La madrina

Stampa questo copione

Giambattista Spampinato

“ L A     M A D R I N A ”

Commedia in tre atti


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

P E R S O N A G G I :

PETRU SALEMI, sindaco di Mirtilli SIGNORA SANTA, sua moglie CATERINA, sua figlia MAESTRO RIZZA, Vice sindaco TOTO’ SALAFIA, Assessore alle Finanze

PEPPE ROMEO, Assessore alla Polizia e al Cimitero CICCIO BARONE, Assessore all’Annona NICOLA MAZZAGLIA, l’avversario politico SIGNORA LUCIA, sua moglie

MARIO, suo figlio

CARMELINA, cameriera di Casa Salemi

A Mirtilli, immaginaria cittadina della tranquilla provincia siracusana.

Ogni riferimento a fatti o persone della realtà è puramente casuale.


1


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

ATTO PRIMO

La scena rappresenta la sala da pranzo e di ricevimento in Casa Salemi. La stanza è quasi un salone; appartiene ad uno di quei palazzi padronali siti nella via principale del paese. In fondo, due porte: a sinistra quella della camera da letto dei coniugi Salemi, a destra la camera di Caterina. A destra e a sinistra, due corridoi con arco che comunicano, rispettivamente, con il resto dell’appartamento e con la comune. Nella parete di sinistra, al centro, un balcone che sporge sulla via principale. I mobili sono sobri, ma non moderni: una credenza, un tavolo da pranzo rotondo con quattro sedie attorno, un divano con poltrone e tavolinetto, altre due sedie. Alle pareti, quadri con nature morte e paesaggi.

SCENA PRIMA

Santa e Lucia sono seduti sul divano, Petru e Nicola sulle poltrone, mentre Caterina e Mario

sono in piedi, dietro a Petru. Carmelina si appresta a servire il the.

NICOLA – Perciò, chi risposta ni duna?

PETRU – Pigghiamini ‘u the e poi ni parramu. Carmelina, puoi servire.(Carmelina esegue,portando via le tazze dopo che tutti hanno finito)

LUCIA – Putemu parrari, ora?

PETRU – (Come se continuasse un discorso iniziato)Comu ci stava dicennu, me’ figghia è ancora‘na picciridda; non è, perciò, in età d’affruntari i rischi d’u matrimoniu.

LUCIA – Ma comu, a vint’anni? Ju mi maritai a diciottu e ‘sti rischi, ca dici lei, non l’incuntrai.

PETRU – Ancora non l’havi compiuti vint’anni!… E poi, i tempi su’ cangiati!

LUCIA – Ma i carusi si volunu!(A Caterina)Veru, Caterina, ca tu ‘u voi a me’ figghiu?

CATERINA – (Con un fil di voce)Sì.

PETRU – (Scorgendo la figlia dietro di lui)Ancora ccà si’? Ti dissi: passa ddà banna ca non su’discursi ppi tia!

SANTA – Lassala stari!… ‘U sai ca si’ curiusu? D’idda si sta parrannu! Cchiù di tia, l’avissi a diriidda si si voli maritari oppuri no!

PETRU – E, inveci, ‘u dicu ju pirchì, finu a quannu non cumpisci vintun’anni, deve fare la miavolontà!

SANTA – Vintun’anni? A diciottu divintau già maggiurenni!

PETRU – ‘Nta me’ casa la maggiore età è ancora a vintun’anni!

NICOLA – E lei è chiddu ca va pridicannu d’u pulpitu d’a chiazza di essere un sindacoprogressista? Non mi facissi ridiri, vah!

PETRU – Non tuccamu ‘stu tastu annunca sbottu!


2


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

NICOLA – Ma mi facissi ‘u favuri!… Unn’è ’u progressu ca predica lei? Chi è forsi ‘nto camiciblu ca ci fici fari e’ spazzini municipali oppuri ‘nta carrozza d’i morti rivirniciata?

MARIO – Finiscila, papà! Non siamo venuti per fare politica!

LUCIA – (A Mario)Lassulu parrari, ‘nveci, quantu ci nni dici quattru a ‘stu signor sindaco, ca sicridi di essiri n’autru Rockfeller!

PETRU – Tantu ppi sapillu, egregia signora, non fui ju ad eliggirimi sinnucu; sono stato acclamatoa furor di popolo!

NICOLA – Cc’u pastificiu ca travagghiava esclusivamenti per gli elettori e, ccu tuttu chistu, ebbi56 voti cchiù assai di mia!

PETRU – E’ una menzogna! Lei, chiuttostu, si misi a spartiri ‘u beni di Diu pp’accucchiari voti eristau ccu du’ palmi di nasu!

NICOLA – La vedremo alle prossime elezioni!

PETRU – Ju sugnu prontu, non aspettu autru!

NICOLA – Tutte le magagne della sua amministrazione verranno a galla!

PETRU – Quali magagne? Tuttu chiddu c’avemu fattu, ha statu alla luce del sole e per il benesseredei cittadini!

LUCIA – Comu no!… Per il benessere del cittadino Petru Salemi, del cittadino maestro Rizza…

NICOLA – E dei cittadini Totò Salàfia, Ciccio Barone e Peppe Romeo!

PETRU – Ora stati cuminciannu ad insinuari!… Badati ca chistu è oltraggio al sindaco e allaGiunta comunale!

LUCIA – E lei pirchì non nni fa ‘na querela? Accussì i malifatti venunu a galla prima?

PETRU – (Alzandosi)Cosi da pazzi, mi venunu ad insultari finu ad intra!…(Si accorgenuovamente di Caterina) Ancora ccà si’? Ti dissi: passa ddà banna! (Caterina via a malincuore e sbuffando)

SANTA – Signuri mei, mi pari ca ‘u discursu ppi cui siti vinuti non è chistu!… Ni vulemu calmarie ragiunari di pirsuni serii?

MARIO – La signora ha ragione. Papà, mamma, vi vuliti stari muti ‘n mumentu? Qui si tratta dellafelicità mia e di Caterina e del nostro avvenire! (Pausa, poi si avvicina a Petru che, intanto, si era portato sulla sinistra) Signor Salemi, io e Caterina ci vogliamo bene; havi sett’anni ca ni facemul’amuri a ‘mmucciuni; e ora che mi sono laureato e haju ‘na carrera aperta d’avanti, vorremo amarci alla luce del sole e sposarci. Questo è tutto!

PETRU – Caru avvucatu, io lo ringrazio per i suoi giusti propositi, ma comu dissi a so’ papà ‘nmumentu fa, accussì dicu a lei: me’ figghia Caterina è ancora ‘na picciridda e non po’ affruntari, perciò, i rischi d’u matrimoniu.


3


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

MARIO – Perché non vuole essere più onesto e sincero e ammettere ca lei a me’ patri non ‘u po’digiriri? Che non può scordare la concorrenza ca ci fici quannu lei aveva ‘u mulinu, finu a faraccillu chiudiri?

PETRU – (Sbottando)E ci pari nenti? Lei era picciriddu e non si po’ ricurdari, ma a mia mi stavafinennu ammenzu a ‘na strata!

MARIO – Ma lei si è rivalso battendolo alle elezioni. Siete pari. Non ci si potrebbe mettere unapietra sopra?

PETRU – No, ‘sta petra non si ci po’ mettiri pirchì, quannu ju, finalmenti, dopu tanti sacrifici, mi‘rapii ‘u pastificiu, so’ papà ‘a farina a mia m’a passava cchiù cara e, ppi giunta, ci ‘mmiscava polviri di marmu ppi pisari di cchiù!

NICOLA – Non è veru, è una calunnia! ‘A me’ farina ha statu sempri di prima qualità! Pirchì nonci cunta, chiuttostu, a me’ figghiu ‘a lotta disonesta ca mi fici duranti l’elezioni?

SANTA – Ci risemu? Signuri mei, chista è acqua passata! Ma non ci pinsati ca ‘stu matrimoniu po’fari finiri la vostra rivalità ca dura da sempri?

PETRU – ‘A me’ parola è una sula: me’ figghia non fa per lei!

MARIO – Oh, finalmenti dissi ‘a virità! Papà, mamma, ninni putemu jri ca ‘nta ‘sta casa semu ditroppu!

LUCIA – (Alzandosi insieme al marito)E’ la sua ultima parola?

PETRU – L’ultimissima!

LUCIA – Si ricurdassi ca oggi ci stinnemu ‘a manu e lei ‘a rifiutau!… Bonasira!(Esce impettita)

PETRU – Bonasira, bonasira…

NICOLA – (Uscendo a sua volta)Ci rivedremo alle prossime elezioni!

PETRU – Non aspettu autru!

MARIO – (Uscendo anche lui, a testa bassa)Buonasera!

SCENA SECONDA

Petru, Santa, e poi Caterina.

SANTA – (Aggredendolo)Si’ cuntentu, ora?

PETRU –(Sgridandola)Santa, sangazzu di Giuda latru, mi devi fare ‘u cavulu d’u piaciri di noncontraddirimi mai davanti e’ genti!… Chi figura mi fa’ fari?… Io sono il sindaco oltre ad essere anche il capo famiglia!

SANTA – Tu si’ peggiu di ‘n mulu ppi testa!… Ma comu, ti si era presentata l’occasione unica diporre finalmente fine a ‘sta guerra ca dura da vint’anni e tu t’a fai scappari così cretinescamente per il tuo stupido orgoglio?


4


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Don Nicola è il mio mortale nemico e la guerra avrà fine solo cc’a morti di uno dei due!

SANTA – Ma non diri bestialità!… Tu, da un nemico ti potevi fare di colpo un alleato pirchì NicolaMazzaglia, s’u ‘u fidanzamentu di to’ figghia Caterina ccu Mario si faceva, ppi non fari uno sgarbo a so’ nora, non si sarebbe più presentato alle elezioni e avrebbe appoggiato la tua candidatura. Ma tu ‘sti cosi non ‘i capisci!

PETRU – Ma varda cu’ sta parrannu, Golda Meir!… Nicola Mazzaglia, invece, non si rassegneràmai a ritirarsi dalla politica e, allora, che cosa succederà?

SANTA – Chi? Sintemu!

PETRU – Ca ci andrà di mezzo Caterina, che sarà la pecorella indifesa nella tana del lupo!

SANTA – Annunca, s’a mangia viva!… Ma fammi ‘u favuri, vah!… A cu’ vo’ cunvinciri, ah?… Tipari ca ci hai davanti a ‘dd’addurmisciutu d’u maestru Rizza o a ‘dd’autri ammuccalapuni di l’assissuri comunali?!… Politica, figghiu beddu, significa n’autra cosa!

PETRU – E, allura, signora Tatcher, m’u spiegassi lei chi significa politica, sintemu!

SANTA – Fattillu spiegari di to’ figghia Caterina ca havi idee chiare in proposito!

PETRU – Caterina? E quannu mai Caterina s’ha ‘ntirissatu di politica?

SANTA – Ha jutu a’ scola ed ha partecipato alle assemblee d’Istituto! Chiamala ca t’u spiega!…(Con ironia) ‘A mannava ddà banna pirchì l’aricchi soi non putevunu sentiri ‘ddi discursiscannalusi c’aveva a fari iddu!… Si scannaliava tutta sintennusi dumannata ufficialmenti in moglie!… (Con forza) Petru, si’ arritratu!… Aggiorniti!… Caterina havi ca si fa l’amuri ccu Mario di quannu frequentava ‘a terza media e, quannu ‘a mannasti a’ scola a Siracusa, supra l’autobus viaggiavunu ‘nsemi, e tu non c’eri a tinilli accura! Non sulu, nisciuta d’a scola, si nni turnavunu ‘nsemi!

PETRU – (Colpito)Me’ figghia ha fattu chistu?!… Ma, allura, ha statu ‘u scannulu d’u paisi!…Idda, ‘a figghia d’u sinnucu, del primo cittadino del paese!

SANTA – Ma chi scannulu e scannulu!… Di ‘sti tempi è normali! Ma in chi munnu vivi? Ti pari casemu ancora e’ nostri tempi ca ni pottimu dari ‘u primu vasuni ‘u jornu d’u matrimoniu? Ora è n’autra cosa! ‘A fimmina è emancipata!

PETRU – E po’ fari tuttu chiddu ca ‘u cori ci cumanna?

SANTA – Certu, chistu è progressu!

PETRU – Ah, è progressu? To’ figghia, allura, cu’ sa’ quanti vasuna s’ha datu ccu ‘dda facci digesuita!

SANTA – E chi c’è di mali?!… I vasuni non fannu purtusa!

PETRU – Ma priparunu ‘a strata pp’i purtusa!… Sì, insomma, d’i vasuni alle cose più gravi ilpasso è breve!


5


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

SANTA – Non per una ragazza moderna!

PETRU – Santa, si’ sicura?… T’ha dittu cosa Caterina? Si è confessata?

SANTA – Ma chi m’aveva a cunfissari?

PETRU – (Furioso)Allura, po’ essiri già stata di Mario Mazzaglia?!… Allura, ju sugnudisonorato?!… Ma ju l’ammazzu!… Sì, l’ammazzu a tutti dui!… (Chiamando) Caterina!…

SANTA – Ma chi vai pinsannu? Calmati!… Non t’agitari ca ti fa mali ‘u cori!

PETRU – (C.s.)Caterina, veni subitu ccà!… Caterina!…

CATERINA –(Entra. E’ imbronciata)Che c’è?

PETRU – Confessa!

CATERINA – Che cosa devo confessare?

PETRU – Confessa l’infamia!… Confessa che hai infangato il mio onore! E’ veru chiddu ca m’hadittu to’ matri?

CATERINA – Che cosa?

PETRU – Ca tu ti fai l’amuri ccu Mario Mazzaglia di quannu facevi ‘a terza media?

CATERINA – Sì, papà. Ci siamo conosciuti e ci siamo subito innamorati.

PETRU – Ah, sì? Ed è veru ca t’accumpagnava a’ scola a Siracusa?

CATERINA – E’ vero anche questo.

PETRU – (Afferrandola per un braccio e scuotendola)Ah, strafallaria ca non si’ autru!

CATERINA –(Decisa, liberandosi dalla stretta del padre)Papà, non mi toccare! Se ti permettiancora di mettermi le mani addosso, io me ne vado per sempre da questa casa! (Petru resta allibito)

SANTA – Caterina, ora chistu è troppu! A to’ patri ci parri accussì?

CATERINA – Mamma, non sono più una bambina e non devo, perciò, essere trattata per tale!

PETRU – Ma ju sugnu to’ patri, chiddu ca t’ha misu o’ munnu!

CATERINA – Ciò non giustifica la figura che ho fatto davanti a Mario e ai suoi genitori! Perchénon avrei dovuto essere presente alla richiesta di matrimonio? Non ero forse io l’oggetto della discussione? Non si trattava della mia felicità? Avrei dovuto essere io, e non tu, a dire lo voglio oppure no!… Io amo Mario, sono sua e me lo piglio anche se tu non acconsenti al matrimonio!

PETRU – Hai fatto questo?… Tu, me’ figghia?!


6


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CATERINA – Visto che tu anteponi il tuo odio e il tuo orgoglio personale alla mia felicità, io nonintendo rinunciare a Mario, a costo di convivere con lui come compagna!… Tanto, ormai, il matrimonio è una istituzione antiquata!

PETRU – Ah, sì? A ‘stu puntu semu? E, allura, vatinni subitu d’a me’ casa ca non si’ cchiù dignadi staricci!

SANTA – No, Petru!

PETRU – Via!… Non ‘a vogghiu vidiri cchiù!…(Mentre Caterina si avvia verso l’uscita,improvvisamente, Petru si sente male. Si porta le mani al petto come per stringere il suo cuore e si accascia sulla poltrona) Ahi, ‘u me’ cosri!… ‘U me’ poviru cori!

SANTA –(Interviene preoccupata)Petru, chi fu? Ti senti mali? Caterina vo’ pigghia i gocci d’acoramina!… Curri, prestu! (Caterina esegue tornando, subito dopo, con un bicchiere con un dito d’acqua che Santa fa bere al marito) Toh, vivi!… Pigghiti i gocci ca ti passa!… (Petru beve) Staicalmu, ppi carità!… Non t’agitari cchiù!

CATERINA –(Commossa, si avvicina)Papà, perdonami, ti prego!… Non è come tu hai capito…Io voglio bene a Mario, ma sono ancora degna di essere tua figlia!… (Petru la guarda ancora bieco. E’ evidente che non le crede ancora) Ti giuro, papà!… Ti ho parlato così perché speravo chetu acconsentissi al nostro matrimonio.

PETRU – Tu non sposerai mai ‘u figghiu di Nicola Mazzaglia, pirchì non po’ immaginari chi serpivilinusa ca è chistu e quali mali m’ha fattu!

SANTA – (Per non farlo agitare ancora di più)Va beni, Petru, non t’agitari… Non lo sposerà, staitranquillu! (Poi, facendo un segno d’intesa alla figlia) Veru, Caterina, che non lo sposerai?

CATERINA –(Suo malgrado)Sì, mamma!(E scappa via piangendo, mentre suonano alla porta)

SCENA TERZA

Carmelina, e poi il maestro Rizza, Totò Salàfia, Ciccio Barone e Peppe Romeo.

CARMELINA – (Attraversa la scena, va ad aprire e ritorna sola)Signor sindaco, c’è ‘nta saletta‘u maestru Rizza ccu l’autri assissuri comunali.

SANTA – E chi volunu?… Ci dici ca me’ maritu sta mali.

CARMELINA – Dici ca è ‘na cosa urgenti.

PETRU – Falli trasiri.(Carmelina si avvia per eseguire)

SANTA – (Fermandola)Aspetta, Carmilina!(Al marito)Non è megghiu ca i fai turnari dumani?…Tu non ti senti bonu…

PETRU – Ora mi sentu megghiu. Falli trasiri, Carmilina.

CARMELINA – Sissignuri. I fazzu trasiri sabitu.(Via)


7


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

RIZZA – (Entrando insieme agli altri assessori)E’ permesso?… Signor sindaco, i nostri omaggi.Signora, la ossequio. (Gli assessori salutano a soggetto)

PETRU – Maestru, c’è cosa?(Rizza gli fa segno che non può parlare)Santa, lassini suli.

SANTA – Va beni, ma non ti agitari, m’arriccumannu. Maestru, ci ‘u raccumannu macari a lei. Me’maritu antura si ‘ntisi mali… Non ‘u faciti stancari.

RIZZA – Signora, si tranquillizzi. Faremo del nostro meglio.

SANTA – Grazie. Con permesso.(Esce dalla destra, mentre tutti s’inchinano ossequiosi)

PETRU – Signuri mei, accumudativi.(Gli assessori prendono posto)C’è cosa?

RIZZA – Purtroppo, una cosa seria!

CICCIO – Seriissima!

TOTO’ – Una cosa grave!

PEPPE – Gravissima!

PETRU – Vi vuliti spiegari?

CICCIO – Maestru, tocca a lei.

RIZZA – Signor sindaco, è successa una cosa grave! PETRU – Finu a ddocu ci semu. L’aviti dittu già du’ voti.

RIZZA – Ma la serietà e la gravità della situazione me lo fa sottolineare.

CICCIO – Propriu accussì.

PETRU – Ma, ‘nsumma, si po’ sapiri chi successi? Cascau ‘u Guvernu?

TOTO’ – Peggio !

PEPPE – I Governi vannu e venunu !

PETRU – Ma, allura, che cosa?… Scuppiau ‘na guerra?

PEPPE – Peggio!

RIZZA – Le guerre non ci toccano così da vicino!

PETRU – Comu sarebbe?! Le guerre moderne su’ ‘na disgrazia ppi tutti! ‘Na bumma “H” e nonrestunu mancu i muschi!

RIZZA – Non ci toccano nel senso che non ci coinvolgono come la calamità che sta per abbattersisul nostro capo e che ci schiaccerà sicuramente, sommergendoci!

8


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Maestru, ppi carità, non cuminciassi cch’i paroli difficili e si spiegassi.

PEPPE – Io propongo una riunione di Giunta straordinaria per prendere i relativi provvedimenti.

TOTO’ – Approvo la proposta dell’assessore Romeo.

CICCIO – Forsi è megghiu parrarini prima, decidiri chiddu ca s’avissi a fari e poi priparari l’ordinidel giorno in modo che in sede di riunione semu tutti d’accordu.

TOTO’ – L’assessore all’Annona forse non si rende conto della gravità!

PEPPE – Il collega ha ragione. Mi permetto d’insistere, ricordando l’urgenza della cosa e lanecessità di agire tempestivamente.

CICCIO – Capisciu ca ‘a cosa seria…

PEPPE – Seriissima!

CICCIO – Ca è gravi…

TOTO’ – Gravissima!

CICCIO – Ma è beni jricci cch’i pedi di chiummu. Chi dici lei, maestru?

RIZZA – Veramente…

PETRU – Vi vuliti calmari tanticchedda e spiegarimi di che cosa si tratta?… Mi pari ca non avemufattu mancu ‘n passu avanti. Havi menz’ura ca parrati, ma ancora semu arrivati ca ‘a cosa è seria…

PEPPE – E grave!

PETRU – Ancora?! L’haju caputu. Vulemu stringiri? Di chi si tratta?

RIZZA – Sono dello stesso avviso dell’assessore Romeo e dell’assessore Salàfia di indireimmediatamente una riunione straordinaria della Giunta comunale che dovrà aver luogo subito al Palazzo municipale.

PETRU – E va beni. Vistu ca non si potti sapiri prima di chi si tratta, facemu subitu ‘sta riunioni e,ppi non perdiri tempu, ‘a facemu in casa mia.

RIZZA – Ma non è legale!

PETRU – Legale o no, ju non staju beni in saluti e, perciò, non pozzu veniri o’ Municipiu. Semututti presenti e, quindi, putemu incominciari. Signuri mei, trasfiremuni attornu o’ tavulu da pranzo che fungerà da tavolo della seduta. (Ognuno prende posto attorno al tavolo. Pausa, poi) Dunque, la seduta è aperta!… Di chi si tratta?

RIZZA -

Un fulmine a ciel sereno!

TOTO’ -

(Contemporaneamente)  Una catastrofe!

PEPPE -

Un castigo di Dio!

CICCIO -

La rovina più completa!


9


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Alt!… Signuri mei, vulemu parrari democraticamente ad unu ad unu ppi capirini l’unuccu l’autru?… (Pausa) Chi vuole prendere la parola?

TOTO’ – Parru ju!

PEPPE – No, ju!

CICCIO – Tocca al vice sindaco che è l’assessore più anziano. Forza, maestru, parrassi lei!

RIZZA – Io sono ancora annichilito per la notizia… Vi prego, esoneratemi da questo mio diritto!

CICCIO – Maestru, lei si sapi spiegari megghiu.

RIZZA – Grazie, ma in questo momento non posso.

PETRU – Insomma, maestru, si dicidissi!

TOTO’ – Ma non ‘u viditi ca non voli parrari?

CICCIO – E’ emozionato. Facemucci pigghiari ciatu.

PEPPE – Accussì n’agghiorna!

PETRU – Signuri mei, avemu a fari ‘a cunta ppi cu’ ha parrari? ‘Nsumma, vi vuliti decidiri? Milassastiru appisu ‘nta l’aria!

RIZZA – E va beni, parru ju.

PETRU – Oh, finalmenti, si dicidìu!

RIZZA – Signor sindaco, è indispensabile andare a ritroso.

PETRU – Maestru, ci haju prijatu ca non mi sentu bonu e, perciò, non pozzu nesciri.

RIZZA – Ma no, cosa ha capito?… A ritroso!

PETRU – Non ci pozzu veniri!… Comu ci l’haju a diri?… Non pozzu nesciri. ‘U medicu m’uproibìu.

RIZZA – Ma lei non deve uscire!

PETRU – Comu?! Se dobbiamo andare ‘nta ‘stu postu ca dici lei?!

RIZZA – Ma cosa ha capito?… Dobbiamo andare a ritroso nel tempo; dobbiamo tornare indietrocon la memoria; dobbiamo ricordare, vah!

PETRU – E si spiegassi megghiu!… Che cosa dobbiamo ricordare?

RIZZA – Signor sindaco, si concentri. E’ un ricordo di quarant’anni addietro che le chiedo e forsedi più. E’ in grado di farlo?


10


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Certu ca sugnu in gradu! Mi pigghiau ppi rimbambitu?

RIZZA – Affatto!… Ricorda un certo Calogero Russo, che ora deve avere press’a poco la sua età?

PETRU –(Guarda ad uno ad uno gli assessori, come per farsi aiutare a ricordare)Calogero…

TOTO’ – … Russo…

PEPPE – Russo…

CICCIO – … Calogero…

RIZZA – Calogero…

PETRU – … Russo!… No, veramenti, non m’u ricordu.

RIZZA – Il padre era carrettiere e lo chiamavano “mustazzi tisi”!

PETRU – (Ricordando)Ah, sì,ora ricordu!… Caliddu “mustazzi tisi”!… Veramenti era chiù nicudi mia… Partìu pp’America ccu’ tutta ‘a famigghia.

RIZZA – Per l’appunto. E d’allora non è più tornato.

PETRU – Certu ca m’u ricordu: Caliddu!… Era di costituzioni niciula, però era ricugghiusu esciarrinu ca i stissi non ci nn’erunu ! Ricordu ca ‘na vota, all’arcipreti d’a Matrici, sulu pirchì ‘u rimproverau e ci tirau ‘a ‘ricchia, ci rumpìu a pitrati tutti i vitri d’a canonica. Poi, dopu ca partìu, non si nni sappi cchiù né nova né vecchia.

TOTO’ – Ora sta turnannu.

PETRU – Ah, sì? Bravu!… Mi fa piaciri rividillu. Fici furtuna, almenu?

CICCIU – Eccomu!… E’ riccu sfunnatu!

PETRU – Bravu, mi nni compiacciu!

PEPPE – Pari ca ‘u so’ patrimoniu s’aggira a centu miliardi e forsi cchiù.

PETRU – Mizzica!… Centu miliardi?!… Allora, propongo di organizzare un’accoglienza festosa aquesto vecchio cittadino che torna a rivedere la sua patria dopo tanti anni di lontananza. Era chistu ‘u scopu d’a riunioni? Anzi, si ci pirmittiti, fazzu purtari qualcosa da bere, accussì facemu ‘n brindisi alla salute di Caliddu “mustazzi tisi”! (Si alza, va verso il fondo, a destra, e chiama) Carmelina, porta da bere per tutti! (Poi, torna al tavolo, restando in piedi)

RIZZA – Signor sindaco, col suo permesso e in considerazione del fatto che ella non è al correntedella situazione, mi permetto di respingere la sua proposta.

PETRU – Ma pirchì?… Un paesano che torna a baciare la sua terra nativa, ha il diritto di essereaccolto almeno con la banda musicale!

RIZZA – Un cittadino onorato sì, ha tutto il diritto, ma non don Calò Russo!


11


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – ‘A festa ci l’avemu a fari di n’autra manera!

PETRU – E comu?

PEPPE – Cch’i bummi!

PETRU – Scusati, ma non capisciu. Pirchì cch’i bummi?

TOTO’ – Pirchì chissu si merita!

PETRU – Allura,  dati ragiuni a mia?! Ci avemu a sparari macari i bummi?! Allura, facemu accussì:

appena arriva, ci sparamu vinti colpi di cannuni a salvi; poi…

TOTO’ – Nonsignura, nenti colpi a salvi: Hannu ad essiri bummi veri.

PEPPE – Bummi a manu oppuri a lupara!

PETRU – E pirchì?

TOTO’ – Pirchì don calò Russo è un mafioso!

PEPPE – E un assassino!

CICCIO – E cugino del nostro avversario politico Nicola Mazzaglia!

PETRU –(Si accascia lentamente sulla sedia)Chi mi stati dicennu?!… Mi facistiru ristari siccu‘nte robbi!… Mi facistiru rimminchioliniri, vah!… (Chiamando) Carmilina, porta macari ‘a coramina!

RIZZA – E’ la verità, putroppo! Don Calò Russo è uno dei capi mafia più feroci di Chicago,appartenente all’organizzazione mafiosa “Cosa Nostra”. Anzi, si dice che ne sia stato uno dei capi più rappresentativi!

PETRU – Ed è un assassino?

RIZZA – Ogni mafioso che si rispetti ha sulla coscienza più di un delitto.

PETRU – Cosi da pazzi!… Dicistiru macari ca è cuginu di Nicola Mazzaglia? ‘Sta parintela,veramenti, non mi risulta. (A questo punto entra Carmelina recando un vassoio con bicchieri e con del liquore; resta dietro le spalle di Petru ad aspettare)

PEPPE – Don Calò ha sposato in America ‘na figghia di donna Mara, ’a “’ntuppata”, soru d’amatri di don Nicola Mazzaglia.

PETRU – ’A “’ntuppata”… a Chicago?

PEPPE – Sissignuri, a Chicago!

PETRU –(Manifesta un dubbio, come per dire: “Non è possibile!”. Poi)Ed ora come si fa?

RIZZA – E già, come si fa?


12


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – La cosa è seria!

PEPPE – Seriissima!

CICCIO – E’ grave!

RIZZA – Grav…

PETRU –(Interrompendolo)Gravissima, ‘u sapemu!… Chistu già l’avemu dittu!

TOTO’ – No, è seria e gravi ppi daveru!

PETRU – E quanti voti l’avemu a diri?…Ccà, signuri mei, anzicchè cuntinuari a ripetiri i stissicosi, avemu a curriri ai ripari!

RIZZA –(Scorgendo Carmelina, cambia discorso per non fare intendere alla servetta quello chesta succedendo) Certo che dobbiamo correre ai ripari! Prima di tutto, dobbiamo riparare il tettodella scuola elementare, poi il campanile della chiesa madre…

PETRU –(Che non ha capito il discorso del maestro Rizza)Chi c’entra ‘u tettu d’a scola e ‘ucampanaru d’a Matrici?!

RIZZA – (Facendogli intendere che c’è Carmelina)C’entra, c’entra!…

PETRU – (Finalmente si accorge di Carmelina)Chi c’è? Chi voi?

CARMELINA – Non mi cumannau di purtari ‘u liquori?

PETRU – Ah, sì… Posilu ddocu e vatinni!(Carmelina esegue e via)

RIZZA – Signor sindaco, che cosa possiamo fare?

PETRU – Aspittati, staju pinsannu ‘na cosa. ‘Nto misi d’austu, a Roma, i ministri chiudunu ‘aCamira e si nni vannu in vacanza. Pirchì non facemu macari nuatri accussì? Chiudemu ‘u Municipiu e partemu in villeggiatura, finu a quannu don Calò Russo si ferma a Mirtiddi.

RIZZA – Signor sindaco, mi permetto di farle osservare che non è serio né decoroso.

TOTO’ – E poi, don Calò havi l’intenzioni di stabilirisi a Mirtiddi.

CICCIO – E, allura, ni dimittemu e non si nni parra cchiù.

PEPPE – Bella figura ci facemu!… Chistu significa cunsignaricci ‘u Municipiu a don NicolaMazzaglia ‘nta ‘n piattu d’argentu!

TOTO’ – Ma vuatri ci pinsati ca ‘stu signuri, ca havi ‘a mafia ‘nto sangu, voli sicuramenticontinuari la sua attività a Mirtiddi e, si non l’assicunnamu nei suoi loschi affari, ni farà truvari ad unu ad unu stirnicchiati longhi longhi c’a testa crivillata di baddittuni a lupara? (Si alza e fa segni come allineare a terra tutti i morti) Ccà ‘u sinnucu!… Ccà ‘u maestru Rizza!… Ccà don Cicciu!…E ccà me’ cumpari Peppe!


13


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PEPPE – (Ingenuamente)E tu, unni?

TOTO’ – Ppi mia non c’è cchiù spaziu. Non ‘u vidi?

PETRU – Iddu s’a passa sempri di sgraggiu!

CICCIO – Dimittemuni megghiu… Ascutati a mia!

PEPPE – Dimettersi è da vigliacchi! E’ come fuggire davanti al nemico!

CICCIO – ‘U fujri, caru miu, non è virgogna, si è salvamentu di vita!

PEPPE –(Alzando la voce)Vui siti ‘n cunigghiu e ‘n vigliaccu!

CICCIO –(Rintuzzando per le rime)Vigliaccu ci po’ essiri tu!… Ju sugnu patri di famigghia e nonci vogghiu appizzari ‘a peddi pp’a bedda facci d’a politica!

TOTO’ –(Alzando la voce anche lui)Io mi vergogno di appartenere ad una Giunta comunale, doveci sono simili vigliacchi!

PETRU – Basta!… Signuri mei, ‘a vuliti finiri di scaldarivi o v’haju a jttari ‘n vagili d’acqua friddad’incoddu!?… Calma, calma!… Circamu di parrari democraticamenti ad unu ad unu!… Maestru Rizza, a lei la parola, a lei ca è l’assissuri cchiù anzianu!

RIZZA – Io non so che dire. La situazione è grave!… Non mi sembra che ci sia una via d’uscita…Tuttavia…

PETRU – Havi qualchi idea?

RIZZA – Ma non so se è il caso…

PETRU – Dica, dica… Esponga pure!

TOTO’ – Maestru, pendiamo dalle sue labbra!

PEPPE – Si lei cridi ca c’è ‘n rimediu, ‘u dicissi!

CICCIO – Ppi mia è megghiu dimittirisi!

PETRU – Ancora? Avemu a cuminciari d’accapu?… Facemu parrari o’ maestru. Forza, maestru!

RIZZA – Beh, forse… penso, anzi ritengo… Ma non so se siete d’accordo!

PETRU – Lei parrassi prima e poi circamu di essiri d’accordu, si sarà ‘na proposta ragiunevuli.

RIZZA – Beh, ecco… Credo che sia il caso di rimettere ogni decisione alla Segreteria Provincialedel Partito!

TOTO’ – Ancora ascutava!

PEPPE – M’aveva fattu prijari!


14


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU –(Deluso)Lei scuprìu ‘a ‘Merica!… M’ha scusari, maestru, ma mancu CristoforoColombo!… Chi c’entra ‘a Segreteria Provinciale? Chista è ‘na questioni locali! I panni lordi ni l’avemu a lavari ‘n famigghia! O’ Partitu ni ridunu in faccia!… No, no, una decisione da scartare!… (Pausa) C’è qualcunu ca havi n’autra proposta? (Silenzio) Curaggiu, parrati! (Ancora silenzio) Possibili ca non c’è nuddu ccu ‘na proposta ragiunevuli?

PEPPE –(Dopo un’altra pausa)Ju, veramenti, ‘na proposta ci l’avissi.

PETRU – E pirchì non la esponi?

PEPPE – Eccu, secunnu mia, nuatri avissimu a trattari a don Calò Russo con le stesse armi cheeventualmente potrebbe usare lui nei nostri confronti.

PETRU – ‘Na parola!… Chiddu porta armi americani “ultimo modello”, unni i piscamu nuatri istissi!?

PEPPE – Non vuleva diri chistu.

PETRU – E, allura, chi? Si spiegassi megghiu.

PEPPE – Ecco, don Calò è un mafioso? Pirchì non divintamu mafiusi macari nuatri? Don Calò hala sua “cosca” ? Pirchì non l’avemu aviri macari nuatri? Trasformiamo questa Giunta comunale in “cosca mafiosa” e aspettiamo al varco don Calò e facciamogli l’accoglienza che merita!

PETRU – Accussì lei si fa la propaganda elettorale gratis!

PEPPE – Chi c’entra?

PETRU – Lei non è l’assissuri al Cimitero? Ccu tutti i morti ca ci sarannu, saremo costretti adallargarlo, e lei si fa ‘a propaganda!… No, no, mi dispiaci, proposta respinta!

PEPPE – Dobbiamo usare la stessa tattica, ci dicu! Dobbiamo diventare mafiosi!

PETRU – Ah, sì, mafiosi?… E, allura, lei, ora, ha rispunniri a qualchi dumanna ca ci fazzu ju!

PEPPE – Sugnu prontu.

PETRU –(Ricordandosi del liquore portato da Carmelina)Prima facemuni ‘a vucca duci.(Serve illiquore agli assessori, che si accingono a bere) Alla nostra salute… si ninni resta!… (Don Ciccio sbuffa sputando il liquore che aveva in bocca) Assessore Romeo, è prontu a rispunniri?

PEPPE – Prontissimo.

PETRU – Dunque, unni nascìu lei?

PEPPE –(Che non afferra)Chi c’entra ‘stu discursu?

PETRU – No, lei ha rispunniri senza fari osservazioni. Unni nascìu?

PEPPE – A Mirtiddi.


15


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Unni criscìu?

PEPPE – A Mirtiddi.

PETRU – Unni risedi ancora?

PEPPE – Sempri a Mirtiddi.

PETRU – E Mirtiddi a quali provincia apparteni?

PEPPE – Oh, bella!… Ca a Siracusa!

PETRU – E comu ‘a sannu sentiri ‘a provincia di Siracusa?

PEPPE – (Non risponde perché non ha capito dove vuole parare il sindaco)

TOTO’

CICCIO - (Istintivamente insieme)‘A provincia babba!

RIZZA

PETRU – Propriu accussi: ‘a provincia babba!… E, allura, signuri mei, ‘a nostra non potrà maiessiri ‘na “cosca”, semmai ‘na “pampina”! ‘Na pampina di lattuca ca è virdura babba comu ‘a nostra provincia!

PEPPE – (E’ umiliato; tuttavia non si dà per perso)Eppuri, non vidu autra soluzioni; almenu chevossia non ci nn’havi n’autra!

PETRU – Si ci l’aveva, v’a dumannava a vuatri?

PEPPE – E, allura, l’unica soluzioni è chista!

TOTO’ – (Convinto)Cuminciu a pinsari ca ‘u collega havi ragiuni. Maestru, lei chi dici?

RIZZA – Mi rimetto alla maggioranza.

PETRU – Don Cicciu, chi diciti vui?

CICCIO – Ca, veramenti, mi staju cunvincennu ca non c’è autra scappatoia.

PETRU – Vi fazzu osservari ca mafiusi si ci nasci, non si ci diventa di bottu. ‘A terra i produci imafiusi. Ci voli ‘u clima adattu. Ccà non semu ‘nta provincia di Palermu, di Agrigentu o di Caltanissetta, unni si siminunu favi e spuntunu mafiusi!

PEPPE – Signor sindaco, la nostra è una Giunta democratica, che ha accettato sempre le decisionidella maggioranza; anche in questa decisione la maggioranza si esprimìu favurevuli. Mi appellu o’ maestru Rizza ca tagghia ‘a liggi cc’u cuteddu!

RIZZA – Ma io…

PEPPE – No, maestru, lei ha essiri obiettivu. Ju, Totò Salàfia e don Cicciu Baruni siamofavorevoli. Lei si rimisi alla maggioranza, cioè a nuatri. E’ cuntrariu sulu ‘u sinnucu, perciò…


16


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

RIZZA – Sì, va bene, lei ha ragione; ma ora trattasi di una decisione che esula dall’ordinariaamministrazione o dal programma che la Giunta si prefigge di attuare. Vi prego, perciò, di ponderare bene la vostra decisione.

PETRU – ‘U maestru havi ragiuni. Signuri mei, ci pinsati? Ccà divintamu tutti assassini!… DonCicciu, v’a sintiti vui di divintari assassinu?

CICCIO – Scansatini, Signuri!

TOTO’ – (Alzandosi)Signor sindaco, lei ‘n mumentu fa ci fici alcune domande al collega Romeoalle quali lui ha risposto serenamente. Ora sono io che le chiedo di rispondere a qualche domanda e lei deve farlo con la stessa serenità del collega Romeo. Va bene?

PETRU –(Sedendosi)Parrassi.

TOTO’ – Lei, durante la guerra, mi pare che fu richiamato. E’ vero o no?

PETRU – Eccomu! Mi fici ‘a Campagna d’Albania, chidda d’a Grecia e tutta ‘a Campagna d’aRussia: tri anni e menzu di frunti. Purtai ‘a peddi a’ casa ppi veru miraculu!

TOTO’ – Benissimo! Si fu o’ frunti, certamente si sarà trovato più volte e tu per col nemico?!

PETRU – Ogni giorno!

TOTO’ – Benissimo! Come si comportava?

PETRU – Ci ballava ‘a tarantella davanti!… Chi significa: comu mi cumpurtava? Comu sicumpurtavunu tutti l’autri suldati!

TOTO’ – E chi facevunu l’autri suldati?

PETRU – Comu, chi facevunu?! Ca sparavunu, attaccavunu, si difinnevunu!

TOTO’ – Perciò, sparava macari lei?!

PETRU – Certu ca sparava macari ju! Chi era ‘u cchiù fissa, ju?

TOTO’ – Oh, benissimo!… Lei sparava macari. E mi dicissi n’autra cosa: n’ammazzau nemici?

PETRU – Certu ca n’ammazzai!… Si non l’ammazzava ju, non m’ammazzavunu iddi?!

TOTO’ – E scrupoli ne ha avuti?

PETRU – Chi c’entra, erunu nemici!… C’era ‘a guerra!

TOTO’ – Oh, ccà ‘u vuleva: c’era ‘a guerra e lei non si è considerato un assassino. Benissimo!…Ora, cunsidiramu ‘a nostra situazioni. Vulemu ammettiri ca ccu don Nicola Mazzaglia nuatri semu in lotta? Anzi, diciamolo pure, siamo in guerra! Oh… Diciamo pure ca sta trasennu in guerra contro di noi macari l’America; anzi trasìu, tant’è veru ca sta facennu sbarcari ‘nto nostru paisi per occuparlo il suo esercito nella persona di don Calò Russo. Ci pirmetti le ca nuatri, senza tanti


17


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

scrupuli, n’addifinnemu e, si putemu, ‘u mittemu fora combattimentu, prima ca ‘u fa iddu ccu nuatri? Semu forsi assassini si nni vardamu i spaddi? Signuri mei, rispunniti!

PEPPE –(Subito)Havi ragiuni!

CICCIO – Megghiu iddu ca nuatri!

TOTO’ – Maestru, lei chi dici?

RIZZA – Il ragionamento non fa una grinza, tuttavia mi sembra che ci sia una sostanzialedifferenza tra la guerra tra nazioni e quella tra famiglie!

TOTO’ – ‘A sustanza sempri chidda è!… Anzi, ci dicu ca quannu ‘a guerra è voluta dai governanti,quasi mai è sentita dal popolo; mentri quannu è voluta dal popolo, è sempre giusta!

RIZZA –(Convinto)E già, la storia insegna! Historia docet!

CICCIO – (Facendo l’eco)Docet!

PETRU – Mi cunvincistiru macari a mia. C’avemu a fari?

PEPPE – Dumani, all’aeroportu di Catania, atterra l’aereo di don Calò Russo. Tuccamu a sorti ecu’ nesci lo deve far fuori!

PETRU – E va beni.

RIZZA – Un momento!… Io propongo che al signor Salemi, in qualità di sindaco, gli spetti l’onoree l’onere di capo di questa “onorata” famiglia che si sta costituendo e che, perciò, venga esonerato dalla missione punitiva.

CICCIO – Certu, ‘u sinnicu deve restare ‘u nostru capu!

PEPPE – Semu tutti d’accordu. Ora tuccamu. Don Cicciu, datimi ‘a coppula. Maestru, scrivissiquattru polisi cc’u nostru nomu e cugnomu e mittemuli intra ‘a coppula dell’assessore Barone.

RIZZA – Signor sindaco, mi favorisce un po’ di carta?

PETRU – Maestru, ha jri a gabinettu? C’è ‘a carta ‘nto bagnu.

RIZZA – Ma no, della carta per scrivere le polizze!

PETRU – Scusi, avevo capito male. Lo servo subito.(Si alza e da un cassetto prende un foglio dicarta bianca che porge a Rizza)

RIZZA – Grazie.(Piega il foglio in quattro e lo taglia, facendo quattro foglietti più piccoli su cuiscrive i nomi dei componenti la Giunta, tranne quello del sindaco) Ecco qua. (Legge) RizzaCorrado, Salàfia Salvatore, Barone Francesco e Romeo Giuseppe. Controllate.

PEPPE – Ora ammugghiamili a sigaretta e mittemuli intra ‘a coppula.(Eseguono)Cu’ voli piscari?

RIZZA – Tocca al più giovane.


18


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – All’assissuri Salàfia; iddu è ‘u cchiù picciottu.

TOTO’ – Non è megghiu ca pisca ‘u sinnucu?

PETRU – Ju non vogghiu responsabilità!

TOTO’ – Chi c’entra ‘a responsabilità? Lei è ‘u capu!

PEPPE – Signuri mei, o l’unu o l’autru, è ‘u stissu!(A Totò)Se la sorte ha deciso ca ci ha’ jri tu, o‘a pigghi tu ‘a polisa o ‘a pigghia ‘u sinnucu, sempri tu ci vai!

TOTO’ – Ma ci pirmetti ca ju non vogghiu pigghiari ‘a me’ cunna cch’i me’ stissi manu?!

RIZZA – E’ usanza che sia il più giovane ad estrarre a sorte. “Consuetudo lex est!’’

CICCIO – (Facendo l’eco)Est!

TOTO’ – E va beni.(Estrae il biglietto arrotolato)A cu’ ci l’haju a dari?

CICCIO – O’ sinnucu. Signor sindaco, ligissi.

PETRU – (Srotola il biglietto e, prima di leggere, guarda in giro, ad uno ad uno, gli assessori chesi fanno piccoli piccoli. Poi, finalmente, legge) Romeo Giuseppe! (Gli altri tirano un sospiro di sollievo, mentre Peppe impallidisce) Assessore Romeo, tocca a lei!

TOTO’ –(Ridacchiando ironicamente)La dea bendata ha baciato in fronte te!

PEPPE – Totò, senza smaccu! Sugnu fieru ca niscii ju!

CICCIO – Avanti, dilla ‘a virità ca ti scanti!

PEPPE – Non mi scantu! Vi pari ca sugnu comu a vui ca trimati tuttu si vi battunu i pedi d’arredi?

CICCIO – Bonu ora, non fari l’eroi!… Dumani ti vogghiu quannu l’ariuplanu si posa ‘n terra!… Atia ‘na cosa sula ti po’ salvari: ‘u sciopiru di l’Alitalia!

PETRU – Oramai è decisu. Assissuri Romeo, la nostra vita e l’avvenire di Mirtilli su’ ‘nte so’manu!

PEPPE – Signor sindaco, porterò a termine la missione affidatami. Prima, però, chiedo che vengalegalizzata la costituzione della nostra “cosca” mafiosa.

PETRU – (Preoccupato)Avemu a jri ‘nto nutaru?!

PEPPE – Nonsignore. Per essere operante a tutti gli effetti, deve essere rinsaldata col sangue.Ognuno di noi si faccia un piccolo taglio nel polso, in modu ca nesci tanticchia di sangu, poi mittemu i pusa unu supra l’autru ppi fari ‘mmiscari ‘u sangu e giuriamo fedeltà e ubbidenza!

PETRU – Ed è obbligatoria questa operazione?

TOTO’ – Certo. Tutti i mafiosi la fanno.


19


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Non nni putemu pungiri ‘n jtu?

PEPPE – I mafiusi si tagghiu i pusa. Veru, maestru?

RIZZA –(Più impressionato del sindaco)Così ho sentito dire.

PETRU – E va beni, svinamini! L’aviti i cuteddi?

PEPPE – Veramenti, no…

RIZZA – Ci vorrebbe qualche lametta…

PETRU – Non nn’haju.

TOTO’ – ‘N rasolu di varveri, mancu ?

PETRU – No, cc’u rasolu elettricu mi fazzu ‘a varva ca mi scantu ca mi tagghiu.

TOTO’ – Ni favurissi, allura, i cuteddi.(Petru va in cucina e torna con cinque coltelli da tavolache porge, ad uno ad uno, agli assessori che, alla vista dei coltelli, cercano di svicolare)

PETRU – Prima o’ maestru Rizza ca è ‘u vici sinnucu, poi a don Ciccio ppi rispettu all’età, poi…

TOTO’ – Cumpari, prima tu!

PEPPE – No, tu!

PETRU – Picciotti, non faciti cirimonii ca ci nn’è ppi tutti!(A Peppe)Tocca a lei.(Poi, a Totò)Prego…

PEPPE – Signor sindaco, dopo di lei.

PETRU -. A mia mi resta l’ultimu.(A questo punto, impauriti e impressionati, fanno per incidersi ipolsi, ma Petru, appena appoggia la punta della lama al suo polso, al solo contatto e al pensiero del sangue, sviene)

CICCIO – ‘U sinnucu si ‘ntisi mali!

TOTO’ – Persi i sensi!

RIZZA – Chiamiamo il medico!

TOTO’ – I sali!… faciamo portare i sali!

CICCIO – Chiamamu ‘a signura!

PEPPE – ‘A coramina!… Carmilina, purtassi ‘a coramina!

S I P A R I O


20


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

ATTO SECONDO

Stessa scena. E’ l’indomani dall’azione del primo atto. La scena è vuota poi, dalla sua camera viene fuori Caterina con un foglietto, una busta e una penna in mano; siede al tavolo e scrive una lettera che imbusta e sigilla, poi si avvicina all’arco in fondo a destra e chiama.

SCENA PRIMA

Caterina sola, poi Carmelina.

CATERINA – Carmelina!… Carmelina!…

CARMELINA –(Entrando dopo un po’)Ccà sugnu. A mia voli, signurina?

CATERINA – Sì. T’u pozzu dumannari ‘n favuri? Però, non ha’ diri nenti a nuddu.

CARMELINA – Parrassi, signurina.

CATERINA – Mi pozzu fidari di tia?

CARMELINA – Comu di ‘na soru

CATERINA – Ormai non mi posso fidare più di nessuno, neanche di mia madre.

CARMELINA – Si cunfidassi ccu mia ca trova ‘na suruzza. Di chi si tratta?

CATERINA – Ci ha purtari ‘sta littra all’avvucatu Mazzaglia, ‘u figghiu di don Nicola ‘umulinaru.

CARMELINA – O’ so’ zitu?

CATERINA – Sì. Ti raccumannu di daraccilla personalmenti ad iddu, pirchì di ‘sta littra dipendetutto il mio avvenire. (Gliela consegna)

CARMELINA – Ma non c’è a Mirtiddi l’avvucatu!

CATERINA – Non c’è? Partìu?

CARMELINA – Allura, nenti sapi lei?

CATERINA – No, chi fu?… Chi successi?… Non mi teniri supra i spini!

CARMELINA – E’ a Catania cc’a so’ famigghia, all’aeroportu, ca aspetta a so’ ziu e a so’ zia cavenunu dall’America.

CATERINA – A so’ ziu?

CARMELINA – Sì, a don Calò Russo, ca torna dopu quarantasett’anni ca partìu. Nenti sapi lei?C’è tuttu ‘u paisi in subbugliu!… ‘U sapi? E’ ricchissimu e non havi figghi. Tuttu all’avvucatu ci lassa!

CATERINA – E quannu arriva?


21


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CARMELINA – Oggi. Anzi, a ‘st’ura, arrivau.

CATERINA – E, allura, nenti. Ridammi ‘a littra.

CARMELINA – Non ci l’haju a dari cchiù?

CATERINA – Sarà difficile che tu possa vederlo e consegnargliela.

CARMELINA – No, anzi sarà cchiù facili a daraccilla pirchì ci sarà cunfusioni a’ so’ casa e non sinn’accorgi nuddu ca ci dugnu ‘a littra. Mi facissi pruvari. Appena torna, ci vaju e ci ‘a dugnu.

CATERINA – Brava, tu si’ ‘na vera amica!… Ma, forsi, sarà tuttu inutili!

CARMELINA – E pirchì?

CATERINA – A tia t’u pozzu cunfidari. Siccomu me’ patri non darà mai il suo consenso almatrimonio, io gli ho scritto che sono pronta ad andarmene con lui per sempre!

CARMELINA – Si nni voli fujri?

CATERINA – Ma non sarà più possibile, ora che sono arrivati questi zii dall’America. Mario nonpotrà prendere una decisione così grave. A me, però, basterebbe sapere che mi vuole bene. Saprò aspettare.

CARMELINA – Voli ca ci ‘u dumannu?

CATERINA – Sì, gli dici che come risposta è sufficiente che mi faccia sapere che tra di noi non ècambiato nulla.

CARMELINA – Ci portu ‘a risposta. Si fidassi di mia.

CATERINA – Ci dici macari ca ju….(Viene interrotta dalla voce di Pietro che, da  fuori, chiama

la moglie) ‘U papà!… ‘U papà c’è!… Vatinni ddà banna e ammuccia ‘a littra!

CARMELINA – Non si preoccupassi, signurina.(Via a destra)

SCENA SECONDA

Petru, Caterina e poi Santa.

PETRU – (Entrando dalla comune)Unn’è to’ matri?

CATERINA – Non ‘u sacciu. In cucina, forsi.

PETRU – Vo’ chiamala!

CATERINA – Hai bisognu di qualchi cosa? Posso esserti utile io?

PETRU – Grazie, haju bisognu di to’ matri. Tu ti nni po’ jri ‘nta to’ stanza a studiari.

CATERINA – Sì, papà.(Via dalla destra. Petru, intanto è molto preoccupato, passeggia per lastanza, poi si affaccia al balcone e guarda fuori. A questo punto arriva Santa)


22


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

SANTA – (Entra)Hai bisognu di mia?

PETRU – Sì, t’haju a parrari. Assettiti.

SANTA – M’ha’ parrari?(Lo guarda sorpresa)

PETRU – Sì. Chi c’è di stranu?(Santa continua a guardarlo preoccupata)Ma pirchì mi taliiaccussì? Assettiti.

SANTA – (Sedendo su una poltrona)Chi successi? Chi è ‘st’aria misteriusa?(Petru, non sapendoda dove incominciare, continua a passeggiare nervosamente) Senti, ti vo’ assittari macari tu, ca mistai facennu furriari ‘a testa! Chi ti successi?

PETRU – Nenti, chi m’aveva a succediri? T’haju a fari ‘n discursu.

SANTA – E parra!

PETRU – (Come ricordando improvvisamente)Ah, ha vinutu, ppi casu, l’assissuri Romeo acircarimi?

SANTA – Non l’haju vistu.

PETRU – Non ha vinutu nuddu di l’autri assissuri? ‘U maestru Rizza?

SANTA – Nuddu s’ha vistu. Ma chi c’entrunu l’assissuri cc’u discursu ca m’ha’ fari tu?

PETRU – No, nenti… Perciò, unn’erumu junti?

SANTA – Ancora non hai cuminciatu.

PETRU – Ah, già, sì… Senti, Santa, ju, forsi, m’haju alluntanari di Mirtiddi ppi qualchi tempu…

SANTA – T’ha’ alluntanari?

PETRU – Sì, ppi quistioni di politica.

SANTA – E unni ha’ jri?

PETRU –(Cercando d’inventare)Unni haju a jri? A… a ‘na banna… a un congresso. SANTA – Un congresso?

PETRU – Sì, ‘n congressu d’u partitu.

SANTA – Ma si fu fattu cincu misi arredi?

PETRU – E ora ci nn’è n’autru. Tu chi nni sai di politica?!

SANTA – E unni sarà ‘stu congressu?

PETRU – In Svizzera!( Si accorge subito di averla detta grossa, ma ormai non può più rettificare)

23


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

SANTA – In Svizzera?! All’estiru?!… E chi è un congresso delle Nazioni Unite?

PETRU –(Per rimediare)Chi nni sacciu ju! Ddà ‘u fannu! Perciò, duranti la mia assenza…

SANTA – (Interrompendolo)Haju a badari o’ pastificiu. ‘U sacciu.

PETRU – Non sulu…

SANTA – Non sulu?!… Ma quantu hai ‘ntinzioni di stari fora?

PETRU – Ppi quantu dura ‘u congressu.

SANTA – E quantu dura?

PETRU – E chi sacciu?… Non è un congressu comu a tutti l’autri!… Po’ durari se’ misi, unannu…

SANTA – Un annu?!

PETRU – E già!… Forsi macari di cchiù!… ‘U sai tu ca ‘a situazioni in Italia sta pricipitannu…Vidi, di ‘stu congressu po’ dipenniri tutta una svolta decisiva.

SANTA – Ma non torni ogni tantu? Resti sempri ddà?

PETRU – (Convinto)Sarà difficili ca pozzu turnari… Non mi fannu turnari…(S’interrompeperché si accorge che sta per dirla grossa)

SANTA – Non ti fannu turnari?!… Ma chi vi tenunu prigioneri?

PETRU – Ca quasi… Sai, ci saranno riunioni ogni giorno, macari a’ duminica…

SANTA – Ma mi po’ scriviri, almenu? O non ti fannu mancu scriviri?

PETRU – Chi c’entra, di scriviri, mi fannu scriviri… Almenu, speru!

SANTA – A mia ‘stu fattu non mi convinci!… Non l’haju ‘ntisu diri mai ca ‘n congressu si faall’estiru e dura cchiù assai di un ammu! E poi, mancu ‘a televisioni n’ha parratu.

PETRU – E’ ‘n congressu mutu!… Segretu, vuleva diri!… Nuddu ha sapiri nenti!… Anzi, si tidumannunu, non devi dire niente, mancu a Caterina!

SANTA – Ma si mi dumannunu, chi ci dicu?

PETRU – Ca sugnu all’estiru per affari.

SANTA – E quannu parti?

PETRU – Ca staju aspittannu all’assissuri Romeo ca mi veni a diri si haju a partiri e quannu haju apartiri. Perciò, duranti la mia assenza, mi raccumannu di cuntrullari personalmenti ca tuttu va beni. ‘U ragiuneri Fisichella havi ‘u libru mastru con le entrate e le uscite…


24


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

SANTA – Bellu frastornu ca mi sta’ dannu!

PETRU – Non ti preoccupari ca ‘u ragiuneri è pirsuna fidata.

SANTA – Va beni. C’è autru?

PETRU – Sì. Vidi ca ‘nto casciolu d’a scrivania, chiddu chiusu a chiavi, ci su’ ‘na pocu di cambialidi soldi c’haju pristatu; e ci nni su’ dui ca scadunu o’ misi ca trasi. Si, ppi casu, non t’avissiru a purtari ‘u capitali e mancu l’interessi ppi rinnuvalli, mannaccilli o’ protestu. Ppi fari chistu, però, t’ha’ rivolgiri all’avvucatu Pappalardo ca sapi chiddu ca ha fari. Ppi l’autri cambiali, man manu ca scadunu, ti cumporti di conseguenza.

SANTA – Senti, Petru, non po’ fari a menu di jricci?

PETRU – Ci haju a jri ppi forza… Ah, ricorditi ca prima di vinnignari a fari cunsari i vutti d’aispenza, prima ca ‘ddu tanticchia di vinu diventa acitu.

SANTA – Haju l’impressioni, di comu mi stai parrannu, ca ti cunnannaru all’ergastulu e non avissia turnari cchiù a’ casa!

PETRU – ‘Mprissioni sula è!… N’autra cosa mi stava scurdannu: ‘nto casciolu unni ci su’ icambiali, c’è macari ‘n librettu di banca al portatore ccu soldi e c’è puru dinaru liquidu… Si vi servi, ‘u po’ pigghiari.

SANTA – Petru, ‘stu discursu ca m’ha’ fattu non mi cunvinci… Chi c’è sutta? Ccu to’ muggheri tipo’ cunfidari… Chi successi?

PETRU – Non successi nenti. E’ comu t’haju dittu.

SANTA – Non è veru. Tu, da jeri, di quannu avistiru ‘dda riunioni ccu l’assissuri, si’ preoccupatu.

PETRU – Certu ca sugnu preoccupatu: per la situazione politica nazionale.

SANTA – Quannu mai tu t’ha’ preoccupatu d’a situazioni nazionali!?

PETRU – A tia ti pari!… Jeri ‘u maestru Rizza e l’autri assissuri mi purtaru ‘na nutizia ca miturbau assai: dici ca c’è l’America ‘ncazzata ccu nuatri… ma ‘ncazzata!

SANTA – E pirchì?

PETRU – Non ‘u po’ capiri tu… Cosi di omini, sigreti di partitu!… Non fari cchiù dumanni ca nonpozzu parrari!

SANTA – Mah!… A mia tutti ‘sti misteri mi parunu cosi ‘nvintati.

PETRU – (Con un sospiro)Macari erunu ‘nvintati!

SANTA – ‘U sta’ vidennu?… Tu non mi dici ‘a virità!

PETRU – E quantu si’ ‘ncutta!… Chiuttostu mi stava scurdannu ‘a cosa cchiù ‘mpurtanti: Caterina!


25


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

SANTA – A propositu di Caterina, t’haju a fari ‘n discursu ju. ‘Dda criatura si nni calau pp’a colliraca ci dasti jeri!

PETRU – Ricuminciamu d’accapu?

SANTA – E, inveci, nn’avemu a parrari!… Non semu cchiù all’epuca d’i matrimonii purtati d’aruffiana e i picciotti si maritavunu senza prima canuscirisi. Ora i tempi su’ cangiati. Chi mali c’è si to’ figghia s’innamurau di ‘n picciottu ca ‘a voli beni cchiù di l’arma so’? Mario, non è forsi ‘n carusu seriu, simpaticu e timuratu di Diu?

PETRU – Ma di cu’ è figghiu? ‘U sai tu di cu’ è figghiu e sai macari quali mali m’ha fattu so’patri!

SANTA – Ma pirchì non vo’ ragiunari? Si tratta d’a felicità di to’ figghia e non ci po’ mettiri ‘ntomenzu vecchi rancori!

PETRU – Masculi ci nni su’ quantu ni voli idda! Giustu ‘u figghiu di Mazzaglia ha essiri?

SANTA – Di iddu s’innamurau! A iddu voli!

PETRU – A iddu s’u po’ scurdari pirchì non avrà mai ‘u me’ cunsensu!

SANTA – Petru, tu ‘sta figghia sula hai e s’a perdi, resti sulu comu ‘n cani, pirchì ju di ‘sta casa minni vaju ppi sempri!

PETRU – Ora basta!… Finiscila ccu ‘stu discursu ca non mi piaci! Ju mi nn’haju a jri o’congressu!… Mi bastunu i me’ preoccupazioni e i me’ pinseri, m’ha’ dari l’autri tu?

SANTA – Mi l’haju a teniri ju?… Tu ti nni vai, chi ti po’ ‘ntirissari a tia? Ju, ‘nveci, restu a vidiri ame’ figghia squagghiari ‘n suppilu ‘n suppilu!… Già da jeri non voli mangiari!… E si mi casca malata? Unni si’ tu, o’ congressu?… ‘A curi tu cc’a politica?… E si mi mori?… Ju ‘sta figghia sula haju!

PETRU – Non ti preoccupari ca non si mori ppi ‘na cosa di chisti!

SANTA – E, allura, parricci tu!… Diccillu tu!… Cerca di cunvincilla!… Ju non sacciu cchiù chi cihaju a diri, ma non mi lassari ccu ‘sta preoccupazioni!

PETRU – Va beni, chiamala ca ci parru ju.

SANTA – Ti raccumannu di non pigghialla di pettu!

PETRU – ‘A pigghiu di chiattu!

SANTA – Parricci cch’i boni maneri!(Va alla porta della camera della figlia e chiama)Caterina,veni ccà, ‘n mumentu.

CATERINA – (Entrando)Chi voi, mamma?

SANTA – Vidi ca ‘u papà t’ha parrari.


26


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CATERINA – A mia?

PETRU – Sì, Caterina… Veni ccà, assettiti vicinu a mia…(Siede sul divano, dove siede ancheCaterina) Ju m’haju alluntanari d’intra ppi qualchi tempu, ma non vogghiu partiri cc’u pinseri ecc’a preoccupazioni di tia ca non mangi… (Reazione di Caterina) ‘U sacciu, m’u dissi to’ matri!… Tu si’ ‘na carusa giudiziusa e m’ha capiri. Non mi devi giudicare male si non ti dugnu ‘u cunsensu al tuo fidanzamento ccu Mario Mazzaglia. Ho i miei motivi. Tu non po’ capiri pirchì si’ ancora carusa… Non pozzu fari ridiri ‘n paisi sanu!

SANTA – Allura, è megghiu fari chianciri a to’ figghia?

PETRU – Santa, tu m’ha’ fari ‘u favuri di stariti muta! Ppi com’ora staju parrannu ju! Caterina micapisci pirchì è inteligenti e poi pirchì è sangu miu!… (A Caterina) Perciò, comu ti stava dicennu…

CATERINA –(Interrompendolo)Papà, non diri cchiù nenti!… Ho capito perfettamente! E’ logicoche per te, che non sei più giovane, sia più importante il passato che ti ha permesso di conquistare il posto di prestigio che occupi nella Società e che vuoi mantenere ad ogni costo. Per questo non ti sei accorto ca ti facisti ‘a stissa mentalità di tutti chiddi ca ti stannu attornu. Ti sei messo, cioè, i paraocchi che ti fanno guardare in una sola direzione e, pur di raggiungere uno scopo, calpesti i sentimenti più cari!… Ma non ti preoccupare, puoi partire tranquillo e senza scrupoli. To’ figghia, ca havi ‘nte vini ‘u to’ stissu sangu, è pronta a sacrificarisi ppi tia! (Via di corsa, piangendo)

PETRU – (Dopo che Caterina è uscita)Capisci? Mannati i figghi a’ scola!

SANTA – Havi ragiuni!… Tu non po’ capiri pirchì hai l’occhi ‘ntuppati, autru ca paraocchi!…Comu po’ pritenniri ca to’ figghia si sacrifichi ppi tia?! Tu t’ha’ sacrificari ca si’ ‘u patri!

PETRU – Basta, Santa! Non ti ci mettiri macari tu!… Vatinni ddà banna e lassimi sulu ca hajubisognu di riflettiri! (Si sente suonare all’ingresso) Vidi cu’ è. Si è l’assissuri Romeo, fallu trasiri subitu!

SANTA – Ppi grapiri c’è Carmilina!(Via a destra)

PETRU – Ma viditi si fa chiddu ca unu ci dici!(Intanto Carmelina attraversa la scena e va adaprire)

SCENA TERZA

Carmelina e detto, e poi il maestro Rizza e gli assessori Salàfia e Barone.

CARMELINA – (Ritornando)Signor sindaco, c’è ‘u maestru Rizza ccu l’assissuri Salàfia eBaruni. Volunu parrari ccu vossia. C’è vossia intra?

PETRU – Divintasti orva o ju sugnu trasparenti? Non ‘u vidi ca sugnu intra?

CARMELINA – Allura, chi ci haju a diri?

PETRU – Nenti, chi ci vo’ diri? Falli trasiri!… Bedda Matri, ‘sta carusa, di quannu ‘u zitu ‘alassau, ‘ntrunau completamenti! Non ti preoccupari ca ‘u zitu t’u cercu ju. Anzi ci nn’haju unu sutt’occhi: un consigliere comunale.

CARMELINA – Ppi daveru?


27


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Bedda Matruzza!

CARMELINA – E com’è?

PETRU – Alto, magro, biondo e con gli occhi azzurri!

CARMELINA – Veramenti, a mia mi piaciunu chiddi nìurincioli…

PETRU – E va beni, ci facemu tingiri i capiddi.

CARMELINA – A vossia ci piaci ‘u scherzu. ‘Ntantu, fazzu trasiri l’assissuri.(E si avvia)

PETRU –(Fermandola)Aspetta!… Vidi ca non vogghiu essiri disturbatu per nessun motivo!

CARMELINA – Allura, ci dicu ca non c’è?

PETRU – Non ‘u dicu ju ca ‘ntrunasti?!… Non vogghiu essiri disturbatu dopu ca trasunu iddi! Dinuddu vogghiu essiri disturbatu, mancu di me’ muggheri e di me’ figghia! Ha’ caputu?

CARMELINA – Sissignuri.(Via)

PETRU – (All’apparire degli assessori, introdotti da Carmelina, va loro incontro con ansia.Intanto, la ragazza scompare a destra) Signuri mei, ci su’ novità?

RIZZA – Nessuna. Siamo anche noi a corto di notizie.

TOTO’ – Nuatri spiravumu di truvari nuvità ccà.

PETRU – Non sacciu nenti e ‘stu silenziu mi preoccupa.

CICCIO – ‘A puteva fari ‘na telefonata ppi tranquillizzarini!

PETRU – Niente!…(Pausa, va al balcone a guardare dietro i vetri)Dicitimi ‘na cosa: ‘nto paisi ètuttu tranquillu? Si nn’hanu vistu carrabineri in giru?

TOTO’ – Tutto normale.

CICCIO – A mia mi pari ca ‘nte strati c’è troppu silenziu. Non si vidi mancu n’arma.

TOTO’ – Cu’ s’ha vidiri a ‘st’ura? Tutti a travagghiari su’.

PETRU – E ‘u mulinu di Mazzaglia sta travagghiannu?

RIZZA – No, è fermu. Ci mannai ‘u messu comunali a jrisi a ‘nfurmari.

PETRU – Ma chi mi cummina, maestru?!… O’ messu ci mannau?… Ppi fallu insospettire?…Chiddu, in casu di processu, ni fa ‘a spia!

RIZZA – E a cu’ ci mannava?

PETRU – Ca ci jeva lei, santu cristianu!


28


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

RIZZA – Ha ragione, ma non ho avuto il coraggio!… Comunque, non l’ho insospettito. Gli hodetto che dovevo portare un po’ di frumento a macinare.

PETRU – Ca spiramu ca ci cridìu.(Silenzio. Petru va ancora al balcone a guardare)Chi ura su’? TOTO’ –(Guardando l’orologio)Minziornu.

PETRU – A chi ura arrivava l’aereu?

TOTO’ – Alle nove e quaranta.

PETRU – Puteva essiri già di ritornu!

CICCIO – Si non l’arristaru!

PETRU – Don Cicciu, vui siti ‘n aceddu di mal’auguriu!

CICCIO – E si l’arristaru?

PETRU – E torna, parrina e ciuscia!

CICCIO – Ma l’avemu a pinsari macari ‘u peggiu, no? TOTO’ – Ma pirchì, non putemu pinsari ca tuttu jvu beni? PETRU – Già!

CICCIO – Scusati s’insistu, ma si l’arrestunu e parra, a nuatri chi nni ponu fari?

PETRU – Ni dununu ‘a midagghia cc’a pergamena ricordu!

CICCIO – A parti ‘u scherzu, comu ni finisci a nuatri?

PETRU – Non nni capisciu di liggi!

CICCIO – Maestru, quantu ninni ponu dari?

RIZZA – Trent’anni a nuatri per concorso, quaranta o’sinnucu come mandante!

PETRU – Ah, sì? A mia cchiù assai?… Mi staju dimittennu!

RIZZA – Lei, però, ha l’onore di essere il capo!

PETRU – Bellu onuri!... Un onuri ca mi frutta quarant’anni di galera!

TOTO’ – Signuri mei, non è megghiu ca, pp’ingannari ‘u tempu, ni cuntamu quattru barzelletti?

PETRU – Cchiù barzelletti di chiddi ca cunta ‘u maestru?!

RIZZA – Io?… La legge, il codice penale!


29


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Parramu d’autru, vah!…(Silenzio)Di chi parramu ?

CICCIO – Ju v’aveva avvisatu: era megghiu ca n’addimitteumu! Cu’ ci ‘u cunta a me’ muggheri?

PETRU – Ancora ddà l’aviti ‘a testa? Vi dissi: parramu d’autru!…(Pausa)A propositu, sinn’arrestunu, unni ni portunu a Gaeta?

TOTO’ – Chi c’entra Gaeta?! A Gaeta ‘u carciri militari c’è.

PETRU – Ancora ‘u carciri militari c’è?

CICCIO – Almenu ni purtassiru ‘nto pinitenziariu di Augusta, accussì semu vicini a’ casa!

RIZZA – Ma non abbiamo detto di cambiare discorso?

CICCIO – ‘U sinnucu cuminciau ppi primu!

PETRU – Ju fici sulu ‘na dumanna.(Pausa)Chi ura su’?

TOTO’ – (Guardando l’orologio)I dudici e cincu.

PETRU – (Va al balcone)E ancora non si vidi!…(Altra pausa)Maestru, ni sapi barzelletti? RIZZA – Sì, qualcuna la so.

PETRU – ‘A cuntassi, accussì sbariamu!

RIZZA – In questo momento non me ne ricordo neanche una.

TOTO’ – ‘A cuntu ju? Ni sacciu una bella.

CICCIO – Forza, cunta!

TOTO’ – Dunque, in un manicomio giudiziario c’erano tre pazzi… PETRU – (Interrompendolo)Allura, lei ‘u fa apposta!

TOTO’ –(Candidamente)Pirchì?

PETRU – Ppi forza ci ha fari trasiri ‘u carciri?

TOTO’ – Ma quali carciri!… ‘Nta ‘n manicomiu giudiziariu si svolgi ‘a barzelletta!

PETRU – E non è carciri ‘u manicomiu giudiziariu?!

TOTO’ – Bih, veru è; non ci aveva pinsatu.

CICCIO – ‘A testa sempri ddà ci l’hai tu!

RIZZA – La lingua batte dove il dente duole!


30


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Lassamu perdiri, vah!… Chi ura su’?(A questo punto, dalla comune arriva PeppeRomeo, vestito da gangster: abito scuro gessato a doppio petto; camicia scura; cravatta bianca; cappello nero a larghe tese con fascia bianca, calato sugli occhi; grossa pistola in mano. Viene scambiato per un killer di don Calò Russo)

SCENA QUARTA

Peppe Romeo e detti.

PEPPE – (Entra con l’arma spianata)Fermi tutti e mani in alto!(Atterriti eseguono)Faccia almuro! (Ubbidiscono in silenzio e tremanti per la paura) Petto in fuori e pancia in dentro! (Dopo qualche istante, Peppe scoppia in una fragorosa risata) Ah!… Ah!… Ah!… V’u fici pigghiari ‘nbellu scantazzu!

PETRU –(Riconoscendolo nella voce, si gira esclamando)Oh, lu gran figghiu di ‘nchiappata, leiè?!… Ni stava facennu ristari sicchi ‘nte robbi!

PEPPE – Vi scantastiru?

TOTO’ – ( Che si è girato anche lui insieme agli altri)Vuleva vidiri a tia o’ nostru postu, si non t’afacevi d’incoddu!

RIZZA – Questo è uno scherzo da preti!

PEPPE – Bella razza di mafiusi ca siti!

PETRU – Tantu ci vuleva a turnari?

PEPPE – ‘Ncuntrai trafficu ‘nte strati.

PETRU – Non ‘a purtamu cchiù a longu. Comu finìu?

RIZZA – L’ha fatto fuori?

PEPPE – Giustizia è fatta!

PETRU – Quanti colpi ci sparau?

PEPPE – Mancu ‘n colpu.

CICCIO – ‘U ‘mmazzasti o non ‘u ‘mmazzasti?

PEPPE – Non ci fu di bisognu!

PETRU – Ancora vivu è?

TOTO’ – Ju non staju capennu cchiù nenti!

CICCIO – Cu’ sparau, allura?

RIZZA – Ma se ha detto che giustizia è fatta!


31


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – ‘Nsumma, si voli spiegari, sì o no?

PEPPE – Non ci fu bisognu di sparari pirchì don Calò era già mortu!

PETRU – E cu’ l’aveva ammazzatu?

PEPPE – Nuddu. Morsi d’infartu prima di partiri.

RIZZA – In America?

PEPPE – In America.

PETRU – A Chicago?

PEPPE – A Chicago.

TOTO’ – E ‘u purtaru mortu?

PEPPE – No, ‘u sippilleru ddà. Turnau sula ‘a viduva.

PETRU – Menu mali, vah!… Diu vidi e pruvvidi !

CICCIO – Un mortu di menu ‘nta nostra cuscenza!

RIZZA – Assessore Barone, precisiamo questo morto, semmai, sarebbe stato il primo!

CICCIO – Maestru, però sempri ‘n mortu era!

RIZZA – Ma non di meno!?

CICCIO – E, allura, comu, di cchiù?

RIZZA – (Che comincia a perdere la pazienza)Ma niente affatto! Sarebbe stato il primo!…Dicendo di meno, può sembrare che noi ne abbiamo altri sulla coscienza!

PETRU – E bonu, maestru, non si riscaldassi!… Don Cicciu non si sappi spiegari!

CICCIO – Ppi mia era sempri ‘n mortu c’aveumu ‘nta cuscenza!

PETRU – Ci ‘a vuliti finiri?… Vi vuliti sciarrìari ppi ‘n mortu ca non è mortu?

RIZZA – Veramente, di essere morto è morto, tanto è vero che c’è la vedova!

PETRU – Bonu, va’, non nni sappimu capiri cchiù !

PEPPE – A propositu d’a viduva, ‘u sapiti ca turnau ccu l’intenzioni di cuntinuari idda l’affari diso’ maritu?

PETRU – Chi veni a diri?

TOTO’ – Quali affari?


32


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PEPPE – L’affari di don Calò, naturalmenti, ccu tutti l’annessi e cunnessi.

CICCIO – Chi voli fari ‘a mafiusa macari idda?

RIZZA – Una donna?… E’ impossibile!

PEPPE – Ca non tantu… Ju ‘a canuscii e mi parsi ‘na fimmina decisa!

PETRU – Ma non po’ essiri!

PEPPE – Intantu porta i causi… è ancora picciotta e, poi, è ‘n pezzu di fimminuna ca non finiscimai!

TOTO’ – Ma cu’ t’u dissi a tia ca voli cuntinuari l’affari di so’ maritu?

PEPPE – Idda stissa.

PETRU – Idda? Ci cuntau a lei ca voli fari ‘a mafiusa? Ma si livassi!

PEPPE – Non m’u cuntau sulu a mia. ‘U dissi a tutti.

TOTO’ – E tu comu ‘u sintisti?

PEPPE – Ju m’aveva appustatu ppi sparari, ma quannu ‘a visti scinniri dall’aereu sula e mi sonoaccertato ca ccu idda non c’era cchiù nuddu, ammacciai ‘a tufa…

PETRU – Si purtau ‘a stufa d’appressu?

PEPPE – Non ‘a stufa… ‘A tufa!

PETRU – E chi è ‘sta tufa?

PEPPE – ‘A pistola, no?

PETRU – Accussì si chiama?

PEPPE – Certo, in gergo mafioso si chiama tufa!

PETRU – Ah, già… ca nuatri semu mafiusi! Mi l’aveva scurdatu.

PEPPE – Perciò, ammucciai ‘a tufa e m’avvicinai macari ju. Accussì seppi ca don Calò era giàmortu d’infartu e ‘a viduva voli continuari l’affari di so’ maritu.

PETRU – Ni è sicuru?

PEPPE – ‘U ‘ntisi ccu ‘st’aricchi.

TOTO’ – Allura, semu o’ puntu di partenza!

CICCIO – Comu, non ha finutu ancora?


33


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

RIZZA – E, allora, che si fa?

TOTO’ – Ppi essiri tranquilli, n’avemu a liquidari macari ‘a viduva!

CICCIO – Ma chi siti pazzi?

PETRU – Ju non m’a sentu di cunnannari a morti a ’na fimmina!

CICCIO – Ju mancu! Maestru, lei chi dici?

RIZZA – Veramente, le regole della cavalleria vietano di mettere le mani addosso ad una donna!

TOTO’ – E nuatri chi ci l’avemu a mettiri i manu addosso… Ci sparamu di luntanu!

PETRU – Mi dispiaci, ma ju non sugnu d’accordu!

CICCIO – (Prontamente)Ju mancu! ‘U maestru già si esprimìu contru, perciò nuatri avemu ‘amaggiuranza.

PEPPE - Signuri mei, chista non è ‘na decisioni ca si po’ pigghiari accussì, su due piedi…Dobbiamo discutere prima… Propongo, perciò, di indire immediatamente una riuniune di Giunta.

CICCIO – Ppi quannu?

PEPPE – Data l’urgenza e la gravità della cosa, subito, seduta stante.

TOTO’ – Semu tutti presenti e ni putemu riuniri ora stissu.

CICCIO – N’autra vota ccà?

PEPPE – S’u sinnucu pirmetti…

PETRU – E pirchì no?… Pigghiamu postu attornu o’ tavulu!(Siedono)La seduta è aperta!

TOTO’ – Chiedo la parola.

PETRU – A lei la parola!

TOTO’ –(Si alza e comincia a parlare con enfasi)Signor sindaco, colleghi assessori, nell’ultimariunione di Giunta comunale che ha avuto luogo ieri in questa sala municipale…

PEPPE – (Interrompendolo, sottovoce)Da pranzo!

TOTO’ – (Che non ha capito, continua)In questa sala municipale… PEPPE – (C.s.)Da pranzo!

PETRU – Assissuri Romeo, non l’interrumpissi!

PEPPE – Ho corretto il collega che ha sbagliato. Ccà semu nella sua camera da pranzo, non nellasala municipale.


34


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – Ah, sì, scusate, la forza dell’abitudine!… Dicevo, nell’ultima riunione di Giunta che haavuto luogo in questa sala da pranzo, si è improvvisamente manifestato un grave pericolo per l’Amministrazione comunale che noi degnamente rappresentiamo. Si è parlato, si è discusso, si è cercato in tutti i modi di porre dei rimedi, fino a quando, all’unanimità, si è decisi di correre ai ripari, eliminando la causa prima del pericolo che incombe sulla nostra Amministrazione. Purtroppo, e non per cause imputabili alla nostra volontà, pur venendo meno la causa prima, il pericolo permane. Che cosa ci resta da fare?

PEPPE – (Subito)Eliminare la causa seconda!

TOTO’ – L’assessore Romeo ha detto bene. Solo stroncando il male alle origini, possiamo guarirela ferita che si è prodotta nella nostra Amministrazione. Propongo, pertanto, di usare lo stesso trattamento che si era deciso per la causa prima: eliminare la vedova di don Calò Russo! (Siede)

PETRU –(Alzandosi a sua volta)Signori assessori, comu già dissi prima, non mi sentu di dare ilmio parere favorevole alla proposta dell’assessore Salàfia. Ieri mi avete convinto, purtannu l’esempiu d’a guerra e d’i nemici ca s’ammazzunu in guerra, ma ccà, mi pari ca jvu a finiri comu quannu l’ariuplani bombardavunu a tappitu le città, facennu straggi di fimmini, vecchi e picciriddi. ‘A viduva di don Calò è ‘na fimmina e ju non mi sentu di sparari o di fari sparari a ‘na fimmina!

CICCIO – Ju mancu, mi rifiutu!

RIZZA – Ed io pure!

PEPPE – Ma bisogna pur trovare un rimedio!

TOTO’ – Un altro rimedio ci sarebbe.

PETRU – E quali? Parrassi!

TOTO’ – Imparentarsi con la vedova di don Calò Russo.

RIZZA – Non vedo come. Anche se la vedova Russo per lo Stato Civile è libera,noi tutti abbiamomoglie.

TOTO’ – Il sindaco ha capito perfettamente come potrebbe contrarsi la parentela.

PETRU –(Che non gli garba il discorso)Ju non haju caputu propriu nenti.

TOTO’ – E, allura, ci ‘u dicu ju. Prima di tutto occorre precisare che questa parentela, per essereveramente valida, deve essere contratta tra il capo della nostra “cosca” e quello avversario.

PETRU – Ca ora divorziu di me’ muggheri e mi maritu ‘a visuva di don Calò, ammessu ca mi voli!

RIZZA –(Che non ha capito niente)Non possiamo pretendere un simile sacrificio!

TOTO’ – Non occorre nessun sacrificio. Signor sindaco, lei havi ‘na figghia in età di maritu, donNicola Mazzaglia havi ‘n figghiu in età di muggheri, facemuli maritari e chiediamo alla vedova di don Calò di fare da madrina al nascituro.

RIZZA – Ottima idea, proprio come si usa nella mafia!


35


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – (Alzandosi)Mi dispiaci, ma vuatri mi stati dumannanu ‘n sacrificiu troppu grossu. Nonm’a sentu d’imparintarimi col mio più accerrimo nemico!

CICCIO –(Avvicinandoglisi)Ma si tratta di salvari ‘u paisi!

PEPPE – In fondo è so’ figghia ca s’imparenta ccu don Nicola Mazzaglia!

PETRU – Non po’ essiri.(Siede sul divano)Dumannatimi qualsiasi cosa, ma non mi diciti c’haju adivintari parenti di ‘ddu giallinusu di Nicola Mazzaglia!

TOTO’ – (Avvicinandosi anche lui)Ma d’a viduva è dispostu a divintari parenti?

PETRU – ‘A viduva non m’ha fattu nenti, ma a cu’ ci fazzu vattiari, a me’ soru ‘a monica? Me’figghia è vattiata e macari crisimata!

TOTO’ – Ci fa vattiari n’autru figghiu.

PETRU – Ca ora ‘u fazzu fari o’ stazzuni!

TOTO’ – Non c’è bisognu.

PETRU – Ju ‘na figghia sula haju!

PEPPE – E n’autru ‘u fa nasciri!

PETRU – Ca era chiappa di ficu!… Ma chi diciti?

TOTO’ – Propriu accussì. Chi c’è di mali si lei a so’ muggheri ci fa fari n’autru figghiu?!

PETRU – Ma chi siti pazzi?… ‘Nta vicchiania?!

PEPPE – Ma niente affatto! So’ muggheri è ancora picciotta, l’omu diventa vecchiu a tarda età,perciò…

TOTO’ – (Insinuante, tende l’indice della mano destra, abbassandolo ricurvo più volte)A menuche lei… non havi già ‘na vicchiania precoci!

PEPPE –(C.s.)Maestru, chi dici lei, ci ‘a fa ‘u sinnucu a faricci fari n’autru figghiu a so’muggheri?

RIZZA – Tra moglie e marito non mettere il dito!(Anche lui gesticola con l’indice della manocome Totò)

PETRU – Ahu, senza tanti sbintamenti ca mi basta l’armu! Don Cicciu, dicitaccillu vui c’aviti ‘ame’ età!

CICCIO – E ju chi sugnu so’ muggheri?!

TOTO’ – Ju dicu ca non ci ‘a fa!

PEPPE – Ci ‘a fa, è ca non si ci voli mettiri!


36


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU – Mi vuliti pigghiari ‘n supra per ottenere il vostro scopo?

RIZZA – Già, così pare anche a me! Ma lei deve capire che questa è l’unica soluzione per salvarcie salvare il nostro paese.

PETRU  –  Ma cc’haju a fari ridiri ‘n paisi sanu?… Ppi non diri, poi, ‘nta quali trafichi mi mettu:

cummattiri ccu n’addevu dopu vint’anni!

TOTO’ – Pari ca ci ha cummattiri lei!

PETRU – Casu mai veni lei ccu l’autri assissuri a cangiaricci,’u pannizzu, a faricci ‘u bagnu, amittiricci ‘u borotalcu ‘nte ‘nginagghi, a daricci ‘a sucalora!…

PEPPE – Si è nicissariu, vinemu macari nuatri!

PETRU – Si livassi, vah!… Non ‘u dicissi mancu ppi scherzu!

TOTO’ – E, allura, accittamu ‘a proposta di l’assissuri Baruni e dimittemuni!

PEPPE – Accussì ci cunsignamu ‘u Municipiu a don Nicola prima d’u tempu!

RIZZA –(Avvicinandosi)Se mi è permesso esprimere il mio parere, l’assessore Salàfia el’assessore Romeo hanno ragione. Rinunziando alla lotta, noi facciamo il gioco del nostro avversario politico il quale, una volta preso il sopravvento, non sarà più rimosso dal Comune, perchè il popolo non ci dara più fiducia.

TOTO’ – Santi paroli!…’U maestru parrau comu ‘n libru stampatu!

CICCIO –(Gli si siede accanto)Signor sindaco, ju ci mannu a me’ muggheri a darici ‘na manu a’signura.

PEPPE – Bravu don Cicciu!… Ju fazzu veniri macari a me’ muggheri.

TOTO’ – Benissimo!… Tutti i nostri muggheri hanu a veniri a turnu pirchì ‘u picciriddu è figghiudi tutti! (Petru lo guarda bieco) Vuleva diri ca sarà adottato da tutti!… Sì, insomma, sarà figlio del popolo! (Ancora sguardo bieco di Petru) Megghiu ca mi staju mutu, prima ca ‘a dicu cchiù grossa!

PETRU – Megghiu è!… Signuri mei, chista non è ‘na soluzioni ragiunevuli. Non si tratta d’aviribisognu d’ajutu. Ppi chissu ci fussi me’ figghia oppuri Carmilina. E’ ca ‘n figghiu non si fa a lampa e stampa. Ci volunu novi misi ppi fallu nasciri e sarannu novi misi di risati pp’a genti!

RIZZA – Ella mi deve scusare, ma io non vedo perché la gente debba ridere su una cosa normale.Mettere al mondo dei figli è la cosa più naturale di questo mondo. Beato lei che può avere questa prerogativa! A me, purtroppo, la sorte non ha voluto concedere la fortuna del sorriso di un pargolo e ci ha ridotti, a me e a mia moglie, a farci gironzolare per casa come due anime in pena e, quando non ci saremo più, non ci sarà nessuno che poserà un fiore o accenderà un cero per rischiarare il buio della notte eterna!

PETRU –(Abbracciandolo)Maestru, i so’ paroli mi hanno commosso e mi hanno convinto.

PEPPE –(Quasi contemporaneamente agli altri)Bravu ‘u sinnucu!


37


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ –(C. s.)Chistu si chiama ragiunari!

CICCIO – Evviva don Petru Salemi!

RIZZA – Mi permetta, a nome degli assessori e del paese tutto, di stringergli la mano e dicongratularmi per questo gesto altamente generoso ed altruista! (Gli stringe la mano)

PETRU – Maestru, lei è un galantomu!

TOTO’ – Signor sindaco, m’ha scusari si staju parennu ‘u diavulu arredi l’altaru, ma non s’haperdiri ancora tempu. Ora nuatri livamu l’incomudu, lei va a mangiari e poi si va a curcari!… (E ammicca)

PEPPE – Ccu’ so’ muggheri, naturalmenti!

TOTO’ – Certo! Per dare inizio a questa alta missione cui è stato chiamato! E si ricordi chel’avvenire di Mirtilli dipende da lei!

CICCIO – Viva Mirtilli!

PEPPE – Viva ‘u sinnucu ccu so’ muggheri!

PETRU – Signuri mei, chi vaju a diri? Cercherò di portare a termine l’incarico che mi è statoaffidato in nome di questa Giunta e del paese tutto che noi rappresentiamo. Me’ figghiu, ca ancora ha nasciri, verrà al mondo ccu n’autru incaricu: salvari ‘u nostru paisi! Voli diri ca si chiamerà: Salvatore!

TUTTI – Viva Salvatore!… Viva Mirtilli!…

S I P A R I O


38


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

ATTO TERZO

Stessa scena degli atti precedenti. E’ il pomeriggio avanzato dall’azione del secondo atto. La scena è vuota, poi alla comune appare Carmelina che introduce Mario Mazzaglia.

SCENA PRIMA

Carmelina, Mario e poi Caterina.

CARMELINA – Avvucatu, s’accumudassi. Voli parrari cc’u sinnucu?

MARIO –(Imbarazzatissimo)Veramente, no. Vorrei parlare con la signorina Caterina. ‘U sinnucu,anzi, non ha sapiri ca ju sugnu ccà.

CARMELINA – Ho capito. Lei vinni a ‘mmucciuni.

MARIO – Propriu accussì. ‘U sinnucu è fora, veru?

CARMELINA – No, intra è.

MARIO – (Spaventato)E’ intra?… Allura è megghiu ca mi nni vaju.

CARMELINA –(Fermandolo)Non si preoccupassi ca sta durmennu e, quannu dormi, non sentimancu cannunati.

MARIO – Ma, se si svegliasse?

CARMELINA – Prima d’i sei non s’arrusbigghia. Chi ura su’? MARIO – (Guardando l’orologio)Le cinque meno un quarto.

CARMELINA – E, allura, havi cchiù di n’ura di tempu. S’accumudassi ca ci chiamu ‘a signurina MARIO – Grazie. E la signora è in casa?

CARMELINA – E’ curcata macari idda. Non si preoccupassi!… Mi ci pirmetti.(Via dalla destra.Mario è impaziente e a disagio, temendo l’apparire del sindaco)

CATERINA – (Arriva subito dopo. Alla vista di Mario, gli corre incontro, abbracciandolo)Oh,Mario!

MARIO – Dopo aver letto la tua lettera, non ho potuto resistere dal vederti!

CATERINA – Mi vuoi sempre bene?

MARIO – Con tutta l’anima!

CATERINA – Ti ringrazio.(Si stacca dall’abbraccio)Ora potrò affrontare la nostra separazionecon più serenità!

MARIO – La separazione?!… Ma che dici, Caterina?


39


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CATERINA – Sì, caro.Le nostre strade oggi si dividono!

MARIO – Ma tu mi hai scritto che eri pronta a venire via con me!

CATERINA – E’ intervenuto un fatto nuovo. Ho avuto una discussione con mio padre che mi hafatto promettere di rinunciare a te.

MARIO – (Risentito)E con quale diritto tu hai fatto una simile promessa? Comu si ju non cuntassi!Ju non sugnu ‘n pupu di pezza ca si jetta di cantu quannu non servi cchiù! A me non ci hai pensato?

CATERINA – Non mi turmintari macari tu, Mario!… Chi voi ca faceva?… ‘U papà mi ha fatto undiscorso strano…

MARIO – Che discorso?

CATERINA – Un discorso che, a prima vista, sembrava banale e privo di significato la cui veraragione, invece, era celata nell’ansia e nella grande preoccupazione di papà!

MARIO – E, così, ti sei compenetrata e hai promesso di rinunciare a me!

CATERINA – Perdonami!… Sappi, però, che ti amo e che ti amerò sempre!

MARIO – (Amaro)Chi mi nni fazzu di ‘st’amuri, si non pozzu aviri a tia?

CATERINA – Pazienza, Mario!… Ti prometto che non sarò mai di nessuno!

MARIO – Bella consolazione!(Pausa, durante la quale Caterina va ad origliare alla porta dellacamera da letto) E, da quando tuo padre è preoccupato?

CATERINA – Da ieri pomeriggio.

MARIO – Per la venuta dei miei a casa vostra?

CATERINA – No, non credo… Si è agitato quando i tuoi sono andati via, anzi, si è sentito male,ma ‘u discursu di oggi non fu ppi causa vostra.

MARIO – E, allura, ppi cui?

CATERINA – Ma, forsi, pp’a riunioni ca ci fu a casa mia. Dopo che ve ne siete andati voi, sonovenuti gli assessori comunali e si sono riuniti con papà. Anche oggi hanno tenuto un’altra riunione.

MARIO – E di cosa hanno parlato?

CATERINA – Non lo so. Non ho sentito.

MARIO – Non m’u vo’ diri pirchì sugnu d’u partitu cuntrariu? Ti pari ca ci ‘u cuntu a me’ patri?

CATERINA – Non so niente, te lo giuro. Sacciu sulu ca ‘u papà è preoccupato sin dalla primariunione.

MARIO – Ma chi discursu vi fici?


40


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CATERINA – Non te lo posso dire.

MARIO – Non m’interessa sapillu ppi quistioni politiche, te lo giuro! Voglio scoprire la verità,perché non posso rinunciare a te!… Non vogghiu ca sett’anni d’amuri siano sprecati in un soffio!

CATERINA – E va bene, ti dico tutto. ‘Sta mattina, mentre a Carmelina stavo dando la lettera perportarla a te, si ritirau ‘u papà di fora. Mi fici chiamari ‘a mamma e a mia mi nni mannau ddà banna. Io mi sono insospettita e sono rimasta ad origliare dietro la porta.

MARIO – E che cosa hai sentito?

CATERINA – ‘U papà diceva c’aveva a partiri e mancare a lungo forse più di un anno…

MARIO – E unni aveva a jri?

CATERINA – Ad un congresso del Partito, in Svizzera.

MARIO – Ma non c’è nessun congresso! E poi, perché in Svizzera?

CATERINA – Macari a mia mi parsi ‘na frottola.

MARIO – E, allura?

CATERINA – Con l’aria di uno che sta partendo per un viaggio senza ritorno, ha fatto alla mammatante raccomandazioni.

MARIO – Raccomandazioni?

CATERINA – Sì, ci raccumannau ‘u pastificiu, i cambiali ca scadunu, i vutti ca s’hannu a cunsariprima d’a vinnigna… Poi, con tono accorato, ci raccumannau a mia.

MARIO – Ma non avete chiesto il motivo del suo comportamento?

CATERINA – Dici ca l’assissuri ci avevunu purtatu ‘na nutizia che lo aveva turbato. E non havoluto dire altro.

MARIO – Sai cosa farò? Andrò dal maestro Rizza per sapere la verità da lui. E’ stato il miomaestro e mi ha sempre stimato e voluto bene. E’ un galantuomo e non potrà rifiutarsi di aiutarci.

CATERINA – Macari Diu!

MARIO – Non ti preoccupare che ci aiuterà. Ora mi nni vaju prima ca to’ patri s’arrusbigghia e icosi si complicanu.

CATERINA – Ti raccomando, Mario!… Sii prudente e pensa ca ju ti vogghiu beni!

MARIO – Macari ju. Ora dammi ‘n vasuneddu: mi porterà fortuna.(Caterina lo bacia)Ciao, ti faròsapere qualcosa.

CATERINA – Ciao. Non mi fare stare in ansia!(Mario via, accompagnato alla porta da Casterinache resta sovrappensiero)


41


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CARMELINA – (Entra dalla destra, si avvicina a Cateruna e le mette un mano sulla spalla a mo’di consolazione. Caterina sobbalza)

CATERINA – Ah, tu si’?

CARMELINA – Curaggiu, signurina!

CATERINA – Hai ascoltato da dietro la porta?

CARMELINA – M’ha pirdunari, ma lei mi sta troppu a cori!

CATERINA – Grazie, tu si’ ‘na vera amica.

CARMELINA – Non stassi in pena ca ‘u so’ zitu abbersa ogni cosa.

CATERINA – Macari i to’ paroli arrivassiru in celu!…  (Si sente suonare all’ingresso)  Vidi cu’ è.

Ju mi nni vaju in camera mia.

CARMELINA – Sì, signurina… Poi, si ci pirmetti, ci vegnu a fari tanticchia di cumpagnia.

CATERINA – T’aspettu.(Via in camera sua, mentra Carmelina va ad aprire ed introduce gliassessori Salàfia e Romeo)

SCENA SECONDA

Carmelina, Totò e Peppe.

CARMELINA – S’accumudassiru.

TOTO’ – C’è ‘u sinnucu?

CARMELINA – E’ ancora curcatu.

PEPPE – E ‘a signura?

CARMELINA – E’ curcata macari idda, ma ora ‘i rusbigghiu.

PEPPE – No, no, ‘i lassassi dormiri n’autra tanticchia. Nuatri non nn’avemu primmura. Veru,Totò? (E ammicca all’amico)

CARMELINA – E, allura, s’accumudassiru.

PEPPE – Grazie, signurina.(Siedono sul divano)

TOTO’ –(A Carmelina)Novella, vero?

CARMELINA – No, “Grand Hotel”!

TOTO’ – Signurina, chi capiù?

CARMELINA – Si accattu “Novella”!? No, leggiu, inveci, sulu “Grand Hotel”!


42


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – Ha scusari, ma ha capio male. Ci vuleva diri: lei è novella?… Nova, in casa del sindaco?

CARMELINA – No, havi cinc’anni ca travagghiu ccà.

TOTO’ – Cinc’anni? E chi s’impiegau a chinnicianni?

CARMELINA – No, a vinti. Ju vinticinc’anni haju.

PEPPE – E unni ci l’havi misi? Non li dimostra affattu!

TOTO’ – Brava, me ne compiaccio. E mi dicissi ‘na cosa: ‘u sinnucu l’ha misu in regula? C’i versai contributi?

CARMELINA – Certu, contributi, marchi, marchetti… PEPPE – Ah, macari i marchetti?

CARMELINA – Certu, tutto in regola!(Pausa)L’accettunu ‘n bicchirinu?

PEPPE – Grazie, l’accittamu.

CARMELINA – Chi prifirisciunu: brandy, sambuca o crema cacao?

PEPPE – A mia mi purtassi ‘na branda.

TOTO’ – Cc’ha’ fari cc’a branda, t’ha’ curcari? Si dici brendy!

CARMELINA – ‘U voli macari lei ‘u brendy?

TOTO’ – No, a mia ‘n sambuca. Con mosca, per favore.

CARMELINA – Come ha detto?

TOTO’ – Un sambuca con mosca.

CARMELINA – Di ‘sti tempi?!… Ca ora vidu si ci nni pozzu acchiappari qualcuna in cucina.

TOTO’ – Scusi, signorina, ma che cosa ha capito?

CARMELINA – Ca ‘nto liquori lei ci voli ‘na musca!

TOTO’ – Ma no ‘na musca vera!

CARMELINA – Pirchì, ci su’ muschi finti?

TOTO’ – Per mosca s’intende un chicco di caffè! Ma lasci perdere, lo porti liscio!

CARMELINA – Va bene, vi servo subito!(Serve il liquore)

PEPPE – Grazie, signorina. Alla sua salute!


43


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – E a una vita felice!

CARMELINA – Grazie, alla vostra!(I due bevono, ma Peppe si soffoca e comincia a tossire) PEPPE – Brende un tosse con questo brendy!

TOTO’ –(Dopo una pausa)Mi dicissi ‘na cosa, signurina: ‘u sinnucu è curcatu cc’a signura?

CARMELINA – Certu. ‘A signura, di solitu, non si curca, ma oggi ‘u sinnucu ‘nsistìu e ‘a ficicurcari.

TOTO’ Bravu, mi fa piaciri!(Carmelina lo guarda incuriosita)No, diceva accussì, pp’a signura…Ogni tantu tanticchia di riposu fa beni a’ saluti.

PEPPE – E havi assai ca su’ curcati?

CARMELINA – Di quannu fineru di mangiari.

PEPPE – Ah, sì?… E a chi ura fineru di mangiari?

CARMELINA – All’una e menza.

TOTO’ – (Guardando l’orologio)Su’ i cincu passati, quasi tri uri menza.

CARMELINA – ‘I rusbigghiu?

TOTO’ – No,no… ‘I lassassi stari, non ‘i disturbassi.

PEPPE – (Dopo una pausa, indicando la porta in fondo a destra)Qual è chidda ‘a camira da lettu? CARMELINA – No, è chidda.(Indica la porta in fondo a sinistra)

PEPPE – Bene!… Signurina, si havi chiffari, si nni po’ jri. Nuatri putemu ristari suli.

CARMELINA – M’i fici tutti i sirvizza. Pozzu ristari a farivi cumpagnia.

TOTO’ – E, allura, s’assittassi.

CARMELINA – Grazie.(Siede. Grande imbarazzo di tutti; qualche risatina di circostanza, poi) PEPPE – E semu ccà!

CARMELINA – Già…

TOTO’ – E megghiu ccà ca ddà!

PEPPE – Che bel giorno questa sera!

TOTO’ – Ma chi dici, cumpari?!

PEPPE – Vuleva diri ca c’è ‘na bella sirata.


44


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

CARMELINA – V’a pozzu fari ‘na dumanna indiscreta?

TOTO’ – Parrassi. S’a dumanna non è trubula, ci rispunnemu.

CARMELINA – Bedda Matri, mi pari mali!

TOTO’ – Curaggiu, signurina… Cchiù di non rispunniri, non putemu!

CARMILINA –(Di colpo)Vuatri siti schietti o maritati?

PEPPE – ‘Sta vota a’ signurina ci vogghiu rispunniri ju: ju non sugnu schiettu; me’ cumpari,inveci, è maritatu!

CARMELINA –(Delusa)Ah!

TOTO’ – Soddisfatta?

CARMELINA – Accussì, accussì…(Dopo una pausa)Bih, m’aveva scurdatu ca ‘u sinnucu volistirata ‘a cammisa. Scusati, levu l’incomudu. (Via di fretta)

TOTO’ E PEPPE – (Uscita Carmelina, si precipitano dietro la porta della camera da letto delsindaco a guardare dal buco della serratura, spingendosi a vicenda)

PEPPE – Fatti cchiù ddà ca non vidu nenti.

TOTO’ – Prima fammi taliari a mia e poi talii tu.(E lo spinge)Ma non vidu nenti!

PEPPE – Ora, fammi taliari a mia!(Totò si scosta e Peppe si posiziona per guardare)Non vidunenti mancu ju!

TOTO’ – (Poggiando l’orecchio alla porta)E non si senti nenti!

PEPPE – Vo’ jemuni ad assittari prima ca veni qualcunu.(Siedono. Intanto, si sente suonare ilcampanello dell’ingresso. Carmelina attraversa la scena e va ad aprire)

SCENA TERZA

Carmelina, Ciccio Barone e detti.

CARMELINA – (Introducendo don Ciccio)S’accumudassi…(Via a destra)

CICCIO – (Entrando)Signuri mei, baciamu li manu!

TOTO’ – Bonasira, don Cicciu.

PEPPE – Salutamu.

CICCIO – ‘U sinnucu non c’è?

PEPPE – (Ammiccando)Ddà banna è.

CICCIO – Ddà banna? E chi sta facennu?


45


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – Chi putissi fari, secunnu vui?

CICCIO – E chi sacciu?

PEPPE – Sta fabricando il Salvatore della Patria!

CICCIO –(Che non ha capito)Chi?!

PEPPE – Don Cicciu, siti ‘ntrunatu?… Cc’aveva a fari ‘u sinnucu oggi pomeriggiu? V’uscurdastiru?

CICCIO – Ancora? E ci metti tuttu ‘stu tempu?

TOTO’ – Parrau ‘u picciottu di vint’anni!

CICCIO – Modestamenti, ppi mia, in cincu minuti, è tutto fatto!

PEPPE – Ca eruvu machinetta!… Vah, livativi!… Chiuttostu o’ maestru unni lassastiru? CICCIO – Non ‘u truvai in casa. Era nisciutu.

PEPPE – Ma comu?!… In qualità di vici sinnucu aveva a essiri ‘u primu ad arrivari!

CICCIO – Voli diri c’aveva chiffari.

TOTO’ – Prima il dovere e poi il piacere!

CICCIO – Ahu, chi mi cuntati a mia?… Chi sugnu ‘a so’ balia? Anzi ca ci passai d’a casa achiamallu!

PEPPE – (Dopo una pausa, alludendo al sindaco)E ancora non spunta!

CICCIO – E torna!?… Ma chi mi cuntati si spunta o non spunta?!

PEPPE – Non diceva pp’u maestru.

CICCIO – E, allura, ppi cui?

PEPPE – Pp’u sinnucu. Ora ‚a sta facennu longa! TOTO’ –(Si alza e va ad origliare)Non si senti nenti.

CICCIO – Leviti vicinu ‘a porta, prima ca spunta e ti trova ddocu.

TOTO’ – Aviti ragiuni, don Cicciu.(si avvicina al divano)Ci su’ novità? Chi si dici fora?

CICCIO – A propositu di chi?

TOTO’ – A propositu d’a viduva di don Calò.

CICCIO – Nenti sacciu. Non haju parratu ccu nuddu.

46


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PEPPE – ‘A canuscistiru ? L’aviti vista?

CICCIO – Non haju vulutu dari nell’occhiu. Però, ‘a visti me’ muggheri.

PEPPE – Ah, sì? E chi ci nni parsi?

CICCIO – S’a ricurdava picciridda… Dici ca è cangiata.

TOTO’ – Certu ca è cangiata. I soldi, caru don Cicciu, trasformunu a tutti!

PEPPE – Fannu veniri ‘a ‘ntisa all’orvi e ‘a vista e’ surdi!

CICCIO – Chi?!

TOTO’ – Ma chi ‘ncucchi, cumpari? Ci fanu veniri ‘a ntisa all’orvi e ‘a vista e’ surdi?

PEPPE – Sbagghiai, cumpari. Sbagghia ‘u sceccu e non pozzu sbagghiari ju? Vuleva diri ca i soldifannu veniri ‘a vista all’orvi e ‘a ‘ntisa e’ surdi!

CICCIO – Chi mi diciti a mia?! Mannaggia a la miseria! Si ju avissi i soldi ca havi idda, mi l’avissigudutu, facennumi l’affari mei! Non mi ci avissi ‘mmiscatu ‘nta politica!

TOTO’ – ‘A politica, caru don Cicciu, non è quistioni di soldi, ma d’interessi. Interessi generali edanche personali…. Vui criditi ca ‘u nostru sinnucu havi bisognu di soldi?… Nn’havi lu porcu!…

Però, si non fussi ‘ntricciatu ‘nta politica, era costretto a subire il sistema, mentre ora lo impone!

PEPPE – E iddu è ‘n pisci nicu!

CICCIO – E, allura, nuatri chi semu, muccu?

TOTO’ – Nuatri?… Tantu ppi darivi un’idea, vi fazzu un esempiu: l’aviti prisenti un acquariu? ‘Navasca trasparenti china d’acqua, unni ci vivunu ‘na cinquantina di pisci di tutti i misuri e di tutti i culuri? Benissimu!… L’acquariu è ‘u nostru paisi e ‘u pisci cchiù grossu è ‘u nostru sinnucu, mentri tutti l’autri pisci cchiù nichi semu nuatri. Cu’ cumanna? ‘U pisci cchiù grossu! Ma pirchì? Pirchì, a causa della sua grandezza e, quindi, della sua forza, si sa imporre su tutti gli altri. I pisciteddi pagano il loro contributo e la vita dell’acquario procede tranquilla, mentri ‘u capu si fa sempri cchiù grossu e cchiù… grassu! Quannu, però, nell’acquariu arriva n’autru pisci grossu…

CICCIO – ‘A viduva di don Calò, per esempiu!…

TOTO’ – Bravu, avete capito perfettamente!… ‘U sapiti, allura, chi succedi?

CICCIO – La guerra!

TOTO’ – Per l’appunto!… L’armonia della convivenza viene turbata e scoppia la guerra!… Laguerra per il potere!

PEPPE – E ddocu succedi ca ‘u pisci cchiù grossu si mangia a chiddu cchiù nicu!

TOTO’ – ‘Nto mari, invece, i cosi si complicanu, pirchì pisci grossi ddà ci nn’è cchiù assai e tuttivolunu mangiari!


47


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PEPPE – Nell’oceano, poi, è peggiu!… Accussì è ‘u munnu, caru don Cicciu! Il più forte prevalesul più debole!

CICCIO – Comu ‘nta politica!

TOTO’ – E non sulu ‘nta politica, ma anche nella vita!

PEPPE – La lotta per la sopravvivenza!

CICCIO – E sissignuri!… Ora spiramu ca ‘u sinnucu s’a fida a mangiarisi ‘sta balena ca vinnid’America, accussì nuatri putemu sopravviviri assemi ad iddu!

PEPPE –(Guardando la porta)Intantu ancora non si decidi a nesciri d’a so’ stanza!

TOTO’ – Comu semu in ansia, mi sta facennu l’imprissioni ca stamu aspittannu ‘a fumata janca,comu quannu hannu a fari ‘n papa!

PEPPE – Ora ci tuppulìu…(Si vede girare la maniglia della porta)

CICCIO – (Che è anche lui con gli occhi fissi alla porta)Ccà è, sta grapennu ‘a porta!(La porta siapre lentamente ed appare il sindaco in vestaglia e pantofole. E’ affaticato e abbattuto)

SCENA QUARTA

Petru e detti, poi il maestro Rizza, e poi Santa e Caterina.

PETRU –(Entra in silenzio. Richiude la porta e si avvicina agli assessori che si alzano ossequiosi,interrogandolo con gli occhi. Lui abbassa più volte il capo, come per dire di aver compiuto il suo dovere)

TOTO’ – (Approva col capo soddisfatto e chiede, sempre con i gesti, quante volte l’ha compiuto.Una volta?)

PETRU – (Due volte! E fa capire tutta la sua stanchezza)

TOTO’ – (Ancora più soddisfatto, si sfrega le mani)Benissimo!

PEPPE – Auguri!

CICCIO – Bravu ‘u sinnucu! Mi compiaccio!

TOTO’ – Tra nove mesi rideremo!

PETRU –(Amaro)Signuri mei, putemu cuminciari a ridiri sin da ora!

TOTO’ – Megghiu tra novi misi, quannu nasci ‘u picciriddu!

PEPPE – I risati sarannu cchiù di cori!

TOTO’ – Ride bene chi ride l’ultimo!

PETRU – Vi dicu ca putemu cuminciari a ridiri, pirchì ‘u picciriddu non nascerà!


48


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – Come sarebbe a dire?

PEPPE – Chi significa?

PETRU – ‘A jaddina non fa cchiù ova! E m’u dissi dopu!

CICCIO – Semu rovinati!

PEPPE – Cosi da pazzi, era l’ultima speranza!

TOTO’ – E ora che succederà?

CICCIO – Ju vi l’aveva dittu: era megghiu dimittirisi!

TOTO’ – Don Cicciu, vui siti ‘na cucca!

PEPPE – Vui ci l’aviti jttatu ‘u picciu!

CICCIO – Ma chi siti pazzi?

TOTO’ – Vui, sissignuri! Quannu ‘nto menzu c’è unu ca cucchìa, i cosi non ponu rinesciri mai! PEPPE – E, ora, che si fa?

PETRU – Arrivatu a ‘stu puntu, non sacciu cchiù chi diri!

PEPPE – Accampamini i bagattelli d’u Municipiu e ritiramini, commossi e soddisfatti!

TOTO’ – Già, scompariamo per sempre dalla scena politica!

PEPPE – Cu’ ci l’havi ‘u curaggiu di cumpariri ‘nto paisi!

TOTO’ – Dopo le promesse che abbiamo fatto agli elettori!

PEPPE – E’ megghiu ca ni tiramu ‘n colpu di revolviri all’unu!

CICCIO – Ahu, ora stati esagirannu ppi daveru!… Sparativi vuatri suli! A mia lassatimi stari!…Quantu ‘a stati facennu tragica! Chi è ‘a prima vita ca casca n’amministrazioni e si nni fa n’autra?

TOTO’ – Ma non ci pinsati c’avemu a dari cuntu?

CICCIO – Ma cuntu di che cosa?

TOTO’ – Di tutto!

PEPPE –(Dopo una pausa)Propongo una riunione urgente!

TOTO’ – Benissimu, è megghiu!

PETRU – Nenti affattu, non ci sarà nessuna riunione! Havi du’ jorna ca ni riunemu e ancora semuo’ puntu di partenza!


49


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PEPPE – Per l’appunto! Dobbiamo trovare la giusta soluzione!

TOTO’ – La soluzione più giusta e più logica è chidda di liquidarisi ‘a viduva di don Calò!

PETRU – E ci torna?!

TOTO’ – Ma non dobbiamo avere scrupoli!… Che mafiosi siamo, allora?!

PETRU – ‘Ddocu è ‘u sbagghiu: che mafiosi siamo! Lei cunsidira ‘u fattu dal punto d’arrivo,mentri l’avemu a cunsidirari dal punto di partenza!

PEPPE – Come sarebbe a dire?

PETRU – Ca è ‘ntontiru macari lei! E’ così semplice ca ‘u capisci macari me’ figghiu, chidduc’aveva a nasciri!… ‘U sbagghiu consisti ‘nto fattu ca nuatri non ci semu stati mai mafiusi!… Ci divintamu di bottu; accussì, ni rusbigghiamu ‘na matina e ni truvamu mafiusi!

PEPPE – E chi c’è di straordinariu?

PETRU – Egregiu signor Romeo, ppi fari i mafiusi, non sulu ci voli ‘a nascita, ci voli macari lavocazione!

TOTO’ – Ca erumu parrini!

PETRU – ‘A stissa cosa è!… Mittemu ca inveci di fari i mafiusi, dicidevumu di fari i parrini.Vuatri parrini semplici e ju graduatu… Chissacciu: viscuvu, cardinali…

CICCIO – Papa!…

PETRU – Ca macari papa, pirchi no?… ‘Ntantu, ppi prima cosa, aveumu a sapiri diri ‘a Missa. Ma,comu si dici ‘a Missa? Non è ca po’ bastari sapiri diri: “Dominu babiscu!”…

TOTO’ – Chi c’entra, i parrini hannu l’istruzioni, hannu fattu ‘u tirociniu!

PETRU – Ma, a parti l’istruzioni e ‘u tirociniu, m’u sapiti diri chi parrinu è unu ca si ci ha fattusenza vocazioni? ‘N parrinu tintu… ‘n parrinu ppi modu di diri… ‘n parrinu ca non è parrinu!… E, accussì è ppi mafiusi!

PEPPE – Chi c’entra, è n’autra cosa!

PETRU – Ma pirchì, lei si senti mafiusu?… E, allura, ammazzassi a mia ca mi ribellu, oppuri siliquidassi a don Cicciu ca si scanta!

CICCIO – Ahu, ci l’aviti ccu mia?!

PETRU – Pp’atapotisi, don Cicciu!(A Peppe)E lei, chi fa, non parra cchiù? Ci finìu ‘a boria?Lassamu i cosi comu sunu e, se alle prossime elezioni saremo sconfitti, voli diri ca era distinu!

PEPPE – E si ni finisci peggiu?

PETRU – Pacienza!


50


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

TOTO’ – Ma io non capisco perché non dobbiamo prevenire il peggio!

PETRU – Pp’u semplici motivu ca nuatri ancora ‘a cuscenza non l’avemu cch’i caddi comu imafiusi di nascita e di vocazione o comu a certi omini politici ca tuttu chiddu ca ci ‘ntappa, ci ribumma! Nuatri semu dilittanti!

CICCIO – Havi ragiuni ‘u sinnucu. ‘A nostra cuscenza sarà tormentata ppi tutta ‘a vita!

PEPPE – E’ un rischio che dobbiamo correre!

TOTO’ – Non è peggio se veniamo eliminati ad uno ad uno?

RIZZA –(Appare dalla comune timidamente)E’ permesso? Era aperto e sono entrato. Signori,buona sera. Scusate il ritardo.

TOTO’ – (Investendolo)Maestru, quannu si havi bisognu di lei, lei non c’è mai!

RIZZA – Scusatemi…

PEPPE – Come vice sindaco lei doveva essere il primo ad arrivare!

PETRU – Maestru, i lassassi parrari.

RIZZA – Non sono stato a divertirmi. Signor sindaco, sono qui in veste di ambasciatore!

TOTO’ – Passau o’ nemicu?

PEPPE – C’era d’aspittarasillu!

PETRU – ‘U vuliti fari parrari?!… Maestru, a lei la parola!

RIZZA – Grazie. Questo pomeriggio, mentre venivo qui, ho incontrato l’avvocato Mazzaglia…

PETRU –(Lo interrompe, cominciando a capire)E, allura?

RIZZA – Mario Mazzaglia, anche se professa una fede politica diversa dalla nostra, resta sempreun giovane serio e rispettoso. Lo posso affermare perché è stato mio alunno, anzi uno tra i migliori miei alunni. Ricordo…

PETRU – Maestru, lassassi perdiri le rimembranze e vinissi al sodo!

RIZZA – Ha ragione, mi scusi la divagazione. Dicevo, ho incontrato l’avvocato Mazzaglia il qualemi ha aperto il suo cuore… Poi, mi ha condotto a casa sua, mi ha fatto parlare con suo padre e sua madre e, così, ho avuto anche il piacere di conoscere la signora Russo, la vedova di don Calò…

PEPPE – E lei ‘u cunsidira “piaciri” canusciri la causa della nostra rovina?

RIZZA – Sissignore, perché la signora in questione è una squisitissima e gentilissima persona, edanche molto simpatica!

TOTO’ – ‘U diceva ju ca era passatu o’ nemicu!


51


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

RIZZA – Non dicissi bestialità, lei!… Io sono una persona corretta!… Ho solo constatato lagentilezza e il senso di ospitalità con cui sono stato ricevuto.

PETRU – Maestru, jemu e’ curti: chi vulevunu ‘sti signuri?

RIZZA – Ecco, anche don Nicola mi ha parlato col cuore in mano. Mi ha raccontato di esserevenuto insieme a sua moglie e a suo figlio qui, a casa sua, per chiedere la mano della signorina Caterina e di avere ricevuto un netto rifiuto.

PETRU – Chi pritinneva ca l’accuglieva a brazza aperti dopu ‘u mali ca m’ha fattu?!

RIZZA – Però, i due giovani si amano da tempo!

PETRU – Non importa!

RIZZA – Anche la signora Russo ha perorato la causa dei due innamorati. Anzi, ha fatto prometterea don Nicola di ritirarsi per sempre dalla politica se lei acconsentirà a questo matrimonio.

CICCIO – E don Nicola prumisi?

RIZZA – Formalmente!

PETRU – Prumissi di marinaru!

RIZZA – Mi ha anche chiesto di intercedere presso di lei. Mario Mazzaglia è qui sotto, in strada,che aspetta la risposta.

TOTO’ – Allura, semu a postu! Signor sindaco, i nostri guai fineru!

PEPPE – Già, megghiu d’accussì non puteva finiri!

CICCIO – Madunnuzza d’i lacrimi, vi fazzu ‘n viaggiu a pedi scausi!

PETRU – Signuri mei, vuliti cunsidirari ca ci sugnu macari ju a diri ‘a mia?!

TOTO’ – Arrivati a ‘stu puntu chi bisognu c’è?

PETRU – (Infuriato)Comu, chi bisognu c’è?! Chi sugnu ‘n pupu di pezza ju?!

PEPPE – Scusassi, signor sindaco, l’assissuri Salàfia non vuleva affinnillu. Veru, Totò?

TOTO’ – Certu!… Ju vuleva diri ca dopu la promessa di don Nicola, anche lei si può consideraresoddisfatto.

PETRU – Nenti affattu! Vuatri vi stati scurdannu ca ‘stu signuri, oltri ad essiri il nostro avversariopolitico, ca di nuatri ha dittu corna e diavulu, è anche il mio mortale nemico!?

RIZZA – Ma è disposto a chiedere scuse!

PETRU – Ma non sugnu dispostu ju ad accittalli!


52


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PEPPE

Ma è assurdo!

TOTO’

(Insieme, a voce alta) Inconcepibile!

CICCIO

Irragionevole!

PETRU – E’ accussì, vi piaci o no!(A questo punto, si apre la porta della camera da letto edappare come una furia Santa, mentre Caterina, dopo qualche istante, arriva dalla sua camera)

SANTA – Ho sentito tutto!… Signuri mei, scusatimi, ma a ‘stu puntu, haju ‘u dirittu di pigghiari ‘aparola macari ju, comu cittadina, comu muggheri e comu matri!

PETRU – Santa, tu non t’immiscari ‘nta l’affari di l’omini! Vatinni ddà banna!

SANTA – Su’ macari affari mei e, perciò, parru forti!… Signori assessori, avemu ‘n sinnucu ca nonvali ‘na cicca astutata, e comu omu politicu, pirchì di politica non ni capisci mancu a brodu, e comu patri di famigghia, pirchì sacrifica la felicità di so’ figghia per il suo stupido orgoglio e il suo odio personale. Come potrà amministrare la cosa pubblica? Facitilu dimettiri ca è megghiu!

PETRU – Santa!

CATERINA – (Con le lacrime agli occhi)Mamma, ti prego!

SANTA – (Continua)Pigghiativi ppi sinnucu a don Nicola Mazzaglia! Chiddu, sì, ca è un uomo!…Per la felicità di so’ figghiu ha messo da parte la sua ambizione e si è umiliato a chiedere scuse!

PETRU – Santa, basta!

SANTA – No, non basta!(Va al balcone e chiama)Avvocato, voli acchianari ‘n mumentu?

PETRU – Ma chi vo’ fari? Chi si’ pazza?

SANTA – Non sugnu pazza! Appena arriva l’avvucatu tu, si si’ omu d’anuri, in sua presenza, devipresentare le dimissioni di sinnucu, e si non ‘u fai, ti squalificu d’innanzi a tutti!

SCENA QUINTA

Mario Mazzaglia e detti.

MARIO – (Entra timidamente)E’ permesso?

SANTA – Avanti, s’accumudassi, avvucatu!… Si facissi avanti ca me’ maritu ci havi a parrari.(Mario, imbarazzato, fa qualche passo avanti, mentre Caterina, in silenzio, si avvicina al padre con gli occhi imploranti) Petru, l’avvucatu è ccà. Chi ci ha’ diri?

PETRU – Ju? Nenti!

SANTA – Petru, tu dicisti ca ci ha’ parrari… L’avvucatu si disturbau a veniri!… Chi ci ha’ diri?

PETRU – (Dopo un lungo silenzio)Avvucatu, haju ripinsatu alla mia decisioni… Si so’ papà èsempri dispostu e lei d’u stissu pareri, sugnu anuratu di concediri a lei ‘a manu di me’ figghia e a so’ papà chidda mia ppi fari finalmenti ‘a paci!

CATERINA – (Abbracciandolo)Papà


53


“LA MADRINA “ – 3 atti di Giambattista Spampinato

PETRU –(Spingendola verso Mario)Ad iddu abbrazza ca non videvi l’ura!(Caterina esegue)

TUTTI – Evviva!

RIZZA – (Con un grido che fa saltare in aria tutti)Ah!… Dimenticavo la cosa più importante: lavedova di don Calò Russo si è offerta spontaneamente di fare la madrina al nipote del sindaco!

TUTTI – Bene!… Brava!… Evviva!…

PETRU –(Agli assessori, con intenzione)Basta, però, ca non si parra cchiù di virdura sarvaggia!

SANTA – E chi voli diri?

PETRU – Nenti, discursi di politica ca tu non po’ capiri!

SANTA – E ju non vogghiu capiri…. Ma, a to’ jemnniru non ci dici nenti?

PETRU – Sì, ma comu l’haju a chiamari?

SANTA – Ca Mario, comu ‘u vurrissi chiamari?

PETRU – (Imbarazzato)Ca Mario… Ma chi mi fa’ diri?… Scusa, Mario, si m’haju cumpurtatuaccussì, ma nuatri ‘sta figghia sula avemu e si si marita, ristamu suli comu du’ cucchi!

SANTA – E cu’ dici ca ristamu suli?

PETRU – Pirchì, ristamu in compagnia?

SANTA – E chi lo sa!… Chiddu ca non ha vinutu finu ad ora, po’ veniri in secutu!… Tu, ‘stupomeriggiu, non ci mittisti tanta intenzioni e… attenzioni?

PETRU – Ma, si mi dicisti ca ‘a jaddina non fa cchiù ova?!

SANTA – Ni fa, ni fa!… Non ti preoccupari ca ancora massara è!

PETRU – Ma, allura, pirchì mi dicisti ‘na minzogna?… Mi facisti ‘n ricattu?!

SANTA – In omaggio alla politica si fa chistu ed autru!… Golda Meir insegna!

PETRU –(Portandola verso il proscenio)Santa, si propriu sicura? ‘A jaddina ni fa ancora ova?

SANTA – Comu ‘na puddastra!

PETRU – E, allura, famminni unu ccu du’ russi!

S I P A R I O

Catania, 18 giugno 1975

Giambattista Spampinato

Via Orto Limoni, 60 – CATANIA – Tel. 095.436657 – Cell. 338.6374574


54

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno