse nessuno di voi! Nel frattempo sono stato intrattenuto da queste persone... ehm... un po' troppo intrattenuto! Anzi.. quasi... trattenuto! Ehm.. senza il quasi!

ALFONSO, ( ma lui non lo ascolta e va da Mimì, la prende per un braccio e portandola più in là, e piano) Mimì cherie!!! Che significa.. questo.. triangolo? (indicando Romeo e Leon)

MIMI', (frivola come al solito) Uffa... mi annoiavo! Fofò.. io ero venuta per te.. e tu?.. tu che fai?  mi lasci sola! Birbaccione.. non si fa così!! Le donne.. non si lasciano mai da sole!! (maliziosa) Chissà quello che possono .. combinare! (e giocando a disegnare un triangolo sul suo petto e sorridendo allusiva) Magari .. si lasciano prendere.. così.. per gioco...  da un po' di .. geometria!!

ALFONSO, (piano) Ma quale geometria! Quale lasciarti sola! Ma cosa speravi? Venire in casa mia non è stata affatto una buona idea! Decisamente no! (E tirandola) Vieni.. andiamo di là! Non è il caso rimanere qui! (forte, agli altri) Scusate... io e .. mia.. nuora.. dobbiamo parlare! Torniamo presto!(poi piano a Mimì) Ma poi che ci facevi con mio genero e con quell'altro là.. già.. ma poi chi è quell'altro? Non mi  è stato ancora presentato!

MIMI', (ridacchiando maliziosa) Uhh.. il mio Fofò è geloso della sua Mimì cherie?!! Che dolce birbantello! (poi rivolgendosi a Romeo e Leon, magari mandando loro un bacio) Ciao ragazzi! A dopo!

(Leon e Romeo la salutano con la mano mentre Mimì ed Alfonso escono frontalmente))

ROMEO, (confuso) Nuora? Che significa? Adesso c'è anche una .. nuora? Mi sono forse perso qualcosa? Mah!

Scena 11 ( Romeo, Edoardo)

LEON, (Avvinghiandosi ancora a Romeo) Finalmente .. soli! Io e te... te e io! Che meraviglia.. non trovi?

ROMEO, (disorientato al massimo) Che meraviglia? Ehhh.. boh.. oddio.. cielo... cielo..!!!! (al pubblico) Ma che sta succedendo qui? Ma poi chi è questo qui? (poi chiama) Giulietta... Edoardo.... c'è nessuno in questa casa? Oh santo cielo!

Scena 12 (detti, Giulietta, Edoardo)

(entrano in scena Edoardo dalla porta di sx e Giulietta da quella di dx, in contemporanea)

EDOARDO/GIULIETTA,  Chi ha chiamato?

GIULIETTA, (al pubblico, sconvolta) Cielo... mio marito con … un uomo?! E cosa sta facendo tutto avvinghiato? (furiosa) Che sia questo il motivo del suo... comportamento? Altro che operazione e vita mondana!

EDOARDO, (al pubblico, sconvolta) Cielo.. Leon tutto avvinghiato con un altro?! E con mio cognato poi!  Passi che baciava quella gatta morta  di Mimì.. che poi ancora non ho capito chi è questa che ha sconvolto la mia vita! Ma mio cognato.. no!

GIULIETTA, (arrabbiata va da Romeo e tirandogli un orecchio) Rorò... vieni.. noi due dobbiamo parlare! Urge una spiegazione! E subito!

ROMEO,  (dolorante per la tirata d'orecchio) Ahia! Piano! Che spiegazione? Io non ho niente da spiegare! Tu devi spiegarmi quello che hai detto al telefono!

GIULIETTA, Io devo spiegare???  Lo vedremo! (ed escono a dx mentre Romeo continua a dire Ahia! E Leon che guarda incuriosito e incerto la scena)

Scena 13 (Edoardo, Leon)

EDOARDO, (si avvicina a Leon, mani ai fianchi, indispettito) Leon...!

LEON, (calmo) Dodò! (breve pausa in cui si fronteggiano frontalmente) Vedo che sei ritornato.. nervoso! Bene! Ti preferisco così!

EDOARDO, Si... sono tornato nervoso! E voglio una spiegazione! E che diamine!

LEON, (calmissimo e sorridente, sornione) E di cosa? (al pubblico) Finalmente .. geloso! Era quello che volevo!

EDOARDO, Oh bella! Di quello che ho visto!

LEON, Uhm... niente di particolare! Passavo il tempo!

EDOARDO, Complimenti vivissimi.. bel modo!

LEON, Uhm...un modo come un altro! Tu ti sei trovato la .. fidanzata.. ed io..  facevo quello che hai visto!

EDOARDO, E da quanto.. passi.. il tempo.. così? Sentiamo!

LEON, (facendo il finto tonto, pensa) Uff... boh.. non so!

EDOARDO, (alterato) Cosa? Tu passavi il tempo da… boh.. non so.. con.. lui (sottolinearlo)... ed io non ne sapevo niente ? (indignato) Leon.. mi hai deluso... due volte!

LEON, Due volte?

EDOARDO, Si.. due  volte... perchè non solo passavi il tempo così.. da boh non so... ma anche perchè hai scelto giusto giusto .. lui! (Al pubblico) E mio cognato poi dovrà vedersela anche con me!

LEON, Uno o l'altro.. che differenza passa!? Cos'ha questo che ti dà tanto fastidio? Tu poi  mi hai deluso.. per .. quella là!!!

EDOARDO, Quella là! Quella là.. è.. una caso a parte!

LEON, Cioè? Spiega!

EDOARDO, Cioè.. niente! E comunque.. alla luce di tutto ciò... basta! Stop! Finish! The end! (E gli volta le spalle sedendosi sul divano sul lato sx, appoggiandosi al bracciolo) E che diamine!

LEON, (deciso) Hai ragione! Basta! Stop! Finish! The end.. anche per me! (e anche lui gli volta le spalle e si siede sul divano a dx, appoggiandosi al bracciolo) Ed .. e che diamine!.. lo dico pure io!

Scena 14 (detti, Maddalena)

MADDALENA,  (ancora da fuori scena si sente chiamare) Edoardino..  (ora in scena sulla porta frontale, sempre col solito notes e la penna in mano) .. dove sei?

EDOARDO, (ancora arrabbiato e sbuffando alza la mano come a dire: presente!)

MADDALENA, Oh.. eccoti! (Si accorge di Leon) Ah.. bene.. Leon è ancora qui! (ma non si accorge dell'atmosfera pesante, quindi tranquillamente prosegue, restando dietro il divano in mezzo ai due) Ho pronte altre ipotesi.. ve le sottopongo!

EDOARDO/LEON, (sbuffano)

MADDALENA, Allora.. ipotesi numero cinque: su un'incantevole scogliera a picco sul mare! Eh? Originale no?

EDOARDO/LEON, (sbuffando, sembrano annoiati) Troppa umidità e troppo vento!

MADDALENA, Voi due sempre in coro, eh?! E va beh.. niente scogliera! (depenna dalla lista) Andiamo avanti! Ipotesi numero sei: una bella baita in montagna!

EDOARDO/LEON, (c.s.) Troppo freddo!

MADDALENA, (cominciando a seccarsi, depenna) Ok.. no baita! Facciamo...  una poetica nave da crociera?

EDOARDO/LEON, (c.s.) Troppo mal di mare!

MADDALENA,  Ma .. scusate... vi siete messi d'accordo? Fatemi capire!

EDOARDO, (infastidito) Non potremmo metterci d'accordo né ora.. né mai! Noi... non ci parliamo più!

MADDALENA,  Oh bella... e perchè mai?

LEON,  Perchè lui è un farabutto!

EDOARDO, Senti chi parla!

LEON,  E un bugiardo!

EDOARDO, Senti chi parla!

LEON,  No.. senti chi parla lo dico io!

EDOARDO, No.. l'ho detto prima io! E che diamine!

LEON, Traditore!

EDOARDO,  A me? Tu.. subdolo doppiogiochista!

MADDALENA, (comincia a ridere) Ahahah.. siete due .. lontanissimi..  parenti ma... ahahaha.. sembrate .. due.. ahahah... fidanzati! Ahahah!

(Gelo! Edoardo e Leon si girano lentamente e si guardano stupiti poi si rigirano lentamente ognuno dal suo lato, indispettiti)

Scena 15 (detti, Giulietta, Romeo)

(rientrano in scena Giulietta, col bambino in braccio, che stranamente non piange,  e Romeo, molto alterati)

GIULIETTA,  Sei solo un farabutto!

ROMEO, Io? Ma quando mai!

GIULIETTA,  E un bugiardo!

EDOARDO, Io? Ma quando mai!

GIULIETTA, E un traditore!

ROMEO, Io? Ma quando mai!

GIULIETTA, E un subdolo doppiogiochista!

ROMEO, Io? Ma quando mai!

GIULIETTA,  E smettila di dire “Io ma quando mai”!

ROMEO,  E tu smettila di urlare che svegli il bambino! Una volta tanto che dorme! (il bambino si sveglia e comincia a piangere) Ecco.. hai visto!?

GIULIETTA, (va dalla madre e gli molla il bambino) Prendilo tu.. che io devo finire di litigare con costui!

MADDALENA,  (comincia la solita scena per calmare il bambino)

GIULIETTA,   Non voglio più stare con un infido impostore come te! Ribadisco... voglio il divorzio!

ROMEO, Scordatelo! (e restano a guardarsi in cagnesco)

Scena 16 (detti, Alfonso, Mimì)

(entrano da sx, prima Mimì e poi Alfonso, anche loro litigando)

ALFONSO, Pretendo una spiegazione!

MIMI',  Mi spiace.. non voglio più parlarti!

ALFONSO,  No... sono io che non ti parlo più!  Però prima di chiudere le trasmissioni voglio sapere chi è quello! (e indica Leon)

GIULIETTA, Già... anche io lo voglio sapere!

ROMEO, Io non ne so nulla!

MIMI',  (maliziosa) Io si! E' un affascinante pittore!

MADDALENA, Se è un pittore non lo so... in ogni caso è un nostro parente!

ALFONSO/GIULIETTA, Un parente? E da quando?

MADDALENA,  Si.. un parente.. e dalla nascita suppongo! Per essere precisi...  Alfonso.. è un tuo parente! Un discendente dal ramo francese!  Edoardo lo ha scovato su Facebook! Edoardo spiega bene tu!

LEON, (ironico)Si .. dai... ripeti un po' lo scioglilingua! (A un Edoardo restio, piano) Uguale.. se ci riesci! (poi forte, sempre ironico e indispettito) Su.. forza... rendi partecipi tutti noi di questa scoperta che hai fatto! Spiega a tutti chi sono io! (a Edoardo, piano) Codardo!

EDOARDO, (seppur restio, comincia piano come a ricordarsi, poi di nuovo velocemente) Si.. dunque.. ecco... lui è... Leon... il figlio della sorella della cugina della nipote della  zia materna  della nonna paterna che ha sposato il bisavolo francese nipote del nonno paterno della cognata che si chiamava Paulette, figlia a sua volta della bis-bis-prozia Jaqueline cugina in seconda.. no.. ehm... in terza … si.. in terza...  della madre del padre ... (affaticato)... della zia Gertrude!  

LEON,  Chiaro no?

TUTTI, (ironici, basiti) Chiarissimo!

LEON,   (piano a Edoardo) E lo ripeto... codardo!

ALFONSO, (a Mimì) Allora complimenti.. mia cara Mimì cherie! Con un mio parente.. sangue del mio sangue!

MADDALENA, (va da Alfonso, piano)  Ma si può sapere perchè parli così a tua .. nuora? Cosa è successo che io non so? Ricordati che Edoardo si può ingelosire!

GIULIETTA, (A Romeo) Complimenti anche a te .. caro il mio Rorò... con un mio parente.. sangue del mio sangue!  (sempre a Romeo) Ma sai che ti dico? Ti rendo pan per focaccia! Vedrai cosa succederà alla prima occasione che mi capita!

MADDALENA,  Ma insomma.. si può sapere di che state parlando? Tutti quanti? Mi sembrate tutti usciti fuori da un manicomio! O siete stati infettati da una strana malattia? Edoardo.. credo che le tue fantomatiche schifezzine non siano sparite del tutto da casa nostra!

Scena 17 (detti, Roy)

ROY, (entra in scena facendo trasalire tutti)  Scusate.. io.. avrei trovato la porta aperta!

ALFONSO/MADDALENA/EDOARDO/GIULIETTA/ROMEO, Roy!?!?! E tu che ci fai qui?

GIULIETTA, (al pubblico) Il mio ex pretendente? Qui?

ROY, (in tutta da meccanico e chiave inglese in mano) Mi risulta una chiamata … un .. disperato help... da questo palazzo! Chiamata urgente per uno.. speedy meccanico.. ed ecco qua.. il .. the best! Che abbiamo... Porsche .. Ferrari.. Maserati? I am ready! Sono pronto a tutto! Roy è sempre pronto a tutto!  (si comporta come un bullo)

MADDALENA,  (osservandolo un po' disgustata) Niente di tutto ciò... nessuno da qui ti ha chiamato!

(a turno anche gli altri diranno:  NO!)

ROMEO, (un po' ingelosito ed infastidito dalla sua presenza) Quindi.. puoi anche andare! La porta sai dov'è! Vai a trovarti chi ti ha chiamato! Forse il milionario del piano di sopra! Lui ha una Jaguar che è uno zucchero! Corri.. corri.. va da lui! Lì c'è pane per i tuoi denti! Imbullona e sbullona quanto ti pare!  (e praticamente lo spinge, fisicamente,  ad andarsene)

ROY, (entusiasmato) Wow! Allora corro!  Adoro le Jaguar!  (e sta per uscire)

GIULIETTA,  (che si è fatta venire un'idea) Perchè deve andare via?! (e rispingendolo dentro) Roy.. resta!

ROY, (quasi un po' dispiaciuto) Ma.. ma... e la Jaguar?

GIULIETTA,  (affrontando con lo sguardo Romeo) La Jaguar la smonti e la rimonti un altro giorno! Tu.. ora.. resti qui!

ROMEO,  No... la Jaguar la smonta e la rimonta.. ora! (E lo rispinge verso l'uscita) E poi … il tuo.. ex... io non lo voglio.. qui!

GIULIETTA, (ritirandolo verso dentro  di nuovo) Guarda caso.. io.. invece.. lo voglio.. qui! Vedi? Io l'ho chiamata ed è arrivata.. la mia occasione!  E' capitata ancor prima di quanto pensassi!

ROMEO, Cosa? Lui... la tua .. occasione? No .. mi dispiace.. non te lo permetterò! (e lo rispinge per uscire)

GIULIETTA,  Io non ho bisogno del tuo permesso! (E tirandolo in dentro) Roy.. resta! (il tira e molla continuerà ancora un po'.. fra il: Se ne va! di Romeo e il: Resta!  di Giulietta, tra lo sbuffare di tutti, fino a quando..)

MIMI',  (si avvicina ai due, sempre provocante , mentre Alfonso fa lo sguardo di chi dice: ma dove sta andando?) Come si dice: tra i due litiganti.. il terzo... gode! .. Ti prendo io .. Roy! Ti trovo così... irresistibile! Dallo .. sguardo.. assassino! (e gli si attacca addosso)

ROY, ( che non sembra affatto contrariato, anzi) Con questo terzo.. ci godo io! Eccome! My darling! My sexy darling!

ALFONSO,  (ingelosito e alterato) Cosa? Un altro ancora ? Mimì.. che stai facendo?

MADDALENA, (meravigliata, al marito) Perchè sei arrabbiato tu e non .. (indicando Edoardo)... lui? Lui avrebbe tutti i diritti di essere.. furioso.. e tu? Tu.. cosa c'entri? (e da qui in poi osserverà tutta la scena sempre più sbalordita e allarmata)

GIULIETTA, Anche io sono arrabbiata! Roy.. come ti puoi prendere quella? Sono io la tua... ex.. fiamma!

ROY,  Good! Hai detto bene.. ex! Ne è passata acqua sotto i ponti! E l'ha spenta.. la fiamma!  (fa il gesto di bagnarsi due dita con la saliva e di spegnere una fiamma, e fa anche il rumore con la bocca)

GIULIETTA,  Non ha importanza... io sono la tua ex ed ho il diritto di prelazione!

ROMEO,  Ma quale prelazione e prelazione! Tu sei … mia.. moglie! Non dimenticarlo! Anzi.. la prelazione.. è.. decisamente.. mia!

GIULIETTA,  No... io non sono più .. tua... moglie...  mi ritengo già divorziata! Causa... marito traditore!

ROMEO,  Cosa? Io mi ritengo già divorziato.. causa moglie in procinto di tradirmi con l'ex!

ALFONSO, (incurante di tutto) Avete ragione! Sono d'accordo con voi! (E quindi a Mimì) Mimì... la prima si può perdonare.. ma la seconda .. no! Dimenticati di me! Mi ritengo... libero... causa.. amante traditrice.. per ben due volte.. diciamo pure tre! (fa il gesto di due o tre  con le dita)

MADDALENA, (strasbalordita, resta muta, continuando senza accorgersene a dondolare il nipote)

MIMI',  (sempre frivola) No... io.. mi ritengo libera.. causa amante  assente e …. inconcludente!

EDOARDO, ( a Leon, alzandosi dal divano,  mani ai fianchi) Sai che ti dico? Anch'io mi ritengo libero.. causa.. fidanzato traditore!  E che diamine! (poi al padre)  E comunque ora ho capito! Traditore anche a te! Ho chiuso anche con te!

ALFONSO,  (al figlio)  Neanche tu scherzi però! (indicando Leon ma guardando Edoardo, sta sempre parlando con lui) Bugiardo e traditore anche tu!

LEON, (si alza di botto anche lui dal divano ) No... lo dico io che mi ritengo libero.. causa .. fidanzato traditore!

EDOARDO,  Cosa? Io non ho tradito nessuno!

ROMEO,  E neanche io ho tradito nessuno!

MIMI',  Se è per questo... neanche io ho tradito!

GIULIETTA,  E meno che mai io! La mia era solo un'ipotesi!

LEON, Figuriamoci io! E ora vorrei solo sapere .. sentiamo un po' … quello che hai il coraggio di dire (indicando Mimì e guardando Edoardo)  .. se non hai tradito nessuno... .. quella cos'è?

EDOARDO, Quella cosa?  Io dico.. (indicando Romeo e Mimì e guardando Leon) … e quelli?

ALFONSO, (indicando Leon, Roy e Romeo e guardando Mimì) Giusto... anche io voglio sapere .. e quelli? Non mi bastano neanche le braccia per indicare!

GIULIETTA, ( indicando Leon e guardando Romeo) E pure io dico... e quello?

ROMEO,  E invece io dico.. (indicando Roy e guardando Giulietta  ).. e lui?

TUTTI(tranne Maddalena e Alfonso), (in coro, guardando e affrontando il loro interlocutore) Io.. cosa?

(comincia una scena in cui tutti litigano con tutti, tranne Maddalena che li guarda allibita.  Si diranno frasi tipo: È colpa tua! Hai cominciato tu! Stai scherzando? Io non c'entro niente! Sei solo un bugiardo! Non ti permettere sai? Ma cosa pensavi di fare venendo qui? Ecc. su questo tono da far dire ai vari personaggi a scelta in una lite collettiva - e comunque scena a soggetto da rendere in forma comica -  se si vuole si può far ancora piangere il bambino, fino a quando... )

MADDALENA,  (dopo averli ascoltati sempre più a bocca aperta, scoppia) Bastaaaa!!!! Silenziooo!! (silenzio -  se il bambino piangeva far zittire anche lui -  tutti contriti mentre lei comincia a camminare tra di loro)  Quello.. quella.. quelli....    traditore di qua... traditore di là!!! Ma che vi prende a  tutti quanti oggi? Virus.. batteri... e schifezzine varie vi hanno infettato il cervello e non vi fanno ragionare?! Sicuro! Oddio.. parlo come mio figlio che è fissato con ste cose!  (li guarda tutti)  Ve lo dico io.. siete tutti bugiardi!   (Davanti Alfonso) Tu... per primo.. mascalzone! Infatti dico.. (indicando Mimì).. e quella? Eh.. uomo tutto d'un pezzo?

ALFONSO,  Uomo tutto d'un pezzo? Tu l'hai detto!

MADDALENA, (poi da Edoardo)  E tu per secondo.. canaglia! (E indicando Leon)... e quello? Eh.. libro aperto?

EDOARDO,  Libro aperto? Tu l'hai detto!

MADDALENA,  (poi, dopo una pausa di silenzio in cui guarda tutti, ancora dondolando il nipote, comincia a ridere come una matta , tanto che Giulietta si spaventa e gli prende il bambino dalle braccia )

ALFONSO,  Maddalena.. stai.. stai bene?

MADDALENA,  Io? Benissimo!  Benissimo! Mai stata meglio!! (e continua a ridere) D'altronde .. qual'è il problema? Che tutti mi avete preso per fessa? Uh.. e che sarà mai!! (ride)  Io mi sto divertendo un mondo!! Mi sembra di essere... a teatro! Una bella commedia degli equivoci! Sentite .. sentite cosa hanno sentito le mie orecchie .... vi faccio un bel riassunto! (teatrale con tono da sotterfugio) Un marito con l'amante! L'amante con due amanti.. anzi tre! Un figlio.. con una fidanzata.. e un .. (sottolineando) .. fidanzato!  Un  genero con un amante .. maschio! Il fidanzato-amante maschio con un amante maschio e una femmina! Una figlia che rivuole l'ex-pretendente! L'ex-pretendente che si piglia l'amante di questo e quello!  (prende fiato e teatrale .. ) … E che caos, ragazzi!  ( e trovandosi vicino al divano, all'improvviso, teatralissima,  urla e poi sviene... e tutti, tranne Edoardo, che, vedendola svenire, urlano e le vanno vicino.. chi si siede accanto a lei, chi dietro il divano, chi la chiama Maddalena, chi mamma, chi signora!)

EDOARDO, (piagnucolando) Ecco.. proprio come avevo immaginato! (poi, preoccupato,  corre pure lui verso la madre) Mamminaaaa!!!

MADDALENA, (si risveglia, rialza la testa) Che caos! (e risviene)

TUTTI(tranne Maddalena), (ripetono) Che caos! ( poi rimangono a guardare a bocca aperta verso il pubblico)

                                Fine

SANTINA (detta TITTY) GIANNINO (n° pos. SIAE 216044)

www.tittygiannino.jimdo.com

In caso di eventuale rappresentazione contattare l'autrice

e-mail: tittyg68@gmail.comsantina.giannino@hotmail.it

cell. 3343589590


[1]             Qualora la rappresentazione si svolgesse giusto in primavera, rendere così:

                ALFONSO,  Già .. e con l'equinozio di primavera arrivi tu con le tue fantasmagoriche pulizie domestiche!

                EDOARDO, Sii... inizia la mia caccia spietata a  germi e batteri che si annidano ovunque e vanno stanati fin nei punti più remoti della casa! E che diamine!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno