La maga Elidoro

Stampa questo copione

LA MAGA ELIDÒRO

LA MAGA ELIDÒRO

Di Velise Bonfante

Scena: Una stanza un po’ strana,  per quanto possibile adatta ad una maga, con una porta da una parte ed una finestra dall’altra.

Personaggi: Elidoro     - La maga

                   Celestina   - la figlia  complice

                   Beppina     -  la cliente

* * * * * * * *

(Celestina cerca qualcosa da mangiare, apre gli sportelli, i cassetti, rovescia il paniere vuoto.)

Elidoro) (Entra vestita da casalinga) E va bé, va bé, quante storie, g’ho capìt, te ocór i sólcc.

Celestina) T’el sét apó te mama, en che la casa ché se mangia töcc i dé e se te vöt senà stasera,  bisògna ‘nda a fa la spesa.

Elidoro) Sta mia preocupàt Cilistina bèla, fìdet de la tò mama, i sólcc j-è za en viàs, prima g’ha telefonàt la Siura Bepina e apena la me ria sóta le mà, te vedaré la bèla polastrèla che fi che la fa, t’el fó véder me come che se fa a spenàla (va a cambiarsi, parlando esce con la testa).

Celestina) Sta atenta mama, che l’è periculùs, za na ólta i t’ha querelàt per truffa.

Elidoro) Ssssst, sta mia parlà, sta pö dì isé, serte ròbe j-è mèi desmentegale, fa finta de gnènt, come le fós mai sücèse, te pötòst, set pronta?

Celestina) (Prepara il tavolo per la maga) Certo, gh’è töt a pòst.

Elidoro) E la gata negra? Garì mia dat de mangià nè?!

Celestina) L’è da gér sera che la mangia mia poarèta, adès l’è en de la sìsta che la dòrmi, me sorela l’è za de föra en del zardì  (indica la finestra), pronta.

Elidoro) Sti atente, apena se smórza la luce fi pasà la gata de la finestra, (uscendo vestita da maga) a propòzit, sùnel giöst el campanilì che la g’ha al còl?

Celestina) Sé, sé, (iniziando a spazientirsi) me e me sorela g’óm za fat le pröe

Elidoro) Te racomande Cilistina, del de dré (indica la porta) de la porta sventólega bé el tòch de cìcio, che la córe föra de onda, vöi mia troàm la gata en mès ai  pè, quan che turna la luce. Ricordìf de cönta fin a quìndes come al sòlit e pó empisì amò la luce. Ve racomande, mia prima nè!

Celestina) Sta tranquila, sta tranquila mama, e pó, t’el set che sóm bé organizade, l’è mia la prima ólta che ‘l fóm stó schèrs, té pötòst, sérca de spaentàla bé, che la tire föra i sólcc, le palanchine, che i gné ocór per embastì la séna.

Elidoro) Sta tranquila, sta tranquila Cilistina, (guardando l’orologio) basta che la Siura Bepina la rie e ghe pènse mé a töt.

(Suonano alla porta.)

Elidoro) L’è lé! Va, va, sta mia fat véder.

Celestina) (Uscendo, abbassa un poco le luci) Te racomande mama, varda che mé g’ho za fam!

Elidoro) Va, va (va ad aprire la porta) “Nigól d’istà, seré d’inverno, l’amur de le fómne e na bèla ciacólada e me ghé augure bùna giornàda” Siura Bepina, la se comode, la se comode.

Bepina) Ghe l’hala en bris de tèmp per me siura Elidoro?

Elidoro) (Con fare lezioso) Certo siura Bepina, certo, per i me clièncc el tèmp el tróe semper,  la se còmode (offrendole una sedia) la se comode. Alura vardóm, perdómel mia stó tèmp che l’è presiùs, che “el tö e ‘l dà el manté i fra” el tèmp l’è vita.

(Beppina si siede. Elidoro incomincia a fare il suo mestiere, si concentra, legge le carte o la sfera di cristallo, borbotta e fa un po' di  sceneggiata muovendo ampiamente le mani.)

Bepina) E alura?

Elidoro) Stt, töt bé, siura Bepina, töt bé, el solito tran tran, vède, vède, che la tacarà béga col sò òm.

Bepina) Chel, me ócor mia lé per dìmel, el sücét töcc i dé col me òm, perchè vedela el me òm l’è ...

Elidoro) Ssssst... vède... vède... che la garà de afrontà de le spese.

Bepina) La g’ha rizù, góm cambiàt el divano e g’ho amó de pagal. Chèl de prima l’éra rót...

Elidoro) (Interrompendola) Sssst, vède vède... che va töt bé... el sò spirito...

(In questo  momento si spegne la luce e resta tutto al buio per qualche secondo. Si apre la finestra, si sente - ma non si vede - Celestina che chiama il gatto, si  sente un campanellino e poi  sbattere la porta, dopo un po' si riaccende la luce.)

Bepina) Oddio-signur-me-mama che spaènt siura Elidoro! che spaènt!

Elidoro) Ssssst, l’è  ‘l spirito che gh’è pasàt... ohhhh... el m’ha dit...ohhh... me ve finamai de sta mal.... ohhh che bröte ròbe.... ohhhh... che bröte ròbe siùra Bepina.

Bepina) Che sücét siura Eliadòra?

Elidoro) Ohhhh, siura Bepina, en dispiazer, en gròs dispiazer.

Bepina) Ohhh Signur, per me?

Elidoro) E certo, per lé siura Bepina, per lé ...Fra du dé - fra due giorni -  lé, Siura Bepina, la starà mal, ma ‘n mal de mörer, “Sura bèi culùr, sóta bèi dulur” - “dopo i quarantatré el döl daànti e pó de dré”! Oh che mal, che mal.

Bepina) Oddio signur-me-mama, ma de bù? (Estrae dalla borsa un fazzoletto bagnato, se lo passa sulla fronte alcune volte e poi lo strizzerà.)

Elidoro) Certo, la se svultulerà en del lèt come na mata del gran mal, e nó ghe sarà medizine che tègne “chi töl la medizina senza mal, perd l’interès e pó el capitàl”

Bepina) E isé cosa gói de fa?

Elidoro) Gh’è gnènt de fa? “ Le disgrazie j-è semper pronte, come le tàole dei ostér”

Bepina) Èla sicüra che le spirìt el g’hà parlàt pròpe de me? Staró prope isé mal?

Elidoro) Le, le siura Bepina, en mal de mörer, ma en mal... mal... “Dulur confidàt, l’è mès medegàt”... ohhh che mal.

Bepina) E gh’è gnènt de fa?

Elidoro) Veramente la cüra la ghe sarés. “Trata con chi ghe n’ha, parla con chi ghe ‘n sa”. L’è na ròba dificil, bisogna fa na magia, de chèle speciali. “El novanta per sènt dei malàcc i se guarés co le èrbe e i pan bagnàcc”,  g’hó de doprà serte èrbe, erbe che (fregandosi il pollice con l’indice) costa care, rare de troà, me, vèdela siura Bebina a chel punto che ghe consigliarés de sta mal e basta.

Bepina) Schèrzela siura Elidoro, gna dil per schèrz na ròba compàgn. Me ghe n’ho de sólcc, ringrazie el Signur che me g’ho mia frèt ai pè, ghe n’ho mia de problemi per i sólcc, preferése spènder en vergót adès pötòst che sta mal.

Elidoro) Mé, me fó en pó de scrupoli perché, la sa né: i sólcc j-è sólcc, le palanche j-è palanche, “La ròba l’è miga de chi la fa, ma de chi la gót”

Bepina) Di fronte a la salute cosa empòrta i sólcc, i sólcc i val pö gnènt.

Elidoro) La g’ha rizù siura Bepina, “l’è mei nà dal fornér che dal spisìer” sarés isé apó me “L’è mèi cönsömà le scarpe che i linsöi”, me pò, g’ho isé póra del mal.

Bepina) La me la dìze mia a me, gna ‘l mal de có rie mia a soportà, come me par che ‘l me vègne, amó prima che ‘l me  vègne,  tire zó na pastiglia.

Elidoro) La fa bé, la fa bé “Chi mangia prèst, mör tarde”e alura che fóm siura Bepina?

Bepina) La faghe chèl che gh’è de fa, la se preocupe mia per i sólcc.

Elidoro) La varde però che ghe vé föra na bèla cifra.

Bepina) Fa gnènt, le la faghe chèl che gh’è de fa, sensa póra.

Elidoro) Perchè l’è le, Siùra Bepina ghé faró en prèse special, sala le erbe le costa care, j-è erbe rare, rarissime e le costa en gran care, fóm duzentsinquantamila? Però se la preferés sta mal.

Bepina) (Apre la borsetta e guarda nel portafoglio) Òstis, ghé narés apena duzènt en chèsto moment.

Elidoro) (Repentina le prende i  soldi e li infila in seno) Per sta ólta va bé duzent siura Bepina, perchè l’è lé e lé l’è na buna cliènt per staólta  ghe faró’l scönt.

Bepina) Siura Elidoro come che l’è gentile, come che l’è gentile con de me.

(Elidoro prende alcuni vasetti, mescola qualcosa, fa  dei gesti bene auguranti, facendo scena. Non vista, Celestina entra un attimo a spiare ed esce contenta sfregandosi le mani.)

Elidoro) Èco fato, adès siura Bepina la bée zó töt de ‘n fiàt.

Bepina) Ma el bu de béer o è ‘l amàr?

Elidoro) L’è bù,  l’è bu “en diàol el càssa l’óter”  la g’ha vist come g’ho fat a preparàl, se le, siura Bepina fra tre dé la völ mia sta mal la g’ha de béel, d’altronde “se pöl mia iga ‘l mél senza le mosche”.

Bepina) (Beve l’intruglio d’un fiato e fa una smorfia) Che schifo! Ma, fra tre o fra du dé staró mal?

Elidoro) (Pensando velocemente) L’è la nòt fra el second dé che va al tèrs dé, el spirito l’è stat ciàr, e pò, la pènse siura Bepina che töte le medizine che fa bé j-è amare.

Bepina) La g’ha rizù siura Elidoro, e adès?

Elidoro) Adès no rèsta che spetà che el me fìlter contra la malatia el faghe efèt.

Bepina) Fra quant tèmp fal efèt el sò fìlter?

Elidoro)  Sübit, sübit, l’è en concentrat de energia... ecco, ecco... sèntela gnènt en del stòmech?

Bepina) Me no! (Alzandosi)

Elidoro) Posibil!? La sculte bè.

Bepina) La g’ha risù, sente en serto bisigùlì en del stòmech.

Elidoro) Eco, isé adès gh’è töt a post, fra … en qualch dé le la starà pö mal, ghèl züre! Le la starà benone per töta la setimana, la se svultularà mia pö söl lèt dal gran mal.

Bepina) Che sollievo! Come ghé só riconoscente siura Elidoro. Alura...

Elidoro) Alura adès, le siura Bepina, la pöl na, ghe ‘l garantese me che nó gh’è pö problemi.

Bepina) Beh, alura la salude e grazie tante siura Elidoro (fa per uscire).

Celestina) (Entrando) Buongiorno siura Bepina, stala bé?

Bepina) Ciao Celestina, certo che stó be, benone, me par de èser en leone, de faga pöra a la mort!

Celestina) A dì la verità siura Bepina, en töcc chèi agn ché,  mé no l’ho mai vista a sta mal

(Elidoro fa gli occhiacci alla figlia e gentilmente spinge la signora Bepina ad uscire.)

Bepina)  (Facendo resistenza) Me, cara Cilistina, a parte na salute de fèr,  g’ho la tò mama che me aida, l’è per chèl che stó semper bé! Se mé stó bé l’è merit de la tò mama che...

Elidoro) La staghe mia a ringraziam per isé póch siura Bepina.

Bepina) No, l’è la verità, me sto bé perchè la tò mama la me dà na mà, e apó per sta setimana só a post. Beh, ve salude né, alura siura Elidoro se vedòm stimana che vé (esce).

Elidoro) La spète el stès dé a la stèsa ura siura Bepina, la spetaró con ansia isé la me disarà  l’efèt del fìlter magich. (Chiude la porta, conta i soldi e si rivolge a Celestina soddisfatta) Apó sta ólta l’è nada. E fin che el Signur el ghe mantegnàra la salute a la siura Bepina te garantése che noaltre moraróm pö de fam.

Fine

LA MAGA ELIDÒRO

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: Una stanza un po’ strana,  per quanto possibile adatta ad una maga, con una porta da una parte ed una finestra dall’altra.

Personaggi: Elidoro     - La maga

                   Celestina   - la figlia  complice

                   Beppina     -  la cliente

* * * * * * * *

(Celestina cerca qualcosa da mangiare, apre gli sportelli, i cassetti, rovescia il paniere vuoto.)

Elidoro) (Entra vestita da casalinga) E va bene, va bene, quante storie, ho capito, ti servono i soldi.

Celestina) Lo sai anche tu mamma che in questa casa si mangia tutti i giorni e se vuoi cenare questa sera bisogna andare a fare la spesa.

Elidoro) Non preoccuparti Celestina bella, fidati della tua mamma, i soldi sono già in viaggio, prima ha telefonato la signora Bepina e appena mi arriva sotto le mani, vedrai la bella pollastrella che fine fa, te lo faccio vedere io come si fa a spennarla (va a cambiarsi, parlando esce con la testa).

Celestina) Sta attenta mamma, che è pericoloso, già una volta ti hanno querelato per truffa.

Elidoro) Ssssst, non parlare, non dire più certe così, certe cose è meglio dimenticarle, far finta di niente, come se non fossero mai successe, tu piuttosto, sei pronta?

Celestina) (Prepara il tavolo per la maga) Certo, è tutto a posto.

Elidoro) E la gatta negra? Non le avrete dato da mangiare spero?!

Celestina) È da ieri sera che non mangia poveretta, ora è nella cesta che dorme, mia sorella è già fuori nel giardino (indica la finestra), pronta.

Elidoro) State attente, appena si spegne la luce fate passare la gatta dalla finestra, (uscendo vestita da maga) a proposito, suona giusto il campanellino che ha al collo?

Celestina) Sì, sì, (iniziando a spazientirsi) io e mia sorella abbiamo già fatto delle prove.

Elidoro) Ti raccomando Celestina, dal dietro (indica la porta) della porta sventolagli bene il pezzetto di carne, che corra fuori velocemente, non voglio trovarmi la gatta in mezzo ai piedi quando ritorna la luce. Ricordatevi di contare fino a 15 come il solito e poi accendete la luce, vi raccomando non prima!

Celestina) Sta tranquilla, sta tranquilla mamma, e poi, lo sai che siamo ben organizzate, non è la prima volta che facciamo questo scherzo. Tu piuttosto cerca di spaventarla bene, che tiri fuori i soldi, le palanchine, che ci servono per imbastire la cena.

Elidoro) Sta tranquilla, sta tranquilla Celestina, (guardando l’orologio) basta che la signora Bepina arrivi e ci penso io a tutto.

(Suonano alla porta.)

Elidoro) È lei, va, va non farti vedere.

Celestina) (Uscendo, abbassa un poco le luci) Ti raccomando mamma, guarda che io ho già fame.

Elidoro) Va, va (va ad aprire la porta) “Nuvolo d’estate, sereno d’inverno, l’amore e le donne e una bella chiacchierata ed io le auguro una buona giornata” Signora Bepina, si accomodi, si accomodi.

Bepina) Ce l’ah un poco di tempo per me signora Elidoro?

Elidoro) (Con fare lezioso) Certo signora Bepina, certo, per i miei clienti il tempo lo trovo sempre, si accomodi (offrendole una sedia) si accomodi. Allora, vediamo, non perdiamo questo tempo che è così prezioso, che “il prendere e il dare mantiene i frati” il tempo è vita.

(Beppina si siede. Elidoro incomincia a fare il suo mestiere, si concentra, legge le carte o la sfera di cristallo, borbotta e fa un po' di  sceneggiata muovendo ampiamente le mani.)

Bepina) E allora?

Elidoro) Stt, tutto bene signora Bepina, tutto bene, il solito tran tran, vedo, vedo, che litigherà con suo marito.

Bepina) Per quello non mi serve lei per dirmelo, succede tutti i giorni con mio marito, perché vede, mio marito è...

Elidoro) Ssssst... vedo... vede... che dovrà affrontare delle spese.

Bepina) Ha ragione, abbiamo cambiato il divano e dobbiamo ancora pagarlo. Quello di prima era rotto e...

Elidoro) (Interrompendola) Sssst, vedo vedo... che va tutto bene... il suo spirito...

(In questo  momento si spegne la luce e resta tutto al buio per qualche secondo. Si apre la finestra, si sente - ma non si vede - Celestina che chiama il gatto, si  sente un campanellino e poi  sbattere la porta, dopo un po' si riaccende la luce.)

Bepina) Oddio-signur-me-mama che spavento signora Elidoro! Che spavento!

Elidoro) Ssssst, è lo spirito che è passato...ohhhh... mi ha detto... ohhh... mi viene perfino da star male... ohhh che brutte cose... ohhhh... che brutte cose signora Bepina.

Bepina) Che succede signora Elidoro?

Elidoro) Ohhhh, signora Bepina, un dispiacere, un grosso dispiacere.

Bepina) Oh Signore, per me?

Elidoro) E certo, per lei signora Bepina, per lei... Fra due giorni - fra due giorni -  lei, signora Bepina, starà male, ma un male da morire “Sopra bei colori – sotto bei dolori” – “dopo i 43 duole davanti e dietro” Oh che mal, che mal.

Bepina) Oddio signur-me-mama, ma davvero? (Estrae dalla borsa un fazzoletto bagnato, se lo passa sulla fronte alcune volte e poi lo strizzerà.)

Elidoro) Certo, lei si rivolterà nel letto come una matta per il gran male e non ci saranno medicine per curarlo “chi prende una medicina senza male – perde l’interesse e anche il capitale”.

Bepina) E così cosa dovrei fare?

Elidoro) Non c’è nulla da fare “Le disgrazie sono sempre pronte come le tavole degli osti”.

Bepina) È sicura che lo spirito le ha parlato proprio di me? Starò proprio così male?

Elidoro) Di lei, di lei signora Bepina, un male da morire, ma un male, un male... “Dolore confidato è mezzo medicato”... ohhh che male.

Bepina) E non c’è nulla da fare?

Elidoro) Veramente la cura ci sarebbe. “Tratta con chi ne ha, parla con chi ne sa” È una cosa difficile, bisogna fare una magia, una di quelle speciali. “ Il novanta per cento dei malati si curano con le erbe e i panni bagnati” dovrò adoperare certe erbe, erbe che (fregandosi il pollice con l’indice) costano care, rare da trovare, io, vede signora Bepina a questo punto le consiglierei di stare male e basta.

Bepina) Scherza signora Elidoro, nemmeno dirlo per scherzo una cosa simile. Io ne ho di soldi, ringrazio il Signore ma io non ho freddo ai piedi, non ce ne sono di problemi di soldi, preferisco spendere un qualcosa piuttosto che stare male.

Elidoro) Io mi faccio un po’ di scrupoli perché sa: i soldi sono soldi, le palanche sono palanche. “la roba non è di chi la fa ma di chi la gode”.

Bepina) Di fronte alla salute cosa importano i soldi, i soldi non valgono più niente.

Elidoro) Ha ragione signora Bepina, “è meglio andare dal fornaio che dal farmacista” sarei così anch’io. “È meglio consumare le scarpe che le lenzuola” io poi che ho così paura del male.

Bepina) Non lo dica a me, nemmeno il mal di testa riesco a sopportare, come mi sembra che mi venga, ancora prima che mi venga, prendo una pastiglia.

Elidoro) Fa bene, fa bene “Chi mangia presto muore tardi” e allora signora Bepina?

Bepina) Lei faccia quello che deve fare, non si preoccupi per i soldi.

Elidoro) Guardi però che le esce una bella cifra.

Bepina) Fa niente, lei faccia ciò che c’è da fare senza paura.

Elidoro) Perché è lei, signora Bepina le farò un prezzo speciale, lo sa anche lei che le erbe costano care, sono erbe rare, rarissime e costano molto care, facciamo 250.ooo? però se preferisce star male.

Bepina) (Apre la borsetta e guarda nel portafoglio) Ne avrei solo duecento in questo momento.

Elidoro) (Repentina le prende i  soldi e li infila in seno) Per sta volta vanno vene 200 signora Bepina, solo perché è lei. E lei è una buona cliente e per questa volte le farò lo sconto.

Bepina) Signora Elidoro com’è gentile, com’è gentile con me.

(Elidoro prende alcuni vasetti, mescola qualcosa, fa  dei gesti bene auguranti, facendo scena. Non vista, Celestina entra un attimo a spiare ed esce contenta sfregandosi le mani.)

Elidoro) Ecco fatto, ora signora Bepina beva tutto d’un fiato.

Bepina) È buono da bere o è amaro?

Elidoro) È buono, è buono “un diavolo caccia l’altro” ha visto come ho fatto a prepararlo, se le signora Bepina fra tre giorni non vuol star male lo deve bere, d’altronde “non si può avere il miele senza le mosche”.

Bepina) (Beve l’intruglio d’un fiato e fa una smorfia) Che schifo! Ma, fra tre o fra due giorni starò male?

Elidoro) (Pensando velocemente) È la notte fra il secondo giorno che va al terzo giorno, lo spirito è stato chiaro, e poi pensi, signora Bepina che tutte le medicine che fanno bene sono amare.

Bepina) Ha ragione signora Elidoro, e ora?

Elidoro) ora non resta che aspettare che il mio filtro contro la malattia le faccia effetto.

Bepina) Fra quanto tempo farà effetto il suo filtro?

Elidoro)  Subito, subito, è un concentrato di energia... ecco, ecco... non sente nulla nello stomaco?

Bepina) Io no! (Alzandosi)

Elidoro) Possibile!? Ascolti bene.

Bepina) Ha ragione sento un certo solletico nello stomaco.

Elidoro) Ecco, così ora è tutto a posto, fra... un qualche giorno lei non starà più male. Gli e lo giuro. Lei starà benone per tutta la settimana, non si rivolterà più nel letto dal gran male.

Bepina) Che sollievo! Come le sono riconoscente signora Elidoro. Allora...

Elidoro) Allora ora, lei signora Bepina, può andare, le garantisco che non ce ne saranno di problemi.

Bepina) Beh, allora la saluto e grazie tante signora Elidoro (fa per uscire).

Celestina) (Entrando) Buongiorno signora Bepina, sta bene?

Bepina) Ciao Celestina, certo che sto bene, benone, mi pare di essere un leone, da far paura alla morte!

Celestina) A dire la verità signora Bepina, in tutti questi anni, io non l’ho mai vista stare male.

 (Elidoro fa gli occhiacci alla figlia e gentilmente spinge la signora Bepina ad uscire.)

Bepina)  (Facendo resistenza) Io, cara Celestina, a parte una salute di ferro, ho la tua mamma che mi aiuta, è per quello che sto sempre bene. Se sto bene il merito è della tua mamma che...

Elidoro) Non stia a ringraziarmi per così poco signora Bepina.

Bepina) No, è la verità, io sto bene perché la tua mamma mi dà una mano, e anche per questa settimana sono a posto. Beh, vi saluto, allora signora Elidoro ci vediamo settimana che viene (esce).

Elidoro) L’aspetto lo stesso giorno e alla stessa ora signora Bepina, l’aspetterò con ansia così mi dirà l’effetto del filtro magico. (Chiude la porta, conta i soldi e si rivolge a Celestina soddisfatta) Anche questa volta è andata. E fino a che il Signore manterrà la salute alla signora Bepina ti garantisco che noi non moriremo di fame.

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno