La moglie in prestito

Stampa questo copione

LA MOGLIE IN PRESTITO

dall'Anfitrione di T.M. Plauto

Commedia brillante in due tempi

in dialetto vicentino

Sinossi

Giove si è invaghito di Alcmena, la bella moglie del grande ed eroico Generale Anfitrione, ma Alcmena è donna onesta e fedele e allora, per poter godere liberamente delle sue grazie, si trasforma nel di lei marito. Complice dell’inganno il Dio Mercurio che prende le sembianze dello schiavo Sosia.

E’ la versione irriverente e dissacratoria della nascita di Ercole. Equivoci, scambi di persona con soluzione finale di tutti i problemi da parte del classico Deus ex machina.

Personaggi 5(U) – 2(D)

il dio Mercurio

lo schiavo Sosia

Giove

Alcmena (moglie del generale Anfitrione)

il generale Anfitrione

la serva Bromia

Naucrate


                                

PRIMO TEMPO

(L’azione si svolge nella città di Tebe, davanti alla casa di Anfitrione – All’alzarsi del sipario la scena è quasi al buio e tutti i personaggi sono piazzati a formare quadro – Mercurio entra dalla parte del pubblico)

Mercurio

Salve zente ! Ma che bravi… Quanti che si’ ! Mi so’ Mercurio, el Dio de le comunicassion, dei commerci e dei imbroji ! So’ qua per spiegarve un poco de cosa trata ‘sta comedia che stemo par recitarve… Un momento… Me par de vedare tra ‘l publico de la zente che no xè massa atenta…  G’ho da ‘vertirve che se ghe xè qualchedun che ‘l xè vegnù qua par far casìn, xè mejo che ‘l se alza sùito dal so’ posto e che ‘l petota perché, se lo ciapemo, g’avemo l’ordine de farghe un bon tratamento de cocòni su la suca..! Ciaro ? E ‘deso, per piacere, SILENSIO ! La storia che ve ‘ndemo a contare la capita in questa belissima città: TEBE SUL BRENTA…

(Mercurio batte le mani e al suo cenno parte la musica, sale sul palco e, man mano che presenta i personaggi, questi escono di scena)

‘Sto qua xè ANFITRIONE che in latino vorìa dir OSPITE. ‘L xè el comandante de le trupe tebane che in ‘sto momento le xè in guera contro i Teleboi…

‘Sta siora qua la xè so’ mojere de Anfitrione, la se ciama ALCMENA.  Dona proprio par ben, gnente da dire !  Seria, onesta, inamora’ de so’ marìo… Ghe tende la casa… Ma la ga’ un caraterin… E ‘na lengua ! Vedarè, vedarè…

Eco qua BROMIA. La serva de Alcmena… ‘Na bona dona… Fiola de ‘n’altra bona dona… La g’ha un debole… I omeni…!

Questo xè SOSIA. Lo s-ciavo de Anfitrione, el so’ omo de fiducia… Anca lu’ xè in guera co ‘l so paròn…

In ‘sta comedia ghe sarìa anca un altro personaggio: BELEFARONE. Ma de ‘sto personaggio tornaremo a parlare… Vedarè ne la seconda parte…

E, finalmente, eco qua GIOVE, el dio dei DEI. Voialtri lo conosse’ come che ‘l xè fato… Basta che ‘l veda ‘na bea femena e suito el ciapa fogo. Come apunto xè capita’ co’ Alcmena. Ma Alcmena la xè femena onesta… E alora padre Giove par poderse godere le so’ grassie ‘l g’ha pensa’ de trasformarse in Anfitrione e cussì ‘l g’ha profità ben ben de la situassion… Ma cussì ben, ma cussì ben g’ha aprofita’, che ‘deso Alcmena la xè do volte incinta… De so’ marìo e de Giove… Come no xè possibile ? Noialtri Dei podemo tuto ! ESEMPIO: Vedìo ‘sto scuro ? Strana ‘sta note, vero ? Lunga… Savìo perché ?  Perché Giove, par godersela ‘l più possibile co’ la bela Alcmena, g’ha ordenà a la note de fermarse. Eco ‘l perché de ‘sto efeto notturno. Xè la note che la fa la ruffiana ! In ‘sto momento Giove xè in leto che ‘dopera la so’ femena e intanto ghe conta tutto quelo che Anfitrione ‘l g’ha fato in guera… Insoma, dopo ‘verghe impena’ la panza xè drio a impienarghe la testa co’ ‘na fraca de bae.

Par finire ghe sarìa qua anca mi, MERCURIO…So’ sta prega’ e strapregà da Giove de trasformarme in Sosia, el servo de Anfitrione, in modo che sia mi che lu podemo zirare par la casa senza dar sospeto…. Alora attenti ! Ne la comedia, proprio par no far massa confusion, mi e mio pare, anca se vestirà compagni de Sosia e Anfitrione, tegnaremo sempre i notri bei musi… Cussì vuialtri ne reconossì mejo, capì mejo tuta la storia e i so’ intrighi e ve diverti’ anca de pi’. A ‘sto punto la comedia la vole che entra sul palco el servo Sosia e che mi fassa de tuto par tegnerlo lontan da la porta de casa. Sarà tuto da ridare… Ma se volì che ‘i atori i recita al mejo, fene ‘n applauso de incoraggiamento… (Dopo l’applauso) Grazie par el vostro gesto spontaneo.

Sosia

(Entra molto circospetto e pieno di paura. Ha in mano una lanterna, un sacco e un telo da cantastori arrotolato ad un bastone) Ehilà… Ehilà… Ghè nisun ? No ? Per la miseria ! Vorìa proprio védare se al mondo ghe xè uno mejo de mi ! Viajare da solo, de note, col pericolo che un stramaro de briganti me salta ‘n dosso par rubarme el vestìo. Tuto par darghe sodisfassion al me paròn ! Can del porco ! Nol podéa mandarme de matina da la paròna ? No, gnanca morto ‘sto cancaro ! Cossa vuto che ghe ne ciava al me’ paròn se vegno pestà a sangue da diesemila guardie o se casco nee man de tre o quatro deinquenti che me rompe ‘i ossi ! Bea roba la xè questa del servire un paròn sior ! Anca se te fussi sempre drìo a laorar co’ fa ‘na bestia. El paròn no ‘l sarìa mai contento. Tra lavori e piaseri che te toca farghe, no se pole mai riposare. El paròn xè paròn… Nol capisse gnente de laorar, LU. Nol sa, LU, cossa voja dir la fadiga… Lu… E più te laori più el vorìa che te laorassi. Ghe par giusto a LU che un omo, perché anca se so’ s-ciavo, so’ sempre un omo, possa far tuto queo che a LU ghe passa par la testa. Nol tien conto, LU, se sia giusto o sbaglia’ quel che me ordena. E cussì te toca stare a i so’ caprissi, e caricarte de pesi co’ fa un musso.

Mercurio

Sentì ‘sto qua che servo l’è nato ! Cossa dovarìa dir mi che so’ nato Dio e par obediensa a mio pare me so’ fato s-ciavo ? 

Sosia

A dire ‘l vero ne sarìa anca ‘ndà puìto. Ghemo vinto tuti quei che ne gera contro, ghemo disperso tuti i nemisi, ghemo scavesa’ i coi dei aversari, ghe ghemo masenà i osi… Ghe ghemo stuprà le femene… No mi… ‘i altri…  E tuto ai ordeni de Anfitrione, el me’ paròn… Ciò, ‘deso Anfitrione ‘l xè l’eroe, l’idolo dei tebani, el trionfatore, quel che g’ha consolida’ el regno al re Creonte, quel che g’ha slarga’ i confini de ‘a Patria, quel che g’ha copa’ co ‘e so’ man el re dei Teleboi…  Lo steso fiol d’un can che a ‘sta ora de note el me g’ha ordenà de lassare la nave par vegnr qua a contarghe a la paròna del so’ eroismo e tante altre bae...! Bastardo d’un paròn ! Ma proprio a ‘sta ora ? E me g’ha anca dito de contarghe tuto a la paròna co’ le paroe più bee che cognossa… Alora vedemo… Allorché il piè mettemmo a terra… No… Allorquando giungemmo all’approdo… No… Allorquando il naviglio gettò l’ancora nelle nemiche acque…No… Non appena giugnemmo ai nemici lidi… No…

Mercurio

Ma par cossa no te parli come che te magni ?

Sosia

Ma par cossa no parlo come che magno ? ‘Pena ‘riva’…

Mercurio

Eco, bravo…

Sosia

Eco, bravo… ‘Pena ‘Riva’… ‘Pena ‘riva’ Anfitrione g’ha scelto tra le so’ trupe i omeni più fida’ par mandarli a discutere coi nemissi e sercare cussì de vinsere ‘sta guera sensa star lì a far tanta fadiga a combatere… (Mostra il primo disegno) Eco qua, vedìo ? Xè tuto fotografà su la Gazetta Tebana… Ma ‘sti Teleboi no’ i gavea nissuna intension de farse metare soto dai primi ‘riva’ e, a muso duro e bareta fraca’, i se g’ha piaza’ lì, davanti de nojaltri, decisi a no farne pasare… E alora… Ciò, xè sucesso el mazeo ! Gambe de qua, brassi de là… Un gran sluamaramento de sangue ! Come podì vedere qua da ‘sta ilustrassion…(Secondo disegno) Bisogna però che ve conta el momento pì mejo de tuta l’operassion. Quando el me’ paròn Anfitrione, nel mezo de la batalia, co’ ‘ e so’ man, par insegnarghe a vivare, g’ha copà Pterela, el re dei Teleboi. Vedìo qua ? (Terzo disegno) No par dire, ma xè ‘sta’ ‘na  grande, ciò ! El dì dopo, i pori Teleboi, co’ ‘e recie moe a la coa tra ‘e gambe, i xè vegnùi a domandarne la pace. Par stavolta ghea vemo concessa parché semo i più forti, xè vero, ma savemo anca stare al mondo. E lori, par mostrare el so’ rispeto, i ghe g’ha regala’ al me paròn la scuea de oro ‘ndove che bevea el re Pterela… (Quarto disegno) ‘Deso chea scuea la xè custodia in ‘sta caseta  (Indica la cassetta) … Eco qua ! Questo xè queo che xè capità… Insoma, questo xè queo che ghe contarò a la me’ paròna e speremo che no la me fassa star in pie tuta la note a contarghe anca queo che no so ! (Raccoglie le sue cose)

Mercurio

L’è drio pareciarse a entrare drento casa. Ghe ‘ndarò incontro e no ‘o lassarò vegnere taca’ de ‘a porta. Fin quando ghe somejo so’ sicuro de torlo pa’’l dadrio  come che vojo e visto che so’ come lu, bosogna anca che me comporta come lu ! Bisogna che me mostra pien de busìe, de imbroji e de furbarie. (Sosia guarda il cielo) Ma cossa falo ? El varda par aria ? Bisognarà che lo tegna de ocio.

Sosia

Se ghe xè ‘na roba che so’ sicuro, xè che el Dio de la note se g’ha indormensa’. Si, ciò !

Parché la luna la xè ferma ‘ndove la xè nata… Orione no g’ha voja de tramontare, la stela boara no se g’ha sposta’ d’un pelo… Pare proprio che la note no voja far posto al giorno…

Mercurio

Va’ ‘vanti col to’ lavoro, note rufiana ! Daghe ‘na man a mio pare… Te si’ drio a farghe el mejo servissio al mejo de tuti i Dei !

Sosia

Mi ‘na note cussì longa no la g’ho mai vista da quando so’ vegnu’ al mondo ! A g’ho paura che ‘l Dio del sole se g‘abia tira’ su ‘na simia de quele ‘vanti de indormensarse !

Mercurio

Ma varda cossa xè drio a pensare ‘sta schena da paseta’. Prova a vegnere taca’ dea casa e te vedare’ cossa te capita !

Sosia

(Gridando)  Ehi… ‘ndove se g’ha sconti  tuti chei putanieri che no i xè boni de dormir soli ? Questa note cussi longa la par fata a posta par sfrutare ben ben  una de quele gran vacone che la se fa pagar sala’

Mercurio

Proprio queo che Giove xè drio a fare co’ Alcmena !

Sosia

Dai… Avanti… ‘Ndemo a conterghe a la paròna quelo che me g’ha comanda’ de dirghe el paròn… (vede Mercurio, uguale a se, piazzato davanti alla porta di casa. Esita) Ma chi xelo cher là davanti la porta dela casa… El me someja massa… No me fido !

Mercurio

No g’ho mai visto uno più viliaco de ‘sto qua. Deso vojo divertirme… Ghe sigarò drio e cussì lo farò cagar soto…. (Finge di allenarsi a dar pugni) Avanti, pugnassi… Xè un bel toco che no ve tegno in esercissio… Me pare passa’ un secolo da quando jeri sera ne g’ho distira’ quatro in un colpo solo.

Sosia

Casso ! Ne g’ha distira’ quatro co’ un pugno solo… El g’ha da tirar catane da urlo ! G’ho paura che se me ne tira una, no i me trova pi’ gnanca all’anagrafe !

Mercurio

‘Vanti… Oramai g’ho deciso… (Si rimbocca le maniche)

Sosia

El se tira su le maneghe… El g’ha tuta l’aria da prepararse a dar pache… Mejo starghe lontan almen do pari de brassi.

Mercurio

Queo che vegnerà davanti de ‘sta porta magnarà un bel po’ de stramusoni…

Sosia

Grazie, ma no g’ho de ‘sta fame… Se te ghè sale in suca ‘sto tipo de magnare dagheo a qualcun più afama’ de mi.

Mercurio

G’ho sentìo colcossa ne le recie…

Sosia

Sarà ‘na bruta malatia…

Mercurio

Eh si, Perdiana… Qua xè drio a parlar NON SO CHI…

Sosia

Son salvo ! Nol me g’ha riconossu’ ! El dise che g’ha parla’ NON SO CHI, invese mi me ciamo Sosia…

Mercuio

Me g’ha colpìo ‘na vose… La vegnea da destra…

Sosia

Mi lo g’ho colpìo co’ la vose e lu me coplirà co’ i pugni… Sarà ben ‘ndarge incontro e parlarghe… Chisà che no ‘l tegna a posto le man… (Lo chiama facendo segnali conla lanterna) Ehi…pss…Pss…

Mercurio

Dove veto ti che te porti la luce del Dio Vulcano sara’ drento a chel trabicolo ?

Sosia

Cossa te interessa a ti, scassaomeni ?

Mercurio

Te sì s-ciavo o libero ?

Sosia

Te ciava a ti ?

Mercurio

(Minaccioso) Gheto dito ?

Sosia

Gnente ! Digo che se mi «FUSSE» uno che «TE CIAVA», te dirìa che so’ s-ciavo o libero secondo la luna che me ciapa !

Mercurio

Posso savere chi te sì, ‘ndove te sì drio a ‘ndare e cossa te sì vegnù a fare ?

Sosia

(Indicando la porta di casa) So’ lo s-ciavo del me’ paròn, g’ho da entrare ‘n casa par la porta e g’ho da parlare a la me’ paròna… Contento ‘deso che te sì ‘nformà de tuto ?

Mercurio

Varda ch te ‘a violento chea lenguassa !

Sosia

No xè giusto !

Mercurio

Perché ?

Sosia

Perché la xè ben sarà in boca e la xè ‘na lengua VERGINE !

Mercurio

No ‘sta a far tanto ‘l furbo ! Cossa viento a fare taca’ a ‘sta porta ?

Sosia

E ti ?

Mercurio

Siccome la xè ‘na casa de intersse pubblico, el re ghe fa metere sempre ‘na guardia, ogni note…

Sosia

Bravo… Ma ‘deso te poi ‘ndare a dirghe che i xè tornà quei de casa…

Mercurio

Mi no so quanto ti te sipi de casa, ma se no’ te sparissi suito, caro el me omo de casa, te sarè tratà in modo poco casalingo. (Mostra i pugni)

Sosia

Ciò..! Varda che mi so’ lo s-ciavo in ‘sta casa…

Mercurio

Se no te volti suito i tachi de qua, te ‘riva doso ‘na caretà de bote…

Sosia

Vuto tegner fora de casa sua uno che torna ‘deso de la guera ?

Mercurio

Sarìa la to’ casa ‘sta chi ?

Sosia

Sicuro !

Mercurio

E chi sarisseo ‘l to’ paròn ?

Sosia

El capo de l’esercito tebano… El marìo de Alcmena… Anfitrione !

Mercurio

Senti, senti… E ti come te ciamito ?

Sosia

Mi no me ciamo mai… Ma i tebani i me ciama Sosia, so’ fiolo de Davo…

Mercurio

Stanote te sì ‘riva qua con ‘na sfilsa de busìe, par la to’ sfiga, e co’ un vestìo de truchi…

Sosia

No… So vegnù qua co’ un vestìo de stofa, no de truchi.

Mercurio

E te sì busiaro de novo !

Sosia

Perché ?

Mercurio

Perché te sì vegnu qua coi pìe, no col vestitito.

Sosia

(Dopo un attimo di riflessione) Ma sicuro… Mona !

Mercurio

(Aggredendolo) “Sicuro Mona ?”  E alora bécate ‘sto crostolo  par la to’ busìa.

Sosia

No…No… No g’ho voja casso !

Mercurio

Come “No g’ho voja” ? (Lo picchia) ? Sto pugno xè tuo sensa dubi…

Sosia

(Urlando) Aiomama ! No… No…

Mercurio

Tuto ‘sto casìn par cussì poco ?

Sosia

Poco ?

Mercurio

Siorsì, POCO ! Xè ancora poco in confronto a queo che te g’ha da capitare… Di chi xè che te si’… (Lo scuote energicamente)

Sosia

Tuo, tuo, tuo… Co’ i to’ pugni te me ghé conquistà ! (Scappa e grida) Aiuto… Tebani…

Aiuteme zente…

Mercurio

(Raggiungendolo e picchiandolo ancora) Te sighi ‘ncora bruto desgrassià ? Dime perché te sì vegnù davanti a ‘sta casa…

Sosia

Par cavarte ‘a spissa de spacare ‘i osi a un poareto !

Mercurio

Alora, chi sito ?

Sosia

Te digo che son Sosia, lo s-ciavo de Anfitrione…

Mercurio

Te ghin ciapi ancora perché te disi cassade ! Son mi Sosia de Anfitrione, e no ti !

Sosia

Magari te fussi ti Sosia e fusse mi a darte !

Mercurio

Te seiti a parlar par gnente ?

Sosia

(Vinto) Taso, taso…

Mercurio

Alora… Chi xelo ‘l to’ paron ?

Sosia

Chi te vui ti…

Mercurio

Che nome gheto ?

Sosia

Queo che te preferissi…

Mercurio

Però te ve’ contando de esser Sosia de Anfitrione…

Sosia

Chi, mi ?

Mercurio

Ti, ti…

Sosia

Gheto la paceca nee recie ? G’ho dito SOCIO de Anfitrione e no SOSIA…

Mercurio

Ah… Voeva ben dire… Qua no ghe xè altro Sosia fora che mi… Te ghè ‘l serveo sbampìo.

Sosia

Fusse capità la stesa roba ai to’ pugni…

Mercurio

Son mi el servo Sosia che te disi de eser ti…

Sosia

(Dopo un attimo di perplessità) Sta’ ‘tento… Lassa che te parla s-ceto… No sta’ a incoconarme…

Mercurio

Te dago un poco de tregua…

Sosia

No, no… Niente tregua… Parlarò solo a PACE FATTA, visto che te ghé i pugni mejio dei mii…

Mercurio

Van ben, va ben… Parla, parla… No te’ farò male…

Sosia

Me posso fidare ?

Mercurio

Sicuro !

Sosia

E se te me ciavi ?

Mercurio

Se me passa par la testa anca solo l’idea de ciavarte, GIURO… Che la rabia del Dio Mercurio la possa cascare su la testa del servo Sosia…

Sosia

(Un po’ perplesso) Bon… Visto che posso parlare liberamente… Sosia… Lo s-ciavo de Anfitrione… Son mi…

Mercurio

(Picchiandolo nuovamente) Ancora te insisti desgrassia’ ? (N.B. Mentre Sosia è a terra dolorante Mercurio gli frega la coppa d’oro che sta nella cassetta e la nasconde)

Sosia

Aiomama… Aiomama… G’ho fato pace… G’avemo fato ‘n accordo…

Mercurio

Ma quae acordo ? Me gheto ciapà par un sonadore ?

Sosia

Casso ! Visto che ti te me ghè ciapà par un tamburo…

Mercurio

Feto ‘ncora lo spiritoso…

Sosia

(Arrendendosi) Fa’ pure queo che te vui visto che te sì pi’ forte de mi… Ma par quanto te fassi, mi sarò sempre quel che son…

Mercurio

‘Sto chi g’ha poche fassine al cuerto…

Sosia

E le tue le xè tute in corte a l’acqua…

Mercurio

(Minacciandolo) Te ofendi anca ?

Sosia

Aiomama ! (S’incattuccia frignando) Ma come..?  Non so mi el servo de Anfitrione..?

Mercurio

No !

Sosia

No so’ mi queo che stanote ‘l xè torna’ da la guera ?

Mercurio

No !

Sosia

Quela no xè la nostra casa ?

Mercurio

No !

Sosia

No son mi quelo che xè ‘sta pesta’ a sangue da ‘sto bruto ?

Mercurio

Siii…!

Sosia

Casso se son mi ! E alora, par cossa sto qua impala’ e no entro in casa nostra ?

Mercurio

Come sarìa a dir “Casa nostra” ?

Sosia

Sicuro…! Casa nostra !

Mercurio

Tuto queo che te ghè dito fin ‘deso xè un mucio de busìe perché MI son Sosia. Lo s-ciavo de Anfitrione… Stanote NOIALTRI semo torna’ da la guera… NOIALTRI ghemo ciapà la cità ‘ndove che regnava el re Pterela… Noialtri ghemo sconfitto le trupe dei teleboi…E Anfitrione, co’’e so’ man, in mezo al casìn de la batalia, g’ha fato a tochi el re !

Sosia

(Interdetto) No posso crederghe a le me’ rece... ! El sta contando LU queo che g’avemo fato NOIALTRI..! (Ispirato da un’idea astuta) No, no… ‘speta, ‘speta… Se TI te sì Sosia, dime ‘na roba… Cossa i ghe g’ha regala i teleboi a Anfitrione ?

Mercurio

(Senza esitare) La scuea de oro ‘ndove che bevea ‘l re Pterela !

Sosia

(Colpito) Lo g’ha dito..!  E che scuea dove xea ‘deso ?

Mercurio

Drento a ‘na caseta sigilà col sigilo de Anfitrione…

Sosia

Lo g’ha dito..! Ciò, e ‘sto sigilo cosa rappresenteo ?

Mercurio

El sole che nasse…

Sosia

Lo g’ha dito ! Ma come g’avaralo fato a savere tute ‘ste robe ! Ma ‘deso lo ciavo… Queo che g’ho fato tuto solo ne ‘a tenda del me paròn no podarà mai dirlo...! (Ridacchia) ‘Tento… Se te si’ Sosia rispondi… Cossa fasevito ‘nte la tenda de Anfitrione mentre che i soldati i gera drìo a combatere… Se te ‘o sé me arendo.

Mercurio

A g’aveo un gran cagoto par la batalia e alora me son sconto de drio de ‘na bote…

Sosia

Xè drio a dirlo…

Mercurio

Par farme corajo ne g’ho bevùo un bocale…

Sosia

Lo sta disendo…

Mercurio

E dopo… Sicome la paura la gera tanta, e ‘l vin gera fresco e fizantin, pian pian g’ho quasi svodà tuta la bote…

Sosia

Lo g’ha dito… Ma come casso galo fato a savère tute ‘ste robe ? Nol sarà mia sta’ sconto drento dea bote ? El fato xè che g’ho davero bevù meza bote de vin…

Mercurio

Alora ? Te goi convinto che no’ te si’ Sosia ?

Sosia

Alora mi no son più mi ?

Mercurio

E no… Visto che Sosia son MI…

Sosia

Per Giove… Giuro che no digo busìe !

Mercurio

E mi PER MERCURIO giuro che Giove xè massa impegna’ par crederte. El me crede pi’ a mi sensa che giura che a ti anca se te giuri mille volte !

Sosia

(Molto confuso) ‘Scolta… Per piacere… Se MI no son Sosia… Chi sonti ?

Mercurio

Quando MI me sarò stufa’ de esere Sosia, Sosia  te podarè eser TI… Ma fin quando Sosia son MI, te ghin ciapi ‘na carga se no te cavi dai pìe… Capìo..?  SPASSAURA ! 

Sosia

(Perso) Ciò… A vardarlo ben, savendo come so’ fato, LU ‘l me someja come ‘na giossa de acqua… I cavéi, le strasse, TUTTO ! Se g’ha anca ‘i ossi scaessa’, LU xè MI ! (Prendendo una decisione eroica e pericolosa)  No, no… Mi so’ sempre quel che son sempre sta’ ! Conosso la casa, el paròn, la paròna… MI son MI…! No ‘scoltarò pi’ quel che dise ‘sto busiaro e vao drento casa… (Si avvia)

Mercurio

‘Ndove te si’ drio a ‘ndare ?

Sosia

In casa MIA !

Mercurio

Sta’ ‘tento, CAVARON… Se te continui su ‘sto tono, te te salvi  da i me’ pugni solo se te scapi de qua co’ fa un sitòn…

Sosia

Ma no posso contarghe a la paròna queo che me g’ha dito de dirghe el paròn ?

Mercurio

A la TO’ paròna te poi contarghe tuto queo che te vui, ma che te vegni qua, a disturbarme la mia, no’ te ‘o permeto ! Rompeme ‘ncora i maroni e te servo un spessatin de ossi… Capìo, bruto MUSSO ?

Sosia

Capìo, capìo… Vao via… Vao via… (S’inginocchia invocando) Dei…! Ajuteme ! ‘Ndove xè che son morto ? ‘Ndove xè che me son perso ?  Che me sia desmentegà de mi sul campo de batalia ? Casso ! Da vivo xè drio a capitarme queo che nessun tenterà de farme dopo che sarò morto ! Tornarò a la nave e ghe contarò al me paròn queo che me xè capità e speremo che gnanca lu me riconossa cussita me trovarò finalmente un omo libero. (Osservando bene Mercurio) Casso… L’è proprio compagno de mi… Preciso… Spua’ ! (Esce)

Mercurio

Visto come che se fa a metere a posto un rompibale ? ‘Deso Sosia andarà dal so’ paròn e ‘l ghe contarà che ‘n altro Sosia lo g’ha parà via de casa… El paròn credarà che Sosia g’abia bevu’ e ghe darà ‘n’altra bea frachetà de bote… Me la spasarò un mucio a meterli in confusion tuti quanti fin quando mio pare no se serà stufa’ de la so’ dona… Ssss…Silenzio per piacere ! La porta del casa xè drìo a verzerse… Eco Giove che ‘l vien fora co’ Alcmena, la mojere ‘n prestio. 

Giove

(Esce di casa accompagnato da Alcmena un po’ incinta – Parlando imita la voce di Anfi-trione) Stame ben, sposa… Tien da conto la nostra roba e, par carità, tiente da conto anca ti. Ormai xè ora che nassa el bocia… Me racomando, tirao su ben come che farìa mi…

Alcmena

Ma cossa xè che te obliga a ‘ndartene via cussì de pressa, cocchino mio ?

Giove

De seguro no perché me sia stufa’ de ti e dea casa, par Giove ! Ma xè che quando un capo manca dal so’ esercito, mi lo so, i soldati i fa queo che non dovarìa fare e no queo che andarìa fato… Perché se tutti i fasesse queo che andarìa fato, queo da fare se farìa… Ma sicome quel che andarìa fato nol vien fato, alora no se fa… Capìo ? (Accarezza e coccola Alcmena)

Mercurio

Ma senti come che te intorcola i discorsi… Se invesse de far el Dio el fasesse politica  g’avarìa più successo e più fedeli. Vardelo come che ‘l se cocola la so’ Alcmena chel rufian…

Alcmena

Ti te me caressi ma intanto… ‘Deso vedo quanto che te importa de mi !

Giove

Ma no te vedi che te voio ‘na scareta’ de ben ?

Alcmena

Vurìa che te meo fasessi vedere coi fati e no dirmeo a paroe.. No te ghè gnanca fato ora a scaldar el leto e varda, ti te ve’ via e so’ de novo mi da sola…

Giove

‘Scolta Alcmena, te lo g’ho za dito… Te si’ l’unica par mi…

Mercurio

(Piano a Giove) Se Giunone la savesse i to’ imbroji te preferiressi essere Anfitrione invesse che Giove.

Giove

(Stando al gioco) Cossa c’entrito ti ne ‘e me robe ? Vuto che te scavessa el colo, canaja ?

Alcmena

Cocchino… Te sì ‘riva’ a casa che gera mezanote pasa’… El sole g’ha ‘ncora da spuntare e te voi za lassarme… No xè mia belo cussita… (Giove resta interdetto)

Mercurio

Ecco, ecco… El padre degli Dei xè in dificoltà… No xè bon a tenerghe testa a le ciacole de le done… Sarà mejo darghe ajuto. (Ad Alcmena) Par Diana, paròna, no credo che ghe sia al mondo on altro cusì taca’ a so’ mojere come lu ! Ma no te vedi che  ‘l te more drìo ? Che co’ te sta visin el se fa tuto molo, molo…

Giove

(c.s.) Guai a ti se te verzi ‘ncora boca, ramengo ! Par tornare a nojaltri, Alcmena, te prego, no stare a ‘rabiarte… So vegnù a trovarte de sfroso da l’esercito par poder stare con ti e contarte de le mie imprese… Posso voerte pi’ ben de cusì ? Ma ‘deso però bisogna che torna alla nave ‘vanti che se acorza che manco. No vorìa che disesse che meto la mojere davanti al dovere…

Alcmena

(Frignando) Eco… Te torni dai to’ soldati e te me lassi qua a pianzere…No xè belo, cocchino mio..!

Giove

Bona… Bona… Bona… E bona, no ! Se te seiti a pianzere te me fe’ crepare el core ! Te prometo che tornarò presto.

Alcmena

Anca l’ultima volta te ghe dito che te sarissi torna’ presto, ma par ti presto vol dir tardi che no se sa mai quando… Sta’ ‘ncora ‘na s-cianta co’ mi, deiiii cocchino mio….!

Giove

Ma par cossa te zerchi de straviarme dal dovere ? No te vedi che xè ora che vaga ? G’ho da rivare al porto ‘vanti che vegna ciaro. Ma prima de ‘ndar via, Alcmena, varda cosa che te regalo. (Si fa dare da Mercurio la coppa d’oro rubata a Sosia e gliela porge) ‘Sta scuea che i teleboi me g’ha regala’ per i me’ meriti de guera… Ghe bevea drento el re Pterela che g’ho copa’ coe me man… Ciapala… Dai… La xè de oro massiccio.

Alcmena

(Prendendo la coppa) Ecco… Semo a le solite ! Te vien qua ‘na note, te me porti in leto, te me dopari e po, a la fine, te me de’ dea roba de oro. Bei regai ! Giusti pa’ un putaniere.

Mercurio

E ela che li ciapa cosa xela ?

Giove

Insoma, ghe moito si o no ? Vuto che te copa, disgrassia’ ? (Sta per dargli un calcio)

Alcmena

Anfitrione… Cocchino mio… No stare a ciapartela co’ Sosia par colpa mia.

Mercurio

Va ben che l’amore fa ‘ndare via de testa, ma quel che xè massa, xè massa !

Alcmena

(Vezzosa) Anfitrione, cocchino mio, vojo che te me voji sempre ben, ben, ben…

Giove

Ma sicuro !

Alcmena

(Parte e poi ritorna) Anfitrione, cocchino mio, anca se distante da ti sarò sempre tutta tua, tua, tua…

Giove

Tutta ?

Alcmena

Tutta !… Anfitrione, cocchino mio, stanote te me ghe dopara’ da Dio…

Giove

Vero ah …!  (Alcmena rientra)

Mercurio

(Facendo il verso ad Alcmena) Anfitrione, cocchino mio… Bisogna che ‘ndemo e che te

ordeni ala note de ‘ndare ‘n leto…

Giove

Giusto..! (Invocando la notte) Note… G’ho fato… Te poi far posto al giorno; e ti, giorno, visto che la note la xè sta’ cussì longa, scurtate un poco, tanto par compensar la diferenza… Bon lavoro…

(Musica dolcissima – Lentamente la notte lascia posto al giorno. Giove e Mercurio stanno ad ammirare lo spettaclo poi si scuotono)

Giove

Dai, vienme drio…

Mercurio

Vegno, vegno…

Giove

Te sì proprio ‘na gran canaja…

Mercurio

Ma parché po’ ?

Giove

Parché… Parché… (escono)

(N.B. Dalla freccia all’uscita, Giove e Mercurio, reciteranno le loro battute a dissolvenza incrociata assieme a Sosia e Anfitrione che entreranno dalla parte del pubblico e che, fino alla fine della sequenza, recitaranno camminando in Platea come se quello fosse il percorso dalla nave alla casa)

Anfitrione

Dai, vienme drio…

Sosia

Vegno, vegno…

Anfitrione

Te sì proprio ‘na gran canaja !

Sosia

Ma parghé po’?

Anfitrione

Parché, parché… Perché te me conti queo che no xè, che no xè sta’, che no podarà mai essere…

Sosia

Eco… Ghe risemo ! Te si’ ‘l solito sospetoso…

Anfitrione

Cossa vurissito dire con questo ? Desgrassia’, vuto che te cava chea lenguassa ?

Sosia

Paròn, son tuo, te poi far de mi quel che te vui, ma anca se te me tiri el colo, no te podarè mai farme dire ‘l contrario de quel che xè !

Anfitrione

Vuto farme credere che in ‘sto momento te sì qua co’ mi e anca drento in casa ?

Sosia

Questa la xè proprio la verità.

Anfitrione

Imbriagòn… Bon da gnente… Suca da mas-ci ! Vuto tore in giro mi, el to’ paròn ? Gheto ‘l coraio de siitar a contare queo che nesun g’ha mai poduo vedare a ‘sto mondo e che no poe esere: che lo stesso omo el staga neo steso momento i posti diferenti..!

Sosia

Te g’ho dito la verità e son sicuro de queo che te g’ho dito.

Anfitrione

Che Giove te fulmina, maledeto !

Sosia

Ma perché te me maedissi… Cossa te gonti fato de mae..?

Anfitrione

E te meo domandi, cancaro ? Te me cojoni !

Sosia

Ma no, no te cojono, giuro ! Davanti casa ghe g’era ‘nantro Sosia !

Anfitrione

Sito spolpo, si ?

Sosia

Magari !

Anfitrione

Te vurissi essere queo che te sì !

Sosia

Chi, mi ?

Anfitrione

Ti, ti… Dove sito ‘nda’ a ‘mbriagarte ?

Sosia

In nesun posto… (Categorico)  Davanti casa ghe gera ‘n antro Sosia !

Anfitrione

Se te seiti cussì te capita ‘na disgrassia su la schena !

Sosia

Ma parché ?

Anfitrione

Parché no te ghè fato queo che te g’ aveo comanda’ e par zonta te me toi pal culo ! A mi, al to’ paròn… A g’ho voja de darte ‘na pasada..!

Sosia

La forsa bruta e la violensa no le podarà mai sarar la boca a la verità.

Anfitrione

Ma sta’ ‘tento, pacifista col servèo de gaina, spiegame come pol esser posibile che te sipi qua a parlar co’ mi e anca drento casa ?

Sosia

Epure so’ qua e anca ‘n casa… E ‘sto fato me maraveja anca mi !

Anfitrione

Ma cosa disito, simpio ?

Sosia

Te digo che de ‘sta storia no capisso gnente gnanca mi ! Prima no podeva credere ai me’ oci ma dopo MI, quel MI che ‘deso son drento casa, el m’ha fato convinto ! El me g’ha contà par filo e par segno tuto queo che g’avemo fato sul campo de bataglia…El xè fato compagno de mi… Le so’ strasse le xè compagne de le mie… Te ricordito quando stanote te me ghe ordenà de ‘ndare a casa da la parona ? Te ricordito ?

Anfitrione

E alora ?

Sosia

Alora mi son sta’ tanto svelto che ‘ncora ‘vanti de ‘rivare, gero za’ davanti dea casa a spetarme.

Anfitrione

Ma cossa disito ? No te vedi che te fe’ ridere tuti ? Ma che bae xele ‘ste qua ? O te si’ ‘mbriago o te g’ha risegà la man de ‘na strìa.

Sosia

No so se fusse de ‘na strìa, ma la man che te disi no la me g’ha risegà… La me g’ha incocona’ co’ ‘na fraca de pache !

Anfitrione

Chi g’ha vudo l corajo de dar pache a un me’ servo ?

Sosia

Mi…

Anfitrione

Ti ?

Sosia

Si, ma no el MI che son qua con ti, quel Mi che ‘deso son drento casa… L’altro Sosia.

Anfitrione

Ma de quale Sosia parlito ?

Sosia

Chel MI che sont’in casa… L’altro Sosia !

Anfitrione

Con ti de servi Sosia ne g’ho che basta e avansa.

Sosia

E invese mi te digo che quando te entrarè ‘n casa te trovarè ‘naltro MI, fiolo de ‘o steso pare e s-ciavo de ‘o steso paròn !

Anfitrione

Te ciapasse ‘l colera ! Ma cosa contito ? E me mojere, almanco, la gheto vista ?

Sosia

Ma come podea se LU no me g’ha lassà vedarla !

Anfitrione

Chi no te g’ha lassà ?

Sosia

MI…  Chealtro… Que MI che ‘deso son drento casa…

Anfitrione

G’ho capìo ! Te ghè bevùo, te ghè dormìo, e te te sì insogna’ tuto.

Sosia

No… No g’ho bevù e no g’ho sogna’ ! Gero sveio quando che g’ho visto chealtro MI, come so’ svejo ‘deso che te vedo TI… E quando che me g’ha tira’ chea tempesta’ de pache ‘l gera svejo anca lu.

Anfitrione

(Spazientito) Lu chi ?

Sosia

(Anche lui) CHEALTRO  MI ! No te capissi un casso, CASSO !

Anfitrione

(Cercando di prenderlo a calci) No che no capisso, bestion..! Te me conti un casìn de bae che no se pol capire !

Sosia

Te te acorzarè come sta ‘e robe quando se rivarà ‘n casa e coi to’ oci te vedarè l’altro Sosia…

Anfitrione

‘Deso ghe penso mi a metere in ciaro ‘sta storia… Vienme drìo, bon da gnete…

Sosia

Vegno… Vegno… (escono brontolando)

Bromia

Cossa xè mai a ‘sto mondo i piaseri e le felicità che se prova quando i se confronta coi dispiaseri…

Alcmena

Xè i Dei che i comanda che par ogni momento de gioia che se vive ne capita anca un fiantin de tristessa.

Bromia

Fiantin de tristessa ? Mi g’ho vudo la fortuna de godere qualche volta, ma suito dopo me xè casca’ in testa ‘na frachetà de rogne…

Alcmena

E mi ? Me marìo me g’ha da’ la sodisfassion de vegnere in leto co’ mi, ma ‘vanti che fusse ciaro, el g’ha dovu’ lassarme.

Bromia

Poareta..! Te sarà sembra’ d’eser entrà i vedovansa…

Alcmena

Beh, cussì no proprio, però so sta’ più male quando xè partìo che ben quando ‘l xè ‘riva’.

Bromia

Però ‘l xè ‘riva’ glorioso, da vincitore…

Alcmena

Ah si, ciò… E staga pur lontan se ‘l me porta a casa vitorie, glorie e trionfi. Mi soportarò rasegna’ la lontanansa finché me porta a casa scuee de oro.

Bromia

Co’ la gloria e le scuee de oro sarà ricompensa’ el dispiasere de la lontanansa.

Alcmena

Par ‘na dona onesta do g’ha da eser le cose più care al mondo : La gloria del so’ omo e la so’ virtù…

Bromia

La virtù ?

Alcmena

La virtù sora de tuto… Patria, Dei, Libertà, Gloria… Tute bele robe, ma la virtù da sola la xè più de tuto…

Bromia

(Scettica) Mah ! 

(Entrano Sosia e Anfitrione)

Anfitrione

No xè possibile !

Sosia

Si te digo… El MI che ‘l gera in casa me g’ha contà tute le robe che g’avemo fato…

Anfitrione

Te bei massa !

Alcmena

Me marìo ?  Xelo tornà… El diseva de avere ‘na gran pressa…

Bromia

No se fiderà dea to’ virtù !

Alcmena

Sito sema ?

Bromia

Voio dire che ‘l vorà meterte a la prova.

Alcmena

E alora ghe farò vedare quanto son contenta che ‘l xè torna’.

Sosia

(Vedendo Alcmena MOLTO incinta) Paròn… Semo rivà tardi par magnare… To’ mojere la g’ha d’avere svoda’ ‘a dispensa…

Anfitrione

Perché ?

Sosia

Varda che pansa piena che la g’ha !

Anfitrione

Bauco ! ‘Vanti de partir par la guera la g’ho mesa incinta.

Sosia

(Contando i mesi) Porca boia ! Semo ‘riva’ proprio pa sentire sigare ‘l fantolin.

Anfitrione

No spaurarte ! A ti no te romparà le bae de seguro.

Sosia

Speremo.

Anfitrione

(Ad Alcmena) Ecome qua, cara sposa ! So’ ‘pena tornà da la guera cargo de gloria…

(Alcmena lo guarda un poco interdetta) Me spetavito ?

Sosia

Uno così ‘spetà no lo g’ho mai visto. Lo trata co’ fuse un can.

Anfitrione

So’ contento de vederte tuta piena in ‘sta maniera…

Anfitrione

Dai… No ciaparme par le berte…

Anfitrione

E par cossa dovarìa farlo ?

Alcmena

Perché te me saludi come se fusse un anno che no te me vedi, come che fusse ‘deso che te torni da la guera, e come se stanote no se se fusse za’ incontra’.

Anfitrione

De siguro, oncò, no te g’ho mai visto ‘vanti de adeso.

Alcmena

Par cossa te disi de no ?

Anfitrione

Perché fin da bocia i me g’ha insegna’ a dire la verità.

Alcmena

E te fe’ mae a desmentegarte queo che te ghè imparà da bocia…

Anfitrione

No capisso…

Alcmena

No capisso, no capisso…! Invese mi capisso che no te si’ torna’ da i to’ soldati come che te disevi poco fa.

Anfitrione

Poco fa ? E vuto dirme quando sarìa sta’ ‘sto poco fa ? 

Alcmena

Ma poco fa, no ?  Prima… Quasi ‘deso…

Anfitrione

Poco fa… Prima…Quasi ‘deso… Cossa vuto dire ?

Alcmena

Ciò, credito che g’abia voja de schersare come che te fe’ ti ?

Anfitrione

Mi no scherso mai !

Alcmena

E alora par cossa te voi farme credere d’esere ‘pena ‘riva’ ?

Anfitrione

Perché so’ ‘pena ‘riva’ !

Alcmena

Ma se te si’ partìo ‘deso…!

Anfitrione

(A Sosia) La se g’ha insogna’ e la sogna ancora !

Sosia

Quando uno ‘l sogna vol dir che dorme… Paròn, to’ mojere la dorme coi oci verti e in pìe co’ fa i cavai !

Alcmena

No sogno e no dormo proprio par gnente ! E no me so’ insognada gnanca quanto g’ho visto ti e cher lì ‘ndar via de casa stamatina presto.

Anfitrione

Ciò, femena… Dove xè che te me g’avaressi visto ?

Alcmena

Qua, in casa !

Anfitrione

Ah, no, ciò… Questo no pol esere !

Sosia

Paròn, no podarìa esere che fin che dormivimo, la nave ne gapia porta’ fin casa senza che se incorzesimo ?

Anfitrione

Te metito da la so’ parte anca ti ?

Sosia

Quala parte ? Par mi xè mejo darghe rasòn, perché la xè mata !

Anfitrione

Maché mata ! ‘Sta femena no la se g’ha gnanca degna’ de saludarme co’ so’ ‘riva’ e ‘deso la me sente !

Sosia

Sta’ ‘tento che te meti le man ‘n ‘t’un gnaro de brespe !

Anfitrione

Tasi ! (Ad Alcmena) Senti, Alcmena, ‘asa che te fassa ‘na domanda…

Alcmena

So’ qua, dime tuto !

Anfitrione

Cossa te salta in mente ? Sito diventa’ sema ?

Alcmena

Come te permetito de dirme ‘na roba del zenere davanti ai servi ?

Anfitrione

Perché ‘na volta, quando che tornavo da la guera, te me vegnevi incontro tuta contenta, te me fasevi  festa, te me disevi bee paroete… Stavolta torno e te me trati co’ ‘na pessa da pìe !

Alcmena

(A Bromia) Bromia, disi… Ieri sera co ‘l xè ‘riva’ no lo g’ho saluda’ ? No ghe g’ho buta’ i brassi al colo ?  No gero tuta contenta ? No lo g’ho basa’ ? (Bromia annuisce)

Sosia

Paròn, g’ho sempre sperà che to’ mojere la te fasesse un fiolo, ma no xè de un fiolo che la xè piena…

Anfitrione

De cossa alora ?

Sosia

De matita’ !

Alcmena

(Molto nervosa) Mi no son mata, capìo ? Sto ben, e prego ‘l cielo de poder scuelare ‘sto fiolo in pase ! Anfitrione… Te lassi che un peocioso de servo me ofenda in ‘sta maniera ? E ti, Sosia, vergognate ! Se me’ marìo nol sa quale che ‘l sia el so’ obligo, spero che dal cielo te ‘riva  ‘doso ‘na bea scaretà de colpi su la schena...!

Sosia

Ancora ?

Anfitrione

Basta ! Che la sia finìa ! Insoma, femena… Ieri sera te me gavarissi visto qua in casa ?

Alcmena

Si, si, si… Mile volte si !

Anfitrione

In sogno ?

Alcmena

Nooo ! Gero sveja… E anca ti te geri svejo… E come !

Anfitrione

Come xè posibile che ieri sera mi sia sta’ qua se so’ ‘riva’ al porto stanote ? Se g’ho dormio e sena’ su la nave…

Alcmena

No, caro… Te ghè sena’ co’ mi…

Anfitrione

Te digo de no !

Alcmena

Si invese ! E te ghé anca dormìo co’ mi…

Anfitrione

Ma cossa disito ?

Alcmena

Te digo che te ghè sena’ e dormìo co’ mi ! E stamatina, a bon’ora te si’ ‘nda’ via de casa.

Anfitrione

Mi ?

Alcmena

Ti, si, ti ! Te me ghè anca contà che te ghè conquista’ la citta’ dei teleboi, che te ghè fato fora el re coe to’ man…

Anfitrione

Mi te g’ho conta’ ‘ste robe ?

Alcmena

Siorsì… E ghe gera anca Sosia quando te me ‘o contavi.

Anfitrione

Cio’ Sosia…Me gheto sentìo contare ‘ste cose onco’ ?

Sosia

No, onco’ NO !  Ma i altri giorni, cio’, do maroni !

Alcmena

Anfitrione, faghe dire la verità a chel desgrassia’

Anfitrione

Sosia… Punta l’ocio da mi e disi la verità. Me gheto sentìo contare queo che la dise ?

Sosia

Nooo !  Ma se da quando semo partii par la guera xè la prima volta che la vedo !

Anfitrione

Alora, femena… Gheto sentìo ?

Alcmena

Altroché… G’ho sentìo che ve si’ appatta’ !  Sosia, vergognete ! Te savevo ‘mbriagon, ma no busiaro !

Anfitrione

E cussi no te credi né a lu né a mi che son to’ marìo ?

Alcmena

No, caro cocchino… Credo pi’ a queo che vedo co’ i me’ oci ! 

Anfitrione

Ma come feto a dire  che so’ vegnù qua ieri sera?

Alcmena

Ti pitosto… Come feto a dirme che no te si’ vegnù a casa se te g’ho visto mi ?

Anfitrione

No, no, no… Te digo che so’ ‘pena ‘riva’ !

Alcmena

E mi te digo che te s’ ‘nda’ via ‘deso.

Anfitrione

Nooo!  Nego e stranego

Alcmena

E par cosa no’ te neghi e straneghi anca d’averme regala’ la scuea de oro ‘ndove che bevea ‘l re Pterela ?

Anfitrione

(Interdetto) Nego… G’aveo inamente de regalartea, ma no lo g’ho ‘ncora fato !

Alcmena

Vuto che te ‘a mostra ?

Anfitrione

Ah si, ciò… Vojo proprio vederla…

Alcmena

Bromia, porta chi la scuea de oro che me’ marìo me g’ha regala’ stamatina. (Bromia esce per eseguire) Te vedarè, te vedarè…

Anfitrione

Sosia, se la g’ha davero la scuea me tajo la lengua…

Sosia

Ma come vuto che fassa a ‘verla se la scuea la xè sarà drento a ‘sta caseta e la caseta la xè sigillà col to’ sigilo ?

Anfitrione

E ‘l sigilo xè ‘ncora bon ?

Sosia

Varda coi toì oci… (Gli mostra la cassetta)

Anfitrione

Benon ! Xè ‘ncora come che lo g’ho fato mi !

Sosia

‘Scoltame mi, paròn… To’ mojere la xè spirità… Bisogna che te fassi colcossa !

Anfitrione

Ah de seguro bisognarà… La g’ha ‘l morbin ‘n doso.

(Bromia rientra con la coppa e la consegna ad Alcmena che la mostra al marito)

Alcmena

Toh… Varda ! Xea o no xea la scuea che te g’ha regala’ i Teleboi ?

Anfitrione

Sosia… Pareciame suito, suito ‘l cavalo ca g’ho d’andare a fare ‘na bea sgropa’ par

s-ciararme le idee…

Sosia

(Indicando la cassetta) Ma la scuea la g’ha da eser chi drento…

Anfitrione

Verzila, svelto, verzi chea caseta che vojo controlare…

Sosia

Speta… ‘Vanti de verzere controlla ben el sigilo ! No vurìa che dopo nasesse storie…

Anfitrione

Verzi… BUROCRATE ! Verzi ‘vanti che ‘sta femena la fassa diventar tuti mati !

Alcmena

Ma senti che corajo ! Si’ vojaltri invesse che me fe’ diventar mata a negare la verità ! No la xè questa la scuea del re Pterela…

Sosia

(Dopo avere aperto e controllato, grida)  Nooo !

Anfitrione

Cosa ghe xè ?

Sosia

La scuea no ghe xè pi’ ! La xè sparìa !

Anfitrione

E ‘ndove xela ?

Alcmena

Ecola chi ?

Anfitrione

E ti ‘ndove la gheto trova’

Alcmena

Te ‘a me ghé da’ ti !

Sosia

FERMI TUTI ! Un momento… Anfitrione, disi la verità… Te me ste’ toendo pa’ ‘l culo ?  Ti, stanote, tuto solo e de scondon, te ghè roto ‘l sigilo, te me ghè ciava’ la scuea, te si’ vegnù a casa e te ‘a ghè da’ a to’ mojere !

Anfitrione

Ciò, ebete ! Anca ti te ste’ drio a la matita’ de ‘sta femena ? (Ad Alcmena) Alora, femena… Ti te si’ proprio sicura che jeri sera noialtri semo vegnui chi ?

Alcmena

Si, caro Ciccino..! E ‘pena ‘riva’ te me ghè saluda’ e basa’…

Sosia

‘Sta storia del baso la spussa de corni..! (Sosia e Bromia ridacchiano)

Anfitrione

(A Sosia) FINISSEA ! E ti Bromia va’ drento casa… Suito ! (Ad Alcmena con sufficienza) E dime, cara… Cossa gonti fato dopo che te g’ho saluda’ e basa’ ?

Alcmena

Te te si’ lava’…

Anfitrione

E dopo...?

Alcmena

Te ghè sena’ e dopo te te si’ buta’ in leto…

Sosia

Paròn… Moeghe de far domande perché g’ho paura che te te trovi in testa un paro de cioati che no va ben…

Anfitrione

Tasi, servo de ‘a maora…Va’ ‘vanti femena… Disevito ?

Alcmena

Disevo che te te si’ buta’ in leto… E mi con ti…

Anfitrione

Ne ‘o steso leto ?

Alcmena

Ne ‘o steso leto !

Anfitrione

E… G’ho fato ?

Alcmena

(Con un gesto eloquente) Uhhhh ! Gnanca te riconossea !

Anfitrione

(Urlando) Ahhh..!

Sosia

Paròn, cossa gheto ?

Anfitrione

I corni !

Sosia

Te ‘o disevo che i te sarìa spunta’ !

Anfitrione

La me g’ha meso i corni… La me g’ha sdisonora’...!

Alcmena

Ciò, Ciccino deficiente… ! Cossa te vien in testa ?

Anfitrione

Te me toi anca pa’ ‘l culo ?  No te vergogni ?

Alcmena

Ma quale vergogna ? Se so’ sta’ con ti ?

Anfitrione

Co’ mi te si’ sta ?

Alcmena

Si, co’ ti… Co’ ti…!

Anfitrione

Bruta busiara e disonesta ! Xè meio che te sari la boca e che te ve’ a ‘sconderte !

Alcmena

Te giuro su Giove e su Gionone che protege le femene e le so’ fameje, che no so’ mai sta’ co’ nisun se no con ti !

Anfitrione

Fusse vero !

Alcmena

Xè vero… Xè vero… XE VERO ! (Piange arrabbiata)

Sosia

Paron… Me xè vegnù inamente ‘na roba che la spiegarìa tuto…  No podarìa esere che, come ghe xè ‘n antro Sosia, ghe sia anca un altro Anfitrione che ‘l fa tute le tue veci ?

Anfitrione

Gnanca a sognarse ! Mi invese penso che ghe sia qualchedun che g’abia stria’ ‘sta femena.

Alcmena

G’ho dito la verità… Giuro !

Anfitrione

Te ghé anca el corajo de zurare ?

Alcmena

G’ho ‘l corajo che g’ha da ‘vere ‘na femena onesta !

Anfitrione

Basta ! Basta… So’ fora de mi !

Sosia

Xè fora de lu…

Alcmena

Anca mi son fora de mi !

Sosia

Anca ela la xè fora de ela ?

Anfitrione-Alcmena

No… Mi son fora de mi…

Sosia

I xè tuti do’ fora de lori…!

Anfitrione

Sosia…

Sosia

Cosa ghe xè ‘ncora ?

Anfitrione

Ti, almanco, me conossito ?

Sosia

Un pocheto !

Anfitrione

E chi sonti ?

Sosia

El me paròn…

Alcmena

Queo che xè vegnù in leto co’ mi !

Anfitrione

No… Par Giove !

Alcmena

Si… Par Diana !

Sosia

Fe’ manco casin… Par Bacco !

Anfitrione

No, no, farò de tuto… Ma proprio de tuto par metere ‘n ciaro ‘sta storia !

Alcmena

Te me farè un gran piacere !

Alcmena

Te portarò chi Naucrate, to’ cugino… El g’ha viajia’ co’ mi su la nave. Se anca lu me da’ rason e queo che te conti no xè vero, sito d’acordo che divorsiemo ?

Alcmena

Se te me trovarè ‘n colpa no g’avarò gnente da dire !

Anfitrione

Bon… Sosia, tegnea de ocio ! Mi vao al porto e torno suito chi co’ Naucrate !

(Anfitrione se ne va – Alcmena rientra in casa sbattendo la porta – Si sentono grida… Rumore di piatti rotti…)

Sosia

(Al pubblico) Se mete mae… Se mete mae… Se volì veder come che ‘l va a finire ‘sto casin, dene diese minuti de pausa…

FINE PRIMO TEMPO


SECONDO TEMPO

(Pantomima a soggetto : Alcmena ‘ decisa a lasciare la “commedia” tenta di andarsene di casa con il suo fagotto. A turno alcuni personaggi cercano di convincerla a restare ma lei è irremovibile – Si sentono grida dall’interno della casa.)

Sosia

Se mete mae… Se mete mae…!

Alcmena

(Uscendo nuovamente di casa)  Basta, basta !  Non ne poso più ! Mi drento a ‘sta comedia no g’ho più voja de starghe !

Mercurio

Tasi… Vien drento, fame ‘sta carità ! No te vedi che ghe xè tuta la zente che varda ?

Alcmena

No me interesa gnente de la zente a mi…

Mercurio

Dai, dai, vien drento… Vien drento… (la riporta in casa)

Sosia

Se mete mae… No so se finimo ‘sta comedia… !

Bromia

Se mete mae… Se mete mae…!

Alcmena

(Uscendo nuovamente di casa)  Basta, basta !  Non ne poso più ! Mi drento a ‘sta comedia no g’ho più voja de starghe !

Bromia

Tasi… Vien drento, fame ‘sta carità ! No te vedi che ghe xè tuta la zente che varda ?

Alcmena

No me interesa gnente de la zente a mi…

Bromia

Dai, dai, vien drento… Vien drento… (la riporta in casa)

Sosia

Se mete mae… Se mete proprio mae… No so mia se finimo ‘sta comedia… !

Anfitrione

Se mete mae… Se mete mae…!

Alcmena

(Uscendo nuovamente di casa)  Basta, basta !  Non ne poso più ! Mi drento a ‘sta comedia no g’ho più voja de starghe !

Anfitrione

Tasi… Vien drento, fame ‘sta carità ! No te vedi che ghe xè tuta la zente che varda ?

Alcmena

No me interesa gnente de la zente a mi…

Anfitrione

Dai, dai, vien drento… Vien drento… (la riporta in casa)

Sosia

Se mete mae… G’ho paura che no la fino ‘sta comedia chi…!

Giove

Se mete mae… Se mete mae…!

Alcmena

(Uscendo nuovamente di casa)  Basta, basta !  Non ne poso più ! Mi drento a ‘sta comedia no g’ho più voja de starghe !

Giove

Tasi… Vien drento, fame ‘sta carità ! No te vedi che ghe xè tuta la zente che varda ?

Alcmena

No me interesa gnente de la zente a mi…

Giove

Dai, dai, vien drento… Vien drento… (Cerca di riportarla  in casa)

Alcmena

G’ho dito de no !

Giove

Dai, vien drento che parlemo…

Alcmena

Cossa vuto parlare… Cossa vuto parlare ?  No ghe xè più da parlare ormai…

(Alcmena rientra con Giove – Lungo silenzio – Sosia, dall’esterno, bussa alla porta e grida)

Sosia

Aora ! La finimo ‘sta comedia si o no ?

(Esce Mercurio e allontana Sosia con pessime maniere… Dopo di che entra Giove e si rivolge al pubblico)

Giove

Son’ chi par darve ‘na bona notissia ! G’avemo fato ‘na riunion e g’ho deciso che xè mejo che finimo la comedia che ghemo scominsia’. Mi, a dire ‘l vero sarìa qua anca par darghe ‘na man a la pora Alcmena che ormai tuti i crede che la gabia meso i corni a so’ marìo. Dopo tuto ‘l casìn che g’ho impiantà su, sarìa davero  un desgrassia’ se no’ sercasse de sbrojare un poco la matassa che g’ho ingropa’ ! Zercarò almanco che Alcmena la se posa sgravare de ‘sto bocia sensa star mae e che tuta la storia la vegna mesa in ciaro…       

Alcmena

(Esce di casa piangendo disperatamente) Mi drento a ‘sta casa non ghe sto pi’ ! I me manca de rispeto, i me dise su de tuto, e par zonta i viene anca a dirme che g’ho messo i corni a me’ marìo… Torno da me mama !

Giove

Bisogna proprio che ‘a ferma.

Alcmena

Cussì no poso pi’ vivere ! O ‘l me domanda scusa in zenocio  o vao da me mama e ‘o lasso impiantà !

Giove

Senti, Alcmena, vurìa parlare un poco con ti…

Alcmena

Vardelo lì che disgrassia’ che ‘l me trata come una poco de bon ! (Gli gira le spalle)

Giove

Ma par cossa te me ziri le spale…

Alcmena

Mi no’ parlo coi nemisi !

Giove

Nemisi ?

Alcmena

Nemissi, nemissi… Vurissito dirme che anca ‘deso digo busìe ?

Giove

Te ‘a ciapi massa… (Fa per accarezzarla ma Alcmena reagisce con un ceffone)

Alcmena

Tien zo’ chele manasse, capìo ? E cussì mi me ‘a ciaparìa massa ?

Giove

Dirìa…

Alcmena

Ma sito semo del tuto ?

Giove

Parché ?

Alcmena

Parché se te g’avessi el serveo a posto no te te saressi mai insogna’ de ofenderme. Ma sicome te ‘o ghé fato, de sicuro te ghè da esere ‘l piì semo de tuti i semi… Capìo ?

Giove

‘Dai… ‘Ndemo, Alcmena..! Pol darsi che me sia sbalià… De sicuro so’ sta’ tanto mae co’ te g’ho vista cussì rabia’ che so’ torna’ par scusarme co’ ti. Me dispiase de tute le brute paroe che te g’ho dito…

Alcmena

E par cossa te le ghé dite alora ?

Giove

Per meterte a la prova, no ? Volea vedere come te g’avarissi ciapa’ le mie parole… Ma credeme, g’ho fato par schersare…

Alcmena

E mi no te credo…

Giove

Se no te fidi domandeghe a Sosia…

Alcmena

Par carità… No sta’ a parlarme de Sosia perché se ‘o vedo ghe cavo i oci..! Perché me cugino Naucrate no ‘l xè vegnù con ti ? No te dovevi ‘ndare a ciamarlo ?…

Giove

Te ‘o g’ho dito… G’ho schersa’…

Alcmena

Schersa’ ? Mi g’ho ancora el magòn  par le to’ paroasse.

Giove

Dai, Alcmena… Te prego… IN ZENOCIO…  E smoete un poco, no ?

Alcmena

La me’ virtù te g’ha sarà la boca, vero ? Mi me so’ sempre tegnùa lontana dai imbroji e da le sporcarie e vojo farlo ‘ncora ‘deso. Vao via ! Torno da me mama… Te saludo… Tiente la to’ roba che mi me tegno la mia… Vuto almanco ciamare qualcun che me ‘compagna ?

Giove

Parlemone un poco !

Alcmena

Se nissun me ‘compagna me farò acompagnare da la mia virtù.

Giove

Fermate, per piacere ! Varda… Giuro su chi che te vui, che par mi te sì la pi’ onesta de le done, e se digo ‘na busìa, che Giove stramaedissa Anfitrione !

Alcmena

No… No’ sta’ a dir cussì ! Speremo che Giove te daga sempre la so’ protession…

Giove

Credo ben che ‘o farà… Sito ‘ncora rabià co’ mi ?

Alcmena

Beh… ‘Somma ! ‘Deso un poco manco.

Giove

Te fe ben. Vedito sposa… Nea vita dei omeni capita un poco de tuto… Se g’ha piaseri e dispiaseri, se barufa e se fa pace… Ma po’, quando se ritrova l’acordo, se se voe pi’ ben de prima.

Alcmena

Si, si… Però tute chele brute paroe che te me ghè dito, te podevi anca no dirle… (Giove le fa cenno di tacere) Va ben, va ben… Sto bona.

Giove

G’ho da fare sacrificio ai Giove per il trionfo che me g’ha regala’ in guera…

Alcmena

E mi lo ringrassierò con ti, cocchino mio.

Giove

Per piacere, fame ‘pareciare tuto queo che ocore… Dighe a Sosia che ‘l vegna qua che g’ho da mandarlo su la nave per dirghe al timoniere Naucrate che ‘l vegna a magnare qua a casa… Gheo g’avea promeso… Per piacere, Alcmena, parecia tuto puito…

Alcmena

Ghe penso mi, cocchino mio.

(Si fanno carezze e smancerie- Sosia entra circospetto… Li vede… Si avvicina)

Sosia

Ah… G’avì za’ fato pace ?

Giove

Beh ? Cossa ghe xè de strano ? Te se’ ben che g’avemo fato par scherso…

Sosia

Per scherso ?

Giove

G’avemo meso tuto in ciaro e fato la pace.

Sosia

Benon…

Giove

‘Deso mi vao con la paròna a ‘pareciare un sacrificio ai Dei come che g’ho promeso… Ti va’ a la  nave e dighe a Naucrate che ‘l vegna qua a casa a disnare.

Sosia

E mi ?

Giove

Ghe sarà da magnare e bere par tuti… Servi e paròni…

Sosia

Bon… Vao a la nave e torno in un lampo…

Giove

Fa’ presto !

Sosia

(Uscendo) Son za’ drìo a tornare…

Alcmena

E mi vao a ‘pareciare queo che ocore..

Giove

Brava… E varda de pareciare puito…

Alcmena

Fidate de mi… Ti ‘riva quando che te voi… Mi farò prestissimo ! (Entra in casa)

Giove

(Al pubblico)  ‘Sti pori omeni e ‘ste pore done… Li g’ho crea’ proprio par farse ciapare par el dedrìo…! (Chiama Mercurio) Sosia… DIVINO Sosia… Mercurio…

Mercurio

(Dal fondo della sala) Me gheto ciama’ ?

Giove

Tre volte g’ho ciama’ Sosia

Mercurio

Pensava che te ciamassi queo vero…

Giove

E lo g’avaria ciama’ DIVINO ?

Mercurio

Si… Perché ‘l beve masa !

Giove

No sta’ a fare il cretino… ‘Scoltame…

Mercurio

So’ tuto recie.

Giove

Anfitrione xè ‘nda al porto a zercare Naucrate ma mi no ghe lo g’ho fato trovare… ‘Deso xè drìo tornare a casa… Tegneo lontan de qua el pi’ possibile !

Mercurio

Si, si… Ghe penso mi…

Giove

Oh, Mercurio… Varda che mi son drento a farme dei sacrifici a me stesso… Dame ‘na man…

Mercurio

Tranquillo..!

Giove

Mercurio… No’ sta’ a fare schersi perché se no te saro drento i termometri… (Giove entra in casa)

Mercurio

(Sale in palcoscenico e parla col pubblico) Largo, zente… Largo ! Fème posto… Scansève… Co’ me’ pare ‘l me ciama, mi coro ! Co ‘l me comanda mi obedisso come che ‘l g’ha da fare un fiolo par ben...! Fasso de tuto per contentarlo, ghe sto’ visin, ghe dago conseji, lo tegno fora dei pericoli, ghe fasso da rufian co ‘l xè inamora’ eccetera… E questo a dire el vero ‘l capito un di’ si e l’altro anca.  Ma xè giusto… Xè giusto. I fasesse tuti come lu che ‘l xè sempre drìo a “fare”… ‘Deso mio pare ‘l g’ha da tore ben ben pal dadrìo Anfitrione e mi me metarò d’impegno par ajutarlo… Farò finta d’eser imbriago e montarò sul coerto de ‘a casa; da lì lo tegnarò d’ocio e co ‘l torna me inzegnarò d’inventare qualche truco par tegnerlo lontan de ‘a porta de casa.  Lo farò diventare semo ! E dopo ghe sar da divertirse perché dopo tuta la colpa la sarà del vero servo Sosia che ‘l se ciaparà ‘n’altra bea fraca de stramusoni ! Si, lo so… No xè tanto beo profitarse cussì de un poro omo, ma primo qua se fa tuto par divertre ‘i spetatori e secondo per farghe un piasere al grande GIOVE… (Si sentono i lamenti di Anfitrione) Fermi tuti...! Eco Anfitrione che ‘l xè drìo tornare a casa. ‘Deso monto sul teto e ‘o tegno lontan… No ste’ a perderve ‘a scena… (Esce)

Anfitrione

(Entra dolorante) Ohi… Ohi… So’ stufo orbo… G’ho i pìe che me fa mae dal caminare… G’avevo da trovare Naucrate ma chissa’ chel disgrassia ‘ndove se sarà sconto… Lo g’ho serca’ da par tuto… G’ho zirà piasse, marca’, templi, ostarie, casini… GNENTE ! Ohi… Ohi i me’ pori pìe..! (Preso da un sussulto d’orgoglio) Ma ‘deso vao in casa a fare i conti co’ me’ mojere. Vojo savere chi sia chel delinquente che ‘l xè ‘nda in leto co’ ea…(Cerca di entrare in casa) La porta la xè sara’… (Bussa) Ciò… !  Chi ghe xè drento ? Che qualcun me verza ‘sta porta PORCO GIOVE !

Mercurio

(Appare sul tetto e si finge ubriaco) Chi xè che ‘l bate, che ‘l siga e che biastema ?

Anfitrione

Mi son !

Mercurio

MI, chi ?

Anfitrione

MI, te digo…

Mercurio

Ciò… TI… Sito mato ? ‘Uto scassar la porta, toco de deficiente ?

Anfitrione

(Rabbioso – Tra i denti) Sosia !

Mrecurio

‘Sa ‘uto ?

Anfitrione

Buto delinquente ‘mbriagon..! Te ghé anca ‘l corajo e domandarme cosa che vojo ?

Mercurio

Sicuro che te ‘o domando, toco de mona ! Par poco no’ te buti zo’ la porta de casa… Cossa credito che le porte dei zenerali le paga ‘l governo, COJON !

Anfitrione

COJON a MI ?

Mercurio

A ti, a ti, sicuro !

Anfitrione

Toco de deinquente, bestion, cranio de musso..! Se te ciapo de dao ‘na paseta’…

Mercurio

Va là, va là… COCCHINO…  Se no’ te te cavi da qua te ‘a dago mi la paseta’…

Anfitrione

Maledeto d’un servo ! Se Giove no te fulmina ghe pensarò mi a darte queo che te meriti… Te speìsso vivo coi calcagni pal dadrìo… Delinquente ‘mbriagòn ! Te meto un brazo in boca e te rivolto co’ se fa coi guanti…

Mercurio

Credito de farme paura, imbesìe ! Se no te sparissi de qua suito, te spaco ‘a testa e te fasso spuare fora la lengua ‘nsieme co’ i denti…

Anfitrione

‘Deso buto zo’ ‘a porta e vegno a spacarte ‘a schena… (Cerca di abbattere la porta)

Mercurio

Va’ via de chi..!

Anfitrione

Carogna ! Vuto tegnerme lontan da la me’ casa ? (Scuote la porta)

Mercurio

Moeghe che xè mejo…!

Anfitrione

E par via ! G’avarìa anca da moarla ? Verzeme !

Mercurio

Moeghe te g’ho dito…

Anfitrione

(Scuotendo la porta) Ma gnanca a ‘nzognarme !

Mercurio

MO-E-GHE…!

Anfitrione

Gnanca se te me basi le man e i pìe !

Mercurio

MO-E-GHE Te g’ho dito !

Anfitrione

Gnanca se te me magni ‘e bae !

Mercurio

E ‘lora ciapate ‘sto catarin… (Gli sputa in testa)

Anfitrione

(Toccandosi in testa) Saliva ?

Mercurio

No… Scendeva !

Anfitrione

Fiol de ‘na disonesta e d’un delinquente… Bastardo ! Sporco imbriagòn, Se ‘rivo a ciaparte te scojono ! Te rovino par tuta la vita…

Mercurio

Sciò, sciò, amigo ! Sparissi… Petota… Ambula… Scoltame mi… No’ sta’ a disturbare Anfitrione che xè pena torna’ da la guera e ‘deso xè in leto co’ so’ mojere…

Anfitrione

Quala mojere ?

Mercurio

La sua, Alcmena.

Anfitrione

Neo steso leto ?

Mercurio

Sicuro ciò ! In ‘sto momento e xè là tacà, tacà,tacà, che i ghe dà, i ghe dà, i ghe dà…

Anfitrione

Oh poareto mi ! So’ finìo ! Me’ mojere co’ ‘n alto ? Gran disgrassia !

Mercurio

Quala disgrassia ? Dare la mojere ‘n prestio xè uguale a tirar su i fruti d’un campo semena’ dai altri !

Anfitrione

(Tra i denti) SOSIA !

Mercurio

Sosia un casso !

Anfitrione

Ma no te me conossi pi’ ?

Mercurio

Sicuro che te conosso !

Anfitrione

E chi sonti alora ?

Mercurio

Un rompibale !

Anfitrione

Bruto fiol de ‘na… Mi so’ el generale Anfitrione, el to’ paròn…

Mercurio

Ma quao generale Anfitrione… Dei, dei… Petota ! Te g’ho conossùo anca se te te si’ travestìo da Anfitrione… Ti te si’ Bacco el generale dei imbriaghi… Anfitrione, cheo vero, xè in leto co’ so’ mojere… Se te seiti lo ciamo e co’ ‘l vien fora te spaca ‘l culo a pea’

Anfitrione

Credito che g’abia paura ? Ciamalo !

Mercurio

Ma sicuro che te ‘o ciamo ! Te ‘o ciamo, siorsì (Scendendo dal tetto) Ti ‘ntanto zerca de star lontan da ‘a porta de casa, capìo ? ‘Deso ‘o ciamo e te vedarè che stramusoni che te te ciapi… Te vedarè.. (Esce)

Anfitrione

(Solo) Cancaro ! No so pi’ cossa pensare ! Anco’ me ne capita de tuti i colori ! In casa mia i xè ‘nda’ tuti fora de testa ! Ma cossa sarà mai che g’ha stravia’ ‘l servelo de tuti quanti ? Me mojere che la me fa’ i corni… La scuea de oro che la sparisse da la caseta sigilà e la se fa ritrovare ne ‘e man de me mojere… Chel fiol d’un can e de ‘na cagna de Sosia che no ‘l fa quel che ghe comando, che s’imbriaga e par zonta el me spua ‘n doso i so’ catari… Se quel servo maedeto me capita fra ‘e man ‘o faso in tochi… ‘O faso in tochi…


N.B.

Tutta la prossima sequenza, dai tempi di Plauto, è arrivata a noi  priva di un notevole numero di versi. Qui si tenta molto liberamente di ricostruirla tenendo presente che il personaggio di  Naucrate viene chiamato ad essere giudice dell’identità dei DUE Anfitrioni. Pertanto, secondo l’idea di ricostruzione e l’adattamento, le battute che nell’originale plautino sono di Naucrate qui, proponendo un nuovo inganno degli Dei a danno dei mortali, divengono appannaggio di Mercurio e così vengono segnate

Sosia

Vien ‘vanti, Naucrate, vien ‘vanti…

Naucrate

Ma sito proprio sicuro de queo che te me ghè conta’ ?

Sosia

Altro che !

Naucrate

E cussì te gavarissi trova’ davanti de ‘a casa un altro Sosia spua’ de ti ?

Sosia

Proprio cussì !

Naucrate

Gnanca da credere !

Sosia

Te ‘o giuro !

Naucrate

Cossa ‘uto… No g’o mai sentìo ‘na storia cussì strampala’ ! Fasso fadiga a crederte.

Sosia

Ma xe tuto vero…

Naucrate

Tuto vero ?

Sosia

Anca massa ! E seto cossa te digo ?

Naucrate

Cossa ?

Sosia

Te digo che se mi g’ho trova’ un antro Sosia preciso de mi g’ho paura che trovaremo anca n’ antro Naucrate compagno de ti…

Naucrate

Te disi ?

Sosia

Altro che…

Anfitrione

(Avvilito, seduto da vanti alla porta di casa) Chel delinquente de un servo Sosia… Se ‘o ciapo ghe cavo la pee a forsa de scuria’ !

Sosia

Naucrate… El paron ‘l parla de mi in un modo che no ‘l me piase…

Anfitrione

Chel delinquente… Se’o ciapo ghe cavo i denti co’ la sapa !

Naucrate

(A Sosia) Ma cossa ghe gheto fato ?

Sosia

(Frignante) Non lo so !

Naucrate

Domandemogheo…

Sosia

No, no… Mejo che spetemo a ‘ndarghe darente… Vojo capire mejo…

Anfitrione

Eteni Dei tegnime le man quando che trovo chel delinquente d’un servo ca lo maseno…

Sosia

Lo sentito ?

Naucrate

Altro che ! Ma cossa ghe gheto fato ?

Sosia

‘Sa ‘uto che ghe g’abia fato ? ‘L se sarà stanca’ e ‘spetarne…

Naucrate

Ti ‘sta qua sconto… Ghe vao mi darente ! (Sosia si nasconde- Naucrate si avvicina ad Anfitrione e lo chiama) Te saudo, Anfitrione.

Anfitrione

(Arrabbiato) Naucrate, ‘sa feto qua… Par cossa te ghè lassa’ la nave ?

Naucrate

Te ghè manda’ Sosia a ciamarme par farme vegnere a magnare ‘n casa tua.

Anfitrione

Mi no’ me son mai insogna’ de ordenarghe ‘na roba del zenere ! Dove xelo el disgrassia’ ?

Naucrate

Chi ?

Anfitrione

El me’ servo Sosia…

Naucrate

No so mia mi… (Finge e nel frattempo segnala a gesti dove Sosia s’è nascosto)

Anfitrione

(Tirando fuori Sosia dal nascondiglio) Sosia, caro… Ciama un dotore… Ma in pressa…

Sosia

Chi xè che sta’ mae ?

Anfitrione

(Caricandolo di botte) TI…! Bruta carogna… Desgrassia’ Bestion… Musso !

Sosia

Aiuto… Tebani… Ajuteme…

Anfitrione

Te ajuto mi, te aiuto…! Te faso ‘ndare i oci fora de ‘a testa a forsa de coconi ! Vedèo… Vedèo…

Sosia

Mo par cossa te me ciami vedèo ?

Anfitrione

Perché te si’ un fiol de ‘na vaca, bruto bovino !

Sosia

Aiomama ! Nooo !

Naucrate

Dai, Anfitrione… Moeo !

Anfitrione

Naucrate ! No’ sta’ a meterte in mezo se no te vui ciaparle anca ti !

Naucrate

Ma no g’avemo poduo ‘rivare pi’ ‘n pessa !

Anfitrione

Ma cossa vuto che me importa de quando si’ ‘riva’ ! Mi vojo solo sdesfare de pache ‘sto ramengo d’un servo… Vojo strossarlo… (Urla di Sosia) Toh ! ‘Sto qua per quando te geri sul coerto… Questo xè perché te m’è spua’ ‘n doso… E questo perché te ghè fato lo spiritoso : SALIVA…SCENDEVA…! E questo par tuto queo che te me ghè dito… E questo perché te impari a stare al mondo…

(Colpo di teatro ! Dalla porta di casa esce GIOVE , voce tonante, che lascia tutti di sasso)

Giove

Chi xè che ‘l se permete de fare tuto ‘sto casìn davanti de ‘a porta de casa mia ?

Anfitrione

Par Diana !

Naucrate

Par Giove !

Sosia

Par Bacco !

Naucrate

Par Giove !

Giove

Chi xè che vien qua a disturbare ‘l riposo del comandante dei comandanti ?

Sosia

Naucrate, g’ho capìo tuto ! Queo che ‘l xè vegnuo fora de casa xè ‘l me’ paròn, st’altro che ‘l me g’ha da’ xè un stregon…

Anfitrione

Te seiti, bruta carogna (Gli molla un calcio nel sedere)

Sosia

(Facendosi proteggere da Giove) Aiomama !!! Paron… Iuteme… ‘Sto stregon imbrojon me g’ha impiena’ de pache !

Giove

Chi xè ‘sto qua che ‘l se permete de dar pache a un servo mio ?

Anfitrione

TUO ?

Giove

MIO !

Anfitrione

Ma varda che busiaro !

Giove

Busiaro a mi ? Sosia, passa via de qua che tra poco no’ ghe sarà più stampo de gnente ! ‘Sto stregone imbrojon ‘l vole che li SDERFA !

Anfitrione

A chi vuto SDERFARE ? Bruto slandron, ladro de le femene dei altri !

Giove

De ‘ste paroe che te si’ fato scapare de boca, no me resta che coparte !

Anfitrione

Te si’ impasta’ de busìe e de imbroji… Giove te punira’…

Giove

No credo proprio…! Ti piutosto… ‘Sta ‘tento che te capita un incidente…

Anfitrione

‘Deso te strosso co ‘e me’ man, figura porca !

Giove

Figura porca a mi ? A ‘sto punto Giove vole che difenda el me’ onore…

(Prende  per il collo Anfitrione con sole due dita ma, essendo Giove, riduce a mal partito, e con il minimo sforzo, il povero Anfitrione che stramazza a terra)

Anfitrione

(Voce soffocata) Ajuto… El me strossa…. !

Naucrate

(A Sosia) I xè cussì compagni che no so proprio da che parte metarme… No’ vurìa ajutare quelo sbalia’ (Sgridando i contendenti, rivolgendosi ora all’uno, ora all’altro) Anfitrione… Lassa ‘ndare ‘l collo de Anfitrione… E ti, Anfitrione, no’ sta’ pi’ a ofendere Anfitrione…

Giove

Naucrate, mo par cossa te seiti a ciamare ‘sto chi Anfitrione?

Naucrate

Perché ‘vanti ghe ne gera uno e ‘deso si’ in do. E se lu xè Anfitrione te ‘o se’ anca ti… Ma ‘deso molalo… No’ sta’ a strossarlo… Femo un bel processo e se giudicarà secondo giustissia ch xè ‘l vero Anfitrione…

(Ferma con un gesto l’azione poi Soggetto con il pubblico)

Sicome el diretore de ‘sto teatro ‘l xè un tantin tirà co’ la borsa, par aver manco spese  no i g’ha vosùo ca se portasse anca le comparse che doveva rapresentare el popolo, alora el popolo g’avì da farlo vojaltri… Vojaltri da ‘sta parte del teatro g’avì da esere quei che ghe tien per Anfitrione, queo vero,  e vojaltri da ‘staltra parte quei che ghe tien all’Anfitrione interpreta’ cussì ben da mio pare…Quando che ve ’o digo mi g’avì da far casìn come quando ‘ndè a lo stadio… Vardeme sempre mi che ve digo quando.

(Per tutto il processo Naucrate gestirà a soggetto il pubblico – Sosia si metterà da parte come un semplice spettatore e seguirà meravigliato la scena)

Bon… ‘deso ‘ndemo ‘vanti e scominziemo el processo ! (Indicando Anfitrione) Anfitrione, a ti la parola !

Anfitrione

Tebani ! ‘Deso meto in ciaro TUTO ! e vojaltri g’avì da eserme testimoni (Indicando Giove) ‘Sto chi, de scondon, el se g’ha intrufola’ in casa mia, g’ha ‘dopara’ me mojere e ‘l me g’ha sdisonora’ facndome in testa i corni !

Giove

Gnente vero ! Me opongo… Qua se sta zercando de metere su i giudici popolari contro de mi.

Mercurio

Oposizione accolta ! (Ad Anfitrione) Ti, Anfitrione, no’ scominziare a metere su i giudici popolari contro de Anfitrione… Capìo ?

Giove

Mo par cossa te seiti a ciamare Anfitrione anca lu ?

Naucrate

Giusta oservassion… Ma se no’ lo ciamo Anfitrione no’ so come ciamarlo…

Anfitrione

PAR GIOVE !

Giove

‘Sa ‘uto ?

Anfitrione

‘Sa ‘uto ti ! Mi g’ho solo dito PER GIOVE !

Giove

Fasì tasere cher lì !

Naucrate

Apunto…

Anfitrione

Apunto cossa ?

Naucrate

Te ghè da tasere, capio ?

Anfitrione

Chi xè che lo g’ha comanda’ ?

Naucrate

Lo g’ha comanda’ Giove !

Anfitrione

‘Sa ‘uto che ghe ciava a Giove de ‘sta storia ?

Giove

Non sta’ a preocuparte che a Giove ghe ciava de tuto !  (Rumore del pubblico)

Naucrate

SILENSIO !

Sosia

SILENSIO !

Giove

SILENSIO…!

Anfitrione

SILENSIO Che me fe’ ‘ndare fora de testa… PORCO GIOVE !!! (Giove da’ una divina sberla ad Anfitrione per la bestemmia e lo stende a terra)

Giove

G’avi’ sentìo, Tebani ? No’ ste’ a ‘scoltarlo… Vujaltri che g’avì fama de eser onesti, forti e coragiosi… Vojaltri g’avì da giudicare CON GIUSTIZIA de ‘sta storia e g’avì da dire quae de nojaltri do sia ‘l vero Anfitrione… MI !!! (Grida dei suoi sostenitori)

Anfitrione

E mi ve digo che in ‘sta cità non ghe xè altri Anfitrioni fora de mi… (Grida dei suoi)

Giove

E no caro…! Fora de mi no ghe xè altri Anfitrioni… Mercu… Naucrate, fa’ ti giustissia !

Mercurio

Subito ! Bisogna ben valutare prove e indissi ! No vorìa far credere che mi so’ de parte… (Ad Anfitrione) ‘Vanti, rispondi ti par primo !

Anfitrione

Volentieri !

Naucrate

‘Vanti DE scominziare la batalia, cossa me gheto ordenà de fare ?

Anfitrione

De metere a posto ‘a nave e de stare fermo al timòn…

Giove

…In modo che se podesse scampare se i nostri g’avesse ‘vuo la pezo…

Anfitrione

Sicuro ciò ! Par metere al riparo sensa risc-iare la pee !

Giove

(A Mercurio) Mi però te g’ho comanda’ anca ‘n antra roba…

Naucrate

De tegnere ben custodìa la casforte che ‘l gera piena de schei…

Giove

E quanti schei ghe gera drento.

Anfitrione

Quatromila !

Giove

E domila petachini grandi !

Naucrate

E quante svanziche de oro ?

Giove-Anfitrione

(Insieme) Sinquemila…! Prima mi, prima mi…

Naucrate

(Al pubblico) Ciò… Zente ! I sa tuto tuti e do par filo e par segno !

Giove

‘Speta, speta… Ti te se’ che co’ ‘e me man g’ho copa’ ‘l re Pterela e me so’ porta’ via la scuea ‘ndove el bevea… Chea scuea ‘deso la g’ho regala’ a me mojere…

Anfitrione

Vero gnente ! No ghe ‘a g’ho regala’

Giove

Invese xè vero ! Ghe g’ho rega’a la scuea, g’ho siolto el voto che g’avea fato ai Dei ‘vanti de partir par la guera e dopo so’ ‘nda’ in leto co’ ea…

Anfitrione

Cossa me toca sentire ? Ma so’ drio a sognare co’ i oci verti ? Mi’ so’ Anfitrione, il vero, l’unico, ‘l grande comandante de ‘e trupe Tebane… Queo che g’ha combatu’ e vinto i Teleboi…

(Le prossime battute verranno sottolineate dalle grida dei sostenitori)

Giove

Mi so’ queo che co ‘l so valore g’ha distruto i nemisi de ‘a nostra cita’… Mi so’ Anfitrione !

Anfitrione

No ! Mi so’ Anfitrione !Mi g’ho vinto i barbari e un casìn de altra zente…

Giove

Mi so’ queo che g’ha fato scorarìe par tuti i mari…

Anfitrione

Mi so’ queo che g’ha meso sotosora mezo mondo !

Giove

Mi son queo che xè sta’ de qua, de la’, de soto, de sora… (Il popolo si placa)

Anfitrione

Eterni Dei ! No posso crederghe ! El conta proprio tuto queo che xè capita’ a mi… (A Mercurio) Sta’ ‘tento Naucrate, Chi ghe xè soto colcossa…!

Naucrate

Momento…! G’ha da eserghe ‘ncora ‘na roba da vedare !

Giove

G’ho capìo…! El segno che me xè resta’ sul brazo destro ‘ndove che me g’ha ferìo el re Pterela…

Naucrate

Bravo ! Proprio chel segno lì ! Fasì vedare (I due contendenti  mostrano a Mercurio il bracco destro e… OH…! MERAVIGLIA...!) I ‘o g’ha tuti do ! Ne ‘o steso basso, ne ‘o steso punto ! Mi no g’ho mai visto un afare compagno ! I xè Anfitrione tuti do ! El processo xè finìo… Mi vao via !

Anfitrione

No… Naucrate, speta… Daghe ‘na man al to’ amico Anfitrione…

Naucrate

Ma cossa ‘uto che ghe daga ‘na man al me’ amico Anfitrione se no’ so quae che ‘l sia ‘l me amico Anfitrione… Mi me ne lavo ‘e man… ‘Ndemo via, Sosia…

(Mercurio esce seguito da Sosia – Il popolo si placa – Restano solo Giove e Anfitrione)


 (Qui termina la scena REINVENTATA  che parte da pagina 31 .

ORA il testo riprende  QUASI  regolarmente)

Giove

(Sornione) Mi vao drento casa ! Alcmena la me ‘speta… Credo che stia par nassere el bocia… Xè mejo che me mova…! (Entra in casa)

Anftrione

(Solo e desolato) Poareto mi cossa xè che fasso ‘deso che amici e avocati e me g’ha ‘asa’ impianta’ ? Tuti quanti i ridarà de mi… Vardèlo chi, zente, ‘l grande Anfitrione ! Ghe xè qualcun in ‘sta zità pi’ desgrassia’ de mi ?  Cossa xè drio a capitarme ? De tuti quei che conosso no ghe né xè sta’ un che me g’abia da’ ‘na man.  Tuti egoisti…Tuti invidiosi de la me’ bravura e de la me’ fortuna… Peociosi ! Boni solo a domandare ajuto quando che i g’ha bisogno e dopo… Zente bastarda che no sa cossa che voja dire eser sinceri...! Ma ‘deso vojo vendicarme de chel stregon che ‘l g’ha insiminìo tuta la me’ fameja… Deso vao drento casa e se qualcun zerca de fermarme, ‘o ciapo e ‘o strosso co ‘e me’ man…Solo Giove podarà impedirme de copàre qualcun !


(Anfitrione si scaglia contro la porta casa, tenta di abbatterla ma viene fermato da tuoni, lampi, fulmini e grida di gente…)

(Anfitrione è  a terra colpito da un fulmine – Bromia esce TERRORIZZATA dalla casa)

Bromia

Aiuto…! Dei del cielo ajuteme !  AIUTO !  Oi, oi, oi… Pora mi…. Sto mae… Me fa mae ‘a testa… No ghe sento pi’, no ghe vedo pi’ ! Par forsa… Con quo che xè capità onco’ a la me’ paròna ..! (Vede Anfitrione a terra) Ma chi ghe xè là  ?  Un omo ? Un omo distirà proprio davanti de ‘a casa ? El me par morto ! Cancaro ! ‘L gà da esser proprio morto parché no ‘l se move de un pelo ! Ma chi che ‘l sia ? (Gli si avvicina e lo riconosce) Ma ‘l xè Anfitrione, el me’ paròn… (Lo chiama  lo scuote) Anfitrione… Annfitrione…

Anfitrione

(Più di là che di qua) Oi, oi… Son morto…

Bromia

(Disperandosi) Xè morto…! Poareto el mè paròn… Morto…! Proprio ancuo… Nel giorno de la so’ gloria… Dei..! Quanto che me dispiase che ne g’abia lassa’ ! Chissà quanto se disperarà ‘deso so’ mojere… (Anfitrione si riprende… Si alza e segue allibito il pianto funebre di Bromia e cerca ogni tanto di fermarla) Povera Alcmena Ofesa… Umilia’, e ‘deso anca vedova… Vedova… E chi ‘ndarà a dirgheo a che poareta… Chi g’avarà ‘l corajo de ‘ndarghe a dire che el so’ COCCHINO xè morto distirà davanti de casa..? Ma che disgrassia granda su sta casa..! Dei ! Perché...? (Piange e si dispera)

Anfitrione

(Al pubblico) Ma g’onti d’avere solo servi deficienti, mi ? Bromia… Ma sito sema  ?  

Bromia

Anca questa ‘deso… Un morto che parla ? Ma quante robe strane che me capita ancuo…!

Anfitrione

Bromia… Fala finìa !

Bromia

Eco… Eco… ? ‘L g’ha parlà ancora…

Anfitrione

(Spazientito) Bromia…

Bromia

E ‘l me ciama a mi dall’ aldila’

Anfitrione

Ciò… Deficiente ! Varda che son vivo !

Bromia

Mi no capisso come che te vegna voja de schersare quando che g’avemo un morto in casa…

Anfitrione

NO SON MORTO !

Bromia

E alora cossa feto distirà par tera ?

Anfitrione

Giove me g’ha distirà co’ un dei so’ fulmini..

Bromia

(Facendo accenno al bere) O sarà sta’ Bacco a distirarte co’ un dei sui ?

Anfitrione

No… Xè sta’ Giove… SOLO GIOVE !   Bacco non c’entra… E ti cossa feto fora de casa ?

Bromia

So’ scapa’ fora perché g’ho ciapa’ un gran spaurasso… (Frignando) Te savessi…

Anfitrione

Cosa ?

Bromia

Come cosa ?  Come cosa ?

Anfitrione

Dime…

Bromia

Te savessi che robe…

Anfitrione

Che robe ?

Bromia

Se te ‘e conto gnanca te me credi, Anfitrione…

Anfitrione

FERMA ! Te me ghé ciama’ Anfitrione !

Bromia

Come g’avea da ciamarte ?

Anfitrione

Alora ti te sé che mi son Anfitrione, el to’ paròn ?

Bromia

E ciò !

Anfitrione

Sito proprio sicura ?

Bromia

Sicurissima !

Anfitrione

‘Sta qua la xè l’unica nea fameja che la g’ha ‘ncora ‘a testa a posto !

Bromia

Sarà el spavento che ne g’avarà fato sbampire el servèo a tuti…

Anfitrione

Cossa xè capità ?

Bromia

Anfitrione… Te savessi…

Anfitrione

Cosa ?

Bromia

Come cosa ?  Come cosa ?

Anfitrione

Dime…

Bromia

Te savessi che robe…

Anfitrione

Che robe ?

Bromia

Se te ‘e conto gnanca te me credi

Anfitrione

Se no’ te me ‘e conti te tiro ‘na saraca sul muso…

Bromia

To’ mojere…

Anfitrione

Questo lo so ! La me g’ha meso i corni !

Bromia

Mi so de ‘e robe che te farà cambiar idea su to’ mojere…

Anfitrione

Son qua a ‘spetare che te me ‘e conti !

Bromia

Anfitrione… Te savessi…

Anfitrione

Cosa ?

Bromia

Come cosa ?  Come cosa ?

Anfitrione

Dime…

Bromia

Te savessi che robe…

Anfitrione

Che robe ?

Bromia

Se te ‘e conto gnanca te me credi.

Anfitrione

(Prendedola per il collo) Vuto che strenza ?

Bromia

(Divincolandosi) To’ mojere xè sempre sta’ onesta…

Anfitrione

Le prove… Vojo le prove…

Bromia

Prima de tuto ‘ho da dirte che to’ mojere la g’ha vùo do gemelli !

Anfitrione

Son contento pa ea se tuto xè ‘nda’ ben…

Bromia

‘Speta ca de diga tuto…

Anfitrione

Te ‘scolto !

Bromia

Oncò, quando che to’ mojere la g’ha scominzia a sentire i dolori e la g’ha capìo che ‘l bocia ‘l gera drìo a nassere, la se g’ha racomanda’ a i Dei come le fa tute le spose oneste quando che le g'ha da partorire…

Anfitrione

E aora ?

Bromia

Speta che ciapa fia’ ! In chel momento che Alcmena la pregava i Dei, g’avemo sentìo un temporae che ‘l tamburava e che ‘l tirava de che s-ciochi, ma de chei s-ciochi… Teribii ! A parea che ‘a casa ‘a vegnesse zo !… Invesse la se g’ha messa a slusegare in t’un modo che la paréa che ‘a fusse tuta de oro… !

Anfitrione

Dai… Moeghe… Ma cossa sito drìo a contarme ?

Bromia

La verità… Te giuro !

Anfitrione

Va ben, va bena… E dopo cossa xè capità ?

Bromia

Xè capità che co’ tuti che s-ciochi, to’ mojere, ‘nvesse de agitarse, la stava tuta calma, calma, tranquilla e sensa dolori ! E no la g’ha sentìo mae gnanca quando che i xè vegnu’ fora i do’ putei…

Anfitrione

Son contento… Anca se la se g’ha comportà mae co’ mi…

Bromia

‘Speta… ‘Assa che te conta…

Anfitrione

Va’ vanti alora… Par cossa te me tieni sui spini ?

Bromia

Dei do putei uno gera normae… ma che ‘altro ‘l gera cussì grande… Ma cussì grande…

Anfitrione

Va’ ‘vanti !

Bromia

Dopo che g’avemo meso ne ‘a cuna anca el putèo pi’ grosso, ne ‘a corte xè salta’ fora do grandi serpenti… Bruti… Driti… E co’ ‘na gran cresta ! I do serpenti i ne g’ha ocia’ tuti quanti e po’, quando che i se g’ha incorti dei toseti, i se g’ha buta’ verso ‘e cune… E mi a corere tirandome drìo le cune par la corte… E i serpenti, tuti rabiosi a corerme drìo… E mi a scampare… E ‘ori a supiarme drìo…

Anfitrione

(Scettico) Si… E dopo ?

Bromia

Dopo i serpenti i mete ‘i oci sul putèo pi’ grosso, ghe va visin de ‘a cuna e queo cossa falo ?

Anfitrione

Chi, el serpente ?

Bromia

No… El puteo grosso… Cossa falo ? Dime “COSSA FALO” ?

Anfitrione

Cossa falo ?

Bromia

Anfitrione… Te savessi…

Anfitrione

Cosa ?

Bromia

Come cosa ?  Come cosa ?

Anfitrione

Dime…

Bromia

Te savessi che robe…

Anfitrione

Che robe ?

Bromia

Se te ‘e conto gnanca te me credi… (Anfitrione grida e piange spazientito) Cossa gero drìo a dirte?

Anfitrione

Te me contavi  de i do serpenti e de queo che g’ha fato ‘l puteo grosso !

Bromia

Ah, si ! Eco… Quando ‘l puteo grosso se g’ha ‘ncorto dei serpenti, salta fora da ‘a cuna, va ‘ncontro a i serpenti e, uno in una man e l’altro in che ‘altra i strossa tuti do !

Anfitrione

(Guardandola sfinito) Mo par cossa seite’ a ciaparme pal culo oncò ?

Bromia

Te giuro ! El puteo pi’ grosso g’ha strossa’ i serpenti…

Anfitrione

Si… E dopo ?

Bromia

E dopo se g’ha sentìo ‘na gran vose…

Anfitrione

Si… E chi g’era che ‘l parlava ?

Bromia

El pi’ grande, el pi’ potente, el mejo de i DEI !

Anfitrione

Per GIOVE ! Ma chi gereo ‘sto qua che parlava ?

Bromia

Giove, no !

Anfitrione

Giove ? E cossa voeveo…

Bromia

(Un po’ timorosa a rivelare il segreto) Me pare d’aver capìo che ‘l disesse che qualche volta se g’era trasformà in Anfitrione par podere ‘ndare il leto co’ Alcmena…

Anfitrione

Ah… Cancaro !

Bromia

‘Speta… El diseva che ‘l bocia picolo g’era fiolo tuo… Queo grande fiolo suo…

Anfitrione

E te pareva ! ‘Tenta, Bromia… Qua ghe xè massa casini… Massa robe da no credere…

Bromia

Te ‘o disevo, mi !

Anfitrione

‘Tasi e ‘scoltame mi… Va in casa, svelta, e ciamame Sosia…. (Chiama) Sosia…

Bromia

(Chiamando) Sosia… Sosia…

Sosia

(Uscendo) Chi xè che me ciama ?

Bromia

El paròn…

Anfitrione

Va’ in casa, Bromia e ti, Sosia, vien qua… Curi suito dal vecio Tiresia che xè l’indovin de fameja, e dighe che ‘l vegna SUITO qua de corsa parché vojo che ‘l me spiega tuti ‘sti casini e ‘sti imbroji ! Va’… Curi !

Sosia

Vao… Coro…!


(TUONI – FULMINI – TUONI E LAMPI

Anfitrione e Sosia restano a terra colpiti – Sul tetto della casa appare Giove nella sua grandezza OLIMPICA)

Giove

‘Sta calmo Anfitrione…. So’qua mi de persona a darte protession a ti e a tuta la to’ fameja… No te ghé pi’ gnente da ‘vere paura… E ‘assa perdere ‘i ‘ndovini, specie ‘l vecio Tiresia che ormai xè vecio, sordo e ghe vede co’ ‘na ciupinara ! Nissun mejo de mi pol dirte queo che xè capità, queo che xè, quel che sarà… Par scominsiare te dirò che to’ mojere la me piaseva masa, ma sicome la xè ‘na femena co’ se die’, par podere ‘ndare in leto co’ ela, g’ho dovùo ciapare el to’ aspeto altrimenti NISBA…

Anfitrione

Ma bravo… E i do’ putei che i xè nati..?

Giove

El più picolo xè fiolo tuo… Te ‘o ciamarè IFICLE…

Anfitrione

Ificle…?

Giove

Ificle… L’altro fiolo, queo pi’ grande,  xè fiolo mio… Te ‘o ciamarè ERCOLE… Te ‘o racomando ! Slevalo ben forte e muscoloso, faghe fare tanta palestra perché el toso, da grande, xè destinà a fare tante fadighe…

Anfitrione

Ma come xè posibile che ‘na femena la resta incinta do’ volte de do omeni diversi ?

Giove

Oh..! ‘Sto qua xè un DOGMA… O te ghe credi, o ciao !

Anfitrione

Anca la storia de i do serpenti xè un dogma ?

Giove

No ! Queo xè sta’ solo un regaeto de Giunone… Me mojere… Brava dea, ma tanto gelosa, cancaro ! La pensava che i serpenti i fasesse fora ‘l putei, fruto de la me’ distrassion coniugale… Ma ghe xè ‘nda’ mae… Ercole xè un  puteo che ‘l g’ha za’ impara’ a difenderse… ‘Deso va’ drento da Alcmena e torna in pase, poareta… No ‘a se meritava tute che ‘e brute paroe che te ghè dito perché ea no la savea che la gera sta’ tolta ‘n prestio…

Anfitrione

E no ! E no !  Anca se te se un Dio no te g’avei ‘sto dirito…

Giove

Mi so’ un potente e i diritti me ‘i fasso mi !

Anfitrione

E no ciò ! Imbrojon… Fiol d’un can… Te te sì tolto ‘n prestio me’ mojere, te ghè da’ un nome de merda a me’ fiolo e ‘deso te vui anca che te mantegna el fiolo tuo ?

Sosia

Paròn… Xè mejo che te fassi queo che ‘l te dise Giove ! Varda che cher lì xè ‘na potensa… Tienteo bon… Chissà che ‘nando ‘vanti…

Anfitrione

Disto ? (Sosia annuisce – Anfitrione entrando in casa…) Dove xelo el mio Ificle ?

Sosia

G’avìo visto, cari spetatori ? Dare la mojere ‘n presto te darà spissa po’ i corni, ma se  ‘o fe’ con quei giusti, te te poi garantire amisi potenti de un scherso !

FINE

(Finito di scrivere da Renato Stanisci il 19 Giugno 1990 – Revisione terminata il  15 Maggio 2000)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno