La favola dei saltimbanchi

Stampa questo copione

LA FAVOLA DEI SALTIMBANCHI

Adattamento e sceneggiatura a cura di Annamaria Guzzio

Dall’omonima fiaba di Michael Ende

Elenco partecipanti:

1.Liliana Ranzino                    Molly

2.Rossella Piro                         Marionetta

3.Antonella Di Pasquale         Meg

4.Antonella Sferrino               Betty

5.Gianluca La Grua                 Larry

6.Sabrina Di Pasquale             Etty

7.Luisa Minutella                    Priscilla

8.Giulia Failla                          Ballerinetta

9.Laura Visalli                         Eli

10.Alessandro Barbarotto         Mago

11.Gabriele Ippolito                  Clown

12.Giusi Ferraro                         Luna

13.Leonardo Sferruzza              Pagliaccio

14.Daniele Scialabba                 Bobo

15.Lisa Bonomo                        Lella

16.Vera Di Pasquale                  Lola

17.Eugenia Spallino                  Wilma

18.Domenico Cipolla                Joio

19.Manuela Prisinzano            Moira

20.Erika Fina                               Perla

21.Valeria Iuppa                      Leandra

22.Antonia Spallino                 Liz                             

Musicisti:

Mimma Prestianni          Tromba

Michele Mazzola            Sax contralto

Alessandro Barrovecchio Violino

Fabio Piro                        Trombone

Valentina Napoli              Clarinetto

Cettina Di Pasquale          Clarinetto

Valeria Di Martino           Flauto

Buonasera cari bambini, sì perché è a voi che è dedicato questo lavoro.

E buonasera a tutti quanti. I ragazzi della Matrice Nuova vogliono raccontarvi una storia liberamente tratta dall'opera di Michael Ende:

"LA FAVOLA DEI SALTIMBANCHI".

E dunque cominciamo:

"…c'era una volta, tanto tempo fa… oh, scusate, che sbadata, questa non è una fiaba d'altri tempi, questa si svolge nel mondo di oggi!

Ma, guardiamo la scenografia che hanno preparato i ragazzi, forse capiremo…

Un muro sbrecciato…una finestra da cui s' intravedono dei tetti…e sullo sfondo dei tubi, delle lamiere…siamo in un terreno industriale ai margini di una città.

 Ma guardate, vedo la sagoma di un carrozzone; mi sembra un po' malandato…tante povere cose…e più in là un tendone…ma sì, si tratta proprio di un Circo!

Certo, a guardare bene il tutto non dev'essere un grande Circo, ma uno piccolo, misero come quelli che si accampano a volte anche alla periferia del nostro paese.

In questo Circo vive una comunità di artisti; la loro è una vita dura, piena di stenti…

Qualche tempo fa hanno accolto nella loro famiglia una bimba scampata ad una catastrofe ecologica, come quelle che si leggono sempre più spesso nei giornali; l'hanno raccolta mezza morta dopo una strana pioggia che aveva accartocciato le foglie degli alberi e provocato la morte di tanti animali.

 La piccola è una bimba un po' strana, diversa, ma tutti le vogliono un gran bene…

E' una sera d'inverno, nel cuore dei nostri artisti c'è una grande angoscia: proprio stamattina hanno ricevuto l'ordine di togliere le tende e andarsene poiché domani in questo terreno inizieranno i lavori di costruzione di una grande fabbrica di prodotti chimici…Joio, il capo dei clown, è andato a parlare con il direttore della fabbrica, per cercare di convincerlo a ritardare i lavori…ci riuscirà?

Ma, ascoltate, bambini, dal tendone provengono… rumori… e suoni… i nostri artisti stanno terminando il loro quotidiano spettacolo….

V.f.c.:

"Signori e signore….il Circo!…Lo spettacolo più antico del mondo!

Il Circo è fantasia, il Circo è gioia ed allegria!

Bambini, sono qui per voi gli artisti del Circo:

 L'uomo sul filo e la sua ballerinetta!

I pagliacci Bobo, Liz e Moira!

Il clown Pippo con la sua Marionetta!

 Le famose acrobate Molly e Priscilla!

Larry, l'uomo più forte del mondo!

Il celeberrimo Mago con i suoi giochi di prestigio!

I pagliacci Bobo, Liz e Moira!

 Lola e i suoi elefanti!

I nostri famosi cavalli arabi con la loro domatrice Wilma!

 Dumbo e la sua Etty!

Il famosissimo clown Joio e la piccola Eli con il suo pappagallino che legge la fortuna!

E infine l'orchestrina dei "Picchiatelli"!

Bambini, il Circo è per voi!

Ritornate a godere un momento di gioia semplice!

Il Circo è fantasia, il Circo è gioia ed allegria!"

Sfuma la musica insieme agli applausi. Cominciano ad entrare in scena i musicisti, come se venissero dallo spettacolo. Sono stanchi e tristi.


-Anche stasera ce l'abbiamo fatta.

-E' stata dura, però…

-Ormai al Circo non viene quasi più nessuno…

-Se non fosse per i bambini…avrei quasi voglia di cambiare mestiere…ma quando vedo la gioia negli occhi dei piccoli, dimentico tutto…

-Ma… forza, ragazzi,facciamo un po' di musica, prima che vendano gli altri.

I musicisti si siedono e cominciano a suonare, A poco a poco entrano gli

artisti del circo, tutti miseramente vestiti e infreddoliti;alcuni si esercitano nei loro numeri, altri riparano i loro costumi o le scarpe, qualcuno lava e stende miseri indumenti su cordini improvvisati, ma tutto silenziosamente, come mimando. In sottofondo una musica malinconica.Sono tutti visibilmente malandati e poveri.

In primo piano la piccola Eli, vestita di un abitino bianco sporco e lacero,sta come assorta e lontana da tutti gli altri.

.


Pippo:

Si sta facendo buio.

Lola:

E freddo.

Wilma:

Non è più il caso di aspettarlo.

Mago:

No, ora non viene più di sicuro.

Bux:

Questo non me lo sarei aspettato da lui, non stavolta.

Marionetta:

Io sì. E' capace di questo ed altro!

Tom:

Tieni la bocca chiusa, stupidella!

Eli (come risvegliandosi):

Joio viene: Eli è sicura. Joio è bravo.

Meg:

Già, già.Joio è bravo! Ma quante volte ci è toccato dare spettacolo senza di lui, perché improvvisamente era andato disperso!

Il poveraccio capita sempre in osterie che hanno solo l'ingresso, ma non l'uscita - così dice lui.

Betty:

Oggi non può succedere.

Larry:

Perché no?

Marionetta:

Oggi non c'è spettacolo, eh,eh,eh!

Priscilla:

Ah, lascia perdere gli scherzi, nessuno di noi ne ha voglia…

Perla:

Intanto è quasi notte…

Etty:

Forse non ha ottenuto nulla da quelli là.

Moira:

Forse si vergogna e non si sente di dircelo.

Luna:

Già, a volte è molto delicato.

Lella:

Che finora non torni, però, può anche significare che non si è ancora arreso.

Liz:

 Forse vede ancora qualche speranza!

Pippo:

Ed io scommetto un sacco pieno di soldi che ci ha piantati in asso!

Marionetta:

Eh,eh, avete sentito? Pippo scommette un sacco pieno di soldi, eh,eh,eh!

Luna:

Chiudi il becco una buona volta, altrimenti finisci dentro il baule!

Marionetta (canticchiando):

In un battibecco

Dice Chicco a Checco:

chiudi il becco, chiudi il becco!

E lo fa secco con il suo stecco!

Nel baule no, vi prego, starò zitta, per favore!

Lola:

Ma….sentite un po'…e se lo avessero addirittura…trattenuto?

Bobo:

Messo dentro? E perché mai?

Perla:

Perché dici così,Lola?

 

Liz:

Forse c'è qualche legge che abbiamo violato. Voglio dire, per il fatto di essere ancora qui…

Moira:

Forse stasera vengono a prenderci tutti quanti….

Lella:

Oh, per me…almeno finiremmo al caldo!

Eli:

Eli è brava…Eli non ha fatto niente…Tutti siete bravi….

Molly:

Ma certo, Eli. Non devi aver paura…Lola ha solo scherzato.

Bobo:

Nessuno ci farà niente!

Nick:

Stai tranquilla, Eli, ti vogliamo bene!

Wilma:

Avremmo dovuto mandare uno capace di fare un discorso serio con la gente.

Mago:

Joio è fra tutti quello capace di parlare meglio, questo è sicuro.

Ballerinetta:

Già, di far ridere i bambini, ecco di cosa è capace.

Wilma:

Ma in questo caso non servirà a molto.

Pippo:

Abbiamo votato tutti per lui; anche tu, Wilma.

Marionetta :

Anch'io!

Bobo:

Anch'io!

Luna:

Anch'io!

Larry:

Anch'io!

Moira: Anch'io!

Perla:

Siamo stati tutti d'accordo!

Meg:

Per come lo conosco, si è sicuramente comportato male: Quelli là hanno sempre il sospetto che ci si voglia burlare di loro.

Eli:

Meg non deve aver paura. Neanche Eli ha paura.

Lella:

Che cosa si può mai ottenere? In fondo non cambia proprio nulla, lo sapete anche voi. Che ci caccino via domani o fra qualche giorno - siamo al capolinea, e al capolinea si scende!

Luna:

Dal momento che i creditori si sono portati via anche  i nostri animali che cosa può ottenere Joio da quelli della fabbrica?

Liz:

Che rimandino i lavori solo perche abbiamo qui i nostri carrozzoni?

E poi dentro non c'è più niente..già da un pezzo ci hanno portato via tutto quanto…

Meg:

Io l'avevo capito chiaramente fin due mesi fa, da quando abbiamo dovuto impegnare il tendone e i costumi più belli per poter comprare da mangiare per i nostri animali…

Liz:

Quando un circo arriva a impegnare il tendone…

Mago:

Signori e signore, lo spettacolo è finito…!

Tom:

Tutto è cominciato molto prima…

Wilma:

Già, tre anni fa…come oggi, esattamente il giorno che abbiamo trovato nel fango Eli, dopo quella strana pioggia che aveva ingiallito tutti gli alberi e le piante…

Ballerinetta:

…a poco a poco le cose cominciarono ad andar male…

Luna:

…prima si è ammalato Nick…

Pippo:

Poi c'è stato l'infortunio di Carlo, il nostro trapezista…

Lella:

…e l'anno dopo Leo e la sua famiglia ci hanno lasciati…

Priscilla:

…da quello strano giorno tutto ci è andato storto…

Meg:

Ma non potevamo lasciare la bambina in quel fossato. Eli era gravemente malata, sarebbe morta.

Larry:

Eli non ha colpa, di sicuro!

Wilma:

Colpa? E chi parla di colpa, nessuno! E' che quella strana pioggia gialla ci ha portato sfortuna!

Molly:  Sss… abbassate la voce, lei ci sente!

Clown:

E poi questi discorsi proprio oggi che avevamo deciso di festeggiare il suo ritrovamento non vanno bene!

Bobo:

E' vero! Non è giusto!

Lola:

Anche se abbiamo tanta tristezza nel cuore, oggi dobbiamo sforzarci di essere allegri, per lei!

Eli:

Eli è brava, è brava, vero? Tutti sono bravi….

Moira:

Sì, Eli, tu sei brava ed anche tutti gli altri, stai tranquilla!

Marionetta:

Eli è brava, è brava!

Perla:

Non aver paura, Eli!

Pippo:

E se provassimo di nuovo a rivolgerci ad un grande circo? Forse ce n'è uno che può aver bisogno di noi!

Nick:

Tutti insieme?

Pippo:

Tutti o nessuno. Eravamo d'accordo così. Di restare insieme in ogni caso.

Mago:

E' giusto, non dobbiamo separarci!

Betty:  Siamo… una famiglia, anche se numerosa!

Etty:

Ma ai cinque circhi più grandi avevi già chiesto e non ci hanno voluti!

Tom:

Forse ce ne sono anche degli altri!

Wilma:

Non facciamoci troppe illusioni! La verità è… che non siamo abbastanza bravi.

Oggigiorno devi offrire numeri mondiali, altrimenti non hai la minima possibilità di successo

Lella:

Eh, già, il pubblico non è più come una volta…neanche i bambini…

Qualsiasi cosa l'hanno già vista in televisione e mille volte meglio…

Pippo:

La gente non sorride più tanto facilmente…forse avrà troppe preoccupazioni…o troppa fretta…

Luna:

…forse avrà perso la gioia…

Priscilla:

…forse avrà perso un po' di cuore…

Marionetta:

Anche noi abbiamo perso il cuore?

Larry:

Un pochino…

Marionetta:

Allora preferisco scappare!

Pippo:

Sta calma, piccola mia, senza di noi non te ne andrai!

Eli:

Arriva Joio! Sta arrivando Joio! Joio! Joio! Eli ha aspettato tanto!

(entra Joio.Ha l'aria stanca e afflitta.)

Pippo:

Allora,Joio? Su, racconta!

Mago:

Hai ottenuto qualcosa, Joio?

Joio:

…Si…no…

Clown:

Joio, non fare il buffone!

Ballerinetta:

Che cosa hai fatto, Joio?

Bobo:

Perché ci hai messo tanto a tornare?

Joio:

Perché…perché…dunque, un momento fa lo sapevo! Ve l'assicuro! Dev'essermi sfuggito proprio dal cervello!

Larry:

Smettila di scherzare, Joio!

Wilma:

Avete visto, che vi dicevo io? E' un buono a nulla!

Pippo:

Allora è stato tutto inutile? Rispondi!

Marionetta:  Certi denti hanno quelli là! Certi denti…! Mi fanno paura!

Liz:

Ma che stai dicendo, piccola?

Lella:

Di chi stai parlando?

Marionetta:

Di quei mostri… laggiù…sono draghi!

Ballerinetta:

E' vero, li ho visti anch'io, sono grandissimi!

Perla:

Hanno delle braccia enormi…!

Molly:

E delle mani gigantesche…!

Mago:

Ma di che diavolo state parlando?

Bobo:

Di quei mostri…laggiù…li vedi?

Mago:

Ma non sono mostri, ragazzi,sono macchine edili!

Betty:

E quell'animale dal collo così lungo?

Meg:

State tranquilli, è solo una gru!

Luna:

E quella bocca spaventosa a chi appartiene?

Clown:

Non aver paura, è una ruspa.

Marionetta:

Stanno lì e aspettano.

Ballerinetta:

Aspettano noi.

Moira:

Ma non dire sciocchezze, perché proprio noi?

Nick:

Aspettano che ce ne andiamo, per iniziare i lavori della fabbrica.

Tom:

Forse ci cacceranno con le ruspe!

Priscilla:

Ma cosa dici, siamo in un paese civile!

Joio:

Alt! Ci sono! Adesso mi ricordo! Sapete cosa ho fatto? Pena! Sì, proprio pena! E molta, anche!

Liz:

A chi hai fatto pena, Joio?

Joio:  A tutti!

Pippo:  E cos'altro hai fatto?

Joio:  Ho parlato con l'illustrissima Direzione Generale in persona.

Lola:  Con la Direzione Generale di quella fabbrica lì?

Joio:  Sissignore, in persona. Faccia a faccia. Lei di qua, io di là.

Tom:  Davvero?

Joio:  Proprio così. E sapete che mi ha detto la Direzione Generale in persona? Mi ha detto che le dispiace, le dispiace molto, moltissimo, personalmente.

Liz: 

Che cosa le dispiace personalmente, Joio?

Joio:  Che sia già tutto stabilito e che neppure lei possa più farci nulla.

Ballerinetta:  Ma io non ho capito niente, spiegami ,per favore, Joio!

Joio:  Ascolta, piccola, e anche voi: Qui dove siamo noi il complesso chimico costruirà un nuovo capannone industriale. Domattina cominceranno i lavori.Qui tutto verrà sbancato, sterrato, rivoltato, spianato,livellato.

Marionetta:

Anche noi verremo sbancati, sterrati, rivoltati, spianati, livellati?

Joio:  Naturalmente sì, se saremo ancora tra i piedi, Ma certamente abbiamo tempo sino a domattina per andarcene.

Bobo:  E dove?

Joio:  Vedi, è proprio la stessa domanda che ho fatto anch'io alla Direzione Generale in persona.

Molly:

E lei cosa ti ha risposto?

Joio:

Oh, ma tu non hai un briciolo di memoria! Che le dispiace!

Pippo:

Allora siamo proprio spacciati. E' finita.

Lola:

Ma non è possibile, Joio,!

Liz:

 Davvero non ti hanno detto proprio nient'altro?

Joio:

Sì, invece, aspetta che ora ricordo: Cos'era? Ah, sì, che vogliono ingaggiarci.

Luna:

Tutti insieme?

Joio: Tutti insieme.

Wilma:  E lo dici solo ora?

Pippo:  Ma come ci vogliono ingaggiare?

Joio:  Come circo pubblicitario: ecco qui il contratto. Dobbiamo solo firmare. Ci mandano i carrozzoni nuovi, e nuovi costumi, e tutto nuovo. Anche tanti nuovi numeri. Quelli li escogita per noi l'ufficio pubblicità.

Naturalmente, anche un nuovo nome. Il nostro circo avrà il nome della ditta.

Lella:  Ragazzi, ma è magnifico!

Meg:  Prodigi e miracoli avvengono ancora!

(tutti applaudono, gridando "evviva!)

Pippo:  Ma noi cosa dobbiamo fare in cambio?

Joio:  Andare in giro facendo pubblicità ai prodotti della ditta: Appariremo anche in televisione.

Ballerinetta:  In televisione?

Tom: Dici davvero?

Nick: Diventeremo famosi!

Priscilla: Diventeremo ricchi, finalmente!

Clown:  E potremo comperarci degli animali veri, senza aver il problema di mantenerli!

Lella:Finalmente potremo far curare Eli!

Pippo:  Bene, sono proprio contento! Prendi il contratto, Joio,saranno necessarie le firme di tutti. Qualcuno ha obiezioni?

Joio:  Io, prego!

Wilma:  Naturalmente, lui!

Liz:

 Ma cosa c'è da pensarci su?

Mago:  Parla dunque, Joio!

Joio:  La signora Direzione Generale in persona pone solo una piccola condizione.

Larry:  Quale?

Joio: Dobbiamo separarci da Eli.

Lola: Da Eli? E perché mai?

Joio: Pare…che non faccia una buona impressione…avere con noi…una bimba…così…

Noi dobbiamo ottenere fiducia per i loro prodotti chimici, dice la signora Direzione Generale…

Larry:  …in persona..

Joio: dobbiamo dimostrare alla gente com'è innocua e utile la roba che la ditta produce e vende.

Una bimba…così…potrebbe far venire alla gente certe idee…sbagliate…

E questo loro non lo vogliono.

Priscilla: E che ne sarà allora della piccola Eli?

Joio:  Oh, non dobbiamo preoccuparci, dice la signora Direzione Generale…

Larry:..in persona…

Joio:  La ditta sovvenziona un Istituto per bambini come lei. Tutto secondo i più moderni ritrovati della Scienza. Attrezzature favolose, medici favolosi, assistenza favolosa. Tutto favolosamente scientifico.

E' lì che vogliono sistemare Eli.

(tutti si guardano, incerti)

Wilma:  Be', ma allora è tutto a posto, no? Lì è sicuramente in buone mani, meglio che qui da noi. Cosa ne dici, Eli? Ti piacerebbe andare in un bel collegio, dove forse guarirai e imparerai un mucchio di belle cose?

Eli (guardando tutti, smarrita):

Eli è brava,vero? Tutti voi siete bravi, vero?

Joio:

Lo sapete tutti che io sono stupido, troppo stupido per certe cose.Dobbiamo decidere tutti insieme, Abbiamo tempo fino a domattina.
Però mi è venuta in mente un'altra cosa. Forse è una stupidaggine,ma…

Vi ricordate cos'è successo tre anni fa, come oggi? Eravamo capitati in una zona come questa, e…improvvisamente…c'era un odore così strano…

Priscilla:

…nel cielo c'erano delle grosse nuvole gialle…

Lella:

…e l'aria era come…irrespirabile…

Liz:

…tutto era avvolto da una strana nebbia…

Wilma:

…ad un tratto cominciò a piovere…

Lola:

…e gli alberi diventarono tutti gialli…

Mago:…con le foglie accartocciate…

Meg:

…l'aria era sempre più pesante…

Etty:

…facevamo fatica a respirare…

Pippo:

…per strada cominciammo a vedere cani e gatti e polli che si accasciavano…

Luna:

…la gente cominciò a fuggire da tutte le parti…

Lola:

…mentre l'erba continuava a seccare intorno a noi.

Moira:

Dopo, i giornali dissero che era stata una nube tossica.

Molly:

Fu allora che Nick cadde ammalato.

Marionetta:

Ed io cominciai ad avere quella brutta tosse, così: Ehh,ehh…

Betty:

E fu allora che trovammo Eli che si trascinava in quel fossato lungo la strada.

Ballerinetta:

Era mezza morta dalla paura e non ricordava nulla.

Larry:

Non riusciva a parlare, ci guardava con gli occhi grandi grandi…

Perla:

Faceva tanta pena…

Tom:

Aveva tanto freddo…

Pippo:

Sì, c'era stata una catastrofe ecologica provocata da un guasto in una fabbrica vicina. Ma perché ricordi questa storia?

Joio:

Quella fabbrica appartiene alla stessa ditta che ci ha fatto la proposta di ingaggiarci. E producono la stessa roba. E a quella roba  noi dovremmo fare la pubblicità, separandoci da Eli.

Eli:

Perché nessuno parla? Eli è brava, vero? Tutti sono bravi, vero?

(tutti tacciono, afflitti)

Marionetta:

Sì, Eli è brava, è brava!

Ballerinetta:

Oggi fanno tre anni che in un fosso, bimba ti abbiamo rivenuta.

Bobo:

Eri infangata, sfinita, svenuta,

Larry:

mezza morta, bagnata fino all'osso,

Betty:

un gattino annegato e niente più!

Meg:

Ti portammo in quel carro che tu vedi

Molly:

e in pochi giorni ti rimettemmo in piedi,

Tom:

e da allora con noi ci sei anche tu!

Etty:

Oggi siamo qui per festeggiarti!

Mago:

per settimane cercammo un lavoretto da insegnarti

Nick:

perché potessi guadagnarti il pane.

Marionetta:

Ma tu eri proprio un'imbranata

Clown:

non eri né funambola, né trapezista,

Luna:

né giocoliera, né equilibrista.

Lella:

Ma in cuor nostro ti avevamo già adottata

Marionetta:

E dunque oramai eravamo in ballo!

Wilma:

Ci venne in mente a furia di pensare…

Liz:

 il nostro vecchio pappagallo,

Bobo:

che purtroppo non voleva più parlare.

Lola:

Fabbricammo per te quel cassoncino

Perla:

che riempimmo di biglietti colorati.

Moira:

Per un po' di speranza ognuno aspira a fama… amore..

Liz:

..- un futuro più bello..

Larry:

 si sborsa volentieri qualche lira, e si compra la sorte

Tom:  da un uccello!

Pippo:

Quel che incassate non rinsangua, dunque,la nostra cassa vuota, puoi giurarci

Priscilla:

ma per voi due basta comunque, così non vi succede di pesarci.

Ballerinetta:

E non dovete ringraziarci!

Etty:

Tocca a noi, invece, ringraziarti di qualcosa: di essere rimasta qui con noi.

Meg:

Noi eravamo gente sfiduciata…

Leandra: senza stima di sé..

Bobo: senza speranza…

Lella:

Ma il modo in cui ci guardi ci ha ridato nuova luce…

Liz:… vorrei dire importanza..

Tom:

Come se il nostro spettacolo cencioso

Betty:

valesse più dei soldi del biglietto

Priscilla:

quasi avesse sul mondo un certo effetto

Pippo:

proprio perché è qualcosa di infruttuoso..

Larry:

Poiché non ci sai dire chi eri,

Nick:  da dove vieni,

Perla:

in che giorno sei nata,

Mago:

siccome preferisci far misteri…

Liz:

abbiamo scelto appunto questa data per poterti degnamente festeggiare!

Clown:

Ma tutto quello che ti possiamo dare è qualcosa da metter sotto i denti! (le dà una pagnottella)

Pippo:

Improvvisiamo per questa occasione uno spettacolo straordinario!

Wilma:

E non importa se non abbiamo più i nostri animali, abbiamo sempre la nostra fantasia!

Lella:

E non importa se i nostri costumi sono laceri, abbiamo sempre la nostra allegria!

Gli artisti eseguono i loro numeri intorno ad Eli che, estasiata, mangia la sua pagnottella. Poi, pian piano,si siedono tristemente per terra e si addormentano, tranne Eli e Joio. Lentamente si fa giorno.

Eli:

La speranza mi abbandona piano piano

Sono stanca, mi fermo, e dove potrei andare?

Chi ha un cuore tutto il mondo saprà amare,

ma che amerà chi l'amore ha atteso invano?

Joio, mi canti una canzone?

Joio:

Sì, bimba, volentieri, ma sai che ne conosco solo una…

Eli:

Sì, ma nessuno la canta come te. Mi rende triste e anche felice…

Joio:

Eli, non posso proprio, stasera.

Ho il cuore come intorpidito

E non sa ricordare.

Il nodo che l'ha ammutolito

Non lo posso allentare.

E' stato il male ad annodarlo,

nessuno al mondo potrà slegarlo.

Eli:

Io posso! Lo scioglierò io!

E' semplice la cura:

non devi aver paura.

Su, lascia che ti tocchi il cuore,

svaniscono il buio e l'oblio

se amore desta amore.

(Eli tocca il cuore di Joio e poi via via quello di tutti gli altri.Tutti si prendono per mano e iniziano una lieve danza intorno ad Eli.Joio tira fuori dalla tasca il contratto e se lo passano tutti di mano, fino ad arrivare a Wilma che lo strappa in tanti pezzetti e lo butta nel fuoco.)

Joio:

Ora il mio cuore s'è allentato,

ora ritrovo la mia allegria,

nessuno al mondo avrà mai comprato

i sogni, i sentimenti, la fantasia!

Lella:

Anche se poveri, laceri,affamati

Portiamo i cenci con dignità

Liz:

Nessun potente ci avrà privati

Della ricchezza della bontà

Etty:

Su, riprendiamo lesti la via

Andiamo incontro al nostro domani

Mago:

donando al mondo un po' d'allegria

stringiamo forte le nostre mani!

Eli:

E a voi che siete stati spettatori

Del nostro piccolissimo lavoro

Chiediamo di portar nei vostri cuori

Il nostro augurio e di farne tesoro:

donate nella vita a piene mani

senza rimpianti  e malinconia

e troverete nel vostro domani

un universo pieno di armonia

Tutti:

in cui potremo cantar come fratelli

il canto dolce della libertà

ci aspetteranno i giorni più belli

di questa rinnovata umanità!


Signori e signore… il Circo! Lo spettacolo più antico del mondo!

Il Circo è fantasia, il Circo è gioia…è allegria!

Bambini, sono stati con voi gli artisti del Circo:

Pippo e la sua marionetta!

I pagliacci Bobo e Moira!

Larry, l'uomo più forte del mondo e il celeberrimo Mago con i suoi giochi di prestigio!

Lola e i suoi elefanti!

I nostri famosi cavalli arabi e la loro domatrice Wilma!

L'elefantino Dumbo con Etty e la sua ballerinetta!

Il famosissimo clown Joio e la piccola Eli con il pappagallino che legge la fortuna!

Le famose acrobate Molly e Priscilla!

E infine l'orchestrina dei "Picchiatelli"!

Bambini, il Circo è per voi! Il Circo è libertà, il Circo è fantasia, il Circo è gioia…è allegria!

 

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 118 volte nell' arco di un'anno