La lengua dele femine messa ala prova

Stampa questo copione

LA LENGUA DELE FEMENE MESSA ALA PROVA

LA LENGUA DELE FEMENE MESSA ALA PROVA

L’autore di questa commedia, per quanto ne so, si perde nella notte dei tempi (non molto lontani ma persi) . Io la ho  avuta da un anziano attore che l’ha ricostruita a memoria (ma potrebbe anche averla scritta lui…non sono riuscito a saperlo …) a mio parere è una delle più belle farse della commedia venete contemporanea assieme a “Canocia in pretura” che segue la stessa sorte.   Pertanto anche a livello di diritti d’autore a mio parere deve ritenersi libera in quanto l’autore è sconosciuto.

Personaggi: Zanze, padrona di casa, moglie di Momolo

                    Caty: Amica di Zanze Pettegola

                    Momolo: Marito di Zanze, ubriacone ma scaltro

                    Dottore: medico di famiglia

                    Notaio: Professionista e opportunista..

SCENA PRIMA: Stanza  con letto, 2 sedie, tavolino, mobiletto con alcune bottlglle (aceto, grappa), catino, clistere. Zanze e Katy sono sedute sul fronte della scena: una rammenda, l'altra lavora a ferri.

ZANZE: E come ghe dixea, caI-a comare, no xe questiòn de parlar mal dei altri, ma de dir la pura verità….nemovanti…!

KATY:  Saboòto son ‘ndada dal medego

ZANZE: Bòn quèo

KATY -  Parchè gavèa ciapà na costitussiòn. Me xera vegnù la tosse e gavèa un poco de catarro. El me dixe: " spòiete I. ...”

ZANZE No!'?.

KATY:   Si!

ZANZE: Sto birbantel

KATY:   Pò, el me tàca sula schena, el coso là insomma, el peroscopio, e Pò el me dixe: .'Tossisca"! E mì gò tossìc (imita): pò el me domanda ancora de tossìr… nà volta, do volte, tre volte

ZANZE  E dopo cassa gaIo dito'?

KATY    EI me gà dito: "Cara mia, te gà la tosse"1

ZANZE Che mostro de siensa.

KATY    Eh, questo xe quel che passa la mutua.

ZANZE L'Altro zorno son stada anca mì dal medego, parchè me sentivo un pò storna.  " Spetta che te prova la pressiòn" el me dise.. , e po el dixe: "Te la gà a centoottanta: massa alta: no te devi magnàr, no te devi bèvar, no te devi, fumàr. ..." .Posso alrrlanco dormìr'? , ghe gò domandà. ,

KATY    Gnabca che la fusse in te un campo de concentramento.

ZANZE Ciò, la me dixe che la xe pericolosa. ...

KATY    Eeeeh. ...cò se deventa vèci, le vien fora tu te. Beata la zoventù.

ZANZE Xe vero!  Quando gavèa vinti anni e anndavo a balàr co Momolo la pressiòn l' andava a zinquezènto e stavo sempre bèn. Adess par sentoeotanta: no sta far questo, no sta far quelo. ...Nemovanti.

KATY    E quel can del scarparo  xeo poc ladro'? La senta questa:  Stuistà ghe gò portà i  sandali, parchè: gavèa perso un tacheto. El me li gà portadi in dissembre, co la broza e par colpa sua gò ciapà anca  le buànze e po’, par un tachet l'a' vù el corajo  de domandarme quindese mila franchi, …sto  ladro .

ZANZE a proposito de ladri.e quèa ingrespa cavèi de la Carleta, degna soltanto de tosàr cani.! Par quatro rissi la m'hà domandà trenta mila svànseghe….

KATY    Ladri! I Xe tutti ladri !

ZANZE -E il Sindaco ?

KATY -Quelo pò el xe un vero farabutto!  Altro che primo cittadino: prima canaja!   Parchè me marìo se gà rifiutà de rassarghe l’erba del so giardìn, lo gà licenssià co la scusa che no gera pì lavoro.

ZANZE -Can, porco!

KATY -E co la passa sul viaiale de la Madonna, cossa se vede'? Un strassìn de stradini puzadi sula pala che i tièn comissio. Par queli el lavoro el xe, vero'?

ZANZE- Politica!….  Nemovanti!….  E l'arsiprete'?.. (furiosa e con enfasi in quanto questa battuta è la chiave della scenetta) Mì, voi mì ciaparlo a quatro occi e domandarghe parchè el gà desnotà la me fia  dalle "Figlie Di Maria".

KATY    Ciò, i sarà andài a contarghe che la xe ndada in discoteca. '~

ZANZE Imagino mì... Sarà stà coèa santificetur dela Maria.

KATY    O so comàre, che la ciàcola par sètè. Quela sì che la xe el disonòr dele done.

ZANZE -Vero, verol Ghe ne poche done serie come noaltre dò.

SCENA SECONDA

MOM.    (Dal di fuori) Zanze Ei, Zanze ZANZE -Xe quà Momolo.

KATY    Beh, mi vado, siora Zanze. Finiremo de contarsela domàn.

ZANZE Si, se vedemo domàn. Buona note, siora Katy.

KATY    Buona note. siora Zanze. Passo dala porta de drìo. (Esce).

MOM.    Zanze, iùteme... No sòn bon de far le scale

ZANZE Seto quà, sì, bruto porsèo. Xele ore de vegner a casa questo?

MOM.    Fame sto piassèr juteme... Qualchedùn e.l gà alzà i scalìn. Dai, iutame...

ZANZE a ca te juta? crepa can!!!

MOM:    (entra… guarda in faccia la Zanze) Te ssì na dona senza cuor !

ZANZE Senza cuor mì, el gà corajo de dìr, sto lazaròn. Lassarme sempre sola,   indifesa,  mai un can par scambiàr dò ciàcole, e ti vigliaco, sempre in osteria a magnarme quei quattro schèi che ciàpo a strussàr da la matina alla sera. ( Comincia a spogliarsi )

MOM. -Lo f asso par tegnerli liquidi.

ZANZE -Ringrassia el Signor che te gà trovà par mugèr na santa donna.

MOM.    ( Barcolla) .

ZANZE Vàrdalo, sto porco, no el xe bòn de star gnanca in piè. ...

MOM     Cossa creditu …che mi sie imbriago? Varda qua! Stago in pie anca co na gamba sola… (Esegue, cade e si rialza a fatica poi rivolto al pubblico) .Gò na debolessa sule gambe che no Capisso

ZANZE Te ssì pièn de vìn: ecco la to debolessa. Gò na rabia vada che te coparìa…

MOM     Fa la bona …  Zanzeta. Cossa vòtugò  trovà, do tre amissi,  ghemo bevù un giossetto, e ti veditu…par ste robe te coparìa un omo !!!!

ZANZE Semo sempre alle solite, sèto: sempre imbriago e mi (piagnucolando…) , pora donna sola .. indifesa…

MOM     Fa la bona: T' imprometto che no lo fasso pì !

ZANZE Si. credeghe ti! Xe na vita che te lo disi ...

MOM     Giuiro.: cà te morisse d' un colpo, no lo fasso pì !

ZANZE  No te credo gnanca se te crepi. ( Ed entra nel letto ) .

MOM     (Terlta di levarsi la giacca, barcolla; cadde su una sedia; si rialza; rinuncia. ) Cossa gala sta giaca che no la vòl vegner fora. (Tenta di levarsi le scarpe, perde l' equilibrio e finisce a sedersi sul letto dalla sua parte).

MOM:    Zanze, iuteme a spoiarme …

ZANZE Si... me alzo proprio …

MOM.    No ghe la fasso: vien zo a iutarme

ZANZE Gnanca se te crepa, varda !

MOM     (Al pubblico) E pò la xe na santa dona. ...(Ritenta da solo, poi si arrende) .Te preghe, Zanze, fame stò piàsser, iuteme.

ZANZ    Si... cà me movo …

MOM     Alora vegno a letto vestio !!! (Esegue).

ZANZE Can, porco, aseno, boàro, rovinarme la biancheria. ...

MOM.    Tasi che gò sono.

ZANZE  Leva sù porsèo, che gò pena cambià i nissioi...

MOM     Si, brava, cà me movo

ZANZE  Madona Santa, che marìo... Ma cossa gò fat mì de mal a sto mondo par meritarme na pena cussì granda. Mì PERDO i brassi a strussàr da la mattina alla sera ... e lu, vàrdalo sto boàro …

MOM     Signor benedeto, oltre che ai brazzi, fa che la perda anca la lengua.

ZANZE  Gnanca degno tessì. Nà mugèr che la xe na santa dona

MOM.    Se ti sì na santa dona tì, cossa saràlo le altre... {Pausa i due si assestano nel letto).

ZANZE Senti: gàtu serà la porta da basso?

MOM     Mi no, ciò!

ZANZE  Va zo a serarla subito.

MOM     Si, cà me movo; va zo a serala ti.

ZANZE  Te la lassàda verta tì, e tì te va zo a serarla; o vòtu dormir co la porta verta tuta la note? {Lo scuote) Su, te digo, can!

MOM     Ciò, cagna del'orco, votu tàsare, o votu che te buta fora? Gatu capìo che gò sono? .

ZANZE  (isterica) Ca tasa? Ca tasa? Anzi pì forte sigo. (Piagnucolando…) Pora dona, sola, indifesa, sensa protessiòn; maltratada da un marìo sensa cuor….

MOM     (Zanze continua a spiangiucchiere, Momolo si siede nel letto e la guarda ) Senti, Zanze, femo un pato: el primo che parla, va zo a seràr la porta.

ZANZE  Parchè? Cossa creditu? Che mì sia ciacolona? Accèto il patto: elprimo che parla, va zò a seràr la porta! (Pausa).

SCENA TERZA

NANE:   (Da fuori) Ciò, varda, Momolo gà lassà la porta verta.

MARIE El se sarà desmentegà .

NANE    (Chiamando) Momolo... Eih Momolo, quà xe la porta verta. No risponde nissùn. Che i sia fora?

MARIE  Provemo a ciamàr so mojèr... Zanze? Siora Zanze? Xela in casa?

NANE    Gnente ciò, silenzio completo.

MARIE  Eppure, de sora la luce la xe impissada; cossa sarà sucesso NANE -E se.fusse i ladri? Ndemo su a vèdar.

MARIE  Maria vergola, mì gò paura... E se i ne copa?..

NANE    Mì ciàpo sto bastòn e vù ste drìo de mì: in caso de pericolo ve difendo mi. Ghe molo quattro pacche su la goba ch.e ghe resta el segno per tuta la vita. (Entrano, guardano a destra e a sinistra per vedere se ci sono i ladri, poi vedono i due a letto e cambiano tono) Ciò, varda ti, sti fioi de can: i xe a leto. (Avanzano ai lati. Nane-Momolo, Marieta-Zanze). Sior Momolo, parchè ve lassà la porta verta? Cossa xe sucesso? EI me diga!

Marie      E vù, siora Zanze, gala bisogno de qualcossa? Gnente, ciò, no i parla.

NANE    Mì no capisse, I dorme co i oci verti .

MARIE  Xe mejo ciamàr la siora Katy che la sta quà de fianco.

NANE    Si, si, xe mejo. (Va alla finestra, mentre Nane da schiaffetti a soggetto al povero Momolo).

MARIE  Siora Katy, siora Katy, la vegna quà subito. Siora Katy, Siora Katy…. Sior Momolo e siora Zanze i se sente male!

KATY    (Voce) Chi xe che me ciàma a sta ora?

Marie      Son mì, siora Katy, son mì, Marieta Paciarela. Vegnè subito, che sior Momolo e siora Zanze i xe drìo morir.

KATY    (Voce) Vegno subito. Maria stuarda.

NANE    (guardando Marieta) Gnente, ciò, sior Momolo no risponde.

Marieta   Corajo, siora Zanze, corajo, vedarè che passerà tuto.

KATY    (Entra) Signor benedeto, cossa xe sucesso? Un momento fa la stava cussì ben. ..Siora Zanze, ve sentìo mal? Gavèo gli afaneti'? E vù, sior Momolo, cossa ve sentìo? Su, parlè

NANE    Gnente, gnente i xe muti!

KATY    Ma cossa che l’è succèss ?

NANE    Niènt.. sen rivadi e li vèn trovadi cussì occi vèrti, sbarradi e muti come do pessi…

MARIE  Oh gesù cossa che se pòl fàr …

KATY    Mi digo che Xe mejo ciamàr el medego: tanto el sta quà di fronte

MAR.ta  Ah si …mejo sì… ciamemolo! Lu el savarà pì de noaltri.

NANE    Speremo!

KATY    (Alla finestra) Dotor, sior dotor, corrè, vegnè zo dal let (chiama 2 volte)

DOTT     (Voce) Cossa xe tuto sto bacàn Chi xe che me ciàma?

KATY    Vegnè subito, dotor Sior Momolo e siora Zanze i xe morti vivi.

MARIE  Corajo, siora Zanze, ora vièn el medego e lù el mete a posto tut.

NANE    (Schiaffetti) Su Momolo, su, forza, fève corajo

KATY    Un'ora fa, la stava benòn, mejo de mì. Se ciàcolava del pì e del meno; pò el xe rivà a casa Momolo, mì alora la gò saludada e via... Ma la stava mejo de mì (Accende una candela per far chiaro al dottore).

DOTT     (Voce) Allora dove sono sti ammalati.

KATY    Quassù, sior dotor. (Fa chiaro)Attento ai scalìn ròtt.

DOTT.    (Entra) Dove sono?

.KATY   Eccoli, sior dotor, i xe quà

MARIE  Ghemo visto la porta vèrta, e semo entrài par vèdar cossa che l'era sucess …

NANE    E li gavemo trovai cussì... S'el pol darne na spiegassiòn

DOTT.    Tacete e lasciate fare alla scienza. (A Momolo) Aprite gli occhi.

NANE    Eeeh... xe un'ora che li ga vèrti.

Dott        Silenzio! Sono o non sono io il, dottore? (Guarda l' occhio ), Bene… bene, bene: occhio da aspirante cadavere ...

MOM     (Gesti a soggetto).

DOTT     Cucchiaio.

KATY    (Prende e consegna) Ecolo !

DOTT.    (Sempre a Momolo) Apra la bocca. Eeeeh... (Si ritira) Cosa avete mangiato per cena: una puzzola? (CAMMINA PENSIEROSO).

KATY    Alora, dotor?

DOTT     SILENZIO! Il fiato è già' cadavererico ( Passa da Zanze) Vediamo questa... Occhi!

NANE    due

DOTT     (sguardo di rimprovero) ...Lingua!

NANE    Eh, no la manca no quea…

DOTT     (Pausa; altra"passeggiata") Qui ci vuole un salasso. catino!

~ I<ATY ~~ ~~~~~O~n~~:~a~;~~r~~~~:Oc",~ 7~ ~

DOTT. -(Estrae dalla oorsaun grosso coltello; Rlvolto

ta) Voi due tenetemi fermo il braccio. (A Katv)

--"c- --

catino? -,-

KATY    Pronta !

DOTT. -(Taglia; gestacci dI~an~e)-:-

I~TY --Mamma mia, come ch'el schiza fora.

DOTT. -Basta così. (Fascia il braccio) Ora passiamo all"uomo. Un altro catino…

MARIE  (cerca in giro) no ghe n’è altri!

DOTT     Allora arriva questo catino?

KATY    Ben bèn dai … usèn el boccàl da piss…( lo prende da sotto il letto) ..eccolo dottore…

MOM. -(Come Zanze).

DOTT. -(A Nane e a Marietta) Tenetelo fermo.

KATY -(Sempre col catino. MENTRE IL DOTTORE TAGLIA).

Marie.- Iiiiii che sangue nero NANE -El spussa da vìn. c;;~-'

DOTT. -(Fascia, pensa, prende dalla borsetta il termometro -da bestie- e

lo mette a Zanze) Alzi il braccio.

(Cammina pens.ieroso per la stanza) Caso nuovo per la farmacopèa

m?de~na Dai sintomi, si direbbe: una paralisi progressiva gra

vlsslma, essendovi già apparsi clìiaramente i primi segni di cada~e

ricità, soggetto già in via di putrefazione. -

,,- ~~~

(Prende il termometro). 5

Temperatura 47, (Prende IL POLSO) Polso 300... Come prevedevo.

NANE -Alora cossa gài ste pore anime redente?

DOTT. -Vediamo, vediamo... (Prende un libro e sfoglia, soffermandosi

poi su una pagina) Dopo un'attenta osservazione, io stabilisco Questa no! (Volta pagina) Questa no! (C.S.) Questa neppure Aaaaaah, SìiL Questa sì! Trovato! TUTTI -ALLORA????

DOTT. -(Chiude il lib~o) Qui ci vuole il Notaio PER IL TESTAMENTO!

(Mette in borsa il libro) lo ho finito! Buona notte.(A Katy)

~r ~,. Domani le manderò la mia parcella. (Esce).

Mp~1 -Quà se deve ciamàr el notaro. .

KATY -Vegno anca mì. (Escono).

NANE -Come, come?. Me lassèo quà solo? E se i more del tuto?...

(Da Momolo) Eh no, sior Momolo, no steme far sti schersi E vù, siora Zanze.. .tegnè ancora duro un sciàntenìn SCENA QUARTA

(Passi sulle scale).

NANE -Chi xe che vièn sù per le scale, adess?

CARAB.- (Entra) Ah... e lei che ha fatto tutto questo baccano?

NANE -Son stà anca mì, si... Parchè gò trovà la porta vèrta e...

CARAB.- Bene, domattina alla 10 IN PUNTO, deve presentarsi in caserma,

dove l'attendono 50 denuncecper schiamazzi notturni.

NANE -Piàn, piàn... Sti do quà, i stapar tiràr i sgareti e alora

gavl~mo dovùo ciamàr aiuto.

CARAB.- Bene! Allora vi terrò responsabile anche della morte di questi

due po"\;eri diavoli. Domattina alle lo in caserma! (Esce).

NANE -No xe mal no, ma gnanca tant ben. (Rivolto verso Momolo e la

Zanze) Ve coparìa, varda! (Cammina nervosamente) Cossa fae mì

adess: lori dò in simitero e mì in presòn.

SCENA QUINTA

(Rumore sulle scale).

KATY -(Dal di fuori) Par de quà, f3ior notaro, par de quà. Ghe fasso

ciàro mì. A tento al scalìn I"Ot. ( Entra con la candela accesa in

~ ~~ mano, che subito spegne: è seguita dal not.aioe_da Marietta)~-

NANE -Seo rivadi, sì, finalmente. Parchè quà, se no se more da un sant,

se crepa da qeJ. ' al tro .

KATY -(Al notaj.o) Ghe servalo qualcossa? "j

NOTAIO- (Che ha già posto la borsa sul-tavol~) Una sedia. R1

--

NANE -Subito! (Prende una sedia) Ecola! ~

Notaio- ( Sj_ede , tira fuori dalla borsa alcune carte e penna, e comin(~ia

a redigere ~L I atto notarile) .

"Repubblica Italiana".-

-6 Febbraio 2000- In Motta di Livenza, via del Raboso 5 ombre,

avanti a me, dott. SGORBIO SPEGAZZO, detto "SCHINCAPENNE",iscritto

nel Ruolo del Distretto Notarile di Treviso.

Sono comparsi davanti a me, i signori Come si chiamano KATY -Ah, sì... Momolo inbriagòn NOTAIO- "...briagòn...".

KATY -E Zanze la ciacolona. l.

NOTAIO- "...ona! Della cui identità personale io Notaio sono certo, i

quali, col mio permesso e consenso all'assistenza dei testimoni.~~

"Chi sono i testimoni e come si chiamano? ",

--~i'5J;~ti'i ~

#cc

"'e;

NANE -Uno lo fasso mì: Nane Tardeti.

NOTAIO- " detti". E l'altro'?

Marie.- (Facendosi avanti) Marieta Paciàrela.

NOTAIO- "...cià-re-lla". Dichiàrano e lasciano quanto segue: Hanno

parenti'?

KATY -No000, poareti! I gavèa na fìa, ma la xe morta tre mesi fà Ìm-

brìaga. Ora i vive quà sòi, parchè apunto no i gà nessùn.

NOTAIO- Parlano'?

KATY -No, ma se la vòl ghe digo tut mì; parchè mì so tùt de lori:

sant e miracolo. La siora Zanze la me voèa tant ben, poareta.

NOTAIO- Possono almeno confermare con un cenno della testa'?

NANE -Par quèo sì. No i sta mai fermi, sti cadaveri.

Notaio- (Rivolto a Katy) Allora ditemi Katy -Dunque: il tavolo e le carèghe la dixeva che i varìa las-

sade all'AVIS.

(Ai due) Confermate'?

(Momolo e Zanze negano a soggetto).

KATY -'1edalo? I gà di ta de sì!

~",

NOTAIO-, AVIS! Poi. ...~:\f

KATY -La crèdensa e la panèra MARIE.- (Pronta) Me l'avèa promesse a mì! Vero Zanze'?

ZANZE -( c. s .) .

MARIE.- GaIo vist'? La gà dita de sì!

NOTAIO- Voi vi chiamate'? /

MARIE.- (Pronta) Marieta Paciarela, sior... Sòn sempre mì!

NOTAIO- "...ciàrella. Poi'?..

KATY -La bicicleta del sior Momolo.. ..

NANE -(Pronto) Lo gà sempre dito che quela

MOM .-( c. s .) .

NOTAIO- (Guarda Momolo) Sembra che dica di sì!

NANE -Si, si, ostrega, el gà dita de sì!

NO'rAIO- Dunque. ..

NANE -(Suggerisce) Nane Tardeti. Semo sempre stai amici,

MOM ._.( c. s .) .

NOT"

IO"

d.l-t'".:

P"?

.~ e L l. ...01. KATY -Mi sò che la siora Zanze la tièn nascosto da so marìo, dele po-

sate d'arsento e un picolo rispal:mio in banca MOM. -(Orecchia interessato).

Notaio.- Infatti, un giorno la signora, mì accenliava a qualcosa del gef'e <

re, e che teneva nascosto il tutto per paura che il marito se -

ne impoSSessasse allo scopo di bere lo potrei essere "tenero",

circa la mia prestazione a domicilio, che viene a carico di tutti

gli"eredi", qualora mì fo~se fatto questo lascito, la cui "voce",

naturalmente, suonerebbe c9me anticipo della mia prestazione, ap-

punto.

(MOmo10 e Zanze minacce a soggetto, fra di loro).

Come lor signori, hanno tutti visto, i testamentari hanno detto

"sì"'

.,

~

(TUTTI SI GUARDANO SORPRESI E SCONSOLATI). "~

C' è ancora qualcos' al tro'? -~--

KATY -(Tutto d'un fiato) Le galline la dixeva che me le lassàva a mì.

VERO SIORA ZANZE'?

ZAN ZE -( c. s .) .

KATY -Ecco:la gà dito de sì! La me \Toleva tan ben anca a mì, pora Zanze...

Un ben da màti.

j" 7

;;NOTAIO- Dunque... (LEGGENDO) Le galline alla signora Come vi chi~

mate'?

KATY -Katy, la petegola, i dixe, ma no xe vero: le xe tute calunie.

INOTAIO- "...tegola. POI'?.. MARIE.- Beh, xe restà solo el leto, co la rete el stramasso...

KATY -La rete el stramasso i ghe lo lassa al'Ansiprete.

Zanze- (Scoppiando) Al'Ansiprete no!

" Mom. -Cagna del'orco: zo a seràr la porta!

ZANZE- Seràr la porta, sì; ma l'Ansiprete,nòI

MOM. -Zo, te digo: seràr la porta: SòhI

ZANZE- (Uscendo) Ma l'Ansiprete, NOI

1

r MOM. -A lor signori, e a tut el publico, ghe domande scusa de sto im- I

broio. Gò fat un pato cò me mugèr: el primo che gavarìa parlà

el sarìa andà zò a seràr la porta. Gò vin mì,gnanca parlàr. E

ADES per farme perdonàr ve ofrirò un giosseto de quel SANTO...

E lù, sior notaro, no1 se p"reocupa, ch'el so disturbo el sarà ,

rl' '.."""'

n""'a'...S~

...~.i:' '"~ NOTAIO- Voglio dir ben! NAN1~ -No1 se preocupa, parchè, stasera, un picolo risparmio lo gò e-

eredi t-à .anca mì. .~ -

ZANZE- (Entra e avrà sentito la battuta).

MOM. -Vero Zanze'?.. E a questo gentilissimo pubblico, domando scusa,

par aver soportato le nostre c.iàcole, e me sento in dovèr de

ricordarghe de non DESMENTEGOR mai una cosa:"che la lengua dele

femene la xe pèzo del velèn!"

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno