La gatta cenerentola

Stampa questo copione

LA GATTA CENERENTOLA

Da “Lo Cunto de li cunti” di G.B. Basile

Rielaborazione per la scuola di Mario Brancaccio

Tutti cantano Nascette mmiezz’’o mare

NARRAT.

C’era una volta un principe vedovo, che aveva tanto cara la sua unica figlia Lucia. Il padre si era risposato da poco e si era preso la donna più malvagia e indiavolata della terra. E questa cominciò ad avere odio per la figliastra e in più portò in casa sei figlie sue che fino ad allora aveva tenuto nascoste…

NARRAT2

E tanto fece con il marito che fece prendere a cuore più le figliastre che la propria figlia. E manca oggi e manca domani, che la ragazza passò dalla camera con il baldacchino alla cucina e dai vestiti di seta a quelli di stracci…

NARRAT3

Pure il nome cambiò e da Lucia fu chiamata Gatta Cenerentola.

MATRIGNA

Ah, tu qua stai?... Non rispondi?... Hai fatto tutto?

CENERENTOLA

E datemi il tempo.

MATRIGNA

Che tempo e tempo?! Noi dobbiamo andare alla festa a palazzo reale. Il re ci ha invitato!

Muoviti, lumaca! Noi ci dobbiamo lavare, vestire, profumare, apparecchiare…

CENERENTOLA

E io?

MATRIGNA

Tu? Che vuoi tu?

CENERENTOLA

E non mi devo preparare anche io per la festa?

PASCARELLA

Uh, sentitela! Vuole venire pure lei!

CALAMITA

E che ci vuoi fare sfigurare davanti al re?

PASCARELLA

Lo sai che il principe suo figlio cerca moglie?

CALAMITA

Quello, se ti vede, gli passa la voglia di sposarsi! (ridono)

MATRIGNA

Va’, torna in cucina, metti la legna per il fuoco e prepara l’acqua calda ché ci dobbiamo fare la manicure e la pedicure…

CENERENTOLA

Va bene. Vado. (fa per uscire)

PASCARELLA

Voleva venire anche lei! (ridono e la dileggiano)

SOLDATO

(entrando da sinistra) Signore, vi annuncio che il principe è ritornato dalla Sardegna.

MATRIGNA

Uh, mio marito è tornato. Che seccatura.

PASCARELLA E CALAMITA

Uh, papà!

CENERENTOLA

Papà! Papà!

PRINCIPE PADRE

(rivolgendosi solo alle due) Figlie care, ecco vostro padre felice di riabbracciarvi.

PASCARELLA

Ciao, papi, mi hai portato il regalo promesso?

PRINCIPE PADRE

Certo, Pascarella… (al soldato) Che si porti il regalo.

SOLDATO

(verso l’esterno) Regalo!

SOLDATO2

(correndo, trafelato con grosso involto) Eccolo, sire, eccolo… (inciampa e cade)

SOLDATO

(raccogliendo l’involto e porgendolo a Pascarella) Pasticcione, ti metto in prigione…

SOLDATO

Scusate, scusate, la fretta…

PASCARELLA

Dammi il vestito!... (apre l’involto) Oh, quant’è bello…

PRINCIPE PADRE

(con orgoglio) Questo è tutto ricamato di seta e d’oro…

PASCARELLA

Uh, quant’è bello… (fa per uscire)

PRINCIPE P

E non mi ringrazi neanche?

MATRIGNA

Eh, quella, adesso, non può perdere tempo con queste smancerie…

CALAMITA

Uh, presto è il mio regalo? Su, papi, e muòviti.

PRINCIPE P

Che si porti il secondo regalo.

SOLDATO

(ripete c.s.) Secondo regalo.

SOLDATO3

(lentamente, mangiando un panino e trascinando i lembi del vestito per terra) Eh, calma, calma, Calamita…

CALAMITA

Pezzo di scemo, ma che fai, mi rovini il vestito?

PRINCIPE P

Soldato fannullone, ti metto in prigione…

CALAMITA

Che prigione, papi, fallo impiccare, su.

MATRIGNA

Sì, è così divertente. Fallo impiccare!

PRINCIPE P

Guarda Calamita, che bel vestito ti ho portato.

SOLDATO

Tutto seta d’Oriente e argento.

CALAMITA

Carino. Vado subito a misurarlo. (a Cenerentola, a dispetto) Noi ci andiamo a preparare!

CALAMITA

Noi dobbiamo andare al ballo, noi.

MATRIGNA

Noi andiamo… (allude a Cenerentola) E le altre…

CALAMITA E LA MATRIGNA

(all’unisono) schiattano d’invidia! (fanno per uscire a destra)

PRINCIPE P

E neanche tu mi ringrazi, Calamita…?

MATRIGNA

Uffa, e finiscila con queste smancerie inutili! (escono a destra)

PRINCIPE P

Eh, i figli sono tutti uguali… più fai per loro e meno ti apprezzano…

SOLDATO

Veramente ci sarebbe anche…

PRINCIPE P

Anche?

SOLDATO2

Cene… Cenerentola.

PRINCIPE P

Chi?

SOLDATO3

(quasi urlando, poi riprendendo a mangiare) Cenerentola!

SOLDATO

Ehi tu, rispetto per il principe padre.

SOLDATO3

(masticando) E quello non capisce!

SOLDATO2

Principe, vostra figlia Lucia, detta la gatta Cenerentola.

PRINCIPE P

Ah, sì, scusa figlia mia. Ma vedi sei sempre così in disparte, piena di cenere, sembri proprio la gatta del focolare.

SOLDATO3

E il regalo a lei non glielo date?

PRINCIPE P

Che regalo?

SOLDATO

Il regalo che vi ha chiesto.

PRINCIPE P

Ah, sì, ma quello non è un regalo… Una cosa strana mi ha chiesto? Cosa era?

SOLDATO3

Una pianta di datteri.

SOLDATO

Che si porti la pianta.

SOLDATO4

(portando una piccola piantina di datteri) Eccola, signore.

CENERENTOLA

Oh, che bello, che bello… (bacia il padre sulla guancia) Grazie, grazie, papà.

SOLDATO3

Vi faccio notare che Cenerentola vi ha ringraziato.

SOLDATO

E’ stata l’unica.

PRINCIPE P

Che strano… non me ne ero accorto… (esce a destra)

SOLDATO4

(alla ragazza) Eh, i padri sono sempre un poco distratti…

SOLDATO

Andiamo soldati, altre imprese ci aspettano. (fanno per uscire a sinistra)

SOLDATO4

Ma i datteri sulla pianta non erano 7?

SOLDATO3

Ehm, quattro li ho dovuti mangiare io perché… erano troppo maturi.

SOLDATO4

Il solito golosone (salutano militarmente Cenerentola ed escono a sinis.)

Le donne cantano: Chi nasce annuda e chi…

Chi nasce annuda e chi nasce ncammisa

Io ca nascette annuda e senza niente

Aspetto ca pe’ mme cagna lo viento

Chi nasce cane e chi nascette gatta

Io ca nascette gatta e no canillo

Aspetto ‘e mo ncappa’ nu suricillo

Chi nasce ncunia e chi nasce martiello

Si’ stu martiello ncasa e nun m’apprezza

Pure vene lu iuorno ca se spezza

Chi nasce ianco e chi niro gravone

Io mo gravone so’ ma te ne adduone

Lu iuorno ca m’appicciarraggio buono.

CENERENTOLA

(porta la piantina al centro della scena e siede a terra accanto a lei) Oh, dattero, dattero mio fatato, fai che anche io vada a Corte dal principe innamorato… Oh, dattero, dattero fatato, fai che diventi la più bella del creato… (compaiono sul fondo tre fraticelli)

MONACO

Forbice, ago, cuttòne e telaro, comme putimme te contentare

MONACO2

Trìne, merlette, cannàcche e ziarelle, jesce vestito pe’ farla cchiù bella!

MONACO3

Mìngole e trìngole, ago e ditale, jesce carrozza pe’ farla viaggiare!

CENERENTOLA

Uh, e voi chi siete?

MONACO

Noi siamo i tre datteri di questa pianta.

MONACO2

Uno, doje e tre!

MONACO

Questa è una pianta fatata. Una fata ce l’ha data a tuo padre e tuo padre a te.

MONACO3

E mo ripeti appresso a noi: Pianticella mia fatata, col secchiello ti ho innaffiata, con la tovaglia ti ho asciugata e con la zappa ti ho zappata…

MONACI123

Spogliati a te e vestimi a me!

CENERENTOLA

Come?

MONACI123

Spogliati a te e vestimi a me. Ripeti!

CENERENTOLA

Spogliati a te e vestimi a me.

TUTTI

Spogliati a te e vestimi a me.

CENERENTOLA

Spogliati a te e vestimi a me.

TUTTI

Spogliati a te e vestimi a me.

MONACI123

Spogliati a te e vestimi a me

                                               Cantano Oj mamma ca mo vene.

SOLDATI

Piglia ‘o cane, acchiappa ‘o cane

‘A capa d’’o cane ‘o cane ‘o ca’

Piglia ‘o cane acchiappa ‘o cane

‘a capa d’’o cane ‘o cane ‘o ca’

DONNE

Oj mamma ca mo vene

SOLDATI

Bim bom bà. Apri la porta e fallo trasi’

C’’o mbamberambà e ‘o mbamberambi’

DONNE

Oj mamma ca è trasuto

SOLDATI

Bim bom bà. Piglia na seggia e fallo assetta’

C’’o mbamberambì e ‘o mbamberambà.

DONNE

Oj mamma s’è assettato.

SOLDATI

Bim bom bà. Pripara la tavula e fallo magnà

C’’o mbamberambì e ‘o mbamberambà.

TUTTI

Piglia ‘o cane acchiappa ‘o cane

‘a capa d’’o cane ‘o cane ‘o ca’

Piglia ‘o cane acchiappa ‘o cane

‘a capa d’’o cane ‘o cane ‘o ca’

Piglia ‘o cane acchiappa ‘o cane

‘a capa d’’o cane ‘o cane ‘o ca’

PALAZZO DEL PRINCIPE

(si sentono suonare campanelli di richiamo)

CAMERIERE

(correndo da una parte all’altra) Vengo, vengo, eccellenza… (esce)

CAMERIERE2

(c.s.) Sto venendo! Mamma mia. E che fretta questa sera… (esce)

CAMERIERE3

(C.S.) Un momento. Un momento. (esce)

CAMERIERE4

(c.s.) Eccomi signora contessa… signora contessa… (i campanelli smettono di suonare; il cameriere si ferma, prende dal vassoio un dolce) Ma, sì… (fa per mangiarlo)

CAMERIERE2

(alle sue spalle) Gué… ma che stai facendo?

CAMERIERE4

(spaventato) Mado’, mi stavi facendo venire un infarto!...

CAMERIERE2

Questi dolci sono delle signore!

CAMERIERE4

E che fa!?... Quelle già si sono “abboffate” di dolci!

CAMERIERE2

Hai ragione. Fammi assaggiare un dolce che io ti do un poco di rosolio.

CAMERIERE

(con vassoio vuoto) Gué, che state facendo?... Fatemi assaggiare pure a me!

CAMERIERE2

E tu che tieni?

CAMERIERE

Io, niente. Veramente questo vassoio era pieno di babà, ma appena sono uscito, una ventina di signore mi sono saltate addosso e si sono “strafocate” tutto!

CAMERIERE4

Eh, questi signori!... Pare che schifino il mondo, ma quando si tratta di mangiare non ci stanno, pizze, pastiere né dolci che tengano. Tengono una fame blu, come il loro sangue.

CAMERIERE3

(entrando trafelato) Aiuto!

TUTTI

Ch’è stato?

CAMERIERE3

Sono uscito con una guantiera di sfogliatelle e se non me ne scappavo si mangiavano pure a me! Una mi ha dato pure un morso su una mano.

CAMERIERE

Questi non sono nobili, so’ cannibali!

CAMERIERE2

Accorti, stanno entrando gli invitati. (si mettono tutti in fila)

CAPO CAMERIERE

(annuncia) Il marchese Scapece e donna Lucrezia (entra la matrigna sottobraccio al marchese)

CAMERIERE2

Oh, oh, guarda, come sono curiosi.

SCAPECE

Voglio un babà! Datemi un babà!...

CAMERIERE

Mi dispiace marchese, ma sono terminati.

MATRIGNA

Già sono finiti? E chi se li è mangiati i babà?

CAMERIERE

Vostra figlia Calamita se ne è mangiati 10.

MATRIGNA

Uh, che bugia!

SCAPECE

Stai al posto tuo. Che fai, conti i babà che mangiamo noi nobili?

CAPO CAMERIERE

(annuncia) Il conte di Arzano e la damigella Calamita.

CAMERIERE3

Uh, vedi. Lei sembra una cipolla.

CALAMITA

I babà, dove sono i babà?

CONTE

Cacciate i babà! I babà.

CAMERIERE4

(alla matrigna) Avete visto che cerca ancora i babà?

CAMERIERE3

Mi dispiace, c’è rimasta solo qualche sfogliatella.

CALAMITA

Ma a me le sfogliatelle non piacciono.

CONTE

A Calamita le sfogliatelle non piacciono.

CAMERIERE4

Ma a noi queste sono rimaste.

CALAMITA

E io non le voglio!

MATRIGNA

E mia figlia non le vuole!

CONTE

E lei non le vuole!

CAMERIERE3

E non se le mangia.

CALAMITA

E non me le mangio.

MATRIGNA

E quando mia figlia diventa regina a tutti e quattro vi faccio licenziare.

CONTE

Licenziare.

CAPO CAMERIERE

(annuncia) Il principe di Pollenatrocchia e la damigella Pascarella.

POLLENATROCCHIA

Presto, presto… un poco di bicarbonato! Ho un’acidità pazzesca.

PASCARELLA

E muovetevi che questo muore.

POLLENATROCCHIA

(facendo le corna) Ehhh, addirittura. Quella è semplice acidità di stomaco.

CAMERIERE

Soffrite con lo stomaco?

POLLENATROCCHIA

No.

PASCARELLA

E che può essere questo malessere?

CAMERIERE4

Che può essere?! Quello si è mangiato 10 cannoli con la crema.

PASCARELLA

Uh, chi sente! Dieci cannoli! Ne avrà assaggiati uno o due.

CAMERIERE3

No, quelli erano dieci o dodici.

MATRIGNA

Gué, ma che ci fate i conti addosso?!

POLLENATROCCHIA

Fatevi i fatti vostri.

CAPO CAMERIERE

Signori, sta per cominciare il ballo. Maestro, accordate gli strumenti. Signori, tutti in posizione.

                                                           MUSICA

(gli invitati eseguono in coppia dei movimenti di danza; i camerieri sono sul fondo in fila)

RE

(entra, seguito dal figlio) Allora, perché sei così agitato, che ti è successo?

PRINCIPE

Ho visto la ragazza più bella della terra.

RE

E dove?

PRINCIPE

E’qui. E’ appena entrata a palazzo.

RE

Ma chi è? A chi appartiene?

PRINCIPE

Non lo so. E’ un mistero.

RE

Cercala e portala qui, così le parlo e scopriamo chi è.

PRINCIPE

Subito. Corro. (esce)

CAPO CAMERIERE

(annuncia) Signori, il nostro re. (la musica si interrompe)

TUTTI

Dio salvi il re.

RE

Grazie fedeli sudditi.

POLLENATROCCHIA

Volevamo ringraziarvi per la bella cena che ci avete offerto.

RE

Ah, e dovete ringraziare il mio nuovo cuoco, allora. (al soldato) Si chiami il cuoco francese.

CAPO CAMERIERE

(annuncia) Signori, il cuoco francese: Semulòn Cucchiaròn!

CUOCO

(entra) Bon giur a tu le mond. Je m’appenn Semulòn Cucchiaròn, figlio de madam Call ‘e Trip e messie’ Cient Pell…Oggi ho per voi preparato una mia riscetta: Semulòn de Munnezzòn con patàn ‘o furn; pan cuott, pan viecchij e pan carré; omelette, rraù e cutalett; baccalà, mussill e cureniell; frattaglie de crestian, viscere de puork e ntestìn d’animal. E pe’ ferni’ nu Fernett, po’ rimettett e po’ murett!

NOBILI

(in coro) Viva Semulòn Cucchiaròn! (applaudono)

 CAMERIERI

(in coro) Che schifo!

CAMERIERE3

Uh, venite a vedere.

CAMERIERE2

E’arrivata una principessa che è il ritratto delle Sette Bellezze!

CAMERIERI

(tutti, guardando in quinta a sinistra) Eccola! Eccola! (camerieri e nobili si dispongono sul fondo e cantano la Moresca)

‘O Lucia miau miau…

CENERENTOLA2

(a fine canzone entra seguita dal principe) La verità, signore principe, è spesso madre dell’invidia e della gelosia… Non vorrei, con la mia presenza, offendere qualcuno di questa casa…

PRINCIPE

(mostrando le persone sul fondo) Li vedete?... Stanno pensando: Ma chi è questa ragazza? Da dove viene…?

RE

Allora, non mi presenti questa bella fanciulla?

PRINCIPE

Certo. Lei è…? Io non lo so.

RE

Ce lo dirà lei, allora.

CENERENTOLA2

La verità, maestà, è madre della paura e della bugia… Io sono come quella principessa che di giorno era gallina e di notte lasciava le penne per andare a ballare con un principe…

PRINCIPE

Oh, allora, mi vuole dire almeno il suo nome?

CENERENTOLA2

Il mio nome è Rospacénere.

RE

Rospacénere? (sorride) Come la gatta del focolare che soffia sulla cenere?

CENERENTOLA2

Sì, proprio così. Sono una gatta Cenerentola.

RE

Che nome strano.

PRINCIPE

Potrebbe chiamarsi con il nome più stravagante, ma io non posso staccarmi da lei.

RE

Bene, che riprenda la festa.

Uomini e donne si dividono su lati opposti con il principe e Cenerentola2 in risalto e cantano il duetto dei gatti di Rossini. Riprende il tema del duetto e tutti danzano; si sentono forti dodici rintocchi.

CENERENTOLA

(staccandosi dal principe) Oh, Dio, mezzanotte! Devo rientrare ché l’incantesimo sta per finire! (fugge via a sinistra)

PRINCIPE

Dove va? Venga qui… (l’insegue)

PASCARELLA

Ma dove è andata?

CALAMITA

E’ scappata. Quella pazza!

MATRIGNA

Meglio così! Pazza o non pazza, una di meno!

POLLENATROCCHIA

Mi è tornata la fame con questa danza. (ai camerieri) A me un cannolo!

CAMERIERE4

E so’ trèdici! (alzando il tono) I cannoli sono finiti!

CAMERIERE3

Ci stanno solo le sfogliatelle.

CONTE

E a Calamita le sfogliatelle non piacciono.

CAMERIERE2

Mo accumminciammo n’ata vota?!

CUOCO

(entrando) Signori, sono pronte le pizze! Chi le vuole?

(Tutti si lanciano verso il cuoco al grido): A me, a me una pizza!- Che bello, la voglio!- Una pizza a me!- La pizza, la pizza! (inseguono il cuoco che è costretto a scappare; in scena ora c’è solo il re ed il capo cameriere)

RE

(al capo cameriere) Si sono fiondati tutti sulle pizze e nessuno è rimasto qui con il re. Bel rispetto!... Eh, non ci sono più i nobili di una volta!

PRINCIPE

(rientrando di corsa con una scarpa di Cenerentola tra le mani) Dov’è il re? Dove?

CAPO CAMERIERE

E’ qui, principe.

PRINCIPE

(vedendolo) Ah, Ecco. La ragazza è sparita, come nel nulla. Dileguata.

RE

Molto strano.

PRINCIPE

Ho solo trovato questa scarpa che ha perduto nella corsa.

RE

Una scarpa? Interessante.

PRINCIPE

Interessante! Che me ne faccio di una scarpa?

RE

Beh, effettivamente…

CAPO CAMERIERE

Fatemi vedere… (prende la scarpa) E’ di una misura particolare, molto stretta di pianta, punta affusolata… (al re) Signore, io credo che poche ragazze possano calzare questa scarpa.

PRINCIPE

Ha ragione. Potremmo fare un bando e dire: La fanciulla che calzerà questa scarpa sarà la mia sposa!

CAPO CAMERIERE

Buona idea.

RE

E non è rischioso? Se per sfortuna la scarpa entra nel piede di una racchia o di una vecchia?

PRINCIPE

E’ un rischio che per amore devo correre.

CAPO CAMERIERE

Io sono d’accordo con il principe.

RE

E fammi il piacere, se gli capita la racchia mica te la sposi tu!?

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 57 volte nell' arco di un'anno