La mangragola

Stampa questo copione

Gliu ‘ntrugliu

ovvero

LA MANDRAGOLA

Traduzione ed elaborazione in dialetti del sud pontino

di

Alberto Ticconi

Alberto Ticconi 101752

Opera depositata il 16.06.1998

N° 832412A

personaggi:

Prologo

CAGLIMACU

giovane immamorato

SIRU

servo di Caglimacu

MASTU NICIA

ansiano marito di Lucrezia

LIGURIO

furbo consigliere di Caglimacu

SOCERA

madre di Lucrezia

FRATE TIOMOTEU

monaco poco timorato

NA FEMMENA

una fedele

LUCREZIA

la donna di cui si è innamorato perdutamente

Caglimacu

Pastori e donne in costumi tradizionali, dopo una piccola coreografia, iniziano il canto accompagnati da strumenti a fiato e a corda.

CANZONE n° 1

Si a consideraziuni nui ca’ ci’abbiamo

‘ncoppa a sta’ terra pe’ poco tempo stamo,

e chianti, mòrti, rusichi e arruìne

alla vita nosta so’ bbòni e fide sòrì meschine.

De conseguenza paricchi se lassono alle gustose voglie

che tantu degliu piacere pare che sian vive foglie.

Ma dagli veri mali accussì nui mai ce liberamo

che ce scappono gli inganni e le cattive vie malsane

a nui mortali; accussì che sempe dent’allo scuru stamo

dello male e dello bene che a stu’ munnu si, se po’ fane.

Ma apposta nui a vui ca’ cantamo

e de chesto a vui gioia ve ne vène

pe’ tuttu chello che nui accussì ve damo

e pe’ chello che è lo supremu bbene.

E de chesto vui sempe a ringrazià dovete

chi te cura e alla gioia vosta provvede.

E chi issu generosamente va’ concesso

‘ngingando e apprufiddiantu tuttu con gran successo.

PROLOGO - Che gliu Pataternu ve scanzi da ogni malevaragnu

o bbon’aggenti che ca’ state addunate,

si chesto po’ esse gliu megliu guadagnu

de tutte le piacenze che stasera vui ce date.

Si estranei ve fate a ogni chiacchiera e rusu

nui ve ‘nformamo de nu’ fattu novo alle terri nosti schiusu.

Vedete mo’ com’è apparecchiatu?

Mbhé, chistu è gliu paese nosto amatu,

n’ata vota potarìa esse Firenze, Roma o Pisa:

fattu da schiattareve pe’ la risa.

Chigliu portone che me sta’‘ncopp’alla dritta

la bella casa è de nu’ fausu dottore

che l’arte sia se‘mparào ritta ritta

leggenno sulu gliu Boezio a tutte l’ore.

La via che da chella parte appare,

è senza scampu la Strati degli’Ammore,

addò la gente cade, e sempe ce rimane.

Acconosce po’ assai ve sarà leggio

Nu’ frate pe’ la bbona sia vesta usata,

ca’ pe’chella chiesa affiancu agliu parcheggio,

se mena com’a’ vento o anima dannata.

Nu’ gioene, Caglimacu Guadagnu,

che da poco tempo ca’ s’è stabbilitu,

dento a chella porta scura fattu s’è ragnu.

E ‘nmezo a tutti sti’ compagni de baldanza

gli’unicu pare de bbona costumanza.

Na’ gioane, iaota de coccia e de cerveglio,

da issu fosette paricchiu spantecata

e pe’ chesto assai bbono arrevotata,

co’ na’ manera accussì fina e doce

che agliu stesso modu i’ ve volesse vedé ‘ncroce.

Gliu "fattu" Mandragola se chiama

e gliu pecché de chistu nome

facile, me creto, la via a vui sarà spiana.

Agliu scrittore, male accunusciutu,

ci’abbasta nu’ poco d’attenzione e cacche risa,

e si mancu chesto a issu gli’è adduvutu

puri ve sanerà co’na’ bevuta l’anima vosta accisa.

N’amante arruvinatu,

nu’ dottore de poco pisu,

nu’ frate paricchiu ‘mpisu,

nu’ pirucchiu criccu e arraggiatu,

oggi, agliu spassu ce avverranno‘ngingatu.

E si po’ sta robba ve sara’ de poco cuntu,

puri pe’ chi a nu’ momentu chesto vo’ fàre,

ma che tene a èsse a fatti de sostanza suntu,

scusategliu, scusategliu si ve pare,

ca atu non tene pe’ votà la facci a posti assai chiù bbone:

che gli’è statu sì negatu de godé de ati sone

a premiu de chelle fatiche soie che ponno sì avè aote mete,

e ca gli mali see de scarecàrese, a sta manera, crete.

Ma gliu giustu premiu che a nui sempe ca’ ce tocca

è che a paricchi gli s’appizzi bbono la coccia,

e che la lengua moéssero a saétta

a certa genti che la dignità sia iètta.

Pecché chesto è lo veru e bruttu male:

niscuno sputa ‘nfacci a pale,

a chi sangu ca’ ce suca, e co’ troppa raia,

tantu che la morta via sia è troppu gaia.

E si persona peggiu de me vo’i’a’ parlane

n’se scordasse, gliu gran figliu de cane,

che chist’ome che spissu venne carte

tè sta’ strati come sia prim’arte.

Ca’ pe’ gliu fattu de servì a potenti

d’annovennaregliu fra gli fetenti

issu, che pé virtù e disgrazia è a diggiunu,

no’ esse sì pe’ la capu propitu a nisciunu.

Ma lassamo che parli bbono puri chi fete

c’ati fatti ci’aspettono mo’ pe’ st’acque chete,

che ben poco tempo nui tenemo

e pe’ ste’ matasse no, non ce perdemo.

Ma eccugliu, issu: è Caglimacu; ome de core,

ed ecco Siru, gliu servu che sempe gli’accompagna.

Però, si dalle recchie voste la zozzaria tirate fore,

vui scotate, ca’ stam’a’ncumincià tutta la lagna.

ATTO PRIMO

SCENA I

Callimaco, Siro

CAGLIMACU - Non te ne ì, amicu meo, che me sirvi pe’ n’atu poco.

SIRU - A disposizione sempe vosta.

CAGLIMACU - I’ penso, a stu’ puntu, che tu te si meravigliato, e paricchiu, degliu fattu ca com’a’ nna’ saetta me ne so’ venutu da Pariggi.

SIRU - Addevero?

CAGLIMACU - (con espressione dura) E che è da chiù de nu’ mese che me ne stongo dent’alla casa, zittu zittu, senza move na paglia.

SIRU - Cazzarola, è giusto. Quante voti m’aggio dittu tra me e me: Ma che gli sarà successo agliu padrone meo?

CAGLIMACU - Si sapissi.

SIRU - Ma a nui.... Quantu ce dispiaceva sta’ situazione.

CAGLIMACU - E si non me t’aggio confitatu fin’a’ mo’ non è statu pe’ mancanza de fiducia.

SIRU - Manc’agli cani, sulu a pensarelo.

CAGLIMACU - Ma sulu pe’ non fa’ sapé gli fati mee a tuttu stu’ paese sanu, sanu.

SIRU - Co’ salute!E si chesta n’è mancanza de....!? (Caglimacu lo riguarda con espressione dura) Assolutamente non è mancanza de fiducia. E ce mancasse addavero.

CAGLIMACU - Però, a stu’ puntu, vistu che pe’ forza vai ammescatu avvicinete, e sinti bbono come so’ iuti tutti gli fatti.

SIRU - Certu, pecché le recchie degli servi so’ fatte a posta: pe’ scotà gli’urdene bbone degli bbone padruni. Angingate quinti ogni trascursu e i’ ve senteraggio a spianu, fin’a’ stasera. Tantu che tenemo nui mai da fa’?!

CAGLIMACU - In considerazione che paricchi voti sempe hai acchiappatu chello che m’è scappatu, e de chesto ne so’ convintu..

SIRU – Nu’ momentu. I’ no è che me ricordo propitu bbono gli fatti che me capitanno pe’ le mani, ma... ma na’ cosa de chessa me la ricordaria si. O no?

CAGLIMACU - Viti ca’ stamo a parla’ de quanno i’ tenea ghieci’anni e che, morte gli genituri mee, a Pariggi me ne iètte; a do’ so’ rimastu pe’ ati vinti, a causa della guerra che ‘ngingatu avéa a scassà tuttu gliu munnu. Me dicette a me medesimu: Addò cazzarola me ne vaio? A famm’accite? Ca’ stongo bbono e ca’ rimano, caspitinola addavero!

SIRU - Chesso ce lo ricordamo.

CAGLIMACU - E comandatu che tutta la robba mia fosse vennuta, apparte chesta casa, pe’anni tranquillu e beatu a chigliu paese me so’ statu: volenterusu, mo agli studi e mo a ati fatti occupatu, co’ puri costumanza e diligenza. E sempe a niscinu mai fastidiu da me è addivenutu; ma piacere a tutti della persona mia aggio datu, che bbono viti e della bbona compagnia.

SIRU - Ma.... Puri chesso sapemo.

CAGLIMACU - E siccome alla bella Furtuna non sarà parutu ottima scénza che sulu a st’occupazione i’ me ne’ tenéa, n’mezo agli pere m’have schiaffatu Camillu Callifucci, nu’ tale c’ha riinchiutu la misura co’ soperchia, forza e stramparìa.

SIRU - Cumincio mo’ a capisce gli uai voste.

CAGLIMACU – Stu’ disgraziato, che spissu co’ me se trascorréva a causa della comune lengua ch’era ugguale, quanno fosettemo a na’ sciarra giunti: - quale parte degliu munnu le chiù bbone femmene contene,- dicètte che puri si tutte agliu paese seo racchie, brutte e zozze sarian’a’ esse, na’ parente, ‘ncoppa alla bilancia, l’avesse azzeffonnate a tutte quante.

SIRU - I’ de sta robba già m’ammalo agliu pensero.

CAGLIMACU - Pecché non sai chello che dopu è capitatu. Da chigliu iorno nu’ rusicu m’è schiusu pe’ sott’a’ tutta la panza: nì notte e nì iorno; nì de saputu e nì de domeneca; nì alla luce e nì allo scuru, m’ha concessu tregua.

SIRU - Ahi, che male de curipizzu. Ma si vui me l’avesseate dittu a cacche rimediu ce se potea puri giogne. Ma mo’?

CAGLIMACU - Sinti, i’ n’taggio confessatu chesto pe’ gli consigli toie, che servono sulu a’ accattà le patane agliu mercatu, ma sulu pe’ sfogareme nu’ poco, e prepararete a da’ de mani allo chiù lestu.

SIRU - A chi, de piacenza vosta, hanna esse scassatu, che saccio, n’occhie, nu’ vracciu, la coratella, gliu cerveglio? Vui dicete e i’ lo faccio.

CAGLIMACU - Chianu. Voglio dice....a da’ de mani alla situazione mia.

SIRU - Ah! E vui parlate lo stesso, e i’ me parto.

CAGLIMACU - Da come te vedo me sa’ che è da paricchiu che te ne sìi già partutu. Ma com’è? pare che i’ tengo gli tormenti alla coccia e la tia se ne vacanta?

SIRU - Addavero?! E che significa?

CAGLIMACU - Gliu probblema.... Gliu probblema è che ce stanno pe’ nui poche speranze.

SIRU - Pe’ nui?! Vui volete dice pe’ vui o pe me, o pe’ me e vui missi ‘nsema?

CAGLIMACU - E statte zittu! Gliu primu uaiu è che essa, la femmena, è femmena onesta. Gliu secondo è che tene la coscenzea accussì sana che ogni ‘nfocatura amorosa da essa è certu scorepata.

SIRU - Ma agliu paese meo cheste so’ qualità preggiate.

CAGLIMACU - Lu viti ca si ciuncu dent’alla coccia?! Si, sì non fosse già maritata. E gliu maritu è riccu e, si puri no’ gioene, mancu troppu vecchio. E tuttu fa’ governà a essa. Non tène parenti, co’ gli quali ìrese a festi o banchètta; non serve a chella casa, che saccio, falegname, idraulicu o atu, pecché de fattura è nova; nì ce sta’ a serviziu chi a essa se pozza avvicinarese.

SIRU - Uh!? E i’ c’aggia fà? Si v’ata taglià gli canniliri che mani ve serve; la dritta o la mancina?

CAGLIMACU - Ma tagliete gli canniliri toie, tèh! Stu’ crepatu de coscenzea. Sinteme bbono e non perde mancu na’ parola: è tantu gliu desideriu ca sento pe’ essa che cacche via hanna scì a forza: pe’ mari, pe’ cielo o pe’ terra; e puri pe’ sotto terra.

SIRU - Ecco, chesta è sicura. Ma da ché, co’ tuttu gliu rispettu, sta’ speranza vosta è ‘nfocata e sostenuta?

CAGLIMACU - Dagliu maritu. A mastu Nicia, che puri sì dottore, è tantu vacanta la coccia ca nisciunu ce s’appàra. Ma puri da n’atu fattu: tutti dui vonno nu’ figliu, e a ogni costu. E ancora n’atu puntu bbono è la mamma de essa, la quale, quann’era gioene, ieva chiù pe’ frasche che pe’ la casa. Ma da chesto essa tè puri paricchi sordi, e i’ non saccio propitu come tirarela dent’agliu cufinu.

SIRU - Pare che state a parlà de na’ caglina, padrò?! Ma a stu’ puntu, scusateme, che via v’aspetta?

CAGLIMACU - Liguriu.

SIRU - Volete sfoga’ gliu caricamentu vosto co’ chigliu poviru Liguriu; e ‘n’ce stanno ate femmena agliu munnu!?

CAGLIMACU - Siru, Siru! Chiuri sa’ occa de ciucciu! Tu gli’accunusci Liguriu; sai quantu sbafa dent’alla casa mia?

SIRU - Ehh!

CAGLIMACU - E sai quant’è ruffianu?

SIRU - Ehh!

CAGLIMACU - Embèh, è accussì ruffianu che co’ gli modi see de mèle ha conquistatu la simpatia de gliu dottore. E’ veru ca Nicia ‘ngnu’ fa’ accostà alla porta, però scota tuttu chello che dice e puri che tante voti gli’ha prestati gli danari. Stu’ Liguriu gli sa’ gli fatti mee e già m’ha prumissu nu’ bbon’appoggiu.

SIRU - Ehhh! No’, voglio dice: chigliu giustu o chigliu sbagliatu?

CAGLIMACU - La diffidenza tia, lo saccio, è santa; ma mentre i’ e issu trascorravamo, sott’agliu mussu, gli passao la borsa degli sordi che, pe’ Liguriu, tenno addore assai chiù calamitusu d’ogn’atu fiore schiusu. E si puri ne vène pe’ accidente nu’ bucu all’acqua, nu’ postu alla tavola nisciunu ci gliu nèga.

SIRU - E issu?

CAGLIMACU - Ha prumissu che consiglierà co’ forza agliu dottore pe’ gravarela, la vagliona, de portarela a certi bagni che issu sape.

SIRU - A sì? Pecché pensa che co’ na’ addefrescatura de coccia cagnà la situazione? Ma chesto serve a vui.

CAGLIMACU - None! E’ che a chigli posti, pe’ tutte le festi e festarelle che ce se fanno, se po’ cagnà puri nu’ poco de sentimentu. E i’ che la’ me ce menasse, co’ ogni mercanzia e pompa, ad affamuliareme pensasse a essa e agliu maritu. Che saccio: da fattu nasce fattu e gliu tempo si gli’affiglia.

SIRU - Chistu raggionamentu pare de conseguenza.

CAGLIMACU - Pecché, chigli de prima no? Disgraziatu e sgustumatu. Ma sinti: Luguriu m’ha dittu che propitu stamatina avesse smosso l’aria e subbitu da me arrecatu ogni cuntu.

SIRU - Ed eccugliu addavero.

CAGLIMACU - I’ me levo da mezo, pe’ po’ acchiapparegliu lontanu dagliu dottore. Tu va alla casa, che si me sirvi sarai chiamatu.

SCENA II

Mastu Nicia e Liguriu

NICIA - Me pare che chello che esce dalla coccia tia stammatina sia de bbona fattura, e giustu iere alla femmena n’aggio parlatu. Eppuri de mala voglia i’ gliu faccio stu’ viaggiu.

LIGURIU - E come?

NICIA - E come? Ma pecché i’ non me movo quasi mai dalla casa mia, ca chisti so’ traslochi fastidiusi e scuncichi. Po’ m’è venutu de parlà propitu sera co’ certi medece de conoscenza mia: e unu ha dittu nu’ fattu e ati autu; chi ch’è iancu e chi ch’è niru. Ma cheste so’ cornacchie che cantono agliu vento.

LIGURIU - Me ricordate cert’aggenti che mai, pe’ nisciuna raggione, dalla casa se scòllono.

NICIA - Ca’ sbagli! Quanno i’ era vaglione, tantu ero sbandatu, che ben poche posti n’aggio accunusciuti. Pe’ nutizia tia so’ statu puri a Scauri.

LIGURIU - Addavero? E gliu mare gli’avete vistu bbono? Da vicinu voglio dice?

NICIA - Da vicinu?! Ci’aggio missu puri nu’ pere dento.

LIGURIU - Ed è bagnatu com’a’ l’acqua che ce bevemo, o com’a’ chella degliu Gariglianu?

NICIA - Ma che stai a dice? Paricchiu chiù bagnatu. I’ dicesse... puri quatto voti; si non sei, o sette.

LIGURIU - Mama mia, e che finazione de munnu. Però stu’ fattu me fa’ non poca meraviglia: ca’ vui, che chesto avete assaggiatu, mo’ tenete paura de portà mugliereva a sta’ gita.

NICIA - Tu certe voti, co’ tuttu gli’affettu e bene, tì propitu na’ occa de puttana. Eppuri avé gli figli è assai chiu forte de ogni fastidiu che vinì pò da chigliu muimentu. E va bbono, mo’ vaio dalla femmena, a vedé e sintì la decisione sia.

SCENA III

Liguriu Caglimacu

LIGURIU - Pe’ quantu me sprema la coccia i’ non riescio a ricordareme ome chiu strunzu de chistu, e quantu la furtuna sì gli’abbia abbinidittu. Issu riccu e essa bella, savia, gustumata e bbona.... bbona a governà nu’ regnu sanu. E com’è sbagliatu dice che sempe se conferma chella predica ca’ pe’ gli matrimoni Diu gli fa’ e issi ce s’accoppiano; ca a voti se vede bbon’aggenti a sposarese aglimali, e sartanie accompagnarese a prufumati fiuri. Ma dallo vacantu de st’ome ottima prospettiva s‘entravvedè: ca Caglimacu non poco ne po' abbuscane. Ed eccugliu. Sentete! ma che iate mai facenno? Pare che sete tisu coma’ chigli cacciaturi de’ ‘mposto; o ce sbagliamo?

CAGLIMACU - Macché, tu dici lo giustu; e propitu a te gliu stea a fa’, stu’ ‘mposto "tisu". I’ non me potéa avvicinà, co’ gliu dottore a tiru.

LIGURIU - Calima sprecata, compare meo, pe’ tale nemicu. Pensate ca’ puri si non se vo’ move da’ ccane, nì co’ piacere e nì co’ grazia aggiunta, pe’ ‘nsistenza mia issu lo fane. Ma ‘ntromento i’ non saccio si chesto si ci’aggrata.

CAGLIMACU - Come vu’ dice mo?

LIGURIU - Cercate de capisce. Pe’ stì bagni ci’arrivono tanta genti, e si gliu sentimentu de essa cagna, n’è mica dittu ca tu sì preferitu. Essa potarìa vedé chiù begliu n’atu, che vui chiuttostu; sapé chiù riccu, chiù facenerusu diversu ome che vui, a modu che nui creca hamo coltivatu bbono e ati hanno metutu de certu megliu.

CAGLIMACU - I’ lo saccio che dici tu giustu, ma la disperazione de cheste carni è accussì iaota che puri caccosa aggia fa’: sarà nu’ sbagliu, na’ delinguenza o n’arruvina. Però megliu schiattà de corpo che dent’a’ stu’ corpo. Si ì me potesse sazzià co’ ate cosi potarìa avé meno dolore. Ma viti ca ca’ non se dorme, e non se magna, e non se trascorre, e non se pò i’ mancu co’ l’ate femmene; ca’ gliu sulu pensero me spara. E, o pe’ na’ manera o pe’ n’ata, la morte a me chiedo.

LIGURIU - Chiano, e fate gli’ome. Cazzarola. Non ve crepate propitu a me ‘nsinu?

CAGLIMACU - Dici facile tu. Ma damoce a da’ fa’; che a còstu de traslocàregli tutta la casa, ‘ncopp’agliu schinu meo, st’aggenti agli bagni te la scareco.

LIGURIU - S’é capitu, ma i’ ancora non vedo gliu modu.

CAGLIMACU - ‘Nce creto, che bbono saccio chigli com’a’ te. Però attento; ca si ‘n’te riesce pe’ ‘nganu meo, scordete la via della casa, e gli sordi, e l’amicizia mia.

LIGURIU - No, de chesso n’avete dubbitane; puri senza guadagnu, chistu traguardu è chiù gliu meo che de ati. Ma passamo a’ chesto: mastu Nicia volesse trovà nu’ dottore de bbona fiducia pecché de chigli che già acconosce chiune la puzza sintì vòne. E stu’ fattu n’annizziu mo’ m’ha datu; ca’ senza atu tempo vui ve passate pe’ dottore.

CAGLIMACU - E qual’è de chesto gliu guadagnu?

LIGURIU - Primu: potemo nui stesse decide essa a che bagnu annearese.... Voglio dice bagnarese. Secundu: troà, co’ chella vesta, suluziuni assai chiù fine e toste.

CAGLIMACU - Spieghete megliu, a nome degliu celo, che no’ schiatto.

LIGURIU - Ca si vui fate chello che ve dico, dimani a chest’ora, tuttu sarà cunsumatu. E si a saetta na’ cura gli prescrivete non tenerà tempo, mastu Nicia, nì a controllu e nì a raggione.

CAGLIMACU - Tu me risusciti, aglimale santificatu. Ma, diceme, come funziona tuttu stu’ macchinariu?

LIGURIU - Pe’ mo iatevénne, c’agliu momento e all’ora giusta sarete chiamatu e bbono allineatu.

CAGLIMACU - Lo faccio. Lo faccio! Pe’ gliu curipizzu! Faccio tuttu chello che me dici, e faccio puri chello che non me dici, chello che pinsi e chello che non pinsi; chello che vu’ e chello che non vu’. Scusa l’ammuina, che ca’ già gliu core è chinu, e chistu munnu se stà a cagnà culuri. Ehi, non volesse però che tuttu fosse aria e fumu. Ma sì; meglio de niente è chesto e ogni cosa. Iamo, ca’ chi se ferma è preta, e sulu a fa’ macere alla fine serve. Iamo!!

Fine dell’atto primo

CANZONE n°2

Chi mai non l’ha provatu a quantu sì tosto è amore

che puri co’ lo doce sè ‘nfila a’ ogni core

e quantu lo sperà de issu a nui ce spegne

a tenerelo tantu ’ncoppa agli preziusi pegne.

Ni’ se capisce, quann’unu che è ‘nfocatu

chello che sape pe’ la vita nosta

ca nu’ capigliu d’essa, si puri ittatu,

chiù assai de ogni munnu a nui ce costa.

E chesto che, a nui carnali accussì pare,

pe’ gliu celo, e a ben chiù iaote menti, vale.

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

SCENA I

Liguriu, mastu Nicia, Siru

LIGURIU - Come già ce semo ditti, e pe’ gliu probblema che sapemo, i’ aggio pensato. E, viti tu gliu celo, la furtuna ci’ha mannatu gli’ome giustu pe’ gliu probblema vosto. Che la scenza de stu’ dottore vè addirittura da Pariggi, e si ca’ n’è accunusciuta è pecché gli sordi già gli tène, e a momenti se ne torna da do’ vene.

NICIA - Chesto l’amo capitu; eppuri trovareme i’ non volesse dent’à nu’ voscu de malamente cura.

LIGURIU - E’ giustu. E’ giustu assai. Ma n’hanna esse chesto gliu probblema vosto. Speramo, ‘nmece, che se la piglia sa’ fatica. E che fosse puri capace d’arrivà finu alla fine.

NICIA - Sti’ fatti lassigli a me, che tenco puri i’ la bbona scenza pe’ vedè la scenza d’ati.

LIGURIU - E propitu pe’ chesto.... voglio che vui co’ issu ve parlate.

NICIA - E sia. ‘Ncuminciamo a nome degli’Angelu santu a da’ de mani. Addostà chistu dottore?

LIGURIU - Propitu la’: pe’ chella porta che vui vedete. Ehi, Siru! Siru!!

SIRU - Che robba è?

LIGURIU - Come che robba è?

SIRU - De che robba state a parlà?

LIGURIU - I’ non saccio de sta robba, e da dd’è sciuta.

SIRU - E allora iatela a venne da cacche ata parti si non sapete mancu addò l’ate pigliata.

LIGURIU - Siru! Te puzzi schiattà, so’ Liguriu.

SIRU - Ah! Bangiornu. E ve sete missu a venne robba?

LIGURIU - Basta, Siru! Chiuttostu: addostà Caglimacu?

SIRU – Caglimacu!? Ah, vui sete. Mo’ v’aggio accunusciutu addavero. Sta’ dento, e mo’ si che ve gliu chiamo.

NICIA - Sinti, ma pecché ‘ngn’hai chiamatu mastu?

LIGURIU - A, no; issu è d’ata stoffa; e a chesto non ce tene.

NICIA - Ma tu fa’ lo stesse gliu dovere teo, e si a issu gli va’ de traverso se lo mantene. Gliu dottore è sempe mastu, puri quanno non lo è!

SCENA II

Caglimacu, mastu Nicia, Liguriu

CAGLIMACU - Chi è che dent’a’ sta’ iornata ‘ccusì bella va trovenno mo’ chist’ome?

NICIA - Bona dies, domine magister.

CAGLIMACU - Et vobis bona, domine doctor.

LIGURIU - Allora, che ve pare?

NICIA - Bbono, pe’ gliu curipizzu degliu soce. Bbono addavero!

LIGURIU - Si vui dutturi volete che rimano i’ lo faccio, ca’ sì no’, senza rendimentu, a’ ate parti vajo.

CAGLIMACU - Che facete, signuri prelibbati, pe’ cheste menate mei?

NICIA - E che ve pozzo dice? Vaio cerchenno cose che poche cercassero, e a da’ fastidu a me e ad’ati ca, pecché i’ non tengo figli, gli volesse. Così, pe’ chesto, occasione e noia vengo a dàreve.

CAGLIMACU - Nisciuna occasione e nisciuna noia dalla grazia vosta vène; Ca pe’ sì rraggione aggio studiatu e chesto voglio: aiutà la genti e vui, che tantu avete de magnificenza posta, pe’ tuttu chello che gli serve e i’ gli serva.

NICIA - E alla stessa manera, se a vui la scenza mia aggrata, a disposizione stongo. Ma tornamu a nui. A parere vosto che bagnu po’ fa’ la mugliera mia?

CAGLIMACU - Dipende. Che saccio, nu’ bagnu profumatu o nu’ bagnu carecatu. Si la zozzaria è poca va bbono puri unu alla mortella; si è paricchia co’ la cenere e tutta la carvonella.

NICIA - No, scusate. I’ volea dice: che bagnu po’ fa muglierema pe’ ‘ngravidarese.

CAGLIMACU - Ah!! Mo’ si che hamo capitu. Però, prima de rispogne a chesto, s’hanna sapé da do’ lo male vène, ca’ tante ponn’esse le raggiuni. Nam causa sterilitatis sunt: aut in semine, aut in matrice, aut in strumentis seminariis, aut in virga, aut in causa extrinseca.

NICIA - Chistu è gliu cristianu chiù tosto e chiù de pisu che mai ‘ncontratu avesse pe’ ‘ncopp’a’ chesta terra, cazzarola!

CAGLIMACU - Ma si po’ sarìa pe’ ‘mpotenza degli’ome a stu’ puntu ce fermamo, ca chiù niente se po’ fane.

NICIA - Pazziamo? Ca dent’a’ stu’ paese ‘nce stà ome chiù criccu e bben’armatu de chigliu che vedete.

CAGLIMACU - E allora procedemo co’ calima.

NICIA - Però i’ volesse sapé, pe’ vosta scenza, si atu ce stà ‘nmece che sti’ bagni, pecché è na’ cura troppo fastidiosa, e muglierema dalla casa non se o’ mòve.

LIGURIU - Si permettete a’ chesto i’ ve rispogno, ma sempe pe’ scenza sia, ca’ nu ‘ntrugliu a rimediu tène pe’ curà sti’ fatti voste.

NICIA - E’ veru?

CAGLIMACU - Alla lettera. Ma quasi a nisciunu lo rivèlo; perchè poche so’ ‘ngigati alla matera.

NICIA - Ma co’ me statte tranquillo che, pe’ la stima che ve porto, sicuru è a chi vui depositate.

LIGURIU - Puri, i’(andare)‘nnanzi a chesto(oltre) non se po’, senza vedè prima chello che è gliu manifestu (sintomo manifestato).

CAGLIMACU - Non ce l’avivi ancora dittu?

LIGURIU - E Siru mo’ chiamamo.

CAGLIMACU - E’ l’ora.

LIGURIU - Siru! Siru!

SIRU - Che robba è?

LIGURIU - N’ata vota co’ sta’ robba.

SIRU - E i’ n’ata vota che dico che non ce serve d’accattà mancu nu’ piru.

LIGURIU - Basta Siru; ma stai ‘nchimmatu a tutta forza dent’a sta’ iornata?

SIRU - A, vui sete!? Scusateme, ma è pe’ gli sonne che me faccio appena chiuro gli’occhie: genti che perde gli sordi, gente che perde la coccia e genti che perde puri gliu fattu.

LIGURIU - A te sulu gli’utemu te tocca, creca, ca degliu resto già ne sii spruvvistu. Ma mo’ va’..... Va’ co’ mastu Nicia e, dopu ave’ inchiutu stu’ fattu de chello che issu sape, tornete, che nui ca’ stamo.

CAGLIMACU - Mo’ l’hai dittu allo completu. Bravu!! E si puri gliu dottore lestu ca’ volesse stane, nui de chesto saremo contente assai.

NICIA - De certu, ca vui apparete n’arca de somma scenza, e puri chesto bbono m’aggrata.

SCENA III

Mastu Nicia, Siru

NICIA - Stu’ patrone teo tè assai paricchi trone ‘ncorpo.

SIRU - Che vui mancu ve sonnate; certi trone.

NICIA - Tantu ca i’ penso che gliu re della Francia se ne dovesse rende cuntu.

SIRU - Puri si surdu, paricchiu.

NICIA - Come? Accussì che grazie a stu privileggiu ce starà commudu da chelle parti

SIRU - Me creto; pe’ issu.

NICIA - E gli’ati?

SIRU - S’appilono gliu nasu.

NICIA - Come s’appilono gliù nasu?

SIRU - Accussì.

NICIA - Mah! Comunque fa’ lo giustu gliu maestro teo, ca si a stù paese issu fosse rimastu, nisciunu si gli’avesse curatu, e co’ tutta la scenzea che tè‘ncorpo, starìa ancora dent’a’ na’ stalla a addorà lotama. I’ le saccio cheste cose, che ‘nmezo a gli’aglimali la vita ci’aggio perso, e si avesse volutu magnà delle fatiche dateme ero già morto e vermecatu. Gliu peggiu nemicu è gliu paesanu; e chiù si bbono chiù si arruvinatu.

SIRU - Com’è veru! Ma vui quantu guadagnate?

NICIA - Figliu meo, mancu pe’ sazià nu’ piru. Da sti posti si n’accunusci chigli che comannono t’acchiappi fame, cauci e scolamentu. La genti perde tempo e non sente raggione, si non pe’ forza o leccamenti. Ma chesto, guardamoce, fra nui rimane.

SIRU - E ccusì è.

NICIA - Ecco, i’ so’ arrivatu, e tu aspetteme loco, fermo.

SIRU - Fate puri; co’ comodità e soddisfazione.

SCENA IV

Siru sulu

SIRU - Si ‘ncoppa a’ sta’ terra tutti gli’ommene fossero come a issu i’ m’attaccasse na’ preta agliu coglio e m’anneasse. Ancora n’aggio capitu pe’ quele via Liguriu e chella bestia ‘nfocata degliu padrone meo se stanno a portà stu’ poviru dottore. Ma si st’operazione dovesse finisce male i’ ce rimetto de sicuru la coccia; gliu padrone meo la coccia, la robba e la facci e Liguriu niente, ca’ niente tene. Ecco gli sonne mee.

Com’ate vistu, Caglimacu è diventatu medoco, e tuttu chesto pe’ fatti che non piglio e pe’ fini che non saccio. Però si puri tuttu bbono ess’a’ finisce che bbono vène da cheste aziuni strèoze? O, ma ecco che mastu Nicia esce co’ gliu pisciaturu chinu. E vetete vui si i’ aggi’assiste a tutta chesta pazzaria?! E come se guarda gliu rinale; e come ce pensa ‘ncoppa: ma che è?

SCENA V

Mastu Nicia, Siru

NICIA - E che diavuru è mai chesto, tèh! Tu lo sai, femmena ‘ncrapunita, che fin’a’ mo’ aggio sempe acconsentitu a chello che hai vulutu, e pe’ na’ vota, dico: na’ ota, che t’aggio fattu fa’ lo necessariu t’a’aùta piglià chesta saétta? alla facci mia, po’? Ma che sgustumaria!? Ah! Tu ca’ stai? Piglia sta’ robba, pe’ faore! Si sapissi quanta fatica c’è vuluta pe’ tirarigli chello che già da sola cerne, ogni matina. E pò vo’ nu’ figliu?!

SIRU - Che volete, so’ femmene. Ma si se usano parole messe accunciu esse fanno chello che unu vone.

NICIA - Quali parole? Chella già l’anima m’ha scassatu, senza dice degliu resto.

SIRU - Eccugli i’. Eccugli ca’ n’ata vota; a serviziu vosto.

SCENA VI

Liguriu, Caglimacu, mastu Nicia

LIGURIU - Gliu dottore è facile, ma è la femmena che è tosta.

CAGLIMACU - (accorgendosi di Mastu Nicia e Siru) Avemo chello che ce serve?

NICIA - Siru; rapri gliu sipariu.

CAGLIMACU - Faceteme vedé. Mama mia! Oru, oru colatu.

NICIA - Come?

LIGURIU - La scenza sia dice ca chesto, pe’ la diagnusi, è prezziusu com’a’ ll’oru appena schiusu alla fornace.

CAGLIMACU - Assai, assai, assai chiù prezziusu. Eh.....! Ma sta’ poverella terrà debbolezza de schinu.

NICIA - Debbolezza de schinu? Pur’a’ me pare nu’ poco trugliu. Però l’ha fattu propitu mo’;‘nnanzi a me.

CAGLIMACU - Come ‘nanzi a vui?

NICIA - I’ stéo da n’ata parti. Ma sentèo bbono gliu rumore.

CAGLIMACU - Rumore?! Sicuru na’ sonata dovea esse: Pe’ liutu, pe’ mandola.

SIRU – Pe’ rinale…

CAGLIMACU - O nu’ coru d’arpe e trombe; chiù accordate de tutte chelle che stanno n’paradisu.

NICIA - Ma che vo’ dice, mo’?

LIGURIU - Che, sempe pe’ la scenzea sia, puri dagliu rumore se po’ giudica na’ malatia.

CAGLIMACU - Nam mulieris urine sun sempermaioris grossitiei et albedinis et minoris pulchritudinis quam virorum. Huius autem in caetera, causa est amplitudo canalium, mixtio eorum quae ex matrice exeunt cum urina.

NICIA - Oh, oh, oh! Pe’ gliu curipizzu de’ Ippocrate; chistu ce se raffina e cristallizza ‘n’mani; e momentu pe’ momentu. Guarda tu che begli raggionamenti fiorisciono ‘ncopp’a’ nu’ vasu da notte chinu.

CAGLIMACU - Cretarìa che sta’ poerella, la notte, nonn’è coperta bbona. Ecco pecché st’oru gli esce accussì cruru.

NICIA - Cruru? Come cruru? Tè quatto coperte, chiù tre federe ‘mputtite. No, è che la disgraziata spissu se ne va’ a scennecà, ‘nginocchiata, Ave Marie, Paternostre, Gloria Patri e diasille d’ogni specie, pe’ ore, struenno gliu sonno meo e la salute sia: pecché acchiappa friddu com’a’ na’ bestia.

CAGLIMACU - Insomma o vui ve fidate o no i’ ve dongo la bbona cura, e si vui la facete la facete, si nò ce salutamo. Ma si la facete dent’a’n’agnu ve troate nu’ figliu e na’ discendenza; si no’, pe’onore meo, ve dongo duemila ducati a ricompenza.

NICIA - E chesto ce mancasse. Nui stamo dent’alle mani voste.

SIRU + LIGURIU - E la’ state bono.

NICIA - Lo saccio!

CAGLIMACU - Allora scotate: Na’ cosa accanoscio ch’è ottimu rimediu, tantu che la stessa reggina de Francia n’è cunvinta, e puri tutte le principesse della corte.

NICIA - L’ate ‘nprenate tutte vui?

CAGLIMACU - Magari... Vogliu dice che de sicuru effettu de grosso ‘ngravidamentu è na’ bevuta degliu ‘ntrugliu della mandragola.

NICIA - Ma po’ mai esse? Na’ bevuta…?

CAGLIMACU + LIGURIU – Na’ bevuta degliu ‘ntrugliu de mandragola.

SIRU - Non ce credete?

NICIA - Com’alla luce degli’ocche mee.

LIGURIU - E allora sete fortunatu.

SIRU - Ehhh!

CAGLIMACU - E assai tantu, mica poco. Lo sete a tale puntu che a casu i’ me trovo tutti gli ‘ngredienti....

SIRU - Ma viti tu!

CAGLIMACU - ..... pe’ sta’ santa arrepezzata.

NICIA - Ma, la femmena, quanno se la dovesse scorre?

CAGLIMACU - Stasera, dopu cena; pecché oggi la luna è bbona e le stelle megliu ancora. Sulu nu’ iorno dopu ed è troppu tardi.

NICIA - Facemo lestu, allora. Vui preparate la robba ca i’ agliu resto m’addevòto.

CAGLIMACU - A comandu. Ma, prima de da’ de mani, na’ cosa s’hanna dice, e chestu è gli’unicu probblemeglio de tutta sta’ manfrina: chigli’ome che, dopu la bevuta, co’ la femmena subbitu se coreca dent’a’ otto iorne è già crepatu; e senza rimediu, e senza sanatura.

NICIA - Sangu degliu curipizzu! E i’ na’ voglio sa’ colazione: megliu diunu che vermecatu! E vui m’hate ittatu all’arruina. E diteme, a coscenzea vosta: chesta è medicina?

LIGURIU - Ma non ve sconcecate, ca’ è tuttu pe’ capezza.

NICIA - A si!? E quanno so’ atterratu che facemo: aspettamo gliu terzu iorno, com’a’ Gesù Cristu, gliu Signore?

CAGLIMACU - Ma no: prima! Voglio dice: prima che ce iate vui ce facemo corecà, subbitu subbitu, dopu la bevuta, n’atu cristianu che, appiccicatu a essa, se suca tuttu..... tuttu lo veleno. E sulu a stu’ puntu, cacche ora dopu, almeno ghiece ore dopu, vui ce iate, a scanzu de ogni malevaragnu.

NICIA - Ah! Mo’ sine! None; sta’ soluzione non è bbona.

LIGURIU - E pecché??

NICIA - None!!

CAGLIMACU - Come none?!

NICIA - E none none! Chesta è peggiu de chella de prima. Co’ stu fatto, creca, muglierema esce prena e creca me sarvo, ma de sicuru curnutu addivento.

CAGLIMACU - Me fa’ specie de vui, che tantu godete della stima mia. Ve mettete scorno de i’ appresso alla scenza?

NICIA – No…!? Sine.

LIGURIU - De scotà gliu dottore ca’ presente?

NICIA - Sine.

CAGLIMACU - De rinuncià a nu’ figliu.

NICIA - Sine, sine!

SIRU - De diventà curnutu?!

NICIA - E sine!

LIGURIU - Siru?! Ve mettete scorno de fà chello c’ha fattu gliu re della Francia co’ la persona sia, e tanti ati della casa?

NICIA - Ma si agliu re de Francia piace tenerele, dico le corna, so’ fatti soie e della coccia che tè ‘ncapu. Però, sicuru che l’ha fattu?

CAGLIMACU - Dubbitate de me?

NICIA - Non sia mai.

CAGLIMACU - Dubbitate della scenza mia?

NICIA - Mai addavero.

SIRU - E certu.

NICIA - Si, ma chi volete che i’ ci’ammesco? E po’ si a chist’ome, chi è è, i’ glielo dico issu se la svigna, e si gliu tengo allo scuru me facete accite n’innocente. None; chisti so’ fatti che non so’ pe’ mene.

CAGLIMACU - Chello che non se fa pe’ coscenzea se fa pe’ scenza, e chesta è medicina. Dateme tuttu gliu ‘ncartamentu a me.

NICIA - E come?

CAGLIMACU - Scotate. I’ ve preparo gliu ‘ntrugliu e dento a chesta sera a essa vui gliu date; subbitu dopu i’,vui, Liguriu e Siru pe’ gliu mercato ce ne iamo e gliu primu ittatu de bbona fattura che ‘nnanzi ce troamo gli’acchiappamo; gliu ‘ncappucciamo, gliu ‘nchiummamo de peroccolate, gliu iaozamo e gliu portamo alla casa vosta. Gli dicemo chello ch’hanna fane e gli’angingamo alla fatica. La mmatina dopu, nu’ poco prima che se leva gliu sole, gliu sbattemo lontanu, e vui, dopu avè schiaratu co’ acqua e sapone la femmena vosta, ve corecate a essa ‘nsema; tranquillu e biatu.

NICIA - Mah! Pensanno puri che gliu re della Francia e tanti ati, trà nobbili e ricchi e de bbona famiglia, hanno assaggiata sta’ cura... Ma sicuru che è veru?

LIGURIU - CALLIMACU - Tanti, tanti assai.

NICIA - Puri pe’ ate parti de stu’ munnu?

LIGURIU - CAGLIMACU - Tanti. tanti assai.

NICIA - E puri pe’ ate parti degliu celo. Dico puri si ati munni fra tutte chelle stelle sariano abbitati...,

LIGURIU - CAGLIMACU - Puri la’, E’ sicuru!

NICIA - Puri pe’ ate parti ancora?

LIGURIU - CAGLIMACU - Puri la’. E’ sicuru!

SIRU - (I’ no’ sapeo che gliu Pateternu avesse criatu tuttu stu’ munnu sulu pe’ gli curnuti.)

CAGLIMACU - (Siru, chiuri sa’ occa!)

NICIA - C’ha dittu gliu vaglione? Uhm! E allora lo faccio, hamo capitu; ca sopportà na’ cosa che già sopportano paricchi ce da’ sempe chiù poco pisu e tanta consolazione. Però no’ facemo sape’ lo stesse, sa’, pe’ devozione.

CAGLIMACU - No’, non lo saprà mai nisciunu, si nòo dicete vui.

NICIA - Già. Ma aspettate: ce steàmo a scordà lo megliu.

CAGLIMACU - E qual’è?

NICIA - Chi convincerà muglierema a na’ cosa de chesta? Co’ chella coccia tosta che se trova, chi ce l’ammatura?

LIGURIU - Ci’aggio pensatu i’.

CAGLIMACU - Addavero? E come?

LIGURIU - Pe’ la strati della chiesa.

NICIA - Ma che state a dice?

LIGURIU - Gliu frate confessore.

CAGLIMACU - Po’ esse? Ma chi cunvincerà la tonaca?

LIGURIU - Tu, ine, gli sordi, la sgustumaria nosta e chella de issu, ati sordi, e ati sordi ancora.

NICIA - Ma vitu tu che meraviglia? Aggio ‘nparatu chiù cose stasera co’ chisti dui che co’ anni de studiu. I’ però non creto che pe’ cunsigliu meo essa se po’ smove a irese a confessane. Giustu iere n’è tornata. Parla poco e no’ iastema mai; se fa’ quaranta Avemarie de iorno e cinqucento la notte; de che s’hanna i’ a confessa? D’esse troppu bbona?

CAGLIMACU - De chesto si.

NICIA - Come?

CAGLIMACU - Che si è accussì come se fa’?

LIGURIU - Pur’a’ chesto hamo pensatu.

CAGLIMACU - A si?!

LIGURIU - La mamma.

NICIA - E’ veru; chello che gli dice la mamma è sempe bbono e bben scotatu.

LIGURIU - E i’ saccio che la mamma la pensa com’a’ nui. Allora; tu, Cagliamacu, va a’ preparà chello che sai e sii pronto pe’ gliu giustu tempo. Nui iamo alla socera. E dopo de chesto pigliamo la via degli monucu, e dopu ancora da vui tornamo, pe’ fareve ogni cuntu.

CAGLIMACU - Aspetta nu’ poco; no’ me dice ca’ te nu’ i’?!

LIGURIU - Come?

CAGLIMACU - Me vu’ lassà da sulu, ca’?

LIGURIU - Me pari grossu e ammaturatu.

CAGLIMACU - E come faccio a passà tuttu stu’ tempo?

LIGURIU - Ma che stai a dice?

CAGLIMACU - ‘Ntromento che stu’ mare se rapre i’ de che me curo?

LIGURIU - Sinti: gliu paese è grosso; fatte na’ camminata; ripassete la parte; cerchete gli pirucchi.

CAGLIMACU - I’ già iardo ‘ncoppa a spine de foco. I’ già iardo ‘ncoppa a spine de foco. I’ già iardo ‘ncoppa a spine de foco.

Fine dell’atto secondo

CANZONE n° 3

Quant’è orgugliusu

chi niente a chistu munnu sape

e niente gli da’ rusu

ca’ tene, a pisu, la specie delle crape.

N’asinu che vola, a chesto issu crete

atténto sulamènte a vasce e secche mete.

Stu poviru dottore

che niente ce capisce

nu’ figliu a tutte l’ore

s’aspetta, e se scemisce.

Tantu che già la sia poca coccia

ìnchiuta mo’ s’è tutta de stoccia.

FINE ATTO SECONDO

ATTO TERZO

SCENA I

Socera, mastu Nicia, Liguriu

SOCERA - Aggio sempe saputu, co’ rispettu vosto, che si unu è costrittu fra’ robba marcia e robba persa ad’accontentarese dello meglio, che de chesto n’se ne lagni, e quanno nu’ fattu è gli’unicu da fane lestu gliu sbrigasse, senza perde tempo a ati sone. Si sulu pe’ sta’ via nu’ figliu avé se pòne che s’ammupi la coscenzea, ca tuttu gliu resto vene e vane.

NICIA - Parlate vui bbono; e come se vede chi esperénzea tène.

LIGURIU - Vui iate dalla figlia vosta allora e mastu Nicia e ine trovamo gliu monucu pe’ gli’allineà tutti gli’affari; vedrete che tra poco gliu munnu se sistema.

SOSTRATA - Fate lo vosto, bbon’aggenti, che niente fermerà lo méo.

SCENA II

Mastu Nicia, Liguriu

NICIA - Non te fa’ meraviglia si co’ muglierema esciono tutte st’ammuine.

LIGURIU - Saccio come funzionano le femmene.

NICIA - Addavero?! E come mai? No, voglio dice, i’ non ci’aggio mai capisciutu niente. Ma gliu probblema è atu. La vagliona sapètte, tempo fa’, ca si pe’ quaranta mmatine a dice gliu rosariu se ne fosse iuta, alla quarantesima sicuramente gravida saria sciuta. E iette bbono, fin’alla ventesima, quanno unu de chigli frati, che sempe begliu esempiu dovesseno semmenane, gli’ha ‘ngingatu a fa’ certe zoze ca’ essa ‘chiù non ce iette.

LIGURIU - Guarda tu come è gliu munnu nosto?!

NICIA - E da allora tè le recchie appizzate: nu’ lepru, si non de peggiu. E a ogni cosa fa’ ammuina.

LIGURIU - No. I’ chiù non me meraviglio, ormai. Che bruttu munnu: chi arrobba, chi accite; quanti ‘mbroglie. Chiuttostu dateme venticincu ducati, ca servono allo subbitu pe’ fa’ manzu gliu padrone della tonaca.

NICIA - E chi è? Ah, gliu monucu. Ecco ch’è angingata la semmena. Vo’ dice che ca’ perdemo e ad‘autu agguadagnamo.

LIGURIU - Sti’ frati, da poveri vestuti, tuttu maniano pecché ‘nsema agni peccati soie sanno puri gli noste. Pe’ tale ve chiedo de non parlane, ca sì la conoscenza vosta pe’ carte e libbri passa, chella de chisti è sempe allo concretu, e niente gli se leva si issi n’acchiappono na’ tassa.

NICIA - Sine?! E allora i’ c’aggia fa??

LIGURIU - Vistu che co’ padre Timoteu non ve vedete da chiù de ghieci’anni i’ gli dico che, ‘ntromento, vui sete addivetatu surdu e ‘nchiummatu; stonatu, com’a’ na’ campana.

NICIA - Begliu progressu, cazzarola! Ma tu dici che è megliu?

LIGURIU - Fidateve. E si tra chello che schiurerà la occa mia paricchiu ve sembrerà dignu sulu de nu’ pazzu, non lo considerate, ca tuttu è ben’asseveratu alla causa che a vui ve’ dedicata.

NICIA - E allora angingamo, e tuttu ésse pe’ la bbona via.

SCENA III

Frate Timoteu, na Femmena

TIMOTEU - Gentile e santa femmena, si puri te vulissi confessane facemolo, ca oggi me ce truvi agliu disponimentu teo.

FEMMENA - No’, pe’ oggi none, ca me stann’aspettà gli mee. E po’ m’è bastatu lo sfogareme co’ vui, che già me sento paricchiu scarecata. Chiuttostu, l’ate ditte chelle messe?

TIMOTEU - E sine.

FEMMENA - Uh! E allora dicetene n’ate dui all’anima de maritumu bonanima. Ed eccove gli sordi. Sa’, puri si era sulu n’aglimale senza ni’ grazia e ni’ bellezza, la mancanza sia se fa’ sintì. E come che alle carni mei se fa’ sentì! paru a’ na’ sferza. E si ce penso me se terrafina gliu core, tanta è la disperazione. Vui lo sapete che è nu terramotu?

TIMOTEU - No, signò, non pensate che i’ pozza acconosce tuttu; ma ‘nmagginà paricchiu.

FEMMENA - Eppuri ve ricordate gli tormenti che me dea. E quanta vuti gliu sarecheào co’ paroli e fatti pe’ gliu stornà dalla via mia, ca’ me stufàa co’ tutte chelle voglie sèi! Ma si me capitasse mo’....?! Mama. Vui pensate che stà agliu Purgatoriu o agliu ‘Nfernu? N’coscenzea mia, da chello che me ricordo, me pare ch’era troppu na bestia pe’ gliu Paradisu.

TIMOTEU - Figlia, gliu Pateternu pò a chello che nui mancu ce pensamo.

FEMMENA - A... chesso è veru. Eccove ati soldi pe’ ate quatto messe a chell’anima arruinata, ca’ si nò mancu dent’agliu ‘nfernu me vè arrecettatu.

Che vui sapete, ce sta’ caccosa de chiù vasciu degliu ‘nfernu? No, eh?! Ma lassamo perde trascursi disgraziati! Chiuttostu, che ne dicete? passerannu puri st’agnu gli Turchi da ste’ parti?

TIMOTEU - Si.... si la genti chiù non prega tuttu ce pò esse.

FEMMENA - Non pe’ niente sa, ma a parere meo la ‘mpalatura è sempe nu’ fattu dulurusu. Ahi! Mo’, che vedo venì na’ commare della mia, i’ ve saluto. Stamoce bbone.

TIMOTEU - E tu statte santa; come nui sapemo.

SCENA IV

Frate Timoteu, Liguriu, mastu Nicia

TIMOTEU - Le mani chiu larghe, a chistu munnu, le tenno le femmene. Gliu uaiu, però, e che puri a fastidiu nisciunu l’accompagna; e si uno volesse rinuncià a tantu fastidiu de certu perdarìa gliu guadagnu. Ma si puri rinuncià volessemo a tuttu stu’ guadagno pe’ non’avé tantu stu’ fastidui, chistu non se evita, ca’ ‘ntromento le femmene sempe ‘n’mezo te le truvi. E allora tuntu vale cavàricigliu, gliu guadagnu. Ehi, galantommene, addò ve ne state a i’? Ma vui.... vui, non sete mastu Nicia?!

LIGURIU - Parlate forte, sant’ome! Chiaru e forte, pe’ piacere.

TIMOTEU - Sete mastu Nicia, bbono signore?

LIGURIU - Ancora chiu forte, che è surdu a tutt’e dui le recchie, povereglio.

TIMOTEU - Sete o non sete Mastu Nicia?

LIGURIU - Ancora no’ ve sente, gliu povereglio.

TIMOTEU - Povereglio gliu caspita; chistu co’ la sordaria sia arruvina la genti!

NICIA - Come mai chist’ome s’àggita a sta’ manera senza prufiddià parola?

TIMOTEU - Che parola? I’ stongo a sbraità come nu’ dannatu...

NICIA - Lu vidi!? Move e rapre la vocca a tutta forza e ‘ngni esce mancu nu’ sono.

TIMOTEU - Ma che sono? Me sto’ a ‘ntronà da sulu!? Ma mo’ che sto’ a fa’? Vu vedé che propitu i’ me metto a sderraià dent’alla chiesa mia? Chesta è la casa degliu Pateternu, e n’è mica nu’ mercatu.

LIGURIU - Ma issu è propriu surdu.

TIMOTEU - E se freca.

NICIA - Bbona sera, padre Timoteu.

TIMOTEU - Bbona sera.... Ma pare, però, che nu’ poco ce sente.

LIGURIU - No, pare. E’ tutta ìmpressione: è sulu pazzaria. Ma lassate sta’ che a volereve fa’ capisce da issu, oltre alla chiesa, dovesseate ‘ntronà puri tuttu stu’ paese.

TIMOTEU - Aggio capitu. Ma a che ve pozzo esse utile?

NICIA - Megliu a vui che a me.

TIMOTEU - Come?

LIGURIU - Non ce facete casu.

TIMOTEO - Voglio dice: che serviziu ve pozzo fà?

NICIA - Megliu a vui che a me.

TIMOTEU - Megliu a vui che a.... Ma che sta’ a dice?

LIGURIU - Issu guarda gliu muimentu della occa vosta e se crete d’acchiappà significatu. Mastu Nicia, però, ve vo’ da’ in limosina paricchi sordi.

NICIA - Chi è chissu?

TIMOTEU - Ottimu.

LIGURIU - (Stateve ‘nchiummatu!) Ha decisu, pe’ lo bbene degliu munnu, de mettereve ‘nmani cinqu o seicento ducati.

NICIA - Che gli pozza vinì na’ diarrea a fischiu, tèh!! (il frate si allontana per una breve preghiera)

LIGURIU - (Ma non’è mica paricchiu, co’ chello che ce stà pe’ lo mezo?!) Non capiscete niente, e stateve zittu! alla bbon’ora.

TIMOTEU - Lassategliu sderraià, gliu povereglio.

LIGURIU – Nu’ poco de sti sordi i’ già gli port’appresso e issi, gli sordi, vonno che fosseàte vui a ‘ngingà la semmenata.

TIMOTEU - Ah! e si lo vonno propitu issi meglio ancora.

NICIA - E te parea.

TIMOTEU - Ma che so’ sordi nove chisti che parlono da suli?

NICIA - Se pozza appilà la vocca e tuttu gliu resto a chi semmena lo ranu che n’è lo seo.

LIGURIU - N’ce facete casu. Ma prima d’ogni cosa vui ci’avete da’ n’aiutu pe’ nu’ fattu assai chiù che sconcecatu.

TIMOTEU - Trascorremone.

LIGURIU - I’ non saccio si acconoscete gliu nipote seo: Camillu Calfucci.

TIMOTEU - Si, che gli’acconoscio.

NICIA - Come, i’ no!?

LIGURIU - Stu poviru e bbono cristianu, rimastu senza mugliere pe’ fatti soie e de nisciun’atu, se n’è duvutu i’, nu’ iorno, a chello della Francia e, lassata l’unica figlia sia dent’a’ nu conventu, a Pariggi fosette po’ arrivatu. E accussì che va’ a succede? Non se sa’ si pe’ trascuraggine delle moneche, o pe’ le cervella vacante della bbella vagliona, o pe’ tutt’e dui gli fatti, essa mo’.... se troa prena; e sta’ a già quatto misi chini. I’ non saccio si me spiego, ma si rrimediu n’ce se pone: gliu conventu è arruvinatu; la vagliona è assai scornata; gliu patre è morto e gliu paese è murtificatu.

NICIA - E da dò è sciuta stà scemenza?

LIGURIU - (Vui ata rimané surdu e sempe ‘nchiummatu, come ve l’aggia dice?)

TIMOTEU - No’, lassategliu sfogà, si sulu chesto gli rimane. Ma i’ in che modu ve pozzo asseppontà?

NICIA - A vinti metri da me, chist’ome!

LIGURIU - (‘Nchiummatu, ‘nchiummatu v’ata stane!) Vistu gliu pisu de’ tutta st’arruina saria dovere che alla badessa se dicesse de fà sgravà la povera vagliona.

TIMOTEU - Eh! Ma chistu è fattu chiù de forte pisu. E co’ sta’ robba che se passa tempo agliu pensero.

LIGURIU - Certu; ma vui ‘ncoppa alla prima mani pesoleate bbono chesto e ‘ncoppa all’ata tuttu gliu resto: Primu, se mantène gli’onore agliu conventu; secundu, alla vagliona e a tutti gli parenti; nu’ patre non perderà l’unica sia figlia e a vui toccano limosine a scriffunnu. E pe’ che? Nu’ pezzo de carne che mancu è natu. Mo’, co’ tutti sti’ benefici e sti’ beneficiati, chi, de vui, potarìa mai dice male?

NICIA - Ine!

TIMOTEU - Eh? E sia, a nome degliu Pateternu. Anzi facemo lestu che lestu ha bisognu de bbene tuttu gliu munnu. Qual’è gliu nome de chistu conventu?

LIGURIU - Mo’ si, che m’appariscete pe’ chigliu che già pensào. Ecco gli sordi, e chistu è gliu nome degliu comventu:.... Ma.... me pare de vede’ na’ femmena che i’ già acconoscio, e che de sicuru è a me che cerca. V’affido chistu surdu; sta’ pe’ le mani voste.

SCENA V

Frate Timoteu, mastu Nicia

TIMOTEU - Quant’agni tène sta’ povera criatura?

NICIA - I’ non ce capiscio niente.

TIMOTEU - No, voglio dice: Quant’agni tène sta’ povera vagliona?

NICIA - Quanti ce n’hanno appiccicati n’fronte.

TIMOTEU - Ma de ché?

NICIA - Chesto gliu Pateternu vone.

TIMOTEU - Addavero?

NICIA - Che non se ne trovasse mancu la muglica.

TIMOTEU - E pecché?

NICIA - Schiattatu. Schiattatu è fine giusta sia.

TIMOTEU - Surdu,‘nchiummatu e surdu. E puri co’ gliu rènte avvelenatu.

SCENA VI

Liguriu, frate Timoteu, mastu Nicia

LIGURIU - (Ma non v’aggio dittu de restà ‘nchiummatu?) Bbone nutizie, padre Timoteu.

TIMOTEU - Bbone nutizie? De che?

LIGURIU - La femmena m’ha cumunicatu che la povera vagliona s’è sgravata da sola.

TIMOTEU - Bbono assai; accussi chesta limosina se ne và pe’ gliu scampatu peccatu.

LIGURIU - Che state a dice mo’?

TIMOTEU - Che a megliu mutìu s’hanna fa’ chesta limosina.

LIGURIU - Quantu vui volete. Però mò ce stà veramenta da aiuta’ st’arruvinatu.

NICIA - Che gli se pozza screffonnà la coratella.

TIMOTEU - A chi? A già! E de che se tratta, stavota?

LIGURIU - Consolateve che, rispettu all’ata, chesta è n’aria leggera.

TIMOTEU - E’ tantu gli’affettu che già m’è natu che lo trascorre co’ vui me piace.

NICIA - A me no!

LIGURIU - E allora ve ne parlo a sulu a sulu, dent’alla chiesa vosta, ca’ Mastu Nicia è contento addò gliu si rimane.

NICIA - Che gli se pozza screffonnà addavero, oltr’alla coccia, gliu curipizzu a chi le scelle mette agli ducati e lo metallu fa’ cantà com’aoceglio.

TIMOTEU - Iaomecenne, che parlà a chist’ome è come da confidenzia a’n’asinu addevotatu. Ma ce l’ha co’ gliu munnu sanu, a quantu pare.

SCENA VII

Mastu Nicia sulu

NICIA - Ma so’ ‘mbriacu o none? Dormo, è nu sonno o che cazzarala sta’ a succède? E a do’ so’ capitatu? Non saccio chello che mi piglia. Stu’ Liguriu raggionava accussì bbono fin’a’ stammatina.... Ma mo’? mo’ sbanèa; peggiu de nu’ scelleratu. E i’ chiù no’ gliu’ capiscio. Addo’ vo’ arrivà? Semo partuti co’ n’argomentu e ca’ ce semo persi; i’ ci’aggio sempe avute le recchie bbone e mo’ so’ surdu e ‘nchiummatu?! Se doveva parlà sulu degli fatti mee ed è sciuta fore la figlia de Calfucci, che mancu gli’acconoscio, ch’ha fattu la sgustumata e s’è ‘mprenata, a dispetto della monaca badessa. E dent’agliu conventu. Ma che me ne frega a me de’ st’argomentu!? ‘Nsomma, de tuttu s’è trascursu e degliu ‘nteresse meo mancu nu’ poco. E come si fosse niente a chistu munnu me se vanno secchenno puri gli sordi. Ah! Ecco la pazzaria che fa’ riturnu. Speramo che a stu’ puntu degli fatti mee ci’hanno nu’ poco ‘ncoppa raggionato.

SCENA VIII

Fra Timoteu, Liguriu, mastu Nicia.

TIMOTEU - Fateme vinì le femmene che, com’è mia abbitudine, gli affino la via e puri gliu pensero.

LIGURIU - Mastu Nicia frà Timoteu, pe’ la gentilezza sia, farà tuttu lo necessariu, appena le femmene gli’arriveranno a tiru.

NICIA - Tu me dai nova acqua e nova luce. Ma sarà mascuru?

LIGURIU - Mascuru, co’ tutti gli fatti soie.

NICIA - I’ me crepo già dalla tennerezza.

TOMOTEU - Iate pe’ l’annascusu; che no’ ve vedono. Po’, quanno esse se ne saranno iute, de ogni cosa a vui i’ ve conto. (i due escono) O Santa Mamma e tutti gli Biati! Ma n’era surdu chigliu vecchio, e puri ‘nchiummatu?

SCENA IX

Frate Timoteu sulu

TIMOTEU - Uhm. I’ non saccio chi degli dui è assai chiù ‘mpisu: sta’ vorepe de Liguriu, che prima m’attentatu bbono bbono gli’ovo co’ la panza della figlia de Calfucci, e po’ se n’è vinutu co’ stata furba svulacciata, o gliu surdu che ce sente? E addò me se’ screffogna? pecché si i’ la’ non ce cedéo de st’atu fattu non me se’ parlàa. Ma dicemo puri: è veru che co’ ruina so’ allo strittu missu; ma chesta, pe’ la saccoccia nosta, è na piaceole scunfitta. Mastu Nicia è riccu; e a Caglimacu n’gni mancono gli sordi, e a tutti dui piace che annascusu rimane tuttu gli’apparatu. Quindi i’ come me ne pento!? Creca ce potarìa esse probblema co’ Lucrezia, ch’è femmena sana, de bbone principi e coccia tosta. Però pe’ la via degliu poco tennero carattere seo de trascinarela agliu trascursu meo i’ spero. ‘Ntromento, na’ cosa è giustu che vui acconoscete: tutte le femmene, puri le megliu o le peggiu, come ve’ pare, si le sapete toccà pe’ chello che gli è mollo, se menano a ogni barca, e tuttu s’arreccettono. Ma eccola, la mamma: che si puri delle bestie è la riggina, i’ ve la porto pe’ ogni arruina.

SCENA X

La socera, Lucrezia

SOCERA - A stu’ munnu, e tu lo sai, a niente tengo si no’ agli fatti tòie, figlia mia. Embèh, si i’ te dico che è na’ bbona cosa, allora statte. Patre Timoteu, che n’è angingatu iere agliu cordone, quanno te dice che pu’ i’ co’ coscenzea leggia e core chinu, embhè, statte n’ata vota, cazzarola! e no’ votà gliu schinu!

LUCREZIA - O, oi ma: ma che te "statte", statte, statte?! None, ca’ i’ sempe aggio pensatu mastu Nicia, puri d’avé nu’ figliu, capace d’assettareme dent’a’ nu’ scriffunnu. E tra gli tanti scriffunni degli see cunsigli chistu me pare gliu peggiu: de ittà gliu corpo meo pe’ le vraccia de uno, pigliatu pe’ strati, e che, dopo de me abbusatu, hanna rimané schiattatu. Ma mancu, sì rimasta unica femmena ‘ncoppa a chesta terra alla figliolanza mia, tutta la specie umana s’addevota.

SOCERA - I’ de ste’ cose poco saccio. Ma mo’ te la viti co’ issu, gliu monucu, e po’ co’ chi te vone bbene.

LUCREZIA - Già, bbene! Ma bbene no’ me sento.

SCENA XI

Frate Tioteu, Lucrezia, la Socera

TIMOTEU - E’ paricchiu gliu piacere de ‘ncontrareve, o gintili e sante femmene che da’ ste’ parti ve tirate. Ma i’ già saccio chello che ve gira, che mastu Nicia puri ce n’ha parlatu. E aggiogno che, leggenno pe’ ore ‘ncoppa agli messali, aggio trovatu pie risposte agli probblemi noste.

LUCREZIA - O Pateternu meo! Ma parlate addavero o ce menate pe’ gli fosse?

TIMOTEU - Sora Lucrezia mia, e so’ cheste cose da pazziarece? Ed è poco che m’acconoscete?

LUCREZIA - Lontanu da me mancareve de rispettu, lo sapete; ma tutta sta’ manfrina me pare giustu n’arruina.

TIMOTEU - E ve creto figlia; me saria meravigliatu, dopu tutta la duttrina che da me v’ate sucatu. Ma i’ no’ voglio che iate pe’ sta’ leggia scorciatora; pecché dent’agliu munnu ce stanno cose che parono bbone e spissu non lo sone, e cose che ce smòono a duluri e periculi, ma che na’ òta pesoleate pe’ le mani noste so’ lègge; chiù lègge dello doce.

LUCREZIA - Che gliu Pataterno ce mettesse n’occhie.

TIMOTEU - No...!! No, non distraemoce da chello che è gliu pérno degliu giustu raggionamentu: è veru che addo’ sta’ no’ bbene sicuru e nu’ male ‘ncertu non se po’ considerà sto’ male contr’a’ chello bbene? E allora?! Dent’à na’ botta, credet’a’ me, vui ve ‘ngravitate, crescete n’anima pe’ gliu Pateternu, fate conténte a’ marituvu e a mammeva; ve levate da ‘ncoglio la noia e lo fa’ niente che, puri si acconoscio la grazia vosta, fonte cuntinua de tentazione so’ pe’ ogni anima de’ nu’ corpo non saziatu. Si, dopu c’avete bevutu chigliu ‘ntrugliu, assulutu periculu non ce fosse sarìa bbono che mastu Nicia ve s’anneasse, dent’alle carni voste, ma vistu che sta’ certezza manca assai lassamo che la scenza ésse pe’ la sia chiara strati. Addirittura, e lo dice la santa Bibbia nosta, le figlie de’ Lot, ‘ncoppa a tutta chesta terra credennose uniche rimaste, dopu averegliu fattu ‘mbriacà fin’a’ gli pere, co’ gliu patre esse s’accorechèro. E, pecché tuttu chesto co’ bbona fede è iutu, chelle sante femmene senza peccatu po’ se ne tornèro.

LUCREZIA – Pe’ la sartania! Sante femmene!? Che me state a dice mo’?

SOCERA - Lassa fa’ agliu cordone ‘ncenzatu, figlia mia. Lassa fane agliu santu cordone. Viti quant’agnurichi tene? Viti quant’agnurichi tene! Viti quant’agnurichi tene?

LUCREZIA - Ohi ma!!?

SOCERA - Te dico, a mama, ca na’ femmena senza figli è n’aglimale ittatu. E quanno gliu maritu schiatta, e chisti, vit’a’ me, vit’a’ me! - parono fatti apposta - essa sola se rimane; a ruspà, mischina, mischina, dent’alla pugliara.

TIMOTEU - Ve dongo la parola da monucu vestutu che chisti so’ peccati ca’ se laono co’ nu’ quartu de bicchiero d’acqua santa.

LUCREZIA - Ma a che me volete screffonnà, vui, pe’ chesta scura via?

TIMOTEU - Pe’ fatti sapuriti, che mancu ve sonnate, tantu che pe’ issi paricchiu gliu Patreternu pe’ me precarrate. E gliu gustu de chist’agniu è niente, a paragone de gli’ati che verranno.

SOCERA - Essa, state a me, farà chello che vui dicete. Viti, ca’ stasera, ì stesse te croco e te chiuro le lenzola. Ca tu non sai quante femmene agliu paese nosto facessero co’ piacere chello che pe’ te è tantu tosto. Non sia mai dittu ca s’hanna sputà ‘ncopp’alla grazia degliu Pateterno.

LUCREZIA - No, no; se è pe chesto so’ contenta puri i’, della grazia de Diu. Tantu. ma non saccio si dimani me trovate ancora a chistu’ munnu viva.

TIMOTEU - Iammo. Viva, viva, te volemo vedé, pe’ tutti gli iorne che verranno. E i’ ve dico che dimani, dagliu letto, chiù cricca de nu’ rigliu ve ittate. Co’ tutte le forzi mei pregheraggio gli’angiulu vosto che, co’ sepponta de Raffaeglio e Gabbrieglio, grazia e coratella v’afforzasse.

SOCERA - State tranquillo santu monucu, ca chello che s’hanna fa’ non se trascura.

LUCREZIA - Pateterno meo aiuteme pe’ chesta brutta strati,

e vui adorata e beata e amata Maronna mia,

che com’a’ me femmena puri sete,

ammezzateme, ve ne prego, le voste sante mete .

SCENA XII

Frate Timoteu, Liguriu, messer Nicia

TIMOTEU - Liguriu, da sta’ parti!

LIGURIU - Allora? Come è iuta?

TIMOTEU - Tuttu a paru agli proggetti noste; la stessa mamma l’ha screffonnera’ ‘nmez’alle lenzola, e la’ ce la terrà fin’a ch’è ll’ora.

NICIA - Dicete vui lo veru?

TIMOTEU - Uh!? Chiuttostu: ma vui n’eravate surdu? E non dovevate rimanè ‘nchiummatu?

LIGURIU - Gli’ha fattu la grazia S. Antoniu.

NICIA - Accussì è.

TIMOTEU - Bbono. Allora a chesto chiù grossa limosina ce vone.

NICIA - C’avete dittu? Hamo capitu. Ma mo’ n’esaggeramo!? E pe’ le chiacchiere non ce perdemo. Chiuttostu, la femmena mia ha fattu storie?

TIMOTEU - Si, ma co’ misura.

NICIA - E certu.

LIGURIU - Iate, frate, iate all’oraziuni voste, che si ce serve aiutu sapemo addo’ trovareve. Vui, mastu Nicia, confortate Lucrezia, ca’ i’ vaio da Caglimacu a pigliareme gliu ‘ntrugliu, e pe’ chesto fate l’elemosina a S. Girardu. Gli’appuntamentu nosto è alle quatto.

NICIA - Che se pozza screffonnà gliu munnu sanu sanu, tèh!! Ma da d’è sciutu mo’ stù S. Girardu?

TIMOTEU - Iatevenne ‘n’grazia de’ Diu, chiuttostu. Pigliateve cammumilla, e raccomandateve a....

NICIA - A nisciunu, cazzarola! A nisciunu! Lassateme perde, sà! Me raccomando da sulu. Da sulu me raccomando. (esce)

NICIA - Che stran’aggenti!

Fine terzo atto

CANZONE n° 4

A doce fregatura non piace gliu dolore

e, si pure ce s’aggiogne nu’ guadagnu

rimane pe’ la occa bbono gliu sapore

e mai respiru all’aria avrà picculu lagnu.

O forza viva degli’ammore

ca a’ nisciun’ome tu fai perde onore

e a tuttu dai piacevole mistura

santi e biati fai de gran cura.

A doce fregatura non piace gliu dolore

e tu, o ammore, spissu ne sì gliu chiu’ forte sapore.

FINE ATTO TERZO

ATTO QUARTO

SCENA I

Caglimacu

CAGLIMACU - I’, a stu’ puntu, volesse puri capisce chello che succede. Ed è passatu tempo; tantu che me sento frie ‘ncoppa agli carevuni. Viti come è veru che la natura tè tuttu bilanciatu: non te da’ nu’ bbene si a paru n’tè procura n’arruina. Quantu chiu’ aggio mo’ pe’ sperà lo bbono tantu la disperazione m’arriva agli capigli. La scemenza de mastu Nicia me da sollievu, ma la durezza de Lucrezia me fa’ trema’; Non trovo a stu’ puntu addefrescamentu a modu; nì a magnà, nì a beve, e nì a durmì. E po’, penso: ma, amicu meo, si puri tuttu te va’ allo drittu, dopu che farai? Si tutta sta’ fatica porta a poco; te ne pentirai? E si a paricchiu; non passa lo stesse ogni cosa? e che té resterà? Nu’ pentimentu, nu’ bbono ricordu o atu? Ma, ‘ntromento, la disperazione me se roseca. E si moro n’è agl’infernu che me t’appòso? Accussì pare che me calmo; ma poco tempo. Dopu nu’ minutu, n’ata vota, me se porta gliu curnutu: e so’ duluri, arrevotamenti e sderrài. Puri, si trovassi Liguriu, me potarìa almeno sfogà, ca’ accussì me crepo e a stasera non ci’arrivo. Oh! Eccugliu, finalmente. Mo’, da chello che chistu dice, i’ o moro o.... o schiatto.

SCENA II

Liguriu, Caglimacu

LIGURIU - Pe’ l’anima de tutti gli morte mee, tèh! N’aggio mai speratu de trovà tantu lestu chigliu pecoro de Caglimacu; e come propitu ‘ngnu’ tròo. M’aggio giratu tutte le piazze e gli mercati, ma gli’arruvinatu non se vede? A chisti ‘nfocati de core ‘ngni regge terra sott’agli pere, e s’aggirono come aglimali feroci, senza tregua e né riposu

CALLIMACU - Pecché ‘ngnu chiamo, eppure me pare criccu e bben disposto? E’ la paura de sintì lo male o lo bbene? Ma facemoce forza. Liguriu! Liguriu!!

LIGURIU - O, ca’ stivi?!

CALLIMACU - E che me dici? Che me raccunti? Non me parlà de cose malamente, si no’ i’ me moro.

LIGURIU - Allora....

CAGLIMACU - Non me dice cose bbone, si no’ me moro ancora peggiu.

LIGURIU - E si i’ me ne vaio?

CALLIMACU - Allora sine, che i’ me moro addavero. Rispugneme e sì precisu. Hai capitu: precisu. Gliu monacu ha fattu tuttu chello che dovea?

LIGURIU - None.

CAGLIMACU - Come none?

LIGURIU - Ha fattu sulu chello che gli’hamo chiesto.

CALLIMACU - Ah! Mo’ sine. E la femmena lo vone?!

LIGURIU - Assolutamente none.

CALLIMACU - Ohi mama; come non lo vone?!

LIGURIU - De certu che no’ vone; ma lo accetta.

CALLIMACU - Appuntu.... Disgraziatu! Me stai a struie co’ ste risposte scunsiderate tèi.

LIGURIU - Tu m’hei dittu: "Sì precisu."

CAGLIMACU - Bbono! Bbono! Pregheraggio gliu Pataternu pe’ issu.

LIGURIU - Lu viti ca sì propitu aglimale?! Da quann’a’ chesta parte gliu Patreternu vo’ esse pregatu pe’ fa’ gli malevaragni? E gliu santu monucu vo’ autu che chiacchiere.

CALLIMACU - E che?

LIGURIU - Sordi.

CALLIMACU - Ma chesso se sapea. E quanti?

LIGURIU - Paricchi.

CALLIMACU - ‘Ngni’ fà niente.

LIGURIU - Mastu Nicia ha già cacciatu venticinqu ducati.

CALLIMACU - Ha cacciatu venticinqu ducati pe’ esse curnutu?

LIGURIU - La mamma della vagliona ha fattu tuttu chello che potéa pe’ la mette essa stesse agliu letto e ben disposta.

CALLIMACU - Ecco le mamme nove. Ma so’ contento; assai contento. E co’ tutte ste’ cose che m’hai dittu mo’.... mo’ me moro.

LIGURIU - Ma a che gente appartene st’ome? O gli va pe’ drittu o pe’ traerso chistu vo’ murì a ogni costu. Ma, ‘ntromento, stu’ ‘ntrugliu, è parturitu?

CALLIMACU - Caspita; e gli’aggio puri battezzatu.

LIGURIU - E de che se tratta?

CALLIMACU – Nu’ quartu de cammumilla, pe’ allentà l’agitazione; dì quarti de alacciu pe’ da’ nu’ poco de.... carvonella alla fornace e.... Maronna mia! E mo’? I’ songo morto e sotterratu; schiattatu e screffonnatu; crepatu e arruinatu e vermecatu. Pe’ gliu curipizzu de nu’ diauru ‘sconcecatu!

LIGURIU - Ma che te sta’ a piglià?

CALLIMACU - Me so’ nfornatu da sulu, ecco chello che è. Me so’ ‘nfornatu da sulu.

LIGURIU - Addavero!? E quanno è statu?

CALLIMACU - Oggi, mo’. Pe’ chigliu diavuru che non me se porta.

LIGURIU - Ma se po’ sape’ che cazzaralo te piglia?

CALLIMACU - Non te ricurdi chello c’aggiu dittu a mastu Nicia? che i’, tu, issu e Siru sariamo iutu ad acchiappà gliu ittatu?

LIGURIU - E allora?

CALLIMACU - E chi è gliu ittattu da schiaffà dent’agliu letto della mugliere?

LIGURIU - Tu stesso!

CALLIMACU - E quanti ittati ce stanno.... Voglio dice; quanti Caglimacu ce stanno?

LIGURIU - Unu, almeno creto. E allora?

CALLIMACU - Ma che, te si ‘nciucciatu!?

LIGURIU - Aggio capitu. E mo’?

CALLIMACU - Mo’ me moro senza scampu.

LIGURIU - N’ata vota, ma aspetta nu’ poco. Pensamo: come se po’ fa’?

CAGLIMACU - Come se po’ fa’?

LIGURIU - Come se po’ fa’? (le battute si ripetono ancora)

CALLIMACU - E si ca’ ce lo domandamo unu co’ gli’atu finu a stasera iamo a funnu.

LIGURIU - Hamo trovatu.

CALLIMACU - A si?! Hamo!? E i’ non me ne so’ accortu?

LIGURIU - Nui tutti ce travestemo.

CALLIMACU - E pecché?

LIGURIU - La parte tia a stu’ puntu la potarìa fà gliu monucu.

CALLIMACU - Sine?!

LIGURIU - E tu te ne verrai con na’ parrucca e nu’ strumentucciu a ‘nmani, e canterai, canterai, canterai una de chelle cazone da ittatu che ben sai.

CALLIMACU - Ma pecché?

LIGURIU - E lu viti che gliu ‘nciucciatu mo’ si tu? A sta’ manera mastu Nicia non s’accorgerà de niente. E non t’acconoscerà; si farai le smorfie da aglimale co’ gliu male de panza.

CALLIMACU - A, a! A! Aggio capitu.

LIGURIU - Era ora. E mo’ va’; e fa’ secuntu gliu progettu.

CALLIMACU - Ma aspetta nu poco. Ca’ ce stà n’atu uaiu. E si! Che succede quanno essa capiscerà tuttu gli’apparatu? E si essa dopu non me vorrà chiù vedé? che faccio i’?

LIGURIU - E no! E mo’ basta! Almeno chesto te l’è scolà da sulu.

CAGLIMACU - None, non me lassà accussì; dimme caccosa. Begliu aglimalucciu de Caglimacu teo...

LIGURIU - Ma che stai a dice?

CAGLIMACU - Scuseme, ca non ci’appizzo chiù a parlà; è la freve.

LIGURIU - E’ chiaru che dipenderà da te.

CALLIMACU - Ah!? E in che modu?

LIGURIU - Tu te si fattu addavero a’ parente a nu’ ciucciu. E’ sicuru che essa dopu te vorrà vvéde si chello che farai stanotte sarà fattu ad arte. Fagli capisce co’ chiarezza quantu amore tu gliu purti e traduci gliu ‘nfocamentu da bestia teo a’ doce sentimentu, tantu da faregli scorda’ ogni ata assaggiatura. Fa’ chesto, e ce penserà Lucrezia, Lucrezia stessa, a spianarete ogni via.

CALLIMACU - Ma ne si sicuru?

LIGURIU - Come che mo’ stongo a perde tempo co’ na’ coccia vacanta come la tia. Chiama Siru, manna gliu ‘ntrugliu a mastu Nicia e po’ aspetteme alla casa. I’ penserò agliu santu frate....

CAGLIMACU - Santu frate!?

LIGURIU - Certu! E quale atu santu agliu munnu t’avesse fattu nu’ miraculu com’a’ chistu? Si, ma tempu chiù non ce ne stane; mo’ ce travestemo, e ‘ngingamo la missione.

CALLIMACU - E ‘ngingamola, finalmente, sta’ missione, cazzarola!

SCENA III

Caglimacu, Siru

CALLIMACU - Siru meo, vi’ ca’!

SIRU - Agli urdini voste.

CALLIMACU - Va’ agli’armadiu e porteme gliu bicchiero d’argento, co’ chella pezza che ce stà ‘ncoppa, però. E ‘ngnu fa’ catì, me raccomanto, ca’ la coccia nosta, e specie la tìa, dipende da chesto.

SIRU - Mo’ vaio.

CALLIMACU - Stu’ servu meo, benché ‘ngnorante e non poco, è accussì affinatu a malizzia che, puri si quasi niente de tuttu gli’aggio dittu, gia’ da sulu, paricchiu àve sgamatu. Ma puri chesto è bbono: che tra male materie lestu ad accordu ce se trova, e ca si puri pe’ la via ‘nciampichi ce stanno agliu traguardu ce s’arriva.

SIRU - Eccome a vui.

CALLIMACU - Dent’a’ stu’ momentu aggiugnete alla casa de’ mastu Nicia e dicigli che chesta è la bbona medicina e che, subbitu dopu allo magnatu, dalla femmena sia scorsa. Va!

SIRU - Vaio.

CAGLIMACU - Ah! E puru che lestu se cenasse. E che issu venesse all’ora e agliu postu giustu, come nui ce stamo, Vai!

SIRU - Come la coccia vosta spera.

CALLIMACU - Aspetta n’atu poco. Si issu vo’ che tu rimani pe’ accompagnaregliu tu fallo.

SIRU - Bbono.

CALLIMACU - Ma si se ne vo’ venì da sulu accontentegliu lo stesse.

SIRU - Chello che v’è desideratu. Ve lasso.

CALLIMACU - Sine. Aspetta nu’ poco. Hai capitu tuttu?

SIRU - Sine; mo’ vaio.

CALLIMACU - Va! Nu’ momentu...

SIRU - E lassateme perde padrò ca, si no’, fin’a’ stasera sempe ca’ rimano. Cazzarola e che tormèntu.

SCENA IV

Caglimacu sulu

CALLIMACU - E mo’ aspettamo che chigliu tristu de Liguriu se ne ve’ co’ chigli’atu peggiu degliu monacu. E si caccherunu dubbita che l’aspettà è meza crepatura se sbaglia. Ve giuro che ogni minutu che passa è na’ zeppata a chistu core, e a ogni pensero che caccosa ce po’ i’ de traverso ce ne stanno n’ate dui; e alla sola ‘nmagginazione de chello che succederà co’ essa tra cacche ora le zeppe ‘nchiovono a zeffunnu. E si tuttu ésse male, dento agliu fiume i’ me ietto, oppuri me ‘mpicco, o meglio ancora na’ cortellata me la passo, parte a pate. ‘Nsomma, caccosa aggia fa’, pecché a sta’ manera i’ me crepo. Ma che vedono st’occhie mee? Chigliu è Liguriu. E chigliu sciancatu che gli va appresso? E’ gliu monucu. Viti come recitanno bbono sti curduni agnurecati? E chigli’atu che gli’è azzeccatu? E’ Siru, e già agliu dottore ha de sicuru parlatu. Mo’ gli’aspetto, pe’ chirisce, a stu’ puntu, gli’utimi argomenti.

SCENA V

Siru, Liguriu, Frate travestitu, Caglimacu

SIRU - Liguriu, chi è sa’ specie d’ome che t’accompagna?

LIGURIU - Siru, chianu; chistu è n’ome de bbona sostanza.

SIRU - Accussì sciancatu?

LIGURIU - Pensa agli fatti toie, che stai alla presenza de nu’ santu cristianu.

SIRU - Certu. Ma co’ chesta facci che se ‘ntravvede unu po’ pensà, ‘nmece, a n’assatanatu.

LIGURIU - Chiuri sa’ occa, che già stai pe’ la via delle peroccolate. Chiuttostu: addostà Caglimacu?

CALLIMACU - Eccome. Era ora.

LIGURIU - Dici a stu’ birbante degli servu teo che se mettesse nu’ freno ‘n’mocca, che già ha quasi sgarrupatu tutta la macera.

CALLIMACU - Scota Siru: si n’hai mai fattu gli’ome alla vita tia chistu è gliu momentu. Fallo nu’ poco pe’ me e paricchiu pe’ te.

SIRU - Come vui comandate.

CALLIMACU - Gliu bicchiere agliu dottore?

SIRU - E’ statu datu.

CALLIMACU - E issu?

SIRU - Farà ogni fattu co’ calima.

TIMOTEU - Chistu è Caglimacu? (scopre completamente il volto)

SIRU - Ohi mama! (si fa’ il segno della croce)

CALLIMACU - A serviziu. Co’ chello che vui facete ogni cosa mia è vosta.

TIMOTEU - Lo creto bbono: stà parte che faccio pe’ vui mai me sarìa sonnatu de ‘ngingarela pe’ ati.

CALLIMACU - E i’ ve dico che chesta fatica non sarà scordata.

TIMOTEU - Nooo. A me basta sempe gli’affetto vosto.

LIGURIU - Sparagnamo tempo co’ le cerimonie. Finiscemo chiuttostu gliu travestimentu ca, mentre gliu frate ci’aspeta, nui tenemo tanti ati fatti da da’ a sistemazione.

CALLIMACU - Tu dici bbono.

TIMOTEU - Ca’ v’aspetto.

SCENA VI

Frate Timoteu sulu

TIMOTEU - Chesta sì che è finazione de munnu, E po’ dicono ca n’è vero che le male compagnie portano pe’ le peggiu strati. Accussì unu se trova, magari, co’ gliu coglio alla tagliola pe’ esse disgraziatu o troppu bbono. Gliu Pateterno lo sape che i’ non pensào ad atu si no’ ad aiutà la pover’aggente, a dicereme le oraziuni mei dent’alla cella; a confessè gli peccaturi e a tutte chelle cose che certu a stu puntu non me ci’avessero mai portatu. Ma po’, pe’ picculi scalini, pe’ genti e pensere, pensere e genti, se scegne a poco a poco, chesta chiana. Fin’a’ che stu’ diavuru senza corna apparenti de Liguriu è statu capace de fareme assaggià tuttu stu’ brodu; addo’ i’ me ce so’ anneatu sanu sanu. E non saccio ancora si chesto è lo peggiu. La sola speranza mia è che gliu bbono risultatu è assai volutu da tutti, e quanno tanti sperano gliu stesso fattu pare che chesto de sicuru avvene. Ma ecco gliu diavuru e gliu seguace seo appresso.

SCENA VII

Frate Timoteu, Liguriu, Siru

TIMOTEU - E’ bbono che sete tornati.

LIGURIU - E vui come state?

TIMOTEU - Non so’ statu mai accussì.

LIGURIU - Però ce manca gliu dottore. Saria megliu ìregliu a piglià che poco tempo c’è rimastu.

SIRU - Aspettate, caccherunu rapre la porta sia; fosse gliu servu?

LIGURIU - Ma no: è issu. Ah, ah, ah, ih, ih!!

SIRU - Pecché rirete?

LIGURIU - E no’ viti? come s’è travestutu? Tè chella mantella che ‘ngn’annascogne mancu gliu curipizzu. Nu’ spaventapasseri....Ah, ah, ah, ih, ih!! Nu’ spaventapasseri è de issu chiù acconciatu. Tè puri la spati.

SIRU - E’ veru. Ah ah ih ih!! E che se sta’ a sbaneà? Ah ah ah!!

LIGURIU - Siru, basta! Annascognemoce! Annascognemoce, c’accussì, rittu rittu, sentemo tuttu gliu sfogu seo.

SCENA VIII

Mastu Nicia da sulu

NICIA - E che femmena è chesta? E quant’ammuina pe’ na’ fatica de poco cuntu. M’aggratatu sì quann’allontanatu gli servi dalla casa, ma po’ quanno s’è messa a starnazza: "None, ca’ chello che me fai è n’arruina. I’ non so’ femmena de chesto. Addò me tè screffunni?" E, a chigliu puntu non ce l’aggio fatta chiù. Va’ bbono, la femmena facile è sbrigativa farà schifu, ma chesta è troppu arrefrenata. Allora i’ c’aggia dice, che a sta’ manera me ne vaio pe’ gliu paese? Sarà scenza e medicina, ma la sostanza utima è sempe de corna ben cuntita. Però, me paro puri begliu. Chi l’avesse dittu? Sembro chiù gioene, e non de poco; de sicuru ogni femmena che accussì me vedaria a me darà occasione. Paro chiù iautu, addirittura, eh?! Quasi quasi sarìa da i’ girenno sempe vistutu a sta’ manera. Si, ma mo’ addò gli trovo chigli’ati arruvinati?

SCENA IX

Liguriu, mastu Nicia, Frate travestutu, Siru

LIGURIU - Bbona sera.

NICIA - Ohi Maronna mia.

LIGURIU - Nui semo sempe nui: non v’àta piglià a’ paura.

NICIA - Si non v’avesse subbitu accunusciutu mo’ eravate ‘nfilati; dagliu primu agli’utimu. Tu si Liguriu, chistu è Siru e chist’atu è gliu mastu dottore? Eh!

LIGURIU - Accussì.

NICIA - E’ bravu puri a travestirese; tantu che ‘ngn’avesse accunusciutu mancu la mamma.

LIGURIU - Gli’aggiu ‘nfilatu di’ nuci ‘nmocca pe’ cagnarigli la voce.

NICIA - E tu si’ bestia.

LIGURIU - E pecché?

NICIA - Si me l’avissi dittu prima puri i’ l’aesse fattu, che da’ ste’ parti la voce mia tutti la sanno.

LIGURIU - Acchiappate chesto allora.

NICIA - AAHH! Co.. spu.. spu..eeeeh! Ma che schifezza m’hai datu?

LIGURIU - No’lle mannate abbasciu.

NICIA - Fanno schifu.

LIGURIU - So’ porpette pe’ i’ de corpo.

TIMOTEU - Che significa?

LIGURIU - Che ve mannono a cabbinetta dent’a’ nu’ ninutu.

NICIA - Ma gliu dottore è mastu puri a’ cagnà la voce, cazzarola!

LIGURIU - Non perdemo atu temo. Sete, da chistu momentu, agli’ordeme mee: Mastu Callimacu a destra e i’ a sinistra, e ‘nmez’a’ ste corna gliu dottore.

SIRU - Non potea esse diversu.

LIGURIU - Siru! Siru desse sepponta a chi ne tè abbisognu.

TIMOTEU - I’ no, grazie!

LIGURIU - La parola d’ordine è: San Cuccu’.

NICIA - E chi è?

LIGURIU - Gliu santu chiù onoratu della Francia.

SIRU - E, da cacche iorno, puri deglu paese nosto.

LIGURIU - Azzitateve, che sento nu’ sono de liutu. Siru, va à vedè co’ che aglimale tenemo a combatte.

SIRU - De corsa.

LIGURIU - Non ve preoccupate. Siru è gli’ome chiù scrupulusu che stà ‘ncoppa la terra, e si issu ce dirà che la merce è bbona accussì è.

NICIA - Pecché, Siru capisce puri d’ommene mo’? Sa i’ no volesse piglià na’ meza sola tantu che st’operazione se dovesse ripete all’ata luna.

LIGURIU - Eccugliu che torna.

SIRU - E’ gliu chiù bbono ome ittatu che avesse mai vistu. Dottore meo potete stà sicuru che non ve farà fa’ brutta figura.

NICIA - Tu stai a’ parlà addavero?

SIRU - Tantu che mugliereva ve perdonerà pe’ chesto e atu.

LIGURIU - (Chiuru sta’ occa de ciucciu, Siru). E vui prepareteve a da’ de mani.

NICIA - Si’ ma gliu nemicu sta’ dall’ata parti. Gli mastu dottore a fa’ la guerra non è ‘ngingatu mancu pe’ nu’ ritu.

CAGLIMACU - "Se chello ca’ i’ te faccio non te piace

gliu corpo e l’anima non te trovassero chiù pace"

LIGURIU - Non te move. E dacce sa’ chitarra.

CAGLIMACU - E vui che iate trovenno?

LIGURIU - Non so’ fatti gli toie. Aggirategliu. Schiaffategli gliu cappucciu.

NICIA - Pistamugliu nu’ poco, e sulu n’atu poco. Attento, che se ne scappa. Non gli’arruvinate chello che ce serve: ammaturategli la coccia sì, ma no’ gli’aoceglio. E mo’ dento la casa. Portamogliu de pisu, lestu! Lestu e addò sapemo.

TIMOTEU - Scusate se ve lasso, ma la coccia mia è tropp’a’ confusione. I’ non lo saccio si dimani.... ce vedemo.

NICIA - Non ve preoccupate, mastu Caglimacu, facemo tuttu nui, ca se vede chiaru che chesto n’è mestero lo vosto. Iate, e bbona notte.

SCENA X

Frate Timoteu sulu

TIMOTEU - Mo’ me ne vaio, agliu conventu, ca’ issi l’operazione st’ann’a’ ‘ngingà, e dentà stu’ momentu. E vui pensate sulu a chesto: stu’ frate vosto se farà le litanie; Liguriu e Siru sé magneranno chello che nì iere e nì oggi hann’assaggiatu; gliu dottore passierà pe’ tuttu gliu giardinu e Caglimacu e Lucrezia, de certu, non dormeranno affattu, pecché saccio bbono che se i’ fosse issu e vui essa, nui n’arriposassemo mancu pe’ na ‘ntecca.

Fine dell’atto quarto

CANZONE n° 5

O notte sapurita

co’ ombre quete e manze,

che de amanti tu si vita

e corda delle amorose danze.

A te abbevereranno lo orde d’ogni core

che sempe sete dane quantu unu non more,

si regalu tu ce vu sinceramente fane

niente è chiù de nutrimentu, mancu lo pane.

O notte sapurita

co’ ombre quete e manze,

che de amanti tu si vita

e foco pe’ le noste fredde stanze.

FINE ATTO QUARTO

ATTO QUINTO

SCENA I

Frate Timoteu sulu

TIMOTEU - Vui non ce cretarete ma no’ so’ riuscitu a fareme mancu mezo minutu de sonno, tantu era gliu vuliu de sapè come è iuta la menata. E chello c’aggio fattu pe’ passà gliu tempo: alle dui de notte so’ iutu a zappa dent’agliu giardinu, e po’ le oraziuni, e le vite degli santi. Alle cinqu e nu’ quartu m’aggio potatu gli’avrivu secolare, chigliu della commare ca’ vicinu. Mezz’ora dopu m’aggio scorepatu mezo voscu a fiancu agliu conventu, e lavatu e zoffrecatu tuttu gliu pavimentu; dalla sacrestia fin’agli’aotare. Pe’ non parlà delle statue e delle ‘nmaggini della Madonna nosta. E mo’ eccome ca’. Ma mentre facevo ste cose a tutta forza nu’ pensero la coccia tormentava: gli’abbandunu delle cose sacre è spaventusu; statue e ‘nmaggini zozze e trascurate. Po’ dice che iamo ‘mperdizione?! Ma ecco da che chesto ne deriva: nisciunu porta chiù fiuri agli santi; agliu campusantu; poche appicciono ceroggi a Sant’Antoniu; gli frati noste se scordono de levà la polvere da ‘ncoppa gli’aotari. E’ loggicu che vene la finazione degliu munnu, e gli spiriti, no’ chiù confortati da tutti stì begli accorgimenti, se énchiono de porcarìa e de peccati. Non se po’ continuà a chistu modu! Non se po’ continuà pe’ sta’ mala via.

Però sento n’ammuina; nu’ rumore che vene dalla casa de’ mastu Nicia. Stanno a sbatte fore gliu cantore, che a canzuni lo persu chesta notte ha fattu, co’ sgustumaria. Ma voglio sentì gli trascursi see; perciò, pe’ mo’, restanno allo scuru.

SCENA II

Mastu Nicia, Caglimacu, Liguriu, Siru

NICIA - Acchiappategliu, strittu: tu da chella pare e tu dagliu curipizzu, che non se dovesse sbandà.

CAGLIMACU - Pietà. Non me fate atu male.

LIGURIU - Atu male? Ma sinti che sfacciatu.

NICIA - Fermamoce, a stu’ puntu.

LIGURIU - Prima d’abbiarigliu facemugliu girà paricchi voti. Accussì, forza.

SIRU - Va bono?

NICIA - Ancora, ancora.

CAGLIMACU - La chitarra....

LIGURIU - Ma vattenne pe’ la via tia, e lestu puri. E manc’agli cani ce vè alle recchie ch’hai parlatu, co’ gliu curipizzu canterai tutte le canzuni tei.

NICIA - Se n’è scappatu; ma è chello che doèa. E nui iamoce a cagnà, ca nisciuno se n’hann’accorge degliu muimèntu nosto. Vui iate da Caglimacu e dicetegli che è iutu tuttu bbono.

LIGURIU - E’ giustu. Ma come potemo fa’? Nui non sapemo niente; vui e la socera sete rimasti dento.

NICIA - Ci’hai raggione, amicu meo. E mo’ ve racconto. Insomma, appena dento, ‘nsema alla socera che m’aspettava, gli’aggio sbattutu agliu sgabbuzzinu, che nu’ poco scuru era, ma non troppu, tantu che ce se vedea abbastanza. A chigliu puntu vi gli’aggio a dovere spugliatu, chiù gnuru che mancu la mamma accussì gli’avea mai fattu.

SIRU - E com’era?

NICIA - Bruttu, bruttu chiù assai della peste; de facci.

LIGURIU - E pe’ gliu resto?

NICIA - Certe carni bianche e prufumate, na’ musculatura ch’era nu’ spettaculu.

LIGURIU - E gliu resto?

NICIA - Certi spalle larghe e renforzate, da non fa’ invidia a nu’ enco certu.

LIGURIU – Nu’ enco?

NICIA – Nu’ bove.

SIRU – Nu’ bove?

NICIA – Nu’ toru!

LIGURIU -Ah!

SIRU - E po’?

NICIA – Na’ panza piatta e muscolosa.

SIRU - E che atu?

NICIA - Di pacche de culu toste com’alle preti; e certe cossi che sembraono di’ colonne de marmu affusolatu.

LIGURIU - Era da starece a stu spettaculu.

SIRU - Certe occasiuni s’hanno poche voti a chistu munnu. E cussì è iutu?!

NICIA - Ma tu ce sì o ce fai? o Siru? E a parere teo la’ i’ me fermàa? Ma i’ so iutu fin’agli’utimu capitulu. Dovea vedè gli fatti mee. E si gli mancava cacche cosa? Si teneva cacche malatia? Si era troppu poco o tropp’assai?

LIGURIU - Tenete raggione. Accussì se fa’.

SIRU - I’ n’avesse avutu gliu coraggiu.

NICIA - E pecché tu si stupidu.

LIGURIU - Co’ quale calima avete assecondatu a ogni fattu.

NICIA - I’ governo sempe bbono gli fatti mee.

SIRU - E allora com’era? Com’era?

NICIA - Chianu, che mo’ ci’arrivamo. Ve pozzo dice sulu ch’era lo giustu de chiù de chello giustu; coloratu e sapurusu; morbidu, ma puri tosto; pastusu e tantu saettusu.... Insomma, adattu agli’argomentu. E ve dico che i’ mai me so’ sbagliatu a cheste cose.

SIRU - Addavero? Voglio dice: a stu puntu quindi....?

NICIA - Quindi è iutu.

SIRU - E’ iutu?!

LIGURIU – Nu’ generale, st’operazione, n’avesse allo megliu governata.

NICIA - Sì, è veru. E, ‘ntromento la notte passava, i’ e la socera se trascorreva de tante cosi.

LIGURIU - Tipu?

NICIA - Dell’ammuina de Lucrezia, de che se ne potea fa’ paricchiu a meno; degliu criaturu che già pe’ le vraccia i’ me gliu vedea; e de tante ate cose che mo’ mancu me ricordo. Po’ m’è venutu gliu sonno; e stammatina è statu chello che sapemo.

LIGURIU - Insomma è iutu tuttu bbono.

SIRU - Ma propitu tuttu bbono? Dico, bbono bbono??

NICIA - Siru, tu me pari nu’ poco troppu ‘nteressatu a chisti fatti. Cumunque na’ cosa me dispiace.

LIGURIU - E che?

NICIA - Che gliu poveru cristianu hanna murì, e allo chiù lestu puri.

LIGURIU - Primu; ca nui non sapemo la durata della vita nosta; secundu, ca potarìa esse chello che gli’è successo stanotte la cosa chiù bbella della vita sia; e utimo, ma no’ utimu: lassate stu’ pensero a issu, ca sulu de issu è pena.

SIRU - Com’è bbegliu, puri si ‘n’ci’aggio capisciutu propitu niente. Ma che atu avete vistu?

NICIA - Siru, e mo’ basta; ca si agliu postu de muglierema tu ce vulii stane lo duvivi dice prima. E che è?! Ma i’ a stu’ momentu Caglimacu voglio; pe’ faregli sapé de’ tuttu gli’accadutu.

SIRU - N’c’è abbisognu. Voglio dice che gliu mastu dottore meo sa’ sempe tuttu.

LIGURIU - Tra n’ora esce fore. Ma nui,’ntromento iamo a cagnarece de vesti. E vui?

NICIA - Puri i’ faccio lo stesse. Ce vedemo alla messa, e co’ me porto puri muglierema, tirata a novo.

SIRU - Ce creto.

LIGURIU - Siru, statte zittu.

NICIA - Trascorreremo co’ gliu frate pe’ gliu resto e ringraziamugliu, ‘nsema co’ Caglimacu, pe’ la fatica sia.

LIGURIU - Vui dicete sempe bbono.

SCENA III

Frate Timoteu da sulu

TIMOTEU - I’ tuttu aggio scotatu e tuttu m’è piaciutu, puri in considerazione della scemenzaria c’arrègna dent’alla coccia de chist’ome. Ma giacché hanna venì a trovareme alla chiesa la’ gli’aspetto, addò chello che vénno vale sempe a doppio. Ma chi esce da chella casa? Caglimacu e Liguriu. A dopu, nui ce vedemo.

SCENA IV

Callimacu, Liguriu e Lucrezia

CAGLIMACU - Come già t’aggi’ammezzatu i’ so’ stato fin’alle nove ore a’ essa appiccicatu, ma co’ nu’ male rusicu. Pecché puri si tantu piacere i’ ce proào, a chigliu puntu me so’ dovutu fermà. Accussì tuttu gli’aggio chiaritu: degli’ammore meo e de chello che essa vale pe’ tutta chesta vita, e come, co’ chigliu maritu che se trova, nui ‘nsema potemo stane; e si gliu Pateterno, pe’ volontà sia, ad atu postu gliu destina i’ a muglire de sicuru me la pigliarìa. Allora, pe’ sti trascursi mee, pe’ l’avé assaggiatu le carni giuini e gli vasi de n’ome che de foco pe’ essa è addiventatu, Lucrezia, a chigliu puntu, gliu core essa m’ha svelatu:

LUCREZIA - (visibile a lato della scena per la sola battuta) Poiché la coccià fina tìa e chella vacanta de maritumu, la miseria de mammema e la malignità degliu monucu, a chesto hanno portatu; robba che mai ‘ncopp’a’ sta’ terra i’, mai, avesse fattu! mo’ voglio pensane che dagliu celo tuttu m’è arrivatu, e a celeste fattu a opponeme forzi i’ non tengo. E, puri pe’ chesto, i’ te voglio considerane: patre, maritu e signore; bbono consiglire e massimu difensore; unicu bbene pe’ chistu core cunfusu. E chello che a’ volontà de maritumu è successo pe’ na’ notte sola, alla volontà mia è diventà già na’ regola de vita. Accussì, subbitu, tu te farai a compare e dento stammatina verrai alla chiesa, e po’ alla casa nosta. E lo trasì e lo scì sarà de’ coccia tia; vederece o stà ‘nzema alla volontà nosta sìa. (buio sulla donna)

CAGLIMACU - Non te lo dico si a cheste parole, pe’ lo sapore, ce stéo a rimani schiattatu.

LIGURIU - A, ma ‘non c’è bisogno; che già lo se sapéa.

CAGLIMACU - E pe’ paricchiu tempo, pe’ la felicità che alla gola era arrivata, i’ n’angingào ‘chiù parola, tantu che essa ‘nchiummatu me credètte. E si da’ ca a cent’agni la morte non ce se rappresenta i’ me credesse gliu spirutu chiu’ criccu de ogni vera vita, e d’ogni munnu a nui assoggettatu.

LIGURIU - Contento so’ pe’ chesto tìu piacere assai. Ma mo’, nui, che facemo?

CAGLIMACU - Iamo alla chiesa, pecché la’ essa ci’aspetta; cusì puri gliu dottore e cusì puri la mamma.

LIGURIU - Ecco che issi già esciono.

CAGLIMACU - Iamo alla chiesa allora, lestu!

SCENA V

Mastu Nicia, Lucrezia, la Socera

NICIA - Mugliere mia, i’ cretarìa che le cose vanno fatte sempe co’ timore degliu Pateterno e no’ alla pazzaria.

LUCREZIA - Ma chistu mo’ che vone?

NICIA - Sinti che rispogne?! Pare c’ha missu la doppia cresta de tre iagli.

SOCERA - No’ ve la pigliate, che da’ stanotte, poverella, è nu’ poco sconcecata.

LUCREZIA - Che volete dice co’ ste paroli voste?

NICIA - Che prima de entrà dent’alla chiesa aspettà dovemo gliu santu ‘ntonacatu pecchè tu, stammatina e a gli’occhie degli celo, è come si fussi n’ata vota schiusa.

LUCREZIA - E allora?

NICIA - T’è fa’ n’ata vota santa.

LUCREZIA - E quanno ce sbrigamo, ch’è già paricchiu tardi?

NICIA - Sinti come te rispogne?! Iere paréa na’ pezza ittata pe’ la terra e mo’? e mo’ è puri nu’ poco troppu addevotata.

LUCREZIA - Tuttu pe’ grazia vosta, signore e padrone della vita mia

SOCERA - Mé, mé! mé! iate alla chiesa, che tuttu s’aggiusta. Ma ecco gliu monucu da for’alla porta.

SCENA VI

Frate Timoteu, messer Nicia, Lucrezia,

Caglimacu, Liguriu, la Socera e Siru.

NICIA - Bbona iornata, santu patre.

TIMOTEU - Vui sete le bbone arrivate. Che tuttu ve iésse pe’ lo meglio e che gliu Patre nosto vèru a te facesse fa’ gliu megliu mascuru che tène.

LUCREZIA - Che Issu lo volesse.

NICIA - E certu che lo vone; co’ tuttu gli sordi che a me è costatu.

TIMOTEU - Lo vone, lo vone.

NICIA - Ma chigli non so Liguriu e mastu Caglimacu?

TIMOTEU - Accussì è. Venete da sta’ parti, bravi giuini.

CAGLIMACU - Bbona iornata a vui, e che gliu Pataternu ve mantenesse sempe toste e genuini.

NICIA - E me pare. Toccammo ferro, cazzarola! che sta’ robba detta da nu’ medoco è peggiu dello tosseco. E vui toccate la mani della femmena mia.

CAGLIMACU - Co’ onore e grazia.

NICIA - Lucrezia mia, chistu è chigliu pe’ gliu quale tuttu chello che è statu è statu, e nu’ vastone alla vecchia ce semo ormai procuratu.

LUCREZIA - E i’ già gliu tencu caru, e prima d’ogni cosa, che minimu me pare, voglio che ce sia subbitu a compare.

NICIA - Ma chesta è na’ festa allora. E i’ voglio che puri Liguriu, ‘nsema a issu, oggi alla tavola nosta bbella compagnia ce facessero.

LUCREZIA - Senza dubbiu sia.

NICIA - E dicu de chiù: la chiave degliu pianu de coppa gli voglio dane....

SIRU - E chella degliu pianu de sotto?

NICIA - ....che ci’hanna vinì a trovà spissu, issi, pecché non tenno servi umani ma bestie, tantu che stanno povereglie, com’a’ gli’aglimali. Co’ tuttu gliu rispettu pe’ te, dottore meo.

CAGLIMACU - E i’ la userò spissu, pe’ rispettu vosto e de donna Lucrezia.

TIMOTEU - I’ saccio però che caccherunu hanna ancora avé caccosa.

NICIA - E chi è chissu? A, sete vui. Ma ve pare che de tantu santu benefattore i’ me ne sarìa scordatu? Oggi stissu v’acchiappate chello che a vui ve spetta.

LIGURIU - E de Siru nisciunu tè pensero?

NICIA - O, chi è chist’atu mo’? A, Siru, gliu servu ch’è nu’ poco sgustumatu. Ma certu: l’acchiapperà puri issu chello che ce chiede.

LIGURIU - Dategli ghiece, allora.

SIRU - A cossa?!

NICIA - De traverso, cazzarola! De traverso!!

TIMOTEU - Chianu, chianu mastu Nicia, co’ se’ binidiziuni. E vui, socera furtunata, avete missu na’ luce che parete na’ criatura appena cresemata.

SOCERA - E’ la felicità de chello che già vene.

TIMOTEU - Embèh, mo’, tutti alla chiesa, che lo pregà ci’aspetta. Appresso ve ne iate alla casa vosta e agliu mesale. E vui, bell’aggenti che fin’a mo’ v’ate spassatu, è inutile che ca’ arrimanete: le oraziuni so’ longhe e i’ alla sacrestia resto, pe’ ati fatti mee; issi pe’ ata strati alla casa sia se ne vanno. Quindi ce salutamo. A lestu, o bon’aggenti, o a mai; accussì, come ve pare.

SIRU - Ine non saccio si....

TIMOTEU - Siru, va’ dento; n’arruvinà mo’ tuttu chello che già è statu arrepezzatu. Va’! Vaà! Bbona sera.

Fine della commedia


Ripetizione della

CANZONE n° 5

O notte sapurita

co’ ombre quete e manze,

che de amanti tu si vita

e corda delle amorose danze.

A te abbevereranno lo orde d’ogni core

che sempe sete dane quantu unu non more,

si regalu tu ce vu sinceramente fane

niente è chiù de nutrimentu, mancu lo pane.

O notte sapurita

co’ ombre quete e manze,

che de amanti tu si vita

e foco pe’ le noste fredde stanze.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno