La finta pazza

Stampa questo copione

La finta pazza

Comedia in due atti

di

Agatino Sozzi

1821

Attori

Babbeo, ricco mercante padre di

Fosforina

Zolfinella, Cameriera

Fanfano, Abbate di buon cuore amico diBabbeo, e             

                                 precettore di Fosforina

Palladio, giovine brillante amante di Fosforina

Fapresto, Servo di Babbeo sprepositato Siciliano

La scena è in casa di Babbeo

Atto primo

Scena 1a

Zolfinella, e Palladio

Pall: Subbito, spicciati…..

Zolf: Voi…..ma,….non dubitate…..qualch’uno ci potrebbe…..voi, mi capite?….no..

Pall: Si tratta morir di spasimo   Spiegati..

Zolf: Voi mi precipitate…sicuro,…la padroncina…Babbeo…l’Abbate, il mio onore, la mia….avete capito? ma…

Pall: Parlasti?…parla…

Zolf: Sì; ma voi….si…andate…

Pall: La risposta!…

Zolf: Non dubitate….l’ho io…voi…non l’ha scritta….la scrisse….Oh dio, vengono..

Pall: Ma chi…

Zolf: Voi…no..addio…[via]

Pall: Oh bella! che diamine ha detto non intendo! questa mi ha fatto impazzire, e poi mi son messo in appreenzione, ne sò a che cosa pensare! ma sento che a questa volta viene una donna…sì…è dessa..la mia cara Fosforina

___________  

Scena 2a

Fosforina e detto

Pallad: Cara, e fia possibile che neppure un momento possiamo stare per concertare qualche stratagemma per dissuadere Vostro Padre a non far concludere questo matrimonio con Falloppio, con questo tangaro sucido, e rozzo?

Fosf: Ah Caro Palladio – Noi siam perduti, e perduti per sempre  mio Padre – voi non conoscete! se si pianta una cosa in capo, non vi è mezzo che alcuno gliela possa cavare. Questo matrimonio si farà per via di procura, e lo sposo – sarà fra giorni a rilevarmi di casa, mio Padre lo stima degno della mia mano, ed io son disperata, vi priego Caro, ad allontanarvi pria che sul mio Capo piombi una catasta di sciagure, sì allontanatevi se mi amate…

Pall: E dovrò abbandonar per sempre l’idol mio, l’unico oggetto ch’io sospiro, e voi lo volete, io sì, mi allontanerò, ma non direte ch’io sopravivi a colpo sì atroce e intolerabbile! morirò, d’affanno, e se nò, un veleno, uno stile, una Pistola mi leverà di crucia!

Fosf: Ingrato! e disperate che tal cosa non possa riuscire contraria? non siete del gran mondo ancor pratico tanto quanto possiate trovar rimedio a un tanto affare che tanto a voi tocca, è a me costerebbe la vita, o in contrario la morte! ecco Zolfinella.

___________

Scena 3a

Zolfinella, e detti

Zolf: Sia lodato il Cielo, il Padrone è sortito di casa – Siam soli – orsù cosa si tratta, che vedo che tutti eddue siete come spettri, e come cera posta al Sole – amore, amore sì amore n’è la causa, ma vi compatisco carini – è amore una brutta malattia, ma però immobili vi state? sù dite cosa vi accadde?

Fosf: Cara mia Zolfinella, siamo entrambi nelle tue mani assistici, consigliaci

Pallad: Sì cara aggevola la nostra sorte.

Zolf: Che!..sarò io qualche presidente di parlamento? ma per non dirsi ch’io non voglio dir nulla vi consulterei di Voi – Voi parlare al Signor Babbeo, e dè fatta ogni cosa –

Pall: ma se Babbeo l’ha di già compromessa a Falloppio, il consiglio non va a proposito

Fosf: E fra giorni si conchiuderà ch’è la peggio

Pall: senti Zolfinella….si conchiuderà e noi come faremo?

Zolf: [mi voglio a loro costo divertire] da parte    Su gli ultimi perigli non vanno consigli Servitevi della vostra prudenza

Fosf: Come sarebbe?

Pall: Vale a dire?

Zolf: Se la volete potete…

Fosf: Spiegati….

Pall: Non comprendo

Zolf: La domanderete a Babbeo, e se Babbeo non ve la dasse ve la prendete voi..

Fosf: bel consiglio indiscreto

Pall: Ciò non permetterò

Zolf: dunque non la volete

Pall: ma non è un buon consiglio quello che si fa facile per formare un delitto

Fosf: Io mi confondo.

Pall: Io tremo…

Zolf: Scaldatevi se non lo siete abbastanza, io però lo metterei in esecuzione, e con facilità – sapete?

Fosf: Tu – già si sà che tieni mille diavoli in corpo, e saresti capace di rivoltare a voglia tua tutto l’universo –

Zolf: quanto siete sciocchi, e voi Signor Palladio che avete di già finiti i vostri studj nel Collegio Nazareno, così di legieri vi confondete a speculare una cosa, che la Natura ispira a tutti in un momento?

Pall: ma tu sai che il medico ha di bisogno un altro medico per farsi Curare e nella Causa propria advocatum quere

Zolf: Io non sò ne di avvocatura, ne di quere, ma solo sò che chi vuole andi, chi non vuole mandi, e questo è segno che il vostro amore non è sincero come lo vantate

Fosf: Non l’offendere per carità

Pall: Ella ha raggione, ma se io fussi lei, e lei io, si parlerebbe diversamente, ma guai a chi si trova unto di questa Pece –

Zolf: Vi date per vinto, Signor Palladio?

Pall: Sì – Cedo alla tua penetrazione

Zolf: E Voi Signorina

Fosf: Ti cedo anch’io, e mi rimetto a te

Zolf: Allegramente! date a me il vanto pur che ambi eseguite ciò che stò per proponere..Voi [a Fosforina] d’ora innanti incomincerete a fingervi pazza, ma che ogniun lo creda = che poi nelle retro stanze, vi darò una migliore lezione. Voi – [a Palladio] procurerete un abito di Medico bolognese, e così vestito vi porterete al Caffè dell’americano, sarete chiamato, e vi dettaglierò minutamente di ciò che dovete fare. andate, qui non venite più sino ch’io non ve lo prevenghi

Pall: Anderò – Addio Cara….

Fosf: Addio – voi

Zolf: Andate, correte senza bemolli e cerimonie in erba –

Pall: [via]

Zolf: Andiamo [viano]

_____________    

Scena 4a

Fapresto con sporta indi Fanfano

Fapr: Ora chistu è rumpimentu di dda cosa   ora ccà, ora ddà, e stu maluratu Faprestu àvi a ghiri comu lu chiddu dichiara? Stamatina appi li dinari di la spisa e lu Patruni vulia accattatu lu mirruzzu – ed iu ci purtavi sti Vopi,…..mancu un gammaru cc’era a la chiazza. ci accattavi favi a tri vintini e menza, dudici Panelli, sei Carduni, e n’apocu di Cavuliceddi Caudi, si li voli va beni, e si nu li voli mi li guttulju iu, ca pitittu nun mi nn’ammanca, ca nn’aiu pri mia, e pri Nautri quaranta, tantu pri tantu la Signurina avi la strunzioni a lu nasu, lu me patruni pistiannusi la Suppa attuppa, - l’Abbati….Oh diascacci! l’abbati jetta chiummu a S. Giuvanni, e lu manciari l’agghiommara o Cottu o Crudu, o pulitu, o porcu…..ma nunn ‘mporta l’addubbu a Favi c’abbutta: ma a la Signurina ci vurria accattari nà cusuzza pitittusa; idda ‘ncrina cu li stighioli; ora lassu sti cosi ccà e vaju accattariccila. [va e s’accorge di Fanfano]

E’ ccà iddu lu spitittatu, binidiciti –

Fanf: Che vi è di bello in quel paniero?

Fapr: Ero….[fa l’eco]

Fanf: qual pietanza bella?

Fapres: Ella…Ella ca ti lu vitti!

Fanf: Tu sei pazzo…

Fapr: Azzo….

Fanf: vedesti la Signorina  poltrone?

Fapr: One….

Fanf: ve che ti batto

Fapr: Vossia parra Cummia?

Fanf: vedesti, dissi la Signorina?

Fapr: Non Signuri

Fanf: Babbeo?

Fapr: Non Signuri

Fanf: Sei venuto ora

Fapres: Sissignuri!

Fanf: Cosa porti in quella Cesta?

Fapr: Panaru Signuri, nun è ‘mmesta

Fanf: Cosa contiene a parte intus?

Fapr: Vossia nun dici mali paroli   vossia sapi!

Fanf: questa è la spesa?

Fapr: la spisa

Fanf: Mostramela

Fapr: E pirchì ci l’haju a mustrari?

Fanf: Per curiosità

Fapres: La Curiusità è piccatu

Fanf:  [prende il paniere a forza]

Fapr: Vossia lassa stari ca cruda è

Fanf: [prende delle fave e l’assagia] quanto son belli! come si chiamano questi

Fapr: Cunfetti di bancareddu

Fanf: mi gradano molto, a quanto la libra?

Fapr: a muzzu, e a cuntu vannu, nun vannu a livra

Fanf: Come ti venne in mente a comprare questo angelico cibo?

Fapr: ad accattari sti cosi ci voli un gustu particulari, e nun è di tutti sapirli accattari

Fanf: e quella cosa cos’è? [li panelli]

Fapr: chistu è lu terzu piattu

Fanf: [l’assagia] Oh – saporitissimo cibo!

Fapr: a vossia ci piacinu

Fanf: è robba Cotta….

Fapr: Cuttissima.

Fanf: a quanto costa la Canna

Fapr: chista a quartunni si vinni

Fanf: è bella pietanza

Fapr: Vossia a chiddu chi vju nun ha ghiutu pri matina – po’ sputari nà pitinia?

Fanf: questa mattina assageremo cose dilicate

Fapr: cioè ha assagiatu, pirchì a cca nautru pizzuddu spiriscinu tutti cosi, e nun ccè piriculu di lavari piatta. Supra tuttu vossia nun tasta tantu ca all’urtimu palichi nu nn’aju. [cerca di calar la spesa]

Fanf: quella è verdura?

Fapr: E’ virdura…

Fanf: Lascia vedere…

Fapr: Nu lu dicu iu ca la cosa avi a finiri in gruu!

Fanf: Non ti opporre ai miei umori, lascia quanto assagio queste cose [le prende una fascia di verdura]

Fapres: E vossia si guttulia tutti cosi e si manciassi macari lu panaru [via]

Fanf: Bella questa verdura, questa calma l’acido che noi sogliam nudrire nel ventricolo – ma voglio farle una burla; metterò questo paniere nell’armadio di Zolfinella, e vi sarà da ridere con Fapresto [va per uscire e s’incontra con Zolfinella]

Scena 5a

Zolfinella e detto

Zolf: che!…avanzaste a servidore, e voi colla sporta in mano!

Fanf: (diavolo!) Vedete…quel pazzo di Fapresto, al suo solito ubriaco, ha lasciata la sporta e se né andato, io volea farlo impazzire occultandoglielo sotto una panca della cucina

Zolf: Il Padrone ha veduto?

Fanf: Nò, [posa in un angolo il paniere] dite alla mia discepola che porti i libri, a ciò prendesse lezione, che l’ora si fà tardi….e poi…

Zolf: Se aspetta la padroncina stà fresco essa è sul letto che spasima per un dolor di capo

Fanf: mi sarà lecito farle una visita?

Zolf: Sta per riposarsi

Fanf: Anderò dunque dalla parte del parterra a prender un può di fresco.

Zolf: Vada pure che ancor io sbrigherò la biancheria di tavola

Fanf: Addio Zolfinella…[via]

Zolf: Serva sua…Altro che lezione! habbiamo altre faccende per la testa…Bella cosa, darle per sposo a un Villano incognito sudicio, e rude? mi vorrò giocar le mole che tengo in bocca pria che permetta una tale ingiustizia  vorrò chiamare la padroncina – [verso la portiera] Signorina, venghi.

Scena 6a

Fosforina e detta

Fosf: Zolfinella io mi confondo, la pazza non la sò fare, se tu non mi dai questa benedetta lezione, non riuscirò affatto.

Zolf: Amore è il miglior Maestro di questo mondo, per lui l’amante perde il timore, il giovine prende audacia le sghizzinose divengono coragiosi, i muti parlano, i sordi ascoltano, i scornosetti arringano quanto il diavolo, e le innocentine divengono le più scaltre.

Fosf: Oh Zolfinella mia come mi hai animato! Se seguiterai a dirmi così ti prometto di riuscirci ottimamente

Zolf: Orsù provatevi

Fosfor: Ma come?

Zolf: Scarmigliati, i crini svelte le vesti ossia scomponetevi gli abiti, acujte la voce, slanciatevi, sconcertate il discorso, fingete d’abborrir tutto, tutto negate, tutto ammettete, or qua, or la vi buttate, date qualche sgraffio, gli occhi stralunati, respiro intermittente, azioni ambigue, fingete sentir caldo; insomma tramuterete l’ordin Vostro Naturale; ecco una perfetta pazza!

Fosf: Mi proverò [si butta sù d’un soffà – sedia appogiata in parte sù d’un tavolino] Ah!…vita spaventevole, Caro Palladio mio…

Zolf: che c’entra qui il Palladio? Non dovete nominarlo

Fosfor: dunque perché fingermi pazza?

Zolf: (poverina!) Smaniate correte, buttatevi di botto, stramazzate per terra, o almen fingete

Fosf: Ah…Stelle, Cielo! Inferno – Tisifone, perché non vieni?

Zolf: Bravissimo!

Fosf: Barbari tutti, barbaro padre, Crudele padre….

_______   

Scena 7a

Babbeo, e dette

Bab: Crudele padre? Scellerata….

Zolf: Amari Noi – Signore, la sua Cara figlia, la mia Padroncina, è impazzita, la vegga (smaniate) [a Fosforina]

Bab: Amaro mè, miserabile Genitor, Fosforina…ehi! Fosforina moristi?…ah-tu…Cosa ci avvenne? Figlia…Cara figlia…qui vi è il tuo caro papà

Zolf: (Io sto per crepare) Signorina vi è vostro padre allegramente, (seguitate) [a Fosforina]

Babeo: Fosforina, non mi far morire, il tuo padre piange se nò!

Fosfor: Tu chi sei?…fuggi dagli occhi miei Cerbero trifauce, insolente Calidonio furia d’averno..va…va bestia Carontèa va via di quà… [si butta su di esso]

Bab: Amarissimo me, figlia mi conosci?

Zolf: Non la stordite per carità, che potrebbe agitarsi di più..

Bab: Ma la figlia mia non posso soffrirla impazzita

Fosf: Or sì che ti conosco….

Bab: Sì figlia cara, mi conosci ho piacere!

Fosf: Ah Caro mio Manasse; gioja del mio Cuore, portasti il vello d’oro alla tua venere?

Bab: che velo, che Manasso! io sono tuo papà

Fosf: lo portasti? no – dunque dormi quanto ha dormito Cleobì e Bitone, [le vuol tirare una sedia]

Bab: Misericordia…[fuge]

Zolf: Signorina da brava, vi siete disimpegnata –

Fosfo: Come mi son portata?

Zolf: Vi assicuro che per pazza da dovero vi ho presa, se così seguiterete riusciremo tutto bene

Fosf: ma son strana, ma ecco gente

___________   

Scena 8a

Babeo, Fanfano, Fapresto e detti

Babbeo: Venite, venite, vedetela la mia cara figlia, osservatela [a Fanfano e a Fapresto]

Fanf: che! La mia discepola?…

Zolfin: Poverina si è strapazzata, ha perduto il senno, e mi vien da piangere [finge che piange]

Fapr: Ah pri l’arma di centu diavuli! lu dicja iu, ca stu matrimoniu di don Loppiu l’avia a scuncirtari – quannu a li picciotti li faciti zziti quattru, e quattr’ottu, ca l’ovu e ccà la gaddina, unni trenta trentunu – cca lu pighiu, e ccà lu lassu, vi piaci la zzita, accussi è – la vuliti, sì o nò – ma ca cchiù chi sorti di lunghimi – allura pigghiati, e faciti zziti? – Si l’aviti a maritari la maritati, o si nò lassatila ‘ntra la sua paci…..ora ‘nzumma chi avi? [a Zolfinella]

Zzolfin: E’ pazza….

Bab: E’ scema.

Fanf: Non discorre con sollecismo.

Fapr: E’ cosa di nenti – arrassativi tutti [si avvicina] Signurina….ah Signurina – nun viditi ca dormi? [a tutti]

Zolfin: Altro che dormire….

Fanf: Lasciate fare a mè

Zolf: Non la inquietate

Fosfor: Tu chi sei [a Fapresto]

Fapr: Io sono il vostro sirvituri granni  il Caro Fapresto, ma l’abati fà chiù prestu di mia ca s’ha pistiatu tutti cosi – [guardando a torno] a ca si arrusicau lu panaru è và a dui grana? Vaja vossia mi duna lu me panaru

Zolf: - Zzitto – non la stonare

Fapr: dunca lu panaru lassamula ijri e ghiamu a la Signurina. Signurina….[la scuote]

Fosf: Endimione caro Endimione

Fapres: Pri lumiuni mi pighiau – agustativilla!

Fosf: Ecco la tua Diana – dimmi non son io la tua Diana?

Fapr: La ‘nniana? è veru mi sbatti –

Fosf: quanto sei bello!

Fapr: E chistu lu sapja

Fanfan: Come avvenne ciò? [a Zolfinella]

Zolf: mentre era a studio che stava per ripassarsi la lezione del Sig.r  Abate, buttò libri, tavolino, e sedie, poi mi lacerò un fazzoletto che tenevo in petto, mi scinse i capelli, e mi lasciò scomposta qual mi vedete

 

Fanf: Povera ragazza?

Fapres: Ora ora agiustu tutti cosi Ah Signurina: è ccà idda [esce di saccoccia una stighiola] chista è la stigghiola, e si nun ci piaci chista, pri deser – ccè nautra cosa [esce una pastinaca] E sun ci piaci chista, nun aju chiù chi ci fari

Fosf: Sì accetto il dono – [prende la pastinaca] Caro il mio grande Alessandro, alla tua Pantasilea restituisci lo scettro, sì, io l’accetto, e ti ringrazio

Fapr: Ora và jti medici e mmarrati, cui diantani l’avia a diri ca iu era Alissandru, e mancu iu stissu lu sapja –

Fosf: chi è quella spia? [a Fapresto indicando Fanfano]

Fapr: Nun è spia, Signurina, ma è  sbarra cesto

Babb: Povero mè, come farò [a parte]

Fosf: Avvicinatevi, Mercurio ribaldo [a Fanfano]

Fanf: Cosa volete anima bella!

Fosf: Avvicinatevi – dico!

Fanf: (Io temo che mi facci un brutto uffizio) [a Babbeo]

Babb: (Avvicinatevi non temete) [a Fanf.]

Zolf: Si avvicini

Fanf: discepola mia, mi conoscete?

Fosf: Se ti conosco? tu sei un Lestrigone…tu vorresti divorarmi! tu…..tieni – [le da un colpo di pastinaca nelle spalle]

Fanf: Ahi le mie spalle! [fugge]

Fapres: (Ma si vossia è astracuni pirchì ci ‘ncugna?)

Zolf: Signorina se mi ama davvero, si quieti per carità, vede come si strapazza?

Fosf: Perfida Làmia, perfida Nemèsi

Fapres: Zzurfaredda, nun senti? – nun sì ntra lu to misi!

Zolf: Taci sguajato

Babb: Per carità rivolta le luci al tuo caro papà…

Fosf: papà, chi sei tu che ardisci a rogarti un sì empio nome? Tu, tu infame Anonimo, che con giustizia fosti ucciso da Ercole perché volevi far violenza a Giunone – e tu indominto Pegaso come ti chiami? [salza con furia incontro a tutti]

Fapr: Faprestu…..[corre]

Bab: Salva Salva – [scappa] figlia…..

Zolfin: Ajutatemi a tenerla Signor Fanfano

Fanf: Io son morto….[corre per la scena]

Zolf: Fapresto ajutami

Fanf: Ajutatelo [a Fapresto]

Fapr: (Li mei sgrignuna l’arrigalu attia) [a Zolf., corre]

Zolf: Ma tutti mi lasciate? [tenendolo]  [restano Fosforina, e Zolfinella]

Fosfori: Ah! Sono stanca davvero! come mi son diportata?

Zolf: Ottimamente, ma se voi siete stanca io sono tutta dolori nelle viscere, per causa di trattener le risa; ma andiamo in camera, e fingete che state a letto per rincorarvi, e poi lasciate a me la cura [viano, e poi tornano uno per uno gli interlocutori]

Fanf: Diamine che indiavolata pazza. Son tutto pesto, e il Signor Babbeo bisogna trovare un medico valente per farla curare; io fra tanto temendo di un qualche insulto, mi vorrò allontanar da questa casa – [va per andarsene]

Bab: Caro Fanfano, mio caro amico che facciamo della mia cara figlia? cosa pensate?

Fanf: Io vi consulto a farmi esente di questo consiglio, io con pazzi non ci ho tanto pratica, voi siete il Padre, un medico cercate intanto a ciò ve la curi, ma bene sapete, perché queste malattie sono perniciose

Bab: ha presa la solita lezione mia figlia

Fanf: Che lezione? che dite, Zolfinella mi avvisò che era indisposta, ond’io non ardj di farle una visita, e questo è quanto io sò di Vostra figlia

Zolf: a le corte, qui bisogna risolversi, o un medico eccellente, o vostra figlia è morta. Sò io quanto ho combattuto per farla adagiare a letto, sono tutta tutta dolore, e non ne posso più

Fapr: Sarva Sarva…la pazza unn’è?

Zolf: A proposito una mia Amica jeri mi disse che un medico bolognese capitò costì, il quale ha fatto da lei cure trepitose

Bab: dove…dove si potrà trovare questo liberator della Morte?

Zolf: Ora mi ricordo….egli frequenta il Caffè dell’americano, e l’abito suo di Abate colla paglietta in gola non può tracambiarlo con un altro e poi chi ha lingua passa il Mare

Fanf: Anderò io a rintracciarlo, aspettatemi che sarò sollecito. [via]

Babb: Volesse il Cielo che riuscisse a curarmi Fosforina, gli darei tutto l’oro che tengo riposto né miei sgrigni, anderò a vedere la mia Cara figlia. Oh Cielo, ristabiliscila, ch’io ti sarò grato. Solleverò cinque pupille, e quattro poveri difettosi. [via]

_________

Scena 9a

Fapresto, indi Fanfano

Fapresto: Ora chistu fù diantani e paju; ora cui ‘aveva a diri ca la mia bedda Signurina avia a nesciri pazza? e poi, zzita!.. ma lu munnu è sempri munnu, e quannu nà cosa è munnata è senza scorcia, accussì sugn’eu mentri aju la scorcia sunnu ammighiatu, mentri la scorcia è livata sugnu nettu, beddu,e pulitu. Poviru Patri, ma chiù povira Surfanedda, chi s’avia a maritari cummia, ed ora nun si po’ maritari pri causa ch’è pazza la patruna, e nun ci po’ dari la dota chi ci avja prumissa! Ora di poi stu matrimoniu ‘ntra lu saccu mi pari chi nun cunvinissi di farilu; A chistu Falloccu, cui trivulu l’ha vistu? sacciu ch’è viddanu, sacciu ch’è riccu, ma la Signura Truffurima nun sapi comè, sé beddu, sé bruttu, s’avi la nasca, s’è ghimmurutu, e s’avi lu cancaru chi lu strica. E’ veru ca ‘ncasa vinni lu ritrattu, ma dal detto, al fatto cc’è un gran trattu, e poi….ma cui è chi veni….[guardando]

_________

 

Scena Xa

Zolfinella, e detto

Zolf: Amara me, tapina me! povera la mia padroncina, come resterò orba della mia cara amica e padrona.

Fapr: Zuffraredda, chi ccè ch’abbinni, comè la Signurina?

Zolf: povera me, la mia dote, quella che dovea felicitare il mio caro Fapresto, e me ancora, tutto, tutto è andato in fumo [non badando Fapresto]

Fapr: Ma nun ti dispirari, forsi ci sarrà rimeddiu, lu munnu pri sta cosa chi finju! [andandoci appresso]

Zolf: Povero Fapresto!…ah..io morirò d’affanno! [da una parte della scena]

Fapr: Io scatterroggio [dall’altra parte]

Zolf: Non ho madre, non ho Padre, non ho insomma chi mi assista [come sopra]

Fapr: nun haju patri, matri, soru, frati, cucini, ca vi li conzu, a tri ccarrini vi lu pagu lu cuttuni vecchiu

Zolf: Tu che cosa fai qui..[avvicinandosi]

Fapr: E tu comu ci scuppasti?

Zolf: Ah, lascia, ch’io pianga la mia sventura, ben disse quell’astrologo quando vedendomi la mano preconizò la mia disgrazia?

Fapr: dissi bonu dd’addumina vinturi quannu m’osservau lu cozzu, ca di settanni duvia essiri ‘mpisu, e doppu, e doppu avia a patiri di morti di subbitu!

Zolf: Orba ch’io sono!

Fapr: Ovva! Tu hai un paru d’occhi tanti

Zolf: Caro Fapresto, a momenti verrà il Signor dottore bolognese che dovrà curare la padroncina, se capita lo trattieni fin tanto che ricapito la stanza [via]

Fapr: Ora mi scupu lu quartu addabanna e poi risettu chiddu chi mi cunveni….accussì mi piaci, e lu cori mi dici cà stu medicu l’avi a rimettiri ntra lu primu statu di la sua saluti. Pri la fimmina ci voli lu masculu e tant’anni haiu ‘ntisu ca ‘ntra l’arca di Nuè l’armali ci traseru a dui a dui, masculi e fimmini, e di chiù ccè nautra ragiuni ca la viti, nun po’ stari senza lu chiuppu, né la fastuca senza lu scornabeccu, ne la Carrubba senza lu Carrubbazzu, e poi si nni vennu certi don piluni, e coddi corti – ah!…non fate guardare le donne ai vostri peccerilli, e voi mascolotti non guardate le donne – e vaja vaja ca di chisti si po’ diri zzoccu dissi lu saggiu pueta, gente cui si fa notte a menzo jorno! e sti vurpuna pilusi senza la fastuca, e scornabecco come potevano nascere ntra sto munno!….Iu sempri l’haju dittu, lu cori avi a essiri nettu, retta la ‘ntinzioni, e unicu li pinzeri pir tutti li seculi accussissia. [via]

Fine dell’atto primo
Atto secondo

Scena prima

_______    

Fanfano indi Babeo e poi Zolfinella e Fosforina di dentro

Fan: Oh che medico, Oh che uomo raro, è un Boevave in persona, non ho inteso uomo s’ singolare, che scienza, che testi medicinali!

Babeo: Oh – a proposito portaste con seco voi il Medico?

Fanf: Lo rinvenni; e siccome aspettar dovea a un messo del Maresciallo Brankermst, non si accompagnò meco, ma in un cartellino gli notai la strada, e la Casa, e mi disse che fra una mezz’ora verrà a servirvi

Zolf: Signor Fanfano, siete venuto senza il dottore? che negozio avete compito, dunque?

Babeo: Lo ha ritrovato ci ha parlato, e fra una mezz’ora verrà sicuramente.

Zolf: (Come la sà lunga il Sig.r Palladio [a parte]

Bab: mia figlia cosa fà?

Zolf: Par che voglia riposarsi, e non vorrei che si scomponga….Voi sapete che il sonno è una medicina universale

Bab: Lasciamola dormire

Fan: E se venisse il Medico, quello non si degnerà di aspettare

Bab: Pazienza le pagheremo doppia la visita, e poi i forestieri sono più di noi civilizati!

Zolf: neppure si vede quel sciocco di Fapresto

Babb: Cosa serve la sua persona?

Zolf: L’affare dell’interno io lo sò, voi Uomini non v’intrigate punto cogli affari domestici. Mi serviva per un affaruccio, ma…..

Fanf: Se è cosa ch’io possa fare mi pronto a servir la famiglia vostra

Babb: Grazie…

Fosf: Maledetti quanti siete, venite, o non venite? o mando quattro legioni dè miei folleti, e vi annichilerò [da dentro]

Zolf: Accorriamo Signori, la Signorina ci chiama!…

Babb: Non senti che ci minaccia con quattro legioni di folletti?

Zolf: questo vuol dire che ancora il cervello lo ha in iscompiglio, corriamo facciamo presto.

Fosfor: Nemesi – dico o vieni o mi ammazzo.

Bab: Chi è Nemesi?

Zolf: Vengo vengo – [dalla scena per farsi sentire] [via]

Fosf: Angui crinite ferocissimi vi comando che squarciaste le membra a questi ciclopi infestatori della mia pace.

Fanf: andiamo ancor noi

Babeo: Io tremo di spavento: non mi darò a credere che mia figlia potea sapere una catastrofe di deità, ella è divenuta una dottoressa!

Fanf: Non indugiamo più, andiamo –

Babbeo: Andiamo [viano]

Scena 2a

Fapresto, indi Zolfinella

Fapr: Mannagia a tutti li pazzi di lu munnu e cui ci curpa la mia spònzia. Idda lu sapi ca commissioni sarvaggi nun mi nn’avi a dari

Zolf: che ti venga un mal’anno bestia senza sale!

Fapr: E tu sì tunnina salata, ora a li curti, n’autra vota nun mi ci hai a mannari chiù unni chistu

Zolf: E dove ti ho mandato io –

Fapr: Ti lu scurdasti?

Zolf: Io non ci penza davvero? anzi ti cercavo con premura!

Fapr: A lu funnacu nun ci penzi chiù?

Zolf: Ebbene! tanto ci volea a fare una incombenza di mezz’ora?

Fapr: Pari attia – Oh si tu sapissi quanta occupazioni voli una simili ‘ncummenza!

Zolf: Ma almeno riuscisti il negozio?

Fapr: fici tutti cosi

Zolf: Cosa ti rispose?

Fapr: Cui?

Zolf: Il bordonaro

Fapr: Ah…lu vurdunaru: lu vurdunaru nun cc’era

Zolf: dunque come è fatto il negozio? bestia

Fapr: Lu Nigoziu è lestu, ma a lu vurdunaru nu lu vitti…

Zolf: dunque il negozio non l’hai fatto, giacchè dal ritrovare il bordonaro dipendeva il negozio

Fapr: Ed iu senza truvari a lu vurdunaru fici lu negoziu

Zolf: Eccome può succeder ciò?

Fapr: dimmi quannu unu una cosa nu la fà cosa si dici

Zolf: che ha fatto nulla

Fapr: all’oppostu tannu voli diri ch’à fattu tutti cosi…

Zolf: Va via poltrone, asino, perdi tempo, puoco di buono….e tu vorresti la mia mano? và dappoco, tu non sarai più rimirato in faccia dalla tua cara Zolfinella, và più, non ti voglio – [via con furia]

Fapr: Nu lu dicu pri superbia, ma pri farimi amari da li Cammareri ci haju un arti a parti, eccu ccà….Surfaredda mi purria fari chiù ‘mmittarj di chisti? e vuatri liccaturi perdi tempu ‘mparati la manera di farivi amari da li fimmini Ma cui è chistu ca mi pari un cuntistabili? te tè ch’è curiusu, mi pari un prisidenti maturu, eppuru è veru ca sarrà lu medicu furesticu

____________     

Scena 3a

Palladio vestito da dottor Bolognese, e detto, indi Fanfano, e poi Babbeo, poi Zolfinella, indi Fosforina.

Fapr: Vossia a cui voli, e cui è?

Pall: Il dottor Sedillo, Medico Bolognese

Fapr: A vossia cui l’ha chiamatu?

Pall: Un Uomo

Fapr: lu sacciu ca nun putia chiamarlu un Cani, o nà gatta!

Pall: L’Egrota donna dov’è?

Fapr: Carota donna?….vossia sbaghiau voli diri ca a nautra donna avi a ghiri

Pall: La donna Pazza dove stà

Fapr: Sta ccà

Pall: Entrerò – [vuole entrare e Fapresto lo trattiene]

Fapr: Vossia d’unn’è, e cui è

Pall: I fatti miei non dico, ma tu chi sei che ti opponi alla mia interessantissima persona, tu mi conosci?

Fapr: nun sacciu cui diascacci lu fici, ma vossia chi fà, si po’ sapiri

Pall: Il medico, il medico, asine che sei [gli batte la spalla]

Fapr: Adaciu adaciu mè patruni ca ccà nun ci stà nuddu –

Pall: Subbito…

Fapr: Vossia mi crju ca sapirà pirchì fu fattu viniri ccà

Pall: Per una pazza

Fapr: E vossia sapi curari a li pazzi?

Pall: Bestia [lo batte] ho fatto cure miracolose, in bologna mia patria risuscitai due morti di quattro Giorni

Fapr: Cancaru!….

Pall: a dieci fucilati li guarj’ in meno di venti minuti, e in Aversa ristabilj’ cento venti otto mente catti

Fapr: A centu vinti gatti! (Ora chistu è funneriu

Pall: A sedici ciechi l’ho fatto parlare, a sette muti l’ho fatto vedere, e finalmente il genere Umano mi vorrebbe sempre presso di sé –

Fapr: Vossia m’ha fattu amminnaliri, un omu comu vossia nun ccè nun ci ha statu, ne ci sarrà

Pall: Ma la pazza dovè?

Fanf: Signor dottore a proposito ne venite, la ragazza più non si può trattenere, si è di già strapazzata ed è mezza morta

Pall: anderò a ritrovarla

Fanf: Or ora la porteremo da lei

Pall: Nò più tosto sarò da lei

Babb: Tapino me

Pall: Chi è costui [a Fanfano, indicando Babbeo]

Fanf: L’infelice Padre

Fapr: Lu papà afflittu e sdisussatu

Fanf: Ehi Zolfinella [chiama dalla parte interna]

Zolf: Eccomi [viene in scena]

Fanf: Come stà la tua Signorina?

Zolf: Va sempre di male in pegio

Pall: Volete ch’io entri?

Zolf: La persuaderò che lei venghi quì…

Babb: falla qui venire

Zolf: Preparate un soffà a ciò non stii in disagio

Fapr: [adatta qualche cuscino per far che stii bene]

Zolf: Cercherò di persuaderla (apprendete padri stravolti) [via]

Pall: Che età tiene la Signorina?

Babb: Tre lustri e mezzo

Pall: davvero?

Babb: Poco più, poco meno!

Fapr: (Sparti li cosi di dintra) [da parte]

Zolf: [da dentro] ma venite fuori Signorina vorreste far delle scene

Fosfor: No, nò, non voglio vedere questi parasiti [come sopra]

Zolf: Eccoci [sortiti] Si accomodi Signorina ecco bello, e pulito un soffà spiumacciato per voi

Fosf: Sì mi adagerò e voi intanto cortegiatemi [siede con Zolfinella a lato]

Zolf: (furba, furba quanto la fate bene la vostra parte!) [a parte]

Pall: [si avvicina] Signorina [all’orecchio]

Fosf: (Caro Palladio che vita amara ch’è la nostra!) [sottovoce a Palladio]

Pall: Osserviamo il polzo [glielo osserva] I tocchi del polzo indicano oppression d’animo – ditemi [al padre] avete proposto qualche matrimonio a vostra figlia?

Babb: Sicuro, e fra giorni si dovea sposare per procura.

Pall: dunque fate presto!

Babb: Per me non manca, manca per lei ch’è offesa di testa

Fanf: ma dice il Sig.r  dottore che se voi la maritate forse si potrebe elittrizare e ristabilirsi.

Bab: Per me sarei pronto, domandatelo a lei se lo vuole fare, figlia il tuo papà ti domanda se tu ti vuoi maritare

Fanf: qualunque di noi si potrebbe maritare giacchè questo non per altro che per procura si deve fare

Bab: A voi Sig.r Fanfano avvicinatevi a mia figlia, figlia il tuo Papà ti priega che dii la mano per procura del Sig.r Falloppio al tuo caro Maestro Fanfano

Zolf: (fate diavolerie) [piano a Fosfo.] Sì Signorina datele la mano, sarete bella, e sposa

Fosf: [le dà un urtone]

Zolf: Non vedete l’abborrisce

Bab: No figlia, questa non è che una rappresentanza, il tuo sposo sarà il Signor Falloppio

Fosf: [come sopra urta di bel novo a Fanfano]

Fanf: Giuro di non più avvicinarmi [si scosta]

Zolf: Proviamo con Fapresto

Fapr: Cui eu? E chi sù loccu, si un Abbati lu vitti ruzzuliari, ammia mi farrà vulari –

Babb: A te ti vuol del bene provati anima mia

Fapr: ne mia ne tua unni si tratta di peddi, meghiu di luntanu ca di vicinu!

Zolf: Caro Fapresto avvicinati

Fapr: [si avvicina piano piano] babbau?

Fosf: Vieni, vieni caro mio

Zolf: avvicinati

Babb: approssimati, vedi che ti domanda?

Fapr: Signurina si v’hannu ad acchianari li diavuli mi nni fuju

Fosf: Vieni vieni carissimo Adone, ecco la tua Venere che ti aspetta

Fapres: Gicchè chistu vegnu [s’avvicina]

Fosf: Vieni caro [lo prende per i capelli]

Fapr: Ajutu fattucchieri vecchi, ca sta ‘mmaliditta m’ammazza! e nuddu m’ajuta ah ca m’ammazza ai ai lu collu! addiu chiazza di pidocchi, poviru Faprestu sì arrujnatu

Fosf: Caro…Caro….Caro  -

Fapres: E chi sacusu lu caru, e lu mircatu, chi ti vegna lu scisa mali tiru

Fosf: Va via poltrone triganeo – va non ti voglio, perché volesti caccegiare senza mio ordine, e t’investi il Calidonio

Fapr: [liberato dalle sue mani] mi vidistivu ora e nun mi viditi chiù, mancu s’addisirtati! [va a situarsi lontano]

Zolf: Il Signor Padrone si potrà provar giacchè questi si fà per procura e non offende la paternità

Babeo: Sì figlia dammi la mano

Fosf: A chi a Voi, Crudele

Bab: Ti vuoi maritare

Fosf:

Bab: dammi la mano

Fosf: No a te

Babb: A chi

Fosf: ad un altro

Babb: qual sarebbe

Zolfin: Proviamo co’l dottore se lo gradisce

Babb: Bisogna sapere se il dottore è libero o pur vedovo, se nò non è valido secondo le nostre leggi

Zolfi: E’ libero – Signore [a Palladio]

Pall: (Oh dio) Son liberissimo

Babb: dunque l’avvicini [a Palladio]

Pall: Eccomi, purchè si ristabilisca la pazza.

Zolfin: Si accosti…

Fanf: Si domandi alla sposa se lo accetta –

Zolf: Signorina accetta per via di procura la mano del Sig.r medico?

Fosf:

Zolfin: Ama il Signor Falloppio?

Fosf: Nò – nò, e se me lo nomini mi ucciderò

Babb: A chi vuoi insomma?

Fosf: Non lo sò –

Babb: Ma lo sposo domani al più verrà

Fosf: No dico nò [urta a tutti, fuori di Palladio, e scappa]

Bab: amaro mè

Zolf: l’avete fatta irritare

Fanf: lasciate che dica il suo parere

Bab: Parli pure – disgraziato me!

Zolf: [trattenendola] Signor dottore s’avvicini

Pall: Son pronto

Zolf: datele la mano [a Fosforina]

Fosf: [gliela porge] Caro più di quest’anima

Fapr: su di patti li pignati

Fanf: Vuole al Sig.r dottore?

Fosf: Sicuro egli è la parte migliore del Cuor mio

Fapr: Accussì sunnu li pazzi d’aguannu

Bab: lo vuoi per davvero?

Fosf: Sì, sì – sì e sempre dirò così

Zolf: E i testimonii –

Fosf: Siete tutti quanti,

Babb: E con il Signor Falloppio cosa faremo?

Fosf: Si vada a far squartare

Fanf: dunque

Fosf: dunque il mio sposo è il Sig.r Palladio, e se ardirete nominarmi Falloppio; Sgraffierò tutti quanti siete

Palladio: Signor babbeo, Signor Fanfano, questo che vi è sembrato per sgherzo matrimonio giurato, e con testimonj sollennizzato, è stata un opera di mesi quattro, ne io vi sembri un sortiero, ne sono un medico bolognese come mi sono annunziato – io sono Palladio Aretusi figlio di Asdrubale Aretusi, il mio Casato è bene accetto in Venezia, chi son io e quanto voglio. Sono queste le carte che giustificano la mia persona.

Bab: Oh cosa grandiosa. Oh cosa non mai prevista

Fanf: Buon prò vi faccia, ci ho piacere e la Casa Aretusi l’ho conosciuta in Venezia

Fapr: Zurfanedda e nui arristamu urfini

Pall: Sì sposatevi che la famiglia Aretusi non si sgomenta di agiungere quattrocento al sessantamille

Zolf: dammi la mano

Fapr: E ccà cu tuttu lu cori e lu vudeddu di cuda

Pall: Siete marito, e moglie

Fapr: Vajti a canusciri dutturi  ‘ntra la fudda

Fosf: questa è stata opera tutta d’Amore, e di Zolfinella

Zolf: Sì io sono stata la fautrice di tutto questo che esperimentato avete, e un'altra volta imparino i Padri a non far succedere matrimonj contro genio  ____________

____________ 

Fine

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno