La gata, ‘l volpon e ‘l poeta Piston

Stampa questo copione

DESCRIZIONE DEI PERSONAGGI E DEI LORO CARATTERI

La gata,

‘l volpon

e ‘l poeta

Piston

Due atti (tre quadri)

di

TREMAGI  ePinòt Bialera

(posizione SIAE n° 103597)
DESCRIZIONE DEI PERSONAGGI E DEI LORO CARATTERI

GIOVANNI PISTONE (GIO)

(50 anni) Ex contadino, dopo aver ereditato una grossa fortuna, si dedica alla sua passione: la poesia; declama sovente in rima. Spera che qualche editore pubblichi le sue poesie.

PIERINA (PIE)

(20 anni) Figlia di Pistone. Va a studiare in Svizzera e tornerà con un fidanzato indiano.

BATTISTA (BAT)

(50 anni) Amico d'infanzia di Pistone. Fa il maggiordomo e il tuttofare. Bonario, simpatico e grossolano ha però un cervello molto fine: è l'unico infatti che capisce la truffa che coinvolge i Pistone.

ANGELO VOLPONI (VOL)

(40 anni) Agente letterario (per finta). È in realtà un truffatore incallito. Cerca di fare la persona di classe, ma tradisce spesso la sua indole truffaldina.

MAGNAFOCO: SEGRETARIO e PRINCIPE INDIANO (SEG e PRI)

(40 anni) Complice di Volponi, si finge suo Segretario e poi raggira la figlia Pierina fingendosi un Principe Indiano. È forse il più istruito dei complici.

ROSINA GATTO (ROS)

(35 anni) Custode. È la classica pettegola e curiosa; è anch'essa una componente della banda dei truffatori, ma è quella che recita meglio di tutti la sua parte.

BULLDOG: GUARDIA DEL CORPO e TIPOGRAFO (GDC e TIP)

(35 anni) Fa la scorta a Volponi, il quale lo zittisce ogni volta che parla. Tenta di spillare qualcosa anche lui fingendosi il tipografo che ha stampato il libro di poesie.

GIROLAMO VERSACI (GIR)

(40 anni) Carabiniere  di origine napoletana in incognito, tenta di smascherare la banda dei truffatori.

NINA (NIN)

(50 anni) Domestica di casa Pistone, torna a casa dopo la partenza della figlia Pierina.

MADAMA FERRERO (FER)

(50 anni) Inquilina del primo piano. Vedova, padrona di una agenzia di viaggi, assumerà come domestico il Carabiniere in incognito. Parla a raffica ad una velocità impressionante.

CONSIGLI SCENOGRAFICI

La commedia si svolge sempre nel salotto signorile di casa Pistone. Sulla destra vi è una porta che conduce allo studio del poeta; sulla sinistra (o in fondo) vi è la comune che permette l'accesso alle altre stanze e al pianerottolo della casa. Un divano, qualche sedia e un tavolino da salotto sono l'arredo minimo che necessita. La rappresentazione si svolge in tre quadri, collocabili temporalmente a Settembre (prima dell'inizio della scuola), a Novembre e a fine Dicembre (festività natalizie).

====================================================================

==

=     PRIMO ATTO     =

==

====================================================================

SCENA PRIMA

(Il salone signorile del sig. Pistone)

PIE:    Nina, hai già finito di fare le valigie?

NIN:    Mah, veramente le valigie erano già fatte, mi i l'hai mach ampinì-je!

PIE:    Va bene Nina… lasciamo perdere...

NIN:    Sai, da una parte mi dispiace che tu vadi via... però, da l'autra part i son contenta, parej almeno diventi una vera signora!

PIE:    Perchè, ora non lo sono?

NIN:    Ma sì che lo sei… ma it lo sas... mi i son un pòch… "gnoranta" e magara non riesco a spiegarmi bene... Ma ‘ntant it l'has capime no?

PIE:    Ma sì che ti ho capita! Mi spiace solo che tu non possa venire al college con me: purtroppo dovrò aggiustarmi da sola.

NIN:    Stà tranquila che ce la farai benissimo!

PIE:    (DOPO UNA PAUSA) Sai Nina… alle volte penso a cosa sarebbe stata la mia vita se mio padre non avesse ereditato questa grossa fortuna... Anch'io sarei rimasta una povera contadina, senza istruzione e mal vestita... proprio come te!

NIN:    Grassie dël compliment!

PIE:    No, scusa… volevo dire... come quelle del nostro paese… che passano la loro gioventù in attesa di un marito per poi partorire una nidiata di figli.

NIN:    Eh, già… giumenta da riproduzione... come mi... ah, se ij penso a la mia gioventù... a la tua età i l'avìa già tre masnà... e adess a son set! Tre mas-cc e quatr fumele...it lo sas che an campagna "i figli sono indispensabili"!

PIE:    (INSIEME) "il podere per rendere deve essere a conduzione famigliare" (RIDONO)

NIN:    Eh sì, tuo papà ripete sempre questa storia... a l'ha sentula tante ‘d cole vòlte dai vej dël paìs!

PIE:    Anche mio nonno lo diceva sempre, ma purtroppo sono rimasta figlia unica... se dipendeva da me… te lo saluto il rendimento del podere! (RIDONO)

NIN:    Già, ma purtroppo non si può avere tutto dalla vita... Guarda mì: ti adess it na vade, ij mej fieuj a son spatarà per ël mond… mè Censin a j’è pì nen... còs it veule che i fasa?… I tornerai al paìs!

PIE:    Dai, va… che magari al paese trovi un altro marito...

NIN:    Ma che marito e marito... al massimo per passare il tempo mi metterò a coltivare l'orto... i torneraj a tajé-je la testa ai verm... (RIDONO)

PIE:    (CAMBIA DISCORSO) Sai Nina, sono un po’ preoccupata per papà... quando sarò via rimarrà completamemte solo per la prima volta...

NIN:    Ma guarda che tò pare a l'è maggiorenne e vaccinato, neh... as cudiss da sol!

PIE:    Non è questo che mi preoccupa...

NIN:    E allora cos'è?

PIE:    Sono preoccupata per questa sua fissazione di diventare uno scrittore a tutti i costi!

NIN:    Ma s’a l'ha pen-a fait la tersa elementar!… Preòcopte nen, tò pare a l'è pà fòl... e peuj a l'è pa sol, a j’è Batista, pardòn...

PIE e NIN: (INSIEME) “Battista”, con due "T"!(RIDONO)

SCENA SECONDA

BAT:   I l'eve ciamame?

 PIE:   Parli del diavolo...

 NIN:   ...e spuntano le corna! (DI NUOVO GRAN RISATA)

 BAT:  Ëd che còrno ch'i parle?

 PIE:   Niente Battista, stavamo scherzando... Ma già che ci sei, ti prego di  una cortesia: quando sarò via, abbi cura di mio padre: come tutti i poeti ha sempre la testa tra le nuvole!

BAT:   Ah, perchè chiellì a sarìa 'n poeta?... Sta tranquila, che ij penso mi a disgonfieje la mongolfiera!

PIE:    Lo so Battista, ma ciò non toglie che io parta preoccupata. Qui in città, in mezzo a tanti… "volponi", ci può essere qualcuno che può approfittare della sua semplicità per raggirarlo...

BAT:   Beh, mi i vado a pijéte le valis! (ESCE)

NIN:    Va tranquila Pierina, Batista a l'è 'n bon can da guardia!

PIE:    Eh, dici bene tu... ma mio padre è testardo come un mulo, e ci vuole ben altro che un cane da guardia per tenerlo a bada! In nome dell'arte potrebbe farsi raggirare da chiunque!

NIN:    Tuti jë sgnor a l'han un... còso... come as dis?... giut-me...

PIE:    Vuoi dire hobby?

NIN:    Ma cò it dise?!... Bòbi a l'è fòra dël polé ch'ai baula a le galin-e!

PIE:    Ma no… che Bòbi?… Hobby! Passatempo, divertimento, gioco...

NIN:    E bin? Tò pare, che come poeta a l'è 'n can, a l'ha 'l Bòbi dla rima!

PIE:    Hobby, Nina, hobby!

NIN:    Oh che sofistica!... Hobby o Bòbi ch’a sia… a l'è ròba da sgnor!

PIE:    Beh, in quanto a signore poi...

NIN:    Ma nen sgnor come… sgnor… (MIMA NOBILTÀ) ma sgnor come… sgnor! (MIMA DENARO)

PIE:    Si va bene, ricco… ma un po’ ignorantello, povero papà! Ecco perchè mi  manda a studiare in Svizzera… vuole che la sua "cita" abbia l'istruzione che lui non ha avuto!

NIN:    E va beh: it ses nen contenta?

PIE:    Altro che! Ma partirei più tranquilla se non avesse questo benedetto pallino della poesia...

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

SCENA TERZA

BAT:   (ENTRA CON LE VALIGIE) Pierina, varda ch'a sarà bele ora 'd parte, neh... (VA AD APRIRE E RIENTRA INSIEME A ROSINA) A l'è rivaje la caròssa?

ROS:  Ma che caròssa… la machina!

BAT:   Caròssa o machina a l'è sempre 'n "mezzo di trasporto".

ROS:  A j’è da portè giù le valis, tòta?

PIE:    Chieda a Battista. Io vado a salutare papà.

GIO:    (ENTRANDO) Eccomi qua, bambina mia! Finalmente il gran momento è giunto!

PIE:    Sì, papà!

GIO:    (TEATRALE) Allora vai!… E fai onore al nostro antico Casato! Il Casato dei Pistone!

BAT:   Euh, diav! A va pa 'n guèra! E peuj...

GIO:    E peuj, peuj, peuj... Ëd peuj a l'è pien ël mond!... Noi ora siamo… anzi, TU ora sei il presente. / E se prima non eravamo niente / sin da ora saremo anche noi sempre presente / (TUTTI LO GUARDANO ATTONITI) ...E non guardatemi come un deficiente...

PIE:    Sì, papà, ho capito... però ti capivo meglio quando non parlavi in rima!

GIO:    Oh, figlia mia! Or tu non senti che questo è il momento / per lasciare ai posteri il segno del nostro talento. / Orsù, parti infine e torna laureata, / acciossiacché la nostra nobiltà si mostri appalesata!

PIE:    Papà, io parto preoccupata / per questa tua mania scellerata! (SI FERMA DI COLPO, E POI A BATTISTA) ...Andiamo alla svelta, se no qui diventiamo tutti poeti!... Ciao, papà! (LO BACIA)

ROS:  Alora, ste valis?

BAT:   Pòrta, pòrta! (SALUTA BATTISTA E NINA ED ESCE CON ROSINA; NINA ESCE DAL LATO CAMERE MENTRE)

GIO:    Parti tranquilla, o mia giovane figlia! / Io fò la rima per donar la pariglia / a chi ancor non crede nel fulgor della nostra nobile famiglia!

SCENA QUARTA

BAT:   Ma piantla lì con sta nobiltà! Fin-a a jer it j'eri 'n patéla-vache… ades perchè it l'has doi sòld it fase 'l galucio. Ma parla 'n pòch come a l'ha mostrate tua mare!

GIO:    Stà ciuto, campagnin! It capirass mai gnente!

BAT:   (ALZANDO SEMPRE PIÙ LA VOCE) Mi i capisso fin-a tròp!... It ses ti ch'it veule nen capì ch'a son nen ij sòld ch'a fan lë sgnor... e a son nen doe rime an cros ch'a fan ël poeta!

GIO:    I l'hai già dit-lo: campagnin it j'ere e campagnin it reste!

BAT:   Perchè, ti cò it j'ere? Mach che mi... non rinnego le mie origini!

NIN:    (ENTRANDO) Cò a l'è capitaje? Sentime bin: tòta Pierina a l'è partìa… e vojautri guardè ëd nen feme vnì mata! Amparè a 'ndè d’acòrdi! Da ades an avanti i deuve fè da soi!

GIO:    Beh, ades che mia fija a l'è partìa… it je ses ti ch'it peule cudine, no?

NIN:    Nòsgnor giuteme! I seve pes ëd doe "Perpetue"! No, no! I preferisso tornemne al pais! Cerea, monsù Piston… senza rancore, neh!...

GIO:    Grassie ‘d tut, Nina!… Ah, mentre ch'it seurte spedìsme sta lettera.

NIN:    Ma le pare? Dovere! (ESCE)

GIO:    Il mio nobil Casato / per l'occasione, o Signor Ti è grato. / Fa che aleggi pel mondo intero / di mia figlia l'orgoglio fiero!… Bela, neh?

BAT:   Ohmmi pòvr'òm!… Ij son mach pì restaje mi a sente le toe tavanade an rima ades che Nina a l'è surtìa...

GIO:    Partita è ora ella / ahimé, alquanto ignorantella; / ma erudita, la giovincella, / tornerà luminosa come stella!

BAT:   Ma 'd chi it parle?… Ëd Nina?

GIO:    Oh vile, non parlo a te di Nina, / ma di mia figlia, la dolce Pierina!

BAT:   Guarda che ‘nt l'”ovile” ai buto le fèje, biòvo! Piantla lì 'd parlè an rima, almeno quand ch'ij son mach mi… Ma chi it chërde d'esse?

GIO:    Dante, il divino!

BAT:   Dante? Ël panaté? Ma s'a l'è pì 'gnorant ëd na crava!… E "di vino" a l'ha mach na bonarda ch'a fa scheur!

GIO:    It ses ti 'gnorant!… Dante a l'è nen ël panaté, ma il sacro poeta, il mio modello!

BAT:   S'a l'è parej i ciamo scusa... Ma almeno ës Dante lì a l'ha 'd vin bon? Perché s'a l'è parej am piasrìa conòsslo ‘dcò mi sto “sacro modello”! Na vòlta o l'autra it deuve presentemlo!

GIO:    Gasépio! Come i faso a presentetlo? A saran sessent ani ch'a mangia la salada da la part dij tross!

BAT:   Oh, pòvr'òm, come am dispias!… Ma dime… ëd cò a l'è mòrt?

GIO:    Ah, lassoma mach perde, va... Dante non è morto… è immortale!

BAT:   Ma guarda ch'it ses un bel tipo, neh!… Prima it am dise ch'a l'è mòrt, peuj it dise ch'a l'è viv… decidte, là!… A l'è mòrt o no?

GIO:    Il suo corpo è morto… ma le sue opere vivranno in eterno... Già, ma ti it peule nen capì...

BAT:   Che purga, fieuj... Mi i capirai nen, però it diso na ròba: sta mach atènt, con la toa fissa! Certe manìe a tiro le gran-e come le frise a tiro le bòje panatere!

GIO:    Taci villico! La mia è arte!

BAT:   Ecco, brav! Impara l'arte… e mettila da parte! (GESTICOLA COME PER SCARTARE QUALCOSA) E parlomne pì nen!

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

GIO:    A l'han sonà. Guarda chi ch'ai riva. E se a l'è nen quaicòsa dë straordinari, lassme perde... Mi ritiro nel mio eremo a rimare... (AVVIANDOSI) Nel mezzo del cammin di nostra vita / mi ritrovai per una selva oscura... (ESCE)

BAT:   (ESTRAE DI TASCA UNA BOTTIGLIA DI LIQUORE E TENTA DI BERE, MA SI ACCORGE CHE È VUOTA) Anche la mia branda è già finita. / Vaca bòja! Varda te che fregatura!... (SI COMPIACE) Vist ch'i son bon 'dcò mi a fè la rima?

--->    (SUONANO DI NUOVO E VA AD APRIRE)

SCENA QUINTA

BAT:   (RIENTRA CON ROSINA) Cò a j'è?

ROS:  A j'è na lettera per monsù Piston...

BAT:   Ah... Ven, portiera...

ROS:  Nen "portiera"… "custode", prego!

BAT:   I vëddo nen la diferensa!

ROS:  A j'è e come! Portiera a lo disìo na vòlta, quandi a ventava controlé chi ch'a 'ndasìa e chi ch'a vnisìa!

BAT:   Perché? Ades a l'è pì nen parej?

ROS:  No, perché ades a l'han anventà ij ciochin! E mi i son diventà la… "custode", la “custode dei segreti dei condomini”...

BAT:   Giuda Imperator, se it parle dificil! E andoa a l'è la diferensa?

ROS:  Alora: na vòlta la portiera a parlava con tuti. Ades la Custode as ten le confidense.

BAT:   (COME SE AVESSE CAPITO) Aaah... (POI) I l'hai pa capì...

ROS:  In parole povere: se io so, non parlo… ma visto che non so, non posso parlare, no?

BAT:   I l'hai capì gnente, ma a fa l'istess... Pitòst: cò a dis la lettera?

ROS:  Che le rime non sono piaciute!

BAT:   Còsa? Alora la custode a sa!

ROS:  (PRESA IN CONTROPIEDE) Ma... a l'è na lettera ch'a riva da Milan... mi si ch'i sai?

BAT:   It l'has pa lesùla, per caso?

ROS:  Chi, mi? Ma i l'hai pa avù temp... pardòn… mi i l'hai nen temp per certe ròbe... e peuj i son pa curiosa… mi im faso i mè afé!…

BAT:   Oh, costa peuj...

ROS:  Beh, se a l'è na cartolin-a… magara ij dago n'uciada… ma a le letere...

BAT:   Ma a le letere...

ROS:  Ij consegno sempre serà ai "rispettivi proprietari"...

BAT:   E alora come it fasìe, l'autr dì, a savej che Nerina a l'era staita licensià?

ROS:  Beh... la letera a l'era nen bin serà… e alora...

BAT:   E alora i l'oma duvertala dël tut, no?

ROS:  Euh, che dë stòrie! A l'è pa colpa mia s’a l'era serà mal!

BAT:   E alora, ëd costa ch’a l'è serà bin… come it fase a savej che le rime a son nen staite acetà?

ROS:  Mah… verament mi... (CERCA DI RECUPERARE) L'ho supposto, ecco!… Dato che la lettera arriva da una casa editrice...

BAT:   Rosina... tajoma curt... e s’i cerchèisso ‘d vëdde se la letera a l'è bin serà?

ROS:  Ma Batista… còsa it dise? As fa nen...

BAT:   As peul pròpi fè gnente? Mi i son sicur che a j’è na manera... (ARMEGGIA CON LA LETTERA)

ROS:  (SPAZIENTITA) Sa… fame vëdde a mi... (APRE LA LETTERA CON FACILITÀ) Ecco fait! La còla a l'era ancora umida e a l'è durbisse subit!

BAT:   (CON INTENZIONE) Che dròlo... A riva da Milan e la còla a l'è ancora bagnà…

ROS:  E mi cò i na sai!… It l'has dime da duvertéla e mi i l'hai durbila!... Guarda che mi i veuj nen avej ëd rogne, neh!

BAT:   Sta tranquila. Mi i l'hai durbila per fè "un'opera di bene"… perchè tòta Pierina a l'ha dime 'd guerné sò pare e parej… mi i deuvo savej tut!

SCENA SESTA

GIO:    (DA FUORI) Batista, chi a j’è?

BAT:   (NASCONDENDO IN TASCA LA LETTERA) Shhh! Ciuto ch'ai riva Pirandello!

GIO:    (ENTRANDO, VEDE LA PORTIERA) Oh, signora Rosina… a cosa devo il piacere della sua visita?

ROS:  Ero salita per cons...

BAT:   (INTERROMPENDOLA) Ciuto! (A GIOVANNI) Rosina a l'era 'ncamin ch'am disìa... ansi.... a më spiegava...

GIO:    Su, su… còsa a disìa?

BAT:   (IMPACCIATO) Am disìa che la pòvra Nerina a l'è staita licensià!

GIO:    E a te che importa di detta donzella?

BAT:   Pròpi gnente!

GIO:    E alora?

BAT:   E alora gnente... as ciaciarava...

GIO:    Brav! Mi iv pago e vojàutri i perde ‘l temp a ciaciarè (A ROSINA) E lei mia cara "Cerbera" torni tosto alle mansioni che le sono proprie.

ROS:  Cerbera a mi? E come as permèt?

GIO:    Ma con che massa di ignoranti ho a che fare… Quello che le ho fatto è un complimento!… Cerbero era il portinaio dell'Inferno di Dante!

ROS:  Io sarò portinaia, ma l'inferno è qui dentro! Cerea, neh… torno a travagliare dove mi compete! (ESCE INDISPETTITA)

SCENA SESTA

GIO:    A sarà pa ofendùsse?

BAT:   As capiss! Da ‘n pòch ëd temp an sa it parle tròp dificil!… E noi, pòvra gent, i tribuloma a capì...

GIO:    ‘Gnorant! A l'è n'onor esse paragonà a 'n personagi 'd Dante… "il Divino"!

BAT:   Per ti a sarà n’onor, ma per noi esse paragonà a 'n personagi 'd Dante an na frega gnente!

GIO:    Voi non capite le finezze poetiche del classico rimare…

BAT:   Pòrta passiensa: gnorant i j'ero e gnorant i restoma.

GIO:    Lassoma perde… Pitòst... a duvrìa riveje në sgnor. Guarda, quand ch'a riva, ‘d nen feje 'l "terzo grado", come 'l tò sòlit… ma ciam-me... e basta!

BAT:   E chi a sarìa stë sgnor?

GIO:    Còsa? It veule feme ‘l "terzo grado" ‘dcò a mi adess? A ti a deuv nen interessete chi a l'è o chi a l'è nen, a va bin?

BAT:   Euh, scaud-te nen parej! A l'era tant per savej...

GIO:    Ma cosa vuoi sapere tu del sapere, povero ignorante che non sa di non sapere e quindi ignora?

BAT:   Eh?

GIO:    Lo sapevo che non avresti saputo capire!

BAT:   E dàila ch'a l'è 'n preive!… Scusa se la mia ignoransa a riva nen a la toa!

GIO:    Adess a basta! Sta mach atent a nen fè tante ciance e a ciaméme subit pen-a ch'ai riva chiel-là. (ESCE)

BAT:   Va bin, va bin... i l'hai capì… (SI SIEDE SUL DIVANO E TIRA FUORI LA FIASCHETTA DELLA GRAPPA, FA PER BERE E SI ACCORGE CHE È VUOTA; VA AL BUFFET E MENTRE TENTA DI RIEMPIRLA...)

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

BAT:   Giurapapé, mai ch'it peusse fe 'l tò travaj an pas!

 --->    (SUONANO ALLA PORTA)

BAT:   I rivo! (VA AD APRIRE E RIENTRA SEGUITO DAL SEGRETARIO)

SCENA SETTIMA

BAT:   Che venghi pure avanti... che si incomodi pure...

SEG:  Buongiorno, sono il...

BAT:   So già, so già… il padrone lo stava spettando...

SEG:  Guardi che si sbaglia...

BAT:   A ben, per lon non si preoccupi... io mi sbaglio quasi sempre!... Ma alora chiel chi ch'a l'è?

SEG:  Sono il Ragionier Magnafoco, segretario personale del Dottor Volponi... (SI GUARDA INTORNO) A proposito: dov'è finito?

BAT:   Chi?

SEG:  Che diamine, il dottore!…

BAT:   Chi a j’è che a sta mal?

SEG:  Non so… lei, forse?

BAT:   Mi nòmmi!… A l'è chiel ch'a parlava dël dotor…

SEG:  Io non intendevo il dottore in quanto medico, ma...

BAT:   Il medico in quanto dottore?

SEG:  Senta, la finisca! Dov'è piuttosto il Dottor Volponi?

BAT:   E chi ch’a l'è?

SEG:  (SBOTTANDO) Ma come chi ch’a l'è? A l'è mè titolar, no? Mi i son ël Segretàri del Dotor Volpon e 'l Dotor Volpon a l'è col ësgnor ch'a deuv parlè con Monsù Piston!

BAT:   Ah... E andoa ch’a sarìa sto volpon?

SEG:  (C.S.) A l'è lòn che ij ciamo mi a chiel!

BAT:   E mi cò i na sai? A sarà restà fòra…

SEG:  A l'ha seralo fòra?

BAT:   Boh?

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

BAT:   (CONFIDENZIALMENTE AL SEGRETARIO) A sarà chiel. (ESCE SEGUITO DALLO SGUARDO ESTEREFATTO DEL SEGRETARIO E RIENTRA SEGUITO DA VOLPONI)

SCENA OTTAVA

VOL:   (TAMPONANDOSI IL NASO CON IL FAZZOLETTO, parla con timbro nasale) Ma che manere!

BAT:   Cò a dis? (NASALE AL SEGRETARIO) Ma perchè a parla ‘nt ël nas?

SEG:  Boh? (NASALE A VOLPONI) Perchè a parla ‘nt ël nas?

VOL:   Ma come... (ALLUDENDO A BATTISTA) A l'ha sbatùme la porta ‘n facia!

BAT:   Ma ch'a l'abia passiensa: mi i spetava na person-a sola e vojautri im rive ‘n cobia!…

VOL:   Lassoma perde, Dotor Piston...

BAT:   I ‘ncaminoma torna coi dotor? Mi i son né dotor, né Piston.

VOL:   (AL SEGRETARIO) Ma chi ch’a l'è chielsì?

BAT:   Mi i son Batista / cameriere, maggiordomo e autista. In che cosa posso servirlo?

VOL:   (SOVRAPPENSIERO) Un cafè, grassie... (RIPRENDENDOSI) Ma còsa am fa dì? Pitòst... È in casa l'artista?

BAT:   Sì, adess i vado a ciamelo... (SI AVVIA, POI SI FERMA) Chi devo rinunciare?

VOL:   Il Dottor Volponi, il suo futuro Agente.

BAT:   (STA PER ANDARE, POI RIPENSANDOCI TORNA INDIETRO) Mi scusi, neh… non per sapere i fatti suoi… ma per regolare i miei... lei è un Carabiniere?

VOL:   Perchè i duvrìa esse 'n Carabinié?

BAT:   Mah... i seve ‘n doi... quindi...

VOL:   (SECCATO) No, i son nen un Carabinié!

BAT:   Questurino?

VOL:   (C.S.) No!

BAT:   Mondialpol?

VOL:   (SEMPRE PIÙ INDISPETTITO) No!

BAT:   Agente Privato? (VOLPONI SCUOTE IRRITATO LA TESTA) Digos? Scotlan-iar? Regione Straniera?

VOL:   No, gnente!

BAT:   Ma alora che rassa d’agente a l'è chiel?

VOL:   Noi soma nen ëd rassa... noi i soma...

BAT:   (LO INTERROMPE) Bastardin!

VOL:   (FURIBONDO) Badi a come parla, sa... Cerchi di misurare le parole!

BAT:   E già… mi scusi, neh, ma mi i l'hai pa ‘l meter an boca… Le paròle a seurto longhe o curte come ch’a veulo lor… a seconda delle circostanze!…

VOL:   (ORMAI FUORI DI SÉ) Adess a basta! Annunci al suo padrone che c'è l'Agente Letterario!

BAT:   Euh, a pudìa dilo subit, che a l'era dl'”Erario”. (USCENDO E GRIDANDO) Gioanin! A j'è coj dle tasse!

GIO:    (D.D.) E còsa a veulo?

BAT:   (D.D.) E mi cò ‘m na frega?

SCENA NONA

GIO:    (ENTRANDO) La prego di scusare il mio domestico, ma di queste cose se ne occupa il mio commercialista…

SEG:  Mi scusi signore, ma temo che sia sorta un po' di confusione. Permetta che le presenti il Dottor Cavalier Angelo Volponi, agente letterario.

GIO:    Uh, piacere Signor Cavalier Volponi!... La prego di scusarci tutti quanti…

VOL:   Ma le pare...

GIO:    Vi prego... accomodatevi... Gradite qualcosa?

VOL:   Na bota stopa. (GOMITATA DEL SEGRETARIO) Pardon... (SI RIPRENDE) Un caffè, grazie...

SEG:  Sì… anche per mi a va bin, grassie.

GIO:    (RIVOLTO ALL'ESTERNO) Batista! Pòrta tre cafè! (AGLI ALTRI) Dunque, caro Signor Volponi...

SEG:  Dottore, prego…

GIO:    Diceva?...

VOL:   Mi? Mi i disìa ‘n bel gnente... (GOMITATA DEL SEGRETARIO) Ehm… I scotava...

SEG:  Dicevamo che il cavalier Volponi...

GIO:    (LO INTERROMPE) Cavalier Volponi... Come nome è tutto un programma… Speriamo che a un cognome di siffatta importanza corrisponda un egual agire…

VOL:   (A SEGRETARIO) Cò a l'ha dit?

SEG:  Non si preoccupi. Volponi di nome... volpone di fatto!

GIO:    Bene, benissimo... E ch'am disa... i l'eve curà j'afé 'd quaiche autr scritor... sai nen... Moravia... Pirandello... Ariosto...

VOL:   Sì, sì… A son passà tuti sota 'd noi...

SEG:  (DANDOGLI UNA GOMITATA) Tanti... nen pròpi tuti... ma tanti!

GIO:    (INTERESSATO) E tuti sodisfait?

SEG:  Ah, beh… come ij sistemoma noi, ai sistema gnun!

VOL:   Le posso assicurare che come li alleggeriamo noi... (GOMITATA DEL SEGRETARIO)

GIO:    Come?

SEG:  Il Dottore diceva... "alleggerire", nel senso di… “alleviare” dei carichi burocratici e amministrativi l'artista… per dargli modo così di poter impegnare meglio il suo estro nella creazione delle opere d’ingegno!...

VOL:   Infatti la "merce" (FACENDO CENNO AL DENARO CON LE DITA) che è passata per le nostre mani è stata tutta piazzata in fretta e bene.

SEG:  (SBILANCIANDOSI) E le possiamo assicurare che spesso era merce molto scadente...

GIO:    (SCONCERTATO) "Merce"?

VOL:   (CERCA DI RECUPERARE) Ehm… Comprendo il suo stupore nel paragonare un'opera d'arte a della merce… ma per noi procuratori la vostra arte è semplicemente merce da piazzare…

SEG:  Cioè, fonte di benessere. (NOTO GESTO DEL DENARO)

GIO:    (COMINCIANDO A CAPIRE) Brav! Fonte di benessere spirituale per tutte quelle persone che comprendono il lavoro, la passione, il fervore, la perseveranza che un artista profonde nel concepire la propria creazione!

VOL:   Spero che lei comprenda il nostro impegno.

GIO:    Un artista non deve essere gravato di questi banali e venali pensieri per poter produrre dei capolavori! (DECISO) Quindi... a me il rimare e a voi il compito di alleggerirmi di tutti gli altri problemi!

VOL:   Alleggerirla sarà un vero piacere!... E le assicuro che in men che non si dica lei sarà così leggero che... (GOMITATA DEL SEGRETARIO)

SCENA DECIMA

BAT:   (ENTRANDO) Ecco ij cafè.

VOL:   Ma che bel servissi... porcellana finissima... E che bei cuciarin d'argent... Uhm... le assicuro che sara un vero piacere piazzare il tutto… (GOMITATA DEL SEGRETARIO)

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

GIO:    Batista, guarda ‘n pòch ch'i cha j'è. E disturba nen se a l'è nen pì che necessari. (RIVOLTO AI DUE) Se a j’è na còsa che i sopòrto nen a son ij rompaciap.

BAT:   (ENTRANDO CON ROSINA) Cò a j'è ades?

ROS:  Son ëvnùita a ritirè 'l sigilin dl'amnis.

BAT:   E it ven-e a cerchélo sì, ël tò sigilin? It vëdde nen che a j'è 'd gent?

ROS:  Perchè, quand i l'eve 'd gent ant ëca, i feve pì nen d’amnis? E peui... cò i na sai mi andova i ten-e sto benedet sigilin?... A l'è pa per mi... sota a j'è coi dla "Raccolta" che a speto davanti al porton.

BAT:   Disje che a passo doman, perchè Monsù Piston a veul nen esse disturbà.

ROS:  Va bin ij lo diso. I l'eve 'd preferense per l'orari?

BAT:   Fa nen la fòla... a basta ch’a passo quandi ch’a j'è nen ëd gent!

GIO:    (SPAZIENTITO DAL CICALECCIO) Insomma, Battista, che succede?

BAT:   A j'è la cerbera... pardon, la portiera... ehm… la “custode” ch'a veul l'amnis...

GIO:    L'italiano, Battista! Parla l'italiano! La lingua ideale per rimare... Sà, sbreujte, va a pijè ës sigilìn!

BAT:   (A ROSINA) Aspetti un momento, cerbera, che ce lo porto subit! (ESCE)

ROS:  Grassie tante!

GIO:    Li perdoni, Cavaliere… sono ignoranti e non capiscono niente! Se mi scusate un attimo, vado a prendere il mio capolavoro e torno subito… (ESCE)

(APPENA RIMASTI SOLI, VOLPONI E IL SEGRETARIO SI TUFFANO SUL SERVIZIO DA CAFFÈ ARRAFFANDO I CUCCHIAINI)

ROS:  (LI FERMA) Ma i seve mat? Còsa i feve?

VOL:   (RICOMPONENDOSI) Oh, sì… scusa, ma costa a së s-ciama... a së s-ciama... (GLI MANCA IL TERMINE)

SEG:  "Deformazione professionale"...

ROS:  I veule ruvinè tut per un paira ‘d cuciarin? (DECISA) Butè subit tut a pòst! (VOLPONI E SEGRETARIO ESEGUONO A MALINCUORE) E fè ‘n pressa, ch'a më smija ch'ai riva quaidun!

SCENA UNDICESIMA

BAT:   (ENTRANDO) Ecco l'amnis, cerbera!... (ATTEGGIANDOSI COMICAMENTE AD ATTORE DRAMMATICO) E si ricordi di riportare su il sigillino!

ROS:  Che staghi tranquillo… appena svoidato celo riporto! (GLI SI AVVICINA E CHIEDE IN CONFIDENZA) Dì, Batista… nen per feme j'afè dj'autri… ma la lettera it l'has peuj daila?

BAT:   Che lettera?

ROS:  Ma cola che i l'oma durbì, nò?

BAT:   Cola che “ti” it l'has durbì, it veule dì?

ROS:  Alora disoma... cola che “ti” it l'has fame deurbe!

BAT:   Lassoma perde!... Sì, i l'hai daila... e a ti, còsa ‘t na frega?

ROS:  A mi pròpi gnente... (PAUSA) Ma chiel còsa a l'ha dit?

BAT:   A l'ha spiegame… l'”undicesimo comandamento”...

ROS:  L'undicesimo comandamento? E col ch'a sarìa?

BAT:   (SI GUARDA INTORNO PER CONTROLLARE CHE NON SENTA NESSUNO, POI LE SI AVVICINA COME PER FARE UNA CONFIDENZA) Fatti i fatti tuoi!... (TORNA ALLA NORMALITà) E adess, s’it veule ‘ndé, it peule considerete dispensà!

ROS:  (GUARDANDOLO MALAMENTE) Scusate il disturbo... Vi lascio ai vostri affari! (ESCE)

SCENA DODICESIMA

GIO:    (ENTRANDO CON IL MANOSCRITTO) Ecco il poema!

BAT:   A l'era ora! (ROSINA ESCE) Il Signore ha ancora da manca di me?

GIO:    No, per il momento no. Fa solo in modo che nessuno ci disturbi.

BAT:   I cercherai, signore… ma non dipende da me! (ESCE)

GIO:    (A VOLPONI E SEGRETARIO) Ed ora... a noi!

VOL:   Nostalgico, eh?

GIO:    Perchè?

VOL:   A l'ha dit "a noi!"... Sa, con i tempi che corrono... credevo...

GIO:    Ma no… còsa a va a pensé… i l'hai dit "a noi!" per tornare in argomento... Ecco il mio umile capolavoro!

VOL:   (PRENDE IL MANOSCRITTO E LO PASSA IMMEDIATAMENTE AL SEGRETARIO CHE LO RIPONE NELLA VALIGETTA) Oh, bene… molto bene!

GIO:    (STUPITO) Ma cò a fa?... A lo les gnanca?

VOL:   (FALSO) Lo leggerò… in disparte… con più calma… con più concentrazione... ma prima sarà bene mettere in chiaro alcune cosette... Magnafoco... ehm... ragioniere, prenda nota… (IL SEGRETARIO PRENDE TACCUINO E PENNA E FINGE DI ANNOTARE TUTTO) Per prima cosa lei si deve affidare completamente a me... secondo: affinché il nostro sodalizio possa avere inizio, lei dovrà versarmi, senza remora, un anticipo...

SEG:  (LO INTERROMPE) Un “congruo” anticipo!

VOL:   (SI CORREGGE) ...un “congruo” anticipo...

SEG:  ...Per mettere in moto la macchina...

GIO:    Che macchina?

VOL:   Già, che macchina?

SEG:  (RIVOLTO A VOLPONI, IN DISPARTE) La mia, no!… A l'è doi mèis ch'a l'è sensa benzina!… (RIPRENDENDO) ...ma la macchina pubblicitaria, no?

VOL:   Ma ‘s capiss… la macchina pubblicitaria! Come si vede che lei è un artista! Lei non capisce le cose terrene...

SEG:  Lei non capisce le cose materiali...

GIO:    Già, mi i capisso gnente!

VOL:   Ma no! Lei si intende solo di prosa, di poesia, di cose spirituali... (ENFATICO) Ma purtroppo la vita è dura… e ci vuole pure chi si interessa di queste cose... (RISOLUTORE) E lei, in questo campo, a l'ha sernù 'l mej!

SEG:  (AFFIBBIANDOGLI UNA GOMITATA) “Ij” mej!

VOL:   (CORREGGENDOSI) ...”Ij” mej!… Ij doj mej ch’a j’è ant ël camp! (RIPRENDENDO) Lei, oltre che un artista, è anche un uomo di mondo… si vede dal portamento… e quindi a capirà che tut a l'ha ‘n pressi... (ENFATICO) C'e chi paga con la perdizione i suoi vizi... c'è chi invece paga con la vita i suoi ideali… e chi paga le sue debolezze con il vil denaro... certamente questo non è il suo caso… lei non ha vizi, non ha debolezze, non ha ideali...

GIO:    (SECCATO) E già… adess i l'hai gnente!

VOL:   No, no… lei ha tutto, mè car monsù Paston!

GIO:    Piston, prego!

VOL:   Paston, Piston, a fa l'istess... lei ha tutto. Estro, arte, buongusto… ma soprattutto... denaro… e con questo si possono fare ed avere un'infinità di cose. A capiss, no?

GIO:    Capisso, capisso... ma se non si ha la vena artistica, il denaro non basta!

VOL:   Sòn a lo dis chiel!... A basta, a basta e come...

SEG:  E come, s'a basta!

VOL:   Ch'a scota, Monsù Pinton...

GIO:    Piston!

VOL:   Si, si… Piston. Adess i jë spiego la mia teoria: “Vena artistica spiccata: poco denaro. Vena artistica mediocre: denaro così-così. Vena artistica scarsa: tanto denaro!

GIO:    (POCO PER VOLTA SI LASCIA CONVINCERE, MENTRE ENTRA BATTISTA A RIORDINARE TAZZINE E CUCCHIAINI SUL VASSOIO) I capisso... e nel mio caso, a quale vena artistica appartengo?

VOL:   Beh, questo non lo so ancora… Prima dovrò leggere e valutare... Ma capirà, anche questo costa... Non che io tenga in modo particolare ai soldi, ma per leggere e valutare ci vuol tempo… e il tempo è denaro.

GIO:    E quanto tempo ci vorrà per sapere a quale vena appartengo?

BAT:   (SFRONTATO) A questo ci rispondo io e subito: chiel, per questi due qui, appartiene alla vena aurifera! Altro che bale!

GIO:    Come osi intrometterti, vil servitore?

BAT:   Oso, oso… Perchè anche ‘l me temp a l’è “denaro”… anche se ‘n doi ani… ne ho visto poco... poco, disoma gnente! Quindi... il mio tempo non so quanto può costare, ma il vostro, cari signori, vaire a costa? (VOLPONI E IL SEGRETARIO SI OFFENDONO A SOGGETTO)

GIO:    Battista! Ti ordino di chiedere immediatamente scusa e di ritirarti!

BAT:   Scusa a l'è na busa!... Ma visto che non sono un deficiente, mi ritiro e non chiedo niente! (ESCE)

SCENA TREDICESIMA

VOL:   Non sono mai stato insultato così in vita mia!

SEG:  Giusto!

VOL:   Questa è un'offesa bella e buona!

SEG:  Bravo!

VOL:   La prego di ritenermi esonerato dall'incarico!

SEG:  (SOTTOVOCE A VOLPONI) Adess esagera nen...

GIO:    (CERCANDO DI CALMARLO) Ma no… cosa dice… sono solo parole dettate dall'ignoranza...

SEG:  Cavaliere, sarà meglio che ci ripensi...

VOL:   (SEMPRE FALSAMENTE ALTERATO) Tutti coloro che si sono rivolti alla nostra Agenzia sono sempre stati alleggeriti dalle cose materiali... loro hanno solo pensato a produrre e noi abbiamo sempre pensato ad alleggerirli...

SEG:  (CORREGGENDOLO) Noi abbiamo sempre pensato al resto... adesso si calmi, cavaliere…

VOL:   (SEMPRE PIÙ TEATRALE) No! Non posso calmarmi dopo un'offesa simile!

GIO:    (ESTRAE IL LIBRETTO DEGLI ASSEGNI) Su, su... si tranquillizzi… e mi dica quanto ci vuole per dare inizio a questo nostro sodalizio…

VOL:   (SI SIEDE SUBITO CAMBIANDO COMPLETAMENTE UMORE) Sono calmo. Adess i son calmissim...

GIO:    Allora, mi dica quanto… Uno, dieci, cento...

VOL:   (ASCIUGANDOSI I SUDORI) Faccia lei, faccia lei… Io al vil danaro non ci tengo...

SEG:  Scriva, scriva pure...

GIO:    Alora ch'a vada per sent...

VOL:   (AL SEGRETARIO) A l'ha dit sent?

SEG:  (A VOLPONI) Sì… a l'ha dit sent...

GIO:    I l'hai capì… a son pochi. Foma dosent e non se ne parli più! (E COMPILA L'ASSEGNO)

VOL:   (RIPETE FRASTORNATO) ...Dosent...

SEG:  E non se ne parli più…

GIO:    (PORGE L'ASSEGNO A VOLPONI) Ecco a lei, cavaliere, e ora mi faccia vedere cosa sa fare... aspetto notizie al più presto... arrivederci. (TOCCA LE MANI AI DUE)

VOL:   Grassie, Monsù Pingon! (PASSA L'ASSEGNO AL SEGRETARIO)

GIO:    Piston! Piston! (ED ESCE SECCATO)

SEG:  Ossequi! (SI INCHINA RIPETUTAMENTE, IMITATO DA VOLPONI)

SCENA QUATTORDICESIMA

ROS:  (DA FUORI) Batista, ecco il sigillino!... (ENTRANDO, VEDE I DUE CHE SI INCHINANO) Còsa a l'è?... Na neuva ginnastica? (I DUE SI RICOMPONGONO) As peul almeno savej come a l'è ‘ndàita?

VOL:   (FREGANDOSI LE MANI) Bin, bin… benissim!

SEG:  (CHE NEL FRATTEMPO HA CONTROLLATO L'ASSEGNO, SCONSOLATO) Disoma pura… malissim.

VOL:   Perchè malissim? At basto nen dosent milion?

ROS:  (EUFORICA) Dosent milion?

SEG:  (PORGENDO L'ASSEGNO A VOLPONI) It voreras dì… dosent mila lire...

VOL:   (CONTROLLANDO) Fame vëdde... Ma a l'è nen possibil... Dosent mila lire...

ROS:  Su, su… pijevla nen... A l'è già ‘n bon segn ch'a l'abia sgancià dosent mila... La pròssima vòlta a ‘ndarà mej...

VOL:   (SCONSOLATO, RITIRA L'ASSEGNO) Speroma...

BAT:   (ENTRA) Oh, Rosina… mi hai portato su il sigillino dell'amnis? (VEDE VOLPONI ED IL SEGRETARIO) Ecco… I parlava dl'amnis e a son tuti doi ancora ‘mbelessì!

VOL:   Is n'andoma subit… ch'as preòcopa nen!

SEG:  Signora, i nostri omaggi!

VOL:   Cerea. (ESCE SEGUITO DAL SEGRETARIO)

ROS:  Im na vado 'dcò mi. Con tut lòn ch'i l'hai da fé i peuss pa ferméme sì a ciaciaré... (ESCE)

BAT:   Figuromse...

SCENA QUINDICESIMA

ROS:  (RIENTRA SEGUITA DA GIROLAMO) A j'era sto monsù fòra dla pòrta...

GIR:    Cercavo casa Pistone...

BAT:   A l'ha trovala! Casa Pistone è proprio questa... Cosa desidera? (NOTA ROSINA FERMA IN MEZZO ALLA STANZA) Rosina, it ricordo che con tut lòn ch'it l'has da fé, it peule nen ferméte...

ROS:  (SECCATA, SI GIRA DI SCATTO VERSO LA PORTA) Cerea! (ESCE)

BAT:   La scusi, ma è leggermente patelavache!

GIR:    (TENDENDO LA MANO) Permetta che mi presenti: Versaci, per servirla!

BAT:   Ah, Versace... quello della moda!

GIR:    No, quello è un altro... io sono Versaci Girolamo, della Benemerita, in incognito... Piacere!

BAT:   Piacere anche mio, ma non ho capito tanto bene: lei si chiamerebbe Versacci Girolamo Della Benemerita, sposato in incognito?

GIR:    No, io sono della Benemerita e basta! Ma sono in privato, in incognito!

BAT:   Adess i seve ‘n tropi! As peul savej chi è privato, chi è incognito e chi è la benemerita?

GIR:    Senta, ricominciamo daccapo. Io sono l'appuntato Versaci Girolamo della "Benemerita", l'Arma fedele nei secoli! Però sono venuto qua in forma privata, in incognito! Adesso mi sono spiegato?

BAT:   E it pudìe nen dilo prima che it ses un Caramba?

GIR:    (HA ORMAI PERSO LA PAZIENZA) Ma se sono tre ore che cerco di dirtelo!

BAT:   Dì, Versacci, àussa ne tant la vos con mi, neh!

GIR:    Versaci con una "C" sola: Ver-sa-ci!

BAT:   Ver-sa-ci, se non la pianti lì di fare "versacci" non ci capiremo mai!

GIR:    Ma lo sai che con la testa che hai staresti bene anche tu nella Benemerita?

BAT:   Ti... guarda che mi con la toa Benemerita non voglio avere gnente a che fare, neh! E adesso potrei sapere cos'è che vuoi?

GIR:    (CONFIDENZIALE) Tu sei il Signor Pistone?

BAT:   Gnanca per seugn.

GIR:    Allora sei Battista!

BAT:   (STUPITO) Ma ti come it fase a savejlo?

GIR:    Eh, mio caro Battista... io so tante cose, e sono qui in incognito, come ti ho già detto, per scoprire il resto...

BAT:   Perchè? Cos'è che devi scoprire?

GIR:    (SOTTOVOCE CON CIRCOSPEZIONE) Sto indagando su una banda di truffatori... e per farlo ho bisogno del tuo aiuto.

BAT:   Che drolo, a l'è la prima volta che 'n caramba a l'ha damanca 'd mi... fin-a adess i l'eve mach sempre fame ‘d multe!

GIR:    Tu farai in modo di farmi assumere come domestico dalla signora del primo piano...

BAT:   Da madama Ferrero? Brav ti... se a fùissa facil parei, i buterìa sù n’agensia ‘d colocament!... Come faccio io a farti assumere?

GIR:    Noi sappiamo che...

BAT:   Un moment! Noi chi? Mi i sai gnente!

GIR:    Noi del Nucleo Investigativo. Sappiamo che la signora sta cercando un domestico e tu potresti farmi assumere spendendo una buona parola per me...

BAT:   E perchè dovrei spendere per te?

GIR:    Per aiutare la giustizia! E magari per evitare spiacevoli inconvenienti a te e al tuo padrone. Non credi?

BAT:   Ma ‘t lo sas che it l'has rason? Dame la man: "Affare fatto"! (SI STRINGONO LA MANO) Vado subito a spendere una parola per te dalla Signora Ferrero... ansi, per esse pì sicur, per lòn ch'a costo le parole, i na spendo doe! Torno subit! (ESCE)

GIR:    Speriamo bene!

SCENA SEDICESIMA

GIR:    (RIMASTO SOLO, GIRA PER LA STANZA OSSERVANDO L'ARREDAMENTO) Quasi-quasi mi riposo un po'... (SI SIEDE SUL DIVANO) Se la Signora Ferrero mi assume, dovrò lavorare... e io non sono mica tanto abituato!

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

GIR:    Già qua? Ma come ha fatto in fretta... (VA AD APRIRE E RIENTRA SEGUITO DA VOLPONI E GUARDIA DEL CORPO) Scusi, ma lei chi è?

VOL:   Sono Angelo Volponi, Agente del Sig. Pastrone...

GIR:    Vorrà dire: Pistone...

VOL:   E mi cò l'hai dit? Chiel, pitòst, chi ch'a l'è? (NON LO LASCIA RISPONDERE) Ansi, no... ch'a speta, i veuj ‚ndovinè: chiel a l'è 'l neuv maggiordomo...

GIR:    Ma, veramente...

VOL:   I son propre content... l'autr a l'era così antipatich... e 'dcò ignorant! Chiel come as ësc-iama?

GIR:    Girolamo Versaci.

VOL:   Parente?

GIR:    Di chi?

VOL:   Ëd col dla moda, naturalment!

GIR:    (SCONSOLATO) No, io sono Versaci, non Versace!

VOL:   Che peccato!

GIR:    Perchè peccato?

VOL:   Perchè se chiel a fuissa stait parent con collà, a pudìa presentemlo... e mi, magara, i pudìa slarghè ij mè gir d'afè!...

GIR:    (OSSERVANDOLI TUTTI E DUE) Mi scusi, ma noi ci conosciamo?

VOL:   Non mi pare...

GIR:    Eppure mi sembra... mah, mi verrà in mente...

GDC:  (RIVOLTO A VOLPONI) Fòrse i soma conossusse...

VOL:   Ti sta ciuto! (A GIR.) Come a l'ha dit che as ësc-iama?

GIR:    (SI SBAGLIA) Appuntato Girolamo V...

VOL:   (LO INTERROMPE PREOCCUPATO) Come?

GIR:    (CORREGGENDOSI) Appuntato... appunto... le stavo dicendo di chiamarmi appunto Girolamo Versaci...

VOL:   E mi dica, Girolamo, non c'è il Signor Pistone?

GIR:    (ANCORA FRASTORNATO PER LA GAFFE) Vede... io... non saprei...

VOL:   Ah, che spiritos! A sa nen se sò padron a l'è ‘ntecà!

GIR:    Ma non lo so davvero!

GDC:  Ah, che spiritos!

VOL:   Ti sta ciuto! (A GIR.) Ma a schersa?

GIR:    Non sto scherzando. Io sto aspettando...

GDC:  (LO INTERROMPE) A speta 'l tram, come ant le barzelëtte!

VOL:   Ti sta ciuto! E chiel ch'as ëspiega, che mi i l'hai nen temp da perde!

GDC:  Il nostro tempo è denaro!

VOL:   Ti sta ciuto!

GDC:  Ma se it lo dise sempre ti...

GIR:    Io sto aspettando Battista!

VOL:   Alora an pija an torta... Se Batista a j'è nen, non sa se il padrone è in casa... chiel come a l'ha fait a intré?

GDC:  Ambelessì a venta ciamè ij carabinié!

GIR:    (AUTOMATICAMENTE SCATTA SULL'ATTENTI) Presente!

VOL:   (A GDC) Ti sta ciuto! (A GIR.) E chiel ch'a fassa nen tant lë spiritos!... Pensandje bin i peudrija ciamè la portiera...

GIR:    Faccia pure. Intanto Battista starà qui per arrivare...

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

GIR:    Eccolo qua!

VOL:   (A GDC) Bulldog, va a deurbe! (GDC SI AVVIA ED APRE)

ROS:  (URLA VEDENDO GDC) Aaaah, che spavent! (A VOL.) Chi a l'è chielsì?

VOL:   A l'è la mia neuva "Guardia del corpo"!

ROS:  (VERSO GIR.) E costì?

GIR:    Non si ricorda? Ci siamo visti qui fuori: io entravo e lei usciva...

ROS:  Già, che stupida, im na ricordava pi nen!

GDC:  Eh già, che stupida! (OCCHIATACCIA DI ROSINA)

VOL:   Ti sta ciuto!

ROS:  E Batista andoa a l'è?

GIR:    Non c'è, ma arriverà subito... (GUARDANDOLA BENE) Ma dica, signora, noi ci conosciamo?

ROS:  No di sicuro!... Anzi, sì! Ci siamo conosciuti quando lei arrivava ed io uscivo!

GDC:  Bela batuva!

VOL:   Ti sta ciuto!

GIR:    (TRA SE') Anche questa non mi è nuova... mah, mi verrà in mente...

ROS:  Insomma, si può sapere dove è finito Batista?

GIR:    Dalla signora del primo piano...

ROS:  Madama Ferrero?

GIR:    Ecco, brava, proprio da quella lì.

VOL:   E chi a saria sta “signora Ferrero”?

ROS:  Ma come, ch'am disa nen ch'a la conòss nen?... A l'è la padrona dl'Agenzia di Viaggi: "CON L'AGENZIA FERRERO, VA A SPASSO IL MONDO INTERO"!

GDC:  (SFREGANDOSI LE MANI) A sarà carià 'd sòld!

VOL:   Ti sta ciuto!... E già... a sarà carià 'd sòld! (A ROSINA) Perchè t'im la presente nen?

ROS:  (SOTTOVOCE) Una cosa alla volta... con calma!

GIR:    (TRA SE') Eppure io li conosco...

SCENA DICIASSETTESIMA

GIO:    (DA FUORI) Batista, còsa a l'è tut ësto rabel? (ENTRANDO) Qui non si può più lavorare! Còsa ai fa tuta sta gent an ca mia?

ROS:  Io sono salita a controllare...

GIO:    E lei, Signor Volponi, ha già letto il mio capolavoro?

VOL:   Ecco... veramente... ero venuto apposta per...

GIO:    (RIVOLTO A GDC) E questa ferramenta cosa ci fa in casa mia?

GDC:  Io sono con lui! (INDICANDO VOLPONI)

VOL:   Ti sta ciuto! Monsù Pianton, ch'am lassa spieghè...

GIO:    Piston! (MINACCIOSO VERSO VOLPONI) Më sc-iamo Piston! (VEDE GIROLAMO) E chiel chi a sarìa?

GIR:    Girolamo Versaci.

GIO:    Ah, è imparentato con il famoso...

GIR:    (ORMAI SCOCCIATO PER L'EQUIVOCO) Eh, nooo! Anche lei? Versaci, non Versace... Girolamo Versaci, per servirla...

GIO:    Ma che servirmi e servirmi! Io di servo ne ho già uno... Però, pensandoci bene, si tenga a disposizione, perchè quand che Batista a riva mi i lo stròsso... ansi, no! I ciamo i Carabiniè!

GIR:    Presente!

BAT:   (ENTRANDO, PER SCHERZARE) Alto là! Fermi tutti!

GDC:  (CON VOLPONI E ROSINA, GIRATI DI SPALLE, ALZANO LENTAMENTE LE BRACCIA IN SEGNO DI ARRESA - SOTTOVOCE A VOLPONI) Ij Carabinié a son rivà dabon!

VOL:   (QUESTA VOLTA SOTTOVOCE) Ti sta ciuto...

CALA IL SIPARIO E TERMINA IL PRIMO ATTO


====================================================================

==

=     SECONDO ATTO     =

==

====================================================================

PRIMO QUADRO

SCENA PRIMA

(STESSA SCENA, DUE MESI DOPO)

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

BAT:   (VA AD APRIRE ED ENTRA SEGUITO DA GIROLAMO) Oh, ciao, mè car Versacci. Intra pura!

GIR:    Versaci, Batista... Versaci. Io mi chiamo Ver-sa-ci! Anzi, guarda, a scanso di equivoci... chiamami Girolamo!

BAT:   E va bin... come it veule ti, Versacci! Da adess an avanti it ciamerai Girolamo... va bin? (PENSA UN PO') ma sent un pòch, a mi sto nòm... Girolamo... am pias pròpi pòch... a l'è tròp long! E se it ciamèissa Giro?

GIR:    E che sono diventato adesso... Il Giro d'Italia?

BAT:   Mah, verament, ti al massim it pudrìe fè 'l Gir ëd Sicilia... Comunque se at pias nen i cambierai... it ciamerai Lamo.

GIO:    (ENTRANDO) Bello! “T'amo pio bove, e mite un sentimento di vigore e pace...”

GIR:    (LO INTERROMPE) Sì, di vigore! Un sentimento di dolore, piuttosto! Ora pure cornuto sono diventato!

GIO:    (TRA SE')Ma a l'è nen possibil che tuti ij gnorant am capito a mi! Era un verso poetico, mi sembrava chiaro! Ma come fate a non capire? Ad ogni modo scherzavo... ancheuj i son ëd bon umor! Col ch'a l'è 'l problema?

BAT:   Ma gnente! Chiel a veul che mi lo ciama con ël sò nòm ëd batesim, ch'a l'è Girolamo, ma a mi am pias nen... a l'è tròp long... parej i vurìa troveje ‘n diminutiv... ma Giro ai pias nen e Lamo gnanca.

GIO:    E ti ciamlo Mò! Pì diminutiv che parej...

GIR:    Eh (CANTICCHIANDO) “Mò viene Natale / son senza denare / m'accatto o’ giornale / e me vado a cuccà”... Ma che, state a scherzare? Prima il Giro d'Italia, poi il verso poetico, anzi patetico, e mò a canzuncella! Ma fatemi o’ piacere!

BAT:   Eh va bin, scaud-te nen tant! It ciamerai Girolamo, it ses content?

GIR:    Così sono stato battezzato e così voglio essere chiamato!

GIO:    Beh, an fond a l'ha rason! Chiel a difend sò nòm e soa origin! Brav, verament brav mè car Giromin!

GIR:    Ma quale Giromin e Giromin! Girolamo io mi chiamo e Girolamo voglio essere chiamato! E mò me so’ scucciato e me ne vado!... Anche perchè devo andare a fare delle commissioni con Madama Ferrero! Arivuzze! (ESCE)

GIO:    Arvëdse!

BAT:   Ciao!

GIO:    Ma it lo sas che a l'è pròpi simpatich chiel-lì? Come it l'has conossulo?

BAT:   Mah... verament a l'è chiel che am conòss mi!

GIO:    Come, come? Che storia a l'è costa?

BAT:   Eh, a l'è na stòria longa da contè! A di la vrità i la sai gnanca bin mi!

GIO:    A va bin, vist che it la sas nen ti, i veuj nen savèjla gnanca mi! Pitòst, sent-me bin... se ai riva Monsù Volponi, ciam-me subit!

BAT:   A sarà fait, mè car Gioanin... ah pardon ... Padron!

GIO:    E brav Batista: a forza di fare / stai per imparare (ESCE)

SCENA SECONDA

BAT:   E daje con sta rima! Ma non lo sai che si diventa più scemi di prima? Oh bòja fàuss, i l'hai fait la rima ‘dcò mi!

ROS:  (ENTRANDO) Chi fa la rima è più scemo di prima!

BAT:   E no, eh! I l'hai dilo prima mi! E peuj... chi a va con ‘l sòp a ‘mpara a sopiè, at a smia nen?

ROS:  Beh, sì! Ma còsa it veule dì con lòn?

BAT:   Gnente, gnente, ij sai mi! E peuj dime... come it l'has fait a intrè?

ROS:  Da la porta!... A l'era duverta!

BAT:   Ah, già! A l'avrà lassala duverta Girolamo prima! Eh, a l'è pròpi na bela testa 'd carabinié!

ROS:  (SPAVENTATA) Uh, andoa ch’a l'è 'l carabinié?

BAT:   It l'has paura, neh, cara la mia portiera... ma sbaruv-te nen, a l'era na manera 'd dì... Però as sa mai... a pudrìo 'dco essje...

ROS:  E perchè mai a pudrìo essje?

BAT:   (MISTERIOSO) Mah, e chi a lo sa? (CAMBIANDO TONO) Ma dime ‘n pòch... còsa ch'it vurìe?

ROS:  A l'è rivaje na letera ‘d tòta Pierina e alora i son vnùita su per consegnela!

BAT:   Na letera ‘d Pierina? E come mai? Ch'a sia capitaje quaicòs?

ROS:  Sta tranquil, tòta Pierina a l'è mach an-namorà! A l'è pijasse na bela caplin-a!

BAT:   E a të smijava se a la lesìa nen! Il lupo perde il pelo, ma non il vizio!

ROS:  Ma mi i son pa ‘n luv! Casomai sono un gatto!

BAT:   E perchè ‘n gat?

ROS:  Per i miei precedenti!

BAT:   Che a sarìo?

ROS:  Perchè mi im ciamo Rosina Gatto! Ecco perchè!

BAT:   Ah, già ch'a l'è vera! Ma da già che it je ses, dime 'l rest ëd la letera, parej i la deurbo gnanca, e se a l'è nen na ròba grave ij la consegno a Monsù Piston.

ROS:  Ma la letera a l'è pa per Monsù Piston...

BAT:   E alora per chi ch’a l'è?

ROS:  Ma per ti, Batista!

BAT:   Per mi? Ah, bruta gata sensa pluch ëd na portiera!

ROS:  Gatto, Batista! Mi im ciamo Gatto!

BAT:   Oh, Gat o gata a l'è pròpi l'istess! Mi con ij nòm i vado nen d'acòrdi! Adess it bute a lese 'dcò la mia corispondensa!

ROS:  Ma se it l'has mai ricevù gnente!

BAT:   Beh, per lon it l'has rason...

ROS:  It sas... la curiosità a l'è staita fòrta... ti it l'has mai ricevù gnente... costa a l'era n'ocasion da nen perde!

BAT:   Eh già, da nen perde, neh? Ma mi sto vissi brut it lo gavo prima o peuj! E adess fila, ch’i l'hai da fè, ansi da lese!

ROS:  Vado, vado... però peuj t’im fase savej tut ël rest ëd la letera, neh...

BAT:   Fila!

ROS:  Ma i l'hai nen lesula tuta!

BAT:   Se të sparisse nen it buto ‘nt la lavatriss e i taco la centrifuga!

ROS:  Ma it lo sas nen che ij gat as lavo nen? A peulo sciopè!

BAT:   A l’è pròpi per lòn, ch’i veuj felo! Fila! S-ciòda! Aria! Rauss! (ROSINA SCAPPA VIA)

SCENA TERZA

BAT:   (RIMASTO SOLO, APRE LA LETTERA) A l'ha dit che a j'è gnente ‘d brut, che a l'è mach an-namorà... Bah, lesoma ‘l rest... (LEGGE) "CARO BATTISTA, TI SCRIVO QUESTA LETTERA, PERCHÉ NON VORREI CHE PAPÀ, LEGGENDOLA, SI ALTERASSE. MI SONO INNAMORATA!" (TRA SÉ) E còsa ch'a j'è ‘d mal... A vint ani na fija a peul bin an-namoresse, no?... (CONTINUA A LEGGERE) "COME POTRAI BEN CAPIRE, A VENT'ANNI CI SI PUÒ PURE INNAMORARE!" (SEMPRE TRA SÉ) Ma còsa ch'a fa chila lì?... Am les ant ël pensé? (RIPRENDE A LEGGERE) "PERÒ, IL FATTO È CHE NON SONO INNAMORATA DI UN UOMO..." Òhmmi, povr'òm! Ma come... a l'è nen n’òmo?... A sarà pa ‘n-namorasse ‘d na fomna? (LEGGENDO) "CERTO CHE, CON I TEMPI CHE CORRONO, CI SI POTREBBE ASPETTARE DI TUTTO... MA STA TRANQUILLO, BATTISTA, NON SONO INNAMORATA DI UNA DONNA..." (TRA SÉ) Beh, n'òmo a l'è nen... na fomna gnanca... e fin-a lì... ma alora... ëd chi ch'a l'è an-namorà? (CON CURIOSITÀ TORNA A LEGGERE) "BENSÌ DI UN MARAJA..." Na maràja? Come a sarìa?... A l'è ‘n-namorasse ‘d na cooperativa? (LEGGE) "UN MARAJA È UN PRINCIPE INDIANO, CARO BATTISTA, E SI PRONUNCIA MARAGIÀ" Basta là... chila-lì a continua a les-me ant ël pensé! (LEGGE) "E VUOLE SPOSARMI A TUTTI I COSTI!" Ma Pierina a l'è pa ‘n vendita!... (CONTINUA) "VOGLIO DIRE IN QUALUNQUE MODO..." Ades am pija ‘dcò ‘n gir? "CARO BATTISTA, NON OFFENDERTI SE OGNI TANTO HO SPECIFICATO IL SIGNIFICATO DELLE MIE PAROLE, MA CONOSCENDOTI..." Ma guarda ‘n pòch! Da quandi ch'a studia an ëSvissera a l'è butasse a parlè dificil!... "CON QUESTA LETTERA VOLEVO ANCHE AVVERTIRE CHE, PER LE FESTE NATALIZIE, VORREI PORTARE CON ME IL PRINCIPE PER FARLO CONOSCERE A PAPÀ, QUINDI TI PREGHEREI DI AVVERTIRLO CON CAUTELA. CON STIMA, LA TUA PIERINA. P.S.: SE VUOI SAPERNE DI PIÙ PUOI TELEFONARMI AL NUMERO 037 112 149338 DALLE 14 ALLE 18... NON PIÙ TARDI. UN BACIONE, PIERINA." Ma mi i telefono subit! Ëd corsa! (VA VERSO IL TELEFONO) Un moment... Che ora ch'a l'è? (GUARDA L'ORA) A l’è sich ore... le diciassette... No, i telefono dopo! Ël 17 a pòrta sgaro!... I speto ancora ‘n poch. (PASSEGGIA NERVOSAMENTE) Ecco! A l'è passaje 'l 17 e i peus telefonè. (PRENDE IL TELEFONO) Ai mancava 'ncora l'indian...

SCENA QUARTA

GIO:    (ENTRANDO) Còsa ch'a j'è Batista? Per caso a l'ha date ‘d vòlta... la "cabeza"?

BAT:   Ma no... nen la cabeza!... (PENSA UN ATTIMO) E còsa ch'a sarìa la cabeza?

GIO:    Ma la testa, Batista, la testa! An ëspagneul as ciama "cabeza"!

BAT:   Ai mancava mach pì lë spagneul!... L'indian it deuve ‘mparè, nen lë spagneul!

GIO:    L'indian? E còsa ch’a j’intra l'indian con lë spagneul?

BAT:   (SI RENDE CONTO CHE PER POCO NON GLI SPIATTELLA TUTTO E VA IN PANICO) Perchè nella lettera, la maraja... per Natale... il principe indiano... telefono... (INDICANDO IL CIELO) telefono casa...

GIO:    Batista, tì i të staghe nen bin! Adess i ciamo 'l dotor...

BAT:   Ai manca 'dcò 'l dotor!... Nò, nò... ai na j'è nen damanca, adess... a passa da sol...

GIO:    T'am combineras pa quaiche schers? T'am fase paura... i l'hai mai vist-te parej... i të straparle!

BAT:   Mi i straparlo? Tiè! (GESTO DI SCACCIAMALOCCHIO)

GIO:    Sì... i të straparle! It j’ere ‘ncamin ch’it disìe ‘d ròbe sensa sens!

BAT:   E còsa ch'i l'hai dit, ëd grave?

GIO:    It disìe... disset... disgrassia... aspetto un po'... no meglio adesso... l'indiano per Natale... telefono casa... tute parole sensa sens!

BAT:   E mach per lòn i l'avrìa da manca dël dotor? E ti alora, quandi ch'it fase le toe rime? It na dise ‘d ròbe sensa sens!... Ti, per na vòlta i të spavente, mì ‘nvece quandi ch'it rime i vivo ant ël teror, ma i ciamo pa 'l dotor!...

GIO:    Va bene, non guardarmi così stupito / il tuo messaggio ho recepito!

BAT:   Ij soma torna?

GIO:    Non aver paura, mio caro Battista / questa è ormai la vita mia... da artista / io rimo per diletto, non per mania / la mia è arte... di più: è melodia!

BAT:   I l'hai già dit-lo na volta! Se non mi vuoi far impazzire / lascia l'arte e pensa alle lire!

GIO:    Oh, che bella rima!

BAT:   Sarà na maladia / ch'a l'ha contagià 'dcò la vita mia!... Basta! Im ciamo 'l dotor da sol!

GIO:    Ma che maladia e maladia!... A l'è mach arte e parej ch'a sia!

BAT:   Ascoltami... smettiamo di fare arte / sennò Battista parte!

GIO:    Caro Battista, le tue rime vengono come niente sia! Sei entrato anche tu nella poesia!

BAT:   La mia mente ormai s'impazza! Al telefono io chiamo la ragazza!

GIO:    Battista, ma lo sai che sei un artista?

BAT:   No, no... i son diventà fòl complet! Ciama 'l dotor prima ch'am ricovero ‘n sël serio!

GIO:    Ma sta tranquil... Mi ades i vado ‘nt la mia stansia. Se ai riva quaidun a portè ‘d novità, falo intrè e trat-lo da sgnor! (ESCE)

SCENA QUINTA

BAT:   (SI AVVICINA AL CARRELLO DEI LIQUORI) Altro che novità! L'indian a riva per Natal... e mi come i faso a dij-lo?  --->    (SUONANO ALLA PORTA) A son-o. Ch'a sia già rivaje l'indian? (VA AD APRIRE E RIENTRA CON VOLPONI) Ah, a l'è chiel?

VOL:   Ch’am anunsia a sò padron! I l'hai ëd novità da riferìje!

BAT:   Speroma che a sio pì bele che le mie...

VOL:   Còsa ch'a dis?

BAT:   Gnente, gnente... I vado e i riferisso. (ESCE)

VOL:   Anche chiel-lì a ‘ncamin-a a campè ij dadi come sò padron! Mej parej... a sarà tut pì facil!...

GIO:    (ENTRANDO) Còsa ch'a l'è pì facil, mè car Volponi? I spero che am pòrta bon-e neuve.

VOL:   Bon-e e grame...

GIO:    Perchè grame? (SI GUARDA INTORNO) Ma ‘l sò segretari 'ndova ch'a l'è?

VOL:   Ehm... A l'è partì a l'improvis... i sai nen per andova... Ma a l'è nen costa, la notissia!

GIO:    E alora ch'as dësbreuja! Ch'am disa tut!

VOL:   Chiel a sa che i son particolarment tacà ai sòld... ehm... i vurìa dì... i lo son per gnente... però, per esigenze di organizzazione, i l'hai damanca d'autri... “quibus”!

GIO:    I capisso... ma anche per mi i sòld a l'han gnun-a importansa... quindi ades ch'am daga la bon-a notissia.

VOL:   Se tut a gira per ël sò vers, le soe rime a l'han trovà n’editor che ai publicherà, an doi volum, ant ël setor... as fa per dì... "Giovani talenti"!

GIO:    Su, su, perdoma nen temp!... Ch'am disa... vaire ai va per vëdde stampà 'l mè caplavor?

VOL:   Beh... a ved...

GIO:    Ch'am disa vaire! Vint? Sent? Dosent? Ch'am ten-a nen an sle spin-e!...

VOL:   A farà pa come l'autra volta, neh? Vint, sent, dosent... e peuj... (GESTO ELOQUENTE)

GIO:    Orsù dimmi, vil sensale! / La mia opera quanto vale?

VOL:   Diciamo tre... trecento milioni!

GIO:    Ma gliene do quattrocento!... Leggerò le mie rime in due volumi, finemente rilegati / così che dagli studenti, come quelli di Dante, saranno studiati! (ESCE)

VOL:   (CON PROFONDI INCHINI) Grazie, mio benefattore! / Mi chiami quando vuole, sarò il suo umile servitore!

SCENA SESTA

BAT:   (ENTRANDO) N'autr ch’a veul pijéme 'l pòst, neh monsù? Ambelessì, per serve i basto m!... Ma ch'am lassa l'indirissi, perchè as sa mai... S’ai riva l'indian, a pudrìa serve 'dcò chiel!

VOL:   L'indian? E chi ch'a sarìa?

BAT:   I lo sai mi, i lo sai mi...

ROS:  (ENTRANDO) Còsa it sas ti?

BAT:   (TRA SÉ) Guard-la torna sì, chila lì... quandi ch’ai riva 'l volpon, ai riva 'dcò la gata... che combinassion, neh? (A ROS) E ti còsa ch'it veule sta volta?

ROS:  Chi mi?... Mi gnente...?

BAT:   E s’it veule gnente, perchè ch’it ses ëvnùita su?

ROS: Mi i faso 'l mè travaj. I controlo... E dato che 'l monsù a l'era già rivà da ‘n bel pòch e mi i lo vëddìa pì nen calè giù... i chërdìa ch'a fùissa capitaje quaicòs...

VOL:   Grassie per ël sò interessament, madama... ma come a ved a l'è capitaje pròpi gnente. Ansi... andava tutto liscio come l'olio, mia cara custode!

BAT:   Tutto liscio... còsa?

VOL:   Ma 'l mè travaj, car Batista! Ho ricevuto or ora la giusta ricompensa per il lavoro svolto: ecco qua l'assegno di quattrocento milioni!... Ed ora, con il vostro permesso, tolgo il disturbo!... (SI AVVIA VERSO L'USCITA, MENTRE GLI CADE L'ASSEGNO CHE VIENE RACCOLTO DALLA PORTINAIA)

ROS:  (LEGGENDO L’ASSEGNO) Quatsent milion, a l'ha dit?

VOL:   Ch'a daga sì! Costì a l'è me!...

ROS:  Eh, pòr gilindo!... Quatsent si, ma quatsent mila lire!

VOL:   (ALLIBISCE) Còsa? (GUARDA L’ASSEGNO) Ma a l'è nen possibil! A l'è la sconda volta, costa!

ROS:  (PRENDE VOLPONI SOTTOBRACCIO E LO CONSOLA) Su, su... ch'a ven-a con mi. A l'è ‘n sla bon-a stra e prima o peuj a vëdrà ch’a riesserà a fessje dè, ij milion!... (ESCONO INSIEME)

BAT:   (OSSERVANDOLI USCIRE) Mah... sta cobia a l'è sempre pì dròla!

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

SCENA SETTIMA

BAT:   E ades chi ch'a j'è? (VA AD APRIRE E RIENTRA SEGUITO DA MADAMA FERRERO E GIROLAMO)

FER:   Oh, pòvra mi, che disgrassia!... Ma che disgrassia, pòvra mì!

BAT:   Na disgrassia? Ma còsa a l'è suceduje?

FER:   Na disgrassia! Ij diso ch'a l'è na disgrassia! (SI ABBANDONA SU UNA SEDIA) Ohhh, che caud!...

BAT:   (CERCA DI FARE ARIA) Su, su... ch'as calma! E ti Girolamo, cerca dë spiegheme!

GIR:    Eh, c'è ben poco da spiegare... Le hanno ripulito l'alloggio!

BAT:   Perchè? A l'era spòrch?

GIR:    Ma che dici? Ripulito!... Nel senso che hanno rubato tutte le cose di valore che c'erano in casa!

FER:   Ohmmi, im sento mal! Oh, che caud!

BAT:   Ròbe da mat! Costa a l'è bela!

GIR:    No, questa è brutta!

BAT:   Mi i disìa “costa a l'è bela”, perchè an ca Ferrero a j'è la Benemerita, e ij lader a fan ij sò còmod! (RIDE)

FER:   Ohhh, che caud! Im sento mal!

GIR:    Non c'è niente da ridere! Noi non eravamo in casa, ma ti assicuro che io prenderò i colpevoli!

BAT:   E come it fase? It je bute la sal an sla la coa?

FER:   Ohhh, che dolor! Tuta la mia bela roba!

GIR:    Non fare come al solito il cretino! / Vedrai cosa succederà al malandrino!... Ride bene chi ride ultimo!

GIO:    (ENTRANDO) E brav Giromin! Ti diletti anche tu di proverbi e rime?

FER:   Che disgrassia! Ohhh, che disgrassia!

GIO:    Oh, Madama Ferrero... che onor!

FER:   Im sento mal! Oh, che dolor!

GIO:    E vojautri còsa ch'i feve? I seve blocave? (SOCCORRE MADAMA FERRERO) Deme na man a giutè Madama!

BAT:   Ch'a së scauda nen, a j'è pì gnente ch'i podoma fè...

GIO:    Come, i podoma fè gnente? Alora a l'è n’afè grave! Su, Madama Ferrero, ch'a resista... ch’a së scoragia nen... adess i telefono al mè dotor!

BAT:   Ma che dotor e dotor!... A l'è pa malavia!...

GIO:    E alora perchè as lamenta?

BAT:   Perchè a l'han polidala!

GIO:    A l'era sporca?

BAT:   Ma no! Polidala, ant ël sens ch’a l'han barbaje tute le ròbe 'd valor ch’a l'avìa ‘ntecà!

GIO:    E còsa ch'i spete a ciamè ij Carabiniè?

GIR:    Presente!

BAT:   Ma fame ‘n pòch ël piasì...

GIR:    Ti farò rimangiare questi insulti!

GIO:    Su, su... basta! Piantela lì! Deje na man a Madama a tornè a ca soa! (ESCE)

FER:   Ohhh, che disgrassia, che disgrassia!

BAT:   Ch'a ven-a Madama Ferrero... i la compagno a ca. E ti, caramba... (RIVOLTO A GIROLAMO) dame na man!

GIR:    Io ti risponderò con i fatti!

BAT:   Speroma bin...

GIR:    Abbi fede, buon uomo!

BAT:   Buon uomo sarai tu, a va bin?... Ma almeno hai dei sospetti, mio caro benemerito?

GIR:    Io no... e tu?

BAT:   Beh... mi un il l'avrìa!

GIR:    E chi sarebbe?

BAT:   At diso gnente... ël gat e la volp?

GIR:    Il gatto e la volpe... Io questi nomi li ho già sentiti... ma non mi ricordo dove...

GIO:    (ENTRANDO) Ma i seve ancora sì? Ch'a scusa, Madama Ferrero,a son bon a gnente!...

FER:   Grassie, grassie ‘d tut!... Oh che disgrassia... oh, che dolor!...

(BATTISTA E GIROLAMO FANNO SEGGIOLINO CON LE MANI E PORTANO FUORI MADAMA FERRERO)

TERMINE DEL PRIMO QUADRO

(LE LUCI SI SPENGONO, MENTRE UNA VOCE FUORI CAMPO DICE:)

"Dopo circa un mese, intorno alle feste Natalizie"

(SI RIACCENDONO DI COLPO LE LUCI E INIZIA IL)


SECONDO QUADRO

SCENA PRIMA

GIR:    (ENTRA TRASPORTANDO UN ALBERO DI NATALE, AIUTATO DA BATTISTA) Dove lo vuoi mettere 'sto coso?

BAT:   Per ades... butomlo 'mbelessì!

GIR:    E tutti li rattoppi?... Che so... i nastri... le palle...

BAT:   Gli “addobbi”, biòvo, nen ij “rattoppi”!... Lassa perde. Pierina am farìa na testa parej! Am lo perdonerìa mai, guarda: a l'ha sempre preparalo chila e a continoa a vorèilo fé. Ormai a l'è question ëd pòch e a sarà sì!

GIR:    Con l'indiano?... Il principe?

BAT:   Ah beh, lòn as sa nen...

GIR:    Ma monziù Pistun è al corrente, no?

BAT:   Eh, sì... i l'hai pròpi dovùjlo dì...

GIR:    E come l'ha presa?

BAT:   Mah... Tut subit pitòst malament... ma quand ch'i l'hai dije ch'a l'era 'n prinsi, a l'è calmasse... ansi, a l'è... come dì...

GIR:    Si è montato la testa come un tacchino!

BAT:   Ma no... nen propi... a l'è... “esaltasse”, eccò... It sas... savej che soa fija a sarà na principëssa indian-a...

GIR:    Ma lui lo sa che se sua figlia sposa un "maraggià" e lui muore, la bruciano viva insieme a lui?

BAT:   Chi lui?... Piston?

GIR:    Ma che Pistun... il maraggià! Quando muore il maraggià bruciano insieme anche la moglie... È una loro usanza! Anzi, insieme ai coniugi, bruciano viva pure tutta la servitù!

BAT:   (ATTERRITO, DOPO UN MOMENTO) Ti it ses pa a pòst! Ma cò 't dise?

GIR:    Mi sono a postissimo!... Tu piuttosto informati e vedrai...

BAT:   Bah... chissà se Pierina a l'è al corent dë ste drolerie...

SCENA SECONDA

GIO:    (ENTRANDO) Cò a l'è che mia fija a duvrìa savej?

GIR:    Ma sì!... È un'usanza che...

BAT:   (LO INTERROMPE CON UNO SPINTONE) Ma sta ciuto!... I j'ero 'ncamin ch'i disìo... ehm... (ARRIVA L'IDEA) Chissà se Pierina a sa se an India a fan l'Albero di Natale? It lo sas ti? Eh?

GIO:    Beh no... i lo sai nen... Ma i duvrai anformeme 'n sle abitudini 'd cola gent... s’i duvoma diventè parent...

BAT:   A fa gnente... quand a vniran, an lo diran lor!

GIR:    Io vado, eh!... Madama Ferrero mi sta aspettando.

GIO:    Disme 'n pòch, Giromin... hai scoperto qualche indizio / sugli autori del rubarizio?

GIR:    Girolamo mi chiamo, Munziù Pistun! Girolamo!...

BAT:   Non ha scoperto un bel niente! Buio completo! Notte fonda! Barcolla nelle tenebre!

GIO:    (CORREGGENDOLO) “Brancola”, non “barcolla”...

BAT:   Ma sì! “Brancolla”... a fa l'istess! (--->    SUONANO ALLA PORTA; VA AD APRIRE E RIENTRA SUBITO CON ROSINA)

ROS:  Ohmmi pòvra dòna, che spavent! C'è stato un altro furto!

GIO:    Andova?

GIR:    Speriamo non di nuovo da noi!...

ROS:  No, l'hanno fatto nella casa di fronte! (A GIOVANNI) A sa... 'ntëca 'd col "collezionista d'arte"...

GIR:    Non lo conosco... ma vado subito a vedere!

BAT:   (IRONICO) Ah, beh! Se a va a vëdde chiel...

GIR:    Sempre molto spiritoso!... Procediamo al sopralluogo! (ESCE)

GIO:    La colpa a l'è anche 'n pòch toa, neh Rosina! Mai ch'it rive con na bon-a notissia!... Torna subit an guardiòla e sta atenta ch'a j'intra nen d'estranei! (ROSINA ESCE)

SCENA TERZA

BAT:   Pì che la guardia a pudrìa fè 'l "palo"!

GIO:    Ma cò 't ses ancamin ch'it dise sempre?... Cò 't parle?... It barbòte?... Pitòst: it l'has preparà le stansie per j'òspiti?

BAT:   Tut pront. Ai manca mach pì lor!

GIO:    Bene! Molto bene! Benissimo! Ci pensi, Battista? / La dolce Pierina, / già figlia d'artista, / sarà principessina!

BAT:   Ci penso, ci penso! E dòpo lòn ch'a l'ha dime Girolamo, ci penso ancor di più! / E se non voli tanto su, / ma con noi stai quaggiù, / in men che non si dica ci penserai anche tu!

GIO:    Ma piantla lì 'd dì 'd folariade! Possibil ch'it peusse nen parlè seriament un moment?

BAT:   Altrochè seriament! I son mai stait pì serio!

GIO:    Vist ch’it ses così serio, alora dime cò it l'has sempre da dì, parlè, ciaciarè, barbotè... cich-cich, ciach-ciach, ciòch-ciòch, cioch-cioch...

BAT:   Sta tranquil ch'i son nen cioch... (GUARDA MALINCONICAMENTE LA BOTTIGLIETTA CHE HA IN TASCA)

GIO:    Fate furb!... I stoma parland ëd ròbe serie... i stoma parland ëd... (CI PENSA SU) ëd cò i stasìo parland?

BAT:   Ëd la "Dolce Pricipessina Pierina"...

GIO:    Ah, già! E bin, mia fija Pierina a diventerà Principëssa... e i sai nen s’it ses invidios o còsa, ma 'm piasrìa savej cò 't l'has sempre da tardochè!

BAT:   Ma a l'è pròpi perchè a diventerà principëssa ch’i son preocupà!

GIO:    Eh, mè car Batista... I capisso che per ti Pierina a l'è come na fija, ma it deuve nen preocupete!... Ansi: it deuve esse content! Ella sarà accolta con calore / nella dimora del suo cuore!

BAT:   Appunto... "con calore"!... Diciamo pure "con molto calore"! Ma na caud che mach a penseje am ven freid!

GIO:    Freid... caud... ma cò ‘t dise?

BAT:   Eh... A sarà la "menopausa"... Le caudan-e...

SCENA QUARTA

--->    (SUONANO ALLA PORTA)

GIO:    A saran lor! Su! Va a deurbi! Fa ‘n pressa! (BATTISTA ESCE; GIOVANNI PROVA DIVERSE POSE PER RICEVERE ADEGUATAMENTE IL PRINCIPE)

PIE:    (D.D.) Ciao, Battista! Come stai?... Oh, finalmente a casa! (ENTRANDO) Dov'è papà? (LO VEDE) Oh, papà! Come sono felice! (LO ABBRACCIA E LO BACIA)

GIO:    Pierina! Fija mia, a l'era ora!... (SI GUARDA ATTORNO) Ma... il Principe dov'è?

PIE:    Per ora non c'è! Sai... lui viaggia sempre con tutto il suo seguito e così è sceso al Grand Hotel per sistemare alcune cose... Verrà più tardi.

GIO:    Bene! Molto bene! Benissimo! Si vede che è un Principe! La nobiltà non è acqua!... Non vuole disturbare...

PIE:    Beh, non è proprio che non voglia disturbare... anzi... mi ha anche chiesto dei soldi in prestito... Sai com'è: i Principi sono sempre senza soldi... sono i servitori che si interessano di tutto...

BAT:   E già... A l'è la servitù ch'as anteressa 'd felo stè pì che bin, altrimenti...

PIE:    E tu come fai a saperlo, Battista? E già! Sono proprio i suoi servitori che badano a lui, sopratutto alla sua salute, e fanno in modo che non gli succeda niente!

BAT:   Ah, i lo chërdo bin... altrimenti... it sas che bel falò, tuti 'nsema...

GIO:    Faje nen caso, Pierina! Da quando ha saputo che diventerai Principessa, Battista è preoccupato... Si ch'i sai... Caud, freid... ma su!... Vieni nel mio studio e raccontami... (USCENDO CON PIE) Gli studi come vanno?...

SCENA QUINTA

BAT:   Ma cò 't na frega d'jë studi, se a va a fè la Principëssa... E a la fin: "fritto misto per tutti"!...

ROS:  (ENTRANDO CON GIROLAMO) Ecco sì le valis! It pudìe 'dcò vnì 'n moment giù a deme na man, però, neh...

BAT:   (SCIMMIOTTANDO) E ti it pudìe 'dcò speteme 'n pess, però, neh... I faso pa 'l fachin, mi!...

GIR:    Battista, c'è anche il Principe?

ROS:  No... il Principe non c'è.

BAT:   Taci, portiera!... E torna alle tue mansioni, ch'a sarìa a dì: “Torna da 'ndova ch’it ses ëvnùita e fate pì nen vëdde fino a nuovo ordine!... Va mach!

ROS:  A son coste le mie mansioni: controllare, indagare, supervisionare, sapere tutto quel che succede nello stabile di mia competenza!

GIR:    Allora sai anche chi ha svaligiato l'appartamento di Madama Ferrero!

BAT:   (DI SLANCIO) Ah, beh! Questo sarebbe compito tuo, sottospecie di carabi... (CERCA DI COPRIRE LA GAFFE) Ehm... cara bignòla... (CON UN BUFFETTO SULLA GUANCIA DI GIR) I të smije pròpi a na bignola... ehm... Visto che lavori in casa Ferrero, sarebbe compito tuo...

SCENA SESTA

VOL:   È permesso? Oh, buongiorno! (ENTRANDO) Scusate, ma ho trovato aperto e allora...

BAT:   (IRONICO A ROSINA) Dì, portiera... It sas a cò a servo le pòrte? (POI, AVVICINANDOSI CON COMPLICITÀ A GIROLAMO) ‘Ard-lo sì, 'l Volpon... Dove c'è il gatto, arriva la volpe... e viceversa...

GIR:    Che vuoi dire?

BAT:   I son ancora nen pròpi sicur... Ricorda solo quel che ti ho detto... il gatto... la volpe...

GIR:    Mah... questi nomi non mi sono del tutto nuovi... Beh, mi verrà in mente dove li ho sentiti... Ci devo pensare...

BAT:   Ecco, bravo, pensaci! Ma guarda 'd dete n’ardriss!

VOL:   È in casa il Sig. Pistone?

BAT:   A j'è, a j'è... Ades ij lo ciamo. E ti, "Madama la portiera", it peule ‘dcò 'ndet-ne a ca toa.

ROS:  I preferìa restè...

BAT:   (SPINGENDOLA FUORI) No, no! A l'è mej ch'it torni ‘n guardiòla, prima ch'ai sauta fòra quaiche autra gran-a! (ROSINA ESCE)

GIR:    Vado anch'io, Battista!... Sai com'è... ho tanto da fare...

BAT:   Euh, im lo immagino!... E pensa nen tròp, ch'at casco ij cavej! (GIROLAMO ESCE)

VOL:   Ma si vuole sbrigare a chiamarmi il signor Pistone? Non ho mica tempo da perdere, sa?... Il tempo è denaro!

BAT:   I lo sai, i lo sai... Lòn ch'i sai ancora nen a l'è vaire a costa 'l sò temp.

VOL:   Sono cose che non la riguardano.

GIO:    (ENTRANDO) Ma a l'è mai possibil che 'nt ësta ca as peussa nen stè 'n moment tranquij? Cò a j'è adess, bòja spinass?

BAT:   (INDICANDO VOLPONI) Ma gnente...

VOL:   Come, gnente?

BAT:   A j'era sì sto Volpon...

VOL:   Come, "sto Volpon"?...

BAT:   E ch'am fasa parlè, Giuda Imperator!... Am fa mach perde temp... e "il tempo è denaro"! (A VOLPONI) A l'ha dilo chiel...

GIO:    (ECCITATO) Oh, dotor Volponi! (STRINGENDOGLI LA MANO) Ch' am disa nen ch'a l'ha già la mia opera stampà e rilegà...

VOL:   A va bin, ij lo diso nen... Anche perchè i l' oma 'ncor pa 'ncaminà, a sa... ansi, i j'era pròpi vnuit...

BAT:   (INTERROMPENDOLO) ... a ciamè d'autri sòld!

GIO:    Sta ciuto ti! A son nen ròbe ch'at riguardo! Ritirati nei tuoi appartamenti!

BAT:   Eh, sì! A l'è mei ch'im ritira, va! Se no, i faso na "caccia alla volpe" con ij fiòch e le frange... bele sensa caval e trombëtta! (ESCE)

SCENA SETTIMA

GIO:    Su, coragi!... Ch'am disa 'd còsa ch'a l'ha dë bzògn ancora...

VOL:   Di altri fondi...

GIO:    Ma i j'ero nen d'acòrdi che a l'avrìa portame l'euvra finìa?

VOL:   A ved... purtròp... come dì... i soma nen capisse... ansoma, mi i parlava 'd milion e chiel a l'ha dame doi sòld... e parej... mi sono un po'... arenato...

GIO:    Doi sòld? Ch'am senta bin, cavajer... Mi i vëddo nen l'ora d'avej ël mè liber finì e pubblicà... anche perchè mia fija a l'è lì lì per mariesse con un Prinsi Indian, adiritura, ch'a pensa mach... E bin, mi i vurìa regalè 'l mè caplavor ai doi sposin e nen ai mè "pronipoti" da sì trant'ani! A jë smija ch'i sìo capisse, adess?

VOL:   A la perfession, monsù Piston, però...

GIO:    Chiel a l'avìa ciamame n'anticip, no?

VOL:   Beh... sì, monsù Piston, però...

GIO:    E mi i l'hai dailo, l'anticip... pa vera?

VOL:   Lòn a l'è sicur, monsù Piston, però...

GIO:    L'opera completa e finìa, mi però i l'hai ancora nen vistla, giust?

VOL:   Fin-a a lì a l'ha nen tòrt, monsù Piston, però...

GIO:    Alora chiel ch'am pòrta 'l mè liber stampà e mi ij darài tut lòn ch'a veul!

VOL:   Ël discors a fa nen na piega, monsù Piston, però...

GIO:    Alora, se 'l discors a fa nen ëd pieghe, ch'a vada a fè sò travaj... che mi i l'hai da fè 'l me... e 'dcò mi i l'hai nen temp da perde!

VOL:   (TRA SÉ) Colpito e affondato! (RIMANE IMBAMBOLATO)

GIO:    E alora?

VOL:   (RIPRENDENDOSI) Ehm... Alora arvëdse, monsù Piston, però...

GIO:    (MINACCIOSO) Però, còsa?

VOL:   Im ricòrdo pa pì... cerea, neh... (ESCE PROFONDAMENTE DELUSO)

GIO:    Cerea, cerea... (FA PER TORNARE NEL SUO STUDIO)

SCENA OTTAVA

GIR:    (ENTRA) Ciarrea, munziù Pistun! Mi scusi, ero venuto a vedere se c'era Battista...

GIO:    (STUPITO) E da 'ndoa ch’it ses intrà, ti? Da la fnestra?

GIR:    Beh, è uscito il siggnor Volponi e ne ho approfittato... C'è Battista?

GIO:    Ah sì. It lo ciamo subit. (USCENDO) Batista, a j'è Giromin ch'at veul!

GIR:    Girolamo, monziù... mi chiamo Girolamo...

BAT:   (ENTRA) Cò a j'è Caramba? It l'avras pa scuvert quaicòs?

GIR:    Ah, guarda: per scoprire... non ho scoperto un bel niente! Però... ho pensato!

BAT:   Ah! It ses ëdcò bon?

GIR:    E dai! Non è il momento di scherzare!

BAT:   Guarda che mi i schersava pa...

GIR:    Ho pensato a quello che mi hai detto e sento di essere vicino alla soluzione... il gatto e la volpe... la volpe e il gatto...

BAT:   (GLI METTE UNA MANO SULLA FRONTE COME PER MISURARE LA TEMPERATURA) Dì, vaje pian a pensè che sì a j'è tut ch'a fond!

GIR:    Caro Battista... ci sono!

BAT:   Chi?

GIR:    Io, ci sono!

BAT:   'Ndoa?

GIR:    Ho capito!

BAT:   Dabon?

GIR:    Dabbun!

BAT:   Su, non lasciarmi sulle spine, ch'a foro...

GIR:    Il gatto , la volpe, uguale... Pinocchio!

BAT:   Ma va 'n sla forca!

VER:  Perchè? Non è giusto?

BAT:   Ma disme cò a j'intra ades Pinocchio?... Chi a j'è sì 'ndrinta ch'a l'abbia mes meter ëd canapia e la biòca 'd bòsch?... Beh, verament la biòca 'd bòsch ai sarìa (GLI PICCHETTA SULLA TESTA CON LE NOCCHE)

GIR:    Ueh, che fai? Io ti denuncio per oltraggio a pubblico ufficiale, sai?

BAT:   Ma se sei in incognito... cosa vuoi denunciare?

GIR:    Ah già, è vero...

BAT:   Adesso vai, ch'i l'hai un baron ëd ròba da fè!... E pensa ancora, neh!...

GIR:    Certo che ci penso... Eppure ci sono vicino... Prima o poi ci devo arrivare... (USCENDO) Il gatto e la volpe...

BAT:   Eh, bon-a neuit...

SCENA NONA

GIO:    (ENTRANDO CON PIERINA) Dimmi, "Luce dei miei occhi", quando arriverà questo gran dignitario orientale?

PIE:    Ha proprio telefonato poco fa, dicendo che sarebbe arrivato al più presto...

--->    (SUONANO ALLA PORTA E BATTISTA VA AD APRIRE)

PIE:    Vedrai che sarà lui!

GIO:    Ommi, povr'òm! Sono presentabile?... Sai com'è... non è che mi capiti tutti i giorni di ricevere un principe in casa...

PIE:    Stai tranquillo, papà... Vedrai: è una persona veramente alla mano.

BAT:   (RIENTRA E ANNUNCIA IN MODO FORMALE) C'è il Principe Sandogat, maraja di Tremannaie!

PIE:    (CORRE INCONTRO AL PRINCIPE E LO FA ENTRARE) Oh, ciao! Vieni avanti; ti presento mio padre...

PRI:    (È IL SEGRETARIO DI VOLPONI TRAVESTITO DA PRINCIPE INDIANO, CON TURBANTE E OCCHIALI SCURI; PARLA CON FORTE ACCENTO INGLESE) È un vero piacere, mio caro suocero! (SALUTA ALL'INDIANA)

GIO:    Il piacere è tutto mio, caro futuro genero! (CERCA DI RISPONDERE AL SALUTO, MA NON CI RIESCE) Da noi foma parej! (GLI STRINGE LA MANO) Ma si accomodi! (GIOVANNI E IL PRINCIPE SI SIEDONO; PIERINA RIMANE IN PIEDI VICINO AL PRINCIPE; ANCHE BATTISTA SI SIEDE, MOLTO POCO ELEGANTEMENTE)

BAT:   (CURIOSO) Principe, come va che non ci ha la vesta lunga con i giajetti?

PRI:    (UN PO’ A DISAGIO) Beh, in occidente...

BAT:   E il seguito?... La servitù?

PRI:    (SEMPRE PIÙ A DISAGIO, MENTRE GIOVANNI SI STA SPAZIENTENDO) Sono rimasti in albergo... Non posso mica andare sempre in giro con...

BAT:   Varda, dì!... Non si sente neanche tanto l'accento straniero...

GIO:    Ades a basta, Batista! Vat-ne subit dëdlà!

BAT:   (SI ALZA ED ESCE) Euh, va beh... I disìa parej... tant per dì...

GIO:    (RIDIVENTA SUBITO MOLTO OSPITALE) Le posso offrire qualcosa?

PRI:    Na bota stopa, grassie! (SI ACCORGE DELLA GAFFE E CERCA RIMEDIO) No... scherzavo... niente, grazie... (GLI VIENE L'IDEA) Lei mi ha già offerto la cosa più bella della sua casa, la fulgida stella, l'inestimabile perla, il dorato diadema... la sua Pierina!... (PRENDE LA MANO DI PIERINA E LA BACIA)

GIO:    Veramente io non le ho offerto niente... È lei che mi ha fatto l'alto onore di scegliere... lì, come si dice... la perla di Labuan...

PRI:    Non poteva accadere diversamente... Lo splendore di questa goccia di rugiada vale più di tutte le fortune d'Oriente... Conoscere sua figlia è stata per me un'occasione unica... un'occasione da cogliere al più presto... per non rischiare di vederla svanire nel nulla...

GIO:    Eh? Ah, sì?... Ma varda mach!... Beh, molto lusingato per la sua preferenza!...

PRI:    Non c'è di che... (SI RILASSA TROPPO ED ESCE DAL PERSONAGGIO) L'ho fatto per necessità...

GIO:    (NON CAPISCE) Come a sarìa a dì?

PRI:    A sarìa a dì... (SI RIPRENDE) Sarebbe a dire che ho la necessità di sposare Pierina, perchè se non lo facessi... impazzirei per la disperazione... sarei "bele panà"... perduto! (SI TERGE LA FRONTE)

GIO:    Ma chiel a parla piemonteis?

PRI:    Mi nòmmi... i son mai sognam-lo! Perchè?

GIO:    No, perchè a më smijava...

PRI:    Ah, i capisso!... A l'è l'Indian che, an tanti passagi a smija tant al piemonteis... ma per ël rest a l'è motobin divers...

GIO:    Varda mach che drolo...

PRI:    Comunque, mio caro futuro suocero, sono proprio contento che ci si intenda così bene tra di noi... (SFREGANDOSI LE MANI) Non sarà difficile procedere all'unione delle nostre fortune... Sì, penso proprio che andremo d'accordo... (CAMBIANDO TONO) E già che ci siamo avrei da avanzare una piccolissima richiesta...

GIO:    Ma per l'amor del cielo... dica, dica...

PRI:    Lei saprà bene che noi Principi godiamo di assoluta fiducia e di molto credito da parte delle persone che contano...

GIO:    Non so, ma dica, dica...

PRI:    Ecco, vede... anche se parlo abbastanza bene l'Italiano, io non sono mai stato in Italia. Non conosco nessuno qui e di conseguenza nessuno mi conosce... quindi non saprei a chi rivolgermi per avere credito... se non a lei...

GIO:    Che genere di credito? Dica, dica...

PIE:    Ma papà... così metti in imbarazzo il nostro ospite... Te l'ho già detto: i principi vanno sempre in giro senza soldi e dato che qui non è conosciuto, nessuno gli fa credito... e così lui si trova senza denaro!... Sarebbe un gesto carino se tu gli prestassi... che so... una carta di credito, fino a quando dall'India non gli arriverà l'appannaggio che gli spetta! (IL PRINCIPE ANNUISCE ENERGICAMENTE)

GIO:    Ma io non ho carte di credito... Lo sai... sono all'antica...

PRI:    (RAPACE) Anche in contanti andrà benissimo!

GIO:    Potrei magari farle un assegno...

PRI:    Ne sarei lieto!

GIO:    Beh, se mi dice quanto le serve sarò felice di favorirla... (SEMPRE GURADANDOLO URLA) Batista! (IL PRINCIPE, CHE LO GUARDAVA QUASI IN ADORAZIONE, TRASALE IN MODO VISTOSO)

BAT:   (ENTRA) Prònti!

GIO:    Pijme 'l libret ëd j'assegn.

BAT:   Sissignore, signorsì! (ESCE)

PRI:    Le sono riconoscente per la fiducia che mi concede...

GIO:    Ma le pare... tra futuri parenti...

BAT:   (ENTRANDO) E peuj a diso: "Chi cerca, trova"!...

GIO:    Cò 't veule dì?

BAT:   Ël libret ëd j’assegn.

GIO:    E alora?

BAT:   I l'hai cercalo, ma i l'hai nen trovalo.

GIO:    Ma come?... (SI FRUGA NELLE TASCHE) Tòh, che sbadato... il l'avìa 'n sacòcia... Su... mi dica quanto le serve...

PRI:    Sono alquanto imbarazzato... Sa com'è... non sono abituato a manipolare il denaro... firmo sempre solo ricevute... non saprei...

GIO:    Non si formalizzi!... Chieda e le sarà dato!

BAT:   Anch'io chiedo, ma non ho mai avuto...

PRI:    Io non ho la minima idea del valore d'acquisto della lira italiana... faccia lei... che so... 50 milioni...

BAT:   Sinquanta milion?... Chielsì am ricorda quaidun...

GIO:    (INTERDETTO) Sinquanta milion?

PIE:    E dai papi!... Cosa sono per te cinquanta milioni?

GIO:    Già... cò a son per mi sinquanta milion?... Per mi a son... sinquanta milion!

BAT:   Ëdcò per mi!... Macche mi i sai gnanca come ch'a son fait!

--->    (SUONANO ALLA PORTA; BATTISTA VA AD APRIRE E DOPO UN ATTIMO RIENTRA SEGUITO DA MADAMA FERRERO)

SCENA DECIMA

FER:   (PARLA A VALANGA; BATTISTA FA SEGNO CHE HA TENTATO DI FERMARLA MA NON C'È RIUSCITO) Andova a l'è 'l prinsi? Oh, cerea a tuti! Scusate l'intrusione, ma ho saputo che in questa casa c'è un principe indiano e muoio dalla voglia di conoscerlo... proprio non ce la faccio più! (AL PRINCIPE) Ah, ma deve essere lei... Oh, sono molto onorata! Ma che bell'uomo! Lo sa che è molto affascinante?... I peus tochelo?... Ha proprio tutto il fascino dell'India misteriosa! Guardi neh, signor principe, io sono rimasta vedova e adesso passo il tempo con le mie amiche vedovelle e con un gruppo di pensionati. Andiamo di qua e di là e siamo sempre a spasso per il mondo, ma non avevo mai conosciuto un principe indiano!... I peus tochelo?... Oh, ma mi perdoni! Non mi sono ancora presentata: Emilia Cencetti, vedova Ferrero.

PRI:    (UN PO' RINTRONATO) Molto onorato, Signora...

FER:   Tutti mi chiamano Madama Ferrero, il cognome del mio povero marito, che era veramente un brav'uomo... parlava così poco, ma così poco... solo ogni tanto diceva: "sta ciuto!", "at sëcchèisa la lenga!", "a të stopèisso 'l forn!"... eh già... gli piaceva tanto scherzare!.... Ohhh!... Ma i peus tochelo?... Quando lo dirò alle mie amiche, creperanno d'invidia... me la vedo, la Pina... un vero Principe Indiano! Su venga da me che le voglio mostrare la mia umile casa!

PIE:    (RIESCE A FERMARLA) Ma, non credo sia il caso, Signora Ferrero...

FER:   Mia cara Pierina... it saras pa gelosa 'd mi?

GIO:    Con tuta mia bon-a volontà, i riesso nen a capì come a pudrìa mia fija esse gelosa 'd chila.

FER:   Come a sarìa a dì?

GIO:    A sarìa a dì che ades ël Prinsi a l'ha d'autr da fè, pitòst che vnì a spass con chila!

FER:   I peus tochelo?

GIO:    Perciò ades, se a veul gavè 'l disturb, ca fasa pura che sì a j'è gnun ch'as buta a piorè... e s’i duvoma arvëdse, passiensa!

FER:   Chiel, monsù Piston, a l'ha sempre veuja dë schersé!... Am ricòrda cola bonanima 'd mè marì, che 'dcò chiel am fasìa 'd batuve parej... oh, ma che da rije!... Peuj un bel dì a l'ha dime: "Ti t’im faras meuire!"... e a l'è mort!... Ma dime ti... (VERSO IL PRINCIPE) Ohhh... ma che bel prinsi!... I peus tochelo?... Allora non viene proprio da me?... Cattivo, cattivo!... I scherso, neh... Se adess i paire nen a fa gnente!... Tant, ‘dcò mi i l'hai tant da fé, i savèisse!... I l'hai ancora da catè 'l sucher e i l'hai l'aròst an sël feu, pensé 'n pòch!... Beh, a sarà per n'autra vòlta... I peus tochelo?

GIO:    Ecco, brava!... Aria!

FER:   Signor Principe, lo riverisco... è stato veramente un piacere!... Cerea a tuti, neh! (ESCE MENTRE GLI ALTRI SALUTANO A SOGGETTO)

BAT:   Stavòlta a l'è ancora andane bin! (LA ACCOMPAGNA E RIENTRA CON ROSINA) I l'hai parlà tròp an pressa... a pudìa 'dcò 'ndè mej!

SCENA UNDICESIMA

ROS:  (SI FERMA SUL FONDO) Oh, Signor Pistone, mi scusi tanto il disturbo... mi i l'hai dij-lo che a pudìa nen vnì su perchè a j'era 'l Prinsi... ma lui non ha voluto sentire ragioni...

GIO:    Fa 'l piasì dë spieghete mej, benedeta dòna!... Lui chi?

VOL:   (ENTRA SPOSTANDO ROSINA NON TROPPO GENTILMENTE) Ma mi, monsù Piston!...

BAT:   (TRA SÉ) Vardje sì... torna ‘nsema! E... un moment... vist tacà a lor... sto prinsi... a l'ha quaicòs ëd familiar...

GIO:    Dotor Volpon... a jë smija cost ël moment e la manera 'd presentesse? A ved nen ch'i l'hai ëd gent?

VOL:   Ch'a scusa, ma a l'è per na ròba tròp amportanta...

GIO:    I lo spero per chiel, altrimenti... i son già stait interompù tròpe vòlte ancheuj... Sù... ch'am disa... cò a l'è 'sta ròba "tròp" importanta!

VOL:   Si tratta del suo capolavoro...

GIO:    E bin?

VOL:   (ESTRAE DALLA VALIGETTA DUE LIBRI UGUALI) Eccolo, finalmente! Stampato e rilegato in due splendidi volumi!

GIO:    (ESULTANTE) Il mio capolavoro!... (PRENDE I LIBRI E LI CONSULTA) Oh, che gioia incomparata / nel veder la mia opera stampata / Oh, che emozione assoluta / or che alfin la mia fatica è compiuta!

VOL:   Ecco, sì... appunto... (SI FA INTRAPRENDENTE) Però ades ai sarìa col'autra facenda...

GIO:    Quala?

VOL:   I j'ero d'acòrdi che quandi che mi ij portava l'euvra stampà e rilegà, chiel am molava ij verdon...

GIO:    Ah bin... sì... pì che giust... Ch'a guarda: i l'hai giusta sì 'l libret ëd j'assegn e la piuma ancora ‘n “fase di riscaldamento"!... Ch'a disa, ch'a disa!

VOL:   Quattrocento milioni... più quaranta per le spese... sono quattrocentoquaranta milioni più IVA.

GIO:    (QUASI SENZA FIATO) Vaire?

PRI:    (PERDE LA CALMA E PROTESTA) Prima a j'era 'l me assegn ëd sinquanta milion!

BAT:   Da già che ij soma, i pijerìa des milion 'dcò mi... parej con mes miliard i foma cifra tonda...

TIP:     (ENTRA) È permesso?... Scusate l'intrusione... ma la pòrta a l'era duverta e parej i son permettume...

GIO:    E chiel chi ch'a l'è? Cò a veul?

TIP:     Ch'a l'abia passiensa, monsù... i son ël titolar dla tipografia 'n fond ëd la stra... e dato che i son nen stait pagà per ël mè travaj... e che 'd col monsù lì... (INDICA VOLPONI) ch'a scusa, neh... ma mi im fido pòch... i vorìa mach controlè...

BAT:   N'autr ch'a veul ëd sòld! Sì a venta butesse 'n coa, come a la pòsta!

GIO:    E ai veul da mi?

TIP:     Verament... ch'am perdon-a, neh... mi chiel i l'hai mai vistlo an sël muso... a l'è col monsù lì (INDICA VOLPONI) ch'a l'è fasse stampè e rileghè coi doi volum. (INDICA I VOLUMI) Peui a l'ha dime dë spetelo sì sota, ma mi...

GIO:    Nen per savej ij sò afé... ma vaire ch'ai deuv lë sgnor?

VOL:   (CERCA DI COPRIRE, MELLIFLUO) Ma dai, Monsù Piston, a më smija che...

GIO:    Ch'a speta 'n moment, dotor. I son mach ‚ncamin ch'im faso ij mè afé!

TIP:     Vëddoma ‘n pòch... composizione... stampaggio... fine rilegatura in pelle... quattrocentoquarantamila, più IVA.

GIO:    Còsa? E vaire copie ch’a l'ha fane?

TIP:     Un-a. Colalì. Na copia an doi volum.

GIO:    (A VOLPONI) E chiel da mi a vurìa...

BAT:   Quattrocentoquaranta milioni più IVA!

GIO:    (ANDANDO VERSO VOLPONI, COME PER AGGREDIRLO) Ma guarda che rassa...

VOL:   Un moment, monsù Piston!... Se na còpia an doi volum a costa quatrsentquarantamila lire pì IVA... per ancaminé... vogliamo stamparne almeno 1000 esemplari? E ch'a scusa... mila còpie an doi volum, vaire ch'a ven-o a fé?

GIO:    (CON TONO DUBITATIVO) Fòrse a l'ha nen tuti ij tòrt... ma a l'è nen ch'i sia pròpi convint... Mah... comunque... ogni promessa è debito, quindi... Buteve tuti ‘n fila e possé nen! Un per vòlta!

PRI:    Ci sono prima io!

BAT:   Mi a l'è d’ampess ch'i speto!

GIO:    Va beh... prima lei Altezza!... Mi ripeta la cifra, prego...

PRI:    Cinquanta milioni.

GIO:    (COMPILA L'ASSEGNO, LO STACCA E LO CONSEGNA AL PRINCIPE) Ecco a lei... Ora mi dica lei, dottor Volponi...

VOL:   (CON LA BAVA ALLA BOCCA) Quattrocentoquaranta milioni, più IVA... per un totale di... vediamo un po'... (ESTRAE UNA CALCOLATRICE TASCABILE) ci fosse qui il mio segretario... (GUARDA IL PRINCIPE)

PRI:    Cinquecentoventitre milioni e seicentomila lire.

SCENA DODICESIMA

GIR:    (ENTRA CON UN TESSERINO DI RICONOSCIMENTO IN MANO) Fermi tutti! Carabinieri! Favoriscano patente e libretto... cioè... documenti! (GRAN CONFUSIONE IN SCENA A SOGGETTO; QUALCUNO CERCA DI SCAPPARE) Calma signori! Tanto non potete uscire! Ho chiuso la porta a chiave!

FER:   (ERA ENTRATA SEGUENDO GIROLAMO) Ma Girolamo... come ti permetti?

GIR:    Mi scusi tanto, madama! Permetta che mi qualifichi... (SCATTA SULL'ATTENTI) Appuntato Versaci Girolamo, della Benemerita, non più in incognito!

FER:   Oh, che bel! A smija d'esse 'nt un romanz!

BAT:   (A GIROLAMO) Ma allora hai scoperto qualcosa...

GIR:    (IN DISPARTE, A BATTISTA) Ancora no, ma ormai ci sono vicino...

BAT:   Io qui ne ho sentite tante... Permetti che ti dia una mano?

GIR:    Permesso concesso.

BAT:   Alora, vëddoma ‘n pòch... il gatto e la volpe... non ti dicono ancora niente?

GIR:    (PENSA UN ATTIMO) No... però mi verrà in mente...

BAT:   Allora ti faccio vedere cos'è venuto in mente a me... (VA DAL PRINCIPE) Mi scusi, altezza, permette? (GLI TOGLIE IL TURBANTE)

GIR:    (TRASALE ALLIBITO, COME TUTTI GLI ALTRI) No!

GIO:    Guardlo sì l'autr! Ma chiellì a l'è 'l segretari dël Dotor Volpon, altro che prinsi indian... a së s-ciama Magnafoco...

GIR:    Adesso ci sono! Ora mi sono venuti in mente!

BAT:   A l'era ora...

GIR:    La Gatto e il Volponi... il gatto e la volpe... Mangiafuoco... Bulldog...

BAT:   Chi è “Bulldog”?

GIR:    Quell'altro... la guardia del corpo... prenderemo anche lui, non ti preoccupare!...

GIO:    E alora? Cò a l'è sta stòria?

GIR:    Ecco, cosa mi aveva ingannato... Il gatto non è la portinaia Rosina Gatto, ma bensì Volponi, chiamato il gatto per la sua agilità nel fare il topo d'albergo!... La volpe non è Volponi, ma la Gatto, detta “la volpe” per la sua furbizia nell'escogitare truffe!... Magnafoco è proprio lui, perchè ha lavorato nel circo come mangiafuoco... è anche detto il camaleonte per la sua capacità di trasformista... Bulldog è il palo della combricola, con la forza di un toro, ma il cervello di una gallina.

BAT:   (CANTICCHIANDO) “Nella vecchia fattoria, ia-ia-oo...”

GIR:    Questa è detta “la banda Acchiappafessi", perchè sceglie le vittime tra i più fessi, carpisce con l'inganno la loro fiducia e poi li ripulisce per bene... e quei poveri fessi ci cascano sempre... (GUARDA GIOVANNI)

GIO:    (DOPO UN ATTIMO DI SMARRIMENTO) Ma mi nò, eh? Mi i son pa stupid... i son pa cascaje... (CAMBIANDO DISCORSO) Ma lei... come ha fatto a scoprirli?

GIR:    Elementare, munziù Pistun! I quattro hanno litigato tra di loro e si sono traditi!

BAT:   Eh già... ti ch'it ses ancora 'n contadinass, anche s'it ses carià 'd gran, it ij dasije ij sòld con ël contagoce...

GIR:    Allora Bulldog ha fatto i furti in casa Ferrero e nel palazzo di fronte...

GIO:    Dal collezionista...

BAT:   Appunto.

GIR:    E poi Magnafoco è andato in Svizzera per circuire sua figlia, la signorina Pierina...

PIE:    (AL PRINCIPE) Ma... e io, adesso?

PRI:    Sent... lassme perde... it vëdde nen ch’i l'hai già le mie rogne?...

PIE:    Che vergogna... (ESCE DI CORSA, IN LACRIME)

GIO:    Pierina... (SI AVVENTA CONTRO IL PRINCIPE) Mi... ti...

BAT:   (LO FERMA) Vate nen a cerchè 'd gran-e... Ai passerà ‘n pressa...

GIR:    Gli altri due... il gatto e la volpe... hanno continuato col piano originale, che era quasi riuscito... anzi... signori, restituite subito gli assegni!

VOL:   (RESTITUENDO L'ASSEGNO) I j'era già fin-a affessioname...

GIO:    (A BATTISTA) Ma ti... come it l'has fait?... Ël prinsi...

BAT:   Quandi ‘l Volpon a duvìa calcolè l'IVA, a l'ha dit: "Ci fosse qui il mio segretario..." e 'ntant a l'ha guardà 'l prinsi 'nt na manera che... alora i l'hai capì!...

GIO:    Peccato ch’i l'oma nen ciapà subit ëdcò Bulldog!

GIR:    Se il mio sospetto è giusto... (TOGLIE IL CAMUFFAMENTO AL TIPOGRAFO) Ecco Bulldog! La sua sfiducia l'ha fregato! Non fidandosi di Volponi, ha tentato di recuperare qualcosa da solo... Forza signori!... I miei colleghi vi stanno aspettando di sotto... andiamo!

BAT:   Tutti fuori, che vi porta dentro!

GIO:    Grazie Giromin, veramente in gamba! (GLI STRINGE LA MANO)

GIR:    Girolamo, mi chiamo... Girolamo... (ESCE CON ROSINA, VOLPONI, PRINCIPE E TIPOGRAFO)

FER:   Che emossion! I son restà sensa paròle!

GIO:    A chila ai n'andarìa na dosen-a al dì d'emossion parej!... Adess ch'a vada a ca soa, ch’i l'hai d'autr da fé che guardé ‘l sò brut muso!

FER:   Ah, ah, che simpatich!... Chiel, monsù piston, a l’è pròpi na sagoma! Che da rije! (ESCE RIDENDO)

SCENA FINALE

GIO:    Ròbe da mat! Ma che stupid ch'i soma stait, a cascheje come 'd pruss cheuit...

BAT:   Parla per ti!... (PRENDE UNA BOTTIGLIA DI LIQUORE E NE VERSA UN CICCHETTO E UN MEZZO BICCHIERE) Tòh! Per tiréte sù! (PORGE A GIOVANNI IL CICCHETTO E TIENE PER SÉ IL MEZZO BICCHIERE)

GIO:    (NOTA LA DIFFERENZA) Se mi con sossì im tiro sù... ti, con tut lòn... andoa it veule 'nde? An sla lun-a?

BAT:   Nen an sla lun-a... an Paradis!... (BEVE) I j'era pròpi an riserva! (ESTRAENDO LA SOLITA BOTTIGLIETTA VUOTA) A l'era doi meis ch’ij fasìa la ponta!

GIO:    (SORRIDENDO UN PO' AMAREGGIATO) Eh, sì! Come diceva Dante, il Divino: / “Mi han preso in mezzo come un cretino”...

BAT:   (DOPO ESSERSI SCOLATO IL BICCHIERE, BATTENDO UNA MANO SULLA SPALLA DI GIOVANNI) Come a disìa tò amis Batista, / ij bonòm a son tera 'd conquista! / E mi i l'hai la testa come 'n balon / con la Gata, 'l Volpon e 'l poeta Piston!

CALA IL SIPARIO E TERMINA LA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno