La marcia della lupa

Stampa questo copione

LA  MARCIA DELLA “LUPA”

DI

SALVATORE NASTRO

PENSIERI DI AUTORI NAPOLETANI

SULLA CAMORRA

L’autore a chi legge

Il testo è stato scritto attingendo più fonti poetiche diverse sul tema della camorra. La camorra vi è stata trattata come la risultante di un miscuglio di elementi tipici della società napoletana.

2 RAGAZZA:

 In una società caratterizzata dall’ignoranza, dalla miseria, dal malessere generale

fino alla corruzione nelle istituzioni è nata la camorra. E’ stata abile, feroce, capace di adeguarsi ed evolversi in una società sempre più indifesa, in uno Stato che le ha consentito di crescere ed imporre a tantissimi napoletani, per circa quattro secoli la sua prepotenza , la sua violenza. (VIA)

Gli elementi a cui mi riferisco sono: l’ignoranza, rappresentata dalla grettezza e ottusaggine delle popolane che litigano per futili motivi, la fame atavica  caratterizzata dall’immagine popolare di Pulcinella che, preso appunto dai morsi della fame, fantastica di banchettare addirittura con una succulenta mosca (questa pulcinellata è tratta da un canovaccio del 1636: “la fame degli Zanni”) la miseria, rappresentata dagli straccioni; tutti elementi che hanno portato alla nascita di questo fenomeno così allegoricamente descritto al finale:

Vuie!! (al pubblico) Vuie che state mmocc’ a lupa e nun vedite cchiù ne

ghiuorno né notte… pentiteve!!!! Sta lupa secca e avara comm’a na pezzente è trasuta ‘e sicco e s’è misa ‘e chiatto dint’a tutte ‘e case d’a città, S’è assettata a capotavola e allà cummanna, fa sta zitta e fa parlà, a tutte sparte sanghe e menesta, nu popolo ‘e surdate sta criscenno, creature senza né capo e né cosce, sulo cu ‘e mane, mane armate, mane ca vottano ‘o terreno dint’ all’uocchie e sparano!! Poh! Sparano!! Poh!! Sparano, sparano, sparano!!! Sparano mmocca, dint’e vene giugularie , sparano sempe e surtanto a chi tene o’ fegato d’è piglià comm’a tanti ppezze!

La camorra s’istituisce in questo habitat dandosi un regolamento (il cd. “frieno”) e diventa una sorta di Stato nello Stato che a poco a poco inizia a mietere vittime e tingere le prime pagine dei giornali del rosso del sangue che inizia a scorrere.

Questo è un tema che ha trovato spunto nei testi di Viviani e Di Giacomo (rispettivamente troverete: ‘o mpuosto e Ciccio Cappuccio) e sarà trattato sulle note delle musiche  della NCCP (Nuova Compagnia Di Canto Popolare).

Per rendere il tutto ancor più Neorealista si applica la lingua vernacolare e le forme verbali più semplici tipiche di un popolo assediato da secoli dalla lupa.

Il popolo artefice della nascita della lupa, a poco a poco prende coscienza della triste situazione che vive; in un vicolo muore il più grande camorrista, ed è questo il pretesto per marciare, cantare, e sbeffeggiare la lupa secca e avara.

In questa marcia popolare appare una figura scura, con l’abito talare e la sua esortazione fatta ai camorristi di pentirsi gli costerà la vita. (Una canzone di Don Giosy Cento sarà lo sfondo)

Il momento del pentimento popolare è descritto in un clima di temporale, pioggia e fulmini che bagneranno Don Giuseppe Diana che terminerà lo spettacolo urlando:

E scetateve… p’ammor d’a Madonna……. Scetateve!!!!!

Salvatore Nastro

A SIPARIO CHIUSO

DIETRO IN SCENA PIAZZATO NORMALE

 POI

·ILLUMINARE PROSCENIO

·INSERIRE TRACCIA  ______

Sulla canzone entrano lentamente due ragazze con passo cadenzato, una da destra e l’altra da sinistra.

Cala la musica

1 RAGAZZA                      No… nun è state a sentere ‘e canzone

Stu mare è celeste, stu cielo è d’oro

Ma stu paese nun è sempre allero.

Nun sponta sempe ‘a luna a Marechiaro

E nun se canta e se fa semp’ammore

Cheste so fantasie p’è furastiere

Si vuie vulite bene a stu paese

Fermateve nu poco dint’e viche

Guardate dint’e vasce e fore ‘e chiese

Venite assieme a me p’e strade antiche

2 RAGAZZA                              E invece ‘e cammenà vicino ‘o mare

Parlate cu chi soffre e chi fatica

Quanta malinconia p’e case scure

Addò nun trase st’aria ‘e primavera

Guardate quanta sante attuorn ‘e mure

Io veco comm’a n’ombra a ogni punton

E penzo ‘a gente ca le manca ‘o pane

TUTTE E DUE                          Quanta bugie ca diceno ‘e canzone!!

Si apre il sipario. Un vicolo napoletano.

Entra velocissima da sinistra Carolina, scugnizza del vicolo, inseguita da Donna Gisella. Carolina sparisce a destra.

DONNA GISELLA: Chella piezza ‘e malandrina! A’ rumpesso ‘e rine! (Chiama verso sinistra, da

                             dove è venuta) Donna Giuvannì..... Donna Giuvannì!!!!

DONNA GIOVANNINA: (entrando in scena da sinistra) Chiano, chiano! Ma che tenite ‘a

                              cacarella! Ch’è succieso?

DONNA GISELLA: A nepota vosta ha vuttato a Pascalino, o’ figlio ‘e Ninetta dint’a caurara. Mala 

                             a essa si ll’ave dint’e mmane; chella nun tene nè anema e nè core!!
DONNA GIOVANNINA: E comm’è succieso?

DONNA GISELLA: A’ verità....Pascalino l’ha nu poco insidiata!

DONNA GIOVANNINA: Ma vuie vedite nu poco!! (entra da destra Carolina) Uè Carulì! Ch’è

                          cumbinato?

CAROLINA: Niente. Perchè è successo qualcosa?

DONNA GIOVANNINA: Viene accà faccia tosta!

CAROLINA: No, pecchè?

DONNA GIOVANNINA: Viene accà!

CAROLINA: No, pecchè?

NINETTA: (da dietro le quinte a destra urlando come una cafona) Donna Giuvannì, stateve

                    attient’a nepota vosta....

DONNA GIOVANNINA:...e vuie ‘o figlio vuosto!!

NINETTA: (c.s.) Chi è figlio ‘e jatto....sorece piglia!!

DONNA GIOVANNINA: A’ lengua nun ten’ossa ma è rompe ll’osse!

NINETTA: (c.s.) E che vulite dicere? (urlando di nuovo) Stateve attiente all’ossa ca cchiu’ se

                     rompono quanno cchiu’ sò schiattose...

DONNA GIOVANNINA: Chella è ‘a collera ca è schiattosa....scenne ‘nguorpo e fà ‘e ppertose!

NINETTA: (c.s.) Fennella si nò vengo llà e te rompo ‘a faccia!

DONNA GIOVANNINA: Io mò vengh’io, anema nera!

NINETTA: (entrando in scena da destra mantenuta da Pulcinella) Uè scartellata!

DONNA GIOVANNINA: (è trattenuta da Donna Gisella per evitare che la picchi)

                        Lasciateme  lasciateme che ‘a voglio accidere!

DONNA GISELLA: E quanno l’acciso tu che n’aio?

NINETTA: Brutta strega fattucchiera!

DONNA GISELLA: A me?

NINETTA: Si, a te!! Sì fauza e ruffiana! (prendendola in giro) Donna Gisella, la bella del vicolo....

                    Gialliata!!

DONNA GISELLA: Scuffiata!

NINETTA: Janara!

DONNA GISELLA: Vommeca vraciola!!

NINETTA: Viene!

DONNA GISELLA: Viene tu!

NINETTA: No, viene tu!

DONNA GISELLA: Donna Giuvannì lassateme c’’a voglio sulo accidere!!

DONNA GIOVANNINA: No, l’accido io!

DONNA GISELLA: No, l’accido io!

DONNA GIOVANNINA: L’accido io!

PULCINELLA: (Intervenendo si fa al centro scena) Baaaaasta!!! Mò v’accido io e nun se ne parla

                  cchiu’!!

NINETTA: A chi?

DONNA GISELLA: A me?

DONNA GIOVANNINA:  Stu zingaro ‘e fore morra!

NINETTA: Stu puparuolo niro!

PULCINELLA: (impaurito) Uè, uè, ma mò c’è paura ch’abbuscasse io?

DONNA GIOVANNINA: Forse! (minacciosa)

DONNA GISELLA: Po' succedere!

PULCINELLA: Uè ma che vulite a me?

CAROLINA: Ma facitele nu’ paliatone (riferendosi a pulcinella)

PULCINELLA: Siente a chesta siè!!

DONNA GIOVANNINA: (urlando contro Ninetta) Sì ‘na strega, ‘na strega!

NINETTA: (riprende a litigare; Pulcinella la trattiene mentre Donna Gisella trattiene donna

Giovannina) Siente chi parla, lassateme, lassateme!!!! (Pulcinella la trascina fuori  scena da dove sono entrati)

DONNA GIOVANNINA: Lassateme Donna Gisè, ‘a voglio sulo fà vedè ‘e stelle!! (Donna Gisella

                 la libera, lei va verso la quinta a destra e urla contro) Che d’è neh? Nun rispunne cchiu’?

DONNA GISELLA: (A Carolina) E tu vattenne, vattenne. E’ tutta colpa toia. (Carolina:scappa via a

                        destra). Jammuncenne e calmateve Donna Giuvannì! (Escono a sinistra)

DONNA GIOVANNINA: Chella strega!!!!  (Via di scena)

Rientra Pulcinella

PULCINELLA: mamma mia quann sti femmene s’attaccano ce vò na forza ‘e mill’uommene p’è

sciogliere! Ma che dico mille…. Cient!!! A me a dicere ‘a verità ce a facess pure sul’io… però so debbole… So stanco e strutto cu na voglia ‘e nu bell presutto!!! (Si guarda attorno e scorge il ronzio di una mosca… la segue con lo sguardo…poi si tocca la sua pancia che ha fame;  la mosca va a posarsi sul proscenio e così Pulcinella quatto quatto gli si avvicina e si butta a tuffo su di lei, l’ha presa, ce l’ha in mano, la mosca sembra che sta dimenandosi nel pugno chiuso di Pulcinella, il quale guarda nel suo pugno e con dire esterrefatto) Ohhhhhhhhhhhh! Quant’è grossa!! (La riguarda) Ohhhhhhhhhhhh è troppa grossa, me rimane ngopp ‘o stomaco!!!!! (Con l’altra mano la prende dal suo pugno e la guarda) Ohhhhhhh sti zampetelle!! (ne stacca una e la mangia) gnam, gnam , gnam! Che presutti sti zampetelle!!! (stacca l’altra zampetta) Ohhhhhhhh ih che cosc’e pollo!!! (la mangia masticando rumorosamente e ingoia vistosamente) Ahhhh! Che magnata!!! (Fa per fare un eruttazione ma si mette la mano davanti la bocca) (al pubblico) Scusate!!!

INSERIRE TRACCIA _____ ABBASSARE LE LUCI

Intanto entrano degli straccioni: COREOGRAFIA DEGLI STRACCIONI.

Via via si sistemano lungo il fondale chiedendo la carità. C’è uno straccione al centro scena, un po' piu’ in avanti.

1° STRACCIONE: Fate la carità.... fate la caritààààà!!!

                               Si appiccio nu cerino ‘nnanze ‘a panza

                               se vede ‘o ttrasparente ‘areto ‘e rine.

                               A’ verità, parlanno cu crianza,

                               ce tengo sulo ll’acqua dint’e stentine.

                               Ah, sto debole abbastanza.

                               Me saglie tutto o’ sanghe ‘a parte ‘a capa.

                               Me veco ‘e palummelle ‘nnanze all’uocchie.

                               Pare ca ‘a terra, ‘a sotto, me s’arape

                               e già sto scunucchianno dint’’e ddenocchie.

                              Comm’è pesante ‘a vita! Aiutateme!!

                              Mò moro! Gente! Gente! Geeenteeeeeeeee!!

                              .......No, m’è passato: è niente:

                              m’’o fà primm’’e magnà!!

2° STRACCIONE     Quant’aucielle

                                   vanno p’’o cielo

                                  e io, senza scelle,

                                   rummango ccà!

                                  E me dispero

                                  triste avveluto:

                                manco ‘o pensiero

                                 po' cchiu’ vulà.

3° STRACCIONE     Felicità!

                                  Vurria sapè che d’è chesta parola,

                                   vurria sapè che vvò significà.

                                  Sarà gnuranza mia, mancanza ‘e scola,

                                  ma chi ll’ha n’tiso maje annumenà.

4° STRACCIONE      A’ vita è bella, sì, è stato un dono,

                                    un dono che ti ha fatto la natura.

                                    Ma quanno po’ sta vita è na sciagura,

                                   vuie m’ò chiammate dono chistu ccà?

5° STRACCIONE   Guerre, miseria, famma, malatìe,

                                  crestiane addeventate pelle e ossa,

                                 e tanta gioventu’ c’’o pede dint’a fossa.

                                  Chisto nun è nu dono, è ‘nfamità!

Le voci degli straccioni diventano via via sempre più insistenti.

INSERIRE TRACCIA ________ PASSARE GRADUALMENTE A         PIAZZATO COLOR ______________ AGGIUNGERE GOBOS “FINESTRA”

Entrano alcuni ragazzi…. Prendono una posizione a semicerchio tra di loro. Entra un altro che si pone al centro tenendo aperto in mano un grosso librone. Cala la musica

1 RAGAZZO: (declamando a voce alta) La società dell’umirtà o bella Società Rifurmata ha per scopo di

riunire tutti quei compagni che hanno cuore allo scopo di potersi, in circostanze speciali, aiutare, sia moralmente che…. (scopre la giacca mostrando una pistola nella fondina) che…… materialmente!!!

2 RAGAZZO: (c.s) La Società ha la sua sede principale in Napoli; ma può avere “rappresentanze”

anche in altre zone della provincia e della regione e amicizie con i siciliani pugliesi e calabresi.

3 RAGAZZO: (c.s.)Tanto i compagni di Napoli che di fuori Napoli, tanto quelli che stanno relegati

alle carceri  o all’aria libera, debbono riconoscere un solo capo, che è il superiore di tutti e si chiama capintesta, che sarà scelto tra i compagni più arditi!!!

4 RAGAZZO: (c.s.) Ciascun quartiere deve avere un caposocietà che sarà per votazione, scelto tra i

                   compagni del quartiere e resta in carica per un anno

5 RAGAZZO: (c.s.) I componenti delle paranze e delle chiome oltre a Dio e ai Santi riconoscono

                    solo l’autorità del loro capo

6 RAGAZZO: (c.s.) Le madri, le mogli, i figli, le nnammurate dei compagni, dei picciotti e dei

                        giovanotti onorati, debbono essere rispettate sia dai soci che dagli estranei

7 RAGAZZO: (c.s.) Se per disgrazia qualche capo si trova sotto chiave, deve essere servito dagli

                altri detenuti

8 RAGAZZO: (c.s.) Quelli che sono comandati per esigere le tangenti, le debbono consegnare per

intero ai superiori. Delle tangenti spetta un quarto al capintesta ed il resto sarà versato nella cassa sociale allo scopo di dividerlo scrupolosamente tra i compagni attivi, tra gli infermi e quelli che stanno in punizione per sfizio del Governo.

9 RAGAZZO col LIBRONE: Al presente regolamento potranno essere aggiunti altri articoli. Vi

invito a firmare. (Tutti i ragazzi che hanno declamato, formando una processione, firmano sul librone ed escono di scena dalla parte opposta)

Entrano due regazze e si pongono rispettivamente ai lati della scena

1 RAGAZZA: (Al pubblico) Il primo codice della Camorra fu approvato da tutti i capintesta

 nel corso di una riunione dei rappresentanti di tutti i quartieri della città: la riunione si tenne il 12 settembre del 1842 nella chiesa di Santa Caterina nella zona di Porta Capuana.

2 RAGAZZA: In una Chiesa??

1 RAGAZZA: Si! In una chiesa !!!!!!!

2 RAGAZZA: In una società caratterizzata dall’ignoranza, dalla miseria, dal malessere generale

 fino alla corruzione nelle istituzioni è nata la camorra. E’ stata abile, feroce, capace di adeguarsi ed evolversi in una società sempre più indifesa, in uno Stato che le ha consentito di crescere ed imporre a tantissimi napoletani, per circa quattro secoli la sua prepotenza , la sua violenza. (VIA)

Quando tutti sono via  il 9 ragazzo si avvicina allo scrigno che è sul proscenio lo apre e invita gli straccioni ad avvicinarsi, i quali prendono delle armi dall’interno ed escono

·PASSAGGIO DI PIAZZATO A ________________________

·SPEGNERE GOBOS

·INSERIRE TRACCIA ________

Entrano due loschi individui e una narratrice che si pone al centro del fondale

 NARRATRICE: ‘A strada è sulitaria,

                             sò ‘e nnove, e nun ce passa cchi nu cane.

                             Nu triemmolo pe ll’aria

                            ca mette ‘o friddo n’cuollo e gela ‘e mmane.

                             Pare c’ha da succedere

                             na cosa brutta ‘a nu mumento a n’ato:

                             e nun ‘o vvoglio credere,

                             ma nun so’ stata maie tanto aggitata.

                            M’arraccumanno a Dio, me faccio ‘a croce,

                           me dico ‘nu rosario sottovoce.

PASSANTE: (entra in scena da sinistra con un paccotto sotto il braccio, si fa verso il centro scena)  

                            Pecchè ‘o fanale è stutato? Pecchè stu vico stuorto addà stà ‘o scuro? (I due ladri

                            accennano ad un saluto) Sti dduie ca me salutano che vonno ‘a me, fermate sotto

                            ‘o muro?

1°LADRO: (Avvicinandosi con il 2°) Scusate buon uomo me sapisseve dicere l’orario?

PASSANTE: (impaurito) No, non lo so. Bbonasera! (fa per scappare)

1° LADRO: (Ordina al secondo) Fà presto, acchiappalo!

2° LADRO: (prende e ferma il passante) Staie fermo! E’ ‘na rapina!!

PASSANTE: (intrappolato) Nun tengo niente! Gente, aiuto! Aiuto! Lassateme è n’aggravio. Io sò

                            nu pover’ommo che vulite?

1° LADRO: Dacce tutte ‘e sorde o t’accidimmo!

PASSANTE: Sò pate ‘e tre criature. Denare? E chi ne tene? Maniate. Io sò faticatore; nun è vedite 

                            ‘e mmane faticate?

2° LADRO: Che tiene dint’a stu paccotto?

PASSANTE: Chesta è nu poco ‘e pasta. S’aspetta a mme pè mettere ‘a tiana. V’ha vulite piglià?

                            Purtatavella. E n’appicciammo manco ‘a furnacella. (Il 2° ladro pensa e lo lascia)

1° LADRO: Ma che faie? Chillo se ne fuie! Pigliate tutte cose!

2° LADRO: A’ delinquenza ‘e n’ommo se sviluppa, quanno n’ato ommo nun rispetta ‘a zuppa. E tu

                      si nu verme! Nun’ aie capito ca tene tre figlie ‘a casa c’ò spettano pè mangià?

1° LADRO: E che me ne ‘mporta?

2° LADRO: Fujetenne mò! Sinnò chiammo io ‘e guardie! Io e te nun simmo cchiu’ cumpagne.

                    Vattenne. Vattenne!! (Il 1° ladro scappa via)

PASSANTE: Io v’aggia portà p’esempio a tanta ggente can un fa cumme vuie. Vuie rispettate ‘o

 puveriello… ve cummuvite ‘e nuie e v’astipate subbeto ‘o curtiello!!!  Faciteme ‘o piacere. Ve voglio offrì ‘na cosa. Vuie meritate. Ve voglio vedè allere.

 Me sento ‘e ve ‘nvità!

2° LADRO: Ma vuie pazziate?

PASSANTE: E chi l’avesse fatto? Venite ‘a casa mia: sò maccarune. E c’’e mangiamme assieme cu

                    ‘e guagliune. (Gli mette una mano sulla spalla e lo porta via a destra).

Una voce fuori scena grida disperata: Ahhhhhh!! E’ muorto ‘o signurinoooooo!!!!!

·RISALIRE GRADUALMENTE A PIAZZATO NORMALE

Entrano dei ragazzi battendo le mani a ritmo e cantano a cappella

_________________                   Ciccio Cappuccio, ‘o principe

d’è guappe ammartenate

ha nchiuso l’uocchie d’aquila

e sulo nce ha lassate!

_________________                          Scugnizze e capepuopole ,

picciotte e cuntaiuole

chiagnite a tant’e lacreme!

Ite perduto ‘o sole!!

________________                          Chi ve po’ cchiù difendere ?

Senz’isso che facite?

A chi jate a ricorrere

si quacche tuorto avite!

__________________                        Isso, sul’isso era abbele

A fa scuntà sti tuorte…

Mò chi può cchiù resistere!

Ciccio Cappuccio è muort!

__________________                          Russo, nquartato giovane

Pareva justo Orlando

Quann’o verive scennere

Mmiezo San Ferdinando!

__________________                       V’allicurdate ‘o sciopero 

Pare succieso aiere

Sul’isso dette l’ordene

E ascetteno ‘e cocchiere

____________________                      E quannn dint’e carcere

Po’ ‘o fatto d’è turnise

Isso avette che dicere

Cu ‘e guappe calavrise

_____________________                    -Tirate mano, armateve!

Tenite core mpietto?

E n’abbattette dudece

Cu ‘e tavole do lietto!!

____________________                      Currite, mò so portano!

Menatele ‘e cunfiette!
 Scippateve, stracciateve

‘e core a dint’e piette!

____________________                    Picciotte e capepuopole

Scugnizze e cuntaiuole

Chiagnite a tant’e lacreme….

Ite perduto ‘o sole!!!!

·INSERIRE TRACCIA __________       TUTTA

·EFFETTO TUONO

·SAGOMATORE CENTRALE SU DON DIANA

·IL PIAZZATO CALA DI INTENSITA’

Un tuono anticipa l’inizio di un temporale. La pioggia allontana i presenti ma un’altra figura in abito talare entra in scena ponendosi al proscenio. Le luci disegnano la sua sagoma, il suo volto non è visibile. Coreografia Se tu Canti per Dio

Alla fine della coreografia:

DON DIANA       : Vuie!! (al pubblico) Vuie che state mmocc’ a lupa e nun vedite cchiù ne

ghiuorno né notte… pentiteve!!!! Sta lupa secca e avara comm’a na pezzente è trasuta ‘e sicco e s’è misa ‘e chiatto dint’a tutte ‘e case d’a città, S’è assettata a capotavola e allà cummanna, fa sta zitta e fa parlà, a tutte sparte sanghe e menesta, nu popolo ‘e surdate sta criscenno, creature senza né capo e né cosce, sulo cu ‘e mane, mane armate, mane ca vottano ‘o terreno dint’ all’uocchie e sparano!! Poh! Sparano!!

·INSERIRE TRACCIA _________

Poh!! Sparano, sparano, sparano!!! Sparano mmocca, dint’e vene giugularie , sparano sempe e surtanto a chi tene o’ fegato d’è piglià comm’a tanti ppezze! E scetateve… p’ammor d’a Madonna……. Scetateve!!!!! (Un colpo di pistola e Don Diana si accascia la suolo….. la pioggia aumenta e le luci calano)

·SFUMARE FINO AL BUIO GRADUALMENTE

VOCE FC: Il 19 marzo del 1994 il giorno del suo onomastico , veniva ucciso dalla camorra Don Giuseppe Diana, il parroco che voleva ridare la libertà al suo popolo!

SI CHIUDE LENTAMENTE IL SIPARIO

·RIACCENDERE PIAZZATO NORMALE

·INSERIRE TRACCIA _________ AD LIBITUM

Durante i saluti finali gli attori al momento dell’inchino getteranno nello scrigno i loro coltelli e tutte le armi che hanno. Alla fine lo scrigno sarà chiuso!!!.....

FINE

 

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno