La memoria del mé òm

Stampa questo copione

LA MEMORIA DEL MÉ ÒM

LA  MEMORIA  DEL  MÉ  ÒM

Di Velise Bonfante

Ines e Domenica, vicine di casa si incontrano nel giardinetto o in cortile. Ines, vestita elegantemente entra per prima ed annaffia i fiori.

* * *

Domenica) (Entra e stende la biancheria) Ciao Ines, che sét dré a fa de bèl?

Ines) So dré a daga en gós de acqua ai fiùr (avanza tre passi per vedere se arriva il marito) entant che spète el me òm che l’è ‘ndat a fam la spesa.

Domenica) (Meravigliata) Ma che brao òm che te ghé! Al me envece só mia stada buna de faga fa gnènt.

Ines) Cara la me Domenica, (al pubblico) el dis el proèrbe: “Om e ca come sei vüza se ghe j-ha” e te se vèt che te, te l’ét üzàt mal.

Domenica) Te ghé rezù Ines, el me om só prope mia stada buna de üsàl a fa niènt. L’è en crapù, e sé che j-ho pröade töte con de lü, ma gh’è stat gnènt de fa.

Ines) Apó a mé na ólta riàe a faga fa gnènt, cara la me Domenica, envece adès...

Domenica) El me, el lea sö de la tàola e le spòsta gna la scàgna, (aggressiva) i mestér po', gna parlan.

Ines) Me, cara la me Domenica co’ le bune maniere l’ho fat deènta en giojellino.

Domenica) Che fürtunada che te sét stada Ines.

Ines) L’è mia questiù de fürtüna, mé só stada pö düra de lü. “Chi la dura la vince” el dis el proèrbe e isé, varda per esempe encö, dopo viga fat töcc i méster el m’è andàt apó a fa la spesa.

Domenica) (Meravigliata) Brao, prope brao, ma la fal de sò có la spesa el tò òm?

Ines) Noooo, per carità, ghèl dize me chèl che ‘l g’ha de comprà e lü el töl sö el sò brao bigljèt e ‘l va (minacciosa) e come che le sta atento al tre per due, ai scöncc, a le oferte speciali! El la sa che sedenò me m’ènrabie e dopo ghe ùze dré.

Domenica) (Sospirando) Apó a mè g’ho pröàt en dé a mandà el me òm  a fa la spesa.

Ines) (Annusando) Me par de sènter udur de brüzat. Te nò?

Domenica) (Annusando anche lei) Me nò. Che siègn dré a dì Ines? (Pensando) Ah sé, che ‘l me òm el m’è andàt sé a fa la spesa ma el m’è vignìt a casa con dò burse piene de ciocolata, biscoti, patatine, budini, caramele e ròba simile.

Ines) De bu?

Domenica) Certo, isé me ghìe gnent de preparà de sena.

Ines) Ghe l’éret mia fat el biglièt? (decisa) Me ghèl fó semper cara mia!

Domenica)  Certo che ghe lìe fat el bigljèt! Ma ‘l se l’éra desmentegàt a casa, poarì el me om, el g’ha pö la memoria de na ólta.

Ines) (Avanza di 3 passi per vedere se arriva il marito) J-agn i pasa per töcc Domenica.

Domenica) Certo, el fato l’è che lü el se sènt amó en zuinòt, sul che crès j-agn e cala la memoria. Lü el se ricorda pö gna del nas a la boca, t’èl dize mé! (Annusando) El set che me par debù de sènter udur de brüzàt.

Ines) (Annusando anche lei) Adès mé ‘l sènte pö.

Domenica) Che sièm dre a dì Ines? Ah sé, la memoria del mè òm.

Ines) Set mia nada dal dutùr?

Domenica) Certo, el g’ha dat de béer zö de le büstine en de mès bicér de acqua e de le pastiglie prima de ‘ndà en del lèt.

Ines) E alura?

Domenica) Gnènt, ma me par de sènter en udur strano. Te nò?

Ines) Ma! Sarà vergü che brüza vergót. Sömea mia che se brüze en quertù de na machina da l’udur?! 

Domenica) Spösa l’è spösa. Che siègn dré a dì Ines?

Ines) De la memoria dèe tò òm, che ‘l g’ha pö memoria de na ólta e che ‘l se ricorda pö gna del nas a la bóca!  El g’ha de èser en gran bröt vìver en banda a giü sensa memoria!?

Domenica) Dìmel mia a me! Fürtüna che a casa ghe só me a ricordàm le ròbe, ma pènsa che lü, el g’ha ‘l coragio de dim che ghe tègne le ròbe scundide.

Ines) (Avanza ancora di 3 passi per vedere se arriva il marito) E te?

Domenica) Oddio Ines, en vergót me n’aprofite, ma töte stüpidade nè! De sòlit ghe cönte töt, varda töt, sul che lü el se j-a desmentéga. J-è ròbe bröte con chèla memoria l’é! Per me, ma apó per lü, poarì!

Ines) Porta pasienza Domenica, l’è en gran bröt pèrder la memoria, per chi la pèrd e per chi ghe vif ensema.

Domenica) Te ghé rezù Ines l’è pròpe en gran bröt, lü el se desmentega  enfinamai dei compleani, dei aniversari. Fürtüna che ghe só me a ricordam le ròbe. Epure me par de senter en gran bröt udur de bruzàt.

Ines) Udur de vergót che brüza de göst. Me só mia de sicür perchè stasera, me e ‘l me òm, sóm  envidàcc a mangià de la me mama che la m’ha preparàt i cazonzèi, e isé me ghe n’ho mia de pignatì söl föch. Pö che de quertù de la machina el mé par n’udur de aròst brüzat.

Domenica) (Annusando) Te ghét rezù, ghe vergü dré a brüza l’aròst. Che sìegn dré a dì? A propozit de aròst, ma ‘l set che apó me stasera per sena sö dre a preparà l’aròst? (Ricordando) El me aròst! (spalanca gli occhi) el sarà mia el me aròst!? Oddio-me-mama el me aròst (esce di scena precipitosamente) oddio-me-mama la me sena!!

Ines) Certo che l’è ‘n gran bröt pèrder la memoria!

Fine

LA  MEMORIA  DI MIO MARITO

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Ines e Domenica, vicine di casa s’incontrano nel giardinetto o in cortile. Ines, vestita elegantemente entra per prima ed annaffia i fiori.

* * *

Domenica) (Entra e stende la biancheria) Ciao Ines, che Stai facendo di bello?

Ines) Sto dando un goccio d’acqua ai fiori (avanza tre passi per vedere se arriva il marito) mentre aspetto mio marito che è andato a fare la spesa.

Domenica) (Meravigliata) Che bravo marito hai! Al mio invece non sono capace di fargli fare niente.

Ines) Cara la mia Domenica, (al pubblico) dice il proverbio: “Mariti e cani come si abituano si hanno” si vede che tu lo hai abituato male.

Domenica) Hai ragione Ines, mio marito non sono stata capace di abituarlo a fare niente. È uno zuccone, e sì che le ho provate tutte con lui, ma non c’è stato niente da fare.

Ines) Anch’io una volta non riuscivo a fargli fare niente, cara la mia Domenica, invece ora...

Domenica) Il mio, si alza dal tavolo e non sposta nemmeno la sedia, (aggressiva) le faccende poi, nemmeno a parlarne.

Ines) Io, cara la mia Domenica con le buone maniere l’ho fatto diventare un gioiellino.

Domenica) Che fortunata sei stata Ines.

Ines) Non è questione di fortuna, è che io sono stata più dura di lui. “Chi la dura la vince” dice il proverbio e così, guarda per esempio oggi, dopo aver fatto tutte le faccende è andato anche a fare la spesa.

Domenica) (Meravigliata) Bravo, proprio bravo, ma la fa di sua testa la spesa tuo marito?

Ines) Noooo, per carità, gli e lo dico io quello che deve comprare e lui prende su il suo bravo biglietto e va (minacciosa) e come sta attento al tre per due, agli sconti, alle offerte. Lo sa che altrimenti poi i lo sgrido.

Domenica) (Sospirando) Anch’io ho provato un giorno a mandare mio marito a fare la spesa.

Ines) (Annusando) Mi sembra di sentire odore di bruciato. Tu no?

Domenica) (Annusando anche lei) Io no. Cosa stavamo dicendo Ines? (Pensando) Ah sì, che mio marito è andato a fare la spesa ma mi è tornato a casa con due borse piene di cioccolata, biscotti, patatine, budini, caramelle e roba simile.

Ines) Davvero?

Domenica) Certo, così io non avevo niente da preparare per cena.

Ines) Ma non gli e lo avevi fatto un biglietto? (decisa) Io gli e lo faccio sempre cara mia.

Domenica)  Certo che gli e lo avevo fatto il biglietto. Ma se l’era dimenticato a casa, poveretto mio marito, non ha più la memoria di una volta.

Ines) (Avanza di 3 passi per vedere se arriva il marito) Gli anni passano per tutti Domenica.

Domenica) Certo, il fatto è che lui si sente ancora un giovanotto, solo che crescono gli anni e cala la  memoria. Lui non si ricorda più nemmeno dal naso alla bocca, te lo dico io! (Annusando) Lo sai che mi pare davvero di sentire odore di bruciato.

Ines) (Annusando anche lei) Ora io non lo sento più.

Domenica) Che stavamo dicendo Ines? Ah sì, la memoria di mio marito.

Ines) Sei andata dal dottore?

Domenica) Certo, e gli ha dato da bere delle bustine in mezzo bicchiere d’acqua e delle pastiglie prima di andare a letto.

Ines) E allora?

Domenica) Niente, ma mi pare di sentire un odore strano. Tu no?

Ines) Ma! Sarà qualcuno che brucia qualcosa. Non ti pare che stiano bruciando dei copertoni di macchina dall’odore?

Domenica) Puzza è puzza. Che stavamo dicendo Ines?

Ines) Della memoria di tuo marito, che non ha più la memoria di una volta e che non si ricorda più dal naso alla bocca. Deve essere un gran brutto vivere accanto ad uno senza memoria.

Domenica) Non dirlo a me! Fortuna che ci sono io a ricordarmi le cose, ma pensa che lui, ha il coraggio di dirmi che gli tengo le cose nascoste.

Ines) (Avanza ancora di 3 passi per vedere se arriva il marito) E tu?

Domenica) Oddio Ines, un qualcosa ne approfitto, ma tutte stupidaggini. Di solito gli racconto tutto, guarda tutto, solo che lui se le dimentica. Sono cose brutte con quella memoria. Per me e anche per lui, poveretto.

Ines) Porta pazienza Domenica, è un gran brutto perdere la memoria, per chi la perde e per chi gli vive insieme.

Domenica) Hai ragione Ines è proprio un gran brutto, lui si dimentica perfino dei compleanni, degli anniversari. Fortuna che ci sono io a ricordarmi le cose. Eppure mi pare di sentire un gran brutto odore di bruciato.

Ines) Odore di qualcosa che brucia di gusto. Io non sono di sicuro perché stasera, io e mio marito siamo invitati a mangiare dalla mia mamma che ha preparato i tortellini, e così io non ne ho di pentolini sul fuoco. Più che del copertone di una macchina mi pare odore d’arrosto bruciato.

Domenica) (Annusando) Hai ragione, c’è qualcuno che sta bruciando l’arrosto. Che stavamo dicendo? A proposito d’arrosto, lo sai che io stasera per cena sto preparando l’arrosto? (Ricordando) Il mio arrosto! (spalanca gli occhi) non sarà il mio arrosto!? Oddio-me-mamma il mio arrosto (esce di scena precipitosamente) oddio-me-mamma la mia cena!!

Ines) Certo che è un gran brutto perdere la memoria!

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno